Copyright 2007 by Roberto Salaris Millenium Air Virtual IVAO Italia LIRR-FIR. FIR di Roma

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Copyright 2007 by Roberto Salaris Millenium Air Virtual IVAO Italia LIRR-FIR. FIR di Roma"

Transcript

1 Copyright 07 by Roberto Salaris Millenium Air Virtual IVAO Italia LIRR-FIR FIR di Roma Alghero Fertilia (LIEA) Procedure operative: Unità APP Alghero avvicinamento: Compiti operativi. Alghero avvicinamento si occupa della gestione dei traffici all interno del CTR di Alghero, dove troviamo l omonimo aeroporto di Alghero Fertilia (LIEA) e la stazione meteo di Capo Caccia (LIEH). Gli ATC in servizio sull aeroporto internazionale di Alghero Fertilia operano in classe D tra il livello di volo 1 (FL1) e il livello di volo 0 compreso (FL0) ed in classe E tra MEA/MEL e FL1 escluso, quindi Alghero avvicinamento fornisce servizio di informazioni e di allarme a tutti gli aeromobili in ingresso o in uscita dal CTR e, per i voli VFR tra la MEA/MEL e FL1 escluso in transito nel nord/ovest dell isola, il solo servizio di allarme. Versione 0.5 1

2 Copyright 07 by Roberto Salaris Millenium Air Virtual IVAO Italia LIRR-FIR Spazi aerei ATS; nominativi e frequenze: Callsign IVAO Freq. LIEA_APP Nominativo radio Alghero Avvicinamento Spazio aereo E da MEL fino a FL119 D da FL1 fino a FL0 LIEA_TWR Alghero Torre D ATIS Alghero Terminal Information Limiti verticali Vedi carte GND 00 Piedi Servizi radar: Purtroppo da meta anni 80, quando un fortunale ne abbatté l antenna, Alghero è rimasto l unico aeroporto Sardo di una certa importanza in termini di traffico annuo numero di passeggeri, senza apparato radar, quindi in realtà il controllo di tale aeroporto è da eseguirsi esclusivamente in maniera procedurale; per questi motivi è necessaria una grande conoscenza dell aera da parte dell ATC e naturalmente una buona preparazione da parte del pilota. Controllo procedurale, in realtà è generalmente utilizzato in zone con poco traffico o in caso di blackout del sistema radar (pochissimo usato in IVAO poiché con IvAc abbiamo la fortuna di avere tutto in vista, ma altrettanto importante), l utilizzo delle carte e la loro perfetta conoscenza è di fondamentale importanza. Con il sistema procedurale, l indicazione dei riporti in volo da parte del pilota riveste la parte più delicata del controllo stesso, le corrette separazioni tra i traffici sono garantite dai riporti dei piloti stessi. E utile ricordarsi che secondo l ICAO e la FAA in aree dove il pilota può stabilire correttamente la sua posizione con l ausilio di radio aiuti, la separazione minima tra due aa/mm durante il controllo procedurale scende a 10 minuti, in caso contrario è di 15 minuti e, soprattutto, ricordarsi che utilizzando un sistema di controllo procedurale non è possibile che un aa/mm voli sulla stessa rotta ed allo stesso livello (o esegua la stessa procedura) di un altro aa/mm all interno dei 10 o 15 minuti di separazione minima, per questo è importantissimo che il pilota rispetti i livelli di volo e/o altitudini e le velocità riportate sulle carte, quindi la gestione del proprio volo rispettando le ETA (Estimated Time Approach), l importanza della conoscenza dei punti iniziali e finali d avvicinamento IAF (Initial Approach Fix) e FAF (Final Approach Fix) presenti sulle carte e corretto uso dei punti d attesa (Holding Point). In IVAO è l ATC addetto all avvicinamento che, in collaborazione con la torre, genera le uscite (SID o SD Standard Departure) e le entrate (STAR Standard Arrival Rules) strumentali del settore. Identificazione: Attraverso IVAO abbiamo la fortuna di poter utilizzare il servizio radar pertanto sarà necessario saper identificare e gestire la traccia che IvAc ci fornisce, qualora questa non sia stata in precedenza identificata dall ente ATC adiacente responsabile dalla quale si accetta il trasferimento del controllo, assumendone la piena responsabilità. L identificazione di un aeromobile potrà avvenire mediante i seguenti metodi: In funzione della corrispondenza tra il rilevamento della traccia radar e la posizione (o prua o rotta) riportata dal pilota. Versione 0.5 2

3 Copyright 07 by Roberto Salaris Millenium Air Virtual IVAO Italia LIRR-FIR In funzione della corrispondenza fra il rilevamento della traccia radar e la sequenza di uno o più cambi di prua, ciascuna non inferiore a 30, per la quale il pilota è stato istruito. In funzione della corrispondenza tra il rilevamento della traccia radar e la comunicazione del pilota che l aeromobile è appena decollato, purché l identificazione avvenga entro un miglio dalla fine della pista in uso. A seguito della corrispondenza fra il codice del transponder assegnato e l etichetta radar visualizzata. In seguito alla trasmissione del segnale IDENT da parte del transponder a bordo dell aeromobile. Dopo aver assegnato un nuovo codice identificativo all aeromobile ed aver registrato il cambio del codice del transponder stesso. Istruzioni di vettoramento e reinstradamento: Tutte le istruzioni di reinstradamento e / o vettoramento dovranno essere sempre date solo dopo che l aeromobile avrà superato la minima radar (o MEA / MEL) del settore ed in funzione dell tipo di spazio aereo che si sta controllando e, naturalmente, che l aeromobile stesso non entrerà nel/nei settore/i adiacente al di sotto delle minime a seguito del reinstradamento e/o vettoramento. Per questi motivi, il vettoramento e/o reinstradamento dovrà essere sempre accompagnato dalla relativa istruzione di salita quando l aeromobile si troverà di sotto alla minima radar di settore. (Per questo che nelle carte leggiamo spesso la dicitura sul transito su un determinato punto at or above FLxx ). Tutte le istruzioni circa il reinstradamento tipo procedere via <WayPoinTs> e/o procedere diretto a <WPT> dovranno esclusivamente limitarsi ai punti di rotta all interno del proprio settore operativo di competenza, se non diversamente coordinato con il controllore dell area adiacente e, in ogni caso, devono sempre terminare su un WPT dal quale il pilota possa: Riprendere la rotta del proprio piano di volo. Eseguire una rotta ATS d arrivo per l aeroporto di destinazione o per l alternato. Eseguire una procedura di avvicinamento strumentale o un avvicinamento a vista per l aeroporto di destinazione o verso l aeroporto alternato. A discrezione degli operatori ATC addetti al controllo del settore è altresì possibile fornire: Una rotta magnetica verso il primo punto WPT al quale l aeromobile è stato diretto (ricordarsi di non dare una prua magnetica di un WPT troppo lontano dall a/m poiché il dato fornito dall ATC non tiene effettivamente conto delle componenti laterali dovute ai venti che l a/m incontra durante il tragitto.) Un istruzione sulla rotta da seguire in seguito al reinstradamento, nel caso fosse diversa da quella presente sul piano di volo. Tutte le istruzioni di vettoramento dovranno altresì contenere: Indicazione della prua magnetica assegnata, motivo del vettore e/o posizione rispetto al circuito di traffico nel caso di vettoramento per un avvicinamento radar assistito. L indicazione della distanza dell aeromobile dall inizio e dalla fine dal punto al quale intercetterà il segnale da seguire per il finale di procedura in caso di vettoramento per un avvicinamento strumentale. Il vettore che l ATC dovrà fornire al pilota, potrà discostarsi al massimo di +/- 40 dalla rotta magnetica che l aeromobile seguirà nel finale della procedura, anche se consigliamo di utilizzare al massimo +/- 30 di scostamento per facilitare l intercettamento del segnale ILS. Versione 0.5 3

4 Copyright 07 by Roberto Salaris Millenium Air Virtual IVAO Italia LIRR-FIR Istruzioni di altitudine e/o livello Le istruzioni di altitudine e/o livello di volo dovranno essere emesse utilizzando le parole Climb to; Maintain; Descend to, accertandosi che la nostra istruzione non crei conflitti con altri traffici sul percorso dell aeromobile e, naturalmente, che l aeromobile stesso, durante il suo percorso, non scenda al di sotto delle minime radar di settore (o MEA / MEL). In alcuni casi particolari è possibile autorizzare un aeromobile che vola in IFR a volare in VMC e di scendere al di sotto delle minime radar di settore. In quest ultimo caso il pilota dell aeromobile ha la piena responsabilità sulla separazione verticale dal suolo e dagli ostacoli lungo il suo percorso, e le separazioni orizzontali attorno al proprio aeromobile. L ATC ha comunque sempre la responsabilità per le separazioni con gli altri aeromobili. Per effettuare un uso corretto delle separazioni, è possibile utilizzare lo schema sotto riportato, ricordandosi che Alghero ha una altitudine di transizione TA=5000ft STAR Le autorizzazioni ad un avvicinamento strumentale seguendo una STAR (Standard Arrival Rules) dovranno essere date al pilota almeno 10/15Nm o 1 minuto prima che l aeromobile transiti sopra il FIX dal quale la procedura inizia utilizzando un appropriato linguaggio e fornendo al pilota tutte le informazioni necessarie senza distrarre troppo il pilota e senza impegnare troppo la frequenza, ad esempio o CallSign autorizzato Arrivo standard via CORSI1A, scenda come pubblicato, TA5000 sul QNH??xx se si chiede al pilota di seguire, oltre al profilo laterale della STAR, anche il profilo verticale. (TA - su tutte le carte è riportata la transizione di ogni aeroporto ed anche nella realtà questo dato non è quasi più specificato). o CallSign autorizzato via PELOS1B scenda a livello di volo FL90, se si chiede al pilota di seguire esclusivamente il profilo laterale della STAR, fornendo di volta in volta le ulteriori istruzioni alla discesa. In questo caso è l ATC a fornire i livelli di volo e/o altitudini al pilota sotto la propria responsabilità, sempre in accordo con le minime della STAR (MEA / MEL). Pista Punto di inizio Nome della STAR Punto di fine PELOS PELOS1B ALG VORTAC LIEA STAR - ALG VOR Versione IAC ILSDME P Rwy ILSDME Q Rwy ILSDME Q Rwy + NDB/DME to Rwy

