DIFFUSIONE DELLE INFORMAZIONI SULL OPERATIVITÀ DELL AEROPORTO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "DIFFUSIONE DELLE INFORMAZIONI SULL OPERATIVITÀ DELL AEROPORTO"

Transcript

1 REV. 0 PAG. 1/ DIFFUSIONE DELLE INFORMAZIONI SULL OPERATIVITÀ DELL AEROPORTO INDICE 6.0 SCOPO CAMPO DI APPLICAZIONE RIFERIMENTI RESPONSABILITÀ ED ATTIVITÀ Eventi per i quali è prevista l emissione di Notam Modalità di trasmissione della richiesta di emissione Notam Verifica informazioni inserite nel Notam Informazioni relative ai Bollettini Pre-Volo (PIB) REGISTRAZIONI ALLEGATI AM Allegato 1: Modulo di richiesta Notam AEROPORTO S. ANNA S.P.A. PROCEDURA Pagina 1

2 REV. 0 PAG. 2/ PAGINA INTENZIONALMENTE BIANCA 2011 AEROPORTO S. ANNA S.P.A. PROCEDURA Pagina 2

3 REV. 0 PAG. 3/ 6.0 SCOPO Definire le modalità stabilite dal PH Movimento per fornire all ENAV (Air traffic services Reporting Office ARO aeroportuale) le informazioni necessarie per l emissione di Notam sull Aeroporto di Crotone e tutte quelle altre informazioni significative per la condotta delle operazioni di volo da e per l aeroporto da rendere disponibili agli utilizzatori dell aeroporto stesso AEROPORTO S. ANNA S.P.A. PROCEDURA Pagina 3

4 REV. 0 PAG. 4/ 6.1 CAMPO DI APPLICAZIONE La procedura si applica ogni qual volta si renda necessaria la comunicazione di informazioni relative all operatività dell aeroporto, mediante la pubblicazione dell AIP- Italia, e relativi emendamenti (Varianti e Supplementi a ciclo normale oppure AIRAC), delle Aeronautical Information Circulars AIC e dei Notam. L emissione di un Notam (NOtice To AirMen) è prevista per informazioni: a) di natura temporanea e di breve durata; b) relative a variazioni operativamente significative di natura permanente; c) relative a variazioni operativamente significative di natura temporanea ma di lunga durata, e che non comportino una parte testuale rilevante né modifiche di natura cartografica; e tali da ricadere nella tipologia di eventi riportata nel paragrafo successivo. Nei casi a) e c) la validità del Notam emesso non dovrà superare i 3 (tre) mesi, potendo essere sia di tipo stimato (EST) che a scadenza prestabilita; nella condizione b) il Notam dovrà avere la caratteristica di permanente (PERM) e seguirà pubblicazione su AIP AEROPORTO S. ANNA S.P.A. PROCEDURA Pagina 4

5 REV. 0 PAG. 5/ 6.2 RIFERIMENTI Codice della Navigazione ENAC - Regolamento per la Costruzione e l'esercizio degli Aeroporti ENAV - Manuale AIS 2011 AEROPORTO S. ANNA S.P.A. PROCEDURA Pagina 5

6 REV. 0 PAG. 6/ 6.3 RESPONSABILITÀ ED ATTIVITÀ 6.4 Eventi per i quali è prevista l emissione di Notam Ogni volta che, con breve preavviso, si verifica o si prevede possa verificarsi una delle seguenti condizioni: implementazione, chiusura o mutamenti significativi nelle operazioni di aeroporto e piste, incluse variazioni nella disponibilità dell area di manovra e variazioni delle distanze dichiarate di pista; implementazione, cancellazione o avarie delle luci di aeroporto e degli altri AVL. presenza o rimozione di ostruzioni temporanee alle operazioni degli aeromobili nell area di manovra; presenza o rimozione di fattori di rischio a causa di neve, ghiaccio, acqua o slush sull area di movimento; presenza di animali che costituiscono rischio per le operazioni degli aeromobili; erezione o rimozione di ostacoli alla navigazione aerea nelle aree di decollo, salita o avvicinamento; implementazione, rimozione, inefficienza o ripristino della funzionalità dei fari d aeroporto e delle luci ostacoli, presenti nell aeroporto o nelle zone limitrofe come stabilito al paragrafo del Capitolo 4 del Regolamento ENAC; variazioni e limitazioni alla disponibilità di combustibile. Secondo quanto previsto dal Regolamento cap. 8 par. 2, il PH Movimento deve attivarsi e trasmettere all ENAV (ARO aeroportuale), al fax n , con immediatezza le variazioni o le modifiche da pubblicare tramite NOTAM; inoltre informa immediatamente la D.A. (ENAC) mediante fax inviato al n delle comunicazioni inviate all ENAV in merito alle situazioni di cui sopra. Il NOTAM, predisposto dall ENAV, è approvato dall ENAC AEROPORTO S. ANNA S.P.A. PROCEDURA Pagina 6

7 REV. 0 PAG. 7/ Se le variazioni interessano i servizi antincendio e soccorso resi dal Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco, le informazioni sono da essi trasmesse all ENAC e contestualmente all ENAV ed al GESTORE. Il GESTORE riceverà altresì da ENAV, attraverso l ARO, copia di ogni Notam emesso sull aeroporto di Crotone. Se le modifiche sono previste con congruo anticipo, Il PH Movimento richiede ad ENAV, un emendamento o supplemento all AIP, inviandone copia all ENAC, secondo le modalità definite dalla Procedura Operativa PO-01, tenendo presente che le informazioni di cui sopra debbono essere pubblicate in accordo al sistema AIRAC, secondo le cadenze temporali specificate nell apposita AIC emanata annualmente dall ENAV. Eventi o variazioni diversi da quelli sopra elencati, che non abbiano impatto sulle operazioni degli aeromobili, devono essere notificati direttamente al Servizio AIS dell ENAV al fax n , per consentire l adozione di modifiche dell AIP. 6.5 Modalità di trasmissione della richiesta di emissione Notam Qualora si verifichi una delle situazioni sopra riportate, il Post Holder Movimento o il RIT, adeguatamente formati a tale scopo, provvede a richiedere all ENAV (ARO aeroportuale) l emissione di Notam compilando il modulo allegato, e trasmettendolo via fax al n , contenente le seguenti informazioni: Data ed ora (GMT) di inizio validità del Notam Data ed ora (GMT) di fine validità del Notam Dettagli relativi alle restrizioni / limitazioni ed alle aree / infrastrutture coinvolte Riferimenti alla/e pagina/e AIP pertinenti Il Notam, predisposto dall ENAV, è successivamente trasmesso da questa all ENAC per la sua approvazione e successiva pubblicazione AEROPORTO S. ANNA S.P.A. PROCEDURA Pagina 7

