Tavola 1 - Popolazione italiana residente alle date dei censimenti generali, riportata ai confini attuali - Anni (migliaia di unità)

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Tavola 1 - Popolazione italiana residente alle date dei censimenti generali, riportata ai confini attuali - Anni 1861-2001 (migliaia di unità)"

Transcript

1 4 Quai eravamo, quai siamo, quai saremo Che cosa si impara el capiolo 4 er cooscere le caraerisiche e l evoluzioe della popolazioe ialiaa araverso u lugo arco di empo uilizziamo il asso di icremeo medio auo composo, il asso di aalià, il asso di moralià, l idice di vecchiaia, il asso di icremeo aurale della popolazioe, i rappori di coesiseza. Tu fai pare dei residei i Ialia a oobre del Ne fao pare ache i uoi fraelli, se e hai, e i uoi geiori. Ti sei mai chieso quaa sia la gee che vive ella ua regioe, ella ua cià? Forse o. Eppure, dal suo ammoare dipedoo moli alri feomei, perché le persoe producoo, cosumao, uilizzao servizi pubblici (ad esempio, come e, le scuole). Se leggi quese righe ell'ao scolasico sarai ao, quasi ceramee, fra il 1988 e il Bee, el 1988 soo ai i uo, el osro aese, bambii. Nei re ai successivi, rispeivamee, , , iù receemee, el 1999 e soo ai e el Vei ai fa el 1983, soo sae regisrae ascie. Quaraa ai fa, el 1963, i ai erao sai Le cose soo cambiae parecchio! Cerchiamo di sapere di più. Comiciamo co la popolazioe: dall uià d'ialia a oggi, è passaa da a uià (Tavola 1). Tavola 1 - opolazioe ialiaa residee alle dae dei cesimei geerali, riporaa ai cofii auali - Ai (migliaia di uià) ANNI opolazioe residee Foe: Isiuo azioale di saisica. Cesimei della popolazioe. hp://www.isa.i/cesimei/idex.hm I dai possoo essere rappreseai graficamee. Si può usare u diagramma caresiao, descrivedo sulle ascisse gli ai e sulle ordiae l'ammoare della popolazioe (Figura 1). 1 Foe: Isiuo azioale di saisica, Daabase Healh for all. hp://www.isa.i/bache-da/idex.hm per i ai del 1963: Isiuo azioale di saisica, opolazioe e circoscrizioi ammiisraive dei comui

2 Figura 1 Evoluzioe della popolazioe ialiaa. Ai (migliaia di uià) La popolazioe ialiaa è cosaemee cresciua dall'uià a oggi; però, ell'ulimo periodo, sempre più leamee. ossiamo capirlo meglio se cosideriamo la variazioe relaiva che si è avua i media ogi ao egli iervalli fra le rilevazioi cesuarie. La variazioe relaiva è daa dal rapporo fra la variazioe assolua, differeza fra l ammoare della popolazioe alla fie del periodo cosiderao e quello all iizio, e l ammoare iiziale. Se il periodo è plurieale, la variazioe relaiva media aua (o asso medio auo di variazioe) si oiee dividedo acora per il umero di ai. oiché, el osro caso, le variazioi soo sae sempre i aumeo, si parlerà di asso di icremeo medio auo che qualifichiamo come semplice. I simboli: + : + + ( + ) = : = 1 :. I geerale, il asso viee moliplicao per 100 o per 1.000, esprimedolo perciò co riferimeo a 100 o a abiai. Ad esempio, per il deceio , oeiamo: asso di icremeo medio auo semplice = 1 : 10 = 0, = 0, uià per ogi abiai. Quado si ha a che fare co feomei di accumulo, come la popolazioe, si preferisce calcolare il asso di icremeo medio auo composo, araverso la relazioe: = 1. + I assi di icremeo medio auo composo calcolai sui dai della avola 1 soo esposi ella avola 2. er il deceio , il asso risula, ad esempio: assodi icremeomedio auocomposo= 10 1 = 0, = 0, uià per ogi1.000 abiai. I defiiiva, la popolazioe è aumeaa fra il 1991 e il 2001 di circa 0,4 uià per ogi abiai, ossia circa 4 per ogi abiai, i media per ciascu ao.

3 Il riferimeo porebbe essere fao a 100, a 1.000, a 2.500, a o a abiai (soo auralmee più comodi i riferimei alle poeze di dieci), così come la velocià di u auoveicolo, geeralmee espressa i chilomeri per ora (per esempio 85 km/h), porebbe = 1,4167 km/mi e ache i meri per secodo esserlo i chilomeri per miuo ( ) ( ( ) = 23,6 m/sec). er il deceio cosiderao, duque, il asso semplice e quello composo praicamee coicidoo. er il deceio , ivece, i due assi risulao diversi e pari, rispeivamee, a 23,1 per mille e 21,0 per mille. La popolazioe si accresceva i media ogi ao di olre 20 uià ogi abiai, cioè più del 2 per ceo: u aumeo molo cosisee. Tavola 2 - Tassi di icremeo medio auo composo della popolazioe ialiaa fra le dae dei cesimei - Ai (per abiai all'iizio dei periodi cosiderai) ERIODI Tasso di icremeo ERIODI Tasso di icremeo , , , , , , , , , , , , ,5 Foe: Isiuo azioale di saisica. Cesimei della popolazioe. hp://www.isa.i/cesimei/idex.hm È sao uile calcolare il asso medio auo, poiché i periodi cosiderai soo di ampiezza differee: i geere di dieci ai, ma ache di cique, quidici e vei. Se o avessimo calcolao la media aua, la valuazioe dell evoluzioe della popolazioe el empo e sarebbe risulaa falsaa. Tasso di icremeo medio auo della popolazioe Il asso di icremeo medio auo (composo) della popolazioe, che possiamo idicare co k, risula, i simboli: + k = = , dove + è la popolazioe ell ao di caledario fiale ( + ) del periodo cosiderao, la popolazioe ell ao iiziale del periodo () e è appuo il umero di ai che soo rascorsi. Come siamo arrivai al asso di icremeo precedee? roviamo a seguire il percorso che ci ha porao a quel risulao. Quado abbiamo a che fare co dai che evolvoo el empo, calcoliamo i geerale la variazioe, cioè la differeza fra il dao regisrao alla fie di u periodo di osservazioe e quello regisrao all iizio:. + La differeza può essere posiiva o egaiva, secodo che il feomeo sia aumeao oppure dimiuio ra il empo e il empo +. Nel primo caso, la variazioe viee dea ache icremeo; el secodo caso, decremeo. Se vogliamo fare cofroi fra l adameo di due o più feomei i uo sesso periodo di empo o ra gli adamei dello sesso feomeo i differei periodi, può essere coveiee rapporare la variazioe al valore iiziale, oeedo la variazioe relaiva:

4 +. Facedo i queso modo, abbiamo elimiao l iflueza dell uià di misura o dell ordie di gradezza ei quali il feomeo soo osservazioe è espresso, e il cofroo co alri feomei o siuazioi, raai ello sesso modo e per i quali esso abbia sigificao, può essere sabilio correamee. I geerale, la variazioe relaiva così oeua, che viee defiia asso di variazioe, è moliplicaa per 100 o per Se si raa della popolazioe, il asso di variazioe sarà quidi riferio a 100 o abiai. I qualche caso le variazioi, assolue o relaive che siao, corrispodoo a periodi di empo di differee duraa: alvola u ao, alre vole u quiqueio o u deceio. I quesi casi, le variazioi, assolue o relaive, o soo più cofroabili ra loro, se o riferedole ue a ua sessa duraa emporale, ad esempio a u ao. È quello che ormalmee si fa per dai di popolazioe. Se è u ao di caledario e + è pure u ao di caledario ai dopo il precedee, possiamo calcolare il asso di variazioe medio auo, dividedolo per + =. Queso asso si defiisce semplice poiché, per oeerlo, si calcola la media arimeica semplice dei assi relaivi ai sigoli ai, ui riferii alla popolazioe all iizio del periodo, cioè: :. La precedee relazioe è chiaramee equivalee a: + :. Tuavia, el caso della popolazioe e di alri feomei di accumulo, come ad esempio ua somma ivesia i baca la quale frua ogi ao degli ieressi che si aggiugoo al capiale iiziale e fruao essi sessi ieressi successivamee, viee uilizzao più frequeemee il asso medio auo composo. Si prede spuo proprio da quao si fa i maemaica fiaziaria per il asso di ieresse. Vediamo come. Se ivesiamo ua somma S all iizio di u cero ao, diciamo appuo ao zero, a u asso 0 di ieresse i 0, alla fie dell ao essa avrà fruao u ieresse pari a S i. Se o riiriamo 0 0 l ieresse maurao e lo lasciamo a fruo, la somma all iizio dell ao 1 sarà ora pari a: S = S + S i = S ( 1+ i ) e fruerà alla fie dell ao u ieresse pari a S i. Quidi, alla fie dell ao, disporremo di 1 1 ua somma pari a: S + S i = S 1+ i ) = S (1 + i )(1 + ) ( i1 Se ivesiamo i queso modo per ai, a assi di ieresse che variao di ao i ao da quelli già cosiderai i 0 e i 1 a i 2.. fio a i, al ermie del periodo avremo accumulao ua somma pari a: S = S 1+ i )(1+ i )...(1+ i ( ).

