Analisi provinciale sull incidentalità stradale

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Analisi provinciale sull incidentalità stradale"

Transcript

1 Analisi provinciale sull incidentalità stradale Anno 2007

2 Introduzione Analisi provinciale sull incidentalità Anno 2007 Nel complesso, nell anno 2007 sono stati rilevati incidenti stradali, che hanno causato il decesso di persone, mentre altre hanno subito lesioni di diversa gravità. Il dato assoluto è sicuramente rappresentativo di un problema reale che va affrontato con delle politiche sociali ed economiche volte a ridurre in modo consistente l elevato numero di incidenti stradali che si verificano anno sul territorio nazionale. Tuttavia, per una lettura più approfondita del fenomeno e al fine di effettuare raffronti significativi tra le diverse zone del Paese, come anche a livello internazionale, è necessario rapportare il valore assoluto del numero di incidenti, morti e feriti per stradale, con altre variabili per costruire indicatori omogenei. Le variabili ritenute più significative sono la superficie territoriale, la popolazione residente, distinta anche per sesso e fasce di età, il parco veicolare, il numero dei decessi totali. Va sottolineato che, mentre a livello nazionale gli indicatori sono sicuramente validi, man mano che la dimensione territoriale risulta più piccola essi sono influenzati dal grado di mobilità presente sul territorio ed in tal senso risultano distorti. Ad esempio la presenza di un elevato numero di decessi rispetto alla popolazione, in una regione con notevoli flussi di attraversamento, sul cui territorio si sviluppa un estesa rete autostradale, è sicuramente in parte spiegato dal traffico di attraversamento e va considerato come un indicatore di pressione sul territorio. Va sempre ricordato, infatti, che, mentre i dati relativi all sono territorialmente riferiti al luogo di accadimento, i dati relativi a popolazione e parco veicolare sono considerati sulla base della residenza. In questo capitolo sono dunque riportati - a livello nazionale, regionale e provinciale - i seguenti indicatori : (/popolazione)*1.000: indica il numero di incidenti stradali verificatisi di singola provincia; (Morti/popolazione)* : indica il numero di morti in stradale di singola provincia; (Feriti/popolazione)* : indica il numero di feriti in stradale di singola provincia; ( (/Skmq)*100: indica il numero di incidenti che si verificano 100 kmq nelle singole province. (/parco circolante)*1000: indica il numero di incidenti che si verificano 1000 autoveicoli in provincia; (Morti per inc fino a 29 anni / pop fino a 29anni)* e (Morti per inc con 65 anni ed oltre / popolazione con 65 anni ed oltre)* : indica il numero di morti in stradale con età fino ai 29 anni della provincia con la stessa età. Ciò vale anche per i morti in con età dai 65 anni ed oltre; (Feriti per inc fino a 29 anni / pop fino a 29)* e (Feriti per inc con 65 anni ed oltre /pop con 65 anni ed oltre)* : indica il numero di feriti in stradale con età fino ai 29 anni della provincia con la stessa età. Analogo discorso per i morti con età 65 anni ed oltre.

3 La densità degli incidenti. Le province con il maggior numero di incidenti in valore assoluto sono Milano e Roma, queste con oltre sinistri ciascuna, rappresentano insieme circa il 22 % del totale degli incidenti che hanno provocato la morte o il ferimento di persone. Nell Italia Nord - occidentale, oltre alla provincia di Milano, si distinguono quella di Torino con oltre incidenti ed un gruppo di province con valori che oscillano tra i e i incidenti circa : Genova, Brescia, Varese e Bergamo. L insieme degli incidenti riferibile al gruppo appena elencato, non considerando la provincia di Milano, rappresenta il 10 % del totale degli incidenti rilevati sul territorio nazionale. Nell Italia Nord orientale emerge la provincia di Bologna con circa incidenti, ed un gruppo di province che presenta valori che oscillano tra i ed i incidenti circa: la maggior parte delle province del Veneto (Padova, Modena, Verona, Venezia,Treviso, e Vicenza), nonché Reggio Emilia, Rimini e Ravenna. L insieme appena descritto rappresenta circa il 14 % del totale degli incidenti. Nell Italia centrale emergono, oltre a Roma, le province di Firenze con circa incidenti e Perugia con oltre incidenti; non conteggiando la provincia di Roma, le due province costituiscono insieme circa il 4 per cento del totale degli incidenti in Italia. Infine al Sud è possibile notare, oltre alla provincia di Napoli con circa incidenti (2,6 per cento del totale nazionale), anche quelle di Bari, Palermo, Catania e Salerno, le quali presentano un numero di incidenti che oscilla tra i ed i (circa il 6,4 per cento del totale nazionale). Il gruppo di province del Sud elencato rappresenta il 9 per cento del totale degli incidenti verificatisi in Italia. Considerando il numero di incidenti 100 kmq di superficie, tra le province con valori superiori all indicatore nazionale pari a 0,77, spiccano sempre Milano (che ha il valore più elevato con circa 12,9 incidenti per 100 kmq), Trieste (con l indicatore pari a circa 6), Napoli (5,1), Rimini (4,7) e Roma con l indicatore pari a circa 4,6. Seguono Prato con circa 4 incidenti per 100 kmq ciascuna e Genova e Varese con circa una valore pari a 3, mentre Firenze e Padova recano un valore pari a circa 2. Le province di Isernia, Medio Campidano, Potenza, Ogliastra, Nuoro, Aosta, Enna, Olbia Tempio, Carbonia Iglesias, Matera, Crotone, Cosenza, Oristano, Bolzano, Sondrio, Rieti, L Aquila, Belluno, Benevento, Verbano-Cusio-Ossola, Vibo-Valentia, Grosseto e Avellino presentano valori sensibilmente inferiori all indice nazionale. Dall analisi sull incidentalità stradale a livello nazionale, emerge che nel 2007 si verificano circa 4 incidenti ; tale fenomeno risulta decisamente superiore al valore nazionale soprattutto nella provincia di Rimini (circa 8 incidenti), seguono le province di Firenze, Genova, Milano, Prato, Savona Lucca e Roma tutte con un valore compreso tra i 6 e 7 incidenti Le province con il più basso numero di incidenti per sono: Medio Campidano, Potenza, Isernia, Cosenza, Crotone, Benevento, Avellino, Carbonia Iglesias e Vibo-Valentia. Rapportando gli incidenti al parco circolante emerge che le province di Rimini, Milano, Genova, Prato, Firenze, Savona, Lucca e Roma, risultano ancora quelle che più si differenziano rispetto all indicatore nazionale pari a 4,9 incidenti veicoli. Valori dell indicatore particolarmente elevati si riscontrano soprattutto per le province di Rimini (9,3 incidenti per veicoli) e Milano (8,8), Genova (8,6), Prato (7,9), Firenze(7,8), presentano un valore che oscilla intorno a 8 incidenti veicoli.

4 Grafico. - Incidentalità stradale rispetto al Parco veicolare per Regione - Anno 2007 Incidentalità rispetto al Parco circolante. Anno ,0 8,0 7,6 7,0 6,5 6,3 6,1 6,0 5,4 6,0 5,1 4,9 4,9 4,6 4,3 4,2 4,1 4,0 5,0 4,0 3,6 3,6 3,0 2,6 2,4 2,1 2,0 1,9 2,0 1,0 0,0 Liguria Emilia Romagna Toscana Lazio Lombardia Marche Friuli Venezia Giulia Veneto ITALIA Umbria Puglia Trentino Alto Adige Piemonte Abruzzo Sardegna Sicilia Campania Calabria Basilicata Molise Valle d'aosta/vallée La mortalità e la lesività per stradale Per rappresentare il livello di mortalità per stradale nelle diverse zone del Paese sono stati costruiti i seguenti indicatori: distribuzione percentuale dei decessi per provincia; indice di mortalità rispetto alla popolazione (morti in per ); rapporto tra morti in con età inferiore o uguale a 29 anni o superiore o uguale a 65 anni e popolazione rispettivamente appartenente alle medesime fascia di età. L esame dei dati rilevati nel 2007 a livello provinciale, mostra che il maggior numero di morti per stradale è presente soprattutto nelle province di Roma, con circa il 6,7 per cento dei morti per stradale, e Milano con circa il 4,8 per cento. Nell Italia Nord occidentale, oltre a Milano emergono particolarmente le province di Torino (2,9 per cento) e Brescia (2,6 per cento); le tre province anzidette rappresentano circa il 10 per cento del totale dei decessi avvenuti per stradale in Italia. Nell Italia Nord orientale si notano le province di Treviso, Bologna, Padova, Verona, Vicenza e Venezia, le quali con circa il 1,5 2 per cento ciascuna, rappresentano nel complesso il 11 per cento del totale dei morti registrati in Italia. Nell Italia centrale le province che figurano tra quelle con più elevato numero di morti sono: Roma, Perugia, Latina, e Firenze; anche in tale gruppo è concentrata una quota di circa l 11 per cento del totale dei morti rilevati in Italia. Al Sud si distinguono le province di: Napoli e Bari e Foggia con il 2,1per cento del totale nazionale. Catania con il 1,8 per cento, Caserta e Palermo con il 1,7 per cento ciascuna, seguite da e Salerno e Lecce con circa poco più dell 1 per cento ciascuna. Considerando la suddivisione per grandi ripartizioni territoriali si nota che al Nord è situato oltre il 49 per cento dei morti per stradale: nello specifico l Italia Nord-orientale rappresenta il 24,9 per cento dei morti per stradale seguita dall Italia Nord - occidentale con il 24,7 per cento. L Italia centrale ed il Sud Italia presentano rispettivamente il 21,2 per cento e circa il 29,2 per cento per un totale del 50,4 per cento dei morti.

