SEDE REGIONALE PIEMONTE Direzione IL CASSETTO BIDIREZIONALE: GUIDA ALL UTILIZZO

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "SEDE REGIONALE PIEMONTE Direzione IL CASSETTO BIDIREZIONALE: GUIDA ALL UTILIZZO"

Transcript

1 SEDE REGIONALE PIEMONTE Direzione IL CASSETTO BIDIREZIONALE: GUIDA ALL UTILIZZO

2 La Direzione Regionale INPS del Piemonte ha elaborato materiali di ausilio alla trattazione dei servizi rivolti ai soggetti contribuenti, con l intento di standardizzare comportamenti condivisi che rendano più fluido ed efficiente il lavoro delle aziende, dei professionisti ed intermediari che le assistono, degli operatori interni. La digitalizzazione delle procedure e l uso della telematica come infrastruttura di collegamento possono consentire risparmi di tempo, evitare iterazioni, dare maggiore certezza ed esattezza agli adempimenti se la multicanalità è disciplinata ed i codici di comunicazioni sono chiari e correttamente impiegati. Con tale finalità sono stati costituiti gruppi di lavoro misti tra INPS, Ordini professionali, Associazioni di categoria, che hanno enucleato le problematiche ed individuato i percorsi per la loro soluzione. Si tratta di un lavoro che mira ad ottimizzare attraverso l individuazione di best practice gli effetti delle potenzialità tecnologiche ed organizzative allo stato disponibili. Ovviamente, l evoluzione delle procedure e l intervento di novità, anche normative, imporrà un costante adeguamento dei materiali. La produzione degli stessi in logica digitale che permette di diffonderli in modo tempestivo e snello, facendone un utility che può essere disponibile sulla scrivania elettronica di ogni operatore risponde all esigenza del loro puntuale aggiornamento. È un impegno che l INPS del Piemonte si assume nella consapevolezza che sarà base per migliorare le relazioni, l efficacia e la qualità del lavoro che unisce, in linea di servizio, l Istituto, gli intermediari, le aziende, i cittadini. I materiali sono stati prodotti da operatori esperti delle materie cui si riferiscono, coinvolgendo la rete produttiva dell INPS sul territorio regionale.

3 INDICE SCHEDE Cassetto bidirezionale Oggetti aggiornati a gennaio 2014 UNIEMENS Confronto DM10 - Emens 1 Note rettifica 2 Regolarizzazione (DM-VIG) 3 UniEmens trasmessi 4 Denunce individuali 770/SA 5 Emens 6 Posizione aziendale Esodi lavoratori prossimi a pensione ( l. 92/2012) 7 Estratto conto 8 Inquadramento 9 Variazione Dati Aziendali 10 Fondi Interprof. Adesione 11 Vicende societarie (fusioni, scorpori, etc.) 12 Assunzioni agevolate e sgravi Altre agevolazioni 13 Apprendistato 14 Durc interno (regolarità contributiva) 15 Incentivo assunzione donne e giovani - DM L. 223/1991 (assunzione iscritti nelle liste di mobilità) 17 L. 407/1990 (assunzione di disoccupati di lunga durata) 18 L.92/2012 art.2,c. 10bis (assunzione di beneficiari di ASpI) 19 Versamenti (F24) Compensazione F24 20 Pagamenti F24 21 Rimborsi/compensazioni DMP/RTP/DMVpassivi 22 CIGO- CIGS - Solidarietà CIGO - CIGS - Solidarietà 23 Durc (Documento di regolarità contributiva) Durc (Documento di regolarità contributiva) 24 Recupero del credito Avvisi bonari 25 Avvisi di addebito 26 Cartelle di pagamento 27 Dilazione amministrativa 28

4 Dilazioni su Cartella 29 Riduzioni sanzioni civili 30 Illeciti Penali Illeciti Penali 31 Contenzioso amm.vo Contenzioso amm.vo 32 Ispez. di Vigilanza Ispez. di Vigilanza 33 Verifica Amministrativa Confronto dei Monti Retributivi (CMR) 34 Controllo quadro D modelllo DM 10 (CASCO) 35 Recupero contributo addizionale CIG (Giasone) 36 Regolarizzazione per reiezione CIG in edilizia (Pegaso) 37 Tutoraggio aziende Uniemens (TUTOR) 37 Gestione separata Gestione separata 39 Non specificato 40 Certificazioni Certificazioni di malattia Certificazioni di distacco 41 Allegato N. 1 Accordi e Convenzioni Bilaterali Surroghe 42 Visite mediche di controllo 43

5 1 VERIFICA AMMINISTRATIVA UNIEMENS CONFRONTO DM10- EMENS Sostituito con l oggetto Confronto dei Monti Retributivi (CMR) sotto la voce VERIFI- CA AMMINISTRATIVA

6 2 ACCERTAMENTO E GESTIONE DEL CRE- DITO UNIEMENS NOTE DI RETTIFICA In carenza delle corrette informazioni/documentazioni richieste per ogni tipologia di agevolazioni, l applicazione del contributo agevolato verrà letta come errore per mancanza dei requisiti, generando una nota di rettifica. Si elencano le tipologie di errori, precisando che per quelli da 1 a 5 va ANCHE ritrasmesso il flusso Uniemens 1. Minimali e retribuzioni; andrà precisato il n. di dipendenti occupati, le qualifiche, le giornate e/o le ore retribuite; 2. Inquadramento/agevolazioni/sgravi/assunzioni agevolate : segnalazione dell errore e documentazione probante riferita alla singola agevolazione; 3. Prestazioni previdenziali - assegno congedo matrimonio, malattia, maternità: documentazione probante; per la CIG :numero autorizzazione/numero di ore conguagliate; 4. Lavoro estero/ Fondo Tesoreria/ previdenza complementare; 5. Numero dipendenti occupati nel semestre precedente >= 15 : dichiarazione del corretto numero medio di personale occupato nel semestre in esame. 6. Disconoscimento dell agevolazione per mancanza di regolarità contributiva ID di trasmissione Uniemns Punto 3. copia libro paga Punto 6. copia F24 o documentazione per avvenuta sistemazione dell evidenza che ha generato il disconoscimento.

7 3 ACCERTAMENTO E GESTIONE DEL CRE- DITO UNIEMENS REGOLARIZZAZIONI (DM10 VIG) Richieste per indicazioni e segnalazioni relative a tutte le tipologie di regolarizzazione: spontanee, da verbali altri Enti, da verbali di conciliazione, da sentenza. Periodi antecedenti all UNIEMENS: dovranno essere indirizzate le richieste relative alle modalità di pagamento e alla compilazione del modello DM10 Vig e dei modelli Emens legati alla regolarizzazione. Per i periodi successivi all UNIEMNS: dovranno essere trasmessi i relativi flussi da variazione con valenza contributiva. Copia della sentenza quando presente Copia di eventuali documenti relativi ad accordi sindacali o a qualsiasi altra tipologia da cui si evinca la motivazione della regolarizzazione Eventuale copia dei Modelli DM10 Vig Id trasmissione Emens, Uniemnes

8 4 ANAGRAFICA E FLUSSI UNIEMENS UNIEMENS TRASMESSI Richieste per indicazioni riguardanti variazioni di flussi UNIEMENS, in particolare: squadrature del Flusso Uniems; variazioni di Flussi individuale con e senza valenza contributiva Le richieste dovranno riguardare indicazioni per le tipologie sopra descritte, sino alla generazione del Modello DM10 VIG Le variazioni devono essere effettuate con flusso telematico. Eventuale segnalazione ID trasmissione Uniemns

9 5 ANAGRAFICA E FLUSSI DENUNCE INDIVIDUALI SA / 770 Richieste per indicazioni riguardanti variazioni dei dati relativi alle denunce SA/770 (anni dal 1998 al 2004) Le richieste dovranno riguardare indicazioni e/o segnalazioni relative alla mancanza di periodi contributivi su estratto conto dei dipendenti e/o segnalazione di errata compilazione della denuncia. Copia del quadro SA del 770 a suo tempo inviato Copia della certificazione CUD del lavoratore per l anno interessato in assenza di quadro SA/770 Copia delle buste paga e/o copia dei libri paga/presenze.

10 6 ANAGRAFICA E FLUSSI DENUNCE INDIVIDUALI EMENS Richieste e trasmissione documentazione riguardanti variazioni di dati relativi alle denunce EMENS (anni dal 2005 al 2009) Le richieste dovranno riguardare indicazioni e/o segnalazioni relative a variazione necessarie per la sistemazione del conto assicurativo dei dipendenti. Le variazioni da effettuare con procedura telematica Emens a cura della ditta o del soggetto abilitato - nel caso in cui si riferiscano a periodi prescritti e prevedano un integrazione del periodo contributivo, dovranno preventivamente essere controllate e autorizzate dalla sede competente, a seguito di presentazione di documentazione probante per la verifica del confronto monti e dell avvenuto versamento dei contributi entro i termini prescrizionali per il periodo che si intende variare. Copia buste paga ID di trasmissione della variazione Emens

11 7 ANAGRAFICA E FLUSSI POSIZIONE AZIENDALE ESODI LAVORATORI PROSSIMI A PEN- SIONE (L.92/2012) Segnalazioni relative agli adempimenti previsti con circolare 119/2013 per le prestazioni a favore dei lavoratori prossimi a pensione ai sensi della legge 92/2012 Dovrà essere utilizzato per le comunicazioni relative a quanto previsto con la circolare citata e ai fini dell inserimento del codice 6E sulla nuova posizione contributiva dedicata al versamento della contribuzione figurativa correlata ai lavoratori in esodo ex. Art 4 legge 92/ Presentazione accordo aziendale

12 8 SOGGETTO CONTRIBUENTE POSIZIONE AZIENDALE ESTRATTO CONTO Richieste per indicazioni relative alla situazione debitoria/creditoria dell azienda. Dovranno essere veicolate le richieste per situazioni particolari non rilevabili dalla consultazione del Cassetto Previdenziale che fornisce il dettaglio delle denunce inviate, pagamenti effettuati, evidenza di inadempienze, debiti iscritti a ruolo ect. Ect.