5 Ci possiamo ora chiedere a quale asso medio auo di ieresse abbiamo ivesio, ell iero periodo di ai cosiderao, la somma iiziale. Chiamiamo queso asso medio auo semplicemee i. oiché vale l uguagliaza: S = S 1+ i )(1 + i )...(1+ i ) = S (1+ i)(1 + i)...(1+ i) = S (1 + i) ( , si può calcolare co semplicià: i = S S 0 1. Il asso i può essere moliplicao per 100, e quidi espresso co riferimeo a 100 lire ivesie. Trasferiamo ora il risulao precedee al problema del calcolo del asso medio auo composo di icremeo (i geerale di variazioe) della popolazioe fra due dae. Vale la seguee aaloga uguagliaza: 1 + k )(1+ k )...(1 + k ) = (1 + k)(1+ k)...(1+ k) = (1+ k ), = ( dove è l ao di caledario iiziale (per la somma ivesia l avevamo chiamao ao 0 ) e + quello fiale del periodo di osservazioe (per la somma ivesia, ao ); ( i 01,,.., ) k i = + è il asso di icremeo che si regisra ell ao i-esimo; k è appuo il asso medio auo ricercao. È ora facile calcolare il asso medio auo composo di icremeo (i geerale di variazioe) della popolazioe: k = = + 1 che eveualmee possiamo moliplicare per 1.000, esprimedolo così per abiai. Svolgiamo ora qualche cosiderazioe sui risulai che abbiamo oeuo: el periodo compreso fra il 1861 e il 1871, la popolazioe è aumeaa i media di 21 abiai ogi 1.000, per ciascu ao; el deceio si è regisrao u icremeo medio auo del 9,1 per mille, poco meo dell 1 per ceo; el deceio successivo , esso è sao del 4,4 per mille; el quiqueio , la campaga a favore dell'icremeo demografico (fai raccoare, da ua oa o dall'isegae di soria, del premio che veiva dao alle madri che avevao u quio figlio) fece aumeare il asso al 6,5 per mille; dal 1971, iizia ua rapida cadua del asso di icremeo: fra il 1971 e il 1981 la popolazioe si accresce i media, per ciascu ao, di poco più di 4,4 uià ogi abiai; el deceio , di 0,4 uià ogi abiai (olre dieci vole di meo) e lo sesso icremeo si regisra el deceio successivo, Da che cosa dipede se la popolazioe aumea o dimiuisce fra u ao e l alro? roviamo a rifleere. Dipede dal umero di coloro che ascoo e dal umero di coloro che muoioo. I primi la farao aumeare; i secodi dimiuire. Dipede ache dal umero di coloro che si sposao all'esero per periodi così lughi da giusificare la loro cacellazioe dai regisri aagrafici dei comui i cui risiedoo e di coloro che, ivece, rierao dall'esero o, immigrai da alri paesi, soo presei o occasioalmee oppure oegoo la resideza el osro. Trascuriamo quesa secoda compoee e coceriamo l'aezioe sui ai e sui mori. Fio a quado i primi superao i secodi, la popolazioe cresce; el caso corario, dimiuisce. La differeza fra ascie (N) e mori (M) i u dao ao (periodo) ci dice di quao aumea (se N è maggiore di M) o dimiuisce (se N è miore di M) la popolazioe fra l'iizio e la fie dell'ao (periodo) cosiderao.,

6 Se dividiamo le ascie (i ai vivi) e le mori per la popolazioe all'iizio dell'ao, oeiamo due assi, che coverrà moliplicare per mille per aderire all'uso corree dei demografi (coloro che sudiao la popolazioe). Il primo rapporo si chiama asso di aalià: N = e il secodo asso di moralià 2 : M m = La loro differeza: N M N M s = m = = viee dea asso di icremeo aurale della popolazioe (o solao asso di icremeo, perché o è cosiderao il saldo delle migrazioi co l'esero). Qual è il sigificao di s, e m? Il asso s ci dice di quao è aumeaa la popolazioe ell'ao (periodo) preso i cosiderazioe ogi mille abiai all'iizio dell'ao (periodo). Se quesi erao u milioe e s è risulao pari a quaro per mille, alla fie dell'ao (periodo) avremo quidi ua popolazioe di = Aalogamee, ci dice quai bambii soo ai vivi ell'ao ogi mille abiai iiziali e m quae persoe soo more ell'ao sempre ogi mille abiai iiziali. Nella avola 3 soo scrii i assi di aalià, di moralià e di icremeo aurale per mille abiai, regisrai i Ialia fra il 1951 e il Nel grafico della figura 2 soo illusrai, co evideza auale, gli adamei dei due assi compoei e della loro differeza. Tavola 3 - Nai vivi, mori e saldo aurale della popolazioe ialiaa i alcui ai fra il 1951 e il 2000 (per abiai) ANNI Nai vivi Mori Differeza: saldo aurale ,4 10,3 8, ,7 10,1 7, ,4 9,3 9, ,4 9,3 9, ,8 9,7 7, ,9 9,8 4, ,0 9,6 1, ,8 9,6 0, ,9 9,8 0, ,2 9,5-0, ,4 9,7-0,3 Foe (per gli ai dal 1955 al 1999): Isiuo azioale di saisica. Auario saisico ialiao; (per l ao 2000) Isiuo azioale di saisica. opolazioe e saisiche demografiche. Idicaori sruurali hp: //demo.isa.i 2 Si raa, i ambedue i casi, di rappori di derivazioe.

7 Figura 2 - Nai vivi, mori e saldo aurale della popolazioe ialiaa - Ai (per abiai) Commeiamo brevemee i dai. Dal 1951 al 2000 i ai soo dimiuii da poco meo di 2 ogi 100 abiai (18,4 per mille) a 0,9 per 100 (9,4 per mille). È dimiuia ache la moralià: da 10,3 mori per abiai el 1951 a 9,7 per abiai el L'adameo dei due assi fa sì che, da saldi aurali posiivi di 7-9 per abiai (cioè ogi ao la popolazioe aumeava quasi dell'1 per ceo), si sia passai a meo di 1 ogi el 1986, fio ad arrivare al valore egaivo di 0,3 per el La cadua è risulaa drasica dopo il Il grafico della figura 2 è molo eloquee. Il asso di icremeo aurale (eccedeza dei ai sui mori ogi abiai) si assoiglia sempre più. Nel 1990 le due spezzae si soo icrociae e queso vuole dire che la popolazioe ha comiciao a dimiuire. Si può fare u'alra cosiderazioe. Se ci soo meo ai e meo mori, la popolazioe, el suo complesso, è desiaa a ivecchiare; poiché diveerao proporzioalmee più umerosi gli aziai e meo umerosi i giovai. Vediamo co quale iesià ciò è avveuo i Ialia el corso del empo. ossiamo calcolare il rapporo fra l'ammoare della popolazioe co 60 ai e più e quello della popolazioe co meo di 15 ai, eveualmee moliplicado il risulao per 100, per agevolare l'ierpreazioe. Si raa di u rapporo di coesiseza, che i demografi chiamao idice di vecchiaia: r = popolazioe co 60 aie più popolazioe co meo di15 ai 100. Rappori di coesiseza Il rapporo è uile se si vuole meere i evideza lo squilibrio fra la quaià posa al umeraore e quella posa al deomiaore. Si pesi al rapporo fra il umero dei marimoi

