RUOLO DELLA CHIRURGIA MINI-INVASIVA

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "RUOLO DELLA CHIRURGIA MINI-INVASIVA"

Transcript

1 RUOLO DELLA CHIRURGIA MINI- Dott. Carlo A. Sartori U.O. di Chirurgia Generale - Ospedale di Castelfranco Veneto

2 RUOLO DELLA CHIRURGIA MINI- Ad iniziare dagli anni 90 la laparoscopia esplorativa, sino ad allora riservata alle sole affezioni ginecologiche, ha assunto sempre maggiore rilevanza nella diagnosi e nel trattamento delle sindromi addominali acute.

3 RUOLO DELLA CHIRURGIA MINI- STRUMENTO DIAGNOSTICO STRUMENTO TERAPEUTICO

4 RUOLO DELLA CHIRURGIA MINI- URGENZE ADDOMINALI Dolore addominale acuto Peritoniti Occlusioni intestinali Traumi addominali aperti e chiusi Reinterventi

5 RUOLO DELLA CHIRURGIA MINI- DOLORE ADDOMINALE ACUTO Appendicite acuta Diverticolite acuta Ischemia intestinale Dolore addominale di n.d.d. Torsione dell omento Ileiti terminali Linfoadenopatie Affezioni ginecologiche

6 RUOLO DELLA CHIRURGIA MINI- DOLORE ADDOMINALE ACUTO Appendicite acuta La laparoscopia consente: di esplorare tutto l addome permettendo una diagnosi differenziale ed il trattamento di altre lesioni di individuare e mobilizzare l appendice più facilmente di ottenere una migliore toilette della cavità addominale riducendo i rischi di infezione dimissione precoce di ridurre la percentuale di appendicectomie negative. Indicazione alla laparoscopia diagnostica e terapeutica anche nei casi di ascesso e peritonite GoR A Surgical Endoscopy 2006; 20: 14-29

7 Surg Laparos Endosc Percutan Tech 2007; 17(4): RUOLO DELLA CHIRURGIA MINI- APPENDICITE ACUTA META-ANALISI SU 22 STUDI (2845 pz) TEMPO OPERATORIO DEGENZA RIPRESA ATTIVITA COMPLICANZE COSTI LAPS mediamente più lunga di 15 min (p<0.0001), ma negli studi condotti dopo il 2000 la differenza è di soli 5 min. Minore nella LAPS (p=0.006). Trend in favore della LAPS ma senza differenze significative. Minori nella LAPS, soprattutto in termini di infezione della ferita (p<0.0001) e della formazione di ascessi endoaddominali (p=0.002). Quelli intraoperatori sono più alti nella LAPS ma vengono compensati da una degenza più breve e da una più rapida ripresa delle normali attività.

8 Dis Colon Rectum 2001; 44: RUOLO DELLA CHIRURGIA MINI- APPENDICITI COMPLICATE % DI COMPLICANZE IN 1106 PAZIENTI SOTTOPOSTI AD APPENDICECTOMIA 299 (27%) APPENDICITE COMPLICATA 82 OPEN 217 LAPS 46 CONVERSIONI (21,2%)

9 RUOLO DELLA CHIRURGIA MINI- APPENDICITI COMPLICATE Fattori associati alla conversione 705 PAZIENTI ETA : o < di 65 anni p = SESSO BODY MASS INDEX : o < di 30 PRECEDENTI INTERVENTI CHIRURGICI PRECEDENTI RICOVERI PER DOLORE ADDOMINALE ACUTO ENTITA DEL DOLORE AL RICOVERO NAUSEA VOMITO T PRE-OPERATORIA: > 37.5 C DURATA DEI SINTOMI: o < di 5 gg REAZIONE DI DIFESA: locale o diffusa p = CONTA LEUCOCITARIA: o < di 20000/mm 3 ESPERIENZA CHIRURGICA: o < di 10 LA p < CARATTERISTICHE RADIOLOGICHE ALLA TC p < Am Coll Surg 2002; 194:

10 RUOLO DELLA CHIRURGIA MINI- PATOLOGIA INTESTINALE Malattia diverticolare complicata L approccio laparoscopico (esplorazione, lavaggio e drenaggio della cavità addominale): è indicato negli stadi II, III e IV di Hinchey ( tuttavia dati ancora limitati) è vantaggioso nei pazienti ad alto rischio che non tollererebbero un intervento di Hartmann richiede esperienza in chirurgia laparoscopica presenta una percentuale di rischi operatori generici sovrapponibili alla chirurgia tradizionale Indicazione alla laparoscopia in casi selezionati ed in centri ad elevata specializzazione GoR B-C World Journal of Emergency Surgery 2006; I:24-33 Surgical Endoscopy 2006; 20: Diseases of the Colon & Rectum 2000; 43(3):

11 RUOLO DELLA CHIRURGIA MINI- DOLORE ADDOMINALE ACUTO Ischemia intestinale Rappresenta circa l 1% dei casi di addome acuto Nel 50% dei casi è secondaria ad occlusioni arteriose, nel 15 % dei casi a trombosi venose, nel 35% ad altre cause. Generalmente la TC o l angiografia selettiva sono sufficienti per la diagnosi. Il trattamento dipende dalla durata e dall estensione del danno e varia dall embolectomia alla laparotomia esplorativa con resezione del tratto intestinale coinvolto dall ischemia. Vi è indicazione alla laparoscopia diagnostica se indagini preoperatorie non conclusive. World Journal of Emergency Surgery 2006,1:24-32 Surgical Endoscopy 2006; 20: 14-29

12 RUOLO DELLA CHIRURGIA MINI- DOLORE ADDOMINALE ACUTO Dolore addominale acuto di n.d.d. Rappresenta dal 13 al 40% dei ricoveri in urgenza. Osservazione Clinica vs Esplorazione Chirurgica Studi randomizzati hanno dimostrato che la laparoscopia esplorativa consente: - una migliore visualizzazione della cavità addominale - ospedalizzazione più breve - morbidità e mortalità sovrapponibili Indicazione alla laparoscopia diagnostica se indagini preoperatorie non conclusive GoR A Ann Surg 2006;244: World J Em Surg 2006;1:24-32

13 RUOLO DELLA CHIRURGIA MINI- ALGORITMO DIAGNOSTICO-TERAPEUTICO NSAP D I A G N O S I Es. Clinico Es. Ematochimici Rx diretta addome Eco addome TC / RMN DIAGNOSI LAPS ESPLORATIVA NO LPTM! Ann Surg 2006;244: Surg Endosc 2005; 19:

14 RUOLO DELLA CHIRURGIA MINI- DOLORE ADDOMINALE ACUTO Patologia ginecologica Le cause che più frequentemente determinano dolore addominale acuto sono gravidanze ectopiche (20%), annessiti (20%), aderenze (20%), endometriosi (15%) e cisti ovariche (15%). Attualmente, dopo le metodiche diagnostiche convenzionali, la laparoscopia rappresenta il gold standard nel dolore addominale acuto da causa ginecologica: - diagnosi differenziale - adeguato trattamento nella quasi totalità dei casi - ospedalizzazione più breve - migliore risultato estetico Indicazione alla laparoscopia diagnostica e terapeutica. GoR A Surg Endosc 2006;20:14-29 World J Em Surg 2006;1:24-32

15 RUOLO DELLA CHIRURGIA MINI- PERITONITI Ulcere gastriche e duodenali perforate Patologie del tenue Diverticoliti acute (Hinchey II,III e IV) Neoplasie perforate del colon Volvolo del sigma Rottura di cisti epatiche infette Pancreatite acuta necrotico-emorragica emorragica Colecistiti Appendiciti Ascessi retroperitoneali Patologia ginecologica

16 RUOLO DELLA CHIRURGIA MINI- PERITONITI Ulcere gastriche e duodenali perforate Rappresentano circa il 5% delle urgenze addominali. Il trattamento laparoscopico è stato proposto per la prima volta nel Attualmente esistono due importanti studi randomizzati che propongono un ruolo terapeutico per la laparoscopia. Benefici: minore dolore postoperatorio, ospedalizzazione più breve, minore mortalità, percentuale di complicanze sovrapponibile. Conversione in lptm nel 10-20% dei casi: lesioni multiple, grandi, posteriori. Indicazione alla laparoscopia diagnostica e terapeutica GoR A Surg Endosc 2006;20:14-29 Ann Surg 2006;244: World J Em Surg 2006;1:24-32

17 Ann Surg 2002; 3: Surg Endosc 2004; 18: RUOLO DELLA CHIRURGIA MINI- ULCERE GASTRO-DUODENALI PERFORATE STUDIO RANDOMIZZATO 130 PAZIENTI TEMPO OPERATORIO META-ANALISI SU 15 STUDI 658 PAZIENTI In media, l intervento laparoscopico è stato significativamente più breve di quello open. (p=0.025) DOLORE POST-OP. DEGENZA RIPRESA ATTIVITA COMPLICANZE MORTALITA Dolore e conseguente utilizzo di analgesici, significativamente minore nei pazienti trattati in laparoscopia. (p=0.001) Più breve nella laparoscopia. (p=0.004) Più rapida nella laparoscopia. (p=0.001) Nei pazienti trattati con approccio LAPS è stato evidenziato un minor numero di infezioni respiratorie (p=0.005) e della ferita chirurgica. Conversione nel 20% dei casi. Sovrapponibili tra le due tecniche, anche se comunque inferiore nella laparoscopia.

