Alcune regole di lettura del dialetto:

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Alcune regole di lettura del dialetto:"

Transcript

1 Dedica:... a chi ama Gambatesa... Prefazione Correvano gli anni cinquanta a Gambatesa quando l improvvisazione in rima baciata dilagò nella pratica delle maitunate stuzzicando la creatività e l ingegno dei cantori locali. Le singole strofe, capaci di rappresentare vividamente scene e immagini di vita vissuta presero la forma di componimenti più complessi tali da potersi definire canzoni. Da quel momento le canzoni dialettali sono diventate parte integrante della tradizione musicale gambatesana. Era precisamente il 1955 l anno in cui Luigi Corvelli scrisse in dialetto gambatesano A pasturell, prima canzone in ordine cronologico di questa raccolta, con la quale l autore partecipò nello stesso anno al Festival della Canzone Abruzzese e Molisana tenutosi a Vasto. Già dagli anni trenta, una serie di circostanze positive, dalla pratica delle maitunate alla fiorente tradizione bandistica, e, in tempi più recenti l istituzione del Festival della Canzone Molisana, permisero la nascita e l evoluzione di un consistente repertorio di canzoni popolari, scritte in dialetto gambatesano, tuttora in costante aggiornamento, al quale con diversa fortuna hanno contribuito in modo variegato numerosi autori. I brani contenuti in questo CD, articolandosi su cinquantacinque anni ( ), ancorché rappresentativi di una piccola parte della storia della canzone gambatesana, riflettono, relativamente ai generi musicali e ai temi trattati, i radicali cambiamenti economici e culturali vissuti dalla nostra comunità. Da qui la scelta del titolo U temp pass... a ridere e cantà, un verso della nota canzone A sciumar, perfetto sia per evidenziare la continuità con la quale nuove canzoni popolari si susseguono nel tempo, quanto evocativo di quelle che sono tuttora le principali fonti di ispirazione e divertimento degli autori gambatesani. Le tematiche trattate nei sedici brani della raccolta (quindici tracce) spaziano dall amore alla critica al sistema, dal divertimento del cantare e suonare in compagnia ad un nostalgico richiamo dei tempi passati. I testi e la musica assumono sembianze diverse proprio in rapporto all argomento trattato: così a delle serenate amorose quali A recciulell e Perzchell si affiancano forti canzoni di protesta come U scapelon ed E tira ; a composizioni come Mulise bell si contrappongono delle satire divertentissime tipo Yuppies a Gambatesa e A vecchiaj ; alle armonie semplici e spensierate di Senza rim seguono le più elaborate melodie di Jann che nuj e così continuando con le atmosfere blues di A vigna mez a chiazz o il Niente di S nasciavam. L Associazione Culturale I maitunat, avvalendosi delle competenze di professionisti del settore e valorizzando i talenti locali, ha voluto realizzare una pubblicazione, unica nel suo genere a Gambatesa, destinata ad essere fruibile nel tempo al fine di evitare che il passare degli anni disperda il grande patrimonio di cui tutti siamo custodi. Buon ascolto. Alcune regole di lettura del dialetto: j: indica il suono della semiconsonante i come nella parola ieri o iato; a, e, i: indicano che il suono prodotto da queste vocali è indistinto come per la e nella parola inglese nation ; che: indica il suono prodotto dalla lettera k come nel nome inglese Mark.

2 Senza rim (Nicola Concettini 1979) VOCE: Pasquale Curiale CORO: Pasquale Curiale, Fabio Giorgio, Donato D Antonio I meglie nominati nella canzone sono i migliori, coloro che riescono a divertirsi meglio in una classica atmosfera di banchetto gambatesano. Nicola Concettini, con parole che sembrano fotografie, descrive un allegro convivio tra amici con cibi, bevande, musica e canti popolari. E un invito a godersi il mondo e lasciarsi i guai alle spalle, almeno nelle serate tra amici, forse domani no ma stasera i più forti sono loro A stù paes tutt quantj ù sann ca cumm a nuj pochi ce n stann andò z magne sem sempr i prim da veve sempr allutem fenìm I gent a stà che nuj i vè a vulija pecché facem i còs a simmetrija sarà pecché i facem senza presce nesciun cumm a nuj ce riesce Facemeciù vdé quell ca sapem fà a tutt quistj gent ca ce stann a cchiamentà Facemeciù sentì facemeciù capì che annà fà cumm a nuj s z vonn divrtì Vagliù magnat n facet i fess chi uaje i penz dop chi vè appress ciàvema fà masser tùnn tùnn ciàvema god bone quistu munn Tra saucicce e carn d capritt nu poche d piccant e sanghe fritt ciàvema fà na bella scurpacciata e vin nguantetà dop magnate Facemeciù vdé quell ca sapem fà a tutt quistj gent ca ce stann a cchiamentà Facemeciù sentì facemeciù capì che annà fà cumm a nuj s z vonn divrtì È bell passa nzembr sti s rat facennece u bicchier e nà cantat che nà chitarr mman senza cord quistij serat bell chi zi scord Ce stà chi cant e chi ce sul prov a rim chi a perd e chi a retrov ce piace cumm sem e ng n mbort n nzem i meglie ma sem i cchiù fort Facemeciù vdé quell ca sapem fà a tutt quistij gent ca ce stann a cchiamentà Facemeciù sentì facemeciù capì che annà fà cumm a nuj s z vonn divrtì

3 Perzchell (Franco Conte 1982) VOCE: Franco Conte L amore tra un unomo ed una giovane ragazza ispira questa classica serenata ambientata in una Gambatesa ancora piena di tabù e pregiudizi. Lei è ancora in tenera età ma lui ne è follemente innamoratotanto da non mangiare e non dormire più. Resta il desiderio di incontrarla da sola e la speranza che quando sarà il tempo Lei non si dimentichi di Lui. Tutt i ser pa vij da cappell ved sempr passà a Perzchell vè da là da là ssott ndà stall andò ce tè tre jallin e nù jall Quann a ved m riren a l occhij m revoll stu sanghe e n accocchij so tre nott ca n dorm e n magne sta brijant m fa sul chiagne Perzché Perzché Perzchella tu t faj tutt i jorn cchiù bella Ji nù sacce s aspett cchiù appress o t facce a mmasciat mo stess Fatt truà là andò nge sconge nesciune t aggia parlà a quatt occhij sultant che te A truvaje nu jorn da sola m ha respost che meza parola n nu vid vaglie ancor a scole p fà a mmor so tropp vagliole Ma s aspitt ca songhe cchiù gross po t facce vedè pur a coss mamm a ditt vagliò accort a té tanta cose n cì fa vdé Perzché Perzché Perzchella tu t faj tutt i jorn cchiù bella Ji nù sacce s aspett cchiù appress o m piglie sultant p fess Nd fà prià n amma dà cunt a nesciune t aggia spiegà che ce tenghe ndu cor p te S je avèr ca sì vagliuncell ohi madonn ma quant si bèll si nu sciore frische e profumate t addurass p tutt a jurnate Ij d te n m so mai scurdate s m vù tà r faccie a mmasciate quann è temp n t scurdà d me voglie sul fa amore ch te Perzché Perzché Perzchella tu t faj tutt i jorn cchiù bell Ij nu sacce s aspett cchiù appress o m piglie sultant p fess Nd fa prià n amma dà cunt a nesciune t aggia spiegà che c tenghe ndù cor p te

4 I ciufell (Franco Conte 1978) VOCE: Franco Conte Tornare a casa dopo molto tempo, riconoscere i luoghi, i profumi, i sapori e riscoprire nelle piccole e importanti cose la gioia di vivere che si concretizza nell invito alla madre Ma! Min i ciufell. So menut u paes so menut assacrese e n addor e checcose z sent pa cas ma checche sarrà Ngopp u foche u cuttrell just ascianghe a tièll ndà nu lat a mesell sta chien e ciufell che rasce ce stà Ce sta u porce già appis proprja mo u sonn accise oh che fam ca tenghe oji mà mitt a tavel voglie magnà Ma min i ciufell ca sciuscechej u cuttrell cumm so bon i ciufell cu sughe du iall e cu fort e pepill Che n addor d casce che che cosa nda vrasce quanta rasce nda casa ce stà i masser m voglie abbuffà So menut a l amice frat sor e parent arrutamece i dent stu porce è terent ciamma strefeccià Tat piglie u vucal mamm piglie u bicchier a me damm u maner pecchè i masser m voglie scialà Quant è bon stu vin bell frische e cantin è nu vin sincer amm fatt a pinger n fa mbriacà Ma min i ciufell ca sciuscechej u cuttrell cumm so bon i ciufell cu sughe du iall e cu fort e pepill Che n addor d casce che che cosa nda vrasce quanta rasce nda casa ce stà i masser m voglie abbuffà

