SOLUZIONI AI PROBLEMI DEL CAPITOLO 2. Domande concettuali

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "SOLUZIONI AI PROBLEMI DEL CAPITOLO 2. Domande concettuali"

Transcript

1 SOLUZIONI AI PROBLEMI DEL CAPITOLO 2 Domande concettuali C1. Il lavoro di Mendel dimostrò che i determinanti genetici vengono ereditati con modalità dominante/recessiva. Questo era evidente in molti dei suoi incroci. Per esempio, quando egli incrociava due linee pure di piante per il carattere altezza (per esempio, piante alte per piante nane), tutte le piante F 1 erano alte. Questo è in contrasto con il concetto di eredità per mescolamento. Probabilmente era più chiaro il risultato ottenuto dalla generazione F 2 : 3/4 della progenie era costituito da piante alte, e 1/4 da piante nane. In altre parole, la generazione F 2 manifestava dei fenotipi uguali a quelli della generazione parentale. Non sembrava esserci un mescolamento che creasse un fenotipo intermedio. Al contrario, i determinanti genetici non sembravano variare da una generazione a quella successiva. C2. Nel caso delle piante, la fecondazione incrociata si verifica quando il polline e le cellule uovo derivano da piante diverse, mentre nell autofecondazione essi provengono dalla stessa pianta. C3. Il genotipo rappresenta il tipo di geni che un individuo eredita mentre il fenotipo corrisponde all'insieme dei caratteri osservabili di un individuo. Le piante alte dei piselli, i capelli rossi degli esseri umani, e le ali vestigiali dei moscerini della frutta sono fenotipi. Omozigote, TT, nelle piante di pisello; un portatore eterozigote dell'allele per la fibrosi cistica; e gli omozigoti per l'allele della fibrosi cistica sono descrizioni di genotipi. È possibile avere genotipi diversi ma fenotipi identici. Per esempio, sia una pianta di pisello con genotipo TT che una pianta Tt presenteranno il fenotipo alto. C4. Un omozigote che ha due copie dello stesso allele. C5. E' necessario eseguire un incrocio nel quale l individuo con genotipo sconosciuto viene incrociato con un individuo che porta solamente alleli recessivi per il gene in questione. C6. Gli organismi diploidi possiedono due copie dello stesso tipo di gene. Quando essi formano i gameti, in ciascun gamete verrà a trovarsi una sola copia di ciascun gene. I due alleli non possono trovarsi entrambi nello stesso gamete. C7. B. Questa affermazione non è corretta perché questi sono alleli di geni diversi. C8. Genotipi: 1:1 Tt e tt Fenotipi: 1:1 alta e nana C9. L individuo con fenotipo recessivo deve essere omozigote. L individuo con fenotipo dominante potrebbe essere omozigote oppure eterozigote. C10. c è l allele recessivo per i baccelli concamerati; Y corrisponde all allele dominante per il colore giallo. L incrocio è ccyy x CcYy. Segui le indicazioni per la costruzione del quadrato di Punnett descritte nel Capitolo 2. I rapporti genotipici sono 2 CcYY : 4 CcYy : 2 Ccyy : 2 ccyy : 4 ccyy : 2 ccyy. Questo rapporto 2:4:2:2:4:2 può essere semplificato nel rapporto 1:2:1:1:2:1. I rapporti fenotipici sono 6 baccelli semplici, semi gialli : 2 baccelli semplici, semi verdi : 6 baccelli concamerati, semi gialli : 2 baccelli concamerati, semi verdi. Questo rapporto 6:2:6:2 può venire semplificato nel rapporto 3:1:3:1. C11. I genotipi sono 1 YY : 2 Yy : 1 yy. I fenotipi sono 3 gialli : 1 verde. C12. La progenie con fenotipo non parentale è in accordo con il concetto dell assortimento indipendente. Se due caratteri diversi fossero sempre trasmessi come una singola unità, non sarebbe possibile ottenere combinazioni fenotipiche non parentali. Per esempio, se un parentale appartenente a una linea pura avesse due caratteri dominanti e fosse incrociato con un individuo di una linea pura per due caratteri recessivi, nella generazione F 2 non si potrebbe osservare progenie con un fenotipo recessivo e l altro dominante. Tuttavia, con il verificarsi dell assortimento indipendente è possibile che la progenie F 2 presenti un carattere dominante e uno recessivo. C13. (a) L'albero descrive la trasmissione di un carattere recessivo perché i parentali sani talvolta hanno progenie malata. In questi casi, i parentali sani sono portatori eterozigoti.

2 (b) Questo pedigree rappresenta un carattere dominante. Un individuo affetto ha sempre un parentale malato. Tuttavia l'ereditarietà di tipo recessivo non può essere esclusa. C14. A. Escludendo una nuova mutazione durante la formazione dei gameti, la probabilità è del 100% perché essi devono essere eterozigoti per generare un figlio con una malattia recessiva. C15. B. Costruisci un quadrato di Punnett. La probabilità di avere figli eterozigoti è del 50%. C. Usa la regola del prodotto. La probabilità di essere fenotipicamente normale è 0,75 (ossia 75%), perciò la risposta è 0,75 x 0,75 x 0,75 = 0,422, cioé 42,2%. D. Usa l espansione binomiale, dove n = 3, x = 2, p = 0,75, q = 0,25. La risposta è 0,422, ossia 42,2%. A. 100% perché sono geneticamente identici. B. Costruisci un quadrato di Punnett. Sappiamo che i genitori sono eterozigoti perché essi hanno avuto un figlio con occhi azzurri. Il gemello dizigotico non è geneticamente identico, ma condivide gli stessi genitori dell altro gemello. La risposta è 25%. C. La probabilità che un individuo erediti l'allele è del 50% e la probabilità che egli/lei lo trasmetta alla sua progenie è nuovamente del 50%. Utilizziamo la regola del prodotto: (0,5)(0,5) = 0,25 ossia 25%. D. Escludendo una nuova mutazione durante la formazione dei gameti, la probabilità è del 100% perché essi devono essere eterozigoti per generare un figlio con occhi azzurri. C16. Per prima cosa costruisci un quadrato di Punnett. La probabilità di produrre un cucciolo con mantello uniforme è del 75%, e quella di un cucciolo a macchie è del 25%. A. Usa l espansione binomiale, dove n = 5, x = 4, p = 0,75, q = 0,25. La risposta è 0,396 = 39,6% dei casi. B. Puoi usare l espansione binomiale per ogni cucciolata. Per la prima cucciolata, n = 6, x = 4, p = 0,75, q = 0,25; per la seconda n = 5, x = 5, p = 0,75, q = 0,25. Siccome le due cucciolate sono in uno specifico ordine, usiamo la regola del prodotto e moltiplichiamo la probabilità della prima cucciolata per la probabilità della seconda. La risposta è 0,070, ossia 7,0%. C. Per calcolare la probabilità della prima cucciolata, usiamo la regola del prodotto e moltiplichiamo la probabilità del primo cucciolo (0,75) per la probabilità dei rimanenti quattro. Usiamo l espansione binomiale per calcolare la probabilità di questi ultimi, dove n = 4, x = 3, p = 0,75, q = 0,25. La probabilità della prima cucciolata è 0,316. Per calcolare la probabilità della seconda cucciolata, dobbiamo usare la regola del prodotto e moltiplichiamo la probabilità del primo cucciolo (0,25) per la probabilità del secondo (0,25), per la probabilità dei rimanenti cinque. Per calcolare la probabilità dei rimanenti cinque, usiamo l espansione binomiale, dove n = 5, x = 4, p = 0,75, q = 0,25. La probabilità della seconda cucciolata è 0,025. Per calcolare la probabilità di queste due cucciolate in questo ordine preciso, usiamo la regola del prodotto e calcoliamo la probabilità della prima cucciolata (0,316) moltiplicata per la probabilità della seconda cucciolata (0,025). La risposta è 0,008, ossia 0,8%. Siccome questo è un ordine specifico, usiamo la regola del prodotto e moltiplichiamo la probabilità del primo cucciolo (0,75) per la probabilità del secondo (0,25), per la probabilità dei rimanenti quattro. Usiamo l espansione binomiale per calcolare la probabilità dei rimanenti quattro cuccioli, dove n = 4, x = 2, p = 0,75, q = 0,25. La risposta è 0,040, ossia 4,0%. C17. Se B è l'allele nero, e b indica l'allele bianco, il maschio è bb, la prima femmina è probabilmente BB, e la seconda Bb. Non siamo certi del genotipo della prima femmina, che potrebbe essere Bb, sebbene sia improbabile perché non produce alcun cucciolo bianco nella cucciolata di otto cani. C18. A. Usa la regola del prodotto: (¼)(¼) = 1/16 B. Usa l espansione binomiale: n = 4, p = ¼, q = ¾, x = 2 P = 0,21 = 21% C. Usa la regola del prodotto : (¼)(¾)(¾) = 0,14, ossia 14% C19. I genitori devono essere eterozigoti, quindi la probabilità è 1/4.

