A piedi, in sella o al volante quant è pericoloso il traffico in città?

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "A piedi, in sella o al volante quant è pericoloso il traffico in città?"

Transcript

1 A piedi, in sella o al volante quant è pericoloso il traffico in città? Giornata dedicata ai media e agli ospiti Giovedì, 1 luglio 2010 Pista dei crash test a Wildhaus 1

2 Contenuto Benvenuto 4 Programma 5 1 o crash 6 2 o crash 7 3 o crash 8 Incidenti stradali nei centri urbani 10 Attraversare la strada a piedi, ma con sicurezza 12 E-bike: per strada insolitamente veloci con assistenza elettrica 17 Autocarri con sponda idraulica un pericolo in agguato al bordo delle strade 23 AXA Winterthur e DEKRA 25 anni di crash test insieme a Wildhaus

3 Benvenuto Programma Cari ospiti Nei centri urbani pulsa la vita: sulle strade e sui marciapiedi, nei negozi e sulle piazze, dovunque ci sono persone. Al mattino il traffico comincia a scorrere: camion che consegnano la merce scaricando al bordo della strada, bambini che vanno a scuola, ciclisti, motociclisti e automobilisti che si recano al lavoro. Senza dimenticare autobus e tram strapieni. Per tutto il giorno un andirivieni solerte. Dove c è l uomo, accadono errori e gli errori possono essere causa di incidenti. AXA Winterthur e DEKRA Automobil GmbH mostrano che il traffico urbano richiede non soltanto la massima attenzione da parte di tutti gli utenti della strada, ma anche comprensione reciproca e tolleranza. Due simulazioni di incidente che rispecchiano la realtà mostrano i rischi a cui sono esposti i pedoni e i conducenti di e-bike nelle città. Un terzo test richiama l attenzione sui pericoli causati dagli autocarri con sponda idraulica parcheggiati sulla strada. Dalle ore Ore Ore Ore Ore ca. Ore «Benvenuti» a Wildhaus sulla pista dei crash test Saluto di benvenuto Andreas Krümmel, Membro del Consiglio direttivo AXA Winterthur Dieter Roth, Membro del Consiglio direttivo DEKRA Automobil GmbH 1 o Crash: Collisione di una e-bike con un autovettura ferma Una e-bike urta a piena velocità, 40 km/h, contro la portiera di una macchina parcheggiata, che si è aperta improvvisamente. 2 o Crash: Due collisioni con pedoni Nel primo test un pedone viene investito da un autovettura che viaggia a 30 km/h. Un altra automobile investe, nel secondo test, un pedone alla velocità di 60 km/h. Pranzo nella pista del ghiaccio 3 o Crash: Tamponamento contro una sponda idraulica / caricatrice Un autovettura urta con una velocità di ca. 60 km/h frenando nella sponda idraulica / caricatrice aperta di un autocarro che sta effettuando operazioni di carico/ scarico. Andreas Krümmel Membro del Consiglio direttivo AXA Winterthur Dieter Roth Membro del Consiglio direttivo DEKRA Automobil GmbH Ore ca. Fine dell evento (con riserva di cambi di programma) 4 5

4 1 o Crash: Collisione di una e-bike con un autovettura ferma Situazione di partenza: Una e-bike urta a piena velocità, a 40 km/h, contro la portiera di una macchina parcheggiata, che si è aperta improvvisamente. 2 o Crash: Due collisioni con pedoni Situazione di partenza: Nel primo test un pedone è investito da un autovettura che viaggia a 30 km/h. Un altra automobile investe, nel secondo test, un pedone alla velocità di 60 km/h. Risultato: La collisione con la portiera che si apre arresta di colpo la e-bike. Il conducente sbatte con il busto contro lo spigolo superiore della portiera, rimane un attimo in sospeso e cade poi a terra ruotando. Urta prima la schiena e il fondo schiena, dopo la nuca. A causa dell impatto la ruota anteriore della e-bike si deforma. La violenza del colpo scardina la portiera che si apre completamente sul davanti. Per il conducente dell autovettura la collisione è meno rischiosa, solo il suo braccio si trova nella zona di rischio. Il conducente della e-bike invece subisce lesioni già al momento dell urto contro la portiera dell auto. Inoltre durante l impatto secondario con la carreggiata si aggiunge il pericolo di lesioni alla testa, qualora il conducente della e-bike non indossi il casco. Con il casco il rischio di subire lesioni è minore. Risultato: Nel corso del primo test l autovettura colpisce il pedone dummy ad una velocità di 30 km/h. Di conseguenza il pedone urta contro il cofano del motore e viene accelerato da 0 a 30 km/h. Mentre la macchina frena, dummy si distacca dall autovettura e cade a terra a circa 8 m di distanza dal luogo dell incidente. Nel secondo test, a una velocità di 60 km/h, dummy batte la testa contro il parabrezza. Ad una velocità che è il doppio della precedente, l energia di collisione e pertanto anche la gittata durante l impatto si quadruplicano. Dummy viene spinto a 30 m dal punto dell incidente. Nella prima collisione un uomo adulto e sano riporta sì lesioni, ma con alta probabilità sopravvive la collisione. Invece le probabilità di sopravvivenza, nel caso della seconda collisione a 60 km/h, sono assai scarse. Poiché in entrambe le collisioni i pedoni non vengono scagliati contro l abitacolo, non sussiste alcun rischio rilevante per i passeggeri dell autovettura. L automobile viene decellerata solo minimamente dall impatto con il pedone. Il sistema di sensori rileva solo vibrazioni basse e pertanto non rilascia alcun segnale per l attivazione degli airbag che giustamente non vengono azionati. 6 7

5 3 o Crash: Tamponamento contro una sponda idraulica /caricatrice Note Situazione di partenza: Un autovettura urta frenando a una velocità di ca. 60 km/h contro la sponda idraulica /caricatrice aperta di un autocarro che sta scaricando. Risultato: L autovettura tampona un camion con la fiancata destra. La sponda aperta, difficilmente avvistabile e dalla forma aggressiva, entra senza alcuna resistenza nell abitacolo sfondando il parabrezza, taglia il montante destro A e la fiancata destra dell auto e deforma sensibilmente anche il montante B. Il passeggero seduto accanto al conducente non ha probabilità di sopravvivenza. La fiancata del conducente rimane invece quasi intatta. Un conducente allacciato ha buone probabilità di sopravvivere alla collisione grazie al sistema di airbag e di cinture. La persona che è nel cassone dell autocarro non si trova direttamente nella zona di rischio. 8 9

6 Pedoni e ciclisti particolarmente esposti ai pericoli nei centri urbani Incidenti stradali nei centri urbani Dove i più forti si scontrano con i più deboli. Strade strette. Tanti autoveicoli, motocicli, biciclette, autocarri, autobus, tram e persone. Dappertutto regna frenesia e distrazione. La circolazione nelle città e nei centri urbani richiede attenzione e destrezza ai suoi utenti. Troppo? Due terzi di tutti gli incidenti accadono all interno delle località. I tratti maggiormente trafficati in Svizzera si trovano nei centri urbani: il 30 % dei tragitti percorsi in automobile non sono più lunghi di 3 km, il 45 % non sono superiori a 5 km e solo un terzo sono maggiori di 10 km. Questa realtà si ripercuote anche nella frequenza degli incidenti che si verificano sulle strade dei centri urbani. Nel 2008, all interno delle località, si sono registrati ben collisioni. Questo dato è doppio rispetto a quello dei sinistri che avvengono sulle strade extraurbane e sulle autostrade. In Germania si presenta un quadro simile. Nel 2008, nel nostro paese confinante, sono stati registrati ben incidenti nei centri urbani, il che equivale al 69 % degli incidenti verificatisi su tutto il territorio nazionale. Oltre al numero degli incidenti, anche l eterogeneità dei sinistri che avvengono sulle strade urbane è più ampia per la presenza di numerosi utenti della strada diversi tra loro. Incidenti stradali (CH) 2008 Gli utenti della strada non motorizzati circolano soprattutto in zone particolarmente popolate e quindi nei centri abitati; sono poco protetti e dotati di scarsa illuminazione, giungono dal bordo della carreggiata, sono difficilmente visibili e pertanto particolarmente esposti al rischio. Come pedone, ciclista o conducente di e-bike, raramente si è consapevoli del proprio ruolo di utente della strada più vulnerabile e dei rischi connessi. Gli utenti della strada non protetti presentano nella statistica delle persone coinvolte in sinistri una percentuale piuttosto elevata pari al 20,6 % e ciò anche a fronte di una scarsa partecipazione alla circolazione. Mentre gli occupanti dei veicoli, beneficiando del maggiore impiego di abitacoli di protezione, cinture e airbag, lasciano registrare di anno in anno un numero sempre minore di infortuni, il numero dei ciclisti, motociclisti e pedoni infortunati rimane costantemente su un livello alto. Coinvolti in incidenti (CH) 20'000 18'000 16'000 14'000 12'000 10'000 8'000 6'000 4'000 2' Autovetture/Veicoli di trasporto Motorini/Motociclette Biciclette Pedoni Altri 9 % 25 % 66 % Incidenti stradali (D) % 25 % 69 % Nei centri urbani Nei centri extaurbani Sulle autostrade Nei centri urbani Nei centri extraurbani Sulle autostrade Consegne di merci in città come fattore di rischio In particolare nei centri cittadini, dove c è una maggiore presenza dei negozi e gli spazi sono ristretti, gli autocarri e i furgoni sono costretti per le operazioni di carico/scarico a fermarsi sulla strada, dove ostacolano la circolazione. Le vetture che seguono si bloccano e, nel caso peggiore, devono invadere la corsia di marcia di senso opposto. Un altro potenziale di rischio è costituito dalla sponda idraulica in posizione di lavoro con il suo profilo sottile difficilmente visibile. Anche le luci intermittenti e le bandierine di segnalazione aiutano, solo in parte, a migliorare questa situazione

