Incontro informativo. Le novità ADR 2011

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Incontro informativo. Le novità ADR 2011"

Transcript

1 ISO 9001 : 2000 Certificato n Settore Territorio, Ambiente, Energia Incontro informativo Le novità ADR 2011 Presentazione Francesca Belinghieri Federchimica Documentazione di viaggio Autotrasporto Milano, 26 gennaio 2011

2 Documentazione di viaggio Autotrasporto Francesca Belinghieri Federchimica Milano, 26 gennaio 2011

3 Documentazione di viaggio Autotrasporto Scheda di trasporto Evoluzione normativa autotrasporto D. Lgs. 21 novembre 2005, n.286 L. 4 agosto 2010, n. 127

4 SCHEDA DI TRASPORTO D.M. 30 giugno 2009 Approvazione della scheda di trasporto. (GU n. 153 del )

5 Punti Critici Dopo la pubblicazione del D.M. 30 giugno 2009, 3 Circolari Ministeriali hanno chiarito i punti più critici - 17 luglio agosto dicembre 2009 Talvolta una circolare successiva smentisce la precedente.

6 1 Circolare - Modello e contenuto della scheda di trasporto (v. D.M. 30 giugno 2009) - Documenti equipollenti Modalità per l attribuzione della data certa (INTEGRATO), tra gli elementi vincolanti del contratto di trasporto in forma scritta, il quale costituisce alternativa alla scheda di trasporto ; i documenti, di cui all art. 3 del D.M. n. 554/2009, che possono considerarsi equipollenti alla scheda di trasporto, devono contenere tutti i dati e le indicazioni riportate sul modello della stessa; nei trasporti internazionali la scheda di trasporto non deve essere compilata né tenuta a bordo del veicolo ma la norma si considera soddisfatta dalla presenza dei documenti che obbligatoriamente accompagnano il trasporto intermodale delle merci quali ad es. la lettera di vettura internazionale CMR, i documenti doganali, il documento di cabotaggio di cui al D.M. 3 aprile 2009, ecc. (MODIFICATO); -Modalità di compilazione della scheda di trasporto o dei documenti equipollenti Le variazioni lungo il percorso nella sezione Osservazioni varie del conducente o del vettore -Trasporti esenti dall obbligo della scheda di trasporto Conto proprio; i trasporti a collettame per più partite di piccola entità, commissionate da più mittenti e trasportate da un unico vettore, prevedeno una soglia di peso inferiore a 5 t che deve intendersi applicabile a ogni singola partita; - Sanzioni per violazione delle disposizioni dell art. 7-bis del D.Lgs. 286/2005 Mancata o incompleta compilazione della scheda; mancanza del documento a bordo del veicolo.fermo amministrativo del veicolo revocato con consegna del documento entro 15 giorni.

7 2 Circolare - Utilizzo di copie delle schede di trasporto; Durante un controllo può anche non essere esibito l originale, ma una copia. Organi di controllo apporranno annotazioni per evitare successive manipolazioni - Documenti in caso di trasporto di cose a carico completo dirette a destinatari diversi; Si può rimandare alle bolle per indicazione delle merci e dei luoghi di carico/scarico -Indicazioni dei soggetti delle filiere attraverso l impiego di codici convenzionali; Per riservatezza generalità sotto forma di codice ( a bordo documento integrativo del compilatore) -Contratti stipulati in forma scritta; La data di sottoscrizione sul contratto scritto viene accertata come certa dagli organi di controllo mediante apposita annotazione. - Impiego di sub-vettori; Il vettore che usufruisce di un subvettore diventa committente e deve redigere una nuova scheda di trasporto (ANNULLATA) - Utilizzo di Consorzi di Imprese di Trasporto; Nelle Osservazioni varie occorre indicare le generalità dell Impresa consorziata -Conservazione della scheda di trasporto; Esaurisce la sua funzione con il completamento del trasporto a cui si riferisce -Documenti per il trasporto internazionale di cose; Disposizione vigente solo sul territorio nazionale per vettori sia italiani, sia stranieri -Annotazioni degli Organi di controllo sulla scheda di trasporto; Data, ora e generalità del controllore con sottoscrizione -Documenti equipollenti. Trasporti esenti (collettame). Da approfondire

8 3 Circolare - Compilazione della scheda di trasporto e relativa delega; Luogo di compilazione è il luogo in cui si trova il committente Generalità del compilatore possono essere rappresentate anche da timbro aziendale Altri soggetti (Anche caricatore e proprietario della merce), ad eccezione del vettore, possono compilare la scheda se il committente ha affidato loro l incarico - Proprietario della merce; E colui che ha la proprietà della merce oggetto dell attività di autotrasporto al momento della consegna al vettore - Tipologia e quantità / peso della merce trasportata; Rispondenza con la bolla. Anche in via approssimativa, se non è consentita esatta identificazione -Impiego di subvettori. Il vettore deve riportare le generalità del subvettore nella sezione Eventuali dichiarazioni

9 3 Circolare Documenti equipollenti alla scheda di trasporto, se non presente contratto in forma scritta: - CMR; - Bolla (ex-fiscale) solo se contiene tutti gli elementi previsti dal D.M. 30 giugno 2009; - Documento Amministrativo di Accompagnamento (D.A.A.) circolazione merce soggetta ad accisa in regime di sospensione di cui al Regolamento CEE 2719/92, Decreto Ministero finanze , n. 210 ss.mm, d.lgs. 26 ottobre 1995, n. 504; - Documento di Accompagnamento Semplificato (D.A.S.) circolazione merce soggetta a regime di accisa assolta, di cui al Regolamento CEE 2719/92, DM Finanze , n. 210 ss. mm., d.lgs. 26 ottobre 1995, n. 504; - Documento Amministrativo Unico (D.A.U.), di cui al Regolamento CEE 2913/92 (codice doganale comunitario) e Regolamento CEE 2454/93 e ss.mm.; - Documento accompagnatorio per prodotti vitivinicoli sfusi (DOCO), di cui al Regolamento CE/2001/84, DPR 6 ottobre 1978, n. 627, DM Risorse Agricole, Alimentari e Forestali 19 dicembre 1994, n. 768; - Bolla di accompagnamento beni viaggianti (XAB) per vinacce e fecce, di cui al DPR 6 ottobre 1978, n. 627; -Documento di cabotaggio di cui al Decreto Ministero Infrastrutture e Trasporti 3 aprile 2009; continua

10 3 Circolare Documenti equipollenti alla scheda di trasporto, se non presente contratto in forma scritta: -Formulario Identificazione Rifiuti, di cui al Decreto Ministero Ambiente 1 aprile 1998, n. 145, attuativo del d.lgs. 22/97 abrogato dal d. lgs. 3 aprile 2006, n. 152; - Documento di trasporto, di cui alla sez dell ADR 2009 (Direttiva 2008/68/CE); - Multimodal dangerous goods form, di cui alla sez dell ADR 2009 (Direttiva 2008/68/CE); -Documento di accompagnamento al macello di cui al DM Salute 11 febbraio 2003; -Dichiarazione di provenienza e di destinazione degli animali vivi di cui al DPR 30 aprile 1996, n. 317 e ss. mm.; -Distinta latte, di cui DM Politiche Agricole e Forestali 31 luglio 2003, attuativo della L. 30 maggio 2003, n. 119; - Certificato di trasferimento risone, utilizzato per tutti gli acquisti di risone dalle aziende agricole italiane, di cui al RDL 11 agosto 1933, n. 1083; - Documento commerciale per sottoprodotti di origine animale o prodotti trasformati da essi derivati di categoria 1, 2, 3 conforme al Regolamento CE/1774/2002.

11 AUTOTRASPORTO La disciplina dell autotrasporto negli ultimi anni ha subito sostanziali modifiche con numerosi provvedimenti normativi, tra cui: - D. Lgs. 21 novembre 2005, n. 286 (abolizione tariffe a forcella; responsabilità condivisa); - D.Lgs. 22 dicembre 2008 n. 214 (istituzione scheda di trasporto; nuovi elementi nel contratto di trasporto scritto); -Decreto Legge 25 giugno 2008 n. 112 convertito in legge con modificazioni con L. 6 agosto 2008 n. 133 (reintroduzione tariffe minime per contratti verbali con costi gasolio e costi esercizio); -Decreto Legge 23 ottobre 2008 n. 162 convertito in legge con L. 22 dicembre 2008 n. 201 (reintroduzione tariffe minime per contratti verbali con costi gasolio e costi esercizio); -Decreto Legge 6 luglio 2010 n. 103 convertito in legge con L. 4 agosto 2010, n. 127 (introduzione costi minimi di sicurezza; responsabilità).

