PROCEDURE GENERALI DI COMPORTAMENTO DA TENERE IN CASO D EMERGENZA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PROCEDURE GENERALI DI COMPORTAMENTO DA TENERE IN CASO D EMERGENZA"

Transcript

1 ISTITUZIONE SCOLASTICA ISTITUTO COMPRENSIVO VERDELLINO/ZINGONIA (infanzia, primaria, potenziata e secondaria di 1 grado) PROCEDURE GENERALI DI COMPORTAMENTO DA TENERE IN CASO D EMERGENZA 1

2 PROCEDURA GENERALE DI COMPORTAMENTO DA TENERE IN CASO D EMERGENZA LA SEGNALAZIONE Chiunque individui un pericolo imminente, come un principio d incendio o presenza di fumo, uno scoppio, un crollo, uno spargimento di sostanze infiammabili o pericolose, un allagamento, un infortunio, e così via è tenuto a far allertare il responsabile per l emergenza e la squadra di emergenza, telefonando al numero del centro di coordinamento 112, segnalando: le proprie generalità la natura dell emergenza il luogo in cui si sta manifestando se ci sono infortunati Deve poi avvertire immediatamente le persone che, a suo giudizio, potrebbero essere coinvolte rapidamente nell emergenza. IN CASO D EMERGENZA È NECESSARIO ALLERTARE IMMEDIATAMENTE Chi individua un pericolo farà avvertire il centro di controllo che, nel nostro caso, coincide con l ufficio di segreteria o con la postazione del centralino/bidelleria; e successivamente da questo luogo saranno chiamati: il responsabile per l emergenza (o coordinatore per l emergenza) gli addetti alle emergenze (fanno parte della squadra di emergenza) per ciò è necessario: PREPARARE E RENDERE NOTO A TUTTI L ORGANIGRAMMA DELL EMERGENZA Se non è immediatamente evidente che si tratta di un falso allarme si deve far scattare il piano d evacuazione, perciò quando è necessario attivare l evacuazione ognuno ha il suo compito. Il personale presente deve segnalare il pericolo, e potrà tentare un intervento di emergenza solo se appartenente alle squadre di emergenza. Chi sono i responsabili per l emergenza nei vari plessi? Sono stati designati anche i loro supplenti? INDICARLI IN MODO ESPLICITO NELL ORGANIGRAMMA DELLA SICUREZZA! 2

3 I Responsabili per l Emergenza sono Dirigente Scolastico, Collaboratori del D.S., i Responsabili di Plesso e i componenti della Commissione Sicurezza (RSPP e ASPP): Plesso Primaria Zingonia Plesso Potenziata Plesso Primaria Verdellino R. Ravasio, G. Messina Plesso Infanzia Zingonia G. Soldini, S. De Rossi Plesso Infanzia Verdellino A. Vecchi, S. Dolci Plesso Scuola Secondaria W. Sannoner, C. Spoto, R. Nicosia D.S. E. Mora, A. Todaro, M. Amendola, E. Bosco, A. Ravasio D.S. E. Mora, A. Todaro, M. Amendola, E. Bosco, N. Ferraro LA SEGNALAZIONE DELL ALLARME Il segnale d allarme che dà inizio all evacuazione è il suono di un apposita sirena di allarme 0 di una tromba da stadio. Nella scuola, al percepire di questo suono tutti devono uscire il più velocemente possibile dall edificio. 3

4 INCENDIO (Chi fa cosa?) PROCEDURE PER IL RESPONSABILE (O COORDINATORE) PER L EMERGENZA In caso di pericolo generico accertato e, in particolare, d incendio, il responsabile dell'emergenza: deve recarsi sul luogo dell evento per valutarne la gravità. DOPO CHE HA VALUTATO CHE È NECESSARIA L EVACUAZIONE: dà l allarme di evacuazione deve dare l ordine di fare le telefonate verso l esterno (fa chiamare o chiama lui stesso): si deve assicurare che vengano fornite tutte le indicazioni necessarie; contemporaneamente chiama (o fa chiamare) i responsabili all interno dei plessi e impartisce loro le istruzioni di comportamento da adottare; coordina tutte le operazioni; appena possibile, deve andare a controllare (o far controllare) l'idoneità del punto di raccolta stabilito e noto a tutti per vedere se sia idoneo e, se lo si ritiene opportuno, in caso contrario individua,insieme al responsabile di plesso, un altro luogo sicuro ; fa aprire eventuali cancelli esterni per facilitare l accesso ai mezzi di soccorso, eventualmente chiamati; fa impedire l ingresso a chiunque non sia addetto all emergenza; quando tutti sono fuori dall edificio, fa l appello generale di tutte le classi con l aiuto di tutti gli insegnati (che devono avere già effettuato tutti i controlli) se e quando è necessario, deve dare ordine all'addetto di disattivare l'erogazione dell'energia elettrica e, se è possibile, di mettere in sicurezza la centrale termica (premendo il pulsante di sgancio); se l incidente è rilevante deve cercare d informare i suoi eventuali superiori dell'entità del pericolo e delle decisioni intraprese. PROCEDURE PER GLI ADDETTI ALL EMERGENZA (SQUADRA DI EMERGENZA) 1 La squadra di emergenza è composta dagli ADDETTI ALLE EMERGENZE (ANTINCENDIO e PRIMO SOCCORSO) e coordinata dal RESPONSABILE DELLE EMERGENZE. Le segnalazioni di pericolo possono pervenire alla squadra di emergenza: dal Responsabile per l emergenza da un qualsiasi lavoratore In ogni caso la squadra di pronto intervento : si porterà velocemente sul posto per verificare la veridicità dell allarme 2 ; 1 La Squadra di emergenza comprende diversi addetti. Addetti allo spegnimento: devono essere adeguatamente qualificati attraverso la frequenza di un corso di formazione (che i ncluda anche la prova di spegnimento con l estintore); devono conoscere e saper usare le attrezzature e i mezzi necessari per affrontare un primo intervento. Costituiscono la squadra di emergenza per l antincendio. Addetti al Primo Soccorso: devono essere adeguatamente qualificati attraverso la frequenza di uno specifico corso di formazione, in grado di assicurare in caso di incidente un primo soccorso dell infortunato. Costituiscono la squadra di emergenza per il primo soccorso. Addetto alla disattivazione delle forniture energetiche: persona designata, all interno della squadra d'emergenza, alla gestione della sicurezza degli impianti, che deve provvedere alla disattivazione delle forniture energetiche e alla messa in sicurezza degli impianti, quando gli viene dato questo ordine. 2 se si tratta di incendio, alluvione o terremoto non si devono usare ascensori per raggiungere i luoghi di intervento 4

5 tutti gli addetti devono poi accertarsi che, fino a cessato allarme, non vengano fatte avvicinare al luogo di pericolo altre persone, estranee alla squadra, e vieteranno anche l entrata nell edificio di estranei, ad eccezione di enti di soccorso (si deve intendere anche il tener lontano persone da un soggetto colpito da malore o coinvolto in un infortunio). In caso di FALSO ALLARME: deve immediatamente avvertire del falso allarme; viene interrogato il responsabile dell allarme e chiarito il motivo, viene segnato il giorno, l ora, la causa dell intervento, il nome di colui che ha dato l allarme (si deve indagare sulla natura del falso allarme per evitare che si presenti il problema) infine tutte le persone coinvolte nell allarme possono riprendere le normali attività In caso di PERICOLO ACCERTATO FACILMENTE ELIMINABILE: In caso di pericolo generico accertato, e in particolare di piccolo incendio, se qualche addetto è tra i primi ad accorrere sul luogo dell evento, deve: Chiamare (o far chiamare) il Responsabile dell'emergenza (se non lo sa già) o un suo sostituto; Poi gli addetti devono: intervenire sul luogo dell evento per cercare di neutralizzare il pericolo utilizzando, se è possibile e non pericoloso, i mezzi a disposizione; se, per esempio, si tratta di un principio di incendio: allontanano dall area i materiali infiammabili o esplodenti, eventuali sostanze nocive, gli automezzi e utilizzando gli estintori o altri mezzi estinguenti in dotazione (sabbia, coperte non infiammabili, acqua, solo quando è consentito mai su apparecchi elettrici in tensione ); alla cessazione del pericolo (per es. a incendio spento) un addetto avviserà del cessato allarme; se si trattava di incendio, dopo una verifica dei danni e del completo spegnimento, la schiuma o la polvere degli estintori e le sostanze eventualmente fuoriuscite da contenitori vengono raccolte, poste in idonei contenitori e correttamente smaltite; le piccole ustioni sono curate portando la parte ustionata sotto acqua corrente per circa 10 minuti e poi medicati in pronto soccorso; alla fine dell emergenza viene interrogato il personale sulle cause dell incendio, viene segnato il giorno, l ora, la causa dell intervento, il nome di colui che ha dato l allarme; infine tutte le persone coinvolte nell allarme possono riprendere le normali attività. In caso di PERICOLO NON FACILMENTE ELIMINABILE: può accadere che ci si renda subito conto che il pericolo non è facilmente eliminabile; oppure che ci si renda conto solo dopo un primo tentativo di intervento. In questi casi, vista l'impossibilità di eliminare il pericolo, gli addetti devono: avvisare tempestivamente il centro di controllo per segnalare l immediata necessità di intervento di enti esterni di soccorso (i Vigili del fuoco, se si tratta di incendio), indicando le caratteristiche del pericolo; se in particolare si tratta di impossibilità a spegnere un incendio, devono isolarlo il più possibile chiudendo le porte e le finestre dei locali interessati: a questo punto indicano al Responsabile la necessità sfollare immediatamente l edificio; i responsabili di piano 3, che sono i COLLABORATORI SCOLASTICI, con gli altri addetti all emergenza favoriscono l apertura delle porte delle uscite di sicurezza, coordinano e favoriscono l evacuazione (verificando se gli insegnanti hanno bisogno di aiuto per gli eventuali portatori di handicap), controllano immediatamente se i servizi igienici sono vuoti, verificano che tutti abbiano abbandonato il piano e chiudono, dopo il passaggio di tutti, le 3 Responsabili di piano: ci deve essere almeno un responsabile per piano dell edificio. Questi lavoratori sono coloro che coordinano e facilitano le eventuali operazioni di sfollamento e di raccolta del personale in un luogo sicuro, preventivamente individuato e noto a tutti ( il punto di raccolta). 5

