direzione didattica 3 circolo Via Boccaccio,25 ingresso Via Bra Nichelino (TO) Tel: Fax: C.F.

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "direzione didattica 3 circolo Via Boccaccio,25 ingresso Via Bra Nichelino (TO) Tel: Fax: C.F."

Transcript

1 direzione didattica 3 circolo Via Boccaccio,25 ingresso Via Bra Nichelino (TO) Tel: Fax: C.F ANALISI DI RISCHIO E MISURE ADOTTATE: 1 / 3 Scopo di questo documento di delineare il quadro delle misure di sicurezza, organizzative, fisiche e logiche, adottate e da adottare per il trattamento dei dati personali effettuato da direzione didattica 3 circolo. Rischi per ogni unità di archiviazione : ARCHIVIO STORICO: Fattore di rischio = medio (6) dati sensibili, apparecchiatura di continuità Installazione Impianto Antiincendio Installazione Porta Tagliafuoco Archivio ad accesso controllato. Controllo dei documenti con dati sensibili o giudiziari da parte degli Pag. 1 di 22

2 incaricati. ARMADI ARCHIVI D.S.G.A: Fattore di rischio = basso (5) apparecchiatura di continuità armadio blindato Installazione Armadio Blindato Pag. 2 di 22

3 Archivio ad accesso controllato. ARMADI CASSETTI D.S.: Fattore di rischio = medio (6) dati sensibili, dati giudiziari, apparecchiatura di continuità Archivio ad accesso controllato. Controllo dei documenti con dati sensibili o giudiziari da parte degli incaricati. Pag. 3 di 22

4 armadio blindato Installazione Armadio Blindato ARMADI UFF. PERS.: Fattore di rischio = basso (5) dati sensibili, apparecchiatura di continuità Pag. 4 di 22

5 Archivio ad accesso controllato. Controllo dei documenti con dati sensibili o giudiziari da parte degli incaricati. ARMADIO 01 CP: Fattore di rischio = basso (4) allarme Installazione Porta Tagliafuoco Pag. 5 di 22

6 Installazione allarme ARMADIO 03 CP: Fattore di rischio = basso (5) allarme Pag. 6 di 22

7 Installazione Porta Tagliafuoco Installazione Allarme ARMADIO 09 CP: Fattore di rischio = basso (4) allarme Pag. 7 di 22

8 Installazione Porta Tagliafuoco Installazione Allarme ARMADIO 10 PG: Fattore di rischio = basso (5) Pag. 8 di 22

9 ARMADIO 12 CP: Fattore di rischio = basso (4) Pag. 9 di 22

10 allarme Installazione Porta Tagliafuoco Installazione Allarme ARMADIO 15 CP: Fattore di rischio = basso (4) Pag. 10 di 22

11 allarme Installazione Porta Tagliafuoco Installazione Allarme ARMADIO 16 CP: Fattore di rischio = basso (4) Pag. 11 di 22

12 allarme Installazione Porta Tagliafuoco Installazione Allarme ARMADIO 17 CP: Fattore di rischio = basso (4) Pag. 12 di 22

13 allarme Installazione Porta Tagliafuoco Installazione Allarme ARMADIO 18 CP: Fattore di rischio = basso (4) Pag. 13 di 22

14 allarme Installazione Porta Tagliafuoco Installazione Allarme ARMADIO 27 CP: Fattore di rischio = basso (4) Pag. 14 di 22

15 allarme Installazione Porta Tagliafuoco Installazione Allarme Pag. 15 di 22

16 ARMADIO 29 CP: Fattore di rischio = basso (4) allarme Installazione Porta Tagliafuoco Pag. 16 di 22

17 Installazione Allarme ARMADIO 5 PG: Fattore di rischio = basso (5) Pag. 17 di 22

18 ARMADIO 6 PG: Fattore di rischio = basso (5) Pag. 18 di 22

19 ARMADIO 8 PG: Fattore di rischio = basso (5) Pag. 19 di 22

20 ARMADIO 9 PG: Fattore di rischio = basso (5) Pag. 20 di 22

21 ARMADIO A DM: Fattore di rischio = basso (4) allarme Pag. 21 di 22

22 Pag. 22 di 22

direzione didattica 3 circolo Via Boccaccio,25 ingresso Via Bra Nichelino (TO) Tel: Fax: C.F.

direzione didattica 3 circolo Via Boccaccio,25 ingresso Via Bra Nichelino (TO) Tel: Fax: C.F. direzione didattica 3 circolo Via Boccaccio,25 ingresso Via Bra - 10042 - Nichelino (TO) Tel: 011621097 - Fax: 011621097 C.F. 84509830018 ANALISI DI RISCHIO E MISURE ADOTTATE: 1 / 3 Scopo di questo documento

Dettagli

direzione didattica 3 circolo Via Boccaccio,25 ingresso Via Bra - 10042 - Nichelino (TO) Tel: 011621097 - Fax: 011621097 C.F.

direzione didattica 3 circolo Via Boccaccio,25 ingresso Via Bra - 10042 - Nichelino (TO) Tel: 011621097 - Fax: 011621097 C.F. direzione didattica 3 circolo Via Boccaccio,25 ingresso Via Bra - 10042 - Nichelino (TO) Tel: 011621097 - Fax: 011621097 C.F. 84509830018 ANALISI DI RISCHIO E MISURE ADOTTATE: 1 / 3 Scopo di questo documento

Dettagli

DOCUMENTO PROGRAMMATICO SULLA SICUREZZA SEMPLIFICATO

DOCUMENTO PROGRAMMATICO SULLA SICUREZZA SEMPLIFICATO DOCUMENTO PROGRAMMATICO SULLA SICUREZZA SEMPLIFICATO (ART. 34 COMMA 1-BIS E REGOLA 19 DELL ALLEGATO B DEL CODICE IN MATERIA DI PROTEZIONE DEI DATI PERSONALI) 1 Scopo di questo Documento è delineare il

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale 10 Vicenza. Provincia di VI. Documento Programmatico sulla Sicurezza ALLEGATO B. Adozione delle Misure di Sicurezza

Istituto Comprensivo Statale 10 Vicenza. Provincia di VI. Documento Programmatico sulla Sicurezza ALLEGATO B. Adozione delle Misure di Sicurezza Provincia di VI Documento Programmatico sulla Sicurezza ALLEGATO B Adozione delle Misure di Sicurezza Il presente documento è stato emesso il giorno 11 marzo 2015, è stato redatto ai sensi e per gli effetti

Dettagli

DOCUMENTO PROGRAMMATICO sulla SICUREZZA Rev. 0 Data 31.03.04 MISURE IN ESSERE E DA ADOTTARE

DOCUMENTO PROGRAMMATICO sulla SICUREZZA Rev. 0 Data 31.03.04 MISURE IN ESSERE E DA ADOTTARE 1 di 6 MISURE IN ESSERE E DA ADOTTARE In questa sezione sono riportati, in forma sintetica, le misure in essere e da adottare a contrasto dei rischi individuati dall analisi dei rischi. Per misura si intende,

Dettagli

PIANO PER LA SICUREZZA INFORMATICA ANNO 2015

PIANO PER LA SICUREZZA INFORMATICA ANNO 2015 Manuale di gestione documentale Allegato 15 PIANO PER LA SICUREZZA INFORMATICA ANNO 2015 Sommario 1 Introduzione... 1 2 L architettura dell infrastruttura informatica... 2 2.1 Caratteristiche dei locali...

