Afi - Associazione delle Famiglie Confederazione Italiana - ONLUS

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Afi - Associazione delle Famiglie Confederazione Italiana - ONLUS"

Transcript

1 Sede legale: Piazza San Zeno, Verona Sede operativa: p.za Angelini, Castelnuovo del Garda - VR Fax: Codice fiscale: C. C. postale: web: Verona, 25 Giugno 2012 LE SCALE DI EQUIVALENZA PER LA NUOVA ISEE L EQUITÀ DELLA MISURA DEI CARICHI FAMILIARI Roma, 25 giugno 2012 La scala di povertà assoluta ISTAT, normalizzata ad 1 per 1 componente, è datata 2001 ed è decisamente più in linea con il FattoreFamiglia che non con la scala ISEE attuale e con quanto da voi proposto. Infatti, tale scala è quasi sovrapposta alla scala del Fattore Famiglia fino a 5 componenti, per divergere dal sesto in poi. L ulteriore studio ISTAT (2009) sulla povertà assoluta non ha ricavato una scala di equivalenza, ma, partendo da un paniere di beni e servizi, ha individuato le situazioni di povertà assoluta nelle diverse aree geografiche e diverse situazioni in Italia. Essendo l approccio non finalizzato ad individuare una scala di equivalenza, ma i livelli di povertà assoluta, si sono fatte delle considerazioni che escludono del tutto l utilizzo di questo studio al fine del calcolo di una scala di equivalenza. Riportiamo di seguito le due situazioni: 1. Con scala di povertà assoluta ISTAT Con studio sulla povertà ISTAT Confronto delle scale scala di equivalenza con la scala di equivalenza della povertà assoluta ISTAT 2001 N. comp. Scala ISEE Attuale Fattore Famiglia NEW Monti tutti figli minorenni Scala povertà relativa ISTAT Scala povertà assoluta ISTAT ,57 1,6 1,57 1,67 1,50 3 2,04 2,20 2,04 2,22 2,13 4 2,46 2,80 2,46 2,72 2,70 5 2,85 3,60 3,05 3,17 3,40 6 3,20 4,40 3,55 3,60 3,92 7 3,55 5,20 4,05 4,00 4,42 8 3,90 6,00 4,40 4,40 4,92 Questi i grafici. 1

2 La normalizzazione delle scale ISTAT è resa necessaria dal fatto che l ISTAT considera come riferimento base la coppia e non il singolo. Per il raffronto delle scale è quindi necessario che il punto di partenza sia il medesimo. Per chiarezza aggiungiamo la tabella di normalizzazione utilizzata. n. comp. povertà relativa Fattore di normalizzazione normalizzazione Scala normalizzata Povertà assoluta Scala 1 0,6 488,73 1, , ,55 1,67 1,67 559,63 1,5 3 1, ,36 1,67 2,22 794,89 2,1 4 1, ,72 1,67 2, ,60 2,7 5 1, ,65 1,67 3, ,70 3,4 6 2, ,43 1,67 3, ,25 3,9 7 2, ,93 1,67 4, ,04 4,4 8 2, ,41 1,67 4, ,83 4,9 Dati ISTAT Studio sulla povertà ISTAT 2009 Lo studio ISTAT 2009 condotto sulla povertà assoluta (vedi il testo La misura della povertà assoluta ISTAT 2009, testo dal quale si trae il riferimento delle pagine indicate di seguito) ha preso in esame le seguenti voci di spesa minima indispensabile, al di sotto della quale si è poveri in assoluto : 2/6

3 A. Spese per l alimentazione Fabbisogno alimentare minimo. Viene mantenuto inalterato rispetto a quello del vecchio paniere (vedi pag 22 del testo ISTAT) B. Spese residue. Tutti i fabbisogni necessari a proteggere le famiglie da forme di esclusione sociale, costituiscono, come nel vecchio paniere, la componente residuale. Le famiglie devono essere in grado di acquisire il minimo necessario per arredare e mantenere l abitazione, vestirsi, comunicare, informarsi, muoversi sul territorio, istruirsi e mantenersi in buona salute (vedi pag 22 del testo ISTAT) C. Spese per l energia D. Spese per beni durevoli E. Spese per affitti La soglia di povertà assoluta corrisponde al valore monetario del paniere complessivo ottenuto per somma diretta dei valori monetari delle diverse componenti Beni esclusi nel calcolo dei livelli di povertà assoluta 1 Auto (evidentemente i poveri usano solo i mezzi pubblici ed in Italia le auto le usano solo i ricchi) La spesa per trasporto è stata stimata in base all ipotesi che le famiglie si spostino utilizzando esclusivamente il servizio pubblico (autobus, pullman, treno) e non siano quindi in possesso di mezzi di trasporto privati. Per tale motivo non vengono considerate le spese per l acquisto di mezzi di trasporto e quelle relative al loro uso e manutenzione (assicurazione, carburanti, riparazioni). Vedi pag. 59 del Testo ISTAT. 2 Libri scolastici (i poveri li hanno gratis, ma all università quanto costano i libri? E le mense? Non sono considerati i figli > 18 anni) Per quanto riguarda l istruzione, lo Stato italiano ha previsto sostegni, servizi e provvidenze per favorire la frequenza scolastica e affinché ognuno possa realizzare il diritto all istruzione. Le norme prevedono sostegni per alunni disabili, scuole ospedaliere, interventi per alunni stranieri, interventi nelle aree a rischio di dispersione scolastica e di devianza minorile e altri specifici servizi. Alcune misure di sostegno materiale (borse di studio, gratuità di servizi, libri di testo, assegni, trasporti scolastici eccetera) si prefiggono di conseguire una condizione di parità e di uguaglianza di opportunità per tutti. Per sostenere il diritto allo studio vi sono interventi finanziari e altre misure di sostegno messe in atto sia a livello nazionale (Ministero della pubblica istruzione) sia territoriale (Regioni ed Enti locali). Di conseguenza, per quanto concerne la scuola fino alla secondaria superiore, la spesa per istruzione a carico delle famiglie disagiate si dovrebbe limitare all acquisto di quaderni, cancelleria, fotocopie e altro materiale di supporto (come, ad esempio, zaini e astucci). Vedi pag. 59 testo ISTAT. 3 Tasse scolastiche (non previste per la scuola dell obbligo: e l università? Si arriva a 2500 x figlio) 4 Sono considerate le tariffe minime per i nidi perché i poveri usufruiscono di queste. Nella quota residuale è stata inoltre inserita la spesa relativa ai servizi di asilo nido, che possono essere assimilati alla spesa per istruzione. Questa scelta è stata determinata dal fatto che tali servizi sono regolamentati a livello comunale e che, a causa della diversa offerta sul territorio (in termini di posti e tariffe), non sempre è possibile assicurare a tutte le famiglie disagiate la possibilità di usufruirne gratuitamente. Vedi pag. 60 testo ISTAT 3/6