5 U monache (Eligio Mignogna 1978) VOCE: Fabio Giorgio FISARMONICA: Michele Santella I monaci cosiddetti questuanti in un ormai lontano passato erano personaggi abbastanza usuali in quanto soliti girovagare nei piccoli paesi chiedendo carità e ospitalità alle famiglie. Nel suo inconfondibile stile satirico, Eligio Mignogna, mette in guardia le donne del paese affinché prestino attenzione ad ospitare alcuni monaci che si concedono degli atteggiamenti, per così dire, poco allineati all insegnamento cristiano. U monache è stata presntata nel capodanno del Ah! Cù diche chi femmen e vu facce capì quann vè u monache annand a casa chiùd a port e nu fa trascì Ah! Cù diche chi femmen e vu facce capì quann vè u monache annand a casa chiùd a port e nu fa trascì U monache z present annand a casa da pezzent z present ca risatell e va truvenn checcosarell Po dice ca tè fridd e ca z vò ancavedà po dice ca tè fam e vò quaccose p magnà Dop magnat e vippet v cerca a segarett po dice ca tè sonn e z vò culecà ndu lett E Ah! Cù diche chi femmen e vù facce capì quann vè u monache annand a casa chiud a port e nu fa trascì Ah! Cù dice chi femmen e m aveta capì quann vè u monache annand a casa chiùd a port e nu fa trascì Quann maritet n ng stà u sape u monache checche fa z present ca resatell p vedè s tu si bèll Ficchij a man nda saccocce e cacce u santarell z aggir z retorce po te freghe ca risell Ah! Cù dice chi femmen e m avetà capì quann vè u monache annand a casa chiùd a port e nu fa trascì Ah! Cù dice chi femmen e m avetà capì quann vè u monache annand a casa chiùd a port e nu fa trascì I monache e San Giuanne magnen e veven adonda vann invece i monache e Sant Ulije cerchen semp mez a vij vid i monache d San Marche vanne scavez e senza scarp e quillij d Trivent campen ngopp a jute du vent Cumm veden a femmena bèll subit i cerchen a cosarell e ca scuse da cosarelle z jegnen sempr a vusazzèll Accuscì so fatt ij cumm u monache dissacrat aij frecat u bicchijrin chi chiachiarèll e so cantat E accuscì u putet capì e ij vu facce resentì quann vè u monache annand a casa chiudet a port nu facet trascì E accuscì u putet capì e ij vu facce resentì quann vè u monache annand a casa chiudet a port nu facet trascì

6 La lega ci sega (Pasquale Vezza 2010) VOCE: Pasquale Vezza CORO: Pasquale Curiale, Fabio Giorgio, Donato D Antonio - FISARMONICA: Michele Santella E il brano inedito e più giovane della raccolta. Narra in maniera divertente e satirica le probabili conseguenze negative su noi meridionali dovute all incredibile ascesa politica della Lega Nord negli ultimi anni. Muovendosi tra soprusi storici e luoghi comuni sul sud d Italia e la sua gente, Pasquale Vezza prevede veri e propri tagli di risorse al mezzogiorno, tagli fatti con una grande sega, ma non saranno certo i padani ad intimidirci! Sega sega sega vann allucchèn quillij dà Lega sega sega sega ma saj quant ce n frega E ce stann quillij da Lega vonn accattà na motosega u sapet che cianna fa u meridion vonn segà Alla facce che curagge iavam bon pà caten e montagge mo ca crisi ca ce stà sti fetent ce vonn segà mo ca crisi ca ce stà sti fetent ce vonn segà Bossi mo è preoccupat pecchè u fatt è delicat e nà fatt na malatij che sta cavel e Padanij E allor Umbè Umbè vuoi sapè che c è che c è p ce segà vuj da Lega vata fa na grossa sega p ce segà vuj da Lega vata fa na grossa sega Sega sega sega vann allucchèn quillij dà Lega sega sega sega ma saj quant ce n frega Ogni tant poi vai sul Po poropo Po Po Po che l ampoll dint i man par u sanghe e San Gennar Tu ca vu l autonomij tu ce mitt mez a vij sem tutt italiani e ne figlie d puttan sem tutt italiani e ne figlie d puttan N si cumm a Robin Hood tu frighe sul u Sud ah! se poi ben ricord v purtat tutt al Nord Cuscì chi ha date ha date e quanta cose ce set fregat chi ha avute avute avute n ngià set maj arrennute chi ha avute avute avute n ngià set maj arrennute Sega sega sega vann allucchèn quillij dà Lega sega sega sega ma saj quant ce n frega S faj scorr a memorij a revid tutt a storij ca p n acen e libertà quanta gent avut penà ca p n acen e libertà quanta gent avut penà Longobard e Bizantin Angioin e Saracin re Vittorij e Garibaldin mamma mij che casin So passat pur i Spagnul nata cert d mariule ca l Austrijche e i Frances ciamme remiss pur i spes N parlam e Francschiell nat razz e masaniell n parlam di Roman chi mazzat a coppaman So passat pur i Tedesch e n parlam po du rest so passat i partit nata class d bandit sò passat i partit nata class d bandit Sega sega sega vann allucchèn quillij dà Lega sega sega sega ma saj quant ce n frega E n jè mancat maj né m serj e né uaije

7 accuscì pò p cent ann o brijant o emigrant E dop tutt stu trapazz arriv tu mo cazz cazz vaj allucchènn dind i piazz ca nuj sem mala razz Sem razz meridionale bell nir e materiale sempr a prim d la list ndranghet mafij e camurrist sempr a prim d la list ndranghet mafij e camurrist Ma se vuj continuat sem nuj ca ce n jam pur a nuj na nazion sulament u meridion Ma dove volete andare senza di noi non ce la fate embè ci arrangiam e bene o male cià cavame Pecché sem genta tost cucciut cumm a mul mo tu diche cantine cantenne Umbè ma vaff... Sega sega sega vann allucchèn quillij dà Lega sega sega sega ma saj quant ce n frega

8 VOCE: Mario Genovese CORO: Giuseppe Concettini A recciulell (Luigi Corvelli, Saverio Iannone ) E una storia d amore d altri tempi, raccontata con particolare sensibilità dall autore, tra una giovane ragazza dai folti capelli ricci, che, impegnata nel quotidiano rito del bucato, incontra un giovane di nome Cicchill. La storia ha un lieto fino che li porterà al matrimonio e ad un viaggio di nozze del tutto particolare. Nda l acque dù vallon i funtanell è jut a lavà i pann a Recciulell ha purtate nu cestone chine m bundànez andò stev nù cutine Sott a mureje ascianghe a fratt cà mazz vatt i spine romp quà e là Z acconge a lice ambonn i panne e nzapunann po zì mett a streculà Nu bell sole è sciut ndà jurnata i pann a Recciulell zà sciugate a jev miss spase ngopp i rocchij pi fà menì pulite e senza macchije Za rraunit e za gghijecate tutta accungiat za vulut recuntà za misse ngàpe dind u cestone scianghe u vallon po zà miss a cammenà Z n meniv a casa a Recciulell e z ambundat m bacce a ppettatell a vist a Cicchill ngopp u ciucce ca iv fore careche d cannucce Cicchill è scint z so assettat so cumenzat tutt e duj a pazzià A muss a muss a sciate a sciate e scrizz e vasce so vulate quà e là Dopp d tanta temp e nà jurnate Cicchill e a Recciulell so spusate sonn fatt u viaggie ngopp u ciuccie e jenn fore careche d cannucce A muss a muss a sciate a sciate e scrizz e vasce so vulate quà e là A muss a muss a sciate a sciate e scrizz e vasce so vulate quà e là

9 E tira (Pasquale Curiale ) VOCE: Pasquale Curiale CORO: Pasquale Curiale, Fabio Giorgio, Donato D Antonio, Sara D Antonio FISARMONICA: Michele Santrella La società moderna è in continua decadenza e i modelli televisivi spesso contrastano contro le ristrettezze economiche della maggior parte delle famiglie italiane. E così viene fuori E tira, presentata da Pasquale Curiale, il più giovane tra gli autori, in occasione del capodanno La canzone tratta in modo comico, ma amaro, la deriva della nostra società con un ritornello emblematico e tira e tira... prima o poi si spezza. So sentute jer sera pù telegiornale ca dint a stù munn i cose vann male z part da salute s faj nù starnute Ngé capiscen che tì e t dann u DDT E tira e tira e tocche ca t arriva se u munn va accuscì n sacce andò jam a finì E tira e tira e tocche ca t arrive se u munn va accuscì n sacce andò jam a finì E dop da salute ce venn i danare meglie cagnà argoment pecchè qua so cacchij amare t arretir ndà cas appicce ca nt stute vuliss nu gelat ma i sold so fenute Arrivan i bullett e ancumenz na cummedij ca pur p dieci eur z n fà nà tragedij muglieret z ancazz i sold tineti tu accuscì se n n giarriv t n vaj affà uhuhuhmm Papà i n nzò state a mamm n n cunzuma ma vu vdè ca nda stà case ngé jabet nesciun E tira e tira e tocche ca t arriva se u munn va accuscì n sacce andò jam a finì E tira e tira e tocche ca t arrive se u munn va accuscì n sacce andò jam a finì Appress ce vè a mmor s nge stann i danar a salut ta lev iess e t schiaffen nda bara e tu ca pinz e pinz ma mò cumm aija fà stà stronz mà lasciat e mò che chi maj apparà Piglie u telecomand e acciacche nu betton e vid nù programm pur pa television si siedono sul trono e fann a l estern e tu da n gopp a seggia ca jastim u padratern E tira e tira e tocche ca t arriva se u munn va accuscì n sacce andò jam a finì E tira e tira e tocche ca t arrive se u munn va accuscì n sacce andò jam a finì

