DIRETTIVA EUROPEA 54/2006 Attuazione pari opportunità e parità di trattamento fra uomini e donne in materia di occupazione e impiego.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "DIRETTIVA EUROPEA 54/2006 Attuazione pari opportunità e parità di trattamento fra uomini e donne in materia di occupazione e impiego."

Transcript

1 DIRETTIVA EUROPEA 54/2006 Attuazione pari opportunità e parità di trattamento fra uomini e donne in materia di occupazione e impiego. Premessa La legislazione italiana è riconosciuta come una delle più avanzate in moltissimi campi; anche nel campo delle Pari Opportunità il nostro Paese ha già fatto molte scelte legislative importanti. Ciò che manca oltre ad un sistema di servizi alle donne ed alle famiglie - è l applicazione delle norme esistenti, ed in questo senso è necessario fare molta attenzione alla loro modifica, che potrebbe comportare il rischio di arretramenti per armonizzare l Italia con altri paesi. PROPOSTE di intervento per il Ministro delle Pari Opportunità: PROPOSTA DI LAVORO: elaborare una direttiva che renda fruibili e consultabili le normative che regolano le indicazione della direttiva 54, al fine di intervenire su situazioni discostanti e su trattamenti peggiorativi, ed inserire invece clausole di salvaguardia per le norme migliorative. Il primo intervento è di aggiornare il Codice delle pari opportunità inserendo la normativa intervenuta dopo la sua emanazione. La direttiva CE 2006/54 di rifusione di 4 direttive pregresse e di integrazione della giurisprudenza della Corte di Giustizia in materia di pari opportunità e parità uomo-donna in materia di occupazione e d impiego, obbliga gli Stati a dare attuazione solo alle disposizioni che rappresentano un cambiamento sostanziale rispetto alle direttive

2 precedenti, mentre l obbligo di dare attuazione alle disposizioni sostanzialmente immutate deriva dalle direttive precedenti (art. 33, comma 3). Non trattandosi di una direttiva avente un contenuto innovativo in materia, ma di un testo di rifusione e riordino di normative già entrate in vigore, il problema del suo recepimento riguarda da un lato le disposizioni che lo Stato membro aveva omesso di recepire o aveva recepito in modo non completo o non corretto -come accertato dalla Corte di Giustizia nelle procedure di infrazione rivolte allo Stato medesimo- in base alla normativa previgente; dall altro, le integrazioni che in via interpretativa la Corte di Giustizia ha fornito al diritto alla parità di trattamento e al divieto di discriminazioni in base al sesso. I testi normativi su cui interviene il recepimento della direttiva in questione sono il Codice Pari opportunità (d. lgs. 198/2006) e il Testo unico sulla maternità e paternità (d.lgs. 151/2001), a loro volta frutto di un opera di semplificazione normativa e di codificazione della materia. Va ricordato, peraltro, che fuoriescono dalle suddette codificazioni alcuni provvedimenti normativi adottati in esecuzione di obblighi comunitari (d. lgs n. 145/2005 in attuazione della direttiva n. 2002/73; legge n. 101/2008) e di sentenze della Corte di Giustizia. Si ricorda che i principi e criteri direttivi contenuti nella legge comunitaria per il 2008 (d.d.l. n. 1078) prevedono che il governo dia esecuzione a tutti gli obblighi comunitari che intervengono fino al momento di scadenza della delega, per consentire un pronto adeguamento delle disposizioni interne al diritto comunitario. Allo stato, dal confronto tra la direttiva n. 54 e il codice P.O. emergono alcune lacune che è necessario colmare per dare piena attuazione al dettato comunitario. I ritardi italiani rispetto alle normative europee Un elemento condizionante rispetto agli adeguamenti della normativa sulle pari opportunità è rappresentato dalla debolezza dell Italia rispetto agli organismi europei. Non solo dal punto di vista della forza contrattuale dell Italia nell Unione ma anche a causa dei ritardi nel recepimento degli accordi e delle direttive parte della quali riguarda la promozione delle politiche di genere di pari opportunità. Su questo dobbiamo impostare un azione sindacale in coordinamento con la CES ed in particolar modo: Affinchè le nuove norme europee offrano nuovi spazi e nuove possibilità di contrattazione per la parità di genere; 2

3 che le istituzioni italiane recepiscano nei tempi previsti senza incorrere nelle infrazioni delle direttive e raccomandazioni; che gli accordi che le parti sociali sottoscrivono a livello europeo trovino spazio di applicazione anche tra le norme a livello nazionale. Proposte per articolo 15 - Rientro dal congedo di maternità Fenomeno tutto italiano quello della percezione della maternità come fatto privato a cui non viene riconosciuto, al di là delle enunciazioni di principio, un valore sociale. Tutto ciò causa problemi di gestione da parte delle aziende, dei datori di lavoro e degli enti pubblici e dà origine a diverse pratiche discriminatorie. Di fatto, la maternità risulta ancora la causa principale dell'abbandono del lavoro da parte delle donne, una donna su 10 esce da mercato lavoro dopo maternità (Fonte: Isfol Maternità, lavoro, discriminazioni ). Le donne italiane rappresentano il 57,5% dei laureati nel paese (media appena al di sotto di quella europea che si attesta al 59%) ma il tasso di occupazione registra un distacco del 24% rispetto agli uomini, che sale al 33% nel Mezzogiorno. L Italia è il paese europeo con il più basso indice di occupazione femminile, anche se le differenze sono grandi tra il sud, il centro e il nord; si pensi solo al fatto che il reddito procapite al sud è il 60% di quello del nord. Il sud registra alti livelli di disoccupazione femminile, mentre al nord dove l attività femminile è molto più alta e cresce la presenza di donne che ricoprono ruoli di vertice e di prestigio - i problemi maggiori riguardano la qualità, la stabilità dell occupazione e il sostegno all imprenditoria femminile. Complessivamente, siamo 11 punti sotto alla media europea mentre, secondo l Agenda di Lisbona, dovremmo arrivare al 60% entro il La situazione si aggrava notevolmente dopo una maternità. Il 13,5% delle lavoratrici, infatti, esce dal mercato del lavoro, momentaneamente o definitivamente, dopo la nascita di un figlio, proprio per occuparsene direttamente. Per il Sud, il discorso si complica ulteriormente poiché il sommerso viene indicato come la principale forma di rientro dopo la maternità, per motivi economici e fiscali: una vera e propria occupazione full time non legale. Per stare più vicino ai figli e continuare al tempo stesso a lavorare, molte donne scelgono il part time, per quasi il 70% delle donne è una scelta volontaria e spesso definitiva. 3

4 L interpretazione italiana della maternità nel mondo del lavoro è fonte di vere e proprie forme di discriminazione. Mobbing in varie forme, esclusione da progetti importanti, richiesta più o meno velata dei datori di lavoro che invitano a posticipare la scelta di maternità, comportamenti a vario titolo scorretti di questi ultimi, che arrivano a fare firmare dimissioni in bianco o a non assumere donne nell età critica, sono spesso denunciati dai sindacati e dalle associazioni femminili. Tra chi ha lasciato il lavoro dopo la nascita di un figlio, il 12% ha perso il posto. E, tra chi continua a lavorare, il 13% non ha un contratto stabile. Se si considerano le donne che, invece, non lavoravano neanche prima della maternità, si scopre che almeno il 15% non riusciva e continua a non riuscire, dopo il figlio, a trovare un impiego. Pochi dati per descrivere una situazione di marginalizzazione sconfortante alla quale il Ministero delle Pari Opportunità deve far fronte in base ad un principio di condivisione di responsabilità auspicato dai sindacati. Non siamo per una conciliazione unilaterale avvertita spesso come scelta obbligata della donna; da una soluzione unilaterale ed individuale si deve giungere ad una condivisione di responsabilità ed a politiche pubbliche intese in questo senso. E' necessario, quindi, avviare servizi di supporto per rendere libera la scelta delle donne e agevolare il loro rientro nel mercato del lavoro. Non possono essere le donne, da sole, a pagare il prezzo della crisi attuale. In questo senso, ognuno deve fare la sua parte, compresi gli uomini, per consentire una parità effettiva. Il Testo Unico delle disposizioni legislative in materia di tutela e di sostegno della maternità e paternità, Decreto Legislativo n. 151 del 2001 prevede una serie di istituti utili a sostenere il gender gap, tali strumenti vanno rivisti, va colmato il divario pubblico privato e contratti atipici, e nella maggioranza dei casi ampliati. Alcune proposte: Incentivi per favorire l estensione del lavoro femminile e la loro permanenza nel lavoro, in particolare dopo la nascita dei figli, e per la progressione nelle carriere (ad es. credito d imposta per l assunzione di donne a tempo indeterminato); Piani formativi ad hoc per facilitare il rientro e la riammissione al lavoro dopo il periodo di assenza dovuto alla maternità anche con opzioni facoltative e flessibili - di consulenza a distanza durante la maternità; Progetti pilota di formazione al rientro dalla maternità per categorie professionali; Borse di maternità per incentivare il rientro e scoraggiare l abbandono; 4