4 Per raggiungere un valore reale della scala di equivalenza bisogna aggiungere ai calcoli ISTAT quantomeno le spese per auto e scuola (nidi in particolare), spese tutt altro che trascurabili. Spese auto Il costo auto è calcolato dai costi chilometrici ACI per una Fiat Uno (fino a due persone) e per una Ford Focus per 3, 4, 5 persone, cambiando le esigenze per famiglie più grandi. Cambiando autovettura, per necessità di numerosità del nucleo familiare cambiano anche i costi di esercizio. Non sono qui considerate le famiglie con più di 5 componenti in quanto non riportate nello studio ISTAT. L auto, in questo caso, deve cambiare ancora per il maggior numero di figli da trasportare, con costi di esercizio ancora maggiori. Il chilometraggio assunto è proporzionale al numero di persone che devono usufruire, in modo diretto o indiretto, dell auto. N. Comp Costo/km Km/anno Costi Totali/mese 1 0, , , , , Spese scuola Normalmente le tariffe per i nidi variano dalla gratuità (non considerata) o da una tariffa minima (presa in considerazione dallo studio ISTAT) di fino ad una tariffa massima di /mese per figlio. Le tasse scolastiche sono esenti fino a redditi ben al di sotto della soglia di povertà assoluta, senza contare che le tasse universitarie possono raggiungere livelli di 2500 /figlio. I costi relativi sono inseriti tenendo conto di queste considerazioni. Dalle tabelle ISTAT si possono quindi ricavare le seguenti tabelle di sintesi dalle quali si può evincere delle ipotetiche scale di equivalenza. N. Comp A + B + C D + E ULTERIORI spese RICALCOLO Spese SE V+F variabili SE V Spese fisse SE F Auto Scuola Totali SE TOT , ,54 361,6 1,1 1, , ,22 393,6 1,2 1, , ,78 444,6 1,4 2, , ,24 481,6 1,5 2, ,63 Possiamo considerare ben 4 scale di equivalenza diverse: 1 SE V = Scala di equivalenza per le spese variabili 2. SE F= Scala di equivalenza per le spese fisse 4/6

5 3. SE V+F = Scala risultante dalla somma di spese variabili più spese fisse 4. SE TOT= Scala di equivalenza precedente + ulteriori spese (Scuola ed auto, scuola ancora senza i costi delle tasse scolastiche) Si può vedere facilmente cha la scala SE TOT si avvicina, e molto, alla vecchia scala di equivalenza per la povertà assoluta del 2001 ed è più vicina al FF che alla scala proposta dal Governo Monti. N. comp. Scala ISEE Attuale Fattore Famiglia NEW Monti tutti figli minorenni SE TOT Scala povertà assoluta ISTAT ,57 1,6 1,57 1,39 1,50 3 2,04 2,20 2,04 2,52 2,13 4 2,46 2,80 2,46 3,13 2,70 5 2,85 3,60 3,05 3,63 3,40 6 3,20 4,40 3,55 4,36* 3,92 7 3,55 5,20 4,05 5,08* 4,42 * Valori ottenuti per estrapolazione lineare Nota. Lo studio sulla povertà ISTAT ha riportato dati che si fermano a 5 come numero di componenti la famiglia. Graficamente (vedi pag. seguente): Scala ISEE Attuale Fattore Famiglia NEW Monti tutti figli minorenni SE TOT Scala povertà assoluta ISTAT 2001 Scale di Equivalenza N. Componenti Conclusioni. 5/6

6 Pur nelle semplificazioni, doverose per un calcolo significativo della reale scala di equivalenza, si nota come la scala proposta nel FattoreFamiglia sia effettivamente più realistica della scala ISEE attuale. Addirittura con dei semplici calcoli si può stabilire una scala (SE TOT) derivante dallo studio sulla povertà assoluta ISTAT che dimostra che per nuclei fino a 5 componenti addirittura la scala proposta dal Fattore Famiglia è penalizzante per le famiglie con figli. Sopra i 5 componenti non è stato possibile effettuare calcoli, essendo queste situazioni non analizzate dallo studio ISTAT. Si è effettuata comunque una estrapolazione lineare semplice in base alla pendenza media della curva. Ribadiamo, la scala di equivalenza proposta dal FattoreFamiglia deriva da un recente studio condotto dall Università di Verona su valori veri e completi di spesa una famiglia normale. Ragionare sui limiti di povertà assoluta, con assunzioni errate tipo non si usa l auto, porta a conclusioni assolutamente fuori dalla realtà per il 96% delle famiglie italiane (assunto come il 4% il numero di famiglie sotto il livello di povertà assoluta). Una scala di equivalenza va studiata ed applicata per la totalità delle situazioni, pur con le doverose semplificazioni. Oggettivamente, utilizzare scale più penalizzanti per la famiglia rispetto alla scala di povertà assoluta ISTAT, significa quantomeno dare allo strumento un significato politico negativo verso la famiglia, perdendo al contempo il valore di strumento neutro e strettamente tecnico. Le indagini statistiche riportate nel testo, edito dal Ministero, Osservatorio nazionale sulla famiglia Famiglie e politiche di Welfare in Italia: interventi e pratiche vol. II - Il costo dei figli - di F. Perali. Cap. 3 Tab. 3.2 ed. Il Mulino, dimostrano ancor più la loro attendibilità, anche di fronte alle scale studiate dall ISTAT. Proporre la scala FattoreFamiglia è quindi non solo un fatto politico, ma tecnico e di assoluto rilievo. Solo con scale tipo il FattoreFamiglia si può andare verso un costo sostenibile dei servizi da parte delle famiglie, altrimenti i servizi stessi saranno via via abbandonati per soluzioni diverse, a minor impatto economico, magari a scapito della qualità. Senza contare che gli attuali servizi già operanti, se perdono di utenza, perdono di efficienza e quindi aumentano di costo per i comuni (vedi esempio dei nidi). E questo che vogliamo? Spero proprio di no. Roberto Bolzonaro Afi Associazione delle famiglie 6/6

Afi - Associazione delle Famiglie Confederazione Italiana - ONLUS

Afi - Associazione delle Famiglie Confederazione Italiana - ONLUS Sede legale: largo S.Nazaro, 1-37129 Verona Sede operativa: p.za Angelini, 1-37014 Castelnuovo del Garda - VR Fax: 045 74431137 Codice fiscale: 93044990237 C. C. postale: 15743370 e-mail: afi@afifamiglia.it

Dettagli

Dalle detrazioni alle deduzioni. Come.

Dalle detrazioni alle deduzioni. Come. Sede legale: largo S.Nazaro, 1-37129 Verona Sede operativa: p.za Angelini, 1-37014 Castelnuovo del Garda - VR Fax: 045 74431137 Codice fiscale: 93044990237 C. C. postale: 15743370 e-mail: afi@afifamiglia.it

Dettagli

FEDERCONSUMATORI FEDERAZIONE NAZIONALE CONSUMATORI E UTENTI

FEDERCONSUMATORI FEDERAZIONE NAZIONALE CONSUMATORI E UTENTI 17 Novembre 2014 V Rapporto sui costi degli Atenei italiani II parte: lo studente fuori sede Introduzione Gli studenti universitari in Italia sono circa 1.663.800 1. Questo significa che ci sono altrettante

Dettagli

AZIONI DI CONTRASTO ALLA POVERTA ANNO 2011

AZIONI DI CONTRASTO ALLA POVERTA ANNO 2011 ALLEGATO N. 2 ALLA DELIBERAZIONE N. DEL AZIONI DI CONTRASTO ALLA POVERTA ANNO 2011 PREMESSA Con il presente programma, parte essenziale del più complessivo programma di interventi a favore delle politiche

Dettagli

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2011. 17 luglio 2012. INCIDENZA DI POVERTÀ RELATIVA PER RIPARTIZIONE GEOGRAFICA. Anni 2008-2011, valori percentuali

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2011. 17 luglio 2012. INCIDENZA DI POVERTÀ RELATIVA PER RIPARTIZIONE GEOGRAFICA. Anni 2008-2011, valori percentuali 17 luglio 2012 Anno 2011 LA POVERTÀ IN ITALIA Nel 2011, l 11,1% delle famiglie è in condizione di povertà relativa (per un totale di 8.173 mila persone) e il 5,2% lo è in termini assoluti (3.415 mila).

