PROCEDURA. Attività di Medicina Necroscopica e di Polizia Mortuaria

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PROCEDURA. Attività di Medicina Necroscopica e di Polizia Mortuaria"

Transcript

1 Pag. 1/13 Polizia Mortuaria Data di applicazione 11/03/2014 Redazione Verifica Data Funzione Nome Data Funzione Nome 19/02/2014 Dirigente. Medico Dott. Michele Ciardiello Dr. M. Ciardiello Dirigente Medico Dott. Stefano Benini 03/03/2014 Responsabile dell attività di medicina necroscopica e medicina fiscale Dirigente. Medico Amministrativo Dott. Flavio Valentini Lisa Dall Ara Approvato il 11/03/2014 da Dr.ssa Gloria Bissi RD Servizio Medicina Legale

2 Attività di Medicina Necrecopica e di SOMMARIO Pag. 2/13 1. OGGETTO E SCOPO 4 2. CAMPO DI APPLICAZIONE 4 3. RESPONSABILITÀ 4 4. DOCUMENTI DI RIFERIMENTO 4 5. DEFINIZIONI 4 6. CONTENUTO DECESSI AVVENUTI IN OSPEDALE CONSTATAZIONE DEL DECESSO ED ESECUZIONE TANATOGRAMMA REGISTRAZIONE E CERTIFICAZIONI DECESSI AVVENUTI NEL TERRITORIO (AL DI FUORI DELL OSPEDALE) ATTESTATO MEDICO PER IL TRASPORTO DI SALMA (ML M/P02/07) AUTORIZZAZIONE AL TRASPORTO SALME DA PARTE DI AUTORITA GIUDIZIARIA VISITA NECROSCOPICA DECEDUTI IN OSPEDALE DECEDUTI NEL TERRITORIO O IN OSPEDALE DI ALTRO TERRITORIO E SUCCESSIVAMENTE TRASFERITI ALTRE CERTIFICAZIONI ATTESTATO MEDICO PER IL TRASPORTO DI CADAVERE (ML M/P02/10) CERTIFICATO DI AUTORIZZAZIONE ALLA CREMAZIONE PER DECESSI NEL TERRITORIO (ML M/P02/11) SCHEDA ISTAT a. DECESSI IN OSPEDALE b. DECESSI NEL TERRITORIO IDONEITA ALLA DONAZIONE DEI TESSUTI PER DECEDUTI IN OSPEDALE ISTRUTTORIA PER DECESSI NEL TERRITORIO DI GIUNTO CADAVERE AL P.S.; MORTE IMPROVVISA; MORTE NON SPIEGABILE; DECESSO SENZA ASSISTENZA MEDICA; DECESSO SULLA PUBBLICA VIA O COMUNQUE FUORI DELL'OSPEDALE (ML M/P02/14) RISCONTRO DIAGNOSTICO a. DECESSI IN OSPEDALE b. DECESSI NEL TERRITORIO PRESCRIZIONI IN MATERIA DI POLIZIA MORTUARIA GESTIONE DEL DECEDUTO IN CAMERA MORTUARIA DOCUMENTI COLLEGATI 12

3 Pag. 3/13 MODIFICHE AL DOCUMENTO 1) Modifiche rispetto alla revisione precedente Paragrafi modificati Tutto il documento Tipo-natura della modifica Sostituito il termine Azienda USL di con Azienda USL della Romagna Sede Operativa di 7 Documenti Collegati Ufficializzata la Rev. 3 del ML M/P02/32 Cartellino Riconoscimento Salma Ufficializzata la di tutti i moduli, tabelle ed istruzioni operative 2) Modifiche della attuale revisione Data Paragrafi modificati Tipo-natura della modifica Ufficializzata la Rev. 3 del ML T/P02/02 Opuscolo Servizio 14/04/14 7 Documenti Collegati Mortuario Ufficializzata la Rev. 3 del ML T/P02/03 Elenco Onoranze Funebri Sostituito punto: posizionare i soli elettrodi per la registrazione delle 21/07/ Constatazione del derivate periferiche (DI, DII, DIII, avr, avl, avf) con posizionare i decesso ed esecuzione soli elettrodi per la registrazione delle derivate periferiche ed eseguire tatatogramma la registrazione delle 3 tracce DI, DII, DIII (oppure, in alternativa, avr avl avf) Ufficializzata la Rev. 3 del ML M/P02/10 Attestato medico per il 7 Documenti Collegati trasporto di cadavere (art. 10, comm 13 L.R. 19/2004, determina n del 29/05/2009 e n del 30/03/2012) Ufficializzata la Rev. 3 del ML M/P02/21 Certificato di espulsione di prodotto abortivo di presunta età gestazionale inferiore a 20 settimane Ufficializzata la Rev. 3 del ML M/P02/22 Certificato di espulsione di prodotto abortivo di presunta età gestazionale uguale o superiore a 20 settimane Ufficializzata la Rev. 3 del ML M/P02/23 Permesso di trasporto e seppellimento feto/prodotto abortivo Ufficializzata la Rev. 4 del ML T/P02/02 Opuscolo Servizio Mortuario Ufficializzata la Rev. 4 del ML T/P02/03 Elenco Onoranze Funebri 01/09/14 7 Documenti Collegati Nome Verificatore M. Ciardiello Nome Approvatore G. Bissi Ufficializzata la Rev. 5 del ML T/P02/02 Opuscolo Servizio Mortuario Ufficializzata la Rev. 5 del ML T/P02/03 Elenco Onoranze Funebri

4 Pag. 4/13 1. OGGETTO E SCOPO La procedura descrive le modalità di gestione del deceduto nell AUSL della Romagna Sede operativa di (sia in ambito ospedaliero che territoriale) o deceduto altrove e successivamente trasferito nelle camere mortuarie site nel territorio afferente la sede operativa di in attesa delle esequie. Lo scopo è quello di favorire la gestione disciplinata degli atti necessari allo svolgimento delle esequie, nel rispetto della dignità dei morti, secondo le modalità richieste, nell osservanza delle disposizioni normative vigenti, delle norme di sicurezza e della tutela della privacy. Ulteriore scopo è quello di rendere omogenei e tracciabili gli atti, gli interventi e i documenti amministrativi dovuti fra l Azienda USL, le Amministrazioni Comunali e le Imprese di Onoranze Funebri, nel rispetto di quanto previsto dalla L.R. 29/07/2004 n. 19 e successive modificazioni ed integrazioni (s.m.i.) dal l DPR 285 del 10/09/1990 e s.m.i.. 2. CAMPO DI APPLICAZIONE La procedura riguarda l attività di medicina necroscopica e di polizia mortuaria svolta nell ambito del territorio dell AUSL della Romagna Sede operativa di in collaborazione con le Imprese di Onoranze Funebri e le Amministrazioni Comunali. 3. RESPONSABILITÀ Responsabili della corretta applicazione della procedura sono, per quanto di competenza, le figure che intervengono nel processo così come descritto in procedura. 4. DOCUMENTI DI RIFERIMENTO D.P.R. 285 del 10/09/1990 Approvazione del Regolamento di polizia Mortuaria e s.m.i. Circolare del Ministero della Sanità n. 24 del 24/06/1993 Circolare esplicativa del regolamento di polizia mortuaria D.P.R. 254 del 15/07/2003 art. 3 Disciplina della gestione dei rifiuti sanitari L.R. 29/07/2004 n. 19 Disciplina in materia funeraria e di polizia mortuaria e s.m.i. 5. DEFINIZIONI UOISP: Unità Operativa Igiene e Sanità Pubblica UOIAN: Unità Operativa Igiene degli Alimenti e della Nutrizione SML: Servizio di Medicina Legale DMP: Direzione Medica di Presidio DIT: Direzione Infermieristica e Tecnica UO GASTO: Unità Operativa Gestione Amministrativa Servizi Territoriali ed Ospedalieri DSP: Dipartimento di Sanità Pubblica MEDICO CURANTE: medico che conosce il paziente dal punto di vista clinico terapeutico MEDICO DIPENDENTE: medico che presta la propria attività presso AUSL della Romagna Sede operativa di o Struttura Convenzionata con la stessa MEDICO CONVENZIONATO: medico che presta la propria attività in regime di Convenzione con il SSN

5 Pag. 5/13 MEDICO NECROSCOPO: Medico con la funzione di rilevare la realtà della morte, nominato dal Direttore Generale dell AUSL della Romagna Sede operativa di. Vedi ML IO/P02/01 NOMINA MEDICI NECROSCOPI. SALMA: Corpo umano privo di funzioni vitali, prima dell accertamento della morte da parte del medico necroscopo (LR 19/2004, art.1 comma 3a) CADAVERE: La salma viene definita cadavere dopo la visita eseguita dal medico necroscopo (LR 19/2004, art.1 comma 3b) SCHEDA ISTAT d ora in poi definita ISTAT: scheda di morte dell Istituto Nazionale di Statistica MORTE NATURALE: morte che non è causalmente collegabile con un elemento traumatico esterno MORTE IMPROVVISA: (definizione medico-legale) La morte si dice improvvisa quando è dovuta a una causa naturale che arresta la vita in modo subitaneo e inatteso 1 La definizione contiene tre caratteristiche: l assenza di una causa violenta, la rapidità del verificarsi dell evento, l imprevedibilità dello stesso in base all anamnesi ed all età. MORTE VIOLENTA: morte che è provocata da cause che agiscono dall esterno interrompendo i processi vitali correlabile ad eventi traumatici, anche accidentali. CONSTATAZIONE DI DECESSO (DICHIARAZIONE DI MORTE): trattasi di atto esclusivamente medico compilato da: Medico Curante o Medico Dipendente o Medico Convenzionato o altro Medico ai sensi del comma 2, art. 10 L.R. 19/ CONTENUTO Le modalità organizzative per l espletamento degli atti di medicina necroscopica finalizzati al seppellimento delle persone decedute si differenziano a seconda del luogo in cui avviene il decesso: ospedale o territorio DECESSI AVVENUTI IN OSPEDALE CONSTATAZIONE DEL DECESSO ED ESECUZIONE TANATOGRAMMA A seguito della constatazione del decesso effettuata dal medico intervenuto (nelle aree di degenza di norma è il medico dell U.O., oppure il medico presente in guardia interdivisionale) si procede all esecuzione della registrazione elettrocardiografica (tanatogramma) come indicato nella lettera della Direzione Medica Ospedaliera prot , seguendo le modalità di seguito riepilogate. Modalità di esecuzione del tanatogramma: posizionare i soli elettrodi per la registrazione delle derivate periferiche ed eseguire la registrazione delle 3 tracce DI, DII, DIII (oppure, in alternativa, avr avl avf); inserire i dati anagrafici della persona deceduta; impostare la velocità di scorrimento della carta a 5 mm/sec.; registrare il tracciato per 20 minuti continuativi; convalidare il tracciato con firma sullo stesso dell esecutore, data, timbro e firma del medico. Il tracciato elettrotanatografico viene conservato nella cartella clinica della persona deceduta. 1 C. Puccini Istituazioni di Medicina Legale, Casa Editrice Ambrosiana