5 Sistemi di controllo per superare i differenziali retributivi tra donne e uomini, tipo Authority alla Parità; Attivazione dei bilanci di genere nelle amministrazioni pubbliche e nelle imprese private; Incentivare l imprenditoria femminile senza limiti di età: sostegno, incentivazione, agevolazioni, semplificazioni delle procedure; Sistema premiante per istituzioni e aziende che realizzano buone pratiche per l eguaglianza tra donne e uomini; Maggiore flessibilità degli orari nelle aziende e nelle pubbliche amministrazioni per favorire un organizzazione del lavoro family friendly ; Estendere i diritti e le tutele alle lavoratrici e ai lavoratori che oggi ne sono esclusi, anche con una profonda riforma degli ammortizzatori sociali e ridefinire la normativa per la copertura figurativa per i periodi di congedo parentale e per il lavoro di cura; Accesso al microcredito; Riduzione del cuneo fiscale anche per le piccole imprese che attuino politiche di genere; Regolarizzazione e riqualificazione del lavoro sommerso, in particolare quello svolto dalle donne nel settore dei servizi alla persona; Consolidamento di un sistema efficace e incisivo di statistiche di genere per la misurazione effettiva del rispetto dell eguaglianza tra donne e uomini nel mondo del lavoro e nella società; Valorizzazione buone pratiche di welfare locale a favore delle giovani donne; Valutazione, in via preventiva e successiva, dell impatto di genere di tutti i provvedimenti legislativi. Proposte per articolo 16 - Congedo di paternità e di adozione L'aiuto dell uomo in caso di maternità potrebbe essere un valido strumento di condivisione della responsabilità che CGIL,CISL,UIL auspicano e promuovono. In realtà tale aiuto viene percepito dalle donne come occasionale (41%). Il che vuol dire che la condivisione dei compiti all'interno della coppia ancora non e' tale da favorire in misura rilevante la permanenza delle donne nel mercato del lavoro. Nonostante la fruizione di 5

6 congedi parentali da parte degli uomini sia in ascesa (nel 2004 il 24% degli uomini contro il 76% delle donne), come pure la richiesta di part time maschile, il tempo libero delle donne (2h34' e, se occupate, 2h11'), a parità di condizione familiare ed età, è sempre inferiore a quello di cui dispongono gli uomini (3h15'). Per questi ultimi, infatti, le attività di cura e di gestione domestica occupano una quota residuale. Solo l'11% dei padri si occupa in modo sostanziale dei propri figli in età prescolare e coloro i quali lo fanno appartengono a categorie professionali, quali impiegati e insegnanti, i cui orari e modalità di lavoro favoriscono la tanto auspicata ridefinizione dei compiti paterni. Questo valido strumento deve essere ampliato ed incentivato economicamente mettendolo a pari della media europea. In Svezia ad esempio si prevede 1 anno di congedo parentale pagato all 80% dello stipendio da dividere tra entrambi i genitori. Vediamo come il dibattito è essenzialmente culturale ed è centrato più sulla parità tra uomini e donne. Strumenti idonei ad un migliore utilizzo di questo istituto potrebbero essere:. introdurre un congedo di paternità obbligatorio da definire retribuito al pari del congedo di maternità Incentivare attraverso misure ad hoc i padri al fine di sensibilizzarli sul tema della condivisione delle responsabilità, ad es. ampliando i congedi parentali per donne e uomini, rendendoli temporalmente più lunghi (per i padri che ne fruiscono) ed economicamente più vantaggiosi; Sgravi fiscali per le aziende private che li promuovono. Art. 20 Organismi per la parità Organismi già attivi in Italia Gli stati membri sono chiamati a designare uno o più organismi per il sostegno alla parità. L Italia ha già individuato ed avviato i propri organismi, ma è necessaria chiarezza nelle competenze, e definizione chiara dei ruoli. la Commissione Nazionale per la parità, che opera dal 1990 presso Palazzo Chigi, sta ultimando i lavori per il nuovo regolamento di funzionamento. Ma non risulta sciolto il nodo delle competenze; 6

7 Il Comitato Nazionale per le pari opportunità, che opera dal 1991 presso il Ministero del Lavoro, ha tra i componenti una moltitudine di soggetti; dovrebbe occuparsi di tematiche tecniche, ma spesso valica il confine dei compiti della Commissione Nazionale, ingerendo in materia di programmazione, proprio in conseguenza del vuoto lasciato dalla Commissione; Le Consigliere ed i Consiglieri di Parità nazionali, regionali e provinciali, si muovono in contesti spesso disinteressati se non ostili; il loro ruolo viene spesso stravolto o peggio svuotato, per ragioni varie addotte spesso strumentalmente (es: lo Statuto speciale di alcune regioni), con l unico risultato di privare le donne di uno strumento propositivo fondamentale sul territorio. Proposte Per il Pubblico Impiego, dare attuazione alla Direttiva del 2007, che - rifacendosi a tutta la normativa preesistente, a partire dalla Costituzione - richiama le Pubbliche Amministrazioni a svolgere un ruolo propulsivo ai fini della attuazione completa del principio di pari opportunità. Tale ruolo potrebbe concretizzarsi nel rendere obbligatoria la predisposizione dei Piani triennali di Azioni positive (PAP) ai sensi dell art. 48 del D.leg.vo 198/06 dei PAP e, coerentemente con quanto previsto dalla Direttiva 54/2006, nell obbligo di un Bilancio di Genere su un modello nazionale da cui evidenziare, rispetto agli occupati,le progressioni medie di carriera rispetto al genere. In tale contesto, assicurarsi che nessuna amministrazione si sottragga agli obblighi, nascondendosi dietro normative speciali (es. Regioni autonome); Attivare la Commissione Nazionale presso Palazzo Chigi, attraverso la velocizzazione del processo di adozione del regolamento citato, indicando i soggetti componenti, deputati alle politiche, tra cui si chiede di prevedere la presenza dei sindacati. Il vuoto di programmazione della Commissione ha infatti comportato uno snaturamento ed anche uno svuotamento del ruolo sia del Comitato, che delle Consigliere. Operare, perciò negli organismi di parità (Commissione, Comitato ma anche Consiglieri e Consigliere di parità), evitando sovrapposizioni di competenze che 7

8 invadano il campo di competenze tecniche, o di programmazione politica - gli uni degli alti; Creare, tra gli organismi di parità, una reale web community e un sistema integrato di relazioni che utilizzi al meglio le opportunità di Internet. ART. 25 SANZIONI La Direttiva 54/2006 stabilisce che siano gli stessi stati membri a vigilare per l attuazione della direttiva. La Direttiva stabilisce che in caso di violazione le sanzioni devono essere effettive, proporzionate e dissuasive. Proposte Le sanzioni dovranno comportare misure chiaramente correttive ed indicative della violazione. Si ritiene che si debba operare compensando gli effetti della violazione da risarcire. Sembra congruo, in caso di violazione alla parità, prevedere l obbligo di assumere esclusivamente in base a graduatorie di genere, assorbendo il genere meno presente. In subordine, anche in relazione alla carriera, l unica sanzione congrua e rispettosa della direttiva sembra essere quella che di rendere esigibili esclusivamente progressioni che compensino il differenziale di genere, almeno fino a quando non si sia raggiunta la prevista parità. Ristrutturazioni Aziendali e ricollocazione Nonostante le donne abbiano grandi capacità e percorsi formativi sovente di livello superiore a quello degli uomini, vengono espulse più facilmente dai processi produttivi, perché nelle ristrutturazioni sono spesso le prime ad uscire, incontrando poi grandi difficoltà a ricollocarsi all interno del mercato del lavoro, soprattutto a causa dei problemi legati alla maternità a agli stereotipi di genere. 8

9 La contrattazione dovrà quindi coniugare l esigenza di sistemi di protezione dell occupazione femminile al tema degli ammortizzatori sociali e agli strumenti di integrazione del reddito. L ecosistema della conciliazione Occorre avviare confronti a livello regionale e provinciale con le imprese e le istituzioni per costruire un vero e proprio ecosistema della conciliazione attraverso la Costituzione dei Tavoli di Concertazione sulle Politiche di Genere dove si tenga insieme lo stato sociale dei servizi ed il mondo del lavoro In questa ottica la concertazione a livello territoriale diviene una azione fondamentale per intercettare le criticità connesse all effettiva inclusione del lavoro e nel sociale ed al tempo stesso per individuare canali di finanziamento per migliorare la qualità di vita e di lavoro. In sede di contrattazione occorrerà insistere in direzione di politiche atte a favorire la permanenza delle lavoratrici in azienda: Contrattazione su congedi e permessi per necessità familiari; Interventi su una politica del lavoro che penalizza le donne Azioni di potenziamento dell utilizzo di nuove tecnologie promozione e diffusione del telelavoro e di altre forme flessibili di lavoro (family frendly) attraverso la contrattazione di secondo livello. Conciliazione e contrattazione E necessario che la contrattazione contempli una serie di strumenti che possano consentire di incidere positivamente sulle singole realtà lavorative, quali ad esempio: Sviluppare un analisi di genere dell organizzazione finalizzata alla conoscenza dello stato dell arte in ogni singola realtà lavorativa e produttiva; Predisporre Piani aziendali per l uguaglianza di genere che facilitino l applicazione di accordi e prassi innovative; Promuovere l uguaglianza di genere nei sistemi di certificazione della qualità aziendali; 9