18 RUOLO DELLA CHIRURGIA MINI- PERITONITI Colecistiti Attualmente la laparoscopia rappresenta il gold standard. Numerosi studi hanno dimostrato che l intervento chirurgico laparoscopico effettuato entro h dal ricovero consente di ridurre la percentuale di complicanze, di conversione e la durata del ricovero, in particolare nei casi di colecistite gangrenosa. Solo nei pazienti anziani o con importanti fattori di rischio è indicato un iniziale trattamento conservativo e l intervento chirurgico in un secondo tempo. Indicazione alla laparoscopia terapeutica GoR A Surg Endosc 2006;20:14-29 Ann Surg 2006;244: World J Em Surg 2006;1:24-32

19 RUOLO DELLA CHIRURGIA MINI- PERITONITI Pancreatite acuta necrotico-emorragica Rappresenta una condizione ad elevato rischio di insufficienza multiorgano e mortalità, che pertanto controindica il trattamento chirurgico in urgenza. Nei casi in cui questo sia necessario, la laparoscopia, in centri specializzati, può essere utilizzata per l esplorazione della cavità addominale, il lavaggio, la necrosectomia ed il drenaggio di pseudocisti. Nei casi di pancreatiti biliari di media entità è indicato l intervento chirurgico laparoscopico di colecistectomia ed esplorazione della via biliare in urgenza. Indicazione alla laparoscopia solo in casi selezionati ed in centri altamente specializzati GoR C Surg Endosc 2006;20:14-29 Ann Surg 2006;244: World J Em Surg 2006;1:24-32

20 RUOLO DELLA CHIRURGIA MINI- PATOLOGIA INTESTINALE Occlusioni intestinali Briglie aderenziali Volvolo Ostruzione del lume (ascaridi, bezoario, ileo biliare) Invaginazione Stenosi (infiammatoria, neoplastica) Compressione (tumori, carcinosi) Ileo meccanico postoperatorio Ernie strozzate

21 RUOLO DELLA CHIRURGIA MINI- PATOLOGIA INTESTINALE Occlusioni intestinali Il vantaggio del trattamento laparoscopico consiste in una minore ospedalizzazione, in una più rapida ripresa della peristalsi ed in una minore morbidità. Conversione nel 40% dei casi, generalmente per la presenza di carcinosi peritoneale, lesioni viscerali o impossibilità di reperire la causa dell occlusione (ostruzioni multiple). Relazione inversa tra accurata selezione dei pazienti e percentuale di conversione Vanno esclusi i pz con distensione massiva del tenue ( Ø delle anse > di 4 cm), peritonite, anamnesi positiva per più di 2 interventi di chirurgia maggiore. Indicazione alla laparoscopia diagnostica ed eventuale intervento solo in casi selezionati e con accesso sotto controllo della vista (open laparoscopy) GoR C Surgical Endoscopy 2004; 18: Surgical Endoscopy 2006; 20: 14-29

22 RUOLO DELLA CHIRURGIA MINI- NELLE OCCLUSIONI INTESTINALI META-ANALISI SU 11 STUDI (2006) STUDIO RETROSPETTIVO IN 35 CENTRI ( ) In pazienti attentamente selezionati e trattati entro h dalla comparsa dei sintomi, la LAPS presenta una percentuale di successo del 57-92%, riducendo le complicanze e la degenza. RICHIEDONO ESPERIENZA IN CHIRURGIA LAPAROSCOPICA ANZ J Surg 2001; 71: World J Surg 2006; 30:

23 RUOLO DELLA CHIRURGIA MINI- NELLE OCCLUSIONI INTESTINALI CONVERSIONE In letteratura sono riportate quattro indicazioni assolute alla conversione in laparotomia: IMPOSSIBILITA DI TRATTARE LA CAUSA DELL OCCLUSIONE (causa non identificabile o non completamente risolvibile) PRESENZA DI ADERENZE DIFFUSE LESIONI ALLE ANSE DURANTE L INTERVENTOL ISCHEMIA/NECROSI INTESTINALE ANZ J Surg 2001; 71: World J Surg 2006; 30:

24 RUOLO DELLA CHIRURGIA MINI- NELLE OCCLUSIONI INTESTINALI E evidente che esiste una relazione inversa tra accurata selezione dei pazienti e tasso di conversione. CONTROINDICAZIONI 1. Anamnesi positiva per più di 2 interventi di chirurgia maggiore 2. Distensione massiva del tenue ( Ø delle anse > di 4 cm) 3. Quadro peritonitico 4. Pazienti emodinamicamente instabili 5. Pazienti con gravi patologie preesistenti 6. Ridotta esperienza del chirurgo L attenta valutazione di tali parametri riduce la percentuale di conversione al 7-10%. Surg Endosc 2000; 14: World J Surg 2006; 30:

25 Surg Endosc 2000; 14: ANZ J Surg 2001; 71: World J Surg 2006; 30: RUOLO DELLA CHIRURGIA MINI- NELLE OCCLUSIONI INTESTINALI VANTAGGI Riduzione del dolore post-operatorio operatorio Più rapida ripresa della peristalsi Degenza più breve e più rapida ripresa delle normali attività Riduzione delle complicanze polmonari Minor numero di infezioni della ferita e di laparoceli

26 RUOLO DELLA CHIRURGIA MINI- Traumi chiusi: TRAUMI ADDOMINALI lesioni diaframmatiche lesione dei visceri cavi lesione da scoppio lesione da contraccolpo lesioni parenchimatose lesioni retroperitoneali Traumi aperti penetranti e non penetranti lesioni da arma bianca lesioni da arma da fuoco

27 RUOLO DELLA CHIRURGIA MINI- Traumi chiusi Lesioni d organo Incidenza Milza 26% Rene 24% Aorta 20% Fegato 15% Diaframma 1-3% Mesentere 1-3% Piccolo intestino 16% Grosso intestino 15% Pancreas 1-3% Cava 0,3-2%

28 RUOLO DELLA CHIRURGIA MINI- Traumi penetranti Lesioni d organo Incidenza Fegato 37% Stomaco 19% Omento 10% Rene 3-5% Duodeno 3-5% Piccolo intestino 26% Colon 14% Milza 7% Pancreas 3-5% Diaframma 3-5%

29 TRAUMI ADDOMINALI Negli USA rappresentano la prima causa di morte nei pazienti con meno di 45 anni. Il 10% di questi decessi è attribuibile a lesioni addominali. Prima dell introduzione delle moderne tecniche diagnostiche più del 17% dei pazienti con trauma addominale moriva per un sanguinamento non riconosciuto. La diagnostica standard ( FAST, TC, lavaggio peritoneale) ha una percentuale di falsi negativi fino al 20%.

30 RUOLO DELLA CHIRURGIA MINI- NEI TRAUMI ADDOMINALI INDICAZIONI LAPS Diagnostica Traumi Penetranti 1.Valutazione dell integrit integrità del peritoneo parietale. 2.Valutazione dell integrit integrità del diaframma. 3.Identificazione di lesioni viscerali. 4.Identificazione di lesioni vascolari. Traumi Chiusi 1.Identificazione di rotture diaframmatiche. 2.Identificazione di lesioni occulte. 3.Valutazione del liquido libero in addome. CONTROINDICAZIONI 1. Pazienti emodinamicamente istabili. 2. Pazienti con lesioni diaframmatiche note. 3. Pazienti con trauma cranico. 4. Pazienti con gravi alterazioni della funzione respiratoria. 5. Lesioni retroperitoneali. 6. Quadro peritonitico.

