Vivaio aperto - Perugia

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Vivaio aperto - Perugia"

Transcript

1 Vivaio aperto - Perugia Corso di potatura dei frutti INTRODUZIONE ALLA POTATURA 13 e 20 Febbraio Bricocenter Perugia Estratto lezione dott. Agronomo Luca Crotti Questo documento è un estratto del corso di potatura tenuto presso Bricocenter. E un micro compendio da ripassare velocemente. Partecipa di persona ai corsi gratuiti della Rosa del Borghetto, una buona occasione per comprendere i principi di un giardinaggio felice ed utile. La migliore occasione rimane sempre la pratica diretta all aria aperta. Informazioni ed iscrizioni:

2 INTRODUZIONE ALLA POTATURA che cos è la potatura la POTATURA è una cura colturale effettuata dall uomo, ma esistente anche in natura, con vari scopi: - la POTATURA serve per assegnare alla pianta una determinata forma e/o per mantenerla durante tutto il suo sviluppo ed il suo accrescimento - esistono tante forme di POTATURA che hanno il fine ultimo di far produrre alla pianta quello che è più necessario ai fini dell uomo - la POTATURA è necessaria per il recupero della forma e della funzionalità di piante con problemi - con la POTATURA diminuiamo la naturale alternanza di produzione delle piante da frutto la potatura è necessaria? NON SEMPRE Le piante selvatiche non sono potate Molte piante coltivate preferiscono non essere potate e crescere nella loro forma naturale

3 TIPI DI POTATURA potatura bruna : - di allevamento - di produzione - di riforma - di rinnovo - ceduazione - tramarratura - capitozzatura - sgamollatura - slupatura epoca: in tardo INVERNO, inizio PRIMAVERA

4 Gleditsia Triacanthos Sunburst al vivaio La Rosa del Borghetto potatura verde - potature estive - sfemminellatura epoca: in piena ESTATE molte operazioni di cura della vite vengono svolte nella fase vegetativa nelle drupacee la potatura verde migliora la cicatrizzazione, può essere fatta sui succhioni.

5 Punica granatum [Melograno da frutto] al vivaio La Rosa del Borghetto PRINCIPI DI POTATURA - per effettuare una buona potatura è fondamentale conoscere alcuni meccanismi fisiologici delle piante - assicurare un perfetto equilibrio tra parte vegetativa e riproduttiva per avere un buon numero di frutti di una buona pezzatura - dominanza apicale: eliminando l apice di un ramo o una branca la pianta emetterà gemme ascellari in numero maggiore e di maggior vigoria - effettuare sempre il taglio in modo obliquo circa un centimetro sopra la gemma con pendenza dalla parte opposta rispetto alla gemma - eliminare tutti (salvo altre necessità) i rami malati, indesiderati ed i polloni Il TAGLIO DI RITORNO consiste nell eliminare i rametti vecchi ed esauriti per rinnovare la chioma e si effettua alla base di un ramo giovane.

6 FORME D ALLEVAMENTO La potatura d allevamento serve per: - favorire l attecchimento dell albero all impianto - riequilibrare ove necessario la chioma all apparato radicale - conferire all albero la forma di allevamento desiderata La forma d allevamento dipende da molti fattori: - possibilità di soleggiamento (esposizione) - possibilità manutentive - obiettivo produttivo (e ornamentale) - specie e cultivar - spazio, tempo e denaro a disposizione nell anno successivo all impianto si procede ai primi tagli per conferire la forma desiderata al proprio albero, procedendo anche con l ausilio di corde, canne e tutori vari per ottenere la configurazione spaziale desiderata. POTATURA DI PRODUZIONE Obiettivi dell operazione sono: - assicurare la produzione; - cercare il giusto equilibrio tra frutti e parte vegetativa - rinnovare la chioma con tagli di ritorno e asportazione di rami e branche - asportazione delle parti malate - asportazione dei rami non produttivi - pulire l interno del fusto nelle forme a vaso - assicurare la stessa altezza alle branche - evitare l alternanza produttiva; - mantenere giovane l albero; - mantenere la forma voluta; - limitare le malattie; favorire la penetrazione della luce; COME PROCEDERE NELLA POTATURA 1) utilizzare acqua e ammoniaca per disinfettare le forbici tra una pianta e l altra 2) controllare lo stato di salute della pianta ed in particolare la presenza di succhioni e gemme a fiore, e la vigoria 3) eliminare i succhioni, i polloni, i rami malati e quasi tutti i rametti che puntano all interno 4) procedere branca per branca iniziando dalla più bassa 5) conferire l altezza voluta alla branca più bassa effettuando un taglio di ritorno verso una branchetta giovane rivolta all esterno 6) effettuare le operazioni di diradamento e/o raccorciamento dei rami 7) ricordarsi di assicurare un armonico sviluppo della branca nello spazio, e di sostituire le branche che vanno esaurendosi con rami vigorosi 8) continuare le operazioni nelle altre branche assicurando la stessa altezza ripassare, non troppo, ove necessario 9) compostare i residui colturali o bruciarli nel caso di malattie fungine

7 POTATURA DELLE POMACEE (melo, pero, cotogno...) i rami fruttiferi sono particolarmente concentrati nel legno vecchio BRINDILLO: esile ramo di 1 anno con gemme a legno e una mista in punta LAMBURDA: rametto di 2 anni che termina con una sola gemma mista in punta BORSA: di 3 anni, lunga 2-3 cm., fortemente ingrossata ZAMPA DI GALLO: rametto di più anni evoluzione della borsa diradare prevalentemente i brindilli sul melo e le lamburde sul pero, lasciando pertanto abbastanza legno vecchio. POTATURA DELLE DRUPACEE (susino, pesco, albicoco...) i rami fruttiferi sono concentrati pure nel legno giovane BRINDILLO: esile rametto di un anno di età, di cm. con in punta una gemma a legno, e all ascella delle foglie soltanto gemme a fiore. il RAMO MISTO: porta gemme miste e in punta una gemma a legno. DARDO: formazione di legno vecchio con numerose gemme a fiore e alcune gemme a legno. L aspetto è sempre più giovane rispetto alle pomacee, specie per il pesco che produce sempre su rami misti mentre l albicocco produce anche sul vecchio (si pota con la sega), per il susino dipende dalle varietà (le europee come l albicocco, le asiatiche come il pesco). POTATURA DELLA VITE produce su tralci (rami di un anno) nati da gemme miste potatura del passato, del presente e del futuro si elimina quanto ha prodotto, preferibilmente con tagli di ritorno si tengono 2-3 gemme su tralci robusti e ben lignificati si preparano i tralci del futuro ricordarsi di effettuare precocemente la potatura per evitare il pianto. ALTRE POTATURE Tra le pomacee si ricordano cotogno, che ha solo gemme buone terminali (brindilli) e si dirada dolcemente, nespolo comune e sorbo, che andrebbero allevati in forma libera e nespolo del Giappone, sempreverde da potare in giugno con tagli di diradamento della chioma effettuati con la tecnica del t. di ritorno Tra le drupacee si ricordano ciliegio e mandorlo, che non vanno toccati mai se non per leggeri sfoltimenti estivi (così come il noce che non è una drupacea) e il visciolo che si comporta similmente all albicocco È molto facile la potatura del kaki, che produce su brindilli di 1-8 anni per cui è possibile potare forte o piano o nulla; è solo una potatura di conservazione della forma. Gli arbusti da frutto, nocciolo e melograno, producono su polloni di 1 anno, la cui presenza va favorita eliminando alla base i vecchi polloni che hanno già prodotto e lasciando 10 polloni circa al piede dell arbusto Dott. Agronomo Luca Crotti

