tn.d.t.l. Jùrgen Habermas

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "tn.d.t.l. Jùrgen Habermas"

Transcript

1 La co s t i tuzio n a lizzazi o n e d e I diri t to i n t e rn azi o n a le e i problemi di legittimazione che deue affrontare una società mon diale giuridicamen t e co s t it ui t a'" Júrgen Habermas Dopo i mostruosi crimini di massa del ventesimo secolo, i soggetti del diritto internazionale hanno perso la presunzione d'innocenza su cui poggiava il divieto d'intervenire, e di procedere penalmente, nelle fac-."àd. degli stati sovrani. Ma, dopo la seconda guerra mondiale' il diritto internazionale non ha soltanto reagito alle gueme di aggressione e ai crimini di massa. Le innovazioni giuridiche non si esauriscono nella politica di sicurezza internazionale e di tutela dei diritti umani pfomossa àalle Nazioni Unite. All'interno e all'esrerno dell'onu, infatti, si sono te alla unificazione dei mercati e delle valute, gli stati si vanno associando su scala continentale. Possiamo anche leggere questa crescita - proo Il testo riproduce parti della mia replica aisaggi raccolti in P' B' Herborth l\5s9n, (a cura di), Anircbie dei kommunikatiuen Freibeit, Frankfurt-Main, Suhrkamp,2007, pp drideo, a- )C{I, n. 51, gemaio aprile 2008

2 Jùrgen Habermas controllo e di direzionel. Ciò riguarda tutte le vecchie funzioni dello stato, sia quelle che garantivano pace e sicurezzafisica sia quelle che assicuravano libertà, cettezza del diritto, legittimazione democratica. A parrire dal momento in cui tramonta I'epoca dell'embedded capitalism2 - e si altera di conseguenza il, rapporto tra politica e mercato a vantaggio dei mercati globalizzati - lo stato viene colpito (anche e soprarrurto) nel suo ruolo di <<stato interventista>>, cui tocca continuamente di prowedere alla sicurezza sociale dei cittadini. Si tratta di sviluppi storici che, per certi versi, non lasciano immodifrcatala teoria. Perciò non serve restare fedeli alla ortodossia categoriale del secolo diciottesimo. Mi sembra invece più promettente riguardare - rinnovandola sul piano della dovuta astrazione - l'idea di costituzione cosmopolitica elaborata da Kant, mirando a staccare definitivamente l'idea di <<costituzionatizzazione del diritto intemazionale>) da quell'idea di..repubblica mondiale> già îigettata da Kant per ottimi motivi4. Per contro, gli stessi sviluppi storici ci mostrano anche come resti irrisolto un problema centrale. Con la rete sempre più fitta delle istituzioni internazionali, e con la simultanea perdita di competenze degli stati nazionali, noi vediamo aprirsi una forbice tra il nuovo fabbisogno di legittimazione derivante da una gouernance che oltrepassa i confini nazionali, da un lato, e quelle tradizionali procedure legittimanti che avevano finora t S. Leibfried, M. Zurn (a cura di), Transformation des Staates?, Frankfurt-Main, Suhrkamp, 2006; A. Hurrelmann, S. Leibfried, K. Martens, P. Mayer, Transforming the G olden-age N ation S tate, Hampshire, Palgrave-MacMillan, Ossia di un capitalismo ingabbiato e controllato dalle politiche dello stato nazionale tn.d.t.l. I Un'idea che, dopo la seconda guerra mondiale, ha preso piede soprattutto tra i giuristi internazíonalisti te deschí. Cfr. C. Tomus chat, International Lau: Ensuring the Suruiual of Mankind, Colleaed Courses of the Hague Academy of International Law, vol. 281, 1999, Den Haag, Martinus Nijhoff, 2001;J. A. Frowein, Bilanz des 20 Jahrhanderts: Verfassungsrecht und Vólkerrech, in H. Lehmann (a cura di), Rùckblicke auf das 20. Jahrhun' dert, Góttingen, 2000, pp.35 54; B. O. Bryde, Konstitationalisierung des Vòlkerrechts und lnternationalisierung des Verfassungsrechls, <<Der Staat>>, 42,20$, pp P1ù in generale, A. Emmerich-Fritsche,Vom V(ilkerrecht zun-vehrecht, Berlin, Duncker & Humblot, 'Vider 2001 ; A. Peters, Dre Zukunft der Vòlkerrechtswissenscbaft: den epistemischen Nationalísmus, *Zeitschrift fùr auslàndisches òffentliches Recht und Vòlkerrecht>>, 67, 2007, pp.72l-776. a T. Haberm as, D ie P os t nation a le Kon s te lla tion an d die Zukunft der Demokra t ie, in Id., Die Postnationale Konstellatioz, Frankfurt-Main, Suhrkamp, 1998, pp ; trad- it. in La costellazione postnazionale. Saggi politici,milano, Feltrinelli, Tengono invece fermalaforma statale diunademocrazia cosmopolitica sia D. Archibugi, D. Held (a cura di), Cosmopolitan Democracy, Cambridge, Polity Press, 1995, siad. Held, Democracy and the Globai order, cambridge, Polity Press, 7995; trad. it. Democrazia e ordine globale. Dallo Stato moderno al gouerno cosrnopolitico, Trieste, Asterios, 1999, Coltiva I'idea di una repubblica mondiale di tipo federale O. Hóffe, Demokratie im Zeitaher der Globalisierung, Mùnchen, Beck Verlag, 1999.

3 La costituzionalizuzione del diritto internazionale funzionato (più o meno bene) soltanto alf inrerno delle sfere pubbliche nazíonah.ingeborg Maus ha spesso messo in luce come vengano a sovrapporsi <<una delegittimazione degli stati nazionali e un simultaneo bisogno politico, sul piano soprannazionale, di ricorrere alle risorse di legittimazione dei vecchi stati nazionalit. Si tratta di una diagnosi empirica che, nel quadro della teoria democratica, tocca un punto dawero nevralgico. Così, per fare un esempio, le istituzioni dell'unione Europea poggiano sì sul fondamento giuridico dei trattati internazion ali, ma esercitano tuttavia competenze decisionali tali che - incidendo sul raffico sociale degli stati membri - non possono più essere legittimate soltanto in base a questo fondamento6. Se non si vuole rinunciare alla democrazia, chí propugna di costituzionahzzare il diritto intemazionale deve anche saper sviluppare, quantomeno sul piano teorico, deí modelli di assetto istituzionale che garantiscano legittimazione democratica alle nuove forme de-localv;zate dí gcuernance. Anche senza dipendere dalla sovranità degli stati, questi asseffi dovrebbero, per un verso, collegarsi ai (tradtzionali ma insufficienti) canali legittimantí dello stato di diritto democratico, per I'altro verso integrarli con proprie peculiari prestazioni di legittimazione. In ciò che segue, io vorrei anzitutto ricordare una mia precedente proposta di costituzione politica della società mondiale e rispondere a una determinata obbiezione. In secondo luogo, proprio nel rispondere a tale obbiezione, dístinguerò le aspettative di legittimazione nutrite dai cittadinî del mondo dalle aspettative nutrite invece du cìttadini nazionali, mostrando come eventuali conflitti tra questi due piani possano essere interceftati e neutralvzati. In terzo e ultimo luogo, affronterò il problema di come si possa rispondere alle richieste di leginimazione sollevate - anche in assenza di un governo mondiale centrahzzato - da una società mondiale democraticamente costituita, purché si diano determinati processi di apprendimento sia da parte degli stati sia da parte delle popolazioni. (Jn sistema globale a tre piani e il problema solleuato da Nagel La mossa teorica iniziale, da me condivisa con aritori come Hauke BrunkhorstT, sta nella disarticolazione di quella costellazione storica delt I. Maus, Volkssouuertinitiit und das Prinzip der Nichtinterxention in der Friedensphi' lnsophie Immanuel Kants, ín H. Brunkhorst (a cura dù, Einmischung eruùnscbt? Menschenrecbte und. beuaffnete Intefl)entíon, Frankfurt-Main, Fischer Taschenbuch, 1998, pp ; Id., Verfassung und Vertrag. Zur Verrechtlichung globaler Politik, in P. Niesen, B. Herborth (a cura di), Anarchie der komnunikatiuen Freiheit, cit., pp. 350-)82-6 Sulle conseguenze fallimentari di una mancata costituzione europea dr. J. Flabermas, Europa in der Sackgasse, n[d., Acb Europa, Frankfurt-Main, Suhrkamp, 2008, pp. 96-\2!' 7 H. Brunkho lst, Dernokratie in der globalen Recbtsgenossenschaft, in <Zeitschrift fiir

