Pistoia il 18/05/2015

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Pistoia il 18/05/2015"

Transcript

1 Pistoia il 18/05/2015 I firmatari del presente documento, convinti della drammaticità della crisi economica e sociale che sempre più pesantemente sta insistendo Sulla Provincia di Pistoia e sulla montagna pistoiese, chiedono alle forze politiche e ai candidati alle elezioni per il rinnovo del Consiglio della Regione Toscana di esprimersi in merito ai seguenti punti che riteniamo obiettivi prioritari di un azione politica a favore dell ambiente e della riconversione ecologica dell economia e di inserirli nei propri programmi di mandato. Rifiuti In materia di rifiuti è necessaria una svolta importante che determini la fine di una politica dei rifiuti tutt ora orientata all'incenerimento a favore di una capillare prevenzione del rifiuto ed al riciclo effettivo delle materie. Si deve invece incentivare la raccolta differenziata -Favorire lo sviluppo dell industria del riciclaggio -Intervenire sulla produzione del rifiuto- limitare gli imballaggi, favorire i prodotti alla spina e il vuoto a rendere -Creare meccanismi incentivanti per i cittadini (tipo tariffa puntuale). Questo, oltre a salvaguardare l ambiente creerebbe un industria green con un sensibile ritorno occupazionale; Acqua Come impegno a chi si candida alla presidenza della Toscana chiediamo il rispetto del referendum 2011 eluso e ignorato da chi fino ad oggi ha governato, ha fatto promesse completamente disattese, avviando invece il percorso di privatizzazione. L'acqua è un bene che per il vivere in PACE deve essere pubblico e senza lucro. Quindi un buon governo per la nostra Toscana deve prevedere servizi Pubblici, l'acqua che è il servizio per la vita dà il segnale di buon governo a tutti. Sicurezza del territorio frane e alluvioni Si rende necessario contrastare il dissesto idrogeologico sul territorio, ridurre i rischi di frane, alluvioni e smottamenti. È necessaria una pianificazione urbanistica volta al ripristino senza consumo di suolo, al recupero e ad un attenta manutenzione del verde e del sistema acqua urbano, extraurbano e montano. Scuola L'educazione ambientale è materia di approfondimento per tutti i gradi di scuola, portata avanti autonomamente dagli insegnanti con le associazioni ambientaliste. È necessario che la scuola nella sua struttura si renda esempio tangibile (risparmiare, differenziare) e offra esperienze formative adeguate. Energia La Toscana ha ottime risorse per raggiungere l'obiettivo a lungo termine di un'autosufficienza energetica rinnovabile e sostenibile, seguendo la politica energetica dell'unione Europea. Obiettivo che si può raggiungere adottando una politica di sviluppo di generazione dell'energia in maniera diffusa, decentralizzata e democratica, caratteristiche che si differenziano rispetto al tradizionale modello centralizzato. Un obiettivo ambizioso, ma al quale dobbiamo rapportarci,

2 possibile da raggiungere nel lungo termine attraverso alcune strategie principali quali la riqualificazione energetica del patrimonio edilizio attraverso l'utilizzo combinato di tecnologie rinnovabili come il fotovoltaico, le caldaie a biomassa e gli impianti geotermici a bassa entalpia. Favorendo la diffusione di impianti centralizzati solo per alcune realtà limitate quali piccoli paesi, quartieri residenziali o industriali e condomini, al fine di favorire una generazione energetica efficiente ed un suo utilizzo programmato. Un aspetto altrettanto importante, dal punto di vista ambientale ed allo stesso tempo della competitività e dello sviluppo economico, è la riqualificazione delle aree industriali attraverso impianti energetici dimensionati per l'effettivo utilizzo locale e progettati nel rispetto di un inserimento paesaggistico equilibrato che prevedano l'utilizzo combinato del fotovoltaico, della cogenerazione a biomasse, del mini- /micro-eolico e mini-/micro-idroelettrico ove possibile. Ponendo un'attenzione particolare al favorire lo sviluppo di piccoli impianti a biomasse che utilizzino scarti agricoli e forestali provenienti dallo stesso territorio, o colture dedicate allo scopo, sempre in un ottica di filiera corta, riqualificando terreni marginali o aree degradate. Questo continuando a diminuire il carico energetico necessario con una politica mirata al risparmio dell'energia attraverso l'utilizzo di tecnologie led, sperimentando costruzioni in legno, favorendo la diffusione della coibentazione di edifici pubblici e privati, progettando minireti di teleriscaldamento. Mobilità pubblica E necessario mettere in campo politiche che privilegino veramente l uso del mezzo pubblico rispetto a quello privato, e il mezzo ferroviario rispetto a quello su gomma. Per questo è indispensabile migliorare i livelli di puntualità affidabilità e confort del servizio e creare meccanismi di reale partecipazione degli utenti alla progettazione degli orari. Mobilità urbana: La città deve poter essere fruibile più efficientemente da pedoni e biciclette come avviene in molte città europee tramite la realizzazione di piste ciclabili, anche utilizzando le strade esistenti ed evidenziandole con strisce segnaletiche e l introduzione del limite di velocità per le automobili nelle strade del centro a 30 Km/h. Per i giorni di mercato o in particolari orari devono essere introdotte navette ad alta mobilità. Agricoltura e allevamento. Nel quadro di una gestione equilibrata del territorio, è indispensabile procedere ad opere urgenti di ripristino, miglioramento e mantenimento dei pascoli, in molte zone velocemente avviati al degrado; questo come premessa indispensabile per incrementare l allevamento delle fattrici bovine da carne, ma anche degli ovini, creare nuova occupazione, o migliorare le condizioni di chi già opera in montagna. L attuale degrado dei pascoli, specie alle alte quote, si rivela fortemente dannoso anche per il mirtillo, la cui raccolta rappresenta una risorsa economica non indifferente, il quale in condizioni di sofferenza, viene sostituito dalla rosa canina. Quanto viene proposto dovrà trovare attuazione tramite le risorse disponibili nell ambito del nuovo PSR. Laghi Primavera. La costruzione di una cassa di espansione proprio in quel luogo è tecnicamente un opera inutile e dannosa. Si devono invece, progettate e costruire opere che intervengano sul vero problema degli allagamenti della piana, che non è causato dal fiume Ombrone ma dai corsi d acqua minori. Nell area attualmente occupata dai Laghi Primavera ed almeno nel tratto dell asta

