ASSOCIAZIONE ITALIANA PSICOGERIATRIA. anni di AIP. Relazione del Presidente in occasione del 10 Congresso Nazionale

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ASSOCIAZIONE ITALIANA PSICOGERIATRIA. anni di AIP. Relazione del Presidente in occasione del 10 Congresso Nazionale"

Transcript

1 ASSOCIAZIONE ITALIANA PSICOGERIATRIA anni di AIP Relazione del Preidente in occaione del 10 Congreo Nazionale Gardone Riviera (BS), 15 aprile 2010

2 Preidenti Onorari Mario Barucci Lodovico Frattola Pat Preident Umberto Senin Preidente Marco Trabucchi Vice Preidenti Carlo Caltagirone Niccolò Marchionni Elvezio Pirfo Segretario Teoriere Angelo Bianchetti Coniglieri Fabrizio Aioli Luia Bartorelli Filippo Bogetto Placido Bramanti Alberto Ceter Ferdinando Cornelio Luc De Vreee Gerardo Favaretto Luigi Ferrannini Antonio M. Ferro Giueppe Fichera Maimo Fini Cotanzo Gala Marcello Imbriani Leo Nahon Giueppe Nappi Aleandro Padovani Luigi Pernigotti Gianfranco Salvioli Franceco Scapati Carlo Serrati Sandro Sorbi Gianfranco Spalletta Claudio Vampini Alberto Zanchetti Orazio Zanetti Preidenti regionali Calabria Amalia C. Bruni Sicilia Marcello Giordano Tocana Carlo A. Biagini Campania Vincenzo Canonico Puglia/Bailicata Paquale Chianura Piemonte V. d'aota Antonino Cotroneo Lombardia Ettore Ferrari Umbria/Marche Patrizia Mecocci Triveneto Carlo Gabelli Liguria Sandro Ratto Sardegna Paolo F. Putzu Emilia Romagna Fernando Anzivino Lazio Marcello Turno Servizi per le cronicità Enrico Brizioli Pico oncologia Walter Gianni Etica in picogeriatria Gianluigi Gigli Picologia Picogeriatria Guido Gori L'anziano nell'opedale Maria Lia Lunardelli Linee Guida Maimo Muicco

3 Dieci anni di AIP Dieci Relazione anni del di Preidente AIP in occaione del 10 Congreo Nazionale (Gardone Relazione Riviera, del Preidente 15 aprile in 2010) occaione del 10 Congreo Nazionale (Gardone Riviera, 15 aprile 2010) La toria di una ocietà cientifica, con forti connotati operativi ed elevata La intenzionalità toria di una ociale, ocietà i cientifica, eprime oprattutto con forti connotati attravero operativi i prodotti ed che elevata ea intenzionalità riece ad offrire. ociale, Per queto i eprime motivo oprattutto l approccio attravero più concreto i prodotti per tracciare che ea riece una linea ad offrire. dei primi Per 10 queto anni di motivo vita dell AIP l approccio paa più attravero concreto la per reviione tracciare dei una congrei linea dei nazionali primi 10 che anni i ono di vita celebrati dell AIP e paa delle altre attravero attività la più reviione dei congrei ignificative. nazionali Coì i che cotruice i ono un celebrati ponte tra e delle gli apetti altre attività dell Aociazione più che ignificative. maggiormente Coì appaiono i cotruice e quelli un che ponte ne tra cotituicono gli apetti dell Aociazione il fondamento che maggiormente cientifico culturale, appaiono frutto e quelli di una che continua ne cotituicono elaborazione il fondamento e di cambi cientifico culturale, ignificativi. Perché l AIP frutto è prima di una di continua tutto un elaborazione luogo aperto e di ereno cambi dove ignificativi. aieme cotruicono Perché l AIP ipotei è prima di di lavoro, tutto un modelli luogo operativi aperto e e ereno i elaborano dove efficaci aieme metodologie i cotruicono formative. ipotei di lavoro, modelli operativi e i elaborano Come efficaci appare metodologie evidente formative. oprattutto dai titoli dei congrei, l AIP ha empre Come cercato appare una intei evidente alta oprattutto tra gli apetti dai tecnici titoli dei della congrei, clinica, quelli l AIP legati ha empre al cercato eno della una cura intei ed alta ai uoi tra riflei gli apetti ia ulla tecnici perona della clinica, anziana quelli ia ugli legati al operatori, eno della quelli cura determinati ed ai uoi riflei dal conteto ia ulla ociale perona ed anziana organizzativo. ia ugli operatori, quelli determinati dal conteto ociale ed organizzativo.

4 L organizzazione L organizzazione Quanto verrà di eguito elencato è tato reo poibile dal lavoro dei due preidenti Piero P Quanto verrà di eguito elencato è tato reo poibile dal lavoro dei due preidenti Piero Scapicchio ed Umberto Senin e del egretario cientifico Angelo Bianchetti. Con loro ha a Scapicchio ed Umberto Senin e del egretario cientifico Angelo Bianchetti. Con loro ha collaborato efficacemente il Collegio di Preidenza, compoto da Carlo Caltagirone, Niccolò collaborato efficacemente il Collegio di Preidenza, compoto da Carlo Caltagirone, Niccolò Marchionni (preceduto da Gian Franco Salvioli) ed Elvezio Pirfo, eempio di lavoro collettivo Marchionni (preceduto da Gian Franco Salvioli) ed Elvezio Pirfo, eempio di lavoro collettivo tra dicipline tra divere dicipline portato divere avanti portato con erenità, avanti con nella erenità, convinzione nella convinzione di un comune di dovere. un comune dovere. Un particolare Un riconocimento particolare riconocimento va a Luigi Ferrannini, va a Luigi preidente Ferrannini, della preidente Società della Italiana Società di Italiana di Pichiatria, per Pichiatria, il cotante per impegno il cotante volto impegno alla cotruzione volto alla cotruzione di aperi condivii aperi tra condivii le varie tra le varie pecialità, anche pecialità, attravero anche la attravero uperviione la uperviione della rivita Picogeriatria. della rivita Picogeriatria. r d c 1 Il Coniglio Direttivo dell AIP, compoto da 52 perone (2 preidenti onorari, 3 vicepreidenti, 1 egretario cientifico, 26 coniglieri, 13 preidenti regionali, 6 reponabili aree 1 S Il Coniglio Direttivo dell AIP, compoto da 52 perone (2 preidenti onorari, 3 vicepreidenti, 1 egretario cientifico, 26 coniglieri, 13 preidenti regionali, 6 reponabili aree tematiche), ha rappreentato in queti anni una fonte ricca di timoli, indicazioni, C tematiche), ha rappreentato in queti anni una fonte ricca timoli, indicazioni, elaborazioni culturali. 1 elaborazioni culturali. Particolarmente ignificativi ono tati i Seminari del Coniglio Direttivo che i ono volti a: c Particolarmente ignificativi ono tati i Seminari del Coniglio Direttivo che i ono volti a: Sopiro (Cremona), gennaio 2007: La protezione della perona fragile in Italia D Sopiro (Cremona), gennaio 2007: La protezione della perona fragile in Italia Brecia, luglio 2007: Le deciioni di fine vita e la perona anziana 5 Brecia, luglio 2007: Le deciioni di fine vita e la perona anziana Brecia, 3 4 luglio 2008: Il futuro dell aitenza all anziano tra biogni, diritti e compatibilità a Brecia, 3 4 luglio 2008: Il futuro dell aitenza all anziano tra biogni, diritti e compatibilità economiche 1 economiche Brecia, gennaio 2009: Il rapporto medico paziente, Le differenze di genere nella c Brecia, gennaio 2009: Il rapporto medico paziente, Le differenze di genere nella getione del paziente picogeriatrico C getione del paziente picogeriatrico Napoli, gennaio 2010: La comunicazione della diagnoi di malattia di Alzheimer e delle 1 Napoli, gennaio 2010: La comunicazione della diagnoi di malattia di Alzheimer e delle indromi correlate indromi correlate La ignora Sandra La ignora Martini Sandra ha retto Martini queti ha retto anni in la queti egreteria anni la dell AIP egreteria con dell AIP competenza, con competenza, generoità ed generoità intelligenza, ed intelligenza, non digiunte non da digiunte una certa da dura una efficienza. certa dura efficienza. L a (P a Nell AIP ono Nell AIP formalmente ono formalmente cotituite ed cotituite operative ed 13 operative ezioni regionali 13 ezioni (Piemonte, regionali (Piemonte, Lombardia, Triveneto, Lombardia, Emilia, Triveneto, Liguria, Emilia, Tocana, Liguria, Marche Umbria, Tocana, Marche Umbria, Lazio, Campania, Lazio, Puglia, Campania, Puglia, Calabria, Sicilia, Calabria, Sardegna). Sicilia, Sardegna). S Su indicazione Su del indicazione CD, dal 2008 del CD, i è dal aperta 2008 la i poibilità è aperta la di poibilità organizzare di all interno organizzare all interno dell Aociazione dell Aociazione alcuni gruppi alcuni di interee gruppi u di interee pecifici problemi. u pecifici Nello problemi. teo Nello anno teo è tato anno è tato itituito un gruppo itituito u un Riabilitazione gruppo u Riabilitazione e picogeriatria, e picogeriatria, con la regia di con Giueppe la regia di Bellelli, Giueppe che Bellelli, che S ha già una propria ha già una toria propria cientifica toria ed cientifica ha prodotto ed ha indicazioni prodotto operative. indicazioni E operative. inoltre in E inoltre in programma programma l itituzione di l itituzione un nuovo di gruppo un nuovo di lavoro gruppo ul di L aitenza lavoro ul L aitenza al paziente affetto al paziente da affetto da demenza grave demenza tra cura grave e palliazione. tra cura e palliazione. N v

