Economia sociale e crescita condivisa L esperienza di Milano Metropoli Agenzia di Sviluppo

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Economia sociale e crescita condivisa L esperienza di Milano Metropoli Agenzia di Sviluppo"

Transcript

1 Economia sociale e crescita condivisa L esperienza di Milano Metropoli Agenzia di Sviluppo Renato Galliano Direttore Generale Milano Metropoli Agenzia di Sviluppo

2 LA MISSIONE Marketing territoriale promozione del territorio a livello nazionale e internazionale attrazione di investimenti esteri e di risorse qualificate, alla creazione di un offerta turistica integrata, alla progettazione e realizzazione di strumenti e iniziative Sostegno a settori economici strategici supporto e rilancio delle imprese milanesi di settori particolarmente rilevanti per l area milanese Progetti speciali e di reindustrializzazione iniziative di eccellenza nelle aree strategiche di trasformazione e nei poli di nuova centralità metropolitana; supporto agli enti locali per i progetti di riconversione di aree dismesse e l attuazione di azioni di rafforzamento del sistema produttivo Animazione e governance del territorio collaborazione con le istituzioni per la definizione e implementazione di strategie condivise di governance e sviluppo

3 I QUATTRO PILASTRI DELLO SVILUPPO ECONOMICO Sostegno alle vocazioni locali e alle eccellenze territoriali SVILUPPO SOSTENIBILE SOCIALE Attenzione agli aspetti legati all inclusione sociale, all integrazione delle persone svantaggiate, ai disoccupati di lungo periodo. Rinforzo delle identità locali. AMBIENTALE Attenzione agli impatti del sistema produttivo in termini di: Inquinamento, utilizzo di risorse e risparmio energetico ISTITUZIONALE Sostegno a nuove forme di governance locale Logica di coordinamento e collaborazione continua con tutti gli attori rilevanti

4 ECONOMIA SOCIALE E RIGENERAZIONE URBANA LA NOSTRA VISIONE Imprenditorialità e innovazione sociale = chiavi per lo sviluppo delle aree urbane svantaggiate Il settore Non Profit: un settore economico strategico per l area metropolitana in una logica di sviluppo sostenibile Maggiore efficacia delle politiche di rigenerazione urbana IL NOSTRO APPROCCIO Logica di coordinamento e co-progettazione degli interventi Sostegno e promozione delle esperienze virtuose già in atto e delle dinamiche informali di sviluppo

5 ECONOMIA SOCIALE E RIGENERAZIONE URBANA AREE AREE DI DI ATTIVITA 1. Rigenerazione urbana Sperimentare nuovi strumenti per sostenere la nascita e il consolidamento di impresa sociale in contesti urbani svantaggiati (es: il CRIS di Cinisello Balsamo) Sostenere processi di trasformazione e valorizzazione di spazi e luoghi non più utilizzati attraverso il coinvolgimento del terzo settore (es: Rione Vittoria) Attivare percorsi per favorire l animazione territoriale (Es: Progetto Urban Milano) 2. Supporto alla governance e alla progettazione strategica Favorire e coordinare il dialogo tra gli attori locali al fine di definire linee strategiche sulle quali sviluppare azioni, progetti, servizi Es: il progetto strategico Città di Città ed il sostegno ai progetti di valorizzazione dell economia sociale 3. Networking e scambio di esperienze Partecipare a reti a livello locale, nazionale e internazionale per condividere buone pratiche, politiche e strumenti (EURADA, l iniziativa LEED-OCSE, Il progetto LNET, AIDA)

6 IL IL NOSTRO APPROCCIO IN AZIONE PRIMO PRIMO ESEMPIO TAVOLO DI DIALOGO DELL ECONOMIA SOCIALE DELL AREA METROPOLITANA MILANESE Avviato nel 2006 Promosso dalla Provincia di Milano, coordinato da Milano Metropoli Agenzia di Sviluppo Obiettivi: Sostenere processi di corresponsabilità e co-progettazione complessiva con le amministrazioni locali Favorire l adozione di misure concrete per favorire lo sviluppo del potenziale delle imprese sociali Partecipano: i principali consorzi di cooperative sociali attivi sull area metropolitana, alcune delle principali strutture di rappresentanza del terzo settore, 2 temi di lavoro specifci affrontati finora: La finanza per il sociale Il coinvolgimento del terzo settore nella rigenerazione dell area Urban Milano

7 IL IL NOSTRO APPROCCIO IN AZIONE PRIMO PRIMO ESEMPIO TAVOLO DI DIALOGO DELL ECONOMIA SOCIALE DELL AREA METROPOLITANA MILANESE La finanza per il sociale Attivazione di una serie di meccanismi finanziari e/o di accordi tra alcuni attori chiave (banche, enti locali e terzo settore) 8 proposte concrete da promuovere presso istituzioni creditizie e amministrazioni pubbliche locali, in vista di una loro possibile sperimentazione Alcuni esempi ANTICIPAZIONE CONTRATTI Introdurre nel capitolato d appalto per l affidamento del servizio di Tesoreria punteggi più elevati per gli Istituti di Credito che agevolino l anticipazione dei contratti alle imprese sociali. FONDO DI GARANZIA PUBBLICO costituzione di un fondo di garanzia pubblico (o misto) per i prestiti erogati a favore delle imprese non profit FONDO IMMOBILIARE ETICO costituzione, mediante una partnership pubblico privato, di un fondo immobiliare etico affidato ad una società di gestione specializzata VENTURE CAPITAL SOCIALE Costituzione di fondi di private equity pubblico privati per l investimento in attività aventi rilevante utilità sociale.

8 IL IL NOSTRO APPROCCIO IN AZIONE SECONDO ESEMPIO IL PROGETTO URBAN MILANO E un Programma Integrato della UE che la Municipalità ha vinto nel Oggetto dell intervento: una vasta area svantaggiata situata nell area nord-ovest del Comune di Milano. Milano Metropoli: capofila dell ATI per l attuazione operativa delle misure dell Asse II Imprenditorialità e patti per l'occupazione". Le attività sono finalizzate alla valorizzazione delle risorse territoriali ambientali sociali ed economiche dell area bersaglio

