UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PAVIA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PAVIA"

Transcript

1 UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PAVIA CORSO DI LAUREA IN SCIENZE MOTORIE Educazione motoria preventiva ed adattata DISPENSA PER IL CORSO: GINNASTICA DI BASE COORDINAZIONE ESERCIZI A CORPO LIBERO STRETCHING A cura di: Gianola Elena

2 INDICE 1. Contrazioni muscolari 2. Esercizi a corpo libero 3. Coordinazione 4. Muscolatura addominale - Principali muscoli - Esercizi di potenziamento 5. Muscolatura del dorso - Principali muscoli - Esercizi di potenziamento 6. Muscolatura delle gambe - Principali muscoli - Esercizi di potenziamento 7. Muscolatura delle braccia - Principali muscoli - Esercizi di potenziamento 8. Stretching

3 CONTRAZIONI MUSCOLARI La contrazione muscolare è quel processo attivo mediante cui si genera una forza all interno del muscolo. Per parlare di contrazioni muscolari è necessario definire il concetto di Carico e di Tensione muscolare. Si definisce carico la forza esercitata dal peso di un oggetto, ad esempio un manubrio, su un muscolo; mentre si definisce tensione muscolare la forza esercitata sull'oggetto in questione dal muscolo che si contrae. Tensione muscolare e carico sono quindi forze opposte, che come tali si contrappongono l'un l'altra. Per vincere un carico, la tensione muscolare dev'essere superiore alla forza (peso) che esso esercita. I principali tipi di contrazioni sono: CONTRAZIONI DINAMICHE e CONTRAZIONI STATICHE CONTRAZIONI DINAMICHE: CONTRAZIONE CONCENTRICA o POSITIVA quando il muscolo si accorcia sviluppando tensione (ad es. sollevando un peso) CONTRAZIONE ECCENTRICA o NEGATIVA quando il muscolo si allunga sviluppando tensione (ad esempio riabbassando lentamente lo stesso peso) Contrazione isotonica La contrazione comunemente chiamata ISOTONICA si ha quando un muscolo si accorcia spostando un carico che rimane costante. In realtà in vivo non esistono contrazioni isotoniche, in quanto la tensione sviluppata varia al variare della leva. Ci si avvicina alla contrazione isotonica eseguendo gli esercizi con l utilizzo di attrezzature dotate di camme. Contrazione isocinetica La contrazione ISOCINETICA si ha quando il muscolo sviluppa uno sforzo, accorciandosi a velocità costante per tutta l'ampiezza del movimento (tensione variabile); si ottiene solo con particolari macchine, definite isocinetiche. Contrazione auxotonica La contrazione AUXOTONICA aumenta progressivamente con l accorciamento muscolare (es. elastici). Contrazione pliometrica La contrazione PLIOMETRICA è una contrazione concentrica esplosiva, immediatamente preceduta da contrazione eccentrica; in tal modo si sfrutta l energia accumulatasi nelle strutture elastiche del muscolo nella precedente fase eccentri ca.

4 Le contrazioni statiche sono quelle isometriche (che avvengono a lunghezza muscolare costante) e si ottengono quando l'accorciamento del muscolo è impedito da un carico uguale alla tensione muscolare, oppure quando un carico viene sostenuto in una posizione fissa dalla tensi one del muscolo. La tensione sviluppata è pari alla resistenza applicata, il muscolo non modifica la propria lunghezza e la distanza tra le inserzioni muscolari rimane invariata. Le contrazioni statiche possono esser e MASSIMALI, quando si ha una tensione applicata con carico inamovibile, oppure di STAZIONAMENTO, quando si ha movimento interrotto volontariamente. TABELLA RIASSUNTIVA CONTRAZIONI STATICHE o ISOMETRICHE Il muscolo sviluppa tensione ma non modifica la propria lunghezza e non produce lavoro. CONTRAZIONI MASSIMALI Tensione applicata con carico inamovibile. CONTRAZIONI DI STAZIONAMENTO Movimento interrotto volontariamente. La tensione sviluppata è pari alla resistenza applicata, il muscolo non modifica la propria lunghezza e la distanza tra le inserzioni muscolari rimane invariata. CONTRAZIONI DINAMICHE Il muscolo sviluppa tensione e modifica la propria lunghezza producendo lavoro. La distanza tra le inserzioni varia durante la contrazione. CONTRAZIONI CONCENT RICHE (POSITIVE) La tensione sviluppata è tale da consentire il superamento della r esistenza applicata. Il muscolo si accorcia comportando l avvicinamento delle inserzioni. CONTRAZIONI ECCENTRICHE (NEGATIVE) La tensione sviluppata è inferiore alla resistenza applicata ed il muscolo si allunga, comportando l allontanamento delle inserzioni. CONTRAZIONI ISOTONICHE Il muscolo si accorcia sviluppando una tensione che ri mane costante per l intera durata del periodo di accorciamento. In realtà in vivo non esistono contrazioni isotoniche, in quanto la tensione sviluppata varia al variare della leva. Ci si avvicina alla contrazione isotonica eseguendo gli esercizi con l utilizzo di attrezzature dotate di camme. CONTRAZIONI ISOCINETICHE Il muscolo sviluppa uno sforzo, accorciandosi a velocità costante per tutta l'ampiezza del movimento (tensione variabile); si ottiene solo con particolari macchine, definite isocinetiche. CONTRAZIONI AUXOTONICHE La tensione sviluppata aumenta pr ogressivamente con l accorciamento muscolare (es. elastici). CONTRAZIONI PLIOMET RICHE Si tratta di contrazioni concentriche esplosive immediatamente precedute da contrazioni eccentriche; in tal modo si sfrutta l energia accumulatasi nelle strutture elastiche del muscolo nella precedente fase eccentrica.

5 ESERCIZI A CORPO LIBERO Le diverse tipologie di contrazione muscolare prese in considerazione sono la base degli esercizi a corpo libero, ovvero esercizi di potenziamento a carico naturale (senza sovraccarichi). Sono gli esercizi più utilizzati nella ginnastica dolce ed hanno la caratteristica di essere adatti (con i dovuti accorgimenti) a tutti i soggetti che si accostano all attività fisica. Sono molto utili per mantenere il tono dei muscoli posturali ed evitare dolori alla schiena o al collo; inoltre lavorando sul numero di serie e di ripetizioni si può ottenere un incremento della forza muscolare. Questi esercizi sono indicati per soggetti poco allenati, anziani, atleti in fase di recupero da infortuni, soggetti sovrappeso e obesi; prima di proporre un esercizio a corpo libero, bisognerà sceglierlo con attenzione e adottare specifici accorgimenti. Se, infatti, l esercizio non è adatto o non viene svolto correttamente, non solo il soggetto non otterrà alcun beneficio, ma vi è il rischio di peggiorare la condizione atletica e causare dolori. Il lavoro a carico naturale proposto ad atleti o giovani ben allenati, dovrà essere invece reso più efficace aumentando molto il numero di ripetizioni, sfruttando dove possibile il lavoro contro-gravità, ed utilizzando un maggior grado di escursione del movimento (sempre senza dover ricorrere a sovraccarichi- es:manubri o cavigliere). ESEMPIO Piegamenti sulle braccia SITUAZIONE FACILITANTE 1: Ginocchia in appoggio a terra SITUAZIONE FACILITANTE 2: Braccia in appoggio su un rialzo SITUAZIONE FACILITANTE 3: Braccia in appoggio al muro SITUAZIONE MAGGIORMENTE IMPEGNATIVA 1: Terminata la distensione della braccia staccare entrambe le mani da terra e batterle una volta SITUAZIONE MAGGIORMENTE IMPEGNATIVA 2: Appoggio esclusivamente sulle dita SITUAZIONE MAGGIORMENTE IMPEGNATIVA 3: Piedi in appoggio su un rialzo

6 COORDINAZIONE La coordinazione motoria è la capacità che permette di eseguire un movimento nella maniera più efficace. Le capacità coordinative si distinguono in 2 gruppi: Le capacità coordinative generali Le capacità coordinative specifiche Le prime sono costituite dalla capacità di apprendere un nuovo movimento, dalla capacità di controllare e regolare il movimento e dalla capacità di saper adattare e trasformare i movimenti che si sono appresi in base alle necessità. Le capacità coordinative generali sono alla base delle capacità coordinative specifiche: Capacità di accoppiamento e combinazione dei movimenti: Permette di collegare tra loro delle abilità motorie già acquisite. Capacità di coordinazione oculo-muscolare: Capacità del cervello di riuscire a compiere un movimento regolato da fattori esterni Capacità di differenziazione: Capacità di saper differenziare gli stimoli quando avvengono dei cambiamenti. Capacità di equilibrio: Capacità di mantenere il corpo in una data posi zione. Non esiste movimento in cui non sia coinvolto l'equilibrio che può essere statico o Dinamico: Statico quando il corpo è fermo,dinamico quando il corpo è in movimento Capacità di orientamento: Capacità di muovere il corpo nello spazio e nel tempo. Capacità di ritmo: Capacità che permette di organizzare i movimenti in maniera che l'azione risulti il più fluida ed armoniosa possibile, ciò è dato da un cor retto dosaggio di tempi ed intensità a ciascun movimento. In questa capaci tà rientra il tempismo esecutivo che è l'abilità di fare le cose nel momento adatto e nell o spazio giusto. Capacità di reazione: Capacità di rispondere agli stimoli con l'azione motoria più rapida e meglio adeguata alle circostanze. Si differenzia in semplice e complessa. È semplice quando gli stimoli sono previsti e conosciuti È complessa quando gli stimoli sono sconosci uti ed imprevedibili Capacità di trasformazione: Capacità di cambiare un'azione prefissata, ciò capita spesso negli sport come il calcio, in cui il difensore, ad una finta dell'attaccante, deve elaborare un altro piano di azione per giungere al suo scopo