6 Pag. 6/ REGISTRAZIONE E CERTIFICAZIONI Il medico di reparto, registrato il decesso in cartella clinica e vidimato il tanatogramma, deve redigere le seguenti certificazioni (che vanno poi trasferite al seguito della salma in Camera Mortuaria): 1. Dichiarazione di Morte; 2. Denuncia delle Cause di Morte (= scheda ISTAT); 1.La Dichiarazione di Morte va redatta subito dal medico che l ha constatata, compilando la parte superiore dell apposito modulo ML M/P02/01 Dichiarazione di Morte Bufalini per i decessi avvenuti presso l ospedale M. Bufalini ML M/P02/02 Dichiarazione di Morte Marconi per i decessi avvenuti presso l ospedale G. Marconi ML M/P02/03 Dichiarazione di Morte Angioloni per i decessi avvenuti presso l ospedale P. Angioloni ML M/P02/04 Dichiarazione di Morte Cappelli per i decessi avvenuti presso l ospedale L. Cappelli ML M/P02/05 Dichiarazione di Morte Santa Colomba per i decessi avvenuti presso l ospedale Santa Colomba tralasciando quindi la parte inferiore dello stesso costituita dal Certificato Necroscopico.(paragrafo 6.3.2) 2.La Denuncia delle Cause di Morte (scheda ISTAT) deve essere fatta entro 24 ore a norma dell art. 1, co. 6, del DPR 285/1990. Va redatta, preferibilmente, insieme con la Dichiarazione di Morte quando a constatare il decesso è intervenuto un medico dell U.O. in cui il deceduto era ricoverato. Quando invece la constatazione viene fatta da un altro medico (p. es., nel turno notturno, dal medico in servizio di guardia interdivisionale), la scheda ISTAT dovrà essere compilata quanto prima dal medico di Reparto entrato in servizio e inviata subito in Camera Mortuaria con trasporto urgente. All addetto che prende in consegna la salma per trasferirla in Camera Mortuaria il personale dell U.O. deve quindi consegnare (compilate in modo completo e accurato): - la Dichiarazione di Morte sempre; - la scheda ISTAT in tutti i casi in cui il Medico di U.O. l ha già compilata. In presenza delle condizioni per procedere alla valutazione preliminare di idoneità per la donazione di tessuti va seguito quanto previsto dalla Procedura DMP P20 Prelievo multitessuto a cuore fermo, nella quale sono anche precisate le indicazioni per la conservazione del cadavere in camera mortuaria Riscontro diagnostico (c.d. autopsia clinica ). [Vedi anche paragrafo a] Qualora lo giudichi necessario per il controllo della diagnosi o per il chiarimento di quesiti clinici, il medico di U.O. può richiedere al Servizio di Anatomia Patologica il riscontro diagnostico, previsto dall art. 37 del DPR 285/1990. Il modulo da utilizzare è il ML M/P02/17 Richiesta di riscontro diagnostico ospedaliero. Certificazioni rilasciate su richiesta dai congiunti Se richieste dai famigliari ed esclusivamente nei casi in cui è escluso di morte dovuto a reato devono essere rilasciate le seguenti certificazioni mediche: Attestato medico per il trasporto di salma [ Vedi anche paragrafo ] E necessario per autorizzare il trasporto in cassa aperta della salma in un luogo di osservazione intra od extra aziendale, purché nell ambito della Regione Emilia Romagna e nel termine di 24 ore dal decesso.

7 Pag. 7/13 Questa certificazione, che attesta l esclusione del sospetto che la morte sia dovuta a reato e che il trasporto può avvenire senza pregiudizio per la salute pubblica, deve essere redatta dal medico di Reparto. Il modulo da utilizzare è il ML M/P02/07 Attestato Medico per il trasporto di salma per il completamento del periodo di osservazione (art. 10, comma2 L.R. 19/2004). ML M/P02/34 Certificazione per autorizzazione alla cremazione per decessi in Ospedale Attesta l esclusione del sospetto che la morte sia dovuta a reato. Non può essere fatta nei casi di morte violenta e in quelli di morte improvvisa, nei quali il nulla osta alla cremazione deve essere rilasciato dall Autorità Giudiziaria. Va redatta dal medico necroscopo. Per quanto stabilito dalla delibera di Giunta Regionale 143 del 2004, è competenza delle Imprese di Onoranze Funebri consegnare la documentazione al Comune ove si è verificato il decesso DECESSI AVVENUTI NEL TERRITORIO (AL DI FUORI DELL OSPEDALE) Nei casi di decesso avvenuto nel territorio al di fuori delle strutture ospedaliere il Medico Curante o il Medico Dipendente o il Medico Convenzionato o altro Medico ai sensi del comma 2, art. 10 L.R. 19/2004 intervenuto a constatare il decesso, compila il modulo ML M/P02/06 Dichiarazione di Morte nel Territorio ATTESTATO MEDICO PER IL TRASPORTO DI SALMA (ML M/P02/07) Su richiesta dei familiari o, nel caso di abitazione o luoghi inadatti, su proposta del medico viene rilasciato il documento ML M/P02/07 Attestato medico per il trasporto di salma al fine di trasferire la salma dal luogo di decesso alle strutture riconosciute idonee per completare il periodo di osservazione così come previsto dall art. 8 del D.P.R. 285/90. L attestato viene rilasciato, di norma, dal Medico che ha constatato il decesso previa esclusione di ipotesi di reato e di pregiudizio per la salute pubblica (art. 10, comma 1 e 2, L.R. 19/2004). In alcuni casi si può verificare che al medico constatante non venga richiesto l attestato per il trasporto della salma. In tali situazioni detto attestato può essere compilato da altro medico intervenuto successivamente su richiesta. L addetto al trasporto procede al trasferimento della salma, previa comunicazione (fax o via telematica) al Comune di decesso e al Servizio di Medicina Legale. All arrivo il referente della struttura ricevente prende in carico la salma sottoscrivendo di norma la sezione dedicata del modulo ML M/P02/07, e comunica via fax o via telematica il suo arrivo al Comune dove è avvenuto il decesso ed eventualmente al Comune di destinazione. Il modulo compilato nella sua totalità è necessario per ottenere il permesso di seppellimento da parte del Comune ed Il Medico Necroscopo ne prende atto.

8 Pag. 8/ AUTORIZZAZIONE AL TRASPORTO SALME DA PARTE DI AUTORITA GIUDIZIARIA In caso di morte violenta (accidentale, infortunio sul lavoro, omicidio, suicidio) l Autorità Giudiziaria autorizza il trasporto della salma presso l Obitorio dell ospedale Bufalini di, struttura attrezzata per le funzioni delegate dall A.G. (Ispezione esterna, autopsia), mediante modulistica propria non di competenza della presente procedura VISITA NECROSCOPICA Ai sensi dell art. 4, comma 5, del D.P.R. 285/90 la visita necroscopica viene effettuata non prima delle 15 ore, salvo i casi previsti per legge, e non oltre le 30 ore dal decesso mediante compilazione di relativa certificazione da parte del medico necroscopo (per le modalità di nomina vedere ML IO/P02/01 ( Nomina Medici Necroscopi) utilizzando di norma la parte inferiore del modulo di dichiarazione di morte (certificato necroscopico). Nei casi in cui la morte sia accertata mediante tanatogramma la visita necroscopica può essere effettuata anche prima della 15 ora dal decesso DECEDUTI IN OSPEDALE La visita necroscopica viene effettuata dai medici necroscopi incaricati dell AUSL, secondo le modalità organizzative in ambito ospedaliero DECEDUTI NEL TERRITORIO O IN OSPEDALE DI ALTRO TERRITORIO E SUCCESSIVAMENTE TRASFERITI. Viene inoltrata richiesta di visita necroscopica, tramite modulo ML M/P02/08 (PM1 Richiesta prestazioni di polizia mortuaria) da parte delle Imprese di Onoranze Funebri, su delega della famiglia del defunto, viene inviata tramite fax al Servizio di Medicina Legale per i decessi o trasferimenti di salma nei Comuni di e Montiano. Per i restanti Comuni afferenti all AUSL della Romagna Sede operativa di la richiesta va inoltrata al DSP. Le imprese inoltre dovranno anche darne tempestiva comunicazione al medico reperibile. Al modulo in questione l Impresa di Onoranza Funebre deve sempre allegare: 1) Certificato di constatazione di decesso 2) Eventuale documento di identità del defunto 3) Eventuale Scheda ISTAT 4) Eventuale attestato Medico per il trasporto di salma (trasferimento salma) 5) Eventuale Nulla Osta della Procura 6) Eventuale Certificato di autorizzazione alla cremazione. Tale accertamento ha la finalità di verificare la realtà della morte e di indicare il periodo in ore da osservare prima della chiusura in cassa così come previsto dagli art.li 8 e 9 del D.P.R. 285/90 (24 ordinariamente, 48 nei casi morte improvvisa o dubbi di morte apparente). In corso di Visita Necroscopica è necessario prendere visione anche della Scheda ISTAT compilata dal medico curante. In mancanza di tale documento, onde evitare incongruità di percorso, è opportuno riservarsi di visionarne il contenuto prima di rilasciare la certificazione necroscopica. In caso di dichiarazione di morte redatta dall Emergenza Territoriale 118 extraziendale (es. Rimini, Ravenna, Forlì, Elisoccorso, ecc.) su loro modulistica, occorrerà compilare ai fini necroscopici il modulo ML M/P02/09 (Certificato Necroscopico a seguito di dichiarazione di morte da parte dell Emergenza Territoriale extraziendale).