7 è coinvolta in incidenti attraversando la carreggiata. Al diminuire della luce aumentano gli incidenti nel traffico lento, dal 28 % dei sinistri alla luce diurna al 45 % degli incidenti notturni. Gli incidenti durante gli attraversamenti diminuiscono invece dal 73 % al 45 % durante le ore notturne. Il fatto che di notte i pedoni non sono ben visibili dipende comunque non solo dall ambiente buio, ma anche dal fatto che quasi l 86 % dei pedoni indossa abiti di colore scuro. I conducenti dei veicoli avvistano quindi solo troppo tardi il profilo del pedone, mentre il pedone vede i fanali luminosi del veicolo già a grande distanza. Attraversare la strada a piedi, ma con sicurezza Ai conducenti dei veicoli è richiesto un particolare impegno all interno dei centri urbani: fare attenzione alla corsia, non perdere d occhio il flusso del traffico e seguire la segnaletica. Ciò che accade al bordo della strada è spesso al di fuori del loro campo di visibilità. Ma proprio da questa posizione si attraversa la strada come pedone. Ciascuno conosce questa situazione: si è in ritardo e si vede arrivare l autobus; per riuscire a prenderlo si attraversa la strada improvvisamente e di corsa, senza far attenzione al semaforo rosso e alle macchine che giungono. Anche chi sta pensando alla prossima riunione, alle vacanze o alla controversia appena appianata attraversa distratto sulle strisce pedonali, fa affidamento solo su conducenti pronti a reagire e su una schiera di angeli custodi. La circolazione stradale non perdona errori. Indipendentemente da chi ha causato l incidente, le conseguenze sono spesso a carico degli utenti della strada più vulnerabili: i pedoni. Incidenti con pedoni e relative cause Oltre il 90 % degli incidenti che interessano i pedoni si verifica nei centri urbani. In Svizzera ogni anno muoiono pedoni e altri 200 vengono subiscono lesioni. Nel 2008, in Germania, ben pedoni sono stati coinvolti in incidenti nelle aree urbane, di cui 470 in maniera mortale. Pericolo al buio Oltre la metà dei pedoni che muoiono sulle strade subisce le lesioni mortali nelle ore serali o notturne. Nell oscurità cambiano anche i luoghi degli incidenti e il rischio. Durante il giorno la maggior parte dei pedoni Precedenza ingannevole sulle strisce pedonali In Germania la precedenza per i pedoni che attraversano sulle strisce pedonali è stata introdotta già il 1 giugno Nonostante la precedenza, si sono registrati nel 2008 ben incidenti nei centri urbani con danni alle persone. 26 persone sono decedute e 914 sono state ferite. Incidenti ben peggiori si sono verificati ai passaggi pedonali senza precedenza per i pedoni. Per far valere chiaramente la precedenza, in Svizzera nel passato era necessario un cenno della mano. Questa regola è stata abolita nel 1994 con la speranza che, senza l obbligo del cenno della mano, si creassero meno malintesi e si verificassero di conseguenza meno incidenti sulle strisce pedonali. È stata una deduzione errata. Negli anni passati la statistica degli incidenti è rimasta pressoché immutata. Dal 1992 oscilla tra le 1000 e le 1250 persone coinvolte in incidenti sulle strisce pedonali, il che corrisponde a circa la metà di tutti gli incidenti pedonali. Poiché la regola della precedenza sulle strisce pedonali con o senza cenno della mano non è stata in grado di ridurre il numero degli incidenti sui passaggi pedonali, occorrono altre misure per proteggere i pedoni sia sulle zebre pedonali sia in generale sulle strade. Cause degli inidenti con pedoni 1. Comportamento errato dei pedoni Attraversamento disattento della strada, agire indeciso o imprudente e valutazione errata sui veicoli in arrivo sono cause di incidenti. 2. Comportamento errato degli automobilisti Concentrati sul traffico davanti a loro, dietro di loro, sulla segnaletica, sul sistema di navigazione o su altre cose, gli automobilisti vedono i pedoni spesso quando è già troppo tardi. 3. Avvistamento dei pedoni L illuminazione insufficiente delle strade, soprattutto in ambito urbano, è una delle cause per cui di notte ci si accorge dei pedoni troppo tardi. 4. Scarsa pianificazione della viabilità Una posizione sfavorevole per le strisce pedonali, strade larghe senza isole, ostacoli alla visuale o cattiva demarcazione /segnaletica aumentano il rischio di incidenti

8 Meno incidenti grazie a nuove tecnologie dei veicoli Già da anni l industria automobilistica e i governi lavorano intensamente per l adozione di misure volte a migliorare la protezione dei pedoni. La Commissione Europea ha fatto valutare, nell ambito di uno studio, l efficacia dei diversi sistemi di assistenza alla guida e di design dei veicoli. Da questo studio è risultato che è possibile raggiungere la protezione ottimale dei pedoni attraverso una combinazione di sistemi di sicurezza attivi (che agiscono prima dell incidente) e passivi (che agiscono durante l incidente). I diversi sistemi, in maniera congiunta, sono in grado di ridurre la gravità delle lesioni subite dai pedoni. L obiettivo finale, ossia l evitare gli incidenti con i pedoni, non è stato però ancora raggiunto. A tal fine occorrerebbe riconoscere per tempo la situazione di pericolo. I sistemi volti a tal fine sono in fase di sviluppo. Sistemi di sicurezza passivi I sistemi di sicurezza passivi agiscono durante il verificarsi dell incidente. Essi attenuano le lesioni del pedone coinvolto nel sinistro grazie a superfici malleabili o mobili. In questa categoria si annoverano cofani di materiale speciale o i cosiddetti cofani attivi che, in caso di collisione, si aprono fulmineamente per evitare gravi lesioni alla testa. Direttiva UE sulla protezione dei pedoni Per una migliore protezione dei pedoni, la UE ha rielaborato la direttiva 2003/102/CE sostituendola con il nuovo regolamento 631/2009. Esso obbliga gli stati membri della UE a immatricolare soltanto i veicoli nuovi che presentano i dispositivi di protezione prescritti: paraurti e parte frontale malleabili, forma frontale arrotondata, cofano flessibile e distanza sufficiente tra il cofano e le parti dure del motore. Per superare i rigidi test, i produttori di veicoli sono costretti a pensare, nella fase di costruzione dei loro nuovi modelli, non solo alla protezione degli occupanti il veicolo, ma anche a quella dei pedoni. Fig.: Dispositivo utilizzato nei test per pedoni secondo il regolamento UE 631/2009 (protezione dei pedoni) Sistemi di sicurezza attivi I sistemi attivi sono volti all avvistamento tempestivo dei pedoni al fine di evitare incidenti con quest ultimi. I sistemi di sicurezza attivi interessano la zona antecedente il veicolo in un ampio raggio. Se un pedone entra nella zona di rischio, il conducente riceve un segnale di allarme o il sistema aziona una frenata. La collisione con il pedone viene evitata o almeno avviene in maniera meno violenta. Meno incidenti grazie a misure architettoniche Spesso l attraversamento di una strada larga rappresenta una sfida per i pedoni e, in particolare, per i bambini, gli anziani o le persone portatrici di handicap. Le strade larghe inducono a viaggiare più velocemente. Misure architettoniche provvedono, in tali casi, a una migliore sicurezza dei pedoni. Oltre alle strisce pedonali e ai semafori, anche le isole salvagente o restringimenti della carreggiata sono d ausilio all attraversamento della strada. Automaticamente gli automobilisti riducono la loro velocità in corrispondenza di questi punti che presentano ostacoli. Nelle zone residenziali o sulle strade poco transitate, è possibile migliorare la sicurezza dei pedoni adottando diverse misure. Tra esse si annoverano le zone a velocità 30, le zone a traffico limitato o i nuovi concetti per un utilizzo equiparato dello spazio della viabilità. Meno incidenti grazie ad attenzione e tolleranza La tecnologia lancia sul mercato sistemi di sicurezza sempre più sofisticati per supportare il conducente nella guida del veicolo. Tuttavia essi non lo liberano dalla responsabilità. Nella maggior parte degli incidenti la causa è umana. Pertanto è indispensabile adottare un comportamento appropriato sulle strade: Consigli di comportamento per pedoni Non attraversate mai la strada senza un contatto visivo con il conducente e la certezza che il guidatore si sia accorto di voi! Se, su una strada a più corsie, un veicolo si ferma per darvi precedenza, controllate che anche il guidatore, sulla seconda corsia, abbia visto che intendete attraversare la strada. Non forzate mai la vostra precedenza! Prestate attenzione e evitate, come pedoni, di telefonare sulla strada! Indossate abiti chiari e luminosi! Elementi riflettenti migliorano considerevolmente l avvistamento (in particolare al crepuscolo, in condizioni di maltempo o di notte). Consigli di comportamento per conducenti di veicoli Fate attenzione ai pedoni e siate sempre pronti a frenare all interno delle località! In presenza di bambini, anziani o portatori di handicap evitate di correre qualsiasi rischio e fermatevi completamente alle strisce pedonali. In Svizzera i bambini, nelle lezioni di educazione stradale, imparano che possono attraversare la strada soltanto se la macchina è ferma

9 Non superate mai un veicolo lento che sta frenando o si sta fermando, se nelle vicinanze potrebbero trovarsi dei pedoni. Usate estrema prudenza in prossimità delle fermate dei tram e degli autobus. Dei pedoni potrebbero improvvisamente attraversare la carreggiata. E-Bike: per strada insolitamente veloci con assistenza elettrica Le biciclette elettriche sono di moda: comodamente si raggiunge la velocità di un motociclo arrivando a destinazione rapidamente e senza stancarsi troppo. Molti però, e non solo gli automobilisti, ma anche gli stessi conducenti di e-bike sottovalutano la velocità di questo nuovo tipo di veicolo a due ruote simile a una bicicletta. Le e-bike vivono un periodo di boom. In Europa gli acquisti fanno registrare una rapida crescita biciclette elettriche sono state vendute in questo settore nel 2008, ben nel I dati di vendita in Svizzera sono ancora più impressionanti. Nel 2009 le vendite delle biciclette elettriche sono aumentate dell 86 % raddoppiandosi così rispetto al Anche in Germania i dati di vendita delle e-bike sono aumentati lo scorso anno di circa il 36 %. Rispetto al 2007 le cifre sono raddoppiate. Cosa significa questo boom per la circolazione stradale? Dove sono i pericoli? Spostamenti comodi e relativi vantaggi Sempre più persone sono disposte a pagare qualche centinaia di franchi in più per godere della comodità di una bicicletta elettrica. Così raggiungono la loro destinazione più rapidamente che utilizzando una bicicletta convenzionale e senza troppa fatica, senza macchie di sudore, senza dover stare in coda o spazientirsi alla ricerca di un parcheggio. Flessibili e mobili, risparmiando al contempo benzina e forza muscolare. La e-bike offre numerosi vantaggi. Disponibile in due diversi modelli, la bicicletta elettrica fa parte, da un lato, della classe dei ciclomotori e, dall altro, della classe dei ciclomotori leggeri. Confortevoli anche le disposizioni di immatricolazione Perfino l immatricolazione delle e-bike è comoda e semplice: per i modelli che offrono assistenza elettrica alla pedalata solo fino a 25 km/h (appartengono alla classe dei motocicli leggeri) non è previsto per legge l obbligo né del casco né di una speciale licenza di circolazione. I modelli 16 17

