L impiego dei LED con la corrente alternata. Tutorial. di Pietro Salvato

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "L impiego dei LED con la corrente alternata. Tutorial. di Pietro Salvato"

Transcript

1 L impiego dei LED con la corrente alternata Tutorial di Pietro Salvato

2 - 1 -

3 INDICE LEGGETEMI pag. 3 BLA BLA BLA BLA pag. 4 IL DIODO A EMISSIONE LUMINOSA COME SORGENTE DI LUCE pag. 5 IL LED IN CORRENTE CONTINUA pag. 6 IL LED E LA CORRENTE ALTERNATA pag. 8 CIRCUITO CON 25 LED IN SERIE A PARTIRE DALLA TENSIONE DI RETE pag. 9 CIRCUITO CON 25 LED IN SERIE MA SENZA PONTE pag. 10 ALIMENTATORE A CADUTA CAPACITIVA pag. 11 IL LED CON ALIMENTAZIONE A CADUTA CAPACITIVA pag. 13 LAMPEGGIATORE CON DIAC E LED pag. 14 M.E.C. DATA SHEET SUPER WHITE LED... pag

4 LEGGETEMI! Questa non è una introduzione proprio perché voglio che la leggiate. Mi spiego: normalmente la maggior parte delle persone quando apre un libro salta la parte introduttiva. E invece importante che voi leggiate questa parte perché vi darà delle indicazioni utili sulle cose che sono contenute in questo tutorial, sugli scopi che questo si propone di raggiungere e su come bisogna leggerlo. Leggendo questo tutorial voi potrete: 1. Imparare a dimensionare correttamente dei circuiti con LED che funzionano alimentati a corrente alternata di rete (230V ac ). 2. Scegliere la soluzione progettuale a voi più consona (ed utile). 3. Cercare di non farvi male! Ricordate che con la tensione (e soprattutto con la corrente) di rete non si scherza e che questa può risultare spesso fatale. Bravi! L avete letta Ora però dovete osservare questa norma fondamentale: leggete tutte le parti di questo tutorial, ma non disordinatamente bensì seguendo passo per passo quanto scritto. Tutto è collegato in modo logico; saltare un paragrafo potrebbe significare per voi non capire più quanto segue. Se non avete capito qualcosa tornate sulla frase, formula (oppure sullo schema) che non è chiara e rileggetela. Non perdete il filo logico. E risaputo che quella che ho appena enunciato è una norma universale riconosciuta valida per fare di una lettura motivo di apprendimento

5 BLA BLA BLA BLA (ovvero cosa non dovete fare se volete che i vostri circuiti funzionino ) - Non rovesciate liquidi sui vostri circuiti (alimentare correttamente il circuito, come vedremo più avanti, non significa questo ) - Non fate cadere i LED dal tavolo di lavoro: l urto potrebbe danneggiarli. - Non conservateli a temperatura superiori ai 50 C o inferiore ai 6 C. - Non teneteli all umidità. Non sono funghi chiodini LED bianco ad Alta Luminosità da 5mm - 4 -

6 IL DIODO A EMISSIONE LUMINOSA COME SORGENTE DI LUCE I l LED o diodo ad emissione di luce è un componente elettronico a semiconduttore che emette radiazione luminosa quando è percorso da una debole corrente elettrica (valori tipici da 10 a 20mA e più). Molto usati come indicatori elettronici, i LED (dall inglese Light Emitting Diode) sono reperibili con varie forme e dimensioni, ed emettono luce con diversi colori; i tipi più comuni hanno forma cilindrica e luce rossa, verde o gialla. Esistono, poi, LED ad Alta Luminosità (Ultrabright) che, ultimamente, trovano sempre più impiego nel campo dell illuminotecnica; tra questi, molto impiegati sono quelli a luce bianca o blu. Esistono, inoltre, LED bicolori, cioè capaci di fornire luce di due diverso colore a seconda della loro particolare connessione. LED lampeggianti utili in tutti quei casi come nel modellismo - in cui non si voglia/possa ricorrere ad opportuni circuiti di lampeggio; i LED lampeggianti multicolori, cioè capaci di lampeggiare ed emettere radiazioni luminose di diverso colore. Infine abbiamo i cosiddetti IRED (InfraRed Emitting Diode) cioè dei particolare LED che emettono radiazioni luminose nel campo dell infrarosso. Gli IRED sono fondamentali nel campo delle telecomunicazioni e del tele-controllo. I LED, vengono fabbricati in diverse forme e dimensioni. Si va da quelli micro montati su strisce adatte alla tecnica di cablaggio SMD a quelli classici con dimensioni di 3mm, 5mm, 8mm e 10mm (questi ultimi noti come Big LED). I LED sono usati anche per i visualizzatori di orologi, radiosveglie, e per la strumentazione automobilistica. I comuni display a sette segmenti possono rappresentare le cifre da 0 a 9 usando sette LED, sagomati a forma di brevi segmenti e disposti a formare un otto stilizzato. Accendendo solo alcuni segmenti in modo opportuno, si possono comporre le diverse cifre. Esistono, poi, display a 16 segmenti e a matrice di punti (tipicamente formata da 7x5=35 LED) che offrono una migliore risoluzione e sono capaci di riprodurre caratteri alfanumerici. Gli indicatori a LED tendono ad avere un angolo di emissione della luce limitato, perciò la loro lettura è a volte difficoltosa se li si osserva da posizioni laterali. Come molti altri tipi di diodo, i LED sono basati sulle proprietà delle giunzioni, cioè delle superfici di passaggio tra due zone di cristallo semiconduttore (dette zona p e zona n) con caratteristiche diverse. Sono realizzati con arseniuro fosfuro di gallio e/o altri elementi come l indio e l emissione è causata dal rilascio di energia da parte degli elettroni che attraversano la giunzione. L intensità della corrente nei LED deve essere attentamente limitata per evitare danni al componente per questo si ricorre a dimensionare opportune resistenze di protezione

7 IL LED IN CORRENTE CONTINUA Ma come questo tutorial non è dedicato all uso del LED con 230V ac? Vi ho letto nel pensiero eh? Certo, però per descrivere il suo funzionamento dei circuiti con LED partiremo dalla connessione più semplice: quella in corrente continua. Per il funzionamento di più LED ci sono due tipi fondamentali di circuiti. Quelli in serie e quelli in parallelo. I. Connessione in serie Quando i LED sono piazzati in serie, la tensione cade tra i LED stessi. Per esempio, se alimentiamo un circuito a 12V cc in corrente continua c.c. e mettiamo in serie tra i due poli del generatore un solo LED. Ricordiamoci di rispettare la corretta polarità: l anodo (il terminale positivo del LED, solitamente quello più lungo) collegato al polo positivo del generatore, e il catodo (il terminale negativo del LED) al polo negativo del generatore in c.c. Avremo, quindi una differenza di potenziale tra i due terminali di ben 12V. Una tensione eccessiva (i LED, mediamente e a seconda del tipo, ne possono sopportare tra 1,8 e 3,3V) tale da bruciarlo in meno che non si dica LED, appunto! Tuttavia, se con gli stessi 12V si alimenta, come nello schema, un circuito in cui sono connessi in serie 4 LED ci sarà una caduta di 1,8V su ognuno dei 4 LED (assumendo che i LED sono del tipo fatto per funzionare con una tensione di 1,8V) i quali si illumineranno se non proprio d immenso certamente. La funzione del Resistore R1, in accordo con la Legge di Ohm, è perciò quella di dosare la quantità di corrente che attraversa ogni singolo LED. Mediamente un LED funziona con una corrente diretta I F 20mA (talvolta anche di più o di meno a seconda del tipo) perciò in questo caso risulta: Vcc VF 12 (1,8 4) 4,8 R LED = = = = 240Ω (R1) I 0,02 0,02 F La V F = 1,8V è tuttavia un valore compatibile con soli alcuni tipi di LED. Per questo occorre sempre vagliare attentamente le specifiche tecniche dal data sheet del componente

8 Appare evidente che la connessione in serie è da preferire con tensioni di alimentazione più alte (alte, ovvio, relativamente al campo delle correnti deboli come 20mA) II. Connessione in parallelo Supponiamo di voler alimentare 3 LED con 2 semplici batterie stilo da 1,5V (per un totale quindi di 3V). Se connettiamo i 3 LED in serie, supponendo una caduta di tensione su ciascun LED di 1V (3V/3LED) non ci sarà abbastanza tensione per accenderli. Se, però, li colleghiamo in parallelo come nello schema a fianco, ovvero colleghiamo tutti gli anodi (il terminale più lungo) dei 3 LED al polo positivo della batteria e tutti i catodi a quello negativo, ai capi di ogni LED avremo una tensione (3V) sufficiente accenderli (solo per certi tipi, come visto). Proprio per questo dimensioneremo una opportuna resistenza di protezione R1 con procedimento analogo a quello visto per la connessione in serie. Ovviamente, questa volta, andrà moltiplicata per 3 la corrente I F che viene ripartita su ogni LED. Vcc VF 3 1,8 1,2 R LED = = = = 20Ω (R1) I 3 (0,02) 0,06 3 F E evidente che la connessione in parallelo è da preferire con tensioni di alimentazione più basse. OK, OK Da adesso in poi si fa sul serio, con il prossimo paragrafo iniziano i circuiti a LED a diretto contato con la tensione di rete Fate attenzione! - 7 -

