Pompei. Eruzione 24 Agosto 79 d.c.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Pompei. Eruzione 24 Agosto 79 d.c."

Transcript

1 Pompei Eruzione 24 Agosto 79 d.c. Pompei si snoda sotto l ombra del monte Vesuvio. Il vulcano è oramai inattivo da 1500 anni e la gente non sa nemmeno che si tratta di un vulcano. Il 24 Agosto del 79 d.c. sembra una giornata come tutte le altre. Sorta su di un altopiano di formazione vulcanica, Pompei deve la sua fortuna alla posizione geografica che la rendeva uno dei porti più importanti per l entroterra campano. I suoi abitanti, ingegnosi e pronti alla novità per natura, diventarono per la maggior parte ricchi e facoltosi commercianti. Ercolano, a differenza di Pompei, è una cittadina a carattere essenzialmente residenziale,una delle più raffinate dell epoca. nota per la sua bellezza e per i suoi edifici monumentali, tra cui le terme e lo splendido teatro, Ercolano è un luogo di villeggiatura molto frequentato dai romani facoltosi che vi costruiscono ville lussuose. A quell epoca che aspetto aveva il Vesuvio? Nessuno lo sa con precisione, ma esiste una descrizione fatta da Strabone, sessanta, settant anni prima dell eruzione, parla di un monte circondato da bellissime campagne, tranne in cima dove c era una piana sterile e piena di caverne. Quindi nulla ti tutto ciò che si vede oggi, e allora ecco al risposta, il cono doveva forse essere più basso, regolare, totalmente rivestito da alberi, tranne in cima. Un vulcano mimetizzato da montagna, come un lupo con una pelle di pecora, ed è questo che ha ingannato i romani. Gli abitanti di Pompei ed Ercolano, come tutti quelli che abitavano nei pressi del Vesuvio, erano tranquilli. La città è percorsa da piccole scosse sismiche, il primo segno che il Vesuvio si sta preparando all eruzione, ma nessuno dei ventimila abitanti della zona sa interpretare questi segni premonitori. Da vari giorni la terra trema, sia pure leggermente. Queste piccole scosse sono dovute al fatto che il magma sta risalendo verso la superficie, e in questa risalita che è lenta, ma poderosa, frantuma delle rocce che provocano queste vibrazioni. Ma nessuno ha associato quest attività tellurica con il vulcano. Per il momento tutti si concentrano su quello che sanno fare meglio: fare soldi. Nelle profondità della terra un punto più debole della crosta ha lasciato passare la roccia fusa: il magma. Mentre la camera sotterranea si riempie di magma aumenta anche la pressione, la terra si gonfia e le scosse diventano sempre più frequenti. Vedete noi ci troviamo ora sull orlo del cratere, in cima, in mezzo ad un campo di fumarole. Quello che accade sotto i nostri piedi è molto semplice: a qualche km c è il magma, la lava incandescente, e tutte le rocce che vi sono intorno sono ustionate,

2 quindi le acque sotterranee, quando vengono a contatto con queste rocce vaporizzano all istante, e dei camini naturali portano questo vapore fino qui, in superficie. Il vapore è a 70 gradi, quindi caldissimo, e tutto trasforma quest area in un ambiente dantesco, infernale, che ci fa capire che questo vulcano è vivo, e quando entra in eruzione lo fa in modo esplosivo. Le colate laviche vengono sempre in un secondo tempo e sono di minore importanza. Quello che invece fuoriesce dal cratere con incredibile violenza sono gas, ceneri e lapilli, che vengono scagliati in aria fino ad oltre 30 km d altezza da dove ci troviamo noi. Insomma il Vesuvio è come un gigantesco cannone che spara in aria dei prodotti incandescenti, prodotti che poi ricadono a pioggia come un enorme bombardamento a tappeto su tutte le zone circostanti seppellendo ogni cosa. E non è finita, si creano anche delle valanghe ustionanti composte da gas e ceneri ad altissima temperatura, che scendono lungo i fianchi del vulcano a oltre 100 km/h investendo ogni cosa. I vulcanologi le chiamano nubi ardenti, è una morte atroce. Tutto questo sta per accadere a Pompei ed Ercolano, cogliendo gli abitanti completamente di sorpresa. Attorno alle 13 del 24 Agosto d.c. il Vesuvio si desta violentemente dal suo sonno. Dopo essere rimasta intrappolata in un calderone surriscaldato e sotto pressione per 1500 anni, le roccia non si è trasformata in lava, ma in vapore. L eruzione si scatena con un imponente colonna infuocata che si alza nel cielo alla velocità del suono. Pochi minuti dopo l eruzione la colonna di roccia fusa incandescente e gas si è innalzata per 15 km nell atmosfera. È facilmente visibile anche a Miseno, dall altra parte del golfo, dove si trova una persona che può capire cosa sta succedendo: Gaio Plinio II o Plinio il Vecchio. Egli è il comandante della flotta romana di Miseno, ma la sua vera passione è lo studio della natura, ma sarà suo nipote Gaio che un giorno fornirà gli indizi chiave per comprendere l intero evento. Innalzandosi verso il cielo cima della colonna perde la spinta iniziale e torna verso il basso. Di solito su quest area soffia una brezza di terra che avrebbe spinto la cenere verso la baia, ma non è così oggi, e il vento porta dunque la nuvola di cenere proprio sopra Pompei. L intera zona piomba cosi nel buio e nel peggiore degli incubi, la colonna di cenere oscura il sole e il giorno diventa notte, ma il peggio deve ancora arrivare. Nell atmosfera, infatti, la cenere incandescente si raffredda, si solidifica e comincia a ricadere a terra. La cenere impiega circa mezz ora prima di ricadere su Pompei, raffreddata, ma ancora piena di gas si è condensata in pietra pomice. In mezzo alla pomice c è però qualcosa di ben più letale: cadono anche grosse pietre catapultate dal Vesuvio e talvolta persino massi grandi quanto una lavatrice, quindi è estremamente rischioso uscire di casa. Questo bombardamento continuerà per ore coprendo prima le strade e bloccando le porte di casa, e alla fine seppellirà completamente la città; quello che all inizio sembrava una semplice grandinata di lapilli sta diventando un incubo, in certi punti il materiale infuocato ha anche provocato degli incendi, e a Pompei si inizia a comprendere che le cose si stanno mettendo davvero male.

