Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download ""

Transcript

1 Ospedale di Bolzano e Base HEMS

2 LE AREE DI ATTERRAGGIO NELLE OPERAZIONI HEMS

3 LE AREE DI ATTERRAGGIO IN JAR-OPS 3

4 Le JAR OPS non sono di per sé vincolanti. Esse riportano dei Requisiti che possono o meno essere accettati ti (in toto t o parzialmente) dai singoli Stati.

5 LA GESTIONE DEL RISCHIO

6 Secondo JAA, la tutela t deve essere assicurata a: i terzi in superficie (incluse le cose) i passeggeri (inclusi i pazienti) l equipaggio

7 VALUTAZIONE E GESTIONE DEL RISCHIO SAFETY MANAGEMENT

8 Elisuperficie di Malè

9 Classi di Prestazioni Operazioni in Classe 1 Operazioni in Classe 2 Operazioni in Classe 3

10 In JAR OPS un livello di Rischio Accettabile è normalmente associato alle Operazioni in CP1

11 LE OPERAZIONI HEMS

12 Bolzano - Base HEMS

13 Volo HEMS Volo effettuato to sotto Approvazione HEMS Per agevolare l'assistenza medica di emergenza Quando è essenziale un trasporto immediato e rapido di: personale medico apparecchiature sanitarie, sangue, organi, antidoti e farmaci rari, ecc. pazienti critici ed altre persone direttamente coinvolte nell evento

14 L elemento caratterizzante la missione HEMS è l emergenza sanitaria, situazione nella quale le doti di velocità e flessibilità d impiego dell elicottero rappresentano un fattore importante t per la risoluzione i dell emergenza.

15 Volo Eliambulanza Volo generalmente pianificato in anticipo ipo Per agevolare l'assistenza sanitaria Nei casi in cui il trasporto immediato e rapido di: personale medico apparecchiature sanitarie, sangue, organi, antidoti e farmaci rari, ecc. Pazienti NON È ESSENZIALE

16 Sia le missioni i i HEMS che i Voli Eliambulanza sono classificati Trasporto Aereo di Passeggeri

17 Approvazione speciale per la tipologia di operazioni Approvazione HEMS

18 Il maggior rischio è accettato Nei trasferimenti ti in rotta Nelle operazioni sul sito dell incidente Nelle operazioni su alcune tipologie i di aree di atterraggio

19 LE AREE DI ATTERRAGGIO

20 HEMS Operating Base

21 Bressanone Base HEMS

22 HEMS Operating Site

23 Hospital Site

24 Ospedale di Merano

25 Public Interest Site Area a livello del suolo o in elevazione utilizzata per operazioni svolte esclusivamente si nell interesse pubblico

26 Ospedale di Merano

27 Public Interest Site Impossibilità ad operare in CP1 o CP2 Ambienti ostili e congestionati Elisuperfici le cui dimensioni non sono a norma

28 Public Interest Site Accettabili operazioni con standard inferiori a CP2 Discrezionalità degli Stati per lo svolgimento delle operazioni Previa la verifica che i livelli lli di sicurezza siano accettabili Prescrizioni

29 LE AREE DI ATTERRAGGIO NELLA NORMATIVA NAZIONALE

30 Normative nazionali di riferimento Decreto Ministeriale D.M. 121/90 (per la componente antincendio) Legge 4 dicembre 1996, n.611 (art.7) Disposizioni in materia di elisuperfici Legge 26 ottobre 1995, n.447 (art. 8) Disposizioni in materia di impatto acustico Decreto Ministeriale 31 ottobre 1997 Metodologia di misura del rumore aeroportuale Circolari dell ENAC e del Ministero dell Interno Normative regionali e provinciali

31 Normative che trattano di aree di atterraggio destinate ad attività di soccorso Regolamento: Norme operative per il servizio medico di emergenza con elicotteri Circolare OPV 18: Operazioni HEMS

32 DEFINIZIONI

33 Aviosuperficie Aviosuperficie: area idonea alla partenza e all'approdo di aeromobili, che non appartenga al demanio aeronautico di cui all'art. 692 del codice della navigazione e su cui non insista un aeroporto privato di cui all'art. art. 704 del codice della navigazione

34 Elisuperficie Per «elisuperficie» si intende un'aviosuperficie destinata all'uso esclusivo degli elicotteri, che non sia un eliporto

35 TIPOLOGIE DI ELISUPERFICI

36 In relazione all andamento del fondo in pendenza non in pendenza

37 In relazione alla collocazione dell area di atterraggio a livello del suolo in elevazione

38 Elisuperficie di Primiero

39 Elisuperficie Pirelli

40 In relazione all operatività diurne notturne

41 Ospedale di Brunico

42 In relazione all attività occasionali gestite

43 Elisuperficie di Avio

44 Le elisuperfici i occasionali sono limitate a 100 movimenti all anno

45 Le elisuperfici i idonee al volo notturno devono essere gestite

46 IL GESTORE

47 Chi è il Gestore Il gestore è una persona fisica o giuridica

48 Elisuperficie di Malè

49 RESPONSABILITÀ DEL GESTORE

50 rispondenza ai requisiti previsti dal DM D.M agibilità in condizioni di sicurezza anche in relazione agli ostacoli presenti lungo le traiettorie di decollo e atterraggio efficienza delle attrezzature tecniche e operative installate rinnovo dell autorizzazione alla gestione

51 Il gestore deve fornire agli utenti tutte le informazioni necessarie per la buona esecuzione dell'attività raccogliere i dati relativi ai movimenti (forniti dal pilota) istituire un sistema per conservazione dei dati (per almeno cinque anni) fornire i servizi occorrenti per il corretto funzionamento e l operatività della struttura (es. servizio antincendio ove necessario)

52 L'uso di un elisuperficie e subordinato al consenso del gestore

53 Elisuperficie di Vilpiano

54 AREE DI ATTERRAGGIO HEMS NELLA NORMATIVA NAZIONALE

55 Aree di atterraggio Base Operativa HEMS Destinazioni Sanitarie Strutture sanitarie Comunità isolate Siti HEMS

56 Base Operativa HEMS Caratterizzata da significativa attività Servita da una elisuperficie gestita Approvata dall ENAC Non sono ammessi alleviamenti Indicata nel capitolato della gara HEMS

57 Treviso - Base HEMS

58 Bolzano - Base HEMS

59 Destinazioni Sanitarie Centri di riferimento verso i quali viene di norma effettuato il trasporto Servite da elisuperfici gestite Approvate dall ENAC Indicate nel capitolato della gara HEMS

60 Elisuperfici a servizio di strutture Sanitarie e Comunità isolate Possono essere servite da elisuperfici occasionali Devono essere servite da elisuperfici gestite se l attività è stabilmente superiore a 25 interventi nel semestre critico Approvate dall ENAC Indicate nel capitolato della gara HEMS

61 Ospedale di Sondalo

62 Elisuperficie di Livigno

63 Siti HEMS Luogo ritenuto idoneo dal comandante per l atterraggio nel corso di una missione HEMS Accettato un rischio più elevato rispetto a quello tipico delle operazioni che si svolgono su elisuperfici