9 IL LED E LA CORRENTE ALTERNATA Sfatiamo un mito. I LED non funzionano in corrente alternata. Essendo dispositivi unidirezionali infatti possono condurre solo durante la porzione positiva dell onda sinusoidale (e a patto poi che il valore massimo V M non sia superiore al valore massimo di tensione diretta V F ). Durante la semionda negativa, invece, il LED si comporterebbe come un qualsiasi diodo inversamente polarizzato e si opporrebbe quindi al passaggio della corrente. In realtà, la tensione inversa (e quindi la corrente) risulterebbe troppo alta e tale comunque da distruggere inevitabilmente il componente. Ovviamente i termini negativo e positivo sono delle semplici convenzioni. Per questo è più opportuno parlare di conduzione diretta e di conduzione (blocco) inversa

10 CIRCUITO CON 25 LED IN SERIE A PARTIRE DALLA TENSIONE DI RETE Il circuito a fianco provvede all illuminazione di ben 25 LED ad Alta Luminosità collegati in serie alla tensione di rete a 230V ac. Il circuito può essere modificato per connettere più o meno LED semplicemente agendo sul valore del Resistore R. L esatto valore della resistenza dipenderà dal particolare tipo di LED usato. Determinare questo valore, tuttavia, è un po complicato dal fatto che la corrente non fluisce continuamente attraverso il resistore. All uscita del ponte raddrizzatore avremo circa 230V efficaci o RMS (acronimo inglese di Root Mean Square cioè radice quadrata del valore quadratico medio) ma anche oltre 325V di picco! VM = VRMS 2 = 230 1,4142 = 325, 26V 325V picco Se usiamo 25 LED bianchi ad alta luminosità (del tipo di quelli riportati nel data sheet alla fine del tutorial) con una tensione diretta V F di 3V ciascuno, la caduta di tensione complessiva sui LED sarà: 3 25 = 75V La tensione di picco sul resistore R sarà pertanto: = 250V picco Questi 75V rappresentano circa 13 dei 90 del ciclo della semionda raddrizzata. 75 Infatti: arcsen = arcsen0,23 = Ciò significa che il resistore R condurrà per: = Oppure per un ciclo utile (duty cycle): d % = = 85,5% 90 Determiniamo, quindi, il picco di corrente sul LED per ricavare il valore del resistore R. Assumendo un valore tipico di corrente diretta efficace I FRMS = 20mA, il picco di corrente sarà: I Fpicco = I FRMS 2 = 28mA Siccome d % = 85,5% si ha allora: I 28 0,855 Fpicco d % = = 32, 7 ma - 9 -

11 Possiamo quindi ricavare il valore della resistenza: 250V R = = Ω (* 8,2kΩ) 0,0327A La potenza che questo resistore deve poter dissipare è: 2 2 P = R I = ,02 = 3, 28W Con questa configurazione circuitale occorrerà un resistore da almeno 3W (o meglio se da 4W). CIRCUITO CON 25 LED IN SERIE MA SENZA PONTE Volendo, il circuito visto prima può essere modificato e, per certi versi, semplificato come riportato nello schema a fianco. Anziché al ponte di diodi, questa volta ricorreremo a soli due diodi rettificatori 1N4007 che possono lavorare anche in presenza di una corrente diretta I F di 1A e resistere ad una tensione di rottura (breakdown) V Br di 1000V. Il Diodo D2 in parallelo ai LED è usato per evitare un pericoloso ritorno di tensione inversa sui LED nel caso che l altro diodo D1 disperda un poco. Volendo D2 potrebbe essere anche tolto ma con la tensione di rete non si sa mai Il valore del resistore risulta praticamente la metà di quello ricavato nella versione ad onda intera. Circa 3,9 4,7kΩ come pure si dimezza il valore del potenza dissipata a 1,6W - consiglio, comunque, un resistore da 2W. A Crescere, questa volta, è il picco di corrente sul LED; praticamente raddoppia passando da 32,7mA a più di 65mA. Questo valore, probabilmente non è eccessivo (il data sheet a fine tutorial indica per il LED bianco da 5mm un valore massimo di Peak forward Current di ben 100mA. Comunque, a seconda del tipo di LED impiegato, è bene controllare nell appropriato data sheet che non si ecceda alcun valore della tabella di AMR (Absolute Maximum Rating)

12 ALIMENTATORE A CADUTA CAPACITIVA Per tensioni e correnti di modesta entità vengono talvolta utilizzati alimentatori che non necessitano del trasformatore di ingresso, ma provvedono a ridurre la tensione di rete mediante caduta su impedenza capacitiva (quindi senza dissipazione di potenza). Se da un lato questi alimentatori offrono il vantaggio delle ridotte dimensioni, per contro non consentono alcun isolamento galvanico del carico dalla rete. PERTANTO, POSSONO ESSERE PERICOLOSI ED OCCORRE PERCIÒ ACCERTARSI CHE NESSUNA PARTE SOTTO TENSIONE VENGA A DIRETTO CONTATTO CON L UTILIZZATORE. Lo schema base di questo tipo di alimentatore è il seguente. Non si consideri per il momento il diodo Zener e si trascuri, dato il basso valore, l effetto di R1. Si supponga, in prima approssimazione, I (out) I (R2) costante e V (out) trascurabile rispetto a V a (la tensione di rete con valor efficace di 230V rete ). Il valore 325V dello SPICE è riferito invece al valore massimo V M. La corrente di rete nei due semiperiodi risulta pertanto limitata essenzialmente da C1 e vale, in valore efficace: I = ω C1 V = (2π 50 C1) 230 rete rete Nella semionda positiva I rete scorrendo attraverso D2 provvede alla carica di C2. Nella semionda negativa, viceversa, D2 blocca la corrente e lo stesso C2 provvede a fornire la corrente I (out) I (R2) al carico. L andamento della corrente su C2 è pertanto: Poiché a regime la quantità di carica scambiata nel periodo da C2 è complessivamente nulla, si deduce che il valor medio di I (C2) deve essere pari a quello di I (R2). I 2,22I rete ( R2) Essendo I ( C 2) m = si ricava la formula di progetto di C1 = 2,22 ω V C1 deve avere una tensione di lavoro dell ordine di V rete

13 Il condensatore C2, di elevato valore, determina a sua volta l entità del ripple (il fattore di ondulazione) V out. Poiché la scarica di V (out) avviene a corrente sostanzialmente costante, si può I ( R2) t scrivere: C2 = ; C2 deve avere una tensione di lavoro dell ordine di 3-5 volte V (out). V ( out) Dove t è la durata della scarica, ed è leggermente superiore al semiperiodo (come si vede dal grafico precedente: è il tratto in leggera pendenza tra i due picchi ) e vale circa 12ms. La R1 viene impiegata per limitare la corrente al momento dell accensione, quando C1 è ancora scarico. Il suo valore può variare da qualche decina di Ω al kω per una potenza di 0,5W. Infine lo Zener, impiegato quasi sempre senza la resistenza di caduta, viene usato per meglio stabilizzare la tensione d uscita V (out). Riporto le forme d onda del circuito simulato con SwitcherCADIII Avete capito come funziona un alimentatore a caduta capacitiva? Bene, perché potrebbe venirvi utile per alimentare qualche circuito che richiede una bassa tensione (nell ordine della decina di volt e di qualche decina di ma). Per esempio un circuito astabile a transistor o a porte logiche. In questo modo si potrebbe persino fare lampeggiare elettronicamente i nostri LED a tensione di rete! Esiste poi pure un metodo di dimensionamento più empirico che prevede l aggiunta in parallelo a C1 di un resistore R1 di sicurezza di valore kω (0.5W)

14 Nel caso volessimo progettare un alimentatore con tensione d uscita V (out) 12V e corrente sul carico I (RL) di 20mA (quindi la stessa che occorre per alimentare i LED) potremmo procedere nel seguente modo: - Porre la resistenza R1 pari a 220kΩ (0.5W) in parallelo a C1. - Dimensionare la resistenza R2 per limitare il picco di corrente nell istante iniziale, con C1 e C2 scarichi, con la seguente formula: R2 = = = 125Ω (* 120Ω - 0,5 1W). I ( ma) 20 - Il condensatore C1 (in poliestere) dovrà avere un alta tensione di lavoro V e il RL valore della sua capacità sarà pari a: C1(nF) = 30 I RL ( ma) = = 600nF (* 680nF). - Il condensatore C2 (elettrolitico) dovrà avere tensione di lavoro > V (out) e una capacità in µf pari a: C2(µF) = 30 I RL ( ma) = = 600µ F (* µF). Ecco il circuito e le relative forme d onda. Adesso vediamo come alimentare direttamente un LED con una sana alimentazione capacitiva

15 IL LED CON ALIMENTAZIONE A CADUTA CAPACITIVA Avete presente lo schema dell alimentatore capacitivo? Bene, per fare accendere un LED possiamo far a meno rispettivamente del diodo D2, del condensatore C2 e del diodo Zener D3. Il circuito pertanto diventa questo riportato a fianco. Dimensioniamo il circuito nel modo visto precedentemente. Ponendo I F = I (D2) =20mA C1 = 2,22 I ω V ( D2) rete = 2, = 609nF (* 680nF) Va bene un condensatore in poliestere (plastico) con una tensione di lavoro di V. La resistenza R1 è stata scelta da 47Ω 0.5W in quanto la potenza dissipata risulta - come riporta il grafico della simulazione SPICE V(Out,N001)*I(R1) - raggiungere picchi di dissipazione dell ordine di P M = 220mW. R2 invece, è stata scelta col metodo pratico di 220kΩ. Ecco le forme d onda ricavate dal grafico di SwitcherCADIII Come precedentemente citato i picchi di corrente che può sopportare il LED bianco presentato nel data sheet è: di ben 100mA M (dal grafico risulta circa 70mA M, quindi siamo nei limiti)