8 Estratto realizzato a partire dalla presentazione del dott. Agronomo Luca Crotti. Testi e foto di proprietà dell autore, salvo dove indicato. Non esistono due giardini uguali, né due giorni uguali passati nello stesso giardino H. Johnson Perugia, Febbraio/Marzo 2010 La Rosa del Borghetto Iscriviti ai corsi gratuiti!

Giornate tecniche 2011

Giornate tecniche 2011 Giornate tecniche 2011 Seminario: Aspetti teorici e applicativi della potatura delle piante da frutto Relatore: dott. agr. Salvatore Gaudio Data: 12 febbraio 2011 Aspetti teorici ed applicativi della potatura

Dettagli

LA POTATURA DEGLI ALBERI DA FRUTTO E LA DIFESA DALLE PRINCIPALI AVVERSITA

LA POTATURA DEGLI ALBERI DA FRUTTO E LA DIFESA DALLE PRINCIPALI AVVERSITA CORSO DI FRUTTICOLTURA LA POTATURA DEGLI ALBERI DA FRUTTO E LA DIFESA DALLE PRINCIPALI AVVERSITA Lezione 1- L albero da frutto: elementi di anatomia e fisiologia vegetale (dr. Giulio RE) Le funzioni vitali

Dettagli

Relatore: Dott. Giovanni Alberton Collaboratori: Agrotecnico Andrea Capuzzo Agrotecnico Laura Schiavon

Relatore: Dott. Giovanni Alberton Collaboratori: Agrotecnico Andrea Capuzzo Agrotecnico Laura Schiavon IL PICCOLO MANUALE DE LA POTATURA DELLE PIANTE DA FRUTTO Relatore: Dott. Giovanni Alberton Collaboratori: Agrotecnico Andrea Capuzzo Agrotecnico Laura Schiavon La potatura consiste in una gamma di interventi

Dettagli

APPROCCI INNOVATIVI NELLA GESTIONE DEGLI IMPIANTI DI ALBICOCCO

APPROCCI INNOVATIVI NELLA GESTIONE DEGLI IMPIANTI DI ALBICOCCO SEMINARIO TECNICO ALBICOCCHE DI QUALITA :tecniche agronomiche, innovazione varietale e strategie di mercato APPROCCI INNOVATIVI NELLA GESTIONE DEGLI IMPIANTI DI ALBICOCCO Sala Consiliare Comune di Scanzano

Dettagli

GIARDINO. Come potare tecniche ed attrezzi

GIARDINO. Come potare tecniche ed attrezzi GIARDINO 00 Come potare tecniche ed attrezzi 1 Le tecniche di potatura 1. I tagli devono essere praticati con utensili ben affilati altrimenti si formano bordi schiacciati e sfrangiati che cicatrizzano

Dettagli

Periodo di potature? Fate attenzione...

Periodo di potature? Fate attenzione... Periodo di potature? Fate attenzione... Gli alberi non sono tutti uguali e non si potano tutti allo stesso modo o con la stessa frequenza. La potatura delle specie arboree viene, infatti, effettuata per

Dettagli

POMACEE. Lavori. Melo

POMACEE. Lavori. Melo POMACEE Lavori Durante il bimestre di pieno inverno nel frutteto di pomacee non vi sono pratiche colturali da effettuare oltre alla potatura di produzione. Nei nuovi impianti, se non avete messo a dimora

Dettagli

Giornate tecniche 2011

Giornate tecniche 2011 Giornate tecniche 2011 Seminario: Aspetti applicativi della potatura delle piante ornamentali Relatore: dott. agr. Antonio Sagaria Data: 13 febbraio 2011 DICHIO vivai garden DICHIO vivai garden Un albero

Dettagli

Modalità di potatura del pioppeto per l ottimizzazione della qualità del legno. Gianni Facciotto

Modalità di potatura del pioppeto per l ottimizzazione della qualità del legno. Gianni Facciotto CRA-PLF FUORI FORESTA Incontro tecnico sulla pioppicoltura Modalità di potatura del pioppeto per l ottimizzazione della qualità del legno Gianni Facciotto Martedì 13 dicembre 201 Cremona Sommario La ramificazione

Dettagli

POTATURA DEL PLATANO A SENIGALLIA

POTATURA DEL PLATANO A SENIGALLIA POTATURA DEL PLATANO A SENIGALLIA Gruppo di lavoro Davide Neri (prof. Arboricoltura Università Politecnica delle Marche) Alberto Minelli (prof. Parchi e giardini Università di Bologna) Stefano Api (geometra

Dettagli

LA CAPITOZZATURA: COME ROVINARE UN ALBERO

LA CAPITOZZATURA: COME ROVINARE UN ALBERO LA CAPITOZZATURA: COME ROVINARE UN ALBERO LA CAPITOZZATURA Per capitozzatura si intende il taglio della parte apicale del fusto e di grossi rami la capitozzatura NON E UNA TECNICA DI POTATURA ma UN DANNEGGIAMENTO

Dettagli

Il metodo Peyracchia. Fig. 1 I fratelli Peyracchia di Verzuolo

Il metodo Peyracchia. Fig. 1 I fratelli Peyracchia di Verzuolo Actinidia Il metodo Peyracchia Coltivata in Piemonte, in particolare nel cuneese da quasi un trentennio, l actinidia non ha subito grossi mutamenti per quanto riguarda la forma di allevamento: infatti

Dettagli

Rinnovo del patentino Modulo agronomico

Rinnovo del patentino Modulo agronomico nforma.fito. Strumenti di supporto per la diffusione delle informazioni sull uso sostenibile dei prodotti fitosanitari Rinnovo del patentino Modulo agronomico Lotte obbligatorie Pier Paolo Bortolotti Roberta

