P R O V E R B I P E S A R E S I. raccolta di Gabriele Falciasecca L'AMORE, LA DONNA, LA BELLEZZA, IL MATRIMONIO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "P R O V E R B I P E S A R E S I. raccolta di Gabriele Falciasecca L'AMORE, LA DONNA, LA BELLEZZA, IL MATRIMONIO"

Transcript

1 P R O V E R B I P E S A R E S I raccolta di Gabriele Falciasecca L'AMORE, LA DONNA, LA BELLEZZA, IL MATRIMONIO L'amor l'è el paradis di purétt. L'amore è il paradiso dei poveri. L'amor, la panza e la tossa l'en s'pò nasconda. L'amore, la pancia e la tosse non si possono nascondere. Distant da j'occh, distant dal cor. Lontan dagli occhi, lontan dal cuore. L'amor è 'na gran cosa, mo la fèm passa ogni cosa. L'amore è una gran cosa, ma la fame passa tutto. L'amor l'ann'è bela sl'ann'è litigarela. L'amore non è bello se non è un po' litigioso. Un bèg en fa 'n bugh. Un bacio non fa un buco. Sotta la cendra c'è sempre el fogh. Sotto la cenere c'è sempre il fuoco. Sotta i lenzoj en c'è la miseria. Sotto le lenzuola non c'è la miseria. Chi vo veda la dona da pòch i la metta a cenda 'l fogh. Chi vuol vedere la donna da poco, la metta ad accendere il fuoco. I me chiapa de nott, i me lascia de giorne.

2 Mi prendono di notte, mi lasciano di giorno. La dona la j'è com la castagna: la j'è bela fora, mo dentra la j'ha la magagna. La donna è come la castagna: fuori è bella ma dentro ha la magagna. Chi dic dona dic dann e chi dic òm dic malann. Chi dice donna dice danno, chi dice uomo dice malanno La préma l'è'na troja, la sgonda la j'è 'na gioia. La prima donna è una troia, la seconda è una gioia. Tla bott pcéna sta el vin bòn. Nella botte piccola c'è il vino migliore. Tre don e 'na p-gnata e 'l merched l'è fatt. Tre donne e una pignatta e il mercato è fatto. Paseda la dòja, arnuda la vòja. Passata la doglia, tornato il desiderio. Métt la giovna vicén al vecch, métt la cuna vicén al lètt. Metti la giovane vicino al vecchio, metti la culla vicino al letto. Anca l'occh el vo la su part. Anche l'occhio vuole la sua parte. Piagn, piagn, che t'vèn j'occh bèi. Piangi, piangi che ti vengono gli occhi belli. Brutt in fasc, bell in piaza. Bell in fasc, brutt in piaza. Brutto in fasce, bello in piazza. Bello in fasce, brutto in piazza. Chi è bell è bell e grazios, chi è brutt è brutt e schifos. Chi è bello è bello e grazioso, chi è brutto è brutto e schifoso.

3 Chi bel vo cumparì, qualcò ha da sufrì. Chi bello vuole comparire, qualcosa deve soffrire. El fum el va ma i bèi. Il fumo va dai belli. El culor cafè, fa bell ma chi enn'è. Il colore caffè, fa bello chi non è. Sotta el verd ogni blezza perd. Sotto il verde si perde ogni bellezza. Enn'è bell quel ch'è bell, ma è bell qual ch'pièc. Non è bello ciò che è bello, ma è bello ciò che piace. L'è el brod dla scodela ch'fa ni la guancia bela. Il brodo della scodella fa la guancia bella. Mentre la bela la j'è guardeda, la brutta la j'è spuseda. Mentre la bella è ammirata, la brutta è sposata. Sa la blezza en s'magna. Con la sola bellezza non si mangia. Quant un enn'è nè cégh nè zopp l'è bell de tropp. Quando uno non è né cieco né zoppo è anche troppo bello. Nès lungh en fa difett. Naso lungo non disdice. Nès piscimbocca, guei ch'il tocca; nès guarda in testa, trist com la tempesta. Naso all'ingiù, guai a chi lo tocca; naso all'insù, tristo come la tempesta. Nès a rampén, tira cassett e roba quadrén.

4 Naso a rampino tira cassetti e ruba quattrini. Ogni nès sta ben tla su faccia. Ogni naso sta bene al viso che lo porta. St'ann bugnosa, st'atr'ann sposa. Quest'anno coi foruncoli in viso, l'anno prossimo sposa. Vest 'na graneda, te sembrerà 'na regina. Anche una scopa ben vestita può sembrare un regina. O bela o brutta ch'sia, senza dòt l'an va via. O bella o brutta che sia, senza dote nessuno la sposa. El marit enn'è da tutt: ma chi fa bell, ma chi fa brutt. Il marito non fa bene a tutte: a chi fa bello, a chi fa brutto. La bona moj la fa el bon marit. Una buona moglie fa un buon marito. Ochi bass e cor contrit, la bizoca la vo el marit. Occhi bassi e cuore contrito, la bizzocca cerca marito. Le bastoned di marit l'è le campèn del paradis. Le bastonate del marito sono come le campane del paradiso. In mancanza d'méj, s'va a lett sa la moj. In mancanza di meglio si va a letto con la moglie. Marit quant capita e moj quand s'dév. Marito quando si trova, moglie quando è ora. Méj un trist marit che 'n bon fradel. Meglio un cattivo marito che un buon fratello. Ogni p-gnata la j'ha el su coperchi.

5 Ogni pignatta ha il suo coperchio. I moros chi n'ha tre n'ha un, chi n'ha dò n'ha mezz e chi n'ha un enn'ha nisciun. Di morosi chi ne ha tre ne ha uno, chi ne ha due ne ha mezzo e chi ne ha uno non ne ha nessuno. Tra moj e marit en metta el dit. Tra moglie e marito non mettere il dito. A spusè alla sera en se scapa mèi da la miseria. A sposarsi di sera non si esce mai dalla miseria.

6 I FIGLI, I PARENTI, LA CASA Intend fiola che a digh ma te nora. Si dice alla figlia perché intenda la nuora. Chi n'ha dic le aloga, chi n'ha una l'afoga. Chi ha dieci figlie le sistema, chi ne ha una la soffoca. Quand j'è pcén la chèsa la trema, quand j'è grand la se slema. Quando i figli sono piccoli la casa trema, quando sono grandi si sfascia. Carna senza dent, la sent fredd a tutt i temp. I bambini e i vecchi sentono sempre freddo. La femna de raza bona, la incmincia da la dona. La femmina di razza buona, comincia dalla donna. Quando s'parturisc in t'i'ott, o ch'va la medra o ch'va el fagott. Quando si partorisce negli otto mesi, o muore la madre o muore il bambino. I poj e i fioj j'è quei ch'smerda la chèsa. Le galline e i bambini sporcano la casa. Turlurù, turlurù, chi l'ha fatt il tenga su. Turlurù, turlurù, chi l'ha generato se lo tenga in braccio. Tra stracc e stracion s'arlèva i bei fiolon. In mezzo alla povertà si allevano bei figli. Un pedre l'è bon par dic fioj e dic fioj inn'è bon par un pedre. Un padre è capace di allevare dieci figli, ma dieci figli non sono capaci di mantenere un padre. E' più vicén i dènt che ne i parènt. Sono più vicini i denti che i parenti.

7 Le scarp le j'è còm i parènt, piò le j'è strett e piò le fa mèl. Le scarpe sono come i parenti, più sono strette e più fanno male. I parènt j'è quei dla sacocia. I parenti sono quelli della mia tasca. La chèsa la nascond mo la 'n ròba. La casa nasconde ma non ruba. 'Na bela faceda arfà la chèsa. Una bella facciata rifà la casa. Ognun è padron ma chèsa sua. Ognuno è padrone a casa sua. Chi vo veda la chèsa in ruvéna, pèn e vén 'na zupténa. Chi vuol vedere la casa in rovina, inzuppi il pane nel vino. El lètt l'è na rosa, s'en s'dorma, s'riposa. Il letto è come una rosa, se non si dorme, si riposa. La ròba la s'butta via sètt ann dop ch'la puzza. Le cose si gettano via sette anni dopo che puzzano. La ròba la j'è bona dic ann dop ch'la puzza. Le cose sono buone anche dieci anni dopo che puzzano. LA TAVOLA, I CIBI, IL VINO Chi magna e'n'invita s'astrozassa ma la prima muliga. Chi mangia e non invita potesse strozzarsi alla prima mollica. A magnè e a mormorè sta tutt tel cminciè. A mangiare e a mormorare sta tutto nell'incominciare.

8 O còtt o crud el fogh i l'ha vdud. O cotto o crudo il fuoco l'ha visto. La piumma la fa l'ucèl, mo l'è el magnè ch'fa dventè bell. E' la piuma che fa l'uccello, ma è il mangiare che fa diventar bello. Chi mett la tvaja mett el piò. Chi mette la tovaglia, mette più degli altri. El bocon più bon l'è par el coch. Il boccone più buono è per il cuoco. Galéna ch'la'n becca, la j'ha beched. Gallina che non mangia, è segno che ha mangiato. Magnè, chi magna magna, ma le bud, ch'le vaga pèri. Mangiare, chi mangia mangia, ma le bevute siano uguali per tutti.

