UN ALTRA SPECIE DI ORTO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "UN ALTRA SPECIE DI ORTO"

Transcript

1 UN ALTRA SPECIE DI ORTO INDICE : Prefazione AMBIENTE: LA FORESTA...3 Una Nuova Fonte di HUMUS - Nutrire il Terreno Materia Cruda Area di Compostaggio Sito Dimostrativo Impregnazione AGRICOLTURA: IL TERRENO...11 Coltivare senza Irrigazione - Condizioni d Uso Applicazione Copertura Risultati Patinatura...21 HUMUS...28 Il Nutrimento FONDAMENTALE per il Terreno -Vigne ed alberi da frutta Cereali Prato...33 Industrializzazione del Composto di Sterpaglie

2 PREFAZIONE Tutto cominciò un giorno, per Jean Pain, molti anni fa, quando un uomo arrivò a casa sua e disse: Perchè non coltivate la terra? Fate del giardinaggio, piantate degli alberi, coltivate la vigna, crescete il vostro grano e fate del pane!. L uomo si chiamava Marcel Bretineau, e morì poco dopo, senza aver potuto dirgli molto di più al proposito, eccetto che le leggi di natura vanno rispettate. Passarono parecchi anni, anni studiosi e laboriosi, durante i quali Jean si immerse nei testi, leggendo avidamente tutto sulle scienze forestali ed agricole. Condusse molteplici esperimenti sulla nostra terra. Jean stava ricercando. Da allora molte persone gli hanno chiesto ripetutamente di spiegare per iscritto il suo metodo per ottenere il meglio dal terreno, e perciò ho pensato che nessuno meglio della sua compagna di vita possa spiegarlo per lui, visto che Jean non é molto incline allo scrivere. Non avendo l erudizione di mio marito in materia agricola, proverò ad esprimermi chiaramente e semplicemente, con la speranza che tutti mi possano comprendere. Eviterò dunque le trappole dei termini scientifici. UN ALTRA SPECIE DI ORTO (non trovo titolo più eloquente) sarà quello in cui ogni terreno possa essere coltivato ed ogni pianta cresciuta, un orto in cui nessun tipo di trattamento, curativo o preventivo, verrà utilizzato, poichè consideriamo che un terreno od una pianta trattata sia incapace di produrre un lineaggio robusto. Se una pianta si ammala dice Jean Pain, attraverso qualche deficenza.o attacco fungale, l unica persona responsabile é l agricoltore, e spetterà a lui trovare un nutrimento perfettamente bilanciato al terreno, per prevenire una ricorrenza del problema: utilizzare un palliativo applicando qualche prodotto potrebbe causare un indebolimento della linea e dunque creare un crescente e persistente sbilanciamento. Jean continua dicendo, non credo che per quanto riguardi il lavorar la terra, esista un metodo globale o un sistema uniforme. Dovrebbe essere l agricoltore che si adatta, decisamente, al terreno di cui ha la responsabilità, questa terra che ha in prestito e dalla quale deve trarre il maggior beneficio per tutti, incluso se stesso, considerandone il carattere, la personalità ed il comportamento, a seconda del clima, pedologia e geologia. La sola cosa che resta generale, polivalente ed indispensabile, é il dare o ri-dare alla terra l HUMUS in qualsiasi forma ed, aggiungiamo, QUESTA E LA NOSTRA ULTIMA POSSIBILITA ; L umanità deve agire economicamente, poiché nessuno ha più diritto di bruciare materia organica di alcun tipo, dai rifiuti domestici a quelli urbani, dalle segherie e fabbriche d imballaggio, alle sterpaglie ottenute ripulendo le macchie. Eppure ogni anno milioni, sì, milioni di tonnellate di sterpaglia derivata dal bosco, sono a disposizione dell agricoltura; costa poco, ma é incomparabilmente ricca, e ci dà l unico fertilizzante che, oltre ad essere cibo immediato e perfettamente bilanciato per il terreno su cui coltiviamo le piante per il nostro sostentamento, diverrà al tempo stesso l HUMUS nutritivo di domani. E l ideale per ogni tipo di coltivazione: cereali, erbe mediche, alberi da frutta e vigne, come pure per i vegetali e la crescita dei fiori. 2

3 1. AMBIENTE: LA FORESTA Per proteggerla dal fuoco, bisognerebbe sempre fare un giudizioso sfoltimento della macchia; é L UNICA E RADICALE SOLUZIONE al problema degli incendi forestali. Per sfoltimento giudizioso intendo dire che vanno mantenuti i punti con maggior fogliame e tronchi pù spessi, per permettere agli uccelli e gli animali selvaggi di costruirci i propri rifugi, naturalmente lontano dalle strade trafficate. Lo sfoltimento dovrebbe venir fatto a scacchiera, adattandolo al terreno e dividendolo in riquadri come un foglio da disegno. Naturalmente, lo sfoltimento costa denaro ed ENERGIA e fin ora non ha dato nessun guadagno; é stato semplicemente un buco che inghiottiva risorse nazionali e regionali. Ora, per la prima volta, grazie al compostaggio delle sterpaglie insieme al concime organico e all ENERGIA così ottenuta, possiamo intravedere la possibilità di recupero del bosco mediterraneo: eviteremmo il pericolo di incendi, senza spesa per lo Stato, fertilizzando e al tempo stesso ricostruendo un terreno povero o disastrosamente debole e completamente carente di HUMUS. In questo modo tutti ne trarrebbero beneficio. Incidentalmente, sono rimasto stupito sopratutto dal fatto che di tutte le persone che mi hanno visitato negli ultimi anni, gente competente in materia forestale ed agricola, nessuna ha messo in discussione la mia idea; al contrario, c é stata un unanime approvazione. C é dunque posto per la speranza, poichè tutto é possibile. L uso del composto di sterpaglie nel programma di riforestamento aiuterà le piantagioni di alberi ad attecchire meglio e crescere più velocemente. Si può così guadagnare anni nella ricostruizione di un bosco distrutto dal fuoco, dove anche l HUMUS di base é stato bruciato, lasciando la madre pietra a nudo. Ho in mente la Francia dell Esterel e le Maures, la Corsica, e poi la California e la Sierra Nevada, che abbiamo visitato recentemente. L attrezzatura per spezzettare e compostare industrialmente é stata inventata anni fa, ed viene usata per i rifiuti urbani da ormai molti anni; l ambiente rurale, che ne ha così bisogno, dovrebbe utilizzarla proprio per questa vitale rigenerazione. NUTRIRE IL TERRENO Bisogna fare del nostro meglio, dice Jean Pain, per restare il più vicino possibile agl insegnamenti della foresta. Il cibo del terreno é principalmente e primariamente materia vegetale, che egli definisce materia vivente quando é ancora verde. Abbiamo molta cura nell utilizzala così per elaborare composti, ovunque possibile. Rimettendo una sostanza tale nel terreno dopo il compostaggio, qualunque pezzo di terra, per quanto povero, diventerà fertile e pronto a crescere vegetali. Dal minuto filo d erba alla sequoia gigante, ogni pianta é potenzialmente HUMUS. Il composto di sterpaglie sarà per il terreno sia nutrimento che telaio, HUMUS VIVENTE. 3

4 (verso la fine di questo libro, vedremo come utilizzare questo HUMUS VIVENTE in vari modi, come fertilizzante generale su ogni terreno) MATERIA CRUDA In questa vista ravvicinata possiamo riconoscere le piante che abbiamo raccolto per il composto: quercia, pino, timo, rosmarino, lavanda, scopa, ginepro, ginestra, felce, euforbia, dafne, salsaparilla, erica, santoreggia, ginepro rosso, lentisco, ruta, in effetti qualunque pianta, senza eccezione, preferenza o proporzione. Il fattore essenziale é la varietà. E così che otterremo un equilibrio nel composto. C é una sola restrizione, ed é il diametro dei rami più grandi, che non dovrebbe eccedere gli 8mm in caso di compostaggio manuale. Questo implica che la clorofilla non dovrebbe essere completamente eliminata, o ciò distruggerebbe le piante, ma alcuni dei tronchi e rami dovrebbero venir tagliati. Incidentalmente, essendo più teneri e meno legnosi, si decompongono più velocemente. Non é il caso di eliminare lo schermaglio delle piante, ma semplicemente diradarlo. In questo modo possiamo giocare la nostra parte nella protezione dell ambiente. Nel caso di compostaggio su larga scala, giustificato dal riciclaggio del prodotto ottenuto dallo sfoltimento di grandi aree ( bordi delle strade, strade forestali, strisce di prevenzione incendi, etc.), questo diametro di 8mm verrà considerevolmente ecceduto. La tecnica di raffinamento e compostaggio sarà allora differente. Svilupperemo questo argomento nel capitolo INDUSTRIALIZZAZIONE DEL COMPOSTAGGIO DI STERPAGLIE. 4