16 LAMPEGGIATORE CON DIAC E LED Questo semplice circuito pubblicato da un utente del sito è un lampeggiatore a LED collegato direttamente alla tensione rete che può venire utile, per esempio, come spia lampeggiante per segnalare la presenza di una presa elettrica in una stanza buia, nel garage, oppure in terrazzo ecc. Il principio di funzionamento ruota, sostanzialmente, intorno al poco usuale DIAC (DIode Alternate, Current) cioè un diodo multi-giunzione, che non ha nessun terminale di controllo. Il DIAC è un dispositivo bidirezionale, infatti la sua curva caratteristica V-I è simmetrica (a sinistra). Se la tensione applicata ai suoi terminali (chiamati Anodo 1 e Anodo 2) è positiva, per poter innescare la conduzione dobbiamo superare il valore V bo (tensione di breakover). Se la tensione applicata è negativa, dovremo superare il valore V bo per condurre nella direzione opposta. Il DIAC passa dall interdizione alla conduzione con un brusco calo di tensione (una decina di volt) che va a localizzarsi poi sul carico. Tornando al nostro circuito, Il DIAC (di qualsiasi tipo) è inizialmente interdetto. Con la semionda positiva della tensione di rete C1 si carica attraverso R1 con costante di tempo: τ = R1 C1 = , = 1, 034s Allorché la tensione del condensatore giunge al valore di V bo ( 30V), il DIAC innesca lasciando passare la corrente. Poiché la tensione di alimentazione, a causa dell elevato valore di R1, non è in grado di fornire al DIAC la corrente necessaria a farlo condurre, interviene il condensatore che inizia ad erogare la corrente scaricandosi. La scarica, a causa del basso valore del carico (il LED e la resistenza di protezione R2) è molto rapida. A questo punto la corrente comincia a diminuire fino a portare il DIAC in interdizione. La semionda negativa della tensione di rete, invece, è subito interdetta dal diodo rettificatore D1 che, così, impedisce la distruzione del LED

17 Ecco le varie forme d onda ricavate con lo SPICE di SwitcherCADIII Il transitorio considerato è di 1s. V(ac) è la tensione di rete a 230V efficaci e a 50Hz di frequenza; I(D2) è la corrente sul LED col caratteristico andamento impulsivo. V(out) è invece quello della tensione sul carico. In rosso, infine, è riportato l andamento della potenza dissipata su R1, con picchi di circa 220mW. R1, quindi, deve essere di 0.25W o, ancora meglio, di 0.5W. Come detto il suo valore è grande per ridurre la corrente nel circuito (poco più di mezzo ma) e per determinare una costante di tempo τ elevata. R2 invece serve per la sola protezione del LED. Ho optato per un valore di sicurezza pari a di 1kΩ per 0.5W

18 - 1 -

19 MEC Data Sheet For 5mm Super White LED Part No: RF5A3SWG4-N1 Part No: RF5A3SWG4-N1 Page 1 of 6

20 Features Package Dimensions Standard T-1 Diameter Type Package. General Purpose Leads Reliable and Rugged Part No. RF5A3SWG4-N1 Lens Color Water Clear Source Color Super White ANODE 0.5 MIN Typical Characteristic y Forward Current vs. Chromaticity Coordinate ( D) mA 5mA 20mA 50mA Ta = 25 C 100mA x Relative Emission Intensity (a.u.) Spectrum Ta = 25 C IF = 20mA Wavelength nm) 750 Ambient Temperature vs. Chromaticity Coordinate ( D) Directivity (Angle : 20 ) y IFP = 20mA -30 C 0 C 25 C 50 C 85 C x Relative Luminosity (a.u.) Ta = 25 C IF = 20mA Radiation Angle Part No: RF5A3SWG4-N1 Page 2 of 6

21 Typical Characteristic Forward Voltage vs. Forward Current Forward Current vs. Relative Lumiinosity Forward Current IFP (ma) Ta = 25 C Relative Luminosity (a.u.) Ta = 25 C Forward Voltage ( V ) Forward Current IFP (ma) 120 Ambient Temperature vs. Forward Voltage Ambient Temperature vs. Relative Luminosity Forward Voltage VF (V) IFP=20mA Relative Luminosity (a.u.) IFP = 20mA Ambient Temperature Ta ( C ) Ambient Temperature Ta ( C ) Duty Ratio vs. Allowable Forward Current Ambient Temperature vs. Allowable Forward Current Allowable Forward Current IFP (ma) Ta = 25 C Duty Ratio ( % ) Allowable Forward Current IFP (ma) Ambient Temperature ( C ) Part No: RF5A3SWG4-N1 Page 3 of 6

22 Absolute Maximum Ratings at Ta=25 Parameter MAX. Unit Power Dissipation 100 mw Peak Forward Current (1/10 Duty Cycle, 0.1ms Pulse Wide) 100 ma Continuous Forward Current 20 ma Derating Linear From 50 C 0.4 ma/ C Reverse Voltage 5 V Operating Temperature Range Storage Temperature Range Lead Soldering Temperature [ 4mm(.157 ) From Body] -40 C to +80 C -40 C to +80 C 260 C for 3 Seconds Electrical Optical Characteristics at Ta=25 Parameter Symbol Min. Typ. Max. Unit Test Condition Luminous Intensity Iv mcd I F = 20mA (Note 7) Viewing angle 2θ½ Deg (Note 8) X x = X + Y + Z Re d = Re d + Green + Blue x I F = 20mA(Note 9) y = Y X + Y + Z Green = Red + Green + Blue Y I F = 20mA(Note 9) Forward Voltage V F V I F = 20mA Reverse Current I R µa V R = 5V Notes: 1. All dimensions are in millimeter. 2. Tolerance is 0.25mm(.01 ) unless others otherwise noted. 3. Protruded resin under flanges is 1.0mm(0.4 ) max. 4. Lead spacing is measured where the leads emerge from the package. 5. Specifications are subject to change without notice. 6. Caution in ESD: Static Electricity and surge damages the LED. lt is recommended to use a wrist band or anti-electrostatic glove when handling the LED.All devices, equipment and machinery must be properly grounded. 7. Luminous intensity is measured with a light sensor and filter combination that approximates the CIE eye-response curve. 8. 1/2 is the off-axis angle at which the luminous intensity is half the axial luminous intensity. 9. It use many parameters that correspond to the CIE X,Y, and Z are CIE values of Red, Green and Blue content of the measurement. Part No: RF5A3SWG4-N1 Page 4 of 6

23 CAUTIONS- Super Bright LED Because the white LEDs are make by combining Blue LEDs and special phosphors. Hence, the color of White LEDs is changed a little by an operation current. Care should be taken after due consideration when using LEDs. 1. Lead Forming a. At least 3mm from the base of the epoxy bulb should be keep when forming leads. b. Do not use the base of the leadframe as a fulcrum during lead forming. Lead forming should be done before soldering. c. Because the stress to the base may damage the characteristics or it may break the LEDs, do not apply any bending stress to the base of the lead d. When mounting the LEDs onto a PCB, the holes on the circuit board should be exactly aligned with the leads of the LEDs. Stress at the leads should be avoid when the LEDs are mounted on the PCB, because it causes damage to the epoxy resin and this will degrade the LEDs. (2) Storage a. The LEDs should be stored at stored at 30 C or less and 70%RH or less after being shipped and the storage life limits are 3 months. b. If the LEDs are stored more then 3 months, they can be stored for a year in a sealed container with a nitrogen atmosphere and moisture absorbent material. c. Please avoid rapid transitions in ambient temperature, especially, in high humidity environments where condensation can occur. (3) Static Electricity a. Static electricity or surge voltage damages the LEDs. b. It is recommended that a wristband or an anti-electrostatic glove be used when handling the LEDs. c. All devices, equipment and machinery must be properly grounded. d. It is recommended that measures be taken against surge voltage to the equipment that mounts the LEDs. e. Damaged LEDs will show some unusual characteristics such as the leak current remarkably increases, the forward voltage becomes lower, or the LEDs do not light at the low current. Criteria: (VF>2.0V at IF=0.5mA) (5) Heat Generation a. Thermal design of the end product was most importance. Please consider the heat generation of the LED when making the system design. b. The thermal resistance of the circuit board and density of LED placement on the board, as well as other components was the important factor affecting the coefficient of temperature increase per input electric power. It must be avoid intense heat generation and operate within the maximum ratings given in the specification. c. The operating current should be decided after considering the ambient maximum temperature of LEDs. (6) Cleaning a. It is recommended that isopropyl alcohol be used as a solvent for cleaning the LEDs. When using other solvents, it should be confirmed beforehand whether the solvents will dissolve the resin or not. Freon solvents should not be used to clean the LEDs because of worldwide regulations. b. Do not clean the LEDs by the ultrasonic. When it is absolutely necessary, the influence of ultrasonic cleaning on the LEDs depends on factors such as ultrasonic power and the assembled condition. Before cleaning, a pre-test should be done to confirm whether any damage to the LEDs would occur. (7) Safety Guideline for Human Eyes a. In 1993, the International Electric Committee (IEC) issued a standard concerning laser product safety (IEC 825-1).Since then, this standard has been applied for diffused light sources (LEDs) as well as lasers.in 1998 IEC Edition 1.1 evaluated the magnitude of the light source. b. In 2001 IC Amendment 2 converted the laser class into 7 classes for end products. c. Components are excluded from this system. Products which contain visible LEDs are now classified as class 1. Products containing UV LEDs can be classified as class 2 in cases where viewing angles are narrow, optical manipulation intensifies the light, and/or the energy emitted is high. For these systems it is recommended to avoid long term exposure. It is also recommended to follow the ICE regulations regarding safety and labeling of products. (8) Soldering Condition for LED Lamps a. EPOXY RESIN of LED Epoxy resin for LED need to be cured within some temperature range with enough time, otherwise it will not hard enough then and moisture in the air will penetrate into epoxy day by day. After some period later, the epoxy of LED may crack inside and it will reduce the lifetime of the LED lamps. Because of this reason, we REFOND had precisely controlled as in the 2nd Statement. b. Temperature of Glass (Tg Point) For ensure the epoxy resin is hard enough, a good process control for epoxy resin ENDCAP process was required, such as precise temperature profile of the over, exactly time for curing and good selection for epoxy resin. After that we need to measure the Tg point for checking the epoxy resin is hard enough or not. Tg point should be control in range centi-grade, if Tg lower than 125degree, it will make the epoxy soft. When soldering higher than 135degree, it will make the epoxy too hard and the epoxy will crack inside easily. c. For Automatic Soldering (a) All of soldering equipment needs to check temperature on top of PCB for soldering LED as record. (b) Pre-heat temperature must below Tg point, otherwise LED will be soft soldering and broken the bonding gold wire inside. (c) The soldering condition need to below 5 seconds with 260 centi-grade or lower of each soldering point. Part No: RF5A3SWG4-N1 Page 5 of 6

