NORME REDAZIONALI. - utilizzare WORD e non altri programmi

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "NORME REDAZIONALI. - utilizzare WORD e non altri programmi"

Transcript

1 NORME REDAZIONALI - utilizzare WORD e non altri programmi - per l indice ad inizio libro in esso si possono scrivere o soltanto i titoli dei capitoli o eventualmente anche i titoli dei paragrafi - utilizzare sempre e solo il carattere times new roman (per il testo, per le note, per i titoli...) - non scrivere con il carattere grassetto - non scrivere con il carattere sottolineato - rimandi nota: - tra parentesi - prima del segno di interpunzione - nessuno spazio tra la parola ed il rimando nota - parole straniere: in corsivo (es.: policy) o tra virgolette ( policy ), ma non entrambe le cose (NON policy ) - di norma, le virgolette da usare sarebbero quelle a sergente (), e al loro interno quelle ad apice ( ) - in ogni caso, alle virgolette aperte («oppure ) devono corrispondere SEMPRE le virgolette chiuse (» oppure ) - ad ogni parentesi aperta deve corrispondere SEMPRE una parentesi chiusa - controllare per ciascun capitolo che: - il titolo del capitolo corrisponda a quanto riportato nell indice ad inizio libro; - i titoli e la numerazione dei paragrafi corrispondano: - nell indice ad inizio libro (se in esso si intendono mettere non solo i titoli dei capitoli ma anche i titoli dei paragrafi) - nell eventuale sommario all inizio di ogni capitolo - nel testo. - Norme interne attività editoriale - orientamento verticale - pagine affiancate - carta: formato A4 - layout: intestazioni e piè di pagina: diversi per pari e dispari / diversi per la prima pagina TESTO - dimensione 11 - prima riga paragrafo: rientro di 1,25 cm

2 PAGINE PARI MONOGRAFIE: CAPITOLO I, CAPITOLO II... PAGINE PARI VOLUMI COLLETTANEI: NOME COGNOME AUTORE - interlinea intermedia NOTE - dimensione 9 - prima riga paragrafo: rientro di 0,5 cm NUMERI DI PAGINA - dimensione 9 - in basso esterni - NO numero sulla prima pagina TESTATINE CAPITOLO - dimensione 9, maiuscoletto - allineamento centrato per monografie: - pagine pari: capitolo I, capitolo II,... - pagine dispari: titolo capitolo per volumi collettanei: - pagine pari: nome autore - pagine dispari: titolo capitolo TITOLO CAPITOLO - allineamento centrato - dimensione 13, maiuscolo, non grassetto EVENTUALE SOTTOTITOLO CAPITOLO - allineamento centrato - dimensione 11, maiuscolo, non grassetto, corsivo - 1 interlinea prima EVENTUALE SOMMARIO AD INIZIO CAPITOLO (o si mette per tutti i capitoli o non si mette per nessun capitolo) - dimensione 10, corsivo (tranne la parola SOMMARIO, che va in maiuscoletto non corsivo) TITOLI PARAGRAFI: 2

3 PAGINE DISPARI MONOGRAFIE: TITOLO CAPITOLO PAGINE DISPARI VOLUMI COLLETTANEI: TITOLO CAPITOLO - dimensione 11, corsivo non grassetto - 1 interlinea dopo TITOLO DEL CAPITOLO (CONTROLLARE CHE CORRISPONDA ESATTAMENTE A QUANTO SCRITTO NELL INDICE): TIMES NEW ROMAN 13, MAIUSCOLO; CENTRATO, NESSUN RIENTRO DI PARAGRAFO; DUE INTERLINEE PRIMA EVENTUALE SOTTOTITOLO (CONTROLLARE CHE CORRISPONDA ESATTAMENTE A QUANTO SCRITTO NELL INDICE): TIMES NEW ROMAN 11, CORSIVO, MAIUSCOLO; CENTRATO, NESSUN RIENTRO; UNA INTERLINEA PRIMA SOMMARIO (SOLO LA PAROLA SOMMARIO VA IN MAIUSCOLETTO) : Times new roman 10, corsivo; giustificato, nessun rientro, interlinea singola (solo nel sommario l interlinea è singola; NB verificare che i titoli dei paragrafi corrispondano esattamente: - qui - nel testo - nel sommario ad inizio libro, se si decide di metterli anche lì. NB il sommario non è obbligatorio; però o si mette per tutti i capitoli, o non si mette per nessun capitolo. 1. Titolo del paragrafo: times new roman 11, corsivo; giustificato, nessun rientro; due interlinee prima e una dopo. Verificare l esatta corrispondenza tra indice, sommario e titoli dei paragrafi 3

4 PAGINE PARI MONOGRAFIE: CAPITOLO I, CAPITOLO II... PAGINE PARI VOLUMI COLLETTANEI: NOME COGNOME AUTORE Formato carattere del testo: times new roman 11, spaziatura singola. Formato paragrafo del testo: giustificato, prima riga rientro di 1,25 cm, interlinea singola LE NOTE A PIÈ DI PAGINA DEVONO ESSERE COMPILATE IN ADERENZA ALLE REGOLE ILLUSTRATE DI SEGUITO. È FONDAMENTALE CHE L AUTORE SI ATTENGA ALLE SUDDETTE REGOLE, CONSEGNANDO ELABORATI CHE SIANO GIÀ CONFORMI AD ESSE, AL FINE DI CONSENTIRE UNA RAPIDA EFFETTUAZIONE DELLE OPERAZIONI DI EDITING. Formato carattere: times new roman 9, spaziatura singola. Formato paragrafo: prima riga rientro di 0,5 cm, interlinea singola 12 pt. Esempio di citazione di monografia: P. ROSSI, Titolo della monografia, città, anno, eventuale numero di pagina. se finora di P. Rossi sono state citate più opere: P. ROSSI, Titolo della monografia, cit., eventuale numero di pagina; eventuale numero di pagina. Esempio di citazione di parte di volume: P. ROSSI, titolo dello scritto, in R. BIANCHI (a cura di), titolo del libro, città, anno, se finora di P. Rossi sono state citate più opere: P. ROSSI, titolo dello scritto, cit., eventuale numero di pagina; eventuale numero di pagina. Esempio di citazione di articoli di riviste: 4

