L'inflazione. Il credito. Indicatore ciclico coincidente (Ita-coin) e PIL dell Italia (1) (variazioni percentuali)

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "L'inflazione. Il credito. Indicatore ciclico coincidente (Ita-coin) e PIL dell Italia (1) (variazioni percentuali)"

Transcript

1 NUMERO 117 GENNAIO 217 Attività economica e occupazione Gli scambi con l'estero e la competitività L'inflazione Il credito La finanza pubblica Le previsioni macroeconomiche Dipartimento di economia e statistica 1,,, -, -1, -1, Indicatore ciclico coincidente (Ita-coin) e PIL dell Italia (1) (variazioni percentuali) Ita-coin Fonte: Banca d Italia. (1) Variazione percentuale sul trimestre precedente. Ita-coin traccia la crescita trimestrale di fondo del PIL dell Italia. cfr: PIL 1,,, -, -1, -1,

2 L'economia italiana in breve Numero 117 Gennaio PIL e principali componenti della domanda (1) (dati trimestrali; indici: 27=1) PIL esportazioni consumi delle famiglie investimenti fissi lordi Fonte: elaborazioni su dati Istat. (1) Quantità a prezzi concatenati; dati destagionalizzati e corretti per i giorni lavorativi PIL, domanda nazionale, commercio con l'estero (quantità a prezzi concatenati; variazioni percentuali sul periodo precedente; dati trimestrali destagionalizzati e corretti per i giorni lavorativi) Prodotto interno lordo Investimenti fissi lordi Spesa per consumi delle famiglie residenti e ISP (1) Spesa per consumi delle Amministrazioni pubbliche Domanda nazionale (2) Esportazioni di beni e servizi Importazioni di beni e servizi 212-2,8-9, -,9-1,4 -,7 2, -8,1 21-1,7-6,6-2, -, -2,6,7-2,4 214,1 -,,4 -,9,1 2,9, 21,7 1, 1, -,6 1,1 4, 6, 21 IV trim.,2,9,4,,2 1, 1,4 216 I trim.,4,6,4,1, -1,2-1,1 II trim.,1,,2 -, -,2 2,1 1, III trim.,,8,1,2,4,1,7 Fonte: Istat. (1) Istituzioni senza scopo di lucro al servizio delle famiglie. (2) Include la variazione delle scorte e oggetti di valore. 2

3 L'economia italiana in breve Numero 117 Gennaio 217 Produzione e clima di fiducia delle imprese industriali (indici 21=1; dati destagionalizzati) produzione industriale, dati trimestrali, variazioni percentuali sul periodo precedente (scala di destra) produzione industriale, valori puntuali clima di fiducia delle imprese industriali, valori puntuali Fonte: elaborazioni su dati Istat. Giudizio sulle condizioni per investire rispetto al trimestre precedente (1) (dati trimestrali; punti percentuali) totale economia industria servizi -8 (1) Saldi tra giudizi di miglioramento e giudizi di peggioramento rispetto al trimestre precedente nell Indagine sulle aspettative di inflazione e crescita, condotta trimestralmente dalla Banca d Italia in collaborazione con Il Sole 24 Ore presso le imprese dell industria in senso stretto e dei servizi e pubblicata in Supplementi al Bollettino Statistico.

4 L'economia italiana in breve Numero 117 Gennaio 217 Clima di fiducia dei consumatori e attese sulla disoccupazione (dati destagionalizzati) clima di fiducia dei consumatori (1) attese sulla disoccupazione (2) Fonte: elaborazioni su dati Istat. (1) Indice 21=1. A giugno del 21 sono state introdotte innovazioni metodologiche che rendono i dati diffusi a partire da quella data non direttamente confrontabili con quelli precedenti. (2) Scala di destra. L indicatore è ottenuto come media semplice dei saldi ponderati tra le risposte positive ( alto, in aumento ) e negative ( basso, in diminuzione ) al quesito riguardante la tendenza della disoccupazione. Occupati e tasso disoccupazione (dati mensili destagionalizzati; milioni di persone e valori percentuali) 2,6 2,4 2,2 2, 22,8 22,6 22,4 22,2 22, occupati (scala di sinistra) tasso di disoccupazione (scala di destra) Fonte: Istat, Rilevazione sulle forze di lavoro, stime mensili provvisorie. 4

5 L'economia italiana in breve Numero 117 Gennaio 217 Valore delle esportazioni di beni dell Italia (dati destagionalizzati; indici 27-4 trim=1; medie mobili nei tre mesi terminanti nel mese di riferimento) totale extra UE intra UE Fonte: elaborazioni su dati Istat. Indicatori di competitività (1) (dati mensili; indici: 1999=1) '99 ' '1 '2 ' '4 ' '6 '7 '8 '9 '1 '11 '12 '1 '14 '1 '16 Italia Francia Germania Spagna 8 Fonte: elaborazioni su dati BCE, CEPII, Eurostat, FMI, OCSE, Nazioni Unite e statistiche nazionali. (1) Nei confronti di 61 paesi concorrenti; calcolati sulla base dei prezzi alla produzione dei manufatti. Un aumento dell indice segnala una perdita di competitività.

6 L'economia italiana in breve Numero 117 Gennaio Posizione patrimoniale netta sull'estero (1) (percentuali del PIL) flusso nel trimestre (conto finanziario) aggiustamenti di valutazione nel trimestre posizione netta alla fine del trimestre precedente posizione netta alla fine del trimestre Fonti per il PIL: ISTAT. (1) La posizione netta alla fine del trimestre è uguale alla posizione netta alla fine del trimestre precedente corretta per i flussi del conto finanziario intervenuti nel trimestre e per gli aggiustamenti di valutazione Bilancia dei pagamenti dell Italia: conto corrente (saldi cumulati sui 12 mesi; miliardi di euro) partite correnti merci servizi redditi primari redditi secondari (1) (1) Dati elaborati secondo gli standard internazionali pubbblicati in FMI, Balance of Payments and International Investment Position Manual, 6 ed., 29 (BPM6). I redditi secondari includono la quasi totalità delle voci precedentemente classificate come trasferimenti correnti. Bilancia dei pagamenti (saldi; miliardi di euro) Conto corrente Conto Accreditamento/ Conto finanziario Totale di cui: capitale indebitamento Totale di cui: Beni verso il resto Investimenti Variazioni Errori e del mondo di portafoglio delle riserve omissioni A B (A+B) C ufficiali C-(A+B) 212 -,8 16,8 4, -1,9-1,2-24,4 1, -8, 21 1,4 6,1,2 1,6 12,8-1,2 1, -2,9 214, 47,4,4,9 4,8 -,6-1, 9, ,7 2, 2,6 29, 2,6 89,, -,7 21 gen.-ott. 18, 4,8,6 18,7 1,2 9,9,4 -, 216 gen.-ott.,9 48,6 -,1,8 4,1 122, -,9 7,4 21 ott. 4,4, 1,,7 1,7-8, -, 8, nov.,2 4,9 1,2 4,4 8,1 19,2,1,8 dic.,4 6,,8 6,2 2,,4, -4, 216 gen. -1,7,6 -,1-1,8,9 2, -,1 2,7 feb. 1,6 4,, 1,6, 12,1-1,8-1,1 mar. 2,8,9 -,2 2,6-2,1-11,2,1-4,7 apr. 4,, -,1 4,2 12,7 2,9,1 8, mag.,2,7 -,1,1 1, 1, -,1 6,9 giu. 4,1,4 -, 4, -,7 1,4 -,1-9,7 lug. 8,6 8,2 -,2 8,4,8,1,1-4,7 ago.,2,2 -,2, 9,7 2,, 6,7 set.,8 4,2 -,, 8,4 26,9, 4,9 ott. 6,1, 1,1 7,1 4,9-1,6, -2,2 6