3 C20. A. ¼ B. 1, ovvero 100% C. (¾)(¾)(¾) = 27/64 = 0,42, ossia 42% D. Usa l espansione binomiale, dove n = 7, p = ¾, q = ¼, x = 3 P = 0,058 = 5,8% E. La probabilità che la prima pianta sia alta è ¾. Per calcolare la probabilità che delle quattro successive, due siano alte, usiamo l espansione binomiale, dove n = 4, p = ¾, q = ¼, e x = 2. La probabilità P equivale a 0,21. Per calcolare la probabilità complessiva dei due eventi: (¾)(0,21) = 0,16, ossia 16% C21. A. T Y R, T y R, T Y r, T y r B. T Y r, t Y r C. T Y R, T Y r, T y R, T y r, t Y R, t Y r, t y R, t y r D. t Y r, t y r C22. Esso viola la prima legge di Mendel perché due copie di un gene si trovano in un gamete. I due alleli per il gene A non hanno segregato l uno dall altro. C23. Si tratta di ereditarietà di tipo recessivo. Il pedigree è illustrato di seguito. Gli individui affetti sono indicati con simboli pieni. Il tipo di ereditarietà sembra essere recessivo. Genitori sani (che devono essere eterozigoti) producono figli affetti. C24. Sulla base del pedigree, è probabilmente eredità di tipo dominante perché un figlio malato ha sempre un genitore affetto. Infatti, questo è un difetto dominante. C25. A. 3/16 B. (9/16) (9/16) (9/16) = 729/4096 = 0,18 C. (9/16) (9/16) (3/16) (1/16) (1/16) = 243/ = 0,00023 ovvero 0,023% D. Un altro modo per considerare questo caso è che la probabilità di osservare semi lisci e gialli è 9/16. Perciò, la probabilità che una pianta non presenti semi lisci e gialli è 1 9/16 = 7/16. C26. È impossibile che gli individui F 1 siano una linea pura perché sono tutti eterozigoti. C27. Questo problema è un po' lungo, ma possiamo risolverlo usando il metodo della moltiplicazione.

4 Per l'altezza, il rapporto è 3 alte : 1 nana. Per la forma del seme, il rapporto è 1 liscio : 1 rugoso. Per il colore del seme, sono tutti gialli. Per la posizione del fiore, il rapporto è 3 assiali : 1 terminale. Quindi, il prodotto è (3 alte + 1 nana) (1 liscio + 1 rugoso) (1 giallo) (3 assiali + 1 terminale) Quindi la risposta è 9 alte, lisci, gialli, assiali 9 alte, rugosi, gialli, assiali 3 alte, lisci, gialli, terminali 3 alte, rugosi, gialli, terminali 3 nane, lisci, gialli, assiali 3 nane, rugosi, gialli, assiali 1 nane, lisci, gialli, terminali 1 nane, rugosi, gialli, terminali C28. 2 TY, ty, 2 Ty,ty, TTY, TTy, 2 TtY, 2 Tty Può risultare difficile pensarci, ma ottieni 2 TY e 2 Ty perché ciascuno dei due alleli T può combinarsi con Y oppure y. Inoltre, ottieni 2 TtY e 2 Tty perché ciascuno dei due alleli T potrebbe combinarsi con t e poi combinarsi con Y oppure y. C29. Il fuco è sb e l'ape regina è SsBb. Secondo la prima e la seconda legge di Mendel, il maschio può produrre solamente gameti sb, mentre l'ape regina può produrre SB, Sb, sb, e sb, in proporzioni uguali. Perciò, la progenie maschile sarà SB, Sb, sb, e sb, e le femmine della progenie saranno SsBB, SsBb, ssbb, e ssbb. Assumendo che vi sia un egual numero di maschi e di femmine, i rapporti fenotipici saranno: Maschi 1 ali normali / occhi neri 1 ali normali / occhi bianchi 1 ali corte / occhi neri 1 ali corte / occhi bianchi Femmine 2 ali normali / occhi neri 2 ali corte / occhi neri C30. Il genotipo delle piante F 1 è Tt Yy Rr. Secondo la prima e la seconda legge di Mendel gli alleli di ciascun gene segregano l uno dall altro, e gli alleli di geni diversi assortiscono casualmente nei gameti. Un individuo Tt Yy Rr può generare otto tipi di gameti: TYR, TyR, Tyr, TYr, tyr, tyr, tyr, e tyr, in uguali proporzioni (quindi 1/8 per ciascun tipo di gamete). Per determinare i genotipi e i fenotipi potresti costruire un grande quadrato di Punnett con 64 caselle. Dovresti allineare gli otto possibili gameti sopra e a lato del quadrato di Punnett, e riempire le 64 caselle. In alternativa, puoi usare uno dei due approcci descritti nel problema risolto R4. I genotipi e i fenotipi sono: 1 TT YY RR 2 TT Yy RR 2 TT YY Rr 2 Tt YY RR

5 4 TT Yy Rr 4 Tt Yy RR 4 Tt YY Rr 8 Tt Yy Rr = 27 piante alte con semi gialli e lisci 1 TT yy RR 2 Tt yy RR 2 TT yy Rr 4 Tt yy Rr = 9 piante alte con semi verdi e lisci 1 TT YY rr 2 TT Yy rr 2 Tt YY rr 4 Tt Yy rr = 9 piante alte con semi gialli e rugosi 1 tt YY RR 2 tt Yy RR 2 tt YY Rr 4 tt Yy Rr = 9 piante nane con semi gialli e lisci 1 TT yy rr 2 Tt yy rr = 3 piante alte con semi verdi e rugosi 1 tt yy RR 2 tt yy Rr = 3 piante nane con semi verdi e lisci 1 tt YY rr 2 tt Yy rr = 3 piante nane con semi gialli e rugosi 1 tt yy rr = 1 pianta nana con semi verdi e rugosi C31. Costruisci un quadrato di Punnett per determinare la probabilità di questi tre fenotipi. Le probabilità sono 9/16 per semi lisci e gialli; 3/16 per lisci e verdi; e 1/16 per rugosi e verdi. Usa l'espansione multinomiale descritta nel Problema risolto R7, dove n = 5, a = 2, b = 1, c = 2, p = 9/16, q = 3/16, r = 1/16. La risposta è 0,007, ossia 0,7% dei casi. C32. Il maschio con capelli lanosi è eterozigote, perché egli presenta il carattere mentre sua madre non lo presenta (deve avere ereditato l allele normale da sua madre). Perciò, egli ha una probabilità del 50% di trasmettere l allele alla sua progenie. La probabilità che a loro volta questi individui trasmettano l allele alla propria progenie è 50%. Questi nipoti hanno il 50% di probabilità di trasmetterlo ai loro figli (i pronipoti del maschio con capelli lanosi). Siccome questa è una sequenza ordinata di eventi indipendenti, usiamo la regola del prodotto: 0,5 x 0,5 x 0,5 = 0,125, ossia 12,5%. Dato che nessun altro individuo di origine scandinava è presente sull isola, la probabilità è 87,5% per la progenie normale (perché non possono ereditare l allele capelli lanosi da nessun altro individuo). Usiamo l espansione binomiale per determinare la possibilità che uno degli otto pronipoti abbia capelli lanosi, dove n = 8, x = 1, p = 0,125, q = 0,875. La risposta è 0,393, ossia 39,3%. C33. A. Costruisci un quadrato di Punnett. Questa è una malattia rara, quindi assumiamo che la madre sia eterozigote e il padre sia normale. Le probabilità che l'uomo trentenne porti l allele patologico sono del 50%. B. Usa la regola del prodotto: 0,5 (probabilità che l'uomo possieda l'allele) per 0,5 (probabilità che lo trasmetta alla sua progenie), equivale a 0,25, ossia 25%. C. Utilizziamo l'espansione binomiale. Nella parte B, abbiamo calcolato che la probabilità di avere un figlio malato è 0,25. Perciò, la probabilità di avere un figlio sano è 0,75. Per l'espansione binomiale, n = 3, x = 1, p = 0,25, q = 0,75. La risposta è 0,422 ovvero 42,2%.

