Un operaio guadagna mediamente 23 mila euro lordi

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Un operaio guadagna mediamente 23 mila euro lordi"

Transcript

1 loro, i superpagati Da una parte i fortunati della casta che, nonostante gli ultimi tagli, continuano a incassare cifre imbarazzanti. Dall altra i lavoratori delle aziende che fanno funzionare l economia e che guadagnano meno dei colleghi di Francia e Germania (servizio a pagina 48). Radiografia di un mondo di privilegi ormai insostenibile. 44

2 copertina di Stefano Caviglia e Stefano Vespa Un operaio guadagna mediamente 23 mila euro lordi l anno, un impiegato 28 mila, un quadro 55 mila e un dirigente d azienda 112 mila euro. Guardando le retribuzioni medie pagate dalle imprese a chi tira avanti il Paese (servizio a pagina 48), molti stipendi pubblici, e quindi per definizione «di servizio», continuano ad apparire eccessivi. Un consigliere regionale incassa in un mese quanto un operaio guadagna in sei mesi. Un funzionario della Farnesina prende ogni anno il doppio di un direttore generale d azienda. Un elettricista della Camera a fine carriera più di un dirigente industriale. Il tetto massimo per i dipendenti pubblici è stato fissato a 302 mila euro l anno, stipendio del primo presidente della Cassazione (limite che già non vale per le società pubbliche quotate in borsa e quelle che emettono obbligazioni, esposte alla concorrenza). In tutti gli altri casi si deve tagliare ancor più di quanto non si è già fatto, a maggior ragione dopo gli ultimi dati dell Ue secondo i quali il deficit italiano è salito al 3 per cento e l anno prossimo sarà del 2,7 anziché del 2,5 come previsto. Negli ultimi due anni gli stipendi di politici, manager, dirigenti sono stati tagliati, ma resta in piedi un serio problema di equità sociale. I parlamentari Il taglio del 2012 (con una riduzione di circa il 10 per cento dell indennità, l obbligo di documentare il 50 per cento delle spese e il passaggio a un sistema pensionistico commisurato ai contributi versati) poteva essere ben più corposo. Oggi deputati e senatori percepiscono circa 5 mila euro netti al mese di indennità (meno 250 euro se continuano a svolgere il vecchio lavoro); di diaria (decurtata di 206 euro per ogni assenza alle votazioni elettroniche); euro circa di rimborso spese per trasporti e telefono; alla Camera e 4 mila al Senato di rimborsi spese generali, di cui metà a forfait e il resto da documentare. Vuol dire che, se anche non presentano ricevute e si fanno vedere in aula una volta ogni tanto, i parlamentari incassano circa 12 mila euro netti al mese. E al momento di tornare a casa hanno una liquidazione pari all 80 per cento lordo del compenso. Tutti i deputati costano 119 milioni l anno rispetto ai soli 51 milioni dei loro colleghi britannici, come risulta da uno studio di Roberto Perotti dell Università Bocconi per Lavoce.info. La spesa per le pensioni supera di cinque volte quella britannica e, sempre secondo Perotti, pensioni e vitalizi italiani aumenteranno quest anno di quasi 10 milioni. Commessi e militari Continuano a destare scandalo anche gli stipendi dei dipendenti della Camera: un elettricista entra con 30 mila euro e tocca i 136 mila a fine carriera, quando i consiglieri parlamentari superano i 350 mila. Riduzioni? Certo, del 20 per cento, ma solo per chi è assunto dopo il 1 febbraio scorso. Polemiche anche per i prepensionamenti alla Difesa: l esodo di migliaia di militari in seguito alla riforma del settore prevede per i cinquantenni l 85 per cento dello stipendio. Ma è possibile che in Parlamento la norma subirà modifiche euro lordi mensili Nelle regioni un consigliere oggi guadagna al massimo euro lordi mensili mentre il presidente di giunta e di consiglio arriva a Ma in Sicilia il presidente della regione guadagna 18 mila euro lordi più 4 mila netti e il consigliere regionale 18 mila euro lordi mensili. I consiglieri regionali Facciamo questa somma: = Se poi aggiungiamo altri 2.700, fanno Parliamo di euro lordi al mese. Dopo il decreto del governo Monti dell anno scorso, tutte le regioni hanno dovuto adeguare gli stipendi ai nuovi massimi: euro per i consiglieri senza altri incarichi (ma è difficile trovarne) e per i presidenti della giunta o del consiglio. All indennità base di euro si aggiunge quasi ovunque un rimborso spese di Se poi sei presidente di regione, solitamente sono altri euro. Quasi tutte si sono adeguate al massimo consentito, usufruendo di indennità aggiuntive anche in caso di presidenza 13 novembre 2013 Panorama 45

3 copertina o vicepresidenza di commissione. Qualche eccezione c è. La regione più virtuosa è l Emilia- Romagna, dove ai euro lordi di indennità mensile se ne aggiungono netti di rimborso spese. Dunque, a seconda che il consigliere abbia rinunciato o meno all assegno vitalizio, il mensile netto varia da a euro. A ruota segue l Umbria, dove il minimo del consigliere senza incarico è di euro lordi e i presidenti della giunta e del consiglio toccano i : in tutto, dai ai euro in meno. Sulla stessa linea anche il Friuli-Venezia Giulia, che ai euro lordi di indennità base aggiunge dai ai euro netti di rimborsi a seconda della zona di provenienza. Molise, Lombardia e Toscana si avvicinano al massimo, al vertice restano Campania, Puglia, Calabria, Basilicata, Veneto, Lazio, Marche, Liguria, Piemonte e Abruzzo, che pure aveva già tagliato del 10 per cento gli stipendi prima di Monti. Fra le regioni a statuto speciale, Sardegna e Trentino-Alto Adige ancora non si adeguano al tetto. In Sardegna il consigliere regionale percepisce, a seconda del rimborso calcolato in base alla distanza, da a euro netti mensili, mentre in Trentino i consiglieri neoeletti alle amministrative di fine ottobre percepiranno ogni mese euro lordi più netti per rimborso spese, come stabilito nel settembre Poi c è la solita eccezione negativa: la Sicilia. Con la scusa dell autonomia, è stata istituita addirittura la commissione alla spending review che ha deciso un taglio lineare del 20 per cento che non solo non è stato ancora approvato dall assemblea regionale, ma che comunque fisserà lo stipendio del deputato «semplice» a circa 14 mila euro lordi mensili, rispetto ai 18 mila attuali. Nel frattempo l Enel e la Telecom hanno avviato le procedure per staccare luce e telefono alla Regione Siciliana, morosa da parecchi mesi e debitrice di quasi 4 milioni per il 2012, con il presidente Rosario Crocetta che sollecita i dipartimenti interessati a pagare euro netti mensili è quanto guadagna un parlamentare Manager pubblici Pur avendo subito un ridimensionamento, neppure loro possono lamentarsi. L eccezione al tetto di 302 mila euro comporta che, oltre agli amministratori delegati dell Eni Paolo Scaroni (6,3 milioni lordi l anno), dell Enel Fulvio Conti (4 milioni lordi, anche euro lordi l anno Per i manager pubblici c è un tetto di 302 mila euro lordi l anno, ma con le eccezioni delle società quotate: dai 600 mila euro del presidente delle Poste ai 6,3 milioni dell amministratore delegato dell Eni euro lordi l anno lo stipendio del governatore della Banca d Italia. Mario Draghi, presidente della Bce, guadagna invece 350 mila euro. come direttore generale), della Terna Flavio Cattaneo (2,39 milioni) e della Finmeccanica Alessandro Pansa (700 mila più 800 mila di parte variabile), anche altri godono di questa deroga: Mauro Moretti delle Ferrovie (874 mila euro l anno), Massimo Sarmi delle Poste (che è anche direttore generale, totale: 1,5 milioni), il presidente delle Poste Giovanni Ialongo (600 mila, uno dei più pagati fra i pari grado) e l amministratore delegato della Cassa depositi e prestiti Giovanni Gorno Tempini (1,3 milioni). In teoria tutti i loro stipendi dovrebbero essere correlati con quelli dei rispettivi dipendenti, come richiesto da una direttiva del ministero dell Economia del giugno scorso. Ma non è stata ancora messa in atto alcuna iniziativa. Il «silenzio» di alcune aziende pubbliche La franchigia rispetto al tetto dei 302 mila euro vale anche per le controllate di tutte queste aziende, fra cui spiccano tre società finite nel perimetro della Cassa depositi e prestiti giusto in tempo per evitare il tetto: la Fintecna, la Simest e la Sace. Nessuna delle tre ha accettato di rispondere alle domande di Panorama sulle retribuzioni, con la parziale eccezione della Fintecna, che comunica solo la spesa totale per i sei consiglieri di amministrazione: 1,1 milioni l anno. Più trasparente è il Fondo strategico italiano (controllato anch esso dalla Cassa), il cui amministratore delegato, Maurizio Tamagnini, guadagna 660 mila euro lordi. 46 Panorama 13 novembre 2013