7 L'economia italiana in breve Numero 117 Gennaio 217 Inflazione al consumo in Italia e contributi delle sue componenti (1) (dati mensili; variazioni percentuali sui 12 mesi e punti percentuali) componente di fondo componenti volatili totale Fonte: elaborazioni su dati Eurostat. (1) Indice armonizzato dei prezzi al consumo. La componente di fondo comprende i beni non alimentari e non energetici e i servizi; la componente volatile include i prodotti alimentari e i beni energetici. Indicatori di inflazione in Italia (dati mensili; variazioni percentuali sui 12 mesi) Indice generale Al netto degli energetici HICP (1) CPI (2) PPI () Indice Al netto di generale a Indice Indice energetici e tassazione generale generale alimentari costante Beni di consumo non alimentari 21 set.,2 1,1,9,1,2 -,9,2 ott., 1,2 1,,2, -,7, nov.,1,9,7,1,1-4,1, dic.,1,7,,1,1 -,9, 216 gen.,4,9,9,4, -,,1 feb. -,2,, -,2 -, -4,1 -,2 mar. -,2,,8 -,2 -,2 -,9 -,2 apr. -,4,,6 -,4 -, -4,,2 mag. -,,6,6 -, -, -4,1,2 giu. -,2,, -,2 -,4 -,4 -, lug. -,2,6, -,2 -,1-1,4,1 ago. -,1,6,4 -,1 -,1-1,,1 set.,1,4,4,,1 -,8 -,1 ott. -,1,2,2 -,2 -,2 -,6 -,1 nov.,1,,4,1,1 -, -,2 dic. (4),,8,7, Fonte: elaborazioni su dati Istat ed Eurostat (1) Indice armonizzato dei prezzi al consumo. (2) Indice per l intera collettività nazionale. () Indice dei prezzi alla produzione dei beni industriali venduti sul mercato interno. - (4) Dati preliminari. Compravendite e prezzi delle abitazioni (dati trimestrali; indici: 21=1) ' '1 '2 ' '4 ' '6 '7 '8 '9 '1 '11 '12 '1 '14 '1 '16 prezzi prezzi in termini reali (1) numero di compravendite (2) 6 Fonte: elaborazioni su dati OMI, Banca d Italia, Istat e Consulente immobiliare. (1) Prezzi delle abitazioni deflazionati con l indice dei prezzi al consumo. (2) Valori corretti per la stagionalità e per gli effetti di calendario. 7

8 L'economia italiana in breve Numero 117 Gennaio Prestiti bancari al settore privato (1) (dati mensili; variazioni percentuali sui 12 mesi) società non finanziarie settore privato famiglie Fonte: segnalazioni di vigilanza. (1) I prestiti includono le sofferenze e i pronti contro termine, nonché la componente di quelli non rilevati nei bilanci bancari in quanto cartolarizzati. Le variazioni percentuali sono calcolate al netto di riclassificazioni, variazioni del cambio, aggiustamenti di valore e altre variazioni non derivanti da transazioni; sono escluse le operazioni condotte con le controparti centrali. I tassi di crescita calcolati sui dodici mesi terminanti in novembre 21 potrebbero riflettere gli effetti della diversa scadenza fiscale per i versamenti in autotassazione, fissata nel 21 al novembre e nel 214 al 1 dicembre. 6 Tassi di interesse sui nuovi prestiti (1) (dati mensili; valori percentuali) Italia: prestiti alle imprese area dell'euro: prestiti alle imprese Italia: prestiti alle famiglie per acquisto abitazioni area dell'euro: prestiti alle famiglie per acquisto abitazioni 1 Fonte: elaborazioni su dati Banca d Italia e BCE. (1) Valori medi. I dati si riferiscono alle sole operazioni in euro e sono raccolti ed elaborati secondo la metodologia armonizzata dell'eurosistema. 8

9 L'economia italiana in breve Numero 117 Gennaio 217 Indici delle condizioni di accesso al credito da parte delle imprese italiane a) totale (dati trimestrali) 1, 4,8,6 2,4 1,2, indagine Banca d'italia-il Sole 24 Ore (1) (2) indagine Istat (2) () (4) Bank Lending Survey, banche italiane (scala di destra) () b) per dimensione di impresa (2) () (4) (dati trimestrali) -, fino a 49 addetti addetti oltre 249 addetti totale (1) Fonte: Banca d Italia, Indagine sulle aspettative di inflazione e crescita. L indagine è condotta su un campione di imprese appartenenti al settore dell industria in senso stretto e dei servizi. - (2) Percentuale netta di imprese che riportano difficoltà di accesso al credito calcolata come differenza tra la percentuale di risposte indicanti un peggioramento delle condizioni di accesso al credito e la percentuale di quelle indicanti un miglioramento. - () Fonte: Istat, Indagine mensile sulla fiducia delle imprese manifatturiere. Da giugno 21 sono state introdotte alcune innovazioni metodologiche, riguardanti il campione e le tecniche di rilevazione che rendono i dati non direttamente confrontabili con quelli dei periodi precedenti. - (4) Rilevazione di fine trimestre; dal mese di ottobre 21 i quesiti sul credito inclusi nell indagine Istat vengono posti con frequenza trimestrale anziché mensile. - () Fonte: Indagine sul credito bancario nell area dell euro (Bank Lending Survey). Grado di irrigidimento delle condizioni di offerta del credito rispetto al trimestre precedente (indice di diffusione); basato sulle risposte di otto tra i principali gruppi bancari italiani. 9

10 L'economia italiana in breve Numero 117 Gennaio 217 Crescita della raccolta bancaria: contributi delle diverse componenti (1) (punti percentuali e variazioni percentuali sui 12 mesi) depositi da residenti obbligazioni all'ingrosso rifinanziamento da Eurosistema raccolta complessiva obbligazioni al dettaglio depositi da non residenti passività nette verso controparti centrali Fonte: segnalazioni di vigilanza. (1) La somma dei contributi è pari alla variazione percentuale sui 12 mesi della raccolta complessiva. Le variazioni percentuali delle singole componenti sono calcolate al netto degli effetti di riclassificazioni, variazioni di cambio, aggiustamenti di valore e altre variazioni non derivanti da transazioni. Non sono considerate le passività nei confronti delle Istituzioni finanziarie monetarie residenti. Le passività nette nei confronti delle controparti centrali rappresentano la raccolta in pronti contro termine con non residenti effettuata per mezzo delle controparti centrali. La variazione sui dodici mesi dei depositi da residenti terminanti in novembre 21 potrebbe riflettere gli effetti della diversa scadenza fiscale per i versamenti in autotassazione, fissata nel 21 al novembre e nel 214 al 1 dicembre. Funding gap delle banche italiane (1) (miliardi di euro e valori percentuali) funding gap (2) raccolta al dettaglio - variazione % sui 12 mesi prestiti a residenti - variazione % sui 12 mesi funding gap in % dei prestiti Fonte: segnalazioni di vigilanza. Sono escluse la Cassa Depositi e Prestiti e le filiali di banche estere in Italia. (1) Prestiti a residenti meno raccolta al dettaglio (depositi da residenti più obbligazioni collocate presso le famiglie). Gli ultimi dati si riferiscono alla fine di novembre (2) Scala di destra (miliardi). 1

