Il sistema sballa ma è il gestore che paga!

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Il sistema sballa ma è il gestore che paga!"

Transcript

1 Il sistema sballa ma è il gestore che paga! Il caso-black Slot rischia di mettere in ginocchio tutta la filiera ed in particolare le imprese di gestione, che non hanno alcuna responsabilità per quanto accaduto, confidando nella bontà delle procedure di omologa e delle autorizzazioni rilasciate da Aams. Ora si spera perlomeno nella possibilità di aggiornare le macchine inquisite 9 rischio ci sono A delle circa NewSlot installate, l attività di almeno aziende, decine di migliaia di posti di lavoro, un gettito erariale pari a 140 milioni di euro al mese e l integrità di un sistema che aveva fatto enormi passi avanti nella lotta al gioco clandestino e illegale. Questo il nefasto quadro della situazione creata dal cosiddetto caso Black Slot, esploso all improvviso all inizio di luglio dopo una lunga fase di incubazione e riversatosi con forza devastante innanzitutto sui gestori, il cui unico peccato lo diciamo con ironia è stato quello di confidare sulla bontà del complesso iter burocratico che precede l installazione delle macchine a premio negli esercizi pubblici. Ripercorrendo la cronistoria recente, il 15 giugno il GIP di Venezia Antonio Liguori ha firmato un decreto di sequestro preventivo (ai sensi dell art.322 c.p.p.) di tutti gli apparecchi appartenenti alle tipologie Black Slot-Stack Slot-Terza Dimensione, ritenendo che per intrinseca modalità di loro funzionamento, essi hanno insita la scommessa e permettono vincite puramente aleatorie di premi in denaro. Si tratta prosegue il decreto di macchine ideate e realizzate per l esercizio del gioco d azzardo. Per altro tutti gli apparecchi in questione risultano essere ideati e programmati per erogare vincite di valore ben superiore ai limiti fissati. Il 28 giugno, il Sostituto Procuratore presso il Tribunale di Venezia Antonio Gava, nel recepire il decreto del GIP, ha certamente percepito le pesanti ricadute del provvedimento sui gestori, accordando loro la possibilità di ritirare spontaneamente gli apparecchi delle tipologie segnalate dagli esercizi pubblici in cui sono installati, operandone la dismissione. Quindi, l atto del Procuratore si è concretizzato in un invito, con l avvertenza che la Guardia di Finanza avrebbe eseguito il sequestro penale degli apparecchi che non sarebbero stati ritirati. Infine, il 4 luglio, il Direttore dei Giochi di Aams Antonio Tagliaferri, ha a sua volta reso pubblico il provvedimento della Procura con una propria nota.

2 2007 LUGLIO-AGOSTO JULY-AUGUST 10 TUTTE LE TAPPE DEL CASO BLACK SLOT Ottobre 2006 Cominciano a circolare le prime voci su sequestri di apparecchi Black Slot disposti dalla Procura di Venezia. Secondo il PM, a seguito di una perizia su un apparecchio sequestrato, tali macchine non rispondono a quanto previsto dall art. 110 comma 6 del TULPS, in quanto consentono, attraverso una particolare modalità di gioco, vincite predeterminabili ed altresì superiori al limite di 50 euro fissato dalla legge. Contestata anche l aleatorietà assoluta del gioco e anche l assenza di un apprezzabile componente di intrattenimento. Scattano così i primi controlli da parte della GDF nelle aziende delle case produttrici, con ritiro dei nulla osta di distribuzione. Novembre 2006 La Nazionale Elettronica presenta istanza di riesame al Tribunale di Venezia, che non si esprime nel merito ma solo sulle procedure adottate, dando ragione al PM. Miglior sorte ha un ulteriore ricorso presentato da altre aziende interessate dai sequestri, sempre al Tribunale del Riesame di Venezia, che dispone il dissequestro e la restituzione dei Nulla Osta di distribuzione delle Black Slot, mantenendo per sé una copia. Dicembre 2006 Mentre fioccano altri ricorsi, si allarga sempre di più l indagine della Guardia di Finanza, che svolge ulteriori perquisizioni nelle aziende che trattano slot machine. Gennaio 2007 Aams, che in precedenza era rimasta alla finestra, attendendo l esito della perizia tecnica sul modello Flexy Screen da essa stessa commissionata a Sogei, comunica che lo stesso è risultato essere non conforme, disponendo la revoca dei relativi nulla osta. Gli apparecchi coinvolti sembrano essere circa Il 25 gennaio, il TAR del Lazio accoglie una richiesta di sospensiva in via cautelativa sino al 7 febbraio. ASPETTI TECNICI E GIURIDICI DELLA QUESTIONE BLACK SLOT Innanzitutto, va ribadito che né i gestori né i concessionari sono in alcun modo responsabili di quanto accaduto, poiché i primi hanno acquistato ed installato presso i vari esercizi commerciali ed i secondi hanno contestualmente collegato alla rete telematica apparecchi che erano stati regolarmente omologati da Aams. La presunta difformità dal parametro normativo è comunque di dubbia interpretazione, poiché qui non si è in presenza di una manifesta attività illecita e penalmente sanzionata, ma solamente di un incertezza interpretativa che, secondo Sapar, non altera il sistema del gioco legale. Prima di entrare nel dettaglio, è indispensabile una premessa: le NewSlot sono nate per soddisfare due contrapposte esigenze, da un lato per sconfiggere il gioco illegale, senza però dar luogo a fenomeni di ludopatia, e dall altro per incrementare le entrate erariali. Inevitabilmente, tali esigenze hanno generato e generano tuttora un difficilissimo ed instabile equilibrismo giuridico-normativo, che ben si riflette nell attuale infelice stesura dell articolo 110 comma 6 TULPS. Per maggiore chiarezza, vale la pena di ricostruire l excursus normativo che ha portato alla prima versione dell art. 110, comma 6, Tulps che al riguardo prevedeva addirittura la prevalenza delle altre componenti quali l abilità e l intrattenimento, rispetto alla componente aleatorietà, affinché gli apparecchi da gioco potessero definirsi leciti. La legge finanziaria 2006 (legge n 266/05) ha modificato l art. 110, comma 6, cercando di eliminare la necessaria prevalenza delle altre componenti, tant è che il vigente testo normativo recita: Art. 6. Si considerano apparecchi idonei per il gioco lecito: a) quelli che, obbligatoriamente collegati alla rete telematica di cui all articolo 14-bis, comma 4, del decreto del Presidente della Repubblica 26 ottobre 1972, n. 640, e successive modificazioni, si attivano con l introduzione di moneta metallica ovvero con appositi strumenti di pagamento elettronico definiti con provvedimenti del Ministero dell economia e delle finanze Amministrazione autonoma dei monopoli di Stato, nei quali gli elementi di abilità o intrattenimento sono presenti insieme all elemento aleatorio, il costo della partita non supera 1 euro, la

3 durata minima della partita è di quattro secondi e che distribuiscono vincite in denaro, ciascuna comunque di valore non superiore a 100 euro, erogate dalla macchina. Le vincite, computate dall apparecchio in modo non predeterminabile su un ciclo complessivo di non più di partite, devono risultare non inferiori al 75 per cento delle somme giocate. In ogni caso tali apparecchi non possono riprodurre il gioco del poker o comunque le sue regole fondamentali. A tal proposito, va rilevato come l equilibrio creato dal dettato normativo non sarebbe stato correttamente realizzato negli apparecchi dotati di schede da gioco Black Slot-Stack Slot-Terza Dimensione, poiché secondo il provvedimento della Procura di Venezia le musichette e le animazioni varie non vengono ritenute idonee a ritenere presente la componente intrattenimento, atteso che, effettivamente, non si comprendono quali siano gli elementi di abilità che potrebbero interferire sul risultato del gioco. L aspetto formale dell articolo 110 comma 6 sembra però evocare un videogioco ove con vari comandi il giocatore dovrebbe effettuare ora in 7, domani in 4 secondi, una partita che ne impegni l abilità, alla cui conclusione si potrebbe giungere ad una vincita in denaro. Ma questa è pura utopia, ed è distante anni luce dalle NewSlot regolarmente omologate e presenti sul mercato (e quindi la questione va ben oltre le schede da gioco Black Slot). L appena richiamato tempo minimo di gioco (che si spiega forse con l esigenza di evitare spinte compulsive ad una ipotetica velocissima reiterazione di partite, con conseguente accelerazione delle possibili perdite per il giocatore), non consente comunque di inserire elementi d abilità, poiché non si comprende cosa dovrebbe fare un giocatore in appena 7 o 4 secondi. La norma quindi è intrinsecamente illogica. L altro elemento su cui la Procura di Venezia punta l attenzione, riguarda la frequenza con cui l apparecchio (operando nel rispetto delle regoli legali) redistribuisce in forma di vincita la percentuale del 75% delle somme giocate, su un ciclo attualmente di partite ed esteso, con il comma 6A, a partite. Dal punto di vista tecnico, ciò che succede è facilmente spiegabile: ogni apparecchio genera un sistema random ossia casuale di vincite, che però deve venire ne- Febbraio 2007 Il 7 febbraio il TAR accoglie la domanda incidentale di sospensione del provvedimento di Aams fino alla pronuncia di merito, fissata per il 20 giugno Marzo 2007 Il 2 marzo la Guardia di Finanza fa partire nuovi sequestri in Veneto di apparecchi con schede Black Slot. Sono circa 500 le macchine coinvolte nella maxi operazione del Comando Provinciale di Venezia, riconducibili a 129 modelli di apparecchi. Fra gli indagati anche i responsabili degli enti omologatori che hanno rilasciato la certificazione di conformità. Le dichiarazioni di conformità fornite dagli enti certificatori all Aams sono risultate ideologicamente false, come si legge nel comunicato stampa emanato dalla Guardia di Finanza. Risultano indagate 11 persone. Alla vigilia dell Enada Primavera, corrono voci non confermate circa il coinvolgimento nell inchiesta anche degli apparecchi denominati Stack Slot e Terza Dimensione. Aprile 2007 Si rincorrono le voci sull allargamento dell inchiesta di Venezia su tutto il territorio nazionale e sui sequestri a campione effettuati dalla Guardia di Finanza. Maggio 2007 Il 9 maggio l On. Gianfranco Conte presenta un interrogazione parlamentare sul caso Black Slot, chiedendo al Ministro delle Finanze quali iniziative intenda intraprendere per evitare i danni che le imprese potrebbero subire dalla situazione descritta in relazione alle inchieste in corso, per evitare che possa instaurarsi un enorme contenzioso da parte di queste nei confronti dello Stato; e per sbloccare la paralisi degli investimenti dovuta alla mancata previsione di una proroga di validità per i nulla osta di distribuzione e alla mancanza di certezze sulla immissione nel mercato di apparecchi di nuova tipologia, superando l attuale situazione di incertezza per le imprese del settore. La risposta del Sottosegreta- 11