3 A un ora dall inizio dell eruzione la situazione si fa sempre più critica. A migliaia si riversano nelle strade e scappano. A metà pomeriggio il Vesuvio ha già gettato oltre 100 milioni di tonnellate di pomice e cenere sopra Pompei, e con il loro accumularsi aumenta anche la minaccia. La pomice intanto continua a bombardare la città, il peso della pomice su balconi e tetti costituisce una nuova insidia. Dai testi giunti fino a noi sappiamo che la missione di soccorso di Plinio il Vecchio era già in atto verso le 17, passò davanti a un paese ancora più vicino al pericolo di Pompei, ma che la pomice aveva risparmiato per via del vento: Ercolano. Nel tardo pomeriggio ormai gli abitanti avevano per la maggior parte abbandonato il paese o si erano rifugiati sulle spiagge sperando nell arrivo di aiuti. Ma Plinio non si fermò e portò le sue navi verso Pompei, nel buio della zona dove era caduta la cenere lavica. Con il vento in poppa Plinio non può tornare indietro, si dirige piuttosto verso la costa meridionale, nel piccolo paese di Stabia, l unica possibilità di rifugio. Sette ore dopo l eruzione le strade di Pompei sono oramai praticamente deserte, la pomice continua a cadere, e blocca così le porte delle case, chiudendo all interno gli abitanti che avevano cercato rifugio. Plinio è bloccato a Stabia per via del vento, ha trovata riparo presso un amico: Pomponiano. Per quanto avesse studiato neanche Plinio comprendeva la portato di quello che stava accadendo. Pomponiano ha ben ragione ad avere paura, quello che accadde è così incredibile che anche se Gaio, nipote di Plinio, lo descrisse nessuno credette alle sue parole. Cos è esattamente un flusso piroclastico? È uno dei più feroci killer della natura, in effetti con una valanga vi potete forse anche salvare, con un alluvione, un terremoto o un uragano pure, ma con questo no, se vi prende vi uccide all istante e in un modo terribile. Prendiamo appunto l eruzione del 79 d.c. il vulcano ha alimentato per ore una colonna di gas, ceneri e lapilli, che sono arrivati a km d altezza, per ore ed ore, ma ad un certo punto questa colonna perde di potenza, in un certo senso si siede un po su sé stessa e questo genera, qui fianchi del vulcano, una valanga incandescente, è appunto il flusso piroclastico. Ma di che cos è fatto un flusso piroclastico? Al suo interno ci sono ceneri, pomici, persino del blocchi di pietra strappati dal condotto vulcanico, ma soprattutto ci sono dei gas ustionanti. Questo flusso piroclastico è composto da vari strati, quello più alto e meno denso è una specie di gigantesco fumo, composto soprattutto da ceneri a qualche centinaio di gradi che si può addirittura staccare dal flusso principale e magari deviare, superare un rilievo, una collina, molti vulcanologi sono morti in questo modo. Lo strato più basso invece è molto più denso, ed è composto soprattutto nella sua parte più bassa da ceneri e gas ustionanti talmente caldi che vaporizzano all istante le piante, i corsi d acqua, e questo vapore non fa altro che alimentare questo flusso che scivola via. Vi arriva addosso davvero un flusso che ribolle ad una velocità di 150 km/h, cioè 3-4 volte la velocità di un centometrista. La parte bassa di questo flusso si comporta come un torrente, segue la morfologia del terreno, s infila nelle valli, scorre nei canaloni, carbonizza tutto quello che incontra sul

4 suo cammino, risale addirittura delle barriere, travolge delle case, può penetrare al loro interno, un po come un uragano, uccidendo tutto e tutti con i suoi gradi. Quando incontra una persona la uccide all istante, è lo shock termico che uccide, si collassa letteralmente. L onda incandescente si dirige verso Ercolano e la gente sulla spiaggia. L onda piroclastica arriva ad Ercolano verso l 1 di notte, per fortuna dei 5000 abitanti pochissimi sono rimasti in città, solo qualche decina, ma circa 300 persone sono ammassate sulle spiagge in attesa che le condizioni del mare permettano la fuga. Con una temperatura 5 volte superiore a quella dell acqua in ebollizione questa nuvola di gas e cenere annichilisce qualsiasi cosa o persona che incontra sul suo cammino. Questa valanga di fuoco investe di colpo la città, s incanala nelle vie, nelle strade, entra nelle case e carbonizza all istante ogni forma vivente. La gente sulla spiaggia rimane carbonizzata. Per coloro che avevano trovato riparo nelle rimesse delle imbarcazioni la morte fu diversa: morirono a seguito dello shock termico, non appena l onda bollente raggiunse il loro corpi i tessuti molli si vaporizzarono, denti e ossa di ruppero come un fragile cristallo sotto l acqua bollente, i loro cervelli andarono in ebollizione, le ossa del cranio scoppiarono. Nelle rimesse portuali sono stati ritrovati oltre 300 scheletri tra uomini, donne e bambini. Una volta terminata l eruzione Ercolano e i paesi circostanti rimasero sepolti sotto 25 metri di detriti vulcanici. Sulla spiaggia, sotto le arcate destinate al rimessaggio delle barche, quelle 300 persone non fanno neppure in tempo a stringersi in un ultimo abbraccio, muoiono all istante. I loro scheletri sono ancora lì, e lasciano intuire le dimensioni della tragedia. Dopo un breve periodo di relativa calma durante la notte, cosa che aveva indotto alcuni abitanti a tornare nelle case per recuperare dei beni, arrivano forti scosse di terremoto e ricomincia la tempesta di pietra pomice. La potente scossa di terremoto indica una nuova, fatale fase dell eruzione; nel cuore del vulcano la camera magmatica ha infatti ceduto, questo provoca una seconda ondata piroclastica, questa volta si muove direttamente verso Pompei. Ma l ondata porta con sé una nuvola di gas tossico che si diffonde velocemente tra le case e le strade. Il cloruro di idrogeno, un acido che brucia occhi e gola, si unisce in una miscela letale. La morte degli abitanti di Pompei non fu istantanea: il primo respiro porta gas caldi e ceneri nei polmoni facendoli riempire di fluido, è come inghiottire fuoco; il secondo respiro mescola le ceneri con il fluido creando un cemento umido nei polmoni e nella trachea, con il terzo respiro il cemento aumenta ancora di più e la vittima cerca disperatamente aria e finisce per soffocare. Sapevano che stavano per morire, gli spasmi dovevano essere sicuramente evidenti. Si vede molto bene la massa di materiali che ricoprirono Pompei per oltre 3 metri d altezza: sotto ci sono le pomici e sopra i lapilli, naturalmente mescolati, in questi strati sono stati trovati degli scheletri, ma sopra ci sono strati di ceneri molto fini. Fiorelli scoprì che in questi strati di cenere solidificati c erano delle cavità e intuì che

