Esplicazione di Diritto Romano

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Esplicazione di Diritto Romano"

Transcript

1 Esplicazione di Diritto Romano Corso C S.L.F. Esplicazione integrata dagli appunti presi a lezione nell anno 2012/2013

2 2 L.L. - Corso C Sommario Capitolo 1: Diritto e Giuristi a Roma... 3 Capitolo 2: L età repubblicana Approfondimento Capitolo Capitolo 4:Le persone Capitolo 5: Le cose... 79

3 Appunti Luiss Istituzioni di Diritto Romano. 3 Capitolo 1: Diritto e Giuristi a Roma La parola italiana diritto come quella francese e tedesca e inglese derivano dal latino directum che introduce l idea di retto. ma ci si può rifare anche al termine regula che in latino che era lo strumento per tracciare la retta. Cosi vi e un chiaro riferimento a ciò che e retto diritto. poi si parla di ius il ci etimo ci porta a uno stato di regolarita a uno stato di normalita dale regole rituali. altre precisazioni consentono di precisare megli il significato di diritto. speso si tende a esaurire il diritto in una serie di regole generali, derivanti da un provvedimento autoritaticvo posto in essere dal potere politico. tali regole sono norme giuridiche poiche non si limitano a dire ciò che e bene o male ma sono provviste di sanzioni che len rendono coercibili ma ciò e una rappresentazione limitata che esclude altre modalita attraverso cui il diritto si può esprimere. non prende tipo ad esempio le regole norme che possono genericamente ricondursi all attivita di chi sia predisppostpo a giudicare nella sua funzione di preposto al compito di rendere palese il diritto da applicare. e di comnicarlo ai consociati. Non si nasconde neanche il ruoo di artefici assegnato ai professori delle facolta giuridiche o di coloro che fanno diritto. le fonti di formazione dell ordinamento giuridico cosi sono molto vaste cosi i formanti del diritto sono diversi. vi e una necessita di norme giuridiche per l uomo, quando la loro aggregazione raggiunge un minimo di complessita allora si realizzera una societa politica. da ciò l esigenza di individuare fissare regole, norme giuridiche alle quali attenersi per non compromettere la possibilita di realizzare gli iteresi individuali e di gruppo, ciòe la vita comune presuppone un ordin e normativo piu o meno complesso come si dice un ordinamento giuridico. ARoma si diceva che ildiritto e qualcosa che si forma per l uomo partecipando cosi delle mutevoli necessita proprie. l esistenza di un ordinamento giuridico comporta sempre un attivita interpretativa. il che in linea di principio può avvenire secondo due metdi principali ciòe metodo logico deduttivo(regole predeterminate e si deve desumere tutto da ciò) metodo logico induttivo(regole da individuare di volta in volta muovendo dal caso concreto) ma in tali metodi vi è bisogno come del giurista., il qualee deve avere la coscienza che il diritto non assume sempre nel tempo e nello spazio la stessa forma, ciòe il diritto non si presenta sempre lo stesso. e si deve essere a conoscenza sia della storicita del diritto che del metodo di volta in volta utilizzato

4 4 L.L. - Corso C per riconoscerlo e renderlo effettivo. oltreche conoscutore di norme il giurista deve essere anche uno storico del diritto. modernamente il giurista deve anche essere attrezzato ad operare in modo transnazionale cosicche possa confrontare la genesi e lo sviluppo nella storia dei vcari ordinamenti giuridici. senza trascurare gli studi che escono fuori dal metodo comparatistico, che diviene importante quando la scienza del diritto non viene vista piu come patrimonio esclusivamente nazionale. e da ciò si possono vedere le differnzeinsite in ogni ordinamento ma anche le diverse unterpretazioni di una norma regola simile tutto ciò dipende proprio dalla genesi di tale norma in territori diversi. poi vengono cosi rese evidenti le origini e lo sviluppo di una costruzione del diritto e della scienza dle diritto in due blocchi fondamentali considerati interna,ente omogenei ma contrapposti fra loro il common law che si e formato nella prassi delle corte inglese e dall altra parte il civil law o diritti di tradizione Romanistica che si formarono al di fuori dell inglhilterra am trasmesso nel corpus juris civilis ciòe la sintesi di giustiniano che ci trasmise la sontesi dell intero diritto Romano. ma anche in inghilterra venne diffuso il sistema giuridico Romano grazie ai giuristi che andaronoi proprio nelle universita inglesi ad insegnarolo anche s epoi ciò venne vietato nel 1151 per le lotte fra monarchia epotere ecllesiastico fomentato dai ricchi che vedevano un pericolo per loro stessi, infatti fu proprio la chiesa ad avere un apporto decisivo grazie alla predicazione fatta dai suoi monaci benedettini. ma nonostante tale divieto l influenza del diritto Romano persistette e sii trovano tracec in vari libri di guglielmo di drogheda e di long champ come nelle summa aurea o practica legum oltre al famoso leges et consutudines angliae scritto da enrico di bracton. comq molto influente per l accesso del diritto Romano a oxford e cambridge fu enrico tudor 8 anche se la preminenza del common law inglese rispetto al diritto Romano fossegia stata segnata grazie al ruolo dei giuristi ai quali si alleo il parlamento. caratteri del diritto a Roma. si può gia intuira la rilevanza che assume lo studio del diritto in una prospettiva storica e quindi nel suo ambito anche lo studio del diritto dei Romani. pero bisogna rivolgere l analisi in larga parte alla giuridicita moderna per capire il processo per la formazione di diritti di civil law. parleremo di ora in avanti esperienza giuridica Romana cosicche si fa capire che non era qualcosa di statico ma in continuo movimento e trasformazione, diciamo cosi perche si trova risposta a ciò propria grazie all operativita dei prudentres(giuristiovvero gli interpreti del diritto) che erano persone dotate di una conoscenza approfondita del fenomeno giuridico e dekle modalita per la sua costruzione che godevano di autorevolezza nell immaginario collettivo e cosi l esperienza giuridica Romana grazie a loro diviene il particolare referente nella costruzione della giuridicita moderna. l operativita dei prudentes ha segnato profondamente l esperienza giuridica Romana tantoda affermare che nel diritto Romano prevalga la fase interpretativa; cosi si diede vita a un diritto giurisprudenziale sottolineando cosi la presenza di diversi fattori dgentici del diritto come i mores gli edictala legge e i provvedomenti autoritativi degli imperatori costitutiones. Tutto ciò ebbe come tessuto connettiov proprio i prudentes. tale attivita riguardo il diritto priato riuspetto a quello pubblico concernente a disciplinare l organizzazione e e il funzionamento delle istituzioni pubbliche ma anche i rapporti del cittadino con esse., cosi si espresero i prudente sono due le branchi del diritto quella del diritto pubblivco e quella del diritto privato, pubblico e ciò che riguarda l assetto della comunita Romana; e diritot

5 Appunti Luiss Istituzioni di Diritto Romano. 5 privato ciò che riguarda fgli interessi dei singoli e si divide a sua volta in tre parti; diritto naturale, nonche diritto comune a ogni popolo o diritto proprio dei cittadini Romani. nello specifico la iuris interpretatio dei prudentes si tradura in una serie di dichiarazioni in merito al diritto di applicare al caso concretoe e ciò,a sua volta data concretezza al metodo scientifico a carattere casistico. ciòe si svogere nel rispetto di una logica idonea a rendere riconoscibile la ratio sottostante ai singoli responsa soluzioni pure grazie al uso del linguaggio tecnico nonche individuando il diritot applicabile a partire dall analisi della fattispecie di volta in volta poste all attenzione del giurista. ciò non significa comeq che i prudentes rifugissero dall enunciare talvolta regoele e definizioni generali, ma quando lo faranno si dimostrerannoconsapevoli che queste serviranno solo a sintetizzare lo stato di diritto in un certo momento e che avevano perciò un valore transitivo ciò identificava quanto per lo piu accadeva ma portava a trovare nuove conclusioni se vi fosse stato qualche elemento giuridico a qualificarlo nuovo rispetto al passato. la presenza dei giuristi e l individuazione della loro sientia iuris rappresentarono gli elementi che hanno reso l esp giu Romana un fattore propulsivo nella costruzione della giuridicita dell eta medievale e moderna. ciò fu favorito dal giurista che pero non era un semplice avocato ma un privato cittadino in posseso delle cognizioni tecniche per l operare giuridico di avvocati notai e magistrati. cosi i prudentes prstavano una fondamentale attivita consulenziale in favore di tutti quei soggett, e le loro consulenze prestate aad inmperatori o altri auditori sono state rilevate grazie ai loro scritti evennero successivamente riutilizzate, anche nei secoli successivi all impero Romano, gia durante il dominato quando la rilevanza delle opere giurisprudenziali si precisera nel senso che in esse si vide lo strumento privileggiato di conoscenza del diritto piu antico ius vetus dei Romani. quasi pero che le opere dei prudentes definite iura in contrapposizione alle leges constituiones iperiali fossero esse stesse leggi e non l esito dell attivita interpretativa giurisprudenziale condaotta nel rigoroso rispetto del metodo casistico, nel dominato tale intepretatio iuris fu cancellata come fonte creativa autonoma del diritto a vantaggio dell idea che la giuridicita dovesse trovare fondamento esclusivo nelle leges e nell intepretazione degli imperatori riconoscendosi nelle iura dei giuristi ormai solo la funzione conoscitiva dell antico diritto da cui desumere e applicare accanto al nuovo diritto di matrice imperiale. a sua volta tale riutilizzazione delle opere dei prudentes quasi come leggi determinera non poche difficolta di coordinamento con il ius novukm. a tale limite cerchera di porre rimedio giustiniano con il corpus juris civile questo non oblietera la scientia iuris ma costituirà il tramite per la costruzione di una nuova scienti iuris proiettandosi nella modernita. le principali fonti di conoscenza del diritto Romano il corpus juris di giustiniano la principale fonte di conoscenza dell esperienza giuridica Romana deve titenersi dunque il corpus juris civilis realizzato in oriente nella corte di giustiniano imperatore. venne alla luce nel 528 e il 534 ed e diviso in tre parti: le institutiones, i digesta e il codex a tale corpus poi si possono aggiungere le novellareconstitutione: le leggi emantae da giustiniano e i suoi successori a partire dal 535 tale conoscenza dlel novelle ci viene assicurata da raccolte privatee vi sono tre colezioni la prima epitome iuliani di 124 novelle la seconda 134 novelle denominata authentiucum percgehe

