c runra *roro30trff0"l Delibera N OGGETTOT Ordinanza Presideute del Consiglio dei Ministri n.3274 del20 Bilancio Euro Euro Euro Euro Euro Euro

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "c runra *roro30trff0"l Delibera N OGGETTOT Ordinanza Presideute del Consiglio dei Ministri n.3274 del20 Bilancio Euro Euro Euro Euro Euro Euro"

Transcript

1 REGIONE CALABRIA c runra *roro30trff0"l Eslrano del proce-so rerbale della sedura del :ihj$ COPIA l,t,?86 OGGETTOT Ordinanza Presideute del Consiglio dei Ministri n.3274 del20 marzo 2003 art 2 commi 3,4 e 5. Crit ri per l'individuaziore delle tipologie degli edifici di compete[za r gionale di interesse strategico di dlevanzain caso di collasso. IstituzioEe Banca dali difici strat gici. lnviata al Dipartimenro LL P?. iri i 1:t :f/fìq lnviata aì Consìglio Regionale Alla Íattazione dell'argomento in oggetto partecipano: Assiste il Segetario Consigliere dr. Nicola Durante Present I Agazio LOIERO Presidente Y 2 Dornenico CERSOSIMO Vice Presidente e gli Ass ssori 3 CarmelaFRASCA' Silvesrro CRECO 5 Damiano GUAGLIARDI 6 Luigi INCARNATO )c 7 Mario MAIOLO 8 DEMEITiO NACCARI CARLIZ ZI 9 t0 Michelangelo TRIPODI k ).. \- X )r.k Y il Inviata alla Cofe dei Conii il Delibera N cap. del Bilancio DIRIGENIE STANZIAMENTO VARIAZIONI + O. TOTALE IMPEGNI ASSUNTI DISPONIBILITA IMPORTO PRESENTE MPEGNO IMIEGNO N. DEL. REGIÓNÈ CAi.AANIA IL DI tl Iiritano) -? nln 61.n L u1a' r / IL DIRDTTORE DT ILAGIONERIA Drcsa Angela Nit:olace

2 LA GIUNTA REGIONALE PREMESSE Visto I'art. 94, comma 2, lett. a) del D.Lgs recante.,attribuzione di funzronl alle Regioni in materia di individuazione delle zone sismiche, formazione e aggiornamento degli elenchi delle medesime zone"; Visto.l'art. 108 del citalo D.Lgs concernente,,funzioni attribuite alle regionr ln materia di protezione civile"; Vista l'ordinanza della Presidenza del Consiglio dei Ministri n.:3274 del20 Matzo 2003, pubblicata sulla c.u. n.105 dell,b Maggio 2003, supptemento ordinano n.72, concernente "Primi etementi in maijria oi criteif qen"àfi-oei ra classificazione ' sismica del territorio nazionale e di normatlve-tecniche per te costruzìoni in zona sismica" con la quale sono stati approvatj icriteri per liindivi_ duazione delle zone sismiche, formazione aggiornamentd degli elenchi nelle medesime zone; - Vista la delibera n. 47 del 10 Febbraio.2oo4 con la quale la ciunta approvato la nuova classificazione sismica del terrìtorio reqionale. regionale in ha attuazione dell'ordinanza del presidente del Consiglio dei Ministri nl 32Z4 del 20 ltazo 2003; - Visio l'ari. 2, commi 3 della ordinanza che dispone I'obbligo di procedere a verifica, da effettuarsi a cura dei rispettivi proprietari, ai sensi deìle norme di cui agli allegati della siessa Ordinanza; sia degli edifici di interesse strateoico e de e opere infrastrufturali la cui funzionalità, durante gli eventi sismici, ass-ume rilievo fon-damentale per le finalità di protezione civile, sia degli edíiói e delle opefe InTrastrunuratt che possono assumere rilevanza in relazione alle consequenze di un eventuale collassol - Vista I'Ordinanza del presidente del ConsÌglio dei Ministri n del 2 Ottobre 2003, recante "Modifiche ed integrazioni all,ordinanza del presidente del Consiglio dei Mìnistrì n.3274 det 20 Matzo 2003": - Considerato che con decreto del presidente del Consiglio dei Ministri - Dipartimento della protezione Civile - n del , pubblicato su a G.U. n. 252 del , sono state rispettivamente defìniie, per quanto oi competenza statale, le tipologie degli edifici di interesse strategico (Ailegato.j Elenco A) e delle opere infrastrutturali la cui funzionalità, du;ante qli eventl sismici, assume rilievo fondamentale per le finalità di protezione civile"à quelle degli edifici e delle opere che possono assumere rilevanza in relazione a e conseguenze dì un eventuale collasso (Elenco B): - Ghe, nel medesimo decreto, sono state stabilite le indicazioni per le verifiche tecniche da effettuare su edifici ed opere rientranti nelle predette tipologìe e nei predetti elenchi; Che le verifìche dovranno riguardare, in via priofitaria, gli edifici ed opere ubicate nelle zone sismiche classifìcate I e 2, secondo quanto definito nell'allegato.j della sopra citata Ordinanza; Che.la Regione Calabria e la regione italiana con Ia più elevata pericolosità srsmica ed è I'unica ad avere un territorio interamente classificato nelle zone sismiche 1 e 2 ai sensi dell'ordin anzapcm 3274t2003: Che tale decreto n. 3685/2003, oltfe ad elencare gli edifici e le infrasirutture di competenza statale, ha fornito i primi criteri per le relative verifiche suddividendo le stesse su tre livellj di ìndagine così definiti:

3 '1. LIVELLO 'L0" -(livello di verifica tendente a recepìre informazionl di base finalizzate ad un primo censimento ed eventuali informaz,oni di caíattere statisticoì. 2. LIVELLo "L1'-(livello di verifica con analisi anche semdlificate. e coniivello di conoscenzanche limitato, orientato però su edìfici ed infraslruflure adelevala pdorità che possono essere definiti regolari). 3. LIVELLO "L2'-(livello di verifica molto pìù approfondìto con analisi più raffinate, e con livello di conoscenza adeguata ed accurata, orientato su edifìci ed inffastrutture ad elevata priorità che non possono essere definiti reoolari) Che, I'art. 2 dell'ordìnanza comma 4 ha previsto ch-e le'regronr debbano individuare le tipologie degli edificj e delle opere di compeièn." regronate che presentano le carafterisliche di cui al comma 3 della citata Ordinanza Che, quindi, per quanto sopra, è necessario approvare gli elenchi delle opere di competenza regionale; Preso atto che tali elenchi, per oggettivaopportunità, devono essere definitì in îorma congruente con quelli dello Stato, in modo da rendedi coerenti, non sovrapposti e complementari: Che, tenuto conto di quanto sooragli elenchi sono come di seguito specifìcafl: 1. Elenco A :categorie di edifici e di opere infrastrutturali di interesse strateaico dl competenza regionale, la cui funzionalità durante gli eventi sismici aòsume dlievo fondamentale per le finalità di protezione civile; 2. Elenco B 'categofie di edifici e di opere infrastfutturali di competenza regionale che possono assumere rilevanza in relazione alle conseguenze di un eventuale collasso": ELENCO fa" Edifici: edifici destinati a sedi dellamministrazione regionale; (*) edificì destinati a sedì delle Amminìstrazioni provinciali; (*) ' edifici destinati a sedi diammjnistrazioni comunali; (*) edifici destinati a sedi di Comunità montane; (*) strutture non di competenza statale individuate come sedidi sale ooerative per la gestione delle emergenze (COM, COC, etc. ); cenki funzionali di protezione civile; edifrci ed opere. individuate nei pjani d,emergenza o in altre disposizioni per la gestione dell'emergenza ospedali e strutture sanitarie, anche accreditate, dotate di pronto soccorso o dipartimenti di emergenza, urgenza e accettazione: sediaziende unità sanitarie locati; (*) centrali operative'1 l8; presidi sanitarj. (*) Limitatamente agli edifici ospitanti funzioni/attiviià connesse con la gestione oe emergenza. O pere inf rastrutt u ra I i. vie di comunicazione (strade, ferrovie, ecc.) regionali, provinciali e comunali, ed opere d'arte annesse, limitata-mente a quelle strateoiche individuate nei piani di emergen-za o in alire disposizioni per la gesiione oelfemergenza; porti, aeroporti ed eliporti non di competenza statale ;ndrviduati nei piani di emergenza o in alke disposizioni per la gestione dell'emergenza; strutture non di competenza statate connesse con la prodizione, trasporto e distribuzione enefgia elettrica;

