SCALA DEI PESI ATOMICI RELATIVI E MEDI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "SCALA DEI PESI ATOMICI RELATIVI E MEDI"

Transcript

1 SCALA DEI PESI ATOMICI RELATIVI E MEDI La massa dei singoli atomi ha un ordine di grandezza compreso tra e g. Per evitare di utilizzare numeri così piccoli, essa è espressa relativamente a quella 12 C che per convenzione è stata assunta pari a 12. Es. 16 O: massa relativa uguale a 15,9949 volte quella della 12 C. è la dodicesima parte 12 C. La massa di tutti gli atomi ha un valore assoluto espresso in unità di massa atomica (uma) PESO ATOMICO DI UN ELEMENTO : rapporto tra la massa media di un atomo (calcolata tenendo conto della composizione isotopica percentuale) e la massa della dodicesima parte di un atomo di 12 C PESO MOLECOLARE DI UNA SOSTANZA: la somma dei pesi atomici degli elementi che sono contenuti in una molecola della sostanza. CO 2 1 atomo di carbonio 2 atomi di ossigeno P.M. = 1 peso atomico C + 2 peso atomico O = = 12, ,9994 = 44,0100 La MOLE ed è definita come la quantità di sostanza che contiene 6, unità chimiche elementari (atomi, molecole, ioni, etc.) 6, è il NUMERO DI AVOGADRO (N A ) e corrisponde al numero di atomi che sono contenuti in 12 g esatti di 12 C una mole di 12 C ha massa pari a 12g. Es. Peso atomico di Fe: massa media di un atomo di Fe 1/12 massa di un atomo di 12 C LA MASSA IN GRAMMI DI UNA MOLE DI UN QUALUNQUE ELEMENTO COINCIDE CON IL SUO PESO ATOMICO.

2 1) ESEMPI La massa di 1 mole di H è 1,008 g e corrisponde a 6, atomi La massa di 1 mole di Cl è 35,45 g e corrisponde a 6, atomi La massa di 1 mole di H 2 O è 18 g e corrisponde a 6, atomi 2) Quanto pesa un atomo di Fe? Il peso atomico del ferro è 55,85 uma. Quindi 1 mole di Fe ha massa pari a 55,85 g e contiene 6, atomi Peso di 1 atomo = peso di 1 mole numero di Avogadro Peso di un atomo di Ferro = 55,85 = 9, g 6, ESERCIZIO 1 Quante moli sono contenute in 450 g di H 2 0? p.a. (H) = 1,008 uma ; p.a. (O) = 16 uma 2 0 è quindi 18 uma (massa molare = 18 g/mol) Sapendo che 1 mole di H 2 0 corrisponde a 18 g è possibile calcolare il numero di moli di H 2 0 (n) corrispondenti a 450 g: n H 2 0 = 450 g = 25 mol 18 g/mol ESERCIZIO 2 A quanti grammi di CO 2 corrispondono 1,49 moli di CO 2? p.a. (C) = 12 uma ; p.a. (O) = 16 uma Il peso molecolare di CO 2 è 44 uma (massa molare = 44 g/mol) 1 mole di CO 2 corrisponde a 44 g 1,49 moli corrispondono a : massa (CO 2 ) = 1,49 mol 44 g/mol = 65,56 g

3 ESERCIZIO 3 Quanti atomi ci sono in 10,0 g di carbonio? Sappiamo che 1 mole di qualsiasi elemento contiene 6, atomi e che 1 mole di carbonio pesa 12 g. Quindi: n (C) = 10,0 g = 0,83 mol 12,01 g/mol numero di atomi (C) = 0,83 mol 6, mol -1 = = 5, atomi ESERCIZIO 4 Calcolare quanti grammi di ossigeno vi sono in 0,025 moli di fosfato di calcio. p.a. (Ca) = 40,08 uma ; p.a. (P) = 31 uma ; p.a. (O) = 16 uma Ca 3 (PO 4 ) 2 massa molare = 310,3 g/mol In 1 mole di Ca 3 (PO 4 ) 2 ci sono 8 moli di ossigeno, quindi 0,025 moli di contengono: ESERCIZIO 5 Calcolare quanti grammi di Zn e quanti atomi di O sono contenuti in 20 g di arseniato di zinco. p.a. (Zn) 65 uma ; p.a. (As) = 75 uma ; p.a. (O) = 16 uma Zn 3 (AsO 4 ) 2 massa molare = 473 g/mol n (Zn 3 (AsO 4 ) 2 ) = 20g = 0,04 mol 473 g/mol n (Zn) = 3 n (Zn 3 (AsO 4 ) 2 ) n (Zn) = 0,04 mol 3 = 0,12 mol massa (Zn) = 0,12 mol 65 g/mol = 7,7 g n (O) = 0,04 mol 8 = 0,32 mol Numero di atomi (O) = 0,32 mol 6, = = 2, atomi n (O) = 0,025 mol 8 = 0,2 mol massa (O) = 0,2 mol 16 g/mol =3,2 g

4 ESERCIZIO 6 Calcolare quanti grammi di dicromato di potassio ( K 2 Cr 2 O 7 ) contengono 2,5 g di K. p.a. (K) = 39 uma ; p.a. (Cr) = 52 uma ; p.a. (O) = 16 uma Massa molare (K 2 Cr 2 O 7 ) = 294 g/mol In 1 mole di dicromato di potassio ci sono 2 moli di potassio n (K) = 2,5 g = 0,064 mol 39 g/mol 1) ESERCIZIO Calcolare la massa in grammi di atomi di ossigeno. p.a. (O) = 16 uma n (O) = = 1, mol 6, massa (O) = 1, mol 16 g/mol = g 2) Quale massa di sodio ha lo stesso numero di moli di 10,0 g di cromo? p.a.(cr) = 52 uma ; p.a. (Na) = 22,99 uma n (K 2 Cr 2 O 7 ) = 1/2 n (K) = 1/2 0,064 = 0,032 mol massa (K 2 Cr 2 O 7 ) = 0,032 mol 294 g/mol = 9,408 g n (Cr) = 10,0 g = 0,192 mol 52 g/mol n (Na) = n (Cr) = 0,192 mol massa (Na) = 0,192 mol 22,99 g/mol = 4,42 g

5 3) Calcolare quanti grammi di Mg e quanti atomi di O sono contenuti in 23,0 g di arsenito di magnesio. p.a. (Mg) = 24 uma ; p.a. (As) = 75 uma ; p.a. (O) 16 uma Mg 3 (AsO 3 ) 2 massa molecolare = 318 g/mol n (Mg 3 (AsO 3 ) 2 ) = 23,0 g = 0,072 mol 318 g/mol Per ogni mole di Mg 3 (AsO 3 ) 2 ci sono 3 moli di Mg, 2 moli di As e 6 moli di O. n (Mg) = 0,072 mol 3 = 0,216 mol massa (Mg) = 0,216 mol 24 g/mol = 5,184 g n (O) = 0,072 mol 6 = 0,432 mol Numero di atomi (O) = 0,432 mol 6, mol -1 = = 2, atomi 4) Calcolare quanti grammi di NaCl contengono 10,0 g di Na. p.a. (Na) = 22,99 uma ; p.a. (Cl) = 35,45 uma n (Na) = 10,0 g = 0,435 mol 22,99 g/mol n (NaCl) = n (Na) = 0,435 mol massa (NaCl) = 0,435 mol 58,44 g/mol = 25,42 g. 5) Calcolare quanti grammi di ossido di alluminio contengono 1,2 g di alluminio. p.a. (Al) = 27 uma ; p.a. (O) = 16 uma Al 2 O 3 massa molecolare = 102 g/mol Per ogni mole di ossido di alluminio ci sono 2 moli di Al. n (Al) = 1,2 g = 0,044 mol 27 g/mol n (Al 2 O 3 ) = 1/2 n (Al) = 1/2 0,044 mol= 0,022 mol massa (Al 2 O 3 ) = 0,022 mol 102 g/mol = 2,27 g

6 5) Calcolare quanti grammi di azoto e quanti atomi di idrogeno sono contenuti in 20 g di fosfato di ammonio. p.a. (N) = 14 uma ; p.a. (P) = 31 uma ; p.a. (H) = 1 uma ; p.a. (O) = 16 uma (NH 4 ) 3 PO 4 massa molecolare = 149 g/mol n ((NH 4 ) 3 PO 4 ) = 20g = 0,134 mol 149 g/mol Per ogni mole di fosfato di ammonio ci sono 3 moli di N e 12 moli di H. n (N) = 3 0,134 mol = 0,402 mol massa (N) = 0,402 mol 14 g/mol = 5,63 g n (H) = 12 0,134 mol = 1,608 mol COMPOSIZIONE PERCENTUALE DEI COMPOSTI CHIMICI Conoscendo la formula di un composto si può determinare la percentuale in peso di ciascun elemento in esso contenuto. La percentuale in peso è data dal rapporto, moltiplicato per 100, tra la massa di ciascun elemento e la massa del composto in cui è contenuto. Numero di atomi (H) = 1,608 mol 6, mol -1 = = 9, atomi