31 J Trauma 2002;53: J Trauma 2003;55: World J Em Surg 2006;1:24-32 J Am Coll Surg 1999;189:11-20 RUOLO DELLA CHIRURGIA MINI- NEI TRAUMI ADDOMINALI USI TERAPEUTICI DELLA LAPAROSCOPIA Recupero intraoperatorio ed autotrasfusione dell emoperitoneo Sezione o sutura del tratto di intestino leso Riparazione di lesioni gastriche o diaframmatiche Trattamento di lesioni spleniche o epatiche Riduzione di omento erniato Identificazione e controllo di sanguinamenti Colecistectomie Toilette e drenaggio della cavità addominale

32 RUOLO DELLA CHIRURGIA MINI- NEI TRAUMI ADDOMINALI ALGORITMO DIAGNOSTICO-TERAPEUTICO TRAUMI APERTI Stabile Esplorazione della ferita Integrità del peritoneo parietale + - Instabile LPTM Osservazione LAPS DIAGNOSTICA Valutazione delle lesioni LAPS TERAPEUTICA CONVERSIONE IN LPTM

33 RUOLO DELLA CHIRURGIA MINI- NEI TRAUMI ADDOMINALI ALGORITMO DIAGNOSTICO-TERAPEUTICO TRAUMI CHIUSI Osservazione Stabile Ecografia TC - + Valutazione delle lesioni LAPS DIAGNOSTICA LPTM LPTM Instabile Ecografia TC Lavaggio Peritoneale + - Osservazione LAPS DIAGNOSTICA CONVERSIONE IN LPTM

34 RUOLO DELLA CHIRURGIA MINI- NEI TRAUMI ADDOMINALI L A P S Vantaggi 1. Può localizzare la sede della lesione 2. Può dimostrare un sanguinamento attivo 3. Permette il trattamento di lesioni minori con riduzione della degenza (1,4 vs 5,1 gg) 4. Ottima per identificare le lesioni diaframmatiche 5. È possibile trasformare la procedura da diagnostica in terapeutica 6. Riduce le laparotomie negative (5-40%) 7. Riduce la morbilità (3% vs 22%) Svantaggi 1. Può non vedere lesioni retroperitoneali 2. Rischio di embolia gassosa se c è lesione vascolare o viscerale 3. Rischio di PNX iperteso in presenza di lesione diaframmatica La conversione in laparotomia si rende necessaria nel 19% dei casi.

35 J Trauma 2002;53: J Trauma 2003;55: World J Em Surg 2006;1:24-32 J Am Coll Surg 1999;189:11-20 RUOLO DELLA CHIRURGIA MINI- Usi terapeutici della laparoscopia Recupero intraoperatorio ed autotrasfusione dell emoperitoneo Sezione o sutura del tratto di intestino leso Riparazione di lesioni gastriche o diaframmatiche Trattamento di lesioni spleniche o epatiche Riduzione di omento erniato Identificazione e controllo di sanguinamenti Colecistectomie Toilette e drenaggio della cavità addominale

36 RUOLO DELLA CHIRURGIA MINI- Anche se il ruolo della laparoscopia nel trattamento dei pazienti con traumi addominali risulta ancora controverso, vi sono risultati promettenti su un possibile ruolo non solo diagnostico ma anche terapeutico, in pazienti emodinamicamente stabili ed in centri altamente specializzati.

37 RUOLO DELLA CHIRURGIA MINI- REINTERVENTI Colecistectomia laparoscopica Appendicectomia laparoscopica Plastica per laparocele laparoscopica Chirurgia laparoscopica del colon-retto Complicanze in corso di posizionamento di PEG Complicanze in corso di colonscopia

38 RUOLO DELLA CHIRURGIA MINI- CONCLUSIONI APPENDICITE APPENDICECTOMIA GoR A COLECISTITE ULCERE G-D PERFORATE COLECISTECTOMIA SUTURA OMENTOPLASTICA GoR A GoR A PANCREATITE LIEVE/MODERATA SEVERA COLECISTECTOMIA ESPLORAZIONE VB NECROSECTOMIA GoR B GoR C DIVERTICOLITI COMPLICATE ISCHEMIA INTESTINALE LAVAGGIO E DRENAGGIO DELLA CAVITA ADDOMINALE VALUTAZIONE ENTITA RESEZIONE INTESTINALE GoR B GoR C

39 RUOLO DELLA CHIRURGIA MINI- Conclusioni European Association for Endoscopic Surgery Consensus Statement June 2005 GoR A GoR B Ulcere gastroduodenali Diverticoliti complicate Appendiciti Pancreatiti biliari Colecistiti Traumi aperti Dolori addominali di n.d.d. Patologia ginecologica GoR C Pancreatite necrotico-emor. Occlusioni intestinali Ischemia intestinale Traumi addominali chiusi Surgical Endoscopy 2006; 20: 14-29

40 RUOLO DELLA CHIRURGIA MINI- Conclusioni European Association for Endoscopic Surgery Consensus Statement June 2005 Today, it is possible to hypothesize that all patients with acute abdominal pain would benefit from laparoscopic surgery

PROGRAMMA DEL CORSO DI CHIRURGIA GENERALE (CANALE A) Prof. Giuseppe Noya. Il trauma:

PROGRAMMA DEL CORSO DI CHIRURGIA GENERALE (CANALE A) Prof. Giuseppe Noya. Il trauma: PROGRAMMA DEL CORSO DI CHIRURGIA GENERALE (CANALE A) Prof. Giuseppe Noya Il trauma: - Valutazione iniziale e prime terapie chirurgiche del traumatizzato - Trauma del bambino, nell adulto e in gravidanza

Dettagli

Il paziente con sospetta occlusione intestinale

Il paziente con sospetta occlusione intestinale Il Team Medico-Infermieristico nella Medicina Interna del terzo millennio Corso di Ecografia Bedside Carpi, 17 ottobre 2014 Il paziente con sospetta occlusione intestinale Esterita Accogli Centro di Ecografia

Dettagli

F, 55 aa Dolore mesogastrico tipo colica intestinale durata 1-3 minuti raggiunge un acme e poi recede Poi dolore continuo Vomito ingravescente prima gastrico poi biliare quindi enterico Chiusura a feci

Dettagli

L URGENZA CHIRURGICA NELL ANZIANO FRAGILE in chirurgia digestiva

L URGENZA CHIRURGICA NELL ANZIANO FRAGILE in chirurgia digestiva TRIESTE, 24 settembre 2011 L URGENZA CHIRURGICA NELL ANZIANO FRAGILE in chirurgia digestiva R. PETRI C. LIRUSSO, M. VECCHIATO CHIRURGIA GENERALE - UDINE L ANZIANO FRAGILE età biologica/età anagrafica (>

Dettagli

TRAUMI DEL TORACE Strutture potenzialmente interessate

TRAUMI DEL TORACE Strutture potenzialmente interessate I TRAUMI DEL TORACE TRAUMI DEL TORACE Il 25% della mortalità da cause traumatiche è dovuta a traumi del torace Il 66% dei decessi per trauma toracico avviene dopo il ricovero in ospedale L 85% dei pazienti

Dettagli

L occlusione intestinale: l apporto l gastroenterologo

L occlusione intestinale: l apporto l gastroenterologo L occlusione intestinale: l apporto l del gastroenterologo Alessandro Pezzoli U.O di Gastroenterologia ed Endoscopia digestiva Az ospedaliera Sant Anna Ferrara Società Med Chir 24/3/2012 Occlusione intestinale

Dettagli

Alessandro Pezzoli U.O di Gastroenterologia ed Endoscopia digestiva Az. Osp. Sant Anna Ferrara

Alessandro Pezzoli U.O di Gastroenterologia ed Endoscopia digestiva Az. Osp. Sant Anna Ferrara Alessandro Pezzoli U.O di Gastroenterologia ed Endoscopia digestiva Az. Osp. Sant Anna Ferrara Le emergenze-urgenze in endoscopia digestiva, Ferrara 3/12/2010 Sanguinamento: ematochezia e rettoragia Occlusione

Dettagli

IL DOLORE ADDOMINALE ACUTO E CRONICO Inquadramento diagnostico

IL DOLORE ADDOMINALE ACUTO E CRONICO Inquadramento diagnostico SCUOLA REGIONALE DI FORMAZIONE SPECIFICA IN MEDICINA GENERALE, CORSO 2010/2013. L APPROCCIO ALLE MALATTIE INTESTINALI IL DOLORE ADDOMINALE ACUTO E CRONICO Inquadramento diagnostico Elisabetta Ascari Fabio

Dettagli

ASCESSO MEDIASTINICO TRATTATO IN URGENZA IN VIDEOTORACOSCOPIA

ASCESSO MEDIASTINICO TRATTATO IN URGENZA IN VIDEOTORACOSCOPIA LA CHIRURGIA MINI INVASIVA NELLE URGENZE TORACO ADDOMINALI COSA C È DI NUOVO? POTENZA, 25 MAGGIO 2012 AZIENDA OSPEDALIERA REGIONALE SAN CARLO POTENZA ASCESSO MEDIASTINICO TRATTATO IN URGENZA IN VIDEOTORACOSCOPIA

