Allegato parte integrante ALLEGATO A) Allegato A

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Allegato parte integrante ALLEGATO A) Allegato A"

Transcript

1 Allegato parte integrante ALLEGATO A) Allegato A BANDO E DEFINIZIONE DEI CRITERI E DELLE MODALITA PER LA CONCESSIONE DI FINANZIAMENTI PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI EDUCATIVI PROPOSTI ED ATTUATI DALLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE E FORMATIVE PROVINCIALI E PARITARIE (ai sensi dell articolo 112, comma 2 bis, lettere a) e b), della L.P. 7 agosto 2006, n. 5) per l anno scolastico/formativo OGGETTO La legge provinciale 7 agosto 2006, n. 5 avente ad oggetto Sistema educativo di istruzione e formazione del Trentino all articolo 112 prevede l istituzione del Fondo per la qualità del sistema educativo provinciale (denominato Fondo qualità). I commi 2 bis e 2 ter della normativa citata stabiliscono che la Giunta provinciale possa impiegare il Fondo qualità per finanziare progetti e iniziative particolarmente significativi ai fini della qualificazione dell offerta scolastica e formativa e per finanziare progetti per percorsi d istruzione e formazione caratterizzati dall innovazione della didattica e dell organizzazione. I progetti e le iniziative sono individuati dalla Provincia anche su proposta delle istituzioni scolastiche e formative provinciali e paritarie e realizzati da queste istituzioni. I presenti criteri disciplinano le modalità per la concessione dei contributi alle istituzioni scolastiche e formative provinciali e paritarie per la realizzazione dei progetti e delle iniziative sopra indicate in attuazione di quanto disposto dalla legge provinciale 7 agosto 2006, n. 5 (di seguito denominata legge sulla scuola) e dalla deliberazione della Giunta provinciale n del 22 giugno 2012 che, al punto 5 del deliberato, ha ripartito le risorse del Fondo per la qualità destinando una quota per la realizzazione di progetti ed iniziative di cui all articolo 112, comma 2 bis. 2. AMBITI DI INTERVENTO Si individuano quattro tipologie di ambiti di intervento, nei quali devono rientrare i progetti presentati dalle istituzioni scolastiche/formative provinciali e paritarie: TIPOLOGIA A: azioni volte a valorizzare il territorio e l ambiente montano, sia attraverso attività di tipo prettamente didattico/culturale, sia attività sportive; TIPOLOGIA B: azioni volte a sviluppare tematiche culturali, artistiche e ludiche, anche attraverso la cooperazione con scuole o enti non strettamente legati al territorio provinciale; Pag. 1 di 7 All. 001 RIFERIMENTO: 2012-S

2 TIPOLOGIA C: azioni volte ad approfondire tematiche di tipo storico, religioso o linguistico, che possono prevedere anche percorsi di formazione interculturali; TIPOLOGIA D: azioni volte a favorire l integrazione tra formazione umanistica curriculare e cultura musicale all interno delle istituzioni scolastiche provinciali del secondo ciclo. In questo caso si tratta di specifici progetti volti a favorire la cultura musicale degli studenti, attraverso laboratori didattici da tenersi in classe in orario curriculare e diretti ad integrare con elementi musicali di carattere letterario-storico-filosoficoartistico-sociologico i contenuti specifici in parallelo con la programmazione di classe in funzione complementare per tempistica ed argomentazioni alle tematiche (letterarie, storiche, artistiche, linguistiche, filosofiche, scientifiche) trattate dai docenti nelle singole classi in una prospettiva interdisciplinare. 3. SOGGETTI BENEFICIARI DEL FINANZIAMENTO Possono presentare domanda di finanziamento le istituzioni facenti parte del sistema educativo della provincia di Trento, in particolare: a) le istituzioni scolastiche provinciali e paritarie, b) le istituzioni formative provinciali e paritarie. Non sono considerati, per le finalità di cui al presente provvedimento, i percorsi di istruzione attivati in favore della popolazione adulta. Si precisa che i progetti di cui al precedente punto 2 Tipologia D sono rivolti, vista la tematica affrontata, solo agli studenti del secondo ciclo di istruzione, frequentanti l istituzione pubblica proponente. 4. CARATTERISTICHE DEI PROGETTI FINANZIABILI Le istituzioni scolastiche e formative provinciali e paritarie potranno presentare richiesta di finanziamento per la realizzazione di progetti e iniziative, individuati all interno degli ambiti di intervento di cui al punto 2, particolarmente significativi ai fini della qualificazione dell offerta scolastica e formativa. Si precisa che in tale contesto non vengono finanziati né progetti di didattica supportata da tecnologie mobili, per i quali si intende predisporre un apposito bando, né progetti da sviluppare in ambiti tematici previsti dal fondo sociale europeo. In particolare i progetti devono garantire il rispetto dei seguenti requisiti: - gli interventi programmati devono essere integrativi delle attività scolastiche/formative curriculari; - le attività previste nel progetto devono essere realizzate nell anno scolastico/formativo di riferimento. Pag. 2 di 7 All. 001 RIFERIMENTO: 2012-S

3 5. MODALITA E TERMINI PER LA PRESENTAZIONE DELLA DOMANDA NONCHE DOCUMENTAZIONE DA ALLEGARE La domanda di finanziamento, firmata dal Dirigente dell Istituzione scolastica o formativa provinciale o paritaria proponente, è presentata al Servizio Amministrazione ed attività di supporto (di seguito struttura provinciale competente ) entro il 10 settembre 2012 nel caso di azioni rientranti nell ambito di intervento di tipologia D ed entro il giorno 30 settembre 2012 nel caso di azioni rientranti nell ambito di intervento di tipologia A, B e C. Domande presentate oltre il termine non saranno prese in considerazione ai fini dell assegnazione del contributo. La domanda deve essere redatta in conformità alla modulistica disponibile sul sito internet istituzionale della Provincia, all indirizzo ed è presentata con una delle seguenti modalità: consegna a mano direttamente al Servizio Amministrazione e attività di supporto o presso gli sportelli periferici di assistenza e informazione al pubblico; spedizione a mezzo servizio postale con raccomandata con ricevuta di ritorno. In tal caso fa fede il timbro postale di invio; trasmissione in modalità telematica a mezzo posta elettronica certificata (P.E.C.) all indirizzo: ; trasmissione a mezzo fax. La domanda deve contenere la dichiarazione sostitutiva di atto di notorietà attestante il numero delle classi coinvolte, nonchè il fatto che gli interventi proposti sono integrativi delle attività scolastiche/formative curriculari e che per le spese del progetto che saranno oggetto di rendicontazion relativa al presente bando non sono stati chiesti né ottenuti altri finanziamenti provinciali. Nella domanda va altresì dichiarato che le attività proposte si concluderanno nell anno scolastico/formativo considerato, se è prevista o meno la prosecuzione del progetto nelle annualità successive, in autonomia da parte dell istituzione, e se sono previsti o meno il coinvolgimento di altri enti territoriali e la compartecipazione dell utenza (solo per le tipologia A, B e C). Alla domanda inoltre va allegata la seguente documentazione: a) il progetto educativo predisposto utilizzando il Modulo 2, diretto ad evidenziare: la tipologia di progettualità che si intende realizzare, la denominazione del progetto, le attività che si intendono realizzare, gli obiettivi che si intendono perseguire, i metodi di autovalutazione che si intendono adottare, quanto il progetto e la metodologia didattica sono innovativi, il numero e la tipologia di soggetti esterni coinvolti, il contesto scolastico nel quale sono realizzate le attività e le motivazioni che hanno indotto alla elaborazione del progetto stesso; b) il piano finanziario del progetto, predisposto utilizzando il Modulo 3, volto ad evidenziare sia la spesa complessiva che si intende sostenere, dettagliata per le varie voci di costo, sia le entrate che si intendono conseguire per la copertura della quota di spesa non finanziata con le modalità determinate con il presente atto. Pag. 3 di 7 All. 001 RIFERIMENTO: 2012-S