7 ESERCIZIO 1 Calcolare la percentuale in peso degli elementi del composto C 5 H 5 N. p.a. (C) = 12,01 uma ; p.a. (H) = 1,008 uma ; p.a. (N) = 14 uma La massa molare del composto è 79 g/mol. 1 mole di composto corrisponde a 79 g e contiene 5 moli di C, 5 moli di H e 1 mole di N. massa (C) = 5 mol 12 g/mol = 60 g massa (H) = 5 mol 1,008g/mol = 5,0 g massa (N) = 1 mol 14 g/mol = 14 g % C = 60 g 100 = 75,9 % 79 g % H = 5 g 100 = 6,33 % 79 g % N = 14 g 100 = 17,7 % 79 g ESERCIZIO 2 Calcolare la percentuale in peso di tutti gli elementi e 2 CO 3 10 H 2 O. p.a. (Na) = 22,99 uma ; p.a. (C) = 12 uma ; p.a. (o) = 16 uma ; p.a. (H) = 1,008 uma La massa molare del composto è 286 g/mol. 1 mole di composto corrisponde a 286 g e contiene: 2 moli di Na ; 1 mole di C ; 13 moli di O 20 moli di H ; 10 moli di H 2 O. massa (Na) = 2 mol 22,99 g/mol = 45,98 g massa (C) = 1 mol 12,01 g/mol = 12,01 g massa (O) = 13 mol 16 g/mol = 208 g massa (H) = 20 mol 1,008 g/mol = 20,16 g massa (H 2 O) = 10 mol 18 g/mol = 180 g % Na = 45,98 g 100 = 16,07 % 286 g % C = 12,01 g 100 = 4,196 % 286 g

8 % O = 208 g 100 = 72,7 % 286 g % H = 20,16 g 100 = 7,04 % 286 g % H 2 O = 180 g 100 = 63 % 286 g Calcolare inoltre la massa di sale che contiene 10,0 g di H 2 O. 10 grammi di H 2 O corrispondono ad un numero di moli pari a: n (H 2 O) = 10,0 g = 0,56 mol 18 g/mol Per ogni mole di Na 2 CO 3 10 H 2 O ci sono 10 moli di H 2 O. n (Na 2 CO 3 10 H 2 O) = 1/10 n (H 2 O) = 1/10 0,56 = 0,056 mol massa (Na 2 CO 3 10 H 2 O) = 0,056 mol 286 g/mol = 16 g ESERCIZIO 3 Determinare la composizione percentuale di tutti gli 3 COOH). p.a. (C) = 12,01 uma ; p.a. (H) = 1,008 uma ; p.a. (O) = 16 uma La massa molecolare del composto è 60 g/mol. 1 mole di composto corrisponde a 60 g e contiene: 2 moli di C ; 4 moli di H ; 2 moli di O. massa (C) = 2 mol 12,01 g/mol = 24,02 g massa (H) = 4 mol 1,008 g/mol = 4,032 g massa (O) = 2 mol 16 g/mol = 32 g % C = 24,02 g 100 = 40,03 % 60 g % H = 4,032 g 100 = 6,72 % 60 g % O = 32 g 100 = 53,3 % 60 g

9 FORMULE CHIMICHE FORMULA MINIMA: si limita ad indicare gli atomi costituenti il composto nel loro rapporto numerico di combinazione. FORMULA MOLECOLARE: indica il numero effettivo degli atomi che costituiscono la molecola. Es. Composto f.minima f.molecolare Acqua H 2 O H 2 O Acqua ossigenata HO H 2 O 2 Ammoniaca NH 3 NH 3 Idrazina NH 2 N 2 H 4 UN MULTIPLO INTERO ESERCIZIO 1 Un composto chimico ha la seguente composizione percentuale in peso: H: 3,1 % ; P: 31,5 % ; O: 65,4 % Determinare la formula minima del composto. p.a. (H) = 1,008 uma ; p.a. (P) = 31 uma ; p.a. (O) = 16 uma Supponendo di avere 100g di composto massa (H) = 3,1 g massa (P) = 31,5 g massa (O) = 65,4 g n (H) = 3,1 g = 3,1 mol 1,008 g/mol n (P) = 31,5 g = 1,02 mol 31 g/mol n (O) = 65,4 g = 4,09 mol 16 g/mol Per ricavare gli indici numerici, si divide il numero di moli dei singoli elementi per il valore più piccolo (1,02)

10 H = 3,1 = 3 1,02 P = 1,02 = 1 1,02 O = 4,09 = 4 1,02 La formula minima è H 3 PO 4 ESERCIZIO 2 e ossigeno ha dato i seguenti risultati percentuali in peso: K: 39,68 % ; Mn: 27,85 % ; O: 32,47 % Determinare la formula minima del composto. Supponendo di avere 100g di composto, si ha: K: 39,68 g ; Mn: 27,85 g ; O: 32,47 g n (K) = 39,68 g = 1,015 mol 39 g/mol n (Mn) = 27,85g = 0,503 54,9 g/mol n (O) = 32,47 g = 2,03 16 g/mol Dividendo per 0,503: K: 1,015 = 2; Mn: 0,503 = 1; O: 2,03 = 4 0,503 0,503 0,503 La formula minima è : K 2 MnO 4

11 ESERCIZIO 3 Un composto ha la seguente composizione percentuale: Fe: 36,8 % ; S: 21,1 % ; O: 42,1 % Calcolare la sua formula minima. p.a. (Fe) = 56 uma ; p.a. (S) = 32,06 uma ; p.a. (O) = 16 uma 100 g di composto: Fe: 36,8 g ; S: 21,1 g ; O: 42,1 g n (Fe) = 36,8 g = 0,66 mol 56 g/mol n (S) = 21,1 g = 0,66 mol 32,06 g/mol n (O) = 42,1 g = 2,63 mol 16 g/mol Dividendo per 0,66: Fe: 0,66 = 1 ; S: 0,66 = 1 ; O: 2,63 = 3,9 0,66 0,66 0,66 ESERCIZIO 4 C: 32% ; H: 4% ; O: 64%. Determinare la formula minima e quella molecolare, sapendo che il peso molecolare è 150. p.a. (C) = 12,01 uma ; p.a. (H) = 1,008 uma ; p.a.(o) =16 uma 100 g di composto sono costituiti da: 32 g di C ; 4 g di H ; 64 g di O n (C) = 32 g = 2,66 mol 12,01 g/mol n (H) = 4 g = 3,97 mol 1,008 g/mol n (O) = 64 g = 4 mol 16 g/mol Dividendo per 2,66: C: 2,66 = 1 ; H: 3,97 = 1,5 ; O: 4 = 1,5 2,66 2,66 2,66 La formula minima è C 2 H 3 O 3 La formula minima è FeSO 4

12 Per determinare la formula molecolare è necessario Calcolare il peso della formula minima: Peso formula minima: 75 uma Peso molecolare: 150 uma FORMULA MOLECOLARE = x (C 2 H 3 O 3 ) x = 150 = 2 75 La formula molecolare è C 4 H 6 O 6 ESERCIZIO 5 4,800 g di ossigeno per dare un composto puro. Trovare la formula minima del composto. p.a. (P) = 30,97 uma ; p.a. (O) = 16 uma. n (P) = 6,194 g = 0,2 mol 30,97 g/mol n (O) = 4,800 g = 0,3 mol 16 g/mol P = 0,2 = 1 ; O = 0,3 = 1,5 Formula minima: PO 1,5 P 2 O 3

13 ESERCIZI 1) Calcolare la percentuale in peso di tutti gli elementi nel composto KMnO 4. p.a. (K) = 39,1 uma ; p.a. (Mn) = 54,94 uma ; p.a. (O) = 16 uma. 2) Calcolare la percentuale in peso di tutti gli elementi nel composto Na 2 S 2 O 3 5H 2 O e la percentuale di acqua di cristallizzazione. p.a. (Na) = 22,99 uma ; p.a. (S) = 32,06 uma ; p.a. (O) = 16 uma ; p.a. (H) = 1,008 uma. 3) Un composto presenta la seguente composizione percentuale: K 26,58%; Cr 35,35%; O 38,07%. Calcolare la formula minima del composto. p.a. (K) = 39,1 uma ; p.a. (Cr) = 52 uma ; p.a. (O) = 16 uma. 4)Un composto organico, il cui peso molecolare è 98,96, è costituito dal 24% in peso di carbonio, 71% di cloro, 4,05% di idrogeno. Si calcoli la formula molecolare del composto. p.a. (C) = 12 uma ; p.a. (Cl) = 35,45 uma ; p.a. (H) = 1,008 uma 5)Un acido organico contiene: H, 4,80%; C, 19,0%; O, 76,2%. La percentuale di acqua di cristallizzazione è: H 2 O, 28,6%. Trovare la formula molecolare del composto organico. p.a. (H) = 1,008 uma ; p.a. (C) = 12 uma ; p.a. (O) = 16 uma. 1) Calcolare la percentuale in peso di tutti gli elementi nel composto KMnO 4. p.a. (K) = 39,1 uma ; p.a. (Mn) = 54,94 uma ; p.a. (O) = 16 uma. La massa molecolare del composto è 158,04 g/mol. 1 mole del composto corrisponde a 158,04 g e contiene: 1 mole di K; 1 mole di Mn e 4 moli di O. massa (K) = 1 mol 39,1 g/mol = 39,1 g massa (Mn) = 1 mol 54,94 g/mol = 54,94 g massa (O) = 4 mol 16 g/mol = 64 g % K = 39,1 g 100 = 24,7% 158,04 g % Mn = 54,94 g 100 = 34,8% 158,04 g % O = 64 g 100 = 40,5% 158,04 g

