Gli impianti. n Telegramma KNX. n Dispositivi della rete KNX. n Installazione dell impianto domotico. n Posa dei tubi protettivi. n Spazi installativi

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Gli impianti. n Telegramma KNX. n Dispositivi della rete KNX. n Installazione dell impianto domotico. n Posa dei tubi protettivi. n Spazi installativi"

Transcript

1 in collaborazione con la casa editrice presenta: Gli impianti domotici Descrizione n La tecnologia BUS n Lo standard KNX n Campi di applicazioni della tecnologia BUS n Mezzi per la trasmissione dei segnali n Cavi in rame n Onde convogliate n Onde radio n L impianto domotico cablato - Topologia della rete n Telegramma KNX n Dispositivi della rete KNX n Installazione dell impianto domotico n Posa dei tubi protettivi n Spazi installativi n Criteri installativi dell impianto domotico n Modalità di configurazione dei dispositivi KNX n Configurazione in System-Mode n Configurazione in Easy-Mode Tratto dal volume Manuale degli impianti elettrici pubblicato da Editoriale Delfino Srl Milano Maggiori informazioni su:

2 GLI IMPIANTI DOMOTICI La tecnologia BUS Nell impianto elettrico tradizionale i vari sistemi (illuminazione, comandi di automazione di tapparelle e tende, citofono, sistemi di allarme per perdite di gas e di acqua, sistema antintrusione, controllo del clima ecc.) sono nettamente distinti in quanto funzionano in modo indipendente e richiedono collegamenti indipendenti; infatti ciascun dispositivo di comando o controllo deve essere collegato fisicamente (con conduttori) all'utenza da comandare e all alimentazione. Negli impianti cosiddetti domotici, l impiego della tecnologia basata sul BUS, consente invece di realizzare un unico sistema integrato, migliorando la flessibilità dell impianto, riducendo i tempi di installazione ed aumentando enormemente le funzionalità offerte all utente. Questa tecnica consiste essenzialmente nel realizzare due circuiti separati: uno destinato ai comandi e l altro a fornire l energia agli apparecchi utilizzatori. Il primo è costituito, appunto, dal bus mediante la quale i dispositivi di comando e di attuazione, dotati di una propria elettronica di elaborazione e di comunicazione (microprocessore), sono in grado di scambiare tra loro informazioni sotto forma di messaggi codificati in forma digitale. Il circuito di alimentazione collega invece gli attuatori che, a seguito di un comando inviato sul bus, attivavano o disinseriscono le utenze fornendo loro la tensione di rete necessaria al funzionamento. Il collegamento tra il dispositivo di comando e l'utenza da comandare, pertanto non è più costituito da conduttori ma da un collegamento logico, tra comando e attuatore, che viene realizzato in fase di programmazione dei dispositivi. L impianto che ne deriva presenta uno schema molto semplificato e indipendente dalla funzionalità dell impianto stesso (fig. 1). L estrema semplificazione dei cablaggi dovuta al collegamento in parallelo di tutte le utenze permette la realizzazione di funzioni evolute, normalmente di difficile o impossibile implementazione con l impiantistica tradizionale, e la possibilità di modifiche delle funzioni dell impianto e ampliamenti con nuove funzioni, aggiungendo semplicemente nuovi apparecchi al cablaggio di base già realizzato, senza la necessità di particolari modifiche murarie e strutturali. Le variazioni dei collegamenti logici tra ciascun dispositivo di comando e il relativo attuatore, ossia la riconfigurazione del sistema, avviene senza intervenire sui collegamenti fisici, ma semplicemente cambiando il programma del processore e/o i messaggi; ciò consente -1

3 Fig. 1 vantaggi tanto più evidenti quanto maggiore è: il numero dei dispositivi; la loro distanza; la complessità dei programmi d attuazione. Ad esempio, se in un ambiente si vuole aggiungere un nuovo punto di comando per una lampada già controllata da due punti, sarà sufficiente collegare un pulsante in un qualsiasi punto del bus e configurarlo per comandare l accensione e lo spegnimento della lampada. Anche in relazione all affidabilità il sistema offre ottime prestazioni: l eventuale guasto di un componente non mette in pericolo il corretto funzionamento di tutto l'impianto, ma esclude solo l'elemento interessato. Lo standard KNX Inizialmente si sono affermati tre standard diversi che solo nel 1996 hanno dato vita all Associazione Konnex (oggi denominata KNX International ), nata con lo scopo di stabilire uno standard europeo e di far confluire in esso le tre tecnologie originali (EIBA, BATIBUS e HESA). Oggi il numero di aziende del settore elettrotecnico e dell'automazione associate a Konnex International superano il centinaio con un offerta di circa apparecchiature e componenti a marchio KNX, garanzia di compatibilità e interoperabilità con gli altri dispositivi KNX. -2

4 Campi di applicazioni della tecnologia BUS L adozione di dispositivi domotici per il comando, controllo e monitoraggio dei vari impianti tecnici di un edificio permette numerose funzionalità che possono essere sintetizzate come indicato nella tabella 1. Mezzi per la trasmissione dei segnali I mezzi trasmissivi utilizzati dai dispositivi per comunicare tra loro possono essere i cavi in rame, le onde convogliate, le onde radio. In ogni caso è sempre possibile realizzare impianti che utilizzano contemporaneamente due o tutti e tre i mezzi trasmissivi. Cavi in rame Sono cavi a 2 o a 4 conduttori, con doppio isolamento. Nel tipo a 2 conduttori (denominato TP1- Twisted Pair) questi sono dedicati alla trasmissione del segnale e all'alimentazione, in bassissima tensione di sicurezza, dei dispositivi KNX; nel tipo a 4 conduttori la coppia con rivestimento rosso (positivo) e nero (negativo) è riservata al bus e all alimentazione, mentre quella bianco/gialla è di riserva e può avere altri utilizzi come, ad esempio, alimentare altre reti SELV. Il cavo bus di segnale è disponibile anche in un esecuzione a forma piatta che presenta i conduttori sempre nella stessa posizione e permette in questo modo di utilizzare la tecnologia di connessione a perforazione d isolante; una derivazione può essere realizzata rapidamente poiché non sono necessarie le operazioni di sguainatura del cavo e di inserimento nel morsetto. La versione piatta risulta ideale per realizzare lunghe dorsali rettilinee da posare nelle intercapedini come pavimento rialzato o controsoffitto con derivazioni di lunghezza limitata verso gli apparecchi bus. Onde convogliate Per la trasmissione si utilizzano le normali linee di potenza dell impianto (230 Vac) per convogliare, mediante onde ad alta frequenza, le informazioni di controllo e supervisione dell'impianto. Onde radio La flessibilità offerta da questa tecnologia fornisce rilevanti vantaggi: ad esempio la possibilità di installare i comandi su strutture non idonee al passaggio dei fili o di variare la disposizione degli arredi nelle camere senza dover ricorrere a dispendiosi lavori di muratura. Per le sue caratteristiche, è una tecnologia particolarmente indicata nelle ristrutturazioni. L impianto demotico cablato Topologia della rete La realizzazione dell impianto mediante l uso dei cavi TP1 per il cablaggio dei dispositivi è il sistema più utilizzato. L impianto più semplice è costituito dalla linea bus, ossia la più pic- -3

5 Tabella 1 Principali funzioni offerte dal sistema KNX Illuminazione L accensione/spegnimento e la regolazione dell intensità luminosa degli apparecchi di illuminazione possono essere realizzati, con comando manuale (pulsanti tradizionali o telecomandi a raggi infrarossi) o automatico (temporizzatori o sensori di presenza persone, sensori crepuscolari e di luminosità ecc.). Il collegamento di ciascun dispositivo al rispettivo apparecchio di illuminazione o a più apparecchi può essere modificato riconfigurando la connessione logica tramite il software. Ma l aspetto più interessante si ha, come si vedrà in seguito, con la creazione di scenari ossia l esecuzione di più funzionalità con un solo comando. Controllo del clima Il sistema bus consente il miglioramento del comfort e la minimizzazione dei consumi. È possibile controllare tutti i tipi di terminali degli impianti di riscaldamento e climatizzazione: dai tradizionali radiatori ai pannelli radianti a pavimento o da soffitto. È possibile differenziare la gestione dell'impianto termico per zone indipendenti tra loro in funzione delle loro modalità di utilizzo e della temperatura richiesta nelle varie ore del giorno e della notte. Ad esempio, all apertura di una finestra per lungo tempo il termostato coordinato con il sensore di apertura finestra attenua o spegne il riscaldamento (o il condizionamento) che viene riattivato automaticamente alla chiusura della finestra. Comando di tapparelle, tende da sole e impianto irrigazione L apertura e la chiusura motorizzata delle tapparelle e delle persiane offre vantaggi in termini di comfort; si può rendere la casa accessibile (in inverno) e ripararla (in estate) dall'irraggiamento diretto in base ad un programma temporizzato o in relazione all intensità dell'irraggiamento. Al variare delle condizioni meteo, il sensore vento può comandare automaticamente gli azionamenti motorizzati per la chiusura di lucernai e finestre, il sollevamento di tapparelle e veneziane od il riavvolgimento di tende da sole. La gestione dell'irrigazione, già diffusa nelle case, con l integrazione nell impianto domotico evita l irrigazione in caso di pioggia (segnalata da un sensore pioggia); consente il controllo e la gestione dell'impianto da remoto tramite telefono. Allarmi tecnici Consentono di prevenire rischi di allagamento o di fuoriuscite di gas: i sensori rilevano la perdita e comandano automaticamente la chiusura dell'elettrovalvola posta sulla tubazione, attivando una segnalazione locale ed inviando sul bus un messaggio di allarme che può essere anche trasmesso mediante SMS su un apparecchio telefonico remoto. -4

