1 PREMIO. PER D S CH' CE' di Antonio Fontanoni. [da scanner]

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "1 PREMIO. PER D S CH' CE' di Antonio Fontanoni. [da scanner]"

Transcript

1 1 PREMIO PER D S CH' CE' di Antonio Fontanoni E' stran el ciel se spegn de giorne e s'acend tel scur dla nott. Dventa profond immens pintichiat de stelle [da scanner] I mi' occhj i vostre occhj fors en i occhj dl' Univers per vedse per capis per dìs ch'c'è PER DIRSI CHE CE'- E' strano / il cielo si spegne / di giorno / e si accende / nello scuro della notte / Diventa profondo / immenso / punteggiato / di stelle //1 miei occhi / i vostri occhi / forse sono gli occhi / dell 'Universo /per vedersi /per capirsi /per dirsi che c 'è. 2 PREMIO CAVALL D'ARGENT di Anna Rita Ambrogiani (Urbino, 30 Agosto 2012) Corr cavall bianch sa la criniera al vent, in t'un mond sensa temp. Corr estat e inverne lungh i camin eterne. Corr in mezz al vent, sa '1 tu bell mant d' argent. Corr, vienn fin maché, mo en te lascè domè. Arpart, archiappa el vent, te voj veda argì via lontan in tun moment [da scanner]

2 .. aspetand d'arvedte t'una folata d'vent. Lascia 'na traccia legera com' el vol d'un sogn, perché de quest c'è bsogn; el sogn ch'en s'imbriglia e 'n s'imprigiona e viv dai temp d'i temp liber.. tun ogni persona. 3 PREMIO EPITAFFIO di Maria Teresa Spaccazocchi (Peglio) Quand el bui nascondrà per sempr el mi' soris, en piagna, arcordm soridend e io, soridrò sa i tu' labbri. SEGNALATE per la POESIA (ordine alfabetico) EL SALOTT DLE LAVANDAR di Balsamini Arnaldo S' pol dmandè ma chi sia du' ch'era el salott d'urbin, te sentirè a risponda sensa timoraggin sicurament el Circol Cittadin. Invec' tocca sapè che era for Porta Lavaggin, ti lavato', sotta le volt d'anticca data, ch'adess dormen sepolt t'un metre d'terra, e regghen ancora la salitta dla Montata ch'en ha distrutt manca la guerra. [da scanner] Un vicin a cl'atre, sti nov posett fatti de corniola gialla, ch'è pietra rara, meriten da tutti el massim del rispett in quant "Salott dla lavandara". C'han fatt, invec, un brutt parchegg che pegg de acsé en se podria: cercam no' de fè qualco' ch'en sia pegg

3 in mod da cancelè sta porcheria. Ma lé sotta c'è un tesor che viv ancora e se smena e se sforsa che pió en par. Bastaria un buganin come 'na mora ch'argontaria com un vulcan i fantasmin de tutt le lavandar e s'arvedrjine a sbatta e strufinè in alegria dividendse i posett sa l'acqua chiara che mej de acsé en se podria, e do' anca una baruffa en era rara. La giornata d'una lavandara de tutt l'ann cminciava prest, la matina de bon'ora, specialment quant faceva la bucata sa chel rann e tucava acenda la fornacetta ch'era fora. Tla mastella grossa se meteva i lensol bagnati un strat sopra d'altre fin do' ch' avevne d'arivè po' s' batevne sal masucc ben presati, a ste punt se meteva un tel de poch cont, chiamat c'narè. Pasata la cenner ben ben in tel setacc' dop avé controlat che tutt sia perfett se rimpiva fin a l'orle tutt el stracc, alora se voidava l'acqua calda sal bruchett. Sa st' lavor tucava essa moderat per dè el temp ma l'acqua sensa dann d'atraversè tutt quant i strat fin ch'en scapava da pied el rann. A casa nostra chi dirigeva el buliron era la brava nonna Augusta sa l'aiutt de marna e la sia Irma del Padion. Dop avé fatt sta fatigata cle por donn dovevne pensè ma 'l giorne dop per gì ma i lavato' a sciacquè la lor bucata. Prima de tutt c'era n'acord sensa prepotensa per forme quattre grupp de lavandar sa du posett pr'un e l'acqua a suficensa evitand d'acsé le probabili cagnar. Sicom i pagn bagnati pesne un casin, ma quelle che stavne un po' lontan, per portè tutt, i c' vleva el birucin che preparavne la sera sa tutt le palandran. Era un bel veda la matina tel fè del giorne sti grupett indafarati a sbughè d'ogni canton ch'en vlevne manca le mosch d'intorne e arivavne un po' sfiatate a destinasion. Sol la Ciuffa - che el maritt j aveva fatt un bel cadò, un birucin a quattre rot che tirava a testa alta - quant'era sotta la volta, pareva ch'arivassa sal landò, mo per la discesa per poch s'arbalta.

4 El sol s'è ormai levat dai profil di mont dla Sc'iana ravivand i color dle pietre e di madon d'antica data e sotta le volt l'animasion aumenta in forma strana: c'è chi sbatt e c'è chi strissa e chi urla "svergognata", mo c'è anca chi sa voc discreta intona 'na canson e per incant se forma un cor de bel color. Tant'è l'impast de tutt le voc ch'a la fin avran un ton mo quest en fa diminuì el ritmo del lavor. C'è già chi ha rimpitt le gerle e, facend'se aiutta per apogialle tel fianc, s'incamina vers i stradin del Perle per gì a stenda ti fil de fer i lensol bianc. Sicom i fil en è per tutte de diritt, senti a dì: "Levte da male, brutta troscola, che quel l'ha mess el mi maritt!" Chi ha bon sens se leva, per evitè 'na briscola e, a 'na cert' ora, tra i fil e i boschett de rov du' ch'è stat stes anca l'ultim di lensol, el risultat è sempre quell, en c'è mai gnent de nov: le lavandar se stenden tel prat sa la schiena ch' j dol. Ma i lavato' armanghen sol le trosc' mo, alsand el sguard vers la Montata, te se presenta un bel quadre de Jeronimus Bosc'. EL MI TEMP di Aldo Minutelli (Fermignano, maggio 2011) [da file] Del post per nascia, l'omne en ha mai podut decida Per quest mè nut in ment da gi indietra ti ann mia So già sigur che arcontè sta storia farà soltant rida Comunqu, quest'el mi temp e questa la fotografia Sempre abineta al temp, d'alora questa la mi vitta Pens pió o men com quella de tutti, gnent de specèl Com la mi streda, ora giva in discesa, ora in salitta Infatti ne luc, ne acqua in chesa? tutt normèl Vivev in parità, en podev fè 'n paragon sa gnent Sia la chesa acant, com la giacca del vicin, uguèl En gambieva la strutura, en gambieva l'abigliament Vist sa 'i occhj de ogg, un mond ancora originèl I' so nèt in odor de c'polla, polenta e erba cotta

5 M'arvegh a tre mes tna panuccia de coton e accia Fascet com un salèm, bracc e gamb legheti sotta Nonché, mosch e pulc a spass per la mi faccia De quest en dò la colpa ma nisciun, (era n'uzansa) No ma i vecch (l'avevne erediteta) e manch ma i mia Prò el nonn già s'èra acort, per i monei na soferensa Ansi, ogg se diria adiritura un suplissi, n'anomalia Malé le prim parole sa mama e bab, tutt in dialet Fev fatiga è vera, prò tel gir de poch imparev nicò Credetme i tnev a botta san linguagg guesi perfett Ades marcord, com vleva l'educasion, i dev del vò Dop un pò, so partit in quinta sa la mi curiosità Questa m'ha fat sempre compagnia, robba d'en creda Per me, un fior, n'ucell anca un sass già era na novità Pro anch s'è pin el mond c'è vol i'occh per veda Alora credev che dop l'orizont, en c'èra gnent Infatti el mond era tant pió pcin per me monell Er convint che la terra fniva intorne è precisament Ma Che Madalen, Macia, Chel Guff e Montarcel Sol crescend me so cort c'ariveva un pò pionlà Era un pò pió grand dla vall ch'er abituet a veda C'era sempre nantre mont e nantre ancora in là Che i sa i mi occh da Che Pier en podev aceda Inuttil, en podev arivè pionlà de ch'le quattre ches Inuttil slonghev el coll, c'era poch atre da guardè I che per natura, sia pur per na sciapeta, (cacianes) La vista era troppa poca, en me podev acontentè En avev ben, cerchev sempre un scoi, n'apertura M'alsev tla punta di pied per alarghè la visuel A sei ann, ogni pass pionsò per me era n'aventura Anch s'è de pochi metre, aumentev el capitel M'arampichev ti grep, mo migliorev de poch La chesa era t'na "buga"trop in bass per oservè L'ho provet tutt, perchè dentra m'ardeva un foch Cerchev, a tutt i cost vlev qualcos'atre da filmè Me sentiv n'esplorator del mond tla mi ingenuità Sempre ala ricerca del nov e del mai vist prima Na porta chiusa già me feva pensè sa c'era d'là Dacsé ti mont, en vdev l'ora d'arivè so in cima Tla vitta ho sempre cerchet el post per veda mej Ho vint l'impacc, la paura e colesionet vizion

