1 PREMIO. PER D S CH' CE' di Antonio Fontanoni. [da scanner]

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "1 PREMIO. PER D S CH' CE' di Antonio Fontanoni. [da scanner]"

Transcript

1 1 PREMIO PER D S CH' CE' di Antonio Fontanoni E' stran el ciel se spegn de giorne e s'acend tel scur dla nott. Dventa profond immens pintichiat de stelle [da scanner] I mi' occhj i vostre occhj fors en i occhj dl' Univers per vedse per capis per dìs ch'c'è PER DIRSI CHE CE'- E' strano / il cielo si spegne / di giorno / e si accende / nello scuro della notte / Diventa profondo / immenso / punteggiato / di stelle //1 miei occhi / i vostri occhi / forse sono gli occhi / dell 'Universo /per vedersi /per capirsi /per dirsi che c 'è. 2 PREMIO CAVALL D'ARGENT di Anna Rita Ambrogiani (Urbino, 30 Agosto 2012) Corr cavall bianch sa la criniera al vent, in t'un mond sensa temp. Corr estat e inverne lungh i camin eterne. Corr in mezz al vent, sa '1 tu bell mant d' argent. Corr, vienn fin maché, mo en te lascè domè. Arpart, archiappa el vent, te voj veda argì via lontan in tun moment [da scanner]

2 .. aspetand d'arvedte t'una folata d'vent. Lascia 'na traccia legera com' el vol d'un sogn, perché de quest c'è bsogn; el sogn ch'en s'imbriglia e 'n s'imprigiona e viv dai temp d'i temp liber.. tun ogni persona. 3 PREMIO EPITAFFIO di Maria Teresa Spaccazocchi (Peglio) Quand el bui nascondrà per sempr el mi' soris, en piagna, arcordm soridend e io, soridrò sa i tu' labbri. SEGNALATE per la POESIA (ordine alfabetico) EL SALOTT DLE LAVANDAR di Balsamini Arnaldo S' pol dmandè ma chi sia du' ch'era el salott d'urbin, te sentirè a risponda sensa timoraggin sicurament el Circol Cittadin. Invec' tocca sapè che era for Porta Lavaggin, ti lavato', sotta le volt d'anticca data, ch'adess dormen sepolt t'un metre d'terra, e regghen ancora la salitta dla Montata ch'en ha distrutt manca la guerra. [da scanner] Un vicin a cl'atre, sti nov posett fatti de corniola gialla, ch'è pietra rara, meriten da tutti el massim del rispett in quant "Salott dla lavandara". C'han fatt, invec, un brutt parchegg che pegg de acsé en se podria: cercam no' de fè qualco' ch'en sia pegg

3 in mod da cancelè sta porcheria. Ma lé sotta c'è un tesor che viv ancora e se smena e se sforsa che pió en par. Bastaria un buganin come 'na mora ch'argontaria com un vulcan i fantasmin de tutt le lavandar e s'arvedrjine a sbatta e strufinè in alegria dividendse i posett sa l'acqua chiara che mej de acsé en se podria, e do' anca una baruffa en era rara. La giornata d'una lavandara de tutt l'ann cminciava prest, la matina de bon'ora, specialment quant faceva la bucata sa chel rann e tucava acenda la fornacetta ch'era fora. Tla mastella grossa se meteva i lensol bagnati un strat sopra d'altre fin do' ch' avevne d'arivè po' s' batevne sal masucc ben presati, a ste punt se meteva un tel de poch cont, chiamat c'narè. Pasata la cenner ben ben in tel setacc' dop avé controlat che tutt sia perfett se rimpiva fin a l'orle tutt el stracc, alora se voidava l'acqua calda sal bruchett. Sa st' lavor tucava essa moderat per dè el temp ma l'acqua sensa dann d'atraversè tutt quant i strat fin ch'en scapava da pied el rann. A casa nostra chi dirigeva el buliron era la brava nonna Augusta sa l'aiutt de marna e la sia Irma del Padion. Dop avé fatt sta fatigata cle por donn dovevne pensè ma 'l giorne dop per gì ma i lavato' a sciacquè la lor bucata. Prima de tutt c'era n'acord sensa prepotensa per forme quattre grupp de lavandar sa du posett pr'un e l'acqua a suficensa evitand d'acsé le probabili cagnar. Sicom i pagn bagnati pesne un casin, ma quelle che stavne un po' lontan, per portè tutt, i c' vleva el birucin che preparavne la sera sa tutt le palandran. Era un bel veda la matina tel fè del giorne sti grupett indafarati a sbughè d'ogni canton ch'en vlevne manca le mosch d'intorne e arivavne un po' sfiatate a destinasion. Sol la Ciuffa - che el maritt j aveva fatt un bel cadò, un birucin a quattre rot che tirava a testa alta - quant'era sotta la volta, pareva ch'arivassa sal landò, mo per la discesa per poch s'arbalta.

4 El sol s'è ormai levat dai profil di mont dla Sc'iana ravivand i color dle pietre e di madon d'antica data e sotta le volt l'animasion aumenta in forma strana: c'è chi sbatt e c'è chi strissa e chi urla "svergognata", mo c'è anca chi sa voc discreta intona 'na canson e per incant se forma un cor de bel color. Tant'è l'impast de tutt le voc ch'a la fin avran un ton mo quest en fa diminuì el ritmo del lavor. C'è già chi ha rimpitt le gerle e, facend'se aiutta per apogialle tel fianc, s'incamina vers i stradin del Perle per gì a stenda ti fil de fer i lensol bianc. Sicom i fil en è per tutte de diritt, senti a dì: "Levte da male, brutta troscola, che quel l'ha mess el mi maritt!" Chi ha bon sens se leva, per evitè 'na briscola e, a 'na cert' ora, tra i fil e i boschett de rov du' ch'è stat stes anca l'ultim di lensol, el risultat è sempre quell, en c'è mai gnent de nov: le lavandar se stenden tel prat sa la schiena ch' j dol. Ma i lavato' armanghen sol le trosc' mo, alsand el sguard vers la Montata, te se presenta un bel quadre de Jeronimus Bosc'. EL MI TEMP di Aldo Minutelli (Fermignano, maggio 2011) [da file] Del post per nascia, l'omne en ha mai podut decida Per quest mè nut in ment da gi indietra ti ann mia So già sigur che arcontè sta storia farà soltant rida Comunqu, quest'el mi temp e questa la fotografia Sempre abineta al temp, d'alora questa la mi vitta Pens pió o men com quella de tutti, gnent de specèl Com la mi streda, ora giva in discesa, ora in salitta Infatti ne luc, ne acqua in chesa? tutt normèl Vivev in parità, en podev fè 'n paragon sa gnent Sia la chesa acant, com la giacca del vicin, uguèl En gambieva la strutura, en gambieva l'abigliament Vist sa 'i occhj de ogg, un mond ancora originèl I' so nèt in odor de c'polla, polenta e erba cotta

5 M'arvegh a tre mes tna panuccia de coton e accia Fascet com un salèm, bracc e gamb legheti sotta Nonché, mosch e pulc a spass per la mi faccia De quest en dò la colpa ma nisciun, (era n'uzansa) No ma i vecch (l'avevne erediteta) e manch ma i mia Prò el nonn già s'èra acort, per i monei na soferensa Ansi, ogg se diria adiritura un suplissi, n'anomalia Malé le prim parole sa mama e bab, tutt in dialet Fev fatiga è vera, prò tel gir de poch imparev nicò Credetme i tnev a botta san linguagg guesi perfett Ades marcord, com vleva l'educasion, i dev del vò Dop un pò, so partit in quinta sa la mi curiosità Questa m'ha fat sempre compagnia, robba d'en creda Per me, un fior, n'ucell anca un sass già era na novità Pro anch s'è pin el mond c'è vol i'occh per veda Alora credev che dop l'orizont, en c'èra gnent Infatti el mond era tant pió pcin per me monell Er convint che la terra fniva intorne è precisament Ma Che Madalen, Macia, Chel Guff e Montarcel Sol crescend me so cort c'ariveva un pò pionlà Era un pò pió grand dla vall ch'er abituet a veda C'era sempre nantre mont e nantre ancora in là Che i sa i mi occh da Che Pier en podev aceda Inuttil, en podev arivè pionlà de ch'le quattre ches Inuttil slonghev el coll, c'era poch atre da guardè I che per natura, sia pur per na sciapeta, (cacianes) La vista era troppa poca, en me podev acontentè En avev ben, cerchev sempre un scoi, n'apertura M'alsev tla punta di pied per alarghè la visuel A sei ann, ogni pass pionsò per me era n'aventura Anch s'è de pochi metre, aumentev el capitel M'arampichev ti grep, mo migliorev de poch La chesa era t'na "buga"trop in bass per oservè L'ho provet tutt, perchè dentra m'ardeva un foch Cerchev, a tutt i cost vlev qualcos'atre da filmè Me sentiv n'esplorator del mond tla mi ingenuità Sempre ala ricerca del nov e del mai vist prima Na porta chiusa già me feva pensè sa c'era d'là Dacsé ti mont, en vdev l'ora d'arivè so in cima Tla vitta ho sempre cerchet el post per veda mej Ho vint l'impacc, la paura e colesionet vizion

