Istituzione Scolastica Liceo scientifico e linguistico E. Bérard Aosta Codice 25

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Istituzione Scolastica Liceo scientifico e linguistico E. Bérard Aosta Codice 25"

Transcript

1

2

3 31/5/2016 Istituzione Scolastica Istituzione Scolastica Liceo scientifico e linguistico E. Bérard Aosta Codice 25 POPOLAZIONE SCOLASTICA RISORSE ECONOMICHE E PROFESSIONALI ESITI INDICATORI Risultati scolastici Risultati nelle prove standardizzate PROCESSI Progettazione didattica QUESTIONARIO FINALE Pratiche gestionali organizzative PRIORITÁ CHIUSURA RAV Terminato l'inserimento dei dati, cliccare su questa icona per verificarne la completezza e, previa conferma, chiudere definitivamente il questionario. Dopo la chiusura del questionario non sarà più possibile inserire e/o modificare i dati. 1/1

4 31/5/2016 Indicatori Istituzione Scolastica Liceo scientifico e linguistico E. Bérard Aosta Codice 25 INDICATORI E DESCRITTORI 1. Popolazione scolastica Status socio economico e culturale delle famiglie degli allievi a Livello medio dell'indice ESCS Origine delle famiglie degli allievi a Percentuale degli allievi stranieri b Percentuale degli allievi stranieri di 2a generazione sul totale degli allievi stranieri Allievi con bisogni educativi speciali (disturbi specifici di apprendimento e disabilità) a Percentuale degli allievi con disturbi specifici di apprendimento e con disabilità Dimensione delle classi a Numero medio di allievi per classe... Indicatori aggiunti dalla scuola 2. Risorse economiche e professionali Finanziamenti all Istituzione scolastica a Finanziamenti per ente erogante (in euro per allievo) Caratteristiche del dirigente scolastico a Anni di eperienza come dirigente scolastico b Anni di stabilità del dirigente scolastico Caratteristiche degli insegnanti a Insegnanti per tipologia di contratto (tempo indeterminato e determinato) b Insegnanti a tempo indeterminato per fascia di età e genere Allievi e insegnanti a Numero medio di allievi per insegnante Formazione degli insegnanti a Numero medio di ore di formazione per insegnante b Percentuale di insegnanti che hanno partecipato ad attività di formazione... Indicatori aggiunti dalla scuola 3. Esiti A) Esiti Risultati scolastici Esiti degli scrutini e degli esami di Stato a Allievi ammessi alla classe successiva per anno di corso b Debiti formativi per anno di corso e per disciplina (it., fr., ing., ted., mat., altro) c Allievi con giudizio sospeso per numero di debiti formativi d Voti nelle prove scritte (it., fr., ingl., ted., mat.) all'esame di Stato del primo ciclo e Punteggi nelle prove scritte (it., fr., seconda prova) all'esame di Stato del secondo ciclo f Allievi licenziati per voto conseguito all'esame di Stato del primo ciclo g Allievi diplomati per voto conseguito all'esame di Stato del secondo ciclo Ritardo e trasferimenti a Percentuale di allievi in ritardo nel primo biennio della Scuola secondaria di II grado b Numero di allievi trasferiti in entrata e in uscita nel primo biennio della...scuola secondaria di II grado... Indicatori aggiunti dalla scuola B) Esiti Risultati nelle prove standardizzate Risultati degli allievi nelle prove di italiano e matematica a Punteggio della scuola e delle classi in italiano e matematica e differenze nel punteggio 1/2

5 31/5/2016 Indicatori...rispetto a scuole con contesto socio economico e culturale simile (ESCS) Livelli di apprendimento degli allievi nelle prove di italiano e matematica a Allievi collocati nei diversi livelli in italiano e matematica Variabilità dei risultati tra le classi nelle prove di italiano e matematica a Varianza interna alle classi e tra le classi... Indicatori aggiunti dalla scuola 4. Processi A) Progettazione didattica Curricolo e progettazione didattica a Aspetti presenti nel curricolo b Aspetti presenti nella progettazione didattica Valutazione degli allievi a Percentuale delle classi che svolgono prove strutturate di ingresso, intermedie e finali...per disciplina Attivitá di recupero e potenziamento a Attivitá di recupero organizzate dalla scuola per tipologia b Attivitá di potenziamento organizzate dalla scuola per tipologia Gestione del Fondo dell'istituzione Scolastica a Percentuale degli insegnanti che percepiscono il FIS b Percentuale degli insegnanti che percepiscono più di 500 di FIS Progetti a Ripartizione percentuale del bilancio consuntivo relativo ai progetti per tipologia di progetto... Indicatori aggiunti dalla scuola B) Pratiche gestionali e organizzative Processi decisionali a Luoghi decisionali per materia Impatto delle assenze degli insegnanti sull'organizzazione a Numero medio di giorni di assenza per insegnante b Percentuale di giorni di assenza con sostituzione da parte di insegnanti esterni e senza sostituzione Collaborazione tra insegnanti a Gruppi di lavoro per tipologia... Indicatori aggiunti dalla scuola 2/2

6 1.Popolazione scolastica Questa sezione pone l attenzione sulle caratteristiche socio-economiche e culturali degli allievi attraverso i dati relativi all ESCS (Economic Social and Cultural Status) come rilevati dalle prove INVALSI, l origine delle famiglie e l incidenza degli alunni con bisogni educativi speciali. Inoltre viene considerato il rapporto tra la popolazione scolastica e il numero delle classi dell istituzione. 1.1 Status socio economico e culturale delle famiglie degli allievi 1.1.a Livello medio dell'indice ESCS 1.2 Origine delle famiglie degli allievi 1.2.a Percentuale degli allievi stranieri

7 1.2.b Percentuale degli allievi stranieri di 2a generazione sul totale degli allievi stranieri 1.3 Allievi con bisogni educativi speciali (disturbi specifici di apprendimento e disabilità) 1.3.a Percentuale degli allievi con disturbi specifici di apprendimento e con disabilità 1.4 Dimensione delle classi 1.4.a Numero medio di allievi per classe

8 Indicatori aggiunti dalla scuola Primo indicatore Descrittore 1 Commento 1 Secondo indicatore Descrittore 2 Commento 2 Terzo indicatore Descrittore 3 Commento 3 Opportunità Vincoli

9 2. Risorse economiche e professionali Questa sezione pone l attenzione sulle risorse economiche rispetto al grado di diversificazione delle fonti di finanziamento (es. sostegno delle famiglie e dei privati alle attività scolastiche, impegno finanziario degli enti pubblici territoriali). Inoltre, essa prende in esame alcune caratteristiche del dirigente scolastico (esperienza professionale e stabilità nell istituzione) e degli insegnanti (tipo di contratto, età, genere, attività di formazione in servizio); viene, infine, considerato anche il numero medio di alunni per insegnante. 2.1 Finanziamenti all Istituzione scolastica 2.1.a Finanziamenti per ente erogante (in euro per allievo) 2.2 Caratteristiche del dirigente scolastico 2.2.a Anni di esperienza come dirigente scolastico

10 2.2.b Anni di stabilità del dirigente scolastico 2.3 Caratteristiche degli insegnanti 2.3.a Insegnanti per tipologia di contratto (tempo indeterminato e determinato)

11 2.3.b Insegnanti a tempo indeterminato per fascia di età e genere 2.4 Allievi e insegnanti 2.4.a Numero medio di allievi per insegnante

12 2.5 Formazione degli insegnanti 2.5.a Numero medio di ore di formazione per insegnante 2.5.b Percentuale di insegnanti che hanno partecipato ad attività di formazione Indicatori aggiunti dalla scuola Primo indicatore Descrittore 1 Commento 1 Secondo indicatore Descrittore 2 Commento 2 Terzo indicatore Descrittore 3 Commento 3 Punti di forza 1) I dati dell'indicatore 2.1, che segnalano come significativi i finanziamenti di cui usufruisce l'istituzione scolastica,

