Economia dello sport: linee strategiche di sviluppo economico. Cristina Nardi Spiller*

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Economia dello sport: linee strategiche di sviluppo economico. Cristina Nardi Spiller*"

Transcript

1 1 Economia dello sport: linee strategiche di sviluppo economico di Cristina Nardi Spiller* «La ricchezza delle nazioni è sempre in proporzione del numero degli uomini, e della quantità del moto che si danno L uomo opera per interesse: interessatelo, ed opererà sempre quanto più può» (Genovesi, , Lettera X, p. 94). Sommario: 1. Premessa; 2. Attività sportiva e sviluppo locale; 3. Note conclusive. Riferimenti bibliografici *Docente di Macroeconomia e di Analisi Economica presso la Facoltà di Economia, Università di Verona. Docente di Economia dell Arte, Facoltà di Lettere e Filosofia, Università di Verona.

2 2 1. Premessa Nel nostro Paese, il mondo dello sport, in particolare quello professionistico, si caratterizza negli ultimi anni, per una spinta accelerazione che ne investe la dinamica evolutiva e che va a trasformare radicalmente anche la strategia degli agenti che operano nel comparto, imponendo scelte mirate da parte dei vari policy makers locali e nazionali. Infatti, la competizione sportiva da semplice evento agonistico, organizzato per la sola fruizione sul territorio investito dalla manifestazione, assume la connotazione di vero e proprio spettacolo creato e gestito non solamente per una visione domestica ma anche sopranazionale. I principali fattori che stimolano il mercato vanno identificati nella lievitazione del bacino di utenza, la cui crescita va ascritta all aumentato benessere che, incrementando il potere d acquisto, pur con le susseguenti considerazioni legate al meccanismo inflativo, favorisce una domanda sempre più consistente e nel celere sviluppo dei mezzi di comunicazione, che permette una informazione in tempi reali e stimola una partecipazione mediatica pur sempre appetibile. In questo saggio, ci proponiamo di indagare gli aspetti più peculiari dell attività sportiva per collegarli, attraverso l impatto consequenziale producibile, al processo di sviluppo che concerne una data zona. In tale ottica, diviene fondamentale l azione esercitabile dalle autorità del luogo, al fine di promuovere e favorire l espressione sportiva, in quanto virtuale volano di articolate potenzialità trainanti per la stessa economia. 2. Attività sportiva e sviluppo locale La realizzazione di attività sportive non rappresenta di per sé una saliente motivazione per indagare il fenomeno sotto il profilo economico. Anche i ragazzini fanno sport, organizzando spesso incontri tra loro. La specificità, motore dell interesse scientifico, è che l intera branca registra spostamenti monetario-finanziari, non raramente notevoli, nell ambito della produzione, distribuzione e consumo dell evento sportivo. Le disponibilità, più o meno liquide, vengono così ì a rappresentare una leva cruciale per il ruolo che la squadra assume, per gli ingaggi offerti, per le possibilità di pubblicizzare le varie manifestazioni, per la centralità acquisibile nell ambito dei mass-media. Negli sport professionali, sussiste l ortodosso legame, esplicitato in ogni processo produttivo e costituito dal rapporto lavoro- capitale. Così l input, forza lavoro (atleti, managers, coaches e staff in genere) si combina con l altro fattore, capitale (campo sportivo, equipaggiamento...) per realizzare un prodotto da offrire e vendere ai consumatori, in tal caso gli spettatori.

3 3 Come ben evidenziano Downward e Dawson (2000, p. 2), il professionismo non è «confinato» agli sport di squadra. Il golf, il tennis, la boxe e più recentemente l atletica sono tradizionalmente professional team sport, sebbene possano essere praticati più frequentemente a livello individuale. Il distinguo più saliente, che prevalentemente intercorre tra lo sport esercitato professionalmente in squadra o quello che prescinde da una simile peculiarità, concerne la struttura che coinvolge la stessa attività agonistica, la saliente caratterizzazione commerciale e l impatto notevole esercitato sulla crescita economica. Tuttavia la nostra analisi mira a essere più generale, dunque proiettata a un esame che tende a sottolineare la valenza esercitatile sull assetto territoriale dalla presenza di attività sportive in genere. Lo sport 1 interessa una teoria articolata di attori che fanno, a loro volta, funzionare molteplici mercati, in continua espansione. Così, «Il concetto di mercato supera allora la nozione del semplice acquirente e si estende a tutti gli interlocutori con cui l impresa, anche quella sportiva, intrattiene un rapporto di fiducia e di scambio» (Piantoni, 1999, p. 78). Di qui un intensificarsi di legami che travalicano gli effetti moltiplicativi di stampo keynesiano, per verificare le interrelazioni segnate dal modello leontieviano: rapporti interdipendenti, sinergici fra varie imprese con conseguenze benefiche sul livello occupazionale, sul reddito, dunque sul valore aggiunto. Una complessa congerie di elementi che dapprima concerne il territorio investito dal fenomeno e, successivamente, si estende all intera collettività nazionale. D altronde la natura stessa della prevalenza degli sport comporta la cospicua esistenza di economie esterne 2 In questo scenario, l autorità centrale è chiamata a svolgere un ruolo fondamentale per approntare un adeguata strategia economica, atta anche a sostenere, a valorizzare e a incrementare la virtuale valenza di business che l evento sportivo promuove. È indubbio che una squadra sportiva valida esercita di per sé un forte appeal per gli investimenti di vario tipo connessi alla relativa attività agonistica. Tuttavia, proprio nell accettazione dei presupposti keynesiani, qualora sussistano degli animal spirits, basati su positive aspettative, l investimento va comunque fatto, per i ritorni in termini occupazionali e reddituali traibili. Ne consegue, alla luce di tali considerazioni, che l intervento operativo, attuabile in sede centrale, si giustifica pienamente. 1 In tale contesto, può ricorrere, specialmente per le associazioni calcistiche, vere e proprie strategie finalizzate al business. Al riguardo, vedasi Szymanski e Kuypers (1999); Hamil, Michie e Oughton (1999). 2 In effetti, nel comparto sportivo, la principale fonte di esternalità risale nel semplice fatto che nessuna attività sportiva produce un intero prodotto da vendere. In merito, cfr. Neale (1964).

