L area dei bisogni dei minori e delle famiglie: i destinatari e le risorse in campo

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "L area dei bisogni dei minori e delle famiglie: i destinatari e le risorse in campo"

Transcript

1 L area dei bisogni dei minori e delle famiglie: i destinatari e le risorse in campo 1. I destinatari dei servizi e degli interventi LA PRESA IN CARICO DEL CITTADINO E L APERTURA DELLA CARTELLA SOCIALE Nel momento in cui il Servizio Sociale, attraverso la sua attività di Segretariato, inizia ad occuparsi dei bisogni sociali di una persona che ad esso si rivolge, apre formalmente una cartella sociale a suo nome, nella quale, oltre ad essere contenuta la parte anagrafica, vengono inseriti i progetti che la riguardano e la documentazione di tutti gli interventi di aiuto e sostegno che il Servizio nel tempo eroga. L apertura della cartella sociale e la sua esistenza nel tempo costituiscono l aspetto formale ed evidente della presa in carico della persona da parte del Settore. Dopo un periodo prolungato (qualche anno) di inattività cioè di assenza di interventi o servizi specifici verso un utente, la presa in carico cessa e la cartella sociale viene chiusa ed archiviata. Nella tabella seguente vengono evidenziati i dati delle famiglie in carico al Settore ed i nuovi accessi nell anno. presa in carico dei destinatari dei servizi da parte del Settore Politiche Sociali totale famiglie prese in carico ( cartelle sociali aperte) nuove prese in carico nell'anno (nuove cartelle aperte nell'anno) Il sistema delle risorse organizzative ed umane Lo schema a fianco e la tabella nella pagina successiva provano a rappresentare graficamente il sistema delle istituzioni ed organizzazioni del territorio coinvolte con il Settore Politiche Sociali nella realizzazione di servizi ed interventi rivolti ai bisogni dei minori e delle famiglie residenti nella città di Lodi. Nello schema, ciascuna delle ellissi rappresenta una tipologia distinta di organizzazioni (Consorzio Lodigiano per i Servizi alla Persona, Piano di Zona, Azienda Ospedaliera, altri Settori del Comune, Cooperative sociali, Associazioni no profit, Consultori Familiari e liberi professionisti). L ellisse più grande rappresenta il Settore stesso; gli incroci tra le ellissi rappresentano le diverse relazioni in atto tra Settore ed organizzazioni o tra le organizzazioni stesse. Per l anno prossimo: sarebbe interessante, nella parte iniziale della rendicontazione di ogni servizio o intervento, inserire un box che indica le collaborazioni attive con tutti i servizi e soggetti del territorio.

2 Consultori familiari e liberi professionisti Azienda Ospedaliera UONPIA Interventi per minori disabili Sostegno alla genitorialità Sostegno alla crescita dei bambini Associazioni e Volontariato Iniziative a sostegno Minori disabili gravi Titoli Sociali Piano di Zona Servizio Tutela Minori: - Inserimento in strutture - ADM - Penale minorile - Affidi Consorzio Lodigiano Report sociale Segretariato sociale Asilo nido Spazio gioco Massaggio bambino Sostegno economico / assegno maternità / assegno nucleo familiare Sportello affitto / contributi affitto ERP Iniziative a sostegno minori disabili gravi Trasporti assistiti Inserimento in comunità di accoglienza COMUNE DI LODI Settore Politiche Sociali Area Minori e Famiglie Servizio educativo integrativo asili nido Servizio pulizie spazio gioco Centro Ricreativo Diurno (CRD) Servizio doposcuola ADM (casi gestiti da Servizio Sociale) Assegnazione alloggi di edilizia residenziale pubblica (ERP) Scuola infanzia estiva Assistenza ad personam alunni disabili Assistenza sui trasporti Altri settori Comune di Lodi Cooperative Sociali 97

3 La tabella di seguito riporta quindi, per maggiore informazione, tutte le particolari organizzazioni coinvolte con il Settore e la modalità specifica di relazione / coinvolgimento di ciascuna di esse. Il sistema dei soggetti territoriali che collaborano con il Settore riguardo all'area Minori e Famiglie anno 2007 Modalità del Servizi ed interventi Soggetti coinvolti con il Settore Modalità del Servizi ed interventi Soggetti coinvolti con il Settore coinvolgimento coinvolgimento Segretariato Segretariato sociale sociale solo Settore - - Asili nido Asili nido solo Settore - - Cooperativa Sociale Quadrifoglio (1 (1 parte parte anno) anno) Servizio Servizio Educativo Educativo Integrativo Asili Asili Nido Nido Cooperativa Sociale City Service (2 (2 parte parte anno) anno) Appalto Appalto Spazio Spazio Gioco Gioco solo Settore - - Servizio Servizio Pulizie Pulizie Spazio Spazio Gioco Gioco Cooperativa Sociale Le Le Pleiadi Pleiadi (tipo (tipo B) B) Convenzione Convenzione Massaggio bambino Massaggio bambino solo Settore solo Settore - - Centro Diurno Caccialanza Cooperativa Sociale Quadrifoglio Appalto Centro Diurno Caccialanza Cooperativa Sociale Quadrifoglio Appalto Settore Istruzione (soggetto gestore) Collaborazione operativa Scuola Infanzia Estiva Settore Istruzione (soggetto gestore) Collaborazione operativa Scuola Infanzia Estiva Cooperativa sociale Quadrifoglio Appalto Sostegno alla genitorialità e sostegno Cooperativa Sociale sociale Famiglia Quadrifoglio Nuova Affidamento Appalto incarico Sostegno alla alla crescita genitorialità dei bambini e sostegno alla crescita Servizio dei doposcuola bambini Oltre la scuola Cooperativa Liberi Sociale professionisti Famiglia Nuova Cooperativa Liberi Sociale professionisti Famiglia Nuova Incarico Affidamento professionale incarico Incarico Appalto professionale Servizio Servizio doposcuola Tutela Oltre Minori la scuola Consorzio Cooperativa Lodigiano Sociale per i Servizi Famiglia alla Nuova Persona Delega Appalto Servizio Tutela Minori Consorzio Lodigiano per i Servizi alla Persona Accordo formalizzato Delega ADM (casi gestiti da servizio Sociale) Cooperativa Sociale Quadrifoglio associato Accordo a gestione formalizzato comunità alloggio ADM (casi gestiti da servizio Sociale) Cooperativa Sociale Quadrifoglio associato a gestione Iniziative a sostegno minori disabili Collaborazione /accordo Associazione Aiutiamoli comunità alloggio gravi operativo Iniziative a sostegno minori disabili Vari soggetti Collaborazione /accordo Associazione (ad esempio Aiutiamoli Settore, Ass. Auser, Varie forme di gravi Trasporto assistito Pubblica Istruzione, Servizio Trasporti Comunali) collaborazione operativo Vari soggetti (ad esempio Settore, Ass. Auser, Varie forme di Trasporto Inserimento assistito in Comunità di Accoglienza Solo Settore - Pubblica Istruzione, Servizio Trasporti Comunali) collaborazione Settore Pubblica Istruzione (soggetto gestore) Collaborazione operativa Inserimento Assistenza in Comunità ad personam di Accoglienza alunni disabili Cooperativa Sociale Solo Quadrifoglio Settore (1 parte anno) Appalto - Assistenza Sportello ad personam affitto / contributi alunni disabili affitto ERP Settore Cooperativa Pubblica Sociale Istruzione City Service (soggetto (2 parte gestore) anno) Cooperativa Sociale solo Quadrifoglio Settore (1 parte anno) Collaborazione Appalto operativa - Appalto Assegnazione Alloggi di Edilizia Cooperativa Sociale City Service (2 parte anno) Appalto Ufficio Patrimonio (soggetto gestore) Collaborazione operativa Sportello Residenziale affitto / contributi Pubblica (ERP) affitto ERP solo Settore - Interventi di sostegno economico / Assegnazione Alloggi di Edilizia assegno maternità / assegno nucleo Ufficio Patrimonio solo Settore (soggetto gestore) Collaborazione - operativa Residenziale Pubblica (ERP) familiare Interventi di sostegno economico / Assegnazione titoli sociali Piano di Zona Accordo operativo assegno maternità / assegno nucleo solo Settore - familiare Assegnazione titoli sociali Piano di Zona Accordo operativo Di seguito è riportata la tabella che, sulla base di un approfondimenti degli schemi precedenti, specifica l impegno in termini di messo in campo da ciascuno dei soggetti che collaborano con il Settore nell area dei bisogni dei Minori e Famiglie, così da fornire una definita rappresentazione delle risorse umane messe in campo. Dalla tabella restano fuori quelle tipologie di interventi rispetto ai quali esiste una relazione operativa tra Settore ed altri servizi del territorio, per i quali non è tuttavia possibile quantificare le risorse umane coinvolte nella collaborazione (ciò quando non esiste un conferimento di incarico o di gestione, quando ad esempio la relazione è basata su di un processo di segnalazione, oppure ancora quando consiste in un intervento integrato nel quale ciascuno tende a concentrarsi operativamente sulla sua parte). 98