9 Pag. 9/ ALTRE CERTIFICAZIONI ATTESTATO MEDICO PER IL TRASPORTO DI CADAVERE (ML M/P02/10) Su richiesta dei famigliari, si può autorizzare il trasporto del cadavere a cassa aperta (ai sensi dell art. 10, comma 13, L.R. 19/2004 e determina n del 29/05/09 e successive interpretazioni) verso il luogo prescelto per il commiato (abitazione privata, struttura per il commiato, camera mortuaria) per essere ivi esposto, purché tale trasporto avventa in ambito regionale entro una distanza non superiore ai 300 Km e sia portato a termine entro le 24 ore dal decesso derogabile solo nei casi previsti dalla D.G.R del 30/03/2012. Tale attestato viene rilasciato all addetto al trasporto che procede al trasferimento, previa comunicazione per fax o via telematica al Comune di decesso e al Servizio di Medicina Legale. All arrivo il referente della struttura ricevente prende in carico il cadavere sottoscrivendo la sezione dedicata del modulo ML M/P02/10, e comunica via fax o altra via telematica il suo arrivo al Comune dove è avvenuto il decesso ed eventualmente al Comune di destinazione. Detto modulo compilato nella sua totalità è necessario per ottenere il permesso di seppellimento da parte del Comune CERTIFICATO DI AUTORIZZAZIONE ALLA CREMAZIONE PER DECESSI NEL TERRITORIO (ML M/P02/11) In caso di espressa volontà alla cremazione il medico curante compila la parte di competenza del modulo ML M/P02/11 Certificato di autorizzazione alla cremazione per decessi nel territorio in cui attribuisce il decesso a cause naturali ed esclude la morte improvvisa o il sospetto di morte dovuta a reato. Successivamente il medico necroscopo ne prende atto e rilascia il certificato di autorizzazione alla cremazione compilando la parte di competenza del suddetto modulo. In caso di morte improvvisa o sospetta occorre produrre all Ufficiale di Stato Civile esclusivamente il nulla osta specifico dell autorità giudiziaria precedentemente informata. Qualora la salma sia portatrice di elettrostimolatore cardiaco non vi sono controindicazioni all effettuazione della cremazione. Tuttavia per evitare conflitti con gestori di forni crematori, che esigono l esibizione di un attestazione medica da cui risulti che il cadavere da cremare non sia portatore di elettrostimolatore cardiaco, è necessario procedere alla rimozione dello stesso presso l obitorio dell Ospedale Civile M. Bufalini di. Se trattasi di decesso avvenuto a domicilio e comunque al di fuori della struttura ospedaliera, la salma dovrà essere trasferita all obitorio sopra citato per la rimozione. Il trasferimento è disposto dal medico necroscopo utilizzando il modulo ML M/P02/12 Attestato medico per il trasferimento di cadavere ai fini della rimozione di elettrostimolatore cardiaco. Il Medico, provvederà alla rimozione dello stesso, non prima delle 24 ore dal decesso, rilasciando il previsto modulo ML M/P02/13 Attestato Medico di avvenuta rimozione di elettrostimolatore cardiaco SCHEDA ISTAT La denuncia delle cause di morte così come previsto dall art. 1, comma 6, DPR 285/90, deve essere fatta entro 24 ore dall accertamento del decesso su apposita scheda a. DECESSI IN OSPEDALE Per i decessi avvenuti in ospedale la scheda ISTAT va compilata, preferibilmente, insieme con la Dichiarazione di Morte quando a constatare il decesso è intervenuto un medico dell U.O. in cui il deceduto era ricoverato. Quando invece la constatazione viene fatta da un altro medico (es: nel turno notturno, dal medico in servizio di guardia interdivisionale), la scheda ISTAT dovrà essere

10 Pag. 10/13 compilata quanto prima dal medico di Reparto entrato in servizio e inviata subito in Camera Mortuaria con trasporto urgente b. DECESSI NEL TERRITORIO Per i decessi avvenuti nel territorio dell AUSL della Romagna Sede operativa di la scheda ISTAT va compilata di norma dal medico curante. In caso di decesso di non residenti e/o turisti e in caso di morte violenta o comunque non spiegabile, dopo aver preso visione del nulla osta da parte dell Autorità Giudiziaria, la scheda viene compilata a cura del medico necroscopo in occasione dell effettuazione della visita necroscopica IDONEITA ALLA DONAZIONE DEI TESSUTI PER DECEDUTI IN OSPEDALE Per il modulo di Valutazione preliminare di idoneità alla donazione di tessuti si fa riferimento alla Procedura DMP P20 Prelievo multitessuto a cuore fermo, in cui sono anche precisate le indicazioni per la conservazione del cadavere in Camera Mortuaria 6.5. ISTRUTTORIA PER DECESSI NEL TERRITORIO DI GIUNTO CADAVERE AL P.S.; MORTE IMPROVVISA; MORTE NON SPIEGABILE; DECESSO SENZA ASSISTENZA MEDICA; DECESSO SULLA PUBBLICA VIA O COMUNQUE FUORI DELL'OSPEDALE (ML M/P02/14) Nel caso di giunto cadavere al Pronto Soccorso, di morte improvvisa e/o non spiegabile, di decesso senza assistenza medica, di decesso sulla pubblica via o comunque fuori dall ospedale, come previsto dall art. 8, comma 1, della L.R. 19/2004, in assenza di ipotesi di reato, occorre compilare la ML M/P02/14 Scheda per istruttoria decessi nel territorio in applicazione della L.R. 19/2004 da parte del medico necroscopo che procederà ad una istruttoria raccogliendo gli elementi necessari ai fini valutativi per definire la causa di decesso. Qualora questa non sia definibile dopo l istruttoria effettuata, il medico necroscopo chiederà la valutazione medico legale per ulteriori approfondimenti RISCONTRO DIAGNOSTICO a. DECESSI IN OSPEDALE Qualora lo giudichi necessario per il controllo della diagnosi o per il chiarimento di quesiti clinici, il medico di U.O. può richiedere al Servizio di Anatomia Patologica il riscontro diagnostico, previsto dall art. 37 del DPR 285/1990. Il modulo da utilizzare è il ML M/P02/17 Richiesta di riscontro diagnostico ospedaliero (ai sensi dell art. 37 del DPR 285/90) b. DECESSI NEL TERRITORIO In caso di decesso avvenuto senza assistenza medica e comunque quando sussiste il dubbio sulle cause di morte il Medico Curante o Necroscopo, così come previsto dall art. 37 del DPR 285/1990 e dall art. 8 L.R. 19/2004, provvede alla richiesta di riscontro diagnostico mediante l utilizzo del modulo ML M/P02/15 Richiesta di riscontro diagnostico (ai sensi art. 37 del regolamento di polizia mortuaria DPR 285/90 ed art. L.R. 19/2004). Preso atto che nell ambito territoriale dell AUSL della Romagna Sede operativa di si è deciso, per motivi logistico/organizzativi, di eseguire i riscontri diagnostici solo ed esclusivamente presso l obitorio dell Ospedale Civile M. Bufalini di, nel caso di salma deceduta sul territorio si rende necessario il suo trasferimento per l effettuazione

11 Pag. 11/13 del riscontro. A tal fine il Medico del Dipartimento di Sanità Pubblica autorizza,attraverso il modulo ML M/P02/16 Nulla osta trasferimento salma da luogo di decesso al deposito di osservazione dell Ospedale M. Bufalini di per l effettuazione riscontro diagnostico, il trasferimento della salma dal luogo di decesso ad deposito di osservazione dell Ospedale Civile M. Bufalini. Tale modulo vale anche per eventuale ritorno PRESCRIZIONI IN MATERIA DI POLIZIA MORTUARIA Si rimanda alla collegata istruzione operativa ML IO/P02/02 Polizia mortuaria GESTIONE DEL DECEDUTO IN CAMERA MORTUARIA Si rimanda alla collegata istruzione operativa ML IO/P02/03 Gestione dei decessi in ospedale ed in camera mortuaria.

12 Pag. 12/13 7. DOCUMENTI COLLEGATI CODICE ML IO/P02/01 ML IO/P02/02 Nomina medici necroscopi Polizia mortuaria TITOLO ML IO/P02/03 ML M/P02/01 ML M/P02/02 ML M/P02/03 ML M/P02/04 ML M/P02/05 ML M/P02/06 ML M/P02/07 ML M/P02/08 ML M/P02/09 ML M/P02/10 ML M/P02/11 ML M/P02/12 ML M/P02/13 Gestione dei decessi in ospedale ed in camera mortuaria Dichiarazione di morte Bufalini Dichiarazione di morte Marconi Dichiarazione di morte Angioloni Dichiarazione di morte Cappelli Dichiarazione di morte Santa Colomba Dichiarazione di morte nel territorio Attestato medico per il trasporto di salma per il completamento del periodo di osservazione (art. 10, comma 2 l.r. 19/2004) PM1 - richiesta prestazioni di polizia mortuaria Certificato necroscopico a seguito di dichiarazione di morte da parte della Emergenza Territoriale 118 extraziendale Attestato Medico per il trasporto di cadavere (art. 10, comma 13 L.R. 19/2004, determina n del 29/05/2009 e n del 30/03/2012) Certificato autorizzazione alla cremazione per decessi nel territorio Attestato Medico per il trasporto di cadavere ai fini della rimozione di elettrostimolatore cardiaco Attestato Medico di avvenuta rimozione di elettrostimolazione cardiaco ML M/P02/14 Scheda per Istruttoria decessi nel territorio in applicazione all art.8, comma 1, della L.R. 19/2004 ML M/P02/15 Richiesta di riscontro diagnostico (ai sensi art. 37 del regolamento di D.P.R. 285/90 ed art. 8 L.R. 19/2004) ML M/P02/16 Nulla osta trasferimento salma da luogo di decesso al deposito di osservazione dell Ospedale M. Bufalini di per effettuazione riscontro diagnostico ML M/P02/17 Richiesta di riscontro diagnostico ospedaliero (ai sensi dell art. 37 DPR 285/90) ML M/P02/18 ML M/P02/19 ML M/P02/20 Elenco nominativi Medici Necroscopi PM2 Prescrizioni per il trasporto fuori regione PM4 Esecuzioni prescrizioni ML M/P02/21 Certificato di espulsione di prodotto abortivo di presunta età gestazionale inferiore a 20 settimane

13 Pag. 13/13 CODICE ML M/P02/22 ML M/P02/23 ML M/P02/24 ML M/P02/25 ML M/P02/26 ML M/P02/27 ML M/P02/28 ML M/P02/29 ML M/P02/30 ML M/P02/31 ML M/P02/32 ML M/P02/33 ML M/P02/34 ML T/P02/01 ML T/P02/02 ML T/P02/03 TITOLO Certificato di espulsione di prodotto abortivo di presunta età gestazionale uguale o superiore a 20 settimane Permesso di trasporto e seppellimento feto/prodotto abortivo Dichiarazione di nato morto Richiesta permesso trasporto e seppellimento e/o cremazione di parti anatomiche riconoscibili Autorizzazione al trasporto e seppellimento e/o cremazione di parti anatomiche riconoscibili Richiesta rilascio/rinnovo idoneità mezzo funebre Attestato idoneità mezzo funebre Richiesta idoneità autorimessa Verbale sopralluogo autorimessa Attestato Igienico Sanitario per autorimessa attrezzata per ricovero e disinfezione di mezzi funebri (art. 21 DPR 285/90 art. 13, comma 4 L.R. 19/2004 punto All.1 del DGR 156/2005) Cartellino di riconoscimento salma Elenco valori e/o oggetti personali Certificazione per autorizzazione alla cremazione per decessi in Ospedale Elenco delle strutture sanitarie con debito informativo dei medici necroscopi Opuscolo Servizio Mortuario Elenco Onoranze Funebri

IL REGOLAMENTO DI POLIZIA MORTUARIA NELLA REGIONE PIEMONTE.