6 C34. Usa la regola del prodotto. Se la donna è eterozigote, la probabilità di avere un figlio malato è del 50%, dunque: (0,5) 7 = 0,0078, ossia 0,78% dei casi. Questa è una probabilità piuttosto bassa. Se la donna ha un ottavo figlio sano, tuttavia, lei deve essere eterozigote, perché questo è un carattere dominante. Dovrebbe aver trasmesso un allele normale alla progenie sana. La risposta è 100%. Domande sperimentali S1. Le piante di pisello sono relativamente piccole e resistenti. Esse producono sia polline che cellule uovo nello stesso fiore. Dato che il fiore è protetto dalla carena, l'autofecondazione è relativamente facile. Inoltre, la fecondazione incrociata è possibile grazie alla semplice azione di rimozione delle antere in un fiore immaturo e successiva applicazione del polline di un'altra pianta. Infine, i piselli sono disponibili in diverse varianti. S2. La differenza sperimentale dipende da dove deriva il polline. Nell autofecondazione, il polline e le cellule uovo derivano dalla stessa pianta. Nella fecondazione incrociata, essi derivano da piante diverse. S3. Le due generazioni impiegheranno due stagioni di crescita ossia circa 1 anno e mezzo. S4. Secondo la prima legge di Mendel, il rapporto tra i genotipi dovrebbe essere 1 omozigote dominate : 2 eterozigoti : 1 omozigote recessivo. Questa tabella di dati considera solo piante con un fenotipo dominante. Il rapporto genotipico dovrebbe essere 1 omozigote dominante : 2 eterozigoti. Al contrario degli eterozigoti, gli omozigoti dominanti dovrebbero corrispondere a linee pure. Questo rapporto 1:2 è molto vicino a quello che osservò Mendel. S5. In un incrocio monoibrido, lo sperimentatore si occupa solamente della manifestazione di un singolo carattere. In un incrocio diibrido, lo sperimentatore segue la trasmissione ereditaria di due caratteri diversi. S6. Le tre cavie avevano mantello nero. Gli ovari della femmina di tipo albino potrebbero produrre ovociti che portano solamente l allele dominante (perché ottenuti da una femmina di una linea pura). Il fenotipo della madre albina non ha importanza. Quindi tutta la progenie è eterozigote (Bb) con mantello nero. S7. I dati sono in accordo con due geni (che chiameremo gene 22 e gene 24) ciascuno con due alleli, uno sensibile e l altro resistente. I dati osservati possono essere approssimati a un rapporto 9:3:3:1. Questo è il rapporto atteso se sono coinvolti due geni, e se la resistenza è dominante sulla sensibilità. S8. Se costruiamo un quadrato di Punnett secondo le leggi di Mendel, ci aspettiamo un rapporto 9:3:3:1. Dato che sono stati osservati in totale 556 individui, i numeri attesi nella progenie sono 556 x 9/16 = 313 semi lisci e gialli 556 x 3/16 = 104 semi rugosi e gialli 556 x 3/16 = 104 semi lisci e verdi 556 x 1/16 = 35 semi rugosi e verdi Se inseriamo i dati corrispondenti ai valori osservati e attesi nell equazione per il calcolo del chi quadrato, otteniamo il risultato 0,51. Con quattro categorie, i gradi di libertà corrispondono a n 1, ossia 3. Se cerchiamo il valore 0,51 nella tabella del chi quadrato (vedi Tabella 2.1), vediamo che questo ricade tra i valori di P di 0,80 e 0,95. Questo significa che la probabilità che la deviazione tra i risultati osservati e quelli attesi dipenda da un errore di campionamento è compresa tra 80% e 95%. Quindi, accettiamo l ipotesi. In altri termini, i risultati sono in accordo con la seconda legge di Mendel. S9. No, la seconda legge di Mendel si applica alla trasmissione ereditaria di due o più geni. In un esperimento monoibrido si segue solamente l'eredità di un singolo gene. S10. A. Se c + rappresenta ali normali, e c indica le ali curve, mentre e + rappresenta corpo grigio, ed e quello ebano, Incrocio parentale: cce + e+ x c + c + ee La generazione F 1 è eterozigote c + ce + e La generazione F 1 viene incrociata con moscerini con ali curve e corpo ebano c + ce + e x ccee La generazione F 2 presenta un rapporto 1:1:1:1 di moscerini con i seguenti genotipi: c + ce + e : c + cee : cce + e : ccee B. Il rapporto fenotipico dei moscerini F 2 dovrebbe essere 1:1:1:1 con i seguenti fenotipi:

7 ali normali, corpo grigio : ali normali, corpo ebano : ali curve, corpo grigio : ali curve, corpo ebano. C. Dalla risposta B, ci aspettiamo ¼ per ogni categoria. Il totale della progenie corrisponde a 444 individui. Il numero atteso per ogni categoria è ¼ x 444, che equivale a 111. χ 2 =[ ( ) 2 / 111] + [( ) 2 / 111] + [( ) 2 / 111] + [( ) 2 / 111] χ 2 = 0,49 Con 3 gradi di libertà, un valore uguale o maggiore a 0,49 si ottiene tra l 80% e il 95% dei casi. Perciò, accettiamo la nostra ipotesi. S11. Ci aspetteremmo un rapporto di 3 collo normale : 1 collo lungo. In altre parole, si dovrebbe osservare 1/3 dei topi con il collo lungo. Se moltiplichiamo 522 per 1/3, il valore atteso sarebbe 174. Tuttavia, ne vengono osservati solamente 62. Perciò, sembra che , ossia 112 topi, siano morti durante il primo sviluppo embrionale; 112 diviso 174 ci indica la percentuale dei topi morti, che equivale allo 0,644, ovvero al 64,4%. S12. Segui la stessa strategia descritta prima per il calcolo del chi quadrato. Attendiamo un rapporto 3:1, ossia ¾ di fenotipi dominanti e ¼ di fenotipi recessivi. I valori osservati e attesi sono i seguenti (arrotondati al valore intero) ( O E) Osservati* Attesi E , , , , , , , , , , , , , ,455 χ 2 = 2,15 * In conseguenza dell arrotondamento delle cifre, la somma dei valori osservati e attesi potrebbero non ammontare esattamente allo stesso valore 2 Siccome n = 14, i gradi di libertà sono 13. Se cerchiamo questo valore nella tabella del chi quadrato, dobbiamo guardare tra 10 e 15 gradi di libertà. In ciascun caso, ci aspettiamo un valore uguale o maggiore di 2,15 in oltre il 99% dei casi. Quindi accettiamo l ipotesi. S13. Questo significa che un valore di deviazione pari o maggiore a 1,005 (tra i dati osservati e quelli attesi) si presenterebbe nell 80% dei casi. In altre parole, è piuttosto probabile ottenere questo valore in seguito a un errore di campionamento. Perciò, accettiamo l'ipotesi. S14. Il parentale nano con fiori terminali deve essere omozigote per entrambi i geni, perché esso esprime i due caratteri recessivi: ttaa, dove t è l allele recessivo nano, e a corrisponde all allele recessivo che determina fiori terminali. Il fenotipo dell altro parentale è dominante per i due caratteri. Tuttavia, siccome questo parentale è in grado di generare progenie nana con fiori assiali, esso deve essere eterozigote per entrambi i geni: TtAa. S15. La nostra ipotesi è che la sensibilità alle malattie e la resistenza all'erbicida siano caratteri dominanti e che essi siano governati da due geni che assortiscono in modo indipendente. Secondo questa ipotesi, la generazione F 2 dovrebbe produrre un rapporto di 9 piante sensibili alle malattie e resistenti all'erbicida : 3 sensibili alle malattie, sensibili all'erbicida : 3 resistenti alle malattie, resistenti all'erbicida : 1 resistente alle malattie, sensibile all'erbicida. In un totale di 288 individui della progenie, i numeri attesi sono 9/16 x 288 = 162 sensibili alle malattie, resistenti all'erbicida 3/16 x 288 = 54 sensibili alle malattie, sensibili all'erbicida

