MODALITA DI TRASMISSIONE DELLE RICHIESTE DI VALUTAZIONE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "MODALITA DI TRASMISSIONE DELLE RICHIESTE DI VALUTAZIONE"

Transcript

1 ALLEGATO AL REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL COMITATO ETICO INDIPENDENTE DEL CRO DI AVIANO Approvato nella seduta del 11 dicembre 2013 MODALITA DI TRASMISSIONE DELLE RICHIESTE DI VALUTAZIONE 1

2 COME RICHIEDERE UNA VALUTAZIONE DOCUMENTI RICHIESTI PER STUDI PROMOSSI DA ORGANIZZAZIONI NO PROFIT Per gli studi farmacologici si deve fare riferimento all elenco dei documenti previsti nelle liste 1a (richiesta di parere unico) 1b (richiesta di accettazione di parere, centro satellite) presente nel D.M. 21/12/2007 (CTA form) e successive modificazioni e integrazioni. Seguono specifiche e informazioni più dettagliate sui documenti da presentare. 1. Lettera di intenti e/o di invito per studi di gruppo firmata, intestata e comprensiva di: a. numero di soggetti da arruolare; b. tempistiche dello studio (data di inizio prevista, data prevista di fine arruolamento, data prevista di fine studio); c. tipo di sperimentazione (mono o multicentrica); d. fase di sperimentazione (se applicabile); e. disegno dello studio; f. eventuale utilizzo di laboratori centralizzati o non centralizzati; g. responsabile del monitoraggio; h. responsabile della farmacovigilanza (se applicabile); i. responsabile dell analisi statistica dei dati; j. centro coordinatore, in caso di sperimentazione multicentrica; k. fornitura di farmaci (se applicabile); l. polizza assicurativa (se applicabile); m. eventuale richiesta esenzione pagamento del CE secondo decreto 17/12/2004 n. indirizzo completo ( , numero di telefono e del fax) della persona di riferimento per richiedere spiegazioni, documentazione integrativa ecc o. elenco di tutta la documentazione allegata. 2. Qualora la sperimentazione venga seguita da una CRO (contract research organization): lettera del Promotore che delega la CRO (indicare il nome) a seguire la sperimentazione e dettagliare le attività delegate. 2

3 3. Copia del modulo di consenso informato (foglio informativo e dichiarazione di consenso) su modello del Promotore della Sperimentazione. Il documento dovrà tenere conto della normativa sulla privacy e suoi aggiornamenti. 4. Lettera al Medico Curante (se applicabile). 5. Diario del paziente e/o tesserino e/o questionario sullo stato di salute o la qualità di vita (se applicabile). 6. Copia del protocollo di studio, datato e firmato dal Promotore (Principal Investigator, Co- Investigator ); Il protocollo dovrà comprendere anche: l addendum per la safety dove devono essere specificati nome e cognome e riferimenti del Responsabile della Farmacovigilanza e dell inoltro dei dati di safety al Ministero (se applicabile). specifiche sul/sui farmaci, randomizzazione e modalità di confezionamento e distribuzione, da inserire nella sezione apposita del protocollo (se protocollo farmacologico) 7. sinossi del protocollo in italiano. 8. Scheda raccolta dati (Case Report Form CRF) o schema del database in Excel/Access o altro software utilizzato per la raccolta dei dati. 9. Elenco dei centri partecipanti alla sperimentazione. 10. Curriculum vitae del Principal Investigator datati e firmati con specifica relativa alla precedente partecipazione a studi clinici e a corsi sull argomento (GCP, metodologia, ecc.) 11. Copia del parere unico da parte del CE del centro coordinatore (se applicabile). 12. Bozza di convenzione o grant se previsto un finanziamento (se applicabile) ULTERIORI SPECIFICHE PER STUDI FARMACOLOGICI: - Documentazione relativa al prodotto in sperimentazione: 3

4 Investigator s Brochure; IMPD completo (se CRO Aviano è centro coordinatore) o semplificato (se CRO Aviano è centro satellite) per prodotti non ancora in commercio; Valutazione rischio/beneficio (se non presente nell Investigator s Brochure o nel protocollo) Riassunto delle caratteristiche del prodotto (RCP) per prodotto già in commercio e dotato e utilizzato secondo Autorizzazione all Immissione in Commercio (AIC). Ai fini del rimborso, per quanto riguarda la gestione di medicinali e/o prodotti farmaceutici, alcuni protocolli utilizzano prodotti definibili come non- investigational medicinal products (N-IMPs). Secondo quanto previsto dal DM 21/12/2007 (Suppl. n. 53 alla GU del 3/3/2008, pagg ), si ritiene opportuno che, in fase di stipula della Convenzione contrattuale tra un Promotore e CRO Aviano, il Promotore invii alla S.O.C. Farmacia del CRO Aviano un modulo (vedi allegato) che specifichi i prodotti N-IMPs che prevedibilmente verranno utilizzati durante la sperimentazione assegnandoli alle seguenti 3 classi, per potere fare una previsione e quantificare i costi relativi ai prodotti farmaceutici utilizzati, secondo il seguente schema: IMPs = Investigational medicinal products : oneri a carico del promotore Re-IMPs = Regardless to IMPs prodotti che sarebbero prescritti o utilizzati ugualmente per il paziente, indipendentemente dalla sperimentazione e secondo la migliore pratica clinica corrente: oneri a carico del SSN /ospedale presso cui si svolge la sperimentazione Pe-IMPs = Product equivalent to IMPs prodotti che vengono prescritti al paziente solo in virtù del fatto che partecipa alla sperimentazione clinica: oneri a carico del promotore - Documentazione per Database dell Osservatorio Ministeriale: Copertina contenente il numero di Eudra-CT, stampata dall Osservatorio firmata Copia compilata della Domanda di autorizzazione alle autorità competenti per una sperimentazione clinica su un medicinale ad uso umano e per il parere dei Comitati Etici scaricabile dal Data Base dell Osservatorio Ministeriale comprensiva della lista 1a e 1b (CTA form); Nota: per gli studi Per gli studi spontanei multicentrici in cui CRO Aviano è centro coordinatore o monocentrici CRO Aviano, il personale della Segreteria del Comitato Etico provvederà all inserimento dei dati contenuti nella documentazione cartacea nel Database dell Osservatorio Ministeriale alla presenza dello 4

5 Sperimentatore Principale o suo delegato es: data manager - producendo un CTA form elettronico e stampando la pagina della copertina dell Osservatorio contenente il numero di Eudra-CT. La richiesta di numero Eudra-CT dovrà pervenire almeno 15 giorni prima del termine (deadline) per la presentazione dei documenti al Comitato. - Linee Guida EMA di riferimento, se CRO Aviano centro coordinatore, come richiesto nella Sezione E del modello di parere unico. - Copia della polizza assicurativa completa con certificato con evidenziati i seguenti punti (se applicabile): a) periodo di validità; b) massimali; c) presenza o meno di franchigia e non opponibilità al terzo danneggiato; d) durata di validità dell estensione; e) diritto di recesso; f) lista di esclusioni. - altri studi con lo stesso IMP (se CRO Aviano è centro coordinatore). - dichiarazione TSE (se CRO Aviano è centro coordinatore). - Form per gli studi no profit da decreto compilato dal Principal Investigator (se applicabile). ULTERIORI SPECIFICHE PER GLI STUDI O SOTTOSTUDI DI FARMACOGENETICA: consenso informato specifico per raccolta di materiale biologico per studi genetici ULTERIORI SPECIFICHE PER GLI STUDI CON RADIAZIONI: Dichiarazione se dose e somministrazione sono standard o alternativamente commento relativo ai principi dell IRCP (International Commission on Radiological Protection) e delle indicazioni della Commissione europea (Radiation Protectection 99 Guidance in medical Exposure in medical and Biomedical research). ULTERIORI SPECIFICHE PER GLI STUDI MULTICENTRICI: 5

6 Per gli studi multicentrici in cui il Promotore sia un Associazione, Fondazione, ecc allegare il relativo statuto. ULTERIORI SPECIFICHE PER GLI STUDI CON DISPOSITIVO: Impegno alla notifica al Ministero della Salute. Prima dell'inizio della sperimentazione clinica il Promotore dovrà fornire una dichiarazione che attesti di non aver ricevuto obiezioni dal Ministero della Salute entro i 60 gg previsti dalla legge, o in alternativa: copia del certificato CE del dispositivo medico e degli stampati dello stesso Copia del Manuale di istruzioni e della documentazione relativa al device Clinical Investigator s Brochure aggiornata, con la specificazione delle norme seguite per la sua redazione Documentazione relativa all analisi dei rischi, con specificazione delle norme seguite per la sua redazione Dichiarazione in merito alla segnalazione al Ministero della Salute ed al Comitato Etico di eventi e circostanze sfavorevoli. Istruzioni per lo sperimentatore sull uso del dispositivo, in italiano SPECIFICHE PER GLI STUDI OSSERVAZIONALI e FARMACOLOGICI: form sugli studi osservazionali compilato e firmato su carta intestata (dallo Sperimentatore del CRO Aviano se CRO Aviano è centro coordinatore; dallo Sperimentatore del centro coordinatore, se CRO Aviano è centro satellite). Tutta la documentazione elencata (tranne CRF e Investigator s Brochure) dovrà essere disponibile per il Comitato Etico in 3 (tre) copie cartacea e su CD-ROM. Per le CRF e Investigator s Brochure/IMPD/RCP è sufficiente 1 (una) sola copia cartacea Nel CD-Rom dovrà essere inserita anche: - la lista di tutti i documenti presentati (in Word) - dichiarazione firmata con lista di tutti i documenti inviati che attesti che i documenti presenti nel CD-rom corrispondono ai documenti inviati in via cartacea. 6