10 A vigna mez a chiazz (Michele Di Maria 1979) VOCE: Michele Di Maria CORO: Pasquale Curiale, Fabio Giorgio, Donato D Antonio, Alessandra D Alessandro SAX TENORE: Nicola Concettini Michele Di Maria al Festival della Canzone Molisana del 1979 riporta alla memoria il mito di una grande vigna molto fruttifera presente nel centro storico di Gambatesa in un lontano passato. Con sonorità che rimandano al blues, l autore richiama l atmosfera della vita di una volta e questo vigneto capace di produrre grandi quantità di ottimo vino a disposizione di tutti. Ma adesso questo non c è più e restano solo cantine... I temp antiche p tutt stu paes ce stev a miserij e nu poche e porce appise Mo d quella gent mo n 'ng n sta cchiù ma u pruverbj è rimast e u saje pur tu Ce stev a vigna mez a chiazz ca cunfnav addritt cu palazz e là Madonn quanta vine mo mez a chiazz so rimast i cantin E quant uva ca cacciav da la chiazz u carmenar ce n stev na quantità tutt iven a piglià Nu poche ghianghe e nu poche ner muscatell e malvascija da matin affin a sera t facev venì a vulija Ce stev a vigna mez a chiazz ca cunfnav addritt cu palazz e là Madonn quanta vine mo mez a chiazz so rimast i cantin Dop i temp so cagnat e n nz avev cchiù paur p tutt stu paes mez a chiazz hann fatt i ruve Quann i vitr so seccat è finit la scatena quanta gent hann luttat ca la vigna ha fatt là fine Ce stev a vigna mez a chiazz ca cunfnav addritt cu palazz e là Madonn quanta vine mo mez a chiazz so rimast i cantin

11 Jann che nuj (Donato D Antonio 2006) VOCE: Donato D Antonio CORO: Gerada Qatipi Jann che nuj (vieni con noi) rappresenta un invito a seguire il vero divertimento, senza remore o tentennamenti, a lasciarsi andare e a vivere insieme agli amici l emozione della festa nell unico modo possibile: partecipando. Il divertimento in questione è quello del capodanno gambatesano. L allegria inizia con le prove, la squadra si riunisce, qualcuno è un pò scettico, ma poi inizia la magica notte dove divertimento e risate sono assicurate. Aiavezet e jann a vid che sole ma checche jè la faccia nera nera par ca si sciute da na cimenera angrefliat e a fuligne ca scola Ca nde cal sajett oggi sunam m sò ngannarutit p fà u squadron piglie stì pacchetèll ca cuncertam addrument ca i mett man u buttiglion Iamm jann che nuj movet n nt n fuj ce facem quatt bicchier e i cantam d tutt i maner, e allor Iamm jann che nuj movet n nt n fuj ce facem quatt bicchier e i cantam d tutt i maner Miche n fuss cunvint da cumpagnij quà sem tutt pezz e cenciune sfuse livet da ngoll stà frefe annascuse ca mò a temperatura bon sta pi cannarij Nd preoccupà ca a bev n stem scarse o d annat o sprisciatur sem ferrigne qua n nze anguacchij e nze puzz d cincie jarz nà prumess sol ca p t divertì t ampigne, e allor Iamm jann che nuj movet n nt n fuj ce facem quatt bicchier e i cantam d tutt i maner, e allor Iamm jann che nuj movet n nt n fuj ce facem quatt bicchier e i cantam d tutt i maner

12 U scàpelon (Pasquale Vezza, Gennaro Abiuso 1975) VOCE: Pasquale Vezza e Gennaro Abiuso - CORO: Pasquale Curiale, Fabio Giorgio, Donato D Antonio Canzone di protesta ispirata dal clima degli anni 70- U scapelon è un giovane senza lavoro e senza soldi, disoccupato e annoiato dalla monotona vita di paese. La musica dura e incisiva ed i cori concordano col grottesco sfogo verso la classe politica incapace di assicurare un futuro dignitoso ai giovani, con un destino difficile da cambiare quando l unica legge è quella del danaro. La canzone è cantata dall autore con un megafono sottolineando l ambientazione da manifestazione di protesta. Sem tutt scàpelun, ma a colp n è d nesciun n nnà dem u padratern è sul colp dù guvèrn Sem tutt scàpelun ma a colp n è d nesciun n nnà dem u padratern è sul colp dù guvèrn Vaffàtij, vaffatij, vaffatij e và fà fà P nù sbaglie quist è nat e mo omm è diventat tè na laurea da farmacist ma u post ngiù dà manche crist Ca cultur e menta sana jesce sempr ngopp a funtàn è sicche cumm a nà rattacasce nù bar jesce e navet trasce Sem tutt scàpelun, ma a colp n è d nesciun n nnà dem u padratern è sul colp dù guvèrn Sem tutt scàpelun ma a colp n è d nesciun n nnà dem u padratern è sul colp dù guvèrn Vaffàtij, vaffatij, vaffatij e và fà fà S nà fumat z vò fà sul da puzz z ala accuntentà quest jè a vit dù scàpelon fatt d puzz e d mezzon Soluzion nge n stà meglie s riame tutt a zzappà ca se pò ce diplomame ce murim sul d fàme Sem tutt scàpelun, ma a colp n è d nesciun n nnà dem u padratern è sul colp dù guvèrn Sem tutt scàpelun ma a colp n è d nesciun n nnà dem u padratern è sul colp dù guvèrn Vaffàtij, vaffatij, vaffatij e và fà fà Mammet mammet in continuazion ta vù truà n occupazion oh mamm mamm ij m agge truate stenghe ndà list di disoccupate Z arrobben i sold zitt zitt cumm i ciucce guardan dritt p stì giuvan jè nà cundann chi tè i sold qua cumman eh!!! Z arrobben i sold zitt zitt cumm i ciucce guardan dritt p stì giuvan è nà cundann chi tè i sold qua cumman p stì giuvan è nà cundann chi tè i sold qua cumman Vaffàtij, vaffatij, vaffatij e và fà fà Vaffatij, vaffatij, vaffatij e vacce tu

13 A vecchiaj (Eligio Mignogna ) VOCE: Fabio Giorgio CORO: Pasquale Curiale, Donato D Antonio, Alessandra D Alessandro FISARMONICA: Michele Santella Quanto è brutta la vecchiaia, quando intorno i giovani e le ragazze si divertono e tu guardi appoggiato ad un bastone e neanche i ricordi sono una consolazione. La canzone più famosa di Eligio Mignogna, la più cantata e sicuramente la più sagace e sarcastica, con un amara riflessione ci fa ridere di cuore di un destino che prima o poi riguarderà tutti noi. Vuj già u sapet, ma ij mo vu diche ca mo cumènz a cred i pruverbj di vecchij antiche Ca quann si uagliol crisce crisce po arriv nda vecchiaj ca patisce ij prim nù vulève capì mo ce stenghe arruenn pur ij Quann jev giuvnott iv zumbènne da quà e da là tneve nu pnzer sul a bev e a magnà allor m crescev nda legg dà giuvntù però i m credev quella nz n iv cchiù Mo sò fatt anzian e je m risente già m fann mal i còss ca n mpozz cchiù zumbà a forz ca tenev e che n m sent cchiù perciò jorne p jorne ij mo m chiagne a giuventù S arriv a uttant ann che succèd i u sacce già z fann i cosse a cierchij ca n mpozz camminà M accatt nu baston pecchè m ciaija appiccià mannagge a stà vecchiaj ca ij na pozz rifiutà Ah mannagge a la vecchiaj quann cumenz a menì a te fa passà i uaj ca cuminz a resntì Delure e rumatism i resint a tutta vij a porche da vecchiaj cumm s azzecche a via mij Quann arriv a uttant ann è Muglièrem dint u lett m dice uagliò nd tirà i panne ca mutand e cavezett tenghe fridd tutt a l ann Quell m dice azzicchet ma che t vù zzccà ca i tenghe nu fridd ca n npozz ripusà quell m dice azzicchet azzicchet nat ccone che azzicche azzicche azzicche ndu lett stem cchiù bon Azzicche azzicche azzicche dimm che t vù zzccà u tuzzer è stutate e nz vò cchiù arrappccià Se quell po m dice mo pecchè nd azzicche cchiù i diche statt zitt che passat u buon Gesù E quell dice azzicchete ca z vò ancavedà ma u tizzon sciusce e sciusce e nz vò proprj arrappccià Ah mannagge a la vecchiaj quann cumenz a menì a te fa passà i uaj ca cuminz a resntì Delure e rumatism i resint a tutta vij a porche da vecchiaj cumm s azzecche a via mij Muglierem dice mo t mèn a cupert mbuttita Che a songhe rifiutate quann sem fatt i zite Mo minem a cupert u lenzole e u gellon e mitt pur u monache che accuscì stem cchiù bbon Quann so fatt vecchij u marit e ja muglièr sò fridd dind estat nd mmern e nd primaver So cumm i picciungill quann ndu nid stann mbace so cumm a dui tezzun fann u fum e sènza vrasce So cumm a duj tezzun quann z so stutate

14 ce rest a cener atturn ca ce facem a culata ce rest a cener atturn ca ce facem nà luscij a porche da vecchiaj cumm z azzecche a via mij Ah mannagge a la vecchiaj quann cumenz a menì a te fa passà i uaj ca cuminz a resntì Delure e rumatism i resint a tutta vij a porche da vecchiaj cumm s azzecche a via mij Ij pò quann jesce in piazz ved a quillij uagliungell ah ca vann zumbenn m paren crapettell E ij pò chi cchiamend che quisti occhije ampassion e ca stenghe appujate eje ngopp a nu baston Se quillij po m dicen andò va z Liggetè tu vid a cervell cumm aggire n cape a me Sentenn li parole m finisce da annervusì ah quann iev uagliòl iv zumbenn pur ij Se po quann vaglie dint u bbagne n facce attenzion quann so fenut m so ambuss u cavezon Pò ved i scarp amboss e cumenz a jastemà nda na tazz accuscì larje n giaj putute angannezzà Po allucche a muglierem uagliò purt nu stracce quell arriv arraiate e dice ij tu sbattess mbacce Statt zitt vaffa T spacche a cocce cu baston e po nz n parl cchiù Ah mannagge a la vecchiaj quann cumenz a menì a te fa passà i uaj ca cuminz a resntì Delure e rumatism i resint a tutta vij a porche da vecchiaj cumm s azzecche a via mij