13 9 ANAGRAFICA E FLUSSI POSIZIONE AZIENDALE INQUADRAMENTO Richieste per indicazioni, approfondimenti e segnalazioni riguardanti l inquadramento aziendale. Si possono veicolare eventuali solleciti e/o richieste di chiarimento in merito all inquadramento ricevuto. Per le variazioni relative agli inquadramenti e non veicolabili da iscrizione/variazione aziende utilizzare l oggetto Variazione dati aziendali sotto la categoria POSIZIONE AZIENDALE I controlli alla Camera di Commercio sono a carico dell Istituto.

14 10 ANAGRAFICA E FLUSSI POSIZIONE AZIENDALE VARIAZIONE DATI AZIENDALI Segnalazioni relative alle variazioni che riguardano l inquadramento aziendale Dovrà essere utilizzato per le comunicazioni relative a variazioni dell inquadramento aziendale per le quali non esiste l apposita funzionalità da Iscrizione e Variazione dati aziendali, come ad esempio per la variazione del legale rappresentante. In questo caso andranno segnalati: 8. DATI ANAGRAFICI 9. CODICE FISCALE 10. INDIRIZZO COMPRENSIVO DI CAP 11. DECORRENZA 12. TELEFONO E/O RECAPITO I controlli alla Camera di Commercio sono a carico dell Istituto.

15 11 ANAGRAFICA E FLUSSI FONDI INTERPROFESSIONALI ADESIONE Richieste per indicazioni e segnalazioni relative all iscrizione ad un Fondo interprofessionale (legge 388/2000) per il versamento del contributo per la formazione continua ai sensi della legge 845/1978. Il canale non può essere utilizzato per la segnalazione di adesione ad un nuovo Fondo. Adesione e revoca vanno effettuate con la trasmissione dei flussi uniemens con codice RE- VO/REDI. Il codice revoca è indispensabile per la variazione dell adesione ad un fondo. Le variazioni sono a cura della ditta e decorrono dal mese in cui vengono trasmessi i flussi in modo corretto. Non è possibile retrodatare l adesione e/o procedere a storni.

16 12 ANAGRAFICA E FLUSSI FONDI INTERPROFESSIONALI VICENDE SOCIETARIE Richieste per indicazioni e segnalazioni relative a vicende societarie che interessano fusioni, scorpori, ecc, di aziende iscritte e ad un Fondo interprofessionale (legge 388/2000) per il versamento del contributo per la formazione continua ai sensi della legge 845/1978. In questi casi, sarebbe utile la segnalazione nelle ANNOTAZIONI della nuova iscrizione dei dati relativi all azienda di provenienza.

17 13 ANAGRAFICA E FLUSSI ASSUNZIONI AGEVOLATE E SGRAVI ALTRE AGEVOLAZIONI Richieste per indicazioni e segnalazioni per tutti codici autorizzazione tranne quelli relativi alle assunzioni ex. Lege 223/1991 e 407/1990 (telematizzazioni) e per specifici provvedimenti legislativi e normativi che debbono essere canalizzate in modo differente (es: apprendistato, GIOVGEN,DON-GIOV). Questo tipo di agevolazioni corrispondono solitamente ai vari specifici codici autorizzazione associati all azienda e consultabili da cassetto previdenziale.

18 14 ANAGRAFICA E FLUSSI ASSUNZIONI AGEVOLATE E SGRAVI APPRENDISTATO Richieste per indicazioni e segnalazioni riguardanti le agevolazioni relative all apprendistato L oggetto deve essere utilizzato per la comunicazione di assunzione/qualificazione di apprendista. Dichiarazione De minimis vedi circolare 128/2012 e msg 20123/2012

19 15 ACCERTAMENTO E GESTIONE DEL CRE- DITO ASSUNZIONI AGEVOLATE E SGRAVI DURC INTERNO (REGOLARITA CONTRI- BUTIVA) Richieste per indicazioni e segnalazioni di presenza errata di SEMAFORO ROSSO su azienda regolare La visualizzazione del cassetto previdenziale consente di identificare il periodo contributivo oggetto di scopertura che genera il disconoscimento dell agevolazione. Andranno effettuate le segnalazioni relative alla regolarizzazione delle anomalie segnalate (trasmissione modelli, pagamento f24, pagamento cartelle/avvisi di addebito ect.). Nel caso fosse già stata emessa la nota di rettifica, la segnalazione andrà effettuata all oggetto NOTE DI RETTIFICA. copia documentazione probante l avvenuta sistemazione dell evidenza da cui scaturisce la mancata regolarità.

20 16 ANAGRAFICA E FLUSSI ASSUNZIONI AGEVOLATE E SGRAVI INCENTIVO ASSUNZIONI DONNE E GIOVANI D.M Richieste per indicazioni e segnalazioni riguardanti le agevolazioni relative agli incentivi per l assunzione di donne e giovani Messaggio 8820/2013

21 17 VERIFICA AMMINISTRATIVA ASSUNZIONI AGEVOLATE E SGRAVI L 233/1991(ASSUNZIONE ISCRITTI NELLE LISTE DI MOBILITA ) Da utilizzare per informazioni relative alla normativa di L 233/1991 (ASSUNZIONE ISCRITTI NELLE LISTE DI MOBILITA ) Si ricorda che la richiesta di concessione dei benefici deve essere effettuata tramite la procedura di telematizzazione, entro la fine del settimo mese successivo alla data dell assunzione, proroga o trasformazione (esempio: in caso di assunzione del , il mod. 223 potrà essere inviato fino al ). Nel caso in cui non si sia rispettato tale termine, le richieste dovranno essere indirizzate con QUESTO OGGETTO.

22 18 VERIFICA AMMINISTRATIVA ASSUNZIONI AGEVOLATE E SGRAVI L 407/1990(ASSUNZIONE DISOCCUPA- TI DI LUNGA DURATA) Da utilizzare per informazioni relative alla normativa di L 407/1990 (ASSUNZIONE DISOC- CUPATI DI LUNGA DURATA) Si ricorda che la richiesta di concessione dei benefici deve essere effettuata tramite la procedura di telematizzazione inviando il modulo entro la fine del terzo mese successivo alla data di decorrenza del rapporto agevolato (esempio: in caso di assunzione del , il mod. 407 potrà essere inviato fino al ). Nel caso in cui non si sia rispettato tale termine, le richieste dovranno essere indirizzate con QUESTO OGGETTO.

23 19 ANAGRAFICA E FLUSSI ASSUNZIONI AGEVOLATE E SGRAVI L. 92/2012 art. 2, c. 10 bis (assunzione beneficiari ASPI) Beneficio per assunzioni a tempo pieno e indeterminato di soggetti in godimento dell indennità ASpI o di soggetti che abbiano titolo alla prestazione pur non avendola ancora percepita. Possono beneficiare alla misura incentivante tutti i datori di lavoro, Cooperative comprese. Per la corretta applicazione, anche della modalità di compilazione del flusso UNIEMENS, fare riferimento a quanto stabilito con circolare 175/ Dichiarazione sugli aiuti de minimis (allegato 2 circolare 175/2013) entro il più beve tempo possibile dall assunzione/trasformazione del lavoratore; 14. Dichiarazione di responsabilità (allegato 3 circolare 175/2013)

24 20 ACCERTAMENTO E GESTIONE DEL CRE- DITO VERSAMENTI(F24) COMPENSAZIONI F24 Richieste per indicazioni e segnalazioni relative a compensazioni indicate su modello F24 per crediti contributivi e/o erariali maturati sia nell anno corrente che in anni precedenti. Comunicazione all Istituto delle compensazioni effettuate, con l indicazione del periodo e dell importo relativi sia al credito che al debito, preferibilmente non appena effettuata la compensazione. Dato che il credito deve essere certo ed esigibile, i possibili errori sono: 15. errata segnalazione del periodo al quale si riferiscono sia il credito che il debito; in questo casi bisognerà segnalare il periodo corretto per poter consentire all Istituto le variazioni del caso. 16. errato utilizzo del credito (es. credito non ancora esigibile, credito inesistente o non congruo- per diminuzione del credito stesso a fronte di variazioni dell importo contributivo calcolato-, ecc.); la segnalazione in questi casi può essere effettuata o dall Istituto all azienda, o comunicata dall azienda stessa. Le compensazioni indebite, in fase amministrativa, andranno regolarizzate con nuovo F24. Copia dell F24 interessato da compensazione e/o di quello integrativo.

25 21 ACCERTAMENTO E GESTIONE DEL CRE- DITO VERSAMENTI(F24) PAGAMENTI F24 Richieste per indicazioni e segnalazioni relative ai pagamenti dei modelli F24. L OGGETTO VA UTILIZZATO SOLO SE E LA COMUNICAZIONE E DI INIZIATIVA (per contestazioni ad avvisi bonari, note rettifica, illeciti penali, per roglarizzazioni dm vig ect. esistono appositi oggetti) I versamenti con F24 possono riferirsi a contribuzione esclusivamente in fase amministrativa. Copia dell F24 interessato.