5 queste cavità erano dovute ai vuoti lasciati dai cadaveri in decomposizione, quindi fece colare all interno del gesso liquido e ottenne i calchi dei corpi fissati nel momento della morte. Ma il Vesuvio aveva ancora un ultimo orrore in serbo, un ultima e ancora più grande ondata attraversa il golfo di Napoli con una nera nuvola di morte. L ultima ondata uccide le migliaia di persone che si erano rifugiate nella campagna. La descrizione cha Plinio ci offre delle nuvole di gas che scesero dal Vesuvio appare così assurda da risultare incredibile, e solo in tempi recenti la scienza gli ha reso onore; sappiamo infatti che questi eventi catastrofici possono svolgersi proprio come Plinio ci ha raccontato ed è per questo che vengono chiamate eruzioni pliniane. Plinio il giovane fu un eccellente reporter dell epoca, grazie al suo spirito di osservazione che certamente aveva affinato stando accanto allo zio, le sue cronache dettagliate degli eventi sono giunte fino a noi grazie a due lettere che scrisse allo storico Tacito. Nella prima racconta il viaggio dello zio lungo la costa vesuviana fino a Stabia, dove poi trovò la morte, certamente raccolse in proposito la testimonianza di Pomponiano, l amico presso cui si era rifugiato. Nella seconda lettera descrisse invece gli eventi che lui stesso aveva osservato a Miseno. Il fatto che per secoli questo racconto fosse considerato esagerato o non attendibile era dovuto a due buone ragioni: la prima era che non si era mai vista né sentita una cosa del genere, la seconda ragione è che il mondo antico non poteva conoscere quello che succedeva in paesi lontani. Ma quanti furono in tutto i morti? Il numero di morti è difficile valutarlo con precisione, per quanto riguarda Pompei comunque esistono dei dati. Gli archeologi, sin dai primi scavi nel 1748 hanno tenuto dei diari con l elenco dei corpi ritrovati; si è così visto che nella prima fase, quella delle piogge di ceneri e pomici solo 49 morirono per le strade, 345 morirono all interno delle case. Nella fase successiva, quella delle ondate di gas tossico, il numero delle vittime in spazi aperti salì a 319, mentre quello in luoghi chiusi fu di 334. Complessivamente con gli ultimi scavi i corpi ritrovati a Pompei sono circa 1150, di un centinaio di corpi però estratti in passato si è persa la traccia. Per quanto riguarda Ercolano una trentina di corpi sono stati ritrovati dentro le case e circa 300 sono morti sulla spiaggia. Per capire meglio la dinamica dei vari fenomeni che si sono susseguiti in quelle ore forse è utile riassumere schematicamente la sequenza completa degli eventi. L eruzione ha inizio poco dopo mezzogiorno del 24 Agosto del 79 d.c. e si svolge sostanzialmente in 3 fasi principali: Inizialmente un enorme nube di ceneri pomici e gas viene eruttata ad un altezza di km oscurando il Sole. Pompei è la prima ad essere colpita da una pioggia di pomici ed altri materiali che in poche ore la seppelliscono in parte. Ci sono crolli ed incendi, tuttavia la situazione sembra ad un certo punto stabilizzarsi, ma nella notte dal cratere del vulcano esplode un enorme massa di vapore acqueo, frammenti solidi e gas

6 tossici. L immensa colonna ricadendo su sé stessa produce una micidiale nube ardente che questa volta si dirige a tutta velocità su Ercolano bruciando tutto ciò che incontra, arrivando fino al mare e carbonizzando gli abitanti. Al mattino del 25 Agosto anche a Pompei, dopo un altra tempesta di pietre pomici arriva una nube incandescente che però si ferma prima delle mura. In città arrivano tuttavia i gas tossici che soffocano e uccidono gli abitanti ancora superstiti. Su Ercolano e Pompei cadranno successivamente ceneri magma e fango, seppellendole per sempre. Ecco come doveva apparire Pompei dopo l eruzione di 2000 anni fa: una distesa deserta completamente ricoperta di cenere. Per ben due secoli non rimase altro che questo paesaggio lunare, senza vegetazione, poi pian piano tornarono a crescere gli alberi e la vita riprese.

Dal documentario di Piero e Alberto Angela

Dal documentario di Piero e Alberto Angela Dal documentario di Piero e Alberto Angela Elaborato di Mattia C, Margherita e Marco. 1B Pompei e le altre città Pompei fu fondata intorno all VIII secolo a.c. dagli Oschi che si insediarono, distinti

Dettagli

23/06/2015. ALUNNA: SIMONA CENNAMO CL@SSE: 1 C A.s: 2014/2015 MATERIA: SCIENZE della TERRA

23/06/2015. ALUNNA: SIMONA CENNAMO CL@SSE: 1 C A.s: 2014/2015 MATERIA: SCIENZE della TERRA 23/06/2015 ALUNNA: SIMONA CENNAMO CL@SSE: 1 C A.s: 2014/2015 MATERIA: SCIENZE della TERRA 1 Quando due zolle si scontrano, il confine della zona che sprofonda fonde e forma nella profondità della Terra

Dettagli

I VULCANI. testo facilitato per alunni di scuola secondaria di primo grado ad un livello A2 di competenza linguistica. La conoscenza dei fenomeni

I VULCANI. testo facilitato per alunni di scuola secondaria di primo grado ad un livello A2 di competenza linguistica. La conoscenza dei fenomeni I VULCANI testo facilitato per alunni di scuola secondaria di primo grado ad un livello A2 di competenza linguistica La conoscenza dei fenomeni Prima di iniziare Sai cosa sono i fenomeni? Esempi di fenomeno:

Dettagli

I VULCANI CHE COSA E' UN VULCANO

I VULCANI CHE COSA E' UN VULCANO I VULCANI CHE COSA E' UN VULCANO COME E' FATTO COME NASCE UN VULCANO TIPI DI ERUZIONI LE IMMAGINI I VULCANI IN ITALIA I VULCANI IN ITALIA PARTE SECONDA IL VESUVIO IL VESUVIO NELLA STORIA 1 Che cos'è un

Dettagli

PROGETTO SCUOLEINSIEME

PROGETTO SCUOLEINSIEME Bando Fondazione Cariplo PROMUOVERE PERCORSI DI INTEGRAZIONE INTERCULTURALE TRA SCUOLA E TERRITORIO PROGETTO SCUOLEINSIEME UNITÀ DIDATTICA SEMPLIFICATA Elaborata da: Dott.ssa Bellante Ilaria A cura di:

Dettagli

unità 12. I fenomeni vulcanici

unità 12. I fenomeni vulcanici Prodotti dell attività vulcanica materiali aeriformi materiali solidi vapore acqueo anidride carbonica composti dello zolfo, dell azoto, del cloro colate di lava (rocce effusive) piroclastiti Tipi di eruzione

Dettagli

Un altro vulcano con un LAGO di LAVA all interno del cratere è l EREBUS situato in Antartide sull isola di Ross.

Un altro vulcano con un LAGO di LAVA all interno del cratere è l EREBUS situato in Antartide sull isola di Ross. Un altro vulcano con un LAGO di LAVA all interno del cratere è l EREBUS situato in Antartide sull isola di Ross. Un SUPER VULCANO si nasconde non solo sotto i CAMPI FLEGREI ma anche sotto il meraviglioso

Dettagli

Corso di aggiornamento. Istituto Comprensivo di Erbusco (Bs) Marenco Frassine Vincenzi PER GLI ALUNNI STRANIERI LAVORO DI:

Corso di aggiornamento. Istituto Comprensivo di Erbusco (Bs) Marenco Frassine Vincenzi PER GLI ALUNNI STRANIERI LAVORO DI: Corso di aggiornamento Istituto Comprensivo di Erbusco (Bs) TESTO SEMPLIFICATO PER GLI ALUNNI STRANIERI LAVORO DI: Marenco Frassine Vincenzi REVISIONE A CURA DI ALESSANDRA SPREAFICO Il testo semplificato

Dettagli

WWW.SCUBIMONDO.ORG MONTAGNE...SPECIALI! Osserva queste immagini. Etna in Eruzione in Sicilia. Il Vesuvio domina il Golfo di Napoli

WWW.SCUBIMONDO.ORG MONTAGNE...SPECIALI! Osserva queste immagini. Etna in Eruzione in Sicilia. Il Vesuvio domina il Golfo di Napoli MONTAGNE...SPECIALI! Osserva queste immagini. Etna in Eruzione in Sicilia Il Vesuvio domina il Golfo di Napoli I VULCANI Nelle parti più profonde della Terra c è molto caldo. Qui la roccia è fusa o quasi

Dettagli

SCIENZE. I vulcani. Che cos è un vulcano? Due tipi di vulcani: vulcani centrali e vulcani lineari. il testo:

SCIENZE. I vulcani. Che cos è un vulcano? Due tipi di vulcani: vulcani centrali e vulcani lineari. il testo: 01 Che cos è un vulcano? Un vulcano è un rilievo (una zona più in alto rispetto alla pianura) della superficie della Terra. Un vulcano nasce dove il magma arriva in superficie. Il magma è formato da roccia

Dettagli

Mito degli indiani Yakima

Mito degli indiani Yakima Piancallo, 14 ottobre 2011 Progetto LO SPAZIO Mito degli indiani Yakima Agli inizi del mondo c era solo acqua. Il Grande Capo Lassù viveva su nel cielo tutto solo. Un giorno decide di fare il mondo, viene

Dettagli

Laboratorio RED (Ricerca Educativa e Didattica)

Laboratorio RED (Ricerca Educativa e Didattica) Indicazioni per lo svolgimento del test Il test seguente tratta 4 argomenti e per ogni argomento ti pone una o più domande. Leggi attentamente cosa ti chiedono le domande e poi rispondi cercando di essere

Dettagli

Mediterranea INTRODUZIONE

Mediterranea INTRODUZIONE 7 INTRODUZIONE guerrieri Palermo, anno 1076. Dopo che - per più di duecento anni - gli arabi erano stati i padroni della Sicilia, a quel tempo nell isola governavano i normanni, popolo d i guerrieri venuti

Dettagli

L ENERGIA. Suona la sveglia. Accendi la luce. Ti alzi e vai in bagno. Fai colazione. A piedi, in bicicletta o in autobus, vai a scuola.

L ENERGIA. Suona la sveglia. Accendi la luce. Ti alzi e vai in bagno. Fai colazione. A piedi, in bicicletta o in autobus, vai a scuola. L ENERGIA Suona la sveglia. Accendi la luce. Ti alzi e vai in bagno. Fai colazione. A piedi, in bicicletta o in autobus, vai a scuola. La giornata è appena iniziata e hai già usato tantissima ENERGIA:

Dettagli

Quando il magma è basico si presenta fluido e molto caldo: infatti la sua temperatura costante è di circa 12OO C. Inoltre nel momento in cui avviene

Quando il magma è basico si presenta fluido e molto caldo: infatti la sua temperatura costante è di circa 12OO C. Inoltre nel momento in cui avviene I vulcani si manifestano con diversi tipi di struttura a seconda delle loro caratteristiche magmatiche e della loro eruzione. Queste diverse strutture vulcaniche vengono anche definite con il termine di

Dettagli

ESCURSIONE AGLI SCAVI DI POMPEI

ESCURSIONE AGLI SCAVI DI POMPEI ESCURSIONE AGLI SCAVI DI POMPEI Il giorno 15 aprile 2013, gli alunni delle classi: quinta di Dragonea, quinta di Molina e quarta di Raito, hanno visitato gli scavi archeologici di Pompei. Abbiamo deciso

Dettagli

SCIENZE. Le scienze e il metodo sperimentale, la materia e le sue proprietà. Le scienze e il metodo sperimentale 01.1

SCIENZE. Le scienze e il metodo sperimentale, la materia e le sue proprietà. Le scienze e il metodo sperimentale 01.1 il testo: 01.1 sperimentale Le scienze studiano i fenomeni della natura (fenomeni naturali). Spesso noi osserviamo la natura e ci chiediamo perché avvengono certi fenomeni. Ad esempio, ti sarà capitato

Dettagli

LE MINERALIZZAZIONI SECONDARIE NELLA GROTTA DEL FUMO (ERUZIONE ETNEA DEL 1991/93)

LE MINERALIZZAZIONI SECONDARIE NELLA GROTTA DEL FUMO (ERUZIONE ETNEA DEL 1991/93) LE MINERALIZZAZIONI SECONDARIE NELLA GROTTA DEL FUMO (ERUZIONE ETNEA DEL 1991/93) Antonio Marino Centro Speleologico Etneo, via Cagliari 15-95127 Catania, Italia Riassunto La Grotta del Fumo, parte iniziale

Dettagli

PROVINCIA DI BERGAMO Settore Politiche Sociali e Salute

PROVINCIA DI BERGAMO Settore Politiche Sociali e Salute PROVINCIA DI BERGAMO Settore Politiche Sociali e Salute geografia Gli elementi naturali : spazi terrestri e spazi acquatici Autore: Calegari Giuliana Anno 2011 1 Indice I vulcani..pag. 3 Il terremoto.pag.

Dettagli

Scheda di geografia Il vulcano IL VULCANO. 1. Prova a rispondere alle seguenti domande. Cosa hanno di particolare queste montagne?

Scheda di geografia Il vulcano IL VULCANO. 1. Prova a rispondere alle seguenti domande. Cosa hanno di particolare queste montagne? IL VULCANO Vulcano Vesuvio, Italia Vulcano Ngauruhoe, Nuova Zelanda Vulcano Vesuvio, Italia Vulcano Misti, Perù 1. Prova a rispondere alle seguenti domande. Cosa hanno di particolare queste montagne? 1

Dettagli

a scuola di Protezione Civile

a scuola di Protezione Civile Servizio Protezione Civile e Rischi Industriali Città di Venezia Il Servizio Nazionale di Protezione Civile in Italia Vigili del Fuoco La Croce Rossa a scuola di Protezione Civile Forze Armate e di Polizia

Dettagli

8 I vulcani del Golfo di Napoli

8 I vulcani del Golfo di Napoli ESCURSIONE 8 I vulcani del Golfo di Napoli 61 I T E M I S C I E N T I F I C I Il Vesuvio Al centro di una piana che si affaccia sul Golfo di Napoli, il Vesuvio è uno dei vulcani più famosi del mondo, e

Dettagli

6. La Terra. Sì, la terra è la tua casa. Ma che cos è la terra? Vediamo di scoprire qualcosa sul posto dove vivi.

6. La Terra. Sì, la terra è la tua casa. Ma che cos è la terra? Vediamo di scoprire qualcosa sul posto dove vivi. 6. La Terra Dove vivi? Dirai che questa è una domanda facile. Vivo in una casa, in una certa via, di una certa città. O forse dirai: La mia casa è in campagna. Ma dove vivi? Dove sono la tua casa, la tua

Dettagli

LE ORIGINI pagine per l insegnante

LE ORIGINI pagine per l insegnante LE ORIGINI pagine per l insegnante Come è nato l Universo Lo studio delle origini dell Universo e della Terra non può prescindere dalla conoscenza di cosa siano l Universo e la Terra perciò, dopo aver

Dettagli

come comportarsi in caso di... Maremoto o onda anomala

come comportarsi in caso di... Maremoto o onda anomala Maremoto o onda anomala (può verificarsi a seguito sia di terremoto sottomarino che di eruzione vulcanica) 58 maremoto-onda anomala allontanati immediatamente dalla spiaggia, dal molo o dal lungomare raggiungi

Dettagli

LA PROTEZIONE CIVILE NELLA DIDATTICA

LA PROTEZIONE CIVILE NELLA DIDATTICA Dipartimento Tutela Ambientale e del Verde Protezione Civile Direzione Protezione Civile LA PROTEZIONE CIVILE NELLA DIDATTICA ANNO SCOLASTICO 2013 2014 COS E LA PROTEZIONE CIVILE? Il termine protezione

Dettagli

8 I vulcani del Golfo di Napoli

8 I vulcani del Golfo di Napoli 61 ESCURSIONE 8 I vulcani del Golfo di Napoli I T E M I S C I E N T I F I C I Il Vesuvio Al centro di una piana che si affaccia sul Golfo di Napoli, il Vesuvio è uno dei vulcani più famosi del mondo, e

Dettagli

Un eruzione vulcanica consiste nell emissione di magma sulla superficie terrestre. Nel punto in cui avviene l eruzione si forma un vulcano.