9 In tle chès en tocca buttè via gnanca j'oss dla pulenta. Nelle case non bisogna buttare via niente. S'mòv i piatt tla scafa, che nisciun i tocca. Si muovono i piatti sulla scaffa che nessuno li tocca. Quel che'n stroza ingrasa. Quello che non ammazza, ingrassa. Poch e bon, è pén el piatt. Poco e buono: è pieno il piatto. De quel ch'an s'vo è pén el piatt. Di ciò che non si vuole è pieno il piatto. Chi guarda el cartel, en magna el vitel. Chi guarda il cartello, non mangia il vitello. Frigg el pesc e guarda ma'l gatt. Friggi il pesce e fai attenzione al gatto. Chi magna i ucèj, chèga le pénn. Chi mangia gli uccelli, caca le penne. A magnè poch, se chega stil. A mangiare poco, si caca sottile. Fritt è bon anca un pezz d'ciavatta. Fritto è buono anche un pezzo di ciabatta. La carna più bona la j'è vicén a l'oss. La carne migliore è intorno all'osso. E' fadiga magnè 'l pèn senza muliga. E fatica mangiare il pane senza mollica.

10 I cavi riscalded j'è bon mo inn'è loded. I cavoli riscaldati sono buoni ma non sono lodati. L'insalèda l'ann è bela se en ti mett la pimpinèla. L'insalata non è buona se non ci metti la pimpinella. L'insalèda, poch acét e ben olièda. L'insalata, poco aceto e molto olio. Latt e vén fa un bel bambén. Latte e vino fanno crescere un bel bambino. Pesc còtt e carna cruda. Il pesce è buono cotto e la carne cruda. Più erba s'magna e più bestia s'dventa. Più erba si mangia e più bestia si diventa. La bott la dà el vén ch'la j'ha. La botte dà il vino che ha. Chi scola, pèga. Chi scola la bottiglia del vino, paga. En dmandè ma l'ost se 'l vén l'è bon. Non chiedere all'oste se il vino è buono. DIO, LA RELIGIONE, IL DIAVOLO, LE SUPERSTIZIONI Dio en pèga tutt i sabot, mo quand el pèga el pèga giust. Dio non paga tutti i sabati, ma quando paga paga giusto. Chi 'n fa la vgilia de Pasqua e Nadèl, mor t'un foss com 'n animèl. Chi non rispetta la vigilia di Pasqua e Natale, muore in un fosso come un

11 animale. En vòi gi in Paradis par dispett di sant. Non si può andare in Paradiso a dispetto dei santi. La Providenza aiuta mo 'n careggia. La Provvidenza aiuta ma non carreggia. La Providenza la chiud 'na porta e la j'epra un purton. La Provvidenza chiude una porta ma apre un portone. Mort un pèpa s'ne fa un antre. Morto un Papa se ne fa un altro. Sbaja anch el pret tl'alter. Sbaglia anche il prete all'altare. El diavle enn'è brut com s'dic. Il diavolo non è brutto come si dipinge. Un diavle scaccia cl'atre. Un diavolo scaccia l'altro. El pret d'san Giuspén, dò monich par cuscén. Il prete di San Giuseppe, due monache per cuscino. I frèt d'sant Agostén, dò test sopra un cuscén. I frati di Sant'Agostino, due teste sopra un cuscino. Sant in Chisa, diavle in chesa. Santo in Chiesa, diavolo in casa. Quand rod el nès, o pugn o bèg. Quando si ha prurito al naso o pugni o baci. Occh dritt cor aflitt, occh manch cor franch.

12 Occhio destro cuore afflitto, occhio sinistro cuore allegro. MORALITA' L'erba trista la 'n mòr mèi. la gente cattiva non muore mai. Genta trista, mormoreda e vista. Persona cattiva, nominata e vista. Chi più ne fa, dventa prior. Chi più ne fa, diventa priore. A pasé da minchion s'fa sempr in temp. A passare da sciocchi si fa sempre in tempo. Tutti j'ha l'ora del minchion. A tutti capita di essere sciocchi. Pégg 'na ciarla che ne un fatt. Peggio una maldicenza che un fatto. Gì al mulén sa la boletta di atre. Andare al mulino con la bolletta degli altri. Chi va al mulén, s'infaréna. Chi va al mulino s'infarina. J'è pio largh j'occh che ne la bocca. Sono più larghi gli occhi della bocca. La gola la j'ha 'l bugh strett, mo la ingoja la chesa e 'l tett. La gola ha il buco stretto, ma ingoia la casa e il tetto. La coscienza la j'è com la panza dle monich: la svèn da tutt le part. La coscienza è come la pancia delle monache: cede da tutte le parti.

13 Par essa sigur, métt un guardien ledre. Per essere sicuro, metti un guardiano ladro. Tant è ledre chi ròba e tant chi tén el sach. E' ladro sia chi ruba sia chi tiene il sacco. Un ledre ch'el ròba ma un ladron l'ha cent an de pardon. Un ladro che ruba a un ladro merita cento anni di perdono. I piagn el mort par freghè 'l viv. Piangere il morto per ingannare il vivo. Aqua cla passa e gent cla dic, bsogna lascej corra. Acqua che scorre e gente che sparla, bisogna lasciarli perdere. A fè el bèn ma i sumar, s'ricev i calc. A fare il bene ai somari, si ricevono i calci. El po piscè tel lett e dì chl'ha suded. Può farla nel letto e dire che ha sudato. I cacianès inn'ì vo gnanca all'inferne. I ficcanasi non li vogliono neanche all'inferno. I prepotent i mòr sa 'l scarp ti pid. I prepotenti muoiono con le scarpe ai piedi. IL BENE, L'EGOISMO, IL PERDONO S'ne chiapa piò sa 'n vès de miél che sa 'na bott de fiél. Si prendono più mosche con un vaso di miele che con un botte d'aceto. Chi ringrezia scapa d'obligh. Chi ringrazia esce d'obbligo.

14 Chi sparagna, el gatt se 'l magna. Chi risparmia, il gatto se lo mangia. E' méj essa invidied che ne compatid. E' meglio essere invidiati che compatiti. El fa com Nicolò: dà la roba e pò l'artò. Fa come Nicolò: dà la roba e poi la riprende. La merda pio la s'mastriccia e pio la j'apuzza. La merda più si mesta e più puzza. Ognun tira l'acqua al su mulén. Ognuno tira l'acqua al suo mulino. La prima s'perdona, la sgonda s'bastona. La prima si perdona, la seconda si bastona. L'AMICIZIA, LA SPERANZA, IL PESSIMISMO God l'amich second el difett. Godi l'amico secondo il difetto. Poca brighèda, vita beèda. Poca brigata, vita beata. Se t'vò che l'amicizia la s'mantenga, da una mèn vaga e da clatra venga. Se vuoi che l'amicizia si mantenga, da una mano vada e dall'altra venga. Un fals amich è méj perdle ca ne cumprèl. Un falso amico è meglio perderlo che acquistarlo. In compagnia ha prés moj anca un fret. In compagnia prese moglie anche un frate.

15 Dio l'è un bon compagn, el manda el fredd sgond i pagn. Dio è un buon compagno, manda il freddo secondo i panni. Chi viv sperand, mor cantand. Chi vive sperando, muore cantando. E' méj perda un dét che ne 'na mèn. E' meglio perdere un dito che una mano. Fidès è bèn, mo en fidès è méj. Fidarsi è bene ma non fidarsi è meglio. Chi d'abét e chi d'noc, ognun ha la su croc. Chi di abete e chi di noce, ognuno ha la sua croce. IL SAPERE, LE PAROLE Chi 'n sa leggia la su scritura l'è un sumar adiritura. Chi non sa leggere la sua scrittura è un asino addirittura. Légg e légg el mond el va sempr pégg. Leggi e leggi il mondo va sempre peggio. El discor bèn com un libre stamped. Parla bene come un libro stampato. Chi chiapa préma, chiapa dò volt. Chi prende prima, prende due volte. Chi s'è scuted sa l'aqua bulida, l'ha paura anca d'cla giacia. Chi si è scottato con l'acqua bollente ha paura anche di quella fredda. Méj un sumar viv che 'n dotor mort. Meglio un asino vivo che un dottore morto.

16 Dmandand dmandand, s'va a Roma. Domandando, domandando si va a Roma. Un è poch e do j'è tropp. Uno è poco e due sono troppi. El calder el dic mèl dla padela. Il paiolo dice male della padella. El giudizi el vèn tre giorne dop la mort. Il giudizio si acquista tre giorni dopo la morte. ARTI E MESTIERI Cent misur e un taj sol. Cento misure e un taglio solo. El ferr da stir l'è el rufièn dle sartor. Il ferro da stiro è il ruffiano delle sarte. Ogni bugheda 'na straceda. Ogni lavata, una stracciata. Quand t'ha fatt el fattor un ann, se tsi purétt, l'è el tu dann. Quando hai fatto il fattore un anno, se sei povero è colpa tua. I curtèj, le forbic e j'ègh i campa d'carna incanteda. I coltelli, l forbici e gli aghi feriscono i distratti. IL GIOCO, IL GUADAGNO, LE RICCHEZZE Chi impresta perd la testa. Chi presta soldi, perde la testa.