14 2) Calcolare la percentuale in peso di tutti gli elementi nel composto Na 2 S 2 O 3 5H 2 O e la percentuale di acqua di cristallizzazione. p.a. (Na) = 22,99 uma ; p.a. (S) = 32,06 uma ; p.a. (O) = 16 uma ; p.a. (H) = 1,008 uma. La massa molecolare del composto è 248,1 g/mol. 1 mole di composto corrisponde a 248,1 g e contiene: 2 moli di Na ; 2 moli di S ; 8 moli di O ; 10 moli di H; 5 moli di H2O. % S = 64,12 g 100 = 25,8% 248,1 g % O = 128 g 100 = 51,6% 248,1 g % H = 10,08 g 100 = 4,06% 248,1 g % H 2 O = 90 g 100 = 36,3% 248,1 g massa (Na) = 2 mol 22,99 g/mol = 45,98 g massa (S) = 2 mol 32,06 g/mol = 64,12 g massa (O) = 8 mol 16 g/mol = 128 g massa (H) = 10 mol 1,008 g/mol = 10,08 g massa (H 2 O) = 5 mol 18 g/mol = 90 g % Na = 45,98 g 100 = 18,5% 248,1 g

15 3) Un composto presenta la seguente composizione percentuale: K 26,58%; Cr 35,35%; O 38,07%. Calcolare la formula minima del composto. p.a. (K) = 39,1 uma ; p.a. (Cr) = 52 uma ; p.a. (O) = 16 uma. Supponendo di avere 100 g di composto massa (K) = 26,58 g; massa (Cr) = 35,35 g massa(o) = 38,07 g n (K) = 26,58 g = 0,678 mol 39,1 g/mol n (Cr) = 35,35 g = 0,679 mol 52 g/mol n (O) = 38,07 g = 2,38 mol 16 g/mol Per ricavare gli indici numerici, dividiamo il numero di moli dei singoli elementi per il valore più piccolo (0,678) K = 0,678 = 1 O = 2,38 = 3,5 0,678 0,678 Cr = 0,679 = 1 0,678 K 2 Cr 2 O 7 4)Un composto organico, il cui peso molecolare è 98,96, è costituito dal 24% in peso di carbonio, 71% di cloro, 4,05% di idrogeno. Si calcoli la formula molecolare del composto. p.a. (C) = 12 uma ; p.a. (Cl) = 35,45 uma ; p.a. (H) = 1,008 uma Supponendo di avere 100 g di composto massa (C) = 24 g; massa (Cl) = 71 g massa(h) = 4,05 g n (C) = 24 g = 2 mol 12 g/mol n (Cl) = 71 g = 2 mol 35,45 g/mol n (H) = 4,05g = 4 mol 1,008 g/mol C = 2 = 1 ; Cl = 2 = 1 ; H = 4 = La formula minima è: CH 2 Cl (Peso form. minima: 49,45) Peso molecolare: 98,96 FORMULA MOLECOLARE = x (CH 2 Cl) x = 98,96 = 2 49,45 C 2 H 4 Cl 2

16 5)Un acido organico contiene: H, 4,80%; C, 19,0%; O, 76,2%. La percentuale di acqua di cristallizzazione è: H 2 O, 28,6%. Trovare la formula molecolare del composto organico. p.a. (H) = 1,008 uma ; p.a. (C) = 12 uma ; p.a. (O) = 16 uma. Supponendo di avere 100 g di composto massa (C) = 19 g; massa (O) = 76,2 g; massa (H) = 4,80 g; massa (H 2 O) = 28,6 n (C) = 19 g = 1,58 mol 12 g/mol n (O) = 76,2 g = 4,76 mol 16 g/mol C = 1,58 = 1 ; O = 3,18 = 2 ; H = 1,58 = 1 ; H 2 O = 1,58 =1 1,58 1,58 1,58 1,58 La formula minima è: HCO 2 H 2 O Peso della formula minima: 63 Peso molecolare: 126,07 FORMULA MOLECOLARE = x (HCO 2 H 2 O) x = 126,07 = 2 63 H 2 C 2 O 4 2H 2 O n (H) = 4,80 g = 4,76 mol 1,008 g/mol n (H 2 O) = 28,6 g = 1,59 mol 18 g/mol 1,59 moli di H 2 O corrispondono a: 3,18 moli di H e 1,58 2 O anche 4,76-1,58 = 3,18 moli di O e 4,76-3,18 = 1,58 moli di H.

17 REAZIONI CHIMICHE A + B C + D Reagenti Prodotti Principio di conservazione della massa: Durante una reazione chimica, la massa totale dei reagenti e dei prodotti di reazione non varia. BILANCIARE LE REAZIONI: 1) Hg(NO 3 ) 2 + Na 2 S HgS + NaNO 3 Hg(NO 3 ) 2 + Na 2 S HgS + 2NaNO 3 2) FeS + HCl FeCl 2 + H 2 S FeS + 2HCl FeCl 2 + H 2 S 3) AlCl 3 + NH 4 ClO 2 Al(ClO 2 ) 3 + NH 4 Cl Nelle equazioni chimiche si deve avere in entrambi i membri anche se in composti diversi. Bilanciamento di una reazione : aa + bb cc + dd a,b,c,d : coefficienti stechiometrici della reazione 4) 5) AlCl 3 + 3NH 4 ClO 2 Al(ClO 2 ) 3 + 3NH 4 Cl Ca(OH) 2 +H 3 PO 4 Ca(PO 4 ) 2 + H 2 O Ca(OH) 2 +2H 3 PO 4 Ca(PO 4 ) 2 + 6H 2 O Hg(NO 3 ) 2 + HCl Hg 2 Cl 2 + HNO 3 Hg(NO 3 ) 2 + 2HCl Hg 2 Cl 2 + 2HNO 3

18 ESERCIZIO 1 Bilanciare la seguente reazione: Cu + H 2 SO 4 CuSO 4 + SO 2 + H 2 O e calcolare quanto acido solforico è necessario per produrre 798 g di CuSO 4. p.a. (Cu) = 63,55 uma ; p.a. (S) = 32,06 uma ; p.a. (O) = 16 uma ; p.a. (H) = 1,008 uma. Cu + 2H 2 SO 4 CuSO 4 + SO 2 + 2H 2 O Massa molecolare (CuSO 4 ) = 159,6 g/mol n (CuSO 4 ) = 798 g = 5 mol 159,6 g/mol Dalla stechiometia della reazione: n (H 2 SO 4 ) = 2 n (CuSO 4 ) n (H 2 SO 4 ) = 2 5 mol = 10 mol IN ECCESSO DI Cu SONO NECESSARIE 10 MOLI DI H 2 SO 4 PER PRODURRE 5 MOLI DI CuSO 4. Massa molecolare (H 2 SO 4 ) = 98 g/mol ESERCIZIO 2 Bilanciare la seguente reazione: CaO + NH 4 Cl NH 3 + H 2 O + CaCl 2 e calcolare quanta ammoniaca si forma se reagiscono 112 g di CaO. p.a. (Ca) = 40,08 uma ; p.a. (O) = 16 uma ; p.a. (Cl) = 35,45 uma; p.a. (N) = 14 uma ; p.a. (H) = 1,008 uma. CaO + 2NH 4 Cl 2NH 3 + H 2 O + CaCl 2 Massa molecolare (CaO) = 56,08 g/mol n (CaO) = 112 g = 2 mol 56,08 g/mol Dalla stechiometria della reazione: n (NH 3 ) = 2 n (CaO) = 2 2 mol = 4 mol massa molecolare (NH 3 ) = 17 g/mol massa (NH 3 ) = 4 mol 17 g/mol = 68 g massa (H 2 SO 4 ) = 10 mol 98 g/mol= 980

