Le imprese straniere in Umbria consistenza, caratteri e dinamiche al 31 dicembre 2015

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Le imprese straniere in Umbria consistenza, caratteri e dinamiche al 31 dicembre 2015"

Transcript

1 Le imprese straniere in Umbria consistenza, caratteri e dinamiche al 31 dicembre 2015 Unioncamere Umbria

2 LE IMPRESE STRANIERE IN UMBRIA Il quadro nazionale e regionale al 31 dicembre 2015 Le imprese straniere continuano a crescere in controtendenza rispetto alla dinamica del sistema imprenditoriale complessivo Al 31 dicembre 2015 sono (il 9,7% del totale) le imprese straniere in Italia, quelle la cui partecipazione del controllo e della proprietà è detenuta in prevalenza da persone non nate in Italia. Rispetto alla fine del 2014 sono ben imprese in più, con una crescita tendenziale del 4,5% a differenza di quello che accade per il totale imprese che, perdendo qualcosa più di imprese, hanno un calo percentuale dello 0,1. In Umbria le imprese guidate da stranieri risultano essere 7.239, con una crescita rispetto al dicembre del 2014 del 2,6% (anch essa positiva rispetto ad un 0,4% del totale imprese della regione) con una percentuale di composizione, sul totale imprese, dell 8,9% (inferiore sia al valore nazionale appena segnalato che al valore del Centro Italia che arriva al 12,2%). A livello provinciale la componente percentuale è del 9,2% per Perugia e del 8,1% per Terni, anche se Terni registra una crescita del 4,6% a mentre la provincia perugina si ferma al 2,1%. Tav. 1 Imprese straniere attive, totale imprese e tasso straniero anno 2015 ITALIA ITALIA C. UMBRIA PERUGIA TERNI Imprese straniere Totale imprese % imprese straniere 9,7 12,2 8,9 9,2 8,1 Variaz. imprese straniere 4,5 3,6 2,6 2,1 4,6 Variaz. totale imprese 0,1 0,1 0,4 0,5 0,0 Quello che si può comunque evidenziare è una crescita costante percentuale delle imprese straniere sul totale, crescita che come mostra il grafico 1 è comune a Italia, Italia centrale e Umbria. Anche il I trimestre dell anno in corso mantiene alta la linea anche se si registrano variazioni congiunturali diverse rispetto al IV Le imprese straniere infatti crescono solo dello 0,1% in Umbria mentre a livello nazionale dello 0,7% e nelle regioni centrali dello 0,8%. 1

3 Negli ultimi anni le imprese straniere in Umbria passano da nel 2012 a nel 2015 acquistando quasi un punto percentuale in relazione alla composizione del totale imprese (dall 8% all 8,9%). Italia e Italia centrale registrano invece negli anni crescite proporzionalmente superiori. Fig. 1 Imprese straniere: quota % sul totale delle imprese attive negli ultimi anni e nel I 2016 Fonte: Elaborazioni Unioncamere Umbria su dati Infocamere Fig. 2 Imprese straniere percentuale su totale imprese per regione anno 2015 Fonte: Elaborazioni Unioncamere Umbria su dati Infocamere 2

4 Dalla figura 2 si può notare come la maggior presenza straniera nel tessuto imprenditoriale si trovi nelle regioni centrali e settentrionali (eccezion fatta per Trentino Alto Adige e Valle d Aosta). Nell ordine: Toscana (13,5%), Liguria (12,9%), Lazio (12,8%), Lombardia (11,5%). L Umbria con il suo 8,9% risulta la regione dell Italia centrale con minor partecipazione straniere rispetto al totale imprese. Le imprese straniere umbre crescono rispetto alla fine del 2014 del 2,6%, con un andamento quindi più contenuto sia di quello nazionale (4,5%) che di quello delle restanti regioni centrali (3,6%). L Umbria, eccezion fatta per la Valle d Aosta dove le imprese straniere diminuiscono, è tra le regioni con la minor crescita, come si può vedere dalla fig. 3. Fig. 3 Imprese straniere attive variazioni % anno 2015/anno 2014 Fonte: Elaborazioni Unioncamere Umbria su dati Infocamere Le imprese straniere nei settori di attività Sono le costruzioni con il 18,9% il settore a maggior composizione straniera, ma le costruzioni sono anche il settore che maggiormente risente della crisi Le imprese straniere umbre ripartite per i diversi settori economici sono rappresentate per il 34,4% dal commercio, per il 30,1% dalle costruzioni, per il 7,4% dall agricoltura, attività manifatturiere e attività di servizi e per il 3,4% noleggio a seguire con percentuali più basse gli altri settori. Dal confronto con l anno precedente i settori che perdono rispetto alla fine del 2014 sono costruzioni e trasporti, rispettivamente 1,8% e 4,6%, anche se sono 40 le imprese in meno nel primo comparto e solo 5 nel secondo. 3

5 Buona invece la crescita in termine numerici del settore commercio (+4,4% con 106 imprese in più), dell attività di servizi di alloggio e ristorazione (+9,8% e 48 imprese in più), e del noleggio (+11,2% e 25 imprese in più rispetto all anno precedente). Tav. 2 Le imprese straniere attive per settore anno 2015 variazioni % rispetto all anno 2014 Fonte: Elaborazioni Unioncamere Umbria su dati Infocamere Se diamo uno sguardo ai dati del I trimestre 2016 si conferma il calo nel settore delle costruzioni (46 imprese perse rispetto al IV trimestre 2015), e anche una lieve perdita anche nelle attività manifatturiera con un 0,6% determinato da 3 aziende in meno. Numericamente parlando, la maggiore concentrazione delle imprese straniere si ha proprio nel settore maggiormente colpito dalla crisi, quello delle costruzioni (18,9% del totale settore). Seguono il commercio con il 12,1% e imprese, noleggio e agenzie di viaggio con 248 imprese e l 11,2%.e servizi di alloggio e ristorazione con il 9,7% del totale settore (tav. 2). 4

6 Tav. 3 Imprese straniere attive valori assoluti e composizione percentuale per settore anno 2015 ITALIA ITALIA CENTRALE UMBRIA PERUGIA TERNI COMP. % COMP. % COMP. % COMP. % COMP. % IS PER SETT IS PER SETT IS PER SETT IS PER SETT IS PER SETT A Agricoltura, silvicoltura pesca , , , , ,5 B Estrazione di minerali da cave e miniere 27 0,8 4 0,6 0 0,0 0 0,0 0 0,0 C Attività manifatturiere , , , ,6 56 3,7 D Fornitura di energia elettrica, gas, vapore 236 2,2 49 2,6 6 2,6 6 3,6 0 0,0 E Fornitura di acqua; reti fognarie, attività di gest , ,6 8 6,2 7 8,1 1 2,3 F Costruzioni , , , , ,1 G Commercio all'ingrosso e al dettaglio , , , , ,3 H Trasporto e magazzinaggio , , ,0 93 5,6 11 2,7 I Attività dei servizi di alloggio e di ristorazione , , , , ,8 J Servizi di informazione e comunicazione , ,5 85 5,5 70 6,0 15 4,0 K Attività finanziarie e assicurative , ,3 53 2,8 47 3,3 6 1,3 L Attività immobiliari , ,6 64 2,0 52 2,0 12 2,1 M Attività professionali, scientifiche e tecniche , ,7 81 3,5 60 3,4 21 3,6 N Noleggio, agenzie di viaggio , , , , ,0 O Amministrazione pubblica e difesa; assicur. sociale 1 1,3 0 0,0 0 0,0 0 0,0 0 0,0 P Istruzione , ,3 23 6,2 16 6,0 7 6,9 Q Sanità e assistenza sociale , ,7 16 3,7 9 3,2 7 4,5 R Attività artistiche, sportive, di intrattenimento , ,4 40 5,0 30 4,9 10 5,1 S Altre attività di servizi , , , ,1 62 6,6 T Attività di famiglie e convivenze come datori di lavo 8 40,0 2 50, , , ,0 U Organizzazioni ed organismi extraterritoriali 0 0,0 0 0,0 0 0,0 0 0,0 0 0,0 X Imprese non classificate 233 8,7 49 8,7 1 1,1 1 1,1 0 0,0 TOTALE , , , , ,1 Fig. 4 I settori con maggior partecipazione straniera anno

7 Fig. 5 Percentuale imprese straniere sul totale imprese per settore in Umbria e Italia anno 2015 La forma giuridica delle imprese straniere in Umbria Le ditte individuali costituiscono quasi l 85% delle imprese straniere Per quanto concerne la natura giuridica, nelle imprese straniere è particolarmente marcata la presenza delle ditte individuali. E in questa forma infatti che si concentra maggiormente l orientamento a mettersi in proprio soprattutto in ragione del minor fabbisogno di capitale iniziale. In Umbria la percentuale di questa forma giuridica è pari all 84,7%, un valore ben al di sopra di quanto si registra per il totale delle imprese attive (60,8%). Le società di persone invece incidono per il 6,6%, un valore nettamente inferiore a quello che dell intera struttura imprenditoriale che è del 20%. Un valore quello umbro inferiore anche al dato nazionale che segna 9,1%. Le società di capitali straniere umbre invece sono il 7,9% di quasi tre punti percentuali superiori a quelle dell Italia. Anche per le società di capitali si registrano valori più alti nel totale imprese un 17% in Umbria e un più contenuti 14,2 in Italia. 6

8 Fig. 6 Imprese straniere e totale imprese per natura giuridica anno 2015 Fig. 7 Imprese straniere per natura giuridica in Italia e in Umbria var. % anno 2015/anno2014 Rispetto alla ripartizione per forma societaria delle imprese straniere solo le società di persone registrano un segno negativo con un 2%. Le altre tipologie hanno tutte variazioni positive, più contenuta quella delle imprese individuali (+2,2% Umbria e +4,2% Italia) e più consistenti sia quelle delle società di capitali (+11,5% Umbria e 10,6% Italia) che delle cooperative (+11,1% Umbria e +4,3%Italia). 7