3 fluviale dell Ombrone compresa tra San Biagio e Gello deve essere istituito un parco fluviale perturbano. Per riqualificare un area importante sia sotto il profilo ambientale sia come risorsa naturale e sociale inserita nel tessuto della città è necessario realizzare: -opere di manutenzione agli argini del fiume - una pista ciclabile con collegamento al nuovo ospedale S. Iacopo - percorsi tematici con cartellonistica d indirizzo alle specie animali e vegetali presenti, percorsi didattici da utilizzare con le scuole. Gli spazi urbani contemporanei hanno la priorità di divenire sostenibili e resilienti, e questo può avvenire anche attraverso la salvaguardia delle aree verdi esistenti, che hanno molteplici funzioni interconnesse con il tessuto urbano e con le persone che lo abitano. Questo progetto può rappresentare l inizio di un azione più vasta di riqualificazione del paesaggio urbano del nostro territorio, non solo cittadino, tramite un piano di recupero dei parchi urbani realizzato in collaborazione con le aziende vivaistiche e la protezione e la riqualificazione delle aree suburbane, campagne, oliveti, vigne, che insieme costituiscono quel paesaggio toscano importante non solo a livello di estetica, ma anche come volano per un turismo consapevole e di qualità. Padule di Fucecchio: una ricchezza per tutta la Toscana che necessita di una maggiore tutela È opportuno procedere ad un ampliamento della parte protetta (che al momento copre appena il 10% della superficie), anche in funzione di una maggiore fruizione turistica, con possibili ricadute economiche importanti. Limitare l espansione delle attività vivaistiche nei terreni della bonifica storica, l eccessiva pressione venatoria e l impatto delle acque mal depurate che vi affluiscono. E altresì fondamentale difendere il ruolo del Centro di Ricerca e Documentazione, un eccellenza del nostro territorio che ha garantito una corretta gestione pubblica della riserva naturale, creando anche opportunità di lavoro. In difesa della biodiversità (e della bellezza) Gli ecosistemi naturali e gli agroecosistemi sono i soli nostri grandi alleati per realizzare strategie di resilienza in un contesto storico dominato dai grandi cambiamenti climatici e da un territorio reso fragile da uno sviluppo che non ha tenuto conto dei limiti ecologici. Per questo la tutela della biodiversità - nelle diverse scale di specie, habitat e paesaggi - rappresenta un obiettivo di prioritaria importanza. Occorre investire per incentivare le attività di ricerca, conservazione e di educazione ambientale, favorendo anche l istituzione di nuove aree protette. Occorre modificare la nuova legge regionale toscana in materia di biodiversità ed aree protette, trasferendo le competenze sulla gestione delle riserve naturali alla regione, come avviene nel resto d Italia. IGP E DOP. Le produzioni tipiche, per i forti legami di natura socio-economica esistenti con il territorio, detengono un ruolo di primo ordine nell economia dei sistemi di produzione rurale e da essi emergono significative opportunità di sviluppo. Allo stesso tempo rispondono alla crescente richiesta dei consumatori in termini di prodotti sicuri e con caratteristiche qualitative uniche, per l origine o la particolarità dei processi produttivi. I sistemi di certificazione sono ottimi strumenti sia dal punto di vista della garanzia del consumatore sulla sicurezza del prodotto, sia per quanto riguarda il lato economico, come opportunità per molte produzioni locali di aumentare tramite operazioni di marketing il valore del loro prodotto percepito dal cliente.

4 Sanità. Si ritiene indispensabile favorire il passaggio da un sistema sanitario basato sulla cura ad un sistema basato sulla prevenzione delle malattie; il tutto attraverso un lavoro di comprensione delle vere cause che stanno a monte di tante patologie, spesso originate dalla cattiva qualità di acqua, aria, ambiente, con presenza, soprattutto nell acqua e nell aria, di componenti nocivi di ogni genere (fibre di amianto, PM10, metalli pesanti, ecc). Una accurata analisi dei dati epidemiologici e la istituzione di adeguate banche dati può aiutarci a raggiungere questo scopo Nell ambito del sistema attuale: 1) superare gli elevatissimi tempi collegati alle liste di attesa. 2) Ovviare alla attuale carenza di servizi sanitari sul territorio, particolarmente necessari in un regime di politica ospedaliera che prevede dimissioni quanto più possibile rapide del paziente. 3) Istituire un servizio di pronto badante, anch esso indispensabile in un quadro di progressivo invecchiamento e diminuzione di autosufficienza della popolazione. 4) Razionalizzare il numero, la distribuzione e turnazione del personale infermieristico, in modo che non si ripeta il fenomeno di un organico che appare a grandi numeri sovradimensionato, ma nello stesso tempo con molti casi di burn out causato da sovraccarico di lavoro e di stress. A tal proposito si rende indispensabile sottrarre il più possibile una certa fascia di personale infermieristico da compiti di mera sussistenza burocratico -amministrativa. 5) Potenziare lo staff medico nelle sue varie specializzazioni, utilizzando a tal proposito risorse e personale attualmente destinati altrove. Il progetto del parco dell'ospedale San Jacopo, da noi a suo tempo presentato, prevede aree verdi di tipo estensivo, ossia rappresenta, un evoluzione del "parco urbano" con strutture vegetazionali il più possibile naturali e alquanto simili ai Boschi coltivati, quindi tali aree sono costituite da specie vegetali prevalentemente autoctone, con fini protettivi e di miglioramento ambientale secondo schemi paesaggistici naturali molto semplici, con costi di impianto e gestione limitati. Montagna Pistoiese 1 Legalità e giustizia. Comunità Montana. La vicenda della Comunità Montana rappresenta un danno enorme per la montagna pistoiese, sia per quel che riguarda l ammanco e sia per il danno derivante dal mancato utilizzo di quei fondi in favore dello sviluppo. Inoltre mina alla base quei valori di legalità e giustizia che sono fondamenti e baluardi di una società civile, andando anche ad alimentare il senso di fiducia dei cittadini verso le istituzioni. B.I.M. Bacino ibrifero montano. Una risorsa presente in abbondanza in montagna è certamente l'acqua il cui sfruttamento per produrre energia elettrica è strettamente correlato con la vicenda della Comunità Montana. Le molte centrali idroelettriche, anche se piccole, gestite da società private, dato che sfruttano, per trarne il giusto profitto, una risorsa pubblica, devono annualmente corrispondere dei canoni alla collettività. I canoni e

5 sovracanoni idrici, così detti B.I.M., dovevano essere determinati su parametri ministeriali e riscossi dalla ex-comunità Montana Appennino Pistoiese. Per anni l'ente non li ha mai né determinati né riscossi. I Comuni beneficiari in ultima istanza delle somme non li hanno mai richiesti. La riscossione è ora in mano alla Provincia subentrata a fine 2013 alla Comunità Montana. Il mancato introito delle somme relative ai socvracanoni idrici continua però, nell'indifferenza degli amministratori locali a perpetrarsi e il danno economico per le mancate ricadute positive sul territorio si rinnova e si aggrava ulteriormente. Gli introiti derivanti dallo sfruttamento delle risorse presenti sul territorio montano, indipendentemente dall'ente preposto alla riscossione, vanno vincolate senza scadenze di termini a favore dei Comuni, per essere impiegate in opere di manutenzione e salvaguardia del territorio montano. Servizi essenziali Allo scopo di interrompere il circolo vizioso in atto tra il calo dei servizi e il calo della popolazione e garantire invece le condizioni per vivere sul territorio riteniamo necessario definire e salvaguardare un livello minimo di servizi per il cittadino con particolare riferimento a: Ospedale L'Ospedale Lorenzo Pacini di San Marcello Pistoiese ha rappresentato fino alla fine del 2012 la struttura di riferimento per la popolazione montana. Con l'attuazione della riforma sanitaria regionale prevista dalla delibera di giunta 1235/2012, il presidio sanitario è stato privato di importanti reparti, quali la chirurgia e l'ortopedia, che garantivano la permanenza e la sicurezza del pronto soccorso, ridotto ora a mero ed insufficiente punto di primo soccorso. In una realtà provinciale in cui oltre il 60% del territorio è costituito da montagna ( kmq) e collina ( kmq), è impensabile che l'unico fattore preso in considerazione per la riorganizzazione dei servizi sia solo ed esclusivamente il numero di abitanti. Privare un territorio vasto come quello della Montagna Pistoiese che rappresenta il 44% dell'intero territorio provinciale, di un servizio essenziale come il Pronto Soccorso pone in una condizione di rischio non solo la popolazione residente ma anche i turisti che d'inverno ed estate decidono di trascorrervi periodi più o meno lunghi di ferie e vacanze. La catena emergenza-urgenza non può basarsi solo sul servizio di elisoccorso, importante, ma non sempre attivabile e dipendente dalle condizioni meteo spesso avverse soprattutto nei periodi invernali. Per questo principale motivo sul territori deve esserci un presidio pienamente funzionante dotato di Pronto Soccorso, chirurgia d'elezione e ortopedia. Oltre ha non essere garantita la sicurezza, la mancanza di un vero Pronto Soccorso e di reparti efficienti rappresentano anche un danno economico e di immagine per la vocazione turistica dell'intera area. Considerata l'attività sportiva praticata d'inverno nelle stazioni sciistiche dell'abetone e di Cutigliano, sarebbe naturale investire in un reparto di ortopedia per svilupparci quelle specializzazioni previste dallo stesso dispositivo normativo della Regione Toscana. L'attuale Piot di San Marcello deve tornare ad essere l'ospedale di riferimento della montagna con: Pronto Soccorso, specializzazione in ortopedia sportiva e chirurgia di elezione. Uffici postali Gli uffici postali sono un servizio indispensabile per la permanenza delle popolazioni nei piccoli paesi in particolar modo per gli anziani che non hanno accesso ad altri mezzi per riscuotere la pensione e pagare le bollette e quindi deve essere garantito un minimo di presidio. Trasporti pubblici E necessaria una riorganizzazione del servizio di mobilità pubblica della montagna, che individui la Ferrovia Porrettana come risorsa strategica e Pracchia come lo snodo principale ferro/gomma da cui partirebbero gli autobus per le frazioni limitrofe; Detto sistema dovrà essere frutto di un processo di concertazione con gli utenti. Attività private.