19 ESERCIZIO 3 Un eccesso di NaCl è fatto reagire con 100 g di H 2 SO 4. Si calcoli la massa di Na 2 SO 4 ed HCl che si formano. p.a. (Na) = 22,99 uma; p.a. (S) = 32,06 uma; p.a. (Cl) = 35,45 uma; p.a. (H) = 1,008 uma NaCl + H 2 SO 4 Na 2 SO 4 + HCl (da bilanciare) 2NaCl + H 2 SO 4 Na 2 SO 4 + 2HCl massa molecolare (H 2 SO 4 ) = 98,06 g/mol n (H 2 SO 4 ) = 100 g = 1,02 mol 98,06 g/mol Dalla stechiometria della reazione: n (Na 2 SO 4 ) = n (H 2 SO 4 ) = 1,02 mol n (HCl) = 2 n (H 2 SO 4 ) = 2,04 mol massa molecolare (Na 2 SO 4 ) = 142,04 g/mol massa (Na 2 SO 4 ) = 1,02 mol 142,04 g/mol = 144,9 g massa molecolare (HCl) = 36,45 g/mol massa (HCl) = 2,04 mol 36,45 g/mol = 74,36 g ESERCIZIO g di Na 2 SO 4 sono fatti reagire con la quantità stechiometrica di CaCO 3 e C, secondo la reazione: Na 2 SO 4 + CaCO 3 + 2C Na 2 CO 3 + CaS + 2 CO 2 Calcolare la massa dei reagenti e la massa di CaS prodotto. p.a. (Na) 22,99 uma; p.a. (S) =32,06 uma; p.a. (O) = 16 uma; p.a. (Ca) = 40,08 uma; p.a. (C) = 12,01 uma. massa molecolare (Na 2 SO 4 ) = 142,04 g/mol n (Na 2 SO 4 ) = 100g = 0,704 mol 142,04 g/mol Dalla stechiometria della reazione: n (CaCO 3 ) = n (Na 2 SO 4 ) = 0,704 mol massa molecolare (CaCO 3 ) = 100,08 g/mol massa (CaCO 3 ) = 0,704 mol 100,08 g/mol = 70,4 g n (C) = 2 n (Na 2 SO 4 ) = 2 0,704 mol = 1,408 mol massa (C) = 1,408 mol 12 g/mol = 16,9 g N (CaS) = n (Na 2 SO 4 ) = 0,704 mol Massa molecolare (CaS) = 72,14 g/mol Massa (CaS) = 0,704 mol 72,14 g/mol = 50,8g

ESERCIZI DI CHIMICA. 5. Calcolare le masse in grammi di: a) 0,30 moli di HNO 3 ; b) 2,50 moli di Na 2 SO 4. [19 g di HNO 3 ; 355 g di Na 2 SO 4 ]

ESERCIZI DI CHIMICA. 5. Calcolare le masse in grammi di: a) 0,30 moli di HNO 3 ; b) 2,50 moli di Na 2 SO 4. [19 g di HNO 3 ; 355 g di Na 2 SO 4 ] ESERCIZI DI CHIMICA 1. Calcolare:a) le moli di H 2 O e le moli di atomi d idrogeno ed ossigeno contenuti in 10g di H 2 O; b) il numero di molecole di H 2 O e di atomi di idrogeno e di ossigeno. [0,55 moli;

Dettagli

DALLA MOLE AI CALCOLI STECHIOMETRICI

DALLA MOLE AI CALCOLI STECHIOMETRICI Conversione Massa Moli DALLA MOLE AI CALCOLI STECHIOMETRICI - ESERCIZI GUIDATI - LEGENDA DEI SIMBOLI: M = Peso molecolare m(g) = quantità in g di elemento o di composto n = numero di moli Ricorda che l'unità

Dettagli

Una formula molecolare è una formula chimica che dà l'esatto numero degli atomi di una molecola.

Una formula molecolare è una formula chimica che dà l'esatto numero degli atomi di una molecola. Una formula molecolare è una formula chimica che dà l'esatto numero degli atomi di una molecola. La formula empirica e una formula in cui il rappporto tra gli atomi e il piu semplice possibil Acqua Ammoniaca

Dettagli

COMPITO DI CHIMICA DEL 19-04-2013

COMPITO DI CHIMICA DEL 19-04-2013 COMPITO DI CHIMICA DEL 19-04-2013 1) Una certa quantità di solfato di ferro (II), sciolta in una soluzione acquosa di acido solforico, viene trattata con 1.0 10-3 mol di permanganato di potassio. Si ottengono

Dettagli

NUMERI DI OSSIDAZIONE

NUMERI DI OSSIDAZIONE NUMERI DI OSSIDAZIONE Numeri in caratteri romani dotati di segno Tengono conto di uno squilibrio di cariche nelle specie poliatomiche Si ottengono, formalmente, attribuendo tutti gli elettroni di valenza

Dettagli

Quesiti e problemi (sul libro da pag. 510)

Quesiti e problemi (sul libro da pag. 510) Quesiti e problemi (sul libro da pag. 510) 2 Il numero di ossidazione 1 Assegna il n.o. a tutti gli elementi dei seguenti composti. a) Hg 3 (PO 3 ) 2 Hg: +2; P: +3; O: 2 b) Cu(NO 2 ) 2 Cu: +2; N: +3; O:

Dettagli

Quesiti e problemi (sul libro da pag. 375)

Quesiti e problemi (sul libro da pag. 375) Quesiti e problemi (sul libro da pag. 375) 1 Le equazioni di reazione 1 Che cosa si intende per reagente? Che cosa si intende per prodotto? 2 Disegna lo schema delle seguenti reazioni (che devono essere

Dettagli

Esercizi sul calcolo del ph. Generalità introduttive. 2. Spiega il significato del termine «acido coniugato» e «base coniugata».

Esercizi sul calcolo del ph. Generalità introduttive. 2. Spiega il significato del termine «acido coniugato» e «base coniugata». Esercizi sul calcolo del ph Generalità introduttive 1. L'ammoniaca :NH 3 non possiede alcun ruppo ossidrilico. Come puoi spieare il suo comportamento basico? 2. Spiea il sinificato del termine «acido coniuato»

Dettagli

I legami. 1) Rappresenta la struttura della molecola di idrogeno (numero atomico ZH = 1):

I legami. 1) Rappresenta la struttura della molecola di idrogeno (numero atomico ZH = 1): Percorso 3 I legami E S E R C I Z I A Legame covalente omeopolare 1) Rappresenta la struttura della molecola di idrogeno (numero atomico ZH = 1): 2) Rappresenta la struttura della molecola di ossigeno

Dettagli

L EQUILIBRIO CHIMICO

L EQUILIBRIO CHIMICO EQUIIBRIO CHIMICO Molte reazioni chimiche possono avvenire in entrambe i sensi: reagenti e prodotti possono cioè scambiarsi fra di loro; le reazioni di questo tipo vengono qualificate come reazioni reversibili.

Dettagli

In copertina: A. Minorenti Il moto Browniano

In copertina: A. Minorenti Il moto Browniano 1 In copertina: A. Minorenti Il moto Browniano 2 Nomenclatura chimica e formule brute/struttura ELEMENTI Metalli Non metalli + O 2 Ossidi Anidridi + H 2 O Idrossidi Ossoacidi o Acidi Sali Gli Elementi

Dettagli

Com è fatto l atomo ATOMO. UNA VOLTA si pensava che l atomo fosse indivisibile. OGGI si pensa che l atomo è costituito da tre particelle

Com è fatto l atomo ATOMO. UNA VOLTA si pensava che l atomo fosse indivisibile. OGGI si pensa che l atomo è costituito da tre particelle STRUTTURA ATOMO Com è fatto l atomo ATOMO UNA VOLTA si pensava che l atomo fosse indivisibile OGGI si pensa che l atomo è costituito da tre particelle PROTONI particelle con carica elettrica positiva e

Dettagli

CONCENTRAZIONE DELLE SOLUZIONI. Solvente: normalmente liquido in eccesso Soluto: gas, liquido o solido, normalmente in difetto

CONCENTRAZIONE DELLE SOLUZIONI. Solvente: normalmente liquido in eccesso Soluto: gas, liquido o solido, normalmente in difetto CONCENTRAZIONE DELLE SOLUZIONI Solvente: normalmente liquido in eccesso Soluto: gas, liquido o solido, normalmente in difetto Percentuale in peso = g soluto / g soluzione x 100 H 2 O 2 al 3% Percentuale

Dettagli

L ACQUA : STRUTTURA E PROPRIETA

L ACQUA : STRUTTURA E PROPRIETA L ACQUA : STRUTTURA E PROPRIETA 1. Sostanza più abbondante in tutti gli esseri viventi 2. Più del 70% del peso di tutti gli esseri viventi 3. Influenza la struttura e la proprietà di tutte le molecole

Dettagli

1. Agli estremi di una resistenza di 30 ohm è applicata una tensione di 120 volt. Calcolare la quantità di elettricità passata in 12 ore.