5 Copyright 07 by Roberto Salaris Millenium Air Virtual IVAO Italia LIRR-FIR PELOS PELOS1A (a discrezione ATC) DAVID ILSDME P Rwy ILSDME P Rwy + NDB / DME TO Rwy CORSI CORSI1A DAVID ILSDME P Rwy ILSDME P Rwy + NDB / DME TO Rwy MINKA MINKA1B ALG VORTAC MINKA MINKA1A (a discrezione ATC) SODIO SODIO1B ALG VORTAC NEPTI NEPTI1B ALG VORTAC DESOG DESOG1B ALG VORTAC MOROB MOROB1B ALG VORTAC MOROB MOROB1A (a discrezione ATC) ARPAG ARPAB1B ALG VORTAC ARPAG ARPAG1A (a discrezione ATC) ILSDME P Rwy ILSDME Q Rwy ILSDME Q Rwy + NDB/DME to Rwy DAVID ILSDME P Rwy ILSDME P Rwy + NDB / DME TO Rwy ILSDME P Rwy ILSDME Q Rwy ILSDME Q Rwy + NDB/DME to Rwy ILSDME P Rwy ILSDME Q Rwy ILSDME Q Rwy + NDB/DME to Rwy ILSDME P Rwy ILSDME Q Rwy ILSDME Q Rwy + NDB/DME to Rwy ILSDME P Rwy ILSDME Q Rwy ILSDME Q Rwy + NDB/DME to Rwy DAVID ILSDME P Rwy ILSDME P Rwy + NDB / DME TO Rwy ILSDME P Rwy ILSDME Q Rwy ILSDME Q Rwy + NDB/DME to Rwy DAVID ILSDME P Rwy ILSDME P Rwy + NDB / DME TO Rwy Ad Alghero risiede la scuola di volo SkyTeam (ex scuola di volo Alitalia) quindi in caso di attività addestrative nell area i livelli di MEA MEL vengono modificati. Verificare sulle carte i valori in funzione della STAR assegnata. Versione 0.5 5

6 Copyright 07 by Roberto Salaris Millenium Air Virtual IVAO Italia LIRR-FIR LIEA STAR - ALG NDB PELOS PELOS1C ALG NDB CORSI CORSI1C ALG NDB MINKA MINKA1C ALG NDB SODIO SODIO1C ALG NDB NEPTI NEPTI1C ALG NDB DESOG DESOG1C ALG NDB MOROB MOROB1C ALG NDB ARPAG ARPAG1C ALG NDB ILSDME S Rwy ILSDME T Rwy NDB + DME Rwy ILSDME S Rwy ILSDME T Rwy NDB + DME Rwy ILSDME S Rwy ILSDME T Rwy NDB + DME Rwy ILSDME S Rwy ILSDME T Rwy NDB + DME Rwy ILSDME S Rwy ILSDME T Rwy NDB + DME Rwy ILSDME S Rwy ILSDME T Rwy NDB + DME Rwy ILSDME S Rwy ILSDME T Rwy NDB + DME Rwy ILSDME S Rwy ILSDME T Rwy NDB + DME Rwy Ad Alghero risiede la scuola di volo (ex scuola Alitalia) quindi in caso di attività addestrative nell area i livelli di MEA MEL vengono modificati. Verificare sulle carte i valori in funzione della STAR assegnata. Versione 0.5 6

7 Copyright 07 by Roberto Salaris Millenium Air Virtual IVAO Italia LIRR-FIR Coordinamenti: Alghero APP Roma ACC West, (in sua assenza è possibile contattare uno degli altri settori) Partenze IFR LIEA Nella realtà, ricordandoci che Alghero non è radar, tutti i voli strumentali (IFR) in partenza da Alghero Fertilia (LIEA), saranno rilasciati da Alghero APP a Roma ACC autorizzati a continuare la salita per livello di volo FL 150 Max per i voli diretti a Sud e livello di volo FL1 Max per i voli diretti verso Nord; tutti i voli in partenza saranno istruiti a contattare Roma ACC attraversando il livello di volo FL110 se diretti a Sud o FL100 se diretti a Nord. In IVAO vista la dimensione dell intero settore di Roma e la fortuna di avere il radar a disposizione, in assenza di LIRR_W_CTR è possibile autorizzare a FL190Max per le direttrici Versione 0.5 7

8 Copyright 07 by Roberto Salaris Millenium Air Virtual IVAO Italia LIRR-FIR verso Sud e FL180 per le direttrici verso Nord, istruiti a contattare Roma attraversando FL150>S e FL160>N. LIEA SID Pista Nome della SID Descrizione Rwy Procedura di salita iniziale per tutte le SID DESOG6A POULP6A MINKA6A SODIO6A SODIO6C Solo a richiesta del pilota ed a discrezione ATC KOLUS6A KOLUS6C Solo a richiesta del pilota ed a discrezione ATC Eseguita la procedura iniziale, virare a destra (IAS MAX 210KT) e seguire la RDL 217 ALG VORTAC (TR037 ). A 4Nm da ALG DME virare a sinistra fino ad intercettare e seguire la RDL 280 ALG VORTAC per il punto di intersezione DESOG. Eseguita la procedura iniziale, virare a destra (IAS MAX 210KT) e seguire la RDL 217 ALG VORTAC (TR037 ). Lasciare ALG DME su RDL 0019 per il punto di intersezione IVORY quindi POULP. Eseguita la procedura iniziale, virare a destra (IAS MAX 210KT) e seguire la RDL 217 ALG VORTAC (TR037 ). Lasciare ALG DME su RDL 067 per il punto di intersezione IVORY quindi POULP. Eseguita la procedura iniziale, virare a destra (IAS MAX 210KT) e seguire la RDL 217 ALG VORTAC (TR037 ). A 4Nm da ALG DME virare a destra fino ad intercettare e seguire la RDL 147 ALG VORTAC per il punto di intersezione SODIO. Eseguita la procedura iniziale, virare a sinistra (IAS MAX 210KT) su rotta 106 fino ad intercettare la RDL 147 ALG VORTAC per il punto SODIO Eseguita la procedura iniziale, virare a destra (IAS MAX 210KT) e seguire la RDL 217 ALG VORTAC (TR037 ). A 4Nm da ALG DME virare a destra fino ad intercettare e seguire la RDL 147 ALG VORTAC. A 15Nm da ALG VORTAC virare a sinistra fino ad intercettare e seguire la RDL 237 SME VOR (TR057 ), quindi intercettare e seguire la RDL 083 ALG VORTAC per il punto di intersezione KOLUS. Eseguita la procedura iniziale, virare a sinistra (IAS MAX 210KT) su rotta 106 fino ad intercettare la RDL 237 SME VOR (TR057 ), quindi intercettare e seguire la RDL 083 ALG VORTAC per il punto di intersezione KOLUS. Procedura di salita iniziale per la Rwy : Dopo il decollo procedere con rotta 191 salendo a 2700ft (da raggiungere non oltre 9Nm da ALG DME) quindi inserirsi nella SID assegnata. Gradiente minimo di salita 300ft al minuto fino a lasciare 2700ft. Versione 0.5 8

9 Copyright 07 by Roberto Salaris Millenium Air Virtual IVAO Italia LIRR-FIR Rwy Procedura di salita iniziale per tutte le SID DESOG6B MINKA6B MINKA6C Solo a richiesta del pilota ed a discrezione ATC SODIO6B Eseguita la procedura iniziale, virare a sinistra (IAS MAX 0KT durante la virata) e seguire la RDL 005 ALG VORTAC (TR 185 ). A 4Nm da ALG DME virare a destra sino ad intercettare e seguire la RDL 280 ALG VORTAC per il punto di intersezione DESOG Eseguita la procedura iniziale, virare a sinistra (IAS MAX 0KT durante la virata) e seguire la RDL 005 ALG VORTAC (TR 185 ). A 4Nm da ALG DME virare a sinistra fino ad intercettare e seguire la RDL067 ALG VORTAC per il punto MINKA Eseguita la procedura iniziale, virare a destra (IAS MAX 0KT durante la virata) su rotta 117 fino ad intercettare la RDL067 ALG VORTAC per il punto MINKA. Eseguita la procedura iniziale, virare a sinistra (IAS MAX 0KT durante la virata) e seguire la RDL005 ALG VORTAC (TR 185 ) per ALG VORTAC. Lasciare ALG VORTAC su RDL147 per il punto SODIO. Procedura di salita iniziale per la Rwy : Dopo il decollo procedere con rotta 4 salendo a 2500ft (da raggiungere entro e non oltre 10Nm da ALG DME), quindi inserirsi sulla SID assegnata. Gradiente minimo di salita 360ft/min fino a lasciare 2500ft per la POULP 6B. Per tutte le altre SID il gradiente minimo di salita è 300ft/min fino a lasciare 2500ft. Grazie ad IVAO è impossibile che il VORTAC di Alghero o l NDB di Alghero siano in operativi, ma per opportuna conoscenza delle procedure di salita iniziale e delle SID chiamate xxxxx5d e xxxxx5e vi rimandiamo ad una attenta consultazione e lettura delle carte appropriate per tale evenienza. Arrivi IFR LIEA Gli arrivi strumentali IFR per Alghero Fertilia saranno rilasciati da Roma ACC ad Alghero APP istruiti come segue: Se provenienti da Nord, almeno 10Nm / 1 min prima dei punti DESOG, ARPAG, PELOS, CORSI, MINKA, MOROB ed autorizzati alla discesa per livello di volo FL110. Se provenienti da Sud, almeno 10Nm / 1 min prima dei punti SODIO, NEPTI, in discesa per Livello di volo FL 100. In caso di arrivi su direttrici non standard, il rilascio dell aeromobile da Roma ACC a Alghero APP sarà soggetto a specifico coordinamento. In caso di arrivi sulle direttrici standard MINKA o MOROB provenienti da Olbia (LIEO), il rilascio dell aeromobile da Olbia APP a Alghero APP sarà soggetto a specifico coordinamento sui punti MINKA o MOROB. Versione 0.5 9

