4029 Sintesi del dodecil fenil etere da bromododecano e fenolo

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "4029 Sintesi del dodecil fenil etere da bromododecano e fenolo"

Transcript

1 4029 Sintesi del dodecil fenil etere da bromododecano e fenolo OH C 12 H 25 Br (249.2) Br + NaOH (40.0) Adogen 464 C 25 H 54 ClN (404.2) C 6 H 6 O (94.1) C 18 H 30 O (262.4) O + NaBr (102.9) Classificazione Tipo di reazione e classi di sostanze Sintesi degli eteri di Williamson, sostituzione nucleofila, catalisi per trasferimento di fase; Bromoalcano, fenolo, etere; Tecniche usate Riscaldamento sotto riflusso, agitazione con ancoretta magnetica, estrazione con imbuto separatore, filtrazione, concentrazione con evaporatore rotante, distillazione a pressione ridotta, distillazione su colonna, bagno riscaldante ad olio; Istruzioni (scala dell esperimento: 1 mol) Attrezzatura Pallone a due (o tre) colli da 1 L, condensatore a riflusso, imbuto separatore, testa di distillazione di Claisen (con refrigerante a canna liscia), colonna Vigreux con camicia saldata (lunghezza: 30 cm), raccordo collettore tipo triangolo di Perkin, agitatore magnetico riscaldante con ancoretta magnetica, evaporatore rotante, pompa da vuoto, bagno ad olio; Sostanze bromododecano 249 g (239 ml, 1,00 mol) (pe 139 C a 13 hpa; prodotto esperimento NOP-Nr. 4028) idrossido di sodio 48,0 g (1,20 mol) fenolo (pf 41 C, pe 182 C) 113 g (1,20 mol) cloruro di metiltriottilammonio (Adogen 464 o Aliquat 336) 5,0 g (12 mmol) acqua 200 ml (11,1 mol) tert-butil metil etere (pe 55 C) 1,00 L soluzione acquosa di idrossido di sodio (2 N) 200 ml solfato di sodio per seccare 1

2 Reazione Predisporre un pallone a due colli da 1 L e dotarlo di ancoretta magnetica e condensatore a riflusso; mettere nel recipiente 48,0 g (1,20 mol) di idrossido di sodio, 113 g (239 ml, 1,20 mol) di fenolo, 249 g (1,00 mol) di bromododecano, 5,0 g (12 mmol) di Adogen 464 e 200 ml d acqua. Mantenendo sotto vigorosa agitazione, scaldare quindi a riflusso la miscela risultante (temperatura del bagno ad olio: 115 C) fino a completa conversione del bromododecano: la reazione richiede 12 ore circa e il suo avanzamento può essere monitorato tramite TLC o GC (cfr. sezione sulla Caratterizzazione). Work up Dopo aver raffreddato la miscela di reazione fino a temperatura ambiente, trasferirla in un imbuto separatore e aggiungere 250 ml di tert-butil metil etere. Separare la fase organica ed estrarre quella acquosa con altre 3 porzioni da 250 ml di tert-butil metil etere. Riunire le frazioni organiche (quella principale più le 3 di lavaggio), estrarle con 200 ml di una soluzione acquosa di idrossido di sodio (2 N), lavarle con 200 ml d acqua e, per finire, seccarle su solfato di sodio. Dopo aver eliminato l agente essiccante mediante filtrazione, allontanare il solvente tramite evaporatore rotante. Resa di prodotto grezzo: 246 g; Purificare il prodotto grezzo mediante distillazione frazionata a pressione ridotta (10-2 hpa circa) su una colonna Vigreux da 30 cm in un apparato per distillazione; per evitare che il distillato solidifichi direttamente nell apparecchiatura, è opportuno raffreddare il tutto tramite aria (e non ad acqua). Resa: 221 g (0,842 mol, 84%); temperatura delle teste di distillazione: 145 C (pressione: hpa; temperatura del bagno ad olio: C); aspetto: liquido incolore, che solidifica, se lasciato riposare; Gestione dei rifiuti Riciclo Il tert-butil metil etere evaporato viene raccolto e distillato. Suggerimenti per lo smaltimento dei rifiuti Rifiuto/i Fase acquosa Residuo di distillazione (sciolto in poco acetone) Solfato di sodio Smaltimento Miscele acquose di solventi, contenenti alogeni Solventi organici, contenenti alogeni Rifiuti solidi, non contenenti mercurio 2

3 Durata dell esperimento 12 ore per la reazione e 6 ore per la distillazione. Quando posso interrompere l esperimento? Dopo aver scaldato a riflusso la miscela di reazione; Dopo l estrazione; Prima della distillazione. Grado di difficoltà Medio Istruzioni (scala dell esperimento: 100 mmol) Attrezzatura Pallone a due (o tre) colli da 100 ml, condensatore a riflusso, imbuto separatore, apparato per distillazione, colonna Vigreux (lunghezza: 10 cm), agitatore magnetico riscaldante con ancoretta magnetica, evaporatore rotante, pompa da vuoto, bagno ad olio; Sostanze bromododecano 24,9 g (23,9 ml, 100 mmol) (pe 139 C a 13 hpa; prodotto esperimento NOP-Nr. 4028) idrossido di sodio 4,80 g (120 mmol) fenolo (pf 41 C, pe 182 C) 11,3 g (120 mmol) cloruro di metiltriottilammonio (Adogen 464 o Aliquat 336) 0,5 g (1,2 mmol) acqua 25 ml (1,4 mol) tert-butil metil etere (pe 55 C) 100 ml soluzione acquosa di idrossido di sodio (2 N) 25 ml solfato di sodio per seccare circa 5 g Reazione Predisporre un pallone a due colli da 100 ml e dotarlo di ancoretta magnetica e condensatore a riflusso; mettere nel recipiente 4,80 g (120 mmol) di idrossido di sodio, 11,3 g (23,9 ml, 120 mmol) di fenolo, 24,9 g (100 mmol) di bromododecano, 0,5 g (1,2 mmol) di Adogen 464 e 25 ml d acqua. Mantenendo sotto vigorosa agitazione, scaldare quindi a riflusso la miscela risultante (temperatura del bagno ad olio: 115 C) fino a completa conversione del bromododecano: la reazione richiede 6 ore circa e il suo avanzamento può essere monitorato tramite TLC o GC (cfr. sezione sulla Caratterizzazione). Work up Dopo aver raffreddato la miscela di reazione fino a temperatura ambiente, trasferirla in un imbuto separatore e aggiungere 25 ml di tert-butil metil etere. Separare la fase organica ed estrarre quella acquosa con altre 3 porzioni da 25 ml di tert-butil metil etere. Riunire le frazioni organiche (quella principale più le 3 di lavaggio), estrarle con 25 ml di una soluzione 3