10 invece che possono essere azionati solo elettricamente o la cui assistenza elettrica consenta di superare i 25 km/h, fanno parte della classe dei ciclomotori. Essi richiedono, oltre ad una targa per motorini, anche una relativa patente/ un certificato tecnico per la circolazione. Nonostante queste biciclette elettriche raggiungano velocità massime di ben 45 km/h, non sussiste alcun obbligo di indossare il casco. D altra parte, nei paesi della UE, è obbligatorio uno specchio retrovisore. Circa l illuminazione, per tutti i modelli sono sufficienti i semplici fanalini da bicicletta. Lizenza di cirolazione Bicicletta fino a 25 km/h (classe dei piccoli ciclomotori) oltre 25 km/h (classe dei ciclomotori) Motorino (classe dei ciclomotori) Svizzera Nessuna Licenza di circolazione e targa Bicicletta fino a 25 km/h oltre 25 km/h Motorino Casco Bicicletta fino a 25 km/h oltre 25 km/h Motorino Trasporto bambini Bicicletta fino a 25 km/h oltre 25 km/h Mofa Necessaria la patente per ciclomotori dai 14 anni. Dai 16 anni non occorre alcuna patente Patente per ciclomotori dai 14 anni o una licenza di circolazione valida Svizzera Contrassegno per biciclette Targa Svizzera Svizzera Deutschland Nessuna I nati dopo il 1965 necessitano di una patente per ciclomotori o di una licenza di circolazione valida. Germania Nessuna licenza di circolazione Nessuna targa Omologazione di riferimento e targa assicurativa Germania Nicht obligatorio Casco omologato obbligatorio Germania Permesso con seggiolino speciale o nel rimorchio bici per bambini Permesso con seggiolino speciale (il rimorchio per bambini non è ammesso) Norme sulla circolazione stradale per le e-bike La legge considera le e-bike come ciclomotori. Per questi vigono sostanzialmente le stesse norme sulla circolazione stradale in vigore per i ciclisti. I conducenti delle e-bike possono superare sulla destra una colonna di veicoli, trasportare bambini nell apposito seggiolino, parcheggiare sui marciapiedi e sono obbligati ad utilizzare le piste ciclabili. In Germania le biciclette elettriche possono utilizzare le piste ciclabili nei centri urbani solo a motore spento. Ai conducenti delle e-bike veloci (assistenza alla pedalata oltre 25 km/h oppure potenza nominale maggiore di 0,25 kw), come pure ai conducenti dei motorini, è vietato trasportare un rimorchio per bambini. Spostamenti comodi e svantaggi celati La presenza di e-bike non è ancora consueta e pertanto le biciclette elettriche sono esposte a un rischio particolare: avvistando un ciclista che pedala tranquillamente nello specchietto retrovisore, nessuno pensa che possa trattarsi di una e-bike che si muove ad una velocità di 45 km/h. Le conseguenza sono valutazioni errate da parte dei conducenti dei veicoli a motore: come è possibile che il ciclista si trovasse fino a un attimo fa alcuni metri dietro di me e ora è già accanto a me, proprio nel momento in cui sto per svoltare? Pertanto uno stile di guida prudente da parte del conducente della e-bike è indispensabile per la protezione personale. Incidenti con ciclisti e relative cause JOgni anno la polizia registra circa 3000 ciclisti infortunati sulle strade svizzere. In Germania sono ben La maggior parte degli incidenti denunciati ha luogo all interno dei centri urbani. Nel 2008 si sono contati casi di infortuni in Svizzera e in Germania. Il 28,6 % di tutti gli incidenti che si verificano sulle strade tedesche riguarda ciclisti. In Svizzera invece i conducenti di velocipedi sono coinvolti nel 20 % di tutti gli incidenti. Mentre, in generale, il numero delle persone colpite è costantemente diminuito negli ultimi anni, quello dei ciclisti è rimasto invece invariato ed elevato. Un quarto di tutti i ciclisti infortunati subiscono incidenti senza coinvolgimento di terzi. Oltre la metà urta contro un autovettura. I conducenti dei velocipedi sono responsabili, in prima linea, degli incidenti senza coinvolgimento di terzi e di quelli con autovetture. L 8 % di tutti gli incidenti causati da un ciclista interessa un pedone. Se la causa dell incidente è imputabile all altro utente coinvolto nella collisione, nel 56 % dei casi si tratta di un autovettura

11 Antoganista di collisione dei ciclisti 2008 (CH) 1 % Autobus, car 4 % Furgone Utente coinvolto in incidenti causati da ciclisti 2008 (D) 37 % Autovettura 8 % Pedone Colpevole di collisione con biciclette 2008 (D) 7 % Veicolo da trasporto 11 % Bicicletta 2 % Autocarro 4 % Motocicletta 2 % Altro 2 % Motorino, motocicletta 3 % Veicolo da trasporto 1 % Altro 4 % Pedone 2 % Altro 1 % Motorino, motocicletta Incidente senza 23 % coinvolgimento di terzi 4 % Bicicletta 4 % Pedone 56 % Autovettura 33 % Incidente senza coinvolgimento di terzi 16 % Bicicletta 75 % Autovettura Piste ciclabili pericolose nei centri urbani In Svizzera e in Germania la rete delle piste ciclabili viene costantemente ampliata e migliorata. Tuttavia non dappertutto queste corsie speciali offrono agli utenti la protezione auspicata. Soprattutto nei centri urbani, dove spesso non c è spazio a disposizione tra le case per una pista ciclabile separata, i ciclisti si vedono costretti a condividere la strada con un traffico intenso, separati soltanto da una stretta corsia ciclabile disegnata sull asfalto. Come anche sulle strade senza corsie ciclabili, anche qui per i conduttori dei veicoli a due ruote sussiste il grande rischio di essere toccati di striscio dai conduttori di veicoli a motore e in particolare dagli autocarri, di essere urtati o addirittura investiti da chi svolta a destra. Lì dove esistono invece corsie ciclabili, il problema si presenta soprattutto nella cattiva demarcazione con il marciapiede e con le uscite. Se poi le ciclopiste sono in cattivo stato, i ciclisti ripiegano sulle strade nonostante il pericolo maggiore. Prevenzione degli incidenti con e-bike e biciclette Le diverse cause degli incidenti richiedono l adozione di diverse misure per la loro prevenzione. Oltre a modifiche architettoniche, un cambiamento nell atteggiamento degli utenti della strada è la misura più importante nella prevenzione degli incidenti. Misure nell infrastruttura Sicure sono le ciclopiste munite di una propria corsia, separate chiaramente sia dalla strada sia dal marciapiede. Agli incroci rappresenta un vantaggio il fatto che il ciclista abbia una propria corsia su cui è ben visibile e un proprio semaforo che gli consenta di partire un attimo prima. Lì dove le biciclette e i veicoli a motore si dividono la strada, è solitamente d ausilio un generale rallentamento della circolazione, riducendo la velocità consentita o restringendo la carreggiata. Consigli di comportamento per conducenti di veicoli a motore Siate consapevoli che le e-bike viaggiano molto più velocemente rispetto alle normali biciclette! Pensate che i ciclisti non sempre si comportano nel rispetto delle norme! Svoltando a destra, assicuratevi che non giunga alcun ciclista! Durante il sorpasso mantenete lateralmente un ampia distanza di sicurezza! Guardate indietro prima di aprire la portiera e di scendere dalla vostra macchina parcheggiata! Consigli di comportamento per conducenti di e-bike e biciclette Fate in modo che gli altri utenti della strada si accorgano di voi: indossate abiti dai colori sgargianti e riflettenti! Al crepuscolo, di notte o in caso di maltempo viaggiate sempre con l illuminazione prescritta! Indossate un casco e abiti di protezione! Come conducenti di e-bike siate sempre consapevoli della vostra elevata velocità e non dimenticate che i conducenti dei veicoli a motore possono valutare erroneamente la vostra velocità! Osservate sempre le norme della circolazione stradale e fate attenzione ai pedoni! Evitate di telefonare o ascoltare musica durante il percorso. I cervelli migliori si proteggono Per gli operai edili, i giocatori di eis hockey e i conducenti di motocicli indossare il casco è ormai da tempo del tutto naturale. Ciò dovrebbe esserlo anche per i ciclisti, soprattutto perché questi, senza grande fatica, raggiungono la velocità di un ciclomotore e perché le e-bike sfrecciano sulle strade addirittura a 45 km/h. Spesso senza casco, anche se il casco per ciclisti, in caso di incidente, riduce sensibilmente il rischio di subire lesioni e di muorire. È comprovato che il casco per ciclisti riduce le lesioni alla testa, al cervello e al viso