6 Nonché superet i pont, apert le port e i cancei Pur non avend la scola e tant men la combinasion Adess, da temp cavalch el vent dla fantasia Pió vol alt e pió me sent un signor in gravatta Sempre pió fort avert el profum d'la poesia E fo fiorì tla carta i vers d'la mi testa" matta" Alora vo per le vii del cel e chiem per nom le stelle Le ballerin l'arcnosch una per una, portne el diadema De solit, parle la nott de luna vecchia, sa le pió belle Da veri amici, ormai c'è dem del te, en c'è problema È straordineri viva anca de sola immaginasion Perche aiutta alsè i pied da terra e guardè distant Sepur un sogn armen un sogn, soltant n'inlusion Pro sia pur per un fatt da poch, te premia al'istant Passa i giorne,vola el temp, ho pers el cont di ann So dventet grand, fatigh a tienna in ment nicosa A volt sona el campanel, e s'afaccia qualch malann Prò pió vo vanti e pió la vitta me per meravigliosa È vera, ha ragion el pret, nò sem maché sol de pasagg Che la nostra esistensa dura un soffie, è pió che naturel Infatti en avem ancora apert i occh, che fnit el viagg En vel la pena perda'l temp sa i sold, basta l'esensiel Com en vel la pena aspetè la manna a seda ma i giardin Perchè è pchet mortel fe scorra i det tra i det dle men È mej gì san canestre a coia la gulle tel mont 'Che Pain Che fe un sbadiglie dietra clatre tla piassa d'fermignen L'omne per sentis viv, ha da tienna alta la bandiera Ha da esternè el pensier e i bon frutt del su talent Fai volè distant com i petali d'un fior a primavera S'èl prodod d'la riflesion, dai è acqua de sorgent I purtrop, ho dovut guardè dal bass dla mi ignoransa Oltre al nòv, el bell ho acareset tutt quel m'intereseva Ho robet i bon frut longh la streda dla mi ezistensa Ho colt l'idea,l'ingegn el motiv al'istant, se no voleva Ogg chel monell s'arampicheva ti grep per guardè È sempre amant del bell, del mond e l'immensità A otant'ann, ancora un desideri, un sogn da realizè Arivè fina l'estremità del cel e butè l'occh pionlà

7 EL PRIM GIORNE.. D'AUTUNN di Giuseppina Ranocchi Stamattina mentre me trucav davanti al specchj per comparì un po' mej, ho vist un fil color argent che lucicava tutt in mezz a i mi' capei tutti pulitti. E quest sa ch'è? Po' ho guardat mej e ho scopert el prim capell bianch. Che batticor! E' stat com quant t'acorgi che l'estat è fnitta, e tun moment è arivat l'autunn sa le prim foje ch'lascen l'alber. Te senti un non so che dentra de te! Se sa, l'autunn è bell sa tutti i su' color che vann dal ross bordò a tutt le tonalità del giall, ce vria verament un pitor brav com era Rafaell per disegnè cle meraviglie! Se sa, l'estat è bella, ce fa sentì più giovani sa 'na gran voja d'viva, el sol ce scalda 'i oss, en sentim fredd. Ma s'ha da capì che dop dl'estat ariva sempre el prime giorne d'autunn com el prim fil d'argent in ti capei. LA SERA D'LA VIGILIA di Alessandro Sanchini [da scanner] La sera d'la Vigilia

8 givam io e babbo a fè 'i augur ma la mi' sia. Stava in cima a Sant'Andrea, t' la casa del si' Filo. Tel pianerottol de c'la casa, ce givam d'estat perchè era fresch, e a setembre quand svinaven ce daven un bichierin de most. E ce givam quand arivava i vigil, perchè giochè al palon faceva i chiopp tel mur e la gent vleva dormì de pomerigg. E lìa ce nascondeva tel terass e da malasò guardavam sa sucedeva. C'la sera de Vigilia nevicava lent e largh, sa 'l silensi ch'fa la nev quand casca bella e tacca. Per terra scrichiolava tutta bianca. Mi' padre me t'neva per la mana e a metà salitta 'i ho dmandat: "Babbo, domani è Natale?" E lò m'ha rispost: "Certo che è Natale". El sapev ch'era la Vigilia e dman era Natal, mò sentimle dì, m'ha datt più gust ancora. SEGNALATE per la PROSA NARRATIVA (ordine alfabetico) LA GUERRA DE LALLO (Munument) di Massimo Arcamgeli [da file] Nazaren, el mi' babb, quant volt a l'impruvìs m'è arnutt a runzè tel cervell per rinfrescam la memoria, per arcurdam, anch se t'la su' vitta tutt quel ch' m'ha dett c' podeva stè scritt largh t'un foj protocoll, d'essa stat sa'l su' cumportament, sa'l rispett d'le reggol, d'esempi per no' de casa e per tutt quei ch' l'hann cnusciut. Babo era nat ma la Furnacia, t'na buga formata da 'na vall stretta e chiusa, che anca el sol la praticava poch. Vicin al vilagg, tel punt piό bass de c'la conca, c'scorr l'apsa, un torent che oltre a mantiena la zona ummida, permeteva ti period giusti da peschè di bei pesc e l'inguille. El su' mond era tutt malé, fniva giust giust do' j arivava la vista. Stava ben tun chel post, c'nusceva ma tutti e le robb ch'aveva da fè erne sempre quelle, en c'era bsogn da pensè tant, bastava guardè mai grand e arfè tutt cum facevne lor. Le giurnat j pasavne veloc: a la matina prest a parè le pécre,

9 pό a scola e pό a pichiè t'la stalla o a gì a chiapè, pòch dòp l'osteria de Bruscia, 'na mulicca piό in sό d'la casa rossa, l'acqua ma 'l canell. E' stat propi ma lè ch'èn cminciat le cumplicasion perché a rimpì j orc ma c'la font spess incuntrava ma la Rusina. S'cnoscevne da sempre, erne nati tutt do' dentra chel cuvacc d'miseria do' nisciun c'aveva 'na lira da cacè t'un occhj. Man man ch'crescevne prò s'guardavne sempre piό fitt e alora j incontre en erne pió per sbaj mo perché i vlevne lor. La Rusina era 'n petrusin da quattr'ett sa j stracc e tutt, c'aveva el sguard visp e la tigna de chi vleva cmandè. Cum suced spess anch ogg, a forsa da vedse e da stè insiem s'chiappa troppa cunfidensa e acsé s'artrovne sa 'n fiulin in ariv e sa 'l problema da dill ma i genitor. A ogni mod, da che mond e mond, st' robb s' risolvne sempre e la Rusina, sa la benedision di sua e el birucin sa 'l cored tirat da Nazaren, s'avia vers la casa di sočre. La fameja d' Nazaren era pina d' gent, Tmasin e la Madalena, el su' babb e la su' mama, avevne lavrat ben perché per mandè avanti 'n puder com el lor c'vlevne 'na mucchia d' person. Madalena era morta dop avé fijat quatordic fiol, diec erne cresciut forti e rubusti, quattre erne morti apena nat. A chi temp i burdei ch' murivne da pcin facevne part d'la vitta, argì dal Signurin era tel cont, tant è ch'en s'fniva manch da piagna ch'le por annim, che da già n'antra era pronta per essa sfurnata. Mo, propi cum s'avesne pisciat tel Batesim, la fameja de Nazaren e d'la Rusina cmincia sa 'n lutt. La lor fiola, Mafalda, campa poch e gnent, lasciand t'la disperasion ma i du' genitor. Lallo, acsé niva chiamat da tutti mi' padre, piό fatalista, supera mej el dulόr, la Rosa, mi' madre, s' tira dietra 'na brutta rogna: un bell esauriment. Che periodacc quel de ch'j ann, en s' fava a dè 'l rest e petta la porta sufiava n'ariaccia che a dì pòch t' faceva stregna le chiapp: n'udόr de guerra strisciant intasava l'aria e nisciun pudeva sapé cum saria gitta a fnì e quanti disastre e lutt avria lasciat sora le spalle de c'la pora gent. Era nat da poch mi fratell che babo part per fè 'l militar, un dover che cum sempre acetta sensa tanti manfre perché bsugnava fall. Per furtuna j capita d'essa asegnat ma 'n regiment d'artiglieria da campagna, a fè propi quel ch'sapeva già fè, infatti s'artrova t'na stalla a guernè e custodì mul e cavall perché era sa questi ch' se spustavne i canon da 'n post a cl'a tre. I du' ann de suldat en erne manch fnitti ch' scoppia la guerra e alora via a spustè i "pess" sa j animal da tir vers le Alpi e pό giό per la Jugoslavia, 'na fatiga del diavle, un fredd che da fa 'nì i rass tle punt di ditta, mo Nazaren en s'lamentava, quand el gèl en faceva durmì giva t'la stalla tiepida, seppa de bestie, se sdraiava sopra la paja e mentre stava per indurmentass pensava sa 'n po' d' tristessa ma quei d'casa sua. I mancava la Rusina e ma la Rusina i mancava Lallo, mo un en saveva gnent de cl'àtre anch perché mi padre era guasi analfabeta e mi madre ch'era piό istruitta en c'aveva manch 'na lira per comprè i francuboll. Vers la metà del '42 'na botta d' cul l'aiutta a non gì a congelass in Russia perché i mul e i cavall avevne da essa curati listess, e sicom babo era brav e precis l'hann lasciat sa lor. Quei d'la su' compagnia ch'en partitti per c'la campagna de guerra en hann datt piό segn d'vitta, che paura avrann avut tun c'le distes d'nev, tra le torment ch'j impedivne anca d' respirè, sa 'l fredd chi pasava tra i pagn e cum j agh j s'infilava t'la pell, che teror d'sapè da duvè murì pian pian mentre dventavi dur e fragil cum un bròmbol. Vers giugn Nazaren s'trova armi e bagaj sa qualch migliara de atre suldat t'la piana de Sibari, per impedì ma j aleat, che da malè a poch sarien sbarcati in Siciglia, da conquistè l'itaglia, insomma, en s'duvevne fè pasè. Prò 'l tre d' settembre del '43 Badoglio firma l'armistissi, l'ott avisa ma tutti che i nemich adess erne j amich e che j amich erne dventati i nemich. Un bel casin insomma, el re era fugitt de sguaraguai, i general en sapevne piό c'sa fè e chi atre graduat cminciavne a scapè per tutt i canton. El mì ba guardandse intorne s'acorg che 'n bel grupp d' suldat s' l'erne data a gamb e anch lό, vist ch' nisciun j dava piό j ordin, decid per la prima volta per cont sua, d'argì dalla Rusina. A viagè per c'le strad en era salutar, bsugnava guardè ben el culor d'le divis prima da chieda 'n pasagg perché se s'inciampava t'na banda d' fascist, se pudeva essa sgambiat per disertor e artruvas contra 'n mur per essa fucilat.