15 Mulise bell (Saverio Iannone 1991) VOCE: Pasquale Curiale - CORO: Gerada Qatipi FISARMONICA: Michele Santella Eseguita per la prima volta al Festival della Canzone Molisana del 1991, interpretata da Antonio Di Maria sù parole e musica di Saverio Iannone, Mulis bell travalica l ambiente gambatesano per descrivere le bellezze della nostra regione. La canzone contiene un invito a visitare il Molise, terra poco conosciuta dai turisti ma piena di bellezze naturali, cultura enogastronomica e gente calorosa. Il risultato è che l ignaro visitatore non potrà resistere a tornarci per una seconda volta. U Mulise è nà bella region ca n jè mai second a nesciun tè i muntagne cullin e chianure e nù mare ca t ce pù specchià Z trov ancòr tutt a rrobba genuine a pasta bone caciuttell oglie e vine e po i femmen simpateche e sceccose biond e brunett cà t fann annammurà E tutt u rest dù Mulise nostre è nà bellezza senza parità Se vù u mare ce sta u mare vù a muntagne e pur ce stà I culline sò tutt doce ogni angul è na beltà Se vù u mare ce sta u mare vù a muntagne e pur ce stà i culline sò tutt doce ogni angul è na beltà A parlà dù Mulise nostre n ci abbast nà sola canzone tanta cose ce stann da dice ma nesciun ce vò adduselà Se vid u vosche dà Tufar a li Chianelle è verament nà cos assaij bèll è n immens patrimonij naturale ca u Signor cià vulut rialà Ma se nù jorn u vaj a vistà sicurament ciàla returnà Se vù u mare ce sta u mare vù a muntagne e pur ce stà i culline sò tutt doce ogni angul è na beltà Se vù u mare ce sta u mare vù a muntagne e pur ce stà I culline sò tutt doce ogni angul è na beltà

16 A sciumar (Luigi Corvelli, Saverio Iannone 1959) VOCE: Alessandra D Alessandro - CORO: Pasquale Curiale, Fabio Giorgio, Donato D Antonio E in assoluto la canzone più nota e cantata dai gambatesani. A sciumar (il fiume) descrive una classica scena gambatesana di tempi ormai lontani nella quale il vicino fiume era ritrovo di giovani donne che si dedicavano al bucato non essendoci acqua corrente in casa. Non solo lavoro però, il fiume poteva rappresentare altresì un luogo appartato dove incontrare di nascosto i ragazzi e trasformarsi in posto di festa e di gioia, addirittura capace di colmare la lunga distanza di Gambatesa dal mare. Abbasce a là sciumar z n vanne a lavà dint a quell acqua chiare ca t ce pù specchià Jammates stà luntan da lù mare u spass nostr è la sciumare Quann i femmen vann a fà na culate u temp pass a ridere e cantà Po venn i fidanzati ca scuse da pescate quell acqua chiare venn a ndruvelà E tra cant pesce pann che muine fin a matine ce vurrimme stà Ma prim ca fa sera u sciume amma lascià sennò pò dint a case male ponn penzà Jammates stà luntan da lù mare u spass nostr è la sciumare quann i femmen vann a fà na culate u temp pass a ridere e cantà Po venn i fidanzati ca scuse da pescate quell acqua chiare venn a ndruvelà E tra cant pesce pann che muine fin a matine ce vurrimme stà

17 A pasturell (Luigi Corvelli 1955) VOCE: Giuseppe Tosches CORO: Pasquale Curiale, Fabio Giorgio, Donato D Antonio E la prima canzone in ordine cronologico della raccolta e rappresenta un classico della canzone gambatesana per via della sua musica semplice e orecchiabile. Scritta dal paroliere gambatesano Luigi Corvelli venne presentata al Festival della canzone Abruzzese e Molisana nel 1955 e narra l infatuazione di un ragazzo per una giovane pastorella, unica al mondo e più bella della luna. Solo se il sentimento sarà da lei ricambiato lui potrà finalmente trovare pace e vivere in allegria il suo sogno d amore. Da chè m so truvat nà vagliuncell appost p me ma jà spusà n mbort ca è purèll u saije pecché Pecché jè cchiù bell d la luna na femmen cumm a quest ndù munn na tè nesciune va pa vije d for appress i pecurell facenn a cavezttell zumbenn da quà e da là Oje mammà m piace sta vagliungell Oje mammà a quest ma jà spusà S la vdiss quant è bellell sul ca l occhij t fa ncantà Ma po sà vid quann camine par nu sciore d bontà da che m so truat sta vagliuncell cridem a me stenghe perdenne tutt u cervell e saije pecchè Pecchè jè ca vòglie bèn assaij a penz ogni mument e n mma scord maje Finchè i n mma spòse stù cor n ripose è bèll stà vagliuncell oh chè felicità Oje mammà m piace sta vagliuncell Oje mammà a quest ma jà spusà S la vdiss quant è bellell sul ca l occhij t fa ncantà Ma po sà ved quann camine par nu sciore d bontà P finì bell stà tarantell a pasturell abballe che me n penzà cchiù a lì pecurell da voije pinz sul a me

18 Yuppies a Gambatesa (Mario Di Renzo 1989) VOCE: Mario Di Renzo CORO: Luca D Alessandro, Giuseppe Concettini Uno spaccato molto dettagliato della Gambatesa di fine anni ottanta investita dalle nuove tendenze e dai nuovi modelli vincenti imposti dalla società. Così anche i giovani di Gambatesa e dintorni vogliono essere rampanti e sentirsi alla moda ma, quando il cambiamento si scontra con il mondo paesano, emergono situazioni grottesche e talvolta imbarazzanti. Mario Di Renzo, con una parodia di una nota canzone italiana, in un tripudio di versi satirici in rima mette a nudo proprio questi aspetti e il risultato è una canzone divertentissima. Arramaj stem ndù duimile e quanta cos ca sò cagnàt l unica cos ca n cagne è ancor a cocce di sbandate quacchedun a miss u penser e cerche da fa u cristiane z r trov senza cumpagnij sul sul cumm a nu can A Jammates ce stann gent ca z dann tant arij tenn centemilalir e z recredn miliardarij tutt quant fann i bell ca pellicce e cu monton fin quant ce stà u papanonn ca sgance i sold da pension Gent d massarij ca jescen tutt i ser z metten u profum ma puzzan d fumer Gent d campagne ùrz dà Paulin ca venn ndà stù paese e tu mannen a ruine Tenn u rellogge trasparent e u cappott nir i scarp luccechent e ndà saccocce manche na lir s aspetten a matin annanz u bar a le sett no p t dice bongiorn ma p t cercà na segarett Tenn u cavezon d Arman a camice d Trussard quann parlen chi vagliol sonn i capi busciard chi dice che è dottor chi adderettur industriale ma fatijn dudece or sott a ditt da manuale Arraccontn buscij ca speranz cu munn cagne vann in ferij a Campomarin e dicen c hann jut a Spagne adderettur quacchedun dice ca và alle Maldiv a mamm c prepar a vusazz p sciuppà a jerv sott i vulive Gent ndrecant lippecus e sarracine vann ca centevintisett e par ca tenn na limusine passejn mez a vij da copp affin a sott sognen New York ma stann u carmnar sott Z fumen spinell ascisce e marjuana po ti sint ngopp a vill sono fuori come un cane chissà a quissj uagliul che cazz i pass pa cocce prim z fann cunce cunce e dop veden u popocce invece da droghe z accattasser na pizz accuscì n tenn problem cù jorn a mazz n z arrizz Po ce stann i mamm modern quann parlen chi figlie spacchene nu taliane chissà a dont a cazz u piglen Luca a mamma amore vieni decco non t ambrettare mo t sò miss u vestetell già t sì fatt cumm n arzenal Vagliol a quattordici ann ca s ce parl n jè aver vann tutt i ser a fa a fumat pa pescher vann u santuarij a Pompej e ndù fruttet

19 e apprufittn cu padr dint u scurd n nni ved Appicce a television e po sint i fessarij i vagliol ca violentan a mez jorn mez a vij i violenten pecchè vann in gir chi minigonn ca pur a nu vecchij d uttant ann a matin fann passà u sonn Vann in gir chi minigonn cort cort fin a quà i pozz pur resist ma fratem Jeck n ngià fà S jam annanz accuscì stu paes z mett male i vagliol a quattordici ann fann cose soprannaturale Sem i figlie d stu Mulise stu Mulise ca n nz n fott se a Sardegne tè a Costa Smerald nuj tenem u Carmnare Sott Sem i figlie d Jammates Jammates chin e problem s quacche vot jesce a casin è p colp d quacche scem Sem i figlie d Jammates stu paes d mmalament parlam tutt ca vocca ross ma n scium sapem fa nient