IL REGOLAMENTO DI POLIZIA MORTUARIA NELLA REGIONE PIEMONTE. IL REGOLAMENTO DI POLIZIA MORTUARIA NELLA REGIONE PIEMONTE. Dr Mario Spinelli Direttore S.C. Medicina Legale ASL n. 15 Cuneo NORMATIVA T.U delle Leggi Sanitarie n. 1265 del 27 luglio 1934 ( Tit. VI) D.

Dettagli

Protocollo Operativo

Protocollo Operativo Rev. 1/6 EMISSIONE Redatto da: Dr.ssa Bartolomea Sgrò, Dr. Alessandro Aiello ( Resp. Uffic. Infer.) Emesso da: Dr.ssa Bartolomea Sgrò (Dirigente Medico di Direzione Sanitaria) Firma del Coordinatore Sanitario

Dettagli

attestata la regolarità amministrativa ai sensi della deliberazione di Giunta regionale sopra citata;

attestata la regolarità amministrativa ai sensi della deliberazione di Giunta regionale sopra citata; Determinazione del Responsabile del Servizio Sanità Pubblica della Regione Emilia Romagna 6 ottobre 2004, n. 13871 DISCIPLINA DELLE MODALITÀ TECNICHE DELLE PROCEDURE PER IL TRASPORTO DELLE SALME, DEI CADAVERI

Dettagli

GUIDA INFORMATIVA PER LE PRATICHE DI POLIZIA MORTUARIA

GUIDA INFORMATIVA PER LE PRATICHE DI POLIZIA MORTUARIA Comune di Budrio Settore Affari Generali Servizio Comunicazione e Certificazione GUIDA INFORMATIVA PER LE PRATICHE DI POLIZIA MORTUARIA Abbiamo predisposto questa guida nell intento di facilitare i contatti

Dettagli

Regolamento aziendale di polizia mortuaria

Regolamento aziendale di polizia mortuaria Allegato alla deliberazione n. 1267 del 30 agosto 2012 Regolamento aziendale di polizia mortuaria Art. 1 Art. 2 Art. 3 Art. 4 Art. 5 Art. 6 Art. 7 Art. 8 Art. 9 Art. 10 Art. 11 Art. 12 Art. 13 Art. 14

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE RELATIVO ALLA CREMAZIONE, AFFIDAMENTO, CONSERVAZIONE E DISPERSIONE DELLE CENERI DERIVANTI DALLA CREMAZIONE DEI DEFUNTI.

REGOLAMENTO COMUNALE RELATIVO ALLA CREMAZIONE, AFFIDAMENTO, CONSERVAZIONE E DISPERSIONE DELLE CENERI DERIVANTI DALLA CREMAZIONE DEI DEFUNTI. REGOLAMENTO COMUNALE RELATIVO ALLA CREMAZIONE, AFFIDAMENTO, CONSERVAZIONE E DISPERSIONE DELLE CENERI DERIVANTI DALLA CREMAZIONE DEI DEFUNTI. Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale nr. 36 del

Dettagli

Pianificazione Cimiteriale: fra nuove regole e antichi doveri

Pianificazione Cimiteriale: fra nuove regole e antichi doveri Pianificazione Cimiteriale: fra nuove regole e antichi doveri Lo stato dell arte in Regione Toscana Emanuela Balocchini Servizi di Prevenzione in sanità Pubblica e veterinaria Regione Toscana 1 Quali ambiti

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO ALLA CAMERA MORTUARIA

REGOLAMENTO PER L ACCESSO ALLA CAMERA MORTUARIA REGOLAMENTO PER L ACCESSO ALLA CAMERA MORTUARIA ART. 1 L Asp Centro Servizi alla Persona di Ferrara gestisce, in nome e per conto del Comune di Ferrara, la Camera Mortuaria ubicata a Ferrara in Via Fossato

Dettagli

REGOLAMENTO TRASPORTI FUNEBRI

REGOLAMENTO TRASPORTI FUNEBRI REGOLAMENTO TRASPORTI FUNEBRI Art. 1 Oggetto del regolamento. Il presente Regolamento disciplina il servizio di trasporti funebri nel territorio comunale espletato nel rispetto delle norme di cui al Capo

Dettagli

Medicina Necroscopica in ambito ospedaliero PA.DS.21. Procedura Aziendale per la Gestione della

Medicina Necroscopica in ambito ospedaliero PA.DS.21. Procedura Aziendale per la Gestione della Procedura Aziendale per la Gestione della Medicina Pag. 1/23 Procedura Aziendale per la Gestione della Medicina Necroscopica relativa ai pazienti deceduti in ospedale, feti, prodotti abortivi e parti anatomiche

Dettagli

COMUNE DI PAESE. Provincia di Treviso REGOLAMENTO COMUNALE IN MATERIA DI CREMAZIONE E DESTINAZIONE DELLE CENERI

COMUNE DI PAESE. Provincia di Treviso REGOLAMENTO COMUNALE IN MATERIA DI CREMAZIONE E DESTINAZIONE DELLE CENERI COMUNE DI PAESE Provincia di Treviso REGOLAMENTO COMUNALE IN MATERIA DI CREMAZIONE E DESTINAZIONE DELLE CENERI Approvato con deliberazione del Consiglio comunale n. 6 del 14 marzo 2011 In vigore dal 19

Dettagli

PROCEDURA PER LA GESTIONE DELLA MEDICINA NECROSCOPICA RELATIVA AI PAZIENTI DECEDUTI IN OSPEDALE (C.O.B.)

PROCEDURA PER LA GESTIONE DELLA MEDICINA NECROSCOPICA RELATIVA AI PAZIENTI DECEDUTI IN OSPEDALE (C.O.B.) Pagina 1 di 11 REGIONE LAZIO PROCEDURA PER LA NECROSCOPICA RELATIVA AI (C.O.B.) Data Rev. Redatto Verificato e approvato 10/10/2003 01/12/2011 0 1 Dott. Luca Guerini Dirigente Medico D.S. COB Dott. Franco

Dettagli

Trasporto della salma (prima dell accertamento di morte) in altro Comune nell ambito del territorio della Regione Lombardia.

Trasporto della salma (prima dell accertamento di morte) in altro Comune nell ambito del territorio della Regione Lombardia. Trasferimento salme e ceneri fuori dal Comune di Ceresara Trasporto della salma (prima dell accertamento di morte) in altro Comune nell ambito del territorio della Regione Lombardia. E possibile trasportare

Dettagli

Redazione Cognome/Nome Funzione

Redazione Cognome/Nome Funzione DIPARTIMENTO DIREZIONE ASSISTENZA OSPEDALIERA Procedura LA GESTIONE DELLA MEDICINA NECROSCOPICA OSPEDALIERA Redazione Cognome/Nome Funzione Dip. Direzione Assist. Osped. Di Giorgio Antonio Dirigente Medico

Dettagli

Dipartimento di Medicina Legale Università La Sapienza Roma

Dipartimento di Medicina Legale Università La Sapienza Roma Dipartimento di Medicina Legale Università La Sapienza Roma G.Umani Ronchi G.Umani Ronchi 1 R.P.M. 1990. art 1 (denuncia causa di morte) 1. Ferme restando le disposizioni sulla dichiarazione e sull'avviso

Dettagli

PROCEDURA. GASTO P02 Rev. 2 Pag. 1/7

PROCEDURA. GASTO P02 Rev. 2 Pag. 1/7 Pag. 1/7 REGOLAMENTO RIMBORSO SPESE DI TRASPORTO AGLI UTENTI CHE NECESSITANO DI TRATTAMENTI DI RADIOTERAPIA FINALIZZATI ALLA CURA DELLE PATOLOGIE Data di applicazione 01/07/2014 Redazione Verifica Data

Dettagli

Comune di Arezzo. Regolamento relativo alla cremazione, affidamento, conservazione e dispersione delle ceneri derivanti dalla cremazione dei defunti

Comune di Arezzo. Regolamento relativo alla cremazione, affidamento, conservazione e dispersione delle ceneri derivanti dalla cremazione dei defunti Comune di Arezzo Regolamento relativo alla cremazione, affidamento, conservazione e dispersione delle ceneri derivanti dalla cremazione dei defunti (deliberazione CC n. del in vigore dal) NORME GENERALI

Dettagli

Consiglio regionale della Toscana

Consiglio regionale della Toscana Consiglio regionale della Toscana LEGGE REGIONALE N. 18/2009 (Atti del Consiglio) Modifiche alla legge regionale 4 aprile 2007, n. 18 (Disciplina del trasporto di salme e di cadaveri). ***************

Dettagli

Arti ausiliarie e sanitarie

Arti ausiliarie e sanitarie Categoria IV S a n i t à e i g i e n e 040112 040113 040950 Arti ausiliarie e sanitarie (art. 100, R.D. 27 luglio 1934, 265) REGISTRO dei residenti nel Comune esercenti arti ausiliarie sanitarie, 12 nomi

Dettagli

Donazioneetrapiantoditessuticorneali. Normativa e aspetti medico legali

Donazioneetrapiantoditessuticorneali. Normativa e aspetti medico legali Donazioneetrapiantoditessuticorneali Normativa e aspetti medico legali Prof. Carlo Moreschi Dr.ssa Antonia Fanzutto L importanza del dono Le malattie della cornea sono circa 80. A livello mondiale sono