5 e attività Le attività rima di analizzare Prima di le analizzare tematiche le congreuali, tematiche congreuali, è opportuno è uno opportuno guardo uno d aieme guardo alle d aieme alle ttività compiute attività nel compiute decennio: nel decennio: gli icritti all Aociazione gli icritti all Aociazione nel 2010 ono nel 2.075, 2010 ono con una 2.075, crecita con una progreiva crecita negli progreiva anni; negli anni; nel decennio nel di decennio attività i ono di attività tenuti i una ono media tenuti annuale una media 12 annuale eventi di congreuali 12 eventi congreuali a livello a livello egionale, che regionale, peraltro che ono peraltro molto aumentati ono molto nel aumentati 2008 (n.19) nel e 2008 nel 2009 (n.19)(n.23); e nel 2009 (n.23); a partire dal a 2003 partire i ono dal 2003 tenuti i 6 ono Congrei tenuti Internazionali 6 Congrei Internazionali Brain Aging Brain and Dementia, Aging and Dementia, edicati in particolare dedicati in all approfondimento particolare all approfondimento delle dinamiche delle patogenetiche dinamiche patogenetiche che aratterizzano caratterizzano i procei di i invecchiamento procei di invecchiamento normale e patologico: normale e patologico: 7 19 ettembre , ettembre Perugia 2003, 1 t Annual Perugia Meeting 1 t Annual Brain Meeting Aging and Brain Dementia Aging and (Segreteria Dementia (Segreteria cientifica Patrizia Scientifica Mecocci); Patrizia Mecocci); 6 18 dicembre , dicembre Roma 2004, 2 nd Annual Roma 2 Meeting nd Annual Brain Meeting Aging and Brain Dementia Aging and (Preidente Dementia (Preidente arlo Caltagirone); Carlo Caltagirone); 3 dicembre , dicembre Brecia 2005, 3 rd Annual Brecia Meeting 3 rd Annual Brain Meeting Aging and Brain Dementia Aging and From Dementia care to From care to ure: perpective cure: perpective on the treatment on the of treatment dementia of (Preidenti: dementia Aleandro (Preidenti: Padovan Aleandro e Monica Padovan e Monica i Luca); Di Luca); 7 ottobre 2006, 5 7 ottobre Perugia 2006, 4 th Perugia Annual Meeting 4 th Annual Brain Meeting Aging and Brain Dementia Aging and From Dementia ucceful From ucceful ging to evere aging dementia to evere (Segreetria dementia Scientifica (Segreetria Patrizia Scientifica Mecocci); Patrizia Mecocci); 5 17 novembre , novembre Genova 2007, 5 th Genova Annual Meeting 5 th Annual Brain Meeting Aging and Brain Dementia Aging and Affettività, Dementia Affettività, ognitività ed cognitività invecchiamento ed invecchiamento (Segreteria Scientifica (Segreteria Gianfranco Scientifica Nuvoli, Gianfranco Luigi Nuvoli, Ferrannini, Luigi Ferrannini, arlo Serrati, Carlo Gianfranco Serrati, Spalletta); Gianfranco Spalletta); 0 12 dicembre , dicembre Roma 2009, 6 th Annual Roma Meeting 6 th Annual Brain Meeting Aging and Brain Dementia Aging and Brain Dementia Reerve Brain Reerve nd Platicity and in the Platicity Aging Brain the Aging and Stroke. Brain Complexity and Stroke. and Complexity potential and for potential intervention for intervention reidente Carlo (Preidente Caltagirone; Carlo Caltagirone; Segreteria Scientifica Segreteria Gianfranco Scientifica Spalletta); Gianfranco Spalletta); nel decennio nel ono decennio tati organizzati ono tati numeroi organizzati incontri numeroi e eminari incontri in e collaborazione eminari in collaborazione tra AIP e tra AIP e ltre ocietà altre cientifiche ocietà (in cientifiche particolare, (in SIGG, particolare, Sindem, SIGG, SIP, Sindem, SIMFER) SIP, SIMFER) ono tati pubblicati Sono tati i eguenti pubblicati facicoli i eguenti delle facicoli rivite delle ocietarie: rivite ocietarie: 7 Neuropichiatria 7 Neuropichiatria Geriatrica (aprile Geriatrica 2006 aprile (aprile 2008) 2006 aprile 2008) 3 Picogeriatria 3 Picogeriatria (marzo, giugno ettembre (marzo, giugno ettembre 2001 e aprile ) e aprile 2002) 2 Picogeriatria 2 Picogeriatria New (dicembre New 2002, (dicembre aprile 2002, 2003) aprile 2003) 13 Picogeriatria 13 Picogeriatria nuova erie (maggio nuova erie 2006 aprile (maggio 2010) 2006 aprile 2010) ono tati inoltre Sono pubblicati tati inoltre i upplementi: pubblicati i upplementi: La protezione La della protezione perona della fragile perona in Italia fragile (uppl.n 2 in Italia maggio/agoto (uppl.n 2 maggio/agoto 2007) (111 pg.) 2007) (111 pg.) Memantina Memantina nella malattia nella di Alzheimer malattia di (uppl. Alzheimer n 1 ettembre/dicembre (uppl. n 1 ettembre/dicembre 2008) (70 pg.) 2008) (70 pg.) Il futuro della Il futuro cura della della malattia cura della di Alzheimer malattia di (uppl. Alzheimer n 1 gennaio/aprile (uppl. n 1 gennaio/aprile 2009) (109 pg.) 2009) (109 pg.) Negli ultimi Negli due anni ultimi è tato due anni inviato è tato menilmente inviato menilmente bollettino il AIP, bollettino con informazioni AIP, con informazioni ulla ulla ita ocietaria vita ocietaria

6 Sono tati pubblicati i Quaderni: Sono tati pubblicati La depreione i Quaderni: dell'anziano. Un rilevante fattore di modulazione prognotica (2002) La depreione Il trattamento dell'anziano. della Un depreione rilevante fattore in Italia. di modulazione Lo tudio EpiDel prognotica (2003) (2002) P Il trattamento La della compleità depreione nel paziente in Italia. affetto Lo tudio da malattia EpiDel (2003) di Alzheimer (2006) La compleità Nel 2009 nel paziente è tato pubblicato affetto da malattia preo l editore Alzheimer Maggioli (2006) il volume di Fabrizio Aioli e Marco A Nel 2009 è tato Trabucchi pubblicato Aitenza preo in l editore picogeriatria. Maggioli Manuale il volume di di opravvivenza Fabrizio Aioli per e Marco l operatore E Trabucchi Aitenza picogeriatrico in picogeriatria. Manuale di opravvivenza per l operatore picogeriatrico p L AIP ha preparato dopo ampia dicuione collegiale e diffuo alcuni documenti u temi U L AIP ha preparato rilevanti: dopo ampia dicuione collegiale e diffuo alcuni documenti u temi c rilevanti: Linee guida ul trattamento della malattia di Alzheimer dell AIP (Drug and Aging 22: 1 Linee guida ul 26, trattamento 2005) della malattia di Alzheimer dell AIP (Drug and Aging 22: 1 d 26, 2005) Il trattamento della depreione nell anziano. Documento di Coneno dell AIP (2007) A Il trattamento La della protezione depreione della perona nell anziano. fragile Documento in Italia. Diritti di Coneno del cittadino dell AIP e garanzie (2007) da parte di f La protezione itituzioni della perona e operatori fragile (2007) in Italia. Diritti del cittadino e garanzie da parte di p itituzioni e operatori Dieci regole (2007) per il beneere della perona che invecchia (2009) Dieci regole Giornata per il beneere Alzheimer della perona Il decalogo che invecchia dell AIP (2009) Giornata Alzheimer Promuovere e Il ripettare decalogo la dell AIP libertà deciionale della perona con demenza: idee condivie a Promuovere da e geriatri, ripettare pichiatri, la libertà neurologi deciionale (2009) della perona con demenza: idee condivie da geriatri, pichiatri, Il futuro della neurologi cura della (2009) malattia di Alzheimer. Riultati di uno tudio Delphi (2009) S Il futuro della L AIP cura e della la riabilitazione: malattia di Alzheimer. le ragioni di Riultati un interee di uno pecifico tudio Delphi e di un (2009) impegno concreto per il L AIP e la riabilitazione: futuro (2010) le ragioni di un interee pecifico e di un impegno concreto per il In futuro (2010) La riabilitazione geriatrica: Le ragioni di un interee pecifico e di un impegno concreto pe a La riabilitazione il futuro geriatrica: (2010) Le ragioni di un interee pecifico e di un impegno concreto per la il futuro (2010) Sono attualmente in preparazione due documenti, uno ulla comunicazione della diagno Sono attualmente di demenza in preparazione (a cura di Fabrizio due documenti, Aioli, Alberto uno ulla Ceter comunicazione e Maimo Muicco), della diagnoi l altro ulle di demenza metodologie (a cura di Fabrizio di certificazione Aioli, Alberto dell invalidità Ceter e Maimo civile per Muicco), le perone l altro affette ulle da demenza (a cura metodologie di di Vincenzo certificazione Canonico). dell invalidità civile per le perone affette da demenza (a cura di Vincenzo Canonico). Sito internet Sito internet Da alcuni anni è diponibile un ito internet dell AIP, che è tato recentemente rinnovato Da alcuni anni (www.picogeriatria.it). è diponibile un ito internet Si offre dell AIP, a tutti i oci che un opportunità è tato recentemente di incontro, rinnovato di cambio di (www.picogeriatria.it). informazioni Si e di offre pubblicizzazione a tutti i oci un opportunità di attività che dovrà di incontro, futuro di cambio eere empre di più informazioni viluppata. e di pubblicizzazione di attività che dovrà in futuro eere empre più viluppata.