24 (d) The soldering PCB with LED can t have any vibration or shock after soldering because inside LED epoxy still soft, and this action will cause gold wire broken inside. The best way is to have cooling fan for cooling down shortly. d. For Manually soldering (a) When use hand soldering with extension wire, it is suggested that a fixture for soldering is needed to prevent any strength inside when head is transferring to epoxy through LED leads. Otherwise, it might have gold wire broken inside. (b) When use hand soldering with PCB insertion, it must make sure the pitch of OCB for LED leads are the same as LED lead pitch. Otherwise there might have strength transfer to inside epoxy broken gold wire when soldering. e. The size of the PCB for automatic soldering (a) It is very important that PCB will have a little bit bent when soldering, this phenomenon especially for large PCB size. When there are some higher defect rate for LED after soldering, it must check the PCB size and the PCB is bent or not in this soldering. If this phenomenon happen, the LED leads will be a little bit bent and the gold wire inside may be broken. (b) It will be good for the LED circuit application if a small size PCB was used. (c) Then larger size PCB was use; it needs to have special fixture to preventing PCB bending when soldering. (9) Others a. Care must be taken to ensure that the reverse voltage will not exceed the absolute maximum rating when using the LEDs with matrix drive. Keeping the Normal Forward to 20 ma. IF Rx VF V IF = V - VF Rx b. The LEDs described in this brochure are intended to be used for ordinary electronic equipment (such as office equipment, communications equipment, measurement instruments and household appliances). Consult Refond s sales staff in advance for information on the applications in which exceptional quality and reliability are required, particularly when the failure or malfunction of the LEDs may directly jeopardize life or health (such as for airplanes, aerospace, submersible repeaters, nuclear reactor control systems, automobiles, traffic control equipment, life support systems and safety devices). c. User shall not reverse engineer by disassembling or analysis of the LEDs without having prior written consent from Refond. When defective LEDs are found, the User shall inform Refond directly before disassembling or analysis. d. The formal specifications must be exchanged and signed by both parties before large volume purchase begins. e. The appearance and specifications of the product may be modified for improvement without notice. Part No: RF5A3SWG4-N1 Page 6 of 6

group HIGH CURRENT MULTIPLEX NODE

group HIGH CURRENT MULTIPLEX NODE HIGH CURRENT MULTIPLEX NODE edizione/edition 04-2010 HIGH CURRENT MULTIPLEX NODE DESCRIZIONE GENERALE GENERAL DESCRIPTION L'unità di controllo COBO è una centralina elettronica Multiplex Slave ; la sua

Dettagli

Prof. Antonino Cucinotta LABORATORIO DI ELETTRONICA CIRCUITI RADDRIZZATORI

Prof. Antonino Cucinotta LABORATORIO DI ELETTRONICA CIRCUITI RADDRIZZATORI Materiale e strumenti: Prof. Antonino Cucinotta LABORATORIO DI ELETTRONICA CIRCUITI RADDRIZZATORI -Diodo raddrizzatore 1N4001 (50 V 1A) -Ponte raddrizzatore da 50 V 1 A -Condensatori elettrolitici da 1000

Dettagli

Progetto di un alimentatore con Vo = +5 V e Io = 1 A

Progetto di un alimentatore con Vo = +5 V e Io = 1 A Progetto di un alimentatore con o +5 e Io A U LM7805/TO IN OUT S F T 5 4 8 - ~ ~ + + C GND + C + C3 3 R D LED Si presuppongono noti i contenuti dei documenti Ponte di Graetz Circuito raddrizzatore duale

Dettagli

Strumenti Elettronici Analogici/Numerici

Strumenti Elettronici Analogici/Numerici Facoltà di Ingegneria Università degli Studi di Firenze Dipartimento di Elettronica e Telecomunicazioni Strumenti Elettronici Analogici/Numerici Ing. Andrea Zanobini Dipartimento di Elettronica e Telecomunicazioni

Dettagli

Circuiti Elettrici. Schema riassuntivo. Assumendo positive le correnti uscenti da un nodo e negative quelle entranti si formula l importante

Circuiti Elettrici. Schema riassuntivo. Assumendo positive le correnti uscenti da un nodo e negative quelle entranti si formula l importante Circuiti Elettrici Schema riassuntivo Leggi fondamentali dei circuiti elettrici lineari Assumendo positive le correnti uscenti da un nodo e negative quelle entranti si formula l importante La conseguenza

Dettagli

Gi-Gi Art. 859 - User's Guide Istruzioni d'uso

Gi-Gi Art. 859 - User's Guide Istruzioni d'uso doc.4.12-06/03 Gi-Gi Art. 859 - User's Guide Istruzioni d'uso A belaying plate that can be used in many different conditions Una piastrina d'assicurazione che può essere utilizzata in condizioni diverse.

Dettagli

Catalogo Trattamento dell Aria - Collezione 2009

Catalogo Trattamento dell Aria - Collezione 2009 Catalogo Trattamento dell Aria - Collezione 2009 SECCOTECH & S 8 SeccoTech & Secco Tecnologia al servizio della deumidificazione Technology at dehumidification's service Potenti ed armoniosi Seccotech

Dettagli

Guida ai Parametri di negoziazione dei mercati regolamentati organizzati e gestiti da Borsa Italiana

Guida ai Parametri di negoziazione dei mercati regolamentati organizzati e gestiti da Borsa Italiana Guida ai Parametri di negoziazione dei mercati regolamentati organizzati e gestiti da Borsa Italiana Versione 04 1/28 INTRODUZIONE La Guida ai Parametri contiene la disciplina relativa ai limiti di variazione

Dettagli

Cenni di Elettronica non Lineare

Cenni di Elettronica non Lineare 1 Cenni di Elettronica non Lineare RUOLO DELL ELETTRONICA NON LINEARE La differenza principale tra l elettronica lineare e quella non-lineare risiede nel tipo di informazione che viene elaborata. L elettronica

Dettagli

Lezione 12: La visione robotica

Lezione 12: La visione robotica Robotica Robot Industriali e di Servizio Lezione 12: La visione robotica L'acquisizione dell'immagine L acquisizione dell immagine Sensori a tubo elettronico (Image-Orthicon, Plumbicon, Vidicon, ecc.)

Dettagli

WWW.TINYLOC.COM CUSTOMER SERVICE GPS/ RADIOTRACKING DOG COLLAR. T. (+34) 937 907 971 F. (+34) 937 571 329 sales@tinyloc.com

WWW.TINYLOC.COM CUSTOMER SERVICE GPS/ RADIOTRACKING DOG COLLAR. T. (+34) 937 907 971 F. (+34) 937 571 329 sales@tinyloc.com WWW.TINYLOC.COM CUSTOMER SERVICE T. (+34) 937 907 971 F. (+34) 937 571 329 sales@tinyloc.com GPS/ RADIOTRACKING DOG COLLAR MANUALE DI ISTRUZIONI ACCENSIONE / SPEGNERE DEL TAG HOUND Finder GPS Il TAG HOUND

Dettagli

Principali prove meccaniche su materiali polimerici

Principali prove meccaniche su materiali polimerici modulo: Proprietà viscoelastiche e proprietà meccaniche dei polimeri Principali prove meccaniche su materiali polimerici R. Pantani Scheda tecnica di un materiale polimerico Standard per prove meccaniche

Dettagli

Istruzione N. Versione. Ultima. modifica. Funzione. Data 18/12/2009. Firma. Approvato da: ASSEMBLAGGIO COLLAUDO TRAINING IMBALLO. service 07.