5 Grafico. Indice di mortalità rispetto alla popolazione per regione- Anno 2007 Indice di mortalità rispetto alla Popolazione per Regione. Anno ,0 12,0 12,6 11,3 10,5 10,2 9,6 9,6 10,0 9,1 9,0 9,0 9,0 8,9 8,7 8,7 8,1 8,0 8,0 6,0 4,0 2,0 7,1 6,4 6,3 6,2 5,7 5,5 0,0 Emilia Romagna Veneto Umbria Friuli Venezia Giulia Lazio Marche Abruzzo Sardegna Piemonte Puglia Toscana Trentino Alto Adige ITALIA Lombardia Valle d'aosta/vallée Sicilia Calabria Basilicata Molise Liguria Campania Grafico. Tasso di mortalità per stradale per regione - Anno 2007 Tasso di mortalità per stradale per regione - Anno ,0 40,0 35,0 30,0 25,0 20,0 15,0 10,0 5,0 0,0 41,1 39,1 36,3 33,5 31,1 29,3 28,4 28,0 27,8 27,5 26,8 25,7 25,1 24,7 23,0 22,2 20,6 17,7 17,3 15,9 Basilicata Molise Calabria Sardegna Puglia Veneto Campania Abruzzo Trentino Alto Adige Valle d'aosta/vallée Piemonte Umbria Sicilia Friuli Venezia Giulia Emilia Romagna ITALIA Marche Lazio Lombardia Toscana 9,1 Liguria Il numero di morti per stradale con età fino a 29 anni della medesima fascia di età, in Italia risulta pari a 8,65; le province con il rapporto più elevato sono Rovigo (29,85), Grosseto (22,10), Ogliastra (21,61) Belluno (21) e Cremona (19,50), seguite da un considerevole numero di province dell Italia del Nord e dell Italia centrale che presentano valori dell indicatore che oscillano tra i 12 ed 18 morti con età fino a 29 anni della medesima fascia di età. Comparando il numero dei feriti rispetto alla popolazione residente, a livello nazionale si registrano

6 circa 551 feriti per ; tra le province con valori più elevati dell indice nazionale si notano soprattutto: Rimini (con circa 1149 feriti per ), Firenze (914), Milano (879), Savona (864), Genova (859). Seguono Ravenna, Lucca, Roma, Prato, Bologna, Forlì-Cesena, Piacenza e Modena con un valore che oscilla intorno a feriti per Tra le province con l indice prossimo al valore nazionale ci sono Verona e Mantova. Grafico. Indice di lesività rispetto alla popolazione per regione Anno 2007 Indice di lesività rispetto alla popolazione per regione - Anno Lazio Emilia Romagna Toscana Marche Lombardia Umbria Friuli Venezia Giulia ITALIA Veneto Piemonte Abruzzo Puglia Sicilia Trentino Alto Adige Sardegna Valle d'aosta/vallée Calabria Campania Molise Basilicata Analizzando per singola provincia il numero di feriti per stradale con età fino a 29 anni della medesima fascia di età, in Italia l indice risulta circa 692 per nella specificata fascia. Al Nord tra le province con il rapporto più elevato rispetto al valore nazionale si notano: Rimini con circa feriti per , Genova (circa feriti), Ravenna (con circa feriti per ), seguita da Savona (circa feriti per nella fascia di età fino a 29 anni), Bologna (circa per ), Piacenza, Imperia, (circa feriti per ). Nell Italia centrale sono: Firenze (circa feriti), Lucca e Massa Carrara (circa per ) Roma e Pisa con valori che oscillano intorno a 1000 feriti per circa. Al Sud si evidenziano per valori molto bassi: Medio Campidano, Potenza, Isernia, Carbonia, Cosenza, Vibo-Valentia, Crotone, Avellino, Benevento e Napoli.

7

8 VALORI ASSOLUTI - ANNO 2007 PROVINCE REGIONI Morti Feriti Morti in per fasce di età Feriti in per fasce di età ed oltre ed oltre Torino Vercelli Biella Verb-Cus-Ossola Novara Cuneo Asti Alessandria Piemonte Aosta Valle d'aosta/vallée d'aoste Varese Como Lecco Sondrio Milano Bergamo Brescia Pavia Lodi Cremona Mantova Lombardia Bolzano-Bozen Trento Trentino Alto Adige Verona Vicenza Belluno Treviso Venezia Padova Rovigo Veneto Pordenone Udine Gorizia Trieste Friuli Venezia Giulia Imperia Savona Genova La Spezia Liguria Piacenza Parma Reggio Emilia Modena Bologna Ferrara Ravenna Forli'-Cesena Rimini Emilia Romagna Massa Carrara Lucca Pistoia Firenze Prato Livorno Pisa Arezzo Siena Grosseto Toscana VALORI ASSOLUTI - ANNO 2007

9 PROVINCE REGIONI Morti Feriti Morti in per fasce di età Feriti in per fasce di età ed oltre ed oltre Perugia Terni Umbria Pesaro e Urbino Ancona Macerata Ascoli Piceno Marche Viterbo Rieti Roma Latina Frosinone Lazio L'Aquila Teramo Pescara Chieti Abruzzo Isernia Campobasso Molise Caserta Benevento Napoli Avellino Salerno Campania Foggia Bari Taranto Brindisi Lecce Puglia Potenza Matera Basilicata Cosenza Crotone Catanzaro Vibo Valentia Reggio Calabria Calabria Trapani Palermo Messina Agrigento Caltanissetta Enna Catania Ragusa Siracusa Sicilia Sassari Nuoro Oristano Cagliari Olbia Tempio Ogliastra Medio Campidano Carbonia Iglesias Sardegna ITALIA INDICATORI 2007

10 PROVINCE REGIONI 100 km veicoli Morti in incidenti (Tasso di mortalità) Morti in Feriti in Morti in ed oltre Feriti in incidenti ed oltre Torino 1,1 4,2 3,4 19,9 6,7 505,7 6,3 7,3 723,4 190,0 Vercelli 0,3 3,6 3,0 36,1 10,8 460,1 17,8 4,6 664,2 211,7 Biella 0,6 3,3 2,9 29,9 8,6 383,0 12,6 10,8 575,4 160,4 Verb-Cus-Ossola 0,2 3,7 3,1 28,2 8,7 410,8 9,6 16,2 569,5 208,0 Novara 0,9 3,9 3,2 24,6 7,8 421,9 9,1 5,3 598,5 195,0 Cuneo 0,3 3,6 3,2 44,7 14,1 486,2 16,4 12,5 668,3 219,8 Asti 0,5 4,2 3,6 36,1 13,0 493,3 16,1 3,8 704,8 200,4 Alessandria 0,5 4,8 4,1 31,3 12,7 563,8 10,7 12,4 839,7 277,4 Piemonte 0,6 4,1 3,4 26,8 9,0 490,8 9,6 8,6 700,5 205,1 Aosta 0,1 1,9 2,9 27,5 8,0 396,6 11,5 3,9 513,5 180,2 Valle d'aosta/vallée d'aoste 0,1 1,9 2,9 27,5 8,0 396,6 11,5 3,9 513,5 180,2 Varese 2,8 4,8 3,9 12,1 4,7 538,7 4,0 7,0 746,1 218,5 Como 1,3 3,7 3,0 15,1 4,5 407,0 3,6 6,3 540,5 163,8 Lecco 1,0 3,2 2,6 22,4 5,8 348,4 6,1 1,6 465,7 163,3 Sondrio 0,2 3,7 3,0 44,3 13,3 476,6 12,9 8,5 666,9 210,8 Milano 12,9 8,8 6,6 9,5 6,3 878,8 5,4 7,6 879,4 279,5 Bergamo 1,1 3,7 2,9 27,5 8,0 393,6 7,0 8,9 505,8 164,1 Brescia 0,8 4,3 3,4 32,2 11,0 479,9 9,2 10,6 608,4 213,9 Pavia 0,6 4,7 3,7 29,1 10,7 522,5 12,7 9,1 798,9 217,8 Lodi 0,6 3,1 2,2 52,1 11,6 339,9 7,9 32,1 425,9 177,9 Cremona 0,8 5,7 4,2 41,0 17,4 576,0 19,5 17,1 770,7 294,6 Mantova 0,7 4,8 4,0 40,4 16,1 539,6 16,3 17,4 714,2 291,6 Lombardia 1,9 6,0 4,7 17,3 8,1 634,3 7,4 9,2 722,1 238,4 Bolzano-Bozen 0,2 3,6 2,5 44,4 11,1 319,3 7,2 14,5 335,5 231,3 Trento 0,3 4,8 3,8 17,3 6,5 515,7 3,2 7,3 582,7 280,4 Trentino Alto Adige 0,2 4,2 3,1 27,8 8,7 419,4 5,3 10,6 455,5 257,7 Verona 1,1 4,9 4,0 24,9 10,0 553,5 11,3 12,4 712,4 235,0 Vicenza 1,0 4,1 3,3 30,6 10,2 452,3 11,0 15,2 561,7 213,5 Belluno 0,2 4,2 3,3 56,4 18,4 457,2 21,0 21,1 586,3 247,1 Treviso 1,2 4,4 3,6 37,1 13,2 497,9 11,5 15,9 602,4 262,9 Venezia 1,3 5,5 3,7 24,9 9,2 522,5 6,7 10,8 661,5 263,2 Padova 2,0 5,8 4,7 22,7 10,7 628,0 12,3 12,2 808,5 274,2 Rovigo 0,5 5,1 4,0 39,8 15,9 566,4 29,8 9,0 818,5 309,1 Veneto 1,0 4,9 3,8 29,3 11,3 530,6 11,9 13,4 672,8 253,8 Pordenone 0,6 5,2 4,2 28,2 11,9 572,8 9,2 21,4 748,9 275,1 Udine 0,4 4,1 3,3 33,0 10,9 455,6 9,3 9,4 578,6 266,5 Gorizia 1,5 6,2 5,0 21,3 10,6 702,4 8,7 23,5 919,6 319,8 Trieste 6,0 6,7 5,4 11,7 6,3 670,6 3,9 7,7 972,7 246,0 Friuli Venezia Giulia 0,6 5,1 4,1 24,7 10,2 555,6 8,3 13,3 728,8 270,1 Imperia 1,1 6,5 5,8 16,8 9,7 700,2 13,2 5,3 1007,3 315,4 Savona 1,2 7,2 6,4 14,3 9,2 864,0 10,7 11,7 1198,4 397,9 Genova 3,2 8,6 6,7 4,6 3,0 858,5 3,8 1,7 1266,4 327,3 La Spezia 1,1 5,7 4,5 17,2 7,7 598,1 1,9 8,5 937,7 214,2 Liguria 1,8 7,6 6,2 9,1 5,7 802,4 6,1 4,9 1172,9 322,9 Piacenza 0,6 6,2 5,2 29,1 15,1 751,9 18,1 16,2 1040,7 330,5 Parma 0,6 5,4 4,5 23,0 10,5 618,5 8,1 13,3 874,9 276,1 Reggio Emilia 1,1 5,9 5,0 26,4 13,2 701,9 16,2 17,8 890,6 330,6 Modena 1,3 6,4 5,4 20,2 10,9 725,9 11,1 7,1 948,0 374,1 Bologna 1,4 6,8 5,4 19,8 10,8 763,3 8,8 11,8 1074,2 312,1 Ferrara 0,6 5,4 4,4 31,8 13,9 583,4 14,9 15,5 865,8 327,3 Ravenna 1,2 6,7 5,9 26,6 15,8 842,1 12,7 22,0 1231,6 471,3 Forli'-Cesena 0,9 6,5 5,7 26,5 15,1 759,0 12,6 24,8 971,8 402,2 Rimini 4,7 9,3 8,5 15,3 12,9 1149,4 16,8 13,3 1596,5 515,1 Emilia Romagna 1,0 6,5 5,5 23,0 12,6 753,3 12,4 14,8 1034,2 357,8 Massa Carrara 0,9 6,7 5,4 16,6 9,0 725,0 9,7 2,1 1126,3 287,6 Lucca 1,4 7,2 6,3 11,3 7,1 834,8 6,9 9,0 1126,6 382,0 Pistoia 1,3 5,5 4,5 10,2 4,6 609,2 1,3 6,3 845,3 297,0 Firenze 2,0 7,8 7,2 9,3 6,7 913,9 4,8 10,0 1233,0 346,6 Prato 4,3 7,9 6,5 8,2 5,3 791,3 2,8 6,2 970,3 473,7 Livorno 1,2 5,1 4,4 21,0 9,2 587,8 10,6 11,1 825,3 319,7 Pisa 0,9 6,2 5,4 27,9 15,0 699,5 15,0 11,1 1025,1 277,6 Arezzo 0,4 4,1 3,6 24,4 8,9 505,3 8,6 10,4 598,2 273,9 Siena 0,3 4,2 3,8 34,6 13,3 525,1 16,0 9,1 717,1 225,3 Grosseto 0,2 5,2 4,5 30,0 13,6 647,4 22,1 12,7 919,0 377,6 Toscana 0,9 6,3 5,6 15,9 8,9 727,4 8,6 9,3 990,5 326,6 INDICATORI 2007