Dettagli

Fattore Famiglia:.oltre il Quoziente Familiare. Roberto Bolzonaro

Fattore Famiglia:.oltre il Quoziente Familiare. Roberto Bolzonaro Fattore Famiglia:.oltre il Quoziente Familiare Roberto Bolzonaro 1 Politiche Politiche familiari familiari Fiscalità Il costo del figlio è tassabile? Art. 30 È dovere e diritto dei genitori mantenere,

Dettagli

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2012. 17 luglio 2013

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2012. 17 luglio 2013 17 luglio 2013 Anno 2012 LA POVERTÀ IN ITALIA Nel 2012, il 12,7% delle famiglie è relativamente povero (per un totale di 3 milioni 232 mila) e il 6,8% lo è in termini assoluti (1 milione 725 mila). Le

Dettagli

RAPIDE. La povertà in Italia nel 2000 POVERTÀ RELATIVA SUL TERRITORIO. 31 luglio 2001 SOTTO LA SOGLIA DI POVERTÀ RELATIVA IL 12,3% DELLE FAMIGLIE

RAPIDE. La povertà in Italia nel 2000 POVERTÀ RELATIVA SUL TERRITORIO. 31 luglio 2001 SOTTO LA SOGLIA DI POVERTÀ RELATIVA IL 12,3% DELLE FAMIGLIE SOTTO LA SOGLIA RELATIVA IL % DELLE FAMIGLIE La povertà in Italia nel della povertà viene calcolata sulla base del numero di L incidenza famiglie (e relativi componenti) che presentano spese per consumi

Dettagli

Comune di Lama dei Peligni REGOLAMENTO

Comune di Lama dei Peligni REGOLAMENTO Comune di Lama dei Peligni Provincia di Chieti REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI A FAVORE DEI GRANDI INVALIDI DEL LAVORO I.N.A.I.L. Approvato con deliberazione di C.C. n. 48 del 30/11/2006 RIFERIMENTI

Dettagli

Gli interventi di contrasto delle povertà in Sardegna

Gli interventi di contrasto delle povertà in Sardegna Gli interventi di contrasto delle povertà in Sardegna Premessa La Regione Sardegna approva il 1 programma di contrasto delle povertà, in forma sperimentale, nell anno 2007 prevedendo 2 linee d intervento

Dettagli

Provincia autonoma di Trento. ICEF strumento per le politiche equitative ed il governo del welfare

Provincia autonoma di Trento. ICEF strumento per le politiche equitative ed il governo del welfare Provincia autonoma di Trento ICEF strumento per le politiche equitative ed il governo del welfare Seminario CGIL - SPI Lombardia Milano 16 marzo 2011 Paolo Weber 1 Il contesto Il debito pubblico e la riduzione

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE TINAGLI, CAPUA, ANTIMO CESARO, GALGANO, MAZZIOTTI DI CELSO, QUINTARELLI, SOTTANELLI, VECCHIO

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE TINAGLI, CAPUA, ANTIMO CESARO, GALGANO, MAZZIOTTI DI CELSO, QUINTARELLI, SOTTANELLI, VECCHIO Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 2330 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI TINAGLI, CAPUA, ANTIMO CESARO, GALGANO, MAZZIOTTI DI CELSO, QUINTARELLI, SOTTANELLI, VECCHIO

Dettagli

LA PRIMA INDAGINE SULLE SPESE DELLE FAMIGLIE PER L ISTRUZIONE E LA FORMAZIONE PROFESSIONALE ANNO 2002 SINTESI

LA PRIMA INDAGINE SULLE SPESE DELLE FAMIGLIE PER L ISTRUZIONE E LA FORMAZIONE PROFESSIONALE ANNO 2002 SINTESI MINISTERO DELL ISTRUZIONE DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA LA PRIMA INDAGINE SULLE SPESE DELLE FAMIGLIE PER L ISTRUZIONE E LA FORMAZIONE PROFESSIONALE ANNO 2002 SINTESI Nel corso del 2002 si è svolta la

Dettagli

REGIONE CAMPANIA ASSESSORATO ISTRUZIONE E CULTURA

REGIONE CAMPANIA ASSESSORATO ISTRUZIONE E CULTURA REGIONE CAMPANIA ASSESSORATO ISTRUZIONE E CULTURA L. R. 26 aprile 1985, n. 30 PROGRAMMAZIONE DEGLI INTERVENTI REGIONALI PER IL DIRITTO ALLO STUDIO Anno scolastico 2002/2003 BURC n 61 del 9 dicembre 2002

Dettagli

ARTICOLO 1 OGGETTI E RIFERIMENTI ARTICOLO 2 DESTINATARI ARTICOLO 3 AMBITO DI APPLICAZIONE

ARTICOLO 1 OGGETTI E RIFERIMENTI ARTICOLO 2 DESTINATARI ARTICOLO 3 AMBITO DI APPLICAZIONE I.S.E.E. Comune di Caselette ARTICOLO 1 OGGETTI E RIFERIMENTI Il presente regolamento è finalizzato all individuazione delle condizioni economiche richieste per l accesso alle prestazioni comunali agevolate,

Dettagli

RAPIDE. Nel 2001 la spesa media mensile. La povertà in Italia nel 2001 POVERTÀ NEL TEMPO E SUL TERRITORIO. 17 luglio 2002

RAPIDE. Nel 2001 la spesa media mensile. La povertà in Italia nel 2001 POVERTÀ NEL TEMPO E SUL TERRITORIO. 17 luglio 2002 SOTTO LA SOGLIA DI POVERTÀ IL 12% DELLE FAMIGLIE La povertà in Italia nel 2001 di povertà viene calcolata sulla base del numero di L incidenza famiglie (e relativi componenti) che presentano spese per

Dettagli

Comune di Avigliana. Provincia di Torino

Comune di Avigliana. Provincia di Torino Comune di Avigliana Provincia di Torino REGOLAMENTO Per le prestazioni sociali e per l applicazione dell I.S.E.E. (Indicatore Situazione Economica Equivalente) Approvato dal Consiglio Comunale in data

Dettagli

DISAGIO ECONOMICO DELLE FAMIGLIE STRANIERE

DISAGIO ECONOMICO DELLE FAMIGLIE STRANIERE DISAGIO ECONOMICO DELLE FAMIGLIE STRANIERE Analisi e mappatura del disagio economico delle famiglie in Italia suddivise tra famiglie straniere, miste e italiane GENNAIO 2011 FINALITA DELLO STUDIO Lo studio

Dettagli

Il sostegno alle famiglie con figli: l Assegno unico per i minori

Il sostegno alle famiglie con figli: l Assegno unico per i minori Il sostegno alle famiglie con figli: l Assegno unico per i minori Paolo Bosi CAPP Milano 26 settembre 2013 I programmi vigenti Detrazioni per carichi familiari in Irpef Assegni familiari Assegni per nuclei

Dettagli

LA POVERTÀ IN ITALIA

LA POVERTÀ IN ITALIA 15 luglio 2011 Anno 2010 LA POVERTÀ IN ITALIA La povertà risulta sostanzialmente stabile rispetto al 2009: l 11,0% delle famiglie è relativamente povero e il 4,6% lo è in termini assoluti. La soglia di

