P R O V E R B I P E S A R E S I. raccolta di Gabriele Falciasecca L'AMORE, LA DONNA, LA BELLEZZA, IL MATRIMONIO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "P R O V E R B I P E S A R E S I. raccolta di Gabriele Falciasecca L'AMORE, LA DONNA, LA BELLEZZA, IL MATRIMONIO"

Transcript

1 P R O V E R B I P E S A R E S I raccolta di Gabriele Falciasecca L'AMORE, LA DONNA, LA BELLEZZA, IL MATRIMONIO L'amor l'è el paradis di purétt. L'amore è il paradiso dei poveri. L'amor, la panza e la tossa l'en s'pò nasconda. L'amore, la pancia e la tosse non si possono nascondere. Distant da j'occh, distant dal cor. Lontan dagli occhi, lontan dal cuore. L'amor è 'na gran cosa, mo la fèm passa ogni cosa. L'amore è una gran cosa, ma la fame passa tutto. L'amor l'ann'è bela sl'ann'è litigarela. L'amore non è bello se non è un po' litigioso. Un bèg en fa 'n bugh. Un bacio non fa un buco. Sotta la cendra c'è sempre el fogh. Sotto la cenere c'è sempre il fuoco. Sotta i lenzoj en c'è la miseria. Sotto le lenzuola non c'è la miseria. Chi vo veda la dona da pòch i la metta a cenda 'l fogh. Chi vuol vedere la donna da poco, la metta ad accendere il fuoco. I me chiapa de nott, i me lascia de giorne.

2 Mi prendono di notte, mi lasciano di giorno. La dona la j'è com la castagna: la j'è bela fora, mo dentra la j'ha la magagna. La donna è come la castagna: fuori è bella ma dentro ha la magagna. Chi dic dona dic dann e chi dic òm dic malann. Chi dice donna dice danno, chi dice uomo dice malanno La préma l'è'na troja, la sgonda la j'è 'na gioia. La prima donna è una troia, la seconda è una gioia. Tla bott pcéna sta el vin bòn. Nella botte piccola c'è il vino migliore. Tre don e 'na p-gnata e 'l merched l'è fatt. Tre donne e una pignatta e il mercato è fatto. Paseda la dòja, arnuda la vòja. Passata la doglia, tornato il desiderio. Métt la giovna vicén al vecch, métt la cuna vicén al lètt. Metti la giovane vicino al vecchio, metti la culla vicino al letto. Anca l'occh el vo la su part. Anche l'occhio vuole la sua parte. Piagn, piagn, che t'vèn j'occh bèi. Piangi, piangi che ti vengono gli occhi belli. Brutt in fasc, bell in piaza. Bell in fasc, brutt in piaza. Brutto in fasce, bello in piazza. Bello in fasce, brutto in piazza. Chi è bell è bell e grazios, chi è brutt è brutt e schifos. Chi è bello è bello e grazioso, chi è brutto è brutto e schifoso.

3 Chi bel vo cumparì, qualcò ha da sufrì. Chi bello vuole comparire, qualcosa deve soffrire. El fum el va ma i bèi. Il fumo va dai belli. El culor cafè, fa bell ma chi enn'è. Il colore caffè, fa bello chi non è. Sotta el verd ogni blezza perd. Sotto il verde si perde ogni bellezza. Enn'è bell quel ch'è bell, ma è bell qual ch'pièc. Non è bello ciò che è bello, ma è bello ciò che piace. L'è el brod dla scodela ch'fa ni la guancia bela. Il brodo della scodella fa la guancia bella. Mentre la bela la j'è guardeda, la brutta la j'è spuseda. Mentre la bella è ammirata, la brutta è sposata. Sa la blezza en s'magna. Con la sola bellezza non si mangia. Quant un enn'è nè cégh nè zopp l'è bell de tropp. Quando uno non è né cieco né zoppo è anche troppo bello. Nès lungh en fa difett. Naso lungo non disdice. Nès piscimbocca, guei ch'il tocca; nès guarda in testa, trist com la tempesta. Naso all'ingiù, guai a chi lo tocca; naso all'insù, tristo come la tempesta. Nès a rampén, tira cassett e roba quadrén.

4 Naso a rampino tira cassetti e ruba quattrini. Ogni nès sta ben tla su faccia. Ogni naso sta bene al viso che lo porta. St'ann bugnosa, st'atr'ann sposa. Quest'anno coi foruncoli in viso, l'anno prossimo sposa. Vest 'na graneda, te sembrerà 'na regina. Anche una scopa ben vestita può sembrare un regina. O bela o brutta ch'sia, senza dòt l'an va via. O bella o brutta che sia, senza dote nessuno la sposa. El marit enn'è da tutt: ma chi fa bell, ma chi fa brutt. Il marito non fa bene a tutte: a chi fa bello, a chi fa brutto. La bona moj la fa el bon marit. Una buona moglie fa un buon marito. Ochi bass e cor contrit, la bizoca la vo el marit. Occhi bassi e cuore contrito, la bizzocca cerca marito. Le bastoned di marit l'è le campèn del paradis. Le bastonate del marito sono come le campane del paradiso. In mancanza d'méj, s'va a lett sa la moj. In mancanza di meglio si va a letto con la moglie. Marit quant capita e moj quand s'dév. Marito quando si trova, moglie quando è ora. Méj un trist marit che 'n bon fradel. Meglio un cattivo marito che un buon fratello. Ogni p-gnata la j'ha el su coperchi.

5 Ogni pignatta ha il suo coperchio. I moros chi n'ha tre n'ha un, chi n'ha dò n'ha mezz e chi n'ha un enn'ha nisciun. Di morosi chi ne ha tre ne ha uno, chi ne ha due ne ha mezzo e chi ne ha uno non ne ha nessuno. Tra moj e marit en metta el dit. Tra moglie e marito non mettere il dito. A spusè alla sera en se scapa mèi da la miseria. A sposarsi di sera non si esce mai dalla miseria.

6 I FIGLI, I PARENTI, LA CASA Intend fiola che a digh ma te nora. Si dice alla figlia perché intenda la nuora. Chi n'ha dic le aloga, chi n'ha una l'afoga. Chi ha dieci figlie le sistema, chi ne ha una la soffoca. Quand j'è pcén la chèsa la trema, quand j'è grand la se slema. Quando i figli sono piccoli la casa trema, quando sono grandi si sfascia. Carna senza dent, la sent fredd a tutt i temp. I bambini e i vecchi sentono sempre freddo. La femna de raza bona, la incmincia da la dona. La femmina di razza buona, comincia dalla donna. Quando s'parturisc in t'i'ott, o ch'va la medra o ch'va el fagott. Quando si partorisce negli otto mesi, o muore la madre o muore il bambino. I poj e i fioj j'è quei ch'smerda la chèsa. Le galline e i bambini sporcano la casa. Turlurù, turlurù, chi l'ha fatt il tenga su. Turlurù, turlurù, chi l'ha generato se lo tenga in braccio. Tra stracc e stracion s'arlèva i bei fiolon. In mezzo alla povertà si allevano bei figli. Un pedre l'è bon par dic fioj e dic fioj inn'è bon par un pedre. Un padre è capace di allevare dieci figli, ma dieci figli non sono capaci di mantenere un padre. E' più vicén i dènt che ne i parènt. Sono più vicini i denti che i parenti.

7 Le scarp le j'è còm i parènt, piò le j'è strett e piò le fa mèl. Le scarpe sono come i parenti, più sono strette e più fanno male. I parènt j'è quei dla sacocia. I parenti sono quelli della mia tasca. La chèsa la nascond mo la 'n ròba. La casa nasconde ma non ruba. 'Na bela faceda arfà la chèsa. Una bella facciata rifà la casa. Ognun è padron ma chèsa sua. Ognuno è padrone a casa sua. Chi vo veda la chèsa in ruvéna, pèn e vén 'na zupténa. Chi vuol vedere la casa in rovina, inzuppi il pane nel vino. El lètt l'è na rosa, s'en s'dorma, s'riposa. Il letto è come una rosa, se non si dorme, si riposa. La ròba la s'butta via sètt ann dop ch'la puzza. Le cose si gettano via sette anni dopo che puzzano. La ròba la j'è bona dic ann dop ch'la puzza. Le cose sono buone anche dieci anni dopo che puzzano. LA TAVOLA, I CIBI, IL VINO Chi magna e'n'invita s'astrozassa ma la prima muliga. Chi mangia e non invita potesse strozzarsi alla prima mollica. A magnè e a mormorè sta tutt tel cminciè. A mangiare e a mormorare sta tutto nell'incominciare.

8 O còtt o crud el fogh i l'ha vdud. O cotto o crudo il fuoco l'ha visto. La piumma la fa l'ucèl, mo l'è el magnè ch'fa dventè bell. E' la piuma che fa l'uccello, ma è il mangiare che fa diventar bello. Chi mett la tvaja mett el piò. Chi mette la tovaglia, mette più degli altri. El bocon più bon l'è par el coch. Il boccone più buono è per il cuoco. Galéna ch'la'n becca, la j'ha beched. Gallina che non mangia, è segno che ha mangiato. Magnè, chi magna magna, ma le bud, ch'le vaga pèri. Mangiare, chi mangia mangia, ma le bevute siano uguali per tutti.

9 In tle chès en tocca buttè via gnanca j'oss dla pulenta. Nelle case non bisogna buttare via niente. S'mòv i piatt tla scafa, che nisciun i tocca. Si muovono i piatti sulla scaffa che nessuno li tocca. Quel che'n stroza ingrasa. Quello che non ammazza, ingrassa. Poch e bon, è pén el piatt. Poco e buono: è pieno il piatto. De quel ch'an s'vo è pén el piatt. Di ciò che non si vuole è pieno il piatto. Chi guarda el cartel, en magna el vitel. Chi guarda il cartello, non mangia il vitello. Frigg el pesc e guarda ma'l gatt. Friggi il pesce e fai attenzione al gatto. Chi magna i ucèj, chèga le pénn. Chi mangia gli uccelli, caca le penne. A magnè poch, se chega stil. A mangiare poco, si caca sottile. Fritt è bon anca un pezz d'ciavatta. Fritto è buono anche un pezzo di ciabatta. La carna più bona la j'è vicén a l'oss. La carne migliore è intorno all'osso. E' fadiga magnè 'l pèn senza muliga. E fatica mangiare il pane senza mollica.