17 Chi gioca al lott e spera de vincia, scapa dai stracc e entra ti cenc. Chi gioca al lotto e spera di vincere, esce dagli stracci ed entra nei cenci. I galantom j'ha d'avé el pél tla palma dla mèn. I galantuomini devono avere il pelo sulla palma della mano. Tla font do t'ha sputed t'artorne a béva. Nella fonte dove hai sputato si torna a bere. La staccia la va d'in là e d'in qua. Il setaccio va in là e in qua. Un pò pr'òm en fa mèl ma nisciun. Un po' per uno non fa male a nessuno. La pulizia la sta ben da par tutt for che tle sacocc. La pulizia sta bene ovunque fuorché nelle tasche. I tirch i'n magna par en caghè. I tirchi non mangiano per non cacare. La roba di varon la va tle mèn di sciupon. I beni degli avari finiscono nelle mani degli spreconi. GOVERNANTI E POPOLO Chi sministra, sminestra. Chi amministra la fa da padrone. L'è 'l governe di pcion: chi becca becca. E' il governo dei piccioni: chi becca becca. Quando c'è tant gall a cantè en s'fa mèi giorne. Quando ci sono tanti galli a cantare non si fa mai giorno.

18 Chi en sa fè, en sa gnanca cmandè. Chi non sa fare, non sa neanche comandare. J'ha cambied i sonador ma la musiga la j'è sempre quella. Sono cambiati i governanti ma la situazione è immutata. Chi spuda in alt, i casca adoss. Chi sputa in alto, gli ricade addosso. LA LIBERTA' E LA SERVITU', LA GIUSTIZIA El pèn d'j'atre l'ha sett crost. Il pane altrui ha sette croste. L'ucèl in gabia en canta par amor, canta par rabia. L'uccello in gabbia non canta per amore, canta per rabbia. Par litighè c'vo in dò. Per litigare bisogna essere in due. L'occh del padron ingrassa el caval. L'occhio del padrone ingrassa il cavallo. Sofre el giust p'el peccador. Soffre il giusto per il colpevole. Méj la croc che ne la cort. Meglio la croce che il tribunale. E' méj un cativ acomodament che' na bona lit. E' meglio un cattivo accordo di una causa vinta. IL LAVORO E L'OZIO; LA POVERTA' E IL BISOGNO La fadiga e el pèn bron j'è fatt par i quajon.

19 La fatica e il pane scuro sono fatti per i fessi. Val pio 'na roba fatta che ne cent da fè. Vale più una cosa fatta che cento da fare. Chi è lent a magnè è lent anca a fadighè. Chi è lento a mangiare lo è anche nel lavorare. Chi lavora ha 'na camigia e chi 'en lavora i n'ha dò. Chi lavora ha una camicia e chi non lavora ne ha due. Fa e arguasta, s'dventa mastre. Facendo e rifacendo, si diventa maestro. La facenda dla sera en bsogna lascela par la maténa. La faccenda della sera non bisogna lasciarla per la mattina. L'òr tir l'òr, la vaca tira el tòr, i quajon la caretta. L'oro attira l'oro, la vacca attira il toro, i fessi tirano la carretta. A paghè e a morì vèn sempre in temp. A pagare e a morire viene sempre in tempo. Tò e non metta, se svòida la sacchetta. Togliendo e non mettendo si vuota la borsa. Sa gnent en s'fa gnent. Con niente si fa niente. E' fnid le noc ma Bacucch, ch'i n'aveva sett sulèr e i ne magneva una al giorne. Sono finite le noci di Bacucco, che ne aveva sette solai e ne mangiava una al giorno. I sold j'è com i dulor: chi j'ha i tén. I soldi sono come i dolori: chi li ha li tiene.

20 Faccia franca, metà dla spesa. Faccia franca, metà della spesa. La miseria la vo el su sfogh. La miseria vuole il suo sfogo. La roba de mel aquist, com la j'è nuda la và. La cosa acquistata con inganno, come è venuta presto se ne va. La roba l'ann'è de chi la j'ha, ma de chi i la god. La roba non è di chi la possiede ma di chi la gode. L'òv l'è bon anca dop Pasqua. L'uovo è buono anche dopo Pasqua. Ma i sprecon en manca mèi roba. Agli spreconi non manca mai la roba. Panza péna l'an pensa par cla svoida. Pancia piena non pensa per quella vuota. Sa i sold s'fa la lira. Con le monetine si fa la lira. I sold i fa gi l'aqua d'insò. I soldi fano andare l'acqua all'insù. Sach svoid en sta in pid, sach pén el vò ripos. Sacco vuoto non sta in piedi, sacco pieno vuol riposarsi. Toca vogna le ròd par fè gi el carett. Bisogna ungere le ruote del carro per farlo andare. Méj una pasra chiapeda che ne cent da chiapè. Meglio una passera presa che cento da prendere.

21 LE STAGIONI E IL LAVORO DEI CAMPI L'Epifania, tutt le fest la porta via. Con l'epifania finiscono tutte le feste. Sant'Antoni dla barba bianca, s'in la j'ha i la mett. Per S. Antonio Abate neve ovunque. Par la Candelora, da l'inverne a sim fora. El dic un vechiarel: c'è 'n atre mesarel. E sa fè ben i cont a sim tel mezz del pont. Per la festa della Candelora siamo fuori dall'inverno. Dice un vecchio: c'è un altro mese ancora. E se facciamo bene i conti siamo ancora a metà. L'ultim giorne d'carnevèl se frigg sa sett padell. L'ultimo giorno di Carnevale si frigge con sette padelle. Se la Vechia l'an pesca, poch grèn e molta esca. Se per la mezza Quaresima non piove, ci sarà poco grano ma molto buono per la semina. Quatre aprilant, quaranta di durant. Il tempo che fa il 4 aprile durerà per quaranta giorni. El giorne dl'ascension en s'mòv l'ucèl da la cova. Per il giorno dell'ascensione non si muove l'uccello dal nido. S'piòv el giorne dl'ascension, de gren ne va mèl un canton. Se piove il giorno dell'ascensione si perde poco grano. S'piòv el giorne de Santa Croc, se buga tutt le noc. Se piove il giorno di Santa Croce le noci s'infradiciano. San Francesch, dop el cald vèn el fresch. San Francesco, dopo il caldo viene il fresco.

22 Santa Cataréna, o la név o la stréna. Santa Caterina o la neve o la brina. S'piòv per S.Bibièna, piòv par quaranta giorne e 'na stmèna. Se piove per Santa Bibiena, piove per 40 giorni e una settimana. Santa Lucia, el giorn più cort ch'ce sia. Santa Lucia è il giorno più corto che ci sia. Da Nadèl a l'ann nòv, se slonga un pass de bòv; da l'an nòv a la Pasquela, se slonga un pass d'vitela. Da Natale all'anno nuovo il tempo si allunga lentamente; da Capodanno all'epifania il tempo si allunga velocemente. Nadèl sa'l sol, Pasqua sa'l tizzon. Natale con il sole, Pasqua con il ceppo acceso. Innocent Innocentén, fnid le fest, fnid i quadrén. Per la festa degli innocentini, finite le feste e spesi tutti i soldi. Marz asciutt, april bagned, beèd chi è ch'ha semined. Marzo asciutto, aprile bagnato, beato chi ha seminato. La név marzuléna da la sera a la maténa. La neve di marzo dura dalla sera alla mattina. Se agost en brugia e g-nèr en giacia, en c'è mèi la bonacia. Se agosto non è caldo e gennaio non è freddo, non c'è mai il mare calmo. A marz tutt i vilèn i va scalz; april, vilen e gentil. A marzo tutti i contadini vanno scalzi; in aprile, contadini e cittadini. Brumm, davanti a me scald e de dria a m'consumm. Novembre, davanti mi scaldo e dietro tremo per il freddo. L'inverneda l'ann'arman in ciel.

23 L'inverno non resta in cielo. L'ann l'è long e i giorne j'è fitti. L'anno è lungo e i giorni sono tanti. I lamp da grech i sent el garbén, i lamp da ponent i sent la bora. I lampi da greco annunciano il garbino, i lampi da ponente annunciano la bora. Aria roscia, o piòv o soffia. Con l'aria rossa o piove o tira vento. Ann bisest, chi s'la chèva è lest. Anno bisestile, chi se la cava è lesto. Bel temp fatt de nott el val tre pera cott. Se il tempo si fa sereno di notte non durerà a lungo. Chi en semina en arcoj. Chi non semina non raccoglie. Chi pianta i noc, en le magna. Chi pianta i noci, non ne mangia i frutti. Le pampne l'en fa l'ua. La vigna ricca di pampini dà poca uva. El vén tel sass, el mlon tel grass. La vigna cresce bene nel terreno roccioso, il melone nel terreno grasso. La roba de campagna chi ariva préma la magna. Quando la roba è nei campi chi arriva prima se la mangia. Ogni frutt l'ha la su stagion.