10 Copyright 07 by Roberto Salaris Millenium Air Virtual IVAO Italia LIRR-FIR Sorvoli Gli aeromobili che interessano l area di competenza di Alghero APP, verranno rilasciati da Roma ACC ad Alghero APP o viceversa, attraversando i confini del CRT di alghero; i voli VFR al di fuori dell ATZ di Alghero operano in classe G. Spazio aereo di classe G Spazio aereo di classe D Spazio aereo di classe D Spazio G Voli IFR: Alghero APP e Alghero TWR Se l aeromobile in avvicinamento sarà condotto in maniera strumentale, il trasferimento del controllo tra APP e TWR avverrà quando il pilota riporterà che è stabile sul localizzatore o sul tratto terminale della radiale inbound alla pista in uso. Se l avvicinamento è condotto a vista, il trasferimento di controllo avverrà solo dopo l autorizzazione dell ATC all avvicinamento a vista ( CallSign cleared to visual approach Rwy xx report Rwy in sight) e solo quando ci sarà la ragionevole certezza che l avvicinamento stesso sarà portato a termine (Pilot - Alghero Approach CallSign have rwy in sight ATC - CallSign contact TWT on bye) Normalmente il pilota che richiede un vettoramento per un avvicinamento a vista, sarà vettorato dall ATC per inserirsi nel braccio finale ad una distanza di circa 5 / 8Nm e, in funzione della topografia del terreno, ad una quota compresa tra 2.000ft e 3.000ft. Dato che per tutte le procedure di avvicinamento le quote riportate sulle carte sugli IAF (Initial Approach Fix) è pari a Versione

11 Copyright 07 by Roberto Salaris Millenium Air Virtual IVAO Italia LIRR-FIR 4.000ft, per poter autorizzare un avvicinamento a vista, il ceiling non dovrà avere una base inferiore ai piedi. Gli aeromobili in partenza saranno rilasciati da Alghero Torre ad Alghero Avvicinamento subito dopo il decollo, autorizzati alla quota iniziale (vedi autorizzazioni IFR), una volta in contatto con Alghero APP, se ne avrà la possibilità, potrà fornire all aeromobile l autorizzazione di proseguire diretto per il primo punto utile di ingresso in aerovia. Restrizioni locali ai voli: - E proibito il contropista sulla Rwy / agli aa/mm con peso al decollo superiore a 5700Kg, effettuabile solo sulle testate pista. - L aeroporto è operativo solo per tutti gli aeromobili di apertura alare fino a 52m esclusi e lunghezza fino a 61m esclusi (codice 4D ICAO) - Le operazioni di volo VFR notturno sono vietate agli aeroplani civili - Durante HN +/- 30min, i voli VFR, circling, ed avvicinamenti a vista per la Rwy sono vietati e per i voli IFR è consentita esclusivamente la procedura NDB+DME Rwy - Minime meteorologiche per atterraggi sulla Rwy : a) Ceiling 1500ft o più b) Visibilità al suolo non inferiore ai 5Km c) Visibilità in volo di giorno non inferiore ai 5Km e di notte non inferiore a 8Km Voli VFR: I voli VFR in ingresso e di uscita nell ATZ di Alghero sono Porto Torres a Nord, la città di Sassari a Est e la citta di Alghero a Sud. Tutti gli aeromobili in ingresso dovranno presentarsi su uno di questi punti alla quota di piedi, mentre tutti gli aeromobili in uscita, dovranno raggiungere i suddetti punti a piedi. In caso di avvicinamenti strumentali gli aeromobili in VFR potranno essere istruiti a mantenere il lungo costa e la quota di attraversamento dell ATZ per gli aa/mm provenienti da Ovest con la rotta Capo dell Argentiera Sassari, Capo dell Argentiera Versione

12 Copyright 07 by Roberto Salaris Millenium Air Virtual IVAO Italia LIRR-FIR Alghero o Capo caccia Alghero, dovrà essere preventivamente coordinata con Alghero Avvicinamento. Autorizzazioni IFR: L autorizzazione ATC per i piani di volo IFR verrà rilasciata generalmente da Alghero Torre, nel caso in cui Alghero TWR non dovrebbe essere on-line, la clearance IFR verrà rilasciata dall ente ATC gerarchicamente superiore aperta, quindi Alghero APP o direttamente Roma ACC. L autorizzazione IFR dovrà necessariamente contenere: Autorizzazione alla destinazione finale (o eventuale fix limit) Uscita strumentale ( SID ) o eventuali istruzioni di navigazione 1 Quota iniziale 4000 piedi 2 Codice transponder 3 Istruzioni ed operazioni di rullaggio: Preferibilmente si dovrebbe fornire prima la clearance, poi l autorizzazione alla messa in moto ed al pushback, in quanto l aeromobile autorizzato al pushback non può impegnare l apron per più di 10 minuti (in quando perderebbe lo slot). Vedere le carte relative all utilizzo delle taxiway a seconda della categoria dell aeromobile e all apertura alare. Le istruzioni di rullaggio per il decollo o per il gate o parcheggio dovranno contenere: a. Il percorso (tenendo conto della categoria dell aeromobile se Light, Medium o Heavy) dal gate o dal parcheggio remoto in cui si trova l aa/mm sino alla posizione d attesa della pista in uso, ad esempio: CallSign autorizzati al taxi per il punto d attesa A pista via H e F oppure CallSign liberi C se abile e autorizzati taxi al gate via F poi G Stand 4 per Voi. b. In caso di poco traffico è possibile autorizzare l aeromobile anche all allineamento ed attesa in pista. In quest ultimo caso il pilota dovrà mettere il proprio transponder in C e riportare pronto alla partenza e l ATC dovrà porre moltissima attenzione alle parole utilizzate, per esempio non dovrà mai pronunciare la parola decollo, ma sempre partenza ad esempio: CallSign autorizzato al taxi ed allineamento pista via H poi F, riporti allineato e pronti alla partenza, transponder in C quando allineato. Autorizzazione al decollo: L autorizzazione al decollo di un aeromobile, sempre rispettando le separazioni minime per categorie di aeromobili per turbolenza e scia, dovrà essere inequivocabile e, ad esempio, sarà emanata: 1 Nel caso in cui il pilota non possiede le carte adeguate per l uscita standard, dovrà essere istruito dopo il decollo, a virare a sinistra per prua 191 ed a 9Nm da ALG VORTAC a virare a destra per intercettare la RDL217 di ALG VORTAC, nel caso di partenza dalla Rwy e per destinazione Ovest, Nord ed Est. Nel caso di destinazione Sud, a 9Nm da ALG VORTAC virare nuovamente a sinistra per prua 106 sino ad ulteriori istruzioni ATC. La velocità massima consentita (IAS) è di 210KT salvo diversa istruzione ATC Nel Caso di decollo dalla pista, mantenere l asse della pista (hdg 4 ) sino ad ulteriori istruzioni ATC. La velocità massima consentita (IAS) è di 0KT salvo diversa istruzione ATC 2 Nel caso in cui non ci siano traffici in arrivo o in transito all interno dell area di competenza di Alghero TWR, o prossimi ad entrarvi, previa autorizzazione del controllore di Alghero APP, la quota iniziale può essere elevata a livello di volo FL150 o livello di volo FL 1 in accordo se l aeromobile è diretto verso Nord o verso Sud. 3 Non essendo ente radar, i codici transponder vengono assegnati da Roma, generalmente da Versione

13 Copyright 07 by Roberto Salaris Millenium Air Virtual IVAO Italia LIRR-FIR a. A 2 minuti dal traffico precedente se chi segue interesserà la medesima radiale o una radiale avente meno di 30 di differenza dalla radiale utilizzata dal traffico precedentemente decollato; b. Appena il decollo precedente avrà iniziato la virata per intercettare o per seguire l uscita standard assegnata, e chi segue interesserà una radiale ad almeno 30 o più di differenza dalla radiale interessata dalla partenza precedente. c. Il controllore dovrà fornire al pilota l autorizzazione al decollo utilizzando una corretta fraseologia aeronautica e senza dilungarsi troppo con indicazioni non rilevanti per il pilota, questo per non disturbare il pilota in questa delicata fase. Sono consentiti i decollo con RVR o visibilità non inferiore ai 550 metri. Con visibilità uguale o inferiore a 800m è consentito il movimento di un solo aa/mm per volta. Autorizzazione all atterraggio: L autorizzazione all atterraggio dovrà contenere, oltre cha al minimo standard, eventuali altre importanti informazioni utili al pilota quali ad esempio informazioni di windshear, segnalazioni di stormi di uccelli, presenza di altri animali all interno del sedime aeroportuale o di falsi segnali ILS riportati dagli altri piloti. Circuiti di traffico: I circuiti di traffico devono essere sempre fatti a Est del campo, a causa dei monti siti a Ovest, per questi motivi, nel caso in cui sia operativa la pista, i circuiti di traffico saranno destrorsi, mentre quando in uso la pista, si utilizzeranno i circuiti di traffico standard, come evidenziato nelle seguenti figure. Evidenziato in tinta blu, il circuito di traffico standard per la pista ed in caso di traffico il relativo circuito d attesa sovpravento in azzurro. In rosso il circuito destro per la Rwy ed in arancio il relativo circuito d attesa sopravento. Versione