10 I cavi riscalded j'è bon mo inn'è loded. I cavoli riscaldati sono buoni ma non sono lodati. L'insalèda l'ann è bela se en ti mett la pimpinèla. L'insalata non è buona se non ci metti la pimpinella. L'insalèda, poch acét e ben olièda. L'insalata, poco aceto e molto olio. Latt e vén fa un bel bambén. Latte e vino fanno crescere un bel bambino. Pesc còtt e carna cruda. Il pesce è buono cotto e la carne cruda. Più erba s'magna e più bestia s'dventa. Più erba si mangia e più bestia si diventa. La bott la dà el vén ch'la j'ha. La botte dà il vino che ha. Chi scola, pèga. Chi scola la bottiglia del vino, paga. En dmandè ma l'ost se 'l vén l'è bon. Non chiedere all'oste se il vino è buono. DIO, LA RELIGIONE, IL DIAVOLO, LE SUPERSTIZIONI Dio en pèga tutt i sabot, mo quand el pèga el pèga giust. Dio non paga tutti i sabati, ma quando paga paga giusto. Chi 'n fa la vgilia de Pasqua e Nadèl, mor t'un foss com 'n animèl. Chi non rispetta la vigilia di Pasqua e Natale, muore in un fosso come un

11 animale. En vòi gi in Paradis par dispett di sant. Non si può andare in Paradiso a dispetto dei santi. La Providenza aiuta mo 'n careggia. La Provvidenza aiuta ma non carreggia. La Providenza la chiud 'na porta e la j'epra un purton. La Provvidenza chiude una porta ma apre un portone. Mort un pèpa s'ne fa un antre. Morto un Papa se ne fa un altro. Sbaja anch el pret tl'alter. Sbaglia anche il prete all'altare. El diavle enn'è brut com s'dic. Il diavolo non è brutto come si dipinge. Un diavle scaccia cl'atre. Un diavolo scaccia l'altro. El pret d'san Giuspén, dò monich par cuscén. Il prete di San Giuseppe, due monache per cuscino. I frèt d'sant Agostén, dò test sopra un cuscén. I frati di Sant'Agostino, due teste sopra un cuscino. Sant in Chisa, diavle in chesa. Santo in Chiesa, diavolo in casa. Quand rod el nès, o pugn o bèg. Quando si ha prurito al naso o pugni o baci. Occh dritt cor aflitt, occh manch cor franch.

12 Occhio destro cuore afflitto, occhio sinistro cuore allegro. MORALITA' L'erba trista la 'n mòr mèi. la gente cattiva non muore mai. Genta trista, mormoreda e vista. Persona cattiva, nominata e vista. Chi più ne fa, dventa prior. Chi più ne fa, diventa priore. A pasé da minchion s'fa sempr in temp. A passare da sciocchi si fa sempre in tempo. Tutti j'ha l'ora del minchion. A tutti capita di essere sciocchi. Pégg 'na ciarla che ne un fatt. Peggio una maldicenza che un fatto. Gì al mulén sa la boletta di atre. Andare al mulino con la bolletta degli altri. Chi va al mulén, s'infaréna. Chi va al mulino s'infarina. J'è pio largh j'occh che ne la bocca. Sono più larghi gli occhi della bocca. La gola la j'ha 'l bugh strett, mo la ingoja la chesa e 'l tett. La gola ha il buco stretto, ma ingoia la casa e il tetto. La coscienza la j'è com la panza dle monich: la svèn da tutt le part. La coscienza è come la pancia delle monache: cede da tutte le parti.

13 Par essa sigur, métt un guardien ledre. Per essere sicuro, metti un guardiano ladro. Tant è ledre chi ròba e tant chi tén el sach. E' ladro sia chi ruba sia chi tiene il sacco. Un ledre ch'el ròba ma un ladron l'ha cent an de pardon. Un ladro che ruba a un ladro merita cento anni di perdono. I piagn el mort par freghè 'l viv. Piangere il morto per ingannare il vivo. Aqua cla passa e gent cla dic, bsogna lascej corra. Acqua che scorre e gente che sparla, bisogna lasciarli perdere. A fè el bèn ma i sumar, s'ricev i calc. A fare il bene ai somari, si ricevono i calci. El po piscè tel lett e dì chl'ha suded. Può farla nel letto e dire che ha sudato. I cacianès inn'ì vo gnanca all'inferne. I ficcanasi non li vogliono neanche all'inferno. I prepotent i mòr sa 'l scarp ti pid. I prepotenti muoiono con le scarpe ai piedi. IL BENE, L'EGOISMO, IL PERDONO S'ne chiapa piò sa 'n vès de miél che sa 'na bott de fiél. Si prendono più mosche con un vaso di miele che con un botte d'aceto. Chi ringrezia scapa d'obligh. Chi ringrazia esce d'obbligo.

14 Chi sparagna, el gatt se 'l magna. Chi risparmia, il gatto se lo mangia. E' méj essa invidied che ne compatid. E' meglio essere invidiati che compatiti. El fa com Nicolò: dà la roba e pò l'artò. Fa come Nicolò: dà la roba e poi la riprende. La merda pio la s'mastriccia e pio la j'apuzza. La merda più si mesta e più puzza. Ognun tira l'acqua al su mulén. Ognuno tira l'acqua al suo mulino. La prima s'perdona, la sgonda s'bastona. La prima si perdona, la seconda si bastona. L'AMICIZIA, LA SPERANZA, IL PESSIMISMO God l'amich second el difett. Godi l'amico secondo il difetto. Poca brighèda, vita beèda. Poca brigata, vita beata. Se t'vò che l'amicizia la s'mantenga, da una mèn vaga e da clatra venga. Se vuoi che l'amicizia si mantenga, da una mano vada e dall'altra venga. Un fals amich è méj perdle ca ne cumprèl. Un falso amico è meglio perderlo che acquistarlo. In compagnia ha prés moj anca un fret. In compagnia prese moglie anche un frate.

15 Dio l'è un bon compagn, el manda el fredd sgond i pagn. Dio è un buon compagno, manda il freddo secondo i panni. Chi viv sperand, mor cantand. Chi vive sperando, muore cantando. E' méj perda un dét che ne 'na mèn. E' meglio perdere un dito che una mano. Fidès è bèn, mo en fidès è méj. Fidarsi è bene ma non fidarsi è meglio. Chi d'abét e chi d'noc, ognun ha la su croc. Chi di abete e chi di noce, ognuno ha la sua croce. IL SAPERE, LE PAROLE Chi 'n sa leggia la su scritura l'è un sumar adiritura. Chi non sa leggere la sua scrittura è un asino addirittura. Légg e légg el mond el va sempr pégg. Leggi e leggi il mondo va sempre peggio. El discor bèn com un libre stamped. Parla bene come un libro stampato. Chi chiapa préma, chiapa dò volt. Chi prende prima, prende due volte. Chi s'è scuted sa l'aqua bulida, l'ha paura anca d'cla giacia. Chi si è scottato con l'acqua bollente ha paura anche di quella fredda. Méj un sumar viv che 'n dotor mort. Meglio un asino vivo che un dottore morto.

16 Dmandand dmandand, s'va a Roma. Domandando, domandando si va a Roma. Un è poch e do j'è tropp. Uno è poco e due sono troppi. El calder el dic mèl dla padela. Il paiolo dice male della padella. El giudizi el vèn tre giorne dop la mort. Il giudizio si acquista tre giorni dopo la morte. ARTI E MESTIERI Cent misur e un taj sol. Cento misure e un taglio solo. El ferr da stir l'è el rufièn dle sartor. Il ferro da stiro è il ruffiano delle sarte. Ogni bugheda 'na straceda. Ogni lavata, una stracciata. Quand t'ha fatt el fattor un ann, se tsi purétt, l'è el tu dann. Quando hai fatto il fattore un anno, se sei povero è colpa tua. I curtèj, le forbic e j'ègh i campa d'carna incanteda. I coltelli, l forbici e gli aghi feriscono i distratti. IL GIOCO, IL GUADAGNO, LE RICCHEZZE Chi impresta perd la testa. Chi presta soldi, perde la testa.

17 Chi gioca al lott e spera de vincia, scapa dai stracc e entra ti cenc. Chi gioca al lotto e spera di vincere, esce dagli stracci ed entra nei cenci. I galantom j'ha d'avé el pél tla palma dla mèn. I galantuomini devono avere il pelo sulla palma della mano. Tla font do t'ha sputed t'artorne a béva. Nella fonte dove hai sputato si torna a bere. La staccia la va d'in là e d'in qua. Il setaccio va in là e in qua. Un pò pr'òm en fa mèl ma nisciun. Un po' per uno non fa male a nessuno. La pulizia la sta ben da par tutt for che tle sacocc. La pulizia sta bene ovunque fuorché nelle tasche. I tirch i'n magna par en caghè. I tirchi non mangiano per non cacare. La roba di varon la va tle mèn di sciupon. I beni degli avari finiscono nelle mani degli spreconi. GOVERNANTI E POPOLO Chi sministra, sminestra. Chi amministra la fa da padrone. L'è 'l governe di pcion: chi becca becca. E' il governo dei piccioni: chi becca becca. Quando c'è tant gall a cantè en s'fa mèi giorne. Quando ci sono tanti galli a cantare non si fa mai giorno.