6 Nonché superet i pont, apert le port e i cancei Pur non avend la scola e tant men la combinasion Adess, da temp cavalch el vent dla fantasia Pió vol alt e pió me sent un signor in gravatta Sempre pió fort avert el profum d'la poesia E fo fiorì tla carta i vers d'la mi testa" matta" Alora vo per le vii del cel e chiem per nom le stelle Le ballerin l'arcnosch una per una, portne el diadema De solit, parle la nott de luna vecchia, sa le pió belle Da veri amici, ormai c'è dem del te, en c'è problema È straordineri viva anca de sola immaginasion Perche aiutta alsè i pied da terra e guardè distant Sepur un sogn armen un sogn, soltant n'inlusion Pro sia pur per un fatt da poch, te premia al'istant Passa i giorne,vola el temp, ho pers el cont di ann So dventet grand, fatigh a tienna in ment nicosa A volt sona el campanel, e s'afaccia qualch malann Prò pió vo vanti e pió la vitta me per meravigliosa È vera, ha ragion el pret, nò sem maché sol de pasagg Che la nostra esistensa dura un soffie, è pió che naturel Infatti en avem ancora apert i occh, che fnit el viagg En vel la pena perda'l temp sa i sold, basta l'esensiel Com en vel la pena aspetè la manna a seda ma i giardin Perchè è pchet mortel fe scorra i det tra i det dle men È mej gì san canestre a coia la gulle tel mont 'Che Pain Che fe un sbadiglie dietra clatre tla piassa d'fermignen L'omne per sentis viv, ha da tienna alta la bandiera Ha da esternè el pensier e i bon frutt del su talent Fai volè distant com i petali d'un fior a primavera S'èl prodod d'la riflesion, dai è acqua de sorgent I purtrop, ho dovut guardè dal bass dla mi ignoransa Oltre al nòv, el bell ho acareset tutt quel m'intereseva Ho robet i bon frut longh la streda dla mi ezistensa Ho colt l'idea,l'ingegn el motiv al'istant, se no voleva Ogg chel monell s'arampicheva ti grep per guardè È sempre amant del bell, del mond e l'immensità A otant'ann, ancora un desideri, un sogn da realizè Arivè fina l'estremità del cel e butè l'occh pionlà

7 EL PRIM GIORNE.. D'AUTUNN di Giuseppina Ranocchi Stamattina mentre me trucav davanti al specchj per comparì un po' mej, ho vist un fil color argent che lucicava tutt in mezz a i mi' capei tutti pulitti. E quest sa ch'è? Po' ho guardat mej e ho scopert el prim capell bianch. Che batticor! E' stat com quant t'acorgi che l'estat è fnitta, e tun moment è arivat l'autunn sa le prim foje ch'lascen l'alber. Te senti un non so che dentra de te! Se sa, l'autunn è bell sa tutti i su' color che vann dal ross bordò a tutt le tonalità del giall, ce vria verament un pitor brav com era Rafaell per disegnè cle meraviglie! Se sa, l'estat è bella, ce fa sentì più giovani sa 'na gran voja d'viva, el sol ce scalda 'i oss, en sentim fredd. Ma s'ha da capì che dop dl'estat ariva sempre el prime giorne d'autunn com el prim fil d'argent in ti capei. LA SERA D'LA VIGILIA di Alessandro Sanchini [da scanner] La sera d'la Vigilia

8 givam io e babbo a fè 'i augur ma la mi' sia. Stava in cima a Sant'Andrea, t' la casa del si' Filo. Tel pianerottol de c'la casa, ce givam d'estat perchè era fresch, e a setembre quand svinaven ce daven un bichierin de most. E ce givam quand arivava i vigil, perchè giochè al palon faceva i chiopp tel mur e la gent vleva dormì de pomerigg. E lìa ce nascondeva tel terass e da malasò guardavam sa sucedeva. C'la sera de Vigilia nevicava lent e largh, sa 'l silensi ch'fa la nev quand casca bella e tacca. Per terra scrichiolava tutta bianca. Mi' padre me t'neva per la mana e a metà salitta 'i ho dmandat: "Babbo, domani è Natale?" E lò m'ha rispost: "Certo che è Natale". El sapev ch'era la Vigilia e dman era Natal, mò sentimle dì, m'ha datt più gust ancora. SEGNALATE per la PROSA NARRATIVA (ordine alfabetico) LA GUERRA DE LALLO (Munument) di Massimo Arcamgeli [da file] Nazaren, el mi' babb, quant volt a l'impruvìs m'è arnutt a runzè tel cervell per rinfrescam la memoria, per arcurdam, anch se t'la su' vitta tutt quel ch' m'ha dett c' podeva stè scritt largh t'un foj protocoll, d'essa stat sa'l su' cumportament, sa'l rispett d'le reggol, d'esempi per no' de casa e per tutt quei ch' l'hann cnusciut. Babo era nat ma la Furnacia, t'na buga formata da 'na vall stretta e chiusa, che anca el sol la praticava poch. Vicin al vilagg, tel punt piό bass de c'la conca, c'scorr l'apsa, un torent che oltre a mantiena la zona ummida, permeteva ti period giusti da peschè di bei pesc e l'inguille. El su' mond era tutt malé, fniva giust giust do' j arivava la vista. Stava ben tun chel post, c'nusceva ma tutti e le robb ch'aveva da fè erne sempre quelle, en c'era bsogn da pensè tant, bastava guardè mai grand e arfè tutt cum facevne lor. Le giurnat j pasavne veloc: a la matina prest a parè le pécre,

9 pό a scola e pό a pichiè t'la stalla o a gì a chiapè, pòch dòp l'osteria de Bruscia, 'na mulicca piό in sό d'la casa rossa, l'acqua ma 'l canell. E' stat propi ma lè ch'èn cminciat le cumplicasion perché a rimpì j orc ma c'la font spess incuntrava ma la Rusina. S'cnoscevne da sempre, erne nati tutt do' dentra chel cuvacc d'miseria do' nisciun c'aveva 'na lira da cacè t'un occhj. Man man ch'crescevne prò s'guardavne sempre piό fitt e alora j incontre en erne pió per sbaj mo perché i vlevne lor. La Rusina era 'n petrusin da quattr'ett sa j stracc e tutt, c'aveva el sguard visp e la tigna de chi vleva cmandè. Cum suced spess anch ogg, a forsa da vedse e da stè insiem s'chiappa troppa cunfidensa e acsé s'artrovne sa 'n fiulin in ariv e sa 'l problema da dill ma i genitor. A ogni mod, da che mond e mond, st' robb s' risolvne sempre e la Rusina, sa la benedision di sua e el birucin sa 'l cored tirat da Nazaren, s'avia vers la casa di sočre. La fameja d' Nazaren era pina d' gent, Tmasin e la Madalena, el su' babb e la su' mama, avevne lavrat ben perché per mandè avanti 'n puder com el lor c'vlevne 'na mucchia d' person. Madalena era morta dop avé fijat quatordic fiol, diec erne cresciut forti e rubusti, quattre erne morti apena nat. A chi temp i burdei ch' murivne da pcin facevne part d'la vitta, argì dal Signurin era tel cont, tant è ch'en s'fniva manch da piagna ch'le por annim, che da già n'antra era pronta per essa sfurnata. Mo, propi cum s'avesne pisciat tel Batesim, la fameja de Nazaren e d'la Rusina cmincia sa 'n lutt. La lor fiola, Mafalda, campa poch e gnent, lasciand t'la disperasion ma i du' genitor. Lallo, acsé niva chiamat da tutti mi' padre, piό fatalista, supera mej el dulόr, la Rosa, mi' madre, s' tira dietra 'na brutta rogna: un bell esauriment. Che periodacc quel de ch'j ann, en s' fava a dè 'l rest e petta la porta sufiava n'ariaccia che a dì pòch t' faceva stregna le chiapp: n'udόr de guerra strisciant intasava l'aria e nisciun pudeva sapé cum saria gitta a fnì e quanti disastre e lutt avria lasciat sora le spalle de c'la pora gent. Era nat da poch mi fratell che babo part per fè 'l militar, un dover che cum sempre acetta sensa tanti manfre perché bsugnava fall. Per furtuna j capita d'essa asegnat ma 'n regiment d'artiglieria da campagna, a fè propi quel ch'sapeva già fè, infatti s'artrova t'na stalla a guernè e custodì mul e cavall perché era sa questi ch' se spustavne i canon da 'n post a cl'a tre. I du' ann de suldat en erne manch fnitti ch' scoppia la guerra e alora via a spustè i "pess" sa j animal da tir vers le Alpi e pό giό per la Jugoslavia, 'na fatiga del diavle, un fredd che da fa 'nì i rass tle punt di ditta, mo Nazaren en s'lamentava, quand el gèl en faceva durmì giva t'la stalla tiepida, seppa de bestie, se sdraiava sopra la paja e mentre stava per indurmentass pensava sa 'n po' d' tristessa ma quei d'casa sua. I mancava la Rusina e ma la Rusina i mancava Lallo, mo un en saveva gnent de cl'àtre anch perché mi padre era guasi analfabeta e mi madre ch'era piό istruitta en c'aveva manch 'na lira per comprè i francuboll. Vers la metà del '42 'na botta d' cul l'aiutta a non gì a congelass in Russia perché i mul e i cavall avevne da essa curati listess, e sicom babo era brav e precis l'hann lasciat sa lor. Quei d'la su' compagnia ch'en partitti per c'la campagna de guerra en hann datt piό segn d'vitta, che paura avrann avut tun c'le distes d'nev, tra le torment ch'j impedivne anca d' respirè, sa 'l fredd chi pasava tra i pagn e cum j agh j s'infilava t'la pell, che teror d'sapè da duvè murì pian pian mentre dventavi dur e fragil cum un bròmbol. Vers giugn Nazaren s'trova armi e bagaj sa qualch migliara de atre suldat t'la piana de Sibari, per impedì ma j aleat, che da malè a poch sarien sbarcati in Siciglia, da conquistè l'itaglia, insomma, en s'duvevne fè pasè. Prò 'l tre d' settembre del '43 Badoglio firma l'armistissi, l'ott avisa ma tutti che i nemich adess erne j amich e che j amich erne dventati i nemich. Un bel casin insomma, el re era fugitt de sguaraguai, i general en sapevne piό c'sa fè e chi atre graduat cminciavne a scapè per tutt i canton. El mì ba guardandse intorne s'acorg che 'n bel grupp d' suldat s' l'erne data a gamb e anch lό, vist ch' nisciun j dava piό j ordin, decid per la prima volta per cont sua, d'argì dalla Rusina. A viagè per c'le strad en era salutar, bsugnava guardè ben el culor d'le divis prima da chieda 'n pasagg perché se s'inciampava t'na banda d' fascist, se pudeva essa sgambiat per disertor e artruvas contra 'n mur per essa fucilat.