Dettagli

Teknus - Privacy check list

Teknus - Privacy check list Teknus - Privacy check list DATI ANAGRAFICI SOCIETA (il questionario deve essere compilato per ogni sede della società) Elenco dei soggetti che trattano dati all interno della società Individuare il responsabile

Dettagli

Nell augurare a tutti buon lavoro restiamo a disposizione per ulteriori chiarimenti.

Nell augurare a tutti buon lavoro restiamo a disposizione per ulteriori chiarimenti. Abbiamo predisposto un breve vademecum per agevolare la redazione del Documento programmatico per la Sicurezza, in particolare Si consiglia prima di iniziare di raccogliere alcuni dati base quali: 1) dati

Dettagli

Assenze del personale

Assenze del personale 1) SCOPO. 2) CAMPO DI APPLICAZIONE 3) TERMINOLOGIA E ABBREVIAZIONI 4) RESPONSABILITÀ 5) DESCRIZIONE DELLE ATTIVITÀ 6) RIFERIMENTI ) ARCHIVIAZIONE 8) ALLEGATI LISTE DI DISTRIBUZIONE NOME/FUNZIONE FIRMA

Dettagli

Allegato 2 DESCRIZIONE FISICA DEI LOCALI E DELLE LORO CARATTERISTICHE DI RISCHIO PER GLI ARCHIVI IVI CONSERVATI

Allegato 2 DESCRIZIONE FISICA DEI LOCALI E DELLE LORO CARATTERISTICHE DI RISCHIO PER GLI ARCHIVI IVI CONSERVATI Documento programmatico sulla sicurezza (ai sensi D.L.vo 196 del 30/06/03) Allegato 2 DESCRIZIONE FISICA DEI LOCALI E DELLE LORO CARATTERISTICHE DI RISCHIO PER GLI ARCHIVI IVI CONSERVATI La scuola è articolata

Dettagli

Documento Programmatico sulla Sicurezza. Nelle pagine successive, si trovano i Modelli utili per ottenere il documento programmatico sulla sicurezza

Documento Programmatico sulla Sicurezza. Nelle pagine successive, si trovano i Modelli utili per ottenere il documento programmatico sulla sicurezza Nelle pagine successive, si trovano i Modelli utili per ottenere il documento programmatico sulla sicurezza o Titolari del trattamento o Sedi in cui vengono trattati i dati o Uffici o Responsabilità o

Dettagli

Privacy. Quadro normativo. Definizioni di dati. L. 675/1996 D. Lgs. 196/2003 Perché? Dati pubblici Dati personali Dati sensibili.

Privacy. Quadro normativo. Definizioni di dati. L. 675/1996 D. Lgs. 196/2003 Perché? Dati pubblici Dati personali Dati sensibili. Vicenza, 14 novembre 2009 Privacy Gabriele Torresan Quadro normativo L. 675/1996 D. Lgs. 196/2003 Perché? I dati personali vengano utilizzati: per scopi leciti; per le finalità per cui sono stati acquisiti.

Dettagli

Istituto Compren sivo G. Diotti»

Istituto Compren sivo G. Diotti» Istituto Compren sivo G. Diotti» di Casal maggiore a.s. 2015/2016 ATTIVITA AGGIUNTIVE DEL PERSONALE ATA a cura del D.S.G.A. Valeria Vicini Piano Esecutivo approvato in sede R.S.U Il Delibera n del C.d.I.

Dettagli

C.so Garibaldi, n Roma (RM) Tel Fax ai sensi del D.Lgs. n. 231 del 8 Giugno 2001

C.so Garibaldi, n Roma (RM) Tel Fax ai sensi del D.Lgs. n. 231 del 8 Giugno 2001 MODULO / TABELLA ANALISI DEI RISCHI PER ARTICOLO 231 MOD AR Organizzazione AZIENDA s.p.a. C.so Garibaldi, n. 56-00195 Roma (RM) Tel. 0612345678 - Fax. 0612345678 Web : www.nomeazienda.it E-Mail : info@nomeazienda.it,

Dettagli

Trento, 8 febbraio Privacy (d.lgs 196/03) e internet. Obblighi ed opportunità per il datore di lavoro

Trento, 8 febbraio Privacy (d.lgs 196/03)  e internet. Obblighi ed opportunità per il datore di lavoro Privacy (d.lgs 196/03) e-mail e internet Obblighi ed opportunità per il datore di lavoro Relatore: Daniele Benetti Dottore in sicurezza dei sistemi e delle reti informatiche Contenuti Riepilogo legge privacy

Dettagli

LA PREVENZIONE INCENDI E LA GESTIONE DELLE EMERGENZE. Informazioni relative alla prevenzione, alla lotta antincendio e alla gestione dell emergenza

LA PREVENZIONE INCENDI E LA GESTIONE DELLE EMERGENZE. Informazioni relative alla prevenzione, alla lotta antincendio e alla gestione dell emergenza LA PREVENZIONE INCENDI E LA GESTIONE DELLE EMERGENZE Informazioni relative alla prevenzione, alla lotta antincendio e alla gestione dell emergenza Definizione di incendio L incendio è la combustione sufficientemente

Dettagli

Le misure di sicurezza nel trattamento di dati personali

Le misure di sicurezza nel trattamento di dati personali Le misure di sicurezza nel trattamento di dati personali Lezione n. 6 Claudio Di Cocco 1 Testi di riferimento. D.lgs. 30 giugno 2003, n. 196. Codice in materia di protezione dei dati personali. (http://www.garanteprivacy.it/garante/doc.jsp?id=1311248)

Dettagli

Tabella 4 Corsi obbligatori in materia di sicurezza sul lavoro

Tabella 4 Corsi obbligatori in materia di sicurezza sul lavoro Tabella 4 Corsi obbligatori in materia di sicurezza sul lavoro addetti antincendio n. 41 Quirinale n. 11 Castelporziano addetti antincendio n. 216 Quirinale - di cui 30 con idoneità tecnica VV. FF. n.

Dettagli

Quadro normativo. Obbligo di richiesta del Certificato di Prevenzione Incendi (CPI) per le scuole con più di 100 persone D.M.