Dettagli

COMUNE DI PAVULLO NEL FRIGNANO

COMUNE DI PAVULLO NEL FRIGNANO COMUNE DI PAVULLO NEL FRIGNANO REGOLAMENTO COMUNALE RELATIVO ALLA CREMAZIONE, AFFIDAMENTO, CONSERVAZIONE E DISPERSIONE DELLE CENERI DERIVANTI DALLA CREMAZIONE DEI DEFUNTI. Approvato con deliberazione del

Dettagli

REGIONE TOSCANA AZIENDA USL 3 DI PISTOIA. Via Sandro Pertini, 708 51100 Pistoia C.F./P. Iva 01241740479

REGIONE TOSCANA AZIENDA USL 3 DI PISTOIA. Via Sandro Pertini, 708 51100 Pistoia C.F./P. Iva 01241740479 Avviso pubblico per assunzione a tempo determinato di n. 2 OPERATORI TECNICI NECROFORI CATEGORIA B PERIODO DI PUBBLICAZIONE DAL 31 Gennaio 2011 AL 7 Febbraio 2011 PUBBLICA AMM/NE UNITA RICHIESTE PROFILO

Dettagli

REGOLAMENTO DI POLIZIA MORTUARIA

REGOLAMENTO DI POLIZIA MORTUARIA REGOLAMENTO DI POLIZIA MORTUARIA approvato con deliberazione del Commissario Straordinario n.24 del 15.05.2002 - OMISSIS - Il capo IV viene sostituito interamente dal seguente: Capo IV Trasporti funebri

Dettagli

"Norme in materia di attività e servizi necroscopici, funebri e cimiteriali".

Norme in materia di attività e servizi necroscopici, funebri e cimiteriali. LEGGE REGIONALE 18 novembre 2003, N. 22 "Norme in materia di attività e servizi necroscopici, funebri e cimiteriali". (BURL n. 47, 1º suppl. ord. del 21 Novembre 2003 ) urn:nir:regione.lombardia:legge:2003-11-18;22

Dettagli

La normativa italiana in materia di riscontri diagnostici

La normativa italiana in materia di riscontri diagnostici La normativa italiana in materia di riscontri diagnostici Il regolamento di polizia mortuaria - DPR 285/1990 La legge n.31/2006 Legge SIDS Scopo della relazione è 1) analizzare i rapporti tra Autorità

Dettagli

c) decesso in Struttura Ospedaliera o RSA In tale caso, il decesso è constatato ovviamente dal personale medico della struttura.

c) decesso in Struttura Ospedaliera o RSA In tale caso, il decesso è constatato ovviamente dal personale medico della struttura. DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE MEDICO COMPARTO IGIENE PUBBLICA VIA A. CANTORE N. 20 25128 BRESCIA Tel. 030/3838613 Fax 030/3838710 E-mail:igiene pubblica.comparto@aslbrescia.it Brescia, 06.10.2008 1. LA DIAGNOSI

Dettagli

"IL DONATORE DI TESSUTI"

IL DONATORE DI TESSUTI "IL DONATORE DI TESSUTI" Udine 30/01/2015 La realtà dell Ospedale di Palmanova Tipologie di donazioni: Donazione multitessuto Donazione tessuti oculari Donazione cordone ombelicale Chi è il donatore multitessuto?

Dettagli

Autorizzazione alla cremazione e trasporto di cadavere e all'affidamento e conservazione delle ceneri

Autorizzazione alla cremazione e trasporto di cadavere e all'affidamento e conservazione delle ceneri Autorizzazione alla cremazione Autorizzazione alla cremazione e trasporto di cadavere e all'affidamento e conservazione delle ceneri Di cosa si tratta? L'autorizzazione alla cremazione spetta all'ufficiale

Dettagli

Bur n. 65 del 10/08/2010

Bur n. 65 del 10/08/2010 Bur n. 65 del 10/08/2010 Sanità e igiene pubblica Deliberazioni della Giunta Regionale N. 1909 del 27 luglio 2010 Legge Regionale 4 marzo 2010 n.18 "Norme in materia funeraria". Linee guida di prima applicazione.

Dettagli

COMUNE DI MANCIANO Provincia di Grosseto

COMUNE DI MANCIANO Provincia di Grosseto APPENDICE AL REGOLAMENTO PER L USO, L ACCESSO E LA VISITABILITÀ DEI CIMITERI COMUNALI ------------------------------- NORME RELATIVE ALL AFFIDAMENTO, ALLA CONSERVAZIONE ED ALLA DISPERSIONE DELLE CENERI

Dettagli

proposta di legge n. 256

proposta di legge n. 256 REGIONE MARCHE 1 CONSIGLIO REGIONALE proposta di legge n. 256 a iniziativa dei Consiglieri Procaccini, Martoni presentata in data 16 settembre 2004 NORME IN MATERIA DI ATTIVITA E SERVIZI NECROSCOPICI FUNEBRI

Dettagli

documento di specifiche tecniche pubblicate sul sito Internet del Ministero all indirizzo www.nsis.salute.gov.it. ;

documento di specifiche tecniche pubblicate sul sito Internet del Ministero all indirizzo www.nsis.salute.gov.it. ; documento di specifiche tecniche pubblicate sul sito Internet del Ministero all indirizzo www.nsis.salute.gov.it. ; g) al paragrafo 3.1. Alimentazione del Sistema informativo, la tabella 2: alimentazione

Dettagli

COMUNE DI STAZZANO PROVINCIA DI ALESSANDRIA REGOLAMENTO COMUNALE IN MATERIA DI CREMAZIONE, CONSERVAZIONE, AFFIDAMENTO E DISPERSIONE DELLE CENERI

COMUNE DI STAZZANO PROVINCIA DI ALESSANDRIA REGOLAMENTO COMUNALE IN MATERIA DI CREMAZIONE, CONSERVAZIONE, AFFIDAMENTO E DISPERSIONE DELLE CENERI COMUNE DI STAZZANO PROVINCIA DI ALESSANDRIA REGOLAMENTO COMUNALE IN MATERIA DI CREMAZIONE, CONSERVAZIONE, AFFIDAMENTO E DISPERSIONE DELLE CENERI Adottato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 47

Dettagli

Parere n. 69/2010 Norme da applicare per la cremazione. Legge di riferimento: D.P.R. n. 285/1990

Parere n. 69/2010 Norme da applicare per la cremazione. Legge di riferimento: D.P.R. n. 285/1990 Parere n. 69/2010 Norme da applicare per la cremazione. Legge di riferimento: D.P.R. n. 285/1990 Il sindaco del Comune di (omissis) segnala che nell ente che rappresenta occorre procedere ad estumulare

Dettagli

COMUNE DI SANTA CROCE SULL ARNO Provincia di Pisa

COMUNE DI SANTA CROCE SULL ARNO Provincia di Pisa COMUNE DI SANTA CROCE SULL ARNO Provincia di Pisa Regolamento recante disciplina sulla conservazione, l affidamento e la dispersione delle ceneri derivanti dalla cremazione dei defunti. Art. 1 Oggetto

Dettagli

R E G O L A M E N T O PER LA CREMAZIONE, L AFFIDAMENTO, LA CONSERVAZIONE E LA DISPERSIONE DELLE CENERI DERIVANTI DALLA CREMAZIONE DEI DEFUNTI

R E G O L A M E N T O PER LA CREMAZIONE, L AFFIDAMENTO, LA CONSERVAZIONE E LA DISPERSIONE DELLE CENERI DERIVANTI DALLA CREMAZIONE DEI DEFUNTI CITTA DI BORDIGHERA Provincia di Imperia R E G O L A M E N T O PER LA CREMAZIONE, L AFFIDAMENTO, LA CONSERVAZIONE E LA DISPERSIONE DELLE CENERI DERIVANTI DALLA CREMAZIONE DEI DEFUNTI Approvato con deliberazione

Dettagli

COMUNE DI COSIO D ARROSCIA PROVINCIA DI IMPERIA

COMUNE DI COSIO D ARROSCIA PROVINCIA DI IMPERIA COMUNE DI COSIO D ARROSCIA PROVINCIA DI IMPERIA Regolamento relativo alla dispersione ed alla conservazione personale delle ceneri derivanti dalla cremazione dei defunti. Art. 1 Oggetto e finalità Il presente

Dettagli

INTEGRAZIONE AL REGOLAMENTO DI POLIZIA MORTUARIA Regolamento comunale sulla cremazione, affidamento e dispersione delle ceneri.

INTEGRAZIONE AL REGOLAMENTO DI POLIZIA MORTUARIA Regolamento comunale sulla cremazione, affidamento e dispersione delle ceneri. INTEGRAZIONE AL REGOLAMENTO DI POLIZIA MORTUARIA Regolamento comunale sulla cremazione, affidamento e dispersione delle ceneri. APPROVATO CON DELIBERA DI CONSIGLIO COMUNALE N.43 DEL 28.12.2009 TITOLO 1

Dettagli

IL COORDINATORE UNICO S.C. LIBERA PROFESSIONE E MARKETING

IL COORDINATORE UNICO S.C. LIBERA PROFESSIONE E MARKETING ATTI del DIRETTORE GENERALE dell anno 2016 Deliberazione n. 0000283 del 09/03/2016 - Atti U.O. SC Libera Professione e Marketing Oggetto: STIPULA CONVENZIONE CON L A.S.S.T. OVEST MILANESE, PER PRESTAZIONI

Dettagli

COMUNE DI SOGLIANO AL RUBICONE

COMUNE DI SOGLIANO AL RUBICONE COMUNE DI SOGLIANO AL RUBICONE Provincia di Forlì - Cesena REGOLAMENTO PER IL RILASCIO DELLE AUTORIZZAZIONI ALLA CREMAZIONE, DISPERSIONE E AFFIDAMENTO DELLE CENERI Adottato con atto deliberativo di Consiglio

Dettagli

PROCEDURA PER LA SORVEGLIANZA DELLE INFEZIONI OSPEDALIERE OCCUPAZIONALI

PROCEDURA PER LA SORVEGLIANZA DELLE INFEZIONI OSPEDALIERE OCCUPAZIONALI ISTRUZIONE OPERATIVA N 1/2005 PROCEDURA PER LA SORVEGLIANZA DELLE INFEZIONI OSPEDALIERE OCCUPAZIONALI RATIFICATO DALLA COMMISSIONE AZIENDALE PER LA SORVEGLIANZA E IL CONTROLLO DELLE INFEZIONI OSPEDALIERE