7 MUSCOLATURA ADDOMINALE PRINCPALI MUSCOLI: Retto addominale: Inserzioni: processo xifoideo sterno- sinfisi pubica Dotato di tre inserzioni tendinee. Contr aendosi provoca l avvicinamento dei punti di inserzione muscolare (Crunch e crunch inverso) Obliquo interno (dx e sx) Obliquo esterno (dx e sx) Quando lavorano sinergicamente i muscoli omolaterali si ha la flessione laterale del busto; Quando lavorano i muscoli controlaterali si ha la torsione del busto Trasverso: Muscolo importantissimo responsabile della retroversione del bacino, movimento che permette di evitare l eccessiva accentuazione della lordosi lombare (iperlordosi lombare) che può provocare forti dolori e, nel tempo, ernie discali e sciatalgia. ESERCIZI A CORPO LIBERO PER IL POTENZIAMENTO DELLA MUSCOLATURA ADDO MINALE: Quando si pensa di lavorare sulla muscolatura addominale in realtà, si sollecitano e si rafforzano altri muscoli, in particolare i flessori dell anca. L eccessivo intervento dei flessori dell anca può provocare squilibri muscolari e squilibrio della statica del bacino e della colonna vertebrale. Per localizzare il lavoro sui muscoli addominali occorre eliminare, per quanto possi bile, l intervento dei muscoli flessori dell anca (in modo particolare lo psoas iliaco). Questo è possibile mantenendo flesse le cosce sul baci no. Angolo di flessione dell anca nella quale i muscoli addominali producono il lavoro più importante. A esecuzione corretta con localizzazione dell impegno sui muscoli addominali (i glutei e la regione lombare rimangono a terra) B Il raddrizzamento del busto grazie all intervento dei muscoli flessori dell anca.

8 1. La distensione delle cosce può provocare antiversione del bacino ed eventualmente, l accentuazione della curva lombare (iperlordosi) 2. Il mantenimento delle cosce flesse sul bacino attenua la tensione del muscolo psoas illiaco. Allenamento flessori dell anca e addominali. Posizione corretta (a) e sbagliata (b) Da supini, flessione bacino sul torace. Intervengono principalmente i muscoli flessori del tronco. Sollevare il bacino al massimo in modo da avvi cinare al massimo le ginocchia al petto. Mantener e le cosce sempre flesse. A A (2) (2) B B (2) Varianti con l aiuto di un compagno. Il limite dell esercizio B è determinato dalla capacità di mantenere la posizione corretta: schiena sempre appoggiata a terra in retroversione. A. Sollevare al massimo il bacino dalla panca in modo da portare le ginocchia vicino al petto. Mantenere sempre le gambe flesse. B. Come prima, eseguire il movimento in modo che l escursione della coscia non scenda mai oltre l orizzontale. La flessione delle ginocchia, più o meno accentuata, permette di dosare il carico.

9 Da supini, flessione del tronco sul bacino Flessione del busto mantenendo sempr e i glutei e la regione lombare aderente al terr eno. La diversa posizione delle braccia permette di dosar e il carico. A (2) B (2) A (2) B (2) A. Flessione del busto con le ginocchia e i piedi a terra. B. Come prima con le gambe su di una panca. Muscoli principali: flessori del tronco (retto addominale) Flessione e torsione del busto. (retto addominale, obliqui addome) Come prima con le ginocchia ed i piedi appoggiati su di una parete. A (2) B (2) Come prima su panca inclinata. A (2) B (2) A (2) B (2) A. Flessione compl eta contemporanea del busto e delle gambe. B. Flessione del busto con massimo avvicinamento del tronco alle gambe. Muscoli principali: retto addominale, ileo psoas, retto femorale. A. Movimenti della pedalata. B. Flettere e distendere le gambe passando sopr a e sotto una funicella. A (4) B (4)

10 Torsione del tronco La diversa posizione delle braccia o dell e gambe permette di dosare il carico. A (2) B (2) A. Mantenere sempre il bacino bloccato sul piano frontale attraverso la divaricazione delle gambe o mettendosi in posizione seduta con i piedi bloccati. Impegno preval ente: grandi obliqui B. Oscillare le gambe lateralmente con il dorso al suolo. Impegno prevalente: adduttori, tensore fascia lata, grande obliquo, muscolatura dorsale, muscolatura posteriore della spalla. Bibliografia 1. J. Weineck L allenamento ottimale Calzetti e Mariucci Perugia, S. Berardo Preparazione atletica a carico naturale FILPJK Roma, A.A. L allenamento della forza, teoria e pratica. Masson Parigi, 1991 ULTERIORI INFORMAZIONI E PRINCIPALI ACCORGIMENT I: 1. Non esistono addominali bassi o alti!!! Il muscolo retto dell addome quando si contrae provoca l accorciamento di tutte le sue fibre!!! 2. Fare sempre attenzione all azione del muscolo ILEOPSOAS ( che si oppone a quella del trasverso provocando antiversione del bacino e accentuazione della curva lombare) durante l esercizio del crunch ad esempio per isolare l azione del retto addominale basta soll evare le spalle da terra di circa 30, oltre lavora l ileopsoas. Inoltre, per evitare tensioni nella zona lombare durante l esercizio piegare le gambe o tenerl e in appoggio su un rialzo affinché l ileopsoas non sia in allungamento o in tensione. 3. Per chi soffre di dolore cervicale è preferibile proporre l esercizio del crunch inverso poiché non si crea tensione a livello del collo. 4. Per soggetti francamente sovr appeso o obesi sono sconsigliati gli esercizi a terra, si procede piuttosto da sedut i con delle flessioni e torsioni laterali del tronco. Inoltre si può sollecitare l azione del muscolo trasverso con degli esercizi di respirazione diaframmatica. 5. Ricordarsi sempre la respirazione regolare durante l esercizio, importantissima per non creare pericolose situazioni di compressione all interno della parete addominale. Inspirare in fase eccentrica, espirare in fase concentri ca (es. nel crunch butto fuori l aria mentre sollevo le spalle, inspiro mentre riporto le spalle a terra. 6. Mantenere un adeguato t ono nei muscoli addominali è molto importante per avere una buona postur a ed evitare l insorgenza di dolore alla schiena.

11 MUSCOLATURA DORSALE PRINCIPALI MU SCOLI: Muscolatura propria del dorso: Lunghissimo del dorso (diviso in tre parti: del torace, del collo, della testa) Si estende dal sacro al processo mastoideo- Estensore della colonna Muscoli intertrasversari- interspinali- spinotrasversari (esistono molti altri muscoli propri del dorso- vedi anatomia) Muscoli del dorso con inserzione sull omero: Trapezio (diviso in tre parti: Discendente, Trasversa, Ascendente) Grande dorsale (muscolo più vasto) Grande rotondo (dal margine inferiore della scapola all a testa dell omero) Piccolo e grande romboide (stabilizzatori della scapola) ESERCIZI A CORPO LIBERO PER IL POTENZIAMENTO DELLA MUSCOLATURA DEL D ORSO: Esercizi estensori del dorso Il perno operativo sul quale ruotano i movimenti deve essere localizzato sulla zona lombare. Il bacino e le cosce devono ri sultare sempre sulla stessa linea (2). Attenzione: l estensione del tronco e/o della colonna vertebrale non deve produrre una iperestensione e conseguente iperlordosi. Escursione corretta per localizzare il lavoro sugli estensori del tronco. Coscia e bacino rimangono sempre allineati (2). Esempi di lievissima iperestenzione del dorso. Il mento è retratto, il palmo rivolto verso terra.

12 A A A A C B B B A. Flessione del busto in avanti con successiva iperestensione. B. Estensione del braccio e della gamba liberi. Muscoli coinvolti: spinali, glutei, trapezio, deltoide. Sollevamenti del bacino da seduti a terra (muscoli estensori del tronco e delle cosce sul bacino) A. Sollevare il bacino fino all allineamento con le cosce. B. Il sollevamento di un solo arto aumenta l impegno muscolare. A. Estensione del busto da ginocchia flesse B. In appoggio su una panca, flessione del busto da decubito laterale Flesso estensione del busto da prono su plinto A. Flesso estensione del tronco B. Flesso estensione delle gambe C. Flesso estensione del busto con torsione finale Muscoli principali: estensori del tronco. Flessione del busto da decubito laterale su plinto.