4 Jùrgen Habermas lo stato di diritto democratico che riuniva insieme statualità, costituzione democratica e solidarietà civica. Mentre la costituzione politica e la solidarietà di mernbership in un'associazione giuridica di liberi ed eguali potrebbero anche scavalcare i confini di uno stato nazionale,la sostanza àello stato in senso stretto (capacità di azione e potefe amministrativo di una gerarchia detentrice della forza legittima) rimane invece legata alle tradizionali infrastruttufe n zionali. Richiamandomi (per semplicità) a passi di un mio precedente lavoro8, vorrei evocare una idea non stata- /e di comunità internazionalmente costituita. Questa comunità, per un verso, obbliga gli stati nazionali ad avere pacifico commercio tra loro, per l'altro u.tto li autorizza (fornendoli di <<sovranitò>) a tutelare i diritti iondamentali dei cittadini sul territorio di loro competenza. La comunità quello transnazionale. Soziologio>, Sondemheft \leltgesellschaft,2g0s:!p.t_9)48.-cfr. anche Id-, Die Legiti- *otioníkri, ìler'vehgesellsrbljt. Clobol Xute of Laut, Global Constitutionalism und'vel-,rioorlirbk"u,in M. Aibert, R. Stichweh (a cura di),.veltstaat und'vehstaatlichkeit: Beo' iorttr"ngr" globaler potitischer Strukturbildung, \X/iesbaden, Verlag Sozialwissenschaften, 2007, pp. $ 'lo9. tj.i{rb..-"s, EinepolitischeVerfassungfùrdiepluralistischeWeltgesellscbaft?,nld., Zaíihen Naturalismus und Religion-, Frankfurt-Main, Suhrkamp, 2005' pp. )24J65 ki- *."*o da questa edizione); trad-. it. rn Tra scienza e fede,roma-bati,laterza,2006' pp

5 La costituzionalizzazione del diritto internazionale - vere e proprie competenze politiche, dall'altro lato. Già oggi, sulla scena delle reti e otganizzazioni transnazionali si addensano e sovrappongono istituzioni che soddisfano il crescente fabbisogno di coordinamento di una società mondiale sempre più complessa. Sennonché, coordinale attori stahli e non statali è una forma di normativa che va bene soltanto per una determinata categoria di problemi delocalízzatí. Per le questioni tecnicbe in senso lato - standardizzazione dei sistemi di misura, regolazione delle telecomunicazioni, soccorso nelle calamità, contenimento delle epidemie, lotta alla delinquenza organizzata ecc. - bastano procedure come lo scambio di informazioni, consultazione, controllo e accordi. Dato che le brutte sorprese vengono sempre dai dettagli, anche questi problemi esigono in realtà la conciliazione di interessi contastanti. Tuttavia, essi si distinguono dalle questioni di natura genuinamente politica che - per esempio nelle ripartizioni connesse alle politiche energedche, ambientali, frnanziarie ed economiche - toccano interessi socio-nazionali profondamente radicati e difficilmente spostabili. Riguardo a questi ultimi problemi di una futura politica interna del mondo, sussiste unfabbisogno di strutturazione e regolazione per il quale mancano al momento sia il quadro istituzionale sia gli attori. Le reti politiche esistenti sono specificate in senso funzionale, e rappresentano (nel migliore dei casi) organizzazioni inclusorie e multilaterali in cui - a prescindere da chiunque vi si aggiunga come consulente - sono i rappresentanti governativi quelli che hanno responsabilità e potere decisionale. Ad ogni modo, queste reti politiche non costituiscono quasi mai un quadro istituzionale in grado di fornire competenze legislative e i relativi processi di formazione della volontà politica (p. 336). Il sistema centîalízzato di negoziazione (questa la mia proposta) dovrebbe disporre di competenze generalizzate. Tuttavia esso dovrebbe collegare la flessibilità propria di governi statali in grado di guardare in tutte le direzioni con la costituzione fton gerarchica di un'organízzazione multilaterale composta da membri giuridicamente equiparati. Per poter funzionare, una istituzione di questo tipo dovrebbe poggiare su regími geograficamente allargati, che siano, nello stesso tempo, rappresentativi e in grado d'imporsi. A prescindere da quelle che sono - fin dall'origine - potenze mondiali come gli USA, la Cina,l'Indía e la Russia, più stati confinanti e interi continenti (ad esempio I'Africa) dovrebbero (per soddisfare questa condizione) unificarsi tra loro, seguendo I'esempio di quella Unione Europea cui tocca ancora fare buona prova di sé' In ogni

6 10 Jiirgen Habernas caso, I'improbabile costellazione da cui dipende tutta la nosra costruzione esige che il potere politico si concentri in un ridotto numero di global playel"r. Questa concentrazione del potere politico dovrebbe essere strappata alle forze centrifughe di una società mondiale sempre più differenziata sul piano funzionale. Per verificare che non si sia già superato il <<punto di non ritorno>>e, dobbiamo fare attenzione, accanto agli sviluppi normativi, anche ai processi sistemici. E anche qualora questo quadro venisse creato, mancherebbero pur sempre gli attori collettivi capaci di dare esecuzione a queste decisioni. Penso a regimi regionali che ablriano un mandato negoziale sufficientemente rappresentativo per interi continenti e che dispongano dell'indispensabile potere di implementazione. - Per consentire alla politica di risolvere in maniera responsabile lo spontaneo fabbisogno normativo di un'economia e di una società mondiali, bisogna che I'arena intermedia venga occupata da un numero limitato di global players. Questi dovrebbero essere abbast anza forti da dare vita a coalizioni alterne, produrre flessibili equilibri di potere (soprattutto nella strutturazione e conrollo del sistema ecologico ed economico globale), negoziare imporre compromessi vincolanti. In questo modo, sulla scena ffansnazionale noi continueremmo certo a vedere le relazioninternazionali di vecchio stampo, e tuttavia in una forma modificata - anche semplicemente per il fatto che, in un effettivo sistema di sicurezz dell'onu, anche ai global players più potenti non sarebbe consentito il ricorso alla guerra come mezzo legittimo di soluzione dei conflitti (p.336 s.). In questa nostra costruzione, il livello inferiore e portante del sistema politico della società mondiale - il livello composto dagli stati nazionali -, dovrebbe essere costituito dagli stati che sono oggi raccolti dall'organizzazione delle Nazioni Unite. Le costituzioni politiche di questi membri associati dovrebbero certo soddisfare i principi democratici dell'organizzazionemondiale; tuttavia parlare dí <stati nazionali>> evoca falsi paragoni

7 La costituzionalizzazione del diritto internazíonale 11 direttamente il problema che agita in questa fase l'unione Europea: fino a che punto essa deve assumere un carattere statuale, se vuole soddisfare i criteri di legittimità degli stati membri? Dovremo dunque verificare - quanto meno dalla prospettiva della coerenza concettuale * se questa catena della legittimz;zione llegitirnationskettel sia dawero in grado di <<reggere>> attraverso tutti i livelli di una società mondiale politicamente costituita. Prima però, per quanto attiene alla legittimazione, vorrei affrontare un problema particolare, derivante dal fatto che la nostra organizzazione mondiale intende farc a meno del carattere della statualità. Commentando il mio modello, Rainer Schmalz- Bruns ha osservato quanto sia difficile - nell'impresa di <<imbrigliare> giuridicamente in senso costituzionale una politica mondiale fondata stfatedovesse verificarsi nelle teste delle medesime persone, le aspettative di letuttavia una tesi che Nagel stesso giudicherebbe irrealistica: una giuridificazione democratica della politica mondiale è plausibile soltanto nel quadro di una repubblica mondiale di tipo statale. Egli cita la seguente considerazione di Nagel: Io credo che le forme più recenti dí gouernance internazionale condividano con le forme più tradizionali un rapporto molto indiretto con i cittadini intesi quali singole pì.rot.. E credo che q,rèsta circostanzabbia un certo peso morale.

8 t2 lùrgen Habermas In tutte queste reti operano infatti rappresenranti non dei singoli individui, ma di funzioni e di istituzioni dello stato. Queste istituzioni possono anche rispondere ai cittadini del loro settore e - nel favorire la giustizia sociale - possono anche giocare un ruolo significativo limitatamente a costoro. Sennonché le reti globali e regionali non esprimono analoga responsabilità rispetto alta giusúziasociale della cittadinanza complessiva di tutti gli stati inreressati: una responsabilità cbe, oue esistesse, dourebbe essere esercitata in maniera collettiua dai rappresentanti degli stati membrll. Ho sottolineato quest'ultima frase - ipotetica della iríealtà - per indicare a quale conclusione Schmalz-Bruns intende arrivare: la responsabilità politica dei govemi nazionalio regionali, nei confronti dei propri cittadini, può essere relativizzata e subordinata ai criteri di giustizia universalistici di una costituzione politica mondiale solo a patto che anche quest'ultima assuma un carúttere statuale.infatti, solo in uno stato mondiale I'ordinamento cosmopolitico verrebbe a fondarsi sulla volontà dei suoi cittadini. Solo in questo quadro 7a formazione democratica dell'opinione e della volontà dei cittadini potrebbe organizzarsi - simultaneamente - sia in maniera monistica, scatutendo da un'unica cittadinanza mondiale, sia in manien ffittiur, ossia capace d'imporre I'implementazione delle decisioni e delle leggi. A questa obbiezione io vorrei rispondere facendo una distinzione. Dal momento che la società mondiale politicamente costituita è fatta anche di stati oltre che di cittadini, laformazione dell'opinione e della volontà, con la sua processualità legittimante, non può dispiegarsi come nello stato nazionale, in modo lineare, dai cittadini al potere statale. Dobbiamo invece tener conto di due distinti canali di legittimazione. Di questi - il primo muove dai cittadini del mondo, passa attraverso una comunità internazionale di stati membri democratici, e approda infine alla politica con cui I'organizzazione mondiale tutela la pace e i diritti umani, laddove invece - il secondo canale muove dai cittadini dello stato, passa attraverso il corrispondente stato nazionale (o l'eventuale regime regionale), e approda al sistema negoziale transnazionale, cui competono le questioni di politica interna mondiale nel quadro della comunità internazionale, in maniera tale che - entrambi i canali di legittimazione s'incontrano nell'assemblea generale dell'organizzazione mondiale, alla quale compete - con I'interpretazione e lo sviluppo della costituzione politica della società mondiale - la responsabilità del quadro normativo di entrambi i processi: sia della politica concemente pace e diritti umani sia della politica intema del mondo' rr T. Nagel, The Problem of Global Justice, in <Philosophy & Public Affaires>, vol- )2, n.2,2005,pp.71r}-147 (qui pp. ll9 ss.).