Dettagli

DI PRODUZIONE INTEGRATA

DI PRODUZIONE INTEGRATA Notiziario AGROMETEOROLOGICO DI PRODUZIONE INTEGRATA per le province di Ascoli Piceno e Fermo 3 21 Gennaio 2015 Centro Agrometeo Locale Via Indipendenza 2-4, Ascoli Piceno Tel. 0736/336443 Fax. 0736/344240

Dettagli

Controllo Integrato delle infestanti dell'actinidia. INFESTANTI CRITERI DI INTERVENTO SOSTANZE ATTIVE % S.a. DOSE l/ha ANNO Indipendentemente dal

Controllo Integrato delle infestanti dell'actinidia. INFESTANTI CRITERI DI INTERVENTO SOSTANZE ATTIVE % S.a. DOSE l/ha ANNO Indipendentemente dal INFESTANTI CRITERI DI INTERVENTO SOSTANZE ATTIVE % S.a. DOSE l/ha ANNO Graminacee e Interventi chimici: Glifosate 30.40 9 l/ha Consigliabili le applicazioni nel periodo autunnale. L'uso di diserbanti può

Dettagli

ABC. L per la potatura e la cura degli alberi ornamentali e da frutta

ABC. L per la potatura e la cura degli alberi ornamentali e da frutta ABC L per la potatura e la cura degli alberi ornamentali e da frutta Consigli per la cura degli alberi Non è necessario essere professionisti per curare e potare alberi da frutto ed ornamentali. Di seguito

Dettagli

PROGRAMMA MANUTENZIONE GIARDINO

PROGRAMMA MANUTENZIONE GIARDINO Operazioni PREPARAZIONE DEL TERRENO Il terreno ideale da giardino è quello con tessitura argillosa-sabbiosa, friabile. Se il terreno dovesse essere pesante e compatto bisognerà correggerlo incorporando

Dettagli

POTATURE? Limitate ed equilibrate

POTATURE? Limitate ed equilibrate POTATURE? Limitate ed equilibrate Gli interventi cesori, circoscritti il più possibile alla fase di allevamento, vanno programmati sulla base di obiettivi chiari e nel rispetto di un corretto rapporto

Dettagli

AREA VERDE COMPRESA TRA VIA SPALATO, VIA II GIUGNO E SECONDA TRAVERSA, LOCALITA MILANO MARITTIMA RELAZIONE TECNICO-AGRONOMICA STATO DI FATTO

AREA VERDE COMPRESA TRA VIA SPALATO, VIA II GIUGNO E SECONDA TRAVERSA, LOCALITA MILANO MARITTIMA RELAZIONE TECNICO-AGRONOMICA STATO DI FATTO AREA VERDE COMPRESA TRA VIA SPALATO, VIA II GIUGNO E SECONDA TRAVERSA, LOCALITA MILANO MARITTIMA RELAZIONE TECNICO-AGRONOMICA STATO DI FATTO Dott. Agr. Alessandra Bazzocchi L area verde oggetto di studio,

Dettagli

Il taglio nella potatura dell olivo

Il taglio nella potatura dell olivo Il taglio nella potatura dell olivo 27 10 2014 Slupatura è l intervento di cura sul tronco, contro la malattia chiamata CARIE o LUPA provocata da diversi tipi di funghi tra cui il FOMES FULVUS, il FOMES

Dettagli

orticoltura take-away

orticoltura take-away presenta orticoltura Dispense della lezione 30 maggio 2015 - Orti al Centro Le Solanacee e le Leguminose LA FAMIGLIA DELLE SOLANACEE Le Solanaceae sono una famiglia di piante che comprende più di 2500

Dettagli

PERCORSO DIDATTICO SUL FUSTO E SULLA GEMMA

PERCORSO DIDATTICO SUL FUSTO E SULLA GEMMA PERCORSO DIDATTICO SUL FUSTO E SULLA GEMMA Daniela Basosi, Lucia Lachina 1 2011 1) DESCRIVERE UN FUSTO LEGNOSO Procuratevi un ramo di albero da frutto e chiedete ai ragazzi di descriverlo. Fate discutere

Dettagli

L istituto World Federation Rose Society classifica le rose in:

L istituto World Federation Rose Society classifica le rose in: L istituto World Federation Rose Society classifica le rose in: Rose Selvatiche Rose Antiche da giardino Rose Moderne da Giardino Rose selvatiche 2 1 1 Scabrosa 2 Banksia Lutea 3 Rosa Canina 4 Foetida

Dettagli

www.stihl.it Questo contenuto ti è offerto da: Articolo tratto da: Edizioni L Informatore Agrario

www.stihl.it Questo contenuto ti è offerto da: Articolo tratto da: Edizioni L Informatore Agrario Questo contenuto ti è offerto da: www.stihl.it Articolo tratto da: Edizioni L Informatore Agrario Tutti i diritti riservati, a norma della Legge sul Diritto d Autore e le sue successive modificazioni.

Dettagli

Intervento comprensivo di ogni onere, macchina operatrice, attrezzatura, terreno vegetale o : esemplari di altezza da 6 m a 12 m 154,562 20,09 134,47

Intervento comprensivo di ogni onere, macchina operatrice, attrezzatura, terreno vegetale o : esemplari di altezza da 6 m a 12 m 154,562 20,09 134,47 descrizione ribasso % costo unitario n. Abbattimento di alberi adulti a chioma espansa in parchi e giardini. Intervento comprensivo di ogni onere, macchina operatrice, attrezzatura, raccolta e conferimento

Dettagli

PROVINCIA DI VITERBO - ASSESSORATO AMBIENTE ALLEGATI

PROVINCIA DI VITERBO - ASSESSORATO AMBIENTE ALLEGATI Gestione Ambientale Verificata N. Registro I - 000106 PROVINCIA DI VITERBO - ASSESSORATO AMBIENTE ALLEGATI ALLE LINEE GUIDA PER LA REDAZIONE DEL PIANO E DEL REGOLAMENTO COMUNALE DEL VERDE URBANO NELLA

Dettagli

La prima cosa che dovremmo ricordarci pensando ad un

La prima cosa che dovremmo ricordarci pensando ad un COME FUNZIONA UN ALBERO di Mario Carminati e Massimo Ranghetti La prima cosa che dovremmo ricordarci pensando ad un albero è che si tratta di un essere vivente, proprio come noi. È un fatto scontato, certo,

Dettagli

Giardini che profumano di campagna

Giardini che profumano di campagna Il Divulgatore n 5/2010 VIVAISMO ORNAMENTALE Giardini che profumano di campagna Nella progettazione di parchi e giardini urbani un opportunità interessante che si va diffondendo è rappresentata dall inserimento

Dettagli

Innesti e Tecniche di Riproduzione

Innesti e Tecniche di Riproduzione Data inizio: 7-11-2011 Alberi da frutto Innesti e Tecniche di Riproduzione Sommario Perché innestiamo? 1 Innesto a Spacco 2 Innesto a Corona 3 Innesto a Triangolo 4 Innesti a Occhio 5 Innesto a Spacco

Dettagli

Danni da neve sulla quercia da sughero Tipologia e interventi di recupero.