9 Tav. 4 Imprese straniere per settore e natura giuridica composizione % anno 2015 SOCIETA' DI CAPITALE SOCIETA' DI PERSONE IMPRESE INDIVIDUALI COOPERA TIVE CONSORZI ALTRE FORME Settore A Agricoltura, silvicoltura pesca 4,1 12,9 82,1 0,7 0,0 0,2 C Attività manifatturiere 11,8 6,7 80,6 0,9 0,0 0,0 D Fornitura di energia elettrica, gas, vapore 50,0 0,0 50,0 0,0 0,0 0,0 E Fornitura di acqua; reti fognarie 37,5 0,0 62,5 0,0 0,0 0,0 F Costruzioni 5,1 4,3 89,9 0,7 0,0 0,0 G Commercio all'ingrosso e al dettaglio 5,9 3,4 90,7 0,1 0,0 0,0 H Trasporto e magazzinaggio 14,4 4,8 77,9 2,9 0,0 0,0 I Attività dei servizi di alloggio e di ristorazione 12,5 24,3 62,7 0,0 0,0 0,6 J Servizi di informazione e comunicazione 18,8 4,7 72,9 0,0 0,0 3,5 K Attività finanziarie e assicurative 7,5 3,8 88,7 0,0 0,0 0,0 L Attività immobiliari 59,4 15,6 25,0 0,0 0,0 0,0 M Attività professionali, scientifiche e tecniche 37,0 4,9 51,9 3,7 1,2 1,2 N Noleggio, agenzie di viaggio, servizi di supp. alle imp. 10,1 5,2 83,5 1,2 0,0 0,0 P Istruzione 30,4 8,7 56,5 0,0 0,0 4,3 Q Sanità e assistenza sociale 37,5 6,3 25,0 31,3 0,0 0,0 R Attività artistiche, sportive, di intrattenimento 25,0 22,5 45,0 0,0 0,0 7,5 S Altre attività di servizi 2,6 6,9 90,0 0,0 0,0 0,4 T Attività di famiglie e conviv. 0,0 0,0 100,0 0,0 0,0 0,0 X Imprese non classificate 0,0 0,0 100,0 0,0 0,0 0,0 TOTALE 7,9 6,6 84,7 0,6 0,0 0,2 Nei primi tre mesi del 2016 si conferma in Umbria il calo delle società di persone, positive tutte le altre tipologie. Le imprese straniere femminili umbre Le imprese straniere femminili fanno registrare in Umbria una quota percentuale molto elevata Il 26,9% delle imprese straniere in Umbria sono femminili, dato superiore a quello delle femminili sul totale, che in Umbria sono il 25,8%. Tra tutte le regioni Italiane sono solo 3 quelle che registrano una percentuale maggiore: Molise, Basilicata e Abruzzo, mentre la media delle imprese straniere femminili in Italia si ferma al 22,9%, ben 4 punti inferiore alla nostra regione. Tav. 5 Imprese straniere e femminili valori assoluti e composizione % anno 2015 Italia Italia centrale Umbria Perugia Terni imprese straniere femminili totale imprese straniere totale imprese femminili totale imprese imprese femminili straniere % su tot. straniere 22,9 23,7 26,9 26,6 28,0 imprese femminile su tot % 22,4 23,7 25,8 25,3 27,5 8

10 La tavola 5 evidenzia per valori assoluti e composizione percentuale la situazione a livello territoriale. In Italia sono le imprese femminili attive e rappresentano il 22,9% delle imprese straniere italiane, più alta la percentuale dell Italia centrale con 23,7 (stesso valore delle femminili su straniere che delle femminili su totale). A livello provinciale Terni registra una percentuale di imprese femminili su imprese straniere del 28% mentre Perugia si ferma al 26,6% (Terni ha valori più alti del capoluogo di regione anche rispetto alle imprese femminili sul totale). Fig. 8 Imprese femminili su imprese straniere e su totale imprese per regione valori percentuali anno 2015 Vediamo ora il peso dell imprenditoria femminile nei vari settori: esso è maggiore nelle imprese straniere rispetto a quello che accade sul totale imprese (Fig. 9). Per quanto riguarda i valori assoluti delle imprese femminili straniere umbre il 36% del loro totale è nel settore del commercio (705 imprese), a seguire attività di alloggio e ristorazione, con 13,4% e imprese, e poi l agricoltura con 234 imprese e un 12% del totale. Questi numeri cambiano se rapportati percentualmente al totale straniere (%femminili straniere su imprese straniere settore per settore): sono femminili il 69,6% delle imprese del settore dell istruzione e il 67,5% di altri servizi. Seguono alloggio e ristorazione con il 48,9%, agricoltura con il 43,7 e le attività manifatturiere (36,8%). La fig. 9 affronta più in dettaglio quello che accade nelle sottocategorie del settore S altre categorie di servizi che presenta un totale di 156 imprese femminile straniere sulle 231 straniere dello stesso settore. 9

11 Tav. 6 Imprese straniere femminili attive quota % su totale imprese straniere per settore anno 2015 ITALIA ITALIA C. UMBRIA PERUGIA TERNI A Agricoltura, silvicoltura pesca 46,7 42,3 43,7 47,5 31,5 B Estrazione di minerali da cave e miniere 22,2 25,0 0,0 0,0 0,0 C Attività manifatturiere 34,1 39,2 36,8 36,5 39,3 D Fornitura di energia elettrica, gas 19,9 18,4 33,3 33,3 0,0 E Fornitura di acqua; reti fognarie, attività di gest. 21,8 21,7 25,0 28,6 0,0 F Costruzioni 4,8 5,1 4,5 4,1 6,3 G Commercio all'ingrosso e al dettaglio 22,6 24,3 28,3 27,4 31,3 H Trasporto e magazzinaggio 13,7 15,3 11,5 10,8 18,2 I Attività dei servizi di alloggio e di ristorazione 37,2 37,5 48,9 49,9 45,2 J Servizi di informazione e comunicazione 27,3 26,7 36,5 34,3 46,7 K Attività finanziarie e assicurative 38,9 37,9 41,5 42,6 33,3 L Attività immobiliari 37,0 41,5 48,4 48,1 50,0 M Attività professionali, scientifiche e tecniche 31,3 28,4 45,7 40,0 61,9 N Noleggio, agenzie di viaggio, servizi di supp. 26,7 18,7 44,4 48,4 32,3 O Amministrazione pubblica e difesa; assicur. 0,0 0,0 0,0 0,0 0,0 P Istruzione 51,7 53,8 69,6 75,0 57,1 Q Sanità e assistenza sociale 62,8 65,3 75,0 66,7 85,7 R Attività artistiche, sportive, di intrattenimento 39,0 42,1 50,0 46,7 60,0 S Altre attività di servizi 57,8 53,1 67,5 64,5 75,8 T Attività di famiglie e convivenze come dat. 37,5 50,0 50,0 0,0 100,0 X Imprese non classificate 26,6 22,4 0,0 0,0 0,0 TOTALE 22,9 23,7 26,9 26,6 28,0 Fig. 9 Imprese femminili % di composizione nelle imprese straniere e nel totale imprese in Umbria per settore anno

12 Fig. 10 Imprese straniere femminili e non femminili nel dettaglio sottocategoria S altre attività di servizi Le imprese straniere giovanili in Umbria Le imprese straniere guidate da giovani hanno un incidenza percentuale sul totale straniera inferiore sia al dato nazionale che a quello dell Italia centrale Tra le imprese straniere nazionali sono quelle giovanili (ossia quelle la cui partecipazione del controllo e della proprietà è detenuta in prevalenza da persone al di sotto dei 35 anni di età), il 23,4% del totale straniere. In Umbria il numero delle giovanili è di 1.593, il 22% del totale stranieri, un valore inferiore di più di un punto sia rispetto alla percentuale registrata in Italia (23,4%) che a quella dell Italia centrale (23,7%). Tav. 7 Imprese straniere e giovanili valori assoluti e composizione % anno

13 Fig. 11 Imprese giovanili su imprese straniere e su totale imprese per regione valori percentuali anno 2015 Fig. 12 Le giovanili su straniere e le imprese giovanili su totale composizione % per regione anno 2015 Questi valori sono particolarmente significativi ed evidenziano una maggior propensione dei giovani stranieri a metter su un impresa, a differenza di quello che accade per l incidenza delle imprese giovanili sul totale imprese come evidenzia la fig. 12 dove l Umbria registra una presenza giovanile sul totale imprese 12

14 dell 9,5% (dove il valore più alto è quello della Campania con 14,3 e il più basso quello del Friuli Venezia Giulia con 8,2%). Le imprese straniere giovanili in Umbria rispetto alla fine del 2014 sono diminuite di 57 unità, con una variazione negativa del 3,5%, a differenza di quanto avviene in Italia con un 0,1. Questi dati negativi confermano anche se con valori leggermente più bassi quello che accade anche a livello di imprese giovani in totale che nella nostra regione perdono il 4,6% e in Italia il 2,7%. Tav. 8 Imprese straniere giovanili attive per settore quota % su totale imprese straniere per settore e territori anno 2015 I settori in cui si concentrano maggiormente i giovani nelle imprese straniere sono commercio e costruzioni. Il totale dei due settori totalizza ben imprese sul totale straniere sotto i 35 anni di Seguono attività di alloggio e ristorazione, noleggio, altre attività di servizio. Percentualmente (% straniere giovanili su totale straniere settore per settore) ai primi posti troviamo noleggio e agenzie di viaggio 71 imprese su 248 (28,6%), attività artistiche e ricreative 11 imprese su 40 (27,5%), alloggio e ristorazione 138 imprese su 536 (25,7%). Le percentuali di composizione giovanili risultano superiori a quelle nazionali solo nei settori delle attività artistiche sportive e intrattenimento, e nel commercio e nella sanità. 13

15 Fig. 13 Imprese straniere giovanili attive per settore in Italia e Umbria anno 2015 Le imprese straniere per nazionalità Le imprese straniere sono per il 70,7% di nazionalità extra unione europea, per il 28,8% di nazionalità comunitaria e per il restante 0,5 non classificata. Fig. 14 Imprese straniere per nazionalità anno

16 Questi i dati dell Umbria che rapportati a Italia e Italia centrale evidenziano una minor composizione di imprenditori dell area extra unione europea a favore di quelli comunitari come si evince dal fig. 14. Fig. 15 Imprese straniere per settore e per nazionalità quota % su totale imprese straniere anno 2015 Fig. 16 Imprese straniere per settore e per nazionalità EXTRA U.E. quota % su totale imprese straniere anno