5 L AREA DI COMPOSTAGGIO Qui possiamo vedere Jean approfittare di una giornata di pioggia per bagnare le sterpaglie raccolte di recente, con l intenzione di preparare un mucchio per il compostaggio. E sempre consigliabile avere a disposizione un vasta area di compostaggio. Questo ci permetterà di lavorare senza restrizioni di movimento durante le varie fasi di lavoro. Quì, per esempio, siamo in uno spiazzo nella foresta, con poca vegetazione ed una superficie piatta. Così sarà facile raccogliere l acqua piovana, stendendo teli cerati sul terreno, con i bordi rialzati. Questo nel caso in cui non ci siano altre sorgenti d acqua a disposizione. 5

6 IL SITO DIMOSTRATIVO Questo é il sito che Jean scelse per dimostrare ad alcuni amici il valore del composto di sterpaglie. In pratica, la terra non é arabile. Brevemente, ecco la posizione e le caratteristiche di questo terreno, insieme al micro-clima: il sito é a dieci metri da una cima rocciosa alta 420 metri. Grandi rocce di gesso, sottosuolo sabbioso; l acqua é a 95m sotto terra. Capacità di ritenzione dell umidità, nessuna. Il sito é verso Sud. Situazione geografica: nel cuore della Provenza. Le estati sono asciutte, brucianti (la temperatura media giornaliera dalla fine di Giugno alla fine di Agosto é di 35 all ombra). Sul terreno potete vedere un area di scarsa vegetazione che esisteva sul sito due anni prima che la foto fosse scattata. Qui siamo alla fine di Giugno. Quella particolare estate, la poca ombra era data da rami di pino che erano stati tagliati lì vicino. Quest ombra é presente solo in Maggio e Giugno, per permettere alle piantine di attecchire saldamente, pronte ad affrontare la torrida estate che quì abbiamo sempre. Proprio all inizio di Luglio, questi rami vengono rimossi e possono essere riutilizzati, per esempio come copertura finale per il mucchio di composto. Secondo Jean, quest ombra é indispensabile nel caso di coltivazioni senz acqua. Non é applicabile naturalmente quando le piantine vengono innaffiate al momento della piantagione e nei giorni successivi. Quì, nessuna delle piantagioni riceve una goccia d acqua; comunque, come vedremo più tardi nel caso dei porri, quando vi é un lungo periodo di siccità, prima di piantare, vanno PATINATE le radici, immergendole in una mistura di composto, acqua e argilla, utilizzando dunque piccole quantità di acqua. 6

7 IMPREGNAZIONE Ci sono vari metodi per impregnare la materia vegetale per il compostaggio. Il primo consiste nel rigirare la materia vegetale ripetutamente sotto la pioggia, e poi ammucchiarla rapidamente (vedi sopra). Questo quando non ci sono altri mezzi a disposizione. Il secondo metodo consiste nell innaffiare il mucchio, sia con un innaffiatoio, oppure con brevi doccie ripetute, affinchè il mucchio possa ritenere quest acqua. Nel terzo ed ultimo metodo, quello che Jean considera il più razionale, immergiamo la materia vegetale in un tino, come nella foto sopra, od un bidone, una vasca o qualunque recipiente non metallico. Via via che la sterpaglia viene portata nell area di compostaggio, dovrebbe venir accumulata nel tino vuoto e pigiata fermamente. Dovrebbe poi essere mantenuta pressata con una pietra, e poi il tino riempito d acqua. Lasciate poi per uno o più giorni, a seconda del diametro dei rami più grandi. Dopo di chè, togliete dal bagno con un forcone, drenate bene, e mettete sul mucchio. Questo processo viene ripetuto per quanto necessario, fino ad ottenere un mucchio di sterpaglia di 4m, bagnato e compatto, aggiungendo l acqua che può assorbire. (A volte accade che, per mancanza di tempo, l agricoltore non può accumulare il volume sufficiente in breve tempo.per evitare che si asciughi, perdendo i benefici dell impregnazione, la materia già impregnata e ammucchiata dovrebbe essere protetta da rami o paglia.) Questo é di fatto il volume minimo per permettere un adeguata fermentazione. Non c é un volume massimo, ovviamente. Quello dipende dalle possibilità dell agricoltore. Comunque, Jean Pain trova che é meglio fare parecchi mucchi successivi, piuttosto che un unico grande mucchio, per ragioni di accessibilità. Occorrono ad una persona tre giornate di lavoro buone per raccogliere ed impregnare questo volume di sterpaglia, che produrrà due tonnellate di composto pronte all uso. Questo é il punto di partenza per le fasi successive, che risulteranno, 111 giorni dopo, in una sterpaglia compostata della migliore qualità, a condizione che le seguenti operazioni vengano eseguite attentamente, scrupolosamente ed accuratamente. Perchè l operazione abbia successo, vanno presi in considerazione tutti i fattori. 7

8 Sono passate tre settimane dall ultimo giorno di impregnazione. Il mucchio é sceso ed ammorbidito. Decidiamo di compostare. Con il forcone girato verso il basso (le punte in giù), procedete ad una specie di cardatura, battendo vigorosamente e ripetutamente gli orli; in questo modo la materia vegetale si sfascerà. Poi mettetela da parte. Basta un ora e mezzo di lavoro continuo per cardare tutto il mucchio; la materia vegetale apparirà ora diversa: avrà assunto un colore marrone e avrà un odore amaro. Sarà tiepida, significando che la fermentazione é iniziata. 8

9 Di tutti gli stati di compostaggio, questo dovrebbe essere quello in cui l accuratezza è essenziale. Le misurazioni dovrebbero essere scrupolosamente rispettate. Larghezza alla base 2,2m. Altezza al centro 1,6m, di forma triangolare. La lunghezza é determinata dalla quantità di sterpaglia che dev essere compostata. Con il forcone, gettatela sul mucchio, e questa volta non premetela. Se fate attenzione a gettarla ogni volta nell asse centrale come sopra dimostrato, troverete che il mucchio prende forma da sè. Questo impiega mezz ora. 9

10 Continuando a non premere il mucchio, spargete con una vanga uno strato di 2cm di terra o sabbia o foglie compostate, o anche vecchio composto, sopra il mucchio. Quest operazione richiede un quarto d ora. Eccoci allo stato finale. Ponete dei grossi rami sopra la cima come per il tetto di una capanna, per proteggere l insieme dalla pioggia, vento, neve e sole. Questo lavoro richiede un ora, considerando il tempo richiesto per raccogliere i rami grossi dal bosco. Nel corso di alcuni giorni, il mucchio comincerà a fermentare vigorosamente, raggiungendo a volte temperature di 75 ; questo é ciò che stiamo tentando di ottenere. Le varie condizioni aerobiche e anaerobiche (con o senza la presenza di aria) sono ben conosciute, e, dice Jean, sono state esaminate così attentamente da scienziati quali Brétignières, Demolon, Burgevin, Howard e Caspari, per la fabbricazione di concime artificiale, che non intendiamo ora entrare nel processo e la complessità di tutto ciò. La cosa essenziale per noi in questo caso, pensiamo sia registrare gli ottimi risultati ottenuti, se il lavoro viene eseguito secondo la tecnica di Jean Pain, rispettando i tempi da lui indicati. 10

11 2. AGRICOLTURA: IL TERRENO (Dopo 3 mesi...) CONDIZIONI D USO Tre mesi sono passati... Ecco il composto di sterpaglie pronto all uso dopo 90 giorni di fermentazione ventilata. Notate il mucchio quando viene tagliato: la ruvidezza della materia vegetale, nonostante la sua apparenza, ha subito un soddisfaciente e sufficiente attacco batteriologico, percui ora può essere utilizzata sulla superficie. Abbiate cura di esporla solo minimamente alla luce del sole, e di ricoprirla con rami od una rete se dovete lasciare il lavoro per parecchie ore. Ovviamente, ci spiega Jean, non c é un limite di tempo per il suo utilizzo. Se non lo necessitate immediatamente, ricoprite attentamente il mucchio. Dopo qualche mese avrete un concime adatto alla semina, o anche per le specie rare e delicate in orticoltura e floricoltura, a condizione che il mucchio venga rivoltato un mese prima dell uso e riportato alle sue dimensioni originarie. Bisogna ricordare che il composto di sterpaglia dopo 90 giorni può essere solamente applicato sulla superficie e non mescolato col terreno, o sotterrato. In caso di un applicazione differente, procedete come spiegato, rivoltando il mucchio. Questo é indispensabile. Sarebbe un grave errore incorporare nel terreno un prodotto così grossolano da diventare un corpo estraneo nel terreno invece che nutrimento per esso. In effetti, tale sbaglio porterebbe inevitabilmente ad un blocco, un termine che Jean spiega così: introdurre una tal cosa nel terreno farebbe sì che il terreno utilizzi la maggior parte della propria energia per digerire, assorbire e decomporla, a discapito delle piante che vorremmo veder crescere e prosperare. Ancor peggio, poiché il composto non viene digerito dal terreno nello stesso modo che avviene in superficie, quel terreno sarà probabilmente in uno stato pietoso l anno successivo, e in alcuni casi anche l anno seguente, poichè il materiale ligneo, parte del composto di sterpaglia, impiega un certo tempo a diventare sufficientemente decomposto, e solo a quel punto é capace di arricchire il terreno. 11

