TAKE CARE, HAVE A COATING! RIVESTIMENTI UTENSILI DA TAGLIO

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "TAKE CARE, HAVE A COATING! RIVESTIMENTI UTENSILI DA TAGLIO"

Transcript

1 TAKE CARE, HAVE A COATING! RIVESTIMENTI UTENSILI DA TAGLIO

2 IL PVD BREVI CENNI SULLA TECNOLOGIA DI DEPOSIZIONE PVD I trattamenti superficiali possono dividersi in due grandi categorie: trattamenti di apporto superficiale, trattamenti di modifica superficiale. I trattamenti di apporto superficiale vengono anche denominati rivestimenti e fra i più noti troviamo i riporti galvanici, CVD e PVD. Tra i trattamenti di modifica superficiale, solo per citare i più conosciuti, troviamo invece la nitrurazione, la cementazione e l ossidazione. Allo scopo di migliorare le caratteristiche di utensili da taglio fra le varie tecnologie menzionate spicca sicuramente il PVD che, grazie ai suoi peculiari requisiti, consente la deposizione di composti con proprietà intrinseche differenti. PVD è l acronimo di Physical Vapor Deposition, (deposizione fisica da fase vapore). I meccanismi di deposizione si possono schematizzare in tre passi: generazione trasporto deposizione Nel caso del PVD, la generazione avviene per via fisica evaporando i metalli che vanno a comporre lo strato di. Il trasporto dalle sorgenti ai particolari da trattare avviene attraverso un plasma (gas ionizzato a bassa pressione). La deposizione è invece agevolata dalla presenza di un campo elettrico. Le tecniche PVD sono svariate, ma possono brevemente suddividersi in tecniche a sorgenti solida (deposizioni catodiche, come ad esempio l arco o lo sputtering) e tecniche a sorgenti fuse (come ad esempio l evaporazione per effetto joule o per cannone elettronico). La crescente ricerca di nuovi composti da depositare, ha sempre più indirizzato lo sviluppo verso le sorgenti catodiche, al fine di poter depositare leghe di elementi differenti (ad esempio nitruri di Titanio e Alluminio, nitruri di Titanio e Silicio, ecc). Tale sviluppo ha consentito di migliorare le caratteristiche di questa tecnologia, diminuendone nel contempo i punti deboli. Oggi ad esempio, con l arco catodico è possibile raggiungere elevati livelli di ionizzazione del plasma grazie all utilizzo di sorgenti di nuova generazione che oltre a migliorare la qualità intrinseca degli strati depositati, consente parallelamente di ridurre ai minimi termini il fenomeno di droplets che è da sempre considerato l unico piccolo demerito di questa tecnologia. Per effetto droplets si intende la presenza nello strato depositato di minuscole goccioline di materiale che dopo essere stato evaporato, si è aggregato non in forma atomica. La moderna tecnologia di cui dispone oggi STS, consente quindi di ottenere strati di rivestimenti quasi droplet-free. La conformità del sistema di Gestione per la Qualità di STS è riconosciuta ed attestata dalla certificazione UNI EN ISO 91: 28. 1

3 REPARTO RIVESTIMENTI I rivestimenti per utensili da taglio concepiti da STS sono il risultato di anni di esperienze maturate in collaborazione con importanti e noti produttori di utensili oltre che dai preziosi feed-back derivanti dagli utilizzatori finali. In STS la ricerca e lo sviluppo non si fermano mai ed ogni anno l azienda è in grado di proporre rivestimenti innovativi e funzionali alle numerose e più severe esigenze delle lavorazioni meccaniche. Ognuno dei tre Centri Servizi STS è dotato di un prestigioso reparto di rivestimenti PVD dove si sfruttano le tecnologie più evolute per sviluppare e realizzare ricoperture di elevata qualità. Operatori esperti e personale tecnico specializzato formano la squadra vincente di STS, un team che opera con la totale cura ed attenzione per garantire sempre il massimo risultato. 2

4 RIVESTIMENTI HDP La tecnologia di deposizione PVD ad arco catodico è da tempo ritenuta matura e capace di offrire risultati stabili e costanti. Gli studi che si concentrano da anni al fine di portare ulteriori migliorie a tale tecnica hanno fornito al mercato rivestimenti sempre più efficaci fino ad esprimere prestazioni che hanno rivoluzionato le metodologie delle lavorazioni meccaniche. Il frutto più recente di tali sforzi è denominato con l acronimo di HDP (High Density Plasma) che grazie a sorgenti catodiche di nuova generazione, permette di ottenere una densità di plasma molto più elevata rispetto ad un sistema ad arco tradizionale. La possibilità di combinare gli effetti del sistema HDP ad una polarizzazione pulsata piuttosto che statica, favorisce la realizzazione di strati di struttura complessa che massimizzano le caratteristiche richieste da ogni specifica lavorazione fornendo risultati eclatanti. Grazie alla tecnologia HDP si realizzano strati altamente compatti capaci di raggiungere maggiori livelli di durezza pur riuscendo a conservare un formidabile grado di tenacità. Queste condizioni consentono da una parte di depositare con estrema precisione strati molto sottili e quasi totalmente privi di droplets (macro-particelle ritenute congenite alla tecnologia ad arco), dall altra di incrementare lo spessore del senza incorrere nel fenomeno di auto scollamento dovuto ai forti stress interni. Uno degli obbiettivi primari della ricerca in questo campo è da sempre difatti quello che mira ad ottenere la deposizione di strati ad alto spessore che prima non erano ritenuti interessanti a causa della loro elevata fragilità ma che grazie alla tecnologia HDP rappresentano oggi una certezza ed una grande opportunità. Sezione di HDP monostrato. Sistema PVD arco tradizionale 3 Nuova tecnologia HDP Sezione di HDP composto da 2 differenti strati.

5 OTTIMIZZAZIONI DELLE SUPERFICI TRATTAMENTO PRE- Le esigenze odierne in fatto di lavorazioni meccaniche per asportazione di truciolo sono sempre più gravose per effetto dell impiego di parametri di taglio avanzati. Da ciò nasce l esigenza di realizzare utensili altamente prestazionali capaci di sopportare grosse asportazioni, o alti avanzamenti. A tale scopo l utensile deve essere costruito con la materia prima migliore e nel rigoroso rispetto della massima precisione e delle tolleranze più ristrette. Tutto ciò però può non essere sufficiente se non si prende in considerazione la giusta finitura superficiale dell utensile abbinata al miglior PVD. I processi di preparazione e di devono essere considerati come un unico ciclo di perfezionamento superficiale. Innanzitutto è necessario intervenire sul tagliente dell utensile attraverso un azione che ha lo scopo di eliminare le irregolarità residue della rettifica (Fig. 1-2), o eventuali microcricche che rappresentino una seria minaccia di innesco di rottura precoce dello spigolo durante l impiego dell utensile. Una preparazione mirata all eliminazione di tali difetti che nel contempo non alteri il potere di taglio dell utensile porta ad una situazione descritta dalla Fig.3. OTTIMIZZAZIONE DEL TAGLIENTE L ottimizzazione del filo tagliente dell utensile garantisce che dopo il trattamento non venga alterata la sua capacità di taglio. Ottenere un filo tagliente ben definito e di raggio costante, permette inoltre di scegliere con maggior libertà lo spessore di da applicare. Nel caso di utensili non pretrattati, lo spessore doveva essere di fatto limitato per non accentuare i fenomeni di micro-scheggiatura che potevano presentarsi in particolari condizioni di lavoro. A causa di ciò non si riusciva ad esprimere tutto il potenziale delle nuove ricoperture ad alto contenuto di Alluminio che uniscono alta durezza a una resistenza all ossidazione a caldo (direttamente legata allo spessore). L intervento di ottimizzazione del tagliente permette al contrario di depositare spessori più importanti, riuscendo così a sfruttare l intero potenziale del. TRATTAMENTO POST- I trattamenti superficiali ad arco tradizionali soffrono, in maniera più o meno accentuata, della presenza sulla superficie di macroparticelle di deposito (droplets) (Fig. 4). Nel caso di lavorazioni non particolarmente esasperate, tali micro difetti non alterano il comportamento della ricopertura. Quando invece occorre sfruttare al massimo le potenzialità dell insieme utensile-, anche il miglioramento apportato da un post trattamento di lucidatura risulta essenziale. Il trattamento POST- deve essere condotto in maniera estremamente controllata per far si che le macro particelle vengano rimosse, senza però portare danno alla ricopertura o al filo tagliente dell utensile (Fig. 5). Fig. 4 : NON TRATTATO - Ingrandimento della superficie di un utensile rivestito che evidenzia la presenza di macroparticelle. Fig. 1 Fig. 2 Fig. 3 Fig. 4 Fig. 5 Immagine dello spigolo tagliente di una fresa. Immagine dello spigolo tagliente di una fresa, non trattato. Immagine dello spigolo tagliente di una fresa, dopo il trattamento. Fig. 5 : TRATTATO Dalla superficie rivestita dell utensile sono state rimosse le macroparticelle migliorandone sensibilmente la capacità di scorrimento. 4