10 Quand ariva ma la Furnacia la gent sgranava j occhj cum s' fossa stat un fantasma, pochi l'avevne arcnusciutt, da dentra c'la divisa straciata j spuntava sol la testa, secca cum quella d'un merluss. La voc tra c'le quattre bicocch de sass e madon se sparg cum un luzzin, mi madre s'aruffa a la mej i capei e j corr incontre e tutti do' sa le lagrim in t'i occhj chi sfocavne i cuntorne, s'vegghen piό bei de cum erne e svelti svelti s'infilne tun casa per arcuntass c'la storia lunga guasi sei ann. El destin di disgrasiat è fatiga ch'porta qualcò d' bon e 'n giorne un maresciall di carabinier capita ma casa del mi' babb e j consiglia, per non artrovass t'le rogn, d'partì per Napoli do' el repart d'le salmerie da combatiment e cundutor de mul e cavall, era statt agregat ma la quinta armata americana. La Rusina saveva cùscia ben, j arciappla com mej pudeva la divisa, li stregn do' era bandes, j dà qualch arnacc d' rinfors ti punt piό lisi, li fa provè e arprovè e a la fin la lava e la stira pronta per el giorne d'la partensa. La nott ch 'preced el viagg Lallo en fa atre ch'argirass tel lett, i pensier j s'acavalavne tel cervell, l'idea da perda la curiera ma Chel Gall che po' el faceva tardè per chiapè el tren a Pesre, en el lasciava in pac. Mi madre cerca d'calmal, mo vist ch' en riusciva a surtì nisciun efett el fa stè sό e mentre babo se vest, lia i scalda el cafè d'orz alungat sa 'na mulicca d'mistrà. Era ancora nott quand la Rosa e Nazaren in silensi scapne da casa; s'abracolne e se struscne cum i gatt, se guardne fiss fiss in t'i occhj e quand Lallo s'incamina sa 'l zaine t'la schina vers la meta, tutti do' sensa sapel pensne la stessa robba: "speram d'arvedce". A Napoli c'erne i militar de tutt le rass, ognun parlava a mod sua e Lallo en sapeva cum fass capì. Dop qualch giorne el fann muntè t'un camion sa 'n grupp de disprat cum lό, la diresion era vers quella d'un paes che mi padre en aveva mai sentitt a dì, mo ch'en avria dimenticat per el rest d'la su' vitta. Mentre el camion s'arampicava al da mont, vers l'abitat, 'na fila d' mèzz pieni d' sacch bianch machiati de ross giva al da vall, nisciun c'ha avut el coragg d'aprì bocca perché en c'vleva ' tant a capì ch'dentra ogni sacch c'era 'n suldat mort. A Cassino Nazaren sparava sa 'l canon, per "furtuna" j italian, cum sempre, en c'avevne tutt quel ch' serviva per combatta, acsé, sensa paraόrecchj, el spostament d'aria di colp secch di proiettil j spacca un timpne e vien trasportat sa 'n antre grupp d'feritt t'un ospedal de Napoli. Le bataj d'cassino van avanti anca sensa mi padre; per conquistè chel cucussol j american lascne tel camp mort, j ingles e i tedesch Ba' en ma mai dett quant italian c'hann lasciat le penn, mo vist cum erne conciati me sa che anch parecchj d' lor en gitti a fnì a ingrasè la terra. A guerra fnitta, Lallo è d' nov a ruspè tel puder da la matina a la sera, mo mi madre mirava piό in alt, lia i vleva fè studiè i su' fiol e no gobbi ti camp a rimpiss le man de crep per argavlè el gnent e ingrasè 'l padron. La Rosa era cum un martell, bateva e arbateva el chiod d'le su' ragion, s'infilava cum un tarle tel cervell de babo e sicom per natura lό era abituat a ubidì, a la fin j tocca ceda. La fameja s'trasferisc a Urbin, i lor fiol studien propi cum aveva decis la Rusina, e, cum t'na piciafàvla, Lallo e la su' moj vivne felic e cuntent fin a la fin di lor giorne. LA GRAN NEVICATA A URBIN 2012 di Maria Grazia Borgiani [da scanner] Vu veda che avevne ragion i Maya? Sèm appena a metà febbraio e ne suced de tutt i color, sarà eh'è l'ann bisestil! Elproverbi dic "anno bisesto, anno funesto". La nav che s'afonda a tre metre dalla terra, mica 'na barchetta! Ti giornal, ma la radio e television en se parla d'altre, ma ecco, tutt'a un tratt, da la nav se passa ma la nev.

11 Io ch' c' ho'na certa età, 'na bufata acsé en l'avev mai vista! E' almen tredic giorne che in Urbin buffa in continuasion, n'avrà fatt tre metre e mez, i rèfen saran sicurament quatre metre. Sopra i tett c'è di gran mucch che mettne paura. I candlott ma le cole ènn longhi più de tre metre e, se te caschen tla testa, en l'arconti de sicuri Tocca pasè tel mezz dla strada perché la nev, nonostant la ruspa, t'ariva ma i ginocch. S'incontra poca gent, ma tocca salutè ma tutti, perché en s'arcnosc nisciun, manch ma 'l tu' parent più strett: stival, giubett sa 'l capucc, bret, guant, baston, se vedne sol i occhj sorident, anca se è 'na gran fatica a metta un pass dietra cl'altre. Sarà tutt chel biancor che ce rend content! Chi sbadila de qua e chi de là, tutti se dann da fè. Ti negossi ma i scafal è sparit tutt: farina, succre, ova, pan; i scafal dla verdura ènn propri chiusi! Quei dla carne en ne parlam! Le scole ènn chiuse da diec giorne. Ma Urbin tutta bianca, sotta la nev è più bella ancora, par un castell dle principess. LA REFESSION di Romano Bucci [da manoscritto altre 3 da aggiungere] S' en me sbaj era l'ann 1953, er un scolar d'la quinta elementar, tla scola de Pian Santa Lucia costruita al temp del Fasc. E' ancora malé, inconfondibil t'la su architettura. T'la portineria c'era un bidel che se chiamava Guido, abitava dentra la scola. Controlava bon, sever e atent alla campanella, l'entrata e l'uscitta de nó burdei. Ma tutti i fiol di purett' che abitavne dentra o fori le mura, cioè in città o in campagna, cla volta la scola ufriva la refesion, la mensa cum diceva el maestre Antonelli, diretor d'la refesion. Lo era "canutt" bon com un padre, atent pro burber e decis, quand c'era bsogn. Nó purett sa i bug ti calsett' givam alla refesion salla sacchetta bianca de coton, sal nom e cognom scritt sopra da mama, sal fil e l'ag, e dentra la cucchiara, la furcina, el tovagliol, el bicchier ( quand en magnavam sa le du man, insomma sa i ditta.) I fiol di signor: sempre ben vestitti, mentre nó fiol di purett sempre vestiti alla mej. Lor givne a magnè a casa, acompagnati dai genitor, nó com i can sciolti dop la refesion, givam a casa da soli o sa qualche compagn. Arivati a casa babo o mama spess c'è dmnadavne d'la scola, premurosi: "ogg' sa chè magnat alla refesion?" I du cochi, marit e moj erne: la Teresa Diotalevi e Fattori el nom me dispiac en m'l' arcord. Abitavne in via del popol come me. Fattori c'aveva la vespa per gì alla refesion d'la scola ogni giorne, per gi a fè da magnè ma nó burdei. 'Na matina, c'era el temp brutt', pioveva, er già t'la strada per gì a scola veggh ma fattori che sotta l'acqua cercava insistent da metta in moto la su' vespa che en ne v'leva propi sapè de partì Dacsé dopp tanti tentativ,fattori, ch'aveva pers la pasiensa, decid da chiapè la rincorsa a pied, in mod che t'la vespa, apena i giva in moto, ló ce saria muntat sopra al vol e via! 'I è gitta ben sol per falla gì in moto; infatti, com prova de corsa a muntè sopra la vespa, questa cum un asin arabitt 'i è fuggitta dalle man e da sola ha cors dritta sal mutor aces, per cinque o sei metre per po' arbaltass per terra com un pietron rumoros e fumant. Fattori, porett ha fatt un rugolon per terra, t'lasfalt lucid e bagnat. Mentre cascava ha tirat giò un bell moccol pro se rialsat sensa nessun dann. Forse l'ha salvate 'l fatt' che lo gross e rotond com'era, è rimbalza t'la strada com un palon de gomma. Io er un burdell, ho vist e recepitt' c'la scena com quand al cinema nuova luce in via Veterani, se rideva da matti a veda le comich del cinema mut de Sciarlot, Gianni e Pinotto, Olio e Stalio o de Baster Chiton. Ho ris de brutt pro subbit dop so gitt a veda se c'aveva bsogn d'aiut. Lo tutt ross t'la faccia bagnat e incasat, ma sa bon esitt s'è rialsat da sol. Ch'el giorne Fattori è arivat puntual come sempre alla refesion d'la scola a fè da magnè dacsé ben e bon, come ogni giorne per tutta c'la burdlara affamata me compres.

