Venerdì 20 Settembre 2013 ore 21:00 LT (19:00z)

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Venerdì 20 Settembre 2013 ore 21:00 LT (19:00z)"

Transcript

1 Exam Data: Aeromobile: Callsign: Venerdì 20 Settembre 2013 ore 21:00 LT (19:00z) Cessna 172 SP EXM5211 Aeroporto di partenza: Firenze Peretola (LIRQ) Elevazione: Magvar: 142ft 2 Est Spazio aereo ATZ: D (Raggio 5nm, 2000ft AGL) Circuito di traffico: Transition Altitude: NIL 6000ft Disposizioni per aeromobili AG e VFR: In considerazione della limitata capacità aeroportuale, dei vincoli e delle limitazioni conseguenti alla disponibilità e configurazione delle piazzole di sosta aeromobili, sullo scalo gli aeromobili di Aviazione Generale sono soggetti al rilascio del PPR per l'atterraggio ed il decollo sull'aeroporto di Firenze. Non sono permesse operazioni di VFR speciale per l'atterraggio sulla 23 e decollo sulla pista 05. Il VFR notturno non è permesso, fatta eccezione per gli elicotteri.

2 Aeroporto di partenza: Firenze Peretola (LIRQ) Piste Firenze Peretola (LIRQ): Desig. QFU Width (m) TORA (m) TODA (m) ASDA (m) LDA (m) Frequenze di comunicazione ATS Firenze Peretola (LIRQ): Servizio Nominativo Frequenza (MHz) Orario Emergenza H24 App Firenze APP H24 App Firenze Radar Twr Firenze TWR H24 Twr Firenze TWR H24 ATIS Firenze Terminal Information H24 Radioassistenze Firenze Peretola (LIRQ): Tipo ID Freq Orario VDF (Homer) Firenze Gonio H24 DVOR/DME BOA MHz H24 VORTAC FRZ MHz H24 ILS 05 CAT I IFZ MHz H24 DME-P IFZ CH-40X H24 GP MHz H24 DVOR/DME PIS MHz H24 VOR/DME PRT MHz H24

3 Aeroporto di destinazione: Elevazione: Magvar: 17ft 1 Est Grosseto (LIRS) Spazio aereo ATZ: D (Raggio 5nm, 3000ft AMSL) Transition Altitude: Circuito di traffico: 5000ft Disposizioni per aeromobili AG e VFR: RWY 03 a DESTRA RWY 21 a SINISTRA Gli aeromobili CAT A possono operare in VFR/SVFR Gli aeromobili CAT B o sup. Sono limitati alle sole operazioni IFR quando le condizioni meteorologiche locali sono: visibilità 3km o più e ceiling di 1500ft o più. Piste Grosseto (LIRS): Desig. QFU Width (m) TORA (m) TODA (m) ASDA (m) LDA (m) Frequenze di comunicazione ATS Grosseto (LIRS): Servizio Nominativo Frequenza (MHz) Orario Emergenza H24 APP Grosseto APP / H24 APP Grosseto Radar / MON-THU FRI TWR Grosseto TWR / HJ +/- 30 Radioassistenze Grosseto (LIRS): Tipo ID Freq Orario VORTAC ELB MHz H24 VORTAC FRZ MHz H24 DVOR GRO MHz H24 TACAN GRO CH 35Y H24 L PIS khz H24

4 Aeroporto TGL e secondo alternato: Siena Ampugnano (LIQS) Elevazione: 634ft Magvar: 1 Est Spazio aereo ATZ: G (Raggio 3nm, 1500ft AGL) Circuito di traffico: NIL Transition Altitude: 5000ft Disposizioni per aeromobili AG e VFR: NIL Piste Siena Ampugnano (LIQS): Desig. QFU Width (m) TORA (m) TODA (m) ASDA (m) LDA (m) Frequenze di comunicazione ATS Siena Ampugnano (LIQS): Servizio Nominativo Frequenza (MHz) Orario Emergenza SS+30 APP Grosseto APP / H24 APP Grosseto Radar / MON-THU FRI AFIS Siena Aerodrome Info SS+30 Radioassistenze Siena Ampugnano (LIQS): Tipo ID Freq Orario VORTAC FRZ MHz H24 VOR/DME PRT MHz H24 VOR/DME SIE MHz H24

5 Aeroporto alternato : Pisa San Giusto (LIRP) Elevazione: Magvar: 6ft 1 Est Spazio aereo ATZ: D (Raggio 3nm, 2000ft AMSL) Circuito di traffico: Transition Altitude: Standard (Sinistro) 5000ft Disposizioni per aeromobili AG e VFR: Causa limitata disponibilità parcheggio Aviazione Generale, tutti gli aeromobili dell aviazione generale e i voli commerciali interessati,devono coordinare almeno 2 ore prima del volo con l operativo handling (tel fax ) per il PPR. Inserire relativo numero nella casella 18 del FPL. Traffico non soggetto: di base, stato, ambulanza, soccorso ed emergenza. Piste Pisa San Giusto (LIRP): Desig. QFU Width (m) TORA (m) TODA (m) ASDA (m) LDA (m) 04L R R L Frequenze di comunicazione ATS Pisa San Giusto (LIRP): Servizio Nominativo Frequenza (MHz) Orario Emergenza H24 APP Pisa APP / H24 APP Pisa Radar / H24 TWR Pisa GND MON-SAT TWR Pisa TWR / H24

6 Aeroporto alternato : Pisa San Giusto (LIRP) Radioassistenze Pisa San Giusto (LIRP): Tipo ID Freq Orario VORTAC ELB MHz H24 VORTAC FRZ MHz H24 ILS 04R CAT I IPI MHz H24 GP MHz H24 OM MHz H24 MM MHz H24 TACAN PIN CH 20X H24 DVOR/DME PIS MHz H24 L PIS 379 khz H24

7 Piano di volo: Peretola (LIRQ) per Grosseto (LIRS) TAS : 90 Kts WAYPOINT DISTANZA ROTTA ALTITUDINE STIMATO NOTE CERTOSA NM W SAN CASCIANO 5, BARBERINO VAL D'ELSA POGGIBONSI Rich. autoriz. CTR Grosseto CASOLE D'ELSA AMPUGNANO CASOLE D'ELSA MASSA MARITTIMA FOLLONICA PUNTA ALA CAST. DELLA PESCAIA LIRS TOTALE LIRP (ALTERNATO) TOTALE + ALTERNATO Il presente piano di volo è stato scelto in base al fatto che le rotte più brevi sono a discrezione dell'atc ma, carte alla mano, sono disposto anche a modificarlo in volo per l'arrivo su BRACCAGNI risparmiando tempo e carburante. Altitudine Il volo di esame si svolgerà tra gli aeroporti di Firenze Peretola e Grosseto, aspettandoci manovre sul campo di Siena Ampugnano. Sorvoleremo la val di Pesa, lambiremo la zona del Chianti fino a raggiungere Siena dove sono previste manovre sul campo. Terminate le manovre ci dirigeremo verso la costa tirrenica fino alla nostra destinazione: Manterremo quindi un'altitudine di 2500ft in modo da ammirare gli splendidi territori toscani rimanendo in sicurezza separati dagli ostacoli fino a Poggiorsini, dove manterremo rotte e altitudini standard. Le piste che sorvoleremo sono tutte a basse altitudini: Firenze (142ft), Siena (634ft), Grosseto (6ft). Zone ristrette Durante il nostro volo non sorvoleremo nessuna zona ristretta. Non sarà quindi necessario richiedere nessun Prior Permission Required, fatta eccezione per la richiesta ad operare sull'aeroporto di Firenze Peretola.