Quadro normativo. Obbligo di richiesta del Certificato di Prevenzione Incendi (CPI) per le scuole con più di 100 persone D.M. Sistema di Riferimento Veneto per la Sicurezza nelle Scuole Il Piano antincendio scolastico 6.1a CORSO DI FORMAZIONE PER DIRIGENTI SCOLASTICI E PER DIRETTORI DEI SERVIZI GENERALI ED AMMINISTRATIVI Quadro

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA STATALE DI CASELLE TORINESE VIA GUIBERT 3-10072 - Caselle (TO) Tel: 0119961339 - Fax: 0119914628 C.F.

DIREZIONE DIDATTICA STATALE DI CASELLE TORINESE VIA GUIBERT 3-10072 - Caselle (TO) Tel: 0119961339 - Fax: 0119914628 C.F. DIREZIONE DIDATTICA STATALE DI CASELLE TORINESE VIA GUIBERT 3-10072 - Caselle (TO) Tel: 0119961339 - Fax: 0119914628 C.F. 83003770019 ANALISI DI RISCHIO E MISURE ADOTTATE: 3 / 3 Scopo di questo documento

Dettagli

Anno Compilato il: Compilato da: Recapito telefonico:

Anno Compilato il: Compilato da: Recapito telefonico: Anno Compilato il: Compilato da: Recapito telefonico: RACCOLTA DATI CON PC FOTOCOPIARE ANCHE PIU PAGINE, SE NECESSARIO, E USARE LE FOTOCOPIE PER LA COMPILAZIONE SCRIVERE IN MODO LEGGIBILE E IN STAMPATELLO

Dettagli

B5-1. Gestione del rischio incendio nella scuola. CORSO DI FORMAZIONE RESPONSABILI E ADDETTI SPP EX D.Lgs. 195/03. MODULO B Unità didattica

B5-1. Gestione del rischio incendio nella scuola. CORSO DI FORMAZIONE RESPONSABILI E ADDETTI SPP EX D.Lgs. 195/03. MODULO B Unità didattica Sistema di Riferimento Veneto per la Sicurezza nelle Scuole Gestione del rischio incendio nella scuola MODULO B Unità didattica B5-1 CORSO DI FORMAZIONE RESPONSABILI E ADDETTI SPP EX D.Lgs. 195/03 Il quadro

Dettagli

ISTRUZIONI AGLI INCARICATI DEL TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI COMUNI, SENSIBILI E/O GIUDIZIARI

ISTRUZIONI AGLI INCARICATI DEL TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI COMUNI, SENSIBILI E/O GIUDIZIARI Allegato A ISTRUZIONI AGLI INCARICATI DEL TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI COMUNI, SENSIBILI E/O GIUDIZIARI In ottemperanza alle disposizioni del Codice in materia di protezione dei dati personali (D.Lgs

Dettagli

CATALOGO OFFERTA FORMATIVA

CATALOGO OFFERTA FORMATIVA Principali accreditamenti: Assessorato Istruzione e Formazione Professionale - Regione Sicilia Assessorato della Salute - Ispettorato Regionale Sanitario - Regione Sicilia FondoProfessioni Fondo Paritetico

Dettagli

INFORMAZIONE FIGURE SENSIBILI

INFORMAZIONE FIGURE SENSIBILI INFORMAZIONE FIGURE SENSIBILI ASPP: gli addetti al servizio di prevenzione e protezione vengono designati dal Dirigente scolastico, sentito il RLS, tenendo conto delle dimensioni della scuola e della struttura

Dettagli

ID: 92475728 05/08/2013

ID: 92475728 05/08/2013 Archivio ufficiale delle C.C.I.A.A. Pag 1 di 16 Archivio ufficiale delle C.C.I.A.A. Pag 2 di 16 Archivio ufficiale delle C.C.I.A.A. Pag 3 di 16 Archivio ufficiale delle C.C.I.A.A. Pag 4 di 16 Archivio

Dettagli

SABA SpA PROTOCOLLO N. 7 RAPPORTI CON LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FEBBRAIO 2009 - 1 -

SABA SpA PROTOCOLLO N. 7 RAPPORTI CON LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FEBBRAIO 2009 - 1 - Attività sensibile: GESTIONE COLLEGAMENTI TELEMATICI (IN ENTRATA E IN USCITA) O TRASMISSIONE DI DATI SU SUPPORTI INFORMATICI A PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI, ENTI PUBBLICI O AD AUTORITÀ Nota sul contenuto:

Dettagli

PERIZIA DI STIMA BENI MOBILI

PERIZIA DI STIMA BENI MOBILI LOTTO N 71 SALA RECEPTION COMPOSTA DA; BANCONE RECEPTION, 3 MOBILETTI 2 ANTE, 2 POLTRONCINE, 4 POLTRONE STRUTTURA IN FERRO CROMATO CON TAVOLINO BASSO ABBINATO, COMPUTER HP CON VIDEO ATSTIERA E MOUSE, STAMPANTE

Dettagli

nome XXXXX Località (provincia) Codice Fiscale XXXXXXXXXX Codice Ministeriale XXXXXXXXX DOCUMENTO PROGRAMMATICO SULLA SICUREZZA

nome XXXXX Località (provincia) Codice Fiscale XXXXXXXXXX Codice Ministeriale XXXXXXXXX DOCUMENTO PROGRAMMATICO SULLA SICUREZZA Scuola nome XXXXX Località (provincia) Codice Fiscale XXXXXXXXXX Codice Ministeriale XXXXXXXXX DOCUMENTO PROGRAMMATICO SULLA SICUREZZA REDATTO AI SENSI E PER GLI EFFETTI DELL ARTICOLO 34, COMMA 1, LETTERA

Dettagli

Acquisto, Stoccaggio, Distribuzione di farmaci, dispositivi medici e diagnostici

Acquisto, Stoccaggio, Distribuzione di farmaci, dispositivi medici e diagnostici Acquisto, Stoccaggio, Distribuzione di farmaci, dispositivi medici e diagnostici Acquisti - Stoccaggio - Distribuzione Gare Definizione dei capitolati tecnici Partecipazione alle Commissioni di valutazione

Dettagli

ID: 123797187 29/12/2015

ID: 123797187 29/12/2015 Archivio ufficiale delle C.C.I.A.A. Pag 1 di Archivio ufficiale delle C.C.I.A.A. Pag 2 di Archivio ufficiale delle C.C.I.A.A. Pag 3 di Archivio ufficiale delle C.C.I.A.A. Pag 4 di Archivio ufficiale delle

Dettagli

Allegato 2 Descrizione fisica dei locali e delle loro caratteristiche di rischio per gli archivi ivi conservati

Allegato 2 Descrizione fisica dei locali e delle loro caratteristiche di rischio per gli archivi ivi conservati Allegato 2 Descrizione fisica dei locali e delle loro caratteristiche di rischio per gli archivi ivi conservati La scuola è articolata nelle seguenti sedi, aventi le caratteristiche sotto esposte: SEDE