8 celebrai i u ao co rio civile e rispeivamee religioso, eveualmee moliplicao per 100. Esso ci dice quai marimoi del primo ipo soo sai celebrai ogi 100 del secodo ipo. Al cesimeo del 1981, gli aziai risulavao e i giovai , cosicché l'idice di vecchiaia valeva: v = 100 = 81, Ciò sigifica che, per ogi 100 giovai (co meo di 15 ai), c'erao, a quella daa, 81,2 aziai (co 60 ai e più). La avola 4 illusra l adameo dell idice di vecchiaia el empo; per gli ai 1901, 1951 e 1981 essi soo calcolai sui dai di cesimeo; per il 1991 e il 2001 sui dai regisrai presso le aagrafi. La avola illusra ache i valori regioali più elevai e più bassi. Tavola 4 - Idici di vecchiaia per la popolazioe ialiaa (rapporo perceuale della popolazioe co 65 ai e più e la popolazioe di 0-14 ai) - Ai 1901, 1951, 1981,1991, 2001 DESCRIZIONE (a) 2001(b) Ialia i complesso 27,8 46,4 81,2 94,3 127,1 Valore regioale più elevao 34,5 (Abruzzo e Molise) 92,7 (iemoe) 156,5 (Liguria) 200,0 (Liguria) 238,4 (Liguria) Valore regioale più basso 21,7 (Sicilia) 29,3 (Calabria) 48,5 (Campaia) 50,5 (Campaia) 72,9 (Campaia) Foe: Isa (a) Isiuo azioale di saisica. Daabase Healh for all. U sisema iformaivo errioriale su saià e salue. Seembre hp://www.isa.i/bache-da/idex.hm. (b) Isiuo azioale di saisica. opolazioe e saisiche demografiche. Idicaori sruurali hp://demo.isa.i. Quae iformazioi i ua avola così piccola. Cosideriamola isieme: el 1901 c'erao solao 28 aziai ogi 100 giovai; el 1951 erao quasi 50 ogi 100; el 1981 u po più di 80 ogi 100, fio ad arrivare al 2001 allorché gli aziai risulao moli di più dei giovai; el 1901 c era ua fore omogeeià regioale; al massimo, i Abruzzo e Molise, si regisravao 35 aziai per 100 giovai; al miimo, i Sicilia, 22 per ceo; el 1951 c era già ua fore caraerizzazioe regioale che si è acceuaa sempre più i seguio e che ha viso la popolazioe delle regioi seerioali ivecchiare assai più rapidamee rispeo a quella delle regioi meridioali; el 1951, i iemoe, il umero degli aziai era quasi uguale a quello dei giovai. Nel 1981, i Liguria, gli aziai erao olre ua vola e mezzo i giovai. Nel 2001, sempre i Liguria, gli aziai soo diveai più del doppio dei giovai. I livelli miimi (regisrai sempre elle regioi meridioali durae uo il periodo) soo risulai più sabili di quelli massimi. I effei le modificazioi sociali e demografiche soo sae più lee el Mezzogioro. Fi qui, abbiamo illusrao dai. Vegoo mole domade. È bee o male che dimiuiscao le ascie? Quali cosegueze avrà il progressivo ivecchiameo della popolazioe? rovae a discuere co i vosri compagi; co il vosro isegae di soria; co i vosri fraelli più gradi e co i geiori. Eserciazioi 1. rovae a soddisfare alre curiosià riguardai la popolazioe: i Ialia soo più i maschi o le femmie? Quai soo i laureai ogi 100 abiai co più di 22 ai? Quai lavorao e cercao lavoro ogi 100 abiai co 15 ai e più? Ques ulimo rapporo, chiamao asso di aivià è uguale per maschi e femmie? Baserà sfogliare l Auario saisico ialiao. Si può richiederlo alla più vicia sede regioale dell Isa, oppure cosularlo olie sul sio dell Isa (www.isa.i).

9 2. Ecco, per le regioi ialiae, la popolazioe per classi d eà, el rocedi a qualche cofroo delle disribuzioi regioali secodo l eà, usado valori perceuali (poi il oale di ciascua regioe uguale a 100), i modo che la ua valuazioe o sia disurbaa dal diverso ammoare complessivo della popolazioe delle varie regioi: puoi cofroare grossolaamee, ache seza queso accorgimeo meodologico, le siuazioi di iemoe, Veeo ed Emilia-Romaga che hao quasi la sessa popolazioe complessiva.

10 Tavola opolazioe residee per classe di eà, regioe e sesso al 1 geaio 2001 REGIONI Meo di e più Toale MASCHI E FEMMINE iemoe Valle d'aosa Lombardia Treio-Alo Adige Bolzao-Boze Treo Veeo Friuli-Veezia Giulia Liguria Emilia-Romaga Toscaa Umbria Marche Lazio Abruzzo Molise Campaia uglia Basilicaa Calabria Sicilia Sardega ITALIA NORD CENTRO MEZZOGIORNO Foe: Auario saisico ialiao 2002 Riflei sulle diversià e sulle cosegueze: ua popolazioe mediamee più aziaa poe rilevai problemi di saià e assiseza; se ci soo pochi giovai, chi sosiuirà fra qualche decia di ai le classi o più abili al lavoro? Discui di quesi problemi co i uoi compagi di classe e isegai.

MATEMATICA FINANZIARIA

MATEMATICA FINANZIARIA Capializzazioe semplice e composa MATEMATICA FINANZIARIA Immagiiamo di impiegare 4500 per ai i ua operazioe fiaziaria che frua u asso del, % auo. Quao avremo realizzao alla fie dell operazioe? I u coeso

Dettagli

Introduzione (1) Introduzione (2) Prodotti e servizi sono realizzati per mezzo di processi produttivi.

Introduzione (1) Introduzione (2) Prodotti e servizi sono realizzati per mezzo di processi produttivi. Iroduzioe () Ua defiizioe (geerale) del ermie qualià: qualià è l isieme delle caraerisiche di u eià (bee o servizio) che e deermiao la capacià di soddisfare le esigeze espresse ed implicie di chi la uilizza.

Dettagli

DEFINIZIONE PROCESSO LOGICO E OPERATIVO MEDIANTE IL QUALE, SULLA BASE

DEFINIZIONE PROCESSO LOGICO E OPERATIVO MEDIANTE IL QUALE, SULLA BASE DEFINIZIONE PROCESSO LOGICO E OPERATIVO MEDIANTE IL QUALE, SULLA BASE DI UN GRUPPO DI OSSERVAZIONI O DI ESPERIMENTI, SI PERVIENE A CERTE CONCLUSIONI, LA CUI VALIDITA PER UN COLLETTIVO Più AMPIO E ESPRESSA

Dettagli

Il confronto tra DUE campioni indipendenti

Il confronto tra DUE campioni indipendenti Il cofroto tra DUE camioi idiedeti Il cofroto tra DUE camioi idiedeti Cofroto tra due medie I questi casi siamo iteressati a cofrotare il valore medio di due camioi i cui i le osservazioi i u camioe soo

Dettagli

Sintassi dello studio di funzione

Sintassi dello studio di funzione Sitassi dello studio di fuzioe Lavoriamo a perfezioare quato sapete siora. D ora iazi pretederò che i risultati che otteete li SCRIVIATE i forma corretta dal puto di vista grammaticale. N( x) Data la fuzioe:

Dettagli

IL CALCOLO COMBINATORIO

IL CALCOLO COMBINATORIO IL CALCOLO COMBINATORIO Calcolo combiatorio è il termie che deota tradizioalmete la braca della matematica che studia i modi per raggruppare e/o ordiare secodo date regole gli elemeti di u isieme fiito