1. Agli estremi di una resistenza di 30 ohm è applicata una tensione di 120 volt. Calcolare la quantità di elettricità passata in 12 ore. ESERCIZI pag: 458 1. Agli estremi di una resistenza di 30 ohm è applicata una tensione di 120 volt. Calcolare la quantità di elettricità passata in 12 ore. 2. Una dinamo produce 6 amp a 160 v. Calcolare

Dettagli

I MATERIALI DELLA LITOSFERA: I MINERALI E LE ROCCE

I MATERIALI DELLA LITOSFERA: I MINERALI E LE ROCCE I MATERIALI DELLA LITOSFERA: I MINERALI E LE ROCCE Dagli atomi alle rocce I materiali di cui è fatta la crosta terrestre si sono formati a partire dai differenti tipi di atomi, circa una novantina, ricevuti

Dettagli

Gli alcool, i composti carbonilici e gli acidi carbossilici

Gli alcool, i composti carbonilici e gli acidi carbossilici Gli alcool, i composti carbonilici e gli acidi carbossilici Con questa unità didattica inizieremo a prendere in considerazione dei composti della chimica organica caratterizzati dal contenere oltre ai

Dettagli

CHIMICA ORGANICA. Gli alcoli

CHIMICA ORGANICA. Gli alcoli 1 E1-ALCOLI CIMICA OGANICA ALCOLI Formula generale Desinenza -olo Gli alcoli Gli alcoli sono, dopo gli idrocarburi, i composti organici più comuni, che è possibile considerare come derivati dagli alcani

Dettagli

Le regole della nomenclatura tradizionale e IUPAC dei composti inorganici

Le regole della nomenclatura tradizionale e IUPAC dei composti inorganici 1 Espansione 6.2 Le regole della nomenclatura tradizionale e IUPAC dei composti inorganici Dalle formule ai nomi dei composti: 1) Riconoscere classi di composti dalla formula Per dare un nome a una formula

Dettagli

SOLUZIONI, DILUIZIONI, TITOLAZIONI

SOLUZIONI, DILUIZIONI, TITOLAZIONI SOLUZIONI, DILUIZIONI, TITOLAZIONI 1. Quanti ml di NaOH 1,25 N debbono essere aggiunti ad 1 litro di NaOH 0,63 N per ottenere una soluzione 0,85 N? [550 ml] 2. Quali volumi 0,55 N e 0,098 N debbono essere

Dettagli

LE SOLUZIONI 1.molarità

LE SOLUZIONI 1.molarità LE SOLUZIONI 1.molarità Per mole (n) si intende una quantità espressa in grammi di sostanza che contiene N particelle, N atomi di un elemento o N molecole di un composto dove N corrisponde al numero di

Dettagli

Quesiti e problemi. 6 Indica quali dei seguenti sistemi sono da considerare. 7 Come puoi giustificare la liberazione di calore in

Quesiti e problemi. 6 Indica quali dei seguenti sistemi sono da considerare. 7 Come puoi giustificare la liberazione di calore in SUL LIBRO DA PAG 306 A PAG 310 Quesiti e problemi ESERCIZI 1 Le reazioni producono energia 1 Qual è il fattore più importante per stabilire se una reazione è esotermica o endotermica? Per stabilire se

Dettagli

ESERCIZI ph SOLUZIONI

ESERCIZI ph SOLUZIONI ESERCIZI ph SOLUZIONI 1. Una soluzione contiene 3,6 g di LiOH (PM = 23,9 g/mole). Calcolare il ph di questa soluzione [13,3] 2. Calcolare il ph di una soluzione preparata con 10,85 ml di HCl (PM = 36,46

Dettagli

QUALITÀ E TRATTAMENTO DELL ACQUA DEL CIRCUITO CHIUSO

QUALITÀ E TRATTAMENTO DELL ACQUA DEL CIRCUITO CHIUSO QUALITÀ E TRATTAMENTO DELL ACQUA DEL CIRCUITO CHIUSO (PARTE 1) FOCUS TECNICO Gli impianti di riscaldamento sono spesso soggetti a inconvenienti quali depositi e incrostazioni, perdita di efficienza nello

Dettagli

La struttura della materia

La struttura della materia Unità didattica 11 La struttura della materia Competenze 1 Descrivere il modello atomico di Dalton 2 Spiegare le caratteristiche macroscopiche e microscopiche delle principali trasformazioni fisiche 3

Dettagli

1 INCONTRO CHIMICA (PROF.SSA PAOLA BURANI) Ogni sostanza chimica è costituita dalla combinazione, in diverse proporzioni, di 92 tipi di atomi.

1 INCONTRO CHIMICA (PROF.SSA PAOLA BURANI) Ogni sostanza chimica è costituita dalla combinazione, in diverse proporzioni, di 92 tipi di atomi. 1 INCONTRO CHIMICA (PROF.SSA PAOLA BURANI) 1 Atomi e Legami Ogni sostanza chimica è costituita dalla combinazione, in diverse proporzioni, di 92 tipi di atomi. Il termine atomo significa indivisibile e

Dettagli

Soluzioni degli esercizi

Soluzioni degli esercizi 3 Soluzioni degli esercizi Valitutti, Tifi, Gentile LINEAMENTI DI CIMICA Terza edizione Zanichelli 2012 69 CAPITL 1 CAPITL 1 LE MISURE E LE GRANDEZZE Soluzioni capitolo 1 1. Il Sistema Internazionale di

Dettagli

di questi il SECONDO PRINCIPIO ΔU sistema isolato= 0

di questi il SECONDO PRINCIPIO ΔU sistema isolato= 0 L entropia e il secondo principio della termodinamica La maggior parte delle reazioni esotermiche risulta spontanea ma esistono numerose eccezioni. In laboratorio, ad esempio, si osserva come la dissoluzione

Dettagli

Na, C, Cl, H2O, CO2, C2H6O ma che lingua è? ATOMI E MOLECOLE: IMPARIAMO IL LINGUAGGIO LA CHIMICA

Na, C, Cl, H2O, CO2, C2H6O ma che lingua è? ATOMI E MOLECOLE: IMPARIAMO IL LINGUAGGIO LA CHIMICA Na, C, Cl, H2O, CO2, C2H6O ma che lingua è? ATOMI E MOLECOLE: IMPARIAMO IL LINGUAGGIO LA CHIMICA Chimica è una parolaccia? Si direbbe di sì, a giudicare dalle reazioni della opinione pubblica che associa

Dettagli

dove Q è la carica che attraversa la sezione S del conduttore nel tempo t;

dove Q è la carica che attraversa la sezione S del conduttore nel tempo t; CAPITOLO CIRCUITI IN CORRENTE CONTINUA Definizioni Dato un conduttore filiforme ed una sua sezione normale S si definisce: Corrente elettrica i Q = (1) t dove Q è la carica che attraversa la sezione S

Dettagli

. analisi teorica (studio di esistenza, unicità della soluzione, sensitività rispetto ai dati, regolarità, comportamento qualitativo).

. analisi teorica (studio di esistenza, unicità della soluzione, sensitività rispetto ai dati, regolarità, comportamento qualitativo). 1 Modelli matematici Un modello è un insieme di equazioni e altre relazioni matematiche che rappresentano fenomeni fisici, spiegando ipotesi basate sull osservazione della realtà. In generale un modello

Dettagli

Poniamo il carbonio al centro, tre idrogeni sono legati al carbonio direttamente e uno attraverso l ossigeno

Poniamo il carbonio al centro, tre idrogeni sono legati al carbonio direttamente e uno attraverso l ossigeno Strutture di Lewis E un metodo semplice per ottenere le formule di struttura di composti covalenti nota la formula molecolare, la configurazione elettronica del livello di valenza degli atomi e la connettività

Dettagli

Effetti dell incendio sull uomo

Effetti dell incendio sull uomo Effetti dell incendio sull uomo ANOSSIA (a causa della riduzione del tasso di ossigeno nell aria) AZIONE TOSSICA DEI FUMI RIDUZIONE DELLA VISIBILITÀ AZIONE TERMICA Essi sono determinati dai prodotti della

Dettagli

Formule di Struttura delle Molecole Organiche

Formule di Struttura delle Molecole Organiche Formule di Struttura delle Molecole Organiche Costituzione L ordine in cui gli atomi di una molecola sono connessi è chiamata costituzione o connettività. La costituzione di una molecola deve essere determinata

Dettagli

Correnti e circuiti a corrente continua. La corrente elettrica

Correnti e circuiti a corrente continua. La corrente elettrica Correnti e circuiti a corrente continua La corrente elettrica Corrente elettrica: carica che fluisce attraverso la sezione di un conduttore in una unità di tempo Q t Q lim t 0 t ntensità di corrente media

Dettagli

La L a c c o o m mb b u u st s i t o i n o ne ne 1

La L a c c o o m mb b u u st s i t o i n o ne ne 1 1 La sostanza combustibile può essere: Solida Liquida o Gassosa. I combustibili utilizzati negli impianti di riscaldamento sono quelli visti precedentemente cioè: Biomasse Oli Combustibili di vario tipo

Dettagli

Sostituzioni sull anello aromatico

Sostituzioni sull anello aromatico Sostituzioni sull anello aromatico Criteri per stabilire l esistenza di carattere aromatico 1. Il composto deve essere ciclico, planare e deve avere una nuvola ininterrotta di elettroni π sopra e sotto

Dettagli

Principali caratteristiche degli elementi dei primi cinque Gruppi Analitici, del magnesio, dei più importanti anioni e cenni sui complessi.