9 IL IL NOSTRO APPROCCIO IN AZIONE SECONDO ESEMPIO IL PROGETTO URBAN MILANO E IL SOSTEGNO AL TERZO SETTORE Avviamento del Centro Risorse per l Economia Sociale (CRES) Servizi ad hoc per l imprenditorialità sociale nell area Informazione e orientamento Assistenza tecnica per lo sviluppo di nuovi progetti, la ricerca di finanziamenti, l accesso al credito Sostegno all imprenditorialità giovanile Creazione e rafforzamento di reti per lo sviluppo di nuovi servizi rivolti ai cittadini Contributi a fondo perduto per le imprese sociali in risposta ai bisogni dell area, attraverso l emissione di un bando pubblico Progettazione integrata Interlocuzione continua con attori istituzionali, terzo settore e comunità locale Progetti integrati per: l avvio di nuovi servizi di prossimità/alla persona nell area target connettere le potenzialità dell impresa sociale con le opportunità legate alle trasformazioni in atto sulla Goccia Bovisa

10 MILANO METROPOLI E IL IL SOSTEGNO ALL IMPRENDITORIA ETNICA L impresa etnica Un settore economico sempre più rilevante e strategico per l area metropolitana Un mezzo per l'integrazione attiva delle popolazioni migranti Alcune iniziative di Milano Metropoli Quarto Laboratorio Un centro servizi nel cuore dell area Urban Milano Gestito da Milano Metropoli e BIC La Fucina Tra le sue attività: offerta di servizi per la nascita, il consolidamento, l insediamento nell area di imprese etniche Free-press di quartiere Realizzazione di uno strumento per la promozione e la diffusione della cultura d impresa all interno delle comunità immigrate. In collaborazione con il gruppo editoriale VITA PROPOSTE DI AZIONE FUTURA Un fondo antiusura per gli imprenditori etnici? Un fondo per il sostegno di imprese etniche?

COMITATO TECNICO SVILUPPO DEL TERRITORIO

COMITATO TECNICO SVILUPPO DEL TERRITORIO Domenico Merlani COMITATO TECNICO SVILUPPO DEL TERRITORIO Linee di indirizzo Febbraio 2013 «Sviluppo del Territorio» significa lavorare per rendere il Lazio una regione attraente localmente e globalmente

Dettagli

Camera dei Deputati X Commissione Attività produttive, commercio e turismo

Camera dei Deputati X Commissione Attività produttive, commercio e turismo Camera dei Deputati X Commissione Attività produttive, commercio e turismo RISOLUZIONE IN COMMISSIONE 7/00574 AUDIZIONE 6 maggio 2015 CONTRATTI DI RETE COME STRUMENTO DI POLITICA ECONOMICA Le organizzazioni

Dettagli

Centro Servizi del Distretto

Centro Servizi del Distretto Centro Servizi del Distretto Idea progettuale Progetto integrato per il rilancio e lo sviluppo del Distretto dell Abbigliamento Valle del Liri Il Centro Servizi del Distretto Idea progettuale 1 Premessa

Dettagli

CAT MED Change Mediterranean Metropolises Around Time

CAT MED Change Mediterranean Metropolises Around Time Undici città del Mediterraneo hanno deciso di concentrare le loro riflessioni e i loro sforzi per prevenire i rischi climatici attraverso la promozione di un modello urbano sostenibile, compatto e multifunzionale.

Dettagli

PROGETTO ADRIGOV: SESSIONE TEMATICA SOCIALE

PROGETTO ADRIGOV: SESSIONE TEMATICA SOCIALE PROGETTO ADRIGOV: SESSIONE TEMATICA SOCIALE Premessa La strategia per la macroregione Adriatico-Ionica (EUSAIR) prevede il pilastro orizzontale Ricerca e Innovazione come uno dei due pilastri orizzontali

Dettagli

PIANO D IMPRESA 2013-2015

PIANO D IMPRESA 2013-2015 PIANO D IMPRESA 2013-2015 Poca favilla, gran fiamma seconda Dante, Paradiso I, 37 Le cooperative ricordano alla comunità internazionale che è possibile conciliare la produttività economica con la responsabilità

Dettagli

Giovani del non profit per lo sviluppo del Mezzogiorno

Giovani del non profit per lo sviluppo del Mezzogiorno Giovani del non profit Roma, 13 settembre 2012 #BarcaRiccardi L iniziativa Giovani del non profit Il Piano di Azione Coesione (PAC) prevede un intervento mirato a favore dei Giovani attraverso la promozione

Dettagli

Master di I livello in Management e sviluppo socioeconomico

Master di I livello in Management e sviluppo socioeconomico Master di I livello in Management e sviluppo socioeconomico Modulo Le politiche di marketing territoriale Lezione I I Dr. Antonio Gioioso Eurobic Abruzzo & Molise SpA Contenuti Definizione del concetto

Dettagli

WORKSHOP 08/10/2013 - RETI E INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE IMPRESE

WORKSHOP 08/10/2013 - RETI E INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE IMPRESE WORKSHOP 08/10/2013 - RETI E INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE IMPRESE Intervento Gli obiettivi e i programmi di Regione Lombardia verso il sistema delle PMI e delle Reti in particolare Contesto Dott.ssa Olivia

Dettagli

BOZZA. di Pier Paolo Inserra

BOZZA. di Pier Paolo Inserra BOZZA PRIMI CENNI AL PARADIGMA DI ECONOMIA SOCIALE SPERIMENTATO CON IL DISTRETTO INTEGRATO DI ECONOMIA SOCIALE AREA MARCHE NORD di Pier Paolo Inserra Da un modello collettivo ad un modello connettivo Il

Dettagli

Uso efficace dei fondi comunitari per contribuire al rilancio dell economia e del sistema produttivo

Uso efficace dei fondi comunitari per contribuire al rilancio dell economia e del sistema produttivo Uso efficace dei fondi comunitari per contribuire al rilancio dell economia e del sistema produttivo Sabina De Luca Capo Dipartimento per lo Sviluppo e la Coesione Economica Roma, 29 Novembre 2012 1 Fondi

Dettagli

L ARCHITETTO e L EUROPA L opportunità per una crescita intelligente, sostenibile e inclusiva nella Regione Toscana

L ARCHITETTO e L EUROPA L opportunità per una crescita intelligente, sostenibile e inclusiva nella Regione Toscana Sarebbe quindi un modo originale di vivere quello di chi tentasse una buona volta di non comportarsi come un individuo definito in un mondo definito dove, direi non c è che da girare due o tre bottoni

Dettagli

Presentazione del programma della terza edizione di DAL DIRE AL FARE. Il Salone della Responsabilità Sociale d Impresa

Presentazione del programma della terza edizione di DAL DIRE AL FARE. Il Salone della Responsabilità Sociale d Impresa Presentazione del programma della terza edizione di DAL DIRE AL FARE Il Salone della Responsabilità Sociale d Impresa Gli appuntamenti e le iniziative di DAL DIRE AL FARE, il Salone della Responsabilità