6 Sicurezza antintrusione L'integrazione dei diversi sistemi permette di ottenere un livello di sicurezza superiore rispetto al consueto impianto antifurto; infatti questo può dialogare, ad es., con gli impianti di videosorveglianza, di illuminazione (per programmare accensioni e spegnimenti casuali e simulare la presenza di persone) e con gli altri impianti della casa; può inoltre attivare un segnale di avviso rilanciato su cellulare. L impianto antifurto può essere integrato negli scenari (ad es. nello scenario notte che attiva solo la protezione perimetrale dell'impianto o in quello uscita da casa che attiva l'intera protezione e spegne tutte le luci). Comunicazione Per sfruttare appieno le potenzialità offerte dall'impianto domotico si utilizza un remotizzatore, che consente di impartire via rete GSM i comandi riguardanti tutte le funzioni presenti nell'impianto e trasmettere una serie di informazioni come, ad esempio, le chiamate citofoniche o effettuare il controllo visivo della casa da remoto via internet per rilevare accessi indesiderati, o anche solo per accertare le condizioni degli ambienti di casa. Scenari Lo scenario è l esecuzione coordinata e contemporanea di più funzionalità attuata con un solo comando in relazione a particolari momenti della giornata o a particolari esigenze. Esempi di scenari in un edificio residenziale sono: Notte: vengono abbassate tutte le tapparelle, si attenua la temperatura, si attiva la protezione antifurto perimetrale dell'edificio, si spengono tutte le luci della casa ad eccezione di quelle per raggiungere la zona notte. Risveglio: viene impostata anticipatamente una temperatura confortevole nei bagni, tutte le tapparelle vengono alzate e disinserita la protezione dell'antifurto. Uscita di casa: si inserisce l'antifurto, si abbassano le tapparelle, si attenua il riscaldamento, si spegono tutte le luci. cola unità del sistema KNX in grado di funzionare. Poiché alla linea possono essere collegati un massimo di 64 apparecchi, in una casa unifamiliare può risultare sufficiente per realizzare l intero impianto demotico, tenuto conto che il numero di circuiti di comando realizzabili è superiore a 64 in quanto molti apparecchi dispongono di più canali indipendenti fra loro. La linea va dotata di un alimentatore che fornisce la bassissima tensione di sicurezza necessaria al funzionamento dell elettronica degli apparecchi. L estensione della linea ha un limite: ciascun apparecchio non può distare da qualsiasi altro più di 700 m, misurati lungo il cavo, a -5

7 Fig. 2 Fig. 3 causa del tempo necessario ad un messaggio per percorrere la linea bus: se due o più apparecchi incominciano a trasmettere contemporaneamente, la collisione tra messaggi può essere individuata e risolta soltanto rispettando questo limite. Quando è richiesto un numero di apparecchi maggiore è possibile ampliare il sistema aggiungendo un segmento per mezzo di un ac- -6

8 coppiatore di linea, in questo caso utilizzato con la funzione di ripetitore. Ogni segmento deve disporre di un proprio alimentatore e consente il collegamento di un massimo di 64 apparecchi bus. La linea bus iniziale può essere prolungata al massimo aggiungendo tre segmenti, per un numero complessivo di apparecchi pari a 256 (fig. 2). Per ampliare l impianto si può ricorrere all aggiunta di altre linee bus (fino ad un massimo di 15), collegate tra loro mediante una linea principale ed accoppiatori di linea (fig. 3): l insieme di tutte queste linee forma un campo. In un campo possono perciò essere installati fino ad un massimo di 64 x 15 = 960 apparecchi bus. Telegramma KNX Le informazioni sono trasferite all'interno del sistema KNX tramite telegrammi con logica binaria costituiti da (fig. 4): indirizzo del dispositivo, del gruppo di dispositivi o di tutti i dispositivi che devono ricevere il messaggio; indirizzo del dispositivo che invia il messaggio. dati/informazioni ovvero il contenuto del messaggio che il mittente vuole inviare al/ai destinatario/i. controllo errori per consentire al destinatario di verificare l'integrità del messaggio ricevuto. Le trasmissioni di ogni singolo telegramma in realtà sono costituite da variazioni di tensione sul bus, che vengono sovrapposte alla tensione continua di alimentazione. Per evitare collisioni tra i vari telegrammi vengono attribuite loro delle priorità mediante un particolare sistema di controllo errori. L indirizzo del dispositivo (indirizzo fisico) rappresenta un codice univoco che permette di distinguere senza ambiguità ogni apparecchio bus da tutti gli altri. L indirizzo di gruppo può essere assegnato a più apparecchi (ad es. per il comando dell illuminazione: soggiorno, corridoio, camera da letto, ecc.) e rappresenta il meccanismo per stabilire dei legami logici fra i vari dispositivi senza la necessità di stabilire un collegamento fisico diretto punto-a-punto. Ad ogni attuatore possono essere assegnati più indirizzi di gruppo Fig. 4-7

9 mentre i sensori possono inviare un solo indirizzo di gruppo per ogni telegramma. Dispositivi della rete KNX Per il funzionamento della rete sono necessari essenzialmente i dispositivi di sistema (alimentatori e accoppiatori/ripetitori) e i dispositivi dedicati alle singole funzioni: a alimentatore: fornisce energia a tutti i dispositivi collegati a ciascun segmento di linea bus; b accoppiatore/ripetitore: separa galvanicamente le linee bus, rigenera il segnale, impedisce che un guasto elettrico ad una linea si propaghi alle altre linee ed inoltre permette di ampliare l'architettura complessiva di un sistema KNX; può essere usato come: accoppiatore linea/campo: collega tra loro le linee alla linea principale; ripetitore: collega tra loro due segmenti di linea, rigenerando il segnale che potrebbe essere degradato. c dispositivi di applicazione ossia di ingresso e uscita costituiti di due moduli: uno, comprendente il controllore a microprocessore e il modulo di trasmissione (accoppiatore), è destinato alla connessione al bus per l'interscambio dei segnali; l altro (modulo applicativo) è destinato a svolgere una determinata funzione quale, ad esempio, il comando o l attuazione (per l accensione e lo spegnimento di una lampada). Un apposito connettore (PEI) consente il collegamento tra i due dispositivi. Come dispositivi di comando si possono utilizzare pulsanti, sensori, pannelli di comando, cronotermostati ecc.; come attuatori si possono utilizzare relè, dimmer, display ecc. I dispositivi di comando possono essere i normali pulsanti o interruttori delle serie civili purchè dotati dell accoppiatore che ne consente il collegamento al bus (fig. 5). In genere negli attuatori o negli apparecchi da montare nei quadri elettrici, accoppiatore bus e modulo applicativo sono inseriti all interno della stessa custodia. Installazione dell impianto domotico In linea generale, un impianto domotico KNX in cavo prevede: tubazioni sottotraccia, scatole da incasso, centralini e quadri di distribuzione; inserimento del cavo bus nelle tubazioni sottotraccia con le derivazione poste in apposite scatole; installazione degli apparecchi di sistema, necessari per il funzionamento dell impianto bus; installazione degli apparecchi dedicati alle singole funzioni (sensori ed attuatori), in varie esecuzioni per montaggio in scatole incassate da parete, sporgente a parete, a quadro su guida profilata DIN od integrato in altri apparecchi. -8

