Allegato parte integrante ALLEGATO A) Allegato A

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Allegato parte integrante ALLEGATO A) Allegato A"

Transcript

1 Allegato parte integrante ALLEGATO A) Allegato A BANDO E DEFINIZIONE DEI CRITERI E DELLE MODALITA PER LA CONCESSIONE DI FINANZIAMENTI PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI EDUCATIVI PROPOSTI ED ATTUATI DALLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE E FORMATIVE PROVINCIALI E PARITARIE (ai sensi dell articolo 112, comma 2 bis, lettere a) e b), della L.P. 7 agosto 2006, n. 5) per l anno scolastico/formativo OGGETTO La legge provinciale 7 agosto 2006, n. 5 avente ad oggetto Sistema educativo di istruzione e formazione del Trentino all articolo 112 prevede l istituzione del Fondo per la qualità del sistema educativo provinciale (denominato Fondo qualità). I commi 2 bis e 2 ter della normativa citata stabiliscono che la Giunta provinciale possa impiegare il Fondo qualità per finanziare progetti e iniziative particolarmente significativi ai fini della qualificazione dell offerta scolastica e formativa e per finanziare progetti per percorsi d istruzione e formazione caratterizzati dall innovazione della didattica e dell organizzazione. I progetti e le iniziative sono individuati dalla Provincia anche su proposta delle istituzioni scolastiche e formative provinciali e paritarie e realizzati da queste istituzioni. I presenti criteri disciplinano le modalità per la concessione dei contributi alle istituzioni scolastiche e formative provinciali e paritarie per la realizzazione dei progetti e delle iniziative sopra indicate in attuazione di quanto disposto dalla legge provinciale 7 agosto 2006, n. 5 (di seguito denominata legge sulla scuola) e dalla deliberazione della Giunta provinciale n del 22 giugno 2012 che, al punto 5 del deliberato, ha ripartito le risorse del Fondo per la qualità destinando una quota per la realizzazione di progetti ed iniziative di cui all articolo 112, comma 2 bis. 2. AMBITI DI INTERVENTO Si individuano quattro tipologie di ambiti di intervento, nei quali devono rientrare i progetti presentati dalle istituzioni scolastiche/formative provinciali e paritarie: TIPOLOGIA A: azioni volte a valorizzare il territorio e l ambiente montano, sia attraverso attività di tipo prettamente didattico/culturale, sia attività sportive; TIPOLOGIA B: azioni volte a sviluppare tematiche culturali, artistiche e ludiche, anche attraverso la cooperazione con scuole o enti non strettamente legati al territorio provinciale; Pag. 1 di 7 All. 001 RIFERIMENTO: 2012-S

2 TIPOLOGIA C: azioni volte ad approfondire tematiche di tipo storico, religioso o linguistico, che possono prevedere anche percorsi di formazione interculturali; TIPOLOGIA D: azioni volte a favorire l integrazione tra formazione umanistica curriculare e cultura musicale all interno delle istituzioni scolastiche provinciali del secondo ciclo. In questo caso si tratta di specifici progetti volti a favorire la cultura musicale degli studenti, attraverso laboratori didattici da tenersi in classe in orario curriculare e diretti ad integrare con elementi musicali di carattere letterario-storico-filosoficoartistico-sociologico i contenuti specifici in parallelo con la programmazione di classe in funzione complementare per tempistica ed argomentazioni alle tematiche (letterarie, storiche, artistiche, linguistiche, filosofiche, scientifiche) trattate dai docenti nelle singole classi in una prospettiva interdisciplinare. 3. SOGGETTI BENEFICIARI DEL FINANZIAMENTO Possono presentare domanda di finanziamento le istituzioni facenti parte del sistema educativo della provincia di Trento, in particolare: a) le istituzioni scolastiche provinciali e paritarie, b) le istituzioni formative provinciali e paritarie. Non sono considerati, per le finalità di cui al presente provvedimento, i percorsi di istruzione attivati in favore della popolazione adulta. Si precisa che i progetti di cui al precedente punto 2 Tipologia D sono rivolti, vista la tematica affrontata, solo agli studenti del secondo ciclo di istruzione, frequentanti l istituzione pubblica proponente. 4. CARATTERISTICHE DEI PROGETTI FINANZIABILI Le istituzioni scolastiche e formative provinciali e paritarie potranno presentare richiesta di finanziamento per la realizzazione di progetti e iniziative, individuati all interno degli ambiti di intervento di cui al punto 2, particolarmente significativi ai fini della qualificazione dell offerta scolastica e formativa. Si precisa che in tale contesto non vengono finanziati né progetti di didattica supportata da tecnologie mobili, per i quali si intende predisporre un apposito bando, né progetti da sviluppare in ambiti tematici previsti dal fondo sociale europeo. In particolare i progetti devono garantire il rispetto dei seguenti requisiti: - gli interventi programmati devono essere integrativi delle attività scolastiche/formative curriculari; - le attività previste nel progetto devono essere realizzate nell anno scolastico/formativo di riferimento. Pag. 2 di 7 All. 001 RIFERIMENTO: 2012-S

3 5. MODALITA E TERMINI PER LA PRESENTAZIONE DELLA DOMANDA NONCHE DOCUMENTAZIONE DA ALLEGARE La domanda di finanziamento, firmata dal Dirigente dell Istituzione scolastica o formativa provinciale o paritaria proponente, è presentata al Servizio Amministrazione ed attività di supporto (di seguito struttura provinciale competente ) entro il 10 settembre 2012 nel caso di azioni rientranti nell ambito di intervento di tipologia D ed entro il giorno 30 settembre 2012 nel caso di azioni rientranti nell ambito di intervento di tipologia A, B e C. Domande presentate oltre il termine non saranno prese in considerazione ai fini dell assegnazione del contributo. La domanda deve essere redatta in conformità alla modulistica disponibile sul sito internet istituzionale della Provincia, all indirizzo ed è presentata con una delle seguenti modalità: consegna a mano direttamente al Servizio Amministrazione e attività di supporto o presso gli sportelli periferici di assistenza e informazione al pubblico; spedizione a mezzo servizio postale con raccomandata con ricevuta di ritorno. In tal caso fa fede il timbro postale di invio; trasmissione in modalità telematica a mezzo posta elettronica certificata (P.E.C.) all indirizzo: ; trasmissione a mezzo fax. La domanda deve contenere la dichiarazione sostitutiva di atto di notorietà attestante il numero delle classi coinvolte, nonchè il fatto che gli interventi proposti sono integrativi delle attività scolastiche/formative curriculari e che per le spese del progetto che saranno oggetto di rendicontazion relativa al presente bando non sono stati chiesti né ottenuti altri finanziamenti provinciali. Nella domanda va altresì dichiarato che le attività proposte si concluderanno nell anno scolastico/formativo considerato, se è prevista o meno la prosecuzione del progetto nelle annualità successive, in autonomia da parte dell istituzione, e se sono previsti o meno il coinvolgimento di altri enti territoriali e la compartecipazione dell utenza (solo per le tipologia A, B e C). Alla domanda inoltre va allegata la seguente documentazione: a) il progetto educativo predisposto utilizzando il Modulo 2, diretto ad evidenziare: la tipologia di progettualità che si intende realizzare, la denominazione del progetto, le attività che si intendono realizzare, gli obiettivi che si intendono perseguire, i metodi di autovalutazione che si intendono adottare, quanto il progetto e la metodologia didattica sono innovativi, il numero e la tipologia di soggetti esterni coinvolti, il contesto scolastico nel quale sono realizzate le attività e le motivazioni che hanno indotto alla elaborazione del progetto stesso; b) il piano finanziario del progetto, predisposto utilizzando il Modulo 3, volto ad evidenziare sia la spesa complessiva che si intende sostenere, dettagliata per le varie voci di costo, sia le entrate che si intendono conseguire per la copertura della quota di spesa non finanziata con le modalità determinate con il presente atto. Pag. 3 di 7 All. 001 RIFERIMENTO: 2012-S