12 Se, per motivi pratici, si vuole utilizzare il composto di sterpaglia come fertilizzante o migliorante umico che può essere incorporato, come nel caso di una ordinaria piantagione (cereali, alberi da frutta, verdure, vigne, etc.), c é un semplice esame per determinare se cio é possibile o meno: prendete uno dei pezzi di legno più grossi dal mucchio e provate a sbriciolarlo fra le dita; se resiste questa pressione, non é pronto per essere incorporato; ma se si sfalda, significa che lo stato di decomposizione é sufficientemente avanzato. Si può generalmente assumere che il composto di sterpaglia possa essere incorporato dal 9 mese in poi, se il materiale utilizzato nella preparazione proviene da rami non molto legnosi, ossia che il più grande misuri meno di 1cm di diametro. Se state utilizzando composto di un materiale scheggiato e compostato di diametro molto più grande, come alberelli o cespugli interi, (che rappresentano la maggior parte del materiale ottenuto da ditte che si specializzano nello sfoltimento di boscaglie), non sarà possibile incorporarlo per 18 mesi o anche due anni e più, dipendendo da quanto finemente la sterpaglia é stata scheggiata e raffinata. (quantità e condizioni d uso nel capitolo sui cereali) APPLICAZIONE 12

13 Vista di una coltivazione di melanzane prima di deporre il composto di sterpaglie. Notare le tavole di legno poste per permettere all agricoltore di camminare avanti ed indietro senza premere la terra. Le tavole saranno rimosse via via che il lavoro avanza. Queste giovani piante furono messe nel suolo fra il 5 e il 10 Maggio. Precedentemente c era stato un raccolto primaverile di fagiolini nani, e prima dei fagiolini un raccolto di lattuga invernale. Torniamo ora un po indietro. Nel Novembre dell anno precedente, all inizio del primo gelo, il terreno era stato ripulito del suo raccolto di cocomeri. Gli ultimi frutti e le foglie erano stati rimossi, e quello che rimaneva del composto e coperta della coltivazione estiva era stato leggermente zappato nel suolo; poi la lattuga invernale era stata immediatamente piantata. La materia organica nutritiva di cui é fatto il composto di sterpaglia viene applicata una volta l anno, all inizio della coltivazione estiva, in uno strato di 7cm. La coltivazione estiva é la terza di un ciclo di rotazione del raccolto, che inizia con quella invernale. Questa rotazione dei raccolti é ancora più importante qui che in ordinarie coltivazioni e serve un doppio proposito; primo, nessun elemento naturale viene sprecato, e secondo, i prodotti nutritivi che ne derivano sono utilizzati nel modo migliore: sappiamo che verdure a foglia hanno bisogno di molto azoto, le verdure a radice di molto potassio, e le verdure a frutto di acidi fosforici. Non dimentichiamoci che la materia vegetale del bosco é l unica sorgente che stiamo utilizzando, anche per la sintesi, in una situazione dove l uso dell acqua, quell agente generale di dissolvimento, senza cui non possiamo far niente, sarebbe necessaria...eppure non innaffiamo! Veduta di parte della coltivazione estiva in Maggio mentre stavamo applicando il composto di sterpaglia. Notate le strutture utilizzate quell anno: rami di cespugli d erica. Da allora, Jean consiglia di non utilizzare questi rami per quello scopo: c é il rischio che si spezzino nell infilarli nel terreno, ferendo l agricoltore. Notate anche che le piante di pomodoro sono legate molto leggermente ai sostegni. le giovani piante non devono essere strangolate dice Jean. 13

14 Una settimana prima della foto, le piante erano state leggermente potate per assisterle nella crescita, rimuovendo i getti laterali che sarebbero stati di troppo per la pianta, eccetto quello alla quinta foglia dal basso, che cresce rapidamente in un ramo uguale e parallelo a quello principale, come un rampicante. Rimuovete ogni ramo, eccetto uno ogni decima foglia. Questo dovrebbe essere fatto fino a Settembre, dopo di che la pianta può essere lasciata a crescere a modo suo. Tutto ciò che dovete fare é tenere le piante legate e raccogliere i pomodori. A causa di questa prunatura particolare, Jean ottiene non solo piante fruttifere alte 2 metri e mezzo, ma anche una sorprendente quantità di frutti, a volte 20 kg e più. Prima di piantare i pomodori, c era una piantagione primaverile di spinaci. Durante l inverno, la stessa area era stata utilizzata per le carote, e prima ancora una piantagione estiva di melanzane. Generalmente, ci sono tre raccolti l anno, a rotazione, eccetto quando ci sono verdure invernali o primaverili che occupano il terreno per due stagioni. SEMI Per la semina in estate senza innaffiare, per esempio: carote, rape, insalata, etc., si utilizzerà il medesimo procedimento usato per le piante: applicate uno strato di composto di 7cm + una copertura di 10cm, ma quando siete pronti a seminare, aprite il composto e la copertura, piantate il seme nel terreno, e poi, quando si sviluppa la giovane pianta, riponete il composto e copertura; non piantate mai nel composto stesso: esso é il nutrimento del terreno, non delle piante. 14

15 Applicazione di composto di sterpaglia: viene solamente applicato alla superficie, non incorporato. Un minuto dopo, Jean lo spargerà, a formare uno strato omogeneo di 7cm. Non c é niente di male a spargere uno strato più spesso, se l altezza delle giovani piante lo permette,dice. Non va dimenticato, come Delomon ha dimostrato così bene ne La Dinamica del Terreno, che il terreno é un ambiente vivente. Uno dei vantaggi dell utilizzo di questo composto e della vita che porta con la sua intensa microflora e microfauna é che ha un valore apprezzabile e non rimpiazzabile. Subito dopo questa operazione, Jean se ne andrà nella foresta a raccogliere aghi di pino, così che il composto da applicare srà esposto il minimo possibile al sole; é ancor meglio avere un copertura a portata di mano. Notate le canne usate quell anno per dare ombra fino a luglio. 15

16 Ecco Jean di ritorno. Ha avuto cura di raccogliere aghi solamente nei punti della foresta di pini che erano molto densi, spessi e ben coperti, lasciando sempre una copertura sufficiente a proteggere il terreno. Quell anno, per la prima volta, Jean decise di usare gli aghi di pino per la copertura estiva, per dimostrare quanto sia utile questa sostanza, tenendo sempre a mente la lotta contro gli incendi, e d altro lato, dimostrare che non é impossibile trasformare questa sostanza, considerata niente più che un impiccio ( rifiuti inutili che sterilizzano il suolo ), in un prodotto che ha un certo valore quando viene utilizzato con questa tecnica. 16

17 Da allora, molti individui ci hanno raccontato della loro soddisfazione nell utilizzare una copertura protettiva di aghi di pino. Senza dubbio gli aghi di pino sono abbondanti, facili da raccogliere, voluminosi a causa della loro abbondanza, e dunque leggeri da trasportare. Un altro vantaggio é che l aria circola molto bene attraverso la massa. In conclusione, l esperienza sembra dimostrare che animali distruttivi come i roditori (eg. ratti e topi di campo) non gradiscono dimorare negli aghi, che invece accade quando la copertura é di erbe selvatiche, paglia o fieno vecchio. Sono stati anche fatti esperimenti con corteccie dagli alberi della foresta, in California; é una soluzione interessante al problema dell evaporazione, ma la corteccia dovrebbe essere attentamente rimossa al termine del raccolto d estate ( che non ha ricevuto irrigazione), nello stesso modo degli aghi di pino o qualsiasi cosa utilizzata per copertura e che non si decompone facilmente; Questo é importante e deve sempre essere rispettato, per non introdurre la corteccia nel terreno così com é. COPERTURA Qui possiamo vedere Jean mentre mette la copertura finale per la coltivazione estiva (uno strato più spesso questa volta, circa 10cm). Questo é essenziale per coltivare senza irrigazione artificiale. Non solo, spiega Jean, questa copertura preverrà che l acqua evapori dal terreno e dal composto, ma, durante la parte più calda del giorno, potra causare un appreciabile condensazione in cima al composto, e permettergli di lavorare intensamente nell oscurità. Egli continua dicendo, ovviamente, foglie, paglia, fieno od erbe verdi non andate in seme causeranno lo stesso fenomeno. Saranno ancora migliori, di fatto, poichè gli aghi di pino dovranno essere inevitabilmente rimossi per la piantagione invernale che segue, mentre la copertura con la materia vegetale menzionata sopra, può essere zappata leggermente nel terreno al termine della stagione (sarà, a quel punto,diminuita considerevolmente). Per quanto riguarda gli aghi di pino, andranno, naturalmente, nel composto. Non dovrebbero mai essere incorporati nel terreno così come sono. Qualunque materia vegetale venga scelta come copertura per proteggere la terra e il composto dall evaporazione, sarà importante assicurarsi al momento dell applicazione che lo strato sia perfettamente omogeneo e che non ci siano fori o spazi malamente riempiti, soprattutto ai piedi delle piantine ed intorno ai loro gambi. 17