10 Fig. 5 Il punto di partenza è rappresentato dalla planimetria dell'appartamento, su cui vengono tracciati il percorso del bus e gli spazi installativi, ossia i contenitori nei quali vanno inseriti i dispositivi domotici e tradizionali (come pulsanti, interruttori, protezioni, ecc.). Nella figura 6 è riportato un esempio di predisposizione per l impianto di un appartamento. Posa dei tubi protettivi La posa delle condutture sottotraccia, vincolata dalle caratteristiche dell edificio e dalle aree di installazione, può essere, come nell impianto tradizionale a parete, a soffitto, a pavimento. In ogni caso è opportuno che le tubazioni (e le scatole) siano posate in ogni parete dei vari locali per rendere possibili futuri ampliamenti senza necessità di opere murarie. Con la posa a parete è opportuno che le condutture colleghino ad anello le scatole da incasso previste nell ambiente; in quella a pavimento o a soffitto, le condutture si diramano da un punto di accesso verso le scatole da incasso secondo una configurazione a stella. Nella disposizione delle tubazioni si deve tener conto che il cavo bus del sistema KNX ha un isolamento principale ed una guaina aggiuntiva che assicurano un isolamento sino a 4 kv. Può pertanto coesistere nello stesso tubo protettivo con i conduttori di distribuzione dell energia (230 V) e del segnale telefonico. Spazi installativi Per quanto riguarda gli spazi installativi si devono prendere in considerazione: il centralino d appartamento; i quadretti di distribuzione; -9

11 Fig. 6 le scatole di derivazione; le scatole da incasso con telaio portapparecchi. I dispositivi di comando (pulsanti, sensori, cronotermostati ecc) sono collocati nelle scatole con telaio portapparecchi, mentre gli attuatori per il comando dei carichi elettrici possono essere collocati nelle scatole di derivazione, nelle scatalole portafrutti e anche nel centralino unitamente ai dispositivi di sistema (accoppiatori/ripetitori). Centralino e quadri di distribuzione Nell impianto domotico, a differenza di quello tradizionale, gli apparecchi per guida DIN possono essere più numerosi e lo spazio disponibile per la loro installazione deve essere adeguato. Per abitazioni unifamiliari o ville a schiera è opportuno prevedere almeno un quadro di distribuzione per ogni piano dell edificio ed un centralino (di dimensioni maggiori) nel locale tecnico o nel seminterrato; negli edifici ad uso ufficio occorrono un quadro generale e un quadro per ciascuna zona. È consigliabile sovradimensionare i -10

12 quadri almeno del 30%, lasciando dello spazio libero per successive espansioni. Nei quadri per collegare fra loro gli apparecchi bus è stato sviluppato il cosiddetto binario dati. Si tratta di una supporto di materiale plastico, da applicare sulla guida profilata DIN, sul quale sono presenti 4 binari metallici, destinati alla trasmissione dei dati ed alla distribuzione della tensione di alimentazione bus, che si connettono direttamente, tramite un apposito sistema di contatti a pressione, agli apparecchi che vengono installati sulla guida DIN. Scatole portafrutti e di derivazione È opportuno installare scatole aggiuntive, oltre quelle necessarie a contenere gli apparecchi domotici previsti per svolgere le funzioni inizialmente richieste, dove è prevedibile che possano essere installati altri apparecchi in tempi successivi, portando in esse il cavo bus e, se necessario, l alimentazione di rete; ulteriori scatole devono essere previste per effettuare le derivazioni della linea bus. Quanto più estesa è la rete del bus e numerose le scatole tanto più semplice sarà implementare nuove funzioni senza necessità di opere murarie e ritinteggiatura dei locali. Il corretto posizionamento delle scatole è fondamentale: è il caso ad esempio dei termostati ambiente che devono essere disposti su di una parete interna a circa 150 cm di altezza, a sufficiente distanza da finestre e porte e da apparecchi soggetti a dissipazione termica ed in una posizione tale da non essere influenzati dall irraggiamento solare diretto; dove sono presenti radiatori, è preferibile inoltre il posizionamento sulla parete opposta rispetto ad essi. Anche nelle scatole di derivazione e nei centralini è possibile la coesistenza di dispositivi e cablaggi bus con dispositivi di altre reti (ad esempio un punto di comando dell impianto KNX con una presa a spina), grazie alle soluzioni tecniche adottate per i dispositivi e per il cavo bus. Gli apparecchi KNX sono connessi al bus mediante un particolare morsetto (fig. 7a) equivalente ad una presa (la parte spina è integrata nell apparecchio). Il morsetto, dotato di una codifica meccanica per facilitarne l inserimento nell apposita sede evitando errori dovuti all inversione di polarità (fig. 7b), può essere utilizzato anche per eseguire la derivazione della linea bus all interno delle scatole da incasso (fig. 7c). Estraendo il morsetto dall apparecchio bus, è possibile sostituire un apparecchio senza interrompere la continuità della linea bus e, di conseguenza, il funzionamento del resto del sistema. Criteri installativi dell impianto domotico Il bus, oltre ad essere un vettore di informazioni, come già accennato porta anche l alimentazione SELV ai dispositivi. Ciò comporta inevitabilmente che le tratte bus abbiano una lunghezza massima da non superare e che si debba fare molta attenzione nel tracciare il percorso del doppino nell'edificio (fig. 8). -11

13 Fig. 7 Nella posa del bus insieme ai conduttori di potenza all interno di scatole di derivazione e quadri elettrici occorre osservare alcune avvertenze: se le guaine dei due cavi non vengono rimosse, non v è una alcuna distanza da rispettare; analogamente se viene rimossa la sola guaina del cavo di alimentazione 230 Vac, un suo conduttore può venirsi a trovare a ridosso alla guaina del cavo bus (fig. 9 a); se il conduttore di potenza e il cavo bus cavi vengono entrambi sguainati, occorre rispettare una distanza di almeno a 4 mm fra i due conduttori (fig. 9 b), diversamente si deve interporre un setto isolante o inserire i conduttori bus in una guaina protettiva flessibile. Modalità di configurazione dei dispositivi KNX I dispositivi KNX dell impianto domotico, una volta installati, possono essere configurati in due diversi modi: in modalità system (S-mode) che richiede l'uso di un PC con il software ETS; in modalità easy (E-mode), che non necessita di un PC ma impiega altre tecniche per la programmazione delle funzioni. Configurazione in System-Mode La modalità di configurazione System mode è ideale quando sono richieste funzioni di automazione e controllo varie e complesse e i re- Fig. 8-12

14 Fig. 9 quisiti di sistema sono elevati per quanto riguarda il numero di apparecchi, la personalizzazione delle funzioni e la distribuzione spaziale (impianti di building automation): essa è basata sull'impiego del software ETS e, di conseguenza, richiede necessariamente l uso di un PC. Il principale vantaggio offerto da questa modalità risiede nella massima flessibilità delle fasi di progettazione e configurazione. Mediante il software è possibile: assegnare l indirizzo fisico ai dispositivi; definire gli indirizzi di gruppo (ossia collegare logicamente tra di loro ingressi e uscite) e assegnarli ai dispositivi; cambiare i parametri applicativi di un dispositivo; monitorare il traffico di telegrammi sulle linee bus; monitorare l andamento di una variabile ad esempio la temperatura rilevata da un termostato; importare ed esportare progetti e stampare liste di dispositivi utilizzati. Configurazione in Easy-Mode La configurazione Easy mode dell impianto è una metodologia semplificata, adatta per impianti nelle abitazioni, che mira alla riduzione di passaggi ed alla semplificazione di tutte le fasi necessarie per la messa in servizio. I dispositivi Easy, a differenza di quelli System, contengono già al loro interno le configurazioni possibili; ciò, se da un lato limita il numero di funzioni disponibili, dall altro semplifica notevolmente il processo di messa in servizio del sistema. Le funzioni disponibili rimangono comunque ampiamente sufficienti a soddisfare tutte le esigenze di applicazioni domotiche. La particolarità che distingue i prodotti Easy da quelli System è la capacità di rendere automatiche diverse operazioni di configurazione ed evitare all operatore di dover inserire dati e informazioni de- -13

15 Fig. 10 scrittivi del dispositivo. In particolare l indirizzo fisico ed i collegamenti logici (indirizzi di gruppo) sono definiti in modo automatico con un intervento minimo da parte dell operatore e, soprattutto, senza che questo debba sapere cosa sono e a cosa servono. Le modalità di configurazione possibili sono due: PushButton: i dispositivi sono dotati di una particolarità funzionale per cui, premendo un pulsante, si mettono in attesa di ricevere e inviare le informazioni di configurazione. Controller: un dispositivo, detto configuratore (fig. 10) facente parte dell impianto, mediante un semplicissimo menù a display, permette di interrogare i dispositivi nella rete, di definire gli indirizzi di gruppo e di impostare i parametri. Questa modalità è sicuramente quella con il miglior rapporto tra semplicità di configurazione e numero di funzioni disponibili. -14