4 Ogni istituzione può presentare un'unica domanda di contributo. Qualora due o più istituzioni scolastiche formative provinciali o paritarie intendano realizzare un unico progetto, potrà essere presentata un unica domanda di finanziamento da parte del legale rappresentante dell istituzione individuata quale referente per la realizzazione del progetto. 6. CRITERI DI FINANZIAMENTO 6.1) SPESE AMMISSIBILI Le spese ammissibili a finanziamento sono quelle direttamente inerenti il progetto proposto. Sono pertanto considerate ammissibili le seguenti spese: a) compensi per esperti esterni; b) spese per acquisto di materiale didattico e di consumo; c) spese per servizi direttamente funzionali alla realizzazione del progetto; d) spese per il trasporto e la residenzialità degli studenti connesse alla realizzazione di viaggi organizzati per il raggiungimento degli obiettivi previsti dal progetto. Non sono ammissibili le spese non direttamente riconducibili al progetto (quali ad esempio spese generali da imputare pro-quota, spese fiscali, oneri finanziari). 6.2) DETERMINAZIONE DEL FINANZIAMENTO La struttura provinciale competente provvederà, coadiuvata dal Servizio Istruzione per quanto di competenza e supportata dalla collaborazione di docenti distaccati, a valutare le richieste, attribuendo un punteggio ad ogni progetto, secondo quanto stabilito al successivo punto 7 Istruttoria dei progetti. Ad ogni punteggio corrisponde una percentuale di finanziamento da parte della Provincia. Il contributo è concesso fino al massimo del 60% della spesa ritenuta ammissibile, con percentuali decrescenti in funzione del punteggio ottenuto in sede di valutazione. Il contributo può essere concesso nell importo massimo di euro ,00 per singolo progetto. Sono ammissibili a finanziamento i progetti che raggiungono un punteggio minimo di 40 punti, calcolato ai sensi del punto 7. Non sono ammessi per lo stesso progetto altri finanziamenti provinciali specifici. La quota che residua rimane a carico dell Istituto e va coperta con risorse proprie, o con fondi provenienti da privati, ivi compresa la compartecipazione dell utenza, o da altri enti pubblici, diversi dalla Provincia. Pag. 4 di 7 All. 001 RIFERIMENTO: 2012-S

5 Si precisa che, in riferimento alla sola Tipologia D, il finanziamento provinciale sarà sempre pari al 60% del costo orario della spesa ammissibile fino a un massimo di 36,00 euro. La parte residua dovrà essere coperta con altre risorse del bilancio dell istituzione scolastica/formativa, ad esclusione, in questo caso, della compartecipazione da parte dell utenza. 7. ISTRUTTORIA DEI PROGETTI I progetti pervenuti rientranti nelle tipologie A,B e C sono valutati tenendo conto dei seguenti requisiti e attribuendo i punteggi come di seguito precisato: REQUISITI 1 Qualità del progetto in termini di: descrizione delle attività da realizzare, contenuto delle attività da realizzare, definizione degli obiettivi e adozione di metodi di autovalutazione intesi come metodi di lettura dei risultati conseguiti 2 Grado di innovazione del progetto e della metodologia didattica 3 Tipologia e numero dei soggetti esterni coinvolti nell attuazione del progetto, ivi inclusi eventuali altri enti territoriali 4 Continuità temporale del progetto che prevede attività che saranno attuate anche negli anni scolastici successivi, in autonomia da parte delle istituzioni scolastiche 5 Modalità di finanziamento della parte non coperta dal contributo provinciale, con preferenza nel caso di utilizzo di risorse proprie dell istituzione proponente Totale PUNTI fino a 45 punti fino a 20 punti fino a 20 punti fino a 10 punti fino a 5 punti 100 punti Il punteggio complessivo raggiunto da ogni singolo progetto è inserito in scaglioni ai quali corrispondono le seguenti percentuali di finanziamento calcolate sulla base della spesa ammissibile: PUNTEGGIO PERCENTUALE DI FINANZIAMENTO superiore o uguale a 60 punti 60% fra 59 e 40 punti 50% inferiore a 40 punti domanda non ammissibile La struttura provinciale competente predispone quindi la graduatoria dei progetti ammissibili, rientranti nelle categorie A, B e C, in base ai risultati della procedura di valutazione di cui sopra. Qualora due o più progetti ottengano lo stesso punteggio sarà utilizzato il criterio residuale dell ordine cronologico di presentazione delle domande. Pag. 5 di 7 All. 001 RIFERIMENTO: 2012-S

6 Sulla base delle risorse disponibili saranno finanziate le domande ritenute ammissibili, nel limite dell importo massimo stabilito nel provvedimento stesso. Gli importi dei contributi saranno calcolati applicando alla spesa ammessa le predette percentuali. Qualora le risorse disponibili non siano sufficienti al finanziamento di tutte le domande ammissibili, si procederà al finanziamento delle stesse in base alla graduatoria dei progetti e fino ad esaurimento delle risorse. Il Dirigente della struttura provinciale competente adotta quindi, relativamente alle Tipologie A, B e C, il provvedimento di approvazione della graduatoria e di concessione del finanziamento, entro il temine ultimo di 60 giorni dalla scadenza del termine per la presentazione delle domande. Qualora in corso d anno si generassero nuove disponibilità economiche, potranno essere finanziati i progetti ritenuti ammissibili, secondo la graduatoria formulata, ma non sovvenzionati per mancanza di fondi. Con riferimento alla sola Tipologia D, nei limiti delle risorse disponibili, sono finanziate tutte le domande pervenute e ritenute ammissibili a finanziamento. Nel caso in cui le risorse finanziarie messe a disposizione dalla Provincia per l attuazione dei progetti presentati, pari ad euro ,00 non fossero sufficienti a soddisfare tutte le domande di finanziamento pervenute, si procederà, per ciascuna istituzione scolastica, ad una rideterminazione del medesimo, in proporzione al numero di ore di laboratorio previste per ciascun progetto. Qualora tuttavia il numero di domande pervenute sia tale da comportare richieste di finanziamento per un numero di ore di laboratorio superiore al 20% del numero massimo di ore di laboratorio finanziabili (pari a 720 ore) - considerato l ammontare massimo delle risorse messe a disposizione dalla Provincia (pari ad euro ,00) - e l eventuale rideterminazione del contributo sia pertanto tale da rendere il finanziamento non adeguato alla realizzazione del laboratorio medesimo, la struttura provinciale competente provvederà a redigere una graduatoria, dando priorità ai progetti che presentano almeno uno dei seguenti requisiti elencati in ordine di importanza decrescente: intraprendere, con il progetto presentato, percorsi interdisciplinari che prevedono il coinvolgimento del maggior numero di classi possibile, garantendo di realizzare ciascun laboratorio musicale interdisciplinare con un minimo di 6 ore per classe; prevedere forme di coinvolgimento con le istituzioni di produzione musicale (quali ad esempio fondazioni orchestrali, teatri di tradizione e società concertistiche storiche), nell ambito delle programmazioni delle medesime, in merito alle tematiche da trattare nel corso dei laboratori musicali da tenersi in classe in orario curriculare. Il Dirigente della struttura provinciale competente adotta quindi, relativamente alla Tipologia D, il provvedimento di approvazione della graduatoria e di concessione del finanziamento, entro il temine ultimo di 30 giorni dalla scadenza del termine per la presentazione delle domande. Se le risorse destinate a tale Tipologia D non venissero completamente impegnate per la realizzazione di detta progettualità, potranno essere utilizzate per finanziare le Tipologie A, B e C. Pag. 6 di 7 All. 001 RIFERIMENTO: 2012-S