Un eruzione vulcanica consiste nell emissione di magma sulla superficie terrestre. Nel punto in cui avviene l eruzione si forma un vulcano. I ERUZIONI VULCANICHE Un eruzione vulcanica consiste nell emissione di magma sulla superficie terrestre. Nel punto in cui avviene l eruzione si forma un vulcano. Il magma è formato da un liquido con temperature

Dettagli

La scuola integra culture. Scheda3c

La scuola integra culture. Scheda3c Scheda3c Gli ELEMENTI DEL CLIMA che caratterizzano le condizioni meteorologiche di una regione sono: la temperatura, la pressione atmosferica, i venti, l umidità e le precipitazioni. La temperatura è data

Dettagli

A scuola per la Prevenzione

A scuola per la Prevenzione Provincia di Brindisi Settore Protezione Civile In collaborazione con: Polizia Stradale Brindisi A scuola per la Prevenzione 118 Brindisi Servizio Civile Nazionale I Rischi Naturali: caratteristiche e

Dettagli

IL TEMPO METEOROLOGICO

IL TEMPO METEOROLOGICO VOLUME 1 CAPITOLO 4 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE IL TEMPO METEOROLOGICO 1. Parole per capire A. Conosci già queste parole? Scrivi il loro significato o fai un disegno: tempo... Sole... luce... caldo...

Dettagli

Application: the Vajont Landslide

Application: the Vajont Landslide Application: the Vajont Landslide Extract from a meeting in Lecco about landslides By M. Papini www.engeology.eu VAJONT: 9 OTTOBRE 1963 Un sasso è caduto in un bicchiere, l acqua è uscita sulla tovaglia.

Dettagli

Pompei, area archeologica.

Pompei, area archeologica. Pompei, area archeologica. Quello che impressione è l atteggiamento di queste persone nell ultimo momento di vita. Cercano di coprirsi da qualcosa. Si intuisce che il motivo principale della causa è il

Dettagli

Qual è lo scopo del monitoraggio dei vulcani?

Qual è lo scopo del monitoraggio dei vulcani? Il monitoraggio dei vulcani Osservatorio Vesuviano INGV 16 aprile 2011, Napoli Auditorium Porta del Parco Bagnoli HUB Qual è lo scopo del monitoraggio dei vulcani? L obiettivo principale del monitoraggio

Dettagli

Percorso Zona Orientale

Percorso Zona Orientale Percorso Zona Orientale Indice Cala Luna 1 Il Canyon di Gorroppu 3 Il villaggio di Fiscali 6 Cala Luna Un itinerario dove il bianco del calcare regna sul sentiero e sul monte, per arrivare a una delle

Dettagli

COSA FARE IN CASO DI FRANA... - SE TI TROVI IN UN LUOGO CHIUSO - SE SEI ALL APERTO - SE NE AVVISTI UNA PER LA STRADA

COSA FARE IN CASO DI FRANA... - SE TI TROVI IN UN LUOGO CHIUSO - SE SEI ALL APERTO - SE NE AVVISTI UNA PER LA STRADA Frana COSA FARE IN CASO DI FRANA... - SE TI TROVI IN UN LUOGO CHIUSO - SE SEI ALL APERTO - SE NE AVVISTI UNA PER LA STRADA 30 frana SE TI TROVI AL CHIUSO DURANTE UNA FRANA mantieni e contribuisci a far

Dettagli

CONOSCERE IL PROPRIO CORPO

CONOSCERE IL PROPRIO CORPO CONOSCERE IL PROPRIO CORPO Gli esseri viventi sono fatti di parti che funzionano assieme in modo diverso. Hanno parti diverse che fanno cose diverse. Il tuo corpo è fatto di molte parti diverse. Alcune

Dettagli

La materia. La materia è ogni cosa che occupa uno spazio (e possiamo percepire con i nostri sensi).

La materia. La materia è ogni cosa che occupa uno spazio (e possiamo percepire con i nostri sensi). La materia La materia è ogni cosa che occupa uno spazio (e possiamo percepire con i nostri sensi). Essa è costituita da sostanze, ciascuna delle quali è formata da un determinato tipo di particelle piccolissime,

Dettagli

4. Conoscere il proprio corpo

4. Conoscere il proprio corpo 4. Conoscere il proprio corpo Gli esseri viventi sono fatti di parti che funzionano assieme in modo diverso. Hanno parti diverse che fanno cose diverse. Il tuo corpo è fatto di molte parti diverse. Alcune

Dettagli

Alcune proprietà dell aria

Alcune proprietà dell aria SCIENZE La Terra L aria, come già sai, è composta sostanzialmente di gas, ed è invisibile, tanto che normalmente non ci accorgiamo della sua presenza e finiamo per considerarla qualcosa di astratto. Ma

Dettagli

IL SOLE. STRUTTURA del SOLE. CONFRONTO TRA sole e terra. macchie solari SOLE ATTIVO E SOLE TRANQUILLO

IL SOLE. STRUTTURA del SOLE. CONFRONTO TRA sole e terra. macchie solari SOLE ATTIVO E SOLE TRANQUILLO IL SOLE Nell universo ci sono tantissime stelle, ma il Sole è quella più vicina a noi, attorno alla quale ruotiamo insieme agli altri pianeti del sistema solare. E nato circa 5 miliardi di anni fa ed è

Dettagli

LE ROCCE. Lunedì 21 marzo 2011. Prof Pierluigi Stroppa Corso di aggiornamento su rocce, minerali e fossili delle Marche

LE ROCCE. Lunedì 21 marzo 2011. Prof Pierluigi Stroppa Corso di aggiornamento su rocce, minerali e fossili delle Marche LE ROCCE Lunedì 21 marzo 2011 Prof Pierluigi Stroppa Corso di aggiornamento su rocce, minerali e fossili delle Marche COS È UN MINERALE? Un minerale è una sostanza naturale, generalmente solida, omogenea;

Dettagli

FACELESS VOICEOVER (Manu Luksch & Mukul Patel 2007) (Un Nuovo Tempo la Nuova Macchina tra cui continua un sogno singolare.)

FACELESS VOICEOVER (Manu Luksch & Mukul Patel 2007) (Un Nuovo Tempo la Nuova Macchina tra cui continua un sogno singolare.) FACELESS VOICEOVER (Manu Luksch & Mukul Patel 2007) (Un Nuovo Tempo la Nuova Macchina tra cui continua un sogno singolare.) Questa è la storia di una donna perseguitata da un eco di una memoria, un sogno

Dettagli

FRATTURAZIONE Della LITOSFERA. MOVIMENTO Delle PLACCHE

FRATTURAZIONE Della LITOSFERA. MOVIMENTO Delle PLACCHE Tettonica a placche FRATTURAZIONE Della LITOSFERA MOVIMENTO Delle PLACCHE Placche Frammenti di litosfera Crosta continentale Crosta oceanica Crosta continentale + Crosta oceanica Cosa succede? Prima

Dettagli

La storia della Terra

La storia della Terra Gli uomini, fin dai tempi antichi e in tutti i luoghi del mondo si sono fatti delle domande. Per esempio: come ha avuto origine la Terra? come hanno avuto origine il Sole e la Luna? come hanno avuto origine

Dettagli

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore.