4 2007 LUGLIO-AGOSTO JULY-AUGUST 14 rio Grandi è laconica quanto prevedibile: L Amministrazione dei Monopoli di Stato ha fatto presente di svolgere una attività meramente ricognitiva dell esito di una valutazione tecnica demandata ad un organismo specializzato sulla base di un approfondito rapporto convenzionale, posto in essere in applicazione di una specifica facoltà attribuita all Aams da una disposizione nazionale. Pertanto l Aams, in ipotesi di questo tipo, è sicuramente parte lesa e come tale legittimata a proporre azione di risarcimento danni. Giugno 2007 Come previsto, il 20 giugno si svolge presso il Tar del Lazio l udienza di merito sul provvedimento di revoca disposto da Aams. Luglio 2007 Il 2 luglio cominciano a circolare le prime voci circa una maxi-operazione di sequestro a livello nazionale. In effetti alcuni apparecchi vengono sequestrati, ma nella serata dello stesso giorno l operazione viene sospesa. Il 4 luglio Aams pubblica sul proprio sito una nota che rende noto l invito formulato il 28 giugno dalla Procura di Venezia a tutti i gestori di procedere al ritiro immediato degli apparecchi, a seguito del decreto di sequestro preventivo ex art. 321 c.p.p. disposto dal GIP il 15 giugno. Il 5 luglio la Sapar ottiene un incontro con Aams, convocando nel contempo un sit-in pacifico a Piazza Mastai, a cui partecipano circa 300 operatori provenienti da tutta Italia. Il Dr. Rispoli e il Direttore Tagliaferri hanno ricevuto la delegazione composta da Dalla Pria, Bonaccorsi, Musicco, Distante, Angelastri e Bloise è accolta la proposta Sapar di istituire un tavolo tecnico di confronto per superare questo momento di crisi e dando la propria disponibilità a valutare l ipotesi di riaprire i termini di validità dei nulla osta preesistenti nonché di procedere all adeguamento degli apparecchi attualmente sotto inchiesta. Il 10 luglio l On. Gianfranco Conte presenta un interrogazione al Ministro dell Economia e delle Finanze, chiedendo di as- cessariamente forzato quando l apparecchio si avvicina alla conclusione del ciclo, poiché esso, per rientrare nei parametri legali, deve obbligatoriamente redistribuire vincite con maggiore probabilità e frequenza in determinati segmenti temporali. In altri termini, per rispettare quei parametri legali che una pura casualità non potrebbe consentire di rispettare, nell apparecchio si generano periodicamente dette forzature del sistema random. Quindi, in tutti gli apparecchi vi sarà sempre una fase temporale in cui l apparecchio è maggiormente predisposto ad erogare vincite. In concreto ma l esempio che andiamo a proporre è puramente ipotetico se l apparecchio per completare il ciclo deve erogare 250 euro di vincite (per rispettare il dato globale del 75%) e mancano solo 5 partite, sarà costretto ad erogare 5 vincite consecutive da euro 50 cadauna. Al completamento del ciclo delle partite, ricomincia la possibilità di vincita con un grado di probabilità che è certamente inferiore di quello in cui l apparecchio è maggiormente predisposto ad erogare vincite. Il vizio che si attribuisce alle schede di gioco sotto inchiesta è che esse renderebbero riconoscibile all esterno questa loro temporanea favorevole predisposizione ad erogare vincite con maggiore probabilità, e quindi sarebbe violato l art. 110 comma 6 Tulps laddove si specifica che le vincite devono essere computate in maniera non predeterminabile su un ciclo di partite. In questa e nelle pagine successive alcune immagini del sit-in pacifico indetto da Sapar a Piazza Mastai il 5 luglio In realtà, per quanto appena esposto, non è predeterminabile la singola vincita, ma diventa conoscibile solo la maggiore probabilità in cui l apparecchio temporaneamente si trova, il che è ben diverso. Si tratta comunque di una difficile e complicata distinzione interpretativa di natura prettamente giuridica (che non pare talmente rilevante ai fini della commissione del reato di gioco d azzardo) che tuttavia potrebbe determinare la scomparsa di migliaia di oneste imprese e notevolissime perdite di entrate erariali. Secondo la Procura tuttavia, tale irregolarità renderebbe l apparecchio comma 6 equivalente ad un qualsiasi videopoker: poiché non vi è una fase intermedia tra il reato di gioco d azzardo ed altre ipotesi, se il gioco non è lecito è conseguentemente illecito. Tale incertezza interpretativa era già insorta alla fine del 2006, allorquando la Procura di Venezia aveva già mostrato segni di non condivisione per l operato di Aams

5 e per l omologazione di schede di gioco che (sempre secondo la Procura) non sembravano rispettare gli incerti ed equivoci parametri dell art. 110 comma 6 TULPS. In quell occasione il pericolo che saltasse l intero sistema dei giochi in Italia fu avvertito, ed il legislatore cercò di intervenire frettolosamente sull art. 110 Tulps. L intervento però non fu dei più felici, poiché l art. 110 fu modificato in fretta e furia in occasione della legge Finanziaria 2007 (e quindi senza l opportunità di una corretta esegesi del testo normativo che consentisse di chiarire l equivoco). La modifica riguardò non direttamente il comma 6 dell art. 110, bensì il comma 5, che venne così configurato: 5. Si considerano apparecchi e congegni automatici, semiautomatici ed elettronici per il gioco d azzardo quelli che hanno insita la scommessa o che consentono vincite puramente aleatorie di un qualsiasi premio in denaro o in natura o vincite di valore superiore ai limiti fissati al comma 6, escluse le macchine vidimatrici per i giochi gestiti dallo Stato e gli apparecchi di cui al comma 6. Il legislatore ha voluto dire che gli apparecchi di cui al comma 6, in quanto direttamente affidati alla gestione pubblica e controllati quotidianamente dallo Stato tramite i concessionari e tramite la rete telematica a cui le macchine sono obbligatoriamente collegate, non possono mai essere ritenuti illegali ed adibiti al gioco d azzardo. La ratio legislativa era ben compensibile: il legislatore ha ritenuto di risolvere il caso Black Slot ed il pericolo di ritiro dal mercato di tutte le NewSlot, prevedendo che il controllo in rete, in quanto concreto ed immediato, consente di intervenire in tempo reale sull apparecchio che, in ipotesi, dovesse non comportarsi secondo i parametri tecnici del successivo comma 6. La norma indubbiamente non brilla per chiarezza, ma è evidente che il legislatore voleva spostare la soglia di rilevanza penale dalle caratteristiche tecniche al controllo concreto della macchina, nella piena consapevolezza che le macchine collegate in rete consentono immediatamente di percepire tramite i messaggi di gioco trasmessi la conformità al modello legale, sicché il controllo telematico consente di intervenire in tempo reale sulla macchina che eventualmente diverga dai parametri legislativi. Purtroppo, per la Procura di Venezia la modifica non è così chiara come si è cercato di evidenziare. sumere urgenti iniziative, anche di carattere normativo, volte ad introdurre adeguati meccanismi di tutela e garanzia degli operatori e degli utenti. L 11 luglio la Sapar indice a Roma la Conferenza Nazionale Avanti nella legalità, con la partecipazione di almeno 600 operatori e dei rappresentanti dei maggiori concessionari di rete (vedi pag. 21). Come preannunciato dall On. Tolotti in Conferenza, sin dal giorno successivo si apprende che è in via di stesura il decreto di proroga dei nulla osta comma 6. Nel contempo si prospetta la possibilità di apportare un emendamento al disegno di legge di conversione del decreto-tesoretto per modificare il comma 5 dell art.110 Tulps, presentato dall On. Conte. Il presidente della Commissione Bilancio Lino Duilio ha dichiarato che la sede più adatta a risolvere tali problematiche sarà un audizione apposita tenuta prossimamente dal vice-ministro Vincenzo Visco. Il 16 luglio la Nazionale Elettronica, con una propria nota, comunica la propria disponibilità ad aggiornare gli apparecchi sotto inchiesta con un programma nuovo, garantendo la massima rapidità e la gratuità delle operazioni (vedi pag. 20). Nella stessa giornata l On. Angelo Piazza presenta una nuova interrogazione parlamentare sul caso. Il 18 luglio, in risposta ad una interrogazione presentata dal Sen. Euprepio Curto, il Sottosegretario Grandi nel confermare che non è stato possibile apportare modifiche al dl sul tesoretto, annuncia la firma del decreto Aams contenente la proroga dei termini di rilascio dei nulla osta di distribuzione e messa in esercizio degli apparecchi da gioco, fino al 15 dicembre 2007 e la proroga dei termini di validità per quelli già emessi fino al 31 dicembre Nella giornata stessa, il Presidente Dalla Pria prospetta ad Aams, in un incontro a Piazza Mastai, la possibilità di approvare una procedura di upgrade degli apparecchi sotto inchiesta. 15