Dettagli

LA DERIVATA DI UNA FUNZIONE

LA DERIVATA DI UNA FUNZIONE LA DERIVATA DI UNA FUNZIONE OBIETTIVO: Defiire lo strumeto matematico ce cosete di studiare la cresceza e la decresceza di ua fuzioe Si comicia col defiire cosa vuol dire ce ua fuzioe è crescete. Defiizioe:

Dettagli

Analisi dei segnali nel dominio del tempo

Analisi dei segnali nel dominio del tempo Appui di Teoria dei Segali a.a. / Aalisi dei segali el domiio del empo L.Verdoliva I quesa prima pare del corso sudieremo come rappreseare i segali empo coiuo e discreo el domiio del empo e defiiremo le

Dettagli

EQUAZIONI ALLE RICORRENZE

EQUAZIONI ALLE RICORRENZE Esercizi di Fodameti di Iformatica 1 EQUAZIONI ALLE RICORRENZE 1.1. Metodo di ufoldig 1.1.1. Richiami di teoria Il metodo detto di ufoldig utilizza lo sviluppo dell equazioe alle ricorreze fio ad u certo

Dettagli

Metodi statistici per l'analisi dei dati

Metodi statistici per l'analisi dei dati Metodi statistici per l aalisi dei dati due Motivazioi Obbiettivo: Cofrotare due diverse codizioi (ache defiiti ) per cui soo stati codotti gli esperimeti. Metodi tatistici per l Aalisi dei Dati due Esempio

Dettagli

8. Quale pesa di più?

8. Quale pesa di più? 8. Quale pesa di più? Negli ultimi ai hao suscitato particolare iteresse alcui problemi sulla pesatura di moete o di pallie. Il primo problema di questo tipo sembra proposto da Tartaglia el 1556. Da allora

Dettagli

Test non parametrici. sono uguali a quelle teoriche. (probabilità attesa), si calcola la. , cioè che le frequenze empiriche

Test non parametrici. sono uguali a quelle teoriche. (probabilità attesa), si calcola la. , cioè che le frequenze empiriche est o parametrici Il test di Studet per uo o per due campioi, il test F di Fisher per l'aalisi della variaza, la correlazioe, la regressioe, isieme ad altri test di statistica multivariata soo parte dei

Dettagli

CONCETTI BASE DI STATISTICA

CONCETTI BASE DI STATISTICA CONCETTI BASE DI STATISTICA DEFINIZIONI Probabilità U umero reale compreso tra 0 e, associato a u eveto casuale. Esso può essere correlato co la frequeza relativa o col grado di credibilità co cui u eveto

Dettagli

1. L'INSIEME DEI NUMERI REALI

1. L'INSIEME DEI NUMERI REALI . L'INSIEME DEI NUMERI REALI. I pricipli isiemi di umeri Ripredimo i pricipli isiemi umerici N, l'isieme dei umeri turli 0; ; ; ; ;... L'ide ituitiv di umero turle è ssocit l prolem di cotre e ordire gli

Dettagli

Capitolo 8 Le funzioni e le successioni

Capitolo 8 Le funzioni e le successioni Capitolo 8 Le fuzioi e le successioi Prof. A. Fasao Fuzioe, domiio e codomiio Defiizioe Si chiama fuzioe o applicazioe dall isieme A all isieme B ua relazioe che fa corrispodere ad ogi elemeto di A u solo

Dettagli

Capitolo Decimo SERIE DI FUNZIONI

Capitolo Decimo SERIE DI FUNZIONI Capitolo Decimo SERIE DI FUNZIONI SUCCESSIONI DI FUNZIONI I cocetti di successioe e di serie possoo essere estesi i modo molto aturale al caso delle fuzioi DEFINIZIONE Sia E u sottoisieme di  e, per ogi

Dettagli

Indagini sui coregoni del Lago Maggiore: Analisi sui pesci catturati nel 2010

Indagini sui coregoni del Lago Maggiore: Analisi sui pesci catturati nel 2010 Idagii sui coregoi del Lago Maggiore: Aalisi sui pesci catturati el 1 Rapporto commissioato dal Dipartimeto del territorio, Ufficio della caccia e della pesca, Via Stefao Frascii 17 51 Bellizoa Aprile

Dettagli

4. Metodo semiprobabilistico agli stati limite

4. Metodo semiprobabilistico agli stati limite 4. Metodo seiprobabilistico agli stati liite Tale etodo cosiste el verificare che le gradezze che ifluiscoo i seso positivo sulla, valutate i odo da avere ua piccolissia probabilità di o essere superate,

Dettagli

L OFFERTA DI LAVORO 1

L OFFERTA DI LAVORO 1 L OFFERTA DI LAVORO 1 La famiglia come foritrice di risorse OFFERTA DI LAVORO Notazioe utile: T : dotazioe di tempo (ore totali) : ore dedicate al tempo libero l=t- : ore dedicate al lavoro : cosumo di

Dettagli

LEZIONI DI MATEMATICA PER I MERCATI FINANZIARI VALUTAZIONE DI TITOLI OBBLIGAZIONARI E STRUTTURA PER SCADENZA DEI TASSI DI INTERESSE

LEZIONI DI MATEMATICA PER I MERCATI FINANZIARI VALUTAZIONE DI TITOLI OBBLIGAZIONARI E STRUTTURA PER SCADENZA DEI TASSI DI INTERESSE LEZIONI DI MATEMATICA PER I MERCATI FINANZIARI Dipartimeto di Sieze Eoomihe Uiversità di Veroa VALUTAZIONE DI TITOLI OBBLIGAZIONARI E STRUTTURA PER SCADENZA DEI TASSI DI INTERESSE Lezioi di Matematia per

Dettagli

Lezione 11. Inflazione, produzione e crescita della moneta

Lezione 11. Inflazione, produzione e crescita della moneta Lezione 11 (BAG cap. 10) Inflazione, produzione e crescia della monea Corso di Macroeconomia Prof. Guido Ascari, Universià di Pavia Tre relazioni ra produzione, disoccupazione e inflazione Legge di Okun

Dettagli

PENSIONI INPDAP COME SI CALCOLANO

PENSIONI INPDAP COME SI CALCOLANO Mii biblioteca de Il Giorale Ipdap per rederci coto e sapere di piu Mii biblioteca de Il Giorale Ipdap per rederci coto e sapere di piu PENSIONI INPDAP COME SI CALCOLANO I tre sistemi I cique pilastri

Dettagli

Soluzione La media aritmetica dei due numeri positivi a e b è data da M

Soluzione La media aritmetica dei due numeri positivi a e b è data da M Matematica per la uova maturità scietifica A. Berardo M. Pedoe 6 Questioario Quesito Se a e b soo umeri positivi assegati quale è la loro media aritmetica? Quale la media geometrica? Quale delle due è

Dettagli

VALORE EFFICACE DEL VOLTAGGIO

VALORE EFFICACE DEL VOLTAGGIO Fisica generale, a.a. /4 TUTOATO 8: ALO EFFC &CCUT N A.C. ALOE EFFCE DEL OLTAGGO 8.. La leura con un mulimero digiale del volaggio ai morsei di un generaore fornisce + in coninua e 5.5 in alernaa. Tra

Dettagli

Supponiamo, ad esempio, di voler risolvere il seguente problema: in quanti modi quattro persone possono sedersi l una accanto all altra?

Supponiamo, ad esempio, di voler risolvere il seguente problema: in quanti modi quattro persone possono sedersi l una accanto all altra? CALCOLO COMBINATORIO 1.1 Necessità del calcolo combiatorio Accade spesso di dover risolvere problemi dall'appareza molto semplice, ma che richiedoo calcoli lughi e oiosi per riuscire a trovare delle coclusioi

Dettagli

COMPORTAMENTO SISMICO DELLE STRUTTURE

COMPORTAMENTO SISMICO DELLE STRUTTURE COMPORTAMENTO SISMICO DELLE STRUTTURE Durane un erreoo, le oscillazioni del erreno di fondazione provocano nelle sovrasani sruure delle oscillazioni forzae. Quando il erreoo si arresa, i ovieni della sruura

Dettagli

SERIE NUMERICHE. (Cosimo De Mitri) 1. Definizione, esempi e primi risultati... pag. 1. 2. Criteri per serie a termini positivi... pag.