26 22 ACCERTAMENTO E GESTIONE DEL CRE- DITO VERSAMENTI(F24) RIMBORSI/COMPENSAZIONI DMP/RTP/DMVpassivi Richieste per indicazioni relative a RIMBORSI/COMPENSAZIONI DMP/RTP/DMVpassivi. Le richieste possono riguardare: 17. informazioni inerenti rimborsi per doppi versamenti e/o per versamenti non dovuti; 18. modalità per effettuare le compensazioni 19. sollecito di rimborsi 20. trasmissione documentazione per istanze di rimborso per contribuzione versata indebitamente Documentazione per riconoscimento codice autorizzazione non precedentemente segnalato e/o segnalato erroneamente; In caso di doppio versamento con F24 non ancora consultabile negli archivi INPS, copia dello stesso. Modelli dm10mvig (competenza fino al 2009) Id trasmissione uniemens vig

27 23 PRESTAZIONI- SOGGETTO CONTRI- BUENTE CIGO- CIGS-SOLIDARIETA CIGO- CIGS-SOLIDARIETA Richieste per indicazioni relative a domande di cassa integrazione ordinaria industria ed edilizie e domande di cassa integrazione straordinaria ed in deroga. Le richieste potranno riguardare: 21. Il riesame di una domanda di cigo già definita solo nel caso di errore nella compilazione della prima richiesta o di documentazione aggiuntiva; 22. Comunicazione dell effettivo utilizzo di cassa integrazione nel biennio precedente la richiesta; 23. Invio del verbale, se non allegato alla domanda; 24. Cassa in deroga non utilizzata; 25. Errori nell invio del modello SR SI RAMMENTA CHE DA CASSETTO PREVIDENZIALE E POSSIBILE CONSULTARE/VERIFICARE I NUMERI DELLE AUTORIZZAZIONI Per riesame allegare documentazione relativa (es. copia libro unico, bollettini meteo, relazioni tecniche relative ai materiali utilizzati e/o alle fasi lavorative in atto Verbale di consultazione sindacale o, in assenza di questo, dimostrazione dell avvenuto invio del la comunicazione effettuata ai tre sindacati maggiormente rappresentativi.

28 24 SOGGETTO CONTRIBUENTE DURC Documento regolarità contributiva Richieste per indicazioni relative alle regolarità contributive per aziende con aziende con iscrizione a più enti (INPS-INAL-Cassa edile). Richieste per indicazioni relative alle regolarità contributive per aziende senza matricola che non hanno dipendenti propri (Associazioni) ; casi in cui pur avendo la matricola i dipendenti non sono obbligati all iscrizione INAIL devono essere canalizzate con mail istituzionale soggettocontribuente.xxxxx inps.it dove xxxx è la sede competente in chiaro (es torino) Dovrà essere veicolata la documentazione richieste in seguito a sospensione dell emissione di Durc- da parte dell Istituto.. Eventuali copie di pagamento di cartelle esattoriali e/o di pagamenti rateali sulle stesse Copia di F24 di regolarizzazione. Dichiarazioni di responsabilità eventuali.

29 25 ACCERTAMENTO E GESTIONE DEL CRE- DITO RECUPERO DEL CREDITO AVVISI BONARI Richieste per indicazioni, contestazioni relative agli avvisi bonari L importo richiesto potrà essere : 27. versato con F24 in quanto dovuto, evitando in tal modo l iscrizione a ruolo; 28. contestato in quanto: 1. già versato in tal caso basterà presentare copia del modello F24; 2. versato con errate indicazioni della matricola e/o del periodo su F24 in tal caso bisognerà comunicare i dati corretti da variare inviando copia del modello F24 da correggere. 3. non dovuto (indicare motivazione) In caso di regolarizzazione e/o errore materiale copia del modello F24

30 26 ACCERTAMENTO E GESTIONE DEL CRE- DITO RECUPERO DEL CREDITO AVVISO DI ADDEBITO Richieste per indicazioni relative agli avvisi di addebito (per periodi iscritti a ruolo dal 01/01/2011) SI RAMMENTA CHE: I contribuenti possono presentare tramite il canale telematico le seguenti istanze: domanda di sospensione cartella di pagamento, domanda di sgravio cartella di pagamento, domanda di sospensione avviso di addebito, domanda di annullamento avviso di addebito, comunicazione di avvenuto pagamento su avviso di addebito. (msg. 6160/2012, CIRC 48/2012). Le precisazioni TRASMESSE CON IL CASSETTO potranno riguardare: a) importo già versato e non correttamente confluito per la copertura contributiva si possono prospettare due casi: 1. errore di compilazione del F24 : in tal caso bisognerà comunicare i dati corretti da variare e inviare copia del modello F24 errato; 2. versamento effettuato con F24 in data successiva all emissione dell avviso di addebito : inviare copia del modello F24. b) contestazione del periodo : motivazione della contestazione ed eventuale variazione di modelli Uniemens. 29. Copia del modello F Documentazione probante per contestazione (buste paga, diritto ad agevolazioni, ecc) ID di trasmissione Uniemens

31 27 ACCERTAMENTO E GESTIONE DEL CRE- DITO RECUPERO DEL CREDITO CARTELLE DI PAGAMENTO Richieste per indicazioni relative a cartelle di pagamento (per periodi iscritti a ruolo sino al 31/12/2010) SI RAMMENTA CHE: I contribuenti possono presentare tramite il canale telematico le seguenti istanze: domanda di sospensione cartella di pagamento, domanda di sgravio cartella di pagamento, domanda di sospensione avviso di addebito, domanda di annullamento avviso di addebito, comunicazione di avvenuto pagamento su avviso di addebito. (msg. 6160/2012, CIRC 48/2012). Le precisazioni TRASMESSE CON IL CASSETTO potranno riguardare: c) importo già versato e non correttamente confluito per la copertura contributiva si possono prospettare due casi: 3. errore di compilazione del F24 : in tal caso bisognerà comunicare i dati corretti da variare e inviare copia del modello F24 errato 4. versamento effettuato con F24 in data successiva all emissione dell avviso di addebito: inviare copia del modello F24. d) contestazione del periodo: motivazione della contestazione ed eventuale variazione di modelli Uniemens. 31. Copia del modello F Documentazione probante per contestazione (buste paga, diritto ad agevolazioni, ecc); ID di trasmissione Emesns/ Uniemens

32 28 SOGGETTO CONTRIBUENTE RECUPERO DEL CREDITO DOMANDA DI DILAZIONE AMMINI- STARTIVA Richieste per indicazioni relative alle dilazioni di pagamento per debiti ancora in fase amministrativa SI RAMMENTA CHE LE DOMANDE VANNO TRASMESSE CON IL CANALE TELEMATIZZATO. CIRCOLARE 48/2012 Le comunicazioni da CASSETO CON QUESTO OGGETTO possono riguardare: 33. indicazioni propedeutiche alla domanda telematica 34. documenti da inviare a completamento della domanda accolta 35. altri eventuali precisazioni a seguito di richiesta specifica ( su cassetto) dell Istituto a corredo/definizione della pratica Punto 2 copia versamenti effettuati con F24 a copertura della prima rata di dilazione; sottoscrizione del piano di ammortamento. Eventuale copia di Fidejussione (cui dovrebbe seguire l originale)

33 29 SOGGETTO CONTRIBUENTE RECUPERO DEL CREDITO DILAZIONI SU CARFTELLA Richieste per indicazioni relative alle Dilazioni su cartella. Si ritiene che la voce non debba più essere utilizzato in quanto non è più possibile dal effettuare in via ammnistrativa dilazioni su cartelle. Quelle già concesse sono in esaurimento CIRCOLARE 106/2010

34 30 SOGGETTO CONTRIBUENTE RECUPERO DEL CREDITO RIDUZIONI SANZIONI CIVILI Richieste informazioni/ indicazioni relative alle istanze di richiesta di riduzione di sanzioni civili. (normativa di riferimento circolare 88/2002) SI RAMMENTA CHE LE ISTANZE VANNO TRASMESSE CON IL CANALE TELEMATIZZATO. CIRCOLARE 48/2012 E MSG. 6505/2012

35 31 ACCERTAMENTO E GESTIONE DEL CRE- DITO ILLECITI PENALI ILLECITI PENALI Richieste per indicazioni e segnalazioni relative invio di diffida per illeciti penali ex art.2 l.638/83 e successive modifiche e integrazioni. Le segnalazioni possono riguardare: 36. Comunicazione per variazione del legale rappresentante per il periodo oggetto di diffida a. se è già stata effettuata la variazione alla CCIAA, è sufficiente indicare i dati corretti relativi al nuovo rappresentante; b. se non è stata effettuata la variazione alla CCIAA, andrà prima effettuata detta variazione. 37. Comunicazione del saldo. Si ricorda che tutte le indicazioni relative alle modalità di versamento sono contenute nella diffida, e che eventuali pagamenti rateali in corso (sia presso l INPS che presso l Agente della Riscossione) non escludono dalla segnalazione alla Procura della Repubblica, a meno di non aver interamente coperto il debito relativo alle trattenute ai dipendenti PRIMA dell emissione della diffida. I versamenti effettuati con F35 o quietanza per periodi già presso l Agente della Riscossione devono essere comprensivi anche di aggi e spese il cui ammontare va richiesto all Agente stesso per avere la garanzia della totale copertura della quota. Eventuali copie quietanze, modelli f24, certificati camera commercio

36 32 GESTIONE RICORSI AMMINISTRATIVI CONTENZIOSO AMM.VO CONTENZIOSO AMM.VO I ricorsi amministrativi avverso provvedimenti dell Istituto vanno inoltrati attraverso il canale telematico QUESTO OGGETTO NON DEVE ESSERE UTILIZZATO. IL RICORSO VA TRASMESSO CON CANALE TELEMATICO (CIRCOLARE 32/2011)

37 33 ACCERTAMENTO E GESTIONE DEL CRE- DITO ISPEZIONI DI VIGILANZA INPS ISPEZIONI DI VIGILANZA Richieste per indicazioni e segnalazioni relative a verbali ispettivi INPS e/o in congiunta con altri Enti. Le richieste legate a verbali ispettivi definiti e notificati nella generalità dei casi riguardano informazioni già contenute nel testo del verbale ispettivo stesso (modalità di pagamento, termini per la presentazioni di opposizione e/o ricorsi amministrativi), e/o richiesta per poter ottenere una dilazione. Spesso i verbali ispettivi fanno scaturire richieste di accesso agli atti (normalmente per acquisire dichiarazioni di controinteressati). L OGGETTO VA UTILIZZATO PER COMUNICAZIONI RELATIVE ESCLUSIVAMENTE A VERBALI INPS REDATTI DA ISPETTORI DELL ISTITUTO E IN ISPEZIONE CONGIUNTA CONALTRI ENTI.