Dettagli

proposta di legge n. 460

proposta di legge n. 460 REGIONE MARCHE 1 ASSEMBLEA LEGISLATIVA proposta di legge n. 460 a iniziativa dei Consiglieri Zinni, Natali, Romagnoli, Zaffini presentata in data 18 novembre 2014 ISTITUZIONE IN VIA SPERIMENTALE DEL SOSTEGNO

Dettagli

INTERVENTO DI SOSTEGNO ECONOMICO DI CUI ALL ART. 35, COMMA 2, DELLA L.P. N. 13 DEL 2007 VALUTAZIONE DELLA CONDIZIONE ECONOMICA

INTERVENTO DI SOSTEGNO ECONOMICO DI CUI ALL ART. 35, COMMA 2, DELLA L.P. N. 13 DEL 2007 VALUTAZIONE DELLA CONDIZIONE ECONOMICA Allegato parte integrante ALLEGATO 2 INTERVENTO DI SOSTEGNO ECONOMICO DI CUI ALL ART. 35, COMMA 2, DELLA L.P. N. 13 DEL 2007 VALUTAZIONE DELLA CONDIZIONE ECONOMICA Il nucleo di riferimento è quello risultante,

Dettagli

CONVEGNO IL NUOVO ISEE Quale impatto sulle famiglie e gli enti locali? Firenze, 14 luglio 2015

CONVEGNO IL NUOVO ISEE Quale impatto sulle famiglie e gli enti locali? Firenze, 14 luglio 2015 CONVEGNO IL NUOVO ISEE Quale impatto sulle famiglie e gli enti locali? Firenze, 14 luglio 2015 GLI EFFETTI DELLA RIFORMA SULLE FAMIGLIE TOSCANE Letizia Ravagli e Nicola Sciclone Sulla crisi, il welfare

Dettagli

AZIONI DI CONTRASTO ALLA POVERTA ANNO 2012

AZIONI DI CONTRASTO ALLA POVERTA ANNO 2012 Allegato n. 2 alla Delib.G.R. n. 19/4 del 8.5.2012 AZIONI DI CONTRASTO ALLA POVERTA ANNO 2012 PREMESSA Con il presente programma, parte essenziale del più complessivo programma di interventi a favore delle

Dettagli

VADEMECUM RIMBORSI CHILOMETRICI, RIMBORSI SPESA E TRASFERTE DI PERSONALE DIPENDENTE, SOCI E AMMINISTRATORI

VADEMECUM RIMBORSI CHILOMETRICI, RIMBORSI SPESA E TRASFERTE DI PERSONALE DIPENDENTE, SOCI E AMMINISTRATORI SPAZIO PAGHE Newsletter 02/2016 VADEMECUM RIMBORSI CHILOMETRICI, RIMBORSI SPESA E TRASFERTE DI PERSONALE DIPENDENTE, SOCI E AMMINISTRATORI I RIMBORSI CHILOMETRICI Per rimborsi chilometrici si intendono

Dettagli

Comune di Vicenza. Bilancio di previsione 2015

Comune di Vicenza. Bilancio di previsione 2015 Comune di Vicenza Bilancio di previsione 2015 IL BILANCIO DI PREVISIONE 2015 ANALISI DI CONTESTO ED INDICATORI DI CONFRONTO Il contesto di riferimento Tagli ai trasferimenti (addizionali rispetto all anno

Dettagli

Fiscal Flash N. 308. Il nuovo Isee. La notizia in breve 04.12.2013. Premessa. Categoria: Previdenza e lavoro Sottocategoria: Prestazioni sociali

Fiscal Flash N. 308. Il nuovo Isee. La notizia in breve 04.12.2013. Premessa. Categoria: Previdenza e lavoro Sottocategoria: Prestazioni sociali Fiscal Flash La notizia in breve N. 308 04.12.2013 Il nuovo Isee Categoria: Previdenza e lavoro Sottocategoria: Prestazioni sociali Nel Consiglio dei Ministri di ieri 3 dicembre il governo ha approvato

Dettagli

La Riforma dell ISEE: Maggiore equità ed efficacia nella valutazione economica della famiglia.

La Riforma dell ISEE: Maggiore equità ed efficacia nella valutazione economica della famiglia. La Riforma dell ISEE: Maggiore equità ed efficacia nella valutazione economica della famiglia. della condizione La riforma dell ISEE (Indicatore della situazione economica equivalente) rappresenta un passo

Dettagli

Stime sul costo e sugli effetti distributivi di programmi di contrasto alla povertà. Massimo Baldini (CAPP) Daniele Pacifico (CAPP e MLPS)

Stime sul costo e sugli effetti distributivi di programmi di contrasto alla povertà. Massimo Baldini (CAPP) Daniele Pacifico (CAPP e MLPS) Stime sul costo e sugli effetti distributivi di programmi di contrasto alla povertà Massimo Baldini (CAPP) Daniele Pacifico (CAPP e MLPS) Il modello di riferimento Per le simulazioni è stato impiegato

Dettagli

Il nuovo ISEE tassa la casa

Il nuovo ISEE tassa la casa Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 341 21.11.2014 Il nuovo tassa la casa L abbattimento di 1/3 non compensa l abolizione della franchigia Categoria: Contribuenti Sottocategoria:

Dettagli

LA POVERTÀ IN ITALIA, 1980-2000 (valori percentuali)

LA POVERTÀ IN ITALIA, 1980-2000 (valori percentuali) LA POVERTÀ IN ITALIA, 198-2 (valori percentuali) 3 3 25 25 2 Mezzogiorno 2 15 Italia 15 1 5 Nord Centro 1 5 198 1982 1984 1986 1988 199 1992 1994 1996 1998 2 vecchia serie nuova serie Fonte: Commissione

Dettagli

AZIENDA REGIONALE PER IL DIRITTO ALLO STUDIO UNIVERSITARIO. sede legale Viale A. Gramsci, 36 50132 Firenze www.dsu.toscana.it info@dsu.toscana.

AZIENDA REGIONALE PER IL DIRITTO ALLO STUDIO UNIVERSITARIO. sede legale Viale A. Gramsci, 36 50132 Firenze www.dsu.toscana.it info@dsu.toscana. DISCIPLINARE PER L APPLICAZIONE DELLE SANZIONI AMMINISTRATIVE PREVISTE DAL REGOLAMENTO AZIENDALE PER L EFFETTUAZIONE DEGLI ACCERTAMENTI DI VERIDICITÀ SULLE AUTOCERTIFICAZIONI PRESENTATE DAGLI STUDENTI

Dettagli

Settore Socio-Educativo. Assistenza domiciliare. Fattori della qualità. Competenza Professionalità degli operatori. Indicatori di qualità

Settore Socio-Educativo. Assistenza domiciliare. Fattori della qualità. Competenza Professionalità degli operatori. Indicatori di qualità Settore Socio-Educativo Fattori della qualità Indicatori di qualità Competenza Professionalità degli operatori Grado di soddisfazione degli utenti: 70% di soddisfazione del campione esaminato. Monitoraggio

Dettagli

COMUNE DI CALANGIANUS Provincia di Olbia Tempio

COMUNE DI CALANGIANUS Provincia di Olbia Tempio COMUNE DI CALANGIANUS Provincia di Olbia Tempio REGOLAMENTO PER IL DIRITTOALLO STUDIO CAPO I PRINCIPI GENERALI Art. 1 AMBITO DI APPLICAZIONE Il presente regolamento disciplina gli interventi del Comune

Dettagli

ART. 2 - CONTRIBUTI PER IL RIMBORSO TOTALE O PARZIALE DEI LIBRI DI TESTO

ART. 2 - CONTRIBUTI PER IL RIMBORSO TOTALE O PARZIALE DEI LIBRI DI TESTO BANDO PUBBLICO PER IL DIRITTO ALLO STUDIO Bandi unici per l assegnazione di benefici rivolti agli studenti iscritti alle scuole localizzate sul territorio comunale di Castiglione della Pescaia Anno scolastico

Dettagli

Famiglia, infanzia e povertà.