4 4 In quest ottica, nell obiettivo di conseguire un più ampio ventaglio di possibilità, lo stadio non dovrebbe essere più confinato a quella sola, specifica disciplina calcistica, ma dovrebbe essere proiettato all utilizzazione di altri avvenimenti sportivi o comunque di attività idonee a suscitare un forte richiamo, come potrebbe essere il concerto di un artista famoso 3. Di qui l utilizzo diversificato dello stesso impianto sportivo. Sotto tale profilo, emerge l esperienza del Manchester United, modello principe di efficienza economica. L Old Trafford, il più importante stadio inglese, definito il theatre of dreams, appare una vera e propria industria di marketing 4 : posti tutti a sedere, un sistema di sicurezza efficientissimo (27 telecamere collegate a circuito chiuso che consentono di individuare con facilità anche il singolo tifoso) terreno di gioco dotato di migliaia di serpentine che ne permettono il riscaldamento, box esclusivi per un totale di posti (una specie di suite che le aziende affittano all inizio della stagione), un ristorante, una sala polivalente, un museo e ben tre punti vendita per i gadgetsdella squadra 5. Indubbiamente la costruzione di un impianto completamente nuovo rappresenta la migliore e immediata risposta alle esigenze del club e dei tifosi in questione ma, nel contempo, contribuisce a incrementare sensibilmente il patrimonio immobiliare della società, venendo a rappresentare una dotazione di ricchezza reale atta a meglio garantire l eventuale partecipazione di azionisti. Ci pare poi che acquisisca un significativo rilievo la realizzazione di un museo, che può essere circoscritto a quella data società, considerando lo spessore che la stessa assume in ambito sportivo. Tuttavia per una realtà cittadina, dove il fenomeno sportivo risulta più contenuto, in quanto non legato a una società sportiva di spicco, l attuazione di una sede museale 6, centrata sulle varie attività agonistiche, potrebbe comunque rappresentare un notevole richiamo turistico, non solo per gli addetti ai lavori ma anche per coloro che solamente per conoscenza, per curiosità o più semplicemente per passare il tempo possono essere attratti da simili esposizioni. 3 Al riguardo, va segnalato il ricorso a stadi multiuso, utilizzati talvolta proprio per concerti infrasettimanali o per manifestazioni religiose o politiche. Inoltre, grazie alla tecnologia sempre più evoluta, sarà possibile, all interno degli stadi, assistere a partite virtuali. Già sin d ora si può comunque assistere sui megaschermo, predisposti all interno degli stadi, a partite che si svolgono altrove. 4 Inizialmente il marketing viene inteso come processo di produzione, avente l obiettivo di sviluppare un bene standardizzato che entra sul mercato con un prezzo competitivo. Successivamente il marketing viene inteso come processo di vendita, con lo scopo di collocare quanto si produce. L accezione moderna di tale attività nasce appunto quando le imprese si pongono nell ottica di creare prodotti da vendere. In merito, vedasi Gilbert e Bailey (1990, pp. 6-13). 5 In merito, ricordiamo come, a suo tempo, il direttore generale del Real Madrid, Jorge Vadano, sottolinei come l acquisto di grandi campioni, quali Figo, Zidane e Ronaldo, portino, oltre all indubbio valore puramente calcistico, un inaspettato quanto apprezzatissimo vantaggio economico, scaturito dall incredibile aumento delle vendite di gadgets della squadra madrilena. 6 In ambito veronese, l area dell Arsenale, il palazzo ex parcheggio in via Marconi, il vecchio Teatro Ristori, complessi edilizi in cerca da tempo di qualche possibile sbocco produttivo, potrebbero rappresentare adeguate soluzioni alternative.

5 5 D altro canto i musei, dal punto di vista economico-giuridico, possono distinguersi a seconda del soggetto che detiene la proprietà degli oggetti raccolti (pubblico o privato) e in base alla funzione del soggetto che li gestisce (pubblico o privato). Così due combinazioni risultano omogenee, quelle dei musei che possiedono la stessa tipologia di soggetti nella proprietà e nella gestione, mentre due sono eterogenee, combinando invece proprietà e gestione di tipo diverso 7 Nella politica seguita dal museo per i prodotti accessori, quali servizi di ristorazione, vendita di cataloghi, souvenirs, l autorità pubblica potrebbe uniformarsi ai canoni prevalenti, che fanno capo all appalto 8, da concedere a imprese private. Essendo peraltro iniziative pionieristiche, per le quali diviene ardua una stima di profittabilità 9 (seppure varie società, specie sportive, potrebbero essere interessate a effettuare delle sponsorizzazioni) il problema potrebbe essere superato indicendo l appalto per i servizi in un unico pacchetto 10. In questo articolato campo operativo, l autorità locale potrebbe prendere in considerazione l attuazione di ulteriori, virtuali interventi (concessione di aree, supporti finanziari ), atti a permettere la realizzazione di complessi sportivi nonché di sedi residenziali per gli atleti e per lo stesso staff, le cui proprietà potrebbero essere totalmente o parzialmente della società sportiva che comunque potrebbe addirittura non possedere alcuna partecipazione. Quest ultima ipotesi, considerando l endemica carenza di fondi, che grava sulle discipline sportive praticate in particolare dai diversamente abili, potrebbe essere recuperata soprattutto per un simile genere di attività. A parte il valore dell immobile in sé, il Comune verrebbe posto nella condizione di percepire, oltre agli introiti collegati ai biglietti d ingresso, gli eventuali supporti elargiti dagli sponsor, beneficerebbe dello impatto pubblicitario conseguibile per l intero centro cittadino, con un effetto di richiamo anche sensibile, a sua volta stimolatore della vasta gamma di attività che fanno capo ai servizi e beni offerti a livello locale. Una stimolante argomentazione, che innesca una vivace querelle, verte sul compenso troppo elevato, spesso esorbitante 11, che certe categorie di atleti vengono a percepire. D altronde 7 Per un attento esame sulla realtà museale, rinviamo a Candela e Scorcu (2004, cap. 8). 8 Sulla densa problematica che investe il comparto degli appalti, anche a livello comunitario europeo, ci siamo già espressi in Nardi Spiller (1995, pp ). 9 Tuttavia le imprese che operano nel settore sportivo possono essere profit ma anche non profit oriented. In quest ultimo bacino, rientrano le attività confluenti nello sport amatoriale. «Tale contesto non domanda tanto la capacità di portare avanti con pazienza le tante cose esistenti. Conta sui grandi numeri che, proprio perché restano sempre grandi, non riescono a registrare un progresso qualitativo sibile» (Piantoni, 1999, p. 198). 10 Si effettua la cosiddetta attuazione di appalti collegati. 11 Un salariato normale dovrebbe comunque lavorare quattro secoli e mezzo per guadagnare un anno dell ingaggio concesso ai giocatori di squadre calcistiche in serie A, quali Del Piero, Nesta, Totti e Vieri.

6 6 recuperando uno schema teorico affine a una impostazione riconducibile alla Supply Side Economics, 12 «un calciatore che ha uno stipendio di cinque miliardi netti all anno (si tratta delle vecchie lire), garantisce un gettito pari a quello di una impresa dove lavorano 150 persone a tre milioni netti (sempre di vecchie lire) al mese» (Piantoni, 1999, p. 105). Ne conseguono consistenti introiti fiscali per l erario statale ma anche per quello comunale e regionale 13. Non siamo in grado di produrre stime appropriate al riguardo, ma riteniamo che le conseguenze producibili a livello generale, potenzialmente esprimibili dai compensi della gente comune vadano a beneficiare maggiormente il processo produttivo nazionale. L effetto di dimostrazione o quello di Veblen 14, avvertiti da coloro che possiedono elevatissime capacità reddituali, comportano sovente destinazioni di spese centrate su beni esteri, tanto che la dinamica producibile sul complesso comparto dell indotto domestico può risultare più contenuta 15. L ente comunale potrebbe, in coincidenza con uno specifico avvenimento sportivo, che riguarda quel particolare centro urbano, predisporre una lotteria, quindi godere, anche sotto questo profilo, di possibili entrate. Le attività di merchandising 16 potrebbero coinvolgere le aziende situate nel medesimo territorio, dunque favorire la realtà economica locale. Quest ultima sarebbe peraltro incentivata dall intera attività proveniente dallo spettacolo agonistico. Infatti, per assistere all evento sportivo, si muovono sia individui sia famiglie intere. Ne deriva un subitaneo aggancio con il turismo. Infatti, è immediato collegare lo sport al turismo, per il prevalente vincolo che 12 Infatti, l autorità centrale viene a percepire un più elevato introito fiscale, obiettivo questo tipico dell «economia dell offerta», anche se la finalità, in quest ottica, è raggiunta dalla flessione delle aliquote fiscali, come dimostra la curva di Laffer. In merito, rinviamo a Nardi Spiller (2003, paragr e cap. IX). 13 La tesi è peraltro messa in discussione dalla crisi che investe attualmente le principali società sportive di calcio. 14 In merito, rinviamo rispettivamente a Duesenberry (1952) e a Veble n (1899). 15 Di qui l iscrizione dei figli in collegi esteri, investimenti reali e finanziari all estero, escamotoges per portare la residenza in centri fiscali più appetibili 16 Il merchandising rappresenta l insieme delle attività di marketing che originano all interno dei punti di vendita e sono finalizzate a influire sugli acquisti d impulso. Può essere realizzato sia dal produttore sia dal distributore e riguarda la scelta e la disposizione delle attrezzature espositive, l allogazione dello spazio ai prodotti, l attività di animazione, promozione delle vendite. In questo contesto, il pensiero va immediatamente alle magliette, alle bandane, alle tute, indumenti od oggetti di vario tipo che vengono prodotti e magari collezionati. E pur vero che simili produzioni possono essere effettuate sotto il controllo della società sportiva (nel Regno Unito il merchandising è una voce molto importante nel bilancio di tali aziende), ma comporta pur sempre un dinamismo economico, anche quando la produzione è realizzata altrove, pure in altri Stati, dal momento che la distribuzione necessariamente è locale. Inoltre qualora l attività produttiva avvenga all estero, può sussistere un effetto di propagazione che vede estendersi la tifoseria non nazionale, ampliarsi la conoscenza del logo di quella determinata squadra, far conoscere e diffondere il nome e l immagine di quel dato atleta. D altro canto per rendere il ramo produttivo più efficiente e maggiormente conveniente per le stesse società sportive, diviene cogente il supporto governativo, al fine di salvaguardare i marchi con una efficiente lotta ai prodotti abusivi e al grave problema rappresentato dal mercato nero.