64 Siti di interesse pubblico Vale quanto riportato in JAR OPS 3 come difinizione i i ed alleviamenti. Gli alleviamenti non sono applicabili alle BAsi HEMS Potenziali siti di interesse pubblico: le destinazioni sanitarie le elisuperfici a servizio di strutture ospedaliere le elisuperfici a servizio di Comunità isolate

65

66 Assistenza antincendio Le elisuperfici i in elevazione, le elisuperfici a servizio di destinazioni sanitarie e quelle utilizzate per attività di trasporto pubblico ove si svolgono con continuità operazioni di trasporto con una media giornaliera di movimenti uguale o superiore a due per ogni semestre di riferimento, devono essere dotate di assistenza antincendio

67 Tutela delle caratteristiche aeronautiche L elisuperficie non genera servitù aeronautiche Le Amministrazioni Locali devono operare, con adeguati strumenti urbanistici, i i per tutelare le aree in prossimità delle elisuperfici e le rotte di approccio e di decollo

68 Elisuperficie dell ospedale p di Merano Tratto finale f della superficie di decollo CAMPANILE CAMPANILE

69 GRAZIE PER LA VOSTRA ATTENZIONE

La Regolamentazione ENAC per l HEMS

La Regolamentazione ENAC per l HEMS La Regolamentazione ENAC per l HEMS Benedetto Marasà Direttore Centrale Operazioni Ente Nazionale Aviazione Civile Massa Cinquale, 16 settembre 2005 Panorama della Regolamentazione HEMS Norme operative

Dettagli

REGOLAMENTO DISCIPLINA GENERALE DELLA PROTEZIONE ANTINCENDIO PER GLI AEROPORTI DI AVIAZIONE GENERALE E LE AVIOSUPERFICI

REGOLAMENTO DISCIPLINA GENERALE DELLA PROTEZIONE ANTINCENDIO PER GLI AEROPORTI DI AVIAZIONE GENERALE E LE AVIOSUPERFICI REGOLAMENTO DISCIPLINA GENERALE DELLA PROTEZIONE ANTINCENDIO PER GLI AEROPORTI DI AVIAZIONE GENERALE E LE AVIOSUPERFICI Edizione n 1 approvata con disposizione d urgenza del Direttore Generale n. 9/DG

Dettagli

CIRCOLARE OPERAZIONI HEMS

CIRCOLARE OPERAZIONI HEMS CIRCOLARE SERIE OPERAZIONI VOLO Data 9/10/2008 OPERAZIONI HEMS L appartenenza di una Circolare ad una serie specifica è rappresentativa della materia in essa prevalentemente trattata. L applicabilità o

Dettagli

Ente Nazionale per l'aviazione Civile

Ente Nazionale per l'aviazione Civile Ente Nazionale per l'aviazione Civile CIRCOLARE SERIE OPERAZIONI VOLO Data 26/5/2004 OPV-18 Oggetto: Operazioni HEMS. 1. PREMESSA E SCOPO L attività HEMS è stata regolata in passato dalla parte I del Doc.

Dettagli

Regione Marche. Direttore 118

Regione Marche. Direttore 118 Infrastrutture, elisuperfici nel sistema di emergenza territoriale 8 Il nuovo progetto della Regione Marche Dott Riccardo Sestili Dott. Riccardo Sestili Direttore 8 Regione Marche Gli argomenti. Il Servizio

Dettagli

IL SISTEMA DEI CONTROLLI PER LA SICUREZZA

IL SISTEMA DEI CONTROLLI PER LA SICUREZZA IL SISTEMA DEI CONTROLLI PER LA SICUREZZA 1. LA SICUREZZA DEGLI AEROMOBILI E DEGLI OPERATORI AEREI - La sicurezza delle operazioni dei vettori aerei e dei loro aeromobili è garantita da un complesso di

Dettagli

RAIT.4003 Deroga al preavviso per la presentazione dei piani di volo per operazioni speciali

RAIT.4003 Deroga al preavviso per la presentazione dei piani di volo per operazioni speciali RAIT.4003 Deroga al preavviso per la presentazione dei piani di volo per operazioni speciali a) Il piano di volo può essere presentato senza preavviso per le seguenti categorie di voli: 1) antincendio;

Dettagli

AVIOSUPERFICI ED ELISUPERFICI IL NUOVO CONTESTO NORMATIVO

AVIOSUPERFICI ED ELISUPERFICI IL NUOVO CONTESTO NORMATIVO COP 1 30-06-2004 17:52 Pagina 1 Ente Nazionale per l Aviazione Civile AVIOSUPERFICI ED ELISUPERFICI IL NUOVO CONTESTO NORMATIVO LUGLIO 2004 AVIOSUPERFICI ED ELISUPERFICI Il Nuovo Contesto Normativo Luglio

Dettagli

LAUREA MAGISTRALE INGEGNERIA CIVILE

LAUREA MAGISTRALE INGEGNERIA CIVILE UNIVERSITA DEGLI STUDI MEDITERRANEA DI REGGIO CALABRIA FACOLTA DI INGEGNERIA LAUREA MAGISTRALE INGEGNERIA CIVILE CORSO DI INFRASTRUTTURE AEROPORTUALI ED ELIPORTUALI LECTURE 03 REQUISITI DI UN AREA AEROPORTUALE

Dettagli

UNI EN ISO 9001:2008 Certificato n.9175.arpl

UNI EN ISO 9001:2008 Certificato n.9175.arpl L aeroporto di Bergamo Orio al Serio insiste sul territorio dei comuni di Orio al Serio, di Grassobbio e di Seriate, e si trova a pochi chilometri dal centro di Bergamo. Lo sviluppo programmato a partire

Dettagli

Locazione - noleggio Leasing

Locazione - noleggio Leasing Locazione - noleggio Leasing Secondo il Codice della Navigazione, che richiama in questo caso i principi generali del Codice Civile, vettore è colui che assume l obbligo di trasferire persone o cose a

Dettagli

Gli argomenti trattati fanno riferimento alle normative vigenti in materia di Aviazione Civile, ICAO, gli Annessi 6 e 14 con i relativi cenni;

Gli argomenti trattati fanno riferimento alle normative vigenti in materia di Aviazione Civile, ICAO, gli Annessi 6 e 14 con i relativi cenni; 2-3 SETTEMBRE 2014 Sede del Corso: HELIAIME Centro di Formazione e Addestramento H.E.M.S. c/o Polo Formativo Universitario Ente Ecclesiastico Ospedale Generale Regionale F. Miulli S.P. 127 Acquaviva delle

Dettagli

Il sistema 118 e la rete clinica

Il sistema 118 e la rete clinica Elisuperfici Normativa di riferimento Il sistema 118 e la rete clinica Perugia 21 23 Maggio 2009 Roberto Vergari Direttore della Direzione Infrastrutture Aeroporti 1 Panorama della Regolamentazione HEMS

Dettagli

Ente Nazionale per l'aviazione Civile. Regolamento. Operazioni Ogni Tempo nello Spazio Aereo Nazionale

