UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PAVIA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PAVIA"

Transcript

1 UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PAVIA CORSO DI LAUREA IN SCIENZE MOTORIE Educazione motoria preventiva ed adattata DISPENSA PER IL CORSO: GINNASTICA DI BASE COORDINAZIONE ESERCIZI A CORPO LIBERO STRETCHING A cura di: Gianola Elena

2 INDICE 1. Contrazioni muscolari 2. Esercizi a corpo libero 3. Coordinazione 4. Muscolatura addominale - Principali muscoli - Esercizi di potenziamento 5. Muscolatura del dorso - Principali muscoli - Esercizi di potenziamento 6. Muscolatura delle gambe - Principali muscoli - Esercizi di potenziamento 7. Muscolatura delle braccia - Principali muscoli - Esercizi di potenziamento 8. Stretching

3 CONTRAZIONI MUSCOLARI La contrazione muscolare è quel processo attivo mediante cui si genera una forza all interno del muscolo. Per parlare di contrazioni muscolari è necessario definire il concetto di Carico e di Tensione muscolare. Si definisce carico la forza esercitata dal peso di un oggetto, ad esempio un manubrio, su un muscolo; mentre si definisce tensione muscolare la forza esercitata sull'oggetto in questione dal muscolo che si contrae. Tensione muscolare e carico sono quindi forze opposte, che come tali si contrappongono l'un l'altra. Per vincere un carico, la tensione muscolare dev'essere superiore alla forza (peso) che esso esercita. I principali tipi di contrazioni sono: CONTRAZIONI DINAMICHE e CONTRAZIONI STATICHE CONTRAZIONI DINAMICHE: CONTRAZIONE CONCENTRICA o POSITIVA quando il muscolo si accorcia sviluppando tensione (ad es. sollevando un peso) CONTRAZIONE ECCENTRICA o NEGATIVA quando il muscolo si allunga sviluppando tensione (ad esempio riabbassando lentamente lo stesso peso) Contrazione isotonica La contrazione comunemente chiamata ISOTONICA si ha quando un muscolo si accorcia spostando un carico che rimane costante. In realtà in vivo non esistono contrazioni isotoniche, in quanto la tensione sviluppata varia al variare della leva. Ci si avvicina alla contrazione isotonica eseguendo gli esercizi con l utilizzo di attrezzature dotate di camme. Contrazione isocinetica La contrazione ISOCINETICA si ha quando il muscolo sviluppa uno sforzo, accorciandosi a velocità costante per tutta l'ampiezza del movimento (tensione variabile); si ottiene solo con particolari macchine, definite isocinetiche. Contrazione auxotonica La contrazione AUXOTONICA aumenta progressivamente con l accorciamento muscolare (es. elastici). Contrazione pliometrica La contrazione PLIOMETRICA è una contrazione concentrica esplosiva, immediatamente preceduta da contrazione eccentrica; in tal modo si sfrutta l energia accumulatasi nelle strutture elastiche del muscolo nella precedente fase eccentri ca.

4 Le contrazioni statiche sono quelle isometriche (che avvengono a lunghezza muscolare costante) e si ottengono quando l'accorciamento del muscolo è impedito da un carico uguale alla tensione muscolare, oppure quando un carico viene sostenuto in una posizione fissa dalla tensi one del muscolo. La tensione sviluppata è pari alla resistenza applicata, il muscolo non modifica la propria lunghezza e la distanza tra le inserzioni muscolari rimane invariata. Le contrazioni statiche possono esser e MASSIMALI, quando si ha una tensione applicata con carico inamovibile, oppure di STAZIONAMENTO, quando si ha movimento interrotto volontariamente. TABELLA RIASSUNTIVA CONTRAZIONI STATICHE o ISOMETRICHE Il muscolo sviluppa tensione ma non modifica la propria lunghezza e non produce lavoro. CONTRAZIONI MASSIMALI Tensione applicata con carico inamovibile. CONTRAZIONI DI STAZIONAMENTO Movimento interrotto volontariamente. La tensione sviluppata è pari alla resistenza applicata, il muscolo non modifica la propria lunghezza e la distanza tra le inserzioni muscolari rimane invariata. CONTRAZIONI DINAMICHE Il muscolo sviluppa tensione e modifica la propria lunghezza producendo lavoro. La distanza tra le inserzioni varia durante la contrazione. CONTRAZIONI CONCENT RICHE (POSITIVE) La tensione sviluppata è tale da consentire il superamento della r esistenza applicata. Il muscolo si accorcia comportando l avvicinamento delle inserzioni. CONTRAZIONI ECCENTRICHE (NEGATIVE) La tensione sviluppata è inferiore alla resistenza applicata ed il muscolo si allunga, comportando l allontanamento delle inserzioni. CONTRAZIONI ISOTONICHE Il muscolo si accorcia sviluppando una tensione che ri mane costante per l intera durata del periodo di accorciamento. In realtà in vivo non esistono contrazioni isotoniche, in quanto la tensione sviluppata varia al variare della leva. Ci si avvicina alla contrazione isotonica eseguendo gli esercizi con l utilizzo di attrezzature dotate di camme. CONTRAZIONI ISOCINETICHE Il muscolo sviluppa uno sforzo, accorciandosi a velocità costante per tutta l'ampiezza del movimento (tensione variabile); si ottiene solo con particolari macchine, definite isocinetiche. CONTRAZIONI AUXOTONICHE La tensione sviluppata aumenta pr ogressivamente con l accorciamento muscolare (es. elastici). CONTRAZIONI PLIOMET RICHE Si tratta di contrazioni concentriche esplosive immediatamente precedute da contrazioni eccentriche; in tal modo si sfrutta l energia accumulatasi nelle strutture elastiche del muscolo nella precedente fase eccentrica.

5 ESERCIZI A CORPO LIBERO Le diverse tipologie di contrazione muscolare prese in considerazione sono la base degli esercizi a corpo libero, ovvero esercizi di potenziamento a carico naturale (senza sovraccarichi). Sono gli esercizi più utilizzati nella ginnastica dolce ed hanno la caratteristica di essere adatti (con i dovuti accorgimenti) a tutti i soggetti che si accostano all attività fisica. Sono molto utili per mantenere il tono dei muscoli posturali ed evitare dolori alla schiena o al collo; inoltre lavorando sul numero di serie e di ripetizioni si può ottenere un incremento della forza muscolare. Questi esercizi sono indicati per soggetti poco allenati, anziani, atleti in fase di recupero da infortuni, soggetti sovrappeso e obesi; prima di proporre un esercizio a corpo libero, bisognerà sceglierlo con attenzione e adottare specifici accorgimenti. Se, infatti, l esercizio non è adatto o non viene svolto correttamente, non solo il soggetto non otterrà alcun beneficio, ma vi è il rischio di peggiorare la condizione atletica e causare dolori. Il lavoro a carico naturale proposto ad atleti o giovani ben allenati, dovrà essere invece reso più efficace aumentando molto il numero di ripetizioni, sfruttando dove possibile il lavoro contro-gravità, ed utilizzando un maggior grado di escursione del movimento (sempre senza dover ricorrere a sovraccarichi- es:manubri o cavigliere). ESEMPIO Piegamenti sulle braccia SITUAZIONE FACILITANTE 1: Ginocchia in appoggio a terra SITUAZIONE FACILITANTE 2: Braccia in appoggio su un rialzo SITUAZIONE FACILITANTE 3: Braccia in appoggio al muro SITUAZIONE MAGGIORMENTE IMPEGNATIVA 1: Terminata la distensione della braccia staccare entrambe le mani da terra e batterle una volta SITUAZIONE MAGGIORMENTE IMPEGNATIVA 2: Appoggio esclusivamente sulle dita SITUAZIONE MAGGIORMENTE IMPEGNATIVA 3: Piedi in appoggio su un rialzo

6 COORDINAZIONE La coordinazione motoria è la capacità che permette di eseguire un movimento nella maniera più efficace. Le capacità coordinative si distinguono in 2 gruppi: Le capacità coordinative generali Le capacità coordinative specifiche Le prime sono costituite dalla capacità di apprendere un nuovo movimento, dalla capacità di controllare e regolare il movimento e dalla capacità di saper adattare e trasformare i movimenti che si sono appresi in base alle necessità. Le capacità coordinative generali sono alla base delle capacità coordinative specifiche: Capacità di accoppiamento e combinazione dei movimenti: Permette di collegare tra loro delle abilità motorie già acquisite. Capacità di coordinazione oculo-muscolare: Capacità del cervello di riuscire a compiere un movimento regolato da fattori esterni Capacità di differenziazione: Capacità di saper differenziare gli stimoli quando avvengono dei cambiamenti. Capacità di equilibrio: Capacità di mantenere il corpo in una data posi zione. Non esiste movimento in cui non sia coinvolto l'equilibrio che può essere statico o Dinamico: Statico quando il corpo è fermo,dinamico quando il corpo è in movimento Capacità di orientamento: Capacità di muovere il corpo nello spazio e nel tempo. Capacità di ritmo: Capacità che permette di organizzare i movimenti in maniera che l'azione risulti il più fluida ed armoniosa possibile, ciò è dato da un cor retto dosaggio di tempi ed intensità a ciascun movimento. In questa capaci tà rientra il tempismo esecutivo che è l'abilità di fare le cose nel momento adatto e nell o spazio giusto. Capacità di reazione: Capacità di rispondere agli stimoli con l'azione motoria più rapida e meglio adeguata alle circostanze. Si differenzia in semplice e complessa. È semplice quando gli stimoli sono previsti e conosciuti È complessa quando gli stimoli sono sconosci uti ed imprevedibili Capacità di trasformazione: Capacità di cambiare un'azione prefissata, ciò capita spesso negli sport come il calcio, in cui il difensore, ad una finta dell'attaccante, deve elaborare un altro piano di azione per giungere al suo scopo