7 Progetti di ricerca AIP ha coordinato direttamente alcuni progetti di ricerca e formazione: EPIDEI (Epidemiologia della Depreione in Italia, 2003). Il primo grande tudio italiano ull epidemiologia dei diturbi depreivi dell anziano, che ha coinvolto oltre 100 centri pichiatrici, neurologici e geriatrici UNIVA (Unità di valutazione Alzheimer Network Italiano). Il progetto, iniziato nel 2010, ha il compito di creare una rete di UVA che viluppino attività di tudio e formazione, con lo copo di migliorare la qualità dell aitenza nei ervizi dedicati alle perone affette da demenza. APIGRA (Analii delle Problematiche Picogeriatriche in Riabilitazione): al progetto di ricerca, finalizzato a decrivere prevalenza ed impatto delle problematiche picogeriatriche nei pazienti anziani ricoverati nei reparti di riabilitazione, hanno partecipato 18 centri ditribuiti u tutto il territorio nazionale. La ezione di riabilitazione Picogeriatrica dell AIP ta viluppando altri 3 progetti di ricerca ui temi della comorbilità pichiatrica (depreione ed ania), della reilienza e dell apatia in riabilitazione. Strutture di ervizio all AIP r In queti dieci anni di lavoro l AIP è tata coadiuvata ul piano organizzativo delle varie attività da G&G Congrei e u quello editoriale dalla Critical Medicine Publihing. A loro va la gratitudine di tutta l Aociazione. i

8 I dieci congrei nazionali 2001: SAPERE MEDICO E PERSONA: IL FUTURO DELLA PSICOGERIATRIA L inizio di un itinerario culturale, caratterizzato dai due termini chiave: la cultura cientifica e la relazione. E una tematica profondamente inverata nell AIP, che negli anni ha ubito divere interpretazioni, nella fedeltà all ipirazione originaria 2002: LA PSICOGERIATRIA: MULTIFORMITA DEL SAPERE E UNICITA DELLA PERSONA I aperi tecnici e clinici hanno divere facce, che devono eere pote al ervizio della perona, la cui offerenza è l obiettivo fondamentale di ogni intervento 2003: PSICOGERIATRIA: ALLA RICERCA DI UN PENSIERO FORTE Il tema del peniero forte è tata una cotante della ricerca all interno dell AIP, perché riteniamo che nella ocietà liquida la cura rappreenti un momento particolare, fondato in modo da poter empre ripondere al biogno, nonotante mille difficoltà e complei interrogativi 2 L c d è 2 r 2004: EVIDENCE BASED MEDICINE E MONDO REALE: IL PONTE DELLA PSICOGERIATRIA Inizia con queto congreo il forte interee dell AIP vero le problematiche del confine tra la medicina cientifica e quella che ogni giorno i eercita con il paziente e la ua famiglia. E un elaborazione di contenuti empre aperta e non facile, ma irrinunciabile per una pratica efficace 2005: LA PSICOGERIATRIA NELL EPOCA DELLE PASSIONI TRISTI Come i colloca nella notra ocietà dominata dalle paioni triti il meaggio dell AIP di eercitare una medicina generoa, legata ai biogni più profondi, aperta al dialogo? 2006: IDENTITA DEL VECCHIO, MUTAMENTI SOCIALI E COMPLESSITA DEI BISOGNI: INNOVATIVITA E SPECIFICITA DELLE CURE Il notro modo di curare è empre adeguato ai cambiamenti che ono avvenuti in queti anni degli tili di vita, che coì profondamente hanno modificato le attee e le peranze delle perone anziane ammalate? 2007: CRITICITA IN PSICOGERIATRIA I punti più deboli del notro lavoro clinico ono quelli che maggiormente devono eere al centro dell impegno di ricerca, di miglioramento della prai, di apprendimento della capacità di relazione 2008: LA PSICOGERIATRIA NEI LUOGHI DELLE CURE. IL CORAGGIO DI CAMBIARE L AIP fin dall inizio i è collocata ai margini della tradizione immobilita di una certa organizzazione anitaria; ha empre cercato di affrontare i problemi in un ottica non banale, ia ul piano clinico ia u quello dell organizzazione dei ervizi. Un approccio che talvolta è cotato forti critiche, in particolare da chi egue una logica autoreferenziale

9 e a, 2009: PSICOGERIATRIA E MEDICINA. ATTESE, BISOGNI, DIRITTI La cura delle malattie della perona anziana è un atto compleo, che coinvolge anche componenti trettamente omatiche. Il medico deve mettere davanti a tutto il proprio dovere, elemento più forte ripetto alla cura di qualiai diritto del paziente, perché il primo è fondato ulla notra cocienza, il econdo ulla mutevolezza delle circotanze culturali, ociali, picologiche 2010: LA PSICOGERIATRIA. DOPO DIECI ANNI, UNO SGUARDO AL FUTURO ne dicuteremo alla fine non è una celebrazione, ma un ulteriore aunzione di reponabilità individuale e collettiva a i,

10 Gli obiettivi dei proimi dieci anni Non è poibile delineare in modo analitico il lavoro da compiere nel proimo decennio, perché i mutamenti di cenario ono coì rapidi da richiedere continui adattamenti. E però poibile indicare alcune linee di tabilità che non potranno eere tradite, perchè rappreentano la volontà degli icritti, come ho potuto con oddifazione contatare nelle moltiime occaioni di preenza nel territorio. Ma anche come i evince chiaramente dallo tile operativo e dall ipirazione che ha animato i 10 congrei nazionali (e anche tutte le altre attività, ai più diveri livelli). Il motivo di fondo che caratterizza il futuro è interpretato dallo logan organizzare la generoità. L AIP i pone come trumento operativo concreto per mettere aieme la ricchezza di idee e di impegno eprea da tanti colleghi che in ambiti diveri eercitano la profeione nel modo più inteno e ignificativo, ma che peo entono la olitudine del loro lavoro. La generoità peronale è ancor più nobile (e utile) quando i eprime apparentemente enza coneni diffui, quando i impegna ad aprire trade nuove, quando otiene caue difficili, quando i mette a dipoizione dei più poveri. L AIP offre punti culturali per inquadrare in una cornice di motivazioni alte l impegno di tutti i giorni, punti tecnici per migliorare l attività clinica ul piano diagnotico e terapeutico ed anche punti di riferimento per far progredire l organizzazione compleiva, agendo ulle modalità attravero le quali i eplicano i diveri ervizi. In queta logica l AIP colloca l impegno per migliorare la formazione degli operatori, ia a livello itituzionale che informale, e per offrire upporto alla ricerca cientifica, dal laboratorio al letto del paziente. In particolare per quanto riguarda la ricerca clinico epidemiologica l AIP non olo mette a dipoizione un numero molto alto di centri operativi, ma oprattutto una cultura interdiciplinare e della compleità che permette di eeguire ricerche adeguate alla realtà dei pazienti (tenendo in coniderazione polipatologia, diabilità, fragilità). Queto lavoro compleo i volge in una propettiva di ottimimo, perché la notra peronale eperienza e quella cotruitai attorno all AIP tetimoniano la capacità di affrontare e uperare anche le ituazioni e le condizioni di lavoro più difficili. U p t r C a A p b Per raggiungere i fini opradelineati è ovviamente neceario un rafforzamento delle trutture dell Aociazione, in particolare quelle a livello regionale, con un organizzazione più elatica in grado di adeguari alle eigenze di chi vede in noi un punto di riferimento, un ampliamento del numero dei oci, in modo da incrementare il notro peo politico, un empre maggiore coinvolgimento nell elaborazione di contenuti originali. Però neun impegno ocietario avrà futuro enza una diretta aunzione di reponabilità da parte di tutti. La fida difficile dei proimi anni i può vincere e ogni ocio è convinto che non può delegare il proprio compito nel concreto in cui i trova ad operare. Certo, ciacuno può contare ulla olidarietà e l aiuto di altri, però deve lavorare enza riparmio; olo attravero un impegno peronale e generoo i può arrivare ai riultati di cui la notra ocietà ha biogno.