Ente Nazionale per l'aviazione Civile. Regolamento. Operazioni Ogni Tempo nello Spazio Aereo Nazionale Ente Nazionale per l'aviazione Civile Regolamento Operazioni Ogni Tempo nello Spazio Aereo Nazionale Edizione 1-30/06/2003 REGOLAMENTO ENAC Operazioni ogni tempo nello spazio aereo nazionale Art. 1 Definizioni

Dettagli

HEMS 2005. Elisoccorso in Trentino

HEMS 2005. Elisoccorso in Trentino HEMS 2005 Elisoccorso in Trentino Dott. Paolo Dallapè Responsabile medico elisoccorso U.O. di Anestesia e Rianimazione - Ospedale S.Chiara di Trento Azienda Provinciale per i Servizi Sanitari - Provincia

Dettagli

D I R I T T I E T A R I F F E

D I R I T T I E T A R I F F E DIRITTI E TARIFFE Edizione Dicembre 2013 DEFINIZIONE DEI TERMINI Definizione dei termini Società il soggetto cui spetta l esecuzione delle operazioni aeroportuali. Vettore la persona giuridica che svolge

Dettagli

REGOLAMENTO OPERATIVO AVIOSUPERFICIE E. MATTEI PISTICCI (MT)

REGOLAMENTO OPERATIVO AVIOSUPERFICIE E. MATTEI PISTICCI (MT) REGOLAMENTO OPERATIVO AVIOSUPERFICIE E. MATTEI PISTICCI (MT) 1 PREFAZIONE Il presente Regolamento Operativo costituisce una piccola raccolta di disposizioni,norme e criteri operativi che devono essere

Dettagli

REGOLAMENTO (UE) N. 255/2010 DELLA COMMISSIONE del 25 marzo 2010 recante norme comuni per la gestione dei flussi del traffico aereo

REGOLAMENTO (UE) N. 255/2010 DELLA COMMISSIONE del 25 marzo 2010 recante norme comuni per la gestione dei flussi del traffico aereo L 80/10 Gazzetta ufficiale dell Unione europea 26.3.2010 REGOLAMENTO (UE) N. 255/2010 DELLA COMMISSIONE del 25 marzo 2010 recante norme comuni per la gestione dei flussi del traffico aereo (Testo rilevante

Dettagli

NOTA ESPLICATIVA AI FINI DELL APPLICAZIONE DEL REGOLAMENTO SCHEMA SEQUENZIALE

NOTA ESPLICATIVA AI FINI DELL APPLICAZIONE DEL REGOLAMENTO SCHEMA SEQUENZIALE NOTA ESPLICATIVA AI FINI DELL APPLICAZIONE DEL REGOLAMENTO SCHEMA SEQUENZIALE Questa nota è a beneficio degli operatori che intendono svolgere operazioni specializzate, a titolo oneroso (commerciali o

Dettagli

DIFFUSIONE DELLE INFORMAZIONI SULL OPERATIVITÀ DELL AEROPORTO

DIFFUSIONE DELLE INFORMAZIONI SULL OPERATIVITÀ DELL AEROPORTO REV. 0 PAG. 1/ DIFFUSIONE DELLE INFORMAZIONI SULL OPERATIVITÀ DELL AEROPORTO INDICE 6.0 SCOPO... 3 6.1 CAMPO DI APPLICAZIONE... 4 6.2 RIFERIMENTI... 5 6.3 RESPONSABILITÀ ED ATTIVITÀ... 6 6.4 Eventi per

Dettagli

30 GENNAIO 2014 Sede del corso: Aeroporto Civile Marco Polo, Venezia

30 GENNAIO 2014 Sede del corso: Aeroporto Civile Marco Polo, Venezia 30 GENNAIO 2014 Sede del corso: Aeroporto Civile Marco Polo, Venezia Presentazione del Corso Heliaime organizza il Corso sulle Procedure di Rendez Vous in Elisoccorso con l obiettivo di rendere uniforme

Dettagli

Prefattibilità dell Aeroporto di Latina. Latina, 28/02/2007

Prefattibilità dell Aeroporto di Latina. Latina, 28/02/2007 Prefattibilità dell Aeroporto di Latina Latina, 28/02/2007 Attività svolte 1. Definizione dello scenario di riferimento 2. Identificazione dei fattori di successo dell aeroportualità minore a livello europeo

Dettagli

DM.9 agosto 2000 LINEE GUIDA PER L ATTUAZIONE DEL SISTEMA DI GESTIONE DELLA SICUREZZA TITOLO I POLITICA DI PREVENZIONE DEGLI INCIDENTI RILEVANTI

DM.9 agosto 2000 LINEE GUIDA PER L ATTUAZIONE DEL SISTEMA DI GESTIONE DELLA SICUREZZA TITOLO I POLITICA DI PREVENZIONE DEGLI INCIDENTI RILEVANTI DM.9 agosto 2000 LINEE GUIDA PER L ATTUAZIONE DEL SISTEMA DI GESTIONE DELLA SICUREZZA TITOLO I POLITICA DI PREVENZIONE DEGLI INCIDENTI RILEVANTI Articolo 1 (Campo di applicazione) Il presente decreto si

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO TRASPORTO INFERMI IN EMERGENZA CON AMBULANZA DI TIPO A

CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO TRASPORTO INFERMI IN EMERGENZA CON AMBULANZA DI TIPO A CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO TRASPORTO INFERMI IN EMERGENZA CON AMBULANZA DI TIPO A Articolo 1 - Oggetto del servizio Il presente appalto ha per oggetto l affidamento del

Dettagli

JAR-OPS 3 Il punto di vista del vettore. Bolzano, 7 Maggio 2005

JAR-OPS 3 Il punto di vista del vettore. Bolzano, 7 Maggio 2005 JAR-OPS 3 Il punto di vista del vettore Bolzano, 7 Maggio 2005 Premessa Il contesto Nel corso del 2004 ha trovato compimento la applicazione in Italia dello standard JAR-OPS 3 per la certificazione degli

Dettagli

Attuazione della direttiva CEE 92/14 in tema di limitazione delle emissioni sonore dei velivoli subsonici a reazione.

Attuazione della direttiva CEE 92/14 in tema di limitazione delle emissioni sonore dei velivoli subsonici a reazione. D.M. 28 marzo 1995 Attuazione della direttiva CEE 92/14 in tema di limitazione delle emissioni sonore dei velivoli subsonici a reazione. IL MINISTRO DEI TRASPORTI E DELLA NAVIGAZIONE e IL MINISTRO DELL'AMBIENTE

Dettagli

p.c. Spett.le ENAC Direzione Generale Viale del Castro Pretorio, 118 00185 Roma tel. +39 06 44596300 fax +39 06 44596301

p.c. Spett.le ENAC Direzione Generale Viale del Castro Pretorio, 118 00185 Roma tel. +39 06 44596300 fax +39 06 44596301 Spett.le ENAC Direzione Centrale Infrastrutture Aeroporti Via di Villa Ricotti, 42 00161 Roma tel. +39 06 44185602 fax +39 06 44185601 infrastrutture.aeroportuali@enac.gov.it c.a. Direttore Ing. Alessandro