13 vengono intesi come punto di forza, in quanto dimostrano l'alta progettualità della scuola (riconosciuta dalle famiglie, che versano infatti, per la quasi totalità, il contributo volontario di 35 euro per l'ampliamento dell'offerta formativa), che riceve il finanziamento del FSE, e l'ampio ventaglio di proposte comprese nella'offerta formativa (le famiglie versano in parte o in toto il contributo alle spese per viaggi di istruzione o dei corsi di lingua o delle certificazioni linguistiche). La principale provenienza del dato PRIVATO=ALTRI deriva dal Fondo sociale europeo e dimostra l'alta progettualità della scuola. Il dato FAMIGLIE si spiega considerando che le famiglie sono invitate ad offrire un contributo volontario per l'ampliamento dell'attività formativa che viene versato dalla quasi totalità degli utenti e a contribuire in parte o completamente alla spesa dei Dato da interpretare positivamente perchè dimostra l'ampio ventaglio di proposte comprese nell'offerta formativa. 2) - la stabilità del dirig è da mettere in rel con il ridotto n di istituz che non consentono un ricambio nella dirigenza. - l'alta percentuale di docenti a tempo indeterminato nel ns caso coincide con una discreta stabilità dei docenti nella sede - personale soprattutto femminile e nella fascia il numero alto è determinato dal numero ridotto di discipline negli indirizzi liceali rispetto ai professionali; assenza di docenti di sostegno 3) è tale l'offerta esterna che all'interno non si fanno altre proproste; mavalorizzare anche qs cose non ufficiali, : mnolte le attività di qs tipo: AIF : momenti non formalizzati come corsi ma di aggiornam interno con supporto esperti estern i8n vista delle novità esame di statoi; formaz sulla sicurezza in collegio; calvarese ; successo scolastico il gruppo docenti risulta essere molto aggiornato in rapp alle altre sc anche se non ha organizz attività formalizz di aggiornamento, pari a 1/3 Punti di debolezza

14 3. Esiti A) Risultati scolastici La sezione si articola in due parti: Risultati scolastici e Risultati nelle prove standardizzate nazionali. In questa parte (Risultati scolastici) si pone l attenzione sugli esiti degli scrutini e degli esami di Stato, sul ritardo scolastico e sui trasferimenti degli alunni da una scuola all altra. Sono, questi, dati che permettono di misurare l efficacia dell azione della scuola e di riflettere su quanto la scuola sia in grado di promuovere il successo scolastico di ciascuno. Inoltre, i dati raccolti in questa sezione permettono di mettere in evidenza criticità negli apprendimenti, in particolare nell ambito delle lingue e della matematica. 3.1 Esiti degli scrutini e degli esami di Stato 3.1.a Allievi ammessi alla classe successiva per anno di corso 3.1.b Debiti formativi per anno di corso e per disciplina (it., fr., ted., ingl., mat., altro)

15 3.1.c Allievi con giudizio sospeso per numero di debiti formativi 3.1.d Voti nelle prove scritte (it., fr., ted., ingl., mat. ) all'esame di Stato del primo ciclo 3.1.e Punteggi nelle prove scritte (it., fr., seconda prova) all'esame di Stato del secondo ciclo 3.1.f Allievi licenziati per voto conseguito all esame 3.1.g Allievi diplomati per voto conseguito all esame

16 3.2 Ritardo e trasferimenti 3.2.a Percentuale di allievi in ritardo nel primo biennio della Scuola secondaria di II grado 3.2.b Numero di allievi trasferiti - in entrata e in uscita - nel primo biennio della Scuola secondaria di II grado

17 Indicatori aggiunti dalla scuola Primo indicatore 3.1.b scorporare scientifico linguistico rispetto ai debiti Descrittore 1 Commento 1 Secondo indicatore 3.1.b scorporare il dato altre materie per scientifico e linguistico Descrittore 2 Commento 2 si rileva il dato anomalo del latino come rimandatura in quarta del linguistico. si rileva che la maggior p delle rimandare riguardano materie che mettono in gioco la logica.villani: consigliare eriksonn di logica. Terzo indicatore Descrittore 3 Commento 3 Punti di forza 3.1 osservazione generale - selezione in prima, selezione in terza. Macori : selezione in terza è nella norma ; Villani: selezione in terza non va. Villani propone il Tutoraggio del singolo, non Sto arrivando! però come. Macro: dobbiamo dare a qs cosa un inquadramento. 32b - allievi trasferiti in qs scuola 7? macori: soprattutto al linguistico, dove anni fa arrivavano dal classico ma non più successo ora. - pochi allievi se ne vanno in prima; preside dice che non ci si deve fermare sui numeri, ma considerare il modo in cui se ne vanno, cioè sparando veleno su di noi; non qs anno, in cui sono andati dicendo grazie, e qs anno c'è stato il lavoro di accoglienza dei genitori. - Villani: eriksonn libri all'atto dell'iscrizione per rinforzare la logica. Preside: da consegnare quando si iscrivono e prove d'esame fascia medio- alta (non eccellenza) notevole, in misura minore fascia di eccellenza, ma molto alta fascia media (le altre scuole hanno molti nella fascia bassa anche se nella fascia di eccellenza qualcuno in più) g fascia tra 81 e 90 un numero superiore a tutti gli altri; fascia del 60 con il numero inferiore rispetto a tutte le altre scuole. - proposte potenziamento: attestato (Villani), esposizioni-lezioni ai compagni (Cerri), - Punti di debolezza 32b

18 - preside: accompagnamento nei primi 2 mesi, occasioni di confronto, bisogna fare, come qs anno, lavoro di accompagnamento all'insuccesso, che mette al riparo da critiche e regala complimenti; potenziare qs lavoro, per evitare la rabbia; villani: non hanno spesso consapevolezza della loro preparazione mancante (potrebbe essere un'azione di miglioramento?) /ritiri non accompagnati, senza confronto, condivisione. -preside: tonnellate di lezioni private a cui i ns alunni sono chiamati. azione di miglioramento? preside: uso alternativo di parte dei moduli di recupero orario mattutino su un progetto che possa tornare sui ragazzi di pomeriggio per il recupero, scuola aperta: mettere nel POF che la ns scuola di pomeriggio cè con presenza di insegnanti che fanno assistenza allo studio, magari dividere per pomeriggi, uno per materie letterarie, uno per materie scientifiche, 1 o 2 pomeriggi settimanali scuola aperta con assistenza allo studio, per aiuto nel metodo, o altro (preside: non capiscono cosa gli insegnanti vogliono da loro e fanno fativca ad adeguare la risposta; calvarese: no n più ansia nello studio ma...), ad es ottobre, novembre, febbraio, marzo, aprile, 5 mesi all'anno (organico potenziato? docenti regolari?) - compresenze materie linguistiche: mettere le ins francese inglese in compresenza da settembre nelle materie che gli adattamenti prevedono che si facciano...concordando a monte col doc titolare percorsi, attività didattiche, a progetto, dove si può, dati i numeri ; usando i moduli a disposizione; di mese in mese su progetti diversi. Macori racconta la sua esperienza con la classe IIIa. - latino triennio anomalia rimandatura: riflessione profonda sulla didattica in relaz alla riforma g constatiamo che sarebbe opportuno creare occasioni per lavori di eccellenza al fine di alzare la media dei voti finale e di conseguenza il credito: penalizzati nei voti d'esame proprio gli alunni migliori che restano perdenti a parità di capacità fuori valle. Preside: usare tutta la scala dei voti. Rubrica di valutazione Criterio di qualità La scuola favorisce il successo formativo degli studenti Giudizio: Motivazione del giudizio

19 B) Risultati degli allievi nelle prove standardizzate La sezione si articola in due parti: Risultati scolastici e Risultati nelle prove standardizzate nazionali. In questa parte (Risultati delle prove standardizzate) si pone l'attenzione sugli esiti delle prove standardizzate nazionali. L analisi dei risultati conseguiti nelle prove standardizzate nazionali INVALSI consente di riflettere sui livelli di competenza raggiunti dalla scuola in relazione alle scuole del territorio, a quelle con background socio-economico simile e al valore medio nazionale. Tale analisi permette anche di valutare la capacità della scuola di assicurare a tutti gli studenti il raggiungimento dei livelli essenziali di competenza. L azione della scuola dovrebbe quindi essere volta a ridurre l incidenza numerica e la dimensione del gap formativo degli studenti con livelli di apprendimento sotto una determinata soglia, considerando la variabilità di risultati interna alla scuola (tra le classi, tra le sedi, tra gli indirizzi), così come la distribuzione degli studenti nei diversi livelli di rendimento. 3.3 Risultati degli allievi nelle prove di italiano e matematica 3.3.a Punteggio della scuola e delle classi in italiano e matematica e differenze nel punteggio rispetto a scuole con contesto socio-economico e culturale simile (ESCS)

20 3.4 Livelli di apprendimento degli allievi nelle prove di italiano e matematica 3.4.a Allievi collocati nei diversi livelli in italiano e in matematica 3.5 Variabilità dei risultati fra le classi nelle prove di italiano e matematica 3.5.a Varianza interna alle classi e tra le classi