7 La documentazione sarà considerata completa e potrà pertanto essere visionata dal Comitato Etico solo alla consegna presso la Segreteria del Comitato Etico (Direzione Scientifica) da parte dello Sperimentatore dei documenti sopra indicati, unitamente a: 1. Modulo 1 CRO modulo interno. Tra i Ricercatori Associati andranno inserite le figure professionali dell Infermiera di Ricerca se lo studio ne prevede il coinvolgimento, e del Farmacista per la gestione del farmaco, SE PREVISTO, e della DATA MANAGER; 2. Lettera del Direttore della S.O.C. presso la quale /le quali si svolge la sperimentazione di essere a conoscenza e condividere gli scopi dello studio; 3. Dichiarazione di assenza conflitto di interessi; 4. Modulo studi no profit; 5. Modello RC sperimentazioni cliniche (se applicabile); 6. Lettera modello richiesta autorizzazione AC; 7. Modulo CTO prevalutazione studio. 8. File power point di presentazione dello studio Scaricabili in area intranet/dbr ricerca 7

8 DOCUMENTI RICHIESTI PER STUDI SPONSORIZZATI DA AZIENDE FARMACEUTICHE O BIOMEDICALI Per gli studi farmacologici si deve fare riferimento all elenco dei documenti previsti nelle liste 1a (richiesta di parere unico) 1b (richiesta di accettazione di parere, centro satellite) presente nel D.M. 21/12/2007 (CTA form) e successive modificazioni e integrazioni. Seguono specifiche e informazioni più dettagliate sui documenti da presentare. 1. Lettera di intenti o di invito a partecipare firmata dal Promotore/Contract Research Organization (CRO), intestata e comprensiva di: a. numero di soggetti da arruolare; b. tempistiche dello studio (data di inizio prevista, data prevista di fine arruolamento, data prevista di fine studio); c. tipo di sperimentazione (mono o multicentrica); d. fase di sperimentazione (se applicabile); e. disegno dello studio; f. eventuale utilizzo di laboratori centralizzati o non centralizzati; g. monitoraggio; h. responsabile della farmacovigilanza; i. centro coordinatore, in caso di sperimentazione multicentrica; j. fornitura farmaci (se applicabile); k. polizza assicurativa (se applicabile); l. proposta economica; m. intestatario fattura ed indirizzo di invio fattura per il pagamento delle spese del CE e dello studio (distinguere chiaramente); n. indirizzo completo ( , numero di telefono) della persona di riferimento per richiedere spiegazioni, documentazione integrativa ecc ; o. elenco di tutta la documentazione allegata. 2. Qualora la sperimentazione venga seguita da una CRO (Contract Research Organization): lettera del Promotore che delega la CRO (indicare il nome) a seguire la sperimentazione e dettagliare le attività delegate. 3. Copia del modulo di consenso informato (foglio informativo e dichiarazione di consenso) su modello del Promotore della Sperimentazione. Il documento dovrà tenere conto della normativa sulla privacy e suoi aggiornamenti. 8

9 4. Lettera al medico curante (se applicabile). 5. Diario del paziente e/o tesserino e/o questionario sullo stato di salute o qualità di vita (se applicabile). 6. Copia del protocollo di studio datata e firmata dal Promotore. 7. Sinossi del protocollo in italiano. 8. Scheda raccolta dati (Case Report Form - CRF). 9. Elenco dei centri partecipanti alla sperimentazione (se sperimentazione multicentrica). 10. Elenco delle Autorità competenti (se CRO Aviano è centro coordinatore) 11. Curriculum vitae del Principal Investigator datati e firmati con specifica relativa alla precedente partecipazione a studi clinici e a corsi sull argomento (GCP, metodologia, ecc.) 12. Copia del parere unico da parte del CE del centro coordinatore (se CRO Aviano centro satellite). 13. Bozza di convenzione su modello del Promotore. 14. Copia dell'avvenuto pagamento del bonifico (vedi allegato per le coordinate bancarie). ULTERIORI SPECIFICHE PER GLI STUDI FARMACOLOGICI: - Documentazione relativa al prodotto in sperimentazione: Investigator s Brochure documento cartaceo datato e firmato, per prodotti non ancora in commercio; IMPD completo (se CRO Aviano è centro coordinatore) o semplificato (se CRO Aviano è centro satellite) per prodotti non ancora in commercio; Valutazione rischio/beneficio (se non presente nell Investigator s Brochure o nel protocollo) Riassunto delle caratteristiche del prodotto (RCP) per prodotto già in commercio e dotato e utilizzato secondo Autorizzazione all Immissione in Commercio (AIC). 9

10 Ai fini del rimborso, per quanto riguarda la gestione di medicinali e/o prodotti farmaceutici, alcuni protocolli utilizzano prodotti definibili come non- investigational medicinal products (N-IMPs). Secondo quanto previsto dal DM 21/12/2007 (Suppl. n. 53 alla GU del 3/3/2008, pagg ), si ritiene opportuno che, in fase di stipula della Convenzione contrattuale tra un Promotore e CRO Aviano, il Promotore invii alla S.O.C. Farmacia del CRO Aviano un modulo (vedi allegato) che specifichi i prodotti N-IMPs che prevedibilmente verranno utilizzati durante la sperimentazione assegnandoli alle seguenti 3 classi, per potere fare una previsione e quantificare i costi relativi ai prodotti farmaceutici utilizzati, secondo il seguente schema: IMPs = Investigational medicinal products : oneri a carico del promotore Re-IMPs = Regardless to IMPs prodotti che sarebbero prescritti o utilizzati ugualmente per il paziente, indipendentemente dalla sperimentazione e secondo la migliore pratica climica corrente: oneri a carico del SSN /ospedale presso cui si svolge la sperimentazione Pe-IMPs = Product equivalent to IMPs prodotti che vengono prescritti al paziente solo in virtù del fatto che partecipa alla sperimentazione clinica: oneri a carico del promotore - Documentazione estratta dal Database dell Osservatorio Ministeriale: Pagina di copertina contenente il numero di Eudra-CT, stampata dall Osservatorio; Copia compilata della Domanda di autorizzazione alle autorità competenti e di parere ai Comitati Etici (CTA form) per la sperimentazione clinica su un medicinale ad uso umano scaricabile dal Data Base dell Osservatorio Ministeriale comprensiva di: - lista 1a, per richiesta di parere unico. - lista1b, se CRO Aviano è centro satellite, firmata dal Promotore. - Linee Guida EMA di riferimento, se CRO Aviano centro coordinatore, come richiesto nella Sezione E del modello di parere unico. - Copia della polizza assicurativa completa con certificato con evidenziati i seguenti punti (se applicabile): a) periodo di validità; b) massimali; c) presenza o meno di franchigia e non opponibilità al terzo danneggiato; d) durata di validità dell estensione; e) diritto di recesso; f) lista di esclusioni. 10

11 - altri studi con lo stesso IMP (se CRO Aviano è centro coordinatore). - dichiarazione TSE (se CRO Aviano è centro coordinatore). ULTERIORI SPECIFICHE PER GLI STUDI O SOTTOSTUDI DI FARMACOGENETICA: consenso informato specifico per raccolta di materiale biologico nell ultima versione CROA Aviano approvata dal Comitato Etico; Regolamento per l utilizzazione di materiale biologico a fini di ricerca e/o di Sperimentazione firmato per accettazione dal Responsabile della banca Biologica o del Laboratorio dove verranno conservati e analizzati i campioni, effettuate le analisi. Indicare titolo, nome e cognome e funzione della persona che firma. (consenso informato specifico per la raccolta del materiale biologico sono scaricabili dal sito internet del CRO). ULTERIORI SPECIFICHE PER GLI STUDI CON RADIAZIONI: Dichiarazione se dose e somministrazione sono standard o alternativamente commento relativo ai principi dell IRCP (International Commission on Radiological Protection) e delle indicazioni della Commissione europea (Radiation Protectection 99 Guidance in medical Exposure in medical and Biomedical research). ULTERIORI SPECIFICHE PER GLI STUDI CON DISPOSITIVO: Impegno alla notifica al Ministero della Salute. Prima dell'inizio della sperimentazione clinica il Promotore dovrà fornire una dichiarazione che attesti di non aver ricevuto obiezioni dal Ministero della Salute entro i 60 gg previsti dalla legge, o in alternativa: copia del certificato CE del dispositivo medico e degli stampati dello stesso Copia del Manuale di istruzioni e della documentazione relativa al device, in italiano. Clinical Investigator s Brochure aggiornata, con la specificazione delle norme seguite per la sua redazione Documentazione relativa all analisi dei rischi, con specificazione delle norme seguite per la sua redazione Dichiarazione in merito alla segnalazione al Ministero della Salute ed al Comitato Etico di eventi e circostanze sfavorevoli. Istruzioni per lo sperimentatore sull uso del dispositivo, in italiano 11