6 2007 LA SOLUZIONE PROPOSTA DA SAPAR LUGLIO-AGOSTO JULY-AUGUST 16 In questa situazione, lo Stato non può rimanere latitante ed indifferente, ma deve uscire dall ipocrisia e chiarire una volta per tutte se vuole o meno mantenere in Italia un offerta di gioco che sia competitiva sia sotto il profilo del contrasto al gioco illegale, sia sotto quello del contrasto alle altre offerte di gioco di provenienza comunitaria (scommesse e giochi su internet). Sicché delle due l una: o lo Stato adegua la propria offerta di gioco alla domanda di mercato, prevedendo tuttavia sistemi di controllo della ludopatia e della tutela del giocatore/consumatore (che non possono però ruotare attorno a poco chiare formulazioni di ipotesi di reato); oppure la domanda di gioco verrà occupata in parte dall offerta di gioco illegale ed in parte da altre forme di gioco realizzabili via internet e similari. Per andare al cuore della questione, bisogna risolvere l attuale incertezza interpretativa modificando l art. 110 comma 5 e 6 nel testo che si propone a fianco. Nell articolo così modificato, scompare l ipocrito riferimento alla compresenza di elementi di abilità ed intrattenimento insieme all aleatorietà, consentendo comunque al giocatore di giocare al massimo 1 euro per volta con vincita non superiore a 100 euro. Scompare anche ogni riferimento alla non predeterminabilità della vincita, poiché tale elemento non assume fondamentale rilevanza ai fini del discrimine tra gioco lecito e gioco illecito. È ben più importante che la macchina sia in rete, in un esercizio pubblico controllato (dove i minori non possono giocare) e costantemente monitorata dallo Stato. Questa è la proposta di modifica normativa approvata dagli oltre 600 operatori che hanno partecipato alla Conferenza Nazionale indetta dalla Sapar l 11 luglio, con l adesione dei tre concessionari aderenti ad Assoslot (Atlantis-Gamenet-Hbg) e di Assotrattenimento. Il resoconto dettagliato dell evento è pubblicato nell articolo successivo. Art. 110 Tulps commi 5 e 6 Testo vigente 5. Si considerano apparecchi e congegni automatici, semiautomatici ed elettronici per il gioco d azzardo quelli che hanno insita la scommessa o che consentono vincite puramente aleatorie di un qualsiasi premio in denaro o in natura o vincite di valore superiore ai limiti fissati al comma 6, escluse le macchine vidimatrici per i giochi gestiti dallo Stato e gli apparecchi di cui al comma Si considerano apparecchi idonei per il gioco lecito: a) quelli che, obbligatoriamente collegati alla rete telematica di cui all articolo 14-bis, comma 4, del decreto del Presidente della Repubblica 26 ottobre 1972, n. 640, e successive modificazioni, si attivano con l introduzione di moneta metallica ovvero con appositi strumenti di pagamento elettronico definiti con provvedimenti del Ministero dell economia e delle finanze Amministrazione autonoma dei monopoli di Stato, nei quali gli elementi di abilità o intrattenimento sono presenti insieme all elemento aleatorio, il costo della partita non supera 1 euro, la durata minima della partita è di quattro secondi e che distribuiscono vincite in denaro, ciascuna comunque di valore non superiore a 100 euro, erogate dalla macchina. Le vincite, computate dall apparecchio in modo non predeterminabile su un ciclo complessivo di non più di partite, devono risultare non inferiori al 75 per cento delle somme giocate. In ogni caso tali apparecchi non possono riprodurre il gioco del poker o comunque le sue regole fondamentali; Art. 110 Tulps commi 5 e 6 Modifica proposta 5. Si considerano apparecchi e congegni automatici, semiautomatici ed elettronici per il gioco d azzardo quelli che, privi di attestazione di conformità rilasciata dalle competenti autorità amministrative, consentono vincite puramente aleatorie di premi in denaro. Sono in ogni caso escluse da tale tipologia le macchine vidimatrici per i giochi gestiti dallo Stato e gli apparecchi di cui al successivo comma Si considerano apparecchi idonei per il gioco lecito: a) quelli che, obbligatoriamente collegati alla rete telematica di cui all articolo 14-bis, comma 4, del decreto del Presidente della Repubblica 26 ottobre 1972, n. 640, e successive modificazioni, si attivano con l introduzione di moneta metallica ovvero con appositi strumenti di pagamento elettronico definiti con provvedimenti del Ministero dell economia e delle finanze Amministrazione autonoma dei monopoli di Stato, nei quali il costo della partita non supera 1 euro, la durata minima della partita è di quattro secondi e che distribuiscono vincite in denaro, ciascuna comunque di valore non superiore a 100 euro, erogate dalla macchina. Le vincite, computate dall apparecchio su un ciclo complessivo di non più di partite, devono risultare non inferiori al 75 per cento delle somme giocate. In ogni caso tali apparecchi non possono riprodurre il gioco del poker o comunque le sue regole fondamentali;

7 2007 LUGLIO-AGOSTO JULY-AUGUST 18 IL PROVVEDIMENTO DEL SOSTITUTO PROCURATORE DI VENEZIA

8 LA NOTA DELL AMMINISTRAZIONE AUTONOMA MONOPOLI DI STATO 19

R.D. 773 del 18/06/1931 - Testo Unico delle Leggi di Pubblica Sicurezza -

R.D. 773 del 18/06/1931 - Testo Unico delle Leggi di Pubblica Sicurezza - R.D. 773 del 18/06/1931 - Testo Unico delle Leggi di Pubblica Sicurezza - Art. 110. 1. In tutte le sale da biliardo o da gioco e negli altri esercizi, compresi i circoli privati, autorizzati alla pratica

Dettagli

Legge 23 dicembre 2005, n. 266: Disposizioni per la formazione del bilancio annuale e pluriennale dello Stato (legge finanziaria 2006).

Legge 23 dicembre 2005, n. 266: Disposizioni per la formazione del bilancio annuale e pluriennale dello Stato (legge finanziaria 2006). Legge 23 dicembre 2005, n. 266: Disposizioni per la formazione del bilancio annuale e pluriennale dello Stato (legge finanziaria 2006). (Stralcio) Art. 1 (Omissis) 525. Il comma 6 dell articolo 110 del

Dettagli

Comando Provinciale di Arezzo

Comando Provinciale di Arezzo GIOCO D AZZARDO Legislazione sul gioco d azzardo Auditorium Ospedale San Donato Arezzo, 09 maggio 2009 ASPETTI NORMATIVI La normativa di riferimento innanzitutto è il codice penale capo II sezione 1 artt.

Dettagli

COMUNE DI PASIAN DI PRATO PROVINCIA DI UDINE. Ord. n. 10 Data, 26 febbraio 2010 IL SINDACO

COMUNE DI PASIAN DI PRATO PROVINCIA DI UDINE. Ord. n. 10 Data, 26 febbraio 2010 IL SINDACO COMUNE DI PASIAN DI PRATO PROVINCIA DI UDINE UFFICIO SEGRETERIA - COMMERCIO VIA ROMA N. 46 33037 PASIAN DI PRATO - TEL. 0432/645953 FAX 0432/645918 E-MAIL: segreteria@comune.pasiandiprato.ud.it Ord. n.

Dettagli

STUDIO LEGALE. Avv. Giovanni Adamo. Via dei Traghetti 129 Tel. (06) 56.12.274 Fax (06) 56.12.274 00126 ROMA www.studiolegaleadamo.

STUDIO LEGALE. Avv. Giovanni Adamo. Via dei Traghetti 129 Tel. (06) 56.12.274 Fax (06) 56.12.274 00126 ROMA www.studiolegaleadamo. Via Montebello 2 Tel. (051) 58.80.734 Fax (051) 58.80.726 40121 BOLOGNA segreteria@studiolegaleadamo.it Avv. Antonella Roberti Avv. Vittorio Belcastro Avv. Francesca Calà Dott. Anna Rita Marchionda Dott.