SERIE NUMERICHE. (Cosimo De Mitri) 1. Definizione, esempi e primi risultati... pag. 1. 2. Criteri per serie a termini positivi... pag. SERIE NUMERICHE (Cosimo De Mitri. Defiizioe, esempi e primi risultati... pag.. Criteri per serie a termii positivi... pag. 4 3. Covergeza assoluta e criteri per serie a termii di sego qualsiasi... pag.

Dettagli

Struttura dei tassi per scadenza

Struttura dei tassi per scadenza Sruura dei assi per scadenza /45-Unià 7. Definizione del modello ramie gli -coupon bonds preseni sul mercao Ipoesi di parenza Sul mercao sono preseni all isane ZCB che scadono fra,2,,n periodi Periodo:

Dettagli

NOTA METODOLOGICA SUL MODELLO PREVISIVO EXCELSIOR PER GLI ANNI 2013-2017

NOTA METODOLOGICA SUL MODELLO PREVISIVO EXCELSIOR PER GLI ANNI 2013-2017 NOTA METODOLOGICA SUL MODELLO PREVISIVO EXCELSIOR PER GLI ANNI 2013-2017 1 SOMMARIO PREMESSA... 3 1. IL MODELLO ECONOMETRICO PER LA STIMA DEGLI STOCK SETTORIALI... 3 Foni... 3 Meodologia... 3 La formulazione

Dettagli

3.4 Tecniche per valutare uno stimatore

3.4 Tecniche per valutare uno stimatore 3.4 Teciche per valutare uo stimatore 3.4. Il liguaggio delle decisioi statistiche, stimatori corretti e stimatori cosisteti La teoria delle decisioi forisce u liguaggio appropriato per discutere sulla

Dettagli

TEMPORIZZATORE CON Ic NE 555 ( a cura del prof A. GARRO ) SCHEMA A BLOCCHI : NE555 1 T. reset (4) VCC R6 10K. C5 10uF

TEMPORIZZATORE CON Ic NE 555 ( a cura del prof A. GARRO ) SCHEMA A BLOCCHI : NE555 1 T. reset (4) VCC R6 10K. C5 10uF TEMPOIZZATOE CON Ic NE 555 ( a cura del prof A GAO ) SCHEMA A BLOCCHI : M (8) NE555 00K C7 00uF STAT S 4 K C6 0uF (6) (5) () TH C T A B 0 0 Q S Q rese T DIS (7) OUT () 0 T T09*()*C7 (sec) GND () (4) 6

Dettagli

Popolazione e famiglie

Popolazione e famiglie 23 dicembre 2013 Popolazione e famiglie L Istat diffonde oggi nuovi dati definitivi del 15 Censimento generale della popolazione e delle abitazioni. In particolare vengono rese disponibili informazioni,

Dettagli

I numeri complessi. Pagine tratte da Elementi della teoria delle funzioni olomorfe di una variabile complessa

I numeri complessi. Pagine tratte da Elementi della teoria delle funzioni olomorfe di una variabile complessa I umeri complessi Pagie tratte da Elemeti della teoria delle fuzioi olomorfe di ua variabile complessa di G. Vergara Caffarelli, P. Loreti, L. Giacomelli Dipartimeto di Metodi e Modelli Matematici per

Dettagli

1 Metodo della massima verosimiglianza

1 Metodo della massima verosimiglianza Metodo della massima verosimigliaza Estraedo u campioe costituito da variabili casuali X i i.i.d. da ua popolazioe X co fuzioe di probabilità/desità f(x, θ), si costruisce la fuzioe di verosimigliaza che

Dettagli

8) Sia Dato un mazzo di 40 carte. Supponiamo che esso sia mescolato in modo

8) Sia Dato un mazzo di 40 carte. Supponiamo che esso sia mescolato in modo ESERCIZI DI CALCOLO DELLE PROBABILITÁ ) Qual e la probabilita che laciado dadi a facce o esca essu? Studiare il comportameto asitotico di tale probabilita per grade. ) I u sacchetto vi soo 0 pallie biache;

Dettagli

La sicurezza sul lavoro: obblighi e responsabilità

La sicurezza sul lavoro: obblighi e responsabilità La sicurezza sul lavoro: obblighi e resposabilità Il Testo uico sulla sicurezza, Dlgs 81/08 è il pilastro della ormativa sulla sicurezza sul lavoro. I sostaza il Dlgs disciplia tutte le attività di tutti

Dettagli

Esercizio 1 ( es 1 lez 11) La matrice è diagonalizzabile: verificare, trovando la matrice diagonalizzante, che A è simile a A.

Esercizio 1 ( es 1 lez 11) La matrice è diagonalizzabile: verificare, trovando la matrice diagonalizzante, che A è simile a A. Eserciio ( es le La marice è diagonaliabile: verificare, rovando la marice diagonaliane, che è simile a. Esisono re auovalori: mol.alg(- dim V - ; mol.alg( dim V ; mol.alg(- dim V -. Esise una marice simile

Dettagli

Sistemi LTI descrivibile mediante SDE (Equazioni alle Differenze Standard)

Sistemi LTI descrivibile mediante SDE (Equazioni alle Differenze Standard) Sistemi LTI descrivibile mediate SDE (Equazioi alle Differeze Stadard) Nella classe dei sistemi LTI ua sottoclasse è quella dei sistemi defiiti da Equazioi Stadard alle Differeze Fiite (SDE), dette così

Dettagli

Motori maxon DC e maxon EC Le cose più importanti

Motori maxon DC e maxon EC Le cose più importanti Motori maxo DC e maxo EC Il motore come trasformatore di eergia Il motore elettrico trasforma la poteza elettrica P el (tesioe U e correte I) i poteza meccaica P mech (velocità e coppia M). Le perdite

Dettagli

Dimostrazione della Formula per la determinazione del numero di divisori-test di primalità, di Giorgio Lamberti

Dimostrazione della Formula per la determinazione del numero di divisori-test di primalità, di Giorgio Lamberti Gorgo Lambert Pag. Dmostrazoe della Formula per la determazoe del umero d dvsor-test d prmaltà, d Gorgo Lambert Eugeo Amtrao aveva proposto l'dea d ua formula per calcolare l umero d dvsor d u umero, da

Dettagli

( ) ( ) ( ) ( ) ( ) CAPITOLO VII DERIVATE. (3) D ( x ) = 1 derivata di un monomio con a 0

( ) ( ) ( ) ( ) ( ) CAPITOLO VII DERIVATE. (3) D ( x ) = 1 derivata di un monomio con a 0 CAPITOLO VII DERIVATE. GENERALITÀ Defiizioe.) La derivata è u operatore che ad ua fuzioe f associa u altra fuzioe e che obbedisce alle segueti regole: () D a a a 0 0 0 derivata di u moomio D 6 D 0 D ()

Dettagli

Gestione della produzione MRP e MRPII

Gestione della produzione MRP e MRPII Sommario Gesione della produzione e Inroduzione Classificazione Misure di presazione La Disina Base Logica Lo Sizing in II Inroduzione Inroduzione Def: Gesire la produzione significa generare e sfruare

Dettagli

TELEGESTIONE E CONTROLLO DI QUALUNQUE TIPO DI CALDAIE E BRUCIATORI PER QUALUNQUE TIPO DI IMPIANTO

TELEGESTIONE E CONTROLLO DI QUALUNQUE TIPO DI CALDAIE E BRUCIATORI PER QUALUNQUE TIPO DI IMPIANTO NUMERO 2 del 23.04.08 COSER COSER IME Applicazioni Apparecchiature Numero 2 del 23-04-08 APPLICAZIONI APPARECCHIAURE E IMPIANI LE VARIE SOLUZIONI SARANNO ELENCAE NEL MODO PIÙ SINEICO POSSIBILE. ROVAA LA

Dettagli

USUFRUTTO. 5) Quali sono le spese a carico dell usufruttuario

USUFRUTTO. 5) Quali sono le spese a carico dell usufruttuario USUFRUTTO 1) Che cos è l sfrtto e come si pò costitire? L sfrtto è il diritto di godimeto ( ovvero di possesso) di bee altri a titolo gratito ; viee chiamato sfrttario chi esercita tale diritto, metre

Dettagli

Verifica d Ipotesi. Se invece che chiederci quale è il valore di una media in una popolazione (stima. o falsa? o falsa?