Dettagli

COLECISTECTOMIA LAPAROSCOPICA IN REGIME ORDINARIO: DEGENZA POST-OPERATORIA INFERIORE A 3 GIORNI PROTOCOLLO OPERATIVO

COLECISTECTOMIA LAPAROSCOPICA IN REGIME ORDINARIO: DEGENZA POST-OPERATORIA INFERIORE A 3 GIORNI PROTOCOLLO OPERATIVO COLECISTECTOMIA LAPAROSCOPICA IN REGIME ORDINARIO: DEGENZA POST-OPERATORIA INFERIORE A 3 GIORNI PROTOCOLLO OPERATIVO - Definizione Per struttura di ricovero o ASL di residenza: proporzione di colecistectomie

Dettagli

Ittero ostruttivo da causa iatrogena La strategia terapeutica: evidenze e controversie

Ittero ostruttivo da causa iatrogena La strategia terapeutica: evidenze e controversie Università degli Studi di Trieste UCO di Chirurgia Generale Direttore Prof. Nicolò de Manzini Foto TRIESTE Ittero ostruttivo da causa iatrogena La strategia terapeutica: evidenze e controversie N. de Manzini

Dettagli

ALTRO INTERVENTO A 30 GIORNI DA COLECISTECTOMIA LAPAROSCOPICA IN REGIME ORDINARIO PROTOCOLLO OPERATIVO

ALTRO INTERVENTO A 30 GIORNI DA COLECISTECTOMIA LAPAROSCOPICA IN REGIME ORDINARIO PROTOCOLLO OPERATIVO ALTRO INTERVENTO A 30 GIORNI DA COLECISTECTOMIA LAPAROSCOPICA IN REGIME ORDINARIO PROTOCOLLO OPERATIVO - Definizione Per struttura di ricovero o area di residenza: proporzione di ricoveri per colecistectomia

Dettagli

Chirurgia Generale Ospedale San Paolo - Savona. Direttore: Dr. Angelo Schirru

Chirurgia Generale Ospedale San Paolo - Savona. Direttore: Dr. Angelo Schirru Chirurgia Generale Ospedale San Paolo - Savona Direttore: Dr. Angelo Schirru Reparto nuovo inaugurato nel 2009. Stanze di degenza a 1 2 e 4 letti dotate di condizionamento e servizi in ogni camera Direttore

Dettagli

Palliazione delle neoplasie maligne del pancreas

Palliazione delle neoplasie maligne del pancreas Palliazione delle neoplasie maligne del pancreas ENDOPROTESI PERCUTANEE O ENDOSCOPICHE Prof. Fausto FIOCCA Unità di endoscopia chirurgica d urgenza Dip. Emergenza DEA - Policlinico Umberto I - Roma Sohendra

Dettagli

Domande chiave. Domande chiave

Domande chiave. Domande chiave Identificare le caratteristiche anatomiche tipiche dell addome Descrivere i segni tipici dei traumi chiusi e penetranti Descrivere le metodiche di valutazione del paziente con sospetta lesione addominale

Dettagli

Epidemiologia. Anatomia chirurgica

Epidemiologia. Anatomia chirurgica Presenza di uno o più calcoli nelle vie biliari 85-90% colecisti 10-15% VBP Epidemiologia 5% negli individui di 30 anni > 25% negli individui > 60 anni Correlata ad obesità e gravidanze M : F = 1 : 2 Anatomia

Dettagli

Complicanze in chirurgia laparoscopica

Complicanze in chirurgia laparoscopica Università degli Studi di Trieste UCO di Chirurgia Generale Direttore Prof. Nicolo de Manzini Complicanze in chirurgia laparoscopica Trieste Complicanze generali Introduzione dei trocar Emorragie maggiori

Dettagli

DEL DOTT. MAURIZIO GRILLO Matricola 71838

DEL DOTT. MAURIZIO GRILLO Matricola 71838 TARIFFARIO DELLE PRESTAZIONI IN REGIME DI INTRAMOENIA DI CHIRURGIA GENERALE DEL DOTT. MAURIZIO GRILLO Matricola 71838 PATOLOGIA SEGNALATA CODICE PATOLOGIA INTERVENTO CODICE INTERVENTO TARIFFA EURO 1 /

Dettagli

LE URGENZE CHIRURGICHE ADDOMINALI

LE URGENZE CHIRURGICHE ADDOMINALI LE URGENZE CHIRURGICHE ADDOMINALI PERITONITI La peritonite è una infiammazione della cavità peritoneale causata in genere da una invasione batterica epidemiologia e anatomia topografica rappresenta l emergenza

Dettagli

LE EMORRAGIE ADDOMINALI IN PRONTO SOCCORSO: DIAGNOSI E TERAPIA

LE EMORRAGIE ADDOMINALI IN PRONTO SOCCORSO: DIAGNOSI E TERAPIA LE EMORRAGIE ADDOMINALI IN PRONTO SOCCORSO: DIAGNOSI E TERAPIA RUOLO DELLA TC ms NELLE EMORRAGIE PELVICHE Claudia Cecchi U.O.C. Radiologia Pronto Soccorso Dipartimento Emergenza Urgenza (Direttore: Dr.

Dettagli

mucosa normale neoplasia

mucosa normale neoplasia mucosa normale neoplasia emicolectomia destra anastomosi ileo-colica (fra ultima ansa ileale e colon trasverso) emicolectomia destra Polipo del colon, cancerizzato Neoplasia del cieco o del colon ascendente

Dettagli

ERAS in chirurgia colo-rettale

ERAS in chirurgia colo-rettale Università degli Studi di Verona Dipartimento di Chirurgia e Oncologia U.O.C. di Chirurgia Generale ed Epatobiliare Direttore: Prof. A. Guglielmi ERAS in chirurgia colo-rettale Corrado Pedrazzani Innovazioni

Dettagli

Il trattamento endoscopico dell obesità nell ambito di una. 22 Novembre San Giovanni Rotondo FG-

Il trattamento endoscopico dell obesità nell ambito di una. 22 Novembre San Giovanni Rotondo FG- Il trattamento endoscopico dell obesità nell ambito di una patologia multidisciplinare i li 22 Novembre 2008 Ospedale Casa Sollievo della Sofferenza San Giovanni Rotondo FG- Palloncino intragastrico Garren-Edwards

Dettagli

Allo stato attuale la casistica consta di 60 casi trattati con peritonectomia e chemioipetermia intraoperatoria.

Allo stato attuale la casistica consta di 60 casi trattati con peritonectomia e chemioipetermia intraoperatoria. I dati sintetizzati nella tabella sopra riportata nel contesto delle esperienze internazionali sono relativi alla casistica di 47 casi relativa al periodo 2000-20007 analizzata nell articolo: Cytoreductive

Dettagli

Approccio multidisciplinare all ittero ostruttivo Esperienze a confronto

Approccio multidisciplinare all ittero ostruttivo Esperienze a confronto Società Triveneta di Chirurgia Approccio multidisciplinare all ittero ostruttivo Esperienze a confronto Verona, 1 Ottobre 2010 Aula Magna G. De Sandre Ospedale Policlinico GB Rossi Presidente onorario:

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O

F O R M A T O E U R O P E O F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome CAPOCASALE DR. ROSA Indirizzo VIA ARMANDO DIAZ,23 89047 ROCCELLA IONICA(REGGIO CALABRIA) Telefono 0964399487

Dettagli

Il ruolo della laparoscopia

Il ruolo della laparoscopia 1 General Philosophy 439 Il ruolo della laparoscopia 51 PIOTER GORECKI Il mondo può sembrare più luminoso attraverso una telecamera (laparoscopica) ma non è tutto oro ciò che luccica. Nei precedenti capitoli

Dettagli

Ferrara 12 novembre 2011. Topics in Chirurgia d Urgenza Il primo anno di attività della Struttura Semplice Dipartimentale

Ferrara 12 novembre 2011. Topics in Chirurgia d Urgenza Il primo anno di attività della Struttura Semplice Dipartimentale LA PANCREATITE ACUTA TRATTAMENTO CONSERVATIVO Ferrara 12 novembre 2011 Topics in Chirurgia d Urgenza Il primo anno di attività della Struttura Semplice Dipartimentale Dott. Rocco Stano MD Chirurgia d Urgenza

Dettagli

CLINICA CHIRURGICA CLINICA CHIRURGICA. Anno accademico 2016/17 CdS. MEDICINA E CHIRURGIA Codice 016FF CFU 6 UGO BOGGI. Obiettivi di apprendimento

CLINICA CHIRURGICA CLINICA CHIRURGICA. Anno accademico 2016/17 CdS. MEDICINA E CHIRURGIA Codice 016FF CFU 6 UGO BOGGI. Obiettivi di apprendimento CLINICA CHIRURGICA UGO BOGGI Anno accademico 2016/17 CdS MEDICINA E CHIRURGIA Codice 016FF CFU 6 Moduli CLINICA CHIRURGICA Settore MED/18 Tipo Ore Docente/i LEZIONI 72 UGO BOGGI MAURO FERRARI GABRIELE

Dettagli

L ADDOME ACUTO. Ischemia infarto intestinale Patologia ginecologica (annessiti, salpingiti, gravidanza extra-uterina, torsione d ovaio)

L ADDOME ACUTO. Ischemia infarto intestinale Patologia ginecologica (annessiti, salpingiti, gravidanza extra-uterina, torsione d ovaio) L ADDOME ACUTO Situazione clinica nella quale lo sviluppo di una condizione morbosa a carico di uno o più organi addominali, generalmente correlato ad un processo infiammatorio o infettivo, richiede una

Dettagli

LA MALATTIA DIVERTICOLARE DEL COLON.

