Materia: Tecnologie e Tecniche di Rappresentazione Grafica Classi PRIME Insegnanti: G. Lombardi, L. Nieri

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Materia: Tecnologie e Tecniche di Rappresentazione Grafica Classi PRIME Insegnanti: G. Lombardi, L. Nieri"

Transcript

1 PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE A. S. 2014/2015 Materia: Tecnologie e Tecniche di Rappresentazione Grafica Classi PRIME Insegnanti: G. Lombardi, L. Nieri Nuclei fondamentali di LE BASI DELLA RAPPRESENTAZIONE GRAFICA Contenuti di Evoluzione storico culturale dei codici grafici. Rappresentazione in scala. Disegno a mano libera Conoscenze Possesso delle nozioni di geometria di base. Obiettivi di competenza e abilità Acquisire la capacità di. rappresentare in scala un oggetto; disegnare a mano libera Acquisire la conoscenza dell evoluzione storica delle tecniche di rappresentazione. Tempi settembre/ottobre IL DISEGNO GEOMETRICO ELEMENTI PLANO- ALTIMETRICI METODI DI RAPPRESENTAZIONE Il disegno geometrico finalità, rapporto con la geometria descrittiva. Strumenti ed attrezzi per il disegno. Risoluzione grafica di fondamentali problemi geometrici. Aggregazione e composizione di figure piane. Concetto di quota e dislivello, distanza topografica e effettiva. Tecnica delle proiezioni; proiezioni ortogonali; proiezioni assonometriche. Capacità concettuali, Acquisire capacità di: operative e grafiche. Possesso delle nozioni di utilizzare gli strumenti del disegno; geometria di base. utilizzare le norme basilari della rappresentazione grafica; risolvere graficamente problemi geometrici. Acquisire la conoscenza: dei formati unificati dei fogli da disegno; delle diverse matite e dei diversi spessori da utilizzare per disegnare. Possesso delle nozioni di Sapere effettuare matematica di base. semplici calcoli per la determinazione dei dislivello fra due punti e della pendenza di una livelletta Possesso delle nozioni di geometria di base. Capacità di comprensione concettuale, operative e grafiche Acquisire la capacità di: utilizzare le proiezioni ortogonali per la rappresentazione grafica degli oggetti; applicare il metodo delle proiezioni assonometriche per la rappresentazione tridimensionale degli oggetti. ottobre/novembre novembre dicembre/maggio OPERAZIONI SUI SOLIDI ATTIVITÀ PROGETTUALE: PROBLEMATICHE E METODOLOGIE Rappresentazione di solidi, sezioni di solidi Elaborazione e rappresentazione grafica di metodologie progettuali, tecniche di rappresentazione e visualizzazione, tecniche e strumenti per il rilievo dal vero. Capacità concettuali, operative e grafiche. Possesso delle nozioni di geometria di base. Capacità concettuali, operative e grafiche. Normativa tecnica e linguaggio tecnico specifico. Acquisire la capacità di descrivere la forma di solidi Acquisire capacità: eseguire disegni a mano libera dal vero; individuare le sequenze logiche necessarie per realizzare un progetto; leggere e interpretare un progetto già redatto. gennaio/marzo marzo/aprile 1

2 RESTITUZIONE E DISEGNO TOPOGRAFICO Restituzione grafica e analitica del rilievo di un terreno mediante piano quotato, o a curve di livello. Possesso delle nozioni del disegno tecnico di base. Saper utilizzare i mezzi a disposizione per la restituzione grafica del rilievo e la sua rappresentazione nei modi più efficaci e corretti. febbraio/marzo 2

3 Materia: Tecnologie e Tecniche di Rappresentazione Grafica Classi SECONDE Insegnanti: G. Lombardi, L. Nieri Nuclei fondamentali di ELEMENTI DI GEOMETRIA EUCLIDEA, SISTEMI DI MISURA, LE FUNZIONI GONIOMETRICHE CALCOLO TRIGONOMETRICO, ELEMENTI DI GEODESIA ELEMENTI DI CARTOGRAFIA Contenuti di.unità di misura degli angoli e sue trasformazioni. Le funzioni trigonometriche e relative relazioni e grafici. Uso della calcolatrice elettronica Il teorema dei seni, teorema dei triangoli rettangoli, teorema di Carnot, calcolo dell area di un triangolo, formula di Erone. Risoluzione di triangoli e quadrilateri. Circonferenze notevoli dei triangoli. Origine della terra, i moti della terra. Superficie di riferimento. Dal Geoide all ellissoide terrestre. Coordinate geografiche e astronomiche. Il campo geodetico e topografico, la loro validità. La cartografia ufficiale italiana. Conoscenze Possesso delle nozioni di geometria applicata a figure semplici. Possesso delle nozioni di trigonometria di base Possesso di nozioni geografia della terra. di Conoscenza delle simbologie cartografiche. Obiettivi di competenza e abilità Conoscere le unità di misura e saper eseguire le conversioni da un sistema all altro. Conoscere le funzioni goniometriche le relazioni tra esse. Saper utilizzare la calcolatrice elettronica Saper risolvere triangoli qualsiasi e poligoni qualunque utilizzando la trigonometria. Acquisire sicurezza nel calcolo trigonometrico e nell uso delle calcolatrici elettroniche Saper riconoscere il campo all interno del quale si opera ed effettuare le eventuali correzioni nelle misurazioni. Saper leggere una carta e desumerne tutte le informazioni necessarie. Tempi settembre/ottobre ottobre/aprile ottobre/marzo marzo/giugno COORDINATE POLARI E CARTESIANE AUTOCAD (LABORATORIO DI INFORMATICA) Coordinate parziali e totali, trasformazione da polari a cartesiani e da cartesiani a polari. Risoluzione di poligoni mediante le coordinate. Spazio modello, spazio carta, blocchi, layer. Capacità di passare da un sistema di riferimento ad un altro. Conoscenza software Autocad e teoria delle proiezioni ortogonali. Saper gestire le coordinate di un punto e saper risolvere problemi di geometria piana mediante le coordinate. Saper effettuare le trasformazioni tra coordinate. Saper utilizzare, in modo corretto e funzionale le funzioni del disegno elettronico. Saper utilizzare i layer ed i blocchi nel disegno cad. aprile/giugno 2 mesi Disegno CAD di piantine e prospetti di edifici urbani e rurali. Conoscenza software Autocad e teoria delle proiezioni ortogonali. Saper utilizzare le principali funzioni cad per la realizzazione di piantine e prospetti di edifici urbani e rurali. 2 mesi Disegno CAD di aree urbane e rurali. Conoscenza software Autocad e teoria delle proiezioni ortogonali Saper utilizzare le principali funzioni cad per la realizzazione di piantine di aree urbane e rurali. 2 mesi 3

4 Realizzazione progetti elementari di aree urbane e rurali. Conoscenza software Autocad e teoria delle proiezioni ortogonali Saper utilizzare le principali funzioni cad per la realizzazione di progetti elementari di aree urbane e rurali. Modellazione elementare con tecniche tridimensionali. 2 mesi METODI E STRUMENTI DI LAVORO LEZIONI FRONTALI LIBRI DI TESTO STRUMENTI DEL DISEGNO ESERCITAZIONI FOTOCOPIE E LABORATORIO DI APPUNTI INFORMATICA VERIFICHE Verifiche Formative: per rilevare le tappe di avvicinamento agli obiettivi intermedi, per mettere l'insegnante in grado di valutare l'efficacia dell'intervento educativo programmato e per valutare eventuali modifiche al processo in corso. Tempi: l intero anno scolastico. Verifiche Sommative: per misurare il grado di conseguimento degli obiettivi finali e intermedi per i quali il processo didattico è stato progettato e realizzato. Laboratorio Autocad: esercitazioni grafiche al calcolatore. Tempi: al termine di ogni unità didattica. TIPI DI PROVE INTERROGAZIONI TEST CON QUESITI A RISPOSTA SINGOLA TEST CON QUESITI A RISPOSTA MULTIPLA RELAZIONI PROBLEMI A SOLUZIONE RAPIDA CASI PRATICI O PROFESSIONALI ESERCITAZIONI GRAFICHE E PRATICHE SVILUPPO DI PROGETTI Livello 1 Voto da 1 a 4 CRITERI DI VALUTAZIONE IMPEGNO E PARTECIPAZIONE quasi mai rispetta gli impegni, si distrae in classe; ACQUISIZIONE CONOSCENZE ha conoscenze frammentarie e superficiali e commette errori nell'esecuzione di compiti semplici; ELABORAZIONI CONOSCENZE applica le conoscenze commettendo gravi errori e non riesce a condurre analisi corrette; AUTONOMIA NELLA RIELABORAZIONE CRITICA DELLE CONOSCENZE non sa sintetizzare le proprie conoscenze e manca di autonomia ABILITÀ LINGUISTICHE ED ESPRESSIVE commette errori che rendono inintelligibile il senso del discorso 4