6 AD ALTE PRESTAZIONI Dalla tecnologia HDP nasce la soluzione specifica per utensili di piccole dimensioni, denominata HDP Micro. Questo sviluppo prende in considerazione frese e punte in metallo duro (HM) di dimensioni comprese fra un diametro di,5 mm e 6 mm ma anche alesatori in HM. Lo studio di un adatto a questo genere di utensili ha origine dalla necessità di dover rispettare un riporto che deve necessariamente essere contenuto nello spessore di 1-1,5 micron. Le esperienze maturate in questo ambito denunciano infatti quanto sia controproducente oltrepassare questo limite a causa dell eccessivo arrotondamento del filo tagliente che ne può derivare e che non consentirebbe all utensile un taglio corretto. Di conseguenza l obiettivo è stato quello di realizzare uno strato che esprime in poco spessore le migliori caratteristiche di durezza, resistenza all usura e resistenza termica, garantendo una straordinaria stabilità del tagliente. Tutto ciò è possibile grazie alla tecnologia HDP che consente di realizzare rivestimenti con una struttura eccezionalmente compatta ed altamente legata al substrato. HDP Micro ha rivelato un potenziale straordinario anche in alesatura (utensili in HM) dove i concetti espressi per gli utensili di piccole dimensioni sono altrettanto importanti. Anche il processo di preparazione superficiale contribuisce ad ottenere il risultato ottimale, ma nel caso di utensili di piccole dimensioni deve essere riadattato per riuscire ad eliminare ogni sorta di imperfezione del tagliente senza creare però un eccessivo arrotondamento. TEST DI ALESATURA Utensili utilizzati: Alesatori in HM Ø 7,935 ( / +,2 mm ) Gli alesatori sono stati impiegati per alesare il foro di una biella in acciaio sinterizzato con la seguente composizione chimica : C =,3-,6%, Cu = 2,5-3,5%, Mn <,8%, S =,3-,5 %, altri <,5 %, Fe = restante L alesatore è utilizzato su un transfer MIKRON con i seguenti parametri : Velocità motore mandrino = 15 giri/min. corrispondente a una velocità di taglio di 37 mt/min. Avanzamento =,23 mm/giro Produttività della macchina = 55 pezzi/ora 25. TEST FRESATURA Utensile: Fresa Ø 6 Z/2 R.3 Fresatura di una superficie inclinata di 15 fresatura con passaggi alterni paralleli con alternanza di fresatura concorde e discorde. Materiale lavorato : W X38CrMoV51 temprato Hrc Parametri di lavoro utilizzati : Vt = 32 mt/min. => S 17 giri/min. F = 17 mm/min. => Fz =,5 mm/giro x dente Asportazione : ap = asportazione assiale =,5 mm ae = asportazione radiale =,5 mm (spostamento ad ogni passaggio) Sporgenza utensile da mandrino: 39,3 mm Tempo di contatto (1 passaggio): 1 ora, min., 34 sec. Percorso eseguito (1 passaggio): 99,529 mt. 1. N fori prodotti Metri lavorati TiAIN Std AlCrN Std AITiN Std HDPMicro TiAIN Std AlCrN Std AITiN Std HDPMicro Composto a base di Titanio Silicio Monostrato High Density Plasma 4.,25 1-1, Marrone 5

7 AD ALTE PRESTAZIONI La tecnologia HDP fra le altre innovazioni ha consentito di sviluppare RED, un molto versatile che trova quindi largo impiego in svariate applicazioni. HDP RED è stato difatti studiato per dare una risposta universale alle più tradizionali lavorazioni conferendo agli utensili un costante rendimento e prestazioni ai massimi livelli. Le caratteristiche peculiari di questo strato sono: Straordinaria tenacità = rappresenta il punto di forza di RED e ne determina proprio la versatilità e la capacità di esprimersi al meglio nei diversi impieghi (fresatura - foratura - maschiatura). Adesione al substrato = la tecnologia HDP consente di ottenere massimi livelli di aderenza dei rivestimenti alla superficie rendendo ancora più solidale il binomio utensile+. = lo strato altamente compatto di HDP RED riesce ad esprimere nei suoi 3 micron di spessore elevati valori di durezza che rappresentano una solida barriera all usura garantendo prestazioni straordinarie. Basso coefficiente d attrito = altra caratteristica importante ed esteticamente molto evidente per via della pregevole brillantezza dello strato. Anche il basso coefficiente d attrito di RED è reso possibile grazie alla tecnologia HDP che consente la deposizione di rivestimenti quasi totalmente privi di droplets (macro par- ticelle residue superficiali) che nei tradizionali rivestimenti ne condizionano la rugosità superficiale se non accuratamente rimosse. In fresatura lubrorefrigerata con utensili in HSS o HM in maschiatura a taglio o a rullare in foratura con punte in HSS - HDP RED rappresenta indubbiamente la soluzione ideale. TEST DI MASCHIATURA Test eseguito con maschi in HSS M22 Elicoidali 15 Filettatura di foro passante di 22 mm Materiale lavorato = 3MnBs(29HRC) Lavorazione in verticale - Lubrificazione con olio intero Velocità di taglio 2 mt TEST FRESATURA Test eseguito con frese in HSS Ø 4 Z/6 con rompi truciolo Lavorazione = sgrossatura Materiale lavorato = Custom 45 Lavorazione con lubrorefrigerante - Velocità di taglio = 15 mt/min. Avanzamento al dente =,1 mm/giro 8. 4 N fori filettati Minuti lavorati TiN TiCN HDP Red TiN TiCN HDP Red Composto a base di Titanio Multistrutturato High Density Plasma 3.5, Rosso 6

8 AD ALTE PRESTAZIONI La lavorazione di materiali sempre più hard to cut impone nuovi passi in avanti nello sviluppo e nella realizzazione dei rivestimenti PVD. Fase essenziale di tale sviluppo è l analisi e la comprensione dei meccanismi propri dell operazione di taglio in modo da riuscire a limitarne le azioni potenzialmente distruttive per l utensile. I processi di fresatura di acciai ad elevata durezza, generano difatti stress sia meccanici che termici che devono poter essere contrastati dalle proprietà intrinseche del. STS, che è da tempo concentrata nello studio dei fenomeni coinvolti nelle operazioni di taglio con asportazio- ne di truciolo ed introducendo l evoluto sistema di deposizione HDP, ha saputo cogliere tutto il potenziale della tecnologia PVD per realizzare HDP EVO, quanto di meglio si può offrire in aiuto ad un utensile destinato alle sfide più severe. HDP EVO combina quegli elementi fondamentali che gli conferiscono un eccellente resistenza meccanica ed una elevata stabilità sul tagliente. Le proprietà intrinseche dello strato infatti vengono esaltate dalle peculiari caratteristiche di deposizione del sistema HDP, che riesce così ad ottimizzare valori massimi di durezza, tenacità e resistenza al calore, garantendo la migliore adesione del al tagliente dell utensile. Queste condizioni rendono idoneo l utensile a sopportare le più estreme sollecitazioni derivanti dall energia che si sprigiona durante le lavorazioni più severe consentendo di contrastare efficacemente le forze di taglio. Durante i vari test che ne hanno favorito lo sviluppo, HDP EVO ha evidenziato una particolare attitudine per la lavorazione degli acciai inossidabili. TEST DI FRESATURA Fresa HM Torica Ø 8 mm z/4 - Materiale lavorato (55 HRC) Lavorazione non refrigerata - Operazione in svuotamento vasca 11x11 mm TEST DI FRESATURA Fresa UOP KMXW - Materiale lavorato AISI 316 Refrigerazione con emulsione - Operazione di cava Primo Utensile Secondo Utensile N. passate TiAIN std AITiN Std AlCrN Std HDP EVO Diametro Utensile 8 mm Velocità di taglio (Vc) Giri al minuto (n) 12 rpm Av. Dente (fz),25 mm Avanzamento (Vf) 127 mm/min numero taglienti (z) 4 Pr. Passata (Ap) 1 mm Pr. Passata (Ae) 1 mm Q Volume truciolo 12,73 cm3/min Minuti di lavoro AITiN std HDP EVO Diametro Utensile 1 mm Velocità di taglio (Vc) 4 m/min Giri al minuto (n) 1273 rpm Av. Dente (fz),25 mm Avanzamento (Vf) 127 mm/min numero taglienti (z) 4 Pr. Passata (Ap) 1 mm Pr. Passata (Ae) 1 mm Q Volume truciolo 12,73 cm3/min Composto a base di Alluminio e Titanio Monostrato High Density Plasma 3.5, Grigio scuro 7

9 AD ALTE PRESTAZIONI FORATURA PROFONDA Con il processo HDP STAR 4 STS punta ad un prodotto straordinariamente efficace per la foratura profonda. Dai test eseguiti si è notato infatti che le lavorazioni di foratura con utensili in HM abbisognano di nanostrati con tessitura differenziata, alternati all interno dello strato principale e realizzati in modo tale da consentire il massimo assorbimento degli stress residui da compressione. La possibilità offerta dalle nuove tecnologie HDP di poter disporre di elementi differenti per la fase di deposizione all interno della stessa carica, ha portato alla definizione di un coating con specifiche tecniche uniche nel suo genere e composto di ben 4 elementi dissimili. Grazie a parametri di processo determinati e affinati durante varie esperienze di laboratorio, si è arrivati a strutturare un multilayer che unisce un eccellente resistenza all usura a caldo ad un elevatissima tenacità, caratteristica quest ultima che permette la deposizione del anche in spessori elevati. Il particolare strato di HDP STAR 4 riesce ad esprimere il meglio del proprio potenziale quando le superfici dove appoggia vengono accuratamente preparate. Il prezioso intervento di polishing finale invece effettua un rodaggio dell utensile e conferisce un effetto straordinariamente liscio sulle superfici coinvolte dalla lavorazione facilitando lo scorrimento e l evacuazione del truciolo (vedi OTTIMIZZAZIONI DELLE SUPERFICI a pag.4) Numero fori AITiN std HDP Star4 TEST DI FORATURA HM con lubrificazione interna Materiale lavorato = (HB 23) Utensile = Punta HM Ø 8 mm con fori di lubrificazione interna Vt max = 17 m/min rpm = 676 Avanzamento =,3 mm/giro Profondità foratura = 4 x Ø Numero fori AITiN std HDP Star4 TEST DI FORATURA HM con lubrificazione esterna Materiale lavorato = (HB 23) Utensile = Punta HM Ø 8 mm Vt max = 1 m/min rpm = 4 Avanzamento =.13 mm/giro profondità foratura = 6 x Ø Composto a base Alluminio Titanio Silicio Multistrutturato High Density Plasma 3.8, > 9 Violetto 8