4 acquosa di idrossido di sodio (2 N), lavarle con 25 ml d acqua e, per finire, seccarle su solfato di sodio. Dopo aver eliminato l agente essiccante mediante filtrazione, allontanare il solvente tramite evaporatore rotante. Resa di prodotto grezzo: 24,2 g; Purificare il prodotto grezzo mediante distillazione frazionata a pressione ridotta (10-2 hpa circa) su una colonna Vigreux da 10 cm in un apparato per distillazione; per evitare che il distillato solidifichi direttamente nell apparecchiatura, è opportuno raffreddare il tutto tramite aria (e non ad acqua). Resa: 21,8 g (83,1 mmol, 83%); temperatura delle teste di distillazione: 131 C (pressione: hpa; temperatura del bagno ad olio: 185 C); aspetto: liquido incolore, che solidifica, se lasciato riposare; Gestione dei rifiuti Riciclo Il tert-butil metil etere evaporato viene raccolto e distillato. Suggerimenti per lo smaltimento dei rifiuti Rifiuto/i Fase acquosa Residuo di distillazione (sciolto in poco acetone) Solfato di sodio Smaltimento Miscele acquose di solventi, contenenti alogeni Solventi organici, contenenti alogeni Rifiuti solidi, non contenenti mercurio Durata dell esperimento 6 ore per la reazione e 2-3 ore per la distillazione. Quando posso interrompere l esperimento? Dopo aver scaldato a riflusso la miscela di reazione; Dopo l estrazione; Prima della distillazione. Grado di difficoltà Medio Istruzioni (scala dell esperimento: 10 mmol) Attrezzatura Pallone a due colli da 10 ml, condensatore a riflusso, imbuto separatore, apparato per microdistillazione (o apparecchiatura rotante per distillazione a bolle), agitatore magnetico riscaldante con ancoretta magnetica, evaporatore rotante, pompa da vuoto, bagno ad olio; 4

5 Sostanze bromododecano 2,49 g (2,39 ml, 10,0 mmol) (pe 139 C a 13 hpa; prodotto esperimento NOP-Nr. 4028) idrossido di sodio 480 mg (12,0 mmol) fenolo (pf 41 C, pe 182 C) 1,13 g (12,0 mmol) cloruro di metiltriottilammonio (Adogen 464 o Aliquat 336) 0,05 g (0,1 mmol) acqua 2,5 ml (139 mmol) tert-butil metil etere (pe 55 C) 40 ml soluzione acquosa di idrossido di sodio (2 N) 10 ml solfato di sodio per seccare circa 1 g Reazione Predisporre un pallone a due colli da 10 ml e dotarlo di ancoretta magnetica e condensatore a riflusso; mettere nel recipiente 480 mg (12,0 mmol) di idrossido di sodio, 1,13 g (2,39 ml, 12,0 mmol) di fenolo, 2,49 g (10,0 mmol) di bromododecano, 0,05 g (0,1 mmol) di Adogen 464 e 2,5 ml d acqua. Mantenendo sotto vigorosa agitazione, scaldare quindi a riflusso la miscela risultante (temperatura del bagno ad olio: 115 C) fino a completa conversione del bromododecano: la reazione richiede 6 ore circa e il suo avanzamento può essere monitorato tramite TLC o GC (cfr. sezione sulla Caratterizzazione). Work up Dopo aver raffreddato la miscela di reazione fino a temperatura ambiente, trasferirla in un imbuto separatore e aggiungere 10 ml di tert-butil metil etere. Separare la fase organica ed estrarre quella acquosa con altre 3 porzioni da 10 ml di tert-butil metil etere. Riunire le frazioni organiche (quella principale più le 3 di lavaggio), estrarle con 10 ml di una soluzione acquosa di idrossido di sodio (2 N), lavarle con 10 ml d acqua e, per finire, seccarle su solfato di sodio. Dopo aver eliminato l agente essiccante mediante filtrazione, allontanare il solvente tramite evaporatore rotante. Resa di prodotto grezzo: 2,49 g; Purificare il prodotto grezzo mediante distillazione a pressione ridotta (5, hpa; temperatura del bagno ad olio: 152 C) in un apparato per micro-distillazione (oppure in un apparecchiatura rotante per distillazione a bolle). Resa: 2,28 g (8,69 mmol, 87%); aspetto: liquido incolore, che solidifica, se lasciato riposare; Gestione dei rifiuti Riciclo Il tert-butil metil etere evaporato viene raccolto e distillato. 5

6 Suggerimenti per lo smaltimento dei rifiuti Rifiuto/i Fase acquosa Residuo di distillazione (sciolto in poco acetone) Solfato di sodio Smaltimento Miscele acquose di solventi, contenenti alogeni Solventi organici, contenenti alogeni Rifiuti solidi, non contenenti mercurio Durata dell esperimento 6 ore per la reazione e 2-3 ore per la distillazione. Quando posso interrompere l esperimento? Dopo aver scaldato a riflusso la miscela di reazione; Dopo l estrazione; Prima della distillazione. Grado di difficoltà Medio Caratterizzazione Monitoraggio della reazione tramite TLC Preparazione del campione: Prelevare tramite una pipetta Pasteur 1 goccia della miscela di reazione e diluirla in 0,5 ml di dietil etere. Condizioni TLC: Adsorbente: Eluente: Visualizzazione: R f (dodecil fenil etere): 0,22 R f (bromododecano): 0,53 Lastrina Merck TLC Alu plates silica gel 60 F 254 ; dimensioni: 5 x 10 cm; etere di petrolio (60-80 C) Immergere la lastrina in una soluzione di H 2 SO 4 (2 N) ed asciugarla brevemente con un phon. Analisi GC Preparazione del campione: Prelevare tramite una pipetta Pasteur 1 goccia di prodotto (grezzo o puro), diluirla in 10 ml di diclorometano ed iniettare 0,2 µl della soluzione risultante. Condizioni GC: Colonna: Iniezione: Gas carrier: Forno: Rivelatore: DB-1; lunghezza: 28 m; diametro interno: 0,32 mm; film: 0,25 µm; Iniezione in colonna; H 2, 40 cm/s; Temperatura iniziale: 90 C (5 min); 10 C/min fino a 240 C (30 min); FID, 270 C; La concentrazione percentuale è stata calcolata tramite i valori delle aree dei picchi. 6

7 GC del prodotto grezzo (scala dell esperimento: 1 mol) GC del prodotto puro (scala dell esperimento: 1 mol) Tempo di ritenzione [min] Sostanza Prodotto GREZZO Area [%] del picco Prodotto PURO prodotto (dodecil fenil etere) reagente (bromododecano) altri impurezze sconosciute < 0.5 per picco < 0.5 per picco Spettro 1 H NMR del prodotto grezzo (300 MHz, CDCl 3 ) 7

8 Spettro 1 H NMR del prodotto puro (300 MHz, CDCl 3 ) O δ [ppm] Molteplicità Numero di H Assegnazione 0.88 t 3 12-H 1.27 m 16 CH 2 rimanenti 1.44 m 2 3-H 1.75 m 2 2-H 3.91 t 2 1-H 6.88 m 3 14-H, 16-H, 18-H 7.25 dd 2 15-H, 17-H Spettro 13 C NMR del prodotto grezzo (75,5 MHz, CDCl 3 ) 8

9 Spettro 13 C NMR del prodotto puro (75,5 MHz, CDCl 3 ) O δ [ppm] Assegnazione 14.0 C C C C-14, C C C-15, C C solvente 9

10 Spettro IR del prodotto puro (film) Trasmissione [%] Numeri d onda [cm -1 ] [cm -1 ] Assegnazione 3070, 3041 C-H stretching, aromatico 2995 C-H stretching, alcano 2854 C-H stretching, alcano (etere) 1601, 1587, 1497 C=C stretching, aromatico 10

Sistemi di separazione di miscele omogenee

Sistemi di separazione di miscele omogenee Sistemi di separazione di miscele omogenee Sistemi di separazione di miscele omogenee I sistemi di separazione delle miscele omogenee riguardano la separazione di un soluto da un solvente (come nel caso

Dettagli

25. Idrocarburi policiclici aromatici

25. Idrocarburi policiclici aromatici Gennaio 1990 25. Idrocarburi policiclici aromatici 25.1 Principio del metodo II metodo si basa suil analisi gascromatografica di un estratto purificato, ottenuto da un campione di fango o di rifiuto solido