8 REV. 0 PAG. 8/ La richiesta di Notam a scadenza prefissata oppure stimata viene accettata da ENAV solo per periodi non superiori ai 3 mesi. Pertanto, il RIT controlla giornalmente la scadenza dei Notam in vigore richiesti dal PH Movimento. Per i Notam stimati (EST), il RIT dovrà farsi carico, all'avvicinarsi della scadenza prevista, di coordinare con l'unita AIS locale (ARO) la cancellazione dello stesso o la necessità di procedere, in caso di effettiva reale esigenza, alla emissione di un Notam sostitutivo (N/R). In questa seconda ipotesi, stante il perdurare dell'evento, il Post Holder Movimento comunica al PH Progettazione che valuterà l opportunità di trasporre in modo definitivo l informazione su AIP secondo la Procedura Operativa PO-01, fino a successiva eventuale nuova ulteriore modifica. Nota: quantunque la raccomandazione ICAO per l'emissione anticipata di almeno 7 (sette) giorni sia rivolta ai Notam di attivazione di aree proibite, riservate o pericolose o in generale restrizioni di spazio aereo, è opportuno applicare tale procedura a carattere generale, in tutti i casi in cui ciò risulti realisticamente fattibile. L'ARO è tenuto alla verifica che il contenuto formale della richiesta Notam corrisponda a quanto previsto dalla normativa in vigore (DOC 8126 ICAO e AIP-GEN abbreviazioni), e potrà riproporre un testo più appropriato secondo lo standard ICAO. 6.6 Verifica informazioni inserite nel Notam ENAV informa ENAC ed il PH Movimento circa l avvenuta emissione del Notam trasmettendone copia all Area Infrastrutture via fax al numero e al numero ; il RIT è tenuto a verificare i contenuti del Notam confrontandoli 2011 AEROPORTO S. ANNA S.P.A. PROCEDURA Pagina 8

9 REV. 0 PAG. 9/ col modulo di richiesta precedentemente trasmesso, ed a notificare immediatamente ad ENAV ogni errore od omissione rilevata. 6.7 Informazioni relative ai Bollettini Pre-Volo (PIB) Presso il CAM devono essere rese disponibili le informazioni aeronautiche essenziali per la sicurezza, regolarità ed efficienza della navigazione aerea e relative alla tratta di volo che origina dall'aeroporto a tutto il personale addetto alle operazioni di volo (equipaggi, flight dispatchers) che facesse richiesta di visione. Tra le informazioni previste dalla normativa internazionale (Annesso 15 - DOC 8126 ICAO) quale servizio di informazioni pre-volo, è richiesta la disponibilità dei Notam in vigore, ma anche di altre informazioni dal carattere di urgenza che non compaiono nei Notam, in quanto la pubblicazione di Notam non è richiesta o come tempestiva informazione in attesa di emissione Notam, quali ad esempio: lavori di costruzione o manutenzione sull'area di manovra o nelle immediate vicinanze; porzioni irregolari di qualunque parte dell'area di manovra, segnalate o meno, quali parti rotte della superficie di piste e raccordi; presenza e spessore di neve, ghiaccio o acqua su piste e raccordi, inclusi gli effetti conseguenti sull' azione frenante; neve trasportata o accumulata su piste e raccordi o nelle loro vicinanze; aeromobili parcheggiati o altri ostacoli sui raccordi o nelle immediate vicinanze; presenza di altri pericoli temporanei, inclusi quelli determinati dagli uccelli; avaria od operatività irregolare di parte o tutto il sistema di luci dell'aeroporto e/o dell alimentazione elettrica dell'aeroporto; ogni altra informazione significativa per la condotta delle operazioni AEROPORTO S. ANNA S.P.A. PROCEDURA Pagina 9

10 REV. 0 PAG. 10/ Tali informazioni sono trasmette all ARO telefonicamente, non appena disponibili, a cura del Responsabile in turno o, in sua assenza, dell Addetto Area Manutenzione Infrastrutture. Successivamente, in funzione della tipologia e della durata dell evento, la stessa persona provvede a richiedere l emissione di Notam ove previsto. Le informazioni rese disponibili direttamente da ENAV all ARO sono da questi altresì comunicate al PH Area di Movimento o in sua assenza al RIT, al fine di valutare l eventuale impatto operativo sulla gestione dell aeroporto AEROPORTO S. ANNA S.P.A. PROCEDURA Pagina 10

11 REV. 0 PAG. 11/ 6.8 REGISTRAZIONI Le evidenze documentali da produrre, gestire e conservare sono qui di seguito elencate, unitamente ai soggetti aziendali responsabili di tali attività: Documenti Modulo di richiesta Notam Notam Registro scadenze Notam Responsabile Gestione e Archiviazione Resp. in turno Post Holder Movimento Resp. in turno 2011 AEROPORTO S. ANNA S.P.A. PROCEDURA Pagina 11

12 REV. 0 PAG. 12/ 6.9 ALLEGATI 6.10 AM-07 Allegato 1: Modulo di richiesta Notam 2011 AEROPORTO S. ANNA S.P.A. PROCEDURA Pagina 12

RADIOTELEFONIA AERONAUTICA PER PILOTI VDS PROGRAMMA DIDATTICO PER IL RILASCIO DEL CERTIFICATO DI RADIOTELEFONIA EDIZIONE 1-2014

RADIOTELEFONIA AERONAUTICA PER PILOTI VDS PROGRAMMA DIDATTICO PER IL RILASCIO DEL CERTIFICATO DI RADIOTELEFONIA EDIZIONE 1-2014 RADIOTELEFONIA AERONAUTICA PER PILOTI VDS PROGRAMMA DIDATTICO PER IL RILASCIO DEL CERTIFICATO DI RADIOTELEFONIA EDIZIONE 1-2014 Approvato il 25.06.2014 RADIOTELEFONIA AERONAUTICA PER PILOTI VDS PROGRAMMA

Dettagli

ICAO Doc 9774 - Manual On Certification Of Aerodromes

ICAO Doc 9774 - Manual On Certification Of Aerodromes ICAO Doc 9774 - Manual On Certification Of Aerodromes ENAC Prevede l obbligo della certificazione per tutti gli aeroporti ove viene svolta una attività di Trasporto Pubblico con velivoli con 10 posti o

Dettagli

Procedura accesso, circolazione, sosta mezzi ed attrezzature in air side Aeroporto di Crotone

Procedura accesso, circolazione, sosta mezzi ed attrezzature in air side Aeroporto di Crotone Procedura accesso, circolazione, sosta mezzi ed attrezzature in air side Aeroporto di Crotone 1. Descrizione e scopo La presente procedura disciplina le modalità di accesso, circolazione e sosta di mezzi

Dettagli

PIANO RIMOZIONE NEVE

PIANO RIMOZIONE NEVE PIANO RIMOZIONE NEVE La firma dell Accountable Manager riportata sul quadro frontespizio, costituisce approvazione da parte della Società di Gestione dell intera procedura in accordo con lo stato delle

Dettagli

REGOLAMENTO OPERATIVO AVIOSUPERFICIE E. MATTEI PISTICCI (MT)

REGOLAMENTO OPERATIVO AVIOSUPERFICIE E. MATTEI PISTICCI (MT) REGOLAMENTO OPERATIVO AVIOSUPERFICIE E. MATTEI PISTICCI (MT) 1 PREFAZIONE Il presente Regolamento Operativo costituisce una piccola raccolta di disposizioni,norme e criteri operativi che devono essere

Dettagli

REGOLAMENTO SCALO AEROPORTO. di Carpi. a cura dell Aeroclub Carpi

REGOLAMENTO SCALO AEROPORTO. di Carpi. a cura dell Aeroclub Carpi REGOLAMENTO DI SCALO AEROPORTO di Carpi a cura dell Aeroclub Carpi Edizione: Revisione: Inizio Validità: 1 0 01-01-2013 Edizione 1 Inizio Validità 01/01/2013 Revisione 0 1 2 INDICE Capitolo 1 PREMESSA

Dettagli

ENAV SpA è la Società a cui lo Stato italiano demanda la gestione e il Controllo del Traffico Aereo civile in Italia. Interamente controllata dal

ENAV SpA è la Società a cui lo Stato italiano demanda la gestione e il Controllo del Traffico Aereo civile in Italia. Interamente controllata dal 1 5 0 PROFILO 2011 CHI SIAMO ENAV SpA è la Società a cui lo Stato italiano demanda la gestione e il Controllo del Traffico Aereo civile in Italia. Interamente controllata dal Ministero dell Economia e

Dettagli

Brochure Self Briefing AO FPL

Brochure Self Briefing AO FPL Brochure Self Briefing AO FPL INDICE PREFAZIONE... 2 ACRONIMI ED ABBREVIAZIONI... 3 1 Attivazione del Sistema Self Briefing... 4 1.1 Generalità... 4 1.2 Modifica Password personale... 5 1.3 Menù utente...