12 FILASTROCCA: Nebbia di Enaide Galli Nebbia nebbia folta folta, trova la legna per fè la torta. La torta l'ho fatta Mettla sopra la panca. La panca era rotta e sotta c'era scritt C 'enn quattre donn da marit: una cusc', una taja, una fa 'l capell de paja, una 'gussa la curtella, per forè l'orecch ma'l cucc! MENZIONE SPECIALE per la INDAGINE DIALETTALE Questa è una filastrocca, della fine dell'ottocento, che raccontava a noi nipoti il mio nonno materno. Non so se la ricordo proprio bene, comunque è una storiella che chiedevamo spesso di ripeterci perché ci incuriosiva molto. FILASTROCCA: Martin e Marianna di Enaide Galli -In du se' stat Martin, sangue di mi curbin, in du se' stat Marti-ne. -So' stat alla fiera Marianna, sangue di mi curbin, So stat alla fiera Marian-na. -Sa m'è arpurtat de blin, sangue di mi curbin, sa m'è arpurtat de bli-ne. -T'ho purtat un bel caplin, sangue di mi curbin, t'ho purtat un bel capli-ne. -E quante t'ha custat, sangue di mi curbin, e quante t'ha custa-te. -Cinque e tre ott Marianna, sangue di mi curbin, cinque e tre ott Marian-na. -Sa ne facc de 'stè caplin, sangue di mi curbin Sa ne facc de 'stè capli-ne. -Sa m'è preparat de bon, sangue di mi curbin, sa m'è preparat de bo-ne. -La pulenta è sopra 'l foc, sangue di mi curbin, la pulenta è sopra 'l fo-che. -Sa la pulenta c' vòl un bichier de vin, sangue di mi curbin Sa la pulenta c'vol un bichier de vi-ne. (e dà un calcio a una sedia) -En te guard piò tla faccia, sangue di mi curbin En te guard piò tla fac-cia. -Facem la pac' Marianna, sangue di mi curbin Facem la pac' Marian-na.

13 -Facem un bel balett, sangue di mi curbin, facem un bel balet-te! La filastrocca si cantava recitando cioè interpretando gli stati d'animo e le movenze dei protagonisti. I due disprezzano l'uno il "regalo"dell'altra e viceversa, ma alla fine si perdonano e ballano insieme. Il ritornello, "sangue di mi curbin", non ho idea di cosa significasse, ma lo ricordo così. In altre zone si usa "sangue di mi' curdlin"

Mediterranea INTRODUZIONE

Mediterranea INTRODUZIONE 7 INTRODUZIONE guerrieri Palermo, anno 1076. Dopo che - per più di duecento anni - gli arabi erano stati i padroni della Sicilia, a quel tempo nell isola governavano i normanni, popolo d i guerrieri venuti

Dettagli

Attimi d amore. Scende come la pioggia un petalo di rose e quando ti vedo perdo la testa per te mia cara ragazza

Attimi d amore. Scende come la pioggia un petalo di rose e quando ti vedo perdo la testa per te mia cara ragazza Attimi d amore Scende come la pioggia un petalo di rose e quando ti vedo perdo la testa per te mia cara ragazza Distesa davanti alla collina Occhi verdi come il prato distesa e non pensi a nulla. Ricordo

Dettagli

LE NOSTRE CANZONI DI NATALE

LE NOSTRE CANZONI DI NATALE CANZONE: LE NOSTRE CANZONI DI NATALE VIENI BAMBINO TRA I BAMBINI Quando la notte è buia E buio è anche il giorno, non credi che il domani potrà mai fare ritorno. Quando la notte è fredda C è il gelo nel

Dettagli

BELLA LUNA (Marco Calliari / Marco Calliari, Lysandre Champagne, Carlos Araya, Luzio Altobelli, Alexis Dumais)

BELLA LUNA (Marco Calliari / Marco Calliari, Lysandre Champagne, Carlos Araya, Luzio Altobelli, Alexis Dumais) BELLA LUNA (Marco Calliari / Marco Calliari, Lysandre Champagne, Carlos Araya, Luzio Altobelli, Alexis Dumais) Quando la notte scende giu devo mi fidare Mi fidare su sta luce se ci sei E se ci sei tu in

Dettagli

La vita dei numeri ultimi

La vita dei numeri ultimi La vita dei numeri ultimi Orazio La Boccetta LA VITA DEI NUMERI ULTIMI racconto Dedicato a tutta la mia famiglia e i miei migliori amici a Pietro soprattutto ed in particolare a mio padre Andrea e mia

Dettagli

stelle, perle e mistero

stelle, perle e mistero C A P I T O L O 01 In questo capitolo si parla di un piccolo paese sul mare. Elenca una serie di parole che hanno relazione con il mare. Elencate una serie di parole che hanno relazione con il mare. Poi,

Dettagli

La poesia per mia madre

La poesia per mia madre La poesia per mia madre Oggi scrivo una poesia per la mamma mia. Lei ha gli occhi scintillanti come dei diamanti i capelli un po chiari e un po scuri il corpo robusto come quello di un fusto le gambe snelle

Dettagli

Perché non ho provato

Perché non ho provato Elena Colella Perché non ho provato Sin dai primi giorni, l arrivo di Esther mise sottosopra l intero quartiere. Esther, 30 anni circa. Jeans aderenti e stivali neri in pelle. Maglie scure aderenti. Carnagione

Dettagli

Io..., papà di... ricordo, mi emoziono, racconto! giugno 2015

Io..., papà di... ricordo, mi emoziono, racconto! giugno 2015 Io..., papà di...... ricordo, mi emoziono, racconto! giugno 2015 Lettura albo, strumento utilizzato in un Percorso di Sostegno alla Genitorialità biologica EMAMeF - Loredana Plotegher, educatore professionale

Dettagli

RITORNO ALLA CAVA. LA SI (per 3 volte) LA2 SIb7 LA2

RITORNO ALLA CAVA. LA SI (per 3 volte) LA2 SIb7 LA2 Volto che sfugge, nebbia di idee, 9 tu sei solo una grossa bugia! SIb7+ Ti dicono tutti che hai dei talenti, LA9 in fondo ci speri che così sia! RITORNO ALLA CAVA RAP Questo è il mio mondo, qui sono il

Dettagli

ERAVAMO SOLO BAMBINI UN RACCONTO PER NON DIMENTICARE

ERAVAMO SOLO BAMBINI UN RACCONTO PER NON DIMENTICARE ERAVAMO SOLO BAMBINI UN RACCONTO PER NON DIMENTICARE CATERINA ROMANO 27/01/2012 Nonna, posso sedermi vicino a te? Ho paura. In televisione ci sono dei brutti film. Fanno vedere tante persone malate e dicono

Dettagli

Angeli - Voglio Di Piu' Scritto da Joel Lunedì 11 Agosto 2008 01:19

Angeli - Voglio Di Piu' Scritto da Joel Lunedì 11 Agosto 2008 01:19 01 - Voglio Di Piu' Era li', era li', era li' e piangeva ma che cazzo hai non c'e' piu',non c'e' piu',non c'e' piu' e' andato se ne e' andato via da qui Non c'e' niente che io possa fare puoi pensarmi,

Dettagli

Viveva nell azzurra acqua del mare e giocava a dondolarsi con tutti i suoi. Acqua acqua acqua. io con te posso giocare. io con te voglio volare,

Viveva nell azzurra acqua del mare e giocava a dondolarsi con tutti i suoi. Acqua acqua acqua. io con te posso giocare. io con te voglio volare, Viveva nell azzurra acqua del mare e giocava a dondolarsi con tutti i suoi fratellini e tutte le sue sorelline. Acqua acqua acqua io con te posso giocare io con te voglio volare, per danzare con le onde

Dettagli

Gabriela Mesia Bolivar

Gabriela Mesia Bolivar Gabriela Mesia Bolivar Ho visto il cielo arancione e la forma del sole, che tramontava, e un albero che si nascondeva, tra l'oscurità, i gabbiani che se ne andavano, mentre la luce spariva e la notte veniva

Dettagli

Al mare. Al mare. Al mare

Al mare. Al mare. Al mare domani al mare andrò e tanti bagni io farò Poi la crema spalmerò così la pelle non brucerò e se il sole brucia un po' sotto l'ombrellone io starò Ludovica Belmonte 3^C Oggi ho deciso di viaggiare e andare

Dettagli

Giulia Loscocco. Hao Zhaou

Giulia Loscocco. Hao Zhaou Giulia Loscocco dolce e morbida è piccina piccina e ha il cappello rosso. È sempre triste e certe volte felice. è fatta per essere abitata. La cosa che mi piace di più è il materasso della mia camera.