SERIE 90 EIB. Apparecchi per la domotica

SERIE 90 EIB. Apparecchi per la domotica Apparecchi per la domotica 179 IL SISTEMA BUS KNX/ E LA SUA ARCHITETTURA I sistemi BUS costituiscono una moderna tecnologia per la realizzazione degli impianti negli edifici residenziali, in quelli dedicati

Dettagli

CAPITOLATO. Sistema di automazione domestica. Appartamento tipo 90 m 2 - dotazione base. Divisione My Home Progettazione Applicazioni Domotiche

CAPITOLATO. Sistema di automazione domestica. Appartamento tipo 90 m 2 - dotazione base. Divisione My Home Progettazione Applicazioni Domotiche CAPITOLATO Sistema di automazione domestica Appartamento tipo 90 m 2 - dotazione base Pagina 1 di 11 25/09/06 Introduzione Divisione My Home Da alcuni anni si sta assistendo ad una radicale trasformazione

Dettagli

CHE COS'È LA DOMOTICA

CHE COS'È LA DOMOTICA CHE COS'È LA DOMOTICA La domotica è quella disciplina che si occupa dello studio delle tecnologie volte a migliorare la qualità della vita nella casa e più in generale negli edifici. Ma non solo. La domotica

Dettagli

01 - INTRODUZIONE ALLA DOMOTICA

01 - INTRODUZIONE ALLA DOMOTICA 01 - INTRODUZIONE ALLA DOMOTICA L impianto elettrico: da tradizionale a domotico L insegnamento della domotica KNX Sommario L impianto tradizionale L impianto domotico Il cavo bus Comandi ed attuatori

Dettagli

CAPITOLATO. Sistema di automazione domestica. Appartamento tipo 90 m 2 - dotazione lusso. Divisione My Home Progettazione Applicazioni Domotiche

CAPITOLATO. Sistema di automazione domestica. Appartamento tipo 90 m 2 - dotazione lusso. Divisione My Home Progettazione Applicazioni Domotiche CAPITOLATO Sistema di automazione domestica Appartamento tipo 90 m 2 - dotazione lusso Pagina 1 di 17 25/09/06 Introduzione Divisione My Home Da alcuni anni si sta assistendo ad una radicale trasformazione

Dettagli

1 - Che cosa è un impianto BUS 2 - KNX standard mondiale per l automazione dei fabbricati 3 - Applicazioni e vantaggi di un impianto KNX

1 - Che cosa è un impianto BUS 2 - KNX standard mondiale per l automazione dei fabbricati 3 - Applicazioni e vantaggi di un impianto KNX 1 - Che cosa è un impianto BUS 2 - KNX standard mondiale per l automazione dei fabbricati 3 - Applicazioni e vantaggi di un impianto KNX Pag. 2 1 NUOVI REQUISITI PER GLI EDIFICI Oggi nella realizzare di

Dettagli

12 - INTRODUZIONE ALLA BUILDING AUTOMATION

12 - INTRODUZIONE ALLA BUILDING AUTOMATION 12 - INTRODUZIONE LA BUILDING AUTOMATION Sommario Dalla Home alla Building Automation La configurazione in S-Mode L architettura e la topologia La gamma Master Chorus: supervisione ed integrazione 2 Obiettivi

Dettagli

DAL 1987 APRIAMO LE PORTE AI NOSTRI CLIENTI, HOTEL, PARCHEGGI, EDIFICI.

DAL 1987 APRIAMO LE PORTE AI NOSTRI CLIENTI, HOTEL, PARCHEGGI, EDIFICI. DAL 1987 APRIAMO LE PORTE AI NOSTRI CLIENTI, HOTEL, PARCHEGGI, EDIFICI. Comfort: comodità, agio, e in particolare, con significato concreto, le comodità materiali, il complesso di impianti, installazioni

Dettagli

Building Automation. Inquinamento e risparmio energetico

Building Automation. Inquinamento e risparmio energetico Building Automation Il concetto edificio intelligente o meglio conosciuto come Building Automation, identifica quelle costruzioni progettate e costruite in modo da consentire la gestione integrata e computerizzata

Dettagli

Gestione della termoregolazione in un impianto domotico KNX. Save 2012 - Veronafiere 24-25 ottobre

Gestione della termoregolazione in un impianto domotico KNX. Save 2012 - Veronafiere 24-25 ottobre Gestione della termoregolazione in un impianto domotico KNX Save 2012 - Veronafiere 24-25 ottobre PROGRAMMA Il sistema KNX Descrizione dei dispositivi utilizzati Impianti di termoregolazione gestiti Modalità

Dettagli

Corso di aggiornamento Sulla domotica

Corso di aggiornamento Sulla domotica Corso di aggiornamento Sulla domotica 3) Attuatori e panoramica sui sistemi commerciali marcello.ferri@tiscalinet.it GLI ARGOMENTI DI OGGI Commenti sulla lezione precedente Panoramica sugli Attuatori e

Dettagli

Nuovo sistema tebis, l impianto elettrico diventa benessere.

Nuovo sistema tebis, l impianto elettrico diventa benessere. Nuovo sistema tebis, l impianto elettrico diventa benessere. Nuovo sistema l impianto elettrico t e bi s ecnologia evoluta aperta a tutti i sistemi di spandibilità in tempi successivi e senza limitazioni

Dettagli

l evoluzione della casa Lo Standard KNX Introduzione allo standard Mondiale Home & Building Konnex. Aspetti normativi. Elementi base del sistema KNX

l evoluzione della casa Lo Standard KNX Introduzione allo standard Mondiale Home & Building Konnex. Aspetti normativi. Elementi base del sistema KNX MART Lo Standard KNX Introduzione allo standard Mondiale Home & Building Konnex. Aspetti normativi. Elementi base del sistema KNX 1 Obiettivo: la Semplificazione... Per controllare tutte le apparecchiature

Dettagli

Caratteristiche generali e tecnologia

Caratteristiche generali e tecnologia Caratteristiche generali e tecnologia Indice Descrizione Campi di applicazione... / Struttura del sistema e posa dei cavi... / Tipologia dei dispositivi... / Modalità di trasferimento delle informazioni

Dettagli

l evoluzione della casa Livello 3 - Domotico Le dotazioni richieste, le funzioni domotiche. Aumento della sicurezza e del risparmio energetico.

l evoluzione della casa Livello 3 - Domotico Le dotazioni richieste, le funzioni domotiche. Aumento della sicurezza e del risparmio energetico. MART Livello 3 - Domotico Le dotazioni richieste, le funzioni domotiche. Aumento della sicurezza e del risparmio energetico. 1 Dotazioni... 2 Dotazioni... 3 Dotazioni... 4 Dotazioni... 5 Dotazioni... 6

Dettagli

DOMOTICA TECNOLOGIA DELL ABITARE

DOMOTICA TECNOLOGIA DELL ABITARE CUnEdI Centro Universitario Edifici Intelligenti Università degli Studi di Trento DOMOTICA TECNOLOGIA DELL ABITARE COMO-17 novembre 2006 1 PREMESSA INTRODUZIONE Il maggior limite alla diffusione della

Dettagli

Residenza Airone. PELLA (NO) fraz. Alzo. Le soluzioni di automazioni domestica My Home di BTicino proposte da EDILCUSIO s.r.l.

Residenza Airone. PELLA (NO) fraz. Alzo. Le soluzioni di automazioni domestica My Home di BTicino proposte da EDILCUSIO s.r.l. Residenza Airone PELLA (NO) fraz. Alzo Le soluzioni di automazioni domestica My Home di BTicino proposte da EDILCUSIO s.r.l. Le soluzioni domotiche My Home è il sistema di automazione domestica di BTicino

Dettagli

HOME & BUILDING AUTOMATION LO STANDARD KONNEX

HOME & BUILDING AUTOMATION LO STANDARD KONNEX HOME & BUILDING AUTOMATION LO STANDARD KONNEX Roma 01/07/2010 Ing. Salvatore Gargano Cell 3277383610 s.gargano@spaziodomotica.it Agenda L impianto tradizionale e l impianto a bus Prodotti proprietari e

Dettagli

ASPETTI TEORICI E PRATICI DELL AUTOMAZIONE DOMESTICA

ASPETTI TEORICI E PRATICI DELL AUTOMAZIONE DOMESTICA FEDELE ing. Domenico Antonio PROGETTAZIONE DI IMPIANTI Viale Barlaam da Seminara, 16/D 88100 CATANZARO E-mail: mimmofed@alice.it PEC: domenicoantonio.fedele@ingpec.eu Web: www.ingfedele.it Dispense e appunti

Dettagli

La configurazione e la messa in servizio dei dispositivi del sistema, si esegue facilmente e con poche operazioni: Fig. 2 2 a fase: trasmissione

