c runra *roro30trff0"l Delibera N OGGETTOT Ordinanza Presideute del Consiglio dei Ministri n.3274 del20 Bilancio Euro Euro Euro Euro Euro Euro

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "c runra *roro30trff0"l Delibera N OGGETTOT Ordinanza Presideute del Consiglio dei Ministri n.3274 del20 Bilancio Euro Euro Euro Euro Euro Euro"

Transcript

1 REGIONE CALABRIA c runra *roro30trff0"l Eslrano del proce-so rerbale della sedura del :ihj$ COPIA l,t,?86 OGGETTOT Ordinanza Presideute del Consiglio dei Ministri n.3274 del20 marzo 2003 art 2 commi 3,4 e 5. Crit ri per l'individuaziore delle tipologie degli edifici di compete[za r gionale di interesse strategico di dlevanzain caso di collasso. IstituzioEe Banca dali difici strat gici. lnviata al Dipartimenro LL P?. iri i 1:t :f/fìq lnviata aì Consìglio Regionale Alla Íattazione dell'argomento in oggetto partecipano: Assiste il Segetario Consigliere dr. Nicola Durante Present I Agazio LOIERO Presidente Y 2 Dornenico CERSOSIMO Vice Presidente e gli Ass ssori 3 CarmelaFRASCA' Silvesrro CRECO 5 Damiano GUAGLIARDI 6 Luigi INCARNATO )c 7 Mario MAIOLO 8 DEMEITiO NACCARI CARLIZ ZI 9 t0 Michelangelo TRIPODI k ).. \- X )r.k Y il Inviata alla Cofe dei Conii il Delibera N cap. del Bilancio DIRIGENIE STANZIAMENTO VARIAZIONI + O. TOTALE IMPEGNI ASSUNTI DISPONIBILITA IMPORTO PRESENTE MPEGNO IMIEGNO N. DEL. REGIÓNÈ CAi.AANIA IL DI tl Iiritano) -? nln 61.n L u1a' r / IL DIRDTTORE DT ILAGIONERIA Drcsa Angela Nit:olace

2 LA GIUNTA REGIONALE PREMESSE Visto I'art. 94, comma 2, lett. a) del D.Lgs recante.,attribuzione di funzronl alle Regioni in materia di individuazione delle zone sismiche, formazione e aggiornamento degli elenchi delle medesime zone"; Visto.l'art. 108 del citalo D.Lgs concernente,,funzioni attribuite alle regionr ln materia di protezione civile"; Vista l'ordinanza della Presidenza del Consiglio dei Ministri n.:3274 del20 Matzo 2003, pubblicata sulla c.u. n.105 dell,b Maggio 2003, supptemento ordinano n.72, concernente "Primi etementi in maijria oi criteif qen"àfi-oei ra classificazione ' sismica del territorio nazionale e di normatlve-tecniche per te costruzìoni in zona sismica" con la quale sono stati approvatj icriteri per liindivi_ duazione delle zone sismiche, formazione aggiornamentd degli elenchi nelle medesime zone; - Vista la delibera n. 47 del 10 Febbraio.2oo4 con la quale la ciunta approvato la nuova classificazione sismica del terrìtorio reqionale. regionale in ha attuazione dell'ordinanza del presidente del Consiglio dei Ministri nl 32Z4 del 20 ltazo 2003; - Visio l'ari. 2, commi 3 della ordinanza che dispone I'obbligo di procedere a verifica, da effettuarsi a cura dei rispettivi proprietari, ai sensi deìle norme di cui agli allegati della siessa Ordinanza; sia degli edifici di interesse strateoico e de e opere infrastrufturali la cui funzionalità, durante gli eventi sismici, ass-ume rilievo fon-damentale per le finalità di protezione civile, sia degli edíiói e delle opefe InTrastrunuratt che possono assumere rilevanza in relazione alle consequenze di un eventuale collassol - Vista I'Ordinanza del presidente del ConsÌglio dei Ministri n del 2 Ottobre 2003, recante "Modifiche ed integrazioni all,ordinanza del presidente del Consiglio dei Mìnistrì n.3274 det 20 Matzo 2003": - Considerato che con decreto del presidente del Consiglio dei Ministri - Dipartimento della protezione Civile - n del , pubblicato su a G.U. n. 252 del , sono state rispettivamente defìniie, per quanto oi competenza statale, le tipologie degli edifici di interesse strategico (Ailegato.j Elenco A) e delle opere infrastrutturali la cui funzionalità, du;ante qli eventl sismici, assume rilievo fondamentale per le finalità di protezione civile"à quelle degli edifici e delle opere che possono assumere rilevanza in relazione a e conseguenze dì un eventuale collasso (Elenco B): - Ghe, nel medesimo decreto, sono state stabilite le indicazioni per le verifiche tecniche da effettuare su edifici ed opere rientranti nelle predette tipologìe e nei predetti elenchi; Che le verifìche dovranno riguardare, in via priofitaria, gli edifici ed opere ubicate nelle zone sismiche classifìcate I e 2, secondo quanto definito nell'allegato.j della sopra citata Ordinanza; Che.la Regione Calabria e la regione italiana con Ia più elevata pericolosità srsmica ed è I'unica ad avere un territorio interamente classificato nelle zone sismiche 1 e 2 ai sensi dell'ordin anzapcm 3274t2003: Che tale decreto n. 3685/2003, oltfe ad elencare gli edifici e le infrasirutture di competenza statale, ha fornito i primi criteri per le relative verifiche suddividendo le stesse su tre livellj di ìndagine così definiti:

3 '1. LIVELLO 'L0" -(livello di verifica tendente a recepìre informazionl di base finalizzate ad un primo censimento ed eventuali informaz,oni di caíattere statisticoì. 2. LIVELLo "L1'-(livello di verifica con analisi anche semdlificate. e coniivello di conoscenzanche limitato, orientato però su edìfici ed infraslruflure adelevala pdorità che possono essere definiti regolari). 3. LIVELLO "L2'-(livello di verifica molto pìù approfondìto con analisi più raffinate, e con livello di conoscenza adeguata ed accurata, orientato su edifìci ed inffastrutture ad elevata priorità che non possono essere definiti reoolari) Che, I'art. 2 dell'ordìnanza comma 4 ha previsto ch-e le'regronr debbano individuare le tipologie degli edificj e delle opere di compeièn." regronate che presentano le carafterisliche di cui al comma 3 della citata Ordinanza Che, quindi, per quanto sopra, è necessario approvare gli elenchi delle opere di competenza regionale; Preso atto che tali elenchi, per oggettivaopportunità, devono essere definitì in îorma congruente con quelli dello Stato, in modo da rendedi coerenti, non sovrapposti e complementari: Che, tenuto conto di quanto sooragli elenchi sono come di seguito specifìcafl: 1. Elenco A :categorie di edifici e di opere infrastrutturali di interesse strateaico dl competenza regionale, la cui funzionalità durante gli eventi sismici aòsume dlievo fondamentale per le finalità di protezione civile; 2. Elenco B 'categofie di edifici e di opere infrastfutturali di competenza regionale che possono assumere rilevanza in relazione alle conseguenze di un eventuale collasso": ELENCO fa" Edifici: edifici destinati a sedi dellamministrazione regionale; (*) edificì destinati a sedì delle Amminìstrazioni provinciali; (*) ' edifici destinati a sedi diammjnistrazioni comunali; (*) edifici destinati a sedi di Comunità montane; (*) strutture non di competenza statale individuate come sedidi sale ooerative per la gestione delle emergenze (COM, COC, etc. ); cenki funzionali di protezione civile; edifrci ed opere. individuate nei pjani d,emergenza o in altre disposizioni per la gestione dell'emergenza ospedali e strutture sanitarie, anche accreditate, dotate di pronto soccorso o dipartimenti di emergenza, urgenza e accettazione: sediaziende unità sanitarie locati; (*) centrali operative'1 l8; presidi sanitarj. (*) Limitatamente agli edifici ospitanti funzioni/attiviià connesse con la gestione oe emergenza. O pere inf rastrutt u ra I i. vie di comunicazione (strade, ferrovie, ecc.) regionali, provinciali e comunali, ed opere d'arte annesse, limitata-mente a quelle strateoiche individuate nei piani di emergen-za o in alire disposizioni per la gesiione oelfemergenza; porti, aeroporti ed eliporti non di competenza statale ;ndrviduati nei piani di emergenza o in alke disposizioni per la gestione dell'emergenza; strutture non di competenza statate connesse con la prodizione, trasporto e distribuzione enefgia elettrica;