5 Livello 2 Voto 5 Livello 3 Voto 6 Livello 4 Voto 7 Livello 5 Voto da 8 a 10 IMPEGNO E PARTECIPAZIONE non sempre rispetta gli impegni, talvolta si distrae in classe; ACQUISIZIONE CONOSCENZE ha conoscenze non approfondite e commette qualche errore nella comprensione; ELABORAZIONI CONOSCENZE applica le conoscenze commettendo degli errori, sia nell'applicazione che nell'analisi; AUTONOMIA NELLA RIELABORAZIONE CRITICA DELLE CONOSCENZE non ha autonomia nella rielaborazione delle conoscenze, coglie solo parzialmente gli aspetti essenziali; ABILITÀ LINGUISTICHE ED ESPRESSIVE commette qualche errore, usando prevalentemente un linguaggio appropriato; IMPEGNO E PARTECIPAZIONE normalmente assolve gli impegni e partecipa alle lezioni; ACQUISIZIONE CONOSCENZE ha conoscenze non approfondite, ma non commette errori nell'esecuzione di compiti semplici; ELABORAZIONI CONOSCENZE applica le proprie conoscenze ed è in grado di effettuare analisi parziali con qualche errore; AUTONOMIA NELLA RIELABORAZIONE CRITICA DELLE CONOSCENZE è impreciso nell'effettuare sintesi, ma dimostra una certa autonomia; ABILITÀ LINGUISTICHE ED ESPRESSIVE possiede una terminologia accettabile, ma l'esposizione non è sempre lineare; IMPEGNO E PARTECIPAZIONE impegno e partecipazione attivi; ACQUISIZIONE CONOSCENZE ha conoscenze che gli permettono di svolgere correttamente compiti di una certa complessità; ELABORAZIONI CONOSCENZE sa applicare e sa effettuare analisi, anche se con qualche imprecisione; AUTONOMIA NELLA RIELABORAZIONE CRITICA DELLE CONOSCENZE è autonomo nella sintesi, ma non approfondisce gli argomenti; ABILITÀ LINGUISTICHE ED ESPRESSIVE espone in forma chiara e con terminologia corretta; IMPEGNO E PARTECIPAZIONE BUONI CON INIZIATIVE PERSONALI; ACQUISIZIONE CONOSCENZE POSSIEDE CONOSCENZE COMPLETE ED APPROFONDITE; ELABORAZIONI CONOSCENZE SA APPLICARE LE CONOSCENZE SENZA COMMETTERE ERRORI ED IMPRECISIONI ED EFFETTUA ANALISI ASSAI APPROFONDITE; AUTONOMIA NELLA RIELABORAZIONE CRITICA DELLE CONOSCENZE SINTETIZZA CORRETTAMENTE ED EFFETTUA VALUTAZIONI PERSONALI ED AUTONOME; ABILITÀ LINGUISTICHE ED ESPRESSIVE L'ESPOSIZIONE È CORRETTA ED APPROPRIATA NELLA TERMINOLOGIA; ATTIVITA per RECUPERO DEBITI CONSIDERATO L ESIGUO NUMERO DEI COMPONENTI DELLA CLASSE, IL RECUPERO VERRÀ EFFETTUATO IN ITINERE OGNI QUALVOLTA SI RENDA NECESSARIO. ALL INIZIO DEL PENTAMESTRE, PER QUEGLI STUDENTI CON INSUFFICIENZA MOLTO GRAVE, SI PUÒ PREVEDERE UN RECUPERO SPECIFICO PIÙ APPROFONDITO CON SDOPPIAMENTO DEL LA CLASSE. 5

6 1. AI Consigli di Classe: 2. Al Collegio: PROGETTI INTRADISCIPLINARI proposti PROPOSTE DI FORMAZIONE PROPOSTE PER ORGANIZZARE L ORARIO GIORNALIERO E SETTIMANALI GLI ARGOMENTI PROPOSTI POTRANNO AVERE VARIAZIONE NEL CORSO DELL ANNO SCOLASTICO (OVVERO POTRANNO ESSERE TRATTATI IN MANIERA PIÙ O MENO AMPIA; POTRANNO ESSERE INTEGRATI E/O SOSTITUITI DA ALTRI; POTRANNO NON ESSERE TRATTATI) A SECONDA DELLE ESIGENZE MANIFESTATE DALLA CLASSE. 6

7 MATERIA: GENIO RURALE CLASSI TERZE Produzioni e trasformazioni dei prodotti (3 ore settimanali) Nuclei fondamentali di RICHIAMI DI TRIGONOMETRIA Settembre/ottobre AGRIMENSURA: MISURA E DIVISIONI DI SUPERFICI, SPOSTAMENTO E RETTIFICA DI CONFINI Ottobre/novembre MISURAZIONE DEGLI ANGOLI E GONIOMETRI Dicembre TOPOGRAFIA OPERATIVA E DISEGNO TOPOGRAFICO Dicembre/gennaio Contenuti di Sistema di riferimento polare e cartesiano. Unità di misura degli angoli e sue trasformazioni. Le funzioni trigonometriche e relative relazioni e grafici. Metodi per la determinazione della superficie di un appezzamento: metodi numerici e grafici. Divisioni di superfici: triangolari e poligonali,. Spostamento e rettifica di confini(cenni). Il teodolite, sue caratteristiche e uso. I microscopi micrometrici per la lettura dei cerchi. Misurazione degli angoli. Metodo a strati. Misura degli angoli verticali. I moderni teodoliti elettronici (cenni). Segnalazione di punti sul terreno e sua monografia. Rilievo di piccole superfici per coordinate cartesiane, coordinate polari. Rilievo per allineamenti e per trilaterazioni. Rappresentazione del rilievo. Obiettivi: competenza e abilità che devo essere raggiunti Saper utilizzare la calcolatrice elettronica. Conoscenza dei sistemi di misura angolari. Saper utilizzare, in modo appropriato, un sistema di riferimento adatto al tipo di rilievo. Conoscere i principali metodi di misurazione e divisione delle aree. Saper utilizzare gli strumenti per la misurazione degli angoli e saper scegliere il metodo di misurazione in funzione della precisione da conseguire. Saper eseguire un rilievo planimetrico di piccole superfici con strumenti semplici. Saper realizzare, in opportuna scala, una rappresentazione su carta del rilievo. Indicare competenze trasversali che possono coinvolgere discipline affini Matematica: sistemi di misura angolare e funzioni trigonometriche. Conoscenze Conoscere le unità di misura e saper eseguire le conversioni da un sistema all altro. Conoscere le funzioni goniometriche le relazioni tra esse Uso della calcolatrice elettronica.. strumenti topografici e del disegno tecnico. strumenti topografici Saper topografici usare gli strumenti Saper impostare un rilievo. 7

8 MISURAZIONE DELLE DISTANZE E RELATIVA STRUMENTAZIONE Dicembre/gennaio MISURAZIONE DEI DISLIVELLI E RELATIVA STRUMENTAZIONE Dicembre/gennaio IL RILIEVO PLANIMETRICO Gennaio/giugno Le stazioni totali. Cenni sui metodi di misura delle distanze con strumentazione tradizionale. Angolo parallattico costante e variabile, con stadia verticale e orizzontale. Misura delle distanze con i distanziometri. Caratteristiche operative e precisione dei vari metodi. Livelli a cannocchiale fisso (cenni ). Generalità, differenza tra rilievo di appoggio e di dettaglio. Inquadramento del territorio mediante triangolazioni. Il rilievo per intersezione (in avanti, laterale, inversa o Pothenot, problema di Hansen). Rilievo per poligonazioni (aperte,,chiuse, chiuse angolarmente, orientate e non orientate). Triangolazione italiana, il rilievo per triangolazioni e trilaterazioni. Saper utilizzare gli strumenti in funzione della metodologia di rilievo e della precisione richiesta Conoscere gli strumenti di misura e saperli utilizzare in funzione della metodologia di rilievo e della precisione richiesta. Conoscere i vari metodi di misurazione dei dislivelli e saperne valutare il campo operativo. Saper scegliere il metodo di rilievo più appropriato in funzione dell estensione del territorio da rilevare, della sua morfologia e della precisione richiesta. Saper valutare gli errori possibili e scegliere le opportune procedure di compensazione. Saper elaborare i dati ottenuti al fine di ottenere una adeguata rappresentazione grafica del territorio. strumenti topografici. strumenti topografici. strumenti topografici e del disegno tecnico. 2 - Contenuti interdisciplinari da proporre ai consigli di classe 3 - Progetti/ viaggi/ visite guidate da proporre ai consigli di classe 8