6 6 L.L. - Corso C siu diffuse avesse un valore ufficiale la teerza 168 novelle denominata collezione greca o marciana perche e in lingua greca e i manoscritti si trovano amilano nella biblioteca marciana. per quanto riguarda la vera e propria compilazione di giustiniano assume rilievo inanzi tutto la costituzione haec quae necessario con cui giustiniano procedette alla nomina di una commisione di 10 membripresieduta dal suo ministro giovanni di capodocia allo scopo di redigere un codex: espresione che all epoca voleva dire libro; furono raggruppate tt le leggi o constituzioni imperiali realizzate in precedenza. il codex venne promulgato nel 529 con una costituzione denominata summa rei pubblicae tale codex non ci e pervenuto ma conosciamo i suoi titoli da 1 a16. nel mese di gennaio subito doipo giustiniano emano una costituzione denomiata deo auctore con la quale conferi la carica di redigere una sorta di antologia di quella parte del ordinamento giuridico rappresentato dalle opere scritte dai giuristi Romani corentemente denominata iura, e utilizzata nel dominato come se fossero leggi vere e proprie. Nella stessa costituzione deo auctore vennero evidenziatii punti ai quli la commissione si sarebbe dovuta attenere per la realizzazione dell opera si potevano modificare i testi originali al fine di evitare le eventuali contraddizioni e di attualizzarne il contenuto. tale facolta venne richiamata anche nei digesta. digesta sono divisi in 50 libri a loro volta divisi in titoli corrispondenti alle tematiche generali trattate nei queli vanno inserite le opere dei pporudentes con il nome del singolo giurista e il libro da cui ofsse desunto tale frammento. alcuni frammenti vennero trasformati per ragioni sostanziali questa scelta nei limiti entro cui trovo attuazione, era giustificata dalla volonta imperiale din realizzare una rivisitazione del diritto espresso dalle opere dei giurisit Romani ovvero del ius vetus cui si contrapponeva il ius novum affermatosi nel dominato. Ciò si fece per l esigenza avvertita di coordinare lem opere giurisprudenziali impronate alla metodologia casistica con il principio cardine della politica del diritto imperiale dell epoca del dominato in base al quale solo l imperatore poteva emanare leggi ed essere artefice interprete del ius dovendosi quindi il diritto da applicare desumere dalle leggi e non piu individuare, creandolo attraverso l analisi dei casi concreti come avevano fatto i prudentes. tale sforzo costruttivo anche con quakche variazione fu esagerato e per di piu viziato dalla contrapposizione rigida fra diritto dei prudentes ediritto giustinianeo, dementicandosi che interventi sui testi giuridic elaborati dai primi risultassero essersi verificati gia nel 4 o5 secolo. ormai l atteggiamento della critica e completamente diverso. sembra chiaro che per sciògliere il problema, derivante dalla frease molti sono state le variazioni basta che abbiano portato utilita,risiede nella possibilita di confrontare il contenuto della compilazione con le fonti originarie e con le notizie relative allo stato di diritto nei secoli precedenti ai digesta. ma cosi si e pervenuto alla certezza che molti interventi realizzati sul teso originario nonpresentano natura sostanziale e che appaiono finalizzati a un esigenza di semplificazione testuale e di coordinamento dei testi. comeq la prospetiva piu producente rimane quella che pone l accento sulle posizioni contrastanti espresse dai giuristi Romani quelle che avevano indotto a supporre interventi massicci dei commissari giustinianei suitesti utilizzati riconducemdoli a interventi operati da uesti ultimi, bensi al c. D ius controversium. come risultato prprio del metodo casistico dei prudentes. invece di pensare all alterazione dei testi sin tende a pvedere nei contrasti testuali il prodotto di originarie

7 Appunti Luiss Istituzioni di Diritto Romano. 7 diverse posizioni valutative espresse dai prudentes rispetto a fattispecie, casi solo in apparenza uguali. Cosi quest era il culmine dell interpretatio ma comeq la frase di giustiniano non si deve ritenere come una semplice autoesaltazione dell azione imperiale per dare nuova attualita al materiale utilizzato nella redazione del digesto. successivamente giustiniano emano una costituzione per redifere un manuale di studio nominato institutiones da utilizzare in oriente. questa opera divisa in 4 libri a loro volta divisi in titoli, la trattazione si svolge come se parlasse proprio l imperatore. a differenza del digesto non prevede l inserimento di alcuna indicazione in merito alle opere utilizzate. la trattazione è divisa in tre parti, dedicate a 3 grandi tematiche le res le persone e il processo. tale periodo fu cosi intenso che il codex prima redatto mostro le sue lacune e su volonta imperiale venne ftta una seconda redaziuone. nel nuovo codex vennero riportate solo le costituzioni vigenti. la piu antica e una costituzione dell imperatore adriano mentre le piu recdenti sono di giustiniano. talecodex e diviso in 12 libri suddivisi a loro volta in titoli corrispondenti alle tematiche rattate e le costituzioni sono raccolte in ordine cronologico, si aprono con la inscriptio il cui contenuto e il nome dell imperatore che aveva emanato la lx e consitutio nonche dal nome del destinatario, a chiusura vi e sempre la subscriptio che contiene luogo e data emissione. tra in e subscriptio vi sono le massime di diritto oissia i principi giuridici enucleati dal contentuto originario delle costituzioni. le altre fonti di conoscenza dell esperienza giuridica Romana. l esp giur Romana non e conoscibile solo con la compilazione di giustiniano ma vi sono ache altre fonti. fonti di cognizione giuridiche o fonti di cognizione extra-giuridiche. gli atti normativi e precdettivi rappresentati da leggi e da provvedimenti pervenuti trami te citazioni papiri ecc il codex gregorianus o hermogenianus le opere scritte da gaio ecc (pag15) poi tra le fonti extra giuridiche abbiamo ciò che troviamo scritto nei libri di letteratura latinae nelle commedie o nel teatro. sezione seconda. il diritto privato dei Romani come formante della giuridicita medievale e moderna la caduta dell impero Romano d occidente. in ubna qualsiasi prospettiva storica si devono delineare i pasaggi che hanno fatto della specificita di quell esperienza giu Romana lo stampo per la costruzione della giurdicita medievale e moderan attraverso la rilettura del corpus juris civilis. sono queste le prime coordinate per venire a conoscenza del diritto Romano nella storia e da ciò si traggono i fatti portanti e unidìficanti della nostra giuridicita. dopo l abdicazione di romolo augustolo nel 476 d. C venne sancita la rottura culturale fra l impero orientale e occidentale. anche se giustiniano tento di riunirlo nulla di duraturo fu. in tale siituazione storica va valutata la cpompilazione giustinianea. per l oriente ciò fu il punto di partenza di ciò che si chiama diritto bizantino e affonda le sue radici nell impossibilita di commentare il corpius juris solo a fine di semplificarlo ciò era possibile. ciò cambio con la compilazione isaurica, una selezione di testi estratti dalla compilazione giustinianea. era un opera in 18 titoli alle quali vanno aggiunte tre collezioni di diritto speciale riguardanti il diritto marittimo il diritto militare la protezione dei fondi.

8 8 L.L. - Corso C invece i secoli 9 e 10 furono caratterizzati dalla compilazione macedone che prese vita dai sunti della comp di giustiniano. la manifestazione piu signifivcativa per la costruzione della giuridicitain eta bizantina pero coincide con ilibri basilicoru, 60 libri in greco dove venne riportata gran parte della compilazione giustinianea. vennero poia ggiunti su questan i commenti dei giuristi bizantini i c. D scholia antuiqua e i commenti piu recenti scholia recentiora. per quanto riguarda l oriente si procedette anche a redazione di materiale per fine didattico.+ rilevanti sono il tipicum un repertorio realizzato da un giudice di nome patzes e il manuale legum in 6 libri pubblicato d un certo costantino haermopulos ciò fu rilevante in grecia, dove dal 1835 una volta avvenuta la liberazione della dominazione ottomana si stabili che le leggi degli imperatori bizantini assieme al diritto consuetudinario costituivano l autorita giuridica di rigferimento tra i rapport tra ptivati lpoi verranno redatti di seguto altri codici fino al codice civile greco dove il riferimento era quello edesco il bgb. in occidente invece la compilazione fu richiesta dal papa ed era stata estesa all italia con una costituzione la pragmatica sanctio pro petitione virgili. ciio consenti che divenisse oggetto di studio, invece nei territori bizantini formatisi in italia lo studio del diritto Romano fu senz altro piu significativo, ma rimase comeq apannaggio di una cerchia di studiosi senza un riflesso pratico. cosi si deve dire che la scuientia dei prudentes e il diritto dei Romani in occidente venne assai svalutato. pag20 non sara prodotto un diverso andamento delle cose dalla formazione del sacro Romano impero postosi come continuazione dell impero Romano e ciò si può cololegare all incoronazione di carlo magno nel 800 che pooi si rivelerasolo ujn aglomerato politico di territori sia dell europa centrale che occidentale. Anche se porsi insieme al papato come strutturam di riferimento del potere costituira una struttura incapace di stingere stabilmente in un entita di governo dminata di volta in volta dall imperatore. fu proprio la parcellizzazione del potere politico ad avere reso poco percorribile nell europa continentale la strada per realizzare un organizzazione della giuridicita secondo parametri universalmente accettati. poiche chiunque avesse voluto fare ciòn non avrebbe trovato appoggio in un potere politico capace di conferirgli quell autorevolezza necessaria a dare forza all organizzazione di un fenomeno giuridico in una dimensione piu ampia e trascendente il mero particolarismo normativo. la scuola di bologna la situazione mutuo a partire dal 11 secolo. in particolare riguardo all organizzazione scientifica del diritto in iitalia e a bologna dove attigendosi a livelli eccelsi si fece ritorno allo stuidio del diritto dei Romani nella versione tramandata da giustiniano. il processo storico prese avvio con irnerio. per intendere la novita della scuola di bologna e soprattutto le ragioni dello studio nel suo ambito del diritto Romano bisogna tenere presenti degli aspetti storici. va ricordato che l11 secolo e la diffusione del prerinascimento italiano caratterizzatosi per un generale e spiccato interesse verso lo studio della cultura espressa a Roma. va considerato poi il diffondersi della convinzione che questo fosse la continuazione dell impero Romano. oltre questi 2 fattori deve correlarsi la contemporanea affermazione della cultura cittadina in contraso col mondo feudale. tale cambiamento della civilta protomedievale e alla chiusura del dell accentuato immobilismo agrario