12 SPECIFICHE PER GLI STUDI OSSERVAZIONALI su FARMACI : form sugli studi osservazionali compilato e firmato su carta intestata (dallo Sperimentatore del CRO Aviano se CRO Aviano è centro coordinatore; dallo Sperimentatore del centro coordinatore, se CRO Aviano è centro satellite). Tutta la documentazione elencata (tranne CRF e Investigator s Brochure) dovrà essere disponibile per il Comitato Etico in 3 (tre) copie cartacea e su CD-ROM. Per le CRF e Investigator s Brochure/IMPD/RCP è sufficiente 1 (una) sola copia cartacea Nel CD-Rom dovrà essere inserita anche: - la lista di tutti i documenti presentati (in Word); - dichiarazione firmata con lista di tutti i documenti inviati che attesti che i documenti presenti nel CD-rom corrispondono ai documenti inviati in via cartacea. La documentazione sarà considerata completa e potrà pertanto essere visionata dal Comitato Etico solo alla consegna presso la Segreteria del Comitato Etico (Direzione Scientifica) da parte dello Sperimentatore dei documenti sopra indicati, unitamente a: 1. Modulo 1 CRO modulo interno. Tra i Ricercatori Associati andranno inserite le figure professionali dell Infermiera di Ricerca se lo studio ne prevede il coinvolgimento, e del Farmacista per la gestione del farmaco, SE PREVISTO, e della DATA MANAGER; 2. Lettera del Direttore della S.O.C. presso la quale /le quali si svolge la sperimentazione di essere a conoscenza e condividere gli scopi dello studio. 3. Dichiarazione di assenza conflitto di interessi; 4. Modello RC sperimentazioni cliniche (se applicabile); 5. Lettera modello richiesta autorizzazione AC; 6. Form CTO prevalutazione studio. 7. File power point di presentazione dello studio. Scaricabili in area intranet/dbr ricerca 12

13 DOCUMENTAZIONE RICHIESTA PER EMENDAMENTI SOSTANZIALI A UNA SPERIMENTAZIONE CLINICA SPONSORIZZATA O SPONTANEA 1. Lettera formale di presentazione dell emendamento redatta dal Promotore/CRO (Contract Res Organization) con evidenziati chiaramente: - il razionale dell /degli emendamento/i a cui riferirsi ed i suoi/loro contenuti; - i documenti allegati. 2. Lettera formale di presentazione e condivisione dell emendamento redatta dallo sperimentatore interno CRO Aviano. 3. Testo del protocollo emendato con evidenziati i cambiamenti rispetto alla versione precedentemente approvata dal CE, datato e firmato dal Promotore (se applicabile). 4. Eventuale documentazione variata (es: modulo di consenso informato, lettera al medico curante, lista centri ) con evidenziati i cambiamenti, rispetto alle versioni precedentemente approvate dal CE; 5. Adeguamento accordi economici (se applicabile); 6. Copia dell avvenuto bonifico. ULTERIORI SPECIFICHE PER GLI STUDI FARMACOLOGICI: Appendice 9 compilata elettronicamente nel Database dell Osservatorio Ministeriale ed allegata in cartaceo datata e firmata da Promotore. CTA form emendato compilato elettronicamente nel Database dell Osservatorio Ministeriale ed allegato in cartaceo datato e firmato dal Promotore. Per gli studi spontanei multicentrici in cui CRO Aviano è centro coordinatore o monocentrici CRO Aviano, il personale della Segreteria del Comitato Etico provvederà all inserimento dei dati contenuti nella documentazione cartacea nel Database dell Osservatorio Ministeriale alla presenza dello Sperimentatore Principale o suo delegato es: data manager - producendo un CTA form elettronico e stampando la pagina della copertina dell Osservatorio contenente il numero di Eudra-CT. La richiesta di numero Eudra-CT dovrà pervenire almeno 15 giorni prima del termine (deadline) per la presentazione dei documenti al Comitato. 13

14 ULTERIORI SPECIFICHE PER GLI STUDI CON DISPOSITIVO: notifica al Ministero della Salute o in alternativa: copia del certificato CE del dispositivo medico e degli stampati dello stesso (se il dispositivo e dotato di marchio CE) copia del Manuale di istruzioni e della documentazione relativa al device Clinical Investigator s Brochure aggiornata, con la specificazione delle norme seguite per la sua redazione Documentazione relativa all analisi dei rischi, con specificazione delle norme seguite per la sua redazione Dichiarazione in merito alla segnalazione al Ministero della Salute ed al Comitato Etico di eventi e circostanze sfavorevoli. Istruzioni per lo sperimentatore sull uso del dispositivo, in italiano. Tutta la documentazione elencata dovrà essere disponibile per il Comitato in 3 (tre) copie cartacee e su CD-ROM. Nel CD-Rom dovrà essere inserita anche: - la lista di tutti i documenti presentati (in Word) - dichiarazione firmata con lista di tutti i documenti inviati che attesti che i documenti presenti nel CD-rom corrispondono ai documenti inviati in via cartacea. Lo Sperimentatore, una volta a conoscenza dell emendamento, per un protocollo in cui CRO Aviano è coordinatore dovrà provvedere a consegnare alla Segreteria del Comitato Etico: 1. lettera di commento all emendamento che contenga: - descrizione dettagliata dei punti oggetto dell emendamento; - indicazioni dell eventuale impatto del contenuto del documento sulla prosecuzione dello studio; - stato di avanzamento del medesimo. 2. nuova versione del consenso informato (se applicabile) 14

15 DOCUMENTAZIONE RICHIESTA PER PROGRAMMI DI USO COMPASSIONEVOLE ( USO TERAPEUTICO DI MEDICINALE SOTTOPOSTO A SPERIMENTAZIONE CLINICA DM 8 maggio 2013) 1. Lettera di richiesta di somministrazione farmaco ad uso compassionevole, riportante la motivazione clinica della richiesta e i dati relativi al paziente per il quale la richiesta viene effettuata (iniziali del nome, data di nascita); 2. Relazione clinica del paziente (identificato da iniziali del nome, data di nascita); 3. Protocollo, datato e firmato; 4. Investigator s Brochure del farmaco (dati relativi alla efficacia e alla tollerabilità); 5. Modulo di consenso informato; 6. Schede raccolta dati; 7. Dichiarazione della Ditta fornitrice del farmaco a fornire il farmaco in maniera gratuita. E contemplata la valutazione secondo procedura d urgenza Tutta la documentazione elencata (tranne CRF e Investigator s Brochure) dovrà essere disponibile per il Comitato Etico in 3 (tre) copie cartacee e su CD-ROM. Per le CRF e Investigator s Brochure/IMPD/RCP è sufficiente 1 (una) sola copia cartacea. 15

16 SEGNALAZIONE EVENTI AVVERSI La segnalazione di eventi avversi (SAE, SUSAR, Rapporti periodici sulla sicurezza, ecc.) deve essere effettuata secondo il modello di lettera Segnalazione eventi avversi, disponibile in intranet/dbr ricerca. 16

17 MODALITA DI INVIO DELLA DOCUMENTAZIONE Intestare la domanda a: Comitato Etico Indipendente Centro di Riferimento Oncologico Via F. Gallini, Aviano PN c.c. Principal Investigator (Struttura Operativa di..) c.c. Autorità competente Direttore Generale Dr. Piero Cappelletti Centro di Riferimento Oncologico Via F. Gallini, Aviano PN Nota La lettera di intenti va inviata e intestata come sopra indicato. E sufficiente inviare la documentazione relativa alla Sperimentazione solo al Comitato Etico e allo/agli Sperimentatore/i. Per quanto riguarda l Autorità Competente, sarà sufficiente inviare copia della lettera di intenti. 17

18 SCADENZE Il Comitato si riunisce periodicamente, ogni due mesi circa, in data stabilita di volta in volta. Per conoscere le date delle sedute è necessario contattare la Segreteria del Comitato Etico ( ; I documenti devono pervenire alla segreteria del Comitato Etico 21 giorni prima della riunione del CE. La Segreteria del Comitato Etico può contattare direttamente il Principal Investigator per problemi legati ad aspetti formali nella presentazione dei documenti. Per gli studi spontanei multicentrici in cui CRO Aviano è centro coordinatore o monocentrici CRO Aviano, la richiesta di numero Eudra-CT dovrà pervenire almeno 15 giorni prima del termine (deadline) per la presentazione dei documenti al Comitato. L Internal Review Board dell Istituto, che si riunisce mediamente 7-10 giorni prima della seduta del Comitato Etico, fornirà, tramite la Segreteria della Direzione Scientifica, eventuali commenti/richieste di modifiche/integrazioni/chiarimenti sui documenti in valutazione. 18

19 RELAZIONE PER LA COMUNICAZIONE DELLO STATO DI AVANZAMENTO DEGLI STUDI Almeno una volta l anno il Promotore è tenuto alla comunicazione sull andamento della sperimentazione: in generale al CRO di Aviano 19

20 MODALITA DI PAGAMENTO PER LA DOCUMENTAZIONE PRESENTATA AL COMITATO ETICO DA PROMOTORE COMMERCIALE Pagamento da effettuare tramite bonifico bancario c/c n intestato a Centro di Riferimento Oncologico Tesoreria CRO Aviano presso Banca Popolare FriulAdria Crèdit Agricole, filiale di Aviano, Via Ospedale 1, Aviano PN CIN Y ABI 5336 CAB codice IBAN IT92Y BIC/SWIFT BPPNIT2P004 Causale: inserire il titolo o codice dello studio e/o dell emendamento. Valutazione sperimentazione clinica euro 2.000,00 Valutazione emendamento sostanziale di sperimentazione clinica euro 500,00 Valutazione studio osservazionale euro 250,00 Valutazione emendamento sostanziale studio osservazionale euro 250,00 Imposta di bolloeuro 2,00 Verrà rilasciata fattura. Si prega di comunicare gli estremi dell anagrafe tributaria della Ditta. 20