Dettagli

La certificazione aeroportuale

La certificazione aeroportuale La certificazione aeroportuale Tra le attività di Enac c è anche la certificazione di aeroporto. Un aspetto particolare di questa certificazione è costituito dal fatto che la stessa riguarda sia le caratteristiche

Dettagli

ISTITUTO TECNICO TRASPORTI E LOGISTICA M. Faraday ANNO SCOLASTICO 2014/2015 PROGRAMMAZIONE DI DIPARTIMENTO DIRITTO AERONAUTICO (CLASSE V)

ISTITUTO TECNICO TRASPORTI E LOGISTICA M. Faraday ANNO SCOLASTICO 2014/2015 PROGRAMMAZIONE DI DIPARTIMENTO DIRITTO AERONAUTICO (CLASSE V) ISTITUTO TECNICO TRASPORTI E LOGISTICA M. Faraday ANNO SCOLASTICO 014/015 PROGRAMMAZIONE DI DIPARTIMENTO DIRITTO AERONAUTICO (CLASSE V) MATERIA 1: LEGISLAZIONE AERONAUTICA TITOLO MATERIA 1: DIRITTO AERONAUTICO

Dettagli

510.211.3 Ordinanza del DDPS concernente il servizio di volo dell Aggruppamento dell armamento

510.211.3 Ordinanza del DDPS concernente il servizio di volo dell Aggruppamento dell armamento Ordinanza del DDPS concernente il servizio di volo dell Aggruppamento dell armamento del 15 maggio 2003 (Stato 3 giugno 2003) Il Dipartimento federale della difesa, della protezione della popolazione e

Dettagli

Regolamento per la conduzione di voli di notte con velivoli secondo le regole del volo a vista (VFR/N) nello spazio aereo italiano

Regolamento per la conduzione di voli di notte con velivoli secondo le regole del volo a vista (VFR/N) nello spazio aereo italiano Regolamento per la conduzione di voli di notte con velivoli secondo le regole del volo a vista (VFR/N) nello spazio aereo italiano Edizione 4 approvata con delibera CdA n 38/06 del 19/06/2006 Elenco delle

Dettagli

COMUNE DI SAUZE D OULX

COMUNE DI SAUZE D OULX COMUNE DI SAUZE D OULX PROVINCIA DI TORINO REALIZZAZIONE DI ELISUPERFICIE H 24 POLIFUNZIONALE RELAZIONE DESCRITTIVA N file 74.13_0_0_D_T_CC_001.1 Marzo 2005 Marinoni ing. Pierangelo Pagina 1 di 5 1. Riferimento

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE SERVIZIO DI SOCCORSO SANITARIO CON ELICOTTERO PER LE BASI DI BOLOGNA, PARMA, RAVENNA E PAVULLO NEL FRIGNANO

CAPITOLATO SPECIALE SERVIZIO DI SOCCORSO SANITARIO CON ELICOTTERO PER LE BASI DI BOLOGNA, PARMA, RAVENNA E PAVULLO NEL FRIGNANO Dipartimento Amministrativo Servizio Acquisti Metropolitano Settore Servizi Appaltati e Prodotti Economali COPIA DA RESTITUIRE FIRMATA Procedura Aperta n.147/2014 CAPITOLATO SPECIALE SERVIZIO DI SOCCORSO

Dettagli

AFFIDAMENTO AEROPORTI DEMANIALI PER L AVIAZIONE GENERALE

AFFIDAMENTO AEROPORTI DEMANIALI PER L AVIAZIONE GENERALE REGOLAMENTO AFFIDAMENTO AEROPORTI DEMANIALI PER L AVIAZIONE GENERALE Affidamento aeroporti demaniali per l aviazione generale Ed. 1 pag. 2 di 15 STATO DI AGGIORNAMENTO Edizione/Emendamento Data Delibera

Dettagli

SERIE OPERAZIONI VOLO Data: 16/07/2007 OPV 20

SERIE OPERAZIONI VOLO Data: 16/07/2007 OPV 20 CIRCOLARE SERIE OPERAZIONI VOLO Data: 16/07/2007 OPV 20 OGGETTO: Applicazione del Regolamento sui limiti dei tempi di volo e di servizio e requisiti di riposo per il personale navigante - Parte I Trasporto

Dettagli

lo Statuto Speciale per la Sardegna e le relative norme di attuazione;

lo Statuto Speciale per la Sardegna e le relative norme di attuazione; DETERMINAZIONE PROT. N. 10466 REP N. 588 DEL 16 SETTEBRE 2013 Oggetto: Procedura di gara d appalto per gli oneri di servizio pubblico ai sensi dell art. 16 par. 9 e 10 e art. 17 del Regolamento (CE) 1008/2008.

Dettagli

Regolamento Anno 2014

Regolamento Anno 2014 Regolamento Anno 2014 1 Servizio Offerto Avionord sotto l egida ELIMONZA Un Servizio dell Autodromo (di seguito Avionord) in occasione dell 85 Gran Premio d Italia di Formula 1 offre due tipologie di servizi:

Dettagli

Cpt G. MANSUTTI - CEDRA Aeroporti & Ambiente Safety & Security

Cpt G. MANSUTTI - CEDRA Aeroporti & Ambiente Safety & Security PIANO DEI RISCHI IN ITALIA PIANI DI RISCHIO Il piano di rischio rappresenta lo strumento per la gestione del rapporto tra aeroporto e territorio come misura di tutela reciproca. A tal fine il Piano di

Dettagli

CARATTERISTICHE DELLA PROVINCIA DI BRESCIA

CARATTERISTICHE DELLA PROVINCIA DI BRESCIA MAPPATURE PIAZZOLE PROVINCIA DI BRESCIA Inf. F. ARRIGHINI - SSUEM BRESCIA L elisoccorso è una realtà ormai consolidata in Lombardia, a Brescia questo servizio ha preso avvio nel 1986, ed è stato interrotto

Dettagli

La nuova regola tecnica di prevenzione incendi per le strutture sanitarie

La nuova regola tecnica di prevenzione incendi per le strutture sanitarie CORPO NAZIONALE DEI VIGILI DEL FUOCO Comando Provinciale di Lecco La nuova regola tecnica di prevenzione incendi per le strutture sanitarie Lecco, 16 Settembre 2015 La rete ospedaliera, nuovi modelli organizzativi

Dettagli

STRUMENTI LEGISLATIVI PER LA TUTELA DEL CITTADINO E DELL AMBIENTE

STRUMENTI LEGISLATIVI PER LA TUTELA DEL CITTADINO E DELL AMBIENTE nell ambiente esterno STRUMENTI LEGISLATIVI PER LA TUTELA DEL CITTADINO E DELL AMBIENTE La Repubblica tutela la salute come fondamentale diritto dell'individuo e interesse della collettività, e garantisce

Dettagli

Annuario Statistico della Sardegna 2008

Annuario Statistico della Sardegna 2008 Annuario Statistico della Sardegna 2008 TRASPORTI Trasporti interni Le statistiche sui trasporti interni pubblicate in questa sezione costituiscono il risultato di un insieme di rilevazioni curate direttamente

Dettagli

AMBULATORIO ODONTOIATRICO

AMBULATORIO ODONTOIATRICO Per ambulatorio odontoiatrico si intende la struttura intra od extraospedaliera nella quale sono eseguite prestazioni odontoiatriche. REQUISITI STRUTTURALI SI NO Ogni ambulatorio odontoiatrico dispone,

Dettagli

Materia: LEGISLAZIONE AERONAUTICA. Programmazione dei moduli didattici

Materia: LEGISLAZIONE AERONAUTICA. Programmazione dei moduli didattici Modulo SISTEMA DI GESTIONE PER LA QUALITÀ Programmazione Moduli Didattici Indirizzo Trasporti e Logistica Ist. Tec. Aeronautico Statale Arturo Ferrarin Via Galermo, 172 95123 Catania (CT) Codice M PMD

Dettagli

Regolamento recante norme per la sicurezza antincendio negli eliporti ed elisuperfici.