18 Infatti, una copertura applicata male od imperfettamente, per esempio se i sentieri ed i passaggi vengono lasciati scoperti ( pensando che sia sufficiente coprire solo l area coltivata), lascerebbe fuggire l umidità dal suolo e sottosuolo attraverso le parti lasciate scoperte. Questo é importante, particolarmente se, come in questo caso, l orto é piccolo, cioè circa 100m2. Veduta di una parte del giardino estivo, non irrigato, dopo l applicazione del composto di sterpaglie e la copertura finale con gli aghi di pino. Jean ha rimesso le tavole, per evitare di schiacciare la terra durante i suoi frequenti andirivieni per legare i pomodori. Dopo di ciò, le tavole verranno rimosse fino a chè le piante dovranno nuovamente essere legate. Notate il verde uniforme delle foglie dei pomodori e delle giovani piante, la clorofilla essendo distribuita egualmente sulla superficie delle foglie. Non ci sono macchie gialle o marroni, strisce o segni sintomatici di varie malattie batteriche o funghi microscopici, che in questo stadio normalmente attaccano le piante cresciute in condizioni normali e con l uso di fertilizzanti. A questo punto possiamo tornare indietro all ultima frase della pagina precedente, ed aggiungere dell altro riguardo l area dell orto. Molte persone, spesso quelle nel settore, vivaisti, orticoltori, etc..., chiedono se sia possibile applicare questo metodo su scala più vasta; se tutte queste misure protettive non causerebbero molte spese per la forza lavoro richiesta: Jean Pain ammette di non avere esperienza nelle coltivazioni su larga scala, comunque, essendo attento all economia e a non sprecare, si é messo a fare dei calcoli molto precisi. E arrivato alla conclusione che, nonostante il tempo supplementare richiesto all inizio della coltivazione estiva, nell applicare il composto e ricoprirlo, l agricoltore vince alla grande per il fatto che non deve irrigare o lavorare il terreno per mesi a venire. A parte i vantaggi strettamente materiali, bisogna anche tenere in considerazione la qualità del prodotto, di per sè inestimabile. Infine bisogna aggiungere che, molto logicamente, i risultati quantitativi devono inevitabilmente essere uguali, se non maggiori, su larghe aree, poiché quando l area é più grande, si crea un micro-clima con una tendenza all umidità, in una regione asciutta come la nostra. 18

19 RISULTATI L autrice, nell orto del marito, raccoglie un cocomero che pesa più di 6kg. Notare la robustezza delle piante di melanzane. I loro enormi frutti si intravedano a malapena a causa del fitto fogliame; sullo sfondo, contro la rete, piante chaillote, una specie tropicale della famiglia delle zucche, che crescono in africa sotto questo nome e nei caraibi sotto il nome di cristofine. Henry Sthele sottolinea che nella flora ecologica dei caraibi il suo nome scientifico é sechium odulum, che significa sechia mangiabile. E un buon frutto-verdura; é dolce e poò essere mangiato sia in insalata che grigliato. Nel centro, un piccolo raccolto di grano quasi maturo (25 Settembre). Jean Pain lo coltivò prima di tutto per vedere quante spighe dava questo tipo di grano (Talismano, fissato da Raoul Lemaire, un grano tenero che fa del pane molto buono, ed una varietà molto adatta per regioni asciutte e calde). Voleva anche vedere quanto la spiga mantenesse i suoi grani nei venti forti (maestrale), anche negli stati avanzati di maturazione. Vorrei aggiungere che la farina non setacciata di questo grano, lavorata con acqua di sorgente, rende un pane delizioso, nutriente e dinamico. Notate l assenza totale di malattie nelle piante, foglie e frutti (sempre senz alcun trattamento). Il giallo che si vede é dovuto all invecchiamento naturale. L ultima pioggia risale al 27 Giugno, cioè 87 giorni senza pioggia. La dimostrazione fu brillante. Quell anno la copertura era di felci, tagliate quando ancora verdi. Jean Pain spiega: a parte il fatto che questo tipo di coltivazione elimina l irrigazione, si ha anche il piacere di notare che un lavoro molto noioso viene eliminato, ed é il togliere le erbacce; lo zappare e il rastrellare vengono pure eliminati; nulla di ciò é necessario per più di cinque mesi, da Maggio a Novembre, che permetterà al giardiniere di fare altri lavori, o anche andarsene per parecchie settimane, senza la paura di ritrovare al ritorno coltivazioni ridotte al niente o coperte da piante auto-seminatesi. 19

20 Jean Pain mostra l interno di un cocomero, che abbiamo trovato più dolce, più compatto, duro e soprattutto più saporito dello stesso frutto cresciuto con sistemi ordinari. Questo, incidentalmente, é uno dei tanti aspetti delle verdure e frutte cresciute con composto di sterpaglia e senz acqua; in ciascun caso la frutta e verdura é più densa, ha miglior sapore e consistenza, ed e meno prone ad attacchi parassitari. La natura sembra aver concentrato tutte le sue energie nel dare il meglio di sè; un altro segno: accade spesso che le caratteristiche fisiologiche delle piante così cresciute assomiglino a quelle delle loro controparti selvagge. Le patate, per esempio, si formano dopo che la pianta ha finito di fiorire ed i bulbi dei porri sono ben sviluppati, come cipolle. Veduta di una piantagione di pomodori il 30 Giugno, con i primi frutti che maturano ancor prima che venga rimossa la copertura per il sole; la varietà coltivata ed adottata é il Saint Peter. 20

Progetto, realizzazione e manutenzione di un laghetto da giardino - Direttive generali -

Progetto, realizzazione e manutenzione di un laghetto da giardino - Direttive generali - Progetto, realizzazione e manutenzione di un laghetto da giardino - Direttive generali - (tratto dalla relazione di Martino Buzzi del 17.09.06) Lo stagno: un angolo di natura Avere uno stagno nel proprio

Dettagli

Giorni ideali per il taglio del legname nell anno 2015.

Giorni ideali per il taglio del legname nell anno 2015. Giorni ideali per il taglio del legname nell anno 2015. Giorni favorevoli per il taglio di legname da costruzione e uso falegnameria. Gli alberi dai quali si ricava legname da costruzione e per la fabbricazione

Dettagli

Tu ci metti i rifiuti La natura farà il resto CAMPAGNA DI PROMOZIONE DEL COMPOSTAGGIO DOMESTICO

Tu ci metti i rifiuti La natura farà il resto CAMPAGNA DI PROMOZIONE DEL COMPOSTAGGIO DOMESTICO Tu ci metti i rifiuti La natura farà il resto CAMPAGNA DI PROMOZIONE DEL COMPOSTAGGIO DOMESTICO ndice 1 Fai come fa la Natura 2 Cosa ci metti per fare la terra? 3 Come funziona il Compostaggio 4 Le cose

Dettagli

IL SUOLO AMBIENTE VIVO gli organismi che vivono nel suolo

IL SUOLO AMBIENTE VIVO gli organismi che vivono nel suolo IL SUOLO AMBIENTE VIVO gli organismi che vivono nel suolo Le forze inorganiche creano sempre solo l inorganico. Mediante una forza superiore che agisce nel corpo vivente, al cui servizio sono le forze

Dettagli

GUIDA AL COMPOSTAGGIO DOMESTICO

GUIDA AL COMPOSTAGGIO DOMESTICO Comune di CORI (Lt) Assessorato all RACCOLTA DIFFERENZIATA PORTA A PORTA GUIDA AL COMPOSTAGGIO DOMESTICO pagina 1 SOMMARIO Premessa... 3 1 Principi generali: Cos è il Compostaggio... 4 2 Cosa mettere nella

Dettagli

Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile

Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile Come ottenere energia rinnovabile e compost dai rifiuti organici Un percorso di educazione ambientale alla scoperta dell impianto di compostaggio

Dettagli

Società Agricola: Emon Agri

Società Agricola: Emon Agri Società Agricola: Emon Agri INTERVISTA AD UN AGRICOLTORE DELLA SOCIETA' AGRICOLA: Sul vostro logo c'è scritto che attuate una coltivazione virtuosa, ci può dire cosa si intende? Ci spiega: Per coltivazione

Dettagli

1. Quando si devono potare le rose? 2. Come disporre i rami delle rose rampicanti? 3. Qual è il periodo migliore per piantare una rosa?