Dettagli

RISOLUZIONE OIV-OENO 487-2013 REVISIONE DELLA MONOGRAFIA SULLA MISURA DELL ATTIVITÀ DELLA CINNAMIL ESTERASI NEI PREPARATI ENZIMATICI (OIV-OENO 6-2007)

RISOLUZIONE OIV-OENO 487-2013 REVISIONE DELLA MONOGRAFIA SULLA MISURA DELL ATTIVITÀ DELLA CINNAMIL ESTERASI NEI PREPARATI ENZIMATICI (OIV-OENO 6-2007) RISOLUZIONE OIV-OENO 487-2013 REVISIONE DELLA MONOGRAFIA SULLA MISURA DELL ATTIVITÀ DELLA CINNAMIL ESTERASI NEI PREPARATI ENZIMATICI (OIV-OENO 6-2007) L ASSEMBLEA GENERALE, Visto l articolo 2, paragrafo

Dettagli

TECNICHE DI BASE PER LA SEPARAZIONE DEI COMPONENTI DI UNA MISCELA

TECNICHE DI BASE PER LA SEPARAZIONE DEI COMPONENTI DI UNA MISCELA TECNICHE DI BASE PER LA SEPARAZIONE DEI COMPONENTI DI UNA MISCELA CENTRIFUGAZIONE La centrifugazione è un processo che permette di separare una fase solida immiscibile da una fase liquida o due liquidi

Dettagli

Sistemi di separazione per miscugli omogenei

Sistemi di separazione per miscugli omogenei Sistemi di separazione per miscugli omogenei I sistemi di separazione per i miscugli omogenei riguardano principalmente la distillazione in tutte le varie declinazioni, la separazione mediante cromatografia

Dettagli

Metodo III.1. Determinazione dell umidità. 1. Determinazione dell umidità nei fertilizzanti che non contengono sostanze volatili diverse dall acqua

Metodo III.1. Determinazione dell umidità. 1. Determinazione dell umidità nei fertilizzanti che non contengono sostanze volatili diverse dall acqua METODI III METODI DI DETERMINAZIONE DELL UMIDITA, GRANULOMETRIA, ph e SALINITA Metodo III.1 Determinazione dell umidità 1. Determinazione dell umidità nei fertilizzanti che non contengono sostanze volatili

Dettagli

chimicamente chiamata: Acido Acetilsalicilico

chimicamente chiamata: Acido Acetilsalicilico SINTESI DELL' ASPIRINA R 25 S 36/37/39-45 chimicamente chiamata: Acido Acetilsalicilico UN P' DI STRIA Tavolette di argilla risalenti all età sumerica descrivono l uso delle foglie di salice come rimedio

Dettagli

IL SAPONE. PROGETTO LAUREE SCIENTIFICHE Università degli Studi della Basilicata. La storia del sapone

IL SAPONE. PROGETTO LAUREE SCIENTIFICHE Università degli Studi della Basilicata. La storia del sapone PROGETTO LAUREE SCIENTIFICHE Università degli Studi della Basilicata La storia del sapone IL SAPONE Il sapone ha una storia molto antica, basti pensare che già nel 2800 a.c. era conosciuto tra i babilonesi;

Dettagli

RISOLUZIONE ENO 24/2004

RISOLUZIONE ENO 24/2004 RICERCA DI SOSTANZE PROTEICHE DI ORIGINE VEGETALE NEI VINI E NEI MOSTI L'ASSEMBLEA GENERALE, Visto l'articolo 2 paragrafo 2 iv dell'accordo del 3 aprile 2001 che istituisce l'organizzazione internazionale

Dettagli

Tecniche analitiche più usate per le sostanze organiche

Tecniche analitiche più usate per le sostanze organiche Tecniche analitiche più usate per le sostanze organiche Le tecniche analitiche strumentali sono un utilissimo strumento per identificare sostanze incognite (analisi qualitativa), ad esempio per riconoscere

Dettagli

Il Naftalene è il più semplice degli IPA. Cl 12

Il Naftalene è il più semplice degli IPA. Cl 12 Gli idrocarburi policiclici aromatici sono idrocarburi costituiti da due o più anelli benzenici uniti fra loro, in un unica struttura piana, attraverso coppie di atomi di carbonio condivisi fra anelli

Dettagli

Materiali di riferimento, Armonizzazione di metodi ed Accreditamento dei laboratori

Materiali di riferimento, Armonizzazione di metodi ed Accreditamento dei laboratori Materiali di riferimento, Armonizzazione di metodi ed Accreditamento dei laboratori Roma 25-26 giugno 2009 Gli idrocarburi: aspetti critici e procedure di misura in matrici ambientali Patrizia Bolletti

Dettagli

All. A al CSA SCHEDA TECNICA

All. A al CSA SCHEDA TECNICA All. A al CSA SCHEDA TECNICA SISTEMA COSTITUITO DA: GASCROMATOGRAFO CON RIVELATORE A SPETTROMETRIA DI MASSA (GC-MS), SISTEMA AUTOMATICO DI CAMPIONAMENTO PER ACQUE E TERRENI ED ESTRATTORE TIPO PURGE AND

Dettagli

Quesiti e problemi. 6 Indica l affermazione corretta. 7 Qual è la differenza tra un sistema omogeneo e un

Quesiti e problemi. 6 Indica l affermazione corretta. 7 Qual è la differenza tra un sistema omogeneo e un Quesiti e problemi SUL LIBRO DA PAG 39 A PAG 42 1 Gli stati tifisici i idella materia 2 I sistemi i omogenei e i sistemi i eterogenei 1 Costruisci una tabella che riassuma le caratteristiche degli stati

Dettagli

RIVELAZIONE DI ISOPROPYLTHIOXANTHONE (ITX) NEL LATTE IN CARTONI; APPROCCIO ANALITICO VERSATILE O CASO FORTUITO?

RIVELAZIONE DI ISOPROPYLTHIOXANTHONE (ITX) NEL LATTE IN CARTONI; APPROCCIO ANALITICO VERSATILE O CASO FORTUITO? RIVELAZIONE DI ISOPROPYLTHIOXANTHONE (ITX) NEL LATTE IN CARTONI; APPROCCIO ANALITICO VERSATILE O CASO FORTUITO? Premessa In base alla raccomandazione CE del 04.02.05, n. 2004/108/CE, la Regione Marche

Dettagli

4.4 CROMATOGRAFIA LIQUIDA AD ALTE PRESTAZIONI (HPLC)

4.4 CROMATOGRAFIA LIQUIDA AD ALTE PRESTAZIONI (HPLC) 4.4 CROMATOGRAFIA LIQUIDA AD ALTE PRESTAZIONI (HPLC) L HPLC (cromatografia in fase liquida ad alte prestazioni o ad alta pressione) è la moderna evoluzione della cromatografia liquida su colonna (LC).