9 La costituzionalizzazione del díritto internazionale I) Indiuidui e stati come soggetti della costituzione mondiale Io penso che I'obbiezione di Nagel alla costruzione democntica de-stataliuata di una costituzione mondiale scivoli erroneamente in una falsa analogia.i.lanalogia con ii contratto sociale suggerisce, anche nella costituzionalizzazione del diritto internazionale, la stessa astrazione dello <<stato di naturo> da cui la tradizione giusnaturalisdca ricavava un criterio ideale per costituzionalizzarc lo stato di diritto. Ma qui si tratta di cosa diversa. La autorizzazione politica di una <<società civile del mondo>>, che raccoglie i cittadini delle diverse nazionie che ancora indugia in una situazione prepolitica, è problema diverso dalf imbri gliarn e n to - co s ti tuziona le della violenza dello stato. AI modello classico si attagliava I'esperimento concettuale di una <<uscita dallo stato di naturor: il potere statale veniva ricostruito come se esso scdturisse dalla ragionevole volontà di individui liberi ed eguali. Ma di fronte al dilemma attuale non è opportuno prescindere dalla legittima esistenza dei già costituiti stati nazionalí, né tornare indietro alla posizione originaria pre-statale. (Tuttavia, in ciò che segue, anch'io correrò il rischio di una robusta semplificazione, volendo prescindere dal fatto che soltanto una minoranza degli stati associati si sono finora sviluppati in stati di diritto democratici). Nel pensare oggi la giuridificazione della politica mondiale, noi dobbiamo comunque partire da individui e da stati come da due categorie - a livello globale - di soggetti costituenti. Come soci fondatori, gli stati - che noi vogliamo supporre legittimamente costituzionali - entrano immediatamente in gíoco, non fosse altro che per la loro attuale funzione di garan' tire autonome e civili forme-di-vita sul piano nazionale. Accanto aî cittadini del mondo anche gli stati si presentano come fonte di legittimazione, in quanto i loro cittadini - patrioti nel senso migliorel2 - sono interessati al mantenimento e alla promozione di quelle forme-di-vita nazionali con cui si identificano e per cui si sentono responsabili (anche in senso autocritico rispetto al proprio passato). Inoltre, l'esperimento mentale di un <<secondo stato di natura>> dovrebbe tenef conto degli stati come soggetti collettivi anche pef un'alra ragione. Qui infatti non si úatta di irnbrigliare la violenza autoìitaria dello stato, ma di produrre conpetenze di azione t, J.-\f. Miiller, constitutional Patriotisrrt, Princeton, Princeton university Press,

10 I4 Jiirgen Habermas mativi dei cittadini-del-mondo e i criteri normativi dei cittadini-degli-stati-nazionali dev'essere fleutfalizzata a partire da un ordinamento politico monistico. b) Tuttavia questa costruzione monistica non deve consentire che il mondo degli stati venga fagocitato dall'autorità di una repubblica mondiale che - lasciandosi alle spalle il capitale di fiducia accumulato all'intemo degli stati nazione - non tenga conto della lealtà dei cittadini verso il proprio paese. c)?er.o.rr"rro, la salvaguardia della specificità nazionale delle formedi-vita statalmente organizzate non deve indebolire I'efÉcacia e la vincolante implementazione delle decisioni sopranazionali e transnazionali. verso, in quanto soggetto che integra la comunità internazionale degli stati e dei cittadini, essa rappresenterebbe l'unità dell'ordinamento giuridico mondiale. LaCarta potrebbe insomma assumefe il ruolo di una costitule cui funzioni legislative dovrebbero tuttavia limitarsi all'interpretazione e allo sviluppo della Catta' Ad b) I-lassemblea generale è anche la sede istituzionale deputata alla formazione inclusoria àell'opinione e della volontà per quanto attiene ai risolto il problema avarrzato da Nagel.

11 La costituzionalizzazione del diritto internazionale 15 principi di giustizia trarcsnazionale cui deve orientarsi una politica interna del mondo. Tuttavia questa díscussione non può seguire la strada di una discussione filosofica sulla giustiziara.e questo per il semplice fatto che essa è condizionat a in pafienza dalta composizione dell'assemblea generale: persino quando vengono di fano a coincidere nelle medesime persone, i rappresentanti degli stati membri e i rappresentanti dei cittadini della società ciuile mondiale devono conciliare e armoîizzafe prospettive di giustizia clse sono tra loro in concorrenza.i deputati devono collegare la rup=pr"."rtunza àeicittadini delle loro rispettive nazionícon il compito di fai vulere gli ínteressi di quei medesimi cittaàini nella loro veste di cittadini del mondó. Non consentendo loro di sacrificafe una faccia dell'identità all'altra, questo doppio statuto dei deputati - owero la corrispondente istiruzione di un sistema bicamerale - rende a pfiofi impossibilé ogni deliberazione che metta a repentaglio il diritto all'esistenza dei vari stati e delle loro forme di vita nazionali. ra È questo l'errore in cui cadonoj. Cohen e C. Sabel nella loro critica al nazionalismo metodolàgico di T. Nagel: Extra Repíbllcam Nulla lustitia2, in <<Philosophy & Public Affairesrr, vol. )4, n.2,2006, pp. 147.

12 16 Jùrgen Habermas di cittadirci del mondo. Si tratta di una problematica rurt'alrro che nuova: questioni analoghe si pongono anche all'interno dei singoli stati. Quando in un paese federale come la Germania - al fine di creare <<eguali rapporti di vito> - la costituzione impone compens azioni frnanziarie ai diversi Laender, si tratta di bilanciare in quali casi, e sotto quali rispetti, la solidarietà civico-statale debba passare avanti agli interessi locali di chi abita nelle province più produttive o più ricche della nazione. (Del resto - pensando alle singole persone invece che alle istituzioni - anche il contrasto economico-politico tra i liberali, che intendono <<tagliare lacci e lacciòlil> alle imprese, e i socialistz, che vogliono bloccare una redistribuzione che favorisca chi già sta in alto, diventa interpretabile come controversia cfuca i modi in cui la solídarietà dei cittadini-dello-stato debbaprevalere rispetto agli obblighi particolari che i privati cittadini-della-società hanno di fronte a se stessi e al loro prossimo). Ad c) Il progetto di una politica interna mondiale senza governo mondiale lascia aperta una questione cruciale: a chi spetta far rispettare i principi e le norme generosamente votate, una volta che gli stati nazionali conservino, con il loro carattere statale, anche il monopolio della forza? Come dobbiamo configurare le istituzioni soprastatali cui tocchi il compito - sebbene gli stati restino in un certo senso stati - di implementare un giusto ordine mondiale? Il modello di un sistema a più livelli risponde in maniera dlffercnziata a questa domanda a partire dai diversi ambiti della politica. Dovendo assicurare la pace internazionale e tutelare i diritti umani, l'organizzazione mondiale si arroga una posizione gerarchica rispetto agli stati membri. All'occorrenza impiegala forza, facendo ricorso a potenziali di sanzione che le vengono <<imprestatí>> dai membri associati.he lo possano e lo vogliano fare. Secondo le vecchie regole dei sistemi di sicurezza, e nel quadro di un'organizzazione mondiale oppoftunamente riformata, una prassi di questo tipo può prendere piede nella misura in cui gli stati sovrani imparino a intendere se stessi come membri associati della comunità internazionale.

13 La costituzìr.tnalizzazirne de/ dirìtto tnternazio,na/e li Esígenze di legittimazíone e processi di apprendimento assumere un caratrere statale? sia di prendere posizione. Attraverso le elezioni, queste prese di posizione avranno poi effetto sull'assemblea generale. un riscontro diretto di questo tipo manca invece nel caso degli al- - a dei compiti dt natura giuridica piuttosto che politica. Certamente, una sfera pubblica mondiale pfiva di strutture - e dotata di un potenziale di sanzione fondato esclusivamente sullo sbaming and naming - non può controllare efficacemente le decisioni legislative, esecutive e giudiziarie dell'organiz zazione mondiale. Ma non potremmo controbilanciare qttesti deficit a partire da controlli interni? Per un verso, per esempio, tlamite rafforiati diritti di ricorso dell'assemblea generale contro le decisioni It Si veda I'alquanto scettico resoconto su ricerche empiríche in tal senso offerto cla P. Nanz, J. Steffek, Ziuilgesellschafthche Partizipatìon und die Detnokratisìeft!ng ittt(rtld tionaìen kegierens,in P. Nieren, B. Herborth (a cura di), Anarchie der kotttttttnikatiut'n Freiheit, cit., pp