1. Quando si devono potare le rose? 2. Come disporre i rami delle rose rampicanti? 3. Qual è il periodo migliore per piantare una rosa? 1. Quando si devono potare le rose? a) I Rosai rampicanti e arbustivi: non si potano in quanto fioriscono sui rami (sarmenti) dell anno precedente; se potiamo, la produzione di fiori viene ridotta a circa

Dettagli

Problemi Scarsa areazione, difficoltà di rivoltamento

Problemi Scarsa areazione, difficoltà di rivoltamento Che cos è il compost Il compost è il terriccio (humus) che si forma dai rifiuti organici (erba, foglie, avanzi di frutta e verdura, ecc) grazie all azione del sole, dell aria e dei microrganismi presenti

Dettagli

Effetti dell incendio sull ambiente

Effetti dell incendio sull ambiente Effetti dell incendio sull ambiente Dott. For. Antonio Brunori Effetti del fuoco Il fuoco danneggia e spesso distrugge il bosco, per valutare le effettive conseguenze di un incendio su un ecosistema forestale

Dettagli

Verifica - Conoscere le piante

Verifica - Conoscere le piante Collega con una linea nome, descrizione e disegno Verifica - Conoscere le piante Erbe Hanno il fusto legnoso che si ramifica vicino al terreno. Alberi Hanno il fusto legnoso e resistente che può raggiungere

Dettagli

Pietra dei solstizi di Montevila Perca (Alto Adige)

Pietra dei solstizi di Montevila Perca (Alto Adige) Dott. Huber Josef Pietra dei solstizi di Montevila Perca (Alto Adige) La pietra dei solstizi di Montevila é un blocco di granito con un volume di ca. 1,3 m³. Ha cinque fori con un diametro di ca. 3 cm

Dettagli

CARATTERISTIC HE-ALIMENTARI. buono da mensa ottimo per salse fragranza intensa

CARATTERISTIC HE-ALIMENTARI. buono da mensa ottimo per salse fragranza intensa CARATTRISTICH- CARATTRISTIC H-ALIMNTARI DV pomodoro ovale di daniele semina: febbraio trapianto: aprile-maggio raccolta: luglio-novembre buccia chiara, arancione se maturo, polpa compatta, pochi semi,

Dettagli

COS E LA PRODUZIONE INTEGRATA?

COS E LA PRODUZIONE INTEGRATA? Cos è la Produzione Integrata (PI). Con questo scritto desidero fare una cronistoria sulla produzione integrata, un sistema di lotta iniziato negli anni 80, dove un ticinese nella persona del Dott. Mario

Dettagli

IL TEMPO METEOROLOGICO

IL TEMPO METEOROLOGICO VOLUME 1 CAPITOLO 4 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE IL TEMPO METEOROLOGICO 1. Parole per capire A. Conosci già queste parole? Scrivi il loro significato o fai un disegno: tempo... Sole... luce... caldo...

Dettagli

SEMINA DIRETTA (SENZA ARATURA) E CONCIMAZIONE ORGANICA LOCALIZZATA ALLA SEMINA DI GRANO TENERO: VANTAGGI AGRONOMICI ED ECONOMICI

SEMINA DIRETTA (SENZA ARATURA) E CONCIMAZIONE ORGANICA LOCALIZZATA ALLA SEMINA DI GRANO TENERO: VANTAGGI AGRONOMICI ED ECONOMICI SEMINA DIRETTA (SENZA ARATURA) E CONCIMAZIONE ORGANICA LOCALIZZATA ALLA SEMINA DI GRANO TENERO: VANTAGGI AGRONOMICI ED ECONOMICI Anno 2006/2007 A cura dell ufficio Agronomico Italpollina Spa OBIETTIVO

Dettagli

Endivie 2013-2014. Qualità e innovazione Tante novità, da condividere

Endivie 2013-2014. Qualità e innovazione Tante novità, da condividere Endivie 2013-2014 Qualità e innovazione Tante novità, da condividere Tutto il meglio dell endivia Negli ultimi anni Rijk Zwaan ha realizzato un importante programma di ricerca dedicato all endivia. Si

Dettagli

EFFETTO ANTIGHIACCIO: La potenza occorrente al metro quadro per prevenire la

EFFETTO ANTIGHIACCIO: La potenza occorrente al metro quadro per prevenire la Sistema scaldante resistivo per la protezione antighiaccio ed antineve di superfici esterne Il sistema scaldante ha lo scopo di evitare la formazione di ghiaccio e l accumulo di neve su superfici esterne

Dettagli

Con Rikke nei Parchi d Abruzzo di Kristiina Salmela

Con Rikke nei Parchi d Abruzzo di Kristiina Salmela di Kristiina Salmela Gole di Fara San Martino (CH) Hei! Ciao! Sono un bel TONTTU - uno gnometto mezzo finlandese mezzo abruzzese, e mi chiamo Cristian alias Rikke. Più di sei anni fa sono nato nel Paese

Dettagli

Ecco come funziona un sistema di recinzione!

Ecco come funziona un sistema di recinzione! Ecco come funziona un sistema di recinzione! A) Recinto elettrico B) Fili elettrici C) Isolatori D) Paletti E) Paletti messa a terra 3 m 3 m 1 m Assicurarsi che ci siano almeno 2500V in tutta la linea

Dettagli

C.R.A - Istituto Sperimentale per la Zootecnia

C.R.A - Istituto Sperimentale per la Zootecnia VINCENZO FEDELE E GIOVANNI ANNICCHIARICO C.R.A - Istituto Sperimentale per la Zootecnia Stalla Pascolo DECIDE L ALLEVATORE DECIDE L ANIMALE Scelta alimenti Scelta alimenti (Vegetazione) Quantità (limitata)

Dettagli

Concimare senza sprechi, con la massima efficacia, salvaguardando la natura. melo, pero, kiwi. schede colturali - volume 4

Concimare senza sprechi, con la massima efficacia, salvaguardando la natura. melo, pero, kiwi. schede colturali - volume 4 Concimare senza sprechi, con la massima efficacia, salvaguardando la natura melo, pero, kiwi schede colturali - volume 4 I prodotti che AGM fabbrica con destinazione speciale per frutteti, sono stati testati

Dettagli

Miscele da Sovescio Agri.Bio

Miscele da Sovescio Agri.Bio Miscele da Sovescio Agri.Bio Il sovescio è una pratica agronomica consistente nell'interramento di apposite colture allo scopo di mantenere o aumentare la fertilità del terreno. I risultati che si possono

Dettagli

VERDURE SOTT'OLIO e SOTT'ACETO

VERDURE SOTT'OLIO e SOTT'ACETO Conserve: verdure sott'olio e sott'aceto VERDURE SOTT'OLIO e SOTT'ACETO Le verdure non possono essere conservate semplicemente sott'olio: infatti, non hanno sufficiente acidità per scongiurare il pericolo

Dettagli

COME NASCONO I TAPPI DI SUGHERO

COME NASCONO I TAPPI DI SUGHERO IL SUGHERO CHE COS È Il sughero è un prodotto naturale che si ricava dall estrazione della corteccia della Quercus suber L, la quercia da sughero. Questa pianta è una sempreverde, longeva, che cresce nelle

Dettagli

Gioco sensoriale stagionale

Gioco sensoriale stagionale Obiettivi Conoscere la frutta e la verdura di stagione grazie all aiuto dei cinque sensi. Allenare l utilizzo isolato dei sensi Età Da 7 anni Luogo In classe Timo Ullmann/WWF Svizzera Il gioco sensoriale

Dettagli

Appunti della panificazione rurale

Appunti della panificazione rurale Appunti della panificazione rurale MATERIE PRIME Dal grano duro coltivato nell area del Sarcidano con il metodo di produzione Biologica, alla produzione di farine e semole macinate nel mulino di Nurri,

Dettagli

Le piante. Piante senza fiori Piante con fiori. La radice Il fusto La foglia Il fiore I frutti e i semi

Le piante. Piante senza fiori Piante con fiori. La radice Il fusto La foglia Il fiore I frutti e i semi Le piante Le piante Piante senza fiori Piante con fiori La radice Il fusto La foglia Il fiore I frutti e i semi Piante senza fiori Milioni di anni fa esistevano sulla Terra soltanto piante senza fiori

Dettagli

alluvioni e frane Si salvi chi può!

alluvioni e frane Si salvi chi può! alluvioni e frane Che cos è l alluvione? L alluvione è l allagamento, causato dalla fuoriuscita di un corso d acqua dai suoi argini naturali o artificiali, dopo abbondanti piogge, nevicate o grandinate,

Dettagli

Sintesi dei risultati ottenuti nel primo anno di sperimentazione

Sintesi dei risultati ottenuti nel primo anno di sperimentazione Sintesi dei risultati ottenuti nel primo anno di sperimentazione Linea 1 Nella linea 1 sono state impiantate due prove di confronto parcellare nei due siti sperimentali di Antria e Marciano. Il materiale

Dettagli

Bambini vecchiette signori e signore venite a giocare con tutti i colori (2 volte)

Bambini vecchiette signori e signore venite a giocare con tutti i colori (2 volte) La canzone dei colori Rosso rosso il cane che salta il fosso giallo giallo il gallo che va a cavallo blu blu la barca che va su e giù blu blu la barca che va su e giù Arancio arancio il grosso cappello

Dettagli

Innesti e Tecniche di Riproduzione

Innesti e Tecniche di Riproduzione Data inizio: 7-11-2011 Alberi da frutto Innesti e Tecniche di Riproduzione Sommario Perché innestiamo? 1 Innesto a Spacco 2 Innesto a Corona 3 Innesto a Triangolo 4 Innesti a Occhio 5 Innesto a Spacco

Dettagli

LA MAPPA DELLA SALUTE ovvero: com è che parlando,parlando, dalla frutta ci troviamo a discutere di salvaguardia della terra???