11 PROVINCE REGIONI 100 km veicoli Morti in incidenti (Tasso di mortalità) Morti in Feriti in Morti in ed oltre Feriti in incidenti ed oltre Perugia 0,4 4,5 4,0 27,2 10,9 572,7 14,1 11,6 747,0 278,9 Terni 0,5 5,0 4,4 21,9 9,7 606,2 10,1 12,3 831,9 272,0 Umbria 0,4 4,6 4,1 25,7 10,5 581,5 13,2 11,8 767,7 277,0 Pesaro e Urbino 0,6 4,9 4,3 19,3 8,4 603,2 11,2 7,5 820,2 297,1 Ancona 1,1 5,5 4,7 18,8 8,8 692,4 11,4 11,3 917,4 307,8 Macerata 0,5 5,4 4,7 32,4 15,2 676,8 18,6 23,1 881,4 315,1 Ascoli Piceno 0,9 5,8 4,9 14,4 7,1 685,6 7,2 6,9 898,2 353,9 Marche 0,7 5,4 4,7 20,6 9,6 666,0 11,8 11,8 881,5 318,4 Viterbo 0,2 3,3 2,9 53,5 15,4 412,7 18,4 15,2 581,0 173,8 Rieti 0,2 3,7 3,2 42,9 13,6 475,6 6,8 11,2 641,8 209,7 Roma 4,6 6,9 6,1 14,0 8,6 827,9 11,2 5,5 1079,2 283,5 Latina 1,1 5,4 4,5 29,1 13,1 719,6 14,3 9,9 970,8 271,1 Frosinone 0,4 3,4 2,8 33,6 9,4 489,7 8,9 10,3 652,3 162,9 Lazio 1,7 6,1 5,4 17,7 9,6 754,2 11,6 7,1 989,1 262,2 L'Aquila 0,2 3,8 3,0 24,1 7,2 468,6 6,6 6,0 640,4 182,3 Teramo 0,5 4,1 3,4 31,5 10,6 478,1 7,4 9,7 620,9 190,9 Pescara 1,0 4,7 3,7 16,3 6,1 535,8 6,4 9,2 745,9 210,9 Chieti 0,4 3,6 2,9 39,9 11,8 470,2 15,3 10,5 636,7 163,3 Abruzzo 0,4 4,0 3,2 28,0 9,1 487,3 9,3 8,9 659,8 185,1 Isernia 0,0 1,3 1,1 50,0 5,6 181,9 0,0 0,0 243,7 55,0 Campobasso 0,3 2,3 1,8 36,4 6,5 303,9 4,2 7,9 377,7 130,6 Molise 0,1 2,0 1,6 39,1 6,2 269,9 3,0 5,7 340,9 109,2 Caserta 0,6 2,4 1,8 54,4 9,6 283,2 9,6 11,6 347,0 107,9 Benevento 0,2 1,9 1,4 61,6 8,7 230,1 12,4 1,7 318,4 63,2 Napoli 5,1 2,7 1,9 18,3 3,6 275,8 4,0 3,3 326,6 109,9 Avellino 0,2 2,0 1,5 40,9 5,9 235,6 4,1 8,1 314,0 63,9 Salerno 0,5 3,2 2,4 27,5 6,7 369,5 8,3 5,7 457,6 142,7 Campania 0,8 2,6 1,9 28,4 5,5 289,3 6,0 5,3 351,7 109,2 Foggia 0,3 4,4 2,7 56,0 15,0 455,9 8,9 14,2 535,8 180,8 Bari 1,0 4,9 3,2 21,2 6,9 532,0 5,5 9,2 688,8 217,3 Taranto 0,6 3,8 2,6 32,7 8,6 462,8 8,0 11,8 606,8 174,7 Brindisi 0,7 4,3 3,1 32,6 10,2 556,8 13,0 12,1 760,4 203,5 Lecce 0,7 3,3 2,5 31,7 7,8 386,2 7,4 7,7 497,0 146,2 Puglia 0,6 4,3 2,9 31,1 9,0 482,9 7,5 10,4 621,2 188,1 Potenza 0,1 1,6 1,1 34,6 3,9 182,6 2,4 5,0 212,8 62,5 Matera 0,1 3,2 2,3 47,1 10,8 395,0 7,2 15,6 502,1 145,6 Basilicata 0,1 2,1 1,5 41,1 6,3 255,7 4,1 8,4 315,5 89,5 Cosenza 0,1 1,8 1,3 52,6 6,7 216,8 6,9 4,4 263,3 76,6 Crotone 0,1 2,0 1,4 50,6 7,0 245,7 7,6 3,5 304,4 141,6 Catanzaro 0,3 3,0 2,2 33,5 7,4 373,4 3,2 11,9 462,0 129,6 Vibo Valentia 0,2 2,0 1,5 31,9 4,8 259,5 3,3 0,0 300,5 108,0 Reggio Calabria 0,4 3,1 2,3 24,6 5,7 366,0 3,5 8,6 450,8 122,8 Calabria 0,2 2,4 1,8 36,3 6,4 293,7 5,0 6,5 360,4 107,0 Trapani 0,6 4,5 3,5 19,6 6,9 514,6 8,1 10,6 736,1 152,5 Palermo 0,7 3,8 2,9 24,2 6,9 411,8 6,6 8,4 537,0 133,8 Messina 0,5 3,4 2,7 22,8 6,1 409,7 5,7 6,8 600,9 123,6 Agrigento 0,3 2,3 1,7 28,3 4,8 284,3 6,9 3,4 378,4 100,6 Caltanissetta 0,3 2,9 2,0 25,6 5,1 349,2 8,0 6,0 496,2 130,4 Enna 0,1 2,4 1,7 30,2 5,2 315,5 5,0 5,7 442,8 116,3 Catania 0,9 3,5 3,1 26,8 8,4 463,6 12,1 8,9 638,9 156,1 Ragusa 0,6 3,7 3,1 25,4 7,8 499,5 10,1 1,8 709,7 125,9 Siracusa 0,7 4,3 3,5 29,2 10,3 521,6 11,6 8,5 729,8 164,4 Sicilia 0,6 3,6 2,8 25,1 7,1 427,4 8,5 7,4 589,7 136,3 Sassari 0,3 4,4 3,2 34,5 11,1 492,5 9,8 11,5 684,5 238,4 Nuoro 0,1 3,4 2,5 44,8 11,1 403,9 7,7 9,8 579,9 146,8 Oristano 0,2 4,0 2,8 23,5 6,5 425,2 7,9 8,6 655,3 132,6 Cagliari 0,4 4,0 3,1 28,0 8,6 451,4 5,9 9,7 599,6 160,6 Olbia Tempio 0,1 3,2 2,9 51,2 14,9 468,2 15,4 16,4 601,2 176,0 Ogliastra 0,1 3,0 2,2 69,2 15,5 377,8 21,6 36,0 491,7 234,1 Medio Campidano 0,0 1,0 0,7 29,0 1,9 99,3 3,1 0,0 127,1 50,4 Carbonia Iglesias 0,1 2,2 1,5 15,4 2,3 219,7 2,6 4,1 245,1 149,2 Sardegna 0,2 3,6 2,7 33,5 9,0 411,0 8,1 10,4 559,2 167,5 ITALIA 0,8 4,9 3,9 22,2 8,7 551,1 8,7 9,4 691,7 231,8