Istruzione N. Versione. Ultima. modifica. Funzione. Data 18/12/2009. Firma. Approvato da: ASSEMBLAGGIO COLLAUDO TRAINING IMBALLO. service 07. Istruzione N 62 Data creazione 18/ 12/2009 Versione N 00 Ultima modifica TIPO ISTRUZIONE ASSEMBLAGGIO COLLAUDO TRAINING MODIFICA TEST FUNZIONALE RIPARAZIONE/SOSTITUZIONE IMBALLO TITOLO DELL ISTRUZIONE

Dettagli

Il test valuta la capacità di pensare?

Il test valuta la capacità di pensare? Il test valuta la capacità di pensare? Per favore compili il seguente questionario senza farsi aiutare da altri. Cognome e Nome Data di Nascita / / Quanti anni scolastici ha frequentato? Maschio Femmina

Dettagli

PROGETTO ALIMENTATORE VARIABILE CON LM 317. di Adriano Gandolfo www.adrirobot.it

PROGETTO ALIMENTATORE VARIABILE CON LM 317. di Adriano Gandolfo www.adrirobot.it PROGETTO ALIMENTATORE VARIABILE CON LM 37 di Adriano Gandolfo www.adrirobot.it L'integrato LM37 Questo integrato, che ha dimensioni identiche a quelle di un normale transistor di media potenza tipo TO.0,

Dettagli

24V DC ±10% 0.5... 1 W. Fluido Fluid. 15 Nl/min

24V DC ±10% 0.5... 1 W. Fluido Fluid. 15 Nl/min elettropiloti 0 mm 0 mm solenoids Elettropilota Solenoid valve 0 mm 00.44.0 ACCESSORI - ACCESSORIES 07.049.0 Connettore per elettropilota 0 mm con cavetto rosso/nero, lunghezza 400 mm - connector for 0

Dettagli

1. Diodi. figura 1. figura 2

1. Diodi. figura 1. figura 2 1. Diodi 1.1. Funzionamento 1.1.1. Drogaggio 1.1.2. Campo elettrico di buil-in 1.1.3. Larghezza della zona di svuotamento 1.1.4. Curve caratteristiche Polarizzazione Polarizzazione diretta Polarizzazione

Dettagli

KERMESSE 20 sospensione / suspension lamp Giulio Iacchetti 2012

KERMESSE 20 sospensione / suspension lamp Giulio Iacchetti 2012 KERMESSE 20 sospensione / suspension lamp Giulio Iacchetti 2012 CLASSE I - IP20 IT Avvertenze La sicurezza elettrica di questo apparecchio è garantita con l uso appropriato di queste istruzioni. Pertanto

Dettagli

Data Alignment and (Geo)Referencing (sometimes Registration process)

Data Alignment and (Geo)Referencing (sometimes Registration process) Data Alignment and (Geo)Referencing (sometimes Registration process) All data aquired from a scan position are refered to an intrinsic reference system (even if more than one scan has been performed) Data

Dettagli

Rilascio dei Permessi Volo

Rilascio dei Permessi Volo R E P U B L I C O F S A N M A R I N O C I V I L A V I A T I O N A U T H O R I T Y SAN MARINO CIVIL AVIATION REGULATION Rilascio dei Permessi Volo SM-CAR PART 5 Approvazione: Ing. Marco Conti official of

Dettagli

Manuale d Istruzioni. Extech EX820 Pinza Amperometrica 1000 A RMS con Termometro IR

Manuale d Istruzioni. Extech EX820 Pinza Amperometrica 1000 A RMS con Termometro IR Manuale d Istruzioni Extech EX820 Pinza Amperometrica 1000 A RMS con Termometro IR Introduzione Congratulazioni per aver acquistato la Pinza Amperometrica Extech EX820 da 1000 A RMS. Questo strumento misura

Dettagli

e-spare Parts User Manual Peg Perego Service Site Peg Perego [Dicembre 2011]

e-spare Parts User Manual Peg Perego Service Site Peg Perego [Dicembre 2011] Peg Perego Service Site Peg Perego [Dicembre 2011] 2 Esegui il login: ecco la nuova Home page per il portale servizi. Log in: welcome to the new Peg Perego Service site. Scegli il servizio selezionando

Dettagli

Mod. VS/AM VALVOLE DI SFIORO E SICUREZZA RELIEF VALVES AND SAFETY DEVICES

Mod. VS/AM VALVOLE DI SFIORO E SICUREZZA RELIEF VALVES AND SAFETY DEVICES Mod VS/AM VALVOLE DI SFIORO E SICUREZZA RELIEF VALVES AND SAFETY DEVICES VALVOLE DI SFIORO E SICUREZZA RELIEF VALVES AND SAFETY DEVICES Mod VS/AM 65 1 2 VS/AM 65 STANDARD VS/AM 65 CON RACCORDI VS/AM 65

Dettagli

Elettronica Circuiti nel dominio del tempo

Elettronica Circuiti nel dominio del tempo Elettronica Circuiti nel dominio del tempo Valentino Liberali Dipartimento di Fisica Università degli Studi di Milano valentino.liberali@unimi.it Elettronica Circuiti nel dominio del tempo 14 aprile 211

Dettagli

Informazioni su questo libro

Informazioni su questo libro Informazioni su questo libro Si tratta della copia digitale di un libro che per generazioni è stato conservata negli scaffali di una biblioteca prima di essere digitalizzato da Google nell ambito del progetto

Dettagli

FUNZIONAMENTO DI UN BJT

FUNZIONAMENTO DI UN BJT IL TRANSISTOR BJT Il transistor inventato nel 1947, dai ricercatori Bardeen e Brattain, è il componente simbolo dell elettronica. Ideato in un primo momento, come sostituto delle valvole a vuoto per amplificare

Dettagli

Zeroshell come client OpenVPN

Zeroshell come client OpenVPN Zeroshell come client OpenVPN (di un server OpenVpn Linux) Le funzionalità di stabilire connessioni VPN di Zeroshell vede come scenario solito Zeroshell sia come client sia come server e per scelta architetturale,

Dettagli

ENERGY-EFFICIENT HOME VENTILATION SYSTEMS

ENERGY-EFFICIENT HOME VENTILATION SYSTEMS SISTEMI DI RECUPERO RESIDENZIALE HOME RECOVERY SYSTEMS RECUPERO DI CALORE AD ALTA EFFICIENZA HIGH EFFICIENCY HEAT RECOVERY VENTILAZIONE A BASSO CONSUMO LOW ENERGY VENTILATION SISTEMI DI RICAMBIO CONTROLLATO

Dettagli

ELCART MANUALE DI ISTRUZIONI MULTIMETRO DIGITALE 9/8220 NI-4100

ELCART MANUALE DI ISTRUZIONI MULTIMETRO DIGITALE 9/8220 NI-4100 ART. 9/8220 PAGINA 1 DI 10 MANUALE DI ISTRUZIONI MULTIMETRO DIGITALE 9/8220 NI-4100 INDICE 1. ISTRUZIONI GENERALI 1.1 Precauzioni di sicurezza 1.1.1 Fasi preliminari 1.1.2 Utilizzo 1.1.3 Simboli 1.1.4

Dettagli

DDS elettronica srl si riserva il diritto di apportare modifiche senza preavviso /we reserves the right to make changes without notice

DDS elettronica srl si riserva il diritto di apportare modifiche senza preavviso /we reserves the right to make changes without notice Maccarone Maccarone Maccarone integra 10 LED POWER TOP alta efficienza, in tecnologia FULL COLOR che permette di raggiungere colori e sfumature ad alta definizione. Ogni singolo led full color di Maccarone

Dettagli

DE e DTE: PROVA SCRITTA DEL 26 Gennaio 2015

DE e DTE: PROVA SCRITTA DEL 26 Gennaio 2015 DE e DTE: PROVA SCRITTA DEL 26 Gennaio 2015 ESERCIZIO 1 (DE,DTE) Un transistore bipolare n + pn con N Abase = N Dcollettore = 10 16 cm 3, µ n = 0.09 m 2 /Vs, µ p = 0.035 m 2 /Vs, τ n = τ p = 10 6 s, S=1

Dettagli

Appunti di Misure Elettriche Richiami vari Quantità elettriche corrente ampere elettroni

Appunti di Misure Elettriche Richiami vari Quantità elettriche corrente ampere elettroni Appunti di Misure Elettriche Richiami vari QUANTITÀ ELETTRICHE... 1 Corrente... 1 Tensione... 2 Resistenza... 3 Polarità... 3 Potenza... 4 CORRENTE ALTERNATA... 4 Generalità... 4 Valore efficace... 5 Valore

Dettagli

Catalogo Trattamento dell Aria - Collezione 2009

Catalogo Trattamento dell Aria - Collezione 2009 Catalogo Trattamento dell Aria - Collezione 2009 SECCOASCIUTT 16 SeccoAsciutto EL & SeccoAsciutto Thermo Piccolo e potente, deumidifica e asciuga Small and powerful, dehumidifies and dries Deumidificare

Dettagli

Correnti e circuiti a corrente continua. La corrente elettrica

Correnti e circuiti a corrente continua. La corrente elettrica Correnti e circuiti a corrente continua La corrente elettrica Corrente elettrica: carica che fluisce attraverso la sezione di un conduttore in una unità di tempo Q t Q lim t 0 t ntensità di corrente media

Dettagli

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO 2006 Indirizzo Scientifico Tecnologico Progetto Brocca