Dettagli

DENSITA La densità è una grandezza fisica che indica la massa, di una sostanza o di un corpo, contenuta nell unità di volume; è data dal rapporto:

DENSITA La densità è una grandezza fisica che indica la massa, di una sostanza o di un corpo, contenuta nell unità di volume; è data dal rapporto: Richiami di Chimica DENSITA La densità è una grandezza fisica che indica la massa, di una sostanza o di un corpo, contenuta nell unità di volume; è data dal rapporto: d = massa / volume unità di misura

Dettagli

Università degli Studi di Roma Tre. Corso di Laurea in Scienze Biologiche NOR. Dispense delle lezioni di Laboratorio di Chimica Organica

Università degli Studi di Roma Tre. Corso di Laurea in Scienze Biologiche NOR. Dispense delle lezioni di Laboratorio di Chimica Organica Università degli Studi di Roma Tre Corso di Laurea in Scienze iologiche NOR Dispense delle lezioni di Laboratorio di Chimica Organica I anno II semestre Prof. Giovanna Iucci.. 27/28 1 Tecniche di separazione

Dettagli

LABORATORIO PLS CHIMICA DEI MATERIALI SINTESI DI NANOGOLD

LABORATORIO PLS CHIMICA DEI MATERIALI SINTESI DI NANOGOLD PIANO NAZIONALE LAUREE SCIENTIFICHE (PNLS1) la scienza per una migliore qualità della vita LABORATORIO PLS CHIMICA DEI MATERIALI SINTESI DI NANOGOLD Relazione LAB PLS Chimica dei Materiali 01-07-2011 pag.

Dettagli

La Chimica Verde (in inglese Green Chemistry) è un approccio etico fatto di criteri, di priorità e di obiettivi, quindi a suo modo una filosofia, che

La Chimica Verde (in inglese Green Chemistry) è un approccio etico fatto di criteri, di priorità e di obiettivi, quindi a suo modo una filosofia, che 1 Questa nostra esperienza, iniziata il 27 giugno e terminata l'8 luglio, è stata molto costruttiva. Durante queste settimane abbiamo svolto il nostro stage nel dipartimento di Chimica sotto la supervisione

Dettagli

MATERIA: tutto ciò che ha una MASSA, occupa un VOLUME e ha ENERGIA

MATERIA: tutto ciò che ha una MASSA, occupa un VOLUME e ha ENERGIA La materia La materia MATERIA: tutto ciò che ha una MASSA, occupa un VOLUME e ha ENERGIA Il mondo che ci circonda è costituito da materia. La chimica studia le proprietà della materia e i suoi cambiamenti.

Dettagli

IC18DV/92 /C - Impianto Distillazione Multifunzionale Computerizzato

IC18DV/92 /C - Impianto Distillazione Multifunzionale Computerizzato CHIMICA INDUSTRIALE IC18DV/92/C - Impianto Distillazione Multifunzionale Computerizzato - Cod. 991210 IC18DV/92 /C - Impianto Distillazione Multifunzionale Computerizzato DIDACTA Italia S.r.l. - Strada

Dettagli

Sintesi di polimeri semiconduttori per celle fotovoltaiche organiche

Sintesi di polimeri semiconduttori per celle fotovoltaiche organiche Agenzia Nazionale per le Nuove Tecnologie, l Energia e lo viluppo Economico ostenibile RICERCA DI ITEMA ELETTRIC intesi di polimeri semiconduttori per celle fotovoltaiche organiche A. Mucci, F. Parenti,

Dettagli

ISTITUTO TECNICO AGRARIO Carlo Gallini

ISTITUTO TECNICO AGRARIO Carlo Gallini DETERMINAZIONE DEL FOSDORO ASSIMILABILE COME P2O5 METODO OLSEN PRINCIPIO Il fosforo viene estratto con una soluzione di NaHCO 3 0.5 N (ph 8.5). Sull estratto il fosforo viene dosato per via spettrofotometrica

Dettagli

P ARAMETRI FISICI, CHIMICI E CHIMICO-FISICI

P ARAMETRI FISICI, CHIMICI E CHIMICO-FISICI 2020. Colore Il colore di un acqua è dovuto alla presenza di ioni metallici (ferro, manganese, rame), sostanze organiche (acidi umici e fulvici) e scarichi industriali. Il colore di un acqua si riferisce

Dettagli

Trattamento e smaltimento dei rifiuti chimici nella vita quotidiana di laboratorio

Trattamento e smaltimento dei rifiuti chimici nella vita quotidiana di laboratorio Trattamento e smaltimento dei rifiuti chimici nella vita quotidiana di laboratorio Introduzione Cos è un rifiuto? Esistono diverse direttive in materia di trattamento rifiuti e riciclo; al loro interno

Dettagli

Il reparto Sostanze d Abuso ha messo a punto una procedura di microestrazione in fase solida in

Il reparto Sostanze d Abuso ha messo a punto una procedura di microestrazione in fase solida in Determinazione di sostanze amfetamino-simili in matrici biologiche convenzionali e non convenzionali in HS-SPME e GC-MS Scheda tecnica a cura di: Stefano Gentili Il reparto Sostanze d Abuso ha messo a

Dettagli

MICROELEMENTI CON TITOLO INFERIORE OD UGUALE AL 10% Metodo IX.1. Estrazione dei microelementi totali

MICROELEMENTI CON TITOLO INFERIORE OD UGUALE AL 10% Metodo IX.1. Estrazione dei microelementi totali METODI IX METODI DI DETERMINAZIONE DEI MICROELEMENTI E DEI METALLI PESANTI MICROELEMENTI CON TITOLO INFERIORE OD UGUALE AL 10% Metodo IX.1 Estrazione dei microelementi totali 1. Oggetto Il presente documento

Dettagli

man uale utente Italiano Hoefer PR648 Slot Blot Manifold mu PR648-IM/Italian/Rev.F0/08-12

man uale utente Italiano Hoefer PR648 Slot Blot Manifold mu PR648-IM/Italian/Rev.F0/08-12 man uale utente Italiano Hoefer PR648 Slot Blot Manifold mu PR648-IM/Italian/Rev.F0/08-12 Indice Introduzione...1 Specificazioni...2 Procedura per l utilizzo standard del Hoefer PR648...3 Impostazione

Dettagli

ALCOL PROPILICO urinario in GC-FID Codice GC06510

ALCOL PROPILICO urinario in GC-FID Codice GC06510 ALCOL PROPILICO urinario in GC-FID Codice GC BIOCHIMICA L alcol propilico è un alcol, che a temperatura ambiente si presenta come un liquido incolore dall'odore alcolico. È un composto molto infiammabile,

Dettagli

UNIVERSITA DI VERONA FACOLTA DI SCIENZE MM.FF.NN

UNIVERSITA DI VERONA FACOLTA DI SCIENZE MM.FF.NN UNIVERSITA DI VERONA FACOLTA DI SCIENZE MM.FF.NN CORSO DI LAUREA IN BIOTECNOLOGIE AGRO-INDUSTRIALI LABORATORIO DI CHIMICA ANALITICA ANNO ACCADEMICO 2005-2006 DETERMINAZIONE DEI NITRATI NELL ACQUA POTABILE

Dettagli

ACETATO DI ISOBUTILE urinario in GC-FID Codice GC02010

ACETATO DI ISOBUTILE urinario in GC-FID Codice GC02010 ACETATO DI ISOBUTILE urinario in GC-FID Codice GC BIOCHIMICA L acetato di isobutile è comunemente usato come solvente, nelle lacche e nella nitrocellulosa. E un liquido molto infiammabile. Il metodo proposto

Dettagli

BROMURO, CLORITO, CLORURO, FLUORURO, FOSFATO, IODURO, NITRATO, NITRITO, SOLFATO: METODO PER CROMATOGRAFIA IONICA ISS.CBB.037.REV00

BROMURO, CLORITO, CLORURO, FLUORURO, FOSFATO, IODURO, NITRATO, NITRITO, SOLFATO: METODO PER CROMATOGRAFIA IONICA ISS.CBB.037.REV00 BROMURO, CLORITO, CLORURO, FLUORURO, FOSFATO, IODURO, NITRATO, NITRITO, SOLFATO: METODO PER CROMATOGRAFIA IONICA ISS.CBB.037.REV00 0. Generalità e definizioni Gli anioni bromuro, clorito, cloruro, fluoruro,