10 Quand ariva ma la Furnacia la gent sgranava j occhj cum s' fossa stat un fantasma, pochi l'avevne arcnusciutt, da dentra c'la divisa straciata j spuntava sol la testa, secca cum quella d'un merluss. La voc tra c'le quattre bicocch de sass e madon se sparg cum un luzzin, mi madre s'aruffa a la mej i capei e j corr incontre e tutti do' sa le lagrim in t'i occhj chi sfocavne i cuntorne, s'vegghen piό bei de cum erne e svelti svelti s'infilne tun casa per arcuntass c'la storia lunga guasi sei ann. El destin di disgrasiat è fatiga ch'porta qualcò d' bon e 'n giorne un maresciall di carabinier capita ma casa del mi' babb e j consiglia, per non artrovass t'le rogn, d'partì per Napoli do' el repart d'le salmerie da combatiment e cundutor de mul e cavall, era statt agregat ma la quinta armata americana. La Rusina saveva cùscia ben, j arciappla com mej pudeva la divisa, li stregn do' era bandes, j dà qualch arnacc d' rinfors ti punt piό lisi, li fa provè e arprovè e a la fin la lava e la stira pronta per el giorne d'la partensa. La nott ch 'preced el viagg Lallo en fa atre ch'argirass tel lett, i pensier j s'acavalavne tel cervell, l'idea da perda la curiera ma Chel Gall che po' el faceva tardè per chiapè el tren a Pesre, en el lasciava in pac. Mi madre cerca d'calmal, mo vist ch' en riusciva a surtì nisciun efett el fa stè sό e mentre babo se vest, lia i scalda el cafè d'orz alungat sa 'na mulicca d'mistrà. Era ancora nott quand la Rosa e Nazaren in silensi scapne da casa; s'abracolne e se struscne cum i gatt, se guardne fiss fiss in t'i occhj e quand Lallo s'incamina sa 'l zaine t'la schina vers la meta, tutti do' sensa sapel pensne la stessa robba: "speram d'arvedce". A Napoli c'erne i militar de tutt le rass, ognun parlava a mod sua e Lallo en sapeva cum fass capì. Dop qualch giorne el fann muntè t'un camion sa 'n grupp de disprat cum lό, la diresion era vers quella d'un paes che mi padre en aveva mai sentitt a dì, mo ch'en avria dimenticat per el rest d'la su' vitta. Mentre el camion s'arampicava al da mont, vers l'abitat, 'na fila d' mèzz pieni d' sacch bianch machiati de ross giva al da vall, nisciun c'ha avut el coragg d'aprì bocca perché en c'vleva ' tant a capì ch'dentra ogni sacch c'era 'n suldat mort. A Cassino Nazaren sparava sa 'l canon, per "furtuna" j italian, cum sempre, en c'avevne tutt quel ch' serviva per combatta, acsé, sensa paraόrecchj, el spostament d'aria di colp secch di proiettil j spacca un timpne e vien trasportat sa 'n antre grupp d'feritt t'un ospedal de Napoli. Le bataj d'cassino van avanti anca sensa mi padre; per conquistè chel cucussol j american lascne tel camp mort, j ingles e i tedesch Ba' en ma mai dett quant italian c'hann lasciat le penn, mo vist cum erne conciati me sa che anch parecchj d' lor en gitti a fnì a ingrasè la terra. A guerra fnitta, Lallo è d' nov a ruspè tel puder da la matina a la sera, mo mi madre mirava piό in alt, lia i vleva fè studiè i su' fiol e no gobbi ti camp a rimpiss le man de crep per argavlè el gnent e ingrasè 'l padron. La Rosa era cum un martell, bateva e arbateva el chiod d'le su' ragion, s'infilava cum un tarle tel cervell de babo e sicom per natura lό era abituat a ubidì, a la fin j tocca ceda. La fameja s'trasferisc a Urbin, i lor fiol studien propi cum aveva decis la Rusina, e, cum t'na piciafàvla, Lallo e la su' moj vivne felic e cuntent fin a la fin di lor giorne. LA GRAN NEVICATA A URBIN 2012 di Maria Grazia Borgiani [da scanner] Vu veda che avevne ragion i Maya? Sèm appena a metà febbraio e ne suced de tutt i color, sarà eh'è l'ann bisestil! Elproverbi dic "anno bisesto, anno funesto". La nav che s'afonda a tre metre dalla terra, mica 'na barchetta! Ti giornal, ma la radio e television en se parla d'altre, ma ecco, tutt'a un tratt, da la nav se passa ma la nev.