9 Appunti Luiss Istituzioni di Diritto Romano. 9 che costitui la realta del mondo cittadino. Lo sviluppo della culktura cittadina collegato ad un forte impulso alla produzione di beni e al loro commerciò creo i presupposti per l accumulazione di ricchezza finendo per determinare mutazioni dei precedent stili di vita. cosinascono i comuni come entita sociò economiche aperte alla cui amministrazione i cittadini era cointeressati. nel campo del diritto si eebbe la riscoperta della compilazione giustinianea. e si cominciò a sentire la necessita di andareoltre quelle regole e colmare i vuoti giuridici che emergevano nelola prassi. infine risulto evidente la mancanza di schemi ordinanti in cui convogliare sia la nuova che la piu vecchia giuridicita, cosi fu risocperta la compilazione giustinianea. in sostanza nella compilazione di giust come nel pensiero dei prudentes Romani racchiuso nei digesta si vide un possente coincentrato concettuale cui attingere per organizzare razionalmente il complesso di norme da applicare. pero si rivelo un accentuata venerazzione del testo e si vide in esa una verita rivelata cosi come anche nbella scienta iuris. e videro per questoun diritto privo di contraddizioni. e si ritennero che le divergenze o interpolazioni volute da giustinianon fossero solo apparenti(o non gabbu chisti). cosi si determinarono i presupposti perche la conmp giust. era vissuta come la summa dell esp giur Romana. come il diritto per eccellenza. come la ragione scritta dalla ragione come una verita rivelata da ssumere quindi come dogma e indiscutibile. si studiva attreaverso la semplice esplicazione. la compilazione comeq ebbe valore etico ed esprimeva un superiore ordine giuridico dotato di autonomia e autorevolezza. fu a quella autorevolezza rispetto al potere politico debole che ci si rivolse per creare nuovi giuristi il cui operato potesse essere avvertito nel segno proprio dell autorevolezza. cosi l opera di giustiniano nell ambito della scuola di bologna colmo il vuoto politico sul punto, fornendo anche il background concettuale necessario alla creaziomne din un ceto di giuristi dotato delle capacita tecniche da urtilizzare nella gestione degli affari privati e nell amministrazione della cosa pubblica. cosi tale studio divenne la base èper l acquisizione di una vasta conoscenza concettuale del fenomeno fondata suklla razionalita e sulle coordinate concettuali offerte dai giuristi Romani, cosi assunse un ruolo principale il momento dellaa interpretatio. può cosi affermarsi che i giuristi della scuola di bologna resero l utilizzazione della scienza dei prudentes Romani decisiva nella creazione deòl metodo della giurisprudenza medievale e oltre; in definitiva nell approcciò scientifico al fenomeno giuridico. tuttavia loa venerazione del testo fece si che tale metodo restasse dominato dal ricorso all esegesi testuale. la manifestazione del metodo fu l elaborazione della gliossa una breva annotazione prima posta all interno del testo poi a margine da tale dstudio derivera il nome di glissatori ai giuristi bolognesi. ne derivera in tal modo un ricco apparato critico. per la cui conscenza risulta fondamentale l opera di azone ad azone risale la summa codicis la quale corrsipondeva a un primo signifivcativo tentativo di fornire assumendo come riferente il corpus juris un esposizione unitaria del fenomeno giuridico a somiglianza di quanto il mondo culturale dell epoca andava producendo in vari campi del sapere. ancora piu rilevante per gli effeti successivi rimane nella stessa prospettiva la magna glossa di accursio dove vennero sintetizzate utte le annotazioni delle glosse alo scopo di chiarire il

10 10 L.L. - Corso C significato letterale dei testi Romani presenti nella compilazione di giustiniano per un totale di centomila glosse, alcune sono vere e proprie trattazioni monografiche. i post glossatori gli ultramontani i decretisti e il ius commune. a partuire dal 12 secolo si delinearono nuove prospettive di studio della fenomelogia dgiuridica e della compilazione giustinianea, in corrispondenza con il diffondersi in europa di un nuovo clima politico e culturale va registrata la crisi dell universalismo e cosi si comincia a diffondere l idea di stato nazionale trovando la novita terreno particolarmente fertile in francia. la diffusione degli scritti di aristotele e la riscoperta della dialettica fornirono agli studiosi di diritto nuovi strumenti culturali orientandoli nell organizzazione scientifica de fenomeno giuridico verso la ricerca di una sistematica diversa rispetta a quella utilizzzata dai commissari di giustiniano per inquadrare i testi Romani nella compilazione, sistematica a cui erano legati i glossatori. i seguaci del nuovo indirizzo di studi si caratterizzano per una forte tensione razionalistica. i testi del corpus juris civile, con una specificazione e accentuazione del metodo dei glossatori, cominciaro a essere esaminati per intercettarne in misura sempre piu significativa il senso intrinseco, con un allontanamento del dato testuale e quindi della mera analisi esegetica delle parole, ne derivo una vasta scomposizione alla ricerca della ratio quella che si definicva medulla rationis. il presupposto din tale ricerca era il co0nvincimento diffuso in merito al esistenza in ogni manifestazione del diritto di una parte del diritto di natura della razionalita a quest ultimo connaturata. ai glossatori successero i commentatori che privilegiavano proprio il commento dei testi rispetto alla loro semplici esegesi, secondo l ordine sistematico della compilazione poi la cosi si ebbe la decisa rottura di tale ordine favorendosi cosi l avvio di una stagione segnata anche dalla realizzazione di varie e importanti trattazioni monografiche. si affemarono vari gruppi di giuristi chiamati commentatori conciliatori o pratici per le propensioni metodologiche di ogni gruppo. la qualifica di postglossatori e commentatori esprime l approcciò piu libero ai testi del corpus juris, quella dei conciliatori al pari dell appellativo pratici evidenzia l ulteriore impegno di questi ultimi nell attivita professionale di tipo consulenziale. sono da citare anche gli ultramontani che diedero impulso in favore dello sviluppomdi nuovi assetti sistematici per organizzare la scientia iuris fopnadata sullo studio privilegiatto della compilazione ma anche verso nuovi legami tra in testi trasmessi da giustiniano. anche per questi giuristi ilm punto di partenza dello studio del diritto sin era imperniato sullo studio della compilazione giustinianea. pag(26) gli ultramontanin si eran fatti promotori di un rinnovamento della scienza del diritt, ampliandom le critiche nei confronti del metodo di studion esegetico della compilazione inaugurato dai glossatori. di questi maestri si contestava l eccessivo legame ai testi giustinianei invece come i commentatori e gli ultramontani passano dalla glossa al commento. prese cosi avvio un indirizzo di studi giuridici definito mos gallicus oin opposto al futuro mos italicus,caratterizzatosi per un approcciòesegetico0 ai testi giustinianei. ci saranno anche studiosi italiani come cino da pistoia che sara il tramite piu rilevante per l importazione in italia delle istanze scientifiche metodologiche generatesi in seno agli ultramontani, favorendo un rinnovamento dello studio del diritto.