9 CLASSI TERZE Gestione Ambiente e Territorio (2 ore settimanali) Nuclei fondamentali di RICHIAMI DI TRIGONOMETRIA Settembre/ottobre AGRIMENSURA: MISURA E DIVISIONI DI SUPERFICI, SPOSTAMENTO E RETTIFICA DI CONFINI Ottobre/novembre MISURAZIONE DEGLI ANGOLI E GONIOMETRI Dicembre TOPOGRAFIA OPERATIVA E DISEGNO TOPOGRAFICO Dicembre/gennaio Contenuti di Sistema di riferimento polare e cartesiano. Unità di misura degli angoli e sue trasformazioni. Le funzioni trigonometriche e relative relazioni e grafici. Metodi per la determinazione della superficie di un appezzamento: metodi numerici e grafici. Divisioni di superfici: triangolari e poligonali,. Spostamento e rettifica di confini(cenni). Il teodolite, sue caratteristiche e uso. I microscopi micrometrici per la lettura dei cerchi. Misurazione degli angoli. Metodo a strati. Misura degli angoli verticali. I moderni teodoliti elettronici (cenni). Segnalazione di punti sul terreno e sua monografia. Rilievo di piccole superfici per coordinate cartesiane, coordinate polari. Rilievo per allineamenti e per trilaterazioni. Rappresentazione del rilievo. Obiettivi: competenza e abilità che devo essere raggiunti Saper utilizzare la calcolatrice elettronica. Conoscenza dei sistemi di misura angolari. Saper utilizzare, in modo appropriato, un sistema di riferimento adatto al tipo di rilievo. Conoscere i principali metodi di misurazione e divisione delle aree. Saper utilizzare gli strumenti per la misurazione degli angoli e saper scegliere il metodo di misurazione in funzione della precisione da conseguire. Saper eseguire un rilievo planimetrico di piccole superfici con strumenti semplici. Saper realizzare, in opportuna scala, una rappresentazione su carta del rilievo. Indicare competenze trasversali che possono coinvolgere discipline affini Conoscenze Conoscere le unità di misura e saper eseguire le conversioni da un sistema all altro. Conoscere le funzioni goniometriche le relazioni tra esse Uso della calcolatrice elettronica. strumenti topografici e del disegno tecnico. strumenti topografici Saper usare gli strumenti topografici. Saper impostare un rilievo. 9

10 MISURAZIONE DELLE DISTANZE E RELATIVA STRUMENTAZIONE Dicembre/gennaio MISURAZIONE DEI DISLIVELLI E RELATIVA STRUMENTAZIONE Dicembre/gennaio IL RILIEVO PLANIMETRICO Gennaio/giugno Le stazioni totali. Cenni sui metodi di misura delle distanze con strumentazione tradizionale. Angolo parallattico costante e variabile, con stadia verticale e orizzontale. Livelli a cannocchiale fisso (cenni ). Generalità, differenza tra rilievo di appoggio e di dettaglio. Inquadramento del territorio mediante triangolazioni. Il rilievo per intersezione in avanti, laterale, inversa o Pothenot. Saper utilizzare gli strumenti in funzione della metodologia di rilievo e della precisione richiesta Conoscere gli strumenti di misura e saperli utilizzare in funzione della metodologia di rilievo e della precisione richiesta. Conoscere i vari metodi di misurazione dei dislivelli e saperne valutare il campo operativo. Saper scegliere il metodo di rilievo più appropriato in funzione dell estensione del territorio da rilevare, della sua morfologia e della precisione richiesta. Saper valutare gli errori possibili e scegliere le opportune procedure di compensazione. Saper elaborare i dati ottenuti al fine di ottenere una adeguata rappresentazione grafica del territorio. strumenti topografici. strumenti topografici. strumenti topografici e del disegno tecnico. 2 - Contenuti interdisciplinari da proporre ai consigli di classe 3 - Progetti/ viaggi/ visite guidate da proporre ai consigli di classe 10

11 CLASSI QUARTE Produzioni e trasformazioni dei prodotti settimanali) (2 ore Nuclei fondamentali di TOPOGRAFIA: RILIEVO PLANIMETRICO PER POLIGONAZIONI SCIENZA DELLE Contenuti di Rilievo per poligonazioni (aperte,,chiuse, chiuse angolarmente, orientate e non orientate). Elementi fondamentali della statica. Sistemi isostatici Obiettivi: competenza e abilità che devo essere raggiunti. Saper valutare gli errori possibili e scegliere le opportune procedure di compensazione. Saper elaborare i dati ottenuti al fine di ottenere una adeguata rappresentazione grafica del territorio. Sapere calcolare semplici elementi isostatici. Indicare competenze trasversali che possono coinvolgere discipline affini Conoscenze strumenti topografici, dei vari, metodi di rilievo e del disegno tecnico. Conoscenza dei principi fondamentali della fisica statica. TECNICA DELLE Componenti fondamentali: elementi in muratura, pierta, legno, acciaio e c.a. Saper riconoscere gli elementi strutturali nel loro contesto statico Conoscenza dei comportamenti statici e la resistenza dei materiali. TECNOLOGIA DELLE Caratteristiche dei materiali da costruzione e il loro impiego nei fabbricati rurali e in semplici edifici civili.. Saper individuare l utilizzo corretto dei vari materiali in funzione delle loro caratteristiche. Conoscere caratteristiche dei materiali. le generali TIPOLOGIA DI STRUTTURE AZIENDALI Caratteristiche e dimensioni delle stalle per bovini a stabulazione fissa e mobile. Saper definire tipologie di manufatti e di strutture aziendali Saper definire l organizzazione spaziale e il dimensionamento delle diverse tipologie di costruzioni rurali. Zootecnia: organizzazione degli spazi di una azienda zootecnica. Conoscenza dei comportamenti statici e le caratteristiche dei materiali da costruzione. 11

12 2 - Contenuti interdisciplinari da proporre ai consigli di classe 3 - Progetti/ viaggi/ visite guidate da proporre ai consigli di classe MATERIA: GENIO RURALE CLASSI QUARTE Gestione Ambiente e Territorio (2 ore settimanali) Nuclei fondamentali di TOPOGRAFIA: RILIEVO PLANIMETRICO PER INTERSEZIONI (POTHENOT - HANSEN) TOPOGRAFIA: RILIEVO PLANIMETRICO PER POLIGONAZIONI Contenuti di Inquadramento del territorio mediante intersezione inversa (Pothenot, e Hansen) Rilievo per poligonazioni (aperte,,chiuse, chiuse angolarmente, orientate e non orientate). Obiettivi: competenza e abilità che devo essere raggiunti Saper elaborare i dati ottenuti al fine di ottenere una adeguata rappresentazione grafica del territorio.. Saper valutare gli errori possibili e scegliere le opportune procedure di compensazione. Saper elaborare i dati ottenuti al fine di ottenere una adeguata rappresentazione grafica del territorio. Indicare competenze trasversali che possono coinvolgere discipline affini Conoscenze strumenti topografici, dei vari, metodi di rilievo e del disegno tecnico. strumenti topografici, dei vari, metodi di rilievo e del disegno tecnico. 12

13 SCIENZA DELLE Elementi fondamentali della statica. Sistemi isostatici Sapere semplici isostatici. calcolare elementi Conoscenza dei principi fondamentali della fisica statica. TECNICA DELLE Componenti fondamentali: elementi in muratura, pietra, legno, acciaio e c.a. Saper riconoscere gli elementi strutturali nel loro contesto statico Conoscenza dei comportamenti statici e la resistenza dei materiali. TECNOLOGIA DELLE Caratteristiche dei materiali da costruzione e il loro impiego nei fabbricati rurali e in semplici edifici civili.. Saper individuare l utilizzo corretto dei vari materiali in funzione delle loro caratteristiche. Conoscere caratteristiche dei materiali. le generali TIPOLOGIA DI STRUTTURE AZIENDALI Caratteristiche e dimensioni delle stalle per bovini a stabulazione fissa e mobile. Saper definire tipologie di manufatti e di strutture aziendali Saper definire l organizzazione spaziale e il dimensionamento delle diverse tipologie di costruzioni rurali. Zootecnia: organizzazione degli spazi di una azienda zootecnica Conoscenza dei comportamenti statici e le caratteristiche dei materiali da costruzione. 13

14 2 - Contenuti interdisciplinari da proporre ai consigli di classe 3 - Progetti/ viaggi/ visite guidate da proporre ai consigli di classe MATERIA: GENIO RURALE CLASSI QUINTE Gestione Ambiente e Territorio (2 ore settimanali) Nuclei fondamentali di SCIENZA DELLE Contenuti di Elementi fondamentali della statica. Sistemi isostatici Obiettivi: competenza e abilità che devo essere raggiunti Sapere semplici isostatici. calcolare elementi Indicare competenze trasversali che possono coinvolgere discipline affini Conoscenze Conoscenza dei principi fondamentali della fisica statica. TECNICA DELLE Componenti fondamentali: elementi in muratura, pietra, legno, acciaio e c.a. Saper riconoscere gli elementi strutturali nel loro contesto statico Conoscenza dei comportamenti statici e la resistenza dei materiali. TECNOLOGIA DELLE Caratteristiche dei materiali da costruzione e il loro impiego nei fabbricati rurali e in semplici edifici civili.. Saper individuare l utilizzo corretto dei vari materiali in funzione delle loro caratteristiche. Conoscere caratteristiche dei materiali. le generali 14