Regolamento recante norme per la sicurezza antincendio negli eliporti ed elisuperfici. Regolamento recante norme per la sicurezza antincendio negli eliporti ed elisuperfici. IL MINISTRO DELL'INTERNO Vista la legge 23 dicembre 1980, n. 930, recante "Norme sui servizi antincendio negli aeroporti

Dettagli

Oggetto: Impiego durante missioni H.E.M.S. della Termoculla Modello Baby

Oggetto: Impiego durante missioni H.E.M.S. della Termoculla Modello Baby Oggetto: Impiego durante missioni H.E.M.S. della Termoculla Modello Baby Cristina a bordo di elicotteri tipo BK 117. Scopo dell istruzione Operativa Disciplinare, informare, istruire ed uniformare il personale

Dettagli

PROGETTO TECNICO SISTEMA DI GESTIONE QUALITA IN CONFORMITÀ ALLA NORMA. UNI EN ISO 9001 (ed. 2008) n. 03 del 31/01/09 Salvatore Ragusa

PROGETTO TECNICO SISTEMA DI GESTIONE QUALITA IN CONFORMITÀ ALLA NORMA. UNI EN ISO 9001 (ed. 2008) n. 03 del 31/01/09 Salvatore Ragusa PROGETTO TECNICO SISTEMA DI GESTIONE QUALITA IN CONFORMITÀ ALLA NORMA UNI EN ISO 9001 (ed. 2008) Revisione Approvazione n. 03 del 31/01/09 Salvatore Ragusa PROGETTO TECNICO SISTEMA QUALITA Il nostro progetto

Dettagli

ELISOCCORSO ANALISI CLINICO-GESTIONALE DI UN SISTEMA COMPLESSO

ELISOCCORSO ANALISI CLINICO-GESTIONALE DI UN SISTEMA COMPLESSO REGIONE PIEMONTE Assessorato alla Sanità COORDINAMENTO REGIONALE SERVIZIO DI ELISOCCORSO ELISOCCORSO ANALISI CLINICO-GESTIONALE DI UN SISTEMA COMPLESSO MISSION SANITARIA Garantire interventi tempestivi

Dettagli

1. PREMESSE: 2. LOCALIZZAZIONI DEGLI INTERVENTI

1. PREMESSE: 2. LOCALIZZAZIONI DEGLI INTERVENTI 1. PREMESSE: Allo scopo di dotarsi di elisuperfici da porre a servizio degli insediamenti urbani ed al fine di consentire in caso di emergenze (di protezione civile e sanitarie) il soccorso ed il trasporto

Dettagli

CATEGORIE DI ATTIVITA CONSULENZE IN PROCEDIMENTI GIUDIZIARI 4.0 BONIFICA ACUSTICA/ PROGETTAZIONE ACUSTICA

CATEGORIE DI ATTIVITA CONSULENZE IN PROCEDIMENTI GIUDIZIARI 4.0 BONIFICA ACUSTICA/ PROGETTAZIONE ACUSTICA 1. Tabella delle categorie di attività CATEGORIE DI ATTIVITA MISURE RELAZIONI TECNICHE REQUISITI ACUSTICI DELLE SORGENTI SONORE NEI LUOGHI DI INTRATTENIMENTO DANZANTE E DI PUBBLICO SPETTACOLO ex DPCM 215/99

Dettagli

REGOLAMENTO della AVIOSUPERFICIE DI OLIVOLA

REGOLAMENTO della AVIOSUPERFICIE DI OLIVOLA Aviosuperficie OLIVOLA Gestore Anna ACCETTO AERO CLUB BENEVENTO Gen. Nicola COLLARILE REGOLAMENTO della AVIOSUPERFICIE DI OLIVOLA 1 COPIA N. Pubblicazione edita per gli utenti solo in formato digitale

Dettagli

Procedura accesso, circolazione, sosta mezzi ed attrezzature in air side Aeroporto di Crotone

Procedura accesso, circolazione, sosta mezzi ed attrezzature in air side Aeroporto di Crotone Procedura accesso, circolazione, sosta mezzi ed attrezzature in air side Aeroporto di Crotone 1. Descrizione e scopo La presente procedura disciplina le modalità di accesso, circolazione e sosta di mezzi

Dettagli

Trasporti: politiche, qualità e soluzioni

Trasporti: politiche, qualità e soluzioni Ordine degli Ingegneri della Provincia di Palermo con il patrocinio di AICQ Sicilia Trasporti: politiche, qualità e soluzioni Palermo, 14-02-2014 IL SISTEMA QUALITA AEROPORTUALE Dr.ssa Antonella Saeli

Dettagli

Inadempienze, penalità e cause di forza maggiore Risoluzione del contratto ***

Inadempienze, penalità e cause di forza maggiore Risoluzione del contratto *** CAPITOLATO SPECIALE D ONERI PER L APPALTO DEL SERVIZIO DI LAVORO AEREO DI PREVENZIONE ED ESTINZIONE DEGLI INCENDI BOSCHIVI ED ALTRI INTERVENTI DI PROTEZIONE CIVILE, TRASPORTO DI MATERIALI E PERSONE NEL

Dettagli

Relatore: Gen. Fabio DEL MEGLIO Direttore Generale Aero Club d Italia. Roma, 23 Ottobre 2010 CONI Salone d Onore

Relatore: Gen. Fabio DEL MEGLIO Direttore Generale Aero Club d Italia. Roma, 23 Ottobre 2010 CONI Salone d Onore Convegno sulla applicazione del nuovo Regolamento di attuazione della Legge 106 del 25 Marzo 1985, concernente la disciplina del volo da diporto o sportivo Roma, 23 Ottobre 2010 CONI Salone d Onore Relatore:

Dettagli

PIANO DI RISCHIO DELL AEROPORTO DI REGGIO CALABRIA

PIANO DI RISCHIO DELL AEROPORTO DI REGGIO CALABRIA PIANO DI RISCHIO DELL AEROPORTO DI REGGIO CALABRIA Il Piano di Rischio redatto dal Comune di Reggio Calabria è conforme ai requisiti di seguito riportati: 1) Tipologie di Rischio I rischi si articolano

Dettagli

Il Ministro delle infrastrutture e dei trasporti

Il Ministro delle infrastrutture e dei trasporti Il Ministro delle infrastrutture e dei trasporti D.M. n. 414 del 20 novembre 2013 GURI n. 294 del 16 dicembre 2013 VISTO VISTO il Regolamento (CE) n. 1008/2008 del Parlamento Europeo e del Consiglio del

Dettagli

D.P.P. 24 ottobre 2013 n. 30 Regolamento concernente l'organizzazione del servizio di pronto soccorso con eliambulanze.