Famiglia, infanzia e povertà. Università Politecnica delle Marche Facoltà di Economia G. Fuà Convegno Povertà, Infanzia, Immigrazione in occasione del 70 Anniversario della Mensa del Povero Ancona, 5 aprile 2008 Famiglia, infanzia

Dettagli

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2013. 14 luglio 2014

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2013. 14 luglio 2014 14 luglio 2014 Anno 2013 LA POVERTÀ IN ITALIA Nel 2013, il 12,6% delle famiglie è in condizione di povertà relativa (per un totale di 3 milioni 230 mila) e il 7,9% lo è in termini assoluti (2 milioni 28

Dettagli

BANDO DI CONCORSO PER L ASSEGNAZIONE DI BORSE DI STUDIO AD UNIVERSITARI a.a. 2011/2012 RIAPERTURA TERMINI PRESENTAZIONE DELLA DOMANDA

BANDO DI CONCORSO PER L ASSEGNAZIONE DI BORSE DI STUDIO AD UNIVERSITARI a.a. 2011/2012 RIAPERTURA TERMINI PRESENTAZIONE DELLA DOMANDA BANDO DI CONCORSO PER L ASSEGNAZIONE DI BORSE DI STUDIO AD UNIVERSITARI a.a. 2011/2012 RIAPERTURA TERMINI PRESENTAZIONE DELLA DOMANDA La società ENOI di Milano e il Comune di Lerici, a seguito della donazione

Dettagli

Con la crisi la povertà assoluta è raddoppiata

Con la crisi la povertà assoluta è raddoppiata Con la crisi la povertà assoluta è raddoppiata Antonio Misiani In cinque anni la crisi economica ha causato la più forte contrazione dal dopoguerra del PIL (-6,9 per cento tra il 2007 e il 2012) e dei

Dettagli

Sintesi del Rapporto a cura di Cristiano Gori

Sintesi del Rapporto a cura di Cristiano Gori Sintesi del Rapporto a cura di Cristiano Gori Roma, 11 luglio 2014 www.caritas.it Cos è la povertà Povertà: una molteplicità di definizioni Povertà = povertà assoluta «La vive chi non può sostenere la

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE DEI SERVIZI DI TRASPORTO E MENSA SCOLASTICA

REGOLAMENTO COMUNALE DEI SERVIZI DI TRASPORTO E MENSA SCOLASTICA Comune Di Castrolibero (Prov. di Cosenza) REGOLAMENTO COMUNALE DEI SERVIZI DI TRASPORTO E MENSA SCOLASTICA APPROVATO CON DELIBERA DI CONSIGLIO N 17 DEL 27.04.2007 MODIFICATO CON DELIBERE DI CONSIGLIO N

Dettagli

COMUNE DI ORTONA AVVISO PUBBLICO

COMUNE DI ORTONA AVVISO PUBBLICO COMUNE DI ORTONA AVVISO PUBBLICO FONDO DELLE POLITICHE PER LA FAMIGLIA ANNUALITA 2010 Interventi a favore delle famiglie numerose in difficoltà economiche PREMESSO CHE: La Direzione Politiche Attive del

Dettagli

La povertà in Italia nel 2009

La povertà in Italia nel 2009 15 luglio 2010 Anno 2009 La povertà in Italia nel 2009 L'Istituto nazionale di statistica comunica i dati relativi alla povertà relativa e assoluta delle famiglie residenti in Italia, sulla base delle

Dettagli

BANDO 2014 PER L ACCESSO AI CONTRIBUTI A SOSTEGNO DELL ISTRUZIONE FINANZIATI CON FONDI REGIONALI E COMUNALI

BANDO 2014 PER L ACCESSO AI CONTRIBUTI A SOSTEGNO DELL ISTRUZIONE FINANZIATI CON FONDI REGIONALI E COMUNALI C O M U N E di A S S E M I N I Provincia di Cagliari AREA AMMINISTRAZIONE E FINANZE SERVIZIO ISTRUZIONE Ufficio Istruzione - Via Cagliari snc (ex Scuole Pintus) - tel. e fax 070\949476-070\949458 e-mail

Dettagli

CAPITOLO 6 LE ATTIVITÀ DI DIRITTO ALLO STUDIO

CAPITOLO 6 LE ATTIVITÀ DI DIRITTO ALLO STUDIO CAPITOLO 6 LE ATTIVITÀ DI DIRITTO ALLO STUDIO 6.1. Rilevazione degli interventi per il diritto allo studio Il Politecnico di Torino, a partire dall anno accademico 2000/2001, consente ai propri studenti

Dettagli

Le principali evidenze empiriche

Le principali evidenze empiriche SINTESI Questo documento analizza e compara il costo di cittadinanza tra le 14 aree metropolitane individuate nel nostro paese. L obiettivo preliminare della ricerca è stato quello di dare una definizione

Dettagli

Nuova ISEE e indicatori di carico familiare. Le tariffe, i tributi locali e la famiglia.

Nuova ISEE e indicatori di carico familiare. Le tariffe, i tributi locali e la famiglia. Nuova ISEE e indicatori di carico familiare. Le tariffe, i tributi locali e la famiglia. Prof. Federico Perali Professore Ordinario di Politica Economica presso la Facoltà di Economia dell Università di

Dettagli

U N I O N E C O M U N I D O G L I A S T R A ( O G )

U N I O N E C O M U N I D O G L I A S T R A ( O G ) U N I O N E C O M U N I D O G L I A S T R A ( O G ) COMUNE DI ELINI COMUNE DI ARZANA COMUNE DI LANUSEI COMUNE DI LOCERI COMUNE DI BARI SARDO COMUNE DI ILBONO PROGETTO SPERIMENTALE CONTRO LE POVERTÀ ESTREME

Dettagli

REGOLAMENTO RELATIVO ALLA PROMOZIONE E SOSTEGNO DEL SERVIZIO NIDO FA MILIARE SERVIZIO TAGESM ÜTTER

REGOLAMENTO RELATIVO ALLA PROMOZIONE E SOSTEGNO DEL SERVIZIO NIDO FA MILIARE SERVIZIO TAGESM ÜTTER COMUNE DI CARANO PROVINCIA DI TRENTO REGOLAMENTO RELATIVO ALLA PROMOZIONE E SOSTEGNO DEL SERVIZIO NIDO FA MILIARE SERVIZIO TAGESM ÜTTER Approvato con deliberazione C.C. nr. 28 dd. 29.11.2007. In vigore

Dettagli

OSSERVATORIO NAZIONALE SULLA FAMIGLIA

OSSERVATORIO NAZIONALE SULLA FAMIGLIA Ministero del Lavoro e delle Politiche sociali Comune di Bologna OSSERVATORIO NAZIONALE SULLA FAMIGLIA SINTESI DELLA RICERCA SU: Il sostegno pubblico alle famiglie con figli: ragioni teoriche e nuova evidenza