10 Promuovere nelle aziende il Bilancio di Genere come strumento per una nuova idea di allocazione delle risorse aziendali. La contrattazione di secondo livello può inoltre offrire interessanti elementi di flessibilizzazione degli orari di lavoro attraverso misure che: Liberano tempo Accordi con le aziende che prevedano convenzioni per la fornitura di varie tipologie di servizio per i dipendenti, sia a domicilio che presso il luogo di lavoro Articolano diversamente il tempo Attraverso part-time volontario e reversibile, job sharing, flessibilità di entrata e uscita, banca delle ore, telelavoro, congedi, aspettative, permessi, orari autogestiti, orari personalizzati Coinvolgono il territorio coordinamento degli interventi per quello che riguarda il Piano dei tempi e degli orari, la mobilità, i trasporti, gli orari degli uffici pubblici, la presenza e accessibilità di servizi per la famiglia e loro organizzazione; banche del tempo Misure che supportano il rientro dalla maternità/paternità aggiornamento, formazione, supporto al rientro, polivalenza di ruolo. Misure fiscali mirate alle fasce deboli in particolare le donne capofamiglia monoreddito, madri sole con figli ad alto rischio di povertà La sicurezza come strumento di conciliazione Lavorare per la sicurezza significa impegnarsi per inserire nei contratti aziendali e territoriali una serie di provvedimenti connessi: ai carichi di lavoro; all ambiente di lavoro, clima, benessere all autonomia in termini di influenza sui tempi e sulle modalità di lavoro; 10

11 al significato che si dà al lavoro che si svolge; ai riconoscimenti e benefici; all esistenza di una vita di relazioni sociali e di supporto sociale all interno (con colleghi e superiori) e all esterno (possibilità di conciliare esigenze lavorative con esigenze familiari,domestiche o personali, formative, culturali, ecc); ad una visione proattiva del lavoro come spazio di potenziale autorealizzazione personale. 11

12 Allegato SI SONO SCELTI alcuni articoli di particolare interesse per CGIL,CISL,UIL, dei quali si è data una lettura ed un percorso di analisi e confronto con la normativa italiana. DIRETTIVA 2006/54/CE Articolo 13 Età pensionabile flessibile Il fatto che uomini e donne possano chiedere un'età pensionabile flessibile alle stesse condizioni non è considerato incompatibile con il presente capo (Parità retributiva). LETTURA E SUGGERIMENTI DI ANALISI E RECEPIMENTO DELLA DIRETTIVA Nella normativa italiana vigente, le lavoratrici, anche se in possesso dei requisiti per aver diritto alla pensione di vecchiaia, possono optare di continuare a prestare la loro opera fino agli stessi limiti di età previsti per gli uomini da disposizioni legislative, regolamentari e contrattuali, previa comunicazione al datore di lavoro da effettuarsi almeno tre mesi prima della data di perfezionamento del diritto alla pensione di vecchiaia Ciò è sancito nel Decreto Legislativo 11 aprile 2006, n. 198 "Codice delle pari opportunità tra uomo e donna, a norma dell'articolo 6 della legge 28 novembre 2005, n. 246", dall Art. 30 Divieti di discriminazione nell'accesso alle prestazioni previdenziali (legge 9 dicembre 1977, n. 903, articoli 4, 9, 10, 11 e 12) Articolo 14 Divieto di discriminazione 1. È vietata qualsiasi discriminazione diretta o indiretta fondata sul sesso nei settori pubblico o privato, compresi gli enti di diritto pubblico, per quanto attiene: a) alle condizioni di accesso all'occupazione e al lavoro, sia dipendente che autonomo, compresi i criteri di selezione e le condizioni di assunzione indipendentemente dal ramo di attività e a tutti i livelli della gerarchia professionale, nonché alla promozione; b) all'accesso a tutti i tipi e livelli di orientamento e formazione professionale, perfezionamento e Le indicazione impartite dal art.14 della direttiva risultano in Italia già normate, e attraverso una normativa che si stratifica negli anni stabiliscono dei criteri e delle modalità di attuazione dei commi della Direttiva precise e specifiche. Di seguito i riferimenti normativi esistenti che trattano la materia del Divieto di discriminazione tra i sessi in Italia. Per quanto attiene al settore pubblico: La Direttiva 23 maggio 2007 (GU n.173 del ), in particolare agli articoli III, IV e VI, specifica gli obblighi a cui le PA devono attenersi. Più specificatamente sancisce che le politiche di reclutamento e gestione del personale devono rimuovere i fattori che ostacolano le pari opportunità e promuovere la presenza delle lavoratrici nelle posizioni apicali. Occorre, inoltre, evitare penalizzazioni nell assegnazione degli incarichi, 12

13 riqualificazione professionale, inclusi i tirocini professionali; c) all'occupazione e alle condizioni di lavoro, comprese le condizioni di licenziamento e la retribuzione come previsto all'articolo 141 del trattato; d) all'affiliazione e all'attività in un'organizzazione di lavoratori o datori di lavoro, o in qualunque organizzazione i cui membri esercitino una particolare professione, nonché alle prestazioni erogate da tali organizzazioni. 2. Per quanto riguarda l'accesso al lavoro, inclusa la relativa formazione, gli Stati membri possono stabilire che una differenza di trattamento basata su una caratteristica specifica di un sesso non costituisca discriminazione laddove, per la particolare natura delle attività lavorative di cui trattasi o per il contesto in cui esse vengono espletate, tale caratteristica costituisca un requisito essenziale e determinante per lo svolgimento dell'attività lavorativa, purché l'obiettivo sia legittimo e il requisito proporzionato. Articolo 15 Rientro dal congedo di maternità Alla fine del periodo di congedo per maternità, la donna ha diritto di siano essi riferiti alle posizioni organizzative, alla preposizione agli uffici di livello dirigenziale o ad attività rientranti nei compiti e doveri d ufficio, e nella corresponsione dei relativi emolumenti. Inoltre, la stessa Direttiva afferma che la formazione rappresenta una leva essenziale per l affermazione di una cultura organizzativa orientata al rispetto e alla valorizzazione delle diversità e al superamento degli stereotipi nell ottica di un generale miglioramento dei servizi resi ai cittadini e alle imprese. Per quanto attiene al settore privato: Decreto Legislativo 11 aprile 2006, n. 198 "Codice delle pari opportunità tra uomo e donna, a norma dell'articolo 6 della legge 28 novembre 2005, n. 246" LIBRO III PARI OPPORTUNITÀ TRA UOMO E DONNA NEI RAPPORTI ECONOMICI TITOLO I PARI OPPORTUNITÀ NEL LAVORO Capo I NOZIONI DI DISCRIMINAZIONE Art. 25. Discriminazione diretta e indiretta (legge 10 aprile 1991, n. 125, articolo 4, commi 1 e 2) Art. 26. Molestie e molestie sessuali (legge 10 aprile 1991, n. 125, articolo 4, commi 2-bis, 2-ter e 2- quater) Capo II DIVIETI DI DISCRIMINAZIONE Art. 27.divieti di discriminazione nell'accesso al lavoro (legge 9 dicembre 1977, n. 903, articolo 1, commi 1, 2, 3 e 4; legge 10 aprile 1991, n. 125, articolo 4, comma 3) Art. 28. Divieto di discriminazione retributiva (legge 9 dicembre 1977, n. 903, articolo 2) Art. 29. Divieti di discriminazione nella prestazione lavorativa e nella carriera legge 9 dicembre 1977, n. 903, articolo 3) Art. 30. Divieti di discriminazione nell'accesso alle prestazioni previdenziali(legge 9 dicembre 1977, n. 903, articoli 4, 9, 10, 11 e 12) Decreto Legislativo 26 marzo 2001, n. 151 "Testo unico delle disposizioni legislative in materia di tutela e sostegno della maternita' e della paternita', a norma dell'articolo 15 della legge 8 marzo 2000, n. 53" 13

14 riprendere il proprio lavoro o un posto equivalente secondo termini e condizioni che non le siano meno favorevoli, e a beneficiare di eventuali miglioramenti delle condizioni di lavoro che le sarebbero spettati durante la sua assenza. Capo IX DIVIETO DI LICENZIAMENTO, DIMISSIONI, DIRITTO AL RIENTRO Art. 54. Divieto di licenziamento (legge 30 dicembre 1971, n. 1204, art. 2, commi 1, 2, 3, 5, e art. 31, comma 2; legge 9 dicembre 1977, n. 903, art. 6-bis, comma 4; decreto legislativo 9 settembre 1994, n. 566, art. 2, comma 2; legge 8 marzo 2000, n. 53, art. 18, comma 1) Art. 56. Diritto al rientro e alla conservazione del posto (legge 30 dicembre 1971, n. 1204, art. 2, comma 6; legge 8 marzo 2000, n. 53, art. 17, comma 1) 14