4 :ti:$l: :::9ij1lS!tg1:a stgtate.t* ntsse con ta produzione, trasporro e.dìstribuzione di materiali combu-stìbili (oteoaotti, gajootti, ecc.ji - --" strutture connesse con ìlfunzionamento di acquedótti localì; strutture non di competenza statale connesse con i servizi di comuntcaztone (radìo, telefonia fissa e portatile, televisione); altre strufture evenlualmente specificate nei pj orspostztonr pef ta gestione dell'emerqenza: ELENCO "8". Edifici:. asili nido e scuole di ogni ordin e grado;. strutture ricreative (cinema, teatri, discoteche, ecc.);..strutture destinate ad attività culturali (musei, biblioteche, sale convegnt, ecc.); edifici aperti al culto non rientranti tra quelli di cui all,allegato.j, elenco punlo B. J.3^del decreto del capo det Dipartimento Aetta bròteztorie cìvlé n..roóc oetzl onodre;,l stadied impianti sportivi; I ' strutture sanitarie e/o socio assìstenziali con ospiti non autosufjlcienti (ospizi, orf anotrofi, ecc.):. edifici e strutture aperte al pubblico destinatealla erggazione di servizi (uffici pubblici e privati) o adibite al commercio(centri commerciali, ecc.), suscettibili di gran-de affollamentoi strutture a carattere industriale, non di competenza statale, di produzione stoccaggio e di prodotti insalubri o pericolosi. lnfrastrufture:. stazìoni non di competenza statale per iltrasporto pubblico; ' opere di rítenuta non dicompetenza statale;. impìantldidepurazione; altri manufatti connolati da intrìnseche pericolosità eventualmente individuati piani d'emergenza o in attre dispoiiziontdi protezù";;mé.'- Tenuto conto che, il già citato art.2 dell,ordinanza comma 4,ha trq. I'altro, ll"ul"!o,..che le regioni devono elaborare, su a O"i" jl Oàìi". programma ri"or"u illatlfl e.^1.!-"lpll, temporale de e verifiche delte strutture erencare, sopra îomendo at soggetti competenti le necessarie indicazìoni; un-e, qutndt, occorre approvare, con riferimento all,art. 2! commi 3 e 4, della ordinanza ,le prime indicazioni per le verifiche tecniche relative àqli'edlticl î!rverrot?lf îp"r." Oi îorpetenza adeguatezza regionate, rispetto a quanto di previsto cui agti etenchi sopr" dalle norme: "it"ìì,'"t"bìì"iào ir Che tale attività di verifica deve essere effettuata a cura dei rispettivi proprierart entro il 31 dicembre.2010, per come stabilito datt'art. ZOcomma È'o5ii""r"to Iegge n. 39 del 28 aprjle 2009, convertito con legge n- 77 del 24 giugno ZOOg; Considerato g]r9, al lne di poter raggiungere tate obiettivo, oi"òrr" pro""orr" a a raccotta dt tutte le informazioni e documentazione disponibile rierite opere alle appartenenti aì sopra citati elenchi.a e B, al fine di individuarne la tipologia strutturale quanto necessario al fine delta loro caratterizzazionà, ^ Che, jn virtù di quanto sopra, è necessario predisporre una Banca dati, presso Diparlimenio rl Lavori pubblici ed tnfrastrutture, ne a quate i"à""1iàrà?ilìri. informazioni rà relative alle strutture di cui all'elenco A e'b : Atteso che..in una prima.fase, si pfevede I'acquisizione dei dati sommari su operee tnotvrouate, quindi,. ottemperare alla acquisizione del livello di indagtne cost come sopra denominato LIVELLO "LO'(livello di verifica tendente ad notizìe aìere molto elementari alline di un primo censimento ed eventuali informazioni

5 - di carattere statistico, con raguardo anche agli impianti per quanto riguarda te strutture ospedalière); - Che,.in una seconda fase si prevede la verifìca con analisi anche semplificate, e con livello di conoscenza anche limitato, denominato LtVELLo 'Lt" ode;tato oerò - su edifici ed ìnfrastrutture ad elevata priorità che possono essere definiti regolari e verifiche di LIVELLO "L2,, verifìca motto più approfondjta con anatisi più ràfflnate, e con lìvello di conoscenza adeguata ed accurata, orìentato su edifici ed ìnfrastrutture ad elevata priorità che non possono essere definiti regolari; - Tenuto conto che, al fine di omogeneizzare le procedure per I'alquisizione oer LIVELLO "L0" e del LIVELLO "L.1" /.L2, è necessario la compìlazione di specifiche schede tecniche, stimando che la complessiva attività venga svolta e;tro it 31 dicembre 2010; - Che, obiettivo finale, è una classiflcazìone preliminare di pericolosità, vulnerabilità, esposizione e conseguentemenle di rischio, al fine di definire la priorità nelle verìfich e negli interventi; - Che, per i motivi sopra esposti occorre 'L0' approvare la scheda di indagine _LIVELLO e quella di verìfìca LtvELLo "Lj" I "L2", comprensive delle istrúzioni e tìnee guida per la loro compilazione; TUTTO CIO' GONSIDERATO Su proposta déll'assessore ai Lavori pubblìci ed Infrastrutture, Luigi Incarnato, fojmulata alla stregua dell'istruttoria compiuta dalla Struttura inieress"àta, noncne all'espressa dichiarazione regolarità dell'atto iesa dal Dirigente. Per quanto espresso nelle premesse, che qui si intendono riportat e confermate DELIBERA Art. 1) di prendere atto del dispositivo dell'art. 2 de 'Ordinanza g274t2oo3 comm a che prevede che le regioni devono individuare le tipologie degli edifici e delle opere di competenza regìonale, che presentano le caratte;istichódi cui al comma 3 della cìtata Ordinanza. Arf. -2).di approvare il sotto riportato Elenco A,,categorie di edifici e di opere infrastrutturali di..interesse strategico di competenza regionale la cui funzionalità, ourante gti eventì sismici, assume rilievo fondamentale per le finalità di protezrone civile": ELENCO "A" Edifici: ' edìfici destinaii a sedi dell'amministrazione regionale; (-) ' edifici destinati a sedi dell,amministrazione provinciale; (*). edilici destinati a sedi di Ammìnistrazioni comunali; (*) ". edificì destinati a sedi dicomunità montane; (") ' strutture non di competenza statale individuate come sedídi sate oderative per la gesiione detìe emergenze (COM, COC. eic.): ' centri funzionali di protezione civile;. edifici ed opere individuate nei piani d,emergenza o in altre disposizionj per la gestione dell'emefgenza;. ospedali e strutture sanitarie, anche accreditate, dotate di pronto soccorso o dipartimenti emergenza, urgenza e accettazione; ' sediaziende unità sanitarie locati; (.) ' centrali operaiive 118;

6 ' presìol san[4fl_ (*) Limitatamente agli edific! ospìtantì funzioni/attività connesse con la gestione delì'emergenza. O pe re i nfrastruttu nl i. ' vie di comunìcazione (strade, ferrovie, ecc.) regionali, provinciali e comunali, ed opere d'arte annesse, limitata-mente a quelle strategìche individuate nei piani di emergen-za o in altre dìsposizioni per la gestione dell'emergenzai. porti, aeroporti ed eliporti non di competenza statale individuati nei pianì dì emergenza o in altre disposìzioni per ìa gestione dell'emergenza;. strutture non dì competenza statale connesse con la produzìone, trasporto e distribuzione energia elettrìca;. strutture non dì competenza statale connesse con Ia prgduzione, trasporto e distribuzione materiali combu-stibili (oleodotti, gasdgtti, ecc.);. strutture connesse con Ìlfunzionamento di acquedotti lolali; ' strutture non di competenza statale connesse lcon i servizi di comunicazione (radio, telefonia fissa e portatìle, televieióne);. altre strutture evenlualmente specificate nei pìanì di efnergenza o in altre disposizioni per la gestione dell'emergenza. Art.3) di approvare il sotto riportato Elenco B "categorie di edificie dr opere infrastru$urali di competenza regionale, che possono assumererilevanza in relazione alle conseguenze dì un eventuale collasso: ELENCO "8". asili nido e scuole di ogni ordine e grado; ' strutture ricreative (cinema, teatri, discoteche, ecc.);. strutture destinate ad attività culturali (musei, bìblioteche, sale convegni, ecc.);. edìfici ape.ti al culio nonrientranti tra quelli di cui all'allegato 1, Elenco B, punto 1.3 del decreto delcapo del Dipartimento della protezione civile, n del 21 ottobre; ' stadied impianti sportivi. strutture sanitarìe e/o socio assistenziali con osoiti non autosufflcienti (ospìzi, ofanotrofi, ecc.); edifici e strutture aperte al pubblìco destinate alla erogazione di seruizi (uffìci pubblici e privati) o adibite al commercio (centri commerciali, ecc.), suscettibili dì gran-de affollamentoi strutture a carattere industriale, non di competenza statale, di produzione stoccaggio di prodotti insalubri o pericolosi. Infrastrufture:. stazìoni non di competenza statale per il trasporto pubblico;. opere di ritenuta non di competenza statale; ' impianti di depurazione; altri manufattj connotaii da intrinseche pericolosità eventualmente individuati in pìani d'emergenza o in altre disposìzionidi protezione c,vile. Art. 4) di prendere atto del dìsposltivo dell'art. 2 commi 3 e 4 della Ordinanza e del decreto del Presidente del Consiglio dei MÌnìstri - Dipariimenio della Protezione Civìle - n del che hanno fornito le Drime indicazioni per ìe verifìche tecniche relative agli ediiìci e alle opere di compeienza regionale,

