Le società italiane creano ancora valore? L indagine 2013 sulle principali Società Italiane per Capitalizzazione di borsa

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Le società italiane creano ancora valore? L indagine 2013 sulle principali Società Italiane per Capitalizzazione di borsa"

Transcript

1 Le società italiane creano ancora valore? L indagine 2013 sulle principali Società Italiane per Capitalizzazione di borsa

2 Indice LE SOCIETÀ ITALIANE CREANO ANCORA VALORE? L indagine 2013 sulle principali Società Italiane per Capitalizzazione di Borsa Executive Summary i. Il punto di partenza: il Valore delle Società del FTSE MIB ii. La sfida lanciata dal Mercato: sostenere la performance nel tempo iii. Il Valore delle società del FTSE MIB da un ottica People-Based Glossario Pagina ( 1 )

3 Executive Summary I mercati dei capitali sono efficienti? Difficile dare una risposta affermativa a questa domanda, soprattutto se alla parola efficienza si associano tutte quelle valenze positive che normalmente l accompagnano. Troppi sono i fattori e le distorsioni che stanno alla base del funzionamento dei mercati finanziari e che sono emersi palesemente in questi anni. Questi rendono difficile associare al funzionamento dei mercati dei capitali l aggettivo buono. Tutto ciò è dovuto sicuramente a cattive regole, a cui solo parzialmente si è posto rimedio, mentre allo stesso tempo sono sopraggiunti massicci interventi di stimolo, da parte di alcune banche centrali, che pur dando ossigeno a parte dell economia reale, pongono ulteriori dubbi sulla reale veridicità e sostenibilità di alcuni prezzi che osserviamo quotidianamente in questi mercati. Tutto ciò premesso, i prezzi comunque rappresentano sempre dei giudizi con cui confrontarsi e sulla cui base è possibile leggere le performance delle imprese. Se distorsione c è su alcuni valori, data la globalizzazione dei mercati, può non essere sbagliato ritenere che questa possa rappresentare un rumore di sottofondo che non ci impedisce di osservare le differenze di giudizio e di performance economica sottostante. Le pagine seguenti offrono una fotografia di questi giudizi che il mercato dei capitali esprime sulle principali società italiane al 15 maggio 2013, affiancate dalla lettura delle performance gestionali di creazione di valore conseguite nel Questi giudizi sono stati anche utilizzati per verificare se i valori di goodwill iscritti a bilancio da alcune imprese (spesso una parte consistente del loro Attivo) sono ritenuti dal mercato realistici e sostenibili. La comprensione di tale giudizio è stata dedotta raffrontando le aspettative implicite nei prezzi e le aspettative equivalenti implicite nei valori di goodwill. Inoltre, alla lettura tradizionale delle performance di creazione di valore, basata sulla quantità e rendimento del capitale investito, si è affiancata una lettura che pone maggiore attenzione alle Persone. Crediamo che questa vista, che pone l individuo al centro della performance d impresa, debba sempre più essere compresa e gestita affinché i prezzi riflettano effettivamente il reale valore. Il 2012 ha innanzitutto visto il settore del lusso primeggiare all interno dell indice Mib: performance ottima per Tod s, Ferragamo e Luxottica, con aspettative di ulteriori miglioramenti per gli anni venturi. Gioiellini tutti italiani sono altresì Pirelli e Prysmian, performance positiva e in incremento per entrambi. Spiccano poi FIat e Telecom Italia, le cui valorizzazioni di mercato non risultano elevate nonostante i brillanti risultati conseguiti. Colpiscono infine le aspettative del mercato riguardanti la futura performance di Diasorin, il cui potenziale di crescita è risultato enorme. Pagina ( 2 )

4 Il punto di partenza: il Valore delle società del FTSE MIB La capacità delle imprese di creare Valore dipende da quanto più Capitale (Quantità) riescono ad impiegare ad un Tasso di Rendimento superiore al suo Costo-opportunità (Qualità) Siamo certi di sapere da cosa dipende la capacità delle imprese di creare Valore e ricchezza? Se le risorse economiche investite in una Società perdono progressivamente valore, potrebbe non essere (solo) colpa di fattori esogeni o del clima di incertezza che stiamo vivendo. Una visione chiara e condivisa di ciò che è necessario per creare Valore e di quali sono le leve agibili per farlo, può essere un aiuto sia per manager, che per investitori. Generare valore - ovvero Profitto Economico_EVA positivo - è una questione di Qualità e di Quantità. Questa è la ragione per cui imprese di piccole dimensioni possono generare enorme ricchezza e imprese di grandi dimensioni, invece, distruggere Valore. L importanza della Qualità La qualità è una misura relativa che identifica qualcosa di un livello superiore rispetto ad un hurdle di riferimento. Dall ottica di un investitore, dunque, un investimento di qualità è quello in grado di generare un ritorno maggiore rispetto ad altri investimenti di pari rischio. Per misurare la qualità di ogni Società del nostro Campione - l indice FTSE MIB 1 - abbiamo calcolato il Tasso di Rendimento generato dal Capitale Investito nell attività d impresa (ROIC 2 ) e lo abbiamo confrontato con quanto gli investitori si aspetterebbero di realizzare per sostenere similari livelli di rischio (WACC 3 ). I Best Performer per qualità nel e considerando una media degli ultimi 3 anni di performance - sono: Azimut Holding, Ferragamo e Diasorin. La Quantità come acceleratore della creazione di Valore Nell attività d impresa, la quantità di Capitale Investito 4 che garantisce un ritorno superiore al suo Costo oppotunità è la seconda leva necessaria per creare Valore. Più Capitale sarà impiegato a questo alto tasso di ritorno, più sarà la ricchezza creata. Un esempio di successo? Telecom Italia non solo ha conseguito negli ultimi 3 anni un Tasso di Rendimento medio dell 11% circa al di sopra del Costo opportunità del Capitale, ma ha impiegato a questo tasso una media di 20 mld, conseguendo un Profitto di 6,5 mld in più della remunerazione minima associata ad un investimento di pari rischiosità. Di seguito è riportato il Campione di imprese analizzate ordinato per Market Value Added (MVA) ovvero il maggior valore che, ad una certa data, gli azionisti possiedono rispetto a quanto originariamente investito nell impresa. Per ricevere la versione completa del Paper siete pregati di contattare Questa misura, sulla base delle aspettative del Mercato dei Capitali, equivale alla sommatoria degli EVA futuri attualizzati. Luxottica, Tenaris e Eni sono le prime 3 Società che il Mercato premia con un maggior valore aggiunto rispetto al Capitale che è stato investito. Ci sono invece tre Banche in fondo alla classifica: Unicredit, Intesa Sanpaolo e Banca MPS. Ma non sono le sole che hanno visto assottigliarsi le prospettive di crescita che il Mercato dei Capitali riconosce loro. 1 E il principale indice di benchmark dei mercati azionari italiani che raccoglie circa l 80% della capitalizzazione di mercato interna ed è composto da 40 società di primaria importanza e a liquidità elevata. I dati di Mercato sono al 15 maggio ROIC = Return on Invested Capital 3 WACC = Weighted Average Cost of Capital 4 Debito+Equity Pagina ( 3 )