10 Combinando elementi come Alluminio, Cromo ed Azoto si ottiene un composto che rivela eccellenti valori di durezza e resistenza all usura anche quando esposto ad elevate temperature. Per mezzo della tecnologia PVD è possibile legare questi elementi in strati sottili per ottenere la struttura di AlCrN (Nitruro di Alluminio Cromo) che per le sue caratteristiche intrinseche trova larga applicazione nel campo dell utensileria per asportazione truciolo. STS a seguito di ulteriori sviluppi è riuscita a perfezionare la configurazione del AlCrN. dello strato consentendone l utilizzo anche a temperature molto elevate (1. C). Questo fa si che sebbene non disdegni gli impieghi con il lubrorefrigerante, sa esprimersi al meglio nelle lavorazioni a secco. Grazie infatti ad un nuovo e sofisticato processo di deposizione è stato possibile mettere a punto questo strato ribattezzato col nome di e capace ora di esprimere tutto il suo potenziale. si dimostra un molto duttile perché applicabile ad utensili in HSS per impieghi tradizionali, quanto ad utensili in HM per le lavorazioni più gravose. Questa universalità del è dovuta alla sua eccellente tenacità strutturale ed alla capacità di aderire al substrato con legami molto forti che ne fanno una formidabile barriera antiusura Test di Fresatura Le peculiari caratteristiche degli elementi che compongono conferiscono inoltre una straordinaria stabilità termica che innalza sensibilmente il punto di ossidazione Nitruro di Alluminio e Cromo Monostrato 3.2, > 9 Grigio azzurro metri lavorati TiAIN Std Materiale lavorato = temprato 38 HRC Lubrificazione = emulsione al 6% Utensile = fresa a semifinire in HM Ø 1 Z/4 Vt = 2 mt/min. fz =,45 mm/dente ae = 4mm ap = 8mm 9

11 WONDER ha origine dalle ricerche che hanno consentito di muovere i primi passi verso l introduzione dell elemento Alluminio nei composti depositati con tecnologia PVD. STS è riuscita a mettere a punto uno strato che doveva soddisfare la crescente necessità di conferire, ad utensili in HM, prestazioni tali da contrastare le criticità derivanti da quelle lavorazioni che divenivano sempre più impegnative. Nel corso degli anni WONDER ha subito varie evoluzioni che ne hanno migliorato la struttura ed incrementato le prestazioni tanto che rappresenta tutt oggi uno dei rivestimenti in produzione in STS fra i più richiesti dal mercato. WONDER si distingue per una differente alligazione degli alti tenori di alluminio che ne conferiscono elevata durezza e ottima resistenza meccanica rendendolo un molto valido in svariati impieghi, applicato principalmente ad utensili in HM. 25 TiCN TiAIN Std Test di Fresatura TiAlCN Usura in centesimi Wonder Materiale Lavorato = W3 HRc52 Utensile = Fresa HM Z6 Ø 8 mm Vt=3 m/min Av=573 mm/min Rpm = Operazione di contonatura 12 x,35 mm Nitruro di Alluminio Titanio Monostrato 3.4, Blu scuro 1

12 TiCN Il TiCN (carbo-nitruro di titanio) nasce da uno studio evolutivo del precursore TiN (nitruro di titanio), ereditandone le già apprezzate qualità ma migliorandone alcune caratteristiche. Difatti, grazie all introduzione del C (carbonio) all interno dello strato, si è riusciti ad ottenere una struttura che offre una durezza superiore di circa il 5 % rispetto a quella del TiN. TiCN PLUS È il risultato della sovrapposizione al TiCN del (MoS2). Questa combinazione si è rivelata spesso molto valida nelle operazioni di maschiatura, per effetto del fenomeno di lubrificazione apportato dal che, oltre a facilitare il taglio, consente una buona evacuazione del truciolo evitando le microsaldature che causano la rottura dell utensili. In conseguenza a ciò, il TiCN garantisce una più elevata resistenza all usura pur conservando un ottima tenacità che lo rende ideale applicato ad utensili per il taglio interrotto. Un ulteriore miglioramento del TiCN lo si è ottenuto sviluppando una struttura multilayer (multistrato) composta da centinaia di stratificazioni diverse che conferiscono un miglior controllo degli stress strutturali interni al. STS consiglia l impiego del TiCN abbinato ad utensili in HSS per operazioni di fresatura e maschiatura con utilizzo di lubrorefrigerante e nella specifica lavorazione dell acciaio inossidabile austenitico. COMPORTAMENTO MECCANICO DEL Corpi fermi Corpi in movimento Corpi a contatto Strato di la Grafite Struttura Rivestimento di utilizzo (max C) TiCN Carbonitruro di Titanio Multistrato 3.5, Grigio blu TiCN Plus Carbonitruro di Titanio + Bisolfuro di Molibdeno Multistrato 3.5 <, Grigio scuro 11

13 Sempre molto affascinante per la sua colorazione oro brillante, il TiN (nitruro di Titanio) è stato il primo PVD ad essere impiegato con successo in campo industriale, applicato ad utensili da taglio per l asportazione di truciolo. L entusiasmo per il TiN raggiunse i massimi livelli quando il mercato comprese che, grazie alla tecnologia PVD, era possibile la sua deposizione anche su di utensili in HSS (acciai rapidi) in quanto applicabile a temperature inferiori ai 5 C. Malgrado nel corso degli anni, la ricerca abbia consentito lo sviluppo di rivestimenti più complessi, il TiN rimane un prodotto di grande attualità e si fa tutt oggi apprezzare in molteplici applicazioni. Affinate le tecniche di deposizione, STS è in grado di proporre un TiN per utensili da taglio capace di esprimere tutte quelle peculiari caratteristiche che lo rendono interessante e molto efficace nelle più tradizionali lavorazioni per l asportazione di truciolo. Nitruro di Titanio Monostrato 2.2, Giallo oro 12

14 TECNOLOGIA PVD MAGNETRON SPUTTERING è un autolubrificante ed anti adesivo a base di MoS 2 (Bisolfuro di Molibdeno), e viene prodotto con tecnologia PVD Magnetron Sputtering. Sviluppato in ambito aerospaziale dall esigenza di trovare un alternativa ai lubrificanti tradizionali (es: olio, grasso) quando il loro utilizzo non è consentito, ha rivelato eccellenti proprietà tribologiche che lo hanno reso, in seguito, molto interessante per svariati campi d applicazione. Ottimo rodaggio per superfici ruvide (il diviene più liscio durante il rodaggio). Trasferimento positivo del film lubrificante sul corpo a contatto. può essere facilmente ri-rivestito. Se necessaria la rimozione è facilmente attuabile. PERCHÈ IL SI COMPORTA COSÌ Per comprendere il meccanismo di scorrimento, bisogna pensare alla struttura cristallina del bisolfuro di molibdeno, che è alla base del. Come si può vedere nelle illustrazioni sottostanti, la struttura del MoS 2 è simile a quella della grafite, con piani di scorrimento che si orientano nella direzione della sollecitazione, creando così un effetto lubrificante. CARATTERISTICHE TECNICHE Rivestimento monofase amorfo autolubrificante basato su MoS 2. Rivestimento Soft con bassissimo coefficiente d attrito (coefficiente d attrito in aria secca <.5). Rivestimento monostrato che può essere combinato con qualsiasi duro. Spessore funzionale del <.5 µm. deposizione <15 C. Residui di usura soft, lubrificanti (comportamento Fail-safe, cioè non si creano particelle abrasive dall usura del ). COMPORTAMENTO MECCANICO DEL Corpi fermi Corpi in movimento Corpi a contatto Strato di la Grafite Struttura MoS 2 Magnetron Sputtering -,1 1 <1 7 Grigio 13

