REGOLAMENTO PER L USO DELLE PALESTRE COMUNALI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "REGOLAMENTO PER L USO DELLE PALESTRE COMUNALI"

Transcript

1 REGOLAMENTO PER L USO DELLE PALESTRE COMUNALI Art. 1 Oggetto. Il Comune di Varedo, nell ottica di garantire una sempre maggiore attenzione alle politiche sportive e ricordando i principi ispiratori del Tavolo dello Sport, istituito con delibera C.C. n. 49 del , concede in uso le palestre comunali alle associazioni sportive senza fini di lucro regolarmente costituite e, secondariamente, nei modi disciplinati dal presente regolamento, alle altre associazioni varedesi senza fini di lucro con qualsiasi mission sociale, ma che abbiano come fine il benessere della persona e la diffusione della cultura, tra cui quella ludica e sportiva e a privati cittadini che organizzano gratuitamente attività di promozione sportiva e del tempo libero. La concessione d uso avrà luogo a fronte del pagamento della somma che verrà stabilita in un documento allegato al presente regolamento quale parte integrante. Si sottolinea come tutte le concessioni d uso restino comunque sottoposte alle convenzioni stipulate tra il Comune di Varedo e i locali organi collegiali scolastici relativamente alle palestre, qualora direttamente annesse ed in uso ai plessi scolastici stessi, a norma di quanto previsto dal D.Lgs. 122/98 art. 139 (Piano di utilizzazione) e dall art. 12 Legge n. 517 del 04/08/1977. Art. 2 Requisiti e criteri per la concessione d uso. Associazioni Sportive Dilettantistiche. Le palestre vengono concesse in uso alle associazioni sportive dilettantistiche rispettando, laddove possibile, i giorni e gli orari indicati nella richiesta e attenendosi ai seguenti criteri di carattere generale: a) favorire le associazioni sportive storiche o che comunque sono presenti da tempo nel tessuto sportivo di Varedo, con comprovata capacità organizzativa e con ampia adesione di partecipanti; b) favorire lo sviluppo di attività sportive avviate da tempo e riconosciute a vari livelli (nazionale, regionale, provinciale) o che hanno acquisito meriti e risultati sportivi nei campionati e/o tornei federali e degli enti di promozione sportiva nell ultimo biennio; c) garantire opportunità di utilizzo e fruizione degli impianti sportivi a cittadini appartenenti a categorie particolarmente svantaggiate (diversamente abili) o in particolari fasi evolutive (anziani, bambini, ragazzi); d) favorire un equilibrio nella distribuzione di orari tra le diverse attività agonistiche e di allenamento, di avviamento ed amatoriali, riservando e garantendo comunque opportunità di fruizione anche alle Società minori e di nuova costituzione. Le strutture vengono assegnate annualmente per il periodo corrispondente all apertura delle scuole. Le associazioni richiedono gli spazi e gli orari desiderati entro il 15 giugno di ogni anno. Nel caso in cui vi fossero più richieste per i medesimi spazi ed orari, l Amministrazione Comunale, proporrà formule di accordo che possano soddisfare le esigenze di tutti i richiedenti. Laddove fosse impossibile addivenire a soluzioni concordate, l Amministrazione Comunale sceglierà a chi concedere in uso le palestre sulla base dei seguenti criteri in ordine decrescente di priorità: 1) Attività rivolte a portatori di handicap. 2) Attività rivolte ad associazioni che hanno già in uso le palestre in altri giorni, luoghi ed orari, ma per un minor numero di ore settimanali rispetto all associazione con la quale non è stato raggiunto un accordo. 3) Attività sportive espressamente rivolte a bambini e ragazzi che frequentino il ciclo della scuola dell infanzia o della scuola primaria. 1

2 L assegnazione secondo tempi, criteri e metodi di cui ai precedenti commi è garantita alle associazioni sportive aderenti al Tavolo dello Sport, in regola con i requisiti per lo stesso. Esse hanno la precedenza nella richiesta degli spazi che verranno assegnati per un numero non superiore all 80% del totale del monte ore settimanalmente previsto dalle convenzioni in essere con i locali organi collegiali scolastici. Il Comune rilascia ufficialmente le concessioni entro il 30 luglio di ogni anno, sentito il parere del Tavolo dello Sport che tratterà l argomento in una o più riunioni entro il mese di luglio. Il minimo arco temporale giornaliero assegnabile ad una singola associazione è pari a 60 minuti, frazionabili in 30 minuti dopo la prima ora di concessione. Le associazioni sportive possono richiedere gli spazi entro il 15 giugno solo se hanno richieste per giorni ed orari fissi per ciascuna loro attività durante tutto il periodo settembre-giugno. Entro il 15 ottobre di ogni anno, sarà obbligo di ogni singola associazione informare ufficialmente l Amministrazione Comunale della congruità degli orari richiesti con quelli di cui si farà effettivamente uso: dal 1 novembre, il planning annualmente emerso avrà carattere di ufficialità e sarà la base per i controlli e le eventuali revoche di concessione d uso come descritto all art. 16 di questo Regolamento. Art. 3 Requisiti e criteri per la concessione d uso. Associazioni Senza Fini di Lucro non sportivesportive non partecipanti al Tavolo dello Sport. Entro la medesima data del 15 giugno, sono inoltre ammesse a presentare richiesta le associazioni socio-culturali, enti religiosi o comunque qualsiasi altra forma associativa, che abbiano come fine il benessere della persona e la diffusione della cultura, tra cui quella ludica e sportiva e che possano dimostrare di operare in Varedo, avere personalità giuridica, essere iscritte all albo comunale ed essere senza fini di lucro. Ad esse verrà destinata una quota pari al 70% del monte ore lasciato libero dalle associazioni sportive (20% del monte ore settimanalmente previsto dalle convenzioni in essere con i locali organi collegiali scolastici). La richiesta minima settimanale è di 1 ora; quella massima settimanale di 4 ore. Entro il 30 luglio saranno quindi esaminate le richieste, controllati i requisiti dei richiedenti ed informati gli stessi dell avvenuta assegnazione. A differenza di quanto previsto per le associazioni di cui all art. 2, per esse non è invece richiesta una concessione per tutte le settimane dell intera stagione settembre-giugno: a partire dalla data ad esse più utile, si richiede solo un minimo di 8 settimane consecutive (escluse le festività natalizie e pasquali) sino massimo alla conclusione del mese di giugno. Le richieste saranno accolte in ordine cronologico e fino ad esaurimento della disponibilità dei posti, dando priorità alle richieste che prevedono il maggior numero di settimane di utilizzo e la fruizione degli impianti a cittadini in particolari fasi evolutive o a categorie particolarmente svantaggiate, nel seguente ordine: anziani, portatori di disabilità, bambini, ragazzi. Nel caso in cui vi fossero più richieste per i medesimi spazi ed orari, l Amministrazione Comunale proporrà formule di accordo che possano soddisfare le esigenze di tutti i richiedenti, sulla base dei seguenti criteri in ordine decrescente di priorità: o valutazione n. aderenti; o promozione di eventi che valorizzino il territorio e di evidente tradizione locale 2