LA MAPPA DELLA SALUTE ovvero: com è che parlando,parlando, dalla frutta ci troviamo a discutere di salvaguardia della terra??? DIREZIONE DIDATTICA DI MARANELLO SCUOLA DELL INFANZIA STATALE J.DA GORZANO PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE LA MAPPA DELLA SALUTE ovvero: com è che parlando,parlando, dalla frutta ci troviamo a discutere

Dettagli

A COSA SERVONO SEMI E FRUTTI?

A COSA SERVONO SEMI E FRUTTI? A COSA SERVONO SEMI E FRUTTI? Dopo la fecondazione il fiore appassisce e i petali cadono. L ovulo fecondato si trasforma in SEME, mentre l ovario si ingrossa e si trasforma in FRUTTO. Il SEME ha il compito

Dettagli

Extatosoma tiaratum. Generalità

Extatosoma tiaratum. Generalità Extatosoma tiaratum Tassonomia Dominio: Eukaryota Regno: Animalia Sottoregno: Eumetazoa Ramo: Bilateria Phylum: Arthropoda Subphylum: Tracheata Superclasse: Hexapoda Classe: Insecta Sottoclasse: Pterygota

Dettagli

Hawos Pegasus 230 Volt

Hawos Pegasus 230 Volt olt Pagina 2 Pagina 3 Pagina 3 Pagina 4 Pagina 5 Pagina 5 Pagina 6 Pagina 6/7 Pagina 7 Pagina 7 Pagina 8 Introduzione a Pegasus Scegliere le dimensioni della macinatura Iniziare e terminare il processo

Dettagli

Istituto Comprensivo di Pero a.s. 2014-2015 COMPLET@MENTE. Progetto di sperimentazione delle Indicazioni Nazionali- Scienze Tecnologia

Istituto Comprensivo di Pero a.s. 2014-2015 COMPLET@MENTE. Progetto di sperimentazione delle Indicazioni Nazionali- Scienze Tecnologia Istituto Comprensivo di Pero a.s. 2014-2015 COMPLET@MENTE Progetto di sperimentazione delle Indicazioni Nazionali- Scienze Tecnologia Nella prima parte dell anno scolastico 2014-2015 alcune classi del

Dettagli

Facciamoci due conti

Facciamoci due conti Facciamoci due conti Ma alla fine quanto si guadagna a coltivare canapa? la domanda sorge spontanea ed è più che legittima, specie considerando il panorama deprimente dell agricoltura in Italia ai giorni

Dettagli

Cos è una. pompa di calore?

Cos è una. pompa di calore? Cos è una pompa di calore? !? La pompa di calore aria/acqua La pompa di calore (PDC) aria-acqua è una macchina in grado di trasferire energia termica (calore) dall aria esterna all acqua dell impianto

Dettagli

Fin dove andrà il clonaggio?

Fin dove andrà il clonaggio? Fin dove andrà il clonaggio? Mark Post, il padrone della sezione di fisiologia dell Università di Maastricht, nei Paesi Bassi, ha dichiarato durante una conferenza tenuta a Vancouver, in Canada, che aveva

Dettagli

RISORSE ENERGETICHE AREA 9 FONTI DI ENERGIA DA DOVE PROVIENE L ENERGIA? 10/12/2013 COME SFRUTTIAMO L ENERGIA DEL SOLE?

RISORSE ENERGETICHE AREA 9 FONTI DI ENERGIA DA DOVE PROVIENE L ENERGIA? 10/12/2013 COME SFRUTTIAMO L ENERGIA DEL SOLE? RISORSE ENERGETICHE ENERGIA 2 AREA 9 FONTI DI ENERGIA E INDISPENSABILE ALLA VITA SULLA TERRA ELEMENTO INDISPENSABILE PER SVILUPPO SOCIALE ED ECONOMICO FINO AD ORA: CONTINUO INCREMENTO DI PRODUZIONE E CONSUMO

Dettagli

Gestione delle avversità in agricoltura biologica

Gestione delle avversità in agricoltura biologica Gestione delle avversità in agricoltura biologica Anna La Torre Consiglio per la ricerca in agricoltura e l analisi dell economia agraria Centro di ricerca per la patologia vegetale «Noi ereditiamo la

Dettagli

MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE VOLUME 1 CAPITOLO 2 ... ... ... ... ... ...

MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE VOLUME 1 CAPITOLO 2 ... ... ... ... ... ... VOLUME 1 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE ACQUE INTERNE 1. Parole per capire A. Conosci già queste parole? Scrivi il loro significato o fai un disegno: valle... ghiacciaio... vulcano... cratere...

Dettagli

Criteri Ambientali Minimi (CAM) Gestione del verde pubblico

Criteri Ambientali Minimi (CAM) Gestione del verde pubblico Criteri Ambientali Minimi (CAM) Gestione del verde pubblico Marco Glisoni Maria Lisa Procopio Incontro formativo Progetto APE settembre 2014 Il Piano d Azione Nazionale per il GPP Piano d azione per la

Dettagli

FONDO MUTUALISTICO ALTRI SEMINATIVI

FONDO MUTUALISTICO ALTRI SEMINATIVI PREMESSA Si assiste sempre più spesso ad andamenti meteorologici imprevedibili e come tali differenti dall ordinario: periodi particolarmente asciutti alternati ad altri particolarmente piovosi. Allo stesso

Dettagli

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni.

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. 8 regioni settentrionali: il Piemonte (Torino), la Val d Aosta (Aosta),

Dettagli

Box: Perché sostenere il modello agricolo Biologico nella PAC?

Box: Perché sostenere il modello agricolo Biologico nella PAC? La PAC che verrà: Smart change or business as usual? La posizione ufficiale IFOAM EU sulla prossima riforma PAC 2014 2020 Alessandro Triantafyllidis, IFOAM EU Group Siamo a metà dell attuale periodo di

Dettagli

Un roseto. le nuvole. Dai suoi 1500 metri, è il più alto d Europa (Bulla, Ortisei - Alto Adige)

Un roseto. le nuvole. Dai suoi 1500 metri, è il più alto d Europa (Bulla, Ortisei - Alto Adige) Dai suoi 1500 metri, è il più alto d Europa (Bulla, Ortisei - Alto Adige) Un roseto Il gazebo adiacente la casa sfrutta l estensione fra di un glicine centenario le nuvole e offre ombra e riparo nelle

Dettagli

LAVORO, ENERGIA E POTENZA

LAVORO, ENERGIA E POTENZA LAVORO, ENERGIA E POTENZA Nel linguaggio comune, la parola lavoro è applicata a qualsiasi forma di attività, fisica o mentale, che sia in grado di produrre un risultato. In fisica la parola lavoro ha un

Dettagli

Parts of my Pop-in... 7 8a

Parts of my Pop-in... 7 8a A C 5 B Parts of my Pop-in... 5 6 0 D 9 7 8a 8b IT IMPORTANTE! CONSERVARE LE ISTRUZIONI PER CONSULTAZIONI FUTURE Come usare i Pop-in Precauzioni d uso Non usare ammorbidenti con i vostri Pop-in. Non usare

Dettagli

SE IO FOSSI UN ALBERO E INVENTASSI UNA STORIA DAL MIO DISEGNO...TI RACCONTEREI CHE...

SE IO FOSSI UN ALBERO E INVENTASSI UNA STORIA DAL MIO DISEGNO...TI RACCONTEREI CHE... SE IO FOSSI UN ALBERO E INVENTASSI UNA STORIA DAL MIO DISEGNO...TI RACCONTEREI CHE... Una volta si fece la festa degli alberi nel bosco e io e una bimba, che non lo sapevo chi era, giocavamo con gli alberi

Dettagli

Note al documento: Lo Studio qui descritto è stato condotto dai seguenti professionisti: Dott. For. Alessandra Francesconi. Cod. Descrizione Rev.

Note al documento: Lo Studio qui descritto è stato condotto dai seguenti professionisti: Dott. For. Alessandra Francesconi. Cod. Descrizione Rev. Note al documento: Lo Studio qui descritto è stato condotto dai seguenti professionisti: Dott. For. Alessandra Francesconi Geom. Sara Moretti Progettazione; Elaborazioni grafiche. I INDICE INDICE... I

Dettagli

ANNO, MESI, SETTIMANE E CALENDARIO

ANNO, MESI, SETTIMANE E CALENDARIO ANNO, MESI, SETTIMANE E CALENDARIO Iniziamo il percorso ricordando agli alunni le motivazioni che hanno spinto gli uomini a creare sistemi di misurazione del tempo, come fatto già per l orologio. Facciamo

Dettagli

3 m 3 m. 1 m. B) Fili elettrici C) Isolatori D) Paletti E) Paletti messa a terra. Assicurarsi che ci siano almeno 2500V in tutta la linea del recinto

3 m 3 m. 1 m. B) Fili elettrici C) Isolatori D) Paletti E) Paletti messa a terra. Assicurarsi che ci siano almeno 2500V in tutta la linea del recinto B) Fili elettrici C) Isolatori D) Paletti E) Paletti messa a terra 3 m 3 m 1 m Assicurarsi che ci siano almeno 2500V in tutta la linea del recinto Il sistema di recinzione elettrico consiste di: A) un

Dettagli

Basilico, per ogni destinazione il sistema di coltivazione giusto

Basilico, per ogni destinazione il sistema di coltivazione giusto Basilico, per ogni destinazione il sistema di coltivazione giusto Floating system per la produzione di mazzetti e il tappettino subirrigante per le piantine. Due innovazioni adottate dall azienda Ricci

Dettagli

L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere ossidante.

