PROGETTO DI FUSIONE PER INCORPORAZIONE

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PROGETTO DI FUSIONE PER INCORPORAZIONE"

Transcript

1 PROGETTO DI FUSIONE PER INCORPORAZIONE (Redatto ai sensi dell'art.2501 ter c.c. e art. 13 commi 39 e 40 del D.L.30 settembre 2003 n. 269 convertito dalla legge 24 novembre 2003 n. 326) in "CONSORZIO GARANZIA FIDI PORDENONE" con sede in Pordenone (PN) di "MEDIO CONFIDI FVG Società consortile per azioni " con sede in Pordenone (PN), Corso Garibaldi n. 75 Il Consiglio di Amministrazione di "CONSORZIO GARANZIA FIDI PORDENONE" (in seguito anche incorporante ) e il Consiglio di Amministrazione di "MEDIO CONFIDI FVG Società consortile per azioni" (in seguito anche incorporando ) hanno redatto e predisposto ai sensi dell'art ter c.c. e dei commi 40, 41 e 42 dell'art. 13 del D.L. 269/2003 convertito nella legge 326 del 24 novembre 2003, il seguente progetto di fusione per incorporazione nella Società "CONSORZIO GARANZIA FIDI PORDENONE". ***** l) Confidi partecipanti alla fusione incorporante: " CONSORZIO GARANZIA FIDI PORDENONE " con sede in Pordenone (PN) Via Cappuccini n. 87/b iscritto al Registro Imprese di Pordenone n , Repertorio Economico Amministrativo PN Codice Fiscale n , iscrizione elenco Intermediari Finanziari ex art. 155, comma 4, TUB n ; incorporando: " MEDIO CONFIDI FVG Società consortile per azioni " con sede in Pordenone (PN) Corso Garibaldi n. 75, iscritto al Registro Imprese di Pordenone n Repertorio Economico Amministrativo PN-95963, Codice Fiscale n , iscrizione elenco Intermediari Finanziari ex art. 155, comma 4, TUB n ; rispettivamente nelle date 30/03/2016 e 29/03/2016 i consigli di amministrazione della incorporante e della incorporata hanno approvato il seguente progetto di fusione per Progetto di fusione Pagina 1

2 incorporazione delle due società. 2) statuto del confidi incorporante Allo Statuto del Confidi incorporante, in considerazione delle modalità di attuazione del procedimento di fusione, non sarà necessario apportare alcuna modifica. 3) Rapporto di cambio delle quote ed eventuale conguaglio in denaro Il capitale sociale della Società incorporante è suddiviso in quote. Ai fini della determinazione del rapporto di cambio, occorre premettere che la fusione avviene tra confidi, e precisamente tra un confidi in forma di consorzio, in qualità di incorporante, ed un confidi in forma di società consortile per azioni, entrambe svolgenti attività di garanzia collettiva dei fidi di primo grado. Lo statuto della società incorporante, anche successivamente alla fusione, prevede, in conformità alle disposizioni dettate in materia di confidi dell articolo 13 del D.L. 269 del , convertito con modificazioni della Legge 326/2003, il divieto di distribuzione degli avanzi di gestione, di ogni genere e sotto qualsiasi forma ai Soci. Tutte le riserve e i fondi sono indivisibili e non possono essere ripartiti tra i Soci, neppure in caso di scioglimento della Società. Eguali vincoli di non distribuibilità degli utili e delle riserve ai soci sono presenti sia nello statuto dell incorporante che in quello dell incorporando; lo statuto della società incorporata prevede per i soci uguali diritti amministrativi senza che per tale profilo assuma rilievo l ammontare delle azioni/quote detenute. Il comma 40 dell art. 13 citato dispone in tema di fusioni tra confidi quanto segue: A far data dal 1 gennaio 2004, qualora gli statuti dei confidi partecipanti alla fusione e il progetto di fusione prevedano per i consorziati eguali diritti, senza che assuma rilievo l ammontare delle singole quote di partecipazione, non è necessario redigere la relazione degli esperti prevista dall articolo 2501-sexies del codice civile, come modificato dalla riforma delle società. Il progetto di fusione determina il rapporto di cambio sulla base del valore nominale delle quote di partecipazione, secondo un criterio di attribuzione proporzionale. Come base di calcolo per il concambio, si fa riferimento esclusivamente al capitale sociale (Fondo consortile), e non all insieme dei Mezzi propri (che nella fattispecie riguarderebbero riserve indisponibili, utili/perdite portati a nuovo e Fondi di riserva). In coerenza con i disposti statutari e tenendo in dovuta considerazione il criterio di mutualità prevalente che caratterizza l attività dei Confidi, appare assolutamente logico e corretto Progetto di fusione Pagina 2

3 pensare al solo capitale sociale (Fondo Consortile) posseduto dai Soci come parametro utilizzabile per il cambio. In ossequio alla disposizione riportata e alla sottointesa irrilevanza dei rispettivi capitali economici, il rapporto di cambio sarà alla pari, ovverosia sulla base dei soli valori nominali delle azioni o delle quote, sia per il consorzio che per la società consortile per azioni. Poiché il valore di ogni azione della società incorporata è di 250,00 (Duecentocinquanta/00), mentre la quota attuale dell incorporante è di 300,00 (Trecento/00), ad ogni socio dell incorporando verrà attribuita una quota minima di 250,00 (in ottemperanza a quanto previsto dal D.L. 269/2003 art. 13 comma 13) della società incorporante e massima di 300,00 euro, in base all importo effettivamente posseduto e versato del socio incorporando. Per i soci di Medio Confidi FVG aventi capitale sociale versato superiore a 300,00 la differenza tra l importo attribuito e importo effettivamente versato verrà restituito dal Confidi di Pordenone al socio medesimo. In caso di socio esistente in entrambe le società l importo delle azioni versate del socio incorporato verrà restituito dall incorporante. Resta inteso che la restituzione delle azioni ai soci dell incorporando avverrà solo nell ipotesi di socio avente rapporti mutualistici regolari. Poiché la Società incorporante possiede azioni della società incorporata, in ossequio al disposto di cui all art ter del codice civile, tali azioni verranno annullate senza che vi sia in proposito assegnazione di azioni nella Società incorporante. Ne consegue che le uniche azioni della predetta società consortile per azioni oggetto di cambio saranno quelle detenute dai soci diversi dalle entità partecipanti alla fusione. Il capitale sociale, variabile, del consorzio incorporante, risulterà aumentato della somma del capitale variabile effettivamente concambiata della società consortile per azioni incorporata, come rilevato alla data di efficacia della fusione. L incremento del capitale variabile avverrà al netto del valore nominale del capitale sociale della società consortile per azioni già detenuto dalle entità partecipanti alla fusione. Le eventuali perdite dell esercizio 2015 o riportate a nuovo dagli esercizi precedenti verranno assorbite dalle riserve a tal fine disponibili dalla Società incorporante post fusione. Si dà atto che, in seguito alle descritte modalità di assegnazione, risulterà rispettata la disposizione di cui al comma 13 del D.L. 269 del 30/09/2003 secondo la quale la quota di partecipazione di ciascun socio non può essere superiore al 20% del capitale sociale. 4) Modalità di assegnazione delle quote del confidi incorporante Ai soci sono e saranno attribuiti eguali diritti patrimoniali e di voto a prescindere dal valore delle azioni/quote possedute. Progetto di fusione Pagina 3