7 Art.5) dì prendere atto dell'art. 20 comma 5 del decreto legge n. 39 del 28 apnte 2009 convertito con legge n. 77 del 24 giugno 2009; che stabilisce che l'attività di veriiìca tecnica deve essereeffettuata, a cufa dei rispettivi proprietari entro il 31 dicembre Art. 6) di approvare, a tal flne, la scheda di indagine -LIVELLO"L0'(comprensiva di quella sugli gli impianti, perquanto riguarda le strutture ospedaliere) e quella di verifica LIVELLO "11"/ "12", comprensive delle istruzioni e linee guida per la loro compilazione; allegate allapresente delibera e che fanno parte integrante della stessa. Art.7) di istituire apposita Banca dati, presso il Dipartimento Lavorì pubblicì ed Infrastrutture - Settore 2, relativa alla raccolta di tutte le informazioni attinenti alle strutture di cui agli elenchi A e B, riportati nei precedenti art. 2 e 3. AÉ. 8) di vincolare qualsiasi finanziamento regionale, per le strutturedi cuì agli elenchi sopra citati, alla compilazione trasmissione della scheda di indagìne - LIVELLO'LO'. Art, 9) di demandare al Dipartimento Lavori pubblici ed Infrastrutture - Settore 2, la definizione.di tutte le procedure, nonché I'attività consequenziale a quanto disposto dalla presente delibera. Art. l0) di pubblicare la presente delibera sut BURC. llsegretario ll Presidente

AL DIRIGENTE DEL SETTORE PROVINCIALE DEL GENIO CIVILE DI

AL DIRIGENTE DEL SETTORE PROVINCIALE DEL GENIO CIVILE DI Spazio riservato all Ufficio La presente denuncia di lavori è stata presentata all Ufficio nella data indicata sull etichetta di protocollazione. Il sottoscritto ne ha verificato la correttezza formale

Dettagli

I IMPORTO PRESENTE IMPEGNO EURO... Impegno N... del...

I IMPORTO PRESENTE IMPEGNO EURO... Impegno N... del... COPIA Mod. A. P,P,a, ~,2g4/8" REGIONE CALABRIA GIUNTA REGIONALE Estratto del processo verbale della seduta del OGGETTO: Legge Regionale 5 ottobre 2007, n. 22, art 10. Adempimenti I N.... del Ree. delle

Dettagli

+;'+ CALABRIA REGIONALE. t1j ffi í#,fff$s. Delibera N. Euro Euro Euro Eulo Euro Euro

+;'+ CALABRIA REGIONALE. t1j ffi í#,fff$s. Delibera N. Euro Euro Euro Eulo Euro Euro COPIA REGIONE GIUNTA +;'+...:.tf;:t:. Estratto del processo verbale della seduta d"l CALABRIA REGIONALE t1j ffi í#,fff$s OGGETTO: Personale dirigenziale - Presa d'atto Dichiarazione congiunta del 1O.11.2008.

Dettagli

G I U N T A R E G I O N A L E

G I U N T A R E G I O N A L E ORIGINALE R E G I O N E C A L A B R I A G I U N T A R E G I O N A L E Estratto del processo verbale della seduta del 20 Aprile 2009 OGGETTO: Programmazione Regionale Unitaria 2007/2013 Progetto Integrato

Dettagli

BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE CALABRIA

BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE CALABRIA Poste Italiane - Spedizione in a.p. Tab. D Aut. DCO/DC - CZ/038/2003 valida dal 4 febbraio 2003 Supplemento straordinario n. 2 al n. 20 del 16 ottobre 2008 PartiIeII-Anno XXXIX REPUBBLICA ITALIANA BOLLETTINO

Dettagli

Costruire in zona sismica. Tra norme tecniche nazionali e legislazione regionale

Costruire in zona sismica. Tra norme tecniche nazionali e legislazione regionale FEDERAZIONE REGIONALE DEGLI ORDINI DEGLI INGEGNERI DELLA TOSCANA Convegno regionale Costruire in zona sismica. Tra norme tecniche nazionali e legislazione regionale Firenze, 02.07.2009 Il nuovo Regolamento

Dettagli

Delibera della Giunta Regionale n. 368 del 13/09/2013

Delibera della Giunta Regionale n. 368 del 13/09/2013 Delibera della Giunta Regionale n. 368 del 13/09/2013 A.G.C.5 Ecologia, tutela dell'ambiente, disinquinamento, protezione civile Settore 3 Programmazione interventi di protezione civile sul territorio

Dettagli

REGIONE CALABRIA AVVISO PUBBLICO

REGIONE CALABRIA AVVISO PUBBLICO REGIONE CALABRIA DIPARTIET 9 Infrastrutture - Lavori Pubblici - Politiche della Casa - E.R.P. A.B.R. Risorse Idriche Ciclo Integrato delle Acque SETTRE 2 AVVISO PUBBLICO INTERVENTI DI ADEGUAMENTO STRUTTURALE

Dettagli

Prot. n. F.A26783DL33. Pescara, 30 gennaio 2013. Associazione MISA St.da della Conserva fr Pescomaggiore 67100 L,AQUILA (AQ)

Prot. n. F.A26783DL33. Pescara, 30 gennaio 2013. Associazione MISA St.da della Conserva fr Pescomaggiore 67100 L,AQUILA (AQ) GIUNTA REGIONALE DIREZONE Politiche Atîive del lavoro, Formazione ed Isîruzione, Politiche Sociali SERVIZI0 Politiche Socialí DL3i UFFICIO "Gestione Politiche So{.ìalí, Monitoraggio e controllo amministrativo

Dettagli

http://www.normativasanitaria.it/jsp/dettaglio.jsp?aggiornamenti=&attocompleto=si...

http://www.normativasanitaria.it/jsp/dettaglio.jsp?aggiornamenti=&attocompleto=si... Page 1 of 5 Atto suddiviso in articoli Stampa Indietro Conferenza Unificata ACCORDO 25 maggio 2011 Accordo, ai sensi dell'articolo 9 del decreto legislativo 28 agosto 1997, n. 281, tra il Governo, le regioni,

Dettagli

REGIONE CALABRIA. (OCDPC 171 del 19.06.2014 - art. 2 Comma 1 punto b) IL DIRIGENTE GENERALE

REGIONE CALABRIA. (OCDPC 171 del 19.06.2014 - art. 2 Comma 1 punto b) IL DIRIGENTE GENERALE MANIFESTAZIONE DI INTERESSE PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI FINALIZZATI ALLA ESECUZIONE DI INTERVENTI STRUTTURALI DI RAFFORZAMENTO LOCALE O DI MIGLIORAMENTO SISMICO O, EVENTUALMENTE, DI DEMOLIZIONE E

Dettagli

22.10.2008 Relatore: Dr. Ing. Maurizio Patat

22.10.2008 Relatore: Dr. Ing. Maurizio Patat AUTONOME PROVINZ BOZEN - SÜDTIROL Ressort für Bauten, ladinische Schule und Kultur PROVINCIA AUTONOMA DI BOLZANO - ALTO ADIGE Dipartimento ai lavori pubblici, scuola e cultura ladina PROVINZIA AUTONOMA