17 Prendendo in esame i settori vediamo che alcune attività come commercio e manifatturiero sono fortemente caratterizzate da presenza extra comunitaria (rispettivamente imprese per un 84,6% del totale e 388 per un 72,4%). Seguono attività di informazione e comunicazione, noleggio, costruzione. (fig. 15) Fig. 17 Imprese straniere per settore e per nazionalità COMUNITARIA quota % su totale comunitarie anno 2015 Le figure 16 e 17 ci danno un idea della composizione percentuale delle imprese extra UE e di nazionalità comunitaria nel loro complesso (fatto cento il totale dei settori). I settori che registrano percentuali più ampie (anche se con valori diversi ) segnano sempre ai primi posti costruzioni e commercio (che però si invertono registrando tra le imprese comunitarie le prime un 36,6% contro un 18,2% delle seconde mentre tra le imprese extra U.E. il commercio segna un 41,2% e le costruzioni un 27,6%). Seguono attività manifatturiere e alloggio e ristorazione (settori anche in questo caso invertiti per importanza nelle due nazionalità diverse) e agricoltura. Tutti gli altri settori hanno percentuali inferiori al 5%. 16

18 Le imprese straniere artigiane In Umbria la quota delle imprese straniere artigiane è pari al 41,1%, una percentuale maggiore di ben cinque punti dal dato nazionale con una forte componente del settore delle costruzioni Le imprese artigiane tra le imprese straniere registrano una composizione percentuale più ampia di quella che si ha per il totale imprese in diverse regioni italiane, Umbria compresa. Con imprese artigiane straniere la nostra regione registra un 41,1% superiore al dato nazionale (36%), alle altre regioni del centro (eccetto Toscana con 42,9%) e a tutte le regioni del sud e delle isole. Tav. 9 Imprese straniere e artigiane valori assoluti e composizione % anno 2015 Fig. 18 Imprese artigiane su imprese straniere e su totale imprese per regione valori percentuali anno

19 La componente artigiana del totale imprese si ferma invece in Umbria al 26,9%, un dato comunque superiore al dato nazionale (26,1%) e a molte altre regioni del centro e del sud. I settori dove le imprese artigiane sono più presenti percentualmente sul totale straniere sono: le costruzioni con imprese su (89%), le attività manifatturiere 428 su 536 (79,9%) e il settore trasporto e magazzinaggio con 76 su 104 (73,1%). A livello nazionale, anche se con percentuali leggermente diverse i settori più artigiani sono gli stessi. Fig. 19 Imprese straniere artigiane principali settori con presenza artigiana (anno 2015) 18

20 Le imprese straniere per classe di addetti, numero di addetti in totale, grado di imprenditorialità e classe di fatturato. Quasi il 70% delle imprese straniere si classifica tra quelle da 1 addetto totalizzando il 4,6% degli addetti del totale imprese. Il grado di imprenditorialità intorno al 95% si allinea con il dato dell Italia. In merito alla dimensione delle imprese straniere si possono trarre alcune indicazioni dalla loro articolazione per classi di addetti ottenuta sulla base dell integrazione tra i dati disponibili presso il Registro imprese camerale ed altri fonti amministrative esterne, in particolare l archivio Inps. A questo riguardo occorre precisare che l'informazione sugli addetti di impresa si configura come parametro dimensionale d'impresa e non ha alcun riferimento con il livello di occupazione nel territorio. Il 69,3% delle imprese straniere in Umbria in base a queste informazioni appartiene alla classe con 1 addetto (lo scorso anno il valore si discostava di poco con 68,8%). Scendono al 18,7 % rispetto ad un 19,1% registrato nello scorso anno le imprese cha hanno tra i 2 e i 5 addetti. Seguono con il 2,4 quelle tra i 6 e i 9, con l 1,3% quella da 10 a 19 ed infine con lo 0,2% quelle di classi dimensionali maggiori ai 20 addetti (Tav.12). Per quanto attiene al numero di addetti invece le imprese straniere umbre totalizzano addetti il 4,6% del totale addetti della regione ( ). Una percentuale del tutto in linea con quella nazionale (sempre 4,6%) e inferiore di un punto rispetto all Italia centrale (5,6%), anche se in alcune regioni la percentuale arriva anche a 8, (Fig. 20). Tav. 9 Imprese straniere attive in Umbria per settore e per classe di addetti quota % sul totale delle imprese straniere anno addetti 1 addetto 2-5 addetti 6-9 addetti addetti addetti Settore Attive Attive Attive Attive Attive Attive A Agricoltura 27,7 51,6 16,4 2,4 1,1 0,4 C Attività manifatturiere 5,2 54,7 25,2 7,1 6,7 0,9 D Fornitura di energia elettrica, gas 66,7 33,3 0,0 0,0 0,0 0,0 E Fornitura di acqua; reti fognarie 12,5 50,0 12,5 25,0 0,0 0,0 F Costruzioni 3,9 75,9 18,0 1,5 0,7 0,0 G Commercio all'ingrosso e al dettaglio 6,3 80,5 11,9 1,0 0,1 0,1 H Trasporto e magazzinaggio 3,8 58,7 29,8 1,9 3,8 1,9 I Attività dei servizi di alloggio e di ristor. 6,2 38,1 45,7 7,1 2,8 0,2 J Servizi di informazione e comunicazione 23,5 67,1 5,9 3,5 0,0 0,0 K Attività finanziarie e assicurative 7,5 86,8 5,7 0,0 0,0 0,0 L Attività immobiliari 35,9 46,9 14,1 3,1 0,0 0,0 M Attività professionali, scientif. 42,0 42,0 12,3 1,2 2,5 0,0 N Noleggio, agenzie di viaggio 7,7 69,4 18,5 2,8 1,6 0,0 P Istruzione 13,0 56,5 21,7 4,3 4,3 0,0 Q Sanità e assistenza sociale 12,5 25,0 43,8 6,3 12,5 0,0 R Attività artistiche, sportive, di intrattenimento 22,5 42,5 32,5 0,0 2,5 0,0 S Altre attività di servizi 6,1 61,9 28,6 2,6 0,4 0,4 T Attività di famiglie e convivenze 50,0 50,0 0,0 0,0 0,0 0,0 X Imprese non classificate 0,0 100,0 0,0 0,0 0,0 0,0 TOTALE 8,2 69,3 18,7 2,4 1,3 0,2 19

21 Fig. 20 Gli addetti nelle imprese straniere per regione composizione % sul totale addetti anno 2015 La percentuale di addetti di imprese straniere su totale addetti più alta si registra nel settore delle costruzioni con il 10,6% (3.346 su ) segue l alloggio e ristorazione con il 6,7% con 1551 anche se è il commercio con 3176 addetti che si pone numericamente al secondo posto anche se con il 5,6%. Migliaia di addetti registrati anche per quanto concerne attività manifatturiere e agricoltura. Tav.10 Gli addetti nelle imprese straniere valori assoluti e percentuali per settore in Umbria Italia centrale e Itala anno 2015 Umbria Italia C. Italia val. ass % sul tot. val. ass % sul tot. val. ass % sul tot. A Agricoltura , , ,2 B Estrazione di minerali da cave e miniere 0 0,0 17 0, ,4 C Attività manifatturiere , , ,1 D Fornitura di energia elettrica, gas, vapore 2 0,3 26 0, ,2 E Fornitura di acqua; reti fognarie 26 0, , ,8 F Costruzioni , , ,5 G Commercio all'ingrosso e al dettaglio , , ,4 H Trasporto e magazzinaggio 313 2, , ,9 I Attività dei servizi di alloggio e di ristorazione , , ,4 J Servizi di informazione e comunicazione 106 2, , ,8 K Attività finanziarie e assicurative 55 1, , ,6 L Attività immobiliari 73 1, , ,6 M Attività professionali, scientifiche e tecniche 114 1, , ,4 N Noleggio, agenzie di viaggio 398 3, , ,0 O Amministrazione pubblica e difesa 0 0,0 5 0,7 15 1,2 P Istruzione 44 3, , ,0 Q Sanità e assistenza sociale 94 1, , ,0 R Attività artistiche, sportive, di intratt , , ,1 S Altre attività di servizi 428 4, , ,9 T Attività di famiglie e conviv ,0 1 16,7 3 5,7 X Imprese non classificate 278 5, , ,3 TOTALE , , ,6 20

22 Un altro aspetto interessante da esaminare è il grado di imprenditorialità straniera che viene definito in base alla maggiore o minore partecipazione di giovani negli organi di controllo e nelle quote di proprietà dell'impresa (tav. 11). In particolare esso è desunto dalla natura giuridica dell'impresa, dall'eventuale quota di capitale sociale detenuta da ciascun socio di nazionalità non italiana e dalla percentuale di questi ultimi presenti tra gli amministratori o titolari o soci dell'impresa secondo i criteri condivisi definiti nella tabella sotto indicata. Sulla base di questi parametri è possibile classificare le imprese secondo il grado di presenza in: maggioritaria, forte ed esclusiva. I dati così ottenuti evidenziano come il 95,2% delle imprese straniere umbre sono caratterizzate dalla presenza esclusiva di stranieri, un livello molto simile a quello della media nazionale che è 95,7%. Le imprese straniere caratterizzate da una presenza forte e maggioritaria, si assestano rispettivamente sul 3,5% la prima e 1,2% la seconda (la media nazionale è 3,3% per la forte e 1,0% per la maggioritaria) Tav. 11 Imprese straniere attive per settore in Umbria e in Italia per grado di imprenditorialità quota % sul totale delle imprese straniere anno

