CALCOLO COMBINATORIO E PROBABILITA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CALCOLO COMBINATORIO E PROBABILITA"

Transcript

1 CALCOLO COMBINATORIO E PROBABILITA Con calcolo combinatorio si indica quel settore della matematica che studia i possibili modi di raggruppare ed ordinare oggetti presi da un insieme assegnato, con l obiettivo finale di contare il numero dei possibili raggruppamenti od ordinamenti; permette quindi di rispondere alle domande del tipo «in quanti modi?» oppure «quanti sono?». Col termine probabilità si indica la possibilità che un certo evento si verifichi, cioè che diventi realtà. La regola operativa per calcolare la probabilità che un dato evento (E) si verifichi è: P E = casi favorevoli casi possibili Dove per contare i casi favorevoli all evento e i casi possibili, è a volte necessario ricorrere al calcolo combinatorio.

2 Calcolo combinatorio: definizioni e regole di calcolo. Fattoriale di un numero: il fattoriale di un numero naturale n, che si scrive n!, è dato dal valore di quel numero moltiplicato per tutti gli interi precedenti fino ad arrivare a 1: n! = n(n-1)(n-2) 1. Per esempio, 5! = 5x4x3x2x1= 120

3 Supponiamo di avere n elementi (persone, numeri, lettere, caramelle un qualsiasi gruppo di oggetti), e di dover creare dei gruppi con questi elementi. Per esempio: in quanti modi possono sedersi sei persone a tavola? In quanti modi posso estrarre a caso due persone perché siano rappresentanti di classe? Quanti numeri di 5 cifre tutte dispari ci sono? Se lancio una moneta 20 volte, in quanti modi posso ottenere 10 volte croce? Per rispondere, bisogna innanzi tutto tenere conto di alcune caratteristiche fondamentali dei gruppi che dobbiamo creare, che portano a identificare diverse regole di calcolo. Tali caratteristiche sono: Devo selezionare solo alcuni elementi da quel gruppo, oppure li devo considerare tutti? L ordine degli elementi del gruppo è importante oppure no? Cioè, un gruppo con gli stessi elementi in ordine diverso, è un gruppo effettivamente diverso? E possibile che all interno di un gruppo un elemento venga ripetuto?

4 PERMUTAZIONI (considero tutti gli n elementi) DISPOSIZIONI (k elementi su n, l ordine conta) COMBINAZIONI (k elementi su n, l ordine non conta) semplici: n! semplici: n! n k! semplici: n! k! n k! con ripetizione: n! r 1! r 2! r 3! con ripetizione: n k con ripetizione: (n + k 1)! k! n 1!

5 Quindi, per decidere che forma usare, i dobbiamo porre alcune domande: DEVO UTILIZZARE TUTTI GLI n ELEMENTI DELL INSIEME? NO. Possono essere disposizioni o combinazioni. L ORDINE CONTA? SI. Allora sono permutazioni. POSSO RIPETERE GLI ELEMENTI? SI: sono disposizioni. POSSO RIPETERE GLI ELEMENTI? NO: sono combinazioni. POSSO RIPETERE GLI ELEMENTI? Una volta riconosciuto se si tratta di combinazioni, disposizioni o permutazioni, devo sempre chiedermi se posso ripetere gli elementi (con ripetizione) oppure no (semplici).

6 PERMUTAZIONI (considero tutti gli n elementi) DISPOSIZIONI (k elementi su n, l ordine conta) COMBINAZIONI (k elementi su n, l ordine non conta) In quanti modi possono sedersi 6 persone su 6 poltrone al cinema? In quanti modi tre persone possono alternarsi sul podio, in un gara con 10 partecipanti? In quanti modi posso estrarre a caso due persone per un interrogazione? Quanti sono gli anagrammi della parola MATEMATICA? Quanti numeri di 5 cifre dispari ci sono? In quanti modi posso distribuire 10 caramelle uguali a tre bambini?

7 Teoremi sulla probabilità Consideriamo solo eventi indipendenti (cioè il verificarsi dell uno non influenza il verificarsi dell altro) ed equiprobabili (non ci sono casi truccati o che si possono verificare con più facilità). Intersezione di due eventi: è la probabilità che due eventi si verifichino contemporaneamente: un evento E anche l altro (per esempio, pescare da un mazzo una figura di picche): P E 1 E 2 = P(E 1 ) P(E 2 ) Unione di due eventi: è la probabilità che si verifichi un evento OPPURE un altro (esempio, roulette: rosso o pari): P E 1 E 2 = P E 1 + P E 2 P(E 1 E 2 ) (se due eventi non possono verificarsi insieme sono incompatibili es: sia rosso che nero)

8 Evento complementare Un evento E si definisce complementare di E se il verificarsi di uno esclude che si verifichi l altro, e l unione di E ed E è la somma di tutti i casi possibili. Esempio: evento E = lancio un dado ed esce 4 evento E = lancio un dado ed esce 1, oppure 2, oppure 3, oppure 5, oppure 6 = non esce 4. P E = 1 P(E) utile perché a volte è più facile calcolare la probabilità dell evento complementare.

9 In un vassoio ci sono 100 caramelle: 35 all arancia, 33 alla menta e 32 al limone. Se ne estraggo una, che probabilità c è che non sia alla menta? E = menta E = non menta P E = P E = = = = 0,67 Oppure: non menta = 35+32=67 P E = non menta =

10 Se lancio una moneta 6 volte, quante probabilità ho di fare esattamente 4 volte testa? Casi possibili Qual è l insieme di partenza? Quello che contiene gli esiti di ogni lancio: testa o croce. n = 2. Devo prendere tutti gli elementi? No, potrei avere solo teste o solo croci. L ordine conta? Si, perché l evento testa croce è diverso da croce testa. Posso ripetere? Si, può venire più volte testa o croce. sono disposizioni con ripetizione, n k = 2 6 = 64

11 Se lancio una moneta 6 volte, quante probabilità ho di fare esattamente 4 volte testa? Casi favorevoli Qual è l insieme di partenza? Stavolta è quello che contiene il numero di teste e di croci richiesto: 4 teste e 2 croci. Devo considerare tutti i suoi elementi? Si, per fare 6 lanci devo considerarli tutti e 6 (TTTTCC). L ordine conta? Si. Posso ripetere? Si, perché ho 4 elementi uguali (T) e 2 elementi uguali (C). sono permutazioni con ripetizione: 6! = 6 5 4! 2!4! 2 4! = 15

12 A questo punto, P(4T) = 15 Questo vale per ogni esercizio di questo genere: Casi possibili su n lanci: n k = 2 lanci/monete ; Casi favorevoli alla richiesta: num. lanci! num. teste! numcroci! 64 Analogamente, se si tratta di lanciare un dado varie volte, il numero di casi possibili è n k = 6 lanci Infatti i 6 numeri che fanno parte dell insieme «esito del lancio» si possono ripetere e possono non uscire tutti. I casi favorevoli dipendono dalla richiesta.

13 Tirando contemporaneamente 5 dadi con facce numerate da 1 a 6, qual è la probabilità di ottenere 5 numeri pari? 1 10 ; 1 25 ; 1 32 ; 1 6 ; (1 6 )5 Ogni lancio è indipendente dal precedente e dal successivo. Quindi, devo considerare la probabilità che in un lancio esca un numero pari: essa è ½. Poi, considero che la richiesta è un caso di intersezione di eventi: pari nel primo lancio E nel secondo E nel terzo quindi la probabilità richiesta è: = 1 32 E se avessi voluto usare casi favorevoli / casi possibili sui 5 lanci, ricavandoli usando il calcolo combinatorio? So che i casi possibili sono 6 numero.lanci, però NON posso calcolare i casi favorevoli, perché devo considerare di scegliere 5 elementi su 3 dei 6 in maniera selettiva. Però posso comunque rispondere: noti i casi possibili, escludo l ultima perché troppo bassa, la prima e la seconda perché 10 e 25 non sono multipli di 6 5, e resta la scelta fra due, ma 1/6 è troppo alta.

14 Determinare quante sono le parole di 7 lettere (anche prive di senso) che si possono formare usando solo le lettere A, C, G, T. devo usare tutti gli n elementi (le lettere)? No, niente nel testo lo rende obbligatorio. AAATTGG andrebbe bene. l ordine conta? Si, perché la parola TAAATGG è diversa dalla precedente pur avendo gli stessi elementi. posso ripetere? Si, altrimenti con 4 lettere mai potrei formare una parola di 7! DISPOSIZIONI CON RIPETIZIONE, n k = 4 7 Attenzione: n = 4, sono gli elementi (le lettere) dell insieme di partenza, e k=7, elementi dei gruppi che formo.