Dettagli

Comune di Villa guardia

Comune di Villa guardia Comune di Villa guardia UFFICIO COMMERCIO Informativa agli esercenti per l installazione di apparecchi e congegni per il gioco lecito. Con questo scritto l Ufficio intende fornire le informazioni essenziali

Dettagli

Tipologia degli esercizi Numero massimo degli apparecchi installabili

Tipologia degli esercizi Numero massimo degli apparecchi installabili Informativa E.P. CITTÀ DI TORINO DIVISIONE COMMERCIO SETTORE ATTIVITÀ ECONOMICHE E DI SERVIZIO Con questo scritto il Settore intende fornire le informazioni essenziali che riguardano l installazione di

Dettagli

[ ] Titolare della impresa individuale [ ] Legale rappresentante della Società [ ] Proprietario/comproprietario [ ] Affittuario [ ] Presidente [ ]

[ ] Titolare della impresa individuale [ ] Legale rappresentante della Società [ ] Proprietario/comproprietario [ ] Affittuario [ ] Presidente [ ] Al COMUNE DI SAN VITO DEI NORMANNI (Provincia di Brindisi) Servizio SUAP DISTRIBUZIONE E GESTIONE DI GIOCHI Segnalazione Certificata Inizio Attività NUOVA APERTURA TRASFERIMENTO DI SEDE (allegare vecchia

Dettagli

Regolamento comunale per le sale giochi e l installazione di apparecchi da trattenimento

Regolamento comunale per le sale giochi e l installazione di apparecchi da trattenimento Regolamento comunale per le sale giochi e l installazione di apparecchi da trattenimento tenimento APPROVATO CON DELIBERAZIONE C.C. N. 8 DEL 17/3/2011 E MODIFICATO CON DELIBERA- ZIONE C.C, N. 17 DEL 26/4/2012

Dettagli

[ ] Titolare della impresa individuale [ ] Legale rappresentante della Società [ ] Proprietario/comproprietario [ ] Affittuario [ ] Presidente [ ]

[ ] Titolare della impresa individuale [ ] Legale rappresentante della Società [ ] Proprietario/comproprietario [ ] Affittuario [ ] Presidente [ ] AL COMUNE DI POGGIARDO (Provincia di Lecce) Servizio SUAP INSTALLAZIONE ED ESERCIZIO DI GIOCHI LECITI presso esercizi non in possesso di Autorizzazione ex artt.86 o 88 TULPS R.D. 18/6/1931 n.773 domanda

Dettagli

RICHIESTA AUTORIZZAZIONE APERTURA SALA GIOCHI AI SENSI DELL ART. 86 DEL T.U.L.P.S.

RICHIESTA AUTORIZZAZIONE APERTURA SALA GIOCHI AI SENSI DELL ART. 86 DEL T.U.L.P.S. BOLLO AL COMUNE DI FOLIGNO SERVIZIO COMMERCIO E P.A. RICHIESTA AUTORIZZAZIONE APERTURA SALA GIOCHI AI SENSI DELL ART. 86 DEL T.U.L.P.S. Il sottoscritto Cognome. Nome Data di nascita /../.. Luogo di nascita...

Dettagli

Note Esplicative. n) T.U.L.P.S., il Testo Unico delle Leggi di Pubblica Sicurezza, di cui al regio decreto 18

Note Esplicative. n) T.U.L.P.S., il Testo Unico delle Leggi di Pubblica Sicurezza, di cui al regio decreto 18 Note Esplicative Di seguito vengono riportate brevi note esplicative sulle attività connesse all esercizio e all utilizzo degli apparecchi di cui al comma 6 lettera a), art. 110 T.U.L.P.S. Ai soli fini

Dettagli

Denuncia inizio attività per: Apertura nuova Attività

Denuncia inizio attività per: Apertura nuova Attività SALE GIOCHI Timbro ufficiale (spazio riservato all ufficio) COMUNE DI TRIGGIANO Al Dirigente Settore P.M. e Ambiente Ufficio di Polizia Amministrativa Piazza V. Veneto, 42 Triggiano Denuncia inizio attività

Dettagli

Il sottoscritto. nato a il nazionalità. Cod.Fisc. residente in. Via n. C.A.P. Tel. Cell. Codice fiscale/partita IVA. Con sede nel Comune di Provincia

Il sottoscritto. nato a il nazionalità. Cod.Fisc. residente in. Via n. C.A.P. Tel. Cell. Codice fiscale/partita IVA. Con sede nel Comune di Provincia da presentarsi all'ufficio Protocollo 30 giorni prima dell'inizio dell'attività DICHIARAZIONE DI INIZIO ATTIVITA' PER INSTALLAZIONE DI GIOCHI LECITI E APPARECCHI E CONGEGNI AUTOMATICI, SEMIAUTOMATICI ED

Dettagli

Black Slot: un salto nel vuoto

Black Slot: un salto nel vuoto Black Slot: un salto nel vuoto Tutti i tentativi per trovare una soluzione politica o amministrativa al caso che sta tenendo col fiato sospeso l intera industria sono andati a vuoto. I gestori, in vista

Dettagli

Il ruolo di AAMS nel governo dei giochi ( 1 )

Il ruolo di AAMS nel governo dei giochi ( 1 ) Il ruolo di AAMS nel governo dei giochi ( 1 ) Ente cui è attribuita la riserva Governance Esercizio Scelte politiche Art. 1 D.Lvo. 496 del 14/4/48 L'organizzazione e l'esercizio di giuochi di abilità e

Dettagli

DOSSIER NORMATIVO. 4. Il regime autorizzatorio degli apparecchi da gioco

DOSSIER NORMATIVO. 4. Il regime autorizzatorio degli apparecchi da gioco DOSSIER NORMATIVO 4. Il regime autorizzatorio degli apparecchi da gioco A cura di: Generoso Bloise Marco Cerigioni egli ultimi anni la normativa di settore segnatamente per quanto concerne le caratteristiche

Dettagli

COMUNE DI GRICIGNANO DI AVERSA Provincia di CASERTA

COMUNE DI GRICIGNANO DI AVERSA Provincia di CASERTA AL COMUNE DI GRICIGNANO DI AVERSA UFFICIO COMMERCIO SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA PER L INSTALLAZIONE DI APPARECCHI E CONGEGNI DI CUI ALL ART. 110 COMMA 6 E 7 TULPS (Artt. 86 comma 3 R.D.

Dettagli

INSTALLAZIONE ED USO DI APPARECCHI DA GIOCO E CONGEGNI DA DIVERTIMENTO ED INTRATTENIMENTO SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA

INSTALLAZIONE ED USO DI APPARECCHI DA GIOCO E CONGEGNI DA DIVERTIMENTO ED INTRATTENIMENTO SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA !!""!""!#$" INSTALLAZIONE ED USO DI APPARECCHI DA GIOCO E CONGEGNI DA DIVERTIMENTO ED INTRATTENIMENTO SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA Installazione di New Slot e apparecchi da divertimento

Dettagli

Proposta di legge al Parlamento

Proposta di legge al Parlamento Proposta di legge al Parlamento Illiceità dell installazione e dell utilizzo dei sistemi di gioco d'azzardo elettronico nei locali pubblici. Modifica all articolo 110 del r.d. 773/31 (Testo unico delle

Dettagli

Il/La sottoscritto nato/a a il e residente a in via n. codice fiscale

Il/La sottoscritto nato/a a il e residente a in via n. codice fiscale AL COMUNE DI VILLA GUARDIA UFFICIO COMMERCIO Oggetto: Denuncia, ai sensi delle legge 241/90, di inizio di attività per detenere e far funzionare in pubblico esercizio apparecchi e congegni automatici,

Dettagli

Videopoker sempre vietati, anche se riprodotti solo parzialmente - CASSAZIONE PENALE, Sezione III, Sentenza n. 32730 del 27/07/2004

Videopoker sempre vietati, anche se riprodotti solo parzialmente - CASSAZIONE PENALE, Sezione III, Sentenza n. 32730 del 27/07/2004 Videopoker sempre vietati, anche se riprodotti solo parzialmente - CASSAZIONE PENALE, Sezione III, Sentenza n. 32730 del 27/07/2004 L'articolo 110, comma 5, del regio decreto 18 giugno 1931 n. 773, nel

Dettagli

Circolare N.93 del 22 Giugno 2011. Operatori new slot e VLT: entro il 30.06.2011 l iscrizione all elenco istituito dall AAMS

Circolare N.93 del 22 Giugno 2011. Operatori new slot e VLT: entro il 30.06.2011 l iscrizione all elenco istituito dall AAMS Circolare N.93 del 22 Giugno 2011 Operatori new slot e VLT: entro il 30.06.2011 l iscrizione all elenco istituito dall AAMS Operatori new slot e VLT: entro il 30.06.2011 l iscrizione all elenco istituito

Dettagli

COMUNE DI SALZANO Provincia di Venezia REGOLAMENTO PER LE SALE GIOCHI E PER L INSTALLAZIONE DI APPARECCHI DA TRATTENIMENTO

COMUNE DI SALZANO Provincia di Venezia REGOLAMENTO PER LE SALE GIOCHI E PER L INSTALLAZIONE DI APPARECCHI DA TRATTENIMENTO COMUNE DI SALZANO Provincia di Venezia REGOLAMENTO PER LE SALE GIOCHI E PER L INSTALLAZIONE DI APPARECCHI DA TRATTENIMENTO Approvato con Delibera di C.C. n. 46 del 08.08.2011 INDICE CAPO I NORME GENERALI

Dettagli

INSTALLAZIONE DI APPARECCHI DA GIOCO SEGNALAZIONE CERTIFICATO DI INIZIO ATTIVITA

INSTALLAZIONE DI APPARECCHI DA GIOCO SEGNALAZIONE CERTIFICATO DI INIZIO ATTIVITA Timbro del Protocollo Generale PRATICA N. Allo Sportello Unico per le Attività Produttive COMUNE DI BRA Piazza Caduti Libertà n. 14 12042 BRA INSTALLAZIONE DI APPARECCHI DA GIOCO SEGNALAZIONE CERTIFICATO

Dettagli

AL SUAP Comune di Vibo Valentia

AL SUAP Comune di Vibo Valentia AL SUAP Comune di Vibo Valentia OGGETTO: SEGNALAZIONE CERTIFICATA ai sensi dell'art. 49 del Decreto Legge 31 maggio 2010, n. 78, così come convertito e modificato dalla Legge 30 luglio 2010, n. 122. DI

Dettagli

Il/La sottoscritto/a.. nato/a a... prov... il Codice Fiscale residente a. via/piazza.. n... cap. tel.