Danni da neve sulla quercia da sughero Tipologia e interventi di recupero. Agenzia regionale per la ricerca in agricoltura Dipartimento della ricerca per il sughero e la silvicoltura Tempio Pausania Danni da neve sulla quercia da sughero Tipologia e interventi di recupero. Rilievi

Dettagli

Olivo: longevità e resistenza

Olivo: longevità e resistenza Olivo: longevità e resistenza Olivo: longevità e resistenza Olivo: longevitàe resistenza Fra le piante arboree l olivo si distingue per la sua longevità e robustezza: esistono esemplari millenari. Resiste

Dettagli

Meet PEOPLE CORSI DI FORMAZIONE AREA AGROALIMENTARE, CUCINA, ORTO E GIARDINO

Meet PEOPLE CORSI DI FORMAZIONE AREA AGROALIMENTARE, CUCINA, ORTO E GIARDINO Meet PEOPLE CORSI DI FORMAZIONE AREA AGROALIMENTARE, CUCINA, ORTO E GIARDINO "La perfezione non esiste puoi sempre fare meglio e puoi sempre crescere" Les Brown Come un ulivo secolare con radici radicate

Dettagli

LA ROSA DEL BORGHETTO ANTEPRIMA COLLEZIONE 2014 ORTENSIE OCCASIONI VASO 17 cm.

LA ROSA DEL BORGHETTO ANTEPRIMA COLLEZIONE 2014 ORTENSIE OCCASIONI VASO 17 cm. LA ROSA DEL BORGHETTO ANTEPRIMA COLLEZIONE 2014 ORTENSIE OCCASIONI VASO 17 cm. Le ortensie arrivate questa settimana dalla Francia, in vivaio nella collina di Prepo, dove le invasiamo RENATE STEINIGER

Dettagli

Xylella fastidiosa (Wells et al.)

Xylella fastidiosa (Wells et al.) SERVIZIO FITOSANITARIO REGIONALE SISTEMATICA E DIFFUSIONE Xylella fastidiosa (Wells et al.) Xylella fastidiosa (XF) Welles et al. (1987) è un batterio gram-negativo non sporigeno appartenente alla famiglia

Dettagli

frutto rosso Asia minore, frutto nero America del nord, mora giapponese Cina

frutto rosso Asia minore, frutto nero America del nord, mora giapponese Cina PICCOLI FRUTTI Piccoli frutti è di derivazione inglese small fruits, che sta a indicare non tanto la minore importanza di queste coltivazioni, quanto semplicemente la piccola pezzatura dei frutti stessi.

Dettagli

LA POTATURA DEGLI ALBERI ORNAMENTALI

LA POTATURA DEGLI ALBERI ORNAMENTALI LA POTATURA DEGLI ALBERI ORNAMENTALI di Marcello Parisini e Eraldo Antonini, foto di Eraldo Antonini, immagini a computer di Marcello Parisini, disegni di Lucia Mezzetti e Giovanni Munari (Giardini, febbraio

Dettagli

NORME CHE REGOLANO L ASSICURAZIONE PLURIRISCHIO GRANDINE VENTO ED ECCESSO DI PIOGGIA (Solo Frutta ed Uva)

NORME CHE REGOLANO L ASSICURAZIONE PLURIRISCHIO GRANDINE VENTO ED ECCESSO DI PIOGGIA (Solo Frutta ed Uva) NORME CHE REGOLANO L ASSICURAZIONE PLURIRISCHIO GRANDINE VENTO ED ECCESSO DI PIOGGIA (Solo Frutta ed Uva) 1. OGGETTO DELLA GARANZIA La garanzia riguarda il prodotto relativo ad un solo ciclo produttivo.

Dettagli

Comunicazione e gestione degli eventi

Comunicazione e gestione degli eventi OCM (Reg. CE n. 1234/07 - Reg. CE n. 1580/07) Comunicazione e gestione degli eventi Villanova di Castenaso 15 marzo 2010 Trasmissione dei dati relativi alla compagine sociale Scadenza: 31/01 15/07 di ogni

Dettagli

IL CASTAGNO DA FRUTTO E LA SELVA CASTANILE

IL CASTAGNO DA FRUTTO E LA SELVA CASTANILE IL CASTAGNO DA FRUTTO E LA SELVA CASTANILE Ecologia e morfologia del castagno da frutto Il recupero della selva castanile abbandonata Le regole della potatura DISPENSA TECNICA del corso di formazione sulla

Dettagli

AGRICOLTURA E AMBIENTE. BOSCO Buone Opportunità per Sostenere la Competitività e l Occupazione in Agricoltura

AGRICOLTURA E AMBIENTE. BOSCO Buone Opportunità per Sostenere la Competitività e l Occupazione in Agricoltura AGRICOLTURA E AMBIENTE BOSCO Buone Opportunità per Sostenere la Competitività e l Occupazione in Agricoltura Soggetto ATTUATORE Soggetti PROMOTORI il PROGettO BOSCO rende disponibile un ampia e diversificata

Dettagli

TECNICHE SCHEDE IL RECUPERO DEI CASTAGNETI DA FRUTTO

TECNICHE SCHEDE IL RECUPERO DEI CASTAGNETI DA FRUTTO LA CASTANICOLTURA IN PROVINCIA DI SONDRIO SCHEDE TECNICHE Località Cà Romana VOCE NUMERO Potatura castagni grandi 9 Potatura castagni medi 3 Potatura castagni piccoli 0 TOTALE 12 VOCE Potatura castagni

Dettagli

Settore Parco e Villa Reale Ufficio Manutenzione Verde

Settore Parco e Villa Reale Ufficio Manutenzione Verde A partire dal giorno 08 aprile, prenderanno avvio i lavori di abbattimento di n 2 alberi monumentali di Sophora japonica radicati nel pratone retrostante la Villa Reale, i quali manifestano gravi problematiche