21 Indicatori aggiunti dalla scuola Primo indicatore Descrittore 1 Commento 1 Secondo indicatore Descrittore 2 Commento 2 Terzo indicatore Descrittore 3 Commento 3 Punti di forza 3.3. risultati invalsi: nella media o superiori. Situazione positiva. (matematica negativa nella classe 6) Macori dice che va precisato che la classe 6 ha boicottato; Villani obietta che però il risultato di italiano è alto, dunque secondo lei sono scarpe di matematica. 3.5 varianza interna nelle classi : si giustifica con la considerazione dell'elevata qualità delle competenze in matematica dell'indirizzo scientifico ( v. tabella 3.3) Punti di debolezza 3.5 varianza interna e tra le classi- E' molto alta rispetto ai parametri standard (deve essere uniforme tra le classi e riforme nella classe, ossia 10% la prima 90% la seconda). C'è una grande varietà di risultati tra le varie classi dovuta a ins diversi? No. Dovuta alla mancata distinzione tra i due indirizzi. Dovuta alla disparità nei risultati di mate fra i due indirizzi alla particolare qualità dell'apprendimento nelle materie di indirizzo nel liceo scientifico (sposta nel punto di forza) 3.3 rileva un p di debolezza nel linguistico nella mate ma soprattutto nelle capacità logiche e di astrazione e di procedura NB fare regolarmente prove standardizzate per classi parallele almeno sulle materie di indirizzo, frutto di programmazione comune) Rubrica di valutazione Criterio di qualità La scuola assicura l acquisizione dei livelli essenziali di competenza (misurati con le prove standardizzate nazionali) per tutti gli studenti. Giudizio:

22 Motivazione del giudizio

23 4. Processi A) Progettazione didatticala sezione si articola in due parti: Progettazione didattica e Pratiche gestionali organizzative. In questa parte (Progettazione didattica) si prendono in esame le informazioni relative al grado di elaborazione del curricolo di istituto in relazione alle attese educative e formative della comunità di appartenenza. Viene poi analizzata la coerenza tra il curricolo di istituto e la progettazione didattica, con particolare attenzione alla diversificazione di quest'ultima. Si focalizza anche l attenzione sul grado di coerenza tra l impiego delle risorse economiche/professionali e le priorità individuate dall istituzione. 4.1 Curricolo e progettazione didattica 4.1.a Aspetti presenti nel curricolo

24 4.1.b Aspetti presenti nella progettazione didattica 4.2 Valutazione degli allievi 4.2.a Percentuale delle classi che svolgono prove strutturate di ingresso, intermedie e finali per disciplina

25 4.3 Attività di recupero e potenziamento 4.3.a Attività di recupero organizzate dalla scuola per tipologia 4.3.b Attività di potenziamento organizzate dalla scuola per tipologia 4.4 Gestione del Fondo dell'istituzione Scolastica 4.4.a Percentuale degli insegnanti che percepiscono il FIS

26 4.4.b Percentuale degli insegnanti che percepiscono più di 500 di FIS 4.5 Progetti 4.5.a Ripartizione percentuale del bilancio consuntivo relativo ai progetti per tipologia di progetto

27 Indicatori aggiunti dalla scuola Primo indicatore Descrittore 1 Commento 1 Secondo indicatore Descrittore 2 Commento 2 Terzo indicatore Descrittore 3 Commento 3 Punti di forza Punti di debolezza Rubrica di valutazione Criterio di qualità La scuola propone un curricolo aderente alle esigenze del contesto, progetta attività didattiche coerenti con il curricolo, valuta gli studenti utilizzando criteri e strumenti condivisi. Giudizio: Motivazione del giudizio

28 4. Processi B) Pratiche gestionali e organizzativela sezione si articola in due parti: Progettazione didattica e Pratiche gestionali organizzative. In questa parte (Pratiche gestionali organizzative) si pone l attenzione sulla capacità della scuola di promuovere un ambiente organizzativo che valorizzi e faccia crescere il capitale professionale dell istituto in funzione della realizzazione delle priorità istituzionali e dello sviluppo della qualità del servizio. In particolare si fa riferimento sia ai processi decisionali sia alla presenza, alla diversificazione e al funzionamento dei gruppi di lavoro. 4.6 Processi decisionali 4.6.a Luoghi decisionali per materia

29 4.7 Impatto delle assenze degli insegnanti sull organizzazione 4.7.a Numero medio di giorni di assenza per insegnante 4.7.b Percentuale di giorni di assenza con sostituzione da parte di insegnanti esterni e senza sostituzione

30 4.8 Collaborazione tra insegnanti 4.8.a Gruppi di lavoro per tipologia Indicatori aggiunti dalla scuola Primo indicatore Descrittore 1 Commento 1 Secondo indicatore Descrittore 2 Commento 2 Terzo indicatore Descrittore 3 Commento 3 Punti di forza

31 Punti di debolezza Rubrica di valutazione Criterio di qualità La scuola individua e assegna ruoli di responsabilità e compiti per il personale valorizzandone le competenze. La scuola promuove per gli insegnanti percorsi formativi di qualità attraverso la collaborazione tra pari. Nella scuola le assenze degli insegnanti non influiscono sulla qualità del servizio offerto. Giudizio: Motivazione del giudizio

32 5. Indicazioni per l'individuazione delle priorità In questa sezione si conclude il processo di autovalutazione con l individuazione di priorità e traguardi. Le priorità si riferiscono agli obiettivi generali che la scuola si prefigge di realizzare nel lungo periodo attraverso le azioni di miglioramento e riguardano necessariamente gli esiti degli allievi e, nello specifico, entrambe le parti della sezione Esiti (Risultati scolastici e Risultati nelle prove standardizzate nazionali). Si tratta di individuare le priorità che si intendono perseguire: ad esempio la riduzione delle non ammissioni e della variabilità dei risultati fra le classi. Si suggerisce di individuare un numero limitato di priorità, al massimo 2 per ciascuna parte. I traguardi di lungo periodo riguardano i risultati attesi in relazione alle priorità strategiche. Si tratta di risultati previsti a lungo termine (da 1 a 3 anni). Essi articolano in forma osservabile e/o misurabile i contenuti delle priorità e rappresentano le mete verso cui la scuola tende nella sua azione di miglioramento. Per ogni priorità individuata deve essere articolato il relativo traguardo di lungo periodo riferito alle due parti degli Esiti degli allievi: ad esempio, in relazione alla priorità strategica Diminuzione delle non ammissioni, il traguardo di lungo periodo può essere definito come Rientrare nella media di non ammissioni regionali e/o macroregionali e/o nazionali. È opportuno evidenziare che per la definizione del traguardo che si intende raggiungere non è sempre necessario indicare una percentuale, ma una tendenza costituita da traguardi di riferimento a cui la scuola mira per migliorare, ovvero alle scuole o alle situazioni con cui è opportuno confrontarsi per migliorare. Si suggerisce di individuare un traguardo per ciascuna delle priorità individuate. Risultati scolastici Priorità 1 Traguardo 1 Priorità 2 Traguardo 2 Risultati prove standardizzate Priorità 3 Traguardo 3 Priorità 4 Traguardo 4 Motivazione della scelta delle priorità sulla base dei risultati dell'autovalutazione

33 6. Questionario finale del processo di autovalutazione Compiuto il processo di autovalutazione della scuola, il Questionario finale offre l opportunità al NAV di riflettere sullo svolgimento del percorso autovalutativo e sulle esperienze di autovalutazione pregresse. In particolare si tratta di ripercorrere le tappe del processo evidenziandone, in generale, le criticità e i punti di forza. 6.1 Composizione del NAV - Nucleo di autovalutazione dell'istituzione 6.1.a Come è composto il Nucleo di autovalutazione che si è occupato della compilazione del RAV? Elencare i nomi e i ruoli dei componenti (es. Maria Rossi, docente di matematica della Scuola secondaria di primo grado e funzione strumentale; Mario Bianchi, docente di Scuola primaria, ecc.). 6.2 Processo di autovalutazione 6.2.a Nella fase di lettura degli indicatori, di raccolta, analisi, interpretazione dei dati della scuola e di espressione dei giudizi, quali problemi o difficoltà sono emersi? 6.2.b Indicare almeno due punti di forza e due punti di debolezza del processo di autovalutazione realizzato. 6.3 Esperienze pregresse di autovalutazione 6.3.a Nell anno scolastico 2014/15 la scuola ha effettuato attività di autovalutazione e/o rendicontazione sociale?: No