3 Art. 4 Criteri per la concessione d uso. Privati che organizzano gratuitamente attività di promozione sportiva e del tempo libero e richieste saltuarie. Dal 1 novembre di ogni anno anche i Privati Cittadini che organizzano gratuitamente attività di promozione sportiva e del tempo libero possono richiedere una concessione di spazi-palestra: la richiesta dovrà evidenziare le finalità dell attività per la quale si richiede l utilizzo degli spazi. Ad essi verrà destinata la rimanente quota pari al 30% del monte ore lasciato libero dalle associazioni non sportive. Il comune assegnerà immediatamente gli spazi, in ordine cronologico e sino ad esaurimento delle disponibilità. Il privato che richieda l utilizzo degli spazi-palestre se ne assume ogni responsabilità civile e penale, secondo le modalità previste nel presente Regolamento. Ogni privato cittadino può richiedere un massimo di 2 ore settimanali. La presentazione della richiesta può avvenire anche da parte di un solo cittadino maggiorenne residente; resta inteso che lo stesso può configurarsi come referente di un intero gruppo, ma solo verso lo stesso l amministrazione si rivolgerà per richieste, controlli, esigere pagamenti, ecc. Per i privati cittadini non è invece richiesta una concessione per tutte le settimane dell intera stagione settembre-giugno: a partire dalla data ad essi più utile, si richiede solo un minimo di 8 settimane consecutive (escluse le festività natalizie e pasquali) sino massimo alla conclusione del mese di giugno. Le concessioni saltuarie sia a privati cittadini sia ad associazioni varie possono essere accolte solo dal 1 novembre di ogni anno e solo se si riscontrano ancora ore disponibili a quella data. Le concessioni saltuarie prevedono, anche per le associazioni, il pagamento della tariffa piena prevista per i privati cittadini. Art. 5 Responsabilità ed Assicurazioni Le associazioni tutte ed i privati cittadini concessionari si assumono ogni responsabilità civile, penale ed amministrativa per danni o lesioni che possano derivare agli utenti, a terzi e al patrimonio comunale durante l attività sportiva o a causa di essa. A tal fine depositano presso gli uffici comunali copia della polizza assicurativa stipulata dalle Società e/o a altri Enti/Associazioni auto assicurati. Per i privati cittadini, all atto della richiesta degli spazi-palestra, il richiedente dovrà sottoscrivere una dichiarazione di assunzione di responsabilità per tutti i rischi di cui al precedente comma, con impegno a risarcire tutti i danni eventualmente provocati ed esonerando il Comune di Varedo da ogni tipo di responsabilità. Art. 6 Orari di utilizzo impianti Gli impianti sportivi di norma restano aperti per allenamenti ed attività sportive dal lunedì al sabato mattina compreso, negli orari extra scolastici e nel rispetto degli accordi stipulati con le autorità scolastiche, qualora detti impianti siano direttamente annessi ed in uso ai plessi scolastici. Il sabato pomeriggio, la domenica ed i giorni festivi di norma gli impianti restano chiusi, fatto salvo lo svolgimento di specifiche manifestazioni, oggetto di specifica autorizzazione. I concessionari sono tenuti al rigoroso rispetto degli orari d uso e dei periodi di chiusura degli impianti, comunicati all atto della concessione. I tempi di utilizzo non potranno in alcun modo essere variati dagli utenti. In caso di utilizzo in orario serale, ogni attività deve cessare entro le ore

4 Art. 7 Pagamento delle strutture I pagamenti per l uso delle palestre sono calcolati annualmente in base alle ore richieste dalle Società indipendentemente dal reale utilizzo e fatto salvo quanto previsto dal seguente art. 13. Il mancato pagamento entro il 31 agosto di quanto dovuto per la precedente annualità, comporterà l automatica decadenza della concessione per il successivo anno scolastico e l avvio di atti legali verso i rappresentanti ufficiali delle associazioni tesi al recupero del dovuto. I pagamenti per i privati cittadini concessionari di spazi-palestra e per le richieste di utilizzo saltuario, avvengono in maniera anticipata all atto dell assegnazione, per tutto il periodo di richiesta di utilizzo. Art. 8 Referenti degli Uffici Comunali Si intendono come unici referenti ufficiali del Comune di Varedo i Presidenti delle Associazioni di qualsiasi natura e/o i referenti delle Associazioni Sportive già nominati per il Tavolo dello Sport. Per i privati cittadini, referente è colui il quale firma la richiesta di concessione. Art. 9 Vigilanza e custodia Durante l uso dei locali deve essere presente personale di vigilanza facente parte dell associazione che si impegni ad effettuare, al termine delle attività, un sopralluogo di verifica degli ambienti e provveda a segnalare per iscritto al Comune, entro la giornata successiva, via e/o fax all ufficio sport, eventuali anomalie riscontrate. Detto personale è tenuto a far rispettare le norme di utilizzo ed a vigilare che nessun estraneo all associazione sportiva entri all interno degli spazi e dei locali forniti in concessione. E altresì tenuto a comunicare tempestivamente agli uffici comunali preposti ogni disfunzione, danno o disservizio verificatosi durante le ore di utilizzo. Art. 10 Responsabilità civili e penali I responsabili delle associazioni e i privati cittadini concessionari risponderanno civilmente e penalmente di tutti i danni o illeciti di qualsivoglia natura che si verificassero negli orari di concessione di utilizzo. Art. 11 Apertura e chiusura L apertura e la chiusura delle palestre sono di competenza dei custodi o di persona incaricata dal Comune, ove la struttura non sia custodita o secondo altri e specifici accordi per iscritto tra il Comune e le terze parti coinvolte. Art. 12 Finalità e norme di comportamento generale Gli impianti sportivi comunali sono destinati ad un uso pubblico per la pratica dell attività sportiva, motoria e ludica in un ottica di valorizzazione della rete delle strutture destinate allo sport e degli utenti singoli ed associati che ne promuovono la pratica. I concessionari devono garantire la rigorosa osservanza delle seguenti norme e prescrizioni: 1. Non è ammesso l uso degli impianti per attività diverse da quelle per le quali le ore-palestra sono state richieste ed assegnate (allenamenti, partite, corsi). Di conseguenza è vietata l organizzazione di serate danzanti, feste, cene, ecc.; 4

5 2. Impegno a restituire i locali e gli impianti funzionanti al termine dell utilizzazione giornaliera e a mantenere l ordine all interno dei locali concessi in uso, provvedendo a rimettere sempre a posto gli attrezzi utilizzati; 3. Ai frequentatori delle palestre è fatto assoluto divieto di accedere ai locali della scuola; 4. Nelle palestre e locali annessi è tassativamente vietato mangiare e bere (salvo per gli atleti ristorarsi nel corso della partita o allenamento) e non si possono gettare carte, rifiuti, ecc per terra; 5. E fatto assoluto divieto di fumare nei locali; 6. Il vestiario e le calzature devono essere rigorosamente idonei per svolgere attività sportiva indoor; 7. Per l organizzazione di manifestazioni agonistiche che prevedano la presenza di pubblico deve essere inoltrata al protocollo del Comune specifica richiesta di autorizzazione almeno 30 gg. prima dell evento; 8. Sia alle associazioni sia ai privati cittadini è fatto altresì obbligo di dotarsi di una cassetta di primo soccorso che deve essere conservata a cura dell associazione stessa in luogo non accessibile agli alunni che frequentano la scuola e che utilizzano la palestra comunale durante le attività didattiche. E ammessa la condivisione di tale cassetta, demandandola ad accordi tra le associazioni e/o i privati, dei quali il Comune deve esser obbligatoriamente informato; 9. E fatto divieto a tutti i concessionari di installare attrezzi ed impianti che possano ridurre la disponibilità della palestra. Comunque, ogni alterazione dello stato iniziale dovrà essere autorizzata dalle Autorità competenti (Ufficio tecnico comunale e Dirigenti scolastici); 10. E altresì vietato l uso delle attrezzature mobili (tappetini, cerchi, palloni, ecc.) di proprietà della scuola; 11. E vietato sub-concedere parzialmente o totalmente a terzi gli spazi avuti in uso, pena la revoca immediata della concessione. Art. 13 Sospensione della concessione d uso La concessione potrà in qualunque momento essere sospesa dal Comune qualora l impianto servisse per iniziative comunali o della scuola o per ragioni tecniche contingenti di manutenzione. Il preavviso deve rispettare le seguenti indicazioni: 15 giorni, qualora vi debba essere un uso continuativo e comprovato degli organi collegiali della scuola o per iniziative comunali che si estendano su più di una giornata; 5 giorni, qualora vi sia un uso continuativo e comprovato degli organi collegiali della scuola o per iniziative comunali che durino massimo una giornata; 2 giorni, qualora vi sia un uso sporadico e temporaneo degli organi collegiali della scuola o del Comune per iniziative che durino solo l arco di poche ore (< di 8 h) e per qualsiasi tipo di intervento di manutenzione degli impianti. In tal caso, ai privati cittadini sarà rimborsato quanto dovuto, mentre alle associazioni non saranno conteggiate le suddette ore. Art. 14 Pubblicità ed affissioni E fatto divieto a chiunque di affiggere manifesti o materiale promozionale similare su muri, porte, vetrate, ecc delle palestre comunali. Art. 15 Pulizie 5