Verifica d Ipotesi. Se invece che chiederci quale è il valore di una media in una popolazione (stima. o falsa? o falsa? Verifica d Iotesi Se ivece che chiederci quale è il valore ua mea i ua oolazioe (stima utuale Se ivece e itervallo che chiederci cofideza) quale è il avessimo valore u idea ua mea su quello i ua che oolazioe

Dettagli

Esame di Matematica 2 Mod.A (laurea in Matematica) prova di accertamento del 4 novembre 2005

Esame di Matematica 2 Mod.A (laurea in Matematica) prova di accertamento del 4 novembre 2005 Esame di Matematica 2 ModA (laurea i Matematica prova di accertameto del 4 ovembre 25 ESERCIZIO Si poga a 3 5 + 9 e b 2 4 6 + 6 ( (a Si determii d MCD(a, b e gli iteri m, Z tali che d ma + b co m < b ed

Dettagli

l = 0, 1, 2, 3,,, n-1n m = 0, ±1,

l = 0, 1, 2, 3,,, n-1n m = 0, ±1, NUMERI QUANTICI Le autofuzioi soo caratterizzate da tre parametri chiamati NUMERI QUANTICI e soo completamete defiite dai loro valori: : umero quatico pricipale l : umero quatico secodario m : umero quatico

Dettagli

Lezione n.7. Variabili di stato

Lezione n.7. Variabili di stato Lezione n.7 Variabili di sao 1. Variabili di sao 2. Funzione impulsiva di Dirac 3. Generaori impulsivi per variabili di sao disconinue 3.1 ondizioni iniziali e generaori impulsivi In quesa lezione inrodurremo

Dettagli

I trasferimenti ai Comuni in cifre

I trasferimenti ai Comuni in cifre I trasferimenti ai Comuni in cifre Dati quantitativi e parametri finanziari sulle attribuzioni ai Comuni (2012) Nel 2012 sono stati attribuiti ai Comuni sotto forma di trasferimenti, 9.519 milioni di euro,

Dettagli

Anno 2012 L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA

Anno 2012 L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA 27 ottobre 2014 Anno L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA Nel, in Italia, il 53,1% delle persone di 18-74 anni (23 milioni 351mila individui) parla in prevalenza in famiglia.

Dettagli

Pensionati e pensioni nelle regioni italiane

Pensionati e pensioni nelle regioni italiane Pensionati e pensioni nelle regioni italiane Adam Asmundo POLITICHE PUBBLICHE Attraverso confronti interregionali si presenta una analisi sulle diverse tipologie di trattamenti pensionistici e sul possibile

Dettagli

7 I convertitori Analogico/Digitali.

7 I convertitori Analogico/Digitali. 7 I converiori Analogico/Digiali. 7 1. Generalià Un volmero numerico, come si evince dal nome, è uno srumeno che effeua misure di ensione mediane una conversione analogicodigiale della grandezza in ingresso

Dettagli

Il Dipartimento per le Comunicazioni: uno studio dell età del personale. Miriam Tagliavia Marzo 2011

Il Dipartimento per le Comunicazioni: uno studio dell età del personale. Miriam Tagliavia Marzo 2011 Il Dipartimento per le Comunicazioni: uno studio dell età del personale Marzo 2011 2 Il Dipartimento per le Comunicazioni: uno studio dell età del personale Il Dipartimento per le Comunicazioni, uno dei

Dettagli

1. MODELLO DINAMICO AD UN GRADO DI LIBERTÀ. 1 Alcune definizioni preliminari

1. MODELLO DINAMICO AD UN GRADO DI LIBERTÀ. 1 Alcune definizioni preliminari . MODELLO DINAMICO AD UN GRADO DI LIBERTÀ Alcue defiizioi prelimiari I sistemi vibrati possoo essere lieari o o lieari: el primo caso vale il pricipio di sovrapposizioe degli effetti el secodo o. I geerale

Dettagli

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2013. 14 luglio 2014

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2013. 14 luglio 2014 14 luglio 2014 Anno 2013 LA POVERTÀ IN ITALIA Nel 2013, il 12,6% delle famiglie è in condizione di povertà relativa (per un totale di 3 milioni 230 mila) e il 7,9% lo è in termini assoluti (2 milioni 28

Dettagli

Dall atomo di Bohr alla costante di struttura fine

Dall atomo di Bohr alla costante di struttura fine Dall atomo di Bohr alla ostate di struttura fie. INFORMAZIONI SPETTROSCOPICHE SUGLI ATOMI E be oto he ogi sostaza opportuamete eitata emette radiazioi elettromagetihe. Co uo spettrosopio, o strumeti aaloghi,

Dettagli

Sommario lezioni di Probabilità versione abbreviata

Sommario lezioni di Probabilità versione abbreviata Sommario lezioi di Probabilità versioe abbreviata C. Frachetti April 28, 2006 1 Lo spazio di probabilità. 1.1 Prime defiizioi I possibili risultati di u esperimeto costituiscoo lo spazio dei campioi o

Dettagli

Esercizi svolti di teoria dei segnali

Esercizi svolti di teoria dei segnali Esercizi svoli di eoria dei segnali Alessia De Rosa Mauro Barni Novembre Indice Inroduzione ii Caraerisiche dei segnali deerminai Sviluppo in Serie di Fourier di segnali periodici Trasformaa di Fourier

Dettagli

ESERCITAZIONE L adsorbimento su carbone attivo

ESERCITAZIONE L adsorbimento su carbone attivo ESERCITAZIONE adsorbimeto su carboe attivo ezioi di riferimeto: Processi basati sul trasferimeto di materia Adsorbimeto su carboi attivi Testi di riferimeto: Water treatmet priciples ad desi, WH Pricipi

Dettagli

Lezione 4. Risposte canoniche dei sistemi del primo e del secondo ordine

Lezione 4. Risposte canoniche dei sistemi del primo e del secondo ordine Lezione 4 Ripoe canoniche dei iemi del primo e del econdo ordine Parameri caraeriici della ripoa allo calino Per ripoe canoniche i inendono le ripoe dei iemi dinamici ai egnali coiddei canonici (impulo,

Dettagli

ESERCIZI DI ANALISI I. Prof. Nicola Fusco 1. Determinare l insieme in cui sono definite le seguenti funzioni:

ESERCIZI DI ANALISI I. Prof. Nicola Fusco 1. Determinare l insieme in cui sono definite le seguenti funzioni: N. Fusco ESERCIZI DI ANALISI I Prof. Nicola Fusco Determiare l isieme i cui soo defiite le segueti fuzioi: ) log/ arctg π ) 4 ) log π 6 arcse ) ) tg log π + ) 4) 4 se se se tg 5) se cos tg 6) [ 6 + 8 π

Dettagli

MILLE CANTIERI PER LO SPORT. 150 milioni di euro di finanziamenti a tasso zero per mettere a nuovo gli impianti sportivi di base

MILLE CANTIERI PER LO SPORT. 150 milioni di euro di finanziamenti a tasso zero per mettere a nuovo gli impianti sportivi di base 150 milioni di euro di finanziamenti a tasso zero per mettere a nuovo gli impianti sportivi di base 500 spazi sportivi scolastici e 500 impianti di base, pubblici e privati «1000 Cantieri per lo Sport»

Dettagli

INTRODUZIONE ALLE SUCCESSIONI E SERIE: ALCUNI ESEMPI NOTEVOLI

INTRODUZIONE ALLE SUCCESSIONI E SERIE: ALCUNI ESEMPI NOTEVOLI INTRODUZIONE ALLE SUCCESSIONI E SERIE: ALCUNI ESEMPI NOTEVOLI Mirta Debbia LS A. F. Formiggii di Sassuolo (MO) - debbia.m@libero.it Maria Cecilia Zoboli - LS A. F. Formiggii di Sassuolo (MO) - cherubii8@libero.it