Dettagli

SQUADRE ANTINCENDIO D.M. 10/03/1998 D. Lgs 81/08 e s.m.i. RISCHIO BASSO e MEDIO

SQUADRE ANTINCENDIO D.M. 10/03/1998 D. Lgs 81/08 e s.m.i. RISCHIO BASSO e MEDIO Tipologia CORSO: SQUADRE ANTINCENDIO D.M. 10/03/1998 D. Lgs 81/08 e s.m.i. RISCHIO BASSO e MEDIO Premessa Questo corso di formazione, specifico per gli addetti antincendio, illustra in dettaglio le procedure

Dettagli

Percorso strutturato di formazione per operatori di centrale di sterilizzazione

Percorso strutturato di formazione per operatori di centrale di sterilizzazione Percorso strutturato di formazione per operatori di centrale di sterilizzazione Ripensare alla sterilizzazione dei DM : Sfide organizzative e soluzioni innovative Pisa, 6 febbraio 2015 Dr.sa Elisabetta

Dettagli

ALLEGATO 4 ELENCO ARCHIVI CONTENENTI DATI PERSONALI:

ALLEGATO 4 ELENCO ARCHIVI CONTENENTI DATI PERSONALI: ALLEGATO 4 ELENCO ARCHIVI CONTENENTI DATI PERSONALI: LEGENDA: AC= archivio cartaceo + numero progressivo AE= archivio elettronico informatico + numero progressivo AP= armadio di protezione dati + numero

Dettagli

INFN - SEZIONE DI GENOVA GARA CONDIZIONAMENTO CLEAN ROOM ATLAS/CMS

INFN - SEZIONE DI GENOVA GARA CONDIZIONAMENTO CLEAN ROOM ATLAS/CMS Istituto Nazionale Di Fisica Nucleare INFN - SEZIONE DI GENOVA GARA CONDIZIONAMENTO CLEAN ROOM ATLAS/CMS DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI MISURE ADOTTATE PER ELIMINARE LE INTERFERENZE ai sensi

Dettagli

Regolamento dell Ufficio Tecnico per l A.S. 2011/12

Regolamento dell Ufficio Tecnico per l A.S. 2011/12 Regolamento dell Ufficio Tecnico per l A.S. 2011/12 Visto il DPR 15 marzo 2010 n. 88 Vista la Direttiva ministeriale n. 57 del 15 luglio 2010 linee guida degli Istituti Tecnici Vista la delibera del Collegio

Dettagli

Documento Programmatico Sicurezza per studio legale. Redatto ai sensi e per gli effetti dell articolo 34. comma 1. lettera g) del D.Lgs.

Documento Programmatico Sicurezza per studio legale. Redatto ai sensi e per gli effetti dell articolo 34. comma 1. lettera g) del D.Lgs. Documento Programmatico Sicurezza per studio legale Redatto ai sensi e per gli effetti dell articolo 34. comma 1. lettera g) del D.Lgs. 196/2003 e del disciplinare tecnico (allegato B del D.Lgs. n. 196/2003)

Dettagli

SICUREZZA SUI LUOGHI DI LAVORO

SICUREZZA SUI LUOGHI DI LAVORO SICUREZZA SUI LUOGHI DI LAVORO CORSO Addetto al servizio antincendio Attività a rischio di incendio BASSO DURATA 4 ORE Il corso è rivolto a: Agli addetti antincendio designati alla prevenzione incendi

Dettagli

Decreto Legislativo 30giugno 2003, n. 196 Codice in materia di protezione dei dati personali

Decreto Legislativo 30giugno 2003, n. 196 Codice in materia di protezione dei dati personali Decreto Legislativo 30giugno 2003, n. 196 Codice in materia di protezione dei dati personali Definizioni Dato personale Qualsiasi informazione che riguardi persone fisiche identificate o che possono essere

Dettagli

a 150 L 1.000 150 + L b 1.000 150 150 150 80 180 2 150 75 60 150 210 1 a) Segnale art. 120 Regolamento Codice della Strada 200 500 120 500 b) 200 0,00 + 15 0,00 0,00 + 15 Segnale art. 120 Regolamento

Dettagli

SORVEGLIANZA ANTINCENDIO

SORVEGLIANZA ANTINCENDIO ISTITUTO TECNICO SETTORE TECNOLOGICO COSTRUZIONI, AMBIENTE E TERRITORIO Pier Luigi Nervi Spalto Borgoglio n. 77 15121 Alessandria ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE NERVI FERMI Sede amministrativa Via A.

Dettagli

Utilizzo delle postazioni di lavoro in uso presso gli uffici di Roma Capitale Manuale

Utilizzo delle postazioni di lavoro in uso presso gli uffici di Roma Capitale Manuale Utilizzo delle postazioni di lavoro in uso presso gli uffici di Roma Capitale Manuale Perché questo Manuale? Atti di Roma Capitale DGC 208 30/6/2015 Linee guida per la predisposizione del programma strategico

Dettagli

DOCUMENTO PROGRAMMATICO sulla SICUREZZA. Scadenze imposte dal D. Lgs. 196/03 - Codice sulla protezione dei dati -

DOCUMENTO PROGRAMMATICO sulla SICUREZZA. Scadenze imposte dal D. Lgs. 196/03 - Codice sulla protezione dei dati - DOCUMENTO PROGRAMMATICO sulla SICUREZZA Scadenze imposte dal D. Lgs. 196/03 - Codice sulla protezione dei dati - Privati ed associazioni professionali I professionisti privati o le associazioni professionali

Dettagli

REGISTRO DEI CONTROLLI ANTINCENDIO

REGISTRO DEI CONTROLLI ANTINCENDIO PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO SCUOLA COMUNE DI PREMESSA L art. 5 del D.P.R. 37/98 obbliga i responsabili di attività soggette ai controlli di prevenzione incendi a mantenere in stato di efficienza i sistemi,

Dettagli

Sistema Informativo Unitario Regionale per la Programmazione (S.I.U.R.P.) LA SICUREZZA INFORMATICA

Sistema Informativo Unitario Regionale per la Programmazione (S.I.U.R.P.) LA SICUREZZA INFORMATICA Sistema Informativo Unitario Regionale per la Programmazione (S.I.U.R.P.) LA SICUREZZA INFORMATICA Argomenti Introduzione Mettere in Sicurezza il proprio Computer Virus & minacce: come difendersi Utilizzo

Dettagli

IL NUOVO CODICE SULLA PRIVACY D.L.vo 196/2003

IL NUOVO CODICE SULLA PRIVACY D.L.vo 196/2003 IL NUOVO CODICE SULLA PRIVACY D.L.vo 196/2003 Art.1 CHIUNQUE HA DIRITTO ALLA PROTEZIONE DEI DATI PERSONALI CHE LO RIGUARDANO I DIRITTI TUTELATI DI RISERVATEZZA DI DIGNITA DI IDENTITA DELLE LIBERTA FONDAMENTALI