23 Tav. 12 Imprese straniere attive in Umbria per settore e per classe di capitale quota % sul totale delle imprese straniere anno 2015 capitale fino a m m m m m assente m E. E. E. E. E. E. m E. Settore Attive Attive Attive Attive Attive Attive Attive Attive A Agricoltura, silvicoltura pesca 81,3 8,4 5,2 1,1 0,6 0,6 0,6 0,4 C Attività manifatturiere 70,7 13,8 8,4 1,3 1,3 0,9 0,7 0,6 D Fornitura di energia elettrica, gas, vapore 33,3 0,0 16,7 0,0 16,7 16,7 16,7 0,0 E Fornitura di acqua; reti fognarie 62,5 0,0 12,5 0,0 0,0 12,5 0,0 0,0 F Costruzioni 79,3 14,8 4,5 0,4 0,3 0,4 0,0 0,0 G Commercio all'ingrosso e al dettaglio 82,1 11,0 4,7 0,3 0,5 0,8 0,3 0,0 H Trasporto e magazzinaggio 76,0 5,8 12,5 2,9 0,0 1,0 0,0 1,0 I Attività dei servizi di alloggio e di ristorazione 58,2 24,6 11,6 0,7 0,6 2,6 0,7 0,4 J Servizi di informazione e comunicazione 65,9 15,3 12,9 1,2 2,4 0,0 2,4 0,0 K Attività finanziarie e assicurative 81,1 11,3 3,8 0,0 0,0 1,9 0,0 0,0 L Attività immobiliari 18,8 20,3 39,1 1,6 9,4 3,1 3,1 3,1 M Attività professionali, scientifiche e tecniche 51,9 12,3 25,9 1,2 2,5 1,2 2,5 0,0 N Noleggio, agenzie di viaggio 75,4 13,7 9,3 0,8 0,4 0,0 0,0 0,0 P Istruzione 47,8 13,0 34,8 4,3 0,0 0,0 0,0 0,0 Q Sanità e assistenza sociale 50,0 6,3 37,5 0,0 0,0 0,0 6,3 0,0 R Attività artistiche, sportive, di intrattenimento 45,0 37,5 15,0 2,5 0,0 0,0 0,0 0,0 S Altre attività di servizi 82,3 13,4 3,0 0,0 0,4 0,4 0,4 0,0 T Attività di famiglie e convivenze come dat. 100,0 0,0 0,0 0,0 0,0 0,0 0,0 0,0 X Imprese non classificate 100,0 0,0 0,0 0,0 0,0 0,0 0,0 0,0 Totale 76,8 13,5 6,6 0,6 0,6 0,8 0,4 0,2 NUMERO IMPRESE Tav. 12 segue m ,5 ml 2-2,5 ml 2,5-5 ml più di 5 m E. m E. m E. ml E. E. E. E. ml E. Settore Attive Attive Attive Attive Attive Attive Attive Attive A Agricoltura, silvicoltura pesca 1,3 0,0 0,2 0,2 0,0 0,2 0,0 0,0 C Attività manifatturiere 1,3 0,2 0,2 0,4 0,2 0,0 0,0 0,0 D Fornitura di energia elettrica, gas, vapore 0,0 0,0 0,0 0,0 0,0 0,0 0,0 0,0 E Fornitura di acqua; reti fognarie 12,5 0,0 0,0 0,0 0,0 0,0 0,0 0,0 F Costruzioni 0,2 0,0 0,0 0,0 0,0 0,0 0,0 0,0 G Commercio all'ingrosso e al dettaglio 0,2 0,0 0,0 0,0 0,0 0,0 0,0 0,0 H Trasporto e magazzinaggio 1,0 0,0 0,0 0,0 0,0 0,0 0,0 0,0 I Attività dei servizi di alloggio e di ristorazione 0,4 0,2 0,0 0,0 0,0 0,0 0,0 0,0 J Servizi di informazione e comunicazione 0,0 0,0 0,0 0,0 0,0 0,0 0,0 0,0 K Attività finanziarie e assicurative 0,0 0,0 0,0 0,0 0,0 0,0 0,0 1,9 L Attività immobiliari 0,0 0,0 0,0 0,0 1,6 0,0 0,0 0,0 M Attività professionali, scientifiche e tecniche 1,2 0,0 0,0 0,0 0,0 0,0 1,2 0,0 N Noleggio, agenzie di viaggio 0,4 0,0 0,0 0,0 0,0 0,0 0,0 0,0 P Istruzione 0,0 0,0 0,0 0,0 0,0 0,0 0,0 0,0 Q Sanità e assistenza sociale 0,0 0,0 0,0 0,0 0,0 0,0 0,0 0,0 R Attività artistiche, sportive, di intrattenimento 0,0 0,0 0,0 0,0 0,0 0,0 0,0 0,0 S Altre attività di servizi 0,0 0,0 0,0 0,0 0,0 0,0 0,0 0,0 T Attività di famiglie e convivenze come dat. 0,0 0,0 0,0 0,0 0,0 0,0 0,0 0,0 X Imprese non classificate 0,0 0,0 0,0 0,0 0,0 0,0 0,0 0,0 Totale 0,4 0,0 0,0 0,0 0,0 0,0 0,0 0,0 NUMERO IMPRESE Per quanto attiene all articolazione secondo la classe di capitale (per "Capitale sociale" si intende in senso lato il capitale investito nell'impresa, che ricomprende quindi il capitale sociale per le società di capitale, il fondo consortile per le società consortili, il totale delle quote di partecipazione per le società di persone, 22

24 etc.) la tav. 12 mostra in dettaglio quello che accade in Umbria per settori mentre il grafico della fig. 16 mostra un confronto Umbria, Italia centrale e dato nazionale. Le imprese straniere con capitale assente superano in tutti e tre i territori di riferimento il 70% anche se l Umbria registra la percentuale maggiore con un 76,8% che poco si discosta con il 76,1% delle regioni del centro Italia (76,1%) ma differisce di più di 5 punti con il valore dell Italia (71,3%). Percentuali degne di nota quelle con capitale fino a 10 ml di euro che vanno da un 11,7% dell Italia centrale ad un 16,5% del dato nazionale passando da un 13,5% della nostra regione. Ben sopra lo 0, che caratterizza poi tutte le ulteriori fasce di capitale, è quello delle imprese tra i 10 e i 15 ml. che pesano in Umbria il 6,6% inferiore comunque all 8,8% dell Italia centrale e all 8,2% dell Italia. Fig. 16 Imprese straniere attive in Umbria in Italia centrale e in Italia per classi di capitale anno

L IMPRESA FEMMINILE IN LIGURIA

L IMPRESA FEMMINILE IN LIGURIA L IMPRESA FEMMINILE IN LIGURIA L imprenditoria femminile in Liguria conta 36.170 imprese a fine 2014 e il suo peso sull intero tessuto imprenditoriale è pari al 22,1%, superiore di mezzo punto percentuale

Dettagli

Imprenditoria giovanile

Imprenditoria giovanile Imprenditoria giovanile Nel 2014 si registrano, nella provincia di Brindisi, 860 iscrizioni di imprese giovanili 1 a fronte di 428 cessazioni (al netto delle cancellazioni d ufficio), con un saldo positivo

Dettagli

NOTE CONGIUNTURALI NATALITÀ E MORTALITÀ DELLE IMPRESE IN PROVINCIA DI MODENA I TRIMESTRE 2016

NOTE CONGIUNTURALI NATALITÀ E MORTALITÀ DELLE IMPRESE IN PROVINCIA DI MODENA I TRIMESTRE 2016 NOTE CONGIUNTURALI NATALITÀ E MORTALITÀ DELLE IMPRESE IN PROVINCIA DI MODENA I TRIMESTRE 2016 Camera di Commercio di Modena Via Ganaceto, 134 41121 Modena Tel. 059 208806 http://www.mo.camcom.it Natalità

Dettagli

L Imprenditoria Femminile in provincia di Sondrio in pillole

L Imprenditoria Femminile in provincia di Sondrio in pillole FOCUS ECONOMIA 2016 N. 1 L Imprenditoria Femminile in provincia di Sondrio in pillole Ufficio Studi e Progetti Speciali - CCIAA Sondrio 1 Le imprese femminili 1 in provincia di Sondrio Le imprese femminili

Dettagli

LA DINAMICA DELLE IMPRESE GIOVANILI, FEMMINILI E STRANIERE ( * ) IN LIGURIA NEL 2016

LA DINAMICA DELLE IMPRESE GIOVANILI, FEMMINILI E STRANIERE ( * ) IN LIGURIA NEL 2016 LA DINAMICA DELLE IMPRESE GIOVANILI, FEMMINILI E STRANIERE ( * ) IN LIGURIA NEL 216 Saldi positivi per giovani e stranieri, in calo le donne Nel 216 il saldo tra iscrizioni e cessazioni di imprese giovanili

Dettagli

Le imprese femminili 1 in Piemonte

Le imprese femminili 1 in Piemonte Le imprese femminili 1 in Piemonte A fine 2016 le imprese femminili registrate in Italia hanno raggiunto quota 1.321.862 unità, pari al 21,8% delle imprese complessivamente registrate presso i Registri

Dettagli

CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI ANCONA REPORT CON DATI CONGIUNTURALI 1 TRIMESTRE 2016 TAVOLE CONGIUNTURALI DELLE IMPRESE ATTIVE

CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI ANCONA REPORT CON DATI CONGIUNTURALI 1 TRIMESTRE 2016 TAVOLE CONGIUNTURALI DELLE IMPRESE ATTIVE CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI REPORT CON DATI CONGIUNTURALI 1 TRIMESTRE 2016 TAVOLE CONGIUNTURALI DELLE IMPRESE ATTIVE Elaborazioni a: Marzo 2016 Indice delle tavole Dati congiunturali a periodicità

Dettagli

CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI ISERNIA REPORT CON DATI CONGIUNTURALI 1 TRIMESTRE 2013 TAVOLE CONGIUNTURALI DELLE IMPRESE ATTIVE

CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI ISERNIA REPORT CON DATI CONGIUNTURALI 1 TRIMESTRE 2013 TAVOLE CONGIUNTURALI DELLE IMPRESE ATTIVE CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI REPORT CON DATI CONGIUNTURALI 1 TRIMESTRE 2013 TAVOLE CONGIUNTURALI DELLE IMPRESE ATTIVE Elaborazioni a: marzo 2013 Indice delle tavole Dati congiunturali a periodicità

Dettagli

CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI. Calabria REPORT CON DATI CONGIUNTURALI 1 TRIMESTRE 2013 TAVOLE CONGIUNTURALI DELLE IMPRESE ATTIVE

CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI. Calabria REPORT CON DATI CONGIUNTURALI 1 TRIMESTRE 2013 TAVOLE CONGIUNTURALI DELLE IMPRESE ATTIVE CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI REPORT CON DATI CONGIUNTURALI 1 TRIMESTRE 2013 TAVOLE CONGIUNTURALI DELLE IMPRESE ATTIVE Elaborazioni a: marzo 2013 Indice delle tavole Dati congiunturali a periodicità

Dettagli

IL SISTEMA IMPRENDITORIALE IN PROVINCIA DI BRINDISI I TRIMESTRE 2011

IL SISTEMA IMPRENDITORIALE IN PROVINCIA DI BRINDISI I TRIMESTRE 2011 IL SISTEMA IMPRENDITORIALE IN PROVINCIA DI BRINDISI I TRIMESTRE 2011 LA DEMOGRAFIA DELLE IMPRESE I dati relativi al primo trimestre 2011, indicano, per quanto riguarda le sedi di impresa nella provincia

Dettagli

CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI. Toscana REPORT CON DATI CONGIUNTURALI 4 TRIMESTRE 2015 TAVOLE CONGIUNTURALI DELLE IMPRESE ATTIVE

CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI. Toscana REPORT CON DATI CONGIUNTURALI 4 TRIMESTRE 2015 TAVOLE CONGIUNTURALI DELLE IMPRESE ATTIVE CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI REPORT CON DATI CONGIUNTURALI 4 TRIMESTRE 2015 TAVOLE CONGIUNTURALI DELLE IMPRESE ATTIVE Elaborazioni a: Dicembre 2015 Indice delle tavole Dati congiunturali a periodicità

Dettagli

DEMOGRAFIA DELLE IMPRESE CREMONESI 1 trimestre 2011

DEMOGRAFIA DELLE IMPRESE CREMONESI 1 trimestre 2011 DEMOGRAFIA DELLE IMPRESE CREMONESI 1 trimestre 2011 Imprese nel complesso In Lombardia, nel primo trimestre del 2011 le anagrafi camerali registrano un saldo positivo di 987 unità. Alla fine di marzo risultano

Dettagli

2 TRIMESTRE 2015: saldi positivi per imprese giovanili, femminili e straniere

2 TRIMESTRE 2015: saldi positivi per imprese giovanili, femminili e straniere 2 TRIMESTRE 215: saldi positivi per imprese giovanili, femminili e straniere Nel secondo trimestre 215 i saldi tra iscrizioni e cessazioni di imprese liguri giovanili, femminili e straniere ( * ) risultano

Dettagli

LE IMPRESE LIGURI NEL 3 TRIMESTRE 2016

LE IMPRESE LIGURI NEL 3 TRIMESTRE 2016 LE IMPRESE LIGURI NEL 3 TRIMESTRE 216 34 imprese in più nel trimestre estivo, artigianato ancora in sofferenza. Nel 3 trimestre 216 in Liguria si sono iscritte al Registro delle Imprese 1.76 imprese, 42

Dettagli

CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI CREMONA REPORT CON DATI CONGIUNTURALI 4 TRIMESTRE 2015 TAVOLE CONGIUNTURALI DELLE IMPRESE ATTIVE

CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI CREMONA REPORT CON DATI CONGIUNTURALI 4 TRIMESTRE 2015 TAVOLE CONGIUNTURALI DELLE IMPRESE ATTIVE CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI REPORT CON DATI CONGIUNTURALI 4 TRIMESTRE 2015 TAVOLE CONGIUNTURALI DELLE IMPRESE ATTIVE Elaborazioni a: Dicembre 2015 Indice delle tavole Dati congiunturali a periodicità

Dettagli

CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI. Calabria REPORT CON DATI CONGIUNTURALI 3 TRIMESTRE 2013 TAVOLE CONGIUNTURALI DELLE IMPRESE ATTIVE

CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI. Calabria REPORT CON DATI CONGIUNTURALI 3 TRIMESTRE 2013 TAVOLE CONGIUNTURALI DELLE IMPRESE ATTIVE CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI REPORT CON DATI CONGIUNTURALI 3 TRIMESTRE 2013 TAVOLE CONGIUNTURALI DELLE IMPRESE ATTIVE Elaborazioni a: Settembre 2013 Indice delle tavole Dati congiunturali a periodicità

Dettagli

Note di sintesi sull andamento delle imprese in Liguria (*) (2 trimestre 2011)

Note di sintesi sull andamento delle imprese in Liguria (*) (2 trimestre 2011) Note di sintesi sull andamento delle imprese in Liguria (*) (2 trimestre 2011) OSSERVATORIO MERCATO DEL LAVORO Luglio 2011 (*) I dati e le informazioni contenute nelle Note di sintesi costituiscono un

Dettagli

DATI INAIL NAZIONALI

DATI INAIL NAZIONALI OSSERVATORIO SICUREZZA SUL LAVORO DI VEGA ENGINEERING Elaborazione Statistica degli Infortuni Mortali sul Lavoro Anno 2016: aggiornamento al 31/7/2016 a cura dell Osservatorio Sicurezza sul Lavoro di Vega

Dettagli

Elaborazione Statistica degli Infortuni Mortali sul Lavoro Anno 2014: aggiornamento al 30/04/2014 DATI INAIL NAZIONALI

Elaborazione Statistica degli Infortuni Mortali sul Lavoro Anno 2014: aggiornamento al 30/04/2014 DATI INAIL NAZIONALI Elaborazione Statistica degli Infortuni Mortali sul Lavoro Anno 204: aggiornamento al 30/04/204 a cura dell Osservatorio Sicurezza sul Lavoro di Vega Engineering su base dati Inail DATI INAIL NAZIONALI

Dettagli

DATI INAIL NAZIONALI

DATI INAIL NAZIONALI OSSERVATORIO SICUREZZA SUL LAVORO DI VEGA ENGINEERING Elaborazione Statistica degli Infortuni Mortali sul Lavoro Anno 2016: aggiornamento al 31//2016 a cura dell Osservatorio Sicurezza sul Lavoro di Vega

Dettagli

DATI INAIL NAZIONALI

DATI INAIL NAZIONALI OSSERVATORIO SICUREZZA SUL LAVORO DI VEGA ENGINEERING Elaborazione Statistica degli Infortuni Mortali sul Lavoro Anno 201: aggiornamento al 30//201 a cura dell Osservatorio Sicurezza sul Lavoro di Vega

Dettagli

CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI VIBO VALENTIA

CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI VIBO VALENTIA CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI REPORT CON DATI CONGIUNTURALI 4 TRIMESTRE 2012 TAVOLE CONGIUNTURALI Elaborazioni a: gennaio 2013 Indice delle tavole Dati congiunturali a periodicità trimestrale Dinamismo

Dettagli

CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI ISERNIA

CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI ISERNIA CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI REPORT CON DATI CONGIUNTURALI 1 TRIMESTRE 2013 TAVOLE CONGIUNTURALI Elaborazioni a: marzo 2013 Indice delle tavole Dati congiunturali a periodicità trimestrale Dinamismo

Dettagli

DEMOGRAFIA DELLE IMPRESE CREMONESI 3 trimestre 2010

DEMOGRAFIA DELLE IMPRESE CREMONESI 3 trimestre 2010 DEMOGRAFIA DELLE IMPRESE CREMONESI 3 trimestre 2010 Imprese nel complesso In Lombardia, nel secondo trimestre del 2010 le anagrafi camerali registrano un saldo positivo di 4.448 unità. Alla fine di settembre

Dettagli

Le imprese giovanili 1 in Piemonte

Le imprese giovanili 1 in Piemonte Le imprese giovanili 1 in Piemonte A fine 2015, le imprese giovanili registrate in Italia hanno raggiunto quota 623.755 unità, il 10,3% delle imprese complessivamente censite presso i Registri delle Camere

Dettagli

DATI INAIL NAZIONALI Anno 2016: aggiornamento al 31/7/2016

DATI INAIL NAZIONALI Anno 2016: aggiornamento al 31/7/2016 CE.S.I.L. RE Centro Studi Infortuni sul lavoro Reggio Emilia, 2//2016 Elaborazione Statistica degli Infortuni Mortali sul Lavoro a cura del Centro Studi Infortuni sul Lavoro di Conflavoro Pmi Reggio Emilia

Dettagli

Note di sintesi sull andamento delle imprese in Liguria (*) (Media 2015)

Note di sintesi sull andamento delle imprese in Liguria (*) (Media 2015) Note di sintesi sull andamento delle imprese in Liguria (*) (Media 2015) OSSERVATORIO MERCATO DEL LAVORO Febbraio 2016 (*) I dati e le informazioni contenute nelle Note di sintesi costituiscono un contributo

Dettagli

CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI

CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI REPORT CON DATI CONGIUNTURALI 4 TRIMESTRE 2015 TAVOLE CONGIUNTURALI Elaborazioni a: Dicembre 2015 Indice delle tavole Dati congiunturali a periodicità trimestrale Dinamismo

Dettagli

In occasione. di lavoro Senza mezzo. di trasporto 32 In itinere. mezzo di trasporto 62. In itinere Senza. di trasporto 144. Con mezzo di.