4 Ogni istituzione può presentare un'unica domanda di contributo. Qualora due o più istituzioni scolastiche formative provinciali o paritarie intendano realizzare un unico progetto, potrà essere presentata un unica domanda di finanziamento da parte del legale rappresentante dell istituzione individuata quale referente per la realizzazione del progetto. 6. CRITERI DI FINANZIAMENTO 6.1) SPESE AMMISSIBILI Le spese ammissibili a finanziamento sono quelle direttamente inerenti il progetto proposto. Sono pertanto considerate ammissibili le seguenti spese: a) compensi per esperti esterni; b) spese per acquisto di materiale didattico e di consumo; c) spese per servizi direttamente funzionali alla realizzazione del progetto; d) spese per il trasporto e la residenzialità degli studenti connesse alla realizzazione di viaggi organizzati per il raggiungimento degli obiettivi previsti dal progetto. Non sono ammissibili le spese non direttamente riconducibili al progetto (quali ad esempio spese generali da imputare pro-quota, spese fiscali, oneri finanziari). 6.2) DETERMINAZIONE DEL FINANZIAMENTO La struttura provinciale competente provvederà, coadiuvata dal Servizio Istruzione per quanto di competenza e supportata dalla collaborazione di docenti distaccati, a valutare le richieste, attribuendo un punteggio ad ogni progetto, secondo quanto stabilito al successivo punto 7 Istruttoria dei progetti. Ad ogni punteggio corrisponde una percentuale di finanziamento da parte della Provincia. Il contributo è concesso fino al massimo del 60% della spesa ritenuta ammissibile, con percentuali decrescenti in funzione del punteggio ottenuto in sede di valutazione. Il contributo può essere concesso nell importo massimo di euro ,00 per singolo progetto. Sono ammissibili a finanziamento i progetti che raggiungono un punteggio minimo di 40 punti, calcolato ai sensi del punto 7. Non sono ammessi per lo stesso progetto altri finanziamenti provinciali specifici. La quota che residua rimane a carico dell Istituto e va coperta con risorse proprie, o con fondi provenienti da privati, ivi compresa la compartecipazione dell utenza, o da altri enti pubblici, diversi dalla Provincia. Pag. 4 di 7 All. 001 RIFERIMENTO: 2012-S

5 Si precisa che, in riferimento alla sola Tipologia D, il finanziamento provinciale sarà sempre pari al 60% del costo orario della spesa ammissibile fino a un massimo di 36,00 euro. La parte residua dovrà essere coperta con altre risorse del bilancio dell istituzione scolastica/formativa, ad esclusione, in questo caso, della compartecipazione da parte dell utenza. 7. ISTRUTTORIA DEI PROGETTI I progetti pervenuti rientranti nelle tipologie A,B e C sono valutati tenendo conto dei seguenti requisiti e attribuendo i punteggi come di seguito precisato: REQUISITI 1 Qualità del progetto in termini di: descrizione delle attività da realizzare, contenuto delle attività da realizzare, definizione degli obiettivi e adozione di metodi di autovalutazione intesi come metodi di lettura dei risultati conseguiti 2 Grado di innovazione del progetto e della metodologia didattica 3 Tipologia e numero dei soggetti esterni coinvolti nell attuazione del progetto, ivi inclusi eventuali altri enti territoriali 4 Continuità temporale del progetto che prevede attività che saranno attuate anche negli anni scolastici successivi, in autonomia da parte delle istituzioni scolastiche 5 Modalità di finanziamento della parte non coperta dal contributo provinciale, con preferenza nel caso di utilizzo di risorse proprie dell istituzione proponente Totale PUNTI fino a 45 punti fino a 20 punti fino a 20 punti fino a 10 punti fino a 5 punti 100 punti Il punteggio complessivo raggiunto da ogni singolo progetto è inserito in scaglioni ai quali corrispondono le seguenti percentuali di finanziamento calcolate sulla base della spesa ammissibile: PUNTEGGIO PERCENTUALE DI FINANZIAMENTO superiore o uguale a 60 punti 60% fra 59 e 40 punti 50% inferiore a 40 punti domanda non ammissibile La struttura provinciale competente predispone quindi la graduatoria dei progetti ammissibili, rientranti nelle categorie A, B e C, in base ai risultati della procedura di valutazione di cui sopra. Qualora due o più progetti ottengano lo stesso punteggio sarà utilizzato il criterio residuale dell ordine cronologico di presentazione delle domande. Pag. 5 di 7 All. 001 RIFERIMENTO: 2012-S

6 Sulla base delle risorse disponibili saranno finanziate le domande ritenute ammissibili, nel limite dell importo massimo stabilito nel provvedimento stesso. Gli importi dei contributi saranno calcolati applicando alla spesa ammessa le predette percentuali. Qualora le risorse disponibili non siano sufficienti al finanziamento di tutte le domande ammissibili, si procederà al finanziamento delle stesse in base alla graduatoria dei progetti e fino ad esaurimento delle risorse. Il Dirigente della struttura provinciale competente adotta quindi, relativamente alle Tipologie A, B e C, il provvedimento di approvazione della graduatoria e di concessione del finanziamento, entro il temine ultimo di 60 giorni dalla scadenza del termine per la presentazione delle domande. Qualora in corso d anno si generassero nuove disponibilità economiche, potranno essere finanziati i progetti ritenuti ammissibili, secondo la graduatoria formulata, ma non sovvenzionati per mancanza di fondi. Con riferimento alla sola Tipologia D, nei limiti delle risorse disponibili, sono finanziate tutte le domande pervenute e ritenute ammissibili a finanziamento. Nel caso in cui le risorse finanziarie messe a disposizione dalla Provincia per l attuazione dei progetti presentati, pari ad euro ,00 non fossero sufficienti a soddisfare tutte le domande di finanziamento pervenute, si procederà, per ciascuna istituzione scolastica, ad una rideterminazione del medesimo, in proporzione al numero di ore di laboratorio previste per ciascun progetto. Qualora tuttavia il numero di domande pervenute sia tale da comportare richieste di finanziamento per un numero di ore di laboratorio superiore al 20% del numero massimo di ore di laboratorio finanziabili (pari a 720 ore) - considerato l ammontare massimo delle risorse messe a disposizione dalla Provincia (pari ad euro ,00) - e l eventuale rideterminazione del contributo sia pertanto tale da rendere il finanziamento non adeguato alla realizzazione del laboratorio medesimo, la struttura provinciale competente provvederà a redigere una graduatoria, dando priorità ai progetti che presentano almeno uno dei seguenti requisiti elencati in ordine di importanza decrescente: intraprendere, con il progetto presentato, percorsi interdisciplinari che prevedono il coinvolgimento del maggior numero di classi possibile, garantendo di realizzare ciascun laboratorio musicale interdisciplinare con un minimo di 6 ore per classe; prevedere forme di coinvolgimento con le istituzioni di produzione musicale (quali ad esempio fondazioni orchestrali, teatri di tradizione e società concertistiche storiche), nell ambito delle programmazioni delle medesime, in merito alle tematiche da trattare nel corso dei laboratori musicali da tenersi in classe in orario curriculare. Il Dirigente della struttura provinciale competente adotta quindi, relativamente alla Tipologia D, il provvedimento di approvazione della graduatoria e di concessione del finanziamento, entro il temine ultimo di 30 giorni dalla scadenza del termine per la presentazione delle domande. Se le risorse destinate a tale Tipologia D non venissero completamente impegnate per la realizzazione di detta progettualità, potranno essere utilizzate per finanziare le Tipologie A, B e C. Pag. 6 di 7 All. 001 RIFERIMENTO: 2012-S

7 8. MODALITA DI EROGAZIONE DEL CONTRIBUTO 8.1) LIQUIDAZIONE DEL CONTRIBUTO La liquidazione del contributo avviene a saldo ed è effettuata a seguito della presentazione da parte delle istituzioni scolastiche e formative pubbliche e paritarie della documentazione di seguito indicata: - domanda di liquidazione (Modulo 4), dalla quale emerge che il progetto è stato realizzato in coerenza con quello presentato in fase di domanda e con i criteri e le modalità stabilite con il presente provvedimento, nonchè la spesa complessiva sostenuta e la data di conclusione dell attività, se sono stati o meno coinvolti altri enti territoriali, se si sono adottate azioni volte alla prosecuzione, in autonomia, del progetto nelle annualità successive e se per le spese del progetto oggetto di rendicontazione non si sono usufruiti altri finanziamenti provinciali. Per le sole istituzioni scolastiche e formative paritarie, va dichiarato inoltre l ammontare delle spese sostenute per l attività oggetto di agevolazione e delle entrate conseguite e che le entrate conseguite e le spese effettivamente sostenute sono imputabili all anno scolastico di riferimento, nonché all attività oggetto di agevolazione; - una relazione illustrativa (Modulo 5), diretta ad evidenziare: le attività realizzate, i risultati ottenuti, i metodi di autovalutazione adottati, quanto il progetto e la metodologia didattica sono stati innovativi, il numero e la tipologia di soggetti esterni coinvolti; - un prospetto riepilogativo finanziario (Modulo 6), volto ad evidenziare sia la spesa complessiva sostenuta, dettagliata per le varie voci di costo, sia le entrate conseguite per la copertura della quota di spesa non coperta dal presente finanziamento provinciale. La richiesta di saldo dovrà essere presentata entro 90 giorni dalla conclusione dell anno scolastico in cui si sono svolte le attività previste dal progetto. Il progetto dovrà essere attuato entro l anno scolastico di riferimento. Per giustificati motivi potrà essere richiesta una proroga del termine di conclusione dell attività, che dovrà essere autorizzata dal dirigente della struttura provinciale competente, con propria nota scritta e per un massimo di quattro mesi. Il finanziamento concesso per le finalità in questione, essendo destinato ad uno specifico scopo, ha un vincolo di destinazione e come tale dovrà essere rendicontato, con separata evidenza, nel conto consuntivo. Sono ammesse compensazioni fra le voci di spesa presentate a preventivo nel limite massimo del 20% dell importo complessivo. Qualora in sede di consuntivo la spesa sostenuta risulti inferiore a quella ammessa a preventivo, il finanziamento è rideterminato in base alla spesa effettivamente sostenuta e in base alla percentuale di finanziamento ottenuta, con eventuale obbligo di restituzione alla Provincia degli importi eccedenti liquidati. 8.2) REVOCA DEL FINANZIAMENTO In caso di mancata o parziale realizzazione del progetto il finanziamento verrà rispettivamente revocato o ridotto in proporzione. Pag. 7 di 7 All. 001 RIFERIMENTO: 2012-S