Dettagli

OGGETTO: Relazione tecnico-finanziaria di accompagnamento al contratto integrativo d Istituto 2015/16 siglato in data

OGGETTO: Relazione tecnico-finanziaria di accompagnamento al contratto integrativo d Istituto 2015/16 siglato in data Venezia, 2 aprile 2016 Al Dirigente Scolastico SEDE OGGETTO: Relazione tecnico-finanziaria di accompagnamento al contratto integrativo d Istituto 2015/16 siglato in data 01.04.2016 PREMESSA La presente

Dettagli

Corso di formazione per Addetto al Servizio di Emergenza Prevenzione incendio - Aziende a basso, medio ed alto rischio -

Corso di formazione per Addetto al Servizio di Emergenza Prevenzione incendio - Aziende a basso, medio ed alto rischio - Prevenzione incendio - Aziende a basso, medio ed alto rischio - Studio di Consulenza e Formazione Consulting Professional Napoli - Corso Arnaldo Lucci 102 Cell. 393.943.81.57 Centro di formazione Riferimenti

Dettagli

PROGRAMMA OPERATIVO REGIONALE 2007 IT161PO010 FERS SICILIA "Ambiente per l'apprendimento" Asse II "Qualità degli ambienti scolastici" Obiettivo C

PROGRAMMA OPERATIVO REGIONALE 2007 IT161PO010 FERS SICILIA Ambiente per l'apprendimento Asse II Qualità degli ambienti scolastici Obiettivo C PROGRAMMA OPERATIVO REGIONALE 2007 IT161PO010 FERS SICILIA "Ambiente per l'apprendimento" Asse II "Qualità degli ambienti scolastici" Obiettivo C Lavori di messa in sicurezza dell istituto Liceo Artistico

Dettagli

Allegato 2 descrizione fisica dei locali e delle loro caratteristiche di rischio per gli archivi ivi conservati

Allegato 2 descrizione fisica dei locali e delle loro caratteristiche di rischio per gli archivi ivi conservati Allegato 2 descrizione fisica dei locali e delle loro caratteristiche di rischio per gli archivi ivi conservati Nella scuola sono attive in totale n. 44 classi, per un totale di 1128 alunni. La scuola

Dettagli

SANDRO MARINELLI A B C. delle PROCEDURE di EMERGENZA ed EVACUAZIONE. Manuale ad uso dei lavoratori

SANDRO MARINELLI A B C. delle PROCEDURE di EMERGENZA ed EVACUAZIONE. Manuale ad uso dei lavoratori SANDRO MARINELLI A B C delle PROCEDURE di EMERGENZA ed EVACUAZIONE Manuale ad uso dei lavoratori Informazione dei lavoratori ai sensi del D.Lgs. 9 aprile 2008 n. 81 e s.m. Titolo I, Sez. IV, art. 36 e

Dettagli

VALUTAZIONE RISCHIO ESOGENO RAPINA

VALUTAZIONE RISCHIO ESOGENO RAPINA VALUTAZIONE RISCHIO ESOGENO RAPINA METODOLOGIA DI VALUTAZIONE La metodologia adottata nella Valutazione dei Rischi ha tenuto conto oltre che del contenuto specifico del D.Lgs. 81/08, prevalentemente della

Dettagli

R001. Unità di controllo camera TG650. Sommario. Funzioni di controllo. Specifiche per ordini. Progettazione. Installazione

R001. Unità di controllo camera TG650. Sommario. Funzioni di controllo. Specifiche per ordini. Progettazione. Installazione R001 Unità di controllo camera TG650 Sommario L'unità di controllo camera a microprocessore TG650 è stata progettata per gestire e controllare le funzioni di una camera d albergo. L'unità di camera gestisce

Dettagli

Prot. N. 75/C8 Muravera 08/01/2011 P R I V A C Y. (D.L.vo N. 196/2003)

Prot. N. 75/C8 Muravera 08/01/2011 P R I V A C Y. (D.L.vo N. 196/2003) Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca ISTITUTO COMPRENSIVO D. ALIGHIERI SCUOLA DELL INFANZIA, SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO AD INDIRIZZO MUSICALE 09043 - MURAVERA

Dettagli

La Privacy in azienda: gli adempimenti necessari dopo le ultime semplificazioni

La Privacy in azienda: gli adempimenti necessari dopo le ultime semplificazioni La Privacy in azienda: gli adempimenti necessari dopo le ultime semplificazioni Le novità del decreto sviluppo Il D.L. 13 maggio 2011, n. 70 (c.d. decreto sviluppo) è intervenuto, innanzitutto, a delineare

Dettagli

ing. Francesco GRIMALDI 24/01/2015 1

ing. Francesco GRIMALDI 24/01/2015 1 Gestione delle emergenze ing. Francesco GRIMALDI 24/01/2015 1 Alcune attività, fra cui le scuole, hanno l obbligo di redigere Piano di emergenza Insieme delle misure straordinarie, delle procedure/azioni

Dettagli

CHECK LIST AUDIT INTERNO ASL CN2 Alba Bra PROCEDURA GENERALE PREVENZIONE/GESTIONE CADUTE DELLA PERSONA ASSISTITA

CHECK LIST AUDIT INTERNO ASL CN2 Alba Bra PROCEDURA GENERALE PREVENZIONE/GESTIONE CADUTE DELLA PERSONA ASSISTITA Pagina 1 di 5 CHECK LIST AUDIT INTERNO ASL CN2 Alba Bra PROCEDURA GENERALE PREVENZIONE/GESTIONE CADUTE DELLA PERSONA ASSISTITA Audit data: Auditor: Operatore Servizio S.I.T.P.R.O o suo delegato.. SOC/S.O.S.