13 Esercizi isometrici per la stabilizzazione di tutto il corpo g c e a f b h d a. Appoggio su avambracci e piedi b. Come prima sollevando una gamba c. Appoggio laterale su avambraccio d. Come prima, sollevando una gamba e. Appoggio su avambracci e talloni f. Sollevare il bacino a gambe piegate g. Come prima con un solo arto h. Come prima, sollevando alternativamente una gamba In a. e b., tenere la nuca in estensione (la testa rappresenta l estensione della c. v.) In c. e d. tenere il dorso dritto In e. f. g. h. vi è anche un potenziamento dei muscoli ischio crurali. Tenere sempre il corpo teso (1). Bibliografia 4. J. Weineck L allenamento ottimale Calzetti e Mariucci Perugia, S. Berardo Preparazione atletica a carico naturale FILPJK Roma, A.A. L allenamento della forza, teoria e pratica. Masson Parigi, F. Thiemel Programmi di lavoro per il condizionamento nelle scuole e nell e società sportive Società Stampa Spor tiva Roma, 1975

14 ULTERIORI INFORMAZIONI E PRINCIPALI ACCORGIMENT I: 1. E molto importante porre attenzione alla corretta postura durante questi esercizi poiché vi è una notevole sollecitazione della colonna a livello lombare con accentuazione della lordosi. La posizione corretta per l esercizio è la seguente: supini, gambe distese rilassate, braccia lungo i fianchi con il palmo della mano rivolto verso terra, sguardo verso il basso (collo in linea con la colonna); da questa posizione si procede con il lento sollevamento dell e spalle, con movimenti controllati e mantenendo sempr e lo sguardo a terra. 2. Gli esercizi in posizione di quadrupedia con allungamento alternato di braccio destro e gamba sinistra comportano un notevol e impegno a livello di equilibrio ed è quindi da proporre a soggetti che non hanno defi cit di equilibrio o scarso controllo dei segmenti corporei. 3. Gli esercizi presentati non sono adatti a soggetti obesi o sovrappeso, in questi casi è consigliabile procedere con esercizi in stazione eretta o da seduti, abbinando anche il movimento delle braccia, ad esempio Good morning, Fly, o Rematore. GOOD MORNING REMATORE 4. Proporre gli esercizi più complessi tra quelli presentati soltanto ad atleti o a soggetti che si allenano regolarmente 5. Non dimenticare mai la respirazione regolare durante l esercizio.

15 MUSCOLATURA DELLE GAMBE PRINCIPALI MU SCOLI Muscoli della coscia: Quadricipite femorale (Retto femorale, Vasto mediale, Vasto intermedio, Vasto laterale) I quattro muscol i si riuniscono in un unico tendine che si inserisce sulla patella (rotula) E il principale muscolo estensore della gamba sull a coscia. Sartorio (Dalla spina iliaca anteriore superiore alla zampa d oca - si inserisce sulla tuberosità tibiale) Adduttori (Lungo, Breve, Grande, Minimo) Bicipite femorale (Semitendinoso, Semi membranoso) Si inserisce sulla testa della fibula (o perone), è il principale muscolo flessore della gamba sulla coscia. Muscoli della gamba: Tibiale anteriore: Permette la flessione dorsale del piede Estensore lungo delle dita Gastrocnemio (polpaccio o gemelli): permette la flessione plantare del piede (Es: salire sulle punte dei piedi) Flessore lungo delle dita Altri muscoli: Soleo, plantare, tibiale posteriore GLUTEI (Grande, Medio e Piccolo): Estensori della coscia sul bacino Grande gluteo: Estende la coscia sul bacino, la adduce e la ruota esternamente Medio gluteo: Abduce e ruota esternamente la cosci a (fasci posteriori) Piccolo gluteo: Abduce e ruota la coscia internamentre (fasci anteriori) ed esternamente (fasci posteriori)

16 ESERCIZI PER IL POTENZIAMENTO DELLA MUSCOLATURA DELLE GAMBE Esercizi per i muscoli dei piedi e delle gambe Muscoli principali: muscoli flessori plantari dei piedi Andature A. Andatura a passo veloce B. Andatura sugli avampiedi A B A B C Andature A. Andatura con rullata del piede B. Con rullata del piede con atteggiamento breve dell arto contro laterale C. Come prima con saltello Contatto in successione tallone avampiede, massima flessione ed estensione. Ginocchio esteso, muscoli arti inferiori rilassati, non aiutarsi con le braccia. Andatura rimbalzata Avanzare prendendo contatto con gli avampiede, spingendo verso l alto dopo breve mol leggio. Il piede che spinge tocca a terra ed ammortizza la caduta. A B Estensione del piede da stazione eretta A. A piedi pari B. Su un solo piede Massima estensione sulla punta dei piedi mantenendo le ginocchia estese senza aiuto degli arti superiori. Uno spessore è posto sotto le punte per permettere una maggiore escursione articolare. Salto in basso con rimbalzo Saltare da un rialzo e arrivare a terra con le ginocchia estese ma non rigide. Toccato il suolo, rapidamente rimbalzare verso l alto o verso l avanti. Altezza rialzo variabile in relazione all e capacità reattive dell allievo. Per i meno evoluti è consigliabile il rimbalzo verso l avanti.

17 Muscoli delle cosce e delle anche Muscoli principali: quadricipite femorale, glutei, tricipite surale, Andature da semiaccosciata A. Traslocare con tronco eretto, con le cosce par allele al suolo cercando di mantenere il bacino sempre alla stessa altezza A B B. Avanzare estendendo al massimo un arto aprendo tutte le articolazioni dell arto inferiore in modo da raggiungere una posizione il più profonda possibile Piegamento sulle gambe A. In appoggio al muro, piegamento ed estensi one delle ginocchia (maggior piegamento, maggior sforzo) A B B. Dalla stazione eretta, piegamento ed estensi one sulle gambe A B Piegate A. Busto eretto, piegata profonda in avanti tenendo il ginocchio posteriore in leggera flessione, tornare nella posizione di partenza. B. Come prima con piegata frontale Piegate Come prima con balzo finale Contropiegata Busto eretto, contropiegata profonda sul piano frontale (gamba protesa fuori). Contropiegata Dalla stazione eretta contropiegata sul piano sagittale (gamba protesa dietro) con balzo finale

18 Contropiegata Dalla stazione eretta contropiegata sul piano sagittale (gamba protesa avanti) con balzo finale. Salita e discesa su di un rialzo o un gradino A. A gambe alternate B. Con la stessa gamba A B A B C Saltelli A. Saltelli a piedi pari B. Saltelli su di un piede C. Saltelli a piedi pari o su di un piede superando piccoli ostacoli. Spingere verso l alto con la massima estensione dei piedi mantenendo le ginocchia estese. Ginocchia estese, muscolatura degli arti inferiori non rigida. Saltelli A. Saltelli laterali superando una fune B. Saltelli con la funicella Balzi sui gradoni A. Ad appoggi successivi alternati B. A piedi pari C. Con un piede solo L altezza del gradone deve per mettere una continuità nel ritmo esecutivo, l atterraggio non deve esser e pesante. A B C Balzi tra gli ostacoli A. A piedi pari B. Con ostacoli di altezze diverse C. Con un piede solo L altezza dell ostacolo e la loro distanza devono per mettere una continuità nel ritmo esecutivo, l atterraggio non deve esser e pesante. Balzi successivi a piedi pari Da massima accosciata, saltare estendendo al massimo tutte le articolazioni degli arti inferiori

19 ULTERIORI INFORMAZIONI E PRINCIPALI ACCORGIMENT I: 1. Alcuni degli esercizi presentati prevedono una notevole capacità di equilibrio e di controllo del proprio corpo (es andature) e vanno evitati se chi si allena non ha ben consolidato queste abili tà. 2. Gli esercizi e le andature che prevedono una situazione di massima accosciata vanno svolti con attenzione perché tendono a sollecitare eccessivamente le strutture articolari del ginocchio. In particolare vanno evitati con soggetti anziani o adulti poco allenati, con i bambini, e con chi ha avuto problemi all articolazione del ginocchio (lassità di legamenti, problemi di cartilagine ) 3. Come per addominali e dorsali si ricorda che non tutti questi esercizi possono essere proposti a soggetti in condizioni di sovrappeso (nei quali l articolazione del ginocchio è sempre sollecitata in modo particolare a causa del peso che grava su di essa). Si possono proporre diversi esercizi da svolgere stando in stazione eretta (con appoggio), oppure a terra. Alcuni esempi:

20 MUSCOLATURA DELLE BRACCIA PRINCIPALI MU SCOLI Braccio: Bicipite e Brachiale: Flessori dell avambraccio sul braccio Tricipite e Anconeo: Estensori dell avambraccio sul braccio Avambraccio: Flessori: Flessore radiale del carpo Flessore ulnare del carpo Flessore lungo delle dita Muscolo Pronatore Estensori: Estensore ulnare del carpo Estensore delle dita Muscolo Supinatore ESERCIZI PER IL POTENZIAMENTO DELLA MUSOCLATURA DELLE BRACCIA Piegamenti sulle braccia Gruppi muscolari interessati sono, soprattutto, i Pettorali (Grande e Piccolo), il Deltoide e il Tricipiti brachiale. Sono sollecitati in maniera diversa a seconda dei seguenti fattori: il peso del soggetto la quantità di peso che grava sulle braccia la distanza tra le mani la linea che unisce le mani che può essere alta (quando passa all'altezza del collo), (intermedia quando passa all altezza delle spalle) o bassa (quando passa all'altezza della cintura). Naturalmente esistono tutte le possibili posizioni intermedie. la rotazione delle mani: le dita puntano in avanti, in fuori, in dentro. Più la linea di spinta è bassa, maggiore è l intervento della parte superiore dei pettorali. Man mano che la linea di spinta sale il lavoro tende a concentrarsi sulla parte intermedia e bassa dei pettorali. Si consiglia di non inarcare la schiena durante l esecuzione e di allineare per bene i gomiti con le spalle. Cercare di eseguire sempre l esercizio alla massima escursione articolare dei gomiti.

21 Più le mani sono lontane tra di loro, maggiore è l intervento dei pettorali. Una distanza ridotta tra le mani tende a concentrare maggiormente il lavoro sulle braccia. A In appoggio sulle braccia tese, faccia rivolta a terra, asse tra gomito-spalla e polso, mani al passo delle spalle (o più larghe), piedi uniti o leggermente divaricati. Flettere le braccia per avvicinare il torace a terra e successivamente estendere completamente le braccia. L appoggio delle ginocchia (A) o l esecuzione dell esercizio in stazione eretta (B), rende l esercizio più semplice, in quanto viene ridotto il peso corporeo che grava sulle braccia. Il sollevamento delle gambe fa aumentare la difficoltà dell esecuzione e favorisce la sollecitazione del quadrante superiore del grande pettorale. B Le mani in appoggio su due panche permettono di allungare maggiormente le fibre muscolare sfruttando un raggio più ampio di esecuzione. L esercizio può anche essere eseguito in maniera dinamica spingendo e poi staccando le mani dal terreno.