7 7 entrambi presentano con il tempo libero. In tale contesto, si possono predisporre opportune strategie quali offrire pacchetti-viaggio-soggiorno, procedere a delle differenziazioni dei prezzi, praticare riduzioni sui tickets d ingresso alle mostre o ai musei allestiti nella zona che ospita la manifestazione sportiva. Per la verità il mondo sportivo ricorre, in genere, in modo marginale alle varie forme promozionali, se non introducendo sconti sugli abbonamenti a bambini e a donne. Nei pressi del luogo in cui lo sport è praticato, può rappresentare un utile iniziativa allestire, specie in determinate occasioni, degli stand per far conoscere e apprezzare i prodotti locali. In questo vasto ventaglio di proposte, ben si inserisce il supporto dell autorità locale che può favorire simili iniziative, anche effettuando elargizioni o agevolazioni di diverso tipo e di distinta entità. In effetti, il vantaggio acquisibile non è solo il risultato benefico che la comunità può trarre dai maggiori introiti ricavati dalla vendita di oggetti-ricordo della città, dalla ristorazione, dalla permanenza in alberghi, dai prodotti-ristoro acquistabili ma può estendersi a livello internazionale. Se l evento assume un certo rilievo, è soggetto a un processo di significativa diffusione (via televisione, tramite giornali e quotidiani, manifesti ), che può favorire una dinamica generalizzata tanto da approdare a una vera e propria internalizzazione. Ne segue la conoscenza della città a livello globale, da cui può discendere un virtuale appeal, molla, a sua volta, di un forte richiamo turistico. L insieme delle motivazioni che spingono a realizzare interventi strategici nel settore sportivo, proprio per le benefiche conseguenze producibili, impone di non trascurare il medesimo apporto conseguibile dagli sport praticati dai diversamente abili. Anche in questo comparto, dovrebbero registrarsi fattive misure da parte degli organi comunali 17. Così dovrebbero essere finanziati stadi, palestre, piscine, allestire, specie per l occasione sportiva, servizi pubblici adeguati; in sostanza intraprendere idonee misure per favorire un assetto specificamente predisposto per gli individui che non sono in grado di esercitare l attività sportiva secondo i canoni tradizionali. Un attenzione che scaturisce non dall atteggiamento pietistico verso i disabili ma che rappresenta il frutto di una valutazione centrata sulle concrete possibilità traibili da impieghi finanziari comportanti generali esiti vantaggiosi. 17 La struttura di impianti per atleti diversamente abili è talmente specifica che difficilmente può prestarsi a usi alternativi.

8 8 3. Note conclusive Il variegato fenomeno del turismo registra una continua espansione, tanto da sollecitare adeguate misure d intervento da parte dei policy makers locali e nazionali. L aumento del tempo libero, la possibilità di ripartire i periodi feriali durante l arco dell anno, il più elevato livello culturale, le facilitazioni offerte nell ambito di possibili spostamenti, la lievitazione reddituale, gli stessi comportamenti imitativi rappresentano le motivazioni più ricorrenti, tese a spiegare l accentuata dinamica che segna tale comparto. In questo ampio scenario, un rilievo specifico, peraltro a sé stante, è assunto dalle attività sportive. Infatti, ogni evento, collegato allo sport, sta sempre più caratterizzandosi per le sue ampie articolazioni che riguardano l agonismo che suscita, lo spettacolo che è capace di produrre, la poliedrica attività di business che innesca, il notevole richiamo di appeal che esercita anche nei confronti dei non addetti ai lavori e lo stesso andamento positivo che investe la crescita economica del Paese. Infatti, lo sport rappresenta più del 3% del PIL nazionale e occupa il 36% delle trasmissioni televisive. Naturalmente lo sport può essere inquadrato nell ambito di attività di specializzazione come limitato al solo localismo. Indubbiamente gli effetti sull indotto sono ben più rilevanti nel primo caso, proprio considerando il ventaglio di opportunità presentabili persino quando lo sport assume una connotazione elitaria. D altro canto qualora la pratica sia effettuata a livelli ridotti (come nell esercizio del tamburello, del cricket, dell hockey su prato ), sollecita comunque una certa spinta sull indotto economico. In un simile complesso quadro operativo, l autorità centrale, a qualsiasi livello, è chiamata a intervenire, dato che lo sport diviene un volano che esercita una presa consistente, pure per un certo impatto emotivo, sul pubblico, specialmente su quello giovanile. Di qui la sua naturale e tradizionale funzione educatrice e formativa. Tuttavia accanto a tali ortodosse funzioni, lo sport, in genere, diviene un consistente polo di attività, di rapporti, di relazioni che si estendono oltre il territorio locale, superando, non raramente, i confini nazionali. In quest ottica, l attività sportiva va tutelata e incentivata per gli straordinari effetti che può esercitare sull intero sistema economico, per la capacità di attivare un indotto destinato ad assumere dimensioni sempre più rilevanti. Pertanto i policy makers sono chiamati a predisporre opportuni interventi, al fine di alimentare un processo che per la collettività altro non può che rivelarsi virtuoso. Ne conseguirebbe un rafforzamento della stessa immagine politica, non imposta ma valorizzata dall azione intrapresa. Accanto a simili finalità, il potenziale intervento operativo deve mirare a tutelare, nelle sue più varie articolazioni, lo svolgimento di qualsiasi attività sportiva. D altronde conseguimento di ogni fine economico non può prescindere da un ambiente sereno, base di aspettative profittevoli e dunque di

9 9 possibili incentivazioni anche finanziarie. Ne consegue l ineludibile e stretto legame con le forze dell ordine, nell obiettivo, non certo secondario di recuperare nel mondo sportivo la caratterizzazione di mens sana in corpore sano che, come è possibile riscontare con profonda amarezza, sta invece sfumando sempre più.