Il/La sottoscritto/a.. nato/a a... prov... il Codice Fiscale residente a. via/piazza.. n... cap. tel. SUROMA SPORTELLO UNICO DEL COMMERCIO MUNICIPIO... Via 00. ROMA Oggetto: SCIA Segnalazione certificata di Inizio Attività (art. 19 Legge 241/90 s.m.i;, D.M. 27 ottobre 2003;D.M. 7 gennaio 2007; art. 49

Dettagli

COMUNE DI VITTUONE (Provincia di Milano) SETTORE ATTIVITA PRODUTTIVE Ufficio Commercio REGOLAMENTO COMUNALE DELLE SALE GIOCHI

COMUNE DI VITTUONE (Provincia di Milano) SETTORE ATTIVITA PRODUTTIVE Ufficio Commercio REGOLAMENTO COMUNALE DELLE SALE GIOCHI COMUNE DI VITTUONE (Provincia di Milano) SETTORE ATTIVITA PRODUTTIVE Ufficio Commercio REGOLAMENTO COMUNALE DELLE SALE GIOCHI 1 INDICE Capo I - Norme generali... 3 Articolo 1 - Principi generali... 3 Articolo

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE SUGLI APPARECCHI DI TRATTENIMENTO E SVAGO E SULLE SALE GIOCHI

REGOLAMENTO COMUNALE SUGLI APPARECCHI DI TRATTENIMENTO E SVAGO E SULLE SALE GIOCHI REGOLAMENTO COMUNALE SUGLI APPARECCHI DI TRATTENIMENTO E SVAGO E SULLE SALE GIOCHI - Articolo 1 - Principi generali - Articolo 2 - Definizioni - Articolo 3 - Apertura,trasferimento di sede e variazione

Dettagli

SUAP I GELSI DEI COMUNI DI ALZATE BRIANZA, ANZANO DEL PARCO, ALSERIO, BRENNA, LURAGO D ERBA, MERONE E MONGUZZO

SUAP I GELSI DEI COMUNI DI ALZATE BRIANZA, ANZANO DEL PARCO, ALSERIO, BRENNA, LURAGO D ERBA, MERONE E MONGUZZO SUAP I GELSI DEI COMUNI DI ALZATE BRIANZA, ANZANO DEL PARCO, ALSERIO, BRENNA, LURAGO D ERBA, MERONE E MONGUZZO Piazza Municipio n. 1 22040 ALZATE BRIANZA (CO) Tel. 031/6349306 031/6349323 031/6349322 -

Dettagli

Il/La sottoscritto/a.. nato/a a... prov... il Codice Fiscale residente a. via/piazza.. n... cap. tel.

Il/La sottoscritto/a.. nato/a a... prov... il Codice Fiscale residente a. via/piazza.. n... cap. tel. SUROMA SPORTELLO UNICO DEL COMMERCIO MUNICIPIO... Via 00. ROMA Oggetto: Segnalazione Certificata di Inizio Attività (art. 19 Legge 241/90 s.m.i.) relativamente agli apparecchi e congegni automatici, semiautomatici

Dettagli

COMUNE DI VEROLENGO NORME E DIRETTIVE PER L ATTIVITA DELLE SALE GIOCHI E L INSTALLAZIONE E L USO NEI PUBBLICI

COMUNE DI VEROLENGO NORME E DIRETTIVE PER L ATTIVITA DELLE SALE GIOCHI E L INSTALLAZIONE E L USO NEI PUBBLICI COMUNE DI VEROLENGO Via Rimembranza, 4 CAP 10038 P R O V I N C I A D I T O R I N O Tel. 011.91.49.102 / 011.91.49.135 Fax 011.91.49.397 Cod. Fisc. 82500370018 P.I. 01716930019 NORME E DIRETTIVE PER L ATTIVITA

Dettagli

Illegalità e gioco d azzardo

Illegalità e gioco d azzardo Gioco d azzardo: alla ricerca di possibili integrazioni tra servizio pubblico, privato sociale e territorio Illegalità e gioco d azzardo Arezzo, 11 maggio 2007 Tipologie di apparecchi o congegni Le tipologie

Dettagli

CITTA DI PIOSSASCO REGOLAMENTO PER LE SALE GIOCHI E PER L INSTALLAZIONE DI APPARECCHI ELETTRONICI DA INTRATTENIMENTO O DA GIOCO

CITTA DI PIOSSASCO REGOLAMENTO PER LE SALE GIOCHI E PER L INSTALLAZIONE DI APPARECCHI ELETTRONICI DA INTRATTENIMENTO O DA GIOCO CITTA DI PIOSSASCO REGOLAMENTO PER LE SALE GIOCHI E PER L INSTALLAZIONE DI APPARECCHI ELETTRONICI DA INTRATTENIMENTO O DA GIOCO Approvato con deliberazione Consiglio Comunale del 27.11.2014 n. 64 INDICE

Dettagli

SCIA per apparecchi e congegni per il gioco lecito -

SCIA per apparecchi e congegni per il gioco lecito - ALLO SPORTELLO UNICO ATTIVITA PROFUTTIVE del Comune di CORTONA Piazza della Repubblica n. 13 52044 CORTONA da presentare in duplice copia OGGETTO: Avvio installazione apparecchi e congegni per il gioco

Dettagli

R.D. 18 giugno 1931, n. 773 (1). Approvazione del testo unico delle leggi di pubblica sicurezza (2) (3) (4) (5).

R.D. 18 giugno 1931, n. 773 (1). Approvazione del testo unico delle leggi di pubblica sicurezza (2) (3) (4) (5). R.D. 18 giugno 1931, n. 773 (1). Approvazione del testo unico delle leggi di pubblica sicurezza (2) (3) (4) (5). omissis Capo II - Degli esercizi pubblici (139) 86. (art. 84 T.U. 1926). - Non possono esercitarsi,

Dettagli

COMUNE DI PAOLA. ( Provincia Di Cosenza ) GIOCHI LECITI ALL INTERNO DEI PUBBLICI ESERCIZI E SIMILARI SPECIFICA DEI GIOCHI

COMUNE DI PAOLA. ( Provincia Di Cosenza ) GIOCHI LECITI ALL INTERNO DEI PUBBLICI ESERCIZI E SIMILARI SPECIFICA DEI GIOCHI COMUNE DI PAOLA ( Provincia Di Cosenza ) SETTORE N. 7 UFFICIO : Attività Economiche e Produttive ( Piazza IV Novembre,22 ) tel. 0982 582860 fax 0982582397 PEC : qsarpa@comune.paola.cs.it legislazione di

Dettagli

Prov. Via n. Codice fiscale IN PROPRIO, ovvero nella sua qualità di rappresentanza di

Prov. Via n. Codice fiscale IN PROPRIO, ovvero nella sua qualità di rappresentanza di . 14,62 Al COMUNE di Borghetto Santo Spirito (Savona) OGGETTO: Richiesta autorizzazione per l'esercizio dell'attività di sala giuochi, ai sensi degli articoli 86 e 110 del T.U. delle Leggi di Pubblica

Dettagli

CITTA' DI TORINO CORPO DI POLIZIA MUNICIPALE SETTORE SERVIZI INTEGRATI Ufficio Studi e Formazione

CITTA' DI TORINO CORPO DI POLIZIA MUNICIPALE SETTORE SERVIZI INTEGRATI Ufficio Studi e Formazione CITTA' DI TORINO CORPO DI POLIZIA MUNICIPALE SETTORE SERVIZI INTEGRATI Ufficio Studi e Formazione CIRCOLARE N. 93 Operativa OGGETTO: Polizia Giudiziaria e di Sicurezza.. Pubblica sicurezza e ordine pubblico

Dettagli

SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA PER APERTURA DI SALA GIOCHI (Art. 49 - L. 122/2010 - articoli 86-88 e 110 del T.U.L.P.S.

SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA PER APERTURA DI SALA GIOCHI (Art. 49 - L. 122/2010 - articoli 86-88 e 110 del T.U.L.P.S. da presentare in duplice copia SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA PER APERTURA DI SALA GIOCHI (Art. 49 - L. 122/2010 - articoli 86-88 e 110 del T.U.L.P.S.) Al COMUNE di VILLANOVA D ASTI (AT) Il

Dettagli

AUDIZIONE DEL SOTTOSEGRETARIO ON. PIER PAOLO BARETTA

AUDIZIONE DEL SOTTOSEGRETARIO ON. PIER PAOLO BARETTA COMMISSIONE PARLAMENTARE DI INCHIESTA SUL FENOMENO DELLE MAFIE E SULLE ALTRE ASSOCIAZIONI CRIMINALI ANCHE STRANIERE AUDIZIONE DEL SOTTOSEGRETARIO ON. PIER PAOLO BARETTA ROMA 08 LUGLIO 2015 PALAZZO SAN

Dettagli

OGGETTO: apparecchi per la raccolta a distanza dei giochi pubblici (Totem).

OGGETTO: apparecchi per la raccolta a distanza dei giochi pubblici (Totem). Roma, 3 maggio 2010 Agli Uffici Regionali e loro Sezioni distaccate Loro sedi Agli Uffici della Direzione per i giochi Sede Prot. n1325 /Strategie/UCA Al Responsabile per le attività normative, legali

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE SUGLI APPARECCHI DI INTRATTENIMENTO E SVAGO E SULLE SALE GIOCHI

REGOLAMENTO COMUNALE SUGLI APPARECCHI DI INTRATTENIMENTO E SVAGO E SULLE SALE GIOCHI CITTÀ DI IMOLA REGOLAMENTO COMUNALE SUGLI APPARECCHI DI INTRATTENIMENTO E SVAGO E SULLE SALE GIOCHI Approvato con deliberazione C.C. n. 214 del 19.11.2007, esecutiva; Modificato con deliberazione C.C.