Dettagli

D.U.V.R.I. DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZE (Art. 26 del D.Lgs. n. 81/2008)

D.U.V.R.I. DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZE (Art. 26 del D.Lgs. n. 81/2008) D.U.V.R.I. DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZE (Art. 26 del D.Lgs. n. 81/2008) PER I SERVIZI DI: SOSTEGNO ALUNNI DISABILI PRESSO ASILO NIDO PERIODO: 01.09.2016 31.08.2018 COMMITTENTE

Dettagli

PROTOCOLLO REATI INFORMATICI MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO

PROTOCOLLO REATI INFORMATICI MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO ai sensi del D.Lgs. n. 231 del 2001 GOODYEAR DUNLOP TIRES ITALIA S.P.A. 4 febbraio 2013 2 Documento Protocollo Reati Informatici - File - Reati Informatici.doc

Dettagli

ALLEGATO 2 I.C. DE CUPIS INCARICH ISPECIFICI ATA 2015/2016 L.D. 2.100,45 28,20 2.128,65 INCARICHI SPECIFICI

ALLEGATO 2 I.C. DE CUPIS INCARICH ISPECIFICI ATA 2015/2016 L.D. 2.100,45 28,20 2.128,65 INCARICHI SPECIFICI ALLEGATO 2 I.C. DE CUPIS INCARICH ISPECIFICI ATA 2015/2016 Assegnazione 2015/2016 Economie 2014/2015 Totale 2.100,45 28,20 2.128,65 L.D. L.D. L.D. INCARICHI SPECIFICI INTEGRAZIONE POSIZIONI ECONOMICHE

Dettagli

LINEE GUIDA PER L APPLICAZIONE DELLA NORMATIVA SULLA PRIVACY

LINEE GUIDA PER L APPLICAZIONE DELLA NORMATIVA SULLA PRIVACY LINEE GUIDA PER L APPLICAZIONE DELLA NORMATIVA SULLA PRIVACY Decreto Legislativo 30 giugno 2003 n.196 Aggiornamento Aprile 2012 LE PRESENTI LINEE GUIDA SI RIVOLGONO ESSENZIALMENTE A: Piccole e Medie Imprese

Dettagli

Dipartimento di Psicologia dei Processi di Sviluppo e Socializzazione. Documento: DPPSS Privacy n. 1. Revisione

Dipartimento di Psicologia dei Processi di Sviluppo e Socializzazione. Documento: DPPSS Privacy n. 1. Revisione Dipartimento di Psicologia dei Processi di Sviluppo e Socializzazione PROCEDURA TECNICO-AMMINISTRATIVA DI REVISIONE DELLA DOCUMENTAZIONE PER L APPLICAZIONE DEL CODICE IN MATERIA DI PROTEZIONE DEI DATI

Dettagli

Ordinanza sul Registro nazionale di polizia

Ordinanza sul Registro nazionale di polizia Ordinanza sul Registro nazionale di polizia del 15 ottobre 2008 Il Consiglio federale svizzero, visti gli articoli 17 capoverso 8 lettera a e 19 della legge federale del 13 giugno 2008 1 sui sistemi di

Dettagli

Protezione elettronica antincendio di strutture sanitarie

Protezione elettronica antincendio di strutture sanitarie Protezione elettronica antincendio di strutture sanitarie A cura di Piergiorgio Marelli Giuseppe Fascina Incontro di aggiornamento tecnico sull antincendio Milano, 19 2004 Le strutture sanitarie in genere

Dettagli

Controlli e sanzioni in materia di Prevenzione Incendi

Controlli e sanzioni in materia di Prevenzione Incendi CORPO NAZIONALE DEI VIGILI DEL FUOCO COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO CASERTA Dipartimento dei Vigili del Fuoco, del Soccorso Pubblico e della Difesa Civile Controlli e sanzioni in materia di Prevenzione

Dettagli

Dipartimento Salute Mentale e Distretto Socio-Sanitario (Este-Montagnana)

Dipartimento Salute Mentale e Distretto Socio-Sanitario (Este-Montagnana) 1 di 7 TITOLO: ACCORDO INTERDIPARTIMENTALE ( DSM-DSS )CHE REGOLAMENTA LA COMUNICAZIONI TRA MMG-MdO-MEDICI del DSM, A TUTELA DELL UTENZA GRUPPO DI LAVORO Baù dott.ssa Antonella MMG Chieco dott.ssa Maria

Dettagli

INDICAZIONI NAZIONALI. Da dove veniamo? Che siamo? Dove andiamo?

INDICAZIONI NAZIONALI. Da dove veniamo? Che siamo? Dove andiamo? Da dove veniamo? Che siamo? Dove andiamo? DPR n. 275/1999 POF e curricolo d istituto Autonomia Scolastica e Indicazioni Nazionali Abolizione dei Programmi scolastici Art. 8 Competenze dello Stato e competenze

Dettagli

OSPEDALIZZAZIONE DOMICIALIARE: PERCORSO AGEVOLATO E PROTETTO AI SERVIZI OSPEDALIERI PER PAZIENTI SEGUITI A DOMICILIO OSPEDALIZZAZIONE DOMICILIARE:

OSPEDALIZZAZIONE DOMICIALIARE: PERCORSO AGEVOLATO E PROTETTO AI SERVIZI OSPEDALIERI PER PAZIENTI SEGUITI A DOMICILIO OSPEDALIZZAZIONE DOMICILIARE: Pagina 1 di 7 OSPEDALIZZAZIONE DOMICILIARE: REV. DATA Redatto da: Emesso da: Approvato da: 0 28.10.2011 Gruppo interdisciplinare aziendale Staff Direzione Sanitaria Direttore Sanitario Firma Firma Pagina

Dettagli

AUTOCERTIFICAZIONE REGOLARITA CONTRIBUTIVA - (DURC) (ai sensi e per gli effetti dell art. 46 del D.P.R. n. 445 del 28/12/2000) Il sottoscritto, nato a

AUTOCERTIFICAZIONE REGOLARITA CONTRIBUTIVA - (DURC) (ai sensi e per gli effetti dell art. 46 del D.P.R. n. 445 del 28/12/2000) Il sottoscritto, nato a ALLEGATO N. 1 AUTOCERTIFICAZIONE REGOLARITA CONTRIBUTIVA - (DURC) (ai sensi e per gli effetti dell art. 46 del D.P.R. n. 445 del 28/12/2000) Il sottoscritto, nato a Titolare dell impresa oppure Legale

Dettagli

Il caso di Trentino Trasporti Esercizio S.p.A.

Il caso di Trentino Trasporti Esercizio S.p.A. Decreto legislativo 231/2001 Il caso di Trentino Trasporti Esercizio S.p.A. Roma, 06 giugno 2013 Convegno O tempora o mores Compiti dell OdV (art. 6, c. 1, lett. b) il compito di vigilare sul funzionamento

Dettagli

PROCEDURA INSERIMENTO NUOVO PERSONALE

PROCEDURA INSERIMENTO NUOVO PERSONALE INSERIMENTO NUOVO PERSONALE Pag. 1/13 PROCEDURA INSERIMENTO NUOVO PERSONALE LISTA DELLE REVISIONI REV/ED DATA REDATTO VERIFICATO APPROVATO 0/0 03-08-2010 Marisa Moresco Davide Riccardi D.S. INSERIMENTO

Dettagli

INFORMAZIONI GENERALI - CORSI IN PROGRAMMA: SETTEMBRE/OTTOBRE -

INFORMAZIONI GENERALI - CORSI IN PROGRAMMA: SETTEMBRE/OTTOBRE - INFORMAZIONI GENERALI - CORSI IN PROGRAMMA: SETTEMBRE/OTTOBRE - Formazione del Responsabile del Servizio di Prevenzione e Protezione per Datore di Lavoro della durata di 16 ore; Formazione del Rappresentante