38 34 VERIFICA AMMINISTRATIVA VERIFICA AMMINISTARTIVA CONFRONTO MONTI RETRI- BUTIVI (CMR) Segnalazioni inviate dalla sede relative a dati non concordanti fra DM e Emens per gli anni dal 2005 al 2010 Eventuali richieste di chiarimenti e/o comunicazioni di avvenuta sistemazione delle discordanze segnalate con richiesta inviata dalla competente U.O. Si possono presentare due casi: a) DM inferiore agli Emens b) DM superiore agli Emens e) I casi di errore possono essere: Emens doppi Retribuzioni imponibili errate sia su Emens che su DM Si dovrà quindi procedere alle variazioni necessarie a seconda dell errore che ha generato la discordanza (es. annullamento Emens errato doppio, variazione imponibili) In assenza di errori formali, dovrà essere regolarizzata la posizione effettuando il versamento dovuto con F24 e inviando il modello DM10 Vig f) I casi di errore possono essere: mancata trasmissione di uno o più Emens mancata sistemazione di Emens a seguito di variazione effettuata con DM10 VIG Copia del modello F24 in caso di versamento per regolarizzazione. Si invita a segnalare tramite cassetto le variazioni effettuate a qualsiasi titolo.

39 35 VERIFICA AMMINISTRATIVA VERIFICA AMMINISTARTIVA CONTROLLO QUADRO D MO- DELLO DM 10 (CASCO) Segnalazioni relative a richieste inviate dalla competente U.O. riguardanti controlli sui dati indicati in quadro D del DM, che al momento riguardano: 39. malattia 40. maternità 41. assegni familiari Richieste di chiarimenti e/o indicazioni riguardanti le comunicazioni inviate dalla competente U.O. per quanto sopra indicato. In caso di necessità di invio di documentazione corposa, contattare la U.O. Verifica Amministrativa attraverso i canali istituzionali. La documentazione da presentare è quella richiesta dalla competente U.O. In genere: copia di buste paga; copia di documenti probatori ( modello relativo all approvazione della maternità anticipata, modello ANF, ecc.)

40 36 VERIFICA AMMINISTRATIVA VERIFICA AMMINISTRATIVA Recupero contributo addizionale CIG (GIASONE) Da utilizzare per informazioni relative alle richieste inviate con lettera dall Istituto per Recupero contributo addizionale CIG (GIASONE) Andranno veicolate: 42. le richieste per indicazioni a integrazione dei prospetti allegati alle lettere di cui sopra, al fine di poter correttamente identificare i periodi; 43. contestazioni corredate da documentazione necessaria per la definizione della pratica; 44. comunicazione di avvenuta regolarizzazione. Copie versamenti di bollettini Copia F24 di avvenuta regolarizzazione

41 37 VERIFICA AMMINISTRATIVA VERIFICA AMMINISTRATIVA Regolarizzazione per reiezione CIG in edilizia (PEGASO) Da utilizzare per informazioni/segnalazioni relative alle richieste di regolarizzazione per reiezione CIG in edilizia inviate con lettera dall Istituto. Comunicazioni relative a: 45. Avvenuta variazione dei flussi Emens (sino al 2010) Uniemens (dal 2011), e creazione del DM10 Vig virtuale 46. In caso di contestazione, segnalazione della richiesta di riesame e/o del ricorso presentato. Copia DM10 Vig Copia modello F24 (avvenuta regolarizzazione) ID trasmissione Emens -Uniemes

42 38 VERIFICA AMMINISTRATIVA VERIFICA AMMINISTARTIVA TUTORAGGIO AZIENDE (TU- TOR) Indicazioni relative a richieste inviate dalla competente U.O. per segnalazioni di situazioni anomale alle Aziende oggetto di tutoraggio Le richieste relative al tutoraggio possono essere di varia natura, dovendo evidenziare qualsiasi anomalia massiva relativa all azienda tutorata. Fare riferimento alla specifica richiesta della U.O. competente

Sistema dei Canali di Presentazione delle. Domande di Servizio, Comunicazione. elettronica e Confronto Diretto

Sistema dei Canali di Presentazione delle. Domande di Servizio, Comunicazione. elettronica e Confronto Diretto ALLEGATO 1 Modalità concordate tra la Direzione di area metropolitana di Milano e Ordine provinciale Consulenti del Lavoro e Associazione nazionale Consulenti del lavoro - U.P. di Milano in merito al Sistema

Dettagli

SEDE REGIONALE PIEMONTE Direzione IL CASSETTO PREVIDENZIALE PER LA GESTIONE SEPARATA

SEDE REGIONALE PIEMONTE Direzione IL CASSETTO PREVIDENZIALE PER LA GESTIONE SEPARATA SEDE REGIONALE PIEMONTE Direzione IL CASSETTO PREVIDENZIALE PER LA GESTIONE SEPARATA 1 La Direzione Regionale INPS del Piemonte ha elaborato materiali di ausilio alla trattazione dei servizi rivolti ai

Dettagli

Sistema dei Canali di Presentazione delle istanze di servizio, Informazione, Comunicazione e Consulenza PRESENTAZIONE DOMANDE

Sistema dei Canali di Presentazione delle istanze di servizio, Informazione, Comunicazione e Consulenza PRESENTAZIONE DOMANDE Direzione Sede Provinciale di Brescia Incontro del 17 marzo 2014, tra INPS Direzione Provinciale di Brescia e Aziende associate ad AIB Sistema dei Canali di Presentazione delle istanze di servizio, Informazione,

Dettagli

03 PAESI EXTRACEE CONVENZIONATI

03 PAESI EXTRACEE CONVENZIONATI 03 PAESI EXTRACEE CONVENZIONATI 3.1 PAESI CONVENZIONATI Sono i paesi con i quali sono stati stipulati accordi di sicurezza sociale che si richiamano essenzialmente ai principi della reciprocità di trattamento,

Dettagli

ODCEC CT - Segreteria

ODCEC CT - Segreteria ODCEC CT - Segreteria Oggetto: Gestione del front line dell Area aziende con dipendenti Al Sig. Presidente dell Ordine dei Dottori Commercialisti ed Esperti contabili di Catania Al Sig. Presidente dell

Dettagli

INPS Apprendistato: chiarimenti sui profili contributivi

INPS Apprendistato: chiarimenti sui profili contributivi n 43 del 16 novembre 2012 circolare n 695 del 15 novembre 2012 referente GRANDI/af INPS Apprendistato: chiarimenti sui profili contributivi L INPS, con circolare n.128 del 2 novembre 2012 (allegata alla

Dettagli

Direzione Provinciale di Taranto. Il DURC INTERNO. Taranto, 13 giugno 2014

Direzione Provinciale di Taranto. Il DURC INTERNO. Taranto, 13 giugno 2014 Il DURC INTERNO Taranto, 13 giugno 2014 Il durc interno L articolo 1, comma 1175, della Legge n. 296/2006 ha previsto che per usufruire di PARTICOLARI AGEVOLAZIONI AZIENDALI (agev. per aziende agricole

Dettagli

A cura di Mario Solazzo e Silvia Solazzo. Direzione Provinciale di Lecce U.O. Anagrafica e Flussi

A cura di Mario Solazzo e Silvia Solazzo. Direzione Provinciale di Lecce U.O. Anagrafica e Flussi A cura di Mario Solazzo e Silvia Solazzo Direzione Provinciale di Lecce U.O. Anagrafica e Flussi PREMESSA Competenza gestione dati E-mens La legge del 24 novembre 2003, n. 326, prevede che, a partire dalle

Dettagli

Comunicare con l INPS

Comunicare con l INPS Vademecum Operativo-Comportamentale la Direzione provinciale dell area metropolitana di Milano, rappresentata e diretta pro-tempore dal dott Sebastiano Musco, La Presidenza dell Ordine provinciale dei

Dettagli

Direzione Centrale Entrate. Roma, 18/02/2013

Direzione Centrale Entrate. Roma, 18/02/2013 Direzione Centrale Entrate Roma, 18/02/2013 Circolare n. 28 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Responsabili delle Agenzie Ai Coordinatori generali, centrali e periferici dei Rami professionali Al Coordinatore

Dettagli

Direzione Centrale Prestazioni a Sostegno del Reddito Direzione Centrale Sistemi Informativi e Tecnologici. Roma, 17/06/2015

Direzione Centrale Prestazioni a Sostegno del Reddito Direzione Centrale Sistemi Informativi e Tecnologici. Roma, 17/06/2015 Direzione Centrale Prestazioni a Sostegno del Reddito Direzione Centrale Sistemi Informativi e Tecnologici Roma, 17/06/2015 Circolare n. 122 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Responsabili delle Agenzie

Dettagli

MESSAGGIO INPS n. 016771 del 16/10/2012

MESSAGGIO INPS n. 016771 del 16/10/2012 MESSAGGIO INPS n. 016771 del 16/10/2012 Oggetto: Indennità di mobilità ordinaria per i lavoratori del Gruppo Alitalia spa art. 1-bis del D.L. 5 ottobre 2004, n. 249 convertito, con modificazioni, dalla

Dettagli

Direzione Centrale Entrate Direzione Centrale Sistemi Informativi e Tecnologici. Roma, 10/04/2015

Direzione Centrale Entrate Direzione Centrale Sistemi Informativi e Tecnologici. Roma, 10/04/2015 Direzione Centrale Entrate Direzione Centrale Sistemi Informativi e Tecnologici Roma, 10/04/2015 Circolare n. 75 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Responsabili delle Agenzie Ai Coordinatori generali,