14 Copyright 07 by Roberto Salaris Millenium Air Virtual IVAO Italia LIRR-FIR Informazioni generali: Sigla IATA / ICAO: AHO / LIEA Latitudine: N Longitudine: E Elevazione: 87ft (a 28,5 C) Sedime: 246Ha Categoria ILS: 1 Categoria ICAO: 4 D Orario di servizio: 24h Sistemi radioelettrici: NDB, VORTAC, VDF; Pista ILS CAT 1-900m, LLZ, GP, OM, MM Sistemi luminosi: Rwy PAPI, THR verde RWY PAPI, THR verde, ILS CAT 1 Dimensioni pista: x 45m, Asfalto (testate in calcestruzzo) Resistenza PCN80/F/A/W/T Rwy TORA (M) TODA (M) ASDA (M) LDA (M) Versione

15 Copyright 07 by Roberto Salaris Millenium Air Virtual IVAO Italia LIRR-FIR Radioassistenze alla navigazione ed all atterraggio Tipo ID ILS Rwy GP OM MM VDF QFU ILS Freq. Lctr Freq. Coperture operative nominali 4 AHO MHz LLZ CAT 1 332MHz 75MHz 75MHz ALG/ Nm MRA 4000ft Limitazioni: 250 /280 MRA 5000ft 280 /250 MRA 4000ft TACAN AHO CH30X Limitazioni: 0 /170 MRA10000ft 170 /210 MRA 3000ft 210 /280 MRA 200ft 280 /0 MRA 100ft VORTAC ALG MHz CH85X Settore SE 0Nm/5000ft Altri settori 150NM/5000ft Limitazioni a 40Nm: 050 /160 MRA 5500ft MRA 3500ft NDB ALG 0382KHz 50Nm LO AH 0337KHz 25Nm Rwy 3.000m x 45m Note LLZ Settore DX utilizzabile entro 7 Angolo 3 RDH: 17.00M Carte: o Carte LIEA: o Carte Sardegna VFR Routes: Tutte le informazioni, i dati, le frequenze e le immagini riportate contenute in queste pagine NON sono utilizzabili ai fini del volo reale, ma SOLO per il volo e per il controllo simulato dell area di Alghero. Versione

16 Copyright 07 by Roberto Salaris Millenium Air Virtual IVAO Italia LIRR-FIR Senza l autorizzazione scritta dell autore, questo documento o parti di esso, non potranno essere pubblicati on-line su siti che non sia il sito ufficiale di Millenium Air e il sito di IVAO Italia. Previa autorizzazione è possibile inserire un collegamento al sito Millenium Air per la visione di questo documento. Versione

Training su LIRP. - Conoscenza almeno delle basi del volo IFR, intercettazioni radiali VOR, Holding

Training su LIRP. - Conoscenza almeno delle basi del volo IFR, intercettazioni radiali VOR, Holding Training su LIRP Col presente documento si vuol cercare di aiutare i piloti virtuali alle prime armi che si cimentano a volare Online su IVAO ad effettuare correttamente procedure IFR pubblicate, holding,

Dettagli

EASY FSX ITALIA CARTE NAUTICHE NOZIONI GENERALI

EASY FSX ITALIA CARTE NAUTICHE NOZIONI GENERALI EASY FSX ITALIA CARTE NAUTICHE NOZIONI GENERALI 1. LE CARTE AEROPORTUALI. le carte aeroportuali individuano le aeree e gli spazi entro i quali i velivoli di varie categorie possono manovrare, decollare

Dettagli

Venerdì 20 Settembre 2013 ore 21:00 LT (19:00z)

Venerdì 20 Settembre 2013 ore 21:00 LT (19:00z) Exam 245211 Data: Aeromobile: Callsign: Venerdì 20 Settembre 2013 ore 21:00 LT (19:00z) Cessna 172 SP EXM5211 Aeroporto di partenza: Firenze Peretola (LIRQ) Elevazione: Magvar: 142ft 2 Est Spazio aereo

Dettagli

INTRODUZIONE INTRODUZIONE

INTRODUZIONE INTRODUZIONE Navigazione La Pianificazione del Volo La preparazione del piano di volo. Utilizzo delle procedure standard per la partenza e l avvicinamento. INTRODUZIONE Con il presente inserto, intendiamo introdurre

Dettagli

Il controllo del traffico Aereo

Il controllo del traffico Aereo Il controllo del traffico Aereo Dispensa a cura di Giulio Di Pinto (MED107) Rev. 03 - Mar/11 1 Il controllo del traffico aereo (ATC - Air Traffic Control) è quell'insieme di regole ed organismi che contribuiscono

Dettagli

LIBP Pescara Virtual vloa ACC Brindisi Pescara APP

LIBP Pescara Virtual vloa ACC Brindisi Pescara APP LETTERA DI ACCORDO virtuale Tra ACC Brindisi e Pescara APP Lo scopo della seguente lettera di accordo è quello di stabilire le procedure operative che devono essere applicate tra Brindisi e Pescara nella

Dettagli

SERVIZIO DI CONTROLLO DI AVVICINAMENTO

SERVIZIO DI CONTROLLO DI AVVICINAMENTO Capitolo 18 SERVIZIO DI CONTROLLO DI AVVICINAMENTO Elab. D. Colella INDICE Prefazione e Generalità 1. Generalitá 1.1 Responsabilità per la fornitura del Servizio di controllo di avvicinamento 2. DIVISIONE

Dettagli

Antonio Golfari GLI SPAZI AEREI

Antonio Golfari GLI SPAZI AEREI Antonio Golfari GLI SPAZI AEREI Febbraio, 2006 PARTE 1: GLI SPAZI AEREI In questa sezione cercheremo di spiegare come è strutturato il cielo per chi lo percorre a bordo di un aeromobile. Non può e non

Dettagli

EASY FSX ITALIA START UP & PUSH BACK VOLO IFR - IVAO BOEING 737 800 NG (DEFAULT)

EASY FSX ITALIA START UP & PUSH BACK VOLO IFR - IVAO BOEING 737 800 NG (DEFAULT) EASY FSX ITALIA START UP & PUSH BACK VOLO IFR - IVAO BOEING 737 800 NG (DEFAULT) A. PRE-START (VERIFICA DEI COMANDI). 1. Freni di Parcheggio: Attivati; 2. Manette: Impostate al minimo (IDLE); 3. Interruttore

Dettagli

FONIA DI BASE PER UN VOLO IFR

FONIA DI BASE PER UN VOLO IFR FONIA DI BASE PER UN VOLO IFR BOLOGNA GROUND BUONGIORNO, ALITALIA 1234 CON VOI PER PROVA RADIO BOLOGNA GROUND GOOD MORNING, ALITALIA 1234 WITH YOU FOR RADIO CHECK ALITALIA 1234, BOLOGNA GROUND BUONGIORNO

Dettagli

Tutorial sul Piano di Volo IFR IT-EU

Tutorial sul Piano di Volo IFR IT-EU Tutorial sul Piano di Volo IFR IT-EU In questo tutorial ci limiteremo ad una descrizione generale ed alla pianificazione di un volo in IFR internazionale (Genova Valencia) indicando le varie fasi e procedure

Dettagli

Descrizione dei sistemi. Utilizzo nelle procedure di avvicinamento strumentali di precisione. FlightSimulation.it 1998-2004 All rights

Descrizione dei sistemi. Utilizzo nelle procedure di avvicinamento strumentali di precisione. FlightSimulation.it 1998-2004 All rights Navigazione Descrizione dei sistemi ILS Instrumental Landing System Utilizzo nelle procedure di avvicinamento strumentali di precisione. DESCRIZIONE GENERALE L ILS o Instrumental Landing System, è uno

Dettagli

AEROPORTO FIRENZE PERETOLA NOTA TECNICA IPOTESI POSIZIONAMENTO NUOVA PISTA PISTA 09/27 PISTA 12/30

AEROPORTO FIRENZE PERETOLA NOTA TECNICA IPOTESI POSIZIONAMENTO NUOVA PISTA PISTA 09/27 PISTA 12/30 AEROPORTO FIRENZE PERETOLA NOTA TECNICA IPOTESI POSIZIONAMENTO NUOVA PISTA PISTA 09/27 PISTA 12/30 AEROPORTO DI FIRENZE PERETOLA NOTA TECNICA Pista 09/27 Pag. 2 Sommario LAYOUT AEROPORTUALE e SUPERFICI

Dettagli

Volare nel cielo sopra la Terra e l Acqua. C o n g r a n d e s i c u r e z z a

Volare nel cielo sopra la Terra e l Acqua. C o n g r a n d e s i c u r e z z a Volare nel cielo sopra la Terra e l Acqua. C o n g r a n d e s i c u r e z z a TRAFFICO AEREO S.A.T. Security air traffic E il traffico operativo militare svolto per la sicurezza nazionale ; comprende

Dettagli

ESERCITAZIONE CON SIMULATORE DI VOLO Attraverso un volo simulato con decollo dall aeroporto di Rimini (LIPR) ed atterraggio all aeroporto di Bologna

ESERCITAZIONE CON SIMULATORE DI VOLO Attraverso un volo simulato con decollo dall aeroporto di Rimini (LIPR) ed atterraggio all aeroporto di Bologna ESERCITAZIONE CON SIMULATORE DI VOLO Attraverso un volo simulato con decollo dall aeroporto di Rimini (LIPR) ed atterraggio all aeroporto di Bologna (LIPE) su un aereo da addestramento Cessna C172SP Skyhawk,

Dettagli

Comunicazioni aeronautiche

Comunicazioni aeronautiche Comunicazioni aeronautiche Uso della radio Propagazione in linea ottica Uso dello squelch per ascoltare transmissione debole. Parlare nel microfono Premere il pulsante PTT (Push To Talk) poi aspettare

Dettagli

REGOLAMENTO REGOLE DELL ARIA ITALIA

REGOLAMENTO REGOLE DELL ARIA ITALIA REGOLAMENTO REGOLE DELL ARIA ITALIA Edizione 2 del 25 marzo 2015 Regole dell Aria Italia Ed. 2 pag. 2 di 22 STATO DI AGGIORNAMENTO Emendamento Data Delibera N Edizione 1 18/11/2014 Delibera 51/2014 Emendamento

Dettagli

Holding Pattern, Virate di Procedura, Archi di DME

Holding Pattern, Virate di Procedura, Archi di DME Holding Pattern, Virate di Procedura, Archi di DME In questo documento verranno affrontate tre manovre molto ricorrenti nell ambito del volo IFR, le holding, le virate di procedura e gli archi di DME,