Dettagli

FORMAZIONE AZIENDALE D.Legs. 81/08

FORMAZIONE AZIENDALE D.Legs. 81/08 FORMAZIONE AZIENDALE D.Legs. 81/08 Il presente questionario, predisposto a cura dell Ufficio Formazione del Comando dovrà essere compilato da ciascun dipendente partecipante al corso antincendio e intende

Dettagli

L organizzazione del pubblico servizio in sanità ed il diritto di protezione dell assistito

L organizzazione del pubblico servizio in sanità ed il diritto di protezione dell assistito Università degli Studi di Ferrara DIPARTIMENTO DI SCIENZE BIOMEDICHE E TERAPIE AVANZATE Sezione di Medicina Legale e delle Assicurazioni Dir.: Prof. F.M. Avato L organizzazione del pubblico servizio in

Dettagli

ANALISI DELLE POSSIBILI ATTIVITA INTERFERENTI E STIMA DEL RISCHIO

ANALISI DELLE POSSIBILI ATTIVITA INTERFERENTI E STIMA DEL RISCHIO COORDINAMENTO SICUREZZA APPALTI INTERNI/DUVRI (DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI INTERFERENZIALI) DISPOSIZIONI E NOTE INFORMATIVE AI SENSI DELL ART. 26 D.LGS. 81 del 9 aprile 2008 e s.m.i. FONDAZIONE

Dettagli

FORMAZIONE ESTERNA ISTRUZIONI PER IL PUBBLICO CORSI DI AGGIORNAMENTO ANTINCENDIO

FORMAZIONE ESTERNA ISTRUZIONI PER IL PUBBLICO CORSI DI AGGIORNAMENTO ANTINCENDIO MODULARIO V.F.-1 Mod 1/VF COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO Via Ferrarese 166/2 40128 Bologna UFF. FORMAZIONE ESTERNA ISTRUZIONI PER IL PUBBLICO CORSI DI AGGIORNAMENTO ANTINCENDIO (ai sensi della nota

Dettagli

IO.10 INDICE. II^ emissione. approvazione DIRETTORE. verifica RSGQ DIRETTIVO ISTRUZIONE OPERATIVA COME SI PROGETTA UN CORSO

IO.10 INDICE. II^ emissione. approvazione DIRETTORE. verifica RSGQ DIRETTIVO ISTRUZIONE OPERATIVA COME SI PROGETTA UN CORSO : 1 di 5 INDICE 1. SCOPO 2. CAMPO DI APPLICAZIONE 3. TERMINOLOGIA ED ABBREVIAZIONI 4. RESPONSABILITÀ 5. DESCRIZIONE DELLE ATTIVITÀ 6. RIFERIMENTI 7. ARCHIVIAZIONE 8. ALLEGATI 9. APPARECCHIATURE 10. DISTRIBUZIONE

Dettagli

ISTRUZIONE OPERATIVA PER MANUTENZIONI E VERIFICHE PERIODICHE DELLE APPARECCHIATURE BIOMEDICALI

ISTRUZIONE OPERATIVA PER MANUTENZIONI E VERIFICHE PERIODICHE DELLE APPARECCHIATURE BIOMEDICALI Rev. 0 del 15/02/2011 Pagina 1 di 12 Istruzione Operativa ISTRUZIONE OPERATIVA PER MANUTENZIONI E VERIFICHE PERIODICHE DELLE APPARECCHIATURE BIOMEDICALI Adottata dall Azienda USL 3 di Pistoia a far data

Dettagli

Vigilanza art. 19 D.Lgs. n 139 del 08/03/ art. 14 D.Lgs. n 81 del 9 aprile 2008

Vigilanza art. 19 D.Lgs. n 139 del 08/03/ art. 14 D.Lgs. n 81 del 9 aprile 2008 Vigilanza art. 19 D.Lgs. n 139 del 08/03/2006 - art. 14 D.Lgs. n 81 del 9 aprile 2008 Il Corpo nazionale esercita, con i poteri di polizia amministrativa e giudiziaria, la vigilanza sull'applicazione della

Dettagli

Dichiarazione di inizio attività per esercizio attività di spettacolo viaggiante su tutto il territorio nazionale (art. 69 del T.U.L.P.S.).

Dichiarazione di inizio attività per esercizio attività di spettacolo viaggiante su tutto il territorio nazionale (art. 69 del T.U.L.P.S.). AL SIGNOR SINDACO DEL COMUNE di OGGETTO: Dichiarazione di inizio attività per esercizio attività di spettacolo viaggiante su tutto il territorio nazionale (art. 69 del T.U.L.P.S.). Cognome. Nome.. Data

Dettagli

LE DIRETTIVE. CAIEL POINT s.r.l. Via G. Quarenghi, Bergamo telefono fax

LE DIRETTIVE. CAIEL POINT s.r.l. Via G. Quarenghi, Bergamo telefono fax LE DIRETTIVE L esistenza di sistemi legislativi e normativi diversi, costituiva un ostacolo alla libera circolazione dei prodotti in Europa. Quindi si e reso necessario armonizzare le legislazioni degli

Dettagli

Copyright FAST SpA. RHE Unità di recupero calore ad elevata efficienza con circuito frigorifero integrato

Copyright FAST SpA. RHE Unità di recupero calore ad elevata efficienza con circuito frigorifero integrato RHE Unità di recupero calore ad elevata efficienza con circuito frigorifero integrato La legislazione vigente sul risparmio energetico negli edifici: introduce l obbligo di contenere i consumi energetici

Dettagli

Nome modulo: MISURE DI SICUREZZA ADOTTATE DALL AMMINISTRAZIONE NOME LEZIONE: INTRODUZIONE

Nome modulo: MISURE DI SICUREZZA ADOTTATE DALL AMMINISTRAZIONE NOME LEZIONE: INTRODUZIONE NOME LEZIONE: INTRODUZIONE Il nuovo Codice prevede ed indica una serie di misure definite minime di sicurezza da adottare per l idoneo trattamento dei dati. In questo modulo tratteremo di: Misure minime

Dettagli

COMUNE DI AIRASCA. Provincia di Torino. DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DEL Settore Amministrativo/Affari Gen.-Serv.Dem.Stat.

COMUNE DI AIRASCA. Provincia di Torino. DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DEL Settore Amministrativo/Affari Gen.-Serv.Dem.Stat. COMUNE DI AIRASCA Provincia di Torino DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DEL Registro Generale del Settore OGGETTO: Aggiornamento documento programmatico sulla sicurezza (DPS) - Anno 2012. Affidamento incarico

Dettagli

I S T I T U T O C O M P R E N S I V O D I C A P I A G O I N T I M I A N O.