8 Spazi aerei interessati: Durante il nostro volo partiremo dallo spazio D di Firenze sotto il controllo di Firenze TWR e APP. Passeremo poi sotto il controllo di Grosseto APP rimanendo in spazio D fino all'atz di Siena, dove entreremo in spazio G. Terminate le operazioni su Siena ritorneremo in spazio D nuovamente con Grosseto APP. Ricordiamo quindi le regole per gli spazi interessati: SPAZIO G: Separazione: Non fornita Servizi: Flight Information Service Minime VMC sotto FL100 e sopra i 3000ft AMSL o 1000ft AGL (il più alto): Visibilità orizzontale: 5km o più Separazione dalle nuvole: Verticale 300m, orizzontale 1500mt Minime VMC sotto i 3000ft AMSL o 1000ft AGL (il più alto): Visibilità orizzontale: 5km o più Fuori dalle nubi In contatto visivo con il suolo. Contatto radio: Non richiesto. Autorizzazione ATC: Non richiesto. Spazio D: Separazione: Non fornita ai voli VFR. Servizi: Informaz. di traffico tra VFR e IFR, Traffic avoidance advice (a richiesta) Minime VMC sotto FL100 e sopra i 3000ft AMSL o 1000ft AGL (il più alto): Visibilità orizzontale: 5km o più Separazione dalle nuvole: Verticale 300m, orizzontale 1500mt Contatto radio: CONTINUO Autorizzazione ATC: RICHIESTA.

9 Descrizione del volo: Premessa: Il nostro volo simulerà la luce diurna, in quanto sull'aeroporto di Firenze Peretola è espressamente vietato il VFR negli orari notturni ad eccezione degli elicotteri. Richiederemo inoltre il Prior Permission Required ad ENAC in quanto i voli di Aviazione Generale sull'aeroporto di Firenze sono soggetti al rilascio del PPR. Ci collegheremo alle ore 21:00 lt nell'apron 300 allo stand 305 e consulteremo i METAR e i TAF degli aeroporti di FIRENZE, GROSSETO e SIENA per verificare che ci siano le minime VMC per lo svolgimento del volo e, se necessario, richiederemo l'autorizzazione al VFR speciale. Ci collegheremo sulla frequenza ATIS Firenze Terminal Information per conoscere le condizioni meteorologiche locali e la pista in uso per il decollo. Verificate le minime VMC contatteremo Firenze TWR sui o dove comunicheremo le nostre intenzioni richiedendo l'autorizzazione alla messa in moto. Eseguiremo quindi la checklist prevolo per verificare che non ci siano problemi all'aeromobile. Verificato che l'aeromobile sia in buone condizioni richiederemo a Firenze TWR l'autorizzazione a muovere verso il punto attesa G pista 05. A seconda della pista in uso ci comporteremo nei seguenti modi: Pista in uso 05 Pista in uso 23 Richiederemo l'autorizzazione all'allineamento e decollo. Richiederemo l'autorizzazione al backtrack pista 23. Raggiungeremo il punto attesa K informando il controllore che abbiamo liberato la pista. Raggiungeremo il punto attesa P pista 23. Richiederemo l'autorizzazione all'allineamento e decollo. Su Firenze non sono prestabiliti circuiti di traffico e, dato che dobbiamo andare a sud, eseguiremo le seguenti operazioni (se non diversamente istruiti): Pista in uso 05 Pista in uso 23 Circuito a DESTRA. Informeremo il controllore che stiamo eseguendo il braccio di sottovento destro pista 05. Richiederemo l'autorizzazione a lasciare il circuito verso CERTOSA. Vireremo a sinistra per uscire dal circuito. Circuito a SINISTRA Informeremo il controllore che stiamo eseguendo il braccio di sottovento sinistro pista 23. Richiederemo l'autorizzazione a lasciare il circuito verso CERTOSA. Vireremo a destra per uscire dal circuito.

10 Nel caso in cui il controllore ci indichi di effettuare circuiti differenti da quelli precedentemente indicati eseguiremo le seguenti operazioni: Pista in uso 05 Pista in uso 23 Circuito a SINISTRA Informeremo il controllore che stiamo eseguendo il braccio di sottovento sinistro pista 05. Richiederemo l'attraversamento della fondamentale della pista 05 Richiederemo l'autorizzazione a lasciare il circuito di traffico verso CERTOSA Circuito a DESTRA Informeremo il controllore che stiamo eseguendo il braccio di sottovento destro pista 23. Richiederemo l'attraversamento della fondamentale della pista 23 Richiederemo l'autorizzazione a lasciare il circuito di traffico verso CERTOSA. Lasciato il circuito di traffico raggiungendo CERTOSA salendo a 2500ft riporteremo la posizione e richiederemo l'autorizzazione al cambio di frequenza per poi contattare Firenze APP sui riportando nuovamente la posizione e lo stimato per BARBERINO. Raggiunto BARBERINO proseguiremo per POGGIBONSI salendo a 3500ft, dove richiederemo il cambio di frequenza per contattare Grosseto APP sui , riporteremo la posizione e lo stimato e richiederemo l'autorizzazione all'ingresso del CTR di Grosseto. A POGGIBONSI proseguiremo per CASOLE ed entreremo in una rotta VFR standard, ma essendo già a 3500ft non dovremo eseguire salite o discese. A CASOLE vireremo a sinistra in direzione Siena e, prima di raggiungere l'atz, richiederemo il cambio di frequenza su Siena Aerodrome Info sui e chiederemo le informazioni meteo locali e le informazioni di traffico. Quando avremo la pista in vista informeremo Siena Info che intendiamo entrare nel circuito di traffico per effettuare i touch and go landing. A seconda delle condizioni meteo locali su Siena eseguiremo le seguenti operazioni: Vento proveniente da Vento proveniente da Scenderemo a 1000ft AGL/1634ft AMSL. Entreremo nel braccio di sottovento sinistro pista 36 informando il controllore. Eseguiremo i touch and go rimanendo nel circuito sinistro. Al termine delle operazioni informeremo il controllore che stiamo lasciando l'atz. Informeremo il controllore che eseguiremo un cielo campo. Scenderemo a 1000ft AGL/1634ft AMSL. Entreremo nel braccio di sottovento sinistro pista 18 informando il controllore. Eseguiremo i touch and go rimanendo nel circuito sinistro. Al termine delle operazioni informeremo il controllore che attraverseremo il fondamentale della pista 18 e lasceremo l'atz. Tutte le precedenti operazioni andranno effettuate verificando le condizioni di traffico e MANTENENDO LA SEPARAZIONE DAGLI ALTRI EVENTUALI TRAFFICI.

11 Eseguite le operazioni sul campo di Siena ricontatteremo Grosseto APP sui / informandolo sulla nostra posizione e dandogli lo stimato del nostro prossimo punto di riporto: CASOLE. A CASOLE saliremo a 4000ft con direzione MASSA MARITTIMA. A MASSA MARITTIMA scenderemo nuovamente a 3500ft proseguendo per FOLLONICA. A FOLLONICA scenderemo a 2500ft con direzione PUNTA ALA e proseguiremo successivamente per CASTIGLIONE DELLA PESCAIA. Prima di raggiungere CASTIGLIONE richiederemo a Grosseto APP il cambio di frequenza su Grosseto TWR sui / e richiederemo l'autorizzazione all'ingresso dell'atz. Nel caso in cui ci siano ritardi all'autorizzazione per l'ingresso nell'atz ci metteremo in holding su CASTIGLIONE ed attenderemo. Ottenuta l'autorizzazione ad entrare nell'atz richiederemo l'autorizzazione ad entrare nel circuito di traffico, che nel caso di Grosseto, è stabilito a nord-ovest del campo, quindi a seconda della pista in uso ci comporteremo nel seguente modo: Pista in uso 03 Circuito a DESTRA Entreremo nel braccio di sottovento destro pista 03. Informeremo il controllore della posizione e dell'intenzione di atterrare con arresto completo. Ottenuta l'autorizzazione vireremo a destra per i bracci di base e finale. Pista in uso 21 Circuito a SINISTRA Entreremo nel braccio di sottovento destro pista 21. Informeremo il controllore della posizione e dell'intenzione di atterrare con arresto completo. Ottenuta l'autorizzazione vireremo a sinistra per i bracci di base e finale.