CODICE DELLE PARI OPPORTUNITÀ TRA UOMO E DONNA

CODICE DELLE PARI OPPORTUNITÀ TRA UOMO E DONNA Città di Ozieri Provincia di Sassari PIANO AZIONI POSITIVE TRIENNIO 2013-2015 Ex art. 48 D.Lgs. n. 198/2006 CODICE DELLE PARI OPPORTUNITÀ TRA UOMO E DONNA Allegato alla deliberazione della Giunta Comunale

Dettagli

etica, economia e lavoro

etica, economia e lavoro etica, economia e lavoro Marina Brollo Prof. ordinario di diritto del lavoro Dipartimento di Scienze Giuridiche A.A. 2007-2008 ambiti di azione Valorizzazione del capitale umano Gestione delle risorse

Dettagli

della Provincia di Varese

della Provincia di Varese per voi le CONSIGLIERE di PARITÀ della Provincia di Varese Chi sono Sono pubblici ufficiali e hanno il compito di promuovere e controllare l attuazione dei principi di uguaglianza, pari opportunità e non

Dettagli

Conciliazione e flessibilità d'orario. Soluzioni per i genitori e per le imprese: l'art. 9 della l.53/00

Conciliazione e flessibilità d'orario. Soluzioni per i genitori e per le imprese: l'art. 9 della l.53/00 con il cofinanziamento della in collaborazione con Il Comune di Pordenone - Assessorato alle Pari Opportunità Lara La Rete Rosa Delle Pari Opportunita Consigliera di Parità Provincia di Pordenone Conciliazione

Dettagli

COMUNE DI SALERNO PIANO DI AZIONI POSITIVE ( 2015/2018 )

COMUNE DI SALERNO PIANO DI AZIONI POSITIVE ( 2015/2018 ) COMUNE DI SALERNO PIANO DI AZIONI POSITIVE ( 2015/2018 ) È vietata qualsiasi forma di discriminazione fondata, in particolare, sul sesso, la razza, il colore della pelle o l'origine etnica o sociale, le

Dettagli

Il Comitato Unico di Garanzia

Il Comitato Unico di Garanzia Il Comitato Unico di Garanzia per le pari opportunità, la valorizzazione del benessere di chi lavora e contro le discriminazioni Sensibilizzazione e prevenzione per il benessere lavorativo: IL PIANO TRIENNALE

Dettagli

COMUNE DI CASOREZZO PIANO DI AZIONI POSITIVE DEL COMUNE DI CASOREZZO TRIENNIO

COMUNE DI CASOREZZO PIANO DI AZIONI POSITIVE DEL COMUNE DI CASOREZZO TRIENNIO COMUNE DI CASOREZZO Provincia di Milano PIANO DI AZIONI POSITIVE DEL COMUNE DI CASOREZZO TRIENNIO 2015 2017 Approvato con deliberazione G.C. n. 36 del 12/03/2015 PIANO DI AZIONI POSITIVE TRIENNIO 2015-2017

Dettagli

PIANO DI AZIONI POSITIVE (D. LGS. 198/06 ART. 48)

PIANO DI AZIONI POSITIVE (D. LGS. 198/06 ART. 48) PIANO DI AZIONI POSITIVE (D. LGS. 198/06 ART. 48) DEL COMUNE DI : ABBADIA SAN SALVATORE Le azioni positive sono misure temporanee speciali che, in deroga al principio di uguaglianza formale sono mirate

Dettagli

COMUNE DI GAIRO PIANO DELLE AZIONI POSITIVE (PAP) Redazione ed attuazione del Piano di Azioni Positive nella provincia di Torino

COMUNE DI GAIRO PIANO DELLE AZIONI POSITIVE (PAP) Redazione ed attuazione del Piano di Azioni Positive nella provincia di Torino COMUNE DI GAIRO PIANO DELLE AZIONI POSITIVE (PAP) Redazione ed attuazione del Piano di Azioni Positive nella provincia di Torino PREMESSA AL PIANO DI AZIONI POSITIVE (ART. 48 D. LGS. 198/06) DEL COMUNE

Dettagli

Programma per migliorare lavoro/conciliazione in Veneto

Programma per migliorare lavoro/conciliazione in Veneto Programma per migliorare lavoro/conciliazione in Veneto Un nuovo patto per il Lavoro, la Famiglia, la Società Consigliera di Parità del Veneto Sandra Miotto 31 Maggio 2013 Normativa nazionale Legge 215/2012:

Dettagli

COMUNE DI MONTECCHIO EMILIA PROVINCIA DI REGGIO EMILIA Comune Capodistretto della Val d Enza

COMUNE DI MONTECCHIO EMILIA PROVINCIA DI REGGIO EMILIA Comune Capodistretto della Val d Enza COMUNE DI MONTECCHIO EMILIA PROVINCIA DI REGGIO EMILIA Comune Capodistretto della Val d Enza Piazza della Repubblica, 1 Tel. 0522.861811 Fax 0522.864709 www.comune.montecchio-emilia.re.it SETTORE I Affari

Dettagli

COMUNE DI CUVIO Provincia di Varese

COMUNE DI CUVIO Provincia di Varese COMUNE DI CUVIO Provincia di Varese PIANO delle Azioni Positive Triennio 2015/2017 Approvato con deliberazione della Giunta Comunale n. 43 del 26.06.2015 1 1. PREMESSA Nell ambito delle iniziative promosse

Dettagli

Il sistema delle prestazioni a sostegno del reddito con la riforma della Legge n. 92 del 2012

Il sistema delle prestazioni a sostegno del reddito con la riforma della Legge n. 92 del 2012 Progetto Servizi innovativi per l incontro tra domanda e offerta di lavoro 2 PON Governance e Azioni di Sistema - Obiettivo Convergenza 2007-2013 (FSE) Il sistema delle prestazioni a sostegno del reddito

Dettagli

Comune di Foglizzo. Provincia di Torino. Allegato A) alla deliberazione della Giunta Comunale n. 13 del

Comune di Foglizzo. Provincia di Torino. Allegato A) alla deliberazione della Giunta Comunale n. 13 del Comune di Foglizzo Provincia di Torino Allegato A) alla deliberazione della Giunta Comunale n. 13 del 8.02.2016 PIANO AZIONI POSITIVE TRIENNIO 2016-2018 Premessa: Le azioni positive sono misure temporanee

Dettagli

COMUNE DI BUSNAGO. PROVINCIA DI MONZA e DELLA BRIANZA. PIANO TRIENNALE AZIONI POSITIVE periodo

COMUNE DI BUSNAGO. PROVINCIA DI MONZA e DELLA BRIANZA. PIANO TRIENNALE AZIONI POSITIVE periodo PIANO TRIENNALE AZIONI POSITIVE periodo 2013-2015 PREMESSA Il Comune di Busnago, nel rispetto della normativa vigente, intende garantire parità e pari opportunità tra uomini e donne e l assenza di ogni

Dettagli

Piano triennale di Azioni Positive 2009 / 2011

Piano triennale di Azioni Positive 2009 / 2011 PIANO TRIENNALE delle AZIONI POSITIVE 2009 / 2011 0 Premessa La legge n. 125/1991 Azioni positive per la realizzazione della parità uomo donna nel lavoro e i decreti legislativi 196/2000 e 165/2001 nonchè

Dettagli

PIANO TRIENNALE delle AZIONI POSITIVE 2013 / 2015

PIANO TRIENNALE delle AZIONI POSITIVE 2013 / 2015 PIANO TRIENNALE delle AZIONI POSITIVE 2013 / 2015 1 Piano triennale di Azioni Positive 2013 / 2015 Premessa Le azioni positive sono misure temporanee speciali che, in deroga al principio di uguaglianza

Dettagli

Presentazione del Comitato Unico di Garanzia (CUG): organizzazione, compiti e finalità

Presentazione del Comitato Unico di Garanzia (CUG): organizzazione, compiti e finalità Presentazione del Comitato Unico di Garanzia (CUG): organizzazione, compiti e finalità Il benessere e la sicurezza delle operatrici e degli operatori e il diritto alla salute dei cittadini Roma, 14 Dicembre

Dettagli

PIANO DI AZIONI POSITIVE DEL COMUNE DI PIOSSASCO (Articolo 48 D.Lgs. 198/06)

PIANO DI AZIONI POSITIVE DEL COMUNE DI PIOSSASCO (Articolo 48 D.Lgs. 198/06) PIANO DI AZIONI POSITIVE DEL COMUNE DI PIOSSASCO (Articolo 48 D.Lgs. 198/06) INTRODUZIONE Le azioni positive sono misure temporanee speciali che, in deroga al principio di uguaglianza formale sono mirate

Dettagli

PIANO AZIONI POSITIVE

PIANO AZIONI POSITIVE REGIONE PIEMONTE PROVINCIA DI TORINO COMUNE DI BRUSASCO PIANO AZIONI POSITIVE TRIENNIO 2011-2013 RELAZIONE INTRODUTTIVA Nel corso del triennio appena trascorso non è stato possibile per oggettive difficoltà

Dettagli

Donne e lavoro: una marcia in più per l economia italiana

Donne e lavoro: una marcia in più per l economia italiana Conferenza stampa Donne e lavoro: una marcia in più per l economia italiana Roma, 5 febbraio 2008 Gli obiettivi di Lisbona e il ritardo italiano Secondo la strategia di Lisbona, una maggiore e migliore