RAV Rapporto di autovalutazione delle istituzioni scolastiche della Valle d Aosta

RAV Rapporto di autovalutazione delle istituzioni scolastiche della Valle d Aosta RAV Rapporto di autovalutazione delle istituzioni scolastiche della Valle d Aosta Guida Febbraio 2016 Il RAV e la documentazione contenuta nella Guida sono liberamente tratti ed adattati per la Valle d

Dettagli

Mappa indicatori per Rapporto di Autovalutazione

Mappa indicatori per Rapporto di Autovalutazione Mappa indicatori per Rapporto di Autovalutazione Novembre 2014 INDICE della MAPPA INDICATORI 1 Contesto... 2 1.1 Popolazione scolastica... 2 1.2 Territorio e capitale sociale... 3 1.3 Risorse economiche

Dettagli

DAL RAV AL PIANO DI MIGLIORAMENTO

DAL RAV AL PIANO DI MIGLIORAMENTO IC SARNELLI DE DONATO RODARI A.S. 2015-2016 DAL RAV AL PIANO DI MIGLIORAMENTO Ref. Autovalutazione Prof.ssa M. Notarachille PRIORITA' E TRAGUARDI PRIORITA' TRAGUARDI Risultati scolastici Migliorare i risultati

Dettagli

I Questionari docenti, studenti, genitori

I Questionari docenti, studenti, genitori I Questionari docenti, studenti, genitori 1 «Funzioni» dei questionari Esiti formativi, successo scolastico e indicazioni sulle possibili azioni di miglioramento PISTE INTERPRETATIVE Efficacia nella promozione

Dettagli

Valutazione dei sistemi educativi Prof. Giovanni Arduini

Valutazione dei sistemi educativi Prof. Giovanni Arduini Valutazione dei sistemi educativi Prof. Giovanni Arduini Lezione n.5 Anno Accademico 2015/2016 1 Raccomandazione del Parlamento europeo e del Consiglio del 12 febbraio 2001 per la valutazione della qualità

Dettagli

Seminari MIUR/USR sulla valutazione

Seminari MIUR/USR sulla valutazione Seminari MIUR/USR sulla valutazione OBIETTIVO Mettere a disposizione del dirigente scolastico e della comunità professionale un sistema organico di dati per intraprendere un processo di autovalutazione

Dettagli

La Valutazione e lo Sviluppo della Scuola

La Valutazione e lo Sviluppo della Scuola La Valutazione e lo Sviluppo della Scuola Roma 28 Novembre 2012 ITIS G. Galilei Dal processo al Rapporto di autovalutazione Sara Romiti Ricercatrice INVALSI Le aree del Rapporto di valutazione ANALISI

Dettagli

Piano di Miglioramento per il triennio 2016/2019 (ai sensi del D.P.R. 80/2013)

Piano di Miglioramento per il triennio 2016/2019 (ai sensi del D.P.R. 80/2013) DIREZIONE DIDATTICA STATALE GIOVANNI LILLIU Via Garavetti 1, 09129 CAGLIARI - tel. 070492737 fax 070457687 caee09800r@istruzione.it www.direzionedidatticagiovannililliu.gov.it Piano di Miglioramento per

Dettagli

PIANO DI MIGLIORAMENTO

PIANO DI MIGLIORAMENTO PIANO DI MIGLIORAMENTO Finalità generali: realizzare una scuola aperta, quale laboratorio permanente di ricerca, sperimentazione e innovazione didattica, di partecipazione e di educazione alla cittadinanza

Dettagli

IL SISTEMA NAZIONALE DI VALUTAZIONE PER FARE BENE SCUOLA

IL SISTEMA NAZIONALE DI VALUTAZIONE PER FARE BENE SCUOLA Ufficio Scolastico Regionale dell Emilia Romagna Paolo Davoli Dirigente Tecnico Formazione docenti neo-assunti Parma - 18 marzo 2015 IL SISTEMA NAZIONALE DI VALUTAZIONE PER FARE BENE SCUOLA 1 Non parliamo

Dettagli

Rapporto di autovalutazione delle scuole autonome e piano di miglioramento

Rapporto di autovalutazione delle scuole autonome e piano di miglioramento Rapporto di autovalutazione delle scuole autonome e piano di miglioramento Orientamenti ed indicazioni PREMESSA AUTONOMIA: VALUTAZIONE TRASPARENZA BUROCRAZIA? La Buona scuola: non c è vera autonomia senza

Dettagli

fonte Processi a livello di scuola e Partecipazione e coinvolgimento del - INVALSI territorio

fonte Processi a livello di scuola e Partecipazione e coinvolgimento del - INVALSI territorio PROCESSI Pagina 1 di 6 Macroarea e Partecipazione e coinvolgimento del P_001 Gruppi di lavoro formalizzati allargati al del e Partecipazione e coinvolgimento del P_002 Partecipazione della scuola a reti

Dettagli

Scheda Piano di Miglioramento. Priorità Descrizione Traguardo Migliorare i risultati delle Prove INVALSI di italiano

Scheda Piano di Miglioramento. Priorità Descrizione Traguardo Migliorare i risultati delle Prove INVALSI di italiano Scheda Piano di Miglioramento Meccanografico della scuola PDIC84300G Denominazione della scuola ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE DI GRANTORTO (PD) Priorità individuate nel Rapporto di Autovalutazione Priorità

Dettagli

I processi e il funzionamento delle scuole. A cura dell Area 3 - Valutazione delle scuole

I processi e il funzionamento delle scuole. A cura dell Area 3 - Valutazione delle scuole I processi e il funzionamento delle scuole A cura dell Area 3 - Valutazione delle scuole Il Questionario scuola INVALSI Finalità 2 Analizzare il funzionamento delle singole scuole restituendo indicatori

Dettagli

RESTITUZIONE PROVE INVALSI 2012

RESTITUZIONE PROVE INVALSI 2012 RESTITUZIONE PROVE INVALSI 202 PREMESSA Le prove nazionali INVALSI sono prove che mirano a misurare le "competenze" raggiunte in determinate discipline ( Italiano e Matematica) dagli alunni delle classi

Dettagli

R E P O R T S U I R I S U L T A T I I N V A L S I A.S I S T I T U T O C O M P R E N S I V O

R E P O R T S U I R I S U L T A T I I N V A L S I A.S I S T I T U T O C O M P R E N S I V O 1 R E P O R T S U I R I S U L T A T I I N V A L S I A.S. 2014 2015 I S T I T U T O C O M P R E N S I V O «GINO ROSSI VAIRO» SCUOLA PRIMARIA -SCUOLA SECONDARIA DI 1 GRADO Curato dal GRUPPO DI MIGLIORAMENTO

Dettagli

Piano di Miglioramento (PDM) Dell'istituzione scolastica VRPS03000R GIROLAMO FRACASTORO Indice

Piano di Miglioramento (PDM) Dell'istituzione scolastica VRPS03000R GIROLAMO FRACASTORO Indice Piano di Miglioramento (PDM) Dell'istituzione scolastica VRPS03000R GIROLAMO FRACASTORO Indice Sommario 1. Obiettivi di processo 1.1 Congruenza tra obiettivi di processo e priorità/traguardi espressi nel

Dettagli

Piano di miglioramento Dagli obiettivi alle azioni

Piano di miglioramento Dagli obiettivi alle azioni Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale della Sardegna Misure di accompagnamento per l avvio del Sistema Nazionale di Valutazione ORISTANO 13 Gennaio 2015

Dettagli

Percorsi di lettura dei dati, individuazione delle priorità

Percorsi di lettura dei dati, individuazione delle priorità Seminario di formazione e informazione Il Rapporto di autovalutazione Roma 28 novembre 2014 Percorsi di lettura dei dati, individuazione delle priorità Isabella Quadrelli INVALSI Leggere i dati Relativizzare

Dettagli

MIUR: 27 novembre 2014

MIUR: 27 novembre 2014 MIUR: 27 novembre 2014 Una PREMESSA necessaria: LBS Damiano Previtali 1. gli ORIENTAMENTI generali del SNV 3. la SEQUENZA del procedimento 2. la LOGICA interna 4. i PASSAGGI da presidiare PREMESSA LA VERA

Dettagli

Descrittori sotto ambito a1

Descrittori sotto ambito a1 ALLEGATO 1 Ambiti di Legge e sotto ambiti (Legge 107/15) Indicatori Descrittori Descrittori sotto ambito a1 volti ad evidenziare la qualità dell insegnamento ambito a) l. 107/15: qualità dell insegnamento