12 Carburante: Il volo durerà 69 minuti più il tempo eventuale per l'alternato più lontano di 63 minuti, 1 ora di contingency e 20 minuti per le operazioni su Siena. Il tempo totale massimo sarà quindi di 152 minuti, comprendenti le risalite di 16 minuti a 500ft/min fino a 4000ft e le operazioni sul campo di Siena. Le salite verranno effettuate a 2600rpm con un consumo stimato di 10.5 galloni/ora. La crociera verrà effettuata a 2100rpm con un consumo stimato di 6.6 galloni/ora. Le operazioni su Siena verranno effettuate a regime variabile con un consumo stimato di 8 galloni/ora. Il carburante necessario alle salite è stimato in 10.5gal/h * 16minuti / 60 = 2.8gal Il carburante necessario alla crociera comprendendo l'alternato è stimato in 6.6gal/h * ( )minuti / 60 = 12.8gal Il carburante necessario per le operazioni su Siena sono stimate in 8gal/h * 20minuti / 60 = 2.7gal Il tempo massimo di taxi è stimato in 15 minuti (possibile backtrack) con un consumo massimo di 1.7gal Il carburante necessario totale è quindi la somma dei precedenti aggiungendo un 20% in caso di vento contrario e per maggiore sicurezza: Il peso del carburante sarà quindi di 66.5 Kg Pesi e centraggio: TIPO Peso a vuoto Olio (8qts) Carburante Pilota e passeggero ant Bagaglio 0 0 TOTALE ( )gal * 120% = 24gal PESO (Kg) MOMENTO (m*kg) Con questa configurazione ci troveremo in categoria UTILITY, il che ci consentirà di eseguire manovre senza preoccuparci troppo delle sollecitazioni sopportate dall'aeromobile. Controllando il POH, arrotondando a 1000 Kg il peso al decollo, temperatura di 30 C, l'altitudine delle piste, la corsa di decollo è stimata in 180 metri, ed il passaggio a 50 piedi è stimato in 302 metri, quindi, anche nella peggiore delle ipotesi (se trovassimo temperature superiori a 30 C), le piste interessate sono pienamente compatibili con la configurazione del nostro aeromobile.

13 Piano di volo IVAO:

Training su LIRP. - Conoscenza almeno delle basi del volo IFR, intercettazioni radiali VOR, Holding

Training su LIRP. - Conoscenza almeno delle basi del volo IFR, intercettazioni radiali VOR, Holding Training su LIRP Col presente documento si vuol cercare di aiutare i piloti virtuali alle prime armi che si cimentano a volare Online su IVAO ad effettuare correttamente procedure IFR pubblicate, holding,

Dettagli

PIANIFICAZIONE VFR STEP BY STEP

PIANIFICAZIONE VFR STEP BY STEP IBN EDITORE prof. Francesco Iaccarino 1 PIANIFICAZIONE VFR STEP BY STEP Stabilire l aeroporto di partenza e di arrivo. Individuare le frequenze di comunicazione e di navigazione (DME, ADF, VOR, ILS). Effettuare

Dettagli

TRAFFICO AEREO AUTORIZZAZIONI

TRAFFICO AEREO AUTORIZZAZIONI TRAFFICO AEREO AUTORIZZAZIONI 1 1 AUTORIZZAZIONI DEL CONTROLLO DEL TRAFFICO AEREO... 3 1.1 Autorizzazioni a volare provvedendo alla propria separazione in condizioni meteorologiche a vista... 6 1.2 Informazioni

Dettagli

ATC nell area di Milano. Voghera 26 Gennaio 2014

ATC nell area di Milano. Voghera 26 Gennaio 2014 ATC nell area di Milano Voghera 26 Gennaio 2014 AIP Italia Struttura AIP Italia: È composta da 3 parti ognuna delle quali a sua volta è suddivisa in paragrafi che scendono nei particolari degli argomenti

Dettagli

REGOLAMENTO REGOLE DELL ARIA ITALIA

REGOLAMENTO REGOLE DELL ARIA ITALIA REGOLAMENTO REGOLE DELL ARIA ITALIA Edizione 2 del 25 marzo 2015 Regole dell Aria Italia Ed. 2 pag. 2 di 22 STATO DI AGGIORNAMENTO Emendamento Data Delibera N Edizione 1 18/11/2014 Delibera 51/2014 Emendamento

Dettagli

REGOLAMENTO OPERATIVO AVIOSUPERFICIE E. MATTEI PISTICCI (MT)

REGOLAMENTO OPERATIVO AVIOSUPERFICIE E. MATTEI PISTICCI (MT) REGOLAMENTO OPERATIVO AVIOSUPERFICIE E. MATTEI PISTICCI (MT) 1 PREFAZIONE Il presente Regolamento Operativo costituisce una piccola raccolta di disposizioni,norme e criteri operativi che devono essere

Dettagli

SERVIZIO SPAZIO AEREO CERVIA

SERVIZIO SPAZIO AEREO CERVIA SERVIZIO SPAZIO AEREO C CAPO Sezione Add.to & Stand.ne UFF.LE SV/ATM CAP AAras CSA-TA Angelo STICCO 15 STORMO C/SAR 415 Gr.STO Servizio CSA STRUTTURA C ARO TWR GCA 1 PUNTI di CONTATTO CAPO SERVIZIO C.S.A.

Dettagli

Copyright 2007 by Roberto Salaris Millenium Air Virtual IVAO Italia LIRR-FIR. FIR di Roma

Copyright 2007 by Roberto Salaris Millenium Air Virtual IVAO Italia LIRR-FIR. FIR di Roma Copyright 07 by Roberto Salaris Millenium Air Virtual IVAO Italia LIRR-FIR FIR di Roma Alghero Fertilia (LIEA) Procedure operative: Unità APP Alghero avvicinamento: Compiti operativi. Alghero avvicinamento

Dettagli

Letter Of Agreement. IVAO Italia - LoA Interna 2012. Treviso APP - Padova ACC. Marco Milesi - LIPP-ACH. Massimo Soffientini. Simone Amerini - IT-AOAC

Letter Of Agreement. IVAO Italia - LoA Interna 2012. Treviso APP - Padova ACC. Marco Milesi - LIPP-ACH. Massimo Soffientini. Simone Amerini - IT-AOAC Letter Of Agreement Treviso APP - Padova ACC Aprile 2012 Marco Milesi - LIPP-CH Massimo Soffientini - LIPP-ACH Simone Amerini - IT-AOAC INDICE: 1. Generalità 1.1 - Scopo 2. Area di responsabilità e delega

Dettagli

25 TROFEO CITTA DI LUGO

25 TROFEO CITTA DI LUGO 25 TROFEO CITTA DI LUGO Aeroporto Lugo di Romagna (LIDG) 08-09-10-11 Luglio 2010 Gara di acrobazia aerea Per i giudici di gara Per i partecipanti 1 NORME PER LE OPERAZIONI DI VOLO 2 PARTE PRIMA NORME PER

Dettagli

PRE-ESAME PPL HELI 30 FLIGHT PERFORMANCE AND PLANNING

PRE-ESAME PPL HELI 30 FLIGHT PERFORMANCE AND PLANNING PRE-ESAME PPL HELI 30 FLIGHT PERFORMANCE AND PLANNING 1. Dove si trova il centro di gravità longitudinale dell elicottero? Per la soluzione utilizzare il formulario annesso. R22 Beta I, S/N 2120, massa

Dettagli

INCONVENIENTE GRAVE aa/mm C172/PA-28, marche D-ECBF/D-EZEN

INCONVENIENTE GRAVE aa/mm C172/PA-28, marche D-ECBF/D-EZEN INCONVENIENTE GRAVE aa/mm C172/PA-28, marche D-ECBF/D-EZEN Tipi di aeromobile e marche Data e ora Località dell evento Descrizione dell evento Esercente dell aeromobile Natura del volo Persone a bordo

Dettagli

RAIT.4003 Deroga al preavviso per la presentazione dei piani di volo per operazioni speciali