7 8. MODALITA DI EROGAZIONE DEL CONTRIBUTO 8.1) LIQUIDAZIONE DEL CONTRIBUTO La liquidazione del contributo avviene a saldo ed è effettuata a seguito della presentazione da parte delle istituzioni scolastiche e formative pubbliche e paritarie della documentazione di seguito indicata: - domanda di liquidazione (Modulo 4), dalla quale emerge che il progetto è stato realizzato in coerenza con quello presentato in fase di domanda e con i criteri e le modalità stabilite con il presente provvedimento, nonchè la spesa complessiva sostenuta e la data di conclusione dell attività, se sono stati o meno coinvolti altri enti territoriali, se si sono adottate azioni volte alla prosecuzione, in autonomia, del progetto nelle annualità successive e se per le spese del progetto oggetto di rendicontazione non si sono usufruiti altri finanziamenti provinciali. Per le sole istituzioni scolastiche e formative paritarie, va dichiarato inoltre l ammontare delle spese sostenute per l attività oggetto di agevolazione e delle entrate conseguite e che le entrate conseguite e le spese effettivamente sostenute sono imputabili all anno scolastico di riferimento, nonché all attività oggetto di agevolazione; - una relazione illustrativa (Modulo 5), diretta ad evidenziare: le attività realizzate, i risultati ottenuti, i metodi di autovalutazione adottati, quanto il progetto e la metodologia didattica sono stati innovativi, il numero e la tipologia di soggetti esterni coinvolti; - un prospetto riepilogativo finanziario (Modulo 6), volto ad evidenziare sia la spesa complessiva sostenuta, dettagliata per le varie voci di costo, sia le entrate conseguite per la copertura della quota di spesa non coperta dal presente finanziamento provinciale. La richiesta di saldo dovrà essere presentata entro 90 giorni dalla conclusione dell anno scolastico in cui si sono svolte le attività previste dal progetto. Il progetto dovrà essere attuato entro l anno scolastico di riferimento. Per giustificati motivi potrà essere richiesta una proroga del termine di conclusione dell attività, che dovrà essere autorizzata dal dirigente della struttura provinciale competente, con propria nota scritta e per un massimo di quattro mesi. Il finanziamento concesso per le finalità in questione, essendo destinato ad uno specifico scopo, ha un vincolo di destinazione e come tale dovrà essere rendicontato, con separata evidenza, nel conto consuntivo. Sono ammesse compensazioni fra le voci di spesa presentate a preventivo nel limite massimo del 20% dell importo complessivo. Qualora in sede di consuntivo la spesa sostenuta risulti inferiore a quella ammessa a preventivo, il finanziamento è rideterminato in base alla spesa effettivamente sostenuta e in base alla percentuale di finanziamento ottenuta, con eventuale obbligo di restituzione alla Provincia degli importi eccedenti liquidati. 8.2) REVOCA DEL FINANZIAMENTO In caso di mancata o parziale realizzazione del progetto il finanziamento verrà rispettivamente revocato o ridotto in proporzione. Pag. 7 di 7 All. 001 RIFERIMENTO: 2012-S

AZIONI A SOSTEGNO DELLE ASSOCIAZIONI PROFESSIONALI DEGLI OPERATORI DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE E FORMATIVE

AZIONI A SOSTEGNO DELLE ASSOCIAZIONI PROFESSIONALI DEGLI OPERATORI DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE E FORMATIVE Allegato parte integrante ALLEGATO A) AZIONI A SOSTEGNO DELLE ASSOCIAZIONI PROFESSIONALI DEGLI OPERATORI DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE E FORMATIVE (articolo 12 della legge provinciale 7 agosto 2006, n.

Dettagli

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO Reg. delib. n. 2030 Prot. n. 23/2016-D VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA PROVINCIALE OGGETTO: Finanziamento per il sostegno alla prosecuzione dei progetti "Classe bilingue"

Dettagli

art. 2 soggetti beneficiari art. 3 iniziative finanziabili art. 1 finalità

art. 2 soggetti beneficiari art. 3 iniziative finanziabili art. 1 finalità Regolamento concernente criteri e modalità per la concessione di contributi, da parte dell Agenzia per lo sviluppo del turismo, denominata Turismo Friuli Venezia Giulia, per l organizzazione di soggiorni

Dettagli

MODALITÀ DI RENDICONTAZIONE DEI CONTRIBUTI CONCESSI AI SENSI DELLA L.R N. 15. ART. 15

MODALITÀ DI RENDICONTAZIONE DEI CONTRIBUTI CONCESSI AI SENSI DELLA L.R N. 15. ART. 15 MODALITÀ DI RENDICONTAZIONE DEI CONTRIBUTI CONCESSI AI SENSI DELLA L.R. 20.09.2006 N. 15. ART. 15 I criteri di attuazione della L.R. 20 settembre 2006 n. 15, approvati con deliberazioni n. 68/21 del 3/12/2008

Dettagli

I progetti possono riguardare le classi III, IV e V superiori di qualsiasi tipologia di Istituto.

I progetti possono riguardare le classi III, IV e V superiori di qualsiasi tipologia di Istituto. Intervento a sostegno dell autoimprenditorialità e dell orientamento al lavoro nelle Scuole secondarie di secondo grado della provincia di Modena: approvazione bando anno 2016. 1. Premessa La Camera di

Dettagli

Allegato parte integrante

Allegato parte integrante Allegato parte integrante Allegato d) - Modifiche ed integrazioni ai criteri e modalità per gli aiuti alla nuova imprenditorialità femminile e giovanile Modifiche ed integrazioni ai criteri e modalità

Dettagli

art. 1 oggetto e finalità

art. 1 oggetto e finalità Regolamento per la concessione di finanziamenti in conto capitale di cui all articolo 10, commi da 44 a 50 della legge regionale 30 dicembre 2008, n. 17 (Legge finanziaria 2009), per la realizzazione di

Dettagli

CRITERI GENERALI DI INTERVENTO PER LA REALIZZAZIONE DELLE INIZIATIVE PREVISTE DALLA LEGGE REGIONALE 28 LUGLIO 1988, N

CRITERI GENERALI DI INTERVENTO PER LA REALIZZAZIONE DELLE INIZIATIVE PREVISTE DALLA LEGGE REGIONALE 28 LUGLIO 1988, N Allegato parte integrante ALLEGATO A) CRITERI GENERALI DI INTERVENTO PER LA REALIZZAZIONE DELLE INIZIATIVE PREVISTE DALLA LEGGE REGIONALE 28 LUGLIO 1988, N. 15 PROMOZIONE E SVILUPPO DELLA COOPERAZIONE,

Dettagli

L.R. 11/2006, art. 18, c. 3 B.U.R. 24/8/2011, n. 34

L.R. 11/2006, art. 18, c. 3 B.U.R. 24/8/2011, n. 34 L.R. 11/2006, art. 18, c. 3 B.U.R. 24/8/2011, n. 34 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 10 agosto 2011, n. 0198/Pres. Regolamento di cui all articolo 18, comma 3, della legge regionale 7 luglio 2006,

Dettagli

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO Reg. delib. n. 1877 Prot. n. VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA PROVINCIALE OGGETTO: Approvazione di due bandi per la concessione di finanziamenti di progetti per la realizzazione

Dettagli

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO SERVIZIO TURISMO E SPORT Prot. n. DETERMINAZIONE DEL DIRIGENTE N. 342 DI DATA 11 Dicembre 2015 O G G E T T O: Legge provinciale 7 agosto 2006, n. 5, art. 73 comma 4 bis. Concessione

Dettagli

Il Ministro dello Sviluppo Economico

Il Ministro dello Sviluppo Economico Il Ministro dello Sviluppo Economico VISTO il decreto del Ministro dello sviluppo economico 10 marzo 2015, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana del 23 aprile 2015, n. 94, recante

Dettagli

COMUNE DI ASCIANO - PROVINCIA DI SIENA

COMUNE DI ASCIANO - PROVINCIA DI SIENA COMUNE DI ASCIANO - PROVINCIA DI SIENA REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI SOVVENZIONI E DI CONTRIBUTI, SUSSIDI ED AUSILI FINANZIARI PER LA PROMOZIONE DI ATTIVITA CULTURALI, DIDATTICO EDUCATIVE, ISTITUZIONALI,

Dettagli

Allegato A) al decreto n.

Allegato A) al decreto n. Modalità di presentazione le istanze finalizzate alla sottoscrizione di accordi di collaborazione tra Comuni e Regione Lombardia (art. 6, l.r. n. 28/ 2004) PREMESSA La Regione Lombardia con la legge regionale

Dettagli

CONTRIBUTI DIRITTO ALLO STUDIO 2016 INDICAZIONI OPERATIVE

CONTRIBUTI DIRITTO ALLO STUDIO 2016 INDICAZIONI OPERATIVE Allegato n. 4 alla Determinazione del Direttore del Servizio Istruzione n. 398/12742 del 10.11.2016 CONTRIBUTI DIRITTO ALLO STUDIO 2016 INDICAZIONI OPERATIVE 1. OGGETTO 1. Borsa di studio nazionale (Legge

Dettagli

BANDO DI IDEE PER ATTIVITÀ DI PROMOZIONE

BANDO DI IDEE PER ATTIVITÀ DI PROMOZIONE BANDO DI IDEE PER ATTIVITÀ DI PROMOZIONE ANNO 2007 Art. 1 Obiettivi e oggetto del bando All interno delle azioni comuni dei cinque CSV della Campania, al fine di favorire il protagonismo delle esperienze

Dettagli

L.R. 1/2004, art. 5. cc. 1 e 2 B.U.R. 11/05/2011, n. 19. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 27 aprile 2011, n. 092/Pres.