18 Chi en sa fè, en sa gnanca cmandè. Chi non sa fare, non sa neanche comandare. J'ha cambied i sonador ma la musiga la j'è sempre quella. Sono cambiati i governanti ma la situazione è immutata. Chi spuda in alt, i casca adoss. Chi sputa in alto, gli ricade addosso. LA LIBERTA' E LA SERVITU', LA GIUSTIZIA El pèn d'j'atre l'ha sett crost. Il pane altrui ha sette croste. L'ucèl in gabia en canta par amor, canta par rabia. L'uccello in gabbia non canta per amore, canta per rabbia. Par litighè c'vo in dò. Per litigare bisogna essere in due. L'occh del padron ingrassa el caval. L'occhio del padrone ingrassa il cavallo. Sofre el giust p'el peccador. Soffre il giusto per il colpevole. Méj la croc che ne la cort. Meglio la croce che il tribunale. E' méj un cativ acomodament che' na bona lit. E' meglio un cattivo accordo di una causa vinta. IL LAVORO E L'OZIO; LA POVERTA' E IL BISOGNO La fadiga e el pèn bron j'è fatt par i quajon.

19 La fatica e il pane scuro sono fatti per i fessi. Val pio 'na roba fatta che ne cent da fè. Vale più una cosa fatta che cento da fare. Chi è lent a magnè è lent anca a fadighè. Chi è lento a mangiare lo è anche nel lavorare. Chi lavora ha 'na camigia e chi 'en lavora i n'ha dò. Chi lavora ha una camicia e chi non lavora ne ha due. Fa e arguasta, s'dventa mastre. Facendo e rifacendo, si diventa maestro. La facenda dla sera en bsogna lascela par la maténa. La faccenda della sera non bisogna lasciarla per la mattina. L'òr tir l'òr, la vaca tira el tòr, i quajon la caretta. L'oro attira l'oro, la vacca attira il toro, i fessi tirano la carretta. A paghè e a morì vèn sempre in temp. A pagare e a morire viene sempre in tempo. Tò e non metta, se svòida la sacchetta. Togliendo e non mettendo si vuota la borsa. Sa gnent en s'fa gnent. Con niente si fa niente. E' fnid le noc ma Bacucch, ch'i n'aveva sett sulèr e i ne magneva una al giorne. Sono finite le noci di Bacucco, che ne aveva sette solai e ne mangiava una al giorno. I sold j'è com i dulor: chi j'ha i tén. I soldi sono come i dolori: chi li ha li tiene.

20 Faccia franca, metà dla spesa. Faccia franca, metà della spesa. La miseria la vo el su sfogh. La miseria vuole il suo sfogo. La roba de mel aquist, com la j'è nuda la và. La cosa acquistata con inganno, come è venuta presto se ne va. La roba l'ann'è de chi la j'ha, ma de chi i la god. La roba non è di chi la possiede ma di chi la gode. L'òv l'è bon anca dop Pasqua. L'uovo è buono anche dopo Pasqua. Ma i sprecon en manca mèi roba. Agli spreconi non manca mai la roba. Panza péna l'an pensa par cla svoida. Pancia piena non pensa per quella vuota. Sa i sold s'fa la lira. Con le monetine si fa la lira. I sold i fa gi l'aqua d'insò. I soldi fano andare l'acqua all'insù. Sach svoid en sta in pid, sach pén el vò ripos. Sacco vuoto non sta in piedi, sacco pieno vuol riposarsi. Toca vogna le ròd par fè gi el carett. Bisogna ungere le ruote del carro per farlo andare. Méj una pasra chiapeda che ne cent da chiapè. Meglio una passera presa che cento da prendere.

21 LE STAGIONI E IL LAVORO DEI CAMPI L'Epifania, tutt le fest la porta via. Con l'epifania finiscono tutte le feste. Sant'Antoni dla barba bianca, s'in la j'ha i la mett. Per S. Antonio Abate neve ovunque. Par la Candelora, da l'inverne a sim fora. El dic un vechiarel: c'è 'n atre mesarel. E sa fè ben i cont a sim tel mezz del pont. Per la festa della Candelora siamo fuori dall'inverno. Dice un vecchio: c'è un altro mese ancora. E se facciamo bene i conti siamo ancora a metà. L'ultim giorne d'carnevèl se frigg sa sett padell. L'ultimo giorno di Carnevale si frigge con sette padelle. Se la Vechia l'an pesca, poch grèn e molta esca. Se per la mezza Quaresima non piove, ci sarà poco grano ma molto buono per la semina. Quatre aprilant, quaranta di durant. Il tempo che fa il 4 aprile durerà per quaranta giorni. El giorne dl'ascension en s'mòv l'ucèl da la cova. Per il giorno dell'ascensione non si muove l'uccello dal nido. S'piòv el giorne dl'ascension, de gren ne va mèl un canton. Se piove il giorno dell'ascensione si perde poco grano. S'piòv el giorne de Santa Croc, se buga tutt le noc. Se piove il giorno di Santa Croce le noci s'infradiciano. San Francesch, dop el cald vèn el fresch. San Francesco, dopo il caldo viene il fresco.

22 Santa Cataréna, o la név o la stréna. Santa Caterina o la neve o la brina. S'piòv per S.Bibièna, piòv par quaranta giorne e 'na stmèna. Se piove per Santa Bibiena, piove per 40 giorni e una settimana. Santa Lucia, el giorn più cort ch'ce sia. Santa Lucia è il giorno più corto che ci sia. Da Nadèl a l'ann nòv, se slonga un pass de bòv; da l'an nòv a la Pasquela, se slonga un pass d'vitela. Da Natale all'anno nuovo il tempo si allunga lentamente; da Capodanno all'epifania il tempo si allunga velocemente. Nadèl sa'l sol, Pasqua sa'l tizzon. Natale con il sole, Pasqua con il ceppo acceso. Innocent Innocentén, fnid le fest, fnid i quadrén. Per la festa degli innocentini, finite le feste e spesi tutti i soldi. Marz asciutt, april bagned, beèd chi è ch'ha semined. Marzo asciutto, aprile bagnato, beato chi ha seminato. La név marzuléna da la sera a la maténa. La neve di marzo dura dalla sera alla mattina. Se agost en brugia e g-nèr en giacia, en c'è mèi la bonacia. Se agosto non è caldo e gennaio non è freddo, non c'è mai il mare calmo. A marz tutt i vilèn i va scalz; april, vilen e gentil. A marzo tutti i contadini vanno scalzi; in aprile, contadini e cittadini. Brumm, davanti a me scald e de dria a m'consumm. Novembre, davanti mi scaldo e dietro tremo per il freddo. L'inverneda l'ann'arman in ciel.

23 L'inverno non resta in cielo. L'ann l'è long e i giorne j'è fitti. L'anno è lungo e i giorni sono tanti. I lamp da grech i sent el garbén, i lamp da ponent i sent la bora. I lampi da greco annunciano il garbino, i lampi da ponente annunciano la bora. Aria roscia, o piòv o soffia. Con l'aria rossa o piove o tira vento. Ann bisest, chi s'la chèva è lest. Anno bisestile, chi se la cava è lesto. Bel temp fatt de nott el val tre pera cott. Se il tempo si fa sereno di notte non durerà a lungo. Chi en semina en arcoj. Chi non semina non raccoglie. Chi pianta i noc, en le magna. Chi pianta i noci, non ne mangia i frutti. Le pampne l'en fa l'ua. La vigna ricca di pampini dà poca uva. El vén tel sass, el mlon tel grass. La vigna cresce bene nel terreno roccioso, il melone nel terreno grasso. La roba de campagna chi ariva préma la magna. Quando la roba è nei campi chi arriva prima se la mangia. Ogni frutt l'ha la su stagion.

24 Ogni frutto ha la sua stagione. ANIMALI Ma la galéna ingorda crepa el gozz. Alla gallina ingorda creperà il gozzo. Gamba corta, galéna fetareccia. Gamba corta, gallina prolifica. Fa tropp chiass dò gall t'un pulèr. Fanno troppo chiasso due galli in un pollaio. Quant el gall canta tel pulèr, se 'l temp l'è bon 'l fa arguastè. Quando il gallo canta fuori orario, è segno che il tempo cambierà. Chèn ch'el baja en dà d'mors. Cane che abbaia non morde. I chèn di cuntadén j'abaja da distant. I cani dei contadini abbaiano da lontano. Tra chèn e chèn in s'da d'mors. Tra cani non ci si morde. Chèn e vilèn in chiud mèi la porta sa le mèn. Cani e contadini non chiudono mai la porta. Gnanca el chèn en mòv la coda par gnent. Neanche il cane muove la coda per niente. 'Na volta corr el chèn e 'na volta corr la lepre. Una volta corre il cane e una volta la lepre. J'è i bo vech ch'iaporta a chesa el brocc. Sono i buoi vecchi che riportano a casa il carro.

25 L'ha chius la stala quand en c'era pio i bo. Ha chiuso la stalla quando non c'erano più i buoi. I raj del sumar inn'ariva tel ciel. I ragli dell'asino non arrivano in cielo. A sò com el sumar: a carégg el vén e a begh l'aqua. Sono come l'asino che trasporta vino e beve acqua. En di gatt finchè enn'è tel sacch. Non dire gatto finchè non è nel sacco. Quand el gatt el passa l'orecchia, s'tvo l'aqua dla piova prepèra la secchia. Quando il gatto si gratta oltre l'orecchio, può piovere molto. El baghén quand l'ha magned l'arbalta el brégn. Il maiale quando ha mangiato ribalta il trogolo. Le mlaranc l'enn'è fatt par i porch. Le arance non non sono per i maiali. Va préma l'agnel che la pegra. Muore prima l'agnello della pecora. Chi en vo ben ma le besti en vo ben manca ma i cristièn. Chi non ama le bestie non ama neanche le persone. LA VITA E LA MORTE Cresc j'ann, cresc i malann. Crescono gli anni, crescono i malanni. Dura pio 'na pgnatta rotta che una sèna.