4 I pochi stipendi ridotti Fra i pochi cui è toccata la riduzione ci sono Domenico Casalino, amministratore delegato della Consip, Pietro Ciucci (Anas) e Domenico Arcuri (Invitalia), tutti e tre sottoposti al tetto. Il ribasso è consistente soprattutto per gli ultimi due, che viaggiavano entrambi oltre i 700 mila. L obbligo di stare entro il tetto vale anche per il direttore generale della Rai. Quello futuro. Luigi Gubitosi è stato ingaggiato prima che la norma fosse applicata e continua a godersi i suoi 650 mila. I grand commis Guadagna un po meno il vertice della Banca d Italia: nel 2013 il governatore Ignazio Visco e il suo direttore generale, Salvatore Rossi, porteranno a casa rispettivamente 495 mila e 450 mila euro lordi, frutto di una decurtazione del 10 per cento. Entrambi superano nettamente il compenso del presidente della Banca centrale europea, Mario Draghi, che percepisce 350 mila euro. Sul complesso della dirigenza di via Nazionale c è buio pesto: la Banca d Italia, a differenza della Bce, non fornisce alcuna informazione sulle varie fasce retributive. Stipendio bloccato dal 2008 per i dirigenti del ministero degli Esteri. Il segretario generale della Farnesina guadagna poco più di 300 mila euro lordi l anno e il suo capo di gabinetto 282 mila. Ben diversa la situazione degli ambasciatori in carica. Le cifre variano in base alle sedi, ma l indennità di servizio all estero (Ise) supera i 10 mila euro al mese. Londra e Parigi sono fra 15 e euro lordi l anno è quanto guadagna il segretario generale della Farnesina mila, Singapore oltre i 13 mila. Netti, visto che l indennità non è soggetta a tassazione. A cui si aggiungono i rimborsi per le spese di rappresentanza (sempre di diverse migliaia di euro) e la retribuzione vera e propria, ridotta rispetto a quando si è in patria. I diplomatici sottolineano che è solo quella a produrre versamenti previdenziali. Con uno svantaggio, percepito evidentemente come assai doloroso, ai fini della futura pensione. (hanno collaborato Antonella Aldrighetti, Anna Maria Angelone, Antonio Amorosi, Enzo Beretta, Francesco Bisozzi, Emiliano Farina, Maria Pirro, Accursio Sabella, Giorgio Sturlese Tosi) riproduzione riservata Lo stipendio dei giudici sbloccato dai giudici La crisi non soffia nei tribunali. Secondo l ultimo rapporto della Commissione europea per l efficienza della giustizia, nel 2010 il settore è costato a ogni cittadino italiano oltre 50 euro a testa, contro una media europea di 37 euro. In tempi di tagli più invocati che realizzati i magistrati non fanno eccezione. Ci sono operazioni di maquillage, come per esempio il taglio del 10 per cento imposto dal governo Monti nel 2012 ai membri del Consiglio di presidenza della giustizia tributaria, i quali continuano a riunirsi tre o quattro volte al mese e a percepire un compenso di euro lordi l anno, ovvero 3 mila euro netti al mese (cui si somma ovviamente la retribuzione originaria di ciascun membro). Nella giustizia gli stipendi partono dai euro netti al mese per gli ex uditori di prima nomina per arrivare ai euro al mese del primo presidente della Cassazione. È netto pure l importo di euro percepito ogni mese da un magistrato ordinario fresco di concorso. Una volta entrati in carriera, lo stipendio lievita per scatti automatici. Il tutto non è legato a una effettiva e imparziale valutazione della produttività e della qualità dell operato del magistrato. Sono i magistrati stessi che decidono per i magistrati. Salvo nei casi rari di gravi sanzioni disciplinari, il Csm promuove sempre i quasi 9 mila magistrati al maturare del livello minimo di anzianità. La regola ferrea è lo scorrere del tempo. Così alla prima valutazione di professionalità, dopo tre anni, la retribuzione passa a euro al mese. Se un giudice della Corte d appello parte da uno stipendio di euro al mese, sempre al netto, un magistrato di Cassazione dopo la prima valutazione di professionalità prende euro al mese, che con gli scatti diventano Se poi il giudice di Cassazione ottiene l idoneità alle funzioni direttive superiori, lo stipendio mensile si gonfia fino a euro. Vale la pena sapere che il blocco degli stipendi deciso dal governo Berlusconi nel 2010 è stato annullato, a distanza di due anni, dalla Consulta soltanto per gli impiegati pubblici «non contrattualizzati», ovvero per i magistrati. I quali lo scorso Natale si sono visti arrivare tredicesime aggiuntive fino a 15 mila euro a titolo di restituzione. (Annalisa Chirico) 13 novembre 2013 Panorama 47

5 copertina noi, i malpagati Il dipendente medio di un azienda italiana guadagna euro netti al mese. Meno di un francese, molto meno di un tedesco. In esclusiva, la mappa 2013 delle retribuzioni. di Guido Fontanelli Un piccolo segnale nella giusta direzione» riconosce Simonetta «Cavasin, che da anni naviga nel mondo degli stipendi. Ma mentre lo dice le scappa un sorriso amaro, perché il segnale, cioè la riduzione del cuneo fiscale previsto dalla legge di stabilità, «è davvero molto debole», tanto da incidere in media per appena una dozzina di euro al mese sulle già magre buste paga dei lavoratori. Cavasin è direttore generale della società di consulenza Od&m, controllata dalla Gi Group, che da 13 anni elabora le retribuzioni delle aziende italiane. Nei suoi computer sono archiviati gli stipendi di circa 500 mila lavoratori (di cui più della metà impiegati) per un totale di 2 milioni di dati. E ogni anno la Od&m spreme i suoi server per pubblicare un Rapporto sulle retribuzioni in Italia, ovvero una fotografia di quanto vengono pagati effettivamente i dipendenti delle aziende. Dirigenti % Quadri ,5% Impiegati ,8% Operai % Illustrazione di Stefano Carrara Qui sopra e nelle tabelle delle pagine seguenti, le retribuzioni totali annue lorde dei lavoratori italiani al 30 giugno 2013 secondo le rilevazioni della Od&m: in generale hanno comunque superato l inflazione (1 per cento). 48

6 Dirigenti QuaDri stipendi annui lordi nel settore industria Direttore generale Direttore acquisti Direttore amministrazione, finanza e controllo Direttore area tecnica Direttore commerciale Direttore di divisione Business unit manager Direttore di produzione Direttore di stabilimento Direttore marketing Direttore operations Direttore qualità Direttore risorse umane Direttore sistemi informativi Direttore supply chain Responsabile pianificazione strategica Brand manager Capo area Country manager unit manager Key account manager Responsabile acquisti Responsabile ambiente e sicurezza del personale vendite Responsabile area tecnica Responsabile business development Responsabile contabilità Responsabile controllo di gestione Responsabile di stabilimento Responsabile finanziario Responsabile legale Responsabile logistica Responsabile magazzino Responsabile manutenzione Responsabile marketing Responsabile organizzazione e sviluppo Responsabile pr e comunicazione Responsabile produzione Responsabile qualità Responsabile ricerca e sviluppo Responsabile servizi generali e security Responsabile sistemi informativi Responsabile vendite Account impiegati/operai Addetto di amministrazione Addetto di reparto Addetto help desk Addetto pianificazione della produzione Addetto servizio clienti Addetto ufficio stampa Analista di tempi e metodi Analista programmatore Assistente tecnico di reparto Buyer Capo reparto produzione Capo reparto tecnico Capo squadra manutenzione Designer Disegnatore tecnico Magazziniere Process engineer Product manager Product sales manager Progettista prodotto Project manager Receptionist Ricercatore di mercato Sales assistant Segretaria Sistemista Specialista ambiente e sicurezza Specialista amministrazione del personale Specialista business development Specialista controllo di gestione Specialista controllo qualità prodotti Specialista di contabilità Specialista di pianificazione strategica Specialista gestione del personale Specialista legale Specialista logistica Specialista marketing Specialista pianificazione di produzione Specialista recupero crediti Specialista sistemi informativi Tecnico commerciale Tecnico di manutenzione Tecnico sviluppo prodotto Venditore novembre 2013 Panorama 49