15 Tredici persone si stringono la mano. Ciascuna stringe la mano a tutte le altre. Quante sono le strette di mano totali? 13; 78; 26; 156; 169. come prima cosa escludiamo 13 e 26 (sono poche, se consideriamo che una persona stringe 12 mani). escludiamo anche 169, che è 13x13: se ogni persona stringe 12 mani, 13x13 è troppo. devo considerare tutti gli elementi? No, perché le strette avvengono fra due persone alla volta. n = 13, k = 2. l ordine conta? No: la stretta fra me e paolo e quella fra paolo e me non sono due strette diverse, ma la stessa stretta che va considerata una volta sola. posso ripetere un elemento? No, perché vorrebbe dire che una persona stringe la mano a se stessa. COMBINAZIONI SEMPLICI n! k! n k! = 13! 2! 11! = ! 2 11! = = 13 6 = 78 2

16 Quanti sono i numeri naturali di 4 cifre dispari distinte? 20; 5; 60; 625; 120 devo considerare tutti gli n elementi? No. Infatti, le cifre dispari sono 5 (1,3,5,7,9), se formo numeri di 4 cifre una resta esclusa. l ordine conta? Si! Il numero 7539 è diverso dal numero 5937! posso ripetere gli elementi? No. Lo dice chiaramente il testo: cifre distinte. DISPOSIZIONI SEMPLICI: n! n k! = 5! 5 4! = 5! 1! = = 120

17 Lanciando contemporaneamente due dadi regolari a 6 facce, qual è la probabilità che la somma sia 4? i casi favorevoli sono solo tre: 2+2, 3+1, 1+3 i casi possibili sono 6 n.lanci = 6 2 : infatti, lanciare due dadi contemporaneamente è la stessa cosa che lanciarne uno due volte. Allora P E = 3 36 = 1 12 I casi favorevoli potevo contarli solo a mano, perché la richiesta (somma 4) rendeva specifiche le possibilità di esito.

18 Da un mazzo di 40 carte (10 picche, 10 fiori, 10 cuori, 10 quadri) se ne estraggono 3. Qual è la probabilità di avere tre carte di fiori, se non rimetto le carte estratte nel mazzo? 3 ; 9 ; ; 7 10 ; La probabilità di ottenere nella prima estrazione la carta di fiori è = 1 4. La probabilità che nella seconda estrazione esca una carta di fiori è 9 39 (non ho rimesso la carta nel mazzo). La probabilità che nella terza estrazione esca una carta di fiori è 8 38 = 4 19 (non ho rimesso la carta nel mazzo). La probabilità richiesta è un intersezione delle tre: stesso seme nella prima E nella seconda E nella terza estrazione: = = 3 247

19 4 italiani, 3 francesi e 5 tedeschi devono sedersi ad uno stesso tavolo. Le persone di stessa nazionalità devono rimanere vicine. In quanti modi si può fare? Devo tenere in considerazione che devo lasciare vicine persone della stessa nazionalità. Quindi mi chiedo: in quanti modi possono sedersi all interno dello stesso gruppo? Devo tenere tutti gli elementi (persone), e non posso ripetere un elemento (persona!), quindi sono permutazioni semplici: Italiani 4!, francesi 3!, Tedeschi 5! In quanti modi posso sistemare i tre gruppi? 3! (sono sempre disposizioni semplici). gruppi di nazionalità x rotazione dei gruppi = 4! 3! 5! x(3!)

20 Logica proposizionale La logica proposizionale si propone di formalizzare e quindi analizzare i ragionamenti che, nel nostro linguaggio naturale, possono es25/03/2014sere formulati ricorrendo ad affermazioni (quindi niente esclamazioni, domande, ecc.) composte fra loro usando particelle come: e, o, sia...sia, né né, ma non, o...o, e/o. Non possiamo prendere in considerazioni frasi dal significato ambiguo o soggettivo.

21 «Il cioccolato con le nocciole è più buono del cioccolato bianco» «Pioverà domani?» «Il fratello di Marco è più alto di Luca» Solo l ultima è una proposizione, cioè una affermazione che descrive un fatto a cui è possibile attribuire un valore di verità. Attraverso la logica possiamo attribuire (o no) valore di verità ad affermazioni complesse a partire dalla verità di quelle più semplici che le compongono.

22 Gli elementi che fanno parte di un sistema logico sono essenzialmente di due tipi: Atomi (o oggetti), che possono essere numeri, frasi, o altri oggetti, nei quali non vogliamo, o non possiamo, distinguere elementi più semplici. Predicati: i predicati esprimono proprietà che uno o più atomi possono avere.

23 I vari elementi del sistema possono essere collegati tra loro mediante i seguenti operatori: (non importa il simbolo, ma il significato!!) CONNETTIVI LOGICI: = uguaglianza negazione (non) congiunzione (e) disgiunzione (o) implicazione (se, allora) QUANTIFICATORI: Ǝ esiste almeno uno Ǝ! esiste un solo per ogni Attenzione: Dire TUTTI non ammette eccezioni. Dire NESSUNO non ammette eccezioni. «alcuni», «quasi tutti», «quasi nessuno», «qualcuno» ammettono eccezioni.

24 NEGAZIONE: Data una proposizione, la sua negazione è la proposizione che è vera quando essa è falsa e viceversa. Proposizione: «tutti i gatti sono neri» Negazione: «non tutti i gatti sono neri», «c è almeno un gatto non nero», «nessun gatto è nero». NB: per negare, mi basta una eccezione.

25 CONGIUNZIONE: date due proposizioni, la congiunzione è la proposizione che è vera quando entrambe sono vere e falsa altrimenti. «per essere ammessi al concorso, bisogna essere diplomati E maggiorenni» «per poter salire sulla giostra, è necessario essere più alti di 1,50m E avere più di 10 anni»

26 IMPLICAZIONE (condizioni necessarie, condizioni sufficienti) Se «A», allora «B»: A B (cioè «A» implica «B») A condizione sufficiente per B B condizione necessaria per A «A» se e solo se «B»: A B (cioè «A» implica «B» e viceversa) A condizione necessaria e sufficiente per B

27 CONDIZIONE SUFFICIENTE: A è sufficiente per B equivale a dire che "se A è vera, allora B è vera", oppure che "ogni qualvolta si avvera A, si avvera anche B". Mi basta avere A per sapere che c è B, ma B potrebbe esserci anche senza A. CONDIZIONE NECESSARIA: B è necessaria per A se vale la formulazione "se B non è vera, allora A non è vera". Se ho A, sono sicura di avere anche B, dato che A senza B non c è. «essere padre» implica essere «biologicamente maschio»: A condizione sufficiente per B B condizione necessaria per A Essere padre è condizione sufficiente per essere biologicamente maschio. Essere biologicamente maschio è condizione necessaria per essere padre. B può esserci senza A: si può essere «biologicamente maschio» senza «essere padre». Essere biologicamente maschio non è condizione sufficiente per essere padre.

28 CONDIZIONE SUFFICIENTE: A è sufficiente per B equivale a dire che "se A è vera, allora B è vera", oppure che "ogni qualvolta si avvera A, si avvera anche B". Mi basta avere A per sapere che c è B, ma B potrebbe esserci anche senza A. CONDIZIONE NECESSARIA: B è necessaria per A se vale la formulazione "se B non è vera, allora A non è vera". Se ho A, sono sicura di avere anche B, dato che A senza B non c è. «essere modenese» implica «essere emiliano»: Essere modenese è condizione sufficiente per essere emiliano. Essere emiliano è condizione necessaria per essere modenese. Posso essere emiliano senza essere modenese «essere emiliano» implica essere «modenese»: è FALSA! Essere emiliano non è condizione sufficiente per essere modenese. Essere modenese non è condizione sufficiente per essere emiliano

29 Condizione sufficiente, ma non necessaria, affinché al Liceo Pitagora l'anno scolastico si concluda con una festa è che le interrogazioni terminino entro la fine del mese di maggio. Determinare quale delle seguenti situazioni è INCOMPATIBILE con l'affermazione precedente. A) Nel 2008 le interrogazioni sono terminate a marzo, e poi non c'è stata la festa B) Nel 2006 uno studente è stato interrogato il 4 giugno, e poi c'è stata la festa C) Nel 2003 uno studente è stato interrogato il 4 giugno, e poi non c'è stata la festa D) Nel 2010 uno studente è stato interrogato il 3 aprile, e poi non c'è stata la festa E) Da quando esiste il Liceo Pitagora la festa c'è stata ad anni alterni cosa significa sufficiente ma non necessaria? sufficiente: se «concludo le interrogazioni a maggio» è vera, «faccio la festa» è vera. Ogni volta che le interrogazioni si concludono a maggio, la festa c è. non necessaria: se «concludo le interrogazioni a maggio» è falsa, «faccio la festa» può essere vera o falsa. (infatti, se fosse necessaria, non concludere le interrogazioni implicherebbe non fare la festa, ma dato che NON è necessaria, non so con certezza cosa accade se le interrogazioni non sono concluse). ALLORA LA RISPOSTA CORRETTA E LA A.

30 Quale di questi ragionamenti è corretto da un punto di vista deduttivo: A) Carlo frequenta la prima elementare. La maggioranza dei bambini che frequentano la prima elementare ha sei anni, quindi Carlo ha sei anni Errata. La maggior parte non vuol dire tutti, Carlo potrebbe essere nella minoranza. B) Carlo ha 4 anni. I bambini sopra 4 anni sono biondi. Quindi Carlo non è biondo Errata. Non so nulla sui bambini sotto ai 4 anni. C) Carlo ha 4 anni. I bambini di 4 anni sono tutti biondi. Quindi Carlo è biondo. Corretta. Se «tutti» sono biondi, Carlo non è un eccezione, ed è biondo. D) Carlo ha 4 anni. I bambini sopra 4 anni non sono biondi. Quindi Carlo è biondo. Errata. Non so nulla sui bambini sotto ai 4 anni E) se Carlo avesse sei anni e frequentasse la prima elementare, e se tutti gli altri bambini di quella classe fossero biondi, Carlo sarebbe biondo. Errata. «tutti gli altri» non è «tutti in generale», quindi Carlo potrebbe essere un eccezione.