Dettagli

Comunicazione e gestione degli eventi

Comunicazione e gestione degli eventi OCM (Reg. CE n. 1234/07 - Reg. CE n. 1580/07) Comunicazione e gestione degli eventi Villanova di Castenaso 13 maggio 2010 Trasmissione dei dati relativi alla compagine sociale Scadenza: 31/01 di ogni anno

Dettagli

Settore Infrastrutture, Interventi Strategici e Mobilità

Settore Infrastrutture, Interventi Strategici e Mobilità ALLEGATO 3 Settore Infrastrutture, Interventi Strategici e Mobilità Oggetto Lavori di manutenzione ordinaria del verde, per la rete stradale della Provincia di Monza e Brianza (anno 2012 2013) CUP B86G12000110003

Dettagli

INDICAZIONE GEOGRAFICA PROTETTA (I.G.P.) (Regolamento CE n 510/06) PESCA DI LEONFORTE. Disciplinare di produzione

INDICAZIONE GEOGRAFICA PROTETTA (I.G.P.) (Regolamento CE n 510/06) PESCA DI LEONFORTE. Disciplinare di produzione INDICAZIONE GEOGRAFICA PROTETTA (I.G.P.) (Regolamento CE n 510/06) PESCA DI LEONFORTE Disciplinare di produzione 1 Art. 1 DENOMINAZIONE L Indicazione Geografica Protetta Pesca di Leonforte, è riservata

Dettagli

Completa e Colora GIOCO 01

Completa e Colora GIOCO 01 GIOCO 01 ENTE FORESTE DELLA SARDEGNA www.sardegnaforeste.it REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA Completa e Colora stropicciato I suoi fiori sono grandi e rosa, con petali dal caratteristico aspetto......................

Dettagli

REGIONE LAZIO Direzione Regionale Agricoltura Area Servizi Tecnici e Scientifici, Servizio Fitosanitario Regionale

REGIONE LAZIO Direzione Regionale Agricoltura Area Servizi Tecnici e Scientifici, Servizio Fitosanitario Regionale REGIONE LAZIO Direzione Regionale Agricoltura Area Servizi Tecnici e Scientifici, Servizio Fitosanitario Regionale Anopllophora spp Cerambiiciide o Tarllo asiiattiico Foto 1. Femmina di Anoplophora Gli

Dettagli

ASPETTI NORMATIVI PER I PRODUTTORI DI PIANTE ORNAMENTALI

ASPETTI NORMATIVI PER I PRODUTTORI DI PIANTE ORNAMENTALI ASPETTI NORMATIVI PER I PRODUTTORI DI PIANTE ORNAMENTALI 1. AUTORIZZAZIONE ALLA COMMERCIALIZZAZIONE DI VEGETALI (piante, fiori, ecc.) Normativa di riferimento in ambito nazionale L attività di commercializzazione

Dettagli

Il patrimonio arboreo è una risorsa importante del nostro

Il patrimonio arboreo è una risorsa importante del nostro BUONE PRATICHE PER LA CURA DEGLI ALBERI di Mario Carminati e Massimo Ranghetti Come far crescere bene un albero Il patrimonio arboreo è una risorsa importante del nostro territorio. Ecco alcune indicazioni

Dettagli

AZIONI DI PIANO LA VALORIZZAZIONE DEL PATRIMONIO FORESTALE

AZIONI DI PIANO LA VALORIZZAZIONE DEL PATRIMONIO FORESTALE TITOLO AZIONE PR3 - Valorizzazione di boschi ad elevato valore produttivo Descrizione generale PERIODICITA D INTERVENTO PRIORITA 2 B CATEGORIA Valorizzazione della funzione produttiva AMBITI TERRITORIALI

Dettagli

ELENCO PREZZI MANUTENZIONE AREE A VERDE IMPIANTI

ELENCO PREZZI MANUTENZIONE AREE A VERDE IMPIANTI ELENCO PREZZI MANUTENZIONE AREE A VERDE IMPIANTI 1) Operaio Specializzato Prezzo a ora 22,54 2) Operaio Qualificato Prezzo a ora 20,43 3) Autocarro con gru ruotante con braccio articolato MTT 26000 kg

Dettagli

Accademia Nazionale dell Olivo e dell Olio

Accademia Nazionale dell Olivo e dell Olio Accademia Nazionale dell Olivo e dell Olio Spoleto Collana divulgativa dell Accademia Volume V LA GESTIONE DELLA CHIOMA A cura di Giorgio Pannelli e Riccardo Gucci Realizzato nell ambito del progetto Ricerca

Dettagli

COMPUTO METRICO ESTIMATIVO (PARZIALE) UNITA' DI N. VOCE DI PREZZO

COMPUTO METRICO ESTIMATIVO (PARZIALE) UNITA' DI N. VOCE DI PREZZO COMPUTO METRICO ESTIMATIVO (PARZIALE) UNITA' DI N. VOCE DI PREZZO QUANTITA' MISURA PREZZO BASE IMPORTO Potatura di rami secchi, escluse le branche principali, in condizioni di minima difficoltà, effettuata

Dettagli

GLOSSARIO DELLE DEFINIZIONI TECNICHE IN USO NEL SETTORE ECONOMICO - IMMOBILIARE.

GLOSSARIO DELLE DEFINIZIONI TECNICHE IN USO NEL SETTORE ECONOMICO - IMMOBILIARE. GLOSSARIO DELLE DEFINIZIONI TECNICHE IN USO NEL SETTORE ECONOMICO - IMMOBILIARE. GLOSSARIO DEI TERMINI IMMOBILIARI SEZIONE I: FABBRICATI ED AREE EDIFICABILI SEZIONE II: TERRENI AGRICOLI SEZIONE III: COLTURE

Dettagli

Concimare senza sprechi, con la massima efficacia, salvaguardando la natura. melo, pero, kiwi. schede colturali - volume 4

Concimare senza sprechi, con la massima efficacia, salvaguardando la natura. melo, pero, kiwi. schede colturali - volume 4 Concimare senza sprechi, con la massima efficacia, salvaguardando la natura melo, pero, kiwi schede colturali - volume 4 I prodotti che AGM fabbrica con destinazione speciale per frutteti, sono stati testati

Dettagli

COMUNE DI CAMPAGNANO DI ROMA (Provincia di Roma)

COMUNE DI CAMPAGNANO DI ROMA (Provincia di Roma) COMUNE DI CAMPAGNANO DI ROMA (Provincia di Roma) SETTORE VI UFFICIO AMBIENTE Servizi di raccolta, trasporto e trattamento dei rifiuti urbani, servizi di igiene urbana e servizi accessori CAPITOLATO DI