6 Al fine di incentivare la permanenza in montagna delle attività economiche già penalizzate dai maggiori costi di trasporto è necessario introdurre agevolazioni e sgravi fiscali, in particolare per quelli che ricoprono ruoli strategici come ad esempio i piccoli commercianti di paese. Questi ultimi, infatti, vivono della stagione turistica, ma svolgono un servizio vitale per la gente della Montagna per tutto il resto dell'anno. Viabilità: la situazione delle strade di montagna con il dissesto del manto stradale e le frequenti frane e smottamenti rappresenta una forte fonte di disagio per le popolazioni residenti e per i turisti specialmente in alcuni periodi dell anno. Per questo è necessario prevedere un miglioramento dei livelli di manutenzione e di prevenzione del rischio idrogeologico. Sviluppo Dopo la fine di un ciclo economico che vedeva nella grande industria il settore trainante, oggi la montagna pistoiese ha bisogno di ricreare un modello suo economico alternativo. Come unico modello possibile riusciamo ad immaginare quello di un economia di produzione di beni primari (alimentari, zootecnici) indirizzata a valorizzare in chiave turistica le risorse e le peculiarità locali. Devono essere avviati processi partecipati, finalizzati a dare vita ad un progetto di comprensorio fondato sullo sviluppo di un turismo sostenibile attento al pregio ambientale e culturale di questa zona e che possa favorire la nascita di un sistema diffuso di accoglienza e di offerta dei prodotti tipici. In questo modo si favorirebbe la rinascita di piccole imprese di eccellenza, nei settori dell'artigianato, dei prodotti tipici, dell'allevamento, e dell'agricoltura, generando opportunità di lavoro e di vita in montagna anche per i giovani. Inoltre devono essere incentivate le attività che permettano la nascita di una vera e propria filiera del legno. Ambiente Deve essere salvaguardato il suolo e del paesaggio, limitando le nuove costruzioni e favorendo invece le ristrutturazioni del patrimonio esistente, con agevolazioni in particolare per le prime case e per le giovani coppie. E necessaria una vera politica di difesa del territorio e della biodiversità mediante ampliamento e istituzione di parchi naturali e aree protette. La gestione del prelievo delle risorse naturali deve essere adattata alla capacità di rinnovamento delle stesse, alla ricerca dell'equilibrio degli ecosistemi e al fatto che ne abbia beneficio diffuso tutta la collettività, regolandone di conseguenza il taglio del bosco, la caccia, la pesca, la raccolta dei prodotti del sottobosco, in particolare dei funghi. Società, partecipazione, trasparenza, semplificazione - Sono necessari forme concrete di decentramento e partecipazione dei cittadini della montagna in merito alle modifiche dei servizi al cittadino ed agli investimenti sul territorio, che dovranno essere anche vincolati all'effettivo beneficio che ne riceverà la collettività dei residenti. Inoltre è necessaria l istituzione di un vincolo di coerenza e funzionalità al progetto per le opere che gli enti intendono realizzare in montagna. Deve essere affrontato il problema dell eccessiva burocrazia che impedisce di fatto lo sviluppo di attività imprenditoriali a partire dalle più banali. Inoltre è necessaria una maggior trasparenza in merito alla possibilità da parte dei cittadini di richiedere e visionare atti e documenti pubblici. Infrastrutture E necessario intervenire sulla copertura non ancora integrale e sull'affidabilità del servizio internet veloce.

7 Problematiche regionali Migliorare il servizio dei treni al posto delle grandi opere inutili. Seconda pista dell aeroporto di Peretola. La città di Firenze, in termini di distanze aeroportuali è vicinissima sia a Pisa che a Bologna, aeroporti che sono e rimarrebbero comunque nettamente prevalenti rispetto a Peretola, per dimensioni e traffico, anche di aerei di grosse dimensioni. Per cui riteniamo assai più razionale ed economico potenziare adeguatamente il servizio ferroviario da e per Pisa, in modo da adempiere alle esigenze sia di chi, dopo avere visitato Firenze desidera andare a Pisa e di lì raggiungere altre destinazioni, sia di chi arriva in aereo a Pisa e desidera visitare Firenze. Il diniego alla costruzione di una seconda pista a Peretola è inoltre fortemente legato a ragioni di sicurezza, condivise anche con altre associazioni, data la vicinanza dell aeroporto alla città, con il suo centro storico, e più in generale ad una zona fortemente antropizzata (tutti i grandi aeroporti sono molto più lontani dai centri storici di quanto lo sia Peretola); ed è inoltre dovuto a ragioni ambientali, in quanto una seconda pista aumenterebbe ancora l inquinamento in una zona che già deve sottostare alle diossine prodotte dall inceneritore di Montale, alla presenza della discarica di Case Passerini, nonché al traffico autostradale della A11 e della vicina A.1. L area aeroportuale fa poi parte del Parco della Piana, e la eventuale seconda pista recherebbe un consistente danno sia al complesso del Polo Universitario sia ai vicini Stagni di Focognano. Terza corsia della A 11 Il parere è parimenti negativo per motivi di inquinamento ambientale in parte simili a quelli addotti per la seconda pista dell aeroporto, oltre ad una ulteriore cementificazione /asfaltizzazione di un area già fortemente snaturata da opere di ogni genere. Nello specifico, è da sottolineare che la terza corsia sarebbe perfettamente inutile se si pensa che al termine della A 11 rimarrebbe comunque, con tutti i suoi effetti negativi, la strozzatura che impedisce un più veloce ingresso in città. L alternativa, ancora una volta, consiste nel mettere seriamente mano ad un potenziamento del trasporto pubblico, non solo su rotaia (la stazione di Santa Maria Novella non sarebbe attualmente in grado di accogliere altri convogli), ma anche su gomma, riguardante tutte autolinee che giornalmente fanno capo a Firenze, ed attuando anche una serrata campagna pubblicitaria che convinca un pubblico spesso riottoso a servirsi del mezzo pubblico.

Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi. Tra

Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi. Tra Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi Tra Il Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, con sede in Via Cristoforo Colombo, 44, 00187

Dettagli

Valutazione Crediti e proposte Progetti. Area Turismo

Valutazione Crediti e proposte Progetti. Area Turismo Valutazione Crediti e proposte Progetti Area Turismo a cura di Bruno Turra Questo documento intende affrontare l analisi delle priorità di valutazione nell area turismo individuandone le principali componenti

Dettagli

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta isstock Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta 7 PAA Programma generale di azione dell Unione in materia di ambiente fino al 2020 A partire dalla metà degli anni 70 del secolo scorso, la politica

Dettagli

Il ruolo delle bio-energie nell'uso sostenibile delle fonti energetiche rinnovabili (FER)

Il ruolo delle bio-energie nell'uso sostenibile delle fonti energetiche rinnovabili (FER) Il ruolo delle bio-energie nell'uso sostenibile delle fonti energetiche rinnovabili (FER) Maurizio Gualtieri ENEA UTTS 0161-483370 Informazioni: eventienea_ispra@enea.it 14 maggio 2014 - ISPRA Sommario

Dettagli

Per San Lazzaro. Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA. MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente)

Per San Lazzaro. Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA. MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente) TU Per San Lazzaro Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente) Territorio: Urbanistica: Cosa: Agevolazioni per la riqualificazione dell esistente:

Dettagli

ENERGIA. Massimo Telesca ARPA FVG Indirizzo tecnicoscientifico. e coordinamento dei Dipartimenti provinciali

ENERGIA. Massimo Telesca ARPA FVG Indirizzo tecnicoscientifico. e coordinamento dei Dipartimenti provinciali ENERGIA 269 ENERGIA Il ricorso all utilizzo di fonti rinnovabili sovvenzionate comporta dei potenziali impatti ambientali. Fra questi, vi sono l alterazione dei corsi d acqua a causa delle derivazioni

Dettagli

LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA. Silva Marzetti

LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA. Silva Marzetti L EUROPA E LE RISORSE AMBIENTALI, ENERGETICHE E ALIMENTARI BOLOGNA, 16 MARZO 2015 LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA Silva Marzetti Scuola di Economia, Management e Statistica Università

Dettagli

Incentivazione dell energia elettrica da altre fonti rinnovabili

Incentivazione dell energia elettrica da altre fonti rinnovabili Incentivazione dell energia elettrica da altre fonti rinnovabili Beneficiari Riferimenti normativi Finalità dello strumento Regime transitorio Impianti, alimentati da fonti rinnovabili diverse da quella

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

Carta programmatica dell Associazione Medici per l'ambiente ISDE Italia

Carta programmatica dell Associazione Medici per l'ambiente ISDE Italia Carta programmatica dell Associazione Medici per l'ambiente ISDE Italia (affiliata all International Society of Doctors for the Environment, in rapporto consultivo con l'organizzazione Mondiale della Sanità

Dettagli

Opere di urbanizzazione

Opere di urbanizzazione Opere di urbanizzazione di Catia Carosi Con il termine opere di urbanizzazione si indica l insieme delle attrezzature necessarie a rendere una porzione di territorio idonea all uso insediativo previsto

Dettagli

DALLE FOSSILI ALLE RINNOVABILI

DALLE FOSSILI ALLE RINNOVABILI MANIFESTO PER L ENERGIA SOSTENIBILE DALLE FOSSILI ALLE RINNOVABILI COSTRUISCI CON NOI UN SISTEMA ENERGETICO SOSTENIBILE PER L ITALIA Organizzazione Non Lucrativa di Utilità Sociale. FINALITà Favorire la

Dettagli

III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano

III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano (Fabio Musmeci, Angelo Correnti - ENEA) Il lago di Bracciano è un importante elemento del comprensorio della Tuscia Romana che non può non

Dettagli

Anche se non è ancora stato definito nei dettagli il testo della nuova legge, il lungo lavorìo di preparazione ha fatto condensare alcune idee-guida

Anche se non è ancora stato definito nei dettagli il testo della nuova legge, il lungo lavorìo di preparazione ha fatto condensare alcune idee-guida Anche se non è ancora stato definito nei dettagli il testo della nuova legge, il lungo lavorìo di preparazione ha fatto condensare alcune idee-guida Anche la legge sulla riqualificazione urbana è un tassello

Dettagli

SMART MOVE: un autobus per amico

SMART MOVE: un autobus per amico SMART MOVE: un autobus per amico "SMART MOVE" è la campagna internazionale promossa dall'iru (International Road Transport Union) in tutti i Paesi europei con l'obiettivo di richiamare l'attenzione di

Dettagli

IL PROGRAMMA NAZIONALE DI PREVENZIONE DEI RIFIUTI

IL PROGRAMMA NAZIONALE DI PREVENZIONE DEI RIFIUTI IL PROGRAMMA NAZIONALE DI PREVENZIONE DEI RIFIUTI Con decreto direttoriale del 7 ottobre 2013, il Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare ha adottato il Programma Nazionale di

Dettagli

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Ferrara, giovedì 27 Settembre 2012 Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Giacomo Zanni (Dipartimento di Ingegneria ENDIF, Università di Ferrara) giacomo.zanni@unife.it SOMMARIO

Dettagli

Misure per la tutela dell ambiente e degli ecosistemi

Misure per la tutela dell ambiente e degli ecosistemi Misure per la tutela dell ambiente e degli ecosistemi Carlo Zaghi Dirigente Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Direzione Generale per le Valutazioni e le Autorizzazioni Ambientali

Dettagli

FAQ: Condizionalità. Cosa si intende per condizionalità?

FAQ: Condizionalità. Cosa si intende per condizionalità? FAQ: Condizionalità Cosa si intende per condizionalità? La condizionalità è una delle maggiori novità introdotte dalla Politica Agricola Comune (PAC) approvata nel 2003. Rappresenta l insieme delle norme

Dettagli

VÉÇá zä É exz ÉÇtÄx wxäät câzä t

VÉÇá zä É exz ÉÇtÄx wxäät câzä t LEGGE REGIONALE 20 MAGGIO 2014, N. 26 Disposizioni per favorire l accesso dei giovani all agricoltura e contrastare l abbandono e il consumo dei suoli agricoli 2 LEGGE REGIONALE Disposizioni per favorire

Dettagli

Senato della Repubblica

Senato della Repubblica Senato della Repubblica Commissioni riunite 10 a (Industria, commercio, turismo) e 13 a (Territorio, ambiente, beni ambientali) Audizione nell'ambito dell'esame congiunto degli Atti comunitari nn. 60,

Dettagli

Repower guarda al futuro con fiducia

Repower guarda al futuro con fiducia Repower guarda al futuro con fiducia Giovanni Jochum Quale membro della Direzione di Repower, società con sede a Poschiavo, desidero presentare il mio punto di vista sui fattori che stanno cambiando radicalmente

Dettagli

P R E S E N T A ZI ONE

P R E S E N T A ZI ONE Continuing Education Seminars LA PIANIFICAZIONE DI DISTRETTO IDROGRAFICO NEL CONTESTO NAZIONALE ED EUROPEO 15 e 22 Maggio - 12 e 19 Giugno 2015, ore 14.00-18.00 Aula A Ingegneria sede didattica - Campus

Dettagli

Art. 2 (Procedimento di approvazione e variazione) PARTE PRIMA

Art. 2 (Procedimento di approvazione e variazione) PARTE PRIMA 4 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 162 suppl. del 15-10-2009 PARTE PRIMA Corte Costituzionale LEGGE REGIONALE 7 ottobre 2009, n. 20 Norme per la pianificazione paesaggistica. La seguente

Dettagli

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE. Proposta di DECISIONE DEL CONSIGLIO. relativa ad orientamenti strategici comunitari per lo sviluppo rurale

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE. Proposta di DECISIONE DEL CONSIGLIO. relativa ad orientamenti strategici comunitari per lo sviluppo rurale COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE Bruxelles, 5.7.2005 COM(2005) 304 definitivo 2005/0129 (CNS) Proposta di DECISIONE DEL CONSIGLIO relativa ad orientamenti strategici comunitari per lo sviluppo rurale

Dettagli

MA NDO VAI... ROMANI IN MOVIMENTO TRA CRISI ECONOMICA E MODELLI ALTERNATIVI

MA NDO VAI... ROMANI IN MOVIMENTO TRA CRISI ECONOMICA E MODELLI ALTERNATIVI MA NDO VAI... ROMANI IN MOVIMENTO TRA CRISI ECONOMICA E MODELLI ALTERNATIVI In questa fermata Audimob, l analisi dei dati si sofferma sui comportamenti in mobilità dei romani e dei residenti nei comuni

Dettagli

Dichiarazione Popolazione e cultura

Dichiarazione Popolazione e cultura IX/11/1 Dichiarazione Popolazione e cultura I Ministri delle Parti contraenti della Convenzione delle Alpi attribuiscono agli aspetti socio economici e socio culturali indicati all art 2, comma 2, lettera

Dettagli

Il ruolo delle fonti energetiche rinnovabili nel soddisfacimento dei fabbisogni energetici: situazione attuale e possibili scenari Elisa Tomasinsig

Il ruolo delle fonti energetiche rinnovabili nel soddisfacimento dei fabbisogni energetici: situazione attuale e possibili scenari Elisa Tomasinsig Nuovi obiettivi di pianificazione energetica Il ruolo delle fonti energetiche rinnovabili nel soddisfacimento dei fabbisogni energetici: situazione attuale e possibili scenari Elisa Tomasinsig Fonti rinnovabili