Dettagli

Copia tratta da: SanzioniAmministrative.it

Copia tratta da: SanzioniAmministrative.it SanzioniAmministrative. it Normativa it D.M. 10 maggio 1994, n. 415 Regolamento per la disciplina delle categorie di documenti sottratti al diritto di accesso ai documenti amministrativi, in attuazione

Dettagli

IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI

IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI Direttiva del Presidente del Consiglio dei Ministri 12 ottobre 2007 Direttiva del Presidente del Consiglio dei Ministri per la valutazione e la riduzione del rischio sismico del patrimonio culturale con

Dettagli

REGIONE CALABRIA. n. 195 del 20 dicembre 2012

REGIONE CALABRIA. n. 195 del 20 dicembre 2012 REGIONE CALABRIA DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE (nella qualm. di Commissario ad acta per I'attuazione del piano di rientro dai disavanzi del settore sanitario della Regione Calabria, nominato

Dettagli

CONSORZIALE POLICLINICO DI BARI piazza ciurio cesare u -7'rz49ari

CONSORZIALE POLICLINICO DI BARI piazza ciurio cesare u -7'rz49ari lsljf;qrj,,{ S$Fii;,, A Z TE N DA os pe DAL re Ro-u rvrve ndii,f Rih, t i f i j ilj # tr t. CONSORZALE POLCLNCO D BAR piazza ciurio cesare u -7rz49ari z # l-{jfi, g6g9 "..,.-- i -,,:,:..i"-r,; Deriberazione

Dettagli

PROPOSTA DI LEGGE N. 345/9^ DI INIZIATIVA DEI CONSIGLIERI REGIONALI A. DATTOLO, G. MORRONE, M.

PROPOSTA DI LEGGE N. 345/9^ DI INIZIATIVA DEI CONSIGLIERI REGIONALI A. DATTOLO, G. MORRONE, M. CONSIGLIO REGIONALE DELLA CALABRIA IV COMMISSIONE ASSETTO E UTILIZZAZIONE DEL TERRITORIO - PROTEZIONE DELL AMBIENTE PROPOSTA DI LEGGE N. 345/9^ DI INIZIATIVA DEI CONSIGLIERI REGIONALI A. DATTOLO, G. MORRONE,

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ORGANIZZAZIONE E LA GESTIONE DELLE EMERGENZE ALL INTERNO DEGLI EDIFICI DELL UNIVERSITA

REGOLAMENTO PER L ORGANIZZAZIONE E LA GESTIONE DELLE EMERGENZE ALL INTERNO DEGLI EDIFICI DELL UNIVERSITA REGOLAMENTO PER L ORGANIZZAZIONE E LA GESTIONE DELLE EMERGENZE ALL INTERNO DEGLI EDIFICI DELL UNIVERSITA (Emanato con D.R. n. 1215 del 28 giugno 2007, pubblicato nel Bollettino Ufficiale n. 69) Sommario

Dettagli

PROTOCOLLO D'INTESA. sottoscritto da. c.n.t.p.a.

PROTOCOLLO D'INTESA. sottoscritto da. c.n.t.p.a. PROTOCOLLO D'INTESA sottoscritto da c.n.t.p.a. (CENTRO NAZIONALE PER L'INFORMATICA NELLA PUBBLICAIJMINISTRAZIONE) MINISTERO DELLA GIUSTIZIA REGIONEMILIA.ROMAGNA PREMESSO CHE - con la legge regionale 24

Dettagli

c o P I A DI BROLO COMUNE DI SANT'ANGELO C.A.P.98060 PROVINCIA DI MESSINA Dr DETTBEMZTONEDETTAGmNTACOMT.TNATE

c o P I A DI BROLO COMUNE DI SANT'ANGELO C.A.P.98060 PROVINCIA DI MESSINA Dr DETTBEMZTONEDETTAGmNTACOMT.TNATE COMUNE DI SANT'ANGELO C.A.P.98060 PROVINCIA DI MESSINA DI BROLO c.f. 00108980830 neg. N'/.06 del c o P I A 2 5 il0v. 2013 Dr DETTBEMZTONEDETTAGmNTACOMT.TNATE OGGETTO: I Pettifica delibero di 6.t1. 201,/2013

Dettagli

BILANCIO URBANISTICO - SCHEDA 1 P.R.G. VIGENTE DAL 1979 Sup. (mq) Cubatura edificabile (mc) Edificabilità (mc/mq)

BILANCIO URBANISTICO - SCHEDA 1 P.R.G. VIGENTE DAL 1979 Sup. (mq) Cubatura edificabile (mc) Edificabilità (mc/mq) ZONE TERRITORIALI OMOGENEE (art. 2 D.M. 1444/68) BILANCIO URBANISTICO - SCHEDA 1 P.R.G. VIGENTE DAL 1979 Edificabilità (mc/mq) Cubatura edificabile (mc) Cubatura esistente al 2002 (mc) Attuata al 2002

Dettagli

UTG-Prefettura Bari. Il Metodo AUGUSTUS. La Funzione 2. Nella Sala Operativa - CCS. Brevi note riassuntive sui compiti del responsabile della funzione

UTG-Prefettura Bari. Il Metodo AUGUSTUS. La Funzione 2. Nella Sala Operativa - CCS. Brevi note riassuntive sui compiti del responsabile della funzione UTG-Prefettura Bari Il Metodo AUGUSTUS La Funzione 2 Nella Sala Operativa - CCS Brevi note riassuntive sui compiti del responsabile della funzione Le funzioni di supporto: SALA OPERATIVA CENTRO COORDINAMENTO

Dettagli

ALLEGATO _A_ Dgr n. del pag. 1/6

ALLEGATO _A_ Dgr n. del pag. 1/6 giunta regionale 9^ legislatura ALLEGATO _A_ Dgr n. del pag. 1/6 SCHEMA DI ACCORDO Tra la PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA PROTEZIONE CIVILE, l AGENZIA INTERREGIONALE PER IL FIUME

Dettagli

Recepimento dell'accordo Rep. n. 5/CU del 24/1/2013 in materia di identificazione e registrazione degli animali da affezione.

Recepimento dell'accordo Rep. n. 5/CU del 24/1/2013 in materia di identificazione e registrazione degli animali da affezione. REGIONE PIEMONTE BU17S1 24/04/2014 Deliberazione della Giunta Regionale 7 aprile 2014, n. 32-7387 Recepimento dell'accordo Rep. n. 5/CU del 24/1/2013 in materia di identificazione e registrazione degli

Dettagli

U.P. Energia - Regione del Veneto F.A.Q. Certificazione Energetica ultimo aggiornamento: 01 agosto 2013 SOMMARIO

U.P. Energia - Regione del Veneto F.A.Q. Certificazione Energetica ultimo aggiornamento: 01 agosto 2013 SOMMARIO SOMMARIO CERTIFICAZIONE ENERGETICA DEGLI EDIFICI... 2 Normativa, obblighi e campo di applicazione... 2 Soggetti abilitati alla certificazione energetica degli edifici... 3 Modalità di invio... 4 Quesiti

Dettagli

REGIONE CALABRIA GIUNTA REGIONALE

REGIONE CALABRIA GIUNTA REGIONALE "..: ~-; '. ~ - PROPOSTA DI LEGGE COìv;igl1o F!~gioil.:le della Calabria N.to. l'';"(la PF,CTOCOLLO GENERALE 7 f'rol n..{'2.499...de l..?p:j":.l..2... CI 'f" Ol 16f" Cl' assi Icazlone......... 1" COMM.