RAIT.4003 Deroga al preavviso per la presentazione dei piani di volo per operazioni speciali RAIT.4003 Deroga al preavviso per la presentazione dei piani di volo per operazioni speciali a) Il piano di volo può essere presentato senza preavviso per le seguenti categorie di voli: 1) antincendio;

Dettagli

Aeroporto di Lugo. Modifiche alle regole dell aria

Aeroporto di Lugo. Modifiche alle regole dell aria Aeroporto di Lugo Modifiche alle regole dell aria Documenti fonte REGOLAMENTO DI ESECUZIONE (UE) N. 923/2012 DELLA COMMISSIONE del 26 settembre 2012 + determinazioni ENAC ad esito GDL SERA ENAV-ENAC-AM

Dettagli

Flight Utilities http://www.flightutilities.com. Le Holding Anche in cielo abbiamo i semafori by Umberto Degli Esposti

Flight Utilities http://www.flightutilities.com. Le Holding Anche in cielo abbiamo i semafori by Umberto Degli Esposti Flight Utilities http://www.flightutilities.com Le Holding Anche in cielo abbiamo i semafori by Umberto Degli Esposti 1 Similmente alla necessità di installare semafori nelle aree di maggior traffico automobilistico,

Dettagli

EASY FSX ITALIA CARTE NAUTICHE NOZIONI GENERALI

EASY FSX ITALIA CARTE NAUTICHE NOZIONI GENERALI EASY FSX ITALIA CARTE NAUTICHE NOZIONI GENERALI 1. LE CARTE AEROPORTUALI. le carte aeroportuali individuano le aeree e gli spazi entro i quali i velivoli di varie categorie possono manovrare, decollare

Dettagli

748.121.11 Ordinanza del DATEC concernente le norme di circolazione per aeromobili

748.121.11 Ordinanza del DATEC concernente le norme di circolazione per aeromobili 748.121.11 Ordinanza del DATEC concernente le norme di circolazione per aeromobili (ONCA) del 20 maggio 2015 (Stato 15 luglio 2015) Il Dipartimento federale dell ambiente, dei trasporti, dell energia e

Dettagli

LIBP Pescara Virtual vloa ACC Brindisi Pescara APP

LIBP Pescara Virtual vloa ACC Brindisi Pescara APP LETTERA DI ACCORDO virtuale Tra ACC Brindisi e Pescara APP Lo scopo della seguente lettera di accordo è quello di stabilire le procedure operative che devono essere applicate tra Brindisi e Pescara nella

Dettagli

LA PISTA. A < 91 B 91 / 120 C 121 / 140 D 141 / 165 E 166 / 210 (un nodo, abbreviato con il termine kt, equivale a 1,852 Km/h).

LA PISTA. A < 91 B 91 / 120 C 121 / 140 D 141 / 165 E 166 / 210 (un nodo, abbreviato con il termine kt, equivale a 1,852 Km/h). LA PISTA Un pilota, nel pianificare il suo volo, deve scegliere un aerodromo di destinazione con caratteristiche fisiche che soddisfino le esigenze del suo aeromobile. E abbastanza facile intuire che un

Dettagli

Traino Aliante Manuale Operativo I-RF-083. Ed. 2 - Rev. 0 01.01.2012. Traino Aliante. Manuale Operativo

Traino Aliante Manuale Operativo I-RF-083. Ed. 2 - Rev. 0 01.01.2012. Traino Aliante. Manuale Operativo I-RF-083 Traino Aliante Page 2 di 16 INTENTIONALLY BLANK Page 3 di 16 Sommario 1 Parte generale... 4 1.1 Tipi di traino... 4 1.2 Aeromobili trainatori... 4 1.3 Piloti trainatori... 4 1.4 Condizioni minime

Dettagli

PROCEDURE PER ARRIVI E PARTENZE DEI VISITATORI/PILOTI PARTECIPANTI AL SALONE DEL VOLO DI PADOVA

PROCEDURE PER ARRIVI E PARTENZE DEI VISITATORI/PILOTI PARTECIPANTI AL SALONE DEL VOLO DI PADOVA PROCEDURE PER ARRIVI E PARTENZE DEI VISITATORI/PILOTI PARTECIPANTI AL SALONE DEL VOLO DI PADOVA L organizzazione tiene in altissima considerazione la Sicurezza del Volo e per questo, con il supporto e

Dettagli

TURIN FLYING INSTITUTE. Il piano di volo. Navigazione Aerea. Carlo Molino

TURIN FLYING INSTITUTE. Il piano di volo. Navigazione Aerea. Carlo Molino TURIN FLYING INSTITUTE Il piano di volo Navigazione Aerea Carlo Molino 1.1 Il piano di volo: Il piano di volo è un modulo compilato dai piloti e spedito all autorità dell aviazione nazionale (in Italia

Dettagli

INCONVENIENTE GRAVE aeromobile B737, volo THY 1874

INCONVENIENTE GRAVE aeromobile B737, volo THY 1874 INCONVENIENTE GRAVE aeromobile B737, volo THY 1874 Tipo dell aeromobile e volo Boeing 737-800, volo THY 1874. Data e ora Località dell evento Descrizione dell evento Esercente dell aeromobile Natura del

Dettagli

Questionario di esame per L'ATTESTATO DI VOLO DA DIP. O SPORT.

Questionario di esame per L'ATTESTATO DI VOLO DA DIP. O SPORT. Questionario di esame per L'ATTESTATO DI VOLO DA DIP. O SPORT. Parte 8 - ELEMENTI DI LEGISLAZIONE AERONAUTICA 1 È consentito pilotare un apparecchio VDS facendo uso, da parte del pilota, di medicinali,

Dettagli

La lettura delle SID

La lettura delle SID La lettura delle SID In questo tutorial proviamo a introdurre alla lettura delle SID semplificando la trattazione a quanto necessario per un utilizzo pratico nel mondo della simulazione di volo. Come prima

Dettagli

AERO CLUB F. BARACCA LUGO DI ROMAGNA SCUOLA DI ACROBAZIA

AERO CLUB F. BARACCA LUGO DI ROMAGNA SCUOLA DI ACROBAZIA Il presente regolamento è stato redatto per dare a tutti la possibilità di uniformarsi alle procedure che permettono il volo acrobatico in sicurezza. Tutti i piloti sono tenuti a seguire, divulgare e meditare

Dettagli

Holding Pattern, Virate di Procedura, Archi di DME

Holding Pattern, Virate di Procedura, Archi di DME Holding Pattern, Virate di Procedura, Archi di DME In questo documento verranno affrontate tre manovre molto ricorrenti nell ambito del volo IFR, le holding, le virate di procedura e gli archi di DME,

Dettagli

IL CONTROLLO DI AVVICINAMENTO

IL CONTROLLO DI AVVICINAMENTO ITALIAN AIR TRAFFIC CONTROLLERS ASSOCIATION MEMBER OF IFATCA INTERNATIONAL FEDERATION OF AIR TRAFFIC CONTROLLERS ASSOCIATIONS IL CONTROLLO DI AVVICINAMENTO Introduzione Rifacciamoci a quanto detto a proposito

Dettagli

ALTIMETRIA E REGOLAGGIO ALTIMETRICO

ALTIMETRIA E REGOLAGGIO ALTIMETRICO ALTIMETRIA E REGOLAGGIO ALTIMETRICO 1. Introduzione Quota e livello sono termini generici riferiti alla posizione verticale di un aereo in volo che indicano, a seconda dei casi, un altezza, un altitudine

Dettagli

Il controllo del traffico Aereo

Il controllo del traffico Aereo Il controllo del traffico Aereo Dispensa a cura di Giulio Di Pinto (MED107) Rev. 03 - Mar/11 1 Il controllo del traffico aereo (ATC - Air Traffic Control) è quell'insieme di regole ed organismi che contribuiscono

Dettagli

Studio proposta modifica zona 1 CTR ATZ PALERMO ( LICJ)