7 Dirigenti impiegati/operai quadri commercio e turismo Direttore generale Direttore amministrazione, finanza e controllo Direttore commerciale unit manager Direttore marketing Direttore risorse umane Direttore sistemi informativi Responsabile pianificazione strategica Brand manager Capo area Country manager unit manager Key account manager Responsabile acquisti Responsabile ambiente e sicurezza del personale vendite Responsabile contabilità Responsabile controllo di gestione Responsabile finanziario Responsabile legale Responsabile logistica Responsabile magazzino Responsabile manutenzione Responsabile marketing Responsabile organizzazione e sviluppo Responsabile pr e comunicazione Responsabile servizi generali e security Responsabile sistemi informativi Responsabile vendite Account Analista programmatore Buyer Capo squadra manutenzione Magazziniere Product manager Product sales manager Receptionist Specialista marketing Specialista recupero crediti Specialista sistemi informativi Tecnico commerciale Tecnico di manutenzione Venditore Dirigenti quadri impiegati/operai credito e assicurazioni Direttore generale Direttore amministrazione, finanza e controllo Direttore commerciale unit manager Direttore marketing Direttore risorse umane Direttore sistemi informativi Brand manager Country manager unit manager Responsabile acquisti Responsabile ambiente e sicurezza del personale vendite Responsabile business development Responsabile contabilità Responsabile controllo di gestione Responsabile finanziario Responsabile legale Responsabile marketing Responsabile organizzazione e sviluppo Responsabile pr e comunicazione Responsabile servizi generali e security Responsabile sistemi informativi Responsabile vendite Account Addetto di amministrazione Addetto help desk Addetto servizio clienti Analista programmatore Buyer Product manager Receptionist Segretaria Sistemista Specialista amministrazione del personale Specialista controllo di gestione Specialista di comunicazione esterna Specialista di contabilità Specialista di pianificazione strategica Specialista recupero crediti Specialista sistemi informativi Tecnico commerciale Venditore Panorama 13 novembre 2013

8 ImpIegatI/OperaI quadri DIrIgentI società di servizi Direttore generale Direttore amministrazione, finanza e controllo Direttore commerciale unit manager Direttore marketing Direttore risorse umane Direttore sistemi informativi Direttore supply chain Responsabile pianificazione strategica Brand manager Capo area Country manager unit manager Key account manager Responsabile acquisti Responsabile ambiente e sicurezza del personale vendite Responsabile business development Responsabile contabilità Responsabile finanziario Responsabile legale Responsabile magazzino Responsabile marketing Responsabile organizzazione e sviluppo Responsabile pr e comunicazione Responsabile sistemi informativi Responsabile vendite Addetto servizio clienti Addetto ufficio stampa Analista programmatore Buyer Capo squadra manutenzione Magazziniere Product manager Product sales manager Segretaria Sistemista Specialista amministrazione del personale Specialista business development Specialista di comunicazione esterna Specialista di contabilità Specialista gestione del personale Venditore copertina E c è apparentemente una buona sorpresa, accanto a tristi conferme, nel rapporto 2013 che Panorama anticipa in esclusiva: quest anno gli stipendi di dirigenti, quadri, impiegati e operai hanno tutti battuto l inflazione, aumentando così il potere di acquisto dei lavoratori. In particolare, per il dipendente medio, il classico impiegato, la paga è salita dell 1,8 per cento (contro un inflazione all 1 per cento) e si è assestata a euro annui lordi, pari a un netto mensile di circa euro. Gli operai invece hanno visto la loro retribuzione media crescere del 3,4 per cento a euro lordi annui. Era da almeno 5 anni che gli stipendi non subivano un accelerazione così forte. Ma la causa non è del tutto tranquillizzante: «Le aziende stanno ridimensionando gli organici» spiega Cavasin «e tendono a migliorare la retribuzione di chi resta, al quale viene chiesto di fare di più. Inoltre le imprese potenziano la parte variabile delle retribuzioni e saranno molto selettive nel concedere gli aumenti, premiando solo chi dà più valore aggiunto». Se qualche luce illumina il rapporto, resta il fatto che le retribuzioni lorde nelle imprese italiane sono bassine, come risulta evidente dalle tabelle in queste pagine. Per esempio, il direttore generale di una azienda di servizi in media guadagna 135 mila euro lordi, poco più di un consigliere regionale (133 mila). E poi si aggiunge il famigerato cuneo fiscale che rende alto il costo del lavoro e sottili le buste paga nette: un impiegato italiano prende euro netti all anno, mentre un suo collega francese ne guadagna e uno tedesco addirittura 27 mila. Per vedere salire il proprio stipendio, occorre lavorare nelle grandi imprese del Nord e nelle aree commerciale, finanziaria, della qualità e delle nuove tecnologie. «Per il prossimo futuro mi aspetto che gli stipendi crescano intorno al 3 per cento all anno» prevede Cavasin. Ma solo per quanti riescono a mantenere il posto di lavoro. n Scopri se sei pagato il giusto Volete scoprire se siete pagati il giusto? Un modo c è: basta collegarsi alla pagina internet e cliccare sul bottone che dà l accesso ai 2 milioni di dati contenuti nei computer della società di consulenza Od&m. Fornendo le informazioni sul proprio inquadramento in azienda, il sistema fornisce la retribuzione media che viene effettivamente pagata nelle imprese italiane e così si può verificare se il proprio datore di lavoro è tirchio o generoso. Un servizio che di solito è a pagamento, ma grazie a un accordo con la Od&m viene offerto gratuitamente ai lettori di Panorama per tre settimane. 13 novembre 2013 Panorama 51

Indice delle tavole statistiche

Indice delle tavole statistiche 1 Indice delle tavole statistiche Pensionati nel complesso Tavola 1 Pensionati ed importo annuo delle pensioni, complessivo e medio per sesso, regione di residenza, classe di età e classe di importo Tavola

Dettagli

TOTALE DEI RISULTATI DEL CONTO ENERGIA (PRIMO, SECONDO, TERZO, QUARTO E QUINTO CONTO ENERGIA)

TOTALE DEI RISULTATI DEL CONTO ENERGIA (PRIMO, SECONDO, TERZO, QUARTO E QUINTO CONTO ENERGIA) DEI RISULTATI DEL CONTO ENERGIA (PRIMO, SECONDO, TERZO, QUARTO E QUINTO CONTO ENERGIA) (aggiornamento al 31 DICEMBRE 2014) REGIONE PUGLIA 11.310 31.758 22.145 168.396 2.866 208.465 1.819 1.566.140 55 172.237

Dettagli

CAMPAGNA UIL: MENO COSTI DELLA POLITICA = MENO TASSE SINTESI DELL ANALISI E DEI NUMERI

CAMPAGNA UIL: MENO COSTI DELLA POLITICA = MENO TASSE SINTESI DELL ANALISI E DEI NUMERI CAMPAGNA UIL: MENO COSTI DELLA POLITICA = MENO TASSE SINTESI DELL ANALISI E DEI NUMERI Secondo le nostre stime, sono oltre 1,3 milioni le persone che vivono direttamente, o indirettamente, di politica.