Dettagli

DECRETO DEL COMMISSARIO AD ACTA

DECRETO DEL COMMISSARIO AD ACTA REGIONE CALABRIA DECRETO DEL COMMISSARIO AD ACTA (per l'attuazione del vigente Piano di rientro dai disavanzi del SSR calabrese, secondo i Programmi operativi di cui all'articolo 2, comma 88, della legge

Dettagli

COMUNE DI ACQUAVIVA PLATANI Provincia Regionale di Caltanissetta

COMUNE DI ACQUAVIVA PLATANI Provincia Regionale di Caltanissetta COMUNE DI ACQUAVIVA PLATANI Provincia Regionale di Caltanissetta DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA MUNICIPALE N del 3 0/4 o / OGGETTO: PIANO PER LA TUTELA DELLA SALUTE E DEL TERRITORIO DAI RISCHI DERIVANTI DALL'AMIANTO,

Dettagli

Regione Siciliana Presidenza Dipartimento della Protezione Civile Servizio Sismico Regionale

Regione Siciliana Presidenza Dipartimento della Protezione Civile Servizio Sismico Regionale Numero codice fiscale 80012000826 Partita IVA 02711070827 REPUBBLICA ITALIANA Regione Siciliana Presidenza Dipartimento della Protezione Civile Servizio Sismico Regionale Prot. n. 28964 del 29/04/2013

Dettagli

LA SICUREZZA NELLE SALE: APPROFONDIMENTO SUGLI ASPETTI TECNICO NORMATIVI

LA SICUREZZA NELLE SALE: APPROFONDIMENTO SUGLI ASPETTI TECNICO NORMATIVI ChiesadiMilano LA SICUREZZA NELLE SALE: APPROFONDIMENTO SUGLI ASPETTI TECNICO NORMATIVI LA REGOLA TECNICA DI PREVENZIONE INCENDI ED ADEGUAMENTI PIÙ URGENTI REGOLAMENTO DI PREVENZIONE INCENDI ED IL CONTROLLO

Dettagli

REGIONE CALABRIA. n. 66 del 7 Maggio 2012

REGIONE CALABRIA. n. 66 del 7 Maggio 2012 REGIONE CALABRIA DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE (nella qualita di Commissario ad acta per l'attuazione del piano di rientro dal disavanzo del settore sanitario della Regione Calabria nominato

Dettagli

PROTOCOLLO DI INTESA

PROTOCOLLO DI INTESA PROTOCOLLO DI INTESA TRA GRUPPO FERROVIE DELLO STATO E PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO PROTOCOLLO D INTESA L anno 2011, il giorno del mese di, il Servizio per la Protezione Civile della Provincia Autonoma

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA TRA IL MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA L ENTE LOCALE/REGIONE.

PROTOCOLLO D INTESA TRA IL MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA L ENTE LOCALE/REGIONE. ALLEGATO A MODELLO DI PROTOCOLLO DI INTESA PROTOCOLLO D INTESA TRA IL MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA E L ENTE LOCALE/REGIONE. PER LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI DI RIGENERAZIONE

Dettagli

AMIANTO. a cura di Antonella Regonesi Università degli studi di Dalmine Maggio 2008

AMIANTO. a cura di Antonella Regonesi Università degli studi di Dalmine Maggio 2008 AMIANTO a cura di Antonella Regonesi Università degli studi di Dalmine Maggio 2008 AMIANTO: La legislazione fondamentale D. Lgs.. N 257/2006 Legge n. 257/92 D.P.R. 8 agosto 1994 D.M. 6 settembre 1994 D.M.

Dettagli

DottssaYîUWry^',/ ùec rc lrc[tpts. u53. '.:-\.tl,', '

DottssaYîUWry^',/ ùec rc lrc[tpts. u53. '.:-\.tl,', ' ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE N.2 "BORROTZU" di scuola dell'infanzia, Primaria e Secondaria di 1" grado Via Tolmino,9-08100 NUORO (NU) NUIC87400P Tel. 0784 30230-0784231084 Prot. n" 40871A13 Circ. int.

Dettagli

Deliberazione di Giunta Comunale L, {! \ r6tr2t201r

Deliberazione di Giunta Comunale L, {! \ r6tr2t201r r,.lt -- \/' '.l '1 ( t'' l''í' 1 ^.. 4! ll- "ll /t*). t' Comune di Motta Visconti Numero 151 Data r6tr2t201r Prot..,/ i/-l ''\/ L\ L, {! \ Deliberazione di Giunta Comunale / it ;.., J a, : Oggetto: ACCIORNAMENTO

Dettagli

NOTA METODOLOGICA. 1. Nota informativa sull interpretazione dei dati statistici. Tutti i contribuenti persone fisiche

NOTA METODOLOGICA. 1. Nota informativa sull interpretazione dei dati statistici. Tutti i contribuenti persone fisiche NOTA METODOLOGICA 1. Nota informativa sull interpretazione dei dati statistici 2. Base dati statistica 3. Tipologie di contribuenti Tutti i contribuenti persone fisiche Concetto di titolare di partita

Dettagli

ll Presidente In base al principio "tempus regit actum", ai contratti di qualificazione sottoscritti fino alla data

ll Presidente In base al principio tempus regit actum, ai contratti di qualificazione sottoscritti fino alla data ll Presidente Comunicato del Presidente del l0 giugno 201I Oggetto: Comunicato alle SOA e alle Stazioni appaltanti su criteri interpretativi per il rilascio della validità delle attestazioni di qualificazione

Dettagli

Bollettino Giuridico Ambientale n. 29

Bollettino Giuridico Ambientale n. 29 DECRETO MINISTERIALE 18 marzo 2003, n. 101 Regolamento per la realizzazione di una mappatura delle zone del territorio nazionale interessate dalla presenza di amianto, ai sensi dell'articolo 20 della legge

Dettagli

Centro di Responsabilità 86 Centro di Costo 145 Pratica n. 2968204 del 18.7.2013

Centro di Responsabilità 86 Centro di Costo 145 Pratica n. 2968204 del 18.7.2013 Centro di Responsabilità 86 Centro di Costo 145 Pratica n. 2968204 del 18.7.2013 Oggetto: Convenzione per il conferimento di incarico professionale allo Studio Tecnico Modulo nella persona dell Ing. Giorgio

Dettagli

IL MINISTRO DELL'INTERNO

IL MINISTRO DELL'INTERNO D.M. 6 ottobre 2009 (1). Determinazione dei requisiti per l'iscrizione nell'elenco prefettizio del personale addetto ai servizi di controllo delle attività di intrattenimento e di spettacolo in luoghi

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI. Trento, Bolzano, 08 novembre 2010

DOCUMENTO DI SINTESI. Trento, Bolzano, 08 novembre 2010 DIRETTIVE PER LA REDAZIONE DELLE RELAZIONI GEOLOGICHE, GEOTECNICHE E SISMICHE AI SENSI DELLE NTC, D.M. 14.01.2008, E DELLA NORMATIVA NAZIONALE E PROVINCIALE COLLEGATA DOCUMENTO DI SINTESI Trento, Bolzano,

Dettagli

Il GEOLOGO PROFESSIONISTA NELLE ATTIVITA DI PROTEZIONE CIVILE. Piani nazionali di emergenza

Il GEOLOGO PROFESSIONISTA NELLE ATTIVITA DI PROTEZIONE CIVILE. Piani nazionali di emergenza Il GEOLOGO PROFESSIONISTA NELLE ATTIVITA DI PROTEZIONE CIVILE Pianificazione dell emergenza di protezione civile comunale, intercomunale e provinciale e modello d intervento regionale Piani nazionali di

Dettagli

COMIJNE DI TEANO Pnovnqcta or CasERtR

COMIJNE DI TEANO Pnovnqcta or CasERtR COMIJNE DI TEANO Pnovnqcta or CasERtR VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GILNTA COMUNALE u. i, c OGGETTO: CLASSIFICAZIONE INDUSTRIA INSALUBRE ATTTVITA DI *MESSA IN RISERVA DI IUFIUTI NON PERICOLOSI' DITTA

Dettagli

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI CONFERENZA UNIFICATA

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI CONFERENZA UNIFICATA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI CONFERENZA UNIFICATA INTESA 27 novembre 2014 Intesa, ai sensi dell'articolo 8, comma 6, della legge 5 giugno 2003, n. 131, tra il Governo e le regioni, le province

Dettagli

AMIANTO in Italia a 16 anni dall emanazione della Legge 257/92 ed alla luce degli ultimi aggiornamenti legislativi

AMIANTO in Italia a 16 anni dall emanazione della Legge 257/92 ed alla luce degli ultimi aggiornamenti legislativi L t t d ll t d ll ti d l i hi Lo stato dell arte della gestione del rischio AMIANTO in Italia a 16 anni dall emanazione della Legge 257/92 ed alla luce degli ultimi aggiornamenti legislativi Sala Plenaria

Dettagli

Concessioni gas e regolazione tecnicoeconomica

Concessioni gas e regolazione tecnicoeconomica Gare gas A marzo 2014 si parte siamo pronti? Concessioni gas e regolazione tecnicoeconomica delle infrastrutture Cesena, 10 febbraio 2014 Marco Delpero Vice Direttore Direzione Infrastrutture Unbundling

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per la Calabria Direzione Generale Ufficio III

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per la Calabria Direzione Generale Ufficio III Prot. n. AOODRCAL17520 Catanzaro,17/10/2013 Ai Dirigenti degli Ambiti Territoriali Provinciali della Calabria Ai Dirigenti Scolastici degli Istituti Statali di Istruzione Secondaria di II grado della Calabria