L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere ossidante. Ozono (O 3 ) Che cos è Danni causati Evoluzione Metodo di misura Che cos è L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere

Dettagli

OGGI IL PRATO SI TAGLIA COSÌ

OGGI IL PRATO SI TAGLIA COSÌ ROBOT RASAERBA GARDENA R40Li OGGI IL PRATO SI TAGLIA COSÌ In completo relax! LASCIATE CHE LAVORI AL VOSTRO POSTO Il 98 % di chi ha comprato il Robot Rasaerba GARDENA lo raccomanderebbe.* Non dovrete più

Dettagli

farro medio o farro dicocco o semplicemente farro (Triticum dicoccum);

farro medio o farro dicocco o semplicemente farro (Triticum dicoccum); Farro Da Wikipedia, l'enciclopedia libera. Il farro, nome comune usato per tre differenti specie del genere Triticum, rappresenta il più antico tipo di frumento coltivato, utilizzata dall'uomo come nutrimento

Dettagli

MODENA E IL SUO CLIMA

MODENA E IL SUO CLIMA Comune di Modena - SERVIZIO STATISTICA: note divulgative Pagina 1 di 2 MODENA E IL SUO CLIMA Modena, pur non essendo estranea al fenomeno del riscaldamento generalizzato, continua ad essere caratterizzata

Dettagli

Turbine I-20 Ultra 2 N E I. l t. R r. Gli irrigatori dei professionisti per gli spazi verdi residenziali di piccole e medie dimensioni

Turbine I-20 Ultra 2 N E I. l t. R r. Gli irrigatori dei professionisti per gli spazi verdi residenziali di piccole e medie dimensioni R r INFORMAZIONE PRODOTTO Turbine I-20 Ultra Gli irrigatori dei professionisti per gli spazi verdi residenziali di piccole e medie dimensioni E I - 2 0 N I B U l t U a T a PRESENTAZIONE DEL PRODOTTO L

Dettagli

vien... Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata Dipartimento di Prevenzione a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele

vien... Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata Dipartimento di Prevenzione a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele ERVIZIO ANITARIO REGIONALE A Azienda ervizi anitari N 1 triestina la vien... alute angiando M Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele Dipartimento

Dettagli

RELAZIONE MOSTRA: FOOD, LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO

RELAZIONE MOSTRA: FOOD, LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO RELAZIONE MOSTRA: FOOD, LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO La mostra è allestita nelle sale del Museo di Storia Naturale di Milano dal 28 Novembre 2014 al 28 Giugno 2015. Affronta il complesso tema del cibo

Dettagli

Esercitazione pratica di cucina N 11

Esercitazione pratica di cucina N 11 Esercitazione pratica di cucina N 11 Millefoglie di grana Con funghi porcini trifolati alla nepitella --------------------------------- Timballo di anelletti Siciliani al Ragù ---------------------------------

Dettagli

Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo

Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo Il primo maggio 2015 si inaugura a Milano l EXPO, un contenitore di tematiche grandi come l universo: "Nutrire il pianeta. Energia per la vita. Una

Dettagli

"IMPARIAMO A RICICLARE"

IMPARIAMO A RICICLARE COLLEGIO ARCIVESCOVILE Castelli PROGETTO DI EDUCAZIONE AMBIENTALE "IMPARIAMO A RICICLARE" (progetto di durata annuale) Anno scolastico 2008/2009 Classi terze e quarte - Scuola primaria FINALITA' Il Progetto

Dettagli

COME VINCERE IL CALDO

COME VINCERE IL CALDO Centro Nazionale per la Prevenzione e il Controllo delle Malattie ESTATE SICURA COME VINCERE IL CALDO Raccomandazioni per il personale che assiste gli anziani a casa ESTATE SICURA COME VINCERE IL CALDO

Dettagli

Flame of Hope maggio 2015

Flame of Hope maggio 2015 Flame of Hope maggio 2015 Cari amici, Quand è che si apprezza maggiormente la vita e si è consapevoli di essere vivi e ne siamo grati? Quando quel dono prezioso è minacciato e poi si apprezza la vita il

Dettagli

CHE COS È IL CLIMA? Gli elementi del clima. Scopro le parole. 1 Voyager 4, pagina 159

CHE COS È IL CLIMA? Gli elementi del clima. Scopro le parole. 1 Voyager 4, pagina 159 CHE COS È IL CLIMA? L atmosfera: è l aria che circonda la Terra. Ti è capitato di vedere in televisione o su un giornale le previsioni del tempo? La persona che parla spiega che cosa succede nell aria

Dettagli

Slowfood. aprile 2010 ACQUA ALLE CORDE - PROFESSIONE HAPPYCOLTORE - DOVE OSANO LE VIGNE. Slowine. Acqua alle corde. Slowfood. Azioni sostenibili

Slowfood. aprile 2010 ACQUA ALLE CORDE - PROFESSIONE HAPPYCOLTORE - DOVE OSANO LE VIGNE. Slowine. Acqua alle corde. Slowfood. Azioni sostenibili 45 aprile 2010 ACQUA ALLE CORDE - PROFESSIONE HAPPYCOLTORE - DOVE OSANO LE VIGNE Slowfood aprile 2010 www.slowfood.it Acqua alle corde Azioni sostenibili Professione happycoltore La rete delle comunità

Dettagli

IL MONDO DELLE PIANTE

IL MONDO DELLE PIANTE PROVINCIA DI BERGAMO Settore Politiche Sociali e Salute IL MONDO DELLE PIANTE 2010 Realizzato dall Istruttore Educativo: Colella Anna 1 INDICE Classificazione delle piante pag. 3 Le parti della pianta

Dettagli

IL BENESSERE DELLE GAMBE

IL BENESSERE DELLE GAMBE IL BENESSERE DELLE GAMBE Se la circolazione venosa non funziona come dovrebbe, il normale ritorno del sangue dalle zone periferiche del corpo al cuore risulta difficoltoso. Il flusso sanguigno infatti,

Dettagli

Salute intestinale in avicoltura Il mondo interiore

Salute intestinale in avicoltura Il mondo interiore Agosto 2013 Salute intestinale in avicoltura Il mondo interiore Dr. Richard A. Bailey, Poultry Health Scientist Sommario Introduzione Flora Intestinale Mantenere in equilibrio la salute intestinale Conclusioni

Dettagli

III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano

III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano (Fabio Musmeci, Angelo Correnti - ENEA) Il lago di Bracciano è un importante elemento del comprensorio della Tuscia Romana che non può non

Dettagli

Tecniche di restauro vegetazionale nei lavori forestali della Provincia Autonoma di Trento La Plagne 13 giugno 2014

Tecniche di restauro vegetazionale nei lavori forestali della Provincia Autonoma di Trento La Plagne 13 giugno 2014 Tecniche di restauro vegetazionale nei lavori forestali della Provincia Autonoma di Trento La Plagne 13 giugno 2014 Gli interventi di ripristino vegetazionale rappresentano la fase conclusiva dei lavori

Dettagli

Sono nati per l autoconsumo,

Sono nati per l autoconsumo, Il prodotto bio è fai da te Consumatori Li considerano troppo cari e con una tracciabilità inadeguata. Eppure gli shopper apprezzano sempre di più le referenze biologiche. Così decidono di coltivarle in

Dettagli

REGIONE ABRUZZO ARAEN ENERGIOCHI

REGIONE ABRUZZO ARAEN ENERGIOCHI REGIONE ABRUZZO ARAEN ENERGIOCHI Presentazione per le scuole primarie A cura di Enrico Forcucci, Paola Di Giacomo e Alessandra Santini ni Promuovere la conoscenza e la diffusione delle energie provenienti

Dettagli

Il silenzio. per ascoltare se stessi, gli altri, la natura

Il silenzio. per ascoltare se stessi, gli altri, la natura Il silenzio per ascoltare se stessi, gli altri, la natura Istituto Comprensivo Monte S. Vito Scuola dell infanzia F.lli Grimm Gruppo dei bambini Farfalle Rosse (3 anni) Anno Scolastico 2010-2011 Ins. Gambadori

Dettagli

Prevenzione dell allergia ad inalanti

Prevenzione dell allergia ad inalanti Prevenzione dell allergia ad inalanti La patologia allergica respiratoria è molto frequente nella popolazione generale: la sua prevalenza si aggira in media intorno al 10-15%. Inoltre, negli ultimi 20

Dettagli

Schede tecniche LA SOURCE

Schede tecniche LA SOURCE Schede tecniche LA SOURCE s.a.s di Celi Stefano & C. Società Agricola - C.F. e P. IVA 01054500077 Loc. Bussan Dessous, 1-11010 Saint-Pierre (AO) - Cell: 335.6613179 - info@lasource.it Documento scaricato

Dettagli

L agricoltura nell Europa industrializzata

L agricoltura nell Europa industrializzata L agricoltura nell Europa industrializzata L agricoltura delle società industrializzate europee si differenzia da quella dell età moderna per gli attrezzi, le fonti di energia, i macchinari utilizzati

Dettagli

Unità VI Gli alimenti

Unità VI Gli alimenti Unità VI Gli alimenti Contenuti - Gusti - Preferenze - Provenienza Attività AREA ANTROPOLOGICA 1. Cosa piace all Orsoroberto L Orsoroberto racconta ai bambini quali sono i cibi che lui ama e che mangia

Dettagli

E SE IL TUO SMARTPHONE INDOSSASSE GLI OCCHIALI?