In occasione. di lavoro Senza mezzo. di trasporto 32 In itinere. mezzo di trasporto 62. In itinere Senza. di trasporto 144. Con mezzo di. OSSERVATORIOO SICUREZZA SUL LAVORO DI VEGA ENGINEERING Elaborazione Statistica degli Infortuni Mortali sul Lavoro Anno 2015: aggiornamento al 31/08/ /2015 a cura dell Osservatorioo Sicurezza sul Lavoro

Dettagli

GLI EFFETTI DELLA CRISI SULLE IMPRESE DI COSTRUZIONI

GLI EFFETTI DELLA CRISI SULLE IMPRESE DI COSTRUZIONI GLI EFFETTI DELLA CRISI SULLE IMPRESE DI COSTRUZIONI Estratto dall Osservatorio Congiunturale sull Industria delle Costruzioni Luglio 2016 a cura della Direzione Affari Economici e Centro Studi ESTRATTO

Dettagli

LE IMPRESE DELLA PROVINCIA DI FORLÌ CESENA. Primo trimestre 2016

LE IMPRESE DELLA PROVINCIA DI FORLÌ CESENA. Primo trimestre 2016 LE IMPRESE DELLA PROVINCIA DI FORLÌ CESENA Primo trimestre 2016 SITUAZIONE AL 31 MARZO 2016 Commento ai dati e tavole statistiche a cura dell Ufficio Statistica e Studi LE IMRESE DELLA PROVINCIA DI FORLÌ

Dettagli

Elaborazione Statistica degli Infortuni Mortali sul Lavoro Anno 2017: aggiornamento al 31/1/2017 DATI INAIL NAZIONALI

Elaborazione Statistica degli Infortuni Mortali sul Lavoro Anno 2017: aggiornamento al 31/1/2017 DATI INAIL NAZIONALI OSSERVATORIO SICUREZZA SUL LAVORO DI VEGA ENGINEERING Elaborazione Statistica degli Infortuni Mortali sul Lavoro Anno 7: aggiornamento al 3//7 a cura dell Osservatorio Sicurezza sul Lavoro di Vega Engineering

Dettagli

IL SISTEMA IMPRENDITORIALE NEL COMUNE DI FAENZA. a cura del Servizio Statistica

IL SISTEMA IMPRENDITORIALE NEL COMUNE DI FAENZA. a cura del Servizio Statistica IL SISTEMA IMPRENDITORIALE NEL COMUNE DI FAENZA a cura del Servizio Statistica SISTEMA IMPRENDITORIALE- 30 GIUGNO ANNO 2015 IMPRESE E UNITA' LOCALI ATTIVE Dati Registro Imprese COM= PREN= PROVIN= Indicatori

Dettagli

Gennaio. Marzo Totale SUL LAVORO DI. In occasione. mezzo di trasporto 28. Senzaa mezzo di. In itinere Senza. In itinere.

Gennaio. Marzo Totale SUL LAVORO DI. In occasione. mezzo di trasporto 28. Senzaa mezzo di. In itinere Senza. In itinere. OSSERVATORIOO SICUREZZA SUL LAVORO DI VEGA ENGINEERING Elaborazione Statistica degli Infortuni Mortali sul Lavoro Anno 216: aggiornamento al 1//216 a cura dell Osservatorioo Sicurezza sul Lavoro di Vega

Dettagli

ARSEL Liguria. Agenzia Regionale per i Servizi Educativi e per il Lavoro. Note di sintesi sull andamento delle imprese in Liguria (*)

ARSEL Liguria. Agenzia Regionale per i Servizi Educativi e per il Lavoro. Note di sintesi sull andamento delle imprese in Liguria (*) ARSEL Liguria Agenzia Regionale per i Servizi Educativi e per il Lavoro Note di sintesi sull andamento delle imprese in Liguria (*) (1 trimestre 2014) OSSERVATORIO MERCATO DEL LAVORO Aprile 2014 (*) I

Dettagli

Fare impresa a Catania e in Sicilia. Il contesto di riferimento

Fare impresa a Catania e in Sicilia. Il contesto di riferimento Fare impresa a Catania e in Sicilia Il contesto di riferimento 1 Come effettuare quest analisi? 1. Individuazione e significatività del contesto di riferimento 2. Individuazione di un sistema di indicatori

Dettagli

Elaborazione dati sul Mercato del Lavoro al 30 settembre 2013

Elaborazione dati sul Mercato del Lavoro al 30 settembre 2013 Proviinciia Massa Carrara Settore Formazione Professionale e Politiche del Lavoro Servizio Politiche del Lavoro Elaborazione dati sul Mercato del Lavoro al 30 settembre 2013 22 Novembrre 2013 1/15 Indice

Dettagli

Il saldo della bilancia commerciale risulta positivo ed è pari a 18 miliardi e 454 milioni di euro.

Il saldo della bilancia commerciale risulta positivo ed è pari a 18 miliardi e 454 milioni di euro. I SEMESTRE 2015: CRESCITA DELL EXPORT IN LIGURIA DEL 7% Nel primo semestre 2015, rispetto allo stesso periodo del 2014, in Italia le vendite di beni sui mercati esteri risultano in sensibile espansione

Dettagli

Un segmento del mercato del lavoro: le assunzioni in provincia di Ravenna - Anno 2009

Un segmento del mercato del lavoro: le assunzioni in provincia di Ravenna - Anno 2009 Un segmento del mercato del lavoro: le assunzioni in provincia di Ravenna - Anno 2009 Nel territorio provinciale nel corso del 2009 sono state registrate 97.659 assunzioni 1 (da tener presente che ogni

Dettagli

Gennaio. Aprile 2015 223 187 36 82 34 48 305. In occasione. di lavoro. di trasporto 48. di lavoro Senza mezzo In itinere. mezzo di trasporto 34

Gennaio. Aprile 2015 223 187 36 82 34 48 305. In occasione. di lavoro. di trasporto 48. di lavoro Senza mezzo In itinere. mezzo di trasporto 34 OSSERVATORIOO SICUREZZA SUL LAVORO DI VEGA ENGINEERING Elaborazione Statistica degli Infortuni Mortali sul Lavoro Anno 2015: aggiornamento al 30/0/ /2015 a cura dell Osservatorioo Sicurezza sul Lavoro

Dettagli

Friuli-Venezia Giulia i

Friuli-Venezia Giulia i Friuli-Venezia Giulia i La Tabella 1 illustra le previsioni riguardanti il quadro economico e il mercato del lavoro della regione Friuli-Venezia Giulia. Nel periodo di previsione il valore aggiunto regionale

Dettagli

1.1 Le imprese nel periodo 2009/2011

1.1 Le imprese nel periodo 2009/2011 1.1 Le imprese nel periodo 2009/2011 L analisi dell andamento demografico delle imprese nel periodo 2009/2011 presenta, a livello nazionale, un quadro di sostanziale staticità: al 31 dicembre 2011 lo stock

Dettagli

Elaborazione dati sul Mercato del Lavoro I Trimestre 2011

Elaborazione dati sul Mercato del Lavoro I Trimestre 2011 Proviinciia Massa Carrara Settore Formazione Professionale e Politiche del Lavoro Servizio Politiche del Lavoro Elaborazione dati sul Mercato del Lavoro I Trimestre 2011 Gaabrriieellee Leevii 7 Luglliio

Dettagli

Elaborazione Statistica degli Infortuni Mortali sul Lavoro Anno 2016: aggiornamento al 30/9/2016 DATI INAIL NAZIONALI

Elaborazione Statistica degli Infortuni Mortali sul Lavoro Anno 2016: aggiornamento al 30/9/2016 DATI INAIL NAZIONALI OSSERVATORIO SICUREZZA SUL LAVORO DI VEGA ENGINEERING Elaborazione Statistica degli Infortuni Mortali sul Lavoro Anno 2016: aggiornamento al 30/9/2016 a cura dell Osservatorio Sicurezza sul Lavoro di Vega

Dettagli

Le imprese straniere 1 in Piemonte

Le imprese straniere 1 in Piemonte Le imprese straniere 1 in Piemonte A fine 2015 le imprese straniere registrate in Italia hanno raggiunto le 550.717 unità, il 9,1% delle imprese complessivamente censite presso i Registri delle Camere

Dettagli

I FALLIMENTI IN PROVINCIA DI BOLOGNA 1^ Semestre 2015

I FALLIMENTI IN PROVINCIA DI BOLOGNA 1^ Semestre 2015 I FALLIMENTI IN PROVINCIA DI BOLOGNA 1^ Semestre 215 I dati utilizzati nella presente pubblicazione sono stati elaborati dall Ufficio Statistica della Camera di Commercio di Bologna sugli estratti delle

Dettagli

CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI REGGIO CALABRIA REPORT CON DATI STRUTTURALI ANNO 2012 INSIEME DELLE IMPRESE REGISTRATE

CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI REGGIO CALABRIA REPORT CON DATI STRUTTURALI ANNO 2012 INSIEME DELLE IMPRESE REGISTRATE CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI REPORT CON DATI STRUTTURALI ANNO 2012 INSIEME DELLE IMPRESE REGISTRATE Elaborazioni a: gennaio 2013 Indice delle tavole Dati strutturali a periodicità annuale 0. Analisi

Dettagli

DATI INAIL NAZIONALI

DATI INAIL NAZIONALI OSSERVATORIO SICUREZZA SUL LAVORO DI VEGA ENGINEERING Elaborazione Statistica degli Infortuni Mortali sul Lavoro Anno 2016: aggiornamento al 31/10/2016 a cura dell Osservatorio Sicurezza sul Lavoro di

Dettagli

CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI

CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI REPORT CON DATI STRUTTURALI ANNO 2014 INSIEME DELLE IMPRESE REGISTRATE Elaborazioni a: Dicembre 2014 Indice delle tavole Dati strutturali a periodicità annuale Imprese

Dettagli

DATI INAIL NAZIONALI

DATI INAIL NAZIONALI OSSERVATORIO SICUREZZA SUL LAVORO DI VEGA ENGINEERING Elaborazione Statistica degli Infortuni Mortali sul Lavoro Anno 2016: aggiornamento al 30/11/2016 a cura dell Osservatorio Sicurezza sul Lavoro di

Dettagli

E consentita la riproduzione di testi, tabelle e grafici citando gli estremi della pubblicazione

E consentita la riproduzione di testi, tabelle e grafici citando gli estremi della pubblicazione A cura del Servizio Studi e Ricerca della CCIAA di Verona La pubblicazione è stata chiusa il 14 agosto 2014 ed è disponibile sul sito www.vr.camcom.it E consentita la riproduzione di testi, tabelle e grafici

Dettagli

Liguria i. Tabella 1. Quadro economico e del mercato del lavoro. Variazione 1 percentuale

Liguria i. Tabella 1. Quadro economico e del mercato del lavoro. Variazione 1 percentuale Liguria i La Tabella 1 illustra le previsioni riguardanti il quadro economico e il mercato del lavoro della regione Liguria. Nel periodo di previsione il valore aggiunto regionale aumenterà del 2,4%, passando

Dettagli

Le dinamiche del commercio estero in Sardegna. (estratto da Nota economica della provincia di Cagliari Tagliacarne)