D.P.P. 24 ottobre 2013 n. 30 Regolamento concernente l'organizzazione del servizio di pronto soccorso con eliambulanze. Trentino-A.A./Bolzano: Provincia autonoma D.P.P. 24 ottobre 2013 n. 30 Regolamento concernente l'organizzazione del servizio di pronto soccorso con eliambulanze. (Trentino-Alto Adige, BUR 29 ottobre 2013,

Dettagli

REQUISITI MINIMI DEL SERVIZIO DI PRONTO SOCCORSO SANITARIO AEROPORTUALE SVILUPPATA ED EMESSA DALLA DIREZIONE CENTRALE REGOLAZIONE TECNICA

REQUISITI MINIMI DEL SERVIZIO DI PRONTO SOCCORSO SANITARIO AEROPORTUALE SVILUPPATA ED EMESSA DALLA DIREZIONE CENTRALE REGOLAZIONE TECNICA Numero: 2014/1-LG Ed. n.1 del 31 ottobre 2014 dimostrazione di rispondenza ai requisiti normativi. Sono generalmente associate a Circolari. Dato il loro carattere non regolamentare, i contenuti delle Linee

Dettagli

748.121.11 Ordinanza del DATEC concernente le norme di circolazione per aeromobili

748.121.11 Ordinanza del DATEC concernente le norme di circolazione per aeromobili 748.121.11 Ordinanza del DATEC concernente le norme di circolazione per aeromobili (ONCA) del 20 maggio 2015 (Stato 15 luglio 2015) Il Dipartimento federale dell ambiente, dei trasporti, dell energia e

Dettagli

Lezione 03: Il mezzo aereo e le infrastrutture aeroportuali

Lezione 03: Il mezzo aereo e le infrastrutture aeroportuali Università degli Studi di Trieste Dipartimento di Ingegneria e Architettura Laurea Magistrale: Ingegneria Civile Corso di INFRASTRUTTURE AEROPORTUALI Lezione 03: Il mezzo aereo e le infrastrutture aeroportuali

Dettagli

COMUNE DI SARONNO PROVINCIA DI VARESE REGOLAMENTO PER LA TUTELA DALL INQUINAMENTO ACUSTICO

COMUNE DI SARONNO PROVINCIA DI VARESE REGOLAMENTO PER LA TUTELA DALL INQUINAMENTO ACUSTICO PROVINCIA DI VARESE REGOLAMENTO PER LA TUTELA DALL INQUINAMENTO ACUSTICO SETTEMBRE 2011 Sommario SOMMARIO...ERRORE. IL SEGNALIBRO NON È DEFINITO. TITOLO 1 PRINCIPI GENERALI... 3 Art. 1. Oggetto del regolamento...

Dettagli

Il Sistema di Gestione della Sicurezza (Safety Management System) Stefano Fiussello

Il Sistema di Gestione della Sicurezza (Safety Management System) Stefano Fiussello Il Sistema di Gestione della Sicurezza (Safety Management System) Stefano Fiussello 1 AERODROMO MACCHI M.C. 72 1931 Nota introduttiva.- Il presente Annesso contiene gli standard e le raccomandazioni pratiche

Dettagli

Dino Losacco L IMPIEGO DI ELICOTTERI H.S.R. IN EMERGENZA SANITARIA

Dino Losacco L IMPIEGO DI ELICOTTERI H.S.R. IN EMERGENZA SANITARIA Dino Losacco L IMPIEGO DI ELICOTTERI H.S.R. IN EMERGENZA SANITARIA ELISOCCORSO H.E.M.S. APPLICAZIONE DEI REQUISITI DEL TRASPORTO AEREO PASSEGGERI La maggior parte dell attività HEMS viene effettuata nell

Dettagli

SOCIETÀ ITALIANA SISTEMI 118 PERUGIA, 21 32 MAGGIO 2009

SOCIETÀ ITALIANA SISTEMI 118 PERUGIA, 21 32 MAGGIO 2009 LA GESTIONE E LA FORMAZIONE DELLE RISORSE IN TEMPI DI EVOLUZIONE DEL SISTEMA COORDINAMENTO REGIONALE ELISOCCORSO PIEMONTE 118 RESPONSABILI MEDICI E COORDINATORI INFERMIERISTICI BASI ELISOCCORSO: ALESSANDRIA

Dettagli

Applicazione della parte aeronautica del Codice di navigazione, di cui al D.Lgs. 9 maggio 2005, n. 96, e successive modificazioni (2)

Applicazione della parte aeronautica del Codice di navigazione, di cui al D.Lgs. 9 maggio 2005, n. 96, e successive modificazioni (2) di 5 10/09/2013 10:52 D.M. 20 aprile 2006 (1) Applicazione della parte aeronautica del Codice di navigazione, di cui al D.Lgs. 9 maggio 2005, n. 96, e successive modificazioni (2) IL MINISTRO DELLA DIFESA

Dettagli

Agenzia Nazionale per la Sicurezza del Volo (ANSV) Aero Club d Italia Roma, 25 giugno 2009

Agenzia Nazionale per la Sicurezza del Volo (ANSV) Aero Club d Italia Roma, 25 giugno 2009 Agenzia Nazionale per la Sicurezza del Volo (ANSV) Aero Club d Italia Roma, 25 giugno 2009 SISTEMA AVIAZIONE CIVILE Ministero dei trasporti Ente nazionale per l aviazione i civile il (ENAC) Aero club d

Dettagli

CITTÀ DI MESAGNE MAPPE DI VINCOLO DELL AEROPORTO DI BRINDISI

CITTÀ DI MESAGNE MAPPE DI VINCOLO DELL AEROPORTO DI BRINDISI CITTÀ DI MESAGNE ASSESSORATO ALL URBANISTICA E ASSETTO DEL TERRITORIO UFFICIO DEL PIANO URBANISTICO GENERALE MAPPE DI VINCOLO DELL AEROPORTO DI e relative limitazioni agli ostacoli ed ai potenziali pericoli

Dettagli

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZE (D.U.V.R.I.)