4 dei servizi esternalizzati per professionalità e tipologia di organizzazione di appartenenza Area Minori e Famiglia - anno 2007 Professionalità Consorzio Lodigiano Cooperative sociali Ditte effettivi* totale ore di operatività figurativi** effettivi* totale ore di operatività figurativi** effettivi* totale ore di operatività figurativi** Servizi / interventi / unità operative Report sociale responsabili di servizio ,02 Assistenza Domiciliare Minori (ADM) ,34 Servizio Tutela Minori assistenti sociali Servizio Tutela Minori educatori ,54 Servizio Sostituzione Educatrici Nidi ,89 Assistenza Domiciliare Minori (ADM) ,42 Assistenza Domiciliare Minori (ADM) ,88 Servizio Doposcuola Oltre la Scuola assistenti educativi ,62 Centro Ricreativo Diurno Caccialanza altro (volontari, ,18 Pulizia Spazio Gioco collaboratori, ecc..) ,48 Preparazione Pasti totale , , ,48 *A volte gli, in particolare gli educatori, sono fisicamente gli stessi che si occupano di più servizi nel corso del'anno **gli figurativi sono ottenuti prendendo il totale ore per quella professionalità, organizzazione e tipologia di servizio o intervento, e dividendola per le ore di un tempo pieno (1872 h/anno, tranne che per le educatrici dei nidi, per le quali il parametro è 1536 h/anno) 99

5 Risorse umane esterne per ruoli professionali 2007 effettivi totale ore di operatività figurativi responsabili di servizio ,36 assistenti sociali ,00 educatori ,73 assistenti educativi ,62 altro (volontari, collaboratori, ecc..) ,66 totale ,37 Partendo dai dati della tabella precedente, ed analizzando in dettaglio gli esterni dal punto di vista dei ruoli professionali svolti, si vede come (tabella a fianco e grafico successivo) nell Area Minori e Famiglie lavorino in termini di numero di una significativa maggioranza di educatori e di assistenti educativi; dal punto di vista delle ore di lavoro, sono anche fortemente presenti gli assistenti sociali e altre figure quali volontari e collaboratori. Risorse umane esterne per tipologia di organizzazioni di appartenenza 2007 l apporto del Consorzio Lodigiano. 100 effettivi totale ore di operatività figurativi Consorzio Lodigiano ,78 Cooperative sociali ,11 Ditte ,48 Se analizziamo poi gli esterni dal punto di vista della tipologia di organizzazioni di appartenenza (tabella a fianco e grafico seguente), vediamo che, considerando il numero degli effettivamente attivi, la presenza nettamente più consistente è quella delle cooperative sociali; considerando invece le ore di lavoro, risulta molto significativo anche

6 3. Le risorse economiche complessive per voci di spesa 3.1 Risorse in entrata Area Minori e Famiglia fonti di finanziamento servizi ed interventi area minori e famiglia anno 2007 da bilancio comunale ,18 dallo Stato (Fondo Nazionale Politiche Sociali) ,00 da Regione Lombardia (Fondo Sociale Regionale) ,00 da compartecipazione degli utenti (tariffe servizi) ,89 Totale entrate ,07 La tabella a fianco mostra l insieme dei canali di finanziamento (risorse economiche in entrata) riferite all area dei bisogni dei minori e delle famiglie. Lo schema seguente evidenzia più in dettaglio come tre quarti delle risorse (75,5% del totale dell area) provengano dal bilancio Comunale; e come un altra parte abbastanza significativa (14,9% del totale) provenga da compartecipazione dell utenza al costo dei servizi ed interventi. Risorse economiche da Bilancio Comunale Euro ,18 75,5% su totale FNPS (Stato Centrale) Euro ,4% su totale Risorse complessive per bisogni dell area Minori e Famiglie Euro ,07 100% su totale Utenti dei servizi ed interventi Euro ,07 14,9% su totale FSR (Regione Lombardia) Euro ,2% su totale 101

7 3.2 Costi economici per Area Minori e Famiglie costi area minori e famiglia anno 2007 La tabella a fianco evidenzia le fondamentali voci di spesa riferite all area interventi di natura economica servizi territoriali / domiciliari , ,67 dei bisogni di Minori e Famiglie. Con interventi di natura economica si intendono tutte le forme di sostegno servizi socio - sanitari integrati ,17 economico, diretto o indiretto, ai sub-totale servizi ed interventi ,57 cittadini; vi sono poi le voci di spesa quota parte servizi trasversali Totale spese correnti , ,07 generale riguardanti il finanziamento dei servizi domiciliari, territoriali e dei servizi socio-sanitari integrati; vi è infine la quota di finanziamento dedicata a tutti quei servizi ed attività (servizio sociale di base, attività amministrative, coordinamento, ecc..) necessarie a sostenere e far funzionare i servizi e gli interventi direttamente rivolti all utenza. Come evidenzia il grafico sottostante, ben più della metà dei costi riguardano i servizi territoriali e domiciliari (64% del totale dell area). Questi, sommati agli altri servizi ed interventi diretti all utenza (servizi socio-sanitari integrati) costituiscono l 85% dell intera spesa dell area. La quota per attività trasversali (a supporto dei servizi ed interventi diretti) assorbe una parte relativamente ridotta di risorse economiche, pari all 8% delle risorse complessive dell area; agli interventi economici è infine dedicato il 7% delle risorse dell area. 102

Sussidiarietà e impresa sociale. Il VI Rapporto sulla Cooperazione sociale in Lombardia

Sussidiarietà e impresa sociale. Il VI Rapporto sulla Cooperazione sociale in Lombardia Palazzo delle Stelline Milano 27 novembre ore 14.3 17.3 ATTI DEL SEMINARIO Sussidiarietà e impresa sociale. Il VI Rapporto sulla Cooperazione sociale in Lombardia Nella realtà economica lombarda il sistema

Dettagli

3.1.2 Assistenza domiciliare minori

3.1.2 Assistenza domiciliare minori Le risorse economiche impiegate nel Servizio Tutela Minori (tabella precedente) sono decisamente cresciute, soprattutto negli ultimi due anni (+ 1,6 tra 2006 e 2007, + 20,4% tra 2007 e 2008, +24,8% tra

Dettagli

Accompagnare le cronicità e le fragilità IL NUOVO PATTO STATO-REGIONI: TRA TAGLI ED EFFICIENZA

Accompagnare le cronicità e le fragilità IL NUOVO PATTO STATO-REGIONI: TRA TAGLI ED EFFICIENZA Accompagnare le cronicità e le fragilità IL NUOVO PATTO STATO-REGIONI: TRA TAGLI ED EFFICIENZA Direzione Generale Famiglia, Solidarietà Sociale e Volontariato Milano, 01 Marzo 2014 La domanda Gli anziani

Dettagli

ore Sala Consiliare del Comune di Bellano

ore Sala Consiliare del Comune di Bellano ore Sala Consiliare del Comune di Bellano IL PERCORSO Valutazione del Piano di Zona 2009/2011 Definizione regole di partecipazione del Terzo Settore Definizione della nuova governance Definizione delle