Dettagli

IMPACT FINANCE: COMPETENZE PER ACCEDERVI

IMPACT FINANCE: COMPETENZE PER ACCEDERVI Position Paper ASVI IMPACT FINANCE: COMPETENZE PER ACCEDERVI a cura di R. Randazzo e M. Crescenzi, 11 luglio 2012. Indice 1. Alcune domande d impatto sociale, M. Crescenzi, R. Randazzo p. 2 2. Abstract

Dettagli

Programma Operativo Regionale (POR FSE) 2014-2020. Cofinanziato dal Fondo Sociale Europeo (FSE)

Programma Operativo Regionale (POR FSE) 2014-2020. Cofinanziato dal Fondo Sociale Europeo (FSE) Fondo sociale europeo Programma Operativo Regionale (POR FSE) 2014-2020 Cofinanziato dal Fondo Sociale Europeo (FSE) Adottato dalla Commissione Europea con Decisione C(2014) 10098 del 17 dicembre 2014

Dettagli

Servizi per il turismo e la cultura

Servizi per il turismo e la cultura Servizi per il turismo e la cultura Servizi per il turismo e la cultura Il meglio dell Italia cresce ogni giorno insieme a noi. Marketing del territorio Siamo un network di professionisti che integrano

Dettagli

Andrea Costa Telecom Italia Vertical Marketing Public Sector. UCLG World Council 9-11 December 2011, Florence, Italy

Andrea Costa Telecom Italia Vertical Marketing Public Sector. UCLG World Council 9-11 December 2011, Florence, Italy Andrea Costa Telecom Italia Vertical Marketing Public Sector UCLG World Council 9-11 December 2011, Florence, Italy Le sfide di Europa 2020 3 direttrici Smart Growth Sviluppo di un economia basata su innovazione

Dettagli

La responsabilità sociale d impresa in pillole

La responsabilità sociale d impresa in pillole La responsabilità sociale d impresa in pillole Contenuti - RSI: definizione ed evoluzione storica - RSI: da teoria a prassi d impresa - RSI: i benefici e gli strumenti 2 La definizione UE di RSI La responsabilità

Dettagli

EXECUTIVE EDUCATION. Strategic. Programma in. Philanthropy. Executive Education in Filantropia Strategica

EXECUTIVE EDUCATION. Strategic. Programma in. Philanthropy. Executive Education in Filantropia Strategica 1 Programma in EXECUTIVE EDUCATION Strategic Philanthropy Executive Education in Filantropia Strategica Al cuore del cambiamento ci sei tu. Perché un programma di Executive Education in Filantropia Strategica?

Dettagli

PROGETTO TAVOLO GIOVANI

PROGETTO TAVOLO GIOVANI PROGETTO TAVOLO GIOVANI Costituzione di un Tavolo di coordinamento con le associazioni di giovani di Cinisello Balsamo e le organizzazioni sociali che compongono il mondo delle realtà giovanili locali

Dettagli

Il Piano Strategico Metropolitano di Bologna Daniela Oliva. Bologna, 1 marzo 2013

Il Piano Strategico Metropolitano di Bologna Daniela Oliva. Bologna, 1 marzo 2013 Il Piano Strategico Metropolitano di Bologna Daniela Oliva Bologna, 1 marzo 2013 Cos è un Piano strategico La costruzione di un futuro di lungo termine (10/20 anni) sulla base di: Una vision ( molte vision

Dettagli

1 CULTURA E TERRITORIO Un bando per promuovere lo sviluppo culturale

1 CULTURA E TERRITORIO Un bando per promuovere lo sviluppo culturale 1 CULTURA E TERRITORIO Un bando per promuovere lo sviluppo culturale Piano di azione promuovere la razionalizzazione e il rinnovamento dell offerta culturale Valorizzare le attività culturali come fattore

Dettagli

LE BUONE PRASSI LOMBARDE IN RETE LE NUOVE SFIDE DELLA CORPORATE SOCIAL RESPONSIBILITY

LE BUONE PRASSI LOMBARDE IN RETE LE NUOVE SFIDE DELLA CORPORATE SOCIAL RESPONSIBILITY LE BUONE PRASSI LOMBARDE IN RETE LE NUOVE SFIDE DELLA CORPORATE SOCIAL RESPONSIBILITY Carmen Ragno Sportello CSR Camera di Commercio di Milano - Formaper La NUOVA DEFINIZIONE DI RESPONSABILITÀ SOCIALE

Dettagli

La BEI in Italia nel 2014

La BEI in Italia nel 2014 La BEI in Italia nel 2014 E stato l anno record per l Italia. Dal gruppo BEI sono arrivati nel 2014 nuovi finanziamenti per 11,4 miliardi di euro (+4% sul 2013), che hanno sostenuto investimenti per 27

Dettagli

5 anno 2013. Un Laboratorio di co-progettazione e partnership tra imprese per una competitività responsabile e innovazione

5 anno 2013. Un Laboratorio di co-progettazione e partnership tra imprese per una competitività responsabile e innovazione 5 anno 2013 Un Laboratorio di co-progettazione e partnership tra imprese per una competitività responsabile e innovazione in collaborazione con Persone-Imprese-Territorio Obiettivi Club RSI 2013 Obiettivi

Dettagli

1. Descrizione e obiettivi. 2. Soggetto promotore. 3. Partner BANDO

1. Descrizione e obiettivi. 2. Soggetto promotore. 3. Partner BANDO 1. Descrizione e obiettivi La Fondazione Unipolis indice il bando nazionale culturability - spazi d innovazione sociale per sostenere progetti di innovazione culturale caratterizzati da un forte impatto

Dettagli

Dall analisi dei primi bandi in regionali ad una riflessione sui possibili scenari dell abitare collettivo in Sardegna

Dall analisi dei primi bandi in regionali ad una riflessione sui possibili scenari dell abitare collettivo in Sardegna Provincia di Olbia Tempio Politiche abitative e Housing Sociale. Olbia, 13-14 Febbraio 2013 Dall analisi dei primi bandi in regionali ad una riflessione sui possibili scenari dell abitare collettivo in

Dettagli

La Mobilità nella Programmazione Comunitaria 2014-2020

La Mobilità nella Programmazione Comunitaria 2014-2020 La Mobilità nella Programmazione Comunitaria 2014-2020 Dott.ssa Maria Pia Redaelli Direttore Funzione Specialistica Autorità di Gestione FSE E FESR 2014-2020, Programmazione Europea e Politiche Di Coesione

Dettagli

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE BROCHURE INFORMATIVA 2013-2015 L Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico (OCSE) è un organizzazione inter-governativa e multi-disciplinare