Dettagli

COORDINAMENTO Regione VENETO. LA REGIONE CHE VOGLIAMO Le proposte dei manager per il Veneto

COORDINAMENTO Regione VENETO. LA REGIONE CHE VOGLIAMO Le proposte dei manager per il Veneto COORDINAMENTO Regione VENETO LA REGIONE CHE VOGLIAMO Le proposte dei manager per il Veneto 1 1) CONTESTO ISTITUZIONALE, RIFORME E ORGANIZZAZIONE AMMINISTRATIVA La governabilità del sistema Paese, la sua

Dettagli

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020)

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Enzo De Sanctis Società Italiana di Fisica - Bologna Con questo titolo, all inizio del 2008, la Società Italiana di Fisica (SIF) ha pubblicato un libro

Dettagli

e r r e 3 s t u d i o t e c n i c o a s s o c i a t o a r c h. c r i s t i n a r o s t a g n o t t o

e r r e 3 s t u d i o t e c n i c o a s s o c i a t o a r c h. c r i s t i n a r o s t a g n o t t o Come disposto nelle norme di attuazione, artt. 15, 16, 17 e dall Allegato 5 alle NTA del PTC2 gli strumenti urbanistici generali e le relative varianti assumono l obbiettivo strategico e generale del contenimento

Dettagli

VADECUM PER IL CORSISTA

VADECUM PER IL CORSISTA VADECUM PER IL CORSISTA L organismo Formativo Dante Alighieri, con sede in Fasano alla Via F.lli Trisciuzzi, C.da Sant Angelo s.n. - Zona Industriale Sud, nel quadro del P.O. Puglia 2007-2013 AVVISO PR.BR

Dettagli

REGOLAMENTO REGIONALE 14 luglio 2008, n. 12. Regolamento per la realizzazione degli impianti di produzione di energia alimentata a biomasse.

REGOLAMENTO REGIONALE 14 luglio 2008, n. 12. Regolamento per la realizzazione degli impianti di produzione di energia alimentata a biomasse. 13464 PARTE PRIMA Leggi e regolamenti regionali REGOLAMENTO REGIONALE 14 luglio 2008, n. 12 Regolamento per la realizzazione degli impianti di produzione di energia alimentata a biomasse. IL PRESIDENTE

Dettagli

Scheda 8 «La gestione integrata dei rifiuti» LA GERARCHIA PER UNA CORRETTA GESTIONE DEI RIFIUTI. GREEN JOBS Formazione e Orientamento

Scheda 8 «La gestione integrata dei rifiuti» LA GERARCHIA PER UNA CORRETTA GESTIONE DEI RIFIUTI. GREEN JOBS Formazione e Orientamento Scheda 8 «La gestione integrata dei rifiuti» LA GERARCHIA PER UNA CORRETTA GREEN JOBS Formazione e Orientamento LA GERARCHIA PER UNA CORRETTA La Direttiva 2008/98/CE introduce una importante distinzione

Dettagli

CARTA DEL PAESAGGIO MEDITERRANEO

CARTA DEL PAESAGGIO MEDITERRANEO CARTA DEL PAESAGGIO MEDITERRANEO Preambolo Le Regioni dell'andalusia, del Languedoc-Roussillon e della Toscana, agendo nel quadro degli obiettivi del Consiglio d'europa e condividendone l'obiettivo che

Dettagli

Indice degli elaborati del PdG PIANO DI GESTIONE. Ambito territoriale dei Monti di Trapani. versione conforme al DDG ARTA n 588 del 25/06/09

Indice degli elaborati del PdG PIANO DI GESTIONE. Ambito territoriale dei Monti di Trapani. versione conforme al DDG ARTA n 588 del 25/06/09 Unione Europea Regione Siciliana Dipartimento Regionale Azienda Foreste Demaniali Codice POR: 1999.IT.16.1.PO.011/1.11/11.2.9/0334 Ambito territoriale dei Monti di Trapani PIANO DI GESTIONE versione conforme

Dettagli

QUALI RISCHI PER IL NOSTRO PAESE?

QUALI RISCHI PER IL NOSTRO PAESE? TERRITORIO BENE COMUNE IN MOVIMENTO Camerano, 30 GENNAIO 2015 QUALI RISCHI PER IL NOSTRO PAESE? Maurizio Sebastiani Italia Nostra Marche 1 I RISCHI DELLO «SBLOCCA ITALIA» Sblocca Italia, allarme di Bankitalia:

Dettagli

COSTO SERVIZI EROGATI - ANNO 2013

COSTO SERVIZI EROGATI - ANNO 2013 - ANNO 2013 TIPOLOGIA DEI A DEI (*) PERSONA LE A STAFF 1 - GIURICO ISTITUZIONALE Servizio sportello per il cittadino Organizzazione e guida alle opere d'arte presenti nelle sale della sede. Concessione

Dettagli

Box: Perché sostenere il modello agricolo Biologico nella PAC?

Box: Perché sostenere il modello agricolo Biologico nella PAC? La PAC che verrà: Smart change or business as usual? La posizione ufficiale IFOAM EU sulla prossima riforma PAC 2014 2020 Alessandro Triantafyllidis, IFOAM EU Group Siamo a metà dell attuale periodo di

Dettagli

DAL PROGETTO PER LO SVILUPPO DI UNA COMUNITA LOCALE ACCOGLIENTE ALLA NASCITA DEL PAESE ALBERGO SAINT

DAL PROGETTO PER LO SVILUPPO DI UNA COMUNITA LOCALE ACCOGLIENTE ALLA NASCITA DEL PAESE ALBERGO SAINT DAL PROGETTO PER LO SVILUPPO DI UNA COMUNITA LOCALE ACCOGLIENTE ALLA NASCITA DEL PAESE ALBERGO SAINT SAINT-MARCEL MARCEL Storia di un idea CONVEGNO INTERNAZIONALE Esperienze di turismo in ambiente alpino:

Dettagli

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI SCENARI ENERGETICI AL 24 SINTESI Leggi la versione integrale degli Scenari Energetici o scaricane una copia: exxonmobil.com/energyoutlook Scenari Energetici al 24 Gli Scenari Energetici offrono una visione

Dettagli

Prime ipotesi per una fattibilità dei Programmi Integrati per la salute in Marmilla

Prime ipotesi per una fattibilità dei Programmi Integrati per la salute in Marmilla Prime ipotesi per una fattibilità dei Programmi Integrati per la salute in Marmilla Cagliari 4 dicembre 2012 Centro di ricerca FO.CU.S. Progetto di ricerca a supporto dei territori per l individuazione

Dettagli

Appello all azione: 10 interventi chiave per portare più gente in bicicletta più spesso in Europa

Appello all azione: 10 interventi chiave per portare più gente in bicicletta più spesso in Europa Appello all azione: 10 interventi chiave per portare più gente in bicicletta più spesso in Europa Manifesto dell'ecf per le elezioni al Parlamento Europeo del 2014 versione breve ECF gratefully acknowledges

Dettagli

1.4 LA PROVINCIA: IL RUOLO E LE COMPETENZE ISTITUZIONALI

1.4 LA PROVINCIA: IL RUOLO E LE COMPETENZE ISTITUZIONALI 1.4 LA PROVINCIA: IL RUOLO E LE COMPETENZE ISTITUZIONALI La Provincia è un istituzione pubblica territoriale; gli organi di governo sono eletti dalla popolazione residente nel territorio e hanno il compito

Dettagli

CO.PA.VIT. Consorzio Pataticolo dell Alto Viterbese

CO.PA.VIT. Consorzio Pataticolo dell Alto Viterbese CO.PA.VIT. Consorzio Pataticolo dell Alto Viterbese l unione fa la forza per restituire valore aggiunto alla produzione 1 Il Consorzio Il Consorzio CO.PA.VIT. è nato nel 2008 a partire da un iniziativa