Dettagli

POLITECNICO DI TORINO

POLITECNICO DI TORINO RISKNAT AFFINAMENTO DELLA METODOLOGIA PER L'ANALISI DEL RISCHIO A SCALA REGIONALE Fase 1 Relazione generale fase 1 rev. 2.0 Prof. Andrea Carpignano Ing. Sara Bouchon Ing. Francesco Ganci Torino, 28 Maggio

Dettagli

Letto, approvato e sottoscritto. IL PRESIDENTE DELLA REGIONE Augusto ROLLANDIN

Letto, approvato e sottoscritto. IL PRESIDENTE DELLA REGIONE Augusto ROLLANDIN Letto, approvato e sottoscritto. IL PREDENTE DELLA REGIONE Augusto ROLLANDIN IL DIRIGENTE ROGANTE Livio SALVEMINI Gouvernement régional Giunta regionale Verbale di deliberazione adottata nell'adunanza

Dettagli

comlrne DI QUTNZANO D',OGLIO PROVINCIA DI BRESCIA

comlrne DI QUTNZANO D',OGLIO PROVINCIA DI BRESCIA comlrne DI QUTNZANO D',OGLIO PROVINCIA DI BRESCIA C.A.P. 25027 Viale Gandini,48 Telefono (030) 933232 - Telefax (030) 9924035 Codice Fiscale 0085 4910 171 Partita I.V.A.00582910980 E-mail; segreteria@quinzano.

Dettagli

\irytr. ?e* ,,ilffi. Deliberazione della Giunta Municipale. Gopia di. -L r-rffi f[-

\irytr. ?e* ,,ilffi. Deliberazione della Giunta Municipale. Gopia di. -L r-rffi f[- IIi''-r @,,ilffi. \1, trhs r.1s -L r-rffi f[- \irytr?e* Gopia di REPUBBLICA ITALIANA REGIONE SICILIANA COMUNE DI PIRAINO (Provincia di Messinal Deliberazione della Giunta Municipale 80srA s&&ase}}a N.

Dettagli

MINISTERO DELLA SANITÀ DIPARTIMENTO DELLE PROFESSIONI SANITARIE, RISORSE UMANE E TECNOLOGICHE IN SANITÀ E ASSISTENZA SANITARIA DI COMPETENZA STATALE

MINISTERO DELLA SANITÀ DIPARTIMENTO DELLE PROFESSIONI SANITARIE, RISORSE UMANE E TECNOLOGICHE IN SANITÀ E ASSISTENZA SANITARIA DI COMPETENZA STATALE MINISTERO DELLA SANITÀ DIPARTIMENTO DELLE PROFESSIONI SANITARIE, RISORSE UMANE E TECNOLOGICHE IN SANITÀ E ASSISTENZA SANITARIA DI COMPETENZA STATALE Ufficio III N. DPS / III L.40/ OC-1259 OGGETTO: Cittadini

Dettagli

:8il ';às. ! Ee. Banca Fopolare di Vicenza

:8il ';às. ! Ee. Banca Fopolare di Vicenza Banca Fopolare di Vicenza Roma, dicembre 2013 Alla cortese attenzione dei Pensionati iscritti alla Gentile Signoro, Egregio Signore, è un piacere presentarlel"'offerto Specíaíe Pensionati ". Dedicata a

Dettagli

VISTO l articolo 87, quinto comma, della Costituzione;

VISTO l articolo 87, quinto comma, della Costituzione; VISTO l articolo 87, quinto comma, della Costituzione; VISTO l articolo 17, comma 1, della legge 23 agosto 1988, n. 400, e successive modificazioni, recante disciplina dell attività di Governo e ordinamento

Dettagli

IL MINISTRO DEL LAVORO, DELLA SALUTE E DELLE POLITICHE SOCIALI. Visto il decreto legislativo 9 aprile 2008, n. 81 e successive

IL MINISTRO DEL LAVORO, DELLA SALUTE E DELLE POLITICHE SOCIALI. Visto il decreto legislativo 9 aprile 2008, n. 81 e successive MINISTERO DEL LAVORO, DELLA SALUTE E DELLE POLITICHE SOCIALI DECRETO 4 marzo 2009 Istituzione dell'elenco nazionale dei medici competenti in materia di tutela e sicurezza sui luoghi di lavoro. (09A07172)

Dettagli

REGIONE CALABRIA DECRETO DEL COMMISSARIO AD ACTA

REGIONE CALABRIA DECRETO DEL COMMISSARIO AD ACTA REGIONE CALABRIA DECRETO DEL COMMISSARIO AD ACTA (per l'attuazione del piano di rientro dai disavanzi del SSR Calabrese, secondo i Programmi operativi di cui all' articolo 2, comma 88, della legge 30 dicembre

Dettagli

RISOLUZIONE N. 24/E QUESITO

RISOLUZIONE N. 24/E QUESITO RISOLUZIONE N. 24/E Direzione Centrale Normativa Roma, 29 marzo 2010 OGGETTO: Istanza di interpello articolo 11, legge 27 luglio 2000, n. 212 Imposta di bollo su Comunicazione unica presentata con modalità

Dettagli

- Dipartimento Politiche Comunitarie 00100 R O M A

- Dipartimento Politiche Comunitarie 00100 R O M A DIPARTIMENTO PROFESSIONI SANITARIE, RISORSE UMANE E TECNOLOGICHE IN SANITA' E ASSISTENZA SANITARIA DI COMPETENZA STATALE DPS/III/L.40/00-1259 Cittadini stranieri non comunitari. Riconoscimento titoli professionali

Dettagli

LEGISLAZIONE ITALIANA

LEGISLAZIONE ITALIANA STRUMENTI LEGISLATIVI PER LA TUTELA DEL CITTADINO E DELL AMBIENTE La Repubblica tutela la salute come fondamentale diritto dell'individuo e interesse della collettività, e garantisce cure gratuite agli

Dettagli

D.M. 166/2014 MINISTERO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE. Visto il decreto 10 maggio 2007 n. 62, adottato dal Ministero dell economia e delle finanze

D.M. 166/2014 MINISTERO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE. Visto il decreto 10 maggio 2007 n. 62, adottato dal Ministero dell economia e delle finanze MINISTERO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE DECRETO 2 settembre 2014, n. 166 (G.U. 13 novembre 2014, n.264) Regolamento di attuazione dell articolo 6, comma 5-bis del decreto legislativo 5 dicembre 2005, n.

Dettagli

Opere di urbanizzazione

Opere di urbanizzazione Opere di urbanizzazione di Catia Carosi Con il termine opere di urbanizzazione si indica l insieme delle attrezzature necessarie a rendere una porzione di territorio idonea all uso insediativo previsto

Dettagli

LA GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA Visti:

LA GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA Visti: Delibera di giunta Numero: 1895 del: 07.11.2000 (Prot.: SSF/00/33292 del: 18/10/2000) Oggetto: DIRETTIVE CONCERNENTI I CRITERI E LE MODALITA' DI SVOLGIMEN TO DEI CORSI DI FORMAZIONE PER IL CONSEGUIMENTO

Dettagli

ì $ 0['J. ]$lt tt--jotr .'1,) cgpunsrdi Motta visconti

ì $ 0['J. ]$lt tt--jotr .'1,) cgpunsrdi Motta visconti tt--jotr cgpunsrdi Motta visconti Numero 63 Data 13t06t2012 Prot. ^, lr'l Af -r'' -l L \ I ì $ 0['J. ]$lt Oooetfo' APPROVAZIONE CONVENZIONE

Dettagli

CITTA DI RIVOLI. UNICO DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DELLE INTERFERENZE D. Lgs. 81/08 e s.m.i. art. 26 comma 5 Allegato 1

CITTA DI RIVOLI. UNICO DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DELLE INTERFERENZE D. Lgs. 81/08 e s.m.i. art. 26 comma 5 Allegato 1 CITTA DI RIVOLI UNICO DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DELLE INTERFERENZE Documento n. : RT-105-105 Arch. Inf. : 08RI04-105-0 Data : 31.03.2011 Pagina 1 di 5 ALLEGATO 1 Programma lavori e individuazione

Dettagli

Il Piano Operativo di Sicurezza POS. venerdì 23 aprile 2010. 28 giugno 2012 Alfonso Cioffi- ASSIMPREDIL ANCE POS OPERATIVO DI SICUREZZA"

Il Piano Operativo di Sicurezza POS. venerdì 23 aprile 2010. 28 giugno 2012 Alfonso Cioffi- ASSIMPREDIL ANCE POS OPERATIVO DI SICUREZZA Il Piano Oativo di Sicurezza POS Pag.1 POS OPERATIVO SICUREZZA ART. 89 D.Lgs 10609- DEFINIZIONI Comma 1, lettera h) Piano Oativo di Sicurezza: il documento che il datore di lavoro dell impresa esecutrice

Dettagli

SERVIZIO AUTONOMO RISORSE UMANE E FORMAZIONE PO PROGETTI SPECIALI PART TIME E ATTIVITA EXTRALAVORATIVE REG. DET. DIR. N.