L.R. 1/2004, art. 5. cc. 1 e 2 B.U.R. 11/05/2011, n. 19. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 27 aprile 2011, n. 092/Pres. L.R. 1/2004, art. 5. cc. 1 e 2 B.U.R. 11/05/2011, n. 19 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 27 aprile 2011, n. 092/Pres. Regolamento recante criteri e modalità per la concessione di contributi destinati

Dettagli

L.R. 1/2005, art. 4, c. 96 B.U.R. 3/8/2005, n. 31. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 13 luglio 2005, n. 0230/Pres.

L.R. 1/2005, art. 4, c. 96 B.U.R. 3/8/2005, n. 31. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 13 luglio 2005, n. 0230/Pres. L.R. 1/2005, art. 4, c. 96 B.U.R. 3/8/2005, n. 31 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 13 luglio 2005, n. 0230/Pres. Regolamento recante criteri e modalità per la concessione e l erogazione dei contributi

Dettagli

COMUNE DI PERUGIA AREA SERVIZI ALLA PERSONA U.O. ATTIVITA CULTURALI BIBLIOTECHE E TURISMO

COMUNE DI PERUGIA AREA SERVIZI ALLA PERSONA U.O. ATTIVITA CULTURALI BIBLIOTECHE E TURISMO COMUNE DI PERUGIA AREA SERVIZI ALLA PERSONA U.O. ATTIVITA CULTURALI BIBLIOTECHE E TURISMO BANDO FINALIZZATO ALLA PRESENTAZIONE DI PROGETTI NELL AMBITO DEL PROGETTO #GiovaniperPerugia- Bando per idee dei

Dettagli

L.R. 22/2007, art. 3, c. 47 B.U.R. 7/11/2007, n. 45. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 30 ottobre 2007, n. 0350/Pres.

L.R. 22/2007, art. 3, c. 47 B.U.R. 7/11/2007, n. 45. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 30 ottobre 2007, n. 0350/Pres. L.R. 22/2007, art. 3, c. 47 B.U.R. 7/11/2007, n. 45 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 30 ottobre 2007, n. 0350/Pres. Regolamento concernente i criteri di ripartizione e le modalità di concessione, rendicontazione

Dettagli

Provincia di Latina. Settore Politiche Sociali e Cultura Servizio Cultura. Bando

Provincia di Latina. Settore Politiche Sociali e Cultura Servizio Cultura. Bando Provincia di Latina Settore Politiche Sociali e Cultura Servizio Cultura Bando per assegnazione fondi Manifestazione della piccola e media editoria da organizzarsi durante la Settimana della Cultura della

Dettagli

Ufficio VI - Politiche formative. Organizzazione e gestione dei dirigenti scolastici.

Ufficio VI - Politiche formative. Organizzazione e gestione dei dirigenti scolastici. STANDARD PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DEI PERCORSI DI ALTERNANZA SCUOLA-LAVORO PER L A.S. 2010/2011 1. SOGGETTI PROPONENTI Possono presentare progetti le Istituzioni Scolastiche di istruzione

Dettagli

COMUNE DI PERUGIA AREA SERVIZI ALLA PERSONA U.O. ATTIVITA CULTURALI BIBLIOTECHE E TURISMO

COMUNE DI PERUGIA AREA SERVIZI ALLA PERSONA U.O. ATTIVITA CULTURALI BIBLIOTECHE E TURISMO Prot. n. 2015/0017795 COMUNE DI PERUGIA AREA SERVIZI ALLA PERSONA U.O. ATTIVITA CULTURALI BIBLIOTECHE E TURISMO AVVISO PUBBLICO FINALIZZATO ALLA PRESENTAZIONE DI PROGETTI NELL AMBITO DEL PROGETTO REGIONALE

Dettagli

ALLEGATO A Dgr n. del pag. 1/5

ALLEGATO A Dgr n. del pag. 1/5 giunta regionale 8^ legislatura ALLEGATO A Dgr n. del pag. 1/5 Gruppi di Acquisto Solidale Legge regionale 27 febbraio 2008, n.1. Articolo 21, comma 3. Deliberazione della Giunta regionale n.455 del 24

Dettagli

Presentazione del Bando 2013

Presentazione del Bando 2013 Presentazione del Bando 2013 Con l intento di aiutare il Terzo Settore a sviluppare programmi innovativi e cooperativi di elevato valore sociale, la Fondazione SociAL emana il seguente bando per la presentazione

Dettagli

BANDO PER INTERVENTI A FAVORE DEL SETTORE COMMERCIALE DI CUI ALL ART. 4, COMMA 3 TER DELLA LEGGE REGIONALE N. 13 DEL

BANDO PER INTERVENTI A FAVORE DEL SETTORE COMMERCIALE DI CUI ALL ART. 4, COMMA 3 TER DELLA LEGGE REGIONALE N. 13 DEL BANDO PER INTERVENTI A FAVORE DEL SETTORE COMMERCIALE DI CUI ALL ART. 4, COMMA 3 TER DELLA LEGGE REGIONALE N. 13 DEL 21.3.2000. **************************************** PREMESSA La Comunità Montana Valle

Dettagli

Qualificazione delle Scuole dell Infanzia del Sistema nazionale di istruzione e degli Enti locali risorse ,77

Qualificazione delle Scuole dell Infanzia del Sistema nazionale di istruzione e degli Enti locali risorse ,77 ALLEGATO Programma provinciale anno 2015 per interventi di qualificazione e di miglioramento delle scuole dell'infanzia ed a sostegno delle figure di coordinamento pedagogico (L.R. n.26-8 agosto 2001 e

Dettagli

CONTRIBUTI DIRITTO ALLO STUDIO 2015 INDICAZIONI OPERATIVE

CONTRIBUTI DIRITTO ALLO STUDIO 2015 INDICAZIONI OPERATIVE Allegato n. 4 alla Determinazione del Direttore del Servizio Istruzione n. 12613/512 dell 11.11.2015 così come modificato dalla Determinazione del Direttore del Servizio Istruzione n. 12794/519 del 17.11.2015

Dettagli

Regione Lazio. Leggi Regionali 14/07/ BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LAZIO - N. 56

Regione Lazio. Leggi Regionali 14/07/ BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LAZIO - N. 56 Regione Lazio Leggi Regionali Legge Regionale 13 luglio 2016, n. 9 Riconoscimento del ruolo sociale delle società di mutuo soccorso della Regione ed interventi a tutela del loro patrimonio storico e culturale

Dettagli

Mappatura e Monitoraggio di normative e fondi regionali di sostegno al cinema. Ufficio Studi ANICA. Provincia Autonoma di Trento.

Mappatura e Monitoraggio di normative e fondi regionali di sostegno al cinema. Ufficio Studi ANICA. Provincia Autonoma di Trento. Mappatura e Monitoraggio di normative e fondi regionali di sostegno al cinema Ufficio Studi ANICA Provincia Autonoma di Trento Film Fund Per ogni approfondimento, fare riferimento al testo integrale del

Dettagli

art. 3 art. 4 art. 5 art. 6

art. 3 art. 4 art. 5 art. 6 Regolamento recante criteri e modalità per la concessione e l'erogazione di contributi per l attività promozionale, ai sensi dell'articolo 62, comma 1, lettere a) e b) della legge regionale 9 dicembre

Dettagli

ASSESSORATO DELL IGIENE E SANITA E DELL ASSISTENZA SOCIALE AVVISO PUBBLICO

ASSESSORATO DELL IGIENE E SANITA E DELL ASSISTENZA SOCIALE AVVISO PUBBLICO Direzione Generale delle Politiche Sociali Servizio Programmazione e Integrazione sociale AVVISO PUBBLICO Invito a manifestare interesse di cui alla Delibera della Giunta Regionale n. 43/40 del 27 ottobre

Dettagli

REGIONE PIEMONTE BU20 15/05/2014

REGIONE PIEMONTE BU20 15/05/2014 REGIONE PIEMONTE BU20 15/05/2014 Codice DB1514 D.D. 2 aprile 2014, n. 179 DD.GG.RR. n. 6-4529 del 10/09/2012, n. 6-5303 del 05/02/2013 - Bando 2013 Scuola Digitale - Azione cl@ssi 2.0. Assegnazione contributo