Provincia di Latina. Settore Politiche Sociali e Cultura Servizio Cultura

Provincia di Latina. Settore Politiche Sociali e Cultura Servizio Cultura Provincia di Latina Settore Politiche Sociali e Cultura Servizio Cultura Bando per gli interventi a sostegno delle attività culturali nella Provincia di Latina per gli anni 2014 e 2015, finanziati ai sensi

Dettagli

1) Obiettivi. 2) Destinatari del contributo. 3) Priorità dei progetti ammessi a finanziamento

1) Obiettivi. 2) Destinatari del contributo. 3) Priorità dei progetti ammessi a finanziamento ALLEGATO B Modalità per la concessione di contributi e indicazioni per la presentazione dei Progetti Sociali- artt. 7 e 8 l.r. 26/93 Interventi a favore della popolazione zingara 1) Obiettivi La Giunta

Dettagli

Criteri per la concessione di contributi ad iniziative programmate dalla Giunta Provinciale

Criteri per la concessione di contributi ad iniziative programmate dalla Giunta Provinciale Allegato parte integrante Allegato A Criteri per la concessione di contributi ad iniziative programmate dalla Giunta Provinciale La Provincia autonoma di Trento ai sensi della Legge Provinciale n. 10/1988

Dettagli

L.R. 5/2012, artt. 18 e 33 B.U.R. 8/10/2014, n. 41. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 24 settembre 2014, n. 0183/Pres.

L.R. 5/2012, artt. 18 e 33 B.U.R. 8/10/2014, n. 41. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 24 settembre 2014, n. 0183/Pres. L.R. 5/2012, artt. 18 e 33 B.U.R. 8/10/2014, n. 41 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 24 settembre 2014, n. 0183/Pres. Regolamento concernente criteri e modalità per la concessione di contributi per

Dettagli

BANDO PER LA PRESENTAZIONE DELLE DOMANDE DI CONTRIBUTO PER PROGETTI DI PROMOZIONE EDUCATIVA E CULTURALE DI INTERESSE PROVINCIALE PER L ANNO 2009

BANDO PER LA PRESENTAZIONE DELLE DOMANDE DI CONTRIBUTO PER PROGETTI DI PROMOZIONE EDUCATIVA E CULTURALE DI INTERESSE PROVINCIALE PER L ANNO 2009 Allegato 1 alla determinazione dirigenziale n. 526 del 21/04/2009 Settore Cultura, Servizi alla Persona Servizio Cultura Corso Matteotti, 3 23900 Lecco, Italia Telefono 0341.295487 Fax 0341.295463 E-mail

Dettagli

Allegato 1. 1.Finalità

Allegato 1. 1.Finalità Allegato 1 Bando finalizzato all efficientamento del parco dei generatori di energia elettrica prodotta nei rifugi di montagna rientranti nelle categorie C, D ed E cui al titolo IV della regola tecnica

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER GLI INCENTIVI ALLE IMPRESE IL DIRETTORE GENERALE Visto l articolo 1, commi 56 e 57, della legge 27 dicembre 2013, n. 147 (legge di stabilità 2014),

Dettagli

CRITERI E MODALITA PER IL FINANZIAMENTO DI ATTIVITA COMPRESE IN PROGETTI INNOVATIVI O SPERIMENTALI. Articolo 1 Finalità

CRITERI E MODALITA PER IL FINANZIAMENTO DI ATTIVITA COMPRESE IN PROGETTI INNOVATIVI O SPERIMENTALI. Articolo 1 Finalità Allegato parte integrante ALLEGATO A CRITERI E MODALITA PER IL FINANZIAMENTO DI ATTIVITA COMPRESE IN PROGETTI INNOVATIVI O SPERIMENTALI Articolo 1 Finalità L articolo 38 della legge provinciale 27 luglio

Dettagli

ART. 1 OGGETTO ART. 2 DEFINIZIONE E TIPOLOGIA

ART. 1 OGGETTO ART. 2 DEFINIZIONE E TIPOLOGIA Regolamento per la concessione di contributi a sostegno dei Centri vacanza per minori ai sensi del Regolamento Regionale approvato con DPReg n. 0190/PRES del 22.05.2001 e dei Centri socio-educativi per

Dettagli

BANDO PER IL SOSTEGNO AL MIGLIORAMENTO DELLE CONDIZIONI DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO, CON PARTICOLARE RIFERIMENTO ALLA INNOVAZIONE TECNOLOGICA

BANDO PER IL SOSTEGNO AL MIGLIORAMENTO DELLE CONDIZIONI DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO, CON PARTICOLARE RIFERIMENTO ALLA INNOVAZIONE TECNOLOGICA BANDO PER IL SOSTEGNO AL MIGLIORAMENTO DELLE CONDIZIONI DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO, CON PARTICOLARE RIFERIMENTO ALLA INNOVAZIONE TECNOLOGICA in attuazione dell articolo 11, comma 5, del D.Lgs. 81/2008

Dettagli

Vista la legge regionale 9 marzo 1988, n. 10 (Riordinamento istituzionale della Regione e riconoscimento e devoluzione di funzioni agli Enti locali)

Vista la legge regionale 9 marzo 1988, n. 10 (Riordinamento istituzionale della Regione e riconoscimento e devoluzione di funzioni agli Enti locali) Vista la legge regionale 9 marzo 1988, n. 10 (Riordinamento istituzionale della Regione e riconoscimento e devoluzione di funzioni agli Enti locali) e sue successive modifiche ed integrazioni; Visto in

Dettagli

Allegato parte integrante ALLEGATO A) - criteri per la concessione di borse di studio a studenti atleti

Allegato parte integrante ALLEGATO A) - criteri per la concessione di borse di studio a studenti atleti Allegato parte integrante ALLEGATO A) - criteri per la concessione di borse di studio a studenti atleti Criteri e modalità per la concessione delle borse di studio, di cui al comma 4 bis dell articolo

Dettagli

5. Il soggetto promotore, se costituito dai Comuni, deve prevedere la partecipazione degli enti privati.

5. Il soggetto promotore, se costituito dai Comuni, deve prevedere la partecipazione degli enti privati. Regolamento concernente la concessione di finanziamenti a favore delle Amministrazioni comunali del Friuli Venezia Giulia, dei Centri di assistenza tecnica alle imprese commerciali (CAT) autorizzati e

Dettagli

art. 1 art. 2 art. 3 art. 4 art. 5 art. 6 art. 7 art. 8 art. 9 art. 10 art. 11 art. 12 art. 13 art. 14 art. 15 art. 16

art. 1 art. 2 art. 3 art. 4 art. 5 art. 6 art. 7 art. 8 art. 9 art. 10 art. 11 art. 12 art. 13 art. 14 art. 15 art. 16 Regolamento recante i criteri e le modalità per la concessione dei contributi per i lavori in territorio montano di miglioramento della viabilità e delle infrastrutture comunali, di ristrutturazione e

Dettagli

ANNO 2011. Legge regionale n. 12 del 23 maggio 2008 Art. 20 Cooperazione sanitaria internazionale

ANNO 2011. Legge regionale n. 12 del 23 maggio 2008 Art. 20 Cooperazione sanitaria internazionale Gabinetto della Presidenza della Giunta regionale Settore Affari Internazionali e Comunitari Direzione Sanità Settore Programmazione Sanitaria BANDO Per il personale sanitario dipendente delle strutture