12 Pertanto è incredibile che oltre la metà dei ciclisti non usino ancora il casco. La quota di coloro che lo indossano in Svizzera era pari nel 2009 solo al 38 %. Certo è positivo che tale quota in Svizzera abbia fatto registrare un continuo aumento fino al 2006 e che negli ultimi dieci anni sia passata dal 14 % al 38 %, ma è preoccupante che da allora sia rimasta stabile a questo livello basso. In Germania, nel 2008, addirittura solo il 10 % dei ciclisti indossava un casco di protezione. Nel 2007 era solo il 9 %. Positivo è comunque che la quota dei bambini fino a 14 anni che indossano il casco in Svizzera sia pari al 70 %, mentre in Germania i bambini muniti di casco sono il 55 %. In tutti gli altri gruppi di età, in Svizzera, appena un terzo indossa il casco, nonostante il rischio di incidente non diminuisca con l età. Quota di chi indossa il casco (CH) Autocarri con sponda idraulica un pericolo in agguato al bordo delle strade Non è possibile immaginarsi una giornata senza di loro: autocarri e furgoni che garantiscono il nostro approvvigionamento. Tuttavia, a causa delle limitate condizioni di visibilità, i veicoli da trasporto rappresentano un pericolo per gli altri utenti della strada soprattutto nelle manovre e nelle svolte. A ciò vanno aggiunti gli spazi ristretti nelle città: sia in caso di una consegna di merci sia di un trasloco privato, i furgoni si fermano per lo più in mezzo alla strada minacciando sia la circolazione che giunge dalla direzione opposta sia i pedoni. Quota di chi indossa il casco in base all età 2009 (CH) 80% 70% 60% 50% 40% 30% 20% 10% 0% Marciapiedi piccoli, strade strette, pochi parcheggi. Molte strade dei centri urbani sono poco indicate per lo scarico /carico delle merci. Tuttavia i fornitori sono costretti a consegnare le proprie merci avvalendosi di autocarri e autoarticolati. Che la merce venga trasportata dal parcheggio più vicino è una possibilità ben rara. Pertanto è consueto fermarsi sul marciapiede, stando per metà sulla carreggiata e bloccando di conseguenza la circolazione. Le auto che seguono sono costrette ad aggirare il veicolo fermo: un impresa sempre rischiosa, in particolare al crepuscolo o con maltempo. Conducenti dei furgoni inesperti In caso di uso privato di furgoni si aggiunge inoltre la dimensione inconsueta del veicolo. Senza l obbligo di un esame di guida supplementare, in Svizzera e in Germania, è possibile guidare furgoni fino a 3,5 t. In Germania addirittura fino a 7,5 t se il conducente ha acquisito la patente per autoveicoli secondo la vecchia classe 3. Pertanto spesso si possono osservare improvvise frenate o una guida a strappi da parte dei conducenti inesperti dei furgoni. Anche durante le manovre essi non sono sempre all altezza della situazione. La visuale limitata è inusuale per i conducenti inesperti e cela rischi particolari. Pertanto come pedoni o conducenti di veicoli a due ruote occorre prestare la massima attenzione in prossimità dei furgoni

13 Visuale del furgone durante le svolte, le manovre e le retromarce Anche per i professionisti non è facile: i camion sono grandi e ben visibili. La posizione elevata del sedile offre una buona visuale sul davanti. Tuttavia tutto ciò che avviene direttamente avanti, accanto o dietro il veicolo sfugge all occhio del conducente. I sistema degli specchi sono d ausilio nel ridurre queste zone di visibilità ridotta, ma non sono comunque in grado di eliminare completamente gli angoli ciechi. Pertanto i pedoni e i ciclisti che si trovano in prossimità dei camion spesso non vengono avvistati. In particolare durante le svolte a destra i pedoni e i ciclisti sottovalutano il grande rischio di essere investiti. In molti casi suppongono erroneamente di essere stati visti e quindi tenuti in debita considerazione dal conducente dell autocarro. Una protezione antiurto sui lati dei veicoli commerciali dovrebbe evitare che i ciclisti e i pedoni, nell impatto con la fiancata del veicolo, finiscano sotto le ruote e vengano investiti. Tuttavia non è possibile apportare una tale protezione a tutti i veicoli. L impiego speciale dei macchinari operatrici mobili e dei mezzi d opera non ne rende possibile l applicazione. Anche negli autocarri convenzionali, sia di grande che di piccola dimensione, una protezione laterale antiurto è in grado di offrire una protezione solo limitata. Il miglior consiglio ai pedoni e ai ciclisti è quello di tenersi a rispettosa distanza. Specchi e relativa impostazione Se i pedoni e i ciclisti sono poco consapevoli del rischio che corrono in prossimità dei camion, altrettanto poco consapevoli della loro visuale ridotta sono i conducenti degli autocarri. Per ampliare il campo di visibilità e ridurre gli angoli ciechi, dal 2007 la UE prescrive l uso di specchi supplementari. Tali specchi sono però d ausilio soltanto quando sono posizionati correttamente e ciò spesso non accade. Gli schemi di posizionamento degli specchi aiutano nell impostarli correttamente. Questi sistemi sono particolarmente utili quando si alternano persone sempre diverse alla guida dello stesso camion e la posizione del sedile e dello specchio deve essere ogni volta di nuovo regolata. Sponda caricatrice come pericolo speciale Le sponde caricatrici sono di grande ausilio per le operazioni di carico e scarico merci. Esse consentono con facilità di prelevare dal cassone le merci sui pallet o sui container su ruote e di trasportarle sul livello del punto di scarico. Se però il processo di carico/ scarico avviene, interamente o parzialmente, sulla carreggiata, la sponda aperta sporge notevolmente sul retro direttamente contro il senso di circolazione. Così la sottile sponda idraulica, in parte difficilmente visibile, diviene un pericolo per tutte le autovetture che seguono. Per tale ragione le sponde caricatrici che non vengono utilizzate vanno sempre richiuse o temporaneamente mantenute al livello del terreno. Normativa per segnalare le sponde idrauliche In Germania per un migliore avvistamento dei furgoni dotati di sponde idrauliche sono in vigore delle disposizioni ben precise: durante il funzionamento devono essere apposte in modo ben visibile due luci intermittenti e pannelli retroriflettenti di colore bianco rosso che richiamano l attenzione sul pericolo. In Svizzera è necessario apportare alle sponde idrauliche dei pannelli di segnalazione a strisce di colore nero-giallo o bianco-rosso, mentre le luci non sono obbligatorie. Tutto ciò è comunque troppo poco per proteggere la circolazione che segue dal pericolo di urtare contro una sponda aperta. Sarebbe auspicabile che anche in Svizzera divenisse obbligatoria almeno l illuminazione delle sponde. Per individuare per tempo i pericoli risultanti dai furgoni che caricano o scaricano sulla strada, anche la collocazione di birilli davanti all ostacolo sarebbe una misura che va presa in considerazione al fine di garantire maggiore sicurezza. Disposizioni CH Pannelli di segnalazione pericolo delle sponde idrauliche a strisce di colore giallo-nero o bianco-rosso Disposizioni D Pannelli per sponde retroriflettenti di colore rosso bianco Luci intermittenti durante il funzionamento della sponda idraulica Guida di posizionamento per l impostazione degli specchi per veicoli commerciali con sistemi di specchi vecchi e nuovi. In questo modo la visuale dalla cabina di guida del camion con guida a sinistra migliora sensibilmente. Bordatura per lo spesso anteriore Linea ausiliaria per la sosta del camion Bordatura per lo specchio di rampa Linea di bordatura per lo specchio grandangolare Linea di bordatura per lo specchio esterno principale Linea ausiliaria per l orientamento del veicolo commerciale Consigli di comportamento per conducenti di furgoni Posizionate correttamente il vostro specchio retrovisore e laterale prima di ogni viaggio! Effettuate le manovre nei centri urbani solo con l ausilio di un altra persona! Collocate i birilli sulla strada dietro il vostro veicolo, prima di iniziare con le operazioni di carico e scarico! Se la vostra sponda non è munita delle apposite luci segnaletiche, azionate una luce intermittente mobile durante le operazioni di carico/scarico! Richiudete sempre la sponda in caso di non utilizzo, anche se di breve durata, oppure abbassatela al livello del terreno! Fonte: DEKRA 24 25

14 Consigli di comportamento per ciclisti e pedoni Partite sempre dal presupposto che il conducente del camion o del furgone non si accorga di voi! Mantenete sempre una distanza sufficiente dai camion e dai furgoni! AXA Winterthur e DEKRA - 25 anni di crash test insieme a Wildhaus Ciò che nel 1981 era iniziato modestamente presso l area di Sulzer a Winterthur, si è trasformato in breve tempo in una cooperazione professionale di ricerca. Dal 1985 AXA Winterthur e DEKRA eseguono insieme, ogni anno, a Wildhaus crash test di fama internazionale. I risultati e i dati di misura ottenuti sono richiesti dagli esperti del settore sia a livello nazionale sia internazionale. I test giovano, da un lato, alla ricerca di base: quando e in quale misura si verificano gli incidenti e come possono essere evitati. Dall altro sono d ausilio per spiegare la dinamica degli incidenti; la ricostruzione degli stessi fa luce sui punti oscuri. I test hanno luogo per lo più in assenza di pubblico. Ad alcuni test selezionati è possibile assistere alla conferenza specialistica internazionale AREC (Accident Reconstruction Conference). Esperti d infortunistica e specialisti di tutta l Europa si recano nel Toggenburg per questa occasione. Per coloro che non sono prettamente del campo, ma che sono altrettanto interessati ha luogo inoltre la giornata annuale dedicata ai media e agli ospiti, nel corso della quale gli esperti di infortunistica di AXA Winterthur e di DEKRA permettono ai loro ospiti di dare uno sguardo dietro le quinte. Nel 2010 avranno luogo a Wildhaus oltre 30 crash test. 53 veicoli saranno coinvolti in incidenti per scopi di ricerca. Ciò è possibile soltanto grazie al team affiato di entrambe le aziende. Già diversi mesi prima di questo appuntamento iniziano i lavori preliminari. La pianificazione minuziosa garantisce uno svolgimento senza intoppi. Ben 15 esperti ingegneri, supportati da studenti, conducono gli oltre 30 test e analizzano i dati, parzialmente anche sul posto. Essi sono sempre al servizio per la sicurezza sulle nostre strade, per la sicurezza di noi tutti 26 27

15 C&P 0442 It DEKRA e.v. Handwerkstrasse 15 D Stuttgart Telefono AXA Winterthur General-Guisan-Strasse 40 CH-8401 Winterthur Telefono

Tavola 1 Incidenti stradali, morti e feriti

Tavola 1 Incidenti stradali, morti e feriti PRINCIPALI EVIDENZE DELL INCIDENTALITÀ STRADALE IN ITALIA I numeri dell incidentalità stradale italiana Nel 2011, in Italia si sono registrati 205.638 incidenti stradali, che hanno causato 3.860 morti