Dettagli

COMUNE DI TOVO SAN GIACOMO (PROVINCIA DI SAVONA) REGOLAMENTO PER L AFFIDAMENTO DELLE CENERI DERIVANTI DALLA CREMAZIONE DEI DEFUNTI

COMUNE DI TOVO SAN GIACOMO (PROVINCIA DI SAVONA) REGOLAMENTO PER L AFFIDAMENTO DELLE CENERI DERIVANTI DALLA CREMAZIONE DEI DEFUNTI COMUNE DI TOVO SAN GIACOMO (PROVINCIA DI SAVONA) REGOLAMENTO PER L AFFIDAMENTO DELLE CENERI DERIVANTI DALLA CREMAZIONE DEI DEFUNTI Approvato con D.C.C. n. 4 DEL 19.01.2006 REGOLAMENTO PER L AFFIDAMENTO

Dettagli

COMUNE DI MARANO SUL PANARO PROVINCIA DI MODENA

COMUNE DI MARANO SUL PANARO PROVINCIA DI MODENA REGOLAMENTO COMUNALE IN MATERIA DI CREMAZIONE, AFFIDAMENTO CONSERVAZIONE E DISPERSIONE DELLE CENERI. APPROVATO CON DELIBERA DI C.C. N. 49 DEL 30.10.2008 Art: 1 Oggetto del Regolamento Il presente Regolamento

Dettagli

AZIENDA OSPEDALIERA REGIONALE SAN CARLO Ospedale San Carlo di Potenza - Ospedale San Francesco di Paola di Pescopagano

AZIENDA OSPEDALIERA REGIONALE SAN CARLO Ospedale San Carlo di Potenza - Ospedale San Francesco di Paola di Pescopagano AZIENDA OSPEDALIERA REGIONALE SAN CARLO Ospedale San Carlo di Potenza - Ospedale San Francesco di Paola di Pescopagano DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE n. 60.2014/00392 del 08/08/2014 OGGETTO DDG n. 663/2011;

Dettagli

REGIONE DEL VENETO CIRCOLARE N. 12 del 4 MAGGIO 1999 (DGRV 1490/99) Oneri del trasporto sanitario. Revisione circolare n. 70/80.

REGIONE DEL VENETO CIRCOLARE N. 12 del 4 MAGGIO 1999 (DGRV 1490/99) Oneri del trasporto sanitario. Revisione circolare n. 70/80. REGIONE DEL VENETO CIRCOLARE N. 12 del 4 MAGGIO 1999 (DGRV 1490/99) Oneri del trasporto sanitario. Revisione circolare n. 70/80. Ai Signori Direttori Generali delle Aziende UU.LL.SS.SS. ed Ospedaliere

Dettagli

DICHIARAZIONE DI INCARICO. Il sottoscritto. nato a il residente. a in via n.

DICHIARAZIONE DI INCARICO. Il sottoscritto. nato a il residente. a in via n. Mod. 1 DICHIARAZIONE DI INCARICO Il sottoscritto nato a il residente a in via n. consapevole delle sanzioni penali richiamate dall art. 76 del D.P.R. 28 dicembre 2000 n. 445 in caso di dichiarazioni mendaci,

Dettagli

Il/ i sottoscritto/i... nato/i a.. (.) il e residente a..alla via..

Il/ i sottoscritto/i... nato/i a.. (.) il e residente a..alla via.. DICHIARAZIONE DEL CONIUGE O DEI CONGIUNTI SULLA VOLONTA DEL DE CUIUS AD ESSERE CREMATO RESA AI SENSI DELL ART.3 COMMA1 b) L. 130/2001 E ART. 12 LEGGE DELLA REGIONE PUGLIA 34/2008 E SS.MM.II. Il/ i sottoscritto/i...

Dettagli

CITTÀ DI FOLIGNO. Regolamento sala del commiato

CITTÀ DI FOLIGNO. Regolamento sala del commiato CITTÀ DI FOLIGNO Regolamento sala del commiato Approvato con D.C.C. n. 82 del 29/12/2011 TITOLO I - DISPOSIZIONI GENERALI Art. 1 - Oggetto Il presente Regolamento ha per oggetto il complesso delle norme

Dettagli

DISPOSIZIONI IN MATERIA DI TRAPIANTO DI ORGANI ALL ESTERO AI SENSI DELL ARTICOLO 20 DELLA LEGGE 1 APRILE 1999, n. 91 IL MINISTRO

DISPOSIZIONI IN MATERIA DI TRAPIANTO DI ORGANI ALL ESTERO AI SENSI DELL ARTICOLO 20 DELLA LEGGE 1 APRILE 1999, n. 91 IL MINISTRO Direzione Generale per i Rapporti con l Unione Europea e per i Rapporti Internazionali DISPOSIZIONI IN MATERIA DI TRAPIANTO DI ORGANI ALL ESTERO AI SENSI DELL ARTICOLO 20 DELLA LEGGE 1 APRILE 1999, n.

Dettagli

IL PROTOCOLLO REGIONALE

IL PROTOCOLLO REGIONALE IL PROTOCOLLO REGIONALE C.P.S.I. Vera Sabrina Ufficio di Coordinamento Infermieristico per l attività di prelievi Ospedale S. Giovanni Battista I criteri per la selezione dei donatori sono quelli della

Dettagli

i servizi Cimiteriali IL FUnERARE E LA SEPOLTURA

i servizi Cimiteriali IL FUnERARE E LA SEPOLTURA i servizi Cimiteriali IL FUnERARE E LA SEPOLTURA AGEC gestisce i servizi Cimiteriali dal 1999, impegnandosi a garantire un servizio di qualità, nel rispetto del decoro e della riservatezza. Tutti i servizi

Dettagli

AZIENDA USL ROMA H Borgo Garibaldi,12 00041 Albano Laziale (Roma) Tel. 06 93.27.1 Fax 06 93.27.38.66

AZIENDA USL ROMA H Borgo Garibaldi,12 00041 Albano Laziale (Roma) Tel. 06 93.27.1 Fax 06 93.27.38.66 AZIENDA USL ROMA H Borgo Garibaldi,12 00041 Albano Laziale (Roma) Tel. 06 93.27.1 Fax 06 93.27.38.66 UO RISK MANAGEMENT PROCEDURA PER LA CORRETTA IDENTIFICAZIONE DEL PAZIENTE NEI PRESIDI OSPEDALIERI DELLA

Dettagli

COMUNE DI SPILIMBERGO (Provincia di Pordenone)

COMUNE DI SPILIMBERGO (Provincia di Pordenone) COMUNE DI SPILIMBERGO (Provincia di Pordenone) * * * * * REGOLAMENTO IN MATERIA DI CREMAZIONE, DISPERSIONE E CONSERVAZIONE DELLE CENERI * * * * * ART. 1 AUTORIZZAZIONE ALLA CREMAZIONE DI CADAVERI, DI RESTI

Dettagli

Oggetto: TRASPORTI FUNEBRI DEL COMUNE DI MANTOVA - CRITERI DI ESECUZIONE IL DIRIGENTE

Oggetto: TRASPORTI FUNEBRI DEL COMUNE DI MANTOVA - CRITERI DI ESECUZIONE IL DIRIGENTE P07.72 M1 00 Settore: Servizi Educativi e Sociali Protocollo: 2383/2013 Determinazione n. 110 del 17 gennaio 2013 Oggetto: TRASPORTI FUNEBRI DEL COMUNE DI MANTOVA - CRITERI DI ESECUZIONE IL DIRIGENTE -

Dettagli

LA GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA ROMAGNA

LA GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA ROMAGNA Giunta Regione Emilia-Romagna - atto n. 156 del 07/02/2005 Prot. N. (PRC/05/2194) ------------------------------------------------------------ LA GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA ROMAGNA Vista la legge regionale

Dettagli

Titolo I DISPOSIZIONI GENERALI E NORME DI PRINCIPIO

Titolo I DISPOSIZIONI GENERALI E NORME DI PRINCIPIO LR(8) 19_04 Pag: 1 LEGGE REGIONALE EMILIA- ROMAGNA 29 luglio 2004, n. 19 Disciplina in materia funeraria e di polizia mortuaria. in B.U.R.E. n. 105 del 29-7-2004 sommario Titolo I DISPOSIZIONI GENERALI

Dettagli

Procedura Aziendale per la gestione PA.DS.22. Procedura Aziendale per la gestione. delle autopsie per Riscontro Diagnostico

Procedura Aziendale per la gestione PA.DS.22. Procedura Aziendale per la gestione. delle autopsie per Riscontro Diagnostico Pag. 1/12 Copia in distribuzione controllata N.ro... Copia in distribuzione non controllata REFERENTI DEL DOCUMENTO: Dott.ssa Tiziana Pistoresi Dott.ssa Paola Apicella Rev. Data Autorizzazioni Redatto

Dettagli

Flusso procedurale in caso di decesso del paziente. Scopo della procedura pag. 3. Operatori coinvolti pag. 3. Campo di applicazione pag.