6 eventuali porte di compartimentazione; perché sia facilitato il loro compito le porte delle classi vanno lasciate aperte (a meno che la chiusura della porta non serva a contenere il principio d incendio dentro ad un aula) 4. l addetto alla disattivazione delle forniture energetiche provvede (se è necessario) a togliere la tensione elettrica dal quadro di zona e, se è possibile, a mettere in sicurezza la centrale termica (se il Comune ci fornirà istruzioni in merito); se si tratta di incendio, vengono allontanati dalla zona, per quanto è possibile, i materiali infiammabili e gli automezzi, curando di lasciare un corridoio di passaggio per i pedoni e per l ingresso dei mezzi di soccorso Al sopraggiungere degli enti di soccorso gli addetti devono: immediatamente indicare tutti gli infortunati, evidenziando i casi più gravi; fornire tutte le informazioni necessarie ai servizi di soccorso (ubicazione di eventuali persone intrappolati, degli idranti, degli estintori, dell'interruttore generale dell'energia elettrica, delle attrezzature di scorta, delle uscite di sicurezza, ); se in particolare giungono i VV.F. dovrebbero essere loro fornite le planimetrie dell edificio e devono essere informati dettagliatamente sulla situazione esistente e sui provvedimenti adottati da una persona incaricata, che li accompagnerà e resterà a loro disposizione; da questo momento in poi tutte le operazioni saranno coordinate dai VV.F. e pertanto tutto il personale operativo previsto nel piano di emergenza si metterà a loro disposizione; sia gli addetti alla sicurezza che il responsabile per l emergenza collaboreranno attivamente con il più alto in grado dei VV.F. presente sul posto per il buon funzionamento dell'intervento di soccorso; Alla cessazione del pericolo: se si trattava di incendio, dopo una verifica dei danni e del completo spegnimento, se autorizzati dai VV.F. si può rientrare nell edificio; la schiuma o la polvere degli estintori e le sostanze eventualmente fuoriuscite da contenitori vengono raccolte, poste in idonei contenitori e correttamente smaltite; le piccole ustioni sono curate portando la parte ustionata sotto acqua corrente per circa 10 minuti e poi medicati in pronto soccorso; viene interrogato il personale sulle cause dell incendio, viene segnato il giorno, l ora, la causa dell intervento, il nome di colui che ha dato l allarme; Infine si possono riprendere le normali attività. IN BREVE GLI ADDETTI ALLE EMERGENZE (SQUADRA DI EMERGENZA)devono: intervenire secondo l addestramento ricevuto, in base al tipo di emergenza (per esempio, per spegnere il principio d incendio o per soccorrere infortunati ) PROCEDURE PER I COLLABORATORI PROCEDURE PER I RESPONSABILI DI PIANO Hanno principalmente il compito di rendere ordinato il deflusso delle persone in caso di esodo rapido e di provvedere a fare uscire dallo stabile tutti, con particolare cura per gli alunni, soprattutto per i disabili. I responsabili di piano appartengono in senso lato alle squadre di emergenza ed è per questo motivo che il loro compito più importante è in parte già stato descritto nelle procedure per le squadre di emergenza, e riguarda la fase di evacuazione (detta anche sfollamento) così schematizzabile: al segnale di sfollamento di emergenza gli appartenenti alle squadre di piano aprono le porte delle uscite di sicurezza; coordinano l evacuazione del loro piano; si accertano che nei locali della zona loro assegnata, servizi inclusi, non sia rimasto nessuno; 4 Sarebbe opportuno che le finestre delle classi fossero già state chiuse degli insegnanti prima di abbandonare l aula, per ridurre la propagazione di un eventuale incendio. 6

7 verificano se gli insegnanti hanno bisogno di aiuto per gli eventuali portatori di handicap; verificato quanto sopra, abbandonano a loro volta lo stabile (dopo aver verificato la non necessità di un aiuto agli altri piani), chiudendo dopo il passaggio di tutti le eventuali porte di compartimentazione. NON SI DEVONO USARE LE SCALE INTERNE MA SOLO LE SCALE DI EMERGENZA ESTERNE. IN BREVE RESPONSABILI DI PIANO: eseguono le istruzioni di comportamento impartite dal responsabile per l emergenza qualora necessario, coordinano l esodo delle classi stabiliscono percorsi alternativi per l esodo in caso che le vie di fuga previste siano impraticabili danno aiuto agli insegnanti che devono accompagnare portatori di handicap. PROCEDURE PER GLI ADDETTI ALLA DISATTIVAZIONE DELLE FORNITURE ENERGETICHE In caso di evacuazione rapida dell edificio l addetto della squadra di emergenza che ha il compito di disattivare le forniture energetiche, con l'autorizzazione del responsabile dell'emergenza o di un suo sostituto, deve: interrompere l'erogazione dell energia elettrica fornita dalla rete (dal quadro elettrico generale), dopo aver verificato che nessuno stia usando l ascensore, se presente. Tuttavia, se il segnale di allarme è dato da una campanella a funzionamento elettrico, dovrà disattivare la parte dell impianto elettrico che comprende tale campana solo quando si ritiene che il segnale non sia più necessario. In tal caso nell edificio è meglio utilizzare una sirena (o tromba) portatile da stadio. Dovrebbe anche fermare gli impianti di riscaldamento attualmente però il personale della scuola non può disattivare le caldaie; PROCEDURE PER L ADDETTO ALLE CHIAMATE 5 È colui che può ricevere il primo avviso di emergenza e deve chiamare il responsabile dell emergenza e i membri della squadra di emergenza; si occupa delle chiamate verso gli enti esterni (vigili del fuoco, forze dell ordine, vigilanza municipale, pronto soccorso, compagnia elettrica, gestori dell impianto di riscaldamento, idraulico). Deve avere la possibilità di chiamare verso l interno e verso l esterno della scuola per tutta la durata dell emergenza, perciò in caso di evacuazione totale è opportuno che si serva di un telefono cellulare. Al ricevimento della prima segnalazione di pericolo deve richiedere, a chi lo sta avvisando, le seguenti informazioni: se è gia stato avvisato il responsabile dell'emergenza; il luogo dell'evento; il tipo di evento (incendio, infortunio, allagamento ecc.); una valutazione, se possibile, della gravità dell'evento; se la chiamata avviene per telefono, deve avere le generalità di chi telefona. A questo punto deve: allertare immediatamente il responsabile dell emergenza, se non è stato ancora chiamato, e gli addetti al pronto intervento (squadra di emergenza) e dare loro indicazioni precise 5 Addetto alla chiamata: persona designata dal Responsabile per l Emergenza (quando non coincide con egli stesso) alla gestione delle informazioni e delle chiamate in uscita e in entrata. Esso deve essere informato (ed eventualmente richiedere egli stesso) sull ubicazione, sulla tipologia e sul maggior numero di informazioni circa l evento pericoloso in corso, per poter dare indicazioni precise agli Enti esterni di soccorso, qualora si ritenga necessario l intervento esterno. Utilizzerà per questo compito l elenco dei numeri telefonici di emergenza a sua disposizione, presso il posto di chiamata e lo schema tipo per dare tutte le corrette informazioni agli enti esterni di soccorso (vedi TABELLA 2 in ALLEGATI E PROCEDURE : numeri telefonici utili in caso di emergenza ). Ha anche il compito di annotare gli orari di inizio emergenza, i tempi di intervento e gli orar i di chiamata delle persone intervenute e i tempi di arrivo dei VV.F. 7

8 per un immediato sopralluogo del luogo dell'evento. Deve accertarsi che il messaggio sia stato ricevuto e compreso. In caso di pericolo accertato e su istruzioni del responsabile dell'emergenza o di un suo incaricato, l addetto al posto di chiamata provvede a far intervenire il soccorso pubblico (VVF, eventualmente vigili urbani, la polizia, l ambulanza e gli enti erogatori di energia). Deve: dare informazioni chiare e precise riguardo al luogo dove si è verificato l'incidente indicare il percorso più breve e meno pericoloso per raggiungerlo segnalare la presenza di eventuali infortunati o dispersi, indicando dove potrebbero trovarsi in caso di scarsa visibilità, segnalare la presenza di eventuali ostacoli che potrebbero intralciare le operazioni di soccorso; far accompagnare o accompagnare eventualmente le squadre di soccorso sul luogo dell'incidente (se la situazione non è da ritenersi troppo pericolosa per la sua incolumità). Quando il Responsabile per l emergenza decide, sentita la squadra di emergenza o gli enti di soccorso, che l allarme è cessato, l addetto alle chiamate avvisa tutte le persone eventualmente coinvolte nell allarme del cessato pericolo. Ha anche il compito di annotare gli orari di inizio emergenza, i tempi di intervento e gli orari di chiamata delle persone intervenute e i tempi di arrivo dei VV.F. IN BREVE L ADDETTO ALLE CHIAMATE deve: Fare tutte le chiamate verso l esterno che il Responsabile per l emergenza gli ordina 8