31 INSIEMISTICA Dati gli insiemi A e B, possiamo definire: Intersezione di A e B: gli elementi in comune fra A e B. (esempio: A = donne, B = biondi: intersezione = donne bionde) Unione di A e B: gli elementi di A più gli elementi di B (quelli di solo A + quelli di solo B + quelli che appartengono all intersezione). (donne more + uomini biondi + donne bionde) Differenza fra A e B: gli elementi che appartengono ad A ma NON a B. (donne more) A e B sono disgiunti se non hanno elementi comuni. (A= donne B =pennuti)

32 Identificare le proposizioni semplici contenute in quelle più complesse. Identificare le implicazioni. «non tutti» = «alcuni», quindi «non tutti» è incompatibile con «tutti», e anche con «nessuno». Per abbattere una certezza basta una sola eccezione: per negare tutti, e nessuno mi basta almeno uno. Controllare che la risposta che consideriamo esatta corrisponda a tutte le implicazioni e renda vere tutte le proposizioni semplici (compatibilità). Concentrarsi sulle richieste. Controllare con dei controesempi la risposta che consideriamo esatta. Attenzione ai giri di parole.

33 A quale delle seguenti affermazioni equivale la frase: Non tutti i miopi portano gli occhiali? A) Nessun miope porta gli occhiali B) Tutti i miopi portano gli occhiali C) Non vi è un miope che non porti gli occhiali D) C è almeno un miope che non porta gli occhiali E) Tutti i miopi evitano di portare gli occhiali «non tutti» = «alcuni lo fanno e altri no» Quindi, non lo fanno tutti: la B non va bene, e neanche la C, che dice la stessa cosa. Però alcuni lo fanno, e allora la A non va bene. La E è uguale alla A. Quella corretta è la D.

34 Alberto, Carlo, Roberto, Paolo e Sergio sono nati in cinque città diverse: Amsterdam, Cagliari, Roma, Pavia, Siracusa. Alberto e Sergio mentono sempre mentre Paolo non mente mai. (queste sono proposizioni vere) Alberto afferma di essere nato ad Amsterdam e che Sergio è nato a Siracusa. Paolo afferma di essere nato a Pavia e riferisce che Alberto gli ha detto di essere nato a Cagliari. Dove può essere nato Alberto? Alberto: «sono nato ad Amsterdam» FALSA Alberto NON è nato ad Amsterdam. Paolo: «sono nato a Pavia e Alberto mi dice di essere nato a Cagliari» VERA Alberto NON è nato a Cagliari; Alberto NON è nato a Pavia. Alberto può essere nato a Siracusa o a Roma

35 Paolo è così amico di Giuseppe e di Claudio che quando lui va alle feste ci vanno anche i suoi due amici. Data la frase precedente, quale delle seguenti affermazioni è certamente vera? A) Ieri c era una festa alla quale Paolo non è andato, quindi anche Giuseppe e Claudio non c erano B) Ieri Claudio è andato ad una festa, quindi c è andato anche Paolo C) Giuseppe e Claudio ieri erano ad una festa, quindi c era anche Paolo D) Paolo ieri è andato ad una festa, quindi sicuramente c erano anche Giuseppe e Claudio E) Giuseppe ieri era ad una festa, quindi sicuramente c è andato anche Claudio Cosa so: «Paolo alla festa» implica «Giuseppe e Claudio alla festa» Cosa significa: Se Paolo è a una festa ci sono i suoi amici. (Paolo condizione sufficiente) COERENTE CON D. Se non ci sono Giuseppe e Claudio, non c è Paolo (G&C condizioni necessarie, se loro non ci sono vuol dire che lui non c è) Se Paolo non c è, non posso sapere se ci sono Claudio e Giuseppe: vanno sempre alle feste quando c è lui, ma non sappiamo cosa fanno quando lui non c è. (Paolo non è condizione necessaria, G&C non sono sufficienti). ESCLUDO LA A, LA B e LA C Non posso sapere cosa fanno Claudio e Giuseppe uno rispetto all altro. ESCLUDO LA E LA RISPOSTA CORRETTA E LA D.

36 In un cinema ci sono 200 spettatori: 40 sono italiani, 50 sono donne, e 60 preferiscono i film di genere fantasy. Sulla base di queste informazioni, di quanti spettatori si può affermare con certezza che sono allo stesso tempo italiani, donne e amanti del genere fantasy? A) Di cinquanta B) Di cento C) Di nessuno D) Di dieci E) Di quaranta la richiesta è: quanti sono gli elementi che di sicuro appartengono all intersezione dei tre insiemi (italiani, donne e amanti del fantasy). Prima di tutto devo quindi chiedermi se tale intersezione esiste obbligatoriamente (con certezza!); devo cioè domandarmi se esiste almeno una possibilità che gli insiemi siano disgiunti (niente certezza) oppure se tale possibilità non esiste < 200, quindi è possibile che i tre insiemi non abbiano elementi in comune; cioè non è obbligatorio che l intersezione esista. Data la richiesta «con certezza», LA RISPOSTA CORRETTA E LA C. se avessero chiesto «al massimo di quanti si può affermare che potrebbero..», la risposta sarebbe stata 40 (cioè tutti gli italiani sono anche donne che amano il fantasy. Non di più perché non ci sono abbastanza italiani)

37 In un cinema ci sono 100 spettatori: 40 sono italiani, 50 sono donne, e 60 preferiscono i film di genere fantasy. Sulla base di queste informazioni, di quanti spettatori si può affermare con certezza che sono allo stesso tempo italiani, donne e amanti del genere fantasy? A) Di cinquanta B) Di cento C) Di nessuno D) Di dieci E) Di quaranta > 100, quindi (al contrario di prima) sono sicura che ci sono persone con più di una caratteristica. Quindi, per capire se è possibile che non esista l intersezione richiesta (è quello che esclude la certezza) devo chiedermi se è possibile che un insieme sia disgiunto dall unione degli altri due (due caratteristiche ma non tre) = 100, quindi può essere che dei 40 italiani nessuno ami il fantasy, e quindi l intersezione non esiste con certezza < 100, quindi può essere che dei 40 italiani nessuno sia donna, e quindi l intersezione non esiste con certezza > 100, quindi almeno 10 persone sono donne che amano il fantasy. Però, supponendo che siano 10, restano 90 persone che hanno solo una caratteristica, e il 40 italiani possono essere fra questi. LA RISPOSTA ESATTA E ANCORA LA C.

38 In un cinema ci sono 70 spettatori: 40 sono italiani, 50 sono donne, e 60 preferiscono i film di genere fantasy. Sulla base di queste informazioni, di quanti spettatori si può affermare con certezza che sono allo stesso tempo italiani, donne e amanti del genere fantasy? A) Di cinquanta B) Di cento C) Di nessuno D) Di dieci E) Di quaranta > 70, quindi sono sicura che ci sono persone con più di una caratteristica. Quindi, per capire se è possibile che non esista l intersezione richiesta (è quello che esclude la certezza) devo chiedermi se è possibile che un insieme sia disgiunto dall unione degli altri due (due caratteristiche ma non tre) = 100, quindi per rispettare il vincolo di 70 persone, posso dire che (almeno) 30 sono italiani che amano il fantasy. supponiamo quindi che 30 persone abbiano due caratteristiche: ne restano 40 che ne hanno una sola. ipotizzando che queste 40 siano tutte donne (ragioniamo sempre al limite), per arrivare a 50 ne restano comunque 10 che devono ricadere nelle 30 persone che sono italiane e amano il fantasy. LA RISPOSTA ESATTA E LA D. (al minimo, con certezza, 10. potrebbero essere di più, potrei avere 40 donne italiane che amano il fantasy e i restanti 30 non italiani, ma non posso saperlo.)

39 Tutti i piccioni mangiano le fave alcuni uccelli non mangiano le fave dunque... non sono piccioni. S individui il CORRETTO COMPLETAMENTO del sillogismo: A) le fave B) alcuni uccelli C) alcuni piccioni D) alcune fave E) tutti gli uccelli Non è un piccione chi non mangia le fave, perché tutti i piccioni le mangiano. Chi non mangia le fave? Alcuni uccelli. Allora «alcuni uccelli non sono piccioni». La B. A e D non hanno senso. Le fave non sono piccioni e non sono uccelli, sono quelle che vengono mangiate. Anche la C non ha senso, i piccioni sono piccioni. La E è sbagliata perché sono solo alcuni, gli uccelli che non mangiano fave, non tutti.

40 Mario è nato martedì 8 febbraio. Stella è nata mercoledì 8 marzo, nello stesso anno. Di quale anno potrebbe trattarsi? A) 1976 B) 1973 C) 1970 D) 1979 E) 1982 La risposta è legata al fatto che l anno sia bisestile o meno. Infatti, quando febbraio ha 28 giorni (multiplo di 7) i giorni della settimana hanno, a marzo, gli stessi numeri progressivi. Quindi, in un anno NON bisestile, a martedì 8 febbraio segue martedì 8 marzo. Se invece i giorni sono 29, si avrà mercoledì 8 marzo. Quale di questi anni è bisestile, quindi? Un anno è bisestile se il suo numero è divisibile per 4, con l'eccezione degli anni secolari (quelli divisibili per 100) che non sono divisibili per 400. A questo punto, l unico divisibile per 4 è 1976.