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore. Commozione Si commuove il corpo. A sorpresa, prima che l opportunità, la ragionevolezza, la buona educazione, la paura, la fretta, il decoro, la dignità, l egoismo possano alzare il muro. Si commuove a

Dettagli

Scuola Primaria Villaggio INA Classe 3 B. Libro personalizzato

Scuola Primaria Villaggio INA Classe 3 B. Libro personalizzato Anno scolastico 2008/2009 I.C.S. C. Tura pontelagoscuro (FE) Scuola Primaria Villaggio INA Classe 3 B Libro personalizzato Realizzato con: il patrocinio : Il contributo : La collaborazione : Dedicato alla

Dettagli

Alla scoperta dei vulcani del Mediterraneo 29 giugno 5 luglio 2014

Alla scoperta dei vulcani del Mediterraneo 29 giugno 5 luglio 2014 2014 Alla scoperta dei vulcani del Mediterraneo 29 giugno 5 luglio 2014 Divertiti a salire i tre fantastici vulcani attivi della Sicilia, nel cuore del Mare Mediterraneo! Organizzato da: Club Alpino Italiano

Dettagli

Leggenda Bonus. Leggenda Bonus LEGGENDE. Liberazione della miniera. Liberazione della miniera

Leggenda Bonus. Leggenda Bonus LEGGENDE. Liberazione della miniera. Liberazione della miniera Questa Leggenda è scritta su dodici carte: A1, A2, A3, A4, B, F, N, 3 carte Nascondiglio di Varkur e 2 carte Regole della miniera. Questa Leggenda si svolge sul retro della mappa da gioco: Miniera abbandonata.

Dettagli

Augustin BAUDOUIN. Buongiorno a tutti ragazzi, non so se la vostra professoressa vi ha detto perché sono qui oggi?

Augustin BAUDOUIN. Buongiorno a tutti ragazzi, non so se la vostra professoressa vi ha detto perché sono qui oggi? Augustin BAUDOUIN Buongiorno a tutti ragazzi, non so se la vostra professoressa vi ha detto perché sono qui oggi? Vengo per parlare della vita nei campi di concentramento. Prima dovete sapere che i deportati

Dettagli

Gli uomini, gli animali, le piante hanno bisogno dell acqua per vivere.

Gli uomini, gli animali, le piante hanno bisogno dell acqua per vivere. 3 scienze L ACQUA Gli uomini, gli animali, le piante hanno bisogno dell acqua per vivere. L acqua si trova nel mare, nel lago, nel fiume. mare lago fiume Gli uomini bevono l acqua potabile. acqua potabile

Dettagli

Intorno alla Terra è presente un atmosfera diversa da quella degli altri pianeti rende possibile la vita fornendo ossigeno e diossido di carbonio

Intorno alla Terra è presente un atmosfera diversa da quella degli altri pianeti rende possibile la vita fornendo ossigeno e diossido di carbonio L Atmosfera Intorno alla Terra è presente un atmosfera diversa da quella degli altri pianeti rende possibile la vita fornendo ossigeno e diossido di carbonio Protegge la superficie terrestre da temperature

Dettagli

Sergio Campagnolo Beatrice Buscaroli

Sergio Campagnolo Beatrice Buscaroli Mi appassiona perché quelle cento tavole, nella loro terribile potenza, ti trascinano dentro la guerra vera, non quella descritta da chi stava in hotel o in una villa lontano dal fronte. Cominetti schizzava

Dettagli

Maschere a Venezia CAP I

Maschere a Venezia CAP I Maschere a Venezia 7 CAP I In un pomeriggio di fine marzo Altiero Ranelli, un giovane giornalista de Il Gazzettino di Venezia, entra nell ufficio del direttore. - Ho una grande notizia. - grida contento.

Dettagli

LA LETTERATURA ITALIANA FACILITATA: UNA PROPOSTA DI LETTURA Annalisa Sgobba

LA LETTERATURA ITALIANA FACILITATA: UNA PROPOSTA DI LETTURA Annalisa Sgobba CAPITOLO PRIMO RE E STELLA DEL CIELO Re e stella del cielo Il mio nome è uno dei miei primi successi. Ho subito imparato (è stato lui, mi sembra, il primo che mi ha detto questo), che Arturo è una stella:

Dettagli

Attimi d amore. Scende come la pioggia un petalo di rose e quando ti vedo perdo la testa per te mia cara ragazza

Attimi d amore. Scende come la pioggia un petalo di rose e quando ti vedo perdo la testa per te mia cara ragazza Attimi d amore Scende come la pioggia un petalo di rose e quando ti vedo perdo la testa per te mia cara ragazza Distesa davanti alla collina Occhi verdi come il prato distesa e non pensi a nulla. Ricordo

Dettagli

Che cosa è la materia?

Che cosa è la materia? Che cosa è la materia? Tutti gli oggetti e le sostanze che ci stanno intorno sono costituite da materia. Ma che cosa è la materia? Il banco, la cattedra occupano uno spazio nell aula a causa del loro volume,

Dettagli

Lo Yoga è nato in India

Lo Yoga è nato in India Lo Yoga è nato in India 1 Più esattamente nel nord dell India, circa 5mila anni fa, presso una civiltà molto sviluppata e raffinata, che abitava in una zona molto fertile, nella valle tra il fiume Indo

Dettagli

VULCANISMO Gli edifici vulcanici FORMA DI UN VULCANO Vulcano-strato Vulcano a scudo

VULCANISMO Gli edifici vulcanici FORMA DI UN VULCANO Vulcano-strato Vulcano a scudo VULCANISMO Vulcano e attività vulcanica sono termini che evocano immagini a tutti abbastanza familiari, eppure la definizione del fenomeno vulcanico nel suo insieme è tutt'altro che semplice, sia per la

Dettagli

unità 13. I fenomeni sismici

unità 13. I fenomeni sismici Terremoto: vibrazione della Terra prodotta da rapida liberazione di energia elastica che avviene nell che avviene secondo il modello del rimbalzo elastico dal quale si propagano le onde sismiche forniscono

Dettagli

LABORATORI SULL ARIA E SULLA PRESSIONE ATMOSFERICA (ALL.

LABORATORI SULL ARIA E SULLA PRESSIONE ATMOSFERICA (ALL. L'ARIA L'aria è una cosa leggera che ricopre tutta la terra come copre la buccia la pera ma nessuno la vede o l'afferra E' una specie di fumo lucente e anche se non si vede con gli occhi, la respira col

Dettagli

PROCEDURA IN CASO DI INCENDIO

PROCEDURA IN CASO DI INCENDIO PROCEDURA IN CASO DI INCENDIO La persona che individua l incendio deve : 1) avvertire il collega più vicino rintracciabile 2) fare una prima stima dell incendio e decidere di: A) reperire l estintore più

Dettagli

fotografi a messina per il terremoto

fotografi a messina per il terremoto fotografi a messina per il terremoto Paese di terremoti, alluvioni e dighe crollate, la nostra povera Italia. Certamente, lo Stivale ha sempre conosciuto tragedie dovute alla posizione geografica. In particolare

Dettagli

OSSIGENO DISCIOLTO ED EUTROFIZZAZIONE

OSSIGENO DISCIOLTO ED EUTROFIZZAZIONE OSSIGENO DISCIOLTO ED EUTROFIZZAZIONE Un esempio di misure di ossigeno e ph in acque contenenti piante acquatiche (alla luce e al buio) Misura (con un ossimetro) dell ossigeno disciolto all inizio di un

Dettagli

1. FUMO PERCHÉ È PIACEVOLE

1. FUMO PERCHÉ È PIACEVOLE 1. FUMO PERCHÉ È PIACEVOLE Si dicono un sacco di cose brutte sulle sigarette, ma la verità è che si fuma perché è piacevole. È piacevole aspirare il fumo con calma, è piacevole sentirlo impossessarsi dei

Dettagli

SCIENZE. Il Sistema Solare. Introduzione. il testo: 2012/2013 La Semplificazione dei Testi Scolastici per gli Alunni Stranieri IPSIA A.