21 CONVENZIONE ECONOMICA Si accetta lo schema del Promotore, con riserva di richiedere eventuale modifiche 21

MODALITA DI TRASMISSIONE AL COMITATO ETICO INDIPENDENTE DELLE RICHIESTE DI VALUTAZIONE DI TUTTE LE TIPOLOGIE DI SPERIMENTAZIONI CLINICHE

MODALITA DI TRASMISSIONE AL COMITATO ETICO INDIPENDENTE DELLE RICHIESTE DI VALUTAZIONE DI TUTTE LE TIPOLOGIE DI SPERIMENTAZIONI CLINICHE ALLEGATO AL REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL COMITATO ETICO INDIPENDENTE DEL CRO DI AVIANO Approvato nella seduta del 3 settembre 2015 MODALITA DI TRASMISSIONE AL COMITATO ETICO INDIPENDENTE DELLE RICHIESTE

Dettagli

Segreteria del Comitato Etico Indipendente. Settore Gestione Amministrativa Sperimentazioni Cliniche. Carta dei Servizi

Segreteria del Comitato Etico Indipendente. Settore Gestione Amministrativa Sperimentazioni Cliniche. Carta dei Servizi Segreteria del Comitato Etico Indipendente Settore Gestione Amministrativa Sperimentazioni Cliniche Carta dei Servizi Pag. 2 di 14 INDICE 1. Premessa 3 2. Mission 3 3. Il team 3 4. Il Comitato Etico Indipendente

Dettagli

ATTIVITA DI UN COMITATO ETICO. Elisabetta Riva Ufficio Ricerche Cliniche Fondazione Centro San Raffaele del Monte Tabor Milano

ATTIVITA DI UN COMITATO ETICO. Elisabetta Riva Ufficio Ricerche Cliniche Fondazione Centro San Raffaele del Monte Tabor Milano ATTIVITA DI UN COMITATO ETICO Elisabetta Riva Ufficio Ricerche Cliniche Fondazione Centro San Raffaele del Monte Tabor Milano Cos è un Comitato Etico Definizione: un organismo indipendente, composto da

Dettagli

LINEE GUIDA E MODULISTICA PER LA RICHIESTA DI VALUTAZIONE DI RICERCHE BIOMEDICHE

LINEE GUIDA E MODULISTICA PER LA RICHIESTA DI VALUTAZIONE DI RICERCHE BIOMEDICHE LINEE GUIDA E MODULISTICA PER LA RICHIESTA DI VALUTAZIONE DI RICERCHE BIOMEDICHE 1 Ufficio di Segreteria tecnico-scientifica del Comitato Etico per la Sperimentazione Clinica delle Province di Verona e

Dettagli

Procedure per la presentazione di una richiesta di valutazione di Studio clinico con Dispositivi medici Commerciale

Procedure per la presentazione di una richiesta di valutazione di Studio clinico con Dispositivi medici Commerciale Procedure per la presentazione di una richiesta di valutazione di Studio clinico con Dispositivi medici Commerciale Il fabbricante di dispositivi medici non muniti di marcatura CE e destinati a sperimentazioni

Dettagli

A1. SPERIMENTAZIONE CLINICA DEI MEDICINALI - PROFIT

A1. SPERIMENTAZIONE CLINICA DEI MEDICINALI - PROFIT A1. SPERIMENTAZIONE CLINICA DEI MEDICINALI - PROFIT Comitato Etico per la Ricerca Biomedica delle Province di Chieti e di Pescara ELENCO DEI DOCUMENTI RICHIESTI 1. Eventuale atto di delega ad una CRO,

Dettagli

LINEE GUIDA E MODULISTICA PER LA RICHIESTA DI VALUTAZIONE DI RICERCHE BIOMEDICHE

LINEE GUIDA E MODULISTICA PER LA RICHIESTA DI VALUTAZIONE DI RICERCHE BIOMEDICHE LINEE GUIDA E MODULISTICA PER LA RICHIESTA DI VALUTAZIONE DI RICERCHE BIOMEDICHE 1 Ufficio di Segreteria tecnico-scientifica del Comitato Etico per la Sperimentazione Clinica delle Province di Verona e

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CONDUZIONE DELLE SPERIMENTAZIONI CLINICHE

REGOLAMENTO PER LA CONDUZIONE DELLE SPERIMENTAZIONI CLINICHE REGOLAMENTO PER LA CONDUZIONE DELLE SPERIMENTAZIONI CLINICHE Art. 1 - SCOPO...2 Art. 2 - CAMPO DI APPLICAZIONE...2 Art. 3 - DEFINIZIONI E ABBREVIAZIONI...2 Art. 4 - PROCEDURE E RESPONSABILITA...5 Art.

Dettagli

Allegato alla Deliberazione n. 256 del 11.10.2013

Allegato alla Deliberazione n. 256 del 11.10.2013 Regolamento dell iter aziendale relativo agli studi osservazionali, alle sperimentazioni cliniche, alle iniziative di ricerca assimilabili, istituzione del Clinical Trial Center (C.T.C.) ed individuazione

Dettagli

BOZZA DI CONVENZIONE TRA L AZIENDA USL DI PIACENZA E LA.. TRA PREMESSO

BOZZA DI CONVENZIONE TRA L AZIENDA USL DI PIACENZA E LA.. TRA PREMESSO BOZZA DI CONVENZIONE TRA L AZIENDA USL DI PIACENZA E LA.. TRA L Azienda USL di Piacenza con sede legale in Piacenza, Via Anguissola 15, Codice Fiscale e P.IVA n. 91002500337, rappresentata dal Direttore

Dettagli

NUOVI MODELLI DI RICERCA CLINICA NEL CONTESTO INTERNAZIONALE

NUOVI MODELLI DI RICERCA CLINICA NEL CONTESTO INTERNAZIONALE NUOVI MODELLI DI RICERCA CLINICA NEL CONTESTO INTERNAZIONALE L UFFICIO RICERCHE CLINICHE E LE SPERIMENTAZIONE CLINICHE NELL IRCCS OSPEDALE SAN RAFFAELE Elisabetta Riva Ufficio Ricerche Cliniche IRCCS Ospedale

Dettagli

IL RUOLO DEL DATA MANAGER

IL RUOLO DEL DATA MANAGER Bergamo, 10 giugno 2014 La proposta di regolamento europeo sulle sperimentazioni cliniche. Nuove opportunità per i pazienti e per la ricerca IL RUOLO DEL DATA MANAGER Dr Maria Luisa Ferrari Ematologia

Dettagli

Roma, 12 novembre 2009

Roma, 12 novembre 2009 Roma, 12 novembre 2009 Decreto 14 luglio 2009. Requisiti minimi per le polizze assicurative a tutela dei soggetti partecipanti alle sperimentazioni cliniche dei medicinali Il punto di vista del Comitato

Dettagli

OGGETTO: Nuovi Sistemi Informativi AIFA e adempimenti relativi a Sperimentazione Clinica

OGGETTO: Nuovi Sistemi Informativi AIFA e adempimenti relativi a Sperimentazione Clinica OGGETTO: Nuovi Sistemi Informativi AIFA e adempimenti relativi a Sperimentazione Clinica Dal 1 gennaio 2013 l Agenzia Italiana del Farmaco (AIFA) avvierà la fase attuativa di un nuovo Sistema Informativo

Dettagli

FARMACOVIGILANZA NELLE E SPERIMENTAZIONI CLINICHE

FARMACOVIGILANZA NELLE E SPERIMENTAZIONI CLINICHE FARMACOVIGILANZA NELLE E SPERIMENTAZIONI CLINICHE 1. Documenti di riferimento Direttiva Europea 2001/20/CE Decreto legislativo n 211 del 24 giugno 2003 Linee guida per la Buona Pratica Clinica (I.C.H.

Dettagli

OsSC Corso Formazione Normativa e processo

OsSC Corso Formazione Normativa e processo OsSC Corso Formazione Normativa e processo Paola Aita, Antonio Galluccio, Raffaella Maione Febbraio Aprile 2014 Dichiarazione di trasparenza/interessi* Le opinioni espresse in questa presentazione sono

Dettagli

Il ruolo del Clinical Research Coordinator-Data manager nella fase autorizzativa dello studio clinico

Il ruolo del Clinical Research Coordinator-Data manager nella fase autorizzativa dello studio clinico + Il ruolo del Clinical Research Coordinator-Data manager nella fase autorizzativa dello studio clinico Francesca Coati CRC UOC Oncologia Medica Ospedale Sacro Cuore - Don Calabria, Negrar(VR) + Il contesto

Dettagli

A cura del Dr. Paolo De Micheli LA SPERIMENTAZIONE CLINICA IN ITALIA

A cura del Dr. Paolo De Micheli LA SPERIMENTAZIONE CLINICA IN ITALIA A cura del Dr. Paolo De Micheli LA SPERIMENTAZIONE CLINICA IN ITALIA MEDICALSTAR Via S. Gregorio, 12 20124 MILANO Tel. 02 29404825 www.medicalstar.it info@medicalstar.it Perché i Quaderni I Quaderni sono

Dettagli

L esperienza al servizio della ricerca. Contract Research Organisation

L esperienza al servizio della ricerca. Contract Research Organisation L esperienza al servizio della ricerca Contract Research Organisation Bioikòs Farma è una Contract Research Organisation (CRO), che dal 1993 si occupa di studi clinici di fase e osservazionali in diverse

Dettagli

La sperimentazione clinica con i dispositivi medici. Auditorium TAKEDA Roma, 5 novembre 2012. La valutazione del Comitato Etico