5 Quanto il Valore complessivo dell impresa eccede il Capitale Investito al ? Qual è il Tasso di Rendimento generato dal Capitale Investito nell attività d impresa? Quanto, gli investitori, si aspettano di guadagnare per similari livelli di rischio? Qualità Quanto remunera, questo business, rispetto ad altri investimenti di pari rischio? Quantità A quanto ammonta il totale dei fondi investiti nell attività d impresa? Qualità X Quantità Il Profitto Economico che gli investitori si attendono dal proprio Capitale di Rischio Market Value Added Return on Invested Capital Weighted Average Cost of Capital - = X = Economic Profit Spread Invested Capital Economic Profit (EVA ) Company Mio. on Invested Capital 3y Average y Average y Average y Average 2012 Mio. 3y Cumulative 2012 Mio. Luxottica ,4 X 22,5% 26,4% 6,8% 6,4% 15,7% 20,0% Tenaris ,5 X 15,0% 17,9% 7,8% 7,1% 7,2% 10,7% Eni ,1 X 8,2% 7,3% 8,2% 7,6% -0,0% -0,3% (59) (200) Snam ,4 X 6,3% 6,2% 5,8% 5,1% 0,6% 1,0% Fiat Industrial ,3 X 5,6% 6,7% 8,2% 6,8% -2,6% -0,1% (1.430) (22) Assicurazioni Generali ,6 X 9,2% 2,9% 9,1% 8,5% 0,1% -5,6% (715) Atlantia ,5 X 11,8% 9,7% 6,6% 5,9% 5,2% 3,8% Saipem ,5 X 13,4% 11,5% 6,9% 6,0% 6,5% 5,5% Terna ,5 X 5,5% 5,7% 6,0% 5,5% -0,6% 0,2% (142) 19 Ferragamo ,5 X 33,1% 39,8% 9,4% 9,5% 23,7% 30,4% Tod's ,5 X 22,1% 23,1% 7,1% 6,6% 15,1% 16,6% Mediolanum ,3 X 21,8% 29,2% 10,6% 10,0% 11,2% 19,2% Prysmian ,4 X 14,6% 18,4% 6,8% 6,5% 7,8% 11,8% Pirelli ,7 X 15,9% 17,6% 8,0% 7,1% 7,9% 10,5% Campari ,6 X 18,2% 16,6% 6,7% 6,2% 11,5% 10,3% STMicroelectronics ,5 X -6,4% -26,4% 10,4% 9,9% -16,9% -36,3% (2.171) (1.385) Autogrill ,9 X 9,6% 5,6% 7,3% 6,7% 2,3% -1,1% (10) Azimut Holding ,2 X 68,2% 59,7% 9,4% 9,0% 58,8% 50,7% Lottomatica ,9 X 16,2% 19,3% 6,1% 5,3% 10,1% 14,1% Diasorin ,8 X 38,8% 32,9% 8,2% 7,6% 30,6% 25,3% Enel Green Power ,1 X 4,2% 4,0% 6,3% 5,5% -2,1% -1,5% (703) (196) Parmalat ,6 X 10,0% 9,2% 7,6% 7,0% 2,4% 2,2% Ansaldo STS 850 2,8 X 31,2% 20,9% 7,6% 7,1% 23,6% 13,8% Mediaset 822 0,3 X 7,0% -2,1% 7,2% 6,2% -0,2% -8,3% (23) (312) Fondiaria - SAI 171 0,2 X -87,8% -57,1% 9,1% 7,4% -96,9% -64,5% (3.087) (905) Buzzi Unicem (191) -0,1 X 1,9% 1,0% 7,8% 7,1% -5,8% -6,1% (582) (191) Finmeccanica (755) -0,1 X -3,7% 3,5% 7,1% 6,6% -10,7% -3,1% (1.412) (214) A2A (863) -0,1 X 2,2% 2,2% 7,2% 6,5% -5,0% -4,3% (1.137) (327) Banca Popolare Emilia Romagna (997) -0,4 X 6,6% -0,2% 9,0% 8,5% -2,4% -8,7% (201) (304) Mediobanca (2.208) -0,4 X 4,7% 1,3% 9,8% 9,3% -5,2% -8,0% (949) (515) Fiat (2.432) -0,3 X 11,8% 22,0% 8,0% 6,4% 3,8% 15,5% Per ricevere la versione completa del Paper siete pregati di contattare Banca Popolare Milano (2.820) -0,7 X Unione Banche Italiane (6.245) -0,9 X Banco Popolare (7.173) -0,9 X Telecom Italia (7.386) -0,5 X Enel (9.125) -0,1 X Banca Monte Paschi Siena (11.833) -0,9 X -2,3% -2,2% 10,2% 9,6% -12,5% -11,8% (1.370) (513) 3,7% 1,1% 9,8% 9,3% -6,1% -8,2% (1.417) (637) -0,5% -11,1% 11,0% 10,4% -11,5% -21,5% (2.708) (1.734) 16,7% 16,4% 6,5% 6,0% 10,2% 10,4% ,6% 5,2% 6,6% 5,8% 0,1% -0,6% (497) -1,5% -10,6% 9,7% 9,2% -11,2% -19,8% (4.304) (2.749) Intesa Sanpaolo (26.336) -0,6 X 5,5% 3,8% 10,9% 10,4% -5,5% -6,6% (6.524) (2.756) Unicredit (27.475) -0,7 X 2,3% 2,7% 11,9% 11,3% -9,6% -8,6% (13.091) (3.769) * Rielaborazioni AVA su dati di bilancio Reuters Thomson One. Return on Invested Capital calcolato su Tangible Invested Capital, al netto quindi del Goodwill. Pagina ( 4 )

6 La sfida lanciata dal Mercato: sostenere la performance nel tempo Obiettivo dell impresa è quello di creare Valore, ma ciò deve avvenire in maniera sostenibile nel tempo. Il Mercato aiuta a comprendere se la performance sia innanzitutto ripetibile e altresì se sia corretto o meno procedere ad un impairment del goodwill Creare valore e ricchezza attraverso un incremento di Qualità o Quantità è certamente uno degli aspetti focali del fare impresa, ma una questione non certo secondaria è altresì garantirne la sua Sostenibilità nel tempo. Il Mercato e le aspettative implicite nei corsi azionari Il Mercato dei Capitali, seppure nella sua incolpevole imperfezione, ha l importante ruolo di valorizzare sinteticamente, nella quotazione di ogni giorno, le aspettative di una moltitudine di operatori ed investitori riguardo le performance future delle società oggetto di negoziazione. L analisi dei corsi azionari offre pertanto valide indicazioni a supporto del management riguardo la sostenibilità della performance: è plausibile che una performance EVA positiva sia ripetibile anche in futuro? Viceversa, il Mercato valuta possibile un inversione di tendenza per performance EVA negative? ROIC impliciti e sostenibilità del Goodwill Ad aspettative di Valore positive (FGV 5 >0), il Mercato collega un miglioramento della performance: possa questo avvenire attraverso leve quantitative (crescita) o qualitative (efficienza). Viceversa, nel caso di aspettative negative. Riconducendo tali aspettative unicamente alla seconda componente ed operando un semplice esercizio algebrico, è stato possibile calcolare un ROIC adjusted_performance attesa che ingloba le aspettative implicite nelle attuali quotazioni di mercato (sesta colonna). Per molte delle Società analizzate, tale valore è risultato superiore al rendimento ottenuto nel corso dell ultimo esercizio, sintomatico quindi di un Mercato ottimista, le cui attese sono di un miglioramento delle condizioni economiche e di una rapida ripresa. Nel campione analizzato, fanno tuttavia eccezione alcune Società la cui performance eccezionalmente positiva nel 2012 è attualmente giudicata non sostenibile dal mercato: spiccano fra queste Fiat, Telecom Italia e Pirelli. La sostenibilità della performance è infine strettamente collegata al tema degli intangible: il goodwill iscritto a bilancio recepisce infatti delle aspettative di performance incrementale che, qualora non siano state o non vengano conseguite, comportano uno write-off di tali poste. Sempre nell ipotesi limite di utilizzare solo il driver della Qualità piuttosto che della Quantità, l impiego di un ROIC adjusted_performance minima (quinta colonna) capace di riflettere il rendimento minimo da conseguire affinché il valore del goodwill iscritto a bilancio sia congruo, permette di comprendere quale sia il giudizio degli operatori di mercato riguardo la sua sostenibilità. Il ROIC, così ottenuto, quando superiore a quello espresso dalla aspettative del mercato potrebbe essere sintomatico di un giudizio troppo ottimistico delle aspettative iscritte a bilancio. Il giudizio sintetico espresso in tabella vuole quindi offrire validi spunti di discussione all interno del Board affinché si dia avvio ad un processo di impairment qualora risulti negativo. Per ricevere la versione completa del Paper siete pregati di contattare 5 FGV sta per Future Growth Value. FGV è la parte di MVA spiegata dalle aspettative di performance future da parte del Mercato dei Capitali. In particolare, a valori positivi di FGV sono connesse aspettative di miglioramento della performance EVA negli anni a venire. Viceversa in caso di FGV negativo. Pagina ( 5 )

7 Sostenibilità Goodwill Performance Corrente Performance Minima Performance Attesa Giudizio sintetico di rapida comprensione relativo alla sostenibilità del goodwill Rendimento ottenuto dalla società nel 2012 Rendimento a un anno sufficiente a giustificare i valori di goodwill iscritti a bilancio Rendimento a un anno implicito nelle aspettative del Mercato dei Capitali Company Goodwill 2012 Sustainability Grade ROIC 2012 Minimum ROIC for Goodwill sustainability Market expectation on ROIC Luxottica Tenaris Eni Snam Fiat Industrial Assicurazioni Generali Atlantia Saipem Terna Ferragamo Tod's Mediolanum Prysmian Pirelli Campari STMicroelectronics Autogrill Azimut Holding Lottomatica Diasorin Enel Green Power Parmalat Ansaldo STS Mediaset Fondiaria - SAI Buzzi Unicem Finmeccanica A2A Banca Popolare Emilia Romagna " " " 26,4% 17,9% 7,3% 6,2% 6,7% 2,9% 9,7% 11,5% 5,7% 39,8% 23,1% 29,2% 18,4% 17,6% 16,6% -26,4% 5,6% 59,7% 19,3% 32,9% 4,0% 9,2% 20,9% -2,1% -57,1% 1,0% 3,5% 2,2% -0,2% 14,6% 8,4% 7,8% 5,2% 7,5% 13,3% 8,0% 6,5% 5,6% 9,5% 6,8% 11,1% 8,2% 9,3% 11,5% 10,1% 16,5% 19,8% 13,7% 7,6% 5,5% 8,8% 7,9% 7,8% 13,2% 8,5% 6,6% 7,0% 9,4% Mediobanca 366 " 1,3% 9,8% Fiat " 22,0% 11,8% Banca Popolare Milano - -2,2% 9,6% Unione Banche Italiane Banco Popolare Telecom Italia Enel Banca Monte Paschi Siena Intesa Sanpaolo Unicredit "" 1,1% 12,3% Per ricevere la versione completa del Paper siete pregati di contattare "" -11,1% 12,5% " 16,4% 16,1% " 5,2% 6,8% 670 "" -10,6% 9,7% "" 3,8% 12,5% "" 2,7% 14,3% 55,4% 19,0% 8,8% 7,1% 9,6% 17,1% 10,5% 9,3% 8,1% 132,6% 35,9% 34,6% 17,2% 14,0% 21,6% 15,2% 29,0% 75,5% 17,6% 43,7% 6,0% 12,8% 28,0% 9,1% 14,1% 8,0% 5,9% 6,3% 7,0% 6,6% 10,5% 3,4% 4,8% 3,2% 13,8% 6,2% 1,8% 6,0% 7,2% * Rielaborazioni AVA su dati di bilancio Reuters Thomson One. Pagina ( 6 )