Dettagli

POTATURA DI RISANAMENTO DEL CASTAGNO

POTATURA DI RISANAMENTO DEL CASTAGNO POTATURA DI RISANAMENTO DEL CASTAGNO Rambaldi S., Scalise A., Grassi G. Rambaldi Sabatino (Studio Tecnico Rambaldi S., Futani, SA). E- mail: sabatino.rambaldi@gmail.com Scalise Antonio (ARSAC, Centro Sperimentale

Dettagli

Gianpiero Andreatta IL BOSCO RACCONTA. Storie di uomini, alberi e animali. Dieci racconti e una riflessione. Disegni di Ernesto Roversi

Gianpiero Andreatta IL BOSCO RACCONTA. Storie di uomini, alberi e animali. Dieci racconti e una riflessione. Disegni di Ernesto Roversi Gianpiero Andreatta IL BOSCO RACCONTA Storie di uomini, alberi e animali Dieci racconti e una riflessione Disegni di Ernesto Roversi Gianpiero Andreatta, Il bosco racconta Copyright 2014 Edizioni del Faro

Dettagli

COS E LA PRODUZIONE INTEGRATA?

COS E LA PRODUZIONE INTEGRATA? Cos è la Produzione Integrata (PI). Con questo scritto desidero fare una cronistoria sulla produzione integrata, un sistema di lotta iniziato negli anni 80, dove un ticinese nella persona del Dott. Mario

Dettagli

COME AFFRONTARE LA POTATURA DEL NOCE

COME AFFRONTARE LA POTATURA DEL NOCE OME ARONTARE LA POTATURA DEL NOE ( Juglans regia L.) Provincia di Arezzo on la si interviene in un sistema complesso di interazioni tra pianta, ambiente, cure colturali e altri alberi dell impianto per

Dettagli

A COSA SERVONO SEMI E FRUTTI?

A COSA SERVONO SEMI E FRUTTI? A COSA SERVONO SEMI E FRUTTI? Dopo la fecondazione il fiore appassisce e i petali cadono. L ovulo fecondato si trasforma in SEME, mentre l ovario si ingrossa e si trasforma in FRUTTO. Il SEME ha il compito

Dettagli

PERIZIA ESTIMATIVA MAGAZZINO-PIANTE PAGHERA GREEN PHYLOSOPHY SRL

PERIZIA ESTIMATIVA MAGAZZINO-PIANTE PAGHERA GREEN PHYLOSOPHY SRL TRIBUNALE DI BRESCIA FALLIMENTO 222/2009 Paghera Green Philosophy SRL PERIZIA ESTIMATIVA MAGAZZINO-PIANTE PAGHERA GREEN PHYLOSOPHY SRL Incarico Curatore Fallimentare Dr Guerrino TONONI Brescia li 14/05/2010

Dettagli

Le piante. Piante senza fiori Piante con fiori. La radice Il fusto La foglia Il fiore I frutti e i semi

Le piante. Piante senza fiori Piante con fiori. La radice Il fusto La foglia Il fiore I frutti e i semi Le piante Le piante Piante senza fiori Piante con fiori La radice Il fusto La foglia Il fiore I frutti e i semi Piante senza fiori Milioni di anni fa esistevano sulla Terra soltanto piante senza fiori

Dettagli

DOMANDA DI AMMISSIONE

DOMANDA DI AMMISSIONE pag. 1/5 PROGRAMMA DI CERTIFICAZIONE VOLONTARIA PER GIARDINIERE QUALIFICATO IO SOTTOSCRITTO/A: DOMANDA DI AMMISSIONE COGNOME: NOME: NATO/A A: (PV) IL / / COMUNE DI RESIDENZA: (PV) TELEFONO: ABIT. / CELL.

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PARCO URBANO

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PARCO URBANO COMUNE DI GANGI Provincia di Palermo ***** CAP 90024 Via Salita Municipio, 2 tel. 0921644076 fax 0921644447 P. Iva 00475910824 - www.comune.gangi.pa.it REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PARCO URBANO

Dettagli

Oggetto: Manutenzione Verde Pubblico Località Rione Riesci (PIRP)

Oggetto: Manutenzione Verde Pubblico Località Rione Riesci (PIRP) COMUNE DI ARNESANO PROVINCIA DI LECCE SERVIZI LL.PP.- URBANISTICA - AMBIENTE Via De Amicis C.A.P. 73010 -ARNESANO- Tel 0832-323813 Fax. 0832-323283 e-mail:ufficio.tecnico@comune.arnesano.le.it Oggetto:

Dettagli

COMUNE DI CREAZZO (VI) Incontri pubblico COMPOSTAGGIO DOMESTICO

COMUNE DI CREAZZO (VI) Incontri pubblico COMPOSTAGGIO DOMESTICO COMUNE DI CREAZZO (VI) Incontri pubblico COMPOSTAGGIO DOMESTICO SCOPO DEGLI INCONTRI Fornire informazioni sulle modalità operative per la realizzazione del compostaggio domestico Fornire indicazioni sulle

Dettagli

Leopoldo Tommasi. IL FRUTTETO FAMILIARE a conduzione biologica

Leopoldo Tommasi. IL FRUTTETO FAMILIARE a conduzione biologica Leopoldo Tommasi IL FRUTTETO FAMILIARE a conduzione biologica Indice pag Principi base per l impostazione 2 Il terreno 2 La preparazione del terreno per l impianto 2 Concimazione e concimi 3 Il sovescio

Dettagli

PRIMAVERA 2014. Alta scuola di giardinaggio Diretta dal Maestro Giardiniere Carlo Pagani

PRIMAVERA 2014. Alta scuola di giardinaggio Diretta dal Maestro Giardiniere Carlo Pagani PRIMAVERA 2014 Alta scuola di giardinaggio Diretta dal Maestro Giardiniere Carlo Pagani FOTO: DANIELE CAVADINI 2013 Flora 2000 ritorna con una nuova stagione di incontri tematici diretti dal Maestro Giardiniere

Dettagli

La potatura delle piante ornamentali. Dr. Agr. Alberto Lanzi 30 Ottobre 2012

La potatura delle piante ornamentali. Dr. Agr. Alberto Lanzi 30 Ottobre 2012 La potatura delle piante ornamentali Dr. Agr. Alberto Lanzi 30 Ottobre 2012 La potatura delle ornamentali: In natura la pianta è un'entità in equilibrio, in cui ogni parte è perfettamente dimensionata

Dettagli

Limitare la spiralizzazione delle radici di piante allevate in contenitore

Limitare la spiralizzazione delle radici di piante allevate in contenitore > TECNICHE < Limitare la spiralizzazione delle radici di piante allevate in contenitore di Piero Frangi 1, Alessio Fini 2, Gabriele Amoroso 1, Riccardo Piatti 1, Elena Robbiani 1, Francesco Ferrini 2 1