11 e Un elemento che dovrà eere dicuo nei proimi anni riguarda l apertura dell AIP ad altre profeioni anitarie, come ad eempio picologi, infermieri, terapiti della riabilitazione, terapiti occupazionali. La tematica andrà affrontata con equilibrio, nel ripetto delle reciproche competenze, ma anche di una viione unitaria dell atto di cura. Infatti l AIP ha empre mirato a valorizzare il ruolo dei vari componenti dell equipe, mettendo a punto trumenti di lavoro e di comunicazione interprofeionali. Come opra affermato, l AIP ha l ambizione di intervenire nelle molteplici tematiche che accompagnano il biogno di cura, da quelle trettamente clinico aitenziali a quelle cientifiche ed a quelle connee con l organizzazione dei ervizi. A tal fine i ripropone una empre maggiore collaborazione con altre ocietà cientifiche. A queto iamo chiamati nei proimi anni; certamente riuciremo a raggiungere gli obiettivi prefiati, che di fatto cotituicono il modo più reponabile e moderno per ripondere al biogno delle perone meno fortunate che a noi i affidano per le cure. i o

12 Segreteria Scientifica ANGELO BIANCHETTI SANDRA MARTINI Via Romanino, Brecia Tel Fax

LA GESTIONE DELLO STRESS

LA GESTIONE DELLO STRESS LA GESTIONE DELLO STRESS Stre è enza alcun dubbio una delle parole più uate (o abuate) nel mondo, almeno in quello occidentale. Vi ono molti ignificati dati a queto termine, alcuni ne ottolineano primariamente

Dettagli

La manutenzione. Definizioni. Evoluzione storica. Manutenzione: Manutenibilità: Dott.ssa Brunella Caroleo

La manutenzione. Definizioni. Evoluzione storica. Manutenzione: Manutenibilità: Dott.ssa Brunella Caroleo La Dott.a Brunella Caroleo Definizioni Manutenzione: È il controllo cotante degli impianti e l inieme dei lavori di riparazione e otituzione neceari ad aicurare il funzionamento regolare e a mantenere

Dettagli

Note su alcuni principi fondamentali di macroeconomia Versione parziale e provvisoria. Claudio Sardoni Sapienza Università di Roma

Note su alcuni principi fondamentali di macroeconomia Versione parziale e provvisoria. Claudio Sardoni Sapienza Università di Roma Note u alcuni principi fondamentali di macroeconomia Verione parziale e provvioria Claudio Sardoni Sapienza Univerità di Roma Anno accademico 2010-2011 ii Indice Premea v I Il breve periodo 1 1 Il fluo

Dettagli

Parrucchiera / parrucchiere con attestato federale di capacità (AFC)

Parrucchiera / parrucchiere con attestato federale di capacità (AFC) Piano di formazione per l ordinanza ulla formazione profeionale di bae Parrucchiera / parrucchiere con attetato federale di capacità (AFC) Numero della profeione 8014 del 1 novembre 01 Indice Indice...

Dettagli

SPECIALISTI DELL AUTOMOTIVE

SPECIALISTI DELL AUTOMOTIVE 80_84_147do5 d Pagina 80 o di MILA MOLINARI i e SPECIALISTI DELL AUTOMOTIVE Eperti nella lavorazione di prototipi e particolari detinati al ettore automobilitico, CMG Cofeva da oltre 30 anni opera nel

Dettagli

Definizione delle specifiche per un sistema di controllo a retroazione unitaria

Definizione delle specifiche per un sistema di controllo a retroazione unitaria Definizione delle pecifiche per un itema di controllo a retroazione unitaria Obiettivi del controllo Il itema di controllo deve eere progettato in modo da garantire un buon ineguimento dei egnali di riferimento

Dettagli

Teorema del Limite Centrale

Teorema del Limite Centrale Teorema del Limite Centrale Una combinazione lineare W = a 1 X + a Y + a 3 Z +., di variabili aleatorie indipendenti X,Y,Z, ciacuna avente una legge di ditribuzione qualiai ma con valori attei comparabili

Dettagli

La popolazione di gatti urbani sul territorio del Comune di Firenze

La popolazione di gatti urbani sul territorio del Comune di Firenze Relazione di Teoria dei Sitemi La popolazione di gatti urbani ul territorio del Comune di Firenze Modelli per lo tudio ed il controllo Docente: Aleandro Caavola Studenti: Leonardo Profeti, Manfredi Toraldo,

Dettagli

IL DOVERE DI CURARE evidenze scientifiche e persona

IL DOVERE DI CURARE evidenze scientifiche e persona PROGRAMMA PRELIMINARE Associazione Italiana di Psicogeriatria IL DOVERE DI CURARE evidenze scientifiche e persona Firenze 14-16 aprile 2016 Associazione Italiana di Psicogeriatria PRESIDENTE Marco Trabucchi

Dettagli

LA MEDICINA DEL DOMANI: PREDITTIVA, PREVENTIVA, PERSONALIZZATA, PARTECIPATA

LA MEDICINA DEL DOMANI: PREDITTIVA, PREVENTIVA, PERSONALIZZATA, PARTECIPATA Congresso Nazionale LA MEDICINA DEL DOMANI: PREDITTIVA, PREVENTIVA, PERSONALIZZATA, PARTECIPATA Gardone Riviera (BS) 18-20 Aprile 2013 Consiglio Direttivo Presidente Marco Trabucchi (Roma) Presidente Onorario

Dettagli

Brescia, 19-21 aprile 2007. Camera di Commercio Via Einaudi, 23-25121 Brescia

Brescia, 19-21 aprile 2007. Camera di Commercio Via Einaudi, 23-25121 Brescia Brescia, 19-21 aprile 2007 Camera di Commercio Via Einaudi, 23-25121 Brescia Consiglio Direttivo Presidente Onorario Mario Barucci Presidente Umberto Senin Past President Marco Trabucchi Vice Presidenti

Dettagli

6) Stati di cedimento 6.1) Introduzione all analisi delle costruzioni in muratura nel loro stato attuale

6) Stati di cedimento 6.1) Introduzione all analisi delle costruzioni in muratura nel loro stato attuale 6) tati di cedimento 6.1) Introduzione all analii delle cotruzioni in muratura nel loro tato attuale Nel conteto del modello di materiale rigido non reitente a trazione, la valutazione delle capacità portanti

Dettagli

LA MEDICINA DEL DOMANI: PREDITTIVA, PREVENTIVA, PERSONALIZZATA, PARTECIPATA

LA MEDICINA DEL DOMANI: PREDITTIVA, PREVENTIVA, PERSONALIZZATA, PARTECIPATA Congresso Nazionale LA MEDICINA DEL DOMANI: PREDITTIVA, PREVENTIVA, PERSONALIZZATA, PARTECIPATA Gardone Riviera (BS) 18-20 Aprile 2013 Consiglio Direttivo Presidente Marco Trabucchi (Roma) Presidente Onorario

Dettagli

1 I prodotti finanziari di riferimento

1 I prodotti finanziari di riferimento UN MODELLO PER L ANALISI DELLO STILE DI GESTIONE DEI FONDI COMUNI DI INVESTIMENTO Domenico Vitocco 1+, Claudio Converano 1 1 Dipartimento di Economia e Territorio, Univerità di Caino, Via Mazzaroppi, I-03043

Dettagli

ds i Scopri i nostri servizi di screening,diagnosi, rieducazione e doposcuola

ds i Scopri i nostri servizi di screening,diagnosi, rieducazione e doposcuola i LE SS ia Scopri i notri ervizi i creening,iagnoi, rieucazione e opocuola I Diturbi Specifici i Apprenimento nei Centri SOS ileia Coa ono I Diturbi Specifici ell'apprenimento (DSA) ono ifunzioni neurobiologiche,

Dettagli

Lezione 12. Regolatori PID

Lezione 12. Regolatori PID Lezione 1 Regolatori PD Legge di controllo PD Conideriamo un regolatore che eercita un azione di controllo dipendente dall errore attravero la eguente legge: t ut = K et K e d K de t P + τ τ+ D. dt La

