La concentrazione di Imatinib nel plasma: un nuovo parametro nella terapia farmacologia?

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "La concentrazione di Imatinib nel plasma: un nuovo parametro nella terapia farmacologia?"

Transcript

1 Dott.ssa Paola Coco Struttura Semplice Trattamento Medico Sarcomi Adulto, Dott. Daniele Morelli, Responsabile Medicina di Laboratorio Fondazione IRCCS Istituto Nazionale dei Tumori, Milano Sintesi della relazione e del dibattito col pubblico al 2 Incontro Nazionale A.I.G. I GIST: parlandone con i pazienti. Milano, 21 febbraio 2009 La concentrazione di Imatinib nel plasma: un nuovo parametro nella terapia farmacologia? Anche se il ruolo della concentrazione di Imatinib nel plasma non è ancora completamente definito, si stanno sviluppando sempre più parametri - principalmente di tipo molecolare - che permettano di individualizzare il trattamento. Tra le pubblicazioni finora disponibili sulla concentrazione di Imatinib nel sangue, lo studio con maggior numero di pazienti è stato condotto da un gruppo europeo ed americano su 351 pazienti affetti dada leucemia mieloide cronica in trattamento con Imatinib. Nella figura 1 viene evidenziato come in questi pazienti a livelli di dose più alta corrisponda un maggior numero di risposte associato, però, ad una maggior incidenza di effetti collaterali. (figura 1) 351 Pz affetti da LMC Correlazione tra livelli plasmatici e risposta Maggiore incidenza di effetti collaterali in Pz con concentrazioni più elevate di Imatinib Larson R. et Al, Blood :

2 Riguardo al monitoraggio dei valori plasmatici di Imatinib nei pazienti affetti da GIST, ad oggi, sono disponibili due lavori; il primo è un poster presentato dal gruppo di Boston del dottor Demetri in cui, suddividendo i pazienti in base al livello di dose di Imatinib circolante e assumendo come cut off il valore di 1100 ng (nanogrammi)/ ml (millilitro), è stato evidenziato che a valori superiori a 1100 corrispondeva una maggiore percentuale di risposte, mentre a livelli inferiori, vi era una maggiore percentuale di pazienti in progressione. Sembrerebbe, quindi, che il monitoraggio delle concentrazioni plasmatiche consentirebbe un ottimizzazione della dose, e di conseguenza una migliore risposta clinica. (figura 2) 73 Pz Q1 (n=18) n(%) Q2-Q3 Q3 (n=36) n(%) Q4 (n=19) n(%) CR+PR+SD 12 (67) 29 (81) 16 (84) PD 6 (33) 7 (19) 3 (16) Il secondo articolo, su uno studio condotto su pazienti affetti sia da leucemia mieloide cronica sia da GIST, è stato pubblicato da un gruppo europeo, ed è stata evidenziata una correlazione tra i livelli ematici di Imatinib e le risposte; in particolare ad un maggior numero di risposte sembrerebbero corrispondere dei valori mediamente più alti rispetto ai pazienti in progressione e, parallelamente, ad una maggiore concentrazione di Imatinib, trova riscontro anche un maggior numero e una maggior incidenza di effetti collaterali. Il monitoraggio della concentrazione di Imatinib, potrebbe, quindi, essere utile sia per la valutazione della risposta sia per il controllo della tossicità. Queste evidenze sembrerebbero, quindi, giustificare l introduzione più sistematica del dosaggio plasmatico di Imatinib; d altro canto se viene preso in considerazione lo studio condotto dal gruppo francese in cui tutti i pazienti randomizzati ad interrompere il trattamento dopo un anno hanno sviluppato una progressione di malattia, successivamente recuperata dall introduzione di Imatinib,

3 risulterebbe evidente che la prognosi a lungo termine non è influenzata dalla dose, praticamente nulla, nel periodo di interruzione del trattamento. Le principali variabili che possono influenzare la concentrazione di Imatinib sono: 1. fattori anatomici e fisiologici: la maggior parte dei pazienti che assume Glivec è stata sottoposta a chirurgia sull apparato gastroenterico e pertanto l assorbimento di Imatinib può essere alterato di base; 2. l assunzione di farmaci concomitanti o l insorgenza di meccanismi di resistenza che portano ad un aumento dell eliminazione intracellulare del farmaco oppure ad una induzione di enzimi che possono aumentare l eliminazione di Imatinib o diminuirne l assorbimento; 3. la compliance del paziente: cioè quanto i pazienti si attengono alla posologia di trattamento indicata dal medico oncologo. Questo problema sembrerebbe essere tutt altro che trascurabile. In uno studio condotto su pazienti con Leucemia Mieloide Cronica in remissione completa senza, quindi, alcun segno di malattia visibile, è stato evidenziato che una buona percentuale di pazienti, soprattutto dopo molti anni di trattamento, smettevano di assumere la terapia, senza riferirlo al loro oncologo, perché sostenevano che l unico momento in cui ricordavano di essere malati era proprio nel momento in cui assumevano il trattamento. Pertanto, se il dosaggio di Imatinib, in una situazione in cui non ci sono particolari problematiche, potrebbe avere un significato piuttosto relativo e non avere una ricaduta pratica successiva, esistono probabilmente condizioni in cui il monitoraggio di Imatinib potrebbe costituire un arma in più per fronteggiare alcuni problemi. Le condizioni in cui potrebbe essere giustificato il dosaggio di Imatinib sono: 1. mancata risposta o progressione di malattia; 2. tossicità severa o inaspettata: durante il trattamento con Imatinib alcuni effetti collaterali sono contemplati. Talvolta possono verificarsi effetti collaterali che esulano dalla routine clinica e che spesso richiedono riduzione di dose o sospensione temporanea del trattamento. La disponibilità di livelli di farmaco da monitorare nel tempo potrebbe fornire parametri più oggettivi al fine di programmare eventuali riduzioni o interruzioni di terapia. 3. interazione tra farmaci: qualora si rendessero necessarie terapie che possono in qualche modo interferire con il metabolismo di Imatinib, un monitoraggio puntuale della concentrazione potrebbe, in qualche modo, aiutarci ad avere le armi farmacologiche in più da utilizzare in diverse situazioni, senza dover rinunciare alla terapia con Imatinib. Da un punto di vista pratico, il centro che attualmente dosa Imatinib in Europa, in collaborazione con Novartis, si trova in Francia, a Bordeaux. Il risultato del dosaggio viene inviato direttamente al medico oncologo che ne faccia richiesta. Dal 2010 sarà probabilmente attivo anche in Europa il programma GIST Alliance, supportato da Novartis, che prevede, previa una richiesta dell oncologo curante, il dosaggio dei livelli plasmatici dei pazienti. In Istituto sta per essere attivato un progetto, in collaborazione con la Rete Nazionale Tumori Rari, in cui si prevede, previa richiesta dell oncologo dell Istituto o dell oncologo della Rete, il dosaggio di Imatinib, sotto la supervisione del dr. Morelli. La richiesta di dosaggio dovrà essere accompagnata da una breve storia clinica del paziente e i risultati ottenuti saranno inviati all oncologo richiedente. Il dosaggio potrà eventualmente essere ripetuto. Non è prevista comunque una variazione dell atteggiamento terapeutico a priori.