8 Il Valore delle società del FTSE MIB da un ottica People-Based La creazione di Valore si può misurare anche considerando un Capitale le Risorse Umane dell impresa. Ciò significa identificare nuove leve agibili per incrementare il Valore della Società e valorizzare le Risorse interne in una logica di costo-opportunità Una delle principali caratteristiche del Profitto Economico_EVA è quella di offrire una modalità di lettura alternativa delle performance gestionali conseguite dalle imprese e di associare il Valore periodale calcolato alle determinanti che hanno concorso a generarlo. E così che, operando una semplice scomposizione algebrica della formulazione tradizionale di questa metrica 6, è possibile determinare un EVA People-Based calcolato rivelando la differenza tra Produttività delle Risorse Umane e il loro Costo medio (Qualità) e moltiplicando questo spread per il numero totale delle Risorse interne (Quantità). In altre parole, si può determinare il Profitto Economico utilizzando il denominatore delle Persone, invece che del Capitale e, da un ottica People-Driven, identificare così diverse (e forse più importanti) leve agibili per incrementare il Valore della Società. La performance di Valore da un punto di vista People-Driven Così come una Società, per generare Valore, ha bisogno che il Capitale impiegato nella stessa sia: a. Redditizio b. Adeguatamente remunerate per il suo Costo-opportunità c. Impiegato in progetti e attività economicamente profittevoli da una prospettiva People-Driven, per creare Valore è necessario che le Risorse Interne siano: a. Produttive b. Adeguatamente remunerate per il lavoro che svolgono c. Correttamente dimensionate all interno della Struttura. Le Persone rappresentano, infatti, un Capitale di competenze e specificità che, come tale, deve essere reso quanto più profittevole e al servizio della capacità di creazione di Valore dell impresa, anch esso secondo una logica di Costo-opportunità. L analisi sulle Società del FTSE MIB Per molte delle Società analizzate (il 43% circa), la Produttività delle Risorse è inferiore al loro Costo per l azienda. Tra chi registra uno spread di qualità negativo c è Mediobanca (-147 k ), Banco Popolare (-93 k ) e Banca MPS (-90 k ). Non mancano, però, altrettanti esempi di eccellenza. Tra questi spicca Azimut Holding che, tra tutte le Società del Campione, registra la miglior valorizzazione delle proprie Risorse - pari a 787 k - ottenuta in virtù di altri due primati: quello di Best Performer per Produttività delle Risorse (988 k ), che corregge anche quello del più alto Costo Lavoro medio del Campione (201 k ). Altri Campioni di Produttività sono: Mediolanum (181 k ), Campari (118 k ) e Diasorin (113 k ). Per ricevere la versione completa del Paper siete pregati di contattare Numerose, infine, sono le Società che registrano un alto coefficiente Salary/Employee. Tra queste: Mediobanca (112 k ), Mediaset (106 k ), Banco Popolare (98 k ), UBI (80 k ) e Ansaldo STS (76 k ). 6 Profitto Economico Tradizionale = (ROIC - WACC) * Capitale Investito; Profitto Economico People-Based = (Produttività delle Risorse - Costo Lavoro medio) * N Risorse Per giungere alla determinazione del Profitto Economico People-Based si dovrà scomporre algebricamente la sua formulazione Tradizionale. Si comincia determinando i Ricavi per dipendente al netto dei Costi (inclusi Ammortamenti, Imposte e Capital Charge a copertura del Costo del debito e del Capitale proprio). Ciò che resta è una misura della Produttività per dipendente che, sottraendo il Costo medio del Personale e moltiplicando per il numero di Risorse Interne, restituisce il Profitto Economico People-Based. Pagina ( 7 )

9 Quanto vale la Produttività di ciascun dipendente dell impresa? A quanto ammonta il Costo medio di ciascuna Risorsa? Qualità Quanto sono produttive le Risorse Interne Vs il loro Costo per l impresa? Quantità A quanto ammonta il totale delle Risorse Umane? Qualità X Quantità Il Profitto Economico che le Risorse generano per l impresa Productivity per Employee Economic Profit Spread Salary per - = X = Employee N of Employees Economic Profit (EVA ) Company Productivity / Employee Th. Salary / Employee Th. Economic Profit Spread / Employee Th. Number of Employees Economic Profit 2012 Mio. Luxottica Tenaris Eni Snam Fiat Industrial Assicurazioni Generali Atlantia Saipem Terna Ferragamo Tod's Mediolanum Prysmian Pirelli Campari STMicroelectronics Autogrill Azimut Holding Lottomatica Diasorin Enel Green Power Parmalat Ansaldo STS Mediaset Fondiaria - SAI Buzzi Unicem Finmeccanica A2A Banca Popolare Emilia Romagna n.a n.a n.a n.a n.a. 31 (3) 32 (0) (9) (29) (0) (58) 3 10 (53) n.a. (18) (3) (26) (25) (200) 192 (22) (715) (1.385) (10) (196) (312) (905) (191) (214) (327) (304) Mediobanca (35) 112 (147) (515) Fiat Banca Popolare Milano (62) (513) Unione Banche Italiane (33) (637) Banco Popolare Per ricevere la (19) versione 74 completa (93) (1.734) Telecom Italia Enel del Paper siete pregati di contattare (7) (497) Banca Monte Paschi Siena (15) 75 (90) (2.749) Intesa Sanpaolo (29) (2.756) Unicredit (24) (3.769) * Rielaborazioni AVA su dati di bilancio Reuters Thomson One. Invested Capital al netto del Goodwill Pagina ( 8 )

10 Glossario ECONOMIC VALUE ADDED o ECONOMIC PROFIT (EVA o EP) L EVA è un Reddito residuale, ovvero ciò che rimane dai Ricavi dell impresa dopo aver dedotto il Costo di tutti i fattori funzionali alla produzione dei Ricavi stessi, incluso il Costo opportunità del Capitale investito nell impresa dagli azionisti. Secondo questo modello, equivalente al DCF, il Valore d impresa è pari al valore del Capitale presente in azienda al momento della valutazione, più il valore attuale degli EVA che la gestione saprà generare in futuro (MVA). E il parametro più correlato al valore che il Mercato dei Capitali riconosce all impresa poiché ad incrementi della performance EVA, il Mercato risponde con un maggior valore di MVA. Tale modello, dunque, prevede che il Valore d impresa sia funzione dei risultati gestionali futuri espressi in termini di EVA e maggiori sono tali risultati attesi, maggiore sarà il Valore della Società. MARKET VALUE ADDED (MVA) È il maggior valore che, ad una certa data, gli azionisti di un impresa possiedono rispetto a quanto originariamente investito. E calcolato come differenza tra il Valore d impresa (Enterprise Value) e il Capitale investito nella Società (Debito + Equity), inclusivo di eventuali Goodwill. Il MVA si può ulteriormente scomporre in Valore delle performance Future (FGV) e Valore della performance Corrente. FUTURE GROWTH VALUE (FGV) E il Valore attuale dei miglioramenti o peggioramenti di Profitto Economico/EVA attesi rispetto alla performance corrente dell impresa. VALORE DELLA PERFORMANCE CORRENTE Valore attuale di un flusso perpetuo di Profitto Economico/EVA ipotizzato costante. WEIGHTED AVERAGE COST OF CAPITAL (WACC) È il Costo medio ponderato di tutto il Capitale investito nell attività d impresa, proprio e di debito. E anche definito Costo-opportunità poichè corrisponde al ritorno che gli investitori si aspetterebbero di realizzare da investimenti alternativi di pari livello di rischio. E una media ponderata del Costo del Capitale di Debito e del Costo del Capitale Proprio, con fattori di ponderazione pari ai pesi che Debito e Capitale Proprio assumono sul valore che emerge dalla loro somma. RETURN ON INVESTED CAPITAL (ROIC) È l indicatore che esprime la redditività del Capitale raccolto sul mercato finanziario (presso azionisti e intermediari) e investito nell attività dell impresa. E calcolato come: Nopat/Capitale Investito Tangible. Pagina ( 9 )

11 Active Value Advisors è una società di consulenza direzionale indipendente che si propone come partner per quelle imprese che necessitano di rafforzare il proprio Sistema di Governo e per quelle aziende che vogliono intraprendere percorsi di crescita, attraverso soluzioni coerenti con l obiettivo di creazione di Valore sostenibile. I professionisti di Active Value Advisors hanno un esperienza pluriennale nell assistere i principali gruppi quotati italiani nello sviluppo di Piani Industriali, nella definizione di azioni tese a migliorare la performance di creazione di Valore e nell attività di assistenza al processo di cambiamento che le dinamiche competitive e le opportunità di mercato richiedono. Nello svolgimento dei mandati assegnati viene utilizzato un unico linguaggio professionale che si declina in servizi afferenti a tematiche di gestione diverse: lo Shareholder Value, il Customer Value, il People Value, il Corporate Value. Ciascun centro di competenza risponde ad una dimensione gestionale fondamentale: l Azionista, il Cliente, le Risorse Interne, il Valore degli Asset. Grazie alla collaborazione con professionisti accreditati nell area del Pricing Strategico, Active Value Advisors ha arricchito le proprie competenze e metodologie professionali con modelli e strumenti innovativi di Value Pricing. CORPORATE VALUE Valutazioni Complesse Transaction Services Allocazione del Capitale Mix Fonti di Finanziamento Impairment del Goodwill SHAREHOLDER VALUE Family Constitution Target Setting Outside In Alternative Strategies Strategie delle Business Unit Performance Improvement Value Benchmarking VALUE PRICING PEOPLE VALUE Organizational Culture Survey Action Learning per il Change Management People Audit Ruoli e Responsabilità Sistemi di Rewarding Meccanismi d incentivazione CUSTOMER VALUE Sistemi di Ascolto dei Clienti Social Media Intelligence Analisi e Segmentazione della domanda Sviluppo di sistemi innovativi di CRM Orientamento Politiche Commerciali Modelli e Strategie di Value Pricing Pagina ( 10 ) 18

12 Active Value Advisors. T F E I

Active Value Pricing. Costruire un ponte tra due visioni della performance d impresa.