8 3/16 x 288 = 54 resistenti alle malattie, resistenti all'erbicida 1/16 x 288 = 18 resistenti alle malattie, sensibili all'erbicida χ 2 =[( ) 2 / 162 ]+[(57 54) 2 / 54] + [(54 54) 2 / 54] + [(20 18) 2 / 18] χ 2 = 0,54 Se cerchiamo questo valore nella tabella del chi quadrato in corrispondenza di 3 gradi di libertà, lo troviamo tra i valori di probabilità di 0,95 e 0,80. Perciò, a causa di un errore di campionamento, ci aspettiamo un valore uguale o superiore a 0,54 almeno nell'80% dei casi. S16. La nostra ipotesi è che i fiori blu e i semi porpora siano caratteri dominanti e governati da due geni che assortiscono in modo indipendente. Secondo questa ipotesi, la generazione F 2 dovrebbe produrre un rapporto di 9 fiori blu, semi porpora : 3 fiori blu, semi verdi : 3 fiori bianchi, semi porpora : 1 fiore bianco, semi verdi. Dato che la progenie consta di 300 individui, i numeri attesi sono: 9/16 x 300 = 169 fiori blu, semi porpora 3/16 x 300 = 56 fiori blu, semi verdi 3/16 x 300 = 56 fiori bianchi semi porpora 1/16 x 300 = 19 fiori bianchi, semi verdi χ 2 = ( ) 2 / (49 56) 2 / 56 + (44 56) 2 / 56 + (104 19) 2 / 19 χ 2 = 409,5 Se cerchiamo questo valore nella tabella del chi quadrato, nella riga corrispondente a tre gradi di libertà, il valore è molto più elevato rispetto al 1% di probabilità dovuta al caso. Quindi rifiutiamo l ipotesi. L idea che i due geni assortiscano in modo indipendente non sembra essere corretta. La generazione F 1 supporta l idea che i fiori blu e semi porpora siano caratteri dominanti.

La trasmissione dei caratteri ereditari. Le leggi di Mendel (1882-1884)

La trasmissione dei caratteri ereditari. Le leggi di Mendel (1882-1884) La trasmissione dei caratteri ereditari Le leggi di Mendel (1882-1884) Le leggi di Mendel studiano la trasmissione di caratteri qualitativi prodotti da un singolo gene Procedimento sperimentale di Mendel

Dettagli

Le strategie mendeliane

Le strategie mendeliane Le strategie mendeliane Il punto di partenza: il rompicapo sull eredità e come l approccio sperimentale innovativo di Mendel aiutò a risolverlo. Il lavoro vero e proprio: l analisi genetica secondo Mendel,compresa

Dettagli

www.fisiokinesiterapia.biz LE LEGGI DI MENDEL

www.fisiokinesiterapia.biz LE LEGGI DI MENDEL www.fisiokinesiterapia.biz LE LEGGI DI MENDEL Gregor Johann Mendel (1822-1884) Comprese i principi che regolano la trasmissione dei caratteri ereditari alla progenie senza conoscere - l esistenza dei geni

Dettagli

Genetica. Mendel e la genetica

Genetica. Mendel e la genetica Genetica Le leggi dell ereditarietà di Mendel Ereditarietà e cromosomi Estensioni della genetica mendeliana Applicazioni della genetica Genoma umano Mendel e la genetica Mendel 81822-1884), un monaco di

Dettagli

Prima Legge di Mendel LEGGE DELLA SEGREGAZIONE IN PROPORZIONI UGUALI:

Prima Legge di Mendel LEGGE DELLA SEGREGAZIONE IN PROPORZIONI UGUALI: Prima Legge di Mendel LEGGE DELLA SEGREGAZIONE IN PROPORZIONI UGUALI: Durante la meiosi, i membri di una coppia allelica si separano in modo simmetrico nelle uova e negli spermatozoi. Questa separazione

Dettagli

GENETICA MENDELIANA. Per i suoi studi, Mendel utilizzò piante di pisello odoroso (Pisum sativum) Facilità di coltivazione. Disponibilità di varietà

GENETICA MENDELIANA. Per i suoi studi, Mendel utilizzò piante di pisello odoroso (Pisum sativum) Facilità di coltivazione. Disponibilità di varietà GENETICA: è la scienza che studia i caratteri ereditari degli organismi viventi, i meccanismi attraverso i quali si trasmettono ai discendenti e le modalità con cui si manifestano. La genetica moderna

Dettagli

I MOTORI DELL EVOLUZIONE PT1. POMERIGGIO DI AGGIORNAMENTO 23.03.2011 PROF. M.A. ZORDAN, Ph.D UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA

I MOTORI DELL EVOLUZIONE PT1. POMERIGGIO DI AGGIORNAMENTO 23.03.2011 PROF. M.A. ZORDAN, Ph.D UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA I MOTORI DELL EVOLUZIONE PT1 POMERIGGIO DI AGGIORNAMENTO 23.03.2011 PROF. M.A. ZORDAN, Ph.D UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA 1 GREGOR MENDEL 1822-1884 2 2 Grandi navigatori 3 3 Rotte commerciali per le

Dettagli

La Genetica. Le leggi di Mendel

La Genetica. Le leggi di Mendel La Genetica Le leggi di Mendel La Genetica Il monaco Gregor Mendel (1822-1884) fu il primo a studiare in modo rigoroso il fenomeno della trasmissione dei caratteri ereditari. Per questo, pur non avendo

Dettagli

LA GENETICA MENDELIANA

LA GENETICA MENDELIANA LA GENETICA MENDELIANA A partire dal 1856, Johann Gregor Mendel (1822 1884) iniziò una lunga serie di esperimenti sulle piante di pisello (Pisum sativum), con le quali era facile effettuare incroci ed

Dettagli

SOLUZIONI AI PROBLEMI DEL CAPITOLO 5. Domande concettuali

SOLUZIONI AI PROBLEMI DEL CAPITOLO 5. Domande concettuali SOLUZIONI AI PROBLEMI DEL CAPITOLO 5 Domande concettuali C1. Ricombinazione genetica è un termine che si riferisce alla presenza di una nuova combinazione di alleli in un individuo della progenie. Il crossing-over

Dettagli

LA GENETICA. Dott.ssa Valentina Terio

LA GENETICA. Dott.ssa Valentina Terio LA GENETICA Dott.ssa Valentina Terio LLA GENETCA SCIENZA NATA CIRCA 150 ANNI FA GRAZIE AD UN STUDIOSO AUSTRIACO DI NOME MENDEL Pisello da giardino per la facilità di crescita e la possibilità di una impollinazione

Dettagli

Trasmissione del materiale ereditario

Trasmissione del materiale ereditario Trasmissione del materiale ereditario Confronto tra mitosi e meiosi: La mitosi consiste in una duplicazione dei cromosomi seguita da una regolare separazione Ciascun cromosoma si comporta indipendentemente

Dettagli

La Genetica. Le leggi di Mendel

La Genetica. Le leggi di Mendel La Genetica Le leggi di Mendel Genetica: scienza che studia la trasmissione dei caratteri ereditari (che si trasmettono di generazione in generazione) Carattere: caratteristica esterna, interna o comportamentale

Dettagli

Le leggi di Mendel esposte in modo ragionato e critico di Luciano Porta

Le leggi di Mendel esposte in modo ragionato e critico di Luciano Porta Le leggi di Mendel esposte in modo ragionato e critico di Luciano Porta Le tre leggi di Mendel, che descrivono la trasmissione dei caratteri ereditari da una generazione all altra, segnano l inizio della

Dettagli

CORSO INTEGRATO DI GENETICA

CORSO INTEGRATO DI GENETICA CORSO INTEGRATO DI GENETICA a.a.2011-2012 11.10.2011 Lezioni N. 7 e 8 Ereditarietà Mendeliana Segregazione alleli, indipendenza geni, associazione, ricombinazione Dott.ssa Elisabetta Trabetti UN GENE =

Dettagli

Capitolo 3 Riproduzione e trasmissione dei cromosomi

Capitolo 3 Riproduzione e trasmissione dei cromosomi Capitolo 3 Riproduzione e trasmissione dei cromosomi 3.1 Nelle cellule somatiche del topolino domestico vi sono 40 cromosomi. a. Quanti cromosomi riceve dal padre? b. Quanti autosomi sono presenti nel

Dettagli

LA GENETICA scienza che studia i caratteri ereditari e i meccanismi che ne regolano la trasmissione.