22 ULTERIORI INFORMAZIONI E PRINCIPALI ACCORGIMENT I: 1. I piegamenti sulle braccia permettono di svolgere un lavoro muscolare molto inteso a carico degli arti superiori senza dover ricorrere all utilizzo di manubri o macchine isotoniche. 2. Prestare molta attenzione a non inarcare la schiena durante l esecuzione del movimento per evitare un eccessiva sollecitazione della colonna. 3. Per soggetti allenati si può proporre l esercizio con appoggio delle mani unicamente sulle dita (o solo su tre dita) 4. Per impegnare maggiormente il muscolo tricipite lo stesso esercizio si può fare con le mani molto vicine o sovrapposte. Si può inoltre utilizzare una tipologia di esercizio differente, ad esempio, in posizione quadrupedica inversa, effettuare dei piegamenti sulle braccia con l appoggio delle mani su di un rialzo (ad esempio un panca). 5. Se l esercizio risulta troppo impegnativo o non viene svolto correttamente si può semplificare la situazione lavorando con le mani in appoggio su un rialzo o in stazione eretta contro il muro 6. Atleti e soggetti allenati possono compl etare l allenamento con l e trazioni alla sbarra.

23 STRETCHING La parola "stretching" è un termine che proviene dall'inglese "to stretch" che in italiano significa allungare. È una metodica che consiste nell'allungamento muscolare e nella mobilizzazione delle articolazioni attraverso l'esecuzione di esercizi di stiramento, semplici o complessi, allo scopo di mantenere il corpo in un buono stat o di forma. Lo stretching è arrivato in Europa e in Italia, sulla scia della ginnastica aerobica e della cultura del tempo libero e della cura del corpo, giunte come sempr e dagli Stati Uniti. Le origini dello stretching sono varie; quello più conosciuto è quello codificato da Bob Anderson. Gli esercizi di stretching sollecitano, oltre alle fibre muscolari, il tessuto connettivo (tendini, fasce ecc.) presente nella struttura contrattile. Il tessuto connettivo è estensibile (può essere allungato), ma se non viene regolarmente sollecitato con l'esercizio fisico, in breve tempo perde questa car atteristica essenziale. Parlando di stretching è anche d'obbligo parlare della mobilità articolare ovvero la capacità di compiere movimenti ampi ed al massimo della estensione fisiologica consentita dalle articolazioni. Questa capacità è condizionata: - dalla struttura ossea dell'articolazione; - dalle sue componenti anatomiche e funzionali (grado di estensibilità dei legamenti, tendini e muscoli); - dalla temperatura dell'ambiente; - dal livello di riscaldamento del corpo. È importante ricordare che le fibre muscolari si adattano rapidamente a qualsiasi situazione. Lo stretching può por tare alcuni importanti benefici sia livello muscolare che articolare: - Aumenta la flessibilità e l'elasticità dei muscoli e dei tendini. - Migliora la capacità di movimento. - È un'ottima forma di preparazione alla contrazione muscolare. - Può prevenire traumi muscolari ed articolari. - Mantiene "giovani" le articolazioni, rallentando la calcificazione del tessuto connettivo. TIPI DI STRETCHING Stretching balistico Metodo del contromovimento: Consiste nel far precedere l esercizio di mobilitazione da un contromovimento, in modo che l inerzia della regione corporea messa in movimento riduca la resistenza del tessuto connettivo. Questo sistema, può evocare un forte riflesso miotatico e lasciare il muscolo più accorciato di quanto non fosse prima di iniziare l esercizio; inoltre incrementa la possibilità di lesioni muscolari perchè il rapido rimbalzo non concede il tempo sufficiente affinché possa veri ficarsi il riflesso inverso da stiramento ed il muscolo possa rilassarsi. Stretching dinamico Questo sistema è consigliato in programmi sportivi in cui sono previsti movimenti ad elevata velocità, poiché agisce sull'elasticità di muscoli e tendini. La tecnica consiste nello slanciare in modo controllato le gambe o le braccia, in una determinata direzione, senza molleggiare, rimbalzare o dondolare.

ESERCIZI PER IL MIGLIORAMENTO DELLA MOBILITÀ ARTICOLARE E PER L ALLUNGAMENTO MUSCOLARE

ESERCIZI PER IL MIGLIORAMENTO DELLA MOBILITÀ ARTICOLARE E PER L ALLUNGAMENTO MUSCOLARE ESERCIZI PER IL MIGLIORAMENTO DELLA MOBILITÀ ARTICOLARE E PER L ALLUNGAMENTO MUSCOLARE ARTICOLAZIONI DELLA CAVIGLIA Flessioni del piede da stazione eretta con la punta su un rialzo o contro una parete

Dettagli

Ginnastica preparatoria

Ginnastica preparatoria Ginnastica preparatoria Le attività di una ginnastica per attività sportiva sono essenzialmente 4: Riscaldamento muscolare allungamento dei muscoli tonificazione (potenziamento ) muscolare minimo allenamento

Dettagli

RETRAZIONE CATENA MUSCOLARE POSTERIORE

RETRAZIONE CATENA MUSCOLARE POSTERIORE RETRAZIONE CATENA MUSCOLARE POSTERIORE È il test iniziale della batteria di prove a carattere funzionale : da posizione seduta, con arti inferiori distesi e piedi a martello, distendere gli arti superiori

Dettagli

Riscaldamento/Rilassamento

Riscaldamento/Rilassamento Riscaldamento/Rilassamento Eseguite ciascuno dei movimenti almeno quattro volte da ogni lato in maniera lenta e controllata. Non trattenete il respiro. 1) Testa Sollevate e abbassate la testa. Fissate

Dettagli

ESERCIZI PER IL DORSO E IL PETTO

ESERCIZI PER IL DORSO E IL PETTO ESERCIZI PER IL DORSO E IL PETTO Testo e disegni di Stelvio Beraldo ESERCIZI PER IL DORSO TRAZIONI DELLE BRACCIA ALLA SBARRA BASSA (a carico naturale o con cintura zavorrata) - Esegui col corpo sempre

Dettagli

ESERCIZI PER GLI ADDOMINALI

ESERCIZI PER GLI ADDOMINALI ESERCIZI PER GLI ADDOMINALI BREVE ANATOMIA DEGLI ADDOMINALI La parete addominale è interamente rivestita da muscolatura la cui tonicità occupa importanza estetica e funzionale, garantendo la tenuta dei

Dettagli

Il linguaggio dell insegnante. Scienze Motorie Prof.ssa Marta Pippo

Il linguaggio dell insegnante. Scienze Motorie Prof.ssa Marta Pippo Il linguaggio dell insegnante Scienze Motorie Prof.ssa Marta Pippo A Assi e piani Asse longitudinale: è la linea immaginaria che ti attraversa dall alto (vertice della testa) in basso (in mezzo ai talloni).

Dettagli

Esercizi per il potenziamento e la stabilizzazione della muscolatura

Esercizi per il potenziamento e la stabilizzazione della muscolatura Esercizi per il potenziamento e la stabilizzazione della muscolatura Specifico per il tiro con la pistola ----------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Dettagli

LO STRETCHING A cura della Dott.ssa Ft. Bruna Cancelli Tel. 380 3499791 E-mail: bruna.cancelli@cheapnet.it

LO STRETCHING A cura della Dott.ssa Ft. Bruna Cancelli Tel. 380 3499791 E-mail: bruna.cancelli@cheapnet.it LO STRETCHING A cura della Dott.ssa Ft. Bruna Cancelli Tel. 380 3499791 E-mail: bruna.cancelli@cheapnet.it Stretching (da to stretch, allungare) è il nome dato a una serie di tecniche e metodologie, il

Dettagli

Mobilizzazione Spalle

Mobilizzazione Spalle Mobilizzazione Spalle www.osteopathicenter.com Appoggiare i gomiti con tutto l avambraccio sull arco di una porta. I gomiti debbono essere allineati un po al di sopra della linea delle spalle. I piedi

Dettagli

Lo Stretching per il ciclista 17 semplici esercizi

Lo Stretching per il ciclista 17 semplici esercizi 2012 Lo Stretching per il ciclista 17 semplici esercizi Una raccolta di esercizi specifici per chi pratica ciclismo a tutti i livelli dall'agonista al semplice cicloturista De Servi Giuseppe STUDIO BIOMEC

Dettagli

GLI ESERCIZI UTILI PER IL MAL DI SCHIENA

GLI ESERCIZI UTILI PER IL MAL DI SCHIENA Il benessere della colonna vertebrale dipende strettamente dalla tonicità dei muscoli della schiena. Se i muscoli sono forti ed elastici grazie allo svolgimento regolare dell attività fisica, la colonna

Dettagli

ASSOCIAZIONE ITALIANA ARBITRI FEDERAZIONE ITALIANA GIUOCO CALCIO Comitato Regionale Veneto PERIODO PREPARATORIO Stagione Sportiva 2010-2011