20 S nasciavam (Paquale Vezza, Matteo Di Iasio, Antonio Di Renzo 1978) VOCE: Pasquale Vezza - CORO: Pasquale Curiale, Giovanni Carozza, Donato D Antonio, Fabio Giorgio, Giuseppe Concettini FISARMONICA: Michele Santella Se coloro che sono nati e vivono in zone di mare sono capaci di nuotare e pescare, se i nati in montagna vengono contrassegnati come sciatori e scalatori e se gli abitanti della pianura hanno doti di camminatori e aratori, noi Gambatesani, nati in collina, di cosa siamo capaci? Questo è l atroce dilemma a cui gli autori di questa canzone daranno una risposta secca: niente! La musica semplice ed il tono leggero e scherzoso hanno decretato il successo di questa canzone, scritta nel 1975, il cui segreto è quello di non prendersi troppo sul serio. S nasciavam in montagna sapavama scià s nasciavam in pianura sapavama cammenà s nasciavam mez u mar sapavama nuotà ma sem nat in collin ma che sapem fa Nient - Aoh vuliss dice ca n n sapem manche magnà e bev Nient - E ca ormaje n sem bon manche a fa a mmor Nient - Pasquà ma cià sta pefforz checcose ca sapem fa Nient - Ma vatenn va S rinasciavam in montagna sapavama scalà s rinasciavam in pianura sapavama jarà s rinasciavam mez u mar sapavama pescà ma sem nate in collin ma che sapem fa Nient - Secondo te n n sapem jucà cchiù a mazz e pivez Nient - Quann mammet z va ncampagnie ca fìgure che z magne Nient - Jammates sta luntan da lu mar u spass nostr jè Nient - A sciumara Pasquà a sciumara Ma sintitev cuntent da iess nate quà s pu munn tu pird a vij qua ti sempr a casa tij Ma sintitev cuntent da iess nate qua s pu munn tu pird a vij qua ti sempr a casa tij Ringraziamenti: agli amici di Gambatesa a New York per il loro annuale sostegno economico e morale alle attività dell Associazione I Maitunat ; agli amici di Gambatesa a Faenza e Roma per averci ospitato, come Gruppo Permanente Maitunat, nei loro annuali raduni e dell attenzione che dedicano alle nostre attività; agli amici di Gambatesa nel mondo che seguono tramite internet l operato dell associazione, affinché il canto, la musica e le maitunate, contribuiscano ad annullare le distanze chilometriche che ci separano; a tutti i gambatesani che riusciranno ad emozionarsi con l ascolto di questo CD.

PRONOMI DIRETTI (oggetto)

PRONOMI DIRETTI (oggetto) PRONOMI DIRETTI (oggetto) - mi - ti - lo - la - La - ci - vi - li - le La è la forma di cortesia. Io li incontro spesso. (gli amici). Non ti sopporta più. (te) Lo legge tutti i giorni. (il giornale). La

Dettagli

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7.

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 2 Dov è Piero Ferrari e perché non arriva E P I S O D I O 25 Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 1 Leggi più volte il testo e segna le risposte corrette. 1. Piero abita in un appartamento

Dettagli

Ci relazioniamo dunque siamo

Ci relazioniamo dunque siamo 7_CECCHI.N 17-03-2008 10:12 Pagina 57 CONNESSIONI Ci relazioniamo dunque siamo Curiosità e trappole dell osservatore... siete voi gli insegnanti, mi insegnate voi, come fate in questa catastrofe, con il

Dettagli

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di 1 Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di N. e N. 2 Celebrare un anniversario non significa rievocare in modo nostalgico una avvenimento del passato, ma celebrare nella lode e nel rendimento

Dettagli

Quanti nuovi suoni, colori e melodie, luce vita e gioia ad ogni creatura splende la sua mano forte e generosa, perfetto è ciò che lui fa

Quanti nuovi suoni, colori e melodie, luce vita e gioia ad ogni creatura splende la sua mano forte e generosa, perfetto è ciò che lui fa TUTTO CIO CHE FA Furon sette giorni così meravigliosi, solo una parola e ogni cosa fu tutto il creato cantava le sue lodi per la gloria lassù monti mari e cieli gioite tocca a voi il Signore è grande e

Dettagli

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica:

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica: Pasta per due 5 Capitolo 1 Libero Belmondo è un uomo di 35 anni. Vive a Roma. Da qualche mese Libero accende il computer tutti i giorni e controlla le e-mail. Minni è una ragazza di 28 anni. Vive a Bangkok.

Dettagli

unità 01 un intervista Attività di pre-ascolto Abbinate le parti della colonna A a quelle della colonna B.

unità 01 un intervista Attività di pre-ascolto Abbinate le parti della colonna A a quelle della colonna B. A. Ignone - M. Pichiassi unità 01 un intervista Attività di pre-ascolto Abbinate le parti della colonna A a quelle della colonna B. A B 1. È un sogno a) vuol dire fare da grande quello che hai sempre sognato

Dettagli

Dalla lettura di una poesia del libro di testo. Un ponte tra i cuori

Dalla lettura di una poesia del libro di testo. Un ponte tra i cuori 1 Dalla lettura di una poesia del libro di testo Un ponte tra i cuori Manca un ponte tra i cuori, fra i cuori degli uomini lontani, fra i cuori vicini, fra i cuori delle genti, che vivono sui monti e sui

Dettagli

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco Sul far della sera la famiglia si riunisce in casa per la preghiera. Ove fosse possibile si suggerisce di

Dettagli

Livello CILS A2. Test di ascolto

Livello CILS A2. Test di ascolto Livello CILS A2 GIUGNO 2012 Test di ascolto numero delle prove 2 Ascolto Prova n. 1 Ascolta i testi. Poi completa le frasi. Scegli una delle tre proposte di completamento. Alla fine del test di ascolto,

Dettagli

NATALE SARA. Come sempre Natale sarà una festa, una grande magia, per svegliare la tua fantasia giù dal cielo un bel sogno verrà.

NATALE SARA. Come sempre Natale sarà una festa, una grande magia, per svegliare la tua fantasia giù dal cielo un bel sogno verrà. NATALE SARA Su nel cielo che gran movimento, su tra gli angeli del firmamento: quelli addetti agli effetti speciali si rimboccano tutti le ali. C'è chi pensa ai fiocchetti di neve, chi compone una musica

Dettagli

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a Ci situiamo Probabilmente alla tua età inizi ad avere chiaro chi sono i tuoi amici, non sempre è facile da discernere. Però una volta chiaro,

Dettagli

Invece n da stu paes, come sempre, ston i solt casen, il centro è sempre pulito ed in periferia stie na latren.

Invece n da stu paes, come sempre, ston i solt casen, il centro è sempre pulito ed in periferia stie na latren. Cari lettori Oggi della pulizia del nostro paese vi voglio parlare, che per come funziona, troppo cara ce la fanno pagare. Pe quanda solt co senec ne fasce pagà de rummat, Putignan er a iess nu paes, splendente

Dettagli

33. Dora perdona il suo pessimo padre

33. Dora perdona il suo pessimo padre 33. Dora perdona il suo pessimo padre Central do Brasil (1998) di Walter Salles Il film racconta la storia di una donna cinica e spietata che grazie all affetto di un bambino ritrova la capacità di amare

Dettagli

1 Decidi come finisce la frase.

1 Decidi come finisce la frase. No mamma no A1/A2 anno di produzione: 1993 durata: 18 genere: commedia regia: Cecilia Calvi sceneggiatura: Cecilia Calvi fotografia: Franco Lecca montaggio: Valentina Migliaccio interpreti: Isa Barsizza,

Dettagli

Bambini vecchiette signori e signore venite a giocare con tutti i colori (2 volte)

Bambini vecchiette signori e signore venite a giocare con tutti i colori (2 volte) La canzone dei colori Rosso rosso il cane che salta il fosso giallo giallo il gallo che va a cavallo blu blu la barca che va su e giù blu blu la barca che va su e giù Arancio arancio il grosso cappello

Dettagli

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO?

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? 1 Ehi, ti e mai capitato di assistere o essere coinvolto in situazioni di prepotenza?... lo sai cos e il bullismo? Prova a leggere queste pagine. Ti potranno essere utili.

Dettagli

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Commento al Vangelo Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione fra Luca Minuto Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Dal Vangelo secondo Matteo In quel tempo, gli undici discepoli andarono in Galilea, sul monte

Dettagli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli Siamo abituati a pensare al Natale come una festa statica, di pace, tranquillità, davanti

Dettagli

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime Indice Introduzione 7 La storia delle rose: quando la mamma parte 9 Il bruco e la lumaca: quando i genitori si separano 23 La campana grande e quella piccola: quando nasce il fratellino 41 La favola del

Dettagli

Sac. Don Giuseppe Pignataro. L oratorio: centro del suo cuore

Sac. Don Giuseppe Pignataro. L oratorio: centro del suo cuore Sac. Don Giuseppe Pignataro L oratorio: centro del suo cuore L'anima del suo apostolato di sacerdote fu l'oratorio: soprattutto negli anni di Resina, a Villa Favorita per circa un decennio, dal 1957 al

Dettagli

Una Pulce sull Albero di Babbo Natale?

Una Pulce sull Albero di Babbo Natale? Una Pulce sull Albero di Babbo Natale? Copione natalizio in rima per i bambini della Scuola dell Infanzia. Autore: Silvia Di Castro (Bisia) UNA PULCE SULL ALBERO DI BABBO NATALE? 1 Copione natalizio in

Dettagli

E vestirti coi vestiti tuoi DO#-7 SI4 dai seguimi in ciò che vuoi. e vestirti coi vestiti tuoi

E vestirti coi vestiti tuoi DO#-7 SI4 dai seguimi in ciò che vuoi. e vestirti coi vestiti tuoi SOGNO intro: FA#4/7 9 SI4 (4v.) SI4 DO#-7 Son bagni d emozioni quando tu FA# sei vicino sei accanto SI4 DO#-7 quando soltanto penso che tu puoi FA# FA#7/4 FA# SI trasformarmi la vita. 7+ SI4 E vestirti

Dettagli

OGGI LA BIANCHI PER FORTUNA NON C'E' MA L'ITALIANO LO SAI ANCHE TE PER OGNI PAROLA DICCI COS'E', E NUOVE ISTRUZIONI AVRAI PER TE.