7 MUSCOLATURA ADDOMINALE PRINCPALI MUSCOLI: Retto addominale: Inserzioni: processo xifoideo sterno- sinfisi pubica Dotato di tre inserzioni tendinee. Contr aendosi provoca l avvicinamento dei punti di inserzione muscolare (Crunch e crunch inverso) Obliquo interno (dx e sx) Obliquo esterno (dx e sx) Quando lavorano sinergicamente i muscoli omolaterali si ha la flessione laterale del busto; Quando lavorano i muscoli controlaterali si ha la torsione del busto Trasverso: Muscolo importantissimo responsabile della retroversione del bacino, movimento che permette di evitare l eccessiva accentuazione della lordosi lombare (iperlordosi lombare) che può provocare forti dolori e, nel tempo, ernie discali e sciatalgia. ESERCIZI A CORPO LIBERO PER IL POTENZIAMENTO DELLA MUSCOLATURA ADDO MINALE: Quando si pensa di lavorare sulla muscolatura addominale in realtà, si sollecitano e si rafforzano altri muscoli, in particolare i flessori dell anca. L eccessivo intervento dei flessori dell anca può provocare squilibri muscolari e squilibrio della statica del bacino e della colonna vertebrale. Per localizzare il lavoro sui muscoli addominali occorre eliminare, per quanto possi bile, l intervento dei muscoli flessori dell anca (in modo particolare lo psoas iliaco). Questo è possibile mantenendo flesse le cosce sul baci no. Angolo di flessione dell anca nella quale i muscoli addominali producono il lavoro più importante. A esecuzione corretta con localizzazione dell impegno sui muscoli addominali (i glutei e la regione lombare rimangono a terra) B Il raddrizzamento del busto grazie all intervento dei muscoli flessori dell anca.

8 1. La distensione delle cosce può provocare antiversione del bacino ed eventualmente, l accentuazione della curva lombare (iperlordosi) 2. Il mantenimento delle cosce flesse sul bacino attenua la tensione del muscolo psoas illiaco. Allenamento flessori dell anca e addominali. Posizione corretta (a) e sbagliata (b) Da supini, flessione bacino sul torace. Intervengono principalmente i muscoli flessori del tronco. Sollevare il bacino al massimo in modo da avvi cinare al massimo le ginocchia al petto. Mantener e le cosce sempre flesse. A A (2) (2) B B (2) Varianti con l aiuto di un compagno. Il limite dell esercizio B è determinato dalla capacità di mantenere la posizione corretta: schiena sempre appoggiata a terra in retroversione. A. Sollevare al massimo il bacino dalla panca in modo da portare le ginocchia vicino al petto. Mantenere sempre le gambe flesse. B. Come prima, eseguire il movimento in modo che l escursione della coscia non scenda mai oltre l orizzontale. La flessione delle ginocchia, più o meno accentuata, permette di dosare il carico.

9 Da supini, flessione del tronco sul bacino Flessione del busto mantenendo sempr e i glutei e la regione lombare aderente al terr eno. La diversa posizione delle braccia permette di dosar e il carico. A (2) B (2) A (2) B (2) A. Flessione del busto con le ginocchia e i piedi a terra. B. Come prima con le gambe su di una panca. Muscoli principali: flessori del tronco (retto addominale) Flessione e torsione del busto. (retto addominale, obliqui addome) Come prima con le ginocchia ed i piedi appoggiati su di una parete. A (2) B (2) Come prima su panca inclinata. A (2) B (2) A (2) B (2) A. Flessione compl eta contemporanea del busto e delle gambe. B. Flessione del busto con massimo avvicinamento del tronco alle gambe. Muscoli principali: retto addominale, ileo psoas, retto femorale. A. Movimenti della pedalata. B. Flettere e distendere le gambe passando sopr a e sotto una funicella. A (4) B (4)

10 Torsione del tronco La diversa posizione delle braccia o dell e gambe permette di dosare il carico. A (2) B (2) A. Mantenere sempre il bacino bloccato sul piano frontale attraverso la divaricazione delle gambe o mettendosi in posizione seduta con i piedi bloccati. Impegno preval ente: grandi obliqui B. Oscillare le gambe lateralmente con il dorso al suolo. Impegno prevalente: adduttori, tensore fascia lata, grande obliquo, muscolatura dorsale, muscolatura posteriore della spalla. Bibliografia 1. J. Weineck L allenamento ottimale Calzetti e Mariucci Perugia, S. Berardo Preparazione atletica a carico naturale FILPJK Roma, A.A. L allenamento della forza, teoria e pratica. Masson Parigi, 1991 ULTERIORI INFORMAZIONI E PRINCIPALI ACCORGIMENT I: 1. Non esistono addominali bassi o alti!!! Il muscolo retto dell addome quando si contrae provoca l accorciamento di tutte le sue fibre!!! 2. Fare sempre attenzione all azione del muscolo ILEOPSOAS ( che si oppone a quella del trasverso provocando antiversione del bacino e accentuazione della curva lombare) durante l esercizio del crunch ad esempio per isolare l azione del retto addominale basta soll evare le spalle da terra di circa 30, oltre lavora l ileopsoas. Inoltre, per evitare tensioni nella zona lombare durante l esercizio piegare le gambe o tenerl e in appoggio su un rialzo affinché l ileopsoas non sia in allungamento o in tensione. 3. Per chi soffre di dolore cervicale è preferibile proporre l esercizio del crunch inverso poiché non si crea tensione a livello del collo. 4. Per soggetti francamente sovr appeso o obesi sono sconsigliati gli esercizi a terra, si procede piuttosto da sedut i con delle flessioni e torsioni laterali del tronco. Inoltre si può sollecitare l azione del muscolo trasverso con degli esercizi di respirazione diaframmatica. 5. Ricordarsi sempre la respirazione regolare durante l esercizio, importantissima per non creare pericolose situazioni di compressione all interno della parete addominale. Inspirare in fase eccentrica, espirare in fase concentri ca (es. nel crunch butto fuori l aria mentre sollevo le spalle, inspiro mentre riporto le spalle a terra. 6. Mantenere un adeguato t ono nei muscoli addominali è molto importante per avere una buona postur a ed evitare l insorgenza di dolore alla schiena.

11 MUSCOLATURA DORSALE PRINCIPALI MU SCOLI: Muscolatura propria del dorso: Lunghissimo del dorso (diviso in tre parti: del torace, del collo, della testa) Si estende dal sacro al processo mastoideo- Estensore della colonna Muscoli intertrasversari- interspinali- spinotrasversari (esistono molti altri muscoli propri del dorso- vedi anatomia) Muscoli del dorso con inserzione sull omero: Trapezio (diviso in tre parti: Discendente, Trasversa, Ascendente) Grande dorsale (muscolo più vasto) Grande rotondo (dal margine inferiore della scapola all a testa dell omero) Piccolo e grande romboide (stabilizzatori della scapola) ESERCIZI A CORPO LIBERO PER IL POTENZIAMENTO DELLA MUSCOLATURA DEL D ORSO: Esercizi estensori del dorso Il perno operativo sul quale ruotano i movimenti deve essere localizzato sulla zona lombare. Il bacino e le cosce devono ri sultare sempre sulla stessa linea (2). Attenzione: l estensione del tronco e/o della colonna vertebrale non deve produrre una iperestensione e conseguente iperlordosi. Escursione corretta per localizzare il lavoro sugli estensori del tronco. Coscia e bacino rimangono sempre allineati (2). Esempi di lievissima iperestenzione del dorso. Il mento è retratto, il palmo rivolto verso terra.

12 A A A A C B B B A. Flessione del busto in avanti con successiva iperestensione. B. Estensione del braccio e della gamba liberi. Muscoli coinvolti: spinali, glutei, trapezio, deltoide. Sollevamenti del bacino da seduti a terra (muscoli estensori del tronco e delle cosce sul bacino) A. Sollevare il bacino fino all allineamento con le cosce. B. Il sollevamento di un solo arto aumenta l impegno muscolare. A. Estensione del busto da ginocchia flesse B. In appoggio su una panca, flessione del busto da decubito laterale Flesso estensione del busto da prono su plinto A. Flesso estensione del tronco B. Flesso estensione delle gambe C. Flesso estensione del busto con torsione finale Muscoli principali: estensori del tronco. Flessione del busto da decubito laterale su plinto.

13 Esercizi isometrici per la stabilizzazione di tutto il corpo g c e a f b h d a. Appoggio su avambracci e piedi b. Come prima sollevando una gamba c. Appoggio laterale su avambraccio d. Come prima, sollevando una gamba e. Appoggio su avambracci e talloni f. Sollevare il bacino a gambe piegate g. Come prima con un solo arto h. Come prima, sollevando alternativamente una gamba In a. e b., tenere la nuca in estensione (la testa rappresenta l estensione della c. v.) In c. e d. tenere il dorso dritto In e. f. g. h. vi è anche un potenziamento dei muscoli ischio crurali. Tenere sempre il corpo teso (1). Bibliografia 4. J. Weineck L allenamento ottimale Calzetti e Mariucci Perugia, S. Berardo Preparazione atletica a carico naturale FILPJK Roma, A.A. L allenamento della forza, teoria e pratica. Masson Parigi, F. Thiemel Programmi di lavoro per il condizionamento nelle scuole e nell e società sportive Società Stampa Spor tiva Roma, 1975

14 ULTERIORI INFORMAZIONI E PRINCIPALI ACCORGIMENT I: 1. E molto importante porre attenzione alla corretta postura durante questi esercizi poiché vi è una notevole sollecitazione della colonna a livello lombare con accentuazione della lordosi. La posizione corretta per l esercizio è la seguente: supini, gambe distese rilassate, braccia lungo i fianchi con il palmo della mano rivolto verso terra, sguardo verso il basso (collo in linea con la colonna); da questa posizione si procede con il lento sollevamento dell e spalle, con movimenti controllati e mantenendo sempr e lo sguardo a terra. 2. Gli esercizi in posizione di quadrupedia con allungamento alternato di braccio destro e gamba sinistra comportano un notevol e impegno a livello di equilibrio ed è quindi da proporre a soggetti che non hanno defi cit di equilibrio o scarso controllo dei segmenti corporei. 3. Gli esercizi presentati non sono adatti a soggetti obesi o sovrappeso, in questi casi è consigliabile procedere con esercizi in stazione eretta o da seduti, abbinando anche il movimento delle braccia, ad esempio Good morning, Fly, o Rematore. GOOD MORNING REMATORE 4. Proporre gli esercizi più complessi tra quelli presentati soltanto ad atleti o a soggetti che si allenano regolarmente 5. Non dimenticare mai la respirazione regolare durante l esercizio.