6 Pur nel chiedere l accortezza e la diligenza del buon padre di famiglia nel farsi garante di lasciare locali puliti ed in buono stato, fatto salvo il normale utilizzo, le pulizie delle palestre comunali sono a carico del Comune. Art. 16 Revoca della concessione d uso Nel caso in cui il Responsabile di servizio del comune o altro dipendente da lui incaricato ovvero personale in organico alla Polizia Locale verifichino che le associazioni sportive non adempiano a quanto stabilito dal presente regolamento o riscontrino disomogeneità tra le assegnazioni e l utilizzo effettivo di qualsiasi genere (inversioni con altre associazioni non comunicate al Comune, presenza di atleti di fascia d età diversa da quella comunicata), il Responsabile di Servizio del Comune contesta per iscritto al referente dell associazione o al privato cittadino le inadempienze. L associazione o il privato cittadino hanno facoltà di contro dedurre, per iscritto, entro 10 giorni dalla comunicazione. Spetterà al Responsabile di Servizio verificare le controdeduzioni e decidere se accettarle o applicare una penale da un minimo di 50,00 ad un massimo di 500,00, in base alla gravità dell inadempienza. La revoca della concessione per mesi 12 scatterà automaticamente nei seguenti casi: 1. Ad un secondo riscontro di inadempienze, nel caso di una prima accettazione delle controdeduzioni; 2. per gravi inadempienze alle norme del presente regolamento (violazione del planning di assegnazione, mancato pagamento nei termini previsti, sub-concessione a terzi); 3. per reiterate inadempienze. Art. 17 Norme transitorie All entrata in vigore del presente regolamento tutte le associazioni non prettamente sportive e i privati cittadini potranno immediatamente fare richiesta di spazi palestra che verranno assegnati con decorrenza 1 gennaio 2012, sino ad esaurimento delle disponibilità. Ad essi verranno applicate le tariffe previste all allegato A punti 2 e 3 al presente Regolamento. Alle Associazioni sportive, le tariffe, di cui al punto 1 dell allegato A al presente Regolamento, saranno applicate con decorrenza settembre

7 ALLEGATO A ISTITUZIONE TARIFFE Nella determinazione delle tariffe vengono introdotti i seguenti elementi: categoria di persone e fascia di età. Per attività dove si possano mescolare persone appartenenti a diverse categorie o fasce di età, si considera per l applicazione della tariffa il maggior peso percentuale del gruppo di una fascia rispetto ad un altra. [A solo titolo di esempio: una squadra di Basket ai cui allenamenti partecipino 8 ragazzi con 8 anni non compiuti (al settembre dell inizio della stagione sportiva) e 6 ragazzi con 8 anni compiuti, si applicherà la tariffa più bassa. Sta alla singola associazione effettuare la richiesta di assegnazione ad una fascia piuttosto che ad un altra quando non immediatamente desumibile, indicandone le modalità di determinazione.] Punto 1) ASSOCIAZIONI SPORTIVE Attività rivolte a bambini/e fino a 8 anni non compiuti 1 /h Attività rivolte esclusivamente a portatori di handicap 1 /h Attività rivolte a ragazzi/e tra gli 8 anni compiuti ed i 14 non compiuti 6 /h Attività rivolte congiuntamente a portatori di handicap e normodotati 6 /h Attività rivolte esclusivamente ad Anziani, over 65 anni 6 /h Attività rivolte a ragazzi over 14 anni e a tutte le categorie non previste 12 /h Punto 2) - ASSOCIAZIONI NON SPORTIVE (di cui all art. 3 del Regolamento) Attività rivolte esclusivamente ad Anziani, over 65 anni, e/o esclusivamente a portatori di handicap Qualsiasi altro tipo di attività 6 /h 12 /h Punto 3) PRIVATI CITTADINI E RICHIESTE PER USO SALTUARIO (di cui all art. 4 del Regolamento) - PRIVATI CITTADINI - USO SALTUARIO 36 /h di utilizzo 7

REGOLAMENTO PER L ASSEGNAZIONE IN CONCESSIONE DI SPAZI COMUNALI ALLE ASSOCIAZIONI PER SEDI O PER LO SVOLGIMENTO DELLA PROPRIA ATTIVITA

REGOLAMENTO PER L ASSEGNAZIONE IN CONCESSIONE DI SPAZI COMUNALI ALLE ASSOCIAZIONI PER SEDI O PER LO SVOLGIMENTO DELLA PROPRIA ATTIVITA REGOLAMENTO PER L ASSEGNAZIONE IN CONCESSIONE DI SPAZI COMUNALI ALLE ASSOCIAZIONI PER SEDI O PER LO SVOLGIMENTO DELLA PROPRIA ATTIVITA Art. 1 Finalità 1. Le Associazioni svolgono una funzione sociale,

Dettagli

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE E PER UTILIZZO PALESTRE SCOLASTICHE COMUNALI IN ORARIO EXTRASCOLASTICO

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE E PER UTILIZZO PALESTRE SCOLASTICHE COMUNALI IN ORARIO EXTRASCOLASTICO CRITERI PER L ASSEGNAZIONE E PER UTILIZZO PALESTRE SCOLASTICHE COMUNALI IN ORARIO EXTRASCOLASTICO ARTICOLO 1 SCOPO DEI CRITERI Scopo dei presenti criteri è quello di regolare l attività ginnico sportiva

Dettagli

COMUNE DI SAN GIORGIO DI PIANO PROVINCIA DI BOLOGNA

COMUNE DI SAN GIORGIO DI PIANO PROVINCIA DI BOLOGNA COMUNE DI SAN GIORGIO DI PIANO PROVINCIA DI BOLOGNA REGOLAMENTO PER L ASSEGNAZIONE IN CONCESSIONE DI SPAZI ALLE ASSOCIAZIONI PER SEDI O PER LO SVOLGIMENTO DELLA PROPRIA ATTIVITA Approvato con Deliberazione

Dettagli

Comune di San Giorgio a Cremano

Comune di San Giorgio a Cremano Allegato delibera di C.C. n. 151 del 20/11/13 Il Segretario Generale F.to Dr. Pasquale Incarnato Comune di San Giorgio a Cremano REGOLAMENTO UTILIZZO PALESTRE E LOCALI SCOLASTICI Approvato con deliberazione

Dettagli

C o m u n e d i Q U A R T REGOLAMENTO UTILIZZO PALESTRE COMUNALI

C o m u n e d i Q U A R T REGOLAMENTO UTILIZZO PALESTRE COMUNALI REGOLAMENTO UTILIZZO PALESTRE COMUNALI Approvato con delibera della Giunta comunale n. 100 del 3 dicembre 2010 avente ad oggetto Regolamento per l utilizzo delle palestre comunali: approvazione. SOMMARIO

Dettagli

DISCIPLINARE PER L USO IN CONCESSIONE DELLE PALESTRE PROVINCIALI DI PADOVA PER ATTIVITA SPORTIVE IN ORARIO EXTRA SCOLASTICO ANNO 2014/2015 1 -

DISCIPLINARE PER L USO IN CONCESSIONE DELLE PALESTRE PROVINCIALI DI PADOVA PER ATTIVITA SPORTIVE IN ORARIO EXTRA SCOLASTICO ANNO 2014/2015 1 - DISCIPLINARE PER L USO IN CONCESSIONE DELLE PALESTRE PROVINCIALI DI PADOVA PER ATTIVITA SPORTIVE IN ORARIO EXTRA SCOLASTICO ANNO 2014/2015 1 - Finalità Scopo del presente disciplinare è quello di regolamentare

Dettagli

Disposizioni generali per l utilizzo delle palestre scolastiche

Disposizioni generali per l utilizzo delle palestre scolastiche Disposizioni generali per l utilizzo delle palestre scolastiche Il Comune di Giavera del Montello intende incentivare e facilitare un largo accesso alla pratica sportiva da parte dei cittadini, tanto in

Dettagli

Regolamento per la concessione in uso delle palestre comunali

Regolamento per la concessione in uso delle palestre comunali COMUNE DI BUSTO GAROLFO Provincia di Milano Regolamento per la concessione in uso delle palestre comunali Area Socio Culturale Premessa Elenco e caratteristiche degli impianti comunali A) PALESTRA SCUOLE

Dettagli

REGOLAMENTO DI UTILIZZO DEGLI IMPIANTI SPORTIVI COMUNALI

REGOLAMENTO DI UTILIZZO DEGLI IMPIANTI SPORTIVI COMUNALI REGOLAMENTO DI UTILIZZO DEGLI IMPIANTI SPORTIVI COMUNALI Art. 1- Finalità Il presente regolamento ha lo scopo di regolare l attività ginnico-sportiva nelle strutture sportive di proprietà del Comune di

Dettagli

COMUNE DI BARIANO Provincia di Bergamo

COMUNE DI BARIANO Provincia di Bergamo COMUNE DI BARIANO Provincia di Bergamo REGOLAMENTO PER L USO DELLA PALESTRA ANNESSA ALLA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO DA PARTE DI ASSOCIAZIONI, GRUPPI SPORTIVI E PRIVATI CITTADINI IN ORARIO EXTRA SCOLASTICO

Dettagli

COMUNE DI TORRE SANTA SUSANNA

COMUNE DI TORRE SANTA SUSANNA REGOLAMENTO UTILIZZO STRUTTURE SPORTIVE COMUNALI Approvato con Delibera di Giunta Comunale n 19 del 7.03.2006. 1 SOMMARIO Art. 1 Finalità. Pag.3 Art. 2 Titolari delle concessioni temporanee.. Pag. 3 Art.