4 Diamo di seguito una sintesi di alcuni argomenti dibattuti tra i pazienti ed i relatori a fine presentazione, nello spazio riservato alle domande. Nel rispondere ad alcune domande formulate dai pazienti presenti in sala la dott.ssa Coco ha precisato che la richiesta di esecuzione del test deve essere fatta da un oncologo dell INT o da un oncologo della Rete Tumori Rari. Non si tratta di richiesta formulata mediante impegnativa del SSN o con ricetta bianca del medico curante, ma di una segnalazione da parte di un membro della Rete Tumori Rari, in base alla quale il paziente verrà inserito in uno studio osservazionale. Anche un paziente in cura presso altra istituzione può accedere a questo protocollo di studio, su richiesta, però, di un oncologo dell INT o della Rete Tumori Rari. Il dott. Paolo Casali ha evidenziato, inoltre, che lo scopo dello studio è quello di generare dati. Lo studio, infatti, è uno studio osservazionale e non prevede modifiche della condotta terapeutica, anche se queste possono essere effettuate dall oncologo che ha in cura il paziente ed, eventualmente, essere registrate. In futuro, a fronte dei risultati degli studi clinici in corso e in base ai risultati dei dati dei test della concentrazione di Imatinib nel plasma, potrebbe essere modificato anche il comportamento terapeutico. L ideale sarebbe avere uno studio prospettico in cui vengano confrontate diverse condotte terapeutiche. In situazioni di progressione di malattia, di tossicità eccessiva o inattesa bisogna tener conto dei livelli plasmatici. Si sa che nella metà dei casi di progressione durante il trattamento con Glivec sono in gioco delle mutazioni secondarie, ma si sa, anche, che ci sono alcuni casi in cui è in gioco un alterazione farmacogenetica, che potrebbe spiegare una riduzione dei livelli di Imatinib, quantificabile con il dosaggio plasmatico; inoltre, potrebbe essere utile monitorare il livello plasmatico di Imatinib nel caso in cui un paziente dovesse assumere un farmaco con una forte interazione con Glivec, in modo da poter somministrare quel farmaco con più tranquillità. Un intervento dalla sala ha sottolineato che le associazioni dei pazienti GIST, come già denunciato a Baveno nel giugno 2008 in occasione del 6 incontro internazionale di tutte le associazioni dei pazienti affetti da GIST e LMC, sono preoccupate dal fatto che alcuni pazienti possano andare incontro a progressione di malattia per insufficienza di Imatinib nel loro plasma. A Baveno le associazioni avevano chiesto alla comunità medica internazionale di attivarsi per studiare la concentrazione di Imatinib nel plasma dei pazienti affetti da GIST, per capire se è utile monitorare il livello plasmatico senza aspettare che il paziente abbia progressione di malattia e, al contempo, dare la giusta dose di farmaco prima che il paziente sviluppi progressione, se questi ha un livello basso di Imatinib. Nel rispondere il dott. Casali ha detto che ci sono nel mondo dei gruppi di pazienti che sono decisamente orientati a cambiare il dosaggio in relazione al livello plasmatico, al momento, però, secondo lui è più utile generare dei dati; in parte già ci sono dei dati retrospettivi, ma sarebbe utile averne di più ed in questa direzione va lo studio dei ricercatori dell INT che cercheranno di registrare tutti i dati per ricavare delle informazioni, imparando così dall esperienza. Del resto dice Casali - nel caso di un paziente che sta rispondendo bene alla terapia, con una evidenza radiologica di risposta, anche se si trovassero dei livelli bassi di Imatinib, perché cambiare la dose? E pur vero che c è il fenomeno della resistenza secondaria e non è detto che un paziente risponderà sempre così bene alla terapia, però è anche vero che se un paziente sta rispondendo bene con evidenza radiologica, si è di fronte ad un effetto clinico accertato, per cui pragmaticamente sembra più utile in questo studio osservazionale inserire tre tipologie di pazienti: - quelli con progressione di malattia, - con tossicità inattese, - con problemi di interazione tra farmaci, generando così dati che potrebbero andare a beneficio anche degli altri pazienti.

5 La correlazione tra genotipo e livello di dose è un altro aspetto interessante da esaminare; ci sono alcune tipologie di pazienti più sensibili a livello di dose in relazione al genotipo, ci si riferisce all esone 9 e Wild Type. Questa potrebbe essere la quarta tipologia di pazienti nei quali monitorare i livelli plasmatici di Imatinib. Il Dott. A. Gronchi aggiunge che non c è alcuna evidenza che livelli diversi di terapia che funzionino abbiano una qualità diversa nel controllare più a lungo il trattamento; quindi, se pur si hanno dei livelli bassi, ma la terapia funziona, nessuno può sostenere che aumentando la dose si produrrà una maggiore risposta oppure una maggiore durata della risposta. Il comportamento clinico di modificare il trattamento in funzione dell andamento della malattia, senza bisogno di guardare il livello plasmatico, non danneggia il paziente; il sapere prima che il livello sta scendendo, a fronte di un controllo di malattia, non serve a modificare le condizioni. Viene ancora chiesto dalla sala se, poiché è provato che i malati di LMC devono mantenere un certo livello di concentrazione di imatinib nel plasma per averne efficacia, la stessa cosa non possa valere per i pazienti affetti da GIST, in mancanza di studi clinici mirati. Nella risposta viene ribadito dal dott. Casali che l ideale sarebbe fare uno studio clinico, che però potrebbe essere di difficile accettabilità anche da parte della comunità dei pazienti. Al momento è importante iniziare a dosare Imatinib al fine di generare informazioni per fare poi delle ipotesi; se si devono dare delle priorità, è ragionevole darle a quel sottogruppo di pazienti (le tre tipologie di pazienti di cui si è parlato prima) che certamente possono trarre un beneficio maggiore. Ci vorranno almeno 1 o 2 anni per avere dei dati, come richiesto dalla implementazione del progetto. Se una cosa può essere utile, perché non farla per cercare di migliorare le cose? Partendo da questo presupposto, su cui tutti concordano, il dott. M. D Incalci osserva che come spesso succede in farmacologia clinica, non si ha un idea precisa del livello che bisogna raggiungere per avere un effetto, perché la complessità dei problemi biologici fa si che per alcuni pazienti sia sufficiente un livello molto basso, per altri un livello più alto. Può darsi che a seconda delle alterazioni genetiche che si stanno determinando si possa stabilire che in un determinato caso, come per esempio per l esone 9, si debba raggiungere un certo livello plasmatico. Invece di dose allora si potrebbe parlare di livello plasmatico che è molto più preciso. Bisogna mettere a punto delle ricerche per arrivare a determinare la soglia per ogni tipo di alterazione genetica. Il problema vero è come studiare ciò dice Casali aggiungendo che dal punto di vista del paziente resta comunque importante la valutazione della risposta tumorale; è dunque consigliabile privilegiare questa, sulla quale si è sicuri, piuttosto che dosare i livelli plasmatici, senza sapere bene poi cosa fare con l informazione. La valutazione continuativa della risposta tumorale durante il trattamento con Glivec è la cosa oggi fondamentale; sarà problema dei clinici correlare una risposta tumorale, valutata al meglio, con i livelli plasmatici, cercando di capire le relazioni di causa-effetto, al di fuori di uno studio ideale. Viene anche chiesto se il test dei livelli di Imatinib nel plasma può dare indicazioni, oltre che per determinare un aumento della dose di glivec, (in caso di evidenza di basso livello plasmatico e di progressione di malattia) anche per ridurre, eventualmente, la dose di farmaco (per esempio da 600mg a 400 mg), nel caso in cui il livello fosse sufficientemente alto, oltre la soglia dei 1100 ng/ml, per evitare effetti collaterali indesiderati, pur continuando a mantenere l efficacia del trattamento. Il dott. Casali intravede un pericolo nel principio teorico di abbassare una dose terapeutica (per esempio 400 mg, come la maggior parte dei pazienti assume) quando si ha una risposta tumorale che indica che il trattamento sta funzionando, in presenza di un livello plasmatico di un certo tipo, in mancanza di dati certi e suffragati da studi specifici.