Dettagli

ESPERIENZE DI LABORATORIO

ESPERIENZE DI LABORATORIO ESPERIENZE DI LABORATORIO Determinazione dello zinco nei capelli..1 Determinazione di anioni inorganici presenti in acque potabili 4 Determinazione degli acidi grassi in lipidi di origine naturale..6 Determinazione

Dettagli

GRUPPI FRIGORIFERI AD ASSORBIMENTO SHUANGLIANG

GRUPPI FRIGORIFERI AD ASSORBIMENTO SHUANGLIANG GRUPPI FRIGORIFERI AD ASSORBIMENTO SHUANGLIANG Il ciclo frigorifero Esempio di ciclo frigorifero ad assorbimento con generatore a fiamma diretta Il principio di funzionamento /informazioni utili La termodinamica

Dettagli

PROVE INTERLABORATORIO UNICHIM

PROVE INTERLABORATORIO UNICHIM PROVE INTERLABORATORIO UNICHIM Idrocarburi policiclici aromatici in matrici ambientali (IPA) 6 ciclo Inquinanti organoclorurati (PCB) 6 ciclo Arpa Umbria UOLM Sezione Chimica Suolo e Rifiuti Responsabile:

Dettagli

Campionamento ed analisi

Campionamento ed analisi Campionamento ed analisi Questa specifica tratta i metodi per prelevare i campioni di acqua e di vapore sia per le analisi in campo che di laboratorio. I campioni per le analisi in campo normalmente devono

Dettagli

Efficiente. Economico. Ecologico. Varese

Efficiente. Economico. Ecologico. Varese Efficiente Ecologico Economico Varese COME NASCE IL PROGETTO? Vi è mai capitato di faticare per pulire griglie, fornelli, o, a scuola, l attrezzatura del laboratorio di Chimica? Esistono centinaia di detersivi

Dettagli

Cromatografia Dal greco chroma : colore, graphein : scrivere 1903 Mikhail Twsett (pigmenti vegetali su carta)

Cromatografia Dal greco chroma : colore, graphein : scrivere 1903 Mikhail Twsett (pigmenti vegetali su carta) Cromatografia Dal greco chroma : colore, graphein : scrivere 1903 Mikhail Twsett (pigmenti vegetali su carta) E il termine generico che indica una serie di tecniche di separazione di molecole simili in

Dettagli

Capitolo 2 Le trasformazioni fisiche della materia

Capitolo 2 Le trasformazioni fisiche della materia Capitolo 2 Le trasformazioni fisiche della materia 1.Gli stati fisici della materia 2.I sistemi omogenei e i sistemi eterogenei 3.Le sostanze pure e i miscugli 4.I passaggi di stato 5. la teoria particellare

Dettagli

Advertorial. Tramite distillazione molecolare e a film sottile. Tecniche di separazione

Advertorial. Tramite distillazione molecolare e a film sottile. Tecniche di separazione Gli impianti VTA vengono impiegati per la purificazione, la concentrazione, la rimozione dei residui di solventi, la decolorazione e l essiccazione di prodotti in diversi settori industriali: chimico,

Dettagli

Laboratorio di Chimica Organica I

Laboratorio di Chimica Organica I Laboratorio di Chimica rganica I Docente Prof. Fabrizio Fabris fabrisfa@unive.it Collaboratori Tecnici Dr. Matteo Bertoldini Dr. Aldo Talon INDICE Prima esperienza Cromatografia su Strato Sottile (TLC)

Dettagli

bicchieri di varia dimensione con un beccuccio per facilitare i travasi.

bicchieri di varia dimensione con un beccuccio per facilitare i travasi. Per contenere, prelevare e travasare liquidi e altre sostanze è indispensabile utilizzare strumenti di vetro che consentono un facile controllo visivo, si puliscono facilmente e non si corrodono. Per i

Dettagli

RISOLUZIONE OIV/ENO 382D/2010

RISOLUZIONE OIV/ENO 382D/2010 ISOLUZIONE OIV/ENO 382D/2010 AGGIONAMENTO DELLA ACCOLTA DEI METODI INTENAZIONALI DI ANALISI DELLE BEVANDE SPIITOSE DI OIGINE VITIVINICOLA - determinazione dei composti α- dicarbonilici delle bevande spiritose

Dettagli

Corso di Laurea in Chimica e Tecnologia Farmaceutiche Esame di Chimica Analitica e Complementi di Chimica Modulo di Chimica Analitica 8 Novembre 2012

Corso di Laurea in Chimica e Tecnologia Farmaceutiche Esame di Chimica Analitica e Complementi di Chimica Modulo di Chimica Analitica 8 Novembre 2012 Modulo di Chimica Analitica 8 Novembre 2012 1. Una soluzione viene preparata sciogliendo1210 mg di K 3 Fe(CN) 6 in 775 ml di acqua. Calcolare: a) la concentrazione analitica di K 3 Fe(CN) 6 b) la concentrazione

Dettagli

LABORATORIO DI CHIMICA

LABORATORIO DI CHIMICA 1 di 11 LABORATORIO DI CHIMICA MANUALE PRATICO AD USO DELLE CLASSI DEGLI ISTITUTI TECNICI 2 di 11 ATTREZZATURA DI LABORATORIO Le attrezzature e gli utensili che Si trovano in un laboratorio chimico possono

Dettagli

DETERMINAZIONE DEL GRADO DI ACIDITÀ DI UN ACETO COMMERCIALE

DETERMINAZIONE DEL GRADO DI ACIDITÀ DI UN ACETO COMMERCIALE DETERMINAZIONE DEL GRADO DI ACIDITÀ DI UN ACETO COMMERCIALE L esperienza consiste nel misurare il grado di acidità di un aceto, acquistando i concetti di titolazione acido-base, punto di equivalenza, indicatore

Dettagli

25/02/2015. ESERCITAZIONE n 9 PROVA INCOGNITA 1. SOSTANZA ORGANICA 2. SOSTANZA ORGANOMETALLICA 3. SOSTANZA ORGANICA

25/02/2015. ESERCITAZIONE n 9 PROVA INCOGNITA 1. SOSTANZA ORGANICA 2. SOSTANZA ORGANOMETALLICA 3. SOSTANZA ORGANICA ESERCITAZIONE n 9 PROVA INCOGNITA 1. SOSTANZA ORGANICA 2. SOSTANZA ORGANOMETALLICA 3. SOSTANZA ORGANICA 1 Il riconoscimento di una sostanza iscritta nella Ph. Eur. attraverso operazioni chimiche semplici,

Dettagli

5110. Policlorobifenili e policloroterfenili

5110. Policlorobifenili e policloroterfenili 5110. Policlorobifenili e policloroterfenili I policlorobifenili (PCB) costituiscono una classe di 209 composti, aventi da 1 a 10 atomi di cloro come sostituenti nella molecola del bifenile. La struttura

Dettagli

Gas. Vapore. Forma e volume del recipiente in cui è contenuto. un gas liquido a temperatura e pressione ambiente. microscopico MACROSCOPICO

Gas. Vapore. Forma e volume del recipiente in cui è contenuto. un gas liquido a temperatura e pressione ambiente. microscopico MACROSCOPICO Lo Stato Gassoso Gas Vapore Forma e volume del recipiente in cui è contenuto. un gas liquido a temperatura e pressione ambiente MACROSCOPICO microscopico bassa densità molto comprimibile distribuzione

Dettagli

Fenomeni fisici. ESPERIENZA n 1. Recipiente di vetro, zucchero, acqua, cucchiaino, vetrino, microscopio.