4 Per effetto della fusione la società incorporante delibererà un aumento del proprio fondo consortile di importo corrispondente al numero di quote effettivamente attribuite in sostituzione delle azioni dei soci dell incorporando (mediante attribuzione, a ciascun dei soci dell ente incorporato, di una quota della società incorporante del valore di 250,00 o 300,00 euro). L attribuzione delle quote ai soci dell incorporando con conseguente loro iscrizione nel libro soci della società incorporante avverrà mediante annullamento di tutte le azioni dai medesimi soggetti possedute nella società incorporata con decorrenza dalla data di efficacia della presente operazione di fusione ai sensi dell art bis del c.c. 5) Data dalla quale tali quote partecipano agli utili Non viene fissata perché la distribuzione di utili ai soci non è possibile in quanto entrambi gli statuti dei confidi partecipanti alla fusione prevedono il vincolo della non distribuibilità degli utili come previsto al comma 18 dell art.13 del D.L.269/ ) Data di effetto contabile della fusione Le operazioni del confidi incorporato saranno imputate al bilancio del confidi incorporante a decorrere dall 01/01/2016 sia ai fini contabili e civilistici che fiscali. 7) Trattamento eventualmente riservato ad alcune categorie di soci Non sono previsti trattamenti particolari per nessuna categoria di soci. 8) Vantaggi particolari riservati agli amministratori Non sono previsti vantaggi particolari riservati per gli amministratori dei confidi partecipanti alla fusione. Il presente progetto, ai sensi dell art ter c.c. dovrà essere alternativamente depositato presso il Registro Imprese di Pordenone o pubblicato sul sito internet dei confidi partecipanti alla fusione (www.congaficompn.it, La pubblicazione sul sito internet dei confidi dovrà essere effettuata con modalità atte a garantire la sicurezza del sito medesimo, l autenticità dei documenti e la certezza della data di pubblicazione. Tra l iscrizione del progetto di fusione al Registro Imprese o la sua pubblicazione sul sito internet e la data fissata per la decisione in ordine alla fusione dovranno decorrere, ai sensi degli artt ter, quarto comma e 2505-quater del codice civile, almeno 30 giorni, salvo che i soci rinuncino al termine con consenso unanime. Presso la sede dei confidi partecipanti alla fusione dovranno restare depositati in copia durante i 30 giorni che precedono la decisione in ordine alla fusione, salvo che i soci non rinuncino con Progetto di fusione Pagina 4

5 consenso unanime e finché la fusione non sia decisa: 1) il progetto di fusione; 2) la relazione degli organi amministrativi; 3) i bilanci degli ultimi tre esercizi dei confidi partecipanti alla fusione, con le relazioni dei soggetti cui compete l'amministrazione e il controllo contabile; 4) le situazioni patrimoniali al 31 dicembre 2015 dei confidi partecipanti alla fusione a norma dell'art.2501-quater codice civile; 5) statuto confidi incorporante post fusione.. Ai sensi del comma 41 dell art. 13 del D.L. 269/2003 le deliberazioni assembleari necessarie per la fusione sono adottate con le maggioranze previste dagli statuti per le deliberazioni dell assemblea straordinaria. Ai sensi del comma 42 dell art. 13 del D.L. 269/2003 la fusione non comporta in alcun caso per i contributi ed i fondi di origine pubblica una violazione dei vincoli di destinazione ed eventualmente sussistenti. Pordenone, Consorzio Garanzia Fidi Pordenone Medio Confidi Fvg Soc. Consortile p. a. Il Presidente Il Presidente Allegato: statuto del CONSORZIO DI GARANZIA FIDI PORDENONE, relazione dell organo amministrativo. Progetto di fusione Pagina 5

PROGETTO DI FUSIONE PER INCORPORAZIONE DELLA INCORPORATA / CONTROLLANTE S.R.L. NELLA INCORPORANTE / PARTECIPATA S.P.A.

PROGETTO DI FUSIONE PER INCORPORAZIONE DELLA INCORPORATA / CONTROLLANTE S.R.L. NELLA INCORPORANTE / PARTECIPATA S.P.A. PROGETTO DI FUSIONE PER INCORPORAZIONE DELLA INCORPORATA / CONTROLLANTE S.R.L. NELLA INCORPORANTE / PARTECIPATA S.P.A. Ai sensi dell art. 2501-ter del codice civile gli organi amministrativi della Incorporante

Dettagli

CENTRALCOM S.p.A. WEBRED S.p.A.

CENTRALCOM S.p.A. WEBRED S.p.A. ALLEGATO A CENTRALCOM S.p.A. Viale Centova, 6 Perugia Cod. Fisc. e numero di iscrizione Registro Imprese di Perugia n. 03761180961 n. R.E.A. 235052, Cap. Soc. 1.078.431,37 i.v. WEBRED S.p.A. Via XX Settembre,

Dettagli

Progetto di fusione per incorporazione di. MPS Immobiliare S.p.A. in Banca Monte dei Paschi di Siena S.p.A. ex art ter Codice civile

Progetto di fusione per incorporazione di. MPS Immobiliare S.p.A. in Banca Monte dei Paschi di Siena S.p.A. ex art ter Codice civile rogetto di fusione per incorporazione di MS Immobiliare S.p.A. in Banca Monte dei aschi di Siena S.p.A. ex art. 2501-ter Codice civile rogetto di fusione per incorporazione di MS Immobiliare S.p.A. di

Dettagli

IL PROCEDIMENTO DI FUSIONE. Prof.ssa Claudia Rossi 1

IL PROCEDIMENTO DI FUSIONE. Prof.ssa Claudia Rossi 1 IL PROCEDIMENTO DI FUSIONE Prof.ssa Claudia Rossi 1 1.FASE PRELIMINARE 2.DELIBERAZIONE DI FUSIONE 3.ATTO DI FUSIONE E ADEMPIMENTI CONSEGUENTI Prof.ssa Claudia Rossi 2 FASE PRELIMINARE 1. REDAZIONE PROGETTO

Dettagli

PROGETTO DI FUSIONE PER INCORPORAZIONE DELLE SOCIETA

PROGETTO DI FUSIONE PER INCORPORAZIONE DELLE SOCIETA PROGETTO DI FUSIONE PER INCORPORAZIONE DELLE SOCIETA CTM SERVIZI srl MARCA RISCOSSIONI SPA NELLA SOCIETA MOBILITA DI MARCA SPA PREMESSA L Organo Amministrativo di Mobilità di Marca S.p.A." ("Società Incorporante"),

Dettagli

SOCIETA TURISMO AREA IMOLESE Soc.Cons. a r.l. Con sede legale in Imola (BO), Via Boccaccio n. 27

SOCIETA TURISMO AREA IMOLESE Soc.Cons. a r.l. Con sede legale in Imola (BO), Via Boccaccio n. 27 SOCIETA TURISMO AREA IMOLESE Soc.Cons. a r.l. Con sede legale in Imola (BO), Via Boccaccio n. 27 Codice Fiscale e n. di Iscrizione al Registro Imprese di Bologna: 4044300376 Partita IVA 00693671208 - REA

Dettagli

LE OPERAZIONI STRAORDINARIE. La fusione d azienda

LE OPERAZIONI STRAORDINARIE. La fusione d azienda LE OPERAZIONI STRAORDINARIE La fusione d azienda FUSIONE AZIENDALE La fusione è regolata da diciannove articoli del Codice Civile L art. 2501 c.c. sancisce: dall art. 2501 all art. 2505 quater La fusione

Dettagli

LE OPERAZIONI STRAORDINARIE. La scissione d azienda

LE OPERAZIONI STRAORDINARIE. La scissione d azienda LE OPERAZIONI STRAORDINARIE La scissione d azienda LA SCISSIONE ART. 2506 C.C. Comma 1 : Con la scissione una società assegna l intero suo patrimonio a più società, preesistenti o di nuova costituzione,

Dettagli

Progetto di fusione eterogenea

Progetto di fusione eterogenea Progetto di fusione eterogenea per incorporazione ai sensi dell art. 2501-ter Codice Civile e per gli effetti dell art. 2500-septies Codice Civile Ai sensi dell art. 2501-ter Codice Civile e per gli effetti

Dettagli

PROGETTO DI FUSIONE PER INCORPORAZIONE DI CONSORZIO CREMA RICERCHE. Società trasformanda in società a r. l. IN REINDUSTRIA AG.CRE.SVI.C.LE R.