Dettagli

REGOLAMENTO OPERATIVO AVIOSUPERFICIE E. MATTEI PISTICCI (MT)

REGOLAMENTO OPERATIVO AVIOSUPERFICIE E. MATTEI PISTICCI (MT) REGOLAMENTO OPERATIVO AVIOSUPERFICIE E. MATTEI PISTICCI (MT) 1 PREFAZIONE Il presente Regolamento Operativo costituisce una piccola raccolta di disposizioni,norme e criteri operativi che devono essere

Dettagli

Flight Utilities http://www.flightutilities.com. Le Holding Anche in cielo abbiamo i semafori by Umberto Degli Esposti

Flight Utilities http://www.flightutilities.com. Le Holding Anche in cielo abbiamo i semafori by Umberto Degli Esposti Flight Utilities http://www.flightutilities.com Le Holding Anche in cielo abbiamo i semafori by Umberto Degli Esposti 1 Similmente alla necessità di installare semafori nelle aree di maggior traffico automobilistico,

Dettagli

IL CONTROLLO DI AVVICINAMENTO

IL CONTROLLO DI AVVICINAMENTO ITALIAN AIR TRAFFIC CONTROLLERS ASSOCIATION MEMBER OF IFATCA INTERNATIONAL FEDERATION OF AIR TRAFFIC CONTROLLERS ASSOCIATIONS IL CONTROLLO DI AVVICINAMENTO Introduzione Rifacciamoci a quanto detto a proposito

Dettagli

La lettura delle SID

La lettura delle SID La lettura delle SID In questo tutorial proviamo a introdurre alla lettura delle SID semplificando la trattazione a quanto necessario per un utilizzo pratico nel mondo della simulazione di volo. Come prima

Dettagli

Letter Of Agreement. IVAO Italia - LoA Interna 2012. Treviso APP - Padova ACC. Marco Milesi - LIPP-ACH. Massimo Soffientini. Simone Amerini - IT-AOAC

Letter Of Agreement. IVAO Italia - LoA Interna 2012. Treviso APP - Padova ACC. Marco Milesi - LIPP-ACH. Massimo Soffientini. Simone Amerini - IT-AOAC Letter Of Agreement Treviso APP - Padova ACC Aprile 2012 Marco Milesi - LIPP-CH Massimo Soffientini - LIPP-ACH Simone Amerini - IT-AOAC INDICE: 1. Generalità 1.1 - Scopo 2. Area di responsabilità e delega

Dettagli

Leggere le Carte. In questa sezione cercheremo di spiegare come si leggono le carte aeronautiche.

Leggere le Carte. In questa sezione cercheremo di spiegare come si leggono le carte aeronautiche. In questa sezione cercheremo di spiegare come si leggono le carte aeronautiche. Non può e non vuole essere esaustiva sull'argomento, in quanto esula dalle intenzioni di questo tutorial. Si presume però

Dettagli

Il Volo VFR Di Ruggero Osto Versione documento 1.2

Il Volo VFR Di Ruggero Osto Versione documento 1.2 Il Volo VFR Di Ruggero Osto Versione documento 1.2 Il volo VFR (Visual Flight Rules) differisce per molti aspetti da quello IFR. In questo documento, che non ha alcuna pretesa di rigore, si cercherà di

Dettagli

INCONVENIENTE GRAVE aa/mm C172/PA-28, marche D-ECBF/D-EZEN

INCONVENIENTE GRAVE aa/mm C172/PA-28, marche D-ECBF/D-EZEN INCONVENIENTE GRAVE aa/mm C172/PA-28, marche D-ECBF/D-EZEN Tipi di aeromobile e marche Data e ora Località dell evento Descrizione dell evento Esercente dell aeromobile Natura del volo Persone a bordo

Dettagli

Studio proposta modifica zona 1 CTR ATZ PALERMO ( LICJ)

Studio proposta modifica zona 1 CTR ATZ PALERMO ( LICJ) ITALIAN AIR TRAFFIC CONTROLLERS ASSOCIATION MEMBER OF IFATCA INTERNATIONAL FEDERATION OF AIR TRAFFIC CONTROLLERS ASSOCIATIONS SEZIONE DI PALERMO Studio proposta modifica zona 1 CTR ATZ PALERMO ( LICJ)

Dettagli

TURIN FLYING INSTITUTE. Il piano di volo. Navigazione Aerea. Carlo Molino

TURIN FLYING INSTITUTE. Il piano di volo. Navigazione Aerea. Carlo Molino TURIN FLYING INSTITUTE Il piano di volo Navigazione Aerea Carlo Molino 1.1 Il piano di volo: Il piano di volo è un modulo compilato dai piloti e spedito all autorità dell aviazione nazionale (in Italia

Dettagli

TRAFFICO AEREO MODULO 3 STRIP MARKING

TRAFFICO AEREO MODULO 3 STRIP MARKING TRAFFICO AEREO MODULO 3 STRIP MARKING 1 1 Strip Marking... 3 1.1 Introduzione... 3 1.2 Compilazione strisce progresso volo... 3 1.3 Metodo Di Compilazione Strip Marking... 3 1.4 Modelli Di Strisce Progresso

Dettagli

PROCEDURE PER ARRIVI E PARTENZE DEI VISITATORI/PILOTI PARTECIPANTI AL SALONE DEL VOLO DI PADOVA

PROCEDURE PER ARRIVI E PARTENZE DEI VISITATORI/PILOTI PARTECIPANTI AL SALONE DEL VOLO DI PADOVA PROCEDURE PER ARRIVI E PARTENZE DEI VISITATORI/PILOTI PARTECIPANTI AL SALONE DEL VOLO DI PADOVA L organizzazione tiene in altissima considerazione la Sicurezza del Volo e per questo, con il supporto e

Dettagli

25 TROFEO CITTA DI LUGO

25 TROFEO CITTA DI LUGO 25 TROFEO CITTA DI LUGO Aeroporto Lugo di Romagna (LIDG) 08-09-10-11 Luglio 2010 Gara di acrobazia aerea Per i giudici di gara Per i partecipanti 1 NORME PER LE OPERAZIONI DI VOLO 2 PARTE PRIMA NORME PER

Dettagli

Cagliari Approach (118.75 MHz) CIT 124

Cagliari Approach (118.75 MHz) CIT 124 Cagliari Approach (118.75 MHz) CIT 124 04:37:57 CIT Approach good morning, Charlie India Tango one two four, we are descending to flight level niner zero (Avvicinamento buongiorno, CIT 124, stiamo scendendo

Dettagli

23 GVv VELTRI VIAF come veltri ch uscisser di catena

23 GVv VELTRI VIAF come veltri ch uscisser di catena 23 GVv VELTRI VIAF come veltri ch uscisser di catena PICCOLO PROMEMORIA SULLE COMUNICAZIONI CON TORRE/AWACS UMANI (Umano) Pilota 10.5.1 Premessa E' abbastanza facile trovare in alcuni Gruppi di Volo all'interno

Dettagli

Manuale per la guida sicura in Airside

Manuale per la guida sicura in Airside Runway Safety Manuale per la guida sicura in Airside Runway Safety 1/12 Introduzione Il traffico aumenta. Gli aeroporti si espandono. Chi guida in Airside, é tenuto a conoscere come utilizzare il veicolo

Dettagli

SERVIZIO SPAZIO AEREO CERVIA

SERVIZIO SPAZIO AEREO CERVIA SERVIZIO SPAZIO AEREO C CAPO Sezione Add.to & Stand.ne UFF.LE SV/ATM CAP AAras CSA-TA Angelo STICCO 15 STORMO C/SAR 415 Gr.STO Servizio CSA STRUTTURA C ARO TWR GCA 1 PUNTI di CONTATTO CAPO SERVIZIO C.S.A.

Dettagli

Navigazione con le radioassistenze VOR

Navigazione con le radioassistenze VOR PARABLINDA AIRLINES 2010 Navigazione con le radioassistenze VOR di Alberto Serra Alessio Angius PARABLINDA AIRLINES STAFF Pagina 1 di 27 INDICE DEGLI ARGOMENTI Introduzione pag. 5 1. Definizioni pag. 6

Dettagli

AIP Italia AD 2 LIMJ 6-3. Procedura di salita iniziale RWY 28 Initial climb procedure RWY 28 REMARKS IXITO. REMARKS

AIP Italia AD 2 LIMJ 6-3. Procedura di salita iniziale RWY 28 Initial climb procedure RWY 28 REMARKS IXITO. REMARKS AIP Italia AD 2 LIMJ 6-3 PROCEDURE DI SALITA INIZIALE INITIAL CLIMB PROCEDURES Procedura di salita iniziale RWY 28 Initial climb procedure RWY 28 Dopo il decollo continuare prua pista fino ad 1.5 NM SES

Dettagli

EASY FSX ITALIA DISCESA VOLO IFR - IVAO BOEING 737 800 NG (DEFAULT)

EASY FSX ITALIA DISCESA VOLO IFR - IVAO BOEING 737 800 NG (DEFAULT) EASY FSX ITALIA DISCESA VOLO IFR - IVAO BOEING 737 800 NG (DEFAULT) A. CONTATTO RADIO SU UNICOM A circa 130NM/100NM di distanza dall aeroporto di destinazione dovremmo iniziare la nostra discesa (dipende

Dettagli

PIANIFICAZIONE IFR. IBN EDITORE www.ibneditore.it IBN EDITORE. prof. Francesco Iaccarino 1. iaccarinofr@gmail.com

PIANIFICAZIONE IFR. IBN EDITORE www.ibneditore.it IBN EDITORE. prof. Francesco Iaccarino 1. iaccarinofr@gmail.com Ottimizzato per Microsoft PowerPoint 2010 versione del 01 12/10/2013 PIANIFICAZIONE IFR IBN EDITORE www.ibneditore.it prof. Francesco Iaccarino iaccarinofr@gmail.com www.itismarconipadova.it Per eventuali