26 Dura più un tegame rotto di uno sano. Teja sprangheda la tén pio che 'na sèna. Teglia accomodata tiene più di una sana. E' méj a consumè le scarp che i lenzoj. E' meglio consumare le scarpe che le lenzuola. Par ste bèn, tocca gì pièn. Per stare bene bisogna andare piano. Chi fa bona vita fa bona mort. Chi vive bene muore bene. El giovne el po guarì, mo el vecch l'ha da murì. Il giovane può guarire, ma il vecchio deve morire. La febra del continue la schianta le gamb. La febbre continua indebolisce le gambe. L'òm sèn el piscia spess com i chèn. L'uomo sano orina spesso come i cani. Un'arieténa de fogh e de canténa la fa bèn la sera e la maténa. Un atmosfera di fuoco e di cantina fa bene di sera e di mattina. El mèl l'ariva a caval el va via a pid. La malattia arriva rapidamente e va via con lentezza. El mèl del déd chi 'nn'el prova en el créd. Chi non prova il male del dito non ci crede. La gioventù en c'è òr ch'i la pèga. La gioventù non ha prezzo. Chi enn'ha bona testa l'ha bon gamb.

27 Chi non ha buona testa ha buone gambe. Chi bév sopra la mnestra, el véd el dotor da la finestra. Chi beve con la minestra non ha bisogno del medico. Per guarì le buganz c'vò el sol de magg. Per guarire i geloni ci vuole il sole di maggio. Se s'porta al merched i guèj, ognun archiapa i sua. Se si portano al mercato i guai, ognuno riprende i suoi. Chi mòr mòr e chi campa campa. Chi muore muore e chi campa campa. El pégg è par chi va. Il peggio è per chi muore. La mort l'an guarda in facia ma nisciun. La morte non ha riguardi per nessuno. L'òm l'è com el porch: l'è bon sol dop mort. L'uomo è come il maiale di lui si parla bene solo dopo morto. Mort brameda, vita slongheda. Morte desiderata, vita allungata. Cova fatta, gagia morta. Nido fatto, gazza morta. CONSIGLI VARI Guardte da quéj de pél rosc. Guardati da quelli rossi di pelo. Guardte dai sgnèd mia. Guardati da quelli segnati da me.

28 La rabbia dla sera tocca lascela par la maténa, quella dla matèna par la sera. La rabbia della sera bisogna lasciarla per la mattina e quella della mattina per la sera. Aqua e fogh, el Signor i daga logh. Dall'acqua e dal fuoco iddio ci scampi. En bsogna metta troppa carna in tel fogh. Non bisogna mettere troppa carne al fuoco. Chi ha i dent en ha 'l pèn e chi ha 'l pèn en ha i dent. Chi ha i denti non ha il pane e chi ha il pane non ha i denti. Chi ha 'l grèn en ha 'l sach e chi ha 'l sach en ha 'l grèn. Chi ha il grano non ha il sacco, chi ha il sacco non ha il grano. Chi mena préma mena dò volt. Chi mena prima mena due volte. Chi rid de venerdé, piagn de dmèniga. Chi ride di venerdì, piange di domenica. Gnent fa bon par i'occh. Niente fa bene per gli occhi. Chi s'la chiapa mòr. Chi se la prende muore. L'è fadiga rubè tla chesa di ledre. E' fatica rubare nella casa dei ladri. El bon giorne el s'véd da la maténa. Il buon giorno si vede dalla mattina. I sass j'arcasca adoss ma chi i tira.

29 I sassi ricadono addosso a chi li tira. In t'un ora nasc un fungh. In un'ora nasce un fungo. I véd méj quattr'occh che dò. Vedono meglio quattro occhi che due. 'Na noc in t'un sac la fa poch chiass. Una noce sola in un sacco fa poco chiasso. Enn'è méj ch't'va a sculaciè i baghén a marena. Non è meglio che vai a sculacciare i maiali al mare. La stecca la vèn dal zoch. La stecca viene dallo zocco. Ogni calc manda avanti un pass. Ogni spinta manda avanti un po'. Par forza en s'fa manca l'acét. Per forza non si fa neanche l'aceto. Più a sim e più a comparém. Più siamo e più figuriamo. Quand s'bala, tocca balè. Quando si balla bisogna continuare. Tant el va l'orc tla font ch'el se smaniga o ch'el se sromp. Tanto va l'orcio alla fonte che perderà il manico o si romperà. L'occh el roba. L'occhio ruba il mestiere. Tutta l'aqua la va tel mèr.

30 Tutta l'acqua finisce al mare. Un pezz d'legn en fa fogh, dò ne fa poch, tre ne farìa se c'foss la compagnia. Un pezzo di legno non fa il fuoco, due ne fanno poco, tre ne farebbero se ci fosse la compagnia attorno al camino. Veda e non tuchè è roba da schiupè. Vedere e non toccare è un bello spasimare. PROVERBI MARINARESCHI Al fin del navighè se loda i vènt. Alla fine della navigazione si lodano i venti. Luna in pid, marinèr a giagia; luna a giagia, marinèr in pid. Luna in piedi, marinaio a riposo; luna coricata, marinaio in piedi. Com va la barca, va el batel. Come va la barca grossa, così può andare quella piccola. Quand canta la renella, la sardella vèn in terra. Quando gracida la rana, la sardella viene a terra. Lamp da ponènt, en lampa par gnent. Lampi da ponente, non lampeggia per niente. Barca netta, conti fatti. Barca pulita, conti fatti. Poch pesc, mala nott. Poco pesce, notte andata male. Vent in poppa, mezz port. Vento in poppa, metà del viaggio.

31 Barca pcèna, Dio grand. La barca è piccola, Dio è grande. Rosc de matèna, la piova s'vicèna. Rosso di mattina, la pioggia s'avvicina. Sol bianch, scirocch in camp. Sole chiaro, scirocco soffia. Scirocch chièr e tramontèna scura, mett'te par mèr e nun avé paura. Scirocco chiaro e tramontana scura, mettiti per mare e non aver paura. Stell tropp scintillant, vènt fort ma te davant. Stelle molto scintillanti, vento forte davanti. Chi ben liga, ben scioj. Chi lega bene, scioglie bene. Ogni pnon el ten so la su vela. Ogni pennone tiene la sua vela. Quand t'cred d'magnè la carna an't'bév gnanca el brod. Quando credi di mangiare la carne non bevi neanche il brodo.

32

Amore in Paradiso. Capitolo I

Amore in Paradiso. Capitolo I 4 Amore in Paradiso Capitolo I Paradiso. Ufficio dei desideri. Tanti angeli vanno e vengono nella stanza. Arriva un fax. Lo ha mandato qualcuno dalla Terra, un uomo. Quando gli uomini vogliono qualcosa,

Dettagli

CANZONI NEL CERCHIO I VOLUME

CANZONI NEL CERCHIO I VOLUME CANZONI NEL CERCHIO I VOLUME 1. IL SERPENTE FILIBERTO 2. BUONGIORNO 3. IL TORO NASO D ORO 4. LA RANA 5. IL LUPO DANTE 6. IL GATTO FIFONE 7. SE VUOI CUCINARE 8. IL PICCOLO SEMINO IL SERPENTE FILIBERTO Il

Dettagli

Mediterranea INTRODUZIONE

Mediterranea INTRODUZIONE 7 INTRODUZIONE guerrieri Palermo, anno 1076. Dopo che - per più di duecento anni - gli arabi erano stati i padroni della Sicilia, a quel tempo nell isola governavano i normanni, popolo d i guerrieri venuti

Dettagli

GESU E UN DONO PER TUTTI

GESU E UN DONO PER TUTTI GESU E UN DONO PER TUTTI OGGI VIENE ANCHE DA TE LA CREAZIONE IN PRINCIPIO TUTTO ERA VUOTO E BUIO NON VI ERANO NE UOMINI NE ALBERI NE ANIMALI E NEMMENO CASE VI ERA SOLTANTO DIO NON SI VEDEVA NIENTE PERCHE

Dettagli

LA CHIESA I SUOI SIMBOLI ED I SUOI SIGNIFICATI. Maggio-Giugno

LA CHIESA I SUOI SIMBOLI ED I SUOI SIGNIFICATI. Maggio-Giugno LA CHIESA I SUOI SIMBOLI ED I SUOI SIGNIFICATI Maggio-Giugno Le campane nel campanile suonano a festa. E risorto Gesù E Pasqua senti come suonano allegre! ascoltiamole Queste suonano forte! Maestra perchè

Dettagli

LE NOSTRE CANZONI DI NATALE

LE NOSTRE CANZONI DI NATALE CANZONE: LE NOSTRE CANZONI DI NATALE VIENI BAMBINO TRA I BAMBINI Quando la notte è buia E buio è anche il giorno, non credi che il domani potrà mai fare ritorno. Quando la notte è fredda C è il gelo nel

Dettagli

BELLA LUNA (Marco Calliari / Marco Calliari, Lysandre Champagne, Carlos Araya, Luzio Altobelli, Alexis Dumais)

BELLA LUNA (Marco Calliari / Marco Calliari, Lysandre Champagne, Carlos Araya, Luzio Altobelli, Alexis Dumais) BELLA LUNA (Marco Calliari / Marco Calliari, Lysandre Champagne, Carlos Araya, Luzio Altobelli, Alexis Dumais) Quando la notte scende giu devo mi fidare Mi fidare su sta luce se ci sei E se ci sei tu in

Dettagli

DAL SEME ALLA PIANTA

DAL SEME ALLA PIANTA SCHEDA N 3 DAL SEME ALLA PIANTA Un altra esperienza di semina in classe potrà essere effettuata a piccoli gruppi. Ogni gruppo sarà responsabile della crescita di alcuni semi, diversi o uguali. Es. 1 gruppo:

Dettagli

BEATO L UOMO. Camminiamo sulla strada. me l'hai detto, son sicuro, non potrai scordarti di me.