PROGETTO DI FUSIONE PER INCORPORAZIONE DI CONSORZIO CREMA RICERCHE. Società trasformanda in società a r. l. IN REINDUSTRIA AG.CRE.SVI.C.LE R. PROGETTO DI FUSIONE PER INCORPORAZIONE DI CONSORZIO CREMA RICERCHE Società trasformanda in società a r. l. IN REINDUSTRIA AG.CRE.SVI.C.LE R.L Il Consiglio di Amministrazione di REINDUSTRIA AG.CRE.SVI.C.LE

Dettagli

ARTICOLI DEL C.C. CONTENENTI MODIFICHE APPORTATE DAL D.LGS. N. 123/2012 RIPRODOTTI PER INTERO

ARTICOLI DEL C.C. CONTENENTI MODIFICHE APPORTATE DAL D.LGS. N. 123/2012 RIPRODOTTI PER INTERO ARTICOLI DEL C.C. CONTENENTI MODIFICHE APPORTATE DAL D.LGS. N. 123/2012 RIPRODOTTI PER INTERO ARTICOLO 2501 TER Progetto di fusione (1). [I]. L'organo amministrativo delle società partecipanti alla fusione

Dettagli

PROGETTO DI SCISSIONE. di M.A.P.R.E. S.R.L. con unico socio. CAMPUS REGGIO SRL con unico socio

PROGETTO DI SCISSIONE. di M.A.P.R.E. S.R.L. con unico socio. CAMPUS REGGIO SRL con unico socio PROGETTO DI SCISSIONE PARZIALE e PROPORZIONALE di M.A.P.R.E. S.R.L. con unico socio a favore di CAMPUS REGGIO SRL con unico socio REDATTO AI SENSI dell art. 2506-bis del codice civile Gli organi amministrativi

Dettagli

Con l operazione di fusione, ad una pluralità di società se ne sostituisce una sola. Esistono due tipi essenziali di fusione: quella che comporta la

Con l operazione di fusione, ad una pluralità di società se ne sostituisce una sola. Esistono due tipi essenziali di fusione: quella che comporta la Prima Parte Con l operazione di fusione, ad una pluralità di società se ne sostituisce una sola. Esistono due tipi essenziali di fusione: quella che comporta la costituzione di una nuova società (fusione

Dettagli

IL PROCEDIMENTO DI SCISSIONE. Prof. Claudia Rossi 1

IL PROCEDIMENTO DI SCISSIONE. Prof. Claudia Rossi 1 IL PROCEDIMENTO DI SCISSIONE Prof. Claudia Rossi 1 IL PROGETTO DI SCISSIONE Gli amministratori delle società che partecipano alla scissione predispongono il progetto di scissione che deve contenere le

Dettagli

FUSIONE DELLE SOCIETÀ

FUSIONE DELLE SOCIETÀ FUSIONE DELLE SOCIETÀ SOMMARIO SCHEMA DI SINTESI NOVITÀ SUI DOCUMENTI DA REDI- GERE NELLA FUSIONE SCHEMA RIASSUNTIVO DELLE MO- DIFICHE Artt. 2501-2502-bis Codice Civile - D. Lgs. 17.01.2003, n. 6 - D.

Dettagli

PROGETTO DI FUSIONE PER INCORPORAZIONE DI Drive Rent S.p.A. in Cobra Automotive Technologies S.p.A. (ai sensi dell art ter cod. civ.

PROGETTO DI FUSIONE PER INCORPORAZIONE DI Drive Rent S.p.A. in Cobra Automotive Technologies S.p.A. (ai sensi dell art ter cod. civ. PROGETTO DI FUSIONE PER INCORPORAZIONE DI Drive Rent S.p.A. in Cobra Automotive Technologies S.p.A. (ai sensi dell art. 2501-ter cod. civ.) 30 novembre 2010 INDICE 1. SOCIETÀ PARTECIPANTI ALLA FUSIONE...

Dettagli

REGIONE LAZIO GIUNTA REGIONALE STRUTTURA PROPONENTE. OGGETTO: Schema di deliberazione concernente: ASSESSORATO PROPONENTE

REGIONE LAZIO GIUNTA REGIONALE STRUTTURA PROPONENTE. OGGETTO: Schema di deliberazione concernente: ASSESSORATO PROPONENTE REGIONE LAZIO DELIBERAZIONE N. DEL 355 14/07/2015 GIUNTA REGIONALE PROPOSTA N. 10789 DEL 08/07/2015 STRUTTURA PROPONENTE Direzione Regionale: PROGRAM. ECONOMICA, BILANCIO, DEMANIO E PATRIMONIO Area: SOCIETA'

Dettagli

17/11/2011. Economia delle operazioni straordinarie 2011/2012

17/11/2011. Economia delle operazioni straordinarie 2011/2012 Economia delle operazioni straordinarie 2011/2012 Michela Piccarozzi Lucio Insinga 1 Art. 2506 Art. 2506 bis Art. 2506 ter Forme di scissione - Progetto di scissione - Norme applicabili Art. 2506 quater

Dettagli

Le fusioni societarie nel Registro Imprese di Modena

Le fusioni societarie nel Registro Imprese di Modena Indicatori Modena Economica Economici Le fusioni societarie nel Registro Imprese di Modena La Camera di Commercio ha realizzato una analisi puntuale e dettagliata delle fusioni societarie iscritte al Registro

Dettagli

PROGETTO DI FUSIONE PER INCORPORAZIONE di PHILCO ITALIA S.p.A. e di S.T.A.R. Società Trevigiana Apparecchi Riscaldamento S.p.A.

PROGETTO DI FUSIONE PER INCORPORAZIONE di PHILCO ITALIA S.p.A. e di S.T.A.R. Società Trevigiana Apparecchi Riscaldamento S.p.A. PROGETTO DI FUSIONE PER INCORPORAZIONE di PHILCO ITALIA S.p.A. e di S.T.A.R. Società Trevigiana Apparecchi Riscaldamento S.p.A. nella MERLONI ELETTRODOMESTICI S.P.A. redatto ai sensi dell art 2501-bis

Dettagli

PROGETTO DI FUSIONE. OLEIFICIO COOPERATIVO MONTALBANO società cooperativa agricola. CANTINE MONTALBANO società cooperativa agricola

PROGETTO DI FUSIONE. OLEIFICIO COOPERATIVO MONTALBANO società cooperativa agricola. CANTINE MONTALBANO società cooperativa agricola OLEIFICIO COOPERATIVO MONTALBANO società cooperativa agricola e CANTINE MONTALBANO società cooperativa agricola Signori Soci, il presente progetto di fusione, redatto ai sensi e per gli effetti dell art.