11 Io ch' c' ho'na certa età, 'na bufata acsé en l'avev mai vista! E' almen tredic giorne che in Urbin buffa in continuasion, n'avrà fatt tre metre e mez, i rèfen saran sicurament quatre metre. Sopra i tett c'è di gran mucch che mettne paura. I candlott ma le cole ènn longhi più de tre metre e, se te caschen tla testa, en l'arconti de sicuri Tocca pasè tel mezz dla strada perché la nev, nonostant la ruspa, t'ariva ma i ginocch. S'incontra poca gent, ma tocca salutè ma tutti, perché en s'arcnosc nisciun, manch ma 'l tu' parent più strett: stival, giubett sa 'l capucc, bret, guant, baston, se vedne sol i occhj sorident, anca se è 'na gran fatica a metta un pass dietra cl'altre. Sarà tutt chel biancor che ce rend content! Chi sbadila de qua e chi de là, tutti se dann da fè. Ti negossi ma i scafal è sparit tutt: farina, succre, ova, pan; i scafal dla verdura ènn propri chiusi! Quei dla carne en ne parlam! Le scole ènn chiuse da diec giorne. Ma Urbin tutta bianca, sotta la nev è più bella ancora, par un castell dle principess. LA REFESSION di Romano Bucci [da manoscritto altre 3 da aggiungere] S' en me sbaj era l'ann 1953, er un scolar d'la quinta elementar, tla scola de Pian Santa Lucia costruita al temp del Fasc. E' ancora malé, inconfondibil t'la su architettura. T'la portineria c'era un bidel che se chiamava Guido, abitava dentra la scola. Controlava bon, sever e atent alla campanella, l'entrata e l'uscitta de nó burdei. Ma tutti i fiol di purett' che abitavne dentra o fori le mura, cioè in città o in campagna, cla volta la scola ufriva la refesion, la mensa cum diceva el maestre Antonelli, diretor d'la refesion. Lo era "canutt" bon com un padre, atent pro burber e decis, quand c'era bsogn. Nó purett sa i bug ti calsett' givam alla refesion salla sacchetta bianca de coton, sal nom e cognom scritt sopra da mama, sal fil e l'ag, e dentra la cucchiara, la furcina, el tovagliol, el bicchier ( quand en magnavam sa le du man, insomma sa i ditta.) I fiol di signor: sempre ben vestitti, mentre nó fiol di purett sempre vestiti alla mej. Lor givne a magnè a casa, acompagnati dai genitor, nó com i can sciolti dop la refesion, givam a casa da soli o sa qualche compagn. Arivati a casa babo o mama spess c'è dmnadavne d'la scola, premurosi: "ogg' sa chè magnat alla refesion?" I du cochi, marit e moj erne: la Teresa Diotalevi e Fattori el nom me dispiac en m'l' arcord. Abitavne in via del popol come me. Fattori c'aveva la vespa per gì alla refesion d'la scola ogni giorne, per gi a fè da magnè ma nó burdei. 'Na matina, c'era el temp brutt', pioveva, er già t'la strada per gì a scola veggh ma fattori che sotta l'acqua cercava insistent da metta in moto la su' vespa che en ne v'leva propi sapè de partì Dacsé dopp tanti tentativ,fattori, ch'aveva pers la pasiensa, decid da chiapè la rincorsa a pied, in mod che t'la vespa, apena i giva in moto, ló ce saria muntat sopra al vol e via! 'I è gitta ben sol per falla gì in moto; infatti, com prova de corsa a muntè sopra la vespa, questa cum un asin arabitt 'i è fuggitta dalle man e da sola ha cors dritta sal mutor aces, per cinque o sei metre per po' arbaltass per terra com un pietron rumoros e fumant. Fattori, porett ha fatt un rugolon per terra, t'lasfalt lucid e bagnat. Mentre cascava ha tirat giò un bell moccol pro se rialsat sensa nessun dann. Forse l'ha salvate 'l fatt' che lo gross e rotond com'era, è rimbalza t'la strada com un palon de gomma. Io er un burdell, ho vist e recepitt' c'la scena com quand al cinema nuova luce in via Veterani, se rideva da matti a veda le comich del cinema mut de Sciarlot, Gianni e Pinotto, Olio e Stalio o de Baster Chiton. Ho ris de brutt pro subbit dop so gitt a veda se c'aveva bsogn d'aiut. Lo tutt ross t'la faccia bagnat e incasat, ma sa bon esitt s'è rialsat da sol. Ch'el giorne Fattori è arivat puntual come sempre alla refesion d'la scola a fè da magnè dacsé ben e bon, come ogni giorne per tutta c'la burdlara affamata me compres.

12 FILASTROCCA: Nebbia di Enaide Galli Nebbia nebbia folta folta, trova la legna per fè la torta. La torta l'ho fatta Mettla sopra la panca. La panca era rotta e sotta c'era scritt C 'enn quattre donn da marit: una cusc', una taja, una fa 'l capell de paja, una 'gussa la curtella, per forè l'orecch ma'l cucc! MENZIONE SPECIALE per la INDAGINE DIALETTALE Questa è una filastrocca, della fine dell'ottocento, che raccontava a noi nipoti il mio nonno materno. Non so se la ricordo proprio bene, comunque è una storiella che chiedevamo spesso di ripeterci perché ci incuriosiva molto. FILASTROCCA: Martin e Marianna di Enaide Galli -In du se' stat Martin, sangue di mi curbin, in du se' stat Marti-ne. -So' stat alla fiera Marianna, sangue di mi curbin, So stat alla fiera Marian-na. -Sa m'è arpurtat de blin, sangue di mi curbin, sa m'è arpurtat de bli-ne. -T'ho purtat un bel caplin, sangue di mi curbin, t'ho purtat un bel capli-ne. -E quante t'ha custat, sangue di mi curbin, e quante t'ha custa-te. -Cinque e tre ott Marianna, sangue di mi curbin, cinque e tre ott Marian-na. -Sa ne facc de 'stè caplin, sangue di mi curbin Sa ne facc de 'stè capli-ne. -Sa m'è preparat de bon, sangue di mi curbin, sa m'è preparat de bo-ne. -La pulenta è sopra 'l foc, sangue di mi curbin, la pulenta è sopra 'l fo-che. -Sa la pulenta c' vòl un bichier de vin, sangue di mi curbin Sa la pulenta c'vol un bichier de vi-ne. (e dà un calcio a una sedia) -En te guard piò tla faccia, sangue di mi curbin En te guard piò tla fac-cia. -Facem la pac' Marianna, sangue di mi curbin Facem la pac' Marian-na.

13 -Facem un bel balett, sangue di mi curbin, facem un bel balet-te! La filastrocca si cantava recitando cioè interpretando gli stati d'animo e le movenze dei protagonisti. I due disprezzano l'uno il "regalo"dell'altra e viceversa, ma alla fine si perdonano e ballano insieme. Il ritornello, "sangue di mi curbin", non ho idea di cosa significasse, ma lo ricordo così. In altre zone si usa "sangue di mi' curdlin"

Bambini vecchiette signori e signore venite a giocare con tutti i colori (2 volte)

Bambini vecchiette signori e signore venite a giocare con tutti i colori (2 volte) La canzone dei colori Rosso rosso il cane che salta il fosso giallo giallo il gallo che va a cavallo blu blu la barca che va su e giù blu blu la barca che va su e giù Arancio arancio il grosso cappello

Dettagli

OGGI LA BIANCHI PER FORTUNA NON C'E' MA L'ITALIANO LO SAI ANCHE TE PER OGNI PAROLA DICCI COS'E', E NUOVE ISTRUZIONI AVRAI PER TE.

OGGI LA BIANCHI PER FORTUNA NON C'E' MA L'ITALIANO LO SAI ANCHE TE PER OGNI PAROLA DICCI COS'E', E NUOVE ISTRUZIONI AVRAI PER TE. 1 SE UNA SORPRESA VOLETE TROVARE ATTENTAMENTE DOVETE CERCARE. VOI ALLA FINE SARETE PREMIATI CON DEI GOLOSI DOLCINI INCARTATI. SE ALLE DOMANDE RISPONDERETE E NON CADRETE IN TUTTI I TRANELLI, SE TROVERETE

Dettagli

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Rilevazione degli apprendimenti PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Anno Scolastico 2011 2012 PROVA DI ITALIANO Scuola Primaria Classe Seconda Spazio per l etichetta autoadesiva ISTRUZIONI

Dettagli

Lo sai, sono la tua anima gemella perchè...

Lo sai, sono la tua anima gemella perchè... Clémence e Laura Lo sai, sono la tua anima gemella perchè... Se fossi un paio di scarpe sarei i tuoi lacci Se fossi il tuo piede sarei il tuo mignolo Se fossi la tua gola sarei la tua glottide Se fossi

Dettagli

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa 2007 Scrivere.info Tutti i diritti di riproduzione, con qualsiasi mezzo, sono riservati. In copertina: Yacht

Dettagli

IL RIMARIO IL RICALCO

IL RIMARIO IL RICALCO Preparare un rimario: IL RIMARIO - gli alunni, a coppie o singolarmente, scrivono su un foglio alcune parole con una determinata rima; - singolarmente, scelgono uno dei fogli preparati e compongono nonsense

Dettagli

PRONOMI DIRETTI (oggetto)

PRONOMI DIRETTI (oggetto) PRONOMI DIRETTI (oggetto) - mi - ti - lo - la - La - ci - vi - li - le La è la forma di cortesia. Io li incontro spesso. (gli amici). Non ti sopporta più. (te) Lo legge tutti i giorni. (il giornale). La

Dettagli

Laboratorio lettura. 8) Gli animali del carro sono: Leggi il libro Ma dov è il Carnevale?, poi esegui le consegne. Veri

Laboratorio lettura. 8) Gli animali del carro sono: Leggi il libro Ma dov è il Carnevale?, poi esegui le consegne. Veri Laboratorio lettura Leggi il libro Ma dov è il Carnevale?, poi esegui le consegne. 1) Quali anilmali sono i protagonisti della storia? 2) Che cosa fanno tutto l anno? 3) Perché decidono di scappare dal

Dettagli

Ci relazioniamo dunque siamo

Ci relazioniamo dunque siamo 7_CECCHI.N 17-03-2008 10:12 Pagina 57 CONNESSIONI Ci relazioniamo dunque siamo Curiosità e trappole dell osservatore... siete voi gli insegnanti, mi insegnate voi, come fate in questa catastrofe, con il

Dettagli

SE IO FOSSI UN ALBERO E INVENTASSI UNA STORIA DAL MIO DISEGNO...TI RACCONTEREI CHE...

SE IO FOSSI UN ALBERO E INVENTASSI UNA STORIA DAL MIO DISEGNO...TI RACCONTEREI CHE... SE IO FOSSI UN ALBERO E INVENTASSI UNA STORIA DAL MIO DISEGNO...TI RACCONTEREI CHE... Una volta si fece la festa degli alberi nel bosco e io e una bimba, che non lo sapevo chi era, giocavamo con gli alberi

Dettagli

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7.