Dettagli

COMUNE DI TRIGGIANO Provincia di Bari Servizio Pubblica Istruzione, Sport e Tempo Libero

COMUNE DI TRIGGIANO Provincia di Bari Servizio Pubblica Istruzione, Sport e Tempo Libero BANDO PUBBLICO PER LA EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ECONOMICI ALLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE OPERANTI NEL TERRITORIO DEL COMUNE DI TRIGGIANO - INDIVIDUAZIONE DEI CRITERI - Art. 1 FINALITA Il Comune di Triggiano

Dettagli

Provincia di Parma Assessorato Coordinamento Politiche Sociali e Sanitarie

Provincia di Parma Assessorato Coordinamento Politiche Sociali e Sanitarie Prot. n. 20905 del 07/03/2007 BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI ALLE ASSOCIAZIONI PROMOSSE DA CITTADINI STRANIERI PER LA REALIZZAZIONE DELLA MANIFESTAZIONE LE SETTIMANE DEL MIGRANTE ATTO DI G.P.117

Dettagli

Presidenza del Consiglio dei Ministri

Presidenza del Consiglio dei Ministri Criteri per la concessione da parte del Dipartimento della Protezione Civile dei contributi per il finanziamento di progetti presentati dalle Organizzazioni di Volontariato di Protezione Civile nel triennio

Dettagli

Accordo di Programma MISE-Unioncamere 2012 BANDO PER L ATTRIBUZIONE DI CONTRIBUTI/VOUCHER FINALIZZATI AL RISPARMIO E ALL EFFICIENZA ENERGETICA

Accordo di Programma MISE-Unioncamere 2012 BANDO PER L ATTRIBUZIONE DI CONTRIBUTI/VOUCHER FINALIZZATI AL RISPARMIO E ALL EFFICIENZA ENERGETICA Accordo di Programma MISE-Unioncamere 2012 BANDO PER L ATTRIBUZIONE DI CONTRIBUTI/VOUCHER FINALIZZATI AL RISPARMIO E ALL EFFICIENZA ENERGETICA (approvato con deliberazione n. 18 del 10 aprile 2014) 1.

Dettagli

Regolamento CAPO I ARTICOLAZIONE DEL PROCEDIMENTO CONTRIBUTIVO. Articolo 1 (Finalità, ambito di applicazione e regime di incentivazione)

Regolamento CAPO I ARTICOLAZIONE DEL PROCEDIMENTO CONTRIBUTIVO. Articolo 1 (Finalità, ambito di applicazione e regime di incentivazione) Regolamento-APPROVATO Regolamento recante requisiti, criteri e modalità in materia di concessione di contributi assegnati dalle Province per sostenere le spese di attività organizzate e svolte nelle fattorie

Dettagli

BANDO PER L AMPLIAMENTO DELL OFFERTA DI SERVIZI EDUCATIVI PER LA PRIMA INFANZIA: contributi per spese di gestione anno educativo 2008/2009

BANDO PER L AMPLIAMENTO DELL OFFERTA DI SERVIZI EDUCATIVI PER LA PRIMA INFANZIA: contributi per spese di gestione anno educativo 2008/2009 ALLEGATO A Regione Toscana Direzione Generale Politiche formative, beni e attività culturali Area di Coordinamento Orientamento, istruzione, formazione e lavoro Settore Infanzia e diritto agli studi BANDO

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO VINCENZO GALILEI PISA Via di Padule n.35-56124 Pisa - Tel. 050-575533 Fax 050-3138132

ISTITUTO COMPRENSIVO VINCENZO GALILEI PISA Via di Padule n.35-56124 Pisa - Tel. 050-575533 Fax 050-3138132 ISTITUTO COMPRENSIVO VINCENZO GALILEI PISA Via di Padule n.35-56124 Pisa - Tel. 050-575533 Fax 050-3138132 Email: igalilei@tiscalinet.it - Codice Fiscale: 93047370502 Ai Dirigenti Scolastici della Provincia

Dettagli

MODALITA ATTUATIVE PER LA CONCESSIONE DELLE AGEVOLAZIONI

MODALITA ATTUATIVE PER LA CONCESSIONE DELLE AGEVOLAZIONI 2 ALLEGATO A) UNIONE EUROPEA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE LIGURIA OBIETTIVO COMPETITIVITA REGIONALE E OCCUPAZIONE PROGRAMMA OPERATIVO 2007-2013 Parte Competitività COFINANZIATO DAL F.E.S.R. - FONDO EUROPEO

Dettagli

Provincia Autonoma di Trento

Provincia Autonoma di Trento Bollettino Ufficiale n. 16/I-II del 20/04/2010 / Amtsblatt Nr. 16/I-II vom 20/04/2010 102 56951 Deliberazioni - Parte 1 - Anno 2010 Provincia Autonoma di Trento DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA PROVINCIALE del

Dettagli

In collaborazione con:

In collaborazione con: In collaborazione con: Rete tante tinte I.C. VR 11 BORGO ROMA OVEST BANDO PER IL FINANZIAMENTO DI PROGETTI PRESENTATI DA ASSOCIAZIONI DI STRANIERI ai sensi del: Programma Regionale di iniziative e interventi

Dettagli

Art. 1 finalità. Art. 2 definizioni. Allegato n. 2

Art. 1 finalità. Art. 2 definizioni. Allegato n. 2 Allegato n. 2 Bando per la concessione di contributi per la realizzazione di eventi e manifestazioni, anche transnazionali, attinenti ai fatti della Prima guerra mondiale Art. 1 finalità Art. 1 finalità

Dettagli

DIPARTIMENTO II SETTORE IV CULTURA, TURISMO E SOCIALE IL DIRIGENTE. rende noto

DIPARTIMENTO II SETTORE IV CULTURA, TURISMO E SOCIALE IL DIRIGENTE. rende noto DIPARTIMENTO II SETTORE IV CULTURA, TURISMO E SOCIALE IL DIRIGENTE rende noto Bando Provinciale per l erogazione dei contributi per lo spettacolo dal vivo ai sensi della L.R. 11/2009, del Piano triennale

Dettagli

Alle riunioni è invitato a partecipare un rappresentante dell Università degli studi di Trento.

Alle riunioni è invitato a partecipare un rappresentante dell Università degli studi di Trento. 2. PROCEDIMENTO 2.1 Aspetti generali. Il coordinamento generale delle strutture competenti, nonché la verifica ed il monitoraggio degli interventi, sono espletati tramite riunioni periodiche cui partecipano:

Dettagli

Capo I disposizioni generali. Capo II contributi per il rimborso delle spese assicurative. Capo III contributi per l acquisto di attrezzature tecniche

Capo I disposizioni generali. Capo II contributi per il rimborso delle spese assicurative. Capo III contributi per l acquisto di attrezzature tecniche Regolamento per la concessione dei contributi a favore delle organizzazioni di volontariato, di cui agli articoli 9, 10 e 28 della legge regionale 9 novembre 2012, n. 23 (Disciplina organica sul volontariato

Dettagli

Art. 16 (Beneficiari) Art. 17 (Tipologia delle iniziative) Art. 18 (Presentazione delle domande) Art. 19 (Cause di inammissibilità della domanda)

Art. 16 (Beneficiari) Art. 17 (Tipologia delle iniziative) Art. 18 (Presentazione delle domande) Art. 19 (Cause di inammissibilità della domanda) Testo coordinato del Capo IV del Regolamento per la concessione dei contributi di cui agli articoli 11, 16 e 18 della legge regionale 3 aprile 2003, n. 8 (Testo unico in materia di sport e tempo libero),

Dettagli

Bando per il finanziamento dei progetti speciali

Bando per il finanziamento dei progetti speciali Allegato al Decreto n.764 /LAVFOR.ISTR dd. 8 aprile 2015 Art. 1 Finalità Bando per il finanziamento dei progetti speciali 1. Il presente bando viene emanato al fine di promuovere l integrazione tra le

Dettagli

Accordo di Programma MISE-Unioncamere 2012 BANDO PER L ATTRIBUZIONE DI CONTRIBUTI/VOUCHER FINALIZZATI ALLA PROMOZIONE DELL E-COMMERCE

Accordo di Programma MISE-Unioncamere 2012 BANDO PER L ATTRIBUZIONE DI CONTRIBUTI/VOUCHER FINALIZZATI ALLA PROMOZIONE DELL E-COMMERCE Accordo di Programma MISE-Unioncamere 2012 BANDO PER L ATTRIBUZIONE DI CONTRIBUTI/VOUCHER FINALIZZATI ALLA PROMOZIONE DELL E-COMMERCE (approvato con deliberazione n. 18 del 10 aprile 2014) 1. PREMESSA