Dettagli

Indice delle tavole statistiche su cd-rom

Indice delle tavole statistiche su cd-rom Indice delle tavole statistiche su cd-rom Pensionati nel complesso Tavola 1 Pensionati ed importo annuo delle pensioni, complessivo e medio per sesso, regione di residenza, classe di età e Tavola 2 Beneficiari

Dettagli

Indice delle tavole statistiche su cd-rom

Indice delle tavole statistiche su cd-rom Indice delle tavole statistiche su cd-rom Pensionati nel complesso Tavola 1 Pensionati ed importo annuo delle pensioni, complessivo e medio per sesso, regione di residenza, classe di età e Tavola 2 Beneficiari

Dettagli

RIEPILOGO REGIONALE PER SPECIALIZZAZIONE RIEPILOGO REGIONALE PER SPECIALIZZAZIONE

RIEPILOGO REGIONALE PER SPECIALIZZAZIONE RIEPILOGO REGIONALE PER SPECIALIZZAZIONE ESERCIZI SPECIALIZZATI. AL 31/12/2013 PIEMONTE Altri prodotti 19 41.235 113 168 281 0 2 3 Articoli igienico-sanitari/materiali da 1 2.493 2 0 2 0 0 0 Articoli sportivi/attrezzatura campeggi 9 25.694 119

Dettagli

SINTESI DELLO STUDIO SUI COSTI DELLA POLITICA: RESPONSABILITA PERSONALI E DI SISTEMA

SINTESI DELLO STUDIO SUI COSTI DELLA POLITICA: RESPONSABILITA PERSONALI E DI SISTEMA SINTESI DELLO STUDIO SUI COSTI DELLA POLITICA: RESPONSABILITA PERSONALI E DI SISTEMA IL FUNZIONAMENTO DEGLI ORGANI ISTITUZIONALI CENTRALI E TERRITORIALI DELLA REPUBBLICA COSTA 6,4 MILIARDI DI EURO (209

Dettagli

Calcolo a preventivo della spesa annua escluse le imposte AMBITO TARIFFARIO: CENTRALE (Toscana, Umbria e Marche) (B)

Calcolo a preventivo della spesa annua escluse le imposte AMBITO TARIFFARIO: CENTRALE (Toscana, Umbria e Marche) (B) AMBITO TARIFFARIO: CENTRALE (Toscana, Umbria e Marche) ()/Bx100 120 113,93 109,46 +4,47 +4,09% 480 295,84 277,95 +17,89 +6,44% 700 401,94 375,85 +26,09 +6,94% 1.400 739,55 687,37 +52,18 +7,59% 2.000 1.026,99

Dettagli

I COSTI DELLA POLITICA

I COSTI DELLA POLITICA III RAPPORTO I COSTI DELLA POLITICA DICEMBRE 2013 I costi della politica, diretti e indiretti, ammontano a circa 23,2 miliardi di euro, tra funzionamento di organi istituzionali, società pubbliche, consulenze

Dettagli

COSTI DELLA POLITICA: DAI PROVVEDIMENTI PRESI ANCORA TIMIDI I SEGNALI DI RISPARMIO

COSTI DELLA POLITICA: DAI PROVVEDIMENTI PRESI ANCORA TIMIDI I SEGNALI DI RISPARMIO 2 RAPPORTO UIL SUI COSTI DELLA POLITICA (LUGLIO 2012) COSTI DELLA POLITICA: DAI PROVVEDIMENTI PRESI ANCORA TIMIDI I SEGNALI DI RISPARMIO OLTRE 1,1 MILIONI DI PERSONE VIVONO DI POLITICA, IL 4,9% DEL TOTALE

Dettagli

Il lavoro occasionale accessorio (o conosciuto più semplicemente voucher o buoni lavoro) come modalità di occupazione degli stranieri

Il lavoro occasionale accessorio (o conosciuto più semplicemente voucher o buoni lavoro) come modalità di occupazione degli stranieri Studi e ricerche sull economia dell immigrazione Il lavoro occasionale accessorio (o conosciuto più semplicemente o buoni lavoro) come modalità di occupazione degli Anni 2009, 2010, 2011 Cos è il lavoro

Dettagli

BOOM DI MINI-JOBS ==================

BOOM DI MINI-JOBS ================== BOOM DI MINI-JOBS Nel 2014 la CGIA prevede una vendita di oltre 71.600.000 ore di lavoro: interessato un milione di persone. Commercio, ristorazione/turismo e servizi i settori più interessati ==================

Dettagli

TABELLA COMPARATIVA ASSEGNO VITALIZIO. Percentuale dell'assegno sull'indennità Base Anni di Anzianità Contributiva

TABELLA COMPARATIVA ASSEGNO VITALIZIO. Percentuale dell'assegno sull'indennità Base Anni di Anzianità Contributiva ABRUZZO 85% 30 33 36 39 42 45 48 51 54 57 60 63 63 63 63 63 65 24% su delle trattenute per ind. di fine mandato e fiscali da 65 a 60 anni. La misura dell'assegno è ridotta a seconda dell'età di anticipazione

Dettagli

TABELLA COMPARATIVA ASSEGNO VITALIZIO. Percentuale dell'assegno sull'indennità Base

TABELLA COMPARATIVA ASSEGNO VITALIZIO. Percentuale dell'assegno sull'indennità Base per il ABRUZZO 85% 30 33 36 39 42 45 48 51 54 57 60 63 63 63 63 63 65 24% su carica al netto delle trattenute per ind. di fine mandato e fiscali da 65 a 60 anni. La misura dell'assegno è ridotta a seconda

Dettagli

EDILIZIA, LA CRISI DIMEZZA I PERMESSI DI COSTRUIRE

EDILIZIA, LA CRISI DIMEZZA I PERMESSI DI COSTRUIRE EDILIZIA, LA CRISI DIMEZZA I PERMESSI DI COSTRUIRE Scendono del 50% le richieste per l edilizia residenziale, -30% per quella non residenziale. Tengono gli immobili destinati all agricoltura (-12,9%),

Dettagli

Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali

Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali L utilizzo dei voucher per le prestazioni di lavoro accessorio (Fonti: Dati MLPS e INPS) REPORT Roma, 22 marzo 2016 L utilizzo dei voucher per le prestazioni

Dettagli

TABELLA COMPARATIVA ASSEGNO VITALIZIO. Percentuale dell'assegno sull'indennità Base

TABELLA COMPARATIVA ASSEGNO VITALIZIO. Percentuale dell'assegno sull'indennità Base Anni di Anzianità va per il ABRUZZO 85% 30 33 36 39 42 45 48 51 54 57 60 63 63 63 63 63 65 24% su carica al netto delle trattenute per ind. di fine mandato e fiscali da 65 a 60 anni. La misura dell'assegno

Dettagli

bambini con meno di 6 anni appartenenti ad un nucleo familiare con un

bambini con meno di 6 anni appartenenti ad un nucleo familiare con un ESENZIONE TICKET PRESTAZIONI E SERVIZI SANITARI DI DIAGNOSTICA STRUMENTALE, LABORATORIO E ALTRE PRESTAZIONI SPECIALISTICHE DIRETTIVA NAZIONALE: E01 E01 E02 E03 E04 bambini con meno di 6 anni appartenenti

Dettagli

Il mercato del credito tra sviluppo economico ed equità sociale

Il mercato del credito tra sviluppo economico ed equità sociale Il mercato del credito tra sviluppo economico ed equità sociale Le innovazioni di prodotto e di processo per il credito ai progetti di vita Roma, Palazzo Altieri 24 novembre 2010 Primi risultati del Fondo

Dettagli

Indice. p. 1. Introduzione. p. 2. Il consumo medio annuo pro capite di gas. p. 2. Il costo del gas con la tariffa di Maggior Tutela dell AEEG p.