15 APPLICAZIONE DEI RIVESTIMENTI MC RD EV S4 CL WN TN TP TI MO PL TA DI HON TOP Materiali da Lavorare Acciai non legati : Acciai legati: Acciai < 5 HRC Acciai > 5 HRC Acciai Inossidabili Ghisa Fresatura Foratura Alesatura Maschiatura a Taglio Maschiatura a Rullare Frese per Filetti Microutensili Steel Carbide Steel Carbide Steel Carbide Steel Steel Carbide Carbide RD / TN WN / CL RD / TN S4 (HON+TOP) RD MC RD RD WN / CL MC WN / CL WN / CL WN / CL S4 (HON+TOP) RD MC RD WN / CL MC RD / CL WN / CL RD / TN S4 (HON+TOP) RD MC RD RD WN / CL MC WN / CL WN / CL WN / CL S4 (HON+TOP) RD MC RD WN / CL MC WN / CL WN / CL WN+PL / CL S4 (HON+TOP) RD MC RD WN / CL MC WN / CL EV / CL (HON) WN+PL / CL S4 (HON+TOP) RD MC RD EV / CL MC EV (HON) S4 (HON+TOP) MC EV MC EV (HON) S4 (HON+TOP) MC EV MC WN EV WN S4 (HON+TOP) RD MC RD RD EV MC WN EV WN S4 (HON+TOP) RD MC RD EV MC WN / CL EV / CL (HON) WN + PL / CL S4 (HON+TOP) RD MC RD EV / CL MC WN / CL EV / CL (HON) WN + PL / CL S4 (HON+TOP) WN MC RD EV / CL MC Leghe Al Mg WN (TOP) MC WN + PL S4 (TOP) WN (TOP) MC (TOP) TP RD MC MC Leghe Alluminio (Si < 6 %) Leghe Alluminio (Si > 6 %) WN (TOP) MC / EV (TOP) WN + PL S4 (TOP) / TA WN (TOP) MC (TOP) / TA TP RD MC / EV (TOP) MC WN (TOP) / TA EV (TOP) / TA WN + PL / TA S4 (TOP) / TA WN(TOP) / TA MC (TOP) / TA RD / TA RD EV (TOP) / TA MC (TOP) / TA Leghe di Titanio WN / CL EV WN / CL S4 (HON+TOP) WN (TOP) MC RD RD EV MC Inconel e Leghe di Nichel Ottone / Bronzo / Alpacca WN / CL EV WN / CL (TOP) S4 (TOP) WN (TOP) MC RD EV MC WN (TOP) / TA WN (TOP) / TA WN + PL / TA S4 (TOP) / TA WN (TOP) MC (TOP) / TA TP RD WN (TOP) / TA MC Rame WN (TOP) / TA WN (TOP) / TA WN + PL / TA S4 (TOP) / TA WN (TOP) MC (TOP) / TA TP RD WN (TOP) / TA MC Grafite TA / DI TA / DI MC / TA TA / DI TA / DI Materiali Compositi TA / DI TA / DI MC / TA TA / DI TA / DI Lavorazione con utilizzo di lubrificante Lavorazione con lubrificazione minimale (MQL) Preparazione del tagliente pre-coating (Honing) Lucidatura post-coating (Topping) Le caselle contengono indicazioni relative ai rivestimenti che STS consiglia per le diverse applicazioni. Ogni casella può contenere 1 / 2 opzioni. Alcune opzioni suggeriscono l impiego combinato di 2 rivestimenti Es: Wonder + PLC (WN + PL) La dove è indicato (HON) e (TOP) si suggerisce di adottare i trattamenti di ottimizzazione superficiale. 14

16 RIVESTIMENTI A RICHIESTA Carbonio Monostrato 1.5, Grigio Scuro Carbonio Monostrato 5.3,1 1-2 <1 6 Nero Policristallino Monostrato Monostrato 1., Grigio scuro Nitruro di Cromo Monostrato 1.8, Grigio chiaro Nitruro di Zirconio Monostrato 1.6, Giallo chiaro Nitruro di Titanio Alluminio + Carbonio amorfo Multistrato 3., Grigio scuro 15

17 DECOATING DECOATING La sempre crescente richiesta di performance superiori, porta ad un continuo sviluppo di soluzioni migliorative per gli utensili, con conseguente arricchimento del valore intrinseco di ogni articolo. Per preservare nel tempo questo valore acquistano maggiormente importanza le tecniche volte a massimizzare in ogni circostanza il rendimento dell utensile. Fra queste, il decoating riveste un ruolo cruciale. L assidua evoluzione dei coating richiede una concomitante evoluzione delle tecniche di decoating, ovvero il processo che deve rimuovere lo strato duro depositato ma nel contempo non deve inficiare minimamente le caratteristiche di base dell utensile (es. non deve generare il fenomeno di cobalt leaching negli utensili in metallo duro). Mentre le tecniche utilizzate per l acciaio rapido sono state sempre poco invasive nei confronti del materiale, nel caso di utensili in metallo duro la presenza di cobalto come legante ha reso più difficoltosa questa operazione. Inoltre, proprio su tali utensili la ricerca di performance ha spinto l utilizzo di elementi di lega sempre più dissimili. Tutto ciò richiede che l operazione di decoating venga svolta in maniera oculata e precisa, mediante l utilizzo di tecniche e prodotti chimici sempre rivolti ad ottenere il massimo vantaggio operativo ma con un occhio vigile anche alla sicurezza e all ecologia. Le prime tecniche di decoating storicamente si sono concentrate su utensili in HSS, dove la sovrapposizione di strati successivi (re-coating) sui fianchi dei taglienti portava ad accumulare errori su grandezze geometriche essenziali, quali gli angoli di pressione e di spoglia. La soluzione ideale si rivelò quella di rimuovere sistematicamente prima di ogni riaffilatura la pre-esistente ricopertura, in modo anche da favorire l operazione stessa di rettifica del petto dei taglienti. Materiale Utensile Profondità V max f 38MnV35 (8 N/mm2) Punta in HM Ø 1 mm 2 mm 85 m/min,25 mm/giro Cricca del materiale dovuta a cobalt leaching. Il è aderente al materiale. 6 5 Materiali lavorati Nuda Nuova Ricoperta Riaffilata Decoating- Riaffilata-Ricoperta TiN WONDER Prima Dopo Prima Dopo Prima Dopo 16

18 APPLICAZIONI PVD PER INSERTI A FISSAGGIO MECCANICO L incessante ricerca finalizzata a realizzare un specifico per inserti a fissaggio meccanico, ha favorito lo sviluppo di un nuovo strato ad alto contenuto di Alluminio ma di spessore molto più elevato rispetto allo standard. Questo depositato con tecnologia PVD e che prende il nome di CUTMILL, grazie ad una sofisticata struttura composta da nanostratificazioni di differenti elementi, raggiunge lo straordinario spessore di 5-7 µm. E proprio anche grazie a questa eccezionale condizione che CUTMILL permette di raggiungere livelli prestazionali notevolmente superiori agli standard attuali. Altra caratteristica che fa di CUTMILL il ideale, è la capacità di resistere alle alte temperature (fino 9 C) per effetto della ridotta conducibilità termica che consente di trasferire al truciolo buona parte del calore generato dal taglio. sfruttamento migliore dell inserto ed un suo utilizzo prolungato nel tempo. I campi d applicazione dove CUTMILL oggi è maggiormente apprezzato, spaziano dalla lavorazione di materiali bonificati (54/56 HRC), alla fresatura, tornitura e troncatura di ghisa ad alta o bassa densità e di alluminio con elevate percentuali di Silicio. Nelle lavorazioni più tradizionali CUTMILL permette di aumentare i parametri di avanzamento e di asportazione per ridurre i tempi del processo produttivo e di conseguenza i costi di produzione. CUTMILL si pone inoltre come valida alternativa ai rivestimenti CVD. L elevata durezza di CUTMILL (> 4. HV) garantisce un eccellente protezione all usura e rende possibile uno Nitruro di Alluminio Titanio Monostrato 3.2, > 9 Nero 17

19 APPLICAZIONI PVD PER INSERTI A FISSAGGIO MECCANICO AD ALTE PRESTAZIONI Composto a base di Titanio Multistrutturato High Density Plasma 3.5, Rosso Nitruro di Alluminio Titanio Monostrato 3.4, Blu scuro di utilizzo (max C) Carbonitruro di Titanio Multistrato 3.5, Grigio blu di utilizzo (max C) Nitruro di Titanio Monostrato 2.2, Giallo oro 18

20 Member of BRESCIA SEDE OPERATIVA, LEGALE E AMMINISTRATIVA Via Caporalino, 13/A Cellatica (Brescia) Tel / Fax P. Iva Uffici amministrativi: Uffici commerciali: PADOVA SEDE OPERATIVA Via Caltana, 12/C 3511 Campodarsego (Padova) Tel / Fax Uffici commerciali: BOLOGNA SEDE OPERATIVA Via Parini, Casalecchio di Reno (Bologna) Tel Fax Uffici commerciali:

TAKE CARE HAVE A COATING RIVESTIMENTO STAMPI PER LAVORAZIONI A FREDDO

TAKE CARE HAVE A COATING RIVESTIMENTO STAMPI PER LAVORAZIONI A FREDDO TAKE CARE HAVE A COATING RIVESTIMENTO STAMPI IL RIVESTIMENTO PVD RIVESTIMENTI HDP BREVI CENNI SULLA TECNOLOGIA DI DEPOSIZIONE PVD I trattamenti superficiali possono dividersi in due grandi categorie: trattamenti

Dettagli

Classificazione degli acciai da lavorare Scelta della punta in funzione del materiale da lavorare Parametri di taglio

Classificazione degli acciai da lavorare Scelta della punta in funzione del materiale da lavorare Parametri di taglio Materiali delle punte elicoidali Processi produttivi delle punte elicoidali Standard normativi Tipologia di affilatura Rivestimenti superficiali degli utensili Durezze Rockwell e Vickers Classificazione

Dettagli

a cura di Massimo Reboldi MATERIALI PER UTENSILI

a cura di Massimo Reboldi MATERIALI PER UTENSILI MATERIALI PER UTENSILI Gli utensili 2 Il comportamento di un utensile influenza in maniera determinante la: Qualità del prodotto finito; Costo parti lavorate; Gli utensili 3 Nelle due principali fasi devono

Dettagli

Guida alla fresatura Spianatura 1/24

Guida alla fresatura Spianatura 1/24 SPIANATURA Guida alla fresatura Spianatura 1/24 SCELTA INSERTO/FRESA Una fresa con un angolo di registrazione inferiore a 90 agevola il deflusso dei trucioli aumentando la resistenza del tagliente. Gli

Dettagli

finalizzate allo sviluppo di film sottili con proprietà antiusura e anticorrosione Federico Cartasegna Environment Park S.p.A.

finalizzate allo sviluppo di film sottili con proprietà antiusura e anticorrosione Federico Cartasegna Environment Park S.p.A. PVD - Applicazioni del plasma finalizzate allo sviluppo di film sottili con proprietà antiusura e anticorrosione i Federico Cartasegna Environment Park S.p.A. I processi PVD Proprietà dei rivestimenti