12 D.Lgs. 21 novembre 2005, n.286 Principali novità introdotte: Libera contrattazione dei prezzi di trasporto, mediante l abolizione del precedente sistema obbligatorio delle tariffe a forcella e la determinazione in forma autonoma del corrispettivo dovuto al trasporto pattuito; Previsione, di regola, della forma scritta per i contratti di trasporto, al fine di favorire la trasparenza e la correttezza dei rapporti fra i Contraenti. In assenza di un contratto scritto o meglio, in assenza dell indicazione del prezzo, in caso di controversie si applicheranno le tariffe d uso stabilite dalla Consulta per mezzo di un apposito Osservatorio e raccolte nei bollettini predisposti dalle Camere di Commercio; Limite di risarcibilità del Vettore per perdita o avaria della merce trasportata, non imputabile a dolo o colpa grave di quest ultimo, ad euro 1 per kg di peso lordo di merce per tutti i trasporti nazionali; Sistema di responsabilità condivisa di: - Vettore; Committente; Caricatore; Proprietario delle merci per violazioni alle disposizioni sulla circolazione stradale e sulla sicurezza sociale, rispondendo ciascuno per la propria parte di responsabilità. In particolare, in presenza di contratto non scritto, l onere della prova non è più a carico del Vettore, ma del Committente per il quale pertanto è molto più conveniente stipulare contratti in forma scritta; Previsione di accordi volontari per settori merceologici, redatti in forma scritta, delle Associazioni di categoria dei Vettori e dei Committenti.

13 D.Lgs. 21 novembre 2005, n.286 RESPONSABILITA CONDIVISA La responsabilizzazione dei soggetti che operano sul mercato nel rispetto delle regole in materia di circolazione stradale e sicurezza sociale è stato uno degli elementi di maggiore importanza nel processo di riassetto del settore che sottintende una severa azione di contrasto: ai Committenti, che affidano la merce ad Operatori non in regola; ai Vettori nazionali, che esercitano la professione senza autorizzazione; ai vettori stranieri, che non sono in possesso di titolo idoneo alla prestazione del servizio.

14 D.Lgs. 21 novembre 2005, n.286 GARANZIE DEL CONTRATTO SCRITTO Certezza tariffaria Esonero di responsabilità nelle violazioni del Codice della Strada In assenza di contratto scritto, la responsabilità del Committente può essere esclusa solo se questi dimostra di avere comunque impartito al Vettore istruzioni positive compatibili con il Codice della Strada. E consigliabile inserire anche nei contratti scritti disposizioni del seguente tenore: Il Vettore è obbligato ad effettuare il servizio di cui al presente contratto nel rispetto della normativa vigente sulla sicurezza stradale e sociale. Esonero della responsabilità in caso di danni a terzi L eventuale responsabilità del Committente, in assenza di un contratto scritto, potrebbe portare non solo al semplice pagamento di una sanzione, ma anche al coinvolgimento del Committente stesso nell eventuale azione di risarcimento promossa da terzi. E interesse delle Imprese di trasporto, di spedizione, di logistica stipulare con contratti scritti i propri rapporti con i subvettori.

15 D.Lgs. 21 novembre 2005, n.286 Ai fini dell accertamento della responsabilità sono rilevanti le violazioni inerenti ad esempio : -Sagoma limite; -Massa limite; -Limiti di velocità; -Sistemazione del carico sui veicoli; -Tempi di guida. Pur restando confermato il concetto di responsabilità condivisa, è assegnata in modo specifico al caricatore la responsabilità circa la violazione delle norme sulla massa limite e sulla sistemazione del carico sui veicoli.

16 L. 4 agosto 2010, n Costi minimi: Al fine di garantire la tutela della sicurezza stradale e la regolarita' del mercato dell' autotrasporto di merci per conto di terzi, nel contratto di trasporto, stipulato in forma scritta, ai sensi dell'articolo 6 del decreto legislativo 21 novembre 2005, n. 286, l'importo a favore del vettore deve essere tale da consentire almeno la copertura dei costi minimi di esercizio, che garantiscano, comunque, il rispetto dei parametri di sicurezza normativamente previsti. Tali costi minimi sono individuati nell'ambito degli accordi volontari di settore...tali accordi possono altresi' prevedere contratti di trasporto di merci su strada di durata o quantita' garantite, per i quali e' possibile derogare alle disposizioni di cui al presente comma.. nonché

17 L. 4 agosto 2010, n Scheda di trasporto: Con decreto del.. e' stabilito il contenuto della scheda di trasporto, nella quale devono figurare le indicazioni relative al vettore, comprensive del numero di iscrizione all'albo nazionale degli autotrasportatori, al committente, al caricatore ed al proprietario della merce, nei casi indicati dal decreto stesso,. nonché quelle relative alla tipologia ed al peso della merce trasportata, ed ai luoghi di carico e scarico della stessa. Lo stesso decreto individua le categorie di trasporto di merci a collettame, ai fini dell'esenzione nonché i documenti di trasporto... da considerare equipollenti alla scheda di trasporto. Chiunque, durante l'effettuazione di un trasporto, non porta a bordo del veicolo la scheda di trasporto ovvero, in alternativa, copia del contratto in forma scritta o altra documentazione equivalente. e' punito con la sanzione amministrativa pecuniaria del pagamento di una somma da 40 a 120 euro. All'atto dell'accertamento della violazione, e' sempre disposto il fermo amministrativo del veicolo, che verra' restituito al conducente,.. solo dopo che sia stata esibita la scheda di trasporto, ovvero copia del contratto redatto in forma scritta o altra documentazione equivalente.. Le sanzioni si applicano anche a chiunque circoli alla guida di veicoli immatricolati all'estero nello svolgimento di trasporti internazionali o di cabotaggio, qualora non rechi a bordo i documenti equipollenti.

18 L. 4 agosto 2010, n. 127 Responsabilità: Quando il contratto di trasporto non sia stato stipulato in forma scritta. gli organi di polizia stradale che hanno accertato la violazione. dei limiti di velocita'. o la mancata osservanza dei tempi di guida e di riposo. verificano la compatibilita' delle istruzioni scritte fornite al vettore.. Le istruzioni devono trovarsi a bordo del veicolo e possono essere contenute nella scheda di trasporto o nella documentazione equivalente. In mancanza delle istruzioni di cui sopra a bordo del veicolo, al vettore ed al committente si applicano le sanzioni amministrative pecuniarie previste per le violazioni contestate al conducente. Le stesse sanzioni sono altresi' applicate al vettore e al committente quando le istruzioni di trasporto sono incompatibili con il rispetto delle predette norme.

19 L. 4 agosto 2010, n. 127 Responsabilità (Procedura di accertamento della responsabilita') L'accertamento della responsabilita puo' essere effettuato contestualmente alla contestazione della violazione commessa dall'autore materiale della medesima, da parte delle autorita' competenti, mediante esame del contratto di trasporto e di ogni altra documentazione di accompagnamento, prevista dalle vigenti disposizioni, ivi compresa la scheda di trasporto ed i documenti considerati ad essa equivalenti o equipollenti, ai sensi dell'articolo 7-bis. In caso di mancata esibizione del contratto di trasporto in forma scritta da parte del conducente all'atto del controllo, e qualora sia presente a bordo del veicolo una dichiarazione sottoscritta dal committente o dal vettore che ne attesti l'esistenza, l'autorita' competente, entro quindici giorni dalla contestazione della violazione, richiede ai soggetti di cui all'articolo 7, comma 3, la presentazione, entro trenta giorni dalla notifica della richiesta, di copia del contratto in forma scritta. Entro i trenta giorni successivi alla ricezione del contratto in forma scritta, l'autorita' competente qualora da tale esame emerga la responsabilita' dei soggetti applica le sanzioni ivi previste. Le stesse sanzioni sono irrogate in caso di mancata presentazione della documentazione richiesta entro il termine indicato";

20 L. 4 agosto 2010, n. 127 Prescrizione contenzioso In caso di corrispettivo di importo in fattura inferiore ai costi minimi, l azione del vettore nei confronti del Mittente si prescrive entro il termine di 1 anno decorrente dal giorno del completamento della prestazione, salvo diverse pattuizioni fondate su Accordi volontari. Responsabilità solidale tra filiera e sub-vettore Il Sub-vettore ha la possibilità di agire in giudizio, per il mancato pagamento della prestazione, o in caso di corrispettivo in fattura di importo inferiore ai costi minimi stabiliti, nei confronti di tutti gli attori della filiera. Questo meccanismo scatta dal 12 agosto 2011 (1 anno dopo l entrata in vigore della L. n. 127/2010). Tempi di pagamento Pagamento entro 60 giorni dalla data di emissione della fattura. Il termine non è derogabile per volontà delle Parti, ma solo mediante Accordi di settore.