15 TIPOLOGIA DI STRUTTURE AZIENDALI Caratteristiche e dimensioni delle stalle per bovini a stabulazione fissa e mobile. Saper definire tipologie di manufatti e di strutture aziendali Saper definire l organizzazione spaziale e il dimensionamento delle diverse tipologie di costruzioni rurali. Zootecnia: organizzazione degli spazi di una azienda zootecnica Conoscenza dei comportamenti statici e le caratteristiche dei materiali da costruzione. RAPPRESENTAZIONE DEL TERRITORIO MEDIANTE CURVE DI LIVELLO E ISOIPSE METODI PER IL CONTENIMENTO DEI VERSANTI IN FRANA Curve di livello e isoipse. Pendenza di un falda. Profilo del terreno. Muri di sostegno e metodi di contenimento dei versanti in frana Saper utilizzare i metodi di rilievo per isoipse e curve di livello, per riconoscere le zone di eventuale criticità agli smottamenti. Saper individuare, in base alla natura del terreno, il tipo di intervento da adottare Gestione Ambiente e Territorio; individuazione delle cause del dissesto idrogeologico Conoscenza dei metodi di calcolo per la determinazione della pendenza di una falda triangolare. Conoscere i principi che regolano i l dimensionamento di un muro di sostegno. 15

16 2 - Contenuti interdisciplinari da proporre ai consigli di classe 3 - Progetti/ viaggi/ visite guidate da proporre ai consigli di classe 16

PIANO DI LAVORO ANNUALE Anno Scolastico 2012/13

PIANO DI LAVORO ANNUALE Anno Scolastico 2012/13 Docente I.T.P. Materia Classi AMATA ANTONIO NESCI MATTEO TECNOLOGIE E TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA 1C PIANO DI LAVORO ANNUALE Anno Scolastico 2012/13 Libro di testo: L. Cremona, R. Demaldè, F.

Dettagli

ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE Michele BUNIVA

ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE Michele BUNIVA DIPARTIMENTO DI DISCIPLINE TECNICHE AREA CAT Programma di TOPOGRAFIA E FOTOGRAMMETRIA Classe 3 C.A.T. COSTRUZIONI AMBIENTE E TERRITORIO Anno scolastico 0 / 03 Docente TINELLI PASQUALE VENTURA ANGELO CRISAFI

Dettagli

Istituto Tecnico Commerciale Statale e per Geometri E. Fermi Pontedera (Pi)

Istituto Tecnico Commerciale Statale e per Geometri E. Fermi Pontedera (Pi) Istituto Tecnico Commerciale Statale e per Geometri E. Fermi Pontedera (Pi) Via Firenze, 51 - Tel. 0587/213400 - Fax 0587/52742 http://www.itcgfermi.it E-mail: mail@itcgfermi.it PIANO DI LAVORO Prof. Michele

Dettagli

Dipartimento di Discipline geometriche, architettoniche, arredamento e scenotecnica

Dipartimento di Discipline geometriche, architettoniche, arredamento e scenotecnica DISCIPLINE PROGETTUALI ARCHITETTURA E AMBIENTE 3 anno (6 ore settimanali) La materia propone l ampliamento, la conoscenza e l uso dei metodi proiettivi orientandoli verso lo studio e la rappresentazione

Dettagli

ISTITUTO D'ISTRUZIONE SUPERIORE. PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI DIPARTIMENTO Primo biennio Secondo biennio e quinto anno

ISTITUTO D'ISTRUZIONE SUPERIORE. PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI DIPARTIMENTO Primo biennio Secondo biennio e quinto anno PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI DIPARTIMENTO Primo biennio Secondo biennio e quinto anno TOPOGRAFIA 2014/15 Iiritano A. Dipartimento Anno scolastico Data della riunione Coordinatore SCIENTIFICO-TECNOLOGICO

Dettagli

Programma (piano di lavoro) preventivo

Programma (piano di lavoro) preventivo I S T I T U T O T E C N I C O I N D U S T R I A L E S T A T A L E G u g l i e l m o M a r c o n i V e r o n a Programma (piano di lavoro) preventivo Anno Scolastico 2015/16 Materia Tecnologie e Tecniche

Dettagli

PROGRAMMA DIDATTICO E PATTO FORMATIVO A.S. 2010-2011 MATERIA: DISEGNO E PROGETTAZIONE. Prof. MORARA MARCO

PROGRAMMA DIDATTICO E PATTO FORMATIVO A.S. 2010-2011 MATERIA: DISEGNO E PROGETTAZIONE. Prof. MORARA MARCO PROGRAMMA DIDATTICO E PATTO FORMATIVO A.S. 2010-2011 CLASSE: 1Bcat MATERIA: DISEGNO E PROGETTAZIONE Prof. MORARA MARCO 1. LIVELLI DI PARTENZA. 1.1. Composizione La classe si compone di 15 studenti (2 femmine

Dettagli

PROGETTAZIONE DIDATTICA

PROGETTAZIONE DIDATTICA I.T.T.S. VITO VOLTERRA San Donà di Piave anno scolastico 2014-2015 PROGETTAZIONE DIDATTICA Al Dirigente Scolastico INSEGNANTI prof. Massimo Mucci prof. Rino Zanchettin DISCIPLINA: TECNOLOGIE E TECNICHE

Dettagli

MATERIA: GENIO RURALE PROGRAMMAZIONE CLASSI TERZE: INDIRIZZO GESTIONE

MATERIA: GENIO RURALE PROGRAMMAZIONE CLASSI TERZE: INDIRIZZO GESTIONE MATERIA: GENIO RURALE PROGRAMMAZIONE CLASSI TERZE: INDIRIZZO GESTIONE 1. OBIETTIVI 1.1 COMPETENZE CHIAVE DI CITTADINANZA: Si tratta di competenze che la reciproca integrazione e interdipendenza fra i saperi

Dettagli

Liceo Linguistico I.F.R.S. Marcelline. Curriculum di Matematica

Liceo Linguistico I.F.R.S. Marcelline. Curriculum di Matematica Liceo Linguistico I.F.R.S. Marcelline Curriculum di Matematica Introduzione La matematica nel nostro Liceo Linguistico ha come obiettivo quello di far acquisire allo studente saperi e competenze che lo

Dettagli

I.I.S.S. G. CIGNA MONDOVI

I.I.S.S. G. CIGNA MONDOVI I.I.S.S. G. CIGNA MONDOVI PROGRAMMAZIONE INDIVIDUALE ANNO SCOLASTICO 2015-2016 CLASSE PRIMA A LICEO SCIENZE APPLICATE MATERIA DISEGNO E STORIA DELL ARTE DOCENTE EZIO TINO LIBRI DI TESTO SERGIO SAMMARONE

Dettagli

ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE Federico II di Svevia Indirizzi: Liceo Scientifico Classico Linguistico Artistico e Scienze Applicate

ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE Federico II di Svevia Indirizzi: Liceo Scientifico Classico Linguistico Artistico e Scienze Applicate ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE Federico II di Svevia Indirizzi: Liceo Scientifico Classico Linguistico Artistico e Scienze Applicate PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE MATEMATICA CLASSE 3 AS ANNO SCOLASTICO 2013/2014

Dettagli

Piano di Lavoro. Di Matematica. Secondo Biennio

Piano di Lavoro. Di Matematica. Secondo Biennio SEZIONE TECNICA A.S. 2014 2015 Piano di Lavoro Di Matematica Secondo Biennio DOCENTE CENA LUCIA MARIA CLASSI 4 BM Libri di testo: Bergamini-Trifone-Barozzi Mod.U verde Funzioni e limiti Mod.V verde Calcolo

Dettagli

PIANO DI LAVORO prof. Buonocore Luigi I.T.P. D Antuoni

PIANO DI LAVORO prof. Buonocore Luigi I.T.P. D Antuoni PIANO DI LAVORO prof. Buonocore Luigi I.T.P. D Antuoni DISCIPLINA TECNOLOGIE E TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA BIENNIO ANNO SCOLASTICO: 2012-2013 1 CONTRATTO FORMATIVO E PIANO DI LAVORO PRIMO BIENNIO

Dettagli

PERCORSO ESTIVO PER STUDENTI CON DEBITO FORMATIVO IN TOPOPGRAFIA

PERCORSO ESTIVO PER STUDENTI CON DEBITO FORMATIVO IN TOPOPGRAFIA I. I. S."MOREA-VIVARELLI" ----- FABRIANO ********************************************************* sez. COSTRUZIONI AMBIENTE TERRITORIO - a.s.2013/2014 corso di TOPOGRAFIA prof. FABIO ANDERLINI nella classe

Dettagli

PROGETTAZIONE DISCIPLINARE DI DIPARTIMENTO

PROGETTAZIONE DISCIPLINARE DI DIPARTIMENTO Progettazione disciplinare di dipartimento Pag. 1 di 5 ANNO SCOLASTICO 2013-2014 PROGETTAZIONE DISCIPLINARE DI DIPARTIMENTO TECNOLOGIA classe prima FINALITA OBIETTIVI GENERALI Le finalità educative (obiettivi

Dettagli

DIPARTIMENTO DISCIPLINARE PROGRAMMAZIONE DI MINIMA

DIPARTIMENTO DISCIPLINARE PROGRAMMAZIONE DI MINIMA DIPARTIMENTO DISCIPLINARE PROGRAMMAZIONE DI MINIMA Data 05-10-2012 Liceo Artistico Statale F. Russoli di Pisa e Cascina MD-01 Classi Materia Anno scolastico PRIME DISCIPLINE GEOMETRICHE 2012/ 2013 Prerequisiti