Dettagli

Problema 1: Una collisione tra meteoriti

Problema 1: Una collisione tra meteoriti Problema : Una colliione ra meeorii Problemi di imulazione della econda prova di maemaica Eami di ao liceo cienifico 5 febbraio 05 Lo udene deve volgere un olo problema a ua cela Tempo maimo aegnao alla

Dettagli

Lampade: MASTER SON-T PIA Plus

Lampade: MASTER SON-T PIA Plus 13, Seembre 10 Lampade: Plus Lampade ai vapori di sodio ad ala pressione di ala qualià realizzae con ecnologia PIA (Philips Inegraed Anenna). Vanaggi La ecnologia PIA aumena l'affidabilià e riduce il asso

Dettagli

Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere

Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere ...... Le partecipate...... Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere le partecipate comunali in perdita, i Comuni italiani dispongono ancora di un portafoglio di partecipazioni molto rilevante,

Dettagli

seguendo un trend di costante crescita, ciò grazie ad un assiduo impegno nella progettazione, nello sviluppo e nella produzione di motori elettrici

seguendo un trend di costante crescita, ciò grazie ad un assiduo impegno nella progettazione, nello sviluppo e nella produzione di motori elettrici OTORI A ORRENTE ONTINUA OTORIDUTTORI W W W.DAGU.IT cerificazioni Dagu s.r.l. è un azienda che si è sviluppaa negli anni con discrea rapidià, seguendo un rend di cosane crescia, ciò grazie ad un assiduo

Dettagli

Buon appetito 3. comunicazione. grammatica. vocabolario Espresso. bene / buono

Buon appetito 3. comunicazione. grammatica. vocabolario Espresso. bene / buono Buon appeio comunicazione Cosa desidera? Vorrei solo un primo Che cosa avee oggi? Prende un caffè? Scusi, mi pora ancora un po di pane? Il cono, per coresia È possibile prenoare un avolo? grammaica I verbi

Dettagli

ATTIVITÀ GRATUITE A BENEFICIO DI ALTRI

ATTIVITÀ GRATUITE A BENEFICIO DI ALTRI 23 luglio 2014 Anno 2013 ATTIVITÀ GRATUITE A BENEFICIO DI ALTRI Vengono diffusi oggi i risultati della prima rilevazione sul lavoro volontario, frutto della convenzione stipulata tra Istat, CSVnet (rete

Dettagli

QUEST ANNO POCHE REGIONI HANNO AUMENTATO L IRPEF

QUEST ANNO POCHE REGIONI HANNO AUMENTATO L IRPEF QUEST ANNO POCHE REGIONI HANNO AUMENTATO L IRPEF Finalmente una buona notizia in materia di tasse: nel 2015 la stragrande maggioranza dei Governatori italiani ha deciso di non aumentare l addizionale regionale

Dettagli

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni)

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni) ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Gli immobili in Italia - 2015 ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Nel presente capitolo è analizzata la distribuzione territoriale

Dettagli

G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA

G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA AUDIMOB O SSERVATORIO SUI C OMPORTAMENTI DI M OBILITÀ DEGLI I TALIANI Maggio 2012 LE FERMATE AUDIMOB S U L L A M O B I L I T A n. 15

Dettagli

Il condensatore. Carica del condensatore: tempo caratteristico

Il condensatore. Carica del condensatore: tempo caratteristico Il condensaore IASSUNTO: apacia ondensaori a geomeria piana, cilindrica, sferica La cosane dielerica ε r ondensaore ceramico, a cara, eleroliico Il condensaore come elemeno di circuio: ondensaori in serie

Dettagli

Istituto per il Credito Sportivo

Istituto per il Credito Sportivo Istituto per il Credito Sportivo REGOLAMENTO SPAZI SPORTIVI SCOLASTICI CONTRIBUTI IN CONTO INTERESSI SUI MUTUI AGEVOLATI DELL ISTITUTO PER IL CREDITO SPORTIVO INDICE 1. Perché vengono concessi contributi

Dettagli

AcidSoft. Le nostre soluzioni. Innovazione

AcidSoft. Le nostre soluzioni. Innovazione AiSoft AiSoft ase alla passioe per l'iformatio teology e si oretizza i ua realtà impreitoriale, ua perfetta reazioe imia tra ooseza teia e reatività per realizzare progetti i grae iovazioe. Le ostre soluzioi

Dettagli

Stim e puntuali. Vocabolario. Cambiando campione casuale, cambia l istogramma e cambiano gli indici

Stim e puntuali. Vocabolario. Cambiando campione casuale, cambia l istogramma e cambiano gli indici Stm e putual Probabltà e Statstca I - a.a. 04/05 - Stmator Vocabolaro Popolazoe: u seme d oggett sul quale s desdera avere Iformazo. Parametro: ua caratterstca umerca della popolazoe. E u Numero fssato,

Dettagli

Le operazioni fondamentali in N Basic Arithmetic Operations in N

Le operazioni fondamentali in N Basic Arithmetic Operations in N Operzioi fodetli i - 1 Le operzioi fodetli i Bsic Arithetic Opertios i I geerle u operzioe è u procedieto che due o più ueri, dti i u certo ordie e detti terii dell'operzioe, e ssoci u ltro, detto risultto

Dettagli

Appunti di Statistica Matematica Inferenza Statistica Multivariata Anno Accademico 2014/15

Appunti di Statistica Matematica Inferenza Statistica Multivariata Anno Accademico 2014/15 Apputi di Statistica Matematica Ifereza Statistica Multivariata Ao Accademico 014/15 November 19, 014 1 Campioi e modelli statistici Siao Ω, A, P uo spazio di probabilità e X = X 1,..., X u vettore aleatorio

Dettagli

DATI DI SINTESI DELL EVOLUZIONE DELLE FORNITURE DI ENERGIA ELETTRICA E DI GAS NATURALE: REGIMI DI TUTELA E MERCATO LIBERO

DATI DI SINTESI DELL EVOLUZIONE DELLE FORNITURE DI ENERGIA ELETTRICA E DI GAS NATURALE: REGIMI DI TUTELA E MERCATO LIBERO DATI DI SINTESI DELL EVOLUZIONE DELLE FORNITURE DI ENERGIA ELETTRICA E DI GAS NATURALE: REGIMI DI TUTELA E MERCATO LIBERO (Deliberazione ARG/com 202/08 - Primo report) Dal 1 luglio 2007 tutti i clienti

Dettagli

ARGOMENTO: MISURA DELLA RESISTENZA ELETTRICA CON IL METODO VOLT-AMPEROMETRICO.

ARGOMENTO: MISURA DELLA RESISTENZA ELETTRICA CON IL METODO VOLT-AMPEROMETRICO. elazoe d laboratoro d Fsca corso M-Z Laboratoro d Fsca del Dpartmeto d Fsca e Astrooma dell Uverstà degl Stud d Cataa. Scala Stefaa. AGOMENTO: MSUA DELLA ESSTENZA ELETTCA CON L METODO OLT-AMPEOMETCO. NTODUZONE:

Dettagli

PROBABILITA, VALORE ATTESO E VARIANZA DELLE QUANTITÁ ALEATORIE E LORO RELAZIONE CON I DATI OSSERVATI

PROBABILITA, VALORE ATTESO E VARIANZA DELLE QUANTITÁ ALEATORIE E LORO RELAZIONE CON I DATI OSSERVATI statistica, Università Cattaneo-Liuc, AA 006-007, lezione del 08.05.07 IDICE (lezione 08.05.07 PROBABILITA, VALORE ATTESO E VARIAZA DELLE QUATITÁ ALEATORIE E LORO RELAZIOE CO I DATI OSSERVATI 3.1 Valore

Dettagli

TELECOM ITALIA SPA 1 SEM. Anno di riferimento: 2014 Periodo di rilevazione dei dati: 2 SEM. X ANNO Intero 1/39