21 L. 4 agosto 2010, n. 127 Tempi di carico e scarico Tempi di attesa al carico e allo scarico non superiori a 2 ore. Superati i tempi è dovuto al Vettore un indennizzo per ogni ora o frazione di ora di ritardo. L indennizzo è pagato al Vettore dal Committente che a sua volta ha diritto di rivalsa nei confronti del titolare del luogo di carico e scarico. Le modalità applicative, con particolare riguardo alla definizione della decorrenza dei tempi di franchigia in relazione alle diverse tipologie dei luoghi di carico e scarico nonché alla modalità del cadenzamento dell accesso dei veicoli a tali luoghi, saranno definite con decreto dirigenziale dal Ministero Infrastrutture e Trasporti. Gestione del pallet Se Committente e Destinatario della merce si sono accordati per la riconsegna dei pallet, il Vettore ha diritto a un compenso per ogni prestazione accessoria eseguita e non risponde del rifiuto di restituzione da parte del Destinatario. L esercizio dell attività di commercio dei pallet è subordinato a licenza rilasciata dalla Questura competente per territorio. Il titolare della licenza è tenuto a indicare giornalmente su registro vidimato dalla Questura quantità e tipologia della movimentazione dei pallet ceduti e acquistati nonché i dati significativi dei Soggetti cedenti e cessionari.

TRASPORTO MERCI IN CONTO TERZI - LE ISTRUZIONI SCRITTE DEL COMMITTENTE - * di Franco MEDRI

TRASPORTO MERCI IN CONTO TERZI - LE ISTRUZIONI SCRITTE DEL COMMITTENTE - * di Franco MEDRI TRASPORTO MERCI IN CONTO TERZI - LE ISTRUZIONI SCRITTE DEL COMMITTENTE - * di Franco MEDRI L art. 7, comma 4, del D. Lgs n. 286/05 prescrive che, qualora il contratto di trasporto non sia stipulato in

Dettagli

Un inquadramento sulla legislazione in materia di autotrasporto con focus sulle responsabilità del Committente

Un inquadramento sulla legislazione in materia di autotrasporto con focus sulle responsabilità del Committente Un inquadramento sulla legislazione in materia di autotrasporto con focus sulle responsabilità del Committente Francesca Belinghieri 13 maggio 2013 Andamento e modalità del trasporto delle merci in Italia,

Dettagli

TRASPORTO MERCI CONTO TERZI LE PRESCRIZIONI DELLA SCHEDA DI TRASPORTO

TRASPORTO MERCI CONTO TERZI LE PRESCRIZIONI DELLA SCHEDA DI TRASPORTO TRASPORTO MERCI CONTO TERZI LE PRESCRIZIONI DELLA SCHEDA DI TRASPORTO Uno speciale di 12 pagine per i soci ASAPS di Franco MEDRI * e Maurizio PIRAINO ** 1 a circolare interministeriale prot. n. 300/A/8980/09/108/44

Dettagli

In seguito alle precedenti circolari 17 luglio 2009 e 6 agosto 2009, il Ministero delle

In seguito alle precedenti circolari 17 luglio 2009 e 6 agosto 2009, il Ministero delle Commento l Chiarito l effettivo livello di equipollenza del documento Sulla scheda di trasporto nuovi chiarimenti operativi dal Ministero Infrastrutture In seguito alle precedenti circolari 17 luglio 2009

Dettagli

SCROVEGNI PARTNERS S.R.L.

SCROVEGNI PARTNERS S.R.L. CIRCOLARE Padova, 19 luglio 2009 Spettabili CLIENTI LORO SEDI Scheda di trasporto Dal 19 luglio 2009 è obbligatoria la "scheda di trasporto da compilare a cura del committente e conservare a bordo del

Dettagli

Autotrasportatori: per la scheda di trasporto giungono alcune semplificazioni

Autotrasportatori: per la scheda di trasporto giungono alcune semplificazioni Dicembre 2009 Autotrasportatori: per la scheda di trasporto giungono alcune semplificazioni Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla di alcune precisazioni giunte dal Ministero dei Trasporti

Dettagli

Merci per conto terzi: la nuova «scheda di trasporto»

Merci per conto terzi: la nuova «scheda di trasporto» Trasporti internazionali Merci per conto terzi: la nuova «scheda di trasporto» di Maria Giulia Furlanetto (*) Dal 19 luglio 2009, è divenuta a tutti gli effetti obbligatoria la scheda di trasporto documento

Dettagli

SVELIAMO I CONTENUTI DELLA SCHEDA DI TRASPORTO

SVELIAMO I CONTENUTI DELLA SCHEDA DI TRASPORTO SVELIAMO I CONTENUTI DELLA SCHEDA DI TRASPORTO Che cos'è. Si tratta di un documento che permette di risalire in modo certo ai diversi soggetti della filiera del trasporto, cui sono imputabili le responsabilità

Dettagli

Contrattualistica del trasporto Applicazione del D.Lgs. 286/2005 e s.m.i.

Contrattualistica del trasporto Applicazione del D.Lgs. 286/2005 e s.m.i. Spettabile CLIENTE e FORNITORE Sua Sede Rif.: 001-2011 C&F SICDT Milano, 10-01-2011 Oggetto: Contrattualistica del trasporto Applicazione del D.Lgs. 286/2005 e s.m.i. Egregi Signori e Gentili Signore,

Dettagli

* * * - ALLE DIREZIONI GENERALI TERRITORIALI DEL DIPARTIMENTO PER I TRASPORTI, LA NAVIGAZIONE

* * * - ALLE DIREZIONI GENERALI TERRITORIALI DEL DIPARTIMENTO PER I TRASPORTI, LA NAVIGAZIONE - ALLE QUESTURE DELLA REPUBBLICA LORO SEDI - AI COMPARTIMENTI DELLA POLIZIA STRADALE LORO SEDI - ALLE ZONE POLIZIA DI FRONTIERA LORO SEDI - AI COMPARTIMENTI DELLA POLIZIA FERROVIARIA LORO SEDI - AI COMPARTIMENTI

Dettagli

- TRASPORTO MERCI CONTO TERZI - LA RESPONSABILITA CONCORSUALE INTRODOTTA DAL DECRETO LEGISLATIVO 21/11/2005 N.

- TRASPORTO MERCI CONTO TERZI - LA RESPONSABILITA CONCORSUALE INTRODOTTA DAL DECRETO LEGISLATIVO 21/11/2005 N. - TRASPORTO MERCI CONTO TERZI - LA RESPONSABILITA CONCORSUALE INTRODOTTA DAL DECRETO LEGISLATIVO 21/11/2005 N. 286 di Franco MEDRI* e Maurizio PIRAINO** Con l entrata in vigore del Decreto Legislativo

Dettagli

La scheda di trasporto : le istruzioni rese con la circolare dei Ministeri dei Trasporti e dell Interno del 17 luglio 2009

La scheda di trasporto : le istruzioni rese con la circolare dei Ministeri dei Trasporti e dell Interno del 17 luglio 2009 ACERBI & ASSOCIATI CONSULENZA TRIBUTARIA, AZIENDALE, SOCIETARIA E LEGALE NAZIONALE E INTERNAZIONALE CIRCOLARE N. 11 6 AGOSTO 2009 La scheda di trasporto : le istruzioni rese con la circolare dei Ministeri

Dettagli

STUDIO GIAMPAOLI Gall. Dei Fonditori 3 PESARO

STUDIO GIAMPAOLI Gall. Dei Fonditori 3 PESARO STUDIO GIAMPAOLI Gall. Dei Fonditori 3 PESARO Pesaro, lì 30 luglio 2009 A TUTTI I SIGNORI CLIENTI LORO SEDI CIRCOLARE n. 07/2009 1 Proroga di ferragosto; 2 Autotrasporto di merci per Conto Terzi: Obbligo

Dettagli

- ALLE DIREZIONI GENERALI TERRITORIALI DEL DIPARTIMENTO PER I TRASPORTI, LA NAVIGAZIONE ED I SISTEMI INFORMATIVI E STATISTICI

- ALLE DIREZIONI GENERALI TERRITORIALI DEL DIPARTIMENTO PER I TRASPORTI, LA NAVIGAZIONE ED I SISTEMI INFORMATIVI E STATISTICI - ALLE QUESTURE DELLA REPUBBLICA LORO SEDI - AI COMPARTIMENTI DELLA POLIZIA STRADALE LORO SEDI - ALLE ZONE POLIZIA DI FRONTIERA LORO SEDI - AI COMPARTIMENTI DELLA POLIZIA FERROVIARIA LORO SEDI - AI COMPARTIMENTI