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZE (D.U.V.R.I.) All. 5 DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZE (D.U.V.R.I.) APPALTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA AD ALUNNI DISABILI NELLA SCUOLA DELL INFANZIA, PRIMARIA E SECONDARIA DI 1 E 2 GRADO SERVIZIO

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER L ESERCIZIO DELLE ATTIVITA DI SOMMINISTRAZIONE DI ALIMENTI E BEVANDE

REGOLAMENTO COMUNALE PER L ESERCIZIO DELLE ATTIVITA DI SOMMINISTRAZIONE DI ALIMENTI E BEVANDE CITTÀ DI IMOLA REGOLAMENTO COMUNALE PER L ESERCIZIO DELLE ATTIVITA DI SOMMINISTRAZIONE DI ALIMENTI E BEVANDE Legge Regionale 26 luglio 2003, n. 14 Disciplina dell esercizio delle attività di somministrazione

Dettagli

Accreditamento e certificazione del sistema qualità di ARPA Umbria

Accreditamento e certificazione del sistema qualità di ARPA Umbria Accreditamento e certificazione del sistema qualità di ARPA Umbria Accreditamento e certificazione del sistema qualità di ARPA Umbria Nadia Geranio, Leonardo Merlini, Olga Moretti Il primo obiettivo di

Dettagli

REGOLAMENTO DI SCALO PROCEDURA OPERATIVITA AEROPORTUALE PER SERVIZIO MEDICO D EMERGENZA*

REGOLAMENTO DI SCALO PROCEDURA OPERATIVITA AEROPORTUALE PER SERVIZIO MEDICO D EMERGENZA* REV. 0 PAG. 1/5 Sommario 1. SCOPO... 2 2. SOGGETTI COINVOLTI... 2 3. ATTIVAZIONE DELL EMERGENZA... 3 4. TEMPI DI ATTIVAZIONE SERVIZI... 3 5. MODALITA OPERATIVE... 4 6. FINE DELLE OPERAZIONI... 7 7. GESTIONE

Dettagli

Ente Nazionale per l'aviazione Civile

Ente Nazionale per l'aviazione Civile Ente Nazionale per l'aviazione Civile CIRCOLARE SERIE SECURITY Data 7/10/2004 SEC-02 * Oggetto: Affidamento dei servizi di controllo di sicurezza esistenti nell ambito aeroportuale. Procedure operative

Dettagli

Flight following 118 ELISOCCORSO FRIULI VENEZIA GIULIA. PIANO DI EMERGENZA: Flight following

Flight following 118 ELISOCCORSO FRIULI VENEZIA GIULIA. PIANO DI EMERGENZA: Flight following 118 ELISOCCORSO FRIULI VENEZIA GIULIA PIANO DI EMERGENZA: Flight following Redatto a cura di Centrale Operativa 118 - Elisoccorso Regione F.V.G. PRIMA EDIZIONE OTTOBRE 2001 Edizione ottobre 2001 1 2 FLIGHT

Dettagli

Segnalazione Certificata di inizio attività

Segnalazione Certificata di inizio attività 0Spett.le COMUNE DI SAN MARCELLO PISTOIESE Servizi Culturali e Turistici 51028 SAN MARCELLO Pistoiese OGGETTO: SCIA per attività di pubblico spettacolo ed intrattenimento art. 68, 69 e 80 TULPS. Il sottoscritto,

Dettagli

simulatore di volo FSTD IT-063A IT.ATO.0022

simulatore di volo FSTD IT-063A IT.ATO.0022 simulatore di volo FSTD IT-063A IT.ATO.0022 ITALFLY S.r.l. Codice fiscale e Partita IVA 00995370228 - Tribunale di Trento n. 13321 Registro Società CCIAA Trento n. 108248 - Capitale Sociale 100.000,00

Dettagli

PO 01 Rev. 0. Azienda S.p.A.

PO 01 Rev. 0. Azienda S.p.A. INDICE 1 GENERALITA... 2 2 RESPONSABILITA... 2 3 MODALITA DI GESTIONE DELLA... 2 3.1 DEI NEOASSUNTI... 3 3.2 MANSIONI SPECIFICHE... 4 3.3 PREPOSTI... 4 3.4 ALTRI INTERVENTI FORMATIVI... 4 3.5 DOCUMENTAZIONE

Dettagli

REGOLAMENTO DI SCALO PROCEDURA OPERATIVITA AEROPORTUALE PER SERVIZIO MEDICO D EMERGENZA*

REGOLAMENTO DI SCALO PROCEDURA OPERATIVITA AEROPORTUALE PER SERVIZIO MEDICO D EMERGENZA* REV. 0 PAG. 1/5 Sommario 1. SCOPO... 2 2. SOGGETTI COINVOLTI... 2 3. ATTIVAZIONE DELL EMERGENZA... 3 4. TEMPI DI ATTIVAZIONE SERVIZI... 4 5. MODALITA OPERATIVE... 4 6. FINE DELLE OPERAZIONI... 7 7. GESTIONE

Dettagli

PROCEDURE PER ARRIVI E PARTENZE DEI VISITATORI/PILOTI PARTECIPANTI AL SALONE DEL VOLO DI PADOVA

PROCEDURE PER ARRIVI E PARTENZE DEI VISITATORI/PILOTI PARTECIPANTI AL SALONE DEL VOLO DI PADOVA PROCEDURE PER ARRIVI E PARTENZE DEI VISITATORI/PILOTI PARTECIPANTI AL SALONE DEL VOLO DI PADOVA L organizzazione tiene in altissima considerazione la Sicurezza del Volo e per questo, con il supporto e

Dettagli

Il sistema qualità in una Unità di Raccolta

Il sistema qualità in una Unità di Raccolta Il sistema qualità in una Unità di Raccolta Bologna, 22 dicembre 2012 Relatrice: Ivana Menichini (UO.1) L Unità di Raccolta deve istituire e mantenere un Sistema di gestione per la qualità, in raccordo

Dettagli

lo Statuto Speciale per la Sardegna e le relative norme di attuazione;

lo Statuto Speciale per la Sardegna e le relative norme di attuazione; DETERMINAZIONE PROT. N. 11827 REP N. 647 DEL 10.10.2013 Oggetto: Procedura di gara d appalto per gli oneri di servizio pubblico ai sensi dell art. 16 par. 9 e 10 e art. 17 del Regolamento (CE) 1008/2008.

Dettagli

Lista di controllo n. 1.1 STUDIO ODONTOIATRICO

Lista di controllo n. 1.1 STUDIO ODONTOIATRICO Lista di controllo n. 1.1 STUDIO ODONTOIATRICO IL/LA SOTTOSCRITTO/A nato/a a prov. di il titolare/legale rappresentante della Società/Ente/Azienda ai sensi dell art. 5 c. 3 lett. e) del D.P.G.P. 27 novembre

Dettagli

ACCORDO DI PROGRAMMA

ACCORDO DI PROGRAMMA CONFERENZA DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME COMMISSIONE PROTEZIONE CIVILE SOTTO-COMMISSIONE: CONCORSO DELLE REGIONI ALLE EMERGENZE NAZIONALI ED INTERNAZIONALI Approvato dalla Commissione Interregionale

Dettagli

ALLEGATO B MODULO DI PROPOSTA TECNICA. Proposta tecnica per organizzazione e realizzazione delle Finali del Circuito Classico 2016

ALLEGATO B MODULO DI PROPOSTA TECNICA. Proposta tecnica per organizzazione e realizzazione delle Finali del Circuito Classico 2016 ALLEGATO B MODULO DI PROPOSTA TECNICA Proposta tecnica per organizzazione e realizzazione delle Finali del Circuito Classico 2016 La, con sede in, Via, tel., codice fiscale, partita IVA n iscritta nel

Dettagli

Responsabilità e competenze avanzate dell Infermiere negli interventi di Protezione Civile. Elvira Granata