Active Value Pricing. Costruire un ponte tra due visioni della performance d impresa. Active Value Pricing Costruire un ponte tra due visioni della performance d impresa. Il Pricing: la principale leva di miglioramento della redditività Lo scenario economico in cui le imprese operano è

Dettagli

1.4 LA PRATICA DI ASSURANCE

1.4 LA PRATICA DI ASSURANCE Altri Stakeholder attenti alla CSR ANALISTI - RATING ESG ORGANIZZAZIONI DI RICERCA Associazioni Pubblicazioni Ricerca FONDI INVESTIMENTO CSR Fornitori di soluzioni software Business School ASSURANCE SOCIETÀ

Dettagli

La «Tobin Tax» e i certificates. Se, quando, come e quanto si paga l imposta sulle transazioni finanziarie (Tobin Tax) in relazione ai certificates

La «Tobin Tax» e i certificates. Se, quando, come e quanto si paga l imposta sulle transazioni finanziarie (Tobin Tax) in relazione ai certificates La «Tobin Tax» e i certificates Se, quando, come e quanto si paga l imposta sulle transazioni finanziarie (Tobin Tax) in relazione ai certificates maggio 2013 COS E LA TOBIN TAX? E un imposta sul «trasferimento

Dettagli

agl Autogrill ribassista 9.96 8.74 8.264 short attuali 7.534 >9.96 atl Atlantia ribassista 14.22 14.34 12.27 11.65 short 14.3 11.65 > 14.

agl Autogrill ribassista 9.96 8.74 8.264 short attuali 7.534 >9.96 atl Atlantia ribassista 14.22 14.34 12.27 11.65 short 14.3 11.65 > 14. 5.03.2013 13.27 Azioni Ita - Ftsemib Ticker Sottostante Tendenza Res 1 Res 2 Supp 1 Supp 2 Segn. Oper. P. d'entrata Take profit Stop loss a2a A2a ribassista 0.4393 0.4630-0.4740 0.3933 0.3885 short 0.3933-0.3885

Dettagli

CORSO DI FINANZA AZIENDALE SVILUPPO DELL IMPRESA E CREAZIONE DI VALORE

CORSO DI FINANZA AZIENDALE SVILUPPO DELL IMPRESA E CREAZIONE DI VALORE CORSO DI FINANZA AZIENDALE SVILUPPO DELL IMPRESA E CREAZIONE DI VALORE Testo di riferimento: Analisi Finanziaria (a cura di E. Pavarani) - McGraw-Hill - 2001 Cap. 9 1 Qual è il fine dell azienda? Massimizzare

Dettagli

Qual è il fine dell azienda?

Qual è il fine dell azienda? CORSO DI FINANZA AZIENDALE SVILUPPO DELL IMPRESA E CREAZIONE DI VALORE Testo di riferimento: Analisi Finanziaria (a cura di E. Pavarani) - McGraw-Hill - 2001 Cap. 9 1 Qual è il fine dell azienda? Massimizzare

Dettagli

SVILUPPO DELL IMPRESA E CREAZIONE DI VALORE

SVILUPPO DELL IMPRESA E CREAZIONE DI VALORE CORSO DI CORPORATE BANKING SVILUPPO DELL IMPRESA E CREAZIONE DI VALORE - la metodologia EVA - Qual è il fine dell impresa nella logica della finanza aziendale? Massimizzare la creazione del valore per

Dettagli

Lundquist Research Series Wikipedia Italia 2011

Lundquist Research Series Wikipedia Italia 2011 Lundquist Research Series Wikipedia Italia 8 marzo 2012 La terza edizione della ricerca Lundquist sulla copertura di Wikipedia delle maggiori aziende italiane, mostra un leggero miglioramento nella qualità

Dettagli

Dal 29 Aprile 2014, 437 nuovi Covered Warrant di UniCredit su Azioni italiane ed internazionali!

Dal 29 Aprile 2014, 437 nuovi Covered Warrant di UniCredit su Azioni italiane ed internazionali! Nuovi Covered Warrant di UniCredit quotati su SeDeX www.investimenti.unicredit.it Dal 29 Aprile 2014, 437 nuovi Covered Warrant di UniCredit su Azioni italiane ed internazionali! Scopri la nuova emissione

Dettagli

Report di Borsa Settimanale per gli Azionisti Retail di Telecom Italia

Report di Borsa Settimanale per gli Azionisti Retail di Telecom Italia Report di Borsa Settimanale per gli Azionisti Retail di Telecom Italia 30 settembre 203 4 ottobre 203 Telecom Italia e il mercato italiano Prezzo Chiusura Volumi medi giornalieri Capitalizzazione** da

Dettagli

SVILUPPO DELL IMPRESA E CREAZIONE DI VALORE - la metodologia EVA -

SVILUPPO DELL IMPRESA E CREAZIONE DI VALORE - la metodologia EVA - CORSO DI PIANIFICAZIONE FINANZIARIA SVILUPPO DELL IMPRESA E CREAZIONE DI VALORE - la metodologia EVA - Testo di riferimento: Analisi Finanziaria (a cura di E. Pavarani) - McGraw-Hill - 2002 Cap. 9 (Dottor

Dettagli

PRESTITO TITOLI VINCOLATO degli strumenti finanziari di proprietà del Cliente. ( Prestito Titoli Vincolato non Garantito )

PRESTITO TITOLI VINCOLATO degli strumenti finanziari di proprietà del Cliente. ( Prestito Titoli Vincolato non Garantito ) PRESTITO TITOLI VINCOLATO degli strumenti finanziari di proprietà del Cliente ( Prestito Titoli Vincolato non Garantito ) SCHEDA PRODOTTO versione in vigore dal 3 agosto 2015 DISCLAIMER (AVVERTENZE) Il

Dettagli

INDICI FTSE ECPI ITALIA SRI. Maggio 2012

INDICI FTSE ECPI ITALIA SRI. Maggio 2012 INDICI FTSE ECPI ITALIA SRI Maggio 2012 La serie di indici FTSE ECPI Italia SRI Universo Panieri FTSE MIB + FTSE Italia MidCap, che raggruppano le maggiori 100 azioni quotate su MTA, testate ogni tre mesi

Dettagli

STUDIO SULLE REMUNERAZIONI NELLE SOCIETÀ QUOTATE IN ITALIA

STUDIO SULLE REMUNERAZIONI NELLE SOCIETÀ QUOTATE IN ITALIA STUDIO SULLE REMUNERAZIONI NELLE SOCIETÀ QUOTATE IN ITALIA ESERCIZIO 2011 Principali risultati dell analisi Nonostante il valore totale per gli azionisti (corsi azionari più dividendi) sia risultato negativo

Dettagli

PRESTITO TITOLI VINCOLATO GARANTITO degli strumenti finanziari di proprietà del Cliente. ( Prestito Titoli Vincolato Garantito )

PRESTITO TITOLI VINCOLATO GARANTITO degli strumenti finanziari di proprietà del Cliente. ( Prestito Titoli Vincolato Garantito ) degli strumenti finanziari di proprietà del Cliente ( Prestito Titoli Vincolato Garantito ) SCHEDA PRODOTTO versione in vigore dal 3 agosto 2015 DISCLAIMER (AVVERTENZE) Il presente documento viene fornito

Dettagli

TESI DI LAUREA - Attori e strumenti nella sostenibilità d impresa

TESI DI LAUREA - Attori e strumenti nella sostenibilità d impresa evidenziato che anche questa distorsione di principi alla base del report di sostenibilità può condurre a benefici in termini di responsabilità sociale d impresa, nel caso in cui abbia come conseguenza

Dettagli

FTSE MIB Stocks Last Trading Day Daily Pivots

FTSE MIB Stocks Last Trading Day Daily Pivots FTSE MIB Stocks Last Trading Day Daily Pivots Ticker Name Date Open High Low Close Volume Res1 Sup1 Res2 Sup2 Res3 Sup3 A2.MI A2A 23/03/12 0.653 0.670 0.635 0.642 24038668 0.660 0.625 0.682 0.613 0.716

Dettagli

Value based management e EVA Testo: Analisi Finanziaria, E. Pavarani (a cura di) Capitolo 9