10 10 Riferimenti bibliografici Downward P. e Dawson A., 2000, The Economics of Professional Team Sports, Routledge, London and New York. Duesenberry J.S., 1952, Reddito, risparmio e teoria del comportamento del consumatore, Milano, Etas Kompass, Hamil S., Michie J. e Oughton C., a cura di, 1999, The Business of Football: A Game of Two Halves, London, Mainstream Publishing Genovesi A., , Lettere accademiche su la questione se sieno più felici gl ignoranti che gli scienziati, a cura di Gaspari GM., Milano, SugarcoEdizioni, Gilbert D. E Bailey N., 1990, The Development of Marketing. A Compendium of Historical Approaches, «Quarterly Review of Marketing», n. 15. Neale W.C., 1964, The Peculiar Economics of Professional Sport, «Quarterly Journal of Economics», n. 1. Nardi Spiller C., 1995, Spunti di analisi economica sulla centenaria normativa in tema di lavori pubblici, in «Atti» del Convegno Cent anni Le norme per la progettazione, direzione e collaudo delle opere a carico dello Stato a cent anni dalla promulgazione, «Notiziario Ordine degli Ingegneri di Verona e Provincia», 1995, n. 3. Nardi Spiller C., 2003, Lezioni di Macroeconomia, Torino, G.Giappichelli. Piantoni G., 1999, Lo sport tra agonismo, business e spettacolo, Milano, Etas. Candela G. e Scorci A., 2004, Economia delle arti, Bologna, Zanichelli. Szymanski s. e Kuypers T., 1999, Winners & Losers, London, Viking Press. Veblen T., 1899, La teoria della classe agiata. Studio economico sulle istituzioni, in «Opere», a cura di De Domenico F., introduzione di Ferrarotti F., Torino, UTET, 1969.

Guido Candela, Paolo Figini - Economia del turismo, 2ª edizione

Guido Candela, Paolo Figini - Economia del turismo, 2ª edizione 8.2.4 La gestione finanziaria La gestione finanziaria non dev essere confusa con la contabilità: quest ultima, infatti, ha come contenuto proprio le rilevazioni contabili e il reperimento dei dati finanziari,

Dettagli

RESPONS.In.City - Methodology

RESPONS.In.City - Methodology RESPONS.In.City - Methodology THE METHODOLOGY OF A RESPONSIBLE CITIZENSHIP PROMOTION Metodologia di Promozione della Cittadinanza come Responsabilità Condivisa 1 Premessa La possibilità di partecipare

Dettagli

Roma 2020: valori e opinioni I valori economici dei Giochi Olimpici e Paralimpici di Roma 2020

Roma 2020: valori e opinioni I valori economici dei Giochi Olimpici e Paralimpici di Roma 2020 Roma 2020: valori e opinioni I valori economici dei Giochi Olimpici e Paralimpici di Roma 2020 Roma 2020: valori e opinioni I valori economici dei Giochi Olimpici e Paralimpici di Roma 2020 La spesa complessiva

Dettagli

Dichiarazione Popolazione e cultura

Dichiarazione Popolazione e cultura IX/11/1 Dichiarazione Popolazione e cultura I Ministri delle Parti contraenti della Convenzione delle Alpi attribuiscono agli aspetti socio economici e socio culturali indicati all art 2, comma 2, lettera

Dettagli

I ricavi del calcio in Europa sfiorano i 20 miliardi di Euro (+5%) La Serie A arriva a quota 1,7 miliardi di Euro (+6%)

I ricavi del calcio in Europa sfiorano i 20 miliardi di Euro (+5%) La Serie A arriva a quota 1,7 miliardi di Euro (+6%) Deloitte Italy Spa Via Tortona 25 20144 Milano Tel: +39 02 83326111 www.deloitte.it Contatti Barbara Tagliaferri Ufficio Stampa Deloitte Tel: +39 02 83326141 Email: btagliaferri@deloitte.it Marco Lastrico

Dettagli

MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO

MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE CULTURA e SVILUPPO FESR 2014-2020 Sintesi DICEMBRE 2014 1. Inquadramento e motivazioni Il Ministero dei Beni, delle

Dettagli

Beni pubblici e analisi costi benefici

Beni pubblici e analisi costi benefici Beni pubblici e analisi costi benefici Arch. Laura Gabrielli Valutazione economica del progetto a.a. 2005/06 Economia pubblica L Economia pubblica è quella branca della scienza economica che spiega come

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

Opere di urbanizzazione

Opere di urbanizzazione Opere di urbanizzazione di Catia Carosi Con il termine opere di urbanizzazione si indica l insieme delle attrezzature necessarie a rendere una porzione di territorio idonea all uso insediativo previsto

Dettagli

COMUNITA' DELLA VALLE DI CEMBRA

COMUNITA' DELLA VALLE DI CEMBRA COMUNITA' DELLA VALLE DI CEMBRA REGOLAMENTO PER LA EROGAZIONE DI CONTRIBUTI, SOVVENZIONI ED ALTRE AGEVOLAZIONI ART. 1 FINALITA 1. Con il presente Regolamento la Comunità della Valle di Cembra, nell esercizio

Dettagli

L attività di ricerca e sviluppo nell organizzazione aziendale

L attività di ricerca e sviluppo nell organizzazione aziendale CAPITOLO PRIMO L attività di ricerca e sviluppo nell organizzazione aziendale SOMMARIO * : 1. Il ruolo dell innovazione tecnologica 2. L attività di ricerca e sviluppo: contenuti 3. L area funzionale della

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione

Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione Gruppo di Lavoro ITACA Regioni/Presidenza del Consiglio dei Ministri Aggiornamento 14 novembre 2011 Dipartimento

Dettagli

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock Costruirsi una rendita I principi d investimento di BlackRock I p r i n c i p i d i n v e s t i m e n t o d i B l a c k R o c k Ottenere una rendita è stato raramente tanto difficile quanto ai giorni nostri.

Dettagli

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Paola Garrone, Marco Melacini e Alessandro Perego Politecnico di Milano Indagine realizzata da Fondazione per la Sussidiarietà e

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Ufficio di Segreteria: Viale Liguria Rozzano (MI) Tel. 02 57501074 Fax. 028255740 e-mail: segreteria@medialuinifalcone.it sito: www.icsliguriarozzano.gov.it Recapiti

Dettagli

I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SUL REVERSE CHARGE

I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SUL REVERSE CHARGE I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SUL REVERSE CHARGE Circolare del 31 Marzo 2015 ABSTRACT Si fa seguito alla circolare FNC del 31 gennaio 2015 con la quale si sono offerte delle prime indicazioni

Dettagli

GESTIONE E VALORIZZAZIONE DEI BENI CULTURALI E DEL TERRITORIO ITALIA 2006

GESTIONE E VALORIZZAZIONE DEI BENI CULTURALI E DEL TERRITORIO ITALIA 2006 GESTIONE E VALORIZZAZIONE DEI BENI CULTURALI E DEL TERRITORIO ITALIA 2006 PROGRAMMA: Area Management e Marketing dei Beni Culturali INTRODUZIONE AL MARKETING Introduzione ed Obiettivi Il marketing nell

Dettagli

Valutazione Crediti e proposte Progetti. Area Turismo

Valutazione Crediti e proposte Progetti. Area Turismo Valutazione Crediti e proposte Progetti Area Turismo a cura di Bruno Turra Questo documento intende affrontare l analisi delle priorità di valutazione nell area turismo individuandone le principali componenti

Dettagli

IL MARKETING DEI PRODOTTI TIPICI: L AGLIO DI VOGHIERA. Gruppo: Sara Banci Elisabetta Ferri Angela Fileni Lucia Govoni