9 PROCEDURE PER GLI INSEGNANTI In caso di evacuazione L INSEGNANTE presente nella classe: al momento dell allarme guarda l orologio per prendere il tempo deve abbandonare tutti gli oggetti ingombranti (borse, ombrelli ) deve prendere il MODULO DI EVACUAZIONE e il REGISTRO deve dare istruzione alla classe e deve lasciare l aula con l alunno chiudi fila (dietro a questo) dopodiché guida la classe, cercando di rispettare l ordine stabilito, verso la più vicina uscita di emergenza, mettendosi alla fine della fila appena fuori controlla il tempo (PRIMO TEMPO DI DEFLUSSO) se è presente un portatore di handicap l insegnante si fa aiutare ad accompagnarlo dall insegnante di sostegno se è presente o da un altro alunno e, se è in difficoltà, uscendo dalla classe chiamerà un lavoratore ATA; arrivato con la classe al punto di raccolta, e deve fare l appello, utilizzando il registro per verificare con gli alunni se sono tutti presenti o se ci sono dispersi; dopo compilerà un apposito modulo d evacuazione e registrerà il SECONDO TEMPO DI DEFLUSSO. deve segnalare tempestivamente ai VV.F. o alle forze dell ordine e al responsabile se ci sono eventuali dispersi NOTA PER GLI INSEGNANTI DI SOSTEGNO: se sono in classe al momento dell emergenza hanno il compito di aiutare i loro assistiti al posto dei compagni di classe. Inoltre, dove c è l ascensore o il servo scala, c è un rischio aggiuntivo per gli studenti con pesanti handicap motori presenti ai piani superiori, ed in particolare per quei ragazzi che utilizzano una sedia a rotelle. In caso di emergenza non si può impiegare l ascensore per la fuga e se viene sospesa l erogazione della corrente elettrica troppo presto la persona con Handicap non può scendere: l alunno disabile presente al primo piano dovrà essere portato in salvo in braccio da almeno due adulti, abbandonando la sedia a rotelle: uno degli adulti dovrebbe essere, se è possibile, l insegnante di sostegno aiutato dall altro insegnante presente in classe o da un collaboratore scolastico. Gli insegnati che, al momento dell emergenza, non hanno lezione ma si trovano nell edificio devono abbandonare tutti gli oggetti ingombranti e lasciare ordinatamente l edificio; se nel tragitto di uscita vedono dei colleghi in difficoltà vanno in loro aiuto. PROCEDURE PER GLI STUDENTI E L INTERA CLASSE Al momento in cui si percepisce l allarme GLI ALUNNI devono: interrompere immediatamente ogni attività mantenere la calma spingere la sedia sotto il banco (inoltre, chi si trova vicino ad una finestra aperta la deve chiudere) lasciare le borse e tutti gli altri oggetti in aula Tutta LA CLASSE: deve individuare immediatamente un aprifila e un chiudifila tra gli alunni ed altri studenti incaricati di aiutare eventuali alunni disabili deve formare ordinatamente una fila dietro l aprifila che aprirà la porta solo quando il professore avrà impugnato il modulo di evacuazione e il registro. 9

10 deve uscire dalla classe in modo ordinato in fila indiana e ogni alunno dovrebbe avere una mano sulla spalla dell alunno che ha davanti 6 : NON BISOGNA SPINGERE, GRIDARE O CORRERE l aprifila controllerà prima di uscire che il corridoio sia libero 7 e il chiudifila controlla che tutti siano usciti, esce con l insegnante, che lascerà aperta la porta. 8 deve seguire il percorso assegnato, rispettando ragionevolmente la sequenza di esodo stabilita dal piano di evacuazione 9 bisogna mantenersi sempre calmi e il più possibile in silenzio per sentire eventuali comunicazioni 10 NON USARE L ASCENSORE E NON TORNARE MAI INDIETRO se c è un compagno in difficoltà bisogna cercare di aiutarlo o segnalarlo all insegnante usciti dall edificio bisogna andare al punto di raccolta, senza fermarsi a parlare e senza ostruire i passaggi al punto di raccolta rispondere all appello e poi spostarsi nei Luoghi Sicuri attendere lì, senza allontanarsi, la fine dell emergenza o altre istruzioni NOTA: gli ALUNNI che non si trovano con la propria classe al momento dell emergenza (per es. si trovano ai servizi) si uniscono alla prima fila di alunni che incontrano in uscita, raggiungono il punto di raccolta; attendono e si uniscono appena è possibile alla propria classe, avvisando l insegnante della propria presenza. Casi particolari: se l incendio si è sviluppato in classe tutti i presenti devono uscire chiudere la porta (e possibilmente le finestre), dando l allarme affinché le squadre di emergenza possano tentare di estinguerlo. Se l incendio è divampato appena fuori dalla classe ed è impossibile uscire per le fiamme o perché il fumo impedisce il transito, si deve chiudere bene la porta e cercare di sigillare le fessure con indumenti bagnati, poi si apre la finestra solo quanto basta per chiedere soccorso, si richiude immediatamente (per evitare di alimentare l incendio), ci si sdraia a terra e si respira in un fazzoletto, possibilmente bagnato. Se è possibile, prima di chiudere la finestra, è bene appendere un indumento o uno straccio per segnalare da che finestra debbano cercare di entrare i VV.F. PROCEDURE PER I GENITORI I GENITORI che eventualmente sopraggiungono sul luogo non devono portare via i figli, se non dopo aver avvertito l insegnante, che provvede a prendere nota (con il Dirigente Scolastico) dell alunno che se ne va: infatti solo alla fine dell emergenza sarà il Dirigente Scolastico a riunire i genitori e li farà firmare prima di lasciarli andare via con i figli. 6 non si deve uscire mai dalla classe in modo disordinato e correndo, il risultato sarebbe avere infortuni ed impiegare tutti molto più tempo per l evacuazione. 7 magari per non sbattere contro qualcuno che sta già transitando! 8 Se la classe è al piano terra e la porta da utilizzare per l emergenza si apre direttamente all aperto, la persona che si trova vicino alla porta dell aula di uso normale deve aprirla, poi tutti devono uscire dalla porta che si apre all aperto, che poi deve essere richiusa dall ultimo che esce 9 Se c è molto fumo si deve camminare a carponi. 10 potrebbero indicare la necessità di percorrere vie di esodo anche diverse da quelle previste. 10

11 PROCEDURE GENERICHE PER TUTTO IL PERSONALE IN CASO DI SCOPERTA DI UN PERICOLO (GENERIC O) IMMINENTE O IN PARTICOLARE DI UN FOCOLAIO DI INCENDIO TUTTO IL PERSONALE (e più in generale chiunque presente nell edificio) È TENUTO A: avvisare immediatamente il centro di controllo per dare l allarme (utilizzando telefoni interni se presenti). mettere in sicurezza le attrezzature che eventualmente sta utilizzando SE È DATO L ALLARME D EVACUAZIONE se ha un incarico di emergenza, deve eseguire le istruzioni specifiche del suo compito, prima di abbandonare l edificio; infine, deve portarsi il più velocemente e tranquillamente possibile verso l uscita, collaborando con chiunque abbia bisogno e recarsi, infine, al punto di raccolta, dove deve restare fino a nuovo ordine. Gli insegnati che, al momento dell emergenza, non hanno lezione ma si trovano nell edificio devono abbandonare tutti gli oggetti ingombranti e lasciare ordinatamente l edificio; se nel tragitto d uscita vedono dei colleghi in difficoltà vanno in loro soccorso. PROCEDURE PER TUTTI I PRESENTI NELL EDIFICIO (OSPITI) Tutte le persone presenti nella scuola, al percepire dell allarme ( sirena e/o tromba da stadio) devono: abbandonare tutti gli oggetti ingombranti; dirigersi verso la via di uscita più vicina (meglio se in compagnia del personale della scuola che al momento è più vicino a loro), attenendosi alle indicazioni eventualmente impartite dagli addetti alle emergenze recarsi con tutti gli altri al punto di raccolta e segnalare la propria presenza al responsabile dell emergenza o agli addetti all emergenza già eventualmente presenti all esterno restare lì fino alla fine dell emergenza o fino a nuovo ordine. PROCEDURE PER I LAVORATORI DI DITTE ESTERNE PRESENTI NELL EDIFICIO Tutti i lavoratori presenti nella scuola appartenenti a ditte esterne, al percepire dell allarme (che, attualmente, è una sirena da stadio) devono: interrompere immediatamente i lavori mettere in sicurezza le attrezzature, che eventualmente stanno utilizzando non intralciare con materiali ed attrezzature le vie di fuga abbandonare tutti gli oggetti ingombranti (senza creare intralcio) dirigersi verso la via di uscita più vicina il più velocemente e tranquillamente possibile, attenendosi alle indicazioni eventualmente impartite dagli addetti alle emergenze seguire tutti gli altri al punto di raccolta e segnalare la propria presenza al responsabile dell emergenza o agli addetti all emergenza già eventualmente presenti all esterno. 11

12 COMPORTAMENTO DURANTE UN TERREMOTO È un evento poco probabile, ma da non escludere; ed è poco probabile che avvenga con un grado elevato di magnitudo, tale da costituire un rischio elevato. Il pericolo potrebbe perciò derivare da incidenti che si potrebbero verificare durante l evacuazione, durante manifestazioni di panico o da caduta di intonaco, calcinacci e cornicioni. Al sopraggiungere di una scossa di terremoto si deve seguire la seguente procedura di comportamento: 1) tutti devono proteggersi sotto a banchi, scrivanie e simili, allontanarsi dalle finestre, porte ed armadi a vetri ed a mantenere la calma; 2) evitare di precipitarsi di corsa fuori dalla classe (e in genere dai locali), verso le uscite; se non ci si trova in classe, ci si deve accostare ai muri portanti o agli angoli; allontanarsi da armadi e da tutto ciò che potrebbe cadere addosso, allontanarsi e tenersi lontano dalle scale; 3) non usare ascensore 4) attendere la fine della scossa e l arrivo di istruzioni A questo punto sono possibili due casi: A. LA SCOSSA È STATA POCO SIGNIFICATIVA (si è avvertita in modo lieve): 5) gli addetti alle emergenze, in accordo con il Responsabile, fanno un giro dello stabile per verificare se ci sono danni; appurato che non ve ne sono riferiscono al Responsabile che in accordo con il Capo di Istituto può lasciar proseguire le normali attività. B. LA SCOSSA È STATA SIGNIFICATIVA, CON DANNI VISIBILI 6) alla fine della scossa il responsabile per l emergenza darà l ordine di fare evacuare tutti 7) tutti devono recarsi ordinatamente, senza urlare e senza panico verso il centro di raccolta ( vedi procedure incendio), guardando verso l alto per verificare che sul percorso non ci siano materiali pericolosi in equilibrio precario 8) non si deve MAI usare l ascensore; Se al momento della scossa ci si trova all aperto, ci si deve comportare come segue: allontanarsi da edifici, alberi, linee elettriche, lampioni ed altri manufatti che potrebbero cadere. 12