Dettagli

Gradi imbattibili per produttività ultra

Gradi imbattibili per produttività ultra Gradi imbattibili per produttività ultra Inserti tangenziali positivi per la fresatura di Acciai 3 1 4 08 13 16 2 Esclusivo inserto con 6 taglienti per Avanzamenti Super 2 3 5 6 1 4 Angoli di attacco positivi

Dettagli

Ceramiche. Per lavorazioni efficienti e ad alta produttività delle superleghe

Ceramiche. Per lavorazioni efficienti e ad alta produttività delle superleghe Ceramiche Per lavorazioni efficienti e ad alta produttività delle superleghe Lavorazioni con la ceramica Applicazioni Le qualità in ceramica possono essere adottate per un ampia gamma di applicazioni e

Dettagli

perforazione Durata Versatilità Precisione Affidabilità

perforazione Durata Versatilità Precisione Affidabilità Durata Versatilità Precisione Affidabilità Tabella per la scelta delle punte in funzione del materiale da lavorare MATERIALE DA LAVORARE QUALITA VELOCITA DIAMETRO PUNTA REFRIGERANTE PUNTA PERIFERICA mt

Dettagli

Frese a candela in metallo duro ad alte prestazioni per alluminio

Frese a candela in metallo duro ad alte prestazioni per alluminio Frese a candela in metallo duro ad alte prestazioni per alluminio Grazie alla vasta selezione di tipologie disponibili è possibile scegliere l'utensile più adatto al lavoro da eseguire. Per applicazioni

Dettagli

Materiali per utensili da taglio: usura e durata degli utensili

Materiali per utensili da taglio: usura e durata degli utensili Materiali per utensili da taglio: usura e durata degli utensili Riferimenti: Levi/Zompì cap. 4 Santochi/Giusti cap. 8 1 Introduzione Il comportamento di un utensile influenza in maniera determinante la

Dettagli

Pensa al rendimento del costo, Pensa HSS SEGATURA

Pensa al rendimento del costo, Pensa HSS SEGATURA Pensa al rendimento del costo, Pensa HSS SEGATURA SOMMARIO SEGA A NASTRO 2 Le basi della sega a nastro 3 HSS e rivestimenti 4 Il concetto bimetallico 5 Affilatura del dente 6 Passo e forme del dente 7

Dettagli

Gradi. Prodotti. Utensili e metallo duro Tungaloy

Gradi. Prodotti. Utensili e metallo duro Tungaloy Utensili e metallo duro Tungaloy 2 4 5 6 Prodotti Selezione dei gradi... rivestiti CVD... rivestiti PVD... Cermet... PCBN (T-CBN)... PCD (T-DIA)... Ceramici... Metalli duri non rivestiti... Metalli duri

Dettagli

in funzione dell angolo γ in funzione della velocità di taglio Ft serve principalmente per la determinazione della potenza di taglio

in funzione dell angolo γ in funzione della velocità di taglio Ft serve principalmente per la determinazione della potenza di taglio in funzione dell angolo γ Ft serve principalmente per la determinazione della potenza di taglio in funzione della velocità di taglio Fa influenza inflessione utensile, contribuisce (poco) alla potenza

Dettagli

INTRODUZIONE ALLE MACCHINE UTENSILI

INTRODUZIONE ALLE MACCHINE UTENSILI di Tecnologia Meccanica INTRODUZIONE ALLE MACCHINE UTENSILI A cura dei proff. Morotti Giovanni e Santoriello Sergio INTRODUZIONE ALLE MACCHINE UTENSILI Si dicono macchine utensili quelle che consentono

Dettagli

MATERIALI PER UTENSILI CARATTERISTICHE PRINCIPALI

MATERIALI PER UTENSILI CARATTERISTICHE PRINCIPALI MATERIALI PER UTENSILI CARATTERISTICHE PRINCIPALI - Durezza a freddo (elementi di lega, trattamenti termici ) - Durezza a caldo (alte velocità di taglio) - Tenacità (frese, taglio interrotto ) - Resistenza

Dettagli

Keeping the Customer First. Tungaloy Report No. 40-I1. Fresa ad alti avanzamenti NEW. Sgrossatura e semi-finitura ad alti avanzamenti

Keeping the Customer First. Tungaloy Report No. 40-I1. Fresa ad alti avanzamenti NEW. Sgrossatura e semi-finitura ad alti avanzamenti Keeping the Customer First Tungaloy Report No. 40-I1 Fresa ad alti avanzamenti T U N G A L O Y NEW Sgrossatura e semi-finitura ad alti avanzamenti Una nuova generazione di frese ad alti avanzamenti, ideali

Dettagli

SCELTA DEL TIPO DI FRESA

SCELTA DEL TIPO DI FRESA LAVORAZIONE CON FRESE A CANDELA SCELTA DEL TIPO DI FRESA La scelta del tipo di fresa a candela dipende dal grado di tolleranza e finitura superficiale richiesti. Utilizzare una fresa riaffilabile per applicazioni

Dettagli

LAVORAZIONI PER ASPORTAZIONE DI TRUCIOLO LA FORMAZIONE DEL TRUCIOLO

LAVORAZIONI PER ASPORTAZIONE DI TRUCIOLO LA FORMAZIONE DEL TRUCIOLO LAVORAZIONI PER ASPORTAZIONE DI TRUCIOLO LA FORMAZIONE DEL TRUCIOLO Perché si abbia la formazione del truciolo deve esserci un moto relativo utensile pezzo Sforzo di compressione dell utensile sul pezzo

Dettagli

Il ciclo di lavorazione

Il ciclo di lavorazione Il ciclo di lavorazione Analisi critica del disegno di progetto Riprogettazione del componente (ove necessario) Determinazione dei processi tecnologici e scelta delle macchine utensili Stesura del ciclo

Dettagli

1.3.1 SALDATURA DI ACCIAI LEGATI, ACCIAI DISSIMILI E DI COMPOSIZIONE SCONOSCIUTA

1.3.1 SALDATURA DI ACCIAI LEGATI, ACCIAI DISSIMILI E DI COMPOSIZIONE SCONOSCIUTA 1.3 BACCHETTE CASTOTIG 1.3.1 SALDATURA DI ACCIAI LEGATI, ACCIAI DISSIMILI E DI COMPOSIZIONE SCONOSCIUTA 45507W Ø 1.0-1.2-1.6-2.0 Bacchetta TIG per riparazione e ricarica di acciai, unione di acciai dissimili,

Dettagli

G. M. La Vecchia Dipartimento di Ingegneria Meccanica Università di Brescia

G. M. La Vecchia Dipartimento di Ingegneria Meccanica Università di Brescia G. M. La Vecchia Dipartimento di Ingegneria Meccanica Università di Brescia Solubilizzazione Cementazione Nitrurazione Tempra di soluzione ed invecchiamento Coltre bianca cementato Nitrurazione 550 C x

Dettagli

Corso di Tecnologia Meccanica

Corso di Tecnologia Meccanica Corso di Tecnologia Meccanica Modulo 4.1 Lavorazioni per asportazione di truciolo LIUC - Ingegneria Gestionale 1 Il principio del taglio dei metalli LIUC - Ingegneria Gestionale 2 L asportazione di truciolo

Dettagli

Viale dell Industria, 50 Padova www.minitoolscoating.com

Viale dell Industria, 50 Padova www.minitoolscoating.com Presentazione Localizzazione Viale dell Industria, 50 Padova www.minitoolscoating.com minitoolscoating opera in tre settori Costruzione utensili per ingranaggi conici Servizio di affilatura di utensili

Dettagli

Rappresentazione Denominazione simbolo ISO Riferimento a unificazioni

Rappresentazione Denominazione simbolo ISO Riferimento a unificazioni Tabelle TABELLE 1 Nelle pagine che seguono sono riportati stralci di tabelle che si trovano normalmente sui manuali e che sono di grande importanza durante le fasi di lavorazione. Le tabelle proposte riguar-

Dettagli

MATERIALI. Introduzione

MATERIALI. Introduzione MATERIALI 398 Introduzione Gli acciai sono leghe metalliche costituite da ferro e carbonio, con tenore di carbonio (in massa) non superiore al 2%. Attenzione: la normazione sugli acciai è in fase di armonizzazione

Dettagli

Indice. Fabbrica Italiana Utensili Diamanti Industriali

Indice. Fabbrica Italiana Utensili Diamanti Industriali DM PCD Indice Descrizione inserti secondo codice ISO CBN informazioni sul materiale da taglio PCD informazioni sul materiale da taglio CBN inserti negativi CBN inserti positivi PCD inserti positivi DM

Dettagli

METALLI FERROSI GHISA ACCIAIO

METALLI FERROSI GHISA ACCIAIO METALLI FERROSI I metalli ferrosi sono i metalli e le leghe metalliche che contengono ferro. Le leghe ferrose più importanti sono l acciaio e la ghisa. ACCIAIO: lega metallica costituita da ferro e carbonio,

Dettagli

Per ingranaggi, alberi scanalati e cremagliere

Per ingranaggi, alberi scanalati e cremagliere METRO Tecnologie avanzate per la realizzazione di ingranaggi, alberi scanalati e cremagliere Guardatele in azione Il sistema Gear MIlling VARDEX Tecnologia avanzata di frese multidente con inserti a fissaggio

Dettagli

Classe 4^ - Tecnologie mecc. di proc. e prod. - UdA n 2: Taglio dei metalli - Fluidi da taglio FLUIDI DA TAGLIO