Dettagli

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DELLE PALESTRE COMUNALI

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DELLE PALESTRE COMUNALI COMUNE DI MARCIGNAGO (Prov. Pavia) REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DELLE PALESTRE COMUNALI Approvato con delibera C.C. n. 15 del 28.04.2011 Art. 1 Finalità Scopo del presente regolamento è quello di regolare

Dettagli

COMUNE DI COTIGNOLA PROVINCIA DI RAVENNA

COMUNE DI COTIGNOLA PROVINCIA DI RAVENNA COMUNE DI COTIGNOLA PROVINCIA DI RAVENNA Piazza Vittorio Emanuele II n.31-48010 Cotignola (RA) Telefono: 0545/908811 - Telefax: 0545/41282 P.IVA 00148580392 e-mail: comunecotignola@racine.ra.it SETTORE

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE IN USO DELLE PALESTRE SCOLASTICHE DEL TERRITORIO COMUNALE

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE IN USO DELLE PALESTRE SCOLASTICHE DEL TERRITORIO COMUNALE Allegato alla deliberazione del Consiglio Comunale n. 27 del 28.9.2007 Il Segretario Generale Il Presidente del Consiglio F.to Dott. Pasquale Mazzone F.to Avv. Michele Pizzuto REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE

Dettagli

COMUNE DI ACCETTURA Provincia di Matera UFFICIO SEGRETERIA

COMUNE DI ACCETTURA Provincia di Matera UFFICIO SEGRETERIA REGOLAMENTO DI GESTIONE DEGLI IMPIANTI SPORTIVI COMUNALI Art. 1 Oggetto e finalità Il presente regolamento disciplina l uso e la gestione degli impianti sportivi e del tempo libero ad uso pubblico di proprietà

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE E L UTILIZZO DELLE PALESTRE DEGLI ISTITUTI SCOLASTICI PREMESSA

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE E L UTILIZZO DELLE PALESTRE DEGLI ISTITUTI SCOLASTICI PREMESSA REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE E L UTILIZZO DELLE PALESTRE DEGLI ISTITUTI SCOLASTICI PREMESSA Scopo del presente regolamento è di favorire e promuovere l apertura delle palestre scolastiche comunali al

Dettagli

Allegato A Regolamento per la concessione e l utilizzo delle palestre scolastiche. PREMESSA

Allegato A Regolamento per la concessione e l utilizzo delle palestre scolastiche. PREMESSA Allegato A Regolamento per la concessione e l utilizzo delle palestre scolastiche. PREMESSA Scopo del presente regolamento è di favorire e promuovere l apertura delle palestre scolastiche comunali al territorio

Dettagli

COMUNE DI MASSA DI SOMMA

COMUNE DI MASSA DI SOMMA COMUNE DI MASSA DI SOMMA PREMESSA Scopo del presente regolamento è di favorire e promuovere l apertura delle palestre scolastiche comunali al territorio nello spirito della più ampia collaborazione e cooperazione

Dettagli

il seguente Regolamento contenente le modalità e criteri per la concessione in uso temporaneo e precario delle palestre scolastiche.

il seguente Regolamento contenente le modalità e criteri per la concessione in uso temporaneo e precario delle palestre scolastiche. Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca ISTITUTO COMPRENSIVO di Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di 1 Grado "Pascoli - Giovinazzi " Via Mazzini n. 25 - Tel. 099.849.11.43

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE IN USO DELLE PALESTRE SCOLASTICHE COMUNE DI CAPRAIA E LIMITE IN ORARIO EXTRASCOLASTICO

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE IN USO DELLE PALESTRE SCOLASTICHE COMUNE DI CAPRAIA E LIMITE IN ORARIO EXTRASCOLASTICO All. A REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE IN USO DELLE PALESTRE SCOLASTICHE COMUNE DI CAPRAIA E LIMITE IN ORARIO EXTRASCOLASTICO Adottato con delibera di Consiglio Comunale n. 21 del 30-06-2015 INDICE ART.

Dettagli

Regolamento per la disciplina delle modalità di affidamento, gestione ed utilizzazione degli impianti sportivi comunali

Regolamento per la disciplina delle modalità di affidamento, gestione ed utilizzazione degli impianti sportivi comunali Comune di Oderzo Città archeologica Regolamento per la disciplina delle modalità di affidamento, gestione ed utilizzazione degli impianti sportivi comunali APPROVATO CON DELIBERA CONSILIARE - N 61 del

Dettagli

COMUNE DI MASER PROVINCIA DI TREVISO

COMUNE DI MASER PROVINCIA DI TREVISO COMUNE DI MASER PROVINCIA DI TREVISO REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DELLA PALESTRA COMUNALE Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 48 in data 30 settembre 2004 INDICE ART. 1 Oggetto ART. 2 -

Dettagli

COMUNE DI MELITO DI NAPOLI Provincia di Napoli REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE E L UTILIZZO DELLE PALESTRE SCOLASTICHE.

COMUNE DI MELITO DI NAPOLI Provincia di Napoli REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE E L UTILIZZO DELLE PALESTRE SCOLASTICHE. COMUNE DI MELITO DI NAPOLI Provincia di Napoli REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE E L UTILIZZO DELLE PALESTRE SCOLASTICHE. PREMESSA Scopo del presente regolamento è di favorire e promuovere l apertura delle

Dettagli

concessionario, viene data in uso la palestra con annesse attrezzature, igienici, siti nel plesso dell edificio scolastico,

concessionario, viene data in uso la palestra con annesse attrezzature, igienici, siti nel plesso dell edificio scolastico, PROVINCIA DI POTENZA ATTO DI CONVENZIONE L anno duemila..( ) il giorno. del mese di.. in Potenza, per il presente atto cui intervengono: 1). nato in. il non in proprio ma quale Dirigente del Settore Edilizia

Dettagli

Regolamento per uso e gestione impianti sportivi

Regolamento per uso e gestione impianti sportivi COMUNE DI CELLINO SAN MARCO Provincia di Brindisi -Via Napoli C.A.P. 72020 Regolamento per uso e gestione impianti sportivi Approvato con delibera di C.C. n. 45 del 29/09/2003 e modificato con delibera

Dettagli

COMUNE DI PREGANZIOL

COMUNE DI PREGANZIOL COMUNE DI PREGANZIOL Provincia di Treviso REGOLAMENTO E CRITERI PER LA CONCESSIONE IN USO DELLE PALESTRE DI PROPRIETA COMUNALE Approvato con deliberazione di Consiglio comunale n. 6 del 20.03.2012 REGOLAMENTO

Dettagli

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEGLI IMPIANTI SPORTIVI COMUNALI

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEGLI IMPIANTI SPORTIVI COMUNALI REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEGLI IMPIANTI SPORTIVI COMUNALI APPROVATO CON DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N. 41 DEL 12.05.2005 FINALITA ART. 1 Il presente regolamento viene emanato in esecuzione di

Dettagli

REGOLAMENTO GENERALE PER L UTILIZZO DEGLI IMPIANTI SPORTIVI COMUNALI

REGOLAMENTO GENERALE PER L UTILIZZO DEGLI IMPIANTI SPORTIVI COMUNALI REGOLAMENTO GENERALE PER L UTILIZZO DEGLI IMPIANTI SPORTIVI COMUNALI Approvato con delibera del Consiglio Comunale n. 135 del 29.09.2003, circa : Nuovo Regolamento generale per l utilizzo degli impianti

Dettagli

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO IMPIANTI SPORTIVI COMUNALI

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO IMPIANTI SPORTIVI COMUNALI COMUNE DI MEDICINA (Provincia di Bologna) REGOLAMENTO PER L UTILIZZO IMPIANTI SPORTIVI COMUNALI Approvato con delibera del Consiglio Comunale n. 46 in data 31/03/2011, dichiarata immediatamente eseguibile

Dettagli

PROVINCIA DI ORISTANO REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE IN USO DELLE PALESTRE SCOLASTICHE

PROVINCIA DI ORISTANO REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE IN USO DELLE PALESTRE SCOLASTICHE PROVINCIA DI ORISTANO REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE IN USO DELLE PALESTRE SCOLASTICHE Approvato con delibera C.P. n. l5 del 25 marzo 2003 ARTICOLO 1 1. ll presente regolamento disciplina l uso, in orario

Dettagli

COMUNE di CASELETTE Provincia Torino

COMUNE di CASELETTE Provincia Torino COMUNE di CASELETTE Provincia Torino REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DELLA PALESTRA COMUNALE Art. 1 Utilizzo delle palestra comunale. Il Comune di Caselette concede ad Istituzioni Scolastiche, Associazioni,