La configurazione e la messa in servizio dei dispositivi del sistema, si esegue facilmente e con poche operazioni: Fig. 2 2 a fase: trasmissione Sistema RF comando e controllo Configurazione dei dispositivi a configurazione e la messa in servizio dei dispositivi del sistema, si esegue facilmente e con poche operazioni: A - Associazione tra i dispositivi

Dettagli

REALIZZAZIONE DELL IMPIANTO ELETTRICO DI UN APPARTAMENTO (1)

REALIZZAZIONE DELL IMPIANTO ELETTRICO DI UN APPARTAMENTO (1) REALIZZAZIONE DELL IMPIANTO ELETTRICO DI UN APPARTAMENTO (1) (1) http://leotardi.no-ip.com/html/impiantoelettrico/impiantoappar.htm Fasi di esecuzione (impianto sottotraccia) Cronologicamente si hanno

Dettagli

ABB i-bus EIB / KNX KIT INTERFACCIAMENTO DOMUSLINK EIB/KNX ED 029 4

ABB i-bus EIB / KNX KIT INTERFACCIAMENTO DOMUSLINK EIB/KNX ED 029 4 ABB i-bus EIB / KNX KIT INTERFACCIAMENTO DOMUSLINK EIB/KNX ED 029 4 Sistemi di installazione intelligente INDICE 1 GENERALE... 4 2 CARATTERISTICHE TECNICHE... 5 2.1 DATI TECNICI... 5 3 MESSA IN SERVIZIO...

Dettagli

La casa domotica: i vantaggi e i costi di realizzazione dell impianto

La casa domotica: i vantaggi e i costi di realizzazione dell impianto La casa domotica: i vantaggi e i costi di realizzazione dell impianto Oggi si sente parlare sempre più spesso di case domotiche. Ma cos è esattamente la casa domotica? Come funziona? Quali sono i suoi

Dettagli

Interfaccia EIB - centrali antifurto

Interfaccia EIB - centrali antifurto Interfaccia EIB - centrali antifurto GW 20 476 A 1 2 3 1 2 3 4 5 Terminali bus LED di programmazione indirizzo fisico Tasto di programmazione indirizzo fisico Cavo di alimentazione linea seriale Connettore

Dettagli

MY HOME CONTROLLO REMOTO INDICE DI SEZIONE. 392 Caratteristiche generali. Catalogo. 398 Dispositivi di controllo remoto MY HOME

MY HOME CONTROLLO REMOTO INDICE DI SEZIONE. 392 Caratteristiche generali. Catalogo. 398 Dispositivi di controllo remoto MY HOME CONTROLLO REMOTO INDICE DI SEZIONE 392 Caratteristiche generali Catalogo 398 Dispositivi di controllo remoto 391 Controllo remoto offre la possibilità di comandare e controllare tutte le funzioni integrate

Dettagli

Guida pratica all impianto elettrico nell appartamento (seconda parte)

Guida pratica all impianto elettrico nell appartamento (seconda parte) Guida pratica all impianto elettrico nell appartamento (seconda parte) Pubblicato il: 17/05/2004 Aggiornato al: 25/05/2004 di Gianluigi Saveri 1. L impianto elettrico L appartamento che si prende come

Dettagli

Guida pratica all impianto elettrico nell appartamento

Guida pratica all impianto elettrico nell appartamento Guida pratica all impianto elettrico nell appartamento La lavorazione dell impianto elettrico nell appartamento si sussegue con una scansione temporale che deve tener conto dei tempi e dei modi tipici

Dettagli

COMFORT, RISPARMIO E SICUREZZA? LA SOLUZIONE NON CORRE SOLO SUL FILO

COMFORT, RISPARMIO E SICUREZZA? LA SOLUZIONE NON CORRE SOLO SUL FILO COMFORT, RISPARMIO E SICUREZZA? LA SOLUZIONE NON CORRE SOLO SUL FILO Il sistema domotico offre soluzioni di comfort, risparmio e sicurezza a cui oggi è ben difficile rinunciare. Ma cosa fare quando nell

Dettagli

SERIE SYSTEM SERIE CIVILE UNIVERSALE

SERIE SYSTEM SERIE CIVILE UNIVERSALE SERIE SYSTEM SERIE CIVILE UNIVERSALE Un arcobaleno di colori e funzioni. La serie SYSTEM: un sistema universale di placche moderne che si articola in due gamme caratterizzate da infinite soluzioni creative

Dettagli

DOMOTICS Division. L internet della Casa

DOMOTICS Division. L internet della Casa DOMOTICS Division L internet della Casa Innovation Day 2014 Milano 25/09/2014 Fabio Nappo Direttore Divisione Domotics Agenda Ambiti applicativi: Smart Home & Smart Building Smart Home: oggi Smart Home:

Dettagli

ABB i-bus EIB Tutto sotto controllo. Sicuramente.

ABB i-bus EIB Tutto sotto controllo. Sicuramente. ABB i-bus EIB Tutto sotto controllo. Sicuramente. Il sistema ABB i-bus EIB rappresenta una nuova filosofia impiantistica ed è la scelta più semplice e intelligente per le soluzioni di building automation

Dettagli

Sistema integrato di chiamata infermiere

Sistema integrato di chiamata infermiere Descrizione del sistema Componenti principali dell'impianto: Per la realizzazione di un impianto di chiamata mbc call vengono utilizzati i seguenti componenti: Alimentatore con uscita bus 2 Vdc Montaggio

Dettagli

02 IL SISTEMA BUS KNX. Fondamenti e modalità di configurazione

02 IL SISTEMA BUS KNX. Fondamenti e modalità di configurazione 02 IL SISTEMA BUS KNX Fondamenti e modalità di configurazione OBIETTIVI DEL MODULO Al termine del corso conoscerete: le caratteristiche della tecnologia a bus la storia dell associazione Konnex (KNX) che

Dettagli

Moduli di espansione. Per le zone di ingresso, di uscita e di. controllo di: funzionalità antifurto, comandi domotici,

Moduli di espansione. Per le zone di ingresso, di uscita e di. controllo di: funzionalità antifurto, comandi domotici, Moduli di espansione Per le zone di ingresso, di uscita e di controllo di: funzionalità antifurto, comandi domotici, attuazioni a bassa e media potenza. Moduli di espansione I moduli di espansione servono

Dettagli

WGT. Sensore di temperatura per WS1 Color, WS1000 Color, KNX WS1000 Color. Dati tecnici ed avvertenze per l'installazione

WGT. Sensore di temperatura per WS1 Color, WS1000 Color, KNX WS1000 Color. Dati tecnici ed avvertenze per l'installazione IT WGT Sensore di temperatura per WS1 Color, WS1000 Color, KNX WS1000 Color Dati tecnici ed avvertenze per l'installazione Elsner Elektronik GmbH Tecnica di automazione e controllo Herdweg 7 D 75391 Gechingen

Dettagli

Creatività Italiana. Italian Creativity. d o m O S. educational. un sistema unico e diverso

Creatività Italiana. Italian Creativity. d o m O S. educational. un sistema unico e diverso d o m O S educational un sistema unico e diverso domos EDUCATIONAL Kit didattico per l'insegnamento della domotica negli istituti tecnici e professionali Sintesi domos Educational è uno strumento pensato

Dettagli

Elettronica ed Elettrotecnica. Tecnico in Elettronica ed Elettrotecnica

Elettronica ed Elettrotecnica. Tecnico in Elettronica ed Elettrotecnica DIPLOMATO INDIRIZZO Elettronica ed Elettrotecnica FIGURA PROFESSIONALE Tecnico in Elettronica ed Elettrotecnica con specializzazione in domotica Denominazione della figura professionale Descrizione sintetica

Dettagli

MY HOME CONTROLLO LE NOVITÀ. F444 Modem Router ADSL per guida DIN

MY HOME CONTROLLO LE NOVITÀ. F444 Modem Router ADSL per guida DIN MY HOME CONTROLLO LE NOVITÀ F444 Modem Router ADSL per guida DIN MHSERVER2 WEB Server 2 fili di controllo e supervisione audio/video e di sistemi SCS MY HOME MH300 Modem Router ADSL WiFi 298 MY HOME INDICE

Dettagli

DomoDigit. DomoDigit. Il controllo della vostra casa a portata di dito

DomoDigit. DomoDigit. Il controllo della vostra casa a portata di dito DomoDigit Il controllo della vostra casa a portata di dito DomoDigit DomoDigit è la tecnologia che unisce, integra e controlla i dispositivi elettrici ed elettronici utili per la gestione della casa.