41 Quando prende il treno, Carlo arriva sempre in ritardo a destinazione. Quale delle seguenti affermazioni può essere dedotta dalla frase precedente? A) Carlo è arrivato in ritardo, quindi ha preso il treno B) Carlo è arrivato in orario, quindi non ha preso il treno C) Carlo non ha preso il treno, quindi è arrivato in ritardo D) Carlo è arrivato in orario, quindi ha preso il treno E) Carlo non ha preso il treno, quindi è arrivato in orario L affermazione mi dice che: «prendere il treno» è condizione sufficiente per «ritardo». Non è però necessaria: Carlo arriva sempre in ritardo se è in treno, ma può arrivare in ritardo anche in altri casi ( quando, non solo quando ). la A e la E non vanno bene perché presuppongono il treno come condizione «necessaria» al ritardo. la C e la D sono in contraddizione con l affermazione, quindi le escludo. quella corretta è la B.

42 Si legga la seguente cronaca elettorale: A ha conseguito il 36,4% dei voti, mentre in lieve flessione rispetto alle elezioni del 2005 appare B (fermo al 28,5); C ha quasi raddoppiato i consensi (20,9) e D, al battesimo delle urne, si attesta al 14,2. Quale è l'unico risultato delle elezioni del 2005 che sia compatibile col quadro appena delineato? A) A 18,3 - B 41,4 - C 40, 3 B) A 63,3 - B 26,2 - C 10,5 C) A 58,3 - B 30,7 - C 11,0 D) A 43,3 - B 30,3 - C 10,9 - D 15,5 E) A 36,4 - B 32,4 - C 20,7 - D 10.5 Le informazioni utili (cioè di confronto col 2005) sono solo tre: Nel 2005 D non c era. escludo D ed E C ha quasi raddoppiato, quindi nel 2005 deve aver ottenuto poco più del 10,45%. escludo la A, restano B e C B ha leggermente diminuito rispetto al C.

43 Ad una festa partecipano 8 studenti, i quali complessivamente possiedono 17 cellulari. Determinare quale delle seguenti affermazioni è sicuramente vera. A) Almeno un ragazzo possiede almeno 3 cellulari B) C'è un unico ragazzo che possiede almeno 3 cellulari C) Almeno un ragazzo possiede esattamente 3 cellulari D) C'è un unico ragazzo che possiede esattamente 3 cellulari E) Nessun ragazzo possiede più di 3 cellulari Valutiamo il caso più estremo: un ragazzo ha tutti e i 17 i cellulari. Essendo possibile, escludo la E. Distribuiamoli considerano il numero minimo di cellulari ciascuno se li distribuiamo equamente : sono in 8, ne hanno 2 a testa, e un solo ragazzo ne ha 3. Ovviamente, potrebbe poi succedere che qualcuno ne abbia solo uno o nessuno: in questo caso, o più di una persona ne ha 3, o una persona ne ha più di tre. In ognuno di questi casi, almeno una persona ne ha 3 come minimo, e questa è l unica cosa che posso dire con certezza. Questo è compatibile con la A, che è in effetti la risposta corretta. Non posso dire «uno solo ne ha almeno 3» (B), perché potrebbe essere Questo esclude anche la D (uno solo esattamente 3) Non posso dire «almeno uno ESATTAMENTE 3» (C) perché potrebbe essere Questo esclude anche la E, di nuovo. (nessuno più di tre). ricordare che basta una eccezione a demolire una affermazione. «certezza logica» non è per forza «la cosa più sensata». Anzi

44 L analisi dei risultati di un test ha evidenziato che, per ognuna delle 70 domande proposte, c'è stato almeno un candidato che ha fornito la risposta corretta. Determinare quale delle seguenti situazioni è compatibile con questa analisi. A) Tutti hanno risposto in maniera errata alla domanda 47 B) Esiste un candidato che ha risposto in maniera errata a tutte le domande C) Nessuno ha fornito una risposta alla domanda 53 D) Nessuno ha risposto correttamente alla domanda 70 E) Almeno due domande hanno ricevuto risposte errate da parte di tutti i concorrenti Rendiamo più semplice l affermazione: «per ogni domanda, c è stata almeno una risposta corretta» (che NON vuol dire «ogni candidato ha dato almeno una risposta corretta») A, C, D non sono compatibili perché affermano che una domanda non abbia avuto risposta corretta. E non è compatibile perché comporta che addirittura due o più domande non abbiano avuto neanche una risposta corretta. B invece è compatibile, perché un candidato può aver sbagliato tutto, questo non da informazioni su cosa hanno fatto gli altri: è possibile che le altrui risposte comprendano almeno una risposta corretta per ogni domanda.

45 Di solito Laura pota le rose nel mese di novembre, ma lo scorso anno ha dimenticato di farlo. Ha aspettato, invece, che terminasse il gelo invernale per poi potarle nel mese di marzo. Quest estate Laura ha avuto la più abbondante fioritura di rose che si fosse mai vista nel suo giardino. Quindi, il gelo fa bene alle rose. Quale delle seguenti risposte costituisce il passaggio logico errato nel brano precedente? A) Si presuppone che il gelo abbia causato l abbondante fioritura di rose B) Si presuppone che non ci siano gelate nel mese di marzo C) Si presuppone che le rose debbano essere potate D) Si presuppone sulla base di un solo caso che una tarda potatura faccia bene a tutte le piante in generale E) Si presuppone che il mese di novembre e il mese di marzo siano gli unici mesi in cui si può effettuare la potatura Analizziamole tutte, e vediamo quali sono, innanzi tutto, passaggi logici davvero fatti nel testo. A «QUINDI il gelo fa bene alle rose» è una deduzione del testo, ma è corretta? B non è vero, ha aspettato che salisse la temperatura e poi le ha potate a marzo. Non c è scritto «dato che a marzo non ci sono gelate». C parla di un abitudine di Laura, ma non dice che lo fa perché «si deve». D non si fa collegamento fra il ritardo e la potatura, né si parla di altre piante. Però, il fatto che un solo caso non basta per una deduzione logica è vero, e supporta la scelta della A. E non è vero, e in fatti si specifica che Laura lo fa «di solito» a novembre, una sua abitudine e non una condizione obbligatoria. E anche marzo è casuale, dopo il gelo.

Calcolo delle Probabilità

Calcolo delle Probabilità Calcolo delle Probabilità Il calcolo delle probabilità studia i modelli matematici delle cosidette situazioni di incertezza. Molte situazioni concrete sono caratterizzate a priori da incertezza su quello

Dettagli

Cenni sul calcolo combinatorio

Cenni sul calcolo combinatorio Cenni sul calcolo combinatorio Disposizioni semplici Le disposizioni semplici di n elementi distinti di classe k con kn sono tutti i gruppi di k elementi scelti fra gli n, che differiscono per almeno un

Dettagli

Percorsi di matematica per il ripasso e il recupero

Percorsi di matematica per il ripasso e il recupero Giacomo Pagina Giovanna Patri Percorsi di matematica per il ripasso e il recupero 1 per la Scuola secondaria di secondo grado UNITÀ CMPIONE Edizioni del Quadrifoglio à t i n U 1 Insiemi La teoria degli

Dettagli

Introduzione alla probabilità

Introduzione alla probabilità Introduzione alla probabilità CAPITOLO TEORIA Il dilemma di Monty Hall In un popolare show televisivo americano il presentatore mostra al concorrente tre porte chiuse. Dietro a una di esse si cela il premio

Dettagli

CORSO DI CALCOLO DELLE PROBABILITÀ E STATISTICA. Esercizi su eventi, previsioni e probabilità condizionate

CORSO DI CALCOLO DELLE PROBABILITÀ E STATISTICA. Esercizi su eventi, previsioni e probabilità condizionate CORSO DI CALCOLO DELLE PROBABILITÀ E STATISTICA Esercizi su eventi, previsioni e probabilità condizionate Nota: Alcuni esercizi sono tradotti, più o meno fedelmente, dal libro A first course in probability

Dettagli

Corso di Matematica e Statistica 4 Calcolo combinatorio e probabilità. Le disposizioni semplici di n elementi di classe k

Corso di Matematica e Statistica 4 Calcolo combinatorio e probabilità. Le disposizioni semplici di n elementi di classe k Pordenone Corso di Matematica e Statistica 4 Calcolo combinatorio e probabilità UNIVERSITAS STUDIORUM UTINENSIS Giorgio T. Bagni Facoltà di Scienze della Formazione Dipartimento di Matematica e Informatica

Dettagli

Ancora sull indipendenza. Se A e B sono indipendenti allora lo sono anche

Ancora sull indipendenza. Se A e B sono indipendenti allora lo sono anche Ancora sull indipendenza Se A e B sono indipendenti allora lo sono anche A e B Ā e B Ā e B Sfruttiamo le leggi di De Morgan Leggi di De Morgan A B = Ā B A B = Ā B P (Ā B) = P (A B) = 1 P (A B) = 1 (P (A)

Dettagli

Calcolo combinatorio

Calcolo combinatorio Probabilità e Statistica Esercitazioni a.a. 2009/2010 C.d.L.S.: Ingegneria Civile-Architettonico, Ingegneria Civile-Strutturistico Calcolo combinatorio Ines Campa e Marco Longhi Probabilità e Statistica