14 18 lùrgen Haberrnas conformino a principi e procedure che riflettano l'esito di processi di apprendímento a lungo termine democratici. Allora - forse - potremmo anche accontentarci di far coprire da una opinione mondiale informale l'anello mancante nella catena di legittimazione.infatti, laforza mobilitante scaten ata da una irritata opinione mondiale in momenti critici della storia mondiale - una forza che essa trasferisce ai governi tramite i canali delle sfere pubbliche nazionali- può anche produrre effetti politicamente non irrilevanti (come abbiamo visto in occasione delle proteste mondiali per la illegittima invasione dell'irak). I doveri negativi di una universalistica morale-di-giustizia (il dovere di non compiere crimini contro I'umanità né scatenare guerre di aggressione) sono profondamente radicati in tutte le culture. Essi corrispondono fortunatamente anche ai criteri, giuridi camente formalizzat con cui gli organi di gouernance mondiale devono giustificare sul piano interno le proprie decisioni. La fiducia nell,a forza normativa innescata da procedimenti di tipo para-giudiziario si alimenta di quell'anticipo di legittimazione llegitimationsuorscbzssl che le storie esemplari delle democrazie consolidate mettono per così dire a disposizione della memoria dell'umanità. Di tipo diverso è il fabbisogno di legittimazione sul piano transnazionale. Visti dalla prospettiva delle popolaziont interessate, le soluzioni che i global players negoziano nella politica-interna-del-mondo conservano sempre un velo di <politica estera>> in senso classico. Certo, la guerra come strumento di soluzione dei conflitti resta esclusa. Tuttavia, nel vincolare compromessi segnati dal potere tra paftner diseguali, il quadro normativo della costituzione cosmopolitica avanza soltanto imperativi di tipo negativo.la equità dei risultati non può essere gamntita-a-prescinde-,é dd -"..anismo dell'equilibrio dei poteri (per esempio, dalla capacità di stringere alfeanze intelligenti). Ciò non significa che - su questo piaî-o transnazionale - il discorso ldiskursl si lasci totalmente soppiantare dalla principi di giustizia, infatti, si collocano su un piano di astrazione così ulto..h" l'ambito discrezionale da essi lasciato aperto dev'essere in ogni caso riempito dalla politica. Nella negoziazióne di questi compromessi, la legittimazione democraiica riposa su due pilastri. Negli accordi internazionali, per un verso'

15 La costituzionalìzzazione del diritto internazionale 19 essa poggia sulla legittimità dei partner del negoziato. In alri termini, gli stessi poteri e gli stessi regimi regionali che danno I'incarico devono avere un carattere democratico. E di fronte al deficit di democrazia che inficia persino casi esemplari tipo l'unione Europea, già soltanto questo prolungare al di là delle frontieîe nazíonali la catena di legittimazione delle procedure democratiche costituisce una richiesta estremamente onerosa. Per un altro verso, le sfere pubbliche nazionali devono reciprocamente <<aprirsi>> in maniera tale che la politica transnazionale diventi <<trasparente>> all'interno dei regimi regionali e delle grandi potenze. I delegati che guidano le trattative hanno, sul piano transnazionale, un mandato democfatico soltanto a patto che i cittadini possano influenzare le stesse istanze politiche deleganti, dunque soltanto a patto che la formazione politica dell'opinione e della volontà possa determinaie vere alternative sul piano discusso solanto questioni di coerenza logica. Sennonché tali costruzioni hanno sempre qualcosa di equivoco. Si tratta di speculazioningenue, opviolenza statale. Ancora più inverosimile sembra I'ipotesi che un <<gioco delle forze> normatiuamente uincolato e pacifi'cato $a rcgkni regionali e grandi potenze possa un giorno diventare - sul confine sempr più poroso che separa la politica interna dalla politica estera - il medium più adatto per una (più o meno equa) politica interna del mondo. Con tutta evidenza, gli stati e le nazioni che noi conosciamo sono ancora assai lontani dall'a^ssoggettarsi a questo tipo di richiesta nomativa lnormatiues Ansinnenl. Chi ancora avesse nutrito illusioni circa la violenza degli smaccati interessi dei poteri nazionali- o il fanatismo delle lotte culturali e religiose - ha avuto ampiamente modo di ricredersi, e di imparare la lezione, a partire dalla rottura degli argini normativi (con le sue conseguenze in Russia, Iran, Giappone) che la svolta politica del governo USA ha prodotto a partire dal D'altro canto, nemmeno una sfrontata politica "due pesi, due misure" viene più accettatacome normale.la cútíca sempre più diffusa si fonda su processi storici di apprendimento che, a partke àajla fine della seconda guerra mondiale, hanno messo radici sia in Europa sia in altre regioni del mondo. Dal punto di vista di una società mondiale politicamente costituita, sia i governi sia i popoli devono assumere orientamenti nuovi: in questo senso essi devono saper imparure. Naturalmente gli stati più piccoli - di-

16 20 Jiirgen Habermas sarmati come sono di fronte agli imperativi dell'economia globalizzata ed esposti ai vincoli di una sempre più complessa società mondiale - possono interiorizzare p1ù facilmente le norme dell'organizzazione mondi"le. Meglio delle potenze mondiali, e senza dover formalmente rinunciare al monopolio delj.aforza, gli stati più piccoli possono agevolmente inrendere se stessi quali membri della comunità inrernazíonale e partner delle organizzazioni intern a zion ali. Gli ultimi sviluppi fattuali si riflettono anche sul piano normativo e concettuale, promuovendo una trasformazione del diritto internazionale. In effetti, il significato classico. della souranità si è già spostato nella direzione preconizzata da Hans Kelsen. Oggi lo stato sovrano deve agire come un fallibile soggetto della comunità mondiale; sotro minaccia di sanzioni, esso è incaricato di tutelare al suo interno i dirini umani positiwzzaticome diritti fondamentali. Sottobanco si modifica anche un'idea di ual;dità giuridica frnora legata al dirino positivo e coercitivo dello stato. Nella misura in cui le competenze di <<produrre>> e <<fare applicare>> la legge risultano oggi distribuite in mani diverse, viene meno un presupposto essenziale dell'idea classica di validità. Si allarga la forbice tra Ie istanze soprasratali che producono il diritto e le istanze nazionak e statali che - servendosi dei propri mezzi di violenza legittima - <<fanno eseguire>> il diritto votato sul piano sopranazionale. Così il diritto intemazionale e il diritto sratale hanno sià cominciato a conformarsi I'un I'altro nella dimensione della validità. I- altro processo di apprendimento riguarda meno i governi e più direttamente i popoli: si tratta infatti del superamento delle vecchie identità, tenacemente intrecciate alle vicende della formazione storica nazionale. Nel corso dell'unificazione regionale per cui gli stati nazionali si trasformano in attori capaci di agire sul piano globale, anche la loro coscienza nazionale - ossia la base di una solidarietà civica già per molti versi astratta - deve subire un allargamento ulteriore. Una mobilitazione di massa su base religiosa, etnica o nazionalistica diventa tanto più improbabile, quanto più profondamente le esigenti pretese di tolleranza di un pluralistico etbos ciuicohanno già messo radici all'interno dei confini nazionali. In questa prospettiva, anche la promozione di una identità civica europea può essere vista come lo sviluppo di processi di apprendimento giàiniziati all'ínterno dei vari stati. Già entro i loro confini, infatti - sia a seguito di drammatiche sfide storiche sia attraverso I'inclusione politico-culturale di gruppi d'immigrazione sempre in contatto coi loro paesi di origine - si è quanto meno <<innescato>> un beninteso patriottismo costituzionale quale fondamento della integrazione civica. I govemi nazionali diventano i battistrada nella costruzione - per via di rattati - di nuovi rapporti giuridici. Questi rapporti hanno I'effetto di una self-fulrtiling propbecy, nel momento in cui inaugurano pratiche nuove e fanno nascere organizzazíoni autonome. Spesso questo genere

17 La costituzionalizzazione del diritto internazionale 2l di produzione giuridica anticipa le <<trasformazioni della coscienzo> che sono scatenate nei destinatari delle norme solo a partire da una successiua e graduale implementazione. Ciò vale sia per le élites sia per i cittadíni. Questo effetto trainante della norma spiega anche perché - come ha osservato Antje Sliener - le élites nazionali mandate a <<Bruxelles>> o a <<Srasburgo>> si comportino subito in modo più <<europeo>> dei loro connazionali ín patriarí. Le implicazioni delle nuove identità e delle nuove definizioni giuridiche, inizialmente accettate nella loro formulazione testuale, penetrano nella coscienza della popolazione solo nel corso delle successive esperienze pratiche. La cittadinanza europea, per esempio, acquista significato concreto a partire dalle pratiche di viaggio compiute all'interno e all'esterno delle frontiere europee ed extra-europee. Limmagine di una popolazione mentalmente pigra, al rimorchio delle sue élites politiche, è solo una faccia della medagiia. Non appena le élites decidono di mettere pubblicamente e drammaticamente in discussione infischiandosene dei rapporti di potere cui i politici di professione festano dal trattato di Lisbona - non possa essere spezzafo semplicemente a partife dai soliti accordi intersovernativi. (Traduzione di Leonardo CePPa) lùrgen Haberrnas Professoremeríto di Filosof"a (J niuersità di F rancoforte Institut fùr Philosophie Griineburgueg 1 D Frankfurt Germania 16 A. \fiener, Demokratischer Konstîtutionalisrnus jenseits des Staates?, in P. Niesen, B' Herborth (a cura di), Anarchie der komrnunikatiuen Freiheit, cit', pp' 17)-198'

Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto

Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto Ci sono momenti nella storia in cui i popoli sono chiamati a compiere scelte decisive. Per noi europei, l inizio del XXI secolo rappresenta uno di