IL MARKETING DEI PRODOTTI TIPICI: L AGLIO DI VOGHIERA. Gruppo: Sara Banci Elisabetta Ferri Angela Fileni Lucia Govoni IL MARKETING DEI PRODOTTI TIPICI: L AGLIO DI VOGHIERA Gruppo: Sara Banci Elisabetta Ferri Angela Fileni Lucia Govoni CONTESTO Dal punto di vista della DOMANDA... Consumatore postmoderno: attivo, esigente,

Dettagli

I beni pubblici come causa del fallimento del mercato. Definizioni e caratteristiche

I beni pubblici come causa del fallimento del mercato. Definizioni e caratteristiche I beni pubblici come causa del fallimento del mercato. Definizioni e caratteristiche (versione provvisoria) Marisa Faggini Università di Salerno mfaggini@unisa.it I beni pubblici rappresentano un esempio

Dettagli

IMU: analisi dei versamenti 2012

IMU: analisi dei versamenti 2012 IMU: analisi dei versamenti 2012 1. Analisi dei versamenti complessivi I versamenti IMU totali aggiornati alle deleghe del 25 gennaio 2013 ammontano a circa 23,7 miliardi di euro, di cui 9,9 miliardi di

Dettagli

Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali

Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali CIRCOLARE N. 36/2013 Roma, 6 settembre 2013 Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali Direzione generale per l Attività Ispettiva Prot. 37/0015563 Agli indirizzi in allegato Oggetto: art. 31 del D.L.

Dettagli

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Protagonismo culturale dei cittadini. www.fondazionecariplo.it

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Protagonismo culturale dei cittadini. www.fondazionecariplo.it Bandi 2015 ARTE E CULTURA Protagonismo culturale dei cittadini BENESSERE COMUNITÀ www.fondazionecariplo.it BANDI 2015 1 Bando senza scadenza Protagonismo culturale dei cittadini Il problema La partecipazione

Dettagli

Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi. Tra

Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi. Tra Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi Tra Il Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, con sede in Via Cristoforo Colombo, 44, 00187

Dettagli

1. Lo sport mens sana in corpore sano

1. Lo sport mens sana in corpore sano 1. Lo sport mens sana in corpore sano Mens sana in corpore sano è latino e vuol dire che lo sport non fa bene soltanto al corpo ma anche alla mente. E già ai tempi dei romani si apprezzavano le attività

Dettagli

LO SPORT PER TUTTI: BUONE PRATICHE DI BENESSERE

LO SPORT PER TUTTI: BUONE PRATICHE DI BENESSERE CAPITOLO V LO SPORT PER TUTTI: BUONE PRATICHE DI BENESSERE PREMESSA Questo capitolo affronta l analisi dello sport come diritto di cittadinanza non solo metaforico, emotivo, ma anche commerciale ed identitario.

Dettagli

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE)

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) 71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) di TIZIANA LANG * Finalmente è partita: dal 1 maggio i giovani italiani possono iscriversi on line al programma della Garanzia

Dettagli

IL TRATTAMENTO FISCALE DELLE SPESE DI RAPPRESENTANZA

IL TRATTAMENTO FISCALE DELLE SPESE DI RAPPRESENTANZA IL TRATTAMENTO FISCALE DELLE SPESE DI RAPPRESENTANZA Una circolare dell Agenzia delle entrate chiarisce il trattamento fiscale delle spese di rappresentanza Con la circolare in oggetto, l Agenzia delle

Dettagli

Il quadro europeo delle qualifiche (EQF)

Il quadro europeo delle qualifiche (EQF) Il quadro europeo delle qualifiche (EQF) di A. Sveva Balduini ISFOL Agenzia Nazionale LLP Nell aprile del 2008, al termine di un lungo lavoro preparatorio e dopo un ampio processo di consultazione che

Dettagli

DAL PROGETTO PER LO SVILUPPO DI UNA COMUNITA LOCALE ACCOGLIENTE ALLA NASCITA DEL PAESE ALBERGO SAINT

DAL PROGETTO PER LO SVILUPPO DI UNA COMUNITA LOCALE ACCOGLIENTE ALLA NASCITA DEL PAESE ALBERGO SAINT DAL PROGETTO PER LO SVILUPPO DI UNA COMUNITA LOCALE ACCOGLIENTE ALLA NASCITA DEL PAESE ALBERGO SAINT SAINT-MARCEL MARCEL Storia di un idea CONVEGNO INTERNAZIONALE Esperienze di turismo in ambiente alpino:

Dettagli

L.R. 12/2006, art. 6, commi da 82 a 89 B.U.R. 3/1/2007, n. 1. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 12 dicembre 2006, n. 0381/Pres.

L.R. 12/2006, art. 6, commi da 82 a 89 B.U.R. 3/1/2007, n. 1. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 12 dicembre 2006, n. 0381/Pres. L.R. 12/2006, art. 6, commi da 82 a 89 B.U.R. 3/1/2007, n. 1 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 12 dicembre 2006, n. 0381/Pres. LR 12/2006, articolo 6, commi da 82 a 89. Regolamento concernente i criteri

Dettagli

La mobilità sociale tra Stato e mercato

La mobilità sociale tra Stato e mercato La mobilità sociale tra Stato e mercato di Carlo Lottieri, Università di Siena Nella cultura contemporanea si tende a guardare alla mobilità sociale intesa quale possibilità di ascendere da una posizione

Dettagli

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 Il Master MEA Management dell Energia e dell Ambiente è organizzato dall Università degli Studi Guglielmo Marconi

Dettagli

Prime ipotesi per una fattibilità dei Programmi Integrati per la salute in Marmilla

Prime ipotesi per una fattibilità dei Programmi Integrati per la salute in Marmilla Prime ipotesi per una fattibilità dei Programmi Integrati per la salute in Marmilla Cagliari 4 dicembre 2012 Centro di ricerca FO.CU.S. Progetto di ricerca a supporto dei territori per l individuazione

Dettagli

Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica

Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica Marco Citterio, Gaetano Fasano Report RSE/2009/165 Ente per le Nuove tecnologie,

Dettagli

Laboratorio di Urbanistica. Il piano regolatore nella legislazione italiana recente: ruolo, critica, innovazioni. Prof.

Laboratorio di Urbanistica. Il piano regolatore nella legislazione italiana recente: ruolo, critica, innovazioni. Prof. Laboratorio di Urbanistica Corso di Fondamenti di Urbanistica Il piano regolatore nella legislazione italiana recente: ruolo, critica, innovazioni Prof. Corinna Morandi 20 maggio 2008 1 Dalla iper-regolazione

Dettagli

Redditi diversi Prof. Maurizio Sebastiano Messina. Redditi diversi

Redditi diversi Prof. Maurizio Sebastiano Messina. Redditi diversi Redditi diversi Redditi diversi - art. 67 Sono redditi diversi se non costituiscono redditi di capitale, ovvero se non sono conseguiti nell esercizio di arti e professioni o di imprese commerciali, o da

Dettagli

I vantaggi dell efficienza energetica

I vantaggi dell efficienza energetica Introduzione Migliorare l efficienza energetica (EE) può produrre vantaggi a tutti i livelli dell economia e della società: individuale (persone fisiche, famiglie e imprese); settoriale (nei singoli settori

Dettagli

La valutazione della formula imprenditoriale

La valutazione della formula imprenditoriale La valutazione della formula imprenditoriale Come si apprezza e si analizza il grado di successo di un impresa A cura di : Ddr Fabio Forlani Premessa Nel governo strategico delle imprese la valutazione

Dettagli

LA META PER LA MODA, LO SPORT E LO SVAGO, IN CINA

LA META PER LA MODA, LO SPORT E LO SVAGO, IN CINA LA META PER LA MODA, LO SPORT E LO SVAGO, IN CINA I DESTINATION CENTER I Destination Center COS è UN DESTINATION CENTER? SHOPPING SPORT DIVERTIMENTO Un Destination Center e una combinazione di aree tematiche,

Dettagli

ARMANDO PERES: «L ITALIA SI MUOVA O PERDERÀ MOLTE OPPORTUNITÀ DI FAR CRESCERE IL BUSINESS CONGRESSUALE».