LA GENETICA scienza che studia i caratteri ereditari e i meccanismi che ne regolano la trasmissione. LA GENETICA scienza che studia i caratteri ereditari e i meccanismi che ne regolano la trasmissione. Gregor Jhoann Mendel (1822-1884) Mendel viveva nel monastero di Brum, a Brno in Repubblica Ceca, studiò

Dettagli

GENETICA... lessico. Genetica: studio dei geni e dell'ereditarietà

GENETICA... lessico. Genetica: studio dei geni e dell'ereditarietà GENETICA... lessico Genetica: studio dei geni e dell'ereditarietà Geni: porzioni di DNA contenenti un'informazione che permette di decodificare una certa proteina. Es: gene che determina il colore dei

Dettagli

OMOZIGOTE Dominante. OMOZIGOTE Recessivo ETEROZIGOTE

OMOZIGOTE Dominante. OMOZIGOTE Recessivo ETEROZIGOTE GENI E CARATTERI EREDITARI I caratteri ereditari corrispondono a precisi tratti di DNA, i geni, che contengono le informazioni per la sintesi delle proteine. Ciascun gene occupa nel cromosoma una determinata

Dettagli

I.7.1 Malattie genetiche legate al sesso

I.7.1 Malattie genetiche legate al sesso verificare tutti i possibili risultati della fecondazione tra cellula uovo e spermatozoi e constatare come le probabilità che nasca una femmina o un maschio sono entrambe pari al 50%. Figura 7 - Ad ogni

Dettagli

GENETICA GENERALE ED UMANA LA GENETICA E LA SCIENZA DELL EREDITARIETA, CIOE STUDIA LA TRASMISSIONE DELLE CARATTERISTICHE EREDITARIE, CHE DISTINGUONO UN SOGGETTO DALL ALTRO. NEGLI ULTIMI DECENNI LA GENETICA,

Dettagli

SOLUZIONI AI PROBLEMI DEL CAPITOLO 4. Domande concettuali

SOLUZIONI AI PROBLEMI DEL CAPITOLO 4. Domande concettuali SOLUZIONI AI PROBLEMI DEL CAPITOLO 4 Domande concettuali C1. La dominanza si verifica quando un allele esercita completamente i suoi effetti sul fenotipo rispetto a un altro allele. La dominanza incompleta

Dettagli

1761-1766 Ereditarietà per mescolamento: il materiale genetico dei genitori si mescola nel momento in cui viene trasmesso alla progenie Fine 1700

1761-1766 Ereditarietà per mescolamento: il materiale genetico dei genitori si mescola nel momento in cui viene trasmesso alla progenie Fine 1700 1761-1766 Ereditarietà per mescolamento: il materiale genetico dei genitori si mescola nel momento in cui viene trasmesso alla progenie Fine 1700 Lamark: i cambiamenti comportamentali modificano i caratteri

Dettagli

La trasmissione delle malattie genetiche. Anna Onofri

La trasmissione delle malattie genetiche. Anna Onofri La trasmissione delle malattie genetiche Gli alberi genealogici Anna Onofri I simboli maggiormente utilizzati Le malattie genetiche Molte malattie genetiche sono legate ad un singolo gene e possono verificarsi

Dettagli

EREDITA MENDELIANA IL CARATTERE E TRASMESSO CON GLI AUTOSOMI O E ASSOCIATO AI CROMOSOMI SESSUALI?

EREDITA MENDELIANA IL CARATTERE E TRASMESSO CON GLI AUTOSOMI O E ASSOCIATO AI CROMOSOMI SESSUALI? EREDITA MENDELIANA IL CARATTERE E TRASMESSO CON GLI AUTOSOMI O E ASSOCIATO AI CROMOSOMI SESSUALI? CARATTERE AUTOSOMICO -codificato da geni su cromosomi non sessuali -non ci sono differenze di trasmissione

Dettagli

TEORIA CROMOSOMICA : ALLEGATI

TEORIA CROMOSOMICA : ALLEGATI TEORIA CROMOSOMICA : ALLEGATI FIG. 2 a pag. 1 FIG. 5 a pag. 3 FIG. 7 a pag. 5 FIG. 9 a pag. 7 FIG. 3 e 4 a pag. 2 FIG. 6 a pag. 4 FIG. 8 a pag. 6 FIG. 10 e 11 a pag. 8 1 FIGURA 2 Perché sono tutti maschi

Dettagli

GENETICA GENERALE GENETICA UMANA E MOLECOLARE

GENETICA GENERALE GENETICA UMANA E MOLECOLARE GENETICA GENERALE GENETICA UMANA E MOLECOLARE Come si studiano i geni 1. Trasmissione genetica, studia i fenomeni del passaggio dei caratteri da generazione a generazione (sperimentale: in modelli animali

Dettagli

LE MALATTIE GENETICHE CLASSE 3 C

LE MALATTIE GENETICHE CLASSE 3 C LE MALATTIE GENETICHE CLASSE 3 C Malattia causata da allele dominante Il nanismo acondroplastico è una malattia causata da un allele dominante; gli individui che ne sono affetti sono di statura molto bassa,

Dettagli

4 modulo didattico - Modalità di trasmissione delle malattie

4 modulo didattico - Modalità di trasmissione delle malattie 4 modulo didattico - Modalità di trasmissione delle malattie monogeniche. L analisi dell albero genealogico: uno strumento indispensabile della genetica medica I SIMBOLI DELL ALBERO GENEALOGICO L ANEMIA

Dettagli

generazione filiale ibridi

generazione filiale ibridi La Genetica Mendel, una volta che si fu assicurato di aver piante pure per un determinato carattere iniziò la fecondazione incrociata: ad esempio, prelevò del polline da una varietà dal fiore bianco e

Dettagli

CAPITOLO III CONFRONTI TRA DISTRIBUZIONI

CAPITOLO III CONFRONTI TRA DISTRIBUZIONI CAPITOLO III CONFRONTI TRA DISTRIBUZIONI 3.1 CONFRONTI TRA DISTRIBUZIONI OSSERVATE E DISTRIBUZIONI TEORICHE OD ATTESE. Nella teoria statistica e nella pratica sperimentale, è frequente la necessità di

Dettagli

GENETICA MENDELIANA NELL UOMO

GENETICA MENDELIANA NELL UOMO GENETICA MENDELIANA NELL UOMO GENETICA FORMALE o GENETICA CLASSICA basata unicamente su risultati visibili di atti riproduttivi. È la parte più antica della genetica, risalendo agli esperimenti di Mendel

Dettagli

ESTENSIONI DELLE LEGGI DI MENDEL

ESTENSIONI DELLE LEGGI DI MENDEL ESTENSIONI DELLE LEGGI DI MENDEL Mendel rinuncia alle sue ricerche Mendel proseguì le sue ricerche su altre piante per ottenere conferme alle sue leggi, ma trovò tante e tali contraddizioni che (si dice)

Dettagli

Ereditarietà biologica: le leggi di Mendel, e le eccezioni alla ereditarietà mendeliana.

Ereditarietà biologica: le leggi di Mendel, e le eccezioni alla ereditarietà mendeliana. Ereditarietà biologica: le leggi di Mendel, e le eccezioni alla ereditarietà mendeliana. la scienza dell ereditarietà Le radici storiche della genetica, la scienza dell ereditarietà, risalgono agli antichi

Dettagli

Capitolo 5 Associazione e mappatura genetica negli eucarioti

Capitolo 5 Associazione e mappatura genetica negli eucarioti Capitolo 5 Associazione e mappatura genetica negli eucarioti 5.1 Il gene recessivo sh ( shrunken ) produce nel seme del granturco un endosperma raggrinzito; il suo allele dominante sh + produce, invece,

Dettagli

Scienza che studia la

Scienza che studia la Genetica Scienza che studia la trasmissione delle caratteristiche degli individui alla propria discendenza Genetica: termini Fenotipo:aspetto di una caratteristica per una determinata specie Linea pura:

Dettagli

CORSO INTEGRATO DI GENETICA ESERCIZI

CORSO INTEGRATO DI GENETICA ESERCIZI CORSO INTEGRATO DI GENETICA A.A. 2007-2008 15 novembre 2007 dott.ssa E. Trabetti Lezioni 37-38 ESERCIZI (1) Una coppia sarda di rivolge a voi per una consulenza genetica poiché, nel corso di uno screening

Dettagli

= femmina. = maschio. = fenotipo banda bianca. = fenotipo pezzato. =fenotipo colore uniforme

= femmina. = maschio. = fenotipo banda bianca. = fenotipo pezzato. =fenotipo colore uniforme Test n.8 Dalle Olimpiadi delle Scienze Naturali 2002 PARTE TERZA Le 5 domande di questa parte riguardano il medesimo argomento e sono introdotte da un breve testo e da uno schema. In una razza bovina il

Dettagli

Mendeliana Autosomica Dominante (AD) Autosomica Recessiva (AR) X-linked Recessiva (X-linked R) X-linked Dominante (X-linked D) Y-linked

Mendeliana Autosomica Dominante (AD) Autosomica Recessiva (AR) X-linked Recessiva (X-linked R) X-linked Dominante (X-linked D) Y-linked Trasmissione ereditaria di un singolo gene (eredità monofattoriale) Mendeliana Autosomica Dominante (AD) Autosomica Recessiva (AR) X-linked Recessiva (X-linked R) X-linked Dominante (X-linked D) Y-linked