Dettagli

La nuova disciplina sui videogiochi - autorizzazioni, vigilanza e sanzioni Michele Pezzulli, Comandante la P.M. di Aversa

La nuova disciplina sui videogiochi - autorizzazioni, vigilanza e sanzioni Michele Pezzulli, Comandante la P.M. di Aversa Delegazioni Regionali > Campania La nuova disciplina sui videogiochi - autorizzazioni, vigilanza e sanzioni Michele Pezzulli, Comandante la P.M. di Aversa Negli ultimi anni abbiamo assistito al susseguirsi

Dettagli

www.dirittoambiente.net

www.dirittoambiente.net DOCUMENTI INformazione 2009 E vietato il plagio e la copiatura integrale o parziale di testi e disegni a firma degli autori - Dal volume Tutela Giuridica degli Animali di Maurizio Santoloci e Carla Campanaro

Dettagli

DENUNCIA INIZIO ATTIVITA' DI GIOCHI LECITI

DENUNCIA INIZIO ATTIVITA' DI GIOCHI LECITI MOD. DIA1 DENUNCIA INIZIO ATTIVITA' DI GIOCHI LECITI (art. 19, L. 241/1990; art. 86 110 T.U.L.P.S.). da presentare in 2 esemplari: ( 1 originale per il comune e 1 copia per il dichiarante, sulla quale

Dettagli

COMUNE DI TRESANA. Massa Carrara REGOLAMENTO COMUNALE PER L APERTURA E LA GESTIONE DI SALE GIOCHI

COMUNE DI TRESANA. Massa Carrara REGOLAMENTO COMUNALE PER L APERTURA E LA GESTIONE DI SALE GIOCHI COMUNE DI TRESANA Massa Carrara REGOLAMENTO COMUNALE PER L APERTURA E LA GESTIONE DI SALE GIOCHI Approvato con deliberazione del C.C. n. 3 del 14.01.2012 INDICE TITOLO I NORME GENERALI Art. 1 - Oggetto

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER L APERTURA E LA GESTIONE DI SALE GOCHI.

REGOLAMENTO COMUNALE PER L APERTURA E LA GESTIONE DI SALE GOCHI. COMUNE DI BUDRIO ---------------- REGOLAMENTO COMUNALE PER L APERTURA E LA GESTIONE DI SALE GOCHI. 2011 Approvato con Deliberazione Consiliare n. 14 in data 14/03/2011. INDICE CAPO I Norme generali Articolo

Dettagli

DENUNCIA INIZIO ATTIVITA' GIOCHI LECITI

DENUNCIA INIZIO ATTIVITA' GIOCHI LECITI DENUNCIA INIZIO ATTIVITA' GIOCHI LECITI AL SIG. SINDACO DEL COMUNE DI TORTONA Oggetto: Denuncia inizio attivitá per INSTALLAZIONE di: Il sottoscritto apparecchi e congegni automatici, semiautomatici ed

Dettagli

COMUNE DI SAN VALENTINO TORIO

COMUNE DI SAN VALENTINO TORIO COMUNE DI SAN VALENTINO TORIO Sportello Unico Attività Produttive Segnalazione certificata di inizio attività -SCIA(*) - per l'installazione di giochi leciti ed apparecchi e congegni di cui all'art. 110

Dettagli

AL COMUNE DI PIANORO. Esercente l'attività di:

AL COMUNE DI PIANORO. Esercente l'attività di: DENUNCIA INIZIO ATTIVITA' DI GIOCHI LECITI (art. 19, L. 241/1990; art. 86 110 T.U.L.P.S.) da presentare in 2 esemplari: (1 originale per il comune e 1 copia per il dichiarante sulla quale verrà apposto

Dettagli

REGOLAMENTO PER LE SALE GIOCHI E PER L INSTALLAZIONE DI APPARECCHI DA TRATTENIMENTO

REGOLAMENTO PER LE SALE GIOCHI E PER L INSTALLAZIONE DI APPARECCHI DA TRATTENIMENTO REGOLAMENTO PER LE SALE GIOCHI E PER L INSTALLAZIONE DI APPARECCHI DA TRATTENIMENTO CAPO I NORME GENERALI ART. 1 - OGGETTO 1. Il presente regolamento disciplina: a) i requisiti ed il procedimento per il

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA CONSIGLIO REGIONALE DEL PIEMONTE

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA CONSIGLIO REGIONALE DEL PIEMONTE Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 1151 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEL CONSIGLIO REGIONALE DEL PIEMONTE Illiceità dell installazione e dell utilizzo dei sistemi di gioco

Dettagli

C O M U N E D I MASSA LUBRENSE Provincia di Napoli C.C. n. 45 del 29/11/2011

C O M U N E D I MASSA LUBRENSE Provincia di Napoli C.C. n. 45 del 29/11/2011 C O M U N E D I MASSA LUBRENSE Provincia di Napoli C.C. n. 45 del 29/11/2011 REGOLAMENTO COMUNALE PER L ESERCIZIO DI SALA GIOCHI E INSTALLAZIONE DI APPRACCHI DI TRATTENIMENTO AUTOMATICI E SEMIAUTOMATICI

Dettagli

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO TRIBUNALE DI ROMA SEZIONE DISTACCATA DI OSTIA N. RG. 648-10 REPUBBLICA ITALIANA

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO TRIBUNALE DI ROMA SEZIONE DISTACCATA DI OSTIA N. RG. 648-10 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO TRIBUNALE DI ROMA SEZIONE DISTACCATA DI OSTIA N. RG. 648-10 REPUBBLICA ITALIANA Il Giudice dott. cons. Massimo Moriconi nella causa tra Società in persona del suo legale rappresentante

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 574 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI BASSO, SPERANZA, MARIASTELLA BIANCHI, BONAFÈ, BORGHI, BRAGA, CARBONE, CAROCCI, CARRESCIA,

Dettagli

DL SEMPLIFICAZIONI FISCALI N.16/2012

DL SEMPLIFICAZIONI FISCALI N.16/2012 DL SEMPLIFICAZIONI FISCALI N.16/2012 DISPOSIZIONI URGENTI IN MATERIA DI SEMPLIFICAZIONI TRIBUTARIE, DI EFFICIENTAMENTO E POTENZIAMENTO DELL ACCERTAMENTO Il 24 febbraio 2012 il Consiglio dei Ministri ha

Dettagli

Ten.Col. Pasquale Arena Comando Provinciale G. di F. Roma I Gruppo - C.te I Nucleo Operativo

Ten.Col. Pasquale Arena Comando Provinciale G. di F. Roma I Gruppo - C.te I Nucleo Operativo Ten.Col. Pasquale Arena Comando Provinciale G. di F. Roma I Gruppo - C.te I Nucleo Operativo 2011 2012 fonte: AAMS Raccolta Vincite Spesa giocatori 2 Entrate «nette» Totale 79,9 61,3 18,5 8,8 scommesse

Dettagli

DISCIPLINA DEI VIDEOGIOCHI

DISCIPLINA DEI VIDEOGIOCHI DISCIPLINA DEI VIDEOGIOCHI L attività per la produzione,la distribuzione,l esercizio e l utilizzo degli apparecchi da intrattenimento e gioco e disciplinata dall art. 110 del TULPS che detta le nozioni

Dettagli

COMUNE DI CANOSA DI PUGLIA Provincia Barletta Andria - Trani

COMUNE DI CANOSA DI PUGLIA Provincia Barletta Andria - Trani COMUNE DI CANOSA DI PUGLIA Provincia Barletta Andria - Trani PROT. N. TERZO SETTORE SPORTELLO UNICO ATTIVITA PRODUTTIVE Via Giovanni Falcone n. 134 76012 Canosa di Puglia (BT) Tel.. 0883/610309-610312

Dettagli

Roma. Prot. n. 181014 /Area I Bis/O.S.P. del 07/08/2014

Roma. Prot. n. 181014 /Area I Bis/O.S.P. del 07/08/2014 Prot. n. 181014 /Area I Bis/O.S.P. del 07/08/2014 PREMESSO CHE con provvedimento n. 158302 del 24/09/2012 è stata adottata una informativa antimafia interdittiva ai sensi dell art. 10, comma 7, lett. c)

Dettagli

C O M U N E D I B R U I N O

C O M U N E D I B R U I N O C O M U N E D I B R U I N O PROVINCIA DI TORINO - C. A. P. 10090 POLIZIA MUNICIPALE Tel. 011.908.40.60 Fax 011.904.87.63 pmbruino@tin.it poliziamunicipale@comune.bruino.to.it OGGETTO: Segnalazione certificata

Dettagli

CITTÀ DI CARBONIA PROVINCIA DI CARBONIA-IGLESIAS

CITTÀ DI CARBONIA PROVINCIA DI CARBONIA-IGLESIAS CITTÀ DI CARBONIA PROVINCIA DI CARBONIA-IGLESIAS REGOLAMENTO COMUNALE PER LE SALE PUBBLICHE DA GIOCO E L INSTALLAZIONE DI APPARECCHI E CONGEGNI AUTOMATICI, SEMIAUTOMATICI ED ELETTRONICI DA INTRATTENIMENTO

Dettagli

COMUNE DI MELITO DI NAPOLI PROVINCIA DI NAPOLI REGOLAMENTO COMUNALE SUGLI APPARECCHI DI TRATTENIMENTO E SVAGO E SULLE SALE GIOCHI

COMUNE DI MELITO DI NAPOLI PROVINCIA DI NAPOLI REGOLAMENTO COMUNALE SUGLI APPARECCHI DI TRATTENIMENTO E SVAGO E SULLE SALE GIOCHI COMUNE DI MELITO DI NAPOLI PROVINCIA DI NAPOLI REGOLAMENTO COMUNALE SUGLI APPARECCHI DI TRATTENIMENTO E SVAGO E SULLE SALE GIOCHI INDICE Capo I - Norme generali Articolo 1 Oggetto della disciplina regolamentare

Dettagli

COMUNE DI ARGELATO PROVINCIA DI BOLOGNA

COMUNE DI ARGELATO PROVINCIA DI BOLOGNA COMUNE DI ARGELATO PROVINCIA DI BOLOGNA ORDINANZA DEL SINDACO ORDINANZA SINDACO / 11 Del 14/10/2015 OGGETTO: DISCIPLINA DEGLI ORARI PER L'ESERCIZIO DELLE ATTIVITA' DI GIOCO LECITO SUL TERRITORIO COMUNALE.