5 PAGINE DISPARI MONOGRAFIE: TITOLO CAPITOLO PAGINE DISPARI VOLUMI COLLETTANEI: TITOLO CAPITOLO P. ROSSI, titolo dell articolo, in Rivista, eventuale numero della rivista, anno, se finora di P. Rossi sono state citate più opere: P. ROSSI, titolo dell articolo, cit., eventuale n di pagina; NOTA BENE: - AUTORE (IN MAIUSCOLETTO): iniziale nome / punto / spazio / cognome - se ci sono più autori, separare i nomi con la virgola e non con il trattino (es.: M. ROSSI, G. VERDI, e non M. ROSSI-G. VERDI) - titolo del libro, titolo dello scritto, titolo dell articolo, nome della rivista: sempre in corsivo - solo il numero della pagina, non indicare i nomi delle case editrici, ma solo i luoghi di edizione: 5

I riferimenti bibliografici vanno in formato americano e inseriti nel testo ogni volta che si può. La forma è come segue:

I riferimenti bibliografici vanno in formato americano e inseriti nel testo ogni volta che si può. La forma è come segue: 1. Titolo del capitolo (stile titolo 1: carattere times new roman 16, grassetto margini giustificati) Corpo del testo (stile normale: carattere times new roman 13, margini giustificati, interlinea 1,5.

Dettagli

Norme editoriali di Isonomia (monografie)

Norme editoriali di Isonomia (monografie) Norme editoriali di Isonomia (monografie) I. Lingua e formato dei contributi I contributi potranno essere presentati in italiano o in inglese. I relativi file andranno consegnati in doppio formato: rtf

Dettagli

Nuove norme redazionali per la rivista medico-scientifica IL BASSINI

Nuove norme redazionali per la rivista medico-scientifica IL BASSINI Nuove norme redazionali per la rivista medico-scientifica IL BASSINI Dal 2016, è prevista la sola edizione online della rivista medicoscientifica IL BASSINI, che sarà pubblicata sul sito aziendale WWW.ASST-NORDMILANO.IT.,

Dettagli

Esercitazioni Word. Parte I

Esercitazioni Word. Parte I Esercitazioni Word Parte I Domande Rispondete alle domande che trovate nei form internet alle seguenti pagine: - concetti di base: https://docs.google.com/forms/d/1yszcze1is3nvmiimzvdmgx6frnjesctytczgx1-eo7k/viewform

Dettagli

chiara.cappelletto@unimi.it Indice

chiara.cappelletto@unimi.it Indice DOTT.SSA CHIARA CAPPELLETTO ESTETICA chiara.cappelletto@unimi.it NORME PER LA STESURA DELL ELABORATO FINALE (LAUREA TRIENNALE) E DELLA TESI (LAUREA MAGISTRALE) Indice 1. L architettura generale 2. Norme

Dettagli

La disposizione estetica della lettera commerciale

La disposizione estetica della lettera commerciale La disposizione estetica della lettera commerciale Gli elementi costitutivi della lettera commerciale vengono disposti sul foglio secondo stili diversi: ogni a- zienda, infatti, caratterizza la sua immagine

Dettagli

SARDINIA 2013 ISTRUZIONI PER LA PREPARAZIONE DEGLI ARTICOLI E GLI EXECUTIVE SUMMARIES

SARDINIA 2013 ISTRUZIONI PER LA PREPARAZIONE DEGLI ARTICOLI E GLI EXECUTIVE SUMMARIES SARDINIA 2013 ISTRUZIONI PER LA PREPARAZIONE DEGLI ARTICOLI E GLI EXECUTIVE SUMMARIES Come concordato al momento dell invio del modulo di accettazione dell abstract al Sardinia 2013, gli autori sono invitati

Dettagli

Come impaginare in formato libro

Come impaginare in formato libro Come impaginare in formato libro 1. Le dimensioni del volume e impostazione della pagina Per consentire una migliore impaginazione delle tabelle e dei grafici, il formato dei libri e delle riviste della

Dettagli

Indicazioni Tipografiche per la composizione della tesina scritta di laurea

Indicazioni Tipografiche per la composizione della tesina scritta di laurea Istituto Superiore di Scienze Religiose Crema-Cremona-Lodi Indicazioni Tipografiche per la composizione della tesina scritta di laurea La tesina scritta di laurea deve essere di circa 25 pagine in corpo

Dettagli

3. numerati progressivamente con numeri romani e seguiti dal titolo; I paragrafi devono essere numerati progressivamente con numeri arabi seguiti dal

3. numerati progressivamente con numeri romani e seguiti dal titolo; I paragrafi devono essere numerati progressivamente con numeri arabi seguiti dal Standard Consigliati per la Redazione della Tesi di laurea La tesi deve essere redatta in due copie in formato A4 (una per lo studente stesso e l`altra per il relatore), con 20 righi per pagina, utilizzando

Dettagli

Norme redazionali «QuaderniCird» QuaderniCird Norme redazionali

Norme redazionali «QuaderniCird» QuaderniCird Norme redazionali Norme redazionali «Quaderni» Quaderni Norme redazionali 1 Norme redazionali «Quaderni» * Titoli Foglio di stile per autori «Quaderni»: Titoli dei contributi in corsivo (Gentium 20 pt) senza punto finale;

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA REALIZZAZIONE DELLA RELAZIONE FINALE del PROGETTO STRADALE. I.S.IS. Buonarroti - Fossombroni SETTORE TECNOLOGICO

LINEE GUIDA PER LA REALIZZAZIONE DELLA RELAZIONE FINALE del PROGETTO STRADALE. I.S.IS. Buonarroti - Fossombroni SETTORE TECNOLOGICO I.S.IS. Buonarroti - Fossombroni SETTORE TECNOLOGICO Costruzioni, ambiente e territorio Tecnologia del legno nelle costruzioni Prof. Fabrizio Martini Docente di laboratorio edilizio e topografia ISIS Buonarroti

Dettagli

Informatica d ufficio

Informatica d ufficio Informatica d ufficio Anno Accademico 2008/2009 Lezione N 3 Microsoft Word - prima parte Microsoft Word E un Word processor,cioè un programma che consente di creare e modificare documenti. Prevede numerose

Dettagli

QUADERNI DELL ISTITUTO LISZT NORME REDAZIONALI

QUADERNI DELL ISTITUTO LISZT NORME REDAZIONALI QUADERNI DELL ISTITUTO LISZT NORME REDAZIONALI 1. NORME GENERALI a. File: word. Carattere: Times New Roman. Testo principale in corpo 12. Note a piè pagina in corpo 10. b. Usare il corsivo nei seguenti

Dettagli

NORME EDITORIALI INDICAZIONI GENERALI: DIMENSIONE CONTRIBUTI: Titolo: Garamond 16 grassetto.