Dettagli

Esercizi di consolidamento di probabilità e calcolo combinatorio parte 1

Esercizi di consolidamento di probabilità e calcolo combinatorio parte 1 Esercizi di consolidamento di probabilità e calcolo combinatorio parte 1 1. Si lancia una moneta 2 volte: qual è la probabilità che esca TESTA 0 volte? 1 volta? 2 volte? 2. Si lancia una moneta 3 volte:

Dettagli

Soluzione degli esercizi sul moto rettilineo uniformemente accelerato

Soluzione degli esercizi sul moto rettilineo uniformemente accelerato Liceo Carducci Volterra - Classe 3 a B Scientifico - Francesco Daddi - 8 novembre 00 Soluzione degli esercizi sul moto rettilineo uniformemente accelerato Esercizio. Un corpo parte da fermo con accelerazione

Dettagli

Esercizi di calcolo combinatorio

Esercizi di calcolo combinatorio CORSO DI CALCOLO DELLE PROBABILITÀ E STATISTICA Esercizi di calcolo combinatorio Nota: Alcuni esercizi sono tradotti, più o meno fedelmente, dal libro A first course in probability di Sheldon Ross, quinta

Dettagli

Esercizi sul moto rettilineo uniformemente accelerato

Esercizi sul moto rettilineo uniformemente accelerato Liceo Carducci Volterra - Classe 3 a B Scientifico - Francesco Daddi - 8 novembre 010 Esercizi sul moto rettilineo uniformemente accelerato Esercizio 1. Un corpo parte da fermo con accelerazione pari a

Dettagli

PROVA DI MATEMATICA - Scuola Primaria - Classe Quinta

PROVA DI MATEMATICA - Scuola Primaria - Classe Quinta Rilevazione degli apprendimenti PROVA DI MATEMATICA - Scuola Primaria - Classe Quinta Anno Scolastico 2011 2012 PROVA DI MATEMATICA Scuola Primaria Classe Quinta Spazio per l etichetta autoadesiva ISTRUZIONI

Dettagli

Gli eventi sono stati definiti come i possibili risultati di un esperimento. Ogni evento ha una probabilità

Gli eventi sono stati definiti come i possibili risultati di un esperimento. Ogni evento ha una probabilità Probabilità Probabilità Gli eventi sono stati definiti come i possibili risultati di un esperimento. Ogni evento ha una probabilità Se tutti gli eventi fossero ugualmente possibili, la probabilità p(e)

Dettagli

I numeri che si ottengono successivamente sono 98-2 = 96 4 = 92 8 = 84 16 = 68 32 = 36 e ci si ferma perché non possibile togliere 64

I numeri che si ottengono successivamente sono 98-2 = 96 4 = 92 8 = 84 16 = 68 32 = 36 e ci si ferma perché non possibile togliere 64 Problemini e indovinelli 2 Le palline da tennis In uno scatolone ci sono dei tubi che contengono ciascuno 4 palline da tennis.approfittando di una offerta speciale puoi acquistare 4 tubi spendendo 20.

Dettagli

8. Qual è la probabilità di estrarre da un mazzo di 40 carte napoletane una figura?

8. Qual è la probabilità di estrarre da un mazzo di 40 carte napoletane una figura? www.matematicamente.it Probabilità 1 Calcolo delle probabilità Cognome e nome: Classe Data 1. Quali affermazioni sono vere? A. Un evento impossibile ha probabilità 1 B. Un vento certo ha probabilità 0

Dettagli

(anno accademico 2008-09)

(anno accademico 2008-09) Calcolo relazionale Prof Alberto Belussi Prof. Alberto Belussi (anno accademico 2008-09) Calcolo relazionale E un linguaggio di interrogazione o e dichiarativo: at specifica le proprietà del risultato

Dettagli

Svolgimento della prova

Svolgimento della prova Svolgimento della prova D1. Il seguente grafico rappresenta la distribuzione dei lavoratori precari in Italia suddivisi per età nell anno 2012. a. Quanti sono in totale i precari? A. Circa due milioni

Dettagli

Lezione 10. La Statistica Inferenziale

Lezione 10. La Statistica Inferenziale Lezione 10 La Statistica Inferenziale Filosofia della scienza Secondo Aristotele, vi sono due vie attraverso le quali riusciamo a formare le nostre conoscenze: (1) la deduzione (2) l induzione. Lezione

Dettagli

EQUAZIONI E DISEQUAZIONI POLINOMIALI E COLLEGAMENTI CON LA GEOMETRIA ELEMENTARE

EQUAZIONI E DISEQUAZIONI POLINOMIALI E COLLEGAMENTI CON LA GEOMETRIA ELEMENTARE EQUAZIONI E DISEQUAZIONI POLINOMIALI E COLLEGAMENTI CON LA GEOMETRIA ELEMENTARE 1. EQUAZIONI Definizione: un equazione è un uguaglianza tra due espressioni letterali (cioè in cui compaiono numeri, lettere

Dettagli

APPUNTI DI MATEMATICA LE DISEQUAZIONI NON LINEARI

APPUNTI DI MATEMATICA LE DISEQUAZIONI NON LINEARI APPUNTI DI MATEMATICA LE DISEQUAZIONI NON LINEARI Le disequazioni fratte Le disequazioni di secondo grado I sistemi di disequazioni Alessandro Bocconi Indice 1 Le disequazioni non lineari 2 1.1 Introduzione.........................................

Dettagli

Kangourou Italia Gara del 19 marzo 2015 Categoria Student Per studenti di quarta e quinta della secondaria di secondo grado

Kangourou Italia Gara del 19 marzo 2015 Categoria Student Per studenti di quarta e quinta della secondaria di secondo grado Kangourou Italia Gara del 19 marzo 2015 Categoria Student Per studenti di quarta e quinta della secondaria di secondo grado I quesiti dal N. 1 al N. 10 valgono 3 punti ciascuno 1. Angela è nata nel 1997,

Dettagli

1A ARITMETICA. I numeri naturali e le quattro operazioni. Esercizi supplementari di verifica

1A ARITMETICA. I numeri naturali e le quattro operazioni. Esercizi supplementari di verifica A ARITMETICA I numeri naturali e le quattro operazioni Esercizi supplementari di verifica Esercizio Rappresenta sulla retta orientata i seguenti numeri naturali. ; ; ; 0;. 0 Esercizio Metti una crocetta

Dettagli

Dall italiano alla logica proposizionale

Dall italiano alla logica proposizionale Rappresentare l italiano in LP Dall italiano alla logica proposizionale Sandro Zucchi 2009-10 In questa lezione, vediamo come fare uso del linguaggio LP per rappresentare frasi dell italiano. Questo ci

Dettagli

ESERCIZI. x + 3 x 2 1. a) y = 4x2 + 3x 2x + 2 ; b) y = 6x2 x 1. (x + 2) 2 c) y =

ESERCIZI. x + 3 x 2 1. a) y = 4x2 + 3x 2x + 2 ; b) y = 6x2 x 1. (x + 2) 2 c) y = ESERCIZI Testi (1) Un urna contiene 20 palline di cui 8 rosse 3 bianche e 9 nere; calcolare la probabilità che: (a) tutte e tre siano rosse; (b) tutte e tre bianche; (c) 2 rosse e una nera; (d) almeno

Dettagli

ESAME DI STATO 2010 SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO

ESAME DI STATO 2010 SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO Archimede ESAME DI STATO SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO ARTICOLO Il candidato risolva uno dei due problemi e risponda a 5 quesiti del questionario. Sia ABCD un quadrato di

Dettagli

Appunti di Logica Matematica

Appunti di Logica Matematica Appunti di Logica Matematica Francesco Bottacin 1 Logica Proposizionale Una proposizione è un affermazione che esprime un valore di verità, cioè una affermazione che è VERA oppure FALSA. Ad esempio: 5

Dettagli

Esercizio 1. Svolgimento

Esercizio 1. Svolgimento Esercizio 1 Vengono lanciate contemporaneamente 6 monete. Si calcoli: a) la probabilità che si presentino esattamente 2 testa ; b) la probabilità di ottenere almeno 4 testa ; c) la probabilità che l evento

Dettagli

Dall italiano al linguaggio della logica proposizionale

Dall italiano al linguaggio della logica proposizionale Dall italiano al linguaggio della logica proposizionale Dall italiano al linguaggio della logica proposizionale Enunciati atomici e congiunzione In questa lezione e nelle successive, vedremo come fare

Dettagli

Parte 2. Determinante e matrice inversa

Parte 2. Determinante e matrice inversa Parte. Determinante e matrice inversa A. Savo Appunti del Corso di Geometria 013-14 Indice delle sezioni 1 Determinante di una matrice, 1 Teorema di Cramer (caso particolare), 3 3 Determinante di una matrice

Dettagli

MATEMATICA. { 2 x =12 y 3 y +8 x =0, si pone il problema di trovare, se esistono, un numero x ed un numero y che risolvano entrambe le equazioni.