E SE IL TUO SMARTPHONE INDOSSASSE GLI OCCHIALI? E SE IL TUO SMARTPHONE INDOSSASSE GLI OCCHIALI? Buona Caccia e Buon Volo, giovani amici di Eureka! Siete tra gli eletti che hanno deciso di passare al livello successivo: site pronti? Questo mese vi proponiamo

Dettagli

IMPIANTI FOTOVOLTAICI IN CONTO ENERGIA

IMPIANTI FOTOVOLTAICI IN CONTO ENERGIA IMPIANTI FOTOVOLTAICI IN CONTO ENERGIA Un impianto solare fotovoltaico consente di trasformare l energia solare in energia elettrica. Non va confuso con un impianto solare termico, che è sostanzialmente

Dettagli

Come realizzare una buona presentazione (traduzione libera a cura della redazione di EpiCentro)

Come realizzare una buona presentazione (traduzione libera a cura della redazione di EpiCentro) Come realizzare una buona presentazione (traduzione libera a cura della redazione di EpiCentro) Quando si realizzano dei documenti visivi per illustrare dati e informazioni chiave, bisogna sforzarsi di

Dettagli

Tecnici coinvolti: Michele Baudino*; Alessandro Costanzo **; Diego Scarpa **

Tecnici coinvolti: Michele Baudino*; Alessandro Costanzo **; Diego Scarpa ** MELONE Tecnici coinvolti: Michele Baudino*; Alessandro Costanzo **; Diego Scarpa ** * Tecnico CReSO ; Tecnici SATA / Cadir Lab. Elenco delle cultivar poste a confronto Varietà Ditta Tip. Agustino Rijk

Dettagli

allargarsi, andare da a Si dice anche: la pianura si estende; i confini si estendono... Scrivi tu una frase con il verbo estendersi...

allargarsi, andare da a Si dice anche: la pianura si estende; i confini si estendono... Scrivi tu una frase con il verbo estendersi... GLI APPENNINI Gli Appennini sono una catena montuosa che si estende da Nord a Sud per circa 1400 chilometri lungo la penisola italiana. Le montagne degli Appennini sono montagne meno alte di quelle delle

Dettagli

ROVERETO: PERCORSO NELLE TRINCEE

ROVERETO: PERCORSO NELLE TRINCEE ROVERETO: PERCORSO NELLE TRINCEE Introduzione Il quindici e il sedici ottobre siamo andati in viaggio d'istruzione a Rovereto con la 3 C. Rovereto è una città a sud di Trento ricco di molte attrazioni

Dettagli

COMUNE DI TERRALBA. (Provincia di Oristano) Via Baccelli n 1 09098 Terralba Tel. 078385301 Fax 078383341 P.IVA 00063150957

COMUNE DI TERRALBA. (Provincia di Oristano) Via Baccelli n 1 09098 Terralba Tel. 078385301 Fax 078383341 P.IVA 00063150957 COMUNE DI TERRALBA (Provincia di Oristano) Via Baccelli n 1 09098 Terralba Tel. 078385301 Fax 078383341 P.IVA 00063150957 Ordinanza Sindacale n. 41/2012 Prot. n. 12292 ORDINANZA SINDACALE (Adozione misure

Dettagli

Una storia vera. 1 Nome fittizio.

Una storia vera. 1 Nome fittizio. Una storia vera Naida 1 era nata nel 2000, un anno importante, porterà fortuna si diceva. Era una ragazzina come tante, allegra, vivace e che odiava andare a scuola. Era nata a Columna Pasco, uno dei tanti

Dettagli

ΕΡΓ. ΓΕΩΡΓΙΚΗΣ ΜΗΧΑΝΟΛΟΓΙΑΣ TEL.: (+30210)5294040 FAX: (+301)5294032 ΚΑΘ. Ν. ΣΥΓΡΙΜΗΣ email:ns@aua.gr, www.aua.gr/ns

ΕΡΓ. ΓΕΩΡΓΙΚΗΣ ΜΗΧΑΝΟΛΟΓΙΑΣ TEL.: (+30210)5294040 FAX: (+301)5294032 ΚΑΘ. Ν. ΣΥΓΡΙΜΗΣ email:ns@aua.gr, www.aua.gr/ns ORTICOLE IN SERRA Preparazione del terreno Trapianto Post-Trapianto Inizio accrescimento vegetativo Accrescimento vegetativo Fioritura Allegagione Ingrossamento bacche frutti Invaiatura Maturazione Obiettivo/Problema

Dettagli

Presentazione ed utilizzo di VitiMeteo-Plasmopara

Presentazione ed utilizzo di VitiMeteo-Plasmopara Presentazione ed utilizzo di VitiMeteo-Plasmopara VitiMeteo-Plasmopara consente di affinare la lotta contro la peronospora, senza tralasciare gli episodi d infezioni importanti e permette di evitare dei

Dettagli

I Grafici. La creazione di un grafico

I Grafici. La creazione di un grafico I Grafici I grafici servono per illustrare meglio un concetto o per visualizzare una situazione di fatto e pertanto la scelta del tipo di grafico assume notevole importanza. Creare grafici con Excel è

Dettagli

4. Conoscere il proprio corpo

4. Conoscere il proprio corpo 4. Conoscere il proprio corpo Gli esseri viventi sono fatti di parti che funzionano assieme in modo diverso. Hanno parti diverse che fanno cose diverse. Il tuo corpo è fatto di molte parti diverse. Alcune

Dettagli

REGOLAMENTI REGOLAMENTO (CE) N. 834/2007 DEL CONSIGLIO. del 28 giugno 2007

REGOLAMENTI REGOLAMENTO (CE) N. 834/2007 DEL CONSIGLIO. del 28 giugno 2007 20.7.2007 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 189/1 I (Atti adottati a norma dei trattati CE/Euratom la cui pubblicazione è obbligatoria) REGOLAMENTI REGOLAMENTO (CE) N. 834/2007 DEL CONSIGLIO

Dettagli

TELLUS L amore per il proprio raccolto inizia da radici sane

TELLUS L amore per il proprio raccolto inizia da radici sane Agrofarmaco biologico per la prevenzione delle malattie fungine del terreno TELLUS L amore per il proprio raccolto inizia da radici sane NOVITà TELLUS: la nuova risorsa per una crescita vigorosa TELLUS

Dettagli

RIFERIMENTI NORMATIVI

RIFERIMENTI NORMATIVI RIFERIMENTI NORMATIVI Produzione e vendita di compost: Legge n. 748/1984 sui fertilizzanti modificata dal D. L. 217 del 29.04.06 e successive modifiche Allegato IIA del Reg. CE 2092/91 (per chi pratica

Dettagli

VOCE DI CAPITOLATO "RISANAMENTO DI MURATURE IN DETERIORA- MENTO DA SALI -

VOCE DI CAPITOLATO RISANAMENTO DI MURATURE IN DETERIORA- MENTO DA SALI - VOCE DI CAPITOLATO "RISANAMENTO DI MURATURE IN DETERIORA MENTO DA SALI RIDUZIONE DEI SALI A LIVELLI DI SICUREZZA MEDIANTE ESTRAZIONE CON IMPACCO " DESCRIZIONE LAVORI E VERIFICA La seguente Tabella

Dettagli

più compost, meno rifiuti Vantaggi per te, vantaggi per l ambiente

più compost, meno rifiuti Vantaggi per te, vantaggi per l ambiente guida al compostaggio più compost, meno rifiuti Vantaggi per te, vantaggi per l ambiente Ho in testa una gran bella idea: Brescia più bella, più sana, più pulita. Un obiettivo possibile, adottando semplicemente

Dettagli

NUOVO! Sempre più semplice da utilizzare

NUOVO! Sempre più semplice da utilizzare NUOVO! NUOVO AF/ARMAFLEX MIGLIORE EFFICIENZA DELL ISOLAMENTO Sempre più semplice da utilizzare L flessibile professionale Nuove prestazioni certificate. Risparmio energetico: miglioramento di oltre il

Dettagli

Prodotti di cui ti puoi fidare

Prodotti di cui ti puoi fidare Prodotti di cui ti puoi fidare Vogliamo offrirti alimenti di buona qualità a prezzi bassi, prodotti in modo responsabile. Stiamo lavorando in tutte le parti della catena alimentare, dalla fattoria al negozio

Dettagli