Dettagli

SCUOLA D INFANZIA DI MOTTALCIATA ANNO SCOL. 2003/04 GRUPPO DI BAMBINI DI 4 E 5 ANNI.

SCUOLA D INFANZIA DI MOTTALCIATA ANNO SCOL. 2003/04 GRUPPO DI BAMBINI DI 4 E 5 ANNI. SCUOLA D INFANZIA DI MOTTALCIATA ANNO SCOL. 2003/04 GRUPPO DI BAMBINI DI 4 E 5 ANNI. SITUAZIONE: L insegnante invita i bambini a rispondere ad alcune domande relative all ombra. Dopo aver raccolto le prime

Dettagli

6. La Terra. Sì, la terra è la tua casa. Ma che cos è la terra? Vediamo di scoprire qualcosa sul posto dove vivi.

6. La Terra. Sì, la terra è la tua casa. Ma che cos è la terra? Vediamo di scoprire qualcosa sul posto dove vivi. 6. La Terra Dove vivi? Dirai che questa è una domanda facile. Vivo in una casa, in una certa via, di una certa città. O forse dirai: La mia casa è in campagna. Ma dove vivi? Dove sono la tua casa, la tua

Dettagli

Unità IX Il corpo. Contenuti - Parti del corpo - Sentimenti - Sensi. Attività AREA ANTROPOLOGICA

Unità IX Il corpo. Contenuti - Parti del corpo - Sentimenti - Sensi. Attività AREA ANTROPOLOGICA Unità IX Contenuti Il corpo - Parti del corpo - Sentimenti - Sensi Attività AREA ANTROPOLOGICA 1. L Orsoroberto introduce L Orsoroberto si tocca il naso e chiede ai bambini di fare lo stesso. Poi si tocca

Dettagli

La spiaggia di fiori

La spiaggia di fiori 37 La spiaggia di fiori U na nuova alba stava nascendo e qualcosa di nuovo anche in me. Remai per un po in direzione di quella luce all orizzonte, fino a che l oceano di acqua iniziò pian piano a ritirarsi

Dettagli

Maschere a Venezia CAP I

Maschere a Venezia CAP I Maschere a Venezia 7 CAP I In un pomeriggio di fine marzo Altiero Ranelli, un giovane giornalista de Il Gazzettino di Venezia, entra nell ufficio del direttore. - Ho una grande notizia. - grida contento.

Dettagli

Sin da quando sono molto piccoli, i bambini sperimentano il mondo attraverso le

Sin da quando sono molto piccoli, i bambini sperimentano il mondo attraverso le Indice Introduzione 7 Miagolina si presenta 11 Quella volta che Miagolina è caduta nel buco della vasca 24 Quando è nato Spigolo 44 Miagolina e le parole storte 56 Spigolo va all asilo 75 Miagolina si

Dettagli

I bambini si soffermano su fiori e piante, osservando con la lente di ingrandimento. Proviamo a chiamare per nome le piante e i fiori conosciuti:

I bambini si soffermano su fiori e piante, osservando con la lente di ingrandimento. Proviamo a chiamare per nome le piante e i fiori conosciuti: Cari bambini, l altro giorno ho sentito le vostre voci in cortile, quanto sono stato felice. Vorrei tanto che mi raccontaste dei vostri giochi, dei posti che conoscete e che andrete a conoscere, di quello

Dettagli

IL RITMO ROVINOSO CHE PORTA ALLA FOLLIA

IL RITMO ROVINOSO CHE PORTA ALLA FOLLIA Associazione culturale per la promozione del Teatro Musicale contemporaneo P.Iva 04677120265 via Aldo Moro 6, 31055 Quinto di Treviso - Tv IL RITMO ROVINOSO CHE PORTA ALLA FOLLIA TERZA VERSIONE autore:

Dettagli

Nonno Toni sentì un urlo di rabbia

Nonno Toni sentì un urlo di rabbia Operazione Oh no! Nonno Toni sentì un urlo di rabbia provenire dalla cameretta di Tino. Salì le scale di corsa, spalancò la porta e si imbatté in un bambino con gli occhi pieni di lacrime. Tino aveva in

Dettagli

Bambini vecchiette signori e signore venite a giocare con tutti i colori (2 volte)

Bambini vecchiette signori e signore venite a giocare con tutti i colori (2 volte) La canzone dei colori Rosso rosso il cane che salta il fosso giallo giallo il gallo che va a cavallo blu blu la barca che va su e giù blu blu la barca che va su e giù Arancio arancio il grosso cappello

Dettagli

UN ARCOBALENO. Ho colto per te, un fiore tutto colorato sotto un arcobaleno colorato con di fronte a me un paradiso stellato. Matteo Bertoli, 1B

UN ARCOBALENO. Ho colto per te, un fiore tutto colorato sotto un arcobaleno colorato con di fronte a me un paradiso stellato. Matteo Bertoli, 1B UN ARCOBALENO Ho colto per te, un fiore tutto colorato sotto un arcobaleno colorato con di fronte a me un paradiso stellato Matteo Bertoli, 1B VELOCE Andare veloce come un fulmine o una saetta. Vincere

Dettagli

le #piccolecose che amo di te

le #piccolecose che amo di te Cleo Toms le #piccolecose che amo di te Romanzo Proprietà letteraria riservata 2016 RCS Libri S.p.A., Milano ISBN 978-88-17-08605-9 Prima edizione: febbraio 2016 Illustrazioni: Damiano Groppi Questo libro

Dettagli

http://www.veronicaetony.com/download/accordivet.pdf http://www.veronicaetony.com/download/ascoltamp3.zip

http://www.veronicaetony.com/download/accordivet.pdf http://www.veronicaetony.com/download/ascoltamp3.zip Scarica questo libretto Ascolta le canzoni in MP3 http://www.veronicaetony.com/download/accordivet.pdf http://www.veronicaetony.com/download/ascoltamp3.zip Canti con accordi 1 Lo spirito e la sposa z do

Dettagli

Chiavi. Unità 1. Tutti a scuola! 5. a. 2-due, b. 7-sette, c. 4-quattro, d. 10-dieci, e. 9- nove, f. 1-uno, g. 8-otto, h. 6-sei, i.

Chiavi. Unità 1. Tutti a scuola! 5. a. 2-due, b. 7-sette, c. 4-quattro, d. 10-dieci, e. 9- nove, f. 1-uno, g. 8-otto, h. 6-sei, i. Chiavi Chiavi del Libro dello studente Unità introduttiva. Ciao! Come ti chiami? Hamid, Paula, Simone, Edmond, Fang Fang 3. Hamid, terza B; Paula, terza B; Fang Fang, compagna; Edmond, terza B 4. Fang

Dettagli

DOLCI RICORDI - Adattamento e riduzione -

DOLCI RICORDI - Adattamento e riduzione - PROVA DI ITALIANO DOLCI RICORDI - Adattamento e riduzione - Molti anni fa vivevo con la mia famiglia in un paese di montagna. Mio padre faceva il medico, ma guadagnava poco perché i suoi malati erano poveri

Dettagli

MORENDO. Camminando con triste fatica su terra bruna, dormendo svegli su letti di legno, è come quando morendo si sta. (Giacomo C.