Principali caratteristiche degli elementi dei primi cinque Gruppi Analitici, del magnesio, dei più importanti anioni e cenni sui complessi. CHIMICA INORGANICA Principali caratteristiche degli elementi dei primi cinque Gruppi Analitici, del magnesio, dei più importanti anioni e cenni sui complessi. Struttura 3D del calcicromo, un complessante

Dettagli

2. L INQUINAMENTO ATMOSFERICO

2. L INQUINAMENTO ATMOSFERICO 2. L INQUINAMENTO ATMOSFERICO L aria è una miscela eterogenea formata da gas e particelle di varia natura e dimensioni. La sua composizione si modifica nello spazio e nel tempo per cause naturali e non,

Dettagli

funzionamento degli accumulatori al piombo/acido.

funzionamento degli accumulatori al piombo/acido. Il triangolo dell Incendio Possibili cause d incendio: I carrelli elevatori Particolare attenzione nella individuazione delle cause di un incendio va posta ai carrelli elevatori, normalmente presenti nelle

Dettagli

CHIMICA ORGANICA: IBRIDAZIONE & RISONANZA IBRIDIZZAZIONE. un atomo compie all atto di formazione di un composto al fine di formare un maggior

CHIMICA ORGANICA: IBRIDAZIONE & RISONANZA IBRIDIZZAZIONE. un atomo compie all atto di formazione di un composto al fine di formare un maggior CHIMICA ORGANICA: IBRIDAZIONE & RISONANZA IBRIDIZZAZIONE L ibridizzazione o ibridazione è una ricombinazione dei propri orbitali atomici che un atomo compie all atto di formazione di un composto al fine

Dettagli

C.S.R. Restauro Beni Culturali

C.S.R. Restauro Beni Culturali Punto: Sil.01 Colore: Verde Ca Mn Fe Sr Sb Pb Cont. 157 243 538 478 457 40 Perc. 8.207 12.70 28.12 24.98 23.88 2.090 per evitare l'opacizzazione superficiale della tessera. La colorazione verde è ottenuta

Dettagli

Storia dei generatori di tensione e della corrente elettrica

Storia dei generatori di tensione e della corrente elettrica Storia dei generatori di tensione e della corrente elettrica Prof. Daniele Ippolito Liceo Scientifico Amedeo di Savoia di Pistoia 1778 Alessandro Volta, in analogia al potenziale gravitazionale definito

Dettagli

Monossido d azoto NO (Nitric Oxide) Messaggero del segnale cellulare. Molecola regolatoria nel sistema nervoso centrale e periferico

Monossido d azoto NO (Nitric Oxide) Messaggero del segnale cellulare. Molecola regolatoria nel sistema nervoso centrale e periferico Monossido d azoto NO (Nitric Oxide) Ruolo biologico: Messaggero del segnale cellulare Molecola regolatoria nel sistema cardiovascolare Molecola regolatoria nel sistema nervoso centrale e periferico Componente

Dettagli

Esse sono utilizzate per i controlli di legge oppure per la migliore gestione e l automazione delle operazioni di trattamento delle acque.

Esse sono utilizzate per i controlli di legge oppure per la migliore gestione e l automazione delle operazioni di trattamento delle acque. Settori di intervento ed esigenze La disponibilità e la qualità delle acque sono riconosciute strategicamente come fattori primari e fondamentali per una politica di sviluppo sostenibile per il progresso

Dettagli

Legame ionico nei solidi.

Legame ionico nei solidi. Legame ionico nei solidi. Un puro legame ionico nei solido praticamente non esiste, anche in NaCl o CaO i legami hanno un certo carattere covalente che ovviamente diventa molto più importante man mano

Dettagli

Sistema per Acuti. Ci-Ca La via per una sicura anticoagulazione con citrato

Sistema per Acuti. Ci-Ca La via per una sicura anticoagulazione con citrato Sistema per Acuti Ci-Ca La via per una sicura anticoagulazione con citrato La terapia Ci-Ca Citrato Dialisato Ci-Ca Calcio Modulo Ci-Ca Il sistema Ci-Ca con gestione integrata del citrato e calcio: La

Dettagli

Competizione tra reazioni di sostituzione e di eliminazione

Competizione tra reazioni di sostituzione e di eliminazione Competizione tra reazioni di sostituzione e di eliminazione C δ + δ - CH 2 G Centro elettrofilo δ + H Centro elettrofilo Potenziale buon gruppo uscente Si distinguono due principali meccanismi di eliminazione:

Dettagli

TRATTAMENTI TERMOCHIMICI DEGLI ACCIAI

TRATTAMENTI TERMOCHIMICI DEGLI ACCIAI TRATTAMENTI TERMOCHIMICI DEGLI ACCIAI m12 Scopi dei trattamenti diffusivi Trattamenti di Carbocementazione,, Nitrurazione, Borurazione Proprietà ed applicazioni TRATTAMENTI TERMOCHIMICI di DIFFUSIONE TRATTAMENTI

Dettagli

Equazioni dierenziali ordinarie del prim'ordine

Equazioni dierenziali ordinarie del prim'ordine 21 Maggio 2012 - Lab. di Complementi di Matematica e Calcolo Numerico Equazioni dierenziali ordinarie del prim'ordine Indice 1 Integrazione di un'equazione cinetica 2 2 Cinetica di adsorbimento di Langmuir

Dettagli

1. Conversione dell energia chimica in energia elettrica

1. Conversione dell energia chimica in energia elettrica Capitolo n 3 1. Conversione dell energia chimica in energia elettrica L Elettrochimica studia le relazioni tra energia chimica ed energia elettrica; in particolare si studiano i processi di trasformazione

Dettagli

La misurazione del rendimento di Combustione secondo la UNI 10389 del 1994

La misurazione del rendimento di Combustione secondo la UNI 10389 del 1994 La misurazione del rendimento di Combustione secondo la UNI 10389 del 1994 Ing. Gennaro Augurio Direttore Operativo ITAGAS AMBIENTE Via R. Paolucci, 3 Pescara gennaro.augurio@itagasambiente.it GSM 347-99.10.915

Dettagli

Parte 2. Determinante e matrice inversa

Parte 2. Determinante e matrice inversa Parte. Determinante e matrice inversa A. Savo Appunti del Corso di Geometria 013-14 Indice delle sezioni 1 Determinante di una matrice, 1 Teorema di Cramer (caso particolare), 3 3 Determinante di una matrice

Dettagli

LA STRUTTURA DELL ATOMO 4.A PRE-REQUISITI 4.B PRE-TEST 4.6 ENERGIE DI IONIZZAZIONE E DISTRIBUZIONE DEGLI ELETTRONI 4.C OBIETTIVI

LA STRUTTURA DELL ATOMO 4.A PRE-REQUISITI 4.B PRE-TEST 4.6 ENERGIE DI IONIZZAZIONE E DISTRIBUZIONE DEGLI ELETTRONI 4.C OBIETTIVI LA STRUTTURA DELL ATOMO 4.A PRE-REQUISITI 4.B PRE-TEST 4.C OBIETTIVI 4.1 UNO SGUARDO ALLA STORIA 4.2 L ATOMO DI BOHR (1913) 4.5.2 PRINCIPIO DELLA MASSIMA MOLTEPLICITA (REGOLA DI HUND) 4.5.3 ESERCIZI SVOLTI

Dettagli

Na (T 1/2 =15 h), che a sua volta decade β - in 24 12

Na (T 1/2 =15 h), che a sua volta decade β - in 24 12 Esercizio 1 Il 24 10 Ne (T 1/2 =3.38 min) decade β - in 24 11 Na (T 1/2 =15 h), che a sua volta decade β - in 24 12 Mg. Dire quali livelli sono raggiungibili dal decadimento beta e indicare lo schema di

Dettagli

Gli enzimi. L azione degli enzimi è caratterizzata da alcune proprietà fondamentali:

Gli enzimi. L azione degli enzimi è caratterizzata da alcune proprietà fondamentali: Gli enzimi Nel metabolismo energetico le cellule producono notevoli quantità di CO 2 che deve essere eliminata con l apparato respiratorio. Il trasferimento della CO 2 dalle cellule al sangue e da esso

Dettagli

Anno Accademico 2010-2011. Appunti dalle lezioni del Corso Libero di. GEOLOGIA E GEOMORFOLOGIA a cura della dott.ssa Maria Antonia Pulina

Anno Accademico 2010-2011. Appunti dalle lezioni del Corso Libero di. GEOLOGIA E GEOMORFOLOGIA a cura della dott.ssa Maria Antonia Pulina Anno Accademico 2010-2011 Appunti dalle lezioni del Corso Libero di GEOLOGIA E GEOMORFOLOGIA a cura della dott.ssa Maria Antonia Pulina I Parte : GEOLOGIA Struttura interna della Terra I minerali I processi

Dettagli

1. LO SMOG FOTOCHIMICO A SCALA DI BACINO

1. LO SMOG FOTOCHIMICO A SCALA DI BACINO 1. LO SMOG FOTOCHIMICO A SCALA DI BACINO Il progresso ha portato l uomo a condurre regimi di vita per i quali il superfluo è diventato necessario, soprattutto nell ultimo dopoguerra e nei Paesi più evoluti.