24 Ogni frutto ha la sua stagione. ANIMALI Ma la galéna ingorda crepa el gozz. Alla gallina ingorda creperà il gozzo. Gamba corta, galéna fetareccia. Gamba corta, gallina prolifica. Fa tropp chiass dò gall t'un pulèr. Fanno troppo chiasso due galli in un pollaio. Quant el gall canta tel pulèr, se 'l temp l'è bon 'l fa arguastè. Quando il gallo canta fuori orario, è segno che il tempo cambierà. Chèn ch'el baja en dà d'mors. Cane che abbaia non morde. I chèn di cuntadén j'abaja da distant. I cani dei contadini abbaiano da lontano. Tra chèn e chèn in s'da d'mors. Tra cani non ci si morde. Chèn e vilèn in chiud mèi la porta sa le mèn. Cani e contadini non chiudono mai la porta. Gnanca el chèn en mòv la coda par gnent. Neanche il cane muove la coda per niente. 'Na volta corr el chèn e 'na volta corr la lepre. Una volta corre il cane e una volta la lepre. J'è i bo vech ch'iaporta a chesa el brocc. Sono i buoi vecchi che riportano a casa il carro.

25 L'ha chius la stala quand en c'era pio i bo. Ha chiuso la stalla quando non c'erano più i buoi. I raj del sumar inn'ariva tel ciel. I ragli dell'asino non arrivano in cielo. A sò com el sumar: a carégg el vén e a begh l'aqua. Sono come l'asino che trasporta vino e beve acqua. En di gatt finchè enn'è tel sacch. Non dire gatto finchè non è nel sacco. Quand el gatt el passa l'orecchia, s'tvo l'aqua dla piova prepèra la secchia. Quando il gatto si gratta oltre l'orecchio, può piovere molto. El baghén quand l'ha magned l'arbalta el brégn. Il maiale quando ha mangiato ribalta il trogolo. Le mlaranc l'enn'è fatt par i porch. Le arance non non sono per i maiali. Va préma l'agnel che la pegra. Muore prima l'agnello della pecora. Chi en vo ben ma le besti en vo ben manca ma i cristièn. Chi non ama le bestie non ama neanche le persone. LA VITA E LA MORTE Cresc j'ann, cresc i malann. Crescono gli anni, crescono i malanni. Dura pio 'na pgnatta rotta che una sèna.

26 Dura più un tegame rotto di uno sano. Teja sprangheda la tén pio che 'na sèna. Teglia accomodata tiene più di una sana. E' méj a consumè le scarp che i lenzoj. E' meglio consumare le scarpe che le lenzuola. Par ste bèn, tocca gì pièn. Per stare bene bisogna andare piano. Chi fa bona vita fa bona mort. Chi vive bene muore bene. El giovne el po guarì, mo el vecch l'ha da murì. Il giovane può guarire, ma il vecchio deve morire. La febra del continue la schianta le gamb. La febbre continua indebolisce le gambe. L'òm sèn el piscia spess com i chèn. L'uomo sano orina spesso come i cani. Un'arieténa de fogh e de canténa la fa bèn la sera e la maténa. Un atmosfera di fuoco e di cantina fa bene di sera e di mattina. El mèl l'ariva a caval el va via a pid. La malattia arriva rapidamente e va via con lentezza. El mèl del déd chi 'nn'el prova en el créd. Chi non prova il male del dito non ci crede. La gioventù en c'è òr ch'i la pèga. La gioventù non ha prezzo. Chi enn'ha bona testa l'ha bon gamb.

27 Chi non ha buona testa ha buone gambe. Chi bév sopra la mnestra, el véd el dotor da la finestra. Chi beve con la minestra non ha bisogno del medico. Per guarì le buganz c'vò el sol de magg. Per guarire i geloni ci vuole il sole di maggio. Se s'porta al merched i guèj, ognun archiapa i sua. Se si portano al mercato i guai, ognuno riprende i suoi. Chi mòr mòr e chi campa campa. Chi muore muore e chi campa campa. El pégg è par chi va. Il peggio è per chi muore. La mort l'an guarda in facia ma nisciun. La morte non ha riguardi per nessuno. L'òm l'è com el porch: l'è bon sol dop mort. L'uomo è come il maiale di lui si parla bene solo dopo morto. Mort brameda, vita slongheda. Morte desiderata, vita allungata. Cova fatta, gagia morta. Nido fatto, gazza morta. CONSIGLI VARI Guardte da quéj de pél rosc. Guardati da quelli rossi di pelo. Guardte dai sgnèd mia. Guardati da quelli segnati da me.

28 La rabbia dla sera tocca lascela par la maténa, quella dla matèna par la sera. La rabbia della sera bisogna lasciarla per la mattina e quella della mattina per la sera. Aqua e fogh, el Signor i daga logh. Dall'acqua e dal fuoco iddio ci scampi. En bsogna metta troppa carna in tel fogh. Non bisogna mettere troppa carne al fuoco. Chi ha i dent en ha 'l pèn e chi ha 'l pèn en ha i dent. Chi ha i denti non ha il pane e chi ha il pane non ha i denti. Chi ha 'l grèn en ha 'l sach e chi ha 'l sach en ha 'l grèn. Chi ha il grano non ha il sacco, chi ha il sacco non ha il grano. Chi mena préma mena dò volt. Chi mena prima mena due volte. Chi rid de venerdé, piagn de dmèniga. Chi ride di venerdì, piange di domenica. Gnent fa bon par i'occh. Niente fa bene per gli occhi. Chi s'la chiapa mòr. Chi se la prende muore. L'è fadiga rubè tla chesa di ledre. E' fatica rubare nella casa dei ladri. El bon giorne el s'véd da la maténa. Il buon giorno si vede dalla mattina. I sass j'arcasca adoss ma chi i tira.

29 I sassi ricadono addosso a chi li tira. In t'un ora nasc un fungh. In un'ora nasce un fungo. I véd méj quattr'occh che dò. Vedono meglio quattro occhi che due. 'Na noc in t'un sac la fa poch chiass. Una noce sola in un sacco fa poco chiasso. Enn'è méj ch't'va a sculaciè i baghén a marena. Non è meglio che vai a sculacciare i maiali al mare. La stecca la vèn dal zoch. La stecca viene dallo zocco. Ogni calc manda avanti un pass. Ogni spinta manda avanti un po'. Par forza en s'fa manca l'acét. Per forza non si fa neanche l'aceto. Più a sim e più a comparém. Più siamo e più figuriamo. Quand s'bala, tocca balè. Quando si balla bisogna continuare. Tant el va l'orc tla font ch'el se smaniga o ch'el se sromp. Tanto va l'orcio alla fonte che perderà il manico o si romperà. L'occh el roba. L'occhio ruba il mestiere. Tutta l'aqua la va tel mèr.

30 Tutta l'acqua finisce al mare. Un pezz d'legn en fa fogh, dò ne fa poch, tre ne farìa se c'foss la compagnia. Un pezzo di legno non fa il fuoco, due ne fanno poco, tre ne farebbero se ci fosse la compagnia attorno al camino. Veda e non tuchè è roba da schiupè. Vedere e non toccare è un bello spasimare. PROVERBI MARINARESCHI Al fin del navighè se loda i vènt. Alla fine della navigazione si lodano i venti. Luna in pid, marinèr a giagia; luna a giagia, marinèr in pid. Luna in piedi, marinaio a riposo; luna coricata, marinaio in piedi. Com va la barca, va el batel. Come va la barca grossa, così può andare quella piccola. Quand canta la renella, la sardella vèn in terra. Quando gracida la rana, la sardella viene a terra. Lamp da ponènt, en lampa par gnent. Lampi da ponente, non lampeggia per niente. Barca netta, conti fatti. Barca pulita, conti fatti. Poch pesc, mala nott. Poco pesce, notte andata male. Vent in poppa, mezz port. Vento in poppa, metà del viaggio.

31 Barca pcèna, Dio grand. La barca è piccola, Dio è grande. Rosc de matèna, la piova s'vicèna. Rosso di mattina, la pioggia s'avvicina. Sol bianch, scirocch in camp. Sole chiaro, scirocco soffia. Scirocch chièr e tramontèna scura, mett'te par mèr e nun avé paura. Scirocco chiaro e tramontana scura, mettiti per mare e non aver paura. Stell tropp scintillant, vènt fort ma te davant. Stelle molto scintillanti, vento forte davanti. Chi ben liga, ben scioj. Chi lega bene, scioglie bene. Ogni pnon el ten so la su vela. Ogni pennone tiene la sua vela. Quand t'cred d'magnè la carna an't'bév gnanca el brod. Quando credi di mangiare la carne non bevi neanche il brodo.

32

SEMINA RACCOGLIE CAVOLI. I cavoli riscaldati furono buoni ma non lodati FOCACCIA. Rendere pan per focaccia GIORNO

SEMINA RACCOGLIE CAVOLI. I cavoli riscaldati furono buoni ma non lodati FOCACCIA. Rendere pan per focaccia GIORNO SEMINA C'è chi semina e chi miete Chi mal semina, mal raccoglie Chi non semina non miete Chi parla semina, chi tace raccoglie Chi semina vento raccoglie tempesta RACCOGLIE Chi dà e ritoglie, il diavolo

Dettagli

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica:

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica: Pasta per due 5 Capitolo 1 Libero Belmondo è un uomo di 35 anni. Vive a Roma. Da qualche mese Libero accende il computer tutti i giorni e controlla le e-mail. Minni è una ragazza di 28 anni. Vive a Bangkok.