MORENDO. Camminando con triste fatica su terra bruna, dormendo svegli su letti di legno, è come quando morendo si sta. (Giacomo C. Scuola primaria E. Fermi di Bogliasco anno scolastico 2014/2015 1 MORENDO Camminando con triste fatica su terra bruna, dormendo svegli su letti di legno, è come quando morendo si sta. (Giacomo C.) 2 IL

Dettagli

Prove per l accertamento del livello conoscenza della lingua italiana L2

Prove per l accertamento del livello conoscenza della lingua italiana L2 Prove per l accertamento del livello conoscenza della lingua italiana L2 PRELIVELLO A1 6-8 anni PROVA N.1 Collega la parola al disegno PROVA N.2 Unisci l immagine alla parola Punteggio massimo 20 punti:

Dettagli

LE FILASTROCCHE DI SPAZIO GIOCO E COCCOLE

LE FILASTROCCHE DI SPAZIO GIOCO E COCCOLE Le filastrocche hanno il potere di calmare e rassicurare, creano un piacevole contenimento sonoro che accompagna il gioco del bambino e scandiscono i tempi dell'incontro. Gli adulti che cantano tutti insieme

Dettagli

Folletto. Gigetto. L' a q u i l a. r e a l e

Folletto. Gigetto. L' a q u i l a. r e a l e Il Folletto Gigetto e L' a q u i l a r e a l e Abbiamo scritto questo libro per tutti i bambini delle Scuole dell Infanzia, così potranno conoscere il nostro amico Gigetto e, chissà che un giorno non vada

Dettagli

Modifiche da apportare al testo Per l Infanzia SI Adattare Elementare SI I, II, III Nessuna: adatto come scritto PERSONAGGI

Modifiche da apportare al testo Per l Infanzia SI Adattare Elementare SI I, II, III Nessuna: adatto come scritto PERSONAGGI TITOLO UN FIORE + UNA FARFALLA = PACE Argomento Fiaba sulla pace Il testo è adatto alle seguenti classi: Scuola Adatto Classi di riferimento Modifiche da apportare al testo Per l Infanzia SI Adattare Elementare

Dettagli

Adotto un animale CD1 2

Adotto un animale CD1 2 Adotto un anima CD 2 Ascolta e indica chi parla. Oggi vado al canile a lavare i miei cani.. Ma tu non hai cani. Lo so. Per questo vado a lavare quelli del canile. Perché non ne prendi uno? La mia mamma

Dettagli

L idea dunque di ritrovarsi dei tutori, per di più sconosciuti, anche in vacanza, non era il massimo. Carlo però ci aveva subito tranquillizzati, ci

L idea dunque di ritrovarsi dei tutori, per di più sconosciuti, anche in vacanza, non era il massimo. Carlo però ci aveva subito tranquillizzati, ci CAPITOLO 1 La donna della mia vita Oggi a un matrimonio ho conosciuto una donna fantastica, speciale. Vive a Palermo, ma appena se ne sente la cadenza, adora gli animali, cani e cavalli soprattutto, ma

Dettagli

Unità III Gli animali

Unità III Gli animali Unità III Gli animali Contenuti - Fattoria - Zoo - Numeri Attività AREA ANTROPOLOGICA 1. Roberto racconta L Orsoroberto si presenta e racconta ai bambini un poco di sé. L Orsoroberto ama mangiare il miele,

Dettagli

UN VIAGGIO NEL PAESE DELLE EMOZIONI. adesso che abbiamo la strada ferrata in mezza giornata si viene e

UN VIAGGIO NEL PAESE DELLE EMOZIONI. adesso che abbiamo la strada ferrata in mezza giornata si viene e UN VIAGGIO NEL PAESE DELLE EMOZIONI adesso che abbiamo la strada ferrata in mezza giornata si viene e si va Il paese della RABBIA 1. Dove si sente la rabbia 2. Io mi arrabbio quando 3. Cosa mi aiuta 4.

Dettagli

PADRE MAESTRO E AMICO

PADRE MAESTRO E AMICO PADRE MAESTRO E AMICO Padre, di molte genti padre, il nostro grido ascolta: è il canto della vita. Quella perenne giovinezza che tu portavi in cuore, perché non doni a noi? Padre, maestro ed amico noi

Dettagli

AUGURI MAMME! FESTA DELLA MAMMA 2011 CLASSE 4C DE FILIPPO. La mia mamma

AUGURI MAMME! FESTA DELLA MAMMA 2011 CLASSE 4C DE FILIPPO. La mia mamma AUGURI MAMME! FESTA DELLA MAMMA 2011 CLASSE 4C DE FILIPPO La mia mamma La mia mamma con la giacca in mano, sempre pronta a portarmi ovunque sia, con gli occhioni color terra. Io la guardo e penso a tante

Dettagli

DAL SEME ALLA PIANTA

DAL SEME ALLA PIANTA SCHEDA N 3 DAL SEME ALLA PIANTA Un altra esperienza di semina in classe potrà essere effettuata a piccoli gruppi. Ogni gruppo sarà responsabile della crescita di alcuni semi, diversi o uguali. Es. 1 gruppo:

Dettagli

GESU E UN DONO PER TUTTI

GESU E UN DONO PER TUTTI GESU E UN DONO PER TUTTI OGGI VIENE ANCHE DA TE LA CREAZIONE IN PRINCIPIO TUTTO ERA VUOTO E BUIO NON VI ERANO NE UOMINI NE ALBERI NE ANIMALI E NEMMENO CASE VI ERA SOLTANTO DIO NON SI VEDEVA NIENTE PERCHE

Dettagli

1. Queste mele sono. a. buonissime b. meno buonissime c. più buonissime. 2. La sua auto è mia. a. nuovissima b. più nuova della c.

1. Queste mele sono. a. buonissime b. meno buonissime c. più buonissime. 2. La sua auto è mia. a. nuovissima b. più nuova della c. QUARTA MEDIA RIPASSO DI GRAMMATICA / LESSICO E FUNZIONI SCEGLI LA FORMA CORRETTA. 1. (a) Quello uomo (b) Quell'uomo (c) quel uomo è stato un famoso atleta. 2. Il mio ufficio è vicino (a) alla stazione

Dettagli

LISTA DIALOGHI. Non ti aspettavo. di barbara rossi prudente

LISTA DIALOGHI. Non ti aspettavo. di barbara rossi prudente LISTA DIALOGHI Non ti aspettavo di barbara rossi prudente - EST. GIORNO Oggi è 28 maggio? 28 maggio? Sì, forse sì PAOLO: 29 al massimo Come 29? No, 30 PAOLO: Secondo me è 29. Comunque, quanti giorni fa

Dettagli

Logopedia in musica e. canzoni

Logopedia in musica e. canzoni Logopedia in musica e canzoni Un Lavoro di Gruppo, Giugno 2013 INTRODUZIONE Siamo un gruppo di persone, chi ricoverato in Degenza e chi in Day Hospital, del Presidio Ausiliatrice-don Gnocchi di Torino

Dettagli

CANZONI NEL CERCHIO I VOLUME

CANZONI NEL CERCHIO I VOLUME CANZONI NEL CERCHIO I VOLUME 1. IL SERPENTE FILIBERTO 2. BUONGIORNO 3. IL TORO NASO D ORO 4. LA RANA 5. IL LUPO DANTE 6. IL GATTO FIFONE 7. SE VUOI CUCINARE 8. IL PICCOLO SEMINO IL SERPENTE FILIBERTO Il

Dettagli

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa 2007 Scrivere.info Tutti i diritti di riproduzione, con qualsiasi mezzo, sono riservati. In copertina: Yacht

Dettagli

IL COLORE ROSSO DELLE GINESTRE

IL COLORE ROSSO DELLE GINESTRE IL COLORE ROSSO DELLE GINESTRE Rappresentazione teatrale degli Alunni dell'ic di San Cipirello Esplorazione della Memoria Alle radici del Primo Maggio A.S. 2014 / 15 Narratore È il primo maggio. Un'anziana

Dettagli

Due nonne di Forlì correvan sempre tutto il dì. Un giorno caddero ridenti e si spaccaron tutti i denti. Che sbadate le due nonne di Forlì!

Due nonne di Forlì correvan sempre tutto il dì. Un giorno caddero ridenti e si spaccaron tutti i denti. Che sbadate le due nonne di Forlì! Due nonne di Forlì correvan sempre tutto il dì. Un giorno caddero ridenti e si spaccaron tutti i denti. Che sbadate le due nonne di Forlì! Limerik di Ettore (nipotino grande) 9 PREFAZIONE È stata un emozione

Dettagli

QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE

QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE INTRODUZIONE AL QUESTIONARIO Questo questionario viene usato per scopi scientifici. Non ci sono risposte giuste o sbagliate. Dopo aver letto attentamente

Dettagli

VENERDì 5 GIUGNO 2009 ALLE ORE 17 - PRESSO LA SCUOLA DELL INFANZIA

VENERDì 5 GIUGNO 2009 ALLE ORE 17 - PRESSO LA SCUOLA DELL INFANZIA ISTITUTO COMPRENSIVO E. TOTI - Scuola statale dell Infanzia di Musile di Piave - A.S..2008-09 VENERDì 5 GIUGNO 2009 ALLE ORE 17 - PRESSO LA SCUOLA DELL INFANZIA Siete invitati alla nostra festa che si

Dettagli

Unit 4 The picnic / Il picnic 1 Bud: Facciamo un picnic.