6 L atteggiamento del dott. Casali nei confronti dei livelli plasmatici è di prudenza, a differenza di quello dei pazienti americani o tedeschi che danno per scontate delle certezze che ancora non ci sono. C è difficoltà da parte del clinico a far capire come determinate decisioni terapeutiche richiedano evidenza che, nel caso specifico, è difficile generare, perché ci sono una infinità di variabili di cui tenere conto. Se però si identificano le tipologie di pazienti in cui il dosaggio può essere più utile, si potranno registrare i dati e come le situazioni evolveranno, facendo qualcosa di utile a quei sottogruppi di pazienti.

Promotore: Division de Pharmacologie et Toxicologie Cliniques, CHUV, 1011 Losanna

Promotore: Division de Pharmacologie et Toxicologie Cliniques, CHUV, 1011 Losanna Informazione per i pazienti: VALUTAZIONE DEL MONITORAGGIO DELLA CONCENTRAZIONE DI IMATINIB: CONFRONTO TRA L UTILITÀ CLINICA DI UN MONITORAGGIO TERAPEUTICO DEI FARMACI (TDM) "DI ROUTINE" E DI UN TDM "D'EMERGENZA"

Dettagli

Campagna Qual è la MIA PCR? www.whatismypcr.org

Campagna Qual è la MIA PCR? www.whatismypcr.org Campagna Qual è la MIA PCR? www.whatismypcr.org Le domande sulla PCR rivolte con maggior frequenza Autore: Dott. Michael Mauro, Professore di Medicina della Divisione di Ematologia e Oncologia medica;

Dettagli

NF1 - Von Recklinghausen

NF1 - Von Recklinghausen Dott. A. Gronchi (Chirurgo Unità Operativa Melanomi e Sarcomi, Fondazione IRCCS Istituto Nazionale dei Tumori- Milano) Intervento al 1 Incontro nazionale A.I.G. Approfondimento medico sui GIST: parliamone

Dettagli

Tumori rari Come orientarsi

Tumori rari Come orientarsi Tumori rari Come orientarsi Realizzato da: Associazione Italiana Malati di Cancro, parenti e amici Fondazione IRCCS Istituto Nazionale Tumori di Milano Istituto Superiore di Sanità Che cos è un tumore?

Dettagli

Tumori rari Come orientarsi

Tumori rari Come orientarsi Tumori rari Come orientarsi Che cos è un tumore? Il nostro corpo è costituito da cellule che, pur diverse tra loro per aspetto e funzioni, si riproducono, si riparano e muoiono secondo gli stessi processi

Dettagli

ETTORE MARRE DIGITAL FOR BUSINESS

ETTORE MARRE DIGITAL FOR BUSINESS USO ED ABUSO DEI FARMACI Venerdì 17 aprile 2015 Sala conferenze Digital for Business - Sesto San Giovanni (MI) ETTORE MARRE DIGITAL FOR BUSINESS www.digitalforacademy.com Appropriatezza prescrittiva e

Dettagli

Franco Patrone DIMI, Università di Genova

Franco Patrone DIMI, Università di Genova PRINCIPI DI ONCOLOGIA GERIATRICA Franco Patrone DIMI, Università di Genova Genova, 16 Ottobre 2010 I Tumori nell Anziano: Dimensioni del Problema Più del 50 % dei tumori si manifestano tra i 65 e i 95

Dettagli

USO CONCOMITANTE DI INIBITORI DI POMPA E TERAPIE ANTITROMBOTICHE

USO CONCOMITANTE DI INIBITORI DI POMPA E TERAPIE ANTITROMBOTICHE Italian Council of Cardiology Practice Varese, 20-21-22 giugno 2014 «CUORE E OLTRE NUOVE PROPOSTE DI DIAGNOSI E TERAPIA» Congresso Regionale e Nazionale Collegio Federativo di Cardiologia USO CONCOMITANTE

Dettagli

SEBASTIANO FILETTI. Dipartimento di Medicina Interna e Specialità Mediche. Università di Roma Sapienza, Roma

SEBASTIANO FILETTI. Dipartimento di Medicina Interna e Specialità Mediche. Università di Roma Sapienza, Roma SEBASTIANO FILETTI Dipartimento di Medicina Interna e Specialità Mediche Università di Roma Sapienza, Roma La malattia tiroidea è in aumento negli ultimi anni. Quali le ragioni? Dati epidemiologici provenienti

Dettagli

Regolamento sull utilizzo e la condivisione di informazioni nel Database Labnet

Regolamento sull utilizzo e la condivisione di informazioni nel Database Labnet Ferrante Lombardi Caiaffa e Associati Studio Legale Commerciale Regolamento sull utilizzo e la condivisione di informazioni nel Database Labnet Art. 1 Premesse, Oggetto e Finalità 1. Il Dipartimento di

Dettagli

La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno

La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno Metodo epidemiologici per la clinica _efficacia / 1 La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno La buona ricerca clinica Non è etico ciò che non è rilevante scientificamente Non è

Dettagli

Nuovi farmaci orali nei tumori gastrointestinali

Nuovi farmaci orali nei tumori gastrointestinali Nuovi farmaci orali nei tumori gastrointestinali Sara De Dosso Istituto Oncologico della Svizzera Italiana Gruppo Interesse Oncologia Ticinese 20 novembre 2014 Outline Capecitabina, (S1) Regorafenib Sunitinib

Dettagli

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD)

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Che cos è? Il deficit di mevalonato chinasi è una malattia genetica. E un errore congenito

Dettagli

Protocollo Versione 3 del 26/05/2009 Versione 3.1 - FONDAZIONE IRCCS CA GRANDA OPM CENTRO STERILITA del 18/10/2010 STUDIO ACIDO FOLICO

Protocollo Versione 3 del 26/05/2009 Versione 3.1 - FONDAZIONE IRCCS CA GRANDA OPM CENTRO STERILITA del 18/10/2010 STUDIO ACIDO FOLICO STUDIO ACIDO FOLICO TITOLO DEL PROTOCOLLO DI STUDIO: EFFICACIA DI DOSAGGI ELEVATI DI ACIDO FOLICO NEL PREVENIRE L OCCORRENZA DELLE MALFORMAZIONI CONGENITE. TRIAL CLINICO RANDOMIZZATO NELLE DONNE IN ETA

Dettagli

Newsletter numero 61 Marzo 2015 AGLI ASSOCIATI, AMICI E SIMPATIZZANTI di A.I.G. ASSOCIAZIONE ITALIANA GIST ONLUS

Newsletter numero 61 Marzo 2015 AGLI ASSOCIATI, AMICI E SIMPATIZZANTI di A.I.G. ASSOCIAZIONE ITALIANA GIST ONLUS www.gistonline.it Newsletter numero 61 Marzo 2015 AGLI ASSOCIATI, AMICI E SIMPATIZZANTI di A.I.G. ASSOCIAZIONE ITALIANA GIST ONLUS Bologna 18 aprile 2015 CONVEGNO NAZIONALE A.I.G. SABATO 18 aprile 2015,

Dettagli

Breast Units / Centri di Senologia: verso gli standard europei

Breast Units / Centri di Senologia: verso gli standard europei Breast Units / Centri di Senologia: verso gli standard europei Approccio multidisciplinare e medicina personalizzata Roberto Labianca Direttore Cancer Center AO Papa Giovanni XXIII Direttore DIPO Bergamo

Dettagli

Tossicita da chemioterapia e differenze di genere. Ilaria Pazzagli U.O.Oncologia medica P.O.Pescia Azienda USL3 Pistoia e Valdinievole

Tossicita da chemioterapia e differenze di genere. Ilaria Pazzagli U.O.Oncologia medica P.O.Pescia Azienda USL3 Pistoia e Valdinievole Tossicita da chemioterapia e differenze di genere Ilaria Pazzagli U.O.Oncologia medica P.O.Pescia Azienda USL3 Pistoia e Valdinievole Tumori e genere:quali dati? Pochi dati prospettici e da trials clinici

Dettagli

Gallarate 11 giugno 2011 ASSOCIAZIONE ITALIANA TECNICI di ISTOLOGIA e CITOLOGIA

Gallarate 11 giugno 2011 ASSOCIAZIONE ITALIANA TECNICI di ISTOLOGIA e CITOLOGIA SEZIONE LOMBARDA Aggiornamenti 2011 Corso di aggiornamento per Tecnici di Laboratorio Gallarate 11 giugno 2011 ASSOCIAZIONE ITALIANA TECNICI di ISTOLOGIA e CITOLOGIA Azienda Ospedaliera S. Antonio Abate

Dettagli

STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? 2. Come nasce la sperimentazione clinica e che tipi di studi esistono?

STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? 2. Come nasce la sperimentazione clinica e che tipi di studi esistono? STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? Si definisce sperimentazione clinica, o studio clinico controllato, (in inglese: clinical trial), un esperimento scientifico che genera dati

Dettagli

Principi attivi e indicazioni terapeutiche autorizzate sottoposte a payment by results, cost sharing e risk sharing. Data di inizio 24/07/2006

Principi attivi e indicazioni terapeutiche autorizzate sottoposte a payment by results, cost sharing e risk sharing. Data di inizio 24/07/2006 ALLEGATO A Principi attivi e indicazioni terapeutiche autorizzate sottoposte a payment by results, cost sharing e risk sharing Principio attivo ERLOTINIB (Tarceva ) SUNITINIB (Sutent ) SORAFENIB (Nexavar

Dettagli

Liponax Sol. Innovativa formulazione LIQUIDA. ad elevata biodisponibilità. Acido R (+) a-lipoico

Liponax Sol. Innovativa formulazione LIQUIDA. ad elevata biodisponibilità. Acido R (+) a-lipoico Innovativa formulazione LIQUIDA ad elevata biodisponibilità L acido a lipoico è una sostanza naturale che ricopre un ruolo chiave nel metabolismo energetico cellulare L acido a lipoico mostra un effetto

Dettagli

Metodi in vivo e in vitro per : il riconoscimento dei farmaci lo studio delle loro proprietà farmacologiche lo studio del loro meccanismo d azione

Metodi in vivo e in vitro per : il riconoscimento dei farmaci lo studio delle loro proprietà farmacologiche lo studio del loro meccanismo d azione Metodi in vivo e in vitro per : il riconoscimento dei farmaci lo studio delle loro proprietà farmacologiche lo studio del loro meccanismo d azione Metodi generali Metodi mirati Scoperta e sviluppo di nuovi

Dettagli

Gabriella Serio. Cattedra di Statistica Medica Facoltà di Medicina e Chirurgia - Università degli Studi di Bari

Gabriella Serio. Cattedra di Statistica Medica Facoltà di Medicina e Chirurgia - Università degli Studi di Bari Gabriella Serio Cattedra di Statistica Medica Facoltà di Medicina e Chirurgia - Università degli Studi di Bari GOOD CLINICAL PRACTICE GCP LE GCP SONO UNO STANDARD IN BASE AL QUALE GLI STUDI CLINICI SONO

Dettagli

GAZYVARO. Farmaco di nuova registrazione

GAZYVARO. Farmaco di nuova registrazione AllegatoallaDeterminaAIFANumero1012/2014del24/09/2014/ Inserimento,inaccordoall articolo12,comma5dellalegge189/2012,inappositasezione(denominataclasse C(nn))dedicataaifarmacinonancoravalutatiaifinidellarimborsabilitànellemoredellapresentazioneda

Dettagli

LA SIBO: CONDIZIONE TRASVERSALE TRASCURATA?

LA SIBO: CONDIZIONE TRASVERSALE TRASCURATA? LA SIBO: CONDIZIONE TRASVERSALE TRASCURATA? SIBO è l acronimo di Small Intestinal Bacterial Overgrowth, ovvero sovraccrescita batterica dell intestino tenue. La sua caratterizzazione clinica è variata

Dettagli

20 febbraio 2012. Muore Renato Dulbecco

20 febbraio 2012. Muore Renato Dulbecco 20 febbraio 2012 Muore Renato Dulbecco la possibilità di avere una visione completa e globale del nostro DNA ci aiuterà a comprendere le influenze genetiche e non genetiche sul nostro sviluppo, la nostra

Dettagli

GRUPPO DI STUDIO TUMORI CUTANEI LINEE GUIDA PER ANALISI GENETICO MOLECOLARI IN PAZIENTI AFFETTI DA MELANOMA METASTICO

GRUPPO DI STUDIO TUMORI CUTANEI LINEE GUIDA PER ANALISI GENETICO MOLECOLARI IN PAZIENTI AFFETTI DA MELANOMA METASTICO GRUPPO DI STUDIO TUMORI CUTANEI LINEE GUIDA PER ANALISI GENETICO MOLECOLARI IN PAZIENTI AFFETTI DA MELANOMA METASTICO Documento redatto da: Dott.ssa T.Venesio, Dr.ssa A. Balsamo - Laboratorio di Patologia

Dettagli

STAMINALI EMOPOIETICHE

STAMINALI EMOPOIETICHE IL TRAPIANTO DI CELLULE STAMINALI EMOPOIETICHE dott.ssa Anna Paola Iori Cellula staminale Tipi di trapianto Trapianto autologo Trapianto allogenico Le CSE vengono prelevate al Le CSE vengono prelevate

Dettagli

Con il patrocinio della FNOMCeO

Con il patrocinio della FNOMCeO SPERIMENTAZIONE PURA NAZIONALE Il rimedio omeopatico ultramolecolare: il medico che sperimenta su se stesso. Aspetti legali, metodologici ed etici della sperimentazione pura sull uomo sano. Con il patrocinio

Dettagli

LINEE DI RICERCA SOSTENUTE DAL 5xMILLE 2013

LINEE DI RICERCA SOSTENUTE DAL 5xMILLE 2013 LINEE DI RICERCA SOSTENUTE DAL 5xMILLE 2013 I Ricercatori del Centro di Genomica e Bioinformatica Traslazionale stanno lavorando a linee di ricerca legate a 1. Sclerosi Multipla 2. Tumore della Prostata

Dettagli

Ricavato in Beneficenza " " NUTRIMEDIFOR MILANO 18-19 ottobre 2014 CORSO DI PERFEZIONAMENTO in Nutrizione del Paziente Oncologico www.nutrimedifor.it 18-19 OTTOBRE 2014 Klima Hotel MILANO PRESENTAZIONE

Dettagli

Diabete Tipo 1 e Tipo 2: il ruolo della farmacia

Diabete Tipo 1 e Tipo 2: il ruolo della farmacia Contributo non condizionato: Diabete Tipo 1 e Tipo 2: il ruolo della farmacia Giovedì 5 marzo 2015 presso HOTEL EUROPA Best Western Lungomare Zara, 57, 64021 Giulianova TE L incontro inizierà alle 20.30.