Dettagli

Laboratorio lettura. 8) Gli animali del carro sono: Leggi il libro Ma dov è il Carnevale?, poi esegui le consegne. Veri

Laboratorio lettura. 8) Gli animali del carro sono: Leggi il libro Ma dov è il Carnevale?, poi esegui le consegne. Veri Laboratorio lettura Leggi il libro Ma dov è il Carnevale?, poi esegui le consegne. 1) Quali anilmali sono i protagonisti della storia? 2) Che cosa fanno tutto l anno? 3) Perché decidono di scappare dal

Dettagli

Ci relazioniamo dunque siamo

Ci relazioniamo dunque siamo 7_CECCHI.N 17-03-2008 10:12 Pagina 57 CONNESSIONI Ci relazioniamo dunque siamo Curiosità e trappole dell osservatore... siete voi gli insegnanti, mi insegnate voi, come fate in questa catastrofe, con il

Dettagli

Bambini vecchiette signori e signore venite a giocare con tutti i colori (2 volte)

Bambini vecchiette signori e signore venite a giocare con tutti i colori (2 volte) La canzone dei colori Rosso rosso il cane che salta il fosso giallo giallo il gallo che va a cavallo blu blu la barca che va su e giù blu blu la barca che va su e giù Arancio arancio il grosso cappello

Dettagli

DAL MEDICO UNITÁ 9. pagina 94

DAL MEDICO UNITÁ 9. pagina 94 DAL MEDICO A: Buongiorno, dottore. B: Buongiorno. A: Sono il signor El Assani. Lei è il dottor Cannavale? B: Si, piacere. Sono il dottor Cannavale. A: Dottore, da qualche giorno non mi sento bene. B: Che

Dettagli

E vestirti coi vestiti tuoi DO#-7 SI4 dai seguimi in ciò che vuoi. e vestirti coi vestiti tuoi

E vestirti coi vestiti tuoi DO#-7 SI4 dai seguimi in ciò che vuoi. e vestirti coi vestiti tuoi SOGNO intro: FA#4/7 9 SI4 (4v.) SI4 DO#-7 Son bagni d emozioni quando tu FA# sei vicino sei accanto SI4 DO#-7 quando soltanto penso che tu puoi FA# FA#7/4 FA# SI trasformarmi la vita. 7+ SI4 E vestirti

Dettagli

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7.

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 2 Dov è Piero Ferrari e perché non arriva E P I S O D I O 25 Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 1 Leggi più volte il testo e segna le risposte corrette. 1. Piero abita in un appartamento

Dettagli

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO?

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? 1 Ehi, ti e mai capitato di assistere o essere coinvolto in situazioni di prepotenza?... lo sai cos e il bullismo? Prova a leggere queste pagine. Ti potranno essere utili.

Dettagli

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Rilevazione degli apprendimenti PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Anno Scolastico 2011 2012 PROVA DI ITALIANO Scuola Primaria Classe Seconda Spazio per l etichetta autoadesiva ISTRUZIONI

Dettagli

Discorso diretto e indiretto

Discorso diretto e indiretto PERCORSI DIDATTICI di: Mavale Discorso diretto e indiretto scuola: Cremona area tematica: Lingua italiana pensato per: 8-11 anni scheda n : 1 OBIETTIVO DIDATTICO: Saper riconoscere ed usare il discorso

Dettagli

Flame of Hope maggio 2015

Flame of Hope maggio 2015 Flame of Hope maggio 2015 Cari amici, Quand è che si apprezza maggiormente la vita e si è consapevoli di essere vivi e ne siamo grati? Quando quel dono prezioso è minacciato e poi si apprezza la vita il

Dettagli

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di 1 Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di N. e N. 2 Celebrare un anniversario non significa rievocare in modo nostalgico una avvenimento del passato, ma celebrare nella lode e nel rendimento

Dettagli

LA TEORIA DEL CUCCHIAIO

LA TEORIA DEL CUCCHIAIO 90 ICARO MAGGIO 2011 LA TEORIA DEL CUCCHIAIO di Christine Miserandino Per tutti/e quelli/e che hanno la vita "condizionata" da qualcosa che non è stato voluto. La mia migliore amica ed io eravamo nella

Dettagli

Oleggio, 25/12/2009. Natività- Dipinto del Ghirlandaio

Oleggio, 25/12/2009. Natività- Dipinto del Ghirlandaio 1 Oleggio, 25/12/2009 NATALE DEL SIGNORE Letture: Isaia 9, 1-6 Salmo 96 Tito 2, 11-14 Vangelo: Luca 2, 1-14 Cantori dell Amore Natività- Dipinto del Ghirlandaio Ci mettiamo alla Presenza del Signore, in

Dettagli

IL CANE CHE NON SAPEVA ABBAIARE

IL CANE CHE NON SAPEVA ABBAIARE IL CANE CHE NON SAPEVA ABBAIARE C'era una volta un cane che non sapeva abbaiare. Non abbaiava, non miagolava, non muggiva, non nitriva, non sapeva fare nessun verso. Era un cagnetto solitario, chissà come

Dettagli

Quanti nuovi suoni, colori e melodie, luce vita e gioia ad ogni creatura splende la sua mano forte e generosa, perfetto è ciò che lui fa

Quanti nuovi suoni, colori e melodie, luce vita e gioia ad ogni creatura splende la sua mano forte e generosa, perfetto è ciò che lui fa TUTTO CIO CHE FA Furon sette giorni così meravigliosi, solo una parola e ogni cosa fu tutto il creato cantava le sue lodi per la gloria lassù monti mari e cieli gioite tocca a voi il Signore è grande e

Dettagli

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime Indice Introduzione 7 La storia delle rose: quando la mamma parte 9 Il bruco e la lumaca: quando i genitori si separano 23 La campana grande e quella piccola: quando nasce il fratellino 41 La favola del

Dettagli

33. Dora perdona il suo pessimo padre

33. Dora perdona il suo pessimo padre 33. Dora perdona il suo pessimo padre Central do Brasil (1998) di Walter Salles Il film racconta la storia di una donna cinica e spietata che grazie all affetto di un bambino ritrova la capacità di amare

Dettagli

DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI. Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013

DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI. Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013 DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013 Cari catechisti, buonasera! Mi piace che nell Anno della fede ci

Dettagli

Tu ci metti i rifiuti La natura farà il resto CAMPAGNA DI PROMOZIONE DEL COMPOSTAGGIO DOMESTICO

Tu ci metti i rifiuti La natura farà il resto CAMPAGNA DI PROMOZIONE DEL COMPOSTAGGIO DOMESTICO Tu ci metti i rifiuti La natura farà il resto CAMPAGNA DI PROMOZIONE DEL COMPOSTAGGIO DOMESTICO ndice 1 Fai come fa la Natura 2 Cosa ci metti per fare la terra? 3 Come funziona il Compostaggio 4 Le cose

Dettagli

1 - Sulla preghiera apostolica

1 - Sulla preghiera apostolica 1 - Sulla preghiera apostolica Nel nome del Padre e del Figlio e dello Spirito Santo. Do una piccola istruzione di metodo sulla preghiera apostolica. Adesso faccio qualche premessa sulla preghiera apostolica,

Dettagli

2) Se oggi la sua voce. Rit, 1) Camminiamo incontro al Signore

2) Se oggi la sua voce. Rit, 1) Camminiamo incontro al Signore Parrocchia Santa Maria delle Grazie Squinzano 1) Camminiamo incontro al Signore 2) Se oggi la sua voce Rit, Camminiamo incontro al Signore Camminiamo con gioia Egli viene non tarderà Egli viene ci salverà.

Dettagli

Routine per l Ora della Nanna

Routine per l Ora della Nanna SCHEDA Routine per l Ora della Nanna Non voglio andare a letto! Ho sete! Devo andare al bagno! Ho paura del buio! Se hai mai sentito il tuo bambino ripetere queste frasi notte dopo notte, con ogni probabilità

Dettagli

ENCICLOPEDIA DELLA FAVOLA. Fiabe di tutto il mondo per 365 giorni. Raccolte da Vladislav Stanovsky e Jan Vladislav

ENCICLOPEDIA DELLA FAVOLA. Fiabe di tutto il mondo per 365 giorni. Raccolte da Vladislav Stanovsky e Jan Vladislav Matite italiane ENCICLOPEDIA DELLA FAVOLA Fiabe di tutto il mondo per 365 giorni Raccolte da Vladislav Stanovsky e Jan Vladislav Edizione italiana a cura di Gianni Rodari Editori Riuniti I edizione in

Dettagli

Esercitazione pratica di cucina N 11

Esercitazione pratica di cucina N 11 Esercitazione pratica di cucina N 11 Millefoglie di grana Con funghi porcini trifolati alla nepitella --------------------------------- Timballo di anelletti Siciliani al Ragù ---------------------------------

Dettagli

Lo sai, sono la tua anima gemella perchè...