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO 2006 Indirizzo Scientifico Tecnologico Progetto Brocca ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO 2006 Indirizzo Scientifico Tecnologico Progetto Brocca Trascrizione del testo e redazione delle soluzioni di Paolo Cavallo. La prova Il candidato svolga una relazione

Dettagli

Smobilizzo pro-soluto di Lettere di Credito Import

Smobilizzo pro-soluto di Lettere di Credito Import definizione L operazione presuppone l emissione di una lettera di credito IMPORT in favore dell esportatore estero, con termine di pagamento differito (es. 180 gg dalla data di spedizione con documenti

Dettagli

BOSCH EDC16/EDC16+/ME9

BOSCH EDC16/EDC16+/ME9 pag. 16 di 49 BOSCH EDC16/EDC16+/ME9 BOSCH EDC16/EDC16+/ME9 Identificare la zona dove sono poste le piazzole dove andremo a saldare il connettore. Le piazzole sono situate in tutte le centraline Bosch

Dettagli

La corrente elettrica La resistenza elettrica La seconda legge di Ohm Resistività e temperatura L effetto termico della corrente

La corrente elettrica La resistenza elettrica La seconda legge di Ohm Resistività e temperatura L effetto termico della corrente Unità G16 - La corrente elettrica continua La corrente elettrica La resistenza elettrica La seconda legge di Ohm Resistività e temperatura L effetto termico della corrente 1 Lezione 1 - La corrente elettrica

Dettagli

FENICE ARREDI. Via Bertolini 49/51 27029 Vigevano (PV) Relazione tecnica

FENICE ARREDI. Via Bertolini 49/51 27029 Vigevano (PV) Relazione tecnica FENICE ARREDI Via Bertolini 49/51 27029 Vigevano (PV) Prove di vibrazione su sistemi per pavimenti tecnici sopraelevati - Four x Four Relazione tecnica Via Ferrata 1, 27100 Pavia, Italy Tel. +39.0382.516911

Dettagli

Curve di risonanza di un circuito

Curve di risonanza di un circuito Zuccarello Francesco Laboratorio di Fisica II Curve di risonanza di un circuito I [ma] 9 8 7 6 5 4 3 0 C = 00 nf 0 5 0 5 w [KHz] RLC - Serie A.A.003-004 Indice Introduzione pag. 3 Presupposti Teorici 5

Dettagli

Componenti per illuminazione LED. Components for LED lighting

Componenti per illuminazione LED. Components for LED lighting 2014 Componenti per illuminazione LED Components for LED lighting Legenda Scheda Prodotto Product sheet legend 1 6 3 7 4 10 5 2 8 9 13 11 15 14 12 16 1673/A 17 2P+T MORSETTO Corpo in poliammide Corpo serrafilo

Dettagli

MODULO DI ISCRIZIONE - ENROLMENT FORM

MODULO DI ISCRIZIONE - ENROLMENT FORM Under the Patronage of Comune di Portofino Regione Liguria 1ST INTERNATIONAL OPERA SINGING COMPETITION OF PORTOFINO from 27th to 31st July 2015 MODULO DI ISCRIZIONE - ENROLMENT FORM Direzione artistica

Dettagli

Le Armoniche INTRODUZIONE RIFASAMENTO DEI TRASFORMATORI - MT / BT

Le Armoniche INTRODUZIONE RIFASAMENTO DEI TRASFORMATORI - MT / BT Le Armoniche INTRODUZIONE Data una grandezza sinusoidale (fondamentale) si definisce armonica una grandezza sinusoidale di frequenza multipla. L ordine dell armonica è il rapporto tra la sua frequenza

Dettagli

Gli attuatori. Breve rassegna di alcuni modelli o dispositivi di attuatori nel processo di controllo

Gli attuatori. Breve rassegna di alcuni modelli o dispositivi di attuatori nel processo di controllo Gli attuatori Breve rassegna di alcuni modelli o dispositivi di attuatori nel processo di controllo ATTUATORI Definizione: in una catena di controllo automatico l attuatore è il dispositivo che riceve

Dettagli

Manuale d uso. Per abitazioni, baite, camper, caravan, barche

Manuale d uso. Per abitazioni, baite, camper, caravan, barche Manuale d uso Regolatore di carica EP5 con crepuscolare Per abitazioni, baite, camper, caravan, barche ITALIANO IMPORTANTI INFORMAZIONI SULLA SICUREZZA Questo manuale contiene importanti informazioni sulla

Dettagli

User guide Conference phone Konftel 100

User guide Conference phone Konftel 100 User guide Conference phone Konftel 100 Dansk I Deutsch I English I Español I Français I Norsk Suomi I Svenska Conference phones for every situation Sommario Descrizione Connessioni, accessoires, ricambi

Dettagli

PEP Pompe centrifughe di processo a norme API 610 - XI edizione Centrifugal process pumps according to API 610 - XI edition Norms

PEP Pompe centrifughe di processo a norme API 610 - XI edizione Centrifugal process pumps according to API 610 - XI edition Norms PEP Pompe centrifughe di processo a norme API 610 - XI edizione Centrifugal process pumps according to API 610 - XI edition Norms Campo di selezione - 50 Hz Selection chart - 50 Hz 2950 rpm 1475 rpm Campo

Dettagli

IMPIANTI FOTOVOLTAICI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA INSTALLATI SU EDIFICI

IMPIANTI FOTOVOLTAICI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA INSTALLATI SU EDIFICI IMPIANTI FOTOVOLTAICI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA INSTALLATI SU EDIFICI LINEE D INDIRIZZO PER LA VALUTAZIONE DEI RISCHI CORRELATI ALL INSTALLAZIONE DI IMPIANTI FOTOVOTAICI SU EDIFICI DESTINATI

Dettagli

Teoria della misurazione e misurabilità di grandezze non fisiche

Teoria della misurazione e misurabilità di grandezze non fisiche Teoria della misurazione e misurabilità di grandezze non fisiche Versione 12.6.05 Teoria della misurazione e misurabilità di grandezze non fisiche 1 Il contesto del discorso (dalla lezione introduttiva)

Dettagli

COMINCIAMO A SENTIRCI UNA FAMIGLIA

COMINCIAMO A SENTIRCI UNA FAMIGLIA COMINCIAMO A SENTIRCI UNA FAMIGLIA IL PRIMO GIORNO CON LA FAMIGLIA OSPITANTE FIRST DAY WITH THE HOST FAMILY Questa serie di domande, a cui gli studenti risponderanno insieme alle loro famiglie, vuole aiutare

Dettagli

ELABORAZIONE DEL VALORE MEDIO NELLE MISURE ELETTRONICHE

ELABORAZIONE DEL VALORE MEDIO NELLE MISURE ELETTRONICHE NOTE PER IL TECNICO ELABORAZIONE DEL VALORE MEDIO NELLE MISURE ELETTRONICHE da BRUEL & KJAER Le cosiddette «application notes» pubblicate a cura della Bruel & Kjaer, nota Fabbrica danese specializzata

Dettagli

CABLAGGI ED ISTRUZIONI DI UTILIZZO

CABLAGGI ED ISTRUZIONI DI UTILIZZO VALIDO PER MOD. DTCHARGE E 1000 CABLAGGI ED ISTRUZIONI DI UTILIZZO LEGGERE CON CURA IN OGNI SUA PARTE PRIMA DI ALIMENTARE TOGLIAMO IL COPERCHIO, COSA FARE?? Il DTWind monta alternatori tri fase. Ne consegue

Dettagli

5 cabins (1 main deck+ 4 lower deck) Legno: essenza di rovere naturale Rigatino Wood: striped oak

5 cabins (1 main deck+ 4 lower deck) Legno: essenza di rovere naturale Rigatino Wood: striped oak Tipo: Type: 5 cabine (1 main deck+ 4 lower deck) 5 cabins (1 main deck+ 4 lower deck) Legno: essenza di rovere naturale Rigatino Wood: striped oak Tessuti: Dedar Fanfara, Paola Lenti Fabrics: Dedar Fanfara,

Dettagli

Castello di San Donato in Perano Matrimoni nel Chianti Weddings in Chianti

Castello di San Donato in Perano Matrimoni nel Chianti Weddings in Chianti Castello di San Donato in Perano Matrimoni nel Chianti Weddings in Chianti Sede di Rappresentanza: Castello di San Donato in Perano 53013 Gaiole in Chianti (Si) Tel. 0577-744121 Fax 0577-745024 www.castellosandonato.it

Dettagli

MOD. 506 Termostato bimetallico Bimetallic Thermostat

MOD. 506 Termostato bimetallico Bimetallic Thermostat MOD. 506 Termostato bimetallico Bimetallic Thermostat with cap. 3015001 with cap. 3900001 with connector 3900200 with cable A richiesta disponibile la versione certifi- Version available on request 124

Dettagli

Introduzione all elettronica

Introduzione all elettronica Introduzione all elettronica L elettronica nacque agli inizi del 1900 con l invenzione del primo componente elettronico, il diodo (1904) seguito poi dal triodo (1906) i cosiddetti tubi a vuoto. Questa

Dettagli

LABORATORIO I-A. Cenni sui circuiti elettrici in corrente continua

LABORATORIO I-A. Cenni sui circuiti elettrici in corrente continua 1 UNIVERSITÀ DIGENOVA FACOLTÀDISCIENZEM.F.N. LABORATORIO IA Cenni sui circuiti elettrici in corrente continua Anno Accademico 2001 2002 2 Capitolo 1 Richiami sui fenomeni elettrici Esperienze elementari