15 MUSCOLATURA DELLE GAMBE PRINCIPALI MU SCOLI Muscoli della coscia: Quadricipite femorale (Retto femorale, Vasto mediale, Vasto intermedio, Vasto laterale) I quattro muscol i si riuniscono in un unico tendine che si inserisce sulla patella (rotula) E il principale muscolo estensore della gamba sull a coscia. Sartorio (Dalla spina iliaca anteriore superiore alla zampa d oca - si inserisce sulla tuberosità tibiale) Adduttori (Lungo, Breve, Grande, Minimo) Bicipite femorale (Semitendinoso, Semi membranoso) Si inserisce sulla testa della fibula (o perone), è il principale muscolo flessore della gamba sulla coscia. Muscoli della gamba: Tibiale anteriore: Permette la flessione dorsale del piede Estensore lungo delle dita Gastrocnemio (polpaccio o gemelli): permette la flessione plantare del piede (Es: salire sulle punte dei piedi) Flessore lungo delle dita Altri muscoli: Soleo, plantare, tibiale posteriore GLUTEI (Grande, Medio e Piccolo): Estensori della coscia sul bacino Grande gluteo: Estende la coscia sul bacino, la adduce e la ruota esternamente Medio gluteo: Abduce e ruota esternamente la cosci a (fasci posteriori) Piccolo gluteo: Abduce e ruota la coscia internamentre (fasci anteriori) ed esternamente (fasci posteriori)

16 ESERCIZI PER IL POTENZIAMENTO DELLA MUSCOLATURA DELLE GAMBE Esercizi per i muscoli dei piedi e delle gambe Muscoli principali: muscoli flessori plantari dei piedi Andature A. Andatura a passo veloce B. Andatura sugli avampiedi A B A B C Andature A. Andatura con rullata del piede B. Con rullata del piede con atteggiamento breve dell arto contro laterale C. Come prima con saltello Contatto in successione tallone avampiede, massima flessione ed estensione. Ginocchio esteso, muscoli arti inferiori rilassati, non aiutarsi con le braccia. Andatura rimbalzata Avanzare prendendo contatto con gli avampiede, spingendo verso l alto dopo breve mol leggio. Il piede che spinge tocca a terra ed ammortizza la caduta. A B Estensione del piede da stazione eretta A. A piedi pari B. Su un solo piede Massima estensione sulla punta dei piedi mantenendo le ginocchia estese senza aiuto degli arti superiori. Uno spessore è posto sotto le punte per permettere una maggiore escursione articolare. Salto in basso con rimbalzo Saltare da un rialzo e arrivare a terra con le ginocchia estese ma non rigide. Toccato il suolo, rapidamente rimbalzare verso l alto o verso l avanti. Altezza rialzo variabile in relazione all e capacità reattive dell allievo. Per i meno evoluti è consigliabile il rimbalzo verso l avanti.

17 Muscoli delle cosce e delle anche Muscoli principali: quadricipite femorale, glutei, tricipite surale, Andature da semiaccosciata A. Traslocare con tronco eretto, con le cosce par allele al suolo cercando di mantenere il bacino sempre alla stessa altezza A B B. Avanzare estendendo al massimo un arto aprendo tutte le articolazioni dell arto inferiore in modo da raggiungere una posizione il più profonda possibile Piegamento sulle gambe A. In appoggio al muro, piegamento ed estensi one delle ginocchia (maggior piegamento, maggior sforzo) A B B. Dalla stazione eretta, piegamento ed estensi one sulle gambe A B Piegate A. Busto eretto, piegata profonda in avanti tenendo il ginocchio posteriore in leggera flessione, tornare nella posizione di partenza. B. Come prima con piegata frontale Piegate Come prima con balzo finale Contropiegata Busto eretto, contropiegata profonda sul piano frontale (gamba protesa fuori). Contropiegata Dalla stazione eretta contropiegata sul piano sagittale (gamba protesa dietro) con balzo finale

18 Contropiegata Dalla stazione eretta contropiegata sul piano sagittale (gamba protesa avanti) con balzo finale. Salita e discesa su di un rialzo o un gradino A. A gambe alternate B. Con la stessa gamba A B A B C Saltelli A. Saltelli a piedi pari B. Saltelli su di un piede C. Saltelli a piedi pari o su di un piede superando piccoli ostacoli. Spingere verso l alto con la massima estensione dei piedi mantenendo le ginocchia estese. Ginocchia estese, muscolatura degli arti inferiori non rigida. Saltelli A. Saltelli laterali superando una fune B. Saltelli con la funicella Balzi sui gradoni A. Ad appoggi successivi alternati B. A piedi pari C. Con un piede solo L altezza del gradone deve per mettere una continuità nel ritmo esecutivo, l atterraggio non deve esser e pesante. A B C Balzi tra gli ostacoli A. A piedi pari B. Con ostacoli di altezze diverse C. Con un piede solo L altezza dell ostacolo e la loro distanza devono per mettere una continuità nel ritmo esecutivo, l atterraggio non deve esser e pesante. Balzi successivi a piedi pari Da massima accosciata, saltare estendendo al massimo tutte le articolazioni degli arti inferiori

19 ULTERIORI INFORMAZIONI E PRINCIPALI ACCORGIMENT I: 1. Alcuni degli esercizi presentati prevedono una notevole capacità di equilibrio e di controllo del proprio corpo (es andature) e vanno evitati se chi si allena non ha ben consolidato queste abili tà. 2. Gli esercizi e le andature che prevedono una situazione di massima accosciata vanno svolti con attenzione perché tendono a sollecitare eccessivamente le strutture articolari del ginocchio. In particolare vanno evitati con soggetti anziani o adulti poco allenati, con i bambini, e con chi ha avuto problemi all articolazione del ginocchio (lassità di legamenti, problemi di cartilagine ) 3. Come per addominali e dorsali si ricorda che non tutti questi esercizi possono essere proposti a soggetti in condizioni di sovrappeso (nei quali l articolazione del ginocchio è sempre sollecitata in modo particolare a causa del peso che grava su di essa). Si possono proporre diversi esercizi da svolgere stando in stazione eretta (con appoggio), oppure a terra. Alcuni esempi:

20 MUSCOLATURA DELLE BRACCIA PRINCIPALI MU SCOLI Braccio: Bicipite e Brachiale: Flessori dell avambraccio sul braccio Tricipite e Anconeo: Estensori dell avambraccio sul braccio Avambraccio: Flessori: Flessore radiale del carpo Flessore ulnare del carpo Flessore lungo delle dita Muscolo Pronatore Estensori: Estensore ulnare del carpo Estensore delle dita Muscolo Supinatore ESERCIZI PER IL POTENZIAMENTO DELLA MUSOCLATURA DELLE BRACCIA Piegamenti sulle braccia Gruppi muscolari interessati sono, soprattutto, i Pettorali (Grande e Piccolo), il Deltoide e il Tricipiti brachiale. Sono sollecitati in maniera diversa a seconda dei seguenti fattori: il peso del soggetto la quantità di peso che grava sulle braccia la distanza tra le mani la linea che unisce le mani che può essere alta (quando passa all'altezza del collo), (intermedia quando passa all altezza delle spalle) o bassa (quando passa all'altezza della cintura). Naturalmente esistono tutte le possibili posizioni intermedie. la rotazione delle mani: le dita puntano in avanti, in fuori, in dentro. Più la linea di spinta è bassa, maggiore è l intervento della parte superiore dei pettorali. Man mano che la linea di spinta sale il lavoro tende a concentrarsi sulla parte intermedia e bassa dei pettorali. Si consiglia di non inarcare la schiena durante l esecuzione e di allineare per bene i gomiti con le spalle. Cercare di eseguire sempre l esercizio alla massima escursione articolare dei gomiti.

21 Più le mani sono lontane tra di loro, maggiore è l intervento dei pettorali. Una distanza ridotta tra le mani tende a concentrare maggiormente il lavoro sulle braccia. A In appoggio sulle braccia tese, faccia rivolta a terra, asse tra gomito-spalla e polso, mani al passo delle spalle (o più larghe), piedi uniti o leggermente divaricati. Flettere le braccia per avvicinare il torace a terra e successivamente estendere completamente le braccia. L appoggio delle ginocchia (A) o l esecuzione dell esercizio in stazione eretta (B), rende l esercizio più semplice, in quanto viene ridotto il peso corporeo che grava sulle braccia. Il sollevamento delle gambe fa aumentare la difficoltà dell esecuzione e favorisce la sollecitazione del quadrante superiore del grande pettorale. B Le mani in appoggio su due panche permettono di allungare maggiormente le fibre muscolare sfruttando un raggio più ampio di esecuzione. L esercizio può anche essere eseguito in maniera dinamica spingendo e poi staccando le mani dal terreno.