Dettagli

COMPETENZE DISCIPLINARI DI BASE:

COMPETENZE DISCIPLINARI DI BASE: ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE G. CENA - IVREA SEZIONE TECNICA ANNO SCOLASTICO 2015 2016 PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI TOPOGRAFIA DOCENTE: GARAVANI MARINA CLASSE IV A CAT Il docente di Topografia concorre

Dettagli

Materia:Tecnologie e tecniche di rappresentazione grafica. Programmazione dei moduli didattici

Materia:Tecnologie e tecniche di rappresentazione grafica. Programmazione dei moduli didattici Modulo SISTEMA DI GESTIONE PER LA QUALITÀ Programmazione Moduli Didattici Indirizzo Trasporti e Logistica Ist. Tec. Aeronautico Statale Arturo Ferrarin Via Galermo, 172 95123 Catania (CT) Codice M PMD

Dettagli

1 il coordinatore prof. Gaetano Fiore

1 il coordinatore prof. Gaetano Fiore Tecnologie e tecniche di rappresentazione grafica A. S. 2015/2016 ISTITUTO TECNICO GRAFICA E COMUNICAZIONE CLASSE 2 UNITA FORMATIVA 1 GLI OGGETTI E LA LORO FORMA Insegnante: Rota Margherita - ITP: Chilelli

Dettagli

Disciplina Competenze da recuperare Contenuti di studio. Acquisire una buona conoscenza del sistema grafico in genere;

Disciplina Competenze da recuperare Contenuti di studio. Acquisire una buona conoscenza del sistema grafico in genere; CORSO CAT/Geometra Classe prima Disciplina Competenze da recuperare Contenuti di studio TECNOLOGIA E TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA 1 FONDAMENTI DEL DISEGNO convenzioni ed elementi base del disegno

Dettagli

ISTITUTO TECNICO "LEONARDO DA VINCI" AD INDIRIZZO TECNOLOGICO ED ECONOMICO BORGOMANERO (NO) PIANO DI LAVORO. Anno Scolastico 2015 2016

ISTITUTO TECNICO LEONARDO DA VINCI AD INDIRIZZO TECNOLOGICO ED ECONOMICO BORGOMANERO (NO) PIANO DI LAVORO. Anno Scolastico 2015 2016 ISTITUTO TECNICO "LEONARDO DA VINCI" AD INDIRIZZO TECNOLOGICO ED ECONOMICO BORGOMANERO (NO) pag. 1 di 7 PIANO DI LAVORO Anno Scolastico 2015 2016 Materia: Scienze a Tecnologie Applicate Classe: 2 a Sez.

Dettagli

PIANO di LAVORO A. S. 2013/ 2014

PIANO di LAVORO A. S. 2013/ 2014 Pagina 1 di 6 Nome docente Nome docente tecnico-pratico CHIOLA Piero MARENGO Ferruccio. Materia insegnata Classe Tecnologie e tecniche di organizz.grafiche(disegno biennio) 1E ITIS Angelino,Moranino,Begni,Rovere

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE DOCENTI DI INFORMATICA E LABORATORIO PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE CLASSI 1 e E 2 e ITC IPC OBIETTIVI GENERALI DEL PROCESSO FORMATIVO: Potenziare la capacità d ascolto Sviluppare le capacità comunicative

Dettagli

1 Istituto Superiore M. Bartolo

1 Istituto Superiore M. Bartolo 1 Istituto Superiore M. Bartolo viale A. Moro Tel. 091592725 - Fax 0918620 96018 PACHINO (SR) PROGRAMMAZIONE A.S. 2015/2016 Docenti: Avveduto Massimo CLASSE 2ª A Materia : Tecnologie e Tecniche di Rappresentazione

Dettagli

LEZIONI DI TOPOGRAFIA

LEZIONI DI TOPOGRAFIA Prof. Ing. Paolo Saija LEZIONI DI TOPOGRAFIA (Appunti per l esame di abilitazione alla professione di Geometra) Anno 2006 II a Edizione 1 SOMMARIO LA TOPOGRAFIA Grandezze geometriche e unità di misura

Dettagli

Nodi concettuali essenziali della disciplina (Saperi essenziali)

Nodi concettuali essenziali della disciplina (Saperi essenziali) MATERIA: TECNOLOGIE DELLA COMUNICAZIONE CLASSI: PRIME TERZE SECONDE QUARTE QUINTE INDIRIZZI : Relazione Internazionale per il Marketing Nodi concettuali essenziali della disciplina (Saperi essenziali)

Dettagli

QUINTE. Nodi concettuali essenziali della disciplina (saperi essenziali)

QUINTE. Nodi concettuali essenziali della disciplina (saperi essenziali) Mod. DIP/FUNZ 1 - TRIENNIO MATERIA: RELAZIONI INTERNAZIONALI CLASSI: PRIME TERZE SECONDE QUARTE QUINTE INDIRIZZI : RELAZIONI INTERNAZIONALI PER IL MARKETING Nodi concettuali essenziali della disciplina

Dettagli

Nodi concettuali essenziali della disciplina (Saperi essenziali)

Nodi concettuali essenziali della disciplina (Saperi essenziali) MATERIA: INFORMATICA TRIENNIO CLASSI: PRIME TERZE SECONDE QUARTE QUINTE INDIRIZZO : Sistemi Informativi Aziendali Nodi concettuali essenziali della disciplina (Saperi essenziali) Identificare, interpretare

Dettagli

Tracciamento di fabbricati

Tracciamento di fabbricati Standard di qualità ai fini della qualificazione professionale della categoria dei geometri Specifica T10 Geomatica e attività catastali Tracciamento di fabbricati Sommario Il presente documento specifica

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DIPARTIMENTO

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DIPARTIMENTO Pag. Pagina 1 di 5 PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DIPARTIMENTO Di Tecnologie e tecniche di rappresentazione grafica anno scolastico 2014/ 2015 FUNZIONE 1^A 1^B 1^ C 1^ ITI ( )DOC. prof.ssa Silvana Rizzo ( )ITP.

Dettagli

DIPARTIMENTO DI MATEMATICA Liceo musicale

DIPARTIMENTO DI MATEMATICA Liceo musicale DIPARTIMENTO DI MATEMATICA Liceo musicale PRIMO BIENNIO 1. Profilo generale L insegnamento di matematica nel primo biennio ha come finalità l acquisizione dei concetti e dei metodi elementari della disciplina

Dettagli

Anno Scolastico 2014-2015. INDIRIZZO: Manutenzione e assistenza tecnica DISCIPLINA: MATEMATICA. CLASSI: Terza Quarta Quinta

Anno Scolastico 2014-2015. INDIRIZZO: Manutenzione e assistenza tecnica DISCIPLINA: MATEMATICA. CLASSI: Terza Quarta Quinta ISTITUTO PROFESSIONALE PER L INDUSTRIA E L ARTIGIANATO E. BERNARDI PADOVA Anno Scolastico 2014-2015 INDIRIZZO: Manutenzione e assistenza tecnica DISCIPLINA: MATEMATICA CLASSI: Terza Quarta Quinta Anno

Dettagli

CLASSE Prime ITI [Stesura a.s. 2014-15]

CLASSE Prime ITI [Stesura a.s. 2014-15] PROGRAMMAZIONE COORDINATA TEMPORALMENTE Monte ore annuo 99 (33) Libro di Testo DISEGNO 1 e AUTOCAD - S. Dellavecchia G. Mura- Edizione SEI SETTEMBRE La percezione visiva e il disegno : Gli strumenti, l'organizzazione

Dettagli

LINGUAGGI, CREATIVITA, ESPRESSIONE TECNOLOGIA - INFORMATICA

LINGUAGGI, CREATIVITA, ESPRESSIONE TECNOLOGIA - INFORMATICA LINGUAGGI, CREATIVITA, ESPRESSIONE TECNOLOGIA - INFORMATICA FINALITA EDUCATIVE La tecnica è la struttura razionale del lavoro, cioè l uso consapevole e finalizzato di mezzi, materiali e procedimenti operativi

Dettagli

QUINTE INDIRIZZI : RELAZIONI INTERNAZIONALI PER IL MARKETING

QUINTE INDIRIZZI : RELAZIONI INTERNAZIONALI PER IL MARKETING Mod. DIP/FUNZ 1 - TRIENNIO MATERIA: DIRITTO CLASSI: PRIME TERZE SECONDE QUARTE QUINTE INDIRIZZI : RELAZIONI INTERNAZIONALI PER IL MARKETING Nodi concettuali essenziali della disciplina (Saperi essenziali)

Dettagli

PIANO di LAVORO A. S. 2013/ 2014

PIANO di LAVORO A. S. 2013/ 2014 Pagina 1 di 5 Nome docente tecnico-pratico Ettore Morat Materia insegnata Classe Testo in adozione Esercitazioni Pratiche 4 A N ore previste 99 nessuno PIANO di LAVORO Finalità formative obiettivi didattici