Dettagli

Guida al PIANO CASA della Regione TOSCANA

Guida al PIANO CASA della Regione TOSCANA Guida al PIANO CASA della Regione TOSCANA (aggiornata a gennaio 2014) 1 SOMMARIO INTRODUZIONE... pag. 3 IL PIANO CASA IN TOSCANA... pag. 4 INTERVENTI DI AMPLIAMENTO....pag. 5 INTERVENTI DI DEMOLIZIONE

Dettagli

Nuovo Piano Casa Regione Lazio. Legge 11 agosto 2009 n. 21, come modificata dalle leggi 13 agosto 2011 nn. 10 e 12

Nuovo Piano Casa Regione Lazio. Legge 11 agosto 2009 n. 21, come modificata dalle leggi 13 agosto 2011 nn. 10 e 12 Nuovo Piano Casa Regione Lazio Legge 11 agosto 2009 n. 21, come modificata dalle leggi 13 agosto 2011 nn. 10 e 12 AMBITO DI APPLICAZIONE (Art. 2) La Legge si applica agli edifici: Legittimamente realizzati

Dettagli

PRIT: contesto e strategie

PRIT: contesto e strategie PRIT: contesto e strategie A cura di Paolo Ferrecchi Bologna, 23 novembre 2007 Cabina di regia per il coordinamento delle politiche di programmazione e per il PTR: incontro tematico su Mobilità e Infrastrutture

Dettagli

PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE REGIONE VENETO 2007-2013 PROGETTI INTEGRATI DI FILIERA PIF

PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE REGIONE VENETO 2007-2013 PROGETTI INTEGRATI DI FILIERA PIF PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE REGIONE VENETO 2007-2013 PROGETTI INTEGRATI DI FILIERA PIF www.progettoverde.info - pv@ progettover de.i nfo 1 COS E IL PROGETTO INTEGRATO DI FILIERA (PIF) Il progetto integrato

Dettagli

La gestione delle risorse energetiche e naturali del territorio nella programmazione comunitaria 2014-2020

La gestione delle risorse energetiche e naturali del territorio nella programmazione comunitaria 2014-2020 La gestione delle risorse energetiche e naturali del territorio nella programmazione comunitaria 2014-2020 Giuseppe Gargano Rete Rurale Nazionale - INEA Varzi, 18 giugno 2014 Priorità dell'unione in materia

Dettagli

REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U.

REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U. REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U. DISCIPLINA DEI LIMITI E DEI RAPPORTI RELATIVI ALLA FORMAZIONE DI NUOVI STRUMENTI URBANISTICI

Dettagli

5.3.2.1.6 Sostegno agli investimenti non produttivi

5.3.2.1.6 Sostegno agli investimenti non produttivi 5.3.2.1.6 Sostegno agli investimenti non produttivi Riferimenti normativi Codice di Misura Articolo 36 (a) (vi) e 41 del Reg. (CE) N 1698/2005 e punto 5.3.2.1.6. dell Allegato II del Reg. (CE) 1974/06

Dettagli

2001 - Aggiornamento CI0703ur15 VOCE I 7.3 LRG/XV,1. ASSETTO ISTITUZIONALE ENTI LOCALI L.R. 29 giugno 1998, n. 10

2001 - Aggiornamento CI0703ur15 VOCE I 7.3 LRG/XV,1. ASSETTO ISTITUZIONALE ENTI LOCALI L.R. 29 giugno 1998, n. 10 LEGGE REGIONALE 29 giugno 1998, n. 10 «Disposizioni per la valorizzazione, lo sviluppo e la tutela del territorio montano in attuazione della legge 97/1994». (B.U. 29 giugno 1998, n. 26, 1º suppl. ord.)

Dettagli

COS E CRES: CLIMA RESILIENTI

COS E CRES: CLIMA RESILIENTI COS E CRES: CLIMA RESILIENTI PROGETTO DI KYOTO CLUB VINCITORE DI UN BANDO DEL MINISTERO DELL AMBIENTE SUI PROGETTI IN MATERIA DI EDUCAZIONE AMBIENTALE E SVILUPPO SOSTENIBILE OBIETTIVI DEL PROGETTO CRES

Dettagli

Carta delle città europee per uno sviluppo durevole e sostenibile (La Carta di Aalborg)

Carta delle città europee per uno sviluppo durevole e sostenibile (La Carta di Aalborg) Carta delle città europee per uno sviluppo durevole e sostenibile (La Carta di Aalborg) (Approvata dai partecipanti alla Conferenza europea sulle città sostenibili tenutasi ad Aalborg, Danimarca il 27

Dettagli

Osservazioni su bozza di Decreto di incentivazione altre FER

Osservazioni su bozza di Decreto di incentivazione altre FER Osservazioni su bozza di Decreto di incentivazione altre FER 15 giugno 2015 Il Decreto di incentivazione delle FER non fotovoltaiche in via di emanazione dal Ministero dello Sviluppo Economico dovrebbe

Dettagli

L ATTUAZIONE DELLA LEGGE 56/14: IL RIORDINO DELLE FUNZIONI DELLE PROVINCE E DELLE CITTA METROPOLITANE L ACCORDO IN CONFERENZA UNIFICATA

L ATTUAZIONE DELLA LEGGE 56/14: IL RIORDINO DELLE FUNZIONI DELLE PROVINCE E DELLE CITTA METROPOLITANE L ACCORDO IN CONFERENZA UNIFICATA L ATTUAZIONE DELLA LEGGE 56/14: IL RIORDINO DELLE FUNZIONI DELLE PROVINCE E DELLE CITTA METROPOLITANE E L ACCORDO IN CONFERENZA UNIFICATA Roma 3 luglio 2014 PREMESSA La legge 7 aprile 2014, n. 56, Disposizioni

Dettagli

DELIBERE 2006 NUMERO E DATA DELIBERA

DELIBERE 2006 NUMERO E DATA DELIBERA DELIBERE 2006 NUMERO E DATA DELIBERA OGGETTO DELIBERA N. 4 DEL 09/01/06 REG. CE N 1257/99 PIANO DI SVILUPPO RURALE - ANNUALITÀ 2006 - PRESA D`ATTO DELLE PREVISIONI FINANZIARIE DI PROVINCE E COMUNITÀ MONTANE

Dettagli

Gruppo cantonale per lo sviluppo sostenibile (GrussTI) Coordinamento: Cancelleria dello Stato, Bellinzona Presentazione a cura di Sabrina Caneva

Gruppo cantonale per lo sviluppo sostenibile (GrussTI) Coordinamento: Cancelleria dello Stato, Bellinzona Presentazione a cura di Sabrina Caneva Gruppo cantonale per lo sviluppo sostenibile (GrussTI) Coordinamento: Cancelleria dello Stato, Bellinzona Presentazione a cura di Sabrina Caneva Sviluppo sostenibile e gestione responsabile delle risorse

Dettagli

2013-2018 ROMA CAPITALE

2013-2018 ROMA CAPITALE 2013-2018 ROMA CAPITALE Proposte per il governo della città Sintesi stampa IL VINCOLO DELLE RISORSE ECONOMICO-FINANZIARIE Il debito del Comune di Roma al 31/12/2011 ammonta a 12,1 miliardi di euro; di

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA

SENATO DELLA REPUBBLICA 10^ COMMISSIONE INDUSTRIA SENATO DELLA REPUBBLICA AUDIZIONE MARTEDI 8 MAGGIO 2012 ORE 14,30 I CONTRATTI D AREA ED I PATTI TERRITORIALI UN ESPERIENZA DI VALORE PER LO SVILUPPO DEL TERRITORIO Via degli Uffici

Dettagli

GIUSEPPE VADALÀ: ALIMENTI E AMBIENTE, COME GARANTIRNE LA SICUREZZA

GIUSEPPE VADALÀ: ALIMENTI E AMBIENTE, COME GARANTIRNE LA SICUREZZA GIUSEPPE VADALÀ: ALIMENTI E AMBIENTE, COME GARANTIRNE LA SICUREZZA a cura di ANNA MARIA CIUFFA Giuseppe Vadalà, responsabile della Divisione Sicurezza Agroalimentare e Agroambientale del Corpo forestale