NORME EDITORIALI INDICAZIONI GENERALI: DIMENSIONE CONTRIBUTI: Titolo: Garamond 16 grassetto. NORME EDITORIALI INDICAZIONI GENERALI: Titolo: Garamond 16 grassetto. Esergo: - Garamond 11, corsivo. - Interlinea singola. - Giustificato. - Indicazione bibliografica dell esergo nel modo seguente: Nome

Dettagli

Università di Roma La Sapienza Facoltà di Sociologia. Cattedre di Analisi delle Politiche Pubbliche Sociologia dell'amministrazione

Università di Roma La Sapienza Facoltà di Sociologia. Cattedre di Analisi delle Politiche Pubbliche Sociologia dell'amministrazione Università di Roma La Sapienza Facoltà di Sociologia Cattedre di Analisi delle Politiche Pubbliche Sociologia dell'amministrazione Anno Accademico 2005-2006 MARGINI DELLA PAGINA: superiore 3 cm Inferiore

Dettagli

Informatica (Sistemi di elaborazione delle informazioni)

Informatica (Sistemi di elaborazione delle informazioni) Informatica (Sistemi di elaborazione delle informazioni) Corso di laurea in Scienze dell'educazione Lezione 2 Elaborazione di testi (parte 1) Mario Alviano Sommario Formattazione di Caratteri Paragrafi

Dettagli

Norme redazionali HB

Norme redazionali HB Norme redazionali HB 1. Impostazioni di pagina Per il LAYOUT PAGINA, impostare: Formato pagina: A5 Margini: superiore cm 2,5 inferiore cm 2 sinistro cm 2 destro cm 2 piè di pagina: cm 2 rilegatura: 0 Per

Dettagli

La scadenza per l invio degli abstract per i POSTER è stata posticipata al 20 febbraio 2009

La scadenza per l invio degli abstract per i POSTER è stata posticipata al 20 febbraio 2009 La scadenza per l invio degli abstract per i POSTER è stata posticipata al 20 febbraio 2009 MODULO ABSTRACT E NORME PER GLI AUTORI Il congresso si svilupperà sui seguenti temi: sicurezza negli ambienti

Dettagli

INTERSTENO. Software di elaborazione testi utilizzato

INTERSTENO. Software di elaborazione testi utilizzato INTERSTENO International Federation for Information Processing Internationale Föderation für Informationsverarbeitung Fédération internationale pour le traitement de l information Professional Word Processing

Dettagli

LANDSCAPE IN PROGRESS SEZIONE n - TITOLO SEZIONE The third Island

LANDSCAPE IN PROGRESS SEZIONE n - TITOLO SEZIONE The third Island LANDSCAPE IN PROGRESS SEZIONE n - TITOLO SEZIONE The third Island 64 94 14 TITOLO DEL PROGETTO (Calibri 18 - allineamento a sinistra) AUTORE/I ( Calibri 10_Nome, Cognome e foto singole o di gruppo) CREDITI

Dettagli

Norme redazionali Diogene Edizioni. Per il testo e le note vanno rispettati i seguenti criteri esemplificati: Testo (corpo 12)

Norme redazionali Diogene Edizioni. Per il testo e le note vanno rispettati i seguenti criteri esemplificati: Testo (corpo 12) I testi devono pervenire in formato elettronico (servendosi del programma di scrittura Word di Windows con carattere Garamond corpo 12, per le parole in greco antico non traslitterato è necessario l utilizzo

Dettagli

Word 2003 Formattare il testo

Word 2003 Formattare il testo Word 2003 Formattare il testo Cambiare l aspetto grafico del testo 1 Cosa vuol dire Formattare il testo significa personalizzarlo, renderlo più piacevole da vedere e comodo da leggere. 2 Con i comandi

Dettagli

La costruzione di documenti ben formati

La costruzione di documenti ben formati La forza del web sta nella sua universalità. L accesso da parte di chiunque, indipendentemente dalle disabilità, ne è un aspetto essenziale Tim Berners Lee La costruzione di documenti ben formati 1/14

Dettagli

Linee guida per l avvio del tirocinio curriculare della laurea triennale e lo sviluppo dell elaborato di laurea

Linee guida per l avvio del tirocinio curriculare della laurea triennale e lo sviluppo dell elaborato di laurea Linee guida per l avvio del tirocinio curriculare della laurea triennale e lo sviluppo dell elaborato di laurea Perché il tirocinio inizi e si sviluppi nel migliore dei modi, qualche accorgimento può essere

Dettagli

TESI DI LAUREA. lib.athenaeum@gmail.com

TESI DI LAUREA. lib.athenaeum@gmail.com TESI DI LAUREA lib.athenaeum@gmail.com 3664069773 PREZZI COPERTINE IN SIMILPELLE = 22 COPERTINE CARTONCINO = 8 STAMPA IN BIANCO E NERO 0,07 A FACCIATA STAMPA A COLORI 0,50 A FACCIATA COLORI DELLE COPERTINE

Dettagli

Databenc-Press, norme redazionali per la formattazione dei contributi. 1. Indicazioni generali. 2. Struttura del lavoro. 3.