Dettagli

MODALITA DI VALUTAZIONE DELLA DOSE EFFICACE PER I LAVORATORI ESPOSTI

MODALITA DI VALUTAZIONE DELLA DOSE EFFICACE PER I LAVORATORI ESPOSTI MODALITA DI VALUTAZIONE DELLA DOSE EFFICACE PER I LAVORATORI ESPOSTI Premessa La presente relazione fornisce i criteri e le modalità mediante i quali verranno valutate le dosi efficaci per lavoratori dipendenti,

Dettagli

Areni Composti aromatici

Areni Composti aromatici Areni Composti aromatici Areni: composti contenenti l anello benzenico Aromatico: aggettivo usato un tempo per indicare fragrante, ora indica la elevata stabilità di un sistema ciclico contenente elettroni

Dettagli

GEOMETRIA MOLECOLARE

GEOMETRIA MOLECOLARE GEOMETRIA MOLECOLARE Le molecole hanno geometrie spaziali ben definite caratterizzate da distanze di legame ed angoli di legame. Questi possono essere determinati sperimentalmente (es. raggi X). Si vede

Dettagli

1. Conoscenze di base per le Scienze della Terra

1. Conoscenze di base per le Scienze della Terra . Conoscenze di base per le Scienze della Terra Il Lago Natron è un lago salino che si trova in Tanzania. Il suo bellissimo colore rosso non è dovuto a una bizzarra forma di inquinamento, ma deriva dalla

Dettagli

Da dove prendono energia le cellule animali?

Da dove prendono energia le cellule animali? Da dove prendono energia le cellule animali? La cellula trae energia dai legami chimici contenuti nelle molecole nutritive Probabilmente le più importanti sono gli zuccheri, che le piante sintetizzano

Dettagli

Daniele Trovò allievo dell ITIS Natta di Padova Reazioni degli acidi carbossilici 1

Daniele Trovò allievo dell ITIS Natta di Padova Reazioni degli acidi carbossilici 1 Indice: Pagina Acidità degli acidi carbossilici 2 eattività degli acidi carbossilici 4 Preparazione dei cloruri 5 Preparazione delle anidridi 6 Preparazioni degli esteri 7 Preparazioni delle ammidi 8 Sintesi

Dettagli

L ACQUA ALCUNE PROPRIETA CHIMICO-FISICHE

L ACQUA ALCUNE PROPRIETA CHIMICO-FISICHE L ACQUA ALCUNE PROPRIETA CHIMICO-FISICHE δ + δ + L OSSIGENO E IBRIDATO sp 3 CON DISTORSIONE DELL ANGOLO (α =105 ) DENSITA : la massima densità (1 g/ml) è a 3.98 C. PUNTO DI FUSIONE: alla pressione di 760

Dettagli

1 - COMPOSIZIONE CHIMICA DELLA TERRA. 1.1 - Di che cosa è fatta la Terra

1 - COMPOSIZIONE CHIMICA DELLA TERRA. 1.1 - Di che cosa è fatta la Terra 1 - COMPOSIZIONE CHIMICA DELLA TERRA 1.1 - Di che cosa è fatta la Terra La Terra (fig. 1.1) può essere suddivisa nel seguente modo: biosfera, insieme di tutti gli organismi viventi sulla Terra; atmosfera,

Dettagli

La base di partenza per la maggior parte dei processi produttivi di materiali ceramici sono le sospensioni. Queste si ottengono dalla miscelazione di

La base di partenza per la maggior parte dei processi produttivi di materiali ceramici sono le sospensioni. Queste si ottengono dalla miscelazione di La base di partenza per la maggior parte dei processi produttivi di materiali ceramici sono le sospensioni. Queste si ottengono dalla miscelazione di un solido (polvere) che diverrà il ceramico, con un

Dettagli

UN MODELLO MATEMATICO PER LA PIROLISI DI BIOMASSE

UN MODELLO MATEMATICO PER LA PIROLISI DI BIOMASSE UNIONE EUROPEA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA MAIM ENGINEERING S.r.l. UN MODELLO MATEMATICO PER LA PIROLISI DI BIOMASSE Mario Cruccu, Laura Sanna Maim Engineering S.r.l., Piazza Giovanni

Dettagli

CAPITOLO I CORRENTE ELETTRICA. Copyright ISHTAR - Ottobre 2003 1

CAPITOLO I CORRENTE ELETTRICA. Copyright ISHTAR - Ottobre 2003 1 CAPITOLO I CORRENTE ELETTRICA Copyright ISHTAR - Ottobre 2003 1 INDICE CORRENTE ELETTRICA...3 INTENSITÀ DI CORRENTE...4 Carica elettrica...4 LE CORRENTI CONTINUE O STAZIONARIE...5 CARICA ELETTRICA ELEMENTARE...6

Dettagli

Meccanismi di azione degli antiossidanti

Meccanismi di azione degli antiossidanti Meccanismi di azione degli antiossidanti Materiali rganici Sistemi biologici Lipidi, Proteine, Acidi Nucleici Alimenti Polimeri Materiali plastici, Gomme Lubrificanti Idrocarburi Carburanti Degradazione

Dettagli

Di seguito sono mostrati alcuni esempi della prova scritta riguardante il I Parziale.

Di seguito sono mostrati alcuni esempi della prova scritta riguardante il I Parziale. L esame di Chimica Farmaceutica e Tossicologica I, a.a. 2014-2015, consiste in una prova scritta ed una orale. La prova scritta viene effettuata nei giorni, luoghi ed orari che sono presenti on-line (sito

Dettagli

ESPERIENZE DI LABORATORIO

ESPERIENZE DI LABORATORIO ESPERIENZE DI LABORATORIO Determinazione dello zinco nei capelli..1 Determinazione di anioni inorganici presenti in acque potabili 4 Determinazione degli acidi grassi in lipidi di origine naturale..6 Determinazione

Dettagli

Samuele Di Rita - Classe 2 B sa - 16/03/2015 - Gruppo 5: Di Rita, Dal Maso

Samuele Di Rita - Classe 2 B sa - 16/03/2015 - Gruppo 5: Di Rita, Dal Maso Samuele Di Rita - Classe 2 B sa - 16/03/2015 - Gruppo 5: Di Rita, Dal Maso SAGGI ANALITICI SU ALIMENTI CONTENENTI CARBOIDRATI OBIETTIVI Fase 1: Dimostrare, mediante l uso del distillato di Fehling, se

Dettagli

L ALIMENTAZIONE ANTINFIAMMATORIA PER IL PODISTA. Dott.ssa Elisa Seghetti Biologa Nutrizionista - Neurobiologa

L ALIMENTAZIONE ANTINFIAMMATORIA PER IL PODISTA. Dott.ssa Elisa Seghetti Biologa Nutrizionista - Neurobiologa L ALIMENTAZIONE ANTINFIAMMATORIA PER IL PODISTA Dott.ssa Elisa Seghetti Biologa Nutrizionista - Neurobiologa L atleta moderno ha bisogno di un maggior numero di adattamenti metabolici all esercizio fisico.