Value based management e EVA Testo: Analisi Finanziaria, E. Pavarani (a cura di) Capitolo 9 UNIVERSITA DI PARMA FACOLTA DI ECONOMIA Corso di pianificazione finanziaria A.a. 2002/2003 Parma, 27 novembre 2002 Value based management e EVA Testo: Analisi Finanziaria, E. Pavarani (a cura di) Capitolo

Dettagli

PRESTITO TITOLI VINCOLATO GARANTITO degli strumenti finanziari di proprietà del Cliente con FACOLTÀ DI RICHIAMO per OPERAZIONI DI ELEVATO IMPORTO

PRESTITO TITOLI VINCOLATO GARANTITO degli strumenti finanziari di proprietà del Cliente con FACOLTÀ DI RICHIAMO per OPERAZIONI DI ELEVATO IMPORTO PRESTITO TITOLI VINCOLATO GARANTITO degli strumenti finanziari di proprietà del Cliente con FACOLTÀ DI RICHIAMO per OPERAZIONI DI ELEVATO IMPORTO SCHEDA PRODOTTO versione in vigore dal 3 agosto 2015 DISCLAIMER

Dettagli

www.trendintime.com ARCHIVIO PREVISIONI BORSA Archivio Analisi e Previsoni dal 15-01-2010 al 21-02-2011 Tutti i diritti riservati TT 2010

www.trendintime.com ARCHIVIO PREVISIONI BORSA Archivio Analisi e Previsoni dal 15-01-2010 al 21-02-2011 Tutti i diritti riservati TT 2010 SUPERmAT Analisi di borsa settimanale (DA PAG. 2 A PAG. 92) L'analisi di borsa settimanale presentata dal nostro Trading System SUPERmAT è proiettata nel breve periodo. All'interno di quest'orizzonte temporale,

Dettagli

CSR Online Awards 2009

CSR Online Awards 2009 Lundquist CSR Online Awards 2009: il meglio della comunicazione della CSR online in Italia Eni la più concreta nella comunicazione online della CSR La seconda edizione della ricerca CSR Online Awards sulla

Dettagli

15 ma Edizione KWD Webranking 2011 Europe 500

15 ma Edizione KWD Webranking 2011 Europe 500 KWD Webranking 15 edizione a livello europeo e 10 in Italia 950 in Europa, in 28 settori diversi 24 società italiane incluse nella classifica europea Protocollo di valutazione di 120 criteri, di cui un

Dettagli

INTRODUZIONE 1 1. IL VALORE D AZIENDA E LA SUA EVOLUZIONE 5. 3. LA RAI RADIO TELEVISIONE ITALIANA S.p.A. 29

INTRODUZIONE 1 1. IL VALORE D AZIENDA E LA SUA EVOLUZIONE 5. 3. LA RAI RADIO TELEVISIONE ITALIANA S.p.A. 29 INDICE INTRODUZIONE 1 1. IL VALORE D AZIENDA E LA SUA EVOLUZIONE 5 1.1 Il ruolo dell impresa nella società 5 1.2 Gli Stakeholders 6 1.3 Breve excursus sulla teoria della creazione e diffusione del valore

Dettagli

II Rapporto 2013 Rating Business Plan Società indici FTSE e STAR

II Rapporto 2013 Rating Business Plan Società indici FTSE e STAR Rating dei Business Plan delle Società inserite nell indice FTSE MIB della Borsa Italiana II Rapporto 2013 Rating Business Plan Società indici FTSE e STAR Hanno collaborato alla stesura del Rapporto: Cesare

Dettagli

Analisi dei flussi rilevanti e incentivi alla creazione di valore

Analisi dei flussi rilevanti e incentivi alla creazione di valore Finanza Aziendale Analisi e valutazioni per le decisioni aziendali Analisi dei flussi rilevanti e incentivi alla creazione di valore Capitolo 19 Indice degli argomenti 1. Condizioni per un sano sviluppo

Dettagli

Titoli azionari. capitale di rischio rimborso valore indeterminato. Rappresentano quota parte del capitale azionario

Titoli azionari. capitale di rischio rimborso valore indeterminato. Rappresentano quota parte del capitale azionario Titoli Azionari Titoli azionari Rappresentano quota parte del capitale azionario capitale di rischio rimborso valore indeterminato Occorre prima soddisfare tutti i finanziatori a titolo di debito Vincoli

Dettagli

Relazione semestrale del Fondo. Mediolanum Flessibile Italia. al 28 giugno 2013

Relazione semestrale del Fondo. Mediolanum Flessibile Italia. al 28 giugno 2013 Relazione semestrale del Fondo Mediolanum Flessibile Italia al 28 giugno 2013 La presente Relazione Semestrale si compone di 8 pagine numerate dalla numero 1 alla numero 8. MEDIOLANUM GESTIONE FONDI SGR

Dettagli

ORIENTAMENTI DI VOTO FRONTIS GOVERNANCE ANNO SOLARE 2013

ORIENTAMENTI DI VOTO FRONTIS GOVERNANCE ANNO SOLARE 2013 27/04/2013 ASSICURAZIONI GENERALI SPA Ordinaria Bilancio d esercizio al 31 dicembre 2012, destinazione dell utile di esercizio e distribuzione del dividendo Favorevole Favorevole 27/04/2013 ASSICURAZIONI

Dettagli

ANALISI DEI FLUSSI RILEVANTI E INCENTIVI ALLA CREAZIONE DI VALORE. Docente: Prof. Massimo Mariani

ANALISI DEI FLUSSI RILEVANTI E INCENTIVI ALLA CREAZIONE DI VALORE. Docente: Prof. Massimo Mariani ANALISI DEI FLUSSI RILEVANTI E INCENTIVI ALLA CREAZIONE DI VALORE Docente: Prof. Massimo Mariani 1 SOMMARIO determinazione dei flussi rilevanti; definizione di flussi monetari; definizione di flussi differenziali;

Dettagli

Evoluzione degli assetti proprietari ed attivismo assembleare delle minoranze

Evoluzione degli assetti proprietari ed attivismo assembleare delle minoranze FTSE MIB Proxy Season 2013 Evoluzione degli assetti proprietari ed attivismo assembleare delle minoranze con approfondimento relativo al voto sulle politiche di remunerazione (ex Art. 123-ter del D.lgs.

Dettagli

MESSAGGIO PUBBLICITARIO ELENCO COMPLETO COVERED WARRANTS OTTOBRE 2012 COVERED WARRANTS SU ETF. Prezzi aggiornati * Codice Negoz.

MESSAGGIO PUBBLICITARIO ELENCO COMPLETO COVERED WARRANTS OTTOBRE 2012 COVERED WARRANTS SU ETF. Prezzi aggiornati * Codice Negoz. AVVERTENZE Si ricorda che è responsabilità dell investitore, prima di acquistare un Covered Warrant di SG, verificare che l operazione non determini la creazione di una nuova posizione netta corta sui

Dettagli

MESSAGGIO PUBBLICITARIO ELENCO COMPLETO COVERED WARRANTS OTTOBRE 2012 COVERED WARRANTS SU ETF. Codice Negoz. Prezzi aggiornati * Codice ISIN

MESSAGGIO PUBBLICITARIO ELENCO COMPLETO COVERED WARRANTS OTTOBRE 2012 COVERED WARRANTS SU ETF. Codice Negoz. Prezzi aggiornati * Codice ISIN AVVERTENZE Si ricorda che è responsabilità dell investitore, prima di acquistare un Covered Warrant di SG, verificare che l operazione non determini la creazione di una nuova posizione netta corta sui

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE RELATIVE ALL OFFERTA DEGLI ABN AMRO BANK N.V. PROTECTION BULL CERTIFICATES SU INDICI,

CONDIZIONI DEFINITIVE RELATIVE ALL OFFERTA DEGLI ABN AMRO BANK N.V. PROTECTION BULL CERTIFICATES SU INDICI, CONDIZIONI DEFINITIVE relative all offerta degli ABN AMRO BANK N.V. PROTECTION BULL CERTIFICATES SU INDICI, AZIONI, COMMODITIES, FONDI E BASKET. ( PROTECTION BULL CERTIFICATE, al singolare, e PROTECTION

Dettagli

Indicatori per il trading: dati e indici di Borsa

Indicatori per il trading: dati e indici di Borsa Indicatori per il trading: dati e indici di Borsa Borsa Italiana Spa 7 maggio 2004 Milano 2 Sommario L effetto degli stacchi di dividendo e delle operazioni sul capitale sugli indici azionari 2 Dai numeri

Dettagli

Valutazione d Azienda Lezione 5

Valutazione d Azienda Lezione 5 Valutazione d Azienda Lezione 5 1 Le prospettive di valutazione [P.I.V. I.7] Generico operatore partecipante al mercato Specifico soggetto 2 I partecipanti al mercato Si tratta della generalità dei potenziali

Dettagli

Net Div. Yield 2013E (%) Net Div. Yield 2012 (%)

Net Div. Yield 2013E (%) Net Div. Yield 2012 (%) Dividendi: uno degli elementi nelle scelte di investimento Il tema dei dividendi resta uno degli elementi importanti nelle scelte di investimento, soprattutto nell attuale contesto di mercato; in una strategia

Dettagli

Le azioni quotate all interno dell MTA si dividono, a seconda di alcune caratteristiche formali e criteri dimensionali, in 4 segmenti:

Le azioni quotate all interno dell MTA si dividono, a seconda di alcune caratteristiche formali e criteri dimensionali, in 4 segmenti: Introduzione Il mercato telematico azionario italiano (MTA), è il principale e più importante comparto finanziario tra i comparti di mercato di Borsa Italiana S.p.A, all interno del quale avviene la negoziazione

Dettagli

Catalogo Certificate di UniCredit Lista valida 7 al 18 dicembre 2015

Catalogo Certificate di UniCredit Lista valida 7 al 18 dicembre 2015 BENCHMARK A LEVA FISSA LINEA SMART SU INDICI Leverage Certificate Voglio potenziare le performance del mio trading intraday con uno strumento che replica indici a leva 3, 5 e 7 i movimenti dell'indice

Dettagli

Valutazione degli investimenti

Valutazione degli investimenti Valutazione degli investimenti Mutina Profit Consulting S.r.l. affianca l imprenditore nella valutazione degli investimenti sia in termini di sostenibilità economica, mediante la predisposizione di Business

Dettagli

Bollettino statistico

Bollettino statistico Statistiche e analisi Bollettino statistico settembre 201 Il Bollettino statistico è un documento a cadenza semestrale che contiene dati sui settori istituzionali di interesse della Consob basati su segnalazioni

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE RELATIVE ALL OFFERTA DEGLI ABN AMRO BANK N.V. BONUS CERTIFICATES SU INDICI, AZIONI, COMMODITIES E FONDI

CONDIZIONI DEFINITIVE RELATIVE ALL OFFERTA DEGLI ABN AMRO BANK N.V. BONUS CERTIFICATES SU INDICI, AZIONI, COMMODITIES E FONDI CONDIZIONI DEFINITIVE relative all offerta degli ABN AMRO BANK N.V. BONUS CERTIFICATES SU INDICI, AZIONI, COMMODITIES E FONDI ( Bonus Certificate, al singolare, e Bonus Certificates, al plurale). Condizioni

Dettagli

Angela Gemma Giada Pivotto Luca Rossi Sigrid Rauch Vanessa Dedola CORSO DI ANALISI DEGLI EQUILIBRI GESTIONALI DELLA BANCA PROJECT WORK

Angela Gemma Giada Pivotto Luca Rossi Sigrid Rauch Vanessa Dedola CORSO DI ANALISI DEGLI EQUILIBRI GESTIONALI DELLA BANCA PROJECT WORK * Angela Gemma Giada Pivotto Luca Rossi Sigrid Rauch Vanessa Dedola CORSO DI ANALISI DEGLI EQUILIBRI GESTIONALI DELLA BANCA PROJECT WORK 1) PARTE INTRODUTTIVA equity research cosa è, scopo metodi per l'equity

Dettagli

Lundquist CSR Online Awards Italy 2010

Lundquist CSR Online Awards Italy 2010 Lundquist Online Awards Italy 2010 Valutare la comunicazione online della in base ai bisogni degli stakeholder 4 Ottobre 2010 Online Awards Italy 2010: Prima ricerca in Italia sulla online 3 a edizione

Dettagli

Offerta al pubblico di Index FTSE MIB prodotto finanziario- assicurativo di tipo Index Linked (Codice Prodotto 1212)

Offerta al pubblico di Index FTSE MIB prodotto finanziario- assicurativo di tipo Index Linked (Codice Prodotto 1212) Offerta al pubblico di Index FTSE MIB prodotto finanziario- assicurativo di tipo Index Linked (Codice Prodotto 1212) Il presente documento contiene: Scheda Sintetica Informazioni Generali Scheda Sintetica

Dettagli

11 a Edizione. KWD Webranking 2012 Italy 100 e Europe 500. 16 edizione a livello. 102 società analizzate in

11 a Edizione. KWD Webranking 2012 Italy 100 e Europe 500. 16 edizione a livello. 102 società analizzate in 16 edizione a livello europeo e 11 in Italia 102 società analizzate in Italia e quasi 1000 a livello globale, organizzate in 19 settori diversi Protocollo di valutazione di 100 criteri, di cui un terzo

Dettagli

Osservatorio Dividendi 2009 di SoldiOnline

Osservatorio Dividendi 2009 di SoldiOnline Osservatorio Dividendi 2009 di SoldiOnline Nota metodologica: nel seguente osservatorio è stato analizzato l andamento dei dividendi 2008 che i gruppi dovrebbero pagare nel 2009 in confronto con le cedole

Dettagli

di Giampaolo Calori Produzione e logistica >> Sistemi di management www.intesasanpaoloimprese.com

di Giampaolo Calori Produzione e logistica >> Sistemi di management www.intesasanpaoloimprese.com IL VALORE DELLA SINERGIA di Giampaolo Calori Produzione e logistica >> Sistemi di management Sommario Le fonti di sinergia...3 La valutazione delle sinergie operative...4 La valutazione delle sinergie

Dettagli

Percorso EXECUTIVE COMPENSATION

Percorso EXECUTIVE COMPENSATION AREA FORMATIVA: Personale & Organizzazione Percorso EXECUTIVE COMPENSATION Formula week-end Cod. Z3045 06 febbraio 2009 14 marzo 2009 COMITATO SCIENTIFICO Franco Fontana, Ordinario di Economia e Gestione

Dettagli

La strategia d impresa ed i beni di proprietà industriale: gli operatori d azienda tra problematiche valutative, finanziarie e fiscali

La strategia d impresa ed i beni di proprietà industriale: gli operatori d azienda tra problematiche valutative, finanziarie e fiscali La strategia d impresa ed i beni di proprietà industriale: gli operatori d azienda tra problematiche valutative, finanziarie e fiscali Angelo Cattaneo Milano, 22 febbraio 2010 INDICE Pirelli RE Immobilizzazioni

Dettagli

I.2 L analisi economico-finanziaria: redditività conseguita, redditività attesa e creazione di valore economico

I.2 L analisi economico-finanziaria: redditività conseguita, redditività attesa e creazione di valore economico Introduzione I.1 Premessa Analizzare la situazione economico-finanziaria di un impresa significa poter affrontare alcune questioni critiche della gestione dell azienda e cioè essere in grado di poter rispondere

Dettagli

La remunerazione del Top Management: variabile più legato alle performance e maggiore trasparenza

La remunerazione del Top Management: variabile più legato alle performance e maggiore trasparenza La remunerazione del Top Management: variabile più legato alle performance e maggiore trasparenza Il tema delle remunerazioni dei Vertici Aziendali continua a essere di grande attualità e oggetto di particolare

Dettagli

Lundquist CSR Online Awards Italy 2011

Lundquist CSR Online Awards Italy 2011 Lundquist Online Awards Italy 2011 24 ottobre 2011 Valutare la comunicazione online della in base ai bisogni degli stakeholder La qualità della comunicazione della in Italia rimane inadeguata e invariata:

Dettagli

Tecniche di stima del costo e delle altre forme di finanziamento

Tecniche di stima del costo e delle altre forme di finanziamento Finanza Aziendale Analisi e valutazioni per le decisioni aziendali Tecniche di stima del costo e delle altre forme di finanziamento Capitolo 17 Indice degli argomenti 1. Rischio operativo e finanziario

Dettagli

Investimento Immobiliare Mercato, valutazione, rischio e portafogli

Investimento Immobiliare Mercato, valutazione, rischio e portafogli Investimento Immobiliare Mercato, valutazione, rischio e portafogli Martin Hoesli Giacomo Morri Capitolo 2 RENDIMENTO E RISCHIO DI UN INVESTIMENTO IMMOBILIARE Agenda Rendimento - Rendimenti immediati -

Dettagli

Decreto Legislativo n. 58/1998 / Art. 114 comma 8 - Lista emittenti/gruppi in conflitto di interesse

Decreto Legislativo n. 58/1998 / Art. 114 comma 8 - Lista emittenti/gruppi in conflitto di interesse Decreto Legislativo n. 58/1998 / Art. 114 comma 8 - Lista emittenti/gruppi in conflitto di interesse Emittenti direttamente interessati da situazioni di conflitto di interessi Emittente ALBA PRIVATE EQUITY

Dettagli

Decreto Legislativo n. 58/1998 / Art. 114 comma 8 - Lista emittenti/gruppi in conflitto di interesse

Decreto Legislativo n. 58/1998 / Art. 114 comma 8 - Lista emittenti/gruppi in conflitto di interesse Decreto Legislativo n. 58/1998 / Art. 114 comma 8 - Lista emittenti/gruppi in conflitto di interesse Emittenti direttamente interessati da situazioni di conflitto di interessi Emittente Gruppo di Appartenenza

Dettagli

Decreto Legislativo n. 58/1998 / Art. 114 comma 8 - Lista emittenti/gruppi in conflitto di interesse

Decreto Legislativo n. 58/1998 / Art. 114 comma 8 - Lista emittenti/gruppi in conflitto di interesse Decreto Legislativo n. 58/1998 / Art. 114 comma 8 - Lista emittenti/gruppi in conflitto di interesse Emittenti direttamente interessati da situazioni di conflitto di interessi Emittente ALBA PRIVATE EQUITY

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO FACOLTÀ DI ECONOMIA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO FACOLTÀ DI ECONOMIA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO FACOLTÀ DI ECONOMIA CORSO DI LAUREA IN BUSINESS ADMINISTRATION TESI DI LAUREA ATTORI E STRUMENTI NELLA D IMPRESA PLAYERS AND MANAGEMENT TOOLS IN CORPORATE SUSTAINABILITY