Dettagli

Finalità del Modulo 6b

Finalità del Modulo 6b All table procee we hall predict. All untable procee we hall control (John von Neumann) Teoria del Controllo Modulo 6b Cortile Volta La funzione di controllo fa parte di un proceo di autoregolazione dell

Dettagli

Strumenti della Teoria dei Giochi per l Informatica A.A. 2009/10. Lecture 11: 13-14 Maggio 2010. Meccanismi per la Condivisione dei Costi

Strumenti della Teoria dei Giochi per l Informatica A.A. 2009/10. Lecture 11: 13-14 Maggio 2010. Meccanismi per la Condivisione dei Costi Strumenti della Teoria dei Giochi per l Informatica A.A. 2009/0 Lecture : 3-4 Maggio 200 Meccanimi per la Condiviione dei Coti Docente Paolo Penna Note redatte da: Paolo Penna Primo Eempio Vogliamo vendere

Dettagli

Laboratorio di Algoritmi e Strutture Dati

Laboratorio di Algoritmi e Strutture Dati Il problema Laboratorio di Algoritmi e Strutture Dati Docenti: M. Goldwurm, S. Aguzzoli Appello del 5 Aprile 005 Progetto Recinti Conegna entro il Aprile 005 Si tudia la reitenza di alcune pecie di piante

Dettagli

CENTRO LIBRI AREA RISERVATA: ISTRUZIONI PERL USO

CENTRO LIBRI AREA RISERVATA: ISTRUZIONI PERL USO CENTRO LIBRI AREA RISERVATA: ISTRUZIONI PERL USO 1. IL TUO PROFILO 2. RICERCA A CATALOGO SEMPLICE 3. RICERCA A CATALOGO AVANZATA 4. I RISULTATI DELLA RICERCA 5. PROMOZIONI IN CORSO E OFFERTE IN ESCLUSIVA

Dettagli

Erga News IL VOLONTARIATO FIRMATO. La voce dei volontari. www.erga omnes.eu BIMESTRALE GRATUITO, CURATO DAI VOLONTARI DELL'ASSOCIAZIONE

Erga News IL VOLONTARIATO FIRMATO. La voce dei volontari. www.erga omnes.eu BIMESTRALE GRATUITO, CURATO DAI VOLONTARI DELL'ASSOCIAZIONE Erga New La voce dei volontari www.erga omne.eu BIMESTRALE GRATUITO, CURATO DAI VOLONTARI DELL'ASSOCIAZIONE INDICE Il volontariato firmato Erga Omne (pag. 1 ) Il Centro di Acolto è un ervizio focale del

Dettagli

green innovation factory formule di insediamento

green innovation factory formule di insediamento formule di inediamento 2013 it La filoofia green innovation factory Progetto Manifattura è un centro di innovazione indutriale che opera prioritariamente nei ettori dell'edilizia ecootenibile, dell'energia

Dettagli

Società Medica Italiana per la Contraccezione

Società Medica Italiana per la Contraccezione Società Medica Italiana per la ontraccezione RITERI MEDII DI ELIGIBILITÀ ALL IMPIEGO DEI ONTRAETTIVI Società Medica Italiana per la ontraccezione Pubblicato dalla Organizzazione Mondiale della Sanità nel

Dettagli

DOCUMENTO PER LA CONSULTAZIONE 509/2015/R/COM

DOCUMENTO PER LA CONSULTAZIONE 509/2015/R/COM DOCUMENTO PER LA CONSULTAZIONE 509/2015/R/COM CRITERI PER LA DETERMINAZIONE E L AGGIORNAMENTO DEL TASSO DI REMUNERAZIONE DEL CAPITALE INVESTITO PER LE REGOLAZIONI INFRASTRUTTURALI DEI SETTORI ELETTRICO

Dettagli

Project Management Base

Project Management Base Mater in Management e Getione dell'innovazione http://www.rieforum.org/mater/index.php?option=com_content&view=article&id=48&itemid=53&lang=it Management Bae Modulo 1/3 Seconda Parte Sabato 16 Febbraio

Dettagli

Poiché la retta è definita dall equazione: y = a + bx. Capitolo 4. Regressione e Correlazione.

Poiché la retta è definita dall equazione: y = a + bx. Capitolo 4. Regressione e Correlazione. Diaz - Appunti di tatitica - AA 1/ - edizione 9/11/1 Cap. 4 - Pag. 1 Capitolo 4. Regreione e Correlazione. Regreione Il termine regreione ha un'origine antica ed un ignificato molto particolare. L inventore

Dettagli

Le ipotesi di base che si utilizzano sono le stesse quattro già viste con riferimento al caso della flessione semplice e cioè:

Le ipotesi di base che si utilizzano sono le stesse quattro già viste con riferimento al caso della flessione semplice e cioè: LEZIONI N 44 E 45 CALCOLO A ROTTURA DELLA SEZIONE PRESSOINFLESSA PROBLEMI DI VERIFICA La procedura di verifica dei pilatri di c.a., ottopoti a forzo normale e momento flettente, è baata ulla cotruzione

Dettagli

Capitolo IV L n-polo

Capitolo IV L n-polo Capitolo IV L n-polo Abbiamo oervato che una qualiai rete, vita da due nodi, diventa, a tutti gli effetti eterni, un bipolo unico e queto è in qualche miura ovvio e abbiamo anche motrato come cotruire

Dettagli

Sintesi tramite il luogo delle radici

Sintesi tramite il luogo delle radici Sintei tramite il luogo delle radici Può eere utilizzata anche per progettare itemi di controllo per itemi intabili Le pecifiche devono eere ricondotte a opportuni limiti u %, ta, t di W(), oltre quelle

Dettagli

Diagramma circolare di un motore asincrono trifase

Diagramma circolare di un motore asincrono trifase Diagramma circolare di un motore aincrono trifae l diagramma circolare è un diagramma che permette di leggere tutte le grandezze del motore aincrono trifae (potenza rea, perdite nel ferro, coppia motrice,

Dettagli

L educazione civica e alla cittadinanza: due ricerche internazionali.

L educazione civica e alla cittadinanza: due ricerche internazionali. Bruno Loito Univerità Roma Tre L educazione civica e alla cittadinanza: due ricerche internazionali. Intervento al Convegno Fare il cittadino. La formazione di un nuovo oggetto nell Europa fra XIX e XXI

Dettagli

Lezione 11. Equilibrio dei mercati del credito e della moneta bancaria. domanda di credito delle imprese = offerta delle banche;

Lezione 11. Equilibrio dei mercati del credito e della moneta bancaria. domanda di credito delle imprese = offerta delle banche; Lezione 11. Equilibrio dei mercati del credito e della moneta bancaria L E d = L domanda di credito delle impree = offerta delle banche; M d H = M M domanda di moneta (legale e bancaria) delle famiglie

Dettagli

Controllore Processo. Le principali componenti del sistema sono: il rivelatore di errore, il controllore che ha il compito di trasformare il segnale

Controllore Processo. Le principali componenti del sistema sono: il rivelatore di errore, il controllore che ha il compito di trasformare il segnale CONTROLLORI DI TIO ID rincipi di funzionamento Il termine controllo definice l azione volta per portare e mantenere ad un valore prefiato un parametro fiico di un impianto o di un proceo (ad eempio, la

Dettagli

2. In un mercato concorrenziale senza intervento pubblico non si ha perdita di benessere sociale netto.

2. In un mercato concorrenziale senza intervento pubblico non si ha perdita di benessere sociale netto. Beanko & Breautigam Microeconomia Manuale elle oluzioni Capitolo 10 Mercati concorrenziali: applicazioni Soluzioni elle Domane i ripao 1. In corriponenza ell equilibrio i lungo perioo, un mercato concorrenziale

Dettagli

ECO-RELAX, tra i limoni del Garda

ECO-RELAX, tra i limoni del Garda di Camilla Fiorin ECO-RELAX, tra i limoni del Garda [www.lefayreort.com] Bio-architettura, integrazione morfologica, hi-tech ecootenibile, deign e beneere naturale: è il Lefay Reort & SPa Pilatri rivolti

Dettagli

SERS (surface enhanced raman scattering)

SERS (surface enhanced raman scattering) a pettrocopia aman tradizionale SS (urface enhanced raman cattering) a pettrocopia aman è una tecnica di indagine uperficiale che i baa ul principio di eccitazione dei livelli energetici della materia.