SCIENZE. Il Sistema Solare. Introduzione. il testo: 2012/2013 La Semplificazione dei Testi Scolastici per gli Alunni Stranieri IPSIA A. 01 Introduzione è formato dal Sole, da otto pianeti e da altre parti di materia (vedi figura 1). Figura1.. Tutte le parti del Sistema Solare si sono formate quasi 5 miliardi di anni fa. Esse si sono formate

Dettagli

E LE CANDELE A COSA SERVONO?

E LE CANDELE A COSA SERVONO? Con un phon Spingendo le eliche con la mano Con un ventilatore Soffiando Girando il perno Con il vento Spingendo i personaggi cl. cl. 3 e e Goldoni ins. ins. E.De Biasi Tolgo le eliche, tengo il perno

Dettagli

Cinque occasioni da non perdere. Villa dei Misteri a. dagli scavi dell antica Pompei. Era sede dei giochi circensi e gladiatorii.

Cinque occasioni da non perdere. Villa dei Misteri a. dagli scavi dell antica Pompei. Era sede dei giochi circensi e gladiatorii. Cinque occasioni da non perdere 1 Godere delle meraviglie riemerse di affreschi della sud-est della città. 2 L incredibile ciclo 3 L anfiteatro nell area dagli scavi dell antica Pompei. Villa dei Misteri

Dettagli

Immagina di essere. Una goccia di petrolio formatasi milioni di anni fa e non ancora estratta.

Immagina di essere. Una goccia di petrolio formatasi milioni di anni fa e non ancora estratta. Immagina di essere Una goccia di petrolio formatasi milioni di anni fa e non ancora estratta. Milioni di anni fa, prima che io diventassi una goccia di petrolio, esistevano tanti piccoli organismi vegetali

Dettagli

MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE VOLUME 1 CAPITOLO 2 ... ... ... ... ... ...

MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE VOLUME 1 CAPITOLO 2 ... ... ... ... ... ... VOLUME 1 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE ACQUE INTERNE 1. Parole per capire A. Conosci già queste parole? Scrivi il loro significato o fai un disegno: valle... ghiacciaio... vulcano... cratere...

Dettagli

IDDIO CHE NON HA MANI

IDDIO CHE NON HA MANI IDDIO CHE NON HA MANI Fin dal principio gli uomini hanno conosciuto Dio. Lo sentivano anche se non lo potevano vedere, e si domandavano sempre, nei loro diversi linguaggi, chi Egli fosse e dove si trovasse.

Dettagli

L INCENDIO. In questa sezione i mparerai a conoscere il FUOCO, un fenomeno utile ma che può

L INCENDIO. In questa sezione i mparerai a conoscere il FUOCO, un fenomeno utile ma che può L INCENDIO Che cos è un incendio? In questa sezione i mparerai a conoscere il FUOCO, un fenomeno utile ma che può essere dannoso per le piante e per gli animali e pericoloso per tutti gli esseri viventi

Dettagli

Tratto da Edizioni Giunti Progetti Educativi

Tratto da Edizioni Giunti Progetti Educativi e se succede? Tratto da Edizioni Giunti Progetti Educativi Cos è la protezione civile???? Protezione civile = Protezione dei cittadini NOI!!!!! Il SISTEMA di protezione civile La Sala Operativa Regionale

Dettagli

CICLO DELL ACQUA. Marco Carozzi

CICLO DELL ACQUA. Marco Carozzi CICLO DELL ACQUA Marco Carozzi Sommario Ciclo biogeochimico La molecola d acqua: breve introduzione Ciclo dell acqua ed elementi del ciclo evaporazione, evapotraspirazione, condensazione, precipitazioni,

Dettagli

Contesto 1 - dai sistemi di bassa pressione ai cicloni

Contesto 1 - dai sistemi di bassa pressione ai cicloni www.atmosphere.mpg.de/enid/accentit > Speciale: Cicloni > C: Contesto 1 Contesto 1 - dai sistemi di bassa pressione ai cicloni Parole chiave: Dai sistemi di bassa pressione alle tempeste Le regioni in

Dettagli

FORZE ENDOGENE ED IDROSFERA: GLI TSUNAMI

FORZE ENDOGENE ED IDROSFERA: GLI TSUNAMI FORZE ENDOGENE ED IDROSFERA: GLI TSUNAMI Il termine Tsunami, sinonimo di Maremoto (dal latino mare motus) deriva dal giapponese Tsu-Nami che vuol dire onda contro il porto. Per Tsunami si intende un anomalo

Dettagli

METODI COMPORTAMENTALI DA ADOTTARE IN CASO DI SISMA

METODI COMPORTAMENTALI DA ADOTTARE IN CASO DI SISMA METODI COMPORTAMENTALI DA ADOTTARE IN CASO DI SISMA Terremoti Un terremoto è un movimento oscillatorio del suolo causato da tre eventi consecutivi: 1. movimenti in particolari zone della crosta terrestre*

Dettagli

I bombardamenti alleati sul Vesuvio

I bombardamenti alleati sul Vesuvio I bombardamenti alleati sul Vesuvio Flavio Russo Il motivo per cui l aviazione nemica e quella alleata si siano accanite contro il Vesuvio nel pieno della seconda guerra mondiale non è ancora del tutto

Dettagli

LAUREA MAGISTRALE INGEGNERIA CIVILE

LAUREA MAGISTRALE INGEGNERIA CIVILE UNIVERSITA DEGLI STUDI MEDITERRANEA DI REGGIO CALABRIA FACOLTA DI INGEGNERIA LAUREA MAGISTRALE INGEGNERIA CIVILE CORSO DI INFRASTRUTTURE AEROPORTUALI ED ELIPORTUALI LECTURE 08 METEOROLOGIA NELLA PROGETTAZIONE

Dettagli

Altopiano del Cansiglio CLASSI QUARTE

Altopiano del Cansiglio CLASSI QUARTE Altopiano del Cansiglio CLASSI QUARTE L'Altopiano del Cansiglio si è formato dalla spinta del continente afri-cano verso quello europeo formando delle pieghe come la montagna dell Alpago, che si vede sullo

Dettagli

Vulcani. Appunti di geografia per gli studenti delle sezioni C e D a cura della prof.ssa A. Pulvirenti.