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER L UTILIZZO DELLE PALESTRE SCOLASTICHE

REGOLAMENTO COMUNALE PER L UTILIZZO DELLE PALESTRE SCOLASTICHE Allegato sub lettera A) alla delibera C.C. n 78 del 20.07.2011 COMUNE DI MIRA (Provincia di Venezia) SETTORE RISORSE UMANE, FORMATIVE, INFORMATIVE E CULTURALI Servizi Scolastici e Sport REGOLAMENTO COMUNALE

Dettagli

COMUNE DI NOLA Provincia di Napoli REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DELLE PALESTRE SCOLASTICHE COMUNALI IN ORARIO EXTRASCOLASTICO

COMUNE DI NOLA Provincia di Napoli REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DELLE PALESTRE SCOLASTICHE COMUNALI IN ORARIO EXTRASCOLASTICO COMUNE DI NOLA Provincia di Napoli REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DELLE PALESTRE SCOLASTICHE COMUNALI IN ORARIO EXTRASCOLASTICO ART. 1 - OGGETTO E FINALITA 1. Il presente Regolamento disciplina l utilizzo

Dettagli

COMUNE DI BRUSAPORTO PROVINCIA DI BERGAMO

COMUNE DI BRUSAPORTO PROVINCIA DI BERGAMO COMUNE DI BRUSAPORTO PROVINCIA DI BERGAMO REGOLAMENTO PER L'UTILIZZO E LA GESTIONE DELLE PALESTRE COMUNALI Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 29 del 23.07.2015 Art. 1 PRINCIPI GENERALI

Dettagli

REGOLAMENTO PER L USO DELLA PALESTRA COMUNALE

REGOLAMENTO PER L USO DELLA PALESTRA COMUNALE REGOLAMENTO PER L USO DELLA PALESTRA COMUNALE Art. 1. PRINCIPI GENERALI E FINALITA 1) Il presente regolamento ha lo scopo di salvaguardare le strutture e identificare chiaramente le modalità per l utilizzo

Dettagli

COMUNE DI GIAGLIONE PROVINCIA DI TORINO REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEL SALONE POLIVALENTE IN FRAZ. SAN GIUSEPPE N.115

COMUNE DI GIAGLIONE PROVINCIA DI TORINO REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEL SALONE POLIVALENTE IN FRAZ. SAN GIUSEPPE N.115 COMUNE DI GIAGLIONE PROVINCIA DI TORINO REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEL SALONE POLIVALENTE IN FRAZ. SAN GIUSEPPE N.115 Approvato con delibera di Consiglio Comunale n. del 1 ART. 1 Oggetto 1.1. II presente

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO STATALE G. SALVEMINI Centro Studi Polivalente Japigia Via Prezzolini, 9 70126 Bari

LICEO SCIENTIFICO STATALE G. SALVEMINI Centro Studi Polivalente Japigia Via Prezzolini, 9 70126 Bari LICEO SCIENTIFICO STATALE G. SALVEMINI Centro Studi Polivalente Japigia Via Prezzolini, 9 70126 Bari Tel.080/5548739 Fax 080/5548742 E-Mail: baps060001@istruzione.it - C.F.80016760722 PREMESSO Che l art.

Dettagli

CITTA DI CAMPI SALENTINA Provincia di Lecce APPROVATO NELLA SEDUTA CONSILIARE DEL 30/11/2010 CON ATTO N. 73

CITTA DI CAMPI SALENTINA Provincia di Lecce APPROVATO NELLA SEDUTA CONSILIARE DEL 30/11/2010 CON ATTO N. 73 CITTA DI CAMPI SALENTINA Provincia di Lecce APPROVATO NELLA SEDUTA CONSILIARE DEL 30/11/2010 CON ATTO N. 73 REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DEGLI IMPIANTI SPORTIVI COMUNALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI

Dettagli

Comune di Faenza Settore Cultura Istruzione. Regolamento per la concessione delle palestre scolastiche comunali Giugno 1999

Comune di Faenza Settore Cultura Istruzione. Regolamento per la concessione delle palestre scolastiche comunali Giugno 1999 Art. 1 Finalità Comune di Faenza Settore Cultura Istruzione Regolamento per la concessione delle palestre scolastiche comunali Giugno 1999 Scopo del presente regolamento è quello di regolare l'attività

Dettagli

REGOLAMENTO PER L USO DELLE PALESTRE COMUNALI

REGOLAMENTO PER L USO DELLE PALESTRE COMUNALI COMUNE DI MOGGIO UDINESE Provincia di Udine P.ZZA UFFICI, 1 C.F. 8400 1550 304 TEL. 0433 / 51177-51877-51888 www.comune.moggioudinese.ud.it medaglia d'oro al valore civile C.A.P. 33015 P. I.V.A. 01 134

Dettagli

REGOLAMENTO PER GLI IMPIANTI SPORTIVI COMUNALI APPROVATO CON DELIBERA DI CONSIGLIO COMUNALE N. 14 DEL 2010

REGOLAMENTO PER GLI IMPIANTI SPORTIVI COMUNALI APPROVATO CON DELIBERA DI CONSIGLIO COMUNALE N. 14 DEL 2010 REGOLAMENTO PER GLI IMPIANTI SPORTIVI COMUNALI APPROVATO CON DELIBERA DI CONSIGLIO COMUNALE N. 14 DEL 2010 TITOLO I Art 1 Definizione di impianto sportivo comunale Si definiscono impianti sportivi comunali

Dettagli

COMUNE DI MONREALE REGOLAMENTO. per la CONCESSIONE e l UTILIZZO delle PALESTRE SCOLASTICHE

COMUNE DI MONREALE REGOLAMENTO. per la CONCESSIONE e l UTILIZZO delle PALESTRE SCOLASTICHE COMUNE DI MONREALE REGOLAMENTO per la CONCESSIONE e l UTILIZZO delle PALESTRE SCOLASTICHE PREMESSA Scopo del presente regolamento è di favorire e promuovere l apertura delle palestre scolastiche comunali

Dettagli

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEGLI IMPIANTI SPORTIVI DELLE PALESTRE SCOLASTICHE ED ALTRE STRUTTURE COMUNALI

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEGLI IMPIANTI SPORTIVI DELLE PALESTRE SCOLASTICHE ED ALTRE STRUTTURE COMUNALI REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEGLI IMPIANTI SPORTIVI DELLE PALESTRE SCOLASTICHE ED ALTRE STRUTTURE COMUNALI Premessa Gli impianti sportivi come le altre strutture comunali hanno preciso intento di dare una

Dettagli

18. L Accesso alla palestra è consentito solo a coloro che devono svolgere l attività sportiva e che sono iscritti alla Società richiedente.

18. L Accesso alla palestra è consentito solo a coloro che devono svolgere l attività sportiva e che sono iscritti alla Società richiedente. Premessa 5(*2/$0(1723(5/ 862'(//(3$/(675(6&2/$67,&+( 1. L Amministrazione Comunale, nel rispetto della legislazione vigente e dei criteri generali, determinati dal Consiglio Scolastico Provinciale con

Dettagli

PROVINCIA DI TARANTO

PROVINCIA DI TARANTO PROVINCIA DI TARANTO REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE IN USO DI LOCALI ED ATTREZZATURE SCOLASTICHE DI COMPETENZA DELLA PROVINCIA DI TARANTO Art. 1 I Consigli d istituto sono tenuti, per legge, alla programmazione

Dettagli

COMUNE DI CALDERARA DI RENO Provincia di Bologna REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE TEMPORANEA IN USO DEI LOCALI DI VIA ROMA 12/C A CALDERARA DI RENO

COMUNE DI CALDERARA DI RENO Provincia di Bologna REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE TEMPORANEA IN USO DEI LOCALI DI VIA ROMA 12/C A CALDERARA DI RENO COMUNE DI CALDERARA DI RENO Provincia di Bologna REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE TEMPORANEA IN USO DEI LOCALI DI VIA ROMA 12/C A CALDERARA DI RENO Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 16

Dettagli

COMUNE DI IDRO PROVINCIA DI BRESCIA. Ufficio Segreteria

COMUNE DI IDRO PROVINCIA DI BRESCIA. Ufficio Segreteria COMUNE DI IDRO PROVINCIA DI BRESCIA Ufficio Segreteria Via San Michele, 81 25074 Idro - tel. 036583136 fax. 0365823035 e-mail segreteria@comune.idro.bs.it REGOLAMENTO COMUNALE PER L USO E LA GESTIONE DEGLI