Unit 4 The picnic / Il picnic 1 Bud: Facciamo un picnic. TREETOPS 2 a Unit stories Unit 1 Bang! / Bang! 1 Holly: Quanti palloncini, Bud? Bud: Uno, due, tre, quattro, cinque, sei, sette, otto, nove, dieci. Dieci palloncini. 2 Bud: In alto, in alto e via! Holly

Dettagli

PAOLO VA A VIVERE AL MARE

PAOLO VA A VIVERE AL MARE PAOLO VA A VIVERE AL MARE Paolo è nato a Torino. Un giorno i genitori decisero di trasferirsi al mare: a Laigueglia dove andavano tutte le estati e ormai conoscevano tutti. Paolo disse porto tutti i miei

Dettagli

L'orologio. di Nello Filippetti

L'orologio. di Nello Filippetti L'orologio di Nello Filippetti E il bimbo sognava l orologio che camminava giorno e notte, il cuore di smalto fiorito che nel fiore della vita la mamma dette al babbo in segno di lei, perché traducesse

Dettagli

Candela bianca. Silvia Angeli

Candela bianca. Silvia Angeli Candela bianca È successo ancora. Il buio della stanza mi chiama alla realtà. Abbandono riluttante le coperte calde, rifugio sicuro e accendo una candela bianca, con la sua fiamma dorata. È successo di

Dettagli

poesie del rispetto Le muse per una città che si vuole bene

poesie del rispetto Le muse per una città che si vuole bene Una parola sola è come muta Pensiamo le parole: una a una, una parola sola è come muta, ombra d assenza, eco di silenzio. Anche quando è nobile, un nome, la parola assoluta di qualcuno, se è sola, si affanna,

Dettagli

1. Completa le frasi con l imperfetto e il passato prossimo dei verbi tra parentesi.

1. Completa le frasi con l imperfetto e il passato prossimo dei verbi tra parentesi. Nome studente Data TEST DI AMMISSIONE AL LIVELLO B1.1 (Medio 1) 1. Completa le frasi con l imperfetto e il passato prossimo dei verbi tra parentesi. Es. Ieri sera non ti (noi-chiamare) abbiamo chiamato

Dettagli

Racconti visioni e libri per rospi da baciare

Racconti visioni e libri per rospi da baciare febbraio 2008 Cari bambini e ragazzi che verrete al festival chiamato AIUTO, STO CAMBIANDO! Racconti visioni e libri per rospi da baciare a Cagliari dall 8 all 11 ottobre 2009 NOTA: questa la lettera originale,

Dettagli

Luigi Broggini. In fondo al Corso. poesie. Le Lettere

Luigi Broggini. In fondo al Corso. poesie. Le Lettere Luigi Broggini In fondo al Corso poesie Le Lettere Paesaggio romano con leone di pietra, 1932. Se qualcuno chiede di me digli che abito sul Corso dove i giorni sono ugualmente felici e le ragazze più belle.

Dettagli

BEATI VOI MI FA#-7 LA MI LA MI FA#-7 LA6 MI LA Beati voi, beati voi, beati voi, beati voi. BEATI VOI

BEATI VOI MI FA#-7 LA MI LA MI FA#-7 LA6 MI LA Beati voi, beati voi, beati voi, beati voi. BEATI VOI BEATI VOI MI FA#-7 LA MI LA MI FA#-7 LA6 MI LA MI FA#-7 Se sarete poveri nel cuore, beati voi: LA6 MI sarà vostro il Regno di Dio Padre. MI FA#-7 Se sarete voi che piangerete, beati voi, LA6 MI perché

Dettagli

RISCRIVI SUL FOGLIO CHE VIENE DOPO QUESTE FRASI IN ORDINE:

RISCRIVI SUL FOGLIO CHE VIENE DOPO QUESTE FRASI IN ORDINE: RISCRIVI SUL FOGLIO CHE VIENE DOPO QUESTE FRASI IN ORDINE: La frase la maestra scrive sulla lavagna Chiara una foto ai bambini fa Una torta prepara la mamma al cioccolato Giocano con la corda i ragazzi

Dettagli

LA LETTERATURA ITALIANA FACILITATA: UNA PROPOSTA DI LETTURA Annalisa Sgobba

LA LETTERATURA ITALIANA FACILITATA: UNA PROPOSTA DI LETTURA Annalisa Sgobba CAPITOLO PRIMO RE E STELLA DEL CIELO Re e stella del cielo Il mio nome è uno dei miei primi successi. Ho subito imparato (è stato lui, mi sembra, il primo che mi ha detto questo), che Arturo è una stella:

Dettagli

1. Usa le parole per creare i superlativi relativi. Attenzione alle concordanze. Es.: Gatti/animali/agile/terra.

1. Usa le parole per creare i superlativi relativi. Attenzione alle concordanze. Es.: Gatti/animali/agile/terra. 1. Usa le parole per creare i superlativi relativi. Attenzione alle concordanze. Es.: Gatti/animali/agile/terra. I gatti sono gli animali più agili della terra. 1. Gianni/bambino/bravo/classe 2. Barbara/ragazza/

Dettagli

Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA.

Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA. Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA. Di tutto quello che anche quest anno abbiamo cercato di fare, dei bambini della scuola dell Infanzia che continuano a giocare

Dettagli

ANGELA RAINONE POESIE

ANGELA RAINONE POESIE 1 ANGELA RAINONE POESIE EDIZIONE GAZZETTA DIE MORRESI EMIGRATI Famiglia Rainone Angela Lugano Svizzera 2 3 PREFAZIONE Tra i giovani che hanno sporadicamente inviato delle poesie per pubblicarle sulla Gazzetta

Dettagli

Manuel Loi ----------------------------------------------------- Lorenzo Di Stano

Manuel Loi ----------------------------------------------------- Lorenzo Di Stano Manuel Loi Vedo un campo di spiche di grano tutto giallo, con un albero di pere a destra del campo, si vedeva un orizzonte molto nitido, e sotto la mezza parte del sole all'orizonte c'era una collina verde

Dettagli

Ideazione e testo: Cosetta Zanotti Illustrazioni: Cinzia Ratto Progetto grafico e stampa: Publistampa Pergine Valsugana

Ideazione e testo: Cosetta Zanotti Illustrazioni: Cinzia Ratto Progetto grafico e stampa: Publistampa Pergine Valsugana Via Aurelia, 796-00165 Roma - Italia www.caritasitaliana.it Ideazione e testo: Cosetta Zanotti Illustrazioni: Cinzia Ratto Progetto grafico e stampa: Publistampa Pergine Valsugana PRIMA SETTIMANA di Avvento

Dettagli

Umberto Fiori Nove poesie

Umberto Fiori Nove poesie Umberto Fiori Nove poesie APPARIZIONE Alte sopra la tangenziale, chiare, due case con in mezzo un capannone. E questa l apparizione, ma non c è niente da annunciare. Eppure solo a vederli là fermi, diritti

Dettagli

VERIFICA DI GRAMMATICA La frase: IL SOGGETTO

VERIFICA DI GRAMMATICA La frase: IL SOGGETTO La frase: IL SOGGETTO Leggi le seguenti frasi e sottolinea il soggetto: 1. Marco va a trovare la nonna. 2. Il cane ha morso il postino. 3. E caduta la bottiglia del latte. 4. Sono solito fare i compiti

Dettagli

Venite tutti a casa mia. Ragazzi, perché non ascoltiamo un po di musica? Quanti CD hai?

Venite tutti a casa mia. Ragazzi, perché non ascoltiamo un po di musica? Quanti CD hai? TEMPO LIBERO Venite tutti a casa mia Ragazzi, perché non ascoltiamo un po di musica? Ho molti CD di musica ska; tanti di musica punk-rock, pochi invece di altri generi. Per me la musica ska è la più divertente

Dettagli

F R A S A R I O ITALIANO BIELORUSSO

F R A S A R I O ITALIANO BIELORUSSO F R A S A R I O BIELORUSSO Note di pronuncia: zh (scritto g ) = sgj dolce, come j di jardin ) sc(i) = sci dolce di scialle sc(e) = sce dolce di pesce k = c di casa z = s di naso c = c di pace kh = ch aspirata

Dettagli

Giuliano Scabia. GENESI/LA CREAZIONE SCHEMA VUOTO PER L ODIN TEATRET DI HOLSTEBRO (due stesure) 1974

Giuliano Scabia. GENESI/LA CREAZIONE SCHEMA VUOTO PER L ODIN TEATRET DI HOLSTEBRO (due stesure) 1974 Giuliano Scabia GENESI/LA CREAZIONE SCHEMA VUOTO PER L ODIN TEATRET DI HOLSTEBRO (due stesure) 1974 Nel 67 ho avuto con Barba un lungo incontro a Venezia dove eravamo entrambi presenti alla Biennale. Camminammo

Dettagli

Margherita: Ma...chi sei? dove siamo? da dove veniamo? cosa facciamo? perchè c è la vita? resteremo qui per sempre?...

Margherita: Ma...chi sei? dove siamo? da dove veniamo? cosa facciamo? perchè c è la vita? resteremo qui per sempre?... Dialoghi. 1. Margherita: Ma...chi sei? dove siamo? da dove veniamo? cosa facciamo? perchè c è la vita? resteremo qui per sempre?... Francesco: Eh Oh... pian pian pian quante domande mariassignòre... Comisiemo

Dettagli

Ai docenti dell I.C. di Gonzaga All Albo

Ai docenti dell I.C. di Gonzaga All Albo Prot. n 232 / C 24 Gonzaga, lì 22 gennaio 2015 Ai docenti dell I.C. di Gonzaga All Albo Oggetto: giornata della Memoria. Il giorno 27 gennaio 2016, come ogni anno, ricorre l anniversario della Shoah. Si

Dettagli

Lo sai, sono la tua anima gemella perchè...