Dettagli

TORINO PIANO DI LAVORO DI MATEMATICA

TORINO PIANO DI LAVORO DI MATEMATICA Liceo Scientifico Statale Piero Gobetti TORINO PIANO DI LAVORO DI MATEMATICA a.s. 2015/2016 Classe IVB Prof. Genta Silvio TITOLO PIANO DI LAVORO ANNUALE OBIETTIVI TRASVERSALI Rispetto del regolamento d

Dettagli

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : MATEMATICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : MATEMATICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA 1. OBIETTIVI SPECIFICI DELLA DISCIPLINA PROGRAMMAZIONE PER COMPETENZE Le prime due/tre settimane sono state dedicate allo sviluppo di un modulo di allineamento per

Dettagli

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SUPERIORE Vincenzo Manzini

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SUPERIORE Vincenzo Manzini ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SUPERIORE Vincenzo Manzini Corsi di Studio: Amministrazione, Finanza e Marketing/IGEA- Costruzioni, Ambiente e Territorio/Geometra Liceo Linguistico/Linguistico Moderno -

Dettagli

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA 1. OBIETTIVI SPECIFICI DELLA DISCIPLINA PROGRAMMAZIONE PER COMPETENZE Le prime due/tre settimane sono state dedicate allo sviluppo di un modulo di allineamento per

Dettagli

RELAZIONE INIZIALE A.S. 2014/2015

RELAZIONE INIZIALE A.S. 2014/2015 MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO ISTITUTO COMPRENSIVO Karol Wojtyla Classe: Disciplina: TECNOLOGIA Prof.ssa Mariani Paola PROGRAMMAZIONE

Dettagli

ISTITUTO STATALE ISTRUZIONE SUPERIORE ZENALE E BUTINONE

ISTITUTO STATALE ISTRUZIONE SUPERIORE ZENALE E BUTINONE pag.1 ISTITUTO STATALE ISTRUZIONE SUPERIORE ZENALE E BUTINONE Vale la pena di insegnare un argomento solo se si ritiene di poterlo approfondire ad un punto tale da poter formulare domande non banali con

Dettagli

TECNICHE PROFESSIONALI DEI SERVIZI COMMERCIALI

TECNICHE PROFESSIONALI DEI SERVIZI COMMERCIALI TECNICHE PROFESSIONALI DEI SERVIZI COMMERCIALI ANNO SCOLASTICO: 2014-2015 INSEGNANTE: FRECCERO Bruna CLASSE: II B SETTORE: servizi commerciali INDIRIZZO: servizi commerciali PROGRAMMAZIONE INIZIALE FINALITA

Dettagli

Anno scolastico 2014-2015. Programmazione Classe Seconda Indirizzo Turismo

Anno scolastico 2014-2015. Programmazione Classe Seconda Indirizzo Turismo Anno scolastico 2014-2015 Programmazione Classe Seconda Indirizzo Turismo Profilo Il Diplomato nel Turismo ha competenze specifiche nel comparto delle imprese del settore turistico e competenze generali

Dettagli

PIANO DI LAVORO: Disegno e storia dell arte

PIANO DI LAVORO: Disegno e storia dell arte Obiettivi educativi e didattici PIANO DI LAVORO: Disegno e storia dell arte Obiettivi formativi generali: Formazione di un metodo di studio flessibile. Inquadramento e schematizzazione degli argomenti.

Dettagli

1. Competenze trasversali

1. Competenze trasversali 1 ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE G. CENA SEZIONE TECNICA ANNO SCOLASTICO 2015/2016 PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI MATEMATICA DOCENTI: PROF. ANGERA GIANFRANCO CLASSE V U TUR Secondo le linee guida, il corso

Dettagli

MATERIA: TECNOLOGIA E TECNICHE DELLE RAPPRESENTAZIONI GRAFICHE

MATERIA: TECNOLOGIA E TECNICHE DELLE RAPPRESENTAZIONI GRAFICHE MATERIA: TECNOLOGIA E TECNICHE DELLE RAPPRESENTAZIONI GRAFICHE PROGRAMMAZIONE CLASSI PRIME 1. OBIETTIVI 1.1 COMPETENZE CHIAVE DI CITTADINANZA: Si tratta di competenze che la reciproca integrazione e interdipendenza

Dettagli

LICEO ARTISTICO PROGRAMMAZIONE DIDATTICA RIFERITA ALLA

LICEO ARTISTICO PROGRAMMAZIONE DIDATTICA RIFERITA ALLA Anno Scolastico 2014/15 LICEO ARTISTICO PROGRAMMAZIONE DIDATTICA RIFERITA ALLA DISCIPLINA : MATEMATICA PRIMO BIENNIO L asse matematico ha l obiettivo di far acquisire allo studente saperi e competenze

Dettagli

Anno scolastico 2014-2015. Programmazione Classe Quarta Indirizzo Finanza e Marketing

Anno scolastico 2014-2015. Programmazione Classe Quarta Indirizzo Finanza e Marketing Anno scolastico 2014-2015 Programmazione Classe Quarta Indirizzo Finanza e Marketing Profilo Il Diplomato in Amministrazione, Finanza e Marketing ha competenze generali nel campo dei macrofenomeni economici

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINARE. Indirizzo: ITC. Anno scolastico Materia Classi 2012 2013 MATEMATICA Terze

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINARE. Indirizzo: ITC. Anno scolastico Materia Classi 2012 2013 MATEMATICA Terze PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINARE Indirizzo: ITC Anno scolastico Materia Classi 22 23 MATEMATICA Terze. Competenze al termine del percorso di studi Padroneggiare il linguaggio formale e i procedimenti

Dettagli

ANNO SCOLASTICO 2015 2016. Piano di lavoro individuale

ANNO SCOLASTICO 2015 2016. Piano di lavoro individuale ANNO SCOLASTICO 2015 2016 Piano di lavoro individuale Classe: Materia: 4A ind. TURISMO Matematica Docente: CABERLOTTO GRAZIAMARIA Situazione di partenza della classe La classe è composta da 24 alunni di

Dettagli

PIANO DI LAVORO. a.s. 2014 / 2015

PIANO DI LAVORO. a.s. 2014 / 2015 PIANO DI LAVORO a.s. 2014 / 2015 Materia: INFORMATICA Classe: quinta A Data di presentazione: 7/10/2014 DOCENTI FIRMA Cerri Marta Bergamasco Alessandra Posta elettronica: itisleon@tin.it - Url: www.itdavinci.it

Dettagli

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE - Matematica - Griglie di valutazione Materia: Matematica Obiettivi disciplinari Gli obiettivi indicati si riferiscono all intero percorso della classe quarta

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DIPARTIMENTALE LICEO CICERONE

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DIPARTIMENTALE LICEO CICERONE PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DIPARTIMENTALE LICEO CICERONE CLASSI Indirizzo di studio materia I BIENNIO Liceo Linguistico, delle Scienze Umane e delle Scienze Umane opz Economico Soc Scienze motorie e sportive

Dettagli

Al Dirigente Scolastico IIS SILVIO CECCATO Montecchio Maggiore VI

Al Dirigente Scolastico IIS SILVIO CECCATO Montecchio Maggiore VI Al Dirigente Scolastico IIS SILVIO CECCATO Montecchio Maggiore VI Disciplina: MATEMATICA Classe: 3AM A.S. 2015/16 Docente: Boschetti Lisanna ANALISI DI SITUAZIONE di partenza - LIVELLO COGNITIVO La maggior

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DIPARTO SCIENZE MOTORIE LICEO CICERONE POLLIONE ANNO SCOLASTICO 2015-16

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DIPARTO SCIENZE MOTORIE LICEO CICERONE POLLIONE ANNO SCOLASTICO 2015-16 PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DIPARTO SCIENZE MOTORIE LICEO CICERONE POLLIONE ANNO SCOLASTICO 2015-16 I BIENNIO (CLASSI 1^ E 2^) Competenze disciplinari Specifiche 1) Conoscere e utilizzare il proprio corpo

Dettagli

QUINTE. Nodi concettuali essenziali della disciplina (Saperi essenziali)

QUINTE. Nodi concettuali essenziali della disciplina (Saperi essenziali) Mod. DIP/FUNZ 1 - TRIENNIO MATERIA: ECONOMIA AZIENDALE CLASSI: PRIME TERZE SECONDE QUARTE QUINTE INDIRIZZI : AMMINISTRAZIONE FINANZA E MARKETING -SISTEMI INFORMATIVI AZIENDALI Nodi concettuali essenziali

Dettagli

Anno scolastico 2014-2015. Programmazione Classe Prima Indirizzo Finanza e Marketing

Anno scolastico 2014-2015. Programmazione Classe Prima Indirizzo Finanza e Marketing Anno scolastico 2014-2015 Programmazione Classe Prima Indirizzo Finanza e Marketing Profilo Il Diplomato in Amministrazione, Finanza e Marketing ha competenze generali nel campo dei macrofenomeni economici