Dettagli

L OSCILLOSCOPIO. L oscilloscopio è il più utile e versatile strumento di misura per il test delle apparecchiature e dei

L OSCILLOSCOPIO. L oscilloscopio è il più utile e versatile strumento di misura per il test delle apparecchiature e dei L OSCILLOSCOPIO L oscilloscopio è il più utile e versatile strumento di misura per il test delle apparecchiature e dei circuiti elettronici. Nel suo uso abituale esso ci consente di vedere le forme d onda

Dettagli

Virtualizzazione con Microsoft Tecnologie e Licensing

Virtualizzazione con Microsoft Tecnologie e Licensing Microsoft Virtualizzazione con Microsoft Tecnologie e Licensing Profile Redirezione dei documenti Offline files Server Presentation Management Desktop Windows Vista Enterprise Centralized Desktop Application

Dettagli

SOL terra Marco Zanuso Jr, Christophe Mathieu 2014

SOL terra Marco Zanuso Jr, Christophe Mathieu 2014 SOL terra Marco Zanuso Jr, Christophe Mathieu 2014 MADE IN ITALY SOL - Marco Zanuso Jr, Christophe Mathieu 2013 Sol è un sistema basato interamente sull interpretazione di innovativi principi di calcolo

Dettagli

Windows Compatibilità

Windows Compatibilità Che novità? Windows Compatibilità CODESOFT 2014 é compatibile con Windows 8.1 e Windows Server 2012 R2 CODESOFT 2014 Compatibilità sistemi operativi: Windows 8 / Windows 8.1 Windows Server 2012 / Windows

Dettagli

T H O R A F L Y. Sistemi di drenaggio toracico Thoracic drainage systems. Catalogo 2009 - Catalogue 2009 GRUPPO C GROUP C

T H O R A F L Y. Sistemi di drenaggio toracico Thoracic drainage systems. Catalogo 2009 - Catalogue 2009 GRUPPO C GROUP C T H O R A F L Y Sistemi di drenaggio toracico Thoracic drainage systems Catalogo 2009 - Catalogue 2009 GRUPPO C GROUP C SOMMARIO GRUPPO C (SUMMARY C GROUP) 1/C II SISTEMI DI DRENAGGIO TORACICO COMPLETI

Dettagli

Sistemi di gestione dei dati e dei processi aziendali. Information Technology General Controls

Sistemi di gestione dei dati e dei processi aziendali. Information Technology General Controls Information Technology General Controls Indice degli argomenti Introduzione agli ITGC ITGC e altre componenti del COSO Framework Sviluppo e manutenzione degli applicativi Gestione operativa delle infrastrutture

Dettagli

CATENE E COMPONENTI DI GRADO 8-10-INOX, BRACHE DI POLIESTERE E ANCORAGGI, BRACHE DI FUNE

CATENE E COMPONENTI DI GRADO 8-10-INOX, BRACHE DI POLIESTERE E ANCORAGGI, BRACHE DI FUNE CATENE E COMPONENTI DI GRADO 8-10-INOX, BRACHE DI POLIESTERE E ANCORAGGI, BRACHE DI FUNE L esperienza e la passione per l ingegneria sono determinanti per la definizione della nostra politica di prodotto,

Dettagli

Circuiti in Corrente Continua (direct current=dc) RIASSUNTO: La carica elettrica La corrente elettrica Il Potenziale Elettrico La legge di Ohm Il

Circuiti in Corrente Continua (direct current=dc) RIASSUNTO: La carica elettrica La corrente elettrica Il Potenziale Elettrico La legge di Ohm Il Circuiti in Corrente Continua direct currentdc ASSUNTO: La carica elettrica La corrente elettrica l Potenziale Elettrico La legge di Ohm l resistore codice dei colori esistenze in serie ed in parallelo

Dettagli

Catalogo Trattamento dell Aria - Collezione 2009

Catalogo Trattamento dell Aria - Collezione 2009 Catalogo Trattamento dell Aria - Collezione 2009 SECCO PROF SE 2 SeccoProf, SeccoProf EL, SeccoUltra, SeccoMust Tolgono l umidità dappertutto Removing humidity everywhere Un intera gamma professionale

Dettagli

1 LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA

1 LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA 1 LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA Un conduttore ideale all equilibrio elettrostatico ha un campo elettrico nullo al suo interno. Cosa succede se viene generato un campo elettrico diverso da zero al suo

Dettagli

INTERNET e RETI di CALCOLATORI A.A. 2014/2015 Capitolo 4 DHCP Dynamic Host Configuration Protocol Fausto Marcantoni fausto.marcantoni@unicam.

INTERNET e RETI di CALCOLATORI A.A. 2014/2015 Capitolo 4 DHCP Dynamic Host Configuration Protocol Fausto Marcantoni fausto.marcantoni@unicam. Laurea in INFORMATICA INTERNET e RETI di CALCOLATORI A.A. 2014/2015 Capitolo 4 Dynamic Host Configuration Protocol fausto.marcantoni@unicam.it Prima di iniziare... Gli indirizzi IP privati possono essere

Dettagli

Il vostro sogno diventa realtà... Your dream comes true... Close to Volterra,portions for sale of "typical tuscan"

Il vostro sogno diventa realtà... Your dream comes true... Close to Volterra,portions for sale of typical tuscan Il vostro sogno diventa realtà... Vicinanze di Volterra vendita di porzione di fabbricato "tipico Toscano" realizzate da recupero di casolare in bellissima posizione panoramica. Your dream comes true...

Dettagli

COME ALIMENTARE UN LED BIANCO.

COME ALIMENTARE UN LED BIANCO. COME ALIMENTARE UN LED BIANCO. 2011 IW2BSF Rodolfo Parisio Il dubbio amletico di tutti, lo alimento a tensione constante o a corrente costante? Dunque i led vanno alimentati a corrente costante, non in

Dettagli

Declaration of Performance

Declaration of Performance Roofing Edition 06.06.2013 Identification no. 02 09 15 15 100 0 000004 Version no. 02 ETAG 005 12 1219 DECLARATION OF PERFORMANCE Sikalastic -560 02 09 15 15 100 0 000004 1053 1. Product Type: Unique identification

Dettagli

CONOSCERE I TRANSISTOR

CONOSCERE I TRANSISTOR ONOSR I TRANSISTOR Il transistor è il nome di un semiconduttore utilizzato in elettronica per amplificare qualsiasi tipo di segnale elettrico, cioè dalla assa Frequenza alla Radio Frequenza. Per quanti

Dettagli

AC Anywhere. Inverter. Manuale utente. F5C400u140W, F5C400u300W F5C400eb140W e F5C400eb300W

AC Anywhere. Inverter. Manuale utente. F5C400u140W, F5C400u300W F5C400eb140W e F5C400eb300W AC Anywhere Inverter (prodotto di classe II) Manuale utente F5C400u140W, F5C400u300W F5C400eb140W e F5C400eb300W Leggere attentamente le istruzioni riguardanti l installazione e l utilizzo prima di utilizzare

Dettagli

BATTERIE ENERGA AL LITIO

BATTERIE ENERGA AL LITIO BATTERIE ENERGA AL LITIO Batterie avviamento ultraleggere - Extra-light starter batteries Le batterie con tecnologia al Litio di ENERGA sono circa 5 volte più leggere delle tradizionali al piombo. Ciò

Dettagli

Ingresso mv c.c. Da 0 a 200 mv 0,01 mv. Uscita di 24 V c.c. Ingresso V c.c. Da 0 a 25 V 0,001 V. Ingresso ma c.c. Da 0 a 24 ma 0,001 ma

Ingresso mv c.c. Da 0 a 200 mv 0,01 mv. Uscita di 24 V c.c. Ingresso V c.c. Da 0 a 25 V 0,001 V. Ingresso ma c.c. Da 0 a 24 ma 0,001 ma 715 Volt/mA Calibrator Istruzioni Introduzione Il calibratore Fluke 715 Volt/mA (Volt/mA Calibrator) è uno strumento di generazione e misura utilizzato per la prova di anelli di corrente da 0 a 24 ma e

Dettagli

Lo schema a blocchi di uno spettrofotometro

Lo schema a blocchi di uno spettrofotometro Prof.ssa Grazia Maria La Torre è il seguente: Lo schema a blocchi di uno spettrofotometro SORGENTE SISTEMA DISPERSIVO CELLA PORTACAMPIONI RIVELATORE REGISTRATORE LA SORGENTE delle radiazioni elettromagnetiche

Dettagli

Unità 12. La corrente elettrica

Unità 12. La corrente elettrica Unità 12 La corrente elettrica L elettricità risiede nell atomo Modello dell atomo: al centro c è il nucleo formato da protoni e neutroni ben legati tra di loro; in orbita intorno al nucleo si trovano

Dettagli

GRUPPO DI CONTINUITA' 12 V - BATTERIA BACKUP

GRUPPO DI CONTINUITA' 12 V - BATTERIA BACKUP GRUPPO DI CONTINUITA' 12 V - BATTERIA BACKUP Salve, questo circuito nasce dall'esigenza pratica di garantire continuità di funzionamento in caso di blackout (accidentale o provocato da malintenzionati)