Dettagli

OGGETTO: Il nuovo Isee

OGGETTO: Il nuovo Isee Informativa per la clientela di studio del 04.12.2013 Ai gentili Clienti Loro sedi OGGETTO: Il nuovo Isee Gentile Cliente, con la stesura del presente documento informativo intendiamo metterla a conoscenza

Dettagli

Nota n. 3 del 02.04.2015

Nota n. 3 del 02.04.2015 Nota n. 3 del 02.04.2015 SENTENZE DEL TAR DEL LAZIO: ORIGINI E CONSEGUENZE A cura di Alessandra Franceschini (Referente Regionale Sardegna FNP - ISEE Progetto Equità) Con tre diverse Sentenze di pari tono

Dettagli

REGOLAMENTO per l ASSISTENZA ECONOMICA. del Comune di Capaci. (approvato con Delibera consiliare n. 52 del 30.09.2004)

REGOLAMENTO per l ASSISTENZA ECONOMICA. del Comune di Capaci. (approvato con Delibera consiliare n. 52 del 30.09.2004) REGOLAMENTO per l ASSISTENZA ECONOMICA del Comune di Capaci (approvato con Delibera consiliare n. 52 del 30.09.2004) Art. 1 OGGETTO E FINALITA DEL REGOLAMENTO Il presente Regolamento, in esecuzione della

Dettagli

Università degli Studi Roma Tre

Università degli Studi Roma Tre Università degli Studi Roma Tre Relazione annuale Consip Ai sensi dell art. 26, comma 4, della L. 488/1999 Anno Finanziario 2012 Quadro normativo di riferimento L art. 26 della Legge 488 del 23 dicembre

Dettagli

COMUNE di BUSACHI Provincia di Oristano Piazza Italia, 1 Tel. 0783 62010-62274 - Fax 0783 62433 - P. IVA 00541880951

COMUNE di BUSACHI Provincia di Oristano Piazza Italia, 1 Tel. 0783 62010-62274 - Fax 0783 62433 - P. IVA 00541880951 COMUNE di BUSACHI Provincia di Oristano Piazza Italia, 1 Tel. 0783 62010-62274 - Fax 0783 62433 - P. IVA 00541880951 REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DEI RIMBORSI DELLE SPESE DI VIAGGIO AGLI STUDENTI

Dettagli

COMUNE DI CARMIGNANO P.za Giacomo Matteotti, 1 59015 CARMIGNANO (PO)

COMUNE DI CARMIGNANO P.za Giacomo Matteotti, 1 59015 CARMIGNANO (PO) COMUNE DI CARMIGNANO P.za Giacomo Matteotti, 1 59015 CARMIGNANO (PO) Tel. 055 875011 Fax 055 8750301 P.I. 00255160970 C.F. 01342090485 www.comune.carmignano.po.it REGOLAMENTO SULLE MODALITA DI COMPARTECIPAZIONE

Dettagli

RISPARMIA CON IL BUS DA DOMANI ESCI CON NOI

RISPARMIA CON IL BUS DA DOMANI ESCI CON NOI RISPARMIA CON IL BUS DA DOMANI ESCI CON NOI 1 La seconda auto è un lusso: vale oltre 200 euro al mese La seconda macchina costa mediamente 200 euro/mese in più rispetto al trasporto pubblico. E il risultato

Dettagli

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIO- NALE 17 luglio 2012, n. 1449

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIO- NALE 17 luglio 2012, n. 1449 DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIO- NALE 17 luglio 2012, n. 1449 Piano regionale di riparto del finanziamento statale per la fornitura dei libri di testo. Anno scolastico 2012/2013. L Assessore con delega

Dettagli

BANDO DI CONCORSO PER IL CONFERIMENTO BORSE DI STUDIO 2015

BANDO DI CONCORSO PER IL CONFERIMENTO BORSE DI STUDIO 2015 BANDO DI CONCORSO PER IL CONFERIMENTO BORSE DI STUDIO 2015 1. ASSEGNI A CONCORSO E bandito concorso per il conferimento delle sotto elencate borse di studio a favore degli studenti delle scuole secondarie

Dettagli

Osservatorio SosTariffe.it ADSL CONSUMER

Osservatorio SosTariffe.it ADSL CONSUMER 1 Osservatorio SosTariffe.it ADSL CONSUMER ADSL E TELEFONIA DOMESTICA: LE MIGLIORI SOLUZIONI PER CONNETTERSI E TELEFONARE DA CASA INDICE p. 1 1. Introduzione p.2 2. I profili di consumo: l utilizzo di

Dettagli

REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELL ISEE A SERVIZI EXTRASCOLASTICI DEL COMUNE DI MOLINELLA. Approvato con deliberazione di C.C. n. 79 del 27/09/2004;

REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELL ISEE A SERVIZI EXTRASCOLASTICI DEL COMUNE DI MOLINELLA. Approvato con deliberazione di C.C. n. 79 del 27/09/2004; REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELL ISEE A SERVIZI EXTRASCOLASTICI DEL COMUNE DI MOLINELLA Approvato con deliberazione di C.C. n. 79 del 27/09/2004; Integrato con deliberazione di C.C. n. 28 del 19/04/2005;

Dettagli

REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELLE TARIFFE NEI SERVIZI PER L'INFANZIA E SCOLASTICI

REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELLE TARIFFE NEI SERVIZI PER L'INFANZIA E SCOLASTICI REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELLE TARIFFE NEI SERVIZI PER L'INFANZIA E SCOLASTICI Articolo 1 - Premessa I servizi rivolti all'infanzia e scolastici sono erogati dal Comune che individua in tale ambito

Dettagli

PROVINCIA DI LUCCA COMUNE DI CAMPORGIANO BANDO DI CONCORSO PUBBLICO PER IL DIRITTO ALLO STUDIO A.S. 2011/2012

PROVINCIA DI LUCCA COMUNE DI CAMPORGIANO BANDO DI CONCORSO PUBBLICO PER IL DIRITTO ALLO STUDIO A.S. 2011/2012 \ PROVINCIA DI LUCCA COMUNE DI CAMPORGIANO BANDO DI CONCORSO PUBBLICO PER IL DIRITTO ALLO STUDIO A.S. 2011/2012 Vista la L.R. 32 del 26.7.02 Testo unico della normativa della Regione Toscana in materia

Dettagli

REGOLAMENTO WELFARE AZIENDALE

REGOLAMENTO WELFARE AZIENDALE REGOLAMENTO WELFARE AZIENDALE Ai sensi dell Accordo del 18 dicembre 2013 Emanato in data 03 giugno 2014 1 Art.1 Si istituisce un Conto Welfare Individuale rivolto alla generalità dei dipendenti per far

Dettagli

del valore mensile di 500,00 per i corsi e i risultati da conseguirsi relativamente all'anno Accademico 2011/2012: fino a 5.000,00

del valore mensile di 500,00 per i corsi e i risultati da conseguirsi relativamente all'anno Accademico 2011/2012: fino a 5.000,00 INPDAP Istituto Nazionale di Previdenza dei Dipendenti dell Amministrazione Pubblica Direzione Centrale Credito e Welfare Bando di Concorso "HOMO SAPIENS SAPIENS" IN FAVORE DEI FIGLI E ORFANI DI ISCRITTI

Dettagli

RISOLUZIONE N. 356/E. Roma, 8 agosto 2008

RISOLUZIONE N. 356/E. Roma, 8 agosto 2008 RISOLUZIONE N. 356/E Roma, 8 agosto 2008 Direzione Prot.: Centrale 2005/ Normativa e Contenzioso OGGETTO: Interpello ai sensi dell articolo 11, legge 27 luglio 2000, n. 212. Trattamento fiscale ai fini

Dettagli

La borsa di studio in Piemonte:

La borsa di studio in Piemonte: La borsa di studio in Piemonte: l impatto sulle performance accademiche dei beneficiari Federica Laudisa, Laura Maneo Giugno 2012 Le domande dell indagine Quanti studenti mantengono la borsa nel corso

Dettagli

Tariffe Aci per il 2014

Tariffe Aci per il 2014 Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 08 10.01.2014 Tariffe Aci per il 2014 Categoria: Auto Sottocategoria: Imposte dirette In base a quanto disposto dall art. 3, comma 1 del D.Lgs.