ASSOCIAZIONE ITALIANA ARBITRI FEDERAZIONE ITALIANA GIUOCO CALCIO Comitato Regionale Veneto PERIODO PREPARATORIO Stagione Sportiva 2010-2011 ASSOCIAZIONE ITALIANA ARBITRI FEDERAZIONE ITALIANA GIUOCO CALCIO Comitato Regionale Veneto PERIODO PREPARATORIO Stagione Sportiva 2010-2011 La durata del lavoro sarà di circa tre settimane per poi passare

Dettagli

ESERCIZI PER COSCE E ANCHE

ESERCIZI PER COSCE E ANCHE ESERCIZI PER COSCE E ANCHE Testo e disegni di Stelvio Beraldo ANDATURA DA SEMIACCOSCIATA Varianti: andatura frontale (a) e andatura laterale (b) (a carico naturale, con manubri o cintura zavorrata) - Con

Dettagli

LO STRETCHING. Metodiche di stretching. Tecniche di stretching statico

LO STRETCHING. Metodiche di stretching. Tecniche di stretching statico LO STRETCHING Chi corre deve avere una buona flessibilità per esprimere al meglio il proprio potenziale e per non incorrere in continui ed invalidanti infortuni. La flessibilità è l insieme della mobilità

Dettagli

PROGRAMMA DI STABILIZZAZIONE VERTEBRALE FINALIZZATA ALLA PREVENZIONE E CURA DEI DISTURBI VERTEBRALI

PROGRAMMA DI STABILIZZAZIONE VERTEBRALE FINALIZZATA ALLA PREVENZIONE E CURA DEI DISTURBI VERTEBRALI Servizio di Medicina del lavoro Servizio di Recupero e Rieducazione Funzionale PROGRAMMA DI STABILIZZAZIONE VERTEBRALE FINALIZZATA ALLA PREVENZIONE E CURA DEI DISTURBI VERTEBRALI A cura di: dr Luciano

Dettagli

L allenamento posturale per il Biker di Saverio Ottolini

L allenamento posturale per il Biker di Saverio Ottolini L allenamento posturale per il Biker di Saverio Ottolini Saverio Ottolini L allenamento posturale per il biker www.mtbpassione.com L allenamento posturale per il biker Per chi si allena e gareggia in Mountain

Dettagli

Alivello del collo i muscoli sono localizzati in due regioni triangolari

Alivello del collo i muscoli sono localizzati in due regioni triangolari ICOLLO COLLO Alivello del collo i muscoli sono localizzati in due regioni triangolari denominate triangolo anteriore e posteriore. Il triangolo anteriore è delimitato dalla mandibola, dallo sterno e dal

Dettagli

COME COMBATTERE IL MAL DI SCHIENA DIPARTIMENTO DI RIABILITAZIONE

COME COMBATTERE IL MAL DI SCHIENA DIPARTIMENTO DI RIABILITAZIONE COME COMBATTERE IL MAL DI SCHIENA DIPARTIMENTO DI RIABILITAZIONE Struttura Semplice Dipartimentale Rieducazione Funzionale Ospedale Albenga/Territorio Albenganese Responsabile Dssa. Anna Maria Amato 2

Dettagli

PROGRAMMA BASE PER ALLENAMENTO SALA ISOTONICA

PROGRAMMA BASE PER ALLENAMENTO SALA ISOTONICA FIPCF FEDERAZIONE ITALIANA PESISTICA E CULTURA FISICA PROGRAMMA BASE PER ALLENAMENTO SALA ISOTONICA PETTORALI PANCA PIANA APERTURE PANCA 30 SPALLE LENTO AVANTI ALZATE LATERALI ALZATE 90 GAMBE SQUAT AFFONDI

Dettagli

STRETCHING PER GLI ARTI

STRETCHING PER GLI ARTI STRETCHING PER GLI ARTI INFERIORI E SUPERIORI... 1] Stretching attivo del polpaccio (gastrocnemio) In piedi rivolti verso il muro Mantenere ben dritta la gamba posteriore Mantenere il tallone a terra Mantenere

Dettagli

Testi Andrea Frosini Foto Antonio Pavone. Introduzione

Testi Andrea Frosini Foto Antonio Pavone. Introduzione Testi Andrea Frosini Foto Antonio Pavone Introduzione Spessissimo si parla o si leggono articoli su metodologie di allenamento e, in generale, si tratta di argomenti relativi al miglioramento delle prestazioni

Dettagli

COME COMBATTERE IL MAL DI SCHIENA

COME COMBATTERE IL MAL DI SCHIENA La RACHIALGIA, nome scientifico del mal di schiena, si colloca tra le patologie più diffuse, colpendo in modo democratico persone di tutte le età, di tutte le categorie professionali e di tutte le tipologie.

Dettagli

ESERCIZI PER I GLUTEI

ESERCIZI PER I GLUTEI ESERCIZI PER I GLUTEI BREVE ANATOMIA DEI GLUTEI La regione glutea è rappresentata dal grande gluteo, dal medio gluteo e dal piccolo gluteo, con funzione di abdurre il femore. Il grande gluteo, assieme

Dettagli

La semplice serie di esercizi di seguito suggerita costituisce

La semplice serie di esercizi di seguito suggerita costituisce 4. Esercizi raccomandati La semplice serie di esercizi di seguito suggerita costituisce una indicazione ed un invito ad adottare un vero e proprio stile di vita sano, per tutelare l integrità e conservare

Dettagli

LO STRETCHING COME SI ESEGUE LO STRETCHING

LO STRETCHING COME SI ESEGUE LO STRETCHING LO STRETCHING Le tecniche di allungamento passivo sono molto diffuse perché efficaci e prive di effetti nocivi sull'apparato muscolo-tendineo. In particolare lo stretching consiste nel portare un gruppo

Dettagli

Manuale di. Anatomia. per lo stretching. A cura di Ken Ashwell

Manuale di. Anatomia. per lo stretching. A cura di Ken Ashwell Manuale di Anatomia per lo stretching A cura di Ken Ashwell 6 7 Sommario Prefazione 8 Come è organizzato questo libro 10 Anatomia generale 12 Regioni del corpo umano 14 Sistema muscolare 16 Sistema scheletrico

Dettagli

MOBILITA FUNZIONALE PER LA CANOA CANADESE

MOBILITA FUNZIONALE PER LA CANOA CANADESE MOBILITA FUNZIONALE PER LA CANOA CANADESE a cura di ELISABETTA INTROINI COORDINATRICE SETTORE JUNIORES VELOCITA FICK con la collaborazione di ANTONIO CANNONE SOMMARIO 1. Cosa è la mobilità funzionale e

Dettagli

GINNASTICA PER IL MAL DI SCHIENA

GINNASTICA PER IL MAL DI SCHIENA GINNASTICA PER IL MAL DI SCHIENA Introduzione: Per limitare i danni provocati alla colonna vertebrale durante l'attività sportiva e garantire una postura corretta nello sviluppo della stessa, è necessario

Dettagli

Core Training, Allenamento Funzionale per il portiere di calcio.

Core Training, Allenamento Funzionale per il portiere di calcio. Core Training, Allenamento Funzionale per il portiere di calcio. Il portiere di calcio oltre a dover possedere ottime qualità tecniche, deve avere delle componenti fisiche molto importanti, in grado di

Dettagli

LE ANDATURE. Non esiste una terminologia ufficiale ma alcuni termini sono ormai comunemente accettati. 1. ALLUNGO

LE ANDATURE. Non esiste una terminologia ufficiale ma alcuni termini sono ormai comunemente accettati. 1. ALLUNGO LE ANDATURE Le andature sono una serie di esercizi simili alla corsa o alla marcia che sono funzionali alla tecnica, alla coordinazione o alla mobilità. 1 Sono andature speciali utilizzate per allenare

Dettagli

PROGRAMMA DI ATTIVITA FISICA ADATTATA PER LA PALESTRA

PROGRAMMA DI ATTIVITA FISICA ADATTATA PER LA PALESTRA PROGRAMMA DI ATTIVITA FISICA ADATTATA PER LA PALESTRA N esercizio Descrizione esercizio obbligatorio 1 Camminata sul posto o in circolo o movimento analogo per la bassa funzione 2 Camminata sul posto o

Dettagli

I MUSCOLI PER CORRERE E PER SALTARE

I MUSCOLI PER CORRERE E PER SALTARE I MUSCOLI PER CORRERE E PER SALTARE Testo e disegni di Stelvio Beraldo L' ottimale di scatti, salti e balzi è legata alla FORZA RAPIDA (o veloce) che è la capacità del sistema neuromuscolare di superare

Dettagli

Regole fondamentali e posture

Regole fondamentali e posture Regole fondamentali e posture Propongo adesso sotto forma schematica una serie di input basilari, da tenere sempre presenti ogni volta che mi accingo a proporre uno stiramento: - I nostri muscoli sono

Dettagli

IL VALORE DELLA GINNASTICA DOLCE E RIABILITATIVA LIFETRAIL Una palestra all aria aperta

IL VALORE DELLA GINNASTICA DOLCE E RIABILITATIVA LIFETRAIL Una palestra all aria aperta IL VALORE DELLA GINNASTICA DOLCE E RIABILITATIVA LIFETRAIL Una palestra all aria aperta LIFETRAIL è un innovativo sistema concepito per la ginnastica dolce e riabilitativa della terza e quarta età. Si

Dettagli

EFFICACIA DI STRATEGIE DI INTERVENTO BASATE SULL ATTIVITA MOTORIA IN SOGGETTI AFFETTI DA MAL DI SCHIENA

EFFICACIA DI STRATEGIE DI INTERVENTO BASATE SULL ATTIVITA MOTORIA IN SOGGETTI AFFETTI DA MAL DI SCHIENA EFFICACIA DI STRATEGIE DI INTERVENTO BASATE SULL ATTIVITA MOTORIA IN SOGGETTI AFFETTI DA MAL DI SCHIENA PROGRAMMA DI ATTIVITA FISICA ADATTATA PER LA PALESTRA N esercizio Descrizione esercizio obbligatorio

Dettagli

DURATA: 30 torsioni in totale.