Vulcani. Appunti di geografia per gli studenti delle sezioni C e D a cura della prof.ssa A. Pulvirenti. Vulcani Appunti di geografia per gli studenti delle sezioni C e D a cura della prof.ssa A. Pulvirenti. Le immagini presenti in questo file sono state reperite in rete o modificate da testi cartacei e vengono

Dettagli

DALL INFERNO AL LIMBO

DALL INFERNO AL LIMBO DALL INFERNO AL LIMBO (A protezione dell identità delle persone, non è stato utilizzato il loro vero nome) TESTIMONIANZE DA MINEO, ITALIA Abdoul, 42, Niger, In Libia lavoravo come autista. Il mio datore

Dettagli

Le Rocce. Le rocce sono corpi solidi naturali costituiti da un aggregazione di più sostanze dette minerali.

Le Rocce. Le rocce sono corpi solidi naturali costituiti da un aggregazione di più sostanze dette minerali. Minerali e Rocce Le Rocce Le rocce sono corpi solidi naturali costituiti da un aggregazione di più sostanze dette minerali. Origine delle rocce Le Rocce La roccia è tutto ciò che forma la crosta terrestre,

Dettagli

FAVOLA LA STORIA DI ERRORE

FAVOLA LA STORIA DI ERRORE FAVOLA LA STORIA DI ERRORE C era una volta una bella famiglia che abitava in una bella città e viveva in una bella casa. Avevano tre figli, tutti belli, avevano belle auto e un bel giardino, ben curato,

Dettagli

LE GROTTE VULCANICHE di Paola Tognini (Gruppo Grotte Milano CAI-SEM)

LE GROTTE VULCANICHE di Paola Tognini (Gruppo Grotte Milano CAI-SEM) LE GROTTE VULCANICHE di Paola Tognini (Gruppo Grotte Milano CAI-SEM) Con il termine grotte vulcaniche si intendono tutte le cavità formate, direttamente o indirettamente, da attività vulcanica. Ingresso

Dettagli

FONTI RINNOVABILI E NON INNOVABILI

FONTI RINNOVABILI E NON INNOVABILI FONTI RINNOVABILI E NON INNOVABILI FONTI ENERGIA Lavoro realizzato dalla classe III H scuola media Majno, Milano- a.s. 2014/15 Per ENERGIA si intende la capacità di compiere lavoro Le fonti di energia

Dettagli

Il primo impiego dopo la laurea. Il primo impiego dopo la laurea

Il primo impiego dopo la laurea. Il primo impiego dopo la laurea Primo Levi, chimico e scienziato Festival della scienza, Genova 3 Novembre 2005 Il primo impiego dopo la laurea Il primo impiego dopo la laurea R.S.A. S.r.l. Società a capitale pubblico per il risanamento

Dettagli

COMUNE DI CAMPOFORMIDO DISTRETTO DEL CORMOR

COMUNE DI CAMPOFORMIDO DISTRETTO DEL CORMOR COMUNE DI CAMPOFORMIDO DISTRETTO DEL CORMOR 1 COSA FARE IN CASO DI: FRANA ALLUVIONE TROMBA D ARIA TEMPORALE CON FULMINI TERREMOTO 2 SE TI TROVI IN UN LUOGO CHIUSO: 1. mantieni la calma; COSA FARE IN CASO

Dettagli

Roberto Denti. La mia resistenza. con la postfazione di Antonio Faeti

Roberto Denti. La mia resistenza. con la postfazione di Antonio Faeti Roberto Denti La mia resistenza con la postfazione di Antonio Faeti 2010 RCS Libri S.p.A., Milano Prima edizione Rizzoli Narrativa novembre 2010 Prima edizione BestBUR marzo 2014 ISBN 978-88-17-07369-1

Dettagli

Destinazione rifiuti Italia anno 2007

Destinazione rifiuti Italia anno 2007 compostaggio 6% Destinazione rifiuti Italia anno 2007 recupero 36% discarica 48% inceneritore 10% La DISCARICA CONTROLLATA è un sistema di smaltimento dei rifiuti (tipicamente Rifiuti Solidi Urbani) che

Dettagli

L uso di imbalsamare i corpi fu probabilmente suggerito agli antichi Egizi dall osservazione di un fenomeno naturale: i morti, sepolti

L uso di imbalsamare i corpi fu probabilmente suggerito agli antichi Egizi dall osservazione di un fenomeno naturale: i morti, sepolti La mummificazione o imbalsamazione è il metodo con cui gli antichi Egizi conservavano i corpi dei defunti, preservandoli dalla decomposizione. Questo risultato era particolarmente importante perché, secondo

Dettagli

Il rischio vulcanico

Il rischio vulcanico Il rischio vulcanico Lic. Scientifico A. Meucci Aprilia Sesta parte Prof. Rolando Neri 2 Alcuni eventi pericolosi nell attività di un vulcano. (Rielaborato da Press e Siever). Il loro verificarsi può provocare

Dettagli

Guardo le nuvole lassù

Guardo le nuvole lassù Quando le nuvole ci parlano Guardo le nuvole lassù A cura di Stefano Piazzini stefano.piaz@teletu.it Questo "cielo a pecorelle" è formato da cirrocumuli ondulati. L increspatura è dovuta a onde atmosferiche

Dettagli

alluvioni e frane Si salvi chi può!

alluvioni e frane Si salvi chi può! alluvioni e frane Che cos è l alluvione? L alluvione è l allagamento, causato dalla fuoriuscita di un corso d acqua dai suoi argini naturali o artificiali, dopo abbondanti piogge, nevicate o grandinate,

Dettagli

Andiamo più a fondo nella conoscenza del Sistema Solare

Andiamo più a fondo nella conoscenza del Sistema Solare Andiamo più a fondo nella conoscenza del Sistema Solare Come abbiamo visto nelle pagine precedenti il Sistema Solare è un insieme di molti corpi celesti, diversi fra loro. La sua forma complessiva è quella

Dettagli

Racconti di me. Un regalo

Racconti di me. Un regalo 1 Racconti di me di Cetta De Luca Un regalo Io non regalo oggetti. Magari un sogno, un emozione qualcosa che rimanga nella vita di valore. A volte solo un ricordo, a volte me stessa. 2 Apparenza Tu che

Dettagli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli Siamo abituati a pensare al Natale come una festa statica, di pace, tranquillità, davanti

Dettagli

Le correnti e le maree. Liceo Antonio Meucci Dipartimento di Scienze. Prof. Neri Rolando

Le correnti e le maree. Liceo Antonio Meucci Dipartimento di Scienze. Prof. Neri Rolando 1 Le correnti e le maree Liceo Antonio Meucci Dipartimento di Scienze Prof. Neri Rolando Le correnti marine Le correnti marine sono spostamenti orizzontali di ingenti masse di acqua che seguono direzioni

Dettagli

17. UNO, CENTO, MILLE PIANETI!

17. UNO, CENTO, MILLE PIANETI! 17. UNO, CENTO, MILLE PIANETI! IL TI-ENNE-GI SUL VULCANO Con quella tua giravolta, navicella imbranata, sembravi ubriaca peggio di un pirata! Siamo finiti in un cratere rosso e arancione: ho fame, ho sete

Dettagli

Le condizioni necessarie affinché si produca una combustione sono l esistenza

Le condizioni necessarie affinché si produca una combustione sono l esistenza INCENDI Nell industria di processo l incendio rappresenta il processo più frequente: il calore prodotto e irraggiato provoca generalmente notevoli danni all impianto e pone in serio pericolo l incolumità

Dettagli