Dettagli

Bioinformatica e Biologia Computazionale per la Medicina Molecolare

Bioinformatica e Biologia Computazionale per la Medicina Molecolare V Scuola di Ingegneria dell Informazione Laurea Magistrale in Ingegneria Informatica II Scuola di Ingegneria dei Sistemi Laurea Magistrale in Ingegneria Biomedica Dipartimento di Elettronica e Informazione

Dettagli

Prove associate al percorso UGUALI EPPUR DIVERSI

Prove associate al percorso UGUALI EPPUR DIVERSI Titolo: Prove associate al percorso UGUALI EPPUR DIVERSI Autore: Laura Cassata Percorsi didattici associati: A- Uguali eppur diversi AVVERTENZA: Le domande che seguono si ispirano al percorso o ai percorsi

Dettagli

Mappatura genetica. alberi genealogici (pedigree) stima del rischio genetico (counseling) analisi di linkage (lod score) Paolo Edomi - Genetica

Mappatura genetica. alberi genealogici (pedigree) stima del rischio genetico (counseling) analisi di linkage (lod score) Paolo Edomi - Genetica Mappatura genetica alberi genealogici (pedigree) stima del rischio genetico (counseling) analisi di linkage (lod score) Alberi genealogici Simbologia negli alberi genealogici Eredità autosomica recessiva

Dettagli

LA GENETICA MENDELIANA NELLA SPECIE UMANA!

LA GENETICA MENDELIANA NELLA SPECIE UMANA! LA GENETICA MENDELIANA NELLA SPECIE UMANA! ALBERI GENEALOGICI ACCOPPIAMENTO PROGENIE in ordine di nascita (da sx a dx) EREDITA AUTOSOMICA DOMINANTE AUTOSOMICA: il locus genico che controlla il carattere

Dettagli

Genetica post-mendeliana. Cdl Tecnici di Lab. Biomedico Aa. 2011-12 Prof.ssa Flavia Frabetti

Genetica post-mendeliana. Cdl Tecnici di Lab. Biomedico Aa. 2011-12 Prof.ssa Flavia Frabetti Genetica post-mendeliana Cdl Tecnici di Lab. Biomedico Aa. 2011-12 Prof.ssa Flavia Frabetti DOMINANZA INCOMPLETA GLI IBRIDI F 1 MANIFESTANO UN ASPETTO FENOTIPICO INTERMEDIO RISPETTO ALLE DUE VARIETÀ PARENTALI

Dettagli

La logica statistica della verifica (test) delle ipotesi

La logica statistica della verifica (test) delle ipotesi La logica statistica della verifica (test) delle ipotesi Come posso confrontare diverse ipotesi? Nella statistica inferenziale classica vengono sempre confrontate due ipotesi: l ipotesi nulla e l ipotesi

Dettagli

Corso di Laurea in Scienze e Tecnologie Biomolecolari. NOME COGNOME N. Matr.

Corso di Laurea in Scienze e Tecnologie Biomolecolari. NOME COGNOME N. Matr. Corso di Laurea in Scienze e Tecnologie Biomolecolari Matematica e Statistica II Prova di esame del 18/7/2013 NOME COGNOME N. Matr. Rispondere ai punti degli esercizi nel modo più completo possibile, cercando

Dettagli

GRUPPI SANGUIGNI. Supponendo che la popolazione italiana sia H-W, calcola la probabilità di ogni singolo allele e di ogni genotipo

GRUPPI SANGUIGNI. Supponendo che la popolazione italiana sia H-W, calcola la probabilità di ogni singolo allele e di ogni genotipo GRUPPI SANGUIGNI La distribuzione dei gruppi sanguigni nella popolazione italiana è: gruppo A 36%, gruppo B 17%, gruppo AB 7%, gruppo 0 40%. Il gruppo sanguigno è determinato da un locus genetico con tre

Dettagli

I caratteri legati ai cromosomi. sessuali sono un eccezione rispetto alle leggi di Mendel

I caratteri legati ai cromosomi. sessuali sono un eccezione rispetto alle leggi di Mendel I caratteri legati ai cromosomi sessuali sono un eccezione rispetto alle leggi di Mendel I caratteri legati ai cromosomi sessuali sono un eccezione rispetto alle leggi di Mendel il sesso di un individuo

Dettagli

Analisi genetica nell uomo: alberi genealogici problemi interpretazione

Analisi genetica nell uomo: alberi genealogici problemi interpretazione Analisi genetica nell uomo: alberi genealogici problemi interpretazione Tipi di ereditarietà monofattoriale autosomica dominante recessiva legata al sesso dominante recessiva Alberi genealogici o pedigrees

Dettagli

La terza legge: l'indipendenza dei caratteri

La terza legge: l'indipendenza dei caratteri La terza legge: l'indipendenza dei caratteri Formulazione semplificata della terza legge, supportata da immagine e filmato TERZA LEGGE DI MENDEL ANIMAZIONE a cura di Gigliola Merante 1 Verifichiamo la

Dettagli

TUTTO VA COME SE. Redi. Mendel Morgan. Needham. Pasteur. Spallanzani

TUTTO VA COME SE. Redi. Mendel Morgan. Needham. Pasteur. Spallanzani TUTTO VA COME SE Pasteur (1822-1895) confutatore della teoria della generazione spontanea e Morgan (1866-1945) padre della genetica moderna. Attraverso due secoli di storia vogliamo esemplificare un metodo

Dettagli

CORSO INTEGRATO DI GENETICA E BIOLOGIA MOLECOLARE ESERCIZI DI GENETICA

CORSO INTEGRATO DI GENETICA E BIOLOGIA MOLECOLARE ESERCIZI DI GENETICA CORSO INTEGRATO DI GENETICA E BIOLOGIA MOLECOLARE ESERCIZI DI GENETICA (1) Dato il genotipo AaBb: quali sono i geni e quali gli alleli? Disegnate schematicamente questo genotipo con i geni concatenati

Dettagli

Meiosi Genetica. Riproduzione sessuale Basi molecolari dell ereditarietà dei caratteri Variabilità genetica

Meiosi Genetica. Riproduzione sessuale Basi molecolari dell ereditarietà dei caratteri Variabilità genetica Meiosi Genetica Riproduzione sessuale Basi molecolari dell ereditarietà dei caratteri Variabilità genetica Batteri e altri organismi unicellulari si riproducono mediante divisione cellulare (riproduzione

Dettagli

(es.: AA, aa, BB, bb ) 2 Alleli: si tratta di geni che si trovano su cromosomi omologhi e che controllano lo stesso carattere in modo eguale (alleli

(es.: AA, aa, BB, bb ) 2 Alleli: si tratta di geni che si trovano su cromosomi omologhi e che controllano lo stesso carattere in modo eguale (alleli 1 ELEMENTI DI GENETICA LA GENETICA È: LA DISCIPLINA (= LA SCIENZA) CHE INDAGA SUI MECCANISMI DELLA TRASMISSIONE DEI CARATTERI DA UNA GENERAZIONE ALL ALTRA. RICORDIAMO 2 CONCETTI FONDAMENTALI: A) GENOTIPO:

Dettagli

SEZIONE I - LA GENETICA MENDELIANA di Stefania Giannoni e Mauro Festa Larel

SEZIONE I - LA GENETICA MENDELIANA di Stefania Giannoni e Mauro Festa Larel SEZIONE I - LA GENETICA MENDELIANA di Stefania Giannoni e Mauro Festa Larel SEZIONE I - LA GENETICA MENDELIANA I.1 INTRODUZIONE. Tutti gli individui (batteri, piante, esseri umani) sono simili agli organismi

Dettagli

La genetica è la scienza dell ereditarietà: Studia la trasmissione delle caratteristiche ereditarie, che distinguono gli individui tra di loro

La genetica è la scienza dell ereditarietà: Studia la trasmissione delle caratteristiche ereditarie, che distinguono gli individui tra di loro La genetica è la scienza dell ereditarietà: Studia la trasmissione delle caratteristiche ereditarie, che distinguono gli individui tra di loro la comprensione di come i geni si trasmettono da genitori

Dettagli

IL GENOMA UMANO. Ogni cromosoma è suddiviso in regioni d informazione dette GENI. L informazione espressa da ciascun gene è detta CARATTERE.