DURATA: 30 torsioni in totale. Il warm up è la fase di riscaldamento generale a secco indispensabile prima di entrare in acqua. La funzione è quella di preparare il corpo allo sforzo, prevenire gli infortuni e migliorare la performance

Dettagli

ALLENAMENTO DEI MUSCOLI POSTERIORI DELLE COSCE

ALLENAMENTO DEI MUSCOLI POSTERIORI DELLE COSCE ALLENAMENTO DEI MUSCOLI POSTERIORI DELLE COSCE Testo e disegni di Stelvio Beraldo La regione posteriore delle cosce ("faccia" posteriore) è formata dai muscoli (Farina A.: Atlante di anatomia umana descrittiva

Dettagli

ANATOMIA FUNZIONALE DEI PRINCIPALI MUSCOLI MUSCOLI CHE MOBILIZZANO IL PIEDE

ANATOMIA FUNZIONALE DEI PRINCIPALI MUSCOLI MUSCOLI CHE MOBILIZZANO IL PIEDE ANATOMIA FUNZIONALE DEI PRINCIPALI MUSCOLI MUSCOLI CHE MOBILIZZANO IL PIEDE Estensore lungo dell alluce Flette (flessione dorsale) l'alluce e il piede (a). In sinergia con il Tibiale anteriore solleva

Dettagli

LA MOBILITÀ ARTICOLARE

LA MOBILITÀ ARTICOLARE LA MOBILITÀ ARTICOLARE DEFINIZIONE La mobilità articolare (detta anche flessibilità o scioltezza articolare) è la capacità di eseguire, nel rispetto dei limiti fisiologicamente imposti dalle articolazioni,

Dettagli

ww.chirurgiarticolare.it riproduzione vietata

ww.chirurgiarticolare.it riproduzione vietata Il trattamento delle sindromi rotulee non può essere lo stesso in ogni paziente. Sarà il medico curante a prescrivere, in base alla patologia quale dei seguenti esercizi dovrà essere praticato. E' importante

Dettagli

MESOCICLO ARBITRI PERIODO AGONISTICO

MESOCICLO ARBITRI PERIODO AGONISTICO MESOCICLO ARBITRI PERIODO AGONISTICO (Modulo) 10' Corsa (Borg 2-3) Inserendo anche corsa laterale 5' Stretching Dinamico 5' Andature (Skip, Corsa, Calciata, Scivolamenti laterali ecc. 3x10m) 3x Allungo

Dettagli

servizio di Emidia Melideo, con la consulenza di Matteo Maniero, personal trainer

servizio di Emidia Melideo, con la consulenza di Matteo Maniero, personal trainer Più tonica e soda Hai sempre guardato con sospetto i classici pesini, pensando che non facessero per te? Dai un occhiata a queste foto e scoprirai tanti esercizi semplici in grado di scolpirti dalla testa

Dettagli

Esercizio 8) Posizione supina. Braccia distese lungo i fianchi e gambe semiflesse. Sollevare il bacino e mantenere alcuni secondi.

Esercizio 8) Posizione supina. Braccia distese lungo i fianchi e gambe semiflesse. Sollevare il bacino e mantenere alcuni secondi. Dr.Italo Paolini, Medico di medicina generale, Z.T.13 AP, ASUR Marche, Via Salaria 15-63043 Arquata del tronto (AP) Tel.0736809408E-mail: italopaolini@gmail.com TERAPIA DEL DOLORE Ti propongo una serie

Dettagli

PAR A A R M A OR O F R I F SMI

PAR A A R M A OR O F R I F SMI PARAMORFISMI LA COLONNA VERTEBRALE IL RACHIDE È COMPOSTO DA NUMEROSI SEGMENTI SOVRAPPOSTI L UNO ALL ALTRO, LE VERTEBRE. È MOLTO FLESSIBILE È COSTITUISCE UN SOSTEGNO STABILE, MOBILE ED ELASTICO PER TESTA,

Dettagli

Scienze Motorie e Sportive

Scienze Motorie e Sportive Scienze Motorie e Sportive GLOSSARIO DEI MOVIMENTI GINNASTICI E SPORTIVI (Testo e disegni di Stelvio Beraldo) DOCENTE: prof Pieraldo Carta CLASSI: 1^A, 1^B, 2^B A.S. 2013-2014 1 Atteggiamenti POSIZIONI

Dettagli

BASI delle ATTIVITA MOTORIE

BASI delle ATTIVITA MOTORIE BASI delle ATTIVITA MOTORIE Maria Chiara Gallotta Stanza 59 1 piano palazzo IUSM Tel 06 36733211 mariachiara.gallotta@iusm.it Ricevimento Martedì 10:00-12:00 Mobilità articolare La capacità di eseguire

Dettagli

ESERCIZI PRATICI. ESERCIZI PRATICI per il benessere fisico

ESERCIZI PRATICI. ESERCIZI PRATICI per il benessere fisico La al ESERCIZI PRATICI ESERCIZI PRATICI per il benessere fisico L attività fisica è fondamentale per sentirsi bene e per mantenersi in forma. Eseguire degli esercizi di ginnastica dolce, nel postintervento,

Dettagli

Corso per tecnici di pesistica Valutazioni funzionale

Corso per tecnici di pesistica Valutazioni funzionale Corso per tecnici di pesistica Valutazioni funzionale Senza un attenta analisi posturale, non possiamo inoltrarci in una valutazione funzionale (squat test, one legged test, etc.) A cura di Ferdinando

Dettagli

ESERCIZI POSTURALI LOMBARI

ESERCIZI POSTURALI LOMBARI ESERCIZI POSTURALI LOMBARI Gli esercizi, suddivisi in quattro serie di difficoltà via via crescente, vengono eseguiti sotto la guida di un fisioterapista per un periodo medio di 4 settimane. Dopo tale

Dettagli

PREPARAZIONE Fisica Mobilità articolare e Allungamento muscolare STRETCHING

PREPARAZIONE Fisica Mobilità articolare e Allungamento muscolare STRETCHING PREPARAZIONE Fisica Mobilità articolare e Allungamento muscolare STRETCHING La continua voglia di migliorarsi in quel magico processo di confronto uomo macchina determinato dalla competizione, i gesti

Dettagli

RIABILITAZIONE POST-CHIRURGICA DELLA SPALLA a cura di Piero Faccini, Sabrina Zanolli

RIABILITAZIONE POST-CHIRURGICA DELLA SPALLA a cura di Piero Faccini, Sabrina Zanolli RIABILITAZIONE POST-CHIRURGICA DELLA SPALLA a cura di Piero Faccini, Sabrina Zanolli 1 a Fase - Istruzioni generali Tutti gli esercizi devono essere effettuati lentamente e sotto controllo del movimento.

Dettagli

La foto 1 mostra l'esecuzione corretta degli esercizi per stimolare i muscoli addominali.

La foto 1 mostra l'esecuzione corretta degli esercizi per stimolare i muscoli addominali. ADDOMINALI LUNGHI È importante allenarli,ma in modo corretto, altrimenti si rischia di ricavare più problemi che benefici. Come effettuarli evitando gli errori più frequenti e sfatando qualche luogo comune.

Dettagli

LA VALUTAZIONE DELLA FUNZIONALITA MUSCOLARE

LA VALUTAZIONE DELLA FUNZIONALITA MUSCOLARE 2 CORSO NAZIONALE PREPARATORI FISICI PALLAVOLO LA VALUTAZIONE DELLA FUNZIONALITA MUSCOLARE GIACOMO TOLLINI NORCIA 20/21 GIUGNO 2005 FUNZIONALITA FLESSIBILITA ORGANIZZAZIONE CATENE CINETICHE POSTURA Metodi

Dettagli

Dott. Massimo Franceschini. Piazza Cardinal Ferrari, 1 Via Amedeo d Aosta, 5 20122 Milano 20129 Milano tel. 02.58296680 massimo.franceschini@gpini.