LA MALATTIA DIVERTICOLARE DEL COLON. LA MALATTIA DIVERTICOLARE DEL COLON www.fisiokinesiterapia.biz LA MALATTIA DIVERTICOLARE DEL COLON Tutti i i settori del canale alimentare possono dare luogo alla formazione di di diverticoli ma il il

Dettagli

ERNIA FUORIUSCITA DI UN VISCERE DALLA CAVITA IN CUI ABITUALMENTE HA SEDE, ATTRAVERSO UNA SOLUZIONE DI CONTINUITA DELLA PARETE DELLA CAVITA STESSA,

ERNIA FUORIUSCITA DI UN VISCERE DALLA CAVITA IN CUI ABITUALMENTE HA SEDE, ATTRAVERSO UNA SOLUZIONE DI CONTINUITA DELLA PARETE DELLA CAVITA STESSA, ERNIA FUORIUSCITA DI UN VISCERE DALLA CAVITA IN CUI ABITUALMENTE HA SEDE, ATTRAVERSO UNA SOLUZIONE DI CONTINUITA DELLA PARETE DELLA CAVITA STESSA, RAGGIUNGENDO UN ALTRA CAVITA CORPOREA OPPURE PORTANDOSI

Dettagli

COMPLICANZE STOMALI - 21 70 % - Rischio aumenta con il tempo - Incidenza > nei primi 5 anni dall intervento

COMPLICANZE STOMALI - 21 70 % - Rischio aumenta con il tempo - Incidenza > nei primi 5 anni dall intervento STOMIE: COMPLICANZE e TRATTAMENTO Dipartimento di Scienze Chirurgiche e Gastroenterologiche Chirurgia Generale A Direttore: Prof. A. Guglielmi Struttura Semplice Organizzativa Chirurgia Coloproctologica

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI - L'AQUILA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI - L'AQUILA CONCORSO PER L AMMISSIONE AL CORSO DI DOTTORATO DI RICERCA IN CHIRURGIA SPERIMENTALE ELENCO TEMI VI CICLO Ipertensione portale ed attuali strategie terapeutiche. Occlusioni neoplastiche del colon. Tumori

Dettagli

esecuzione e di basso costo, rileva alterazioni parenchimali, interstiziali, pleuriche, dei linfatici, del circolo polmonare, del cuore e delle

esecuzione e di basso costo, rileva alterazioni parenchimali, interstiziali, pleuriche, dei linfatici, del circolo polmonare, del cuore e delle Studio radiografico del torace L indagine radiografica standard del torace, di semplice esecuzione e di basso costo, rileva alterazioni parenchimali, interstiziali, pleuriche, dei linfatici, del circolo

Dettagli

Sanguinamento rettale nei pazienti con malattia diverticolare

Sanguinamento rettale nei pazienti con malattia diverticolare Sanguinamento rettale nei pazienti con malattia diverticolare Gianmichele Meucci Unità Operativa di Gastroenterologia e di Endoscopia digestiva (Direttore: Dott. F. Cosentino) Ospedale San Giuseppe -Milano

Dettagli

Università degli Studi di Catania DIVERTICOLITE. U.O. di Chirurgia Laparoscopica A.O.U. Policlinico G.Rodolico - Catania. Direttore: Prof. V.

Università degli Studi di Catania DIVERTICOLITE. U.O. di Chirurgia Laparoscopica A.O.U. Policlinico G.Rodolico - Catania. Direttore: Prof. V. Università degli Studi di Catania DIVERTICOLITE U.O. di Chirurgia Laparoscopica A.O.U. Policlinico G.Rodolico - Catania Direttore: Prof. V. Minutolo La diverticolite del colon è la complicanza infiammatoria

Dettagli

ASSISTENZA PERIOPERATORIA

ASSISTENZA PERIOPERATORIA ASSISTENZA PERIOPERATORIA Fattori che influiscono sull assistenza La malattia e la risposta Intervento chirurgico Aspetti sociali e personali Interventi dei medici e infermieri FATTORE UMANO TIPI DI INTERVENTI

Dettagli

INSUFFICIENZA CELIACO MESENTERICA CRONICA (ICM). www.fisiokinesiterapia.biz

INSUFFICIENZA CELIACO MESENTERICA CRONICA (ICM). www.fisiokinesiterapia.biz INSUFFICIENZA CELIACO MESENTERICA CRONICA (ICM). www.fisiokinesiterapia.biz La Ischemia Celiaco Mesenterica Cronica (ICM) è stata descritta ai primi del 900 come: Sindrome caratterizzata dalla comparsa

Dettagli

Dott. Fabrizio Maggiorelli U.O. Medicina d Urgenza e Pronto Soccorso Azienda ospedaliero Universitaria Pisana

Dott. Fabrizio Maggiorelli U.O. Medicina d Urgenza e Pronto Soccorso Azienda ospedaliero Universitaria Pisana Pisa 26 febbraio 2016 L APPROCCIO CLINICO Dott. Fabrizio Maggiorelli U.O. Medicina d Urgenza e Pronto Soccorso Azienda ospedaliero Universitaria Pisana Non si tratta di una malattia ma di vari processi

Dettagli

Anamnesi Patologica Remota Appendicectomia Resezione gastrica per ulcera peptica Trattamento (Bassini) di ernia inguinale destra

Anamnesi Patologica Remota Appendicectomia Resezione gastrica per ulcera peptica Trattamento (Bassini) di ernia inguinale destra Caso N. 20 Uomo - aa 78 Anamnesi Patologica Remota Appendicectomia Resezione gastrica per ulcera peptica Trattamento (Bassini) di ernia inguinale destra Anamnesi Patologica Prossima Il Paziente riferisce

Dettagli

Corso di Laurea in TECNICHE DI FISIOPATOLOGIA CARDIOCIRCOLATORIA E PERFUSIONE CARDIOVASCOLARE

Corso di Laurea in TECNICHE DI FISIOPATOLOGIA CARDIOCIRCOLATORIA E PERFUSIONE CARDIOVASCOLARE Corso di Laurea in TECNICHE DI FISIOPATOLOGIA CARDIOCIRCOLATORIA Disciplina: SCIENZE INFERMIERISTICHE Docente: Prof.ssa Valeria GHIRINGHELLI Acquisire conoscenze riguardo le modalità di lavaggio delle

Dettagli

TRAUMI ADDOMINALI.