IL GENOMA UMANO. Ogni cromosoma è suddiviso in regioni d informazione dette GENI. L informazione espressa da ciascun gene è detta CARATTERE. IL GENOMA UMANO Ogni cellula contiene nel nucleo una molecola chiamata DNA (acido desossiribonucleico) Tale molecola ha la forma di una lunghissima scala a chiocciola. I gradini che compongono la scala

Dettagli

Gaetano Graziano M E I O S I. La via per la diversità e l irripetibilità PREMESSA SIGNIFICATO PROCEDURA IMPORTANZA

Gaetano Graziano M E I O S I. La via per la diversità e l irripetibilità PREMESSA SIGNIFICATO PROCEDURA IMPORTANZA Gaetano Graziano M E I O S I La via per la diversità e l irripetibilità PREMESSA SIGNIFICATO PROCEDURA IMPORTANZA 1 P r e m e s s e DNA Cromosomi Aploidia e diploidia Geni 2 DNA E la sostanza chimica con

Dettagli

1 a LEGGE DI MENDEL Legge della Segregazione

1 a LEGGE DI MENDEL Legge della Segregazione IMPRINTING 1 a LEGGE DI MENDEL Legge della Segregazione I due membri di una coppia di alleli, durante la formazione dei gameti segregano in maniera indipendente, cioè in modo che metà dei gameti porti

Dettagli

Prima legge di Mendel

Prima legge di Mendel Prima legge di Mendel Capitolo 2 Procedimento sperimentale di Mendel 1. le piante di pisello (Pisum sativum) sono facilmente reperibili, coltivabili e si riproducono velocemente e più volte nell'anno.

Dettagli

SOLUZIONI AI PROBLEMI DEL CAPITOLO 8

SOLUZIONI AI PROBLEMI DEL CAPITOLO 8 SOLUZIONI AI PROBLEMI DEL CAPITOLO 8 Domande Concettuali C1. Le duplicazioni e le deficienze causano un cambiamento nella quantità totale del materiale genetico: le duplicazioni comportano la ripetizione

Dettagli

Test statistici di verifica di ipotesi

Test statistici di verifica di ipotesi Test e verifica di ipotesi Test e verifica di ipotesi Il test delle ipotesi consente di verificare se, e quanto, una determinata ipotesi (di carattere biologico, medico, economico,...) è supportata dall

Dettagli

Principi di mappatura genetica. Paolo Edomi - Genetica

Principi di mappatura genetica. Paolo Edomi - Genetica Principi di mappatura genetica Mappa genetica o di associazione cromosoma = mappa lineare posizione dei geni = punti sulla mappa loci genici frequenza di ricombinazione A B A B distanza dei geni > distanza

Dettagli

Corso di Laurea in Scienze e Tecnologie Biomolecolari. NOME COGNOME N. Matr.

Corso di Laurea in Scienze e Tecnologie Biomolecolari. NOME COGNOME N. Matr. Corso di Laurea in Scienze e Tecnologie Biomolecolari Matematica e Statistica II Prova di esame dell 11/1/2012 NOME COGNOME N. Matr. Rispondere alle domande nel modo più completo possibile, cercando di

Dettagli

I CARATTERI EREDITARI

I CARATTERI EREDITARI I CARATTERI EREDITARI I primi passi per comprendere come si trasmettono le caratteristiche attraverso le generazioni furono lenti e difficili. I caratteri di un individuo sono spesso molto simili a quelli

Dettagli

LA COSTRUZIONE DEL PEDIGREE NELLA GENETICA UMANA

LA COSTRUZIONE DEL PEDIGREE NELLA GENETICA UMANA LA COSTRUZIONE DEL PEDIGREE NELLA GENETICA UMANA Un metodo di base di analisi genetica negli esseri umani è la costruzione di una storia familiare per seguire la trasmissione ereditaria di un carattere.

Dettagli

Le leggi della Genetica

Le leggi della Genetica Le leggi della Genetica La genetica studia le caratteristiche ereditarie e come esse si trasmettono attraverso le generazioni. Si tratta di un campo di indagine scientifica vastissimo che, sulla base di

Dettagli

Linkage. Lezione 4 (riprendere il testo di Genetica ) By NA

Linkage. Lezione 4 (riprendere il testo di Genetica ) By NA Linkage Lezione (riprendere il testo di Genetica ) Tipi di mappe: mappe genetiche Mappe genetiche : si basano sulla frequenza di ricombinazione fra locus identificati attraverso marcatori di varia natura:

Dettagli

Elementi di Psicometria con Laboratorio di SPSS 1

Elementi di Psicometria con Laboratorio di SPSS 1 Elementi di Psicometria con Laboratorio di SPSS 1 10-Il test t per un campione e la stima intervallare (vers. 1.1, 25 ottobre 2015) Germano Rossi 1 germano.rossi@unimib.it 1 Dipartimento di Psicologia,

Dettagli

SOMIGLIANZA TRA INDIVIDUI

SOMIGLIANZA TRA INDIVIDUI SOMIGLIANZA TRA INDIVIDUI Si riferisce alla possibilità di riconoscere delle caratteristiche fenotipiche comuni tra animali diversi, dovute alla loro parentela. PARENTELA Due individui si dicono parenti

Dettagli

La trasmissione dei caratteri genetici. le leggi di Mendel

La trasmissione dei caratteri genetici. le leggi di Mendel La trasmissione dei caratteri genetici e le leggi di Mendel I figli assomigliano ai genitori perché hanno ereditato da loro alcune caratteristiche fisiche. Ma in che modo avviene questa trasmissione dei

Dettagli

-malattie monogeniche o mendeliane:

-malattie monogeniche o mendeliane: Martedì 16 Febbraio è venuta nella nostra classe la dr.ssa Petrelli Maria a spiegarci le malattie sessualmente trasmissibili e ereditarie, sessualità e affettività. Ci ha spiegato la divisione delle cellule

Dettagli

Elementi di Psicometria con Laboratorio di SPSS 1

Elementi di Psicometria con Laboratorio di SPSS 1 Elementi di Psicometria con Laboratorio di SPSS 1 12-Il t-test per campioni appaiati vers. 1.2 (7 novembre 2014) Germano Rossi 1 germano.rossi@unimib.it 1 Dipartimento di Psicologia, Università di Milano-Bicocca

Dettagli

a) Quanti soggetti obesi dovrebbero complessivamente esserci in questa popolazione;

a) Quanti soggetti obesi dovrebbero complessivamente esserci in questa popolazione; ESERCIZI DI CALCOLO DELLE PROBABILITA ES 1 Supponiamo che una certa forma di allergia respiratoria colpisca di norma 1 individuo ogni 20, mentre le intolleranze alimentari riguardano il 3.5% dei casi.

Dettagli

GENI LETALI E SUBLETALI

GENI LETALI E SUBLETALI GENI LETALI E SUBLETALI Si definiscono geni letali quelli che provocano la morte della progenie soprattutto nei primi stadi di vita. Invece i geni subvitali sono quelli che determinano la comparsa di anomalie

Dettagli

L ereditarietà. Il lavoro di Mendel. fenotipi alternativi. carattere. forma del seme. colore del seme. verde. giallo.

L ereditarietà. Il lavoro di Mendel. fenotipi alternativi. carattere. forma del seme. colore del seme. verde. giallo. L ereditarietà I figli generati per riproduzione sessuale, eredita dai genitori le caratteristiche di base della propria specie e determinate caratteristiche indiiduali che li rendo mili, ma n identici,

Dettagli

CAPITOLO 2 SOLUZIONI AI PROBLEMI PARI DEL TESTO

CAPITOLO 2 SOLUZIONI AI PROBLEMI PARI DEL TESTO CAPITOLO 2 SOLUZIONI AI PROBLEMI PARI DEL TESTO 2-2. Esistono molti vantaggi nell usare i piselli per lo studio dell eredità. (1) I piselli hanno un tempo di generazione piuttosto rapido. (2) I piselli

Dettagli

ORDINALI E NOMINALI LA PROBABILITÀ. Nell ambito della manifestazione di un fenomeno niente è certo, tutto è probabile.