Dettagli

IL MERCATO AZIONARIO: SITUAZIONI E PROSPETTIVE

IL MERCATO AZIONARIO: SITUAZIONI E PROSPETTIVE S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO IL MERCATO AZIONARIO: SITUAZIONI E PROSPETTIVE ANDREA ROTTI ERSEL S.I.M. 22/11/2013 Milano Scenario 2014: premessa Il decennio 2002-2012 è stato decisamente

Dettagli

Pirelli & C. S.p.A. Relazioni all Assemblea del 10 maggio 2012

Pirelli & C. S.p.A. Relazioni all Assemblea del 10 maggio 2012 Pirelli & C. S.p.A. Relazioni all Assemblea del 10 maggio 2012 Piano di incentivazione monetario triennale (2012/2014) per il Management del Gruppo Pirelli 1 Piano di incentivazione monetario triennale

Dettagli

Il processo di Business Planning e il Business Plan. Vincenzo Corvello

Il processo di Business Planning e il Business Plan. Vincenzo Corvello Il processo di Business Planning e il Business Plan Il problema del finanziamento Le fonti di finanziamento Fonti interne: Riserve di utile Capitale proprio Fonti esterne: Debito Prestiti Obbligazioni

Dettagli

Decreto Legislativo n. 58/1998 / Art. 114 comma 8 - Lista emittenti/gruppi in conflitto di interesse

Decreto Legislativo n. 58/1998 / Art. 114 comma 8 - Lista emittenti/gruppi in conflitto di interesse Decreto Legislativo n. 58/1998 / Art. 114 comma 8 - Lista emittenti/gruppi in conflitto di interesse Emittenti direttamente interessati da situazioni di conflitto di interessi Emittente ALBA PRIVATE EQUITY

Dettagli

ABI disdetta il contratto: crescono le diseguaglianze

ABI disdetta il contratto: crescono le diseguaglianze ABI disdetta il contratto: crescono le diseguaglianze A cura di Agostino Megale Nicola Cicala Il CCNL carta costituzionale del lavoro Un settore senza contratto è come un paese senza Costituzione ABI:

Dettagli

Le iniziative del settore bancario a favore della patrimonializzazione delle imprese

Le iniziative del settore bancario a favore della patrimonializzazione delle imprese II Conferenza regionale sul credito e la finanza per lo sviluppo Le iniziative del settore bancario a favore della patrimonializzazione delle imprese David Sabatini Resp. Ufficio Finanza Il sistema industriale

Dettagli

IL PIANO STRATEGICO DELLA BANCA

IL PIANO STRATEGICO DELLA BANCA IL PIANO STRATEGICO DELLA BANCA 1 IL PIANO INDUSTRIALE STRUMENTO DI GOVERNO DELLA STRATEGIA AZIENDALE ORIZZONTE PLURIENNALE OBIETTIVI STRUTTURA E CONTENUTI MODALITA DI COSTRUZIONE E DI LETTURA 2 1 PIANO

Dettagli

Valutazione d azienda: aspetti applicativi. Docente: Prof. Massimo Mariani

Valutazione d azienda: aspetti applicativi. Docente: Prof. Massimo Mariani Docente: Prof. Massimo Mariani 1 METODI FINANZIARI - Durata del periodo di previsione analitica La scelta della durata del periodo di previsione analitica è principalmente legata a: Settore aziendale di

Dettagli

FTSE MIB: Proxy Season 2013. Evoluzione degli assetti proprietari ed attivismo assembleare delle minoranze

FTSE MIB: Proxy Season 2013. Evoluzione degli assetti proprietari ed attivismo assembleare delle minoranze Corporate Governance Advisory Executive Summary FTSE MIB: Proxy Season 2013. Evoluzione degli assetti proprietari ed attivismo assembleare delle minoranze La presente ricerca prende in esame le risultanze

Dettagli

Marketing Metrics: al cuore dell azienda VALUTARE IL SUCCESSO DI UNA STRATEGIA DI MARKETING

Marketing Metrics: al cuore dell azienda VALUTARE IL SUCCESSO DI UNA STRATEGIA DI MARKETING Incentivare COVER DOSSIER INHOUSE STARS DESTINAZIONI NEWS VALUTARE IL SUCCESSO DI UNA STRATEGIA DI MARKETING Oltre al Roi, ovvero il ritorno sull investimento, esiste anche uno strumento espressamente

Dettagli

Calendario Dividendi. L elevata volatilità di mercato mette in secondo piano i dividendi. 8 ottobre 2014. Nota periodica

Calendario Dividendi. L elevata volatilità di mercato mette in secondo piano i dividendi. 8 ottobre 2014. Nota periodica L elevata volatilità di mercato mette in secondo piano i dividendi I mercati europei presentano un quadro di forte volatilità con continui cambiamenti di fronte su indici, settori e titoli. La velocità

Dettagli

Impairment test: la valutazione di una partecipazione

Impairment test: la valutazione di una partecipazione Impairment test: la valutazione di una partecipazione 1 Finalità e limitazioni dell incarico 2 La metodologia valutativa 3 La valutazione della società 4 Criticità riscontrate nella valutazione 5 Verifiche

Dettagli

I SISTEMI DI VALUTAZIONE DEGLI INVESTIMENTI

I SISTEMI DI VALUTAZIONE DEGLI INVESTIMENTI I SISTEMI DI VALUTAZIONE DEGLI INVESTIMENTI I CRITERI DI ANALISI TECNICO-FINANZIARIA. Le practice tecniche Alessio Di Angelantonio 1. IL VALORE ATTUALE NETTO (VAN o NPV). Il criterio del VAN è uno degli

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO. Corso di Risk Management

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO. Corso di Risk Management UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO Corso di Prof. Filippo Stefanini A.A. Corso 60012 Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Edile Il modello di business divisionalizzato delle banche e la contestuale

Dettagli

L impresa familiare: il finanziamento tra banca, private equity e quotazione in borsa

L impresa familiare: il finanziamento tra banca, private equity e quotazione in borsa 26 Convegno di studio Adolfo Beriadi Argentine L impresa familiare: modelli e prospettive Courmayeur 30 settembre 1 ottobre 2011 L impresa familiare: il finanziamento tra banca, private equity e quotazione

Dettagli

Seminario ABN AMRO Markets Investimenti a leva al rialzo o al ribasso sulle azioni italiane.

Seminario ABN AMRO Markets Investimenti a leva al rialzo o al ribasso sulle azioni italiane. Seminario ABN AMRO Markets Investimenti a leva al rialzo o al ribasso sulle azioni italiane. Rimini, ITForum, 15-16.05.2008 ABN AMRO Markets. Il nostro impegno è rivolto a massimizzare i vantaggi derivanti

Dettagli

European Corporate Governance Service. Proxy Voting and Corporate Governance Presentazione del rapporto 2005. Milano, 27 ottobre 2005

European Corporate Governance Service. Proxy Voting and Corporate Governance Presentazione del rapporto 2005. Milano, 27 ottobre 2005 European Corporate Governance Service Proxy Voting and Corporate Governance Presentazione del rapporto 2005 Milano, 27 ottobre 2005 1 Agenda Avanzi SRI Research e lo European Corporate Governance Service

Dettagli

Lezione 9 Analisi fondamentale dell investimento in capitale di rischio I metodi di valutazione. Analisi degli Investimenti 2014/15 Lorenzo Salieri

Lezione 9 Analisi fondamentale dell investimento in capitale di rischio I metodi di valutazione. Analisi degli Investimenti 2014/15 Lorenzo Salieri Lezione 9 Analisi fondamentale dell investimento in capitale di rischio I metodi di valutazione Analisi degli Investimenti 2014/15 Lorenzo Salieri La valutazione La valutazione rappresenta il processo

Dettagli

WEBRANKING BY COMPREND

WEBRANKING BY COMPREND WEBRANKING BY COMPREND TRANSPARENCY STRESS TEST In a challenging and competitive business environment, Webranking investigates how well Italian companies meet the growing expectations of stakeholders in

Dettagli

I SISTEMI DI VALUTAZIONE DEGLI INVESTIMENTI

I SISTEMI DI VALUTAZIONE DEGLI INVESTIMENTI I SISTEMI DI VALUTAZIONE DEGLI INVESTIMENTI I CRITERI DI ANALISI TECNICO-FINANZIARIA. Le componenti base Alessio Di Angelantonio PREMESSA. Che cos è un investimento? Tante, troppe volte, all interno delle

Dettagli

PAY ON PERFORMANCE? STUDIO SULLE REMUNERAZIONI 2012 NELLE SOCIETÀ ABSTRACT QUOTATE ITALIANE SERGIO CARBONARA

PAY ON PERFORMANCE? STUDIO SULLE REMUNERAZIONI 2012 NELLE SOCIETÀ ABSTRACT QUOTATE ITALIANE SERGIO CARBONARA PAY ON PERFORMANCE? STUDIO SULLE REMUNERAZIONI 2012 NELLE SOCIETÀ QUOTATE ITALIANE ABSTRACT SERGIO CARBONARA Scopo e metodologia Lo studio sulle remunerazioni 2012 parte dalla constatazione che la gestione