Classe 4^ - Tecnologie mecc. di proc. e prod. - UdA n 2: Taglio dei metalli - Fluidi da taglio FLUIDI DA TAGLIO FLUIDI DA TAGLIO Il calore che si sviluppa durante l asportazione di truciolo é causato da: - lavoro di deformazione del materiale - lavoro di attrito 1) Il calore dovuto alla deformazione dipende dalle

Dettagli

- Trasmissioni Industriali S.a.s. -

- Trasmissioni Industriali S.a.s. - - Trasmissioni Industriali S.a.s. - Programma di fornitura 2006 Alberi di precisione per movimentazione lineare - L alta qualità di un prodotto italiano - - Trasmissioni Industriali S.a.s. - Via lago di

Dettagli

SELEZIONE DI OLI INTERI PER OPERAZIONI DI LAVORAZIONE DEI METALLI di Manuel Amadio

SELEZIONE DI OLI INTERI PER OPERAZIONI DI LAVORAZIONE DEI METALLI di Manuel Amadio SELEZIONE DI OLI INTERI PER OPERAZIONI DI LAVORAZIONE DEI METALLI di Manuel Amadio 1. Confronto tra emulsionabili ed oli interi. Prima dell introduzione di emulsioni e soluzioni le operazioni venivano

Dettagli

Per ingranaggi, alberi scanalati e cremagliere

Per ingranaggi, alberi scanalati e cremagliere VA R D E X S o l u z i o n i p e r l i n d u s t r i a METRO S o l u z i o n i a v a n z a t e p e r f i l e t t a r e Tecnologie avanzate per la realizzazione di ingranaggi, alberi scanalati e cremagliere

Dettagli

Teste regolabili per tornire

Teste regolabili per tornire DREX -TOOLS Teste regolabili per tornire ETA-MEC.SRL REPUBBLICA DI SAN MARINO www.eta-mec.sm - e-mail: info@eta-mec.sm Indice Pag. - Introduzione 1 - Teste GEN-DEX 2 - Teste GEN-DEX - dimensioni 3 - Teste

Dettagli

TM Solid. Frese in metallo duro integrale METRICO

TM Solid. Frese in metallo duro integrale METRICO TM Solid Frese in metallo duro integrale METRICO Un utensile per tutte le filettature! Guarda Filettature di piccoli fori MilliPro & MilliPro MilliPro E a M1.6x0.35 (1-72UNF) Filettature lunghe Filettature

Dettagli

UNA SOLUZIONE ECONOMICA E TECNICAMENTE AVANZATA AI PROBLEMI DELLA CROMATURA DURA A SPESSORE

UNA SOLUZIONE ECONOMICA E TECNICAMENTE AVANZATA AI PROBLEMI DELLA CROMATURA DURA A SPESSORE UNA SOLUZIONE ECONOMICA E TECNICAMENTE AVANZATA AI PROBLEMI DELLA CROMATURA DURA A SPESSORE Pagina 1 di 6 I VANTAGGI MIDA CROMARE NELLA PROPRIA OFFICINA RIPORTI ULTRARAPIDI DI ALTA PRECISIONE DI CROMO

Dettagli

www.nachreiner-ita.com La competitività ed il successo dei nostri clienti sono la nostra missione

www.nachreiner-ita.com La competitività ed il successo dei nostri clienti sono la nostra missione www.nachreiner-ita.com La competitività ed il successo dei nostri clienti sono la nostra missione Nachreiner è una ditta Tedesca specializzata nella Produzione e vendita di utensili di precisione nel campo

Dettagli

Compositi. Soluzioni per applicazioni su compositi

Compositi. Soluzioni per applicazioni su compositi Compositi Soluzioni per applicazioni su compositi Ala in composito Lavorazione della superficie Approfondimento sui materiali compositi Le elevate esigenze di lavorazione poste sulle superfici dei componenti

Dettagli

IMPAX SUPREME. Acciaio per stampi bonificato

IMPAX SUPREME. Acciaio per stampi bonificato IMPAX SUPREME Acciaio per stampi bonificato Queste informazioni sono basate sulla nostra attuale esperienza e forniscono informazioni generali sul nostro prodotto e sul suo utilizzo. Pertanto non devono

Dettagli

Acciaio per lavorazioni a caldo

Acciaio per lavorazioni a caldo Acciaio per lavorazioni a caldo Generalità BeyLos 2343 è un acciaio legato al cromo molibdeno, vanadio progettato per la realizzazione di matrici, stampi o punzoni o altri particolari che devono lavorare

Dettagli

CROMATURA PEVD SOTTOVUOTO

CROMATURA PEVD SOTTOVUOTO CROMATURA PEVD SOTTOVUOTO Causa i ben noti problemi legati ai processi di cromatura galvanica, da alcuni anni ormai si parla di procedimenti alternativi con basso impatto ambientale e ridotti consumi energetici.

Dettagli

PAGINA 1 DI 5 MOLYKOTE

PAGINA 1 DI 5 MOLYKOTE PAGINA 1 DI 5 MOLYKOTE CARATTERISTICHE Le lacche Molykote sono dispersioni di sostanze lubrificanti solide, come ad esempio il bisolfuro di molibdeno, e di resine leganti organiche o inorganiche finemente

Dettagli

MATERIALI SINTERIZZATI

MATERIALI SINTERIZZATI MATERIALI SINTERIZZATI Sono ottenuti con la cosiddetta Metallurgia delle polveri, che consiste nella compattazione e trasformazione di materiali ridotti in polvere in un composto indivisibile. Sono utilizzati

Dettagli

UTENSILI PER ASPORTAZIONE DI TRUCIOLO. Classe IV M A.S. 2011-2013 Prof. Giovanni Fatucchi

UTENSILI PER ASPORTAZIONE DI TRUCIOLO. Classe IV M A.S. 2011-2013 Prof. Giovanni Fatucchi UTENSILI PER ASPORTAZIONE DI TRUCIOLO Classe IV M A.S. 2011-2013 Prof. Giovanni Fatucchi Definizioni Testa: parte dell utensile sulla quale sono ricavate le parti attive e i taglienti. Stelo: parte dell

Dettagli

SLIB SLIDING BEARINGS DIVISION INDUSTRIA IDRAULICA, ENERGETICA E SIDERURGICA ITALY. slibitaly.com

SLIB SLIDING BEARINGS DIVISION INDUSTRIA IDRAULICA, ENERGETICA E SIDERURGICA ITALY. slibitaly.com SLIDING BEARINGS DIVISION INDUSTRIA IDRAULICA, ENERGETICA E SIDERURGICA SLIB ITALY slibitaly.com Q QUALITY MADE IN EUROPE network SLIB ITALY è specializzata nella produzione di Cuscinetti e Boccole per

Dettagli

Scapa Exafit Nastri flessografici ad elevate performance per l industria grafica e della stampa

Scapa Exafit Nastri flessografici ad elevate performance per l industria grafica e della stampa Scapa Exafit Nastri flessografici ad elevate performance per l industria grafica e della stampa Gamma Prodotti Nell attuale crescente domanda di mercato, la gamma Exafit è apprezzata dai leader di mercato

Dettagli

Optimum Lubrication and cooling system Kw

Optimum Lubrication and cooling system Kw è un prodotto: PATENTED Optimum Lubrication and cooling system Kw Produttività Qualità Ecologia in Un Prodotto distribuito da: S.p.A. TOOLS ENGINEERING & MANUFACTURING Sistema Kw: principio di funzionamento

Dettagli

BXD. Frese multifunzionali. Serie di frese BXD per la lavorazione ad alte prestazioni delle leghe di alluminio e di materiali resistenti al calore.

BXD. Frese multifunzionali. Serie di frese BXD per la lavorazione ad alte prestazioni delle leghe di alluminio e di materiali resistenti al calore. Per alluminio e materiali difficili da tagliare B027I Frese multifunzionali Serie di frese per la lavorazione ad alte prestazioni delle leghe di alluminio e di materiali resistenti al calore. Nuovo tipo

Dettagli

UDDEHOLM ROYALLOY TM

UDDEHOLM ROYALLOY TM UDDEHOLM ROYALLOY TM Uddeholm RoyAlloy è appositamente prodotto dalla Edro Specially Steels, Inc., una Divisione del Gruppo voestalpine. RoyAlloy è brevettato da Edro Patents #6,045,633 e #6,358,344. Queste

Dettagli

FILIERA PRODUTTIVA COMPLETA

FILIERA PRODUTTIVA COMPLETA 2 FILIERA PRODUTTIVA COMPLETA TRATTAMENTO TERMICO LAVORAZIONI MECCANICHE LAMINAZIONE VERNICIATURA PRODUZIONE ACCIAIO MAGAZZINO L unione tra Esti e Acciaierie Venete ha dato luogo ad una nuova realtà, unica

Dettagli

Politecnico di Torino Dipartimento di Meccanica DAI PROVINI AI COMPONENTI

Politecnico di Torino Dipartimento di Meccanica DAI PROVINI AI COMPONENTI DAI PROVINI AI COMPONENTI Vi sono molti fattori che influenzano la resistenza a fatica; fra i fattori che riguardano il componente hanno particolare importanza: le dimensioni (C S ) la presenza di intagli

Dettagli

I MATERIALI SCELTA DEL MATERIALE SCELTA DEL MATERIALE FUNZIONALITÀ

I MATERIALI SCELTA DEL MATERIALE SCELTA DEL MATERIALE FUNZIONALITÀ SCELTA DEL MATERIALE I MATERIALI LA SCELTA DEL MATERIALE PER LA COSTRUZIONE DI UN PARTICOLARE MECCANICO RICHIEDE: LA CONOSCENZA DELLA FORMA E DELLE DIMEN- SIONI DELL OGGETTO LA CONOSCENZA DEL CICLO DI