Dettagli

Repertorio n Raccolta n.7044 ATTO DI FUSIONE REPUBBLICA ITALIANA. Il ventitrè ottobre duemilaotto (23 ottobre 2008) in Bagnolo in Piano (RE),

Repertorio n Raccolta n.7044 ATTO DI FUSIONE REPUBBLICA ITALIANA. Il ventitrè ottobre duemilaotto (23 ottobre 2008) in Bagnolo in Piano (RE), Repertorio n.49325 Raccolta n.7044 ATTO DI FUSIONE REPUBBLICA ITALIANA Il ventitrè ottobre duemilaotto (23 ottobre 2008) in Bagnolo in Piano (RE), Via Fermi n.4, presso la sede legale della società "Emak

Dettagli

Ordine dei dottori commercialisti e degli esperti contabili di Palermo FORMAZIONE TIROCINANTI. Le operazioni straordinarie FUSIONE.

Ordine dei dottori commercialisti e degli esperti contabili di Palermo FORMAZIONE TIROCINANTI. Le operazioni straordinarie FUSIONE. Ordine dei dottori commercialisti e degli esperti contabili di Palermo FORMAZIONE TIROCINANTI Le operazioni straordinarie FUSIONE 24 febbraio 2016 1 FUSIONE Sommario 1. Premessa 2. La fusione nel codice

Dettagli

BANCA MONTE DEI PASCHI DI SIENA S.P.A. Società quotata

BANCA MONTE DEI PASCHI DI SIENA S.P.A. Società quotata PUNTO III ALL'ORDINE DEL GIORNO DELL'ASSEMBLEA IN SEDE STRAORDINARIA DI BANCA MONTE DEI PASCHI DI SIENA S.P.A. Società quotata PROGETTO DI FUSIONE PER INCORPORAZIONE DI MPS SIM S.p.A. IN BANCA MONTE DEI

Dettagli

OPERAZIONI STRAORDINARIE E RIFORME SOCIETARIA E FISCALE

OPERAZIONI STRAORDINARIE E RIFORME SOCIETARIA E FISCALE Indice Introduzione Parte prima OPERAZIONI STRAORDINARIE E RIFORME SOCIETARIA E FISCALE 1 La riforma societaria 3 2 La riforma fiscale 7 2.1 I principi ispiratori della riforma dell imposta sulle società

Dettagli

Punto IV all ordine del giorno di parte Straordinaria. Signori Azionisti,

Punto IV all ordine del giorno di parte Straordinaria. Signori Azionisti, Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Bulgari S.p.A. (la Società ) per l Assemblea Ordinaria e Straordinaria convocata per il 21 e 22 luglio 2009, rispettivamente in prima e seconda

Dettagli

13/11/2012. Economia delle operazioni straordinarie 2012/2013

13/11/2012. Economia delle operazioni straordinarie 2012/2013 Economia delle operazioni straordinarie 2012/2013 Michela Piccarozzi Fabrizio Rossi 1 Art. 2501 Forme di fusione (bis septies) Art. 2502 Decisione in ordine alla fusione (bis) Art. 2503 Opposizione dei

Dettagli

Lezione 8. La scissione: tipologie, qualificazioni, modalità di assegnazione di azioni o quote, progetto di scissione

Lezione 8. La scissione: tipologie, qualificazioni, modalità di assegnazione di azioni o quote, progetto di scissione Lezione 8 La scissione: tipologie, qualificazioni, modalità di assegnazione di azioni o quote, progetto di scissione Un istituto recente La scissione è un operazione originariamente non prevista nel codice

Dettagli

PROGETTO COMUNE DI FUSIONE

PROGETTO COMUNE DI FUSIONE AEDES S.P.A. Sede in Milano, Bastioni di Porta Nuova n.21 Capitale Sociale Euro 284.197.202,38 i.v. CF e iscrizione al Registro Imprese di Milano n. 00824960157 Iscrizione al REA presso la CCIAA di Milano

Dettagli

Consorzio per il servizio integrato delle acque tra i Comuni di Fontaneto d'agogna, Cureggio, Cressa e Suno

Consorzio per il servizio integrato delle acque tra i Comuni di Fontaneto d'agogna, Cureggio, Cressa e Suno Consorzio per il servizio integrato delle acque tra i Comuni di Fontaneto d'agogna, Cureggio, Cressa e Suno Sede Legale Via Guglielmo Marconi n.8 Fontaneto d'agogna (NO) Registro Imprese di Novara n. 00461070039

Dettagli

Riforma societaria - Operazioni di scissione: Le novità della riforma, di Michele Iori

Riforma societaria - Operazioni di scissione: Le novità della riforma, di Michele Iori Riforma societaria - Operazioni di scissione: Le novità della riforma, di Michele Iori Autore: Michele Iori Categoria Articolo: Società / Operazioni societarie PREMESSA La Legge 3.10.2001, n. 366 (Delega

Dettagli

COMUNICAZIONE AI SENSI DEGLI ARTT

COMUNICAZIONE AI SENSI DEGLI ARTT UNIACQUE S.p.A. Sede in Bergamo (BG) Via E. Novelli, 11 Capitale sociale 2.040.000,00 i.v. Reg. Imprese di Bergamo al n. 03299640163 REA Bergamo al n. 366188 BAS SII S.p.A. Sede in Bergamo (BG) Via M.

Dettagli

I dati di cui sopra possono essere agevolmente riepilogati nello schema che segue:

I dati di cui sopra possono essere agevolmente riepilogati nello schema che segue: Caso di fusione per incorporazione di una società non partecipata La società Rossi S.p.a. (incorporante) ha un capitale sociale di 5.000.000 suddiviso in 500.000 azioni del valore nominale di 10 cadauna.

Dettagli

Compagine sociale ANTE fusione delle società partecipanti all'operazione

Compagine sociale ANTE fusione delle società partecipanti all'operazione Compagine sociale ANTE fusione delle società partecipanti all'operazione Compagine sociale della incorporanda "Alfa" - ante fusione Capitale sociale 120.000,00 Valore nominale azioni azioni 2,00 N. azioni

Dettagli

Associazione Disiano Preite, Il diritto delle società L E O P E R A Z I O N I S T R A O R D I N A R I E T R A S F O R M A Z I O N E

Associazione Disiano Preite, Il diritto delle società L E O P E R A Z I O N I S T R A O R D I N A R I E T R A S F O R M A Z I O N E T R A S F O R M A Z I O N E ratio riforma nozione forma pubblicità cause d invalidità ratio riforma riconoscere come diritto comune i casi di trasformazione eterogenea e ammettere che la continuazione

Dettagli

* * * * * Approvato dagli Organi Amministrativi. di Brembo S.p.A. e di Marchesini S.p.A.

* * * * * Approvato dagli Organi Amministrativi. di Brembo S.p.A. e di Marchesini S.p.A. PROGETTO DI FUSIONE PER INCORPORAZIONE DELLA SOCIETÀ CONTROLLATA AL 100% MARCHESINI S.P.A. NELLA SOCIETÀ CONTROLLANTE BREMBO S.P.A. AI SENSI DEGLI ARTICOLI 2501-TER E 2505 del codice civile * * * * * Approvato

Dettagli

RELAZIONE DELL ESPERTO SU RAPPORTO DI CAMBIO DELLE QUOTE AI SENSI DELL ART SEXIES C.C

RELAZIONE DELL ESPERTO SU RAPPORTO DI CAMBIO DELLE QUOTE AI SENSI DELL ART SEXIES C.C RELAZIONE DELL ESPERTO SU RAPPORTO DI CAMBIO DELLE QUOTE AI SENSI DELL ART. 2501-SEXIES C.C. CON RIFERIMENTO AL PROGETTO DI FUSIONE PER INCORPORAZIONE DI SOCIETA DI AREA TERRE DI FAENZA Soc.Cons. a r.l.