Dettagli

LA DOMOTICA PER IL RISPARMIO ENERGETICO

LA DOMOTICA PER IL RISPARMIO ENERGETICO Novembre 2013 LA DOMOTICA PER IL RISPARMIO ENERGETICO Con i dispositivi domotici del sistema Chorus di GEWISS è possibile ridurre il consumo di elettricità, gas e acqua del 30% e aumentare il livello di

Dettagli

Introduzione alla supervisione di un sistema domotico con KonneXion

Introduzione alla supervisione di un sistema domotico con KonneXion Introduzione alla supervisione di un sistema domotico con KonneXion Un sistema di automazione d impianto (domotica) consente oggi di gestire in modo flessibile ed evoluto tutte le funzioni del Sistema

Dettagli

U N A V I L L A U N I F A M I L I A R E I N T E L L I G E N T E E A M I S U R A D 'U O M O

U N A V I L L A U N I F A M I L I A R E I N T E L L I G E N T E E A M I S U R A D 'U O M O L intento è quello di mostrare come anche all interno di un progetto architettonico semplice e totalmente a misura d uomo possa essere proposta una soluzione impiantistica all avanguardia che si svincola

Dettagli

La Domotica Evoluta. www.controlmanager.it

La Domotica Evoluta. www.controlmanager.it La Domotica Evoluta Ci Cairate (VA) 0331/1850360 Obiettivi della Domotica convergenza completezza registrazione gestione accessi programmabilità climatizzazione ambienti Control Casa Control Manager attiva

Dettagli

SISTEMI DI CONTABILIZZAZIONE

SISTEMI DI CONTABILIZZAZIONE SISTEMI DI CONTABILIZZAZIONE I VANTAGGI DELL IMPIANTO CENTRALIZZATO E DELL IMPIANTO AUTONOMO IN UN UNICA SOLUZIONE SISTEMI DI CONTABILIZZAZIONE Lo scenario energetico sta cambiando rapidamente; le direttive

Dettagli

I.B.S. Intelligent Building System Ver. 1.0

I.B.S. Intelligent Building System Ver. 1.0 I.B.S. Intelligent Building System Ver. 1.0 Pagina 1 di 31 I.B.S. Intelligent Building System Pagina 2 di 31 INDICE I.B.S. INTELLIGENT BUILDING SYSTEM 1. Cosa è I.B.S. Descrizione pag. 4 2. Componenti

Dettagli

un nuovo modo di vivere la casa

un nuovo modo di vivere la casa Domino & Contatto rappresentano il frutto della più avanzata tecnologia e dell esperienza maturata da Duemmegi come costruttore di sistemi BUS. un nuovo modo di vivere la casa Grazie a Domino il tradizionale

Dettagli

My Home. Introduzione MY HOME. My Home

My Home. Introduzione MY HOME. My Home Introduzione MY HOME Introduzione a Caratteristiche generali MY HOME R La casa come tu la vuoi Web Servizi per il controllo e la gestione della casa a distanza Cellulare Telefono fisso CONTROLLO Web server

Dettagli

Cosa vi aspettate da un sistema antifurto?

Cosa vi aspettate da un sistema antifurto? Cosa vi aspettate da un sistema antifurto? La risposta sembra semplice ed immediata...vogliamo essere protetti da eventuali furti o intrusioni indesiderate. La maggior parte dei clienti però non sa che

Dettagli

SISTEMA DI REGOLAZIONE NEST

SISTEMA DI REGOLAZIONE NEST SISTEMA DI REGOLAZIONE NEST La regolazione è il cuore efficiente del sistema NEST di riscaldamento e di raffrescamento degli ambienti. Il sistema permette in primo luogo di tenere sotto controllo continuamente

Dettagli

COMUNE DI OLBIA ( PROVINCIA DI OLBIA TEMPIO )

COMUNE DI OLBIA ( PROVINCIA DI OLBIA TEMPIO ) COMUNE DI OLBIA ( PROVINCIA DI OLBIA TEMPIO ) SETTORE SERVIZI ALLA PERSONA Allegato al Capitolato Speciale d Appalto Scheda tecnica sulla fornitura ed installazione di ausili domotici presso le abitazioni

Dettagli

La Domotica al servizio degli anziani e dei disabili: l esempio delle applicazioni per non vedenti Ing. Paolo Mongiovì

La Domotica al servizio degli anziani e dei disabili: l esempio delle applicazioni per non vedenti Ing. Paolo Mongiovì La Domotica al servizio degli anziani e dei disabili: l esempio delle applicazioni per non vedenti Ing. Paolo Mongiovì 1 Assodomotica Associazione per la promozione della domotica Divulgazione della cultura

Dettagli

QUALITÀ, ASSISTENZA, MANUTENZIONE... UNA RICETTA PER SODDISFARE AL MEGLIO LE ESIGENZE DEI CLIENTI.

QUALITÀ, ASSISTENZA, MANUTENZIONE... UNA RICETTA PER SODDISFARE AL MEGLIO LE ESIGENZE DEI CLIENTI. Sicuri e protetti. QUALITÀ, ASSISTENZA, MANUTENZIONE... UNA RICETTA PER SODDISFARE AL MEGLIO LE ESIGENZE DEI CLIENTI. SISTEMI ANTIFURTO ANTINTRUSIONE Realizzati per garantire la protezione del bene e

Dettagli

Cos è la domotica. www.sitzia.it

Cos è la domotica. www.sitzia.it Cos è la domotica La Domotica, anche conosciuta con il termine home automation, è la scienza dedita allo creazione e allo sviluppo delle tecnologie mirate a migliorare la qualità della vita nelle case

Dettagli

Matrice delle competenze THEME - Settore tecnologie elettriche/elettroniche con competenze parziali/ risultati di apprendimento

Matrice delle competenze THEME - Settore tecnologie elettriche/elettroniche con competenze parziali/ risultati di apprendimento AREE DI COMPETENZA FASI DELLO SVILUPPO DELLE COMPETENZE 1. Preparazione, progettazione, montaggio e installazione di impianti elettrici e/o elettronici per edifici a uso civile e applicazioni industriali

Dettagli

DOMOTICA HI SYSTEM IL "RIUSO" PER IL MASSIMO LIVELLO CON LA MINIMA SPESA

DOMOTICA HI SYSTEM IL RIUSO PER IL MASSIMO LIVELLO CON LA MINIMA SPESA DOMOTICA HI SYSTEM IL "RIUSO" PER IL MASSIMO LIVELLO CON LA MINIMA SPESA 1. INTRODUZIONE L'entrata in vigore della variante 3 della normativa 64-8 prevede la classificazione delle dotazioni impiantistiche

Dettagli

IL CONTRIBUTO DEI SISTEMI DOMOTICI ALLA GESTIONE ENERGETICA

IL CONTRIBUTO DEI SISTEMI DOMOTICI ALLA GESTIONE ENERGETICA IL CONTRIBUTO DEI SISTEMI DOMOTICI ALLA GESTIONE ENERGETICA DELL'EDIFICIO 1. Un quadro d insieme I mutamenti climatici e le risorse sempre più scarse rendono l impiego efficiente ed efficace dell energia

Dettagli

SOLUZIONI PER LA DOMOTICA

SOLUZIONI PER LA DOMOTICA O.E. OmniBus Engineering SA SOLUZIONI PER LA DOMOTICA O.E.OmniBus Enginnering SA Via Carvina, 4 CH-6807 Taverne Switzerland +41 91 9309520 - info@oeomnibus.ch www.oeomnibus.ch O.E. OmniBus Engineering

Dettagli

Il sistema nervoso dell impianto elettrico. Scelta dei cavi negli impianti elettrici del residenziale e del terziario

Il sistema nervoso dell impianto elettrico. Scelta dei cavi negli impianti elettrici del residenziale e del terziario Il sistema nervoso dell impianto elettrico Scelta dei cavi negli impianti elettrici del residenziale e del terziario Il compito principale di un cavo è quello di trasportare l energia all interno di un

Dettagli

Building Management System

Building Management System Building Management System Sistema Building Automation in tecnologia LonWorks I nodi di Apice basati sulla tecnologia LonWorks per l'automazione globale delle camere (come uffici, Hotel Camere e Altre

Dettagli

i.home Home Automation Solutions Inlon Engineering srl

i.home Home Automation Solutions Inlon Engineering srl i.home Home Automation Solutions Inlon Engineering srl i.home Controllo sempre e ovunque di una abitazione. Lo scopo di questo documento è fornire una descrizione generale delle possibilità offerte dalla

Dettagli

La tecnologia al servizio della sicurezza. Dal cantiere ai sistemi domotici.