Dettagli

www.italy-ontheroad.it

www.italy-ontheroad.it www.italy-ontheroad.it Rotonda, rotatoria: istruzioni per l uso. Negli ultimi anni la rotonda, o rotatoria stradale, si è molto diffusa sostituendo gran parte delle aree semaforizzate, ma l utente della

Dettagli

PRIORITY. Precedenza

PRIORITY. Precedenza www.italy-ontheroad.it PRIORITY Precedenza Informazioni generali e consigli. Ciao, sono Namauel Sono una voce amica che prova ad aiutarti, con qualche consiglio, nella circolazione stradale. Mi rivolgo

Dettagli

Sommario. Introduzione. Pagina. Regole fondamentali 3. Prudenza con i pedoni 5. I mezzi di trasporto pubblici 7. La precedenza da destra 9

Sommario. Introduzione. Pagina. Regole fondamentali 3. Prudenza con i pedoni 5. I mezzi di trasporto pubblici 7. La precedenza da destra 9 La precedenza ed io Sommario Pagina Regole fondamentali 3 Prudenza con i pedoni 5 I mezzi di trasporto pubblici 7 La precedenza da destra 9 Segnali stradali 10 Segnali luminosi 12 Il traffico in senso

Dettagli

Tabella dei punti decurtati dalla "patente a punti" secondo il nuovo codice della strada

Tabella dei punti decurtati dalla patente a punti secondo il nuovo codice della strada Tabella dei punti decurtati dalla "patente a punti" secondo il nuovo codice della strada Descrizione Punti Articolo sottratti Art. 141 Comma 9, 2 periodo Gare di velocità con veicoli a motore decise di

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE BRATTI, BRAGA, TINO IANNUZZI, MARIANI

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE BRATTI, BRAGA, TINO IANNUZZI, MARIANI Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 111 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI BRATTI, BRAGA, TINO IANNUZZI, MARIANI Modifiche al codice della strada, di cui al decreto

Dettagli

PISTE CICLABILI SU CORSIA RISERVATA

PISTE CICLABILI SU CORSIA RISERVATA Infrastrutture Give Cycling a Push INFRASTRUTTURE / COLLEGAMENTI DELLA RETE PISTE CICLABILI SU CORSIA RISERVATA Visione d insieme Una pista ciclabile su corsia riservata è uno spazio sulla strada riservato

Dettagli

GENNAIO Articoli e Comma Tipo N. Violaz. Tot.. 7 Circolava in c.a. in senso contrario a quello consentito dalla segnaletica verticale Verbali 1 41,00

GENNAIO Articoli e Comma Tipo N. Violaz. Tot.. 7 Circolava in c.a. in senso contrario a quello consentito dalla segnaletica verticale Verbali 1 41,00 GENNAIO 7 Alla guida del veicolo non rispettava le prescrizioni imposte dalla segnaletica verticale indicante il senso rotatorio. Verbali 2 82,00 7 In c.a. lasciava in sosta il veicolo nonostante il divieto

Dettagli

PISTE CICLABILI IN SEDE PROPRIA

PISTE CICLABILI IN SEDE PROPRIA Infrastrutture Give Cycling a Push INFRASTRUTTURE / COLLEGAMENTI DELLA RETE PISTE CICLABILI IN SEDE PROPRIA Visione d insieme Una pista ciclabile in sede propria è l infrastruttura ciclabile di qualità

Dettagli

g) prescrivere orari e riservare spazi per i veicoli utilizzati per il carico e lo scarico di cose;

g) prescrivere orari e riservare spazi per i veicoli utilizzati per il carico e lo scarico di cose; articolo 7: Regolamentazione della circolazione nei centri abitati 1. Nei centri abitati i comuni possono, con ordinanza del sindaco: a) adottare i provvedimenti indicati nell'art. 6, commi 1, 2 e 4; b)

Dettagli

INCROCI CON ROTATORIA

INCROCI CON ROTATORIA Infrastrutture Give Cycling a Push INFRASTRUTTURE / INCROCI E ATTRAVERSAMENTI INCROCI CON ROTATORIA Visione d insieme Le rotatorie semplici a una sola corsia costituiscono il tipo di incrocio più sicuro

Dettagli

SCHEMI RIPARTIZIONE RESPONSABILITA' INCIDENTI STRADALI (BAREM DI RESPONSABILITA')

SCHEMI RIPARTIZIONE RESPONSABILITA' INCIDENTI STRADALI (BAREM DI RESPONSABILITA') SCHEMI RIPARTIZIONE RESPONSABILITA' INCIDENTI STRADALI (BAREM DI RESPONSABILITA') DEFINIZIONI (ai soli fini dell'applicazione degli schemi di ripartizione) CARREGGIATA parte della strada normalmente destinata

Dettagli

Convenzione sulla circolazione stradale

Convenzione sulla circolazione stradale Convenzione sulla circolazione stradale Conclusa a Vienna l 8 novembre 1968 Le Parti contraenti, nell intento di facilitare la circolazione stradale internazionale e di accrescere la sicurezza nelle strade

Dettagli

Accendi le luci. Ora anche di giorno.

Accendi le luci. Ora anche di giorno. Accendi le luci. Ora anche di giorno. Più luce, maggiore sicurezza. I veicoli che circolano con le luci anabbaglianti o di marcia diurna accese vengono riconosciuti prima, riducendo così notevolmente il

Dettagli

Esercizi sul moto rettilineo uniformemente accelerato

Esercizi sul moto rettilineo uniformemente accelerato Liceo Carducci Volterra - Classe 3 a B Scientifico - Francesco Daddi - 8 novembre 010 Esercizi sul moto rettilineo uniformemente accelerato Esercizio 1. Un corpo parte da fermo con accelerazione pari a

Dettagli

Soluzione degli esercizi sul moto rettilineo uniformemente accelerato

Soluzione degli esercizi sul moto rettilineo uniformemente accelerato Liceo Carducci Volterra - Classe 3 a B Scientifico - Francesco Daddi - 8 novembre 00 Soluzione degli esercizi sul moto rettilineo uniformemente accelerato Esercizio. Un corpo parte da fermo con accelerazione

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO ALL AREA PEDONALE DEL COMUNE DI COURMAYEUR

REGOLAMENTO PER L ACCESSO ALL AREA PEDONALE DEL COMUNE DI COURMAYEUR REGOLAMENTO PER L ACCESSO ALL AREA PEDONALE DEL COMUNE DI COURMAYEUR Indice degli articoli Art. 1 Definizioni...2 Art. 2 Oggetto ed ambito di applicazione...2 Art. 3 Deroghe al divieto di circolazione

Dettagli

Appello all azione: 10 interventi chiave per portare più gente in bicicletta più spesso in Europa

Appello all azione: 10 interventi chiave per portare più gente in bicicletta più spesso in Europa Appello all azione: 10 interventi chiave per portare più gente in bicicletta più spesso in Europa Manifesto dell'ecf per le elezioni al Parlamento Europeo del 2014 versione breve ECF gratefully acknowledges

Dettagli

LE ROTATORIE DI SECONDA GENERAZIONE

LE ROTATORIE DI SECONDA GENERAZIONE LE ROTATORIE DI SECONDA GENERAZIONE Alcuni criteri di pianificazione delle rotatorie Cenni alla manualistica della Regione Piemonte, della Regione Lombardia e di altri Paesi europei Torino, 14 DICEMBRE

Dettagli

Ministero dei lavori pubblici

Ministero dei lavori pubblici Ministero dei lavori pubblici ISPETTORATO GENERALE PER LA CIRCOLAZIONE E LA SICUREZZA STRADALE Prot. n. 3698 Alle Amministrazioni Comunali Loro Sedi Oggetto: Linee guida per la redazione dei piani urbani

Dettagli

Comune di San Giustino. STUDIO DELLA VIABILITÀ nella frazione di Selci IPOTESI PROGETTUALI

Comune di San Giustino. STUDIO DELLA VIABILITÀ nella frazione di Selci IPOTESI PROGETTUALI Comune di San Giustino STUDIO DELLA VIABILITÀ nella frazione di Selci IPOTESI PROGETTUALI Presentazione pubblica del 19.02.2015 IPOTESI PROGETTUALI CONSIDERAZIONI PRELIMINARI TUTELARE L ACCESSIBILITÀ AI

Dettagli

PROBLEMI SUL MOTO RETTILINEO UNIFORMEMENTE ACCELERATO

PROBLEMI SUL MOTO RETTILINEO UNIFORMEMENTE ACCELERATO PROBLEMI SUL MOTO RETTILINEO UNIFORMEMENTE ACCELERATO 1. Un auto lanciata alla velocità di 108 Km/h inizia a frenare. Supposto che durante la frenata il moto sia uniformemente ritardato con decelerazione

Dettagli

Sicurezza nei quartieri

Sicurezza nei quartieri Sicurezza nei quartieri Orientamento sulle sistemazioni e sui dispositivi stradali Membri del TCS gratuito (1 copia) Non membri CHF 10. touring club suisse schweiz svizzero Prefazione La prevenzione degli

Dettagli

MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI

MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI DECRETO 10 luglio 2002 (Pubblicato sulla GU n. 226 del 26-9-2002- Suppl. Straordinario) Disciplinare tecnico relativo agli schemi segnaletici, differenziati

Dettagli

DITE LA VOSTRA NELLA SCELTA DEI PNEUMATICI: CHIEDETE PNEUMATICI SICURI, A BASSO CONSUMO ENERGETICO E SILENZIOSI! www.etichetta-pneumatici.