Dettagli

asportazione del truciolo - 5 Vittore Carassiti - INFN FE

asportazione del truciolo - 5 Vittore Carassiti - INFN FE Vittore Carassiti - INFN FE 1 INTRODUZIONE L ottimizzazione secondo ISO E definita come un procedimento il cui scopo consiste nel far assumere, ad una o più variabili, nella maniera migliore possibile,

Dettagli

GEB01. Cuscinetti compositi multistrato autolubrificanti. Caratteristiche strutturali e applicazioni. Prestazioni fisiche e meccaniche

GEB01. Cuscinetti compositi multistrato autolubrificanti. Caratteristiche strutturali e applicazioni. Prestazioni fisiche e meccaniche GEB01 Cuscinetti compositi multistrato autolubrificanti Profi lo Strutturale PTFE+ altro polimero Strato in lega di bronzo poroso sinterizzato Strato base di acciaio Strato di placcatura GEB01 (cfr. immagine

Dettagli

Utensili per Tornitura

Utensili per Tornitura TORNITURA Utensili per Tornitura qualità dei materiali Punti di forza degli Utensili SAU: Concorrenza finiture prezzo competitivo rispetto alle grandi multinazionali Utensile SAU Utensili per Tornitura

Dettagli

Le seghe a nastro. Figura N 1 Esempio di nastri per seghe. Larghezza

Le seghe a nastro. Figura N 1 Esempio di nastri per seghe. Larghezza Le seghe a nastro Generalità La lama da sega a nastro è adatta per ogni genere di taglio; essa taglia ininterrottamente senza movimenti discontinui come invece avviene nelle seghe alternative. Con le seghe

Dettagli

Un utensile per ogni esigenza

Un utensile per ogni esigenza Nata dalla passione e dall entusiasmo del fondatore per le lavorazioni meccaniche, C.R.M. oggi si presenta al mercato con una struttura flessibile e snella, dotata di una grande competenza nella progettazione

Dettagli

iglidur V400: Resistenza chimica e alle alte temperature

iglidur V400: Resistenza chimica e alle alte temperature iglidur : Resistenza chimica e alle alte temperature Produzione standard a magazzino Eccellente resistenza all usura anche con alberi teneri e temperature fino a +200 C Ottima resistenza agli agenti chimici

Dettagli

Utensili da taglio Stellram

Utensili da taglio Stellram TENSILI DA TAGLIO Utensili da taglio Stellram SOLUZIONI DI FRESATURA AD ALTE PRESTAZIONI Soluzioni brevettate per materiali di difficile lavorabilità: maggiore produttività, maggiore vita utensile, maggior

Dettagli

dialong dialong dropless dianoir

dialong dialong dropless dianoir dialong dialong dropless dianoir Introduzione Il focus di Argor-Aljba è la produzione e lo sviluppo di rivestimenti high-tech. Il riuscito lancio dei rivestimenti dianoir e dialong, ha permesso ad Argor-Aljba

Dettagli

Materiali, Sviluppo, Soluzioni. Prodotti di Molibdeno per la industria del vetro

Materiali, Sviluppo, Soluzioni. Prodotti di Molibdeno per la industria del vetro Materiali, Sviluppo, Soluzioni Prodotti di Molibdeno per la industria del vetro H.C. Starck, Molibdeno Materiali come il molibdeno e il tungsteno, sono vitali per le applicazioni di fusione, omogeneizzazione

Dettagli

VFX per la fresatura ad alta efficienza delle leghe di titanio.

VFX per la fresatura ad alta efficienza delle leghe di titanio. Aggiornamento 2014.01 Per la fresatura delle leghe di titanio B182I VFX per la fresatura ad alta efficienza delle leghe di titanio. Eccezionale produttività fino a 400 cm 3 /min (con fresa ø 63) Aggiunta

Dettagli

FENOMENI DI CORROSIONE ED OSSIDAZIONE La corrosione è un fenomeno di degrado dei metalli. E un fenomeno termodinamico (chiamato anche

FENOMENI DI CORROSIONE ED OSSIDAZIONE La corrosione è un fenomeno di degrado dei metalli. E un fenomeno termodinamico (chiamato anche FENOMENI DI CORROSIONE ED OSSIDAZIONE La corrosione è un fenomeno di degrado dei metalli. E un fenomeno termodinamico (chiamato anche antimetallurgia) che si manifesta spontaneamente se: G

Dettagli

FLUIDI PER LAVORAZIONE METALLI

FLUIDI PER LAVORAZIONE METALLI FLUIDI PER LAVORAZIONE METALLI Prodotti di elevato standard tecnologico per l industria metalmeccanica QUALITÀ E PERFORMANCE I fluidi emulsionabili utilizzati per la lavorazione dei metalli sono esposti

Dettagli

INFORMAZIONE RIVENDITORI I.R. n 52-01-08. Tungaloy Italia S.p.A. FRESE A CANDELA DI PICCOLO DIAMETRO. EPH Hybrid TAC MILL

INFORMAZIONE RIVENDITORI I.R. n 52-01-08. Tungaloy Italia S.p.A. FRESE A CANDELA DI PICCOLO DIAMETRO. EPH Hybrid TAC MILL INFORMAZIONE RIVENDITORI I.R. n 52-01-08 Tungaloy Italia S.p.A. FRESE A CANDELA DI PICCOLO DIAMETRO EPH Hybrid TAC MILL Caratteristiche della fresa a candela TAC TAC mini mini con con tagliente lungo Maneggevole

Dettagli

DALLE FUNZIONI AL PRODOTTO

DALLE FUNZIONI AL PRODOTTO DALLE FUNZIONI AL PRODOTTO Funzioni PROGETTAZIONE Specifiche Materie prime / Componenti PRODUZIONE Prodotto DALLE FUNZIONI AL PRODOTTO Progettazione del componente: materiale macro geometria micro geometria

Dettagli

Date nuovo impulso all'economia di produzione

Date nuovo impulso all'economia di produzione CoroDrill 880 Date nuovo impulso all'economia di produzione Le punte multitaglienti sono una soluzione economicamente conveniente e, con la versione rinforzata di CoroDrill 880, potete davvero fare un

Dettagli

Gli Ingredienti della Qualità

Gli Ingredienti della Qualità Gli Ingredienti della Qualità Utensili CFB 2 CFB Fresa semisferica a 3 Tagli Caratteristiche tecniche - Nocciolo scaricato - 3 tagli al centro - Ampi vani truciolo - Ricopertura UT-Coat - Lavorazioni a

Dettagli

Nuovo tipo di utensile per brocciatura

Nuovo tipo di utensile per brocciatura Nuovo tipo di utensile per brocciatura Nella costruzione di parti meccaniche, anche molto semplici, a volte bisogna affrontare dei problemi di una certa difficoltà che richiedono, per la loro risoluzione,

Dettagli

Group. The precision company SURFACE TECHNOLOGIES INTERNATIONAL. STI DryCoat System. Surface solutions by STI Group. Italiano

Group. The precision company SURFACE TECHNOLOGIES INTERNATIONAL. STI DryCoat System. Surface solutions by STI Group. Italiano Group SURFACE TECHNOLOGIES INTERNATIONAL The precision company STI DryCoat System Italiano Surface solutions by STI Group La redditività quale fattore di successo La competenza nella tecnologia dei rivestimenti

Dettagli

CAPITOLO 11 Materiali ceramici ESERCIZI CON SOLUZIONE SVOLTA. Problemi di conoscenza e comprensione

CAPITOLO 11 Materiali ceramici ESERCIZI CON SOLUZIONE SVOLTA. Problemi di conoscenza e comprensione CAPITOLO 11 Materiali ceramici ESERCIZI CON SOLUZIONE SVOLTA Problemi di conoscenza e comprensione 11.10 (a) Le strutture a isola dei silicati si formano quando ioni positivi, come Mg 2+ e Fe 2+, si legano

Dettagli

Distributore per l Italia OMNILIP

Distributore per l Italia OMNILIP Distributore per l Italia OMNILIP Materiali Imateriali delle guarnizioni Saint-Gobain Performance Plastics sono miscelati e trattati per ottenere le migliori prestazioni di tenuta in un ampia varietà di

Dettagli

Pensa alla potenza, Pensa HSS CREATORE

Pensa alla potenza, Pensa HSS CREATORE Pensa alla potenza, Pensa HSS CREATORE SOMMARIO PRINCIPI DI BASE SUI CREATORI 2 Le basi del creatore 3 Tipi di ingranaggi 4 Tipi di ingranaggi 5 Quale HSS per la massima efficienza? 6 Rivestimenti per

Dettagli

Il coating sugli utensili da taglio

Il coating sugli utensili da taglio Il coating sugli utensili da taglio L introduzione della tecnologia dei ricoprimenti con il TiN (Nitruro di Titanio) è stata una delle maggiori rivoluzioni nel campo degli utensili da taglio che si sono

Dettagli

Produttività sul giusto binario.

Produttività sul giusto binario. _ Competenza nell'asportazione truciolo Produttività sul giusto binario. Soluzioni di settore Settore ferroviario segnali corretti per una lavorazione efficiente. In tutto il mondo, le esigenze del trasporto

Dettagli

Una quarta dimensione per la costruzione di componenti in metallo

Una quarta dimensione per la costruzione di componenti in metallo Una quarta dimensione per la costruzione di componenti in metallo piccolo quantità > 100² complesso La tecnologia MIM è un procedimento di ottenimento di forme complesse da una polvere metallica. La prerogativa

Dettagli

Mtll Metallurgia Acciai e ghise

Mtll Metallurgia Acciai e ghise Acciai e ghise Mtll Metallurgia Acciai e ghise Prof. Studio: piano terra Facoltà di Ingegneria, stanza 25 Orario di ricevimento: i Mercoledì 14.00-16.00 Tel. 07762993681 E-mail: iacoviello@unicas.itit

Dettagli

I METALLI. I metalli sono materiali strutturali costituiti ciascuno da un singolo elemento. Hanno tra loro proprietà molto simili.