Dettagli

Il casinò diffuso 19 gennaio 2007

Il casinò diffuso 19 gennaio 2007 Il casinò diffuso 19 gennaio 2007 Di Marilisa Bombi Pericolo giallo! Se i bar e le vecchie trattorie che ormai non esistono più erano luoghi di aggregazione sociale dove il gioco, specie delle carte o

Dettagli

1. Dati generali dell intervento. 2. Specifiche relative all attività SUAP COMUNE DI CIVITAVECCHIA ALLEGATO B-16 SCIA

1. Dati generali dell intervento. 2. Specifiche relative all attività SUAP COMUNE DI CIVITAVECCHIA ALLEGATO B-16 SCIA SUAP COMUNE DI CIVITAVECCHIA Ultimo Aggiornamento: 22/09/2014 ALLEGATO B-16 SCIA Produzione/Importazione/Distribuzione/ Installazione giochi Sale giochi (Regio Decreto 18/06/1931, n. 773 - art. 86 e 110)

Dettagli

COMUNE DI FAENZA Provincia di Ravenna *****

COMUNE DI FAENZA Provincia di Ravenna ***** COMUNE DI FAENZA Provincia di Ravenna ***** SETTORE POLIZIA MUNICIPALE SERVIZIO COORDINAMENTO ORDINANZA SINDACALE n. 11 / 2014 OGGETTO: DISCIPLINA COMUNALE DEGLI ORARI DI APERTURA E DI ESERCIZIO DELLE

Dettagli

Il sottoscritto,nato a ( ) il / /, ivi residente in Via n, Codice Fiscale, P.Iva Cell, ( 0922-,

Il sottoscritto,nato a ( ) il / /, ivi residente in Via n, Codice Fiscale, P.Iva Cell, ( 0922-, marca da bollo da 14,62 Allo Sportello Unico per le Attività Produttive del Comune di REALMONTE (AG) P.E.C. comunedirealmonte.ag.suap@pec.it SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA (S.C.I.A.) PER APERTURA

Dettagli

Proposte per una legge di regolamentazione del gioco d azzardo

Proposte per una legge di regolamentazione del gioco d azzardo Proposte per una legge di regolamentazione del gioco d azzardo 1. Definizione di gioco d azzardo La presente legge ha per oggetto interventi normativi in materia di gioco d'azzardo e della patologia che

Dettagli

Bernardi (Cna Parma): Il Legislatore non dimentichi la vera natura delle new slot

Bernardi (Cna Parma): Il Legislatore non dimentichi la vera natura delle new slot Bernardi (Cna Parma): Il Legislatore non dimentichi la vera natura delle new slot Scritto da Alessio CrisantemiVenerdì 09 Marzo 2012 10:14 Diminuzione della percentuale di vincita sugli apparecchi, possibili

Dettagli

COMUNE DI PERUGIA SETTORE GOVERNO E SVILUPPO DEL TERRITORIO E DELL ECONOMIA U.O. POLITICHE ECONOMICHE REGOLAMENTO PER I GIOCHI LECITI

COMUNE DI PERUGIA SETTORE GOVERNO E SVILUPPO DEL TERRITORIO E DELL ECONOMIA U.O. POLITICHE ECONOMICHE REGOLAMENTO PER I GIOCHI LECITI COMUNE DI PERUGIA SETTORE GOVERNO E SVILUPPO DEL TERRITORIO E DELL ECONOMIA U.O. POLITICHE ECONOMICHE REGOLAMENTO PER I GIOCHI LECITI Approvato con atto del Consiglio Comunale n. 179 del 12.09.2005 SI

Dettagli

Lega Lombarda - Lega Nord per l Indipendenza della Padania. Sezione di Desio

Lega Lombarda - Lega Nord per l Indipendenza della Padania. Sezione di Desio Al Presidente del Consiglio Comunale dott. Carmine MESSAGGIERO Piazza Giovanni Paolo II 20832 DESIO (MB) e per conoscenza, al Sindaco di Desio ing. Roberto Corti e per conoscenza, ai Capigruppo Consiliari

Dettagli

Contrasto e prevenzione - illegalità e criminalità nel gioco d azzardo: una legge di iniziativa popolare con le Autonomie Locali

Contrasto e prevenzione - illegalità e criminalità nel gioco d azzardo: una legge di iniziativa popolare con le Autonomie Locali Contrasto e prevenzione - illegalità e criminalità nel gioco d azzardo: una legge di iniziativa popolare con le Autonomie Locali Di Paola Manca 1 Il mio intervento analizzerà gli effetti della diffusione

Dettagli

ORDINE DEL GIORNO IN MERITO ALLE ATTIVITÀ E POLITICHE DI SENSIBILIZZAZIONE RISPETTO AI RISCHI PATOLOGICI CONNESSI AL FENOMENO DEL GIOCO D AZZARDO

ORDINE DEL GIORNO IN MERITO ALLE ATTIVITÀ E POLITICHE DI SENSIBILIZZAZIONE RISPETTO AI RISCHI PATOLOGICI CONNESSI AL FENOMENO DEL GIOCO D AZZARDO ORDINE DEL GIORNO IN MERITO ALLE ATTIVITÀ E POLITICHE DI SENSIBILIZZAZIONE RISPETTO AI RISCHI PATOLOGICI CONNESSI AL FENOMENO DEL GIOCO D AZZARDO approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 17

Dettagli

Circolare N. 2/Giochi/ADI/2007

Circolare N. 2/Giochi/ADI/2007 Roma, 27 Marzo 2007 Ministero dell Economia e delle Finanze Amministrazione autonoma dei monopoli di Stato DIREZIONE GENERALE Direzione per i Giochi Ufficio 12 e, p.c. Apparecchi e congegni da divertimento

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE SUGLI APPARECCHI ED ATTIVITA DI TRATTENIMENTO E SVAGO E SULLE SALE GIOCHI

REGOLAMENTO COMUNALE SUGLI APPARECCHI ED ATTIVITA DI TRATTENIMENTO E SVAGO E SULLE SALE GIOCHI Allegato alla Deliberazione del C.C. n. 46 del 26/03/2009 Comune di Castel San Pietro Terme Piazza XX Settembre, 3 40024 Castel San Pietro Terme (BO) Area Servizi per il Territorio e la Collettività Servizio

Dettagli

Scheda CONTENZIOSO SLOT

Scheda CONTENZIOSO SLOT Scheda CONTENZIOSO SLOT Fino al 2003, secondo i dati forniti dalla Guardia di Finanza, erano presenti sull intero territorio nazionale circa 600-700 mila apparecchi da gioco illegali, operanti fuori da

Dettagli

10 Forum Nazionale della Polizia Locale. PESCANTINA (VR) 14 e 15 Novembre 2013. ********************* Elena Fiore Comandante P.M.

10 Forum Nazionale della Polizia Locale. PESCANTINA (VR) 14 e 15 Novembre 2013. ********************* Elena Fiore Comandante P.M. 10 Forum Nazionale della Polizia Locale PESCANTINA (VR) 14 e 15 Novembre 2013 ********************* Elena Fiore Comandante P.M. Forlì 1 Gli apparecchi da gioco con o senza vincite in denaro: la normativa

Dettagli

QUADRO INIZIALE (compilare in ogni caso)

QUADRO INIZIALE (compilare in ogni caso) spazio per la protocollazione Allo Sportello Unico delle Attività Produttive del COMUNE di NARNI Sala pubblica da gioco (Art. 86 e 110 TULPS, R.D. 773/1931, Decreti Min. Economia e Finanze del 23/10/03

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER L'APERTURA E LA GESTIONE DI SALE GIOCHI

REGOLAMENTO COMUNALE PER L'APERTURA E LA GESTIONE DI SALE GIOCHI Comune di Castelnovo ne Monti REGOLAMENTO COMUNALE PER L'APERTURA E LA GESTIONE DI SALE GIOCHI (approvato con delibera consiliare n. 70 del 11/07/2011) 1 INDICE GENERALE CAPO I DEFINIZIONI E DISPOSIZIONI

Dettagli

Videopoker: entro la fine di maggio vanno rimossi dai locali pena pesanti sanzioni

Videopoker: entro la fine di maggio vanno rimossi dai locali pena pesanti sanzioni 20 maggio 2004 Videopoker: entro la fine di maggio vanno rimossi dai locali pena pesanti sanzioni Entro il 31 maggio dovranno essere rimossi dai pubblici esercizi tutti gli apparecchi cosiddetti videopoker