Dettagli

SCHEDA DI TRASPORTO. Settembre 2009

SCHEDA DI TRASPORTO. Settembre 2009 Settembre 2009 SCHEDA DI TRASPORTO Supplemento a Polimerica Reg Tribunale MI 710 del 11/10/2004 Direttore responsabile: Michele Latorre Editore: Cronoart Srl - Milano Tutti i diritti riservati www.trasportoeuropa.it

Dettagli

Leoncini & Associati Srl BROKER DI ASSICURAZIONI

Leoncini & Associati Srl BROKER DI ASSICURAZIONI CIRCOLARE INFORMATIVA Alla Clientela Collaboratori Soggetti interessati Autotrasporto - Liberalizzazione tariffaria Decreto Legislativo 21.11.2005, n. 286, su G.U. n. 6 del 9.1.2006. Sulla Gazzetta Ufficiale

Dettagli

ASSOLOGISTICA PACENGO DI LAZISE (VR) 12.11.2014 GLOBAL SUMMIT - LOGISTICS & MANUFACTURING

ASSOLOGISTICA PACENGO DI LAZISE (VR) 12.11.2014 GLOBAL SUMMIT - LOGISTICS & MANUFACTURING ASSOLOGISTICA PACENGO DI LAZISE (VR) 12.11.2014 GLOBAL SUMMIT - LOGISTICS & MANUFACTURING La responsabilità del Committente in relazione ai costi minimi di esercizio dell autotrasporto RELAZIONE DI ROSADA

Dettagli

Istruzioni fornite al vettore dai soggetti facenti parte della filiera

Istruzioni fornite al vettore dai soggetti facenti parte della filiera FITA Unione Nazionale Imprese di Trasporto Sede Provinciale 27100 PAVIA Viale Montegrappa 15 Tel (0382) 433111 Fax (0382) 578504 E Mail : m.carvani@cnapavia.it OGGETTO: Scheda di Trasporto DM 30.06.2009

Dettagli

Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale

Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 26 27.01.2015 1 Le novità in tema di autotrasporto Le novità introdotte dallo Sblocca Italia e della Legge di Stabilità 2015 Categoria: Autotrasportatori

Dettagli

La riforma dell autotrasporto per conto terzi

La riforma dell autotrasporto per conto terzi La riforma dell autotrasporto per conto terzi Milano, 11 luglio 2007, Hotel dei Cavalieri dott. Paolo Stella I decreti attuativi che completano la riforma prevista dal D.Lgs. 286/2005 Con il decreto dirigenziale

Dettagli

SCHEDA DI TRASPORTO. Luglio 2009

SCHEDA DI TRASPORTO. Luglio 2009 Luglio 2009 SCHEDA DI TRASPORTO Supplemento a Polimerica Reg Tribunale MI 710 del 11/10/2004 Direttore responsabile: Michele Latorre Editore: Cronoart Srl - Milano Tutti i diritti riservati www.trasportoeuropa.it

Dettagli

* * * del 13 dicembre 2013 del 13 dicembre 2013 - ALLE QUESTURE DELLA REPUBBLICA LORO SEDI - AI COMPARTIMENTI DELLA POLIZIA STRADALE LORO SEDI

* * * del 13 dicembre 2013 del 13 dicembre 2013 - ALLE QUESTURE DELLA REPUBBLICA LORO SEDI - AI COMPARTIMENTI DELLA POLIZIA STRADALE LORO SEDI Ministero dell Interno Dipartimento della Pubblica Sicurezza DIREZIONE CENTRALE PER LA POLIZIA STRADALE, FERROVIARIA, DELLE COMUNICAZIONI E PER I REPARTI SPECIALI DELLA POLIZIA DI STATO Ministero delle

Dettagli

2. Interventi in materia di abusivismo nel settore dell'autotrasporto di merci commesso da veicoli stranieri.

2. Interventi in materia di abusivismo nel settore dell'autotrasporto di merci commesso da veicoli stranieri. Ministero dell'interno e Ministero delle infrastrutture e dei trasporti (Circolare n. 300/A/10/108/13/1 e Prot. n. 74491 del 15 settembre 2010) Legge 29 luglio 2010, n.120, recante "Disposizioni in materia

Dettagli

Corpo di Polizia Locale di Viterbo Di MAZZI Giorgio

Corpo di Polizia Locale di Viterbo Di MAZZI Giorgio 1 Corpo di Polizia Locale di Viterbo Di MAZZI Giorgio Studio sul Trasporto Merci Il trasporto merci su strada è una materia molto complessa, che fa riferimento alla Legge numero 298 del 06.06.1974 ancora

Dettagli

LA RIFORMA DEL SISTEMA NORMATIVO IN MATERIA DI TRASPORTO TERRESTRE DI MERCI

LA RIFORMA DEL SISTEMA NORMATIVO IN MATERIA DI TRASPORTO TERRESTRE DI MERCI LA RIFORMA DEL SISTEMA NORMATIVO IN MATERIA DI TRASPORTO TERRESTRE DI MERCI (D.Lgs. 22.12.2008, n. 214 e D.M. 20 aprile 2012 nella G.U.R.I. 18 giugno 2012 n. 140 di attuazione da parte del Ministero delle

Dettagli

ASPETTI LEGALI NELLA RESPONSABILITÀ CONCORSUALE DEL TRASPORTO DI MERCI SU STRADA. Sabato 22 ottobre 2011. Quadro normativo

ASPETTI LEGALI NELLA RESPONSABILITÀ CONCORSUALE DEL TRASPORTO DI MERCI SU STRADA. Sabato 22 ottobre 2011. Quadro normativo ASPETTI LEGALI NELLA RESPONSABILITÀ CONCORSUALE DEL TRASPORTO DI MERCI SU STRADA Sabato 22 ottobre 2011 avv. Stefano Benzi Quadro normativo D.Lgs. 21.11.2005 n. 286 Disposizioni per il riassetto normativo

Dettagli

Art. 83-bis (Tutela della sicurezza stradale e della regolarita' del mercato dell'autotrasporto di cose per conto di terzi)

Art. 83-bis (Tutela della sicurezza stradale e della regolarita' del mercato dell'autotrasporto di cose per conto di terzi) Testo in vigore dal: 15-8-2012 Decreto-Legge 25 giugno 2008, n. 112, convertito, con modificazioni, dalla Legge 6 agosto 2008, n. 133 Modificato dalla L.127/2010, dalla L.10/2011, dalla L.148/2011 e dalla

Dettagli

STUDIO DPM COMMERCIALISTI ASSOCIATI

STUDIO DPM COMMERCIALISTI ASSOCIATI STUDIO DPM COMMERCIALISTI ASSOCIATI DR. MATTEO DUROLA DR. BRUNO PARI DR.SSA CHIARA MACCHETTO Gentili Clienti Loro sedi Oggetto: istituzione della scheda di trasporto. Premesse, riferimenti normativi e

Dettagli

1. LE NOVITÀ SALIENTI DELLA RIFORMA DELL AUTOTRASPORTO DI COSE IN CONTO TERZI

1. LE NOVITÀ SALIENTI DELLA RIFORMA DELL AUTOTRASPORTO DI COSE IN CONTO TERZI TRASPORTO MERCI Roma, 14 luglio 2006 Circ. del Ministero dell'interno N. 300/A/1/52609/108/13/7 Il Decreto Legislativo 21.11.05, n. 286, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale del 9.1.06 n. 6, dando attuazione

Dettagli

IL DIRITTO CHE CAMBIA: FORME CONTRATTUALI E RESPONSABILITA DELLA FILIERA. (vettore, committente, caricatore e proprietario della merce)

IL DIRITTO CHE CAMBIA: FORME CONTRATTUALI E RESPONSABILITA DELLA FILIERA. (vettore, committente, caricatore e proprietario della merce) IL DIRITTO CHE CAMBIA: FORME CONTRATTUALI E RESPONSABILITA DELLA FILIERA (vettore, committente, caricatore e proprietario della merce) - Soggetti, elementi e modelli ministeriali del contratto scritto

Dettagli

INDICE PARTE I IL CONTRATTO DI TRASPORTO DI COSE

INDICE PARTE I IL CONTRATTO DI TRASPORTO DI COSE INDICE Prefazione.... xi PARTE I IL CONTRATTO DI TRASPORTO DI COSE Capitolo I ANTECEDENTI STORICI E CRITERI ISPIRATORI DELLA DISCIPLINA CODICISTICA DEL CONTRATTO DI TRASPORTO DI COSE 1. Il diritto romano...