11 L'economia italiana in breve Numero 117 Gennaio 217 6, 4,, 1,, -1, -, -4, -6, Indebitamento netto, indebitamento netto primario e debito delle Amministrazioni pubbliche (1) (in percentuale del PIL; le linee tratteggiate indicano gli obiettivi del Governo) indebitamento netto indebitamento netto primario (1) debito (2) Istat, per le voci del conto economico delle Amministrazioni pubbliche del 2-21; Ministero dell Economia e delle finanze, Nota di aggiornamento del Documento di economia e finanza 216 (settembre 216) per gli obiettivi per il 216. (1) Saldo complessivo al netto degli interessi. - (2) Calcolato secondo i criteri metodologici definiti nel regolamento CE 29/479; scala di destra Consistenze di titoli di Stato per titolo e categoria di investitori (valori percentuali) estero Banca d'italia banche altri investitori BOT tasso variabile tasso fisso Titoli di Stato benchmark: rendimenti lordi a scadenza (dati giornalieri, medie annuali e mensili) CTZ BTP anni anni 1 anni anni CCT 21 1,61 2,21,11 4,2, 2,4 214,7,96 1,7 2,9 4, 1,6 21,19,4,77 1,72 2,77, ,,8,46 1,48 2,6, 216 gen. -,2,7,4 1, 2,66,49 feb.,1,1,2 1,6 2,72,8 mar. -,,1,2 1,8 2,, apr.,1,8,49 1,44 2,4,4 mag. -,4,8,49 1, 2,6,6 giu. -,1,9,44 1,4 2,2,61 lug. -,9,,1 1,2 2,2,47 ago. -,9 -,,24 1,18 2,1,6 set. -,1,,28 1,27 2,29,6 ott. -,9,8,4 1,4 2,49,4 nov.,,4,84 1,94,1,74 dic.,,1,69 1,89 2,99,7 11

12 L'economia italiana in breve Numero 117 Gennaio 217 Previsioni su crescita e inflazione Italia Crescita (variazioni percentuali sul periodo precedente) (1) trim. 2 trim. trim. 4 trim. 1 trim. 2 trim. trim. 4 trim. 1 trim. 2 trim. trim. 4 trim Banca d'italia (dic.)(2) ,9,9 1,1 Commissione europea (nov.) (),,,2,1,2,,,,2,2,2,2,7,9 1, FMI (ott.) (4) ,8,9 1,1 OCSE (nov.) () ,8,9 1, Consensus (dic.) (6) ,8,7 n.d. Inflazione (7) (variazioni percentuali rispetto all'anno precedente) trim. 2 trim. trim. 4 trim. 1 trim. 2 trim. trim. 4 trim. 1 trim. 2 trim. trim. 4 trim Banca d'italia (dic.)(2) ,1,9 1,2 Commissione europea (nov.) (), -,4,,4 1, 1,2 1, 1, 1,4 1,4 1,4 1,4 FMI (ott.) (4) OCSE (nov.) () Consensus (dic.) (6) , 1,2 -,1, -,1,8 -,1,9 1,4,8 1,2 n.d. (1) I dati trimestrali sono destagionalizzati. (2) Esercizio previsivo coordinato dell'eurosistema, dicembre 216. Dati del PIL corretti per il numero di giornate lavorative. () European Economic Forecast - Autumn 216. (4) FMI World Economic Outlook, ottobre 216. () OECD Economic Outlook, novembre 216. Dati del PIL corretti per il numero di giornate lavorative. (6) Consensus Forecasts, dicembre 216. (7) Misurata sull'indice armonizzato. L'ECONOMIA ITALIANA IN BREVE Via Nazionale, 91 Autorizzazione del Tribunale di Roma numero 7/28 del 26 febbraio 28 12

L'inflazione. Il credito. Indicatore ciclico coincidente (Ita-coin) e PIL dell Italia (1) (variazioni percentuali) Ita-coin

L'inflazione. Il credito. Indicatore ciclico coincidente (Ita-coin) e PIL dell Italia (1) (variazioni percentuali) Ita-coin NUMERO 114 OTTOBRE 216 Attività economica e occupazione Gli scambi con l'estero e la competitività L'inflazione Il credito La finanza pubblica Le previsioni macroeconomiche 1 7 8 11 12 Dipartimento di

Dettagli

Attività economica e occupazione. L'inflazione. Il credito. Le previsioni macroeconomiche

Attività economica e occupazione. L'inflazione. Il credito. Le previsioni macroeconomiche NUMERO 18 APRILE 216 Attività economica e occupazione Gli scambi con l'estero e la competitività L'inflazione Il credito La finanza pubblica Le previsioni macroeconomiche 1 7 8 11 12 Dipartimento di economia

Dettagli

L'inflazione. Il credito. Indicatore ciclico coincidente (Ita-coin) e PIL dell Italia (1) (variazioni percentuali)

L'inflazione. Il credito. Indicatore ciclico coincidente (Ita-coin) e PIL dell Italia (1) (variazioni percentuali) NUMERO 11 GIUGNO 216 Attività economica e occupazione Gli scambi con l'estero e la competitività L'inflazione Il credito La finanza pubblica Le previsioni macroeconomiche 1 7 8 11 12 Dipartimento di economia

Dettagli

Indice. Indicatore ciclico coincidente (Ita-coin) e PIL dell Italia (1) (variazioni percentuali)

Indice. Indicatore ciclico coincidente (Ita-coin) e PIL dell Italia (1) (variazioni percentuali) Numero 1 Agosto 21 Indice Attività economica e occupazione Gli scambi con l'estero e la competitività L'inflazione Il credito La finanza pubblica le previsioni macroeconomiche 1 7 8 11 12 Dipartimento

Dettagli

Attività economica e occupazione. L'inflazione. Il credito. Le previsioni macroeconomiche

Attività economica e occupazione. L'inflazione. Il credito. Le previsioni macroeconomiche NUMERO 16 FEBBRAIO 216 Attività economica e occupazione Gli scambi con l'estero e la competitività L'inflazione Il credito La finanza pubblica Le previsioni macroeconomiche 1 7 8 11 12 Dipartimento di

Dettagli

L'economia italiana in breve

L'economia italiana in breve L'economia italiana in breve N. 87 - Luglio PIL, domanda nazionale, commercio con l'estero Quantità a prezzi concatenati; variazioni percentuali sul periodo precedente in ragione d'anno; dati trimestrali

Dettagli

NUMERO 97 MAGGIO 2015

NUMERO 97 MAGGIO 2015 NUMERO 97 MAGGIO 21 ATTIVITA' ECONOMICA E OCCUPAZIONE GLI SCAMBI CON L'ESTERO E LA COMPETITIVITA' L'INFLAZIONE IL CREDITO LA FINANZA PUBBLICA LE PREVISIONI MACROECONOMICHE 1 7 8 11 12 Indicatore ciclico

Dettagli

L'INFLAZIONE IL CREDITO. Indicatore ciclico coincidente (Ita-coin) e PIL dell Italia (1) (variazioni percentuali)

L'INFLAZIONE IL CREDITO. Indicatore ciclico coincidente (Ita-coin) e PIL dell Italia (1) (variazioni percentuali) NUMERO 98 GIUGNO 21 ATTIVITA' ECONOMICA E OCCUPAZIONE GLI SCAMBI CON L'ESTERO E LA COMPETITIVITA' L'INFLAZIONE IL CREDITO LA FINANZA PUBBLICA LE PREVISIONI MACROECONOMICHE 1 7 8 11 12 Dipartimento di economia

Dettagli

RAPPORTO MENSILE ABI 1 Novembre 2015 (principali evidenze)