Dettagli

Corso di Microonde II

Corso di Microonde II POITECNICO DI MIANO Coro di Microonde II ezi n. 3: Generalità ugli amplificatori ineari Coro di aurea pecialitica in Ingegneria delle Telecomunicazi Circuiti attivi a microonde (Amplificatori) V in Z g

Dettagli

IL CONTROLLO DEI GNSS SYSTEMS IN REAL TIME KINEMATIC CON LE NUOVE NORME ISO 17123-8:2007

IL CONTROLLO DEI GNSS SYSTEMS IN REAL TIME KINEMATIC CON LE NUOVE NORME ISO 17123-8:2007 IL CONTROLLO DEI GNSS SYSTEMS IN REAL TIME KINEMATIC CON LE NUOVE NORME ISO 17123-8:2007 Lorenzo LEONE (*), Daniela LAUDANI FICHERA (**) Marco LEONE (***), Giueppe PULVIRENTI (****) (*) Dipartimento di

Dettagli

1 Generalità sui sistemi di controllo

1 Generalità sui sistemi di controllo 1 Generalità ui itemi di controllo Col termine proceo nell impiantitica chimica i intende un inieme di operazioni eeguite u una certa quantità di materia allo copo di modificarne in tutto o in parte alcune

Dettagli

Nessun, altra risparmia più acqua. Nessun, altra è così veloce. speedmatic: la nuova generazione di lavastoviglie Siemens.

Nessun, altra risparmia più acqua. Nessun, altra è così veloce. speedmatic: la nuova generazione di lavastoviglie Siemens. Neun, altra riparmia più acqua. Neun, altra è coì veloce. peedmatic: la nuova generazione di lavatoviglie Siemen. NOVITA MONDIALE peedmatic. La nuova generazione di lavatoviglie. The future moving in.

Dettagli

E opportuno fare precedere questa lezione e quelle che seguiranno da tre considerazioni.

E opportuno fare precedere questa lezione e quelle che seguiranno da tre considerazioni. Capitolo 6 Teorie e modelli di crecita economica E opportuno fare precedere queta lezione e quelle che eguiranno da tre coniderazioni. 1. Qui affronteremo dei modelli teorici che i rifericono oprattutto

Dettagli

Salute! Notiziario dell Azienda Ospedaliera della Provincia di Lecco

Salute! Notiziario dell Azienda Ospedaliera della Provincia di Lecco Per prenotare viite e pretazioni pecialitiche telefona al NUMERO VERDE 800.638.638 n Per informazioni ulla Carta Regionale dei Servizi telefona al NUMERO VERDE 800.030.606 Notiziario dell Azienda Opedaliera

Dettagli

L ATTIVITÁ FISICA. Questo perché l attività fisica migliora Figura 5. il funzionamento dell apparato cardiorespiratorio,

L ATTIVITÁ FISICA. Questo perché l attività fisica migliora Figura 5. il funzionamento dell apparato cardiorespiratorio, L ATTIVITÁ FISICA Fare regolarmente attività fiica fa bene! E le ragioni ono molte: la prima è il miglioramento ia in quantità che in qualità della vita. Maggiore è il livello di allenamento e minore è

Dettagli

Salute! Notiziario dell Azienda Ospedaliera della Provincia di Lecco

Salute! Notiziario dell Azienda Ospedaliera della Provincia di Lecco Per prenotare viite e pretazioni pecialitiche telefona al NUMERO VERDE 800.638.638 n Per informazioni ulla Carta Regionale dei Servizi telefona al NUMERO VERDE 800.030.606 Notiziario dell Azienda Opedaliera

Dettagli

3. Catene di Misura e Funzioni di Trasferimento

3. Catene di Misura e Funzioni di Trasferimento 3.. Generalità 3. Catene di Miura e Funzioni di Traferimento 3.. Generalità Il egnale che rappreenta la grandezza da miurare viene trattato in modo da poter eprimere quet ultima con uno o più valori numerici

Dettagli

Salute! Notiziario dell Azienda Ospedaliera della Provincia di Lecco

Salute! Notiziario dell Azienda Ospedaliera della Provincia di Lecco Per prenotare viite e pretazioni pecialitiche telefona al NUERO VERDE 800.638.638 n Per informazioni ulla Carta Regionale dei Servizi telefona al NUERO VERDE 800.030.606 Notiziario dell Azienda Opedaliera

Dettagli

Circuito Simbolico. Trasformazione dei componenti

Circuito Simbolico. Trasformazione dei componenti Circuito Simbolico Principio di bae E poibile applicare a tutte le leggi matematiche che regolano un circuito la traformata di Laplace, in modo da ottenere un nuovo circuito con delle proprietà differenti.

Dettagli

Sezioni in c.a. La flessione composta. Catania, 16 marzo 2004 Marco Muratore

Sezioni in c.a. La flessione composta. Catania, 16 marzo 2004 Marco Muratore Sezioni in c.a. La fleione compota Catania, 16 marzo 004 arco uratore Per chi non c era 1. Compreione: verifica Tenioni ammiibili α cd Ac f 1.5 f yd A 0.7 σ ( A max c c n A ) Riultati comparabili per il

Dettagli

Il grigliato Keller, nelle realizzazioni di piani di lavoro, offre il più elevato rapporto tra carico sopportabile e peso proprio, oltre ad una

Il grigliato Keller, nelle realizzazioni di piani di lavoro, offre il più elevato rapporto tra carico sopportabile e peso proprio, oltre ad una Il grigliato Keller, nelle realizzazioni di piani di lavoro, offre il più elevato rapporto tra carico opportabile e peo proprio, oltre ad una elevata permeabilità alla luce e all aria. Tali caratteritice

Dettagli

Ing. Mariagrazia Dotoli Controlli Automatici NO (9 CFU) Antitrasformata di Laplace PROCEDIMENTI DI ANTITRASFORMAZIONE

Ing. Mariagrazia Dotoli Controlli Automatici NO (9 CFU) Antitrasformata di Laplace PROCEDIMENTI DI ANTITRASFORMAZIONE PROCEDIMENTI DI ANTITRASFORMAZIONE L'operazione di paaggio invero dal dominio della frequenza complea al dominio del tempo F() f(t) è detta antitraformata o traformazione invera di Laplace. Data una funzione

Dettagli

Lezione 2. Campionamento e Aliasing. F. Previdi - Controlli Automatici - Lez. 2 1

Lezione 2. Campionamento e Aliasing. F. Previdi - Controlli Automatici - Lez. 2 1 Lezione 2. Campionamento e Aliaing F. Previdi - Controlli Automatici - Lez. 2 1 Schema della lezione 1. Introduzione 2. Il campionatore ideale 3. Traformata di un egnale campionato 4. Teorema del campionamento

Dettagli

Rilevazione mensile sull'occupazione, gli orari di lavoro e le retribuzioni nelle grandi imprese

Rilevazione mensile sull'occupazione, gli orari di lavoro e le retribuzioni nelle grandi imprese SISTEMA STATISTICO NAZIONALE ISTITUTO NAZIONALE DI STATISTICA Rilevazione menile ull'occupazione, gli orari di lavoro e le retribuzioni nelle grandi impree 2006 Metodi e Norme n. 29 I ettori AMBIENTE E

Dettagli

Congresso associazione italiana VULNERABILITÀ DELL ANZIANO E LE CRISI. 19-21 Aprile 2012

Congresso associazione italiana VULNERABILITÀ DELL ANZIANO E LE CRISI. 19-21 Aprile 2012 12 Congresso associazione italiana Nazionale psicogeriatria VULNERABILITÀ DELL ANZIANO E LE CRISI 19-21 Aprile 2012 Gardone Riviera (BS) Joint Meeting IPA/AIP 3 Corso AIP per Psicologi 18-19 Aprile 2012

Dettagli

PSICOGERIATRIA: L'INVECCHIAMENTO DELLA PERSONA TRA STRUTTURA BIOLOGICA, AMBIENTE, CAPACITÀ MENTALI

PSICOGERIATRIA: L'INVECCHIAMENTO DELLA PERSONA TRA STRUTTURA BIOLOGICA, AMBIENTE, CAPACITÀ MENTALI CORSO DI PERFEZIONAMENTO Anno Accademico 2013 2014 PSICOGERIATRIA: L'INVECCHIAMENTO DELLA PERSONA TRA STRUTTURA BIOLOGICA, AMBIENTE, CAPACITÀ MENTALI In collaborazione con DIRETTORE: Dott. Francesco SCAPATI

Dettagli

Lamiere grecate semplici in acciaio e alluminio

Lamiere grecate semplici in acciaio e alluminio Capitolo 1 Lamiere grecate emplici in acciaio e alluminio Sommario: 1.1 Generalità 1.1.1 Norme di riferimento 1.1. Tipologie, materiali e campi di applicazione 1.1.3 Definizione della ezione efficace 1.