Analisi provinciale sull incidentalità

Analisi provinciale sull incidentalità Analisi provinciale sull incidentalità Anno 2010 Introduzione Nel complesso, nell anno 2010 sono stati rilevati 211.404 incidenti stradali, che hanno causato il decesso di 4.090 persone, mentre altre 302.735

Dettagli

segue 2015 Province e Regioni

segue 2015 Province e Regioni ESPORTAZIONI (valori assoluti in migliaia di euro) delle italiane 2016 2016 Torino 4.955.184 5.355.571 Perugia 641.629 714.548 Vercelli 444.448 531.100 Terni 276.224 269.552 Novara 1.136.612 1.199.391

Dettagli

FIPSAS - Federazione Italiana Pesca Sportiva e Attività Subaquee - 26 Dati provinciali assoluti 2001

FIPSAS - Federazione Italiana Pesca Sportiva e Attività Subaquee - 26 Dati provinciali assoluti 2001 sportive tesserati operatori sportive adulti omaggio tesserati societari di gara operatori federali altri generale PIEMONTE TORINO 101 7760 673 101 6974 734 52 7760 477 150 46 673 6 6 679 VERCELLI 59 3401

Dettagli

Campagna Solleciti REDITA 2011 Suddivisione per Sede INPS

Campagna Solleciti REDITA 2011 Suddivisione per Sede INPS Campagna Solleciti REDITA 2011 Suddivisione per Sede INPS Cod. Sede INPS Totale per Sede Provincia Regione 0100 7.177 AGRIGENTO SICILIA 0101 2.186 AGRIGENTO SICILIA 0200 6.206 ALESSANDRIA PIEMONTE 0300

Dettagli

Province: soglie per n. di abitanti (tab. suddivisione per Regioni)

Province: soglie per n. di abitanti (tab. suddivisione per Regioni) Province: soglie per n. di abitanti (tab. suddivisione per Regioni) In neretto i capoluogo di Regione Provincia Residenti Superficie (kmq) Numero. Comuni 1 Roma (Lazio) 4.194.068 5.352 121 2 Milano (Lombardia)

Dettagli

Comunicazioni inviate dai contribuenti al 31 Maggio 2007

Comunicazioni inviate dai contribuenti al 31 Maggio 2007 Comunicazioni inviate dai contribuenti al 31 Maggio 2007 Si precisa che dal mese di Marzo 2002 le comunicazioni conteggiate sono comprensive di quelle inviate dai Centri Di Servizio non più competenti.

Dettagli

Articolazione cinque giorni Allegato S Reimpieghi Recapito

Articolazione cinque giorni Allegato S Reimpieghi Recapito Articolazione cinque giorni Allegato S Reimpieghi Recapito Allegato S: REIMPIEGHI RECAPITO ( e ) 2 n n per tot + CALABRIA CALABRIA Catanzaro 3 1 4 1 5 CALABRIA CALABRIA Cosenza 3 3 6 1 7 CALABRIA CALABRIA

Dettagli

DITRIBUZIONE SU TERRITORIO ADERENTI AL FONDO PENSIONE FON.TE.

DITRIBUZIONE SU TERRITORIO ADERENTI AL FONDO PENSIONE FON.TE. DITRIBUZIONE SU TERRITORIO ADERENTI AL FONDO PENSIONE FON.TE. Aggiornamento al 15/10/2016 INDICE DISTRIBUZIONE ADERENTI AREA NAZIONALE... 2 DISTRIBUZIONE AREA CENTRO... 3 DISTRIBUZIONE LAZIO... 5 DISTRIBUZIONE

Dettagli

Comunicazioni inviate dai contribuenti al 30 Giugno 2007

Comunicazioni inviate dai contribuenti al 30 Giugno 2007 Comunicazioni inviate dai contribuenti al 30 Giugno 2007 Si precisa che dal mese di Marzo 2002 le conteggiate sono comprensive di quelle inviate dai Centri Di Servizio non più competenti. IL DIRETTORE

Dettagli

FIB - Federazione Italiana Bocce - 07 Dati provinciali assoluti 2001

FIB - Federazione Italiana Bocce - 07 Dati provinciali assoluti 2001 FIB - Federazione Italiana Bocce - 07 Dati provinciali assoluti 2001 PROVINCIA Società Società Società Tesserati Tesserati Tesserati Tesserati Tesserati Tesserati società generale operatori sportive sportive

Dettagli

nota (*) la provincia attualmente rientra nel parametro di 1000 alunni in media ogni istituto del I ciclo pag. 1 di 5

nota (*) la provincia attualmente rientra nel parametro di 1000 alunni in media ogni istituto del I ciclo pag. 1 di 5 studio medio le istituti.xls istituzioni calcolo ottimale (circoli didattici, montagna gli alunni ) al in Abruzzo Chieti 39.057 56 39 17 30 Abruzzo L' Aquila 39.084 45 39 6 13 Abruzzo Pescara 32.239 39

Dettagli

Costruzioni: 136 mila imprese in Lombardia, 276 mila addetti e 30 miliardi di fatturato Perse 2 mila imprese in un anno e 13 mila in 5

Costruzioni: 136 mila imprese in Lombardia, 276 mila addetti e 30 miliardi di fatturato Perse 2 mila imprese in un anno e 13 mila in 5 Costruzioni: 136 mila imprese in Lombardia, 276 mila addetti e 30 miliardi di fatturato Perse 2 mila imprese in un anno e 13 mila in 5 Milano, 22 settembre 2016. 136 mila imprese, 276 mila addetti e 30

Dettagli

Distribuzione per provincia, regione e ordine scuola del contingente di 50.000 nomine per l'a.s. 2007/08 Personale docente ed educativo

Distribuzione per provincia, regione e ordine scuola del contingente di 50.000 nomine per l'a.s. 2007/08 Personale docente ed educativo Distribuzione per provincia, regione e ordine scuola del contingente di 50.000 nomine per l'a.s. 2007/08 Personale docente ed educativo Contingente su posto normale Contingente su scuole speciali Provincia/regione

Dettagli

Tabella di dettaglio assunzioni docenti I grado 2012/2013

Tabella di dettaglio assunzioni docenti I grado 2012/2013 Tabella di dettaglio assunzioni docenti I grado 2012/2013 Regione Provincia Classe di Assunzioni concorso previste Abruzzo Chieti A028 3 Abruzzo Chieti A030 2 Abruzzo Chieti A032 0 Abruzzo Chieti A033

Dettagli

2010 MEDIA* 2010 CLASSIFICA

2010 MEDIA* 2010 CLASSIFICA Regioni, Province e Comuni Capoluogo di Provincia: il rating OSSERVATORIO DONNE NELLA PA R OMA, FORUM PA I Comuni Capoluogo: confronto / Tabella 1 i Comuni Capoluogo ELEZIONI COMUNE DONNE MEDIA* DONNE

Dettagli

Variazione del Numero di Banche in Italia

Variazione del Numero di Banche in Italia TIDONA COMUNICAZIONE del Numero di Banche in Italia Anni: 2000-2014 Analisi statistica Tidona Comunicazione Srl - Via Cesare Battisti, 1-20122 Milano Tel.: 02.7628.0502 - Fax: 02.700.525.125 - - info@tidonacomunicazione.com

Dettagli

Distribuzione per provincia, regione e ordine scuola del contingente di 8.000 nomine per l'a.s. 2009/10 Personale docente ed educativo

Distribuzione per provincia, regione e ordine scuola del contingente di 8.000 nomine per l'a.s. 2009/10 Personale docente ed educativo Distribuzione per provincia, regione e ordine scuola del contingente di 8.000 nomine per l'a.s. 2009/10 Personale docente ed educativo Scuola dell'infanzia su posto normale Scuola primaria Scuola secondaria

Dettagli

CAPITOLATO D ONERI - ALLEGATO A DISTRIBUZIONE TERRITORIALE DEI PUNTI DI VENDITA DI GIOCO IPPICO

CAPITOLATO D ONERI - ALLEGATO A DISTRIBUZIONE TERRITORIALE DEI PUNTI DI VENDITA DI GIOCO IPPICO CAPITOLATO D ONERI - ALLEGATO A DISTRIBUZIONE TERRITORIALE DEI PUNTI DI VENDITA DI GIOCO IPPICO Procedura di selezione per l affidamento in concessione dell esercizio dei giochi pubblici di cui all articolo

Dettagli

Risultati finali elezioni Fondo Espero del marzo 2010

Risultati finali elezioni Fondo Espero del marzo 2010 Risultati finali elezioni Fondo Espero del 2-3 - 4 marzo 2010 SCRUTINIO A LIVELLO NAZIONALE (eseguito il 05/03/2010 alle ore 11:58) Preferenza Numero di voti LISTA 6: CISL SCUOLA 7374 LISTA 1: FLC CGIL

Dettagli

Posti disponibili Scuola dell'infanzia Situazione al 4 luglio 2005 Tipologia di Descrizione

Posti disponibili Scuola dell'infanzia Situazione al 4 luglio 2005 Tipologia di Descrizione Totale Abruzzo 257 Basilicata Matera AN comune 16 Basilicata Matera DH per minorati dell'udito 1 Basilicata Matera EH per minorati psicofisici 3 Basilicata Potenza AN comune 55 Basilicata Potenza CH per