La sperimentazione clinica con i dispositivi medici. Auditorium TAKEDA Roma, 5 novembre 2012. La valutazione del Comitato Etico La sperimentazione clinica con i dispositivi medici Auditorium TAKEDA Roma, 5 novembre 2012 La valutazione del Comitato Etico Dr.ssa Elisabetta Agostini Segretario Comitato Etico IDI-IRCCS e Ospedale San

Dettagli

giunta regionale 8^ legislatura ALLEGATO B Dgr n. 4430 del 28.12.2006 pag. 1/68

giunta regionale 8^ legislatura ALLEGATO B Dgr n. 4430 del 28.12.2006 pag. 1/68 ALLEGATO B Dgr n. 4430 del 28.12.2006 pag. 1/68 Linee guida relative all esecuzione delle sperimentazioni cliniche dei medicinali, con particolare riferimento a quelle ai fini del miglioramento della pratica

Dettagli

Il Promotore di studi no-profit

Il Promotore di studi no-profit Il Promotore di studi no-profit La fattibilità e gli obblighi regolatori Alberto De Marchi Quintiles Spa Bergamo, 4 Giugno 2014 Copyright 2013 Quintiles L ambito di ricerca Settore Pubblico Settore Privato

Dettagli

REGIONE CALABRIA COMITATO ETICO REGIONALE

REGIONE CALABRIA COMITATO ETICO REGIONALE REGIONE CALABRIA COMITATO ETICO REGIONALE REGOLAMENTO COSTITUTIVO E PROCEDURE OPERATIVE STANDARD INDICE Art. 1 Oggetto del regolamento Art. 2 Definizioni Art. 3 Definizione di sezione del Comitato Etico

Dettagli

PROCEDURE OPERATIVE STANDARD

PROCEDURE OPERATIVE STANDARD PROCEDURE OPERATIVE STANDARD PER LA SPERIMENTAZIONE CLINICA STANDARD OPERATING PROCEDURES (SOPs) SERVIZIO RICERCA E SVILUPPO CLINICO 1 ABBREVIAZIONI 3 GLOSSARIO 4 SOP 1 Organizzazione e programmazione

Dettagli

Bando per il CORSO DI PERFEZIONAMENTO in MONITOR E AUDITOR DELLE SPERIMENTAZIONI CLINICHE. Anno accademico 2014/2015

Bando per il CORSO DI PERFEZIONAMENTO in MONITOR E AUDITOR DELLE SPERIMENTAZIONI CLINICHE. Anno accademico 2014/2015 Bando per il CORSO DI PERFEZIONAMENTO in MONITOR E AUDITOR DELLE SPERIMENTAZIONI CLINICHE L Università degli Studi di Camerino, VISTO VISTO VISTA Anno accademico 2014/2015 lo Statuto, emanato con Decreto

Dettagli

Enrica Morra S.C. Ematologia, A.O. Niguarda Ca Granda Milano

Enrica Morra S.C. Ematologia, A.O. Niguarda Ca Granda Milano Enrica Morra S.C. Ematologia, A.O. Niguarda Ca Granda Milano 1 Lo sviluppo clinico di un farmaco Processo essenziale nell ambito della cura delle malattie. Attività complessa, che nell ultimo secolo è

Dettagli

Ministero della Salute Agenzia Italiana del Farmaco

Ministero della Salute Agenzia Italiana del Farmaco Ministero della Salute Agenzia Italiana del Farmaco Linee guida per la classificazione e conduzione degli studi osservazionali sui farmaci IL DIRETTORE GENERALE VISTO il Decreto del Ministero della Salute

Dettagli

Agenda 1/30/2011. Farmacovigilanza in Quintiles. Uno sguardo a Quintiles globale: i servizi di Farmacovigilanza. Farmacovigilanza negli studi clinici

Agenda 1/30/2011. Farmacovigilanza in Quintiles. Uno sguardo a Quintiles globale: i servizi di Farmacovigilanza. Farmacovigilanza negli studi clinici Farmacovigilanza in Quintiles Katia Lazzati Site Start Up Manager Roma - 26.01.2011 Agenda Uno sguardo a Quintiles globale: i servizi di Farmacovigilanza Farmacovigilanza negli studi clinici Basi legali

Dettagli

Fabrizio Galliccia. giovedì 17 maggio 2012 DISCLAIMER

Fabrizio Galliccia. giovedì 17 maggio 2012 DISCLAIMER ATTIVITA DELL ISPETTORATO GCP SVILUPPI RECENTI E NUOVI ORIENTAMENTI IN MATERIA Fabrizio Galliccia giovedì 17 maggio 2012 DISCLAIMER I dati e i commenti contenuti in questa presentazione rappresentano il

Dettagli

LA VALUTAZIONE CLINICA E IL RUOLO DEI COMITATI ETICI

LA VALUTAZIONE CLINICA E IL RUOLO DEI COMITATI ETICI II CONFERENZA NAZIONALE SUI DISPOSITIVI MEDICI Direttiva 47/07 Monitoraggio e controllo dei costi LA VALUTAZIONE CLINICA E IL RUOLO DEI COMITATI ETICI Giacomo Chiabrando Segreteria Tecnico-Scientifica

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute Ministero della Salute Roma,5 dicembre 2007 Assobiomedica Sua Sede Consobiomed Sua Sede e p.c. Assessorati alla Sanità delle Regioni e delle Province autonome di Trento e Bolzano Loro Sedi Comitati etici

Dettagli

OsSC Il sistema, flussi informativi e funzionalità

OsSC Il sistema, flussi informativi e funzionalità Corso sull Osservatorio Nazionale sulla Sperimentazione Clinica dei Medicinali (OsSC) rivolto ai Comitati Etici OsSC Il sistema, flussi informativi e funzionalità Federica Ronchetti Bologna, 12, 13, 19,

Dettagli

AZIENDA OSPEDALIERO - UNIVERSITARIA DI MODENA

AZIENDA OSPEDALIERO - UNIVERSITARIA DI MODENA AZIENDA OSPEDALIERO - UNIVERSITARIA DI MODENA COPIA DAL REGISTRO DEGLI ATTI DEL DIRETTORE GENERALE N.11/0000197/DG Del 11 Novembre 2011 DELIBERA N. 11/0000197/DG OGGETTO: Regolamento sperimentazioni non

Dettagli

La mente è. come un paracadute, funziona solo se si apre. Albert Einstein

La mente è. come un paracadute, funziona solo se si apre. Albert Einstein La mente è come un paracadute, funziona solo se si apre. Albert Einstein HIPPOCRATES RESEARCH Hippocrates Research (HR) è una Contract Research Organization che fa capo ad Hippocrates Group. Oltre che

Dettagli

Roma,, 28 febbraio 2011

Roma,, 28 febbraio 2011 Roma,, 28 febbraio 2011 Ricerca e Sperimentazione Clinica N...RSC/20698/P Risposta al Foglio del... N... Ai referenti dell Osservatorio Nazionale sulla Sperimentazione Clinica (OsSC) di: Promotori CRO

Dettagli

Bando per il Master Universitario di 1 livello in INFERMIERE DI RICERCA

Bando per il Master Universitario di 1 livello in INFERMIERE DI RICERCA L Università degli Studi di Camerino, Bando per il Master Universitario di 1 livello in INFERMIERE DI RICERCA Anno accademico 2012/2013 VISTO lo Statuto, emanato con Decreto Rettorale n. 148 del 25 febbraio

Dettagli

Indicazioni per la predisposizione del foglio informativo, del modulo di consenso informato e della lettera al medico curante

Indicazioni per la predisposizione del foglio informativo, del modulo di consenso informato e della lettera al medico curante Indicazioni per la predisposizione del foglio informativo, del modulo di consenso informato e della lettera al medico curante Introduzione e premesse Sezione 1: Indicazioni per la redazione del foglio

Dettagli

:::;:~:n~:e~:. :::n:~~~"~a;j1 2 6 SET.2011. il.2.7..sei..2.0.1.1.. ~:.L~~..-:..C~.\0.t.~..s.r;~ DIRETTORE GENERALE DELIBERAZIONE N.

:::;:~:n~:e~:. :::n:~~~~a;j1 2 6 SET.2011. il.2.7..sei..2.0.1.1.. ~:.L~~..-:..C~.\0.t.~..s.r;~ DIRETTORE GENERALE DELIBERAZIONE N. DELIBERAZIONE N. DEL 2 6 SET.2011 D Soggetta a controllo G.R.T. D I.E. D Non soggetta a controllo G.R.T. 509 _ Oggetto:APPROVAZIONE REGOLAMENTO FONDI DI STRUTTURA ED ADOZIONE NUOVA MODULISTICA PER L'AUTORIZZAZIONE

Dettagli

La mente è. come un paracadute, funziona solo se si apre. Albert Einstein

La mente è. come un paracadute, funziona solo se si apre. Albert Einstein La mente è come un paracadute, funziona solo se si apre. Albert Einstein HIPPOCRATES RESEARCH Hippocrates Research è una Contract Research Organization che fa capo ad Hippocrates Group. Questo comprende:

Dettagli

MINISTERO DEL LAVORO, DELLA SALUTE E DELLE POLITICHE SOCIALI

MINISTERO DEL LAVORO, DELLA SALUTE E DELLE POLITICHE SOCIALI MINISTERO DEL LAVORO, DELLA SALUTE E DELLE POLITICHE SOCIALI DECRETO 14 luglio 2009 Requisiti minimi per le polizze assicurative a tutela dei soggetti partecipanti alle sperimentazioni cliniche dei medicinali.