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. STIPULATO L ATTO DI FUSIONE PER INCORPORAZIONE DI CAPITAL FOR PROGRESS 1 S.p.A. IN GPI S.p.A.

COMUNICATO STAMPA. STIPULATO L ATTO DI FUSIONE PER INCORPORAZIONE DI CAPITAL FOR PROGRESS 1 S.p.A. IN GPI S.p.A. COMUNICATO STAMPA STIPULATO L ATTO DI FUSIONE PER INCORPORAZIONE DI CAPITAL FOR PROGRESS 1 S.p.A. IN GPI S.p.A. L inizio delle negoziazioni su AIM Italia delle azioni ordinarie e dei Warrant di GPI è previsto

Dettagli

Assemblea Generale dei Soci Delegati 31 maggio 2013 REGOLAMENTO RISTORNI E CAPITALIZZAZIONE

Assemblea Generale dei Soci Delegati 31 maggio 2013 REGOLAMENTO RISTORNI E CAPITALIZZAZIONE Assemblea Generale dei Soci Delegati 31 maggio 2013 REGOLAMENTO RISTORNI E CAPITALIZZAZIONE Premesso che: - la Cooperativa persegue lo scopo di valorizzare al meglio le produzioni agricole dei propri Soci

Dettagli

Associazione Generale Cooperative Italiane

Associazione Generale Cooperative Italiane Associazione Generale Cooperative Italiane REGOLAMENTO AMMINISTRATIVO Approvato dal Consiglio generale nella seduta del 21 dicembre 2011 modificato dal Consiglio generale nella seduta del 29 aprile 2015

Dettagli

INDICE SISTEMATICO. (1) Atto costitutivo

INDICE SISTEMATICO. (1) Atto costitutivo INDICE SISTEMATICO Nel presente indice le massime sono suddivise, pur mantenendo il medesimo numero attribuito nell indice cronologico, nei seguenti argomenti: (1) atto costitutivo; (2) azioni e quote;

Dettagli

PROGETTO DI FUSIONE PER INCORPORAZIONE

PROGETTO DI FUSIONE PER INCORPORAZIONE PROGETTO DI FUSIONE PER INCORPORAZIONE di FEDERAMBIENTE FEDERAZIONE ITALIANA SERVIZI PUBBLICI IGIENE AMBIENTALE in FEDERUTILITY FEDERAZIONE DELLE IMPRESE ENERGETICHE E IDRICHE (ai sensi degli articoli

Dettagli

OPERAZIONI STRAORDINARIE. Catania, 6 maggio Prof. Dott. Francesco Rossi Ragazzi

OPERAZIONI STRAORDINARIE. Catania, 6 maggio Prof. Dott. Francesco Rossi Ragazzi OPERAZIONI STRAORDINARIE Catania, 6 maggio 2011 Prof. Dott. Francesco Rossi Ragazzi OPERAZIONI STRAORDINARIE «PARERI» E «VIGILANZA» DELL ORGANO DI CONTROLLO Nelle c.d. operazioni straordinarie le norme

Dettagli

Quadro SX RIEPILOGO DEI CREDITI E DELLE COMPENSAZIONI

Quadro SX RIEPILOGO DEI CREDITI E DELLE COMPENSAZIONI Quadro SX RIEPILOGO DEI CREDITI E DELLE COMPENSAZIONI ADEMPIMENTO SOGGETTI INTERESSATI SOGGETTI ESCLUSI COME SI COMPILA Il quadro SX è utilizzato per evidenziare i dati riepilogativi dei crediti e le compensazioni

Dettagli

INDICE-SOMMARIO LIBRO QUINTO DEL LAVORO

INDICE-SOMMARIO LIBRO QUINTO DEL LAVORO INDICE-SOMMARIO LIBRO QUINTO DEL LAVORO CAPO VII DELLA SOCIETÀ A RESPONSABILITÀ LIMITATA Sezione I. Disposizioni generali Art. 2462. Responsabilità.................................. 2» 2463. Costituzione...................................

Dettagli

Circolare N.133 del 12 ottobre DL 138/2011. Ecco cosa cambia per le cooperative

Circolare N.133 del 12 ottobre DL 138/2011. Ecco cosa cambia per le cooperative Circolare N.133 del 12 ottobre 2011 DL 138/2011. Ecco cosa cambia per le cooperative DL 138/2011: ecco cosa cambia per le cooperative Gentile cliente, con la presente, desideriamo informarla che con la

Dettagli

Regolamento interno per l assegnazione del ristorno in Cooperativa Sociale Società Dolce Società Cooperativa*

Regolamento interno per l assegnazione del ristorno in Cooperativa Sociale Società Dolce Società Cooperativa* Regolamento interno per l assegnazione del ristorno in Cooperativa Sociale Società Dolce Società Cooperativa* Premessa... 4 Art 1 Scopo e oggetto del regolamento... 4 Art 2 Natura del ristorno... 5 Art

Dettagli

PROGETTO DI FUSIONE PER INCORPORAZIONE. tra la BANCA DI CREDITO COOPERATIVO DI PALESTRINA. - società cooperativa. con sede in Palestrina (RM)

PROGETTO DI FUSIONE PER INCORPORAZIONE. tra la BANCA DI CREDITO COOPERATIVO DI PALESTRINA. - società cooperativa. con sede in Palestrina (RM) PROGETTO DI FUSIONE PER INCORPORAZIONE tra la BANCA DI CREDITO COOPERATIVO DI PALESTRINA - società cooperativa con sede in Palestrina (RM) in qualità di società incorporante e la BANCA DI CREDITO COOPERATIVO

Dettagli

Progetto di Fusione per incorporazione. in Fidicom 1978 Scarl di Interfidi Scarl e di Artigianconfidi Scarl

Progetto di Fusione per incorporazione. in Fidicom 1978 Scarl di Interfidi Scarl e di Artigianconfidi Scarl Progetto di Fusione per incorporazione in Fidicom 1978 Scarl di Interfidi Scarl e di Artigianconfidi Scarl Relazione dell esperto ai sensi degli articoli 2501-sexies e 2503 comma 1, ultima frase del Codice

Dettagli

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE 1 RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLE OPERAZIONI SOCIETARIE DI CONCENTRAZIONE (di seguito anche le Operazioni ) IN FINMECCANICA S.p.a. (di seguito anche la società Incorporante/Beneficiaria

Dettagli

LA SCISSIONE ASPETTI FISCALI. Prof. Claudia Rossi 1

LA SCISSIONE ASPETTI FISCALI. Prof. Claudia Rossi 1 LA SCISSIONE ASPETTI FISCALI Prof. Claudia Rossi 1 DATA DI EFFETTO La scissione ha effetto dalla data dell ultima delle iscrizioni dell atto di scissione dell ufficio del registro delle imprese in cui

Dettagli

LA SCISSIONE Aspetti Civilistici

LA SCISSIONE Aspetti Civilistici Università degli Studi di L Aquila Facoltà di Economia Corso di Tecnica professionale A.A. 2010-2011 LA SCISSIONE Aspetti Civilistici Lezione del 07 dicembre 2010 1 Principi generali Con l operazione di

Dettagli

PROGETTO DI FUSIONE. per incorporazione della

PROGETTO DI FUSIONE. per incorporazione della PROGETTO DI FUSIONE "CONSIAG SERVIZI COMUNI S.r.l.". per incorporazione della " ASM SERVIZI S.r.l.". ex art. 2501 e 2505 c.c. La CONSIAG SERVIZI COMUNI S.r.l. al fine di procedere ad una razionalizzazione