Databenc-Press, norme redazionali per la formattazione dei contributi. 1. Indicazioni generali. 2. Struttura del lavoro. 3. Databenc-Press, norme redazionali per la formattazione dei contributi 1. Indicazioni generali A) Per la formattazione dei testi destinati alla pubblicazione è necessario utilizzare il template di InDesign

Dettagli

Università degli Studi di Napoli Federico II

Università degli Studi di Napoli Federico II VADEMECUM DEL TESISTA PREMESSA Questo scritto costituisce un supporto alla stesura dell elaborato finale. Per questo motivo, ciascun candidato è tenuto a prenderne visione prima di procedere alla redazione

Dettagli

Norme redazionali. in entrambi i casi il file digitale deve essere accompagnato dal manoscritto stampato o da un file PDF

Norme redazionali. in entrambi i casi il file digitale deve essere accompagnato dal manoscritto stampato o da un file PDF Norme redazionali 1. Indicazioni generali A) Si prega di utilizzare, per la stesura dei documenti destinati alla pubblicazione, il word processor Microsoft Word (sistema operativo Windows oppure Macintosh

Dettagli

FORMATO PROVA FINALE

FORMATO PROVA FINALE FORMATO PROVA FINALE Il Consiglio di Corso di Laurea in Scienze dell Amministrazione ha deliberato di adottare un nuovo format per le tesi cui occorre dunque attenersi. Quelle qui riportate sono le regole

Dettagli

PER GLI AUTORI. Norme Redazionali

PER GLI AUTORI. Norme Redazionali PER GLI AUTORI Norme Redazionali Lunghezza Gli articoli, comprensivi di note e di riferimenti bibliografici, non devono superare le 7.000 parole. Le recensioni dei libri non devono superare le 1.500 parole.

Dettagli

Prova finale / Regole tipografiche

Prova finale / Regole tipografiche Prova finale / Regole tipografiche Copertina: scaricare dal sito http://www.unibg.it/provafinale il file della Facoltà di riferimento ed inserire i dati personali. Di seguito si forniscono indicazioni

Dettagli

COME CITARE PER LAUREANDI: Interlinea 1, 5 o 2, Times New Roman, Carattere 12 o 14 1) USO DELLE VIRGOLETTE

COME CITARE PER LAUREANDI: Interlinea 1, 5 o 2, Times New Roman, Carattere 12 o 14 1) USO DELLE VIRGOLETTE COME CITARE PER LAUREANDI: Interlinea 1, 5 o 2, Times New Roman, Carattere 12 o 14 1) USO DELLE VIRGOLETTE Virgolette semplici alte: ( ): per evidenziare le citazioni nelle citazioni Doppie virgolette

Dettagli

ISTITUTO SUPERIORE DI SCIENZE RELIGIOSE mons. Alfredo Battisti UDINE. Note di Metodologia

ISTITUTO SUPERIORE DI SCIENZE RELIGIOSE mons. Alfredo Battisti UDINE. Note di Metodologia ISTITUTO SUPERIORE DI SCIENZE RELIGIOSE mons. Alfredo Battisti UDINE IN COLLEGAMENTO ACCADEMICO CON LA FACOLTÀ TEOLOGICA DEL TRIVENETO Giovanni Del Missier Note di Metodologia Appunti minimi ad uso esclusivo

Dettagli

Guida alla preparazione della tesi Elaborato scritto in vista della prova finale

Guida alla preparazione della tesi Elaborato scritto in vista della prova finale Guida alla preparazione della tesi Elaborato scritto in vista della prova finale Vi sono tre punti fondamentali da tenere sempre presenti, qualsiasi sia il tipo di elaborato prescelto: 1. L argomentazione

Dettagli

METODOLOGIA A. BIBLIOGRAFIA

METODOLOGIA A. BIBLIOGRAFIA METODOLOGIA A. BIBLIOGRAFIA I. Libri I libri vengono riportati in questo modo: - secondo l ordine alfabetico; - prima il cognome in maiuscoletto, poi l iniziale del nome in maiuscolo, seguiti da un punto

Dettagli

NOTE PER LA REDAZIONE DI TESTI DA PUBBLICARE SUL SITO SOCIETÀ AMICI DEL PENSIERO

NOTE PER LA REDAZIONE DI TESTI DA PUBBLICARE SUL SITO SOCIETÀ AMICI DEL PENSIERO NOTE PER LA REDAZIONE DI TESTI DA PUBBLICARE SUL SITO SOCIETÀ AMICI DEL PENSIERO Chiediamo a ciascun Autore di fornire i propri testi in file Word. Formato: mandare i testi in Word (o.doc o.docx), e.rtf.

Dettagli

Il frontespizio reca il nome dell università, il titolo dell elaborato, il nome dello studente e del relatore.

Il frontespizio reca il nome dell università, il titolo dell elaborato, il nome dello studente e del relatore. ELABORATO TEORICO - NORME REDAZIONALI INDICATIVE STRUTTURA La struttura dell elaborato teorico dovrebbe di norma essere formata da: frontespizio introduzione argomentazione conclusione bibliografia appendice

Dettagli

NORME REDAZIONALI SERVIZIO EDITORIALE UNIVERSITARIO

NORME REDAZIONALI SERVIZIO EDITORIALE UNIVERSITARIO 1 NORME REDAZIONALI SERVIZIO EDITORIALE UNIVERSITARIO ABBREVIAZIONI PRINCIPALI Id. = Idem p. (pp.) = pagina (pagine) s. (ss.) = seguente (seguenti) cfr. = confronta ed. = edizione vol. (voll.) = volume

Dettagli

Lettera commerciale. Struttura generale

Lettera commerciale. Struttura generale Lettera commerciale Struttura generale Posizionamento dati sul foglio A4 Lettera commerciale È rappresentato un foglio formato A4 con i margini evidenziati per limitare la zona di lavoro (lettera vera

Dettagli

Università degli studi di Verona. Corso di Informatica di Base. Lezione 4 - Parte 2. Rifinitura di un documento

Università degli studi di Verona. Corso di Informatica di Base. Lezione 4 - Parte 2. Rifinitura di un documento Università degli studi di Verona Corso di Informatica di Base Lezione 4 - Parte 2 Rifinitura di un documento In questa seconda parte vedremo le principali rifiniture di un documento. In particolare: 1.

Dettagli

MICROSOFT OFFICE - WORD Programma di videoscrittura. CORSO DI INFORMATICA LIVELLO 1 - Lezione 4-5. Docente Marsili M.