Dettagli

Direzione Centrale Entrate Direzione Centrale Sistemi Informativi e Tecnologici. Roma, 10/04/2015

Direzione Centrale Entrate Direzione Centrale Sistemi Informativi e Tecnologici. Roma, 10/04/2015 Direzione Centrale Entrate Direzione Centrale Sistemi Informativi e Tecnologici Roma, 10/04/2015 Circolare n. 75 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Responsabili delle Agenzie Ai Coordinatori generali,

Dettagli

Studio di Economia e consulenza Aziendale s.r.l. DURC telematico e semplificato: le modifiche del DL 34/2014 di prossima attuazione

Studio di Economia e consulenza Aziendale s.r.l. DURC telematico e semplificato: le modifiche del DL 34/2014 di prossima attuazione News per i Clienti dello studio del 6 Giugno 2014 Ai gentili clienti Loro sedi DURC telematico e semplificato: le modifiche del DL 34/2014 di prossima attuazione Gentile cliente, con la presente desideriamo

Dettagli

Notizie Lavoro Flash. 1) Gestione Separata Committenti Emissione comunicazione debitoria per anno di competenza 2013

Notizie Lavoro Flash. 1) Gestione Separata Committenti Emissione comunicazione debitoria per anno di competenza 2013 Notizie Lavoro Flash 1) Gestione Separata Committenti Emissione comunicazione debitoria per anno di competenza 2013 Con messaggio n.6859 del 5 settembre 2014 l INPS ha comunicato l avvenuta elaborazione

Dettagli

Direzione Centrale Entrate Direzione Centrale Sistemi Informativi e Tecnologici. Roma, 27-05-2015. Messaggio n. 3575

Direzione Centrale Entrate Direzione Centrale Sistemi Informativi e Tecnologici. Roma, 27-05-2015. Messaggio n. 3575 Direzione Centrale Entrate Direzione Centrale Sistemi Informativi e Tecnologici Roma, 27-05-2015 Messaggio n. 3575 Allegati n.1 OGGETTO: Servizi ex Enpals per le Imprese, Consulenti e Professionisti su

Dettagli

e, per conoscenza, Importo dei contributi. Coefficienti di ripartizione.

e, per conoscenza, Importo dei contributi. Coefficienti di ripartizione. Direzione Centrale Entrate Roma, 08/02/2013 Circolare n. 25 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Responsabili delle Agenzie Ai Coordinatori generali, centrali e periferici dei Rami professionali Al Coordinatore

Dettagli

LA TELEMATIZZAZIONE DELLE PROCEDURE DEDICATE AL SOGGETTO CONTRIBUENTE

LA TELEMATIZZAZIONE DELLE PROCEDURE DEDICATE AL SOGGETTO CONTRIBUENTE SEDE REGIONALE PIEMONTE Direzione Microsoft LA TELEMATIZZAZIONE DELLE PROCEDURE DEDICATE AL SOGGETTO CONTRIBUENTE La Direzione Regionale INPS del Piemonte ha elaborato materiali di ausilio alla trattazione

Dettagli

Roma, 16/10/2015. e, per conoscenza, Circolare n. 171

Roma, 16/10/2015. e, per conoscenza, Circolare n. 171 Direzione Centrale Entrate Direzione Centrale Organizzazione Direzione Centrale Formazione Direzione Centrale Sistemi Informativi e Tecnologici Direzione Centrale Pianificazione e Controllo di Gestione

Dettagli

1. Aziende destinatarie degli obblighi contributivi per le indennità economiche di malattia e maternità (art. 20, c. 2 L.

1. Aziende destinatarie degli obblighi contributivi per le indennità economiche di malattia e maternità (art. 20, c. 2 L. Direzione Centrale Entrate Direzione Centrale Sistemi Informativi e Tecnologici Roma, 10-03-2009 Messaggio n. 5730 OGGETTO: Istruzioni operative per la regolarizzazione dei contributi dovuti per il finanziamento

Dettagli

Incontro con l INPS Brescia, 17/03/2014. INPS Sede di Brescia - Consalvi R. 1

Incontro con l INPS Brescia, 17/03/2014. INPS Sede di Brescia - Consalvi R. 1 Incontro con l INPS Brescia, 17/03/2014 INPS Sede di Brescia - Consalvi R. 1 Art. 1 comma 1175 DM 24/10/2007 L articolo 1, comma 1175, della legge 27 dicembre 2006, n. 296, subordina i benefici normativi

Dettagli

CONSIGLIO PROVINCIALE DELL ORDINE DEI CONSULENTI DEL LAVORO DI CASERTA A CURA DEL CENTRO STUDI LUIGI CAMPI

CONSIGLIO PROVINCIALE DELL ORDINE DEI CONSULENTI DEL LAVORO DI CASERTA A CURA DEL CENTRO STUDI LUIGI CAMPI CONSIGLIO PROVINCIALE DELL ORDINE DEI CONSULENTI DEL LAVORO DI CASERTA A CURA DEL CENTRO STUDI LUIGI CAMPI DURC INTERNO APPROFONDIMENTI E NOTE OPERATIVE LA GENESIANNO 2006 LEGISLAZIONE L articolo 1, comma

Dettagli

LAVORATORI AUTONOMI «ISTRUZIONI PER L USO» A cura di Rossana Malfa e Carlo Giordani. Istituto Nazionale Previdenza Sociale

LAVORATORI AUTONOMI «ISTRUZIONI PER L USO» A cura di Rossana Malfa e Carlo Giordani. Istituto Nazionale Previdenza Sociale Istituto Nazionale Previdenza Sociale Direzione provinciale Novara LAVORATORI AUTONOMI «ISTRUZIONI PER L USO» A cura di Rossana Malfa e Carlo Giordani CASSETTO PREVIDENZIALE CASSETTO PREVIDENZIALE AUTONOMI

Dettagli

RICHIESTA DEL CERTIFICATO DI AGIBILITÀ: NUOVA PROCEDURA

RICHIESTA DEL CERTIFICATO DI AGIBILITÀ: NUOVA PROCEDURA INFORMATIVA N. 213 04 GIUGNO 2015 Previdenziale RICHIESTA DEL CERTIFICATO DI AGIBILITÀ: NUOVA PROCEDURA INPS, Messaggio n. 3575 del 27 maggio 2015 Con il Messaggio n. 3575 del 27 maggio 2015, l INPS comunica

Dettagli

Tipo di controllo. Criteri di controllo

Tipo di controllo. Criteri di controllo Settore Normativa di riferimento L. 68/99 art. 3 L. 133/2008 Decreto direttoriale n. 345 del 17/09/2013 Tipo di procedimento Verifica dell ottemperanza all obbligo di assunzione disabili Genere di impresa

Dettagli

Premesso. Ritenuta. Visti

Premesso. Ritenuta. Visti PROTOCOLLO D INTESA tra LA SEDE I.N.P.S DI TRAPANI e L Ordine dei Consulenti del Lavoro il sindacato ANCL L Ordine dei commercialisti ed esperti contabili di Trapani e Marsala In data presso la Direzione

Dettagli

Direzione Centrale Prestazioni a Sostegno del Reddito Direzione Centrale Sistemi Informativi e Tecnologici. Roma, 28/10/2013

Direzione Centrale Prestazioni a Sostegno del Reddito Direzione Centrale Sistemi Informativi e Tecnologici. Roma, 28/10/2013 Direzione Centrale Prestazioni a Sostegno del Reddito Direzione Centrale Sistemi Informativi e Tecnologici Roma, 28/10/2013 Circolare n. 154 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Responsabili delle Agenzie

Dettagli

Direzione Centrale Prestazioni a Sostegno del Reddito Direzione Centrale Sistemi Informativi e Tecnologici. Roma, 28/10/2013

Direzione Centrale Prestazioni a Sostegno del Reddito Direzione Centrale Sistemi Informativi e Tecnologici. Roma, 28/10/2013 Direzione Centrale Prestazioni a Sostegno del Reddito Direzione Centrale Sistemi Informativi e Tecnologici Roma, 28/10/2013 Circolare n. 154 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Responsabili delle Agenzie

Dettagli

PROGRAMMA. CORSO IN PAGHE E CONTRIBUTI La Teoria. CAPITOLO I: Il nuovo collocamento e la costruzione del rapporto di lavoro

PROGRAMMA. CORSO IN PAGHE E CONTRIBUTI La Teoria. CAPITOLO I: Il nuovo collocamento e la costruzione del rapporto di lavoro PROGRAMMA CORSO IN PAGHE E CONTRIBUTI La Teoria CAPITOLO I: Il nuovo collocamento e la costruzione del rapporto di lavoro 1. Collocamento ordinario 2. Collocamento obbligatorio 3. Adempimenti collegati

Dettagli

ELEMENTI DI PAGHE E CONTRIBUTI Formazione continua individuale

ELEMENTI DI PAGHE E CONTRIBUTI Formazione continua individuale ELEMENTI DI PAGHE E CONTRIBUTI Formazione continua individuale Durata: 60 ore Inizio corso: da definire Sede: Corso Raffaello 17/D - Torino Docente: dottore consulente del lavoro con esperienza consolidata

Dettagli

Oggetto: INPS Procedura regolarità contributiva on-line.