Dettagli

LO STATO E GLI ALTRI ORDINAMENTI. L ORDINAMENTO INTERNAZIONALE

LO STATO E GLI ALTRI ORDINAMENTI. L ORDINAMENTO INTERNAZIONALE LO STATO E GLI ALTRI ORDINAMENTI. L ORDINAMENTO INTERNAZIONALE L ordinamento giuridico internazionale Diritto internazionale generale e diritto internazionale particolare L adattamento del diritto interno

Dettagli

DICHIARAZIONE RELATIVA AI PRINCIPI DI DIRITTO

DICHIARAZIONE RELATIVA AI PRINCIPI DI DIRITTO DICHIARAZIONE RELATIVA AI PRINCIPI DI DIRITTO INTERNAZIONALE, CONCERNENTI LE RELAZIONI AMICHEVOLI E LA COOPERAZIONE FRA GLI STATI, IN CONFORMITÀ CON LA CARTA DELLE NAZIONI UNITE Risoluzione dell Assemblea

Dettagli

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo L utopia dell educazione L educazione è un mezzo prezioso e indispensabile che

Dettagli

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali LAVORO DI GRUPPO Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali Esistono molti manuali e teorie sulla costituzione di gruppi e sull efficacia del lavoro di gruppo. Un coordinatore dovrebbe tenere

Dettagli

Costituzione e federalismo: le ragioni di una trasformazione

Costituzione e federalismo: le ragioni di una trasformazione Costituzione e federalismo: le ragioni di una trasformazione (Giuseppe Duso) Dal momento che l incontro di oggi vuol essere innanzitutto un omaggio alla costituzione e al ruolo che essa ha avuto nell uscire

Dettagli

Partenariato transatlantico su commercio e investimenti. Parte normativa

Partenariato transatlantico su commercio e investimenti. Parte normativa Partenariato transatlantico su commercio e investimenti Parte normativa settembre 2013 2 I presidenti Barroso, Van Rompuy e Obama hanno chiarito che la riduzione delle barriere normative al commercio costituisce

Dettagli

2) Assenza di discriminazione e parità di trattamento nell ambito professionale

2) Assenza di discriminazione e parità di trattamento nell ambito professionale 2) Assenza di discriminazione e parità di trattamento nell ambito professionale a. Direttiva 2011/98/UE del Parlamento europeo e del Consiglio, del 13 dicembre 2011, relativa a una procedura unica di domanda

Dettagli

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI UMANI. Preambolo

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI UMANI. Preambolo Il 10 dicembre 1948, l'assemblea Generale delle Nazioni Unite approvò e proclamò la Dichiarazione Universale dei Diritti Umani, il cui testo completo è stampato nelle pagine seguenti. Dopo questa solenne

Dettagli

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO PRINCIPI FONDANTI 1. Volontario è la persona che, adempiuti i doveri di ogni cittadino, mette a disposizione il proprio tempo e le proprie capacità per gli altri, per

Dettagli

Il ruolo delle università nell Europa della conoscenza

Il ruolo delle università nell Europa della conoscenza COMMISSIONE DELLE COMUNITA EUROPEE Il ruolo delle università nell Europa della conoscenza Presentazione Con questa comunicazione (Bruxelles 05.02.2003 COM(203) 58 def.) la Commissione si propone di dare

Dettagli

Il concetto di sfera pubblica viene introdotto dal sociologo tedesco Jurgen Habermas

Il concetto di sfera pubblica viene introdotto dal sociologo tedesco Jurgen Habermas Il concetto di sfera pubblica viene introdotto dal sociologo tedesco Jurgen Habermas Con questo termine si identifica lo spazio pubblico, diverso dallo Stato, creato all interno dei café francesi dell

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

DICHIARAZIONE DELL ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO SUI PRINCIPI E I DIRITTI FONDAMENTALI NEL LAVORO E SUOI SEGUITI

DICHIARAZIONE DELL ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO SUI PRINCIPI E I DIRITTI FONDAMENTALI NEL LAVORO E SUOI SEGUITI DICHIARAZIONE DELL ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO SUI PRINCIPI E I DIRITTI FONDAMENTALI NEL LAVORO E SUOI SEGUITI adottata dalla Conferenza internazionale del Lavoro nella sua Ottantaseiesima

Dettagli

La Corte di giustizia precisa le condizioni alle quali a un disertore proveniente da uno Stato terzo può essere concesso asilo nell Unione europea

La Corte di giustizia precisa le condizioni alle quali a un disertore proveniente da uno Stato terzo può essere concesso asilo nell Unione europea Corte di giustizia dell Unione europea COMUNICATO STAMPA n. 20/15 Lussemburgo, 26 febbraio 2015 Stampa e Informazione Sentenza nella causa C-472/13 Andre Lawrence Shepherd / Bundesrepublik Deutschland

Dettagli

(adottata dal Comitato dei Ministri l 11 maggio 2010 alla sua 120 Sessione)

(adottata dal Comitato dei Ministri l 11 maggio 2010 alla sua 120 Sessione) Raccomandazione CM/Rec(2010)7 del Comitato dei Ministri agli stati membri sulla Carta del Consiglio d Europa sull educazione per la cittadinanza democratica e l educazione ai diritti umani * (adottata

Dettagli

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days L educazione non formale e l apprendimento interculturale Info days Roma, 16 novembre 2009 Una donna portò suo figlio a vedere Gandhi, il quale le chiese il motivo della sua presenza. Vorrei che mio figlio

Dettagli

Legge sulla protezione dei dati personali (LPDP) 1)

Legge sulla protezione dei dati personali (LPDP) 1) 1.6.1.1 Legge sulla protezione dei dati personali (LPDP) (del 9 marzo 1987) IL GRAN CONSIGLIO DELLA REPUBBLICA E CANTONE TICINO visto il messaggio 2 ottobre 1985 n. 2975 del Consiglio di Stato, decreta:

Dettagli

Liceo Don Lorenzo Milani Romano di Lombardia

Liceo Don Lorenzo Milani Romano di Lombardia Lo Stato Cos è lo Stato Definizione ed elementi Organizzazione politica Lo Stato è un ente, un organizzazione che si forma quando un popolo che vive entro un territorio determinato, si sottopone all autorità

Dettagli

Gli STRUMENTI della DEMOCRAZIA

Gli STRUMENTI della DEMOCRAZIA Fulco Lanchester Gli STRUMENTI della DEMOCRAZIA Lezioni di Diritto costituzionale comparato.-,->'j.*v-;.j.,,* Giuffre Editore INDICE SOMMARIO Premessa Capitolo I LA COMPARAZIONE GIUSPUBBLICISTICA 1. L'ambito

Dettagli

VERSIONE CONSOLIDATA DEL TRATTATO SULL UNIONE EUROPEA E DEL TRATTATO SUL FUNZIONAMENTO DELL UNIONE EUROPEA

VERSIONE CONSOLIDATA DEL TRATTATO SULL UNIONE EUROPEA E DEL TRATTATO SUL FUNZIONAMENTO DELL UNIONE EUROPEA VERSIONE CONSOLIDATA DEL TRATTATO SULL UNIONE EUROPEA E DEL TRATTATO SUL FUNZIONAMENTO DELL UNIONE EUROPEA TITOLO VII NORME COMUNI SULLA CONCORRENZA, SULLA FISCALITÀ E SUL RAVVICINAMENTO DELLE LEGISLAZIONI

Dettagli

REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. /.. DELLA COMMISSIONE. del 7.1.2014

REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. /.. DELLA COMMISSIONE. del 7.1.2014 COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 7.1.2014 C(2013) 9651 final REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. /.. DELLA COMMISSIONE del 7.1.2014 recante un codice europeo di condotta sul partenariato nell'ambito dei fondi strutturali

Dettagli

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo Le raccomandazioni della CIDSE per la Conferenza delle Nazioni Unite sullo Sviluppo Sostenibile (Rio, 20-22 giugno 2012) Introduzione Il

Dettagli

Decorrenza della prescrizione dei crediti retributivi per i lavoratori cui si applicano le tutele crescenti

Decorrenza della prescrizione dei crediti retributivi per i lavoratori cui si applicano le tutele crescenti Decorrenza della prescrizione dei crediti retributivi per i lavoratori cui si applicano le tutele crescenti 08 Giugno 2015 Elisa Noto, Mariateresa Villani Sommario La prescrizione breve in materia di rapporto

Dettagli

IMMAGIN(AR)IE RECLUSIONI

IMMAGIN(AR)IE RECLUSIONI 0 IMMAGIN(AR)IE RECLUSIONI progetto Immaginari - Esodo con il contributo di Ministero della Giustizia Dipartimento dell Amministrazione Penitenziaria Ufficio di Esecuzione Penale Esterna di Vicenza e Verona

Dettagli

Catalogo d esame per la maturità di stato. Anno scolastico 2011/2012 SOCIOLOGIA. SOCIOLOGIJA 2012 tal.indd 1 10.3.2012 11:28:11

Catalogo d esame per la maturità di stato. Anno scolastico 2011/2012 SOCIOLOGIA. SOCIOLOGIJA 2012 tal.indd 1 10.3.2012 11:28:11 Catalogo d esame per la maturità di stato. Anno scolastico 2011/2012 SOCIOLOGIA SOCIOLOGIJA 2012 tal.indd 1 10.3.2012 11:28:11 Commissione tecnica per l elaborazione dei materiali d esame di Sociologia:

Dettagli

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI DELL'UOMO DEL 1948

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI DELL'UOMO DEL 1948 DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI DELL'UOMO DEL 1948 PREAMBOLO Considerato che il riconoscimento della dignità inerente a tutti i membri della famiglia umana, e dei loro diritti, uguali ed inalienabili,

Dettagli

LE FONTI DEL RAPPORTO DI LAVORO PRIVATO ALLE DIPENDENZE DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE

LE FONTI DEL RAPPORTO DI LAVORO PRIVATO ALLE DIPENDENZE DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE LE FONTI DEL RAPPORTO DI LAVORO PRIVATO ALLE DIPENDENZE DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE REPORT ANNUALE - 2011 - ITALIA (Aprile 2011) Prof. Alessandra PIOGGIA INDICE 1. LA PRIVATIZZAZIONE 2. LE COMPETENZE

Dettagli

LE LINGUE NELL UNIONE EUROPEA IL MULTILINGUISMO

LE LINGUE NELL UNIONE EUROPEA IL MULTILINGUISMO LE LINGUE NELL UNIONE EUROPEA IL MULTILINGUISMO Perché una questione linguistica per l Unione europea? Il multilinguismo è oggi inteso come la capacità di società, istituzioni, gruppi e cittadini di relazionarsi

Dettagli

Corte di giustizia dell Unione europea COMUNICATO STAMPA n. 180/14

Corte di giustizia dell Unione europea COMUNICATO STAMPA n. 180/14 Corte di giustizia dell Unione europea COMUNICATO STAMPA n. 180/14 Lussemburgo, 18 dicembre 2014 Stampa e Informazione Parere 2/13 La Corte si pronuncia sul progetto di accordo sull adesione dell Unione

Dettagli

La mobilità sociale tra Stato e mercato

La mobilità sociale tra Stato e mercato La mobilità sociale tra Stato e mercato di Carlo Lottieri, Università di Siena Nella cultura contemporanea si tende a guardare alla mobilità sociale intesa quale possibilità di ascendere da una posizione

Dettagli

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione John Dewey Le fonti di una scienza dell educazione educazione 1929 L educazione come scienza indipendente Esiste una scienza dell educazione? Può esistere una scienza dell educazione? Ṫali questioni ineriscono

Dettagli

Preambolo. (La Sotto-Commissione*,)

Preambolo. (La Sotto-Commissione*,) Norme sulle Responsabilità delle Compagnie Transnazionali ed Altre Imprese Riguardo ai Diritti Umani, Doc. Nazioni Unite E/CN.4/Sub.2/2003/12/Rev. 2 (2003).* Preambolo (La Sotto-Commissione*,) Tenendo

Dettagli

RESPONS.In.City - Methodology

RESPONS.In.City - Methodology RESPONS.In.City - Methodology THE METHODOLOGY OF A RESPONSIBLE CITIZENSHIP PROMOTION Metodologia di Promozione della Cittadinanza come Responsabilità Condivisa 1 Premessa La possibilità di partecipare

Dettagli

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto LA PROGETTAZIONE 1 LA PROGETTAZIONE Oggi il raggiungimento di un obiettivo passa per la predisposizione di un progetto. Dal mercato al terzo settore passando per lo Stato: aziende, imprese, organizzazioni,

Dettagli

ART. 19 Costituzione delle rappresentanze sindacali aziendali

ART. 19 Costituzione delle rappresentanze sindacali aziendali 121 TITOLO III - DELL ATTIVITÀ SINDACALE ART. Costituzione delle rappresentanze sindacali aziendali Rappresentanze sindacali aziendali possono essere costituite ad iniziativa dei lavoratori in ogni unità

Dettagli

Manifesto dei diritti dell infanzia

Manifesto dei diritti dell infanzia Manifesto dei diritti dell infanzia I bambini costituiscono la metà della popolazione nei paesi in via di sviluppo. Circa 100 milioni di bambini vivono nell Unione europea. Le politiche, la legislazione

Dettagli

TBLUE SAUNA MILANO ASSOCIAZIONE RICREATIVA CULTURALE

TBLUE SAUNA MILANO ASSOCIAZIONE RICREATIVA CULTURALE STATUTO CIRCOLO TBLUE Art. 1 COSTITUZIONE - SEDE E costituito, come associazione culturale ricreativa non riconosciuta ai sensi dell art 36 e ss. Codice Civile ed art. 148 comma 3 D.P.R. 917/1986 (T.U.I.R.),

Dettagli

VERSO UN'AUTENTICA UNIONE ECONOMICA E MONETARIA Relazione del presidente del Consiglio europeo Herman Van Rompuy

VERSO UN'AUTENTICA UNIONE ECONOMICA E MONETARIA Relazione del presidente del Consiglio europeo Herman Van Rompuy CONSIGLIO EUROPEO IL PRESIDENTE Bruxelles, 26 giugno 2012 EUCO 120/12 PRESSE 296 PR PCE 102 VERSO UN'AUTENTICA UNIONE ECONOMICA E MONETARIA Relazione del presidente del Consiglio europeo Herman Van Rompuy

Dettagli

I RAPPORTI TRA DIRIGENTE SCOLASTICO E DIRETTORE DEI SERVIZI GENERALI ED

I RAPPORTI TRA DIRIGENTE SCOLASTICO E DIRETTORE DEI SERVIZI GENERALI ED I RAPPORTI TRA DIRIGENTE SCOLASTICO E DIRETTORE DEI SERVIZI GENERALI ED AMMINISTRATIVI: QUALE CONVIVENZA PER LA MIGLIORE FUNZIONALITÀ DELL ISTITUZIONE SCOLASTICA 1 A cura di Maria Michela Settineri IL

Dettagli

Consiglio nazionale del notariato, Studio 98-2013/I; Codice civile, art. 2363; D.lgs. 17 gennaio 2003, n. 6 (Riforma societaria).

Consiglio nazionale del notariato, Studio 98-2013/I; Codice civile, art. 2363; D.lgs. 17 gennaio 2003, n. 6 (Riforma societaria). Luogo di convocazione dell assemblea nelle società di capitali della Dott.ssa Roberta De Pirro L ADEMPIMENTO Il Consiglio nazionale del notariato, nello Studio n. 98-2013/I ha fatto il punto sul luogo

Dettagli

DICHIARAZIONE DEI DIRITTI IN INTERNET

DICHIARAZIONE DEI DIRITTI IN INTERNET DICHIARAZIONE DEI DIRITTI IN INTERNET Testo elaborato dalla Commissione per i diritti e i doveri in Internet costituita presso la Camera dei deputati (Bozza) PREAMBOLO Internet ha contribuito in maniera

Dettagli

La ricerca empirica: una definizione

La ricerca empirica: una definizione Lucido 35/51 La ricerca empirica: una definizione La ricerca empirica si distingue da altri tipi di ricerca per tre aspetti (Ricolfi, 23): 1. produce asserti o stabilisce nessi tra asserti ipotesi teorie,

Dettagli

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA 2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA Discorso del Prefetto Angelo Tranfaglia Piazza Maggiore Bologna, 2 giugno 2013 Autorità, cittadini tutti di Bologna e della sua provincia, un cordiale saluto a tutti.

Dettagli

I beni pubblici come causa del fallimento del mercato. Definizioni e caratteristiche

I beni pubblici come causa del fallimento del mercato. Definizioni e caratteristiche I beni pubblici come causa del fallimento del mercato. Definizioni e caratteristiche (versione provvisoria) Marisa Faggini Università di Salerno mfaggini@unisa.it I beni pubblici rappresentano un esempio

Dettagli

Il Comitato dei Ministri, ai sensi dell'articolo 15.b dello Statuto del Consiglio d'europa,

Il Comitato dei Ministri, ai sensi dell'articolo 15.b dello Statuto del Consiglio d'europa, CONSIGLIO D EUROPA Raccomandazione CM/REC(2014) 3 del Comitato dei Ministri agli Stati Membri relativa ai delinquenti pericolosi (adottata dal Comitato dei Ministri il 19 febbraio 2014 nel corso della

Dettagli

COSTRUIRE CITTÀ AMICHE DELLE BAMBINE E DEI BAMBINI Nove passi per l azione

COSTRUIRE CITTÀ AMICHE DELLE BAMBINE E DEI BAMBINI Nove passi per l azione UNICEF Centro di Ricerca Innocenti COSTRUIRE CITTÀ AMICHE DELLE BAMBINE E DEI BAMBINI Nove passi per l azione Per ogni bambino Salute, Scuola, Uguaglianza, Protezione Firenze, 15 marzo 2004 UNICEF Centro

Dettagli

Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti

Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti ........ Reperimento risorse per interventi in ambito culturale e sociale Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti di Federica Caponi Consulente di enti locali... Non è

Dettagli

Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying

Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying by Cattaneo Zanetto & Co. Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying di Alberto Cattaneo Partner, Cattaneo Zanetto & Co. Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying Ormai è diventato un

Dettagli

IMMAGIN(AR)IE RECLUSIONI

IMMAGIN(AR)IE RECLUSIONI 0 IMMAGIN(AR)IE RECLUSIONI progetto Immaginari - Esodo con il contributo di di Vicenza e Verona quamproject Caritas Diocesana Bellunese, Veronese, Vicentina IMMAGIN(AR)IE RECLUSIONI progetto Immaginari