Dettagli

(approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 53 in data 26/11/2010)

(approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 53 in data 26/11/2010) COMUNE DI CASTELLINA MARITTIMA PROVINCIA DI PISA REGOLAMENTO COMUNALE PER L UTILIZZO DEI LOCALI E DELLE STRUTTURE COMUNALI (approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 53 in data 26/11/2010)

Dettagli

COMUNE DI GAMBATESA Provincia di Campobasso

COMUNE DI GAMBATESA Provincia di Campobasso COMUNE DI GAMBATESA Provincia di Campobasso REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DI BENI IMMOBILI, MOBILI E ATTREZZATURE COMUNALI Approvato con Delibera del C.C. n. del INDICE Art. 1 Oggetto Art. 2 Impianti sportivi

Dettagli

CITTA DI TORRE DEL GRECO 3^ AREA

CITTA DI TORRE DEL GRECO 3^ AREA CITTA DI TORRE DEL GRECO 3^ AREA Regolamento per la concessione in uso delle palestre coperte e degli spazi aperti adibiti ad attività sportive annessi alle scuole cittadine di proprietà comunale CITTA

Dettagli

REGOLAMENTO PALESTRE ART. 1 FINALITA

REGOLAMENTO PALESTRE ART. 1 FINALITA REGOLAMENTO PALESTRE ART. 1 FINALITA La gestione in orario extrascolastico delle palestre è di competenza dell Amministrazione Comunale che la esplica tramite la stipula di Convenzioni con Società Sportive

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CONCESSIONE IN USO TEMPORANEO DELLE PALESTRE DI PROPRIETA COMUNALE O A DISPOSIZIONE DELL ENTE COMUNALE INDICE

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CONCESSIONE IN USO TEMPORANEO DELLE PALESTRE DI PROPRIETA COMUNALE O A DISPOSIZIONE DELL ENTE COMUNALE INDICE REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CONCESSIONE IN USO TEMPORANEO DELLE PALESTRE DI PROPRIETA COMUNALE O A DISPOSIZIONE DELL ENTE COMUNALE INDICE Art. 1 Oggetto del regolamento Art. 2 Forme di gestione Art. 3

Dettagli

COMUNE DI PALAU Provincia di Olbia-Tempio

COMUNE DI PALAU Provincia di Olbia-Tempio COMUNE DI PALAU Provincia di Olbia-Tempio REGOLAMENTO PER L UTILIZZO E LA GESTIONE DELLE STRUTTURE SPORTIVE DEL COMUNE approvato dal Consiglio Comunale in seduta del 03/06/2004 con deliberazione n.13 integrazione

Dettagli

Seduta Consiglio di Istituto del 12.01.2015 DELIBERA N. 2/2015 Criteri per la concessione a terzi dei locali scolastici IL CONSIGLIO DI ISTITUTO

Seduta Consiglio di Istituto del 12.01.2015 DELIBERA N. 2/2015 Criteri per la concessione a terzi dei locali scolastici IL CONSIGLIO DI ISTITUTO ISTITUTO COMPRENSIVO CAVEZZO Comune di Cavezzo Via 1 Maggio, n. 148 41032 CAVEZZO (MO) Cod. Mecc. MOIC838003 C.F. 91029930368 Tel 0535-58608 / Fax 0535-46265 moic838003@istruzione.it moic838003@pec.istruzione.it

Dettagli

ISTITUTO SUPERIORE GENTILESCHI Via Nuova Agnano, 30 80125 Napoli Tel/fax 0817624019 sito web: www.istitutosuperioregentileschi.it

ISTITUTO SUPERIORE GENTILESCHI Via Nuova Agnano, 30 80125 Napoli Tel/fax 0817624019 sito web: www.istitutosuperioregentileschi.it Prot. 7193 del 28/10/2014 A TUTTA L UTENZA - AL SITO WEB P.C. ALLA PROVINCIA DI NAPOLI BANDO PER L AFFIDAMENTO IN CONCESSIONE DELLA GESTIONE DELLA PALESTRA dell ISTITUTO di ISTRUZIONE SUPERIORE STATALE

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE IN USO DEI CAMPI SPORTIVI DI CALCIO A 11 GESTITI DIRETTAMENTE DAL COMUNE

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE IN USO DEI CAMPI SPORTIVI DI CALCIO A 11 GESTITI DIRETTAMENTE DAL COMUNE REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE IN USO DEI CAMPI SPORTIVI DI CALCIO A 11 GESTITI DIRETTAMENTE DAL COMUNE (approvato con delibera Consiglio comunale n. 50 del 11.09.2014) ART. 1 - Oggetto del regolamento

Dettagli

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DELLA CUCINA E DEL REFETTORIO SCOLASTICI

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DELLA CUCINA E DEL REFETTORIO SCOLASTICI REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DELLA CUCINA E DEL REFETTORIO SCOLASTICI (Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 32 del 20/05/2015) Art. 1 Individuazione dei locali L Amministrazione Comunale,

Dettagli

DISCIPLINARE PER L USO DELLE PALESTRE SCOLASTICHE E COMUNALI NONCHE PER L ASSEGNAZIONE DEGLI SPAZI ACQUA PRESSO LE PISCINE COMUNALI DEL BERNINO.

DISCIPLINARE PER L USO DELLE PALESTRE SCOLASTICHE E COMUNALI NONCHE PER L ASSEGNAZIONE DEGLI SPAZI ACQUA PRESSO LE PISCINE COMUNALI DEL BERNINO. DISCIPLINARE PER L USO DELLE PALESTRE SCOLASTICHE E COMUNALI NONCHE PER L ASSEGNAZIONE DEGLI SPAZI ACQUA PRESSO LE PISCINE COMUNALI DEL BERNINO. ARTICOLO 1 (OGGETTO E FINALITA ) Il presente disciplinare

Dettagli

COMUNE DI PONTERANICA

COMUNE DI PONTERANICA COMUNE DI PONTERANICA Provincia di Bergamo Regolamento comunale per l utilizzo delle palestre comunali e degli spazi pubblici adibiti all attività sportiva (Approvato con Delibera del Consiglio Comunale

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA PALESTRA COMUNALE DI MASER

REGOLAMENTO DELLA PALESTRA COMUNALE DI MASER REGOLAMENTO DELLA PALESTRA COMUNALE DI MASER Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 25 in data 31 agosto 2015 ART.1 - OGGETTO 1. li presente regolamento disciplina l'uso della PALESTRA COMUNALE,

Dettagli

COMUNE DI MASSA Settore Pubblica Istruzione e Sport

COMUNE DI MASSA Settore Pubblica Istruzione e Sport COMUNE DI MASSA Settore Pubblica Istruzione e Sport BANDO PER L ASSEGNAZIONE DI SPAZI NELLE PALESTRE COMUNALI E PROVINCIALI UBICATE NEL COMUNE DI MASSA. STAGIONE SPORTIVA 2014-2015 1. Oggetto del bando

Dettagli

REGOLAMENTO PER L AFFIDAMENTO IN GESTIONE DEGLI IMPIANTI SPORTIVI COMUNALI

REGOLAMENTO PER L AFFIDAMENTO IN GESTIONE DEGLI IMPIANTI SPORTIVI COMUNALI REGOLAMENTO PER L AFFIDAMENTO IN GESTIONE DEGLI IMPIANTI SPORTIVI COMUNALI Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 4 in data 12.03.2015 INDICE Art. 1 DEFINIZIONI Art. 2 OGGETTO E FINALITA

Dettagli

PROVINCIA DI SAVONA REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DELLE PALESTRE SCOLASTICHE E DEGLI IMPIANTI SPORTIVI PROVINCIALI

PROVINCIA DI SAVONA REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DELLE PALESTRE SCOLASTICHE E DEGLI IMPIANTI SPORTIVI PROVINCIALI PROVINCIA DI SAVONA REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DELLE PALESTRE SCOLASTICHE E DEGLI IMPIANTI SPORTIVI PROVINCIALI Approvato dal Consiglio Provinciale con deliberazione n. 59 dell 11 ottobre 2007 (Testo

Dettagli

Regolamento per l utilizzo temporaneo della Palestra scolastica. Il Consiglio D Istituto

Regolamento per l utilizzo temporaneo della Palestra scolastica. Il Consiglio D Istituto Regolamento per l utilizzo temporaneo della Palestra scolastica Il Consiglio D Istituto Visto l art.50 del Decreto n 44 del 1/2 2001 che attribuisce all Istituzione scolastica la facoltà di concedere a