RAPPORTO MENSILE ABI 1 Novembre 2015 (principali evidenze) RAPPORTO MENSILE ABI 1 Novembre 2015 (principali evidenze) 1. Ad ottobre 2015 l'ammontare dei prestiti alla clientela erogati dalle banche operanti in Italia, 1.814,5 miliardi di euro (cfr. Tabella 1)

Dettagli

RAPPORTO MENSILE ABI Marzo 2015 (principali evidenze)

RAPPORTO MENSILE ABI Marzo 2015 (principali evidenze) RAPPORTO MENSILE ABI Marzo 2015 (principali evidenze) 1. A febbraio 2015 l'ammontare dei prestiti alla clientela erogati dalle banche operanti in Italia, 1.821 miliardi di euro (cfr. Tabella 1) è nettamente

Dettagli

Giorgio Gobbi Servizio Studi di Struttura Economica e Finanziaria della Banca d Italia

Giorgio Gobbi Servizio Studi di Struttura Economica e Finanziaria della Banca d Italia Giorgio Gobbi Servizio Studi di Struttura Economica e Finanziaria della Banca d Italia Roma, 14 dicembre 2012 Alcuni fatti Le imprese in Italia - attive: 5.300.000 - con debiti bancari > 30.000 euro: 1.900.000

Dettagli

6 GIORNATA DELL'ECONOMIA ITALO-TEDESCA

6 GIORNATA DELL'ECONOMIA ITALO-TEDESCA 6 GIORNATA DELL'ECONOMIA ITALO-TEDESCA Monica Cellerino, Responsabile Territorio Lombardia Giugno 2012 AGENDA LE BANCHE ITALIANE: ESPOSIZIONE VERSO I PAESI IN DIFFICOLTÀ, RAFFORZAMENTO PATRIMONIALE BASILEA

Dettagli

Quaderno Congiunturale dell Economia Italiana

Quaderno Congiunturale dell Economia Italiana MINISTERO DEL TESORO, DEL BILANCIO E DELLA PROGRAMMAZIONE ECONOMICA DIPARTIMENTO DEL TESORO DIREZIONE I Quaderno Congiunturale dell Economia Italiana INDICATORI MACROECONOMICI E QUADRI PREVISIONALI ANNO

Dettagli

Report trimestrale sull andamento dell economia reale e della finanza

Report trimestrale sull andamento dell economia reale e della finanza l andamento dell economia reale e della finanza PL e Credito Bancario Perché un report trimestrale? A partire dal mese di dicembre 2014 SE Consulting ha avviato un analisi che mette a disposizione delle

Dettagli

Report trimestrale sull andamento dell economia reale e della finanza

Report trimestrale sull andamento dell economia reale e della finanza l andamento dell economia reale e della finanza PL e Credito Bancario Perché un report trimestrale? A partire dal mese di dicembre 2014 SE Consulting ha avviato un analisi che mette a disposizione delle

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI. a cura della FONDAZIONE ISTITUTO DI RICERCA DEI DOTTORI COMMERCIALISTI

CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI. a cura della FONDAZIONE ISTITUTO DI RICERCA DEI DOTTORI COMMERCIALISTI CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI OSSERVATORIO ECONOMICO IRDCEC OTTOBRE 2013 - GRAFICI a cura della FONDAZIONE ISTITUTO DI RICERCA DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E DEGLI

Dettagli

Domanda e offerta di credito alle imprese durante la crisi. Giorgio Gobbi Servizio Studi di Struttura Economica e Finanziaria della Banca d Italia

Domanda e offerta di credito alle imprese durante la crisi. Giorgio Gobbi Servizio Studi di Struttura Economica e Finanziaria della Banca d Italia Domanda e offerta di credito alle imprese durante la crisi Giorgio Gobbi Servizio Studi di Struttura Economica e Finanziaria della Banca d Italia Roma, 29 novembre 2012 Sommario I. Il breve termine: gestire

Dettagli

Crescita, consumi e risparmi: prospettive per le famiglie

Crescita, consumi e risparmi: prospettive per le famiglie CREDITO AL CREDITO 2011 Crescita, consumi e risparmi: prospettive per le famiglie Emanuele Baldacci Istat Crescita economica: forte decelerazione dopo il rimbalzo PIL: contributi e variazione tendenziale

Dettagli

L'economia italiana in breve

L'economia italiana in breve L'economia italiana in breve N. 9 - Marzo PIL, domanda nazionale, commercio con l'estero Quantità a prezzi concatenati; variazioni percentuali sul periodo precedente in ragione d'anno; dati trimestrali

Dettagli

L'economia italiana in breve

L'economia italiana in breve L'economia italiana in breve N. 7 - Febbraio PIL, domanda nazionale, commercio con l'estero Quantità a prezzi concatenati; variazioni percentuali sul periodo precedente in ragione d'anno; dati trimestrali

Dettagli

Report trimestrale sull andamento dell economia reale e della finanza

Report trimestrale sull andamento dell economia reale e della finanza l andamento dell economia reale e della finanza PL e Credito Bancario Perché un report trimestrale? A partire dal mese di dicembre SE ha avviato un analisi che metterà a disposizione delle imprese, con

Dettagli

Cruscotto congiunturale

Cruscotto congiunturale La dinamica dell economia italiana a cura della Segreteria Tecnica n. 4 23 marzo 2016 Cruscotto congiunturale Pil e occupazione Nel quarto trimestre l attività produttiva continua ad aumentare. In lieve

Dettagli

Rafforzare le costruzioni per accelerare la ripresa economica

Rafforzare le costruzioni per accelerare la ripresa economica 7 anniversario dell ANCE Rafforzare le costruzioni per accelerare la ripresa economica Gregorio De Felice Direzione Studi e Ricerche Milano, 16 giugno 216 Ripresa da rafforzare. Investimenti in costruzioni

Dettagli

L'economia italiana in breve

L'economia italiana in breve L'economia italiana in breve N. 8 - Marzo PIL, domanda nazionale, commercio con l'estero Quantità a prezzi concatenati; variazioni percentuali sul periodo precedente in ragione d'anno; dati trimestrali

Dettagli

CONTI ECONOMICI TRIMESTRALI

CONTI ECONOMICI TRIMESTRALI 10 giugno 2013 I trimestre 2013 CONTI ECONOMICI TRIMESTRALI Prodotto interno lordo, valore aggiunto, consumi, investimenti, domanda estera Nel primo trimestre del 2013 il prodotto interno lordo (PIL),

Dettagli

L'economia italiana in breve

L'economia italiana in breve L'economia italiana in breve N. 9 - Settembre 9 PIL, domanda nazionale, commercio con l'estero Quantità a prezzi concatenati; variazioni percentuali sul periodo precedente in ragione d'anno; dati trimestrali

Dettagli

Report trimestrale sull andamento dell economia reale e della finanza

Report trimestrale sull andamento dell economia reale e della finanza l andamento dell economia reale e della finanza PL e Credito Bancario Perché un report trimestrale? A partire dal mese di dicembre 2014 SE ha avviato un analisi che metterà a disposizione delle imprese,

Dettagli

L'economia italiana in breve

L'economia italiana in breve L'economia italiana in breve N. 31 - Novembre 9 PIL, domanda nazionale, commercio con l'estero Quantità a prezzi concatenati; variazioni percentuali sul periodo precedente in ragione d'anno; dati trimestrali

Dettagli

Rapporto ABI 2010 sul settore bancario in Italia. Roma, 24 maggio 2010. Gianfranco Torriero