Dettagli

Codice delle pari opportunità (D.lgs., n. 198 /2006)

Codice delle pari opportunità (D.lgs., n. 198 /2006) Codice delle pari opportunità (D.lgs., n. 198 /2006) DIVIETO DI DISCRIMINAZIONE NELL ACCESSO AL LAVORO (art.27) È vietata qualsiasi discriminazione fondata sul sesso per quanto riguarda l'accesso al lavoro,

Dettagli

La Consigliera di Parità della Provincia di Piacenza Avv. Rosarita Mannina. I Piani triennali di azioni positive

La Consigliera di Parità della Provincia di Piacenza Avv. Rosarita Mannina. I Piani triennali di azioni positive I Piani triennali di azioni positive Fonti normative: Artt. D.Lgs. n. 165/2001, recante Norme generali sull ordinamento del lavoro alle dipendenze delle Pubbliche Amministrazioni, come modificato da ultimo

Dettagli

CITTÀ DI CANALE PROVINCIA DI

CITTÀ DI CANALE PROVINCIA DI CITTÀ DI CANALE PROVINCIA DI CUNEO PIANO DI AZIONI POSITIVE TRIENNIO 2012/2014 1 PREMESSA Nell ambito delle iniziative promosse per una coerente applicazione degli obiettivi di uguaglianza di opportunità

Dettagli

Piano Triennale delle Azioni Positive

Piano Triennale delle Azioni Positive CITTA DI GHEDI Provincia di Brescia ASSESSORATO ALLE PARI OPPORTUNITA Piano Triennale delle Azioni Positive 2016 2018 ALLEGATO ALLA DELIBERA n. 57 DEL 5 aprile 2016 PIANO TRIENNALE DELLE AZIONI POSITIVE

Dettagli

Capitolo 1 Le fonti del diritto del lavoro 1. Generalità...» La gerarchia delle fonti...» Il Titolo V della Costituzione...

Capitolo 1 Le fonti del diritto del lavoro 1. Generalità...» La gerarchia delle fonti...» Il Titolo V della Costituzione... Parte I Nozioni Introduttive. Il rapporto di lavoro Capitolo 1 Le fonti del diritto del lavoro 1. Generalità...» 17 2. La gerarchia delle fonti...» 18 3. Il Titolo V della Costituzione...» 30 Capitolo

Dettagli

PIANO DELLE AZIONI POSITIVE

PIANO DELLE AZIONI POSITIVE COMUNE di NIBIONNO (Regione Lombardia - Provincia di Lecco) PIANO DELLE AZIONI POSITIVE Triennio dicembre 2012/novembre 2015 Comune di NIBIONNO LC 1 1. PREMESSA Nell ambito delle iniziative promosse per

Dettagli

PIANO DI AZIONI POSITIVE

PIANO DI AZIONI POSITIVE COMUNE DI SANT ARCANGELO (Provincia di Potenza) PIANO DI AZIONI POSITIVE 2014-2016 PREMESSA L articolo 7, comma 5, del decreto legislativo 198/2006 dispone che le Pubbliche Amministrazioni adottino Piani

Dettagli

Premessa... pag. 5. Parte I. Il rapporto di lavoro

Premessa... pag. 5. Parte I. Il rapporto di lavoro Premessa... pag. 5 Parte I Nozioni Introduttive. Il rapporto di lavoro Capitolo 1 Le fonti del diritto del lavoro 1. Generalità...» 17 2. La gerarchia delle fonti...» 18 3. Il Titolo V della Costituzione...»

Dettagli

IMPRESE IN PARI. Premio intitolato a Fiorella Ghilardotti INFORMAZIONI SULL AZIENDA. Località.. Via..

IMPRESE IN PARI. Premio intitolato a Fiorella Ghilardotti INFORMAZIONI SULL AZIENDA. Località.. Via.. IMPRESE IN PARI Premio intitolato a Fiorella Ghilardotti INFORMAZIONI SULL AZIENDA DATI IDENTIFICATIVI DELL AZIENDA Ragione sociale Sede legale Unità produttiva per la quale si compila il questionario.

Dettagli

IL COMITATO UNICO DI GARANZIA PER LE PARI OPPORTUNITA, LA VALORIZZAZIONE DEL BENESSERE DI CHI LAVORA E CONTRO LE DISCRIMINAZIONI

IL COMITATO UNICO DI GARANZIA PER LE PARI OPPORTUNITA, LA VALORIZZAZIONE DEL BENESSERE DI CHI LAVORA E CONTRO LE DISCRIMINAZIONI IL COMITATO UNICO DI GARANZIA PER LE PARI OPPORTUNITA, LA VALORIZZAZIONE DEL BENESSERE DI CHI LAVORA E CONTRO LE DISCRIMINAZIONI ISTITUZIONE FUNZIONE E COMPITI IN MATERIA DI PARI OPPORTUNITÀ Interventi

Dettagli

CONFERENZA MONDIALE SUI DIRITTI UMANI (VIENNA 1993) - DICHIARAZIONE FINALE I diritti umani delle donne e delle bambine sono parte inalienabile,

CONFERENZA MONDIALE SUI DIRITTI UMANI (VIENNA 1993) - DICHIARAZIONE FINALE I diritti umani delle donne e delle bambine sono parte inalienabile, Dichiarazione Universale dei Diritti Umani 1948 Art.1 Tutti gli esseri umani nascono liberi ed eguali in dignità e diritti.. Art.2 Ad ogni individuo spettano tutti i diritti e tutte le libertà enunciate

Dettagli

Progetto di supporto alle attività dell Ufficio della Consigliera Nazionale di Parità

Progetto di supporto alle attività dell Ufficio della Consigliera Nazionale di Parità Progetto di supporto alle attività dell Ufficio della Consigliera Nazionale di Parità Buone Prassi per la Conciliazione dei tempi di cura e di lavoro in Italia Linea di Attività III PREMESSA Conciliazione:

Dettagli

Le nuove frontiere del lavoro: Jobs Act e smart working. A cura di Studio Legale FAVA&ASSOCIATI

Le nuove frontiere del lavoro: Jobs Act e smart working. A cura di Studio Legale FAVA&ASSOCIATI Le nuove frontiere del lavoro: Jobs Act e smart working A cura di Studio Legale FAVA&ASSOCIATI 1 Jobs Act e principali decreti attuativi Jobs Act Legge Delega 10/12/2014 n. 183: «Deleghe al Governo in

Dettagli

I DIRITTI DELLE DONNE. BREVE PERCORSO NELLALA LEGISLAZIONE A FAVORE DELLE DONNE DALLA COSTITUZIONE AI GIORNI NOSTRI Prof. Giuseppe Grispello

I DIRITTI DELLE DONNE. BREVE PERCORSO NELLALA LEGISLAZIONE A FAVORE DELLE DONNE DALLA COSTITUZIONE AI GIORNI NOSTRI Prof. Giuseppe Grispello I DIRITTI DELLE DONNE BREVE PERCORSO NELLALA LEGISLAZIONE A FAVORE DELLE DONNE DALLA COSTITUZIONE AI GIORNI NOSTRI Prof. Giuseppe Grispello Il diritto di voto alle donne Con il decreto legislativo luogotenenziale

Dettagli

Ufficio Personale PIANO TRIENNALE AZIONI POSITIVE

Ufficio Personale PIANO TRIENNALE AZIONI POSITIVE COMUNE DI CANTU' PROVINCIA DI COMO AREA RISORSE UMANE E FINANZIARIE Ufficio Personale Relazione introduttiva PIANO TRIENNALE AZIONI POSITIVE 2013-2015 Nell ambito delle finalità espresse dalla Legge 125/1991

Dettagli

COMUNE DI TAVULLIA (Provincia di Pesaro e Urbino) PIANO AZIONI POSITIVE 2012-2014

COMUNE DI TAVULLIA (Provincia di Pesaro e Urbino) PIANO AZIONI POSITIVE 2012-2014 COMUNE DI TAVULLIA (Provincia di Pesaro e Urbino) PIANO AZIONI POSITIVE 2012-2014 APPROVATO CON DELIBERA G.C. N. 8 del 24.01.2012 Premesso che: - Ai sensi dell'art. 48 del D.Lgs. 11.04.2006 n. 198 e s.m.i.