Dettagli

IMPARIAMO A LEGGERE LE CARTE AERONAUTICHE

IMPARIAMO A LEGGERE LE CARTE AERONAUTICHE IMPARIAMO A LEGGERE LE CARTE AERONAUTICHE BREVE GUIDA PER PILOTI DI PARAPENDIO E DELTAPLANO redatta con il supporto dell amico, socio e pilota Daniele Baranzini Pagina 1 La presente dispensa si pone come

Dettagli

AEROPORTO DI FIRENZE. Via del Termine, 11 NUOVA PISTA DI VOLO RWY 12-30-SOLUZIONE F STUDIO DELLE NUOVE PROCEDURE DI VOLO STRUMENATLI

AEROPORTO DI FIRENZE. Via del Termine, 11 NUOVA PISTA DI VOLO RWY 12-30-SOLUZIONE F STUDIO DELLE NUOVE PROCEDURE DI VOLO STRUMENATLI AEROPORTO DI FIRENZE Via del Termine, 11 NUOVA PISTA DI VOLO RWY 12-30-SOLUZIONE F STUDIO DELLE NUOVE PROCEDURE DI VOLO STRUMENATLI LUGLIO 2011 COMMITTENTE AEROPORTO DI FIRENZE: ing.: Umberto PREZIOSA

Dettagli

Emergenze e Contingency

Emergenze e Contingency Capitolo 23 Emergenze e Contingency Elab. F. Mancinelli CAPITOLO 23 PROCEDURE DI EMERGENZA 1.1 GENERALITÀ Il termine emergenza evoca l idea di un evento disastroso, e può far pensare alla probabilità che

Dettagli

ANS Training Equipaggiamenti e sistemi

ANS Training Equipaggiamenti e sistemi CAPITOLO 10 SERVIZIO DI RADIONAVIGAZIONE AERONAUTICO 10.1 GENERALITÀ 10.1.1 Definizione: Servizio di radionavigazione assicurato per le necessità degli aa/mm e per la sicurezza delle loro operazioni. 10.1.2

Dettagli

1. DESCRIZIONE GENERALE DELL AEROPORTO

1. DESCRIZIONE GENERALE DELL AEROPORTO 1. DESCRIZIONE GENERALE DELL AEROPORTO CARATTERISTICHE FISICHE DELL AEROPORTO L infrastruttura aeroportuale copre un sedime di 245 ettari ed è suddivisa nelle sue sottostrutture land side e air side così

Dettagli

Aero Club Parma gara ae.c.pr 2015 pag 1

Aero Club Parma gara ae.c.pr 2015 pag 1 Aero Club Parma gara ae.c.pr 2015 pag 1 GARA AEREA TERRE VERDIANE 2015 REGOLAMENTO PARTICOLARE b1 1. L'Aeroclub 'Gaspare Bolla' di PARMA con sede in Via Adriano Mantelli 19A, 43126 Parma organizza sull

Dettagli

NOTA INFORMATIVA. REGOLE DELL ARIA EUROPEE REG. (UE) n. 923/2012 APPLICAZIONE DIFFERITA AL 4 DICEMBRE 2014. Piloti Responsabili, Titolari di COA

NOTA INFORMATIVA. REGOLE DELL ARIA EUROPEE REG. (UE) n. 923/2012 APPLICAZIONE DIFFERITA AL 4 DICEMBRE 2014. Piloti Responsabili, Titolari di COA NI-2012-016 del 4 dicembre 2012 NOTA INFORMATIVA REGOLE DELL ARIA EUROPEE REG. (UE) n. 923/2012 APPLICAZIONE DIFFERITA AL 4 DICEMBRE 2014 Le note informative contengono informazioni attinenti l area della

Dettagli

FPL - Novità introdotte AIRAC 11/2014

FPL - Novità introdotte AIRAC 11/2014 FPL - Novità introdotte AIRAC 11/2014 enav.it Web conference 02/12/2014 Documenti fonte REGOLAMENTO DI ESECUZIONE (UE) N. 923/2012 DELLA COMMISSIONE del 26 settembre 2012 + determinazioni ENAC ad esito

Dettagli

CAPITOLO 7 - DISPOSITIVI DI SEGNALAZIONE, SEGNALETICA ORIZZONTALE E VERTICALE

CAPITOLO 7 - DISPOSITIVI DI SEGNALAZIONE, SEGNALETICA ORIZZONTALE E VERTICALE CAPITOLO 7 - DISPOSITIVI DI SEGNALAZIONE, SEGNALETICA ORIZZONTALE E VERTICALE 1 INTRODUZIONE 1.1 I dispositivi di segnalazione e le segnaletiche orizzontali e verticali forniscono ai piloti guida e informazioni.

Dettagli

AIR EXTREME 2010. Venezia Lido ORDINE DI MANIFESTAZIONE. Tempi: tutti i tempi sono in ora locale

AIR EXTREME 2010. Venezia Lido ORDINE DI MANIFESTAZIONE. Tempi: tutti i tempi sono in ora locale MANIFESTAZIONE AEREA AIR EXTREME 2010 Quando l energia prende il volo Venezia Lido 24, 25 e 26 settembre 2010 ORDINE DI MANIFESTAZIONE Tempi: tutti i tempi sono in ora locale Redatto dal Col Pil (ris)

Dettagli

Assistenza al volo. Corso di Trasporti Aerei Anno Accademico 2008-2009 Prof. L. La Franca

Assistenza al volo. Corso di Trasporti Aerei Anno Accademico 2008-2009 Prof. L. La Franca Corso di Trasporti Aerei Anno Accademico 2008-2009 Prof. L. La Franca Assistenza al volo Sommario Servizi di assistenza al volo Suddivisione e tipologie degli spazi aerei La suddivisione operativa degli

Dettagli

Materia: Circolazione Aerea. Programmazione dei moduli didattici

Materia: Circolazione Aerea. Programmazione dei moduli didattici Modulo SISTEMA DI GESTIONE PER LA QUALITÀ Programmazione Moduli Didattici Indirizzo Trasporti e Logistica Ist. Tec. Aeronautico Statale Arturo Ferrarin Via Galermo, 172 95123 Catania (CT) Codice M PMD

Dettagli

Sicurezza del Volo. Analisi di un incidente

Sicurezza del Volo. Analisi di un incidente Sicurezza del Volo Aeroclub dello Stretto Scuola di volo Magis fatigo ut doleas DO NOT MISS DO NOT FORGET DO NOT MISS DO NOT FORGET DO NOT MISS Briefing del 11 maggio 2013 ore 18.00LMT Speaker: C.Ti: Ezio

Dettagli

corso di Tecnica ed Economia dei Trasporti a.a. 2004-2005 GLI AEROPORTI Umberto Crisalli crisalli@ing.uniroma2.it

corso di Tecnica ed Economia dei Trasporti a.a. 2004-2005 GLI AEROPORTI Umberto Crisalli crisalli@ing.uniroma2.it corso di Tecnica ed Economia dei Trasporti a.a. 2004-2005 GLI AEROPORTI Umberto Crisalli crisalli@ing.uniroma2.it Introduzione L aeroporto costituisce un elemento di fondamentale importanza in quanto nodo

Dettagli

RADIOTELEFONIA AERONAUTICA PER PILOTI VDS PROGRAMMA DIDATTICO PER IL RILASCIO DEL CERTIFICATO DI RADIOTELEFONIA EDIZIONE 1-2014

RADIOTELEFONIA AERONAUTICA PER PILOTI VDS PROGRAMMA DIDATTICO PER IL RILASCIO DEL CERTIFICATO DI RADIOTELEFONIA EDIZIONE 1-2014 RADIOTELEFONIA AERONAUTICA PER PILOTI VDS PROGRAMMA DIDATTICO PER IL RILASCIO DEL CERTIFICATO DI RADIOTELEFONIA EDIZIONE 1-2014 Approvato il 25.06.2014 RADIOTELEFONIA AERONAUTICA PER PILOTI VDS PROGRAMMA

Dettagli

TUTORIAL PRIMO VOLO GUIDA SUL VOLO DI ATTIVAZIONE OEACTIVE DI COMPAGNIA

TUTORIAL PRIMO VOLO GUIDA SUL VOLO DI ATTIVAZIONE OEACTIVE DI COMPAGNIA TUTORIAL PRIMO VOLO GUIDA SUL VOLO DI ATTIVAZIONE OEACTIVE DI COMPAGNIA In questo tutorial seguiremo tutte le fasi di preparazione e realizzazione del volo di attivazione per la compagnia (volo con codice

Dettagli

GLOSSARIO Operazioni al suolo ed in circuito Volo in rotta

GLOSSARIO Operazioni al suolo ed in circuito Volo in rotta GLOSSARIO Operazioni al suolo ed in circuito Adattare... To arrange Allinearsi... To line up Arrivare lungo sulla pista (con riattaccata)... To overshoot Attendere... To hold Attesa... Holding Atterraggio

Dettagli

SICUREZZA VOLO. TOP GUN FLY SCHOOL 18 Set. 2014. Ing. Stefano Cavaliere

SICUREZZA VOLO. TOP GUN FLY SCHOOL 18 Set. 2014. Ing. Stefano Cavaliere SICUREZZA VOLO TOP GUN FLY SCHOOL 18 Set. 2014 Ing. Stefano Cavaliere 50 STORMO PIACENZA SERVIZIO CONTROLLO SPAZIO AEREO Magg. CSA-TA Leonardo PIERALISI ARGOMENTI FONTI NORMATIVE; SPAZI AEREI D E G ; PIACENZA

Dettagli

REGOLAMENTO SCALO AEROPORTO. di Carpi. a cura dell Aeroclub Carpi

REGOLAMENTO SCALO AEROPORTO. di Carpi. a cura dell Aeroclub Carpi REGOLAMENTO DI SCALO AEROPORTO di Carpi a cura dell Aeroclub Carpi Edizione: Revisione: Inizio Validità: 1 0 01-01-2013 Edizione 1 Inizio Validità 01/01/2013 Revisione 0 1 2 INDICE Capitolo 1 PREMESSA