NORME GENERALI DI EMERGENZA - IN CASO DI INCENDIO (contenute nel piano di evacuazione)

NORME GENERALI DI EMERGENZA - IN CASO DI INCENDIO (contenute nel piano di evacuazione) NORME GENERALI DI EMERGENZA - IN CASO DI INCENDIO (contenute nel piano di evacuazione) FASE DI INDIVIDUAZIONE DI UN PERICOLO Chi si avvede dell incendio, nel limite del possibile ed in funzione delle proprie

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO di San Michele al Tagliamento www.iscsanmichele.it

ISTITUTO COMPRENSIVO di San Michele al Tagliamento www.iscsanmichele.it ISTITUTO COMPRENSIVO di San Michele al Tagliamento www.iscsanmichele.it Indicazioni e norme di comportamento per l evacuazione dall edificio scolastico in caso di INCENDIO o TERREMOTO (D.Lgs. 81/2008,

Dettagli

Si citano, a titolo esemplificativo, alcune situazioni di emergenza:

Si citano, a titolo esemplificativo, alcune situazioni di emergenza: 1. Probabili cause di pericolo Si citano, a titolo esemplificativo, alcune situazioni di emergenza: incendio all interno dell edificio incendio esterno all edificio o nelle vicinanze crolli dovuti a cedimenti

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO RIVAROLO Scuola e Sicurezza Semplici norme di comportamento in caso di emergenze Glossario emergenze e figure di riferimento 1 Piano di Emergenza: insieme di norme e di istruzioni

Dettagli

PIANO DI EMERGENZA E DI EVACUAZIONE

PIANO DI EMERGENZA E DI EVACUAZIONE Istituto di Istruzione Superiore Piero Sraffa PIANO DI EMERGENZA E DI EVACUAZIONE Documento redatto ai sensi dell art. 18, comma 1del D. Lgs. 9 aprile 2008, n. 81 coordinato al D.Lgs. 3 agosto 2009, n.

Dettagli

PIANO DI EVACUAZIONE I.C. ALBERTELLI - NEWTON (da esporre nelle aule e da inserire nella busta di plastica nel registro di classe)

PIANO DI EVACUAZIONE I.C. ALBERTELLI - NEWTON (da esporre nelle aule e da inserire nella busta di plastica nel registro di classe) PIANO DI EVACUAZIONE I.C. ALBERTELLI - NEWTON (da esporre nelle aule e da inserire nella busta di plastica nel registro di classe) ISTRUZIONI PER L EVACUAZIONE DELL EDIFICIO SCOLASTICO Valide per studenti,

Dettagli

PROCEDURE DI EVACUAZIONE MANTENERE LA CALMA, NON SPINGERSI, NON CORRERE, NON URLARE.

PROCEDURE DI EVACUAZIONE MANTENERE LA CALMA, NON SPINGERSI, NON CORRERE, NON URLARE. SCUOLA MEDIA STATALE Rosa Bianca SALUZZO Via C. Segre 14-12037 SALUZZO 0175 211427/428/429 Area Personale 0175 211430 Area Alunni 0175 211432 0175 211431 - Capo Segreteria Fax 0175 211437 SEZIONE STACCATA

Dettagli

Istituto Comprensivo Gherardi

Istituto Comprensivo Gherardi Informazione sulla sicurezza nella scuola Istituto Comprensivo Gherardi Via Taroni, 4-48022 Lugo (RA) Tel. 0545/22112 - Fax 0545/25674 PROCEDURE PER L ATTUAZIONE DEL PIANO DI EMERGENZA (per tutto il personale

Dettagli

due squilli brevi seguiti da uno squillo prolungato due squilli brevi seguiti da uno squillo prolungato

due squilli brevi seguiti da uno squillo prolungato due squilli brevi seguiti da uno squillo prolungato 1. MODALITA DI RILEVAZIONE E DI COMUNICAZIONE DELLA SITUAZIONE DI ALLARME Si prevedono sostanzialmente due situazioni nelle quali si presenti la necessità di emanare un allarme generalizzato che comporti

Dettagli

NORME DI COMPORTAMENTO IN SITUAZIONI DI EMERGENZA Procedura Di Evacuazione

NORME DI COMPORTAMENTO IN SITUAZIONI DI EMERGENZA Procedura Di Evacuazione NORME DI COMPORTAMENTO IN SITUAZIONI DI EMERGENZA Procedura Di Evacuazione ANNO SCOLASTICO 2013/2014 PER TUTTO IL PERSONALE Via Vulcano, 12-95047 Paternò (CT) Tel./Fax 095841054 e-mail ctee06800n@istruzione.it

Dettagli

Ai docenti Al DSGA Al personale ATA Al sito web Atti

Ai docenti Al DSGA Al personale ATA Al sito web Atti prot. n. 6329/D9 Foggia 10/10/2015 Ai docenti Al DSGA Al personale ATA Al sito web Atti Circolare n.17 a.s. 2015-16 Oggetto: D.L.vo 81/2008 prove evacuazione In relazione all oggetto, a quanto previsto

Dettagli

Informativa per la gestione delle emergenze (Si raccomanda di tenere una copia cartacea di questa informativa in luogo accessibile)

Informativa per la gestione delle emergenze (Si raccomanda di tenere una copia cartacea di questa informativa in luogo accessibile) Informativa per la gestione delle emergenze (Si raccomanda di tenere una copia cartacea di questa informativa in luogo accessibile) Norme di comportamento per tutto il personale in caso di Emergenza: Tutto

Dettagli

MINISTERO DELL ISTRUZIONE DELL UNIVERSITA E DELLA RI ER A UFFI IO S OLASTI O REGIONALE PER IL LAZIO ISTITUTO OMPRENSIVO DANTE ALIGHIERI

MINISTERO DELL ISTRUZIONE DELL UNIVERSITA E DELLA RI ER A UFFI IO S OLASTI O REGIONALE PER IL LAZIO ISTITUTO OMPRENSIVO DANTE ALIGHIERI MINISTERO DELL ISTRUZIONE DELL UNIVERSITA E DELLA RI ER A UFFI IO S OLASTI O REGIONALE PER IL LAZIO ISTITUTO OMPRENSIVO DANTE ALIGHIERI Via P. TOGLIATTI N 1-01033 IVITA ASTELLANA (0761 513390 fax 0761

Dettagli

ESTRATTO DAL PIANO DI EMERGENZA

ESTRATTO DAL PIANO DI EMERGENZA ESTRATTO PIANO DI EMERGENZA ISIS CIPRIANO FACCHINETTI COMUNE DI CASTELLANZA VIA AZIMONTI N 5 TEL.0331-635718 FAX 0331679586 ESTRATTO DAL PIANO DI EMERGENZA (Copia per il personale docente) Pagina 1 di

Dettagli

4) Controllare che gli allievi apri fila e serra fila eseguano correttamente i compiti;

4) Controllare che gli allievi apri fila e serra fila eseguano correttamente i compiti; COMPITI DEGLI APRI-FILA E CHIUDI-FILA - Ogni aprifila, in caso di emergenza, ha il compito di aprire le porte e guidare i compagni verso le zone di raccolta; - I serra-fila hanno il compito di assistere

Dettagli

PROCEDURE GENERALI DA SEGUIRE IN CASO DI EMERGENZA PER IL PERSONALE NON DOCENTE Tra il personale non docente sono inclusi anche gli Addetti alle emergenze, i quali sono formati in modo specifico sul comportamento

Dettagli

SCHEDA C1. 6 STUDENTI APRI-FILA / CHIUDI-FILA / SOCCORSO. All ordine di evacuazione dell edificio:

SCHEDA C1. 6 STUDENTI APRI-FILA / CHIUDI-FILA / SOCCORSO. All ordine di evacuazione dell edificio: SCHEDA C1. 6 STUDENTI APRI-FILA / CHIUDI-FILA / SOCCORSO All ordine di evacuazione dell edificio: - mantengono la calma, seguono le procedure stabilite e le istruzioni del docente; - gli apri-fila devono

Dettagli

PROCEDURE DI EMERGENZA E DI EVACUAZIONE

PROCEDURE DI EMERGENZA E DI EVACUAZIONE PROCEDURE DI EMERGENZA E DI EVACUAZIONE C 1 - Compiti della Squadra di Evacuazione per funzione SCHEDA 1 - COMPITI DEL COORDINATORE DELLE EMERGENZE Ricevuta la segnalazione di "inizio emergenza" il Coordinatore

Dettagli

ISTRUZIONI PER L EVACUAZIONE IN CASO DI INCENDIO o TERREMOTO

ISTRUZIONI PER L EVACUAZIONE IN CASO DI INCENDIO o TERREMOTO ISTRUZIONI PER L EVACUAZIONE IN CASO DI INCENDIO o TERREMOTO SEGNALAZIONI DI EMERGENZA ALLARME: Serie di almeno 10 suoni intermittenti ttenti EVACUAZIONE: Un suono continuo e prolungato CESSATO ALLARME:

Dettagli

Schede sicurezza Lasciare affisse in aula e prelevare in caso di evacuazione A.S. 2013-2014

Schede sicurezza Lasciare affisse in aula e prelevare in caso di evacuazione A.S. 2013-2014 I.I.S A.F. Formiggini Servizio Prevenzione e Protezione Schede sicurezza Lasciare affisse in aula e prelevare in caso di evacuazione A.S. 2013-2014 SCHEDA 1 PIANO EVACUAZIONE ORIZZONTALE SE DOVETE ABBANDONARE