Dettagli

Evidenze e innovazioni del Servizio Socio Sanitario Lombardo. Milano, 28 Marzo 2014

Evidenze e innovazioni del Servizio Socio Sanitario Lombardo. Milano, 28 Marzo 2014 Evidenze e innovazioni del Servizio Socio Sanitario Lombardo Milano, 28 Marzo 2014 IL CAMBIAMENTO DEL CONTESTO E LE REGOLE DI SISTEMA 2014 Nel corso dell ultimo decennio molteplici sono stati i mutamenti

Dettagli

GUIDA PER LA COMPILAZIONE DELLE SCHEDE REGIONALI PER IL PIANO DI ZONA

GUIDA PER LA COMPILAZIONE DELLE SCHEDE REGIONALI PER IL PIANO DI ZONA PROVINCIA DI CREMONA Servizio Servizi Sociali in collaborazione con gli Uffici di Piano di Crema, Cremona e Casalmaggiore GUIDA PER LA COMPILAZIONE DELLE SCHEDE REGIONALI PER IL PIANO DI ZONA Aggiornamento:

Dettagli

Programmazione e governo della rete dei servizi socio sanitari e sociali Direzione Generale Famiglia, Solidarietà Sociale e Volontariato

Programmazione e governo della rete dei servizi socio sanitari e sociali Direzione Generale Famiglia, Solidarietà Sociale e Volontariato Programmazione e governo della rete dei servizi socio sanitari e sociali Direzione Generale Famiglia, Solidarietà Sociale e Volontariato Lecco 27 Febbraio 2014 IL CAMBIAMENTO DEL CONTESTO E LE REGOLE DI

Dettagli

Procedimenti amministrativi Settore: Biblioteca e Cultura - Pubblica Istruzione - Servizi Sociali

Procedimenti amministrativi Settore: Biblioteca e Cultura - Pubblica Istruzione - Servizi Sociali Procedimenti amministrativi Settore: Biblioteca e Cultura - - Servizi Sociali Tipologia di procedimento Unità organizzativa responsabile istruttoria Nome del Responsabile del procedimento Telefono E-mail

Dettagli

SOCIETA DELLA SALUTE DEL MUGELLO

SOCIETA DELLA SALUTE DEL MUGELLO Allegato A C.F. e P. IVA 05517830484 Via Palmiro Togliatti, 29-50032 BORGO SAN LORENZO (FI) Tel. 0558451430 Fax 0558451414 - e-mail: sds.mugello@asf.toscana.it Indirizzi per la ripartizione dei finanziamenti,

Dettagli

DISTRETTO SOCIO - SANITARIO N. 45

DISTRETTO SOCIO - SANITARIO N. 45 DISTRETTO SOCIO - SANITARIO N. 45 1. NUMERO AZIONE 24 2. TITOLO AZIONE EDUCATIVA DOMICILIARE 3. DESCRIZIONE DELLE ATTIVITÀ Descrivere sinteticamente le attività che si intendono realizzare all interno

Dettagli

PIANO DI ZONA DISTRETTO DI VALLE CAMONICA SEBINO

PIANO DI ZONA DISTRETTO DI VALLE CAMONICA SEBINO PIANO DI ZONA DISTRETTO DI VALLE CAMONICA SEBINO sistema integrato di interventi e servizi sociali L.R. 3/2008 - L.328/2000 TRIENNIO 2009/2011 Approvato dalla Conferenza dei Sindaci in data 13.03.2009

Dettagli

Centri ricreativi Estivi - Assegnazione Posti (114) UNITA' D'OFFERTA SOCIO ASSISTENZIALI: DICHIARAZIONE DI INIZIO ATTIVITA' (115)

Centri ricreativi Estivi - Assegnazione Posti (114) UNITA' D'OFFERTA SOCIO ASSISTENZIALI: DICHIARAZIONE DI INIZIO ATTIVITA' (115) SETTORE SERVIZI SOCIALI ED EDUCATIVI Processo Procedimenti/Processi/Attività soggetti a rischio di corruzione individuati dal, di cui all art. 1, comma 16 della Legge 6.11.2012 n. 190 ed altre ulteriori

Dettagli

DISTRETTO SOCIO - SANITARIO N. 45

DISTRETTO SOCIO - SANITARIO N. 45 DISTRETTO SOCIO - SANITARIO N. 45 1. NUMERO AZIONE 11 2. TITOLO AZIONE ASSISTENZA IGIENICO-SANITARIA AGLI ALUNNI GRAVEMENTE DISABILI FREQUENTANTI LA SCUOLA MATERNA, ELEMENTARE E MEDIA. 3. DESCRIZIONE DELLE

Dettagli

REGOLAMENTO ISEE PER L ACCESSO E LA PARTECIPAZIONE AL COSTO DELLE PRESTAZIONI SOCIALI AGEVOLATE, IN APPLICAZIONE DEL DPCM 5 DICEMBRE 2013, N.

REGOLAMENTO ISEE PER L ACCESSO E LA PARTECIPAZIONE AL COSTO DELLE PRESTAZIONI SOCIALI AGEVOLATE, IN APPLICAZIONE DEL DPCM 5 DICEMBRE 2013, N. REGOLAMENTO ISEE PER L ACCESSO E LA PARTECIPAZIONE AL COSTO DELLE PRESTAZIONI SOCIALI AGEVOLATE, IN APPLICAZIONE DEL DPCM 5 DICEMBRE 2013, N. 159 Approvato con deliberazione del consiglio dell unione n

Dettagli

Allegato A alla Convenzione Costitutiva

Allegato A alla Convenzione Costitutiva ALLEGATO A VALDARNO INFERIORE PARTE I - convenzione della Società della Salute Art. 5, comma 1, lettera d) e art.19, comma 1- ATTIVITA DELL AREA SOCIO ASSISTENZIALE da ricomprendere nella descrizione delle

Dettagli

SERVIZIO SERVIZIO SOCIALE DEI COMUNI AMBITO DISTRETTUALE 1.3 (SSC) MUGGIA-SAN DORLIGO DELLA VALLE/DOLINA

SERVIZIO SERVIZIO SOCIALE DEI COMUNI AMBITO DISTRETTUALE 1.3 (SSC) MUGGIA-SAN DORLIGO DELLA VALLE/DOLINA SERVIZIO SERVIZIO SOCIALE DEI COMUNI AMBITO DISTRETTUALE 1.3 (SSC) MUGGIA-SAN DORLIGO DELLA VALLE/DOLINA UFFICIO DI DIREZIONE - la funzione di gestione del servizio sociale di comuni direzione del Servizio

Dettagli

4.5 POLITICHE A FAVORE DELLA POPOLAZIONE DISABILE. 4.5.1 Settore Servizi Sociali - Servizio Disabili

4.5 POLITICHE A FAVORE DELLA POPOLAZIONE DISABILE. 4.5.1 Settore Servizi Sociali - Servizio Disabili 4.5 POLITICHE A FAVORE DELLA POPOLAZIONE DISABILE Premessa A favore dei Disabili si programmano, progettano e realizzano interventi che ottemperano ai compiti propri dell Ente Locale, nel rispetto delle

Dettagli

DISTRETTO SOCIO - SANITARIO N. 45

DISTRETTO SOCIO - SANITARIO N. 45 DISTRETTO SOCIO - SANITARIO N. 45 1. NUMERO AZIONE 17 2. TITOLO AZIONE Servizio di Babysitting 3. DESCRIZIONE DELLE ATTIVITÀ Descrivere sinteticamente le attività che si intendono realizzare all interno

Dettagli

Città di Minerbio Provincia di Bologna REGOLAMENTO

Città di Minerbio Provincia di Bologna REGOLAMENTO Città di Minerbio Provincia di Bologna REGOLAMENTO DI AMBITO DISTRETTUALE PER L ACCESSO E LA COMPARTECIPAZIONE AL COSTO DELLE PRESTAZIONI SOCIALI E SOCIO SANITARIE AGEVOLATE IN APPLICAZIONE DEL DPCM 5