Dettagli

Documento di sintesi sulle priorità dei Fondi strutturali 2014 2020

Documento di sintesi sulle priorità dei Fondi strutturali 2014 2020 Documento di sintesi sulle priorità dei Fondi strutturali 2014 2020 1) La programmazione dei fondi europei 2014 2020 L UE propone attraverso Europa 2020 una strategia concentrata su alcune priorità, innervata

Dettagli

www.progettisociali.it

www.progettisociali.it CONSULENZA, PROGETTAZIONE, ASSISTENZA TECNICA ED INFORMAZIONE PER LA PROGRAMMAZIONE E L INNOVAZIONE SOCIALE, A FAVORE DI ENTI PUBBLICI, TERZO SETTORE, IMPRESE E CITTADINI www.progettisociali.it COSA È

Dettagli

TORINO METROPOLI 2025 VERSO IL TERZO PIANO STRATEGICO Sintesi del documento intermedio, luglio 2014

TORINO METROPOLI 2025 VERSO IL TERZO PIANO STRATEGICO Sintesi del documento intermedio, luglio 2014 TORINO METROPOLI 2025 VERSO IL TERZO PIANO STRATEGICO Sintesi del documento intermedio, luglio 2014 1. IL PIANO STRATEGICO TORINO METROPOLI 2025 Il Piano Strategico è al tempo stesso un processo e un prodotto.

Dettagli

Corso in Progettazione socio-culturale per Banche del tempo

Corso in Progettazione socio-culturale per Banche del tempo Corso in Progettazione socio-culturale per Banche del tempo Modulo 2 Principi e Tecniche di Fund Raising d.ssa Marta Buzzatti Fonte: Manuale di fund raising F. Ambrogetti, M.Coen Cagli, R. Milano FUND

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DEI FONDI COMUNITARI 2014-2020

PROGRAMMAZIONE DEI FONDI COMUNITARI 2014-2020 PROGRAMMAZIONE DEI FONDI COMUNITARI 2014-2020 27 gennaio 2014 1 PROGRAMMAZIONE 2014-2020 DEI FONDI COMUNITARI SINTESI DEL PERCORSO E STATO DELL ARTE A. Negoziato Europeo Il 2 dicembre 2013 il Consiglio

Dettagli

Percorsi di progettazione di ri-usi pubblici di spazi vuoti: lo studio di fattibilità e lʼaccompagnamento allo start up 1 Lo scenario

Percorsi di progettazione di ri-usi pubblici di spazi vuoti: lo studio di fattibilità e lʼaccompagnamento allo start up 1 Lo scenario Percorsi di progettazione di ri-usi pubblici di spazi vuoti: lo studio di fattibilità e lʼaccompagnamento allo start up 1 Lo scenario Oggi si assiste ad una situazione nuova nel rapporto luoghi/territori.

Dettagli

Data di nascita: 5 Marzo 1961. Istruzione:

Data di nascita: 5 Marzo 1961. Istruzione: Nome e Cognome: Lides Canaia Data di nascita: 5 Marzo 1961 Funzione attuale: Direttore Area Tecnica Istruzione: * Laurea in Architettura conseguita presso l Istituto Universitario di Architettura di Venezia

Dettagli

Sessione: CONTI FISICI, INDICATORI E REPORTING PER LA SOSTENIBILITA LOCALE Introduzione e conclusioni di Maria Berrini (Ambiente Italia)

Sessione: CONTI FISICI, INDICATORI E REPORTING PER LA SOSTENIBILITA LOCALE Introduzione e conclusioni di Maria Berrini (Ambiente Italia) Sessione: CONTI FISICI, INDICATORI E REPORTING PER LA SOSTENIBILITA LOCALE Introduzione e conclusioni di Maria Berrini (Ambiente Italia) Introduzione: Quali indicatori per l attuazione della Strategia

Dettagli

COMUNE DI NOVARA Mappa strategica 2012-2014 PROGRAMMI LA CITTA SICURA E SERENA LA CITTA SI PRENDE CURA DELLA CITTA LA SCUOLA CASA APERTA PER TUTTI

COMUNE DI NOVARA Mappa strategica 2012-2014 PROGRAMMI LA CITTA SICURA E SERENA LA CITTA SI PRENDE CURA DELLA CITTA LA SCUOLA CASA APERTA PER TUTTI COMUNE DI NOVARA Mappa strategica 2012-2014 PROGRAMMI L AMMINISTRAZION E SEMPLICE E PARTECIPATA LA CITTA CHE SI MUOVE LA CITTA SICURA E SERENA LA CITTA PER IL TEMPO LIBERO LA CITTA CHE GUARDA AL FUTURO:

Dettagli

Strategie di Sviluppo Socio-economico Sostenibile

Strategie di Sviluppo Socio-economico Sostenibile Azioni a carattere innovativo finanziate nel quadro dell'art. 6 del regolamento relativo al Fondo Sociale Europeo, Linea di Bilancio B2-1630,"Strategie locali per l'occupazione e innovazione" Strategie

Dettagli

REGIONE LOMBARDIA - COMUNE DI MILANO - FONDAZIONE CARIPLO NUTRIRE IL PIANETA 2014

REGIONE LOMBARDIA - COMUNE DI MILANO - FONDAZIONE CARIPLO NUTRIRE IL PIANETA 2014 REGIONE LOMBARDIA - COMUNE DI MILANO - FONDAZIONE CARIPLO NUTRIRE IL PIANETA 2014 A. LA COLLABORAZIONE TRA LE TRE ISTITUZIONI Regione Lombardia, Comune di Milano e Fondazione Cariplo riconoscono nell Esposizione

Dettagli

La crisi ed il risanamento finanziario delle PMI

La crisi ed il risanamento finanziario delle PMI Ciclo di seminari sulla finanza d impresa La crisi ed il risanamento finanziario delle PMI Aurelio Valente Nascita/Finanziamenti Crescita/ Capitalizzazione/Quotazione Passaggi Generazionali/ Riallocazione

Dettagli

La crisi economica e finanziaria in Sicilia: elementi di scenario e opportunità del Terzo Settore

La crisi economica e finanziaria in Sicilia: elementi di scenario e opportunità del Terzo Settore La crisi economica e finanziaria in Sicilia: elementi di scenario e opportunità del Terzo Settore Vincenzo Provenzano Dipartimento di Scienze Economiche, Aziendali e Finanziarie Università degli Studi

Dettagli

Obiettivo: EQUITY! Programma di assistenza per l accesso ai capitali di rischio da parte delle neo, piccole e medie imprese

Obiettivo: EQUITY! Programma di assistenza per l accesso ai capitali di rischio da parte delle neo, piccole e medie imprese Obiettivo: EQUITY! 0 Programma di assistenza per l accesso ai capitali di rischio da parte delle neo, piccole e medie imprese Settembre 2012 IL PROGRAMMA Il Consorzio Camerale per il credito e la finanza