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 2 Dov è Piero Ferrari e perché non arriva E P I S O D I O 25 Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 1 Leggi più volte il testo e segna le risposte corrette. 1. Piero abita in un appartamento

Dettagli

NATALE SARA. Come sempre Natale sarà una festa, una grande magia, per svegliare la tua fantasia giù dal cielo un bel sogno verrà.

NATALE SARA. Come sempre Natale sarà una festa, una grande magia, per svegliare la tua fantasia giù dal cielo un bel sogno verrà. NATALE SARA Su nel cielo che gran movimento, su tra gli angeli del firmamento: quelli addetti agli effetti speciali si rimboccano tutti le ali. C'è chi pensa ai fiocchetti di neve, chi compone una musica

Dettagli

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime Indice Introduzione 7 La storia delle rose: quando la mamma parte 9 Il bruco e la lumaca: quando i genitori si separano 23 La campana grande e quella piccola: quando nasce il fratellino 41 La favola del

Dettagli

SEMINA RACCOGLIE CAVOLI. I cavoli riscaldati furono buoni ma non lodati FOCACCIA. Rendere pan per focaccia GIORNO

SEMINA RACCOGLIE CAVOLI. I cavoli riscaldati furono buoni ma non lodati FOCACCIA. Rendere pan per focaccia GIORNO SEMINA C'è chi semina e chi miete Chi mal semina, mal raccoglie Chi non semina non miete Chi parla semina, chi tace raccoglie Chi semina vento raccoglie tempesta RACCOGLIE Chi dà e ritoglie, il diavolo

Dettagli

E vestirti coi vestiti tuoi DO#-7 SI4 dai seguimi in ciò che vuoi. e vestirti coi vestiti tuoi

E vestirti coi vestiti tuoi DO#-7 SI4 dai seguimi in ciò che vuoi. e vestirti coi vestiti tuoi SOGNO intro: FA#4/7 9 SI4 (4v.) SI4 DO#-7 Son bagni d emozioni quando tu FA# sei vicino sei accanto SI4 DO#-7 quando soltanto penso che tu puoi FA# FA#7/4 FA# SI trasformarmi la vita. 7+ SI4 E vestirti

Dettagli

Quanti nuovi suoni, colori e melodie, luce vita e gioia ad ogni creatura splende la sua mano forte e generosa, perfetto è ciò che lui fa

Quanti nuovi suoni, colori e melodie, luce vita e gioia ad ogni creatura splende la sua mano forte e generosa, perfetto è ciò che lui fa TUTTO CIO CHE FA Furon sette giorni così meravigliosi, solo una parola e ogni cosa fu tutto il creato cantava le sue lodi per la gloria lassù monti mari e cieli gioite tocca a voi il Signore è grande e

Dettagli

PETROLINI E' QUELLA COSA CHE TI BURLA IN TON GARBATO POI TI DICE: TI HA PIACIATO? SE TI OFFENDI SE NE FREG. MA TUTTO QUEL CHE SONO

PETROLINI E' QUELLA COSA CHE TI BURLA IN TON GARBATO POI TI DICE: TI HA PIACIATO? SE TI OFFENDI SE NE FREG. MA TUTTO QUEL CHE SONO PTROINI ' QUA COSA CH TI BURA IN TON GARBATO POI TI DIC: TI HA PIACIATO? S TI OFFNDI S N FRG. MA TUTTO QU CH SONO NON POSSO DIR A DIR NON SON BUONO MI PRORO' A CANTAR. I barzelletta NADIA Due popolane

Dettagli

Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar. Classe IV. Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia

Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar. Classe IV. Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia Scuola Primaria Istituto Casa San Giuseppe Suore Vocazioniste Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar Classe IV Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia È il 19 febbraio 2011

Dettagli

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica:

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica: Pasta per due 5 Capitolo 1 Libero Belmondo è un uomo di 35 anni. Vive a Roma. Da qualche mese Libero accende il computer tutti i giorni e controlla le e-mail. Minni è una ragazza di 28 anni. Vive a Bangkok.

Dettagli

Discorso diretto e indiretto

Discorso diretto e indiretto PERCORSI DIDATTICI di: Mavale Discorso diretto e indiretto scuola: Cremona area tematica: Lingua italiana pensato per: 8-11 anni scheda n : 1 OBIETTIVO DIDATTICO: Saper riconoscere ed usare il discorso

Dettagli

4. Conoscere il proprio corpo

4. Conoscere il proprio corpo 4. Conoscere il proprio corpo Gli esseri viventi sono fatti di parti che funzionano assieme in modo diverso. Hanno parti diverse che fanno cose diverse. Il tuo corpo è fatto di molte parti diverse. Alcune

Dettagli

Favole per bambini grandi.

Favole per bambini grandi. Favole per bambini grandi. d. & d' Davide Del Vecchio Daria Gatti Questa opera e distribuita sotto licenza Creative Commons Attribuzione Non commerciale 2.5 Italia http://creativecommons.org/licenses/by-nc/2.5/it/

Dettagli

33. Dora perdona il suo pessimo padre

33. Dora perdona il suo pessimo padre 33. Dora perdona il suo pessimo padre Central do Brasil (1998) di Walter Salles Il film racconta la storia di una donna cinica e spietata che grazie all affetto di un bambino ritrova la capacità di amare

Dettagli

Con Rikke nei Parchi d Abruzzo di Kristiina Salmela

Con Rikke nei Parchi d Abruzzo di Kristiina Salmela di Kristiina Salmela Gole di Fara San Martino (CH) Hei! Ciao! Sono un bel TONTTU - uno gnometto mezzo finlandese mezzo abruzzese, e mi chiamo Cristian alias Rikke. Più di sei anni fa sono nato nel Paese

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN SPINEA I CIRCOLO ANNO SCOLASTICO 2006/07. Documentazione a cura di Quaglietta Marica

SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN SPINEA I CIRCOLO ANNO SCOLASTICO 2006/07. Documentazione a cura di Quaglietta Marica SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN SPINEA I CIRCOLO ANNO SCOLASTICO 2006/07 GRUPPO ANNI 3 Novembre- maggio Documentazione a cura di Quaglietta Marica Per sviluppare Pensiero creativo e divergente Per divenire

Dettagli

LING RACCONTA IL SUO VIAGGIO

LING RACCONTA IL SUO VIAGGIO LING RACCONTA IL SUO VIAGGIO Sono arrivata in Italia in estate perché i miei genitori lavoravano già qui. Quando ero in Cina, io e mia sorella Yang abitavamo con i nonni, perciò mamma e papà erano tranquilli.

Dettagli

Tu ci metti i rifiuti La natura farà il resto CAMPAGNA DI PROMOZIONE DEL COMPOSTAGGIO DOMESTICO

Tu ci metti i rifiuti La natura farà il resto CAMPAGNA DI PROMOZIONE DEL COMPOSTAGGIO DOMESTICO Tu ci metti i rifiuti La natura farà il resto CAMPAGNA DI PROMOZIONE DEL COMPOSTAGGIO DOMESTICO ndice 1 Fai come fa la Natura 2 Cosa ci metti per fare la terra? 3 Come funziona il Compostaggio 4 Le cose

Dettagli

DAL MEDICO UNITÁ 9. pagina 94

DAL MEDICO UNITÁ 9. pagina 94 DAL MEDICO A: Buongiorno, dottore. B: Buongiorno. A: Sono il signor El Assani. Lei è il dottor Cannavale? B: Si, piacere. Sono il dottor Cannavale. A: Dottore, da qualche giorno non mi sento bene. B: Che

Dettagli

Civilewww.edurisk.it. Care bambine, cari bambini,

Civilewww.edurisk.it. Care bambine, cari bambini, Cari bambini, Civile questo libretto che vi viene oggi proposto vi aiuterà a conoscere i rischi e ad imparare come difendervi, in particolare dai rischi legati al terremoto. Questo come tutti sapete è

Dettagli

CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI

CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI La mia casa ideale è vicino al mare. Ha un salotto grande e luminoso con molte poltrone comode e un divano grande e comodo.