Rapporto ABI 2010 sul settore bancario in Italia. Roma, 24 maggio 2010. Gianfranco Torriero Rapporto ABI 2010 sul settore bancario in Italia Roma, 24 maggio 2010 Gianfranco Torriero Agenda 1 > Roe: determinanti della redditività 2 > La qualità del credito e l adeguatezza patrimoniale 3 > Attivi

Dettagli

Rafforzare la filiera casa per accelerare la ripresa economica. Gregorio De Felice Direzione Studi e Ricerche

Rafforzare la filiera casa per accelerare la ripresa economica. Gregorio De Felice Direzione Studi e Ricerche Rafforzare la filiera casa per accelerare la ripresa economica Gregorio De Felice Direzione Studi e Ricerche Milano, 1 ottobre 2015 Dal sistema casa un rafforzamento della ripresa La ripresa, partita sulla

Dettagli

La situazione economica della Toscana

La situazione economica della Toscana IRPET Istituto Regionale Programmazione Economica Toscana La situazione economica della Toscana Il quadro macroeconomico del 2004 Le previsioni per il 2004 eseguite nel 2003/2004 N I E S R F M I Ott-03

Dettagli

LO SCENARIO DELLA RIFORMA DELLA CONTRATTAZIONE Comitato Esecutivo FIM CISL - Roma, 31 marzo Gabriele OLINI Ufficio Studi CISL

LO SCENARIO DELLA RIFORMA DELLA CONTRATTAZIONE Comitato Esecutivo FIM CISL - Roma, 31 marzo Gabriele OLINI Ufficio Studi CISL LO SCENARIO DELLA RIFORMA DELLA CONTRATTAZIONE Comitato Esecutivo FIM CISL - Roma, 31 marzo 2015 Gabriele OLINI Ufficio Studi CISL LO SCHEMA DI ANALISI L eredità della crisi Cosa ci aspetta per il PIL?

Dettagli

Previsioni (variazioni %)

Previsioni (variazioni %) Previsioni (variazioni %) 1 dollari per barile; 2 livelli; 3 valori percentuali Elaborazioni CSC su dati Eurostat, Fmi, Cpb, TR Elaborazioni CSC su dati Fmi Paesi Emergenti: Pil (variazione % e peso sul

Dettagli

Mezzogiorno e del Centro-Nord nella fase recente e previsioni 2012 ALLEGATO STATISTICO

Mezzogiorno e del Centro-Nord nella fase recente e previsioni 2012 ALLEGATO STATISTICO Andamento dell economia e del mercato del lavoro del Mezzogiorno e del Centro-Nord nella fase recente e previsioni 2012 ALLEGATO STATISTICO Audizione SVIMEZ presso la V Commissione Bilancio della Camera

Dettagli

L osservatorio economico

L osservatorio economico L osservatorio economico Testi e tabelle estratti dai rapporti sull economia della Fondazione Aristeia-Istituto di ricerca del Consiglio Nazionale dei Dottori Commercialisti a cura di Tommaso Di Nardo

Dettagli

L osservatorio economico

L osservatorio economico L osservatorio economico Testi e tabelle estratti dai rapporti sull economia della Fondazione Istituto di ricerca dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili a cura di Tommaso Di Nardo Analisi

Dettagli

ECONOMIA E MERCATI FINANZIARI QUARTO TRIMESTRE 2013

ECONOMIA E MERCATI FINANZIARI QUARTO TRIMESTRE 2013 ECONOMIA E MERCATI FINANZIARI QUARTO TRIMESTRE 2013 1. IL QUADRO MACROECONOMICO Gli ultimi indicatori delle indagini congiunturali segnalano una ripresa graduale dell economia mondiale nel quarto trimestre

Dettagli

BILANCIA DEI PAGAMENTI

BILANCIA DEI PAGAMENTI BILANCIA DEI PAGAMENTI La BP è uno schema contabile nel quale si registrano tutte le transazioni economiche che gli operatori di un economia intrattengono con i non residenti, in un determinato periodo

Dettagli

ARTICOLI LA RISPOSTA DELLA BCE ALLA CRISI FINANZIARIA

ARTICOLI LA RISPOSTA DELLA BCE ALLA CRISI FINANZIARIA ARTICOLI LA RISPOSTA DELLA ALLA CRISI FINANZIARIA 1 INTRODUZIONE Ottobre 21 61 Figura 1 Illustrazione stilizzata del meccanismo di trasmissione dai tassi di interesse ufficiali ai prezzi 2 LA TR ASMISSIONE

Dettagli

REDDITO E RISPARMIO DELLE FAMIGLIE E PROFITTI DELLE SOCIETÀ

REDDITO E RISPARMIO DELLE FAMIGLIE E PROFITTI DELLE SOCIETÀ 8 gennaio 2016 III trimestre 2015 REDDITO E RISPARMIO DELLE FAMIGLIE E PROFITTI DELLE SOCIETÀ Nel terzo trimestre del 2015 il reddito disponibile delle famiglie consumatrici in valori correnti è aumentato

Dettagli

Bollettino Mezzogiorno Molise

Bollettino Mezzogiorno Molise Bollettino Mezzogiorno 02 2014 Molise INDICE IL QUADRO MACROECONOMICO 1.1 Struttura economica ed andamento del Pil nel Mezzogiorno 1.2 Occupazione e disoccupazione nel Mezzogiorno LE IMPRESE 2.1 Struttura

Dettagli

I NUMERI DEL TERZIARIO

I NUMERI DEL TERZIARIO I NUMERI DEL TERZIARIO 4 Le imprese registrate e attive Stock delle imprese - 2008 Registrate Peso % Attive Peso % AGRICOLTURA 913.315 15,0 903.845 17,0 INDUSTRIA 1.617.258 26,5 1.458.941 27,4 Industria

Dettagli

La congiuntura del commercio al dettaglio in provincia di Treviso nel quarto trimestre 2012

La congiuntura del commercio al dettaglio in provincia di Treviso nel quarto trimestre 2012 CONGIUNTURA & APPROFONDIMENTI Report n. 4 Marzo 2013 La congiuntura del commercio al dettaglio in provincia di Treviso nel quarto trimestre 2012 A cura dell Area Studi e Sviluppo Economico Territoriale

Dettagli

UN ILLUSIONE DURATA UN ANNO

UN ILLUSIONE DURATA UN ANNO 36 www.freenewsonline.it i dossier www.freefoundation.com UN ILLUSIONE DURATA UN ANNO Il Governo dei tecnici alla resa dei conti 10 dicembre 2012 a cura di Renato Brunetta INDICE 2 Prodotto Interno Lordo

Dettagli

ECONOMIA E MERCATI FINANZIARI PRIMO TRIMESTRE 2014

ECONOMIA E MERCATI FINANZIARI PRIMO TRIMESTRE 2014 ECONOMIA E MERCATI FINANZIARI PRIMO TRIMESTRE 2014 1. IL QUADRO MACROECONOMICO L attività economica mondiale nel primo trimestre del 2014 è cresciuta ad un ritmo graduale, subendo un lieve indebolimento

Dettagli

Appendice statistica. Newsletter online dell Osservatorio Prezzi e Tariffe 2/ Roma, 29 febbraio Div. V - Monitoraggio dei prezzi

Appendice statistica. Newsletter online dell Osservatorio Prezzi e Tariffe 2/ Roma, 29 febbraio Div. V - Monitoraggio dei prezzi Ministero dello Sviluppo Economico DIPARTIMENTO PER L IMPRESA E L INTERNAZIONALIZZAZIONE Direzione Generale per il mercato, la concorrenza, i consumatori, la vigilanza e la normativa tecnica Div. V - Monitoraggio

Dettagli

Bollettino Mezzogiorno Basilicata

Bollettino Mezzogiorno Basilicata Bollettino Mezzogiorno 02 2014 Basilicata INDICE IL QUADRO MACROECONOMICO 1.1 1.2 Struttura economica ed andamento del Pil in Basilicata Occupazione e disoccupazione in Basilicata LE IMPRESE 2.1 Struttura

Dettagli

Nota sul mercato del lavoro Ore autorizzate di CIG (Milano, Monza Brianza, Lodi), Cigo (aziende associate), disoccupazione (Italia, altri paesi).