I S T I T U T O C O M P R E N S I V O D I C A P I A G O I N T I M I A N O. I S T I T U T O C O M P R E N S I V O D I C A P I A G O I N T I M I A N O Piazza IV Novembre 22070 CAPIAGO INTIMIANO (CO) t el. 0346447 fax 0356408 C F 800350039 coic8002@istruzione.it coic8002@pec.istruzione.it

Dettagli

AGGIORNAMENTI NORMATIVI E TECNOLOGICI DI PREVENZIONE INCENDI. Roma, 1 Marzo 2012

AGGIORNAMENTI NORMATIVI E TECNOLOGICI DI PREVENZIONE INCENDI. Roma, 1 Marzo 2012 AGGIORNAMENTI NORMATIVI E TECNOLOGICI DI PREVENZIONE INCENDI Roma, 1 Marzo 2012 SISTEMI DI EVACUAZIONE FORZATA DI FUMO E CALORE: caratteristiche, funzionamento e selezione dei componenti Luca Pauletti,

Dettagli

Giudizio di conformità sugli adempimenti richiesti BOZZA

Giudizio di conformità sugli adempimenti richiesti BOZZA Documento di Due-Diligence Il Garante nel provvedimento del 27 novembre 2008 sull amministratore di sistema usa per la prima volta l espressione "due diligence" per indicare "gli accorgimenti e misure,

Dettagli

PROCEDURA AZIENDALE. PA SQ - 34 Rev 0 del

PROCEDURA AZIENDALE. PA SQ - 34 Rev 0 del PROCEDURA AZIENLE Rev 0 del 29.01.2014 Data applicazione Redazione Verifica Approvazione 29.01.2014 Ing. C. Amadio Dr.ssa G. Saporetti Dr. Pasquale Cannatelli Pag. 2 / 7 STATO DELLE REVISIONI Rev Data

Dettagli

ANALISI GIUSTIFICATIVA PREZZI

ANALISI GIUSTIFICATIVA PREZZI ampliamento per formazione nuove sedi scolastiche QUARTO LOTTO DI INTERVENTO IMPIANTI ELETTRICI CODICE: Analisi 0 DESCRIZIONE: GRUPPO SOCCORRITORE Fornitura e posa in opera, compresi collegamenti su QG

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER L INSTALLAZIONE E L UTILIZZO DI IMPIANTI DI VIDEOSORVEGLIANZA DEL TERRITORIO COMUNALE

REGOLAMENTO COMUNALE PER L INSTALLAZIONE E L UTILIZZO DI IMPIANTI DI VIDEOSORVEGLIANZA DEL TERRITORIO COMUNALE COMUNE DI BARZANA Provincia di Bergamo REGOLAMENTO COMUNALE PER L INSTALLAZIONE E L UTILIZZO DI IMPIANTI DI VIDEOSORVEGLIANZA DEL TERRITORIO COMUNALE Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale

Dettagli

Documento unico di valutazione dei rischi da interferenza (DUVRI) Ai sensi dell Art.26; comma 2 lettera b, comma 3 del D.Lgs.81/08

Documento unico di valutazione dei rischi da interferenza (DUVRI) Ai sensi dell Art.26; comma 2 lettera b, comma 3 del D.Lgs.81/08 Pagina 1 di 5 DUVRI PRELIMINARE DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZA Ai sensi dell Art.26; comma 2 lettera b, comma 3 del D.Lgs.81/08 Committente: ISS - EOMM Ditta appaltatrice: Oggetto

Dettagli

«ESPERIENZE DI COORDINAMENTO PER LA SICUREZZA NEGLI INTERVENTI DI RICOSTRUZIONE E CONSOLIDAMENTO ANTISISMICO» Ing. Giorgio Fiocchi

«ESPERIENZE DI COORDINAMENTO PER LA SICUREZZA NEGLI INTERVENTI DI RICOSTRUZIONE E CONSOLIDAMENTO ANTISISMICO» Ing. Giorgio Fiocchi «ESPERIENZE DI COORDINAMENTO PER LA SICUREZZA NEGLI INTERVENTI DI RICOSTRUZIONE E CONSOLIDAMENTO ANTISISMICO» Ing. Giorgio Fiocchi «Contenuti del piano di emergenza per un cantiere di un edificio gravemente

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DIPARTIMENTO MANUTENZIONE E ASSISTENZA TECNICA ELETTRICO ELETTRONICO MATERIA: TECNOLOGIE E TECNICHE DI INSTALLAZIONE E MANUTENZIONE Classe III DME Anno Scolastico 2016-2017 1 ELEMENTI

Dettagli

anno 2016-2 semestre

anno 2016-2 semestre Certificato n 2010010200736 06 LUGLIO 1 R.L.S (Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza) annuale R.L.S. con formazione di base già assolta (min. 32 ore) 1-18 In osservanza dell art. 37 del D.Lgs.

Dettagli

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO AGENZIA PROVINCIALE PROTEZIONE AMBIENTE Prot. n. PROVVEDIMENTO del DIRIGENTE dell AGENZIA N. 40 DI DATA 6 Maggio 203 O G G E T T O: Realizzazione di interventi di manutenzione

Dettagli

COMUNE DI VEDUGGIO CON COLZANO Provincia di Milano SERVIZIO AMMINISTRATIVO INFORMATICO DOCUMENTO PROGRAMMATICO SULLA SICUREZZA DEI DATI INFORMATICI

COMUNE DI VEDUGGIO CON COLZANO Provincia di Milano SERVIZIO AMMINISTRATIVO INFORMATICO DOCUMENTO PROGRAMMATICO SULLA SICUREZZA DEI DATI INFORMATICI COMUNE DI VEDUGGIO CON COLZANO Provincia di Milano SERVIZIO AMMINISTRATIVO INFORMATICO DOCUMENTO PROGRAMMATICO SULLA SICUREZZA DEI DATI INFORMATICI Approvato con delibera di G.C. n 8 del 25/01/2005 Modificato

Dettagli

TORINO, CORSO REGIO PARCO 24

TORINO, CORSO REGIO PARCO 24 TORINO, CORSO REGIO PARCO 24 IL QUARTIERE Il Balon Il Santuario della Maria Ausiliatrice Il mercato di Porta Palazzo FIAT Grandi Motori Casa Aurora La Nuvola Lavazza Corso Regio Parco 24, Torino L'edificio

Dettagli

CONTRATTO INTEGRATIVO DI ISTITUTO a. s RELATIVO A MODALITA E CRITERI DI GESTIONE DEL FONDO DELL ISTITUZIONE SCOLASTICA

CONTRATTO INTEGRATIVO DI ISTITUTO a. s RELATIVO A MODALITA E CRITERI DI GESTIONE DEL FONDO DELL ISTITUZIONE SCOLASTICA III ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE A. BRIOSCO Scuola dell infanzia, primaria, secondaria di I grado Centro territoriale permanente per l educazione agli adulti Via Lippi, 11 35134 Padova Tel. 049619116 Tel.Fax

Dettagli