22 ULTERIORI INFORMAZIONI E PRINCIPALI ACCORGIMENT I: 1. I piegamenti sulle braccia permettono di svolgere un lavoro muscolare molto inteso a carico degli arti superiori senza dover ricorrere all utilizzo di manubri o macchine isotoniche. 2. Prestare molta attenzione a non inarcare la schiena durante l esecuzione del movimento per evitare un eccessiva sollecitazione della colonna. 3. Per soggetti allenati si può proporre l esercizio con appoggio delle mani unicamente sulle dita (o solo su tre dita) 4. Per impegnare maggiormente il muscolo tricipite lo stesso esercizio si può fare con le mani molto vicine o sovrapposte. Si può inoltre utilizzare una tipologia di esercizio differente, ad esempio, in posizione quadrupedica inversa, effettuare dei piegamenti sulle braccia con l appoggio delle mani su di un rialzo (ad esempio un panca). 5. Se l esercizio risulta troppo impegnativo o non viene svolto correttamente si può semplificare la situazione lavorando con le mani in appoggio su un rialzo o in stazione eretta contro il muro 6. Atleti e soggetti allenati possono compl etare l allenamento con l e trazioni alla sbarra.

23 STRETCHING La parola "stretching" è un termine che proviene dall'inglese "to stretch" che in italiano significa allungare. È una metodica che consiste nell'allungamento muscolare e nella mobilizzazione delle articolazioni attraverso l'esecuzione di esercizi di stiramento, semplici o complessi, allo scopo di mantenere il corpo in un buono stat o di forma. Lo stretching è arrivato in Europa e in Italia, sulla scia della ginnastica aerobica e della cultura del tempo libero e della cura del corpo, giunte come sempr e dagli Stati Uniti. Le origini dello stretching sono varie; quello più conosciuto è quello codificato da Bob Anderson. Gli esercizi di stretching sollecitano, oltre alle fibre muscolari, il tessuto connettivo (tendini, fasce ecc.) presente nella struttura contrattile. Il tessuto connettivo è estensibile (può essere allungato), ma se non viene regolarmente sollecitato con l'esercizio fisico, in breve tempo perde questa car atteristica essenziale. Parlando di stretching è anche d'obbligo parlare della mobilità articolare ovvero la capacità di compiere movimenti ampi ed al massimo della estensione fisiologica consentita dalle articolazioni. Questa capacità è condizionata: - dalla struttura ossea dell'articolazione; - dalle sue componenti anatomiche e funzionali (grado di estensibilità dei legamenti, tendini e muscoli); - dalla temperatura dell'ambiente; - dal livello di riscaldamento del corpo. È importante ricordare che le fibre muscolari si adattano rapidamente a qualsiasi situazione. Lo stretching può por tare alcuni importanti benefici sia livello muscolare che articolare: - Aumenta la flessibilità e l'elasticità dei muscoli e dei tendini. - Migliora la capacità di movimento. - È un'ottima forma di preparazione alla contrazione muscolare. - Può prevenire traumi muscolari ed articolari. - Mantiene "giovani" le articolazioni, rallentando la calcificazione del tessuto connettivo. TIPI DI STRETCHING Stretching balistico Metodo del contromovimento: Consiste nel far precedere l esercizio di mobilitazione da un contromovimento, in modo che l inerzia della regione corporea messa in movimento riduca la resistenza del tessuto connettivo. Questo sistema, può evocare un forte riflesso miotatico e lasciare il muscolo più accorciato di quanto non fosse prima di iniziare l esercizio; inoltre incrementa la possibilità di lesioni muscolari perchè il rapido rimbalzo non concede il tempo sufficiente affinché possa veri ficarsi il riflesso inverso da stiramento ed il muscolo possa rilassarsi. Stretching dinamico Questo sistema è consigliato in programmi sportivi in cui sono previsti movimenti ad elevata velocità, poiché agisce sull'elasticità di muscoli e tendini. La tecnica consiste nello slanciare in modo controllato le gambe o le braccia, in una determinata direzione, senza molleggiare, rimbalzare o dondolare.

ESERCIZI PER COSCE E ANCHE

ESERCIZI PER COSCE E ANCHE ESERCIZI PER COSCE E ANCHE Testo e disegni di Stelvio Beraldo ANDATURA DA SEMIACCOSCIATA Varianti: andatura frontale (a) e andatura laterale (b) (a carico naturale, con manubri o cintura zavorrata) - Con

Dettagli

LA MOBILITÀ ARTICOLARE

LA MOBILITÀ ARTICOLARE LA MOBILITÀ ARTICOLARE DEFINIZIONE La mobilità articolare (detta anche flessibilità o scioltezza articolare) è la capacità di eseguire, nel rispetto dei limiti fisiologicamente imposti dalle articolazioni,

Dettagli

ATTIVITA MOTORIA DAI 5 AI 7 ANNI PREMESSA

ATTIVITA MOTORIA DAI 5 AI 7 ANNI PREMESSA ATTIVITA MOTORIA DAI 5 AI 7 ANNI PREMESSA DAI 5 AI 7 ANNI LO SCOPO FONDAMENTALE DELL ALLENAMENTO E CREARE SOLIDE BASI PER UN GIUSTO ORIENTAMENTO VERSO LE DISCIPLINE SPORTIVE DELLA GINNASTICA. LA PREPARAZIONE

Dettagli

Occhio alle giunture La migliore prevenzione

Occhio alle giunture La migliore prevenzione Occhio alle giunture La migliore prevenzione 1 Suva Istituto nazionale svizzero di assicurazione contro gli infortuni Sicurezza nel tempo libero Casella postale, 6002 Lucerna Informazioni Telefono 041

Dettagli

«Top 10» per l inverno

«Top 10» per l inverno «Top 10» per l inverno Suva Sicurezza nel tempo libero Casella postale, 6002 Lucerna Informazioni Tel. 041 419 51 11 Ordinazioni www.suva.ch/waswo-i Fax 041 419 59 17 Tel. 041 419 58 51 Autori dott. Hans

Dettagli

MEZZI E METODI PER LO SVILUPPO DELLA FORZA (link PAGINA La Forza e PAGINA AREA SPORTIVA)

MEZZI E METODI PER LO SVILUPPO DELLA FORZA (link PAGINA La Forza e PAGINA AREA SPORTIVA) MEZZI E METODI PER LO SVILUPPO DELLA FORZA (link PAGINA La Forza e PAGINA AREA SPORTIVA) L allenamento della Forza come capacità condizionale, è oggi di rigore anche nelle discipline sportive in cui era

Dettagli

ALLENARE GLI ADDOMINALI

ALLENARE GLI ADDOMINALI ALLENARE GLI ADDOMINALI La teoria di allenamento degli addominali spesso non è ben compresa; molte persone si limitano ad eseguire centinaia di crunch senza però capire come funzionano i muscoli addominali

Dettagli

11+ Un programma di riscaldamento completo per ridurre gli infortuni nel calcio MANUALE

11+ Un programma di riscaldamento completo per ridurre gli infortuni nel calcio MANUALE 11+ Un programma di riscaldamento completo per ridurre gli infortuni nel calcio MANUALE 11+ MANUALE UN PROGRAMMA DI RISCALDAMENTO COMPLETO PER RIDURRE GLI INFORTUNI NEL CALCIO INDICE PREFAZIONE 4 INTRODUZIONE

Dettagli

Modificazioni morfologiche della colonna vertebrale in calciatori professionisti in preparazione precampionato

Modificazioni morfologiche della colonna vertebrale in calciatori professionisti in preparazione precampionato Modificazioni morfologiche della colonna vertebrale in calciatori professionisti in preparazione precampionato Dott.ssa Elisa Parri*, Prof. Mario Marella*, Dott.ssa Elena Castellini*, Dott. Matteo Levi

Dettagli

FEDERAZIONE ITALIANA NUOTO SETTORE SINCRO SISTEMA DELLE STELLE

FEDERAZIONE ITALIANA NUOTO SETTORE SINCRO SISTEMA DELLE STELLE FEDERAZIONE ITALIANA NUOTO SETTORE SINCRO SISTEMA DELLE STELLE 1 SISTEMA DELLE STELLE Tutte le atlete di nuoto sincronizzato tesserate per la Federazione Italia Nuoto dovranno partecipare all attività

Dettagli

Test di ergonomia Valutazione del carico posturale nel lavoro sedentario

Test di ergonomia Valutazione del carico posturale nel lavoro sedentario Test di ergonomia Valutazione del carico posturale nel lavoro sedentario Il lavoro sedentario può essere all origine di vari disturbi, soprattutto se il posto di lavoro è concepito secondo criteri non

Dettagli

Che cos è l ergonomia

Che cos è l ergonomia norme ergonomiche per le attrezzature di lavoro, il posto di lavoro e l ambiente di lavoro. Che cos è l ergonomia La parola ergonomia deriva dal greco ergo, che significa lavoro, e nomos che significa

Dettagli

10 consigli per la salute e il benessere degli addetti ai lavori

10 consigli per la salute e il benessere degli addetti ai lavori L ergonomia al microscopio 10 consigli per la salute e il benessere degli addetti ai lavori 1 Regolare correttamente l altezza della sedia. Per lavorare in maniera confortevole è importante adattare gli