Dettagli

SOMMARIO. Bando per il sostegno della progettazione e dell adozione di politiche in materia di energia. Anno 2004. pag. 1

SOMMARIO. Bando per il sostegno della progettazione e dell adozione di politiche in materia di energia. Anno 2004. pag. 1 SOSTEGNO ALLA PROGETTAZIONE E ALL ADOZIONE DI POLITICHE SUL RISPARMIO ENERGETICO E LE FONTI RINNOVABILI DI ENERGIA PER GLI ENTI PUBBLICI DELLA PROVINCIA DI TORINO SOMMARIO ART. 1 - FINALITÀ... 2 ART. 2

Dettagli

BANDO PER IL FINANZIAMENTO DELLE ATTIVITÀ DIDATTICHE DI EDUCAZIONE INTERCULTURALE E DI ACCOGLIENZA DEGLI ALLIEVI STRANIERI (anno scolastico 2006/2007)

BANDO PER IL FINANZIAMENTO DELLE ATTIVITÀ DIDATTICHE DI EDUCAZIONE INTERCULTURALE E DI ACCOGLIENZA DEGLI ALLIEVI STRANIERI (anno scolastico 2006/2007) BANDO PER IL FINANZIAMENTO DELLE ATTIVITÀ DIDATTICHE DI EDUCAZIONE INTERCULTURALE E DI ACCOGLIENZA DEGLI ALLIEVI STRANIERI (anno scolastico 2006/2007) Art. 1 Finalità e oggetto dell intervento 1. Sulla

Dettagli

DIPARTIMENTO IX - DIREZIONE Viale di Villa Pamphili, 100 00152 Roma

DIPARTIMENTO IX - DIREZIONE Viale di Villa Pamphili, 100 00152 Roma DIPARTIMENTO IX - DIREZIONE Viale di Villa Pamphili, 100 00152 Roma AVVISO PUBBLICO RISERVATO AI CENTRI ANZIANI DI ROMA E PROVINCIA PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER PICCOLI INTERVENTI DI RIQUALIFICAZIONE

Dettagli

AVVISO PUBBLICO PER INIZIATIVE E MANIFESTAZIONI DI VALORIZZAZIONE E PROMOZIONE TURISTICA PICCOLE MANIFESTAZIONI LOCALI A VALENZA TURISTICA ANNO 2008

AVVISO PUBBLICO PER INIZIATIVE E MANIFESTAZIONI DI VALORIZZAZIONE E PROMOZIONE TURISTICA PICCOLE MANIFESTAZIONI LOCALI A VALENZA TURISTICA ANNO 2008 ALLEGATO D AVVISO PUBBLICO PER INIZIATIVE E MANIFESTAZIONI DI VALORIZZAZIONE E PROMOZIONE TURISTICA PICCOLE MANIFESTAZIONI LOCALI A VALENZA TURISTICA ANNO 2008 Dipartimento Attività Produttive, Politiche

Dettagli

SETTORE AMBIENTE, ECOLOGIA E GESTIONE RIFIUTI AVVISO PUBBLICO

SETTORE AMBIENTE, ECOLOGIA E GESTIONE RIFIUTI AVVISO PUBBLICO cüéä Çv t w VtáxÜàt SETTORE AMBIENTE, ECOLOGIA E GESTIONE RIFIUTI AVVISO PUBBLICO DELIBERA DI GIUNTA REGIONALE DELLA CAMPANIA N. 758 DEL 29.12.2011, DECRETO DIRIGENZIALE DELL AGC 21 N. 33 DEL 30.12.2011.

Dettagli

BANDO PER IL SOSTEGNO AL MIGLIORAMENTO DELLE CONDIZIONI DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO, CON PARTICOLARE RIFERIMENTO ALLA INNOVAZIONE TECNOLOGICA

BANDO PER IL SOSTEGNO AL MIGLIORAMENTO DELLE CONDIZIONI DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO, CON PARTICOLARE RIFERIMENTO ALLA INNOVAZIONE TECNOLOGICA BANDO PER IL SOSTEGNO AL MIGLIORAMENTO DELLE CONDIZIONI DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO, CON PARTICOLARE RIFERIMENTO ALLA INNOVAZIONE TECNOLOGICA in attuazione dell articolo 11, comma 5, del D.Lgs. 81/2008

Dettagli

(Aggiornamento di lunedì 28 luglio 2014)

(Aggiornamento di lunedì 28 luglio 2014) Decreto Direttoriale n. 2216 del 1 luglio 2014 Regole e modalità per la presentazione delle domande finalizzate alla concessione dei contributi previsti dalla Legge 6/2000 per gli strumenti di intervento:

Dettagli

REGIONE LAZIO Dipartimento Istituzionale Direzione Regionale Istituzionale, Enti Locali Sicurezza

REGIONE LAZIO Dipartimento Istituzionale Direzione Regionale Istituzionale, Enti Locali Sicurezza Allegato A REGIONE LAZIO Dipartimento Istituzionale Direzione Regionale Istituzionale, Enti Locali Sicurezza Avviso pubblico per la presentazione delle domande di contributo per la realizzazione di interventi

Dettagli

VISTI i piani di erogazione e degli interventi predisposti dalle singole regioni allegati al presente decreto;

VISTI i piani di erogazione e degli interventi predisposti dalle singole regioni allegati al presente decreto; VISTO il decreto-legge 12 settembre 2013, n. 104, convertito, con modificazioni, dalla legge 8 novembre 2013, n. 128, recante misure urgenti in materia di istruzione, università e ricerca (di seguito,

Dettagli

Bando Sostegno di progetti innovativi rivolti a nuclei familiari, famiglie a rischio di fragilità e famiglie gravate da responsabilità di cura 1

Bando Sostegno di progetti innovativi rivolti a nuclei familiari, famiglie a rischio di fragilità e famiglie gravate da responsabilità di cura 1 Bando Sostegno di progetti innovativi rivolti a nuclei familiari, famiglie a rischio di fragilità e famiglie gravate da responsabilità di cura 1 Art. 1 FINALITÀ E OGGETTO La Provincia di Milano intende

Dettagli

CONSORZIO B.I.M. ADIGE. Approvato dall Assemblea Generale con delibera n. 15 dd. 20.12.2013 e modificato con delibera n. 7 dd. 07.07.2014.

CONSORZIO B.I.M. ADIGE. Approvato dall Assemblea Generale con delibera n. 15 dd. 20.12.2013 e modificato con delibera n. 7 dd. 07.07.2014. CONSORZIO B.I.M. ADIGE Provincia Autonoma di Trento REGOLAMENTO DISCIPLINANTE LA CONCESSIONE DI FINANZIAMENTI AD ENTI, ASSOCIAZIONI, COMITATI E FONDAZIONI, CON FINALITA SOCIALMENTE UTILI E SENZA SCOPO

Dettagli

Provincia di Isernia

Provincia di Isernia Provincia di Isernia BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI IN CONTO INTERESSI IN FAVORE DELLE MICRO E PICCOLE IMPRESE, DELLA PROVINCIA DI ISERNIA, SUI FINANZIAMENTI CONCESSI DALLE BANCHE Art. 1 : Scopi

Dettagli

AVVISO PUBBLICO. 1) Finalità degli interventi finanziari. 2) Soggetti destinatari dei finanziamenti. 3) Tipologia di interventi

AVVISO PUBBLICO. 1) Finalità degli interventi finanziari. 2) Soggetti destinatari dei finanziamenti. 3) Tipologia di interventi Allegato A AVVISO PUBBLICO CRITERI E MODALITA PER LA CONCESSIONE DEI FINANZIAMENTI PER LA PROMOZIONE DI INTERVENTI VOLTI A FAVORIRE UN SISTEMA INTEGRATO DI SICUREZZA NELL AMBITO DEL TERRITORIO REGIONALE

Dettagli

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DI OPERAZIONI A VALERE SULL ASSE 2 OCCUPABILITA.