11 Appunti Luiss Istituzioni di Diritto Romano. 11 nel complesso va riconosciuto che l intento di modertnizzazione manifestato dagli ultra montani e dai commentatori rese possibile il progressivo e ulteriore adattamento dei contenuti concettuali della compilazione alle concrete e nuove necessita poste dalla societa e dell economia de lo tempo. cosi prese vita una scientia iuris sempr epiu raffinata e con essa si ando enucleando un grande numero di categorien giiuridiche generali di distinzioni e di classificazioni. vennero creeate nuove figure giuridiche e vi furono nuovi settori giuridici come il diritto commerciale diritto internazionale privato, diritto finanziario. si ebbe anche un accostamento della scienza iuris verso il metodo logico deduttivo, cosi ci fu l idea della centralita di una legge dalla qu8ale desumere il diritto da applicare. si diffuse l idea che il diritto da applicare dovesse desumersi dalla legge e dalla regola centrale. Al metodo casistico si ando allora sostituendo la logica deduttiva. comeq resto saldo la convinzione che la scienza giuridica moderna dovesse costituirsi muovendo da quella Romana e sulla base di questo presupposto gli operatori del diritto si convinseron di essere autori di una unitaria scienza del diritto europea, in quanto avevano radici comuni. Infine la chiesa adopero la scientia iuris per disporre di un organico diritto utilizzabilenella sua missione universale, si trovera una sintesi del codice civile canonico del cosi risulta evidente che il diritto Romano giustinianeo con un progressivo affinamentodella prospettiva aperta dai glòossatori veniva ormai avvertito come il fondamento totu court della scientia iuris. offriva pureun complesso di regole giuridiche applicabili per la concreta regolamentazione dei rapporti sociali ed economici, piu in oarticolare sotto questo secondo punto di vista fu considerato come il necessario complemento suppletivo del dritto vigente in ciascuna comunita(ius proprium) a fronte delle lacunew di quest ultimo cosiil diritto Romano giustinianeo venne ormai diffusamente avvertito nell europa continentale come il referente concettuale privileggiato dell unitaria giuridicita moderna era la base diquelllo che con la formula onnicomprensiva e perciò di per se generica si suole chiamere ius commune intendendosi con quest ultimo fare riferimento all esperienxza giuridica Romana sviluppatasi grazie ai commentatori e agli ultramontani fino ale codificazioni ottocentesche l umanesimo giuridico nel 15 secolo e nel 17 si comicia a sviluppare un movimento di pensaiero caratterizzante per il piu diffusorecupero delle opere del mondo classico. tale tendenza investi anche il campo giuridico, cosi si fara strada l umanesimo giuridicoche si afferma in francia con la scuola dei culti. i giuristi umanisti furono critici nei confronti dei glossatori responsabili a lor parere di mlti errori nella lettura dlela compilazione e contestavano alla scuola di bologna la mentalita imperante e l appiattimento sul principio di autorita. si affermarono cois l esigenza di una storicizzazione e uno sgancimaneto del contenuto dei testi giustinianei, non nel senso di una oblieterazione ma come presupposto per una valutazione critica piu contestualizzata. il corpus juris cominciò a essere una testimonianza dl passato. con una nuova analisi filologica divenne possibile proccedere alla ricerca delle manipolazioni subite dai testi utilizzati per la redazione del corpus juris e alla loro contestualizzazione storica. cosi gli umanisti come gia detto qualificarono il corpus juris come un segno della decadenza del mondo classico. tuttavia la nuova metofdologia filologica e storica cominciò ad apparire agli occhi dei giuristi densa di suggestioni e si accesse sempre piu in profondita al sapere trasmessoci dalla compilazione e si affermo cosi l umanesimo giuridico,

Mario Albertini. Tutti gli scritti VIII. 1979-1984. a cura di Nicoletta Mosconi. Società editrice il Mulino

Mario Albertini. Tutti gli scritti VIII. 1979-1984. a cura di Nicoletta Mosconi. Società editrice il Mulino Mario Albertini Tutti gli scritti VIII. 1979-1984 a cura di Nicoletta Mosconi Società editrice il Mulino Nota sulla Polonia Il caso polacco ha valore storico, nel senso che pone per tutti, e non solo per

Dettagli

2.- l opinio iuris ac necessitatis (elemento psicologico), ossia la convinzione generale che tale comportamento sia conforme al diritto.

2.- l opinio iuris ac necessitatis (elemento psicologico), ossia la convinzione generale che tale comportamento sia conforme al diritto. .Mentre la consuetudine internazionale crea diritto internazionale generale, l accordo crea diritto internazionale particolare che crea diritti ed obblighi solo per gli Stati parte. Può accadere che una

Dettagli

SONO DAVVERO APPETIBILI PER GLI INVESTITORI GLI STRUMENTI FINANZIARI DI TIPO PARTECIPATIVO?

SONO DAVVERO APPETIBILI PER GLI INVESTITORI GLI STRUMENTI FINANZIARI DI TIPO PARTECIPATIVO? regolazione SONO DAVVERO APPETIBILI PER GLI INVESTITORI GLI STRUMENTI FINANZIARI DI TIPO PARTECIPATIVO? Raffaele Lener * Gli strumenti finanziari di tipo partecipativo, che il diritto societario ha consentito

Dettagli

SINTESI SUL DOCUMENTO TESTAMENTO BIOLOGICO

SINTESI SUL DOCUMENTO TESTAMENTO BIOLOGICO CHIESA CRISTIANA EVANGELICA BATTISTA VIALE MICHELANGELO GRIGOLETTI, 5 PORDENONE Tel. 0434/362431 - Fax 0434/1702623 - Cell. 340-5900148 e-mail: chiesabattistapn@libero.it chiesabattistapn@gmail.com sito:

Dettagli

La Corte di Appello di Firenze, Sezione Prima civile, riunita in camera di consiglio nella persona dei sottoindicati Giudici:

La Corte di Appello di Firenze, Sezione Prima civile, riunita in camera di consiglio nella persona dei sottoindicati Giudici: App. Firenze, 27 giugno 2008 Matrimonio tra omosessuali L istituto del matrimonio non costituisce una istituzione pre-giuridica ( come ad es. la famiglia) né un diritto fondamentale dell individuo, da

Dettagli

Il silenzio della PA come novellato dal DL 35/05

Il silenzio della PA come novellato dal DL 35/05 Il silenzio della PA come novellato dal DL 35/05 di Marco Giardetti* La tematica del silenzio della PA è di certo una delle più dibattute e problematiche del diritto amministrativo e questo non solo perché

Dettagli

Corso Federalismo e fiscalità locale

Corso Federalismo e fiscalità locale Presidenza del Consiglio dei Ministri SCUOLA SUPERIORE DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE Programma di Empowerment delle amministrazioni pubbliche del Mezzogiorno Corso Federalismo e fiscalità locale Profili

Dettagli

Lavorare in gruppo. Corso di formazione per i dipendenti dell Università di Palermo

Lavorare in gruppo. Corso di formazione per i dipendenti dell Università di Palermo Lavorare in gruppo Corso di formazione per i dipendenti dell Università di Palermo Premessa La conoscenza del gruppo e delle sue dinamiche, così come la competenza nella gestione dei gruppi, deve prevedere

Dettagli

RELIGIONI E CULTURE DELL IMMIGRAZIONE IN ITALIA E IN EUROPA REALTÀ E MODELLI A CONFRONTO. Programma di dettaglio

RELIGIONI E CULTURE DELL IMMIGRAZIONE IN ITALIA E IN EUROPA REALTÀ E MODELLI A CONFRONTO. Programma di dettaglio Fondo Europeo per l integrazione di cittadini di Paesi terzi CORSO DI ALTA SPECIALIZZAZIONE RELIGIONI E CULTURE DELL IMMIGRAZIONE IN ITALIA E IN EUROPA REALTÀ E MODELLI A CONFRONTO Programma di dettaglio

Dettagli

IL CONSUMO CONSAPEVOLE DI ENERGIA ELETTRICA IN ITALIA

IL CONSUMO CONSAPEVOLE DI ENERGIA ELETTRICA IN ITALIA PRESENTAZIONE DELLA RICERCA IL CONSUMO CONSAPEVOLE DI ENERGIA ELETTRICA IN ITALIA ROMA 23 OTTOBRE 2008 Vorrei ringraziare gli intervenuti, i relatori, le Istituzioni ed il GSE che con la sua collaborazione

Dettagli

di Sandro De Gotzen (in corso di pubblicazione in Le Regioni, 2014)

di Sandro De Gotzen (in corso di pubblicazione in Le Regioni, 2014) Discontinuità argomentativa nei giudizi su norme regionali di reinquadramento del personale di enti di diritto privato e di diritto pubblico regionali (nota a sent. 202 del 2014) di Sandro De Gotzen (in

Dettagli

LICEO CLASSICO STATALE VITRUVIO POLLIONE FORMIA. a.s. 2014-2015 PIANO DI LAVORO ANNUALE STORIA E GEOGRAFIA. Docente : Giuliano Maria

LICEO CLASSICO STATALE VITRUVIO POLLIONE FORMIA. a.s. 2014-2015 PIANO DI LAVORO ANNUALE STORIA E GEOGRAFIA. Docente : Giuliano Maria LICEO CLASSICO STATALE VITRUVIO POLLIONE FORMIA a.s. 2014-2015 PIANO DI LAVORO ANNUALE STORIA E GEOGRAFIA Classe V sez. C Docente : Giuliano Maria Per gli OBIETTIVI GENERALI e la VALUTAZIONE, si fa riferimento

Dettagli

LE LINGUE NELL UNIONE EUROPEA IL MULTILINGUISMO

LE LINGUE NELL UNIONE EUROPEA IL MULTILINGUISMO LE LINGUE NELL UNIONE EUROPEA IL MULTILINGUISMO Perché una questione linguistica per l Unione europea? Il multilinguismo è oggi inteso come la capacità di società, istituzioni, gruppi e cittadini di relazionarsi

Dettagli

Valentina Croff * La Certificazione del Sistema di Gestione per la Qualità del Consorzio Venezia Nuova. Premessa. Contenuti e modalità di attuazione

Valentina Croff * La Certificazione del Sistema di Gestione per la Qualità del Consorzio Venezia Nuova. Premessa. Contenuti e modalità di attuazione 33 Valentina Croff * Premessa Contenuti e modalità di attuazione La Certificazione del Sistema di Gestione per la Qualità del Consorzio Venezia Nuova Lo scorso mese di aprile il Consorzio Venezia Nuova

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO di II livello in Gestione del Lavoro nelle Pubbliche Amministrazioni

MASTER UNIVERSITARIO di II livello in Gestione del Lavoro nelle Pubbliche Amministrazioni dipartimento di scienze politiche MASTER UNIVERSITARIO di II livello in Gestione del Lavoro nelle Pubbliche Amministrazioni VI edizione A.A. 2014/2015 Nota: per le modalità concorsuali, si prega cortesemente

Dettagli

L Agenzia per le ONLUS e l accountability del Terzo Settore a cura di ADRIANO PROPERSI. L accountability, cioè il rendere conto delle proprie

L Agenzia per le ONLUS e l accountability del Terzo Settore a cura di ADRIANO PROPERSI. L accountability, cioè il rendere conto delle proprie L Agenzia per le ONLUS e l accountability del Terzo Settore a cura di ADRIANO PROPERSI. L accountability, cioè il rendere conto delle proprie attività a tutti i soggetti interessati, è un valore per tutte