Nota sul mercato del lavoro Ore autorizzate di CIG (Milano, Monza Brianza, Lodi), Cigo (aziende associate), disoccupazione (Italia, altri paesi). Nota sul mercato del lavoro Ore autorizzate di CIG (Milano, Monza Brianza, Lodi), Cigo (aziende associate), disoccupazione (Italia, altri paesi). In sintesi Le ore di Cassa Integrazione Guadagni autorizzate

Dettagli

Stefano Ferrari Ufficio Studi Siderweb

Stefano Ferrari Ufficio Studi Siderweb Stefano Ferrari Ufficio Studi Siderweb IL MERCATO DELL ACCIAIO: PROSPETTIVE A BREVE TERMINE MONDO: LE PROSPETTIVE PER IL PIL AREA 2016 2017 Mondo 3,1% 3,4% Economie avanzate 1,8% 1,8% USA 2,2% 2,5% UE

Dettagli

Alcuni dati di contesto dal Rapporto Dentro la crisi

Alcuni dati di contesto dal Rapporto Dentro la crisi Le proposte di Confartigianato per aiutare le micro e piccole imprese a 'vincere' la crisi. Alcuni dati di contesto dal Rapporto Dentro la crisi Iniziativa di confronto con i Parlamentari Misure di sostegno

Dettagli

Scenario economico Indicatori di congiuntura Bollettino n. 50 Marzo 2015 A cura della Sezione Sistema Statistico Regionale

Scenario economico Indicatori di congiuntura Bollettino n. 50 Marzo 2015 A cura della Sezione Sistema Statistico Regionale Bollettino n. 5 Marzo 215 A cura della Sezione Sistema Statistico Regionale La caduta del prezzo del petrolio, la politica della Banca Centrale Europea e l'andamento del dollaro stanno sostenendo lo scenario

Dettagli

Bilancia dei Pagamenti

Bilancia dei Pagamenti Bilancia dei Pagamenti INTRODUZIONE Il riferimento fondamentale per la compilazione della Bilancia dei Pagamenti elaborata dalla Banca d Italia (BdI) è costituito dai concetti e definizioni fissate nel

Dettagli

Cassa Integrazione, licenziamenti e disoccupazione

Cassa Integrazione, licenziamenti e disoccupazione Rilasciato il 19 giugno 212 Studi e Analisi presenta elaborazioni e indagini prodotte dal Centro Studi nei suoi ambiti d interesse Cassa Integrazione, licenziamenti e disoccupazione maggio 212 a cura di

Dettagli

STIMA PRELIMINARE DEL PIL

STIMA PRELIMINARE DEL PIL 12 febbraio 2016 IV trimestre STIMA PRELIMINARE DEL PIL Nel quarto trimestre del il prodotto interno lordo (PIL), espresso in valori concatenati con anno di riferimento 2010, corretto per gli effetti di

Dettagli

STIMA PRELIMINARE DEL PIL

STIMA PRELIMINARE DEL PIL 12 agosto II trimestre STIMA PRELIMINARE DEL PIL Nel secondo trimestre del il prodotto interno lordo (PIL), espresso in valori concatenati con anno di riferimento 2010, corretto per gli effetti di calendario

Dettagli

Banking Summit 2015 Le prospettive economiche dell Italia e del sistema bancario

Banking Summit 2015 Le prospettive economiche dell Italia e del sistema bancario Banking Summit 215 Le prospettive economiche dell Italia e del sistema bancario Gregorio De Felice Chief economist Milano, 23 settembre 215 Agenda 1 Italia: finalmente arriva la ripresa 2 Migliorano le

Dettagli

Sezione 1 Sistema economico: conti economici regionali

Sezione 1 Sistema economico: conti economici regionali Sezione 1 Sistema economico: conti economici regionali Sezione 1.1 Crescita economica Prodotto interno lordo (PIL) e dinamica della crescita economica ISTAT Conti economici regionali 2008 2009 Tavola 1.

Dettagli

L economia del Piemonte

L economia del Piemonte L economia del Piemonte L economia reale Nel 2015 l economia in Piemonte è tornata a crescere dopo tre anni di recessione Le esportazioni sono cresciute Le aspettative delle imprese per il 2016 prefigurano

Dettagli

Allegato statistico. Audizione del Presidente dell Istituto nazionale di statistica Giorgio Alleva

Allegato statistico. Audizione del Presidente dell Istituto nazionale di statistica Giorgio Alleva Allegato statistico Audizione del Presidente dell Istituto nazionale di statistica Giorgio Alleva Commissioni riunite V Commissione "Bilancio, tesoro e programmazione" della Camera dei Deputati e 5 a Commissione

Dettagli

della provincia di Padova Sintesi anno 2013 A cura del Servizio Studi - Padova, marzo 2014

della provincia di Padova Sintesi anno 2013 A cura del Servizio Studi - Padova, marzo 2014 Indicatori del mercato del lavoro della provincia di Padova Sintesi anno 2013 A cura del Servizio Studi - Padova, marzo 2014 Principali indicatori del mercato del lavoro provinciale Fonti disponibili Inps

Dettagli

Incontri con gli studenti sulle principali funzioni della Banca d Italia

Incontri con gli studenti sulle principali funzioni della Banca d Italia Incontri con gli studenti sulle principali funzioni della Banca d Italia Università Kore Enna, aprile - maggio 2016 L economia siciliana e la lunga crisi Giuseppe Ciaccio Divisione Analisi e ricerca economica

Dettagli

Il credito in Toscana. I trimestre 2016

Il credito in Toscana. I trimestre 2016 Il credito in Toscana I trimestre 2016 Firenze, GIUGNO 2016 09.1 10.1 11.1 12.1 L andamento dei prestiti 1 I prestiti a imprese e famiglie Con l inizio del 2016 si rafforza la fase espansiva del mercato

Dettagli

Relazione Annuale - Appendice. Roma, 30 maggio 2014. anno 2013 centoventesimo esercizio. esercizio CXX

Relazione Annuale - Appendice. Roma, 30 maggio 2014. anno 2013 centoventesimo esercizio. esercizio CXX Relazione Annuale - Roma, 30 maggio 2014 anno 2013 centoventesimo esercizio esercizio CXX Relazione Annuale - Presentata all Assemblea Ordinaria dei Partecipanti anno 2013 - centoventesimo esercizio Roma,

Dettagli

Sezione 1 Sistema economico: conti economici regionali

Sezione 1 Sistema economico: conti economici regionali Sezione 1 Sistema economico: conti economici regionali Sezione 1.1 Crescita economica Prodotto interno lordo (PIL) e dinamica della crescita economica ISTAT Conti economici regionali 2008 2009 Tavola 1.