Lo sai, sono la tua anima gemella perchè... Clémence e Laura Lo sai, sono la tua anima gemella perchè... Se fossi un paio di scarpe sarei i tuoi lacci Se fossi il tuo piede sarei il tuo mignolo Se fossi la tua gola sarei la tua glottide Se fossi

Dettagli

http://www.sprachkurse-hochschule.de

http://www.sprachkurse-hochschule.de Lingua: Italiana Livello: A1/A2 1. Buongiorno, sono Sandra, sono di Monaco. (a) Buongiorno, sono Sandra, sono da Monaco. Buongiorno, sono Sandra, sono in Monaco. 2. Mia sorella chiama Kerstin. (a) Mia

Dettagli

ANNO SCOLASTICO 2013/2014 INSEGNANTE: VIALE ELVIRA

ANNO SCOLASTICO 2013/2014 INSEGNANTE: VIALE ELVIRA ANNO SCOLASTICO 2013/2014 INSEGNANTE: VIALE ELVIRA DOPO LE OSSERVAZIONI FATTE DALLE MAESTRE DURANTE I NOSTRI GIOCHI CON IL MATERIALE DESTRUTTURATO SI SONO FORMATI QUATTRO GRUPPI PER INTERESSE DI GIOCO.

Dettagli

da Somiglianze (1976) LA LUCE SULLE TEMPIE

da Somiglianze (1976) LA LUCE SULLE TEMPIE da Somiglianze (1976) LA LUCE SULLE TEMPIE Che strano sorriso vive per esserci e non per avere ragione in questa piazza chi confida e chi consola di colpo tacciono è giugno, in pieno sole, l abbraccio

Dettagli

Poesia segnalata al premio Silvano Ceccherelli della Banca di Credito Cooperativo di Cascia

Poesia segnalata al premio Silvano Ceccherelli della Banca di Credito Cooperativo di Cascia I COLORI Poesia segnalata al premio Silvano Ceccherelli della Banca di Credito Cooperativo di Cascia I colori sono tanti almeno cento: marrone come il legno, bianco come la nebbia, rosso come il sangue,

Dettagli

Edoardo De Angelis IL CORAGGIO DELLE PAROLE D Autore 2002

Edoardo De Angelis IL CORAGGIO DELLE PAROLE D Autore 2002 Edoardo De Angelis IL CORAGGIO DELLE PAROLE D Autore 2002 01 - TROPPO POCO 02 - STELLA MIA 02 - IL CORAGGIO DELLE PAROLE 04 - CHE COSA SERVE A UN VIAGGIO (E. De Angelis F. Top) 05 - LA CASA SENZA PORTE

Dettagli

ANNO SCOLASTICO 2008\2009 AUTORI:

ANNO SCOLASTICO 2008\2009 AUTORI: ANNO SCOLASTICO 2008\2009 AUTORI: I BAMBINI DELLE CLASSI IV A & IV B LA PACE È BELLA La pace è bella come una modella, la pace è bella come una porzione di nutella e più la fai e più ti sembra bella, la

Dettagli

IL CANTO DELL ODORE DEL MARE ADINA VERÌ

IL CANTO DELL ODORE DEL MARE ADINA VERÌ IL CANTO DELL ODORE DEL MARE ADINA VERÌ Proprietà letteraria riservata 2012 Screenpress Edizioni - Trapani ISBN 978-88-96571-42-2 È vietata la riproduzione, anche parziale, con qualsiasi mezzo effettuata

Dettagli

(da La miniera, Fazi, 1997)

(da La miniera, Fazi, 1997) Che bello che questo tempo è come tutti gli altri tempi, che io scrivo poesie come sempre sono state scritte, che questa gatta davanti a me si sta lavando e scorre il suo tempo, nonostante sia sola, quasi

Dettagli

Roberta Santi AZ200. poesie

Roberta Santi AZ200. poesie AZ200 Roberta Santi AZ200 poesie www.booksprintedizioni.it Copyright 2012 Roberta Santi Tutti i diritti riservati T amo senza sapere come, né quando né da dove, t amo direttamente, senza problemi né orgoglio:

Dettagli

1. Abbina le descrizioni dei personaggi alle immagini

1. Abbina le descrizioni dei personaggi alle immagini Pag 1 1 Abbina le descrizioni dei personaggi alle immagini Pag 2 Pag 3 La nonna: è il capostipite della famiglia Cantona, insieme al cognato Nicola ha aperto il pastificio di famiglia e lo ha gestito con

Dettagli

Poesie, filastrocche e favole per bambini

Poesie, filastrocche e favole per bambini Poesie, filastrocche e favole per bambini Jacky Espinosa de Cadelago Poesie, filastrocche e favole per bambini Ai miei grandi tesori; Elio, Eugenia ed Alejandro, coloro che ogni giorno mi fanno crescere

Dettagli

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Rilevazione degli apprendimenti PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Anno Scolastico 2011 2012 PROVA DI ITALIANO Scuola Primaria Classe Seconda Spazio per l etichetta autoadesiva ISTRUZIONI

Dettagli

Ci relazioniamo dunque siamo

Ci relazioniamo dunque siamo 7_CECCHI.N 17-03-2008 10:12 Pagina 57 CONNESSIONI Ci relazioniamo dunque siamo Curiosità e trappole dell osservatore... siete voi gli insegnanti, mi insegnate voi, come fate in questa catastrofe, con il

Dettagli

Maria ha mandato una lettera a sua madre.

Maria ha mandato una lettera a sua madre. GRAMMATICA LE PREPOSIZIONI Osservate: Carlo ha regalato un mazzo di fiori a Maria per il suo compleanno. Vivo a Roma. La lezione inizia alle 9:00. Sono ritornata a casa alle 22:00. Ho comprato una macchina

Dettagli

1 Consiglio. Esercizi 1 1

1 Consiglio. Esercizi 1 1 1 Consiglio Prima di andare a dormire scrivi cinque parole italiane che ti interessano. La mattina dopo, prima di alzarti, cerca di ricordarti le parole scritte la sera prima. 1 Animali Fai il cruciverba.

Dettagli

RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST -

RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST - RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST - INIZIO Ricominciare una nuova vita da zero mi spaventa peró so che tante persone ce la fanno, posso farcela anch io! preferirei continuare

Dettagli

Conversazione semi-libera

Conversazione semi-libera Titolo del file: ML05_080212.doc Pseudonimo: DAVID Partecipanti: ML05 DAVID, ML Laurence Data di registrazione: Attività svolte: conversazioni semi-libera; storia per immagini sul pesce; storia per immagini

Dettagli

Canzoni di Carnevale

Canzoni di Carnevale Canzoni di Carnevale CORIANDOLI Testo e Musica di Pietro Diambrini Prendi un foglio di carta, prendilo colorato, prendi le forbicine col bordo arrotondato, taglia, taglia, taglia, taglia, e tanti coriandoli

Dettagli

Janna Carioli. Poesie a righe. e quadretti

Janna Carioli. Poesie a righe. e quadretti Janna Carioli Poesie a righe e quadretti VOGLIO UNA SCUOLA Voglio una scuola che parla ai bambini come la rondine ai rondinini che insegna a volare aprendo le ali e sa che i voli non sono mai uguali. Voglio

Dettagli

Lasciatevi incantare

Lasciatevi incantare Lasciatevi incantare Rita Pecorari LASCIATEVI INCANTARE favole www.booksprintedizioni.it Copyright 2013 Rita Pecorari Tutti i diritti riservati Tanto tempo fa, io ero ancora una bambina, c era una persona

Dettagli

POESIA DEI BAMBINI. Guarda con stupore, un dono da dio, contando le ore, chiusa nel buio, sola soletta con un berretto, dove pareva scomparsa,

POESIA DEI BAMBINI. Guarda con stupore, un dono da dio, contando le ore, chiusa nel buio, sola soletta con un berretto, dove pareva scomparsa, POESIA DEI BAMBINI Guarda con stupore, un dono da dio, contando le ore, chiusa nel buio, sola soletta con un berretto, dove pareva scomparsa, una bambinetta tanto magra, e soddisfatta, senza una famiglia,

Dettagli

La storia di Quim....ovvero, per sapere qualcosa di più sulla bassa statura... Mònica Peitx Triay

La storia di Quim....ovvero, per sapere qualcosa di più sulla bassa statura... Mònica Peitx Triay La storia di Quim...ovvero, per sapere qualcosa di più sulla bassa statura... Mònica Peitx Triay Editorial Glosa, S.L. Avinguda de Francesc Cambò, 21 V Piano 08003 Barcellona Telefono: 932 684946 / 932

Dettagli

L ESAME PER LA PATENTE

L ESAME PER LA PATENTE L ESAME PER LA PATENTE Abdelkrim.: Ciao, Mario. Mario: Ciao, Abdelkrim. Dove vai? Abdelkrim: Sono stato a fare l esame per la patente. E tu? Mario: Vado a fare i documenti perché anch io devo fare la patente.

Dettagli