Dettagli

FARMACI GENERICI(EQUIVALENTI): PROBLEMI DI GESTIONE IN MEDICINA GENERALE

FARMACI GENERICI(EQUIVALENTI): PROBLEMI DI GESTIONE IN MEDICINA GENERALE FARMACI GENERICI(EQUIVALENTI): PROBLEMI DI GESTIONE IN MEDICINA GENERALE Come erogatore di assistenza di primo livello, il MMG è direttamente implicato nella scelta appropriata e nell utilizzo efficiente

Dettagli

LAL: MRD EMATOLOGIA TRANSLAZIONALE LEUCEMIE ACUTE. l esperienza GIMEMA. Aspetti biologici e prognostici. Irene Della Starza Omar Perbellini

LAL: MRD EMATOLOGIA TRANSLAZIONALE LEUCEMIE ACUTE. l esperienza GIMEMA. Aspetti biologici e prognostici. Irene Della Starza Omar Perbellini 2 WORKSHOP NAZIONALE della Società Italiana di Ematologia Sperimentale EMATOLOGIA TRANSLAZIONALE LEUCEMIE ACUTE Aspetti biologici e prognostici LAL: MRD l esperienza GIMEMA Verona, 21-22 maggio 2009 Aula

Dettagli

Affidabilità nella diagnostica

Affidabilità nella diagnostica Affidabilità nella diagnostica Passione per la ricerca Research & Innovation è un laboratorio di medicina molecolare che esegue test genetici avanzati al servizio dei medici e delle strutture di diagnosi

Dettagli

RETE DELLE GRAVI INSUFFICIENZE D ORGANO E TRAPIANTI DELLA REGIONE FRIULI VENEZIA GIULIA: FILIERA FEGATO

RETE DELLE GRAVI INSUFFICIENZE D ORGANO E TRAPIANTI DELLA REGIONE FRIULI VENEZIA GIULIA: FILIERA FEGATO RETE DELLE GRAVI INSUFFICIENZE D ORGANO E TRAPIANTI DELLA REGIONE FRIULI VENEZIA GIULIA: FILIERA FEGATO 1 Premessa Le malattie epatiche sono patologie cronico-degenerative che comprendono malattie diverse

Dettagli

MALATTIE DELLE PARATIROIDI L IPERPARATIROIDISMO DOTTOR ROBERTO CESAREO

MALATTIE DELLE PARATIROIDI L IPERPARATIROIDISMO DOTTOR ROBERTO CESAREO MALATTIE DELLE PARATIROIDI L IPERPARATIROIDISMO DOTTOR ROBERTO CESAREO Cosa sono le paratiroidi? Le paratiroidi sono ghiandole situate nel collo, posteriormente alla tiroide. Generalmente in numero di

Dettagli

Trials clinici. Disegni di studio

Trials clinici. Disegni di studio Trials Clinici Dott.ssa Pamela Di Giovanni Studi descrittivi Disegni di studio Popolazioni Individui Studi analitici Osservazionali Sperimentali Studi di correlazione o ecologici Case report - Case series

Dettagli

ONCOLOGIA 2013/2014 I ANNO

ONCOLOGIA 2013/2014 I ANNO ONCOLOGIA 201/2014 I ANNO Corsi Integrati Moduli Tipologia Ambito SSD Docenti CFU CFU C.I. C.I. Genetica Medica Meccanismi genetici nello svilupppo delle neoplasie Diagnostico MED/0 D'alessandro E. C.I.

Dettagli

Utilizzo dei vaccini in oncologia

Utilizzo dei vaccini in oncologia L E G U I D E Utilizzo dei vaccini in oncologia Fondazione Federico Calabresi Utilizzo dei vaccini in oncologia Michele Maio Luana Calabrò Arianna Burigo U.O.C. Immunoterapia Oncologica Azienda Ospedaliera

Dettagli

INFORMATIVA PROFESSIONALE n. 25 del 29.05.2009. Informazioni di sicurezza relative all uso di thalidomide celgene (principio attivo: talidomide)

INFORMATIVA PROFESSIONALE n. 25 del 29.05.2009. Informazioni di sicurezza relative all uso di thalidomide celgene (principio attivo: talidomide) Brescia, 3 giugno 2009 Circ. n. 169 INFORMATIVA PROFESSIONALE n. 25 del 29.05.2009 Informazioni di sicurezza relative all uso di thalidomide celgene (principio attivo: talidomide) La Regione Lombardia,

Dettagli

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS)

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Che cos é? Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) La sindrome di Blau è una malattia genetica. I pazienti affetti presentano rash

Dettagli

Aifm Associazione Italiana di Fisica Medica

Aifm Associazione Italiana di Fisica Medica RADIAZIONI PERICOLOSE PER LA SALUTE: VERO O FALSO? 1. Le radiazioni ionizzanti possono danneggiare l organismo dell uomo. Vero. Il danno provocato dalle radiazioni ionizzanti dipende da molti fattori,

Dettagli

2 CONVEGNO DIABESITA

2 CONVEGNO DIABESITA 2 CONVEGNO DIABESITA La co-morbidità nel paziente con diabesità Dott. Roberto Gualdiero 7 Giugno 2014- CAVA DEI TIRRENI Diabesità è il neologismo coniato dall OMS per sottolineare la stretta associazione

Dettagli

Dall assistenza ai malati al miglioramento della salute: il ruolo dell infermiere nella gestione corretta della terapia farmacologia

Dall assistenza ai malati al miglioramento della salute: il ruolo dell infermiere nella gestione corretta della terapia farmacologia Bergamo, 10 ottobre 2013 Dall assistenza ai malati al miglioramento della salute: il ruolo dell infermiere nella gestione corretta della terapia farmacologia Dr. Pierangelo Spada Direzione delle Professioni

Dettagli

IO NE PARLO. DIARIO DELLA TERAPIA per annotare i farmaci e i progressi

IO NE PARLO. DIARIO DELLA TERAPIA per annotare i farmaci e i progressi AR IO NE PARLO DIARIO DELLA TERAPIA per annotare i farmaci e i progressi Ti aiuta a tenere sotto controllo la tua artrite reumatoide e a trarre il massimo beneficio dalla terapia Visita www.arioneparlo.it

Dettagli

PROGRAMMA 1 RIDUZIONE DELLE DISPARITÀ NELL ACCESSO DEI PAZIENTI AI MEZZI DIAGNOSTICI E ALLE TERAPIE

PROGRAMMA 1 RIDUZIONE DELLE DISPARITÀ NELL ACCESSO DEI PAZIENTI AI MEZZI DIAGNOSTICI E ALLE TERAPIE PROGRAMMA 1 RIDUZIONE DELLE DISPARITÀ NELL ACCESSO DEI PAZIENTI AI MEZZI DIAGNOSTICI E ALLE TERAPIE ex. Art. 3 Rete solidale e collaborazioni internazionali del DM del 21 luglio 2006 Programma straordinario

Dettagli

CONFRONTO SCHEDE TECNICHE INIBITORI DI POMPA

CONFRONTO SCHEDE TECNICHE INIBITORI DI POMPA CONFRONTO SCHEDE TECNICHE INIBITORI DI POMPA Documento approvato nella seduta della Commissione PTR del 18.04.07 assorbimento L assorbimento di alcuni farmaci può La ridotta acidità intragastrica Alterazioni

Dettagli

METTI IL MELANOMA IN FUORI GIOCO

METTI IL MELANOMA IN FUORI GIOCO Comunicato stampa METTI IL MELANOMA IN FUORI GIOCO Milano, 14 dicembre 2009 presso l Hotel Quark Via Lampedusa 11/A, i calciatori, Raffaele Palladino e Javier Zanetti fanno da testimonial a METTI IL MELANOMA

Dettagli

Un analisi dell utilizzo del Prozac, Paxil e Zoloft negli Usa dal 1988 al 2002.