Studio proposta modifica zona 1 CTR ATZ PALERMO ( LICJ) ITALIAN AIR TRAFFIC CONTROLLERS ASSOCIATION MEMBER OF IFATCA INTERNATIONAL FEDERATION OF AIR TRAFFIC CONTROLLERS ASSOCIATIONS SEZIONE DI PALERMO Studio proposta modifica zona 1 CTR ATZ PALERMO ( LICJ)

Dettagli

Regolamento per la conduzione di voli di notte con velivoli secondo le regole del volo a vista (VFR/N) nello spazio aereo italiano

Regolamento per la conduzione di voli di notte con velivoli secondo le regole del volo a vista (VFR/N) nello spazio aereo italiano Regolamento per la conduzione di voli di notte con velivoli secondo le regole del volo a vista (VFR/N) nello spazio aereo italiano Edizione 4 approvata con delibera CdA n 38/06 del 19/06/2006 Elenco delle

Dettagli

EASY FSX ITALIA DISCESA VOLO IFR - IVAO BOEING 737 800 NG (DEFAULT)

EASY FSX ITALIA DISCESA VOLO IFR - IVAO BOEING 737 800 NG (DEFAULT) EASY FSX ITALIA DISCESA VOLO IFR - IVAO BOEING 737 800 NG (DEFAULT) A. CONTATTO RADIO SU UNICOM A circa 130NM/100NM di distanza dall aeroporto di destinazione dovremmo iniziare la nostra discesa (dipende

Dettagli

EASY FSX ITALIA AVVICINAMENTO VOLO IFR - IVAO BOEING 737 800 NG (DEFAULT)

EASY FSX ITALIA AVVICINAMENTO VOLO IFR - IVAO BOEING 737 800 NG (DEFAULT) EASY FSX ITALIA AVVICINAMENTO VOLO IFR - IVAO BOEING 737 800 NG (DEFAULT) A. DURANTE LA DISCESA A circa 70-80NM il controllo di centro potrebbe farci cambiare frequenza sull avvicinamento, se on-line.

Dettagli

Aero Club Parma gara ae.c.pr 2015 pag 1

Aero Club Parma gara ae.c.pr 2015 pag 1 Aero Club Parma gara ae.c.pr 2015 pag 1 GARA AEREA TERRE VERDIANE 2015 REGOLAMENTO PARTICOLARE b1 1. L'Aeroclub 'Gaspare Bolla' di PARMA con sede in Via Adriano Mantelli 19A, 43126 Parma organizza sull

Dettagli

Procedure base per il volo con l MB339 OVT

Procedure base per il volo con l MB339 OVT Procedure base per il volo con l MB339 OVT Introduzione Le procedure qui descritte si applicano all Aermacchi MB339 OVT con Patch installata. E consigliato lo studio preliminare del manuale dell MB339

Dettagli

ENAV ARO/MET Tel +39 091 7043004; +39 091 591407 Fax +39 091 6519093 6 Tipo di traffico consentito (IFR/VFR) IFR/VFR 7 Note NIL

ENAV ARO/MET Tel +39 091 7043004; +39 091 591407 Fax +39 091 6519093 6 Tipo di traffico consentito (IFR/VFR) IFR/VFR 7 Note NIL AIP Italia AGA 2-33.1 1 LICJ Palermo/Punta Raisi Indicatore di località Nome dell aeroporto 2 DATI AMMINISTRATIVI E GEOGRAFICI DELL AEROPORTO 1 Coordinate ARP WGS84: 38 10 55 N 013 05 58 E 2 Direzione

Dettagli

SCUOLA DI VOLO Treviso F.T.O. I-045. Associazione Sportiva Dilettantistica

SCUOLA DI VOLO Treviso F.T.O. I-045. Associazione Sportiva Dilettantistica SCUOLA DI VOLO Treviso F.T.O. I-045 Associazione Sportiva Dilettantistica QUESTIONARIO Per il conseguimento della Licenza di Volo PPL(A) Pag. 1 Pag. 2 I N D I C E 1 - Regolamentazione Aeronautica 2 - Nozioni

Dettagli

INTRODUZIONE INTRODUZIONE

INTRODUZIONE INTRODUZIONE Navigazione La Pianificazione del Volo La preparazione del piano di volo. Utilizzo delle procedure standard per la partenza e l avvicinamento. INTRODUZIONE Con il presente inserto, intendiamo introdurre

Dettagli

SERVIZIO DI CONTROLLO DI AVVICINAMENTO

SERVIZIO DI CONTROLLO DI AVVICINAMENTO Capitolo 18 SERVIZIO DI CONTROLLO DI AVVICINAMENTO Elab. D. Colella INDICE Prefazione e Generalità 1. Generalitá 1.1 Responsabilità per la fornitura del Servizio di controllo di avvicinamento 2. DIVISIONE

Dettagli

TRAFFICO AEREO MODULO 3 STRIP MARKING

TRAFFICO AEREO MODULO 3 STRIP MARKING TRAFFICO AEREO MODULO 3 STRIP MARKING 1 1 Strip Marking... 3 1.1 Introduzione... 3 1.2 Compilazione strisce progresso volo... 3 1.3 Metodo Di Compilazione Strip Marking... 3 1.4 Modelli Di Strisce Progresso

Dettagli

Antonio Golfari GLI SPAZI AEREI

Antonio Golfari GLI SPAZI AEREI Antonio Golfari GLI SPAZI AEREI Febbraio, 2006 PARTE 1: GLI SPAZI AEREI In questa sezione cercheremo di spiegare come è strutturato il cielo per chi lo percorre a bordo di un aeromobile. Non può e non

Dettagli

FPL - Novità introdotte AIRAC 11/2014

FPL - Novità introdotte AIRAC 11/2014 FPL - Novità introdotte AIRAC 11/2014 enav.it Web conference 02/12/2014 Documenti fonte REGOLAMENTO DI ESECUZIONE (UE) N. 923/2012 DELLA COMMISSIONE del 26 settembre 2012 + determinazioni ENAC ad esito

Dettagli

Italy Division. Regole del volo a vista

Italy Division. Regole del volo a vista Italy Division Regole del volo a vista Premessa Le regole del Volo a Vista, o Visual Flight Rules (VFR), sono l'insieme delle regole necessarie e sufficienti per condurre in sicurezza un volo separandosi

Dettagli

Letter Of Agreement. IVAO Italia - LoA Interna Romagna APP - Padova ACC. Marco Milesi - LIPP-ACH. Massimo Soffientini. Simone Amerini - IT-AOAC

Letter Of Agreement. IVAO Italia - LoA Interna Romagna APP - Padova ACC. Marco Milesi - LIPP-ACH. Massimo Soffientini. Simone Amerini - IT-AOAC Letter Of Agreement Romagna APP - Padova ACC Aprile 2012 Marco Milesi - LIPP-CH Massimo Soffientini - LIPP-ACH Simone Amerini - IT-AOAC INDICE: 1. Generalità 1.1 - Scopo 2. Area di responsabilità e delega

Dettagli

Esempio di procedura di comunicazione da messa in moto fino ad arresto totale

Esempio di procedura di comunicazione da messa in moto fino ad arresto totale Esempio di procedura di comunicazione da messa in moto fino ad arresto totale Enti in causa delle comunicazioni radio Pilota = Pil1.(..Pil2.Pil3.) Torre = ATC Avvicinamento (Approch) / Radar = Avv. AWACS

Dettagli

AEROPORTO FIRENZE PERETOLA NOTA TECNICA IPOTESI POSIZIONAMENTO NUOVA PISTA PISTA 09/27 PISTA 12/30

AEROPORTO FIRENZE PERETOLA NOTA TECNICA IPOTESI POSIZIONAMENTO NUOVA PISTA PISTA 09/27 PISTA 12/30 AEROPORTO FIRENZE PERETOLA NOTA TECNICA IPOTESI POSIZIONAMENTO NUOVA PISTA PISTA 09/27 PISTA 12/30 AEROPORTO DI FIRENZE PERETOLA NOTA TECNICA Pista 09/27 Pag. 2 Sommario LAYOUT AEROPORTUALE e SUPERFICI