Oggetto: INPS Procedura regolarità contributiva on-line. CIRCOLARE N. 179 Bergamo, 19 luglio 2013 ALLE IMPRESE ASSOCIATE LORO SEDI Oggetto: INPS Procedura regolarità contributiva on-line. Con l allegato messaggio n. 11512 del 17 luglio u.s., l Inps ha comunicato

Dettagli

Circolare N.33 del 21 Febbraio 2013

Circolare N.33 del 21 Febbraio 2013 Circolare N.33 del 21 Febbraio 2013 Telematizzata la domanda delle aziende per l intervento diretto di pagamento ai lavoratori del TFR dal Fondo di garanzia Telematizzata la domanda delle aziende per l

Dettagli

Direzione Centrale Entrate. Direzione Centrale Organizzazione. Direzione Centrale Sistemi Informativi e Tecnologici

Direzione Centrale Entrate. Direzione Centrale Organizzazione. Direzione Centrale Sistemi Informativi e Tecnologici Direzione Centrale Entrate Direzione Centrale Organizzazione Direzione Centrale Sistemi Informativi e Tecnologici Roma, 17 Febbraio 2009 Circolare n. 20 Allegati 4 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai

Dettagli

Circolare numero 1 del 08/01/2010

Circolare numero 1 del 08/01/2010 Istituto Nazionale della Previdenza Sociale Circolare numero 1 del 08/01/2010 Direzione Centrale Entrate Direzione Centrale Bilanci e Servizi Fiscali Roma, 08/01/2010 Circolare n. 1 Allegati n. 2 Ai Dirigenti

Dettagli

Corso Teorico Pratico di Paghe e Contributi L I.N.P.S. DIPENDENTI

Corso Teorico Pratico di Paghe e Contributi L I.N.P.S. DIPENDENTI Corso Teorico Pratico di Paghe e Contributi A cura di Rag. Macrì Patrizia L I.N.P.S. DIPENDENTI PREMESSA L iscrizione presso l I.n.p.s. (Istituto Nazionale della Previdenza Sociale) si rende obbligatoria

Dettagli

Oggetto: Comunicazione al contribuente degli esiti della liquidazione automatizzata dell imposta dovuta sui redditi soggetti a tassazione separata

Oggetto: Comunicazione al contribuente degli esiti della liquidazione automatizzata dell imposta dovuta sui redditi soggetti a tassazione separata Roma, 06 giugno 2005 Direzione Centrale Gestione Tributi CIRCOLARE N. 30/E Oggetto: Comunicazione al contribuente degli esiti della liquidazione automatizzata dell imposta dovuta sui redditi soggetti a

Dettagli

Direzione Centrale Previdenza Direzione Centrale Sistemi Informativi e Tecnologici. Roma, 21/03/2013

Direzione Centrale Previdenza Direzione Centrale Sistemi Informativi e Tecnologici. Roma, 21/03/2013 Direzione Centrale Previdenza Direzione Centrale Sistemi Informativi e Tecnologici Roma, 21/03/2013 Circolare n. 43 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Responsabili delle Agenzie Ai Coordinatori generali,

Dettagli

SCADENZE FEBBRAIO 2015

SCADENZE FEBBRAIO 2015 SCADENZE FEBBRAIO 2015 MARTEDì 10 FEBBRAIO IMU TERRENI Scade il termine per il versamento dell IMU sui terreni; l imposta è calcolata in base alle aliquote standard (7,6 per mille) tranne quando i Comuni

Dettagli

Legge di stabilità 2014 (L. 27.12.2013 n. 147) - Principali novità in materia di lavoro e previdenza

Legge di stabilità 2014 (L. 27.12.2013 n. 147) - Principali novità in materia di lavoro e previdenza Informativa - ONB Legge di stabilità 2014 (L. 27.12.2013 n. 147) - Principali novità in materia di lavoro e previdenza INDICE 1 Premessa... 2 2 Sintesi delle principali novità in materia di lavoro e previdenza...

Dettagli

Direzione Centrale Entrate. Roma, 28/09/2012

Direzione Centrale Entrate. Roma, 28/09/2012 Direzione Centrale Entrate Roma, 28/09/2012 Circolare n. 118 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Responsabili delle Agenzie Ai Coordinatori generali, centrali e periferici dei Rami professionali Al Coordinatore

Dettagli

SCADENZE SETTEMBRE 2014

SCADENZE SETTEMBRE 2014 SCADENZE SETTEMBRE 2014 LUNEDì 1 SETTEMBRE REGISTRO - Scade il termine per la registrazione dei nuovi contratti di locazione di immobili con decorrenza 1 a- gosto 2014 e per il versamento dell imposta

Dettagli

Incentivi alle assunzioni

Incentivi alle assunzioni Incentivi alle assunzioni Principali incentivi alle assunzioni Esonero contributivo Legge Stabilità 2015 Bonus Garanzia Giovani Incentivo donne e over 50 Incentivo iscritti liste mobilità indennizzata

Dettagli

FONDO DI SOLIDARIETÀ PER LE IMPRESE DEL CREDITO: I CHIARIMENTI DELL INPS

FONDO DI SOLIDARIETÀ PER LE IMPRESE DEL CREDITO: I CHIARIMENTI DELL INPS INFORMATIVA N. 187 13 MAGGIO 2015 Previdenziale FONDO DI SOLIDARIETÀ PER LE IMPRESE DEL CREDITO: I CHIARIMENTI DELL INPS INPS, Circolare n. 90 del 6 maggio 2015 Con Decreto interministeriale n. 83486 del

Dettagli

ALLE ASSOCIAZIONI DI CATEGORIA. OGGETTO: 1) nuova organizzazione dell Istituto e contatti con la Sede. 2) Comunicazione bidirezionale

ALLE ASSOCIAZIONI DI CATEGORIA. OGGETTO: 1) nuova organizzazione dell Istituto e contatti con la Sede. 2) Comunicazione bidirezionale Istituto Nazionale Previdenza Sociale Direzione metropolitana di Torino DIREZIONE Torino, 23 settembre 2011 Al Consiglio dell Ordine dei Consulenti del Lavoro Al Consiglio dell Ordine dei Commercialisti

Dettagli

Direzione Centrale Previdenza (Gestione Dipendenti Pubblici) Roma, 30/04/2013

Direzione Centrale Previdenza (Gestione Dipendenti Pubblici) Roma, 30/04/2013 Direzione Centrale Previdenza (Gestione Dipendenti Pubblici) Roma, 30/04/2013 Circolare n. 69 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Responsabili delle Agenzie Ai Coordinatori generali, centrali e periferici

Dettagli

Quota A - pagamento contributi 2010

Quota A - pagamento contributi 2010 Flash portale giugno 2010 Quota A - pagamento contributi 2010 Il 30 giugno scade la seconda rata del contributo di Quota A. Qualora l avviso pervenga dopo la scadenza di una o più rate, il pagamento delle

Dettagli

Il modello DM10. Amministrazione del personale Lezione n. 24. Il modello DM10

Il modello DM10. Amministrazione del personale Lezione n. 24. Il modello DM10 Il modello DM10 Il modello DM10 Il modello DM10 deve essere utilizzato dal datore di lavoro per denunciare all'inps le retribuzioni mensili corrisposte ai lavoratori dipendenti, i contributi dovuti e l'eventuale

Dettagli

Notizie Flash. Quota A - pagamento contributi 2010. Contributi di riscatto. Quota B - redditi professionali 2009

Notizie Flash. Quota A - pagamento contributi 2010. Contributi di riscatto. Quota B - redditi professionali 2009 Notizie Flash Quota A - pagamento contributi 2010 Il 30 giugno è scaduta la seconda rata del contributo di Quota A. Qualora l avviso sia pervenuto dopo la scadenza di una o più rate, il pagamento delle

Dettagli

MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI

MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI DECRETO 30 gennaio 2015. Semplificazione in materia di documento unico di regolarità contributiva (DURC). IL MINISTRO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI

Dettagli

ERRORI E DIMENTICANZE

ERRORI E DIMENTICANZE ERRORI E DIMENTICANZE CORREZIONI DI ERRORI E DIMENTICANZE Introduzione Nella predisposizione della dichiarazione 730 è possibile che il contribuente abbia commesso errori o abbia dimenticato ad esempio

Dettagli

6. La presentazione dell istanza di prima concessione deve avvenire entro e non oltre 68 gg:

6. La presentazione dell istanza di prima concessione deve avvenire entro e non oltre 68 gg: Messaggio 07 febbraio 2011, n. 2981 Indennità di mobilità in deroga 2011 - Accordo quadro del 14.1.2011 Facendo seguito al messaggio n. 2926 del 7.02.2011 col quale è stato trasmesso l'accordo quadro del

Dettagli

La destinazione del Tfr alla previdenza complementare: le ricadute sul datore di lavoro

La destinazione del Tfr alla previdenza complementare: le ricadute sul datore di lavoro La destinazione del Tfr alla previdenza complementare: le ricadute sul datore di lavoro di Luca Avallone Dal 1 gennaio 2007, con l entrata in vigore del decreto legislativo 252/2005 si ampliano le possibilità

Dettagli

CONTRIBUZIONE PREVIDENZIALE ED ASSICURATIVA

CONTRIBUZIONE PREVIDENZIALE ED ASSICURATIVA CONTRIBUZIONE PREVIDENZIALE ED ASSICURATIVA Suggerimento n. 202/29 del 19 aprile 2013 AZ/GA INPS - MINIMALI DI RETRIBUZIONE E ALTRI ELEMENTI UTILI PER CALCOLO DEI CONTRIBUTI PER L ANNO 2013 - NUOVA CONTRIBUZIONE

Dettagli

CLUB PREVIDENZA. Il distacco del lavoratore italiano all estero. Paolo Torazza

CLUB PREVIDENZA. Il distacco del lavoratore italiano all estero. Paolo Torazza CLUB PREVIDENZA Il distacco del lavoratore italiano all estero Paolo Torazza Il distacco del lavoratore italiano all estero principi Trasferta:provvisoria assegnazione ad una diversa unità produttiva (business

Dettagli

Speciale. Lavoro all estero. &3 Adempimenti contrattuali. Caso. Pacchetto di assegnazione. Guida alle Paghe 9/2013

Speciale. Lavoro all estero. &3 Adempimenti contrattuali. Caso. Pacchetto di assegnazione. Guida alle Paghe 9/2013 Distacco in Brasile: adempimenti e procedure Maurizio Cicciù - Consulente del lavoro in Roma Andrea Costa - Dottore commercialista e Revisore legale in Roma Caso &3 contrattuali Pacchetto di assegnazione