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DI OPERAZIONI A VALERE SULL ASSE 2 OCCUPABILITA. FONDO SOCIALE EUROPEO PROGRAMMA OPERATIVO OBIETTIVO 2 COMPETITIVITA REGIONALE E OCCUPAZIONE- 2007/2013 AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DI OPERAZIONI A VALERE SULL ASSE 2 OCCUPABILITA. PROGETTI SPERIMENTALI

Dettagli

LA GIUNTA REGIONALE. VISTA la legge regionale 18 febbraio 2002, n. 6, e successive modificazioni;

LA GIUNTA REGIONALE. VISTA la legge regionale 18 febbraio 2002, n. 6, e successive modificazioni; Oggetto: Approvazione del protocollo d intesa-tipo tra Regione Lazio ed enti o soggetti interessati concernente la promozione di un programma di interventi strutturali finalizzati al potenziamento dell

Dettagli

FONDO REGIONALE PER L OCCUPAZIONE DEI DIVERSAMENTE ABILI

FONDO REGIONALE PER L OCCUPAZIONE DEI DIVERSAMENTE ABILI FONDO REGIONALE PER L OCCUPAZIONE DEI DIVERSAMENTE ABILI AVVISO PUBBLICO AI SOGGETTI OSPITANTI TIROCINI FORMATIVI E DI ORIENTAMENTO PER PERSONE CON DISABILITÀ CONTRIBUTO AZIONE 2 TER Premessa Il presente

Dettagli

Programma d Azione per il Reimpiego di lavoratori svantaggiati - PARI

Programma d Azione per il Reimpiego di lavoratori svantaggiati - PARI Bando per l assegnazione, a favore di datori di lavoro privati: - di contributi all'assunzione di persone prive di lavoro in condizione di svantaggio e di donne prive di lavoro; - di doti formative a favore

Dettagli

Presidenza del Consiglio dei Ministri

Presidenza del Consiglio dei Ministri Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento della Gioventù e del Servizio civile nazionale Avviso pubblico Sostegno ai giovani talenti, per il finanziamento di azioni volte a sostenere i giovani

Dettagli

Servizio Politiche di Benessere Sociale e Pari Opportunità

Servizio Politiche di Benessere Sociale e Pari Opportunità 25313 ALLEGATO A R E G I O N E P U G L I A AREA POLITICHE PER LA PROMOZIONE DELLA SALUTE, DELLE PERSONE E DELLE PARI OPPORTUNITA Servizio Politiche di Benessere Sociale e Pari Opportunità Legge regionale

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER GLI INCENTIVI ALLE IMPRESE IL DIRETTORE GENERALE Visto l'articolo 23 del decreto-legge 22 giugno 2012, n. 83, convertito, con modificazioni, dalla

Dettagli

REGIONE PIEMONTE Settore Rapporti con le Autonomie locali

REGIONE PIEMONTE Settore Rapporti con le Autonomie locali REGIONE PIEMONTE Settore Rapporti con le Autonomie locali ALLEGAT O Contributi alle Unioni di Comuni, istituite entro il 31/12/2013, alle Comunità montane ed alle Convenzioni plurifunzionali tra Comuni,

Dettagli

COLORI BANDO PUBBLICO DECORO URBANO DEL CENTRO STORICO. Anno 2013. Il Dirigente del Servizio Mobilità, Strade, Centro Storico e Cimiteri

COLORI BANDO PUBBLICO DECORO URBANO DEL CENTRO STORICO. Anno 2013. Il Dirigente del Servizio Mobilità, Strade, Centro Storico e Cimiteri SERVIZIO MOBILITA, STRADE, CENTRO STORICO E CIMITERI P.zza Mercatale, 31 59100 Prato Fax 0574.183.7368 www.comune.prato.it Orario di apertura al pubblico Lunedì 9.00 13.00 Giovedì 9.00-13.00 e 15.00-17.00

Dettagli

PROGETTI SERVIZIO CIVILE GIOINVOLO

PROGETTI SERVIZIO CIVILE GIOINVOLO BANDO SERVIZIO CIVILE GIOINVOLO ANNO 2009 42 1. I progetti 1. L idea nasce dalla consapevolezza che il Servizio Civile Nazionale rappresenta per molti giovani una significativa opportunità di crescita

Dettagli

BANDO PER LA PRESENTAZIONE DELLE DOMANDE DI CONTRIBUTO PER PROGETTI DI PROMOZIONE EDUCATIVA E CULTURALE DI INTERESSE PROVINCIALE PER L ANNO 2014

BANDO PER LA PRESENTAZIONE DELLE DOMANDE DI CONTRIBUTO PER PROGETTI DI PROMOZIONE EDUCATIVA E CULTURALE DI INTERESSE PROVINCIALE PER L ANNO 2014 Allegato alla determinazione dirigenziale n. del Settore Cultura, Beni Culturali, Identità e Tradizioni Corso Matteotti, 3 23900 Lecco, Italia Telefono 0341.295487 Fax 0341.295463 e-mail segreteria.cultura@provincia.lecco.it

Dettagli

Avviso 01/2010 PIANI AZIENDALI/INTERAZIENDALI DI FORMAZIONE CONTINUA

Avviso 01/2010 PIANI AZIENDALI/INTERAZIENDALI DI FORMAZIONE CONTINUA Avviso 01/2010 PIANI AZIENDALI/INTERAZIENDALI DI FORMAZIONE CONTINUA 1. Premessa Fondazienda è un Fondo Paritetico Interprofessionale Nazionale per la Formazione Continua dei quadri e dei dipendenti dei

Dettagli

PROVINCIA DI ROVIGO AREA PERSONALE E LAVORO AVVISO PUBBLICO

PROVINCIA DI ROVIGO AREA PERSONALE E LAVORO AVVISO PUBBLICO PROVINCIA DI ROVIGO AREA PERSONALE E LAVORO AVVISO PUBBLICO Fondo Regionale per l occupazione dei disabili di cui all art. 14 della Legge 12 marzo 1999, n.68 Incentivi all'occupazione ANNO 2014 IL DIRIGENTE

Dettagli

AVVISO PUBBLICO PER LA CONCESSIONE DI AGEVOLAZIONI FINANZIARIE ANNUALITÀ 2013 ART. 3 LETTERA C) REGOLAMENTO CCIAA

AVVISO PUBBLICO PER LA CONCESSIONE DI AGEVOLAZIONI FINANZIARIE ANNUALITÀ 2013 ART. 3 LETTERA C) REGOLAMENTO CCIAA AVVISO PUBBLICO PER LA CONCESSIONE DI AGEVOLAZIONI FINANZIARIE ANNUALITÀ 2013 ART. 3 LETTERA C) REGOLAMENTO CCIAA Art. 1 SCOPO DELL AVVISO PUBBLICO 1. La Camera di Commercio Industria Agricoltura e Artigianato

Dettagli

Regol@mento per la concessione di contributi, vantaggi economici ad enti associazioni o altri organismi

Regol@mento per la concessione di contributi, vantaggi economici ad enti associazioni o altri organismi . Comune di Spoleto Direzione Operativa Centrale Regol@mento per la concessione di contributi, vantaggi economici ad enti associazioni o altri organismi.......... Il Regolamento per la concessione di contributi,

Dettagli

CONSORZIO DEI COMUNI DELLA PROVINCIA DI TRENTO COMPRESI NEL BACINO IMBRIFERO MONTANO DEL CHIESE

CONSORZIO DEI COMUNI DELLA PROVINCIA DI TRENTO COMPRESI NEL BACINO IMBRIFERO MONTANO DEL CHIESE CONSORZIO DEI COMUNI DELLA PROVINCIA DI TRENTO COMPRESI NEL BACINO IMBRIFERO MONTANO DEL CHIESE REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI E DEL PATROCINIO CONSORZIALE Art. 1 - Principi generali e finalità...

Dettagli

PROTOCOLLO D INDIRIZZO PER L EROGAZIONE DEL BUONO SOCIALE

PROTOCOLLO D INDIRIZZO PER L EROGAZIONE DEL BUONO SOCIALE PROTOCOLLO D INDIRIZZO PER L EROGAZIONE DEL BUONO SOCIALE PREMESSA Il presente bando disciplina l erogazione di buoni sociali finanziati attraverso Fondo Non Autosufficienze (FNA). Il Buono Sociale si

Dettagli

BANDO DI CONTRIBUTI PER INTERVENTI INNOVATIVI SULLE TEMATICHE SICUREZZA SUL LAVORO, ENERGIA ED AMBIENTE

BANDO DI CONTRIBUTI PER INTERVENTI INNOVATIVI SULLE TEMATICHE SICUREZZA SUL LAVORO, ENERGIA ED AMBIENTE BANDO DI CONTRIBUTI PER INTERVENTI INNOVATIVI SULLE TEMATICHE SICUREZZA SUL LAVORO, ENERGIA ED AMBIENTE Art. 1- DESCRIZIONE E FINALITA DELL INIZIATIVA La Camera di Commercio di Avellino con il presente

Dettagli

PROVINCIA DI SALERNO

PROVINCIA DI SALERNO AVVISO PUBBLICO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI A SOSTEGNO DELLE SPESE DI TRASPORTO DEGLI STUDENTI DIVERSAMENTE ABILI CHE FREQUENTANO ISTITUTI SUPERIORI DI SECONDO GRADO DELLA PROVINCIA. ANNO SCOLASTICO