Dettagli

LO STUDIO CLINICO E LE FIGURE PROFESSIONALI. Negrar (VR), 29 aprile 2014

LO STUDIO CLINICO E LE FIGURE PROFESSIONALI. Negrar (VR), 29 aprile 2014 LO STUDIO CLINICO E LE FIGURE PROFESSIONALI Il ruolo del ClinicalMonitor Paolo Primiero Vicepresidente Assomonitor Docente a contratto Università di Roma Tor Vergata Negrar (VR), 29 aprile 2014 Definizione

Dettagli

BANDO AIFA 2012 PER LA RICERCA INDIPENDENTE SUI FARMACI

BANDO AIFA 2012 PER LA RICERCA INDIPENDENTE SUI FARMACI BANDO AIFA 2012 PER LA RICERCA INDIPENDENTE SUI FARMACI SCHEMA DI PRESENTAZIONE DELLA LETTERA DI INTENTI La presentazione della lettera di intenti dovrà avvenire entro le ore 12.00 del 23 aprile 2012,

Dettagli

REGOLAMENTO PER LO SVOLGIMENTO DELLE SPERIMENTAZIONI CLINICHE PROFIT E NO-PROFIT

REGOLAMENTO PER LO SVOLGIMENTO DELLE SPERIMENTAZIONI CLINICHE PROFIT E NO-PROFIT REGOLAMENTO PER LO SVOLGIMENTO DELLE SPERIMENTAZIONI CLINICHE PROFIT E NO-PROFIT.0 Deliberazione n. 392 del 13/08/2015 1 INDICE Premessa...... pag. 3 ART. 1 - Oggetto del regolamento...... pag. 3 ART.

Dettagli

E2. STUDIO OSSERVAZIONALE NON FARMACOLOGICO - NO PROFIT Comitato Etico per la Ricerca Biomedica delle Province di Chieti e di Pescara

E2. STUDIO OSSERVAZIONALE NON FARMACOLOGICO - NO PROFIT Comitato Etico per la Ricerca Biomedica delle Province di Chieti e di Pescara E2. STUDIO OSSERVAZIONALE NON FARMACOLOGICO - NO PROFIT Comitato Etico per la Ricerca Biomedica delle Province di Chieti e di Pescara ELENCO DEI DOCUMENTI RICHIESTI 1. Eventuale atto di delega ad una CRO,

Dettagli

CE Online Rete tecnico scientifica e gestionale tra CE e articolazioni locali Osservatorio sulla Ricerca Clinica

CE Online Rete tecnico scientifica e gestionale tra CE e articolazioni locali Osservatorio sulla Ricerca Clinica 1 CE Online Rete tecnico scientifica e gestionale tra CE e articolazioni locali Osservatorio sulla Ricerca Clinica Federica Ronchetti Bologna, 14 giugno 2013 2 Il contesto di riferimento (1/2) Le attività

Dettagli

Regolamento. del Comitato Etico per la Sperimentazione Clinica (CESC) delle Province di Verona e Rovigo

Regolamento. del Comitato Etico per la Sperimentazione Clinica (CESC) delle Province di Verona e Rovigo Regolamento del Comitato Etico per la Sperimentazione Clinica (CESC) delle Province di Verona e Rovigo Approvato dal CESC VR-RO nella seduta del 13 Novembre 2013 Premesse pag. 3 Regolamento pag. 4 1. Il

Dettagli

COMITATO ETICO PER LE SPERIMENTAZIONI CLINICHE DELLA PROVINCIA DI VICENZA

COMITATO ETICO PER LE SPERIMENTAZIONI CLINICHE DELLA PROVINCIA DI VICENZA COMITATO ETICO PER LE SPERIMENTAZIONI CLINICHE DELLA PROVINCIA DI VICENZA SEDUTA 28 APRILE 2014 Dott.ssa Eleonora Benetti Pediatra - indicato dall'ordine dei Medici P Dott. Salvatore Castronovo Ematologo

Dettagli

La normativa relativa alle sperimentazioni cliniche spontanee

La normativa relativa alle sperimentazioni cliniche spontanee Congresso Nazionale SIF Rimini 14 Ottobre 2009 La normativa relativa alle sperimentazioni cliniche spontanee Carlo Tomino - AIFA Uno sguardo alla ricerca clinica nazionale (sui farmaci) Qualche elemento

Dettagli

Bando per il Master Universitario di 2 livello in METODOLOGIA CLINICA E BIOSTATISTICA APPLICATA AI CLINICAL TRIALS

Bando per il Master Universitario di 2 livello in METODOLOGIA CLINICA E BIOSTATISTICA APPLICATA AI CLINICAL TRIALS Bando per il Master Universitario di 2 livello in METODOLOGIA CLINICA E BIOSTATISTICA APPLICATA AI CLINICAL TRIALS L Università degli Studi di Camerino, Anno accademico 2013/2014 VISTO lo Statuto, emanato

Dettagli

AZIENDA UNITA SANITARIA LOCALE VITERBO CONVENZIONE TRA

AZIENDA UNITA SANITARIA LOCALE VITERBO CONVENZIONE TRA Modello 6 CONVENZIONE TRA La Azienda Unita Sanitaria Locale con sede in Viterbo, via E.Fermi,15,Codice Fiscale e Partita I.V.A. 01455570562 (di seguito denominata per brevità AZIENDA ), rappresentata dal

Dettagli

C2. SPERIMENTAZIONE CLINICA DI DISPOSITIVO MEDICO - NO PROFIT. Comitato Etico per la Ricerca Biomedica delle Province di Chieti e di Pescara

C2. SPERIMENTAZIONE CLINICA DI DISPOSITIVO MEDICO - NO PROFIT. Comitato Etico per la Ricerca Biomedica delle Province di Chieti e di Pescara C2. SPERIMENTAZIONE CLINICA DI DISPOSITIVO MEDICO - NO PROFIT Comitato Etico per la Ricerca Biomedica delle Province di Chieti e di Pescara Il D.L.vo 507/92 sui dispositivi medici impiantabili attivi,

Dettagli

D I P A R T I M E N T O di FORMAZIONE CONTINUA

D I P A R T I M E N T O di FORMAZIONE CONTINUA D I P A R T I M E N T O di FORMAZIONE CONTINUA EXECUTIVE MASTER IN MONITORAGGIO DELLA RICERCA CLINICA Per il conseguimento della qualifica di Clinical Research Associate Direzione scientifica: Dr.ssa Irene

Dettagli

Firenze 26 Settembre 2014. Antonella Leto Presidente Associazione Nazionale Infermieri Neuroscienze (ANIN)

Firenze 26 Settembre 2014. Antonella Leto Presidente Associazione Nazionale Infermieri Neuroscienze (ANIN) Firenze 26 Settembre 2014 Antonella Leto Presidente Associazione Nazionale Infermieri Neuroscienze (ANIN) Regolamento (UE) n. 536/2014 del Parlamento europeo e del Consiglio, del 16 aprile 2014, sulla

Dettagli

Università di Camerino

Università di Camerino In corso la procedura di attivazione da parte degli organi accademici di competenza, al termine della quale potrà essere pubblicato il bando nel sito di Ateneo nell ambito dell offerta formativa 2014-2015.

Dettagli

B2. SPERIMENTAZIONE CLINICA NON FARMACOLOGICA - NO PROFIT. Comitato Etico per la Ricerca Biomedica delle Province di Chieti e di Pescara

B2. SPERIMENTAZIONE CLINICA NON FARMACOLOGICA - NO PROFIT. Comitato Etico per la Ricerca Biomedica delle Province di Chieti e di Pescara B2. SPERIMENTAZIONE CLINICA NON FARMACOLOGICA - NO PROFIT Comitato Etico per la Ricerca Biomedica delle Province di Chieti e di Pescara ELENCO DEI DOCUMENTI RICHIESTI 1. Eventuale atto di delega ad una

Dettagli

Nuovo regolamento Europeo delle Sperimentazioni Cliniche: what sgoingon?

Nuovo regolamento Europeo delle Sperimentazioni Cliniche: what sgoingon? Nuovo regolamento Europeo delle Sperimentazioni Cliniche: what sgoingon? Celeste Cagnazzo Clinical Research Coordinator Ufficio Studi Clinici IRCCS Candiolo OGGI:DIRETTIVA 2001/20/CE DOMANI:REGOLAMENTO

Dettagli

La sperimentazione clinica con dispositivi medici

La sperimentazione clinica con dispositivi medici Raccolta ed utilizzo dei dati di performance e di safety del dispositivo medico, nelle fasi pre-marketing e post-marketing 10 e 11 giugno 2014 Sconto Early Bird di 100 euro per iscrizioni entro il 27/05/2014

Dettagli

LA TUTELA ASSICURATIVA

LA TUTELA ASSICURATIVA CORSO DI FORMAZIONE PER I COMPONENTI DEI COMITATI ETICI A.Re.S. Puglia LA TUTELA ASSICURATIVA Avv. Stefano Rossi La fonte normativa D.Lgs 211/03 Attuazione della direttiva 2001/20/CE relativa all applicazione

Dettagli

REGOLAMENTO DEL COMITATO ETICO PER LA SPERIMENTAZIONE CLINICA

REGOLAMENTO DEL COMITATO ETICO PER LA SPERIMENTAZIONE CLINICA Comitato Etico per la Sperimentazione Clinica della Provincia di Rovigo Azienda ULSS 18 Rovigo Azienda ULSS 19 Adria REGOLAMENTO DEL COMITATO ETICO PER LA SPERIMENTAZIONE CLINICA COMITATO ETICO PROVINCIALE