TELECOM ITALIA SPA 1 SEM. Anno di riferimento: 2014 Periodo di rilevazione dei dati: 2 SEM. X ANNO Intero 1/39 Qualità dei servizi internet da postazione fissa - Delibere n. 131/06/CSP, 244/08/CSP e 400/10/CONS Anno riferimento: 2014 Periodo rilevazione dei dati: 2 SEM. X Per. Denominazione incatore Tempo attivazione

Dettagli

RAPPORTO MENSILE SUL SISTEMA ELETTRICO CONSUNTIVO DICEMBRE 2014

RAPPORTO MENSILE SUL SISTEMA ELETTRICO CONSUNTIVO DICEMBRE 2014 RAPPORTO MENSILE SUL SISTEMA ELETTRICO CONSUNTIVO DICEMBRE 2014 1 Rapporto Mensile sul Sistema Elettrico Consuntivo dicembre 2014 Considerazioni di sintesi 1. Il bilancio energetico Richiesta di energia

Dettagli

Laboratorio di Algoritmi e Strutture Dati

Laboratorio di Algoritmi e Strutture Dati Laboraorio di Algorimi e Sruure Dai Aniello Murano hp://people.na.infn.i people.na.infn.i/ ~murano/ 1 Algorimi per il calcolo di percori minimi u un grafo 1 Un emplice problema Pr oblema: Supponiamo che

Dettagli

Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione

Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione Anno Scolastico 2015/2016 (maggio 2015) I dati presenti in

Dettagli

Capitolo 11 Gli anni di vita persi per morte prematura

Capitolo 11 Gli anni di vita persi per morte prematura Capitolo 11 Gli anni di vita persi per morte prematura Introduzione Gli indicatori calcolati sugli anni di vita persi per morte prematura (PYLLs) combinano insieme le informazioni relative alla numerosità

Dettagli

DATI. Partita Iva: Via: Telefono: Fax: e mail: Web: Telefono: Cellulare: Indicazione

DATI. Partita Iva: Via: Telefono: Fax: e mail: Web: Telefono: Cellulare: Indicazione Processo Qualifica N. /2015 DOMANDA DI PREQUALI DATI IDENTIFICATIVI DELL OPERATORE ECONOMICO (inserire i datii relativi alla SEDE LEGALE) L Denominazione / Ragione Sociale Operatore: Partita Iva: Codice

Dettagli

CONSULTAZIONE PUBBLICA IN MATERIA DI REGOLAZIONE TARIFFARIA DEI

CONSULTAZIONE PUBBLICA IN MATERIA DI REGOLAZIONE TARIFFARIA DEI DOCUMENTO PER LA CONSULTAZIONE 356/2013/R/IDR CONSULTAZIONE PUBBLICA IN MATERIA DI REGOLAZIONE TARIFFARIA DEI SERVIZI IDRICI Documeno per la consulazione nell ambio del procedimeno avviao con la deliberazione

Dettagli

Esercizi Le leggi dei gas. Lo stato gassoso

Esercizi Le leggi dei gas. Lo stato gassoso Esercizi Le lei dei as Lo stato assoso Ua certa quatità di as cloro, alla pressioe di,5 atm, occupa il volume di 0,58 litri. Calcola il volume occupato dal as se la pressioe viee portata a,0 atm e se la

Dettagli

LIMITARE LA CIRCOLAZIONE DELLE AUTO? PER I CITTADINI SI PUÒ FARE

LIMITARE LA CIRCOLAZIONE DELLE AUTO? PER I CITTADINI SI PUÒ FARE LIMITARE LA CIRCOLAZIONE DELLE AUTO? PER I CITTADINI SI PUÒ FARE AUDIMOB O SSERVATORIO SUI C OMPORTAMENTI DI M OBILITÀ DEGLI I TALIANI Dicembre 2007 LE FERMATE AUDIMOB S U L L A M O B I L I T A n. 3 La

Dettagli

Lo spettacolo dal vivo in Sardegna. Rapporto di ricerca 2014

Lo spettacolo dal vivo in Sardegna. Rapporto di ricerca 2014 Lo spettacolo dal vivo in Sardegna Rapporto di ricerca 2014 2014 REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA Redazione a cura della Presidenza Direzione generale della Programmazione unitaria e della Statistica regionale

Dettagli

MODELLI PER LA STRUTTURA A TERMINE DEI TASSI

MODELLI PER LA STRUTTURA A TERMINE DEI TASSI Alma Maer Sudiorum Universià di Bologna FACOLTÀ DI SCIENZE MATEMATICHE, FISICHE E NATURALI Corso di Laurea in Maemaica Maeria di Tesi: Maemaica per le applicazioni economiche e finanziarie MODELLI PER

Dettagli

Focus Sedi, alunni, classi e dotazioni organiche del personale docente della scuola statale A.S. 2013/2014

Focus Sedi, alunni, classi e dotazioni organiche del personale docente della scuola statale A.S. 2013/2014 Focus Sedi, alunni, classi e dotazioni organiche del personale docente della statale A.S. 2013/2014 Premessa In questo Focus viene fornita un anticipazione dei dati relativi all a.s. 2013/2014 relativamente

Dettagli

Indici di Posizione. Gli indici si posizione sono misure sintetiche ( valori caratteristici ) che descrivono la tendenza centrale di un fenomeno

Indici di Posizione. Gli indici si posizione sono misure sintetiche ( valori caratteristici ) che descrivono la tendenza centrale di un fenomeno Idc d Poszoe Gl dc s poszoe soo msure stetche ( valor caratterstc ) che descrvoo la tedeza cetrale d u feomeo La tedeza cetrale è, prma approssmazoe, la modaltà della varable verso la quale cas tedoo a

Dettagli

Obiettivi Europa 2020 e Indicatori di Posizione della Sardegna e dell'italia Valori degli indicatori aggiornati all'ultimo anno disponibile

Obiettivi Europa 2020 e Indicatori di Posizione della Sardegna e dell'italia Valori degli indicatori aggiornati all'ultimo anno disponibile Obiettivi Europa 2020 e Indicatori di Posizione della e dell'italia Valori degli indicatori aggiornati all'ultimo anno disponibile Fonti: Eurostat - Regional statistic; Istat - Politiche di Sviluppo e

Dettagli

LA SPESA PER CONSUMI DELLE FAMIGLIE

LA SPESA PER CONSUMI DELLE FAMIGLIE 8 luglio 2015 LA SPESA PER CONSUMI DELLE FAMIGLIE Anno 2014 Dopo due anni di calo, nel 2014 la spesa media mensile per famiglia in valori correnti risulta sostanzialmente stabile e pari a 2.488,50 euro

Dettagli

La vita quotidiana nel 2009

La vita quotidiana nel 2009 SISTEMA STATISTICO NAZIONALE ISTITUTO NAZIONALE DI STATISTICA 2 0 1 0 Settore Famiglia e società La vita quotidiana nel 2009 Indagine multiscopo annuale sulle famiglie Aspetti della vita quotidiana Anno

Dettagli

Dagli indicatori alla Governance dello sviluppo del contesto campano

Dagli indicatori alla Governance dello sviluppo del contesto campano N UCLEO DI VALUTAZIONE E VERIFICA DEGLI I NVESTIMENTI PUBBLICI Dagli indicatori alla Governance dello sviluppo del contesto campano Melania Cavelli Sachs NVVIP regione Campania Conferenza AIQUAV, Firenze,

Dettagli

LA FORMAZIONE PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FINANZIATA DAL FONDO SOCIALE EUROPEO 1

LA FORMAZIONE PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FINANZIATA DAL FONDO SOCIALE EUROPEO 1 LA FORMAZIONE PER LA PA FINANZIATA DAL FSE PARTE II - CAPITOLO 2 LA FORMAZIONE PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FINANZIATA DAL FONDO SOCIALE EUROPEO 1 LA PROGRAMMAZIONE DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME

Dettagli

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali Calo degli esercizi commerciali in sede fissa. Nell ultimo decennio l intero comparto della distribuzione commerciale ha

Dettagli