Dettagli

VISTA la legge 23 agosto 1988, n. 400, concernente Disciplina dell attività di Governo e ordinamento della Presidenza del Consiglio dei Ministri ;

VISTA la legge 23 agosto 1988, n. 400, concernente Disciplina dell attività di Governo e ordinamento della Presidenza del Consiglio dei Ministri ; VISTA la legge 23 agosto 1988, n. 400, concernente Disciplina dell attività di Governo e ordinamento della Presidenza del Consiglio dei Ministri ; VISTO il R.D. 23 maggio 1924, n. 827, concernente il regolamento

Dettagli

Finalità e ambito di applicazione

Finalità e ambito di applicazione Bando Sportello dell Innovazione Progetti di trasferimento tecnologico cooperativi e di prima industrializzazione per le imprese innovative ad alto potenziale PO FESR 2007-2013 REGIONE CAMPANIA ASSE 2

Dettagli

Bando per il finanziamento di attività di Internazionalizzazione della Didattica Anno Accademico 2016/2017

Bando per il finanziamento di attività di Internazionalizzazione della Didattica Anno Accademico 2016/2017 Bando per il finanziamento di attività di Internazionalizzazione della Didattica Anno Accademico 2016/2017 L Università degli Studi di Padova, nell ambito della propria politica istituzionale finalizzata

Dettagli

C.C.I.A.A. GORIZIA REGOLAMENTO CHE DISCIPLINA IL SOSTEGNO FINANZIARIO ALLE INIZIATIVE DI PROMOZIONE DEL TURISMO E DEL COMMERCIO REALIZZATE

C.C.I.A.A. GORIZIA REGOLAMENTO CHE DISCIPLINA IL SOSTEGNO FINANZIARIO ALLE INIZIATIVE DI PROMOZIONE DEL TURISMO E DEL COMMERCIO REALIZZATE C.C.I.A.A. GORIZIA REGOLAMENTO CHE DISCIPLINA IL SOSTEGNO FINANZIARIO ALLE INIZIATIVE DI PROMOZIONE DEL TURISMO E DEL COMMERCIO REALIZZATE DAI COMUNI DI GORIZIA, CORMONS, GRADISCA D ISONZO, GRADO E MONFALCONE

Dettagli

ALLEGATO A Dgr n. del pag. 1/8

ALLEGATO A Dgr n. del pag. 1/8 giunta regionale 9^ legislatura ALLEGATO A Dgr n. del pag. 1/8 PROGETTI TERRITORIALI VENETO ADOZIONI (P.T.V.A) 1. Presentazione delle progettualità Soggetto incaricato della presentazione Ciascuna Azienda

Dettagli

COMUNITA MONTANA DELLE VALLI DEL TARO E DEL CENO BORGO VAL DI TARO

COMUNITA MONTANA DELLE VALLI DEL TARO E DEL CENO BORGO VAL DI TARO COMUNITA MONTANA DELLE VALLI DEL TARO E DEL CENO BORGO VAL DI TARO AVVISO PUBBLICO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI A FAVORE DI PRIVATI ESPLICANTI L ATTIVITA DI BED & BREAKFAST SUL TERRITORIO DELLA COMUNITA

Dettagli

REGOLAMENTO. Approvato con delib. CC n. 51/

REGOLAMENTO. Approvato con delib. CC n. 51/ REGOLAMENTO Criteri di utilizzazione delle somme relative a oneri di urbanizzazione secondaria da destinare a: -«Chiese ed altri edifici per servizi religiosi»; -«Centri civici e sociali, attrezzature

Dettagli

Art. 1 Obiettivi. Art. 3 Soggetti promotori delle iniziative

Art. 1 Obiettivi. Art. 3 Soggetti promotori delle iniziative Allegato 1 BANDO PER LA SELEZIONE DI INIZIATIVE IN MATERIA DI PROMOZIONE DELLA Art. 1 Obiettivi 1) La Regione Lazio, Assessorato alle Infrastrutture Ambiente e Politiche abitative - Direzione Regionale

Dettagli

Allegato A alla deliberazione del Consiglio Comunale n. 41 del

Allegato A alla deliberazione del Consiglio Comunale n. 41 del Allegato A alla deliberazione del Consiglio Comunale n. 41 del 27.11.2015 REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI ECONOMICI ad Enti, Associazioni, e altri Soggetti operanti sul territorio

Dettagli

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO AGENZIA PROV.LE INCENTIVAZIONE ATTIVITÀ ECONOMICHE Prot. n. PROVVEDIMENTO DEL DIRIGENTE DELL AGENZIA N. 392 DI DATA 05 Luglio 2013 O G G E T T O: Bando n. 2/2012 "Contributi

Dettagli

Il contributo è finanziato annualmente e le domande devono essere trasmesse entro la data del 31/01 di ogni anno.

Il contributo è finanziato annualmente e le domande devono essere trasmesse entro la data del 31/01 di ogni anno. Veneto: PROCEDURE AMMINISTRATIVE RELATIVE ALLA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI, ALL ESECUZIONE DEGLI INTERVENTI, ALL UTILIZZO E ALL EROGAZIONE DEI FINANZIAMENTI, NONCHE ALL INDIVIDUAZIONE DELLE INIZIATIVE DIRETTE

Dettagli

IL DIRIGENTE DEL SETTORE AGRICOLTURA, ATTIVITA PRODUTTIVE, CACCIA E PESCA

IL DIRIGENTE DEL SETTORE AGRICOLTURA, ATTIVITA PRODUTTIVE, CACCIA E PESCA IL DIRIGENTE DEL SETTORE AGRICOLTURA, ATTIVITA PRODUTTIVE, CACCIA E PESCA Bando provinciale per la concessione di contributi a favore di soggetti organizzatori di manifestazioni fieristiche locali - anno

Dettagli

2014/2015 INTERVENTI SUGLI IMPIANTI SPORTIVI DELLE PROVINCE DI PADOVA E ROVIGO

2014/2015 INTERVENTI SUGLI IMPIANTI SPORTIVI DELLE PROVINCE DI PADOVA E ROVIGO 2014/2015 INTERVENTI SUGLI IMPIANTI SPORTIVI DELLE PROVINCE DI PADOVA E ROVIGO REGOLAMENTO DI PARTECIPAZIONE Termine ultimo di presentazione della domanda: 31/08/2015 1 OGGETTO Obiettivo del progetto è

Dettagli

ENTE REGIONALE PER IL DIRITTO ALLO STUDIO UNIVERSITARIO DI CAGLIARI

ENTE REGIONALE PER IL DIRITTO ALLO STUDIO UNIVERSITARIO DI CAGLIARI AVVISO DI SELEZIONE PER L ATTRIBUZIONE DI CONTRIBUTI PER VIAGGI DI GRUPPO A.A. 2016/17 Delibera del Consiglio di Amministrazione n.30 del 10 novembre 2016 Determinazione del Direttore del Servizio Diritto

Dettagli

residenti nel Lazio, ai sensi dell art. 1 comma 9 della Legge 10 marzo 2000, n.62.

residenti nel Lazio, ai sensi dell art. 1 comma 9 della Legge 10 marzo 2000, n.62. ALLEGATO A Linee guida ai Comuni per l erogazione dei contributi per le borse di studio a sostegno della spesa delle famiglie per l istruzione, per l anno scolastico 2010-2011, a favore degli alunni residenti

Dettagli

COMUNE DI G A N G I Provincia di Palermo

COMUNE DI G A N G I Provincia di Palermo COMUNE DI G A N G I Provincia di Palermo REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER ATTIVITÀ TURISTICHE E DI PROMOZIONE Approvato con Delibera di C.C. n.60 del 24.10.2006 resa esecutiva in data 13/11/2006

Dettagli

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO Reg. delib. n. 2175 Prot. n. VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA PROVINCIALE OGGETTO: Anno accademico 2016-2017. Applicazione dell'articolo 23 della legge provinciale 24

Dettagli

COMUNE DI BRENTONICO. (Provincia di Trento)

COMUNE DI BRENTONICO. (Provincia di Trento) COMUNE DI BRENTONICO (Provincia di Trento) REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE AGEVOLAZIONI FINANZIARE PER GLI INTERVENTI DI MANUTENZIONE STRAORDINARIA DELLE FACCIATE DEI FABBRICATI NEL CENTRO STORICO