Dettagli

L ESAME RADIOLOGICO DEL BACINO E DELLE ANCHE

L ESAME RADIOLOGICO DEL BACINO E DELLE ANCHE L ESAME RADIOLOGICO DEL BACINO E DELLE ANCHE PROIEZIONE STANDARD ANTERO- POSTERIORE Indicazioni: traumatologia, neoplasie, alterazioni flogistiche e degenerative delle articolazioni. Posizione del paziente:

Dettagli

Descrivere la struttura e la funzione di un fuso neuromuscolare. Che cosa si intende per coattivazione alfa-gamma? Differenziare fra riflesso

Descrivere la struttura e la funzione di un fuso neuromuscolare. Che cosa si intende per coattivazione alfa-gamma? Differenziare fra riflesso Descrivere la struttura e la funzione di un fuso neuromuscolare. Che cosa si intende per coattivazione alfa-gamma? Differenziare fra riflesso miotatico fasico e riflesso miotatico tonico. Inibizione dell

Dettagli

C.A.S. Teoria dell allenamento PARTE II: IL MOVIMENTO UMANO. Le funzioni Le componenti

C.A.S. Teoria dell allenamento PARTE II: IL MOVIMENTO UMANO. Le funzioni Le componenti Di Marco Mozzi PARTE II: IL MOVIMENTO UMANO Le funzioni Le componenti Avendo riportato, all interno del paragrafo dedicato agli obiettivi, alcuni concetti che possono risultare di difficile comprensione

Dettagli

I tiri principali nel badminton

I tiri principali nel badminton I tiri principali nel badminton 4 2 3 5 6 1 Drop a rete 2 Pallonetto (lob) 3 Drive 4 Clear 5 Drop 6 Smash (schiacciata) 1 Traiettoria Definizione Impugnatura 1 Drop a rete Rovescio Sequenza fotografica

Dettagli

Ergonomia in uffi cio. Per il bene della vostra salute

Ergonomia in uffi cio. Per il bene della vostra salute Ergonomia in uffi cio Per il bene della vostra salute Ogni persona è unica, anche per quanto riguarda la struttura corporea. Una postazione di lavoro organizzata in modo ergonomico si adatta a questa individualità.

Dettagli

1. LA RISPOSTA DELL'ORGANISMO ALLA MOVIMENTAZIONE

1. LA RISPOSTA DELL'ORGANISMO ALLA MOVIMENTAZIONE REGIONE SICILIANA AZIENDA OSPEDALIERA CANNIZZARO DI RIFERIMENTO REGIONALE DI 3 LIVELLO PER L EMERGENZA Via Messina 829 95126 Catania SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE LINEE GUIDA PER LA PREVENZIONE

Dettagli

In forma con la FASCIA ELASTICA

In forma con la FASCIA ELASTICA RICHIEDETE In forma con la FASCIA ELASTICA L O R I G L E I N A www.thera-band.de Istruzioni professionali per il Vostro allenamento quotidiano Astrid Buscher Charlotta Cumming Gesine Ratajczyk Indice

Dettagli

OBIETTIVI DELL ATTIVITA FISICA DEI BAMBINI DAI 6 AGLI 11 ANNI SECONDA PARTE LA CORSA

OBIETTIVI DELL ATTIVITA FISICA DEI BAMBINI DAI 6 AGLI 11 ANNI SECONDA PARTE LA CORSA OBIETTIVI DELL ATTIVITA FISICA DEI BAMBINI DAI 6 AGLI 11 ANNI SECONDA PARTE LA CORSA Dopo avere visto e valutato le capacità fisiche di base che occorrono alla prestazione sportiva e cioè Capacità Condizionali

Dettagli

CENTRO DI TRAUMATOLOGIA DELLO SPORT CHIRURGIA ARTROSCOPICA UNITA OPERATIVA DI RIABILITAZIONE SPORTIVA

CENTRO DI TRAUMATOLOGIA DELLO SPORT CHIRURGIA ARTROSCOPICA UNITA OPERATIVA DI RIABILITAZIONE SPORTIVA CENTRO DI TRAUMATOLOGIA DELLO SPORT CHIRURGIA ARTROSCOPICA UNITA OPERATIVA DI RIABILITAZIONE SPORTIVA ISTITUTO ORTOPEDICO GALEAZZI - MILANO Responsabili: M. DENTI - H. SCHÖNHUBER - P. VOLPI Responsabile:

Dettagli

Ambientamento Galleggiamento Scivolamento Propulsioni Partenze e tuffi. Br = braccio/a R.R. = Ritmo Respiratorio

Ambientamento Galleggiamento Scivolamento Propulsioni Partenze e tuffi. Br = braccio/a R.R. = Ritmo Respiratorio Brevetto N. 1 Seduti sul bordo con gambe in acqua (valutare emotività) Discesa dalla scaletta (valutare emotività) Studio equilibrio verticale Andature con Remate, movimenti braccia SL e Do (M.I.) Valutazione

Dettagli

Apparato scheletrico. Le funzioni dello scheletro

Apparato scheletrico. Le funzioni dello scheletro Apparato scheletrico Le funzioni dello scheletro Lo scheletro ha la funzione molto importante di sostenere l organismo e di dargli una forma; con l aiuto dei muscoli, a cui offre un attacco, permette al

Dettagli

PROGRAMMA GINNASTICA RITMICA 2008-2015

PROGRAMMA GINNASTICA RITMICA 2008-2015 Aggiornamento Novembre 2012 PROGRAMMA GINNASTICA RITMICA 2008-2015 Il Regolamento Sportivo Ufficiale Special Olympics deve essere applicato In tutte le competizioni di Ginnastica Special Olympics. Quale

Dettagli

IL TUO CORPO NON E STUPIDO! Nonostante se ne parli ancora oggi, il concetto di postura corretta e dello stare dritti è ormai superato.!!

IL TUO CORPO NON E STUPIDO! Nonostante se ne parli ancora oggi, il concetto di postura corretta e dello stare dritti è ormai superato.!! IL TUO CORPO NON E STUPIDO Avrai sicuramente sentito parlare di postura corretta e magari spesso ti sei sentito dire di stare più dritto con la schiena o di non tenere le spalle chiuse. Nonostante se ne

Dettagli

Informazioni per i portatori di C Leg

Informazioni per i portatori di C Leg Informazioni per i portatori di C Leg C-Leg : il ginocchio elettronico Otto Bock comandato da microprocessore per una nuova dimensione del passo. Gentile Utente, nella Sua protesi è implementato un sofisticato

Dettagli

Tutto ciò porta a migliore coordinazione motoria e miglioramento delle prestazioni.

Tutto ciò porta a migliore coordinazione motoria e miglioramento delle prestazioni. Cipryen Fondriest Vialli Il vantaggio per lo sportivo è quello di ottimizzare il funzionamento dell apparato muscoloscheletrico di tutto il corpo col risultato di aumentare il rilassamento muscolare e

Dettagli

SCHEMA SETTIMANA TIPO CON TRE SEDUTE DI ALLENAMENTO

SCHEMA SETTIMANA TIPO CON TRE SEDUTE DI ALLENAMENTO U.S. ALESSANDRIA CALCIO 1912 SETTORE GIOVANILE ALLENAMENTO PORTIERI SCHEDA TIPO DELLA SETTIMANA ALLENATORE ANDREA CAROZZO GRUPPO PORTIERI STAGIONE 2009/2010 GIOVANISSIMI NAZIONALI 1995 ALLIEVI REGIONALI

Dettagli

Adipo metria. Le stratigrafie. Oltre la stima della percentuale di massa grassa

Adipo metria. Le stratigrafie. Oltre la stima della percentuale di massa grassa Plico-metria, bioimpedenzio-metria, assorbimetria (a doppio raggio X) sono misure di altro dal grasso, ricondotte tramite formule alla stima della percentuale di massa grassa. Ora è finalmente disponibile

Dettagli

Attività con la fune

Attività con la fune lo sport a scuola Attività con la fune percorso n. 1 Attrezzatura: - uno spazio adatto (palestra, cortile) - una fune Scansione delle attività: 1. Fase motoria 2. Fase espressivo-analogica 3. Fase ludica

Dettagli

Metodiche di allenamento delle tecniche di gamba

Metodiche di allenamento delle tecniche di gamba - 1 - Metodiche di allenamento delle tecniche di gamba Mentore Siesto Le tecniche di gamba costituiscono un bagaglio molto importante nella preparazione di un karateka. In campo agonistico, le tecniche

Dettagli

Facoltà di Scienze Motorie

Facoltà di Scienze Motorie UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO Facoltà di Scienze Motorie Corso di Laurea in Scienze Motorie, Sport e Salute Organizzazione e gestione del settore giovanile (dai 6 ai 15 anni) nell atletica leggera Relatore:

Dettagli

Yoga Nidra Yoga Nidra è una forma di riposo psichico e psicologico più efficace del sonno normale

Yoga Nidra Yoga Nidra è una forma di riposo psichico e psicologico più efficace del sonno normale Quant è difficile rilassarsi veramente e profondamente anche quando siamo sdraiati e apparentemente immobili e distesi, le tensioni mentali, le preoccupazioni della giornata e le impressioni psichiche

Dettagli

Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015

Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015 Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015 MATERIA: Scienze Motorie classe : V A SIA dell'istituto Superiore D'istruzione

Dettagli

Moto sul piano inclinato (senza attrito)

Moto sul piano inclinato (senza attrito) Moto sul piano inclinato (senza attrito) Per studiare il moto di un oggetto (assimilabile a punto materiale) lungo un piano inclinato bisogna innanzitutto analizzare le forze che agiscono sull oggetto

Dettagli

FULGOR ACADEMY 2014-15

FULGOR ACADEMY 2014-15 PRIMI CALCI 2009-2010 OBIETTIVI: Conoscenza del proprio corpo (giochi ed esercizi coordinativi) Rispetto delle regole e del gruppo di cui si fa parte Conoscenza del pallone Capacità di eseguire un gesto

Dettagli

LAVORO AI VIDEOTERMINALI LA SICUREZZA NELL UTILIZZO DEI VIDEOTERMINALI

LAVORO AI VIDEOTERMINALI LA SICUREZZA NELL UTILIZZO DEI VIDEOTERMINALI LA SICUREZZA NELL UTILIZZO DEI VIDEOTERMINALI DEFINIZIONI LAVORO AI VIDEOTERMINALI VIDEOTERMINALE (VDT): uno schermo alfanumerico o grafico a prescindere dal tipo di procedimento di visualizzazione utilizzato.