DITE LA VOSTRA NELLA SCELTA DEI PNEUMATICI: CHIEDETE PNEUMATICI SICURI, A BASSO CONSUMO ENERGETICO E SILENZIOSI! www.etichetta-pneumatici. DITE LA VOSTRA NELLA SCELTA DEI PNEUMATICI: CHIEDETE PNEUMATICI SICURI, A BASSO CONSUMO ENERGETICO E SILENZIOSI! PNEUMATICI MIGLIORI SULLE STRADE SVIZZERE Dire la propria nella scelta dei pneumatici? Dare

Dettagli

SALUTE E SICUREZZA nell autotrasporto: le condizioni psicofisiche

SALUTE E SICUREZZA nell autotrasporto: le condizioni psicofisiche SERVIZIO SANITARIO REGIONALE EMILIA ROMAGNA Azienda Unità Sanitaria Locale di Bologna Dipartimento di Sanità Pubblica SALUTE E SICUREZZA nell autotrasporto: le condizioni psicofisiche Giorgio Ghedini Medico

Dettagli

Test di ergonomia Valutazione del carico posturale nel lavoro sedentario

Test di ergonomia Valutazione del carico posturale nel lavoro sedentario Test di ergonomia Valutazione del carico posturale nel lavoro sedentario Il lavoro sedentario può essere all origine di vari disturbi, soprattutto se il posto di lavoro è concepito secondo criteri non

Dettagli

4.03 Stato al 1 gennaio 2013

4.03 Stato al 1 gennaio 2013 4.03 Stato al 1 gennaio 2013 Mezzi ausiliari dell AI Professione e vita quotidiana 1 Gli assicurati dell AI hanno diritto, nei limiti fissati in un elenco allestito dal Consiglio federale, ai mezzi ausiliari

Dettagli

Premessa... 2. 1. Gli italiani al volante. La distrazione alla guida tra realtà e percezione... 3. 1.1. L esperienza vissuta... 3

Premessa... 2. 1. Gli italiani al volante. La distrazione alla guida tra realtà e percezione... 3. 1.1. L esperienza vissuta... 3 Indice Premessa... 2 1. Gli italiani al volante. La distrazione alla guida tra realtà e percezione... 3 1.1. L esperienza vissuta... 3 1.2. Opinioni e percezioni dei guidatori italiani... 4 2. La guida

Dettagli

Consigli per una guida in sicurezza

Consigli per una guida in sicurezza Consigli per una guida in sicurezza cosa fare prima di mettersi in viaggio cosa fare durante il viaggio Stagione invernale 2014-2015 In caso di neve INDICE Prima di mettersi in viaggio 1 2 3 4 5 PAG 4-

Dettagli

www.integration.zh.ch

www.integration.zh.ch Cantone di Zurigo Dipartimento della giustizia e degli interni Ufficio cantonale per l integrazione Informazioni per i nuovi arrivati dall estero www.integration.zh.ch Indice 03 Immigrazione e diritto

Dettagli

G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA

G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA AUDIMOB O SSERVATORIO SUI C OMPORTAMENTI DI M OBILITÀ DEGLI I TALIANI Maggio 2012 LE FERMATE AUDIMOB S U L L A M O B I L I T A n. 15

Dettagli

Le patenti sono 15, ciascuna con una sua autonomia, senza categorie e sottocategorie.

Le patenti sono 15, ciascuna con una sua autonomia, senza categorie e sottocategorie. ENTRA IN VIGORE LA PATENTE UNICA EUROPEA (parte generale) 19 gennaio 2013: entra in vigore la patente dell Unione Europea, unica ed uguale per tutti i cittadini europei, in formato card, con la foto digitale

Dettagli

e zone sotto la lente

e zone sotto la lente e zone sotto la lente Condizioni Funzioni Effetti Premessa Già oggetto di una gran polemica, chiusa nel 2001 dal rifiuto massiccio del popolo d introdurre nelle località il limite generalizzato di 30 km/h,

Dettagli

Piano Spostamenti casa-lavoro 2007

Piano Spostamenti casa-lavoro 2007 Mobility Management Piano Spostamenti casa-lavoro 2007 Hera Imola-Faenza, sede di via Casalegno 1, Imola La normativa vigente: D.M. 27/03/1998, decreto Ronchi Mobilità sostenibile nelle aree urbane Le

Dettagli

La dinamica delle collisioni

La dinamica delle collisioni La dinamica delle collisioni Un video: clic Un altro video: clic Analisi di un crash test (I) I filmati delle prove d impatto distruttive degli autoveicoli, dato l elevato numero dei fotogrammi al secondo,

Dettagli

TCS Carta Aziendale: assistenza su misura per la Sua azienda

TCS Carta Aziendale: assistenza su misura per la Sua azienda TCS Carta Aziendale Soccorso stradale e protezione giuridica circolazione per veicoli aziendali TCS Carta Aziendale: assistenza su misura per la Sua azienda Un problema in viaggio? Ci pensa il Suo pattugliatore

Dettagli

SCHEMI OPERATIVI. Indice: COPIA AGGIORNATA 07.04.2013. Redatti dal Commissario Aggiunto Gianni Sansonne

SCHEMI OPERATIVI. Indice: COPIA AGGIORNATA 07.04.2013. Redatti dal Commissario Aggiunto Gianni Sansonne SCHEMI OPERATIVI COPIA AGGIORNATA 07.04.2013 Redatti dal Commissario Aggiunto Gianni Sansonne Indice:. Pagina 2: Equiparazione delle patenti rilasciate fino al 18.01.13 alle nuove categorie previste dal19.01.13;.

Dettagli

EQUIPAGGIAMENTI E PREZZI VOLT

EQUIPAGGIAMENTI E PREZZI VOLT EQUIPAGGIAMENTI E PREZZI LUGLIO 2012 LISTINO PREZZI Volt CHIAVI IN MANO CON IVA MESSA SU STRADA PREZZO DI LISTINO CON IVA PREZZO LISTINO (IVA ESCLUSA) 44.350 ALLESTIMENTI 1.400,00 42.950,00 35.495,87 SPECIFICHE

Dettagli

Mario Fargnoli. www.politicheagricole.it

Mario Fargnoli. www.politicheagricole.it La revisione delle macchine agricole immatricolate Mario Fargnoli Giornata di Studio www.politicheagricole.it Sicurezza del lavoro in agricoltura e nella circolazione stradale tra obblighi di legge ed

Dettagli

Documento approvato dalla Commissione di studio per le norme relative ai materiali stradali e progettazione, costruzione e manutenzione strade del CNR

Documento approvato dalla Commissione di studio per le norme relative ai materiali stradali e progettazione, costruzione e manutenzione strade del CNR MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI SISTEMI DI REGOLAZIONE DEL TRAFFICO LINEE GUIDA Documento approvato dalla Commissione di studio per le norme relative ai materiali stradali e progettazione,

Dettagli

MA NDO VAI... ROMANI IN MOVIMENTO TRA CRISI ECONOMICA E MODELLI ALTERNATIVI

MA NDO VAI... ROMANI IN MOVIMENTO TRA CRISI ECONOMICA E MODELLI ALTERNATIVI MA NDO VAI... ROMANI IN MOVIMENTO TRA CRISI ECONOMICA E MODELLI ALTERNATIVI In questa fermata Audimob, l analisi dei dati si sofferma sui comportamenti in mobilità dei romani e dei residenti nei comuni

Dettagli

Cons. autom. Serie A CIRCOLAZIONE STRADALE

Cons. autom. Serie A CIRCOLAZIONE STRADALE PROINCIA DI TARANTO Cons. autom. Serie A CIRCOLAZIONE STRADALE A0001 A0002 A0003 A0004 A0005 A0006 Sono classificati veicoli secondo il CDS 1 le macchine uso bambini 2 i ciclomotori 3 le macchine uso disabili

Dettagli

Sitorna sul triciclo. da guidare e più sicuri. facili. Scooter a tre ruote. Laprova completa su Corriere.it

Sitorna sul triciclo. da guidare e più sicuri. facili. Scooter a tre ruote. Laprova completa su Corriere.it La Laprova completa su Corriere.it Piaggio MP3 LT 30o IE Sport Quadro 350S e Peugeot Metropolis : 400 tre scooter a tre ruote prova completa. con immagini e commenti è su motori.corriere.it Sitorna sul

Dettagli

Maggior comfort e sicurezza in movimento. Sistemi di riscaldamento e di condizionamento per veicoli speciali, mini e midibus

Maggior comfort e sicurezza in movimento. Sistemi di riscaldamento e di condizionamento per veicoli speciali, mini e midibus Maggior comfort e sicurezza in movimento Sistemi di riscaldamento e di condizionamento per veicoli speciali, mini e midibus Comfort e sicurezza ti accompagnano in ogni situazione. Ecco cosa significa Feel

Dettagli

I LAVORI IN QUOTA. Expo Edilizia - Roma, 14 novembre 2008. I Dispositivi di Protezione Individuale. Problematiche e soluzioni

I LAVORI IN QUOTA. Expo Edilizia - Roma, 14 novembre 2008. I Dispositivi di Protezione Individuale. Problematiche e soluzioni Expo Edilizia - Roma, 14 novembre 2008 I LAVORI IN QUOTA I Dispositivi di Protezione Individuale Problematiche e soluzioni Luigi Cortis via di Fontana Candida 1, 00040 Monte Porzio Catone (Roma) telefono

Dettagli

SETTORE LAVORI PUBBLICI e PATRIMONIO Lecco, 20 marzo 2012 Servizio Viabilità N 71 R.O. SR.gf

SETTORE LAVORI PUBBLICI e PATRIMONIO Lecco, 20 marzo 2012 Servizio Viabilità N 71 R.O. SR.gf SETTORE LAVORI PUBBLICI e PATRIMONIO Lecco, 20 marzo 2012 Servizio Viabilità N 71 R.O. SR.gf OGGETTO: Organizzazione Zona a Traffico Limitato Centro storico IL SINDACO Premesso che, per fronteggiare le

Dettagli

L anno, il giorno del mese di in, con la presente scrittura privata valida a tutti gli effetti di legge TRA

L anno, il giorno del mese di in, con la presente scrittura privata valida a tutti gli effetti di legge TRA Allegato n.3 Schema di contratto per il comodato d uso gratuito di n. 3 autoveicoli appositamente attrezzati per il trasporto di persone con disabilità e n. 2 autoveicoli per le attività istituzionali

Dettagli

LAVORO, ENERGIA E POTENZA

LAVORO, ENERGIA E POTENZA LAVORO, ENERGIA E POTENZA Nel linguaggio comune, la parola lavoro è applicata a qualsiasi forma di attività, fisica o mentale, che sia in grado di produrre un risultato. In fisica la parola lavoro ha un

Dettagli

Salute e Sicurezza sul luogo di lavoro Valori limite di Rumore e Vibrazioni

Salute e Sicurezza sul luogo di lavoro Valori limite di Rumore e Vibrazioni Valori limite di Rumore e Vibrazioni Le Norme UE Protezione sul Lavoro entrano nel diritto tedesco Crescita del livello di Sicurezza e di tutela della Salute sul luogo di lavoro Le Norme relative alla

Dettagli

Partenariato transatlantico su commercio e investimenti. Parte normativa

Partenariato transatlantico su commercio e investimenti. Parte normativa Partenariato transatlantico su commercio e investimenti Parte normativa settembre 2013 2 I presidenti Barroso, Van Rompuy e Obama hanno chiarito che la riduzione delle barriere normative al commercio costituisce

Dettagli

Impatti. Volu mi. Veloci tà

Impatti. Volu mi. Veloci tà I risultati conseguiti dagli interventi di moderazione del traffico Nella determinazione dei dati sull incidenza sulla velocità vanno tenuti presenti il luogo e il tempo del rilevamento: i conducenti rallentano

Dettagli

Seggiolini auto: dov è il "vantaggio per le famiglie"?