Dettagli

ALLUMINIO E SUE LEGHE Classificazioni e trattamenti termici. Elio Gianotti. Trattamenti Termici Ferioli & Gianotti (Torino)

ALLUMINIO E SUE LEGHE Classificazioni e trattamenti termici. Elio Gianotti. Trattamenti Termici Ferioli & Gianotti (Torino) ALLUMINIO E SUE LEGHE Classificazioni e trattamenti termici. Elio Gianotti. Trattamenti Termici Ferioli & Gianotti (Torino) INDICE Affinamento delle strutture cristalline... 31 Atmosfere dei forni da trattamento

Dettagli

Appendice A: tabelle descrittive residenti

Appendice A: tabelle descrittive residenti Appendice A: tabelle descrittive residenti 1. PARAMETRI EMATOCHIMICI DI BASE Nelle tabelle 1-12 sono riportati in dettaglio i risultati delle analisi descrittive riguardanti i parametri ematochimici di

Dettagli

INFIAMMAZIONE. L infiammazione è strettamente connessa con i processi riparativi! l agente di malattia e pone le basi per la

INFIAMMAZIONE. L infiammazione è strettamente connessa con i processi riparativi! l agente di malattia e pone le basi per la INFIAMMAZIONE Risposta protettiva che ha lo scopo di eliminare sia la causa iniziale del danno cellulare (es. microbi, tossine etc), sia i detriti cellulari e le cellule necrotiche che compaiono a seguito

Dettagli

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI 15.1.2011 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 12/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO (UE) N. 10/2011 DELLA COMMISSIONE del 14 gennaio 2011 riguardante i materiali e gli oggetti

Dettagli

Lo Strano Mondo degli Atomi. Concezione e testo : Jacques Deferne Disegni : Alain Gassener Traduzione di Enrico Fantini

Lo Strano Mondo degli Atomi. Concezione e testo : Jacques Deferne Disegni : Alain Gassener Traduzione di Enrico Fantini Lo Strano Mondo degli Atomi Concezione e testo : Jacques Deferne Disegni : Alain Gassener Traduzione di Enrico Fantini Jacques Deferne, 1 mai 2014 2 Avviso ai lettori Che i chimici e fisici mi perdonino!

Dettagli

Corso di Laurea in SCIENZE NATURALI Facoltà di Scienze MM.FF.NN. Mineralogia sistematica

Corso di Laurea in SCIENZE NATURALI Facoltà di Scienze MM.FF.NN. Mineralogia sistematica Corso di Laurea in SCIENZE NATURALI Facoltà di Scienze MM.FF.NN Mineralogia sistematica Mineralogia sistematica Ossidi, Idrossidi, Alogenuri, Carbonati, Solfati e Fosfati Ossidi e Idrossidi Gli ossidi

Dettagli

2.1 Difetti stechiometrici Variano la composizione del cristallo con la presenza di elementi diversi dalla natura dello stesso.

2.1 Difetti stechiometrici Variano la composizione del cristallo con la presenza di elementi diversi dalla natura dello stesso. 2. I difetti nei cristalli In un cristallo perfetto (o ideale) tutti gli atomi occuperebbero le corrette posizioni reticolari nella struttura cristallina. Un tale cristallo perfetto potrebbe esistere,

Dettagli

Metodologie per la misura, il campionamento delle emissioni di ossidi di azoto prodotte dagli impianti termici civili.

Metodologie per la misura, il campionamento delle emissioni di ossidi di azoto prodotte dagli impianti termici civili. REGIONE PIEMONTE BU12 20/03/2014 Codice DB1013 D.D. 12 marzo 2014, n. 52 Metodologie per la misura, il campionamento delle emissioni di ossidi di azoto prodotte dagli impianti termici civili. Con D.C.R.

Dettagli

A CHE COSA SERVE LA PROVA DI AMMISSIONE

A CHE COSA SERVE LA PROVA DI AMMISSIONE INDICE A che cosa serve la prova di ammissione pag. I Come è strutturata la prova III Come rispondere al questionario V Indicazioni sulle principali conoscenze richieste XII Testo della prova del 4 settembre

Dettagli

-uno o più IONI INORGANICI

-uno o più IONI INORGANICI Coenzimi e vitamine Alcuni enzimi, per svolgere la loro funzione, hanno bisogno di componenti chimici addizionali, i COFATTORI APOENZIMA + COFATTORE = OLOENZIMA = enzima cataliticamente attivo Il cofattore

Dettagli

Progetto macchina con tetto fotovoltaico

Progetto macchina con tetto fotovoltaico ITIS A.PACINOTTI Via Montaione 15 Progetto macchina con tetto fotovoltaico Classe 2 C Informatica Docente referente: Prof.ssa Leccesi Progetto: Educarsi al futuro Premessa Motivazione per la partecipazione

Dettagli

Trasformazioni Geometriche 1 Roberto Petroni, 2011

Trasformazioni Geometriche 1 Roberto Petroni, 2011 1 Trasformazioni Geometriche 1 Roberto etroni, 2011 Trasformazioni Geometriche sul piano euclideo 1) Introduzione Def: si dice trasformazione geometrica una corrispondenza biunivoca che associa ad ogni

Dettagli

CLASSIFICAZIONE E DESIGNAZIONE DEGLI ACCIAI

CLASSIFICAZIONE E DESIGNAZIONE DEGLI ACCIAI CLASSIFICAZIONE E DESIGNAZIONE DEGLI ACCIAI La classificazione e la designazione degli acciai sono regolamentate da norme europee valide in tutte le nazioni aderenti al Comitato Europeo di Normazione (CEN).

Dettagli

Gli Alcheni : struttura e nomenclatura

Gli Alcheni : struttura e nomenclatura Gli Alcheni : struttura e nomenclatura Alcheni Gli alcheni sono idrocarburi che contengono un doppio legame carbonio-carbonio sono anche detti olefine o idrocarburi insaturi La formula molecolare è C n

Dettagli

7.9 Reazioni che introducono un centro Stereogenico

7.9 Reazioni che introducono un centro Stereogenico 7.9 eazioni che introducono un centro tereogenico Molte reazioni convertono reagenti achirali a prodotti chirali. E importante ricordare, comunque che se tutti i i componenti iniziali (reagenti, catalizzatori,

Dettagli

modulo: CHIMICA DEI POLIMERI

modulo: CHIMICA DEI POLIMERI CORSO PON Esperto nella progettazione, caratterizzazione e lavorazione di termoplastici modulo: CHIMICA DEI POLIMERI Vincenzo Venditto influenza delle caratteristiche strutturali, microstrutturali e morfologiche

Dettagli

Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti

Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti Le necessità del nostro corpo Cibo e bevande sono i mezzi con cui il nostro organismo si procura le sostanze di cui ha bisogno per le sue attività vitali.

Dettagli

Esercizi e Problemi di Termodinamica.

Esercizi e Problemi di Termodinamica. Esercizi e Problemi di Termodinamica. Dr. Yves Gaspar March 18, 2009 1 Problemi sulla termologia e sull equilibrio termico. Problema 1. Un pezzetto di ghiaccio di massa m e alla temperatura di = 250K viene

Dettagli

U.D.: LABORATORIO ELETTRICITA

U.D.: LABORATORIO ELETTRICITA U.D.: LABORATORIO ELETTRICITA 1 ATTREZZI MATERIALI 2 Tavoletta compensato Misure: 30cmx20-30 cm spellafili punteruolo cacciavite Nastro isolante Metro da falegname e matita Lampadine da 4,5V o 1,5V pinza

Dettagli

TERMODINAMICA DI UNA REAZIONE DI CELLA

TERMODINAMICA DI UNA REAZIONE DI CELLA TERMODINAMICA DI UNA REAZIONE DI CELLA INTRODUZIONE Lo scopo dell esperienza è ricavare le grandezze termodinamiche per la reazione che avviene in una cella galvanica, attraverso misure di f.e.m. effettuate

Dettagli

DI REGOLAZIONE A DUE COMPONENTI

DI REGOLAZIONE A DUE COMPONENTI LEZIONE 16 Sistemi di regolazione SISTEMI DI REGOLAZIONE A DUE COMPONENTI In che modo un batterio sente e risponde a specifici segnali provenienti dall ambiente? Per esempio, nel caso dell operone lac

Dettagli

A Ferrara, 14 miliardi di anni fa

A Ferrara, 14 miliardi di anni fa A Ferrara, 14 miliardi di anni fa 1 L eredità di Copernico Quale è la relazione fra l uomo e l universo per ciò che riguarda: x : lo spazio t : il tempo m: la materia m t C X 2 Un viaggio nel tempo t di

Dettagli

Metodi risolutivi per le disequazioni algebriche

Metodi risolutivi per le disequazioni algebriche Metodi risolutivi per le disequazioni algebriche v.scudero Una disequazioni algebrica si presenta in una delle quattro forme seguenti: () P( () P( (3) P( () P( essendo P( un polinomio in. Noi studieremo

Dettagli

10.- DISINFETTANTI PIÙ COMUNI E MODALITÀ D USO

10.- DISINFETTANTI PIÙ COMUNI E MODALITÀ D USO 10.- DISINFETTANTI PIÙ COMUNI E MODALITÀ D USO 10.0.- Disinfettanti e loro caratteristiche Questa sezione descrive alcune famiglie di disinfettanti facilmente reperibili sul mercato che attualmente vengono

Dettagli

Equazioni alle differenze finite (cenni).

Equazioni alle differenze finite (cenni). AL 011. Equazioni alle differenze finite (cenni). Sia a n } n IN una successione di numeri reali. (Qui usiamo la convenzione IN = 0, 1,,...}). Diremo che è una successione ricorsiva o definita per ricorrenza

Dettagli