Dettagli

Circolare Ministeriale prato

Circolare Ministeriale prato \. LEADER IN SEMPLICITA' Circolare Ministeriale prato 300jAj8980j09jl08j44 Roma, 17 luglio 2009 MINISTERO DELL'INTERNO Dipartimento della Pubblica Sicurezza MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI

Dettagli

BALIN & ASSOCIATI. Autotrasporto: istituita la scheda di trasporto. Padova, 30 luglio 2009. Ai Clienti dello Studio LORO SEDI. Circolare n.

BALIN & ASSOCIATI. Autotrasporto: istituita la scheda di trasporto. Padova, 30 luglio 2009. Ai Clienti dello Studio LORO SEDI. Circolare n. BALIN & ASSOCIATI Umberto Balin Margherita Cabianca Enrico Cecchinato Consulente del Lavoro Francesca Gardellin Viviana Pigal Raffaella Martellani Massimo Coppola Dott.ssa Diana Pérez Corradini Dott. Alberto

Dettagli

* * * - ALLE DIREZIONI GENERALI TERRITORIALI DEL DIPARTIMENTO PER I TRASPORTI, LA NAVIGAZIONE

* * * - ALLE DIREZIONI GENERALI TERRITORIALI DEL DIPARTIMENTO PER I TRASPORTI, LA NAVIGAZIONE - ALLE QUESTURE DELLA REPUBBLICA LORO SEDI - AI COMPARTIMENTI DELLA POLIZIA STRADALE LORO SEDI - ALLE ZONE POLIZIA DI FRONTIERA LORO SEDI - AI COMPARTIMENTI DELLA POLIZIA FERROVIARIA LORO SEDI - AI COMPARTIMENTI

Dettagli

Dopo l'articolo 83, inserire i seguenti:

Dopo l'articolo 83, inserire i seguenti: Dopo l'articolo 83, inserire i seguenti: Art. 83-bis. (Tutela della sicurezza stradale e della regolarità del mercato dell'autotrasporto di cose per conto di terzi). 1. L'Osservatorio sulle attività di

Dettagli

Art. 83-bis. - Tutela della sicurezza stradale e della regolarità del mercato dell'autotrasporto di cose per conto di terzi [1]

Art. 83-bis. - Tutela della sicurezza stradale e della regolarità del mercato dell'autotrasporto di cose per conto di terzi [1] Art. 83-bis. - Tutela della sicurezza stradale e della regolarità del mercato dell'autotrasporto di cose per conto di terzi [1] 1. L'Osservatorio sulle attività di autotrasporto di cui all'articolo 9 del

Dettagli

STUDIO VENOS SNC PORDENONE LISTA DI CONTROLLO DEI VEICOLI SU STRADA

STUDIO VENOS SNC PORDENONE LISTA DI CONTROLLO DEI VEICOLI SU STRADA LISTA DI CONTROLLO DEI VEICOLI SU STRADA Allegato I al DD 22.2.2006 AUTOTRASPORTO NAZIONALE Contrassegno assicurativo Certificato assicurativo Contratto di noleggio [3] Regolarità agganciamento [4] Cronotachigrafo

Dettagli

LA CONTRATTUALISTICA NELLA MOVIMENTAZIONE DELLA MERCE CON I TERZISTI

LA CONTRATTUALISTICA NELLA MOVIMENTAZIONE DELLA MERCE CON I TERZISTI Carlo Mosca LA CONTRATTUALISTICA NELLA MOVIMENTAZIONE DELLA MERCE CON I TERZISTI Simposi della relazione al convegno Rischi dell imprenditore nella movimentazione delle merci organizzato da Morgan & Morgan

Dettagli

SPECIALE AUTOTRASPORTI C/TERZI: COSA HA CAMBIATO LA LEGGE DI STABILITÀ 2015

SPECIALE AUTOTRASPORTI C/TERZI: COSA HA CAMBIATO LA LEGGE DI STABILITÀ 2015 SPECIALE AUTOTRASPORTI C/TERZI: COSA HA CAMBIATO LA LEGGE DI STABILITÀ 2015 Sul Supplemento ordinario n. 99 alla Gazzetta Ufficiale n. 300 del 29 Dicembre scorso, è stata pubblicata la Legge 190 del 23

Dettagli

CIRCOLARE MENSILE [Settembre 2009]

CIRCOLARE MENSILE [Settembre 2009] A tutti i clienti in indirizzo CIRCOLARE MENSILE [Settembre 2009] MANOVRA ANTI CRISI MODIFICHE ED INTEGRAZIONI A SEGUITO DELLA CONVERSIONE IN LEGGE (D.L. 1/7/2009, n. 78 conv. nella Legge 3/8/2009 n. 102

Dettagli

CAPITOLO PRIMO DEFINIZIONE GENERALE DELL AUTOTRASPORTO DI MERCI

CAPITOLO PRIMO DEFINIZIONE GENERALE DELL AUTOTRASPORTO DI MERCI INDICE SOMMARIO Prefazione pag. XXXIX CAPITOLO PRIMO DEFINIZIONE GENERALE DELL AUTOTRASPORTO DI MERCI L autotrasporto nazionale di merci pag. 3 1. Introduzione 3 2. Importanza dell autotrasporto di merci

Dettagli

Scudo fiscale ter IMPORTANTE

Scudo fiscale ter IMPORTANTE Scudo fiscale ter IMPORTANTE L'adozione di efficaci strumenti di cooperazione internazionale nel settore della fiscalità finanziaria assicura una maggiore trasparenza bancaria su investimenti e depositi,

Dettagli

ART. 62 DL 1/2012 Disciplina delle relazioni commerciali in materia di cessione di prodotti agricoli

ART. 62 DL 1/2012 Disciplina delle relazioni commerciali in materia di cessione di prodotti agricoli CS 71/2012 Foggia 22/10/2012 ART. 62 DL 1/2012 Disciplina delle relazioni commerciali in materia di cessione di prodotti agricoli L art. 62 del D.L. 24/01/2012, n. 1, ha introdotto nuove norme che disciplinano

Dettagli

Circolare di informazione sui temi della salute e sicurezza del lavoro, dell ambiente e della qualità

Circolare di informazione sui temi della salute e sicurezza del lavoro, dell ambiente e della qualità Circolare di informazione sui temi della salute e sicurezza del lavoro, dell ambiente e della qualità N 34 Settembre 2009 In questo numero: RIFIUTI: la scheda di trasporto per le merci e la sua applicabilità

Dettagli

SCHEDA DI TRASPORTO. Premessa. Contenuto della scheda di trasporto

SCHEDA DI TRASPORTO. Premessa. Contenuto della scheda di trasporto SCHEDA DI TRASPORTO Premessa Dal 19/07/2009 è entrato in vigore il D.M. 30/06/2009, pubblicato sulla G.U. n 153 del 04/07/2009, che ha istituito l obbligo della Scheda di trasporto. Sono obbligati alla

Dettagli

Informativa per la clientela

Informativa per la clientela Informativa per la clientela Informativa n. 45 del 19 novembre 2012 Cessione di prodotti agricoli e alimentari - Forma e contenuto dei contratti - Termini di pagamento e interessi di mora - Contrasto alle

Dettagli

ALBERTI - UBINI - CASTAGNETTI Dottori Commercialisti Associati

ALBERTI - UBINI - CASTAGNETTI Dottori Commercialisti Associati STUDIO ALBERTI - UBINI - CASTAGNETTI Dottori Commercialisti Associati ASSOCIATI: GIOVANNI ALBERTI Professore Ordinario di Economia Aziendale in quiescenza dottore commercialista - revisore legale CLAUDIO

Dettagli

Gruppo Buffetti S.p.A. Via F. Antolisei 10-00173 Roma

Gruppo Buffetti S.p.A. Via F. Antolisei 10-00173 Roma SOMMARIO VERSIONI CONTENUTE NEL PRESENTE CD... 2 MODALITA DI AGGIORNAMENTO... 2 AVVERTENZE... 2 ADEGUAMENTO ARCHIVI... 2 INTERVENTI EFFETTUATI CON L UPD 004_2009 DI LINEA AZIENDA... 3 SCHEDA DI TRASPORTO

Dettagli

G.U. n. 274, del 23 novembre scorso Regolamento di attuazione dell'art. 62 del decreto-legge 24 gennaio 2012, n. 1

G.U. n. 274, del 23 novembre scorso Regolamento di attuazione dell'art. 62 del decreto-legge 24 gennaio 2012, n. 1 Sulla G.U. n. 274, del 23 novembre scorso, è stato pubblicato il decreto del Ministero delle politiche agricole e forestali del 19 ottobre 2012, Regolamento di attuazione dell'art. 62 del decreto-legge