Dettagli

FUSIONE TRANSFRONTALIERA PER INCORPORAZIONE AEDES INTERNATIONAL SA AEDES SPA RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI AEDES SPA

FUSIONE TRANSFRONTALIERA PER INCORPORAZIONE AEDES INTERNATIONAL SA AEDES SPA RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI AEDES SPA FUSIONE TRANSFRONTALIERA PER INCORPORAZIONE di AEDES INTERNATIONAL SA in AEDES SPA RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI AEDES SPA 1 I. PREMESSA Il Consiglio di Amministrazione di Aedes S.p.A.,

Dettagli

Art. 6. Modifica della disciplina riguardante la trasformazione, la fusione e la scissione delle societa' di capitali

Art. 6. Modifica della disciplina riguardante la trasformazione, la fusione e la scissione delle societa' di capitali Art. 6. Modifica della disciplina riguardante la trasformazione, la fusione e la scissione delle societa' di capitali 1. Dopo il Capo IX del Titolo V del Libro V del codice civile e' aggiunto il seguente:

Dettagli

INDICE SOCIETÀ COOPERATIVE E MUTUE ASSICURATRICI

INDICE SOCIETÀ COOPERATIVE E MUTUE ASSICURATRICI INDICE SOCIETÀ COOPERATIVE E MUTUE ASSICURATRICI Art. 2511 c.c. Società cooperative... 1 Art. 223-duodecies. Disp. trans... 1 Art. 223-terdecies. Disp. trans.... 1 Art. 223-quaterdecies. Disp. trans....

Dettagli

A D C - ASSOCIAZIONE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI SINDACATO NAZIONALE UNITARIO SEZIONE DI RIMINI

A D C - ASSOCIAZIONE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI SINDACATO NAZIONALE UNITARIO SEZIONE DI RIMINI A D C - ASSOCIAZIONE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI SINDACATO NAZIONALE UNITARIO SEZIONE DI RIMINI ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI DI RIMINI Bellaria Igea

Dettagli

CALZATURIFICIO SAN GIORGIO S.R.L.

CALZATURIFICIO SAN GIORGIO S.R.L. 2016 CALZATURIFICIO SAN GIORGIO S.R.L. S PROGETTO DI SCISSIONE IN FAVORE DELLA SOCIETA DI NUOVA COSTITUZIONE ALFA S.R.L. Ai sensi dell art. 2506 bis del Codice Civile 02/05/2016 2/5/2016 1 SOMMARIO SOMMARIO

Dettagli

LE SOCIETA PARTECIPANTI ALLA FUSIONE SI ESTINGUONO E L INTERO PATRIMONIO SI TRASFERISCE AD UNA SOCIETA DI NUOVA COSTITUZIONE.

LE SOCIETA PARTECIPANTI ALLA FUSIONE SI ESTINGUONO E L INTERO PATRIMONIO SI TRASFERISCE AD UNA SOCIETA DI NUOVA COSTITUZIONE. FUSIONE PROPRIA: LE SOCIETA PARTECIPANTI ALLA FUSIONE SI ESTINGUONO E L INTERO PATRIMONIO SI TRASFERISCE AD UNA SOCIETA DI NUOVA COSTITUZIONE. FUSIONE PER INCORPORAZIONE: SI ESTINGUONO SOLO LE SOCIETA

Dettagli

LE OPERAZIONI STRAORDINARIE

LE OPERAZIONI STRAORDINARIE LE OPERAZIONI STRAORDINARIE 1. SONO OPERAZIONI DI FINANZA STRAORDINARIA, VOLTE A SODDISFARE I BISOGNI FISIOLOGICI DI CRESCITA, PATRIMONIALIZZAZIONE, INTERNAZIONALIZZAZIONE E RICAMBIO GENERAZIONALE DELLE

Dettagli

Riforma della disciplina fiscale della previdenza complementare, a norma dell'articolo 3 della L. 13 maggio 1999, n. 133.

Riforma della disciplina fiscale della previdenza complementare, a norma dell'articolo 3 della L. 13 maggio 1999, n. 133. D.Lgs. 18-2-2000 n. 47 Riforma della disciplina fiscale della previdenza complementare, a norma dell'articolo 3 della L. 13 maggio 1999, n. 133. Pubblicato nella Gazz. Uff. 9 marzo 2000, n. 57, S.O. D.Lgs.

Dettagli

ASTALDI Società per Azioni. Sede Sociale in Roma - Via Giulio Vincenzo Bona n. 65. Capitale Sociale Euro 196.849.800,00 - int. vers.

ASTALDI Società per Azioni. Sede Sociale in Roma - Via Giulio Vincenzo Bona n. 65. Capitale Sociale Euro 196.849.800,00 - int. vers. ASTALDI Società per Azioni Sede Sociale in Roma - Via Giulio Vincenzo Bona n. 65 Capitale Sociale Euro 196.849.800,00 - int. vers. Iscritta nel Registro delle Imprese di Roma al numero di Codice Fiscale

Dettagli

IL MINISTRO DELL ECONOMIA

IL MINISTRO DELL ECONOMIA IL MINISTRO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE VISTO il testo unico delle imposte sui redditi, approvato con decreto del Presidente della Repubblica 22 dicembre 1986, n. 917, come modificato dal decreto legislativo

Dettagli

Il duplice ruolo del Dottore Commercialista nel. processo di Revisione (ex dlgs 02/08/2002. n.220) delle società cooperative.

Il duplice ruolo del Dottore Commercialista nel. processo di Revisione (ex dlgs 02/08/2002. n.220) delle società cooperative. dott.ssa Raffaella Carosella Il duplice ruolo del Dottore Commercialista nel processo di Revisione (ex dlgs 02/08/2002 n.220) delle società cooperative. Riferimenti essenziali sulla disciplina delle società

Dettagli

In relazione alla Fusione, i Consigli di Amministrazione del Creval e del Credito Artigiano, in data 19 marzo 2012, hanno approvato:

In relazione alla Fusione, i Consigli di Amministrazione del Creval e del Credito Artigiano, in data 19 marzo 2012, hanno approvato: Assemblea straordinaria dei Soci del 15 e 16 giugno 2012 RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEGLI AMMINISTRATORI SUL SECONDO PUNTO ALL ORDINE DEL GIORNO DELL ASSEMBLEA STRAORDINARIA CONVOCATA PER IL 15 GIUGNO 2012

Dettagli

Relazioni Illustrative degli Amministratori sui punti n. 1, 2 e 3

Relazioni Illustrative degli Amministratori sui punti n. 1, 2 e 3 Relazioni Illustrative degli Amministratori sui punti n. 1, 2 e 3 da sottoporre all'assemblea Ordinaria degli Azionisti convocata per i giorni 6 maggio 2016 e 9 maggio 2016. Buzzi Unicem SpA Sede: Casale

Dettagli

PROGETTO DI FUSIONE PER INCORPORAZIONE

PROGETTO DI FUSIONE PER INCORPORAZIONE PROGETTO DI FUSIONE PER INCORPORAZIONE del CONSORZIO AGRARIO DI FIRENZE e del CONSORZIO AGRARIO PROVINCIALE DI PISA nel CONSORZIO AGRARIO DI SIENA *** PROGETTO DI FUSIONE REDATTO AI SENSI DELL ART. 2501-TER

Dettagli

Relazione del Consiglio di Amministrazione. redatta ai sensi dell articolo 125 ter del Decreto Legislativo 24 febbraio 1998