Indice. p. 1. Introduzione. p. 2. Il consumo medio annuo pro capite di gas. p. 2. Il costo del gas con la tariffa di Maggior Tutela dell AEEG p. Gas: le Regioni Italiane con il maggior numero di consumi e quelle con il risparmio più alto ottenibile Indice: Indice. p. 1 Introduzione. p. 2 Il consumo medio annuo pro capite di gas. p. 2 Il costo del

Dettagli

QUEST ANNO POCHE REGIONI HANNO AUMENTATO L IRPEF

QUEST ANNO POCHE REGIONI HANNO AUMENTATO L IRPEF QUEST ANNO POCHE REGIONI HANNO AUMENTATO L IRPEF Finalmente una buona notizia in materia di tasse: nel 2015 la stragrande maggioranza dei Governatori italiani ha deciso di non aumentare l addizionale regionale

Dettagli

Statistiche in breve

Statistiche in breve Statistiche in breve A cura del Coordinamento Generale Statistico Attuariale Aprile 2015 Anno 2015 vigenti all 1.1.2015 e liquidate nel 2014 erogate dall Inps 1 Le Gestioni Le pensioni vigenti all 1.1.2015

Dettagli

Art 24, comma 24, Decreto SALVA ITALIA

Art 24, comma 24, Decreto SALVA ITALIA Art 24, comma 24, Decreto SALVA ITALIA Obbligo per le Casse dei Professionisti di dimostrare la propria sostenibilità a 50 anni previa adozione di misure dirette ad assicurare l equilibrio tra entrate

Dettagli

I LIVELLI RETRIBUTIVI DEI DIPENDENTI STRANIERI e i differenziali con gli italiani

I LIVELLI RETRIBUTIVI DEI DIPENDENTI STRANIERI e i differenziali con gli italiani I LIVELLI RETRIBUTIVI DEI DIPENDENTI STRANIERI e i differenziali con gli ITALIA II trimestre 2009 Ottobre 2009 Livelli retributivi dei in Italia La presenza straniera nel nostro Paese è in continua evoluzione

Dettagli

IN SERVIZIO AL 31.12.98 - DI CUI DONNE

IN SERVIZIO AL 31.12.98 - DI CUI DONNE Tab.1A: Pers. con rapp. di lavoro a tempo indeterm. e a tempo determ. in serv. nell'anno 1999 DOTAZIONE ORGANICA IN SERVIZIO AL 31.12.98 - IN SERVIZIO AL 31.12.98 - DI CUI CESSATI NELL'ANNO - CESSATI NELL'ANNO

Dettagli

FINANZIAMENTI ESTERI

FINANZIAMENTI ESTERI FINANZIAMENTI ESTERI INFORMAZIONI SULLA BANCA BANCO DI SARDEGNA S.p.A. Società per Azioni con sede legale in Cagliari, viale Bonaria, 33 Sede Amministrativa, Domicilio Fiscale e Direzione Generale in Sassari,

Dettagli

I principali risultati

I principali risultati FINANZA LOCALE: ENTRATE E SPESE DEI BILANCI CONSUNTIVI (COMUNI, PROVINCE E REGIONI). ANNO 2012 1 I principali risultati 1 Comuni Nel prospetto 1 sono riportati i principali risultati finanziari di competenza

Dettagli

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2011. 17 luglio 2012. INCIDENZA DI POVERTÀ RELATIVA PER RIPARTIZIONE GEOGRAFICA. Anni 2008-2011, valori percentuali

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2011. 17 luglio 2012. INCIDENZA DI POVERTÀ RELATIVA PER RIPARTIZIONE GEOGRAFICA. Anni 2008-2011, valori percentuali 17 luglio 2012 Anno 2011 LA POVERTÀ IN ITALIA Nel 2011, l 11,1% delle famiglie è in condizione di povertà relativa (per un totale di 8.173 mila persone) e il 5,2% lo è in termini assoluti (3.415 mila).

Dettagli

SCHEDA Fondo Pensione Perseo

SCHEDA Fondo Pensione Perseo SCHEDA, costituito con atto notarile il 21 dicembre 2010, iscritto all albo tenuto dalla COVIP con il n. 164, è il Fondo nazionale di pensione complementare per i lavoratori delle Regioni, Autonomie Locali

Dettagli

Concorsi pubblici, per esami, su base circoscrizionale

Concorsi pubblici, per esami, su base circoscrizionale Emanati in Gazzetta Ufficiale Concorsi pubblici, per esami, su base circoscrizionale per le esigenze del MINISTERO DIFESA 1 Dettaglio: concorso pubblico Data di pubblicazione in G.U. 4^ S.S. : 25.10. 2005

Dettagli

Censimento delle strutture per anziani in Italia

Censimento delle strutture per anziani in Italia Cod. ISTAT INT 00046 AREA: Amministrazioni pubbliche e servizi sociali Settore di interesse: Assistenza e previdenza Censimento delle strutture per anziani in Italia Titolare: Dipartimento per le Politiche

Dettagli

GENNAIO FEBBRAIO MARZO

GENNAIO FEBBRAIO MARZO GENNAIO Legge stabilità 2014: numerose le novità per gli enti locali e gli organismi partecipati Legge 147 del 27 dicembre 2013 (Legge Stabilità 2014) Le nuove scadenze previste dai D.l. Milleproroghe

Dettagli

TABELLA 5.15. LE STRUTTURE SCOLASTICHE IN ITALIA: STOCK, UNITÀ LOCALI, ADDETTI

TABELLA 5.15. LE STRUTTURE SCOLASTICHE IN ITALIA: STOCK, UNITÀ LOCALI, ADDETTI 5.3 Il patrimonio scolastico e ospedaliero nelle aree di rischio Tra gli edifici esposti al rischio naturale rientrano alcune strutture, come le scuole e gli ospedali, che hanno una particolare importanza

Dettagli

IL CREDITO NEL SETTORE NELLE COSTRUZIONI IN ITALIA

IL CREDITO NEL SETTORE NELLE COSTRUZIONI IN ITALIA N 4/2011 I trim. 2011 Direzione Affari Economici e Centro Studi IL CREDITO NEL SETTORE NELLE COSTRUZIONI IN ITALIA INDICE I MUTUI PER NUOVI INVESTIMENTI IN COSTRUZIONI --------------------------------------------------------

Dettagli

Pensionati e pensioni nelle regioni italiane

Pensionati e pensioni nelle regioni italiane Pensionati e pensioni nelle regioni italiane Adam Asmundo POLITICHE PUBBLICHE Attraverso confronti interregionali si presenta una analisi sulle diverse tipologie di trattamenti pensionistici e sul possibile

Dettagli

Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca Dipartimento per l'istruzione Direzione Generale per il Personale Scolastico

Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca Dipartimento per l'istruzione Direzione Generale per il Personale Scolastico TABELLA "A" Dotazioni organiche regionali COMPLESSIVE - anno scolastico 2014-2015 a.s. 2011/12 a.s. 2012/13 a.s. 2014/15 rispetto a.s. 2011/12 a b c d e=d-a Abruzzo 5.195 5.124 5.119 5.118-77 Basilicata

Dettagli

Le Segnalazioni di Sofferenze Bancarie in Italia negli anni 1998-2007

Le Segnalazioni di Sofferenze Bancarie in Italia negli anni 1998-2007 Le Segnalazioni di Sofferenze Bancarie in Italia negli anni 1998-2007 Analisi statistica a cura di: Tidona Comunicazione Dipartimento Ricerche Responsabile del Progetto: Sandra Galletti Luglio 2008 Questa

Dettagli

Indice. Introduzione Pag. 2 La struttura del Manuale Pag. 3

Indice. Introduzione Pag. 2 La struttura del Manuale Pag. 3 Indice INTRODUZIONE Introduzione Pag. 2 La struttura del Manuale Pag. 3 CAPITOLO 1: IL MANUALE ORGANIZZATIVO 1.1. Cosa è un manuale organizzativo Pag. 7 1.2. Perché realizzare un manuale organizzativo

Dettagli

LAVORO E IMMIGRAZIONE NEI SISTEMI LOGISTICI IN ITALIA 3 aprile 2014

LAVORO E IMMIGRAZIONE NEI SISTEMI LOGISTICI IN ITALIA 3 aprile 2014 LAVORO E IMMIGRAZIONE NEI SISTEMI LOGISTICI IN ITALIA 3 aprile 2014 LAVORO E IMMIGRAZIONE NEI SISTEMI LOGISTICI IN ITALIA 3 aprile 2014 PRESENTAZIONE A CURA DI EMANUELE GALOSSI E GIULIANO FERRUCCI I lavoratori