ARMANDO PERES: «L ITALIA SI MUOVA O PERDERÀ MOLTE OPPORTUNITÀ DI FAR CRESCERE IL BUSINESS CONGRESSUALE». Federcongressi&eventi è l associazione delle imprese e dei professionisti che lavorano nell industria italiana dei convegni, congressi ed eventi: un industria che dà lavoro a 287.741 persone, di cui 190.125

Dettagli

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF)

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF) I TRIBUTI 89 APPROFONDIMENTI IL CODICE TRIBUTO Ogni pagamento effettuato con i modelli F23 o F24 deve essere identificato in modo preciso, abbinando a ogni versamento un codice di tributo. Nella tabella

Dettagli

I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013

I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013 I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013 INDICE Presupposti... 2 Modalità di fruizione... 4 Particolari tipologie di rapporto di

Dettagli

REGOLAMENTO DI GESTIONE DEGLI IMPIANTI SPORTIVI COMUNALI

REGOLAMENTO DI GESTIONE DEGLI IMPIANTI SPORTIVI COMUNALI AREA PATRIMONIO AMBIENTE UFFICIO TUTELA DEL PAESAGGIO E SUPPORTO AMMINISTRATIVO ALL AREA SETTORE PATRIMONIO E MANUTENZIONI REGOLAMENTO DI GESTIONE DEGLI IMPIANTI SPORTIVI COMUNALI (Approvato con deliberazione

Dettagli

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI Via Pietro Maroncelli 33 59013 Montemurlo (Prato) tel. +39 0574 683312 fax +39 0574 689194 email pois00300c@istruzione.it pec pois00300c@pec.istruzione.it

Dettagli

generazioni. Presentazione delle Linee guida per l azione dei club verso le iniziative a favore delle nuove

generazioni. Presentazione delle Linee guida per l azione dei club verso le iniziative a favore delle nuove Presentazione delle Linee guida per l azione dei club verso le iniziative a favore delle nuove generazioni. Nell aprile 2010 il Consiglio di Legislazione del Rotary International ha stabilito che le Nuove

Dettagli

Il vecchio contadino in viaggio verso l Europa. Dove va il diritto agrario oggi?

Il vecchio contadino in viaggio verso l Europa. Dove va il diritto agrario oggi? Il vecchio contadino in viaggio verso l Europa. Dove va il diritto agrario oggi? Delle molte definizioni che sono state date, quella del «diritto della produzione agricola» o «diritto dell agricoltura»

Dettagli

CORSO DI DIRITTO SPORTIVO I RAPPORTI DI LAVORO ALL INTERNO DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE AVV. MARIA ELENA PORQUEDDU

CORSO DI DIRITTO SPORTIVO I RAPPORTI DI LAVORO ALL INTERNO DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE AVV. MARIA ELENA PORQUEDDU CORSO DI DIRITTO SPORTIVO I RAPPORTI DI LAVORO ALL INTERNO DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE AVV. MARIA ELENA PORQUEDDU INTRODUZIONE ALLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE IN QUALSIASI FORMA COSTITUITE

Dettagli

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione John Dewey Le fonti di una scienza dell educazione educazione 1929 L educazione come scienza indipendente Esiste una scienza dell educazione? Può esistere una scienza dell educazione? Ṫali questioni ineriscono

Dettagli

PROGETTO REGIONALE IN-DIPENDENTI Per un effettivo reinserimento delle persone svantaggiate e la promozione della salute negli ambienti di lavoro

PROGETTO REGIONALE IN-DIPENDENTI Per un effettivo reinserimento delle persone svantaggiate e la promozione della salute negli ambienti di lavoro REGIONE VENETO Assessorato alle Politiche Sociali, Volontariato, e Non-Profit Direzione Regionale per i Servizi Sociali - Servizio Prevenzione delle devianze D.G.R. 4019 del 30/12/2002 FONDO REGIONALE

Dettagli

Progetto Rubiera Centro

Progetto Rubiera Centro LE POLITICHE DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA PER LA QUALIFICAZIONE DEI CENTRI COMMERCIALI NATURALI Progetti anno 2013 (D.G.R. n. 1822/2013) Bologna, 1 luglio 2014 Progetto Rubiera Centro Il progetto del comune

Dettagli

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE Art. 1 - ISTITUZIONE E istituito presso il Comune di Golfo Aranci, un Centro di Aggregazione

Dettagli

9) promozione della cultura e dell'arte ; 10) tutela dei diritti civili ; 11) ricerca scientifica di particolare interesse sociale svolta

9) promozione della cultura e dell'arte ; 10) tutela dei diritti civili ; 11) ricerca scientifica di particolare interesse sociale svolta Le ONLUS Secondo le previsioni dell'art. 10 del decreto 460/97 possono assumere la qualifica di Onlus le associazioni riconosciute e non, i comitati, le fondazioni, le società cooperative e tutti gli altri

Dettagli

Università degli Studi di Roma Tor Vergata

Università degli Studi di Roma Tor Vergata Università degli Studi di Roma Tor Vergata DIPARTIMENTO DI ECONOMIA E FINANZA MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ECONOMIA DELLA CULTURA: POLITICHE, GOVERNO E GESTIONE modalità didattica mista presenza/distanza

Dettagli

IL CALCIO VISTO CON GLI OCCHI DEI DILETTANTI

IL CALCIO VISTO CON GLI OCCHI DEI DILETTANTI IL CALCIO VISTO CON GLI OCCHI DEI DILETTANTI DAGLI AMATORI AI PROFESSIONISTI DI FATTO ATTRAVERSO LO STUDIO DELLE SOCIETÀ CALCISTICHE a cura di MATTEO SPERDUTI 2 0 1 5 INDICE ACRONIMI E ABBREVIAZIONI......

Dettagli

STUDIO DI SETTORE UG40U ATTIVITÀ 41.10.00 ATTIVITÀ 42.99.01 ATTIVITÀ 68.10.00 ATTIVITÀ 68.20.02 SVILUPPO DI PROGETTI IMMOBILIARI SENZA COSTRUZIONE

STUDIO DI SETTORE UG40U ATTIVITÀ 41.10.00 ATTIVITÀ 42.99.01 ATTIVITÀ 68.10.00 ATTIVITÀ 68.20.02 SVILUPPO DI PROGETTI IMMOBILIARI SENZA COSTRUZIONE STUDIO DI SETTORE UG40U ATTIVITÀ 41.10.00 SVILUPPO DI PROGETTI IMMOBILIARI SENZA COSTRUZIONE ATTIVITÀ 42.99.01 LOTTIZZAZIONE DEI TERRENI CONNESSA CON L URBANIZZAZIONE ATTIVITÀ 68.10.00 COMPRAVENDITA DI

Dettagli

NOTE DI SINTESI AI DATI STATISTICI DEL MOVIMENTO TURISTICO REGISTRATO IN PROVINCIA DI BRESCIA NELL ANNO 2010 CON IL CONFRONTO 2009

NOTE DI SINTESI AI DATI STATISTICI DEL MOVIMENTO TURISTICO REGISTRATO IN PROVINCIA DI BRESCIA NELL ANNO 2010 CON IL CONFRONTO 2009 NOTE DI SINTESI AI DATI STATISTICI DEL MOVIMENTO TURISTICO REGISTRATO IN PROVINCIA DI BRESCIA NELL ANNO 2010 CON IL CONFRONTO 2009 Arrivi 2.016.536 Presenze 8.464.905 PROVINCIA IN COMPLESSO Arrivi: superata