Dettagli

Il Rav e il Sistema Nazionale di Valutazione. Seminario per docenti delle Unità di Autovalutazione

Il Rav e il Sistema Nazionale di Valutazione. Seminario per docenti delle Unità di Autovalutazione Il Rav e il Sistema Nazionale di Valutazione Seminario per docenti delle Unità di Autovalutazione Il modello italiano Punta sul miglioramento degli esiti di ciascuna scuola, per ottenere un miglioramento

Dettagli

Sistema Nazionale di Valutazione

Sistema Nazionale di Valutazione Formazione docenti neoassunti a.s. 2014/15 Sistema Nazionale di Valutazione Autovalutazione e miglioramento Docente formatore: prof.ssa Cristina Di Sabatino SNVriferimenti normativi DPR 275/99 Regolamento

Dettagli

Scuola Secondaria di Primo Grado - Classi terze

Scuola Secondaria di Primo Grado - Classi terze Scuola Secondaria di Primo Grado - Classi terze Presentazione L'INVALSI, nell'intento di fornire informazioni affidabili e utili per la progettazione didattica, restituisce alle scuole, in forma riservata,

Dettagli

L AUTOVALUTAZIONE CHE CONVIENE: A TUTTI

L AUTOVALUTAZIONE CHE CONVIENE: A TUTTI L AUTOVALUTAZIONE CHE CONVIENE: A TUTTI Damiano Previtali Ecco perché abbiamo bisogno di autovalutazione Premessa Input output Input Processi output Contesto Input Processi Outcome Autovalutazione VS Valutazione

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO VIA ROMA SPIRITO SANTO COSENZA. VIA SPIRITO SANTO Tel / Sito Internet:

ISTITUTO COMPRENSIVO VIA ROMA SPIRITO SANTO COSENZA. VIA SPIRITO SANTO Tel / Sito Internet: ISTITUTO COMPRENSIVO VIA ROMA SPIRITO SANTO 87100 COSENZA VIA SPIRITO SANTO Tel. 0984.26572/ 22071 Sito Internet: www.icspiritosanto.gov.it 03/05/2015 1 ISTITUTO COMPRENSIVO VIA ROMA SPIRITO SANTO 87100

Dettagli

PARTE V Monitoraggio. Verifica e valutazione

PARTE V Monitoraggio. Verifica e valutazione PARTE V Monitoraggio Verifica e valutazione Agli insegnanti competono la responsabilità della valutazione e la cura della documentazione, nonché la scelta dei relativi strumenti, nel quadro dei criteri

Dettagli

Il RAV: quadro di riferimento e struttura

Il RAV: quadro di riferimento e struttura Seminario di formazione e informazione Il Rapporto di autovalutazione Roma 28 novembre 2014 Il RAV: quadro di riferimento e struttura Donatella Poliandri Responsabile area Valutazione delle scuole INVALSI

Dettagli

Il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Direttiva n. 75 Roma, lì 15 settembre 2008 VISTA la legge 28 marzo 2003 n. 53 ed in particolare l'articolo 3 che prevede la valutazione del sistema educativo di istruzione e di formazione ed il riordino

Dettagli

Processi - Curricolo, progettazione e valutazione

Processi - Curricolo, progettazione e valutazione 1 di 6 06/06/2015 10:15 Benvenuto BEATRICE PRAMAGGIORE - Dirigente LICEO "C.AMORETTI" - IMPM01000A set. Home F.A.Q. Documentazione Help Processo di Autovalutazione NEWS LogOut Processi - Curricolo, progettazione

Dettagli

1. Migliorare gli esiti degli studenti nelle prove INVALSI in riferimento a matematica e italiano.

1. Migliorare gli esiti degli studenti nelle prove INVALSI in riferimento a matematica e italiano. IL PIANO DI MIGLIORAMENTO Il piano di miglioramento dell Istituto Comprensivo ha come base di partenza il RAV (Rapporto di Autovalutazione) presente sul Portale Scuola in Chiaro del MIUR e ad esso fa riferimento

Dettagli

SINTESI DELL INDAGINE INVALSI 2013 (II classe delle superiori, riformata)

SINTESI DELL INDAGINE INVALSI 2013 (II classe delle superiori, riformata) SINTESI DELL INDAGINE INVALSI 2013 (II classe delle superiori, riformata) L indagine INVALSI del 2013 ha coinvolto dodici classi del Liceo Fermi, compresa la sede associata; per le classi II D e II P,

Dettagli

Liceo scientifico E. Majorana Latina a.s QUADRIMESTRE

Liceo scientifico E. Majorana Latina a.s QUADRIMESTRE Liceo scientifico E. Majorana Latina a.s. 2016 2017 QUADRIMESTRE Mese Consigli di Classe Scrutini Incontri Scuola/Famiglia Incontri STAFF Collegi/Dipartimenti Attività Recupero Simulazioni Appuntamenti

Dettagli

L INVALSI ha il compito di attuare verifiche periodiche e sistematiche sulle conoscenze ed abilità degli studenti. Gli ambiti coinvolti, scelti

L INVALSI ha il compito di attuare verifiche periodiche e sistematiche sulle conoscenze ed abilità degli studenti. Gli ambiti coinvolti, scelti L INVALSI ha il compito di attuare verifiche periodiche e sistematiche sulle conoscenze ed abilità degli. Gli ambiti coinvolti, scelti peraltro per la loro valenza trasversale e non esclusivamente disciplinare,

Dettagli

RISULTATI NELLE PROVE

RISULTATI NELLE PROVE 2 CIRCOLO DIDATTICO RUGGERO SETTIMO CASTELVETRANO RISULTATI NELLE PROVE STANDARDIZZATE NAZIONALI ANNO SCOLASTICO 2013/14 L'analisi dei risultati conseguiti nelle prove standardizzate nazionali consente

Dettagli

Valutazione dell apprendimento e misurazione degli apprendimenti: percorsi di sistema

Valutazione dell apprendimento e misurazione degli apprendimenti: percorsi di sistema Valutazione dell apprendimento e misurazione degli apprendimenti: percorsi di sistema CONFERENZA DI SERVIZIO SNV PUGLIA PROVINCIA DI FOGGIA 12 MARZO 2015 Gruppo di lavoro E - D.S. L. VITULANO prof.sse

Dettagli

Restituzione dati Invalsi 2014 I.I.S. Curie

Restituzione dati Invalsi 2014 I.I.S. Curie Sistema nazionale di valutazione SNV 2013/2014 Restituzione dati Invalsi 2014 I.I.S. Curie a cura della Commissione Autoanalisi di Istituto Pergine, 02 dicembre 2014 Popolazione Curie rilevazione 2014

Dettagli

In riferimento alle suddette Aree si propongono i seguenti obiettivi di processo:

In riferimento alle suddette Aree si propongono i seguenti obiettivi di processo: ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA DELL INFANZIA, PRIMARIA E SECONDARIA DI 1 GRADO "GIULIO TIFONI" 54027 PONTREMOLI - Via Roma,58 - tel.0187/830205 e fax 0187/461083 E-MAIL: msic814005@istruzione.it - cod.fiscale

Dettagli

Autovalutazione e Valutazione

Autovalutazione e Valutazione ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE SPERONE PERTINI PALERMO RELAZIONE FINALE DELLE ATTIVITÀ SVOLTE DALLA FUNZIONE STRUMENTALE AREA 2 Autovalutazione e Valutazione a.s. 2013/2014 INSEGNANTE LICATA VITA Nel corso

Dettagli

LA VALUTAZIONE D ISTITUTO

LA VALUTAZIONE D ISTITUTO LA VALUTAZIONE D ISTITUTO IL RUOLO DELL INVALSI Dino Cristanini Direttore Generale INVALSI Roma 3 dicembre 2010 GLI OGGETTI DELLA VALUTAZIONE SCOLASTICA ALUNNO (apprendimenti, comportamento, competenze)

Dettagli

SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO A. VOLTA CRITERI PER LA VALUTAZIONE DEI DOCENTI. (legge n. 107/2015 art. 1)

SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO A. VOLTA CRITERI PER LA VALUTAZIONE DEI DOCENTI. (legge n. 107/2015 art. 1) SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO A. VOLTA VIA Venezia, 75 TARANTO CRITERI PER LA VALUTAZIONE DEI DOCENTI (legge n. 107/2015 art. 1) Ambiti legge 107 Abilità-Competenze Descrittori Lettera A A1)Qualità dell

Dettagli

MIUR: 27 novembre 2014. Damiano Previtali

MIUR: 27 novembre 2014. Damiano Previtali MIUR: 27 novembre 2014 Damiano Previtali Una PREMESSA necessaria: LBS 1. gli ORIENTAMENTI generali del SNV 3. la SEQUENZA del procedimento 2. la LOGICA interna 4. i PASSAGGI da presidiare PREMESSA LA VERA

Dettagli

PIANO DI MIGLIORAMENTO DELL ISTITUTO

PIANO DI MIGLIORAMENTO DELL ISTITUTO SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO PARITARIA MONS. VIANELLO PIANO DI MIGLIORAMENTO DELL ISTITUTO a.s. (allegato a PTOF ; 2016-2017; 2017-2018) SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO PARITARIA MONS. VIANELLO Dec. Min.