Dott. Massimo Franceschini. Piazza Cardinal Ferrari, 1 Via Amedeo d Aosta, 5 20122 Milano 20129 Milano tel. 02.58296680 massimo.franceschini@gpini. Dott. Massimo Franceschini MEDICO CHIRURGO SPECIALISTA IN ORTOPEDIA E TRAUMATOLOGIA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO CLINICA ORTOPEDICA E TRAUMATOLOGICA - VI DIVISIONE ISTITUTO ORTOPEDICO G. PINI - MILANO

Dettagli

ATTIVITA MOTORIA DAI 5 AI 7 ANNI PREMESSA

ATTIVITA MOTORIA DAI 5 AI 7 ANNI PREMESSA ATTIVITA MOTORIA DAI 5 AI 7 ANNI PREMESSA DAI 5 AI 7 ANNI LO SCOPO FONDAMENTALE DELL ALLENAMENTO E CREARE SOLIDE BASI PER UN GIUSTO ORIENTAMENTO VERSO LE DISCIPLINE SPORTIVE DELLA GINNASTICA. LA PREPARAZIONE

Dettagli

tessuto muscolare 600 l apparato locomotore

tessuto muscolare 600 l apparato locomotore SISTEMA MUSCOLARE INDICE Muscolo striato Muscolo liscio Muscolo cardiaco Come si contrae un muscolo I muscoli scheletrici lavorano in coppia I muscoli del capo e del collo I muscoli del tronco I muscoli

Dettagli

LA PREVENZIONE NELLA PALLAVOLO Aspetti teorici ed esercitazioni pratiche

LA PREVENZIONE NELLA PALLAVOLO Aspetti teorici ed esercitazioni pratiche Corso aggiornamento allenatori Comitato Provinciale di Reggio Emilia LA PREVENZIONE NELLA PALLAVOLO Aspetti teorici ed esercitazioni pratiche Relatore Prof. Nicola Piccinini www.volleyballproject.it La

Dettagli

ESERCIZI FISICI Esercizio 1. Schiena e spalle Esercizio 2. Collo e vertebre cervicali

ESERCIZI FISICI Esercizio 1. Schiena e spalle Esercizio 2. Collo e vertebre cervicali ESERCIZI FISICI Sono utili da eseguire prima o dopo la pratica sul pianoforte, per sciogliere, allungare e rinforzare le parti coinvolte nell azione pianistica. Devono essere affrontati con ritmo cadenzato

Dettagli

In forma tutto l anno! Semplice programma di ginnastica sul luogo di lavoro

In forma tutto l anno! Semplice programma di ginnastica sul luogo di lavoro In forma tutto l anno! Semplice programma di ginnastica sul luogo di lavoro Introduzione Che si lavori seduti o in piedi, la mancanza di movimento legata a una postura statica prolungata può a lungo andare

Dettagli

ESERCIZI PER TUTTI I GIORNI PER CONTINUARE A PRENDERSI CURA DELLA PROPRIA SCHIENA. Per le foto ringraziamo Nicoletta VERGARO

ESERCIZI PER TUTTI I GIORNI PER CONTINUARE A PRENDERSI CURA DELLA PROPRIA SCHIENA. Per le foto ringraziamo Nicoletta VERGARO ASL 4 CHIAVARESE DIPARTIMENTO della RIABILITAZIONE e della DISABILITA Direttore: Dott.ssa Valeria LEONI S.C. MEDICINA FISICA E RIABILITATIVA A cura di: Mirella DEFILIPPI - Sonia CERETTO CASTIGLIANO - Alice

Dettagli

Esercizi per la Prevenzione degli Infortuni

Esercizi per la Prevenzione degli Infortuni Associazione Italiana Arbitri - AIA Settore Tecnico: Modulo Preparazione Atletica Esercizi per la Prevenzione degli Infortuni AIA CAN-D Stagione Agonistica 2010-2011 Prevenzione Infortuni Introduzione

Dettagli

RUNNING. il re degli allenamenti

RUNNING. il re degli allenamenti Naturale, dimagrante, ottima per tonificare il cuore e il sistema circolatorio. E soprattutto a costo zero. La corsa è un training senza eguali e le giornate di questo periodo, tiepide e gradevoli, invitano

Dettagli

Occhio alle giunture La migliore prevenzione

Occhio alle giunture La migliore prevenzione Occhio alle giunture La migliore prevenzione 1 Suva Istituto nazionale svizzero di assicurazione contro gli infortuni Sicurezza nel tempo libero Casella postale, 6002 Lucerna Informazioni Telefono 041

Dettagli

R.E.A.Dy Rinforzo con Elastici per Atleti Dyversamente abili

R.E.A.Dy Rinforzo con Elastici per Atleti Dyversamente abili SERVIZIO DI RECUPERO E RIEDUCAZIONE FUNZIONALE R.E.A.Dy Rinforzo con Elastici per Atleti Dyversamente abili Gli atleti che praticano sport in carrozzina sono ormai destinati a raggiungere carichi di allenamento

Dettagli

Valutazione dello stile di corsa

Valutazione dello stile di corsa Valutazione dello stile di corsa Lo scopo principale della scheda di valutazione per lo stile di corsa è quello di fornire ai tecnici e all'osservatore arbitrale uno strumento utile per una presa di conoscenza

Dettagli

La forza. In movimento Marietti Scuola 2010 De Agostini Scuola S.p.A. Novara

La forza. In movimento Marietti Scuola 2010 De Agostini Scuola S.p.A. Novara La forza La definizione di forza Per forza s intende la capacità dell apparato neuro- muscolare di vincere o contrapporsi a un carico esterno con un impegno muscolare. La classificazione della forza Tipi

Dettagli

Test per gli arti superiori

Test per gli arti superiori Test per gli arti superiori TF 1 Lancio della palla medica È uno dei più classici e semplici test per la forza, che si fa lanciando palle di vario peso. Chi è più alto è favorito perché ha leve più lunghe

Dettagli

POWER FITNESS IN CASA: ESEMPI DI PROGRAMMI DI ALLENAMENTO COL CARICO NATURALE Testo e disegni di Stelvio Beraldo

POWER FITNESS IN CASA: ESEMPI DI PROGRAMMI DI ALLENAMENTO COL CARICO NATURALE Testo e disegni di Stelvio Beraldo POWER FITNESS IN CASA: ESEMPI DI PROGRAMMI DI ALLENAMENTO COL CARICO NATURALE Testo e disegni di Stelvio Beraldo 1- Caratteristiche del carico naturale come mezzo di allenamento 2- Schede esercizi per

Dettagli

ALLENAMENTO DELLA FORZA MASSIMA E DELLA FORZA RESISTENTE NEL CANOTTAGGIO

ALLENAMENTO DELLA FORZA MASSIMA E DELLA FORZA RESISTENTE NEL CANOTTAGGIO ALLENAMENTO DELLA FORZA MASSIMA E DELLA FORZA RESISTENTE NEL CANOTTAGGIO Testo e disegni di Stelvio Beraldo - IL RUOLO E LA PROGRAMMAZIONE DELLA FORZA NEL CANOTTAGGIO - FORZA MASSIMA: Parametri di lavoro,

Dettagli

15 MINUTI AL GIORNO PER EVITARE IL MAL DI SCHIENA

15 MINUTI AL GIORNO PER EVITARE IL MAL DI SCHIENA International Pbi S.p.A. Milano Copyright Pbi SETTEMBRE 1996 15 MINUTI AL GIORNO PER EVITARE IL MAL DI SCHIENA Introduzione I muscoli e le articolazioni che danno sostegno alla nostra schiena spesso mancano

Dettagli

La Prevenzione del Rischio da MMC. Introduzione. Newsletter 08/2014

La Prevenzione del Rischio da MMC. Introduzione. Newsletter 08/2014 Codroipo, lì 15 settembre 2014 Prot. 4714LM La Prevenzione del Rischio da Movimentazione Manuale dei Carichi MMC Introduzione Newsletter 08/2014 ECONSULTING del dott. Luciano Martinelli Via Roma, 15 int.

Dettagli

Il metodo McKenzie Alessandro Aina e sull esecuzione di esercizi appropriati diagnosi e trattamento Che cos è il metodo McKenzie

Il metodo McKenzie Alessandro Aina  e sull esecuzione di esercizi appropriati diagnosi e trattamento Che cos è il metodo McKenzie Il metodo McKenzie Alessandro Aina fisioterapista, dip MDT, docente McKenzie Studio v. Spontini 3, Milano, via Ripalta 6A San Donato Mil.se, tel 02 29527326 Si basa essenzialmente sul mantenimento di posizioni

Dettagli

Manuale di riabilitazione cardiologica

Manuale di riabilitazione cardiologica CARDIOLOGIA Manuale di riabilitazione cardiologica Divisione di Riabilitazione Cardiologica SAN RAFFAELE S.p.A. Divisione di Riabilitazione Cardiologica Manuale di Riabilitazione Cardiologica SAN RAFFAELE

Dettagli

OPUSCOLO INFORMATIVO SULLA PREPARAZIONE FISICA

OPUSCOLO INFORMATIVO SULLA PREPARAZIONE FISICA NUMERO 1 OPUSCOLO INFORMATIVO SULLA PREPARAZIONE FISICA TEST DA CAMPO PER LA VALUTAZIONE FUNZIONALE DELL ATLETA INTRODUZIONE Prima di eseguire qualsiasi tipologia di allenamento si deve capire qual è lo

Dettagli

Esercizi per il miglioramento della forza del calciatore: i balzi

Esercizi per il miglioramento della forza del calciatore: i balzi Area Fisico Motoria Giuseppe Trucchi Esercizi per il miglioramento della forza del calciatore: i balzi di Giuseppe Trucchi Tra le capacità fondamentali per un giocatore di calcio la forza occupa un posto

Dettagli

LO STRETCHING. Flessibilità: Dipende dalla mobilità articolare e della estensibilità ed è influenzata dai seguenti fattori:

LO STRETCHING. Flessibilità: Dipende dalla mobilità articolare e della estensibilità ed è influenzata dai seguenti fattori: LO STRETCHING Lo Stretching è un tipo di allenamento che consiste sostanzialmente nell allungamento e nella contrazione dei muscoli, comprende un insieme di esercizi, finalizzati sia alla preparazione

Dettagli

PILATES SUSPENSION TRAINING

PILATES SUSPENSION TRAINING Introduzione PILATES SUSPENSION TRAINING Il Pilates suspension training è un allenamento di rafforzamento globale della muscolatura finalizzato al miglioramento della capacità di movimento del corpo secondo

Dettagli

Esercizi per la fatigue

Esercizi per la fatigue Esercizi per la fatigue È stato dimostrato che, praticando una costante e adeguata attività fisica, la sensazione di fatigue provata dal paziente si riduce notevolmente e che di conseguenza si ottiene

Dettagli

Procedi lentamente ed evita movimenti improvvisi. Presta attenzione allo stretching

Procedi lentamente ed evita movimenti improvvisi. Presta attenzione allo stretching Consigli generali Procedi lentamente ed evita movimenti improvvisi. Presta attenzione allo stretching muscolare. Quando l hai eseguito quanto più comodamente possibile, rimani così per 5-10 secondi e poi

Dettagli

IL RISCALDAMENTO ORGANICO E MUSCOLARE A CURA DELLA FASI (Federazione Arrampicata Sportiva Italiana) (a cura della prof.ssa Paola Marchetti)

IL RISCALDAMENTO ORGANICO E MUSCOLARE A CURA DELLA FASI (Federazione Arrampicata Sportiva Italiana) (a cura della prof.ssa Paola Marchetti) IL RISCALDAMENTO ORGANICO E MUSCOLARE A CURA DELLA FASI (Federazione Arrampicata Sportiva Italiana) (a cura della prof.ssa Paola Marchetti) L inizio di una qualsiasi attività motoria, sia essa una seduta

Dettagli

Esercizi per collo, spalle e braccia.