4 :ti:$l: :::9ij1lS!tg1:a stgtate.t* ntsse con ta produzione, trasporro e.dìstribuzione di materiali combu-stìbili (oteoaotti, gajootti, ecc.ji - --" strutture connesse con ìlfunzionamento di acquedótti localì; strutture non di competenza statale connesse con i servizi di comuntcaztone (radìo, telefonia fissa e portatile, televisione); altre strufture evenlualmente specificate nei pj orspostztonr pef ta gestione dell'emerqenza: ELENCO "8". Edifici:. asili nido e scuole di ogni ordin e grado;. strutture ricreative (cinema, teatri, discoteche, ecc.);..strutture destinate ad attività culturali (musei, biblioteche, sale convegnt, ecc.); edifici aperti al culto non rientranti tra quelli di cui all,allegato.j, elenco punlo B. J.3^del decreto del capo det Dipartimento Aetta bròteztorie cìvlé n..roóc oetzl onodre;,l stadied impianti sportivi; I ' strutture sanitarie e/o socio assìstenziali con ospiti non autosufjlcienti (ospizi, orf anotrofi, ecc.):. edifici e strutture aperte al pubblico destinatealla erggazione di servizi (uffici pubblici e privati) o adibite al commercio(centri commerciali, ecc.), suscettibili di gran-de affollamentoi strutture a carattere industriale, non di competenza statale, di produzione stoccaggio e di prodotti insalubri o pericolosi. lnfrastrufture:. stazìoni non di competenza statale per iltrasporto pubblico; ' opere di rítenuta non dicompetenza statale;. impìantldidepurazione; altri manufatti connolati da intrìnseche pericolosità eventualmente individuati piani d'emergenza o in attre dispoiiziontdi protezù";;mé.'- Tenuto conto che, il già citato art.2 dell,ordinanza comma 4,ha trq. I'altro, ll"ul"!o,..che le regioni devono elaborare, su a O"i" jl Oàìi". programma ri"or"u illatlfl e.^1.!-"lpll, temporale de e verifiche delte strutture erencare, sopra îomendo at soggetti competenti le necessarie indicazìoni; un-e, qutndt, occorre approvare, con riferimento all,art. 2! commi 3 e 4, della ordinanza ,le prime indicazioni per le verifiche tecniche relative àqli'edlticl î!rverrot?lf îp"r." Oi îorpetenza adeguatezza regionate, rispetto a quanto di previsto cui agti etenchi sopr" dalle norme: "it"ìì,'"t"bìì"iào ir Che tale attività di verifica deve essere effettuata a cura dei rispettivi proprierart entro il 31 dicembre.2010, per come stabilito datt'art. ZOcomma È'o5ii""r"to Iegge n. 39 del 28 aprjle 2009, convertito con legge n- 77 del 24 giugno ZOOg; Considerato g]r9, al lne di poter raggiungere tate obiettivo, oi"òrr" pro""orr" a a raccotta dt tutte le informazioni e documentazione disponibile rierite opere alle appartenenti aì sopra citati elenchi.a e B, al fine di individuarne la tipologia strutturale quanto necessario al fine delta loro caratterizzazionà, ^ Che, jn virtù di quanto sopra, è necessario predisporre una Banca dati, presso Diparlimenio rl Lavori pubblici ed tnfrastrutture, ne a quate i"à""1iàrà?ilìri. informazioni rà relative alle strutture di cui all'elenco A e'b : Atteso che..in una prima.fase, si pfevede I'acquisizione dei dati sommari su operee tnotvrouate, quindi,. ottemperare alla acquisizione del livello di indagtne cost come sopra denominato LIVELLO "LO'(livello di verifica tendente ad notizìe aìere molto elementari alline di un primo censimento ed eventuali informazioni

5 - di carattere statistico, con raguardo anche agli impianti per quanto riguarda te strutture ospedalière); - Che,.in una seconda fase si prevede la verifìca con analisi anche semplificate, e con livello di conoscenza anche limitato, denominato LtVELLo 'Lt" ode;tato oerò - su edifici ed ìnfrastrutture ad elevata priorità che possono essere definiti regolari e verifiche di LIVELLO "L2,, verifìca motto più approfondjta con anatisi più ràfflnate, e con lìvello di conoscenza adeguata ed accurata, orìentato su edifici ed ìnfrastrutture ad elevata priorità che non possono essere definiti regolari; - Tenuto conto che, al fine di omogeneizzare le procedure per I'alquisizione oer LIVELLO "L0" e del LIVELLO "L.1" /.L2, è necessario la compìlazione di specifiche schede tecniche, stimando che la complessiva attività venga svolta e;tro it 31 dicembre 2010; - Che, obiettivo finale, è una classiflcazìone preliminare di pericolosità, vulnerabilità, esposizione e conseguentemenle di rischio, al fine di definire la priorità nelle verìfich e negli interventi; - Che, per i motivi sopra esposti occorre 'L0' approvare la scheda di indagine _LIVELLO e quella di verìfìca LtvELLo "Lj" I "L2", comprensive delle istrúzioni e tìnee guida per la loro compilazione; TUTTO CIO' GONSIDERATO Su proposta déll'assessore ai Lavori pubblìci ed Infrastrutture, Luigi Incarnato, fojmulata alla stregua dell'istruttoria compiuta dalla Struttura inieress"àta, noncne all'espressa dichiarazione regolarità dell'atto iesa dal Dirigente. Per quanto espresso nelle premesse, che qui si intendono riportat e confermate DELIBERA Art. 1) di prendere atto del dispositivo dell'art. 2 de 'Ordinanza g274t2oo3 comm a che prevede che le regioni devono individuare le tipologie degli edifici e delle opere di competenza regìonale, che presentano le caratte;istichódi cui al comma 3 della cìtata Ordinanza. Arf. -2).di approvare il sotto riportato Elenco A,,categorie di edifici e di opere infrastrutturali di..interesse strategico di competenza regionale la cui funzionalità, ourante gti eventì sismici, assume rilievo fondamentale per le finalità di protezrone civile": ELENCO "A" Edifici: ' edìfici destinaii a sedi dell'amministrazione regionale; (-) ' edifici destinati a sedi dell,amministrazione provinciale; (*). edilici destinati a sedi di Ammìnistrazioni comunali; (*) ". edificì destinati a sedi dicomunità montane; (") ' strutture non di competenza statale individuate come sedídi sate oderative per la gesiione detìe emergenze (COM, COC. eic.): ' centri funzionali di protezione civile;. edifici ed opere individuate nei piani d,emergenza o in altre disposizionj per la gestione dell'emefgenza;. ospedali e strutture sanitarie, anche accreditate, dotate di pronto soccorso o dipartimenti emergenza, urgenza e accettazione; ' sediaziende unità sanitarie locati; (.) ' centrali operaiive 118;