OGGI LA BIANCHI PER FORTUNA NON C'E' MA L'ITALIANO LO SAI ANCHE TE PER OGNI PAROLA DICCI COS'E', E NUOVE ISTRUZIONI AVRAI PER TE. 1 SE UNA SORPRESA VOLETE TROVARE ATTENTAMENTE DOVETE CERCARE. VOI ALLA FINE SARETE PREMIATI CON DEI GOLOSI DOLCINI INCARTATI. SE ALLE DOMANDE RISPONDERETE E NON CADRETE IN TUTTI I TRANELLI, SE TROVERETE

Dettagli

libro primo 7 grazie, farò del mio meglio per non arrecarti altro disturbo. E appena ho provato a reagire, mi hai bloccata, sei passato a discorsi

libro primo 7 grazie, farò del mio meglio per non arrecarti altro disturbo. E appena ho provato a reagire, mi hai bloccata, sei passato a discorsi Capitolo primo 1. Se tu te ne sei scordato, egregio signore, te lo ricordo io: sono tua moglie. Lo so che questo una volta ti piaceva e adesso, all improvviso, ti dà fastidio. Lo so che fai finta che non

Dettagli

IL RIMARIO IL RICALCO

IL RIMARIO IL RICALCO Preparare un rimario: IL RIMARIO - gli alunni, a coppie o singolarmente, scrivono su un foglio alcune parole con una determinata rima; - singolarmente, scelgono uno dei fogli preparati e compongono nonsense

Dettagli

LING RACCONTA IL SUO VIAGGIO

LING RACCONTA IL SUO VIAGGIO LING RACCONTA IL SUO VIAGGIO Sono arrivata in Italia in estate perché i miei genitori lavoravano già qui. Quando ero in Cina, io e mia sorella Yang abitavamo con i nonni, perciò mamma e papà erano tranquilli.

Dettagli

Routine per l Ora della Nanna

Routine per l Ora della Nanna SCHEDA Routine per l Ora della Nanna Non voglio andare a letto! Ho sete! Devo andare al bagno! Ho paura del buio! Se hai mai sentito il tuo bambino ripetere queste frasi notte dopo notte, con ogni probabilità

Dettagli

CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI

CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI La mia casa ideale è vicino al mare. Ha un salotto grande e luminoso con molte poltrone comode e un divano grande e comodo.

Dettagli

Porto di mare senz'acqua

Porto di mare senz'acqua Settembre 2014 Porto di mare senz'acqua Nella comunità di Piquiá passa un onda di ospiti lunga alcuni mesi Qualcuno se ne è già andato. Altri restano a tempo indeterminato D a qualche tempo a questa parte,

Dettagli

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Rilevazione degli apprendimenti PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Anno Scolastico 2011 2012 PROVA DI ITALIANO Scuola Primaria Classe Seconda Spazio per l etichetta autoadesiva ISTRUZIONI

Dettagli

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI (Gv 3, 17b) Ufficio Liturgico Diocesano proposta di Celebrazione Penitenziale comunitaria nel tempo della Quaresima 12 1 2 11 nella lode perenne del tuo nome

Dettagli

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso LIBERI PENSIERI PER LIBERI SENTIMENTI La riflessione circa In viaggio verso l incontro come ci è stato proposto, nasce attorno alla lettura del romanzo : C è nessuno?

Dettagli

Il sei gennaio, c è la festa dell Epifania. In quel giorno la Befana, una buona vecchietta con una scopa fra le gambe, porta regali per i bambini.

Il sei gennaio, c è la festa dell Epifania. In quel giorno la Befana, una buona vecchietta con una scopa fra le gambe, porta regali per i bambini. A) Le feste italiane Naturalmente la più grande festa per i bambini e gli italiani è Natale. In Italia non mancano mai l albero di Natale, il presepio e molti regalini: la sera della Vigilia, il ventiquattro

Dettagli

La bellezza è la perfezione del tutto

La bellezza è la perfezione del tutto La bellezza è la perfezione del tutto MERANO ALTO ADIGE ITALIA Il generale si piega al particolare. Ai tempi di Goethe errare per terre lontane era per molti tutt altro che scontato. I viandanti erano

Dettagli

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1 Università per Stranieri di Siena Centro CILS Sessione: Dicembre 2012 Test di ascolto Numero delle prove 2 Ascolto - Prova n. 1 Ascolta i testi: sono brevi dialoghi e annunci. Poi completa le frasi.

Dettagli

SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA

SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA LIBRO IN ASSAGGIO SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA DI ROBERT L. LEAHY INTRODUZIONE Le sette regole delle persone molto inquiete Arrovellarvi in continuazione, pensando e ripensando al peggio, è la

Dettagli

Che cosa fai di solito?

Che cosa fai di solito? Che cosa fai di solito? 2 1 Ascolta la canzone La mia giornata, ritaglia e incolla al posto giusto le immagini di pagina 125. 10 dieci Edizioni Edilingua unità 1 2 Leggi. lindylindy@forte.it ciao Cara

Dettagli

2) Se oggi la sua voce. Rit, 1) Camminiamo incontro al Signore

2) Se oggi la sua voce. Rit, 1) Camminiamo incontro al Signore Parrocchia Santa Maria delle Grazie Squinzano 1) Camminiamo incontro al Signore 2) Se oggi la sua voce Rit, Camminiamo incontro al Signore Camminiamo con gioia Egli viene non tarderà Egli viene ci salverà.

Dettagli

SE IO FOSSI UN ALBERO E INVENTASSI UNA STORIA DAL MIO DISEGNO...TI RACCONTEREI CHE...

SE IO FOSSI UN ALBERO E INVENTASSI UNA STORIA DAL MIO DISEGNO...TI RACCONTEREI CHE... SE IO FOSSI UN ALBERO E INVENTASSI UNA STORIA DAL MIO DISEGNO...TI RACCONTEREI CHE... Una volta si fece la festa degli alberi nel bosco e io e una bimba, che non lo sapevo chi era, giocavamo con gli alberi

Dettagli

Canzoni popolari. Melissa Jacobacci. 3 scuola elementare. Chiara Caverzasio e Renata Verzaroli. 4 a scuola elementare

Canzoni popolari. Melissa Jacobacci. 3 scuola elementare. Chiara Caverzasio e Renata Verzaroli. 4 a scuola elementare Canzoni popolari Melissa Jacobacci Chiara Caverzasio e Renata Verzaroli 3 scuola elementare 4 a scuola elementare ALLA MATTINA C È IL CAFFE Alla mattina c è il caffè, ma senza zucchero, ma senza zucchero;

Dettagli

PETROLINI E' QUELLA COSA CHE TI BURLA IN TON GARBATO POI TI DICE: TI HA PIACIATO? SE TI OFFENDI SE NE FREG. MA TUTTO QUEL CHE SONO

PETROLINI E' QUELLA COSA CHE TI BURLA IN TON GARBATO POI TI DICE: TI HA PIACIATO? SE TI OFFENDI SE NE FREG. MA TUTTO QUEL CHE SONO PTROINI ' QUA COSA CH TI BURA IN TON GARBATO POI TI DIC: TI HA PIACIATO? S TI OFFNDI S N FRG. MA TUTTO QU CH SONO NON POSSO DIR A DIR NON SON BUONO MI PRORO' A CANTAR. I barzelletta NADIA Due popolane

Dettagli

I nonni di oggi: com è cambiato il loro ruolo?

I nonni di oggi: com è cambiato il loro ruolo? I nonni di oggi: com è cambiato il loro ruolo? In Italia, secondo valutazioni ISTAT, i nonni sono circa undici milioni e cinquecento mila, pari al 33,3% dei cittadini che hanno dai 35 anni in su. Le donne

Dettagli

El valor de ser padre y de ser madre -----

El valor de ser padre y de ser madre ----- El valor de ser padre y de ser madre ----- San Luis, 27 de Octubre 2012 Vengo da un continente dove esiste una vera crisi della paternità. La figura del padre non è molto precisa, la sua autorità naturale

Dettagli

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE?

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? Storia narrata da Teresa Carbé Da oltre 10 anni, con mio marito e i miei figli, abbiamo deciso di aprirci all affidamento familiare, e ciò ci ha permesso di

Dettagli

Ente Culturale Schola Cantorum San Lorenzo Martire San Lorenzello Ente di rilievo regionale per la promozione di attività educativo-culturali

Ente Culturale Schola Cantorum San Lorenzo Martire San Lorenzello Ente di rilievo regionale per la promozione di attività educativo-culturali Ente Culturale Schola Cantorum San Lorenzo Martire San Lorenzello Ente di rilievo regionale per la promozione di attività educativo-culturali San Lorenzello e le sue canzoni 1 Nustalgia d i paes (Nicola

Dettagli

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini Associazione ALE G. dalla parte dei bambini Comune di OSNAGO AI BAMBINI E ALLE BAMBINE Il 20 novembre 1989 è entrata in vigore

Dettagli

Opuscolo per i bambini

Opuscolo per i bambini I bambini hanno dei diritti. E tu, conosci i tuoi diritti? Opuscolo per i bambini Ref. N. Just/2010/DAP3/AG/1059-30-CE-0396518/00-42. Con approvazione e supporto finanziario del Programma della Unione

Dettagli

DAL MEDICO UNITÁ 9. pagina 94

DAL MEDICO UNITÁ 9. pagina 94 DAL MEDICO A: Buongiorno, dottore. B: Buongiorno. A: Sono il signor El Assani. Lei è il dottor Cannavale? B: Si, piacere. Sono il dottor Cannavale. A: Dottore, da qualche giorno non mi sento bene. B: Che