Dettagli

-MIGLIORAMENTO DELLE RISPOSTE EMOTIVE E MIGLIORAMENTO DELLA BRACCIATA E DEL RITMO DI NUOTO

-MIGLIORAMENTO DELLE RISPOSTE EMOTIVE E MIGLIORAMENTO DELLA BRACCIATA E DEL RITMO DI NUOTO Il Nuoto Può sembrar facile pensare che nuotare sia una attività motoria come tutte le altre. Può essere suggestivo accostare la vita fetale all adattamento all acqua. Apprendere poco a poco tutti gli

Dettagli

percorso fatto sul tratto orizzontale). Determinare il lavoro (minimo) e la potenza minima del motore per percorrere un tratto.

percorso fatto sul tratto orizzontale). Determinare il lavoro (minimo) e la potenza minima del motore per percorrere un tratto. Esercizio 1 Una pietra viene lanciata con una velocità iniziale di 20.0 m/s contro una pigna all'altezza di 5.0 m rispetto al punto di lancio. Trascurando ogni resistenza, calcolare la velocità della pietra

Dettagli

A. 5 m / s 2. B. 3 m / s 2. C. 9 m / s 2. D. 2 m / s 2. E. 1 m / s 2. Soluzione: equazione oraria: s = s0 + v0

A. 5 m / s 2. B. 3 m / s 2. C. 9 m / s 2. D. 2 m / s 2. E. 1 m / s 2. Soluzione: equazione oraria: s = s0 + v0 1 ) Un veicolo che viaggia inizialmente alla velocità di 1 Km / h frena con decelerazione costante sino a fermarsi nello spazio di m. La sua decelerazione è di circa: A. 5 m / s. B. 3 m / s. C. 9 m / s.

Dettagli

Il lavoro al videoterminale

Il lavoro al videoterminale Il lavoro al videoterminale Edizione 2010 Realizzato dall INAIL. Rielaborazione editoriale autorizzata di una pubblicazione di SUVA, l Istituto nazionale svizzero di assicurazione contro gli infortuni

Dettagli

Il lavoro al videoterminale

Il lavoro al videoterminale Il lavoro al videoterminale RISCHI E PREVENZIONE Edizione 2010 Il lavoro al videoterminale Edizione 2010 Realizzato dall INAIL. Rielaborazione editoriale autorizzata di una pubblicazione di SUVA, l Istituto

Dettagli

L A CLINICA SPECIALIZZ ATA IN CHIRURGIA ORTOPEDICA E MEDICINA SPORTIVA. Ci muoviamo insieme a voi.

L A CLINICA SPECIALIZZ ATA IN CHIRURGIA ORTOPEDICA E MEDICINA SPORTIVA. Ci muoviamo insieme a voi. L A CLINICA SPECIALIZZ ATA IN CHIRURGIA ORTOPEDICA E MEDICINA SPORTIVA Ci muoviamo insieme a voi. PREMESSA LA ORTHOPÄDISCHE CHIRURGIE MÜNCHEN (OCM) È UN ISTITUTO MEDICO PRIVATO DEDICATO ESCLUSIVAMENTE

Dettagli

Indice INDICE. Introduzione... 3. Metodologia. Unità didattiche

Indice INDICE. Introduzione... 3. Metodologia. Unità didattiche INDICE Introduzione... 3 Dall educazione motoria al Minivolley 10 Unità didattiche: momenti di un percorso... 4 Metodologia...7 Elementi base del Gioco Minivolley....8 Metodologia Progressione didattica

Dettagli

EFFETTI FISIOPATOLOGICI DELLA CORRENTE ELETTRICA SUL CORPO UMANO

EFFETTI FISIOPATOLOGICI DELLA CORRENTE ELETTRICA SUL CORPO UMANO EFFETTI FISIOPATOLOGICI DELLA CORRENTE ELETTRICA SUL CORPO UMANO Appunti a cura dell Ing. Emanuela Pazzola Tutore del corso di Elettrotecnica per meccanici, chimici e biomedici A.A. 2005/2006 Facoltà d

Dettagli

Edizione 2004 PSICOPEDAGOGIA. Lo sviluppo, le funzioni organiche e la motricità Le fasi dello sviluppo Biologico Psicologico Cognitivo Socio affettivo

Edizione 2004 PSICOPEDAGOGIA. Lo sviluppo, le funzioni organiche e la motricità Le fasi dello sviluppo Biologico Psicologico Cognitivo Socio affettivo PSICOPEDAGOGIA FEDERAZIONE ITALIANA NUOTO COMITATO REGIONALE EMILIA ROMAGNA Lo sviluppo, le funzioni organiche e la motricità Le fasi dello sviluppo Biologico Psicologico Cognitivo Socio affettivo Le fasi

Dettagli

Come preparare la Maratona con Orlando- Pizzolato

Come preparare la Maratona con Orlando- Pizzolato Come preparare la Maratona con Orlando- Pizzolato Edizione 2012 Testo di Orlando Pizzolato,, due volte vincitore della maratona di new york immagini e realizzazione terramia.com INDICE: Pag. 1 - CONSIGLI

Dettagli

INFORMAZIONE AGLI ALUNNI SULLA SALUTE E SICUREZZA NEI LUOGHI DI LAVORO (art.36 del DLgs 81/08)

INFORMAZIONE AGLI ALUNNI SULLA SALUTE E SICUREZZA NEI LUOGHI DI LAVORO (art.36 del DLgs 81/08) INFORMAZIONE AGLI ALUNNI SULLA SALUTE E SICUREZZA NEI LUOGHI DI LAVORO (art.36 del DLgs 81/08) 1. DEFINIZIONI PRINCIPALI Datore di lavoro Il soggetto titolare del rapporto di lavoro con il lavoratore o,

Dettagli

Che cosa provoca una commozione cerebrale?

Che cosa provoca una commozione cerebrale? INFORMAZIONI SULLE COMMOZIONI CEREBRALI Una commozione cerebrale è un trauma cranico. Tutte le commozioni cerebrali sono serie. Le commozioni cerebrali possono verificarsi senza la perdita di conoscenza.

Dettagli

Opuscolo per i lavoratori. Il lavoro al videoterminale

Opuscolo per i lavoratori. Il lavoro al videoterminale Opuscolo per i lavoratori Il lavoro al videoterminale Edizione 2002 Collana per la Prevenzione sicurezza sul lavoro Questa pubblicazione è stata realizzata dall INAIL attraverso la rielaborazione, autorizzata,

Dettagli

Settore Ginnastica Sezione Ginnastica Ritmica

Settore Ginnastica Sezione Ginnastica Ritmica FORUM EUROPEO DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE, CULTURALI E DEL TEMPO LIBERO Settore Ginnastica Sezione Ginnastica Ritmica ANNO SPORTIVO 2012 2013 CODICE DEI PUNTEGGI LISTA DELLE DIFFICOLTÀ Sede Nazionale Via

Dettagli

Flauto Polmonare/Lung Flute

Flauto Polmonare/Lung Flute Flauto Polmonare/Lung Flute Modello per TERAPIA, DOMICILIO, IGIENE BRONCHIALE Manuale di istruzioni per il paziente: Il Flauto Polmonare è generalmente indicato per una terapia a pressione respiratoria

Dettagli

Giorni e orari A Torino: Lunedì e Venerdì dalle 9,20 alle 13,20 e dalle 16,00 alle 20,00 Mercoledì dalle 9,20 alle 13,20.

Giorni e orari A Torino: Lunedì e Venerdì dalle 9,20 alle 13,20 e dalle 16,00 alle 20,00 Mercoledì dalle 9,20 alle 13,20. Lo Studio Lo StudioFisiocenter del Dottor Marco Giudice è un team di professionisti che offre supporto e assistenza per la risoluzione di un ampia gamma di problemi fisici. Operano in ambito preventivo,

Dettagli

I SEGNALI GESTUALI GUIDA PRATICA

I SEGNALI GESTUALI GUIDA PRATICA I SEGNALI GESTUALI GUIDA PRATICA per lavoratori La formazione vincente. Il CFRM, Centro Formazione e Ricerca Macchine del Gruppo Merlo, è la prima struttura in Italia ed una delle prime in Europa specializzata

Dettagli

Consigli per muoverti bene con la persona che assisti

Consigli per muoverti bene con la persona che assisti 8. Strumenti per qualificare il lavoro di cura a domicilio Consigli per muoverti bene con la persona che assisti Assessorato alla Promozione delle politiche sociali e di quelle educative per l infanzia

Dettagli

CORSO ALLIEVO ALLENATORE

CORSO ALLIEVO ALLENATORE CORSO ALLIEVO ALLENATORE GUIDA DIDATTICA 2013 1. Introduzione La presente guida vuole essere uno strumento a disposizione del Formatore del Corso Allievo Allenatore. In particolare fornisce informazioni

Dettagli

AUTOLIVELLI (orizzontalità ottenuta in maniera automatica); LIVELLI DIGITALI (orizzontalità e lettura alla stadia ottenute in maniera automatica).