Dettagli

BOZZA PROGRAMMA. www.sewf2015.org

BOZZA PROGRAMMA. www.sewf2015.org BOZZA PROGRAMMA Social Enterprise World Forum 2015 Milano, 1-3 Luglio 2015 www.sewf2015.org FONDAZIONE ACRA-CCS via Lazzaretto 3-20124 Milan, Italy Ph +39 02 27000291 / 02 40700404 - F +39 02 2552270 -

Dettagli

SURVEY. Credito e private equity: il punto di vista delle imprese e le tendenze in atto. 17 Luglio 2014

SURVEY. Credito e private equity: il punto di vista delle imprese e le tendenze in atto. 17 Luglio 2014 SURVEY Credito e private equity: il punto di vista delle imprese e le tendenze in atto 17 Luglio 2014 Il CLUB FINANCE La mission Il Club rappresenta a livello nazionale un centro di riferimento, di informazione

Dettagli

IL LAVORO RIPARTE DAL LAVORO

IL LAVORO RIPARTE DAL LAVORO IL LAVORO RIPARTE DAL LAVORO Assemblea di Bilancio 25.06.2015 CFI- - Cooperazione Finanza Finanza Impresa Impresa Via Giovanni Amendola, 5 Roma info@cfi.it - www.cfi.it Agenda CFI: mission, tipologie e

Dettagli

IMPRESA INNOVAZIONE MARKETING TERRITORIALE OINT. Percorsi e servizi per nuove imprese innovative. www.trentinosviluppo.it

IMPRESA INNOVAZIONE MARKETING TERRITORIALE OINT. Percorsi e servizi per nuove imprese innovative. www.trentinosviluppo.it IMPRESA INNOVAZIONE MARKETING TERRITORIALE i OINT Percorsi e servizi per nuove imprese innovative www.trentinosviluppo.it IMPRESA INNOVAZIONE MARKETING TERRITORIALE Trentino Sviluppo è l agenzia creata

Dettagli

MILANO METROPOLI REALE, METROPOLI POSSIBILE MAPPA DELLE IDEE / SETTEMBRE 2015

MILANO METROPOLI REALE, METROPOLI POSSIBILE MAPPA DELLE IDEE / SETTEMBRE 2015 MILANO METROPOLI REALE, METROPOLI POSSIBILE MAPPA DELLE IDEE / SETTEMBRE 2015 Sindaco metropolitano: Giuliano Pisapia Vice Sindaco metropolitano con delega al Piano strategico: Eugenio Comincini Responsabile

Dettagli

Un modello di sviluppo territoriale turistico e culturale: dall'analisi strategica al modello operativo. Fabio Guerra. Roma, 27 febbraio 2015

Un modello di sviluppo territoriale turistico e culturale: dall'analisi strategica al modello operativo. Fabio Guerra. Roma, 27 febbraio 2015 Un modello di sviluppo territoriale turistico e culturale: dall'analisi strategica al modello operativo Fabio Guerra Roma, 27 febbraio 2015 Argomenti trattati: Programmazione strategica: - La definizione

Dettagli

La nuova logica di realizzazione dei progetti. Fabio Girotto Regione Lombardia

La nuova logica di realizzazione dei progetti. Fabio Girotto Regione Lombardia La nuova logica di realizzazione dei progetti Fabio Girotto Regione Lombardia LE SCELTE STRATEGICHE DEL NUOVO PROGRAMMA Obiettivo Tematico 1 Priorità d investimento 1b (rapporti tra imprese e mondo della

Dettagli

CERCARE NUOVI PARADIGMI PER RILANCIARE LO SVILUPPO ECONOMICO & SOCIALE

CERCARE NUOVI PARADIGMI PER RILANCIARE LO SVILUPPO ECONOMICO & SOCIALE CERCARE NUOVI PARADIGMI PER RILANCIARE LO SVILUPPO ECONOMICO & SOCIALE OBIETTIVI Obiettivo della Città di Torino è attivare una misura di accompagnamento e sostegno alla realizzazione di progetti imprenditoriali

Dettagli

Il concetto di responsabilità sociale nelle organizzazioni nonprofit. Paolo Tomasin

Il concetto di responsabilità sociale nelle organizzazioni nonprofit. Paolo Tomasin Il concetto di responsabilità sociale nelle organizzazioni nonprofit Paolo Tomasin Il concetto di Responsabilità Sociale d Impresa Un argomento fuori tema in periodo di crisi? Poche tendenze potrebbero

Dettagli

PROPOSTE DI IDEE E PROGETTI INNOVATIVI

PROPOSTE DI IDEE E PROGETTI INNOVATIVI ALTO TAVOLIERE INSIEME Laboratori Urbani di Apricena, Lesina, San Paolo di Civitate Serracapriola e Poggio Imperiale REGIONE PUGLIA Area Politiche per lo Sviluppo, il Lavoro e l'innovazione Servizio Politiche

Dettagli

E. Occupazione, Politica Sociale, Salute e Consumatori

E. Occupazione, Politica Sociale, Salute e Consumatori E. Un Economia Europea Inclusiva Alla luce delle conseguenze della crisi finanziaria ed economica, c è un urgente bisogno di evitare il deterioramento della coesione sociale e le sue drammatiche ripercussioni,

Dettagli

Da Lisbona a Europa 2020

Da Lisbona a Europa 2020 Da Lisbona a Europa 2020 La Strategia Europa 2020 del 2010 sostituisce la Strategia di Lisbona del 2000 e delinea le grandi direttrici politiche per stimolare lo sviluppo e l occupazione nell Ue. Si sostiene

Dettagli

Economia sociale e impresa sociale

Economia sociale e impresa sociale Ministero del Lavoro e delle Politiche sociali DG Terzo settore e formazioni sociali Economia sociale e impresa sociale Intervento di Anna Chiara Giorio 9 gennaio 2014 Indice dell intervento Terzo settore,

Dettagli

I Finanziamenti dell Unione Europea nella Programmazione 2014-20: HORIZON 2020 e COSME. Programma Operativo Regione Piemonte FESR (POR FESR)

I Finanziamenti dell Unione Europea nella Programmazione 2014-20: HORIZON 2020 e COSME. Programma Operativo Regione Piemonte FESR (POR FESR) I Finanziamenti dell Unione Europea nella Programmazione 2014-20: HORIZON 2020 e COSME Programma Operativo Regione Piemonte FESR (POR FESR) Torino, 20 novembre 2014 Europa 2020 Europa 2020 è un documento