Un analisi dell utilizzo del Prozac, Paxil e Zoloft negli Usa dal 1988 al 2002. Le tabelle sui suicidi indotti dall uso di psicofarmaci. Un analisi dell utilizzo del Prozac, Paxil e Zoloft negli Usa dal 1988 al 2002. Il metodo IMR - Patient Flow Model è stato ora utilizzato per analizzare

Dettagli

ONCOVIEW 2012. Istruzioni per la compilazione delle schede pazienti

ONCOVIEW 2012. Istruzioni per la compilazione delle schede pazienti ONCOVIEW 2012 Istruzioni per la compilazione delle schede pazienti ONCOVIEW - COME SI COLLABORA Lo studio ONCOVIEW ha l obiettivo di fornire un quadro esaustivo ed approfondito delle terapie farmacologiche

Dettagli

SCHEDA DI VALUTAZIONE PER L INSERIMENTO DI FARMACI NON PRESENTI NEL PTR

SCHEDA DI VALUTAZIONE PER L INSERIMENTO DI FARMACI NON PRESENTI NEL PTR RICHIESTA DI INSERIMENTO IN PTR DI MARAVIROC ATC J05AX09 (Celsentri ) Presentata da Commissione Terapeutica Provinciale Sassari In data novembre 2008 Per le seguenti motivazioni: Trattamento dell infezione

Dettagli

RACCOMANDAZIONI DELL ASL CN1 2010

RACCOMANDAZIONI DELL ASL CN1 2010 Appropriatezza prescrittiva nella terapia dell ipercolesterolemia RACCOMANDAZIONI DELL ASL CN1 2010 PREMESSE L'ipercolesterolemia è uno dei maggiori fattori di rischio cardiovascolare e la sua riduzione

Dettagli

RIASSUNTO DELLE CARATTERISTICHE DEL PRODOTTO

RIASSUNTO DELLE CARATTERISTICHE DEL PRODOTTO RIASSUNTO DELLE CARATTERISTICHE DEL PRODOTTO 1. DENOMINAZIONE DEL MEDICINALE ACICLOVIR ABC 800 mg COMPRESSE ACICLOVIR ABC 400 mg/5 ml SOSPENSIONE ORALE 2. COMPOSIZIONE QUALITATIVA E QUANTITATIVA Aciclovir

Dettagli

POLITERAPIE NEL PAZIENTE ANZIANO. Dipartimento Farmaceutico Azienda USL di Reggio Emilia

POLITERAPIE NEL PAZIENTE ANZIANO. Dipartimento Farmaceutico Azienda USL di Reggio Emilia POLITERAPIE NEL PAZIENTE ANZIANO Dipartimento Farmaceutico Azienda USL di Reggio Emilia PAZIENTI ANZIANI Maggiori utilizzatori di farmaci per la presenza di polipatologie spesso croniche Ridotte funzionalità

Dettagli

Sei interessato a partecipare a studi clinici finalizzati allo sviluppo di nuovi farmaci in Sardegna? Diventa volontario con Fase 1 srl.

Sei interessato a partecipare a studi clinici finalizzati allo sviluppo di nuovi farmaci in Sardegna? Diventa volontario con Fase 1 srl. Sei interessato a partecipare a studi clinici finalizzati allo sviluppo di nuovi farmaci in Sardegna? Diventa volontario con Fase 1 srl. Che cos è Fase 1 srl? Fase 1 è una società a responsabilità limitata

Dettagli

Livello B1 Assistenza Familiare. Unità 2. Servizi Sanitari e Farmaci. In questa unità imparerai:

Livello B1 Assistenza Familiare. Unità 2. Servizi Sanitari e Farmaci. In questa unità imparerai: Livello B1 Assistenza Familiare Unità 2 Servizi Sanitari e Farmaci In questa unità imparerai: a comprendere un testo che dà informazioni sulla ricetta medica del servizio sanitario nazionale. parole relative

Dettagli

Dipartimento di Ematologia, Oncologia e Medicina molecolare

Dipartimento di Ematologia, Oncologia e Medicina molecolare Dipartimento di Ematologia, Oncologia e Medicina molecolare La Biobanca delle cellule staminali tumorali Scienza e Tecnologia al servizio della Ricerca Progetto editoriale Labozeta S.p.A via Tiburtina,

Dettagli

Newsletter numero 58 del 15 giugno 2014 AGLI ASSOCIATI, AMICI E SIMPATIZZANTI di A.I.G. ASSOCIAZIONE ITALIANA GIST ONLUS

Newsletter numero 58 del 15 giugno 2014 AGLI ASSOCIATI, AMICI E SIMPATIZZANTI di A.I.G. ASSOCIAZIONE ITALIANA GIST ONLUS www.gistonline.it Newsletter numero 58 del 15 giugno 2014 AGLI ASSOCIATI, AMICI E SIMPATIZZANTI di A.I.G. ASSOCIAZIONE ITALIANA GIST ONLUS Ruolo delle Associazioni di pazienti in tempo di crisi economica:

Dettagli

RIASSUNTO DEL PROTOCOLLO DI SPERIMENTAZIONE CLINICA P.R.O.S.E.

RIASSUNTO DEL PROTOCOLLO DI SPERIMENTAZIONE CLINICA P.R.O.S.E. RIASSUNTO DEL PROTOCOLLO DI SPERIMENTAZIONE CLINICA P.R.O.S.E. pag 1 di 4 Randomized Proteomic Stratified Phase III Study of Second Line Erlotinib versus Chemotherapy in Patients with Inoperable Non Small

Dettagli

ADHD, DAT ed autoimmunità: un possibile marker diagnostico e un innovativo target per il trattamento. Relatore Prof.

ADHD, DAT ed autoimmunità: un possibile marker diagnostico e un innovativo target per il trattamento. Relatore Prof. UNIVERSITA DEGLI STUDI DI ROMA TOR VERGATA Facoltà di Medicina e Chirurgia Scuola di Specializzazione in Neuropsichiatria Infantile Direttore Prof. Paolo Curatolo ADHD, DAT ed autoimmunità: un possibile

Dettagli

Premesse. Lo sviluppo di nuovi medicinali è un processo molto impegnativo sia dal punto di vista procedurale che economico:

Premesse. Lo sviluppo di nuovi medicinali è un processo molto impegnativo sia dal punto di vista procedurale che economico: Premesse 2 Lo sviluppo di nuovi medicinali è un processo molto impegnativo sia dal punto di vista procedurale che economico: Su 8 molecole che presentano potenzialità terapeutiche solo 1, solitamente,

Dettagli

VobisNewSMagazinE Anno V - Febbraio 2015

VobisNewSMagazinE Anno V - Febbraio 2015 VobisNewSMagazinE Anno V - Febbraio 2015 Linee Guida NICE 2014: denso affollamento in area RCV (ESC/EAS, AHA/ACC, Nota 13 ) A cura di: Luigi Santoiemma MMG Modugno (BA) Lora Accettura Corso di Formazione

Dettagli

BORTEZOMIB (Velcade)

BORTEZOMIB (Velcade) BORTEZOMIB (Velcade) POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI Le informazioni contenute in questo modello sono fornite in collaborazione con la Associazione Italiana Malati di Cancro, parenti ed amici ; per maggiori

Dettagli

I contributi all A.L.C. - ONLUS - possono essere detratti dalla dichiarazione dei redditi in base all art. 13 D.LGS. n. 460 del 4/12/97.