Dettagli

ALTRE MODALITA DI PRODUZIONE DI ENERGIA

ALTRE MODALITA DI PRODUZIONE DI ENERGIA Scheda 6 «Agricoltura e Agroenergie» ALTRE MODALITA GREEN JOBS Formazione e Orientamento LA COMPONENTE TERMICA DELL ENERGIA Dopo avere esaminato con quali biomasse si può produrre energia rinnovabile è

Dettagli

Gestione delle avversità in agricoltura biologica

Gestione delle avversità in agricoltura biologica Gestione delle avversità in agricoltura biologica Anna La Torre Consiglio per la ricerca in agricoltura e l analisi dell economia agraria Centro di ricerca per la patologia vegetale «Noi ereditiamo la

Dettagli

L AUDIT ENERGETICO DEGLI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERGETICO

L AUDIT ENERGETICO DEGLI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERGETICO COMUNE DI CANZO COMUNE DI CASTELMARTE COMUNE DI EUPILIO COMUNE DI LONONE AL SERINO COMUNE DI PROSERPIO COMUNE DI PUSIANO L AUDIT ENERETICO DELI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERETICO Una politica energetica

Dettagli

AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO

AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO LA NOSTRA VISIONE COMUNE Noi, governi locali europei, sostenitori della Campagna delle Città Europee Sostenibili, riuniti alla conferenza di Aalborg+10, confermiamo la nostra

Dettagli

XIII. B4b OL: DE ANLAGE/ANNEXE/ALLEGATO/PRILOGA

XIII. B4b OL: DE ANLAGE/ANNEXE/ALLEGATO/PRILOGA Tagung der Alpenkonferenz Réunion de la Conférence alpine Sessione della Conferenza delle Alpi Zasedanje Alpske konference XIII TOP / POJ / ODG / TDR B4b IT OL: DE ANLAGE/ANNEXE/ALLEGATO/PRILOGA 1 ACXIII_B4b_1_it

Dettagli

CLASSIFICAZIONE DEI SERVIZI PUBBLICI

CLASSIFICAZIONE DEI SERVIZI PUBBLICI CLASSIFICAZIONE DEI SERVIZI PUBBLICI Il presente documento contiene la classificazione dei servizi pubblici adottata per l iniziativa Mettiamoci la faccia. Si tratta di una classificazione e non di una

Dettagli

La ricetta italiana. Le proposte degli Amici della Terra in occasione dell iniziativa del Governo:

La ricetta italiana. Le proposte degli Amici della Terra in occasione dell iniziativa del Governo: AMICI DELLA TERRA ITALIA www.amicidellaterra.it La ricetta italiana Le proposte degli Amici della Terra in occasione dell iniziativa del Governo: Verso Parigi 2015. Gli Stati generali dei cambiamenti climatici

Dettagli

4. Processo di elaborazione: Descrivi brevemente il processo di elaborazione/creazione del vostro progetto/pratica

4. Processo di elaborazione: Descrivi brevemente il processo di elaborazione/creazione del vostro progetto/pratica Descrizione della pratica 1. Identificazione Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica ISIS A. GRAMSCI-J.M. KEYNES Nome della pratica/progetto Consumare meno per consumare tutti Persona referente

Dettagli

VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE (VIA) E LO STUDIO DI IMPATTO AMBIENTALE (SIA)

VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE (VIA) E LO STUDIO DI IMPATTO AMBIENTALE (SIA) La Valutazione di Impatto Ambientale e lo Studio di Impatto Ambientale VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE (VIA) E LO STUDIO DI IMPATTO AMBIENTALE (SIA) http://people.unica.it/maltinti/lezioni Link: SIAeVIA

Dettagli

RAPPORTO AMBIENTALE E RELAZIONE DI SINTESI NON TECNICA DEL PIANO ENERGETICO AMBIENTALE DELLA PROVINCIA DI FIRENZE A CURA DI GREEN TIME SRL

RAPPORTO AMBIENTALE E RELAZIONE DI SINTESI NON TECNICA DEL PIANO ENERGETICO AMBIENTALE DELLA PROVINCIA DI FIRENZE A CURA DI GREEN TIME SRL RAPPORTO AMBIENTALE E RELAZIONE DI SINTESI NON TECNICA DEL PIANO ENERGETICO AMBIENTALE DELLA PROVINCIA DI FIRENZE A CURA DI GREEN TIME SRL 1 Indice della Relazione Tecnico-ambientale Indice delle Tabelle...3

Dettagli

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi La Regione Puglia nel percorso del POAT DAGL Laboratori e sperimentazioni per il miglioramento della qualità della

Dettagli

SCHEDA INFORMATIVA SU ARPAT

SCHEDA INFORMATIVA SU ARPAT SCHEDA INFORMATIVA SU ARPAT ARPAT: cos è ARPAT, l Agenzia regionale per la protezione ambientale della Toscana, è attiva dal 1996. Attraverso una rete di Dipartimenti provinciali presenti sul territorio

Dettagli

il fiorire del S E C C H I A progetto di integrazione socio-spaziale Corte Ospitale Rubiera 25 maggio 2007

il fiorire del S E C C H I A progetto di integrazione socio-spaziale Corte Ospitale Rubiera 25 maggio 2007 il fiorire del S E C C H I A progetto di integrazione socio-spaziale Corte Ospitale Rubiera 25 maggio 2007 Fiorire del Secchia La costruzione di un Parco Aperto Obbiettivi: Salvaguardare l ambientale;

Dettagli

dello Svilupp Il Ministro concerto con di energia attuazione attuazione; successive dell'energia per di criteri e

dello Svilupp Il Ministro concerto con di energia attuazione attuazione; successive dell'energia per di criteri e Il Ministro dello Svilupp po Economico di concerto con IL MINISTRO DELL'AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE ACQUISITO il concerto del Ministro delle politiche agricole alimentari e forestali

Dettagli

SCHEDA 1: PROGRAMMA TRIENNALE DELLE OPERE PUBBLICHE AAAA/AAAA DELL AMMINISTRAZIONE QUADRO DELLE RISORSE DISPONIBILI

SCHEDA 1: PROGRAMMA TRIENNALE DELLE OPERE PUBBLICHE AAAA/AAAA DELL AMMINISTRAZIONE QUADRO DELLE RISORSE DISPONIBILI SCHEDA 1: PROGRAMMA TRIENNALE DELLE OPERE PUBBLICHE AAAA/AAAA QUADRO DELLE RISORSE DISPONIBILI TIPOLOGIE RISORSE Entrate aventi destinazione vincolata per legge Entrate acquisite mediante contrazione di

Dettagli

SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO

SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO Il disegno di legge 1212 Disposizioni sulle Città metropolitane, sulle Province, sulle unioni e fusioni di Comuni approvato dal Senato ha

Dettagli

Articoli 6 e 8 dello Statuto; articoli 2, 3 e 4 del Regolamento per gli istituti di partecipazione

Articoli 6 e 8 dello Statuto; articoli 2, 3 e 4 del Regolamento per gli istituti di partecipazione Proposta di iniziativa popolare concernente il programma di recupero urbano laurentino e l'inserimento del Fosso della Cecchignola nella componente primaria della rete ecologica e destinazione dell'intera

Dettagli

Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014. Sede di Torino. Elaborazione e Cura di:

Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014. Sede di Torino. Elaborazione e Cura di: Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014 Sede di Torino RUGGIERI Nicoletta Maria Mobility Manager Elaborazione e Cura di: CAGGIANIELLO Giorgio SAPIO Michele VENTURA Lorella Amministrazione

Dettagli

RASSEGNA STAMPA La Regione che vogliamo Toscana 29 Aprile 2015

RASSEGNA STAMPA La Regione che vogliamo Toscana 29 Aprile 2015 RASSEGNA STAMPA La Regione che vogliamo Toscana 29 Aprile 2015 COMUNICATO STAMPA La Regione che vogliamo: la CIDA organizza il confronto con i candidati alla Presidenza della regione Toscana 29 Aprile