Dettagli

RUOLO, FUNZIONI, SERVIZI

RUOLO, FUNZIONI, SERVIZI RUOLO, FUNZIONI, SERVIZI Il tema della disabilità mette a prova tutti i passaggi dei cicli di vita delle persone. Attraverso le vicende biografiche di chi attraversa questa particolare condizione è possibile

Dettagli

COMUNITA MONTANA DI VALLE CAMONICA UFFICIO DI PIANO

COMUNITA MONTANA DI VALLE CAMONICA UFFICIO DI PIANO COMUNITA MONTANA DI VALLE CAMONICA UFFICIO DI PIANO OBIETTIVI TRASVERSALI LINEE DI INTERVENTO PDZ 2009-2011 Ufficio di Piano, 02 febbraio 2009 PREMESSA La fase successiva alla lettura dei bisogni e dell

Dettagli

CONSORZIO SERVIZI SOCIALI DELL OLGIATESE

CONSORZIO SERVIZI SOCIALI DELL OLGIATESE CRITERI E MODALITÀ DI ASSEGNAZIONE DEI VOUCHER A FAVORE DELLE PERSONE CON DISABILITA' GRAVE E PER ANZIANI NON AUTOSUFFICIENTI (D.G.R. N. 2883 DEL 12.12.2014) 1 Definizione del Voucher Il Voucher a favore

Dettagli

ALLEGATO N.2 SCHEDA DI RILEVAZIONE DELLA POPOLAZIONE E DELLE POLITICHE SOCIALI

ALLEGATO N.2 SCHEDA DI RILEVAZIONE DELLA POPOLAZIONE E DELLE POLITICHE SOCIALI ALLEGATO N.2 SCHEDA DI RILEVAZIONE DELLA POPOLAZIONE E DELLE POLITICHE SOCIALI 1 SEZ.A. DESCRIZIONE DELLA POPOLAZIONE RESIDENTE A1. Suddivisione della popolazione per sesso e classi di età e stranieri

Dettagli

COMUNE DI TORLINO VIMERCATI REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI PRESTAZIONI SOCIALI AGEVOLATE

COMUNE DI TORLINO VIMERCATI REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI PRESTAZIONI SOCIALI AGEVOLATE COMUNE DI TORLINO VIMERCATI PROVINCIA DI CREMONA REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI PRESTAZIONI SOCIALI AGEVOLATE Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 25 del 27.9.2010 TITOLO I PRINCIPI

Dettagli

Piano di Zona 2010-2013. La formazione per i volontari La rete sociale Servizi di Assistenza Domiciliare

Piano di Zona 2010-2013. La formazione per i volontari La rete sociale Servizi di Assistenza Domiciliare Piano di Zona 2010-2013 La formazione per i volontari La rete sociale Servizi di Assistenza Domiciliare I servizi di assistenza domiciliare Servizio di assistenza domiciliare territoriale a totale carico

Dettagli

Assessore alle politiche per il il Benessere dei Cittadini. Simona Benedetti

Assessore alle politiche per il il Benessere dei Cittadini. Simona Benedetti Assessore alle politiche per il il Benessere dei Cittadini Simona Benedetti Persone Persone assistite assistite In aumento anziani, famiglie e minori seguiti Anno 2007 2008 2009 2010 Anziani 1475 1718

Dettagli

4 UNA COMUNITÀ SOLIDALE APERTA E ACCOGLIENTE LE NUOVE MAPPE DEL DISAGIO: POTENZIARE IL MONITORAGGIO

4 UNA COMUNITÀ SOLIDALE APERTA E ACCOGLIENTE LE NUOVE MAPPE DEL DISAGIO: POTENZIARE IL MONITORAGGIO 4 UNA COMUNITÀ SOLIDALE APERTA E ACCOGLIENTE Il contesto di riferimento (1999-2004): Nel quinquennio precedente la spesa sociale è stata raddoppiata mettendo in campo risorse per la parte più debole e

Dettagli

GUIDA ALLA COMPILAZIONE SPESA SOCIALE DEI COMUNI IN GESTIONE SINGOLA E ASSOCIATA DEL PIANO DI ZONA CONSUNTIVO 2012

GUIDA ALLA COMPILAZIONE SPESA SOCIALE DEI COMUNI IN GESTIONE SINGOLA E ASSOCIATA DEL PIANO DI ZONA CONSUNTIVO 2012 Direzione Generale Famiglia, Solidarietà Sociale e Volontariato GUIDA ALLA COMPILAZIONE SPESA SOCIALE DEI COMUNI IN GESTIONE SINGOLA E ASSOCIATA DEL PIANO DI ZONA CONSUNTIVO 2012 INDICE DEL DOCUMENTO PREMESSA...

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DEI CONTROLLI SULLE UNITÀ D OFFERTA SOCIO-SANITARIE

PROGRAMMAZIONE DEI CONTROLLI SULLE UNITÀ D OFFERTA SOCIO-SANITARIE ALLEGATO B PROGRAMMAZIONE DEI CONTROLLI SULLE UNITÀ D OFFERTA SOCIO-SANITARIE Residenze Sanitario-Assistenziali Responsabile del Servizio Vigilanza ed Accreditamento; Medico Geriatra, consulente per gli

Dettagli

AVVISO PER LA COSTITUZIONE DI UN ELENC O DI SOGGETTI GESTORI E/O PROMOTOR I DI ATTIVITA' ESTIVE RIVOLT E A BAMBINI RAGAZZI I N ETA' DA 3 A 14 ANN I

AVVISO PER LA COSTITUZIONE DI UN ELENC O DI SOGGETTI GESTORI E/O PROMOTOR I DI ATTIVITA' ESTIVE RIVOLT E A BAMBINI RAGAZZI I N ETA' DA 3 A 14 ANN I RegioneLombardia Dipartimento per le Pari Opportunit à AVVISO PER LA COSTITUZIONE DI UN ELENC O DI SOGGETTI GESTORI E/O PROMOTOR I DI ATTIVITA' ESTIVE RIVOLT E A BAMBINI RAGAZZI I N ETA' DA 3 A 14 ANN

Dettagli

FAMIGLIE AL CENTRO: Dott. Paola Mosa Roma 24 maggio 2013

FAMIGLIE AL CENTRO: Dott. Paola Mosa Roma 24 maggio 2013 FAMIGLIE AL CENTRO: funzioni di ascolto, orientamento e accompagnamento sociale delle famiglie all interno dei gruppi associati dei Medici di Medicina Generale Dott. Paola Mosa Roma 24 maggio 2013 Il contesto

Dettagli

FORMULARIO DELL AZIONE

FORMULARIO DELL AZIONE FORMULARIO DELL AZIONE 1. NUMERO AZIONE 3 2. TITOLO AZIONE Sportello di segretariato sociale. 1.a MACRO LIVELLO 1 SPECIFICARE LA TIPOLOGIA D INTERVENTO OBIETTIVI DI SERVIZIO A CUI VA RICONDOTTA LA TIPOLOGIA

Dettagli

Indagine sugli interventi e i servizi sociali dei Comuni singoli o associati Anno 2006. Glossario

Indagine sugli interventi e i servizi sociali dei Comuni singoli o associati Anno 2006. Glossario Indagine sugli interventi e i servizi sociali dei Comuni singoli o associati Anno 2006 Glossario INTERVENTI E SERVIZI A) Attività di Servizio sociale professionale: Gli interventi di servizio sociale professionale

Dettagli

Comune di Cassina de Pecchi Provincia di Milano

Comune di Cassina de Pecchi Provincia di Milano Comune di Cassina de Pecchi Provincia di Milano Cari Concittadini, presentiamo questo opuscolo che ha lo scopo di fornire a tutti voi una semplice e migliore conoscenza di alcuni servizi che l Amministrazione

Dettagli

Tab. 1 Servizi per macro aree di assistenza nella diocesi di Milano

Tab. 1 Servizi per macro aree di assistenza nella diocesi di Milano INTRODUZIONE Nel corso del 2010 si è svolto il Censimento nazionale dei servizi sanitari, socio-sanitari e socioassistenziali collegati con la Chiesa Cattolica, promosso congiuntamente dall Ufficio nazionale