Dettagli

LE OPPORTUNITÀ DEI. Leonardo Pinna Delegazione di Confindustria Bruxelles Confindustria Emilia Romagna

LE OPPORTUNITÀ DEI. Leonardo Pinna Delegazione di Confindustria Bruxelles Confindustria Emilia Romagna LE OPPORTUNITÀ DEI FINANZIAMENTI EUROPEI Leonardo Pinna Delegazione di Confindustria Bruxelles Confindustria Emilia Romagna 26Settembre 2013 I temi Le principali i lifonti idi finanziamento i a livello

Dettagli

Scheda di sintesi a sostegno delle startup innovative. 26 agosto 2014 Ministero dello Sviluppo economico Segreteria tecnica del Ministro

Scheda di sintesi a sostegno delle startup innovative. 26 agosto 2014 Ministero dello Sviluppo economico Segreteria tecnica del Ministro Scheda di sintesi a sostegno delle startup innovative 26 agosto 2014 Ministero dello Sviluppo economico Segreteria tecnica del Ministro Una nuova politica industriale per lo sviluppo e la competitività

Dettagli

Start Cup Milano Lombardia 2007

Start Cup Milano Lombardia 2007 Periodico d informazione a cura del Settore Attività Economiche e Innovazione della Provincia di Milano EDITORIALE Numero 21/Giugno 2007 Incoraggiamo i giovani a creare imprese innovative, ma anche a scoprire

Dettagli

Riferimenti normativi /accreditamento enti Progetti avviati Lavoro sociale di rete Agenzia sociale Azioni di orientamento/acc.

Riferimenti normativi /accreditamento enti Progetti avviati Lavoro sociale di rete Agenzia sociale Azioni di orientamento/acc. Riferimenti normativi /accreditamento enti Progetti avviati Lavoro sociale di rete Agenzia sociale Azioni di orientamento/acc. al lavoro Legge Biagi Legge 30/2003 / Decreto Legislativo 276/2003 Legge regionale

Dettagli

Un Direttore Finanziario per la tua Impresa

Un Direttore Finanziario per la tua Impresa Un Direttore Finanziario per la tua Impresa Nelle imprese italiane la Direzione Finanza è gestita personalmente dall imprenditore e solo poche realtà hanno la possibilità di permettersi un Direttore Finanziario.

Dettagli

Incubatore di Innovazione Sociale di Quarto Oggiaro

Incubatore di Innovazione Sociale di Quarto Oggiaro Incubatore di Innovazione Sociale di Quarto Oggiaro Fondazione Giacomo Brodolini Chi siamo Gli ambi2 Le a+vità Nasce nel 1971 come centro di ricerca economico e sociale ed Istituto Culturale su temi legati

Dettagli

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE BROCHURE INFORMATIVA 2003-2016 L Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico (OCSE) è un organizzazione inter-governativa e multi-disciplinare

Dettagli

Città metropolitane e PON Metro

Città metropolitane e PON Metro Città metropolitane e PON Metro Corso di Pubblica Amministrazione e Sviluppo Locale Massimo La Nave 1 L area delle operazioni del PON Il pilastro del PON Metro è l identificazione dei Comuni capoluogo

Dettagli

EaSI Employment and Social Innovation. Assi PROGRESS e EURES

EaSI Employment and Social Innovation. Assi PROGRESS e EURES Provincia di Pistoia EaSI Employment and Social Innovation Assi PROGRESS e EURES Potenzialità per il lavoro e l integrazione sociale su scala europea Carla Gassani Servizio Politiche attive del Lavoro,

Dettagli

IEP - ISTUD Entrepreneurship Programme

IEP - ISTUD Entrepreneurship Programme Fondazione ISTUD IEP - ISTUD Entrepreneurship Programme SVILUPPARE E GESTIRE IN MANIERA VINCENTE LA TUA IDEA DI BUSINESS In collaborazione con: I soci della Fondazione ISTUD sono: AMIAT - AZIENDA MULTISERVIZI

Dettagli

Le Priorità del Programma Spazio Alpino 2014-2020 e le nuove opportunità per i portatori di interesse italiani

Le Priorità del Programma Spazio Alpino 2014-2020 e le nuove opportunità per i portatori di interesse italiani Le Priorità del Programma Spazio Alpino 2014-2020 e le nuove opportunità per i portatori di interesse italiani Udine Italy 15 Settembre 2015 Wania Moschetta Regione Friuli Venezia Giulia This programme

Dettagli

La Pianificazione Strategica come strumento di governance territoriale

La Pianificazione Strategica come strumento di governance territoriale Contributo al Gruppo ASTRID su L istituzione della Città Metropolitana Gruppo di Lavoro Pianificazione Strategica urbana coordinato da Raffaella Florio, ReCS Rete delle Città Strategiche La città metropolitana

Dettagli

ECOMONDO 2011. La necessità delle sinergie nei processi di trasformazione complessi. Vittorio Addis - Vicepresidente Associazione Bonifichexpo 2015

ECOMONDO 2011. La necessità delle sinergie nei processi di trasformazione complessi. Vittorio Addis - Vicepresidente Associazione Bonifichexpo 2015 ECOMONDO 2011 La necessità delle sinergie nei processi di trasformazione complessi Vittorio Addis - Vicepresidente Associazione Bonifichexpo 2015 Il tema della sostenibilità, insieme a quello dell innovazione,

Dettagli

HANGAR TOUR: MODULO FORMATIVO ITINERANTE DI PROJECT MANAGEMENT PER LA CULTURA

HANGAR TOUR: MODULO FORMATIVO ITINERANTE DI PROJECT MANAGEMENT PER LA CULTURA HANGAR TOUR: MODULO FORMATIVO ITINERANTE DI PROJECT MANAGEMENT PER LA CULTURA Nel settore culturale, è necessario introdurre un approccio di project management che non sia però solo una trasposizione dei

Dettagli

V i a L u d o v i s i, 3 6 0 0 1 8 7 R O M A. w w w, c e s s m e. o r g

V i a L u d o v i s i, 3 6 0 0 1 8 7 R O M A. w w w, c e s s m e. o r g V i a L u d o v i s i, 3 6 0 0 1 8 7 R O M A P. I. 1 3 0 7 3 9 3 1 0 0 1 T + 3 9.0 6 9 2 9 5 6 3 3 8 w w w, c e s s m e. o r g SMART CITY /SMART COMMUNITY V i a L u d o v i s i, 3 6 0 0 1 8 7 R O M A P.