BEATO L UOMO. Camminiamo sulla strada. me l'hai detto, son sicuro, non potrai scordarti di me. BEATO L UOMO Beato l'uomo che retto procede e non entra a consiglio con gli empi e non va per la via dei peccatori, nel convegno dei tristi non siede. Nella legge del Signore ha risposto la sua gioia;

Dettagli

Io..., papà di... ricordo, mi emoziono, racconto! giugno 2015

Io..., papà di... ricordo, mi emoziono, racconto! giugno 2015 Io..., papà di...... ricordo, mi emoziono, racconto! giugno 2015 Lettura albo, strumento utilizzato in un Percorso di Sostegno alla Genitorialità biologica EMAMeF - Loredana Plotegher, educatore professionale

Dettagli

SEMINA RACCOGLIE CAVOLI. I cavoli riscaldati furono buoni ma non lodati FOCACCIA. Rendere pan per focaccia GIORNO

SEMINA RACCOGLIE CAVOLI. I cavoli riscaldati furono buoni ma non lodati FOCACCIA. Rendere pan per focaccia GIORNO SEMINA C'è chi semina e chi miete Chi mal semina, mal raccoglie Chi non semina non miete Chi parla semina, chi tace raccoglie Chi semina vento raccoglie tempesta RACCOGLIE Chi dà e ritoglie, il diavolo

Dettagli

2. Il Denaro è la radice di ogni sorta di cose dannose. Per questo i capi religiosi e le organizzazioni religiose lo tengono stretto.

2. Il Denaro è la radice di ogni sorta di cose dannose. Per questo i capi religiosi e le organizzazioni religiose lo tengono stretto. 1. La Mafia ormai sta nelle maggiori città italiane dove ha fatto grossi investimenti edilizi, o commerciali e magari industriali. A me interessa conoscere questa accumulazione primitiva del capitale mafioso,

Dettagli

http://www.veronicaetony.com/download/accordivet.pdf http://www.veronicaetony.com/download/ascoltamp3.zip

http://www.veronicaetony.com/download/accordivet.pdf http://www.veronicaetony.com/download/ascoltamp3.zip Scarica questo libretto Ascolta le canzoni in MP3 http://www.veronicaetony.com/download/accordivet.pdf http://www.veronicaetony.com/download/ascoltamp3.zip Canti con accordi 1 Lo spirito e la sposa z do

Dettagli

PADRE MAESTRO E AMICO

PADRE MAESTRO E AMICO PADRE MAESTRO E AMICO Padre, di molte genti padre, il nostro grido ascolta: è il canto della vita. Quella perenne giovinezza che tu portavi in cuore, perché non doni a noi? Padre, maestro ed amico noi

Dettagli

La poesia per mia madre

La poesia per mia madre La poesia per mia madre Oggi scrivo una poesia per la mamma mia. Lei ha gli occhi scintillanti come dei diamanti i capelli un po chiari e un po scuri il corpo robusto come quello di un fusto le gambe snelle

Dettagli

Lia Levi. La portinaia Apollonia. orecchio acerbo DISEGNI DI EMANUELA ORCIARI

Lia Levi. La portinaia Apollonia. orecchio acerbo DISEGNI DI EMANUELA ORCIARI Lia Levi La portinaia Apollonia DISEGNI DI EMANUELA ORCIARI orecchio acerbo Premio Andersen 2005 Miglior libro 6/9 anni Super Premio Andersen Libro dell Anno 2005 Lia Levi La portinaia Apollonia DISEGNI

Dettagli

I Classici facili raccontati da Carlo Scataglini. Pinocchio

I Classici facili raccontati da Carlo Scataglini. Pinocchio I Classici facili raccontati da Carlo Scataglini Pinocchio Indice illustrato CAPITOLO 1 Tutto comincia con un pezzo di legno............. 7 CAPITOLO 2 Quando un burattino ha fame.... 17 CAPITOLO 3 Il Gran

Dettagli

NASCE UN NUOVO POPOLO: I GRECI

NASCE UN NUOVO POPOLO: I GRECI NASCE UN NUOVO POPOLO: I GRECI Intorno al 1200 a.c. nuovi popoli arrivano in Grecia. Questi popoli partono dal Nord dell'asia e dal Nord dell'europa. Queste persone diventano i nuovi padroni del territorio.

Dettagli

Maschere a Venezia CAP I

Maschere a Venezia CAP I Maschere a Venezia 7 CAP I In un pomeriggio di fine marzo Altiero Ranelli, un giovane giornalista de Il Gazzettino di Venezia, entra nell ufficio del direttore. - Ho una grande notizia. - grida contento.

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN 1 CIRCOLO SPINEA ANNO SC. 2007-08 IL BARATTO GRUPPO ANNI 4 INS: AIOLFI ANNA L ACQUISTO

SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN 1 CIRCOLO SPINEA ANNO SC. 2007-08 IL BARATTO GRUPPO ANNI 4 INS: AIOLFI ANNA L ACQUISTO SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN 1 CIRCOLO SPINEA ANNO SC. 2007-08 IL BARATTO GRUPPO ANNI 4 INS: AIOLFI ANNA L ACQUISTO DIVISI IN TRE PICCOLI GRUPPI I BAMBINI OSSERVANO E COMMENTANO L IMMAGINE A.Ajello -A.S.

Dettagli

Indice analitico. Il tempo e i numeri

Indice analitico. Il tempo e i numeri Indice analitico Il tempo e i numeri Esercizio 1 e 2 Il lunedì il parrucchiere è chiuso Il martedì faccio la spesa Il mercoledì accompagno i bambini in piscina Il giovedì c è mercato Al venerdì vado alla

Dettagli

Giulia Loscocco. Hao Zhaou

Giulia Loscocco. Hao Zhaou Giulia Loscocco dolce e morbida è piccina piccina e ha il cappello rosso. È sempre triste e certe volte felice. è fatta per essere abitata. La cosa che mi piace di più è il materasso della mia camera.

Dettagli

RITORNO ALLA CAVA. LA SI (per 3 volte) LA2 SIb7 LA2

RITORNO ALLA CAVA. LA SI (per 3 volte) LA2 SIb7 LA2 Volto che sfugge, nebbia di idee, 9 tu sei solo una grossa bugia! SIb7+ Ti dicono tutti che hai dei talenti, LA9 in fondo ci speri che così sia! RITORNO ALLA CAVA RAP Questo è il mio mondo, qui sono il

Dettagli

Canti per i funerali. Ciclostilato in proprio Parrocchia di Castiglione Torinese

Canti per i funerali. Ciclostilato in proprio Parrocchia di Castiglione Torinese Canti per i funerali Ciclostilato in proprio Parrocchia di Castiglione Torinese SYMBOLUM 77 (84) 1. Tu sei la mia vita, altro io non ho Tu sei la mia strada, la mia verità Nella tua parola io camminerò

Dettagli

CERCHIO Tutti dicono che sono grasso, che non muovo neanche un passo. Se mi metti in cima a un sasso, vengo giù con grande spasso. Sono ciccio, un bombolone, gonfio, bonzo, un panettone, ma non perdo mai

Dettagli

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica:

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica: Pasta per due 5 Capitolo 1 Libero Belmondo è un uomo di 35 anni. Vive a Roma. Da qualche mese Libero accende il computer tutti i giorni e controlla le e-mail. Minni è una ragazza di 28 anni. Vive a Bangkok.

Dettagli

CATEGORIA: POESIA. BERTOLLO GIORGIA Classe 2^A Scuola Media N. Dalle Laste Marostica. Social day 5 aprile 2014

CATEGORIA: POESIA. BERTOLLO GIORGIA Classe 2^A Scuola Media N. Dalle Laste Marostica. Social day 5 aprile 2014 CATEGORIA: POESIA BERTOLLO GIORGIA Classe 2^A Scuola Media N. Dalle Laste Marostica Social day 5 aprile 2014 Saluta il pony e l' asinello prendi la forca ed il rastrello corri a lavorare, è ora di guadagnare!!

Dettagli

Fili d'argento. Il giornale scritto dagli Ospiti della Casa di Riposo "Cusani Visconti" di Chignolo Po

Fili d'argento. Il giornale scritto dagli Ospiti della Casa di Riposo Cusani Visconti di Chignolo Po Fili d'argento Il giornale scritto dagli Ospiti della Casa di Riposo "Cusani Visconti" di Chignolo Po Settembre 2014 1 Sommario Feste e usanze del mese pagina 3 Ai nostri tempi pagina 5 Proverbi e Filastrocche

Dettagli

MEDIOEVO significa (vuol dire) ETÀ DI MEZZO cioè in mezzo tra l'età antica e l'età moderna. (mezzo) (età) MEDIO + EVO

MEDIOEVO significa (vuol dire) ETÀ DI MEZZO cioè in mezzo tra l'età antica e l'età moderna. (mezzo) (età) MEDIO + EVO IL MEDIOEVO IL MEDIOEVO MEDIOEVO significa (vuol dire) ETÀ DI MEZZO cioè in mezzo tra l'età antica e l'età moderna (mezzo) (età) MEDIO + EVO I FATTI PIÙ IMPORTANTI ALL INIZIO DEL MEDIOEVO i barbari e i

Dettagli

(da La miniera, Fazi, 1997)

(da La miniera, Fazi, 1997) Che bello che questo tempo è come tutti gli altri tempi, che io scrivo poesie come sempre sono state scritte, che questa gatta davanti a me si sta lavando e scorre il suo tempo, nonostante sia sola, quasi

Dettagli

PROVE DI VERIFICA DI ITALIANO CLASSE III II QUADRIMESTRE DIREZIONE DIDATTICA STATALE A. D ANDRADE PAVONE CANAVESE SCUOLA PRIMARIA STATALE DI

PROVE DI VERIFICA DI ITALIANO CLASSE III II QUADRIMESTRE DIREZIONE DIDATTICA STATALE A. D ANDRADE PAVONE CANAVESE SCUOLA PRIMARIA STATALE DI DIREZIONE DIDATTICA STATALE A. D ANDRADE PAVONE CANAVESE SCUOLA PRIMARIA STATALE DI PROVE DI VERIFICA DI ITALIANO CLASSE III ANNO SCOLASTICO II QUADRIMESTRE ALUNNO/A PROVE DI VERIFICA PERIODO: SECONDO

Dettagli

BEATI VOI MI FA#-7 LA MI LA MI FA#-7 LA6 MI LA Beati voi, beati voi, beati voi, beati voi. BEATI VOI

BEATI VOI MI FA#-7 LA MI LA MI FA#-7 LA6 MI LA Beati voi, beati voi, beati voi, beati voi. BEATI VOI BEATI VOI MI FA#-7 LA MI LA MI FA#-7 LA6 MI LA MI FA#-7 Se sarete poveri nel cuore, beati voi: LA6 MI sarà vostro il Regno di Dio Padre. MI FA#-7 Se sarete voi che piangerete, beati voi, LA6 MI perché

Dettagli

Ci relazioniamo dunque siamo

Ci relazioniamo dunque siamo 7_CECCHI.N 17-03-2008 10:12 Pagina 57 CONNESSIONI Ci relazioniamo dunque siamo Curiosità e trappole dell osservatore... siete voi gli insegnanti, mi insegnate voi, come fate in questa catastrofe, con il

Dettagli

La Santa Sede VISITA ALLA PARROCCHIA ROMANA «SANTA MARIA MADRE DEL REDENTORE A TOR BELLA MONACA» PAROLE DEL SANTO PADRE FRANCESCO

La Santa Sede VISITA ALLA PARROCCHIA ROMANA «SANTA MARIA MADRE DEL REDENTORE A TOR BELLA MONACA» PAROLE DEL SANTO PADRE FRANCESCO La Santa Sede VISITA ALLA PARROCCHIA ROMANA «SANTA MARIA MADRE DEL REDENTORE A TOR BELLA MONACA» PAROLE DEL SANTO PADRE FRANCESCO III Domenica di Quaresima, 8 marzo 2015 [Multimedia] CHIESA DI SANTA GIOVANNA

Dettagli

(Messa vigiliare del sabato: la voce guida prima che l organo introduca con solennità l ingresso della processione.)