ORDINALI E NOMINALI LA PROBABILITÀ. Nell ambito della manifestazione di un fenomeno niente è certo, tutto è probabile. ORDINALI E NOMINALI LA PROBABILITÀ Statistica5 23/10/13 Nell ambito della manifestazione di un fenomeno niente è certo, tutto è probabile. Se si afferma che un vitello di razza chianina pesa 780 kg a 18

Dettagli

Capitolo 4 Estensione dell eredità mendeliana

Capitolo 4 Estensione dell eredità mendeliana Capitolo 4 Estensione dell eredità mendeliana 4.1 L assenza di zampe nei bovini ( amputati ) è stata attribuita a un gene letale completamente recessivo. Un toro normale viene incrociato con una vacca

Dettagli

La divisione cellulare e la riproduzione degli organismi Parte II: Meiosi

La divisione cellulare e la riproduzione degli organismi Parte II: Meiosi La divisione cellulare e la riproduzione degli organismi Parte II: Meiosi 1 Cromosomi omologhi I cromosomi in un corredo cromosomico diploide sono presenti come coppie di omologhi Negli animali le cellule

Dettagli

Estensioni e variazioni dell eredit. ereditàmendeliana

Estensioni e variazioni dell eredit. ereditàmendeliana Estensioni e variazioni dell eredit ereditàmendeliana I principi dell ereditariet ereditarietà enunciati da Mendel non sono sempre rispettati. Sbagliati? No, insufficienti per spiegare tutte le modalità

Dettagli

Gli eventi caratteristici della meiosi sono:

Gli eventi caratteristici della meiosi sono: Gli eventi caratteristici della meiosi sono: 1. la segregazione (=separazione) dei cromosomi omologhi; 2. l assortimento indipendente dei cromosomi; 3. il crossing-over LA COMPRENSIONE DI COME I GENI SI

Dettagli

Collega ciascun termine con la sua definizione A. Fenotipo B. B. Genotipo C. C. Carattere D. D. Omozigote E. E. Eterozigote 1.

Collega ciascun termine con la sua definizione A. Fenotipo B. B. Genotipo C. C. Carattere D. D. Omozigote E. E. Eterozigote 1. Collega ciascun termine con la sua definizione A. Fenotipo B. B. Genotipo C. C. Carattere D. D. Omozigote E. E. Eterozigote 1. Insieme delle caratteristiche contenute nei geni, sia quelle manifeste, sia

Dettagli

GENETICA. Dott.ssa Priscilla Bettini http://www.dbag.unifi.it. http://www3.unifi.it/clscna/index.php

GENETICA. Dott.ssa Priscilla Bettini http://www.dbag.unifi.it. http://www3.unifi.it/clscna/index.php GENETICA Dott.ssa Priscilla Bettini http://www.dbag.unifi.it http://www3.unifi.it/clscna/index.php INNOVAZIONE DI MENDEL Scelta del materiale: Pisum sativum pianta annuale si autofeconda caratteri ben

Dettagli

SECONDA LEGGE DI MENDEL

SECONDA LEGGE DI MENDEL SECONDA LEGGE DI MENDEL Seconda Legge di Mendel: principio dell assortimento indipendente Il rapporto fenotipico 9:3:3:1 in incroci di diibridi Seconda Legge di Mendel: principio dell assortimento indipendente

Dettagli

Mendel e l ereditarietà. Anna Onofri

Mendel e l ereditarietà. Anna Onofri Mendel e l ereditarietà Anna Onofri Mendel, il padre della genetica Gregor Mendel (1822-1894) era un monaco e naturalista che condusse i suoi studi nel giardino del monastero di Brno, nell odierna Repubblica

Dettagli

GENETICA seconda parte

GENETICA seconda parte GENETICA seconda parte I cromosomi sono lunghe molecole di una sostanza l acido desossiribonucleico. DNA Il DNA è una lunga catena fatta da due lunghi fili avvolti su se stessi a doppia elica. Sembra una

Dettagli

SOLUZIONI AI PROBLEMI DEL CAPITOLO 22

SOLUZIONI AI PROBLEMI DEL CAPITOLO 22 SOLUZIONI AI PROBLEMI DEL CAPITOLO 22 Domande Concettuali C1. I caratteri recessivi legati all X si distinguono dagli altri due per la loro prevalenza nei maschi. I caratteri dominanti legati all X (che

Dettagli

Cromosomi sessuali. Le cellule maschili e femminili differiscono per i cromosomi sessuali o

Cromosomi sessuali. Le cellule maschili e femminili differiscono per i cromosomi sessuali o Cromosomi sessuali Le cellule maschili e femminili differiscono per i cromosomi sessuali o cromosomi del sesso o eterosomi (cosiddetti perché hanno forma diversa). Nell uomo e in molte altre specie (ma

Dettagli

Metodo dell albero ramificato

Metodo dell albero ramificato Metodo dell albero ramificato Capitolo 2 e 3 Il metodo dell albero ramificato Un alternativa al quadrato di Punnett ed i concetti di probabilita detti, è unire in un albero i risultati possibili e le eventuali

Dettagli

SOLUZIONI AI PROBLEMI DEL CAPITOLO 24. Domande concettuali

SOLUZIONI AI PROBLEMI DEL CAPITOLO 24. Domande concettuali SOLUZIONI AI PROBLEMI DEL CAPITOLO 24 Domande concettuali C1. Un pool genico è costituito da tutti i geni presenti in una particolare popolazione. Ogni tipo di gene nel pool genico può esistere in una

Dettagli

STATISTICA IX lezione

STATISTICA IX lezione Anno Accademico 013-014 STATISTICA IX lezione 1 Il problema della verifica di un ipotesi statistica In termini generali, si studia la distribuzione T(X) di un opportuna grandezza X legata ai parametri

Dettagli

Lavoro di gruppo: Aspetti etici fondamentali sull utilizzo di test genetici negli embrioni

Lavoro di gruppo: Aspetti etici fondamentali sull utilizzo di test genetici negli embrioni Lavoro di gruppo: Aspetti etici fondamentali sull utilizzo di test genetici negli embrioni Introduzione Questo esercizio è idoneo al lavoro di gruppo. Ogni gruppo sceglie un testo di lavoro, e presenta

Dettagli

PROBABILITA MISURARE L INCERTEZZA Lanciamo due dadi, facciamo la somma dei punteggi ottenuti. Su quale numero mi conviene scommettere?

PROBABILITA MISURARE L INCERTEZZA Lanciamo due dadi, facciamo la somma dei punteggi ottenuti. Su quale numero mi conviene scommettere? Lanciamo due dadi, facciamo la somma dei punteggi ottenuti. Su quale numero mi conviene scommettere? Abbiamo visto nella lezione precedente che lo spazio degli eventi più idoneo a rappresentare l esperimento

Dettagli

Le piante superiori a fiore possono riprodursi in due modi: 1. IMPOLLINAZIONE 2. AUTOFECONDAZIONE

Le piante superiori a fiore possono riprodursi in due modi: 1. IMPOLLINAZIONE 2. AUTOFECONDAZIONE LE LEGGI DI MENDEL Le piante superiori a fiore possono riprodursi in due modi: PISTILLO Stigma Stilo Ovario STAME Antera Filamento 1. IMPOLLINAZIONE 2. AUTOFECONDAZIONE INCROCIO Si rimuovono gli stami

Dettagli

GENETICA PRETEST 2014. Studenti Per

GENETICA PRETEST 2014. Studenti Per GENETICA PRETEST 2014 Studenti Per LA GENETICA è la scienza che studia i caratteri ereditari degli organismi viventi, i meccanismi attraverso i quali si trasmettono ai discendenti e le modalità con cui

Dettagli

La nuova biologia.blu

La nuova biologia.blu David Sadava, David M. Hillis, H. Craig Heller, May R. Berenbaum La nuova biologia.blu Genetica, DNA ed evoluzione PLUS 2 Capitolo B1 Da Mendel ai modelli di ereditarietà 3 Mendel, il padre della genetica

Dettagli

Analisi di dati di frequenza

Analisi di dati di frequenza Analisi di dati di frequenza Fase di raccolta dei dati Fase di memorizzazione dei dati in un foglio elettronico 0 1 1 1 Frequenze attese uguali Si assuma che dalle risposte al questionario sullo stato

Dettagli

Esercitazione #5 di Statistica. Test ed Intervalli di Confidenza (per una popolazione)

Esercitazione #5 di Statistica. Test ed Intervalli di Confidenza (per una popolazione) Esercitazione #5 di Statistica Test ed Intervalli di Confidenza (per una popolazione) Dicembre 00 1 Esercizi 1.1 Test su media (con varianza nota) Esercizio n. 1 Il calore (in calorie per grammo) emesso

Dettagli

CORSO DI GENETICA. Roberto Piergentili. Università di Urbino Carlo Bo LE LEGGI DI MENDEL

CORSO DI GENETICA. Roberto Piergentili. Università di Urbino Carlo Bo LE LEGGI DI MENDEL CORSO DI GENETICA LE LEGGI DI MENDEL Genotipo e Fenotipo (Johannsen 1909) Fenotipo: indica il complesso delle caratteristiche manifeste di un individuo, sia morfologiche che funzionali, prodotte dall interazione

Dettagli