Dettagli

09.16 RAPPORTO MENSILE

09.16 RAPPORTO MENSILE 09.16 RAPPORTO MENSILE Settembre 2016 Crescita economica, Imprese 1 Mercato del lavoro 3 Inflazione 5 Commercio estero 6 Turismo 8 Credito 9 Frutticoltura, Costruzioni 10 Congiuntura internazionale 11

Dettagli

10.16 RAPPORTO MENSILE

10.16 RAPPORTO MENSILE 10.16 RAPPORTO MENSILE Ottobre 2016 Crescita economica, Imprese 1 Mercato del lavoro 3 Inflazione 5 Commercio estero 6 Turismo 8 Credito 9 Frutticoltura, Costruzioni 10 Congiuntura internazionale 11 Autori

Dettagli

RAPPORTO CER Aggiornamenti

RAPPORTO CER Aggiornamenti RAPPORTO CER Aggiornamenti 30 settembre 2014 La Nota di aggiornamento 2014 É attesa per domani la diffusione della Nota di aggiornamento del DEF 2014. Cosa dovrà necessariamente esserci e cosa auspichiamo

Dettagli

CONTO ECONOMICO TRIMESTRALE DELLE AMMINISTRAZIONI PUBBLICHE

CONTO ECONOMICO TRIMESTRALE DELLE AMMINISTRAZIONI PUBBLICHE 4 aprile 2016 IV trimestre 2015 CONTO ECONOMICO TRIMESTRALE DELLE AMMINISTRAZIONI PUBBLICHE Indebitamento, saldo primario, saldo corrente, entrate totali, uscite totali Nel quarto trimestre 2015 l indebitamento

Dettagli

-5% -10% -15% -20% -25% -30%

-5% -10% -15% -20% -25% -30% 2 Premessa Le informazioni diffuse con i Bollettini mensili sulle entrate tributarie di Francia, Germania, Irlanda, Portogallo, Regno Unito e Spagna, pubblicati sui portali web istituzionali dalle Amministrazioni

Dettagli

Valeria Negri, Centro Studi 21 settembre Speaker

Valeria Negri, Centro Studi 21 settembre Speaker Quale scenario per il 2017? La situazione economica attuale e le previsioni per le imprese Incontro «La nuova indagine retributiva Assolombarda, istruzioni per l'uso» Speaker Valeria Negri, Centro Studi

Dettagli

L evoluzione recente dei sistemi bancari del Nord Africa

L evoluzione recente dei sistemi bancari del Nord Africa ABI Forum Internazionalizzazione 2007 Roma, 25 settembre 2007 L evoluzione recente dei sistemi bancari del Nord Africa Angelo Cicogna, Banca d Italia Addetto Finanziario, Ambasciata d Italia al Cairo Sommario

Dettagli

Stima preliminare del PIL I trimestre 2009

Stima preliminare del PIL I trimestre 2009 5 maggio 2009 Stima preliminare del PIL I trimestre 2009 In conformità con i requisiti del programma SDDS del Fondo monetario internazionale, l Istat diffonde un calendario annuale dei comunicati stampa

Dettagli

Forze di lavoro in provincia di Treviso (in migliaia). Anni

Forze di lavoro in provincia di Treviso (in migliaia). Anni L ANDAMENTO OCCUPAZIONALE IN PROVINCIA DI TREVISO di Maurizio Rasera VICINI ALLA FINE? Forze di lavoro in provincia di Treviso (in migliaia). Anni 2007-2010 2007 2008 2009 2010 Var. ass. 2010-2007 Popolazione

Dettagli

Lavoro e retribuzioni nelle grandi imprese

Lavoro e retribuzioni nelle grandi imprese 30 Gennaio 2009 Lavoro e retribuzioni nelle grandi imprese Novembre 2008 L Istituto nazionale di statistica comunica i risultati della rilevazione sull occupazione, gli orari di lavoro e le retribuzioni

Dettagli

Capitolo II LE DEBOLEZZE STRUTTURALI DELL ECONOMIA ITALIANA. II.1 La Performance dell Economia nell ultimo Decennio

Capitolo II LE DEBOLEZZE STRUTTURALI DELL ECONOMIA ITALIANA. II.1 La Performance dell Economia nell ultimo Decennio Capitolo II LE DEBOLEZZE STRUTTURALI DELL ECONOMIA ITALIANA II.1 La Performance dell Economia nell ultimo Decennio I recenti dati di contabilità nazionale confermano un passaggio difficile per l economia

Dettagli

Il turismo incoming e outgoing nel : 2009: la bilancia turistica. Giovanni Giuseppe Ortolani

Il turismo incoming e outgoing nel : 2009: la bilancia turistica. Giovanni Giuseppe Ortolani Il turismo incoming e outgoing nel 2008-2009: 2009: la bilancia turistica Giovanni Giuseppe Ortolani L ITALIA E IL TURISMO INTERNAZIONALE Venezia 15 dicembre 2009 http://www.bancaditalia.it indagineturismo@bancaditalia.it

Dettagli

RAPPORTO CER Aggiornamenti

RAPPORTO CER Aggiornamenti RAPPORTO CER Aggiornamenti 10 settembre 2014 Situazione duale I dati presentati in questo aggiornamento mostrano una frattura tra la situazione delle famiglie e quella delle imprese. Mentre nel primo caso

Dettagli

PREVISIONI PER IL SISTEMA ECONOMICO DELLA PROVINCIA DI PADOVA. Paolo Feltrin Padova, 27 luglio 2011

PREVISIONI PER IL SISTEMA ECONOMICO DELLA PROVINCIA DI PADOVA. Paolo Feltrin Padova, 27 luglio 2011 PREVISIONI PER IL SISTEMA ECONOMICO DELLA PROVINCIA DI PADOVA Paolo Feltrin Padova, 27 luglio 2011 PADOVA 2 INDICE Il quadro congiunturale internazionale e nazionale 2 Indicatori economici locali 11 Il

Dettagli

Update Milano - Lombardia - Italia

Update Milano - Lombardia - Italia Update Milano - Lombardia - Italia aggiornamento al 16 dicembre 2013 A cura del Centro Studi Assolombarda Indice dei dati 1 PIL e componenti - Italia e Lombardia... 2 2 Distanze rispetto al pre-crisi in

Dettagli

della provincia di Padova Sintesi anno 2015 A cura del Servizio Studi - Padova, marzo 2016

della provincia di Padova Sintesi anno 2015 A cura del Servizio Studi - Padova, marzo 2016 Indicatori del mercato del lavoro della provincia di Padova Sintesi anno 2015 A cura del Servizio Studi - Padova, marzo 2016 Principali indicatori del mercato del lavoro provinciale Fonti disponibili Inps

Dettagli

Il Sole24ore di questi ultimi giorni

Il Sole24ore di questi ultimi giorni 1 Il Sole24ore di questi ultimi giorni 2 La stampa di questi ultimi giorni 3 Il Sole24ore di questi ultimi giorni Il Sole24ore di questi ultimi giorni 5 Crescita del PIL reale (%) (Area Euro vs USA) 6.0

Dettagli

Ministero dell Economia e delle Finanze Dipartimento del Tesoro. Quaderni Statistici e Informativi. Quaderno dei Prezzi

Ministero dell Economia e delle Finanze Dipartimento del Tesoro. Quaderni Statistici e Informativi. Quaderno dei Prezzi Ministero dell Economia e delle Finanze Dipartimento del Tesoro Quaderni Statistici e Informativi Quaderno dei Prezzi N 7 - Ottobre 2009 Quaderni Statistici e Informativi La collana Quaderni Statistici

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI. OSSERVATORIO ECONOMICO Marzo Tommaso Di Nardo Gianluca Scardocci

CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI. OSSERVATORIO ECONOMICO Marzo Tommaso Di Nardo Gianluca Scardocci CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI OSSERVATORIO ECONOMICO Marzo 2015 a cura della Tommaso Di Nardo Gianluca Scardocci 112 110 108 106 104 102 100 Roma 15 aprile 2015