(Messa vigiliare del sabato: la voce guida prima che l organo introduca con solennità l ingresso della processione.) 23 febbraio 2014 penultima dopo l Epifania h. 18.00-11.30 (Messa vigiliare del sabato: la voce guida prima che l organo introduca con solennità l ingresso della processione.) Celebriamo la Messa vigiliare

Dettagli

IL VIAGGIO DI SCIANTAH di Kamil Kileny

IL VIAGGIO DI SCIANTAH di Kamil Kileny لش حن لطح ح ل ة ر كام ل ك يالني IL VIAGGIO DI SCIANTAH di Kamil Kileny traduzione italiana riga per riga, parola per parola curata da Pier Luigi Farri plfarri@vbscuola.it 1 Due buoni fratelli. Sciantah

Dettagli

ALLA SCOPERTA DELLA FATTORIA

ALLA SCOPERTA DELLA FATTORIA ALLA SCOPERTA DELLA FATTORIA Abbiamo cantato con i bambini la canzoncina Nella vecchia fattoria per introdurre questo percorso partendo dalle loro conoscenze. Verbalizzazioni: Insegnante: - Bambini ma

Dettagli

МИНИСТЕРСТВО НА ОБРАЗОВАНИЕТО, МЛАДЕЖТА И НАУКАТА ЦЕНТЪР ЗА КОНТРОЛ И ОЦЕНКА НА КАЧЕСТВОТО НА УЧИЛИЩНОТО ОБРАЗОВАНИЕ

МИНИСТЕРСТВО НА ОБРАЗОВАНИЕТО, МЛАДЕЖТА И НАУКАТА ЦЕНТЪР ЗА КОНТРОЛ И ОЦЕНКА НА КАЧЕСТВОТО НА УЧИЛИЩНОТО ОБРАЗОВАНИЕ МИНИСТЕРСТВО НА ОБРАЗОВАНИЕТО, МЛАДЕЖТА И НАУКАТА ЦЕНТЪР ЗА КОНТРОЛ И ОЦЕНКА НА КАЧЕСТВОТО НА УЧИЛИЩНОТО ОБРАЗОВАНИЕ ТЕСТ ПО ИТАЛИАНСКИ ЕЗИК ЗА VII КЛАС I. PROVA DI COMPRENSIONE DI TESTI ORALI Testo 1

Dettagli

Folletto. Gigetto. L' a q u i l a. r e a l e

Folletto. Gigetto. L' a q u i l a. r e a l e Il Folletto Gigetto e L' a q u i l a r e a l e Abbiamo scritto questo libro per tutti i bambini delle Scuole dell Infanzia, così potranno conoscere il nostro amico Gigetto e, chissà che un giorno non vada

Dettagli

Logopedia in musica e. canzoni

Logopedia in musica e. canzoni Logopedia in musica e canzoni Un Lavoro di Gruppo, Giugno 2013 INTRODUZIONE Siamo un gruppo di persone, chi ricoverato in Degenza e chi in Day Hospital, del Presidio Ausiliatrice-don Gnocchi di Torino

Dettagli

Mi presento 1. CIAO, MI CHIAMO 2. SONO UN RAGAZZO UNA RAGAZZA 3. HO ANNI 4. VENGO DA 5. SONO IN ITALIA DA 1 MESE 3 MESI 6 MESI 1 ANNO PIU DI UN ANNO

Mi presento 1. CIAO, MI CHIAMO 2. SONO UN RAGAZZO UNA RAGAZZA 3. HO ANNI 4. VENGO DA 5. SONO IN ITALIA DA 1 MESE 3 MESI 6 MESI 1 ANNO PIU DI UN ANNO Mi presento 1. CIAO, MI CHIAMO 2. SONO UN RAGAZZO UNA RAGAZZA 3. HO ANNI 4. VENGO DA 5. SONO IN ITALIA DA 1 MESE 3 MESI 6 MESI 1 ANNO PIU DI UN ANNO 6. ABITO A 7. QUESTA E LA MIA FAMIGLIA: 1 8. A CASA

Dettagli

QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE

QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE INTRODUZIONE AL QUESTIONARIO Questo questionario viene usato per scopi scientifici. Non ci sono risposte giuste o sbagliate. Dopo aver letto attentamente

Dettagli

Modifiche da apportare al testo Per l Infanzia SI Adattare Elementare SI I, II, III Nessuna: adatto come scritto PERSONAGGI

Modifiche da apportare al testo Per l Infanzia SI Adattare Elementare SI I, II, III Nessuna: adatto come scritto PERSONAGGI TITOLO UN FIORE + UNA FARFALLA = PACE Argomento Fiaba sulla pace Il testo è adatto alle seguenti classi: Scuola Adatto Classi di riferimento Modifiche da apportare al testo Per l Infanzia SI Adattare Elementare

Dettagli

Fare scienze: dalla lettura di una storia affascinante sino ad un incontro speciale

Fare scienze: dalla lettura di una storia affascinante sino ad un incontro speciale Fare scienze: dalla lettura di una storia affascinante sino ad un incontro speciale Sempre più in questi ultimi anni ci siamo rese conto che è possibile promuovere, ovvero trasmettere in modo efficace,

Dettagli

L'orologio. di Nello Filippetti

L'orologio. di Nello Filippetti L'orologio di Nello Filippetti E il bimbo sognava l orologio che camminava giorno e notte, il cuore di smalto fiorito che nel fiore della vita la mamma dette al babbo in segno di lei, perché traducesse

Dettagli

IPNOTICA DOMENICA un racconto horror-splatter-sentimentale di marco montanaro ***

IPNOTICA DOMENICA un racconto horror-splatter-sentimentale di marco montanaro *** IPNOTICA DOMENICA un racconto horror-splatter-sentimentale di marco montanaro *** Dormi. Lo ricordavo bene il tuo sonno: fragile e immobile di notte, inquieto e sfuggente al mattino. Ho messo su il disco

Dettagli

Giovani poeti crescono.

Giovani poeti crescono. Giovani poeti crescono. L amicizia Passa un aereo Passa un treno Ma cosa si portano sul loro sentiero? E un qualcosa di luminoso Sarà la notte che fugge via o forse solo la vita mia?. Ora ho capito che

Dettagli

autore: Roberto Mastrantonio (psicologo) Introduzione di: Luisiana Pascucci (psicologa e psicoterapeuta)

autore: Roberto Mastrantonio (psicologo) Introduzione di: Luisiana Pascucci (psicologa e psicoterapeuta) autore: Roberto Mastrantonio (psicologo) Introduzione di: Luisiana Pascucci (psicologa e psicoterapeuta) Cooperativa Sociale Onlus Nuova Socialità collana a cura di Roberto Mastrantonio PREMESSA Nell interazione

Dettagli

San Giovanni Battista Cesano Boscone Sacra Famiglia C 2007-01-27

San Giovanni Battista Cesano Boscone Sacra Famiglia C 2007-01-27 MESSA VIGILIARE 18.00 In questa festa della Sacra Famiglia vorrei soffermarmi su un aspetto del brano di vangelo che abbiamo appena ascoltato. Maria e Giuseppe, insieme, cercano angosciati Gesù. Cosa può

Dettagli

L INCENDIO. In questa sezione i mparerai a conoscere il FUOCO, un fenomeno utile ma che può

L INCENDIO. In questa sezione i mparerai a conoscere il FUOCO, un fenomeno utile ma che può L INCENDIO Che cos è un incendio? In questa sezione i mparerai a conoscere il FUOCO, un fenomeno utile ma che può essere dannoso per le piante e per gli animali e pericoloso per tutti gli esseri viventi

Dettagli

CONOSCERE IL PROPRIO CORPO

CONOSCERE IL PROPRIO CORPO CONOSCERE IL PROPRIO CORPO Gli esseri viventi sono fatti di parti che funzionano assieme in modo diverso. Hanno parti diverse che fanno cose diverse. Il tuo corpo è fatto di molte parti diverse. Alcune

Dettagli

Angeli - Voglio Di Piu' Scritto da Joel Lunedì 11 Agosto 2008 01:19

Angeli - Voglio Di Piu' Scritto da Joel Lunedì 11 Agosto 2008 01:19 01 - Voglio Di Piu' Era li', era li', era li' e piangeva ma che cazzo hai non c'e' piu',non c'e' piu',non c'e' piu' e' andato se ne e' andato via da qui Non c'e' niente che io possa fare puoi pensarmi,

Dettagli

Schede operative per fanciulli dai 3 ai 6 anni Libricino di.