Dettagli

a) Obiettivi b) Destinatari dei finanziamenti

a) Obiettivi b) Destinatari dei finanziamenti ALLEGATO 1 CONVENZIONE DEL 23/12/2010 TRA IL DIPARTIMENTO PER LE PARI OPPORTUNITA E LA REGIONE PIEMONTE IN ATTUAZIONE DELL INTESA DEL 29 APRILE 2010 RELATIVA AI CRITERI DI RIPARTIZIONE DELLE RISORSE, LE

Dettagli

FONDAZIONE CASSA DI RISPARMIO DI CIVITAVECCHIA

FONDAZIONE CASSA DI RISPARMIO DI CIVITAVECCHIA FONDAZIONE CASSA DI RISPARMIO DI CIVITAVECCHIA BANDO 2014 (EMANATO AI SENSI DELL ART. 7, PUNTO 3., DEL REGOLAMENTO DI EROGAZIONE DELLA FONDAZIONE) La Fondazione Cassa di Risparmio di Civitavecchia, nell

Dettagli

PROVINCIA DI PIACENZA PROGRAMMA ANNUALE

PROVINCIA DI PIACENZA PROGRAMMA ANNUALE ALLEGATO A PROVINCIA DI PIACENZA PROGRAMMA ANNUALE DEGLI INTERVENTI DI QUALIFICAZIONE E MIGLIORAMENTO DELLE SCUOLE DELL INFANZIA DEL SISTEMA NAZIONALE DI ISTRUZIONE (L.R. 8.8.2001 N.26 E L.R. 30.6.2003

Dettagli

1. INTERVENTI VOLTI A FAVORIRE L INSERIMENTO E LA PRESENZA NEL MONDO DEL LAVORO DI ALTE PROFESSIONALITA

1. INTERVENTI VOLTI A FAVORIRE L INSERIMENTO E LA PRESENZA NEL MONDO DEL LAVORO DI ALTE PROFESSIONALITA 1. INTERVENTI VOLTI A FAVORIRE L INSERIMENTO E LA PRESENZA NEL MONDO DEL LAVORO DI ALTE PROFESSIONALITA 2.a) Inserimento di giovani laureati e dottori di ricerca nel mercato del lavoro trentino e non,

Dettagli

PROVINCIA DEL L AQUILA. Settore Politiche del Lavoro, Formazione Professionale, Sociale

PROVINCIA DEL L AQUILA. Settore Politiche del Lavoro, Formazione Professionale, Sociale PROVINCIA DEL L AQUILA Settore Politiche del Lavoro, Formazione Professionale, Sociale P.O.R. ABRUZZO OBIETTIVO 3 PER IL 2000/2006 PIANO DEGLI INTERVENTI 2006 STRUMENTO UNITARIO DI PIANIFICAZIONE A SUPPORTO

Dettagli

REGIONE LAZIO. Assessorato Formazione, Ricerca, Scuola e università

REGIONE LAZIO. Assessorato Formazione, Ricerca, Scuola e università REGIONE LAZIO Assessorato Formazione, Ricerca, Scuola e università DIREZIONE REGIONALE FORMAZIONE, RICERCA E INNOVAZIONE SCUOLA E UNIVERSITA', DIRITTO ALLO STUDIO Area Programmazione dell'offerta d'istruzione

Dettagli

ALLEGATO A. 1) Obiettivi. 2) Destinatari del contributo. 3) Tipologia degli interventi ammessi a finanziamento

ALLEGATO A. 1) Obiettivi. 2) Destinatari del contributo. 3) Tipologia degli interventi ammessi a finanziamento ALLEGATO A Modalità per la concessione di contributi e indicazioni per la presentazione di progetti per la nuova costruzione, ristrutturazione ed ampliamento delle aree sosta- artt. 3 e 4 l.r. 26/93-.

Dettagli

COMUNE DI MONTEMURLO (PO)

COMUNE DI MONTEMURLO (PO) COMUNE DI MONTEMURLO (PO) AVVISO PUBBLICO PER MANIFESTAZIONI D'INTERESSE ALL'ASSEGNAZIONE DI CONTRIBUTI PER LA CONSERVAZIONE ED IL RIPRISTINO DI STRADE BIANCHE NELL AREA COLLINARE E MONTANA DEL COMUNE

Dettagli

FONDO DI GARANZIA PER L ACCESSO AL CREDITO A FAVORE DELL IMPRENDITORIA FEMMINILE E GIOVANILE INDICE

FONDO DI GARANZIA PER L ACCESSO AL CREDITO A FAVORE DELL IMPRENDITORIA FEMMINILE E GIOVANILE INDICE F.A.Q. art. 8 della L.R. 12/2004, come sostituito dall art. 33 della l.r. 30/2009 FONDO DI GARANZIA PER L ACCESSO AL CREDITO A FAVORE DELL IMPRENDITORIA FEMMINILE E GIOVANILE INDICE 1. Modalità di presentazione

Dettagli

REGOLAMENTO CONCESSIONE FINANZIAMENTI E BENEFICI ECONOMICI A PERSONE ED ENTI PUBBLICI E PRIVATI ART. 1 1 FINALITA

REGOLAMENTO CONCESSIONE FINANZIAMENTI E BENEFICI ECONOMICI A PERSONE ED ENTI PUBBLICI E PRIVATI ART. 1 1 FINALITA ART. 1 1 FINALITA 1. Il presente regolamento contiene le procedure, i criteri e le modalità inerenti la disciplina per la concessione di sovvenzioni, contributi, sussidi ed ausili finanziari e l attribuzione

Dettagli

BANDO DI SELEZIONE IDEE IMPREDITORIALI

BANDO DI SELEZIONE IDEE IMPREDITORIALI BANDO DI SELEZIONE IDEE IMPREDITORIALI REALIZZATO NELL'AMBITO DEL PIANO LOCALE DELL IMMIGRAZIONE PER LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI RIVOLTI AI SETTORI SOCIO-OCCUPAZIONALE, INFORMATIVO E INTERCULTURALE

Dettagli

Start Cup Bologna-Progettando 2008

Start Cup Bologna-Progettando 2008 Start Cup Bologna-Progettando 2008 dedicato ad aspiranti imprenditori della Provincia di Bologna per l assegnazione di 5.000,00 sottoforma di contributo a fondo perduto Bando 9 1. DESCRIZIONE DELL INIZIATIVA

Dettagli

INVITO A PRESENTARE PROGETTI IN MATERIA DI CULTURA DEL DIRITTO D AUTORE IN AMBITO UNIVERSITARIO

INVITO A PRESENTARE PROGETTI IN MATERIA DI CULTURA DEL DIRITTO D AUTORE IN AMBITO UNIVERSITARIO INVITO A PRESENTARE PROGETTI IN MATERIA DI CULTURA DEL DIRITTO D AUTORE IN AMBITO UNIVERSITARIO Premessa Nel rinnovare l accordo (19 luglio 2007) per il pagamento dei diritti d autore sulle fotocopie effettuate

Dettagli

DECRETO 18 dicembre 2014, n. 6583 certificato il 15-01-2015

DECRETO 18 dicembre 2014, n. 6583 certificato il 15-01-2015 REGIONE TOSCANA Direzione Generale Diritto alla Salute e Politiche di Solidarietà Area di Coordinamento Politiche di Solidarietà Sociale e Integrazione Socio-Sanitaria DECRETO 18 dicembre 2014, n. 6583

Dettagli

AVVISO PUBBLICO. per la realizzazione di progetti a favore della Coesione Sociale

AVVISO PUBBLICO. per la realizzazione di progetti a favore della Coesione Sociale PROVINCIA DI PAVIA SETTORE SVILUPPO SOCIALE ED ECONOMICO AVVISO PUBBLICO per la realizzazione di progetti a favore della Coesione Sociale Art. 1 Finalità Il presente Avviso intende sostenere progetti in

Dettagli

Avviso n. 1/2015 Sostegno alla presentazione dei piani formativi sul Conto Formazione delle PMI aderenti di minori dimensioni.

Avviso n. 1/2015 Sostegno alla presentazione dei piani formativi sul Conto Formazione delle PMI aderenti di minori dimensioni. Avviso n. 1/2015 Sostegno alla presentazione dei piani formativi sul Conto Formazione delle PMI aderenti di minori dimensioni. Avviso n. 1/2015 Formazione nelle PMI di minori dimensioni 1 1 Finalità Il

Dettagli

Art. 1 finalità. Art. 2 definizioni. Allegato n. 3

Art. 1 finalità. Art. 2 definizioni. Allegato n. 3 Allegato n. 3 Bando per la concessione di contributi per la realizzazione di progetti educativi e didattici finalizzati ad ampliare la conoscenza e a favorire la riflessione sui fatti storici della Prima

Dettagli

L.R. 20/2015, art. 4, c. 16, 17, 18, 19 B.U.R. 12/10/2015, S.O. n. 38. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 6 ottobre 2015, n. 0207/Pres.