Dettagli

Salzburg Maxglan (SZG/LOWS)

Salzburg Maxglan (SZG/LOWS) (Aggiornata 2014) Salzburg Maxglan (SZG/LOWS) STORIA L aeroporto internazionale di Salisburgo si trova a circa 3 kilometri dal centro della città e nacque nel lontano 1910 quando un primo aeromobile decollò

Dettagli

ENAV SpA è la Società a cui lo Stato italiano demanda la gestione e il Controllo del Traffico Aereo civile in Italia. Interamente controllata dal

ENAV SpA è la Società a cui lo Stato italiano demanda la gestione e il Controllo del Traffico Aereo civile in Italia. Interamente controllata dal 1 5 0 PROFILO 2011 CHI SIAMO ENAV SpA è la Società a cui lo Stato italiano demanda la gestione e il Controllo del Traffico Aereo civile in Italia. Interamente controllata dal Ministero dell Economia e

Dettagli

VATITA - Italy VACC - Breve introduzione alla fonia aeronautica per il volo online

VATITA - Italy VACC - Breve introduzione alla fonia aeronautica per il volo online VATITA - Italy VACC - Breve introduzione alla fonia aeronautica per il volo online Volo esempio IFR: Genova Sestri (LIMJ) - Roma Fiumicino (LIRF) Enti ATC (freq. VHF): LIMJ_V_TWR (118.900), LIMJ_V_APP

Dettagli

ENTE INFORMAZIONI VOLO AEROPORTUALE (AFIU)

ENTE INFORMAZIONI VOLO AEROPORTUALE (AFIU) Capitolo 9 ENTE INFORMAZIONI VOLO AEROPORTUALE (AFIU) Elab. C.Scatigno 1. OPERATORE AFIU L AFIU fornisce il servizio informazioni volo ed il servizio di allarme al traffico di aeroporto. In base alle

Dettagli

SCUOLA DI VOLO Treviso F.T.O. I-045. Associazione Sportiva Dilettantistica

SCUOLA DI VOLO Treviso F.T.O. I-045. Associazione Sportiva Dilettantistica SCUOLA DI VOLO Treviso F.T.O. I-045 Associazione Sportiva Dilettantistica QUESTIONARIO Per il conseguimento della Licenza di Volo PPL(A) Pag. 1 Pag. 2 I N D I C E 1 - Regolamentazione Aeronautica 2 - Nozioni

Dettagli

Sistema Rilevamento del Wind - Shear. per l Aeroporto Punta Raisi di Palermo. Dr. Fabio Milioni

Sistema Rilevamento del Wind - Shear. per l Aeroporto Punta Raisi di Palermo. Dr. Fabio Milioni Sistema Rilevamento del Wind - Shear per l Aeroporto Punta Raisi di Palermo 1 Sommario Obiettivi e punti chiave del Programma; Stato Attuale dei Sistemi Installati a Palermo; Sistema in realizzazione Palermo

Dettagli

Questionario di esame per L'ATTESTATO DI VOLO DA DIP. O SPORT.

Questionario di esame per L'ATTESTATO DI VOLO DA DIP. O SPORT. Questionario di esame per L'ATTESTATO DI VOLO DA DIP. O SPORT. Parte 5 - OPERAZIONI ED ATTERRAGGI DI EMERGENZA 1 Se una situazione d emergenza richiede un atterraggio con vento in coda, il pilota deve

Dettagli

VFR voliamo on-line!

VFR voliamo on-line! VFR voliamo on-line! di Gaetano Paolone Curiosamente in giro per la rete c è molta più documentazione sul volo on-line IFR che su quello VFR. Eppure il VFR è una simulazione che permette di vedere molto

Dettagli

ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE J.C. MAXWELL Data: / / Pag. di

ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE J.C. MAXWELL Data: / / Pag. di INDIRIZZO SCOLASTICO DISCIPLINA DOCENTI CLASSI PROGRAMMAZIONE ANNUALE A.S. 2014 / 2015 MECCANICA e MECCATRONICA ELETTRONICA X LOGISTICA e TRASPORTI LICEO SCIENTIFICO SCIENZE DELLA NAVIGAZIONE AEREA Buonincontri

Dettagli

DITRA Dipartimento di Ingegneria dei Trasporti Dispense del corso di Trasporti Aerei del Prof. L. La Franca - a.a. 2006/2007 ASSISTENZA AL VOLO

DITRA Dipartimento di Ingegneria dei Trasporti Dispense del corso di Trasporti Aerei del Prof. L. La Franca - a.a. 2006/2007 ASSISTENZA AL VOLO Sommario Servizi di assistenza al volo traffico aereo GAT e OAT...2 Suddivisione e tipologie degli spazi aerei...6 La suddivisione operativa degli spazi aerei...10 La separazione fra gli aeromobili...12

Dettagli

Introduzione...2 1. Caratteristiche principali delle piste di volo...3 Dimensioni e tipo di operatività...3 Distanze dichiarate...5 2.

Introduzione...2 1. Caratteristiche principali delle piste di volo...3 Dimensioni e tipo di operatività...3 Distanze dichiarate...5 2. Introduzione...2 1. Caratteristiche principali delle piste di volo....3 Dimensioni e tipo di operatività...3 Distanze dichiarate...5 2. Quote e coordinate del punto di aerodromo, delle testate e delle

Dettagli

corso di Terminali per i Trasporti e la Logistica parte 2/2 Umberto Crisalli crisalli@ing.uniroma2.it

corso di Terminali per i Trasporti e la Logistica parte 2/2 Umberto Crisalli crisalli@ing.uniroma2.it corso di Terminali per i Trasporti e la Logistica GLI AEROPORTI parte 2/2 Umberto Crisalli crisalli@ing.uniroma2.it Airside: classificazione degli aeroporti Gli aeroporti sono classificati in diversi modi.

Dettagli

Questionario di esame per L'ATTESTATO DI VOLO DA DIP. O SPORT. ELICOTTERO Ref. 41-827-492

Questionario di esame per L'ATTESTATO DI VOLO DA DIP. O SPORT. ELICOTTERO Ref. 41-827-492 Questionario di esame per L'ATTESTATO DI VOLO DA DIP. O SPORT. ELICOTTERO Ref. 41-827-492 Parte 1 - AERODINAMICA Parte 2 - METEOROLOGIA Parte 3 - TECNOLOGIA E PRESTAZIONI DEGLI APPARECCHI VDS Parte 4 -

Dettagli

Via Attilio Benigni, 53-00156 Roma - Tel. +39 06 8207 8219-06 8207 8200, Fax +39 06 8273 672 - www.ansv.it

Via Attilio Benigni, 53-00156 Roma - Tel. +39 06 8207 8219-06 8207 8200, Fax +39 06 8273 672 - www.ansv.it Incidente occorso in data 2 febbraio 2013, sull aeroporto di Roma Fiumicino, all aeromobile ATR 72 marche di identificazione YR-ATS: raccomandazioni di sicurezza relative alle operazioni di ricerca e soccorso.

Dettagli

GUIDA ALLA PIANIFICAZIONE DI ROTTA IFR INTRODUZIONE

GUIDA ALLA PIANIFICAZIONE DI ROTTA IFR INTRODUZIONE GUIDA ALLA PIANIFICAZIONE DI ROTTA IFR INTRODUZIONE In questo documento cercheremo di fornire una piccola guida per una corretta pianificazione di un volo secondo le regole IFR (Instrumental Flight Rules),

Dettagli

Primi passi per volare on-line sul Network di IVAO

Primi passi per volare on-line sul Network di IVAO Primi passi per volare on-line sul Network di IVAO 1 ) L iscrizione ad IVAO: andate alla pagina http://www.ivao.it/misc/iscrizione/iscrizione1.htm N.B. Ad avvenuta iscrizione IVAO provvederà ad inviarti

Dettagli

---------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------- --

---------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------- -- Con questo numero del proprio organo di stampa l ANACNA intende far conoscere agli associati ed a tutti i lettori i fatti e le circostanze che, a partire dalla notte del 13 settembre 1979, data dell incidente

Dettagli

PROCEDURE RADIOTELEFONICHE

PROCEDURE RADIOTELEFONICHE Capitolo 24 PROCEDURE RADIOTELEFONICHE Elab. F. Tinarelli CAPITOLO 24 PROCEDURE RADIOTELEFONICHE 1 PROCEDURE RADIOTELEFONICHE 1.1 TECNICA DELLE COMUNICAZIONI 1.1.1 Le trasmissioni devono essere effettuate

Dettagli

Innsbruck Kranebitten (INN/LOWI)

Innsbruck Kranebitten (INN/LOWI) (Aggiornata 2014) Innsbruck Kranebitten (INN/LOWI) STORIA L idea di costruire un aeroporto nell area di Innsbruck nasce dal governo provinciale tirolese nel 1920, che avvia la stesura dei progetti e l

Dettagli

I PROGETTI METROPOLITANI L AEROPORTO L. Mantecchini CdA SAB. Convegno stato attuazione PTCP Bologna, 15 Maggio 2013

I PROGETTI METROPOLITANI L AEROPORTO L. Mantecchini CdA SAB. Convegno stato attuazione PTCP Bologna, 15 Maggio 2013 I PROGETTI METROPOLITANI L AEROPORTO L. Mantecchini CdA SAB Convegno stato attuazione PTCP Bologna, 15 Maggio 2013 MASTERPLAN AEROPORTUALE ANALISI INIZIALE 1) DEFINIZIONE DI MASTERPLAN 2) STUDIO DEL TRAFFICO

Dettagli

Commissione Tecnica. QUESITO TECNICO Sezione di Cuneo Levaldigi. Piani di volo per attività HEMS

Commissione Tecnica. QUESITO TECNICO Sezione di Cuneo Levaldigi. Piani di volo per attività HEMS Associazione Nazionale Assistenti e Controllori della Navigazione Aerea Commissione Tecnica QUESITO TECNICO Sezione di Cuneo Levaldigi Piani di volo per attività HEMS Commissione Tecnica ANACNA Pag. 1