MICROSOFT OFFICE - WORD Programma di videoscrittura. CORSO DI INFORMATICA LIVELLO 1 - Lezione 4-5. Docente Marsili M. MICROSOFT OFFICE - WORD Programma di videoscrittura Il pacchetto MICROSOFT OFFICE contiene diversi software: Word Excel Power Point Access Publisher Outlook (dalla versione 2010) One Note (dalla versione

Dettagli

COME STRUTTURARE UN LAVORO AL COMPUTER IN MODO EFFICACE

COME STRUTTURARE UN LAVORO AL COMPUTER IN MODO EFFICACE COME STRUTTURARE UN LAVORO AL COMPUTER IN MODO EFFICACE CPC Locarno SOMMARIO 1 Formattazione del documento... 1 1.1 Salvataggio del documento... 1 1.2 Margini... 1 1.3 Copertina... 1 1.4 Sommario Parte

Dettagli

NORME REDAZIONALI INDICATIVE PER LA STESURA DELLA TESI DI LAUREA

NORME REDAZIONALI INDICATIVE PER LA STESURA DELLA TESI DI LAUREA NORME REDAZIONALI INDICATIVE PER LA STESURA DELLA TESI DI LAUREA PREMESSA La struttura di una tesi è generalmente formata da: 1) frontespizio; 2) indice; 3) introduzione; 4) capitoli; 5) conclusioni; 6)

Dettagli

RIVISTA DI STORIA DEL RIFORMISMO RELIGIOSO NELL ETÀ CONTEMPORANEA LAYOUT GRAFICO

RIVISTA DI STORIA DEL RIFORMISMO RELIGIOSO NELL ETÀ CONTEMPORANEA LAYOUT GRAFICO «MODERNISM» RIVISTA DI STORIA DEL RIFORMISMO RELIGIOSO NELL ETÀ CONTEMPORANEA LAYOUT GRAFICO I saggi da sottoporre a valutazione devono essere presentati nel seguente modo: Titolo Nome Cognome autore +

Dettagli

Nel conteggio delle parole sono incluse le note.

Nel conteggio delle parole sono incluse le note. Direttive per i contributi in italiano Informazioni generali 1. I contributi saranno pubblicati previa approvazione della redazione, attraverso una procedura di peer review. 2. Gli autori ricevono come

Dettagli

Norme redazionali. Testo

Norme redazionali. Testo Norme redazionali Testo Gli Autori devono consegnare il testo del contributo, oltre che in forma dattiloscritta, anche in forma elettronica con il file Word in formato rtf. I testi possono anche essere

Dettagli

«Filosofia» Norme redazionali. Titolo paragrafo: Times New Roman, corpo 12, 2 righe vuote sopra, 1 riga vuota sotto, interlinea 1,5

«Filosofia» Norme redazionali. Titolo paragrafo: Times New Roman, corpo 12, 2 righe vuote sopra, 1 riga vuota sotto, interlinea 1,5 «Filosofia» Norme redazionali Regole generali Autore: Times New Roman, corpo 14, corsivo, interlinea 1,5 Titolo saggio: Times New Roman, corpo 14, grassetto, interlinea 1,5 Titolo paragrafo: Times New

Dettagli

CINERGIE ONLINE Norme redazionali

CINERGIE ONLINE Norme redazionali CINERGIE ONLINE Norme redazionali CINERGIE MEDIA I testi devono essere compresi tra 5000 e 7000 battute e NON devono contenere note. Per tutto il resto si rimanda alle norme di CINERGIE SEMESTRALE CINERGIE

Dettagli

Norme per la redazione di articoli per la rivista Geoingegneria Ambientale e Mineraria

Norme per la redazione di articoli per la rivista Geoingegneria Ambientale e Mineraria Norme per la redazione di articoli per la rivista Geoingegneria Ambientale e Mineraria ASPETTI GENERALI La collaborazione alla rivista Geoingegneria Ambientale e Mineraria è aperta ai soci e non soci dell

Dettagli

SAPIENZA LEGAL PAPERS Quaderni degli Alunni della Facoltà di Giurisprudenza REGOLAMENTO

SAPIENZA LEGAL PAPERS Quaderni degli Alunni della Facoltà di Giurisprudenza REGOLAMENTO SAPIENZA LEGAL PAPERS Quaderni degli Alunni della Facoltà di Giurisprudenza REGOLAMENTO 1 CARATTERI ESSENZIALI E DEFINIZIONI 1. Sapienza Legal Papers : Quaderni degli Alunni della Facoltà di Giurisprudenza

Dettagli

La schermata di Word. Finestra del documento. Icona del programma. Barra titolo Barra dei menu Barra Standard Barra Formattazione Assistente di Office

La schermata di Word. Finestra del documento. Icona del programma. Barra titolo Barra dei menu Barra Standard Barra Formattazione Assistente di Office La schermata di Word Icona del programma Barra titolo Barra dei menu Barra Standard Barra Formattazione Assistente di Office Righelli Punto d inserimento Finestra del documento Barra di stato Barre di

Dettagli

NORME GENERALI E NORME EDITORIALI PER I COLLABORATORI

NORME GENERALI E NORME EDITORIALI PER I COLLABORATORI NORME GENERALI E NORME EDITORIALI PER I COLLABORATORI NORME GENERALI A. «Storia del pensiero politico» accetta proposte di contributi in italiano e in inglese. Vengono presi in considerazione articoli

Dettagli

NORME REDAZIONALI INDICATIVE PER LA STESURA DELLA TESI DI LAUREA

NORME REDAZIONALI INDICATIVE PER LA STESURA DELLA TESI DI LAUREA NORME REDAZIONALI INDICATIVE PER LA STESURA DELLA TESI DI LAUREA PREMESSA La struttura di una tesi è generalmente formata da: 1) frontespizio; 2) indice; 3) introduzione; 4) capitoli; 5) conclusioni; 6)

Dettagli

Microsoft Word. Nozioni di base

Microsoft Word. Nozioni di base Microsoft Word Nozioni di base SOMMARIO Esercitazione n. 1 (NOZIONI DI BASE) Introduzione Salvare e aprire un documento L interfaccia di Word Gli strumenti di Microsoft Draw La guida in linea Impostazione