Dettagli

PIANO PER L UTILIZZO DEL TELELAVORO Stato di attuazione

PIANO PER L UTILIZZO DEL TELELAVORO Stato di attuazione PIANO PER L UTILIZZO DEL TELELAVORO Stato di attuazione (art.9, comma 7 del D.L. 18 ottobre 2012, n. 179 recante Ulteriori misure urgenti per la crescita del Paese, convertito in Legge 17 dicembre 2012,

Dettagli

PIANI DI PARITÀ PER IL PERSONALE DELL AMMINSTRAZIONE PROVINCIALE RISULTATI, OBIETTIVI E AREE DI INTERVENTO

PIANI DI PARITÀ PER IL PERSONALE DELL AMMINSTRAZIONE PROVINCIALE RISULTATI, OBIETTIVI E AREE DI INTERVENTO 2015-2020 PIANI DI PARITÀ PER IL PERSONALE DELL AMMINSTRAZIONE PROVINCIALE RISULTATI, OBIETTIVI E AREE DI INTERVENTO 1 Lo studio è stato creato dall ufficio Organizzazione Settore Controlling, con l intesa

Dettagli

l. eliminare le disparità nella formazione scolastica e professionale, nell'accesso al lavoro, nella

l. eliminare le disparità nella formazione scolastica e professionale, nell'accesso al lavoro, nella Q.-'"9a,,,,, É'S!:SALERhIO *i* AZIENDA SANITARIA LOCATE SALERNO Ailogoto ild elikrq '*r"'j''l''x""* u;í DIREZIONE GENERALE Vtn Nzze, 146 - s4124 sater^/o Tel 089 693647 - fax 089 251 629 "Piani azioni

Dettagli

Comune di Cavaion Veronese

Comune di Cavaion Veronese Comune di Cavaion Veronese PROVINCIA DI VERONA PIANO TRIENNALE DI AZIONI POSITIVE 2012/2014 (articolo 48 D.Lgs. 11/04/2006 n. 198 e s.m.i.) FONTI NORMATIVE - Legge 10 aprile 1991, n. 125 recante Azioni

Dettagli

Autorità Idrica Toscana

Autorità Idrica Toscana PIANO TRIENNALE DI AZIONI POSITIVE 2017-2019 Approvato con decreto DG n. del 1 Fonti Normative D.Lgs. n. 165 del 30.03.2001: articolo 7, comma 1 e articolo 57; D.Lgs. n. 198 del 1.04.2006, recante il Codice

Dettagli

La conciliazione SOCIOLOGIA. Conciliazione tra lavoro e famiglia. Il lavoro delle donne e la condizione familiare.

La conciliazione SOCIOLOGIA. Conciliazione tra lavoro e famiglia. Il lavoro delle donne e la condizione familiare. SOCIOLOGIA Il lavoro delle donne e la condizione familiare La conciliazione SS - La partecipazione delle donne 2 Conciliazione tra lavoro e famiglia Presenza di figli Strategie di conciliazione: il part-time

Dettagli

P R O P O S T A PIANO TRIENNALE AZIONI POSITIVE

P R O P O S T A PIANO TRIENNALE AZIONI POSITIVE COMITATO UNICO DI GARANZIA PER LA PARI OPPORTUNITA LA VALORIZZAZIONE DEL BENESSERE DI CHI LAVORA E CONTRO LE DISCRIMINAZIONI ******** **** ******** P R O P O S T A PIANO TRIENNALE AZIONI POSITIVE 2016-2018

Dettagli

PROGETTO DI INDAGINE SULLA CONCILIAZIONE DEI TEMPI DI VITA E DI LAVORO DEL PERSONALE DEL COMUNE DI CERVIA

PROGETTO DI INDAGINE SULLA CONCILIAZIONE DEI TEMPI DI VITA E DI LAVORO DEL PERSONALE DEL COMUNE DI CERVIA Comitato Unico di Garanzia Servizio Risorse Sportello Donna PROGETTO DI INDAGINE SULLA CONCILIAZIONE DEI TEMPI DI VITA E DI LAVORO DEL PERSONALE DEL COMUNE DI CERVIA Novembre 2012 / Maggio 2013 1 PREMESSA

Dettagli

Mercato del Lavoro: incentivi, agevolazioni, formazione per la ricollocazione

Mercato del Lavoro: incentivi, agevolazioni, formazione per la ricollocazione Mercato del Lavoro: incentivi, agevolazioni, formazione per la ricollocazione Ordine dei Consulenti del Lavoro Click to edit Master subtitle style Consiglio Provinciale di Venezia Mestre, 22 marzo 2010

Dettagli

! "!#!$!%!&!'!$!#! ()!"#$"%&!'()*!

! !#!$!%!&!'!$!#! ()!#$%&!'()*! ! "!#!$!%!&!'!$!#! ()!"#$"%&!'()*! Jobs act Cosa è cambiato e cosa cambierà Conciliazione tempi di vita e lavoro Rag. Riccardo Guido Studio Associato Barillari Lapolla Cavalleri Riferimenti normativi:

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA FRA REGIONE LOMBARDIA MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI

PROTOCOLLO D INTESA FRA REGIONE LOMBARDIA MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI PROTOCOLLO D INTESA FRA REGIONE LOMBARDIA MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI PER LA SPERIMENTAZIONE DI NUOVI MODELLI NEL SISTEMA DI

Dettagli

Lavoro e famiglia: strumenti e opportunità

Lavoro e famiglia: strumenti e opportunità Lavoro e famiglia: strumenti e opportunità Comunità delle Giudicarie Tione di Trento, 2 ottobre 2012 Provincia Autonoma di Trento CONSIGLIERA DI PARITÀ 1 Il mercato del lavoro in Trentino: alcuni dati

Dettagli

COMMENTO LEGGE QUADRO SUI SERVIZI SOCIALI ( LEX 328/00)

COMMENTO LEGGE QUADRO SUI SERVIZI SOCIALI ( LEX 328/00) COMMENTO LEGGE QUADRO SUI SERVIZI SOCIALI ( LEX 328/00) La "Legge quadro per la realizzazione del sistema integrato di interventi e servizi sociali", è una norma che rientra tra la più ampia riforma dello

Dettagli

PIANO TRIENNALE AZIONI POSITIVE

PIANO TRIENNALE AZIONI POSITIVE Premessa a) Il contesto europeo PIANO TRIENNALE AZIONI POSITIVE 2016/2018 Nel giugno 2000, la Commissione Europea con la direttiva 2000/43/CE adotta una innovativa strategia quadro comunitaria in materia

Dettagli

PROTOCOLLO D'INTESA PER LA PROMOZIONE DEL BENESSERE E DELLA SALUTE DELLE DONNE NEL MONDO DEL LA VORO. Tra. Premesso:

PROTOCOLLO D'INTESA PER LA PROMOZIONE DEL BENESSERE E DELLA SALUTE DELLE DONNE NEL MONDO DEL LA VORO. Tra. Premesso: PROTOCOLLO D'INTESA PER LA PROMOZIONE DEL BENESSERE E DELLA SALUTE DELLE DONNE NEL MONDO DEL LA VORO Tra - Prefettura UTG di Forlì-Cesena - Consigliera di Parità della Provincia di Forlì-Cesena - Provincia

Dettagli

Accordo territoriale di genere per la promozione delle politiche concertate sulla cittadinanza di genere

Accordo territoriale di genere per la promozione delle politiche concertate sulla cittadinanza di genere Accordo territoriale di genere per la promozione delle politiche concertate sulla cittadinanza di genere stipulato tra Provincia di Lucca e Consigliera di Parità della Provincia di Lucca Commissione Provinciale

Dettagli

Convegno di Kick-Off del Progetto E.L.E.N.A.

Convegno di Kick-Off del Progetto E.L.E.N.A. Convegno di Kick-Off del Progetto E.L.E.N.A. Verso una nuova organizzazione del lavoro pubblico e privato Le opportunità del Lavoro Agile per donne e uomini Il «Lavoro Flessibile» nel sistema welfare integrato

Dettagli

PREVIDENZA LEGGE REGIONALE 27 NOVEMBRE 1993, N. 19

PREVIDENZA LEGGE REGIONALE 27 NOVEMBRE 1993, N. 19 PREVIDENZA LEGGE REGIONALE 27 NOVEMBRE 1993, N. 19 Indennità regionale a favore dei lavoratori disoccupati inseriti nelle liste provinciali di mobilità e disposizioni in materia di previdenza integrativa

Dettagli

PIANO DELLE AZIONI POSITIVE TRIENNIO

PIANO DELLE AZIONI POSITIVE TRIENNIO COMUNE DI PERTUSIO PROVINCIA DI TORINO PIANO DELLE AZIONI POSITIVE TRIENNIO 2014 2016 Approvato con deliberazione della Giunta Comunale n. 42 del 17/06/2014 1. Premessa 1 Nell ambito delle iniziative promosse

Dettagli

SIGNIFICATO E STORIA DELLE PARI OPPORTUNITA : EVOLUZIONE DEGLI ASPETTI NORMATIVI Bologna, 22 gennaio 2016

SIGNIFICATO E STORIA DELLE PARI OPPORTUNITA : EVOLUZIONE DEGLI ASPETTI NORMATIVI Bologna, 22 gennaio 2016 SIGNIFICATO E STORIA DELLE PARI OPPORTUNITA : EVOLUZIONE DEGLI ASPETTI NORMATIVI Bologna, 22 gennaio 2016 Alexander Calder scultore (1898 1976) FATTORI DI INFLUENZA CONTESTO SOCIALE EUROPA RUOLO DELLA

Dettagli

INDICE. » 15» La riforma dei contratti di lavoro.» Le collaborazioni La nozione di contratto collettivo.