Dettagli

CONTO TRIMESTRALE DELLE AMMINISTRAZIONI PUBBLICHE, REDDITO E RISPARMIO DELLE FAMIGLIE E PROFITTI DELLE SOCIETÀ

CONTO TRIMESTRALE DELLE AMMINISTRAZIONI PUBBLICHE, REDDITO E RISPARMIO DELLE FAMIGLIE E PROFITTI DELLE SOCIETÀ 5 gennaio 017 III trimestre 016 CONTO TRIMESTRALE DELLE AMMINISTRAZIONI PUBBLICHE, REDDITO E RISPARMIO DELLE FAMIGLIE E PROFITTI DELLE SOCIETÀ I Conti delle Amministrazioni pubbliche (AP), delle Famiglie

Dettagli

Supplementi al Bollettino Statistico

Supplementi al Bollettino Statistico Supplementi al Bollettino Statistico Indicatori monetari e finanziari La ricchezza delle famiglie italiane 2014 Nuova serie Anno XXIV - 16 Dicembre 2015 Numero 69 Supplementi al Bollettino Statistico

Dettagli

I trimestre 2016 CONTO TRIMESTRALE DELLE AMMINISTRAZIONI PUBBLICHE, REDDITO E RISPARMIO DELLE FAMIGLIE E PROFITTI DELLE SOCIETÀ

I trimestre 2016 CONTO TRIMESTRALE DELLE AMMINISTRAZIONI PUBBLICHE, REDDITO E RISPARMIO DELLE FAMIGLIE E PROFITTI DELLE SOCIETÀ 30 giugno 2016 I trimestre 2016 CONTO TRIMESTRALE DELLE AMMINISTRAZIONI PUBBLICHE, REDDITO E RISPARMIO DELLE FAMIGLIE E PROFITTI DELLE SOCIETÀ Con l'obiettivo di offrire una lettura più completa delle

Dettagli

MARCO COSTAGUTA. Milano, 6 novembre 2015

MARCO COSTAGUTA. Milano, 6 novembre 2015 MARCO COSTAGUTA Milano, 6 novembre 2015 SCENARIO CONSUMI WPP Forum 2015 1 L anno scorso ci eravamo lasciati con Flessione consumi. In particolare sud, famiglie numerose, cura casa e cura persona,. Alta

Dettagli

Le tendenze recenti dell occupazione

Le tendenze recenti dell occupazione Le tendenze recenti dell occupazione E vera occupazione? Jobs act e ripresa del lavoro a tempo indeterminato, cosa ci dicono i dati Roberto Monducci Istituto nazionale di statistica 28 maggio 2015 A. LE

Dettagli

IL MERCATO IMMOBILIARE RESIDENZIALE ITALIANO

IL MERCATO IMMOBILIARE RESIDENZIALE ITALIANO Regulated by RICS IL MERCATO IMMOBILIARE RESIDENZIALE ITALIANO dagli anni 60 al 31/12/2015 (con ipotesi di andamento del mercato sino al 2027) Copyright Marzo 2016 Reddy s Group srl- Real Estate Advisors

Dettagli

1 GREEN EVENING. Nomisma Sistemi immobiliari e strategie urbane CHAPTER LOMBARDIA

1 GREEN EVENING. Nomisma Sistemi immobiliari e strategie urbane CHAPTER LOMBARDIA Nomisma Sistemi immobiliari e strategie urbane 1 GREEN EVENING CHAPTER LOMBARDIA La certificazione di qualità per il rilancio del settore immobiliare Luca Dondi Milano, www.nomisma.it 01/03/2011 01/21/2011

Dettagli

SETTORE CASEARIO

SETTORE CASEARIO SETTORE CASEARIO Pianificazione economico - finanziaria (tabelle) 2012-2015 1 INDICE 1. Pianificazione economico-finanziaria... 3 a. Conto economico... 3 Ricavi... 3 Costi... 4 b. Stato Patrimoniale...

Dettagli

European Investment Consulting

European Investment Consulting European Investment Consulting Fondo Eurofer Gestione finanziaria Andamento e view Milano, 5 ottobre 2015 Economia mondiale: situazione e prospettive I mercati finanziari nel 2015 L andamento delle gestioni

Dettagli

Luca Paolazzi Direttore Centro Studi Confindustria

Luca Paolazzi Direttore Centro Studi Confindustria Scenario economico: il rebus della ripresa. Luca Paolazzi Direttore Centro Studi Confindustria Lo scenario economico globale è migliore rispetto a tre mesi fa. L incertezza è il maggior ostacolo a cogliere

Dettagli

RAPPORTO ANNUALE 2013. Selezione degli indicatori chiave. La situazione del Paese

RAPPORTO ANNUALE 2013. Selezione degli indicatori chiave. La situazione del Paese RAPPORTO ANNUALE 2013 La situazione del Paese Selezione degli indicatori chiave Selezione degli indicatori chiave Macroeconomia Anni 2007-2012 (valori assoluti e percentuali) 2007 2008 2009 2010 2011 2012

Dettagli

L ITALIA CRESCE DA TROPPO TEMPO MENO DEGLI ALTRI STATI UE, E IL SUD CRESCE MOLTO MENO DEL CENTRO-NORD

L ITALIA CRESCE DA TROPPO TEMPO MENO DEGLI ALTRI STATI UE, E IL SUD CRESCE MOLTO MENO DEL CENTRO-NORD L ITALIA CRESCE DA TROPPO TEMPO MENO DEGLI ALTRI STATI UE, E IL SUD CRESCE MOLTO MENO DEL CENTRO-NORD Fig. 1. Tassi di crescita annuali e cumulati del prodotto in termini reali (%) (a) Paesi 2001-2007

Dettagli

rapporto sull economia della provincia di Rimini

rapporto sull economia della provincia di Rimini Rimini 31 marzo 2014 rapporto sull economia della provincia di Rimini Massimo Guagnini riservatezza Questo documento è la base per una presentazione orale, senza la quale ha quindi limitata significatività

Dettagli

CREDITO E RAPPORTI BANCA IMPRESA. La crisi e il finanziamento delle imprese

CREDITO E RAPPORTI BANCA IMPRESA. La crisi e il finanziamento delle imprese CREDITO E RAPPORTI BANCA IMPRESA La crisi e il finanziamento delle imprese Giorgio Gobbi e Sabrina Pastorelli Servizio Studi di struttura economica e finanziaria della Banca d Italia ROMA TRE 9 Dicembre

Dettagli

Focus: Giugno Situazione economica Flussi commerciali Italia-Cina. Centro Studi Federlegno Arredo Eventi SpA

Focus: Giugno Situazione economica Flussi commerciali Italia-Cina. Centro Studi Federlegno Arredo Eventi SpA Focus: Giugno 2016 Situazione economica Flussi commerciali Italia-Cina Centro Studi Federlegno Arredo Eventi SpA QUADRO MACROECONOMICO La Cina è la seconda economia mondiale in termini di PIL a prezzi

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico Garante per la sorveglianza dei prezzi Con il supporto del Dipartimento per l Impresa e l Internazionalizzazione Direzione Generale per il Mercato, la Concorrenza, il

Dettagli

Speaker Valeria Negri, Centro Studi 7 ottobre 2016

Speaker Valeria Negri, Centro Studi 7 ottobre 2016 Quale scenario per il 2017? La situazione economica attuale e le previsioni per le imprese Incontro «La nuova indagine retributiva Assolombarda, istruzioni per l'uso» Speaker Valeria Negri, Centro Studi

Dettagli