Dettagli

VALUTAZIONE DI ISTITUTO: RESTITUZIONE RISULTATI PROVE INVALSI

VALUTAZIONE DI ISTITUTO: RESTITUZIONE RISULTATI PROVE INVALSI VALUTAZIONE DI ISTITUTO: RESTITUZIONE RISULTATI PROVE INVALSI QUALI MATERIE? LIANO MATEMATICA E LE ALTRE??? QUALI LIVELLI SCOLASTICI NEGLI IC? III SECONDARIA I GRADO V PRIMARIA II PRIMARIA I DATI RESTITUITI

Dettagli

ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE E. MAJORANA ROSSANO (CS)

ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE E. MAJORANA ROSSANO (CS) ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE E. MAJORANA ROSSANO (CS) PIANO TRIENNALE DELL OFFERTA FORMATIVA AA. SS. 2016-2019 Revisione 1 Gennaio 2016 ARTICOLAZIONE DEL POF PARTE I LA SCUOLA E LA REALTÀ TERRITORIALE

Dettagli

CRITERI BONUS - Art.1, comma 129, punto 3, lett.a), b) e c).

CRITERI BONUS - Art.1, comma 129, punto 3, lett.a), b) e c). CRITERI BONUS - Art.1, comma 129, punto 3, lett.a), b) e c). Il comitato individua i criteri per la valorizzazione dei docenti sulla base: A) AREA DIDATTICA della qualità dell'insegnamento e del contributo

Dettagli

Autovalutazione di Istituto a.s. 2014/2015

Autovalutazione di Istituto a.s. 2014/2015 VARIE FASI Fase 1-1 anno Autovalutazione di Istituto a.s. 2014/2015 Fase 2-2 anno Miglioramento a.s. 2015/2016 Fase 3-3 anno Rendicontazione sociale a.s. 2016/2017 Fase di valutazione esterna, su un primo

Dettagli

Il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Direttiva n.76 Roma, lì 6 Agosto 2009 VISTA la legge 28 marzo 2003 n. 53 ed in particolare l'articolo 3 che prevede la valutazione del sistema educativo di istruzione e di formazione ed il riordino dell'invalsi;

Dettagli

L UTILIZZO DEI DATI A SUPPORTO DEL SISTEMA DI VALUTAZIONE

L UTILIZZO DEI DATI A SUPPORTO DEL SISTEMA DI VALUTAZIONE Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale della Sardegna Misure di accompagnamento per l avvio del Sistema Nazionale di Valutazione ORISTANO 13 Gennaio 2015

Dettagli

RILEVAZIONE INVALSI GUIDA ALLA LETTURA

RILEVAZIONE INVALSI GUIDA ALLA LETTURA RILEVAZIONE INVALSI GUIDA ALLA LETTURA il piano delle rilevazioni SNV e PN 2009-2010 II primaria V primaria I secondaria di primo grado III sec. di I grado Prova Nazionale II secondaria di secondo grado

Dettagli

AVVIO DEL SISTEMA NAZIONALE DI VALUTAZIONE USR dell Emila-Romagna

AVVIO DEL SISTEMA NAZIONALE DI VALUTAZIONE USR dell Emila-Romagna AVVIO DEL SISTEMA NAZIONALE DI VALUTAZIONE USR dell Emila-Romagna Roberto Ricci INVALSI Salsomaggiore (PR), 4 marzo 2015 Le rilevazioni dell INVALSI a.s. 2007/08 a.s. 2008/09 a.s. 2009/10 a.s. 2010/11

Dettagli

CRITERI PER LA VALORIZZAZIONE DEL MERITO DEI DOCENTI

CRITERI PER LA VALORIZZAZIONE DEL MERITO DEI DOCENTI Allegato Verb 2 del 5/5/2016 CRITERI PER LA VALORIZZAZIONE DEL MERITO DEI DOCENTI PREREQUISITI - contratto a tempo indeterminato; - assenza di azioni disciplinari con sanzioni erogate nel corso dell a.s.

Dettagli

Il ruolo del referente della valutazione

Il ruolo del referente della valutazione Il ruolo del referente della valutazione prof. Ivan Graziani I.C. Santa Sofia (FC) Bolzano 29 ottobre 2015 Che ruolo ha il referente di valutazione? Un referente per la valutazione deve occuparsi nel proprio

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DON ALFONSO DE CARO FISCIANO-LANCUSI (SA)

ISTITUTO COMPRENSIVO DON ALFONSO DE CARO FISCIANO-LANCUSI (SA) RELAZIONE SUI RISULTATI DELLE PROVE INVALSI II E V LIVELLO SCUOLA PRIMARIA A. S. 2013-2014 a cura della docente Referente per la valutazione Meriano Anna Maria ISTITUTO COMPRENSIVO DON ALFONSO DE CARO

Dettagli

Gli indicatori del RAV: fonti e tipologia di informazioni

Gli indicatori del RAV: fonti e tipologia di informazioni Seminario di formazione e informazione Il Rapporto di autovalutazione Roma 28 novembre 2014 Gli indicatori del RAV: fonti e tipologia di informazioni Sara Romiti Le fonti dei dati Leggere e usare le informazioni

Dettagli

Lo scopo dell autovalutazione non è sanzionatorio o fiscale, ma ha una valenza professionale e progettuale per:

Lo scopo dell autovalutazione non è sanzionatorio o fiscale, ma ha una valenza professionale e progettuale per: BILANCIO SOCIALE Autovalutazione La pratica dell autovalutazione costituisce uno strumento professionale prezioso per tutti gli operatori scolastici, utile per procedere nella revisione del proprio operato;

Dettagli

Istituto Comprensivo Montelabbate PROGETTAZIONE ATTIVITA DELL ORGANICO A.S. 2016/2017. Scuola Primaria di Osteria Nuova

Istituto Comprensivo Montelabbate PROGETTAZIONE ATTIVITA DELL ORGANICO A.S. 2016/2017. Scuola Primaria di Osteria Nuova Istituto Comprensivo Montelabbate PROGETTAZIONE ATTIVITA D EI D O C E N T I DELL ORGANICO POTENZIATO A.S. 2016/2017 Scuola Primaria di Osteria Nuova INTRODUZIONE La Scuola Primaria di Osteria Nuova ha

Dettagli

VERIFICA PIANO DI MIGLIORAMENTO IC BAGNOLO SAN VITO 2015/16 18 FEBBRAIO 2016

VERIFICA PIANO DI MIGLIORAMENTO IC BAGNOLO SAN VITO 2015/16 18 FEBBRAIO 2016 PRIORITA 1 Miglioramento delle prestazioni nelle prove standardizzate Traguardo : maggior allineamento dei risultati prove INVALSI a quelli di scuole contesti simili OBIETTIVI DI Elaborare una progettazione

Dettagli

Piano di Miglioramento (PDM) Dell'istituzione scolastica FGIS F I A N I - LECCISOTTI

Piano di Miglioramento (PDM) Dell'istituzione scolastica FGIS F I A N I - LECCISOTTI Piano di Miglioramento (PDM) Dell'istituzione scolastica FGIS044002 F I A N I - LECCISOTTI Sommario 1. Obiettivi di processo...2 1.1 Congruenza tra obiettivi di processo e priorità/traguardi espressi nel

Dettagli

RISULTATI INVALSI A.S

RISULTATI INVALSI A.S RISULTATI INVALSI A.S. 2013-2014 L andamento complessivo dei livelli di apprendimento degli studenti dell Istituto rispetto alla media dell Italia, dell area geografica e della regione di appartenenza.