Dettagli

MANIFESTO. Formare Insegnanti che sappiano Insegnare A.N.F.I.S. ASSOCIAZIONE NAZIONALE DEI FORMATORI, INSEGNANTI, SUPERVISORI INIZIALE FORMAZIONE

MANIFESTO. Formare Insegnanti che sappiano Insegnare A.N.F.I.S. ASSOCIAZIONE NAZIONALE DEI FORMATORI, INSEGNANTI, SUPERVISORI INIZIALE FORMAZIONE ASSOCIAZIONE NAZIONALE DEI FORMATORI, INSEGNANTI, SUPERVISORI per la FORMAZIONE INIZIALE Formare Insegnanti che sappiano Insegnare COORDINAMENTO NAZIONALE DEI SUPERVISORI DEL TIROCINIO 2 2 3 PRESENTAZIONE

Dettagli

L EREDITÀ DELL EPOCA NAPOLEONICA IL CODICE

L EREDITÀ DELL EPOCA NAPOLEONICA IL CODICE L EREDITÀ DELL EPOCA NAPOLEONICA IL CODICE Il Codice napoleonico (il Code) esercitò un influenza diretta sulla legislazione di molti Stati preunitari, ponendo le premesse della loro successiva integrazione

Dettagli

I beni culturali come volano della crescita economica e sociale. del territorio. 4. I beni culturali come volano della crescita economica e sociale

I beni culturali come volano della crescita economica e sociale. del territorio. 4. I beni culturali come volano della crescita economica e sociale I beni culturali Il problema I beni culturali un elemento di estremo rilievo per la crescita della cultura e della qualità della vita dei cittadini - possono favorire lo sviluppo di alcune iniziative economiche

Dettagli

L economia aziendale: i contenuti e l oggetto di studio

L economia aziendale: i contenuti e l oggetto di studio Università degli Studi di Sassari Dipartimento di Scienze economiche e aziendali Corso di laurea magistrale in Giurisprudenza Corso di Economia Aziendale Prof.ssa Lucia Giovanelli giovanel@uniss.it L economia

Dettagli

Mario Albertini. Tutti gli scritti III. 1958-1961. a cura di Nicoletta Mosconi. Società editrice il Mulino

Mario Albertini. Tutti gli scritti III. 1958-1961. a cura di Nicoletta Mosconi. Società editrice il Mulino Mario Albertini Tutti gli scritti III. 1958-1961 a cura di Nicoletta Mosconi Società editrice il Mulino 914 Anno 1961 A Luigi Pellizzer Pavia, 22 settembre 1961 Caro Avvocato, io credo che la discussione

Dettagli

FONDAMENTI E DIDATTICA DELLE SCIENZE NELLA SCUOLA DELL INFANZIA

FONDAMENTI E DIDATTICA DELLE SCIENZE NELLA SCUOLA DELL INFANZIA FONDAMENTI E DIDATTICA DELLE SCIENZE NELLA SCUOLA DELL INFANZIA giuseppina.rinaudo@unito..rinaudo@unito.itit SFP 2006 - "Introduzione al corso" V. Montel, M. Perosino, G. Rinaudo 1 Impostazione del corso

Dettagli

Partecipazione e processi decisionali.

Partecipazione e processi decisionali. Partecipazione e processi decisionali. La legge regionale della Toscana sulla partecipazione: principi, finalità, contenuti. Antonio Floridia Responsabile del settore Politiche per la partecipazione Giunta

Dettagli

Speciale riforma delle società. Società a responsabilità limitata IL CONTROLLO CONTABILE NELLE S.R.L. ALLA LUCE DELLA RIFORMA di Vincenzo Salafia

Speciale riforma delle società. Società a responsabilità limitata IL CONTROLLO CONTABILE NELLE S.R.L. ALLA LUCE DELLA RIFORMA di Vincenzo Salafia Società a responsabilità limitata IL CONTROLLO CONTABILE NELLE S.R.L. ALLA LUCE DELLA RIFORMA di Vincenzo Salafia Una delle questioni che la lettura e l interpretazione delle regole contenute nel nuovo

Dettagli

L ACCERTAMENTO ISPETTIVO IN MATERIA DI SICUREZZA SUL LAVORO

L ACCERTAMENTO ISPETTIVO IN MATERIA DI SICUREZZA SUL LAVORO L ACCERTAMENTO ISPETTIVO IN MATERIA DI SICUREZZA SUL LAVORO Cagliari, 22 luglio 2010 ore 10.00 Intervento di apertura dei lavori del Presidente del Gruppo Giovani Imprenditori Edili Simona Pellegrini Vi

Dettagli

La rivoluzione industriale

La rivoluzione industriale La rivoluzione industriale 1760 1830 Il termine Rivoluzione industriale viene applicato agli eccezionali mutamenti intervenuti nell industria e, in senso lato, nell economia e nella società inglese, tra

Dettagli

LA VALUTAZIONE DEL PERSONALE NEGLI ENTI LOCALI

LA VALUTAZIONE DEL PERSONALE NEGLI ENTI LOCALI LA VALUTAZIONE DEL PERSONALE NEGLI ENTI LOCALI Premesse e riferimenti normativi La valutazione del personale, che costituisce un processo centrale nell ambito del management pubblico, ha registrato negli

Dettagli

Preparare l orale dell esame di Avvocato Schemi e appunti di Diritto Ecclesiastico. A cura del dott. Daniele Vaccari, anno 2009

Preparare l orale dell esame di Avvocato Schemi e appunti di Diritto Ecclesiastico. A cura del dott. Daniele Vaccari, anno 2009 5.14 IUS POENITENDI E TUTELA DELLA PRIVACY Con ius poenitendi si intende il diritto di cambiare confessione religiosa. Nel nostro ordinamento tale possibilità (implicitamente prevista dall art 19 Cost)

Dettagli

SPAMMING: E ILLECITO INVIARE E-MAIL COMMERCIALI SENZA CONSENSO

SPAMMING: E ILLECITO INVIARE E-MAIL COMMERCIALI SENZA CONSENSO SPAMMING: E ILLECITO INVIARE E-MAIL COMMERCIALI SENZA CONSENSO SOMMARIO: 1. Introduzione 2. Primo periodo: opting out; 3. Primi provvedimenti: passaggio all opting in; 4. li provvedimento del Garante per

Dettagli

Istituto Tecnico Commerciale Statale e per Geometri E. Fermi Pontedera (Pi)

Istituto Tecnico Commerciale Statale e per Geometri E. Fermi Pontedera (Pi) Istituto Tecnico Commerciale Statale e per Geometri E. Fermi Pontedera (Pi) Via Firenze, 51 - Tel. 0587/213400 - Fax 0587/52742 http://www.itcgfermi.it E-mail: mail@itcgfermi.it PIANO DI LAVORO Prof. Giovanni

Dettagli

CURRICOLO DISCIPLINARE di STORIA CLASSE PRIMA

CURRICOLO DISCIPLINARE di STORIA CLASSE PRIMA CURRICOLO DISCIPLINARE di STORIA CLASSE PRIMA AREA COMPETENZE DISCIPLINARI ABILITÀ CONOSCENZE 1 METODO L alunno: L alunno: Imparare ad imparare Progettare A. applicando le indicazioni, cerca informazioni

Dettagli

La formazione dello stato moderno. Lo stato moderno Le forme dello stato moderno Lo stato del re e lo stato dei cittadini

La formazione dello stato moderno. Lo stato moderno Le forme dello stato moderno Lo stato del re e lo stato dei cittadini La formazione dello stato moderno Lo stato moderno Le forme dello stato moderno Lo stato del re e lo stato dei cittadini Un solo stato cristiano? Il Medioevo aveva teorizzato l unità politica e religiosa

Dettagli

Mozione presentata al Collegio dei Docenti dell istituto Albert di Lanzo

Mozione presentata al Collegio dei Docenti dell istituto Albert di Lanzo Lettera aperta ai colleghi dell Istituto Albert, al Preside, al Direttore scolastico regionale, alla Ministra della Pubblica Istruzione, Al mondo sindacale e politico, ai giornali. Mozione presentata al

Dettagli

E possibile migliorare il controllo e la governance delle imprese pubbliche? L esperienza del Comune di Roma

E possibile migliorare il controllo e la governance delle imprese pubbliche? L esperienza del Comune di Roma E possibile migliorare il controllo e la governance delle imprese pubbliche? L esperienza del Comune di Roma Marco Causi Facoltà di Economia Federico Caffè Università degli Studi Roma Tre L argomento della

Dettagli

LA GESTIONE DEL SERVIZIO DI IGIENE URBANA: LA SCELTA DEGLI ENTI LOCALI NELLE MORE DELLA REALIZZAZIONE DELLA GESTIONE IN AMBITI TERRITORIALI OTTIMALI

LA GESTIONE DEL SERVIZIO DI IGIENE URBANA: LA SCELTA DEGLI ENTI LOCALI NELLE MORE DELLA REALIZZAZIONE DELLA GESTIONE IN AMBITI TERRITORIALI OTTIMALI LA GESTIONE DEL SERVIZIO DI IGIENE URBANA: LA SCELTA DEGLI ENTI LOCALI NELLE MORE DELLA REALIZZAZIONE DELLA GESTIONE IN AMBITI TERRITORIALI OTTIMALI di Viviana Cavarra Avvocato in Milano Il quadro normativo

Dettagli

queste domande e l importanza delle loro risposte, per quanto concerne questo lavoro.

queste domande e l importanza delle loro risposte, per quanto concerne questo lavoro. ABSTRACT La presenti tesi affronterà i problemi legati ai diritti umani, focalizzandosi specificatamente sul trattamento e lo sviluppo di questi diritti in Cina e nelle sue due Regioni Amministrative Speciali,