Dettagli

Approvato con deliberazione di Consiglio comunale n. 35 del 4.8.2011. INDICE REVISIONI al REGOLAMENTO N. REVISIONE N. DELIBERA

Approvato con deliberazione di Consiglio comunale n. 35 del 4.8.2011. INDICE REVISIONI al REGOLAMENTO N. REVISIONE N. DELIBERA Comune di Villasor Provincia di Cagliari Regolamento comunale per lo Sport Approvato con deliberazione di Consiglio comunale n. 35 del 4.8.2011 INDICE REVISIONI al REGOLAMENTO N. REVISIONE N. DELIBERA

Dettagli

CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI CAPO II AFFIDAMENTO IN USO CAPO III AFFIDAMENTO IN GESTIONE

CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI CAPO II AFFIDAMENTO IN USO CAPO III AFFIDAMENTO IN GESTIONE Apppprroovvaat too ccoonn ddeel libbeerraazzi ioonnee nn..003366/ /CC ddeel l 2200..0044..22000099 - REGOLAMENTO PPER L AFFFFIIDAMENTO IIN USSO E IIN GESSTIIONE DEGLII IIMPPIIANTII SSPPORTIIVII COMUNALII

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER L UTILIZZO DELLE PALESTRE SCOLASTICHE AL DI FUORI DELL ORARIO SCOLASTICO

REGOLAMENTO COMUNALE PER L UTILIZZO DELLE PALESTRE SCOLASTICHE AL DI FUORI DELL ORARIO SCOLASTICO COMUNE DI FERRARA Città Patrimonio dell Umanità REGOLAMENTO COMUNALE PER L UTILIZZO DELLE PALESTRE SCOLASTICHE AL DI FUORI DELL ORARIO SCOLASTICO ART. 1 A norma delle disposizioni contenute nel 2 comma

Dettagli

ALLEGATO ALLA D.G. N. 125 del 2.8.2002 CONVENZIONE

ALLEGATO ALLA D.G. N. 125 del 2.8.2002 CONVENZIONE ALLEGATO ALLA D.G. N. 125 del 2.8.2002 CONVENZIONE PER L USO DELL IMPIANTO SPORTIVO ANNESSO ALL ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE J. M. KEYNES, SITO IN VIA BONDANELLO 30, E RELATIVE ATTREZZATURE fra la

Dettagli

COMUNE DI PESCHIERA DEL GARDA CITTA TURISTICA E D ARTE REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L USO TEMPORANEO DEI LOCALI SCOLASTICI

COMUNE DI PESCHIERA DEL GARDA CITTA TURISTICA E D ARTE REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L USO TEMPORANEO DEI LOCALI SCOLASTICI COMUNE DI PESCHIERA DEL GARDA CITTA TURISTICA E D ARTE REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L USO TEMPORANEO DEI LOCALI SCOLASTICI approvato con deliberazione di C.S. n. 50 del 19/3/2004 1 Art. 1 Oggetto Il presente

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE E L UTILIZZO DELLA PALESTRA SCOLASTICA

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE E L UTILIZZO DELLA PALESTRA SCOLASTICA COMUNE DI PATU Provincia di Lecce - Regolamento Comunale REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE E L UTILIZZO DELLA PALESTRA SCOLASTICA Approvato con Deliberazione del Consiglio Comunale n. 6 del 12/03/2014 PREMESSA

Dettagli

Approvati con deliberazioni consiliari n. 28 e 29 dd. 09.07.2013.

Approvati con deliberazioni consiliari n. 28 e 29 dd. 09.07.2013. Regolamento e tabella tariffe per la concessione in uso dei locali dei nidi d infanzia, scuole dell infanzia comunali, ricreatori comunali e poli di aggregazione giovanile Approvati con deliberazioni consiliari

Dettagli

COMUNE di NOGAROLE VICENTINO Provincia di Vicenza

COMUNE di NOGAROLE VICENTINO Provincia di Vicenza COMUNE di NOGAROLE VICENTINO Provincia di Vicenza REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DELLA PALESTRA COMUNALE PALANOGAROLE (Approvato con delibera del C.C. n. 13 del 25/06/2007) Art. 1 Finalità Scopo del presente

Dettagli

COMUNE DI MASSA DI SOMMA

COMUNE DI MASSA DI SOMMA COMUNE DI MASSA DI SOMMA REGOLAMENTO PER L AFFIDAMENTO IN CONCESSIONE DELLA GESTIONE DEGLI IMPIANTI SPORTIVI COMUNALI L.R.C. 19 DEL 25.11.2013 PREMESSA Scopo del presente regolamento è di favorire e promuovere

Dettagli

Comune di Comacchio Settore AA.GG. Cultura e Promozione del Territorio - Personale

Comune di Comacchio Settore AA.GG. Cultura e Promozione del Territorio - Personale Comune di Comacchio Settore AA.GG. Cultura e Promozione del Territorio - Personale Prot. n. 2170 del 14-01-2013 TIT. 4 CLAS. 09 File: polispmagnavacca-caiazzo_12-13-det DETERMINAZIONE N. 199/271 del 12-12-2012

Dettagli

Comune di Casorate Primo REGOLAMENTO D USO DEI LOCALI DI PROPRIETA COMUNALE E DELLE STRUTTURE ED ATTREZZATURE SCOLASTICHE

Comune di Casorate Primo REGOLAMENTO D USO DEI LOCALI DI PROPRIETA COMUNALE E DELLE STRUTTURE ED ATTREZZATURE SCOLASTICHE Comune di Casorate Primo REGOLAMENTO D USO DEI LOCALI DI PROPRIETA COMUNALE E DELLE STRUTTURE ED ATTREZZATURE SCOLASTICHE Approvato con Deliberazione del Consiglio Comunale n 15 del 3.5.2011 TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

Modello concessione utilizzo palestra

Modello concessione utilizzo palestra q Modello concessione utilizzo palestra Concessione per l utilizzo della palestra dell Istituto, di proprietà provinciale e trasferta in uso ai sensi della L. 23/96 e delle relative attrezzature sportive,

Dettagli

COMUNE DI MASERADA SUL PIAVE Provincia di Treviso

COMUNE DI MASERADA SUL PIAVE Provincia di Treviso COMUNE DI MASERADA SUL PIAVE Provincia di Treviso Regolamento per utilizzo palestre scolastiche comunali in orario extrascolastico approvato con Delibera di Consiglio Comunale n. 13 del 30/04/2015 REGOLAMENTO

Dettagli

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEI LOCALI COMUNALI DESTINATI AD ATTIVITA SPORTIVE RICREATIVE E CULTURALI

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEI LOCALI COMUNALI DESTINATI AD ATTIVITA SPORTIVE RICREATIVE E CULTURALI COMUNE DI BASTIDA PANCARANA (Provincia di Pavia) C.F. 86001910180 Partita IVA 00488500182 Telefono 0383 85002 fax 0383 895700 REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEI LOCALI COMUNALI DESTINATI AD ATTIVITA SPORTIVE

Dettagli

BANDO DI GARA AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DELLA PALESTRA DELL ISTITUTO TECNICO DEI TRASPORTI E LOGISTICA NAUTICO SAN GIORGIO CALATA DARSENA - GENOVA

BANDO DI GARA AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DELLA PALESTRA DELL ISTITUTO TECNICO DEI TRASPORTI E LOGISTICA NAUTICO SAN GIORGIO CALATA DARSENA - GENOVA BANDO DI GARA AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DELLA PALESTRA DELL ISTITUTO TECNICO DEI TRASPORTI E LOGISTICA NAUTICO SAN GIORGIO CALATA DARSENA - GENOVA 1. Oggetto e finalità utilizzo palestra scolastica. a)

Dettagli

REGOLAMENTO PER L USO DA PARTE DELLE ASSOCIAZIONI DEI LOCALI DELL EX MAGAZZINO IDRAULICO

REGOLAMENTO PER L USO DA PARTE DELLE ASSOCIAZIONI DEI LOCALI DELL EX MAGAZZINO IDRAULICO COMUNE DI VILLANOVA MARCHESANA Provincia di Rovigo Piazza Marconi, 2 45030 Villanova Marchesana (RO) REGOLAMENTO PER L USO DA PARTE DELLE ASSOCIAZIONI DEI LOCALI DELL EX MAGAZZINO IDRAULICO CENTRO RICREATIVO

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELLA STRUTTURA POLIFUNZIONALE DI PIAZZALE ROMA LA PISTA

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELLA STRUTTURA POLIFUNZIONALE DI PIAZZALE ROMA LA PISTA Comune di Castelnuovo di Val di Cecina Provincia Di Pisa REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELLA STRUTTURA POLIFUNZIONALE DI PIAZZALE ROMA LA PISTA Approvato con atto di Consiglio Comunale n. 090 del 22.12.2009