Dettagli

NOTA ESPLICATIVA AI FINI DELL APPLICAZIONE DEL REGOLAMENTO SCHEMA SEQUENZIALE

NOTA ESPLICATIVA AI FINI DELL APPLICAZIONE DEL REGOLAMENTO SCHEMA SEQUENZIALE NOTA ESPLICATIVA AI FINI DELL APPLICAZIONE DEL REGOLAMENTO SCHEMA SEQUENZIALE Questa nota è a beneficio degli operatori che intendono svolgere operazioni specializzate, a titolo oneroso (commerciali o

Dettagli

La certificazione aeroportuale

La certificazione aeroportuale La certificazione aeroportuale Tra le attività di Enac c è anche la certificazione di aeroporto. Un aspetto particolare di questa certificazione è costituito dal fatto che la stessa riguarda sia le caratteristiche

Dettagli

Il Sistema di Gestione della Sicurezza (Safety Management System) Stefano Fiussello

Il Sistema di Gestione della Sicurezza (Safety Management System) Stefano Fiussello Il Sistema di Gestione della Sicurezza (Safety Management System) Stefano Fiussello 1 AERODROMO MACCHI M.C. 72 1931 Nota introduttiva.- Il presente Annesso contiene gli standard e le raccomandazioni pratiche

Dettagli

REGOLAMENTO (UE) N. 255/2010 DELLA COMMISSIONE del 25 marzo 2010 recante norme comuni per la gestione dei flussi del traffico aereo

REGOLAMENTO (UE) N. 255/2010 DELLA COMMISSIONE del 25 marzo 2010 recante norme comuni per la gestione dei flussi del traffico aereo L 80/10 Gazzetta ufficiale dell Unione europea 26.3.2010 REGOLAMENTO (UE) N. 255/2010 DELLA COMMISSIONE del 25 marzo 2010 recante norme comuni per la gestione dei flussi del traffico aereo (Testo rilevante

Dettagli

Interazione tra Aeroporto e Territorio: Mappe di Vincolo e procedure di mitigazione. Ing. Galileo Tamasi Program Manager

Interazione tra Aeroporto e Territorio: Mappe di Vincolo e procedure di mitigazione. Ing. Galileo Tamasi Program Manager Interazione tra Aeroporto e Territorio: Mappe di Vincolo e procedure di mitigazione Ing. Galileo Tamasi Program Manager Contents - Introduzione - Lo schema logico della procedura di mitigazione - La costruzione

Dettagli

REGOLAMENTO DI SCALO. Edizione 1 revisione 0

REGOLAMENTO DI SCALO. Edizione 1 revisione 0 REGOLAMENTO DI SCALO revisione 0 Indice Sez. IG INDICE PARTE GENERALE... 7 A.1 Contenuti del regolamento di scalo... 7 A.2 Aggiornamento del Regolamento di scalo... 8 A.3 Diffusione del Regolamento di

Dettagli

FPL - Novità introdotte AIRAC 11/2014

FPL - Novità introdotte AIRAC 11/2014 FPL - Novità introdotte AIRAC 11/2014 enav.it Web conference 02/12/2014 Documenti fonte REGOLAMENTO DI ESECUZIONE (UE) N. 923/2012 DELLA COMMISSIONE del 26 settembre 2012 + determinazioni ENAC ad esito

Dettagli

Commenti alla Circolare ENAC GEN 04 Operatività degli aeroporti e spazi aerei limitrofi al vulcano Etna

Commenti alla Circolare ENAC GEN 04 Operatività degli aeroporti e spazi aerei limitrofi al vulcano Etna Commenti alla Circolare ENAC GEN 04 Operatività degli aeroporti e spazi aerei limitrofi al vulcano Etna Società o Associazione che propone i commenti ANACNA Data 1 13/02/13 1. N 2. Riferimento Circolare

Dettagli

SEZIONE 7 SERVIZIO INFORMAZIONI AERONAUTICHE (AIS)

SEZIONE 7 SERVIZIO INFORMAZIONI AERONAUTICHE (AIS) SEZIONE 7 SERVIZIO INFORMAZIONI AERONAUTICHE (AIS) SERVIZIO AIS AERONAUTICAL INFORMATION SERVICE A I S PREMESSA Com' è noto, il Servizio delle Informazioni Aeronautiche (Aeronautical Information Service)

Dettagli

S.C.C. - Snow Control Center

S.C.C. - Snow Control Center Convegno Osservatorio di Manutenzione, 23 Aprile 2013. Alessandro Tovo, SEA - Aeroporti di Milano Responsabile Control Room Manutenzione Malpensa S.C.C. - Snow Control Center Circolare FAA AC 150_5200_30c.

Dettagli

Via Attilio Benigni, 53-00156 Roma - Tel. +39 06 8207 8219-06 8207 8200, Fax +39 06 8273 672 - www.ansv.it

Via Attilio Benigni, 53-00156 Roma - Tel. +39 06 8207 8219-06 8207 8200, Fax +39 06 8273 672 - www.ansv.it Incidente occorso in data 2 febbraio 2013, sull aeroporto di Roma Fiumicino, all aeromobile ATR 72 marche di identificazione YR-ATS: raccomandazioni di sicurezza relative alle operazioni di ricerca e soccorso.

Dettagli

corso di Terminali per i Trasporti e la Logistica parte 2/2 Umberto Crisalli crisalli@ing.uniroma2.it

corso di Terminali per i Trasporti e la Logistica parte 2/2 Umberto Crisalli crisalli@ing.uniroma2.it corso di Terminali per i Trasporti e la Logistica GLI AEROPORTI parte 2/2 Umberto Crisalli crisalli@ing.uniroma2.it Airside: classificazione degli aeroporti Gli aeroporti sono classificati in diversi modi.

Dettagli

Contesto operativo aeroportuale Conformità delle infrastrutture e procedure operative alle norme tecniche ed alle norme di Sicurezza

Contesto operativo aeroportuale Conformità delle infrastrutture e procedure operative alle norme tecniche ed alle norme di Sicurezza Contesto operativo aeroportuale Conformità delle infrastrutture e procedure operative alle norme tecniche ed alle norme di Sicurezza SOGAER AEROPORTO di CAGLIARI - ELMAS Ing. Mario Orrù Direttore Infrastrutture

Dettagli

Capitolato Tecnico d Appalto

Capitolato Tecnico d Appalto Capitolato Tecnico d Appalto Appalto per l affidamento del servizio di assistenza passeggeri a ridotta mobilità presso l Aeroporto di Pisa G.Galilei Art. 1 Oggetto del Capitolato Tecnico Il presente capitolato

Dettagli

Gli enti e le associazioni nazionali ed internazionali

Gli enti e le associazioni nazionali ed internazionali Corso di Trasporti Aerei Anno Accademico 2008-2009 Prof. L. La Franca Gli enti e le associazioni nazionali ed internazionali Elenco Enti: ICAO - FAA IATA EUROCONTROL EASA ENTI NAZIONALI ICAO (International

Dettagli

I PROCESSI MANUTENTIVI IN AEROPORTO

I PROCESSI MANUTENTIVI IN AEROPORTO MaintenanceStories 2013 Kilometro Rosso 13 Novembre 2013 I PROCESSI MANUTENTIVI IN AEROPORTO Ing. Felice Cottino Presidente dell Osservatorio sulle attività di Manutenzione degli Aeroporti INDICE Premessa

Dettagli

Procedure operative per la fruizione sperimentale del Servizio Self-Briefing

Procedure operative per la fruizione sperimentale del Servizio Self-Briefing OPERATIONS LETTER TRA Procedure operative per la fruizione sperimentale del Servizio Self-Briefing OPERATIONS LETTER SPERIMENTAZIONE SERVIZIO SELF-BRIEFING 1. GENERALITA 1.1. Premessa 1.1.1. ENAV S.p.A.