I contributi all A.L.C. - ONLUS - possono essere detratti dalla dichiarazione dei redditi in base all art. 13 D.LGS. n. 460 del 4/12/97. L Associazione Laura Coviello è nata nel 1996, indipendente e senza fini di lucro, con lo scopo di aiutare i malati leucemici con informazioni mirate e specifiche e sostenere il Centro Trapianti di Midollo

Dettagli

1. Rapporti di esperienza pratica (REP) versus progetti di ricerca soggetti ad autorizzazione della CE (allegato 1)

1. Rapporti di esperienza pratica (REP) versus progetti di ricerca soggetti ad autorizzazione della CE (allegato 1) Gruppo di lavoro n. 19: Esame della competenza (lavori di maturità, lavori di bachelor e di master, dissertazioni, progetti di garanzia della qualità, rapporti di esperienza pratica, sperimentazioni terapeutiche)

Dettagli

Il paziente oncologico

Il paziente oncologico Il paziente oncologico Le neoplasie sono tra le cause più frequenti di morte nel cane e nel gatto in molti paesi industrializzati. La chemioterapia antineoplastica, anche in medicina veterinaria, negli

Dettagli

Alcune considerazioni Sul diabete. Anna Carla Babini

Alcune considerazioni Sul diabete. Anna Carla Babini Alcune considerazioni Sul diabete Anna Carla Babini Quali argomenti Assolutamente pratici Criteri diagnostici metformina come utilizzarla insulina basale? QUALE VOI VORRETE HbA1c 6,5% il cut-point diagnostico

Dettagli

la comunicazione della diagnosi al malato di Alzheimer

la comunicazione della diagnosi al malato di Alzheimer Gruppo di studio SIGG LA CURA NELLA FASE TERMINALE DELLA VITA la comunicazione della diagnosi al malato di Alzheimer evelina bianchi Firenze 53 Congresso nazionale SIGG 2008 Firenze 53 congresso SIGG evelina

Dettagli

Cosa dovrebbero sapere i genitori sulla sicurezza delle radiazioni per uso medico

Cosa dovrebbero sapere i genitori sulla sicurezza delle radiazioni per uso medico Cosa dovrebbero sapere i genitori sulla sicurezza delle radiazioni per uso medico Gli esami radiologici consentono ai medici di effettuare la diagnosi e decidere il corretto iter terapeutico dei loro pazienti.

Dettagli

Anziano fragile e rischio di incidente farmacologico

Anziano fragile e rischio di incidente farmacologico Anziano fragile e rischio di incidente farmacologico Numa Pedrazzetti Farmacista F.P.H. Spec. F.P.H. Istituti di cura Contesto generale Invecchiamento della popolazione over 65 il 6% nel 1900 16% nel 2000

Dettagli

LA CHEMIOTERAPIA QUALCHE INFORMAZIONE

LA CHEMIOTERAPIA QUALCHE INFORMAZIONE LA CHEMIOTERAPIA QUALCHE INFORMAZIONE L oncologia veterinaria è una disciplina medica relativamente recente, ma che sta evolvendo molto rapidamente. Si avvale di strumenti sempre più efficaci e mirati:

Dettagli

INTERVISTA AL DR ENRICO BRIGNARDELLO

INTERVISTA AL DR ENRICO BRIGNARDELLO INTERVISTA AL DR ENRICO BRIGNARDELLO Responsabile SSCVD "Unità di Transizione per Neoplasie Curate in Età Pediatrica" c/o AOU S.Giovanni Battista di Torino D. Dr Brignardello, ci può dire che differenza

Dettagli

I markers biologici come fattori predittivi di efficacia terapeutica nei tumori solidi: l esperienza di Varese

I markers biologici come fattori predittivi di efficacia terapeutica nei tumori solidi: l esperienza di Varese I markers biologici come fattori predittivi di efficacia terapeutica nei tumori solidi: l esperienza di Varese Daniela Furlan U.O. Anatomia Patologica, Ospedale di Circolo e Fondazione Macchi, Varese Il

Dettagli

RUOLO DEL TRAPIANTO NEL PAZIENTE CON MIELOMA MULTIPLO

RUOLO DEL TRAPIANTO NEL PAZIENTE CON MIELOMA MULTIPLO RUOLO DEL TRAPIANTO NEL PAZIENTE CON MIELOMA MULTIPLO Nicola Giuliani U. O. Ematologia e CTMO, Azienda Ospedaliero-Universitaria di Parma MM-EPIDEMIOLOGIA 10% di tutti i tumori del sangue Malattia dell

Dettagli

INFORMAZIONE PROFESSIONALE N 13 del 15/04/2008 CONSEGNA MEDICINALI SENZA RICETTA- DM 31.3.2008

INFORMAZIONE PROFESSIONALE N 13 del 15/04/2008 CONSEGNA MEDICINALI SENZA RICETTA- DM 31.3.2008 ORDINE DEI FARMACISTI DELLA PROVINCIA DI TREVISO Via Cortese 8-31100 TREVISO - Telefono 0422544873 - Fax 0422545097 E-Mail : ordine@farmacietv.it Orari di apertura al pubblico: dal lun al gio dalle 10.30

Dettagli

Evento Formativo accreditato ECM

Evento Formativo accreditato ECM Evento Formativo accreditato ECM INCONTRI CON L ESPERTO 2015 Aula Polo Oncologico, 6 ottobre, 10 novembre, 24 novembre 2015 ID ECM 1252-132524 ED. 1 Responsabili Scientifici: Dott. A. Fontana, Dott. A.

Dettagli

Guida per il paziente

Guida per il paziente Il presente foglio illustrativo è stato elaborato da Sirtex Medical Limited (Sirtex) ed è destinato a fornire al paziente e ai suoi familiari una panoramica della Radioterapia Interna Selettiva con microsfere

Dettagli

INTESA TRA COMUNE DI MILANO E AZIENDA SANITARIA LOCALE CITTA DI MILANO PER LA SOMMINISTRAZIONE DI FARMACI NEI SERVIZI ALL INFANZIA (0-6 ANNI)

INTESA TRA COMUNE DI MILANO E AZIENDA SANITARIA LOCALE CITTA DI MILANO PER LA SOMMINISTRAZIONE DI FARMACI NEI SERVIZI ALL INFANZIA (0-6 ANNI) INTESA TRA COMUNE DI MILANO E AZIENDA SANITARIA LOCALE CITTA DI MILANO PER LA SOMMINISTRAZIONE DI FARMACI NEI SERVIZI ALL INFANZIA (0-6 ANNI) Al fine di garantire un approccio coordinato alla gestione

Dettagli

Progetto di buona pratica clinica (clinical governance)

Progetto di buona pratica clinica (clinical governance) Facoltà di Medicina e Chirurgia Università degli Studi di Messina SIMG Società Italiana di Medicina Generale Progetto di buona pratica clinica (clinical governance) La formazione di qualità per migliorare

Dettagli

Versione breve del documento informativo sullo studio per il PAZIENTE ADULTO CHE HA RIACQUISTATO CAPACITA DI DISCERNIMENTO

Versione breve del documento informativo sullo studio per il PAZIENTE ADULTO CHE HA RIACQUISTATO CAPACITA DI DISCERNIMENTO Versione breve del documento informativo sullo studio per il PAZIENTE ADULTO CHE HA RIACQUISTATO CAPACITA DI DISCERNIMENTO Per una migliore leggibilità viene utilizzata solo la forma maschile. Confronto

Dettagli

www.pediatric-rheumathology.printo.it L ARTRITE LYME

www.pediatric-rheumathology.printo.it L ARTRITE LYME www.pediatric-rheumathology.printo.it L ARTRITE LYME Cos è? L artrite Lyme è causata dal batterio Borrelia burgdorferi (borreliosi di Lyme) e si trasmette con il morso di zecche quali l ixodes ricinus.