Dettagli

REGOLAMENTO DEL COMITATO ETICO PER LA SPERIMENTAZIONE CLINICA

REGOLAMENTO DEL COMITATO ETICO PER LA SPERIMENTAZIONE CLINICA Comitato Etico per la Sperimentazione Clinica della Provincia di Venezia e IRCCS San Camillo Azienda ULSS 12 Veneziana Azienda ULSS 13 Dolo Mirano Azienda ULSS 10 San Donà Portogruaro Azienda ULSS 14 Chioggia

Dettagli

Bando per il Master Universitario di 2 livello in METODOLOGIA CLINICA E BIOSTATISTICA APPLICATA AI CLINICAL TRIALS

Bando per il Master Universitario di 2 livello in METODOLOGIA CLINICA E BIOSTATISTICA APPLICATA AI CLINICAL TRIALS Bando per il Master Universitario di 2 livello in METODOLOGIA CLINICA E BIOSTATISTICA APPLICATA AI CLINICAL TRIALS L Università degli Studi di Camerino, Anno accademico 2012/2013 VISTO lo Statuto, emanato

Dettagli

La sperimentazione clinica con dispositivi medici

La sperimentazione clinica con dispositivi medici Raccolta ed utilizzo dei dati di performance e di safety del dispositivo medico, nelle fasi pre-marketing e post-marketing Nuova data 13 aprile 2015 10 marzo e 13 aprile 2015 - Milano Sconto Early Bird

Dettagli

STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? 2. Come nasce la sperimentazione clinica e che tipi di studi esistono?

STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? 2. Come nasce la sperimentazione clinica e che tipi di studi esistono? STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? Si definisce sperimentazione clinica, o studio clinico controllato, (in inglese: clinical trial), un esperimento scientifico che genera dati

Dettagli

CAMPUS NEUROMED IDEE PER LA CRESCITA DEL MANAGEMENT NELLA SANITA. (Maggio-Novembre 2013) in collaborazione con

CAMPUS NEUROMED IDEE PER LA CRESCITA DEL MANAGEMENT NELLA SANITA. (Maggio-Novembre 2013) in collaborazione con in collaborazione con IDEE PER LA CRESCITA DEL MANAGEMENT NELLA SANITA CAMPUS NEUROMED (Maggio-Novembre 2013) in collaborazione con Aree di intervento Destinatari - Dipendenti di strutture sanitarie pubbliche

Dettagli

Area Affari Istituzionali, Internazionali e Formazione Divisione Formazione Universitaria e Formazione Permanente

Area Affari Istituzionali, Internazionali e Formazione Divisione Formazione Universitaria e Formazione Permanente FUFP/2 RC IL RETTORE - visto l art. 6 della legge 19 novembre 1990, n. 341; - visto l art. 1, comma 15, della legge 14 gennaio 1999, n. 4; - visto il D.M. 22 ottobre 2004, n. 270, con il quale è stato

Dettagli

Curriculum Vitae Europass

Curriculum Vitae Europass Curriculum Vitae Europass Informazioni personali Nome / Cognome Indirizzo Telefono Fax E-mail di nascita 11.06.1966 Esperienza professionale Rese a favore di P.A. BARBARA TASSINARI, AVVOCATO LIBERO PROFESSIONISTA

Dettagli

GCP. Le Figure. Ruolo, interazioni e responsabilità SPONSOR SPERIMENTATORE MONITOR

GCP. Le Figure. Ruolo, interazioni e responsabilità SPONSOR SPERIMENTATORE MONITOR GCP Ruolo, interazioni e responsabilità Le Figure SPONSOR SPERIMENTATORE MONITOR Ruoli Sponsor: individuo o organizzazione che inizia, dirige e/o finanzia uno studio Monitor: persona designata dallo Sponsor,

Dettagli

Accesso ai farmaci innovativi: alternative all AIC

Accesso ai farmaci innovativi: alternative all AIC Accesso ai farmaci innovativi: alternative all AIC Maria Lebboroni Servizio di Farmacia Ospedaliera ULSS 9 Treviso Premessa Sperimentazione clinica Immissione in commercio (AIC) normativa farmacovigilanza

Dettagli

Sei interessato a partecipare a studi clinici finalizzati allo sviluppo di nuovi farmaci in Sardegna? Diventa volontario con Fase 1 srl.

Sei interessato a partecipare a studi clinici finalizzati allo sviluppo di nuovi farmaci in Sardegna? Diventa volontario con Fase 1 srl. Sei interessato a partecipare a studi clinici finalizzati allo sviluppo di nuovi farmaci in Sardegna? Diventa volontario con Fase 1 srl. Che cos è Fase 1 srl? Fase 1 è una società a responsabilità limitata

Dettagli

Sperimentazione Clinica: ruolo e responsabilità dell Infermiere

Sperimentazione Clinica: ruolo e responsabilità dell Infermiere Sperimentazione Clinica: ruolo e responsabilità dell Infermiere Aspetti legali, assicurativi e privacy nelle sperimentazioni cliniche Francesco Mazza Direttore Legale, Fiscale e Rapporti con le Associazioni,

Dettagli

FAQ per la gestione delle segnalazioni nell ambito della Rete Nazionale di Farmacovigilanza

FAQ per la gestione delle segnalazioni nell ambito della Rete Nazionale di Farmacovigilanza Aggiornamento marzo 2014 FAQ per la gestione delle segnalazioni nell ambito della Rete Nazionale di Farmacovigilanza Il 2 luglio 2012 è entrato in vigore il Regolamento (UE) n. 1235/2010, il 10 luglio

Dettagli

IL RETTORE DECRETA. sono attivati, per l anno accademico 2011/2012 (con inizio nel mese di marzo), i seguenti corsi di perfezionamento:

IL RETTORE DECRETA. sono attivati, per l anno accademico 2011/2012 (con inizio nel mese di marzo), i seguenti corsi di perfezionamento: FUFP/3 VB IL RETTORE - visto il DPR 10 marzo 1982, n. 162, e in particolare gli artt. 1 (comma 2, lettera c), 16 e 17, relativi ai corsi di perfezionamento; - visto l art. 6 della legge 19 novembre 1990,

Dettagli

S.C. FARMACIA OSPEDALIERA S.C. FARMACIA TERRITORIALE OGGETTO

S.C. FARMACIA OSPEDALIERA S.C. FARMACIA TERRITORIALE OGGETTO S.C. FARMACIA OSPEDALIERA S.C. FARMACIA TERRITORIALE DATA: 16.01.2008 REV. N 00 PAG. 1/10 OGGETTO REGOLAMENTO AZIENDALE PER LA PRESCRIZIONE DI TERAPIE FARMACOLOGICHE AL DI FUORI DELLE CONDIZIONI DI AUTORIZZAZIONE

Dettagli

REGIONE DEL VENETO AZIENDA UNITA LOCALE SOCIO-SANITARIA N. 6 VICENZA DELIBERAZIONE. n. 454 del 13-7-2015 O G G E T T O

REGIONE DEL VENETO AZIENDA UNITA LOCALE SOCIO-SANITARIA N. 6 VICENZA DELIBERAZIONE. n. 454 del 13-7-2015 O G G E T T O REGIONE DEL VENETO AZIENDA UNITA LOCALE SOCIO-SANITARIA N. 6 VICENZA DELIBERAZIONE n. 454 del 13-7-2015 O G G E T T O Autorizzazione sperimentazione clinica (Comitato Etico per le Sperimentazioni Cliniche

Dettagli

Sperimentazione Clinica: ruolo e responsabilità dell Infermiere

Sperimentazione Clinica: ruolo e responsabilità dell Infermiere Sperimentazione Clinica: ruolo e responsabilità dell Infermiere Gestione del farmaco sperimentale Santina Fasani, GMO Country Head Novartis Oncologia Italia Università degli Studi di Firenze, 26 settembre

Dettagli

Università Cattolica del Sacro Cuore Piacenza, Italia.

Università Cattolica del Sacro Cuore Piacenza, Italia. Marcello Bricchi Indirizzo: PIAZZALE GRAMSCI N 6 MILANO Tel: 0039 3496923975 Data di Nascita: 01-10-1976 Nazionalità: Italiana Email: marcello.bricchi@libero.it FORMAZIONE 2006 Laurea in Biotecnologie

Dettagli

INFORMAZIONE SCIENTIFICA SUL FARMACO. regolamento aziendale

INFORMAZIONE SCIENTIFICA SUL FARMACO. regolamento aziendale INFORMAZIONE SCIENTIFICA SUL FARMACO regolamento aziendale Revisione Pag. Data Redazione Verifica Approvazione 0 13 24.5.2011 Risk manager AUSL VT Direzione sanitaria aziendale Direzione generale Direzione

Dettagli

Clinical Research Forum

Clinical Research Forum 18-19 Novembre 2015 Firenze AC Hotel Clinical Research Forum www.clinicalresearchforum.it Nuovo Regolamento Europeo sulla sperimentazione clinica Qualità e innovazione nella sperimentazione clinica Con

Dettagli

SVILUPPO CLINICO: STUDI DI FASE E STUDI NON INTERVENTISTICI

SVILUPPO CLINICO: STUDI DI FASE E STUDI NON INTERVENTISTICI Clinical Education Program www.pharmaeducationcenter.it SVILUPPO CLINICO: STUDI DI FASE E STUDI NON INTERVENTISTICI 24 Novembre 2015 Firenze - Sede Pharma Education Center Fasi di sviluppo clinico e preclinico