Dettagli

ANS Training Compendio ATC

ANS Training Compendio ATC 1. INTRODUZIONE Storicamente, la necessità di istituire un ente dei Servizi di Traffico aereo al suolo, nacque con l esigenza di: assicurare un servizio sicuro e regolare che informasse i piloti circa

Dettagli

PIANIFICAZIONE IFR. IBN EDITORE www.ibneditore.it IBN EDITORE. prof. Francesco Iaccarino 1. iaccarinofr@gmail.com

PIANIFICAZIONE IFR. IBN EDITORE www.ibneditore.it IBN EDITORE. prof. Francesco Iaccarino 1. iaccarinofr@gmail.com Ottimizzato per Microsoft PowerPoint 2010 versione del 01 12/10/2013 PIANIFICAZIONE IFR IBN EDITORE www.ibneditore.it prof. Francesco Iaccarino iaccarinofr@gmail.com www.itismarconipadova.it Per eventuali

Dettagli

Comunicazioni aeronautiche

Comunicazioni aeronautiche Comunicazioni aeronautiche Uso della radio Propagazione in linea ottica Uso dello squelch per ascoltare transmissione debole. Parlare nel microfono Premere il pulsante PTT (Push To Talk) poi aspettare

Dettagli

Un po di Storia: l Idroscalo di Orbetello A Brunetta

Un po di Storia: l Idroscalo di Orbetello A Brunetta Un po di Storia: l Idroscalo di Orbetello A Brunetta L idroscalo di Orbetello era una base aerea per gli idrovolanti dalla Regia Marina che operavano del medio Tirreno. Negli anni trenta la sua fama aumentò

Dettagli

Questionario di esame per L'ATTESTATO DI VOLO DA DIP. O SPORT. ELICOTTERO Ref. 41-827-492

Questionario di esame per L'ATTESTATO DI VOLO DA DIP. O SPORT. ELICOTTERO Ref. 41-827-492 Questionario di esame per L'ATTESTATO DI VOLO DA DIP. O SPORT. ELICOTTERO Ref. 41-827-492 Parte 1 - AERODINAMICA Parte 2 - METEOROLOGIA Parte 3 - TECNOLOGIA E PRESTAZIONI DEGLI APPARECCHI VDS Parte 4 -

Dettagli

EASY FSX ITALIA START UP & PUSH BACK VOLO IFR - IVAO BOEING 737 800 NG (DEFAULT)

EASY FSX ITALIA START UP & PUSH BACK VOLO IFR - IVAO BOEING 737 800 NG (DEFAULT) EASY FSX ITALIA START UP & PUSH BACK VOLO IFR - IVAO BOEING 737 800 NG (DEFAULT) A. PRE-START (VERIFICA DEI COMANDI). 1. Freni di Parcheggio: Attivati; 2. Manette: Impostate al minimo (IDLE); 3. Interruttore

Dettagli

ILS APPROACH CHARTS INTRODUZIONE AVVICINAMENTI STRUMENTALI

ILS APPROACH CHARTS INTRODUZIONE AVVICINAMENTI STRUMENTALI ILS APPROACH CHARTS In questo documento cercheremo di spiegare come deve essere interpretata una carta di avvicinamento strumentale ILS, aggiungendo anche qualche elemento per le procedure non precision

Dettagli

Ordinanza del DATEC concernente le norme di circolazione per aeromobili

Ordinanza del DATEC concernente le norme di circolazione per aeromobili Ordinanza del DATEC concernente le norme di circolazione per aeromobili (ONCA) 1 del 4 maggio 1981 (Stato 1 aprile 2011) Il Dipartimento federale dell ambiente, dei trasporti, dell energia e delle comunicazioni

Dettagli

SICUREZZA VOLO. TOP GUN FLY SCHOOL 18 Set. 2014. Ing. Stefano Cavaliere

SICUREZZA VOLO. TOP GUN FLY SCHOOL 18 Set. 2014. Ing. Stefano Cavaliere SICUREZZA VOLO TOP GUN FLY SCHOOL 18 Set. 2014 Ing. Stefano Cavaliere 50 STORMO PIACENZA SERVIZIO CONTROLLO SPAZIO AEREO Magg. CSA-TA Leonardo PIERALISI ARGOMENTI FONTI NORMATIVE; SPAZI AEREI D E G ; PIACENZA

Dettagli

Ordinanza concernente le norme di circolazione per aeromobili

Ordinanza concernente le norme di circolazione per aeromobili Ordinanza concernente le norme di circolazione per aeromobili (ONCA) Modifica del 25 ottobre 2006 Il Dipartimento federale dell ambiente, dei trasporti, dell energia e delle comunicazioni, ordina: I L

Dettagli

FlyWise contiene al suo interno il più completo database di aereoporti, campi di volo, aviosuperfici, punti di riporto, radioaiuti e spazi aerei.

FlyWise contiene al suo interno il più completo database di aereoporti, campi di volo, aviosuperfici, punti di riporto, radioaiuti e spazi aerei. FlyWise Navigare con saggezza. FlyWise è un sistema di navigazione completo dedicato ai piloti, che vi aiuta in ogni aspetto della vostra navigazione. Un sistema pensato per rispondere velocemente alle

Dettagli

VOLANDO IL TERRITORIO

VOLANDO IL TERRITORIO VOLANDO IL TERRITORIO I droni nella professione del Geometra e del Perito Agrario Acquisiamo le competenze e le abilità per utilizzare i droni. Brevetto da Pilota per l attività professionale PROGRAMMA

Dettagli

IMPARIAMO A LEGGERE LE CARTE AERONAUTICHE

IMPARIAMO A LEGGERE LE CARTE AERONAUTICHE IMPARIAMO A LEGGERE LE CARTE AERONAUTICHE BREVE GUIDA PER PILOTI DI PARAPENDIO E DELTAPLANO redatta con il supporto dell amico, socio e pilota Daniele Baranzini Pagina 1 La presente dispensa si pone come

Dettagli

Emergenze e Contingency

Emergenze e Contingency Capitolo 23 Emergenze e Contingency Elab. F. Mancinelli CAPITOLO 23 PROCEDURE DI EMERGENZA 1.1 GENERALITÀ Il termine emergenza evoca l idea di un evento disastroso, e può far pensare alla probabilità che

Dettagli

I servizi del traffico aereo

I servizi del traffico aereo TURIN FLYING INSTITUTE I servizi del traffico aereo Circolazione aerea Carlo Molino A.S 2007/08 1.1 Il servizio del traffico aereo Gli stati membri dell ICAO sono tenuti ad indicare,in accordo con quanto

Dettagli

Questionario di esame per L'ATTESTATO DI VOLO DA DIP. O SPORT.

Questionario di esame per L'ATTESTATO DI VOLO DA DIP. O SPORT. Questionario di esame per L'ATTESTATO DI VOLO DA DIP. O SPORT. Parte 5 - OPERAZIONI ED ATTERRAGGI DI EMERGENZA 1 Se una situazione d emergenza richiede un atterraggio con vento in coda, il pilota deve

Dettagli

corso di Terminali per i Trasporti e la Logistica parte 2/2 Umberto Crisalli crisalli@ing.uniroma2.it

corso di Terminali per i Trasporti e la Logistica parte 2/2 Umberto Crisalli crisalli@ing.uniroma2.it corso di Terminali per i Trasporti e la Logistica GLI AEROPORTI parte 2/2 Umberto Crisalli crisalli@ing.uniroma2.it Airside: classificazione degli aeroporti Gli aeroporti sono classificati in diversi modi.