La tecnologia al servizio della sicurezza. Dal cantiere ai sistemi domotici. ASSISTAL - La sicurezza negli edifici e nei cantieri La tecnologia al servizio della sicurezza. Dal cantiere ai sistemi domotici. Ing. Nicola Perico Formazione Tecnica GEWISS Spa Padova, 17 aprile 2008

Dettagli

1.01 Punto luce semplice 1 nr 7,27 7,27. 1.02 Punto di comando attuatore 1 relè ( ex int./dev./inv. ) 1 nr 59,80 59,80

1.01 Punto luce semplice 1 nr 7,27 7,27. 1.02 Punto di comando attuatore 1 relè ( ex int./dev./inv. ) 1 nr 59,80 59,80 Pagina 1 di 5 Nel seguito è descritto un esempio di impianto elettrico di LIVELLO 3, per un appartamento avente una superficie di circa 150/200 mq, costituito da: ingresso, soggiorno, cucina, tre bagni,

Dettagli

INDICE Manuale Volume 2

INDICE Manuale Volume 2 INDICE Manuale Volume 2 Pag. NOTA DEGLI EDITORI PREFAZIONE 1. INTRODUZIONE 1 2. DISPOSIZIONI LEGISLATIVE E RIFERIMENTI NORMATIVI 3 2.1 Principali disposizioni legislative 3 2.2 Principali norme tecniche

Dettagli

A-4-3-CTxx. Modelli disponibili

A-4-3-CTxx. Modelli disponibili A-4-3-CTxx Monitor domotico: Cronotermostato, Umidità e Scenari in un unico dispositivo da incasso a colori con tecnologia Hi Bus Modelli disponibili A-4-3-CT1 (1 zona ) A-4-3-CT2 ( 2 zone indipendenti

Dettagli

L energia elettrica nelle nostre case IMPIANTO ELETTRICO DI UN APPARTAMENTO

L energia elettrica nelle nostre case IMPIANTO ELETTRICO DI UN APPARTAMENTO L energia elettrica nelle nostre case IMPIANTO ELETTRICO DI UN APPARTAMENTO LA TECNOLOGIA IN CASA Diverse sono le applicazioni tecnologiche nelle nostre case. Impianto termico Impianto idraulico Impianto

Dettagli

TEL32G Sistema di Allarme e Telecontrollo su rete GSM

TEL32G Sistema di Allarme e Telecontrollo su rete GSM INDICE Sistema di Allarme e Telecontrollo su rete GSM Informazioni per utilizzo... 2 Generali... 2 Introduzione... 2 Istruzioni per la sicurezza... 2 Inserimento della SIM (operazione da eseguire con spento)...

Dettagli

Apparecchi. Cronotermostato elettronico GSM - CARATTERISTICHE TECNICHE

Apparecchi. Cronotermostato elettronico GSM - CARATTERISTICHE TECNICHE Apparecchi elettronico GSM - CARATTERISTICHE TECNICHE 01913 - elettronico GSM Alimentazione: 120-230 V~, 50-60 Hz. 2 batterie AAA NiMH 1,2 V ricaricabili (fornite) in grado di garantire, per alcune ore,

Dettagli

Un linguaggio comune per la domotica

Un linguaggio comune per la domotica Un linguaggio comune per la domotica La trasmissione e la corretta comprensione dʼinformazioni e comandi è indispensabile per il funzionamento ottimale degli impianti domotici Sono ormai di larga diffusione

Dettagli

RIPETITORE DI SEGNALE WIRELESS PER SISTEMA VIA RADIO ART. 45RPT000

RIPETITORE DI SEGNALE WIRELESS PER SISTEMA VIA RADIO ART. 45RPT000 RIPETITORE DI SEGNALE WIRELESS PER SISTEMA VIA RADIO ART. 45RPT000 Leggere questo manuale prima dell uso e conservarlo per consultazioni future 1 DESCRIZIONE GENERALE L espansore senza fili è un modulo

Dettagli

Soluzioni per l automazione dell edificio e della casa. Convegno CEI

Soluzioni per l automazione dell edificio e della casa. Convegno CEI Soluzioni per l automazione dell edificio e della casa Bus EIB Sistema Bus Konnex EIB SERIE 90 EIB - LE PRINCIPALI FUNZIONI Termoregolazione Controllo costante luminosità Attivazioni via telecomando Attivazioni

Dettagli

Atena è un azienda che progetta, sviluppa e commercializza prodotti e sistemi per l automazione degli edifici mantenendo tutti i livelli di comfort.

Atena è un azienda che progetta, sviluppa e commercializza prodotti e sistemi per l automazione degli edifici mantenendo tutti i livelli di comfort. Atena è un azienda che progetta, sviluppa e commercializza prodotti e sistemi per l automazione degli edifici mantenendo tutti i livelli di comfort. I valori alla base dell offerta sono: y Innovazione

Dettagli

PRODUZIONE DI ENERGIA DA FONTI RINNOVABILI RISPARMIO ENERGETICO

PRODUZIONE DI ENERGIA DA FONTI RINNOVABILI RISPARMIO ENERGETICO IPIA C.A. DALLA CHIESA OMEGNA PROGETTO ALTERNANZA SCUOLA LAVORO classi 4 e 5 TIEL TIM a.s. 2011/2012 PRODUZIONE DI ENERGIA DA FONTI RINNOVABILI RISPARMIO ENERGETICO prof. Massimo M. Bonini BUILDING AUTOMATION

Dettagli

sistema domotico Videocitofonia, videosorveglianza, intrattenimento: By-me cresce in tutte le direzioni.

sistema domotico Videocitofonia, videosorveglianza, intrattenimento: By-me cresce in tutte le direzioni. sistema domotico By-me cresce ancora Il sistema domotico Vimar cresce ancora. Con i nuovi moduli per la centrale By-me dialoga con la videocitofonia Due Fili di Elvox e i sistemi TVCC. E con l interfaccia

Dettagli

Building Automation. Building Automation

Building Automation. Building Automation Building Automation Il concetto di Building Automation prevede la gestione integrata e computerizzata degli impianti dell edificio, sia esso residenziale, terziario o industriale. Gli impianti, prima indipendenti

Dettagli

SUPERVISIONE DOMOTICA KNX CON LA APP HAPPY HOME

SUPERVISIONE DOMOTICA KNX CON LA APP HAPPY HOME Serie Chorus SUPERVISIONE DOMOTICA KNX CON LA APP HAPPY HOME Approfondimento tecnico Supervisione domotica KNX con HAPPY HOME - Approfondimento tecnico Pag 1 INDICE INTRODUZIONE 3 APP HAPPY HOME : CARATTERISTICHE

Dettagli

Home comfort, sicurezza, risparmio energetico, comunicazione audio/video e controllo a distanza modularità installativa l'integrazione funzionale

Home comfort, sicurezza, risparmio energetico, comunicazione audio/video e controllo a distanza modularità installativa l'integrazione funzionale My Home è la domotica di Bticino e rappresenta il nuovo modo di progettare l'impianto elettrico di casa. Grazie alla moderna tecnologia digitale è infatti possibile realizzare soluzioni evolute in termini

Dettagli

Ente Scuola Edile Taranto IMPIANTI IDRICI E ELETTRICI

Ente Scuola Edile Taranto IMPIANTI IDRICI E ELETTRICI Ente Scuola Edile Taranto IMPIANTI IDRICI E ELETTRICI IMPIANTI IDRICI Nello specifico gli elementi tecnici per sviluppare un buon impianto idrico possono essere sintetizzati in questo modo: - allacciamenti;

Dettagli

BUILDING-AUTOMATION: NUOVE FRONTIERE DELL IMPIANTISTICA INTEGRATA.