Dettagli

RAPPORTO ANNUALE 2008 (sommario)

RAPPORTO ANNUALE 2008 (sommario) RAPPORTO ANNUALE 2008 (sommario) 2 L INPS a garanzia del Sistema di Welfare Il Rapporto annuale dell INPS descrive il ruolo e le attività dell Istituto, offrendo un immagine dettagliata della società italiana

Dettagli

Circolare Mensile Lavoro MARZO 2015

Circolare Mensile Lavoro MARZO 2015 Circolare Mensile Lavoro MARZO 2015 INDICE Le news del mese di marzo 2015 Approfondimenti o Asseverazione conformità dei rapporti di lavoro o Compensazione dei crediti tramite modello F24 o Aliquote 2015

Dettagli

FAQ CUD 2006 1 \ 6. la gestione PDF. Gecom Paghe

FAQ CUD 2006 1 \ 6. la gestione PDF. Gecom Paghe 1 \ 6 Cos è TeamSystem la gestione PDF Gecom Paghe FAQ CUD 2006 2 \ 6 Per un dipendente licenziato e riassunto viene stampato un solo CUD con i dati dell ultima matricola Non sono stati inseriti i dati

Dettagli

Incontro informativo

Incontro informativo Incontro informativo La pensione dei lavoratori dipendenti Venezia 24 marzo 2012 V E N E Z I A Il sistema pubblico Tutti i lavoratori versano i contributi per la pensione (obbligo) I contributi vengono

Dettagli

Esonero contributivo triennale assunti a tempo indeterminato

Esonero contributivo triennale assunti a tempo indeterminato OBIETTIVO: Al fine di promuovere forme di occupazione stabile Incentivo all occupazione DESTINATARI: Datori di lavoro privati e, sub condicione, agricoli. imprenditori, non imprenditori (Associazioni,

Dettagli

Passaggi di fine anno

Passaggi di fine anno Passaggi di fine anno Installazione versione 2013.0.0 ed eseguire la CONVERS Aggiornamento indice ISTAT Dicembre 2012 definitivo Controllare opzioni in TB1203 (annullamento licenziati, numerazione inail

Dettagli

Ministero dell'economia e delle Finanze Ufficio Stampa

Ministero dell'economia e delle Finanze Ufficio Stampa Ministero dell'economia e delle Finanze Ufficio Stampa Comunicato n. 179 Debiti P.A.: pagati ai creditori 26 miliardi Ripartiti tra i debitori ulteriori 17 miliardi di risorse stanziate nel 2013 Entro

Dettagli

Circolare n. 111 del 13 Ottobre 2006

Circolare n. 111 del 13 Ottobre 2006 [ Direzione Centrale Vigilanza sulle Entrate ed Economia Sommersa Circolare n. 111 del 13 Ottobre 2006 OGGETTO: Art. 36 bis - Legge n. 248/06 SOMMARIO: Interventi in materia di entrate e di contrasto al

Dettagli

OGGETTO: Contributi dovuti dalle aziende agricole per gli operai a tempo determinato e a tempo indeterminato per l anno 2007.

OGGETTO: Contributi dovuti dalle aziende agricole per gli operai a tempo determinato e a tempo indeterminato per l anno 2007. Presidio Unificato Previdenza Agricola Roma, 6 Marzo 2007 Circolare n. 52 Allegati 1 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Direttori delle Agenzie Ai Coordinatori generali, centrali e periferici dei Rami

Dettagli

NEWSLETTER LAVORO FEBBRAIO 2014 ULTIME NOVITÀ FISCALI

NEWSLETTER LAVORO FEBBRAIO 2014 ULTIME NOVITÀ FISCALI NEWSLETTER N. 2/2014 NEWSLETTER LAVORO FEBBRAIO 2014 ULTIME NOVITÀ FISCALI ULTIME NOVITA FISCALI GESTIONE SEPARATA INPS: ALIQUOTE VE 2014 CIRCOLARE INPS N. 18 DEL FEBRRAIO 2014 DIFFERIMENTO AUTOLIQUIDAZIONE

Dettagli

RISPOSTE AI QUESITI PIU FREQUENTI CONTRIBUZIONE

RISPOSTE AI QUESITI PIU FREQUENTI CONTRIBUZIONE RISPOSTE AI QUESITI PIU FREQUENTI CONTRIBUZIONE Come viene alimentata la posizione previdenziale? Il finanziamento è attuato mediante contribuzione a carico del lavoratore, del datore di lavoro e tramite

Dettagli

U. O. n 2 Ufficio 2. Prot. n. 1358/r Cosenza, 09/01/2015

U. O. n 2 Ufficio 2. Prot. n. 1358/r Cosenza, 09/01/2015 Prot. n. 1358/r Cosenza, 09/01/2015 Ai Dirigenti delle Istituzioni Scolastiche Statali di ogni ordine e grado della provincia LORO SEDI e,p.c. All U. S. R. per la Calabria Via Lungomare 259 88100 CATANZARO

Dettagli

Gli aumenti provvisori per il costo della vita da applicare alle pensioni dall 1/1/2007 vengono, quindi, determinati come segue:

Gli aumenti provvisori per il costo della vita da applicare alle pensioni dall 1/1/2007 vengono, quindi, determinati come segue: Le pensioni nel 2007 Gli aspetti di maggiore interesse della normativa previdenziale Inps, con particolare riferimento al fondo pensioni lavoratori dipendenti Tetto di retribuzione pensionabile Il tetto

Dettagli

Redazione a cura della Commissione Comunicazione del CPO di Napoli

Redazione a cura della Commissione Comunicazione del CPO di Napoli Redazione a cura della Commissione Comunicazione del CPO di Napoli 64/2015 Maggio/4/2015 (*) Napoli 8 Maggio 2015 Con la Circolare n. 82 del 23 aprile 2015, l'inps fornisce le istruzioni operative per

Dettagli

OGGETTO: disegno di legge in materia di riforma del mercato del lavoro

OGGETTO: disegno di legge in materia di riforma del mercato del lavoro LINEA DI PRODOTTO PREVIDENZA PA OGGETTO: disegno di legge in materia di riforma del mercato del lavoro Nei giorni scorsi è stato varato dal Governo il disegno di legge recante disposizioni in materia di

Dettagli

Circolare N.18 del 29 Gennaio 2013. ASPI e mini-aspi. Presentazione telematica delle domande

Circolare N.18 del 29 Gennaio 2013. ASPI e mini-aspi. Presentazione telematica delle domande Circolare N.18 del 29 Gennaio 2013 ASPI e mini-aspi. Presentazione telematica delle domande ASPI e mini-aspi: presentazione telematica delle domande Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla

Dettagli

Il personale dipendente

Il personale dipendente Il personale dipendente Tra i fattori della produzione di una azienda vanno ricompresi i costi sostenuti per le prestazioni lavorative di soggetti dipendenti e di lavoratori autonomi. Il costo del lavoro

Dettagli

Direzione Centrale Entrate. Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Direttori delle Agenzie Ai Coordinatori generali, centrali e

Direzione Centrale Entrate. Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Direttori delle Agenzie Ai Coordinatori generali, centrali e Istituto Nazionale Previdenza Sociale Direzione Centrale Entrate Roma, 24/11/2010 Circolare n. 148 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Direttori delle Agenzie Ai Coordinatori generali, centrali e periferici

Dettagli

Direzione Centrale Prestazioni a Sostegno del Reddito Direzione Centrale Sistemi Informativi e Tecnologici Direzione Centrale Organizzazione

Direzione Centrale Prestazioni a Sostegno del Reddito Direzione Centrale Sistemi Informativi e Tecnologici Direzione Centrale Organizzazione Direzione Centrale Prestazioni a Sostegno del Reddito Direzione Centrale Sistemi Informativi e Tecnologici Direzione Centrale Organizzazione Roma, 18/04/2012 Circolare n. 56 Ai Dirigenti centrali e periferici

Dettagli

Note operative per la Gestione Separata

Note operative per la Gestione Separata 1 NOTE OPERATIVE PER LA GESTIONE SEPARATA. Pagina 1 2 PREMESSA La corretta, completa e tempestiva esecuzione degli adempimenti contributivi è condizione indispensabile per: l accoglimento di eventuali

Dettagli

L Istituto Nazionale per l Assicurazione contro gli Infortuni sul Lavoro (in seguito denominato, per brevità, INAIL) nella persona del

L Istituto Nazionale per l Assicurazione contro gli Infortuni sul Lavoro (in seguito denominato, per brevità, INAIL) nella persona del CONVENZIONE TRA L INAIL E L INPS PER L EROGAZIONE DELLA INDENNITA PER INABILITA TEMPORANEA ASSOLUTA DA INFORTUNIO SUL LAVORO, DA MALATTIA PROFESSIONALE E DA MALATTIA COMUNE NEI CASI DI DUBBIA COMPETENZA

Dettagli

NEWS TECNICA Pag 1 di 6. Riduzione contributiva per il settore Edilizia

NEWS TECNICA Pag 1 di 6. Riduzione contributiva per il settore Edilizia NEWS TECNICA Pag 1 di 6 Riduzione contributiva per il settore Edilizia L Inps, con Messaggio n. 14113 del 31 agosto 2012, ha ribadito che l art. 29 del DL 244/1995 (convertito nella legge 8.8.1995, n.