TRAUMI ADDOMINALI. TRAUMI ADDOMINALI www.fisiokinesiterapia.biz TRAUMI ADDOMINALI APERTI (Ferite) CHIUSI (Contusioni) Traumi Addominali APERTI PENETRANTI PARIETALI Traumi Addominali CHIUSI PARIETALI EMATOMI DELLA PARETE

Dettagli

scaricato da

scaricato da ANEURISMI DELL AORTA ADDOMINALE Aneurisma arterioso Aorta addominale - Definizione Definizione Diametro (età > 50 aa) Dilatazione permanente di una arteria che presenta un incremento di almeno il 50% del

Dettagli

Fratture costali e volet costale. Dr. Nicola Rotolo U.O. Chirurgia Generale ad indirizzo toracico

Fratture costali e volet costale. Dr. Nicola Rotolo U.O. Chirurgia Generale ad indirizzo toracico Fratture costali e volet costale Dr. Nicola Rotolo U.O. Chirurgia Generale ad indirizzo toracico Traumi maggiori del torace - tessuti molli -Scheletro (78%) -cuore e grossi vasi -trachea -polmone -esofago

Dettagli

ANTIBIOTICO PROFILASSI IN CHIRURGIA GENERALE

ANTIBIOTICO PROFILASSI IN CHIRURGIA GENERALE ANTIBIOTICO PROFILAS IN CHIRURGIA GENERALE 0. Indice 0. Indice... 1 1. Scopo e campo di applicazione... 1 2. Riferimenti...1 2.2 Documentali... 1 3. Modalità operative... 2 3.2 Classificazione degli interventi

Dettagli

COMPLICANZE A 30 GIORNI DA COLECISTECTOMIA LAPAROSCOPICA IN DAY SURGERY PROTOCOLLO OPERATIVO

COMPLICANZE A 30 GIORNI DA COLECISTECTOMIA LAPAROSCOPICA IN DAY SURGERY PROTOCOLLO OPERATIVO COMPLICANZE A 30 GIORNI DA COLECISTECTOMIA LAPAROSCOPICA IN DAY SURGERY PROTOCOLLO OPERATIVO - Definizione Per struttura di ricovero o area di residenza: proporzione di ricoveri per colecistectomia laparoscopica

Dettagli

PDTA CALCOLOSI RENO-URETERALE DELL ADULTO E DEL BAMBINO GESTIONE IN PRONTO SOCCORSO DELLA CALCOLOSI URINARIA

PDTA CALCOLOSI RENO-URETERALE DELL ADULTO E DEL BAMBINO GESTIONE IN PRONTO SOCCORSO DELLA CALCOLOSI URINARIA GESTIONE IN PRONTO SOCCORSO DELLA CALCOLOSI URINARIA CASISTICA 1.322 ACCESSI PER DOLORE COLICO NEL 2014. 1,5% DEGLI ACCESSI TOTALI CODICI DI TRIAGE: 0,8% BIANCO 37% VERDE 62% GIALLO, 0,2% ROSSO DEFINIZIONE

Dettagli

Laparoscopic incisional-ventral hernia repair

Laparoscopic incisional-ventral hernia repair Laparoscopic incisional-ventral hernia repair Come posizionare il paziente? dove posizionare la colonna con il monitor? Quale braccio utilizzare per accesso vascolare? CV si o no? SNG è utile? Profilassi

Dettagli

CURRICULUM FORMATIVO e PROFESSIONALE. del Dr. TOMMASO BOMBARDIERI

CURRICULUM FORMATIVO e PROFESSIONALE. del Dr. TOMMASO BOMBARDIERI CURRICULUM FORMATIVO e PROFESSIONALE del Dr. TOMMASO BOMBARDIERI 1 Dati anagrafici: Cognome e nome Bombardieri Tommaso; data e luogo di nascita : Locri(RC) 26.01.1959. Attuale indirizzo: Via Castelvetere

Dettagli

Indicatore PNE Colecistectomia laparoscopica: proporzione di ricoveri ordinari con degenza post-operatoria inferiore a 3 giorni :

Indicatore PNE Colecistectomia laparoscopica: proporzione di ricoveri ordinari con degenza post-operatoria inferiore a 3 giorni : Betriebsdirektion Direzione Aziendale Allegato 2: Indicatore PNE Colecistectomia laparoscopica: proporzione di ricoveri ordinari con degenza post-operatoria inferiore a 3 giorni : PROTOCOLLO OPERATIVO

Dettagli

Domande relative alla specializzazione in: Radiodiagnostica

Domande relative alla specializzazione in: Radiodiagnostica Domande relative alla specializzazione in: Radiodiagnostica Domanda #1 (codice domanda: n.1211) : Da quale delle seguenti patologie potrebbe essere determinato il quadro TC in figura? A: Polmonite interstiziale

Dettagli

www.fisiokinesiterapia.biz Lesioni traumatiche del diaframma

www.fisiokinesiterapia.biz Lesioni traumatiche del diaframma www.fisiokinesiterapia.biz Lesioni traumatiche del diaframma Cenni storici prime descrizioni delle lesioni traumatiche del diaframma: SENNERTUS (1541) AMBROISE PARE (1579) BOWDITECH (1876): 1 trattamento

Dettagli

Work up diagnostico e terapeutico

Work up diagnostico e terapeutico EMORRAGIE DIGESTIVE DISTALI Work up diagnostico e terapeutico F. Cosentino Emorragie del tratto gastrointestinale inferiore Definizioni Approccio iniziale del paziente Concetti chiave Colonscopia ed indagini

Dettagli

Prof. Giuseppe Pozzi. Chirurgo. Specialista in Chirurgia Generale. Specialista in Chirurgia Toracica

Prof. Giuseppe Pozzi. Chirurgo. Specialista in Chirurgia Generale. Specialista in Chirurgia Toracica Prof. Giuseppe Pozzi Chirurgo Specialista in Chirurgia Generale Specialista in Chirurgia Toracica - Docente in Chirurgia Laparoscopica e Mini-Invasiva Avanzata Scuola Speciale di Chirurgia Laparoscopica

Dettagli

Malattia diverticolare del colon

Malattia diverticolare del colon Malattia diverticolare del colon la diverticolosi è molto frequente anche in individui asintomatici ma soprattutto nelle fasce d età più avanzata rara sotto i 40 anni, 5% nei cinquantenni, oltre il 75%

Dettagli

DIFFERITA PROGRAMMATA

DIFFERITA PROGRAMMATA Classi di priorità per TC ADDOME 49 di 66 32. DEFINIZIONE CLASSI DI PER TC ADDOME SUPERIORE/INFERIORE/COMPLETO senza e con MDC Evidenza clinica di patologia acuta severa (es. pancreatite acuta, sospetta

Dettagli

Le laparotomie dei bovini

Le laparotomie dei bovini Le laparotomie dei bovini La laparotomia è uno dei principali interventi diagnostici e terapeutici nella specie bovina Le laparotomie nei bovini Importanza: diagnostica terapeutica Differenze tra: Adulti

Dettagli

MARTEDI DELL ORDINE ATTUALITÀ IN CHIRURGIA VIDEO-ASSISTITA CHIRURGIA GENERALE, CHIRURGIA PLASTICA, ORTOPEDIA

MARTEDI DELL ORDINE ATTUALITÀ IN CHIRURGIA VIDEO-ASSISTITA CHIRURGIA GENERALE, CHIRURGIA PLASTICA, ORTOPEDIA ATTUALITÀ IN CHIRURGIA VIDEO-ASSISTITA CHIRURGIA GENERALE, CHIRURGIA PLASTICA, ORTOPEDIA 1 PRESENTAZIONE Luigi Roncoroni Direttore SC Clinica Chirurgica e Terapia Chirurgica, Francesco Ceccarelli Direttore

Dettagli

L articolazione sacro-iliaca può dare origine al dolore cronico lombare

L articolazione sacro-iliaca può dare origine al dolore cronico lombare L articolazione sacro-iliaca può dare origine al dolore cronico lombare Schwarzer AC. Spine 1995 13-3 % Maigne JY et al. Spine 1996 Manchikanti L et al. Pain Physician 21 Irwin RW et al. Am J Phys Med

Dettagli

CASI CLINICI. Malattia localizzata

CASI CLINICI. Malattia localizzata CASI CLINICI Malattia localizzata CASO CLINICO 1 53 anni, F Sintomatologia dispeptica solo parzialmente responsiva a procinetici e antisecretori EGDS: massa a partenza gastrica TC massa di 10 cm ad origine

Dettagli

Le certezze e i dubbi del medico d urgenza

Le certezze e i dubbi del medico d urgenza GESTIONE IN DEA DEL PAZIENTE CON DOLORE ADDOMINALE Torino, 20 febbraio 2010 Azienda Ospedaliera Ordine Mauriziano Le certezze e i dubbi del medico d urgenza Luisa Arnaldi SC Medicina d Urgenza Ospedale

Dettagli

INTRODUZIONE Franco Tosato

INTRODUZIONE Franco Tosato Tabella delle abbreviazioni............................ Presentazione della collana (Ivo Casagranda).............. Prefazione ().............................. Prefazione alla prima edizione ()..............