Flusso procedurale in caso di decesso del paziente. Scopo della procedura pag. 3. Operatori coinvolti pag. 3. Campo di applicazione pag. 1 AZIENDA OSPEDALIEA SAN GIOVANNI ADDOLOATA DATA ELABOAZIONE evisione: Dicembre 2013 Pag. 2/10 INDICE Scopo della procedura pag. 3 Operatori coinvolti pag. 3 Campo di applicazione pag. 3 Matrice delle

Dettagli

REGOLAMENTO TRASPORTI FUNEBRI

REGOLAMENTO TRASPORTI FUNEBRI Pagina 1 di 10 REGOLAMENTO TRASPORTI FUNEBRI APPROVATO CON DELIBERA DEL CONSIGLIO COMUNALE N. 130 DEL 20 DICEMBRE 2011 ART. 1 DEFINIZIONI Ai fini della Legge Regionale 3 agosto 2011 n. 15 costituisce trasporto

Dettagli

LEGGE PROVINCIALE 20 giugno 2008, n. 7

LEGGE PROVINCIALE 20 giugno 2008, n. 7 LEGGE PROVINCIALE 20 giugno 2008, n. 7 Disciplina della cremazione e altre disposizioni in materia cimiteriale (b.u. 1 luglio 2008, n. 27, suppl. n. 1) Art. 1 Oggetto e finalità 1. Questa legge, nel rispetto

Dettagli

Prot. n. 16568 del 21/03/2014. Oggetto: Invio modulistica INAIL

Prot. n. 16568 del 21/03/2014. Oggetto: Invio modulistica INAIL Prot. n. 16568 del 21032014 Ai Medici 118 Oggetto: Invio modulistica INAIL Direttore Centrale Operativa 118 Via Roma 56 53100 SIENA tel. 0577 536853 fax 0577 536118 e-mail: si118@usl7.toscana.it Il medico

Dettagli

Regione Veneto Azienda U.L.S.S. n. 19 OPUSCOLO INFORMATIVO DELL UNITA OPERATIVA DI MEDICINA LEGALE

Regione Veneto Azienda U.L.S.S. n. 19 OPUSCOLO INFORMATIVO DELL UNITA OPERATIVA DI MEDICINA LEGALE Regione Veneto Azienda U.L.S.S. n. 19 Comuni di: Adria Ariano nel Polesine Corbola Loreo Papozze Pettorazza Grimani Porto Tolle Porto Viro Rosolina Taglio di Po OPUSCOLO INFORMATIVO DELL UNITA OPERATIVA

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER IL SERVIZIO DEI TRASPORTI FUNEBRI

REGOLAMENTO COMUNALE PER IL SERVIZIO DEI TRASPORTI FUNEBRI Provincia di Cuneo REGOLAMENTO COMUNALE PER IL SERVIZIO DEI TRASPORTI FUNEBRI CAPO I CLASSIFICAZIONE DEL TRASPORTO FUNEBRE ART. 1 (Definizione di trasporto funebre) Per trasporto funebre si intende il

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CREMAZIONE, CONSERVAZIONE, AFFIDAMENTO E DISPERSIONE DELLE CENERI

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CREMAZIONE, CONSERVAZIONE, AFFIDAMENTO E DISPERSIONE DELLE CENERI CITTA' di CANALE Provincia di CUNEO REGIONE PIEMONTE (Legge Regionale 31 ottobre 2007, n. 20) REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CREMAZIONE, CONSERVAZIONE, AFFIDAMENTO E DISPERSIONE DELLE CENERI Approvato con

Dettagli

Regolamento comunale relativo a: cremazione, affidamento,conservazione e dispersione delle ceneri derivanti dalla cremazione dei defunti

Regolamento comunale relativo a: cremazione, affidamento,conservazione e dispersione delle ceneri derivanti dalla cremazione dei defunti COMUNE DI CAMPOSANTO PROVINCIA DI MODENA via F. Baracca 11 41031 Camposanto (MO) tel.: 0535 80905 fax: 0535 80917 (Cod. Fisc.: 82000370369 P. IVA: 00697150365) e mail: attività.produttive@comune.camposanto.mo.it

Dettagli

COMUNE DI AIRASCA. Provincia di Torino REGOLAMENTO COMUNALE IN MATERIA DI CREMAZIONE, DISPERSIONE, CONSERVAZIONE E AFFIDAMENTO DELLE CENERI

COMUNE DI AIRASCA. Provincia di Torino REGOLAMENTO COMUNALE IN MATERIA DI CREMAZIONE, DISPERSIONE, CONSERVAZIONE E AFFIDAMENTO DELLE CENERI COMUNE DI AIRASCA Provincia di Torino REGOLAMENTO COMUNALE IN MATERIA DI CREMAZIONE, DISPERSIONE, CONSERVAZIONE E AFFIDAMENTO DELLE CENERI Adottato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 49 del 28/11/2008

Dettagli

Premesso che: - in tale ambito l INAIL ha predisposto una specifica modulistica per le certificazioni redatte dai medici esterni (cfr. all.

Premesso che: - in tale ambito l INAIL ha predisposto una specifica modulistica per le certificazioni redatte dai medici esterni (cfr. all. ACCORDO PER LA DISCIPLINA DEI RAPPORTI NORMATIVI ED ECONOMICI PER LA REDAZIONE DELLE CERTIFICAZIONI RESE A FAVORE DEGLI INFORTUNATI SUL LAVORO E TECNOPATIOCI PRESSO LE STRUTTURE SANITARIE PUBBLICHE. Premesso

Dettagli

C O M U N E D I B A R D O N E C C H I A Provincia di Torino CAP. 10052

C O M U N E D I B A R D O N E C C H I A Provincia di Torino CAP. 10052 C O M U N E D I B A R D O N E C C H I A Provincia di Torino CAP. 10052 REGOLAMENTO COMUNALE IN MATERIA DI CREMAZIONE, DISPERSIONE, CONSERVAZIONE E AFFIDAMENTO DELLE CENERI Adottato con deliberazione del

Dettagli

ISTANZA E DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DI CREMAZIONE E AFFIDAMENTO DELL URNA

ISTANZA E DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DI CREMAZIONE E AFFIDAMENTO DELL URNA Marca da bollo ISTANZA E DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DI CREMAZIONE E AFFIDAMENTO DELL URNA Al Signor Sindaco del Comune di San Mauro Torinese Atteso che giorno è deceduto luogo decesso comune residenza Il/la

Dettagli

118. 32. PS. 16 TRASPORTO ORDINARIO

118. 32. PS. 16 TRASPORTO ORDINARIO Pagina 1 di 9 Rev. Data Redazione Verificato Approvato 0 21/11/2011 Resp. prot. S. Dami UO Assicurazione Qualità Coord inf M. Santiccioli Resp. DEU F. Palumbo Pagina 2 di 9 1. Scopo: stabilire le procedure

Dettagli

Diagnosi e certificazione della morte

Diagnosi e certificazione della morte Diagnosi e certificazione della morte Dott.ssa Anna Guermani Stop Ossigenazione 5-30 24 h-48 h Crescita Barba Secrezione Ghiandole Tubo Digerente Spermatozoi vivi e mobili nel L. seminale IPOSTASI RIGIDITA

Dettagli

I dati personali degli Utenti le strutture di RETE Reggio Emilia Terza Età sono registrati in forma cartacea nella Cartella Personale Utente e nel

I dati personali degli Utenti le strutture di RETE Reggio Emilia Terza Età sono registrati in forma cartacea nella Cartella Personale Utente e nel APPROVATO CON DELIBERAZIONE N.2002/67 DEL 3/12/2002 I dati personali degli Utenti le strutture di RETE Reggio Emilia Terza Età sono registrati in forma cartacea nella Cartella Personale Utente e nel raccoglitore

Dettagli

CITTA di IMPERIA. Viale Matteotti, 157 UFFICIO POLIZIA MORTUARIA

CITTA di IMPERIA. Viale Matteotti, 157 UFFICIO POLIZIA MORTUARIA CITTA di IMPERIA Viale Matteotti, 157 UFFICIO POLIZIA MORTUARIA Regolamento relativo alla dispersione ed alla conservazione personale delle ceneri derivanti dalla cremazione dei defunti. Art. 1 Oggetto

Dettagli

strutture private. Funzioni, compiti e responsabilità del Direttore Sanitario/Tecnico

strutture private. Funzioni, compiti e responsabilità del Direttore Sanitario/Tecnico Corso per Direttori Sanitari di strutture private. Funzioni, compiti e responsabilità del Direttore Sanitario/Tecnico ORDINE PROVINCIALE DEI MEDICI CHIRURGHI E DEGLI ODONTOIATRI MODENA 8 MAGGIO 2007 Dr

Dettagli

b) cadavere la salma dopo l esecuzione dell accertamento di morte secondo quanto previsto dalla vigente legislazione;

b) cadavere la salma dopo l esecuzione dell accertamento di morte secondo quanto previsto dalla vigente legislazione; Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 198 del 19-12-2008 21965 LEGGE REGIONALE 15 dicembre 2008, n. 34 Norme in materia di attività funeraria, cremazione e dispersione delle ceneri. La seguente

Dettagli

Il sottoscritto nato a ( ) il residente a Via/Piazza Codice fiscale Cittadinanza

Il sottoscritto nato a ( ) il residente a Via/Piazza Codice fiscale Cittadinanza Marca da bollo Domanda per l esercizio di attività funebre esistente per sede principale e sedi secondarie ai sensi dell art. 13 e dell art. 16 della Legge Emilia Romagna del 29 luglio 2004 n. 19 AL COMUNE

Dettagli

REGOLAMENTO SULLA CREMAZIONE E DESTINAZIONE DELLE CENERI

REGOLAMENTO SULLA CREMAZIONE E DESTINAZIONE DELLE CENERI REGOLAMENTO COMUNALE n. 64 REGOLAMENTO SULLA CREMAZIONE E DESTINAZIONE DELLE CENERI Allegato B alla deliberazione di Giunta Comunale n. 45 del 30/06/2005 CAPO I CREMAZIONE Art. 1 Disposizione generale

Dettagli

funzioni: informazione

funzioni: informazione : - LA CARTELLA CLINICA di ricovero, ambulatoriale, di pronto soccorso * LA RICHIESTA * IL RILASCIO * TEMPI DI CONSEGNA - IL CERTIFICATO DI DEGENZA - LA DOCUMENTAZIONE PER IMMAGINI (copie di radiogrammi

Dettagli

Sommario Preambolo. Preambolo. Il Consiglio regionale

Sommario Preambolo. Preambolo. Il Consiglio regionale Proposta di legge di modifica della legge regionale 31 maggio 2004, n. 29 (Affidamento, conservazione e dispersione delle ceneri derivanti dalla cremazione dei defunti) Sommario Preambolo Art. 1 Sostituzione

Dettagli

REGIONE TOSCANA LEGGE REGIONALE N. 29 DEL 31-05-2004

REGIONE TOSCANA LEGGE REGIONALE N. 29 DEL 31-05-2004 REGIONE TOSCANA LEGGE REGIONALE N. 29 DEL 31-05-2004 Affidamento, conservazione e dispersione delle ceneri derivanti dalla cremazione dei defunti. Fonte: BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA N. 21

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI CUSTODIA E RESTITUZIONE DEGLI OGGETTI TROVATI

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI CUSTODIA E RESTITUZIONE DEGLI OGGETTI TROVATI REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI CUSTODIA E RESTITUZIONE DEGLI OGGETTI TROVATI Approvato con Delibera di Consiglio Comunale n. 99 del 13-03-1995 Modificato con Delibera di Consiglio Comunale n. 244 del 29-10-1998