Dettagli

INCONVENIENTE GRAVE aeromobile Socata TB 9, marche I-IAEP

INCONVENIENTE GRAVE aeromobile Socata TB 9, marche I-IAEP INCONVENIENTE GRAVE aeromobile Socata TB 9, marche I-IAEP Tipo dell aeromobile e marche Data e ora Località dell evento Descrizione dell evento Esercente dell aeromobile Natura del volo Persone a bordo

Dettagli

Scuola di volo Vittoria Alata Pag. 1

Scuola di volo Vittoria Alata Pag. 1 Scuola di volo Vittoria Alata Pag. 1 La navigazione aerea è il procedimento tramite il quale si è in grado di determinare la propria posizione e di dirigere opportunamente l'aeromobile per spostarsi da

Dettagli

Cagliari Approach (118.75 MHz) CIT 124

Cagliari Approach (118.75 MHz) CIT 124 Cagliari Approach (118.75 MHz) CIT 124 04:37:57 CIT Approach good morning, Charlie India Tango one two four, we are descending to flight level niner zero (Avvicinamento buongiorno, CIT 124, stiamo scendendo

Dettagli

Commissione Tecnica. QUESITO TECNICO Sezione di Cuneo Levaldigi. Piani di volo per attività HEMS

Commissione Tecnica. QUESITO TECNICO Sezione di Cuneo Levaldigi. Piani di volo per attività HEMS Associazione Nazionale Assistenti e Controllori della Navigazione Aerea Commissione Tecnica QUESITO TECNICO Sezione di Cuneo Levaldigi Piani di volo per attività HEMS Commissione Tecnica ANACNA Pag. 1

Dettagli

ESERCITAZIONE CON SIMULATORE DI VOLO Attraverso un volo simulato con decollo dall aeroporto di Rimini (LIPR) ed atterraggio all aeroporto di Bologna

ESERCITAZIONE CON SIMULATORE DI VOLO Attraverso un volo simulato con decollo dall aeroporto di Rimini (LIPR) ed atterraggio all aeroporto di Bologna ESERCITAZIONE CON SIMULATORE DI VOLO Attraverso un volo simulato con decollo dall aeroporto di Rimini (LIPR) ed atterraggio all aeroporto di Bologna (LIPE) su un aereo da addestramento Cessna C172SP Skyhawk,

Dettagli

REGOLAMENTO. Stato di aggiornamento Edizione/Emendamento Data N pagine 1 01 maggio 2014 18

REGOLAMENTO. Stato di aggiornamento Edizione/Emendamento Data N pagine 1 01 maggio 2014 18 AVIOSUPERFICIE DEL SOLE-SABATO CERULLO VIA MAR IONIO SNC-PONTECAGNANO FAIANO(SALERNO) Tel.333 8990715 Tel/fax 089 2025271 Codice Fiscale CRLGNN55L03D527Z Partita IVA 05102660650 REGOLAMENTO Il presente

Dettagli

Sicurezza del Volo. Analisi di un incidente

Sicurezza del Volo. Analisi di un incidente Sicurezza del Volo Aeroclub dello Stretto Scuola di volo Magis fatigo ut doleas DO NOT MISS DO NOT FORGET DO NOT MISS DO NOT FORGET DO NOT MISS Briefing del 11 maggio 2013 ore 18.00LMT Speaker: C.Ti: Ezio

Dettagli

REGOLAMENTO della AVIOSUPERFICIE DI OLIVOLA

REGOLAMENTO della AVIOSUPERFICIE DI OLIVOLA Aviosuperficie OLIVOLA Gestore Anna ACCETTO AERO CLUB BENEVENTO Gen. Nicola COLLARILE REGOLAMENTO della AVIOSUPERFICIE DI OLIVOLA 1 COPIA N. Pubblicazione edita per gli utenti solo in formato digitale

Dettagli

ITALY DIVISION. Lettera di Accordo Virtuale. ACC Milano Firenze APP

ITALY DIVISION. Lettera di Accordo Virtuale. ACC Milano Firenze APP ITALY DIVISION Lettera di Accordo Virtuale ACC Milano Firenze APP Decorrenza: 1 maggio 2017 1. SCOPO ATC Operations vloa ACC Milano Firenze APP rev. 1703 La presente Lettera di Accordo virtuale (vloa)

Dettagli

Efficiency Race 2015 Pavullo nel Frignano

Efficiency Race 2015 Pavullo nel Frignano A. S. D. dei CLUB ITALIANI CO STRUTTORI DI AEROMOBILI AMATORIALI E STO RICI g i à A ss o c ia z i o n e Italiana Costruttori di A e r e i D i p l o m e d H o n n e u r FA I 19 9 3, 20 0 0 via Matteotti,

Dettagli

Tutorial sul Piano di Volo IFR IT-EU

Tutorial sul Piano di Volo IFR IT-EU Tutorial sul Piano di Volo IFR IT-EU In questo tutorial ci limiteremo ad una descrizione generale ed alla pianificazione di un volo in IFR internazionale (Genova Valencia) indicando le varie fasi e procedure

Dettagli

Ente Nazionale per l'aviazione Civile. Regolamento. Operazioni Ogni Tempo nello Spazio Aereo Nazionale

Ente Nazionale per l'aviazione Civile. Regolamento. Operazioni Ogni Tempo nello Spazio Aereo Nazionale Ente Nazionale per l'aviazione Civile Regolamento Operazioni Ogni Tempo nello Spazio Aereo Nazionale Edizione 1-30/06/2003 REGOLAMENTO ENAC Operazioni ogni tempo nello spazio aereo nazionale Art. 1 Definizioni

Dettagli

RADIOTELEFONIA AERONAUTICA PER PILOTI VDS PROGRAMMA DIDATTICO PER IL RILASCIO DEL CERTIFICATO DI RADIOTELEFONIA EDIZIONE 1-2014

RADIOTELEFONIA AERONAUTICA PER PILOTI VDS PROGRAMMA DIDATTICO PER IL RILASCIO DEL CERTIFICATO DI RADIOTELEFONIA EDIZIONE 1-2014 RADIOTELEFONIA AERONAUTICA PER PILOTI VDS PROGRAMMA DIDATTICO PER IL RILASCIO DEL CERTIFICATO DI RADIOTELEFONIA EDIZIONE 1-2014 Approvato il 25.06.2014 RADIOTELEFONIA AERONAUTICA PER PILOTI VDS PROGRAMMA

Dettagli

REGOLAMENTO SCALO AEROPORTO DI CAPANNORI - LIQL

REGOLAMENTO SCALO AEROPORTO DI CAPANNORI - LIQL REGOLAMENTO DI SCALO AEROPORTO DI CAPANNORI - LIQL a cura della Direzione Aeroportuale di Aeroporto di Capannori - LIQL Edizione: 1.0 Revisione: Prima edizione Inizio Validità: 01.08.2014 1 INDICE 2 Capitolo

Dettagli

FIR di Roma. Procedure Operative Firenze Radar. Classificazione spazio aereo

FIR di Roma. Procedure Operative Firenze Radar. Classificazione spazio aereo FIR di Roma Procedure Operative Firenze Radar Classificazione spazio aereo Firenze Radar si occupa della gestione dei traffici all interno del proprio CTR, cura gli arrivi e le partenze IFR/VFR dall aeroporto

Dettagli

Salzburg Maxglan (SZG/LOWS)

Salzburg Maxglan (SZG/LOWS) (Aggiornata 2014) Salzburg Maxglan (SZG/LOWS) STORIA L aeroporto internazionale di Salisburgo si trova a circa 3 kilometri dal centro della città e nacque nel lontano 1910 quando un primo aeromobile decollò

Dettagli

Flight following 118 ELISOCCORSO FRIULI VENEZIA GIULIA. PIANO DI EMERGENZA: Flight following

Flight following 118 ELISOCCORSO FRIULI VENEZIA GIULIA. PIANO DI EMERGENZA: Flight following 118 ELISOCCORSO FRIULI VENEZIA GIULIA PIANO DI EMERGENZA: Flight following Redatto a cura di Centrale Operativa 118 - Elisoccorso Regione F.V.G. PRIMA EDIZIONE OTTOBRE 2001 Edizione ottobre 2001 1 2 FLIGHT

Dettagli

Frankfurt Hahn (HHN/EDFH)