Schede operative per fanciulli dai 3 ai 6 anni Libricino di. Schede operative per fanciulli dai 3 ai 6 anni Libricino di. Le schede sono divise in due sezioni: La prima riporta la frase del Vangelo propria della domenica, il disegno da colorare relativo all opera

Dettagli

Adotto un animale CD1 2

Adotto un animale CD1 2 Adotto un anima CD 2 Ascolta e indica chi parla. Oggi vado al canile a lavare i miei cani.. Ma tu non hai cani. Lo so. Per questo vado a lavare quelli del canile. Perché non ne prendi uno? La mia mamma

Dettagli

Unità III Gli animali

Unità III Gli animali Unità III Gli animali Contenuti - Fattoria - Zoo - Numeri Attività AREA ANTROPOLOGICA 1. Roberto racconta L Orsoroberto si presenta e racconta ai bambini un poco di sé. L Orsoroberto ama mangiare il miele,

Dettagli

La rivelazione della Parola di Dio

La rivelazione della Parola di Dio Domenica, 26 settembre 2010 La rivelazione della Parola di Dio Salmo 119:130- La rivelazione delle tue parole illumina; rende intelligenti i semplici. Apro la bocca e sospiro, per il desiderio dei tuoi

Dettagli

La donna e l uva. Fotografie e versi di. Ico Gasparri 2005-2006

La donna e l uva. Fotografie e versi di. Ico Gasparri 2005-2006 La donna e l uva Fotografie e versi di Ico Gasparri 2005-2006 (1) A02232 corri corri corri e soffri e salta sul cuore della terra e quando sarai felice salta e ridi e porta con te i figli tuoi a ridere

Dettagli

ANYWAY - IN NESSUN MODO

ANYWAY - IN NESSUN MODO ANYWAY - IN NESSUN MODO Non voglio sapere che devo morire Non avrò bisogno di sapere che devo provare Non imparerò mai come muovermi a tempo Non riesco a sentirlo in nessun modo Non terrò gli occhi aperti

Dettagli

Wretched - Libero Di Vevere, Libero Di Morire. Scritto da Joel Lunedì 11 Agosto 2008 03:35

Wretched - Libero Di Vevere, Libero Di Morire. Scritto da Joel Lunedì 11 Agosto 2008 03:35 01 - Come Un Cappio Un cappio alla mia gola le loro restrizioni un cappio alla mia gola le croci e le divise un cappio che si stringe, un cappio che mi uccide un cappio che io devo distruggere e spezzare

Dettagli

- Siamo lontani - Andremo lontano. - Lontani - Nessuno ci avvicina

- Siamo lontani - Andremo lontano. - Lontani - Nessuno ci avvicina Voce fuori campo: Nell ora presente,noi siamo forse alla vigilia del giorno nel quale l Austri si butterà sulla Serbia e dall ora l Austria e la Germania gettandosi sui serbi e sui russi è l Europa in

Dettagli

ANGELA RAINONE POESIE

ANGELA RAINONE POESIE 1 ANGELA RAINONE POESIE EDIZIONE GAZZETTA DIE MORRESI EMIGRATI Famiglia Rainone Angela Lugano Svizzera 2 3 PREFAZIONE Tra i giovani che hanno sporadicamente inviato delle poesie per pubblicarle sulla Gazzetta

Dettagli

L ENERGIA. Suona la sveglia. Accendi la luce. Ti alzi e vai in bagno. Fai colazione. A piedi, in bicicletta o in autobus, vai a scuola.

L ENERGIA. Suona la sveglia. Accendi la luce. Ti alzi e vai in bagno. Fai colazione. A piedi, in bicicletta o in autobus, vai a scuola. L ENERGIA Suona la sveglia. Accendi la luce. Ti alzi e vai in bagno. Fai colazione. A piedi, in bicicletta o in autobus, vai a scuola. La giornata è appena iniziata e hai già usato tantissima ENERGIA:

Dettagli

UN LIBRO CHE ANNUNCIA.. LA GIOIA DEL NATALE ... VANGELO NASCITA NATALE GESU GIOIA FESTA. Parole chiave. Novembre-dicembre

UN LIBRO CHE ANNUNCIA.. LA GIOIA DEL NATALE ... VANGELO NASCITA NATALE GESU GIOIA FESTA. Parole chiave. Novembre-dicembre UN LIBRO Novembre-dicembre CHE ANNUNCIA..... LA GIOIA DEL NATALE VANGELO NASCITA NATALE GESU GIOIA FESTA Parole chiave SEGNI E SIMBOLI DELLA FESTA DI NATALE nella borsina ci sono due scatole che contengono

Dettagli

DAL MEDICO UNITÁ 9. pagina 94

DAL MEDICO UNITÁ 9. pagina 94 DAL MEDICO A: Buongiorno, dottore. B: Buongiorno. A: Sono il signor El Assani. Lei è il dottor Cannavale? B: Si, piacere. Sono il dottor Cannavale. A: Dottore, da qualche giorno non mi sento bene. B: Che

Dettagli

Autunno: storie L aquilone

Autunno: storie L aquilone Autunno: storie L aquilone In autunno c è un giorno speciale: dal mare comincia a soffiare un dolce vento, che si fa sempre più forte e va nelle città, nei paesi, nei boschi, alla ricerca degli aquiloni.

Dettagli

Dio ricompensa quelli che lo cercano

Dio ricompensa quelli che lo cercano Domenica, 22 agosto 2010 Dio ricompensa quelli che lo cercano Ebrei 11:6- Or senza fede è impossibile piacergli; poiché chi si accosta a Dio deve credere che Egli è, e che ricompensa tutti quelli che lo

Dettagli

I NOSTRI PICCOLI POETI

I NOSTRI PICCOLI POETI I NOSTRI PICCOLI POETI POESIE SULLA MAMMA Insegnante Fortunata Chiaro CLASSE IV D Anno scolastico 2009-2010 Mamma sei bella come una stella Oh! Mammina sei bellina Come una stellina. Sei dolcina Come una

Dettagli

IL SOGNO di GIUSEPPE Canzoni

IL SOGNO di GIUSEPPE Canzoni IL SOGNO di GIUSEPPE Canzoni CANZONE: QUESTO VESTITO BELLISSIMO Giacobbe: Ecco, figlio qui per te una cosa certo che ti coprirà, ti scalderà, e poi sarà un pensiero mio per te. Ti farà pensare a me, al

Dettagli

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7.

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 2 Dov è Piero Ferrari e perché non arriva E P I S O D I O 25 Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 1 Leggi più volte il testo e segna le risposte corrette. 1. Piero abita in un appartamento

Dettagli

Incredibile Romantica. Dimentichiamoci Questa Città

Incredibile Romantica. Dimentichiamoci Questa Città Siamo Solo Noi Siamo solo noi che andiamo a letto la mattina presto e ci svegliamo con il mal di testa che non abbiamo vita regolare che non ci sappiamo limitare che non abbiamo più rispetto per niente

Dettagli

Sono Nato Per Essere Veloce

Sono Nato Per Essere Veloce 01 - Nato Per Essere Veloce roppo veloce sta correndo la mia vita troppo veloce scorre via la musica musica selvaggia? furiosa adrenalina frenetico sussulto, incontrollabile rumore Sono Nato Per Essere

Dettagli

Gesù bambino scrive ai bambini

Gesù bambino scrive ai bambini Gesù bambino scrive ai bambini Leonardo Boff scrive a Gesù Bambino sul materialismo del Natale Il materialismo di Babbo Natale e la spiritualità di Gesù Bambino Un bel giorno, il Figlio di Dio volle sapere

Dettagli

RISCRIVI SUL FOGLIO CHE VIENE DOPO QUESTE FRASI IN ORDINE:

RISCRIVI SUL FOGLIO CHE VIENE DOPO QUESTE FRASI IN ORDINE: RISCRIVI SUL FOGLIO CHE VIENE DOPO QUESTE FRASI IN ORDINE: La frase la maestra scrive sulla lavagna Chiara una foto ai bambini fa Una torta prepara la mamma al cioccolato Giocano con la corda i ragazzi

Dettagli

ADE CERCA MOGLIE. Completa. Rispondi

ADE CERCA MOGLIE. Completa. Rispondi IL DIO ADE Il dio Ade è fratello del dio Zeus. Ade è il re dei morti. Per gli antichi greci, dopo la morte, gli uomini vanno negli Inferi. Gli Inferi sono un luogo buio e triste che si trova sotto terra.

Dettagli

SCUOLA D INFANZIA DI MOTTALCIATA ANNO SCOL. 2003/04 GRUPPO DI BAMBINI DI 4 E 5 ANNI.

SCUOLA D INFANZIA DI MOTTALCIATA ANNO SCOL. 2003/04 GRUPPO DI BAMBINI DI 4 E 5 ANNI. SCUOLA D INFANZIA DI MOTTALCIATA ANNO SCOL. 2003/04 GRUPPO DI BAMBINI DI 4 E 5 ANNI. SITUAZIONE: L insegnante invita i bambini a rispondere ad alcune domande relative all ombra. Dopo aver raccolto le prime

Dettagli

LISTA DIALOGHI. Non ti aspettavo. di barbara rossi prudente

LISTA DIALOGHI. Non ti aspettavo. di barbara rossi prudente LISTA DIALOGHI Non ti aspettavo di barbara rossi prudente - EST. GIORNO Oggi è 28 maggio? 28 maggio? Sì, forse sì PAOLO: 29 al massimo Come 29? No, 30 PAOLO: Secondo me è 29. Comunque, quanti giorni fa

Dettagli

L'indifferenza. Mi manca il coraggio di guardarti negli occhi. Nel piazzale davanti alla scuola, nei suoi corridoi affollati,

L'indifferenza. Mi manca il coraggio di guardarti negli occhi. Nel piazzale davanti alla scuola, nei suoi corridoi affollati, L'indifferenza Mi manca il coraggio di guardarti negli occhi. Nel piazzale davanti alla scuola, nei suoi corridoi affollati, nei suoi bagni che odorano di fumo di sigarette aspirate avidamente hai subito

Dettagli

Gli uomini, gli animali, le piante hanno bisogno dell acqua per vivere.