Dettagli

NORME GENERALI DI COMPORTAMENTO IN CASO DI EMERGENZA

NORME GENERALI DI COMPORTAMENTO IN CASO DI EMERGENZA ALLEGATO N. 6 -TUTTI NORME GENERALI DI COMPORTAMENTO IN CASO DI EMERGENZA - MANTENERE LA CALMA E, PER QUANTO POSSIBILE, NON FARSI PRENDERE DAL PANICO; - RISPETTARE LE DISPOSIZIONI IMPARTITE DAGLI ADDETTI

Dettagli

MODULO DI EVACUAZIONE (da tenere nel registro di classe)

MODULO DI EVACUAZIONE (da tenere nel registro di classe) MODULO N 1 MODULO DI EVACUAZIONE (da tenere nel registro di classe) Scuola data CLASSE PIANO ALLIEVI PRESENTI n EVACUATI n DISPERSI FERITI n.b. segnalazione nominativa Annotazioni: FIRMA DEL DOCENTE MODULO

Dettagli

SCUOLA MEDIA STATALE GIOVANNI XXIII - ZOGNO BERGAMO ANNO SCOLASTICO 1998/99 SEGNALE DI ALLARME: ASSEGNAZIONE DEGLI INCARICHI AGLI ALLIEVI

SCUOLA MEDIA STATALE GIOVANNI XXIII - ZOGNO BERGAMO ANNO SCOLASTICO 1998/99 SEGNALE DI ALLARME: ASSEGNAZIONE DEGLI INCARICHI AGLI ALLIEVI SCUOLA MEDIA STATALE GIOVANNI XXIII - ZOGNO BERGAMO ANNO SCOLASTICO 1998/99 PIANO DI EVACUAZIONE SEGNALE DI ALLARME: 1. TERREMOTO suono prolungato 2. ALLUVIONE suono breve ripetuto diverse volte 3. INCENDIO

Dettagli

opuscolo informativo per gli insegnanti e alunni EMERGENZA TERREMOTO

opuscolo informativo per gli insegnanti e alunni EMERGENZA TERREMOTO INDICE 1. DEFINIZIONE DI EMERGENZA...2 1.1....2 2. ADDETTI GESTIONE EMERGENZA...3 3. SEGNALETICA...4 4. COMPITI DEL PERSONALE NELL EMERGENZA...5 4.1. COLLABOTORI SCOLASTICI E A.T.A....5 4.2. INSEGNANTI..

Dettagli

Alunni Dott.Ing. Domenico PANARELLO

Alunni Dott.Ing. Domenico PANARELLO IL PIANO DI EMERGENZA Alunni Dott.Ing. Domenico PANARELLO Il Piano di Emergenza E una procedura di mobilitazione di mezzi e persone in grado di fronteggiare una determinata condizione di emergenza. Le

Dettagli

PROCEDURA DI EMERGENZA IN CASO DI TERREMOTO

PROCEDURA DI EMERGENZA IN CASO DI TERREMOTO PROCEDURA DI EMERGENZA IN CASO DI TERREMOTO IL TERREMOTO I terremoti non danno alcun preavviso e avvertimento e, anche dopo una prima scossa, non si può sapere se ve ne saranno altre e di quale entità.

Dettagli

Comunicazione n. 070 Chiari 04-10-2014

Comunicazione n. 070 Chiari 04-10-2014 Comunicazione n. 070 Chiari 04-10-2014 AI DOCENTI AGLI STUDENTI AI GENITORI AL PERSONALE ATA Oggetto: Sintesi del PIANO DI EMERGENZA / EVACUAZIONE Il presente opuscolo costituisce una sintesi del Piano

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO SABIN VADEMECUM SICUREZZA [CATEGORIA] (STUDENTI, DOCENTI, PERSONALE ATA)

LICEO SCIENTIFICO SABIN VADEMECUM SICUREZZA [CATEGORIA] (STUDENTI, DOCENTI, PERSONALE ATA) LICEO SCIENTIFICO SABIN VADEMECUM SICUREZZA [CATEGORIA] (STUDENTI, DOCENTI, PERSONALE ATA) PREMESSA Il tema della sicurezza sta finalmente acquistando rilevanza sempre crescente, e la scuola è l ambito

Dettagli

A TUTTO IL PERSONALE SCOLASTICO

A TUTTO IL PERSONALE SCOLASTICO A TUTTO IL PERSONALE SCOLASTICO PROCEDURE OPERATIVE DA SEGUIRE DURANTE IL TERREMOTO Il terremoto è un evento naturale chiaramente avvertibile, che non ha bisogno di un particolare tipo di allertamento

Dettagli

PROCEDURA DI ALLARME CHE COSA NON DEVE FARE CHI CHE COSA DEVE FARE

PROCEDURA DI ALLARME CHE COSA NON DEVE FARE CHI CHE COSA DEVE FARE All.OdS 9/04 Agg.12 UMC SISTEMA DI GESTIONE DELLA SICUREZZA Pag. 1 di 3 TO Procedura Operativa in caso di Evacuazione 1. SCOPO Scopo della presente procedura operativa è quello di fornire tutte le indicazioni

Dettagli

LIBERA UNIVERSITA MARIA Ss. ASSUNTA MANUALE PER STUDENTI PROCEDURE DI EMERGENZA ED EVACUAZIONE SOMMARIO 1. PROCEDURE DI EVACUAZIONE - INCENDIO

LIBERA UNIVERSITA MARIA Ss. ASSUNTA MANUALE PER STUDENTI PROCEDURE DI EMERGENZA ED EVACUAZIONE SOMMARIO 1. PROCEDURE DI EVACUAZIONE - INCENDIO PROCEDURE DI EMERGENZA ED EVACUAZIONE SOMMARIO 1. PROCEDURE DI EVACUAZIONE - INCENDIO 2. EMERGENZA SANITARIA 3. ALLAGAMENTO 4. TERREMOTO 1. PROCEDURE DI EVACUAZIONE (per qualsiasi tipo di emergenza, come

Dettagli

UNITI PER UNA......SCUOLA SICURA!

UNITI PER UNA......SCUOLA SICURA! UNITI PER UNA......SCUOLA SICURA! Un colore per ogni azione Abbiamo progettato un sistema impostato sul colore per favorire l'apprendimento dei vari comportamenti. Vignette e fumetti sono colorati per

Dettagli

TUTTI SONO TENUTI A PRENDERE VISIONE DI TALI PLANIMETRIE.

TUTTI SONO TENUTI A PRENDERE VISIONE DI TALI PLANIMETRIE. SICUREZZA 1 RACCOMANDAZIONI IN CASO D INFORTUNIO ALUNNI/E: 2 COMPLESSO DI NORME DA SEGUIRE PER L EVACUAZIONE DELL EDIFICIO SCOLASTICO INDICAZIONI GENERALI: nel corridoio di ogni piano sono affisse planimetrie

Dettagli

CORSO DI FORMAZIONE PIANO D EMERGENZA INTERNA E SICUREZZA ANTINCENDIO. S.O.C. Prevenzione Protezione 1

CORSO DI FORMAZIONE PIANO D EMERGENZA INTERNA E SICUREZZA ANTINCENDIO. S.O.C. Prevenzione Protezione 1 CORSO DI FORMAZIONE PIANO D EMERGENZA INTERNA E SICUREZZA ANTINCENDIO S.O.C. Prevenzione Protezione 1 DESTINATARIO TUTTO IL PERSONALE DELL AZIENDA OSPEDALIERA SS ANTONIO E BIAGIO E C. ARRIGO S.O.C. Prevenzione

Dettagli

Circolare interna n. 103 Villa Raverio 30.10.2013

Circolare interna n. 103 Villa Raverio 30.10.2013 M.K. GANDHI Via Ugo Foscolo 1, 20842 Villa Raverio di Besana in Brianza (MB) Telefono: 0362 942223 Fax: 0362 942297 e-mail: mkgandhi@mkgandhi.gov.it Posta certificata: miis00600e@pec.istruzione.it Sito:

Dettagli

Circ. n. 107 Villa Carcina, 30/03/15 Agli/Alle Insegnanti Dell IC T.Olivelli Villa Carcina ATTI

Circ. n. 107 Villa Carcina, 30/03/15 Agli/Alle Insegnanti Dell IC T.Olivelli Villa Carcina ATTI MINISTERO dell ISTRUZIONE, dell UNIVERSITÀ e della RICERCA ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE T. OLIVELLI Via Roma 9/11 25069 Villa Carcina (BS) 030/881023 - FAX 030/8982701 - C.F. 92008620178 - C.M. BSIC82600D

Dettagli

Disposizioni comportamentali in caso di emergenza.

Disposizioni comportamentali in caso di emergenza. TUTTI I PRESENTI NELLA SCUOLA in caso di sisma, porsi al riparo sotto i banchi o comunque ALLONTANARSI DAL CENTRO DELL AULA disponendosi lungo i muri portanti o vicino a pilastri e sotto le travi. 2) Al

Dettagli

Dirigente Scolastico / Collaboratore D.S.