Dettagli

CIRCOLARE. SERIE GENERALE Data: 09/10/2013 GEN-XX PIANO NAZIONALE ENAC PER LA GESTIONE DELLE EMERGENZE CONCERNENTI L INCIDENTE AEREO BOZZA

CIRCOLARE. SERIE GENERALE Data: 09/10/2013 GEN-XX PIANO NAZIONALE ENAC PER LA GESTIONE DELLE EMERGENZE CONCERNENTI L INCIDENTE AEREO BOZZA CIRCOLARE SERIE GENERALE Data: 09/10/2013 PIANO NAZIONALE ENAC PER LA GESTIONE DELLE EMERGENZE CONCERNENTI L INCIDENTE AEREO BOZZA Le Circolari contengono interpretazioni e metodi accettabili di conformità

Dettagli

REGOLAMENTO SCALO. Edizione2rev0del26.11.2012

REGOLAMENTO SCALO. Edizione2rev0del26.11.2012 REGOLAMENTO di SCALO Edizione2rev0del26.11.2012 Pagina 1 di 3 COMPETENZE Pagina 2 di 3 Sommario B.1 Il Gestore Aeroportuale 3 B.2 ENAV 4 B.3 Operatori aeroportuali 4 B.4 ENAC 5 B.5 Enti di Stato 5 B.6

Dettagli

Cod.: Allegato 5/A. Data: 04/03/2013. Versione: Rev. 04 Pagina 1 di 13 REGOLAMENTO DI SCALO ALLEGATO 5/A. Indice degli argomenti

Cod.: Allegato 5/A. Data: 04/03/2013. Versione: Rev. 04 Pagina 1 di 13 REGOLAMENTO DI SCALO ALLEGATO 5/A. Indice degli argomenti Pagina 1 di 13 Indice degli argomenti 1. Generalità... 2 2. Campo di applicazione... 2 3. Riferimenti... 3 4. Attività e Responsabilità... 3 5. Tipi di patenti e loro caratteristiche... 4 6. Modalità per

Dettagli

REGOLAMENTO SCALO AEROPORTO DI CAPANNORI - LIQL

REGOLAMENTO SCALO AEROPORTO DI CAPANNORI - LIQL REGOLAMENTO DI SCALO AEROPORTO DI CAPANNORI - LIQL a cura della Direzione Aeroportuale di Aeroporto di Capannori - LIQL Edizione: 1.0 Revisione: Prima edizione Inizio Validità: 01.08.2014 1 INDICE 2 Capitolo

Dettagli

Problematiche (di gestione) riguardanti gli ostacoli alla navigazione aerea.

Problematiche (di gestione) riguardanti gli ostacoli alla navigazione aerea. Problematiche (di gestione) riguardanti gli ostacoli alla navigazione aerea. Contesto Normativo e Responsabilità Per il tema all attenzione le competenze normative sono affidate a ENAC Ente Nazionale per

Dettagli

Aeroporto di Catania Fontanarossa

Aeroporto di Catania Fontanarossa Aeroporto di Catania Fontanarossa PROCEDURE E RACCOMANDAZIONI PER LA GESTIONE DELLE OPERAZIONI VOLO IN PRESENZA DI NUBE DI CENERE VULCANICA Doc. APT-ETNA ed. 1 del 24.07.2003 LISTA DELLE PAGINE EFFETTIVE

Dettagli

corso di Tecnica ed Economia dei Trasporti a.a. 2004-2005 GLI AEROPORTI Umberto Crisalli crisalli@ing.uniroma2.it

corso di Tecnica ed Economia dei Trasporti a.a. 2004-2005 GLI AEROPORTI Umberto Crisalli crisalli@ing.uniroma2.it corso di Tecnica ed Economia dei Trasporti a.a. 2004-2005 GLI AEROPORTI Umberto Crisalli crisalli@ing.uniroma2.it Introduzione L aeroporto costituisce un elemento di fondamentale importanza in quanto nodo

Dettagli

Commissione Tecnica. QUESITO TECNICO Sezione di Cuneo Levaldigi. Piani di volo per attività HEMS

Commissione Tecnica. QUESITO TECNICO Sezione di Cuneo Levaldigi. Piani di volo per attività HEMS Associazione Nazionale Assistenti e Controllori della Navigazione Aerea Commissione Tecnica QUESITO TECNICO Sezione di Cuneo Levaldigi Piani di volo per attività HEMS Commissione Tecnica ANACNA Pag. 1

Dettagli

DIPARTIMENTO DEI VIGILI DEL FUOCO, DEL SOCCORSO PUBBLICO E DELLA DIFESA CIVILE DIREZIONE CENTRALE PER L EMERGENZA ED IL SOCCORSO TECNICO

DIPARTIMENTO DEI VIGILI DEL FUOCO, DEL SOCCORSO PUBBLICO E DELLA DIFESA CIVILE DIREZIONE CENTRALE PER L EMERGENZA ED IL SOCCORSO TECNICO DIPARTIMENTO DEI VIGILI DEL FUOCO, DEL SOCCORSO PUBBLICO E DELLA DIFESA CIVILE DIREZIONE CENTRALE PER L EMERGENZA ED IL SOCCORSO TECNICO Roma, e, per conoscenza,: COMANDI PROVINCIALI VV.F. LORO SEDI ALLE

Dettagli

UNI EN ISO 9001:2008 Certificato n.9175.arpl

UNI EN ISO 9001:2008 Certificato n.9175.arpl L aeroporto di Bergamo Orio al Serio insiste sul territorio dei comuni di Orio al Serio, di Grassobbio e di Seriate, e si trova a pochi chilometri dal centro di Bergamo. Lo sviluppo programmato a partire

Dettagli

REGOLAMENTO REGOLE DELL ARIA ITALIA

REGOLAMENTO REGOLE DELL ARIA ITALIA REGOLAMENTO REGOLE DELL ARIA ITALIA Edizione 2 del 25 marzo 2015 Regole dell Aria Italia Ed. 2 pag. 2 di 22 STATO DI AGGIORNAMENTO Emendamento Data Delibera N Edizione 1 18/11/2014 Delibera 51/2014 Emendamento

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI MEDITERRANEA DI REGGIO CALABRIA FACOLTA DI INGEGNERIA LAUREA MAGISTRALE INGEGNERIA CIVILE

UNIVERSITA DEGLI STUDI MEDITERRANEA DI REGGIO CALABRIA FACOLTA DI INGEGNERIA LAUREA MAGISTRALE INGEGNERIA CIVILE UNIVERSITA DEGLI STUDI MEDITERRANEA DI REGGIO CALABRIA FACOLTA DI INGEGNERIA LAUREA MAGISTRALE INGEGNERIA CIVILE CORSO DI INFRASTRUTTURE AEROPORTUALI ED ELIPORTUALI LECTURE 01 GENERALITA SUL TRASPORTO