Dettagli

INTRODUZIONE A WORD CHE COS E WORD AVVIARE E CHIUDERE WORD INTERFACCIA UTENTE DI WORD

INTRODUZIONE A WORD CHE COS E WORD AVVIARE E CHIUDERE WORD INTERFACCIA UTENTE DI WORD INTRODUZIONE A WORD CHE COS E WORD Word è il software che consente di creare documenti testuali utilizzando un computer. Consente anche di inserire nel documento oggetti come: Fotografie Immagini Disegni

Dettagli

MELTEMI EDITORE NORME EDITORIALI

MELTEMI EDITORE NORME EDITORIALI EDITORE NORME EDITORIALI Norme editoriali Pagina 1 di 7 UTILIZZO DI WORD Usare l inserimento automatico delle note a piè di pagina e NON ricominciare la numerazione da 1 per un nuovo capitolo, ma lasciate

Dettagli

Laboratorio di Informatica

Laboratorio di Informatica Laboratorio di Informatica per la laurea triennale in Chimica ESERCITAZIONE 2 - Sistemi per la scrittura 1 Storia Scrivani Macchine da scrivere, ciclostile, fotocopiatrice Primi sistemi per la videoscrittura,

Dettagli

IMPOSTA PAGINA. Editor di testi: Ms Word per Windows REGOLE PER LA PUBBLICAZIONE SU CD ROM. Editore di testi: Word per Windows

IMPOSTA PAGINA. Editor di testi: Ms Word per Windows REGOLE PER LA PUBBLICAZIONE SU CD ROM. Editore di testi: Word per Windows UNIVERSITA DEGLI STUDI DI NAPOLI PARTHENOPE VIA MEDINA, 40-80133 NAPOLI (ITALIA) PHONE: (+39) 081 552 25 88 081 547 49 20 FAX: (+39) 081 547 49 04 e-mail: claudio.quintano@uniparthenope.it REGOLE PER LA

Dettagli

Istruzioni per la compilazione dell elaborato finale

Istruzioni per la compilazione dell elaborato finale Istruzioni per la compilazione dell elaborato finale 1. Elaborato finale Produzione di un elaborato nella forma di breve saggio scientifico a partire dalla lettura di uno (o più) dei seguenti romanzi:

Dettagli

Inserire questa intestazione centrata, corsivo, grassetto, Arial a 10 punti. LAB. WORD -

Inserire questa intestazione centrata, corsivo, grassetto, Arial a 10 punti. LAB. WORD - PUNTO 1 Impostare il font Arial, dimensione 14, allineamento a sinistra. P.2 Impostare i margini del foglio in questo modo: superiore e inferiore a 2.5 cm, destro e sinistro a 2 cm, intestazione e piè

Dettagli

CRITERI PER L ELABORAZIONE DI TESI E TESINE

CRITERI PER L ELABORAZIONE DI TESI E TESINE CRITERI PER L ELABORAZIONE DI TESI E TESINE CRITERI PER L ELABORAZIONE DI TESI E TESINE... 1 1. Le parti di una tesi/tesina... 1 L indice-sommario... 1 L elenco delle abbreviazioni/sigle... 1 La introduzione...

Dettagli

Un documento ben formato

Un documento ben formato Un documento ben formato Sommario PREMESSA... 1 PASSO 1. OPERAZIONI PRELIMINARI... 1 PASSO 2.VIA FORMATTAZIONE E PARAGRAFI VUOTI...2 CANCELLAZIONE FORMATTAZIONE...... 2 ELIMINO I PARAGRAFI VUOTI... 2 PASSO

Dettagli

Video Scrittura (MS Word) Lezione 3 Formattazione e Stampa documenti

Video Scrittura (MS Word) Lezione 3 Formattazione e Stampa documenti Video Scrittura (MS Word) Lezione 3 Formattazione e Stampa documenti Formattazione di un documento La formattazione di un documento consente di migliorare l impaginazione del testo e di dare al al documento

Dettagli

Norme redazionali. Gli articoli proposti per la pubblicazione devono conformarsi alle seguenti norme redazionali:

Norme redazionali. Gli articoli proposti per la pubblicazione devono conformarsi alle seguenti norme redazionali: Norme redazionali Gli articoli proposti per la pubblicazione devono conformarsi alle seguenti norme redazionali: 1) Gli articoli inediti e non sottoposti alla valutazione di altre riviste, devono essere

Dettagli

Consigli per la stesura della Tesi

Consigli per la stesura della Tesi Consigli per la stesura della Tesi 1.Norme Generali Durante la stesura della tesi è opportuno prestare attenzione ad alcuni aspetti talvolta sottovalutati che tuttavia concorrono a definire la qualità

Dettagli

Obiettivi del corso Elaborazione testi Slide n 1

Obiettivi del corso Elaborazione testi Slide n 1 ECDL Word 2000 Obiettivi del corso Avviare e chiudere Word Creare, salvare, aggiornare e stampare documenti Utilizzare un modello per creare un documento Ottenere aiuto Migliorare la veste grafica del

Dettagli

Brevi istruzioni su come fare una tesi. I testi riportati sono tratti da: pagina web sul libro di Umberto Eco Come si fa una tesi di laurea

Brevi istruzioni su come fare una tesi. I testi riportati sono tratti da: pagina web sul libro di Umberto Eco Come si fa una tesi di laurea Brevi istruzioni su come fare una tesi I testi riportati sono tratti da: pagina web sul libro di Umberto Eco Come si fa una tesi di laurea L inizio e la fine Una delle prime cose da fare per cominciare

Dettagli

STRUTTURA DELL ELABORATO Copertina frontespizio indice testo appendici (eventuali) bibliografia sitografia (eventuale)

STRUTTURA DELL ELABORATO Copertina frontespizio indice testo appendici (eventuali) bibliografia sitografia (eventuale) NORME ESSENZIALI PER LA REDAZIONE DELLA TESI DI LAUREA 1 (per i corsi di laurea in Lingue e culture moderne e Lingue moderne per la comunicazione e la cooperazione internazionale) STRUTTURA DELL ELABORATO