Dettagli

OPERAZIONI INTRACOMUNITARIE (D.L. 30 agosto 1993, n.331 convertito con L. 29/10/1993 n 427)

OPERAZIONI INTRACOMUNITARIE (D.L. 30 agosto 1993, n.331 convertito con L. 29/10/1993 n 427) OPERAZIONI INTRACOMUNITARIE (D.L. 30 agosto 1993, n.331 convertito con L. 29/10/1993 n 427) DETERMINAZIONE DELLA BASE IMPONIBILE Art.43 Base imponibile ed aliquota 1. Per gli acquisti intracomunitari di

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI DELLO SPEDIZIONIERE FERRARI PER I TRASPORTI INTERNAZIONALI

CONDIZIONI GENERALI DELLO SPEDIZIONIERE FERRARI PER I TRASPORTI INTERNAZIONALI CONDIZIONI GENERALI DELLO SPEDIZIONIERE FERRARI PER I TRASPORTI INTERNAZIONALI 1. Oggetto del mandato Con riferimento all art. 1737 CC, la spedizione viene eseguita secondo l Ordine di Spedizione impartito

Dettagli

LA COMUNICAZIONE DELLE DICHIARAZIONI D INTENTO

LA COMUNICAZIONE DELLE DICHIARAZIONI D INTENTO Periodico quindicinale FE n. 10 14 agosto 2012 LA COMUNICAZIONE DELLE DICHIARAZIONI D INTENTO ABSTRACT Il cosiddetto Decreto Semplificazioni Fiscali è intervenuto sull obbligo di comunicazione delle dichiarazioni

Dettagli

dei cittadini di un paese terzo dipendenti di un impresa stabilità in uno Stato membro o impiegati presso la stessa.

dei cittadini di un paese terzo dipendenti di un impresa stabilità in uno Stato membro o impiegati presso la stessa. LA CARTA DI QUALIFICAZIONE DEL CONDUCENTE Campi di applicazione, esenzioni, obblighi, corsi di formazione, decorrenze e tutto quello che c è da sapere sulla CQC *Di Franco Medri Con la pubblicazione della

Dettagli

PLURALITÀ DI PRESTAZIONI DA PARTE DI SUB-VETTORE.

PLURALITÀ DI PRESTAZIONI DA PARTE DI SUB-VETTORE. CONTRATTO DI TRASPORTO DI MERCI SU STRADA PER PRESTAZIONE SINGOLA O PLURALITÀ DI PRESTAZIONI DA PARTE DI SUB-VETTORE. Art. 1. Identificazione delle Parti Con la presente scrittura privata da valere ad

Dettagli

SOSPENSIONE DEI DEBITI DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE VERSO IL SISTEMA CREDITIZIO LA SCHEDA DI TRASPORTO

SOSPENSIONE DEI DEBITI DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE VERSO IL SISTEMA CREDITIZIO LA SCHEDA DI TRASPORTO SOSPENSIONE DEI DEBITI DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE VERSO IL SISTEMA CREDITIZIO Il ministro dell'economia, Giulio Tremonti e il presidente dell'abi, Corrado Faissola hanno firmato l'accordo sulla moratoria

Dettagli

Il Sistema di Tracciabilità dei Rifiuti SISTRI

Il Sistema di Tracciabilità dei Rifiuti SISTRI Il Sistema di Tracciabilità dei Rifiuti SISTRI Classificazione ambiente > rifiuti > rifiuti gestione > adempimenti connessi alla gestione dei rifiuti Sommario Campo di applicazione Definizioni Adesione

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI DELLO SPEDIZIONIERE FERRARI PER I TRASPORTI INTERNAZIONALI (28-10-2013)

CONDIZIONI GENERALI DELLO SPEDIZIONIERE FERRARI PER I TRASPORTI INTERNAZIONALI (28-10-2013) CONDIZIONI GENERALI DELLO SPEDIZIONIERE FERRARI PER I TRASPORTI INTERNAZIONALI (28-10-2013) Queste condizioni hanno lo scopo di definire le modalità di esecuzione, da parte di Ferrari.Il cliente si impegna

Dettagli

Novità in materia di responsabilità solidale committente appaltatore subappaltatore in ambito fiscale (D.l. 83/2012)

Novità in materia di responsabilità solidale committente appaltatore subappaltatore in ambito fiscale (D.l. 83/2012) Novità in materia di responsabilità solidale committente appaltatore subappaltatore in ambito fiscale (D.l. 83/2012) Avv. Lucia Secchiaroli lucia.secchiaroli@studiopirola.com Novità normative Art. 13 ter

Dettagli

UTILIZZAZIONE DI AUTOCARRI PRESI IN COMODATO D USO GRATUITO SENZA CONDUCENTE di Maurizio PIRAINO *

UTILIZZAZIONE DI AUTOCARRI PRESI IN COMODATO D USO GRATUITO SENZA CONDUCENTE di Maurizio PIRAINO * UTILIZZAZIONE DI AUTOCARRI PRESI IN COMODATO D USO GRATUITO SENZA CONDUCENTE di Maurizio PIRAINO * Ai sensi dell art. 1803 del codice civile, approvato con R.D. 16 marzo 1942, n. 262, «il comodato è il

Dettagli

Prontuario. Studio Zunarelli Associati LA CONCLUSIONE DI CONTRATTI DI TRASPORTO E L EFFETTUAZIONE DELLE ATTIVITÀ CONNESSE

Prontuario. Studio Zunarelli Associati LA CONCLUSIONE DI CONTRATTI DI TRASPORTO E L EFFETTUAZIONE DELLE ATTIVITÀ CONNESSE Prontuario LA CONCLUSIONE DI CONTRATTI DI TRASPORTO E L EFFETTUAZIONE DELLE ATTIVITÀ CONNESSE ALLA LUCE DEL D. LGS. N. 286 DEL 21.11.2005 Marzo 2006 Realizzazione Studio Zunarelli Associati Indice Introduzione

Dettagli

Costo del carburante in fattura

Costo del carburante in fattura Periodico informativo n. 84/2010 Costo del carburante in fattura Gentile cliente, con la stesura del presente documento informativo intendiamo metterla a conoscenza di come avviene l indicazione in fattura

Dettagli

QUESITI - Programma merci Serie MAN - Elementi di diritto civile - Nazionale

QUESITI - Programma merci Serie MAN - Elementi di diritto civile - Nazionale QUESITI - Programma merci Serie MAN - Elementi di diritto civile - Nazionale MAN001 Nel trasporto cumulativo, per l'esecuzione del contratto risponde A il primo vettore F B l'ultimo vettore F C tutti i

Dettagli

Il Ministro delle politiche agricole alimentari e forestali. Il Ministro dello sviluppo economico. di concerto con

Il Ministro delle politiche agricole alimentari e forestali. Il Ministro dello sviluppo economico. di concerto con Il Ministro delle politiche agricole alimentari e forestali di concerto con Il Ministro dello sviluppo economico VISTO l articolo 17 della Legge 23 agosto 1988, n. 400, recante Disciplina dell'attività

Dettagli

MODALITÀ DI DISTRUZIONE DEI BENI

MODALITÀ DI DISTRUZIONE DEI BENI MODALITÀ DI DISTRUZIONE DEI BENI Le formalità da seguire per procedere alle distruzioni di beni, analoghe sia per le rimanenze di magazzino che per i beni strumentali, sono attualmente previste dal D.P.R.

Dettagli

CIRCOLARE n. 3 del 20/1/2013. LA PROVA AI FINI IVA DELLE CESSSIONI INTRACOMUNITARIE I recenti chiarimenti Ufficiali

CIRCOLARE n. 3 del 20/1/2013. LA PROVA AI FINI IVA DELLE CESSSIONI INTRACOMUNITARIE I recenti chiarimenti Ufficiali CIRCOLARE n. 3 del 20/1/2013 LA PROVA AI FINI IVA DELLE CESSSIONI INTRACOMUNITARIE I recenti chiarimenti Ufficiali INDICE 1. LA PROVA DELLA CESSIONE INTRACOMUNITARIA SULLA EFFETTIVA MOVIMENTAZIONE DI BENI

Dettagli

Il contributo Il comma 150 della Legge di Stabilità autorizza la spesa di 250 milioni di euro annui a decorrere dall'anno. Premessa.