Dettagli

Luca Paolazzi - Direttore Centro Studi Confindustria

Luca Paolazzi - Direttore Centro Studi Confindustria Frenata globale e premesse per la ripresa Luca Paolazzi Direttore Centro Studi Confindustria La convergenza delle previsioni 2008 2009 CSC (giugno) 0,1 0,6 Prometeia (settembre) 0,1 0,6 OCSE (settembre)

Dettagli

NEGLI ULTIMI 15 ANNI SONO RADDOPPIATI I CONTRIBUENTI CHE PRESENTANO IL MODELLO 730

NEGLI ULTIMI 15 ANNI SONO RADDOPPIATI I CONTRIBUENTI CHE PRESENTANO IL MODELLO 730 NEGLI ULTIMI 15 ANNI SONO RADDOPPIATI I CONTRIBUENTI CHE PRESENTANO IL MODELLO 730 Per chi decide di compilare on line il proprio 730 non ci sono problemi : il fisco mette a disposizione un manuale di

Dettagli

OSSERVATORIO SUI PROTESTI E I PAGAMENTI DELLE IMPRESE

OSSERVATORIO SUI PROTESTI E I PAGAMENTI DELLE IMPRESE 1/2 3,6k 1k 1,5k OSSERVATORIO SUI PROTESTI E I PAGAMENTI DELLE IMPRESE DICEMBRE #17 (2 a+2b) 12,5% 75,5% 1.41421356237 2 RITARDI AI MINIMI E PROTESTI IN FORTE CALO NEL TERZO TRIMESTRE SINTESI DEI RISULTATI

Dettagli

A cura della Direzione Affari Economici e Centro Studi. 8 novembre 2013

A cura della Direzione Affari Economici e Centro Studi. 8 novembre 2013 INVESTIMENTI DEGLI ENTI TERRITORIALI E PATTO DI STABILITA INTERNO - L incompatibilità dei vincoli di finanza pubblica con una politica di sviluppo del territorio A cura della Direzione Affari Economici

Dettagli

Il differenziale salariale tra italiani e stranieri pag. 2. L appartenenza di genere pag. 4. Il settore di impiego e le condizioni contrattuali pag.

Il differenziale salariale tra italiani e stranieri pag. 2. L appartenenza di genere pag. 4. Il settore di impiego e le condizioni contrattuali pag. Studi e ricerche sull economia dell immigrazione Le retribuzioni dei e i gap retributivi con gli italiani Anno 2011 Il differenziale salariale tra italiani e stranieri pag. 2 L appartenenza di genere pag.

Dettagli

L 82 PER CENTO DEI PROPRIETARI DI PRIMA CASA SONO PENSIONATI, OPERAI E IMPIEGATI

L 82 PER CENTO DEI PROPRIETARI DI PRIMA CASA SONO PENSIONATI, OPERAI E IMPIEGATI L 82 PER CENTO DEI PROPRIETARI DI PRIMA CASA SONO PENSIONATI, OPERAI E IMPIEGATI Con l abolizione della Tasi sulla prima casa, la percentuale di famiglie più interessate dallo sgravio saranno quelle dei

Dettagli

Analisi dei Depositi Bancari in Italia nel Decennio 1998-2007

Analisi dei Depositi Bancari in Italia nel Decennio 1998-2007 Analisi dei Depositi Bancari in Italia nel Decennio 1998-2007 Analisi statistica a cura di: Tidona Comunicazione Dipartimento Ricerche Responsabile del Progetto: Sandra Galletti Maggio 2008 Questa pubblicazione

Dettagli

Ricorso agli ammortizzatori sociali settore Vigilanza Privata. Anno 2012

Ricorso agli ammortizzatori sociali settore Vigilanza Privata. Anno 2012 Ricorso agli ammortizzatori sociali settore Vigilanza Privata Anno 2012 Premessa Nel settore della vigilanza privata il 2012 è stato un anno di record per gli ammortizzatori sociali, in particolare per

Dettagli

RAPPORTO MENSILE. Periodo di riferimento Gennaio 14

RAPPORTO MENSILE. Periodo di riferimento Gennaio 14 RAPPORTO MENSILE Periodo di riferimento Gennaio 14 Indice Sezione 1 - Riepilogo mensile Linea Amica... 2 Tab. 1.1 - Numero di contatti gestiti da operatore per canale e destinazione... 2 Graf. 1.2 - Linea

Dettagli

Il ruolo dei generi: Indagine sul rapporto tra genere e professioni tra gli italiani

Il ruolo dei generi: Indagine sul rapporto tra genere e professioni tra gli italiani Il ruolo dei generi: Indagine sul rapporto tra genere e professioni tra gli italiani Il campione 2 Chi è stato intervistato? Un campione di 100 soggetti maggiorenni che risiedono in Italia. Il campione

Dettagli

Test preliminari: candidati e ammessi per regione

Test preliminari: candidati e ammessi per regione Test preliminari: candidati e ammessi per regione A013 CHIMICA E TECNOLOGIE CHIMICHE LOMBARDIA 182 101 TRENTINO ALTO-ADIGE 51 32 VENETO 126 76 LIGURIA 54 36 EMILIA ROMAGNA 110 67 TOSCANA 158 101 UMBRIA

Dettagli

il nuovo sistema elettorale

il nuovo sistema elettorale Cosa cambia con il nuovo sistema elettorale INIZIO / I seggi alla Camera dei deputati Quanti deputati si eleggono? DAI VOTI ESPRESSI DAGLI ITALIANI ALL ESTERO: DAI VOTI ESPRESSI SUL TERRITORIO NAZIONALE:

Dettagli

ANALISI DELLE PENSIONI EROGATE DALL E.N.P.A.L.S PER GENERE

ANALISI DELLE PENSIONI EROGATE DALL E.N.P.A.L.S PER GENERE ANALISI DELLE PENSIONI EROGATE DALL E.N.P.A.L.S PER GENERE ANNO 2002 Premessa L Ente Nazionale di Previdenza e di Assistenza per i Lavoratori dello Spettacolo (E.N.P.A.L.S.) è stato istituito con D.L.P.C.S.

Dettagli

Riorganizzazione Trenitalia. 14 luglio 2005

Riorganizzazione Trenitalia. 14 luglio 2005 Riorganizzazione Trenitalia 14 luglio 2005 2 Riorganizzazione processi di manutenzione Strutture centrali Pianificazione industriale (Nuova) Ingegneria degli impianti e della manutenzione (riorganizz.

Dettagli

LA POVERTÀ IN ITALIA

LA POVERTÀ IN ITALIA 15 luglio 2011 Anno 2010 LA POVERTÀ IN ITALIA La povertà risulta sostanzialmente stabile rispetto al 2009: l 11,0% delle famiglie è relativamente povero e il 4,6% lo è in termini assoluti. La soglia di

Dettagli

GIOCHI NUMERO CONCESSIONI/AUTORIZZAZIONI

GIOCHI NUMERO CONCESSIONI/AUTORIZZAZIONI GIOCHI NUMERO CONCESSIONI/AUTORIZZAZIONI Famiglia gioco Numero Concessioni GIOCHI A BASE SPORTIVA E IPPICA 398 CONCESSIONI GIOCO ON LINE (GAD) 144 GIOCHI NUMERICI A TOTALIZZATORE 1 LOTTO E LOTTERIE 1 BINGO

Dettagli

BANCO DI SARDEGNA SPA - FOGLIO INFORMATIVO (D.Lgs. 385/93 ART. 116) SEZIONE 1.07. 42 PRESTITO PERSONALE AGGIORNAMENTO AL 01/04/2012

BANCO DI SARDEGNA SPA - FOGLIO INFORMATIVO (D.Lgs. 385/93 ART. 116) SEZIONE 1.07. 42 PRESTITO PERSONALE AGGIORNAMENTO AL 01/04/2012 PRESTITO PERSONALE INFORMAZIONI SULLA BANCA BANCO DI SARDEGNA S.p.A. (Codice ABI 01015) Società per Azioni con sede legale in Cagliari, viale Bonaria, 33 Sede Amministrativa, Domicilio Fiscale e Direzione

Dettagli

Il negozio online per il fiorista, pronto da usare!