INDICE. » 15» La riforma dei contratti di lavoro.» Le collaborazioni La nozione di contratto collettivo. Pietro Curzio Jobs act legge, decreti, circolari, accordi, sentenze CACUCCI BARI EDITORE Pietro Curzio, magistrato, presiede il collegio della Sesta sezione (civile-lavoro) ed è componente delle Sezioni

Dettagli

LE POLITICHE PUBBLICHE PER L'OCCUPAZIONE FEMMINILE IN TRENTINO

LE POLITICHE PUBBLICHE PER L'OCCUPAZIONE FEMMINILE IN TRENTINO Provincia Autonoma di Trento LE POLITICHE PUBBLICHE PER L'OCCUPAZIONE FEMMINILE IN TRENTINO Antonella Chiusole Dirigente generale Agenzia del lavoro Provincia Autonoma di Trento 3.596.755 Se il TO femminile

Dettagli

LE DONNE AVVOCATO. Avv. Paolo Rosa Presidente Cassa Forense

LE DONNE AVVOCATO. Avv. Paolo Rosa Presidente Cassa Forense Avv. Paolo Rosa Presidente Cassa Forense Bologna, 16 marzo 2009 Le donne trovano maggiori ostacoli a svolgere la professione di avvocato LE DONNE AVVOCATO abbandonano la professione più facilmente dei

Dettagli

PIANO AZIONI POSITIVE (P.A.P.)

PIANO AZIONI POSITIVE (P.A.P.) ALLEGATO A) ALLA DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE NR. DEL PIANO AZIONI POSITIVE (P.A.P.) TRIENNIO 2016 2018 PREMESSA Il Decreto Legislativo 11 aprile 2006 n. 198 Codice delle pari opportunità tra uomo

Dettagli

A BETTER PLACE TO WORK. Bologna, 08 febbraio 2010

A BETTER PLACE TO WORK. Bologna, 08 febbraio 2010 A BETTER PLACE TO WORK Bologna, 08 febbraio 2010 INTRODUZIONE COMPATIBILITA Ipotesi di lavoro: verificare se in concreto sussistano i presupposti culturali (Dire, Fare, Volare) ed i supporti metodologici

Dettagli

PIANO PERFORMANCE

PIANO PERFORMANCE PIANO PERFORMANCE 2013-2015 PIANO DEGLI OBIETTIVI DEL COMITATO UNICO DI GARANZIA (CUG) ALLEGATO E Marzo 2013 INDICE Premessa... 3 1. Obiettivi operativi ed azioni 2013... 4 1.3 Equa rappresentatività e

Dettagli

Scritto da di Mario Di Corato Venerdì 18 Gennaio :49 - Ultimo aggiornamento Venerdì 18 Gennaio :53

Scritto da di Mario Di Corato Venerdì 18 Gennaio :49 - Ultimo aggiornamento Venerdì 18 Gennaio :53 LA NUOVA INDENNITA DI DISOCCUPAZIONE ASPI E MINI ASPI di Mario Di Corato Com è noto la legge di riforma del mercato di lavoro n. 92/2012 ha dettato nuove norme in materia di mercato del lavoro e di ammortizzatori

Dettagli

Fondi di sostegno ai genitori

Fondi di sostegno ai genitori Bari 7 maggio 2015 Fondi di sostegno ai genitori Francesca Zampano Servizio Politiche di Benessere sociale e pari opportunità Regione Puglia Programma Introduce e coordina i lavori Serenella Molendini,

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE. Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 2143

DISEGNO DI LEGGE. Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 2143 Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 2143 DISEGNO DI LEGGE d iniziativa delle senatrici CARLINO e BUGNANO COMUNICATO ALLA PRESIDENZA IL 29 APRILE 2010 Nuove disposizioni in materia di parità e di

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE TENTORI, BRAGA

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE TENTORI, BRAGA Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 1230 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI TENTORI, BRAGA Introduzione dell educazione di genere nelle attività didattiche delle scuole

Dettagli

UNIONE ITALIANA DEL LAVORO

UNIONE ITALIANA DEL LAVORO Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali UFFICIO DELLA CONSIGLIERA DI PARITA Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali Direzione Territoriale del Lavoro di BRESCIA UNIONE ITALIANA DEL LAVORO

Dettagli

Gli interventi dell Agenzia del lavoro a sostegno dell'occupazione femminile

Gli interventi dell Agenzia del lavoro a sostegno dell'occupazione femminile Gli interventi dell Agenzia del lavoro a sostegno dell'occupazione femminile 12 maggio 2016 Gli interventi dell agenzia del lavoro a sostegno dell occupazione femminile Indicatori del mercato del lavoro

Dettagli

DIVERSITY FRA LEGISLAZIONE EUROPEA E INTERNA: A CHE PUNTO SIAMO? Giulietta Bergamaschi, partner Lexellent

DIVERSITY FRA LEGISLAZIONE EUROPEA E INTERNA: A CHE PUNTO SIAMO? Giulietta Bergamaschi, partner Lexellent DIVERSITY FRA LEGISLAZIONE EUROPEA E INTERNA: A CHE PUNTO SIAMO? Giulietta Bergamaschi, partner Lexellent SIAMO? L IMPEGNO DI LEXELLENT NEL DIVERSITY MANAGEMENT Convegno annuale sulle pari opportunità

Dettagli

PROVINCIA DI GORIZIA PIANO TRIENNALE AZIONI POSITIVE

PROVINCIA DI GORIZIA PIANO TRIENNALE AZIONI POSITIVE PROVINCIA DI GORIZIA PIANO TRIENNALE AZIONI POSITIVE 2013-2015 1. La Pubblica Amministrazione e le Pari Opportunità Le azioni positive sono misure temporanee speciali che, in deroga al principio di uguaglianza

Dettagli

"Politiche regionali per il coordinamento e l amministrazione dei tempi delle città".

Politiche regionali per il coordinamento e l amministrazione dei tempi delle città. LEGGE REGIONALE 28 ottobre 2004, 28 "Politiche regionali per il coordinamento e l amministrazione dei tempi delle città". (BURL n. 44, 1º suppl. ord. del 29 Ottobre 2004 ) urn:nir:regione.lombardia:legge:2004-10-28;28

Dettagli

Comune di Bologna. P.A.P. - Piano di Azioni Positive per il triennio

Comune di Bologna. P.A.P. - Piano di Azioni Positive per il triennio Comune di Bologna P.A.P. - Piano di Azioni Positive per il triennio 2008-2010 La legge n.125/1991, Azioni positive per la realizzazione della parità uomo-donna nel lavoro (art.6) i decreti legislativi

Dettagli

1. LA SEMPLIFICAZIONE IN MATERIA DI CONTRATTO DI LAVORO A TERMINE (ART. 1, D.L. 34/2014)...» 37

1. LA SEMPLIFICAZIONE IN MATERIA DI CONTRATTO DI LAVORO A TERMINE (ART. 1, D.L. 34/2014)...» 37 Indice INTRODUZIONE...» 11 1. Considerazioni generali...» 11 2. La finalità ed i contenuti del provvedimento urgente...» 15 3. Per un confronto con il modello statunitense...» 19 4. Il disegno di legge-delega...»

Dettagli

TIPOLOGIE DI INCENTIVI LAVORATORI INTERESSATI

TIPOLOGIE DI INCENTIVI LAVORATORI INTERESSATI TIPOLOGIE DI INCENTIVI 4. ASSUNZIONI TIPOLOGIE DI INCENTIVI AGEVOLATE TIPOLOGIE DI INCENTIVI LAVORATORI INTERESSATI Previdenziali: il datore di lavoro ha diritto, per un certo periodo, a fruire di riduzioni

Dettagli

ESONERO CONTRIBUTIVO PER LE ASSUNZIONI A TEMPO INDETERMINATO ANNO 2016

ESONERO CONTRIBUTIVO PER LE ASSUNZIONI A TEMPO INDETERMINATO ANNO 2016 ESONERO CONTRIBUTIVO PER LE ASSUNZIONI A TEMPO INDETERMINATO ANNO 2016 Datori di lavoro beneficiari dell esonero contributivo: L incentivo è riconosciuto a tutti i datori di lavoro privati, a prescindere

Dettagli

INDICE CAPITOLO I IL MERCATO DEL LAVORO, SOGGETTI E OPPORTUNITÀ

INDICE CAPITOLO I IL MERCATO DEL LAVORO, SOGGETTI E OPPORTUNITÀ Premessa alla seconda edizione........................ Premessa alla prima edizione......................... pag. XI XIII CAPITOLO I IL MERCATO DEL LAVORO, SOGGETTI E OPPORTUNITÀ 1. Principi e criteri

Dettagli

PREVIDENZA LEGGE REGIONALE 27 NOVEMBRE 1993, N. 19

PREVIDENZA LEGGE REGIONALE 27 NOVEMBRE 1993, N. 19 PREVIDENZA LEGGE REGIONALE 27 NOVEMBRE 1993, N. 19 Indennità regionale a favore dei lavoratori disoccupati inseriti nelle liste provinciali di mobilità e disposizioni in materia di previdenza integrativa

Dettagli

l Il quadro normativo e contrattuale

l Il quadro normativo e contrattuale GIUGNO 2008 1 l Premessa La recente riforma del rapporto a termine realizzata attraverso le disposizioni introdotte dal protocollo sul welfare 2007 poi tradotto in legge n. 247/2007, ha riproposto il tema

Dettagli

INDICE I ORIGINE STORICA E FONTI DEL DIRITTO INTERNAZIONALE DEL LAVORO

INDICE I ORIGINE STORICA E FONTI DEL DIRITTO INTERNAZIONALE DEL LAVORO INDICE I ORIGINE STORICA E FONTI DEL DIRITTO INTERNAZIONALE DEL LAVORO 1. Il diritto internazionale del lavoro... 1 2. Origine storica del diritto internazionale del lavoro... 3 3. Ruolo delle organizzazioni

Dettagli

Lavoro a turni ed esigenze familiari degli infermieri

Lavoro a turni ed esigenze familiari degli infermieri Lavoro a turni ed esigenze familiari degli infermieri Ancona 31 maggio 2016 1 La questione è rilevante per la professione infermieristica perché la categoria è composta per più del 75% da donne inoltre

Dettagli

Il percorso continua...