Dettagli

ALLA SCUOLA MATERNA UNITÁ 16

ALLA SCUOLA MATERNA UNITÁ 16 ALLA SCUOLA MATERNA Marzia: Buongiorno, sono venuta per iscrivere il mio bambino. Maestra: Buongiorno, signora. Io sono la maestra. Come si chiama il bambino. Marzia: Si chiama Renatino Ribeiro. Siamo

Dettagli

DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI. Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013

DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI. Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013 DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013 Cari catechisti, buonasera! Mi piace che nell Anno della fede ci

Dettagli

Presentazione Tutti quelli che troverete, chiamateli

Presentazione Tutti quelli che troverete, chiamateli Presentazione Tutti quelli che troverete, chiamateli Presentazione Decisamente stimolanti le provocazioni del brano di Matteo (22,1-14) che ci accompagnerà nel corso dell anno associativo 2013-2014: terzo

Dettagli

Oleggio, 25/12/2009. Natività- Dipinto del Ghirlandaio

Oleggio, 25/12/2009. Natività- Dipinto del Ghirlandaio 1 Oleggio, 25/12/2009 NATALE DEL SIGNORE Letture: Isaia 9, 1-6 Salmo 96 Tito 2, 11-14 Vangelo: Luca 2, 1-14 Cantori dell Amore Natività- Dipinto del Ghirlandaio Ci mettiamo alla Presenza del Signore, in

Dettagli

La Convenzione Onu sui diritti dei bambini I DIRITTI DEI BAMBINI NELLA VITA DI OGNI GIORNO

La Convenzione Onu sui diritti dei bambini I DIRITTI DEI BAMBINI NELLA VITA DI OGNI GIORNO La Convenzione Onu sui diritti dei bambini I DIRITTI DEI BAMBINI NELLA VITA DI OGNI GIORNO Che cos è la Convenzione Onu sui diritti dei bambini? La Convenzione sui diritti dei bambini è un accordo delle

Dettagli

Destinatari: adulti/giovani adulti di diversa provenienza linguistica e culturale che imparano l italiano in contesto L2 o LS

Destinatari: adulti/giovani adulti di diversa provenienza linguistica e culturale che imparano l italiano in contesto L2 o LS MA IL CIELO È SEMPRE PIÙ BLU di Rino Gaetano Didattizzazione di Greta Mazzocato Univerisità Ca Foscari di Venezia Destinatari: adulti/giovani adulti di diversa provenienza linguistica e culturale che imparano

Dettagli

L'USO DI PARTICELLA»CI«( uporaba členka CI )

L'USO DI PARTICELLA»CI«( uporaba členka CI ) L'USO DI PARTICELLA»CI«( uporaba členka CI ) 1. SOSTITUISCE LA PARTICELLA AVVERBIALE (nadomesti krajevni prislov, s tem se izognemo odvečnemu ponavljanju) Vai a Roma ogni estate? Sì, CI vado ogni estate.

Dettagli

" CI SON DUE COCCODRILLI... "

 CI SON DUE COCCODRILLI... PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA ANNO SCOLASTICO 2014-2015 " CI SON DUE COCCODRILLI... " Le attività in ordine all'insegnamento della religione cattolica, per coloro che se ne avvalgono, offrono

Dettagli

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento.

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento. DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento Anno 2014 (B) E nato per tutti; è nato per avvolgere il mondo in un abbraccio

Dettagli

IL TEMPO METEOROLOGICO

IL TEMPO METEOROLOGICO VOLUME 1 CAPITOLO 4 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE IL TEMPO METEOROLOGICO 1. Parole per capire A. Conosci già queste parole? Scrivi il loro significato o fai un disegno: tempo... Sole... luce... caldo...

Dettagli

Unità uno. barche e vento. I colori. Le parti del corpo. I numeri. da 11 a 20 La casa Chi è? La casa (2) Gli animali.

Unità uno. barche e vento. I colori. Le parti del corpo. I numeri. da 11 a 20 La casa Chi è? La casa (2) Gli animali. Unità uno I numeri da 0 a 10 Che tempo fa? 1 I colori Le parti del corpo I numeri da 11 a 20 La casa Chi è? La casa (2) Gli animali Gli animali (2) I giorni, i mesi, le stagioni barche e vento Da dove

Dettagli

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013 Farra, 24 febbraio 2013 informare su quelle che sono le reazioni più tipiche dei bambini alla morte di una persona cara dare alcune indicazioni pratiche suggerire alcuni percorsi Quali sono le reazioni

Dettagli

L ALFABETO DELLA LEGALITA

L ALFABETO DELLA LEGALITA L alfabeto, che sta alla base dell acquisizione di ogni lingua, diventa, in questo nostro giornalino, il punto di partenza per la conoscenza di quei valori fondamentali che è indispensabile interiorizzare

Dettagli

Il ciclo di Arcabas LUNGO LA STRADA

Il ciclo di Arcabas LUNGO LA STRADA Il ciclo di Arcabas Arcabas è lo pseudonimo dell artista francese Jean Marie Pirot, nato nel 1926. Nella chiesa della Risurrezione a Torre de Roveri (BG) negli anni 1993-1994 ha realizzato un ciclo di

Dettagli

Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione

Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione Affermazioni incentrate sulla Verità per le dodici categorie del Codice di Guarigione Troverete qui di seguito una

Dettagli

LA TEORIA DEL CUCCHIAIO

LA TEORIA DEL CUCCHIAIO 90 ICARO MAGGIO 2011 LA TEORIA DEL CUCCHIAIO di Christine Miserandino Per tutti/e quelli/e che hanno la vita "condizionata" da qualcosa che non è stato voluto. La mia migliore amica ed io eravamo nella

Dettagli

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni.

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. 8 regioni settentrionali: il Piemonte (Torino), la Val d Aosta (Aosta),

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN SPINEA I CIRCOLO ANNO SCOLASTICO 2006/07. Documentazione a cura di Quaglietta Marica

SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN SPINEA I CIRCOLO ANNO SCOLASTICO 2006/07. Documentazione a cura di Quaglietta Marica SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN SPINEA I CIRCOLO ANNO SCOLASTICO 2006/07 GRUPPO ANNI 3 Novembre- maggio Documentazione a cura di Quaglietta Marica Per sviluppare Pensiero creativo e divergente Per divenire

Dettagli

AL SUPERMERCATO UNITÁ 11

AL SUPERMERCATO UNITÁ 11 AL SUPERMERCATO Che cosa ci serve questa settimana? Un po di tutto; per cominciare il pane. Sì, prendiamo due chili di pane. Ci serve anche il formaggio. Sì, anche il burro. Prendiamo 3 etti di formaggio

Dettagli

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di alcol L alcolismo è una malattia che colpisce anche il contesto famigliare

Dettagli

Ogni riferimento a fatti realmente accaduti e/o a persone realmente esistenti è da ritenersi puramente casuale.

Ogni riferimento a fatti realmente accaduti e/o a persone realmente esistenti è da ritenersi puramente casuale. Vite a mezz aria Ogni riferimento a fatti realmente accaduti e/o a persone realmente esistenti è da ritenersi puramente casuale. Giuseppe Marco VITE A MEZZ ARIA Romanzo www.booksprintedizioni.it Copyright

Dettagli

Flame of Hope maggio 2015

Flame of Hope maggio 2015 Flame of Hope maggio 2015 Cari amici, Quand è che si apprezza maggiormente la vita e si è consapevoli di essere vivi e ne siamo grati? Quando quel dono prezioso è minacciato e poi si apprezza la vita il

Dettagli

storia dell umanità sarebbe veramente molto triste.

storia dell umanità sarebbe veramente molto triste. FIGLI DI DIO Cosa significa essere un figlio di Dio? E importante essere figli di Dio? Se sono figlio di Dio che differenza fa nella mia vita quotidiana? Queste sono questioni importanti ed è fondamentale

Dettagli

Pagliaccio. A Roma c è un. che cambia ogni giorno. 66 Artù n 58

Pagliaccio. A Roma c è un. che cambia ogni giorno. 66 Artù n 58 format nell accostare gli ingredienti e da raffinatezza della presentazione che fanno trasparire la ricchezza di esperienze acquisite nelle migliori cucine di Europa e Asia da questo chef 45enne d origini

Dettagli

5ª tappa L annuncio ai Giudei

5ª tappa L annuncio ai Giudei Centro Missionario Diocesano Como 5 incontro di formazione per commissioni, gruppi e associazioni missionarie 3 anno Febbraio 09 Paolo: la Parola di Dio non è incatenata 5ª tappa L annuncio ai Giudei Pagina

Dettagli

Amare e far AMARE GESÙ. Borrelli. Truffelli. Approfondimento su Incontriamo Gesù. Orientamenti per l annuncio e la catechesi in Italia ANNA TERESA

Amare e far AMARE GESÙ. Borrelli. Truffelli. Approfondimento su Incontriamo Gesù. Orientamenti per l annuncio e la catechesi in Italia ANNA TERESA EDUCARE OGGI/9 A CURA DI ANNA TERESA Borrelli PREFAZIONE DI MATTEO Truffelli Amare e far AMARE GESÙ CONTRIBUTI DI: Marco Ghiazza Luca Marcelli Paolo e Rita Seghedoni Marcello Semeraro Lucio Soravito De

Dettagli

Venite, saliamo sul monte del Signore, al tempio quanto è mirabile il tuo nome su tutta la terra! (Sal 8,10) Rit.