Il negozio online per il fiorista, pronto da usare! Il negozio online per il fiorista, pronto da usare! FiorinCittà.it ti offre la possibilità di avere un negozio online personalizzato in base al tuo comune di residenza. Ad esempio, se il tuo negozio si

Dettagli

FINANZIAMENTI ESTERI

FINANZIAMENTI ESTERI FINANZIAMENTI ESTERI INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca Popolare dell Emilia Romagna società cooperativa Sede legale e amministrativa in Via San Carlo 8/20 41121 Modena Telefono 059/2021111 (centralino) -

Dettagli

>> Fotovoltaico: situazione attuale e prospettive delletecnologiee del mercato

>> Fotovoltaico: situazione attuale e prospettive delletecnologiee del mercato >> Fotovoltaico: situazione attuale e prospettive delletecnologiee del mercato IMPIANTI FOTOVOLTAICI Tecnologie attuali e nuovi modelli Bari 11 Dicembre 2007 ore 15,30 1 >> Fotovoltaico: situazione attuale

Dettagli

ELEZIONI SUBITO? UN CATTIVO AFFARE PER IL PDL

ELEZIONI SUBITO? UN CATTIVO AFFARE PER IL PDL ELEZIONI SUBITO? UN CATTIVO AFFARE PER IL PDL Simulazioni elettorali sulla base del più recente sondaggio sulle intenzioni di voto - A cura di Piercamillo Falasca, 9 dicembre 2010 SINTESI Le elezioni anticipate

Dettagli

La ricchezza (vera) delle regioni

La ricchezza (vera) delle regioni La ricchezza (vera) delle regioni La ricchezza (vera) delle regioni Anna Villa Nell'ottava edizione del Rapporto Quars, la classifica del benessere sostenibile. In testa il Trentino Alto Adige, scendono

Dettagli

Note Brevi LE COOPERATIVE NELL AMBITO DELLA STRUTTURA PRODUTTIVA ITALIANA NEL PERIODO 2007-2008. a cura di Francesco Linguiti

Note Brevi LE COOPERATIVE NELL AMBITO DELLA STRUTTURA PRODUTTIVA ITALIANA NEL PERIODO 2007-2008. a cura di Francesco Linguiti Note Brevi LE COOPERATIVE NELL AMBITO DELLA STRUTTURA PRODUTTIVA ITALIANA NEL PERIODO 2007-2008 a cura di Francesco Linguiti Luglio 2011 Premessa* In questa nota vengono analizzati i dati sulla struttura

Dettagli

La competitività dei territori italiani nel mercato globale

La competitività dei territori italiani nel mercato globale La competitività dei territori italiani nel mercato globale Zeno Rotondi, Responsabile Ufficio Studi Italia Bologna, aprile 2011 Indice Quadro congiunturale La competitività dei territori e il ritorno

Dettagli

CONTI ECONOMICI REGIONALI

CONTI ECONOMICI REGIONALI 23 novembre 2012 Anni 1995-2011 CONTI ECONOMICI REGIONALI In occasione della diffusione delle stime provvisorie per l anno 2011, l Istat pubblica le serie dei Conti economici regionali nella nuova classificazione

Dettagli

MEDIAZIONE CIVILE EX D.L. 28/2010

MEDIAZIONE CIVILE EX D.L. 28/2010 MEDIAZIONE CIVILE EX D.L. 28/2010 STATISTICHE RELATIVE AL PERIODO 1 GENNAIO 31 DICEMBRE Ministero della Giustizia Dipartimento della organizzazione giudiziaria, del personale e dei servizi Direzione Generale

Dettagli

Gli studenti universitari di quali aiuti beneficiano?

Gli studenti universitari di quali aiuti beneficiano? Gli studenti universitari di quali aiuti beneficiano? Il quadro attuale (e uno sguardo al futuro) Federica Laudisa La dimensione sociale degli studi in Europa e in Italia: quali risposte alle nuove domande?

Dettagli

I dati della ricerca

I dati della ricerca Relazioni con i Media Tel. 02/8515.5288/5224 Comunicati www.mi.camcom.it I dati della ricerca Il mercato fotovoltaico in Europa e nel mondo. È l Europa il mercato di sbocco principale per il fotovoltaico,

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Stampa COMUNICATO STAMPA Scuola, si chiudono con successo le iscrizioni on line: 1,557.601 milioni di domande registrate, il 99,3% Quasi

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca DIPARTIMENTO PER L ISTRUZIONE Direzione Generale per il Personale scolastico

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca DIPARTIMENTO PER L ISTRUZIONE Direzione Generale per il Personale scolastico Decreto del direttore generale per il personale scolastico n. 82 del 24 settembre 2012: indizione dei concorsi a posti e cattedre, per titoli ed esami, finalizzati al reclutamento del personale docente

Dettagli

IL FEDERALISMO "DIFFERENZIATO" ITALIANO. IL CASO DEL TRENTINO ALTO ADIGE PROF. GIANFRANCO CEREA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI - TRENTO

IL FEDERALISMO DIFFERENZIATO ITALIANO. IL CASO DEL TRENTINO ALTO ADIGE PROF. GIANFRANCO CEREA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI - TRENTO IL FEDERALISMO "DIFFERENZIATO" ITALIANO. IL CASO DEL TRENTINO ALTO ADIGE PROF. GIANFRANCO CEREA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI - TRENTO UN TEMA COMPLESSO Le differenze fra gli statuti: 1. per i livelli di compartecipazioni

Dettagli

RIFERIMENTI STORICI E NORMATIVI

RIFERIMENTI STORICI E NORMATIVI FONDO VOLO (VL) E un fondo sostitutivo dell assicurazione generale obbligatoria ed ha la finalità di provvedere alla liquidazione delle pensioni del personale di volo: piloti, assistenti di volo e tecnici

Dettagli

L Irpef pagata dagli stranieri nelle regioni italiane

L Irpef pagata dagli stranieri nelle regioni italiane Studi e ricerche sull economia dell immigrazione L Irpef pagata dagli stranieri nelle regioni italiane Anno 2011 per l anno di imposta 2010 Avvertenze metodologiche p. 2 I principali risultati dello studio

Dettagli

L età dei vincitori La presenza femminile. L età dei vincitori La presenza femminile. Confronto tra il concorso ordinario ed il concorso riservato

L età dei vincitori La presenza femminile. L età dei vincitori La presenza femminile. Confronto tra il concorso ordinario ed il concorso riservato Premessa Corso-concorso ordinario L età dei vincitori La presenza femminile Corso-concorso riservato L età dei vincitori La presenza femminile Confronto tra il concorso ordinario ed il concorso riservato

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico Direzione Generale per la politica industriale, la competitività e le piccole e medie imprese ex DIV.VIII PMI e artigianato IL CONTRATTO DI RETE ANALISI QUANTITATIVA

Dettagli

CERTIFICATI DI DEPOSITO

CERTIFICATI DI DEPOSITO CERTIFICATI DI DEPOSITO INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca Popolare dell Emilia Romagna società cooperativa Sede legale e amministrativa in Via San Carlo 8/20 41121 Modena Telefono 059/2021111 (centralino)

Dettagli

DOBBIAMO AVER PAURA DELLA PIOGGIA?

DOBBIAMO AVER PAURA DELLA PIOGGIA? Nuovo Rapporto Ance Cresme alluvioni con una scia ininterrotta di disastri, vittime e costi altissimi per i cittadini. Un territorio martoriato da Nord a Sud e L aggiornamento del rapporto Ance Cresme

Dettagli

Oggetto: Calendario delle manifestazioni di concorso completo di equitazione. Anno 2015 1 periodo (fino al 26/07).