BUILDING-AUTOMATION: NUOVE FRONTIERE DELL IMPIANTISTICA INTEGRATA. BUILDING-AUTOMATION: NUOVE FRONTIERE DELL IMPIANTISTICA INTEGRATA. La tradizionale progettazione degli impianti tecnologici, fino a poco tempo fa, prevedeva più cablaggi, ognuno riferito ad ogni singola

Dettagli

Hotel System Management The Hotel Smartest Solution

Hotel System Management The Hotel Smartest Solution Hotel System Management The Hotel Smartest Solution Il Sistema Hotel di Apice è una naturale evoluzione della linea di Building Automation; integra una serie di prodotti altamente tecnologici, studiati

Dettagli

Allarmi tecnici MY HOME. Allarmi. tecnici

Allarmi tecnici MY HOME. Allarmi. tecnici R Allarmi tecnici MY HOME R 65 Caratteristiche generali Tramite gli allarmi tecnici si possono mettere sotto controllo i dispositivi dell abitazione che in caso di malfunzionamento potrebbero provocare

Dettagli

Ricevitore RF 8 canali EIB - da incasso GW 10 798 GW 12 798 GW 14 798

Ricevitore RF 8 canali EIB - da incasso GW 10 798 GW 12 798 GW 14 798 Ricevitore RF 8 canali EIB - da incasso GW 0 798 GW 798 GW 4 798 3 8 A 3 4 5 4 0 5 9 6 7 6 Pulsante di test canali EIB 3 4 5 6 LED multifunzione LED di programmazione indirizzo fisico Tasto di programmazione

Dettagli

BUNT Innovation. Efficienza e comfort per il tuo hotel a cinque stelle INTEGRATED SYSTEMS AND CONTROLS

BUNT Innovation. Efficienza e comfort per il tuo hotel a cinque stelle INTEGRATED SYSTEMS AND CONTROLS BUNT Innovation INTEGRATED SYSTEMS AND CONTROLS Efficienza e comfort per il tuo hotel a cinque stelle HOTEL automation and control BUNT Innovation si adatta alle Vostre esigenze ed al Vostro personale

Dettagli

Manuale di Prodotto. Mylos KNX Modulo 2 ingressi binari con interruttori a bilanciere 2CSYK1002C/S 2CSYK1003C/S

Manuale di Prodotto. Mylos KNX Modulo 2 ingressi binari con interruttori a bilanciere 2CSYK1002C/S 2CSYK1003C/S Manuale di Prodotto Mylos KNX Modulo 2 ingressi binari con interruttori a bilanciere 2CSYK1002C/S 2CSYK1003C/S Sommario Sommario 1 Caratteristiche tecniche... 4 1.1 Modulo 2 ingressi binario 1 interruttore...

Dettagli

Sistema di collegamento per elettrovalvole e distributori, compatibile con i bus di campo PROFIBUS-DP, INTERBUS-S, DEVICE-NET

Sistema di collegamento per elettrovalvole e distributori, compatibile con i bus di campo PROFIBUS-DP, INTERBUS-S, DEVICE-NET ValveConnectionSystem Sistema di collegamento per elettrovalvole e distributori, compatibile con i bus di campo PROFIBUS-DP, INTERBUS-S, DEVICE-NET P20.IT.R0a IL SISTEMA V.C.S Il VCS è un sistema che assicura

Dettagli

GAMMA SOFREL LS/LT. Data logger GSM/GPRS

GAMMA SOFREL LS/LT. Data logger GSM/GPRS GAMMA SOFREL LS/LT Data logger GSM/GPRS I data logger SOFREL LS e LT comunicano tramite collegamento GSM o GPRS. Sono ideati appositamente per il controllo a distanza di piccoli impianti all interno delle

Dettagli

COMPONENTI PER IMPIANTI FOTOVOLTACI

COMPONENTI PER IMPIANTI FOTOVOLTACI SMD SI LANCIA NELLE RINNOVABILI CON I QUADRI DI CAMPO PER IMPIANTI FV SMD Sud Elettronica, nata nel 1998, rappresenta un partner qualificato per aziende alla ricerca di una struttura professionale dedicata

Dettagli

Interfaccia. 1. Sede configuratori 2. Morsetto IN 3. Led di segnalazione 4. Pulsante per configurazione virtuale 5. Morsetto OUT

Interfaccia. 1. Sede configuratori 2. Morsetto IN 3. Led di segnalazione 4. Pulsante per configurazione virtuale 5. Morsetto OUT Interfaccia SCS/SCS scheda tecnica ARt. F422 Descrizione L interfaccia permette la comunicazione fra impianti bus con tecnologia SCS, anche se dedicati a funzioni diverse fra loro. L interfaccia è dotata

Dettagli

Dai vita alla tua casa

Dai vita alla tua casa Dai vita alla tua casa Mssoft nasce con l obiettivo di creare soluzioni hardware e software personalizzate per le esigenze degli utilizzatori. Uno dei prodotti più richiesti, nato nel 2008 è proprio questo,

Dettagli

Caratteristiche della Home Automation Le tecnologie per la domotica permettono inoltre di ottenere alcuni vantaggi quali ad esempio:

Caratteristiche della Home Automation Le tecnologie per la domotica permettono inoltre di ottenere alcuni vantaggi quali ad esempio: La domotica è la disciplina che si occupa dell integrazione delle tecnologie che consentono di automatizzare una serie di operazioni all interno della casa. Si occupa dell integrazione dei dispositivi

Dettagli

Efficienza Energetica negli Impianti Elettrici

Efficienza Energetica negli Impianti Elettrici Efficienza Energetica negli Impianti Elettrici Dott. Ing. Pietro Antonio SCARPINO Docente di Macchine Elettriche alla Scuola di Ingegneria - Università di Firenze Libero Professionista 1 Progettazione

Dettagli

L'impianto elettrico nei locali da bagno e doccia

L'impianto elettrico nei locali da bagno e doccia L'impianto elettrico nei locali da bagno e doccia Pubblicato il: 11/12/2003 Aggiornato al: 11/12/2003 di Gianluigi Saveri Secondo la Norma 64-8 sez. 701, in funzione della pericolosità, nei locali bagno

Dettagli

Programmatore scenari

Programmatore scenari Programmatore scenari scheda tecnica ART. MH00 Descrizione Questo dispositivo permette la gestione di scenari semplici e evoluti fino ad un numero massimo di 300. Grazie al programmatore scenari il sistema

Dettagli

Bellavista 2010 srl Ca C r a a r t a e t Br B i r a i n a z n a z a Vi V a i a T a T z a z z o z l o il

Bellavista 2010 srl Ca C r a a r t a e t Br B i r a i n a z n a z a Vi V a i a T a T z a z z o z l o il Bellavista 2010 srl Carate Brianza Via Tazzoli Cos è MY HOME? MY HOME è il sistema domotico di BTicino e rappresenta l attuale modo di progettare l impianto elettrico. My Home amplia le possibilità della

Dettagli

Mitho PL KNX Pannello combinato KNX/videocitofonia. Mitho HA KNX Pannello di comando e visualizzazione KNX. Manuale Tecnico

Mitho PL KNX Pannello combinato KNX/videocitofonia. Mitho HA KNX Pannello di comando e visualizzazione KNX. Manuale Tecnico Mitho PL KNX Pannello combinato KNX/videocitofonia Mitho HA KNX Pannello di comando e visualizzazione KNX Mitho PL KNX Mitho HA KNX Manuale Tecnico 1 Sommario 1 2 3 4 5 6 7 Introduzione... 3 Applicazione...

Dettagli

SISTEMA ANTINTRUSIONE 1067

SISTEMA ANTINTRUSIONE 1067 SISTEMA ANTINTRUSIONE 1067 Centrali Il nuovo sistema antintrusione è idoneo per ogni tipo di applicazione ed è destinato in particolare ad impianti di medie dimensioni: il suo campo di applicazione spazia

Dettagli

La Videosorveglianza e la Salvaguardia degli ambienti

La Videosorveglianza e la Salvaguardia degli ambienti La Videosorveglianza e la Salvaguardia degli ambienti 2015 Un sistema di sicurezza evoluto 01 LA VIDEOSORVEGLIANZA 02 A COSA SERVE? 03 PERCHE GLOBAL SISTEMI La videosorveglianza è un evoluto sistema di

Dettagli

Diffusione sonora. Caratteristiche tecniche - CARATTERISTICHE TECNICHE

Diffusione sonora. Caratteristiche tecniche - CARATTERISTICHE TECNICHE Diffusione sonora Caratteristiche tecniche CAATTEISTICHE TECNICHE Generalità Il sistema di diffusione sonora Byme consente di realizzare impianti in grado di diffondere, con alta qualità del segnale (qualità

Dettagli

Energi Savr NodeTM. Una soluzione di controllo dell illuminazione versatile e a basso consumo, facile da installare ed espandibile

Energi Savr NodeTM. Una soluzione di controllo dell illuminazione versatile e a basso consumo, facile da installare ed espandibile Energi Savr NodeTM Una soluzione di controllo dell illuminazione versatile e a basso consumo, facile da installare ed espandibile riduci i consumi con LutronTM LUTRON PRESENTA ENERGI SAVR NODE COS È ENERGI

Dettagli

IE 080 Uffici Novembre 2015

IE 080 Uffici Novembre 2015 IE 080 Uffici Novembre 2015 L impianto elettrico negli uffici deve essere molto flessibile al fine di consentire l allacciamento di nuovi utilizzatori o servire nuovi impianti. La flessibilità dipende

Dettagli

Contesto di riferimento. Descrizione

Contesto di riferimento. Descrizione EFFICIENZA ENERGETICA DEGLI EDIFICI EFFICIENZA ENERGETICA DEGLI EDIFICI CONTENUTI: Contesto di riferimento. Descrizione delle tecnologie. Interventi sull involucro. Interventi sui dispositivi di illuminazione.

Dettagli