MATEMATICA. { 2 x =12 y 3 y +8 x =0, si pone il problema di trovare, se esistono, un numero x ed un numero y che risolvano entrambe le equazioni. MATEMATICA. Sistemi lineari in due equazioni due incognite. Date due equazioni lineari nelle due incognite x, y come ad esempio { 2 x =12 y 3 y +8 x =0, si pone il problema di trovare, se esistono, un

Dettagli

Test d ingresso per i curricula in lingua inglese Coloro che intendono iscriversi ai curricula in lingua inglese Economics of Financial and Insurance

Test d ingresso per i curricula in lingua inglese Coloro che intendono iscriversi ai curricula in lingua inglese Economics of Financial and Insurance Note e istruzioni per i test di ingresso ai Corsi di Studio del Dipartimento di Scienze Economiche, Aziendali, Matematiche e Statistiche (DEAMS) a.a. 2013/2014 Gli insegnamenti relativi ai Corsi di Laurea

Dettagli

Indovinelli Algebrici

Indovinelli Algebrici OpenLab - Università degli Studi di Firenze - Alcuni semplici problemi 1. L EURO MANCANTE Tre amici vanno a cena in un ristorante. Mangiano le stesse portate e il conto è, in tutto, 25 Euro. Ciascuno di

Dettagli

ESAME DI STATO 2002 SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO

ESAME DI STATO 2002 SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO ARCHIMEDE 4/ 97 ESAME DI STATO SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO Il candidato risolva uno dei due problemi e 5 dei quesiti in cui si articola il questionario. PROBLEMA In un

Dettagli

Probabilità e statistica. Veronica Gavagna

Probabilità e statistica. Veronica Gavagna Probabilità e statistica Veronica Gavagna Testa o croce? Immaginiamo di lanciare una moneta facendola cadere su un piano liscio chiunque dirà che la probabilità dell evento testa sarà del 50%, al pari

Dettagli

Le soluzioni dei quesiti sono in fondo alla prova

Le soluzioni dei quesiti sono in fondo alla prova SCUOLA MEDIA STATALE GIULIANO DA SANGALLO Via Giuliano da Sangallo,11-Corso Duca di Genova,135-00121 Roma Tel/fax 06/5691345-e.mail:scuola.sangallo@libero.it SELEZIONE INTERNA PER LA MARATONA DI MATEMATICA

Dettagli

1^A - Esercitazione recupero n 4

1^A - Esercitazione recupero n 4 1^A - Esercitazione recupero n 4 1 In un cartone animato, un gatto scocca una freccia per colpire un topo, mentre questi cerca di raggiungere la sua tana che si trova a 5,0 m di distanza Il topo corre

Dettagli

CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI

CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI La mia casa ideale è vicino al mare. Ha un salotto grande e luminoso con molte poltrone comode e un divano grande e comodo.

Dettagli

pag. 1 Quand'ero piccolo mi ammalai: mi sentivo sempre stanco, volevo sempre bere e fare pipì

pag. 1 Quand'ero piccolo mi ammalai: mi sentivo sempre stanco, volevo sempre bere e fare pipì pag. 1 Quand'ero piccolo mi ammalai: mi sentivo sempre stanco, volevo sempre bere e fare pipì pag. 2 La mamma diceva che ero dimagrito e così mi portò dal medico. Il dottore guardò le urine, trovò dello

Dettagli

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 2004

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 2004 ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 004 Il candidato risolva uno dei due problemi e 5 dei 10 quesiti in cui si articola il questionario. PROBLEMA 1 Sia f la funzione definita da: f

Dettagli

186. Un gioco d incertezza: Forse che sì, forse che no Rosa Marincola rosamarincola@virgilio.it

186. Un gioco d incertezza: Forse che sì, forse che no Rosa Marincola rosamarincola@virgilio.it 186. Un gioco d incertezza: Forse che sì, forse che no Rosa Marincola rosamarincola@virgilio.it Premessa Durante una mia visita al Palazzo Ducale di Mantova, nell ammirare i tanti capolavori che custodisce,

Dettagli

DISTRIBUZIONE di PROBABILITA. Si dice variabile aleatoria (o casuale) discreta X una quantità variabile che può assumere i

DISTRIBUZIONE di PROBABILITA. Si dice variabile aleatoria (o casuale) discreta X una quantità variabile che può assumere i DISTRIBUZIONE di PROBABILITA Si dice variabile aleatoria (o casuale) discreta X una quantità variabile che uò assumere i valori: ; ;, n al verificarsi degli eventi incomatibili e comlementari: E ; E ;..;

Dettagli

CALCOLO COMBINATORIO

CALCOLO COMBINATORIO CALCOLO COMBINATORIO 1 Modi di formare gruppi di k oggetti presi da n dati 11 disposizioni semplici, permutazioni Dati n oggetti distinti a 1,, a n si chiamano disposizioni semplici di questi oggetti,

Dettagli

Algebra Relazionale. algebra relazionale

Algebra Relazionale. algebra relazionale Algebra Relazionale algebra relazionale Linguaggi di Interrogazione linguaggi formali Algebra relazionale Calcolo relazionale Programmazione logica linguaggi programmativi SQL: Structured Query Language

Dettagli

ALGEBRA: LEZIONI DAL 13 OTTOBRE AL 3 NOVEMBRE

ALGEBRA: LEZIONI DAL 13 OTTOBRE AL 3 NOVEMBRE ALGEBRA: LEZIONI DAL 13 OTTOBRE AL 3 NOVEMBRE 1 DIPENDENZA E INDIPENDENZA LINEARE Se ho alcuni vettori v 1, v 2,, v n in uno spazio vettoriale V, il sottospazio 1 W = v 1,, v n di V da loro generato è

Dettagli

Logica del primo ordine

Logica del primo ordine Università di Bergamo Facoltà di Ingegneria Intelligenza Artificiale Paolo Salvaneschi A7_4 V1.3 Logica del primo ordine Il contenuto del documento è liberamente utilizzabile dagli studenti, per studio

Dettagli

Algebra di Boole ed Elementi di Logica

Algebra di Boole ed Elementi di Logica Algebra di Boole ed Elementi di Logica 53 Cenni all algebra di Boole L algebra di Boole (inventata da G. Boole, britannico, seconda metà 8), o algebra della logica, si basa su operazioni logiche Le operazioni

Dettagli

Intervista a Gabriela Stellutti, studentessa di italiano presso la Facoltà di Lettere dell Università di São Paulo (FFLCH USP).

Intervista a Gabriela Stellutti, studentessa di italiano presso la Facoltà di Lettere dell Università di São Paulo (FFLCH USP). In questa lezione abbiamo ricevuto Gabriella Stellutti che ci ha parlato delle difficoltà di uno studente brasiliano che studia l italiano in Brasile. Vi consiglio di seguire l intervista senza le didascalie

Dettagli

Proof. Dimostrazione per assurdo. Consideriamo l insieme complementare di P nell insieme

Proof. Dimostrazione per assurdo. Consideriamo l insieme complementare di P nell insieme G Pareschi Principio di induzione Il Principio di Induzione (che dovreste anche avere incontrato nel Corso di Analisi I) consente di dimostrare Proposizioni il cui enunciato è in funzione di un numero

Dettagli

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7.

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 2 Dov è Piero Ferrari e perché non arriva E P I S O D I O 25 Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 1 Leggi più volte il testo e segna le risposte corrette. 1. Piero abita in un appartamento

Dettagli

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1 Università per Stranieri di Siena Centro CILS Sessione: Dicembre 2012 Test di ascolto Numero delle prove 2 Ascolto - Prova n. 1 Ascolta i testi: sono brevi dialoghi e annunci. Poi completa le frasi.

Dettagli

PROVA DI MATEMATICA - Scuola Secondaria di I grado - Classe Prima

PROVA DI MATEMATICA - Scuola Secondaria di I grado - Classe Prima PROVA DI MATEMATICA - Scuola Secondaria di I grado - Classe Prima Rilevazione degli apprendimenti Anno Scolastico 2011 2012 PROVA DI MATEMATICA Scuola Secondaria di I grado Classe Prima Spazio per l etichetta

Dettagli

Rilevazione degli apprendimenti. Anno Scolastico 2006 2007 PROVA DI MATEMATICA. Scuola Secondaria di II grado. Classe Terza Tipo A. Codici. Scuola:...

Rilevazione degli apprendimenti. Anno Scolastico 2006 2007 PROVA DI MATEMATICA. Scuola Secondaria di II grado. Classe Terza Tipo A. Codici. Scuola:... Ministero della Pubblica Istruzione Rilevazione degli apprendimenti Anno Scolastico 2006 2007 PROVA DI MATEMATICA Scuola Secondaria di II grado Classe Terza Tipo A Codici Scuola:..... Classe:.. Studente:.

Dettagli

1. Intorni di un punto. Punti di accumulazione.

1. Intorni di un punto. Punti di accumulazione. 1. Intorni di un punto. Punti di accumulazione. 1.1. Intorni circolari. Assumiamo come distanza di due numeri reali x e y il numero non negativo x y (che, come sappiamo, esprime la distanza tra i punti

Dettagli

Capitolo 9: PROPAGAZIONE DEGLI ERRORI

Capitolo 9: PROPAGAZIONE DEGLI ERRORI Capitolo 9: PROPAGAZIOE DEGLI ERRORI 9.1 Propagazione degli errori massimi ella maggior parte dei casi le grandezze fisiche vengono misurate per via indiretta. Il valore della grandezza viene cioè dedotto

Dettagli

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di alcol L alcolismo è una malattia che colpisce anche il contesto famigliare

Dettagli

ORDINALI E NOMINALI LA PROBABILITÀ. Nell ambito della manifestazione di un fenomeno niente è certo, tutto è probabile.