L.R. 20/2015, art. 4, c. 16, 17, 18, 19 B.U.R. 12/10/2015, S.O. n. 38. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 6 ottobre 2015, n. 0207/Pres. L.R. 20/2015, art. 4, c. 16, 17, 18, 19 B.U.R. 12/10/2015, S.O. n. 38 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 6 ottobre 2015, n. 0207/Pres. Regolamento recante i criteri e le modalità per la concessione dei

Dettagli

Il sottoscritto quale legale rappresentante di (COGNOME E NOME) Associazione Sportiva (denominazione) Associazione Tempo Libero (denominazione)

Il sottoscritto quale legale rappresentante di (COGNOME E NOME) Associazione Sportiva (denominazione) Associazione Tempo Libero (denominazione) Oggetto: Domanda di contributo per la realizzazione di iniziative sportive e del tempo libero. (Ogni domanda deve essere presentata per una singola iniziativa o progetto unitario.) L.R. 9 marzo 1988 n.

Dettagli

Progetto regionale Istituzioni culturali: eredità del passato, contemporaneità e progettazione del futuro Annualità 2013 Piano della Cultura 2012-2015

Progetto regionale Istituzioni culturali: eredità del passato, contemporaneità e progettazione del futuro Annualità 2013 Piano della Cultura 2012-2015 ALLEGATO A) Progetto regionale Istituzioni culturali: eredità del passato, contemporaneità e progettazione del futuro Annualità 2013 Piano della Cultura 2012-2015 AVVISO PUBBLICO SOSTEGNO A PROGETTI DI

Dettagli

Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali

Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali VISTO il Reg. (CE) 1698/2005 del Consiglio del 20 settembre 2005 sul sostegno allo sviluppo rurale da parte del Fondo europeo agricolo per lo sviluppo rurale (FEASR); VISTI gli Orientamenti comunitari

Dettagli

CRITERI E MODALITÀ PER L APPLICAZIONE DELLA LEGGE

CRITERI E MODALITÀ PER L APPLICAZIONE DELLA LEGGE Legge provinciale 13 dicembre 1999, n. 6 legge provinciale sugli incentivi alle imprese CRITERI E MODALITÀ PER L APPLICAZIONE DELLA LEGGE "AIUTI ALLA NUOVA IMPRENDITORIALITÀ FEMMINILE E GIOVANILE" DELIBERE

Dettagli

NOTA METODOLOGICA. 1. Nota informativa sull interpretazione dei dati statistici. Tutti i contribuenti persone fisiche

NOTA METODOLOGICA. 1. Nota informativa sull interpretazione dei dati statistici. Tutti i contribuenti persone fisiche NOTA METODOLOGICA 1. Nota informativa sull interpretazione dei dati statistici 2. Base dati statistica 3. Tipologie di contribuenti Tutti i contribuenti persone fisiche Concetto di titolare di partita

Dettagli

CRITERI E MODALITÀ PER L APPLICAZIONE DELLA LEGGE

CRITERI E MODALITÀ PER L APPLICAZIONE DELLA LEGGE Legge provinciale 13 dicembre 1999, n. 6 legge provinciale sugli incentivi alle imprese CRITERI E MODALITÀ PER L APPLICAZIONE DELLA LEGGE "AIUTI ALLA NUOVA IMPRENDITORIALITÀ FEMMINILE E GIOVANILE" Applicabili

Dettagli

Bandi per il finanziamento di progetti a rilevanza territoriale locale 2010

Bandi per il finanziamento di progetti a rilevanza territoriale locale 2010 Bandi per il finanziamento di progetti a rilevanza territoriale locale 2010 Premessa Nel rispetto delle direttive del Comitato di Gestione del Fondo Speciale per il Volontariato e della normativa vigente,

Dettagli

FONDO DI GARANZIA PER L ACCESSO AL CREDITO A FAVORE DELL IMPRENDITORIA FEMMINILE E GIOVANILE INDICE

FONDO DI GARANZIA PER L ACCESSO AL CREDITO A FAVORE DELL IMPRENDITORIA FEMMINILE E GIOVANILE INDICE F.A.Q. art. 8 della L.R. 12/2004, come sostituito dall art. 33 della l.r. 30/2009 FONDO DI GARANZIA PER L ACCESSO AL CREDITO A FAVORE DELL IMPRENDITORIA FEMMINILE E GIOVANILE INDICE 1. Modalità di presentazione

Dettagli

Bando per il finanziamento delle attività didattiche relative all insegnamento delle Lingue e Culture delle Minoranze Linguistiche Storiche

Bando per il finanziamento delle attività didattiche relative all insegnamento delle Lingue e Culture delle Minoranze Linguistiche Storiche (Allegato al Decreto n. 762/LAVFOR.ISTR dd. 8 aprile 2015) Bando per il finanziamento delle attività didattiche relative all insegnamento delle Lingue e Culture delle Minoranze Linguistiche Storiche Art.

Dettagli

Provincia Autonoma di Trento

Provincia Autonoma di Trento 140 79470 Deliberazioni - Parte 1 - Anno 2012 Provincia Autonoma di Trento DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA PROVINCIALE del 13 aprile 2012, n. 710 Approvazione dei criteri e modalità per il finanziamento dei

Dettagli

BANDO PROGETTI DI FORMAZIONE

BANDO PROGETTI DI FORMAZIONE BANDO PROGETTI DI FORMAZIONE 1 MOTIVAZIONI E FINALITÀ Il Centro di Servizio al Volontariato San Nicola (d ora in poi denominato CSVSN) nell ambito delle proprie attività intende completare il proprio piano

Dettagli

REGIONE TOSCANA Settore Politiche per il Contrasto al Disagio Sociale

REGIONE TOSCANA Settore Politiche per il Contrasto al Disagio Sociale Allegato A REGIONE TOSCANA Settore Politiche per il Contrasto al Disagio Sociale BANDO per l assegnazione di contributi in attuazione della legge regionale n. 70 del 19 novembre 2009, Interventi di sostegno

Dettagli

Articolo 1 (Finalità ed ambito di applicazione)

Articolo 1 (Finalità ed ambito di applicazione) Regolamento contenente criteri e modalità per la concessione di contributi a favore degli apicoltori, singoli o associati che risiedono sul territorio della Provincia e ivi esercitano l'attività apistica,

Dettagli

Alla stregua dell istruttoria degli uffici del Settore Urbanistica, dichiarata la regolarità tecnica; DECRETA

Alla stregua dell istruttoria degli uffici del Settore Urbanistica, dichiarata la regolarità tecnica; DECRETA A.G.C. 16 - Governo del Territorio, Tutela Beni, Paesistico-Ambientali e Culturali - Settore Urbanistica - Decreto dirigenziale n. 1 del 14 gennaio 2010 Legge Regionale 16/2004 articolo 40 comma 2 - Contributi

Dettagli

PROVINCIA DI PORDENONE

PROVINCIA DI PORDENONE PROVINCIA DI PORDENONE Medaglia d oro al Valor Militare LINEE GUIDA PER LA CONCESSIONE DÌ INCENTIVI AGLI OPERATORI AGRITURISTICI IN PROVINCIA DÌ PORDENONE, COMPATIBILI CON IL MERCATO COMUNE AI SENSI DEL

Dettagli

CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI

CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Regolamento recante disposizioni per l insegnamento della lingua friulana nel territorio della Regione Friuli Venezia Giulia in attuazione di quanto previsto dal Capo III (Interventi nel settore dell istruzione)

Dettagli

ALLEGATO 1 Articolo 1 Articolo 2

ALLEGATO 1 Articolo 1 Articolo 2 ALLEGATO 1 Bando di gara per progetti di ricerca di cui all'art. 10, comma 2, lettera b) del decreto 26 gennaio 2000, previsti dal Piano triennale 2012-2014 della ricerca di sistema elettrico nazionale

Dettagli

Art. 4. Durata dei progetti e tutte le attività concluse entro la data del 30 maggio 2016. Art. 5. Importo del finanziamento assegnato

Art. 4. Durata dei progetti e tutte le attività concluse entro la data del 30 maggio 2016. Art. 5. Importo del finanziamento assegnato Pianeta Galileo Avviso pubblico per il finanziamento di progetti di educazione scientifica promossi e realizzati da Istituti di istruzione secondaria di secondo grado, statali e paritari, della regione

Dettagli