Relazione del Consiglio di Amministrazione. redatta ai sensi dell articolo 125 ter del Decreto Legislativo 24 febbraio 1998 Relazione del Consiglio di Amministrazione redatta ai sensi dell articolo 125 ter del Decreto Legislativo 24 febbraio 1998 n. 58 e dell articolo 72 del Regolamento adottato dalla Consob con delibera del

Dettagli

Relazione del Consiglio di Amministrazione sul punto 1 all ordine del giorno dell Assemblea di parte Straordinaria in relazione alla

Relazione del Consiglio di Amministrazione sul punto 1 all ordine del giorno dell Assemblea di parte Straordinaria in relazione alla Cobra Automotive Technologies S.p.A. Sede legale in Varese, Via Astico n. 41 C. F./P.IVA n. 00407590124 REA Varese n. 136206 RELAZIONI ILLUSTRATIVE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI COBRA AUTOMOTIVE

Dettagli

ESERCITAZIONE N. 5 Esempio di operazione di scissione

ESERCITAZIONE N. 5 Esempio di operazione di scissione ESERCITAZIONE N. 5 Esempio di operazione di scissione La spa A è un impresa industriale ed immobiliare. La compagine azionaria della società è la seguente: - il socio Rossi possiede 16.000 azioni da nominali

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, DISPONE

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, DISPONE Disposizioni di attuazione dei commi da 6 a 12 dell articolo 19 del decreto legge 6 dicembre 2011, n. 201, convertito, con modificazioni, dalla legge 22 dicembre 2011, n. 214. IL DIRETTORE DELL AGENZIA

Dettagli

Relazione conclusiva

Relazione conclusiva Allegato A alla delibera C.C. N. 6 DEL 06/04/2016 F.TO IL SEGRETARIO COMUNALE ESPOSITO Dott. Vincenzo Relazione conclusiva del processo di razionalizzazione delle società partecipate 2015 (articolo 1 commi

Dettagli

(PROGETTO DI FUSIONE PER INCORPORAZIONE DI BANCA AGRICOLA MANTOVANA S.p.A. IN BANCA MONTE DEI PASCHI DI SIENA S.p.A.) RELAZIONE DEL CONSIGLIO

(PROGETTO DI FUSIONE PER INCORPORAZIONE DI BANCA AGRICOLA MANTOVANA S.p.A. IN BANCA MONTE DEI PASCHI DI SIENA S.p.A.) RELAZIONE DEL CONSIGLIO UNICO PUNTO ALL'ORDINE DEL GIORNO DELL'ASSEMBLEA IN SEDE STRAORDINARIA (PROGETTO DI FUSIONE PER INCORPORAZIONE DI BANCA AGRICOLA MANTOVANA S.p.A. IN BANCA MONTE DEI PASCHI DI SIENA S.p.A.) RELAZIONE DEL

Dettagli

PROVINCIA REGIONALE DI ENNA

PROVINCIA REGIONALE DI ENNA PROVINCIA REGIONALE DI ENNA denominata LIBERO CONSORZIO COMUNALE DI ENNA ai sensi della L.R. n. 8/2014 Piano Operativo di Razionalizzazione delle società delle partecipazioni societarie articolo 1, commi

Dettagli

La destinazione dell utile

La destinazione dell utile Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 115 07.04.2015 La destinazione dell utile Categoria: Bilancio e contabilità Sottocategoria: Varie La voce utile (perdita) dell esercizio presente

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, DISPONE

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, DISPONE N. protocollo n. 2011/180987 Modalità di attuazione delle disposizioni contenute nei commi 3-bis, 4, 4-bis e 5 dell articolo 32 del decreto legge 31 maggio 2010, n. 78, convertito, con modificazioni, dalla

Dettagli

REGISTRO IMPRESE DI VARESE CONVERSIONE DEL CAPITALE SOCIALE IN EURO

REGISTRO IMPRESE DI VARESE CONVERSIONE DEL CAPITALE SOCIALE IN EURO REGISTRO IMPRESE DI VARESE CONVERSIONE DEL CAPITALE SOCIALE IN EURO La disciplina che regola la ridenominazione del capitale sociale in euro è contenuta nell art.17 del D. Lgs 24 giugno 1998 n.213, modificato

Dettagli

INDICE PARTE I LA FUSIONE SOCIETARIA. Sezione I LA DISCIPLINA CIVILISTICA E FISCALE DELLA FUSIONE. Sezione II IL FORMULARIO

INDICE PARTE I LA FUSIONE SOCIETARIA. Sezione I LA DISCIPLINA CIVILISTICA E FISCALE DELLA FUSIONE. Sezione II IL FORMULARIO INDICE Prefazione.... V PARTE I LA FUSIONE SOCIETARIA Sezione I LA DISCIPLINA CIVILISTICA E FISCALE DELLA FUSIONE 1. Nozione... 5 2. Le forme di fusione... 6 3. Il procedimento di fusione... 7 3.1. La

Dettagli

16/11/2012. Economia delle operazioni straordinarie 2012/2013

16/11/2012. Economia delle operazioni straordinarie 2012/2013 Economia delle operazioni straordinarie 2012/2013 Michela Piccarozzi Fabrizio Rossi 1 Art. 2506 Art. 2506 bis Art. 2506 ter Forme di scissione - Progetto di scissione - Norme applicabili Art. 2506 quater

Dettagli

PROGETTO DI FUSIONE (art ter codice civile)

PROGETTO DI FUSIONE (art ter codice civile) PROGETTO DI FUSIONE (art. 2501-ter codice civile) Progetto di fusione per incorporazione della Banca di Salerno Credito Cooperativo, soc. coop., e della Banca di Credito Cooperativo di Serino, soc. coop.,

Dettagli

COMUNE DI VILLAFRANCA D ASTI

COMUNE DI VILLAFRANCA D ASTI COMUNE DI VILLAFRANCA D ASTI PROVINCIA DI ASTI OGGETTO: Piano operativo di razionalizzazione delle società e delle partecipazioni societarie direttamente o indirettamente possedute dal comune ( articolo

Dettagli

PROGETTO DI FUSIONE PER INCORPORAZIONE

PROGETTO DI FUSIONE PER INCORPORAZIONE PROGETTO DI FUSIONE PER INCORPORAZIONE delle Cooperativa edif.ce operaia Filippo Corridoni Societa a r.l. e Società Cooperativa Groppellese Società Cooperativa nella E.CO.POLIS Società Cooperativa (ex

Dettagli

COOPERATIVE MUTUALITA NON PREVALENTE

COOPERATIVE MUTUALITA NON PREVALENTE COOPERATIVE MUTUALITA NON PREVALENTE Aspetti civilistici La cooperativa a mutualità NON prevalente è caratterizzata dall assenza dei vincoli sanciti all articolo 2514 c.c. per le cooperative a mutualità

Dettagli

LA NOZIONE DI TRASFERIMENTO E LA COSTITUZIONE DI PEGNO ED USUFRUTTO SU QUOTE. Prof. Alberto STAGNO D ALCONTRES

LA NOZIONE DI TRASFERIMENTO E LA COSTITUZIONE DI PEGNO ED USUFRUTTO SU QUOTE. Prof. Alberto STAGNO D ALCONTRES LA NOZIONE DI TRASFERIMENTO E LA COSTITUZIONE DI PEGNO ED USUFRUTTO SU QUOTE Prof. Alberto STAGNO D ALCONTRES Diretta 27 ottobre 2008 NOZIONE DI TRASFERIMENTO Art. 2470 c.c. Efficacia e Pubblicità 1. Il