Lo sai, sono la tua anima gemella perchè... Clémence e Laura Lo sai, sono la tua anima gemella perchè... Se fossi un paio di scarpe sarei i tuoi lacci Se fossi il tuo piede sarei il tuo mignolo Se fossi la tua gola sarei la tua glottide Se fossi

Dettagli

PRONOMI DIRETTI (oggetto)

PRONOMI DIRETTI (oggetto) PRONOMI DIRETTI (oggetto) - mi - ti - lo - la - La - ci - vi - li - le La è la forma di cortesia. Io li incontro spesso. (gli amici). Non ti sopporta più. (te) Lo legge tutti i giorni. (il giornale). La

Dettagli

COME IL PANE ANTOLOGIA POETICA PER I BAMBINI DELLA SCUOLA DELL INFANZIA E PER QUELLI DELLA PRIMA CLASSE DELLA SCUOLA PRIMARIA. Dormono (Lina Schwarz)

COME IL PANE ANTOLOGIA POETICA PER I BAMBINI DELLA SCUOLA DELL INFANZIA E PER QUELLI DELLA PRIMA CLASSE DELLA SCUOLA PRIMARIA. Dormono (Lina Schwarz) COME IL PANE ANTOLOGIA POETICA PER I BAMBINI DELLA SCUOLA DELL INFANZIA E PER QUELLI DELLA PRIMA CLASSE DELLA SCUOLA PRIMARIA Dormono (Lina Schwarz) Il gattino accanto al fuoco si addormenta a poco a poco;

Dettagli

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Commento al Vangelo Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione fra Luca Minuto Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Dal Vangelo secondo Matteo In quel tempo, gli undici discepoli andarono in Galilea, sul monte

Dettagli

4. Conoscere il proprio corpo

4. Conoscere il proprio corpo 4. Conoscere il proprio corpo Gli esseri viventi sono fatti di parti che funzionano assieme in modo diverso. Hanno parti diverse che fanno cose diverse. Il tuo corpo è fatto di molte parti diverse. Alcune

Dettagli

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco Sul far della sera la famiglia si riunisce in casa per la preghiera. Ove fosse possibile si suggerisce di

Dettagli

pag. 1 Quand'ero piccolo mi ammalai: mi sentivo sempre stanco, volevo sempre bere e fare pipì

pag. 1 Quand'ero piccolo mi ammalai: mi sentivo sempre stanco, volevo sempre bere e fare pipì pag. 1 Quand'ero piccolo mi ammalai: mi sentivo sempre stanco, volevo sempre bere e fare pipì pag. 2 La mamma diceva che ero dimagrito e così mi portò dal medico. Il dottore guardò le urine, trovò dello

Dettagli

unità 01 un intervista Attività di pre-ascolto Abbinate le parti della colonna A a quelle della colonna B.

unità 01 un intervista Attività di pre-ascolto Abbinate le parti della colonna A a quelle della colonna B. A. Ignone - M. Pichiassi unità 01 un intervista Attività di pre-ascolto Abbinate le parti della colonna A a quelle della colonna B. A B 1. È un sogno a) vuol dire fare da grande quello che hai sempre sognato

Dettagli

LA STREGA ROVESCIAFAVOLE

LA STREGA ROVESCIAFAVOLE LA STREGA ROVESCIAFAVOLE RITA SABATINI Cari bambini avete mai sentito parlare della strega Rovesciafavole? Vi posso assicurare che è una strega davvero terribile, la più brutta e malvagia di tutte le streghe

Dettagli

Canzoni popolari. Melissa Jacobacci. 3 scuola elementare. Chiara Caverzasio e Renata Verzaroli. 4 a scuola elementare

Canzoni popolari. Melissa Jacobacci. 3 scuola elementare. Chiara Caverzasio e Renata Verzaroli. 4 a scuola elementare Canzoni popolari Melissa Jacobacci Chiara Caverzasio e Renata Verzaroli 3 scuola elementare 4 a scuola elementare ALLA MATTINA C È IL CAFFE Alla mattina c è il caffè, ma senza zucchero, ma senza zucchero;

Dettagli

NATALE SARA. Come sempre Natale sarà una festa, una grande magia, per svegliare la tua fantasia giù dal cielo un bel sogno verrà.

NATALE SARA. Come sempre Natale sarà una festa, una grande magia, per svegliare la tua fantasia giù dal cielo un bel sogno verrà. NATALE SARA Su nel cielo che gran movimento, su tra gli angeli del firmamento: quelli addetti agli effetti speciali si rimboccano tutti le ali. C'è chi pensa ai fiocchetti di neve, chi compone una musica

Dettagli

5ª tappa L annuncio ai Giudei

5ª tappa L annuncio ai Giudei Centro Missionario Diocesano Como 5 incontro di formazione per commissioni, gruppi e associazioni missionarie 3 anno Febbraio 09 Paolo: la Parola di Dio non è incatenata 5ª tappa L annuncio ai Giudei Pagina

Dettagli

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento.

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento. DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento Anno 2014 (B) E nato per tutti; è nato per avvolgere il mondo in un abbraccio

Dettagli

Unità VI Gli alimenti

Unità VI Gli alimenti Unità VI Gli alimenti Contenuti - Gusti - Preferenze - Provenienza Attività AREA ANTROPOLOGICA 1. Cosa piace all Orsoroberto L Orsoroberto racconta ai bambini quali sono i cibi che lui ama e che mangia

Dettagli

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1 Università per Stranieri di Siena Centro CILS Sessione: Dicembre 2012 Test di ascolto Numero delle prove 2 Ascolto - Prova n. 1 Ascolta i testi: sono brevi dialoghi e annunci. Poi completa le frasi.

Dettagli

Ciao!! Un cielo stellato così come lo puoi vedere con i tuoi occhi. Il cielo visto da un potente telescopio molto lontano dalle città

Ciao!! Un cielo stellato così come lo puoi vedere con i tuoi occhi. Il cielo visto da un potente telescopio molto lontano dalle città 1 Ciao!! Quando guardi il cielo ogni volta che si fa buio, se è sereno, vedi tanti piccoli punti luminosi distribuiti nel cielo notturno: le stelle. Oggi si apre l immaginario Osservatorio per guardare...

Dettagli

Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna...

Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna molto probabilmente avrei un comportamento diverso. Il mio andamento scolastico non è dei migliori forse a causa dei miei interessi (calcio,videogiochi, wrestling ) e forse mi applicherei

Dettagli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli Siamo abituati a pensare al Natale come una festa statica, di pace, tranquillità, davanti

Dettagli

Livello CILS A2. Test di ascolto

Livello CILS A2. Test di ascolto Livello CILS A2 GIUGNO 2012 Test di ascolto numero delle prove 2 Ascolto Prova n. 1 Ascolta i testi. Poi completa le frasi. Scegli una delle tre proposte di completamento. Alla fine del test di ascolto,

Dettagli

AL SUPERMERCATO UNITÁ 11

AL SUPERMERCATO UNITÁ 11 AL SUPERMERCATO Che cosa ci serve questa settimana? Un po di tutto; per cominciare il pane. Sì, prendiamo due chili di pane. Ci serve anche il formaggio. Sì, anche il burro. Prendiamo 3 etti di formaggio

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO G. Mazzini Erice - Trentapiedi

ISTITUTO COMPRENSIVO G. Mazzini Erice - Trentapiedi ISTITUTO COMPRENSIVO G. Mazzini Erice - Trentapiedi come Anno scolastico 2012-2013 Classe 2 a D 1 Istituto Comprensivo G. Mazzini Erice Trentapiedi Dirigente Scolastico: Filippo De Vincenzi Ideato e realizzato

Dettagli

Una storia vera. 1 Nome fittizio.

Una storia vera. 1 Nome fittizio. Una storia vera Naida 1 era nata nel 2000, un anno importante, porterà fortuna si diceva. Era una ragazzina come tante, allegra, vivace e che odiava andare a scuola. Era nata a Columna Pasco, uno dei tanti

Dettagli

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a Ci situiamo Probabilmente alla tua età inizi ad avere chiaro chi sono i tuoi amici, non sempre è facile da discernere. Però una volta chiaro,

Dettagli

OGGI LA BIANCHI PER FORTUNA NON C'E' MA L'ITALIANO LO SAI ANCHE TE PER OGNI PAROLA DICCI COS'E', E NUOVE ISTRUZIONI AVRAI PER TE.

OGGI LA BIANCHI PER FORTUNA NON C'E' MA L'ITALIANO LO SAI ANCHE TE PER OGNI PAROLA DICCI COS'E', E NUOVE ISTRUZIONI AVRAI PER TE. 1 SE UNA SORPRESA VOLETE TROVARE ATTENTAMENTE DOVETE CERCARE. VOI ALLA FINE SARETE PREMIATI CON DEI GOLOSI DOLCINI INCARTATI. SE ALLE DOMANDE RISPONDERETE E NON CADRETE IN TUTTI I TRANELLI, SE TROVERETE

Dettagli

Il silenzio. per ascoltare se stessi, gli altri, la natura

Il silenzio. per ascoltare se stessi, gli altri, la natura Il silenzio per ascoltare se stessi, gli altri, la natura Istituto Comprensivo Monte S. Vito Scuola dell infanzia F.lli Grimm Gruppo dei bambini Farfalle Rosse (3 anni) Anno Scolastico 2010-2011 Ins. Gambadori

Dettagli

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa 2007 Scrivere.info Tutti i diritti di riproduzione, con qualsiasi mezzo, sono riservati. In copertina: Yacht

Dettagli

Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar. Classe IV. Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia

Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar. Classe IV. Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia Scuola Primaria Istituto Casa San Giuseppe Suore Vocazioniste Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar Classe IV Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia È il 19 febbraio 2011

Dettagli

Un abbraccio a tutti voi Ornella e Enrico

Un abbraccio a tutti voi Ornella e Enrico SASHA La nostra storia é molto molto recente ed é stata fin da subito un piccolo "miracolo" perche' quando abbiamo contattato l' Associazione nel mese di Novembre ci é stato detto che ormai era troppo

Dettagli

«DOVE SI TROVANO I BATTERI?»