Dettagli

STAR Milano Linate RWY18

STAR Milano Linate RWY18 AIP Italia AD 2 LIML 4-13 STAR Milano Linate RWY18 GEN 1D GEN VOR/DME ML602 VOG VOR/DME SRN VOR/DME. MEL/MEA: GEN VOR/DME ML602: FL 100; ML602 VOG VOR/DME: FL 90; VOG VOR/DME SRN VOR/DME: 6000FT IF GEN

Dettagli

SPOTTING A FIUMICINO. Copyrights 2009 Roma Spotters Club - Associazione Culturale - CF 97578440584

SPOTTING A FIUMICINO. Copyrights 2009 Roma Spotters Club - Associazione Culturale - CF 97578440584 SPOTTING A FIUMICINO L'aeroporto di Roma Fiumicino - Leonardo Da Vinci (FCO - LIRF) è ubicato ad ovest della città di Roma, presso la città portuale di Fiumicino. L'aeroporto può contare su 3 piste (due

Dettagli

Flight Utilities http://www.flightutilities.com. Flight Plan. versione 3.7 by Umberto Degli Esposti

Flight Utilities http://www.flightutilities.com. Flight Plan. versione 3.7 by Umberto Degli Esposti Flight Utilities http://www.flightutilities.com Flight Plan versione 3.7 by Umberto Degli Esposti 1 Descrizione Il programma permette di inserire un piano di volo, richiamarlo da disco, stamparlo, salvarlo

Dettagli

RAPPORTO D INCHIESTA

RAPPORTO D INCHIESTA RAPPORTO D INCHIESTA INCONVENIENTE GRAVE occorso agli aeromobili A320 operante il volo MSR704 e A320 operante il volo AZA112, in prossimità del VOR di Saronno, 22 giugno 2009 OBIETTIVO DELL INCHIESTA DI

Dettagli

Il Piano di Volo VFR secondo ICAO 2012

Il Piano di Volo VFR secondo ICAO 2012 Il Piano di Volo VFR secondo ICAO 2012 Uffici ENAV ARO ITALIA (e meteo) nov. 2012 MILANO Linate +39 02 70143209 FAX: +39 02 70143220 Ufficio METEO: +39 02 701432223/221 MILANO Malpensa +39 02 58579453

Dettagli

AGENZIA NAZIONALE PER LA SICUREZZA DEL VOLO (istituita con decreto legislativo 25 febbraio 1999, n. 66)

AGENZIA NAZIONALE PER LA SICUREZZA DEL VOLO (istituita con decreto legislativo 25 febbraio 1999, n. 66) AGENZIA NAZIONALE PER LA SICUREZZA DEL VOLO (istituita con decreto legislativo 25 febbraio 1999, n. 66) Via A. Benigni, 53-00156 Roma - Italia tel. +39 0682078219-0682078200 - fax +39 068273672 RAPPORTO

Dettagli

SERVIZIO DI ALLARME 1

SERVIZIO DI ALLARME 1 SERVIZIO DI ALLARME 1 SERVIZIO DI ALLARME... 1 1 Servizio di allarme... 3 1.1 Generalità... 3 1.2 Notifica delle fasi d emergenza... 4 1.3 Procedure per gli aeromobili... 6 1.4 Tracciamento di un aeromobile

Dettagli

Un po di Storia: l Idroscalo di Orbetello A Brunetta

Un po di Storia: l Idroscalo di Orbetello A Brunetta Un po di Storia: l Idroscalo di Orbetello A Brunetta L idroscalo di Orbetello era una base aerea per gli idrovolanti dalla Regia Marina che operavano del medio Tirreno. Negli anni trenta la sua fama aumentò

Dettagli

REGOLAMENTO dell'aviosuperficie di CASTELNUOVO DON BOSCO

REGOLAMENTO dell'aviosuperficie di CASTELNUOVO DON BOSCO REGOLAMENTO dell'aviosuperficie di CASTELNUOVO DON BOSCO E LENCO DI DISTRIBUZIONE pubblicato su internet all'indirizzo www.aviocastelnuovo.com Ultimo aggiornamento: 07/07/2014 INDICE Premessa... Pag. 3

Dettagli

SCHEDA INFORMATIVA AIRBUS A380-800

SCHEDA INFORMATIVA AIRBUS A380-800 ITALIAN AIR TRAFFIC CONTROLLERS ASSOCIATION MEMBER OF IFATCA INTERNATIONAL FEDERATION OF AIR TRAFFIC CONTROLLERS ASSOCIATIONS Scopo del presente documento è offrire ulteriori informazioni al fine di rendere

Dettagli

IL PIANO REGOLATORE GENERALE

IL PIANO REGOLATORE GENERALE DOSSIER TORINO Lo sviluppo dell aeroporto di Torino Caselle è regolato da un Piano Regolatore Generale (Master Plan), definito dalla Società di gestione nel 1986, che individua le aree su cui devono essere

Dettagli

Primi passi per controllare on-line sul Network di IVAO

Primi passi per controllare on-line sul Network di IVAO Primi passi per controllare on-line sul Network di IVAO 1 ) L iscrizione ad IVAO: andate alla pagina http://www.ivao.it/misc/iscrizione/iscrizione1.htm N.B. Ad avvenuta iscrizione IVAO provvederà ad inviarti

Dettagli

(Aggiornata 2014) Frankfurt Main (FRA/EDDF)

(Aggiornata 2014) Frankfurt Main (FRA/EDDF) (Aggiornata 2014) Frankfurt Main (FRA/EDDF) 1 STORIA L aeroporto di Francoforte vide la sua apertura nel Luglio del 1936 su esplicita necessità vista la continua crescita del traffico passeggeri dovuto

Dettagli

Come preparare un (buon) piano di volo IFR per il volo online

Come preparare un (buon) piano di volo IFR per il volo online Come preparare un (buon) piano di volo IFR per il volo online Lo scopo di questi appunti è fornire una rapida guida per la preparazione di un piano di volo IFR per il volo online. Il tutorial è complementare

Dettagli

REGOLAMENTO. Stato di aggiornamento Edizione/Emendamento Data N pagine 1 01 maggio 2014 18

REGOLAMENTO. Stato di aggiornamento Edizione/Emendamento Data N pagine 1 01 maggio 2014 18 AVIOSUPERFICIE DEL SOLE-SABATO CERULLO VIA MAR IONIO SNC-PONTECAGNANO FAIANO(SALERNO) Tel.333 8990715 Tel/fax 089 2025271 Codice Fiscale CRLGNN55L03D527Z Partita IVA 05102660650 REGOLAMENTO Il presente

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA COSTRUZIONE

REGOLAMENTO PER LA COSTRUZIONE REGOLAMENTO PER LA COSTRUZIONE E L ESERCIZIO DEGLI AEROPORTI Edizione 2 del 21 ottobre 2003 INDICE ELENCO PAGINE VALIDE INTRODUZIONE GLOSSARIO DEI TERMINI 1 Numero totale pagine Glossario: 5 CAPITOLO 1

Dettagli

NORME E RACCOMANDAZIONI INTERNAZIONALI AEROPORTI ANNESSO 14 ALLA CONVENZIONE SULL AVIAZIONE CIVILE INTERNAZIONALE VOLUME II ELIPORTI

NORME E RACCOMANDAZIONI INTERNAZIONALI AEROPORTI ANNESSO 14 ALLA CONVENZIONE SULL AVIAZIONE CIVILE INTERNAZIONALE VOLUME II ELIPORTI NORME E RACCOMANDAZIONI INTERNAZIONALI AEROPORTI ANNESSO 14 ALLA CONVENZIONE SULL AVIAZIONE CIVILE INTERNAZIONALE VOLUME II ELIPORTI SECONDA EDIZIONE LUGLIO 1995 Questa edizione comprende tutte le variazioni

Dettagli

Checklist Volo Completo (SU IVAO) Boeing 737 NGX 600/700/800/900 PMDG

Checklist Volo Completo (SU IVAO) Boeing 737 NGX 600/700/800/900 PMDG Checklist Volo Completo (SU IVAO) Boeing 737 NGX 600/700/800/900 PMDG Redata da Igor Pignegna in lingua Italiana Pagina1 AVVIO SISTEMI 1. Freno Parcheggio (THTRL): Inserito 2. Connessione IVAP: Attiva

Dettagli

ROMA ACC. Giornata di Studio. Sistemi e tecnologie per il controllo del traffico aereo Giovedì, 22 Gennaio 2015

ROMA ACC. Giornata di Studio. Sistemi e tecnologie per il controllo del traffico aereo Giovedì, 22 Gennaio 2015 ROMA ACC Gruppo Tematico Sistemi di Rilevamento, Monitoraggio e Navigazione Giornata di Studio Sistemi e tecnologie per il controllo del traffico aereo Giovedì, 22 Gennaio 2015 Sede ENAV/ACC di Ciampino

Dettagli

RAPPORTO D INCHIESTA INCONVENIENTE GRAVE OCCORSO ALL AEROMOBILE B737-800,

RAPPORTO D INCHIESTA INCONVENIENTE GRAVE OCCORSO ALL AEROMOBILE B737-800, RAPPORTO D INCHIESTA INCONVENIENTE GRAVE OCCORSO ALL AEROMOBILE B737-800, marche EI-DAV in avvicinamento agli aeroporti di Roma Ciampino e Roma Fiumicino 7 settembre 2005 AGENZIA NAZIONALE PER LA SICUREZZA

Dettagli

INTRODUZIONE ALL'ORGANIZZAZIONE DEI SERVIZI DEL TRAFFICO AEREO

INTRODUZIONE ALL'ORGANIZZAZIONE DEI SERVIZI DEL TRAFFICO AEREO Queste brevi note sono la sintesi dei seminari tenuti presso la Sede Romana di PVI, sede occasionale, dovuta alla cortesia della cooperativa Insieme 2000 e del suo presidente Giuseppe Scicchitano, che

Dettagli