Dettagli

Il controllo del traffico Aereo

Il controllo del traffico Aereo Il controllo del traffico Aereo Dispensa a cura di Giulio Di Pinto (MED107) Rev. 03 - Mar/11 1 Il controllo del traffico aereo (ATC - Air Traffic Control) è quell'insieme di regole ed organismi che contribuiscono

Dettagli

COMUNE DI FANO Provincia di Pesaro e Urbino

COMUNE DI FANO Provincia di Pesaro e Urbino COMUNE DI FANO Provincia di Pesaro e Urbino ORIGINALE DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE Nr. 199 del 09/05/2014 OGGETTO: Aeroporto di Fano E. Omiccioli. Atto d'indirizzo. L'anno duemilaquattordici, il

Dettagli

NOTA INFORMATIVA. REGOLE DELL ARIA EUROPEE REG. (UE) n. 923/2012 APPLICAZIONE DIFFERITA AL 4 DICEMBRE 2014. Piloti Responsabili, Titolari di COA

NOTA INFORMATIVA. REGOLE DELL ARIA EUROPEE REG. (UE) n. 923/2012 APPLICAZIONE DIFFERITA AL 4 DICEMBRE 2014. Piloti Responsabili, Titolari di COA NI-2012-016 del 4 dicembre 2012 NOTA INFORMATIVA REGOLE DELL ARIA EUROPEE REG. (UE) n. 923/2012 APPLICAZIONE DIFFERITA AL 4 DICEMBRE 2014 Le note informative contengono informazioni attinenti l area della

Dettagli

Aeroporto di Catania Politica Commerciale Aviation 2015 su traffico internazionale incrementale. 01 marzo 2015

Aeroporto di Catania Politica Commerciale Aviation 2015 su traffico internazionale incrementale. 01 marzo 2015 Aeroporto di Catania Politica Commerciale Aviation 2015 su traffico internazionale incrementale. 01 marzo 2015 Politica Commerciale Linee Guida OBIETTIVO La presente policy ha come scopo quello di attrarre

Dettagli

ALLEGATO A. CAPO I Disposizioni Generali

ALLEGATO A. CAPO I Disposizioni Generali ALLEGATO A DISPOSIZIONI PER L ATTUAZIONE DELLA DIRETTIVA DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI Indirizzi Operativi per la gestione organizzativa e funzionale del sistema di allertamento nazionale,

Dettagli

Gestione operativa dei movimenti nell Apron. Malpensa Layout Aeroportuale Malpensa Dati di traffico Malpensa Apron Mangement Control SEA

Gestione operativa dei movimenti nell Apron. Malpensa Layout Aeroportuale Malpensa Dati di traffico Malpensa Apron Mangement Control SEA Gestione operativa dei movimenti nell Apron Sommario: Malpensa Layout Aeroportuale Malpensa Dati di traffico Malpensa Apron Mangement Control SEA SEA Milan MXP -LIMC Layout aeroportuale 1 MXP Hub Master

Dettagli

AIR EXTREME 2010. Venezia Lido ORDINE DI MANIFESTAZIONE. Tempi: tutti i tempi sono in ora locale

AIR EXTREME 2010. Venezia Lido ORDINE DI MANIFESTAZIONE. Tempi: tutti i tempi sono in ora locale MANIFESTAZIONE AEREA AIR EXTREME 2010 Quando l energia prende il volo Venezia Lido 24, 25 e 26 settembre 2010 ORDINE DI MANIFESTAZIONE Tempi: tutti i tempi sono in ora locale Redatto dal Col Pil (ris)

Dettagli

AMIE selfbriefing system manual Traduzione Italiana. selfbriefing AIS MET Information Environment

AMIE selfbriefing system manual Traduzione Italiana. selfbriefing AIS MET Information Environment AMIE selfbriefing system manual Traduzione Italiana selfbriefing AIS MET Information Environment Sommario Pagina Informazioni generali 2 Servizi disponibili 2 Attrezzatura 2 Assistenza 2 Informazioni generali

Dettagli

SERIE OPERAZIONI VOLO Data: 16/07/2007 OPV 20

SERIE OPERAZIONI VOLO Data: 16/07/2007 OPV 20 CIRCOLARE SERIE OPERAZIONI VOLO Data: 16/07/2007 OPV 20 OGGETTO: Applicazione del Regolamento sui limiti dei tempi di volo e di servizio e requisiti di riposo per il personale navigante - Parte I Trasporto

Dettagli

La Regolamentazione ENAC per l HEMS

La Regolamentazione ENAC per l HEMS La Regolamentazione ENAC per l HEMS Benedetto Marasà Direttore Centrale Operazioni Ente Nazionale Aviazione Civile Massa Cinquale, 16 settembre 2005 Panorama della Regolamentazione HEMS Norme operative

Dettagli

Art. 3 Carta di localizzazione dei probabili rischi da valanga

Art. 3 Carta di localizzazione dei probabili rischi da valanga Banca Dati delle Leggi Regionali nel testo coordinato LEGGE REGIONALE 20/05/1988, N. 034 Norme per la prevenzione dei rischi da valanga. da Art. 1 ad Art. 22 Art. 1 Finalita' della legge 1. La presente

Dettagli

Flight following 118 ELISOCCORSO FRIULI VENEZIA GIULIA. PIANO DI EMERGENZA: Flight following

Flight following 118 ELISOCCORSO FRIULI VENEZIA GIULIA. PIANO DI EMERGENZA: Flight following 118 ELISOCCORSO FRIULI VENEZIA GIULIA PIANO DI EMERGENZA: Flight following Redatto a cura di Centrale Operativa 118 - Elisoccorso Regione F.V.G. PRIMA EDIZIONE OTTOBRE 2001 Edizione ottobre 2001 1 2 FLIGHT

Dettagli

ZONE DI TUTELA Direttrice NORD

ZONE DI TUTELA Direttrice NORD Piano di rischio Aeroporto di Bolzano D.Lgs. n. 96 del 9 maggio 2005 art. 707 come modificato dal D.Lgs. n. 151 del 15 marzo 2006 ZONE DI TUTELA Direttrice NORD RELAZIONE E NORME TECNICHE Cittá di Bolzano

Dettagli

N. 1 d ordine COPIA. OGGETTO : Adozione Piano di Rischio Aeroportuale ai sensi dell'art.707 Codice della Navigazione parte Aeronautica.

N. 1 d ordine COPIA. OGGETTO : Adozione Piano di Rischio Aeroportuale ai sensi dell'art.707 Codice della Navigazione parte Aeronautica. N. 1 d ordine COPIA OGGETTO : Adozione Piano di Rischio Aeroportuale ai sensi dell'art.707 Codice della Navigazione parte Aeronautica. ESTRATTO dal verbale delle deliberazioni adottate dal Consiglio comunale

Dettagli

SPECIFICHE TECNICHE. pag 1 / 22

SPECIFICHE TECNICHE. pag 1 / 22 SPECIFICHE TECNICHE Gara a procedura aperta ai sensi del D.Lgs. n. 163/2006 e s.m.i. per Servizi di certificazione multisito dei Sistemi di Gestione del Gruppo ENAV per il triennio 2012-2014 ENAV S.p.A.