Dettagli

Obiettivi in Alta Definizione e gestione delle Aberrazioni Cromatiche 1 parte

Obiettivi in Alta Definizione e gestione delle Aberrazioni Cromatiche 1 parte HD ACADEMY a cura dell Ing. Sergio Brighel* Obiettivi in Alta Definizione e getione delle Aberrazioni Cromatiche 1 parte Il fenomeno delle aberrazioni cromatiche è tra le caue più importanti di decadimento

Dettagli

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO 2006 Indirizzo Scientifico-Tecnologico Progetto Brocca

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO 2006 Indirizzo Scientifico-Tecnologico Progetto Brocca Eame di tato 00 ESAME D STATO D LCEO SCENTFCO 00 ndirizzo Scientifico-Tecnologico rogetto Brocca Tema di: FSCA tracrizione del teto e redazione oluzione di Quintino d Annibale Secondo tema L'etto oule

Dettagli

ELETTRONICA ANALOGICA INDUSTRIALE PARTE 4. Retroazione

ELETTRONICA ANALOGICA INDUSTRIALE PARTE 4. Retroazione Retroazione Eetto della retroazione ul guadagno Riduzione della ditorione Impedenze di ingreo e di ucita Reti di retroazione Ripota in requenza Eetto della retroazione ui poli Margini di guadagno e di

Dettagli

Prot. N 1223/C14 Montegalda, 18 Giugno 2014

Prot. N 1223/C14 Montegalda, 18 Giugno 2014 ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE G. Toaldo di MONTEGALDA Via Cattaneo 51 3 6 0 4 7 M O N T E G A L D A ( V i c e n z a ) 0444 636064 fax 0444 737054 Codice ficale 80015890249 Codice Itituto VIIC826007 Sito

Dettagli

Elenco dei fondi di rotazione o assimilati

Elenco dei fondi di rotazione o assimilati Elenco dei fondi di rotazione o aimilati rt. 22, L.R. 2 agoto 2006, n. 11 Manovra finanziaria 2014-2016 Flui contabili dal 01/01/2012 al 31/12/2012 Indice 3 Relazione illutrativa dell Elenco dei Fondi

Dettagli

Manifesto del corso di aggiornamento: ARCHITETTURA>ENERGIA>LATERIZIO Architettura, efficienza energetica e prestazioni del laterizio

Manifesto del corso di aggiornamento: ARCHITETTURA>ENERGIA>LATERIZIO Architettura, efficienza energetica e prestazioni del laterizio Oggetto: Manifeto del coro di aggiornamento: ARCHITETTURA>ENERGIA>LATERIZIO Architettura, efficienza energetica e pretazioni del laterizio PRESENTAZIONE DEL CORSO Il crecente interee e enibilità che l

Dettagli

SCHEDA TECNICA DI VALUTAZIONE

SCHEDA TECNICA DI VALUTAZIONE CHEDA TECNICA DI VALUTAZIONE L aggiudicazione avverà a favore del oferta economicamente più vantaggioa, valutata econdo i eguenti criteri: Al integrale accetazione del capitolato tecnico peciale veranno

Dettagli

Esercizi sul moto del proiettile

Esercizi sul moto del proiettile Eercizi ul moto del proiettile Riolvi li eercizi ul quaderno utilizzando la oluzione olo per controllare il tuo riultato. 1 Un fucile è puntato orizzontalmente contro un beralio alla ditanza di 30 m. Il

Dettagli

Cinematica: soluzioni. Scheda 4. Ripetizioni Cagliari di Manuele Atzeni - 3497702002 - info@ripetizionicagliari.it

Cinematica: soluzioni. Scheda 4. Ripetizioni Cagliari di Manuele Atzeni - 3497702002 - info@ripetizionicagliari.it Cinematica: oluzioni Problema di: Cinematica - C0015ban Teto [C0015ban] Eercizi banali di Cinematica: 1. Moto rettilineo uniforme (a) Quanto pazio percorre in un tempo t = 70 un oggetto che i muove con

Dettagli

Teoria delle decisioni in condizione di certezza e rischio

Teoria delle decisioni in condizione di certezza e rischio Teoria delle deciioni in condizione di certezza e richio Appunti di Fioravante PATRONE http://www.fioravante.patrone.name/default.htm Deciori (razionali) interagenti verione del 16 giugno 2010 Indice 1

Dettagli

L interpolazione areale: una soluzione al problema del confronto fra dati riferiti a sistemi spaziali differenti

L interpolazione areale: una soluzione al problema del confronto fra dati riferiti a sistemi spaziali differenti L interpolazione areale: una oluzione al problema del confronto fra dati riferiti a itemi paziali differenti Maria Michela Dickon, Giueppe Epa, Diego Giuliani e Emanuele Taufer 1. Introduzione Accade di

Dettagli

n. 9/2010 La nuova rilevazione trimestrale del fatturato di alcune divisioni dell informazione e comunicazione A. Cirianni

n. 9/2010 La nuova rilevazione trimestrale del fatturato di alcune divisioni dell informazione e comunicazione A. Cirianni n. 9/200 La nuova rilevazione trimetrale del fatturato di alcune diviioni dell informazione e comunicazione A. Cirianni ISTAT Servizio Editoria - Centro tampa n. 9/200 La nuova rilevazione trimetrale del

Dettagli

Università di Firenze Corso di Laurea in Ingegneria per l'ambiente e il Territorio. Corso di TECNICA DELLE COSTRUZIONI

Università di Firenze Corso di Laurea in Ingegneria per l'ambiente e il Territorio. Corso di TECNICA DELLE COSTRUZIONI Univerità di Firenze Coro di Laurea in Ingegneria per l'ambiente e il Territorio Coro di TECNICA DELLE COSTRUZIONI APPUNTI DI TECNICA DELLE COSTRUZIONI ( prof. Gianno Bartoli e prof. Maurizio Orlando)

Dettagli

2 I METODI DI ANALISI DEI SISTEMI DI CONTROLLO AD ANELLO CHIUSO LINEARI 12

2 I METODI DI ANALISI DEI SISTEMI DI CONTROLLO AD ANELLO CHIUSO LINEARI 12 COSO DI SISTEMI Sommario 1 I SISTEMI DI CONTOLLO...4 1.1 Introduzione...4 1.1.1 Sitemi di controllo ad anello aperto...5 1.1.2 Sitemi di controllo a previione...7 1.1.3 Sitemi di controllo ad anello chiuo

Dettagli

Questionario scuola statali 1 ciclo di istruzione

Questionario scuola statali 1 ciclo di istruzione Quetionario cuola tatali 1 ciclo di itruzione Denominazione Scuola VILLANOVA D'ASTI Data invio 01/03/2015 11:31:37 Codice Meccanografico ATIC80600E URL di riferimento http://ext.pubblica.itruzione.it/invali/index.php/534466

Dettagli

[ Corso Residenziale ] Hot topics in geriatric management

[ Corso Residenziale ] Hot topics in geriatric management [ Corso Residenziale ] Hot topics in geriatric management, 8-9 maggio 2013 1 di 7 [ Programma preliminare] Mercoledì, 8 maggio Ore 14.15 Introduzione Giancarlo Isaia, Mario Bo I SESSIONE Deterioramento

Dettagli

DUE TESORI DA PROTEGGERE. Due anni illustrati2016 da quattordici artisti. CALENDARIO UIC 2015-16:Layout 1 11-11-2014 23:06 Pagina 1

DUE TESORI DA PROTEGGERE. Due anni illustrati2016 da quattordici artisti. CALENDARIO UIC 2015-16:Layout 1 11-11-2014 23:06 Pagina 1 CALENDARIO UIC 0-:Layout --0 :0 Pagina 0 Due anni illutrati0 da quattordici artiti VISTA & NATURA DUE TESORI DA PROTEGGERE uṙ onlu CALENDARIO UIC 0-:Layout --0 :0 Pagina cella Ancilli Pittrice atratto-geometrico

Dettagli

2. LA DIFFUSIONE - CONCETTI BASE

2. LA DIFFUSIONE - CONCETTI BASE LA DIFFUSIONE . LA DIFFUSIONE - CONCETTI BASE Molte reazioni e molti procei di rilevante importanza nel trattamento dei materiali i baano ul traporto di maa. Queto traporto può avvenire o all interno di

Dettagli

POLITECNICO DI MILANO

POLITECNICO DI MILANO POLITECNICO DI MILANO Facoltà di Ingegneria dell Informazione Coro di Laurea Magitrale in Ingegneria Elettronica MODELLISTICA E SIMULAZIONE DI SENSORI AMR DI CAMPO MAGNETICO Relatore: Correlatore: Prof.