Dettagli

Lo Sblocca Italia in pillole

Lo Sblocca Italia in pillole Lo Sblocca Italia in pillole Con il decreto Sblocca Italia il Governo ha varato una serie di norme volte a rimettere in moto il settore produttivo del Paese, a sostegno della filiera imprenditoriale e

Dettagli

Titolo II. Norme per parti del territorio... 13 Art.7. Inquadramento territoriale... 13 Art.8. Zonizzazione... 14

Titolo II. Norme per parti del territorio... 13 Art.7. Inquadramento territoriale... 13 Art.8. Zonizzazione... 14 1 Indice Titolo I. Disposizioni generali....5 Art.1. Finalità ed obbiettivi del Piano del Parco...5 Art.2. Elaborati del Piano del Parco....6 Art.3. Efficacia del Piano e rapporti con gli altri piani e

Dettagli

Agenda 21 Locale della Provincia di Novara: progetto di azioni per l avvio del Forum permanente dell Agenda 21 provinciale

Agenda 21 Locale della Provincia di Novara: progetto di azioni per l avvio del Forum permanente dell Agenda 21 provinciale Agenda 21 Locale della Provincia di Novara: progetto di azioni per l avvio del Forum permanente dell Agenda 21 provinciale Verbale tavolo energia/pmi - 19 marzo 2007 Sala Consigliare A cura di: Andrea

Dettagli

Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione

Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione Gruppo di Lavoro ITACA Regioni/Presidenza del Consiglio dei Ministri Aggiornamento 14 novembre 2011 Dipartimento

Dettagli

Laboratorio di Urbanistica. Il piano regolatore nella legislazione italiana recente: ruolo, critica, innovazioni. Prof.

Laboratorio di Urbanistica. Il piano regolatore nella legislazione italiana recente: ruolo, critica, innovazioni. Prof. Laboratorio di Urbanistica Corso di Fondamenti di Urbanistica Il piano regolatore nella legislazione italiana recente: ruolo, critica, innovazioni Prof. Corinna Morandi 20 maggio 2008 1 Dalla iper-regolazione

Dettagli

LE FONTI DI ENERGIA RINNOVABILE IN ITALIA

LE FONTI DI ENERGIA RINNOVABILE IN ITALIA LE FONTI DI ENERGIA RINNOVABILE IN ITALIA Prof. Federico Rossi UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PERUGIA Polo Scientifico Didattico di Terni PRINCIPALI RIFERIMENTI NORMATIVI DLgs 16 marzo 1999 n. 79 (Decreto Bersani):

Dettagli

L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres.

L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres. L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres. Regolamento attuativo dell articolo 9, commi da 26 a 34 della

Dettagli

La politica agricola comune

La politica agricola comune La politica agricola comune Continua... ANNI di Politica Agricola Comune Pronti per il futuro U N A P A R T N E R S H I P T R A L ' E U R O P A E G L I A G R I C O L T O R I Agricoltura e sviluppo rurale

Dettagli

Comune di San Giustino. STUDIO DELLA VIABILITÀ nella frazione di Selci IPOTESI PROGETTUALI

Comune di San Giustino. STUDIO DELLA VIABILITÀ nella frazione di Selci IPOTESI PROGETTUALI Comune di San Giustino STUDIO DELLA VIABILITÀ nella frazione di Selci IPOTESI PROGETTUALI Presentazione pubblica del 19.02.2015 IPOTESI PROGETTUALI CONSIDERAZIONI PRELIMINARI TUTELARE L ACCESSIBILITÀ AI

Dettagli

L agricoltura nell Europa industrializzata

L agricoltura nell Europa industrializzata L agricoltura nell Europa industrializzata L agricoltura delle società industrializzate europee si differenzia da quella dell età moderna per gli attrezzi, le fonti di energia, i macchinari utilizzati

Dettagli

Progetto Rubiera Centro

Progetto Rubiera Centro LE POLITICHE DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA PER LA QUALIFICAZIONE DEI CENTRI COMMERCIALI NATURALI Progetti anno 2013 (D.G.R. n. 1822/2013) Bologna, 1 luglio 2014 Progetto Rubiera Centro Il progetto del comune

Dettagli

Art.5 Piani regionali.

Art.5 Piani regionali. Norme per l attuazione del Piano energetico nazionale in materia di uso razionale dell energia, di risparmio energetico e di sviluppo delle fonti rinnovabili di energia (legge 9/1/1991 n 10) TITOLO I Norme

Dettagli

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI di Giulia Caminiti Sommario: 1. Premessa. 2. La politica di coesione. 3. Fondi a gestione diretta. 4. Fondi a gestione indiretta. 5. Conclusioni.

Dettagli

SLAM: UN PROGETTO PER LA MAPPATURA E IL MONITORAGGIO DELLE FRANE

SLAM: UN PROGETTO PER LA MAPPATURA E IL MONITORAGGIO DELLE FRANE ORDINE REGIONALE DEI GEOLOGI PUGLIA SLAM: UN PROGETTO PER LA MAPPATURA E IL MONITORAGGIO DELLE FRANE Antonio Buonavoglia & Vincenzo Barbieri Planetek Italia s.r.l. n 2/2004 pagg. 32-36 PREMESSA Il progetto

Dettagli

REGIONE MARCHE GIUNTA REGIONALE

REGIONE MARCHE GIUNTA REGIONALE 2 A INIZIATIVA DELLA CONCERNENTE: NORME SUL GOVERNO DEL TERRITORIO Art. 1 Finalità Art. 2 Obiettivi della pianificazione territoriale e urbanistica Capo I Soggetti del governo del territorio Art. 3 Collaborazione

Dettagli

EFFICIENZA E AUTOGESTIONE ENERGETICA A SCALA DI EDIFICIO

EFFICIENZA E AUTOGESTIONE ENERGETICA A SCALA DI EDIFICIO Forum Internazionale Green City Energy MED LO SVILUPPO DELLE SMART CITIES E DEI GREEN PORTS NELL AREA MEDITERANEA Convegno La produzione di energia rinnovabile nella Smart City Sessione Integrazione dei

Dettagli

AVVISO PUBBLICO P R O G R A M M A D I S V I L U P P O R U R A L E D E L L A R E G I O N E C A L A B R I A 2 0 0 7-2 0 1 3

AVVISO PUBBLICO P R O G R A M M A D I S V I L U P P O R U R A L E D E L L A R E G I O N E C A L A B R I A 2 0 0 7-2 0 1 3 AVVISO PUBBLICO P R O G R A M M A D I S V I L U P P O R U R A L E D E L L A R E G I O N E C A L A B R I A 2 0 0 7-2 0 1 3 A S S E 2 : M I G L I O R A M E N T O D E L L A M B I E N T E E D E L L O S P A

Dettagli

Strategia dell UE per la biodiversità fino al 2020

Strategia dell UE per la biodiversità fino al 2020 Dicembre 2011 IT Strategia dell UE per la biodiversità fino al 2020 Biodiversità In Europa quasi un quarto delle specie selvatiche è attualmente minacciato di estinzione. La biodiversità, ossia la straordinaria

Dettagli

I TRASFERIMENTI REGIONALI ALLE PROVINCE PIEMONTESI L ANALISI DEI DATI DELL ANNO 2009 IN RAPPORTO A QUELLI DEGLI ANNI PRECEDENTI

I TRASFERIMENTI REGIONALI ALLE PROVINCE PIEMONTESI L ANALISI DEI DATI DELL ANNO 2009 IN RAPPORTO A QUELLI DEGLI ANNI PRECEDENTI I TRASFERIMENTI REGIONALI ALLE PROVINCE PIEMONTESI L ANALISI DEI DATI DELL ANNO 2009 IN RAPPORTO A QUELLI DEGLI ANNI PRECEDENTI Dall anno 2003 l Unione Province Piemontesi raccoglie, con la collaborazione

Dettagli