Fenomeni fisici. ESPERIENZA n 1. Recipiente di vetro, zucchero, acqua, cucchiaino, vetrino, microscopio. ESPERIENZA n 1 Fenomeni fisici Recipiente di vetro, zucchero, acqua, cucchiaino, vetrino, microscopio. Osserviamo dello zucchero al microscopio. Esso si presenta in forma di piccoli granelli trasparenti,

Dettagli

Le tecnologie BTS Biogas per il biometano

Le tecnologie BTS Biogas per il biometano Le tecnologie BTS Biogas per il biometano Matthias Rogger, BTS Biogas Srl/GmbH TSenergyGroup 2014 1 Struttura Aspetti generali Descrizione della nuova situazione Tecnologia upgrading Configurazione impianto

Dettagli

NOTE TECNICHE DI LABORATORIO

NOTE TECNICHE DI LABORATORIO NOTE TECNICHE DI LABORATORIO 1. NORME DI RIFERIMENTO La determinazione dell indice di rilascio è definita dalla seguente norma: D.M. 14 maggio 1996 Normative e metodologie tecniche per gli interventi di

Dettagli

Simboli di pericolo simboli di pericolo sostanze formulazioni prodotti simboli di pericolo

Simboli di pericolo simboli di pericolo sostanze formulazioni prodotti simboli di pericolo Simboli di pericolo I simboli di pericolo vengono usati per etichettare le sostanze pericolose, come previsto dalle normative vigenti sull argomento. La Ordinance on Hazardous Substances è una regolamentazione

Dettagli

Le tecniche combinate TG/IR e TG/IR/GCMS: principi ed applicazioni

Le tecniche combinate TG/IR e TG/IR/GCMS: principi ed applicazioni Le tecniche combinate TG/IR e TG/IR/GCMS: principi ed applicazioni November 7, Maria 2014 Grazia Garavaglia Materials Characterization Product Specialist San Vito di Altivole, 05 Novembre 2014 2009 PerkinElmer

Dettagli

ACIDO trans,trans MUCONICO LIBERO URINARIO in UV Codice Z23010

ACIDO trans,trans MUCONICO LIBERO URINARIO in UV Codice Z23010 ACIDO trans,trans MUCONICO LIBERO URINARIO in UV Codice Z BIOCHIMICA Il dosaggio dell acido trans,trans-muconico ( t,t-ma ) viene da tempo proposto come un marker biologico affidabile e sensibile per il

Dettagli

Struttura generale di un processo chimico

Struttura generale di un processo chimico 1. Introduzione Struttura generale di un processo chimico Preparazione delle materie prime Reazione Purificazione dei prodotti Operazioni Unitarie: - Riscaldamento - ComminuzioneSize reduction - Miscelazione

Dettagli

) e 200 ml di NaOH 0.1 M. I volumi si considerano additivi.[ph = 4.085]

) e 200 ml di NaOH 0.1 M. I volumi si considerano additivi.[ph = 4.085] Chimica Analitica Prova scritta del 19 Gennaio 2004 1) 375 ml di soluzione acquosa contengono 21.2 µg di un principio attivo. Esprimere la concentrazione della soluzione in parti per milione (ppm) [0.056

Dettagli

La combustione. Docente: prof.ssa Lobello Carmela

La combustione. Docente: prof.ssa Lobello Carmela La combustione Percorso didattico realizzato dalla classe II D Istituto d Istruzione secondaria di I grado S Francesco d Assisi Francavilla Fontana (Br) Docente: prof.ssa Lobello Carmela Perché la combustione?

Dettagli

GESTIONE DELLE TECNOLOGIE AMBIENTALI PER SCARICHI INDUSTRIALI ED EMISSIONI NOCIVE LEZIONE 8. Angelo Bonomi

GESTIONE DELLE TECNOLOGIE AMBIENTALI PER SCARICHI INDUSTRIALI ED EMISSIONI NOCIVE LEZIONE 8. Angelo Bonomi GESTIONE DELLE TECNOLOGIE AMBIENTALI PER SCARICHI INDUSTRIALI ED EMISSIONI NOCIVE LEZIONE 8 Angelo Bonomi LE TECNOLOGIE DI TRATTAMENTO Sono classificate secondo il tipo di flusso e precisamente: ACQUE

Dettagli

LABORATORIO MULTIFUNZIONE

LABORATORIO MULTIFUNZIONE LABORATORIO MULTIFUNZIONE (Chimica Fisica Scienze) ELENCO ESPERIMENTI ATTUALMENTE DISPONIBILI ANALISI LATTE vedi Balestrieri pag. 409 e seguenti DETERMINAZIONE DELL ACIDITÀ TOTALE Si prelevano 20 ml di

Dettagli

Elettroforesi in gel di Agarosio

Elettroforesi in gel di Agarosio Elettroforesi in gel di Agarosio Le molecole di DNA possono essere separate in base alla loro dimensione, facendole migrare attraverso una matrice polimerica sotto l attrazione di un campo elettrico 1

Dettagli

CHIMICA ORGANICA. Gli alcoli

CHIMICA ORGANICA. Gli alcoli 1 E1-ALCOLI CIMICA OGANICA ALCOLI Formula generale Desinenza -olo Gli alcoli Gli alcoli sono, dopo gli idrocarburi, i composti organici più comuni, che è possibile considerare come derivati dagli alcani

Dettagli

ECOLOGIA - AMBIENTE. RE-BIOMAS - Impianto Pilota per la Produzione di Biogas da Biomasse

ECOLOGIA - AMBIENTE. RE-BIOMAS - Impianto Pilota per la Produzione di Biogas da Biomasse ECOLOGIA - AMBIENTE RE-BIOMAS - Impianto Pilota per la Produzione di Biogas da Biomasse Foto puramente indicativa - Impianto base (Cod. 949100) 1. Generalità L impianto Re-Biomas è stato progettato per

Dettagli

A cura di Elisa, Alessandro e Riccardo 5ACH. IS Fermi Mantova Progetto Scuola 21 AS 2012-2013

A cura di Elisa, Alessandro e Riccardo 5ACH. IS Fermi Mantova Progetto Scuola 21 AS 2012-2013 A cura di Elisa, Alessandro e Riccardo 5ACH IS Fermi Mantova Progetto Scuola 21 AS 2012-2013 Cromatografia??? La cromatografia è un metodo chimico-fisico che sfrutta la tendenza delle sostanze a distribuirsi

Dettagli

Le proprietà della materia

Le proprietà della materia Unità didattica 9 Le proprietà della materia Competenze 1. Classificare la materia in base agli stati fisici. 2. Classificare la materia in elementi, in composti e in miscugli omogenei ed eterogenei. 3.

Dettagli

Crema Idratante Anti-Age

Crema Idratante Anti-Age Crema Idratante Anti-Age Prima di cominciare... I prodotti cosmetici contenenti una fase acquosa sono particolarmente sensibili alla prolificazione di funghi e batteri. Si raccomanda pertanto di igienizzare

Dettagli

Chimica delle Sostanze Organiche Naturali. Martina Paro 5SA Ylenia Vinetti 5SB I.I.S A.Maserati Voghera

Chimica delle Sostanze Organiche Naturali. Martina Paro 5SA Ylenia Vinetti 5SB I.I.S A.Maserati Voghera Chimica delle Sostanze rganiche Naturali Martina Paro 5SA Ylenia Vinetti 5SB I.I.S A.Maserati Voghera Il termine iridoide deriva dal nome di un genere di formiche (Iridomyrmex( Iridomyrmex) ) che utilizzano

Dettagli

Filtrazione semplice con imbuto.