Dettagli

GIOVANI E POLITICHE SOCIALI

GIOVANI E POLITICHE SOCIALI GIOVANI E POLITICHE SOCIALI Le Politiche per i Giovani L Amministrazione Comunale si è posta l obiettivo di potenziare gli interventi a favore dei giovani attraverso lo sviluppo della loro creatività ed

Dettagli

Piano di Zona 2013-2015. Programma Attuativo Annuale anno 2014

Piano di Zona 2013-2015. Programma Attuativo Annuale anno 2014 Comune di Muggia Comune di San Dorligo della Valle/Dolina Ambito 1.3 Muggia-San Dorligo Della Valle/Dolina Piano di Zona 2013-2015 Programma Attuativo Annuale anno 2014 Approvato dall Assemblea dei Sindaci

Dettagli

Interventi Sociali anno 2010

Interventi Sociali anno 2010 Comune di Pesaro Assessorato Servizi Sociali Interventi Sociali anno 2010 Pesaro, 14 maggio 2011 Popolazione residente del Comune di Pesaro al 31/12/2010 fascia di età italiani % stranieri % totale 0-14

Dettagli

Il dato è tratto lo stato dei Servizi Sociali. rendicontazione degli interventi 2014

Il dato è tratto lo stato dei Servizi Sociali. rendicontazione degli interventi 2014 Il dato è tratto lo stato dei Servizi Sociali rendicontazione degli interventi 2014 Tre direttrici per un welfare comunitario: consolidamento, innovazione e sviluppo Consolidamento del sistema d offerta

Dettagli

REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DEL SERVIZIO DI RISTORAZIONE SCOLASTICA

REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DEL SERVIZIO DI RISTORAZIONE SCOLASTICA COMUNE DI MARCIGNAGO Prov. Pavia REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DEL SERVIZIO DI RISTORAZIONE SCOLASTICA Approvato con delibera del Consiglio Comunale n. 7 del 13.03.2006 INDICE ART.1 OGGETTO DEL REGOLAMENTO

Dettagli

CERNUSCO SUL NAVIGLIO

CERNUSCO SUL NAVIGLIO 1 Area: Servizi al Cittadino Settore: Servizi Sociali Ufficio: Piano di Zona FONDO SOCIALE REGIONALE 2014 - CRITERI DI RIPARTO APPROVATI CON DELIBERA DELL ASSEMBLEA DEI SINDACI DEL 01.10.2014. DOCUMENTO

Dettagli

Le strategie aziendali

Le strategie aziendali Analisi organizzativa delle funzioni sanitarie per la definizione dei costi standard Genova, 6-7 novembre 2008 Le strategie aziendali Adriano Marcolongo Direttore generale Azienda ULSS 18 - La pianificazione

Dettagli

COMUNE DI POGGIO TORRIANA - PROVINCIA DI RIMINI-

COMUNE DI POGGIO TORRIANA - PROVINCIA DI RIMINI- COMUNE DI POGGIO TORRIANA - PROVINCIA DI RIMINI- REGOLAMENTO DI AMBITO DISTRETTUALE PER L ACCESSO E LA PARTECIPAZIONE AL COSTO DELLE PRESTAZIONI SOCIALI AGEVOLATE, IN APPLICAZIONE DEL DPCM 5 DICEMBRE 2013,

Dettagli

Carta dei Servizi rev. 0 del 10 dicembre 2009. Servizi Socio-Sanitari per la disabilità

Carta dei Servizi rev. 0 del 10 dicembre 2009. Servizi Socio-Sanitari per la disabilità Carta dei Servizi rev. 0 del 10 dicembre 2009 Servizi Socio-Sanitari AZIENDA ULSS N. 22 Bussolengo (VR) Unità Complessa Disabilità Direttore Dott. Gabriele Bezzan Funzionario Dott.ssa Liliana Menegoi Segreteria

Dettagli

MODALITA DI EROGAZIONE DEL SERVIZIO DI TRASPORTO GARANTITO DAL CISS TRAMITE LE ASSOCIAZIONI DI VOLONTARIATO DEL TERRITORIO

MODALITA DI EROGAZIONE DEL SERVIZIO DI TRASPORTO GARANTITO DAL CISS TRAMITE LE ASSOCIAZIONI DI VOLONTARIATO DEL TERRITORIO MODALITA DI EROGAZIONE DEL SERVIZIO DI TRASPORTO GARANTITO DAL CISS TRAMITE LE ASSOCIAZIONI DI VOLONTARIATO DEL TERRITORIO 1 Oggetto Il presente regolamento disciplina l accesso al servizio di trasporto

Dettagli

Regione Lombardia ed allarme demenze Direzione Generale Famiglia, Solidarietà Sociale, Volontariato e Pari Opportunità

Regione Lombardia ed allarme demenze Direzione Generale Famiglia, Solidarietà Sociale, Volontariato e Pari Opportunità Regione Lombardia ed allarme demenze Direzione Generale Famiglia, Solidarietà Sociale, Volontariato e Pari Opportunità Milano, 24 marzo 2015 IL CAMBIAMENTO DEL CONTESTO Gli anziani (dai 65 anni in su)

Dettagli

Comune di San Giuliano Terme

Comune di San Giuliano Terme Spese per sopravvivere Servizi sanitari Socialità Conciliazione Famiglia-lavoro Servizi sociali e socio-sanitari Utenze e tributi istruzione Casa Abitanti 31.066 - Famiglie 12.992 Dati ISTAT 31/12/2012

Dettagli

Indice delle tavole statistiche

Indice delle tavole statistiche INTERVENTI E SERVIZI SOCIALI DEI COMUNI SINGOLI O ASSOCIATI - ANNO 1 Indice delle tavole statistiche A) Spesa a livello regionale per interventi e servizi sociali dei comuni singoli e associati Tavola

Dettagli

Città di Enna AREA 5 G.R.I.T.

Città di Enna AREA 5 G.R.I.T. Città di Enna AREA 5 G.R.I.T. SEZIONE 1. DATI ANAGRAFICI DELL ORGANIZZAZIONE Denominazione dell Organizzazione Acronimo (Sigla) Indirizzo della sede Presso¹ CAP Telefono Comune Fax E-mail PEC Sito web

Dettagli

DISTRETTO DI SESTO SAN GIOVANNI PIANO ZONALE DEI FINANZIAMENTI PER IL MANTENIMENTO E LO SVILUPPO DEI SERVIZI

DISTRETTO DI SESTO SAN GIOVANNI PIANO ZONALE DEI FINANZIAMENTI PER IL MANTENIMENTO E LO SVILUPPO DEI SERVIZI PIANO ZONALE DEI FINANZIAMENTI PER IL MANTENIMENTO E LO SVILUPPO DEI SERVIZI ANNO 2009 ASILI NIDO CRITERI DI RIPARTO: 1. Inserimento bambini portatori di handicap ( 4.000,00 per portatore di handicap);

Dettagli

INFORMAZIONI PERSONALI ROSSI LAURA. Italiana ESPERIENZA LAVORATIVA. Nome. Indirizzo. Telefono. Cellulare. E-mail. Nazionalità Luogo e data di nascita

INFORMAZIONI PERSONALI ROSSI LAURA. Italiana ESPERIENZA LAVORATIVA. Nome. Indirizzo. Telefono. Cellulare. E-mail. Nazionalità Luogo e data di nascita F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo ROSSI LAURA Telefono Cellulare E-mail Nazionalità Luogo e data di nascita Italiana ESPERIENZA LAVORATIVA

Dettagli

IL RUOLO DELL ASSISTENTE SOCIALE NEL CONTESTO SOCIO-SANITARIO

IL RUOLO DELL ASSISTENTE SOCIALE NEL CONTESTO SOCIO-SANITARIO IL RUOLO DELL ASSISTENTE SOCIALE NEL CONTESTO SOCIO-SANITARIO - da operatore a promotore sociale - Dott. Marcello Candotto L IDENTITÀ DELL ASSISTENTE SOCIALE L assistente sociale è un operatore sociale