Dettagli

I rapporti sociali di produzione e la coscienza

I rapporti sociali di produzione e la coscienza Lettura 6 Karl Marx - Friedrich Engels I rapporti sociali di produzione e la coscienza K. Marx, F. Engels, L ideologia tedesca, Roma, Editori Riuniti, 1972, pp. 12-14; 35-38 Tra la fine del 1845 e l autunno

Dettagli

Studio Legale Casella e Scudier Associazione Professionale

Studio Legale Casella e Scudier Associazione Professionale Circolare n. 4/2012 del 22 novembre 2012 I REDDITI PER ATTIVITA PROFESSIONALI TRA OBBLIGO CONTRIBUTIVO INARCASSA E RIFORMA FORNERO DELLE COLLABORAZIONI: SPUNTI DA UNA RECENTE SENTENZA L obbligo di pagamento

Dettagli

L ENERGIA ELETTRICA NELLA LEGGE COSTITUZIONALE N. 3/2001 *

L ENERGIA ELETTRICA NELLA LEGGE COSTITUZIONALE N. 3/2001 * L ENERGIA ELETTRICA NELLA LEGGE COSTITUZIONALE N. 3/2001 * di Sabino Cassese (Professore ordinario, Facoltà di Giurisprudenza, Università La Sapienza, Roma) 1 luglio 2002 Sommario 1. Premessa 2. Il nuovo

Dettagli

MATERIA STORIA PROGRAMMA CONSUNTIVO. Anno scolastico 2014/2015 INDIRIZZO ELETTRONICA ED ELETTROTECNICA. Ore annuali

MATERIA STORIA PROGRAMMA CONSUNTIVO. Anno scolastico 2014/2015 INDIRIZZO ELETTRONICA ED ELETTROTECNICA. Ore annuali Anno scolastico 2014/2015 INDIRIZZO ELETTRONICA ED ELETTROTECNICA PROGRAMMA CONSUNTIVO MATERIA STORIA classe partecipante al progetto Generazione Web DOCENTE DI MAIO G. CLASSE 2^B ELE Ore annuali 61 FINALITA

Dettagli

I filosofi greci del IV secolo a.c. come Platone e Aristotele ritenevano che le stelle fossero oggetti celesti eterni e immutabili, che ruotavano

I filosofi greci del IV secolo a.c. come Platone e Aristotele ritenevano che le stelle fossero oggetti celesti eterni e immutabili, che ruotavano Corso di Astronomia I filosofi greci del IV secolo a.c. come Platone e Aristotele ritenevano che le stelle fossero oggetti celesti eterni e immutabili, che ruotavano attorno alla Terra con orbite circolari.

Dettagli

Il Segretariato Sociale: uno strumento in via di estinzione? di Silvia Clementi*

Il Segretariato Sociale: uno strumento in via di estinzione? di Silvia Clementi* Il Segretariato Sociale: uno strumento in via di estinzione? di Silvia Clementi* Il segretariato sociale ha una storia e una tradizione che hanno accompagnato la professione dalla sua nascita, e pertanto

Dettagli

UNIBAS ECONOMIA AZIENDALE Diritto commerciale 2013/14. INIZIO DELL ATTIVITA D IMPRESA (acquisto della qualità di imprenditore)

UNIBAS ECONOMIA AZIENDALE Diritto commerciale 2013/14. INIZIO DELL ATTIVITA D IMPRESA (acquisto della qualità di imprenditore) UNIBAS ECONOMIA AZIENDALE Diritto commerciale 2013/14 INIZIO DELL ATTIVITA D IMPRESA (acquisto della qualità di imprenditore) PRINCIPIO DI EFFETTIVITA VS CRITERIO FORMALE Il principio di effettività può

Dettagli

Prefazione del prof. Edoardo GHERA Ordinario di diritto del Lavoro dell Università La Sapienza di Roma

Prefazione del prof. Edoardo GHERA Ordinario di diritto del Lavoro dell Università La Sapienza di Roma Prefazione del prof. Edoardo GHERA Ordinario di diritto del Lavoro dell Università La Sapienza di Roma Il rapporto di lavoro pubblico attraverso i contratti. Il titolo indica con chiarezza il contenuto

Dettagli

LA MEDIAZIONE CIVILE NELL INTERPRETAZIONE DEI GIUDICI

LA MEDIAZIONE CIVILE NELL INTERPRETAZIONE DEI GIUDICI RITA BEVACQUA LA MEDIAZIONE CIVILE NELL INTERPRETAZIONE DEI GIUDICI L istituto della Mediazione civile quale strumento alternativo di giustizia è stato introdotto dal Decreto Legislativo 4 marzo 2010,

Dettagli

L Impero bizantino. L Impero bizantino. 4. L Impero paga ai Germani tanto oro per far rimanere i Germani lontani dai confini delle regioni orientali.

L Impero bizantino. L Impero bizantino. 4. L Impero paga ai Germani tanto oro per far rimanere i Germani lontani dai confini delle regioni orientali. il testo: 01 L Impero romano d Oriente ha la sua capitale a Costantinopoli. Costantinopoli è una città che si trova in Turchia, l antico (vecchio) nome di Costantinopoli è Bisanzio, per questo l Impero

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MILANO BICOCCA. Facoltà di Sociologia. Corso di Laurea in Sociologia. Flessibilità e Precarietà.

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MILANO BICOCCA. Facoltà di Sociologia. Corso di Laurea in Sociologia. Flessibilità e Precarietà. UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MILANO BICOCCA Facoltà di Sociologia Corso di Laurea in Sociologia Flessibilità e Precarietà. Le conseguenze sulla vita dei giovani lavoratori temporanei. Relatrice: Prof.ssa

Dettagli

L asse storico sociale Diritto ed Economia politica: che cosa e come insegnare?

L asse storico sociale Diritto ed Economia politica: che cosa e come insegnare? L asse storico sociale Diritto ed Economia politica: che cosa e come insegnare? Rosamaria Maggio Il contesto europeo Da un esame dei documenti dell Unione Europea in materia di istruzione - sia per quanto

Dettagli

La raccomandata o la quadratura del cerchio

La raccomandata o la quadratura del cerchio 1 La raccomandata o la quadratura del cerchio Premessa Dedicheró questo post alla raccomandata e alle conseguenze di una notifica infruttuosa della stessa.. La realizzazione di molte conseguenze giuridiche,

Dettagli

LEGE 6.11.2012, N.190

LEGE 6.11.2012, N.190 LEGE 6.11.2012, N.190 Anno 2015 1 Premessa... 3 I corsi... 4 I destinatari della formazione e la selezione dei partecipanti... 5 Le modalità di realizzazione della formazione... 6 Monitoraggio dei risultati

Dettagli

Come scrivere la tesi (e tesina) di laurea

Come scrivere la tesi (e tesina) di laurea Come scrivere la tesi (e tesina) di laurea Mirco Fasolo, Elisa Silvia Colombo, Federica Durante COME SCRIVERE LA TESI (E TESINA) DI LAUREA Una guida alla stesura degli elaborati scientifici www.booksprintedizioni.it

Dettagli

CONSIGLIO SUPERIORE DELLA MAGISTRATURA Ufficio per gli Incontri di Studio

CONSIGLIO SUPERIORE DELLA MAGISTRATURA Ufficio per gli Incontri di Studio CONSIGLIO SUPERIORE DELLA MAGISTRATURA Ufficio per gli Incontri di Studio Incontro di studio sul tema: Illecito aquiliano e ingiustizia del danno Roma, 29-30 maggio 2008 Hotel Jolly Midas Responsabilità

Dettagli

PRIMO BIENNIO DELLE SCIENZE UMANE

PRIMO BIENNIO DELLE SCIENZE UMANE PRIMO BIENNIO DELLE SCIENZE UMANE Le competenze sono state definite dal Dipartimento di Scienze Umane tenendo presenti sia le Competenze chiave di cittadinanza sia le Competenze base (4 assi), sia le Competenze

Dettagli

1. LA MOTIVAZIONE. Imparare è una necessità umana

1. LA MOTIVAZIONE. Imparare è una necessità umana 1. LA MOTIVAZIONE Imparare è una necessità umana La parola studiare spesso ha un retrogusto amaro e richiama alla memoria lunghe ore passate a ripassare i vocaboli di latino o a fare dei calcoli dei quali

Dettagli

Facciamo Sicurezza. Affrontare in modo coinvolgente, innovativo ed efficace la sfida della sicurezza sul lavoro in coerenza con il Testo Unico

Facciamo Sicurezza. Affrontare in modo coinvolgente, innovativo ed efficace la sfida della sicurezza sul lavoro in coerenza con il Testo Unico Facciamo Sicurezza Affrontare in modo coinvolgente, innovativo ed efficace la sfida della sicurezza sul lavoro in coerenza con il Testo Unico 1 Indice Premessa Finalità e destinatari dell intervento Metodologia

Dettagli

CODICE DI PROCEDURA CIVILE. Parte prima DISPOSIZIONI GENERALI. Titolo primo DISPOSIZIONI FONDAMENTALI

CODICE DI PROCEDURA CIVILE. Parte prima DISPOSIZIONI GENERALI. Titolo primo DISPOSIZIONI FONDAMENTALI (Avvertenza: testo emendato dalla redazione; Gazzetta ufficiale no. 148 del 20.12.2012 testo emendato e no. 25 del 28.02.2013, nelle quali è indicato il periodo della loro entrata in vigore) CODICE DI

Dettagli

OGGETTO TRASFERIMENTO D UFFICIO AD ALTRA AZIENDA DEL SSR

OGGETTO TRASFERIMENTO D UFFICIO AD ALTRA AZIENDA DEL SSR 1 OGGETTO TRASFERIMENTO D UFFICIO AD ALTRA AZIENDA DEL SSR QUESITO (posti in data 2 luglio 2012) Il Presidio Ospedaliero Santissima Annunziata, Ospedale pediatrico dell'asl Napoli1 dotato di Nido, ovvero