ORDINALI E NOMINALI LA PROBABILITÀ. Nell ambito della manifestazione di un fenomeno niente è certo, tutto è probabile. ORDINALI E NOMINALI LA PROBABILITÀ Statistica5 23/10/13 Nell ambito della manifestazione di un fenomeno niente è certo, tutto è probabile. Se si afferma che un vitello di razza chianina pesa 780 kg a 18

Dettagli

Il mondo in cui viviamo

Il mondo in cui viviamo Il mondo in cui viviamo Il modo in cui lo vediamo/ conosciamo Dalle esperienze alle idee Dalle idee alla comunicazione delle idee Quando sono curioso di una cosa, matematica o no, io le faccio delle domande.

Dettagli

Costruire una pila in classe

Costruire una pila in classe Costruire una pila in classe Angela Turricchia, Grazia Zini e Leopoldo Benacchio Considerazioni iniziali Attualmente, numerosi giocattoli utilizzano delle pile. I bambini hanno l abitudine di acquistarle,

Dettagli

LAVORO, ENERGIA E POTENZA

LAVORO, ENERGIA E POTENZA LAVORO, ENERGIA E POTENZA Nel linguaggio comune, la parola lavoro è applicata a qualsiasi forma di attività, fisica o mentale, che sia in grado di produrre un risultato. In fisica la parola lavoro ha un

Dettagli

Parte 3. Rango e teorema di Rouché-Capelli

Parte 3. Rango e teorema di Rouché-Capelli Parte 3. Rango e teorema di Rouché-Capelli A. Savo Appunti del Corso di Geometria 203-4 Indice delle sezioni Rango di una matrice, 2 Teorema degli orlati, 3 3 Calcolo con l algoritmo di Gauss, 6 4 Matrici

Dettagli

TELECOMUNICAZIONI (TLC) Generico sistema di telecomunicazione (TLC) Trasduttore. Attuatore CENNI DI TEORIA (MATEMATICA) DELL INFORMAZIONE

TELECOMUNICAZIONI (TLC) Generico sistema di telecomunicazione (TLC) Trasduttore. Attuatore CENNI DI TEORIA (MATEMATICA) DELL INFORMAZIONE TELECOMUNICAZIONI (TLC) Tele (lontano) Comunicare (inviare informazioni) Comunicare a distanza Generico sistema di telecomunicazione (TLC) Segnale non elettrico Segnale elettrico TRASMESSO s x (t) Sorgente

Dettagli

ALGEBRA I: CARDINALITÀ DI INSIEMI

ALGEBRA I: CARDINALITÀ DI INSIEMI ALGEBRA I: CARDINALITÀ DI INSIEMI 1. CONFRONTO DI CARDINALITÀ E chiaro a tutti che esistono insiemi finiti cioè con un numero finito di elementi) ed insiemi infiniti. E anche chiaro che ogni insieme infinito

Dettagli

Esempi di algoritmi. Lezione III

Esempi di algoritmi. Lezione III Esempi di algoritmi Lezione III Scopo della lezione Implementare da zero algoritmi di media complessità. Verificare la correttezza di un algoritmo eseguendolo a mano. Imparare a valutare le prestazioni

Dettagli

Siamo così arrivati all aritmetica modulare, ma anche a individuare alcuni aspetti di come funziona l aritmetica del calcolatore come vedremo.

Siamo così arrivati all aritmetica modulare, ma anche a individuare alcuni aspetti di come funziona l aritmetica del calcolatore come vedremo. DALLE PESATE ALL ARITMETICA FINITA IN BASE 2 Si è trovato, partendo da un problema concreto, che con la base 2, utilizzando alcune potenze della base, operando con solo addizioni, posso ottenere tutti

Dettagli

Funzione reale di variabile reale

Funzione reale di variabile reale Funzione reale di variabile reale Siano A e B due sottoinsiemi non vuoti di. Si chiama funzione reale di variabile reale, di A in B, una qualsiasi legge che faccia corrispondere, a ogni elemento A x A

Dettagli

UNA LEZIONE SUI NUMERI PRIMI: NASCE LA RITABELLA

UNA LEZIONE SUI NUMERI PRIMI: NASCE LA RITABELLA UNA LEZIONE SUI NUMERI PRIMI: NASCE LA RITABELLA Tutti gli anni, affrontando l argomento della divisibilità, trovavo utile far lavorare gli alunni sul Crivello di Eratostene. Presentavo ai ragazzi una

Dettagli

APPUNTI DI MATEMATICA LE FRAZIONI ALGEBRICHE ALESSANDRO BOCCONI

APPUNTI DI MATEMATICA LE FRAZIONI ALGEBRICHE ALESSANDRO BOCCONI APPUNTI DI MATEMATICA LE FRAZIONI ALGEBRICHE ALESSANDRO BOCCONI Indice 1 Le frazioni algebriche 1.1 Il minimo comune multiplo e il Massimo Comun Divisore fra polinomi........ 1. Le frazioni algebriche....................................

Dettagli

Iniziamo con un esercizio sul massimo comun divisore: Esercizio 1. Sia d = G.C.D.(a, b), allora:

Iniziamo con un esercizio sul massimo comun divisore: Esercizio 1. Sia d = G.C.D.(a, b), allora: Iniziamo con un esercizio sul massimo comun divisore: Esercizio 1. Sia d = G.C.D.(a, b), allora: G.C.D.( a d, b d ) = 1 Sono state introdotte a lezione due definizioni importanti che ricordiamo: Definizione

Dettagli

Dimensione di uno Spazio vettoriale

Dimensione di uno Spazio vettoriale Capitolo 4 Dimensione di uno Spazio vettoriale 4.1 Introduzione Dedichiamo questo capitolo ad un concetto fondamentale in algebra lineare: la dimensione di uno spazio vettoriale. Daremo una definizione

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN SPINEA I CIRCOLO ANNO SCOLASTICO 2006/07. Documentazione a cura di Quaglietta Marica

SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN SPINEA I CIRCOLO ANNO SCOLASTICO 2006/07. Documentazione a cura di Quaglietta Marica SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN SPINEA I CIRCOLO ANNO SCOLASTICO 2006/07 GRUPPO ANNI 3 Novembre- maggio Documentazione a cura di Quaglietta Marica Per sviluppare Pensiero creativo e divergente Per divenire

Dettagli

FACOLTA DI INGEGNERIA SCHEDA DIDATTICA N 1

FACOLTA DI INGEGNERIA SCHEDA DIDATTICA N 1 FACOLTA DI INGEGNERIA CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA PER L AMBIENTE ED IL TERRITORIO CORSO DI STATISTICA E CALCOLO DELLE PROBABILITA PROF. PASQUALE VERSACE SCHEDA DIDATTICA N ARGOMENTO: CALCOLO DELLE PROBABILITA

Dettagli

Appunti sulle disequazioni

Appunti sulle disequazioni Premessa Istituto d Istruzione Superiore A. Tilgher Ercolano (Na) Appunti sulle disequazioni Questa breve trattazione non vuole costituire una guida completa ed esauriente sull argomento, ma vuole fornire

Dettagli

Rilevazione degli apprendimenti. Anno Scolastico 2006 2007 PROVA DI MATEMATICA. Scuola Secondaria di II grado. Classe Terza Tipo A. Codici. Scuola:...

Rilevazione degli apprendimenti. Anno Scolastico 2006 2007 PROVA DI MATEMATICA. Scuola Secondaria di II grado. Classe Terza Tipo A. Codici. Scuola:... Ministero della Pubblica Istruzione Rilevazione degli apprendimenti Anno Scolastico 2006 2007 PROVA DI MATEMATICA Scuola Secondaria di II grado Classe Terza Tipo A Codici Scuola:..... Classe:.. Studente:.

Dettagli

FAQ MASTER & CORSI DI PERFEZIONAMENTO

FAQ MASTER & CORSI DI PERFEZIONAMENTO FAQ MASTER & CORSI DI PERFEZIONAMENTO 1. Qual è la differenza tra Master di primo livello e Master di secondo livello? 2. Ai fini dell ammissione al Master, cosa bisogna fare se si possiede un titolo di

Dettagli

A tu per tu con il Mister del Pavia Massimo Morgia: l allenamento di rifinitura del sabato pomeriggio.

A tu per tu con il Mister del Pavia Massimo Morgia: l allenamento di rifinitura del sabato pomeriggio. articolo N.40 MARZO 2007 RIVISTA ELETTRONICA DELLA CASA EDITRICE WWW.ALLENATORE.NET REG. TRIBUNALE DI LUCCA N 785 DEL 15/07/03 DIRETTORE RESPONSABILE: FERRARI FABRIZIO COORDINATORE TECNICO: LUCCHESI MASSIMO

Dettagli

Logica fuzzy e calcolo delle probabilità: due facce della stessa medaglia?