Esercizi per collo, spalle e braccia. DA FARE IN CASA - Esercizi pratici per mantenersi in forma. Esercizi per collo, spalle e braccia. 1 - Muscoli spalle e braccia Sdraiati sulla schiena, sollevare un leggero peso sulla testa e flettendo

Dettagli

SCOLIOSI NEL CALCIATORE:

SCOLIOSI NEL CALCIATORE: SCOLIOSI NEL CALCIATORE: UN CASO STUDIO A cura di: Christian Casella SOGGETTO Anno e Ruolo: Centrocampista allievi regionali fascia B (1998); Problema: dolore alla schiena (zona lombare), specie dopo un

Dettagli

MOBILITÀ ARTICOLARE Testo e disegni di Stelvio Beraldo

MOBILITÀ ARTICOLARE Testo e disegni di Stelvio Beraldo MOBILITÀ ARTICOLARE Testo e disegni di Stelvio Beraldo - Aspetti generali - Stretching - Facilitazione Neuromuscolare Propriocettiva (P.N.F.) - Contrazione-Rilasciamento-Contrazione dei muscoli agonisti

Dettagli

Le principali cause del mal di schiena: 1. Postura scorretta quando si è seduti, al lavoro, in casa o in automobile.

Le principali cause del mal di schiena: 1. Postura scorretta quando si è seduti, al lavoro, in casa o in automobile. ESERCIZI PER LA SCHIENA La maggior parte delle persone che viene nel nostro centro soffre di dolori alla schiena. Vi consigliamo di leggere attentamente questo opuscolo e di attenervi il più possibile

Dettagli

EQUILIBRIO - Metodologia dell allenamento Parte seconda - Luciano Orano Patavium Basket Padova

EQUILIBRIO - Metodologia dell allenamento Parte seconda - Luciano Orano Patavium Basket Padova EQUILIBRIO - Metodologia dell allenamento Parte seconda - Luciano Orano Patavium Basket Padova aumento difficolta per mezzo di forze disequilibranti. aumento difficolta per mezzo di piattaforme instabili.

Dettagli

Dipartimento Neuro-Motorio Medicina Fisica e Riabilitativa Dott. Gian Battista Camurri - Direttore IN... FORMA. Esercizi per la scoliosi

Dipartimento Neuro-Motorio Medicina Fisica e Riabilitativa Dott. Gian Battista Camurri - Direttore IN... FORMA. Esercizi per la scoliosi Dipartimento Neuro-Motorio Medicina Fisica e Riabilitativa Dott. Gian Battista Camurri - Direttore IN... FORMA Esercizi per la scoliosi Medicina Fisica e Riabilitativa 2 Esercizi per la scoliosi 1) Supini;

Dettagli

PREVENZIONE E CURA DEL MAL DI SCHIENA

PREVENZIONE E CURA DEL MAL DI SCHIENA PREVENZIONE E CURA DEL MAL DI SCHIENA Indicazioni Generali Gli esercizi Consigli utili Indicazioni generali Questo capitolo vuole essere un mezzo attraverso il quale si posso avere le giuste informazioni

Dettagli

PROTOCOLLO DI ESERCIZI PER LA COLONNA

PROTOCOLLO DI ESERCIZI PER LA COLONNA Azienda USL 6 Livorno UO Riabilitazione Funzionale PROTOCOLLO DI ESERCIZI PER LA COLONNA Anni 2008 2009 A cura delle UUOO RIABILITAZIONE FUNZIONALE AZIENDALI in collaborazione con le palestre 1 PROGRAMMA

Dettagli

PILATES E LOMBALGIA. Bologna 19 Novembre 2011. Rosalisa Lapomarda

PILATES E LOMBALGIA. Bologna 19 Novembre 2011. Rosalisa Lapomarda PILATES E LOMBALGIA Bologna 19 Novembre 2011 Rosalisa Lapomarda PILATES: IL METODO PILATES RICHIEDE UN TOTALE IMPEGNO DEL CORPO, DELLA MENTE E DELLO SPIRITO INSIEME:ARMONIA. E UNA FORMA DI BENESSERE CHE

Dettagli

GUIDA agli ALLENAMENTI DI POTENZA IN ACQUA con REVFIN Per runners e tutti gli sportivi

GUIDA agli ALLENAMENTI DI POTENZA IN ACQUA con REVFIN Per runners e tutti gli sportivi GUIDA agli ALLENAMENTI DI POTENZA IN ACQUA con REVFIN Per runners e tutti gli sportivi Revfin e' l attrezzo per l'allenamento in piscina ideale per chi vuole sfruttare la resistenza idrodinamica, la pressione

Dettagli

Test capacità motorie funzionali

Test capacità motorie funzionali Test capacità motorie funzionali Con il termine capacità motorie funzionali si intendono quelle fisiologiche qualità motorie che permettono, nella vita di relazione quotidiana, un opportuno funzionamento

Dettagli

SPECIFICHE dello SPORT di INTERESSE (Triathlon): N ALLENAMENTI SETTIMANALI: 5(Lunedì, martedì, mercoledì,giovedì,sabato)

SPECIFICHE dello SPORT di INTERESSE (Triathlon): N ALLENAMENTI SETTIMANALI: 5(Lunedì, martedì, mercoledì,giovedì,sabato) ATLETA: SPORT di INTERESSE: Paolo Rossi Triathlon Riccardo Monzoni Dottore in Scienze Motorie rm1989@hotmail.it 3406479850 DATI SOCIO richiedente: NOME: Paolo COGNOME: Rossi ETA : 34 PESO (Kg): 78 ALTEZZA

Dettagli

ESERCIZI DOPO ARTROSCOPIA DEL GINOCCHIO Prof. Valerio Sansone Clinica Ortopedica dell Università di Milano Istituto Ortopedico Galeazzi

ESERCIZI DOPO ARTROSCOPIA DEL GINOCCHIO Prof. Valerio Sansone Clinica Ortopedica dell Università di Milano Istituto Ortopedico Galeazzi ESERCIZI DOPO ARTROSCOPIA DEL GINOCCHIO Prof. Valerio Sansone Clinica Ortopedica dell Università di Milano Istituto Ortopedico Galeazzi Esercizi iniziali Contrazioni dei muscoli flessori del ginocchio

Dettagli

Angelo Morandi Già insegnante di Educazione fisica al Conservatorio di Parma 50 ESERCIZI DI GINNASTICA FONATORIA

Angelo Morandi Già insegnante di Educazione fisica al Conservatorio di Parma 50 ESERCIZI DI GINNASTICA FONATORIA Angelo Morandi Già insegnante di Educazione fisica al Conservatorio di Parma 50 ESERCIZI DI GINNASTICA FONATORIA 1 Angelo Morandi 50 ESERCIZI di GINNASTICA FONATORIA MOBILITAZIONE DIAFRAMMATICA 1 POSIZIONE:

Dettagli

Centro Yoga Matsyendra

Centro Yoga Matsyendra SEMINARIO 13 MARZO 2011 YOGA PER LA SALUTE DELLA SCHIENA A cura di Margherita Buniva PREMESSA La salute della schiena dipende in buona parte dalla salute della colonna vertebrale. In assenza di patologie

Dettagli

FIBS I MANUALI DEL CNT ALLENARE IL BRACCIO DEL LANCIATORE

FIBS I MANUALI DEL CNT ALLENARE IL BRACCIO DEL LANCIATORE FIBS I MANUALI DEL CNT Tratto da The Pitching Edge di Tom House Tom House BASEBALL FIBS-CNT 1 L Allenamento con i Pesi per i Lanciatori non è Body Building L obiettivo è ottenere una forza bilanciata e

Dettagli

Salvin. Scapole alate

Salvin. Scapole alate Scapole alate Cassa toracica Scapole alate Atteggiamento delle scapole che non aderiscono alla parete toracica e nel loro bordo interno appaiono sollevate. Si manifesta nei ragazzi/e in età della crescita

Dettagli

Volley Ball Project di Nicola Piccinini Ottobre 2009

Volley Ball Project di Nicola Piccinini Ottobre 2009 Volley Ball Project di Nicola Piccinini Ottobre 2009 INTRODUZIONE Il bagher è un fondamentale di base nella pallavolo, cioè concorre con varianti diverse a formare i fondamentali complessi della ricezione

Dettagli

Train hard or go home. Tecniche di Allenamento. by Federico Focherini

Train hard or go home. Tecniche di Allenamento. by Federico Focherini Train hard or go home Tecniche di Allenamento by Federico Focherini introduzione AVVERTENZA: Questa sezione ha finalità puramente informativa e descrive le tecniche di allenamento utilizzate da un atleta

Dettagli