Dettagli

Regione PSN - POSTI DISPONIBILI SU INFANZIA DOPO MOBILITA' Ambiti Posti Comuni su ambito Docenti traferiti su ambito Posti comuni liberi su ambito dopo chiamata diretta Posti Sostegno su ambito Docenti

Dettagli

Proposte di nomina FASE B ( al 2 Settembre)

Proposte di nomina FASE B ( al 2 Settembre) ABRUZZO L' Aquila Comune A013 2 2 ABRUZZO L' Aquila Comune A059 1 1 ABRUZZO L' Aquila Comune AN77 1 1 ABRUZZO Chieti Sostegno AD00 11 11 ABRUZZO Chieti Sostegno ADAA 7 7 ABRUZZO Chieti Comune A007 1 1

Dettagli

Elaborazione flash. Ufficio Studi Confartigianato 23/ novembre 2009

Elaborazione flash. Ufficio Studi Confartigianato 23/ novembre 2009 Elaborazione flash Ufficio Studi Confartigianato 23/2009 3 novembre 2009 L imprenditoria femminile artigiana sul territorio 6 Osservatorio Confartigianato Donne Impresa In questa nota proponiamo le tabelle

Dettagli

Distribuzione di Internet a livello generale (persone fisiche e giuridiche italiane e straniere): Ranking Regioni Numero domini registrati

Distribuzione di Internet a livello generale (persone fisiche e giuridiche italiane e straniere): Ranking Regioni Numero domini registrati Generale Anche per il 2009 la regione Trentino Alto Adige risulta essere la prima in termini di tasso di (numero dei domini rapportati alla popolazione). Distribuzione di Internet a livello generale (persone

Dettagli

La domanda di lavoro delle imprese nel II trimestre 2013 aprile-giugno

La domanda di lavoro delle imprese nel II trimestre 2013 aprile-giugno ALIA ITA MONITORAGGIO TRIMESTRALE DI UNIONCAMERE DEI FABBISOGNI PROFESSIONALI DELLE IMPRESE ITALIANE A LIVELLO PROVINCIALE Dati provinciali La domanda di lavoro delle imprese nel II trimestre 2013 aprile-giugno

Dettagli

NUMERO UNITA IMMOBILIARI DI CATEGORIA A1 (ABITAZIONI DI TIPO SIGNORILE) PER PROVINCE ANNO 2012

NUMERO UNITA IMMOBILIARI DI CATEGORIA A1 (ABITAZIONI DI TIPO SIGNORILE) PER PROVINCE ANNO 2012 DI CATEGORIA A1 (ABITAZIONI DI TIPO SIGNORILE) PER PROVINCE ANNO 2012 GENOVA 5.127 CATANZARO 136 FIRENZE 3.800 LECCO 136 NAPOLI 3.770 PORDENONE 132 MILANO 2.813 RAGUSA 126 TORINO 2.512 AOSTA 114 ROMA 2.121

Dettagli

CCIAA MACERATA - Imprese Artigiane attive Regioni e Province italiane - Serie trimestrale

CCIAA MACERATA - Imprese Artigiane attive Regioni e Province italiane - Serie trimestrale CCIAA MACERATA - Imprese Artigiane attive Regioni e Province italiane - Serie trimestrale Abruzzo Basilicata Calabria Campania Emilia-Romagna Friuli-Venezia Giulia Lazio Liguria Lombardia Marche 2015 2016

Dettagli

- DISTRIBUZIONE TERRITORIALE IN ITALIA DEL NETWORK SANITARIO -

- DISTRIBUZIONE TERRITORIALE IN ITALIA DEL NETWORK SANITARIO - - DISTRIBUZIONE TERRITORIALE IN ITALIA DEL NETWORK SANITARIO - DISTRIBUZIONE TERRITORIALE IN ITALIA DEL NETWORK SANITARIO Previnet è in grado di mettere a disposizione dei propri clienti un network sanitario

Dettagli

Regione Provincia Classe di concorso Contingente

Regione Provincia Classe di concorso Contingente Regione Provincia Classe di concorso Contingente ABRUZZO CHIETI AB77 1 ABRUZZO CHIETI AC77 0 ABRUZZO CHIETI AG77 1 ABRUZZO CHIETI AJ77 0 ABRUZZO CHIETI AK77 0 ABRUZZO L'AQUILA AB77 1 ABRUZZO L'AQUILA AG77

Dettagli

Consulenza Concorsi a Premi ROSSI & MARTIN. Consulenza concorsi a premi

Consulenza Concorsi a Premi ROSSI & MARTIN. Consulenza concorsi a premi Consulenza Concorsi a Premi ROSSI & MARTIN Consulenza concorsi a premi Consulenza concorsi a premi Rossi & Martin telefona subito (0187 722272 0521 223260-340 7053450) o invia subito una email (carlorossi@infogiur.com)

Dettagli

7 RAPPORTO 2016 UIL(LUGLIO 2016) LA CASSA INTEGRAZIONE PER MACRO AREE, REGIONI E PROVINCE

7 RAPPORTO 2016 UIL(LUGLIO 2016) LA CASSA INTEGRAZIONE PER MACRO AREE, REGIONI E PROVINCE Servizio Politiche Attive e Passive del Lavoro 7 RAPPORTO 2016 UIL(LUGLIO 2016) LA CASSA INTEGRAZIONE PER MACRO AREE, REGIONI E PROVINCE ORE AUTORIZZATE LUGLIO2016 dati per macro area e regioni - (confronto

Dettagli

COMPARTO SCUOLA RILEVAZIONE DELEGHE 31 DICEMBRE 2002

COMPARTO SCUOLA RILEVAZIONE DELEGHE 31 DICEMBRE 2002 COMPARTO SCUOLA RILEVAZIONE DELEGHE 31 DICEMBRE 2002 SCHEDA N. 1 - SCUOLA Amministrazione Comune Provincia n. dipendenti al 31.12.2002 n. deleghe al 31.12.2002 schede da compilare 1 - Dirigenti scolastici

Dettagli

Fonte: Direzione Risorse Umane Dirigente Responsabile: Alessandra Zinno Data Aggiornamento: 1 gennaio 2014

Fonte: Direzione Risorse Umane Dirigente Responsabile: Alessandra Zinno Data Aggiornamento: 1 gennaio 2014 Fonte: Direzione Risorse Umane Dirigente Responsabile: Alessandra Zinno Data Aggiornamento: 1 gennaio 2014 UNITA' ORGANIZZATIVA A2 A3 B1 B2 B3 C1 C2 C3 C4 C5 DI 2 F DIRIGN T DI 2 GNRAL Automobile Club

Dettagli

NORD EST CAMPIONE DI RACCOLTA DIFFERENZIATA

NORD EST CAMPIONE DI RACCOLTA DIFFERENZIATA NORD EST CAMPIONE DI RACCOLTA DIFFERENZIATA TREVISO, ROVIGO E PORDENONE LE PROVINCE PIÙ VIRTUOSE CON OLTRE IL 65% DI RACCOLTA DIFFERENZIATA MA L ITALIA NON HA ANCORA RAGGIUNTO L OBIETTIVO DEL 35% ENTRO

Dettagli

DIPARTIMENTO PER I TRASPORTI TERRESTRI ED IL TRASPORTO INTERMODALE

DIPARTIMENTO PER I TRASPORTI TERRESTRI ED IL TRASPORTO INTERMODALE Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti DIPARTIMENTO PER I TRASPORTI TERRESTRI ED IL TRASPORTO INTERMODALE Direzione Generale per la Motorizzazione Centro Elaborazione Dati Ufficio Statistiche ESITI

Dettagli

COMPARTO PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI RILEVAZIONE DELEGHE 31 DICEMBRE 2002

COMPARTO PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI RILEVAZIONE DELEGHE 31 DICEMBRE 2002 COMPARTO PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI RILEVAZIONE DELEGHE 31 DICEMBRE 2002 SCHEDA N. 1 - PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI Amministrazione Comune Provincia n. dipendenti al 31.12.2002 n. deleghe

Dettagli

FIAT PANDA 166 FIAT PANDA 82

FIAT PANDA 166 FIAT PANDA 82 ABRUZZO 2015 ENIMENTI 2015 ABRUZZO FIAT PANDA 166 FIAT PANDA 76 PROVINCIA RUBATE ENUTE CITROEN C3 124 FIAT UNO 68 L AQUILA 213 102 VOLKSWAGEN GOLF 107 FIAT 35 CHIETI 643 205 FIAT 87 LANCIA Y 26 PESCARA

Dettagli

UNITÀ OPERATIVE TERRITORIALI DI CERTIFICAZIONE, VERIFICA E RICERCA

UNITÀ OPERATIVE TERRITORIALI DI CERTIFICAZIONE, VERIFICA E RICERCA UNITÀ OPERATIVE TERRITORIALI DI CERTIFICAZIONE, VERIFICA E RICERCA PIEMONTE ALESSANDRIA Competenza territoriale per le province di Alessandria, Asti 15121 Alessandria, via A. Gramsci 2 Tel. 0131/252653,

Dettagli

VENDITE IN AUTOSTRADA ED EROGATI MEDI ADS DATI AGGIORNATI AL 2012 E STIME SUL 2013

VENDITE IN AUTOSTRADA ED EROGATI MEDI ADS DATI AGGIORNATI AL 2012 E STIME SUL 2013 VENDITE IN AUTOSTRADA ED EROGATI MEDI ADS DATI AGGIORNATI AL 2012 E STIME SUL 11.. DATI DI SINTESI LLee veendittee ini EROGATII GENERALLI I DELLLLA RETE Anno Benzina (*) Gasolio (*) Totale (*) Var. su