Dettagli

I.S.E. - I.S.E.E. - I.S.E.E.U.

I.S.E. - I.S.E.E. - I.S.E.E.U. CAAF FABI - VERONA Vicolo Ghiaia, 5-37122 Verona Tel. 045 8006114 - Fax 045 8009165 e-mail: sab.vr@fabi.it I.S.E. - I.S.E.E. - I.S.E.E.U. Il CAAF Fabi Verona è in grado di provvedere alla compilazione

Dettagli

Guida alla compilazione del questionario

Guida alla compilazione del questionario Indagine sugli interventi e i servizi sociali dei Comuni singoli o associati Anno 2007 Guida alla compilazione del questionario 1. AVVERTENZE GENERALI I dati richiesti nel questionario riguardano gli interventi

Dettagli

AMBITO TERRITORIALE N 5

AMBITO TERRITORIALE N 5 COMUNE DI MARTINA FRANCA Provincia di Taranto CITTA' DI CRISPIANO Provincia di Taranto AMBITO TERRITORIALE N 5 AVVISO PUBBLICO PROGRAMMA LOCALE FAMIGLIE NUMEROSE Assegnazione di bonus in favore delle famiglie

Dettagli

Delibera Giunta Comunale n. 2533/2010 Determina n. 2247 del 15/09/2010

Delibera Giunta Comunale n. 2533/2010 Determina n. 2247 del 15/09/2010 BANDO PUBBLICO PER L ASSEGNAZIONE DI TITOLI SOCIALI PER IL SOSTEGNO AL REDDITO DI PERSONE E/O FAMIGLIE IN SITUAZIONE DI CRISI PER LA PERDITA DEL LAVORO Delibera Giunta Comunale n. 2533/2010 Determina n.

Dettagli

REGOLAMENTO SULLE TASSE PER L ISCRIZIONE AI CORSI DI DOTTORATO DI RICERCA

REGOLAMENTO SULLE TASSE PER L ISCRIZIONE AI CORSI DI DOTTORATO DI RICERCA Area Affari Generali REGOLAMENTO SULLE TASSE PER L ISCRIZIONE AI CORSI DI DOTTORATO DI RICERCA PREMESSA Il presente regolamento si applica a partire dal XXXI ciclo dei corsi di dottorato di ricerca, che

Dettagli

COMUNE DI BARUMINI. Provincia del Medio Campidano

COMUNE DI BARUMINI. Provincia del Medio Campidano COMUNE DI BARUMINI Provincia del Medio Campidano ---------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------Viale San Francesco 5 c.a.p.

Dettagli

ENTITA E TIPOLOGIA DEI BONUS

ENTITA E TIPOLOGIA DEI BONUS AVVISO PER LA CONCESSIONE DEL BONUS STRAORDINARIO UNA TANTUM ALLE FAMIGLIE CON FIGLI ANNO 2011 per complessivi Euro 23.000 Il Comune con il presente Bando persegue gli obiettivi di: Promuovere la centralità

Dettagli

Programma regionale per il sostegno economico a famiglie e persone in situazioni di povertà e di disagio

Programma regionale per il sostegno economico a famiglie e persone in situazioni di povertà e di disagio Allegato alla Delib.G.R. n. 48/7 del 2.10.2015 Programma regionale per il sostegno economico a famiglie e persone in situazioni di povertà e di disagio Finalità e obiettivi del programma Il programma regionale

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI MENSA SCOLASTICA

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI MENSA SCOLASTICA COMUNE DI FALCADE (Provincia di Belluno) REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI MENSA SCOLASTICA (TESTO DEFINITIVO APPROVATO CON DELIBERA DI CONSIGLIO COMUNALE N. 5 DEL 17.02.2005) ART. 1 - FINALITA... 2 ART. 2 -

Dettagli

COMUNE DI SOGLIANO AL RUBICONE

COMUNE DI SOGLIANO AL RUBICONE COMUNE DI SOGLIANO AL RUBICONE Provincia di Forlì - Cesena REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI ECONOMICI A STUDENTI Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale nr. 52 del 30/10/2009 CAPO

Dettagli

Le prestazioni collegate al reddito

Le prestazioni collegate al reddito Sindacato Pensionati Italiani Le prestazioni collegate al reddito 1 Le prestazioni soggette a controllo a. integrazione al minimo b. maggiorazioni sociali c. importo aggiuntivo d. somma aggiuntiva e. pensione

Dettagli

1 0 Fino a 7.580,00 10,00 1,50 40 2 7.580,01 12.000,00 25.00 2,50 75 3 12.000,01 15.457,99 55,00 2.50 105 4 15.458,00 20.000,00 65,00 2,50 115

1 0 Fino a 7.580,00 10,00 1,50 40 2 7.580,01 12.000,00 25.00 2,50 75 3 12.000,01 15.457,99 55,00 2.50 105 4 15.458,00 20.000,00 65,00 2,50 115 Servizio Prescuola scuola Primaria E. de Amicis. Il servizio riservato agli alunni della scuola Primaria E. De Amicis (per minimo di 15 iscritti), è in funzione dalle ore 07:15 fino all ora di apertura

Dettagli

LINEE GUIDA PER L EROGAZIONE DELL ASSISTENZA ECONOMICA NEL COMUNE DI CASINA IN FAVORE DI PERSONE E FAMIGLIE ADULTE E ANZIANE ART.