Gli uomini, gli animali, le piante hanno bisogno dell acqua per vivere. 3 scienze L ACQUA Gli uomini, gli animali, le piante hanno bisogno dell acqua per vivere. L acqua si trova nel mare, nel lago, nel fiume. mare lago fiume Gli uomini bevono l acqua potabile. acqua potabile

Dettagli

TEST DI GRAMMATICA 1 NOME e COGNOME INIZIO CORSO. COMPLETARE CON GLI ARTICOLI DETERMINATIVI O INDETERMINATIVI Esempio: Il mio amico è un architetto.

TEST DI GRAMMATICA 1 NOME e COGNOME INIZIO CORSO. COMPLETARE CON GLI ARTICOLI DETERMINATIVI O INDETERMINATIVI Esempio: Il mio amico è un architetto. TEST DI GRAMMATICA 1 NOME e COGNOME INIZIO CORSO COMPLETARE CON GLI ARTICOLI DETERMINATIVI O INDETERMINATIVI Esempio: Il mio amico è un architetto. 1) studente abita a Firenze. 3) Io conosco città italiane.

Dettagli

Prove per l accertamento del livello conoscenza della lingua italiana L2

Prove per l accertamento del livello conoscenza della lingua italiana L2 Prove per l accertamento del livello conoscenza della lingua italiana L2 PRELIVELLO A1 6-8 anni PROVA N.1 Collega la parola al disegno PROVA N.2 Unisci l immagine alla parola Punteggio massimo 20 punti:

Dettagli

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Rilevazione degli apprendimenti PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Anno Scolastico 2011 2012 PROVA DI ITALIANO Scuola Primaria Classe Seconda Spazio per l etichetta autoadesiva ISTRUZIONI

Dettagli

Sono nato in Marocco. Ho un esperienza di lavoro di 14 anni nel mio paese. Ho fatto anche ruolo di sindacato anche nel mio paese. Sono venuto qua in

Sono nato in Marocco. Ho un esperienza di lavoro di 14 anni nel mio paese. Ho fatto anche ruolo di sindacato anche nel mio paese. Sono venuto qua in Sono nato in Marocco. Ho un esperienza di lavoro di 14 anni nel mio paese. Ho fatto anche ruolo di sindacato anche nel mio paese. Sono venuto qua in Italia non solo per motivi di lavoro, ma per motivi

Dettagli

BEATA MARIA DI GESU'CROCIFISSO

BEATA MARIA DI GESU'CROCIFISSO BEATA MARIA DI GESU'CROCIFISSO PREGHIERA PER LA CANONIZZAZIONE Signore Gesù, che per riscattarci hai voluto incarnarti a Nàzaret, nascere a Betlemme e morire a Gerusalemme, degnati di ricordarti che la

Dettagli

E vestirti coi vestiti tuoi DO#-7 SI4 dai seguimi in ciò che vuoi. e vestirti coi vestiti tuoi

E vestirti coi vestiti tuoi DO#-7 SI4 dai seguimi in ciò che vuoi. e vestirti coi vestiti tuoi SOGNO intro: FA#4/7 9 SI4 (4v.) SI4 DO#-7 Son bagni d emozioni quando tu FA# sei vicino sei accanto SI4 DO#-7 quando soltanto penso che tu puoi FA# FA#7/4 FA# SI trasformarmi la vita. 7+ SI4 E vestirti

Dettagli

ENGLISH FRANCAIS ITALIANO

ENGLISH FRANCAIS ITALIANO ENGLISH FRANCAIS ITALIANO 1 ITALIAN L idea L idea nasce in seno al segretariato del Consiglio delle Conferenze Episcopali d Europa (CCEE). All indomani dell elezione di Papa Francesco, del Papa venuto

Dettagli

Evangelici.net Kids Corner. Abramo

Evangelici.net Kids Corner. Abramo Evangelici.net Kids Corner Abramo Abramo lascia la sua casa! Questa storia biblica è stata preparata per te con tanto amore da un gruppo di sei volontari di Internet. Paolo mise le sue costruzioni nella

Dettagli

Abbi il piacere di leggere fino alla fine...(poi pensa... E scegli l opzione numero 1)

Abbi il piacere di leggere fino alla fine...(poi pensa... E scegli l opzione numero 1) Abbi il piacere di leggere fino alla fine...(poi pensa... E scegli l opzione numero 1) Cos è il virtu@le? Un giorno entrai di fretta e molto affamato in un ristorante. Scelsi un tavolo lontano da tutti,

Dettagli

POESIE DAL CUORE. Concorso "Don Bosco 2012. Prendimi per mano... Don Bosco

POESIE DAL CUORE. Concorso Don Bosco 2012. Prendimi per mano... Don Bosco POESIE DAL CUORE Concorso "Don Bosco 2012 Prendimi per mano... Don Bosco di Matteo Melis, 3 a A (primo classificato) Proprio tu sei l amico più importante PeR ragazzi come me PiEno di ideali, desideri

Dettagli

POESIA DEI BAMBINI. Guarda con stupore, un dono da dio, contando le ore, chiusa nel buio, sola soletta con un berretto, dove pareva scomparsa,

POESIA DEI BAMBINI. Guarda con stupore, un dono da dio, contando le ore, chiusa nel buio, sola soletta con un berretto, dove pareva scomparsa, POESIA DEI BAMBINI Guarda con stupore, un dono da dio, contando le ore, chiusa nel buio, sola soletta con un berretto, dove pareva scomparsa, una bambinetta tanto magra, e soddisfatta, senza una famiglia,

Dettagli

SPETTACOLO DI NATALE 2014

SPETTACOLO DI NATALE 2014 Sabato 20 Dicembre 2014 SPETTACOLO DI NATALE 2014 TUTTO IL MONDO FESTEGGIA IL NATALE Carissime famiglie, mamme, papà, fratelli, sorelle, nonni, zii Benvenuti a tutti! Eccoci anche quest anno alle porte

Dettagli

Oleggio, 11/5/2014 OMELIA. Lode! Lode! Lode! Amen! Alleluia! Gloria al Signore, sempre!

Oleggio, 11/5/2014 OMELIA. Lode! Lode! Lode! Amen! Alleluia! Gloria al Signore, sempre! 1 Oleggio, 11/5/2014 IV DOMENICA DI PASQUA - ANNO A Letture: Atti 2, 14.36-41 Salmo 23 (22) 1 Pietro 2, 20-25 Vangelo: Giovanni 10, 1-10 Il Pastore Bello NEL NOME DEL PADRE, DEL FIGLIO E DELLO SPIRITO

Dettagli

VI INCONTRO IL CRISTIANO ADULTO E LA COSCIENZA. chi ha raggiunto il completo sviluppo fisico e psichico (def.dizionario)

VI INCONTRO IL CRISTIANO ADULTO E LA COSCIENZA. chi ha raggiunto il completo sviluppo fisico e psichico (def.dizionario) VI INCONTRO IL CRISTIANO ADULTO E LA COSCIENZA Cerchiamo il significato delle due parole: ADULTO CRISTIANO chi ha raggiunto il completo sviluppo fisico e psichico (def.dizionario) colui che ha deciso di:

Dettagli

N. e N. 45 anni nella grazia del matrimonio

N. e N. 45 anni nella grazia del matrimonio N. e N. 45 anni nella grazia del matrimonio Celebrare un anniversario non significa rievocare un avvenimento del passato, ma celebrare nella lode e nel rendimento di grazie una realtà presente che ha

Dettagli

Maurizio Albanese DONARE È AMARE!

Maurizio Albanese DONARE È AMARE! Donare è amare! Maurizio Albanese DONARE È AMARE! raccolta di poesie www.booksprintedizioni.it Copyright 2013 Maurizio Albanese Tutti i diritti riservati Ai miei genitori Santo e Maria L associazione Angeli

Dettagli

Edoardo De Angelis CANTARE IN ITALIANO Fonit Cetra 1982

Edoardo De Angelis CANTARE IN ITALIANO Fonit Cetra 1982 Edoardo De Angelis CANTARE IN ITALIANO Fonit Cetra 1982 01 - CANTARE IN ITALIANO 02 - ABELE 03 - NOVALIS 04 - LELLA (E. De Angelis S. Gicca Palli) 05 - PICCOLA PRINCIPESSA 06 - ALAIN 07 - VENEZIA NON C

Dettagli

TEATRO COMUNALE CORSINI. giovedì 28 febbraio 2013

TEATRO COMUNALE CORSINI. giovedì 28 febbraio 2013 TEATRO COMUNALE CORSINI giovedì 28 febbraio 2013 Credo che tutti i ragazzi in questa fase di età abbiamo bisogno di uscire con gli amici e quindi di libertà. Credo che questo spettacolo voglia proprio

Dettagli

Parrocchia Maria SS. Immacolata Fiumefreddo di Sicilia. GESU rimani sempre in mezzo a noi, Giornata di spiritualità PRIMA COMUNIONE di

Parrocchia Maria SS. Immacolata Fiumefreddo di Sicilia. GESU rimani sempre in mezzo a noi, Giornata di spiritualità PRIMA COMUNIONE di Parrocchia Maria SS. Immacolata Fiumefreddo di Sicilia GESU rimani sempre in mezzo a noi, per aiutarci a volerci bene, come TU vuoi a tutti noi. Giornata di spiritualità PRIMA COMUNIONE di 12 Iniziamo

Dettagli

LE AVVENTURE DI PINOCCHIO

LE AVVENTURE DI PINOCCHIO LE AVVENTURE DI PINOCCHIO Esercizi UNITà IV www.inmigrazione.it collana lingua italiana l2 La storia di Pinocchio col Grillo-Parlante, dove si vede come i ragazzi cattivi hanno a noia di sentirsi correggere

Dettagli

Giochi per le feste all interno dell appartamento o della classe per bambini dai 7 a 11 anni:

Giochi per le feste all interno dell appartamento o della classe per bambini dai 7 a 11 anni: Giochi per le feste all interno dell appartamento o della classe per bambini dai 7 a 11 anni: Giochi individuali: * I giochi di Kim sviluppano le capacità dei cinque sensi 1. La fattoria accecata (gioco

Dettagli