Il contributo Il comma 150 della Legge di Stabilità autorizza la spesa di 250 milioni di euro annui a decorrere dall'anno. Premessa. 2 di 9 23/01/2015 11.02 LINK UTILI Carrelli usati Jungheinrich "I Magazzini Automatici" GRATIS Sommario Premessa Il contributo L eliminazione della scheda di trasporto Superamento dei costi minimi di esercizio

Dettagli

Art. 10 (*) (Decreto legislativo 30.4.1992, n. 285 - Codice della strada) Veicoli eccezionali e trasporti in condizioni di eccezionalità (1)

Art. 10 (*) (Decreto legislativo 30.4.1992, n. 285 - Codice della strada) Veicoli eccezionali e trasporti in condizioni di eccezionalità (1) Art. 10 (*) (Decreto legislativo 30.4.1992, n. 285 - Codice della strada) Veicoli eccezionali e trasporti in condizioni di eccezionalità (1) 1. È eccezionale il veicolo che nella propria configurazione

Dettagli

Disciplina delle relazioni commerciali in materia di cessione di prodotti agricoli e agroalimentari

Disciplina delle relazioni commerciali in materia di cessione di prodotti agricoli e agroalimentari Disciplina delle relazioni commerciali in materia di cessione di prodotti agricoli e agroalimentari 20121117 12:59:12 L articolo 62 del Decreto Legge n. 1 del 24 gennaio 2012, meglio noto come Decreto

Dettagli

Prima della sottoscrizione leggere attentamente la Nota Informativa. Il presente Fascicolo Informativo contenente

Prima della sottoscrizione leggere attentamente la Nota Informativa. Il presente Fascicolo Informativo contenente CONTRATTO DI ASSICURAZIONE PER LA RESPONSABILITA DEL VETTORE STRADALE ASSICURAZIONE DELLA RESPONSABILITÀ CIVILE PER I DANNI ALLE MERCI TRASPORTATE POLIZZA RESPONSABILITÀ VETTORIALE Il presente Fascicolo

Dettagli

di Alberto PIEROBON pierobon@pierobon.eu

di Alberto PIEROBON pierobon@pierobon.eu NEL TRASPORTO DEI RIFIUTI OCCORRE (ORA) LA SCHEDA DI TRASPORTO (DI CUI AL D.M. 30/06/2009, N.554), O BASTA IL SOLO FORMULARIO? PRIMISSIME CONSIDERAZIONI 1. di Alberto PIEROBON pierobon@pierobon.eu L articolo

Dettagli

A. INFORMAZIONI SULL IMPRESA DI ASSICURAZIONE. 1. Informazioni generali

A. INFORMAZIONI SULL IMPRESA DI ASSICURAZIONE. 1. Informazioni generali NOTA INFORMATIVA (ed. 12/2011) Prodotto Vettore Stradale Assicurazione della Responsabilità Civile per i danni alle merci trasportate (ed. 12/2011) (ai sensi dell art. 185 del decreto legislativo n 209

Dettagli

TRASPORTO INTERNAZIONALE DI MERCI - IL TRASPORTO COMBINATO - di Franco MEDRI* e Maurizio PIRAINO**

TRASPORTO INTERNAZIONALE DI MERCI - IL TRASPORTO COMBINATO - di Franco MEDRI* e Maurizio PIRAINO** TRASPORTO INTERNAZIONALE DI MERCI - IL TRASPORTO COMBINATO - di Franco MEDRI* e Maurizio PIRAINO** Con il Decreto Ministeriale 15 febbraio 2001, n. 28T, il Ministero dei Trasporti ha recepito la Direttiva

Dettagli

I CONTRATTI. DI merci. avv. prof. Maurizio Riguzzi

I CONTRATTI. DI merci. avv. prof. Maurizio Riguzzi I CONTRATTI NELL autotrasporto DI merci avv. prof. Maurizio Riguzzi 532 CONTRATTO DI TRASPORTO DELLE MERCI E OBBLIGAZIONI DELLA FILIERA Sommario: 532.0 QUADRO GENERALE 532.1 CONTRATTO DI TRASPORTO DI

Dettagli

CIRCOLARE N. 31/E. Roma, 6 luglio 2011

CIRCOLARE N. 31/E. Roma, 6 luglio 2011 CIRCOLARE N. 31/E Direzione Centrale Accertamento Roma, 6 luglio 2011 OGGETTO: Tutela della sicurezza stradale e della regolarità del mercato dell autotrasporto di cose per conto di terzi - Applicazione

Dettagli

Conto Terzi 2011 Nalon Sinchetto - Manuale per il controllo dell autotrasporto nazionale. Indice

Conto Terzi 2011 Nalon Sinchetto - Manuale per il controllo dell autotrasporto nazionale. Indice Indice Prefazione...pag. 3 Introduzione...3 1. Trasporto in Conto Proprio e Trasporto per Conto Terzi. Quadro normativo...5 2. Come capire se si sta effettuando trasporto in conto proprio o per conto terzi...6

Dettagli

* * * Prot. 300/A/205/15/108/13/1 Prot. 744 Del 15/01/2015 Del 15/01/2015 - ALLE QUESTURE DELLA REPUBBLICA LORO SEDI

* * * Prot. 300/A/205/15/108/13/1 Prot. 744 Del 15/01/2015 Del 15/01/2015 - ALLE QUESTURE DELLA REPUBBLICA LORO SEDI Prot. 300/A/205/15/108/13/1 Prot. 744 Del 15/01/2015 Del 15/01/2015 - ALLE QUESTURE DELLA REPUBBLICA LORO SEDI - AI COMPARTIMENTI DELLA POLIZIA STRADALE LORO SEDI - ALLE ZONE POLIZIA DI FRONTIERA LORO

Dettagli

SANZIONI PER TARDIVO PAGAMENTO DELLE FORNITURE DI PRODOTTI AGRICOLI E ALIMENTARI

SANZIONI PER TARDIVO PAGAMENTO DELLE FORNITURE DI PRODOTTI AGRICOLI E ALIMENTARI TMG COMMERCIALISTI rag. Sergio Corrente Numero circolare 5 Data 11/10/2012 SANZIONI PER TARDIVO PAGAMENTO DELLE FORNITURE DI PRODOTTI AGRICOLI E ALIMENTARI Abstract: Rif.to normativo: Dal 24 ottobre 2012

Dettagli

http://www.assind.vi.it/notiziario/guideschede.nsf/p/guida_176

http://www.assind.vi.it/notiziario/guideschede.nsf/p/guida_176 Page 1 of 8 Attenzione: la Guida che state stampando è aggiornata al 30/09/2005. I file allegati con estensione.doc,.xls,.pdf,.rtf, etc. non verranno stampati automaticamente; per averne copia cartacea

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI NOLEGGIO AUTOBUS CON CONDUCENTE

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI NOLEGGIO AUTOBUS CON CONDUCENTE REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI NOLEGGIO AUTOBUS CON CONDUCENTE Aggiornato con le disposizioni della legge 218/2003 disciplina dell attività di trasporto di viaggiatori effettuato mediante noleggio di autobus

Dettagli

Nuove regole per la compravendita di prodotti agricoli e alimentari

Nuove regole per la compravendita di prodotti agricoli e alimentari Circolare n. 9 - pagina 1 di 8 Achille Delmonte Alberto Bertani Mario Montepietra Anna Fantini Andrea Sassi Giacobbe Silvi Dottore Commercialista Dottore Commercialista Dottore Commercialista Ragioniere

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI DI SPEDIZIONE ROBERTO BUCCI SPA

CONDIZIONI GENERALI DI SPEDIZIONE ROBERTO BUCCI SPA CONDIZIONI GENERALI DI SPEDIZIONE ROBERTO BUCCI SPA 1. Premessa. 1.1 Le presenti Condizioni Generali disciplinano le obbligazioni nascenti dai mandati di spedizione (in appresso i Mandati ) stipulati da

Dettagli

TRASPORTO MERCI IN CONTO PROPRIO E DICHIARAZIONE DELLE COSE TRASPORTATE

TRASPORTO MERCI IN CONTO PROPRIO E DICHIARAZIONE DELLE COSE TRASPORTATE Attenzione: la Guida che state stampando è aggiornata al 30/06/2008. I file allegati con estensione.doc,.xls,.pdf,.rtf, etc. non verranno stampati automaticamente; per averne copia cartacea è necessario

Dettagli

COMUNE DI MONTEROTONDO Provincia di Roma REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI NOLEGGIO CON CONDUCENTE SVOLTO MEDIANTE AUTOVETTURA

COMUNE DI MONTEROTONDO Provincia di Roma REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI NOLEGGIO CON CONDUCENTE SVOLTO MEDIANTE AUTOVETTURA COMUNE DI MONTEROTONDO Provincia di Roma REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI NOLEGGIO CON CONDUCENTE SVOLTO MEDIANTE AUTOVETTURA approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 24 del 11.03.2003 COMUNE

Dettagli

Roma, 23 dicembre 2010. Prot. n.