Il percorso continua... Piattaforma Contratto Nazionale CCNL 2010 2012 UNEBA Schede di Sintesi Roma, dicembre 2009 1 Obiettivi e Stategie OBIETTIVI e STRATEGIA nel percorso di evoluzione CISL FP nel settore La presentazione di

Dettagli

ORGANIZZAZIONE COMPETENZE & RISORSE. ASSUNZIONI A TEMPO INDETERMINATO dei lavoratori in mobilità ex Lege n. 223/1991

ORGANIZZAZIONE COMPETENZE & RISORSE. ASSUNZIONI A TEMPO INDETERMINATO dei lavoratori in mobilità ex Lege n. 223/1991 ASSUNZIONI A TEMPO INDETERMINATO dei lavoratori in mobilità ex Lege n. 223/1991 Fonti legislative Art. 25 comma 9, legge n.223/1991; Contenuti Beneficio contributivo in favore di datori di lavoro che assumono

Dettagli

Oggetto : Approvazione del Piano Triennale delle Azioni positive 2015-2017

Oggetto : Approvazione del Piano Triennale delle Azioni positive 2015-2017 Estratto del verbale della seduta della Giunta Comunale NUMERO DI REGISTRO SEDUTA DEL 52 18 marzo 2015 Immediatamente Eseguibile Oggetto : Approvazione del Piano Triennale delle Azioni positive 2015-2017

Dettagli

ESONERO CONTRIBUTIVO PER LE ASSUNZIONI CON CONTRATTO DI LAVORO A TEMPO INDETERMINATO

ESONERO CONTRIBUTIVO PER LE ASSUNZIONI CON CONTRATTO DI LAVORO A TEMPO INDETERMINATO 21 aprile 2015 L e g g e 2 3 d i cembre 2014, n. 190 ( c. d. l e g g e d i S ta b i l i tà 2015 ) ESONERO CONTRIBUTIVO PER LE ASSUNZIONI CON CONTRATTO DI LAVORO A TEMPO INDETERMINATO A cura di Simona Butera

Dettagli

Rassegna di informazioni parlamentari ANMIL

Rassegna di informazioni parlamentari ANMIL ASSOCIAZIONE NAZIONALE FRA LAVORATORI MUTILATI E INVALIDI DEL LAVORO ANNO XI numero 11 1 aprile 2016 Rassegna di informazioni parlamentari ANMIL a cura dell Ufficio I Servizi Istituzionali Direzione generale

Dettagli

Oggetto: CONGEDO PER LE DONNE VITTIME DI VIOLENZA DI GENERE

Oggetto: CONGEDO PER LE DONNE VITTIME DI VIOLENZA DI GENERE - Alle Segreterie camere del Lavoro di categoria regionali - Alle Resp. Politiche di genere Napoli, 20 aprile 2016 Oggetto: CONGEDO PER LE DONNE VITTIME DI VIOLENZA DI GENERE Care compagne e cari compagni,

Dettagli

Protocollo di Intesa tra Regione Toscana e Province Toscane. Il giorno dell anno. presso la Regione Toscana, con sede...

Protocollo di Intesa tra Regione Toscana e Province Toscane. Il giorno dell anno. presso la Regione Toscana, con sede... Protocollo di Intesa tra Regione Toscana e Province Toscane Il giorno dell anno. presso la Regione Toscana, con sede..., sono presenti, per la Regione Toscana. per la Provincia di Arezzo per la Provincia

Dettagli

del lavoratore da assumere.

del lavoratore da assumere. TIPOLOGIE DI INCENTIVI 4. ASSUNZIONI TIPOLOGIE DI INCENTIVI AGEVOLATE TIPOLOGIE LAVORATORI Previdenziali: il datore di lavoro ha diritto, per un certo periodo, a fruire di riduzioni contributive. Fiscali:

Dettagli

Tendenze e tensioni nei nuovi scenari demografici e sociali. Chiara Saraceno Honorary fellow Collegio Carlo Alberto

Tendenze e tensioni nei nuovi scenari demografici e sociali. Chiara Saraceno Honorary fellow Collegio Carlo Alberto Tendenze e tensioni nei nuovi scenari demografici e sociali Chiara Saraceno Honorary fellow Collegio Carlo Alberto Alcuni cambiamenti rilevanti rispetto a organizzazione del lavoro entrata massiccia delle

Dettagli

Le assunzioni agevolate

Le assunzioni agevolate Le assunzioni agevolate La legislazione italiana prevede agevolazioni normative, contributive ed incentivi economici per la creazione di nuove opportunità di lavoro e, in particolare, per il reinserimento

Dettagli

La Consigliera di Parità della Provincia di Napoli dott.ssa Luisa Festa

La Consigliera di Parità della Provincia di Napoli dott.ssa Luisa Festa Ministero del Lavoro, della Consigliera di Parità della La Consigliera di Parità della Provincia di Napoli dott.ssa Luisa Festa Azioni positive per la realizzazione della Parità fra Uomo e Donna 1 Formulazione

Dettagli

DONNE E PROCESSI DECISIONALI: PER UNA POLITICA DELLA PRESENZA

DONNE E PROCESSI DECISIONALI: PER UNA POLITICA DELLA PRESENZA Ferrara 17 ottobre 2014 Giuditta Brunelli DONNE E PROCESSI DECISIONALI: PER UNA POLITICA DELLA PRESENZA ART. 2, comma 2, STATUTO UNIVERSITA DI FERRARA Unife garantisce il rispetto del principio costituzionale

Dettagli

PIANO DI OCCUPAZIONE

PIANO DI OCCUPAZIONE PIANO DI OCCUPAZIONE 2013 2015 Le Camere di commercio, come tutte le amministrazioni pubbliche, sono tenute alla programmazione triennale del fabbisogno di personale; si tratta di un obbligo stabilito

Dettagli

Analisi dei colloqui di rischio occupazionale CPI di Pescia Report 31 Gennaio 2013

Analisi dei colloqui di rischio occupazionale CPI di Pescia Report 31 Gennaio 2013 Analisi dei colloqui di rischio occupazionale CPI di Pescia Report 31 Gennaio 2013 1. Premessa: il rischio occupazionale La valutazione del rischio occupazionale è il nuovo strumento adottato dai Servizi

Dettagli

ACCORDO QUADRO DI SVILUPPO TERRITORIALE PER LA PROMOZIONE DI POLITICHE DI PARITA

ACCORDO QUADRO DI SVILUPPO TERRITORIALE PER LA PROMOZIONE DI POLITICHE DI PARITA ACCORDO QUADRO DI SVILUPPO TERRITORIALE PER LA PROMOZIONE DI POLITICHE DI PARITA TRA LA CONSIGLIERA DI PARITA DELLA PROVINCIA DI CREMONA LA PROVINCIA DI CREMONA IL COMUNE DI CREMONA E GLI ENTI PUBBLICI

Dettagli

tempo determinato (art. 86 c.9). Per la pubblica

tempo determinato (art. 86 c.9). Per la pubblica 3.1 L evoluzione della normativa sul contratto a termine nel pubblico impiego dopo il D.Lgs. 368/2001 fino alla legge finanziaria 2007. Importante passaggio, dopo il D.Lgs. 368/2001, è stato l esclusione

Dettagli

PIANO DI AZIONI POSITIVE

PIANO DI AZIONI POSITIVE Comune di Piandimeleto Provincia di Pesaro e Urbino C.F. e P.I. 00360560411 Via G. Matteotti, n.15 Tel. 0722/721121 Fax 0722/721835 e-mail comune.piandimeleto@provincia.ps.it PIANO DI AZIONI POSITIVE TRIENNIO

Dettagli

SOMMARIO. Parte I CONTRATTO A TUTELE CRESCENTI E DISCIPLINA DEI LICENZIAMENTI

SOMMARIO. Parte I CONTRATTO A TUTELE CRESCENTI E DISCIPLINA DEI LICENZIAMENTI SOMMARIO Presentazione... V Nota Autori... VII Parte I CONTRATTO A TUTELE CRESCENTI E DISCIPLINA DEI LICENZIAMENTI Capitolo I CONTRATTO A TUTELE CRESCENTI E RIORDINO DELLE TIPOLOGIE CONTRATTUALI di Pierluigi

Dettagli