Dettagli

COMUNE di QUARTO. (Provincia di Napoli)

COMUNE di QUARTO. (Provincia di Napoli) COMUNE di QUARTO (Provincia di Napoli) LAVORI DI POTATURA ALBERI, MANUTENZIONE ORDINARIA DI AREE A VERDE PUBBLICO ATTREZZATE, PLESSI SCOLASTICI, CIGLI STRADALI ED AREE SPARTITRAFFICO ALLEGATO 1 PRESTAZIONE

Dettagli

ART. 1 OGGETTO DELLA CONVENZIONE L Azienda Ospedaliera di Padova (A.O.) affida per il periodo dal 01/11/2011

ART. 1 OGGETTO DELLA CONVENZIONE L Azienda Ospedaliera di Padova (A.O.) affida per il periodo dal 01/11/2011 CAPITOLATO TECNICO PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO DI MANUTENZIONE ORDINARIA E STRAORDINARIA DELLE ZONE ERBOSE PER L AZIENDA OSPEDALIERA DI PADOVA E l OSPEDALE DI CONSELVE (PD) PER UN PERIODO CONTRATTUALE

Dettagli

Tu ci metti i rifiuti La natura farà il resto CAMPAGNA DI PROMOZIONE DEL COMPOSTAGGIO DOMESTICO

Tu ci metti i rifiuti La natura farà il resto CAMPAGNA DI PROMOZIONE DEL COMPOSTAGGIO DOMESTICO Tu ci metti i rifiuti La natura farà il resto CAMPAGNA DI PROMOZIONE DEL COMPOSTAGGIO DOMESTICO ndice 1 Fai come fa la Natura 2 Cosa ci metti per fare la terra? 3 Come funziona il Compostaggio 4 Le cose

Dettagli

IL GLOBAL SERVICE, servizi complessivi

IL GLOBAL SERVICE, servizi complessivi IL GLOBAL SERVICE, servizi complessivi Il G.S. è inoltre lo strumento più idoneo con cui attivare un insieme di servizi quali: - reperibilità (24h/24h per 365 gg/anno) e pronto intervento (rimozione situazioni

Dettagli

INDICAZIONE GEOGRAFICA PROTETTA (I.G.P.) (Regolamento CE n 510/06) PESCA DI LEONFORTE. Disciplinare di produzione

INDICAZIONE GEOGRAFICA PROTETTA (I.G.P.) (Regolamento CE n 510/06) PESCA DI LEONFORTE. Disciplinare di produzione INDICAZIONE GEOGRAFICA PROTETTA (I.G.P.) (Regolamento CE n 510/06) PESCA DI LEONFORTE Disciplinare di produzione 1 Art. 1 DENOMINAZIONE L Indicazione Geografica Protetta Pesca di Leonforte, è riservata

Dettagli

PRODUTTIVITÁ DELLE SRC NELL APPENNINO CALABRESE. Sara Bergante Gianni Facciotto, Laura Rosso, Giuseppe Nervo, Enrico Allasia, Franco Fazio

PRODUTTIVITÁ DELLE SRC NELL APPENNINO CALABRESE. Sara Bergante Gianni Facciotto, Laura Rosso, Giuseppe Nervo, Enrico Allasia, Franco Fazio PRODUTTIVITÁ DELLE SRC NELL APPENNINO CALABRESE Sara Bergante Gianni Facciotto, Laura Rosso, Giuseppe Nervo, Enrico Allasia, Franco Fazio 1 Ambito della ricerca Nella primavera 2009 l Unità di Ricerca

Dettagli

Tree Fruit Research and Extension Centre, Washington State University, Wenatchee WA, USA; email: laura.asteggiano@wsu.edu 2

Tree Fruit Research and Extension Centre, Washington State University, Wenatchee WA, USA; email: laura.asteggiano@wsu.edu 2 Diradamento del pesco l esperienza italiana Laura Asteggiano 1,2 e Graziano Vittone 2 1 Tree Fruit Research and Extension Centre, Washington State University, Wenatchee WA, USA; email: laura.asteggiano@wsu.edu

Dettagli

CALCIOCIANAMIDE. COMPOSIZIONE CONCIME CE AZOTO (N) totale 19,8% di cui nitrico 1,5% OSSIDO DI CALCIO (CaO) 50% CONFEZIONI:

CALCIOCIANAMIDE. COMPOSIZIONE CONCIME CE AZOTO (N) totale 19,8% di cui nitrico 1,5% OSSIDO DI CALCIO (CaO) 50% CONFEZIONI: CALCIOCIANAMIDE NITRATA GRANULARE È un prodotto microgranulare azotato ideale per ogni coltura orticola, frutticola e floricola; particolarmente indicata per terreni a ph acido svolge un azione fertilizzante

Dettagli

COME LIMITARE I DANNI DI FORTI GRANDINATE

COME LIMITARE I DANNI DI FORTI GRANDINATE Albino Morando - Simone Lavezzaro - Luca Sartori 1 COME LIMITARE I DANNI DI FORTI GRANDINATE Lavoro effettuato in collaborazione con la Cantina Sociale di Avio (Trento) Dedicato al Prof. Italo Eynard,

Dettagli

La vegetazione dei Monti Simbruini APPUNTI

La vegetazione dei Monti Simbruini APPUNTI La vegetazione dei Monti Simbruini FOTO VEGETAZIONE MONTI SIMBRUINI APPUNTI Il massiccio calcareo dei Monti Simbruini presenta una ben conservata copertura forestale, che occupa il 75% dell intero areale

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO

CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO CITTÀ DI GIUGLIANO IN CAMPANIA Provincia di Napoli S ERVIZIO E COLOGIA CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO MANUTENZIONE ORDINARIA DEL PATRIMONIO VEGETALE E DISERBO STRADALE SUL TERRITORIO DI PROPRIETA COMUNALE

Dettagli

Verifica - Conoscere le piante

Verifica - Conoscere le piante Collega con una linea nome, descrizione e disegno Verifica - Conoscere le piante Erbe Hanno il fusto legnoso che si ramifica vicino al terreno. Alberi Hanno il fusto legnoso e resistente che può raggiungere

Dettagli

Modello offerta economica/lista delle attività e forniture per l esecuzione del servizio

Modello offerta economica/lista delle attività e forniture per l esecuzione del servizio ALLEGATO 5 Settore Territorio, Servizio Gestione e Manutenzione Strade Oggetto Servizio di manutenzione ordinaria del verde per la rete stradale della Provincia di Monza e Brianza (anno 2015-2016) Data