Dettagli

TRATTAMENTO dei LAPAROCELI: INDICAZIONI e NOTE di TECNICA

TRATTAMENTO dei LAPAROCELI: INDICAZIONI e NOTE di TECNICA www.ao-pisa.toscana.it www.unipi.it www.acoi.it www.ancoreonlus.it CHIRURGIA A CICLO BREVE Orientamenti e tendenze nella patologia di parete Monteriggioni 6 dicembre 2013 TRATTAMENTO dei LAPAROCELI: INDICAZIONI

Dettagli

Shock emorragico EMORRAGIE DIGESTIVE BASSE. Anamnesi Modalità del sanguinamento EMORRAGIE DIGESTIVE. SUPERIORI origine prossimale al Treitz (85-90%)

Shock emorragico EMORRAGIE DIGESTIVE BASSE. Anamnesi Modalità del sanguinamento EMORRAGIE DIGESTIVE. SUPERIORI origine prossimale al Treitz (85-90%) Emorragie Digestive EMORRAGIE DIGESTIVE BASSE EMORRAGIE DIGESTIVE SUPERIORI origine prossimale al Treitz (85-90%) EMORRAGIE DIGESTIVE INFERIORI origine distale al Treitz (10-15%) EMORRAGIE DIGESTIVE BASSE

Dettagli

INSUFFICIENZA CELIACO-MESENTERICA. www.slidetube.it

INSUFFICIENZA CELIACO-MESENTERICA. www.slidetube.it INSUFFICIENZA CELIACO-MESENTERICA VIE ANASTOMOTICHE PRINCIPALI Tripode celiaco A. mesenterica sup. Arcate pancreaticoduodenali A. mesenterica sup. A. mesenterica inf. Arcata di Riolano (colica media

Dettagli

Insidie nella notte. Un caso di addominalgia e ematochezia in Paziente fragile

Insidie nella notte. Un caso di addominalgia e ematochezia in Paziente fragile Insidie nella notte Un caso di addominalgia e ematochezia in Paziente fragile Zarantonello Fabio Remo, MD. U.O. Chirurgia Generale ULSS 4 Alto Vicentino Direttore: Dott. M.Rebonato Un Paziente di 25 anni

Dettagli

IMAGING RADIOLOGICO NEL CARCINOMA GASTRICO LOCALMENTE AVANZATO

IMAGING RADIOLOGICO NEL CARCINOMA GASTRICO LOCALMENTE AVANZATO IMAGING RADIOLOGICO NEL CARCINOMA GASTRICO LOCALMENTE AVANZATO Silvia Venturini S.O.C. Radiologia Centro di Riferimento Oncologico Aviano (PN) Fino al 2006 intervento chirurgico unica opzione terapeutica

Dettagli

Laparoscopia in urgenza: quando, come, cosa fare e non fare DIVERTICOLITI e OCCLUSIONE

Laparoscopia in urgenza: quando, come, cosa fare e non fare DIVERTICOLITI e OCCLUSIONE Laparoscopia in urgenza: quando, come, cosa fare e non fare DIVERTICOLITI e OCCLUSIONE Roberto Petri,, Mario Sorrentino S.O.C. di Chirurgia Generale Direttore: dr. R. Petri La malattia diverticolare acuta

Dettagli

ADDOME ACUTO. nella chirurgia il migliore trattamento

ADDOME ACUTO. nella chirurgia il migliore trattamento ADDOME ACUTO Con il termine di addome acuto si definisce un insieme di sintomi e segni come espressione di malattie a sede addominale che trova di solito nella chirurgia il migliore trattamento ADDOME

Dettagli

Reperti non neoplastici nella colonoscopia di screening

Reperti non neoplastici nella colonoscopia di screening Reperti non neoplastici nella colonoscopia di screening reperti nello screening reperti nello screening Italia survey 2012 adenoma avanzato: 24% carcinoma: 5% patologia non neoplastica:? il quadro clinico

Dettagli

Informativa rivolta ai pazienti da sottoporre ad intervento chirurgico per appendicite

Informativa rivolta ai pazienti da sottoporre ad intervento chirurgico per appendicite Informativa rivolta ai pazienti da sottoporre ad intervento chirurgico per appendicite Il presente documento ha lo scopo di informarla e di fornirle, in maniera il più possibile semplice e comprensibile,

Dettagli

IL TRAUMA ADDOMINALE-PELVICO

IL TRAUMA ADDOMINALE-PELVICO Corso di Laurea in Infermieristica Didattica 2013/2014 INFERMIERISTICA CLINICA IN AREA CRITICA Medicina Urgenza e Rianimazione IL PAZIENTE CON TRAUMA ADDOMINALE Sommario IL TRAUMA ADDOMINALE-PELVICO...

Dettagli

25/11/2009. scaricato da www.sunhope.it 1

25/11/2009. scaricato da www.sunhope.it 1 CHIRURGIA MININVASIVA Si propone di raggiungere gli stessi obiettivi delle tecniche chirurgiche classiche attraverso una via d accesso ad organi addominali o toracici che riduca al minimo il trauma chirurugico

Dettagli

IL PERCORSO DEL TUMORE DEL COLON-RETTO

IL PERCORSO DEL TUMORE DEL COLON-RETTO IL PERCORSO DEL TUMORE DEL COLON-RETTO ACOI Piemonte Torino, marzo 2010 Enzo C. Farina enzo.farina@aress.piemonte.it AR2010_ACOI_PDTA_colret 2 TRiPSS 2 Trasferire i Risultati (della Ricerca Sanitaria)

Dettagli

C H I R U R G I A G E N E R A L E BOLOGNA

C H I R U R G I A G E N E R A L E BOLOGNA CONTROINDICAZIONI PROF.FRANCESCO DOMENICO CAPIZZI chirurgia@profcapizzi.it www.chirgastrolaparomaggiore.it chirurgia@profcapizzi.it Cardiopatie gravi Pneumopatie gravi Età avanzata (?) Plurilaparotomie

Dettagli

PATOLOGIE POLMONARI DI INTERESSE CHIRURGICO. Tumori maligni della pleura, del polmone, della parete toracica, del mediastino

PATOLOGIE POLMONARI DI INTERESSE CHIRURGICO. Tumori maligni della pleura, del polmone, della parete toracica, del mediastino PATOLOGIE POLMONARI DI INTERESSE CHIRURGICO Pneumotorace Versamenti pleurici Lesioni TBC (casi particolari) Echinococcosi polmonare Tumori maligni della pleura, del polmone, della parete toracica, del

Dettagli

Qual Nominativo DRGs Descrizione Tariffa Min Tariffa Max Specialità

Qual Nominativo DRGs Descrizione Tariffa Min Tariffa Max Specialità Prof. CARBONARO ANTONIO 371 Parto cesareo senza CC 1.000,00 1.500,00 Ostetricia e Ginecologia Prof. CARBONARO ANTONIO 370 Parto cesareo con CC 1.000,00 1.500,00 Ostetricia e Ginecologia Prof. CARBONARO

Dettagli

TREP: Carcinoide dell Appendice (Tumore Neuroendocrino dell Appendice)

TREP: Carcinoide dell Appendice (Tumore Neuroendocrino dell Appendice) Riunione del Gruppo Italiano di Chirurgia Oncologica Pediatrica Milano, 24 Ottobre 2012 TREP: Carcinoide dell Appendice (Tumore Neuroendocrino dell Appendice) C. Virgone P. Dall Igna Chirurgia Pediatrica,

Dettagli

Nuovo testo delle informazioni sul prodotto Estratti dalle raccomandazioni del PRAC in merito a segnali

Nuovo testo delle informazioni sul prodotto Estratti dalle raccomandazioni del PRAC in merito a segnali 25 February 2016 EMA/PRAC/137786/2016 Pharmacovigilance Risk Assessment Committee (PRAC) Nuovo testo delle informazioni sul prodotto Estratti dalle raccomandazioni del PRAC in merito a Adottato nella riunione

Dettagli

RUOLO DELL ECOGRAFIA NELLA DIAGNOSI E NEL FOLLOW-UP DELLE MALATTIE INFIAMMATORIE INTESTINALI

RUOLO DELL ECOGRAFIA NELLA DIAGNOSI E NEL FOLLOW-UP DELLE MALATTIE INFIAMMATORIE INTESTINALI RUOLO DELL ECOGRAFIA NELLA DIAGNOSI E NEL FOLLOW-UP DELLE MALATTIE INFIAMMATORIE INTESTINALI Alice Colucci Rho, 22 Settembre 2007 Iter diagnostico nelle IBD à Clinica algie addominali, alterazioni dell

Dettagli

CLASSI DI PRIORITÀ. Visita Gastroenterologica

CLASSI DI PRIORITÀ. Visita Gastroenterologica Visita Gastroenterologica CLASSI DI PRIORITÀ Classe U Urgente Accesso diretto al PSA o DEA Emorragia digestiva in atto Dolori addominali ricorrenti e/o sindrome clinica per sospetto addome acuto Corpi

Dettagli

PROFILASSI ANTITROMBOTICA IN CHIRURGIA GENERALE

PROFILASSI ANTITROMBOTICA IN CHIRURGIA GENERALE CHIRURGIA GENERALE MAGGIORE (tutti gli interventi di durata > 30 minuti o di chirurgia addominale) TIPO DI PATOLOGIA TIPO DI CHIRURGIA MIRE (tutti gli interventi di durata < 30 minuti, esclusa la chirurgia