Dettagli

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Preambolo La Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale è il documento che definisce i valori e i princìpi condivisi da tutte le organizzazioni

Dettagli

L Assemblea delle Regioni d Europa (ARE La missione dell ARE

L Assemblea delle Regioni d Europa (ARE La missione dell ARE L Assemblea delle Regioni d Europa (ARE) é un'organizzazione indipendente di regioni e la più importante rete di cooperazione interregionale nella Grande Europa. Rappresenta 12 organizzazioni interregionali

Dettagli

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE 7 TH QUALITY CONFERENCE Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE INFORMAZIONI DI BASE 1. Stato: Italia 2. Nome del progetto: La diffusione di Best Practice presso gli Uffici Giudiziari

Dettagli

La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute

La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute The Ottawa Charter for Health Promotion 1 Conferenza Internazionale sulla promozione della salute 17-21 novembre 1986 Ottawa, Ontario, Canada La 1 Conferenza

Dettagli

di Roberto Fontana, magistrato

di Roberto Fontana, magistrato 10.1.2014 LE NUOVE NORME SULLA FISSAZIONE DELL UDIENZA E LA NOTIFICAZIONE DEL RICORSO E DEL DECRETO NEL PROCEDIMENTO PER DICHIARAZIONE DI FALLIMENTO di Roberto Fontana, magistrato Sommario. 1. La nuova

Dettagli

Senato della Repubblica. Costituzione

Senato della Repubblica. Costituzione Senato della Repubblica Incontro con la Costituzione giugno 2010 A cura dell'ufficio comunicazione istituzionale del Senato della Repubblica La presente pubblicazione è edita dal Senato della Repubblica.

Dettagli

Capitolo primo La governance: che cos è?

Capitolo primo La governance: che cos è? Capitolo primo La governance: che cos è? 1. Definire la governance Governance è un termine mutuato dall inglese e se volessimo darne una definizione in italiano facendoci aiutare da un dizionario scopriremmo

Dettagli

PRINCIPIO DI REVISIONE INTERNAZIONALE (ISA) N. 210 ACCORDI RELATIVI AI TERMINI DEGLI INCARICHI DI REVISIONE

PRINCIPIO DI REVISIONE INTERNAZIONALE (ISA) N. 210 ACCORDI RELATIVI AI TERMINI DEGLI INCARICHI DI REVISIONE PRINCIPIO DI REVISIONE INTERNAZIONALE (ISA) N. 210 ACCORDI RELATIVI AI TERMINI DEGLI INCARICHI DI REVISIONE (In vigore per le revisioni contabili dei bilanci relativi ai periodi amministrativi che iniziano

Dettagli

Di cosa parliamo quando parliamo di quote Alisa Del Re Università di Padova

Di cosa parliamo quando parliamo di quote Alisa Del Re Università di Padova Di cosa parliamo quando parliamo di quote Alisa Del Re Università di Padova Il capo del Governo Da almeno una decina d anni mi sono convinto che il passaggio delle quote è inevitabile. Una volta cambiato

Dettagli

Il federalismo fiscale in Italia dagli anni 90 a oggi

Il federalismo fiscale in Italia dagli anni 90 a oggi Agenzia della Regione Autonoma della Sardegna per le Entrate - - - - - * * * * - - - - - Il federalismo fiscale in Italia dagli anni 90 a oggi Per federalismo fiscale si intende l attribuzione della titolarità

Dettagli

AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO

AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO LA NOSTRA VISIONE COMUNE Noi, governi locali europei, sostenitori della Campagna delle Città Europee Sostenibili, riuniti alla conferenza di Aalborg+10, confermiamo la nostra

Dettagli

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DELL'UNESCO SULLA DIVERSITA' CULTURALE

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DELL'UNESCO SULLA DIVERSITA' CULTURALE DICHIARAZIONE UNIVERSALE DELL'UNESCO SULLA DIVERSITA' CULTURALE Adottata all'unanimità a Parigi durante la 31esima sessione della Conferenza Generale dell'unesco, Parigi, 2 novembre 2001 La Conferenza

Dettagli

(Testo rilevante ai fini del SEE)

(Testo rilevante ai fini del SEE) 25.6.2015 L 159/27 REGOLAMENTO DI ESECUZIONE (UE) 2015/983 DELLA COMMISSIONE del 24 giugno 2015 sulla procedura di rilascio della tessera professionale europea e sull'applicazione del meccanismo di allerta

Dettagli

LA CONCERTAZIONE SOCIALE E DA ROTTAMARE?

LA CONCERTAZIONE SOCIALE E DA ROTTAMARE? NOTA ISRIL ON LINE N 8-2013 LA CONCERTAZIONE SOCIALE E DA ROTTAMARE? Presidente prof. Giuseppe Bianchi Via Piemonte, 101 00187 Roma gbianchi.isril@tiscali.it www.isril.it LA CONCERTAZIONE SOCIALE E DA

Dettagli

Regolamento di arbitrato della Camera di Commercio Internazionale

Regolamento di arbitrato della Camera di Commercio Internazionale Regolamento di arbitrato della Camera di Commercio Internazionale In vigore dal gennaio 0 Camera di Commercio Internazionale (ICC) Corte Internazionale di Arbitrato 8, Cours Albert er, 7008 Paris/Parigi,

Dettagli

Torti - Ghisla RSSPSM no. 4-1

Torti - Ghisla RSSPSM no. 4-1 Progettazione didattica e individualizzazione Idee e proposte operative di Luca Torti e Gianni Ghisla Rivista del Servizio di sostegno pedagogico della Scuola Media, no. 4, marzo 1989, pag. 26-32 1. Premesse

Dettagli

Un esame del DdL n. 1385 e connessi non può esimersi dal considerare il contesto in cui tale disegno è nato e i vincoli che esso incontra:

Un esame del DdL n. 1385 e connessi non può esimersi dal considerare il contesto in cui tale disegno è nato e i vincoli che esso incontra: Un esame del DdL n. 1385 e connessi non può esimersi dal considerare il contesto in cui tale disegno è nato e i vincoli che esso incontra: Un primo vincolo è rappresentato dalla sentenza della Corte Costituzionale

Dettagli

Convenzione sulla protezione e la promozione della diversità delle espressioni culturali

Convenzione sulla protezione e la promozione della diversità delle espressioni culturali Traduzione 1 Convenzione sulla protezione e la promozione della diversità delle espressioni culturali Conclusa a Parigi il 20 ottobre 2005 La Conferenza generale dell Organizzazione delle Nazioni Unite

Dettagli

ha pronunciato la presente

ha pronunciato la presente N. 02866/2015REG.PROV.COLL. N. 10557/2014 REG.RIC. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Quarta) ha pronunciato la presente SENTENZA sul

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

Legge federale sul Tribunale federale dei brevetti

Legge federale sul Tribunale federale dei brevetti Legge federale sul Tribunale federale dei brevetti (Legge sul Tribunale federale dei brevetti; LTFB) Avamprogetto del... L Assemblea federale della Confederazione Svizzera, visto l articolo 191a capoverso

Dettagli

a cura del Gruppo Parlamentare della Camera dei Deputati Forza Italia - Il Popolo della Libertà - Berlusconi Presidente 22 aprile 2015

a cura del Gruppo Parlamentare della Camera dei Deputati Forza Italia - Il Popolo della Libertà - Berlusconi Presidente 22 aprile 2015 a cura del Gruppo Parlamentare della Camera dei Deputati Forza Italia - Il Popolo della Libertà - Berlusconi Presidente 917 RISOLUZIONE GRUPPO FORZA ITALIA Risoluzione presentata dal Gruppo Forza Italia

Dettagli

Il quadro europeo delle qualifiche (EQF)

Il quadro europeo delle qualifiche (EQF) Il quadro europeo delle qualifiche (EQF) di A. Sveva Balduini ISFOL Agenzia Nazionale LLP Nell aprile del 2008, al termine di un lungo lavoro preparatorio e dopo un ampio processo di consultazione che

Dettagli

I "social protection floors" per la giustizia sociale e una globalizzazione equa

I social protection floors per la giustizia sociale e una globalizzazione equa Conferenza Internazionale del Lavoro 101^ Sessione 2012 IV Rapporto (2B) I "social protection floors" per la giustizia sociale e una globalizzazione equa Quarto punto dell'agenda Ufficio Internazionale

Dettagli

Oltre il nesso sovranità-rappresentanza: un federalismo senza Stato?

Oltre il nesso sovranità-rappresentanza: un federalismo senza Stato? Oltre il nesso sovranità-rappresentanza: un federalismo senza Stato? (Giuseppe Duso) 1. La forma politica moderna e la pluralità: introduzione al problema L odierno orizzonte politico pone, a livelli diversi,

Dettagli

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 Norme sui procedimenti e giudizi di accusa (Gazzetta Ufficiale 13 febbraio 1962, n. 39) Artt. 1-16 1 1 Articoli abrogati dall art. 9 della legge 10 maggio 1978, n. 170. Si

Dettagli

Dichiarazione delle Nazioni Unite sull'ambiente umano (STOCCOLMA 1972)

Dichiarazione delle Nazioni Unite sull'ambiente umano (STOCCOLMA 1972) Dichiarazione delle Nazioni Unite sull'ambiente umano (STOCCOLMA 1972) Dichiarazione delle Nazioni Unite alla Conferenza su L'Ambiente Umano tenutasi a Stoccolma da 5 a 16 giugno 1972, che ha considerato

Dettagli

Sistema di certificazione del processo di Kimberley

Sistema di certificazione del processo di Kimberley Traduzione 1 Sistema di certificazione del processo di Kimberley Preambolo I partecipanti, riconoscendo che il commercio dei diamanti insanguinati è un grave problema internazionale, che può contribuire

Dettagli

NORME GENERALI PRINCIPI ETICI REGOLAMENTO INTERNO 2013 1

NORME GENERALI PRINCIPI ETICI REGOLAMENTO INTERNO 2013 1 REGOLAMENTO INTERNO 2013 1 NORME GENERALI Art. 1 Validità del regolamento interno Il presente regolamento, derivante dai principi espressi dallo Statuto da cui discende, rappresenta le regole e le concrete

Dettagli

Perché andare a votare? Quando? Con quali regole? Qual è la posta in gioco?