Oggetto: Calendario delle manifestazioni di concorso completo di equitazione. Anno 2015 1 periodo (fino al 26/07). Ai Comitati Organizzatori Comitati Regionali Segreterie di CCE All ANCCE Via email Roma, 17/12/2014 ADS/Prot.n. 09167 Dipartimento Concorso Completo Oggetto: Calendario delle manifestazioni di concorso

Dettagli

SOGGIORNI TERMALI 2012 ALBERGHI E CALENDARIO DEI TURNI

SOGGIORNI TERMALI 2012 ALBERGHI E CALENDARIO DEI TURNI Indice Piemonte... 2 Lombardia... 3 Trentino- Alto Adige... 4 Friuli Venezia Giulia... 5 Veneto... 6 Emilia Romagna... 7 Toscana... 9 Lazio... 11 Campania... 12 Puglia... 14 Calabria... 15 Sicilia... 16

Dettagli

totale Dal punto di vista settoriale sono particolarmente vivaci le imprese appartenenti al comparto editoria, telecomunica-

totale Dal punto di vista settoriale sono particolarmente vivaci le imprese appartenenti al comparto editoria, telecomunica- Introduzione LE MICRO, PICCOLE E MEDIE IMPRESE UN INDICATORE SINTETICO FRANCESCO SOLARO 1 - - ad esempio alla crescita del fenomeno e-commerce che ha fatto registrare un aumento sia degli ordini che degli

Dettagli

ANALISI DELL OCCUPAZIONE FEMMINILE IN ITALIA

ANALISI DELL OCCUPAZIONE FEMMINILE IN ITALIA ANALISI DELL OCCUPAZIONE FEMMINILE IN ITALIA novembre 04 Introduzione In base ai dati dell VIII Censimento su Industria e Servizi dell ISTAT è stata condotta un analisi dell occupazione femminile nelle

Dettagli

La povertà in Italia nel 2009

La povertà in Italia nel 2009 15 luglio 2010 Anno 2009 La povertà in Italia nel 2009 L'Istituto nazionale di statistica comunica i dati relativi alla povertà relativa e assoluta delle famiglie residenti in Italia, sulla base delle

Dettagli

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2012. 17 luglio 2013

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2012. 17 luglio 2013 17 luglio 2013 Anno 2012 LA POVERTÀ IN ITALIA Nel 2012, il 12,7% delle famiglie è relativamente povero (per un totale di 3 milioni 232 mila) e il 6,8% lo è in termini assoluti (1 milione 725 mila). Le

Dettagli

Elaborazione flash. Ufficio Studi Confartigianato Imprese Veneto 27/07/2015

Elaborazione flash. Ufficio Studi Confartigianato Imprese Veneto 27/07/2015 119 117 114 69 52 28 14 1 343 267 242 215 444 607 736 946 938 1.168 1.066 1.622 Elaborazione flash Ufficio Studi Confartigianato Imprese Veneto 27/07/2015 Il caldo torrido di questa estate sembra aver

Dettagli

L OSPITALITA E INTERNET

L OSPITALITA E INTERNET L OSPITALITA E INTERNET UNO STRUMENTO (DI PROMOCOMMERCIALIZZAZIONE) MA NON LA SOLUZIONE (DEI PROBLEMI) 1 INDICE Premessa 3 1. Aumenta l interesse e l attenzione 5 2. La parola agli albergatori 8 IL TEAM

Dettagli

4. I figli nelle separazioni e nei divorzi

4. I figli nelle separazioni e nei divorzi 4. I figli nelle separazioni e nei divorzi Fonte: ISTAT Matrimoni, separazioni e divorzi. Anno 1993. Edizione 1995 121 Matrimoni, separazioni e divorzi. Anno 1994. Edizione 1996 Matrimoni, separazioni

Dettagli

Istituto Nazionale Previdenza Sociale AVVISO. per la formazione di liste di Avvocati domiciliatari e/o sostituti di udienza per contenzioso INPS

Istituto Nazionale Previdenza Sociale AVVISO. per la formazione di liste di Avvocati domiciliatari e/o sostituti di udienza per contenzioso INPS Istituto Nazionale Previdenza Sociale AVVISO per la formazione di liste di Avvocati domiciliatari e/o sostituti di udienza per contenzioso INPS L Istituto Nazionale Previdenza Sociale - I.N.P.S. pubblica

Dettagli

Struttura e attività degli istituti di cura

Struttura e attività degli istituti di cura SISTEMA STATISTICO NAZIONALE ISTITUTO NAZIONALE DI STATISTICA 2 0 0 6 Settore Sanità e previdenza Struttura e attività degli istituti di cura Anno 2003 Contiene cd-rom Informazioni n. 10-2006 I settori

Dettagli

OPERAZIONI DI SCONTO PRO SOLVENDO AI SENSI DELLA LEGGE 1329/65 (SABATINI)

OPERAZIONI DI SCONTO PRO SOLVENDO AI SENSI DELLA LEGGE 1329/65 (SABATINI) OPERAZIONI DI SCONTO PRO SOLVENDO AI SENSI DELLA LEGGE 1329/65 (SABATINI) INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca Popolare dell Emilia Romagna società cooperativa Sede legale e amministrativa in Via San Carlo 8/20

Dettagli

EMBARGO FINO A SABATO 20 LUGLIO ORE 9.00 COMUNICATO STAMPA

EMBARGO FINO A SABATO 20 LUGLIO ORE 9.00 COMUNICATO STAMPA Ufficio Stampa EMBARGO FINO A SABATO 20 LUGLIO ORE 9.00 COMUNICATO STAMPA TURISMO ESTERO, CONFESERCENTI- REF: GLI STRANIERI CONTINUANO A SCEGLIERE L ITALIA, MA CONOSCONO POCO IL SUD: PREFERITO IL CENTRO-

Dettagli

AMBITO TARIFFARIO NORD OCCIDENTALE (VALLE D'AOSTA - PIEMONTE - LIGURIA) VALIDO DAL 1 GENNAIO 2015 AL 31 MARZO 2015

AMBITO TARIFFARIO NORD OCCIDENTALE (VALLE D'AOSTA - PIEMONTE - LIGURIA) VALIDO DAL 1 GENNAIO 2015 AL 31 MARZO 2015 AMBITO TARIFFARIO NORD OCCIDENTALE (VALLE D'AOSTA - PIEMONTE - LIGURIA) Quota Energia ne 0,000000 Oltre 0,000000 SERVIZI DI TE Totale G6 42,75 17,84 34,79 a 0,095306 G10 G40 212,39 88,65 275,23 0,754060

Dettagli

MEDIAZIONE CIVILE EX D.L. 28/2010

MEDIAZIONE CIVILE EX D.L. 28/2010 MEDIAZIONE CIVILE EX D.L. 28/2010 STATISTICHE RELATIVE AL PERIODO 1 GENNAIO 30 SETTEMBRE 2013 Ministero della Giustizia Dipartimento della organizzazione giudiziaria, del personale e dei servizi Direzione

Dettagli

Nota metodologica a cura del Dipartimento finanze fornita su richiesta Copaff.

Nota metodologica a cura del Dipartimento finanze fornita su richiesta Copaff. Nota metodologica a cura del Dipartimento finanze fornita su richiesta Copaff. - Nel prospetto 1 compartecipazioni sono stati riportati i valori di un punto di compartecipazione Irpef e di un punto di

Dettagli

Punto tesoreria: dati sull autofinanziamento al 13 febbraio 2009

Punto tesoreria: dati sull autofinanziamento al 13 febbraio 2009 Punto tesoreria: dati sull autofinanziamento al 13 febbraio Nota autofinanziamento Radicali Italiani febbraio 1 I SOSTENITORI DI RADICALI ITALIANI Nelle pagine seguenti verranno analizzate le caratteristiche

Dettagli

MAGISTRATI: L ULTRACASTA

MAGISTRATI: L ULTRACASTA a cura del Gruppo Parlamentare della Camera dei Deputati Il Popolo della Libertà Berlusconi Presidente 95 MAGISTRATI: L ULTRACASTA Intervista a Stefano Livadiotti Affaritaliani.it Libero Il Giornale 17

Dettagli

LA REGIONALIZZAZIONE DEL PATTO DI STABILITA INTERNO

LA REGIONALIZZAZIONE DEL PATTO DI STABILITA INTERNO Direzione Affari Economici e Centro Studi LA REGIONALIZZAZIONE DEL PATTO DI STABILITA INTERNO UNO STRUMENTO PER LIBERARE I PAGAMENTI ALLE IMPRESE E FAVORIRE LE SPESE IN CONTO CAPITALE MAGGIO 2012 INDICE

Dettagli