Dettagli

Indicazioni generali per la grafica delle tesi1

Indicazioni generali per la grafica delle tesi1 Elio Padoano Indicazioni generali per la grafica delle tesi1 (Consiglio generale: redigere le prime bozze seguendo già le impostazioni definitive.) 1. Impostazione pagina Margini: Superiore 2,5+3,0 cm

Dettagli

FINALITÀ E STRUTTURA DEL TIROCINIO DI LAUREA E DELLA PROVA FINALE

FINALITÀ E STRUTTURA DEL TIROCINIO DI LAUREA E DELLA PROVA FINALE FINALITÀ E STRUTTURA DEL TIROCINIO DI LAUREA E DELLA PROVA FINALE La laurea triennale si consegue con una prova finale che consiste nella discussione pubblica dell elaborato finale di tirocinio. L elaborato

Dettagli

ELABORATO TEORICO. NORME REDAZIONALI INDICATIVE

ELABORATO TEORICO. NORME REDAZIONALI INDICATIVE ELABORATO TEORICO. NORME REDAZIONALI INDICATIVE STRUTTURA La struttura dell elaborato teorico dovrebbe di norma essere formata da _ frontespizio _ introduzione _ argomentazione _ conclusione _ bibliografia

Dettagli

Norme per la pubblicazione di contributi di interesse scientifico-professionale su Il Chimico Italiano

Norme per la pubblicazione di contributi di interesse scientifico-professionale su Il Chimico Italiano Norme per la pubblicazione di contributi di interesse L accettazione per la stampa dei contributi originali di interesse scientifico e professionale nel campo della chimica è subordinato all approvazione

Dettagli

TESI DI LAUREA: istruzioni per l uso

TESI DI LAUREA: istruzioni per l uso LETTERE E BENI CULTURALI DIPARTIMENTO DI STORIA E TUTELA DEI BENI CULTURALI TESI DI LAUREA: istruzioni per l uso Step 1: ELABORARE E SCRIVERE LA TESI Step 2: PRESENTARE LA DOMANDA DI LAUREA Step 3: SAPER

Dettagli

Voglio scrivere un romanzo (parte 2)

Voglio scrivere un romanzo (parte 2) Ecco, utilizzando "Blocco note", ho incominciato a scrivere il mio "romanzo". Ma che brutto! Non riesco a dare una forma accettabile al mio romanzo: se lo dovessi presentare a qualcuno per farmelo pubblicare,

Dettagli

Sezione II MODULISTICA II.1

Sezione II MODULISTICA II.1 Sezione II MODULISTICA II.1 II.2 MODULISTICA II.a CARTA INTESTATA pag. II. 5 II.b CARTA INTESTATA DI DIPARTIMENTO pag. II. 8 II.c BIGLIETTI DA VISITA pag. II. 10 II.d CARTELLE ISTITUZIONALI pag. II. 12

Dettagli

L istituzionalizzazione delle relazioni pubbliche e della comunicazione

L istituzionalizzazione delle relazioni pubbliche e della comunicazione Congresso EUPRERA 2008 Call for Papers L istituzionalizzazione delle relazioni pubbliche e della comunicazione in collaborazione con e 16-18 Ottobre 2008, Milano, Italia Euprera (European Public Relations

Dettagli

Che cosa c è nella lezione

Che cosa c è nella lezione Scrittura Tecnica 1 Che cosa c è nella lezione Questa lezione si occupa delle norme di scrittura. Si preoccupa cioè di indicare le principali norme da seguire per stendere con rigore un testo tecnico.

Dettagli

Analisi delle reti sociali

Analisi delle reti sociali La ricerca su campo Analisi delle reti sociali Prof. Fabio Corbisiero Istruzioni per la ricerca su campo e l analisi dei dati Scopo della ricerca su campo (ricerca empirica) è quello di permettere allo

Dettagli

SCIENZE DELLA FORMAZIONE PRIMARIA

SCIENZE DELLA FORMAZIONE PRIMARIA Corso di Laurea in Scienze della Formazione primaria Facoltà di Scienze della Formazione SPORTELLO TESI Istruzioni per lo svolgimento della TESI DI LAUREA o della PROVA FINALE in SCIENZE DELLA FORMAZIONE

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA STESURA DELLA TESI DI LAUREA MAGISTRALE

LINEE GUIDA PER LA STESURA DELLA TESI DI LAUREA MAGISTRALE LINEE GUIDA PER LA STESURA DELLA TESI DI LAUREA MAGISTRALE Prima di iniziare il lavoro di tesi è utile strutturare la bozza di un indice, che rappresenta il percorso che si intende seguire nello svolgimento

Dettagli

NORME PER I COLLABORATORI di aut aut versione essenziale NOTE PRELIMINARI

NORME PER I COLLABORATORI di aut aut versione essenziale NOTE PRELIMINARI 1 NORME PER I COLLABORATORI di aut aut versione essenziale NOTE PRELIMINARI 1. Collocare le note a piè di pagina. 2. Per andare a capo, usare il tasto RETURN/INVIO senza impostare capoversi rientrati.

Dettagli

CRITERI PER L ELABORAZIONE DI TESI E TESINE

CRITERI PER L ELABORAZIONE DI TESI E TESINE CRITERI PER L ELABORAZIONE DI TESI E TESINE 1. Le parti di una tesi/tesina... 2 L indice-sommario... 2 L elenco delle abbreviazioni/sigle... 2 La introduzione... 3 L elaborato... 3 Gli indici bibliografici...

Dettagli

Copiare le caratteristiche di formattazione da un testo ad un altro.