Dirigente Scolastico / Collaboratore D.S. 7/a Dirigente Scolastico / Collaboratore D.S. 1. Il Dirigente Scolastico (o in sua vece il collaboratore del Dirigente Scolastico), una volta valutata la necessità di abbandonare rapidamente l edificio:

Dettagli

Liceo Statale F. Corradini

Liceo Statale F. Corradini PROCEDURA DI EVACUAZIONE NUCLEO OPERATIVO Allegato n. 5 Quando viene attivata la procedura di evacuazione, tutti i componenti del nucleo operativo devono mettersi a disposizione del capo squadra, in caso

Dettagli

COORDINATORI: ATTIVITA DA SVOLGERE

COORDINATORI: ATTIVITA DA SVOLGERE COORDINATORI: ATTIVITA DA SVOLGERE Allo scopo di ottenere una più adeguata conoscenza dell ambiente di lavoro/studio, soprattutto per i nuovi allievi, e di attivare i necessari automatismi nelle operazioni

Dettagli

ANNO SCOLASTICO 2014/2015

ANNO SCOLASTICO 2014/2015 ANNO SCOLASTICO 2014/2015 SCUOLA PRIMARIA E. DE AMICIS VIA GRAMSCI, 4 MASSA FISCAGLIA (FE) PIANO DI EMERGENZA ALUNNI E PERSONALE RELATIVAMENTE ALL'ANNO SCOLASTICO 2014/2015 Classi: 2a 3a 4a 5a Alunni:

Dettagli

PIANIFICAZIONE E GESTIONE DELLE EMERGENZE E DELL EVACUAZIONE SUCCURSALE (documento predisposto dall Ing. Scarlatti, addetto SPP del Liceo Fermi)

PIANIFICAZIONE E GESTIONE DELLE EMERGENZE E DELL EVACUAZIONE SUCCURSALE (documento predisposto dall Ing. Scarlatti, addetto SPP del Liceo Fermi) PIANIFICAZIONE E GESTIONE DELLE EMERGENZE E DELL EVACUAZIONE SUCCURSALE (documento predisposto dall Ing. Scarlatti, addetto SPP del Liceo Fermi) DISPOSITIVI DI ALLARME E presente un sistema automatico

Dettagli

Registrazione avvenuta EVACUAZIONE dall edificio in Emergenza

Registrazione avvenuta EVACUAZIONE dall edificio in Emergenza MODULO 1a Registrazione avvenuta EVACUAZIONE dall edificio in Emergenza (da inserire all interno del registro di classe) Da consegnare immediatamente al Responsabile Emergenza una volta raggiunto il Punto

Dettagli

LE PROVE DI EVACUAZIONE

LE PROVE DI EVACUAZIONE SIMULAZIONE TERREMOTO Il D.M. 26 AGOSTO 1992 dispone la realizzazione di due prove di evacuazione. La prima prova di evacuazione dell anno verrà condotta simulando un terremoto. L esercitazione si svilupperà

Dettagli

CHE COSA E UNA EMERGENZA

CHE COSA E UNA EMERGENZA Modalità operative CHE COSA E UNA EMERGENZA Ogni situazione anomala che presenti un pericolo potenziale o reale per l incolumità delle persone e dei beni. Esempio : CHE COSA E IL PIANO DI EMERGENZA E l

Dettagli

PER TUTTI GLI UTENTI DELLA SEDE DI VIA CREMONA, 99-BS NORME COMPORTAMENTALI DEGLI UTENTI CONOSCERE E GESTIRE LE EMERGENZE

PER TUTTI GLI UTENTI DELLA SEDE DI VIA CREMONA, 99-BS NORME COMPORTAMENTALI DEGLI UTENTI CONOSCERE E GESTIRE LE EMERGENZE PER TUTTI GLI UTENTI DELLA SEDE DI VIA CREMONA, 99-BS NORME COMPORTAMENTALI DEGLI UTENTI CONOSCERE E GESTIRE LE EMERGENZE Scopo di queste note è fornire succinte e chiare indicazioni sul comportamento

Dettagli

PIANO DI EVACUAZIONE Premessa

PIANO DI EVACUAZIONE Premessa PIANO DI EVACUAZIONE Premessa In caso di emergenza la struttura organizzativa deve essere in grado di reagire rapidamente e nel modo più uniforme possibile per fronteggiare il pericolo. Il Piano di Emergenza

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Istituto d Istruzione Superiore Statale "Giuseppe Parini"

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Istituto d Istruzione Superiore Statale Giuseppe Parini Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Istituto d Istruzione Superiore Statale "Giuseppe Parini" Sede : Via Badoni, 2-23900 LECCO - Tel. (0341) 362430 / 362460 -Fax (0341) 365101 Cod.fisc.

Dettagli

Guida all Emergenza Consigli pratici e norme di comportamento per gestire un emergenza terremoto o incendio nelle scuole

Guida all Emergenza Consigli pratici e norme di comportamento per gestire un emergenza terremoto o incendio nelle scuole Guida all Emergenza Consigli pratici e norme di comportamento per gestire un emergenza terremoto o incendio nelle scuole Redatto il 05. 10. 2011 dal Servizio di Prevenzione e Protezione della Scuola Definizione

Dettagli

PIANO DI EMERGENZA FASCICOLO DI CLASSE *****

PIANO DI EMERGENZA FASCICOLO DI CLASSE ***** PIANO DI EMERGENZA FASCICOLO DI CLASSE ***** PROCEDURE NORME DI COMPORTAMENTO A.S. 2008/2009 Allegato E NORME DI COMPORTAMENTO PER I RESPONSABILI DI CLASSE (DOCENTI) IN CASO DI EMERGENZA 1. In caso di

Dettagli

DM 10.3.1998 CRITERI GENERALI DI SICUREZZA ANTINCENDIO E PER LA GESTIONE DELL EMERGENZA NEI LUOGHI DI LAVORO

DM 10.3.1998 CRITERI GENERALI DI SICUREZZA ANTINCENDIO E PER LA GESTIONE DELL EMERGENZA NEI LUOGHI DI LAVORO D.Lgs 9 aprile 2008, n. 81 e S.M.I. ATTUAZIONE DELL ARTICOLO 1 DELLA LEGGE 3 AGOSTO 2007, N.123, IN MATERIA DI TUTELA DELLA SALUTE E DELLA SICUREZZA NEI LUOGHI DI LAVORO. DM 10.3.1998 CRITERI GENERALI

Dettagli

PROCEDURE OPERATIVE D EMERGENZA

PROCEDURE OPERATIVE D EMERGENZA PROCEDURE OPERATIVE D EMERGENZA COMPITI DEL COORDINATORE DELL EMERGENZA (PROC_1)...2 COMPITI DELL ADDETTO ALLA COMUNICAZIONE (PROC_2)...3 COMPITI DEGLI ADDETTI ALL EMERGENZA (PROC_3)...4 COMPITI DEL PERSONALE

Dettagli

PIANO DI EMERGENZA PROCEDURE DA ADOTTARE PER L EVACUAZIONE DELL EDIFICIO SCOLASTICO

PIANO DI EMERGENZA PROCEDURE DA ADOTTARE PER L EVACUAZIONE DELL EDIFICIO SCOLASTICO IIS Leonardo da Vinci, Via Alcide de Gasperi, 1 20841 Carate Brianza Tel: 0362903597 - Fax: 0362903684 http://www.iticarate.gov.it email icarate@iticarate.it PIANO DI EMERGENZA PROCEDURE DA ADOTTARE PER

Dettagli

doc 05 PIANO DI EMERGENZA (Pianificazione dell esodo) SCUOLA PRIMARIA SANTA MARIA BAMBINA 1 di 23

doc 05 PIANO DI EMERGENZA (Pianificazione dell esodo) SCUOLA PRIMARIA SANTA MARIA BAMBINA 1 di 23 PIANO DI EMERGENZA (Pianificazione dell esodo) I S T I T U T O C O M P R E N S I V O E S T 1 V I A A. D E L V E R R O C C H I O, 3 2 8 B r e s c i a SCUOLA PRIMARIA SANTA MARIA BAMBINA 1 di 23 PREMESSA

Dettagli

ISTITUTO STATALE di ISTRUZIONE SUPERIORE L. EINAUDI A. CECCHERELLI

ISTITUTO STATALE di ISTRUZIONE SUPERIORE L. EINAUDI A. CECCHERELLI COMPORTAMENTI DA ADOTTARE E COMPETENZE DURANTE L'EMERGENZA a) Comportamento da adottare in caso di incendio Comportamento dei lavoratori Chiunque assista ad un incendio deve: 1. Mantenere la calma; 2.

Dettagli

Corso per A.S.P.P. - Modulo B 6

Corso per A.S.P.P. - Modulo B 6 Corso per A.S.P.P. - Modulo B 6 Corsi di specializzazione per ASPP macro settore di attività 8 Modulo B Valutazione Rischi Istituto ISIS Ponti piazza Giovine Italia n. 3 - Gallarate Lezione del 10.01.2012

Dettagli

PIANO EMERGENZA (Pianificazione dell esodo)

PIANO EMERGENZA (Pianificazione dell esodo) Liceo Scientifico C. Cavalleri - Parabiago SEDE STACCATA Via dei Partigiani,1 - Canegrate PIANO EMERGENZA (Pianificazione dell esodo) Il Datore di Lavoro Prof. Luciano Bagnato.. data / /.. Rev. 06 del

Dettagli

PIANO DI EVACUAZIONE FASI

PIANO DI EVACUAZIONE FASI PIANO DI EVACUAZIONE Lo scopo principale del piano di evacuazione è quello di attivare comportamenti corretti di autodifesa singoli e collettivi in caso di emergenza a scuola e nel territorio, contribuendo

Dettagli

Pag. n. 2 di 5. Il Dirigente Scolastico, o suo sostituto, emana l ordine di evacuazione:

Pag. n. 2 di 5. Il Dirigente Scolastico, o suo sostituto, emana l ordine di evacuazione: Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca I.C.S. CARDARELLI - MASSAUA Via Scrosati, 4-20146 Milano Centralino 02.884.41534 - Fax 02.884.44514 - Didattica 02.884.44511 Amministrazione 02.884.41541-

Dettagli

D.M. 10 marzo 1998. Piano Emergenza Evacuazione

D.M. 10 marzo 1998. Piano Emergenza Evacuazione Piano Emergenza Evacuazione Il D.M 10 marzo 1998 prevede che, a seguito della VDRI deve essere predisposto e tenuto aggiornato, in forma scritta, dal Datore di Lavoro un Piano di Emergenza Antincendio,

Dettagli

NORME DI COMPORTAMENTO Da affiggere nelle aule e nei corridoi

NORME DI COMPORTAMENTO Da affiggere nelle aule e nei corridoi NORME DI COMPORTAMENTO Da affiggere nelle aule e nei corridoi NORME DI COMPORTAMENTO I - NORME DI COMPORTAMENTO Di Carattere Generale Al fine di tutelare la sicurezza e la salute di tutti; gli operatori

Dettagli

LORO SEDI. In preparazione della prossima prova di evacuazione, che si terrà a breve, i Coordinatori di Classe sono pregati di:

LORO SEDI. In preparazione della prossima prova di evacuazione, che si terrà a breve, i Coordinatori di Classe sono pregati di: Circ. n. 310 Milano, 28 maggio 2015 AL PERSONALE DOCENTE AL PERSONALE ATA LORO SEDI Oggetto: D.L.vo 81/08 s.m.i. Procedura evacuazione degli edifici scolastici in caso di emergenza o di prova di evacuazione.