Dettagli

PERCORSO DI AUTOVALUTAZIONE CON IL MODELLO CAF INDICATORI DI RISULTATO

PERCORSO DI AUTOVALUTAZIONE CON IL MODELLO CAF INDICATORI DI RISULTATO PERCORSO DI AUTOVALUTAZIONE CON IL MODELLO CAF INDICATORI DI RISULTATO Elaborati dal Gruppo di coordinamento regionale (in base al Protocollo di intesa CRCAF, USR Toscana, Regione Toscana e CIPAT del 22.03.2012)

Dettagli

Piano di Miglioramento (PdM)

Piano di Miglioramento (PdM) CIRCOLO DIDATTICO San G. BOSCO Via B. Croce, 1 Tel / Fax 095686340 95033 Biancavilla (CT) Piano di Miglioramento (PdM) Aggiornamento anno scolastico 2016/17 1. Obiettivo di processo: Miglioramento degli

Dettagli

Liceo Classico A. Manzoni Milano PIANO di MIGLIORAMENTO

Liceo Classico A. Manzoni Milano PIANO di MIGLIORAMENTO Liceo Classico A. Manzoni Milano PIANO di MIGLIORAMENTO 2015-2016 1- Verifica congruenza tra obiettivi di processo e priorità/traguardi Priorità strategiche (da Rav Sez.5): Esiti degli studenti priorità

Dettagli

La lettura dei risultati delle prove INVALSI

La lettura dei risultati delle prove INVALSI La lettura dei risultati delle prove INVALSI Angela Martini Padova 17 Settembre 2012 I tre punti di osservazione sui risultati delle prove Opportunità di distinguere, rispetto ai dati forniti dall INVALSI,

Dettagli

La valutazione degli alunni

La valutazione degli alunni La valutazione degli alunni La valutazione degli studenti, è comprensiva del voto di comportamento, in base all articolo 2 della legge 169/2008. La valutazione degli apprendimenti per le varie discipline

Dettagli

CONDIVISIONE RISULTATI PROVE INVALSI

CONDIVISIONE RISULTATI PROVE INVALSI CONDIVISIONE RISULTATI PROVE INVALSI APPROCCIO AD UN ANALISI DIACRONICA DEI RISULTATI DELL ISTITUTO ATTRAVERSO UN CONFRONTO DEI PUNTEGGI CONSEGUITI DALLE MEDESIME CLASSI DI ALUNNI NELLE PROVE DEL 2013

Dettagli

RISORSE PROFESSIONALI:

RISORSE PROFESSIONALI: RISORSE PROFESSIONALI: Quantità e qualità del personale della scuola (conoscenze e competenze disponibili) Dal RAV: - La percentuale di docenti a tempo indeterminato in servizio nei tre ordini di scuola

Dettagli

RELAZIONE RESTITUZIONE DATI INVALSI 2014/2015- PROVA NAZIONALE

RELAZIONE RESTITUZIONE DATI INVALSI 2014/2015- PROVA NAZIONALE RELAZIONE RESTITUZIONE DATI INVALSI 2014/2015- PROVA NAZIONALE L istituto Nazionale per la Valutazione del sistema di Istruzione (INVALSI), SU DIRETTIVA DEL Ministro dell istruzione, ha predisposto la

Dettagli

DOCENTE F. S. MAIESE CARMELA

DOCENTE F. S. MAIESE CARMELA RISULTATI DELLE PROVE INVALSI SCUOLA PRIMARIA a.s. 2014/2015 DOCENTE F. S. MAIESE CARMELA CONFRONTO DEI PUNTEGGI MEDI DELLA NOSTRA SCUOLA CON LA MEDIA REGIONALE E LA MEDIA NAZIONALE RISULTATI PERCENTUALI

Dettagli

Progetto Orientamento Scolastico

Progetto Orientamento Scolastico Progetto Orientamento Scolastico I. C. Serao sc. Secondaria di 1 grado a.s. 2015/ 2016 FINALITA EDUCATIVE L orientamento nella scuola secondaria di I grado è un processo educativo e didattico al quale

Dettagli

Risultati INVALSI 2014-2015

Risultati INVALSI 2014-2015 Risultati INVALSI 2014-2015 Presentazione L'INVALSI ha restituito alle scuole, forma riservata, i dati le rilevazioni sugli apprendimenti, mettendo a confronto i risultati le sgole classi e la scuola con

Dettagli

Prot.4938/A2a All ALBO di ISTITUTO IL COMITATO DI VALUTAZIONE DELIBERA

Prot.4938/A2a All ALBO di ISTITUTO IL COMITATO DI VALUTAZIONE DELIBERA Prot.4938/A2a All ALBO di ISTITUTO IL COMITATO DI VALUTAZIONE VISTA la legge 13.7.2015, n. 107, art. 1 commi 126-130; VISTO il DLgs. 16.4.1994, n. 297, art. 11 così come novellato dalla legge 107/15, ed

Dettagli

PIANO DI MIGLIORAMENTO Periodo (gennaio 2016 agosto 2017)

PIANO DI MIGLIORAMENTO Periodo (gennaio 2016 agosto 2017) PIANO DI MIGLIORAMENTO Periodo (gennaio 2016 agosto 2017) OBIETTIVO DI PROCESSO 1 RILEVANZA ALTA Realizzare attivita per il potenziamento delle competenze di base, promuovendo nel contempo le competenze

Dettagli

PROVE INVALSI RESTITUZIONE DATI. Collegio Docenti 12/11/2013. Funzione Strumentale N.2 prof.franco Foglieni

PROVE INVALSI RESTITUZIONE DATI. Collegio Docenti 12/11/2013. Funzione Strumentale N.2 prof.franco Foglieni PROVE INVALSI Collegio Docenti 12/11/2013 Funzione Strumentale N.2 prof.franco Foglieni RESTITUZIONE DATI DPR 28 marzo 2013, n. 80 Regolamento sul sistema nazionale di valutazione in materia di istruzione

Dettagli

Piano di Miglioramento (PDM) Dell'istituzione scolastica BO1M01300A SIT.RELIG. "SUOR TERESA VERONESI"

Piano di Miglioramento (PDM) Dell'istituzione scolastica BO1M01300A SIT.RELIG. SUOR TERESA VERONESI Indice Piano di Miglioramento (PDM) Dell'istituzione scolastica BO1M01300A SIT.RELIG. "SUOR TERESA VERONESI" Sommario 1. Obiettivi di processo 1.1 Congruenza tra obiettivi di processo e priorità/traguardi

Dettagli

PROTOCOLLO PROVE COMUNI TABULATE

PROTOCOLLO PROVE COMUNI TABULATE Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca ISTITUTO COMPRENSIVO VIA MARSALA Via Marsala 13 27058 Voghera (Pv) Tel. 0383-41371 Fax 0383 41598 C.F. 95032770182 Email: PVIC826009@istruzione.it

Dettagli

Anno scolastico

Anno scolastico Anno scolastico 2015-16 PIANO DI MIGLIORAMENTO L Istituto Comprensivo BOTTACCHI nasce nel 2012 in seguito al Dimensionamento Scolastico decretato dall Ufficio Scolastico Regionale. In precedenza le scuole,

Dettagli

CENTRO TERRITORIALE PERMANENTE VALTIBERINA

CENTRO TERRITORIALE PERMANENTE VALTIBERINA CENTRO TERRITORIALE PERMANENTE VALTIBERINA Il Centro Territoriale Permanente (CTP) per l Educazione e la formazione degli adulti (EDA), istituito con decreto del Provveditore agli studi Arezzo nel giugno

Dettagli

Il Piano di Miglioramento (PdM)

Il Piano di Miglioramento (PdM) Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Istituto Comprensivo Statale ROBERTO CASTELLANI Via della Polla, 34-5904 PRATO Tel.0574/62448 0574/624608 Fax.0574/62263 Sito: www.castellani.prato.it/

Dettagli

Dati nazionali Corrispondenza con i dati del RAV provincia di Bolzano Pag.