Seggiolini auto: dov è il vantaggio per le famiglie? Ufficio stampa del TCS Vernier Tel +41 58 827 27 16 Fax +41 58 827 51 24 www.pressetcs.ch Comunicato stampa Seggiolini auto: dov è il "vantaggio per le famiglie"? Emmen, 15 novembre 2012. Il test del TCS

Dettagli

Nuova Passat Nuova Passat Variant

Nuova Passat Nuova Passat Variant Nuova Passat Nuova Passat Variant Nuova Passat. La più innovativa di sempre. Da sempre punto di riferimento della categoria per tecnologia e funzionalità, Nuova Passat definisce ancora una volta gli standard

Dettagli

Meglio prevenire. Alcuni accorgimenti da adottare contro i ladri:

Meglio prevenire. Alcuni accorgimenti da adottare contro i ladri: Introduzione Sono ormai sempre più frequenti i furti negli appartamenti, nelle case e negli uffici. Il senso di insicurezza della popolazione è comprensibile. Con questo opuscolo si vuole mostrare che

Dettagli

POLITICA AZIENDALE PER LA SICUREZZA E SALUTE SUL LAVORO... 4 PREMESSA... 6

POLITICA AZIENDALE PER LA SICUREZZA E SALUTE SUL LAVORO... 4 PREMESSA... 6 LINEE GUIDA PER LA SICUREZZA DELL OPERATORE SU STRADA INDICE POLITICA AZIENDALE PER LA SICUREZZA E SALUTE SUL LAVORO... 4 PREMESSA... 6 1. NORME DI COMPORTAMENTO GENERALI PER L ESECUZIONE DELLE MANOVRE

Dettagli

A. 5 m / s 2. B. 3 m / s 2. C. 9 m / s 2. D. 2 m / s 2. E. 1 m / s 2. Soluzione: equazione oraria: s = s0 + v0

A. 5 m / s 2. B. 3 m / s 2. C. 9 m / s 2. D. 2 m / s 2. E. 1 m / s 2. Soluzione: equazione oraria: s = s0 + v0 1 ) Un veicolo che viaggia inizialmente alla velocità di 1 Km / h frena con decelerazione costante sino a fermarsi nello spazio di m. La sua decelerazione è di circa: A. 5 m / s. B. 3 m / s. C. 9 m / s.

Dettagli

milieu sul luogo professionnel: Qualche suggerimento per i colleghi

milieu sul luogo professionnel: Qualche suggerimento per i colleghi Problèmes Problemi con d alcool l alcol en milieu sul luogo professionnel: di lavoro Qualche suggerimento per i colleghi Edizione: Dipendenze Svizzera, 2011 Grafica: raschle & kranz, Berna Stampa: Jost

Dettagli

Classificazione e analisi delle tratte stradali a maggior rischio

Classificazione e analisi delle tratte stradali a maggior rischio AIPCR - Comitato Tecnico Nazionale C. Infrastrutture Stradali più Sicure 008-0 WORKSHOP La DIRETTIVA 008/96/CE Roma, 9 luglio 009 Classificazione e analisi delle tratte stradali a maggior rischio Davide

Dettagli

MANUALE D USO TROPHY 20 1015943A

MANUALE D USO TROPHY 20 1015943A MANUALE D USO TROPHY 20 1015943A Italiano 2011 Handicare Tutti i diritti riservati. Le informazioni qui riportate non possono essere riprodotte e/o pubblicate in nessuna altra forma, mediante stampa,

Dettagli

ACQUISTO AUTO: IVA AGEVOLATA

ACQUISTO AUTO: IVA AGEVOLATA ACQUISTO AUTO: IVA AGEVOLATA Al momento dell'acquisto di un veicolo, nuovo o usato, le persone disabili o i familiari che le hanno fiscalmente in carico possono usufruire di una riduzione dell'aliquota

Dettagli

MINI-ESCAVATORE. ViO20-4. 2230/2335 kg. Call for Yanmar solutions

MINI-ESCAVATORE. ViO20-4. 2230/2335 kg. Call for Yanmar solutions MINI-ESCAVATORE 2230/2335 kg Call for Yanmar solutions COMPATTEZZA Il è un mini-escavatore con sporgenza posteriore realmente nulla. Il contrappeso e la parte posteriore del telaio superiore della macchina

Dettagli

Manuale operativo per la gestione e la manutenzione delle strade ai fini della tutela della sicurezza dei lavoratori

Manuale operativo per la gestione e la manutenzione delle strade ai fini della tutela della sicurezza dei lavoratori Manuale operativo per la gestione e la manutenzione delle strade ai fini della tutela della sicurezza dei lavoratori PRESENTAZIONE La presente pubblicazione si inserisce nell'ambito delle iniziative

Dettagli

L ASCENSORE. Conoscerlo meglio per gestirlo ed usarlo correttamente. COS È L ANACAM. Saper affrontare le emergenze. Quando non usare l ascensore.

L ASCENSORE. Conoscerlo meglio per gestirlo ed usarlo correttamente. COS È L ANACAM. Saper affrontare le emergenze. Quando non usare l ascensore. L ASCENSORE Conoscerlo meglio per gestirlo ed usarlo correttamente. Saper affrontare le emergenze. Quando non usare l ascensore. Cosa fare? Cosa non fare? Questo pieghevole è offerto dal vostro ascensorista

Dettagli

La sicurezza durante la raccolta e il trasporto di rifiuti. 10 domande per gli operatori a terra OSDE

La sicurezza durante la raccolta e il trasporto di rifiuti. 10 domande per gli operatori a terra OSDE La sicurezza durante la raccolta e il trasporto di rifiuti 10 domande per gli operatori a terra OSDE 1. Sono sempre visibile agli altri? Indosso sempre un indumento ad alta visibilità, anche quando fa

Dettagli

OBIETTIVI DELL ATTIVITA FISICA DEI BAMBINI DAI 6 AGLI 11 ANNI SECONDA PARTE LA CORSA

OBIETTIVI DELL ATTIVITA FISICA DEI BAMBINI DAI 6 AGLI 11 ANNI SECONDA PARTE LA CORSA OBIETTIVI DELL ATTIVITA FISICA DEI BAMBINI DAI 6 AGLI 11 ANNI SECONDA PARTE LA CORSA Dopo avere visto e valutato le capacità fisiche di base che occorrono alla prestazione sportiva e cioè Capacità Condizionali

Dettagli

Avviatore d emergenza 12-24 Volts 4500-2250 A

Avviatore d emergenza 12-24 Volts 4500-2250 A 443 00 49960 443 00 49961 443 00 49366 443 00 49630 443 00 49963 443 00 49964 443 00 49965 976-12 V 2250 A AVVIATORE 976 C-CARICATORE AUTOM. 220V/RICAMBIO 918 BATT-BATTERIA 12 V 2250 A/RICAMBIO 955 CAVO

Dettagli

DELL UNO CONTRO UNO DIFENSIVO

DELL UNO CONTRO UNO DIFENSIVO M A G A Z I N E PRINCIPI BASE DELL UNO CONTRO UNO DIFENSIVO w w w. a l l f o1 o t b a l l. i t IL TUTOR MARIO BERETTA 1959 Milano, è ex calciatore e attuale allenatore professionista. Diplomato Isef e

Dettagli

Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore

Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore Crescere un bambino Indaco o Cristallo è un privilegio speciale in questo momento di turbolenze e cambiamenti. Come genitori, state contribuendo

Dettagli

Piena visibilità, anche con il filtro antiparticolato. Soluzioni tecniche per prevenire gli infortuni con le macchine di cantiere

Piena visibilità, anche con il filtro antiparticolato. Soluzioni tecniche per prevenire gli infortuni con le macchine di cantiere Piena visibilità, anche con il filtro antiparticolato Soluzioni tecniche per prevenire gli infortuni con le macchine di cantiere Spesso succede che le macchine di cantiere debbano essere dotate a posteriori

Dettagli

THE PAST IS THE PAST, THE PRESENT WON T LAST, BUT THE FUTURE IS IN OUR HANDS... www.fast-concept.com

THE PAST IS THE PAST, THE PRESENT WON T LAST, BUT THE FUTURE IS IN OUR HANDS... www.fast-concept.com THE PAST IS THE PAST, THE PRESENT WON T LAST, BUT THE FUTURE IS IN OUR HANDS... SINTESI DELLA RIVOLUZIONARIA TECNOLOGIA DI RIDLEY Basta il suono della parola velocità (FAST), perché il battito del vostro

Dettagli

Approvato: con delibera di Consiglio Comunale n. 30 del 21.04.2009 Revisioni: Note:

Approvato: con delibera di Consiglio Comunale n. 30 del 21.04.2009 Revisioni: Note: REGOLAMENTO COMUNALE PER LA COLLOCAZIONE DI INSEGNE DI ESERCIZIO, CARTELLI, ALTRI MEZZI PUBBLICITARI, SEGNALI TURISTICI E DI TERRITORIO E SEGNALI CHE FORNISCONO INDICAZIONE DI SERVIZI UTILI Approvato:

Dettagli

Cambio di marcia completamente automatizzato tutt'altro che un lusso per un autobus di lusso

Cambio di marcia completamente automatizzato tutt'altro che un lusso per un autobus di lusso PRESS info P09X02IT / Per-Erik Nordström 15 ottobre 2009 Cambio di marcia completamente automatizzato tutt'altro che un lusso per un autobus di lusso Il nuovo Scania Opticruise per autobus completamente

Dettagli

- Seminario tecnico -

- Seminario tecnico - Con il contributo di Presentano: - Seminario tecnico - prevenzione delle cadute dall alto con dispositivi di ancoraggio «linee vita» Orario: dalle 16,00 alle 18,00 presso GENIOMECCANICA SA, Via Essagra

Dettagli

Ergonomia in uffi cio. Per il bene della vostra salute

Ergonomia in uffi cio. Per il bene della vostra salute Ergonomia in uffi cio Per il bene della vostra salute Ogni persona è unica, anche per quanto riguarda la struttura corporea. Una postazione di lavoro organizzata in modo ergonomico si adatta a questa individualità.