Dettagli

Premesse. % assegnazione del Fondo sociale regionale 2007 FNPS = 0 55 0 < FNPS 20. % utilizzo FNPS 2005 20 < FNPS 40

Premesse. % assegnazione del Fondo sociale regionale 2007 FNPS = 0 55 0 < FNPS 20. % utilizzo FNPS 2005 20 < FNPS 40 CRITERI DI UTILIZZO DEL FONDO REGIONALE Anno 2007 Premesse La Regione Lombardia ha inserito i finanziamenti derivanti dal Fondo Sociale Regionale nel sistema di finanziamento complessivo dei Piani di Zona,

Dettagli

Periodo 15 gennaio 12 marzo 2015. Consegnare a: Ufficio Edilizia Residenziale Pubblica

Periodo 15 gennaio 12 marzo 2015. Consegnare a: Ufficio Edilizia Residenziale Pubblica BANDO PER LA FORMAZIONE DELLA GRADUATORIA PER L'ASSEGNAZIONE IN LOCAZIONE DEGLI ALLOGGI DI EDILIZIA RESIDENZIALE PUBBLICA (ERP) CHE SI RENDERANNO DISPONIBILI NEL COMUNE DI MONZA Periodo 15 gennaio 12 marzo

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER L ACCESSO ALLE PRESTAZIONI SOCIALI AGEVOLATE I.S.E.E. - APPROVATO CON DELIBERA C.C. N. 21 DEL 06.05.

REGOLAMENTO COMUNALE PER L ACCESSO ALLE PRESTAZIONI SOCIALI AGEVOLATE I.S.E.E. - APPROVATO CON DELIBERA C.C. N. 21 DEL 06.05. REGOLAMENTO COMUNALE PER L ACCESSO ALLE PRESTAZIONI SOCIALI AGEVOLATE I.S.E.E. - APPROVATO CON DELIBERA C.C. N. 21 DEL 06.05.2015 - INDICE Pag. ART. 1 OBIETTIVO. 3 ART. 2 AMBITO DI APPLICAZIONE... 3 ART.

Dettagli

UFFICIO di PIANO ATTIVITA DI PROGRAMMAZIONE DELLA III ANNUALITA DELLA II TRIENNALITA 2013-2015. aggiornato al 12/11/2015

UFFICIO di PIANO ATTIVITA DI PROGRAMMAZIONE DELLA III ANNUALITA DELLA II TRIENNALITA 2013-2015. aggiornato al 12/11/2015 UFFICIO di PIANO ATTIVITA DI PROGRAMMAZIONE DELLA III ANNUALITA DELLA II TRIENNALITA 2013-2015 aggiornato al 12/11/2015 Modalità di riparto utilizzato dalla Regione Campania e dallo Stato II annualità

Dettagli

Servizio ricerca [Comune di Dairago]

Servizio ricerca [Comune di Dairago] Ricerca contenuti Elenco risultati I riferimenti degli amministratori Ultima modifica: 04/10/2013 Orario di ricevimento e indirizzo e.mail degli amministratori del comune di Dairago Avviso Bando formazione

Dettagli

Glossario UNITÀ DI RILEVAZIONE

Glossario UNITÀ DI RILEVAZIONE INDAGINE SUGLI INTERVENTI E I SERVIZI SOCIALI DEI COMUNI SINGOLI O ASSOCIATI. ANNO 2011 1 Glossario UNITÀ DI RILEVAZIONE Comune: a questa categoria appartengono tutti i comuni italiani. Distretto/Ambito/Zona

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E

F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome MANDELLI CARLA LUIGIA Telefono ufficio 039 2372714 Fax 039 231190 E-mail

Dettagli

DELIBERAZIONE N IX / 3850 Seduta del 25/07/2012

DELIBERAZIONE N IX / 3850 Seduta del 25/07/2012 DELIBERAZIONE N IX / 3850 Seduta del 25/07/2012 Presidente ROBERTO FORMIGONI Assessori regionali ANDREA GIBELLI Vice Presidente VALENTINA APREA DANIELE BELOTTI GIULIO BOSCAGLI LUCIANO BRESCIANI RAFFAELE

Dettagli

RICHIESTA CONCESSIONE BUONO SOCIALE PER SOSTEGNO SPESE ASSISTENTI FAMILIARI (vers. 01 feb. 09)

RICHIESTA CONCESSIONE BUONO SOCIALE PER SOSTEGNO SPESE ASSISTENTI FAMILIARI (vers. 01 feb. 09) RICHIESTA CONCESSIONE BUONO SOCIALE PER SOSTEGNO SPESE ASSISTENTI FAMILIARI (vers. 01 feb. 09) Il/la sottoscritto/a nato/a a prov. il tel. residente a Nova Milanese in via C.F. CHIEDE che gli/le venga

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AI TITOLI SOCIALI

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AI TITOLI SOCIALI REGOLAMENTO PER L ACCESSO AI TITOLI SOCIALI Art. 1 Oggetto del regolamento Il presente regolamento disciplina, all interno di un sistema integrato di interventi e servizi sociali di competenza dei comuni

Dettagli

BILANCIO DI ESERCIZIO 2014 SDS PISANA RELAZIONE ILLUSTRATIVA. DIRETTORE SOCIETÀ DELLA SALUTE ZONA PISANA Via Saragat, 24 56125 - PISA

BILANCIO DI ESERCIZIO 2014 SDS PISANA RELAZIONE ILLUSTRATIVA. DIRETTORE SOCIETÀ DELLA SALUTE ZONA PISANA Via Saragat, 24 56125 - PISA BILANCIO DI ESERCIZIO 2014 SDS PISANA RELAZIONE ILLUSTRATIVA La presente relazione illustra il Bilancio di esercizio 2014 della Società della Salute Zona Pisana. L Atto di indirizzo approvato con delibera

Dettagli

SCHEDA ANAGRAFICA DEL SERVIZIO SOCIALE DEI COMUNI

SCHEDA ANAGRAFICA DEL SERVIZIO SOCIALE DEI COMUNI COMUNE DI UDINE ENTE GESTORE SERVIZIO SOCIALE DEI COMUNI AMBITO DISTRETTUALE N. 4.5 DELL UDINESE PIANO DI ZONA 2013/2015 Allegato 1 SCHEDA ANAGRAFICA DEL SERVIZIO SOCIALE DEI COMUNI Denominazione: Servizio

Dettagli

ALLEGATO B UNA DEFINIZIONE DI DISTRETTO DI WELFARE: una offerta ampia e diversificata di servizi; una capacità di costruire filiere

ALLEGATO B UNA DEFINIZIONE DI DISTRETTO DI WELFARE: una offerta ampia e diversificata di servizi; una capacità di costruire filiere ALLEGATO B UNA DEFINIZIONE DI DISTRETTO DI WELFARE: una offerta ampia e diversificata di servizi; una capacità di costruire filiere (dal Bilancio Sociale di sistema del Consorzio Comunità Brianza 2012)

Dettagli

I Titoli sociali nel sistema dei Piani di Zona della Lombardia. Regione Lombardia D.G. Famiglia e Solidarietà Sociale

I Titoli sociali nel sistema dei Piani di Zona della Lombardia. Regione Lombardia D.G. Famiglia e Solidarietà Sociale I Titoli sociali nel sistema dei Piani di Zona della Lombardia Regione Lombardia D.G. Famiglia e Solidarietà Sociale Fruitori dei titoli sociali Buoni Voucher 2003 2004 10.501 12.155 860 2050 Regione Lombardia

Dettagli

CENTRI DIURNI INTEGRATI PER ANZIANI (C.D.I.)