6 ' presìol san[4fl_ (*) Limitatamente agli edific! ospìtantì funzioni/attività connesse con la gestione delì'emergenza. O pe re i nfrastruttu nl i. ' vie di comunìcazione (strade, ferrovie, ecc.) regionali, provinciali e comunali, ed opere d'arte annesse, limitata-mente a quelle strategìche individuate nei piani di emergen-za o in altre dìsposizioni per la gestione dell'emergenzai. porti, aeroporti ed eliporti non di competenza statale individuati nei pianì dì emergenza o in altre disposìzioni per ìa gestione dell'emergenza;. strutture non dì competenza statale connesse con la produzìone, trasporto e distribuzione energia elettrìca;. strutture non dì competenza statale connesse con Ia prgduzione, trasporto e distribuzione materiali combu-stibili (oleodotti, gasdgtti, ecc.);. strutture connesse con Ìlfunzionamento di acquedotti lolali; ' strutture non di competenza statale connesse lcon i servizi di comunicazione (radio, telefonia fissa e portatìle, televieióne);. altre strutture evenlualmente specificate nei pìanì di efnergenza o in altre disposizioni per la gestione dell'emergenza. Art.3) di approvare il sotto riportato Elenco B "categorie di edificie dr opere infrastru$urali di competenza regionale, che possono assumererilevanza in relazione alle conseguenze dì un eventuale collasso: ELENCO "8". asili nido e scuole di ogni ordine e grado; ' strutture ricreative (cinema, teatri, discoteche, ecc.);. strutture destinate ad attività culturali (musei, bìblioteche, sale convegni, ecc.);. edìfici ape.ti al culio nonrientranti tra quelli di cui all'allegato 1, Elenco B, punto 1.3 del decreto delcapo del Dipartimento della protezione civile, n del 21 ottobre; ' stadied impianti sportivi. strutture sanitarìe e/o socio assistenziali con osoiti non autosufflcienti (ospìzi, ofanotrofi, ecc.); edifici e strutture aperte al pubblìco destinate alla erogazione di seruizi (uffìci pubblici e privati) o adibite al commercio (centri commerciali, ecc.), suscettibili dì gran-de affollamentoi strutture a carattere industriale, non di competenza statale, di produzione stoccaggio di prodotti insalubri o pericolosi. Infrastrufture:. stazìoni non di competenza statale per il trasporto pubblico;. opere di ritenuta non di competenza statale; ' impianti di depurazione; altri manufattj connotaii da intrinseche pericolosità eventualmente individuati in pìani d'emergenza o in altre disposìzionidi protezione c,vile. Art. 4) di prendere atto del dìsposltivo dell'art. 2 commi 3 e 4 della Ordinanza e del decreto del Presidente del Consiglio dei MÌnìstri - Dipariimenio della Protezione Civìle - n del che hanno fornito le Drime indicazioni per ìe verifìche tecniche relative agli ediiìci e alle opere di compeienza regionale,

7 Art.5) dì prendere atto dell'art. 20 comma 5 del decreto legge n. 39 del 28 apnte 2009 convertito con legge n. 77 del 24 giugno 2009; che stabilisce che l'attività di veriiìca tecnica deve essereeffettuata, a cufa dei rispettivi proprietari entro il 31 dicembre Art. 6) di approvare, a tal flne, la scheda di indagine -LIVELLO"L0'(comprensiva di quella sugli gli impianti, perquanto riguarda le strutture ospedaliere) e quella di verifica LIVELLO "11"/ "12", comprensive delle istruzioni e linee guida per la loro compilazione; allegate allapresente delibera e che fanno parte integrante della stessa. Art.7) di istituire apposita Banca dati, presso il Dipartimento Lavorì pubblicì ed Infrastrutture - Settore 2, relativa alla raccolta di tutte le informazioni attinenti alle strutture di cui agli elenchi A e B, riportati nei precedenti art. 2 e 3. AÉ. 8) di vincolare qualsiasi finanziamento regionale, per le strutturedi cuì agli elenchi sopra citati, alla compilazione trasmissione della scheda di indagìne - LIVELLO'LO'. Art, 9) di demandare al Dipartimento Lavori pubblici ed Infrastrutture - Settore 2, la definizione.di tutte le procedure, nonché I'attività consequenziale a quanto disposto dalla presente delibera. Art. l0) di pubblicare la presente delibera sut BURC. llsegretario ll Presidente

Giunta Regionale della Campania

Giunta Regionale della Campania Bollettino Ufficiale della Regione Campania n. 4 del 26 gennaio 2004 REGIONE CAMPANIA Giunta Regionale - Seduta del 5 dicembre 2003 - Deliberazione N. 3573 - Area Generale di Coordinamento N. 5 Ecologia,

Dettagli

Supplemento ordinario alla Gazzetta Ufficiale n. 105 dell 8 maggio 2003 - Serie generale

Supplemento ordinario alla Gazzetta Ufficiale n. 105 dell 8 maggio 2003 - Serie generale Supplemento ordinario alla Gazzetta Ufficiale n. 105 dell 8 maggio 2003 - Serie generale Spediz. abb. post. 45% - art. 2, comma 20/b Legge 23-12-1996, n. 662 - Filiale di Roma PARTE PRIMA Roma - Giovedì,

Dettagli

GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA ROMAGNA

GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA ROMAGNA Progr.Num. 1661/2009 GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA ROMAGNA Questo giorno Lunedì 02 del mese di Novembre dell' anno 2009 si è riunita nella residenza di la Giunta regionale con l'intervento dei Signori: via

Dettagli

SETTORE SISTEMA REGIONALE DI PROTEZIONE CIVILE MELARA ANTONINO MARIO

SETTORE SISTEMA REGIONALE DI PROTEZIONE CIVILE MELARA ANTONINO MARIO REGIONE TOSCANA DIREZIONE GENERALE PRESIDENZA SETTORE SISTEMA REGIONALE DI PROTEZIONE CIVILE Il Dirigente Responsabile: MELARA ANTONINO MARIO Decreto soggetto a controllo di regolarità contabile ai sensi

Dettagli

Delibera della Giunta Regionale della Lombardia n. 14964 del 07 novembre 2003 (in fase di pubblicazione)

Delibera della Giunta Regionale della Lombardia n. 14964 del 07 novembre 2003 (in fase di pubblicazione) ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI BERGAMO Corso di aggiornamento professionale Dott. Ing. Giulio Pandini IX Corso Università degli Studi di Bergamo - Facoltà di Ingegneria Dalmine 14 novembre 2003

Dettagli

ATTI DELLA GIUNTA REGIONALE

ATTI DELLA GIUNTA REGIONALE 10646 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 23 aprile 2004, n. 70 Legge regionale 8 giugno 1996, n. 13 Nomina del Consulente esterno dell Assessore Umberto Pirilli nella persona della dott.ssa Nadia Ferraro.

Dettagli

DELIBERA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 19 febbraio 2016

DELIBERA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 19 febbraio 2016 DELIBERA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 19 febbraio 2016 Dichiarazione dello stato di emergenza in conseguenza degli eccezionali eventi meteorologici che nel periodo dall'8 settembre al 3 novembre 2015 hanno

Dettagli

Delibera della Giunta Regionale n. 377 del 31/07/2012

Delibera della Giunta Regionale n. 377 del 31/07/2012 Delibera della Giunta Regionale n. 377 del 31/07/2012 A.G.C. 20 Assistenza Sanitaria Settore 2 Veterinario Oggetto dell'atto: NUOVE PROCEDURE PER IL RICONOSCIMENTO DEGLI STABILIMENTI DISCIPLINATI DAL REGOLAMENTO

Dettagli

SETTORE SISTEMA REGIONALE DI PROTEZIONE CIVILE MELARA ANTONINO MARIO

SETTORE SISTEMA REGIONALE DI PROTEZIONE CIVILE MELARA ANTONINO MARIO REGIONE TOSCANA DIREZIONE GENERALE PRESIDENZA SETTORE SISTEMA REGIONALE DI PROTEZIONE CIVILE Il Dirigente Responsabile: MELARA ANTONINO MARIO Decreto soggetto a controllo di regolarità contabile ai sensi

Dettagli

ORDINANZA N. 20. OGGETTO: Approvazione della spesa per duplicazione delle chiavi degli edifici pubblici all interno della zona di evacuazione.

ORDINANZA N. 20. OGGETTO: Approvazione della spesa per duplicazione delle chiavi degli edifici pubblici all interno della zona di evacuazione. ORDINANZA N. 20 OGGETTO: Approvazione della spesa per duplicazione delle chiavi degli edifici pubblici all interno della zona di evacuazione. PREMESSO CHE: IL COMMISSARIO DELEGATO a seguito del ritrovamento

Dettagli

Il Dirigente Massimo Silvestri

Il Dirigente Massimo Silvestri 9.1.2013 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 2 richiesta motivata e successiva autorizzazione da parte del Responsabile di Linea; Ritenuto, stante l istruttoria positiva di Sviluppo Toscana

Dettagli

8088 N. 82 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE BASILICATA - 27-11-2003 Parte I

8088 N. 82 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE BASILICATA - 27-11-2003 Parte I 8088 N. 82 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE BASILICATA - 27-11-2003 Parte I REGIONALE 11 novembre 2003, n. 724. Rettifica D.C.R. 10 giugno 2003 n. 649 (L.R. n. 21/1979 - Piano Regionale per il Diritto

Dettagli

Il D.Lgs 81/2008 e s.m.i. ed il rischio sismico. dott. GIORGIO LUZZANA - ing. NICOLA PASTA