Frankfurt Hahn (HHN/EDFH) (Aggiornata 2014) Frankfurt Hahn (HHN/EDFH) STORIA L aeroporto di Francoforte Hahn si trova a 120 km dalla città di Francoforte, ed è stato per lungo tempo una base aerea della NATO che ospitava il cinquantesimo

Dettagli

REGOLAMENTO dell'aviosuperficie di CASTELNUOVO DON BOSCO

REGOLAMENTO dell'aviosuperficie di CASTELNUOVO DON BOSCO REGOLAMENTO dell'aviosuperficie di CASTELNUOVO DON BOSCO E LENCO DI DISTRIBUZIONE pubblicato su internet all'indirizzo www.aviocastelnuovo.com Ultimo aggiornamento: 07/07/2014 INDICE Premessa... Pag. 3

Dettagli

TRASPORTO AEREO, NAVIGAZIONE e CONTROLLO DEL TRAFFICO AEREO

TRASPORTO AEREO, NAVIGAZIONE e CONTROLLO DEL TRAFFICO AEREO TRASPORTO AEREO, NAVIGAZIONE e CONTROLLO DEL TRAFFICO AEREO Necessità di una Normativa unica e condivisa per un servizio globale a cura di Graziano D AGOSTINI NORMATIVA TECNICA e GIURIDICA ICAO ECAC ENAC

Dettagli

STANDARD OPERATING PROCEDURES SUD VIRTUALWINGS

STANDARD OPERATING PROCEDURES SUD VIRTUALWINGS STANDARD OPERATING PROCEDURES SUD VIRTUALWINGS Introduzione In questo manuale sono contenute tutte le indicazioni e le raccomandazioni per consentire una sessione di simulazione proficua e per garantire

Dettagli

Primi passi per volare on-line sul Network di IVAO

Primi passi per volare on-line sul Network di IVAO Primi passi per volare on-line sul Network di IVAO 1 ) L iscrizione ad IVAO: andate alla pagina http://www.ivao.it/misc/iscrizione/iscrizione1.htm N.B. Ad avvenuta iscrizione IVAO provvederà ad inviarti

Dettagli

IMPARIAMO A LEGGERE LE CARTE AERONAUTICHE

IMPARIAMO A LEGGERE LE CARTE AERONAUTICHE IMPARIAMO A LEGGERE LE CARTE AERONAUTICHE PICCOLA GUIDA PER I PILOTI DI PARAMOTORE Nota: La presente dispensa si pone come semplice ausilio all interpretazione della carte aeronautiche e delle relative

Dettagli

Capitolo 11 REGOLE DELL ARIA. Elab. F.Tinarelli

Capitolo 11 REGOLE DELL ARIA. Elab. F.Tinarelli Capitolo 11 REGOLE DELL ARIA Elab. F.Tinarelli 1. INTRODUZIONE Il complesso delle norme istituite allo scopo di garantire la sicurezza e la regolarità dei voli viene definito "Regole dell'aria". Queste

Dettagli

ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE J.C. MAXWELL Data: / / Pag. di

ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE J.C. MAXWELL Data: / / Pag. di INDIRIZZO SCOLASTICO DISCIPLINA DOCENTI CLASSI PROGRAMMAZIONE ANNUALE A.S. 2014 / 2015 MECCANICA e MECCATRONICA ELETTRONICA X LOGISTICA e TRASPORTI LICEO SCIENTIFICO SCIENZE DELLA NAVIGAZIONE AEREA Buonincontri

Dettagli

Effetti derivanti dallo stato della superficie della pista e del relativo coefficiente di attrito sulle operazioni volo

Effetti derivanti dallo stato della superficie della pista e del relativo coefficiente di attrito sulle operazioni volo Effetti derivanti dallo stato della superficie della pista e del relativo coefficiente di attrito sulle operazioni volo Introduzione Obiettivo Illustrare come il dato coefficiente di attrito/azione frenante

Dettagli

Flight Plan & Self Briefing

Flight Plan & Self Briefing Flight Plan & Self Briefing Rieti, 5 Dicembre 2014 Introduzione Nell ambito della riorganizzazione dei Servizi ARO-AIS/MET, l ENAV ha interpretato al meglio il concetto dell ATS Reporting Office (ARO),

Dettagli

Il Volo VFR Di Ruggero Osto Versione documento 1.2

Il Volo VFR Di Ruggero Osto Versione documento 1.2 Il Volo VFR Di Ruggero Osto Versione documento 1.2 Il volo VFR (Visual Flight Rules) differisce per molti aspetti da quello IFR. In questo documento, che non ha alcuna pretesa di rigore, si cercherà di

Dettagli

Corso basico di radiofonia aeronautica per ULM

Corso basico di radiofonia aeronautica per ULM Corso basico di radiofonia aeronautica per ULM LE FREQUENZE Tutte le comunicazioni radio vengono effettuate con appositi apparati (trasmettitori e ricevitori). All interno di questi apparati ci sono diversi

Dettagli

AIR EXTREME 2010. Venezia Lido ORDINE DI MANIFESTAZIONE. Tempi: tutti i tempi sono in ora locale

AIR EXTREME 2010. Venezia Lido ORDINE DI MANIFESTAZIONE. Tempi: tutti i tempi sono in ora locale MANIFESTAZIONE AEREA AIR EXTREME 2010 Quando l energia prende il volo Venezia Lido 24, 25 e 26 settembre 2010 ORDINE DI MANIFESTAZIONE Tempi: tutti i tempi sono in ora locale Redatto dal Col Pil (ris)

Dettagli

Frankfurt Hahn (HHN/EDFH)

Frankfurt Hahn (HHN/EDFH) Frankfurt Hahn (HHN/EDFH) STORIA L aeroporto di Francoforte Hahn si trova a 120 km dalla città di Francoforte, ed è stato per lungo tempo una base aerea della NATO che ospitava il cinquantesimo squadrone

Dettagli

Relatore: Gen. Fabio DEL MEGLIO Direttore Generale Aero Club d Italia. Roma, 23 Ottobre 2010 CONI Salone d Onore

Relatore: Gen. Fabio DEL MEGLIO Direttore Generale Aero Club d Italia. Roma, 23 Ottobre 2010 CONI Salone d Onore Convegno sulla applicazione del nuovo Regolamento di attuazione della Legge 106 del 25 Marzo 1985, concernente la disciplina del volo da diporto o sportivo Roma, 23 Ottobre 2010 CONI Salone d Onore Relatore:

Dettagli

Il Piano di Volo VFR secondo ICAO 2012

Il Piano di Volo VFR secondo ICAO 2012 Il Piano di Volo VFR secondo ICAO 2012 Uffici ENAV ARO ITALIA (e meteo) nov. 2012 MILANO Linate +39 02 70143209 FAX: +39 02 70143220 Ufficio METEO: +39 02 701432223/221 MILANO Malpensa +39 02 58579453

Dettagli

Il Piano di Volo VFR secondo ICAO 2012

Il Piano di Volo VFR secondo ICAO 2012 Il Piano di Volo VFR secondo ICAO 2012 Uffici ENAV ARO ITALIA (e meteo) nov. 2012 MILANO Linate +39 02 70143209 FAX: +39 02 70143220 Ufficio METEO: +39 02 701432223/221 MILANO Malpensa +39 02 58579453

Dettagli

Capitolo 20 AUTORIZZAZIONI. Elab. G. Bevilacqua

Capitolo 20 AUTORIZZAZIONI. Elab. G. Bevilacqua Capitolo 20 AUTORIZZAZIONI Elab. G. Bevilacqua Premessa Nella documentazione italiana ed internazionale, e particolarmente in quella a carattere normativo, si incontra sia l espressione "autorizzazione

Dettagli

Marco Fantauzzi 2010 - Mondo Gino Lisa - www.ginolisa.it

Marco Fantauzzi 2010 - Mondo Gino Lisa - www.ginolisa.it ANALISI DATI METAR AEROPORTO GINO LISA FOGGIA Introduzione I dati Metar (METeorological Aerodrome Report) sono messaggi meteorologici relativi ad un aeroporto che contengono le seguenti informazioni: 1.

Dettagli