Dettagli

Manuale per la guida sicura in Airside

Manuale per la guida sicura in Airside Runway Safety Manuale per la guida sicura in Airside Runway Safety 1/12 Introduzione Il traffico aumenta. Gli aeroporti si espandono. Chi guida in Airside, é tenuto a conoscere come utilizzare il veicolo

Dettagli

IMPARIAMO A LEGGERE LE CARTE AERONAUTICHE

IMPARIAMO A LEGGERE LE CARTE AERONAUTICHE IMPARIAMO A LEGGERE LE CARTE AERONAUTICHE BREVE GUIDA PER PILOTI DI PARAPENDIO E DELTAPLANO redatta con il supporto dell amico, socio e pilota Daniele Baranzini Pagina 1 La presente dispensa si pone come

Dettagli

CITTÀ DI MESAGNE MAPPE DI VINCOLO DELL AEROPORTO DI BRINDISI

CITTÀ DI MESAGNE MAPPE DI VINCOLO DELL AEROPORTO DI BRINDISI CITTÀ DI MESAGNE ASSESSORATO ALL URBANISTICA E ASSETTO DEL TERRITORIO UFFICIO DEL PIANO URBANISTICO GENERALE MAPPE DI VINCOLO DELL AEROPORTO DI e relative limitazioni agli ostacoli ed ai potenziali pericoli

Dettagli

HOMEBRIEFING briefed take off

HOMEBRIEFING briefed take off HOMEBRIEFING get briefed take off italiano Homebriefing la preparazione pre-volo di nuova generazione. Descrizione del servizio Homebriefing è un servizio per la preparazione dei voli offerto congiuntamente

Dettagli

5 MODELLO DI INTERVENTO

5 MODELLO DI INTERVENTO Aggiornato al: 16.09.2009 MODELLO DI INTERVENTO pag. 5.1 5 MODELLO DI INTERVENTO Una parte fondamentale della redazione del Piano di Emergenza Comunale di Protezione Civile è la realizzazione dei Modelli

Dettagli

Giri d orizzonte. Output Al cliente verranno forniti i dati rilevati e gli elaborati grafici che rappresentano il giro di orizzonte.

Giri d orizzonte. Output Al cliente verranno forniti i dati rilevati e gli elaborati grafici che rappresentano il giro di orizzonte. Giri d orizzonte Descrizione servizio Attività di identificazione e rilevamento di punti di riferimento, posti a distanza nota, utili alla determinazione della visibilità aeronautica. Il servizio è finalizzato

Dettagli

GALILEI 2003 RELAZIONE FINALE. Relazione Finale Galilei 2003. Esercitazione di protezione civile nell ipotesi di incidente aereo

GALILEI 2003 RELAZIONE FINALE. Relazione Finale Galilei 2003. Esercitazione di protezione civile nell ipotesi di incidente aereo Esercitazione di protezione civile nell ipotesi di incidente aereo GALILEI 2003 RELAZIONE FINALE Data di stampa 15/11/2003 1 INDICE 1. INTRODUZIONE 2. SCOPI ED OBIETTIVI 3. CRONOLOGIA DEGLI AVVENIMENTI

Dettagli

SPECIFICA TECNICA SERVIZIO DI MANUTENZIONE AEROMOBILI DELL ENAV S.P.A. ITALIANO

SPECIFICA TECNICA SERVIZIO DI MANUTENZIONE AEROMOBILI DELL ENAV S.P.A. ITALIANO SPECIFICA TECNICA SERVIZIO DI MANUTENZIONE AEROMOBILI DELL ENAV S.P.A. ITALIANO 1. (2.1.) Quadro di Riferimento e scopo del lavoro. L ENAV S.p.A. (Società Nazionale per l Assistenza al Volo) è la Società

Dettagli

DELIBERA GIUNTA REGIONALE

DELIBERA GIUNTA REGIONALE Disposizioni in attuazione dell art. 3 bis della Legge 225/1992 e della Direttiva del Presidente del Consiglio dei Ministri del 27.02.2004 Sistema di Allertamento Regionale e Centro Funzionale Regionale

Dettagli

NORME E RACCOMANDAZIONI INTERNAZIONALI AEROPORTI ANNESSO 14 ALLA CONVENZIONE SULL AVIAZIONE CIVILE INTERNAZIONALE VOLUME II ELIPORTI

NORME E RACCOMANDAZIONI INTERNAZIONALI AEROPORTI ANNESSO 14 ALLA CONVENZIONE SULL AVIAZIONE CIVILE INTERNAZIONALE VOLUME II ELIPORTI NORME E RACCOMANDAZIONI INTERNAZIONALI AEROPORTI ANNESSO 14 ALLA CONVENZIONE SULL AVIAZIONE CIVILE INTERNAZIONALE VOLUME II ELIPORTI SECONDA EDIZIONE LUGLIO 1995 Questa edizione comprende tutte le variazioni

Dettagli

IDS Ingegneria Dei Sistemi S.p.A. IDS Headquarters (Pisa)

IDS Ingegneria Dei Sistemi S.p.A. IDS Headquarters (Pisa) IDS Ingegneria Dei Sistemi S.p.A. IDS Headquarters (Pisa) 1 IDS in Italia IDS è un azienda di ingegneria fornitrice di sistemi e servizi ad elevata tecnologia per la ricerca, l'innovazione e di prodotti

Dettagli

Appunti su Risk management

Appunti su Risk management Appunti su Risk management Da circa 10 anni è avviato un processo di spostamento dell attenzione dal modello sistema Qualità al modello safety management, basato sul risk management. L aspetto di rilevo

Dettagli

PROCEDURE PER ARRIVI E PARTENZE DEI VISITATORI/PILOTI PARTECIPANTI AL SALONE DEL VOLO DI PADOVA

PROCEDURE PER ARRIVI E PARTENZE DEI VISITATORI/PILOTI PARTECIPANTI AL SALONE DEL VOLO DI PADOVA PROCEDURE PER ARRIVI E PARTENZE DEI VISITATORI/PILOTI PARTECIPANTI AL SALONE DEL VOLO DI PADOVA L organizzazione tiene in altissima considerazione la Sicurezza del Volo e per questo, con il supporto e

Dettagli

Ospedale di Bolzano e Base HEMS LE AREE DI ATTERRAGGIO NELLE OPERAZIONI HEMS LE AREE DI ATTERRAGGIO IN JAR-OPS 3 Le JAR OPS non sono di per sé vincolanti. Esse riportano dei Requisiti che possono o meno

Dettagli

VIA NEGATIVA PER IL PROGETTO DI IMPIANTO EOLICO SULLA DIGA FORANEA DEL PORTO DI GENOVA

VIA NEGATIVA PER IL PROGETTO DI IMPIANTO EOLICO SULLA DIGA FORANEA DEL PORTO DI GENOVA VIA NEGATIVA PER IL PROGETTO DI IMPIANTO EOLICO SULLA DIGA FORANEA DEL PORTO DI GENOVA di Valentina Cavanna 1 La Giunta della Regione Liguria, con delibera n. 140 del 14/2/2014, facendo proprio il parere

Dettagli

AEROPORTO DI MILANO LINATE

AEROPORTO DI MILANO LINATE ENTE NAZIONALE PER L'AVIAZIONE CIVILE AEROPORTO DI MILANO LINATE MAPPE DI VINCOLO LIMITAZIONI RELATIVE AGLI OSTACOLI E AI PERICOLI PER LA NAVIGAZIONE AEREA (Art. 707 commi 1, 2, 3, 4 del Codice della Navigazione)

Dettagli

AEROPORTO DI PARMA REGOLAMENTO DI SCALO

AEROPORTO DI PARMA REGOLAMENTO DI SCALO AEROPORTO DI PARMA REGOLAMENTO DI SCALO ed.02 So.Ge.A.P. S.p.A. Pag. 1/115 DISTRIBUZIONE Il presente è pubblicato sul sito dell Aeroporto di Parma: www.parma-airport.it alla pagina: http://www.parma-airport.it/italiano/chi-siamo/caratteristiche-tecniche.htm