Il D.Lgs 81/2008 e s.m.i. ed il rischio sismico. dott. GIORGIO LUZZANA - ing. NICOLA PASTA Il D.Lgs 81/2008 e s.m.i. ed il rischio sismico dott. GIORGIO LUZZANA - ing. NICOLA PASTA Il rischio sismico deve essere considerato nella valutazione dei rischi? LA RISPOSTA A QUESTA DOMANDA NON PUO CHE

Dettagli

Sicurezza antincendio e rischi di incidenti rilevanti

Sicurezza antincendio e rischi di incidenti rilevanti Workshop Aggiornamento delle Linee guida per la redazione dei piani regolatori portuali 16 dicembre 2014 Roma Sicurezza antincendio e rischi di incidenti rilevanti Salvatore Fiadini Premessa: - tutte le

Dettagli

DIREZIONE GENERALE DIRITTI DI CITTADINANZA E COESIONE SOCIALE

DIREZIONE GENERALE DIRITTI DI CITTADINANZA E COESIONE SOCIALE REGIONE TOSCANA DIREZIONE GENERALE DIRITTI DI CITTADINANZA E COESIONE SOCIALE AREA DI COORDINAMENTO POLITICHE DI SOLIDARIETA' SOCIALE E INTEGRAZIONE SOCIO-SANITARIA SETTORE TUTELA DEI MINORI, CONSUMATORI

Dettagli

IL DIRETTORE GENERALE EDUCAZIONE E RICERCA

IL DIRETTORE GENERALE EDUCAZIONE E RICERCA MIBACT-DG-ER REP. Decreti 18/03/2016 N 35 MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO IL DIRETTORE GENERALE EDUCAZIONE E RICERCA VISTO il decreto legislativo 20 ottobre 1998, n. 368, e

Dettagli

R E P U B B L I C A I T A L I A N A. Consiglio di Stato. Sezione Consultiva per gli Atti Normativi Adunanza di Sezione del 27 settembre 2012

R E P U B B L I C A I T A L I A N A. Consiglio di Stato. Sezione Consultiva per gli Atti Normativi Adunanza di Sezione del 27 settembre 2012 Numero 04180/2012 e data 04/10/2012 R E P U B B L I C A I T A L I A N A Consiglio di Stato Sezione Consultiva per gli Atti Normativi Adunanza di Sezione del 27 settembre 2012 NUMERO AFFARE 07658/2012 OGGETTO:

Dettagli

REGIONE DEL VENETO AZIENDA UNITA LOCALE SOCIO-SANITARIA N. 6 VICENZA DELIBERAZIONE. n. 390 del O G G E T T O

REGIONE DEL VENETO AZIENDA UNITA LOCALE SOCIO-SANITARIA N. 6 VICENZA DELIBERAZIONE. n. 390 del O G G E T T O REGIONE DEL VENETO AZIENDA UNITA LOCALE SOCIO-SANITARIA N. 6 VICENZA DELIBERAZIONE n. 390 del 1-6-2016 O G G E T T O Piano di adeguamento "Prevenzione Incendi" - DM 19 marzo 2015. Proponente: Servizio

Dettagli

RELAZIONE METODOLOGICA DI APPROCCIO INDICE. 1.0 Normative di Riferimento pg.00

RELAZIONE METODOLOGICA DI APPROCCIO INDICE. 1.0 Normative di Riferimento pg.00 RELAZIONE METODOLOGICA DI APPROCCIO INDICE Premessa pg.00 1.0 Normative di Riferimento pg.00 2.0 Descrizione delle modalità tecniche per l espletamento dell incarico pg.00 3.0 Organizzazione e definizione

Dettagli

IL COMITATO INTERMINISTERIALE PER LA PROGRAMMAZIONE ECONOMICA. per l anno 2008, delle misure di compensazione territoriale

IL COMITATO INTERMINISTERIALE PER LA PROGRAMMAZIONE ECONOMICA. per l anno 2008, delle misure di compensazione territoriale Prescrive che il Ministero delle infrastrutture e dei trasporti, in occasione della richiesta di parere da parte di questo Comitato sul successivo Contratto di programma ANAS, trasmetta un quadro complessivo

Dettagli

AREA DI COORDINAMENTO ORGANIZZAZIONE. PERSONALE. SISTEMI INFORMATIVI SETTORE ORGANIZZAZIONE, RECLUTAMENTO, ASSISTENZA NORMATIVA NASTASI DOMENICO

AREA DI COORDINAMENTO ORGANIZZAZIONE. PERSONALE. SISTEMI INFORMATIVI SETTORE ORGANIZZAZIONE, RECLUTAMENTO, ASSISTENZA NORMATIVA NASTASI DOMENICO REGIONE TOSCANA DIREZIONE GENERALE ORGANIZZAZIONE AREA DI COORDINAMENTO ORGANIZZAZIONE. PERSONALE. SISTEMI INFORMATIVI SETTORE ORGANIZZAZIONE, RECLUTAMENTO, ASSISTENZA NORMATIVA Il Dirigente Responsabile:

Dettagli

STUDI DI FATTIBILITA E LORO SVILUPPO PROGETTUALE IL CIPE

STUDI DI FATTIBILITA E LORO SVILUPPO PROGETTUALE IL CIPE STUDI DI FATTIBILITA E LORO SVILUPPO PROGETTUALE IL CIPE VISTA la legge 11 febbraio 1994, n. 109, e successive modifiche ed integrazioni (legge quadro in materia di lavori pubblici) che, all art. 14, dispone

Dettagli

DELIBERAZIONE N. DEL ASSESSORATO POLITICHE SOCIALI E FAMIGLIA DIPARTIMENTO PROGRAMMAZ. ECONOMICA E SOCIALE

DELIBERAZIONE N. DEL ASSESSORATO POLITICHE SOCIALI E FAMIGLIA DIPARTIMENTO PROGRAMMAZ. ECONOMICA E SOCIALE REGIONE LAZIO DELIBERAZIONE N. DEL 87 08/03/2011 GIUNTA REGIONALE PROPOSTA N. 3244 DEL 17/02/2011 STRUTTURA PROPONENTE Dipartimento: DIPARTIMENTO PROGRAMMAZ. ECONOMICA E SOCIALE Direzione Regionale: POLITICHE

Dettagli

Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 139 del

Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 139 del 57222 DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE 22 novembre 2016, n. 1750 Programmazione Fondo per le Politiche Giovanili 2016. Approvazione scheda intervento Regione Puglia. L Assessore alle Politiche giovanili

Dettagli

DIPARTIMENTO DELLA RAGIONERIA GENERALE DELLO STATO. I.GE.P.A. - Ufficio III

DIPARTIMENTO DELLA RAGIONERIA GENERALE DELLO STATO. I.GE.P.A. - Ufficio III o._ffe~~~e~~ DIPARTIMENTO DELLA RAGIONERIA GENERALE DELLO STATO I.GE.P.A. - Ufficio III VISTO il decretchegge 25 novembre 20 15, n. 185 concernente "Misure urgenti per interventi nel territorio"; VISTO

Dettagli

DECRETO 15 dicembre (GU n.45 del ) Rideterminazione della dotazione organica del personale appartenente alle aree.

DECRETO 15 dicembre (GU n.45 del ) Rideterminazione della dotazione organica del personale appartenente alle aree. MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO DECRETO 15 dicembre 2015 Rideterminazione della dotazione organica del personale appartenente alle aree. (16A01439) (GU n.45 del 24 2 2016) IL MINISTRO DELLO SVILUPPO

Dettagli

DIREZIONE GENERALE SANITA

DIREZIONE GENERALE SANITA DIREZIONE GENERALE SANITA Indicazioni alle ASL in merito al possesso dei requisiti specifici da parte delle strutture dell area della psichiatria per l attuazione della D.G.R. n. 38133/98 IL DIRETTORE

Dettagli

PRIMO PROGRAMMA DELLE OPERE STRATEGICHE LEGGE N. 443/2001 PONTE SULLO STRETTO DI MESSINA IL CIPE

PRIMO PROGRAMMA DELLE OPERE STRATEGICHE LEGGE N. 443/2001 PONTE SULLO STRETTO DI MESSINA IL CIPE PRIMO PROGRAMMA DELLE OPERE STRATEGICHE LEGGE N. 443/2001 PONTE SULLO STRETTO DI MESSINA IL CIPE VISTA la legge 17 dicembre 1971, n. 1158, recante norme in tema di collegamento viario e ferroviario fra

Dettagli

ESTRATTO DAL VERBALE DELLA SEDUTA DEL 20-12-2010 (punto N. 5 ) Delibera N.1090 del 20-12-2010

ESTRATTO DAL VERBALE DELLA SEDUTA DEL 20-12-2010 (punto N. 5 ) Delibera N.1090 del 20-12-2010 REGIONE TOSCANA GIUNTA REGIONALE ESTRATTO DAL VERBALE DELLA SEDUTA DEL 20-12-2010 (punto N. 5 ) Delibera N.1090 del 20-12-2010 Proponente STELLA TARGETTI ANNA RITA BRAMERINI DIREZIONE GENERALE COMPETITIVITA'

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 82 DEL REGIONE TOSCANA. Accreditamento delle strutture e dei servizi alla persona del sistema sociale integrato.