Dettagli

CRITERI E MODALITA' PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI DI SOLIDARIETA' INTERNAZIONALE PER UNA EDUCAZIONE ALLO SVILUPPO

CRITERI E MODALITA' PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI DI SOLIDARIETA' INTERNAZIONALE PER UNA EDUCAZIONE ALLO SVILUPPO Comune di Rovereto Provincia di Trento CRITERI E MODALITA' PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI DI SOLIDARIETA' INTERNAZIONALE PER UNA EDUCAZIONE ALLO SVILUPPO Approvato con deliberazione della Giunta comunale

Dettagli

COMUNE DI BOTTANUCO CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DELLE BORSE DI STUDIO

COMUNE DI BOTTANUCO CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DELLE BORSE DI STUDIO COMUNE DI BOTTANUCO PROVINCIA DI BERGAMO Assessorato per i Servizi alla Comunità - Pubblica Istruzione e Cultura CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DELLE BORSE DI STUDIO Anno Scolastico 2015/2016 Approvato con

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA Provincia di Pordenone. SETTORE POLITICHE DEL LAVORO Sostegno all' Occupazione - SIL I L D I R I G E N T E

REPUBBLICA ITALIANA Provincia di Pordenone. SETTORE POLITICHE DEL LAVORO Sostegno all' Occupazione - SIL I L D I R I G E N T E REPUBBLICA ITALIANA Provincia di Pordenone SETTORE POLITICHE DEL LAVORO Sostegno all' Occupazione - SIL Proposta nr. 71 del 19/03/2013 - Determinazione nr. 722 del 19/03/2013 OGGETTO: Fondo provinciale

Dettagli

Il Ministro dello Sviluppo Economico

Il Ministro dello Sviluppo Economico Il Ministro dello Sviluppo Economico Decreto sulle modalità di selezione dei programmi delle Regioni italiane per la concessione di contributi di cui al comma 936, articolo 1, della legge 27 dicembre 2006,

Dettagli

educazione alla legalità DM 435 Art. 16 C. 12

educazione alla legalità DM 435 Art. 16 C. 12 IL DIRETTORE GENERALE CONSIDERATO il Decreto del Presidente della Repubblica 8 marzo 1999, n. 275, recante Norme in materia di autonomia delle istituzioni scolastiche ; l art. 1, comma 1, della legge 18

Dettagli

Allegato A - Modulistica per la relazione finale dei Comuni singoli o associati. Schema di lettera di trasmissione della relazione

Allegato A - Modulistica per la relazione finale dei Comuni singoli o associati. Schema di lettera di trasmissione della relazione Allegato A - Modulistica per la relazione finale dei Comuni singoli o associati modello 1 modello 2 modello 3 modello 4 Schema di lettera di trasmissione della relazione Schema di relazione finale Attestazione

Dettagli

ATTO. REGIONE LIGURIA - Giunta Regionale Dipartimento Agricoltura, Protezione Civile e Turismo Politiche Turistiche - Settore LA GIUNTA REGIONALE

ATTO. REGIONE LIGURIA - Giunta Regionale Dipartimento Agricoltura, Protezione Civile e Turismo Politiche Turistiche - Settore LA GIUNTA REGIONALE OGGETTO : APPROVAZIONE PROGETTI PRESENTATI DALL' STL RIVIERA DEI FIORI E IMPEGNO DI EURO 1.374.200,00 AI FINI DEL COFINANZIAMENTO REGIONALE AI SENSI DELL'ART. 15, COMMA 1 DELLA L.R. 28/2006 E SS.MM. N.

Dettagli

BANDO PER IL FINANZIAMENTO INTEGRAZIONE SCOLASTICA DEGLI ALLIEVI STRANIERI (anno scolastico 2008/2009)

BANDO PER IL FINANZIAMENTO INTEGRAZIONE SCOLASTICA DEGLI ALLIEVI STRANIERI (anno scolastico 2008/2009) BANDO PER IL FINANZIAMENTO INTEGRAZIONE SCOLASTICA DEGLI ALLIEVI STRANIERI (anno scolastico 2008/2009) Art. 1 Finalità e oggetto dell intervento 1. Nell ambito del Programma specifico delle azioni di sostegno

Dettagli

1. Oggetto e finalità

1. Oggetto e finalità CRITERI E MODALITÀ PER LA CONCESSIONE DI UNA BORSA DI STUDIO AGLI STUDENTI DELLA SCUOLA SECONDARIA DI SECONDO GRADO PER LA FREQUENZA DI PERCORSI SCOLASTICI ALL ESTERO IN PAESI EXTRAEUROPEI SVOLTI IN CORRISPONDENZA

Dettagli

ALLEGATOA alla Dgr n. 66 del 27 gennaio 2017 pag. 1/8

ALLEGATOA alla Dgr n. 66 del 27 gennaio 2017 pag. 1/8 giunta regionale 10^ legislatura ALLEGATOA alla Dgr n. 66 del 27 gennaio 2017 pag. 1/8 PROGETTI TERRITORIALI VENETO ADOZIONI (P.T.V.A)- annualità 2016/2017 1. Presentazione delle progettualità Soggetto

Dettagli

B. Requisiti e modalità per la presentazione di richieste di finanziamento a Corri la Vita Onlus

B. Requisiti e modalità per la presentazione di richieste di finanziamento a Corri la Vita Onlus Contributi per la Lotta ai Tumori del seno Regolamento 2016 A. Introduzione: Corri la Vita-Onlus è una Associazione senza scopo di lucro che ha come principale finalità statutaria di sostenere iniziative

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA D E C R E T A. Articolo 1

REPUBBLICA ITALIANA D E C R E T A. Articolo 1 D.D.G. n. 2563 REPUBBLICA ITALIANA REGIONE SICILIANA Assessorato regionale dell'istruzione e della formazione professionale Dipartimento dell'istruzione e della formazione professionale IL DIRIGENTE GENERALE

Dettagli

e) all utilizzo di adeguati strumenti di comunicazione plurilingue, anche realizzati per via telematica.

e) all utilizzo di adeguati strumenti di comunicazione plurilingue, anche realizzati per via telematica. BANDO PER IL FINANZIAMENTO DELLE ATTIVITA RELATIVE AI CENTRI DI AGGREGAZIONE E PER LA COMUNICAZIONE INTERCULTURALE A FAVORE DELLA POPOLAZIONE STRANIERA IMMIGRATA. ANNO 2007 Art. 1 Finalità e oggetto dell

Dettagli

COOPERAZIONE LEGGE REGIONALE 28 LUGLIO 1988, N. 15. Promozione e sviluppo della cooperazione, dell'educazione e dello spirito cooperativi 1

COOPERAZIONE LEGGE REGIONALE 28 LUGLIO 1988, N. 15. Promozione e sviluppo della cooperazione, dell'educazione e dello spirito cooperativi 1 COOPERAZIONE LEGGE REGIONALE 28 LUGLIO 1988, N. 15 Promozione e sviluppo della cooperazione, dell'educazione e dello spirito cooperativi 1 Art. 1 (Finalità della legge) 1. La Regione, in osservanza dell'articolo

Dettagli

Bandi regionali Associazionismo e Volontariato. Vademecum

Bandi regionali Associazionismo e Volontariato. Vademecum in collaborazione con Bandi regionali Associazionismo e Volontariato Vademecum a cura di Excursus. Spazio di formazione partecipata Indice 1. TITOLO 2. SCADENZA PRESENTAZIONE E TEMPISTICA ITER 3. SOGGETTI

Dettagli

PROVINCIA DI CASERTA SETTORE POLITICHE DEL LAVORO COLLOCAMENTO PROVINCIALE DISABILI

PROVINCIA DI CASERTA SETTORE POLITICHE DEL LAVORO COLLOCAMENTO PROVINCIALE DISABILI PROVINCIA DI CASERTA SETTORE POLITICHE DEL LAVORO COLLOCAMENTO PROVINCIALE DISABILI Data di Pubblicazione: 15/03/2011 Data Scadenza : 13/04/2011 AVVISO PUBBLICO ATTUAZIONE DI TIROCINI FORMATIVI E DI ORIENTAMENTO

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI E ALTRI BENEFICI ECONOMICI AD ENTI PUBBLICI E PRIVATI, ASSOCIAZIONI ED ALTRI ORGANISMI