AUTOLIVELLI (orizzontalità ottenuta in maniera automatica); LIVELLI DIGITALI (orizzontalità e lettura alla stadia ottenute in maniera automatica). 3.4. I LIVELLI I livelli sono strumenti a cannocchiale orizzontale, con i quali si realizza una linea di mira orizzontale. Vengono utilizzati per misurare dislivelli con la tecnica di livellazione geometrica

Dettagli

Manuale Applicativo. Vers. database tratt.: 221 REV 01. Copyright. Copyright 01/09/2005

Manuale Applicativo. Vers. database tratt.: 221 REV 01. Copyright. Copyright 01/09/2005 Manuale Applicativo Vers. database tratt.: 221 REV 01 Copyright Copyright 01/09/2005 Lorenz Biotech S.p.A. Via Statale, 151/A 41036 MEDOLLA (MO) Tel.+39-0535-51714 Fax +39-0535-51398 e-mail: customer.service@lorenzbiotech.it

Dettagli

So.M.I.Par. Italiana di Paraplegia

So.M.I.Par. Italiana di Paraplegia CLASSIFICAZIONE NEUROLOGICA STANDARD NEI TRAUMI MIDOLLARI Maurizio D Andrea VARIETA DEL QUADRO CLINICO GRAVITA SEDE STRUTTURE concussione cervicale toracica lombare midollo cauda radici lesione incompleta

Dettagli

Under 14/12/10/ 8/ 6 REGOLAMENTO DI GIOCO CATEGORIE PROPAGANDA INDICE PREMESSA 3. TABELLA RIASSUNTIVA n. 1 5. TABELLA RIASSUNTIVA n.

Under 14/12/10/ 8/ 6 REGOLAMENTO DI GIOCO CATEGORIE PROPAGANDA INDICE PREMESSA 3. TABELLA RIASSUNTIVA n. 1 5. TABELLA RIASSUNTIVA n. INDICE pag. FEDERAZIONE ITALIANA RUGBY PREMESSA 3 REGOLAMENTO DI GIOCO CATEGORIE PROPAGANDA Under 14/12/10/ 8/ 6 TABELLA RIASSUNTIVA n. 1 5 TABELLA RIASSUNTIVA n. 2 6 REGOLAMENTO U14 8 REGOLAMENTO U12

Dettagli

Piccoli giochi con la palla

Piccoli giochi con la palla 04 2011 Tema del mese Sommario Indicazioni per la sicurezza 2 Lista di controllo 3 Raccolta di esercizi 4 Lezioni 11 Test 17 Categorie 11-15 anni Scuola media Principianti e avanzati Livello di insegnamento:

Dettagli

presenta: CUCCIOLI SPRINT (progetto di attività cognitivo-motoria per bambini dai 20 mesi ai tre anni)

presenta: CUCCIOLI SPRINT (progetto di attività cognitivo-motoria per bambini dai 20 mesi ai tre anni) presenta: CUCCIOLI SPRINT (progetto di attività cognitivo-motoria per bambini dai 20 mesi ai tre anni) Premessa: Sportivissimo a.s.d. è un associazione affiliata all ACSI e al CONI che intende promuovere

Dettagli

DELL UNO CONTRO UNO DIFENSIVO

DELL UNO CONTRO UNO DIFENSIVO M A G A Z I N E PRINCIPI BASE DELL UNO CONTRO UNO DIFENSIVO w w w. a l l f o1 o t b a l l. i t IL TUTOR MARIO BERETTA 1959 Milano, è ex calciatore e attuale allenatore professionista. Diplomato Isef e

Dettagli

LAVORO, ENERGIA E POTENZA

LAVORO, ENERGIA E POTENZA LAVORO, ENERGIA E POTENZA Nel linguaggio comune, la parola lavoro è applicata a qualsiasi forma di attività, fisica o mentale, che sia in grado di produrre un risultato. In fisica la parola lavoro ha un

Dettagli

IL BENESSERE DELLE GAMBE

IL BENESSERE DELLE GAMBE IL BENESSERE DELLE GAMBE Se la circolazione venosa non funziona come dovrebbe, il normale ritorno del sangue dalle zone periferiche del corpo al cuore risulta difficoltoso. Il flusso sanguigno infatti,

Dettagli

CORPO GIREVOLE ATTORNO AD UN ASSE E MOMENTI. TORNA ALL'INDICE

CORPO GIREVOLE ATTORNO AD UN ASSE E MOMENTI. TORNA ALL'INDICE CORPO GIREVOLE ATTORNO AD UN ASSE E MOMENTI. TORNA ALL'INDICE Consideriamo adesso un corpo esteso, formato da più punti, e che abbia un asse fisso, attorno a cui il corpo può ruotare. In questo caso l

Dettagli

1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO

1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO 1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO Sono molte le definizioni di allenamento: Definizione generale: E un processo che produce nell organismo un cambiamento di stato che può essere fisico, motorio, psicologico.

Dettagli

I LAVORI IN QUOTA. Expo Edilizia - Roma, 14 novembre 2008. I Dispositivi di Protezione Individuale. Problematiche e soluzioni

I LAVORI IN QUOTA. Expo Edilizia - Roma, 14 novembre 2008. I Dispositivi di Protezione Individuale. Problematiche e soluzioni Expo Edilizia - Roma, 14 novembre 2008 I LAVORI IN QUOTA I Dispositivi di Protezione Individuale Problematiche e soluzioni Luigi Cortis via di Fontana Candida 1, 00040 Monte Porzio Catone (Roma) telefono

Dettagli

pasquale natuzzi Presidente e stilista Gruppo Natuzzi

pasquale natuzzi Presidente e stilista Gruppo Natuzzi DOLCE FAR NIENTE IN NATUZZI SOGNIAMO UN MONDO PIÙ CONFORTEVOLE. CHIAMATELA PASSIONE, MA È IL NOSTRO IMPEGNO PER DONARVI BENESSERE. PER NOI, UNA POLTRONA NON È UN SEMPLICE OGGETTO, ESSA HA UNA PRESENZA

Dettagli

Progetto di Educazione Motoria e Sportiva nella Scuola Primaria. Classi in movimento

Progetto di Educazione Motoria e Sportiva nella Scuola Primaria. Classi in movimento Progetto di Educazione Motoria e Sportiva nella Scuola Primaria Classi in movimento Il progetto "Classi...in movimento è un progetto di Educazione Motoria e Sportiva nella Scuola Primaria" che mira a:

Dettagli

1 - PERDITE DI COSCIENZA (SVENIMENTI)

1 - PERDITE DI COSCIENZA (SVENIMENTI) Il PRIMO PRONTO SOCCORSO Chi pratica attività sportiva molte volte si trova nelle condizioni di dover prestare interventi urgenti di assistenza ad altri. Verranno fornite in maniera sintetica alcune nozioni

Dettagli

LESIONI APPARATO SCHELETRICO CRANIO TIPOLOGIA DI LESIONE FRATTURA OSSO FRONTALE O OCCIPITALE O PARIETALE O

LESIONI APPARATO SCHELETRICO CRANIO TIPOLOGIA DI LESIONE FRATTURA OSSO FRONTALE O OCCIPITALE O PARIETALE O Allegato A) LESIONI APPARATO SCHELETRICO CRANIO FRATTURA OSSO FRONTALE O OCCIPITALE O PARIETALE O 7,00% TEMPORALE O LINEE DI FRATTURA INTERESSANTI TRA LORO TALI OSSA FRATTURA SFENOIDE FRATTURA OSSO ZIGOMATICO

Dettagli

LA PROGRAMMAZIONE NEL SETTORE GIOVANILE PROGRESSIONI DIDATTICHE, SCHEDE DI ALLENAMENTO E ESERCITAZIONI SPECIFICHE

LA PROGRAMMAZIONE NEL SETTORE GIOVANILE PROGRESSIONI DIDATTICHE, SCHEDE DI ALLENAMENTO E ESERCITAZIONI SPECIFICHE LA PROGRAMMAZIONE NEL SETTORE GIOVANILE PROGRESSIONI DIDATTICHE, SCHEDE DI ALLENAMENTO E ESERCITAZIONI SPECIFICHE La programmazione nel settore giovanile P R O G R E S S I O N I D I D A T T I C H E, S

Dettagli

ALLEGATO I MODALITA DI APPLICAZIONE Ginocchio a comando elettronico C-LEG

ALLEGATO I MODALITA DI APPLICAZIONE Ginocchio a comando elettronico C-LEG ALLEGATO I MODALITA DI APPLICAZIONE Ginocchio a comando elettronico C-LEG PRESENTAZIONE AZIENDA La Ns. Azienda Ortopedia Meridionale di Zungri S. & C. S.a.S., presente sul mercato dal 1981, opera nel settore

Dettagli

ASPETTI LEGATI ALLA GESTIONE DI UNA SQUADRA DI GIOVANISSIMI

ASPETTI LEGATI ALLA GESTIONE DI UNA SQUADRA DI GIOVANISSIMI SETTORE TECNICO FIGC COVERCIANO Corso master Uefa Pro di prima categoria 2012-2013 ASPETTI LEGATI ALLA GESTIONE DI UNA SQUADRA DI GIOVANISSIMI Candidato: Mark Iuliano Relatore: Dott.ssa Maria Grazia Rubenni

Dettagli

MINI-ESCAVATORE. ViO20-4. 2230/2335 kg. Call for Yanmar solutions

MINI-ESCAVATORE. ViO20-4. 2230/2335 kg. Call for Yanmar solutions MINI-ESCAVATORE 2230/2335 kg Call for Yanmar solutions COMPATTEZZA Il è un mini-escavatore con sporgenza posteriore realmente nulla. Il contrappeso e la parte posteriore del telaio superiore della macchina

Dettagli

ALLENARSI CON LA FASCIA CARDIO

ALLENARSI CON LA FASCIA CARDIO ALLENARSI CON LA FASCIA CARDIO Come effettuare il monitoraggio dei nostri allenamenti? Spesso è difficile misurare il livello di sforzo di una particolare gara o sessione di allenamento. Come vi sentite?