LEGGE REGIONALE N. 82 DEL REGIONE TOSCANA. Accreditamento delle strutture e dei servizi alla persona del sistema sociale integrato. LEGGE REGIONALE N. 82 DEL 28-12-2009 REGIONE TOSCANA Accreditamento delle strutture e dei servizi alla persona del sistema sociale integrato. Fonte: BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA N. 56 del

Dettagli

ANCONA ANNO XXXVIII N. 98 SOMMARIO

ANCONA ANNO XXXVIII N. 98 SOMMARIO ANCONA 08 11 2007 ANNO XXXVIII N. 98 SOMMARIO ATTI DELLA REGIONE REGOLAMENTI Regolamento regionale 30 Ottobre 2007, n. 3. Attuazione della legge regionale 24 novembre 2004, n. 24 Ordinamento del sistema

Dettagli

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE Originale Nr. GENERALE 91 SETTORE Settore Welfare Cittadino NR. SETTORIALE 24 DEL 12/02/2015 OGGETTO: CONCESSIONE ASSEGNO PER IL NUCLEO FAMILIARE E DI MATERNITÀ A DIVERSI RICHIEDENTI

Dettagli

6198 N BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE BASILICATA Parte I

6198 N BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE BASILICATA Parte I 6198 N. 25 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE BASILICATA - 16-7-2015 Parte I dell Autorità interregionale di Bacino della Basilicata e con il coordinamento del Dipartimento Nazionale della Protezione

Dettagli

REGIONE TOSCANA GIUNTA REGIONALE

REGIONE TOSCANA GIUNTA REGIONALE REGIONE TOSCANA GIUNTA REGIONALE ESTRATTO DAL VERBALE DELLA SEDUTA DEL 11-12-2012 (punto N 43 ) Delibera N 1107 del 11-12-2012 Proponente LUIGI MARRONI DIREZIONE GENERALE DIRITTI DI CITTADINANZA E COESIONE

Dettagli

Citta di Cinisello Balsamo Provincia di Milano DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE

Citta di Cinisello Balsamo Provincia di Milano DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE COPIA CONFORME Citta di Cinisello Balsamo ---------------- Provincia di Milano ------ Codice n. 10965 Data: 27/01/2011 GC N. 17 DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE OGGETTO: RICOGNIZIONE DEI SERVIZI A DOMANDA

Dettagli

AUTORITÀ DI BACINO INTERREGIONALE DEL FIUME MAGRA

AUTORITÀ DI BACINO INTERREGIONALE DEL FIUME MAGRA AUTORITÀ DI BACINO INTERREGIONALE DEL FIUME MAGRA DECRETO N. 43 DEL 02.08.11 Oggetto: Modifica degli elaborati cartografici di cui all art. 4 delle Norme di Attuazione della DCI n. 180/06, ai sensi dell

Dettagli

AVVISO PUBBLICO IL DIRETTORE GENERALE

AVVISO PUBBLICO IL DIRETTORE GENERALE Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Dipartimento per il sistema educativo di istruzione e formazione Direzione generale per gli ordinamenti scolastici e la valutazione del sistema

Dettagli

Ministero dell Economia e delle Finanze

Ministero dell Economia e delle Finanze Ministero dell Economia e delle Finanze IL VICE MINISTRO ON. PROF. VINCENZO VISCO VISTO l articolo 21 del testo unico delle disposizioni legislative concernenti le imposte sulla produzione e sui consumi

Dettagli

Bollettino Ufficiale della Regione Lazio

Bollettino Ufficiale della Regione Lazio Repubblica Italiana Bollettino Ufficiale della Regione Lazio Disponibile in formato elettronico sul sito: www.regione.lazio.it Legge Regionale n.12 del 13 agosto 2011 Data 17/03/2016 Numero 22 Periodicità

Dettagli

ATTO. REGIONE LIGURIA - Giunta Regionale Dipartimento Agricoltura, Protezione Civile e Turismo Politiche Turistiche - Settore LA GIUNTA REGIONALE

ATTO. REGIONE LIGURIA - Giunta Regionale Dipartimento Agricoltura, Protezione Civile e Turismo Politiche Turistiche - Settore LA GIUNTA REGIONALE OGGETTO : APPROVAZIONE PROGETTI PRESENTATI DALL' STL RIVIERA DEI FIORI E IMPEGNO DI EURO 1.374.200,00 AI FINI DEL COFINANZIAMENTO REGIONALE AI SENSI DELL'ART. 15, COMMA 1 DELLA L.R. 28/2006 E SS.MM. N.

Dettagli

Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 37 del

Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 37 del Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 37 del 05-4-2016 17013 DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE 22 marzo 2016, n.306 Fondo relativo ai contributi per interventi di prev.ne sismica OCDPC n.293/2015

Dettagli

04/12/ BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LAZIO - N Supplemento n. 1. Regione Lazio. Decreti del Commissario ad Acta

04/12/ BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LAZIO - N Supplemento n. 1. Regione Lazio. Decreti del Commissario ad Acta Regione Lazio Decreti del Commissario ad Acta Decreto del Commissario ad Acta 26 novembre 2014, n. U00414 Casa della Salute. Modifica ed approvazione degli allegati di cui al Decreto del Commissario ad

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA Provincia di Pordenone. SETTORE POLITICHE DEL LAVORO Sostegno all' Occupazione - SIL IL RESPONSABILE INCARICATO DI P.O.

REPUBBLICA ITALIANA Provincia di Pordenone. SETTORE POLITICHE DEL LAVORO Sostegno all' Occupazione - SIL IL RESPONSABILE INCARICATO DI P.O. REPUBBLICA ITALIANA Provincia di Pordenone SETTORE POLITICHE DEL LAVORO Sostegno all' Occupazione - SIL Proposta nr. 178 del 07/08/2013 - Determinazione nr. 1971 del 08/08/2013 OGGETTO: L. 68/99, art.

Dettagli

AUTORITA D AMBITO TERRITORIALE OTTIMALE N 6 ALESSANDRINO Associazione degli Enti Locali per l organizzazione del Servizio Idrico Integrato

AUTORITA D AMBITO TERRITORIALE OTTIMALE N 6 ALESSANDRINO Associazione degli Enti Locali per l organizzazione del Servizio Idrico Integrato AUTORITA D AMBITO TERRITORIALE OTTIMALE N 6 ALESSANDRINO Associazione degli Enti Locali per l organizzazione del Servizio Idrico Integrato Prot. Gen. n 1198 Data 17/11/2011 Prot. Det. n 176/11 OGGETTO:

Dettagli

Verbale di Deliberazione della Giunta Comunale

Verbale di Deliberazione della Giunta Comunale COPIA COMUNE DI ASCIANO PROVINCIA DI SIENA Verbale di Deliberazione della Giunta Comunale Adunanza del 08/10/2014 Deliberazione n 97 Oggetto: Individuazione della figura del datore di lavoro ai sensi del

Dettagli

DECRETO N. 39 DEL

DECRETO N. 39 DEL DECRETO N. 39 Prot. n. 12309 Oggetto: Camera di commercio, industria, artigianato e agricoltura di Oristano. Determinazione delle rappresentanze nel Consiglio camerale. Legge 29 dicembre 1993, n. 580 e

Dettagli

COMUNE DI PREVALLE AREA SERVIZI SOCIALI

COMUNE DI PREVALLE AREA SERVIZI SOCIALI COMUNE DI PREVALLE AREA SERVIZI SOCIALI Registro Generale Segreteria N. 52 del 22/03/2016 Determinazione Settoriale N. 18 del 22/03/2016 OGGETTO: Assunzione impegno di spesa per erogazione servizi di assistenza