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE IN USO DELLA PALESTRA IN ORARIO EXTRA SCOLASTICO

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE IN USO DELLA PALESTRA IN ORARIO EXTRA SCOLASTICO CONSORZIO TRA I COMUNI DI CERNUSCO LOMBARDONE, LOMAGNA, OSNAGO E MONTEVECCHIA PER LA SCUOLA MEDIA STATALE G. VERGA DI CERNUSCO LOMBARDONE. REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE IN USO DELLA PALESTRA IN ORARIO

Dettagli

REGOLAMENTO PALESTRA COMUNALE POLIVALENTE VIA BERLINGUER

REGOLAMENTO PALESTRA COMUNALE POLIVALENTE VIA BERLINGUER COMUNE DI S. AGATA SUL SANTERNO Provincia di Ravenna REGOLAMENTO PALESTRA COMUNALE POLIVALENTE VIA BERLINGUER Approvato con delibera di Consiglio Comunale n. 44 del 11 Settembre 1995 Angela\Regolamenti\Palestra

Dettagli

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DELLA PALESTRA COMUNALE DI FIAVE'

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DELLA PALESTRA COMUNALE DI FIAVE' COMUNE DI FIAVE PROVINCIA DI TRENTO REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DELLA PALESTRA COMUNALE DI FIAVE' Approvato con deliberazione del Consiglio comunale n. 16 dd. 16.10.2014 CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI ART.

Dettagli

Regolamento per la concessione in uso degli impianti sportivi annessi agli istituti scolastici di pertinenza provinciale

Regolamento per la concessione in uso degli impianti sportivi annessi agli istituti scolastici di pertinenza provinciale PROVINCIA DI ROMA Regolamento per la concessione in uso degli impianti sportivi annessi agli istituti scolastici di pertinenza provinciale Adottato con deliberazione del Consiglio Provinciale n. 24 del

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ASSEGNAZIONE E L UTILIZZAZIONE DI SPAZI NEI CENTRI CIVICI E NEGLI ALTRI IMMOBILI DI PROPRIETÀ COMUNALE

REGOLAMENTO PER L ASSEGNAZIONE E L UTILIZZAZIONE DI SPAZI NEI CENTRI CIVICI E NEGLI ALTRI IMMOBILI DI PROPRIETÀ COMUNALE REGOLAMENTO PER L ASSEGNAZIONE E L UTILIZZAZIONE DI SPAZI NEI CENTRI CIVICI E NEGLI ALTRI IMMOBILI DI PROPRIETÀ COMUNALE (Approvato con delibera consiliare n. 23 del 15.02.2005) ART. 1 OGGETTO DEL REGOLAMENTO

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA GESTIONE E DELL USO DEGLI IMPIANTI SPORTIVI COMUNALI

REGOLAMENTO DELLA GESTIONE E DELL USO DEGLI IMPIANTI SPORTIVI COMUNALI COMUNE DI RIMINI REGOLAMENTO DELLA GESTIONE E DELL USO DEGLI IMPIANTI SPORTIVI COMUNALI (approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n.144 del 18/12/2007, in vigore dall 01/01/2008 - tranne il punto

Dettagli

Comune di Cura Carpignano Provincia di Pavia REGOLAMENTO PER L'UTILIZZO DELLA SALA POLIFUNZIONALE IN FRAZIONE PRADO

Comune di Cura Carpignano Provincia di Pavia REGOLAMENTO PER L'UTILIZZO DELLA SALA POLIFUNZIONALE IN FRAZIONE PRADO Comune di Cura Carpignano Provincia di Pavia REGOLAMENTO PER L'UTILIZZO DELLA SALA POLIFUNZIONALE IN FRAZIONE PRADO Allegato deliberazione C.C. n. 14 del 21.06.2013 INDICE Art. 1 - Oggetto del Regolamento

Dettagli

REGOLAMENTO PER L'UTILIZZO DEI LOCALI COMUNALI E DELL AULA CONSILIARE

REGOLAMENTO PER L'UTILIZZO DEI LOCALI COMUNALI E DELL AULA CONSILIARE REGOLAMENTO PER L'UTILIZZO DEI LOCALI COMUNALI E DELL AULA CONSILIARE Art. 1 - Scopi. Con il presente regolamento si definiscono direttive e linee orientative per l uso dei locali comunali e dell aula

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E L USO DEGLI IMPIANTI SPORTIVI COMUNALI

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E L USO DEGLI IMPIANTI SPORTIVI COMUNALI COMUNE DI CASALBUTTANO ED UNITI (Prov. di Cremona) REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E L USO DEGLI IMPIANTI SPORTIVI COMUNALI Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 31 del 14.9.2006 INDICE DEGLI

Dettagli

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DELLA PALESTRA E DELLE ATTREZZATURE SPORTIVE

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DELLA PALESTRA E DELLE ATTREZZATURE SPORTIVE REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DELLA PALESTRA E DELLE ATTREZZATURE SPORTIVE 1 INDICE... 2 Premessa... 3 Art. 1 Norme generali e compiti dell insegnante... 3 Art. 2 Norme per gli alunni... 3 Art. 3 Concessione

Dettagli

Prot. N. 5019 del 1 settembre 2015 Delibera n. 11 del consiglio di Istituto del 1/09/2015 REGOLAMENTO USO LOCALI SCOLASTICI

Prot. N. 5019 del 1 settembre 2015 Delibera n. 11 del consiglio di Istituto del 1/09/2015 REGOLAMENTO USO LOCALI SCOLASTICI ISTITUTO COMPRENSIVO G.GALILEI Scuola dell infanzia, primaria, secondaria di primo grado VIA CAPPELLA ARIENZO TEL. 0823/755441 FAX 0823-805491 e-mail ceic848004@istruzione.it ceic848004@pec.it C.M. CEIC848004

Dettagli

PROVINCIA DI TERAMO REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DELL USO TEMPORANEO DI IMMOBILI DEL PATRIMONIO O DI COMPETENZA PROVINCIALE ART.

PROVINCIA DI TERAMO REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DELL USO TEMPORANEO DI IMMOBILI DEL PATRIMONIO O DI COMPETENZA PROVINCIALE ART. PROVINCIA DI TERAMO REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DELL USO TEMPORANEO DI IMMOBILI DEL PATRIMONIO O DI COMPETENZA PROVINCIALE ART. 1 Il presente Regolamento disciplina l uso temporaneo da parte di soggetti

Dettagli

COMUNE DI CORBETTA Provincia di Milano REGOLAMENTO PER L USO DI LOCALI, IMPIANTI E ATTREZZATURE COMUNALI

COMUNE DI CORBETTA Provincia di Milano REGOLAMENTO PER L USO DI LOCALI, IMPIANTI E ATTREZZATURE COMUNALI COMUNE DI CORBETTA Provincia di Milano REGOLAMENTO PER L USO DI LOCALI, IMPIANTI E ATTREZZATURE COMUNALI 1. FINALITA Il presente regolamento disciplina l uso dei locali, degli impianti sportivi e ricreativi,

Dettagli

COMUNE DI SOVERE. Provincia di Bergamo. Criteri di gestione per la concessione in uso delle palestre comunali

COMUNE DI SOVERE. Provincia di Bergamo. Criteri di gestione per la concessione in uso delle palestre comunali COMUNE DI SOVERE Provincia di Bergamo Criteri di gestione per la concessione in uso delle palestre comunali ART.1 PRINCIPI GENERALI E FINALITÀ 1) I presenti criteri di gestione hanno lo scopo di salvaguardare

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE IN USO AD ENTI ED ASSOCIAZIONI DEI LOCALI DI PROPRIETA COMUNALE

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE IN USO AD ENTI ED ASSOCIAZIONI DEI LOCALI DI PROPRIETA COMUNALE COMUNE DI OULX REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE IN USO AD ENTI ED ASSOCIAZIONI DEI LOCALI DI PROPRIETA COMUNALE approvato con deliberazione C.C. n. 48 del 17.11.1997 modificato con deliberazione C.C. n.

Dettagli

COMUNE DI CENATE SOTTO Provincia di Bergamo

COMUNE DI CENATE SOTTO Provincia di Bergamo COMUNE DI CENATE SOTTO Provincia di Bergamo REGOLAMENTO DISCIPLINANTE LA CONCESSIONE IN USO DELLA SALA POLIVALENTE PALAINCONTRO IN VIA A. MORO Approvato con delibera di Consiglio Comunale n. 16 del 21.06.2007

Dettagli