Dettagli

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche COMUNE di ORISTANO Provincia di Oristano Assessorato ai Servizi Sociali Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche Approvato con Delibera di C.C. n. 38 del 20.05.2014 1 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi La Regione Puglia nel percorso del POAT DAGL Laboratori e sperimentazioni per il miglioramento della qualità della

Dettagli

COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI

COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI Allegato 1 COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI REGOLAMENTO PER LA DOTAZIONE FINANZIARIA COMUNALE PER INTERVENTI DI MANUTENZIONE ORDINARIA E DI FUNZIONAMENTO IN FAVORE DEGLI ISTITUTI DI ISTRUZIONE PRIMARIA

Dettagli

Comune di Grado Provincia di Gorizia

Comune di Grado Provincia di Gorizia Comune di Grado Provincia di Gorizia REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEGLI INCENTIVI PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI LAVORI PUBBLICI, AI SENSI DELL ART.11 DELLA LEGGE REGIONALE 31 MAGGIO 2002,

Dettagli

ATTIVITA 2012 L ORMA. Educazione e Promozione Sociale. Presentazione servizi e attività Anno 2012

ATTIVITA 2012 L ORMA. Educazione e Promozione Sociale. Presentazione servizi e attività Anno 2012 ATTIVITA 2012 L ORMA Educazione e Promozione Sociale Presentazione servizi e attività Anno 2012 L Orma è una realtà che opera da più di 10 anni nel settore dell Educazione e della Promozione Sociale. Tutte

Dettagli

UTILIZZO DELLA PSICOCINETICA NELLA SCUOLA PRIMARIA E IN AMBITO SPORTIVO

UTILIZZO DELLA PSICOCINETICA NELLA SCUOLA PRIMARIA E IN AMBITO SPORTIVO UTILIZZO DELLA PSICOCINETICA NELLA SCUOLA PRIMARIA E IN AMBITO SPORTIVO Le capacità cognitive richieste per far fronte alle infinite modalità di risoluzione dei problemi motori e di azioni di gioco soprattutto

Dettagli

5. Il contratto part-time

5. Il contratto part-time 5. Il contratto part-time di Elisa Lorenzi 1. L andamento dei contratti part-time Il part-time è una modalità contrattuale che in Italia, nonostante la positiva dinamica registrata negli ultimi anni, riveste

Dettagli

STUDIO DI SETTORE SM43U

STUDIO DI SETTORE SM43U ALLEGATO 3 NOTA TECNICA E METODOLOGICA STUDIO DI SETTORE SM43U NOTA TECNICA E METODOLOGICA CRITERI PER LA COSTRUZIONE DELLO STUDIO DI SETTORE Di seguito vengono esposti i criteri seguiti per la costruzione

Dettagli

REGOLAMENTO PER L USO DELLE PALESTRE COMUNALI

REGOLAMENTO PER L USO DELLE PALESTRE COMUNALI REGOLAMENTO PER L USO DELLE PALESTRE COMUNALI Art. 1 Oggetto. Il Comune di Varedo, nell ottica di garantire una sempre maggiore attenzione alle politiche sportive e ricordando i principi ispiratori del

Dettagli

Repower guarda al futuro con fiducia

Repower guarda al futuro con fiducia Repower guarda al futuro con fiducia Giovanni Jochum Quale membro della Direzione di Repower, società con sede a Poschiavo, desidero presentare il mio punto di vista sui fattori che stanno cambiando radicalmente

Dettagli

Gli stranieri: un valore economico per la società. Dati e considerazioni su una realtà in continua evoluzione

Gli stranieri: un valore economico per la società. Dati e considerazioni su una realtà in continua evoluzione Gli stranieri: un valore economico per la società. Dati e considerazioni su una realtà in continua evoluzione Con il patrocinio di e dal Ministero degli Affari Esteri Rapporto annuale sull economia dell

Dettagli

DEFINIZIONE DEL PIANO DI COMUNICAZIONE INTERNA Fare della Vostra Azienda il Miglior Posto in cui Lavorare

DEFINIZIONE DEL PIANO DI COMUNICAZIONE INTERNA Fare della Vostra Azienda il Miglior Posto in cui Lavorare DEFINIZIONE DEL PIANO DI COMUNICAZIONE INTERNA Fare della Vostra Azienda il Miglior Posto in cui Lavorare Creating Your Future Impostazione e Linee Guida Obiettivi Questo documento illustra l approccio

Dettagli

Federazione Italiana Canottaggio Ufficio Comunicazione & Marketing QUESTIONARIO CENSIMENTO C.A.S.

Federazione Italiana Canottaggio Ufficio Comunicazione & Marketing QUESTIONARIO CENSIMENTO C.A.S. Federazione Italiana Canottaggio Ufficio Comunicazione & Marketing QUESTIONARIO CENMENTO C.A.S. Ringraziamo per aver prontamente risposto al nostro questionario relativo ai Centri di Avviamento al Canottaggio

Dettagli

IL REGIME FISCALE DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE E DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE (COMPRESE LE SOCIETÀ SPORTIVE DILETTANTISTICHE)

IL REGIME FISCALE DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE E DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE (COMPRESE LE SOCIETÀ SPORTIVE DILETTANTISTICHE) RIVISTA DI ISSN 1825-6678 DIRITTO ED ECONOMIA DELLO SPORT Vol. III, Fasc. 1, 2007 IL REGIME FISCALE DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE E DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE (COMPRESE LE SOCIETÀ SPORTIVE

Dettagli

RELAZIONE DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE AL CONTO CONSUNTIVO 2014

RELAZIONE DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE AL CONTO CONSUNTIVO 2014 Nucleo di Valutazione RELAZIONE DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE AL CONTO CONSUNTIVO 2014 (ex art. 5, comma 21 della Legge 24 dicembre 1993 n. 537) - GIUGNO 2015 - DOC 07/15 Sommario: 1. Obiettivi e struttura

Dettagli

COMUNE DI NORMA. Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee. (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007)

COMUNE DI NORMA. Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee. (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007) COMUNE DI NORMA Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007) Articolo 1 SCOPI DEL REGOLAMENTO 1. L Amministrazione Comunale, in

Dettagli

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM 1. Introduzione 2. Pianificazione dell attività formativa ECM 3. Criteri per l assegnazione dei crediti nelle diverse tipologie di formazione ECM

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 7 maggio 2015 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 Nel 2015 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,7% in termini reali, cui seguirà una crescita dell

Dettagli

CSI Varese Corso Allenatori di Calcio

CSI Varese Corso Allenatori di Calcio Lo sport è caratterizzato dalla RICERCA DEL CONTINUO MIGLIORAMENTO dei risultati, e per realizzare questo obiettivo è necessaria una PROGRAMMAZIONE (o piano di lavoro) che comprenda non solo l insieme

Dettagli

L ATTUAZIONE DELLA LEGGE 56/14: IL RIORDINO DELLE FUNZIONI DELLE PROVINCE E DELLE CITTA METROPOLITANE L ACCORDO IN CONFERENZA UNIFICATA

L ATTUAZIONE DELLA LEGGE 56/14: IL RIORDINO DELLE FUNZIONI DELLE PROVINCE E DELLE CITTA METROPOLITANE L ACCORDO IN CONFERENZA UNIFICATA L ATTUAZIONE DELLA LEGGE 56/14: IL RIORDINO DELLE FUNZIONI DELLE PROVINCE E DELLE CITTA METROPOLITANE E L ACCORDO IN CONFERENZA UNIFICATA Roma 3 luglio 2014 PREMESSA La legge 7 aprile 2014, n. 56, Disposizioni