Dettagli

Aeroporti di Milano MALPENSA. Piano d Azione ai sensi del D.Lgs. 194/05 - sintesi non tecnica-

Aeroporti di Milano MALPENSA. Piano d Azione ai sensi del D.Lgs. 194/05 - sintesi non tecnica- Aeroporti di Milano MALPENSA Piano d Azione ai sensi del D.Lgs. 194/05 - sintesi non tecnica- 18 luglio 2013 INDICE 1. Introduzione 2 2. Descrizione dell Aeroporto di Malpensa 2 3. Autorità competente

Dettagli

ISTITUTO TECNICO TRASPORTI E LOGISTICA M. Faraday ANNO SCOLASTICO 2014/2015 PROGRAMMAZIONE DI DIPARTIMENTO DIRITTO AERONAUTICO (CLASSE V)

ISTITUTO TECNICO TRASPORTI E LOGISTICA M. Faraday ANNO SCOLASTICO 2014/2015 PROGRAMMAZIONE DI DIPARTIMENTO DIRITTO AERONAUTICO (CLASSE V) ISTITUTO TECNICO TRASPORTI E LOGISTICA M. Faraday ANNO SCOLASTICO 014/015 PROGRAMMAZIONE DI DIPARTIMENTO DIRITTO AERONAUTICO (CLASSE V) MATERIA 1: LEGISLAZIONE AERONAUTICA TITOLO MATERIA 1: DIRITTO AERONAUTICO

Dettagli

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro.

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. N. LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi

Dettagli

PARTE SECONDA DELLA NAVIGAZIONE AEREA 1

PARTE SECONDA DELLA NAVIGAZIONE AEREA 1 PARTE SECONDA DELLA NAVIGAZIONE AEREA 1 1 le disposizioni del codice introdotte e modificate entrano in vigore trascorsi 30 giorni dall entrata in vigore del decreto legislativo. LIBRO PRIMO DELL'ORDINAMENTO

Dettagli

TRAFFIC POLICY 2015-2016. Ed. 18032015 Aeroporto di Trapani Birgi Vincenzo Florio

TRAFFIC POLICY 2015-2016. Ed. 18032015 Aeroporto di Trapani Birgi Vincenzo Florio TRAFFIC POLICY 2015-2016 Ed. 18032015 Aeroporto di Trapani Birgi Vincenzo Florio TRAFFIC POLICY 2015 2016 OBIETTIVI Il sistema di seguito esposto è concepito per incentivare, in modo trasparente e tale

Dettagli

I.C.A.O. - Annesso 14 - Aerodromi Volume 1 - Aerodrome design and operations

I.C.A.O. - Annesso 14 - Aerodromi Volume 1 - Aerodrome design and operations I.C.A.O. - Annesso 14 - Aerodromi Volume 1 - Aerodrome design and operations (edizione 1995) Estratto e traduzione dei principali argomenti relativi ai servizi antincendio aeroportuali a cura di: Servizio

Dettagli

REGOLAMENTO (CE) N. 1070/2009 DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO

REGOLAMENTO (CE) N. 1070/2009 DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO L 300/34 Gazzetta ufficiale dell Unione europea 14.11.2009 REGOLAMENTO (CE) N. 1070/2009 DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO del 21 ottobre 2009 recante modifica dei regolamenti (CE) n. 549/2004, (CE)

Dettagli

RELAZIONE ILLUSTRATIVA MAPPE DI VINCOLO

RELAZIONE ILLUSTRATIVA MAPPE DI VINCOLO ENTE NAZIONALE PER L AVIAZIONE CIVILE AEROPORTO SANT EUFEMIA DI LAMEZIA TERME MAPPE DI VINCOLO LIMITAZIONI RELATIVE AGLI OSTACOLI ED AI PERICOLI PER LA NAVIGAZIONE AEREA (Art. 707 commi 1,2,3,4 Codice

Dettagli

Sistema Rilevamento del Wind - Shear. per l Aeroporto Punta Raisi di Palermo. Dr. Fabio Milioni

Sistema Rilevamento del Wind - Shear. per l Aeroporto Punta Raisi di Palermo. Dr. Fabio Milioni Sistema Rilevamento del Wind - Shear per l Aeroporto Punta Raisi di Palermo 1 Sommario Obiettivi e punti chiave del Programma; Stato Attuale dei Sistemi Installati a Palermo; Sistema in realizzazione Palermo

Dettagli

Aero Club Parma gara ae.c.pr 2015 pag 1

Aero Club Parma gara ae.c.pr 2015 pag 1 Aero Club Parma gara ae.c.pr 2015 pag 1 GARA AEREA TERRE VERDIANE 2015 REGOLAMENTO PARTICOLARE b1 1. L'Aeroclub 'Gaspare Bolla' di PARMA con sede in Via Adriano Mantelli 19A, 43126 Parma organizza sull

Dettagli

Programma Nazionale Italiano della Sicurezza Aeronautica

Programma Nazionale Italiano della Sicurezza Aeronautica gs Programma Nazionale Italiano della Sicurezza Aeronautica (State Safety Programme Italy) Elaborato dall ENAC d intesa con il Ministero delle Infrastrutture e Trasporti e l Agenzia Nazionale per la Sicurezza

Dettagli

Ente Nazionale per l'aviazione Civile. Oggetto: Qualificazione e formazione degli istruttori della sicurezza dell Aviazione Civile.

Ente Nazionale per l'aviazione Civile. Oggetto: Qualificazione e formazione degli istruttori della sicurezza dell Aviazione Civile. Ente Nazionale per l'aviazione Civile CIRCOLARE SERIE SECURITY Data 7/10/2004 SEC-01 Oggetto: Qualificazione e formazione degli istruttori della sicurezza dell Aviazione Civile. 1. PREMESSA Alcuni approfondimenti,

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA COSTRUZIONE

REGOLAMENTO PER LA COSTRUZIONE REGOLAMENTO PER LA COSTRUZIONE E L ESERCIZIO DEGLI AEROPORTI Edizione 2 del 21 ottobre 2003 INDICE ELENCO PAGINE VALIDE INTRODUZIONE GLOSSARIO DEI TERMINI 1 Numero totale pagine Glossario: 5 CAPITOLO 1

Dettagli

25 TROFEO CITTA DI LUGO

25 TROFEO CITTA DI LUGO 25 TROFEO CITTA DI LUGO Aeroporto Lugo di Romagna (LIDG) 08-09-10-11 Luglio 2010 Gara di acrobazia aerea Per i giudici di gara Per i partecipanti 1 NORME PER LE OPERAZIONI DI VOLO 2 PARTE PRIMA NORME PER

Dettagli

GESTIONE DELLA MANUTENZIONE AIR SIDE

GESTIONE DELLA MANUTENZIONE AIR SIDE CON IL PATROCINIO DI: GESTIONE DELLA MANUTENZIONE AIR SIDE Analisi delle procedure operative e implicazione sulla sicurezza aeroportuale sullo scalo di Malpensa Marco SCLIP IN COLLABORAZIONE CON: Matr.