Dettagli

Extatosoma tiaratum. Generalità

Extatosoma tiaratum. Generalità Extatosoma tiaratum Tassonomia Dominio: Eukaryota Regno: Animalia Sottoregno: Eumetazoa Ramo: Bilateria Phylum: Arthropoda Subphylum: Tracheata Superclasse: Hexapoda Classe: Insecta Sottoclasse: Pterygota

Dettagli

2.4. Il cammino della frutta per ottenere una

2.4. Il cammino della frutta per ottenere una 2.4. Il cammino della frutta per ottenere una RICICLAGGIO confettura IMBALLAGGI LO ZUCCHERIFICIO La fattoria Le barbabietole La frutta Il cammino della FRUTTA 1 Confettura Frutta tagliata o intera, cotta

Dettagli

Edizioni L Informatore Agrario

Edizioni L Informatore Agrario www.informatoreagrario.it Edizioni L Informatore Agrario Tutti i diritti riservati, a norma della Legge sul Diritto d Autore e le sue sucessive modificazioni. Ogni utilizzo di quest opera per usi diversi

Dettagli

DATI METEO INDICI CLIMATICI

DATI METEO INDICI CLIMATICI DATI METEO I dati meteo utilizzati nelle elaborazioni sono quelli derivanti dalla rete regionale di stazioni meteo dell Osservatorio Meteo Idrologico della Regione Liguria (OMIRL) www.arpal.gov.it. Questi

Dettagli

Verifica di diverse strategie di fertirrigazione biologica sulla CV Pink Lady

Verifica di diverse strategie di fertirrigazione biologica sulla CV Pink Lady Verifica di diverse strategie di fertirrigazione biologica sulla CV Pink Lady Pinna Massimo ( ) -Gamba Ursula ( ) -Spagnolo Sandra ( ) ( ) CRAB-Centro di Riferimento per l Agricoltura Biologica della Provincia

Dettagli

piante da coltivazione

piante da coltivazione piante da coltivazione Zampe di Asparago I Magnifici Blu è un azienda specializzata nella produzione e commercializzazione di zampe di asparago per il coltivatore professionale. Possediamo campi sperimentali

Dettagli

TECNOLOGIA AGLI IONI DI LITIO: UN NUOVO PASSO AVANTI L evoluzione non si arresta Milano, 5 Dicembre 2013

TECNOLOGIA AGLI IONI DI LITIO: UN NUOVO PASSO AVANTI L evoluzione non si arresta Milano, 5 Dicembre 2013 TECNOLOGIA AGLI IONI DI LITIO: UN NUOVO PASSO AVANTI L evoluzione non si arresta Negli ultimi anni si è manifestato il boom delle fonti energetiche alternative e questo ha toccato anche il mercato del

Dettagli

Tutela e valorizzazione del territorio: Servizio Fitosanitario Regionale: Autorità di Controllo e Tracciabilità:

Tutela e valorizzazione del territorio: Servizio Fitosanitario Regionale: Autorità di Controllo e Tracciabilità: La rete agrofenologica nelle Marche: esperienze e applicazioni Angela Sanchioni ** - Daniele Sparvoli* IPHEN 2011 Roma, 3 Marzo 2011 *Centro Operativo Agrometrologico **Centro Agrometeo Locale per la Provincia

Dettagli

si comporta come perenne grazie alla sua propagazione attraverso i tuberi

si comporta come perenne grazie alla sua propagazione attraverso i tuberi LA PATATA Famiglia delle solanacee Genere solanum Pianta erbacea coltivata come annuale ma che in natura si comporta come perenne grazie alla sua propagazione attraverso i tuberi I fiori sono riuniti a

Dettagli

Bilancio del carbonio in ecosistemi frutticoli

Bilancio del carbonio in ecosistemi frutticoli Bilancio del carbonio in ecosistemi frutticoli Prof. Paolo Inglese Dipartimento di Colture Arboree, Università degli Studi di Palermo Flussi di carbonio in un frutteto Carbonio accumulato (fotosintesi,compost)

Dettagli

Verdicchio dei Castelli di Jesi DOC Classico

Verdicchio dei Castelli di Jesi DOC Classico Verdicchio dei Castelli di Jesi DOC Classico Nome: Verdicchio dei Castelli di Jesi DOC Classico Denominazione: Verdicchio dei Castelli di Jesi DOC Classico Colore: colore giallo paglierino Profumo: fruttato

Dettagli

Confetture, gelatine, marmellate e crema di marroni

Confetture, gelatine, marmellate e crema di marroni Confetture, gelatine, marmellate e crema di marroni L etichettatura delle confetture, delle gelatine e delle marmellate, nonché della crema di marroni, è disciplinata, per gli aspetti generali, dal D.lgs.

Dettagli

REGOLAMENTO DEL VERDE PUBBLICO E PRIVATO

REGOLAMENTO DEL VERDE PUBBLICO E PRIVATO REGOLAMENTO DEL VERDE PUBBLICO E PRIVATO INDICE PREMESSA... 4 FINALITÀ DEL REGOLAMENTO... 4 CAMPO DI APPLICAZIONE... 4 RIFERIMENTI LEGISLATIVI... 4 CAPO 1 - NORME GENERALI... 5 Articolo1... 5 SALVAGUARDIA

Dettagli

ISTITUTO TECNICO AGRARIO STATALE DI FIRENZE

ISTITUTO TECNICO AGRARIO STATALE DI FIRENZE ISTITUTO TECNICO AGRARIO STATALE DI FIRENZE Nel 1882, su impulso delle amministrazioni locali, dell Accademia dei Georgofili, della Società Toscana di Orticoltura e di alcuni istituti di credito, un decreto

Dettagli

PER ARBORICOLTURA DA LEGNO (ADL) SI INTENDE LA COLTIVAZIONE

PER ARBORICOLTURA DA LEGNO (ADL) SI INTENDE LA COLTIVAZIONE 1. PERCHE REALIZZARE UN IMPIANTO DI ARBORICOLTURA DA LEGNO PER ARBORICOLTURA DA LEGNO (ADL) SI INTENDE LA COLTIVAZIONE TEMPORANEA DI ALBERI FINALIZZATA ALLA PRODUZIONE DI LEGNAME. Le piantagioni di Arboricoltura

Dettagli

Catalogo Agrumi ARANCIO

Catalogo Agrumi ARANCIO ARANCIO L arancio dolce appartiene alla famiglia delle Rutacee, al genere Citrus ed alla specie sinensis. È un albero di modeste dimensioni, in grado di raggiungere un altezza di 12 m, con una chioma densa

Dettagli