Venite, saliamo sul monte del Signore, al tempio quanto è mirabile il tuo nome su tutta la terra! (Sal 8,10) Rit. OTTOBRE: Giornata del Carisma Introduzione TEMA: Fede e missione La mia intenzione è solamente questa: che [le suore] mi aiutino a salvare anime. (Corrispondenza, p. 7) Questa lapidaria intenzione, che

Dettagli

Attorno alla Rupe. Rit.: uulla ullalala uullalala del lupo la forza nel branco sarà (2v.)

Attorno alla Rupe. Rit.: uulla ullalala uullalala del lupo la forza nel branco sarà (2v.) Attorno alla Rupe Attorno alla rupe orsù lupi andiam d'akela e Baloo or le voci ascoltiam del branco la forza in ciascun lupo sta del lupo la forza del branco sarà. Rit.: uulla ullalala uullalala del lupo

Dettagli

Un abbraccio a tutti voi Ornella e Enrico

Un abbraccio a tutti voi Ornella e Enrico SASHA La nostra storia é molto molto recente ed é stata fin da subito un piccolo "miracolo" perche' quando abbiamo contattato l' Associazione nel mese di Novembre ci é stato detto che ormai era troppo

Dettagli

LEZIONE 4 DIRE, FARE, PARTIRE! ESERCIZI DI ITALIANO PER BRASILIANI

LEZIONE 4 DIRE, FARE, PARTIRE! ESERCIZI DI ITALIANO PER BRASILIANI In questa lezione ci siamo collegati via Skype con la Professoressa Paola Begotti, docente di lingua italiana per stranieri dell Università Ca Foscari di Venezia che ci ha parlato delle motivazioni che

Dettagli

Giro, ghirotondo e altre storie ortografiche

Giro, ghirotondo e altre storie ortografiche Giro, ghirotondo e altre storie ortografiche Strumenti per la didattica, l educazione, la riabilitazione, il recupero e il sostegno Collana diretta da Dario Ianes Rossana Colli e Cosetta Zanotti Giro,

Dettagli

Arcangela Mastromarco

Arcangela Mastromarco Autore: Con la collaborazione di: Arcangela Mastromarco Lidia Scarabelli 1 Unità 1 Questa è la mia famiglia. Io mi chiamo Meijiao. Faccio la IV elementare. La mattina mi alzo alle 7.00, mi vesto e faccio

Dettagli

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama Adorazione Eucaristica a cura di Don Luigi Marino Guida: C è un esperienza che rivela il potere unificante e trasformante dell amore, ed è l innamoramento, descritto in modo splendido nel Cantico dei Cantici.

Dettagli

LA STORIA DEL VECCHIO F di Patrizia Toia

LA STORIA DEL VECCHIO F di Patrizia Toia Patrizia Toia Patrizia Toia (born on 17 March 1950 in Pogliano Milanese) is an Italian politician and Member of the European Parliament for North-West with the Margherita Party, part of the Alliance of

Dettagli

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore.

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore. Commozione Si commuove il corpo. A sorpresa, prima che l opportunità, la ragionevolezza, la buona educazione, la paura, la fretta, il decoro, la dignità, l egoismo possano alzare il muro. Si commuove a

Dettagli

Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar. Classe IV. Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia

Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar. Classe IV. Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia Scuola Primaria Istituto Casa San Giuseppe Suore Vocazioniste Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar Classe IV Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia È il 19 febbraio 2011

Dettagli

4.Che cosa... di bello da vedere nella tua città? (A) c'è (B) è (C) ci sono (D) e

4.Che cosa... di bello da vedere nella tua città? (A) c'è (B) è (C) ci sono (D) e DIAGNOSTIC TEST - ITALIAN General Courses Level 1-6 This is a purely diagnostic test. Please only answer the questions that you are sure about. Since this is not an exam, please do not guess. Please stop

Dettagli

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti,

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, si è conclusa con una lezione aperta per i genitori.

Dettagli

TUTTO QUELLO CHE SAI SUGLI ZINGARI È FALSO

TUTTO QUELLO CHE SAI SUGLI ZINGARI È FALSO TUTTO QUELLO CHE SAI SUGLI ZINGARI È FALSO L ITALIA È PIENA DI ZINGARI FALSO. In Italia rom, sinti e camminanti sono circa 170mila cioè lo 0,25% della popolazione complessiva, UNA DELLE PERCENTUALI PIÙ

Dettagli

Natale del Signore: annuncio di unità e di pace su tutta la terra: tempo di buone opere e di intensa carità. Papa Giovanni XXIII (28 dicembre 1958)

Natale del Signore: annuncio di unità e di pace su tutta la terra: tempo di buone opere e di intensa carità. Papa Giovanni XXIII (28 dicembre 1958) NOTIZIARIO PARROCCHIALE Anno XC - N 8 dicembre 2012 - L Angelo in Famiglia Pubbl. mens. - Sped. abb. post. 50% Bergamo Natale del Signore: annuncio di unità e di pace su tutta la terra: tempo di buone

Dettagli

TABELLA DEI COMPLEMENTI

TABELLA DEI COMPLEMENTI TABELLA DEI COMPLEMENTI REALIZZATA CON LA COLLABORAZIONE DELLA CLASSE II B DELLA SCUOLA SECONDARIA DALLA CHIESA E RUSSO DI BUSNAGO (MB) A. s. 2011/ 12 COMPLEMENTO DOMANDA A CUI RISPONDE ESEMPIO OGGETTO

Dettagli

4. Conoscere il proprio corpo

4. Conoscere il proprio corpo 4. Conoscere il proprio corpo Gli esseri viventi sono fatti di parti che funzionano assieme in modo diverso. Hanno parti diverse che fanno cose diverse. Il tuo corpo è fatto di molte parti diverse. Alcune

Dettagli

Romite Ambrosiane Monastero di S. Maria del Monte sopra Varese

Romite Ambrosiane Monastero di S. Maria del Monte sopra Varese Romite Ambrosiane Monastero di S. Maria del Monte sopra Varese Celebriamo Colui che tu, o Vergine, hai portato a Elisabetta Sulla Visitazione della beata vergine Maria Festa del Signore Appunti dell incontro

Dettagli

ANNEE SCOLAIRE 2013-2014 ACADEMIE D AIX-MARSEILLE. Evaluations en fin de classe de troisième lv2 ITALIEN DOCUMENT PROFESSEUR

ANNEE SCOLAIRE 2013-2014 ACADEMIE D AIX-MARSEILLE. Evaluations en fin de classe de troisième lv2 ITALIEN DOCUMENT PROFESSEUR ANNEE SCOLAIRE 2013-2014 ACADEMIE D AIX-MARSEILLE Evaluations en fin de classe de troisième lv2 ITALIEN DOCUMENT PROFESSEUR Compréhension de l oral CONSIGNES Début de l épreuve : Appuyez sur la touche

Dettagli

pag. 1 Quand'ero piccolo mi ammalai: mi sentivo sempre stanco, volevo sempre bere e fare pipì

pag. 1 Quand'ero piccolo mi ammalai: mi sentivo sempre stanco, volevo sempre bere e fare pipì pag. 1 Quand'ero piccolo mi ammalai: mi sentivo sempre stanco, volevo sempre bere e fare pipì pag. 2 La mamma diceva che ero dimagrito e così mi portò dal medico. Il dottore guardò le urine, trovò dello

Dettagli

LETTURE PER L'INFANZIA (dai 2 ANNI)

LETTURE PER L'INFANZIA (dai 2 ANNI) LETTURE PER L'INFANZIA (dai 2 ANNI) STORIE PICCINE PICCIO' (dai 2 ai 5 anni) Una selezione di storie adatte ai piu' piccoli. Libri per giocare, libri da guardare da gustare e ascoltare. Un momento di condivisione

Dettagli

Un workshop eccezionale

Un workshop eccezionale Un posto splendido Ischia, l isola bella nel Golfo di Napoli, nata da un vulcano. Al sud dell Isola si trova un albergo in mezzo alla natura, 200 m sopra il mare, in un giardino romantico con le palme,

Dettagli

HARMADIK MINTAFELADATSOR Emelt szintű szóbeli vizsga. Minta. A vizsgázó példánya (20 perc)

HARMADIK MINTAFELADATSOR Emelt szintű szóbeli vizsga. Minta. A vizsgázó példánya (20 perc) Bemelegítő beszélgetés 1. Vita HARMADIK MINTAFELADATSOR Emelt szintű szóbeli vizsga A vizsgázó példánya (20 perc) E migliore vivere in una casa con giardino in una zona verde che in un appartamento in

Dettagli

Una storia vera. 1 Nome fittizio.

Una storia vera. 1 Nome fittizio. Una storia vera Naida 1 era nata nel 2000, un anno importante, porterà fortuna si diceva. Era una ragazzina come tante, allegra, vivace e che odiava andare a scuola. Era nata a Columna Pasco, uno dei tanti

Dettagli

Concorso "La Fiorentina che vorrei". Chiara Portone (2^D) partecipa con questo bellissimo testo.

Concorso La Fiorentina che vorrei. Chiara Portone (2^D) partecipa con questo bellissimo testo. Concorso "La Fiorentina che vorrei". Chiara Portone (2^D) partecipa con questo bellissimo testo. Mi chiamo Chiara abito a Sesto Fiorentino e per iniziare voglio fare una premessa. Io di calcio ci capisco

Dettagli

UN TEMPO. Foto Tiina Itkonen. Testo Ilaria bernardini

UN TEMPO. Foto Tiina Itkonen. Testo Ilaria bernardini P O R T O L I O UN TEMPO GHIACCIATO Tra le nevi perenni della Groenlandia per ritrovare se stessi. Il racconto di una fuga verso il Nord, in un luogo pieno di luce e di spazio, dove svegliarsi ogni giorno

Dettagli