Dettagli

storia dell umanità sarebbe veramente molto triste.

storia dell umanità sarebbe veramente molto triste. FIGLI DI DIO Cosa significa essere un figlio di Dio? E importante essere figli di Dio? Se sono figlio di Dio che differenza fa nella mia vita quotidiana? Queste sono questioni importanti ed è fondamentale

Dettagli

Il silenzio. per ascoltare se stessi, gli altri, la natura

Il silenzio. per ascoltare se stessi, gli altri, la natura Il silenzio per ascoltare se stessi, gli altri, la natura Istituto Comprensivo Monte S. Vito Scuola dell infanzia F.lli Grimm Gruppo dei bambini Farfalle Rosse (3 anni) Anno Scolastico 2010-2011 Ins. Gambadori

Dettagli

PRONTI PER L INVERNO 2014-2015

PRONTI PER L INVERNO 2014-2015 PRONTI PER L INVERNO 2014-2015 Automobile Club Reggio Emilia Non rimanere bloccato... usa il trasporto pubblico con MI MUOVOCARD o tieni in tasca il tuo biglietto multicorsa MI MUOVO CARD Abbonamenti mensili

Dettagli

Unità VI Gli alimenti

Unità VI Gli alimenti Unità VI Gli alimenti Contenuti - Gusti - Preferenze - Provenienza Attività AREA ANTROPOLOGICA 1. Cosa piace all Orsoroberto L Orsoroberto racconta ai bambini quali sono i cibi che lui ama e che mangia

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO G. Mazzini Erice - Trentapiedi

ISTITUTO COMPRENSIVO G. Mazzini Erice - Trentapiedi ISTITUTO COMPRENSIVO G. Mazzini Erice - Trentapiedi come Anno scolastico 2012-2013 Classe 2 a D 1 Istituto Comprensivo G. Mazzini Erice Trentapiedi Dirigente Scolastico: Filippo De Vincenzi Ideato e realizzato

Dettagli

Concorso "La Fiorentina che vorrei". Chiara Portone (2^D) partecipa con questo bellissimo testo.

Concorso La Fiorentina che vorrei. Chiara Portone (2^D) partecipa con questo bellissimo testo. Concorso "La Fiorentina che vorrei". Chiara Portone (2^D) partecipa con questo bellissimo testo. Mi chiamo Chiara abito a Sesto Fiorentino e per iniziare voglio fare una premessa. Io di calcio ci capisco

Dettagli

Giro, ghirotondo e altre storie ortografiche

Giro, ghirotondo e altre storie ortografiche Giro, ghirotondo e altre storie ortografiche Strumenti per la didattica, l educazione, la riabilitazione, il recupero e il sostegno Collana diretta da Dario Ianes Rossana Colli e Cosetta Zanotti Giro,

Dettagli

[Pagina 1] [Pagina 2]

[Pagina 1] [Pagina 2] [Pagina 1] Gradisca. 2.10.44 Rina amatissima, non so se ti rivedrò prima di morire - in perfetta salute - ; lo desidererei molto; l'andarmene di là con la tua visione negli occhi sarebbe per me un grande

Dettagli

Una Pulce sull Albero di Babbo Natale?

Una Pulce sull Albero di Babbo Natale? Una Pulce sull Albero di Babbo Natale? Copione natalizio in rima per i bambini della Scuola dell Infanzia. Autore: Silvia Di Castro (Bisia) UNA PULCE SULL ALBERO DI BABBO NATALE? 1 Copione natalizio in

Dettagli

IL CANE CHE NON SAPEVA ABBAIARE

IL CANE CHE NON SAPEVA ABBAIARE IL CANE CHE NON SAPEVA ABBAIARE C'era una volta un cane che non sapeva abbaiare. Non abbaiava, non miagolava, non muggiva, non nitriva, non sapeva fare nessun verso. Era un cagnetto solitario, chissà come

Dettagli

IL TEMPO METEOROLOGICO

IL TEMPO METEOROLOGICO VOLUME 1 CAPITOLO 4 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE IL TEMPO METEOROLOGICO 1. Parole per capire A. Conosci già queste parole? Scrivi il loro significato o fai un disegno: tempo... Sole... luce... caldo...

Dettagli

Una storia vera. 1 Nome fittizio.

Una storia vera. 1 Nome fittizio. Una storia vera Naida 1 era nata nel 2000, un anno importante, porterà fortuna si diceva. Era una ragazzina come tante, allegra, vivace e che odiava andare a scuola. Era nata a Columna Pasco, uno dei tanti

Dettagli

OBIETTIVI DELL ATTIVITA FISICA DEI BAMBINI DAI 6 AGLI 11 ANNI SECONDA PARTE LA CORSA

OBIETTIVI DELL ATTIVITA FISICA DEI BAMBINI DAI 6 AGLI 11 ANNI SECONDA PARTE LA CORSA OBIETTIVI DELL ATTIVITA FISICA DEI BAMBINI DAI 6 AGLI 11 ANNI SECONDA PARTE LA CORSA Dopo avere visto e valutato le capacità fisiche di base che occorrono alla prestazione sportiva e cioè Capacità Condizionali

Dettagli

Se fossi... Nicole Pesce. Se fossi un libro mi leggerei da sola e mi lascerei leggere dalle altre persone

Se fossi... Nicole Pesce. Se fossi un libro mi leggerei da sola e mi lascerei leggere dalle altre persone Se fossi... Nicole Pesce Se fossi un libro mi leggerei da sola e mi lascerei leggere dalle altre persone se fossi un coppa mi lascerei osservare da tutti, ed essere contenta di essere con te, te che mi

Dettagli

LA STREGA ROVESCIAFAVOLE

LA STREGA ROVESCIAFAVOLE LA STREGA ROVESCIAFAVOLE RITA SABATINI Cari bambini avete mai sentito parlare della strega Rovesciafavole? Vi posso assicurare che è una strega davvero terribile, la più brutta e malvagia di tutte le streghe

Dettagli

Il ciclo di Arcabas LUNGO LA STRADA

Il ciclo di Arcabas LUNGO LA STRADA Il ciclo di Arcabas Arcabas è lo pseudonimo dell artista francese Jean Marie Pirot, nato nel 1926. Nella chiesa della Risurrezione a Torre de Roveri (BG) negli anni 1993-1994 ha realizzato un ciclo di

Dettagli

Edizione N 8 Mese GIUGNO/LUGLIO 2011. Giorni da ricordare nei mesi di APRILE e MAGGIO. 28/05/2011 Qui affianco la nostra Elide che compie 100 anni!!!

Edizione N 8 Mese GIUGNO/LUGLIO 2011. Giorni da ricordare nei mesi di APRILE e MAGGIO. 28/05/2011 Qui affianco la nostra Elide che compie 100 anni!!! 09/05/2011 e 16/05/2011 Fazzoletto Bandiera con i ragazzi del catechismo!! 12/05/2011 Uscita al mercato Paesano.. 18/04/2011 CINOTERAPIA!! 08/05/2011 FESTA DELLA MAMMA 03/04/2011 Canti e Balli con Rinaldo

Dettagli

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1 Università per Stranieri di Siena Centro CILS Sessione: Dicembre 2012 Test di ascolto Numero delle prove 2 Ascolto - Prova n. 1 Ascolta i testi: sono brevi dialoghi e annunci. Poi completa le frasi.

Dettagli

IO CI SARÒ. dai 9 anni LIA LEVI. Illustrazioni di Donata Pizzato Serie Arancio n 145 Pagine: 192 Codice: 566-3210-1 Anno di pubblicazione: 2013

IO CI SARÒ. dai 9 anni LIA LEVI. Illustrazioni di Donata Pizzato Serie Arancio n 145 Pagine: 192 Codice: 566-3210-1 Anno di pubblicazione: 2013 PIANO DI IO CI SARÒ LIA LEVI LETTURA dai 9 anni Illustrazioni di Donata Pizzato Serie Arancio n 145 Pagine: 192 Codice: 566-3210-1 Anno di pubblicazione: 2013 L AUTRICE Lia Levi è oggi una delle più affermate

Dettagli

Canzoni popolari. Melissa Jacobacci. 3 scuola elementare. Chiara Caverzasio e Renata Verzaroli. 4 a scuola elementare

Canzoni popolari. Melissa Jacobacci. 3 scuola elementare. Chiara Caverzasio e Renata Verzaroli. 4 a scuola elementare Canzoni popolari Melissa Jacobacci Chiara Caverzasio e Renata Verzaroli 3 scuola elementare 4 a scuola elementare ALLA MATTINA C È IL CAFFE Alla mattina c è il caffè, ma senza zucchero, ma senza zucchero;

Dettagli

ROVERETO: PERCORSO NELLE TRINCEE

ROVERETO: PERCORSO NELLE TRINCEE ROVERETO: PERCORSO NELLE TRINCEE Introduzione Il quindici e il sedici ottobre siamo andati in viaggio d'istruzione a Rovereto con la 3 C. Rovereto è una città a sud di Trento ricco di molte attrazioni

Dettagli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli Siamo abituati a pensare al Natale come una festa statica, di pace, tranquillità, davanti

Dettagli

Attorno alla Rupe. Rit.: uulla ullalala uullalala del lupo la forza nel branco sarà (2v.)