Dettagli

PROGRAMMA AVANZATO. 14 Congresso Nazionale ASSOCIAZIONE ITALIANA DI PSICOGERIATRIA OLTRE IL CORPO, LA MENTE FRAGILE

PROGRAMMA AVANZATO. 14 Congresso Nazionale ASSOCIAZIONE ITALIANA DI PSICOGERIATRIA OLTRE IL CORPO, LA MENTE FRAGILE PROGRAMMA AVANZATO 14 Congresso Nazionale OLTRE IL CORPO, LA MENTE FRAGILE Firenze, 10-12 aprile 2014 Consiglio Direttivo Presidente Marco Trabucchi Presidente onorario Lodovico Frattola Past-President

Dettagli

Reti di calcolatori. La comunicazione, i nomi e gli indirizzi

Reti di calcolatori. La comunicazione, i nomi e gli indirizzi reti / reti di calcolatori La comunicazione, i nomi e gli indirizzi Se vi è una ituazione comunicativa (ad eempio l'aula colatica ) in cui vi è un emittente e molti poibili detinatari, il fatto che il

Dettagli

Lezione 4: la velocità. Nella scorsa lezione abbiamo considerato la grandezza velocità media. Essa, come ricordate, è definita così:

Lezione 4: la velocità. Nella scorsa lezione abbiamo considerato la grandezza velocità media. Essa, come ricordate, è definita così: Lezione 4 - pag.1 Lezione 4: la velocità 4.1. Velocità edia e grafico tepo - poizione Nella cora lezione abbiao coniderato la grandezza velocità edia. Ea, coe ricordate, è definita coì: ditanza percora

Dettagli

11. LO SCAMBIO TERMICO PER CONDUZIONE

11. LO SCAMBIO TERMICO PER CONDUZIONE . LO SCAMBIO ERMICO PER CONDUZIONE. Premea: i meccanimi di tramiione del calore In ermodinamica i è definito il calore come la forma aunta dall energia in tranito uando la ua tramiione da un corpo ad un

Dettagli

Cap. 4 Mercati finanziari

Cap. 4 Mercati finanziari Cap. 4 ercati finanziari Tao interee (i): importante per invetimenti e celte i conumo intertemporali. Noi iamo intereati principalmente ai primi. Come i etermina i? Attori: Banca Centrale (BC), banche,

Dettagli

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 2003

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 2003 ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 003 Il candidato riolva uno dei due problemi e 5 dei 0 queiti in cui i articola il quetionario. PROLEMA Si conideri un tetraedro regolare T di vertici

Dettagli

Stato limite ultimo di sezioni in c.a. soggette. SLU per sezioni rettangolari in c.a. con. determinazione del campo di rottura

Stato limite ultimo di sezioni in c.a. soggette. SLU per sezioni rettangolari in c.a. con. determinazione del campo di rottura Univerità degli Studi di Roma Tre Coro di Progetto di trutture - A/A 2008-0909 Stato limite ultimo di ezioni in c.a. oggette a preoleione SLU per ezioni rettangolari in c.a. con doppia armatura determinazione

Dettagli

Vi dichiaro/dichiariamo il nostro pieno accordo, con riferimento alla Vostra del GG/MM/AAAA il cui testo di seguito riportiamo:

Vi dichiaro/dichiariamo il nostro pieno accordo, con riferimento alla Vostra del GG/MM/AAAA il cui testo di seguito riportiamo: XMULTIB N * 1 0 0 1 COGNOME NO ME VIA... CAP FILIALE CZ FILIALE N 1030 BANCA MONT E DEI PASCHI DI SIEN A - CRIF S.p.A. - Centrale Richi F inanziaria - Centrale dei Bilanci S.r. l. - Aociazione Italiana

Dettagli

Commutare, comandare e comunicare è facile con ea y

Commutare, comandare e comunicare è facile con ea y Building Automation Indutrial Automation Sytem Informazioni di prodotto Commutare, comandare e comunicare è facile con ea y Relè di comando eay400, 600, 800 Bildgröe 210 x 118,5 mm 222 Logo 17 x 17 mm

Dettagli

FISICA Lavoro, Potenza, Energia

FISICA Lavoro, Potenza, Energia Lavoro, Potenza, Energia. Il Lavoro Supponiamo di applicare una forza F ad un corpo materiale per un determinato intervallo di tempo, con l effetto di far potare il corpo teo dalla ua poizione iniziale

Dettagli

22 - Il principio dei lavori virtuali

22 - Il principio dei lavori virtuali - Il principio dei lavori virtuali ü [.a. 0-0 : ultima reviione 5 aprile 0] Eempio n. Si conideri il portale di Figura, emplicemente ipertatico. Si vuole applicare il principio dei lavori virtuali per

Dettagli

Lezione 9. Equilibrio del mercato finanziario e tasso d interesse

Lezione 9. Equilibrio del mercato finanziario e tasso d interesse Lezione 9. Equilibrio el mercato finanziario e tao interee Ipotei: Il itema finanziario: la truttura ei mercati (a) eite un unico mercato ei titoli (); (b) la anca centrale crea ecluivamente attravero

Dettagli

Dislessia e codifica fonologica: un test informatizzato per la valutazione *

Dislessia e codifica fonologica: un test informatizzato per la valutazione * t r u m e n t i a p p l i c a t i v i Dileia e codifica fonologica: un tet informatizzato per la valutazione * Giacomo Stella e Stefano Francechi Il preente lavoro, oltre alla cotruzione di uno trumento

Dettagli

Paolo Rocco. Automatica

Paolo Rocco. Automatica Paolo Rocco Dipene ad uo degli tudenti del Politecnico di Milano per i cori da cinque crediti didattici Automatica Ingegneria Aeropaziale E vietato l uo commerciale di queto materiale Avvertenza Queta

Dettagli

Il moto dei fluidi reali nelle condotte IV parte

Il moto dei fluidi reali nelle condotte IV parte Il moto dei fluidi reali nelle condotte IV parte. erdite di carico concentrate. Il moto dei fluidi reali nelle condotte è nella uai totalità uniforme: il carico idraulico della corrente, fatta eccezione

Dettagli

Indice. 1 Le misure, 4. 3 Le forze e il moto, 118 2 Le forze e l equilibrio, 40 III. Unità 5 Equilibrio del corpo rigido, 80

Indice. 1 Le misure, 4. 3 Le forze e il moto, 118 2 Le forze e l equilibrio, 40 III. Unità 5 Equilibrio del corpo rigido, 80 III Indice Premea, V Introduzione, Un po di curioità..., Il metodo perimentale, 3 Le miure, Unità Miure ed errori, 6. Le miure, 6. L incertezza della miura, 0.3 L errore relativo,. Il Sitema Internazionale

Dettagli

Preferential trade agreements granted by European Union: an application of the gravity model using monthly data

Preferential trade agreements granted by European Union: an application of the gravity model using monthly data Preferential trade agreement granted by European Union: an application of the gravity model uing monthly data Paola Cardamone (p.cardamone@unical.it) Univerity of Calabria Department of Economic and Statitic

Dettagli

Il CONCIME da pollice verde? Non sempre è il più CARO

Il CONCIME da pollice verde? Non sempre è il più CARO Il Salvagente 1- maggio 201 Conumi Tet 21 Il CONCIME da pollice verde? n empre è il più CARO Marta Strinati è tato lungo e faticoo anche per le piante. Freddo, pioggia e mancanza di cu- L inverno re hanno

Dettagli

I Edizione ALZHEIMER Strumenti e relazioni di cura

I Edizione ALZHEIMER Strumenti e relazioni di cura MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO Anno Accademico 2015 2016 I Edizione ALZHEIMER Strumenti e relazioni di cura DIRETTORE: Prof. Marco Cacioppo VICE DIRETTORI: Prof. Luisa Bartorelli, Prof. Marcello F.

Dettagli

IL DOVERE DI CURARE evidenze scientifiche e persona

IL DOVERE DI CURARE evidenze scientifiche e persona PROGRAMMA AVANZATO Associazione Italiana di Psicogeriatria Associazione Italiana di Psicogeriatria PRESIDENTE Marco Trabucchi PRESIDENTE ONORARIO Lodovico Frattola PAST-PRESIDENT Umberto Senin VICE-PRESIDENTI

Dettagli

FORZE DI ATTRITO. a cura di Gianfranco Metelli

FORZE DI ATTRITO. a cura di Gianfranco Metelli ORZE DI ATTRITO a cura i Gianfranco Metelli L attrito è una forza che i eercita tra ue corpi poti a contatto e che, in generale, i oppone al loro moto reciproco. Una forza i attrito è, per eempio, quella

Dettagli

12 MESI. Palazzolo sull Oglio, Chiari, Castelcovati e Orzinuovi: la Bassa da scoprire IAGGIO IN PROVINCIA 81

12 MESI. Palazzolo sull Oglio, Chiari, Castelcovati e Orzinuovi: la Bassa da scoprire IAGGIO IN PROVINCIA 81 80 81 Tappa nell Ovet breciano Foto: Patrick Merighi Palazzolo ull Oglio, Chiari, Catelcovati e Orzinuovi: la Baa da coprire di Aleandra Tonizzo T orniamo nella profonda Baa breciana, la zona che conta

Dettagli

Reologia 4.3. 4.3.1 Introduzione. con ġ ed è anche detto velocità di deformazione di taglio. La relazione

Reologia 4.3. 4.3.1 Introduzione. con ġ ed è anche detto velocità di deformazione di taglio. La relazione 4. Reologia 4.. Introduzione La reologia è una delle poche branche della cienza alla quale i poa attribuire una ben precia data di nacita, il 9 aprile 99, giorno in cui, a Columbu in Ohio, fu fondata la

Dettagli