Dettagli

FUSIONE DI SOCIETA' Teoria estintivo-costitutiva vs. Teoria modificativa

FUSIONE DI SOCIETA' Teoria estintivo-costitutiva vs. Teoria modificativa FUSIONE DI SOCIETA' Inquadramento logico dell'operazione Art. 2501 c.c., 1 comma: Fusione per unione Fusione per incorporazione Teoria estintivo-costitutiva vs. Teoria modificativa by Corrado Corsi - Università

Dettagli

CAMERA DI COMMERCIO DI BIELLA

CAMERA DI COMMERCIO DI BIELLA CAMERA DI COMMERCIO DI BIELLA UFFICIO DEL REGISTRO DELLE IMPRESE L iscrizione nel Registro delle Imprese dei Consorzi con attività Esterna - art. 2612 c.c. AGOSTO 2013 2 INDICE DEFINIZIONE DI CONSORZIO

Dettagli

BIOERA S.P.A. Assemblea Ordinaria del 10 maggio 2016 in unica convocazione

BIOERA S.P.A. Assemblea Ordinaria del 10 maggio 2016 in unica convocazione BIOERA S.P.A. Assemblea Ordinaria del 10 maggio 2016 in unica convocazione Relazione illustrativa degli Amministratori sulle proposte concernenti le materie poste all Ordine del Giorno, redatta ai sensi

Dettagli

R E P U B B L I C A I T A L I A N A alle ore 12,10. in Stezzano (BG), viale Europa n. 2, presso la sede amministrativa della societa'

R E P U B B L I C A I T A L I A N A alle ore 12,10. in Stezzano (BG), viale Europa n. 2, presso la sede amministrativa della societa' N. 131554 Repertorio N. 48457 Raccolta Registrato a Verbale di C.d.A. di societa' incorporanda Bergamo 2 addì 26/10/2010 al N. 4121/1T R E P U B B L I C A I T A L I A N A 324,00 Il giorno venticinque ottobre

Dettagli

PROGETTO DI FUSIONE PER INCORPORAZIONE SEMPLIFICATA EX ART C.C. RIVIERA DEI FIORI PER LA FORMAZIONE PROFESSIONALE E LA PROMOZIONE TECNOLOGICA E

PROGETTO DI FUSIONE PER INCORPORAZIONE SEMPLIFICATA EX ART C.C. RIVIERA DEI FIORI PER LA FORMAZIONE PROFESSIONALE E LA PROMOZIONE TECNOLOGICA E PROGETTO DI FUSIONE PER INCORPORAZIONE SEMPLIFICATA EX ART. 2505 C.C. dell Azienda Speciale della Camera di Commercio Riviere di Liguria Imperia La Spezia Savona RIVIERA DEI FIORI e dell Azienda Speciale

Dettagli

L E S O C I E T À C O O P E R A T I V E C O O P E R A T I V E E M U T U A L I T À : D E F I N I Z I O N I

L E S O C I E T À C O O P E R A T I V E C O O P E R A T I V E E M U T U A L I T À : D E F I N I Z I O N I C O O P E R A T I V E E M U T U A L I T À : D E F I N I Z I O N I art. 45 Costituzione Relazione di accompagnamento al Codice civile la Repubblica riconosce la funzione sociale della cooperazione a carattere

Dettagli

Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione in merito al punto 5) della Parte

Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione in merito al punto 5) della Parte Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione in merito al punto 5) della Parte Ordinaria dell Ordine del Giorno. Richiesta di autorizzazione all acquisto ed alla disposizione di azioni proprie:

Dettagli

Con la scissione una società assegna l'intero suo patrimonio a più società: preesistenti; neo costituite. in cambio di azioni, che vengono assegnate

Con la scissione una società assegna l'intero suo patrimonio a più società: preesistenti; neo costituite. in cambio di azioni, che vengono assegnate Con la scissione una società assegna l'intero suo patrimonio a più società: preesistenti; neo costituite. in cambio di azioni, che vengono assegnate ai soci. Esistono varie tipologie di scissione: totale:

Dettagli

Il prospetto del capitale e delle riserve. dott. Enrico ZANETTI

Il prospetto del capitale e delle riserve. dott. Enrico ZANETTI Il prospetto del capitale e delle riserve dott. Enrico ZANETTI Struttura fiscale del patrimonio netto VOCI FORMATE CON APPORTI IN SOSPENSIONE DI IMPOSTA VOCI FORMATE CON UTILI TRASPARENTI ORDINARI FINO

Dettagli

FUSIONI e SCISSIONI SOCIETARIE SEMPLIFICAZIONE della DOCUMENTAZIONE

FUSIONI e SCISSIONI SOCIETARIE SEMPLIFICAZIONE della DOCUMENTAZIONE Circolare informativa per la clientela n. 30/2012 del 18 ottobre 2012 FUSIONI e SCISSIONI SOCIETARIE SEMPLIFICAZIONE della DOCUMENTAZIONE In questa Circolare 1. Recepimento della Direttiva n. 2009/109/Ce

Dettagli

LA SOCIETÀ. Denominazione sociale. Costituita in data Iscritta nel registro delle imprese in data / /

LA SOCIETÀ. Denominazione sociale. Costituita in data Iscritta nel registro delle imprese in data / / Domanda di iscrizione 106 Banca d Italia Servizio Supervisione Intermediari Finanziari pec: sif@pec.bancaditalia.it [o, in alternativa: Via Nazionale n. 91 00184 ROMA] Iscrizione nell elenco generale degli

Dettagli

DETERMINAZIONE DEL COMMISSARIO STRAORDINARIO CON I POTERI DELLA GIUNTA CAMERALE N. 47 DEL 11/05/2016

DETERMINAZIONE DEL COMMISSARIO STRAORDINARIO CON I POTERI DELLA GIUNTA CAMERALE N. 47 DEL 11/05/2016 DETERMINAZIONE DEL COMMISSARIO STRAORDINARIO CON I POTERI DELLA GIUNTA CAMERALE N. 47 DEL 11/05/2016 Oggetto:Azienda speciale unica - Determinazione del Commissario Straordinario con i poteri della Giunta

Dettagli

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLE MATERIE ALL ORDINE DEL GIORNO

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLE MATERIE ALL ORDINE DEL GIORNO RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLE MATERIE ALL ORDINE DEL GIORNO Assemblea dei Soci del 29 aprile 2014 1 RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE ALL ASSEMBLEA ORDINARIA DEI

Dettagli

Quadro normativo: il diritto di recesso del socio non consenziente.

Quadro normativo: il diritto di recesso del socio non consenziente. Quadro normativo: il diritto di recesso del socio non consenziente. A tutela delle minoranze non consenzienti (assenti, dissenzienti, astenuti) è riconosciuto il diritto di recesso dalla società di fronte

Dettagli

Le novità del modello Unico ENC

Le novità del modello Unico ENC Variazioni in aumento L articolo 3, comma 16-quater del D.L. 16/2012, ha modificato l articolo 102, comma 6, del TUIR eliminando la disposizione in base alla quale per i beni ceduti, nonché per quelli

Dettagli

Relazione sulle proposte concernenti le materie poste all Ordine del Giorno dell Assemblea Ordinaria del Novembre 2008

Relazione sulle proposte concernenti le materie poste all Ordine del Giorno dell Assemblea Ordinaria del Novembre 2008 Relazione sulle proposte concernenti le materie poste all Ordine del Giorno dell Assemblea Ordinaria del 17-18 Novembre 2008 (AI SENSI DELL ART. 3 DEL DECRETO MINISTERIALE 5 NOVEMBRE 1998, N. 437) Proposte

Dettagli