Attorno alla Rupe. Rit.: uulla ullalala uullalala del lupo la forza nel branco sarà (2v.) Attorno alla Rupe Attorno alla rupe orsù lupi andiam d'akela e Baloo or le voci ascoltiam del branco la forza in ciascun lupo sta del lupo la forza del branco sarà. Rit.: uulla ullalala uullalala del lupo

Dettagli

2) Se oggi la sua voce. Rit, 1) Camminiamo incontro al Signore

2) Se oggi la sua voce. Rit, 1) Camminiamo incontro al Signore Parrocchia Santa Maria delle Grazie Squinzano 1) Camminiamo incontro al Signore 2) Se oggi la sua voce Rit, Camminiamo incontro al Signore Camminiamo con gioia Egli viene non tarderà Egli viene ci salverà.

Dettagli

IL LUNEDÌ SCOMPARSO. Dai 5 anni

IL LUNEDÌ SCOMPARSO. Dai 5 anni PIANO DI L ETTURA IL LUNEDÌ SCOMPARSO Silvia Roncaglia Dai 5 anni Illustrazioni di Simone Frasca Serie Arcobaleno n 5 Pagine: 34 (+ 5 di giochi) Codice: 978-88-384-7624-1 Anno di pubblicazione: 2006 L

Dettagli

Flame of Hope maggio 2015

Flame of Hope maggio 2015 Flame of Hope maggio 2015 Cari amici, Quand è che si apprezza maggiormente la vita e si è consapevoli di essere vivi e ne siamo grati? Quando quel dono prezioso è minacciato e poi si apprezza la vita il

Dettagli

ANNO, MESI, SETTIMANE E CALENDARIO

ANNO, MESI, SETTIMANE E CALENDARIO ANNO, MESI, SETTIMANE E CALENDARIO Iniziamo il percorso ricordando agli alunni le motivazioni che hanno spinto gli uomini a creare sistemi di misurazione del tempo, come fatto già per l orologio. Facciamo

Dettagli

MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE VOLUME 1 CAPITOLO 2 ... ... ... ... ... ...

MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE VOLUME 1 CAPITOLO 2 ... ... ... ... ... ... VOLUME 1 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE ACQUE INTERNE 1. Parole per capire A. Conosci già queste parole? Scrivi il loro significato o fai un disegno: valle... ghiacciaio... vulcano... cratere...

Dettagli

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore.

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore. Commozione Si commuove il corpo. A sorpresa, prima che l opportunità, la ragionevolezza, la buona educazione, la paura, la fretta, il decoro, la dignità, l egoismo possano alzare il muro. Si commuove a

Dettagli

AL SUPERMERCATO UNITÁ 11

AL SUPERMERCATO UNITÁ 11 AL SUPERMERCATO Che cosa ci serve questa settimana? Un po di tutto; per cominciare il pane. Sì, prendiamo due chili di pane. Ci serve anche il formaggio. Sì, anche il burro. Prendiamo 3 etti di formaggio

Dettagli

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di 1 Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di N. e N. 2 Celebrare un anniversario non significa rievocare in modo nostalgico una avvenimento del passato, ma celebrare nella lode e nel rendimento

Dettagli

Che cosa fai di solito?

Che cosa fai di solito? Che cosa fai di solito? 2 1 Ascolta la canzone La mia giornata, ritaglia e incolla al posto giusto le immagini di pagina 125. 10 dieci Edizioni Edilingua unità 1 2 Leggi. lindylindy@forte.it ciao Cara

Dettagli

unità 01 un intervista Attività di pre-ascolto Abbinate le parti della colonna A a quelle della colonna B.

unità 01 un intervista Attività di pre-ascolto Abbinate le parti della colonna A a quelle della colonna B. A. Ignone - M. Pichiassi unità 01 un intervista Attività di pre-ascolto Abbinate le parti della colonna A a quelle della colonna B. A B 1. È un sogno a) vuol dire fare da grande quello che hai sempre sognato

Dettagli

Andrea Bajani Tanto si doveva

Andrea Bajani Tanto si doveva Andrea Bajani Tanto si doveva Quando muoiono, gli uccelli cadono giù. Non se ne accorge quasi nessuno, di solito, salvo il cacciatore che l ha colpito e il cane che deve dargli la caccia. Il cacciatore

Dettagli

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti,

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, si è conclusa con una lezione aperta per i genitori.

Dettagli

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO?

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? 1 Ehi, ti e mai capitato di assistere o essere coinvolto in situazioni di prepotenza?... lo sai cos e il bullismo? Prova a leggere queste pagine. Ti potranno essere utili.

Dettagli

libro primo 7 grazie, farò del mio meglio per non arrecarti altro disturbo. E appena ho provato a reagire, mi hai bloccata, sei passato a discorsi

libro primo 7 grazie, farò del mio meglio per non arrecarti altro disturbo. E appena ho provato a reagire, mi hai bloccata, sei passato a discorsi Capitolo primo 1. Se tu te ne sei scordato, egregio signore, te lo ricordo io: sono tua moglie. Lo so che questo una volta ti piaceva e adesso, all improvviso, ti dà fastidio. Lo so che fai finta che non

Dettagli

Monti di Carate. Monte di Carate e Giseno visti dal lago

Monti di Carate. Monte di Carate e Giseno visti dal lago Monti di Carate Monte di Carate e Giseno visti dal lago Monte di Carate (Freccia gialla) visto da Brunate (*) Monte di Carate visto dalla strada del Bisbino E' formato da una cinquantina di baite immerse

Dettagli

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni.

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. 8 regioni settentrionali: il Piemonte (Torino), la Val d Aosta (Aosta),

Dettagli

Il desiderio di essere come tutti

Il desiderio di essere come tutti Francesco Piccolo Il desiderio di essere come tutti Einaudi INT_00_I-IV_Piccolo_Desiderio.indd 3 30/08/13 11.44 Sono nato in un giorno di inizio estate del 1973, a nove anni. Fino a quel momento la mia

Dettagli

COSCIENZA COSMICA. FIRMAMENTO: Quant è grande un milione? 2012/13 novembre-dicembre 2012 Istituto Comprensivo Statale PETRITOLI

COSCIENZA COSMICA. FIRMAMENTO: Quant è grande un milione? 2012/13 novembre-dicembre 2012 Istituto Comprensivo Statale PETRITOLI COSCIENZA COSMICA FIRMAMENTO: Quant è grande un milione? Dati identificativi ANNO SCOLASTICO periodo SCUOLA DOCENTI COINVOLTI ORDINE SCUOLA DESTINATARI FORMATRICI 2012/13 novembre-dicembre 2012 Istituto

Dettagli

Il canale protettivo del Kundalini Yoga

Il canale protettivo del Kundalini Yoga Il canale protettivo del Kundalini Yoga PER COMINCIARE E consigliabile avere un ora ed un luogo determinati dedicati allo yoga. Tempo e spazio sono le coordinate della relatività della nostra esistenza

Dettagli

Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna...

Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna molto probabilmente avrei un comportamento diverso. Il mio andamento scolastico non è dei migliori forse a causa dei miei interessi (calcio,videogiochi, wrestling ) e forse mi applicherei

Dettagli

LUPI DIETRO GLI ALBERI

LUPI DIETRO GLI ALBERI dai 7 anni LUPI DIETRO GLI ALBERI Roberta Grazzani Illustrazioni di Franca Trabacchi Serie Azzurra n 133 Pagine: 176 Codice: 978-88-566-2952-1 Anno di pubblicazione: 2014 L Autrice Scrittrice milanese

Dettagli

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento.

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento. DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento Anno 2014 (B) E nato per tutti; è nato per avvolgere il mondo in un abbraccio

Dettagli

'' Vola solo chi osa farlo '' di Alyssia Molinari

'' Vola solo chi osa farlo '' di Alyssia Molinari '' Vola solo chi osa farlo '' di Alyssia Molinari Io ho tanto coraggio ma certe volte non lo dimostro. Per esempio: io ho coraggio a dire in faccia le cose, ma qualche volta no perché non mi fido e allora

Dettagli

ILaboratori di Progettazione Partecipata presentati

ILaboratori di Progettazione Partecipata presentati VISTO DAI BAMBINI E DAI RAGAZZI ILaboratori di Progettazione Partecipata presentati in questa sezione riguardano progetti e proposte in aree di verde pubblico. Se il primo lavoro è finalizzato all arredo

Dettagli

COME IL PANE ANTOLOGIA POETICA PER I BAMBINI DELLA SCUOLA DELL INFANZIA E PER QUELLI DELLA PRIMA CLASSE DELLA SCUOLA PRIMARIA. Dormono (Lina Schwarz)

COME IL PANE ANTOLOGIA POETICA PER I BAMBINI DELLA SCUOLA DELL INFANZIA E PER QUELLI DELLA PRIMA CLASSE DELLA SCUOLA PRIMARIA. Dormono (Lina Schwarz) COME IL PANE ANTOLOGIA POETICA PER I BAMBINI DELLA SCUOLA DELL INFANZIA E PER QUELLI DELLA PRIMA CLASSE DELLA SCUOLA PRIMARIA Dormono (Lina Schwarz) Il gattino accanto al fuoco si addormenta a poco a poco;

Dettagli

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso LIBERI PENSIERI PER LIBERI SENTIMENTI La riflessione circa In viaggio verso l incontro come ci è stato proposto, nasce attorno alla lettura del romanzo : C è nessuno?