Dettagli

OPPORTUNITA DI FINANZIAMENTO 2014-2020

OPPORTUNITA DI FINANZIAMENTO 2014-2020 POAT PROGETTO OPERATIVO DI ASSISTENZA TECNICA ALLE REGIONI DELL OBIETTIVO CONVERGENZA OPPORTUNITA DI FINANZIAMENTO 2014-2020 Castellammare del Golfo, 05 giugno 2015 COSME COSME è il Programma per la competitività

Dettagli

Research & Strategy Projects & Fund Raising Marketing Technology Education

Research & Strategy Projects & Fund Raising Marketing Technology Education Research & Strategy Projects & Fund Raising Marketing Technology Education Territoria è una società di consulenza specializzata in marketing territoriale e sviluppo locale. Elaboriamo e applichiamo metodologie

Dettagli

Project meeting. La possibilità delle partnership pubblico-privato (PPP) per il Patrimonio Storico Artistico 11.3.2014. Sergio Calò.

Project meeting. La possibilità delle partnership pubblico-privato (PPP) per il Patrimonio Storico Artistico 11.3.2014. Sergio Calò. Project meeting Progetto Standard bando n. - 2/2009: PROFILI Creazione di una piattaforma transfrontaliera di servizi per il miglioramento dei processi della filiera allargata delle costruzioni edili Standardnih

Dettagli

Progetto PercoRSI. Rete responsabile. Cambiamento = Apertura = Saper Co. COnnettersi, COndividere, COllaborare, COprogettare

Progetto PercoRSI. Rete responsabile. Cambiamento = Apertura = Saper Co. COnnettersi, COndividere, COllaborare, COprogettare Progetto PercoRSI Rete responsabile Cambiamento = Apertura = Saper Co. COnnettersi, COndividere, COllaborare, COprogettare Con il contributo di: Partner operativo Finalità generali di PercoRSI Dal 2004

Dettagli

SOVRAGENDA come politica di governance per uno sviluppo sostenibile e responsabile. U.O. Agenda 21 Comune di Udine

SOVRAGENDA come politica di governance per uno sviluppo sostenibile e responsabile. U.O. Agenda 21 Comune di Udine per uno sviluppo sostenibile e responsabile U.O. Agenda 21 Comune di Udine Sviluppo sostenibile quale concetto chiave per la crescita della società a garanzia di un adeguata qualità della vita. Su scala

Dettagli

ATTIVARE RETI E PROMUOVERE PARTNERSHIP FINALIZZATE

ATTIVARE RETI E PROMUOVERE PARTNERSHIP FINALIZZATE SEMINARIO USR LOMBARDIA 2015 ATTIVARE RETI E PROMUOVERE PARTNERSHIP FINALIZZATE Theofanis Vervelacis FORMAZIONE COME.. Vivere l organizzazione nel quotidiano agire Estraniarsi all organizzazione guardarla

Dettagli

Concorso di Idee. Sommario - REGOLAMENTO -!

Concorso di Idee. Sommario - REGOLAMENTO -! Concorso di Idee - REGOLAMENTO - Sommario 1) Premessa... 2 2) Oggetto del Concorso... 2 3) Destinatari e modalità di partecipazione... 2 4) Finalità e fasi della selezione... 3 5) Commissione tecnica di

Dettagli

una forza creativa si fonda anche sulla capacit di condividere valori e traguardi.

una forza creativa si fonda anche sulla capacit di condividere valori e traguardi. la forza di un idea una forza creativa si fonda anche sulla capacit di condividere valori e traguardi. una forza creativa Comer Group, da gruppo di aziende operanti nel settore della trasmissione di potenza,

Dettagli

Ente Nazionale per il Microcredito. Presentazione Istituzionale

Ente Nazionale per il Microcredito. Presentazione Istituzionale Ente Nazionale per il Microcredito Presentazione Istituzionale L ENTE NAZIONALE PER IL MICROCREDITO è un soggetto di diritto pubblico che persegue l obiettivo dello sradicamento della povertà e della lotta

Dettagli

A.A. - 2015-2016 - 05419-04-09-2015 1: 2: 3: 4: 5: : 354 UE

A.A. - 2015-2016 - 05419-04-09-2015 1: 2: 3: 4: 5: : 354 UE 1 1632567 78.7 86 1995-11-13 16050 16058 16043 Pagato 1 scelta 16050 2 1690669 75.3 96 1996-11-15 16050 16058 16055 Pagato 1 scelta 16050 3 1705719 75.2 77 1994-11-27 16047 16045 16049 Pagato 1 scelta

Dettagli

Burc n. 32 del 14 Luglio 2014 REGIONE CALABRIA

Burc n. 32 del 14 Luglio 2014 REGIONE CALABRIA REGIONE CALABRIA DIPARTIMENTO PRESIDENZA Settore Cooperazione, Internazionalizzazione, Politiche di Sviluppo Euro-mediterranee POR FESR CALABRIA 2007-2013 ASSE VII SISTEMI PRODUTTIVI Linea di Intervento

Dettagli

welcome banking e credito agli imprenditori migranti

welcome banking e credito agli imprenditori migranti welcome banking e credito agli imprenditori migranti spunti di riflessione a cura di Enzo Mario Napolitano COMPORTAMENTI FINANZIARI E CREDITIZI DELLA SOCIETA MULTIETNICA Unioncamere, Roma, 18 aprile 2007

Dettagli

Percorso di approfondimento in tema di Responsabilità Sociale d Impresa. Introduzione tematica

Percorso di approfondimento in tema di Responsabilità Sociale d Impresa. Introduzione tematica Obiettivo Competitività Regionale e Occupazione Programma Operativo Nazionale Azioni di Sistema (FSE) 2007-2013 [IT052PO017] Obiettivo Convergenza Programma Operativo Nazionale Governance e Azioni di Sistema

Dettagli

IL FONDO ITALIANO D INVESTIMENTO

IL FONDO ITALIANO D INVESTIMENTO IL FONDO ITALIANO D INVESTIMENTO Roberto Del Giudice Firenze, 10 febbraio 2014 Il progetto Si tratta del più grande fondo italiano di capitale per lo sviluppo, costituito per dare impulso alla crescita

Dettagli

Partecipanti: 886 Iscritti 60 Posti a concorso: 129 Migranti 16 Posti occupati: 76 Rinunce 53 Posti disponibili: 53 Subentri 53

Partecipanti: 886 Iscritti 60 Posti a concorso: 129 Migranti 16 Posti occupati: 76 Rinunce 53 Posti disponibili: 53 Subentri 53 1 1697448 65.75 rinuncia 2 1632069 64.50 rinuncia 3 1702095 63.00 rinuncia 4 1700758 62.00 migrante 1 5 1699456 61.75 iscritto 2 6 1716156 60.75 iscritto 3 7 1706716 60.50 iscritto 4 8 1677226 60.00 iscritto