«DOVE SI TROVANO I BATTERI?» 1 a STRATEGIA EVITARE LA CONTAMINAZIONE conoscere «DOVE SI TROVANO I BATTERI?» I batteri si trovano ovunque nell ambiente (aria, acqua, suolo ed esseri viventi): Sono presenti sulle materie prime, ad es.

Dettagli

Attorno alla Rupe. Rit.: uulla ullalala uullalala del lupo la forza nel branco sarà (2v.)

Attorno alla Rupe. Rit.: uulla ullalala uullalala del lupo la forza nel branco sarà (2v.) Attorno alla Rupe Attorno alla rupe orsù lupi andiam d'akela e Baloo or le voci ascoltiam del branco la forza in ciascun lupo sta del lupo la forza del branco sarà. Rit.: uulla ullalala uullalala del lupo

Dettagli

Civilewww.edurisk.it. Care bambine, cari bambini,

Civilewww.edurisk.it. Care bambine, cari bambini, Cari bambini, Civile questo libretto che vi viene oggi proposto vi aiuterà a conoscere i rischi e ad imparare come difendervi, in particolare dai rischi legati al terremoto. Questo come tutti sapete è

Dettagli

IL SENSO DELLA CARITATIVA

IL SENSO DELLA CARITATIVA IL SENSO DELLA CARITATIVA SCOPO I Innanzitutto la natura nostra ci dà l'esigenza di interessarci degli altri. Quando c'è qualcosa di bello in noi, noi ci sentiamo spinti a comunicarlo agli altri. Quando

Dettagli

Tavola n. 20 Titolo: Peccato che sia una puttana Anno di produzione 2014 Tecnica mista su cartoncino Dimensioni: 55 cm x 34,5 Costo: 2850 euro

Tavola n. 20 Titolo: Peccato che sia una puttana Anno di produzione 2014 Tecnica mista su cartoncino Dimensioni: 55 cm x 34,5 Costo: 2850 euro Tavola n. 20 Titolo: Peccato che sia una puttana Dimensioni: 55 cm x 34,5 Costo: 2850 euro Tavola n. 30 Titolo: Presunte avventure di Lucrezia e Cesare Dimensioni: 50 cm x 35 cm Costo: 2625 euro Tavola

Dettagli

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013 Farra, 24 febbraio 2013 informare su quelle che sono le reazioni più tipiche dei bambini alla morte di una persona cara dare alcune indicazioni pratiche suggerire alcuni percorsi Quali sono le reazioni

Dettagli

Una Pulce sull Albero di Babbo Natale?

Una Pulce sull Albero di Babbo Natale? Una Pulce sull Albero di Babbo Natale? Copione natalizio in rima per i bambini della Scuola dell Infanzia. Autore: Silvia Di Castro (Bisia) UNA PULCE SULL ALBERO DI BABBO NATALE? 1 Copione natalizio in

Dettagli

DIECI ESPERIMENTI SULL ARIA

DIECI ESPERIMENTI SULL ARIA ANNARITA RUBERTO http://scientificando.splinder.com DIECI ESPERIMENTI SULL ARIA per i piccoli Straws akimbo by Darwin Bell http://www.flickr.com/photos/darwinbell/313220327/ 1 http://scientificando.splinder.com

Dettagli

L Angolo del Buonumore

L Angolo del Buonumore T L Angolo del Buonumore T- Sapete qual è il colmo per un insegnante di diritto? Abitare in Via della Costituzione. T- Sai qual è il colmo per un libro di aritmetica? Non avere problemi. T- Lo sapete qual

Dettagli

1 Decidi come finisce la frase.

1 Decidi come finisce la frase. No mamma no A1/A2 anno di produzione: 1993 durata: 18 genere: commedia regia: Cecilia Calvi sceneggiatura: Cecilia Calvi fotografia: Franco Lecca montaggio: Valentina Migliaccio interpreti: Isa Barsizza,

Dettagli

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama Adorazione Eucaristica a cura di Don Luigi Marino Guida: C è un esperienza che rivela il potere unificante e trasformante dell amore, ed è l innamoramento, descritto in modo splendido nel Cantico dei Cantici.

Dettagli

La Sua Salute e il Suo Benessere

La Sua Salute e il Suo Benessere La Sua Salute e il Suo Benessere ISTRUZIONI: Questo questionario intende valutare cosa Lei pensa della Sua salute. Le informazioni raccolte permetteranno di essere sempre aggiornati su come si sente e

Dettagli

ANNO, MESI, SETTIMANE E CALENDARIO

ANNO, MESI, SETTIMANE E CALENDARIO ANNO, MESI, SETTIMANE E CALENDARIO Iniziamo il percorso ricordando agli alunni le motivazioni che hanno spinto gli uomini a creare sistemi di misurazione del tempo, come fatto già per l orologio. Facciamo

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN SPINEA I CIRCOLO ANNO SCOLASTICO 2006/07. Documentazione a cura di Quaglietta Marica

SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN SPINEA I CIRCOLO ANNO SCOLASTICO 2006/07. Documentazione a cura di Quaglietta Marica SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN SPINEA I CIRCOLO ANNO SCOLASTICO 2006/07 GRUPPO ANNI 3 Novembre- maggio Documentazione a cura di Quaglietta Marica Per sviluppare Pensiero creativo e divergente Per divenire

Dettagli

VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI. Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM

VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI. Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM XXVIII TEMPO ORDINARIO 11 ottobre 2009 VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM Mc 10, 17-30 [In quel tempo], mentre Gesù andava per la strada, un tale gli corse incontro

Dettagli

SIGNIFICATO LETTERALE E SIGNIFICATO METAFORICO. Indica per ogni coppia di frasi, quando la parola in stampato maiuscolo ha SIGNIFICATO

SIGNIFICATO LETTERALE E SIGNIFICATO METAFORICO. Indica per ogni coppia di frasi, quando la parola in stampato maiuscolo ha SIGNIFICATO SIGNIFICATO LETTERALE E SIGNIFICATO METAFORICO Indica per ogni coppia di frasi, quando la parola in stampato maiuscolo ha SIGNIFICATO LETTERALE e quando ha SIGNIFICATO METAFORICO (FIGURATO). Questa non

Dettagli

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE AzioneCattolicaItaliana ACR dell ArcidiocesidiBologna duegiornidispiritualitàinavvento CONMARIA PREPARIAMOCIADACCOGLIEREILSIGNORE Tutta l Azione Cattolica ha come tema dell anno l accoglienza. Anche la

Dettagli

SE IO FOSSI UN ALBERO E INVENTASSI UNA STORIA DAL MIO DISEGNO...TI RACCONTEREI CHE...

SE IO FOSSI UN ALBERO E INVENTASSI UNA STORIA DAL MIO DISEGNO...TI RACCONTEREI CHE... SE IO FOSSI UN ALBERO E INVENTASSI UNA STORIA DAL MIO DISEGNO...TI RACCONTEREI CHE... Una volta si fece la festa degli alberi nel bosco e io e una bimba, che non lo sapevo chi era, giocavamo con gli alberi

Dettagli

Una notte incredibile

Una notte incredibile Una notte incredibile di Franz Hohler nina aveva dieci anni, perciò anche mezzo addormentata riusciva ad arrivare in bagno dalla sua camera. La porta della sua camera era generalmente accostata e la lampada

Dettagli

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI (Gv 3, 17b) Ufficio Liturgico Diocesano proposta di Celebrazione Penitenziale comunitaria nel tempo della Quaresima 12 1 2 11 nella lode perenne del tuo nome

Dettagli

7ª tappa È il Signore che apre i cuori

7ª tappa È il Signore che apre i cuori Centro Missionario Diocesano Como 7 incontro di formazione per commissioni, gruppi e associazioni missionarie 3 anno Aprile 2009 Paolo: la Parola di Dio non è incatenata 7ª tappa È il Signore che apre

Dettagli

Se fossi... Nicole Pesce. Se fossi un libro mi leggerei da sola e mi lascerei leggere dalle altre persone

Se fossi... Nicole Pesce. Se fossi un libro mi leggerei da sola e mi lascerei leggere dalle altre persone Se fossi... Nicole Pesce Se fossi un libro mi leggerei da sola e mi lascerei leggere dalle altre persone se fossi un coppa mi lascerei osservare da tutti, ed essere contenta di essere con te, te che mi

Dettagli

Dalla lettura di una poesia del libro di testo. Un ponte tra i cuori

Dalla lettura di una poesia del libro di testo. Un ponte tra i cuori 1 Dalla lettura di una poesia del libro di testo Un ponte tra i cuori Manca un ponte tra i cuori, fra i cuori degli uomini lontani, fra i cuori vicini, fra i cuori delle genti, che vivono sui monti e sui