Dettagli

PIANI DI LAVORO PER LAVORATORI CON GIUDIZIO DI IDONEITA' CONDIZIONATA REDAZIONE APPROVAZIONE FIRMA DATA

PIANI DI LAVORO PER LAVORATORI CON GIUDIZIO DI IDONEITA' CONDIZIONATA REDAZIONE APPROVAZIONE FIRMA DATA Via Pozzuolo, 330 -- 33100 Udine 'iii' 0432-806113 - ~ 0432-806112 PIANI DI LAVORO PER LAVORATORI CON GIUDIZIO DI IDONEITA' REDAZIONE APPROVAZIONE FIRMA DATA Redazione / Verifica Approvazione RSPP (Responsabile

Dettagli

1331 22/02/2012 DIREZIONE GENERALE OCCUPAZIONE E POLITICHE DEL LAVORO. Identificativo Atto n. 116

1331 22/02/2012 DIREZIONE GENERALE OCCUPAZIONE E POLITICHE DEL LAVORO. Identificativo Atto n. 116 Identificativo Atto n. 116 1331 22/02/2012 DIREZIONE GENERALE OCCUPAZIONE E POLITICHE DEL LAVORO INDICAZIONI REGIONALI PER PERCORSI FORMATIVI PER ADDETTI ALL ATTIVITA FUNEBRE IL DIRIGENTE DELLA U.O. ATTUAZIONE

Dettagli

LA NORMATIVA ITALIANA IN MATERIA DI RISCONTRI DIAGNOSTICI

LA NORMATIVA ITALIANA IN MATERIA DI RISCONTRI DIAGNOSTICI PROCURA della REPUBBLICA Presso il TRIBUNALE per i minorenni di TORINO LA NORMATIVA ITALIANA IN MATERIA DI RISCONTRI DIAGNOSTICI Codice di procedura penale Il regolamento di polizia mortuaria - DPR 285/1990

Dettagli

POLIZZA LONG TERM CARE CIPAG / POSTE VITA RICHIESTA DI ACCERTAMENTO E LIQUIDAZIONE DELLA PERDITA DI AUTOSUFFICIENZA

POLIZZA LONG TERM CARE CIPAG / POSTE VITA RICHIESTA DI ACCERTAMENTO E LIQUIDAZIONE DELLA PERDITA DI AUTOSUFFICIENZA POLIZZA LONG TERM CARE CIPAG / POSTE VITA RICHIESTA DI ACCERTAMENTO E LIQUIDAZIONE DELLA PERDITA DI AUTOSUFFICIENZA Il presente modulo deve essere inviato a mezzo lettera raccomandata con avviso di ricevimento

Dettagli

CAPO I - Finalità, istituzioni ed operatori

CAPO I - Finalità, istituzioni ed operatori Legge regionale 4 marzo 2010, n. 18 (BUR n. 21/2010) NORME IN MATERIA FUNERARIA CAPO I - Finalità, istituzioni ed operatori Art. 1 - Finalità. 1. La presente legge disciplina gli aspetti relativi alla

Dettagli

REGOLAMENTO SULL ISTITUZIONE E LA TENUTA DEL REGISTRO DELLE DICHIARAZIONI ANTICIPATE DI VOLONTA (cd. TESTAMENTI BIOLOGICI)

REGOLAMENTO SULL ISTITUZIONE E LA TENUTA DEL REGISTRO DELLE DICHIARAZIONI ANTICIPATE DI VOLONTA (cd. TESTAMENTI BIOLOGICI) REGOLAMENTO SULL ISTITUZIONE E LA TENUTA DEL REGISTRO DELLE DICHIARAZIONI ANTICIPATE DI VOLONTA (cd. TESTAMENTI BIOLOGICI) Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 27.. del 4 maggio 2015 INDICE

Dettagli

FAQ Domande e Risposte

FAQ Domande e Risposte CERTIFICATI DI MALATTIA IN SEDE DI DIMISSIONE DA RICOVERO (DM 18/04/2012) FAQ Domande e Risposte Codice Documento: ******* Revisione del Documento: 01 Data revisione: 10-04-2014 Pagina 1 di 9 Cronologia

Dettagli

DOCUMENTI NECESSARI PER IL RILASCIO DEL PASSAPORTO PER SALME DA TRASFERIRE ALL ESTERO PREVISTI DA ACCORDI INTERNAZIONALI

DOCUMENTI NECESSARI PER IL RILASCIO DEL PASSAPORTO PER SALME DA TRASFERIRE ALL ESTERO PREVISTI DA ACCORDI INTERNAZIONALI Allegato 1 DOCUMENTI NECESSARI PER IL RILASCIO DEL PASSAPORTO PER SALME DA TRASFERIRE ALL ESTERO PREVISTI DA ACCORDI INTERNAZIONALI a) Domanda in bollo al Sindaco del Comune in cui si trova la salma da

Dettagli

COMUNE DI MANSUE PROVINCIA DI TREVISO

COMUNE DI MANSUE PROVINCIA DI TREVISO Allegato A) alla delibera di Consiglio Comunale n. 11 del 24/04/2013. COMUNE DI MANSUE PROVINCIA DI TREVISO REGOLAMENTO COMUNALE IN MATERIA DI CREMAZIONE E DI DESTINAZIONE DELLE CENERI. ART. 1 Oggetto

Dettagli

(Dott. Antonio Solinas)

(Dott. Antonio Solinas) AZIENDA OSPEDALIERO UNIVERSITARIA DI SASSARI Via Coppino, 26-07100 SASSARI C.F. - P. IVA 02268260904 DELIBERAZIONE DEL COMMISSARIO STRAORDINARIO N. 415 DEL 22/10/2015 OGGETTO: servizio di polizia mortuaria

Dettagli

Modalità operative di vigilanza sui farmaci stupefacenti

Modalità operative di vigilanza sui farmaci stupefacenti Corso residenziale interattivo a cura della sezione regionale SIFO Emilia Romagna «La vigilanza ispettiva territoriale e la vigilanza ospedaliera in contesti tradizionale e di nuova istituzione» Modalità

Dettagli

DELLE PROTESI MOBILI DENTARIE

DELLE PROTESI MOBILI DENTARIE Azienda USL Pescara Direttore Generale Dott. C. D Amario U.O.S. Risk Management Responsabile Dr.ssa Annamaria Ambrosi Rev. 0 2015 PROCEDURA OPERATIVA GESTIONE DELLE PROTESI MOBILI DENTARIE e/o ACUSTICHE.

Dettagli

NORME E ATTIVITÀ A TUTELA DEI DOLENTI

NORME E ATTIVITÀ A TUTELA DEI DOLENTI ISTUZIONE OPEATIVA NOME E ATTIVITÀ A TUTELA DEI I DMP-C04 ev. 0 del 14.05.2012 Data applicazione edazione Verifica Approvazione 14.05.2012 Sig. Matteo imoldi Dott.ssa Lucia Dolcetti Dott.ssa Lucia Dolcetti

Dettagli

Procedura per gli ACCERTAMENTI E I TRATTAMENTI SANITARI OBBLIGATORI TAVOLA DI ESPLICITAZIONE DEGLI ACRONIMI RICORRENTI

Procedura per gli ACCERTAMENTI E I TRATTAMENTI SANITARI OBBLIGATORI TAVOLA DI ESPLICITAZIONE DEGLI ACRONIMI RICORRENTI AZIENDA SANITARIA LOCALE PROVINCIA DI MILANO 3 AL S 3 MONZA Organismo di coordinamento per la salute mentale Procedura per gli ACCERTAMENTI E I TRATTAMENTI SANITARI OBBLIGATORI TAVOLA DI ESPLICITAZIONE

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE IN MATERIA DI CREMAZIONE. Oggetto e finalità

REGOLAMENTO COMUNALE IN MATERIA DI CREMAZIONE. Oggetto e finalità REGOLAMENTO COMUNALE IN MATERIA DI CREMAZIONE Oggetto e finalità Il presente regolamento disciplina la cremazione, l affidamento, la conservazione e la dispersione delle ceneri derivanti dalla cremazione

Dettagli

COMUNE DI CUNEO REGOLAMENTO COMUNALE PER L AFFIDAMENTO, CONSERVAZIONE E DISPERSIONE DELLE CENERI DERIVANTI DALLA CREMAZIONE DEI DEFUNTI.

COMUNE DI CUNEO REGOLAMENTO COMUNALE PER L AFFIDAMENTO, CONSERVAZIONE E DISPERSIONE DELLE CENERI DERIVANTI DALLA CREMAZIONE DEI DEFUNTI. COMUNE DI CUNEO REGOLAMENTO COMUNALE PER L AFFIDAMENTO, CONSERVAZIONE E DISPERSIONE DELLE CENERI DERIVANTI DALLA CREMAZIONE DEI DEFUNTI. CAPO I NORME GENERALI Art. 1 Oggetto e finalità. 1. Il presente

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CREMAZIONE, CONSERVAZIONE, AFFIDAMENTO E DISPERSIONE DELLE CENERI. Art. 1 Oggetto e finalità

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CREMAZIONE, CONSERVAZIONE, AFFIDAMENTO E DISPERSIONE DELLE CENERI. Art. 1 Oggetto e finalità REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CREMAZIONE, CONSERVAZIONE, AFFIDAMENTO E DISPERSIONE DELLE CENERI Art. 1 Oggetto e finalità 1. Il presente regolamento disciplina la cremazione, l affidamento, la conservazione

Dettagli

GUIDA OPERATIVA PER L ACCESSO AI SERVIZI

GUIDA OPERATIVA PER L ACCESSO AI SERVIZI PREMESSA GUIDA OPERATIVA PER L ACCESSO AI SERVIZI La seguente Guida Operativa contiene le principali indicazioni necessarie per attivare le prestazioni ed i servizi previsti in Polizza a favore degli Assicurati.

Dettagli

Il sottoscritto nato a ( ) il e residente a Via/Piazza Nr. Codice fiscale Cittadinanza

Il sottoscritto nato a ( ) il e residente a Via/Piazza Nr. Codice fiscale Cittadinanza DOMANDA PER L ESERCIZIO DI ATTIVITÀ FUNEBRE PER SEDE PRINCIPALE ai sensi dell art. 13 e dell art. 16 della Legge Emilia Romagna del 29 luglio 2004 n. 19 MARCA DA BOLLO DA 14,62 AL DIRIGENTE DEL SETTTORE

Dettagli