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI E ALTRI BENEFICI ECONOMICI AD ENTI PUBBLICI E PRIVATI, ASSOCIAZIONI ED ALTRI ORGANISMI BENEFICI ECONOMICI AD ENTI PUBBLICI E PRIVATI, ASSOCIAZIONI ED ALTRI ORGANISMI Approvato con deliberazione del CdA n.5 del 24/02/2016 BENEFICI ECONOMICI AD ENTI PUBBLICI, ASSOCIAZIONI ED ALTRI ORGANISMI

Dettagli

Bando di concorso per contributi mobilità internazionale

Bando di concorso per contributi mobilità internazionale Bandicomuni Bando di concorso per contributi mobilità internazionale approvato con determinazione del Direttore n. 98 del 09/06/2016 SOMMARIO Mobilità internazionale Oggetto art. 1 Importo dei contributi

Dettagli

COMUNE DI INCISA IN VAL D ARNO (Provincia di Firenze) REGOLAMENTO

COMUNE DI INCISA IN VAL D ARNO (Provincia di Firenze) REGOLAMENTO COMUNE DI INCISA IN VAL D ARNO (Provincia di Firenze) REGOLAMENTO per l utilizzazione e l assegnazione delle somme relative a oneri di urbanizzazione secondaria da destinare a Chiese ed altri edifici per

Dettagli

Allegato 1 - alla Determinazione n. 4 del Rettifica all Avviso Tutti a 1. Elenco rettifiche all Avviso

Allegato 1 - alla Determinazione n. 4 del Rettifica all Avviso Tutti a 1. Elenco rettifiche all Avviso Allegato 1 - alla Determinazione n. 4 del 21.01.2016 Rettifica all Avviso Tutti a Iscol@. 1. Elenco rettifiche all Avviso Paragrafo Originale Rettificato 2. Vademecum delle spese ammissibili al PO FSE

Dettagli

Tra i modelli o linee d intervento nella progettazione e realizzazione di un ambiente digitale di nuova generazione, sono privilegiati i seguenti:

Tra i modelli o linee d intervento nella progettazione e realizzazione di un ambiente digitale di nuova generazione, sono privilegiati i seguenti: Allegato B Bando per la concessione di finanziamenti per l attuazione di progetti educativi per la formazione e il miglioramento degli apprendimenti attraverso lo sviluppo di ambienti digitali per il rafforzamento

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DEI CONTRIBUTI ALLE ORGANIZZAZIONI DI VOLONTARIATO

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DEI CONTRIBUTI ALLE ORGANIZZAZIONI DI VOLONTARIATO Pagina 1 di 6 REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DEI MATRICE DELLE REVISIONI REVISIONE DATA DESCRIZIONE / TIPO MODIFICA REDATTA DA VERIFICATA DA APPROVATA DA 00 15/06/2016 Prima emissione F. TOGNI B. MAIOLI

Dettagli

REGOLAMENTO DI APPLICAZIONE DELL INDICATORE DELLA SITUAZIONE ECONOMICA EQUIVALENTE (I.S.E.E.)

REGOLAMENTO DI APPLICAZIONE DELL INDICATORE DELLA SITUAZIONE ECONOMICA EQUIVALENTE (I.S.E.E.) COMUNE DI ORIO CANAVESE Sede: Piazza G. Tapparo, 1 10010 Orio Canavese (TO) REGOLAMENTO DI APPLICAZIONE DELL INDICATORE DELLA SITUAZIONE ECONOMICA EQUIVALENTE (I.S.E.E.) Approvato con deliberazione C.C.

Dettagli

Il Ministro dell istruzione, dell università e della ricerca

Il Ministro dell istruzione, dell università e della ricerca MIUR.AOOUFGAB.REGISTRO DECRETI.0000157.11-03-2016 Il Ministro dell istruzione, dell università e della ricerca VISTA la legge 13 luglio 2015, n. 107, recante riforma del sistema nazionale di istruzione

Dettagli

COMUNE DI MEANA SARDO PROVINCIA DI NUORO

COMUNE DI MEANA SARDO PROVINCIA DI NUORO COMUNE DI MEANA SARDO PROVINCIA DI NUORO Regolamento Comunale concessione contributi a Enti e Associazioni Approvato con Deliberazione del Consiglio Comunale n. 11 del 14/03/2009 1 Art. 1 Oggetto La concessione

Dettagli

Provincia di Carbonia - Iglesias REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE

Provincia di Carbonia - Iglesias REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE Comune di Giba Provincia di Carbonia - Iglesias (C.A.P. 09010) - 0781.964023-964057 - 0781.964470 e-mail protocollo.giba@legalmail.it REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE

Dettagli

DECRETO DEL DIRIGENTE DELLA POSIZIONE DI FUNZIONE ISTRUZIONE E DIRITTO ALLO STUDIO ##numero_data##

DECRETO DEL DIRIGENTE DELLA POSIZIONE DI FUNZIONE ISTRUZIONE E DIRITTO ALLO STUDIO ##numero_data## DECRETO DEL DIRIGENTE DELLA POSIZIONE DI FUNZIONE ISTRUZIONE E DIRITTO ALLO STUDIO ##numero_data## Oggetto: POR MARCHE FSE 2014/2020. ASSE 3 P.I. 10.4 OS RA 10.6 DGR 1326 del 02/05/2016 AVVISO PUBBLICO

Dettagli

Approvato con Atto C.P. N. 13/

Approvato con Atto C.P. N. 13/ Approvato con Atto C.P. N. 13/09.04.2009 Regolamento di esecuzione della legge regionale 8 agosto 2000, n. 15 per l'introduzione dei prodotti biologici, tipici e tradizionali nelle mense pubbliche e per

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI ALLE ASSOCIAZIONI TURISTICHE PRO LOCO ISCRITTE NELL APPOSITO ALBO REGIONALE AI SENSI DELLA L.R.

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI ALLE ASSOCIAZIONI TURISTICHE PRO LOCO ISCRITTE NELL APPOSITO ALBO REGIONALE AI SENSI DELLA L.R. PROVINCIA OLBIA - TEMPIO REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI ALLE ASSOCIAZIONI TURISTICHE PRO LOCO ISCRITTE NELL APPOSITO ALBO REGIONALE AI SENSI DELLA L.R. 9/2006 (approvato con deliberazione

Dettagli

Ritenuto necessario fissare i criteri e le modalità di erogazione dei contributi, che si ritiene debbano essere incentrati a:

Ritenuto necessario fissare i criteri e le modalità di erogazione dei contributi, che si ritiene debbano essere incentrati a: REGIONE PIEMONTE BU40S1 06/10/2016 Deliberazione della Giunta Regionale 3 ottobre 2016, n. 4-3997 Intesa Stato-Regioni Rep. n. 936/2006 e Art. 9 della L.R. 28/9/2012, n. 11 e s.m.i. Criteri e modalita'

Dettagli

Avviso pubblico per l assegnazione di contributi a favore delle biblioteche scolastiche per l acquisto di prodotti dell editoria regionale

Avviso pubblico per l assegnazione di contributi a favore delle biblioteche scolastiche per l acquisto di prodotti dell editoria regionale Avviso pubblico per l assegnazione di contributi a favore delle biblioteche scolastiche per l acquisto di prodotti dell editoria regionale Deliberazione n.62/16 del 22.11.2016 Legge regionale 29 maggio

Dettagli

L.R , n. 4 INIZIATIVE A FAVORE DELL EDILIZIA SOSTENIBILE

L.R , n. 4 INIZIATIVE A FAVORE DELL EDILIZIA SOSTENIBILE giunta regionale 8^ legislatura ALLEGATOA alla Dgr n. 2398 del 31 luglio 2007 pag. 1/6 L.R. 9.3.2007, n. 4 INIZIATIVE A FAVORE DELL EDILIZIA SOSTENIBILE Modalità per la concessione e la liquidazione delle

Dettagli

COMUNE DI MIRA Provincia di Venezia

COMUNE DI MIRA Provincia di Venezia Mira, lì, 06/10/2016 Prot. n. 45070 BANDO PUBBLICO PER L ASSEGNAZIONE DI CONTRIBUTO A FONDO PERDUTO PER LA PROMOZIONE DI INTERVENTI DI RIMOZIONE E SMALTIMENTO DELL AMIANTO DA MANUFATTI, FABBRICATI ED EDIFICI

Dettagli

( L.R. 8 agosto 2001, n. 26 e L.R. 30 giugno 2003, n. 12) Allegato A al Decreto del Presidente della Provincia di Rimini n. 73 del 16/09/2016. Pag.