Dettagli

Corso Integrato di CHIRURGIA GENERALE I V anno di corso Secondo Semestre

Corso Integrato di CHIRURGIA GENERALE I V anno di corso Secondo Semestre Università degli Studi G. d Annunzio di Chieti Facoltà di Medicina e Chirurgia Dipartimento di Scienze Chirurgiche Sperimentali e Cliniche Corso Integrato di CHIRURGIA GENERALE I V anno di corso Secondo

Dettagli

Occlusioni intestinali

Occlusioni intestinali Sono il 25% delle cause di addome acuto Il contenuto intestinale subisce un arresto e non può progredire attraverso il tubo digerente Non (ileo paralitico, adinamico) 1. Cause endoluminali: calcoli, corpi

Dettagli

Programma Nazionale Esiti - PNE

Programma Nazionale Esiti - PNE Programma Nazionale Esiti - PNE Osp. di Castelfranco Veneto Castelfranco Veneto(TV) VENETO Volumi INDICATORE N Intervento chirurgico per TM mammella totale 218 IMA: volume di ricoveri 297 PTCA eseguita

Dettagli

IL RUOLO DELLA CHIRURGIA NEL TRAUMA

IL RUOLO DELLA CHIRURGIA NEL TRAUMA EUGENIO COCOZZA Direttore Dipartimento di Chirurgia Generale Direttore Chirurgia Generale Varese-Cittiglio Azienda Ospedaliera Ospedale di Circolo e Fondazione Macchi, Varese - ORGANITATION - BASIC RESEARCH

Dettagli

Rigurgito & Vomito # 3. Corso di Clinica Medica, Terapia e Radiologia prof. Alessandro ZOTTI

Rigurgito & Vomito # 3. Corso di Clinica Medica, Terapia e Radiologia prof. Alessandro ZOTTI Rigurgito & Vomito # 3 Corso di Clinica Medica, Terapia e Radiologia prof. Alessandro ZOTTI T 30 Stenosi o Beak Sign pilorico DD Beak Sign pilorico Stenosi/Ipertrofia pilorica Presenza di c.e. radiotrasparente

Dettagli

LE URGENZE CHIRURGICHE ADDOMINALI

LE URGENZE CHIRURGICHE ADDOMINALI LE URGENZE CHIRURGICHE ADDOMINALI LE URGENZE CHIRURGICHE ADDOMINALI Lesioni traumatiche Addome acuto non traumatico ADDOME ACUTO NON peritonite infarto intestinale TRAUMATICO occlusione intestinale emorragie

Dettagli

Tipologia di intervento CHIRURGIA GENERALE Amputazione addominoperineale 4 4 0

Tipologia di intervento CHIRURGIA GENERALE Amputazione addominoperineale 4 4 0 Allegato 1. Casistica operatoria. Viene allegata la casistica operatoria dal 1990 al 30 Aprile 2014. Il numero totale di interventi è di 6310 di cui 2915 d urgenza differita/elezione e 3395 d emergenza/urgenza

Dettagli

scaricato da Circolo enteroepatico dei Sali Biliari Fattori di rischio per colelitiasi

scaricato da  Circolo enteroepatico dei Sali Biliari Fattori di rischio per colelitiasi Circolo enteroepatico dei Sali Biliari Fattori di rischio per colelitiasi Indici di prevalenza della colelitiasi nel mondo Colelitiasi non complicata: sintomi La maggior parte dei soggetti con colelitiasi

Dettagli

Chirurgia Urologica Romana Ottobre 2013 ERNIA LOMBARE. Prof. G. CASTRUCCI. Ospedale S. Pertini SCUOLA DI SPECIALIZZAZIONE CHIRURGIA GENERALE

Chirurgia Urologica Romana Ottobre 2013 ERNIA LOMBARE. Prof. G. CASTRUCCI. Ospedale S. Pertini SCUOLA DI SPECIALIZZAZIONE CHIRURGIA GENERALE ERNIA LOMBARE Prof. G. CASTRUCCI U.O.C. CHIRURGIA 1 Ospedale S. Pertini CAMPUS-BIOMEDICO SCUOLA DI SPECIALIZZAZIONE CHIRURGIA GENERALE Anatomia chirurgica LIMITI MOLLI MUSCOLO APONEUROTICI Regione Laterale

Dettagli

VERONICA DI MIZIO SERVIZIO DI RADIOLOGIA DIRETTORE M. MONINA OSPEDALE MAZZINI TERAMO

VERONICA DI MIZIO SERVIZIO DI RADIOLOGIA DIRETTORE M. MONINA OSPEDALE MAZZINI TERAMO VERONICA DI MIZIO SERVIZIO DI RADIOLOGIA DIRETTORE M. MONINA OSPEDALE MAZZINI TERAMO 1 ILEO MECCANICO DELL INTESTINO TENUE Classificazione e Fisiopatologia Ortona 29 settembre 2010 2 L ileo meccanico dell

Dettagli

La terapia: dove si ferma l endoscopista La terapia chirurgica: quando si può definire radicale?

La terapia: dove si ferma l endoscopista La terapia chirurgica: quando si può definire radicale? La terapia: dove si ferma l endoscopista La terapia chirurgica: quando si può definire radicale? Fabio Cianchi Chirurgia Generale ed Endcorina AOU Careggi COMIS Center of Oncological Minimally Invasive

Dettagli

PATOLOGIE DELL AORTA

PATOLOGIE DELL AORTA PATOLOGIE DELL AORTA LE ISCHEMIE MESENTERICHE EMBOLIA: Occlusione acuta soprattutto in pazienti cardiopatici con disturbi del ritmo o alterazioni valvolari reumatiche. L'EMBOLO si arresta dove il calibro

Dettagli

INFORMAZIONI PERSONALI ISTRUZIONE F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE. Francesco Salzano. Italiana. Nome. Indirizzo Telefono

INFORMAZIONI PERSONALI ISTRUZIONE F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE. Francesco Salzano. Italiana. Nome. Indirizzo Telefono F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome Francesco Salzano Indirizzo Telefono 081-929955 E-mail Nazionalità Italiana Data di nascita 28.05.1955 ISTRUZIONE Data / Anno 1974 Diploma

Dettagli

G E N AI N2011 IL PAZIENTE CON ITTERO. Quaderni ASRI. SERVIZIO SANITARIO REGIONALE EMILIA-ROMAGNA Azienda Unità Sanitaria Locale di Rimini

G E N AI N2011 IL PAZIENTE CON ITTERO. Quaderni ASRI. SERVIZIO SANITARIO REGIONALE EMILIA-ROMAGNA Azienda Unità Sanitaria Locale di Rimini G E N2011 SERVIZIO SANITARIO REGIONALE EMILIA-ROMAGNA Azienda Unità Sanitaria Locale di Rimini N AI O IL PAZIENTE CON ITTERO IL PERCORSO DIAGNOSTICO-TERAPEUTICO AZIENDALE Quaderni ASRI 132 a cura di: Dipartimento

Dettagli

Gravidanza su cicatrice isterotomica Cesarean Scar Pregnancy (CSP)

Gravidanza su cicatrice isterotomica Cesarean Scar Pregnancy (CSP) Epidemiologia Gravidanza ectopica: 11.1 ogni 1000 gravidanze tra il 1997 99 in UK 20 ogni1000 gravidanze, negli US (un incremento negli ultimi 20 anni di circa 4 volte) J Midwifery Womens Health. 2006

Dettagli

Presentazione studio sperimentale CATHEDRAL nel dolore toracico acuto in Pronto Soccorso

Presentazione studio sperimentale CATHEDRAL nel dolore toracico acuto in Pronto Soccorso AUSL DI FERRARA OSPEDALE DEL DELTA LAGOSANTO (FERRARA) UNITA OPERATIVA DI CARDIOLOGIA ED UTIC (Direttore G.F. Percoco) MODULO OPERATIVO DI PRONTO SOCCORSO (Direttore C. Zanotti) DIPARTIMENTO DI DIAGNOSTICA

Dettagli

SCUOLA DI MEDICINA E CHIRURGIA MEDICINA E CHIRURGIA PROPEDEUTICA E SISTEMATICA CHIRURGICA C.I.

SCUOLA DI MEDICINA E CHIRURGIA MEDICINA E CHIRURGIA PROPEDEUTICA E SISTEMATICA CHIRURGICA C.I. SCUOLA ANNO ACCADEMICO OFFERTA 2016/2017 ANNO ACCADEMICO EROGAZIONE 2018/2019 CORSO DILAUREA MAGISTRALE A CICLO UNICO INSEGNAMENTO CODICE INSEGNAMENTO 17459 MODULI NUMERO DI MODULI 3 SETTORI SCIENTIFICO-DISCIPLINARI

Dettagli