Dettagli

e, p.c Circolare N. 3/Giochi/ADI/2006 Roma, 12 ottobre 2006 Ministero dell Economia e delle Finanze Amministrazione autonoma dei monopoli di Stato

e, p.c Circolare N. 3/Giochi/ADI/2006 Roma, 12 ottobre 2006 Ministero dell Economia e delle Finanze Amministrazione autonoma dei monopoli di Stato Roma, 12 ottobre 2006 Ministero dell Economia e delle Finanze Amministrazione autonoma dei monopoli di Stato DIREZIONE GENERALE Direzione per i Giochi Ufficio 12 Apparecchi e congegni da divertimento ed

Dettagli

proposta di legge n. 348

proposta di legge n. 348 REGIONE MARCHE 1 ASSEMBLEA LEGISLATIVA proposta di legge n. 348 a iniziativa del Consigliere Sciapichetti presentata in data 11 luglio 2013 DISCIPLINA DELLE SALE DA GIOCO, LOTTA ALLE SCOMMESSE E AL GIOCO

Dettagli

POLIZIA DI STATO Questura di Udine. Divisione di Polizia Amministrativa e Sociale e dell Immigrazione

POLIZIA DI STATO Questura di Udine. Divisione di Polizia Amministrativa e Sociale e dell Immigrazione POLIZIA DI STATO Questura di Udine Divisione di Polizia Amministrativa e Sociale e dell Immigrazione Norme principali di riferimento in materia di scommesse e gioco Testo Unico delle Leggi di Pubblica

Dettagli

Segnalazione certificata di inizio attività (S.C.I.A.) Istallazione di giochi leciti (art. 86 e 110 del T.U.L.P.S. r.d. n.

Segnalazione certificata di inizio attività (S.C.I.A.) Istallazione di giochi leciti (art. 86 e 110 del T.U.L.P.S. r.d. n. COMUNE DI CASORIA (PROVINCIA DI NAPOLI) IV Settore Suap - Sportello Unico Attività Produttive Casoria (NA) piazza Cirillo (Vecchia Sede Comunale), primo piano Indirizzo PEC (Posta Elettronica Certificata):

Dettagli

Quale titolare di autorizzazione, ai sensi degli art. 86 / 88 del TULPS, per l esercizio di:

Quale titolare di autorizzazione, ai sensi degli art. 86 / 88 del TULPS, per l esercizio di: S.U.A.P. - CITTA DI TORRE DEL GRECO SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INZIO ATTIVITA S.C.I.A. Subingresso / variazioni / Installazione giochi leciti in Pubblici Esercizi (art. 110 Testo Unico delle Leggi di

Dettagli

COMUNE DI PAOLA ( Provincia di Cosenza )

COMUNE DI PAOLA ( Provincia di Cosenza ) COMUNE DI PAOLA ( Provincia di Cosenza ) SETTORE N. 7 UFFICIO : Attività Economiche e Produttive ( Piazza IV Novembre,22 ) tel. 0982 582860 fax 0982582397 SALA GIOCHI legislazione di riferimento : Legge

Dettagli

Ministero dell economia e delle finanze

Ministero dell economia e delle finanze Prot. n. 2011/666/Giochi/GAD Ministero dell economia e delle finanze AMMINISTRAZIONE AUTONOMA DEI MONOPOLI DI STATO IL DIRETTORE GENERALE Disciplina dei giochi di abilità nonché dei giochi di sorte a quota

Dettagli

Ministero dell economia e delle finanze IL DIRETTORE GENERALE DELL AMMINISTRAZIONE AUTONOMA DEI MONOPOLI DI STATO

Ministero dell economia e delle finanze IL DIRETTORE GENERALE DELL AMMINISTRAZIONE AUTONOMA DEI MONOPOLI DI STATO Prot. n. 2011/11181/Giochi/ADI Ministero dell economia e delle finanze IL DIRETTORE GENERALE DELL AMMINISTRAZIONE AUTONOMA DEI MONOPOLI DI STATO Visto il Testo Unico di cui al Regio Decreto 18 giugno 1931,

Dettagli

a cura di Mario Serio (Isp. Capo di Polizia Municipale)

a cura di Mario Serio (Isp. Capo di Polizia Municipale) Art. 110 testo unico delle leggi di pubblica sicurezza, di cui al regio decreto 18 giugno 1931, n. 773 (Tulps) Aggiornato ed Integrato con la circolare a.a.m.s. Prot. 2013/491/DAR/UD del 13 Giugno 2013

Dettagli

Ministero dell economia e delle finanze

Ministero dell economia e delle finanze Protocollo n 2011/30011/giochi/UD Ministero dell economia e delle finanze IL DIRETTORE GENERALE DELL AMMINISTRAZIONE AUTONOMA DEI MONOPOLI DI STATO Visto il testo unico delle leggi di pubblica sicurezza

Dettagli

Ministero dell Economia e delle Finanze Amministrazione autonoma dei monopoli di Stato

Ministero dell Economia e delle Finanze Amministrazione autonoma dei monopoli di Stato Roma, 5 OTT. 2009 Ministero dell Economia e delle Finanze Amministrazione autonoma dei monopoli di Stato DIREZIONE GENERALE Direzione per i Giochi A tutti gli Uffici regionali di AAMS e loro Sezioni distaccate

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LE SALE GIOCHI L INSTALLAZIONE DI APPARECCHI DA GIOCO. (Deliberazione del Consiglio comunale n. 1 del 10.01.

REGOLAMENTO COMUNALE PER LE SALE GIOCHI L INSTALLAZIONE DI APPARECCHI DA GIOCO. (Deliberazione del Consiglio comunale n. 1 del 10.01. REGOLAMENTO COMUNALE PER LE SALE GIOCHI E L INSTALLAZIONE DI APPARECCHI DA GIOCO (Deliberazione del Consiglio comunale n. 1 del 10.01.2011) 1 INDICE TITOLO I - Norme generali Art. 1 - Oggetto ed ambito

Dettagli

MOZIONE ex Art. 109 Misure di prevenzione del gioco d azzardo patologico L ASSEMBLEA CAPITOLINA. Premesso che

MOZIONE ex Art. 109 Misure di prevenzione del gioco d azzardo patologico L ASSEMBLEA CAPITOLINA. Premesso che MOZIONE ex Art. 109 Misure di prevenzione del gioco d azzardo patologico L ASSEMBLEA CAPITOLINA Premesso che - dalla Legge n. 220 del 13 dicembre 2010, emerge la necessità che il Ministero dell Economia

Dettagli

PRESENTAZIONE DEL BILANCIO OPERATIVO ANNUALE 2014 DELLA GUARDIA DI FINANZA DI CROTONE.

PRESENTAZIONE DEL BILANCIO OPERATIVO ANNUALE 2014 DELLA GUARDIA DI FINANZA DI CROTONE. COMUNICATO STAMPA Crotone, 14 aprile 2015 PRESENTAZIONE DEL BILANCIO OPERATIVO ANNUALE 2014 DELLA GUARDIA DI FINANZA DI CROTONE. 1. Contrasto alle frodi fiscali e all economia sommersa. Il contrasto alle

Dettagli

BAR- RISTORANTI- CIRCOLI- ALBERGHI- AGENZIE DI SCOMMESSE- ESERCIZI DI RACCOLTA SCOMMESSE SALE DA GIOCHI

BAR- RISTORANTI- CIRCOLI- ALBERGHI- AGENZIE DI SCOMMESSE- ESERCIZI DI RACCOLTA SCOMMESSE SALE DA GIOCHI BAR- RISTORANTI- CIRCOLI- ALBERGHI- AGENZIE DI SCOMMESSE- ESERCIZI DI RACCOLTA SCOMMESSE SALE DA GIOCHI (da presentare in duplice copia: 1 originale per il Comune e 1 copia per il dichiarante, sulla quale

Dettagli

SOTTOSCRITT. Cognome Nome. Nato a Prov. Stato. Via/Piazza n. Comune CAP Prov. in qualità di: Tipo attività svolta: con sede nel Comune di CAP Prov.

SOTTOSCRITT. Cognome Nome. Nato a Prov. Stato. Via/Piazza n. Comune CAP Prov. in qualità di: Tipo attività svolta: con sede nel Comune di CAP Prov. SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA art. 86 T.U.L.P.S. per installazione di APPARECCHI E CONGEGNI PER IL GIOCO LECITO Art. 110, comma 6, lett. a) e comma 7 del T.U.L.P.S. SOTTOSCRITT AL COMUNE

Dettagli

NOTE INFORMATIVE SULLE PROBABILITA DI VINCITA DEI GIOCHI PUBBLICI CON VINCITE IN DENARO OFFERTI DALLA RETE LOTTOMATICA

NOTE INFORMATIVE SULLE PROBABILITA DI VINCITA DEI GIOCHI PUBBLICI CON VINCITE IN DENARO OFFERTI DALLA RETE LOTTOMATICA DEI GIOCHI PUBBLICI CON VINCITE IN DENARO OFFERTI DALLA RETE LOTTOMATICA PROBABILITA DI VINCITA La probabilità di vincita è qui definita, gioco per gioco, in funzione delle singole specificità. Per i giochi

Dettagli

PARTE LA RIVOLUZIONE SANITÀ LE NOVITÀ PER MEDICI, ASL E FAMIGLIE

PARTE LA RIVOLUZIONE SANITÀ LE NOVITÀ PER MEDICI, ASL E FAMIGLIE PARTE LA RIVOLUZIONE SANITÀ LE NOVITÀ PER MEDICI, ASL E FAMIGLIE 06 Scommesse e fumo 06 SCOMMESSE E FUMO Dipendenza da gioco, cure garantite per legge di Matteo Iori Con la legge sulla Sanità il Governo

Dettagli