Filtrazione semplice con imbuto. Filtrazione semplice con imbuto. Se si dispone di carta da filtro in fogli quadrati di 60 cm di lato, occorre tagliarli in 16 parti. Prendere una quadrato di carta da filtro di 15 cm di lato e piegarlo

Dettagli

Lezione 15 metodi di analisi termici legati alla separazione di fase. Separazione di fase. Fasi della materia: solido, liquido, gas

Lezione 15 metodi di analisi termici legati alla separazione di fase. Separazione di fase. Fasi della materia: solido, liquido, gas Lezione 15 metodi di analisi termici legati alla separazione di fase Separazione di fase Fasi della materia: solido, liquido, gas SOLIDO Scioglimento solidificazione LIQUIDO evaporazione condensazione

Dettagli

1 - ATTREZZATURE, ADDITIVI, MEZZI DI PROTEZIONE, ECC. NECESSARI.

1 - ATTREZZATURE, ADDITIVI, MEZZI DI PROTEZIONE, ECC. NECESSARI. PAGINA 1 di 6 1 - ATTREZZATURE, ADDITIVI, MEZZI DI PROTEZIONE, ECC. NECESSARI. QUANTITA 1 Flacone acido solforico H 2 SO 4 (25%) (P.A.) 1 Flacone acido nitrico HNO 3 concentrato (65%) (SUPRAPUR x ANALISI

Dettagli

DETERMINAZIONE DEL GRADO DI ACIDITÀ DI UN ACETO COMMERCIALE

DETERMINAZIONE DEL GRADO DI ACIDITÀ DI UN ACETO COMMERCIALE DETERMINAZIONE DEL GRADO DI ACIDITÀ DI UN ACETO COMMERCIALE L esperienza consiste nel misurare il grado di acidità di un aceto, acquistando i concetti di titolazione acido-base, punto di equivalenza, indicatore

Dettagli

LABORATORIO DI CHIMICA GENERALE E INORGANICA

LABORATORIO DI CHIMICA GENERALE E INORGANICA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MILANO Facoltà di Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali Corso di Laurea Triennale in Chimica CORSO DI: LABORATORIO DI CHIMICA GENERALE E INORGANICA Docente: Dr. Alessandro Caselli

Dettagli

Silvia Vertuani, Sonia Molesini, Stefano Manfredini, Ermanno Piergentili, Federica Comanducci, Giuliano Nocentini

Silvia Vertuani, Sonia Molesini, Stefano Manfredini, Ermanno Piergentili, Federica Comanducci, Giuliano Nocentini Studio e sperimentazione Silvia Vertuani, Sonia Molesini, Stefano Manfredini, Ermanno Piergentili, Federica Comanducci, Giuliano Nocentini Colorazione ossidativa dei capelli: nuovi intermedi primari a

Dettagli

SOLUZIONI, DILUIZIONI, TITOLAZIONI

SOLUZIONI, DILUIZIONI, TITOLAZIONI SOLUZIONI, DILUIZIONI, TITOLAZIONI 1. Quanti ml di NaOH 1,25 N debbono essere aggiunti ad 1 litro di NaOH 0,63 N per ottenere una soluzione 0,85 N? [550 ml] 2. Quali volumi 0,55 N e 0,098 N debbono essere

Dettagli

ESTRAZIONE ACIDI NUCLEICI CON PARTICOLARE RIFERIMENTO A DNA ESTRATTO DA TESSUTI FISSATI IN FORMALINA E INCLUSI IN PARAFFINA (FFPE)

ESTRAZIONE ACIDI NUCLEICI CON PARTICOLARE RIFERIMENTO A DNA ESTRATTO DA TESSUTI FISSATI IN FORMALINA E INCLUSI IN PARAFFINA (FFPE) ESTRAZIONE ACIDI NUCLEICI CON PARTICOLARE RIFERIMENTO A DNA ESTRATTO DA TESSUTI FISSATI IN FORMALINA E INCLUSI IN PARAFFINA (FFPE) SALVATORE GIRLANDO LABORATORIO PATOLOGIA MOLECOLARE ANATOMIA PATOLOGICA

Dettagli

ALLEGATO 4. Canone Annuale Offerto

ALLEGATO 4. Canone Annuale Offerto ALLEGATO 4 Inv. FASCIA Tipo/Classe Cod. Ente 1230 A INCLUSORE AUTOMATICO DI PARAFFINA RM04 1231 A GRUPPO DI CONTINUITA' (UPS) RM04 1256 A PRODUZIONE ACQUA PURA, APPARECCHIO PER RM01 1257 A PRODUZIONE ACQUA

Dettagli

Leggi dei Gas. 2 MnO 4 - + 3 H 2 O 2 2 MnO 2 + 3 O 2 + 2 OH - + 2 H 2 O (Mn: +7 +4 ; no = +3). 2 = +6e - (O: -1 0 ; no = -1; x 2 = -2).

Leggi dei Gas. 2 MnO 4 - + 3 H 2 O 2 2 MnO 2 + 3 O 2 + 2 OH - + 2 H 2 O (Mn: +7 +4 ; no = +3). 2 = +6e - (O: -1 0 ; no = -1; x 2 = -2). Leggi dei Gas Esercizio 3.1. a) Bilanciare in forma ionica (1) e in forma molecolare (2) la seguente reazione in soluzione acquosa: permanganato di potassio + perossido d idrogeno biossido di manganese

Dettagli

ULTERIORI SAGGI PER VIA SECCA RICERCA FUNZIONE CARBOSSILICA RICERCA DEGLI AMMINOACIDI

ULTERIORI SAGGI PER VIA SECCA RICERCA FUNZIONE CARBOSSILICA RICERCA DEGLI AMMINOACIDI ULTERIORI SAGGI PER VIA SECCA RICERCA FUNZIONE CARBOSSILICA RICERCA DEGLI AMMINOACIDI IMPORTANTI ACIDI DI USO COMUNE ALCUNI IMPORTANTI ESTERI ALCUNI IMPORTANTI ESTERI Riconoscimento del Fosforo

Dettagli

Titolatori Karl Fischer. TitroMatic KF, semplici da utilizzare. Con la massima precisione e rapidità.

Titolatori Karl Fischer. TitroMatic KF, semplici da utilizzare. Con la massima precisione e rapidità. Titolatori Karl Fischer. TitroMatic KF, semplici da utilizzare. Con la massima precisione e rapidità. strumenti 5 ANNI G A R A N Z I A Qualità e buon servizio Titolatore Karl Fischer TitroMatic KF Si presenta

Dettagli

Esperienza 10: la PCR

Esperienza 10: la PCR Esperienza 10: la PCR La tecnica della polimerizzazione a catena (in inglese polymerase chain reaction) o PCR, permette di amplificare milioni di volte un unico frammento di DNA. Questo metodo è diventato

Dettagli

LA GASIFICAZIONE DELLE BIOMASSE PER LA PRODUZIONE DI SNG (SUBSTITUTE NATURAL GAS)!