Dettagli

ISTITUTO DI DIRITTO CANONICO SAN PIO X MANUALI 2 COLLANA DIRETTA DAL PROF. ARTURO CATTANEO

ISTITUTO DI DIRITTO CANONICO SAN PIO X MANUALI 2 COLLANA DIRETTA DAL PROF. ARTURO CATTANEO ISTITUTO DI DIRITTO CANONICO SAN PIO X MANUALI 2 COLLANA DIRETTA DAL PROF. ARTURO CATTANEO PÉTER ERDÖ Storia delle Fonti del Diritto Canonico a cura di d. Natalino Bonazza 4 Titolo originale dell opera:

Dettagli

MIUR.AOODGOSV.REGISTRO UFFICIALE(U).0003746.30-04-2015

MIUR.AOODGOSV.REGISTRO UFFICIALE(U).0003746.30-04-2015 MIUR.AOODGOSV.REGISTRO UFFICIALE(U).0003746.30-04-2015 Ai Direttori degli Uffici Scolastici Regionali LORO SEDI Ai Dirigenti scolastici delle Istituzioni scolastiche statali e paritarie di ogni ordine

Dettagli

I TRE MONDI DELL ALTO MEDIOEVO

I TRE MONDI DELL ALTO MEDIOEVO 1 1. I tre mondi dell alto medioevo I TRE MONDI DELL ALTO MEDIOEVO INTRODUZIONE. MEDIOEVO SIGNIFICA ETÀ DI MEZZO, CIOÈ IN MEZZO TRA L ETÀ ANTICA E L ETÀ MODERNA ( MEDIO = MEZZO; EVO = ETÀ). IL MEDIOEVO

Dettagli

Roma, gennaio 2011. EcclesiaStudio

Roma, gennaio 2011. EcclesiaStudio La Chiesa ha bisogno di santi, lo sappiamo, ma essa ha bisogno anche di artisti bravi e capaci; gli uni e gli altri, santi e artisti, sono testimoni dello spirito vivente in Cristo. PAOLO VI Lettera ai

Dettagli

Delibera del Collegio dei Docenti. Piano annuale di Formazione e Aggiornamento del personale insegnante

Delibera del Collegio dei Docenti. Piano annuale di Formazione e Aggiornamento del personale insegnante Delibera del Collegio dei Docenti Piano annuale di Formazione e Aggiornamento del personale insegnante Anno scolastico 2013/2014 IL COLLEGIO DEI DOCENTI VISTI CONSIDERATO ESAMINATE PRESO ATTO TENUTO CONTO

Dettagli

i diritti dei membri della famiglia legittima.

i diritti dei membri della famiglia legittima. Secondo il dettato dell art 30 della Costituzione, la legge assicura ai figli nati fuori dal matrimonio ogni tutela giuridica e sociale, salvo il limite di compatibilità con i diritti dei membri della

Dettagli

PRESUPPOSTO IMPOSITIVO DELL IMPOSTA DI REGISTRO E DELLE ALTRE IMPOSTE INDIRETTE

PRESUPPOSTO IMPOSITIVO DELL IMPOSTA DI REGISTRO E DELLE ALTRE IMPOSTE INDIRETTE 1 PRESUPPOSTO IMPOSITIVO DELL IMPOSTA DI REGISTRO E DELLE ALTRE IMPOSTE INDIRETTE DPR 131/86 1 Prassi C.M. 11.7.91 n. 37; Circ. Agenzia delle Entrate 22.1.2008 n. 3 Giurisprudenza Cass. 5.2.90 n. 1963

Dettagli

Corsi sulle: TECNICHE DI VENDITA

Corsi sulle: TECNICHE DI VENDITA Corsi sulle: TECNICHE DI VENDITA 1. programmazione e strutturazione dell intervista: gli argomenti da scegliere per ciascun cliente 2. la presa di contato con il cliente: tecniche di aggancio o di approccio

Dettagli

DEROGHE ALL ORDINARIO REGIME DI RESPONSABILITÀ DEL PROVIDER, E DUBBI ALLA LUCE DELL ORIENTAMENTO DELLA CORTE DI GIUSTIZIA. di NICOLA LOFRANCO

DEROGHE ALL ORDINARIO REGIME DI RESPONSABILITÀ DEL PROVIDER, E DUBBI ALLA LUCE DELL ORIENTAMENTO DELLA CORTE DI GIUSTIZIA. di NICOLA LOFRANCO DEROGHE ALL ORDINARIO REGIME DI RESPONSABILITÀ DEL PROVIDER, E DUBBI ALLA LUCE DELL ORIENTAMENTO DELLA CORTE DI GIUSTIZIA di NICOLA LOFRANCO Con la sentenza n. 29/2015 del 7 gennaio 2015 la Corte d Appello

Dettagli

Il progetto di Regolamento sulle obbligazioni contrattuali, Roma I

Il progetto di Regolamento sulle obbligazioni contrattuali, Roma I CORSO DI DIRITTO COMUNITARIO IL NOTAIO TRA REGOLE NAZIONALI E EUROPEE Il progetto di Regolamento sulle obbligazioni contrattuali, Roma I Alfredo Maria Becchetti Notaio in Roma Componente Commissione Affari

Dettagli

LA DECISIONE DELLA CORTE DI GIUSTIZIA SUL CASO GOOGLE SPAIN:

LA DECISIONE DELLA CORTE DI GIUSTIZIA SUL CASO GOOGLE SPAIN: LA DECISIONE DELLA CORTE DI GIUSTIZIA SUL CASO GOOGLE SPAIN: PIÙ PROBLEMI CHE SOLUZIONI * di Franco Pizzetti (Professore ordinario di Diritto costituzionale Università di Torino) 10 giugno 2014 1. La decisione

Dettagli

News per i Clienti dello studio

News per i Clienti dello studio News per i Clienti dello studio N. 44 del 24 Marzo 2015 Ai gentili clienti Loro sedi Soci amministratori unici con tutela assicurativa INAIL Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che

Dettagli

EVOLUZIONE E LIBERALIZZAZIONE DEL TPL. Agli inizi degli anni 1980 tutti i paesi europei hanno iniziato una

EVOLUZIONE E LIBERALIZZAZIONE DEL TPL. Agli inizi degli anni 1980 tutti i paesi europei hanno iniziato una ABSTRACT: LA NUOVA POLITICA DEI TRASPORTI NAZIONALE ED EUROPEA A FRONTE DELLA CRESCENTE DOMANDA DI MOBILITA. EVOLUZIONE E LIBERALIZZAZIONE DEL TPL Agli inizi degli anni 1980 tutti i paesi europei hanno

Dettagli

IL RECENTE ORIENTAMENTO DELLA CASSAZIONE A SEZIONI UNITE IN TEMA DI AGEVOLAZIONI FISCALI ALLE FONDAZIONI BANCARIE

IL RECENTE ORIENTAMENTO DELLA CASSAZIONE A SEZIONI UNITE IN TEMA DI AGEVOLAZIONI FISCALI ALLE FONDAZIONI BANCARIE IL RECENTE ORIENTAMENTO DELLA CASSAZIONE A SEZIONI UNITE IN TEMA DI AGEVOLAZIONI FISCALI ALLE FONDAZIONI BANCARIE Nel corso del 2009 sono state pubblicate numerose sentenze delle Sezioni Unite della Suprema

Dettagli

Le opposizioni ex artt. 615, 617 e 618 c.p.c.

Le opposizioni ex artt. 615, 617 e 618 c.p.c. Le opposizioni ex artt. 615, 617 e 618 c.p.c. La riforma del processo esecutivo ha modificato sensibilmente la fase eventuale delle opposizioni siano esse all esecuzione, agli atti esecutivi o di terzi

Dettagli

Capitale finanziario ed imperialismo

Capitale finanziario ed imperialismo Capitale finanziario ed imperialismo Lezione 14 1 aprile 2015 1 dalla (mia) scorsa lezione Dimensione internazionale «naturale» del modo di produzione del capitale; Tendenze fondamentali sono quelle alla

Dettagli

Senato della Repubblica, VII Commissione Audizione del Forum delle associazioni familiari sul ddl n. 1260 atti Senato

Senato della Repubblica, VII Commissione Audizione del Forum delle associazioni familiari sul ddl n. 1260 atti Senato Roma, 14 maggio 2014 Senato della Repubblica, VII Commissione Audizione del Forum delle associazioni familiari sul ddl n. 1260 atti Senato Sistema di educazione e istruzione per la prima infanzia Alcune

Dettagli

Dispense di Filosofia del Linguaggio

Dispense di Filosofia del Linguaggio Dispense di Filosofia del Linguaggio Vittorio Morato II settimana Gottlob Frege (1848 1925), un matematico e filosofo tedesco, è unanimemente considerato come il padre della filosofia del linguaggio contemporanea.