Le dinamiche del commercio estero in Sardegna. (estratto da Nota economica della provincia di Cagliari Tagliacarne) Le dinamiche del commercio estero in Sardegna. (estratto da Nota economica della provincia di Cagliari 2014 - Tagliacarne) Il peso dell interscambio petrolifero Una perdita di competitività internazionale

Dettagli

Per ulteriori informazioni:

Per ulteriori informazioni: Tab. 1 - Persone nate in paesi non-ue per tipologia di carica Dati al 31 marzo 2016 Carica Persone Amministratore 141.748 Socio* 54.934 Titolare 357.152 Altre cariche 14.915 568.749 * La carica di socio

Dettagli

CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI

CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI REPORT CON DATI STRUTTURALI ANNO 2013 INSIEME DI IMPRESE ATTIVE Elaborazioni a: Dicembre 2013 Indice delle tavole Dati strutturali a periodicità annuale Imprese 1. Analisi

Dettagli

Di cui Cessazioni Settori Ateco Iscrizioni

Di cui Cessazioni Settori Ateco Iscrizioni Sedi di Impresa 30 GIUGNO 2015 IMPRESE REGISTRATE, ATTIVE, ISCRITTE, CESSATE, CESSATE NON D'UFFICIO COMUNE DI CASTELBOLOGNESE 30 GIUGNO 2015 (1 +2 TRIMESTRE) Comp.% Registrate A Agricoltura, silvicoltura

Dettagli

DEMOGRAFIA DELLE IMPRESE CREMONESI 2 trimestre 2009

DEMOGRAFIA DELLE IMPRESE CREMONESI 2 trimestre 2009 DEMOGRAFIA DELLE IMPRESE CREMONESI 2 trimestre 2009 Imprese nel complesso In Lombardia, nel secondo trimestre del 2009 le anagrafi camerali registrano un saldo positivo di 4.839 unità. Alla fine di giugno

Dettagli

IL SISTEMA IMPRENDITORIALE NEL COMUNE DI FAENZA. a cura del Servizio Statistica

IL SISTEMA IMPRENDITORIALE NEL COMUNE DI FAENZA. a cura del Servizio Statistica IL SISTEMA IMPRENDITORIALE NEL COMUNE DI a cura del Servizio Statistica Note Salvo diversa indicazione, i dati si riferiscono al dicembre Tasso di natalità: rapporto tra il numero delle iscrizioni nell'anno

Dettagli

FIGURA 1 ESPORTAZIONI PER MACROAREA DATI TRIMESTRALI (variazioni percentuali rispetto all anno precedente)

FIGURA 1 ESPORTAZIONI PER MACROAREA DATI TRIMESTRALI (variazioni percentuali rispetto all anno precedente) Le esportazioni delle regioni italiane estre 3 13/6/3 CONGIUNTURA TERRITORIALE ESPORTAZIONI DELLE REGIONI ITALIANE I Trimestre 3 Giugno 3 La dinamica delle esportazioni in valore nel estre 3 registra un

Dettagli

Informazioni Statistiche

Informazioni Statistiche Informazioni Statistiche Settore Sistema Informativo di supporto alle decisioni. Ufficio Regionale di Statistica Gennaio 2015 Struttura e addetti d impresa- Anno 2012 In sintesi: in termini di imprese,

Dettagli

Demografia Imprese Molisane

Demografia Imprese Molisane I Numeri dell Osservatorio Economico Statistico Regionale DEMOGRAFIA IMPRESE n. 2/2008 Periodico dell Unioncamere Molise Poste Italiane SpA spedizione in abbonamento postale D.L. 353/2003 (conv. in L.

Dettagli

L integrazione nel lavoro degli stranieri

L integrazione nel lavoro degli stranieri L integrazione nel lavoro degli stranieri I cittadini stranieri residenti in Molise 1 al 1 gennaio 2010 sono 8.111 pari al 2,5% del totale dei residenti, mentre al 1 gennaio 2009 essi rappresentavano il

Dettagli

Puglia i. Tabella 1. Quadro economico e del mercato del lavoro. Variazione 1 percentuale

Puglia i. Tabella 1. Quadro economico e del mercato del lavoro. Variazione 1 percentuale Puglia i La Tabella 1 illustra le previsioni riguardanti il quadro economico e il mercato del lavoro della regione Puglia. Nel periodo di previsione il valore aggiunto regionale aumenterà del 6,2%, passando

Dettagli

Rapporto. Richiesta Cassa Integrazione Guadagni in deroga e mobilità in deroga. 30 marzo

Rapporto. Richiesta Cassa Integrazione Guadagni in deroga e mobilità in deroga. 30 marzo Rapporto. Richiesta Cassa Integrazione Guadagni in deroga e mobilità in deroga. 30 marzo 2013 1 Nota introduttiva Alla data del 30 marzo 2013, nel sistema telematico CO Veneto sono state inserite 7605

Dettagli

Impresa in genere. Il panorama delle imprese femminili in Italia al 30 settembre RC-CMYK+ne...

Impresa in genere. Il panorama delle imprese femminili in Italia al 30 settembre RC-CMYK+ne... Impresa in genere. Il panorama delle imprese femminili in Italia al 30 settembre 2011 RC-CMYK+ne... INDICE FOTOGRAFIA DELLE IMPRESE FEMMINILI AL III TRIMESTRE 2011... 3 LA FORMA GIURIDICA DELLE IMPRESE

Dettagli

Ufficio Studi. SEDI DI IMPRESA Aggiornamento dati al 30 novembre 2016

Ufficio Studi. SEDI DI IMPRESA Aggiornamento dati al 30 novembre 2016 Ufficio Studi SEDI DI IMPRESA Aggiornamento dati al 30 novembre 2016 SEDI DI IMPRESA Aggiornamento dati al 30 novembre 2016 Il report è stato realizzato dall Ufficio Studi della Camera di Commercio di

Dettagli

i m p r e s e f e m m i n i l i

i m p r e s e f e m m i n i l i i m p r e s e f e m m i n i l i L E I M P R E S E F E M M I N I L I D E L L A P R O V I N C I A D I R A V E N N A AGGIORNAMENTO AL 30 SETTEMBRE 2014 a cura del Servizio Statistica Camera di commercio di

Dettagli

Ufficio Studi. SEDI DI IMPRESA Aggiornamento dati al 31 luglio 2016

Ufficio Studi. SEDI DI IMPRESA Aggiornamento dati al 31 luglio 2016 Ufficio Studi SEDI DI IMPRESA Aggiornamento dati al 31 luglio 2016 SEDI DI IMPRESA Aggiornamento dati al 31 luglio 2016 Il report è stato realizzato dall Ufficio Studi della Camera di Commercio di Roma.

Dettagli

La cooperazione in provincia di Pisa

La cooperazione in provincia di Pisa La cooperazione in provincia di Pisa Anno 2015 Pisa, 18 aprile 2016. Le cooperative attive in Toscana alla fine del 2015 erano 3.835: a livello merceologico, il settore più consistente è quello delle costruzioni

Dettagli

l Economia di Genere nella provincia di Udine

l Economia di Genere nella provincia di Udine l Economia di Genere nella provincia di Udine marzo 2016 Via Morpurgo 4-33100 Udine - tel. +39 0432 273 200 / 219 - fax +39 0432 509469 - statistica@ud.camcom.it Le differenze di genere nel mercato del

Dettagli

Elaborazione Statistica degli Infortuni Mortali sul Lavoro Anno 2016: aggiornamento al 31/1/2016

Elaborazione Statistica degli Infortuni Mortali sul Lavoro Anno 2016: aggiornamento al 31/1/2016 OSSERVATORIO SICUREZZA SUL LAVORO DI VEGA ENGINEERING Elaborazione Statistica degli Infortuni Mortali sul Lavoro Anno 6: aggiornamento al 3//6 a cura dell Osservatorio Sicurezza sul Lavoro di Vega Engineering

Dettagli

Nota introduttiva. 1 Veneto Lavoro,. Unità di crisi aziendali, settoriali e territoriali.

Nota introduttiva. 1 Veneto Lavoro,. Unità di crisi aziendali, settoriali e territoriali. Rapporto 1. Richiesta Cassa Integrazione Guadagni in deroga e mobilità in deroga e APPROFONDIMENTO del consuntivato decretato della Cig in deroga 30 giugno 2012 Nota introduttiva Alla data del 30 giugno

Dettagli

MANAGERITALIA: LE DONNE MANAGER CRESCONO, MA NON BASTA. DOBBIAMO PASSARE DALLA PARITÀ AL DIVERSITY

MANAGERITALIA: LE DONNE MANAGER CRESCONO, MA NON BASTA. DOBBIAMO PASSARE DALLA PARITÀ AL DIVERSITY MANAGERITALIA: LE DONNE MANAGER CRESCONO, MA NON BASTA. DOBBIAMO PASSARE DALLA PARITÀ AL DIVERSITY Le donne dirigenti nel settore privato sono cresciute del 20% negli ultimi 5 anni, attestandosi a fine

Dettagli

RAPPORTO 2015 SULL' IMPRENDITORIA FEMMINILE IN PROVINCIA DI AREZZO

RAPPORTO 2015 SULL' IMPRENDITORIA FEMMINILE IN PROVINCIA DI AREZZO RAPPORTO 2015 SULL' IMPRENDITORIA FEMMINILE IN PROVINCIA DI AREZZO marzo 2016 Le imprese femminili 1 superano a fine 2015 la soglia delle 9.000 unità. Le imprese italiane a fine 2015 hanno accelerato il

Dettagli

Imprese attive provincia di Imperia

Imprese attive provincia di Imperia Il tessuto imprenditoriale della provincia di Imperia- anno 2013 1 Numerosità delle imprese (stock) Alla fine dell anno 2013 le imprese registrate in provincia di Imperia erano 26.420 con una diminuzione

Dettagli

Ufficio Studi. SEDI DI IMPRESA Aggiornamento dati al 31 luglio 2015

Ufficio Studi. SEDI DI IMPRESA Aggiornamento dati al 31 luglio 2015 Ufficio Studi SEDI DI IMPRESA Aggiornamento dati al 31 luglio 2015 SEDI DI IMPRESA Aggiornamento dati al 31 luglio 2015 Il report è realizzato a cura dell Ufficio Studi della Camera di Commercio di Roma.