LA GASIFICAZIONE DELLE BIOMASSE PER LA PRODUZIONE DI SNG (SUBSTITUTE NATURAL GAS)! LA GASIFICAZIONE DELLE BIOMASSE PER LA PRODUZIONE DI SNG (SUBSTITUTE NATURAL GAS)! F. Ruggeri, L. Mancuso, G.Collodi, Foster Wheeler Italiana. Milano, 20 maggio 2010 Agenda Schema d impianto Preparazione

Dettagli

Deformulazione di materiali mediante TGA-FT-IR-GC-MS

Deformulazione di materiali mediante TGA-FT-IR-GC-MS Deformulazione di materiali mediante TGA-FT-IR-GC-MS Serena Santacesaria SRA Instruments SpA santacesaria@srainstruments.com Tecniche di caratterizzazione Analisi Termica FT-IR TGA-FT-IR Analisi Termica:

Dettagli

metodi di estrazione e preparazione

metodi di estrazione e preparazione metodi di estrazione e preparazione distillazione a vapore Estrazione per pressione a freddo (spremitura) Estrazione per enfleurage Estrazione per solventi Estrazione delle resine Estrazione con anidride

Dettagli

Crema Idratante Anti-Age Pelli Miste

Crema Idratante Anti-Age Pelli Miste Crema Idratante Anti-Age Pelli Miste Prima di cominciare... I prodotti cosmetici contenenti una fase acquosa sono particolarmente sensibili alla prolificazione di funghi e batteri. Si raccomanda pertanto

Dettagli

RESIDUI ALL EVAPORAZIONE NEL GPL. M.Alpini Milano, 13 Novembre 2013

RESIDUI ALL EVAPORAZIONE NEL GPL. M.Alpini Milano, 13 Novembre 2013 RESIDUI ALL EVAPORAZIONE NEL GPL M.Alpini Milano, 13 Novembre 2013 Residui all evaporazione nel GPL: Contenuti Contaminanti nel GPL Specifica di prodotto EN589 Nuove tecniche analitiche Nuovo metodo pren16423

Dettagli

Determinazione del punto di infiammabi-lità mediante apparecchiatura Abel

Determinazione del punto di infiammabi-lità mediante apparecchiatura Abel Indice Numerico NOM 6-88 Vedi UNI 0009 NOM 9-71 Prova di stabilità degli oli isolanti NOM 15-71 Prova di distillazione dei prodotti petroliferi NOM 5-71 Determinazione dello zolfo nei prodotti petroliferi

Dettagli

NORME ORDINATE PER ARGOMENTO

NORME ORDINATE PER ARGOMENTO UNI EN 230:1997 31/10/1997 Bruciatori monoblocco di olio combustibile a polverizzazione. Dispositivi di sicurezza, di comando e di regolazione. Tempi di sicurezza. UNI EN 247:2001 31/05/2001 Scambiatori

Dettagli

BIO-METHANE REGIONS. Brochure Tecnica per Progettisti ed Operatori del Settore

BIO-METHANE REGIONS. Brochure Tecnica per Progettisti ed Operatori del Settore BIO-METHANE REGIONS Brochure Tecnica per Progettisti ed Operatori del Settore Il Bio-Metano: combustibile del futuro, opportunità per la nostra Regione CHE COS E IL BIOMETANO? Il Biometano è un gas che

Dettagli

Selezione per le Olimpiadi Internazionali della Chimica 2010 Fase nazionale - Problemi a risposta aperta Frascati, 31 maggio 2010

Selezione per le Olimpiadi Internazionali della Chimica 2010 Fase nazionale - Problemi a risposta aperta Frascati, 31 maggio 2010 Selezione per le limpiadi Internazionali della Chimica 2010 Fase nazionale - Problemi a risposta aperta Frascati, 31 maggio 2010 1. SALI DPPI Un sale doppio è un sale che cristallizza da una soluzione

Dettagli

UTILIZZO IN SICUREZZA DEI GUANTI

UTILIZZO IN SICUREZZA DEI GUANTI POSTER con 10 consigli inclusi UTILIZZO IN SICUREZZA DEI GUANTI nella gestione dei solventi in collaborazione con ESIG European Solvents Industry Group (ESIG) è un associazione che rappresenta i principali

Dettagli

Miscela omogenea monofasica i cui costituenti non è possibile separare meccanicamente

Miscela omogenea monofasica i cui costituenti non è possibile separare meccanicamente Miscela omogenea monofasica i cui costituenti non è possibile separare meccanicamente Soluzioni Sistema Omogeneo (presenta le stesse proprietà in qualsiasi sua porzione) Monofasico Nella fase omogenea

Dettagli

Allo Sportello Unico del Comune di.per il successivo inoltro a:

Allo Sportello Unico del Comune di.per il successivo inoltro a: ALLEGATO 1P PROVINCIA di RAVENNA Allo Sportello Unico del Comune di.per il successivo inoltro a: Alla PROVINCIA di Ravenna BOLLO e p. c. Al Sindaco del Comune di... All ARPA Sezione Provinciale di... Via...

Dettagli

2.13 TITOLAZIONI POTENZIOMETRICHE CON IL METODO DI GRAN

2.13 TITOLAZIONI POTENZIOMETRICHE CON IL METODO DI GRAN 2 Analisi chimica strumentale 47 Lo stesso accade per le titolazioni conduttimetriche. 48 Queste misure, fra l altro, risultano anche più veloci di quelle effettuate vicino al punto di equivalenza perché

Dettagli

ELENCO CODICI CER PER RIFIUTI LIQUIDI

ELENCO CODICI CER PER RIFIUTI LIQUIDI NP P* ELENCO CODICI CER PER RIFIUTI LIQUIDI Riferimento ad autorizzazione rilasciata dalla Provincia di Torino 54-11340/2011 del 28/03/2011 e s.m.i. GENERAL FUSTI 010504 fanghi e rifiuti di perforazione

Dettagli

GLS-PRO GOMMA SILICONICA LIQUIDA DA COLATA

GLS-PRO GOMMA SILICONICA LIQUIDA DA COLATA GLS-PRO GOMMA SILICONICA LIQUIDA DA COLATA La GLS-PRO é una gomma liquida, che vulcanizza a freddo tramite una reazione di poliaddizione, da usare per colata. È l alternativa di più facile uso e priva

Dettagli

Detergente enzimi (es. preparato per ammorbidire la

Detergente enzimi (es. preparato per ammorbidire la LABORATORIO 2: ESTRAZIONE ED ANALISI ELETTROFORETICA DI DNA GENOMICO Come fare? Seguiamo 3 semplici passaggi: Detergente enzimi (es. preparato per ammorbidire la carne) Alcol Cooome?? E' così facile??

Dettagli

L incendio è una combustione della quale si è perso il controllo con i mezzi ordinari e bisogna fronteggiarlo con mezzi straordinari.

L incendio è una combustione della quale si è perso il controllo con i mezzi ordinari e bisogna fronteggiarlo con mezzi straordinari. Corso Per Addetto Antincendio pag. 15 CAPITOLO 3 LA COMBUSTIONE e L INCENDIO Per combustione si intende una reazione chimica di una sostanza combustibile con un comburente che da luogo allo sviluppo di

Dettagli

Università degli Studi di Torino CORSO DI CHIMICA GENERALE ED INORGANICA C. Esercitazioni pratiche in laboratorio

Università degli Studi di Torino CORSO DI CHIMICA GENERALE ED INORGANICA C. Esercitazioni pratiche in laboratorio Università degli Studi di Torino CORSO DI CHIMICA GENERALE ED INORGANICA C Esercitazioni pratiche in laboratorio Anno accademico 2006-2007 Dott.ssa Elena Ghibaudi Dott. Enzo Laurenti A) Misura della quantità

Dettagli

testo 316-2 Rilevatore di perdite di gas Manuale d istruzioni

testo 316-2 Rilevatore di perdite di gas Manuale d istruzioni testo 316-2 Rilevatore di perde di gas Manuale d istruzioni 2 Sicurezza e ambiente Sicurezza e ambiente A proposo di questo documento Si prega di leggere attentamente questa documentazione per familiarizzare

Dettagli