Dettagli

Endpoints e Studi Clinici in Oncologia Nuove prospettive

Endpoints e Studi Clinici in Oncologia Nuove prospettive Nuove prospettive Venerdì 20 settembre 2013 Sconto Early Bird di 100 euro per iscrizioni entro il 05/09/2013 Hotel Meliã Sala Quarzo - Via Masaccio 19 20149 Milano Venerdì 20 settembre 2013 9:00-18:00

Dettagli

Corso per Infermieri di Ricerca in Reumatologia Hotel Duomo, Pisa 25-27 Ottobre 2010

Corso per Infermieri di Ricerca in Reumatologia Hotel Duomo, Pisa 25-27 Ottobre 2010 Corso per Infermieri di Ricerca in Reumatologia Hotel Duomo, Pisa 25-27 Ottobre 2010 Lunedì 25 Ottobre 2010 14.30 Arrivo e registrazione dei partecipanti 14.30-14.40 Introduzione al corso S. Bombardieri,

Dettagli

Agenzia Italiana del Farmaco

Agenzia Italiana del Farmaco Iniziative per la qualità dell Ispettorato GCP Angela Del Vecchio Dirigente AIFA Ispettore Senior GCP 1 Scopo della normativa italiana ed europea è raggiungere e mantenere la qualità e l integrità degli

Dettagli

COMITATO ETICO INDIPENDENTE REGOLAMENTO

COMITATO ETICO INDIPENDENTE REGOLAMENTO COMITATO ETICO INDIPENDENTE REGOLAMENTO 1 ISTITUZIONE E COMPOSIZIONE Il Comitato Etico è un organismo indipendente istituito presso la Fondazione IRCCS Istituto Nazionale dei Tumori -ai sensi e per gli

Dettagli

Work in progress... Laura McMahon

Work in progress... Laura McMahon Work in progress... Laura McMahon Proposta di Legge - Riconoscimento in materia di riconoscimento della figura professionale del Coordinatore di Ricerca Clinica in Sanità Presentata il 18.03.2014 Signor

Dettagli

Funzione e responsabilità del Comitato Etico.

Funzione e responsabilità del Comitato Etico. Scuola superiore di Neurologia Sin Corso di sperimentazione clinica Funzione e responsabilità del Comitato Etico. Dott.ssa Elisabetta Riva Ospedale San Raffaele, Milano Genova, 16-17 sett 2014 DM 15 luglio

Dettagli

Realizzare un progetto di ricerca o uno studio clinico

Realizzare un progetto di ricerca o uno studio clinico Realizzare un progetto di ricerca o uno studio clinico (sintetica guida per i professionisti) Azienda Ospedaliero - Universitaria di Ferrara Sede legale: via Aldo Moro 8 44124 Ferrara T. +39.0532. 236.111

Dettagli

e medicale Servizi di traduzione per l industria farmaceutica Visitate il nostro sito web: http://www.pharmatrad.com

e medicale Servizi di traduzione per l industria farmaceutica Visitate il nostro sito web: http://www.pharmatrad.com e medicale Servizi di traduzione per l industria farmaceutica Visitate il nostro sito web: http://www.pharmatrad.com Chiariamo le idee: chi NON siamo e cosa NON facciamo PharmaTrad NON è un agenzia di

Dettagli

Proposta di un Documento di Consenso sulla Modalità di Valutazione delle Sperimentazioni Cliniche Non profit

Proposta di un Documento di Consenso sulla Modalità di Valutazione delle Sperimentazioni Cliniche Non profit Proposta di un Documento di Consenso sulla Modalità di Valutazione delle Sperimentazioni Cliniche n profit A cura di SIF Clinica In collaborazione con: Segreteria Scientifica e Membri dei Comitati Etici

Dettagli

Bando per il Master Universitario di 2 livello in

Bando per il Master Universitario di 2 livello in Bando per il Master Universitario di 2 livello in Metodologia Clinica e Biostatistica Applicata ai Clinical Trials Anno accademico 2014/2015 L Università degli Studi di Camerino, VISTO lo Statuto di Ateneo,

Dettagli

Gestione e produzione dei campioni sperimentali utilizzati nell ambito degli studi non-profit. Dr.ssa E.Omodeo Salè Rimini-14/10/2009

Gestione e produzione dei campioni sperimentali utilizzati nell ambito degli studi non-profit. Dr.ssa E.Omodeo Salè Rimini-14/10/2009 Gestione e produzione dei campioni sperimentali utilizzati nell ambito degli studi non-profit Dr.ssa E.Omodeo Salè Rimini-14/10/2009 Sperimentazione in Italia 29,5% di tutti gli studi sono no profit 34,1%

Dettagli

Ufficio Valutazione e Autorizzazione. Medicinali Omeopatici per uso umano:

Ufficio Valutazione e Autorizzazione. Medicinali Omeopatici per uso umano: Medicinali Omeopatici per uso umano: Modalità di presentazione delle domande di registrazione semplificata Art. 17, comma 2 del D. L. vo 219/06 PREMESSE Le informazioni riportate nel presente modello,

Dettagli

INDAGINE TEAM BERD (Biostatistics, Epidemiology and Research Design)

INDAGINE TEAM BERD (Biostatistics, Epidemiology and Research Design) INDAGINE TEAM BERD (Biostatistics, Epidemiology and Research Design) Dati Compilatore Nome e Cognome Email Telefono SEZIONE 1: Istituzione, Attività e Setting 1.1 Tipologia istituzione 1.2 Istituzione

Dettagli

LOTTO 3 CAPITOLATO SPECIALE CONDIZIONI NORMATIVE DELLE POLIZZE RC SPERIMENTAZIONI. stipulata tra ... e l'impresa di Assicurazioni

LOTTO 3 CAPITOLATO SPECIALE CONDIZIONI NORMATIVE DELLE POLIZZE RC SPERIMENTAZIONI. stipulata tra ... e l'impresa di Assicurazioni PROGRAMMA PER LA GESTIONE ASSICURATIVA DEI RISCHI DI RESPONSABILITA CIVILE PER LE SPERIMENTAZIONI ED IL COMITATO ETICO DELLE AZIENDE DELL AREA VASTA EMILIA CENTRALE LOTTO 3 CAPITOLATO SPECIALE CONDIZIONI

Dettagli

COMMISSIONE AZIENDALE DEL FARMACO PROCEDURA SULLA PRESCRIZIONE DI FARMACI PER INDICAZIONI NON AUTORIZZATE DALL AGENZIA ITALIANA DEL FARMACO

COMMISSIONE AZIENDALE DEL FARMACO PROCEDURA SULLA PRESCRIZIONE DI FARMACI PER INDICAZIONI NON AUTORIZZATE DALL AGENZIA ITALIANA DEL FARMACO COMMISONE AZIENDALE DEL FAMACO POCEDUA SULLA PESCIZIONE DI FAMACI PE INDICAZIONI N AUTOIZZATE DALL AGENZIA ITALIANA DEL FAMACO 1. SCOPO/OBIETTIVO Informare il Personale Medico dell Aziende Sanitarie della

Dettagli

COPIA TRATTA DA GURITEL GAZZETTA UFFICIALE ON-LINE

COPIA TRATTA DA GURITEL GAZZETTA UFFICIALE ON-LINE Tale massimale si applica indipendentemente dalla forma degli aiuti o dall obiettivo perseguito. 2. Per gli aiuti concessi sotto la vigenza della regolamentazione de minimis di cui alla determinazione

Dettagli

Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali

Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali DIPARTIMENTO SANITA PUBBLICA VETERINARIA, NUTRIZIONE E SICUREZZA ALIMENTI DIREZIONE GENERALE SICUREZZA ALIMENTI E NUTRIZIONE UFFICIO IV DELL

Dettagli

COPIA TRATTA DA GURITEL GAZZETTA UFFICIALE ON-LINE

COPIA TRATTA DA GURITEL GAZZETTA UFFICIALE ON-LINE DECRETO LEGISLATIVO 6 novembre 2007, n. 200. Attuazione della direttiva 2005/28/CE recante principi e linee guida dettagliate per la buona pratica clinica relativa ai medicinali in fase di sperimentazione

Dettagli

PROTEZIONE RICERCA. La gestione dei rischi nelle sperimentazioni cliniche

PROTEZIONE RICERCA. La gestione dei rischi nelle sperimentazioni cliniche PROTEZIONE RICERCA mod. PR03 NAVALE ASSICURAZIONI SPA. FONDATA NEL 1914. SEDE LEGALE E DIREZIONE: C.so di Porta Vigentina, 9-20122 Milano - MI - Italia Tel. 02 582111 - Fax 02 58211710 - c.p. 1221 www.navale.it

Dettagli

INVESTIGAZIONE PEDIATRICA: ASPETTI ETICI E CRITICITÀ

INVESTIGAZIONE PEDIATRICA: ASPETTI ETICI E CRITICITÀ Clinical Education Program www.pharmaeducationcenter.it INVESTIGAZIONE PEDIATRICA: ASPETTI ETICI E CRITICITÀ 3 Dicembre 2015 Firenze - Sede Pharma Education Center Dalla Talidomide alla Normativa Europea

Dettagli

Comitato Etico Azienda Ospedaliera Universitaria Mater Domini - Catanzaro

Comitato Etico Azienda Ospedaliera Universitaria Mater Domini - Catanzaro Comitato Etico Azienda Ospedaliera Universitaria Mater Domini - Catanzaro REGIONE CALABRIA AZIENDA OSPEDALIERA " MATER DOMINI " 88100 Catanzaro Via T.Campanella,115 - Tel 0961 712550 - Fax 0961 712577

Dettagli