Copiare le caratteristiche di formattazione da un testo ad un altro. 112 ECDL Guida facile 3.3.1.6 Copiare le caratteristiche di formattazione da un testo ad un altro. Fra le possibilità offerte da questo programma, esiste anche quella di copiare solo il formato (colore

Dettagli

Titolo del contributo: Font Garamond Dimensione carattere: 16 punti Formato: Centrato

Titolo del contributo: Font Garamond Dimensione carattere: 16 punti Formato: Centrato Titolo del contributo: Font Garamond Dimensione carattere: 16 punti Formato: Centrato Nome Autore 1: 12 punti, Font Garamond, Centrato Istituzione (es: Politecnico di Milano) Dipartimento, Ente o Settore

Dettagli

I contributi vanno inviati in forma elettronica in file:.doc;.docx;.rtf

I contributi vanno inviati in forma elettronica in file:.doc;.docx;.rtf Norme redazionali Gli articoli devono essere inviati alla rivista via e-mail all indirizzo di uno dei componenti della Direzione, con l indicazione del proprio nome, indirizzo e recapiti telefonici, ed

Dettagli

Norme per la pubblicazione dei paper negli atti del Convegno. Norme redazionali

Norme per la pubblicazione dei paper negli atti del Convegno. Norme redazionali Norme per la pubblicazione dei paper negli atti del Convegno I paper presentati al Convegno saranno pubblicati all interno di un cd a cui è associato un codice ISBN. A tal proposito: - il singolo autore

Dettagli

SCHEDE DI VALUTAZIONE

SCHEDE DI VALUTAZIONE Indice Del Manuale SCHEDE DI 1 - Introduzione al Manuale Operativo 2 - Scegliere la scheda 3 - Configurare una scheda di valutazione 4 - Stampa di una scheda di valutazione 1 - Introduzione al Manuale

Dettagli

Svolgere i seguenti esercizi

Svolgere i seguenti esercizi 1 MODULO PER IL LAVORO ESTIVO classe 2G Rim Materia: INFORMATICA A.S 2015-2016 Ripasso della disciplina INFORMATICA da svolgersi durante le vacanze estive. La docente ritiene sia utile che l alunno/a esegua

Dettagli

TESI Laurea Triennale - Norme redazionali

TESI Laurea Triennale - Norme redazionali TESI Laurea Triennale - Norme redazionali Formattazione 1. I testi devono essere redatti utilizzando il font Times New Roman 2. Il corpo del carattere deve essere di 12 o 13 punti (le note vanno in corpo

Dettagli

Sommario. Nozioni di base su HTML

Sommario. Nozioni di base su HTML Sommario Parte 1 Ringraziamenti.................................................... xiii Introduzione...................................................... xvi Che cos'è HTML?.................................................

Dettagli

NORME REDAZIONALI ADOTTATE DALLA REDAZIONE DEL PERIODICO IDEE IN

NORME REDAZIONALI ADOTTATE DALLA REDAZIONE DEL PERIODICO IDEE IN NORME REDAZIONALI ADOTTATE DALLA REDAZIONE DEL PERIODICO IDEE IN FORM@ZIONE INDICAZIONI GENERALI Stili utilizzati: tondo, corsivo, MAIUSCOLETTO. L uso del grassetto/neretto nel testo è sconsigliato, così

Dettagli

NORME REDAZIONALI DE IL DELFINO E LA MEZZALUNA TESTO

NORME REDAZIONALI DE IL DELFINO E LA MEZZALUNA TESTO NORME REDAZIONALI DE IL DELFINO E LA MEZZALUNA TESTO Indicazioni generali Il file del testo deve essere in formato word ed estensione doc; il testo dei saggi deve corrispondere ad un numero di battute

Dettagli

NORME REDAZIONALI. per gli autori della Rassegna Italiana di Linguistica Applicata

NORME REDAZIONALI. per gli autori della Rassegna Italiana di Linguistica Applicata NORME REDAZIONALI per gli autori della Rassegna Italiana di Linguistica Applicata Questa pagina viene aggiornata regolarmente. La presente versione è datata 12 dicembre 2013 Accesso La RILA è uno strumento

Dettagli

Informatica e Abilità Informatiche Multimediali Esercitazioni di Elaborazione testi

Informatica e Abilità Informatiche Multimediali Esercitazioni di Elaborazione testi Informatica e Abilità Informatiche Multimediali Esercitazioni di Elaborazione testi Mauro Mezzini Dipartimento di Scienze della Formazione Università Roma Tre Ottobre, 2014 Esercizio 1 Eseguire i seguenti

Dettagli

Regolamento del bando

Regolamento del bando PREMIO RASSEGNA ECONOMICA Edizione 2012 Regolamento del bando CARATTERISTICHE DEI PARTECIPANTI Potranno partecipare al Bando 2012 del Premio Rassegna Economica, giovani ricercatori di età inferiore ai

Dettagli

Facoltà di Scienze Corso di Laurea in Informatica ADEMPIMENTI PER LAUREANDI. Scadenze da rispettare per potersi laureare:

Facoltà di Scienze Corso di Laurea in Informatica ADEMPIMENTI PER LAUREANDI. Scadenze da rispettare per potersi laureare: ADEMPIMENTI PER LAUREANDI Scadenze da rispettare per potersi laureare: 1) Prima della consegna della domanda di laurea il laureando dovrà accedere al sito di AlmaLaurea (http://www.unica.it/almalaurea),

Dettagli

FORMATTAZIONE DEL DOCUMENTO - WORD 2007

FORMATTAZIONE DEL DOCUMENTO - WORD 2007 FORMATTAZIONE DEL DOCUMENTO - WORD 2007 Cosa si intende con il termine FORMATTARE: significa cambiare la forma, personalizzare il contenuto, come ad esempio centrare il testo, ingrandirlo, metterlo in

Dettagli

NORME PER L'IMPAGINAZIONE

NORME PER L'IMPAGINAZIONE NORME PER L'IMPAGINAZIONE NORME PER L'IMPAGINAZIONE IMPOSTAZIONE FORMATO (21 x 21 cm.) (210 X 210 mm.) FORMATO/DOCUMENTO MASTER MARGINE SX: 1,85 (18,5 mm) " " DX: 1,85 (18,5 mm) SUP.: 2,2 (22 mm) INF.:

Dettagli

COME STRUTTURARE UN LAVORO AL COMPUTER IN MODO EFFICACE

COME STRUTTURARE UN LAVORO AL COMPUTER IN MODO EFFICACE COME STRUTTURARE UN LAVORO AL COMPUTER IN MODO EFFICACE CPC Lugano SOMMARIO 1 Formattazione del documento... 1 1.1 Salvataggio del documento... 1 1.2 Margini... 1 1.3 Copertina... 1 1.4 Sommario Parte

Dettagli