Dettagli

INFORMATIVA SULLA SICUREZZA AI SENSI DEL D. Lgs. 81/2008 e s.m.i. Anno scolastico 2013/2014

INFORMATIVA SULLA SICUREZZA AI SENSI DEL D. Lgs. 81/2008 e s.m.i. Anno scolastico 2013/2014 Piano di esodo INFORMATIVA SULLA SICUREZZA AI SENSI DEL D. Lgs. 81/2008 e s.m.i. Anno scolastico 2013/2014 Il piano di emergenza deve essere predisposto per ogni luogo di lavoro. Per luoghi di lavoro di

Dettagli

Circolare interna n. 21 Villa Raverio 30.09.2014

Circolare interna n. 21 Villa Raverio 30.09.2014 M.K. GANDHI Via Ugo Foscolo 1, 20842 Villa Raverio di Besana in Brianza (MB) Telefono: 0362 942223 Fax: 0362 942297 e-mail: mkgandhi@mkgandhi.gov.it Posta certificata: miis00600e@pec.istruzione.it Sito:

Dettagli

cod edificio 00280 DII / DEI via Gradenigo 6/a FASI OPERATIVE

cod edificio 00280 DII / DEI via Gradenigo 6/a FASI OPERATIVE DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA INDUSTRIALE DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA DELL INFORMAZIONE DISPOSIZIONI GENERALI IN CASO DI EMERGENZA O PROVA DI EVACUAZIONE cod edificio 00280 DII / DEI via Gradenigo 6/a Avvio

Dettagli

COSA FARE IN CASO DI FRANA... - SE TI TROVI IN UN LUOGO CHIUSO - SE SEI ALL APERTO - SE NE AVVISTI UNA PER LA STRADA

COSA FARE IN CASO DI FRANA... - SE TI TROVI IN UN LUOGO CHIUSO - SE SEI ALL APERTO - SE NE AVVISTI UNA PER LA STRADA Frana COSA FARE IN CASO DI FRANA... - SE TI TROVI IN UN LUOGO CHIUSO - SE SEI ALL APERTO - SE NE AVVISTI UNA PER LA STRADA 30 frana SE TI TROVI AL CHIUSO DURANTE UNA FRANA mantieni e contribuisci a far

Dettagli

IS DIR 09 ISTRUZIONE SICUREZZA DOCENTI

IS DIR 09 ISTRUZIONE SICUREZZA DOCENTI IS DIR 09 ISTRUZIONE SICUREZZA DOCENTI I docenti non possono mettere a repentaglio la sicurezza degli alunni e devono pertanto: sorvegliare gli alunni conoscere e informare gli alunni loro affidati sulle

Dettagli

Piano di evacuazione di Istituto A.S.2012/2013 CHIAMATA DEI SOCCORSI

Piano di evacuazione di Istituto A.S.2012/2013 CHIAMATA DEI SOCCORSI CHIAMATA DEI SOCCORSI Telefono Dirigenza scolastica: 091 6143265 Telefono plesso di via De Gasperi 091 490249 Telefono plesso di via Tomasi di Lampedusa 091 6142456 Piano di evacuazione di Istituto A.S.2012/2013

Dettagli

MISURE DI EVACUAZIONE PER LA SEZIONE INFN DI MILANO RELATIVAMENTE AL LABORATORIO LASA REGOLAMENTO

MISURE DI EVACUAZIONE PER LA SEZIONE INFN DI MILANO RELATIVAMENTE AL LABORATORIO LASA REGOLAMENTO MISURE DI EVACUAZIONE PER LA SEZIONE INFN DI MILANO RELATIVAMENTE AL LABORATORIO LASA REGOLAMENTO Qualora si verichi un incidente tale da rendere necessario l abbandono cautelativo dell edificio (p. es.

Dettagli

I.I.S. ATESTINO Via Garibaldi, 23 35042 ESTE Padova Tel. 0429-2031 Fax. 0429-4345. D.Lgs. 09 Aprile 2008 n. 81. D.M. 10 Marzo 1998 PIANO DI EMERGENZA

I.I.S. ATESTINO Via Garibaldi, 23 35042 ESTE Padova Tel. 0429-2031 Fax. 0429-4345. D.Lgs. 09 Aprile 2008 n. 81. D.M. 10 Marzo 1998 PIANO DI EMERGENZA I.I.S. ATESTINO Via Garibaldi, 23 35042 ESTE Padova Tel. 0429-2031 Fax. 0429-4345 D.Lgs. 09 Aprile 2008 n. 81. D.M. 10 Marzo 1998 PIANO DI EMERGENZA Versione 3.2 Novembre 2011 PIANO DI EMERGENZA PREMESSA

Dettagli

I POSSIBILI PERICOLI NELL'AMBIENTE SCOLASTICO

I POSSIBILI PERICOLI NELL'AMBIENTE SCOLASTICO I POSSIBILI PERICOLI NELL'AMBIENTE SCOLASTICO Finestre, pavimenti, porte, termosifoni, costituiscono il rischio maggiore all interno della classe. Le ante delle finestre in particolare causano un infinità

Dettagli

Guida all Emergenza. ( per il personale docente) Consigli pratici e norme di comportamento per gestire un emergenza terremoto o incendio nelle scuole

Guida all Emergenza. ( per il personale docente) Consigli pratici e norme di comportamento per gestire un emergenza terremoto o incendio nelle scuole Guida all Emergenza ( per il personale docente) Consigli pratici e norme di comportamento per gestire un emergenza terremoto o incendio nelle scuole (Agg. Novembre 2012) A cura dello Studio Tecnico Si.En.A.

Dettagli

LA SICUREZZA NELL AMBIENTE SCOLASTICO

LA SICUREZZA NELL AMBIENTE SCOLASTICO LA SICUREZZA NELL AMBIENTE SCOLASTICO dispensa informativa per docenti e non docenti A CURA DEL SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE PREMESSA Le informazioni contenute nella presente dispensa sono nozioni

Dettagli

P.A.S. = PROTEGGI-AVVERTI-SOCCORRI

P.A.S. = PROTEGGI-AVVERTI-SOCCORRI ISTITUTO COMPRENSIVO DI PREGANZIOL Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di 1 grado Via A. Manzoni 1, 31022 Preganziol (Treviso) Tel 0422 330645-0422 938584 - CF 80011500263 www.icpreganziol.gov.it

Dettagli

P.A.S. = PROTEGGI-AVVERTI-SOCCORRI

P.A.S. = PROTEGGI-AVVERTI-SOCCORRI ISTITUTO COMPRENSIVO DI PREGANZIOL Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di 1 grado Via A. Manzoni 1, 31022 Preganziol (Treviso) Tel 0422 330645-0422 938584 - CF 80011500263 www.icpreganziol.gov.it

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO 18 BOLOGNA. SCUOLA SECONDARIA 1 grado F. DE ANDRÉ. Piano di emergenza Anno scolastico 2015 / 2016

ISTITUTO COMPRENSIVO 18 BOLOGNA. SCUOLA SECONDARIA 1 grado F. DE ANDRÉ. Piano di emergenza Anno scolastico 2015 / 2016 ISTITUTO COMPRENSIVO 18 BOLOGNA SCUOLA SECONDARIA 1 grado F. DE ANDRÉ Prot. 4409 del 17 settembre 2015 Piano di emergenza Anno scolastico 2015 / 2016 Per assicurare lo svolgimento dell abbandono dell edificio

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E DI ATTUAZIONE DELLE MISURE DI PREVENZIONE E PROTEZIONE

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E DI ATTUAZIONE DELLE MISURE DI PREVENZIONE E PROTEZIONE Ottobre 2014 Istituto di Istruzione Superiore Grazio Cossali via Milano 25034 Orzinuovi (BS) DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E DI ATTUAZIONE DELLE MISURE DI PREVENZIONE E PROTEZIONE Ai sensi degli

Dettagli

Ottemperare ad un obbligo di legge

Ottemperare ad un obbligo di legge Ottemperare ad un obbligo di legge Cultura della sicurezza (le prove di evacuazione iniziano a scuola e continuano nel mondo del lavoro) Il comportamento del docente deve essere da esempio per i ragazzi

Dettagli

COMPLESSO DI NORME DA SEGUIRE PER L EVACUAZIONE DELL EDIFICIO SCOLASTICO

COMPLESSO DI NORME DA SEGUIRE PER L EVACUAZIONE DELL EDIFICIO SCOLASTICO COMPLESSO DI NORME DA SEGUIRE PER L EVACUAZIONE DELL EDIFICIO SCOLASTICO INDICAZIONI GENERALI per l anno scolastico 2012-2013 Nel corridoio di ogni piano sono affisse planimetrie in cui sono evidenziate

Dettagli

PIANO DI EMERGENZA ANNO SCOLASTICO 2014/2015

PIANO DI EMERGENZA ANNO SCOLASTICO 2014/2015 SCUOLA ELEMENTARE DANTE ALIGHIERI TORREBELVICINO PIANO DI EMERGENZA ANNO SCOLASTICO 2014/2015 1- Introduzione 2- L edificio scolastico 3- Disposizione dei locali 4- Mensa scolastica 5- Emanazione ordine

Dettagli

SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO "E. PANZACCHI"

SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO E. PANZACCHI Note Comune di Ozzano dell Emilia - Bologna ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA DELL INFANZIA, PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO "E. PANZACCHI" http://icozzano.scuole.bo.it

Dettagli

Istituto Comprensivo Cena Latina

Istituto Comprensivo Cena Latina MINISTERO DELLA PUBBLICA ISTRUZIONE Istituto Comprensivo Cena Latina Centro Risorse Territoriale Via Lepanto 2 04100 Latina ( 0773 695393 fax 0773 471618 Sito: www.scuolacenalt.eu * ltic847002@istruzione.it

Dettagli

PROCEDURE OPERATIVE PER EVACUAZIONE DAI PLESSI IN CASO DI INCENDIO.