Perché andare a votare? Quando? Con quali regole? Qual è la posta in gioco? Perché andare a votare? Quando? Con quali regole? Qual è la posta in gioco? Le elezioni per il prossimo Parlamento europeo sono state fissate per il 22-25 maggio 2014. Fra pochi mesi quindi i popoli europei

Dettagli

Convenzione di Vienna sul diritto dei trattati

Convenzione di Vienna sul diritto dei trattati Traduzione 1 Convenzione di Vienna sul diritto dei trattati 0.111 Conclusa a Vienna il 23 maggio 1969 Approvata dall Assemblea federale il 15 dicembre 1989 2 Istrumento d adesione depositato dalla Svizzera

Dettagli

PARIGI 16.11.1972. I. Definizioni del patrimonio culturale e naturale

PARIGI 16.11.1972. I. Definizioni del patrimonio culturale e naturale PARIGI 16.11.1972 Materia: RECUPERO E PROTEZIONE DI BENI CULTURALI - ECOLOGIA CONVENZIONE RIGUARDANTE LA PROTEZIONE SUL PIANO MONDIALE DEL PATRIMONIO CULTURALE E NATURALE Data Firma Accordo: 16/11/1972

Dettagli

Dalla Mente Alle Relazioni la Sfida Emergente

Dalla Mente Alle Relazioni la Sfida Emergente Dalla Mente Alle Relazioni la Sfida Emergente LA SFIDA EDUCATIVA Kenneth J. Gergen La mia proposta è che la principale sfida del sistema educativo del nostro secolo sia quella di sostituire la tradizionale

Dettagli

Direttive comunitarie che coordinano le seguenti procedure di aggiudicazione degli appalti pubblici:

Direttive comunitarie che coordinano le seguenti procedure di aggiudicazione degli appalti pubblici: Versione finale del 29/11/2007 COCOF 07/0037/03-IT COMMISSIONE EUROPEA ORIENTAMENTI PER LA DETERMINAZIONE DELLE RETTIFICHE FINANZIARIE DA APPLICARE ALLE SPESE COFINANZIATE DAI FONDI STRUTTURALI E DAL FONDO

Dettagli

Proposta di legge «Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT). Istituzione e accesso al Registro Regionale»

Proposta di legge «Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT). Istituzione e accesso al Registro Regionale» Proposta di legge «Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT). Istituzione e accesso al Registro Regionale» La proposta di legge «Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT). Istituzione e accesso

Dettagli

Legge federale su l acquisto e la perdita della cittadinanza svizzera

Legge federale su l acquisto e la perdita della cittadinanza svizzera Legge federale su l acquisto e la perdita della cittadinanza svizzera (Legge sulla cittadinanza, LCit) 1 141.0 del 29 settembre 1952 (Stato 1 gennaio 2013) L Assemblea federale della Confederazione Svizzera,

Dettagli

I Valori del Manifesto Agile sono direttamente applicabili a Scrum:!

I Valori del Manifesto Agile sono direttamente applicabili a Scrum:! Scrum descrizione I Principi di Scrum I Valori dal Manifesto Agile Scrum è il framework Agile più noto. E la sorgente di molte delle idee che si trovano oggi nei Principi e nei Valori del Manifesto Agile,

Dettagli

Tra gli odori inconfondibili del tartufo, dal prezzo mai come quest anno, inarrivabile,

Tra gli odori inconfondibili del tartufo, dal prezzo mai come quest anno, inarrivabile, Tra gli odori inconfondibili del tartufo, dal prezzo mai come quest anno, inarrivabile, e della cioccolata, in una cornice resa particolarmente suggestiva dal sole che illuminava la bella valle circostante,

Dettagli

COMMISSIONE DELLE COMUNITA' EUROPEE LIBRO VERDE SUI SERVIZI DI INTERESSE GENERALE. (Presentato dalla Commissione)

COMMISSIONE DELLE COMUNITA' EUROPEE LIBRO VERDE SUI SERVIZI DI INTERESSE GENERALE. (Presentato dalla Commissione) COMMISSIONE DELLE COMUNITA' EUROPEE Bruxelles, 21.5.2003 COM(2003) 270 definitivo LIBRO VERDE SUI SERVIZI DI INTERESSE GENERALE (Presentato dalla Commissione) INDICE Introduzione... 3 1. Contesto... 6

Dettagli

INDICAZIONI PER L ATTIVITÀ DEI GRUPPI DI ACQUISTO SOLIDALI

INDICAZIONI PER L ATTIVITÀ DEI GRUPPI DI ACQUISTO SOLIDALI Rete Nazionale Gruppi di Acquisto Solidali www.retegas.org INDICAZIONI PER L ATTIVITÀ DEI GRUPPI DI ACQUISTO SOLIDALI Febbraio 2007 INTRODUZIONE I Gruppi di Acquisto Solidali (GAS) sono gruppi di persone

Dettagli

Art. 1. Art. 2. Art. 3.

Art. 1. Art. 2. Art. 3. L. 20-3-1865 n. 2248. Legge sul contenzioso amministrativo (All. E) (2) (3). (1) Pubblicata nella Gazz. Uff. 27 aprile 1865. (2) Vedi, anche, la L. 6 dicembre 1971, n. 1034. (3) Con riferimento al presente

Dettagli

Gruppo cantonale per lo sviluppo sostenibile (GrussTI) Coordinamento: Cancelleria dello Stato, Bellinzona Presentazione a cura di Sabrina Caneva

Gruppo cantonale per lo sviluppo sostenibile (GrussTI) Coordinamento: Cancelleria dello Stato, Bellinzona Presentazione a cura di Sabrina Caneva Gruppo cantonale per lo sviluppo sostenibile (GrussTI) Coordinamento: Cancelleria dello Stato, Bellinzona Presentazione a cura di Sabrina Caneva Sviluppo sostenibile e gestione responsabile delle risorse

Dettagli

Parere: Assegnazione mansioni superiori

Parere: Assegnazione mansioni superiori Parere: Assegnazione mansioni superiori Fatto: Le Poste italiane S.p.a. affidano il conferimento temporaneo di mansioni superiori dal livello C a B, ai propri dipendenti, i quali, di conseguenza, sono

Dettagli

LEZIONE 4 DIRE, FARE, PARTIRE! ESERCIZI DI ITALIANO PER BRASILIANI

LEZIONE 4 DIRE, FARE, PARTIRE! ESERCIZI DI ITALIANO PER BRASILIANI In questa lezione ci siamo collegati via Skype con la Professoressa Paola Begotti, docente di lingua italiana per stranieri dell Università Ca Foscari di Venezia che ci ha parlato delle motivazioni che

Dettagli

Art.1 (Oggetto) Art.2 (Definizioni)

Art.1 (Oggetto) Art.2 (Definizioni) REGOLAMENTO SULLA TUTELA DELLE PERSONE E DI ALTRI SOGGETTI RISPETTO AL TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI emanato con decreto direttoriale n.220 dell'8 giugno 2000 pubblicato all'albo Ufficiale della Scuola

Dettagli

DICHIARAZIONE DELLA FRANCIA

DICHIARAZIONE DELLA FRANCIA Consiglio dell'unione europea Bruxelles, 17 aprile 2015 (OR. fr) Fascicolo interistituzionale: 2013/0025 (COD) 7768/15 ADD 1 REV 1 NOTA PUNTO "I/A" Origine: Destinatario: Oggetto: Segretariato generale

Dettagli

EUROBAROMETRO 63.4 OPINIONE PUBBLICA NELL UNIONE EUROPEA PRIMAVERA 2005 RAPPORTO NAZIONALE

EUROBAROMETRO 63.4 OPINIONE PUBBLICA NELL UNIONE EUROPEA PRIMAVERA 2005 RAPPORTO NAZIONALE Standard Eurobarometer European Commission EUROBAROMETRO 63.4 OPINIONE PUBBLICA NELL UNIONE EUROPEA PRIMAVERA 2005 Standard Eurobarometer 63.4 / Spring 2005 TNS Opinion & Social RAPPORTO NAZIONALE ITALIA

Dettagli

STATUTO DELL ACCADEMIA NAZIONALE DEI LINCEI (*)

STATUTO DELL ACCADEMIA NAZIONALE DEI LINCEI (*) 1 STATUTO DELL ACCADEMIA NAZIONALE DEI LINCEI (*) I - Costituzione dell Accademia Articolo 1 1. L Accademia Nazionale dei Lincei, istituzione di alta cultura, con sede in Roma, ai sensi dell art. 33 della

Dettagli