Dettagli

CIRCOLARE N. 37/E. Roma, 29 dicembre 2006

CIRCOLARE N. 37/E. Roma, 29 dicembre 2006 CIRCOLARE N. 37/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 29 dicembre 2006 OGGETTO: IVA Applicazione del sistema del reverse-charge nel settore dell edilizia. Articolo 1, comma 44, della legge

Dettagli

La sostenibilità dello sviluppo turistico: il caso delle Dolomiti patrimonio naturale dell Unesco

La sostenibilità dello sviluppo turistico: il caso delle Dolomiti patrimonio naturale dell Unesco n. 2-2011 La sostenibilità dello sviluppo turistico: il caso delle Dolomiti patrimonio naturale dell Unesco Mariangela Franch, Umberto Martini, Maria Della Lucia Sommario: 1. Premessa - 2. L approccio

Dettagli

Prove di ingresso ai corsi di Laurea Magistrale (AREA DIDATTICA E PROMOZIONE DELLA LINGUA ITALIANA) A.A. 2014-2015

Prove di ingresso ai corsi di Laurea Magistrale (AREA DIDATTICA E PROMOZIONE DELLA LINGUA ITALIANA) A.A. 2014-2015 Prove di ingresso ai corsi di Laurea Magistrale (AREA DIDATTICA E PROMOZIONE DELLA LINGUA ITALIANA) A.A. 2014-2015 Ai sensi del D.M. n. 270/2004 gli studenti che intendono iscriversi ad un corso di laurea

Dettagli

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale Protocollo N. del. Deliberazione N. del ASSESSORATO SERVIZI SOCIALI Proposta N. 66 del 24/03/2015 SERVIZIO SERVIZI SOCIALI Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

STUDIO DI SETTORE SM43U ATTIVITÀ 52.46.6 COMMERCIO AL DETTAGLIO DI MACCHINE, ATTREZZATURE E PRODOTTI PER L AGRICOLTURA E IL GIARDINAGGIO

STUDIO DI SETTORE SM43U ATTIVITÀ 52.46.6 COMMERCIO AL DETTAGLIO DI MACCHINE, ATTREZZATURE E PRODOTTI PER L AGRICOLTURA E IL GIARDINAGGIO STUDIO DI SETTORE SM43U ATTIVITÀ 52.46.6 COMMERCIO AL DETTAGLIO DI MACCHINE, ATTREZZATURE E PRODOTTI PER L AGRICOLTURA E IL GIARDINAGGIO Settembre 2002 1 STUDIO DI SETTORE SM43U Numero % sugli invii Invii

Dettagli

SOCIAL BRANDING La comunicazione positiva. Roma, 30 maggio 2002

SOCIAL BRANDING La comunicazione positiva. Roma, 30 maggio 2002 SOCIAL BRANDING La comunicazione positiva Roma, 30 maggio 2002 Indice Lo scenario italiano 3-10! Come la pensano gli italiani! Le cause sociali di maggiore interesse! Alcuni casi italiani! Il consumatore

Dettagli

PAVANELLOMAGAZINE. l intervista. Pavanello Serramenti e il mondo Web. Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre 2012

PAVANELLOMAGAZINE. l intervista. Pavanello Serramenti e il mondo Web. Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre 2012 anno 2 - numero 3 - marzo/aprile 2012 MADE IN ITALY PAVANELLOMAGAZINE l intervista Certificazione energetica obbligatoria Finestra Qualità CasaClima Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre

Dettagli

WWW.JUNIORGOLFCADDIE.IT. L organizzazione e la gestione economica, didattica e agonistica dei Club dei Giovani

WWW.JUNIORGOLFCADDIE.IT. L organizzazione e la gestione economica, didattica e agonistica dei Club dei Giovani WWW.JUNIORGOLFCADDIE.IT L organizzazione e la gestione economica, didattica e agonistica dei Club dei Giovani Il programma ideato da Luigi Pelizzari con il Patrocinio del Comitato Regionale Lombardo della

Dettagli

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto)

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) REGOLAMENTO DI ISTITUZIONE DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE Art. 1 - Area delle posizione organizzative 1. Nel rispetto dei criteri generali contenuti nelle disposizioni

Dettagli

TARSU poi TARES ed ora TARI e TASI

TARSU poi TARES ed ora TARI e TASI TARSU poi TARES ed ora TARI e TASI di Luigi Cenicola 1. Premessa. A decorrere dall anno 2014, per il servizio di raccolta dei rifiuti solidi urbani e per i servizi indivisibili comunali, si pagheranno

Dettagli

DOVE. Comune di Milano www.comune.milano.it/parcocolombo parcocolombo@comune.milano.it

DOVE. Comune di Milano www.comune.milano.it/parcocolombo parcocolombo@comune.milano.it DOVE L area interessata dalla raccolta di idee si trova in via Cardellino 15 (nota anche come ex Campo Colombo), quartiere Inganni-Lorenteggio. Ha una superficie complessiva di circa 20.000 mq. ed è identificata

Dettagli

- MZ GROUP - Standard di prodotto e servizio fornito

- MZ GROUP - Standard di prodotto e servizio fornito Pagina 1 di 13 - MZ GROUP - Standard di prodotto e servizio fornito SOMMARIO MZ GROUP pag. 3 MZ CONGRESSI S.RL. pag. 4 PIANIFICAZIONE 1. Scelta della sede congressuale pag. 5 2. Gestione pratica ECM (Educazione

Dettagli

PROCESSO ALLE PROMOZIONI IL GIOCO VALE LA CANDELA?

PROCESSO ALLE PROMOZIONI IL GIOCO VALE LA CANDELA? PROCESSO ALLE PROMOZIONI IL GIOCO VALE LA CANDELA? La maggior parte dei Retailer effettua notevoli investimenti in attività promozionali. Non è raro che un Retailer decida di rinunciare al 5-10% dei ricavi

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

Detrazione Fiscale e Scambio sul Posto

Detrazione Fiscale e Scambio sul Posto Gentile Cliente, il momento storico della fine del Conto Energia in Italia è arrivato lo scorso 6 luglio ed ha rappresentato un punto di svolta per tutti gli operatori del solare. La tanto discussa grid

Dettagli

Che cos è un focus-group?

Che cos è un focus-group? Che cos è un focus-group? Si tratta di interviste di tipo qualitativo condotte su un ristretto numero di persone, accuratamente selezionate, che vengono riunite per discutere degli argomenti più svariati,

Dettagli

Prospettive di collaborazione: dall anagrafe agli authority file

Prospettive di collaborazione: dall anagrafe agli authority file Prospettive di collaborazione: dall anagrafe agli authority file di Marco Paoli Eccellenze, autorità, colleghi bibliotecari, già con la firma dell Intesa fra CEI e MiBAC (18 aprile 2000) relativa alla

Dettagli

Per San Lazzaro. Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA. MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente)

Per San Lazzaro. Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA. MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente) TU Per San Lazzaro Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente) Territorio: Urbanistica: Cosa: Agevolazioni per la riqualificazione dell esistente:

Dettagli

La Valutazione degli Asset Intangibili

La Valutazione degli Asset Intangibili La Valutazione degli Asset Intangibili Chiara Fratini Gli asset intangibili rappresentano il patrimonio di conoscenza di un organizzazione. In un accezione ampia del concetto di conoscenza, questo patrimonio

Dettagli

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Lezione di Corporate e Investment Banking Università degli Studi di Roma Tre Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Massimo Caratelli, febbraio 2006 ma.caratelli@uniroma3.it

Dettagli