Dettagli

La spesa per gli utenti domestici del servizio idrico integrato 1

La spesa per gli utenti domestici del servizio idrico integrato 1 La spesa per gli utenti domestici del servizio idrico integrato 1 L indagine svolta dall Osservatorio Prezzi e Tariffe di Cittadinanzattiva si è focalizzata sul servizio idrico integrato per uso domestico

Dettagli

IL SERVIZIO IDRICO INTEGRATO. Indagine a cura dell Osservatorio prezzi e tariffe di Cittadinanzattiva

IL SERVIZIO IDRICO INTEGRATO. Indagine a cura dell Osservatorio prezzi e tariffe di Cittadinanzattiva IL SERVIZIO IDRICO INTEGRATO Indagine a cura dell Osservatorio prezzi e tariffe di Cittadinanzattiva Aprile 2012 1 La spesa per gli utenti domestici del servizio idrico integrato 1 L indagine svolta dall

Dettagli

Province a rischio. Province a rischio

Province a rischio. Province a rischio TAB 1 - Il "destino" delle a seguito della spending review Città metropolitane salve a rischio Totale Nord 5 11 24 40 Centro 2 4 16 22 Sud 3 11 10 24 Totale 10 26 50 86 Elaborazione Plancia - strumento

Dettagli

Calendario distribuzione volumi

Calendario distribuzione volumi Calendario distribuzione volumi Le date di inizio distribuzione sono da ritenersi indicative e potrebbero subire delle variazioni 2008 ELENCO ALESSANDRIA Casa ALESSANDRIA Lavoro ASTI Casa ASTI Lavoro CUNEO

Dettagli

Abruzzo Basilicata Calabria Campania Emilia Romagna Friuli Venezia Giulia. Reggio Calabria. Reggio Emilia. Vibo Valentia

Abruzzo Basilicata Calabria Campania Emilia Romagna Friuli Venezia Giulia. Reggio Calabria. Reggio Emilia. Vibo Valentia Gorizia Pordenone Trieste Udine AAAA SCUOLA DELL'INFANZIA 3 3 8 0 3 EEEE SCUOLA PRIMARIA 7 3 5 7 7 8 6 3 3 6 9 A03 CHIMICA E TECNOLOGIE CHIMICHE A06 COSTRUZIONI TECNICO A07 DISCIPLINE ECONOMICO-AZIENDALI

Dettagli

LE CAMERE DI COMMERCIO IN ITALIA. Prima e dopo l autoriforma

LE CAMERE DI COMMERCIO IN ITALIA. Prima e dopo l autoriforma LE CAMERE DI COMMERCIO IN ITALIA Prima e dopo l autoriforma Tuttocamere Camere di Commercio in Italia Prima e dopo l autoriforma Novembre 2016 Pag. 1/15 CHIETI di PESCARA. REGIONE ABRUZZO DI CHIETI PESCARA

Dettagli

Croce Rossa Italiana

Croce Rossa Italiana Croce Rossa Italiana Fase I OFFERTA DI MOBILITA Dati aggiornati al 10 marzo 2016 ore 12.00... 1 Sezione 1 Partecipazione... 2 Tab. 1.1 - Amministrazioni partecipanti alla rilevazione dei fabbisogni per

Dettagli

IMU 6,6 COSTO PER UNA ABITAZIONE ABITAZIONE A/3 ABITAZIONE A/2

IMU 6,6 COSTO PER UNA ABITAZIONE ABITAZIONE A/3 ABITAZIONE A/2 SIMULAZIONE COSTI IMU E SULLA PRIMA CASA CON RIVALUTAZIONE DELLE RENDITE DEL 5% (ATTUALE CALCOLO): I DATI NELLE CITTA CAPOLUOGO La simulazione sui costi deli IMU per le abitazioni principali e per la ReS,

Dettagli

CNESC Conferenza Nazionale Enti per il Servizio Civile. III Rapporto sul servizio civile in Italia

CNESC Conferenza Nazionale Enti per il Servizio Civile. III Rapporto sul servizio civile in Italia CNESC Conferenza Nazionale Enti per il Servizio Civile III Rapporto sul servizio civile in Italia Il presente Rapporto è stato curato da Daniele Scaglione. L elaborazione dei dati dell UNSC è di Diego

Dettagli

CAPITOLO 4 - DATI PROVINCIALI

CAPITOLO 4 - DATI PROVINCIALI CAPITOLO 4 - DATI PROVINCIALI Tavola 4.1 - Popolazione i 15 anni e oltre per conizione, regione, provincia e sesso - Meia 2003 (ati in migliaia) FORZE DI LAVORO NON FORZE DI LAVORO IN ETÀ LAVORATIVA (15-64

Dettagli

15/10/2014. Consegnato OO.SS. 14 ottobre 2014

15/10/2014. Consegnato OO.SS. 14 ottobre 2014 Consegnato OO.SS. 14 ottobre 2014 Mobilità 2014 Analisi domande pervenute Il numero complessivo delle domande pervenute nel 2014 è 5366 così distribuite: Funzione totale domande MP 1174 SP 4158 CORPORATE

Dettagli

Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti

Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti DIPARTIMENTO PER I TRASPORTI, LA NAVIGAZIONE ED I SISTEMI INFORMATIVI E STATISTICI Direzione Generale per la Motorizzazione Centro Elaborazione Dati Ufficio

Dettagli

Elenco distretti relativi all'anagrafe delle scuole 2009-2010

Elenco distretti relativi all'anagrafe delle scuole 2009-2010 Abruzzo Chieti DISTRETTO 009 Abruzzo Chieti DISTRETTO 010 Abruzzo Chieti DISTRETTO 011 Abruzzo Chieti DISTRETTO 015 Chieti Conteggio 4 Abruzzo L'Aquila DISTRETTO 001 Abruzzo L'Aquila DISTRETTO 002 Abruzzo

Dettagli

Tab. A.1 Le istituzioni scolastiche per provincia- a.s. 2000/01

Tab. A.1 Le istituzioni scolastiche per provincia- a.s. 2000/01 APPENDICE Tab. A.1 Le istituzioni scolastiche per provincia- a.s. 2000/01 Circoli didattici Istituti comprensivi Scuola di base di I grado di II grado Scuola secondaria Istituti d'istruzione superiore

Dettagli

Numero eventi di malattia per classe di durata dell'evento in giorni e settore - Anni 2012 e 2013

Numero eventi di malattia per classe di durata dell'evento in giorni e settore - Anni 2012 e 2013 Numero certificati di malattia per settore - Anni 2012 e 2013 2012 2013 Var. % 2012/2013 Settore privato 11.738.081 11.869.521 +1,1 Settore pubblico 5.476.865 5.983.404 +9,2 Totale 17.214.946 17.807.925

Dettagli

Individuazione del personale degli enti di area vasta destinatarie delle procedure di mobilità

Individuazione del personale degli enti di area vasta destinatarie delle procedure di mobilità Individuazione del personale degli enti di area vasta destinatarie delle procedure di mobilità Monitoraggio sulla partecipazione alla rilevazione Dati aggiornati al 16 novembre 2015 ore 10.30 Sezione 1

Dettagli

AZIONI SULLE STRUTTURE AZIONE DELLA NEVE. DISCLAIMER 4 ottobre 2011 AzioniNVRev0 Pagina 1 di 6

AZIONI SULLE STRUTTURE AZIONE DELLA NEVE. DISCLAIMER 4 ottobre 2011 AzioniNVRev0 Pagina 1 di 6 AZIONI SULLE STRUTTURE Gentile Professionista, nel presente documento sono riportati i valori approssimati (per eccesso) delle azioni da neve e da vento utilizzabili per il dimensionamento di strutture

Dettagli

Strutture Sanitarie convenzionate da UniSalute per il Fondo mètasalute

Strutture Sanitarie convenzionate da UniSalute per il Fondo mètasalute Strutture Sanitarie convenzionate da UniSalute per il Fondo mètasalute ABRUZZO Case di cura / Ospedali / Day-Surgery CHIETI e provincia L'AQUILA e provincia PESCARA e provincia Centri diagnostici /Poliambulatori/Studi

Dettagli

BOLOGNA CORTE D'APPELLO BOLOGNA 18 BOLOGNA TRIBUNALE BOLOGNA 34. BARI Totale 54 BARI TRIBUNALE FOGGIA 20 BARI TRIBUNALE BARI 24 BARI TRIBUNALE TRANI

BOLOGNA CORTE D'APPELLO BOLOGNA 18 BOLOGNA TRIBUNALE BOLOGNA 34. BARI Totale 54 BARI TRIBUNALE FOGGIA 20 BARI TRIBUNALE BARI 24 BARI TRIBUNALE TRANI A LLEGATO I ANCONA CORTE D'APPELLO ANCONA 4 ANCONA TRIBUNALE ANCONA 14 ANCONA TRIBUNALE ASCOLI PICENO ANCONA TRIBUNALE FERMO 9 ANCONA TRIBUNALE MACERATA 4 ANCONA TRIBUNALE PESARO 10 ANCONA TRIBUNALE URBINO

Dettagli

Presenze dei migranti nelle strutture di accoglienza in Italia

Presenze dei migranti nelle strutture di accoglienza in Italia Ministero dell Interno Portale Web Scheda d approfondimento Presenze dei migranti nelle strutture di accoglienza in Italia Dati e statistiche a cura del dipartimento per le Libert civili e líimmigrazione

Dettagli

Tabelle di ripartizione della dotazione organica del personale non dirigenziale tra le strutture territoriali doganali

Tabelle di ripartizione della dotazione organica del personale non dirigenziale tra le strutture territoriali doganali Direzioni Direzione interregionale per la Campania e la Calabria 5 318 509 832 Direzione interregionale per l Emilia Romagna e le Marche 5 310 510 825 Direzione interregionale per il Lazio e l Abruzzo