Dettagli

Tecnologie, disegno e progettazione (TDP) Teoria, Disegno e Pratica. 3A Elettrotecnica & Automazione

Tecnologie, disegno e progettazione (TDP) Teoria, Disegno e Pratica. 3A Elettrotecnica & Automazione ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE G. M. ANGIOY Via Principessa Mafalda 07100 Sassari www.itiangioy.sassari.it - e.mail angioy@itiangioy.sassari.it A.S. 2011-2012 DISCIPLINA TIPOLOGIA CLASSE DOCENTE PROGRAMMAZIONE

Dettagli

Istituto comprensivo Arbe Zara

Istituto comprensivo Arbe Zara Istituto comprensivo Arbe Zara Viale Zara,96 Milano Tel. 02/6080097 Scuola Secondaria di primo grado Falcone Borsellino Viale Sarca, 24 Milano Tel- 02/88448270 A.s 2015 /2016 Progettazione didattica della

Dettagli

Programma svolto a.s. 2013/14

Programma svolto a.s. 2013/14 I.I.S.S. ERASMO DA ROTTERDAM CLASSE 1 S (C.A.T.) Programma svolto a.s. 2013/14 TECNICA GRAFICA Materiali, strumenti e tecniche per il disegno; tracciamenti con riga, squadre e compasso; costruzioni geometriche:

Dettagli

CLASSE PRIMA LICEO LINGUISTICO

CLASSE PRIMA LICEO LINGUISTICO www.scientificoatripalda.gov.it PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO DIDATTICA DI MATEMATICA CLASSE PRIMA LICEO LINGUISTICO ANNO SCOLASTICO 2015/2016 PARTE PRIMA PREMESSA La riforma del secondo ciclo d istruzione

Dettagli

ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE POLO COMMERCIALE ARTISTICO GRAFICO MUSICALE

ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE POLO COMMERCIALE ARTISTICO GRAFICO MUSICALE ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE POLO COMMERCIALE ARTISTICO GRAFICO MUSICALE a.s.2014/2015 MATERIE GRAFICHE TECNICO indirizzo: Grafica e comunicazione TECNOLOGIE E TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA - CLASSI

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE IIS F E R M I GALILEI Via S. G. Bosco, 17-10073 C I R I E (TO) - tel. 011.9214575 011.9210546 fax 011.9214267- e-mail: fermi@icip.com - sito internet: www.istitutofermicirie.it Codice Fiscale 83003590011

Dettagli

Programmazione Attività del Consiglio di Classe (2 Biennio e 5 anno) Anno Scolastico 2015/2016. Docenti: Disciplina: Firma: 1. Analisi della Classe:

Programmazione Attività del Consiglio di Classe (2 Biennio e 5 anno) Anno Scolastico 2015/2016. Docenti: Disciplina: Firma: 1. Analisi della Classe: Programmazione Attività del Consiglio di Classe (2 Biennio e 5 anno) Anno Scolastico 2015/2016 Consiglio della Classe Sez. Indirizzo Scenografia Coordinatore: Data di approvazione: Docenti: Disciplina:

Dettagli

PIANO DI LAVORO ANNUALE anno scolastico 2011-2012

PIANO DI LAVORO ANNUALE anno scolastico 2011-2012 Istituto di Istruzione Superiore ITALO CALVINO telefono: 0257500115 via Guido Rossa 20089 ROZZANO MI fax: 0257500163 Sezione Associata: telefono: 025300901 via Karl Marx 4 - Noverasco - 20090 OPERA MI

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE QUINT... SERVIZI SOCIO-SANITARI

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE QUINT... SERVIZI SOCIO-SANITARI 1 di 5 23/01/2015 12.36 PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE QUINTO ANNO PROFESSIONALE SERVIZI SOCIO-SANITARI 1. QUINTO ANNO DISCIPLINA: Matematica DOCENTI : Provoli, Silva, Vassallo MODULI CONOSCENZE

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO DEFINIZIONE DEGLI OBIETTIVI COMPORTAMENTALI

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO DEFINIZIONE DEGLI OBIETTIVI COMPORTAMENTALI SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE Disciplina: Matematica e Complementi di Matematica Classe: 4 AI A.S. 2015/16 Docente: Carollo Maristella ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO

Dettagli

Nodi concettuali essenziali della disciplina (Saperi essenziali)

Nodi concettuali essenziali della disciplina (Saperi essenziali) Mod. DIP/FUNZ 1 - TRIENNIO MATERIA: TECNOLOGIE DELLA COMUNICAZIONE CLASSI: PRIME TERZE SECONDE QUARTE QUINTE INDIRIZZO : RELAZIONI INTERNAZIONALI ( R.I.M. ) Nodi concettuali essenziali della disciplina

Dettagli

ANNO SCOLASTICO 2014-2015

ANNO SCOLASTICO 2014-2015 ANNO SCOLASTICO 2014-2015 INDIRIZZO AMM.NE, FINANZA E MARKETING MATERIA: CLASSE: DOCENTE: ECONOMIA AZIENDALE 3^ C VALENTINA CASTELLI PRESENTAZIONE DELLA CLASSE ED ANALISI DELLA SITUAZIONE DI PARTENZA Conosco

Dettagli

SAN DANIELE DEL FRIULI

SAN DANIELE DEL FRIULI Istituto Statale d Istruzione Superiore Vincenzo Manzini di San Daniele del Friuli ------------------------------------------- Piazza IV Novembre 33038 SAN DANIELE DEL FRIULI (prov. di Udine) Telefono

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE QUINT... RELAZIONI INTERNAZIONALI

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE QUINT... RELAZIONI INTERNAZIONALI 1 di 6 26/01/2015 11.38 PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE QUINTO ANNO TECNICO RELAZIONI INTERNAZIONALI 1. QUINTO ANNO PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE QUINTO ANNO TECNICO RELAZIONI INTERNAZIONALI

Dettagli

CURRICOLO DI CLASSE. CLASSE III Sez.

CURRICOLO DI CLASSE. CLASSE III Sez. I.C. ERODOTO - CORIGLIANO (CS) SCUOLA SECONDARIA DI 1 GRADO CURRICOLO DI CLASSE Anno Scolastico 2015/ 2016 CLASSE III Sez. DISCIPLINA : SCIENZE MATEMATICHE SITUAZIONE DELLA CLASSE COMPOSIZIONE Alunni :

Dettagli

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : MATEMATICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : MATEMATICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA 1. OBIETTIVI SPECIFICI DELLA DISCIPLINA PROGRAMMAZIONE PER COMPETENZE Le prime due/tre settimane sono state dedicate allo sviluppo di un modulo di allineamento per

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO STATALE E.FERMI SEDE: VIA MAZZINI, 172/2-40139 BOLOGNA

LICEO SCIENTIFICO STATALE E.FERMI SEDE: VIA MAZZINI, 172/2-40139 BOLOGNA LICEO SCIENTIFICO STATALE E.FERMI SEDE: VIA MAZZINI, 172/2-40139 BOLOGNA Telefono: 051/4298511 - Fax: 051/392318 - Codice fiscale: 80074870371 Sede Associata: Via Nazionale Toscana, 1-40068 San Lazzaro

Dettagli

MATERIA: INFORMATICA CLASSI: PRIME TERZE QUARTE SECONDE QUINTE

MATERIA: INFORMATICA CLASSI: PRIME TERZE QUARTE SECONDE QUINTE Mod. DIP/FUNZ 1 - TRIENNIO MATERIA: INFORMATICA CLASSI: PRIME TERZE SECONDE QUARTE QUINTE INDIRIZZI : Amministrazione, Finanza e marketing Scienze bancarie, finanziarie e assicurative Nodi concettuali

Dettagli

Anno scolastico 2014-2015. Programmazione Classe Terza Indirizzo Finanza e Marketing

Anno scolastico 2014-2015. Programmazione Classe Terza Indirizzo Finanza e Marketing Anno scolastico 2014-2015 Programmazione Classe Terza Indirizzo Finanza e Marketing Profilo Il Diplomato in Amministrazione, Finanza e Marketing ha competenze generali nel campo dei macrofenomeni economici

Dettagli

ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE Leonardo da Vinci con sez. Commerciale annessa BORGOMANERO (NO) PIANO DI LAVORO. Anno Scolastico 2015 2016

ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE Leonardo da Vinci con sez. Commerciale annessa BORGOMANERO (NO) PIANO DI LAVORO. Anno Scolastico 2015 2016 pag. 1 di 5 ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE Leonardo da Vinci con sez. Commerciale annessa BORGOMANERO (NO) PIANO DI LAVORO Anno Scolastico 2015 2016 Materia: Meccanica Macchine ed Energia Classe: IV^ Meccanica

Dettagli

Programmazione annuale docente classi 1^ - 2^ - 3^-4^

Programmazione annuale docente classi 1^ - 2^ - 3^-4^ Programmazione annuale docente classi 1^ - 2^ - 3^-4^ Docente Anna Maria Candiani Classe IV sez. A Indirizzo Sistemi informativi aziendali Materia di insegnamento Matematica Applicata Libro di testo Bergamini