Dettagli

Arcangela Mastromarco

Arcangela Mastromarco Autore: Con la collaborazione di: Arcangela Mastromarco Lidia Scarabelli 1 Unità 1 Questa è la mia famiglia. Io mi chiamo Meijiao. Faccio la IV elementare. La mattina mi alzo alle 7.00, mi vesto e faccio

Dettagli

MA LE STELLE QUANTE SONO

MA LE STELLE QUANTE SONO LIBRO IN ASSAGGIO MA LE STELLE QUANTE SONO DI GIULIA CARCASI Alice Una vecchia canzone diceva: Tu sai tutto sulla realtà del mercato e qui io ammetto di essere negato. Ma a inventare quel che non c è io

Dettagli

SCHEDA N 2 PRECEDENTE PAROLA DATA SUCCESSIVA

SCHEDA N 2 PRECEDENTE PAROLA DATA SUCCESSIVA SCHEDA N 2 Cerca, sul dizionario, la parola precedente e quella successiva rispetto a quella data, che troverai, scritta in rosso, nella colonna in mezzo. PRECEDENTE PAROLA DATA SUCCESSIVA SALDO SALE SALGEMMA

Dettagli

PETROLINI E' QUELLA COSA CHE TI BURLA IN TON GARBATO POI TI DICE: TI HA PIACIATO? SE TI OFFENDI SE NE FREG. MA TUTTO QUEL CHE SONO

PETROLINI E' QUELLA COSA CHE TI BURLA IN TON GARBATO POI TI DICE: TI HA PIACIATO? SE TI OFFENDI SE NE FREG. MA TUTTO QUEL CHE SONO PTROINI ' QUA COSA CH TI BURA IN TON GARBATO POI TI DIC: TI HA PIACIATO? S TI OFFNDI S N FRG. MA TUTTO QU CH SONO NON POSSO DIR A DIR NON SON BUONO MI PRORO' A CANTAR. I barzelletta NADIA Due popolane

Dettagli

Hawos Pegasus 230 Volt

Hawos Pegasus 230 Volt olt Pagina 2 Pagina 3 Pagina 3 Pagina 4 Pagina 5 Pagina 5 Pagina 6 Pagina 6/7 Pagina 7 Pagina 7 Pagina 8 Introduzione a Pegasus Scegliere le dimensioni della macinatura Iniziare e terminare il processo

Dettagli

MA VOI CHI DITE CHE IO SIA? Mc 8,27-30 (cf Mt 16,13-23; Lc 9,18-27

MA VOI CHI DITE CHE IO SIA? Mc 8,27-30 (cf Mt 16,13-23; Lc 9,18-27 MA VOI CHI DITE CHE IO SIA? Mc 8,27-30 (cf Mt 16,13-23; Lc 9,18-27 2 L Siamo alla domanda fondamentale, alla provocazione più forte perché va diritta al cuore della mia vita, della tua, di ogni uomo che,

Dettagli

IL TEMPO METEOROLOGICO

IL TEMPO METEOROLOGICO VOLUME 1 CAPITOLO 4 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE IL TEMPO METEOROLOGICO 1. Parole per capire A. Conosci già queste parole? Scrivi il loro significato o fai un disegno: tempo... Sole... luce... caldo...

Dettagli

Trasformazione attivo-passivo

Trasformazione attivo-passivo Trasformazione attivo-passivo E possibile trasformare una frase attiva in passiva quando: 1. il verbo è transitivo 2. il verbo è seguito dal complemento oggetto. Si procede in questo modo: 1. il soggetto

Dettagli

====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA DEL CRISMA) ======================================================

====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA DEL CRISMA) ====================================================== -------------------------------------------------- LA LITURGIA DEL GIORNO www.lachiesa.it/liturgia ====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA DEL CRISMA) ======================================================

Dettagli

Il ciclo di Arcabas LUNGO LA STRADA

Il ciclo di Arcabas LUNGO LA STRADA Il ciclo di Arcabas Arcabas è lo pseudonimo dell artista francese Jean Marie Pirot, nato nel 1926. Nella chiesa della Risurrezione a Torre de Roveri (BG) negli anni 1993-1994 ha realizzato un ciclo di

Dettagli

"In ogni cosa rendete grazie, perché questa è la volontà di Dio in Cristo Gesù verso di voi" (I Tessalonicesi 5:18)

In ogni cosa rendete grazie, perché questa è la volontà di Dio in Cristo Gesù verso di voi (I Tessalonicesi 5:18) "In ogni cosa rendete grazie, perché questa è la volontà di Dio in Cristo Gesù verso di voi" (I Tessalonicesi 5:18) Rendere grazie a Dio, sempre, in ogni circostanza, in qualsiasi momento, in qualunque

Dettagli

[Pagina 1] [Pagina 2]

[Pagina 1] [Pagina 2] [Pagina 1] Gradisca. 2.10.44 Rina amatissima, non so se ti rivedrò prima di morire - in perfetta salute - ; lo desidererei molto; l'andarmene di là con la tua visione negli occhi sarebbe per me un grande

Dettagli

Concorso "La Fiorentina che vorrei". Chiara Portone (2^D) partecipa con questo bellissimo testo.

Concorso La Fiorentina che vorrei. Chiara Portone (2^D) partecipa con questo bellissimo testo. Concorso "La Fiorentina che vorrei". Chiara Portone (2^D) partecipa con questo bellissimo testo. Mi chiamo Chiara abito a Sesto Fiorentino e per iniziare voglio fare una premessa. Io di calcio ci capisco

Dettagli

Corona Biblica. per chiedere a Dio, per intercessione di Maria santissima, il dono della maternità e della paternità

Corona Biblica. per chiedere a Dio, per intercessione di Maria santissima, il dono della maternità e della paternità Corona Biblica per chiedere a Dio, per intercessione di Maria santissima, il dono della maternità e della paternità Imprimatur S. E. Mons. Angelo Mascheroni, Ordinario Diocesano Curia Archiepiscopalis

Dettagli

Frisch. unità 1. 1 Leggi il testo

Frisch. unità 1. 1 Leggi il testo unità 1 1 Leggi il testo Frisch Frisch era un abitudinario, come lo sono del resto quasi tutte le persone della sua età. Ogni mattina nei tre giorni che passava alla villa si alzava puntualmente alle sette

Dettagli

Pagliaccio. A Roma c è un. che cambia ogni giorno. 66 Artù n 58

Pagliaccio. A Roma c è un. che cambia ogni giorno. 66 Artù n 58 format nell accostare gli ingredienti e da raffinatezza della presentazione che fanno trasparire la ricchezza di esperienze acquisite nelle migliori cucine di Europa e Asia da questo chef 45enne d origini

Dettagli

IL RIMARIO IL RICALCO

IL RIMARIO IL RICALCO Preparare un rimario: IL RIMARIO - gli alunni, a coppie o singolarmente, scrivono su un foglio alcune parole con una determinata rima; - singolarmente, scelgono uno dei fogli preparati e compongono nonsense

Dettagli

APPENDICE AL GLOSSARIO CORNETANO E ALLE STORNELLATE POPOLARI

APPENDICE AL GLOSSARIO CORNETANO E ALLE STORNELLATE POPOLARI APPENDICE AL GLOSSARIO CORNETANO E ALLE STORNELLATE POPOLARI A Affiaràto (a.m.- Forma usata anche dal Belli nel sonetto La pisciata pericolosa. Dicesi di colui che si getta in un azione con tutte le forze

Dettagli

Andrea Bajani Tanto si doveva

Andrea Bajani Tanto si doveva Andrea Bajani Tanto si doveva Quando muoiono, gli uccelli cadono giù. Non se ne accorge quasi nessuno, di solito, salvo il cacciatore che l ha colpito e il cane che deve dargli la caccia. Il cacciatore

Dettagli

vien... Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata Dipartimento di Prevenzione a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele

vien... Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata Dipartimento di Prevenzione a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele ERVIZIO ANITARIO REGIONALE A Azienda ervizi anitari N 1 triestina la vien... alute angiando M Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele Dipartimento

Dettagli

Tempi che corrono. Ore 8.30. Ore 8.32. Milano, giugno 2007

Tempi che corrono. Ore 8.30. Ore 8.32. Milano, giugno 2007 Milano, giugno 2007 Tempi che corrono Ore 8.30 Maria si siede al tavolo con la sua colazione: cappuccio, brioche e una spremuta d'arancia. Comincia a sfogliare il giornale, ma è distratta... Non dalla

Dettagli

4.1.2.1 Prima fase: ipotizzare e verificare cosa il mare può portare a riva

4.1.2.1 Prima fase: ipotizzare e verificare cosa il mare può portare a riva 4.1.2.1 Prima fase: ipotizzare e verificare cosa il mare può portare a riva L attività è stata introdotta da una richiesta di collaborazione, si è chiesto l aiuto degli alunni per riscoprire le caratteristiche

Dettagli

COSA CERCA UN CANE IN UN LEADER

COSA CERCA UN CANE IN UN LEADER COSA CERCA UN CANE IN UN LEADER LEADER: 1. Colui che conduce o guida. 2. Colui che ha la responsabilità o il comando di altri. 3. Colui che ha influenza o potere. ESSERE LEADER: Innanzitutto avere una

Dettagli