Dettagli

Servizio relazioni con i media Tel. 02/ Tel Comunicati

Servizio relazioni con i media Tel. 02/ Tel Comunicati Servizio relazioni con i media Tel. 02/8515.5224-5298 Tel. 0392807511 0392807521 3356413321. Comunicati www.mi.camcom.it Per i dolci di Pasqua 4mila imprese in Lombardia Più richiesta la colomba di qualità

Dettagli

DM 12 maggio Informazioni anagrafiche per invio bilanci alla BDAP

DM 12 maggio Informazioni anagrafiche per invio bilanci alla BDAP DM 12 maggio 2016 - Informazioni anagrafiche per invio bilanci alla BDAP Province (dati aggiornati al 22/12/2016) Eventuali aggiornamenti anagrafici (fusioni, nuova denominazione, ecc.) e le istituzioni

Dettagli

LA CRISI ECONOMICA ED IL LAVORO: LA UIL FOTOGRAFA IL DISAGIO OCCUPAZIONALE

LA CRISI ECONOMICA ED IL LAVORO: LA UIL FOTOGRAFA IL DISAGIO OCCUPAZIONALE UIL SERVIZIO POLITICHE DEL LAVORO E DELLA FORMAZIONE GENNAIO 2009 113.280.645 63.809.423 70.625.064 36.352.475 14.919.992 9.630.745 34.551.230 24.641.844 NORD CENTRO MEZZOGIORNO ITALIA ANNO ANNO 2007 LA

Dettagli

Numero di Banche in Italia

Numero di Banche in Italia TIDONA COMUNICAZIONE Analisi statistica Anni di riferimento: 2000-2012 Tidona Comunicazione Srl - Via Cesare Battisti, 1-20122 Milano Tel.: 02.7628.0502 - Fax: 02.700.525.125 - Tidonacomunicazione.com

Dettagli

- DISTRIBUZIONE TERRITORIALE IN ITALIA DEL NETWORK ODONTOIATRICO -

- DISTRIBUZIONE TERRITORIALE IN ITALIA DEL NETWORK ODONTOIATRICO - - DISTRIBUZIONE TERRITORIALE IN ITALIA DEL NETWORK ODONTOIATRICO - DISTRIBUZIONE TERRITORIALE IN ITALIA DEL NETWORK ODONTOIATRICO Previnet è in grado di mettere a disposizione dei propri clienti un network

Dettagli

Legge 7 aprile 2014, N. 56 Elezioni di secondo grado dei presidenti e dei consigli provinciali

Legge 7 aprile 2014, N. 56 Elezioni di secondo grado dei presidenti e dei consigli provinciali ALLEGATO C minimo minimo p di dei 427.229 190 2.126 12 ALESSANDRIA min 6 217.573 118 1.288 10 ASTI min 5 586.378 250 2.827 12 CUNEO min 6 365.559 88 1.021 12 NOVARA min 6 176.941 86 919 10 VERCELLI min

Dettagli

Abruzzo Basilicata Calabria. Reggio Calabria. Vibo Valentia. Grado di istruzione / Classe di concorso

Abruzzo Basilicata Calabria. Reggio Calabria. Vibo Valentia. Grado di istruzione / Classe di concorso Chieti L'Aquila Pescara Teramo Matera Potenza Catanzaro Cosenza Crotone 3 7 3 5 6 4 5 7 6 A03 CHIMICA E TECNOLOGIE CHIMICHE A06 COSTRUZIONI E TECNICO A07 DISCIPLINE ECONOMICO-AZIENDALI 3 A09 DISCIPLINE

Dettagli

ZA6774. Flash Eurobarometer 436 (Perceived Independence of the National Justice Systems in the EU among Companies) Country Questionnaire Italy

ZA6774. Flash Eurobarometer 436 (Perceived Independence of the National Justice Systems in the EU among Companies) Country Questionnaire Italy ZA677 Flash Eurobarometer 6 (Perceived Independence of the National Justice Systems in the EU among Companies) Country Questionnaire Italy FL6 Independence of Justice BTB IT D In quale provincia è ubicata

Dettagli

ASSEMBLEE ELETTIVE DI LEGA E AREA UISP QUADRIENNIO 2012/ /17 Nazionale: Discipline dei Territoriali per Lega Filtri: ATTIVITA' SUBACQUEE (Lega)

ASSEMBLEE ELETTIVE DI LEGA E AREA UISP QUADRIENNIO 2012/ /17 Nazionale: Discipline dei Territoriali per Lega Filtri: ATTIVITA' SUBACQUEE (Lega) ASSEMBLEE ELETTIVE DI LEGA E AREA UISP QUADRIENNIO 0/ 0/7 Nazionale: Discipline dei Territoriali per Lega LEGA: ATTIVITA' SUBACQUEE ABRUZZO Regionale PESCARA ATTIVITA' SUBACQUEA ARA ABRUZZO Regionale PESCARA

Dettagli

Parte seconda AVVERTENZE

Parte seconda AVVERTENZE Parte seconda Infortuni sul lavoro e malattie professionali definiti e indennizzati dall INAIL AVVERTENZE In questa sezione sono riportate le statistiche relative ai casi di infortunio avvenuti e le malattie

Dettagli

Abruzzo Chieti 2 Abruzzo L' Aquila 2 Abruzzo Pescara 0 Abruzzo Teramo Totale Abruzzo. 12 Basilicata Matera 0 Basilicata Potenza Totale Basilicata

Abruzzo Chieti 2 Abruzzo L' Aquila 2 Abruzzo Pescara 0 Abruzzo Teramo Totale Abruzzo. 12 Basilicata Matera 0 Basilicata Potenza Totale Basilicata Mobilità professionale personale ATA profilo professionale DSGA Destinatari dei corsi di di cui all'art. 7 CCNI 3.12.29 - art. 1, comma 2, sequenza contrattuale 25.7.28 - (ex art. 48 CCNL/27) DSGA Personale

Dettagli

Mailing List FEDERAZIONE NAZIONALE DEI MAESTRI DEL LAVORO D ITALIA. MAILING LIST (Agenda Indirizzi di Posta Elettronica aggiornata al 1 giugno 2013)

Mailing List FEDERAZIONE NAZIONALE DEI MAESTRI DEL LAVORO D ITALIA. MAILING LIST (Agenda Indirizzi di Posta Elettronica aggiornata al 1 giugno 2013) Mailing List FEDERAZIONE NAZIONALE DEI MAESTRI DEL LAVORO D ITALIA MAILING LIST (Agenda Indirizzi di Posta Elettronica aggiornata al 1 giugno 2013) Consolati Regionali Consolati Provinciali Indirizzo Posta

Dettagli

Modello di classificazione Uffici Postali 2007

Modello di classificazione Uffici Postali 2007 Modello di classificazione Uffici Postali 2007 Roma, novembre 2006 SCHEMA DI SINTESI TECNICO CLASSIFICAZIONE UFFICI POSTALI 2007 Nello schema di seguito allegato e nelle slide seguenti in relazione alla

Dettagli

POSTI DISPONIBILI SCUOLA ELEMENTARE

POSTI DISPONIBILI SCUOLA ELEMENTARE POSTI DISPONIBILI SCUOLA ELEMENTARE Regione Provincia Prov O.D.98/99 Titolari 98/99 posti docenti Domande di cessazione 1/9/99 Abruzzo Chieti CH 1.618 1.615 3 0 48 Abruzzo L'Aquila AQ 1.374 1.374 0 0 57

Dettagli

Lo Smart City Index e il ruolo della Pubblica Amministrazione nelle Smart Cities. Marco Mena, Senior Advisor EY

Lo Smart City Index e il ruolo della Pubblica Amministrazione nelle Smart Cities. Marco Mena, Senior Advisor EY Lo Smart City Index e il ruolo della Pubblica Amministrazione nelle Smart Cities Marco Mena, Senior Advisor EY Un nuovo modo di leggere e progettare la Smart City 2013-2015 BROADBAND HEALTH EDUCATION GOVERNMENT

Dettagli

Prezzi delle case in calo del 2,5% nel terzo trimestre 2015

Prezzi delle case in calo del 2,5% nel terzo trimestre 2015 Prezzi delle case in calo del 2,5% nel terzo trimestre 2015 È il calo di più deciso di quest anno, ora il prezzo medio in Italia è di 1.996 euro/m² Le sofferenze maggiori riguardano i mercati provinciali,

Dettagli

Servizio relazioni con i media: /

Servizio relazioni con i media: / Servizio relazioni con i media: Ufficio Stampa 02 08515.5224/5298 3356413321 02 7750222 www.mi.camcom.it www.unionemilano.it Vacanze di Pasqua I milanesi prediligono città d arte e mare Sicurezza, si preferiscono

Dettagli

UFFICI DIREZIONE GENERALE

UFFICI DIREZIONE GENERALE OPERAZIONE TRASPARENZA (LEGGE 18 GIUGNO 2009, N. 69) DATI RELATIVI AI TASSI DI ASSENZA E PRESENZA DEL PERSONALE Maggio 2011 Assenze (Ore) 37.475,60 Area Assenze (Ore) ABRUZZO CASA SOGGIORNO PESCARA 252,10

Dettagli

Ufficio Studi. SEDI DI IMPRESA Aggiornamento dati al 31 luglio 2015

Ufficio Studi. SEDI DI IMPRESA Aggiornamento dati al 31 luglio 2015 Ufficio Studi SEDI DI IMPRESA Aggiornamento dati al 31 luglio 2015 SEDI DI IMPRESA Aggiornamento dati al 31 luglio 2015 Il report è realizzato a cura dell Ufficio Studi della Camera di Commercio di Roma.

Dettagli

Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca Dipartimento per l istruzione Direzione Generale per il personale scolastico - Uff.

Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca Dipartimento per l istruzione Direzione Generale per il personale scolastico - Uff. Direzione Generale per il personale scolastico - Uff. V - prot. n. 9762 Roma, 25 novembre 2011 AI DIRETTORI GENERALI DEGLI UFFICI SLASTICI REGIONALI LORO SEDI e, p.c. All Ufficio di Gabinetto dell onorevole

Dettagli

Ufficio Studi. SEDI DI IMPRESA Aggiornamento dati al 31 luglio 2016

Ufficio Studi. SEDI DI IMPRESA Aggiornamento dati al 31 luglio 2016 Ufficio Studi SEDI DI IMPRESA Aggiornamento dati al 31 luglio 2016 SEDI DI IMPRESA Aggiornamento dati al 31 luglio 2016 Il report è stato realizzato dall Ufficio Studi della Camera di Commercio di Roma.

Dettagli

9 RAPPORTO 2016 UIL (SETTEMBRE 2016) LA CASSA INTEGRAZIONE PER MACRO AREE, REGIONI E PROVINCE

9 RAPPORTO 2016 UIL (SETTEMBRE 2016) LA CASSA INTEGRAZIONE PER MACRO AREE, REGIONI E PROVINCE Servizio Politiche Attive e Passive del Lavoro 9 RAPPORTO 2016 UIL (SETTEMBRE 2016) LA CASSA INTEGRAZIONE PER MACRO AREE, REGIONI E PROVINCE ORE AUTORIZZATE SETTEMBRE 2016 dati per macro area, regioni

Dettagli

DATI DEFINITIVI, IN UN COMUNE CAPOLUOGO SU 2 TASI PIU CARA DELL IMU

DATI DEFINITIVI, IN UN COMUNE CAPOLUOGO SU 2 TASI PIU CARA DELL IMU DATI DEFINITIVI, IN UN COMUNE CAPOLUOGO SU 2 TASI PIU CARA DELL Nei casi in cui i proprietari non hanno figli la situazione migliora: solo un su 3 quest anno pagherà di più rispetto al. A Treviso in molti

Dettagli

Foglio1. Totale Alberghiere 384570 Agrigento

Foglio1. Totale Alberghiere 384570 Agrigento Totale Alberghiere 384570 Agrigento Totale Complementari 51828 Agrigento/Caltanissetta Totale Alberghiere 286547 Agrigento/Caltanissetta/Enna Totale Complementari 13157 Totale Alberghiere 339585 Alessandria

Dettagli

Breve sintesi - 2012

Breve sintesi - 2012 Breve sintesi - 2012 L Italia e l Europa nel 2012 Nel 2010 l Assemblea Generale delle Nazioni Unite ha proclamato un nuovo decennio di iniziative per la Sicurezza Stradale 2011-2020 al fine di ridurre

Dettagli

IMU: PROPRIETARI ALLE PRESE CON IL VERSAMENTO DELLA SECONDA RATA

IMU: PROPRIETARI ALLE PRESE CON IL VERSAMENTO DELLA SECONDA RATA IMU: 877.000 PROPRIETARI ALLE PRESE CON IL VERSAMENTO DELLA SECONDA RATA A Bologna (293 ), Milano (269 ) e Genova (227 ) gli importi più elevati. Nelle grandi città si pagherà mediamente il 62% in più

Dettagli

AGRIGENTO Ass. Amministrativo 584 561 23 2 ALESSANDRIA Ass. Amministrativo 332 307 25 2 ANCONA Ass. Amministrativo 451 380 71 5 AREZZO Ass. Amministrativo 337 270 67 5 ASCOLI PICENO Ass. Amministrativo

Dettagli

E di ieri 18 settembre la nota ministeriale 15111/08 che dà il via allo scorrimento delle graduatorie provinciali dei beneficiari dell art. 7.

E di ieri 18 settembre la nota ministeriale 15111/08 che dà il via allo scorrimento delle graduatorie provinciali dei beneficiari dell art. 7. Scuola Le nuove disponibilità da attribuire dal 1 settembre 2008 sulle posizione lasciate libere per pensionamenti, professionale e dimissioni. Nei prossimi giorni il Miur darà istruzioni ai propri uffici

Dettagli

Ripartizione della dotazione organica del personale non dirigenziale dell Area dogane dell Agenzia

Ripartizione della dotazione organica del personale non dirigenziale dell Area dogane dell Agenzia Ripartizione della dotazione organica del personale non dirigenziale dell Area dogane dell Agenzia Con determinazione direttoriale n. 22086 dell 8 ottobre 2015 è stata ripartita la dotazione organica complessiva

Dettagli

Affitti, impennata dei prezzi nel secondo trimestre (+3,1%)

Affitti, impennata dei prezzi nel secondo trimestre (+3,1%) Affitti, impennata dei prezzi nel secondo trimestre (+3,1%) Il prezzo medio di un affitto in Italia si attesta a 8,8 euro mensili Milano la città più cara con 15,6 euro/m² mensili Tra il capoluogo meneghino

Dettagli

AREA PROCESSI FORMATIVI - SETTORE OFFERTA FORMATIVA UFFICIO OFFERTA FORMATIVA CORSI DI I E II LIVELLO, ANS

AREA PROCESSI FORMATIVI - SETTORE OFFERTA FORMATIVA UFFICIO OFFERTA FORMATIVA CORSI DI I E II LIVELLO, ANS Dati Scuola di Lingue e Letterature Pagina 1 di 6 Dati Scuola di Lingue e Letterature AQ L'Aquila n. 1 CH Chieti n. PE Pescara n. 2 TE Teramo n. 5 ABRUZZI Totale 8 MT Matera n. 2 PZ Potenza n. 1 BASILICATA

Dettagli

Elaborazione flash. Ufficio Studi Confartigianato 08/03/2016

Elaborazione flash. Ufficio Studi Confartigianato 08/03/2016 -3,7-3,3-2,4-0,2 2,2 2011 I 2012 I 2013 I 2014 I 2015 I 2015-9,6-6,4-5,8-6,0-3,8-3,2-2,4-3,6-2,9-0,1-0,5-0,7-0,7 0,9 0,7 2,1 2,8 4,0 3,1 3,5 Elaborazione flash Ufficio Studi Confartigianato 08/03/2016

Dettagli

CASE DI LUSSO AL TOP A FIRENZE E GENOVA

CASE DI LUSSO AL TOP A FIRENZE E GENOVA CASE DI LUSSO AL TOP A FIRENZE E GENOVA Degli oltre 74.400 immobili di lusso presenti in Italia che garantiscono alle casse dei Comuni poco più di 91 milioni di euro all anno di Imu, Firenze e Genova sono

Dettagli

Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali. Decreto ministeriale del 20 dicembre 2004

Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali. Decreto ministeriale del 20 dicembre 2004 Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali Decreto ministeriale del 20 dicembre 2004 Gazzetta Ufficiale del 14 gennaio 2005, n. 10 Riparto, tra le regioni e le province autonome, dello stanziamento

Dettagli

J)J~ ~ ~~ wcono?~ico DIREZIONE GENERALE PER IL MERCATO, LA CONCORRENZA, IL CONSUMATORE, LA VIGILANZA E LA NORMATIVA TECNICA

J)J~ ~ ~~ wcono?~ico DIREZIONE GENERALE PER IL MERCATO, LA CONCORRENZA, IL CONSUMATORE, LA VIGILANZA E LA NORMATIVA TECNICA J)J~ ~ ~~ wcono?~ico DIREZIONE GENERALE PER IL MERCATO, LA CONCORRENZA, IL CONSUMATORE, LA VIGILANZA E LA NORMATIVA TECNICA VISTA la legge 29 dicembre 1993, n. 580, ed in particolare l'articolo 10, come

Dettagli

II RAPPORTO UIL IMU TASI

II RAPPORTO UIL IMU TASI II RAPPORTO UIL IMU TASI COSTI DELLA TASI: LA TOP TEN DELLE CITTA DOVE SI PAGA DI PIU I costi sono rapportati ad un abitazione con rendita catastale derivante dalla media ponderata delle abitazioni di

Dettagli

ALL. A POSTI DISPONIBILI DISTRETTO SEDE UFFICIO PROFILO ANCONA ANCONA CORTE D'APPELLO FUNZIONARIO GIUDIZIARIO 2 ANCONA ANCONA TRIBUNALE CANCELLIERE 1

ALL. A POSTI DISPONIBILI DISTRETTO SEDE UFFICIO PROFILO ANCONA ANCONA CORTE D'APPELLO FUNZIONARIO GIUDIZIARIO 2 ANCONA ANCONA TRIBUNALE CANCELLIERE 1 Dipartimento dell Organizzazione Giudiziaria, del Personale e dei Servizi Direzione Generale del Personale e della Formazione Ufficio III - Concorsi e Assunzioni ALL. A DISTRETTO SEDE UFFICIO PROFILO POSTI

Dettagli

Sopravvenienze medie negli anni 2006/2010 presso i tribunali (dati del Ministero della giustizia)

Sopravvenienze medie negli anni 2006/2010 presso i tribunali (dati del Ministero della giustizia) Sopravvenienze medie negli anni 2006/2010 presso i tribunali (dati del Ministero della giustizia) 1. Roma 221.304 (Tribunale con sede in capoluogo di provincia) 2. Napoli 198.136 (Tribunale con sede in

Dettagli

Causali Consulenti del Lavoro

Causali Consulenti del Lavoro Causali Consulenti del Lavoro Codice Descrizione Codice posizione Tipo inizio periodo riferimento AG00 AL00 AN00 AO00 AP00 AQ00 AR00 provinciale di Agrigento provinciale di Alessandria provinciale di Ancona

Dettagli

Fondazione Leone Moressa, Via Torre Belfredo 81/e Mestre (VE)

Fondazione Leone Moressa, Via Torre Belfredo 81/e Mestre (VE) Sono in tutto 411mila le richieste d ingresso presentate nei tre click day, ma le quote ripartite al momento arrivano complessivamente a quota 85mila Quote e ingressi di extracomunitari: soddisfatta solo

Dettagli