CENTRI DIURNI INTEGRATI PER ANZIANI (C.D.I.) CENTRI DIURNI INTEGRATI PER ANZIANI (C.D.I.) Criteri generali del Bando Stanziamento Lo stanziamento complessivo deliberato dalla Compagnia di San Paolo per la realizzazione nel territorio della regione

Dettagli

Glossario UNITÀ DI RILEVAZIONE

Glossario UNITÀ DI RILEVAZIONE INDAGINE SUGLI INTERVENTI E I SERVIZI SOCIALI DEI COMUNI SINGOLI O ASSOCIATI. ANNO 2012 1 Glossario UNITÀ DI RILEVAZIONE Comune: a questa categoria appartengono tutti i comuni italiani. Distretto/Ambito/Zona

Dettagli

La valutazione come occasione di confronto per la programmazione del Piano di Zona. Giovanni Bertin

La valutazione come occasione di confronto per la programmazione del Piano di Zona. Giovanni Bertin La valutazione come occasione di confronto per la programmazione del Piano di Zona Giovanni Bertin Il livello di conoscenza del sistema di offerta http://pdz.venetosociale.it La rilevazione Piani

Dettagli

BUDGET 2015 ANALITICO RICAVI

BUDGET 2015 ANALITICO RICAVI AZIENDA SOCIALE SUD EST MILANO Consiglio di Amministrazione BUDGET 2015 ANALITICO RICAVI CONSUNTIVO 2013 PREVISIONI 2014 PREVISIONI 2015 RICAVI CARATTERISTICI 1.708.636,19 2.479.788,84 2.484.858,85 riparto

Dettagli

PIANO DI ZONA 2009-2011

PIANO DI ZONA 2009-2011 Ufficio di Piano, Ambito territoriale di Desio - Piano di Zona 2009-2011 PIANO DI ZONA 2009-2011 Ambito territoriale di Desio Comuni di: Desio (Ente capofila), Bovisio Masciago, Ceriano Laghetto, Cesano

Dettagli

COMUNE DI SANTA TERESA GALLURA Provincia di Olbia Tempio. Settore Socio-Assistenziale e Sanitario

COMUNE DI SANTA TERESA GALLURA Provincia di Olbia Tempio. Settore Socio-Assistenziale e Sanitario COMUNE DI SANTA TERESA GALLURA Provincia di Olbia Tempio Settore Socio-Assistenziale e Sanitario Servizio di "Assistenza Domiciliare e Assistenza Scolastica" periodo 01/07/2013 30/06/2016 PROGETTAZIONE

Dettagli

Politiche Abitative - Comune di Empoli -

Politiche Abitative - Comune di Empoli - Politiche Abitative - Comune di Empoli - Con il trasferimento della funzione all Unione, è stato costituito un unico ufficio casa per tutto l Empolese Valdelsa. Fino al 2013 sul territorio erano presenti

Dettagli

COMUNE DI PORDENONE. Controllo di Gestione

COMUNE DI PORDENONE. Controllo di Gestione COMUNE DI PORDENONE Controllo di Gestione Ricognizione stato di attuazione obiettivi di Peg e Piano della Performance al agosto 24. SETTORE III SERVIZI ALLA PERSONA E ALLA COMUNITA INDICE SETTORE III -

Dettagli

GUIDA ALLA COMPILAZIONE DELLE SCHEDE DI RENDICONTAZIONE DELLA SPESA SOCIALE SOSTENUTA DAI COMUNI CONSUNTIVO 2006

GUIDA ALLA COMPILAZIONE DELLE SCHEDE DI RENDICONTAZIONE DELLA SPESA SOCIALE SOSTENUTA DAI COMUNI CONSUNTIVO 2006 GUIDA ALLA COMPILAZIONE DELLE SCHEDE DI RENDICONTAZIONE DELLA SPESA SOCIALE SOSTENUTA DAI COMUNI CONSUNTIVO 2006 Direzione Generale Famiglia e 27 AGOSTO 2007 Solidarietà Sociale UO Programmazione RILEVAZIONE

Dettagli

COMUNE DI SANLURI PROVINCIA DEL MEDIO CAMPIDANO. Via Carlo Felice n.201 - telefono 070/93831 - telefax 070/9383226 SERVIZIO SOCIO CULTURALE

COMUNE DI SANLURI PROVINCIA DEL MEDIO CAMPIDANO. Via Carlo Felice n.201 - telefono 070/93831 - telefax 070/9383226 SERVIZIO SOCIO CULTURALE COMUNE DI SANLURI PROVINCIA DEL MEDIO CAMPIDANO Via Carlo Felice n.201 - telefono 070/93831 - telefax 070/9383226 SERVIZIO SOCIO CULTURALE UFFICIO DI PIANO Registro Generale Determinazioni n. 1263 del

Dettagli

MANIFESTAZIONE DI INTERESSE ALL ISCRIZIONE NEL CATALOGO DELL OFFERTA DI SERVIZI DI CONCILIAZIONE VITA LAVORO RIVOLTI ALL INFANZIA E ALL ADOLESCENZA

MANIFESTAZIONE DI INTERESSE ALL ISCRIZIONE NEL CATALOGO DELL OFFERTA DI SERVIZI DI CONCILIAZIONE VITA LAVORO RIVOLTI ALL INFANZIA E ALL ADOLESCENZA Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 143 del 15-09-2011 26559 Allegato A REGIONE PUGLIA Area Politiche per la promozione della Salute, delle Persone, delle Pari Opportunità Servizio Politiche

Dettagli

IL COMUNE DI LONATE POZZOLO

IL COMUNE DI LONATE POZZOLO AREA SOCIO CULTURALE Ufficio Servizi Sociali AVVISO PUBBLICO PER L AFFIDAMENTO A TERZI DEI SERVIZI DI SUPPORTO AL SETTORE DELLE POLITICHE SOCIALI, RELATIVI AGLI ADEMPIMENTI CONNESSI ALL EROGAZIONE DELLE

Dettagli

SETTORE SOCIO CULTURALE

SETTORE SOCIO CULTURALE SETTORE SOCIO CULTURALE Attività a carattere sociale Rapporti con i soggetti gestori dei servizi socio-assistenziali, coordinati a livello sovraterritoriale e gestiti dalla Fondazione Territori Sociali

Dettagli

Barbara Schiavon Servizio Governo dell'integrazione socio sanitaria e delle politiche per la non autosufficienza

Barbara Schiavon Servizio Governo dell'integrazione socio sanitaria e delle politiche per la non autosufficienza Barbara Schiavon Servizio Governo dell'integrazione socio sanitaria e delle politiche per la non autosufficienza - assistenza domiciliare e domiciliare integrata - assegno di cura e di sostegno - ospitalit

Dettagli

Settore Socio-Educativo. Assistenza domiciliare. Fattori della qualità. Competenza Professionalità degli operatori. Indicatori di qualità

Settore Socio-Educativo. Assistenza domiciliare. Fattori della qualità. Competenza Professionalità degli operatori. Indicatori di qualità Settore Socio-Educativo Fattori della qualità Indicatori di qualità Competenza Professionalità degli operatori Grado di soddisfazione degli utenti: 70% di soddisfazione del campione esaminato. Monitoraggio

Dettagli

IL SISTEMA SOCIO ASSISTENZIALE SI FONDA SU ALCUNI PRINCIPI E SU ALCUNE LEGGI PILASTRO

IL SISTEMA SOCIO ASSISTENZIALE SI FONDA SU ALCUNI PRINCIPI E SU ALCUNE LEGGI PILASTRO IL SISTEMA SOCIO ASSISTENZIALE SI FONDA SU ALCUNI PRINCIPI E SU ALCUNE LEGGI PILASTRO PRINCIPI: Costituzione italiana e Carta dei Diritti fondamentali dell U.E. OBIETTIVO REGIONALE DEVE ESSERE: rendere

Dettagli

Al 31/12/2009 risultano registrati nel Comune di Cernusco Lombardone 3.862 abitanti, di cui 1865 maschi e 1997 femmine.