Dettagli

ATTENTI BAMBINI A POSTO LE BRACCIA SPINTA IN AVANTI CHE IN ALTO SI VA!

ATTENTI BAMBINI A POSTO LE BRACCIA SPINTA IN AVANTI CHE IN ALTO SI VA! ATTENTI BAMBINI A POSTO LE BRACCIA SPINTA IN AVANTI CHE IN ALTO SI VA! FACCIAMO LA CATENA DIETRO LA SCHIENA BATTIAMO LE MANI CON GIOIA E AMOR FACCIAMO IL PONTICELLO SUONIAMO LA TROMBETTA(PEREPPEPPE) SE

Dettagli

E come questo occaso è pien di voli, com'è allegro de' passeri il garrire! A notte canteranno i rusignoli: rimanti, e i rei fantasmi oh non seguire;

E come questo occaso è pien di voli, com'è allegro de' passeri il garrire! A notte canteranno i rusignoli: rimanti, e i rei fantasmi oh non seguire; Davanti a San Guido I cipressi che a Bólgheri alti e schietti van da San Guido in duplice filar, quasi in corsa giganti giovinetti mi balzarono incontro e mi guardar. Mi riconobbero, e Ben torni omai Bisbigliaron

Dettagli

Che diavolo sono le gare di rally (e altri argomenti interessanti!)?

Che diavolo sono le gare di rally (e altri argomenti interessanti!)? Che diavolo sono le gare di rally (e altri argomenti interessanti!)? Molti di voi avranno sentito parlare di gare in cui i cani concorrono in esercizi di olfatto, come la ricerca, o gare di agility e di

Dettagli

SIGNIFICATO LETTERALE E SIGNIFICATO METAFORICO. Indica per ogni coppia di frasi, quando la parola in stampato maiuscolo ha SIGNIFICATO

SIGNIFICATO LETTERALE E SIGNIFICATO METAFORICO. Indica per ogni coppia di frasi, quando la parola in stampato maiuscolo ha SIGNIFICATO SIGNIFICATO LETTERALE E SIGNIFICATO METAFORICO Indica per ogni coppia di frasi, quando la parola in stampato maiuscolo ha SIGNIFICATO LETTERALE e quando ha SIGNIFICATO METAFORICO (FIGURATO). Questa non

Dettagli

ALLA SCUOLA MATERNA UNITÁ 16

ALLA SCUOLA MATERNA UNITÁ 16 ALLA SCUOLA MATERNA Marzia: Buongiorno, sono venuta per iscrivere il mio bambino. Maestra: Buongiorno, signora. Io sono la maestra. Come si chiama il bambino. Marzia: Si chiama Renatino Ribeiro. Siamo

Dettagli

4.Che cosa... di bello da vedere nella tua città? (A) c'è (B) è (C) ci sono (D) e

4.Che cosa... di bello da vedere nella tua città? (A) c'è (B) è (C) ci sono (D) e DIAGNOSTIC TEST - ITALIAN General Courses Level 1-6 This is a purely diagnostic test. Please only answer the questions that you are sure about. Since this is not an exam, please do not guess. Please stop

Dettagli

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI (Gv 3, 17b) Ufficio Liturgico Diocesano proposta di Celebrazione Penitenziale comunitaria nel tempo della Quaresima 12 1 2 11 nella lode perenne del tuo nome

Dettagli

VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI. Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM

VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI. Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM XXVIII TEMPO ORDINARIO 11 ottobre 2009 VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM Mc 10, 17-30 [In quel tempo], mentre Gesù andava per la strada, un tale gli corse incontro

Dettagli

UN TEMPO. Foto Tiina Itkonen. Testo Ilaria bernardini

UN TEMPO. Foto Tiina Itkonen. Testo Ilaria bernardini P O R T O L I O UN TEMPO GHIACCIATO Tra le nevi perenni della Groenlandia per ritrovare se stessi. Il racconto di una fuga verso il Nord, in un luogo pieno di luce e di spazio, dove svegliarsi ogni giorno

Dettagli

Scacchi ed enigmistica

Scacchi ed enigmistica Scacchi ed enigmistica Di Adolivio Capece Sciopero della fame in massa Visto che con un capo avean da fare col qual non si potea più ragionare nessuno, ad un tratto, s'è più fatto avanti e han smesso di

Dettagli

L ADULTO CHE SA EDUCARE: REGOLE O PRESENZA?

L ADULTO CHE SA EDUCARE: REGOLE O PRESENZA? dott.ssa Anna Campiotti Marazza (appunti non rivisti dall autrice; sottotitoli aggiunti dal redattore) L ADULTO CHE SA EDUCARE: REGOLE O PRESENZA? primo incontro del ciclo Il rischio di educare organizzato

Dettagli

Gloria al Padre e al Figlio e allo Spirito Santo. Come era nel principio, e ora e sempre nei secoli dei secoli. Amen

Gloria al Padre e al Figlio e allo Spirito Santo. Come era nel principio, e ora e sempre nei secoli dei secoli. Amen Modo di recitare il Santo Rosario Segno della Croce Credo Si annuncia il primo Mistero del giorno Padre Nostro Dieci Ave Maria Gloria Si continua fino a completare i 5 misteri del giorno Preghiera finale

Dettagli

Invece n da stu paes, come sempre, ston i solt casen, il centro è sempre pulito ed in periferia stie na latren.

Invece n da stu paes, come sempre, ston i solt casen, il centro è sempre pulito ed in periferia stie na latren. Cari lettori Oggi della pulizia del nostro paese vi voglio parlare, che per come funziona, troppo cara ce la fanno pagare. Pe quanda solt co senec ne fasce pagà de rummat, Putignan er a iess nu paes, splendente

Dettagli

2 e3 anno I GIORNI DELLA TARTARUGA. ROMANZO A SFONDO SOCIALE Una storia di bullismo e disagio giovanile, appassionante e coivolgente.

2 e3 anno I GIORNI DELLA TARTARUGA. ROMANZO A SFONDO SOCIALE Una storia di bullismo e disagio giovanile, appassionante e coivolgente. 2 e3 anno narrativa CONTEMPORAN scuola second. di I grado EA I GIORNI DELLA TARTARUGA ROMANZO A SFONDO SOCIALE Una storia di bullismo e disagio giovanile, appassionante e coivolgente. AUTORE: C. Elliott

Dettagli

PROVE DI APPRENDIMENTO di ITALIANO CLASSE II MEDIA

PROVE DI APPRENDIMENTO di ITALIANO CLASSE II MEDIA PROVE DI APPRENDIMENTO di ITALIANO CLASSE II MEDIA Comprensione della lettura Es. 1 Leggere il testo LA SIGNORINA MONICA e rispondere alle domande Tempo previsto per lo svolgimento : 1 h Punteggio massimo:

Dettagli

Pietra dei solstizi di Montevila Perca (Alto Adige)

Pietra dei solstizi di Montevila Perca (Alto Adige) Dott. Huber Josef Pietra dei solstizi di Montevila Perca (Alto Adige) La pietra dei solstizi di Montevila é un blocco di granito con un volume di ca. 1,3 m³. Ha cinque fori con un diametro di ca. 3 cm

Dettagli

Francesco Villa Liceo Scientifico Statale Vittorio Veneto

Francesco Villa Liceo Scientifico Statale Vittorio Veneto Francesco Villa Liceo Scientifico Statale Vittorio Veneto La Milano che (non) vorrei... 13 aprile 2014 Anche per oggi suona la campanella che annuncia la fine delle lezioni! Insieme ai miei compagni di

Dettagli

Una notte incredibile

Una notte incredibile Una notte incredibile di Franz Hohler nina aveva dieci anni, perciò anche mezzo addormentata riusciva ad arrivare in bagno dalla sua camera. La porta della sua camera era generalmente accostata e la lampada

Dettagli

DIECI ESPERIMENTI SULL ARIA

DIECI ESPERIMENTI SULL ARIA ANNARITA RUBERTO http://scientificando.splinder.com DIECI ESPERIMENTI SULL ARIA per i piccoli Straws akimbo by Darwin Bell http://www.flickr.com/photos/darwinbell/313220327/ 1 http://scientificando.splinder.com

Dettagli

L Angolo del Buonumore

L Angolo del Buonumore T L Angolo del Buonumore T- Sapete qual è il colmo per un insegnante di diritto? Abitare in Via della Costituzione. T- Sai qual è il colmo per un libro di aritmetica? Non avere problemi. T- Lo sapete qual

Dettagli

SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA

SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA LIBRO IN ASSAGGIO SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA DI ROBERT L. LEAHY INTRODUZIONE Le sette regole delle persone molto inquiete Arrovellarvi in continuazione, pensando e ripensando al peggio, è la

Dettagli