Dettagli

LA RICERCA DI TELETHON

LA RICERCA DI TELETHON LA RICERCA DI TELETHON SULLE MALATTIE NEUROMUSCOLARI I nostri strumenti di lavoro per focalizzare al meglio il piano di investimento nella ricerca Telethon sono stati, in questi anni, il piano strategico

Dettagli

Diritti e opportunità I BENEFICI CONNESSI AL RICONOSCIMENTO DELL INVALIDITÀ CIVILE

Diritti e opportunità I BENEFICI CONNESSI AL RICONOSCIMENTO DELL INVALIDITÀ CIVILE fase di remissione di malattia. Una gravidanza che insorge in fase di attività di malattia è infatti molto più a rischio di problemi materni e fetali. Secondo molti autori, una gravidanza può essere intrapresa

Dettagli

PASQUALE FREGA Assobiotec

PASQUALE FREGA Assobiotec ITALIAN ORPHAN DRUGS DAY Venerdì 13 febbraio 2015 Sala conferenze Digital for Business - Sesto San Giovanni (MI) PASQUALE FREGA Assobiotec www.digitalforacademy.com Italian Orphan Drug Day Malattie Rare

Dettagli

Gestione del profilo endocrinologico delle terapie biologiche. Renato Cozzi S.C. Endocrinologia Niguarda Mlano

Gestione del profilo endocrinologico delle terapie biologiche. Renato Cozzi S.C. Endocrinologia Niguarda Mlano Gestione del profilo endocrinologico delle terapie biologiche Renato Cozzi S.C. Endocrinologia Niguarda Mlano Inibitori delle tirosino-chinasi (TKI) effetti collaterali Ipertensione Perforazione gastro-intestinale

Dettagli

SINTESI GENERALE DELLA VALUTAZIONE SCIENTIFICA DEI MEDICINALI CONTENENTI ACIDO VALPROICO/VALPROATO (cfr. allegato I)

SINTESI GENERALE DELLA VALUTAZIONE SCIENTIFICA DEI MEDICINALI CONTENENTI ACIDO VALPROICO/VALPROATO (cfr. allegato I) ALLEGATO II CONCLUSIONI SCIENTIFICHE E MOTIVI DELLA MODIFICA DEI RIASSUNTI DELLE CARATTERISTICHE DEL PRODOTTO E DEI FOGLIETTI ILLUSTRATIVI PRESENTATI DALL AGENZIA EUROPEA PER I MEDICINALI 108 CONCLUSIONI

Dettagli

INFORMAZIONI SULLO STUDIO VILLA GARDA-OXFORD

INFORMAZIONI SULLO STUDIO VILLA GARDA-OXFORD INFORMAZIONI SULLO STUDIO VILLA GARDA-OXFORD Confronto fra due forme di psicoterapia cognitivo comportamentale ospedaliera per i disturbi dell alimentazione Gentile paziente, la Casa di Cura Villa Garda

Dettagli

POLITERAPIE NEI PAZIENTI ANZIANI. Bettina Marconi Dipartimento Farmaceutico Azienda USL di Reggio Emilia

POLITERAPIE NEI PAZIENTI ANZIANI. Bettina Marconi Dipartimento Farmaceutico Azienda USL di Reggio Emilia POLITERAPIE NEI PAZIENTI ANZIANI Bettina Marconi Dipartimento Farmaceutico Azienda USL di Reggio Emilia PAZIENTI ANZIANI Maggiori utilizzatori di farmaci per la presenza di polipatologie spesso croniche

Dettagli

MALATTIE INFIAMMATORIE CRONICHE INTESTINALI (IBD) E GRAVIDANZA

MALATTIE INFIAMMATORIE CRONICHE INTESTINALI (IBD) E GRAVIDANZA MALATTIE INFIAMMATORIE CRONICHE INTESTINALI (IBD) E GRAVIDANZA Di cosa parleremo? Potrò concepire e avere figli come tutte le altre persone? Influenza della gravidanza sul decorso della malattia e influenza

Dettagli

S.C. FARMACIA OSPEDALIERA S.C. FARMACIA TERRITORIALE OGGETTO

S.C. FARMACIA OSPEDALIERA S.C. FARMACIA TERRITORIALE OGGETTO S.C. FARMACIA OSPEDALIERA S.C. FARMACIA TERRITORIALE DATA: 16.01.2008 REV. N 00 PAG. 1/10 OGGETTO REGOLAMENTO AZIENDALE PER LA PRESCRIZIONE DI TERAPIE FARMACOLOGICHE AL DI FUORI DELLE CONDIZIONI DI AUTORIZZAZIONE

Dettagli

Sperimentazione Clinica: ruolo e responsabilità dell Infermiere

Sperimentazione Clinica: ruolo e responsabilità dell Infermiere Sperimentazione Clinica: ruolo e responsabilità dell Infermiere Gestione del farmaco sperimentale Santina Fasani, GMO Country Head Novartis Oncologia Italia Università degli Studi di Firenze, 26 settembre

Dettagli

Valutazione epidemiologica dell impatto delle Linee di indirizzo regionali sull uso dei farmaci. Marina Davoli

Valutazione epidemiologica dell impatto delle Linee di indirizzo regionali sull uso dei farmaci. Marina Davoli Valutazione epidemiologica dell impatto delle Linee di indirizzo regionali sull uso dei farmaci Marina Davoli SNLG - Antibioticoprofilassi perioperatoria nell adulto - 1 Raccomandazione I/A La profilassi

Dettagli

CORSO DI LAUREA IN: MEDICINA E CHIRURGIA

CORSO DI LAUREA IN: MEDICINA E CHIRURGIA CORSO DI LAUREA IN: MEDICINA E CHIRURGIA (Classe delle Lauree Magistrale LM41 Medicina e Chirurgia) art. 4 del decreto ministeriale 22 ottobre 2004, n. 270 DURATA CREDITI ACCESSO 6 ANNI 360 di cui 283

Dettagli

Studio svizzero della coorte HIV Swiss HIV Cohort Study

Studio svizzero della coorte HIV Swiss HIV Cohort Study Studio svizzero della coorte HIV Swiss HIV Cohort Study Dal 1988 lo Studio svizzero della coorte HIV è al servizio di persone affette da HIV/AIDS e in questo periodo ha accompagnato più di 18 500 persone.

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute Comunicato n. 332 12 dicembre 2007 Ministero della Salute UFFICIO STAMPA Senato approva Ddl proposto dal Ministro Turco sulla semplificazione degli adempimenti amministrativi connessi alla tutela della

Dettagli

Potenza dello studio e dimensione campionaria. Laurea in Medicina e Chirurgia - Statistica medica 1

Potenza dello studio e dimensione campionaria. Laurea in Medicina e Chirurgia - Statistica medica 1 Potenza dello studio e dimensione campionaria Laurea in Medicina e Chirurgia - Statistica medica 1 Introduzione Nella pianificazione di uno studio clinico randomizzato è fondamentale determinare in modo

Dettagli

Gli strumenti di governo clinico e la vigilanza da parte della Farmacia

Gli strumenti di governo clinico e la vigilanza da parte della Farmacia Gli strumenti di governo clinico e la vigilanza da parte della Farmacia Dott.ssa Stella Sferra Laboratorio di allestimento farmaci oncologici U.O. Farmacia Ospedale S. Anna AOSP-U di Ferrara Governo Clinico

Dettagli

Con la Ricerca possiamo fare molto. INSIEME

Con la Ricerca possiamo fare molto. INSIEME ONCOLOGIA PEDIATRICA Con la Ricerca possiamo fare molto. INSIEME QUANDO I BAMBINI SOFFRONO SOFFRIAMO TUTTI. Per questo abbiamo voluto impegnarci davvero nell oncologia pediatrica clinica creando il progetto

Dettagli

Anziani e terapia per l ipertensione Corso ECM di formazione a distanza (FAD) con tutoraggio didattico. Procedura per sottoscrivere la partecipazione

Anziani e terapia per l ipertensione Corso ECM di formazione a distanza (FAD) con tutoraggio didattico. Procedura per sottoscrivere la partecipazione Anziani e terapia per l ipertensione Corso ECM di formazione a distanza (FAD) con tutoraggio didattico Procedura per sottoscrivere la partecipazione Il professionista sanitario che voglia conoscere i dettagli

Dettagli