Logica fuzzy e calcolo delle probabilità: due facce della stessa medaglia? Logica fuzzy e calcolo delle probabilità: due facce della stessa medaglia? Danilo Pelusi 1 Gianpiero Centorame 2 Sunto: Il seguente articolo illustra le possibili analogie e differenze tra il calcolo delle

Dettagli

19. Inclusioni tra spazi L p.

19. Inclusioni tra spazi L p. 19. Inclusioni tra spazi L p. Nel n. 15.1 abbiamo provato (Teorema 15.1.1) che, se la misura µ è finita, allora tra i corispondenti spazi L p (µ) si hanno le seguenti inclusioni: ( ) p, r ]0, + [ : p

Dettagli

Esempi introduttivi Variabili casuali Eventi casuali e probabilità

Esempi introduttivi Variabili casuali Eventi casuali e probabilità Esempi introduttivi Esempio tipico di problema della meccanica razionale: traiettoria di un proiettile. Esempio tipico di problema idraulico: altezza d'acqua corrispondente a una portata assegnata. Come

Dettagli

Potrei dire a quell attimo: fermati dunque, sei così bello! Goethe (Faust)

Potrei dire a quell attimo: fermati dunque, sei così bello! Goethe (Faust) IL TEMPO DI MENTINA Potrei dire a quell attimo: fermati dunque, sei così bello! Goethe (Faust) E tempo di occuparci di Mentina, la mia cuginetta che mi somiglia tantissimo; l unica differenza sta nella

Dettagli

Logica Numerica Approfondimento 1. Minimo Comune Multiplo e Massimo Comun Divisore. Il concetto di multiplo e di divisore. Il Minimo Comune Multiplo

Logica Numerica Approfondimento 1. Minimo Comune Multiplo e Massimo Comun Divisore. Il concetto di multiplo e di divisore. Il Minimo Comune Multiplo Logica Numerica Approfondimento E. Barbuto Minimo Comune Multiplo e Massimo Comun Divisore Il concetto di multiplo e di divisore Considerato un numero intero n, se esso viene moltiplicato per un numero

Dettagli

Lezioni di STATISTICA MATEMATICA A

Lezioni di STATISTICA MATEMATICA A Università di Modena e Reggio Emilia Facoltà di Ingegneria Lezioni di STATISTICA MATEMATICA A Corso di Laurea in Ingegneria Meccanica Corso di Laurea in Ingegneria dei Materiali - Anno Accademico 010/11

Dettagli

OGGI LA BIANCHI PER FORTUNA NON C'E' MA L'ITALIANO LO SAI ANCHE TE PER OGNI PAROLA DICCI COS'E', E NUOVE ISTRUZIONI AVRAI PER TE.

OGGI LA BIANCHI PER FORTUNA NON C'E' MA L'ITALIANO LO SAI ANCHE TE PER OGNI PAROLA DICCI COS'E', E NUOVE ISTRUZIONI AVRAI PER TE. 1 SE UNA SORPRESA VOLETE TROVARE ATTENTAMENTE DOVETE CERCARE. VOI ALLA FINE SARETE PREMIATI CON DEI GOLOSI DOLCINI INCARTATI. SE ALLE DOMANDE RISPONDERETE E NON CADRETE IN TUTTI I TRANELLI, SE TROVERETE

Dettagli

In base alla formula di torneo adottata i tornei possono pertanto prevedere lo svolgimento di una o più partite.

In base alla formula di torneo adottata i tornei possono pertanto prevedere lo svolgimento di una o più partite. Formule di gioco La successione di mani necessarie per l eliminazione del penultimo giocatore o per la determinazione dei giocatori che accedono ad un turno successivo costituisce una partita. In base

Dettagli

COME MASSIMIZZARE UNA FUNZIONE DI UTILITÀ

COME MASSIMIZZARE UNA FUNZIONE DI UTILITÀ icroeconomia Douglas Bernheim, ichael Whinston Copyright 009 The cgraw-hill Companies srl COE ASSIIZZARE UNA FUNZIONE DI UTILITÀ Supponiamo che il reddito mensile di Elena sia pari a Y e sia interamente

Dettagli

DAL MEDICO UNITÁ 9. pagina 94

DAL MEDICO UNITÁ 9. pagina 94 DAL MEDICO A: Buongiorno, dottore. B: Buongiorno. A: Sono il signor El Assani. Lei è il dottor Cannavale? B: Si, piacere. Sono il dottor Cannavale. A: Dottore, da qualche giorno non mi sento bene. B: Che

Dettagli

Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di gioco d azzardo patologico Testo redatto sulla

Dettagli

Numeri naturali numeri naturali minore maggiore Operazioni con numeri naturali

Numeri naturali numeri naturali minore maggiore Operazioni con numeri naturali 1 Numeri naturali La successione di tutti i numeri del tipo: 0,1, 2, 3, 4,..., n,... forma l'insieme dei numeri naturali, che si indica con il simbolo N. Tale insieme si può disporre in maniera ordinata

Dettagli

Sommario. Corso di Statistica Facoltà di Economia. L'Algebra degli Eventi

Sommario. Corso di Statistica Facoltà di Economia. L'Algebra degli Eventi ommario Corso di tatistica Facoltà di Economia a.a. 2006-2007 2007 francesco mola L algebra degli eventi Diagrammi di Venn Teoremi fondamentali Probabilità Condizionata ed Indipendenza tocastica Lezione

Dettagli

Nel triangolo disegnato a lato, qual è la misura, in gradi e primi sessagesimali, di α?

Nel triangolo disegnato a lato, qual è la misura, in gradi e primi sessagesimali, di α? QUESITO 1 Nel triangolo disegnato a lato, qual è la misura, in gradi e primi sessagesimali, di α? Applicando il Teorema dei seni si può determinare il valore di senza indeterminazione, in quanto dalla

Dettagli

Introduzione alla Teoria degli Errori

Introduzione alla Teoria degli Errori Introduzione alla Teoria degli Errori 1 Gli errori di misura sono inevitabili Una misura non ha significato se non viene accompagnata da una ragionevole stima dell errore ( Una scienza si dice esatta non

Dettagli

ALGEBRA I: NUMERI INTERI, DIVISIBILITÀ E IL TEOREMA FONDAMENTALE DELL ARITMETICA

ALGEBRA I: NUMERI INTERI, DIVISIBILITÀ E IL TEOREMA FONDAMENTALE DELL ARITMETICA ALGEBRA I: NUMERI INTERI, DIVISIBILITÀ E IL TEOREMA FONDAMENTALE DELL ARITMETICA 1. RICHIAMI SULLE PROPRIETÀ DEI NUMERI NATURALI Ho mostrato in un altra dispensa come ricavare a partire dagli assiomi di

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

RAPPRESENTAZIONE BINARIA DEI NUMERI. Andrea Bobbio Anno Accademico 1996-1997

RAPPRESENTAZIONE BINARIA DEI NUMERI. Andrea Bobbio Anno Accademico 1996-1997 1 RAPPRESENTAZIONE BINARIA DEI NUMERI Andrea Bobbio Anno Accademico 1996-1997 Numeri Binari 2 Sistemi di Numerazione Il valore di un numero può essere espresso con diverse rappresentazioni. non posizionali:

Dettagli

Griglia di correzione Fascicolo di Italiano Prova Nazionale anno scolastico 2008-2009

Griglia di correzione Fascicolo di Italiano Prova Nazionale anno scolastico 2008-2009 Griglia di correzione Fascicolo di Italiano Prova Nazionale anno scolastico 2008-2009 Il buon nome - Chiavi di risposta e classificazione degli item Item Risposta corretta Ambito di valutazione Processi

Dettagli

Destinatari: adulti/giovani adulti di diversa provenienza linguistica e culturale che imparano l italiano in contesto L2 o LS

Destinatari: adulti/giovani adulti di diversa provenienza linguistica e culturale che imparano l italiano in contesto L2 o LS MA IL CIELO È SEMPRE PIÙ BLU di Rino Gaetano Didattizzazione di Greta Mazzocato Univerisità Ca Foscari di Venezia Destinatari: adulti/giovani adulti di diversa provenienza linguistica e culturale che imparano

Dettagli

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Rilevazione degli apprendimenti PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Anno Scolastico 2011 2012 PROVA DI ITALIANO Scuola Primaria Classe Seconda Spazio per l etichetta autoadesiva ISTRUZIONI

Dettagli

NOSTRO SIGNORE. Is 45, 1 7 Sal 146 (145) At 2, 29 36 Gv 21, 5 7

NOSTRO SIGNORE. Is 45, 1 7 Sal 146 (145) At 2, 29 36 Gv 21, 5 7 NOSTROSIGNORE Is45,1 7 Sal146(145) At2,29 36 Gv21,5 7 Tra gli elementi costitutivi dell'esistenza umana, la dipendenza dell'uomo daun'autoritàè unfattoincontrovertibile. L'aggettivosostantivatokyriossignifica:

Dettagli

FUNZIONI AVANZATE DI EXCEL

FUNZIONI AVANZATE DI EXCEL FUNZIONI AVANZATE DI EXCEL Inserire una funzione dalla barra dei menu Clicca sulla scheda "Formule" e clicca su "Fx" (Inserisci Funzione). Dalla finestra di dialogo "Inserisci Funzione" clicca sulla categoria

Dettagli

Che cos è la luce? (Luce, colori, visioni.quale sarà mai il loro segreto?) Prof. Gianluca Todisco

Che cos è la luce? (Luce, colori, visioni.quale sarà mai il loro segreto?) Prof. Gianluca Todisco Che cos è la luce? (Luce, colori, visioni.quale sarà mai il loro segreto?) 1 LA LUCE NELLA STORIA Nell antica Grecia c era chi (i pitagorici) pensavano che ci fossero dei fili sottili che partono dagli

Dettagli