Dettagli

PROVINCIA SUD SARDEGNA Legge Regionale , n. 2 Riordino del sistema delle autonomie locali della Sardegna

PROVINCIA SUD SARDEGNA Legge Regionale , n. 2 Riordino del sistema delle autonomie locali della Sardegna PROVINCIA SUD SARDEGNA Legge Regionale 04.02.2016, n. 2 Riordino del sistema delle autonomie locali della Sardegna Delibera n. 1 del 31.05.2016 Oggetto: Provincia del Sud Sardegna - Individuazione provvisoria

Dettagli

DECRETA Articolo 1 (Definizioni) Ai fini del presente decreto si intende per:

DECRETA Articolo 1 (Definizioni) Ai fini del presente decreto si intende per: VISTO l articolo 1, commi da 1180 a 1185 della legge 27 dicembre 2006, n.296 Legge Finanziaria 2007 ; VISTO l articolo 17, comma 3 del decreto legislativo 10 settembre 2003, n. 276; VISTO il decreto legislativo

Dettagli

LA GIUNTA REGIONALE. - la legge 24 febbraio 1992 n 225 Istituzione del servizio nazionale della Protezione Civile ;

LA GIUNTA REGIONALE. - la legge 24 febbraio 1992 n 225 Istituzione del servizio nazionale della Protezione Civile ; O GG E TTO : Eventi emergenziali che hanno colpito il territorio ligure da Ottobre 2008 ad Aprile 2009, Quadro Generale del Danno Occorso. Stanziamento di Euro 4.500.000,00 per le Amministrazioni Provinciali.

Dettagli

IL MINISTRO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE. di concerto con IL MINISTRO DELLA GIUSTIZIA

IL MINISTRO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE. di concerto con IL MINISTRO DELLA GIUSTIZIA D.Lvo 39/2010 - Artt. 8 Parere: CONSOB Concerto: GIUSTIZIA BOZZA Regolamento del Ministro dell economia e delle finanze di concerto con il Ministro della giustizia concernente la gestione della Sezione

Dettagli

LA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI - DIPARTIMENTO PER LA PROGRAMMAZIONE ED IL COORDINAMENTO DELLA POLITICA ECONOMICA

LA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI - DIPARTIMENTO PER LA PROGRAMMAZIONE ED IL COORDINAMENTO DELLA POLITICA ECONOMICA PROTOCOLLO D INTESA TRA IL DIPARTIMENTO PER LA PROGRAMMAZIONE ED IL COORDINAMENTO DELLA POLITICA ECONOMICA DELLA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI E L AGENZIA PER LA COESIONE TERRITORIALE PER LA REALIZZAZIONE

Dettagli

CITTA DI CAVA DE TIRRENI PROVINCIA DI SALERNO. DETERMINAZIONE Sett. 3 Servizi alla Persona e alle Imprese

CITTA DI CAVA DE TIRRENI PROVINCIA DI SALERNO. DETERMINAZIONE Sett. 3 Servizi alla Persona e alle Imprese CITTA DI CAVA DE TIRRENI PROVINCIA DI SALERNO DETERMINAZIONE Sett. 3 Servizi alla Persona e alle Imprese OGGETTO: Liquidazione prestazioni sociosanitarie di cui al DPCM 29 novembre 2001 alla Coop. Soc.

Dettagli

COMUNE DI MELILLI. Provincia di Siracusa DETERMINA DIRIGENZIALE N 823 DEL REGISTRO GENERALE * * * * *

COMUNE DI MELILLI. Provincia di Siracusa DETERMINA DIRIGENZIALE N 823 DEL REGISTRO GENERALE * * * * * COMUNE DI MELILLI Provincia di Siracusa DETERMINA DIRIGENZIALE N 823 DEL REGISTRO GENERALE * * * * * N 68 DEL 05-05-2015 REGISTRO DEL 4^ SETTORE - RAGIONERIA UFFICIO: RAGIONERIA CIG: Oggetto: DEFINIZIONE

Dettagli

DETERMINAZIONE N 46624/6165/F.P. DEL

DETERMINAZIONE N 46624/6165/F.P. DEL Settore Programmazione DETERMINAZIONE N 46624/6165/F.P. DEL 02.10.2012 Oggetto: Avviso di chiamata per la costituzione di un elenco di organismi autorizzati all erogazione di interventi di politiche attive

Dettagli

VDA Net Srl VDA Net Srl VDA Net Srl

VDA Net Srl VDA Net Srl VDA Net Srl 9494 N. 49 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE BASILICATA - 1-11-2009 Parte I DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIO- NALE 13 ottobre 2009, n. 1761. Strutture Veterinarie - Linee guida vincolanti relative ai

Dettagli

COMUNE DI PISA. TIPO ATTO PROVVEDIMENTO SENZA IMPEGNO con FD. Codice identificativo 884327

COMUNE DI PISA. TIPO ATTO PROVVEDIMENTO SENZA IMPEGNO con FD. Codice identificativo 884327 COMUNE DI PISA TIPO ATTO PROVVEDIMENTO SENZA IMPEGNO con FD N. atto DN-12 / 204 del 26/03/2013 Codice identificativo 884327 PROPONENTE Comunicazione - Serv. Informativi - Sp. Cittadino APPROVAZIONE DEGLI

Dettagli

COMUNE DI FERRAZZANO Provincia di Campobasso SETTORE DEMOGRAFICO COPIA DETERMINAZIONE

COMUNE DI FERRAZZANO Provincia di Campobasso SETTORE DEMOGRAFICO COPIA DETERMINAZIONE COMUNE DI FERRAZZANO Provincia di Campobasso DETERMINAZIONE N 194 del 22-12-2014 SERVIZIO AMMINISTRATIVO n. 24 SETTORE DEMOGRAFICO COPIA DETERMINAZIONE OGGETTO: CONCESSIONE DI FINANZIAMENTI E BENEFICI

Dettagli

L AUTORITA PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS

L AUTORITA PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS Delibera 56/99 (adottata il 7 maggio 1999) REGOLAMENTO PER LE AUDIZIONI PERIODICHE DELLE FORMAZIONI ASSOCIATIVE DI CONSUMATORI E UTENTI, DELLE ASSOCIAZIONI AMBIENTALISTE, DELLE ASSOCIAZIONI SINDACALI DELLE

Dettagli

Decreto Dirigenziale n. 12 del 09/02/2015

Decreto Dirigenziale n. 12 del 09/02/2015 Decreto Dirigenziale n. 12 del 09/02/2015 Dipartimento 52 - Dipartimento della Salute e delle Risorse Naturali Direzione Generale 4 - Direzione Generale Tutela salute e coor.to del Sistema Sanitario Regionale

Dettagli

Delibera della Giunta Regionale n. 317 del 08/08/2014

Delibera della Giunta Regionale n. 317 del 08/08/2014 n. 58 del 11 Agosto 2014 Delibera della Giunta Regionale n. 317 del 08/08/2014 Dipartimento 52 - Dipartimento della Salute e delle Risorse Naturali Direzione Generale 4 - Direzione Generale Tutela salute

Dettagli

COMUNE DI ORTONA. Medaglia d Oro al Valore Civile PROVINCIA DI CHIETI. Verbale di deliberazione della Giunta Comunale

COMUNE DI ORTONA. Medaglia d Oro al Valore Civile PROVINCIA DI CHIETI. Verbale di deliberazione della Giunta Comunale Repertorio generale n. 2251 COMUNE DI ORTONA Medaglia d Oro al Valore Civile PROVINCIA DI CHIETI Verbale di deliberazione della Giunta Comunale Seduta del 2 settembre 2014 n. 166 OGGETTO: APPROVAZIONE

Dettagli

Art Il Ministro dell economia e delle finanze è autorizzato, con proprio decreto, ad apportare le necessarie variazioni

Art Il Ministro dell economia e delle finanze è autorizzato, con proprio decreto, ad apportare le necessarie variazioni provincia e al comune di Napoli e al comune di Palermo per l attuazione di politiche attive finalizzate alla stabilizzazione occupazionale dei lavoratori impiegati in attività socialmente utili»; Rilevato