Dettagli

IDEE PER LA DOCUMENTAZIONE (estratto dalle precedenti edizioni)

IDEE PER LA DOCUMENTAZIONE (estratto dalle precedenti edizioni) Per prepararci all evento finale IDEE PER LA DOCUMENTAZIONE (estratto dalle precedenti edizioni) Mentre le attività scolastiche e quelle delle ACS stanno svolgendosi ancora a pieno ritmo, cominciamo a

Dettagli

La nuova organizzazione del Ministero dell Interno a livello centrale e sul territorio (*)

La nuova organizzazione del Ministero dell Interno a livello centrale e sul territorio (*) La nuova organizzazione del Ministero dell Interno a livello centrale e sul territorio (*) Claudio SCAJOLA È la prima volta che ho l occasione di incontrare tutti i Prefetti della Repubblica e ritengo

Dettagli

Capitolo 3. L amministrazione verso i cittadini e le imprese

Capitolo 3. L amministrazione verso i cittadini e le imprese Capitolo 3 L amministrazione verso i cittadini e le imprese Capitolo 3 L amministrazione verso i cittadini e le imprese 3.1 La comunicazione istituzionale Il Dipartimento della Funzione Pubblica si propone

Dettagli

RELIGIONE CATTOLICA Unità di Apprendimento - Anno Scolastico 2014-2015

RELIGIONE CATTOLICA Unità di Apprendimento - Anno Scolastico 2014-2015 Natura e finalità RELIGIONE CATTOLICA Unità di Apprendimento - Anno Scolastico 2014-2015 L insegnamento della religione cattolica si inserisce nel quadro delle finalità della scuola e contribuisce alla

Dettagli

Circolare n. 10. del 20 giugno 2014. Installazione POS per Professionisti e imprese INDICE

Circolare n. 10. del 20 giugno 2014. Installazione POS per Professionisti e imprese INDICE Circolare n. 10 del 20 giugno 2014 Installazione POS per Professionisti e imprese INDICE 1 Premessa...2 2 Ambito applicativo...2 2.1 Decreto attuativo...2 2.2 Proroga al 30.6.2014...3 2.3 Intervento del

Dettagli

OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO

OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO 10 OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI AUTOCONTROLLO ATTENZIONE E PARTECIPAZIONE ATTEGGIAMENTO E COMPORTAMENTO

Dettagli

Programmazione del dipartimento di Diritto e Economia. Biennio del Liceo delle Scienze Umane e del Liceo Economico Sociale. a.s.

Programmazione del dipartimento di Diritto e Economia. Biennio del Liceo delle Scienze Umane e del Liceo Economico Sociale. a.s. Programmazione del dipartimento di Diritto e Economia Biennio del Liceo delle Scienze Umane e del Liceo Economico Sociale a.s. 2015-2016 Premessa La seguente programmazione è stata sviluppata a partire

Dettagli

STORIA. CURRICOLO VERTICALE PRIMO CICLO indicazioni ministeriali e curricolo di Istituto

STORIA. CURRICOLO VERTICALE PRIMO CICLO indicazioni ministeriali e curricolo di Istituto CURRICOLO VERTICALE PRIMO CICLO e curricolo di Istituto TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA. L alunno/a conosce elementi significativi del passato del suo ambiente

Dettagli

RSPP e datore di lavoro: l'ingerenza determina responsabilita' penale Ipsoa.it

RSPP e datore di lavoro: l'ingerenza determina responsabilita' penale Ipsoa.it RSPP e datore di lavoro: l'ingerenza determina responsabilita' penale Ipsoa.it Stefano Maria Corso In tema di prevenzione dagli infortuni sul lavoro chiunque, in qualsiasi modo abbia assunto una posizione

Dettagli

Gli arbitrati commerciali. L arbitrato societario: alcuni aspetti problematici

Gli arbitrati commerciali. L arbitrato societario: alcuni aspetti problematici L arbitrato societario: alcuni aspetti problematici Fondazione Forense Modenese Modena 5 ottobre 2012 venerdi 5 ottobre 2012 1 Premessa L arbitrato societario è disciplinato dagli artt. 34 ss. del d. lgs.

Dettagli

L età comunale può essere suddivisa in due periodi: inizi del Trecento); 1378 circa).

L età comunale può essere suddivisa in due periodi: inizi del Trecento); 1378 circa). L età comunale può essere suddivisa in due periodi: 1. periodod affermazione daffermazione(da metà XII secolo agli inizi del Trecento); 2. periodo di crisi (dai primi decenni del Trecento al 1378 circa).

Dettagli

AMBITO ANTROPOLOGICO

AMBITO ANTROPOLOGICO ISTITUTO COMPRENSIVO AVIO - SCUOLA PRIMARIA DI AVIO - AMBITO ANTROPOLOGICO classe 5^ Insegnante: Paola Martinelli Anno scolastico 2013/2014 STORIA Competenze 1 e 2 al termine del 3 biennio (classe 5^ scuola

Dettagli

CURRICOLO il sapere, il saper fare, il saper essere. SAPERE, SAPER ESSERE SAPER FARE COMPETENZA VALORIZZAZIONE

CURRICOLO il sapere, il saper fare, il saper essere. SAPERE, SAPER ESSERE SAPER FARE COMPETENZA VALORIZZAZIONE CURRICOLO Il Curricolo è il complesso organizzato delle esperienze di apprendimento che una scuola intenzionalmente progetta e realizza per gli alunni al fine di conseguire le mete formative desiderate.

Dettagli

Orientamento. La scelta dell Istituto Tecnico Economico e i suoi tre indirizzi

Orientamento. La scelta dell Istituto Tecnico Economico e i suoi tre indirizzi Orientamento La scelta dell Istituto Tecnico Economico e i suoi tre indirizzi A cura del Prof. Graziano Galassi (Componente della Commissione Orientamento) IDENTITA DEGLI ISTITUTI TECNICI Solida base culturale

Dettagli

1 Forum Internazionale sulla Regolazione dei Servizi Idrici e la Sostenibilità

1 Forum Internazionale sulla Regolazione dei Servizi Idrici e la Sostenibilità 1 Forum Internazionale sulla Regolazione dei Servizi Idrici e la Sostenibilità Roma, 21 Gennaio 2009 Palazzo Marini Sala delle Colonne Discorso di apertura, Luciano Baggiani Presidente ANEA Illustri ospiti,

Dettagli

Progetto educativo d Istituto

Progetto educativo d Istituto Istituto Privato d Istruzione Superiore Progetto educativo d Istituto A.S. 2014 / 2015 Progetto educativo del Nuovo Istituto Meucci PREMESSA Ai Genitori, quali titolari del Progetto Educativo, spetta la

Dettagli

Indice. 1 Direttive, Costituzione, codici, leggi ------------------------------------------------------------------ 3

Indice. 1 Direttive, Costituzione, codici, leggi ------------------------------------------------------------------ 3 INSEGNAMENTO DI DIRITTO DELL ECONOMIA LEZIONE III FONTI DEL DIRITTO DELL IMPRESA PROF. MARIA ROSARIA NADDEO Indice 1 Direttive, Costituzione, codici, leggi ------------------------------------------------------------------

Dettagli

Corso di scrittura creativa. Dalla creazione di un romanzo al suo invio alle case editrici. Prima Lezione

Corso di scrittura creativa. Dalla creazione di un romanzo al suo invio alle case editrici. Prima Lezione Corso di scrittura creativa Dalla creazione di un romanzo al suo invio alle case editrici Prima Lezione Come nasce una storia Il materiale necessario ad uno scrittore Il corso che viene presentato, di

Dettagli

Meeting nazionale sulle Politiche giovanili

Meeting nazionale sulle Politiche giovanili Meeting nazionale sulle Politiche giovanili PATTO APERTO PER LA GIOVENTU Oltre la Strategia di Lisbona: la dimensione culturale nello sviluppo sostenibile Urbino 13-14-15-16 Luglio 2005 Investire nella

Dettagli

B C sulla TUTELA della PRIVACY Manuale ad uso degli incaricati del trattamento dei dati personali

B C sulla TUTELA della PRIVACY Manuale ad uso degli incaricati del trattamento dei dati personali ADALBERTO BIASIOTTI A B C sulla TUTELA della PRIVACY Manuale ad uso degli incaricati del trattamento dei dati personali Aggiornato con il D.Lgs. 196/2003 e s.m.i. e con la più recente giurisprudenza 1

Dettagli

L ultima cena fu dipinta da Leonardo da Vinci tra il 1494 e il 1498 nel refettorio del convento di Santa Maria delle Grazie a Milano.

L ultima cena fu dipinta da Leonardo da Vinci tra il 1494 e il 1498 nel refettorio del convento di Santa Maria delle Grazie a Milano. 2. Storia, politica, filosofia e arte nel Rinascimento Un esempio di prospettiva: L ultima cena di Leonardo L ultima cena fu dipinta da Leonardo da Vinci tra il 1494 e il 1498 nel refettorio del convento

Dettagli

Convertito il decreto del fare: ora è prioritaria la scelta dell SPP interno

Convertito il decreto del fare: ora è prioritaria la scelta dell SPP interno Convertito il decreto del fare: ora è prioritaria la scelta dell SPP interno SPP, si ritorna al principio sancito dal 626 28 agosto 2013 di Renzo Rivalta E giunto alla conclusione l iter di conversione

Dettagli

LE COMPETENZE DI FUNDRAISING (CF) INSEGNATE AL MASTER

LE COMPETENZE DI FUNDRAISING (CF) INSEGNATE AL MASTER LE COMPETENZE DI FUNDRAISING (CF) INSEGNATE AL MASTER Indice INTRODUZIONE... 3 CF1 - SVILUPPARE IL CASO PER IL FUNDRAISING... 4 CF 1.1 : INDIVIDUARE LE NECESSITÀ DI FUNDRAISING DI UN ORGANIZZAZIONE NONPROFIT;...

Dettagli

Configurazioni del Bilancio Sociale. Oggi più di ieri e sicuramente meno di domani, il centro di produzione, ovvero il centro di

Configurazioni del Bilancio Sociale. Oggi più di ieri e sicuramente meno di domani, il centro di produzione, ovvero il centro di Configurazioni del Bilancio Sociale Oggi più di ieri e sicuramente meno di domani, il centro di produzione, ovvero il centro di interessi, deve fare i conti con un contesto ampio e complesso che esprime,

Dettagli

1. Descrizione dei contenuti, tempi, luoghi, fasi, modalità, strumenti e protagonisti

1. Descrizione dei contenuti, tempi, luoghi, fasi, modalità, strumenti e protagonisti Relazione finale del progetto: Laboratorio di scrittura 1. Descrizione dei contenuti, tempi, luoghi, fasi, modalità, strumenti e protagonisti Il progetto intendeva fornire competenze lessicali, grammaticali

Dettagli