Dettagli

MATEMATICA PRIMO BIENNIO CLASSE PRIMA DELLA SCUOLA PRIMARIA

MATEMATICA PRIMO BIENNIO CLASSE PRIMA DELLA SCUOLA PRIMARIA MATEMATICA PRIMO BIENNIO CLASSE PRIMA DELLA SCUOLA PRIMARIA COMPETENZA 1 UTILIZZARE CON SICUREZZA LE TECNICHE E LE PROCEDURE DI CALCOLO ARITMETICO SCRITTO E MENTALE CON RIFERIMENTO A CONTESTI REALI Stabilire

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE 2015/2016

PROGRAMMAZIONE ANNUALE 2015/2016 ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE G. CIGNA F.BARUFFI - F.GARELLI SEZ. ISTITUTO PROFESSIONALE DI STATO PER L INDUSTRIA E L ARTIGIANATO F. GARELLI Via Bona, 4 - MONDOVI PROGRAMMAZIONE ANNUALE 2015/2016 CLASSE:

Dettagli

FRACCOLA DOMENICO IV A SCIENTIFICO MATEMATICA

FRACCOLA DOMENICO IV A SCIENTIFICO MATEMATICA MOD01P-ERGrev5 PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE A.S. 2013/014 Pag 1 di 8 Docente Classe Sezione Indirizzo Disciplina FRACCOLA DOMENICO IV A SCIENTIFICO MATEMATICA Composizione della classe Alunni ripetenti

Dettagli

SCHEDA PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE

SCHEDA PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE PARITARIO ANTONIO GRAMSCI Piazza A.Gramsci, 15 00041 Albano Laz. (RM) Tel./Fax 06.9307310 Distretto Scolastico 42 - Cod.Ist.: RMTD00500C SCHEDA PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO SANT AGOSTINO PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE DI SCIENZE MATEMATICHE, CHIMICHE, FISICHE E NATURALI

ISTITUTO COMPRENSIVO SANT AGOSTINO PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE DI SCIENZE MATEMATICHE, CHIMICHE, FISICHE E NATURALI ISTITUTO COMPRENSIVO SANT AGOSTINO Scuola Secondaria di I grado UNGARETTI Anno scolastico 2014-2015 PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE DI SCIENZE MATEMATICHE, CHIMICHE, FISICHE E NATURALI Insegnante: Prof. Lorella

Dettagli

PROGRAMMAZIONE INDIVIDUALE ANNUALE

PROGRAMMAZIONE INDIVIDUALE ANNUALE Al Dirigente Scolastico dell I.I.S. F. Algarotti Venezia PROGRAMMAZIONE INDIVIDUALE ANNUALE Prof /ssa A.M.PANCINO Classe 5 A AFM materia Economia Aziendale anno scolastico 2015//2016 Obiettivi generali

Dettagli

ISTITUTO PROFESSIONALE GRAFICO PROGRAMMAZIONE DIDATTICA RELATIVA ALLA DISCIPLINA: PROGETTAZIONE E REALIZZAZIONE DEL PRODOTTO

ISTITUTO PROFESSIONALE GRAFICO PROGRAMMAZIONE DIDATTICA RELATIVA ALLA DISCIPLINA: PROGETTAZIONE E REALIZZAZIONE DEL PRODOTTO Istituto Istruzione Superiore A. Venturi Modena Liceo artistico - Istituto Professionale Grafica Via Rainusso, 66-41124 MODENA Sede di riferimento (Via de Servi, 21-41121 MODENA) tel. 059-222156 / 245330

Dettagli

Liceo Marie Curie (Meda) Scientifico Classico Linguistico PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE

Liceo Marie Curie (Meda) Scientifico Classico Linguistico PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE Liceo Marie Curie (Meda) Scientifico Classico Linguistico PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE a.s. 2015/16 CLASSE 1DS Indirizzo di studio Liceo scientifico Docente Paola Carcano Disciplina Monte

Dettagli

Nodi concettuali essenziali della disciplina (Saperi essenziali)

Nodi concettuali essenziali della disciplina (Saperi essenziali) MATERIA: ECONOMIA DEGLI INTERMEDIARI FINANZIARI CLASSI: PRIME TERZE SECONDE QUARTE QUINTE INDIRIZZI : SCIENZE BANCARIE, FINANZIARIE ED ASSICURATIVE Nodi concettuali essenziali della disciplina (Saperi

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE DI TECNOLOGIA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO

CURRICOLO VERTICALE DI TECNOLOGIA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO Classe 1^ CURRICOLO VERTICALE DI TECNOLOGIA OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO Individuare i materiali più comuni, distinguendone le caratteristiche, l origine e la provenienza Eseguire semplici prove sperimentali

Dettagli

TECNOLOGIE E TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA DISEGNO 2 - Sergio Dellavecchia - Edizione SEI. Contenuti: Strumenti di misura i micrometri.

TECNOLOGIE E TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA DISEGNO 2 - Sergio Dellavecchia - Edizione SEI. Contenuti: Strumenti di misura i micrometri. PROGRAMMAZIONE COORDINATA TEMPORALMENTE : Seconde ITI - pag. 1 Seconde ITI PROGRAMMAZIONE COORDINATA TEMPORALMENTE - DISCIPLINE: Area Grafica Monte ore annuo 99 (33) Libro di Testo DISEGNO 2 - Sergio Dellavecchia

Dettagli

ACCOMPAGNAMENTO ALLE INDICAZIONI NAZIONALI- MIUR 2012 MATEMATICA. Nodo concettuale disciplinare

ACCOMPAGNAMENTO ALLE INDICAZIONI NAZIONALI- MIUR 2012 MATEMATICA. Nodo concettuale disciplinare ACCOMPAGNAMENTO ALLE INDICAZIONI NAZIONALI- MIUR 2012 CURRICOLO VERTICALE MATEMATICA NUCLEO TEMATICO SPAZIO E FIGURE Nodo concettuale disciplinare DESCRIVERE E RAPPRESENTARE LE FORME E LO SPAZIO (Daniela

Dettagli

STRUTTURA UDA U.D.A. 2. Classe III A PRESENTAZIONE

STRUTTURA UDA U.D.A. 2. Classe III A PRESENTAZIONE STRUTTURA UDA UNITÀ DIDATTICA di APPRENDIMENTO di TECNOLOGIE ELETTRICO-ELETTRONICHE E APPLICAZIONI U.D.A. 2 Classe III A.S. 2015/2016 TITOLO: Energia, potenza e rendimento. Campo elettrico e condensatori.

Dettagli

PIANO DI LAVORO DEI DOCENTI

PIANO DI LAVORO DEI DOCENTI PROGRAMMAZIONE PERCORSO FORMATIVO DISCIPLINARE A. S. 2009/2010 Fisica Classe quinta C liceo Ore annuali: DOCENTE: Giorgio Follo Obiettivi disciplinari Conoscenze Elettromagnetismo: teoria e semplici applicazioni.

Dettagli

PIANO DI LAVORO. ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE Leonardo da Vinci con sez. Commerciale annessa BORGOMANERO (NO) Anno Scolastico 2015 2016

PIANO DI LAVORO. ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE Leonardo da Vinci con sez. Commerciale annessa BORGOMANERO (NO) Anno Scolastico 2015 2016 pag. 1 di 5 ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE Leonardo da Vinci con sez. Commerciale annessa BORGOMANERO (NO) PIANO DI LAVORO Anno Scolastico 2015 2016 Materia: Meccanica Macchine ed Energia Classe: V^ Mecc.

Dettagli

A CURA DEL RESPONSABILE DEL DIPARTIMENTO MARTA RABAGLI

A CURA DEL RESPONSABILE DEL DIPARTIMENTO MARTA RABAGLI a.s.2013/2014 DISCIPLINE GEOMETRICHE A CURA DEL RESPONSABILE DEL DIPARTIMENTO MARTA RABAGLI L AMBITO DISCIPLINARE DI DISCIPLINE PITTORICHE, PLASTICHE E GEOMETRICHE STABILISCE CHE: 1. I docenti prevedono

Dettagli

PIANO DI LAVORO PERSONALE

PIANO DI LAVORO PERSONALE ISTITUTO STATALE di ISTRUZIONE SUPERIORE DI SAN DANIELE DEL FRIULI VINCENZO MANZINI CORSI DI STUDIO: Amministrazione, Finanza e Marketing/IGEA Costruzioni, Ambiente e Territorio/Geometri Liceo Linguistico/Linguistico

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE

PROGRAMMAZIONE ANNUALE PROGRAMMAZIONE ANNUALE ANNO SCOLASTICO 2010/11 Docente: Antonio Gottardo Materia: Matematica Classe: 4BSo Liceo delle Scienze Sociali 1. Nel primo consiglio di classe sono stati definiti gli obiettivi

Dettagli

TECNOLOGIA: CLASSI PRIME

TECNOLOGIA: CLASSI PRIME 1 TECNOLOGIA: CLASSI PRIME 1 2 3 strumenti adatti con autonomia e sicurezza, in modo esatto e preciso comunicazione digitali ed è in grado di farne un uso efficace e responsabile rispetto alle proprie

Dettagli