Dettagli

I piani di emergenza:

I piani di emergenza: Piani di emergenza La risposta pianificata a situazioni di criticità I piani di emergenza: stato dell arte tra obblighi normativi e necessità di tutela Pordenone 7 marzo 2014 Paolo Qualizza Comandante

Dettagli

BOLLETTINO UFFICIALE della Regione Toscana

BOLLETTINO UFFICIALE della Regione Toscana Anno XLIII Repubblica Italiana BOLLETTINO UFFICIALE della Regione Toscana Parte Seconda n. 43 del 24.10.2012 Supplemento n. 136 mercoledì, 24 ottobre 2012 Firenze Bollettino Ufficiale: piazza dell'unità

Dettagli

BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE CAMPANIA - N. 63 DEL 5 DICEMBRE 2005

BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE CAMPANIA - N. 63 DEL 5 DICEMBRE 2005 BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE CAMPANIA - N. 63 DEL 5 DICEMBRE 2005 DECRETO DIRIGENZIALE N. 514 del 10 novembre 2005 AREA GENERALE DI COORDINAMENTO SVILUPPO ATTIVITÀ SETTORE PRIMARIO SETTORE INTERVENTI

Dettagli

Il Ministro dell Industria, del Commercio e dell Artigianato

Il Ministro dell Industria, del Commercio e dell Artigianato Il Ministro dell Industria, del Commercio e dell Artigianato Vista la legge 25 febbraio 1992, n. 215, recante Azioni positive per l'imprenditoria femminile ; Visto il Decreto del Presidente della Repubblica

Dettagli

IL CONSIGLIO COMUNALE

IL CONSIGLIO COMUNALE COMUNE DI PATERNÒ Oggetto: Proposta di deliberazione di iniziativa consiliare, ai sensi dell art. 17, comma 2 del Regolamento dei Lavori del Consiglio Comunale, avente ad oggetto: Determinazione-Riduzione

Dettagli

quattrolinee Allegato 10 Riferimenti normativi Ph - Davide Bozzalla

quattrolinee Allegato 10 Riferimenti normativi Ph - Davide Bozzalla quattrolinee Allegato 10 Ph - Davide Bozzalla Riferimenti normativi www.torinofascuola.it info@torinofascuola.it NORMATIVA DI RIFERIMENTO L elenco è riportato a titolo indicativo, restando onere dei concorrenti

Dettagli

PROVVEDIMENTO DEL COMMISSARIO STRAORDINARIO

PROVVEDIMENTO DEL COMMISSARIO STRAORDINARIO Regione Molise AGENZIA REGIONALE PER LA PROTEZIONE AMBIENTALE CAMPOBASSO N. del PROVVEDIMENTO DEL COMMISSARIO STRAORDINARIO 149 26/04/2016 Il nella giorno sede ventisei dell ARPA mese Molise, di sita aprile

Dettagli

DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 8 giugno 2015, n. 184

DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 8 giugno 2015, n. 184 DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 8 giugno 2015, n. 184 Regolamento riguardante l'individuazione del responsabile del procedimento amministrativo e del titolare del potere sostitutivo,

Dettagli

DETERMINAZIONE N 48453/6307/F.P. DEL

DETERMINAZIONE N 48453/6307/F.P. DEL Settore Programmazione DETERMINAZIONE N 48453/6307/F.P. DEL 09.10.2012 Oggetto: Avviso di chiamata per la costituzione di un elenco di organismi autorizzati all erogazione di interventi di politiche attive

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE

VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE COMUNE DI PIEVE D OLMI PROVINCIA DI CREMONA DELIBERAZIONE N 32 DEL 09/07/2014 VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE OGGETTO: Inventario dei beni immobili non strumentali dell'attività svolta suscettibili

Dettagli

Comune di Volterra Provincia di Pisa

Comune di Volterra Provincia di Pisa Comune di Volterra Provincia di Pisa VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N 01 del 02/01/2009 OGGETTO: Provvedimenti di riorganizzazione: a) articolazione della struttura e della dotazione organica;

Dettagli

Giunta Regionale della Campania

Giunta Regionale della Campania DECRETO DIRIGENZIALE AREA GENERALE DI COORDINAMENTO A.G.C.1 Gabinetto Presidente Giunta Regionale COORDINATORE DIRIGENTE SETTORE Dr. Ferrara Mauro Dr.ssa Corvino Adele (ad interim) DECRETO N DEL A.G.C.

Dettagli

DIREZIONE GENERALE POLITICHE MOBILITA', INFRASTRUTTURE E TRASPORTO PUBBLICO LOCALE AREA DI COORDINAMENTO MOBILITA' E INFRASTRUTTURE

DIREZIONE GENERALE POLITICHE MOBILITA', INFRASTRUTTURE E TRASPORTO PUBBLICO LOCALE AREA DI COORDINAMENTO MOBILITA' E INFRASTRUTTURE REGIONE TOSCANA DIREZIONE GENERALE POLITICHE MOBILITA', INFRASTRUTTURE E TRASPORTO PUBBLICO LOCALE AREA DI COORDINAMENTO MOBILITA' E INFRASTRUTTURE SETTORE VIABILITA' DI INTERESSE REGIONALE Il Dirigente

Dettagli

I L C O N S I G L I O C O M U N A L E

I L C O N S I G L I O C O M U N A L E OGGETTO: Approvazione del progetto definitivo dell opera pubblica denominata Sistema di collegamento (People Mover) tra l aeroporto e la stazione ferroviaria di Pisa Centrale, parcheggi scambiatori e viabilità

Dettagli

DIREZIONE GENERALE COMPETITIVITA' DEL SISTEMA REGIONALE E SVILUPPO DELLE COMPETENZE AREA DI COORDINAMENTO TURISMO, COMMERCIO E TERZIARIO

DIREZIONE GENERALE COMPETITIVITA' DEL SISTEMA REGIONALE E SVILUPPO DELLE COMPETENZE AREA DI COORDINAMENTO TURISMO, COMMERCIO E TERZIARIO REGIONE TOSCANA DIREZIONE GENERALE COMPETITIVITA' DEL SISTEMA REGIONALE E SVILUPPO DELLE COMPETENZE AREA DI COORDINAMENTO TURISMO, COMMERCIO E TERZIARIO SETTORE DISCIPLINA, POLITICHE E INCENTIVI DEL COMMERCIO

Dettagli

PROVINCIA DI BARLETTA - ANDRIA - TRANI

PROVINCIA DI BARLETTA - ANDRIA - TRANI Dott. PROVINCIA DI BARLETTA - ANDRIA - TRANI COPIA DI DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE SETTORE AFFARI GENERALI, ORGANI ISTITUZIONALI, CONTRATTI ED ESPROPRIAZIONI N. Reg.Settore 454 del Oggetto: AFFIDAMENTO

Dettagli

DECRETO N Del 21/10/2015

DECRETO N Del 21/10/2015 DECRETO N. 8711 Del 21/10/2015 Identificativo Atto n. 966 DIREZIONE GENERALE ISTRUZIONE, FORMAZIONE E LAVORO Oggetto REGOLAMENTAZIONE DEI PERCORSI DI FORMAZIONE ABILITANTI E DI AGGIORNAMENTO PER INSTALLATORE

Dettagli

PROVINCIA DI ROMA. COMMISSARIO STRAORDINARIO Dr. Umberto Postiglione

PROVINCIA DI ROMA. COMMISSARIO STRAORDINARIO Dr. Umberto Postiglione Riproduzione dell originale firmato digitalmente PROVINCIA DI ROMA COMMISSARIO STRAORDINARIO Dr. Umberto Postiglione L anno duemilatredici il giorno ventidue del mese di maggio, alle ore 11.00, presso

Dettagli

COMUNE DI MONTEFIORINO

COMUNE DI MONTEFIORINO COMUNE DI MONTEFIORINO PROVINCIA DI MODENA C O P I A DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE CONTRATTAZIONE DECENTRATA INTEGRATIVA - APPROVAZIONE PROGETTI OBIETTIVO 2015 Nr. Progr. 4 Data 21/01/2015 Settore II

Dettagli

Provincia di Ravenna Piazza dei Caduti per la Libertà, 2 / 4

Provincia di Ravenna Piazza dei Caduti per la Libertà, 2 / 4 Provincia di Ravenna Piazza dei Caduti per la Libertà, 2 / 4 Provvedimento n. 4306 Proponente: Formazione Classificazione: 14-05-02 2010/15 del 03/12/2010 Oggetto: APPROVAZIONE DEL 5 AVVISO PUBBLICO DI

Dettagli

Codice Privacy. Riordino della disciplina riguardante gli obblighi di pubblicità, trasparenza e diffusione di informazioni da parte delle P.a.