Roma, 23 dicembre 2010. Prot. n. CIRCOLARE N. 59/E Roma, 23 dicembre 2010 Direzione Centrale Normativa Settore Imposte Indirette Ufficio Iva Prot. n. OGGETTO: Applicabilità del meccanismo dell inversione contabile o reverse charge alle

Dettagli

DISCIPLINA DELLE RELAZIONI COMMERCIALI IN MATERIA DI CESSIONE DI PRODOTTI AGRICOLI E ALIMENTARI

DISCIPLINA DELLE RELAZIONI COMMERCIALI IN MATERIA DI CESSIONE DI PRODOTTI AGRICOLI E ALIMENTARI DISCIPLINA DELLE RELAZIONI COMMERCIALI IN MATERIA DI CESSIONE DI PRODOTTI AGRICOLI E ALIMENTARI FONTI NORMATIVE -Art. 62, D.L. 1/2012 convertito in Legge 24 marzo 2012, n. 27 -D.M attuativo dell art. 62

Dettagli

NOLEGGIO CON CONDUCENTE (NCC) Tutte le regole per autovetture, autobus e taxi a cura di Franco Medri*

NOLEGGIO CON CONDUCENTE (NCC) Tutte le regole per autovetture, autobus e taxi a cura di Franco Medri* NOLEGGIO CON CONDUCENTE (NCC) Tutte le regole per autovetture, autobus e taxi a cura di Franco Medri* Premessa: le parti evidenziate in rosso non sono ancora entrate in vigore se non dopo la pubblicazione

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI DI TRASPORTO FERRARI SERVIZIO DOMESTICO

CONDIZIONI GENERALI DI TRASPORTO FERRARI SERVIZIO DOMESTICO CONDIZIONI GENERALI DI TRASPORTO FERRARI SERVIZIO DOMESTICO Ferrari S.p.A. è una Casa di spedizioni internazionali specializzata nel settore dei beni di lusso (gioielleria, oreficeria, pietre preziose,

Dettagli

e, pc. Determinazione direttoriale prot. 158235/RU del 7/12/2010 - prime istruzioni operative

e, pc. Determinazione direttoriale prot. 158235/RU del 7/12/2010 - prime istruzioni operative CIRCOLARE N. 16/D Protocollo: 159505 Rif.: Allegati: Roma, 21 dicembre 2010 Alle Direzioni regionali, interregionali e provinciali Agli Uffici delle dogane e, pc. All Ufficio centrale audit interno All

Dettagli

Articolo tratto dalla rivista elettronica PL.com- Editore EDK

Articolo tratto dalla rivista elettronica PL.com- Editore EDK Articolo tratto dalla rivista elettronica PL.com- Editore EDK Quesito per PL.com 21 gennaio 2012 Art. 167 Codice della Strada Massa complessiva a pieno carico eccedente di Avv. Rosa Bertuzzi Quesito: Durante

Dettagli

I rischi del trasporto multimodale: il carico e l impresa "groupage" i

I rischi del trasporto multimodale: il carico e l impresa groupage i I rischi del trasporto multimodale: il carico e l impresa "groupage" i 1 Il termine "groupage" nel commercio internazionale indica un particolare tipo di spedizione che consiste nel riunire e raggruppare

Dettagli

Il Ministro delle politiche agricole alimentari e forestali. Il Ministro dello sviluppo economico. di concerto con

Il Ministro delle politiche agricole alimentari e forestali. Il Ministro dello sviluppo economico. di concerto con Il Ministro delle politiche agricole alimentari e forestali di concerto con Il Ministro dello sviluppo economico VISTO l articolo 17 della Legge 23 agosto 1988, n. 400, recante Disciplina dell'attività

Dettagli

Pagina 1 di 9 REGIONE BASILICATA DIPARTIMENTO PRESIDENZA GIUNTA PROCEDURA APERTA PER L AGGIUDICAZIONE DELLA FORNITURA DI N.

Pagina 1 di 9 REGIONE BASILICATA DIPARTIMENTO PRESIDENZA GIUNTA PROCEDURA APERTA PER L AGGIUDICAZIONE DELLA FORNITURA DI N. REGIONE BASILICATA DIPARTIMENTO PRESIDENZA GIUNTA PROCEDURA APERTA PER L AGGIUDICAZIONE DELLA FORNITURA DI N. 3 FUORISTRADA CAPITOLATO D ONERI Pagina 1 di 9 SOMMARIO 1. DEFINIZIONI...3 2. OGGETTO...3 3.

Dettagli

QUESITI - Programma merci Serie MAI - Elementi di diritto civile - Internazionale

QUESITI - Programma merci Serie MAI - Elementi di diritto civile - Internazionale QUESITI - Programma merci Serie MAI - Elementi di diritto civile - Internazionale MAI001 Nella CMR, la lettera di vettura andata persa A non può essere sostituita F B può essere sostituita da una nuova

Dettagli

RIFORMA DELLE PROFESSIONI Contrattazione dell'incarico professionale RC professionale Compensi

RIFORMA DELLE PROFESSIONI Contrattazione dell'incarico professionale RC professionale Compensi RIFORMA DELLE PROFESSIONI Contrattazione dell'incarico professionale RC professionale Compensi LEGGE 14 settembre 2011, n. 148 Conversione in legge, con modificazioni, del decreto-legge 13 agosto 2011,

Dettagli

BOLLETTINO UFFICIALE SOMMARIO REPUBBLICA ITALIANA. Supplemento - Martedì 23 dicembre 2014

BOLLETTINO UFFICIALE SOMMARIO REPUBBLICA ITALIANA. Supplemento - Martedì 23 dicembre 2014 Anno XLIV N. 326 Iscritto nel registro Stampa del Tribunale di Milano (n. 656 del 21 dicembre 2010) Proprietario: Giunta Regionale della Lombardia Sede Direzione e redazione: p.zza Città di Lombardia,

Dettagli

Disciplina dell orario di lavoro e dei tempi di guida nell autotrasporto

Disciplina dell orario di lavoro e dei tempi di guida nell autotrasporto Disciplina dell orario di lavoro e dei tempi di guida nell autotrasporto CRONOLOGIA DELLE NORME EUROPEE Regolamento n. 543/69/CE (G.U.C.E. n. L 77 del 29 marzo 1969); Accordo Europeo 1 luglio 1970 (AETR);

Dettagli

APPROFONDIMENTO I TEMPI DI GUIDA

APPROFONDIMENTO I TEMPI DI GUIDA APPROFONDIMENTO I TEMPI DI GUIDA NORMATIVA E SANZIONI MAGGIO 2013 A cura dell Ufficio Relazioni Industriali Faccioli Chiara - Padovani Carlo 6 SOMMARIO 1. Ambito di applicazione 2. Il tempo di guida 3.

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE DELMASTRO DELLE VEDOVE, MARTINAT, ZACCHERA, RASI, FOTI, MIGLIORI, LANDI, BUTTI, PASETTO

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE DELMASTRO DELLE VEDOVE, MARTINAT, ZACCHERA, RASI, FOTI, MIGLIORI, LANDI, BUTTI, PASETTO Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 2240 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI DELMASTRO DELLE VEDOVE, MARTINAT, ZACCHERA, RASI, FOTI, MIGLIORI, LANDI, BUTTI, PASETTO Norme

Dettagli

CGC. 2.1 Monteverro pubblicherà o comunicherà ai Clienti mainlinglist l elenco dei Prodotti offerti corredato dall indicazione del prezzo di vendita.

CGC. 2.1 Monteverro pubblicherà o comunicherà ai Clienti mainlinglist l elenco dei Prodotti offerti corredato dall indicazione del prezzo di vendita. 1 Disposizioni generali 1.1 Le presenti condizioni generali di contratto (di seguito, Condizioni Generali ) disciplinano i rapporti tra i clienti c.d. mailinglist (di seguito, Clienti Mailing List o, semplicemente,

Dettagli

L ISVAP. (Istituto per la vigilanza sulle assicurazioni private e di interesse collettivo)

L ISVAP. (Istituto per la vigilanza sulle assicurazioni private e di interesse collettivo) REGOLAMENTO N. 27 DEL 14 OTTOBRE 2008 CONCERNENTE LA TENUTA DEI REGISTRI ASSICURATIVI DI CUI ALL ARTICOLO 101 DEL DECRETO LEGISLATIVO 7 SETTEMBRE 2005, N. 209 CODICE DELLE ASSICURAZIONI PRIVATE. L ISVAP

Dettagli