I METALLI. I metalli sono materiali strutturali costituiti ciascuno da un singolo elemento. Hanno tra loro proprietà molto simili. M et 1 all I METALLI I metalli sono materiali strutturali costituiti ciascuno da un singolo elemento. Hanno tra loro proprietà molto simili. Proprietà Le principali proprietà dei metalli sono le seguenti:

Dettagli

Schema generale laminazioni

Schema generale laminazioni Laminazione Processo di riduzione dell altezza o cambio di sezione di un pezzo attraverso la pressione applicata tramite due rulli rotanti. La laminazione rappresenta il 90% dei processi di lavorazione

Dettagli

Lavorazione delle lamiere

Lavorazione delle lamiere Lavorazione delle lamiere Lamiere Utilizzate nella produzione di carrozzerie automobilistiche, elettrodomestici, mobili metallici, organi per la meccanica fine. Le lamiere presentano una notevole versatilità

Dettagli

QUANTO DURA UN GANCIO

QUANTO DURA UN GANCIO Quanto dura un gancio? Qual è la sua vita utile? Quante volte abbiamo sentito porci questa domanda! E quante volte abbiamo deluso il nostro interlocutore che si aspettava una risposta precisa con un numero

Dettagli

IMPIANTO AUTOMATICO PER LA SALDATURA DI ESTRUSI DI ALLUMINIO PER APPLICAZIONI NAVALI.

IMPIANTO AUTOMATICO PER LA SALDATURA DI ESTRUSI DI ALLUMINIO PER APPLICAZIONI NAVALI. IMPIANTO AUTOMATICO PER LA SALDATURA DI ESTRUSI DI ALLUMINIO PER APPLICAZIONI NAVALI. Tube Tech Machinery Marcello Filippini Il settore dei trasporti, specialmente i trasporti passeggeri con treni e navi,

Dettagli

Acciaio per lavorazioni a caldo

Acciaio per lavorazioni a caldo Acciaio per lavorazioni a caldo Generalità BeyLos 2329 è un acciaio legato progettato per la realizzazione di matrici, stampi o punzoni o altri particolari che devono lavorare a temperature elevate. I

Dettagli

società specializzata nei trattamenti termici degli acciai

società specializzata nei trattamenti termici degli acciai società specializzata nei trattamenti termici degli acciai >>con i nostri clienti come nel nostro lavoro ci piace andare fino in fondo, al cuore delle cose. PARTNERSHIP SUL PROGETTO DA100ANNI EVOLUZIONE

Dettagli

Indice Prefazione XIII 1 Introduzione alle tecnologie di fabbricazione 2 Principi fondamentali della produzione per fonderia

Indice Prefazione XIII 1 Introduzione alle tecnologie di fabbricazione 2 Principi fondamentali della produzione per fonderia Indice Prefazione XIII 1 Introduzione alle tecnologie di fabbricazione 1 Introduzione 1 1.1 Processi tecnologici di trasformazione 2 1.1.1 Precisione nelle trasformazioni 5 1.2 Attributi geometrici dei

Dettagli

LA NITRURAZIONE. (versione gennaio 2006)

LA NITRURAZIONE. (versione gennaio 2006) LA NITRURAZIONE (versione gennaio 2006) Raccolta di appunti ad esclusivo uso interno ITIS VARESE - specializzazione meccanici. La nitrurazione è un processo che consente la formazione di nitruri durissimi

Dettagli

Descrizione dei Diversi Tipi di Polvere

Descrizione dei Diversi Tipi di Polvere Descrizione dei Diversi Tipi di Polvere Polveri di Ferro-Spugna (Ferro Puro) NC100.24 è uno dei tipi di polvere più largamente impiegati in metallurgia delle polveri. Le resistenze al verde e degli spigoli

Dettagli

LAVORAZIONI INDUSTRIALI

LAVORAZIONI INDUSTRIALI TORNITURA 1 LAVORAZIONI INDUSTRIALI Nelle lavorazioni industriali per asportazione di truciolo sono sempre presenti: Pezzo Grezzo Macchina Utensile Utensile Attrezzatura 2 1 TORNITURA 3 TORNITURA Obiettivo:

Dettagli

Borazon* CBN è sinonimo di migliori prestazioni di rettifica

Borazon* CBN è sinonimo di migliori prestazioni di rettifica Prodotti Borazon* CBN Borazon* CBN è sinonimo di migliori prestazioni di rettifica Il Borazon CBN è oggi riconosciuto come uno dei più importanti avanzamenti tecnologici nella rettifica di materiali temprati

Dettagli

TECNICHE DI NITRURAZIONE CON SUPPORTO AL PLASMA

TECNICHE DI NITRURAZIONE CON SUPPORTO AL PLASMA TRATTAMENTO DELLE SUPERFICI TECNICHE DI NITRURAZIONE CON SUPPORTO AL PLASMA 108 I sistemi e il processo di plasma nitrurazione Ionit e Ionit Ox, della Metaplas Ionon, facente capo alla svizzera Sulzer,

Dettagli

Schumacher Precision Tools GmbH

Schumacher Precision Tools GmbH Image-Broschure Tecnologia della Filettatura Schumacher Precision Tools GmbH Prodotti Applicazioni Servizi L impresa Utensili di precisione dal 1918 Schumacher produce utensili di alta qualità e precisione

Dettagli

drylin alberi drylin Alberi

drylin alberi drylin Alberi drylin Alberi Disponibili in diversi materiali Con o senza supporto Alluminio per un estrema leggerezza Acciaio inox per un elevata resistenza chimica Rilavorabili secondo vostro disegno Per accoppiamento

Dettagli

La Società ADL ACCIAI SPECIALI SRL, fonda da sempre le sue strategie sulla soddisfazione e sulle esigenze dei propri Clienti.

La Società ADL ACCIAI SPECIALI SRL, fonda da sempre le sue strategie sulla soddisfazione e sulle esigenze dei propri Clienti. La Società ADL ACCIAI SPECIALI SRL, fonda da sempre le sue strategie sulla soddisfazione e sulle esigenze dei propri Clienti. Pone come obiettivo prioritario la risoluzione di tutte le problematiche connesse

Dettagli

CLASSIFICAZIONE DELLE LAVORAZIONI MECCANICHE

CLASSIFICAZIONE DELLE LAVORAZIONI MECCANICHE CLASSIFICAZIONE DELLE LAVORAZIONI MECCANICHE Le lavorazioni meccaniche possono essere classificate secondo diversi criteri. Il criterio che si è dimostrato più utile, in quanto ha permesso di considerare

Dettagli

Acciai speciali della HASCO I03/07

Acciai speciali della HASCO I03/07 Acciai speciali della HASCO I03/07 Acciai speciali HASCO...... Piastre con dimensioni speciali... Piastre con lavorazioni speciali Oltre agli acciai standard disponibili presso il magazzino HASCO e cioè

Dettagli

Osteointegrazione. Definizione della American Academy of Implants Dentistry:

Osteointegrazione. Definizione della American Academy of Implants Dentistry: Osteointegrazione 1 Osteointegrazione Definizione della American Academy of Implants Dentistry: "Contatto che interviene senza interposizione di tessuto non osseo tra osso normale rimodellato e un impianto

Dettagli

Studio caratterizzazione di rivestimenti con finalità funzionali realizzati mediante tecniche di deposizione da fase di vapore

Studio caratterizzazione di rivestimenti con finalità funzionali realizzati mediante tecniche di deposizione da fase di vapore Studio caratterizzazione di rivestimenti con finalità funzionali realizzati mediante tecniche di deposizione da fase di vapore Le tecniche di deposizione sotto vuoto sono state sviluppate a livello industriale

Dettagli

GRAFITE ISOSTATICA PER COLATA CONTINUA. MERSEN Esperti al vostro servizio

GRAFITE ISOSTATICA PER COLATA CONTINUA. MERSEN Esperti al vostro servizio GRAFITE ISOSTATICA PER COLATA CONTINUA MERSEN Esperti al vostro servizio colata continua orizzontale Sistema di raffreddamento Filiera di grafite Fronte di solidificazione Colata Continua è un processo

Dettagli

ESECUZIONE DELLE FILETTATURE

ESECUZIONE DELLE FILETTATURE asdf ESECUZIONE DELLE FILETTATURE 14 January 2012 Il seguente articolo si propone di realizzare un excursus dei principali metodi di esecuzione di una filettatura. Ci soffermeremo maggiormente su alcuni

Dettagli

Composizione degli acciai Conoscere bene per comprare meglio

Composizione degli acciai Conoscere bene per comprare meglio Composizione degli acciai Conoscere bene per comprare meglio Manuele Dabalà Dip. Ingegneria Industriale Università di Padova Introduzione Cos è l acciaio? Norma UNI EN 10020/01 Materiale il cui tenore

Dettagli

Monica Fabrizio CNR IENI, PADOVA

Monica Fabrizio CNR IENI, PADOVA Centro Produttività Veneto Vicenza, 24 luglio 2007 RIVESTIMENTI GALVANICI PROTETTIVI E DECORATIVI SU MANUFATTI ORAFI Monica Fabrizio CNR IENI, PADOVA Gli impianti galvanici sono sequenze di vasche dove

Dettagli