Dettagli

LA CERTIFICAZIONE UNICA 2016

LA CERTIFICAZIONE UNICA 2016 LA CERTIFICAZIONE UNICA 2016 L Agenzia delle entrate, con provvedimento del 15 gennaio 2016, ha reso disponibile la versione definitiva della Certificazione Unica 2016, meglio nota come CU, da utilizzare

Dettagli

Scritto da Lunedì 04 Febbraio 2013 12:11 - Ultimo aggiornamento Lunedì 04 Febbraio 2013 13:39

Scritto da Lunedì 04 Febbraio 2013 12:11 - Ultimo aggiornamento Lunedì 04 Febbraio 2013 13:39 SOMMARIO: - ERRATA CORRIGE BROCHURE ENPAF - Contributi - riscossione 2013 - Prestazioni - invio CUD ERRATA CORRIGE BROCHURE ENPAF Si riportano di seguito le correzioni alla versione della brochure dell'enpaf

Dettagli

Direzione Centrale Previdenza Gestione ex Inpdap. Roma, 13/09/2012

Direzione Centrale Previdenza Gestione ex Inpdap. Roma, 13/09/2012 Direzione Centrale Previdenza Gestione ex Inpdap Roma, 13/09/2012 Circolare n. 109 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Responsabili delle Agenzie Ai Coordinatori generali, centrali e periferici dei Rami

Dettagli

CIRCOLARE N. 11 /E INDICE. Premessa...2. 1. Redditi dell anno 2012...3. 2. Determinazione dell imposta sostitutiva...4

CIRCOLARE N. 11 /E INDICE. Premessa...2. 1. Redditi dell anno 2012...3. 2. Determinazione dell imposta sostitutiva...4 CIRCOLARE N. 11 /E Direzione Centrale Normativa Roma, 30 aprile 2013 OGGETTO: Imposta sostitutiva sulla retribuzione di produttività - Art. 1, comma 481, della legge n. 228/2012 (legge di stabilità 2013)

Dettagli

Circolare N.23 del 13 Febbraio 2014

Circolare N.23 del 13 Febbraio 2014 Circolare N.23 del 13 Febbraio 2014 CUD 2014. Scade il 28 febbraio il termine per la consegna ai contribuenti Gentile cliente con la presente intendiamo informarla che il prossimo 28.02.2014 scade il termine

Dettagli

ORDINE DEI CONSULENTI DEL LAVORO ISTITUTO NAZIONALE DELLA PREVIDENZA SOCIALE SEDE DI TRENTO DELLA PROVINCIA DI TRENTO

ORDINE DEI CONSULENTI DEL LAVORO ISTITUTO NAZIONALE DELLA PREVIDENZA SOCIALE SEDE DI TRENTO DELLA PROVINCIA DI TRENTO ORDINE DEI CONSULENTI DEL LAVORO DELLA PROVINCIA DI TRENTO ISTITUTO NAZIONALE DELLA PREVIDENZA SOCIALE SEDE DI TRENTO 8 LUGLIO 2011 PROTOCOLLO I.N.P.S. - ORDINE CONSULENTI DEL LAVORO DELLA PROVINCIA DI

Dettagli

L INDENNITA DI MOBILITA. Patronato INCA 1 05/02/09

L INDENNITA DI MOBILITA. Patronato INCA 1 05/02/09 L INDENNITA DI MOBILITA Patronato INCA 1 AMBITO DI APPLICAZIONE I lavoratori licenziati da imprese, con più di 15 dipendenti nel semestre precedente l avvio della procedura di mobilità, che rientrano nel

Dettagli

L ASPI NEGLI STUDI PROFESSIONALI. IL RUOLO DEL DATORE PROFESSIONISTA

L ASPI NEGLI STUDI PROFESSIONALI. IL RUOLO DEL DATORE PROFESSIONISTA L ASPI NEGLI STUDI PROFESSIONALI. IL RUOLO DEL DATORE PROFESSIONISTA L Assicurazione Sociale per l Impiego (ASPI) è il nuovo trattamento di disoccupazione destinato a tutti i lavoratori subordinati che

Dettagli

Presente e futuro del sistema previdenziale italiano nel tempo dell incertezza

Presente e futuro del sistema previdenziale italiano nel tempo dell incertezza Presente e futuro del sistema previdenziale italiano nel tempo dell incertezza Pollenzo 20 Aprile 2012 Luca Valdameri Riferimenti normativi Riforma Amato (decreto legislativo 503/1992 e decreto legislativo

Dettagli

Legge di stabilità 2014 (L. 27.12.2013 n. 147) - Principali novità in materia di lavoro e previdenza

Legge di stabilità 2014 (L. 27.12.2013 n. 147) - Principali novità in materia di lavoro e previdenza CIRCOLARE Febbraio 2014 Legge di stabilità 2014 (L. 27.12.2013 n. 147) - Principali novità in materia di lavoro e previdenza Gentili clienti! Con la presente circolare vorremmo portarla a conoscenza delle

Dettagli

SCHEMA DI SINTESI. Requisiti del lavoratore

SCHEMA DI SINTESI. Requisiti del lavoratore SCHEMA DI SINTESI L intervento (articolo 4, commi da 1 a 7-ter, della legge n. 92 del 28 giugno 2012, così come modificata dalla legge n. 221 del 17 dicembre 2012, di conversione del decreto legge n. 179

Dettagli

Circolare n. 5. Crediti commerciali certificati vantati nei confronti di Amministrazioni pubbliche - Utilizzo in compensazione - Novità INDICE

Circolare n. 5. Crediti commerciali certificati vantati nei confronti di Amministrazioni pubbliche - Utilizzo in compensazione - Novità INDICE Circolare n. 5 del 21 Luglio 2013 Crediti commerciali certificati vantati nei confronti di Amministrazioni pubbliche - Utilizzo in compensazione - Novità INDICE 1 Premessa... 3 2 Utilizzo dei crediti commerciali

Dettagli

Direzione Centrale Entrate. Roma, 11/03/2015

Direzione Centrale Entrate. Roma, 11/03/2015 Direzione Centrale Entrate Roma, 11/03/2015 Circolare n. 57 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Responsabili delle Agenzie Ai Coordinatori generali, centrali e periferici dei Rami professionali Al Coordinatore

Dettagli

Lavoratore di prima occupazione (*) successiva al 29 aprile 1993

Lavoratore di prima occupazione (*) successiva al 29 aprile 1993 CONFERIMENTO TFR ALLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE - VERSAMENTO ALL INPS DELLE QUOTE DI TFR RESIDUE PER LE AZIENDE CON ALMENO 50 DIPENDENTI DECRETI MINISTERIALI DI ATTUAZIONE 1 FEBBRAIO 2007 Sulla Gazzetta

Dettagli

Alle ditte Clienti Loro sedi. Oggetto: Informativa n. 8 novità legislative e tributarie di immediato interesse ed applicazione;

Alle ditte Clienti Loro sedi. Oggetto: Informativa n. 8 novità legislative e tributarie di immediato interesse ed applicazione; Alle ditte Clienti Loro sedi Collecchio, 7 dicembre 2012 Oggetto: Informativa n. 8 novità legislative e tributarie di immediato interesse ed applicazione; La presente per informarvi in merito a: PEC Posta

Dettagli

Lavori privati soggetti al rilascio di titolo abilitativo / denuncia inizio attività (DIA)

Lavori privati soggetti al rilascio di titolo abilitativo / denuncia inizio attività (DIA) DURC SINTESI DELLE LEGGI E NORMATIVE AGGIORNATO A OTTOBRE 2013 Entrato in vigore il 2 gennaio 2006, il DURC (Documento Unico di Regolarità Contributiva) è un certificato che, sulla base di un'unica richiesta,

Dettagli

Direzione Centrale Entrate. Direzione Centrale Prestazioni a Sostegno del Reddito. Direzione Centrale Sistemi Informativi e Tecnologici

Direzione Centrale Entrate. Direzione Centrale Prestazioni a Sostegno del Reddito. Direzione Centrale Sistemi Informativi e Tecnologici Istituto Nazionale Previdenza Sociale Direzione Centrale Entrate Direzione Centrale Prestazioni a Sostegno del Reddito Direzione Centrale Sistemi Informativi e Tecnologici Roma, Circolare n. Allegati n.

Dettagli

M A V FONDO INTEGRAZIONE MALATTIA E ASSISTENZE VARIE. Le Prestazioni

M A V FONDO INTEGRAZIONE MALATTIA E ASSISTENZE VARIE. Le Prestazioni F M A V FONDO INTEGRAZIONE MALATTIA E ASSISTENZE VARIE Le Prestazioni R e g o l a m e n t o operante dal 01 gennaio 2014 INDICE: AVENTI DIRITTO Pag. 4 INTEGRAZIONE DELLE PRESTAZIONI E MISURA DELLE INDENNITA

Dettagli

Oggetto: ISTRUZIONI QUIR

Oggetto: ISTRUZIONI QUIR A TUTTE LE AZIENDE INTERESSATE Conegliano, lì 04 Maggio 2015 Circolare 22/2015 Oggetto: ISTRUZIONI QUIR Con la circolare n.82/15 l Inps ha diffuso le istruzioni operative per la liquidazione della quota

Dettagli

Il Durc on line Note esplicative Dal 1 luglio 2015, chiunque vi abbia interesse, compresa la medesima Impresa, verifica con modalità esclusivamente telematiche ed in tempo reale la regolarità contributiva

Dettagli

Circolare n. 100 del 2 settembre 2014. Fondo di solidarietà residuale. Definizione ambito di applicazione e chiarimenti.

Circolare n. 100 del 2 settembre 2014. Fondo di solidarietà residuale. Definizione ambito di applicazione e chiarimenti. Direzione Centrale Entrate Direzione Centrale Sistemi Informativi e Tecnologici Roma, 12-11-2014 Messaggio n. 8673 Allegati n.1 OGGETTO: Circolare n. 100 del 2 settembre 2014. Fondo di solidarietà residuale.

Dettagli

DENUNCIA NOMINATIVA DEI LAVORATORI OCCUPATI

DENUNCIA NOMINATIVA DEI LAVORATORI OCCUPATI Regolamento Cassa Edile Macerata di cui all art 7 dello Statuto del 02.03.2012, approvato dal Comitato di Gestione n 346 del 5 novembre 2014. (In rosso le modifiche apportate) ARTICOLO 1 DENUNCIA NOMINATIVA

Dettagli