LINEE GUIDA PER L EROGAZIONE DELL ASSISTENZA ECONOMICA NEL COMUNE DI CASINA IN FAVORE DI PERSONE E FAMIGLIE ADULTE E ANZIANE ART. LINEE GUIDA PER L EROGAZIONE DELL ASSISTENZA ECONOMICA NEL COMUNE DI CASINA IN FAVORE DI PERSONE E FAMIGLIE ADULTE E ANZIANE ART. 1 (OGGETTO) L Amministrazione Comunale di Casina condividendo le finalità

Dettagli

22 settembre 2015 Imola

22 settembre 2015 Imola 22 settembre 2015 Imola ASSOLUTAMENTE POVERI Dati riferiti al Nord Italia RELATIVAMENTE POVERI Dati riferiti al Nord Italia LINEA STANDARD DI POVERTA Valore di spesa per consumi al di sotto della quale

Dettagli

Indice dei prospetti delle serie storiche e delle tavole statistiche

Indice dei prospetti delle serie storiche e delle tavole statistiche LA VITA QUOTIDIANA. ANNO 2011 1 Indice dei prospetti delle serie storiche e delle tavole statistiche 1. Mass media e letture CULTURA, SOCIALITÀ E TEMPO LIBERO Prospetto 1.1 - Persone di 3 anni e più che

Dettagli

BANDO PUBBLICO PER IL SOSTEGNO AL REDDITO PER PERSONE E/O FAMIGLIE IN SITUAZIONE DI DIFFICOLTÀ ECONOMICHE O DISAGIO PER LA PERDITA DEL LAVORO

BANDO PUBBLICO PER IL SOSTEGNO AL REDDITO PER PERSONE E/O FAMIGLIE IN SITUAZIONE DI DIFFICOLTÀ ECONOMICHE O DISAGIO PER LA PERDITA DEL LAVORO BANDO PUBBLICO PER IL SOSTEGNO AL REDDITO PER PERSONE E/O FAMIGLIE IN SITUAZIONE DI DIFFICOLTÀ ECONOMICHE O DISAGIO PER LA PERDITA DEL LAVORO E indetto il bando di cui alla D.G.C. n. 91 del 07/11/2014

Dettagli

Continuiamo a lavorare per offrire sempre più opportunità a chi vive in Lombardia.

Continuiamo a lavorare per offrire sempre più opportunità a chi vive in Lombardia. Regione Lombardia continua ad investire sull educazione e sulla formazione dei giovani nella consapevolezza che da loro dipende il futuro di tutta la società. Dopo la sperimentazione dello scorso anno,

Dettagli

LA GIUNTA COMUNALE DELIBERA

LA GIUNTA COMUNALE DELIBERA OGGETTO: Criteri per la ripartizione del Fondo per il sostegno all accesso alle abitazioni in locazione di cui all art. 11, L. 431/98. Anno 2006. Approvazione Bando. LA GIUNTA COMUNALE Su proposta dell

Dettagli

L AUMENTO DELLA POVERTÀ

L AUMENTO DELLA POVERTÀ L AUMENTO DELLA POVERTÀ A inizio anno la Banca d Italia ha reso disponibili i dati sui bilanci delle famiglie italiane relativi al 24, frutto dell unica indagine sui redditi disponibile in Italia in grado

Dettagli

La riforma dell ISEE. Il nuovo ISEE:

La riforma dell ISEE. Il nuovo ISEE: Cos è l ISEE? L ISEE è un indicatore che valuta la situazione economica delle famiglie ed è utilizzato come base per: fissare soglie oltre le quali non è ammesso l accesso alle prestazioni sociali e sociosanitarie

Dettagli

Il contesto normativo e l obiettivo del lavoro

Il contesto normativo e l obiettivo del lavoro La stima dei LEP del DSU alla luce del DLgs 68/2012 Silvia Duranti IV FORUM DIRITTO ALLO STUDIO UNIVERSITARIO PAVIA, 8 SETTEMBRE 2015 Il contesto normativo e l obiettivo del lavoro Il Dlgs 68/2012 Il Dlgs

Dettagli

La Carta per l inclusione sociale nel Mezzogiorno

La Carta per l inclusione sociale nel Mezzogiorno La Carta per l inclusione sociale nel Mezzogiorno di Silvia Spattini 1. Carta per l inclusione: estensione al Mezzogiorno della Carta acquisiti sperimentale Tra le misure riservate al Mezzogiorno, il Governo

Dettagli

Combustibili ed energia. Arredamenti. Servizi san. e. spese per la. salute. eec.

Combustibili ed energia. Arredamenti. Servizi san. e. spese per la. salute. eec. Spesa media mensile ( ) delle famiglie per alimentari e non alimentari negli anni dal 2005 al 2009 2005 2006 2007 2008 2009 Emilia-Roma 2.778 2.880 2.762 2.854 2.799 2.398 2.461 2.480 2.484 2.442 Percentuale

Dettagli

Regolamento di applicazione dell Indicatore della Situazione Economica Equivalente per le prestazioni sociali agevolate. Art.

Regolamento di applicazione dell Indicatore della Situazione Economica Equivalente per le prestazioni sociali agevolate. Art. Allegato B Regolamento di applicazione dell Indicatore della Situazione Economica Equivalente per le prestazioni sociali agevolate. Art. 1 Terminologia Ai fini del presente regolamento viene adottata,

Dettagli

Famiglie e povertà: l esperienza trentina del Reddito di Garanzia e la sua valutazione

Famiglie e povertà: l esperienza trentina del Reddito di Garanzia e la sua valutazione Famiglie e povertà: l esperienza trentina del Reddito di Garanzia e la sua valutazione Antonio Schizzerotto, Nadir Zanini, Silvia Girardi & Loris Vergolini IRVAPP: Istituto per la Ricerca Valutativa sulle

Dettagli

Bando pubblico per l erogazione di contributi economici per il sostegno al reddito. - 2 semestre 2016 -

Bando pubblico per l erogazione di contributi economici per il sostegno al reddito. - 2 semestre 2016 - www.comune.paderno-dugnano.mi.it settore Socioculturale segreteria.socioculturale@comune.paderno-dugnano.mi.it Bando pubblico per l erogazione di contributi economici per il sostegno al reddito PREMESSA

Dettagli

La riforma dell ISEE: maggiore equità ed efficacia nella valutazione della condizione economica della famiglia

La riforma dell ISEE: maggiore equità ed efficacia nella valutazione della condizione economica della famiglia La riforma dell ISEE: maggiore equità ed efficacia nella valutazione della condizione economica della famiglia Che cosa è l ISEE L ISEE è l indicatore, in vigore dal 1998, che serve per valutare e confrontare

Dettagli

Indice delle tavole statistiche

Indice delle tavole statistiche INTERVENTI E SERVIZI SOCIALI DEI COMUNI SINGOLI O ASSOCIATI - ANNO 1 Indice delle tavole statistiche A) Spesa a livello regionale per interventi e servizi sociali dei comuni singoli e associati Tavola

Dettagli

AVVISO PUBBLICO PER L ACCESSO AI BENEFICI

AVVISO PUBBLICO PER L ACCESSO AI BENEFICI COMUNE DI Atri (Provincia di Teramo) FONDO DELLE POLITICHE PER LA FAMIGLIA Annualità 2010 INTERVENTI A FAVORE DELLE FAMIGLIE NUMEROSE IN DIFFICOLTA ECONOMICA AVVISO PUBBLICO PER L ACCESSO AI BENEFICI IL

Dettagli

Bando di concorso per l assegnazione delle Borse di Studio Anno Accademico 2014/15

Bando di concorso per l assegnazione delle Borse di Studio Anno Accademico 2014/15 Prot. 2008/A20C 12/05/2015 Bando di concorso per l assegnazione delle Borse di Studio Anno Accademico 2014/15 BANDO di CONCORSO Assegnazione n. 12 Borse di Studio Il presente concorso, per soli titoli,

Dettagli

SCHEDA ISEE COGNOME E NOME DICHIARANTE CELLULARE TELEFONO FISSO

SCHEDA ISEE COGNOME E NOME DICHIARANTE CELLULARE TELEFONO FISSO SCHEDA ISEE COGNOME E NOME DICHIARANTE MAIL CELLULARE TELEFONO FISSO Prestazioni Assegno per il nucleo familiare con tre figli minori Assegno di maternità Asili nido e altri servizi educativi per l infanzia

Dettagli