Al 31/12/2009 risultano registrati nel Comune di Cernusco Lombardone 3.862 abitanti, di cui 1865 maschi e 1997 femmine. Relazione, ai sensi dell art. 20 dello Statuto Comunale, sulla situazione e sullo stato di bisogno dei cittadini più in difficoltà. Anno di riferimento: 2009 Al 31/12/2009 risultano registrati nel Comune

Dettagli

PROTOCOLLO SERVIZIO ASSISTENZA EDUCATIVA SCOLASTICA (SAE)

PROTOCOLLO SERVIZIO ASSISTENZA EDUCATIVA SCOLASTICA (SAE) PROTOCOLLO SERVIZIO ASSISTENZA EDUCATIVA SCOLASTICA (SAE) AMBITO TERRITORIALE N. 9 VALLE SERIANA SUPERIORE E VALLE DI SCALVE PREMESSE: La scuola è una comunità educante, che accoglie ogni alunno nello

Dettagli

COMUNE DI MORBEGNO REGOLAMENTO INERENTE IL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE (S.A.D.) (Provincia di Sondrio)

COMUNE DI MORBEGNO REGOLAMENTO INERENTE IL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE (S.A.D.) (Provincia di Sondrio) APPROVATO CON DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE. N. DEL 21 )J2O1a REGOLAMENTO INERENTE DOMICILIARE (S.A.D.) IL SERVIZIO DI ASSISTENZA (Provincia di Sondrio) COMUNE DI MORBEGNO Art. 3 Finalità Art, 2

Dettagli

2 LINEE DI SVILUPPO TRIENNALI PER LA PROGRAMMAZIONE DEI SERVIZI D AMBITO

2 LINEE DI SVILUPPO TRIENNALI PER LA PROGRAMMAZIONE DEI SERVIZI D AMBITO 2 LINEE DI SVILUPPO TRIENNALI PER LA PROGRAMMAZIONE DEI SERVIZI D AMBITO 2.1 - Le strategie prioritarie e gli obiettivi strategici per la V Annualità (2006) per le specifiche politiche di settore ( dettaglio

Dettagli

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi Questo documento vuole essere una sintetica descrizione dei servizi e delle opportunità che i servizi sociali del Comune-tipo

Dettagli

ANIMATORE di COMUNITÁ

ANIMATORE di COMUNITÁ M.I.U.R. ISTITUTO PROFESSIONALE di STATO per i SERVIZI SOCIO SANITARI Giuseppe Moscati Via Urbano II - Salerno - Tel. 089253151 Fax 089253794 Codice Fiscale: 80023220652 Codice Meccanografico: SARF04000N

Dettagli

I Contratti di servizio come strumento di governance delle politiche di welfare locale

I Contratti di servizio come strumento di governance delle politiche di welfare locale I Contratti di servizio come strumento di governance delle politiche di welfare locale Raffaele Tomba Ponzano Veneto, 20 maggio 2011 Agenzia sanitaria e sociale regionale Area innovazione sociale 1 Fasi

Dettagli

L offerta dei servizi sociali, sociosanitari e lavorativi nell Ambito territoriale di Mola di Bari. Azione n. 3

L offerta dei servizi sociali, sociosanitari e lavorativi nell Ambito territoriale di Mola di Bari. Azione n. 3 L offerta dei servizi sociali, sociosanitari e lavorativi nell Ambito territoriale di Mola di Bari Azione n. 3 Progetto RIPSO - Ricerca, Innovazione, Povertà Sociale Codice POR 06032 c 0022 POR PUGLIA

Dettagli

COMUNE DI RUDIANO (Provincia di Brescia) PIANO SOCIO-ASSISTENZIALE

COMUNE DI RUDIANO (Provincia di Brescia) PIANO SOCIO-ASSISTENZIALE COMUNE DI RUDIANO (Provincia di Brescia) PIANO SOCIO-ASSISTENZIALE anno 2012-2014 1 PREMESSA Il presente piano socio assistenziale è stato elaborato dopo la stesura e l approvazione, da parte dell Assemblea

Dettagli

SETTORE SOCIALE CENTRO DI RESPONSABILITA : COD. 07 SERVIZI: SOCIO-ASSISTENZIALE

SETTORE SOCIALE CENTRO DI RESPONSABILITA : COD. 07 SERVIZI: SOCIO-ASSISTENZIALE SETTORE SOCIALE SERVIZI: SOCIO-ASSISTENZIALE CENTRO DI RESPONSABILITA : COD. 07 FUNZIONI DEI SERVIZI SERVIZIO SOCIO-ASSISTENZIALE Il Settore è preposto ad assicurare alle persone e alle famiglie un sistema

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE (SAD)

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE (SAD) REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE (SAD) PREMESSA Il presente regolamento del Servizio di Assistenza Domiciliare fa riferimento alle disposizioni della legislazione nazionale, regionale

Dettagli

BANDO PUBBLICO PER IL SOSTEGNO AL REDDITO PER PERSONE E/O FAMIGLIE IN SITUAZIONE DI DIFFICOLTÀ ECONOMICHE O DISAGIO PER LA PERDITA DEL LAVORO

BANDO PUBBLICO PER IL SOSTEGNO AL REDDITO PER PERSONE E/O FAMIGLIE IN SITUAZIONE DI DIFFICOLTÀ ECONOMICHE O DISAGIO PER LA PERDITA DEL LAVORO BANDO PUBBLICO PER IL SOSTEGNO AL REDDITO PER PERSONE E/O FAMIGLIE IN SITUAZIONE DI DIFFICOLTÀ ECONOMICHE O DISAGIO PER LA PERDITA DEL LAVORO E indetto il bando di cui alla D.G.C. n. 91 del 07/11/2014

Dettagli

Report Piani di Zona dati web. mercoledì 23 settembre 2009 Pagina 1 di 5

Report Piani di Zona dati web. mercoledì 23 settembre 2009 Pagina 1 di 5 Report Piani di Zona dati web mercoledì 23 settembre 2009 Pagina 1 di 5 Comune San Bonifacio Cod Area Macrotipologia Microtipologia Nome precedent Nome Finalità resp gestione Soggetti erogatori D5 Disabili

Dettagli

Piano di Zona 2015-2017 Ambito di Corsico

Piano di Zona 2015-2017 Ambito di Corsico Piano di Zona 2015-2017 Ambito di Corsico Realizzato con il supporto consulenziale di Synergia S.r.l. Sede operativa: 20124 MILANO (ITALY) - Via Mauro Macchi, 44 Tel.: 02/72093033 Fax: 02/72099743; e-mail:

Dettagli

Programma regionale AUTOCOSTRUZIONE ASSOCIATA IN AFFITTO: NUOVE SPERIMENTAZIONI

Programma regionale AUTOCOSTRUZIONE ASSOCIATA IN AFFITTO: NUOVE SPERIMENTAZIONI Unità Organizzativa Casa Struttura Programmi per l edilizia residenziale pubblica Programma regionale AUTOCOSTRUZIONE ASSOCIATA IN AFFITTO: NUOVE SPERIMENTAZIONI Ancitel Lombardia- Risorse Comuni Milano,

Dettagli

Articolo 3 (Obiettivi Prestazioni)

Articolo 3 (Obiettivi Prestazioni) CONSORZIO DEI SERVIZI SOCIALI ALTA IRPINIA REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO SOSTEGNO AI MINORI E ALLE FAMIGLIE Articolo 1 (Oggetto e finalità del Regolamento) Il presente regolamento disciplina

Dettagli

Persone con disabilità e compartecipazione ai costi delle prestazioni. Dr. Patrizia Magretti Direttore del Consorzio Erbese Servizi alla Persona

Persone con disabilità e compartecipazione ai costi delle prestazioni. Dr. Patrizia Magretti Direttore del Consorzio Erbese Servizi alla Persona Persone con disabilità e compartecipazione ai costi delle prestazioni Dr. Patrizia Magretti Direttore del Consorzio Erbese Servizi alla Persona 1 Territorio di riferimento: ALBAVILLA 6.432 ALSERIO 1.222

Dettagli

SCHEMA DI DISCIPLINARE FUNZIONAMENTO DEL VOUCHER SOCIALE

SCHEMA DI DISCIPLINARE FUNZIONAMENTO DEL VOUCHER SOCIALE SCHEMA DI DISCIPLINARE FUNZIONAMENTO DEL VOUCHER SOCIALE Art.1)Oggetto II presente disciplinare ha per oggetto il servizio di Assistenza domiciliare attraverso l erogazione e l'assegnazione dei titoli

Dettagli