Dati nazionali Corrispondenza con i dati del RAV provincia di Bolzano Pag. Dati di benchmark nazionali per la Scuola primaria e secondaria di primo grado 1 In tutti i dati di benchmark il riferimento regionale è il Veneto, il riferimento provinciale è la provincia di Verona Tabelle

Dettagli

Analisi dati prove invalsi alunni scuola primaria e secondaria relative all ANNO SCOLASTICO 2012/2013

Analisi dati prove invalsi alunni scuola primaria e secondaria relative all ANNO SCOLASTICO 2012/2013 Analisi dati prove invalsi alunni scuola primaria e secondaria relative all ANNO SCOLASTICO 2012/2013 L INVALSI, nell'intento di fornire informazioni affidabili e utili a orientare le scelte didattiche,

Dettagli

LA VALUTAZIONE. Valutazione degli alunni (Cfr Indicazioni nazionali per il Curricolo del Settembre 2012) Traguardi per lo sviluppo delle competenze

LA VALUTAZIONE. Valutazione degli alunni (Cfr Indicazioni nazionali per il Curricolo del Settembre 2012) Traguardi per lo sviluppo delle competenze LA VALUTAZIONE Valutazione degli alunni (Cfr Indicazioni nazionali per il Curricolo del Settembre 2012) Traguardi per lo sviluppo delle competenze Al termine della Scuola Primaria vengono individuati traguardi

Dettagli

QUESTIONARIO DOCENTI

QUESTIONARIO DOCENTI pag. 1 di 5 QUESTIONARIO DOCENTI Gentile docente, aderendo al Progetto Qualità, la nostra scuola intende valorizzare il lavoro svolto dai docenti secondo le modalità consolidate negli anni, ma anche avviarsi

Dettagli

PON FESR 9035 - PROGETTO 10.8.1.A1-FESRPON-VE-2015-60

PON FESR 9035 - PROGETTO 10.8.1.A1-FESRPON-VE-2015-60 Circ. 341 Verona 23 maggio 2016 A TUTTI I DOCENTI Oggetto: Piano di Miglioramento (PDM): monitoraggio e verifica Come più volte comunicato il Piano di Miglioramento (PDM), redatto a inizio anno a seguito

Dettagli

PROVE INVALSI PROVE INVALSI. a.s. 2011/2012

PROVE INVALSI PROVE INVALSI. a.s. 2011/2012 PROVE INVALSI ISTITUTO ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE Antonietta DE PACE L E C C E V.le Marche,13 E-Mail ipdepace@tin.it - Home Page http://www.ipdepace.com C.F. 80012240752 Tel. 0832/345008-348118 Fax

Dettagli

piano DI miglioramento

piano DI miglioramento elaborato dal Collegio dei Docenti il 14 gennaio 2016 approvato dal Consiglio di Istituto il 21 gennaio 2016 piano DI miglioramento Ordine di scuola: Liceo scientifico paritario Madonna del Grappa (cod.

Dettagli

LA VALUTAZIONE DEGLI ALUNNI DEL SISTEMA SCOLASTICO

LA VALUTAZIONE DEGLI ALUNNI DEL SISTEMA SCOLASTICO LA VALUTAZIONE DEGLI ALUNNI e DEL SISTEMA SCOLASTICO Formazione docenti neo immessi in ruolo Aprile/maggio 2015 1 VALUTAZIONE DEGLI ALUNNI Fino al 1977 Pagella con voti numerici Legge 517 del 1977 Abolizione

Dettagli

Piano di Miglioramento (PDM) dell'istituzione scolastica

Piano di Miglioramento (PDM) dell'istituzione scolastica Piano di Miglioramento (PDM) dell'istituzione scolastica Adattamento del Modello di Piano di Miglioramento INDIRE (Pagina 1 di 12) Indice Istituto Paritario Scuola Cattolica don Bosco Sommario 1. Obiettivi

Dettagli

PROVA INVALSI. È una prova standardizzata somministrata dall Istituto Nazionale di. Valutazione del Sistema Educativo di Istruzione e Formazione agli

PROVA INVALSI. È una prova standardizzata somministrata dall Istituto Nazionale di. Valutazione del Sistema Educativo di Istruzione e Formazione agli PROVA INVALSI Che cos è la prova Invalsi? È una prova standardizzata somministrata dall Istituto Nazionale di Valutazione del Sistema Educativo di Istruzione e Formazione agli studenti dei diversi ordini

Dettagli

Questionario Personale ATA

Questionario Personale ATA Questionario Personale ATA DOMANDE 2 4 5 7 0 % % % % % 4"Parzialmente in accordo parzialmente in accordo % 1 La funzionalità strutturale dell edificio, lo stato di manutenzione e la funzionalità delle

Dettagli

Autovalutazione I.C. Leno. Monitoraggio giugno 2016 F.S. Caterina Cadei

Autovalutazione I.C. Leno. Monitoraggio giugno 2016 F.S. Caterina Cadei Autovalutazione I.C. Leno Monitoraggio giugno 2016 F.S. Caterina Cadei Dal Rav al PdM Esiti degli studenti Priorità Traguardi Risultati scolastici N. 2 Garantire il successo formativo nella scuola secondaria,

Dettagli

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DEL BONUS PER IL MERITO I. C. Noceto (PR)

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DEL BONUS PER IL MERITO I. C. Noceto (PR) CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DEL BONUS PER IL MERITO I. C. Noceto (PR) Comma 129 della Legge n. 170/2015 La legge 107/2015 stabilisce che il Comitato di valutazione elabora i criteri per la valorizzazione

Dettagli

L effetto scuola (valore aggiunto) sui risultati delle prove INVALSI

L effetto scuola (valore aggiunto) sui risultati delle prove INVALSI Civitanova M. 8 ottobre 2016 L effetto (valore aggiunto) sui risultati delle prove INVALSI A partire dai risultati delle prove 2016, l INVALSI restituisce alle scuole e all intero sistema scolastico anche

Dettagli

CITTADINANZA E COSTITUZIONE NEL QUADRO DELLA RECENTE NORMATIVA

CITTADINANZA E COSTITUZIONE NEL QUADRO DELLA RECENTE NORMATIVA Sergio Blazina dirigente tecnico USR Piemonte CITTADINANZA E COSTITUZIONE NEL QUADRO DELLA RECENTE NORMATIVA Museo diffuso 5 ottobre 2016 LE ORIGINI LEGGE 169/2008, art. 1 comma 1: A decorrere dall'inizio

Dettagli

A. Rilevazione dei BES presenti: n. minorati udito 1 DSA 4. Altro 5. Disagio comportamentale/relazionale 1. Linguistico culturale 19.

A. Rilevazione dei BES presenti: n. minorati udito 1 DSA 4. Altro 5. Disagio comportamentale/relazionale 1. Linguistico culturale 19. PRIMARIA PARITARIA CASA EDUCAZIONE E LAVORO a.s. 2015-16 Piano Annuale per l Inclusione Allegato del POF Parte I analisi dei punti di forza e di criticità A. Rilevazione dei BES presenti: n disabilità

Dettagli

Esso ha quindi come obiettivo ottimale di far giungere l alunno all autovalutazione e all auto-orientamento.

Esso ha quindi come obiettivo ottimale di far giungere l alunno all autovalutazione e all auto-orientamento. PROGETTO ORIENTAMENTO 2013/2014 ORIENTARSI PER SCEGLIERE FINALITA EDUCATIVE L orientamento nella scuola secondaria di I grado è un processo educativo e didattico al quale concorrono, secondo le specifiche

Dettagli

IL RAPPORTO DI AUTOVALUTAZIONE

IL RAPPORTO DI AUTOVALUTAZIONE IL RAPPORTO DI AUTOVALUTAZIONE LA STRUTTURA DEL RAV Dino Cristanini BERGAMO 23 Gennaio 2015 LA STRUTTURA DEL RAV 1 CONTESTO E RISORSE Quali vincoli presentano? Quali leve positive ci sono per agire efficacemente

Dettagli

Criteri di valutazione IIS Francesco la Cava Bovalino (RC)

Criteri di valutazione IIS Francesco la Cava Bovalino (RC) 1 Criteri di valutazione IIS Francesco la Cava Bovalino (RC) La legge 107/2015, art. 1, comma 129, ha statuito di premiare l impegno professionale e la qualità dell insegnamento dei docenti sulla base

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SIANO ANNO SCOLASTICO 2013/14. VALUTAZIONE Interna

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SIANO ANNO SCOLASTICO 2013/14. VALUTAZIONE Interna ISTITUTO COMPRENSIVO DI SIANO ANNO SCOLASTICO 2013/14 VALUTAZIONE Interna La Valutazione è uno strumento importante per monitorare i risultati conseguiti dall istituzione secondo criteri e parametri di

Dettagli

Tabelle punteggi generali di italiano

Tabelle punteggi generali di italiano Tabelle punteggi generali di italiano (rispetto all istituzione scolastica nel complesso) Tabelle punteggi generali di matematica (rispetto all istituzione scolastica nel complesso) La percentuale di risposte

Dettagli