SERVIZIO AUTONOMO RISORSE UMANE E FORMAZIONE PO PROGETTI SPECIALI PART TIME E ATTIVITA EXTRALAVORATIVE REG. DET. DIR. N. Pag. 1 / 7 cmune di trieste piazza Unità d Italia 4 34121 Trieste www.cmune.trieste.it partita iva 00210240321 SERVIZIO PO PROGETTI SPECIALI PART TIME E ATTIVITA EXTRALAVORATIVE REG. DET. DIR. N. 3927

Dettagli

PIANIFICAZIONE E SICUREZZA TERRITORIALE

PIANIFICAZIONE E SICUREZZA TERRITORIALE REGIONE ABRUZZO DIREZIONE LL.PP. E PROTEZIONE CIVILE PIANIFICAZIONE E SICUREZZA TERRITORIALE (nell ambito della Direttiva Seveso III) (Domenico Macrini Servizio Previsione e Prevenzione Rischi) Legislazione

Dettagli

L'Assessore alle Opere Pubbliche, sulla base dell'istruttoria espletata dal Settore Tutela delle Acque, riferisce quanto segue:

L'Assessore alle Opere Pubbliche, sulla base dell'istruttoria espletata dal Settore Tutela delle Acque, riferisce quanto segue: Delibera G.R. 1 febbraio 2006, n. 25 (1). Direttiva 91/271/CEE relativa al trattamento delle acque reflue urbane. "Individuazione agglomerati attualmente esistenti e definizione data conclusione dei lavori

Dettagli

COMUNE DI MASCALI Provincia di Catania

COMUNE DI MASCALI Provincia di Catania Reg. N. 43 del 19 marzo 2015 COMUNE DI MASCALI Provincia di Catania DELIBERAZIONE DELLA COMMISSIONE STRAORDINARIA CON I POTERI DELLA GIUNTA COMUNALE OGGETTO: Assegnazione somme necessarie per I'awio della

Dettagli

ALLEGATO Deliverable action 2b. Progetto Impianto fotovoltaico Università degli studi della Tuscia

ALLEGATO Deliverable action 2b. Progetto Impianto fotovoltaico Università degli studi della Tuscia Progetto Impianto fotovoltaico Università degli studi della Tuscia In merito alle azioni da svolgere, nell ambito del progetto, dall Università della Tuscia, si fa riferimento alla realizzazione dell impianto

Dettagli

COMUNE DI CASALE LITTA - Piano di emergenza comunale GLOSSARIO

COMUNE DI CASALE LITTA - Piano di emergenza comunale GLOSSARIO A ALLARME: scatta al verificarsi dell evento calamitoso od anche nelle ipotesi del pericolo grave ed imminente per l incolumità delle persone, di danni gravi ed irreparabili agli abitati nonché a strutture

Dettagli

MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI

MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI DECRETO 16 marzo 2015 Criteri per la formulazione di un programma di recupero e razionalizzazione degli immobili e degli alloggi di edilizia residenziale

Dettagli

LOCALI DI PUBBLICO D.M. 19.08.1996

LOCALI DI PUBBLICO D.M. 19.08.1996 LOCALI DI PUBBLICO SPETTACOLO D.M. 19.08.1996 CAMPO APPLICAZIONE a) Teatri (sia al chiuso che all aperto); b) Cinematografi (anche drive-in); c) cinema-teatri; d) auditori e sale convegni; e) locali di

Dettagli

@ Equitalia. sono convenuti

@ Equitalia. sono convenuti @ Equitalia r"*+, Jt 7 PROTOCOLLO D'INTESA E CONVENZIONE DI EROGAZIONE DI SERVIZI TRA EQUITALIA SUD S.p.A. E CONSULENTI DEL LAVORO CONSIGLIO PROVINCIALE DELL'ORDINE DI NAPOLI L'anno 2014 il giorno 18 del

Dettagli

MINISTERO DELL'INTERNO

MINISTERO DELL'INTERNO Testo http://www.gazzettaufficiale.it/guri/attocompleto?datagazzetta=2007-... di 3 30/03/2007 19.43 MINISTERO DELL'INTERNO DECRETO 9 marzo 2007 Prestazioni di resistenza al fuoco delle costruzioni nelle

Dettagli

QUADRO NORMATIVO DI PROTEZIONE CIVILE - COMPITI DEI COMUNI

QUADRO NORMATIVO DI PROTEZIONE CIVILE - COMPITI DEI COMUNI QUADRO NORMATIVO DI PROTEZIONE CIVILE - COMPITI DEI COMUNI PROTEZIONE CIVILE La normativa nazionale sulla protezione civile Legge n. 225 del 24 febbraio 1992 (Istituzione del Servizio Nazionale di Protezione

Dettagli

Prot. n. 4241/XV.8.12 Cagliari, 18/02/2011

Prot. n. 4241/XV.8.12 Cagliari, 18/02/2011 Prot. n. 4241/XV.8.12 Cagliari, 18/02/2011 > Ai Comuni della Regione Sardegna LORO SEDI > Ai Commissari delle Aziende Sanitarie Locali LORO SEDI Oggetto: Delibera della Giunta Regionale n. 34/26 del 18/10/2010.

Dettagli

GESTIONE DEL CANTIERE E SICUREZZA

GESTIONE DEL CANTIERE E SICUREZZA GESTIONE DEL CANTIERE E SICUREZZA a.s. 2014-2015 L.1 Prof. Vincenzo Ninni 1 FINALITA DEL CORSO IL CORSO DI GESTIONE DEL CANTIERE E SICUREZZA DELL AMBIENTE DI LAVORO HA IL COMPITO DI FORNIRE TUTTE LE INDICAZIONI

Dettagli

DECRETO DEL COMMISSARIO AD ACTA

DECRETO DEL COMMISSARIO AD ACTA REGIONE CALABRIA DECRETO DEL COMMISSARIO AD ACTA (per l'attuazione del vigente Piano di rientro dai disavanzi del SSR calabrese, secondo i Programmi operativi di cui all'articolo 2, comma 88, della legge

Dettagli

Adotta. il seguente regolamento: Art. 1. Realizzazione della mappatura

Adotta. il seguente regolamento: Art. 1. Realizzazione della mappatura DECRETO MINISTERIALE 18 marzo 2003, n.101 Regolamento per la realizzazione di una mappatura delle zone del territorio nazionale interessate dalla presenza di amianto, ai sensi dell'articolo 20 della legge

Dettagli

Il 3 novembre 2004 il Ministero dell Interno ha emanato un Decreto Ministeriale riguardante le

Il 3 novembre 2004 il Ministero dell Interno ha emanato un Decreto Ministeriale riguardante le Attenzione alla scadenza del Febbraio 2011 MANGLIONI ANTIPANICO, marcatura CE cogente Un po di storia Il 3 novembre 2004 il Ministero dell Interno ha emanato un Decreto Ministeriale riguardante le Disposizioni

Dettagli

CONSIGLIO REGIONALE DEL. LAZIO

CONSIGLIO REGIONALE DEL. LAZIO CONSIGLIO DEL. LAZIO U f f i c i o D i P r e s i d e n z a D e lib e r a z io n e n. 13 V e r b a le n... a d o t t a t a n e lla s e d u ta d el OGGETTO: La posta elettronica certificata per la convocazione

Dettagli

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE 15 GIU- GNO 2015, N. 699

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE 15 GIU- GNO 2015, N. 699 110 Regione Emilia-Romagna DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE 15 GIU- GNO 2015, N. 699 Approvazione nuovo "Atto di indirizzo e coordinamento per la prevenzione delle cadute dall'alto nei lavori in quota

Dettagli

IL MINISTRO DELL'AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO. di concerto con IL MINISTRO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE

IL MINISTRO DELL'AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO. di concerto con IL MINISTRO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE MINISTERO DELL'AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO. DECRETO 18 marzo 2003, n.101 Regolamento per la realizzazione di una mappatura delle zone del territorio nazionale interessate dalla presenza di amianto,

Dettagli

r REGIONELOMBARDIA DECRETON Del Milano, 2 4 LUG. Oi4 RegioneLombardia 24/07/2014 DIREZIONE GENERALE SICUREZZA, PROTEZIONE CIVILE E IMMIGRAZIONE

r REGIONELOMBARDIA DECRETON Del Milano, 2 4 LUG. Oi4 RegioneLombardia 24/07/2014 DIREZIONE GENERALE SICUREZZA, PROTEZIONE CIVILE E IMMIGRAZIONE _ pagine DIREZIONE GENERALE SICUREZZA, PROTEZIONE CIVILE E IMMIGRAZIONE Identificativo Atto n. 243-7083 24/07/2014 DECRETON Del parte ntegrante di cui pagine di allegati, Lotto si compone di _ Milano,

Dettagli

REGIONE CALABRIA. DPGR - CA n.136 del 16/10/2013

REGIONE CALABRIA. DPGR - CA n.136 del 16/10/2013 REGIONE CALABRIA DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE (nella qualita di Commissario ad acta per I'attuazione del piano di rientro dai disavanzi del settore sanitario della Regione Calabria, nominato

Dettagli

DELIBERAZIONE N. 29/5 DEL 24.7.2013

DELIBERAZIONE N. 29/5 DEL 24.7.2013 Oggetto: Direttiva del Presidente del Consiglio dei Ministri del 9 novembre 2012. Direttive regionali per l'applicazione dei benefici previsti dal D.P.R. n. 194/2001. L Assessore della Difesa dell'ambiente,

Dettagli

WaZ'it*r"*. PRESIDEI\ZA

WaZ'it*r*. PRESIDEI\ZA D.D.G. n. RI,PT]BBLICA ITALIAI{A WaZ'it*r"*. PRESIDEI\ZA DIPARTIMENTO REGIONALE DEL PERSONALE, DEI SERVIZI GENERALI, DI QUIESCEI{ZA, PREVIDENZA ED ASSISTENZA DEL PERSONALE IL DIRIGENTE GENERALE VISTO il

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA PER LA SEMPLIFICAZIONE DELLE PROCEDURE AUTORIZZATIVE TRA ENTE PARCO DELL ETNA

PROTOCOLLO D INTESA PER LA SEMPLIFICAZIONE DELLE PROCEDURE AUTORIZZATIVE TRA ENTE PARCO DELL ETNA PROTOCOLLO D INTESA PER LA SEMPLIFICAZIONE DELLE PROCEDURE AUTORIZZATIVE TRA ENTE PARCO DELL ETNA, rappresentato dal Dott. Ettore Riccardo Foti, nato a Randazzo il 3 aprile 1963, nella qualità di Commissario

Dettagli

TRIBUNALE ORDINARIO DI CROTONE. Settore Fallimenti. Al Magistrato Referente per l'informatica

TRIBUNALE ORDINARIO DI CROTONE. Settore Fallimenti. Al Magistrato Referente per l'informatica óirlq. 5l "u4,l ] Gtru?illfi TRIBUNALE ORDINARIO DI CROTONE Settore Fallimenti Al Presidente del Tribunale Al Magistrato Referente per l'informatica AI Dirigent e Ammini s tr ativo Al funzionario coordinatore

Dettagli

Oggetto: Costituzione Comitato di Budget aziendale e nomllla componenti. Adozione atti conseguenti. Data. Il Direttore. Proposta no. \nm;,tvtr'1...

Oggetto: Costituzione Comitato di Budget aziendale e nomllla componenti. Adozione atti conseguenti. Data. Il Direttore. Proposta no. \nm;,tvtr'1... REGIONE LAZIO u.o.c.atti e Proce AZIENDA OSPEDALIERA Contratti o COMPLESSO OSPEDALIERO SAN GIOVANNI ADDOLORA A L.R. Lazio 16,06.94, n, 18 - D,G,R. Lazio 30.06,94, n, 5163 REG,ONE LAZIO DELIBERAZIONE DEL

Dettagli

LA CERTIFICAZIONE ENERGETICA DEGLI EDIFICI

LA CERTIFICAZIONE ENERGETICA DEGLI EDIFICI LA CERTIFICAZIONE ENERGETICA DEGLI EDIFICI LA NORMATIVA Legge 373/76 Prima legge sul risparmio energetico Legge 10/91 Norme per l'attuazione del Piano energetico nazionale in materia di uso razionale dell'energia,

Dettagli

Fanno parte della presente famiglia, i seguenti requisiti: SICUREZZA CONTRO LE CADUTE E RESISTENZA AD URTI E SFONDAMENTO SICUREZZA DEGLI IMPIANTI

Fanno parte della presente famiglia, i seguenti requisiti: SICUREZZA CONTRO LE CADUTE E RESISTENZA AD URTI E SFONDAMENTO SICUREZZA DEGLI IMPIANTI ALLEGATO A 1 FAMIGLIA 4 SICUREZZA NELL IMPIEGO AGGIORNATO AL : 20121999 PAG.: 11 PROPOSIZIONE ESIGENZIALE (SECONDO LA DIRETTIVA 89106 CEE) L opera deve essere concepita e costruita in modo che la sua utilizzazione

Dettagli

l{( ),\4,^ A.N.AC 2. i compiti e le funzioni svolti dalla soppressa Autorità sono trasferiti all'autorità Nazionale Anticomrzione;

l{( ),\4,^ A.N.AC 2. i compiti e le funzioni svolti dalla soppressa Autorità sono trasferiti all'autorità Nazionale Anticomrzione; A.N.AC Autof, t, Natlonàlc Aúltrcomrtrona l{( ),\4,^ LINEE GUIDA PER L'ESERCIZIO DEI COMPITI DI ALTA SORVEGLIANZA B DI GARANZIADELLA CORRETTEZZA E DELLA TRASPARENZA DELLE PROCEDURE CONNESSE ALLA REALIZZAZIONE

Dettagli

Consiglio Superiore dei Lavori Pubblici. Adunanza del 21.07.2006 N. del Protocollo 66

Consiglio Superiore dei Lavori Pubblici. Adunanza del 21.07.2006 N. del Protocollo 66 Consiglio Superiore dei Lavori Pubblici Assemblea Generale Adunanza del 21.07.2006 N. del Protocollo 66 OGGETTO: Dipartimento per la protezione civile - Linee guida per la valutazione e riduzione del rischio

Dettagli

LEGGE REGIONALE 21 MARZO 1983, N. 10: Norme per l'incentivazione del flusso turistico attraverso trasporti aerei, ferroviari e su gomma.

LEGGE REGIONALE 21 MARZO 1983, N. 10: Norme per l'incentivazione del flusso turistico attraverso trasporti aerei, ferroviari e su gomma. LEGGE REGIONALE 21 MARZO 1983, N. 10: Norme per l'incentivazione del flusso turistico attraverso trasporti aerei, ferroviari e su gomma. IL CONSIGLIO REGIONALE Ha approvato IL COMMISSARIO DEL GOVERNO Ha

Dettagli

CONSIDERAZIONI SULLA RETE DI MONITORAGGIO DELLA SICUREZZA STRADALE CON PARTICOLARE RIFERIMENTO AI CENTRI DI MONITORAGGIO PROVINCIALI E COMUNALI

CONSIDERAZIONI SULLA RETE DI MONITORAGGIO DELLA SICUREZZA STRADALE CON PARTICOLARE RIFERIMENTO AI CENTRI DI MONITORAGGIO PROVINCIALI E COMUNALI CONSIDERAZIONI SULLA RETE DI MONITORAGGIO DELLA SICUREZZA STRADALE CON PARTICOLARE RIFERIMENTO AI CENTRI DI MONITORAGGIO PROVINCIALI E COMUNALI La procedura che questo Dipartimento ha intrapreso per la

Dettagli

REGIONE CALABRIA DECRETO DEL COMMISSARIO AD ACTA

REGIONE CALABRIA DECRETO DEL COMMISSARIO AD ACTA REGIONE CALABRIA DECRETO DEL COMMISSARIO AD ACTA (per l'attuazione del piano di rientro dai disavanzi del SSR Calabrese, secondo i Programmi operativi di cui all' articolo 2, comma 88, della legge 30 dicembre

Dettagli