Dettagli

Esame preliminare delle decisioni di finanziamento

Esame preliminare delle decisioni di finanziamento PROGRAMMA 1) Nozioni di base di finanza aziendale - Valore: Valore attuale Valutazione delle obbligazioni e delle azioni, Valore attuale netto ed altri criteri di scelta degli investimenti Esame preliminare

Dettagli

Le classi di attivo tradizionali: Azioni e Obbligazioni

Le classi di attivo tradizionali: Azioni e Obbligazioni : Azioni e Obbligazioni relatore Roberto Ciasca Responsabile Ufficio Risparmio Amministrato e Finanza Innovativa Intesa Sanpaolo Private Banking Corso istituzionale - Neo private banking: una prima formazione

Dettagli

STRUMENTI DERIVATI - CARATTERISTICHE DELLE OPZIONI

STRUMENTI DERIVATI - CARATTERISTICHE DELLE OPZIONI STRUMENTI DERIVATI - CARATTERISTICHE DELLE OPZIONI Le due principali categorie in cui si dividono le opzioni sono: opzioni call, assegna la facoltà di acquistare o non acquistare l'attività sottostante

Dettagli

Alcuni richiami, in via preliminare, a proposito di:

Alcuni richiami, in via preliminare, a proposito di: Una metodologia di valutazione della performance di valore Il caso Ansaldo STS Alcuni richiami, in via preliminare, a proposito di: TSR (e RSR) VAC (Metodo Mucchetti) slide 2 / 32 1 Analogie tra TSR e

Dettagli

REPORT AZIONARIO ITALIA "TOP TEN" Luglio 2011 - n.2

REPORT AZIONARIO ITALIA TOP TEN Luglio 2011 - n.2 www.uptrend.it REPORT AZIONARIO ITALIA "TOP TEN" Luglio 2011 - n.2 COMMENTO TECNICO Dopo un'inizio di mattinata ancora all'insegna della speculazione ribassista sui maggiori titoli bancari italiani, Piazza

Dettagli

DOCUMENTO PER LA CONSULTAZIONE

DOCUMENTO PER LA CONSULTAZIONE Applicazione dell articolo 5 del d. lgs. n.164/2000. Criteri di valutazione per il riconoscimento della marginalità economica di un giacimento di idrocarburi. DOCUMENTO PER LA CONSULTAZIONE PREMESSA Con

Dettagli

Analisi degli Investimenti Capitolo 10

Analisi degli Investimenti Capitolo 10 Analisi degli Investimenti Capitolo 10 1 Criteri di valutazione degli investimenti 1. Criteri finanziari di valutazione degli investimenti - Valore Attuale Netto (VAN) - Tasso Interno di Rendimento (TIR)

Dettagli

Dettaglio riserve matematiche pure del segmento vita: scadenza matematica

Dettaglio riserve matematiche pure del segmento vita: scadenza matematica SEZIONE 2 RISCHI DELLE IMPRESE DI ASSICURAZIONE 2.1 RISCHI ASSICURATIVI INFORMAZIONI DI NATURA QUALITATIVA E QUANTITATIVA Ramo Vita I rischi tipici del portafoglio assicurativo Vita (gestito attraverso

Dettagli

Decreto Legislativo n. 58/1998 / Art. 114 comma 8 - Lista emittenti/gruppi in conflitto di interesse

Decreto Legislativo n. 58/1998 / Art. 114 comma 8 - Lista emittenti/gruppi in conflitto di interesse Decreto Legislativo n. 58/1998 / Art. 114 comma 8 - Lista emittenti/gruppi in conflitto di interesse Il presente documento riporta gli emittenti per i quali sussistono - direttamente o indirettamente -

Dettagli

La sostenibilità, vantaggio competitivo per operare nell upstream La cultura e la pratica della sostenibilità nei comportamenti imprenditoriali

La sostenibilità, vantaggio competitivo per operare nell upstream La cultura e la pratica della sostenibilità nei comportamenti imprenditoriali La sostenibilità, vantaggio competitivo per operare nell upstream La cultura e la pratica della sostenibilità nei comportamenti imprenditoriali Assomineraria, Milano 13 Febbraio 2015 Partiamo con una domanda

Dettagli

2. DAI PROSPETTI CONTABILI AI PROSPETTI GESTIONALI - FINANZIARI 3. ANALISI DELLA PERFORMANCE FINANZIARIA PASSATA

2. DAI PROSPETTI CONTABILI AI PROSPETTI GESTIONALI - FINANZIARI 3. ANALISI DELLA PERFORMANCE FINANZIARIA PASSATA SOMMARIO 1. I PROSPETTI CONTABILI 1.1. Introduzione... 3 1.2. Prospetto della situazione patrimoniale - finanziaria... 3 1.3. Conto economico... 6 1.4. Rendiconto finanziario... 7 1.5. Prospetto delle

Dettagli

SAM Sustainable. Studio di Benchmarking della Sostenibilità nelle Aziende Italiane. Noemi Colombo Edoardo Gai Ivo Knöpfel Alois Flatz SAM.

SAM Sustainable. Studio di Benchmarking della Sostenibilità nelle Aziende Italiane. Noemi Colombo Edoardo Gai Ivo Knöpfel Alois Flatz SAM. SAM Sustainable Asset Management SAM Sustainable Asset Management Zollikerstrasse 60 8702 Zollikon-Zürich Tel. +41 1 397 10 10 Fax +41 1 397 10 80 info@sam-group.com www.sam-group.com Studio di Benchmarking

Dettagli

1 L esposizione al ciclo economico e alla congiuntura delle imprese quotate

1 L esposizione al ciclo economico e alla congiuntura delle imprese quotate III 1 L esposizione al ciclo economico e alla congiuntura delle imprese quotate Le maggiori società quotate non finanziarie dei principali paesi europei si caratterizzano per una esposizione al ciclo economico

Dettagli

La valutazione d azienda i metodi finanziari e dei multipli. Carlo Savazzi

La valutazione d azienda i metodi finanziari e dei multipli. Carlo Savazzi La valutazione d azienda i metodi finanziari e dei multipli Agenda Metodi di valutazione in generale Il metodo dei multipli Il DCF (Discounted Cash Flow) Un esempio concreto Gli elementi extra-contabili

Dettagli

5. Politica di gestione del capitale

5. Politica di gestione del capitale 5. Politica di gestione del capitale Obiettivo del Gruppo è la massimizzazione del ritorno sul capitale netto investito mantenendo la capacità di operare nel tempo, garantendo adeguati ritorni per gli

Dettagli

Shareholder Value Theory e Corporate Social Responsibility. Docente: Michela Pellicelli

Shareholder Value Theory e Corporate Social Responsibility. Docente: Michela Pellicelli Shareholder Value Theory e Corporate Social Responsibility. Docente: Michela Pellicelli La funzione e il fine delle imprese Alcune definizioni Gino Zappa (1927) proponeva che la funzione principale delle

Dettagli

CORSO DI PIANIFICAZIONE FINANZIARIA EVA E VALUE-BASED MANAGEMENT. Nota didattica. Di Alberto Lanzavecchia

CORSO DI PIANIFICAZIONE FINANZIARIA EVA E VALUE-BASED MANAGEMENT. Nota didattica. Di Alberto Lanzavecchia CORSO DI PIANIFICAZIONE FINANZIARIA EVA E VALUE-BASED MANAGEMENT Nota didattica Di Alberto Lanzavecchia Indice 1. Il legame tra EVA e il valore di impresa 2. Dal piano pluriennale al valore di impresa

Dettagli

Azienda Regionale per il Diritto allo Studio Universitario della Toscana PRIMI CONFRONTI SERVIZI RESIDENZIALI DSU TOSCANA - ER.GO.

Azienda Regionale per il Diritto allo Studio Universitario della Toscana PRIMI CONFRONTI SERVIZI RESIDENZIALI DSU TOSCANA - ER.GO. Azienda Regionale per il Diritto allo Studio Universitario della Toscana PRIMI CONFRONTI SERVIZI RESIDENZIALI DSU TOSCANA - ER.GO. EMILIA-ROMAGNA Documento definitivo, 09 ottobre 2014 Indice 1. La valutazione

Dettagli

L impostazione dell analisi: 5 possibili approcci. L approccio del valore. Quale risultato sarebbe soddisfacente? Cos è la creazione di valore?

L impostazione dell analisi: 5 possibili approcci. L approccio del valore. Quale risultato sarebbe soddisfacente? Cos è la creazione di valore? L impostazione dell analisi: 5 possibili approcci L approccio del valore l approccio dello schema di raccordo degli indici l approccio dei flussi di cassa l approccio dello sviluppo sostenibile l approccio

Dettagli

FINANZIA ENERGIA. I progetti di investimento con il project finance

FINANZIA ENERGIA. I progetti di investimento con il project finance FINANZIA ENERGIA I progetti di investimento con il project finance Erba, 3 dicembre 2009 2 Brady Italia Mariano Kihlgren, amm. delegato Giuseppe Michelucci, partner 3 Brady Italia Brady Italia opera da

Dettagli

Ti aspetti di più dai tuoi investimenti?

Ti aspetti di più dai tuoi investimenti? INVESTMENT CERTIFICATES Ti aspetti di più dai tuoi investimenti? Bonus Cap Certificate sull indice FTSE MIB ISIN: DE000HV8A9G5 Sottostante: FTSE MIB Scadenza: 05.05.2017 Comunicazione pubblicitaria/promozionale.

Dettagli