Dettagli

Non profit e cultura: stato dell arte. Alcuni dati di scenario. Daria Broglio Istituto per la ricerca sociale

Non profit e cultura: stato dell arte. Alcuni dati di scenario. Daria Broglio Istituto per la ricerca sociale Non profit e cultura: stato dell arte. Alcuni dati di scenario Daria Broglio Istituto per la ricerca sociale Primi dati di scenario: Il valore aggiunto del Sistema Produttivo Culturale Il perimetro del

Dettagli

Contributo al Multi-Stakeholder Forum europeo sulla CSR

Contributo al Multi-Stakeholder Forum europeo sulla CSR Contributo al Multi-Stakeholder Forum europeo sulla CSR ABI partecipa alla discussione a Bruxelles il 29 e il 30 novembre 2010 Il Multi-Stakeholder Forum europeo sulla CSR Il Multi-Stakeholder Forum europeo

Dettagli

APPROFONDIMENTO SULLE MISURE

APPROFONDIMENTO SULLE MISURE APPROFONDIMENTO SULLE MISURE Asse 1 Competitività delle imprese La ricerca,l innovazione, la valorizzazione e la protezione degli intangibili sono gli elementi che informano tale Asse. Nell ambito dell

Dettagli

PROGRAMMA* ANTEPRIMA SESSIONI PLENARIE WORKSHOPS TEMATICI INIZIATIVE COLLATERALI

PROGRAMMA* ANTEPRIMA SESSIONI PLENARIE WORKSHOPS TEMATICI INIZIATIVE COLLATERALI PROGRAMMA* L impresa sociale sta vivendo una delle fasi più difficili e insieme più interessanti della sua esistenza. Da una parte la resilienza di molte cooperative sociali e altre imprese sociali è messa

Dettagli

Partecipanti: 625 Iscritti 229 Posti a concorso: 275 Migranti 5 Posti occupati: 234 Rinunce 41 Posti disponibili: 41 Subentri 41

Partecipanti: 625 Iscritti 229 Posti a concorso: 275 Migranti 5 Posti occupati: 234 Rinunce 41 Posti disponibili: 41 Subentri 41 1 1670709 67.75 iscritto 1 2 1543697 67.50 iscritto 2 3 1714239 67.50 iscritto 3 4 1694135 66.50 iscritto 4 5 661129 66.25 iscritto 5 6 1494898 66.25 iscritto 6 7 1709396 66.25 iscritto 7 8 1705805 66.25

Dettagli

Acquisti sostenibili di una multiutility: l inclusione delle persone svantaggiate

Acquisti sostenibili di una multiutility: l inclusione delle persone svantaggiate AMBIENTE e INNOVAZIONE: le buone pratiche della sostenibilità in Emilia-Romagna 17 aprile 2008 Aula Magna Pietro Manodori - Università di Modena e Reggio Emilia Ex Caserma Zucchi Viale Allegri, 9 REGGIO

Dettagli

Investire nella crescita: l innovazione finanziaria a sostegno dello sviluppo

Investire nella crescita: l innovazione finanziaria a sostegno dello sviluppo Investire nella crescita: l innovazione finanziaria a sostegno dello sviluppo 13 FORO DI DIALOGO ITALIA SPAGNA Contributo degli intermediari finanziari italiani, coordinato dal Prof. Rainer Masera, al

Dettagli

NUOVI MODELLI PER MIGLIORARE L OFFERTA ABITATIVA ACCESSIBILE NEL NORD MILANO SESTO SAN GIOVANNI, 26 NOVEMBRE,

NUOVI MODELLI PER MIGLIORARE L OFFERTA ABITATIVA ACCESSIBILE NEL NORD MILANO SESTO SAN GIOVANNI, 26 NOVEMBRE, NUOVI MODELLI PER MIGLIORARE L OFFERTA ABITATIVA ACCESSIBILE NEL NORD MILANO SESTO SAN GIOVANNI, Mercoledì 26 NOVEMBRE, ore 17.00 19.00 Grand Hotel Villa Torretta (Via Milanese, 3) Il Nord Milano, nonostante

Dettagli

Linee di indirizzo delle Politiche Giovanili Città di Cinisello Balsamo

Linee di indirizzo delle Politiche Giovanili Città di Cinisello Balsamo Linee di indirizzo delle Politiche Giovanili Città di Cinisello Balsamo Le "nuove" Politiche Giovanili ALLEGATO 1 Da alcuni anni si è sviluppato, nella prassi forse più che nella teoria, un processo di

Dettagli

PIANO STRATEGICO DI SVILUPPO DEL TURISMO IN ITALIA (2016-2021) Primi Orientamenti

PIANO STRATEGICO DI SVILUPPO DEL TURISMO IN ITALIA (2016-2021) Primi Orientamenti PIANO STRATEGICO DI SVILUPPO DEL TURISMO IN ITALIA (2016-2021) Primi Orientamenti 1. MOTIVAZIONI E SCELTE ESSENZIALI La capacità competitiva dell Italia nel mercato internazionale del turismo è largamente

Dettagli

ASSE I RICERCA SCIENTIFICA INNOVAZIONE TECNOLOGICA E SOCIETÀ DELL INFORMAZIONE

ASSE I RICERCA SCIENTIFICA INNOVAZIONE TECNOLOGICA E SOCIETÀ DELL INFORMAZIONE ASSE I RICERCA SCIENTIFICA INNOVAZIONE TECNOLOGICA E SOCIETÀ DELL INFORMAZIONE Obiettivi Specifici 1.1. Rafforzare e valorizzare il sistema regionale della ricerca e le reti di cooperazione con le imprese

Dettagli

PIANO STRATEGICO Città di AGRIGENTO Insieme Oggi per costruire il Domani

PIANO STRATEGICO Città di AGRIGENTO Insieme Oggi per costruire il Domani PIANO STRATEGICO Città di AGRIGENTO Insieme Oggi per costruire il Domani Descrizione Progetto Il progetto, attraverso un processo partecipativo che coinvolge tutti i soggetti istituzionali, economici e

Dettagli

Piani integrati per lo sviluppo locale. Progetti di marketing territoriale. Progettazione e start-up di Sistemi Turistici Locali

Piani integrati per lo sviluppo locale. Progetti di marketing territoriale. Progettazione e start-up di Sistemi Turistici Locali Piani integrati per lo sviluppo locale Progetti di marketing territoriale Progettazione e start-up di Sistemi Turistici Locali Sviluppo di prodotti turistici Strategie e piani di comunicazione Percorsi

Dettagli