Dettagli

TRACER218 MODULO DATALOGGER RS485 MODBUS SPECIFICA PRELIMINARE

TRACER218 MODULO DATALOGGER RS485 MODBUS SPECIFICA PRELIMINARE TRACER218 MODULO DATALOGGER RS485 MODBUS SPECIFICA PRELIMINARE V.00 AGOSTO 2012 CARATTERISTICHE TECNICHE Il modulo TRACER218 485 è un dispositivo con porta di comunicazione RS485 basata su protocollo MODBUS

Dettagli

1. Determinazione del valore di una resistenza mediante misura voltamperometrica

1. Determinazione del valore di una resistenza mediante misura voltamperometrica 1. Determinazione del valore di una resistenza mediante misura voltamperometrica in corrente continua Si hanno a disposizione : 1 alimentatore di potenza in corrente continua PS 2 multimetri digitali 1

Dettagli

LICEO DELLE SCIENZE UMANE LICEO ECONOMICO SOCIALE. PROGRAMMA ESAMI INTEGRATIVI/IDONEITA' DI INGLESE (1, 2, 3 e 4 anno) CLASSE PRIMA

LICEO DELLE SCIENZE UMANE LICEO ECONOMICO SOCIALE. PROGRAMMA ESAMI INTEGRATIVI/IDONEITA' DI INGLESE (1, 2, 3 e 4 anno) CLASSE PRIMA (1, 2, 3 e 4 anno) CLASSE PRIMA Simple del verbo to be in tutte le sue forme Il Present Simple del verbo to have (got) in tutte le sue forme I pronomi soggetto e complemento Gli aggettivi e pronomi possessivi

Dettagli

Esercizi e considerazioni pratiche sulla legge di ohm e la potenza

Esercizi e considerazioni pratiche sulla legge di ohm e la potenza Esercizi e considerazioni pratiche sulla legge di ohm e la potenza Come detto precedentemente la legge di ohm lega la tensione e la corrente con un altro parametro detto "resistenza". Di seguito sono presenti

Dettagli

Corrente elettrica (regime stazionario)

Corrente elettrica (regime stazionario) Corrente elettrica (regime stazionario) Metalli Corrente elettrica Legge di Ohm Resistori Collegamento di resistori Generatori di forza elettromotrice Metalli Struttura cristallina: ripetizione di unita`

Dettagli

Technical Support Bulletin No. 15 Problemi Strumentazione

Technical Support Bulletin No. 15 Problemi Strumentazione Technical Support Bulletin No. 15 Problemi Strumentazione Sommario! Introduzione! Risoluzione dei problemi di lettura/visualizzazione! Risoluzione dei problemi sugli ingressi digitali! Risoluzione di problemi

Dettagli

Bus di sistema. Bus di sistema

Bus di sistema. Bus di sistema Bus di sistema Permette la comunicazione (scambio di dati) tra i diversi dispositivi che costituiscono il calcolatore E costituito da un insieme di fili metallici che danno luogo ad un collegamento aperto

Dettagli

1. Che cos è. 2. A che cosa serve

1. Che cos è. 2. A che cosa serve 1. Che cos è Il Supplemento al diploma è una certificazione integrativa del titolo ufficiale conseguito al termine di un corso di studi in una università o in un istituto di istruzione superiore corrisponde

Dettagli

Progetti reali con ARDUINO

Progetti reali con ARDUINO Progetti reali con ARDUINO Introduzione alla scheda Arduino (parte 2ª) ver. Classe 3BN (elettronica) marzo 22 Giorgio Carpignano I.I.S. Primo LEVI - TORINO Il menù per oggi Lettura dei pulsanti Comunicazione

Dettagli

2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA

2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA 2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA 2.1 Principio del processo La saldatura a resistenza a pressione si fonda sulla produzione di una giunzione intima, per effetto dell energia termica e meccanica. L energia

Dettagli

Istituto Superiore Vincenzo Cardarelli Istituto Tecnico per Geometri Liceo Artistico A.S. 2014 2015

Istituto Superiore Vincenzo Cardarelli Istituto Tecnico per Geometri Liceo Artistico A.S. 2014 2015 Istituto Superiore Vincenzo Cardarelli Istituto Tecnico per Geometri Liceo Artistico A.S. 2014 2015 Piano di lavoro annuale Materia : Fisica Classi Quinte Blocchi tematici Competenze Traguardi formativi

Dettagli

Elettronica delle Telecomunicazioni Esercizi cap 2: Circuiti con Ampl. Oper. 2.1 Analisi di amplificatore AC con Amplificatore Operazionale reale

Elettronica delle Telecomunicazioni Esercizi cap 2: Circuiti con Ampl. Oper. 2.1 Analisi di amplificatore AC con Amplificatore Operazionale reale 2. Analisi di amplificatore AC con Amplificatore Operazionale reale Un amplificatore è realizzato con un LM74, con Ad = 00 db, polo di Ad a 0 Hz. La controreazione determina un guadagno ideale pari a 00.

Dettagli

bipolari, quando essi, al variare del tempo, assumono valori sia positivi che negativi unipolari, quando essi non cambiano mai segno

bipolari, quando essi, al variare del tempo, assumono valori sia positivi che negativi unipolari, quando essi non cambiano mai segno Parametri dei segnali periodici I segnali, periodici e non periodici, si suddividono in: bipolari, quando essi, al variare del tempo, assumono valori sia positivi che negativi unipolari, quando essi non

Dettagli

Ministero della Salute Direzione Generale della Ricerca Scientifica e Tecnologica Bando Giovani Ricercatori - 2007 FULL PROJECT FORM

Ministero della Salute Direzione Generale della Ricerca Scientifica e Tecnologica Bando Giovani Ricercatori - 2007 FULL PROJECT FORM ALLEGATO 2 FULL PROJECT FORM FORM 1 FORM 1 General information about the project PROJECT SCIENTIFIC COORDINATOR TITLE OF THE PROJECT (max 90 characters) TOTAL BUDGET OF THE PROJECT FUNDING REQUIRED TO

Dettagli

IL SAMPLE AND HOLD UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO. Progetto di Fondamenti di Automatica. PROF.: M. Lazzaroni

IL SAMPLE AND HOLD UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO. Progetto di Fondamenti di Automatica. PROF.: M. Lazzaroni UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO FACOLTÀ DI SCIENZE MATEMATICHE, FISICHE E NATURALI Corso di Laurea in Informatica IL SAMPLE AND HOLD Progetto di Fondamenti di Automatica PROF.: M. Lazzaroni Anno Accademico

Dettagli

U.D. 6.2 CONTROLLO DI VELOCITÀ DI UN MOTORE IN CORRENTE ALTERNATA

U.D. 6.2 CONTROLLO DI VELOCITÀ DI UN MOTORE IN CORRENTE ALTERNATA U.D. 6.2 CONTROLLO DI VELOCITÀ DI UN MOTORE IN CORRENTE ALTERNATA Mod. 6 Applicazioni dei sistemi di controllo 6.2.1 - Generalità 6.2.2 - Scelta del convertitore di frequenza (Inverter) 6.2.3 - Confronto

Dettagli

AUDIOSCOPE Mod. 2813-E - Guida all'uso. Rel. 1.0 DESCRIZIONE GENERALE.

AUDIOSCOPE Mod. 2813-E - Guida all'uso. Rel. 1.0 DESCRIZIONE GENERALE. 1 DESCRIZIONE GENERALE. DESCRIZIONE GENERALE. L'analizzatore di spettro Mod. 2813-E consente la visualizzazione, in ampiezza e frequenza, di segnali musicali di frequenza compresa tra 20Hz. e 20KHz. in

Dettagli

funzionamento degli accumulatori al piombo/acido.

funzionamento degli accumulatori al piombo/acido. Il triangolo dell Incendio Possibili cause d incendio: I carrelli elevatori Particolare attenzione nella individuazione delle cause di un incendio va posta ai carrelli elevatori, normalmente presenti nelle

Dettagli

CAPITOLO I CORRENTE ELETTRICA. Copyright ISHTAR - Ottobre 2003 1

CAPITOLO I CORRENTE ELETTRICA. Copyright ISHTAR - Ottobre 2003 1 CAPITOLO I CORRENTE ELETTRICA Copyright ISHTAR - Ottobre 2003 1 INDICE CORRENTE ELETTRICA...3 INTENSITÀ DI CORRENTE...4 Carica elettrica...4 LE CORRENTI CONTINUE O STAZIONARIE...5 CARICA ELETTRICA ELEMENTARE...6

Dettagli

I.T.I. A. MALIGNANI UDINE CLASSI 3 e ELT MATERIA: ELETTROTECNICA PROGRAMMA PREVENTIVO

I.T.I. A. MALIGNANI UDINE CLASSI 3 e ELT MATERIA: ELETTROTECNICA PROGRAMMA PREVENTIVO CORRENTE CONTINUA: FENOMENI FISICI E PRINCIPI FONDAMENTALI - Richiami sulle unità di misura e sui sistemi di unità di misura. - Cenni sulla struttura e sulle proprietà elettriche della materia. - Le cariche

Dettagli

222X IT Manuale d uso

222X IT Manuale d uso 222X IT Manuale d uso INDICE 1 INTRODUZIONE 2 1.1 Benvenuto 2 1.2 Contatti per il servizio 2 1.3 Cosa fare se il vostro veicolo viene rubato 3 1.4 Autodiagnostica periodica del vostro dispositivo 4 1.5

Dettagli

LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA

LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA (Fenomeno, indipendente dal tempo, che si osserva nei corpi conduttori quando le cariche elettriche fluiscono in essi.) Un conduttore metallico è in equilibrio elettrostatico

Dettagli