Responsabilità e competenze avanzate dell Infermiere negli interventi di Protezione Civile. Elvira Granata Responsabilità e competenze avanzate dell Infermiere negli interventi di Protezione Civile Elvira Granata C.Coordinamento Coordinamento I.Infermieri Infermieri V.Volontari Volontari E.Emergenza Emergenza

Dettagli

Capitolo 1. Lavoro autonomo, attività d impresa: alcune nozioni fondamentali

Capitolo 1. Lavoro autonomo, attività d impresa: alcune nozioni fondamentali Capitolo 1 Lavoro autonomo, attività d impresa: alcune nozioni fondamentali Il termine imprenditore esprime un concetto economico prima ancora che giuridico. L imprenditore è, infatti, colui che si pone

Dettagli

ACCESSO A CdR E STE GESTITI DA SEI TOSCANA

ACCESSO A CdR E STE GESTITI DA SEI TOSCANA ACCESSO A CdR E STE GESTITI DA SEI TOSCANA INDICE 1 CENTRI DI RACCOLTA... 2 1.1 MODALITÀ PER L ACCESSO E IL CONFERIMENTO DI RIFIUTI AI CDR... 2 1.1.1 Utenze non domestiche... 2 1.1.2 Distributori/installatori/centri

Dettagli

RESPONSABILITA TECNICHE E AGGIORNAMENTO DEI PROFESSIONISTI DELLA PREVENZIONE INCENDI

RESPONSABILITA TECNICHE E AGGIORNAMENTO DEI PROFESSIONISTI DELLA PREVENZIONE INCENDI Ordine degli Ingegneri della Provincia di Vicenza RESPONSABILITA TECNICHE E AGGIORNAMENTO DEI PROFESSIONISTI DELLA PREVENZIONE INCENDI dott. ing. Marco Di Felice Ordine Ingegneri della Provincia di Vicenza

Dettagli

Claudia Gistri Giancarlo Caputo CERTIQUALITY

Claudia Gistri Giancarlo Caputo CERTIQUALITY I requisiti per la certificazione del sistema di gestione sicurezza Claudia Gistri Giancarlo Caputo CERTIQUALITY Seminario La gestione ed il controllo del Rischio Industriale Bergamo, 20 dicembre 2005

Dettagli

TRAFFICO AEREO AUTORIZZAZIONI

TRAFFICO AEREO AUTORIZZAZIONI TRAFFICO AEREO AUTORIZZAZIONI 1 1 AUTORIZZAZIONI DEL CONTROLLO DEL TRAFFICO AEREO... 3 1.1 Autorizzazioni a volare provvedendo alla propria separazione in condizioni meteorologiche a vista... 6 1.2 Informazioni

Dettagli

Zona Atterraggio Elicotteri

Zona Atterraggio Elicotteri Caserma L. Pierobon 18 marzo 2010 Zona Atterraggio Elicotteri U.N.U.C.I. sezione di Padova SOMMARIO definizioni caratteristiche del terreno marcatura Z.A.E. diurna notturna (omissis) segnalazioni manuali

Dettagli

via Intercomunale 12/B 54039 Ronchi (MS) A cura della Direzione Aeroportuale di Firenze - Pisa

via Intercomunale 12/B 54039 Ronchi (MS) A cura della Direzione Aeroportuale di Firenze - Pisa REGOLAMENTO DI SCALO Aeroporto di Massa-Cinquale Indirizzo e Base Operativa: c/o Aeroporto Massa-Cinquale via Intercomunale 12/B 54039 Ronchi (MS) Numero di telefono: 0585 309088 Numero del fax: 0585 309088

Dettagli

LEGGE 5 maggio 1976, n. 324

LEGGE 5 maggio 1976, n. 324 LEGGE 5 maggio 1976, n. 324 Nuove norme in materia di diritti per l'uso degli aeroporti aperti al traffico aereo civile. Vigente al: 15-07-2010 La Camera dei deputati ed il Senato della Repubblica hanno

Dettagli

Recenti disposizioni del Dipartimento dei Vigili del Fuoco in merito alla possibilità di

Recenti disposizioni del Dipartimento dei Vigili del Fuoco in merito alla possibilità di Commento l Antincendio. Nuove prospettive sull impiego di particolari tipologie di serramenti Le ultime indicazioni dei VVF sulle uscite di emergenza con tornelli o scorrevoli Recenti disposizioni del

Dettagli

EN9100:2003 * I requisiti aggiuntivi rispetto alla ISO 9001. Torino, 6 Luglio 2005 Caserta, 12 luglio 205

EN9100:2003 * I requisiti aggiuntivi rispetto alla ISO 9001. Torino, 6 Luglio 2005 Caserta, 12 luglio 205 EN9100:2003 * I requisiti aggiuntivi rispetto alla ISO 9001 Torino, 6 Luglio 2005 Caserta, 12 luglio 205 Sommario Come è nata la EN 9100 Gli Standard Aerospaziali Emessi In studio La Norma EN 9100 - I

Dettagli

Ente Nazionale per l'aviazione Civile. Norme operative per il servizio medico di emergenza con elicotteri

Ente Nazionale per l'aviazione Civile. Norme operative per il servizio medico di emergenza con elicotteri Ente Nazionale per l'aviazione Civile Norme operative per il servizio medico di emergenza con elicotteri Edizione 2 1 marzo 2004 NORME OPERATIVE PER IL SERVIZIO MEDICO DI EMERGENZA CON ELICOTTERI 1 Servizio

Dettagli

MOD. A ALLA COMMISSIONE COMUNALE DI VIGILANZA SUI LOCALI DI PUBBLICO SPETTACOLO C/O COMUNE DI POGGIO RENATICO

MOD. A ALLA COMMISSIONE COMUNALE DI VIGILANZA SUI LOCALI DI PUBBLICO SPETTACOLO C/O COMUNE DI POGGIO RENATICO MOD. A OGGETTO: Manifestazione denominata da effettuarsi nel periodo dal al D.P.R. n. 577/92: documentazione tecnica. CERTIFICAZIONE DI CORRETTO MONTAGGIO DELLE STRUTTURE PER LA MANIFESTAZIONE DI CUI ALL'OGGETTO

Dettagli

LEGISLAZIONE SU RICERCA E INNOVAZIONE. VENETO Legge Regionale n.3 del 28/1/1997

LEGISLAZIONE SU RICERCA E INNOVAZIONE. VENETO Legge Regionale n.3 del 28/1/1997 LEGISLAZIONE SU RICERCA E INNOVAZIONE VENETO Legge Regionale n.3 del 28/1/1997 Anno legislazione:1997 Oggetto legislazione: promozione della diffusione di strumenti, metodologie e sistemi finalizzati a

Dettagli

IL MINISTRO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI di concerto con IL MINISTRO DELLA SALUTE

IL MINISTRO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI di concerto con IL MINISTRO DELLA SALUTE Decreto del Ministero dell interno 4 febbraio 2011 Definizione dei criteri per il rilascio delle autorizzazioni di cui all art. 82, comma 2, del D.Lgs. 09/04/2008, n. 81, e successive modifiche ed integrazioni.

Dettagli