Codice Privacy. Riordino della disciplina riguardante gli obblighi di pubblicità, trasparenza e diffusione di informazioni da parte delle P.a. Segnalazioni Direzione Programmazione Strategica, Politiche Territoriali ed Edilizia giugno 2014 Codice Privacy Riordino della disciplina riguardante gli obblighi di pubblicità, trasparenza e diffusione

Dettagli

IL DIRIGENTE SCOLASTICO

IL DIRIGENTE SCOLASTICO ISTITUTO COMPRENSIVO TERME VIGLIATORE VIALE DELLE TERME, 5 98050 TERME VIGLIATORE ( ME ) TEL. 090/9781254 Fax 090/9783472 Sito web www.ictermevigliatore.it Codice Meccanografico MEIC85700X C.F. 83001910831

Dettagli

27 Settembre PROGRAMMA NAZIONALE DI SOCCORSO PER IL RISCHIO SISMICO DPCM 14 Gennaio 2014 INCONTRO PREFETTURA MANTOVA

27 Settembre PROGRAMMA NAZIONALE DI SOCCORSO PER IL RISCHIO SISMICO DPCM 14 Gennaio 2014 INCONTRO PREFETTURA MANTOVA 27 Settembre 2016 PROGRAMMA NAZIONALE DI SOCCORSO PER IL RISCHIO SISMICO DPCM 14 Gennaio 2014 INCONTRO PREFETTURA MANTOVA PROGRAMMA NAZIONALE DI SOCCORSO PER IL RISCHIO SISMICO Il 14 gennaio 2014 il Presidente

Dettagli

DELIBERAZIONE N X / 1868 Seduta del 23/05/2014

DELIBERAZIONE N X / 1868 Seduta del 23/05/2014 DELIBERAZIONE N X / 1868 Seduta del 23/05/2014 Presidente ROBERTO MARONI Assessori regionali MARIO MANTOVANI Vice Presidente VALENTINA APREA VIVIANA BECCALOSSI SIMONA BORDONALI PAOLA BULBARELLI MARIA CRISTINA

Dettagli

UFFICIO DI PIANO DISTRETTUALE SERVIZIO AMMINISTRATIVO DETERMINAZIONE N. 60 DEL 23/03/2016

UFFICIO DI PIANO DISTRETTUALE SERVIZIO AMMINISTRATIVO DETERMINAZIONE N. 60 DEL 23/03/2016 UNIONE TERRED'ACQUA Costituita fra i Comuni di: Anzola dell Emilia Calderara di Reno Crevalcore Sala Bolognese San Giovanni in Persiceto Sant Agata Bolognese UFFICIO DI PIANO DISTRETTUALE SERVIZIO AMMINISTRATIVO

Dettagli

PROVVEDIMENTO 13 dicembre 2002 (G.U. 30 dicembre 2002, n. 304)

PROVVEDIMENTO 13 dicembre 2002 (G.U. 30 dicembre 2002, n. 304) PROVVEDIMENTO 13 dicembre 2002 (G.U. 30 dicembre 2002, n. 304) Approvazione del modulo di denuncia di sinistro per l assicurazione obbligatoria della R.C. autoveicoli. (Provvedimento n. 2136) L ISTITUTO

Dettagli

REGIONE TOSCANA MONTOMOLI MARIA CHIARA. Il Dirigente Responsabile:

REGIONE TOSCANA MONTOMOLI MARIA CHIARA. Il Dirigente Responsabile: REGIONE TOSCANA DIREZIONE GENERALE COMPETITIVITA' DEL SISTEMA REGIONALE E SVILUPPO DELLE COMPETENZE AREA DI COORDINAMENTO EDUCAZIONE, ISTRUZIONE, UNIVERSITA' E RICERCA SETTORE ISTRUZIONE E EDUCAZIONE Il

Dettagli

Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 142 del

Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 142 del Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 142 del 13-12-2016 57835 DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE 22 novembre 2016, n. 1715 Obiettivi a carattere prioritario e di rilievo nazionale per l anno

Dettagli

Delibera della Giunta Regionale n. 84 del 08/03/2016

Delibera della Giunta Regionale n. 84 del 08/03/2016 Delibera della Giunta Regionale n. 84 del 08/03/2016 Dipartimento 55 - Dipartimento delle Risorse Finanziarie,Umane e Strumentali Direzione Generale 13 - Direzione Generale per le risorse finanziarie Oggetto

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE

VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE COMUNE DI PIEVE D OLMI PROVINCIA DI CREMONA DELIBERAZIONE N 32 DEL 03/07/2013 VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE OGGETTO: Inventario dei beni immobili non strumentali dell'attività svolta suscettibili

Dettagli

64 3.2.2016 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 5

64 3.2.2016 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 5 64 3.2.2016 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 5-2016 REGIONE TOSCANA Direzione Diritti di Cittadinanza e Coesione Sociale Settore Tutela, Partecipazione e Sviluppo DECRETO 18 gennaio 2016,

Dettagli

Piano regionale delle emergenze e Piano Comunale di emergenza. Azzano Decimo

Piano regionale delle emergenze e Piano Comunale di emergenza. Azzano Decimo Piano regionale delle emergenze e Piano Comunale di emergenza Azzano Decimo PROTEZIONE CIVILE DELLA REGIONE Servizio tecnico-scientifico Nucleo operativo piani di emergenza Obiettivo 2014 della Protezione

Dettagli

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA PROTEZIONE CIVILE ORDINANZA DEL CAPO DIPARTIMENTO DELLA PROTEZIONE CIVILE 9 gennaio 2014

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA PROTEZIONE CIVILE ORDINANZA DEL CAPO DIPARTIMENTO DELLA PROTEZIONE CIVILE 9 gennaio 2014 PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA PROTEZIONE CIVILE ORDINANZA DEL CAPO DIPARTIMENTO DELLA PROTEZIONE CIVILE 9 gennaio 2014 Ulteriori disposizioni di protezione civile volte all'individuazione

Dettagli

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA AZIENDA SANITARIA LOCALE N. 2 OLBIA DELIBERAZIONE DEL COMMISSARIO STRAORDINARIO N. 101 DEL 28/01/2015

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA AZIENDA SANITARIA LOCALE N. 2 OLBIA DELIBERAZIONE DEL COMMISSARIO STRAORDINARIO N. 101 DEL 28/01/2015 REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA AZIENDA SANITARIA LOCALE N. 2 OLBIA DELIBERAZIONE DEL COMMISSARIO STRAORDINARIO N. 101 DEL 28/01/2015 OGGETTO: approvazione Piano Formativo Aziendale 2015. IL COMMISSARIO

Dettagli

Il Ministro dello Sviluppo Economico

Il Ministro dello Sviluppo Economico Il Ministro dello Sviluppo Economico VISTO il decreto del Ministro dello sviluppo economico 10 marzo 2015, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana del 23 aprile 2015, n. 94, recante

Dettagli

Città di Seregno DETERMINAZIONE DEL DIRIGENTE N. 275 DEL AREA POLITICHE ECONOMICHE E SERVIZI ALLA CITTA

Città di Seregno DETERMINAZIONE DEL DIRIGENTE N. 275 DEL AREA POLITICHE ECONOMICHE E SERVIZI ALLA CITTA Città di Seregno DETERMINAZIONE DEL DIRIGENTE N. 275 DEL 18-05-2015 OGGETTO: DETERMINA N. 151/2015 ADESIONE ALLA CONVENZIONE CONSIP PER LA TELEFONIA MOBILE 6: MIGRAZIONE DELLE UTENZE E INTEGRAZIONE IMPEGNO

Dettagli

COMUNE DI CISANO SUL NEVA

COMUNE DI CISANO SUL NEVA COMUNE DI CISANO SUL NEVA Provincia di Savona VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE Registro deliberazioni n 28 Cisano sul Neva, 27 APRILE 2016 OGGETTO: SERVIZI SCOLASTICI A DOMANDA INDIVIDUALE

Dettagli