Dettagli

FONDAMENTI TEORICI DEL MOTORE IN CORRENTE CONTINUA AD ECCITAZIONE INDIPENDENTE. a cura di G. SIMONELLI

FONDAMENTI TEORICI DEL MOTORE IN CORRENTE CONTINUA AD ECCITAZIONE INDIPENDENTE. a cura di G. SIMONELLI FONDAMENTI TEORICI DEL MOTORE IN CORRENTE CONTINUA AD ECCITAZIONE INDIPENDENTE a cura di G. SIMONELLI Nel motore a corrente continua si distinguono un sistema di eccitazione o sistema induttore che è fisicamente

Dettagli

SISTEMA CIRCOLATORIO. Permette, attraverso il sangue, il trasporto di O 2. , sostanze nutritizie ed ormoni ai tessuti e la rimozione di CO 2

SISTEMA CIRCOLATORIO. Permette, attraverso il sangue, il trasporto di O 2. , sostanze nutritizie ed ormoni ai tessuti e la rimozione di CO 2 SISTEMA CIRCOLATORIO Permette, attraverso il sangue, il trasporto di O 2, sostanze nutritizie ed ormoni ai tessuti e la rimozione di CO 2 e cataboliti, per mantenere costante la composizione del liquido

Dettagli

Il canale protettivo del Kundalini Yoga

Il canale protettivo del Kundalini Yoga Il canale protettivo del Kundalini Yoga PER COMINCIARE E consigliabile avere un ora ed un luogo determinati dedicati allo yoga. Tempo e spazio sono le coordinate della relatività della nostra esistenza

Dettagli

I teenagers che fanno sport hanno una pagella brillante!

I teenagers che fanno sport hanno una pagella brillante! I teenagers che fanno sport hanno una pagella brillante! I teenagers che fanno sport non solo stanno meglio in salute ma prendono anche voti migliori a scuola! Lo dimostra una ricerca svolta al dipartimento

Dettagli

16 Tronchetti - esercizi per busto. 17 Sbarre per potenziamento. 21 Tronchetti per tonificazione

16 Tronchetti - esercizi per busto. 17 Sbarre per potenziamento. 21 Tronchetti per tonificazione Riscaldamento Anello Anello Anello 1 2 3 1 25 2 24 23 22 3 4 21 20 5 6 7 18 8 9 10 15 11 12 13 14 19 17 16 Defaticamento 1 2 3 4 Piattaforme per stiramento arti inferiori Twister per tonificazione busto

Dettagli

CSI Varese Corso Allenatori di Calcio

CSI Varese Corso Allenatori di Calcio Lo sport è caratterizzato dalla RICERCA DEL CONTINUO MIGLIORAMENTO dei risultati, e per realizzare questo obiettivo è necessaria una PROGRAMMAZIONE (o piano di lavoro) che comprenda non solo l insieme

Dettagli

Capacità Cognitive - Parte I

Capacità Cognitive - Parte I In questo articolo andremo ad analizzare la relazione che intercorre tra le capacità cognitive e le capacità tattiche, trattando in modo dettagliato una possibile progressione didattica realizzabile in

Dettagli

INTERVENTI DI CHIRURGIA DEL PIEDE

INTERVENTI DI CHIRURGIA DEL PIEDE INTERVENTI DI CHIRURGIA DEL PIEDE CORREZIONE DELL ALLUCE VALGO 5 METATARSO VARO CON OSTEOTOMIA PERCUTANEA DISTALE Intervento Si ottiene eseguendo una osteotomia (taglio) del primo metatarso o del 5 metatarso

Dettagli

CAMPIONATO REGIONALE AICS 2013 TOSCANA GINNASTICA RITMICA

CAMPIONATO REGIONALE AICS 2013 TOSCANA GINNASTICA RITMICA CAMPIONATO REGIONALE AICS 2013 TOSCANA GINNASTICA RITMICA 1 CONCORSI Concorso individuale LIVELLO A Categorie: ALLIEVE: un attrezzo a scelta e Corpo libero obbligatorio JUNIOR: 2 attrezzi a scelta SENIOR:

Dettagli

Scuola Universitaria del Conservatorio della Svizzera italiana Master of Arts in Music Pedagogy. Lavoro di tesi di Kitty Tiet

Scuola Universitaria del Conservatorio della Svizzera italiana Master of Arts in Music Pedagogy. Lavoro di tesi di Kitty Tiet Scuola Universitaria del Conservatorio della Svizzera italiana Master of Arts in Music Pedagogy La tendinite agli arti superiori del pianista: prevenirla, riconoscerla, curarla. Lavoro di tesi di Kitty

Dettagli

Meteo Varese Moti verticali dell aria

Meteo Varese Moti verticali dell aria Movimento verticale dell aria Le masse d aria si spostano prevalentemente lungo direzioni orizzontali a seguito delle variazioni della pressione atmosferica. I movimenti più importanti sono però quelli

Dettagli

Campus Universitario di Savona Via Magliotto, 2 Savona 3-4 Dicembre 2011

Campus Universitario di Savona Via Magliotto, 2 Savona 3-4 Dicembre 2011 PROGRAMMA DEL CORSO: L'OCCHIO VEDE CIO' CHE L'OCCHIO CONOSCE: DAL NORMALE AL PATOLOGICO NELL'APPARATO LOCOMOTORE - APPLICAZIONE CLINICA DELLA DIAGNOSTICA PER IMMAGINI DOCENTE : Dott. Nicola Gandolfo RESPONSABILE

Dettagli

1) IL MOMENTO DI UNA FORZA

1) IL MOMENTO DI UNA FORZA 1) IL MOMENTO DI UNA FORZA Nell ambito dello studio dei sistemi di forze, diamo una definizione di momento: il momento è un ente statico che provoca la rotazione dei corpi. Le forze producono momenti se

Dettagli

programmazione didattica modulo 1 OBIETTIVI PRINCIPALI DEL MESE: FATTORE TECNICO-COORDINATIVO: passaggio/ricezione colpire la palla al volo

programmazione didattica modulo 1 OBIETTIVI PRINCIPALI DEL MESE: FATTORE TECNICO-COORDINATIVO: passaggio/ricezione colpire la palla al volo Schede operative categoria Esordienti CATEGORIA ESORDIENTI società: istruttore: stagione sportiva: RICORDATI CHE In questo mese inizia l attività didattica programmata dopo che nel periodo precedente si

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO G. LEOPARDI A.S. 2010-2011 FENOMENI MAGNETICI FONDAMENTALI

LICEO SCIENTIFICO G. LEOPARDI A.S. 2010-2011 FENOMENI MAGNETICI FONDAMENTALI LICEO SCIENTIFICO G. LEOPARDI A.S. 2010-2011 FENOMENI MAGNETICI FONDAMENTALI Prof. Euro Sampaolesi IL CAMPO MAGNETICO TERRESTRE Le linee del magnete-terra escono dal Polo geomagnetico Nord ed entrano nel

Dettagli

L=F x s lavoro motore massimo

L=F x s lavoro motore massimo 1 IL LAVORO Nel linguaggio scientifico la parola lavoro indica una grandezza fisica ben determinata. Un uomo che sposta un libro da uno scaffale basso ad uno più alto è un fenomeno in cui c è una forza

Dettagli

IL METODO OCRA Per la valutazione dei rischi da movimenti ripetitivi per gli arti superiori

IL METODO OCRA Per la valutazione dei rischi da movimenti ripetitivi per gli arti superiori 2008 IL METODO OCRA Per la valutazione dei rischi da movimenti ripetitivi per gli arti superiori Manuale teorico pratico professionale sul più diffuso metodo di analisi per la valutazione del rischio CTD

Dettagli

INTERVENTO DI ARTROPROTESI D ANCA

INTERVENTO DI ARTROPROTESI D ANCA INTERVENTO DI ARTROPROTESI D ANCA Particolare dell incisione chirurgica Componenti di protesi d anca 2 Immagine di atrosi dell anca Sostituzione mediante artroprotesi La protesizzazione dell anca (PTA)

Dettagli

F S V F? Soluzione. Durante la spinta, F S =ma (I legge di Newton) con m=40 Kg.

F S V F? Soluzione. Durante la spinta, F S =ma (I legge di Newton) con m=40 Kg. Spingete per 4 secondi una slitta dove si trova seduta la vostra sorellina. Il peso di slitta+sorella è di 40 kg. La spinta che applicate F S è in modulo pari a 60 Newton. La slitta inizialmente è ferma,

Dettagli

Carichi unitari. Dimensionamento delle sezioni e verifica di massima. Dimensionamento travi a spessore. Altri carichi unitari. Esempio.

Carichi unitari. Dimensionamento delle sezioni e verifica di massima. Dimensionamento travi a spessore. Altri carichi unitari. Esempio. Carichi unitari delle sezioni e verifica di massima Una volta definito lo spessore, si possono calcolare i carichi unitari (k/m ) Solaio del piano tipo Solaio di copertura Solaio torrino scala Sbalzo piano

Dettagli

Schede tecniche per lavoro su funi

Schede tecniche per lavoro su funi Schede tecniche per lavoro su funi Tecniche e materiali per i lavori in quota nell attività di soccorso, quadro didattico ANVVFC,, Presidenza Nazionale, marzo 2008 pag 1 Scheda : 0 PRINCIPI GENERALI: lavori

Dettagli