Dettagli

LA guida DI CHI è ALLA GUIDA

LA guida DI CHI è ALLA GUIDA la guida DI CHI è alla guida SERVIZIO CLIENTI Per tutte le tue domande risponde un solo numero Servizio Clienti Contatta lo 06 65 67 12 35 da lunedì a venerdì, dalle 8.30 alle 18.00 o manda un e-mail a

Dettagli

Manuale dell operatore

Manuale dell operatore Technical Publications 20 Z-30 20HD Z-30 Manuale dell operatore Modelli precedenti al numero di serie 2214 First Edition, Second Printing Part No. 19052IT Sommario Pagina Norme di sicurezza... 3 Controllo

Dettagli

Individuazione delle aree a maggior rischio di incidenti stradali

Individuazione delle aree a maggior rischio di incidenti stradali Convegno PREVENZIONE E SALUTE UN BINOMIO INSCINDIBILE SANIT Roma, 25 giugno 2009 Individuazione delle aree a maggior rischio di incidenti stradali I Ciaramella SISP - ASL RM B In collaborazione con D D

Dettagli

AC Anywhere. Inverter. Manuale utente. F5C400u140W, F5C400u300W F5C400eb140W e F5C400eb300W

AC Anywhere. Inverter. Manuale utente. F5C400u140W, F5C400u300W F5C400eb140W e F5C400eb300W AC Anywhere Inverter (prodotto di classe II) Manuale utente F5C400u140W, F5C400u300W F5C400eb140W e F5C400eb300W Leggere attentamente le istruzioni riguardanti l installazione e l utilizzo prima di utilizzare

Dettagli

PUNTATE ALLE STELLE. INFORMAZIONI SU RUOTE COMPLETE E PNEUMATICI ORIGINALI BMW/MINI CON IL MARCHIO DELLA STELLA.

PUNTATE ALLE STELLE. INFORMAZIONI SU RUOTE COMPLETE E PNEUMATICI ORIGINALI BMW/MINI CON IL MARCHIO DELLA STELLA. PUNTATE ALLE STELLE. INFORMAZIONI SU RUOTE COMPLETE E PNEUMATICI ORIGINALI /MINI CON IL MARCHIO DELLA STELLA. Switzerland PNEUMATICI SU MISURA. Lo sviluppo di uno pneumatico originale /MINI ha inizio già

Dettagli

PRIT: contesto e strategie

PRIT: contesto e strategie PRIT: contesto e strategie A cura di Paolo Ferrecchi Bologna, 23 novembre 2007 Cabina di regia per il coordinamento delle politiche di programmazione e per il PTR: incontro tematico su Mobilità e Infrastrutture

Dettagli

Performance Line Dai tutto. Per ricevere ancora di più. Bosch ebike Systems 2015

Performance Line Dai tutto. Per ricevere ancora di più. Bosch ebike Systems 2015 Performance Line Dai tutto. Per ricevere ancora di più. Bosch ebike Systems 2015 mi lascio l autobus alle spalle Performance Line Dare tutto. Per ricevere ancora di più. puntuale all appuntamento 45 km/h

Dettagli

CARICARE NEL MODO GIUSTO ANCORARE CORRETTAMENTE

CARICARE NEL MODO GIUSTO ANCORARE CORRETTAMENTE CARICARE NEL MODO GIUSTO ANCORARE CORRETTAMENTE Qualsiasi cosa transportate: la responsabilità vi accompagna! PREFAZIONE Egregi trasportatori, stimati conducenti di veicoli commerciali Caricare correttamente

Dettagli

ATTIVITA MOTORIA DAI 5 AI 7 ANNI PREMESSA

ATTIVITA MOTORIA DAI 5 AI 7 ANNI PREMESSA ATTIVITA MOTORIA DAI 5 AI 7 ANNI PREMESSA DAI 5 AI 7 ANNI LO SCOPO FONDAMENTALE DELL ALLENAMENTO E CREARE SOLIDE BASI PER UN GIUSTO ORIENTAMENTO VERSO LE DISCIPLINE SPORTIVE DELLA GINNASTICA. LA PREPARAZIONE

Dettagli

un concentrato di tecnologia all avanguardia

un concentrato di tecnologia all avanguardia un concentrato di tecnologia all avanguardia VIP Class L emozione viaggia su due livelli. Nel 1967 NEOPLAN ideò la gamma degli autobus turistici a due piani che ha aperto la strada ad una storia di successo

Dettagli

CATENE DA NEVE, PNEUMATICI DA NEVE E CHIODATI

CATENE DA NEVE, PNEUMATICI DA NEVE E CHIODATI CATENE DA NEVE, PNEUMATICI DA NEVE E CHIODATI A cosa servono In genere, in caso di neve, vi sono due alternative per viaggiare sicuri: gli pneumatici da neve o le catene. Mentre i primi sono molto più

Dettagli

Una città per giocare: linee guida per il convegno internazionale.

Una città per giocare: linee guida per il convegno internazionale. Istituto di Scienze e Tecnologie della Cognizione - CNR progetto internazionale "La città dei bambini" Una città per giocare: linee guida per il convegno internazionale. Non mi mancava la memoria o l intelligenza,

Dettagli

PRONTI PER L INVERNO 2014-2015

PRONTI PER L INVERNO 2014-2015 PRONTI PER L INVERNO 2014-2015 Automobile Club Reggio Emilia Non rimanere bloccato... usa il trasporto pubblico con MI MUOVOCARD o tieni in tasca il tuo biglietto multicorsa MI MUOVO CARD Abbonamenti mensili

Dettagli

Guida alla sicurezza e alle prestazioni di un impianto frenante

Guida alla sicurezza e alle prestazioni di un impianto frenante trasporto pesante Guida alla sicurezza e alle prestazioni di un impianto frenante www.brembo.com trasporto pesante L i m p i a n t o f r e n a n t e d i u n v e i c ol o pesante per trasporto d i m e r

Dettagli

COORDINAMENTO PROVINCIALE FP-CGIL VIGILI DEL FUOCO LA SPEZIA

COORDINAMENTO PROVINCIALE FP-CGIL VIGILI DEL FUOCO LA SPEZIA COORDINAMENTO PROVINCIALE FP-CGIL VIGILI DEL FUOCO LA SPEZIA Al comando prov.le VV.F.La Spezia Ai funzionari responsabili Ai responsabili gestione tecnica E p.c. alle altre OO.SS. Oggetto: problematiche

Dettagli

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di alcol L alcolismo è una malattia che colpisce anche il contesto famigliare

Dettagli

SMART MOVE: un autobus per amico

SMART MOVE: un autobus per amico SMART MOVE: un autobus per amico "SMART MOVE" è la campagna internazionale promossa dall'iru (International Road Transport Union) in tutti i Paesi europei con l'obiettivo di richiamare l'attenzione di

Dettagli

Sistema di gestione dei vuoti Gestione efficiente dei vuoti

Sistema di gestione dei vuoti Gestione efficiente dei vuoti Sistema di gestione dei vuoti Gestione efficiente dei vuoti Edizione ottobre 2008 Processi più semplici grazie ad una perfetta pianificazione Una precisa pianificazione preventiva consente da un lato un

Dettagli

Tecnologia funzionale. Qualità costruttiva di lunga durata.

Tecnologia funzionale. Qualità costruttiva di lunga durata. SERIE JX 72-95 CV Ambiente di lavoro sicuro e produttivo. Sedile di guida confortevole. Tecnologia funzionale sotto tutti i punti di vista. Disponibili nella versione con o senza cabina, questi trattori

Dettagli

CABLAGGI ED ISTRUZIONI DI UTILIZZO

CABLAGGI ED ISTRUZIONI DI UTILIZZO VALIDO PER MOD. DTCHARGE E 1000 CABLAGGI ED ISTRUZIONI DI UTILIZZO LEGGERE CON CURA IN OGNI SUA PARTE PRIMA DI ALIMENTARE TOGLIAMO IL COPERCHIO, COSA FARE?? Il DTWind monta alternatori tri fase. Ne consegue

Dettagli

T.Esposito R.Mauro M.Corradini LE INTERSEZIONI STRADALI E LE NUOVE NORME FUNZIONALI E GEOMETRICHE PER LA COSTRUZIONE DELLE INTERSEZIONI

T.Esposito R.Mauro M.Corradini LE INTERSEZIONI STRADALI E LE NUOVE NORME FUNZIONALI E GEOMETRICHE PER LA COSTRUZIONE DELLE INTERSEZIONI LE INTERSEZIONI STRADALI E LE NUOVE NORME FUNZIONALI E GEOMETRICHE PER LA COSTRUZIONE DELLE INTERSEZIONI Luglio 2007 La presente monografia costituisce l aggiornamento del Cap.11 del testo T.Esposito,

Dettagli

1. non intraprendere trattative di affari con operatori senza prima aver raccolto informazioni sull esistenza e l affidabilita della controparte;

1. non intraprendere trattative di affari con operatori senza prima aver raccolto informazioni sull esistenza e l affidabilita della controparte; CAUTELE NELLE TRATTATIVE CON OPERATORI CINESI La Cina rappresenta in genere un partner commerciale ottimo ed affidabile come dimostrato dagli straordinari dati di interscambio di questo Paese con il resto

Dettagli

UN CORDIALE BENVENUTO DAL SUO PARTNER PER IL LEASING.

UN CORDIALE BENVENUTO DAL SUO PARTNER PER IL LEASING. UN CORDIALE BENVENUTO DAL SUO PARTNER PER IL LEASING. mini financial services CONGRATULAZIONI. Grazie mille per la fiducia riposta in MINI Financial Services e congratulazioni per l acquisto della sua

Dettagli