Dettagli

AUMENTA L IMPRENDITORIA STRANIERA: BOOM DI QUELLA CINESE

AUMENTA L IMPRENDITORIA STRANIERA: BOOM DI QUELLA CINESE AUMENTA L IMPRENDITORIA STRANIERA: BOOM DI QUELLA CINESE In forte calo, però, le rimesse verso la Cina. In Lombardia, in Toscana, nel Veneto e in Emilia Romagna si concentra il 60 per cento circa degli

Dettagli

E consentita la riproduzione di testi, tabelle e grafici citando gli estremi della pubblicazione

E consentita la riproduzione di testi, tabelle e grafici citando gli estremi della pubblicazione IMPRESE E IMPRENDITORI STRANIERI A VERONA EDIZIONE 2016 A cura del Servizio Studi e Ricerca della Camera di Commercio di Verona La pubblicazione è stata chiusa il 7 settembre 2016 ed è disponibile sul

Dettagli

Osservatorio trimestrale sulla crisi di impresa

Osservatorio trimestrale sulla crisi di impresa Settembre 212 Osservatorio trimestrale sulla crisi di impresa Secondo Trimestre 212 Nei primi sei mesi del 212 il numero di fallimenti si attesta sui livelli elevati dell anno precedente Secondo gli archivi

Dettagli

LE IMPRESE LIGURI NEL 2014

LE IMPRESE LIGURI NEL 2014 LE IMPRESE LIGURI NEL 214 Ci lasciamo alle spalle un anno ancora difficile: perse altre 9 imprese, più della metà sono artigiane I dati di chiusura del 214 non sono confortanti: il saldo tra imprese iscritte

Dettagli

Elaborazione dati sul Mercato del Lavoro al 30 settembre 2011

Elaborazione dati sul Mercato del Lavoro al 30 settembre 2011 Proviinciia Massa Carrara Settore Formazione Professionale e Politiche del Lavoro Servizio Politiche del Lavoro Elaborazione dati sul Mercato del Lavoro al 30 settembre 2011 Rev.. 03 08 novembrre 2011

Dettagli

L imprenditoria femminile in provincia di Brescia

L imprenditoria femminile in provincia di Brescia L imprenditoria femminile in provincia di Brescia Rapporto elaborato a cura dell Ufficio Studi e Statistica della Camera di Commercio di Brescia su dati Istat, Infocamere, Movimprese. Brescia, marzo 2015

Dettagli

L ECONOMIA DI GENERE NEL FRIULI VENEZIA GIULIA

L ECONOMIA DI GENERE NEL FRIULI VENEZIA GIULIA L ECONOMIA DI GENERE NEL FRIULI VENEZIA GIULIA novembre 2014 Via Morpurgo 4-33100 Udine - Tel. +39 0432 273223 273224 - fax +39 0432 512408 - email: unioncamerefvg@ud.camcom.it Le differenze di genere

Dettagli

Elaborazione Statistica degli Infortuni Mortali sul Lavoro Anno 2016: aggiornamento al 30/4/2016

Elaborazione Statistica degli Infortuni Mortali sul Lavoro Anno 2016: aggiornamento al 30/4/2016 OSSERVATORIO SICUREZZA SUL LAVORO DI VEGA ENGINEERING Elaborazione Statistica degli Infortuni Mortali sul Lavoro Anno 2: aggiornamento al //2 a cura dell Osservatorio Sicurezza sul Lavoro di Vega Engineering

Dettagli

Aggiornato il sistema informativo SMAIL Emilia-Romagna sul mercato del lavoro

Aggiornato il sistema informativo SMAIL Emilia-Romagna sul mercato del lavoro Aggiornato il sistema informativo SMAIL Emilia-Romagna sul mercato del lavoro Nei tre anni della crisi (2008-2010), l occupazione del settore privato in regione è scesa dell 1,3%. Più colpite l industria

Dettagli

8. COMMERCIO E SERVIZI

8. COMMERCIO E SERVIZI 8. COMMERCIO E SERVIZI 8.1 Struttura e dinamica dei servizi Nel corso del 2009 è stata adottata una nuova classificazione delle attività economiche (ATECO 2007) che entra ancora più nel dettaglio dei vari

Dettagli

Movimento turistico complessivo Liguria Arrivi

Movimento turistico complessivo Liguria Arrivi TURISMO : LA LIGURIA CHIUDE L ANNO CON SEGNO POSITIVO Buona performance sia degli italiani che degli stranieri. L imperiese in recupero. Con oltre 4 milioni di arrivi e quasi 13 milioni e mezzo di giornate

Dettagli

4. Lavoro e previdenza

4. Lavoro e previdenza 4. Lavoro e previdenza L economia dell area pratese è strettamente legata all andamento del settore tessile/abbigliamento, come dimostra il fatto che le aziende di questo settore costituiscono il circa

Dettagli

IL SISTEMA IMPRENDITORIALE NEL COMUNE DI CERVIA. a cura del Servizio Statistica

IL SISTEMA IMPRENDITORIALE NEL COMUNE DI CERVIA. a cura del Servizio Statistica IL SISTEMA IMPRENDITORIALE NEL COMUNE DI a cura del Servizio Statistica Note Salvo diversa indicazione, i dati si riferiscono al dicembre Tasso di natalità: rapporto tra il numero delle iscrizioni nell'anno

Dettagli

Valutazione sull andamento congiunturale delle imprese cooperative biellesi I semestre 2012

Valutazione sull andamento congiunturale delle imprese cooperative biellesi I semestre 2012 Valutazione sull andamento congiunturale delle imprese cooperative biellesi I semestre 2012 Roberto Strocco Coordinatore Area Studi e Sviluppo del Territorio Unioncamere Piemonte Lo scenario internazionale

Dettagli

NOTA CONGIUNTURALE I TRIMESTRE 2014

NOTA CONGIUNTURALE I TRIMESTRE 2014 NOTA CONGIUNTURALE I TRIMESTRE 2014 Demografia imprese I dati Movimprese confermano il calo delle imprese anche nel I trimestre 2014 1. Le imprese attive, giunte a quota 15.253, risultano in diminuzione

Dettagli

Le imprese condotte da stranieri: il grado di imprenditorialità degli stranieri nelle aziende

Le imprese condotte da stranieri: il grado di imprenditorialità degli stranieri nelle aziende Studi e ricerche sull economia dell immigrazione Le da stranieri: il grado di imprenditorialità degli stranieri nelle aziende Perché studiare l imprenditoria straniera p.2 Cosa si intende per da stranieri

Dettagli

LA CONSISTENZA DELLE IMPRESE FEMMINILI Incidenza % delle imprese femminili sul totale ,3. Nord Ovest Nord Est Centro Sud e isole Totale

LA CONSISTENZA DELLE IMPRESE FEMMINILI Incidenza % delle imprese femminili sul totale ,3. Nord Ovest Nord Est Centro Sud e isole Totale Aumenta l incidenza delle imprenditrici donne sul totale che passa dal 29,9% al % in 5 anni. Fanno impresa nel terziario 7 imprenditrici su 10 e resistono meglio degli uomini alla contrazione della base

Dettagli

Osservatorio Nazionale Nota trimestrale novembre 2008

Osservatorio Nazionale Nota trimestrale novembre 2008 Nota trimestrale novembre 2008 Il lavoro in somministrazione nel terzo trimestre 2008: analisi dei dati degli archivi INAIL e INPS. Occupati, giornate retribuite e missioni avviate nel terzo trimestre

Dettagli

BANDI DI GARA PER LAVORI PUBBLICI IN LIEVE AUMENTO A SETTEMBRE 2016 MA I PRIMI NOVE MESI RESTANO NEGATIVI

BANDI DI GARA PER LAVORI PUBBLICI IN LIEVE AUMENTO A SETTEMBRE 2016 MA I PRIMI NOVE MESI RESTANO NEGATIVI Direzione Affari Economici e Centro Studi BANDI DI GARA PER LAVORI PUBBLICI IN LIEVE AUMENTO A SETTEMBRE 216 MA I PRIMI NOVE MESI RESTANO NEGATIVI Nel mese di settembre 216, secondo il monitoraggio Ance-Infoplus

Dettagli

Le imprese a Bologna

Le imprese a Bologna Le imprese a Bologna Aprile 2017 Capo Area Programmazione, Controlli e Statistica: Giacomo Capuzzimati Dirigente dell U.I. Ufficio Comunale di Statistica: Franco Chiarini Redazione a cura di: Paola Ventura,

Dettagli

RINNOVO DEL CONSIGLIO DELLA CAMERA DI COMMERCIO DI PESCARA. Attribuzione seggi alle categorie economiche

RINNOVO DEL CONSIGLIO DELLA CAMERA DI COMMERCIO DI PESCARA. Attribuzione seggi alle categorie economiche RINNOVO DEL CONSIGLIO DELLA CAMERA DI COMMERCIO DI PESCARA Attribuzione seggi alle categorie economiche Contenuti del regolamento sulla composizione dei consigli camerali - D.M. 155/2011 Individuazione

Dettagli

Serie storiche di indicatori economici congiunturali

Serie storiche di indicatori economici congiunturali Informazioni Statistiche Settore Sistema Informativo di supporto alle decisioni. Ufficio Regionale di Statistica Marzo 2015 Serie storiche di indicatori economici congiunturali In questo rapporto si presentano

Dettagli

Nel quarto trimestre 2014, dati economici contrastanti denotano ancora un clima di grande incertezza

Nel quarto trimestre 2014, dati economici contrastanti denotano ancora un clima di grande incertezza Nel quarto trimestre 2014, dati economici contrastanti denotano ancora un clima di grande incertezza I dati sul comparto industriale manifatturiero cremonese del quarto trimestre 2014 vedono la ricomparsa

Dettagli

LE IMPRESE IN CAMPANIA ANNO 2012

LE IMPRESE IN CAMPANIA ANNO 2012 GIUNTA REGIONALE DELLA CAMPANIA AREA GENERALE DI COORDINAMENTO RICERCA SCIENTIFICA, STATISTICA, SISTEMI INFORMATIVI ED INFORMATICA SETTORE ANALISI, PROGETTAZIONE E GESTIONE SISTEMI INFORMATIVI SERVIZIO

Dettagli