PROCEDURE OPERATIVE PER EVACUAZIONE DAI PLESSI IN CASO DI INCENDIO. PROCEDURE OPERATIVE PER EVACUAZIONE DAI PLESSI IN CASO DI INCENDIO. OPUSCOLO N.03 AL RILIEVO DI UN INCENDIO VENGONO EMESSI SUONI MULTIPLI CONSEGUENTEMENTE I PRESENTI NEL PLESSO SCOLASTICO DEVONO: MANTENERE

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO 22 ALBERTO MARIO

ISTITUTO COMPRENSIVO 22 ALBERTO MARIO Prot. n. 55/A23 del 7/01/2014 ISTITUTO COMPRENSIVO 22 ALBERTO MARIO Piazza Sant Eframo Vecchio, 130-80137 NAPOLI Tel. 0817519375 FAX: 0817512716 C.M. NAIC8BT00N Codice fiscale 80022520631 e- mail: naic8bt00n@istruzione.it

Dettagli

IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO PREVENZIONE E PROTEZIONE Ing. G. Corsi. IL RAPPRESENTANTE DEI LAVORATORI PER LA SICUREZZA Sig. G.

IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO PREVENZIONE E PROTEZIONE Ing. G. Corsi. IL RAPPRESENTANTE DEI LAVORATORI PER LA SICUREZZA Sig. G. 2013 2014 ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE E. Fermi L. da Vinci Via Bonistallo 73 50053 Empoli ALLEGATO 13 Informativa agli studenti Procedure e norme in caso di emergenza data firma IL DATORE DI LAVORO

Dettagli

INCENDIO ALLAGAMENTO TERREMOTO NUBE TOSSICA ALLARME BOMBA

INCENDIO ALLAGAMENTO TERREMOTO NUBE TOSSICA ALLARME BOMBA Estratto del PIANO DI EMERGENZA REDATTO AI SENSI E PER GLI EFFETTI DELL ART. 5 comma 1 D.M. 10 MARZO 1998, ART. 15 comma 1 lettera u D.LGS. 81/2008 E L ART. 12.0 D.M. 26/08/1992 INSIEME DELLE PROCEDURE

Dettagli

ESTRATTO DEL DOCUMENTO DI CUI ALL ART. 28 COMMA 2 D.LGS. N 81/2008 RELATIVO AL SISTEMA DI GESTIONE DELLA SICUREZZA SUL LAVORO

ESTRATTO DEL DOCUMENTO DI CUI ALL ART. 28 COMMA 2 D.LGS. N 81/2008 RELATIVO AL SISTEMA DI GESTIONE DELLA SICUREZZA SUL LAVORO ESTRATTO DEL DOCUMENTO DI CUI ALL ART. 28 COMMA 2 D.LGS. N 81/2008 RELATIVO AL SISTEMA DI GESTIONE DELLA SICUREZZA SUL LAVORO GLI ASPETTI ORGANIZZATIVI NEL LICEO Si riportano, quale esempio e non esaustivi,

Dettagli

Incendio presso la sede di Latinafiori

Incendio presso la sede di Latinafiori Pagina 1/5 CAMPO DI APPLICAZIONE Tutto il personale presente nella sede di Latinafiori, compresi visitatori, ditte esterne, collaboratori; Coordinatore della squadra di emergenza (o suo sostituto); Componenti

Dettagli

LIBRETTO INFORMATIVO - SCUOLA SICURA D.Lgs. 81/08 e D.Lgs.106/09

LIBRETTO INFORMATIVO - SCUOLA SICURA D.Lgs. 81/08 e D.Lgs.106/09 LIBRETTO INFORMATIVO - SCUOLA SICURA D.Lgs. 81/08 e D.Lgs.106/09 Approvato Dirigente Scolastico Rielaborazione degli Opuscoli Informativi dei Vigili del Fuoco a cura del RSPP Pag. 1 ISTRUZIONI SEMPLICI

Dettagli

Arch. Cristina Maiolati Salute e Sicurezza sul Lavoro. Aggiornamento dei lavoratori ai sensi degli art. 36 e 37 - D.Lgvo 81/08

Arch. Cristina Maiolati Salute e Sicurezza sul Lavoro. Aggiornamento dei lavoratori ai sensi degli art. 36 e 37 - D.Lgvo 81/08 Arch. Cristina Maiolati Salute e I.I.S Via delle Sette Chiese Aggiornamento dei lavoratori ai sensi degli art. 36 e 37 - D.Lgvo 81/08 LA PREVENZIONE DEI RISCHI È volta a fornire alcune brevi indicazioni

Dettagli

Tratto da Edizioni Giunti Progetti Educativi

Tratto da Edizioni Giunti Progetti Educativi e se succede? Tratto da Edizioni Giunti Progetti Educativi Cos è la protezione civile???? Protezione civile = Protezione dei cittadini NOI!!!!! Il SISTEMA di protezione civile La Sala Operativa Regionale

Dettagli

Collegio Enrico Fermi - S.N.S. Pisa

Collegio Enrico Fermi - S.N.S. Pisa PIANO DI EMERGENZA INCENDIO Gestione dell emergenza nei luoghi di lavoro MINISTERO DELL INTERNO - DECRETO 10 MARZO 1998 Collegio Enrico Fermi - S.N.S. Pisa CONSULENTE TECNICO Nome del tecnico Ordine provinciale

Dettagli

INDICAZIONI ESTRATTE DAL PIANO DI EVACUAZIONE aggiornamento 2015

INDICAZIONI ESTRATTE DAL PIANO DI EVACUAZIONE aggiornamento 2015 ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE PAOLO BOSELLI ISTITUTO TECNICO PER IL TURISMO ISTITUTO PROFESSIONALE PER I SERVIZI COMMERCIALI E SOCIO-SANITARI INDICAZIONI ESTRATTE DAL PIANO DI EVACUAZIONE aggiornamento

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO STATALE G. MERCALLI SEDE CENTRALE VIA ANDREA D ISERNIA n 34 80122 Napoli PIANO DI EVACUAZIONE. a.s. 2014/2015

LICEO SCIENTIFICO STATALE G. MERCALLI SEDE CENTRALE VIA ANDREA D ISERNIA n 34 80122 Napoli PIANO DI EVACUAZIONE. a.s. 2014/2015 LICEO SCIENTIFICO STATALE G. MERCALLI SEDE CENTRALE VIA ANDREA D ISERNIA n 34 80122 Napoli PIANO DI EVACUAZIONE a.s. 2014/2015 PREMESSA Nel rispetto del DMI del D.Lgs 81/2008 è stato predisposto per l'anno

Dettagli

V.Cardarelli Strada Prov.le Porto Clementino, snc 01016 TARQUINIA (VT) 0766/856779 fax 0766/848266 vtis001002@istruzione.it C.F.

V.Cardarelli Strada Prov.le Porto Clementino, snc 01016 TARQUINIA (VT) 0766/856779 fax 0766/848266 vtis001002@istruzione.it C.F. M.I.U.R. - Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE V.Cardarelli Strada Prov.le Porto Clementino, snc 01016 TARQUINIA

Dettagli

PIANO DI EMERGENZA ORGANIZZAZIONE E PROCEDURE

PIANO DI EMERGENZA ORGANIZZAZIONE E PROCEDURE ISTITUTO COMPRENSIVO G.Mariti - Fauglia PIANO DI EMERGENZA ORGANIZZAZIONE E PROCEDURE Pagina 1 di 12 Revisione: 1.7 Data: 30.09.2014 Obiettivi Il presente piano tende a perseguire i seguenti obiettivi:

Dettagli

PIANO PER LA GESTIONE DELLE EMERGENZE SEDE AMMINISTRATIVA VIA MASCAGNI SIENA

PIANO PER LA GESTIONE DELLE EMERGENZE SEDE AMMINISTRATIVA VIA MASCAGNI SIENA Azienda Regionale per il Diritto allo Studio Universitario della Toscana PIANO PER LA GESTIONE DELLE EMERGENZE SEDE AMMINISTRATIVA VIA MASCAGNI SIENA 1 STRUTTURA SEDE SEDE AMMINISTRATIVA VIA MASCAGNI 53,

Dettagli

DATA STATO REVISIONE REDAZIONE VERIFICA E APPROVAZIONE

DATA STATO REVISIONE REDAZIONE VERIFICA E APPROVAZIONE IO_11_Regole comportamentali per Fornitori Gentile Fornitore, Eco-recuperi srl ha stabilito una propria politica per la Qualità, la Sicurezza e l Ambiente (disponibile sul sito http://www.ecorecuperi.it/it/918-qualita.htm

Dettagli

COMUNE DI CAMPOFORMIDO DISTRETTO DEL CORMOR

COMUNE DI CAMPOFORMIDO DISTRETTO DEL CORMOR COMUNE DI CAMPOFORMIDO DISTRETTO DEL CORMOR 1 COSA FARE IN CASO DI: FRANA ALLUVIONE TROMBA D ARIA TEMPORALE CON FULMINI TERREMOTO 2 SE TI TROVI IN UN LUOGO CHIUSO: 1. mantieni la calma; COSA FARE IN CASO

Dettagli

Istituto Comprensivo Via Sauro Via N. Sauro,30 tel. 0362.903319 fax 0362.975329 20843 VERANO BRIANZA (MB)

Istituto Comprensivo Via Sauro Via N. Sauro,30 tel. 0362.903319 fax 0362.975329 20843 VERANO BRIANZA (MB) Istituto Comprensivo Via Sauro Via N. Sauro,30 tel. 0362.903319 fax 0362.975329 20843 VERANO BRIANZA (MB) PIANO DI EMERGENZA SCUOLA DELL INFANZIA IL MELOGRANO STRALCIO DEL COMPORTAMENTO DEI COLLABORATORI

Dettagli