Dettagli

SAT - Società Aeroporto Toscano Galileo Galilei - S.p.A Customer Satisfaction Index e Carta dei Servizi al IIIQ 2009 Pisa, 9 Novembre 2009

SAT - Società Aeroporto Toscano Galileo Galilei - S.p.A Customer Satisfaction Index e Carta dei Servizi al IIIQ 2009 Pisa, 9 Novembre 2009 P R E S E N T A T I O N SAT - Società Aeroporto Toscano Galileo Galilei - S.p.A Customer Satisfaction Index e Carta dei Servizi al IIIQ 2009 Pisa, 9 Novembre 2009 SAT - Società Aeroporto Toscano Galileo

Dettagli

CAV S.p.A. Concessioni ni Autostradali Venete

CAV S.p.A. Concessioni ni Autostradali Venete CAV S.p.A. Concessioni ni Autostradali Venete Sede Legale: via Bottenigo, 64 a 30175 Marghera Venezia Tel. 041 5497111 - Fax. 041 935181 R.I./C.F./P.IVA 03829590276 Iscr. R.E.A. VE 0341881 Cap. Sociale

Dettagli

INCONVENIENTE GRAVE aa/mm C172/PA-28, marche D-ECBF/D-EZEN

INCONVENIENTE GRAVE aa/mm C172/PA-28, marche D-ECBF/D-EZEN INCONVENIENTE GRAVE aa/mm C172/PA-28, marche D-ECBF/D-EZEN Tipi di aeromobile e marche Data e ora Località dell evento Descrizione dell evento Esercente dell aeromobile Natura del volo Persone a bordo

Dettagli

ORDINATA MOVIMENTAZIONE AL SUOLO E AMS

ORDINATA MOVIMENTAZIONE AL SUOLO E AMS ORDINATA MOVIMENTAZIONE AL SUOLO E AMS ORDINATA MOVIMENTAZIONE AL SUOLO E AMS - Versione 1. - Novembre 2013 [Documento approvato dal Consiglio Direttivo Nazionale ANACNA il 4 novembre 2013] DENOMINAZIONE

Dettagli

LANGUAGE PROFICIENCY REQUIREMENTS INFORMAZIONI PER I PILOTI E I CENTRI DI ADDESTRAMENTO AL VOLO

LANGUAGE PROFICIENCY REQUIREMENTS INFORMAZIONI PER I PILOTI E I CENTRI DI ADDESTRAMENTO AL VOLO Il Direttore Regolazione Personale di Volo gs LANGUAGE PROFICIENCY REQUIREMENTS INFORMAZIONI PER I PILOTI E I CENTRI DI ADDESTRAMENTO AL VOLO Come noto il Consiglio dell ICAO ha adottato il 5 Marzo 2003

Dettagli

Era di Maggio (2011) had a dream. 25 Ottobre 2012 Aeroporto di Milano Malpensa

Era di Maggio (2011) had a dream. 25 Ottobre 2012 Aeroporto di Milano Malpensa Era di Maggio (2011) and we had a dream 25 Ottobre 2012 Aeroporto di Milano Malpensa ed oggi.. La Bozza di Circolare Enac sull A-PMS Obiettivi e contenuti Relatore: Prof. Maurizio Crispino 25 Ottobre 2012

Dettagli

AIP Italia AD 2 LIMJ 6-3. Procedura di salita iniziale RWY 28 Initial climb procedure RWY 28 REMARKS IXITO. REMARKS

AIP Italia AD 2 LIMJ 6-3. Procedura di salita iniziale RWY 28 Initial climb procedure RWY 28 REMARKS IXITO. REMARKS AIP Italia AD 2 LIMJ 6-3 PROCEDURE DI SALITA INIZIALE INITIAL CLIMB PROCEDURES Procedura di salita iniziale RWY 28 Initial climb procedure RWY 28 Dopo il decollo continuare prua pista fino ad 1.5 NM SES

Dettagli

Gli aeroporti come originatori del dato aeronautico nel contesto del Reg. (UE) 73/2010

Gli aeroporti come originatori del dato aeronautico nel contesto del Reg. (UE) 73/2010 Gli aeroporti come originatori del dato aeronautico nel contesto del Reg. (UE) 73/2010 enav.it Hotel Hilton Aeroporto Fiumicino SOMMARIO: Quadro normativo; Contenuto del Reg. 73/2010 e date di applicabilità;

Dettagli

Antonio Golfari GLI SPAZI AEREI

Antonio Golfari GLI SPAZI AEREI Antonio Golfari GLI SPAZI AEREI Febbraio, 2006 PARTE 1: GLI SPAZI AEREI In questa sezione cercheremo di spiegare come è strutturato il cielo per chi lo percorre a bordo di un aeromobile. Non può e non

Dettagli

Alla Direzione Generale Ambiente Commissione Europea Capo Unità ENV.A.1 Infrazioni. www.vivicaselle.eu. e per conoscenza

Alla Direzione Generale Ambiente Commissione Europea Capo Unità ENV.A.1 Infrazioni. www.vivicaselle.eu. e per conoscenza Beniamino Sandrini Via del Fante, n 21 37066 CASELLE di Sommacampagna T. 0458581200 Cell. 3485214565 Mail: beniaminosandrini@virgilio.it PROJECT TO PROTECT www.vivicaselle.eu PROGETTARE PER PROTEGGERE

Dettagli

Agenzia Nazionale per la Sicurezza del Volo (ANSV) Aero Club d Italia Roma, 25 giugno 2009

Agenzia Nazionale per la Sicurezza del Volo (ANSV) Aero Club d Italia Roma, 25 giugno 2009 Agenzia Nazionale per la Sicurezza del Volo (ANSV) Aero Club d Italia Roma, 25 giugno 2009 SISTEMA AVIAZIONE CIVILE Ministero dei trasporti Ente nazionale per l aviazione i civile il (ENAC) Aero club d

Dettagli

Materia: Circolazione Aerea. Programmazione dei moduli didattici

Materia: Circolazione Aerea. Programmazione dei moduli didattici Modulo SISTEMA DI GESTIONE PER LA QUALITÀ Programmazione Moduli Didattici Indirizzo Trasporti e Logistica Ist. Tec. Aeronautico Statale Arturo Ferrarin Via Galermo, 172 95123 Catania (CT) Codice M PMD

Dettagli

INDICE. Capitolo I IL DIRITTO AERONAUTICO: PROFILI STORICI E CARATTERI (Rocco Lobianco) Capitolo II LE FONTI DEL DIRITTO AERONAUTICO

INDICE. Capitolo I IL DIRITTO AERONAUTICO: PROFILI STORICI E CARATTERI (Rocco Lobianco) Capitolo II LE FONTI DEL DIRITTO AERONAUTICO INDICE Introduzione (Prof. Alfredo Antonini)... XIII Capitolo I IL DIRITTO AERONAUTICO: PROFILI STORICI E CARATTERI 1. Profili storici.... 1 2. Caratteri... 2 Capitolo II LE FONTI DEL DIRITTO AERONAUTICO

Dettagli

Atto di indirizzo per la definizione del Piano Nazionale per lo Sviluppo Aeroportuale Roma, 29 gennaio 2013

Atto di indirizzo per la definizione del Piano Nazionale per lo Sviluppo Aeroportuale Roma, 29 gennaio 2013 Atto di indirizzo per la definizione del Piano Nazionale per lo Sviluppo Aeroportuale Roma, 29 gennaio 2013 1 Perché un atto di indirizzo? Per la prima volta, dopo 26 anni, si intende proporre un riordino

Dettagli

REGOLAMENTO CERT.IM. SRL

REGOLAMENTO CERT.IM. SRL REGOLAMENTO CERT.IM. SRL 1. Scopo e campo di applicazione 2. Termini e definizioni 3. Responsabilità 4. Distribuzione 5. Modalità di svolgimento dei controlli 5.1 Controlli per marcature CE e certificazione

Dettagli

D I R I T T I E T A R I F F E

D I R I T T I E T A R I F F E DIRITTI E TARIFFE Edizione Dicembre 2013 DEFINIZIONE DEI TERMINI Definizione dei termini Società il soggetto cui spetta l esecuzione delle operazioni aeroportuali. Vettore la persona giuridica che svolge

Dettagli