( L.R. 8 agosto 2001, n. 26 e L.R. 30 giugno 2003, n. 12) Allegato A al Decreto del Presidente della Provincia di Rimini n. 73 del 16/09/2016. Pag. PROGRAMMA PROVINCIALE PER GLI INTERVENTI DI QUALIFICAZIONE DELLE SCUOLE DELL'INFANZIA DEL SISTEMA NAZIONALE DI ISTRUZIONE E DEGLI ENTI LOCALI NONCHÉ PER LE AZIONI DI MIGLIORAMENTO DELLA PROPOSTA EDUCATIVA

Dettagli

DECRETO DEL DIRIGENTE DEL SERVIZIO AMBIENTE E AGRICOLTURA ##numero_data##

DECRETO DEL DIRIGENTE DEL SERVIZIO AMBIENTE E AGRICOLTURA ##numero_data## DECRETO DEL DIRIGENTE DEL SERVIZIO AMBIENTE E AGRICOLTURA ##numero_data## Oggetto: Reg. (UE) n. 1305/2013 - Programma di Sviluppo Rurale della Regione Marche 2014 2020 - Bando - Sottomisura 6.1 - Aiuti

Dettagli

DETERMINAZIONE. Determ. n del 20/10/2015

DETERMINAZIONE. Determ. n del 20/10/2015 PROVINCIA DI FERRARA SETTORE POLITICHE DEL LAVORO, FORMAZIONE PROFESSIONALE, ATTIVITA' PRODUTTIVE, INFANZIA E PUBBLICA ISTRUZIONE, POLITICHE SOCIALI E SANITA', POLITICHE CULTURALI DETERMINAZIONE Determ.

Dettagli

Prot.2488 Forni di Sopra, 14 luglio 2016 AVVISO PUBBLICO RIMBORSO SPESA PER ACQUISTO LIBRI DI TESTO SCOLASTICI

Prot.2488 Forni di Sopra, 14 luglio 2016 AVVISO PUBBLICO RIMBORSO SPESA PER ACQUISTO LIBRI DI TESTO SCOLASTICI COMUNE DI FORNI DI SOPRA Provincia di Udine - Italia - Via Nazionale n 162 - CAP 33024 - Codice fiscale 84002010308 - P. IVA 01461900308 Tel. 0433 88056-88427 - Fax 0433 88580 - sito web: www.comune.fornidisopra.ud.it

Dettagli

o con Determinazione n. 399 del è stata impegnata, ai fini dell attuazione del suddetto bando, la somma di

o con Determinazione n. 399 del è stata impegnata, ai fini dell attuazione del suddetto bando, la somma di REGIONE PIEMONTE BU26 30/06/2016 Codice A1905A D.D. 23 maggio 2016, n. 284 P.O.R. FESR 2007/2013 Asse II - Attivita' II.1.3 "Riqualificazione energetica di edifici di proprieta' pubblica in disponibilita'

Dettagli

REGIONE CALABRIA GIUNTA REGIONALE DIPARTIMENTO n.10 Turismo e Beni Culturali, Istruzione e Cultura

REGIONE CALABRIA GIUNTA REGIONALE DIPARTIMENTO n.10 Turismo e Beni Culturali, Istruzione e Cultura Burc n. 51 del 2 Maggio 2016 REGIONE CALABRIA GIUNTA REGIONALE DIPARTIMENTO n.10 Turismo e Beni Culturali, Istruzione e Cultura DECRETO del DIRIGENTE GENERALE REGGENTE (ASSUNTOIL 29/03/2016 PROT. N. 257)

Dettagli

BANDO PER LA REALIZZAZIONE DEL PROGRAMMA ATTUATIVO DI INTERVENTO PER L IMPIANTISTICA SPORTIVA, ANNO 2014.

BANDO PER LA REALIZZAZIONE DEL PROGRAMMA ATTUATIVO DI INTERVENTO PER L IMPIANTISTICA SPORTIVA, ANNO 2014. BANDO PER LA REALIZZAZIONE DEL PROGRAMMA ATTUATIVO DI INTERVENTO PER L IMPIANTISTICA SPORTIVA, ANNO 2014. La Giunta regionale, in attuazione del disposto di cui ai commi 1 e 2 dell art. 10 della legge

Dettagli

Comuni, singoli o associati nelle forme di cui al Titolo II - Capo IV e Capo V - del D.Lgs.18/8/2000, n. 267.

Comuni, singoli o associati nelle forme di cui al Titolo II - Capo IV e Capo V - del D.Lgs.18/8/2000, n. 267. Allegato B Avviso per la concessione di contributi ai Comuni per l anno 2009 per la promozione e il sostegno delle Banche del Tempo, ai sensi della Legge 8 marzo 2000, n. 53 e della L.R. 8 gennaio 2004

Dettagli

COMUNE DI CAPOTERRA Provincia di Cagliari

COMUNE DI CAPOTERRA Provincia di Cagliari Provincia di Cagliari COPIA DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE REGISTRO GENERALE N. 519 DEL 01/07/2013 Settore N.6 - Pubblica Istruzione, Cultura Servizio Pubblica Istruzione, Cultura REGISTRO DI SETTORE

Dettagli

PO FSE CALABRIA 2007/2013 ASSE IV- CAPITALE UMANO

PO FSE CALABRIA 2007/2013 ASSE IV- CAPITALE UMANO PO FSE CALABRIA 2007/2013 ASSE IV- CAPITALE UMANO ALLEGATO 2 Obiettivo Operativo L.4 Sostenere l acquisizione di competenze professionalizzanti attraverso la partecipazione ai percorsi di istruzione e

Dettagli

News per i Clienti dello studio

News per i Clienti dello studio News per i Clienti dello studio N. 41 del 16 Marzo 2016 Ai gentili clienti Loro sedi Avviso pubblico Selfiemployment : via alle domande Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che a partire

Dettagli

Saranno inoltre privilegiate le istanze contenenti programmi in grado di favorire l inserimento della Sardegna nei circuiti nazionali di settore.

Saranno inoltre privilegiate le istanze contenenti programmi in grado di favorire l inserimento della Sardegna nei circuiti nazionali di settore. B ANDO PER IL SOSTEGNO AD ORGANISMI PUB BLICI E PRIV ATI PER LA REALIZ Z AZ IONE DI RASSEGNE, CIRCUITI, FESTIV AL, PREMI, SEMINARI E CONV EGNI (ART. 1 5 ) La Regione Sardegna intende favorire lo sviluppo

Dettagli

C O M U N E D I S A M A T Z A I Provincia di Cagliari

C O M U N E D I S A M A T Z A I Provincia di Cagliari C O M U N E D I S A M A T Z A I Provincia di Cagliari NUOVO REGOLAMENTO PER RIMBORSO SPESE VIAGGIO AGLI STUDENTI PENDOLARI DELLE SCUOLE SECONDARIE DI SECONDO GRADO APPROVATO CON DELIBERA C.C. N. 37 del

Dettagli

Determinazione Prot. n Rep. n. 19 del

Determinazione Prot. n Rep. n. 19 del Direzione Generale delle Politiche Sociali Servizio Interventi Integrati alla Persona CDR 00.12.02.02 Determinazione Prot. n. 1007 Rep. n. 19 del 2.02.2016 Oggetto: Bilancio Regionale 2017. Finanziamento

Dettagli

Bando per l erogazione di contributi alle PMI finalizzati al sostegno per l accesso al credito R E G O L A M E N TO

Bando per l erogazione di contributi alle PMI finalizzati al sostegno per l accesso al credito R E G O L A M E N TO Bando per l erogazione di contributi alle PMI finalizzati al sostegno per l accesso al credito Art. 1 Finalità R E G O L A M E N TO La Camera di Commercio di Como, nell ambito delle iniziative promozionali

Dettagli

MODELLO DI DOMANDA MISURA

MODELLO DI DOMANDA MISURA Fondo 13 Euro/tonnellata premiata Programma per l erogazione di contributi per il potenziamento e l adeguamento dei Centri di Raccolta dei RAEE Bando del 15 dicembre 2016 MODELLO DI DOMANDA MISURA 3 0000

Dettagli